close

Enter

Log in using OpenID

COMUNE DI BARBARANO VICENTINO Provincia di Vicenza

embedDownload
Trasmessa alla Corte dei
Conti in data 07/04/2014
COMUNE DI BARBARANO VICENTINO
Provincia di Vicenza
RELAZIONE DI FINE MANDATO ANNI 2009/2013
forma semplificata
(articolo 4 del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 149)
Premessa
La presente relazione viene redatto da province e comuni ai sensi dell’articolo 4 del decreto legislativo 6
settembre 2011, n. 149, recante: “Meccanismi sanzionatori e premiali relativi a regioni, province e comuni,
a norma degli articoli 2, 17 e 26 della legge 5 maggio 2009, n. 42” per descrivere le principali attività
normative e amministrative svolte durante il mandato, con specifico riferimento a:
a) Sistema e esiti dei controlli interni;
b) eventuali rilievi della Corte dei conti;
c) azioni intraprese per il rispetto dei saldi di finanza pubblica programmati e stato del percorso di
convergenza verso i fabbisogni standard;
d) situazione finanziaria e patrimoniale, anche evidenziando le carenze riscontrate nella gestione degli
enti controllati dal comune o dalla provincia ai sensi dei numeri 1 e 2 del comma primo dell’articolo
2359 del codice civile, ed indicando azioni intraprese per porvi rimedio;
e) azioni intraprese per contenere la spesa e stato del percorso di convergenza ai fabbisogni standard,
affiancato da indicatori quantitativi e qualitativi relativi agli output dei servizi resi, anche utilizzando
come parametro di riferimento realtà rappresentative dell’offerta di prestazioni con il miglior
rapporto qualità-costi;
f) quantificazione della misura dell’indebitamento provinciale o comunale.
Tale relazione è sottoscritta dal Presidente della provincia e del Sindaco non oltre il novantesimo giorno
antecedente la data di scadenza del mandato e, non oltre dieci giorni dopo la sottoscrizione della stessa,
deve risultare certificata dall’organo di revisione dell’ente locale e trasmessa al tavolo tecnico
interistituzionale istituto presso la Conferenza permanente per il coordinamento della finanza pubblica.
In caso di scioglimento anticipato del Consiglio comunale o provinciale, la sottoscrizione della relazione e la
certificazione da parte degli organi di controllo interno avvengono entro quindici giorni dal provvedimento
di indizione delle elezioni.
L’esposizione di molti dei dati viene riportata secondo uno schema già adottato per altri adempimenti di
legge in materia per operare un raccordo tecnico e sistematico fra i vari dati ed anche nella finalità di non
aggravare il carico degli adempimenti degli enti.
In caso di scioglimento anticipato del Consiglio comunale o provinciale, la sottoscrizione della relazione e la
certificazione da parte degli organi di controllo interno avvengono entro quindici giorni dal provvedimento
di indizione delle elezioni.
L’esposizione di molti dei dati viene riportata secondo uno schema già adottato per altri adempimenti di
legge in materia per operare un raccordo tecnico e sistematico fra i vari dati ed anche nella finalità di non
aggravare il carico degli adempimenti degli enti.
La maggior parte delle tabelle, di seguito riportate, sono desunte dagli schemi dei certificati al bilancio ex
art. 161 del Tuel e da questionari inviati dall’organo di revisione economico finanziario alle Sezioni regionali
di controllo della Corte dei Conti, ai sensi dell’articolo 1, comma 166 e seguente della legge n. 266 del
2005. Pertanto i dati qui riportati trovano corrispondenza nei citati documenti, oltre che nella contabilità
dell’ente.
Le informazioni di seguito riportate sono previste per le province e per tutti i comuni.
PARTE I – DATI GENERALI
1.1 Popolazione residente al 31/12/2013:
n. 4.618 abitanti
1.2 Organi politici
GIUNTA:
Presidente
Boaria Roberto (Sindaco)
Assessori
Zoggia Ruggero (vice-sindaco)
Benvenuti Stefano
Gaspari Elena
Gozzi Davide
Pedrina Alessandro
Pivotto Franco
CONSIGLIO COMUNALE
Presidente
Boaria Roberto (Sindaco)
Consiglieri
Benvenuti Stefano
Gozzi Davide
Malfatto Severino
Pedrina Alessandro
Gaspari Elena
Polo Ivano
Pegoraro Patrizio
Zoggia Ruggero
Loro Federico
Pivotto Franco
Lorenzi Gilberto
Magrin Flavio
Bogoni Paolo
Marodin Alberto
Pretto Cristiano
Maran Irene
1.3 Struttura organizzativa
Organigramma: indicare le unità organizzative dell’ente
( settori, servizi, uffici, ecc.)
Direttore generale:
Non presente
Segretario Comunale:
Spaziani Francesco
Numero dirigenti:
Non presenti
Numero posizioni organizzative: 5 P.O. corrispondenti alle unità organizzative dell'ente.
Numero totale personale dipendente:
Categoria contrattuale
B
n. dipendenti in ruolo
al 31/12/2013
7
C
7
D
6
segretario comunale
1
Tempo pieno/part-time
5 a tempo pieno
2 a part-time di cui 1 assunto ai sensi L. 68/99
tutti a tempo pieno di cui 3 in convenzione con altri
enti
tutti a tempo pieno di cui 3 in convenzione con altri
enti e 1 in comando totale presso l'ULSS.
In convenzione con i comuni di Agugliaro e
Campiglia dei Berici
1.4 Condizioni giuridica dell’Ente: (Indicare se l’ente è commissariato è lo è stato nel periodo del mandato e, per
quale causa, ai sensi dell’art. 141 e 143 del TUEL.)
L' ente non è commissariato e non lo è mai stato nel periodo del mandato.
1.5 Condizione finanziaria dell’Ente: (Indicare se l’ente ha dichiarato il dissesto finanziario, nel periodo del mandato, ai
sensi dell’art. 244 del TUEL, o il predissesto finanziario ai sensi dell’art. 243-bis. Infine, indicare l’eventuale ricorso al fondo di
rotazione di cui all’art. 243-ter, 243-quinques del TUEL e/o del contributo di cui all’art. 3 bis del D.L. n. 174/2012, convertito
nella legge n. 213/2012.)
Nel periodo del mandato l'ente non ha dichiarato dissesto finanziario ai sensi dell’art. 244 del TUEL, o il
predissesto finanziario ai sensi dell’art. 243-bis, e non ha mai fatto ricorso al fondo di rotazione di cui
all’art. 243-ter, 243-quinques del TUEL e/o del contributo di cui all’art. 3 bis del D.L. n. 174/2012,
convertito nella legge n. 213/2012.
1.6 Situazione di contesto interno/esterno:
descrivere in sintesi, per ogni settore/servizio fondamentale, le principali
criticità riscontrate e le soluzioni realizzate durante il mandato (non eccedente le 10 righe per ogni settore)
AREA "SERVIZI ALLA PERSONA"
Servizio Cultura - Criticità: biblioteca non di rete e con tecnologia vetusta. Soluzioni: Processo mirato a
qualificare il servizio come biblioteca di rete (nuovo software gestionale) e all'individuazione di
soggetto con funzioni di bibliotecario per una maggiore professionalità nel servizio.
Servizio Segreteria - Criticità: situazione problematica archivio storico e di deposito e gestione
documentale corrente. Soluzioni: sviluppo 2 profili di progettualità : A) riordino e valorizzazione
dell'archivio storico comunale B), sviluppo delle funzioni di protocollazione e fascicolazione e in genere
dei flussi documentali comunali, con informatizzazione e digitalizzazione dei flussi.
Servizio Scuole - Criticità: Scuola dell’infanzia privata, necessità di contenere i costi di gestione
perseguendo innalzamento qualità del servizio. Soluzioni: passaggio della scuola da privata a statale,
ampliamento del personale, miglioramento servizio di refezione scolastica, risparmi di spesa.
AREA "ECONOMICO-FINANZIARIA E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE"
Viste le nuove e pressanti novità in tema di controllo regolarità contributiva (DURC), tracciabilità e altri
controlli sui pagamenti, sono state potenziate nell'area contabile le attività di coordinamento con i vari
settori/servizi comunali, anche con l'impostazione nella rete web locale di appositi strumenti di
registrazione/controllo dei dati.
Nell'area di amministrazione del personale, per quanto riguarda il controllo di
presenze/assenze/permessi, sono state poste in essere nuove modalità informatizzate di registrazione
dei dati, al fine di renderli immediatamente disponibili per tutte le rilevazioni previste dalla legge
(conto annuale, pubblicazione presenze/assenze..) e per meglio monitorare la situazione di ciascun
dipendente.
AREA "UFFICIO ENTRATE IN GESTIONE ASSOCIATA CON I COMUNI DI VILLAGA E MOSSANO"
I tributi comunali hanno subito notevoli cambiamenti negli ultimi anni, in particolar modo si evidenzia il
2012 e 2013 che hanno delineato un nuovo assetto tributario. Nel 2012 è entrata in vigore la nuova
IMU e nel 2013 il nuovo tributo TARES. Ciò ha comportato un adeguamento alla banca dati dei tributi
nei tre Comuni convenzionati, oltre alla stesura di nuovi regolamenti, alla redazione dei piani finanziari,
all’approvazione delle nuove aliquote e/o tariffe e soprattutto all’informazione ai cittadini. Con la
TARES poi è cambiato il sistema di riscossione su tutti e tre i Comuni convenzionati che non avviene più
a mezzo di Equitalia, ma direttamente. Ciascun Ente ha inviato ai contribuenti i modelli di pagamento
pre-compilati in acconto e a conguaglio e i versamenti vengono registrati direttamente.
AREA "POLIZIA LOCALE IN GESTIONE ASSOCIATA CON I COMUNI DI ALBETTONE E AGUGLIARO"
Durante il mandato è stata estesa la convezione per il servizio di PL al Comune di Agugliaro, passando
da 2 a tre enti gestiti. In conseguenza dell’estensione del servizio al nuovo Comune era stato previsto il
trasferimento delle funzioni dell’Ufficio Commercio - Polizia Amministrativa ad altra area già
individuata, prevedendo tra l’altro anche l’assunzione di una specifica unità di personale da dedicare a
tale servizio. Tale trasferimento consentiva di ridurre il carico di lavoro al servizio di PL da poter
reimpiegare nella propria attività diretta d’istituto, in particolare con l’intensificazione dei servizi di
controllo del territorio. Tuttavia tale trasferimento non ha mai avuto corso, lasciando tuttora le
competenze dell’Ufficio Commercio – Polizia Amministrativa in capo all’Area Polizia Locale, riducendo
di fatto il possibile impiego sul territorio del personale, impegnato nella gestione di tali competenze.
Durante il mandato non sono state trovate soluzioni a tale criticità, rinviando senza una precisa
scadenza la soluzione dei problemi.
AREA "TECNICA E TECNICO-MANUTENTIVA"
NESSUNA
SERVIZIO ASSOCIATO "MANIFESTAZIONI CON I COMUNI DI VILLAGA E MOSSANO"
NESSUNA
SERVIZIO ASSOCIATO "SERVIZIO DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE IN GESTIONE ASSOCIATA CON I
COMUNI DI ALBETTONE E MOSSANO"
NESSUNA
SERVIZIO ASSOCIATO "PROTEZIONE CIVILE E DI COORDINAMENTO DEI PRIMI SOCCORSI. IN GESTIONE
ASSOCIATA CON I COMUNI DI ALBETTONE E MOSSANO"
NESSUNA
2. Parametri obiettivi per l’accertamento della condizione di ente strutturalmente deficitario ai sensi
dell’art. 242 del TUEL:
(indicare il numero dei parametri obiettivi di deficitarietà risultati positivi all’inizio ed alla fine del mandato)
ANNO 2009
Nessun parametro deficitario positivo
ANNO 2013
Nessun parametro deficitario positivo
PARTE II – DESCRIZIONE ATTIVITA’ NORMATIVA E AMMINISTRATIVA SVOLTE DURANTE IL MANDATO
1. Attività Normativa: indicare quale tipo di atti di modifica statutaria o di modifica/adozione regolamentare
l’ente ha approvato durante il mandato elettivo. Indicare sinteticamente anche le motivazioni che hanno indotto
alle modifiche.
REGOLAMENTO APPROVATO/MODIFICATO
Regolamento comunale dei controlli interni.
Approvato con delibera C.C. n. 6 del 13/05/2013
Regolamento comunale di contabilità
Approvato il nuovo regolamento con delibera C.C. n. 8 del
13/5/2013
Regolamento Comunale sull'ordinamento degli uffici e dei
servizi
Approvato il nuovo regolamento con delibera G.C. n. 130 del
16/12/2013
Regolamento per l’accertamento con adesione.
Approvato il nuovo regolamento con delibera C.C. n. 76 del
29/12/2009
Regolamento per la disciplina dell’imposta municipale
propria
Approvato il nuovo regolamento con delibera C.C. n. 15 del
09/07/2012
Regolamento per l’istituzione e l’applicazione del tributo
comunale sui rifiuti e sui servizi
Approvato il nuovo regolamento con delibera C.C. n. 34 del
14/10/2013
Regolamento comunale dei controlli interni.
Approvato con delibera C.C. n. 6 del 13/05/2013
Regolamento comunale di contabilità
Approvato il nuovo regolamento con delibera C.C. n. 8 del
13/5/2013
Motivazioni delle modifiche
Approvato in attuazione dell’articolo 3 del
decreto legge 174/2012 convertito in
legge 213/12.
Nuovo testo armonizzato con le norme
sui controlli interni.
Nuovo testo adeguato al D.Lgs n. 150 del
29/10/2009
Approvato in attuazione di nuove
riduzione delle sanzioni applicabili.
Approvato in attuazione dell’art. 13 del
D.L. 201/2011 convertito dalla Legge
214/2011
Approvato in attuazione dell’art. 14 del
D.L. 201/2011 convertito dalla Legge
214/2011
Approvato in attuazione dell’articolo 3
del decreto legge 174/2012 convertito
in legge 213/12.
Nuovo testo armonizzato con le norme
sui controlli interni.
Regolamento Comunale sull'ordinamento degli uffici e dei
Nuovo testo adeguato al D.Lgs n. 150 del
servizi
29/10/2009
Approvato con delibera G.C. n. 130 del 16/12/2013
Regolamento Affidi e Solidarietà tra Famiglie
Recepimento testo approvato dalla
Approvato con delibera C.C. n. 80 del 29/12/2009
conferenza dei sindaci dell'ULS N. 6
Regolamento per la Compartecipazione alle spese delle
Recepimento del testo approvato dalla
persone con disabilità inserite in strutture residenziali a
conferenza dei sindaci dell'ULSS 6
tempo indeterminato.
Approvato con delibera C.C. n. 45 del 19/12/2011, modificato
con delibera C.C. n. 30 del 01/08/2013
Regolamento per la compartecipazione alla spesa delle
Recepimento del testo approvato dalla
persone seguite dal dipartimento di salute mentale dell’ULSS
conferenza dei sindaci dell'ULSS 6
6 “VICENZA” inserite in comunità alloggio e gruppi
appartamento.
Approvato con delibera C.C. n. 47 del 27/12/2012
Regolamento per il funzionamento della Centrale di
In attuazione dell’articolo 33 del d.lgs. n.
Committenza istituita tra i comuni di Barbarano Vicentino,
163/2006 e s.m.i. comma 3-bis, come
Albettone e Mossano per l'acquisizione di lavori, servizi e
modificato dall’art. 23, comma 4, del d.l.
forniture.
6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla
Approvato con delibera C.C. n.13 del 10/06/2013
legge 22 dicembre 2011, n. 214.
Modifica del vigente regolamento edilizio comunale per Adeguamento
del
vigente
recepimento dell' art. 79 bis della l.r. 61/85.
regolamento Edilizio con modifica
dell’art. 10
Approvato con delibera C.C. n. 8 del 24/02/2011
Adozione Piano di Assetto del Territorio Intercomunale (PATI) Adozione nuovo strumento urbanistico ai
dei comuni di Barbarano Vicentino e Mossano
sensi della L. R. 1172004 e smi
Adottato con delibera C.C. n. 7 del 10/06/2013
2. Attività tributaria.
2.1 Politica tributaria locale. Per ogni anno di riferimento.
2.1.1 ICI /IMU: Indicare le tre principali aliquote applicate (abitazione principale e relativa detrazione,
altri immobili e fabbricati rurali strumentali, solo per IMU)
ALIQUOTE ICI/IMU
Aliquota abitazione principale
Detrazione abitazione principale
2009
5,5
119,00
2010
5,5
119,00
2011
5,5
119,00
6,5
6,5
6,5
Altri immobili
Fabbricati rurali e strumentali
(solo IMU)
2.1.2
2012
4,00
200,00
+ detr. figli
7,6
2013
4,00
200,00
+ detr. figli
7,6
2,00
2,00
Addizionale Irpef: aliquota massima applicata, fascia di esenzione ed eventuale
differenziazione
ALIQUOTE addizionale Irpef
2009
2010
2011
2012
2013
Aliquota massima
0,4%
0,4%
0,4%
0,4%
0,7
Fascia esenzione
====
====
====
====
====
NO
NO
NO
NO
NO
Differenziazione aliquote
2.1.3
Prelievi sui rifiuti: indicare il tasso di copertura ed il costo pro-capite
Prelievi sui rifiuti
2009
2010
2011
2012
2013
T.A.R.S.U.
T.A.R.S.U.
T.A.R.S.U.
T.A.R.S.U.
TA.R.E.S.
Tasso di copertura
96,69%
98,15%
99,25%
99,55%
100%
Costo del servizio pro-capite
€ 87,08
€ 85,29
€ 84,21
€ 82,56
79,40
Tipologia di prelievo
3. Attività amministrativa.
3.1 Sistema ed esiti controlli interni: (analizzare l’articolazione del sistema dei controlli interni, descrivendo gli strumenti,
le metodologie, gli organi e gli uffici coinvolti nell’attività ai sensi degli articoli 147 e ss. del TUEL)
Con deliberazione del consiglio comunale n. 6 del 13/5/2013 è stato approvato il "Regolamento
comunale dei controlli interni" in attuazione dell’articolo 3 del decreto legge 174/2012 convertito in
legge 213/12.
Con successiva deliberazione del consiglio comunale n. 8 del 13/5/2013 è stato approvato il nuovo
"Regolamento comunale di contabilità" armonizzato con le norme sui controlli interni.
Il sistema integrato dei controlli interni è articolato in:
a) controllo di gestione: verifica l’efficacia, efficienza ed economicità dell’azione amministrativa ed
ottimizza il rapporto tra costi e risultati;
b) controllo di regolarità amministrativa, preventivo e successivo: per garantire la legittimità, regolarità
e correttezza dell’azione amministrativa; è effettuato in via preventiva dai responsabili dei servizi,
che lo esplicitano mediante apposizione del preventivo parere tecnico sugli atti; il controllo
successivo è espletato dal segretario comunale, mediante verifica a campione sugli atti.
c) controllo di regolarità contabile: per garantire la regolarità contabile degli atti; è espletato dal
responsabile del servizio finanziario, che lo esplicita mediante apposizione del preventivo parere
contabile sugli atti;
d) controllo sugli equilibri finanziari: volto al mantenimento degli equilibri di bilancio per la gestione di
competenza, dei residui e di cassa. .
E' svolto sotto la direzione ed il coordinamento del Responsabile dei Servizi Finanziari e con la
vigilanza dell'Organo di revisione.
Partecipano all’attività di controllo l’organo di revisione con funzioni di vigilanza sull’operato del
responsabile dei Servizi finanziari, il Segretario comunale, la Giunta e, qualora richiesti dal
Responsabile del servizio finanziario, i Responsabili di servizio.
3.1.1
Controllo di gestione: (indicare i principali obiettivi inseriti nel programma di mandato ed il livello
della loro realizzazione alla fine del periodo amministrativo, con riferimento ai seguenti servizi/settori:
•
•
•
•
•
•
•
Personale: a titolo di esempio, razionalizzazione della dotazione organica e degli uffici;
Lavori pubblici: a titolo di esempio, quantità di investimenti programmati e impegnati a fine del periodo (elenco
delle principali opere)
Gestione del territorio: a titolo di esempio, numero complessivo e tempi di rilascio delle concessioni edilizie
all’inizio e alla fine del mandato
Istruzione pubblica: a titolo di esempio, sviluppo servizio mensa e trasporto scolastico con aumento ricettività del
servizio dall’inizio alla fine del mandato
Ciclo dei rifiuti: a titolo di esempio, percentuale della raccolta differenziata all’inizio del mandato e alla fine
Sociale: a titolo di esempio, livello di assistenza agli anziani e all’infanzia all’inizio e alla fine del mandato;
Turismo: a titolo di esempio, iniziative programmate e realizzate per lo sviluppo del turismo
Il programma di mandato è stato approvato con deliberazione C.C. n. 36 del 16/07/2009; rispetto agli
obiettivi inseriti nel programma, il livello di realizzazione per i servizi/settori suindicati risulta il seguente:
- Personale: pur non essendoci specifici obiettivi inseriti nel programma, nel corso del quinquennio si è
provveduto periodicamente alla verifica della dotazione organica e all'approvazione del piano triennale
delle assunzioni, da ultimo con delibera G.C. n. 91 del 30/9/2013, con cui è stata effettuata anche la
verifica delle eventuali situazioni di eccedenza e di soprannumero del personale assunto a tempo
indeterminato, ai sensi art. 33 D.Lgs. 165/2011, così come sostituito dall'art. 16 - comma 1 - della L.
183/2011.
- Lavori pubblici: principali opere previste nel programma di mandato e stato di realizzazione a tutt'oggi:
descrizione dell'opera
stato di realizzazione
Manutenzione e sicurezza delle strade (compresa, in
alcuni casi, la ricostruzione di marciapiedi troppo
stretti, per renderli agibili alle persone
diversamente abili.)
Ampliamento del cimitero di Barbarano capoluogo
Sistemazione piazza Breganzato a Ponte
Acquisto spogliatoi impianti sportivi Ponte e stipula
convenzione con la parrocchia per utilizzo degli
stessi
Ristrutturazione e ampliamento scuola infanzia di
Ponte
Realizzazione pista ciclopedonale da S. Pancrazio a
Barbarano
Acquisto e successiva sistemazione dell'ex Casa de
Fascio
Realizzazione pista ciclopedonale da via Dante a S.
Pancrazio
Costruzione di nuovi loculi nel cimitero di Ponte con
realizzazione di una nuova entrata con viale e
parcheggi
Sono stati realizzati vari stralci annuali di
manutenzione straordinaria della viabilità, per una
spesa complessiva di € 325.000,00
E' stato realizzato l'ampliamento, per una spesa
complessiva di € 215.000,00
Opera completata, con una spesa complessiva di €
440.000,00
Gli spogliatoi sono stati acquistati ed è stata
stipulata la prevista convenzione per l'utilizzo degli
stessi.
Opera completamente realizzata con una spesa di €
236.000,00
E' stata approvato il progetto esecutivo del 1°
stralcio, di € 150.000,00, ed effettuata la relativa
gara; non sono ancora stati appaltati i lavori a causa
dei vincoli di spesa dettati dal patti di stabilità.
Il fabbricato è stato acquisito gratuitamente dal
Demanio dello Stato mediante la stipula di un
accordo di valorizzazione; è stata affidata la
progettazione degli interventi generali, per una
spesa di € 39.639,00.
Non è stato possibile realizzare l'opera a causa della
mancanza di finanziamenti e dei vincoli legati al
rispetto del patto di stabilità.
Opera realizzata totalmente con una spesa di €
100.000,00.
Costruzione nuovi loculi nel cimitero di S. Giovanni Opera realizzata totalmente con una spesa di €
in Monte
60.000,00.
Interventi alla pubblica illuminazione per il Sono stati realizzati vari interventi per installazione
risparmio energetico
lampade a basso consumo, manutenzione degli
impianti e rifacimento dei quadri elettrici, per una
spesa complessiva di € 140.000,00.
Posa pannelli fotovoltaici su edifici pubblici
Tramite la società partecipata EscoBerica è stata
realizzata la posa di pannelli fotovoltaici sul tetto
della palestra comunale di Ponte.
Interventi sulle fognature in accordo con A.I.M. di La società partecipata Acque Vicentine spa, gestore
Vicenza
del servizio idrico integrato, ha provveduto alla
straordinaria manutenzione del depuratore e alla
predisposizione dei piani di intervento per il
rifacimento delle condotte fognarie.
Interventi di riordino aree verdi .
Sono stati portati a termine vari interventi di
riordino aree verdi e parchi gioco, per una spesa
complessiva di € 13.400,00.
Costruzione di un magazzino comunale nell'area Il magazzino comunale è stato costruito da una ditta
dell'ecocentro
privata, tramite accordo di perequazione
urbanistica.
Il Comune ha provveduto all'acquisto delle
attrezzature interne per lo stoccaggio e lo
spostamento dei materiali, per una spesa di €
14.254,00.
Sistemazione della strada di via Cognola
E' stata approvato il progetto esecutivo di €
165.000,00 ed effettuata la relativa gara; non sono
ancora stati appaltati i lavori a causa dei vincoli di
spesa dettati dal patti di stabilità.
Costruzione marciapiede tra via Monticello e via Il progetto è attualmente in attesa del prescritto
Einaudi a Ponte.
parere del Consorzio di Bonifica; compatibilmente
con i vincoli del patto di stabilità, si prevede l'avvio
dei lavori entro il primo semestre 2014.
Nel corso del quinquennio sono state inoltre realizzate le seguenti opere, non previste nell'originario
programma di mandato:
descrizione dell'opera
stato di realizzazione
Sistemazione impianti sportivi parrocchiali di Ponte
a seguito convenzione con Parrocchia e sistemazione impianti sportivi comunali del capoluogo
Costruzione pompeiana su entrata di servizio scuola
primaria di Ponte
Adeguamento impianti tensostruttura di via Zonato
alle norme sulla sicurezza
Abbattimento barriere architettoniche della sede
municipale e realizzazione servizi igienici per
disabili.
Costruzione di loculi del cimitero di Barbarano
capoluogo
Rifacimento servizi igienici scuola primaria del
capoluogo
Sistemazione coperture delle scuole
Installazione impianto di videosorveglianza
Opere realizzate con una spesa complessiva di €
136.000,00
Opera completata, con una spesa complessiva di €
27.500,00.
Intervento realizzato con una spesa di € 21.400,00
Opera completata, con una spesa complessiva di €
55.000,00.
Opera in fase di completamento, per una spesa
prevista di € 100.000,00
Opera realizzata con una spesa di € 20.000,00
Opera realizzata con una spesa di € 70.000,00
Intervento in fase di realizzazione, per una spesa di
€ 16.000,00
- Gestione del territorio:
Nel corso del mandato amministrativo è stato portato a termine il complesso iter di adozione del
P.A.T.I. (Piano di Assetto Territoriale Intercomunale) con il Comune di Mossano, adozione avvenuta nel
2013. Attualmente il piano è all'esame della Provincia e della Regione per quanto attiene alla V.A.S.
(Valutazione di Assetto Strategico), per la sua definitiva approvazione.
Le concessioni edilizie hanno subito un notevole ridimensionamento in termini qualitativi e quantitativi,
direttamente legato alla particolare congiuntura economica.
- ISTRUZIONE PUBBLICA: analisi dei dati riferiti agli interventi di competenza dell'ente per i vari gradi di
istruzione pubblica e per i servizi scolastici
Scuole dell'infanzia
2009
2010
2011
2012
2013
155
157
150
166
174
61.747,54
56.005,1
76.402,06
69.583,12
17.765,71
Costo netto per abitante
13,64
12,17
16,54
15,09
3,85
Costo medio per alunno
398,37
356,75
509,35
419,17
102,10
Scuole primarie
2009
2010
2011
2012
2013
274
270
248
257
247
46.628,83
42.789,07
36.831,40
40.218,31
37.760,78
Costo netto per abitante
10,30
9,30
7,98
8,72
8,18
Costo medio per alunno
170,18
158,48
148,51
162,17
152,88
2012
2013
Dato
N. medio annuo alunni frequentanti
Spesa netta complessiva annua
Dato
N. medio annuo alunni frequentanti
Spesa netta complessiva annua
Scuola secondaria inferiore
2009
2010
2011
Dato
N. medio annuo alunni frequentanti
246
251
258
242
237
64.466,40
56.523,40
62.314,07
56.513,20
53.024,11
Costo netto per abitante
14,24
12,28
13,49
12,26
11,48
Costo medio per alunno
262,06
229,77
241,53
219,04
223,73
2012
2013
Spesa netta complessiva annua
Servizio di trasporto scolastico
2009
2010
2011
Dato
N. medio annuo utenti
168
181
131
160
151
85.737,40
78.345,24
77.848,03
83.290,93
88.400,25
Percentuale di copertura della spesa
22,41%
24,70%
25,75%
25,83%
24,05%
Costo medio per utente
510,34
432,85
594,26
520,57
585,43
Costo netto per abitante
18,93
17,02
16,86
18,07
19,14
Servizio mensa scolastica per scuole infanzia e doposcuola
2009
2010
2011
2012
2013
Spesa netta complessiva annua
Dato
N. pasti annui erogati
11.077
11.521
15.993
22.448
25.256
Spesa media per pasto
4,85
4,66
3,31
4,95
4,55
75,32%
91,17%
82,88%
89,51%
92,14%
Spesa netta complessiva annua
11.138,35
4.648,64
13.198,77
11.671,84
9.030,63
Costo netto medio per abitante
2,46
1,01
2,86
2,53
1,96
Percentuale di copertura della spesa
- CICLO DEI RIFIUTI: analisi dell'andamento del servizio:
Percentuale
Percentuale
Anno
dei rifiuti da
dei rifiuti
Spesa per
raccolta
avviati al
abitante
differenziata
riciclaggio:
Entrata per
abitante
Costo netto
per abitante
2009
61,91
54,91 %
87,08
84,20
2,88
2010
62,90
60,54
85,29
83,71
1,58
2011
62,73
62,57
84,21
83,58
0,63
2012
64,95
64,69
82,56
82,18
0,37
2013
64,50
63,47
86,56
86,54
0,02
- SOCIALE:
Assistenza agli anziani e all’infanzia nel corso del mandato:
Dato
2009
2010
2011
2012
2013
Spesa netta complessiva annua
204.335,05
193.176,06
227.564,67
210.280,20
198.369,97
Costo netto medio per abitante
45,13
41,98
49,27
45,53
42,96
6
4
4
4
3
13
11
14
12
11
6
7
10
10
7
Alunni destinatari di contributi
economici (libri di testo, borse di
studio, mensa, trasporto e scuola
materna)
Persone a cui sono stati erogati
contributi regionali fondo affitti
Utenti servizio telesoccorso
115
108
88
76
60
20
19
24
24
0
20
14
17
19
22
Pratiche assegnazione alloggi ATER
28
22
21
20
20
Pratiche per assegni di maternità e
nucleo familiare
Agevolazioni su trasporti pubblici
20
22
14
10
23
5
5
9
9
9
Pratiche contributo provinciale per
minori riconosciuti da un solo
genitore
Erogazione contributi regionali per
assegno di cura
Utenti del servizio trasporto
anziani e disabili con automezzo
comunale
Numero casi seguiti con assistenza
psicologica
2
1
1
1
1
13
27
16
13
18
10
10
7
10
10
60
60
60
80
87
Ricoverati in casa di riposo con
retta a parziale carico dell’Ente
Persone che usufruiscono del
servizio di assistenza domiciliare
Persone che hanno usufruito di
contributi assistenziali
Asilo nido : analisi dell'andamento del servizio:
Anno
N. medio bambini
frequentanti
Costo a carico ente
(al netto
contributo
regionale)
2009
21
23.039,85
5,09
1.097,13
2010
28
37.516,43
8,15
1.339,87
2011
31
50.916,29
11,03
1.642,46
2012
31
45.195,80
9,80
1.457,93
2013
26
33.991,14
7,36
1.307,35
Costo medio per
abitante
Costo medio per
bambino
- Turismo: a titolo di esempio, iniziative programmate e realizzate per lo sviluppo del turismo
Oltre agli ormai tradizionali appuntamenti per la promozione dei prodotti tipici locali (festa dell'olio,
festa dell'uva..) è stata curata la pubblicazione sul sito del Comune dell'elenco delle strutture ricettive
presenti sul territorio e data adeguata pubblicità alle attrattive storico/culturali e paesaggistiche del
territorio.
3.1.1.1 VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE: indicare sinteticamente i criteri e le modalità con cui viene effettuata la
valutazione permanente dei funzionari/dirigenti e se tali criteri di valutazione sono stati formalizzati con regolamento
dell’ente ai sensi del D.lgs. n. 150/2009
Con delibera G.C. n. 130 del 16/12/2013 è stato approvato il nuovo Regolamento Comunale
sull'ordinamento degli uffici e dei servizi, adeguato al al D.Lgs n. 150 del 29/10/2009; nella parte IV di tale
regolamento sono dettagliatamente stabiliti i criteri e le modalità di misurazione e valutazione della
performance.
In attuazione a tale regolamento, unitamente al P.E.G. 2013 la Giunta Comunale ha provveduto ad
approvare il piano della performance per il triennio 2013-2015, completando così gli adempimenti previsti
in attuazione del citato D.lgs 150/2009 (c.d. riforma Brunetta).
3.1.1.2 CONTROLLO SULLE SOCIETÀ PARTECIPATE/CONTROLLATE AI SENSI DELL’ART. 147 – QUARTER DEL
TUEL: descrivere in sintesi le modalità ed i criteri adottati, alla luce dei dati richiesti
Questo Ente non è tenuto all'applicazione dei controlli previsti dall'art. 14 - quater del T.U.E.L. in quanto
comune inferiore ai 15.000 abitanti.
PARTE III - SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELL’ENTE
3.1 Sintesi dei dati finanziari a consuntivo del bilancio dell’ente:
Percentuale
di
incremento/d
ecremento
rispetto al
primo anno
(confronto
2009 - 2013)
ENTRATE
(in euro)
2009
2010
2011
2012
2013
ENTRATE CORRENTI
3.024.194,29
3.038.387,48
3.156.563,41
3.041.639,37
3.059.138,16
425.116,83
172.401,09
450.248,38
387.487,14
404.911,00
588.000,00
34.516,76
3.854.222,12
3.798.788,57
3.641.328,55
TITOLO 4 ENTRATE DA
ALIENAZIONI E
TRASFERIMENTI DI
CAPITALE
TITOLO 5 ENTRATE
DERIVANTI DA
ACCENSIONI DI
PRESTITI (solo cat. 3^)
TOTALE
SPESE
(in euro)
58.581,91 -
-
3.429.126,51
1,16
-
86,22
-
100,00
3.117.720,07 -
19,11
2009
2010
2011
2012
2.770.897,50
2.716.239,56
2.711.369,47
2.707.168,42
2.709.316,54 -
2,22
TITOLO 2 SPESE IN
CONTO CAPITALE
895.022,83
903.633,83
656.756,51
705.547,94
89.999,89 -
89,94
TITOLO 3 RIMBORSO
DI PRESTITI
(solo int. 3)
233.434,18
254.423,61
293.126,73
305.273,64
3.899.354,51
3.874.297,00
3.661.252,71
3.717.990,00
TITOLO 1 SPESE
CORRENTI
TOTALE
2013
Percentuale
di
incremento/d
ecremento
rispetto al
primo anno
(confronto
2009 - 2013)
315.695,64
35,24
3.115.012,07 -
20,11
PARTITE DI GIRO
(in euro)
Percentuale
di
incremento/
decremento
rispetto al
primo anno
(confronto
2009 - 2013)
2009
2010
2011
2012
2013
TITOLO 6 Entrate da
servizi per conto di
terzi
371.066,00
273.721,00
325.064,00
313.333,20
377.676,58
1,78
TITOLO 4 SPESE PER
SEVIZI PER CONTO DI
TERZI
371.066,00
273.721,00
325.064,00
313.330,20
377.676,58
1,78
3.2 Equilibri di parte corrente e di parte capitale del bilancio consuntivo relativo agli anni del mandato
EQUILIBRIO DI PARTE CORRENTE
2009
Totale titoli (I+II+III) delle
entrate
2010
2011
2012
2013
3.024.194,29
3.038.387,48
3.156.563,41
3.041.639,37
3.059.138,16
2.770.897,50
2.716.239,56
2.711.369,47
2.707.168,42
2.709.316,54
233.434,18
254.423,61
293.126,73
305.273,64
315.695,64
19.862,61
67.724,31
152.067,21
29.197,31
34.125,98
Spese Titolo I
Rimborso Prestiti parte
del titolo III
SALDO
DI
CORRENTE
PARTE
EQUILIBRIO DI PARTE CAPITALE
2009
2010
2011
2012
2013
Entrate titolo IV
425.116,83
172.401,09
450.248,38
Entrate titolo V**
404.911,00
588.000,00
34.516,76
TOTALE titoli (IV + V)
830.027,83
760.401,09
484.765,14
387.487,14
58.581,91
Spese Titoli II
895.022,83
903.633,83
656.756,51
705.547,94
89.999,89
143.232,74 -
171.991,37 -
318.060,80 -
31.417,98
17.600,00
21.192,10
90.227,00
47.395,00
122.240,00
81.885,00
328.000,00
0,00
199,36
120,63
9.939,20
Differenza di parte capitale
Entrate correnti destinate ad
investimenti
Utilizzo avanzo di
amministrazione applicato alla
spesa in conto capitale
SALDO DI PARTE CAPITALE
-
64.995,00 -
** Esclusa categoria “Anticipazioni di cassa”
387.487,14
-
-
58.581,91
-
31.417,98
0,00
3.3 Gestione di competenza. Quadro Riassuntivo
ANNO 2009
ANNO 2010
ANNO 2011
ANNO 2012
ANNO 2013
Riscossioni
3.179.217,21
2.906.786,00
3.145.365,94
2.984.930,62
4.800.655,22
Pagamenti
3.137.492,25
3.024.065,91
3.073.212,90
3.173.628,07
4.740.258,77
72.153,04 -
188.697,45
60.396,45
41.724,96 -
Differenza
117.279,91
Residui attivi
1.051.623,41
1.165.723,17
821.026,40
941.215,44
693.106,64
Residui passivi
1.138.570,76
1.123.951,69
913.103,60
1.041.381,48
750.795,09
Differenza
-
86.947,35
41.771,48 -
92.077,20 -
100.166,04 -
Avanzo (+) o disavanzo (-)
-
45.222,39 -
75.508,43 -
19.924,16 -
288.863,49
Avanzo di amministrazione
applicato per spese in conto
capitale
47.395,00
122.240,00
81.885,00
328.000,00
Avanzo (+) o disavanzo (-)
effettivo
2.172,61
46.731,57
61.960,84
39.136,51
57.688,45
2.708,00
-
2.708,00
Risultato di amministrazione
2009
Risultato di amministrazione di
132.519,00
cui:
Vincolato
2010
2011
2012
81.919,45
328.454,36
42.683,84
199,36
16.642,85
10.161,52
Per spese in conto capitale
2013
26.494,37
Per fondo ammortamento
Per fondo svalutazione crediti
2.001,00
1.330,21
Non vincolato
132.519,00
81.720,09
311.811,51
30.521,32
25.164,16
Totale
132.519,00
81.919,45
328.454,36
42.683,84
26.494,37
2012
2013
3.4 Risultati della gestione: fondo di cassa e risultato di amministrazione
Descrizione
Fondo cassa al 31 dicembre
2009
2010
2011
375.977,97
561.254,56
419.019,43
2.420,15
10.341,08
Totale residui attivi finali
1.768.510,61
1.734.197,30
1.142.838,93
1.267.758,83
1.266.354,73
Totale residui passivi finali
2.011.969,58
2.213.532,41
1.233.404,00
1.227.495,14
1.250.201,44
132.519,00
81.919,45
328.454,36
42.683,84
26.494,37
Risultato di amministrazione
Utilizzo anticipazione di cassa
NO
NO
NO
SI
SI
3.5 Utilizzo avanzo di amministrazione
Descrizione
2009
2010
2011
2012
2013
Reinvestimento quote accantonate per
ammortamento
Finanziamento debiti fuori bilancio
Salvaguardia equilibri di bilancio
Spese Correnti non ripetitive
17.100,00
Spese Correnti in sede di assestamento
58.847,00
10.000,00
Spese di investimento
47.395,00
122.240,00
81.885,00
328.000,00
123.342,00
132.240,00
81.885,00
328.000,00
Estinzione anticipata di prestiti
Totale
0,00
4.1 Analisi anzianità dei residui distinti per anno di provenienza
Residui attivi al
31/12/2012
2007 e
precedenti
2008
2009
2010
2011
10.032,70
16.116,65
Totale residui
da ultimo
rendiconto
approvato
2012
PARTE CORRENTE
TITOLO 1
Entrate tributarie
TITOLO 2
Trasferimenti da Stato,
Regione ed altri enti
pubblici
TITOLO 3
Entrate extratributarie
Totale
CONTO CAPITALE
TITOLO 4
Entrate da alienazioni e
trasferimenti di capitale
TITOLO 5
Entrate derivanti da
accensioni di prestiti
Totale
TITOLO 6
Entrate da servizi per
conto di terzi
TOTALE GENERALE
1.618,64 13.585,82
8.276,82
-
-
-
36.499,59
344.447,79
422.301,19
745,54
62.605,00
71.627,36
3.702,20
1.624,17
504,33
19.828,39
111.208,05
202.596,01
339.463,15
13.597,66
15.209,99
10.537,03
35.945,04
148.453,18
609.648,80
833.391,70
75.017,24
320.738,94
395.756,18
-
-
-
-
19.042,35
2.634,70
2.617,16
-
19.042,35
2.634,70
2.617,16
-
3.303,00
35.943,01
17.844,69
13.154,19
-
-
24.294,21
75.017,24
320.738,94
420.050,39
168,48
17,56
10.827,70
14.316,74
36.113,52
223.487,98
941.215,44
1.267.758,83
Residui passivi al
31/12/2012
2007 e
precedenti
2008
TITOLO 1
Spese correnti
14.300,30
12.681,09
TITOLO 2
Spese in conto capitale
42.285,28
TITOLO 3
Spese per rimborso di
prestiti
TITOLO 4
Spese da servizi per
conto di terzi
TOTALE GENERALE
2010
2011
6.880,76
22.649,60
12.622,59
485.073,95
554.208,29
3.441,10
2.617,16
11.282,52
55.793,26
498.050,39
613.469,71
-
-
-
-
-
-
-
-
-
1.560,00
58.257,14
59.817,14
69.975,85
1.041.381,48
1.227.495,14
56.585,58
2009
Totale residui
da ultimo
rendiconto
approvato
16.122,19
9.497,92
33.932,12
2012
-
-
4.2 Rapporto tra competenza e residui
Percentuale tra residui attivi titoli I e III e
totale accertamenti entrate correnti titoli
I e III
2009
2010
2011
2012
2013
20,80%
19,31%
19,67%
18,82%
23,19%
5. Patto di Stabilità interno
Indicare la posizione dell’ente negli anni del periodo del mandato rispetto agli adempimenti del patto di stabilità interno; indicare
“S” se è stato soggetto al patto; “NS” se non è stato soggetto; indicare “E” se è stato escluso dal patto per disposizione di legge. (Per
i comuni da 1001 a 5000 ab. , l’art. 31 della legge di stabilità 2012, ha stabilito l’obbligo di concorso dall’anno 2013)
2009
2011
2011
2012
2013
NO
NO
NO
NO
SI
5.1 Indicare in quali anni l’ente è risultato eventualmente inadempiente al patto di stabilità interno
nessuno
5.2 Se l’ente non ha rispettato il patto di stabilità interno indicare le sanzioni a cui è stato soggetto
=========
6. Indebitamento
6.1 Evoluzione indebitamento dell’ente: indicare le entrate derivanti da accensioni di prestiti (Tit. V ctg.
2-4)
(Questionari Corte dei Conti - bilancio di previsione)
2009
Residuo debito finale
2010
2011
4.396.694,00
2012
4.091.420,36
2013
4.321.728,00
4.655.304,00
3.775.724,72
Popolazione Residente
4.528
4.602
4.618
4.610
4.618
Rapporto tra residuo
debito e popolazione
residente
954,45
1011,58
952,08
887,51
817,61
6.2 Rispetto del limite di indebitamento. Indicare la percentuale di indebitamento sulle entrate correnti
di ciascuno anno, ai sensi dell’art. 204 del TUEL:
Incidenza percentuale
attuale degli interessi
passivi sulle entrate
correnti (art. 204 TUEL)
2009
2010
2011
2012
2013
6,31%
5,07%
5,34%
5,07%
3,93%
7. Conto del patrimonio in sintesi. Indicare i dati relativi al primo anno di mandato ed all’ultimo, ai sensi dell’art. 230 del
TUEL. Il primo anno è l’ultimo rendiconto approvato alla data delle elezioni e l’ultimo anno è riferito all’ultimo rendiconto approvato
Attivo
Immobilizzazioni
immateriali
Immobilizzazioni
materiali
Immobilizzazioni
finanziarie
Rimanenze
Crediti
Attività finanziarie
non immobilizzate
Disponibilità liquide
Ratei e Risconti
attivi
TOTALE
Importo
2008
Importo
2012
42.815,00
Passivo
56.203,00 Patrimonio netto
8.275.977,00
10.023.244,00
47.638,00
218.830,00
1.716.292,00
-
282.196,00
1.662,00
10.366.580,00
Importo
2008
Importo
2012
2.902.720,00
3.730.639,00
2.397.930,00
3.132.788,00
5.065.930,00
4.705.446,00
10.366.580,00
11.568.873,00
1.267.759,00
-
Conferimenti
2.420,00 Debiti
417,00 Ratei e risconti
passivi
11.568.873,00 TOTALE
7.3 Riconoscimenti debiti fuori bilancio
Quadro 10 e 10bis del certificato al conto consuntivo
ALLA DATA DEL 31/12/2013 NON ESISTONO DEBITI FUORI BILANCIO DA RICONOSCERE
8. Spesa per il personale
8.1 Andamento della spesa del personale durante il periodo del mandato
Importo limite di spesa
(art. 1, c.557 e 562 della
L. 296/2006)
Importo spesa di
personale calcolata ai
sensi dell’art. 1, c. 557 e
562 della L. 296/2006
Anno 2009
Anno 2010
Anno 2011
Anno 2012
Anno 2013
721.221,95
721.221,95
721.221,95
719.225,58
719.225,58
707.964,74
661.782,84
630.112,79
647.327,72
605.225,98
SI
SI
SI
SI
SI
23,24%
23,91%
22,34%
Rispetto del limite
Incidenza delle spese di
25,55%
24,36%
personale sulle spese
correnti
*linee Guida al rendiconto della Corte dei Conti
8.2 Spesa del personale pro-capite
Spesa
personale*/
Abitanti
Anno 2009
Anno 2010
Anno 2011
Anno 2012
Anno 2013
207,09
195,51
192,62
201,82
199,02
*Spesa di personale da considerare: intervento 01 + intervento 03 + IRAP
8.3 Rapporto abitanti dipendenti (numero dipendenti ogni mille abitanti)
Abitanti/
Dipendenti
Anno 2009
Anno 2010
Anno 2011
Anno 2012
Anno 2013
4,20
4,13
4,33
4,34
4,33
Il Comune di Barbarano Vicentino presenta un rapporto abitanti/dipendenti decisamente inferiore alla
media nazionale; infatti rapportando il numero dei dipendenti comunali al numero degli abitanti residenti
(moltiplicato per 1.000) si rilevano, in media, nei comuni italiani 7,44 unità di personale ogni 1.000
abitanti, con punte massime, in alcune regioni, fino al 12,07.
8.4 Indicare se nel periodo considerato per i rapporti di lavoro flessibile instaurati dall’amministrazione
sono stati rispettati i limiti di spesa previsti dalla normativa vigente
Nel periodo considerato sono sempre stati rispettati, per i rapporti di lavoro flessibile instaurati
dall’amministrazione, i limiti di spesa previsti dalla normativa vigente
8.5 Indicare la spesa sostenuta nel periodo di riferimento della relazione per tali tipologie contrattuali
rispetto all’anno di riferimento indicato dalla legge
Prospetto dimostrativo dell'osservanza del limite di cui al comma 28, art. 9, del d.l. nr. 78/2010 e s.m.i.
in vigore dall'anno 2011
(Spesa per personale a tempo determinato o con contratto flessibile non superiore al 50% di quella
sostenuta nel 2009)
SPESA 2011
Tipologia
SPESA 2009 (al netto rimborsi da
SPESA 2012
SPESA 2013
altri enti)
Lavoro somministrato
Tempo determinato
(compresi oneri a carico ente)
10.971,88
TOTALE
30.797,90
50% della spesa 2009
15.398,95
15.200,25
3.900,00
2.431,00
15.200,25
3.900,00
2.431,00
19.826,02
8.6 Indicare se i limiti assunzionali di cui ai precedenti punti siano stati rispettati dalle aziende speciali e
dalle istituzioni:
L'ente non dispone di aziende speciali o istituzioni.
8.7 Fondo risorse decentrate
Indicare se l’ente ha provveduto a ridurre la consistenza del fondo delle risorse per la contrattazione decentrata:
L'ente non ha avuto riduzioni di organico nel periodo considerato, pertanto non è tenuto a ridurre il
fondo delle risorse per la contrattazione decentrata.
8.8 Indicare se l’ente ha adottato provvedimenti ai sensi dell’art. 6 del D.Lgs. 165/2001 e dell’art. 3,
comma 30 della Legge 244/2007 (esternalizzazioni)
L’ente non ha adottato provvedimenti ai sensi dell’art. 6 del D.Lgs. 165/2001 e dell’art. 3, comma 30 della
Legge 244/2007 (esternalizzazioni).
PARTE IV – Rilievi degli organismi esterni di controllo
1. Rilievi della Corte dei Conti
Attività di controllo: indicare se l’ente è stato oggetto di deliberazioni, pareri, relazioni, sentenze in
relazione a rilievi effettuati per gravi irregolarità contabili in seguito ai controlli di cui ai commi 166-168
dell’art.1 della Legge 266/2005. Se la risposta è affermativa riportarne in sintesi il contenuto
Conto del bilancio:
2011 - nota istruttoria in merito ai termini di approvazione ed ai parametri di virtuosità - poi approvato.
2010 - osservazioni - in merito ai termini di approvazione ed ai parametri di virtuosità - poi approvato
2009 - osservazioni su organismi partecipati - poi approvato.
Bilancio:
2009 - osservazioni su adozione del piano triennale previsto all'art. 2 - comma 594 - Legge 244/2007 e
spesa di personale - poi approvato.
Attività giurisdizionale: indicare se l’ente è stato oggetto di sentenze. Se la risposta affermativa,
riportare in sintesi il contenuto.
NEGATIVO
2. Rilievi dell’Organo di revisione: indicare se l’ente è stato oggetto di rilievi di gravi irregolarità contabili.
Se la risposta è affermativa riportarne in sintesi il contenuto.
L'ente non è mai stato oggetto di rilievi di gravi irregolarità contabili.
3. Azioni intraprese per contenere la spesa: descrivere, in sintesi, i tagli effettuati nei vari settori/servizi
dell’ente, quantificando i risparmi ottenuti dall’inizio alla fine del mandato
Tipologia di spesa di cui
all'art. 6
del D.L. 78/2010
Spese per studi ed
incarichi di consulenza
Limite di spesa
dal 2011
Non superiore al 90% del limite
di spesa del 2012, che era "Non
superiore al 20% di quella
Spesa a
consuntivo
2009
(per
autovetture
2011)
Spesa
massima
per il 2013
1.225,00
220,50
Spesa a
consuntivo
2013
-
Spese per relazioni
pubbliche, convegni,
mostre, pubblicità e
rappresentanza
Spese per missioni anche
all’estero
Non superiore al 20% di quella
sostenuta nell’anno 2009
24.453,71
4.890,74
3.074,72
Non superiore al 50% della
spesa sostenuta nell’anno 2009
3.001,86
1.500,93
533,85
Spesa per attività di
formazione
Non superiore al 50% della
spesa sostenuta nell’anno 2009
5.626,70
2.813,35
2.000,00
Spesa di autovetture per
acquisto, manutenzione, Non superiore al 50% della
noleggio e esercizio, buoni spesa sostenuta nell’anno 2011
taxi (esclusi i mezzi P.L.)
7.003,02
3.501,51
3.539,37
Spese per
sponsorizzazioni
100%. Dal 2011 non è più
possibile sostenere spese per
sponsorizzazioni
TOTALE
Risparmi sulle spese di personale
(dovuti principalmente all'avvio di convenzioni con altri
enti)
41.310,29
12.927,03
Spesa 2009
Spesa 2013
707.964,74
605.225,98
9.147,94
Risparmio
102.738,76
Parte V – 1 Organismi controllati: descrivere, in sintesi, le azioni poste in essere ed i provvedimenti
adottati ai sensi dell’art. 14, comma 32 del D.L. 31 maggio 2010, n. 78, così come modificato dell’art. 16,
comma 27 del D.L. 13/08/2011 n. 138 e dell’art. 4 del D.L. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012
1.1 Le società di cui all’articolo 18, comma 2 bis, del D.L. 112 DEL 2008, controllate dall’Ente locale hanno
rispettato i vincoli di spesa di cui all’articolo 76 comma 7 del D.L. n. 112 del 2008
L'ente non controlla alcuna società ai sensi delle sopra richiamate norme.
1.2 Sono previste, nell’ambito dell’esercizio del controllo analogo, misure di contenimento delle
dinamiche retributive per le società di cui al punto precedente
Vedi sopra
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
498 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content