close

Enter

Log in using OpenID

Allegato4

embedDownload
REGION
-•-<
LAZIO
Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria
Area Sanità Veterinaria
Prot. n GR/^é^S
/M/IO
Roma, lì
1 8 A80. 2014
Coordinatori Servizio Veterinario
Ausi del Lazio
Oggetto : Reg. (CE) 1099/09 - Nuova procedura per il rilascio dell'autorizzazione alle macellazioni rituali
II Regolamento (CE) 1099/09, all'articolo 4, comma 4, stabilisce che le macellazioni rituali abbiano luogo
esclusivamente all'interno di uno stabilimento di macellazione.
L'operatore responsabile dello stabilimento di macellazione, qualora voglia effettuare macellazioni rituali,
dovrà presentare una istanza presso il servizio veterinario dell'Ausi territorialmente competente
utilizzando l'Allegato VII delle linee guida nazionali trasmesse ai Sevizio con nota regionale prot. 448831
del 05.08.14.
La presentazione di tale domanda è obbligatoria anche qualora queste macellazioni siano effettuate
sporadicamente.
Il Servizio veterinario dell'Ausi territorialmente competente effettuato un sopralluogo per verificare il
possesso dei requisiti richiesti dal regolamento, emette, qualora tali requisiti siano rispettati, parere
favorevole alla macellazione di cui all'articolo 4, comma 4 del regolamento utilizzando il modello Allegato
Vili alle linee guida di cui sopra.
Il parere favorevole dovrà essere trasmesso alla Scrivente Area che provvederà ad inserire tale
informazione nel sistema informatizzato "S./NTE.S./.S".
Per essere approvata da parte dell'autorità competente, la macellazione prescritta da riti religiosi senza
stordimento preventivo, deve essere praticata nel rispetto dei seguenti obblighi:
1.
l'operatore che effettua la pratica della jugulazione (dissanguamento) deve disporre del certificato di
idoneità, come previsto dall'articolo 21 del regolamento;
2.
la macellazione rituale dei ruminanti dovrà essere effettuata prevedendo una immobilizzazione
individuale e meccanica. Non è ammessa l'immobilizzazione manuale per la contenzione
dell'animale. L'eventuale utilizzo della corda (usata come capezza) per bloccare i movimenti della
testa può essere consentita solo se associata ad un valido contenimento meccanico del corpo
dell'animale;
l'operatore addetto a praticare tale macellazione dovrà effettuare controlli sistematici su tutti gli
animali per verificare l'assenza dei "segni di coscienza o sensibilità" nel periodo compreso tra
l'esecuzione del taglio fino al completo dissanguamento; solamente dopo aver accertata la totale
incoscienza o insensibilità l'animale potrà essere liberato dal sistema di immobilizzazione;
per ogni animale dovranno essere effettuati controlli sistematici per determinare anche l'assenza dei
"segni di vita" prima di procedere alle successive fasi di preparazione;
nel caso in cui, durante lo svolgimento delle macellazioni rituali, gli animali presentino ancora segni
di vita è necessario prevedere idonee misure da applicare immediatamente per evitare inutili
3.
4.
5.
Direzione Regionale
Salute e Integrazione Sociosanitaria
Area Sanità Veterinaria
Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7
00145 ROMA
Tei. 06.5168.5599
Fax 06.5168.4815
PEC: [email protected]
REGIONE
LAZIO
Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria
Area Sanità Veterinaria
sofferenze. In tali casi, è altresì necessario sottoporre ad un'attenta valutazione le operazioni di
abbattimento, al fine di individuare le cause all'origine di tale carenza e le modifiche da apportare.
Si trasmette in allegato la modulistica da utilizzare.
Il Dirigente dell'Area
ott. Ugo/Bella Marta)
11 responsabile del procedimento
Doassa Rita Marciano 08.08.14
[email protected]
telefono 06-5 1684255 fax 06-51684815
Direzione Regionale
Salute e Integrazione Sociosanitaria
Area Sanità Veterinaria
Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7
00145 ROMA
Tei. 06.5168.5599
Fax 06.5168.4815
PEC: [email protected]
REGIONE
LAZIO
Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria
Area Sanità Veterinaria
COMUNICAZIONE Al SENSI DELL'ART. 4 (4) DEL REG (CE)
MACELLAZIONE SECONDO RITO RELIGIOSO
1099/2009
REGIONE LAZIO
Area sanità Veterinaria
[email protected]
E P.C.
Il/La sottoscritto/a
a
MINISTERO DELLA SALUTE
Dir. Generale della Sanità Animale e del
Farmaco Veterinario - UFFICIO VI
Via G. Ribotta 5 - 0 1 4 4 ROMA EUR
nato/a
(
) il
/
email
/
n
residente a
CAP
pec
(
telefono
) via
fax
Codice Fiscale
in qualità di
dell' impianto di macellazione
con sede legale sita nel Comune di
i via
n
impianto di macellazione sito in
(
n
e con
) via
numero di riconoscimento
COMUNICA DI VOLERE MACELLARE SECONDO IL RITO
n
islamico
ebraico
le seguenti specie animali:
n.
bovina
.n.
ovicaprma
avicole
n
DICHIARA
di essere in possesso dei requisiti previsti dal Reg. (CE) N. 1099/2009 relativi alla protezione degli animali
durante la macellazione;
di condurre macellazioni secondo rito religioso
[~~] permanentemente
Q esclusivamente durante la Festa del Sacrificio (rito islamico)
ALLEGA:
dichiarazione dell'Autorità Religiosa con i nominativi del personale incaricato all'abbattimento;
parere favorevole del Servizio Veterinario competente.
IL TITOLARE DELL'IMPIANTO
Direzione Regionale
Salute e Integrazione Sociosanitaria
Area Sanità Veterinaria
Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7
00145 ROMA
Tei. 06.5168.5599
Fax 06.5168.4815
PEC: [email protected]
LAZIO
Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria
Area Sanità Veterinaria
PARERE FAVOREVOLE PER LA MACELLAZIONE SECONDO IL RITO RELIGIOSO
sottoscritto dott
, in qualità di
del DPV dell'AUSL
•
vista la comunicazione pervenuta in data
prot. n
dalla ditta
con sede presso il Comune di
(
) GAP
in via
numero di riconoscimento
•
n
inerente la macellazione secondo il rito
;
visto il Reg. (CE) 1099/2009;
ESPRIME PARERE FAVOREVOLE
all'effettuazione della macellazione secondo il rito
degli animali di
specie
Distinti saluti.
FIRMA E TIMBRO
Direzione Regionale
Salute e Integrazione Sociosanitaria
Area Sanità Veterinaria
Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7
00145 ROMA
Tei. 06.5168.5599
Fax 06.5168.4815
PEC: [email protected]
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
164 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content