close

Enter

Log in using OpenID

ALLEGATO N. 1 PROGETTI E LABORATORI rivisto

embedDownload
ALLEGATO N.1 SCHEDE DI PROGETTI E LABORATORI
PROGETTI
D’ISTITUTO
Progetto
Integrazione
Alunni stranieri
Funzione strumentale
Francesco Netto
Breve descrizione attività
Vengono effettuati laboratori linguistici
per alunni stranieri carenti nelle abilità
linguistiche di base e della lingua di
studio.
Finalità ed obiettivi
L’attività si propone di:
• favorire l’acquisizione delle competenze nell’uso
della lingua italiana far conoscere le culture di
provenienza degli alunni stranieri;
• dotare gli alunni stranieri degli strumenti basilari
per affrontare contenuti disciplinari;
• promuovere
e
diffondere
una
cultura
dell’integrazione che considera le diverse realtà
culturali come un arricchimento personale.
•
•
•
•
•
•
•
Modalità di realizzazione
Laboratori linguistici in orario extrascolastico per piccoli gruppi di alunni anche in con le
risorse presenti nel territorio;
Potenziamento delle biblioteche dei plessi per creare biblioteche multiculturali;
Aggiornamento degli insegnanti in collaborazione con la rete;
Attività di ricerca-azione in collaborazione con la rete “inclusione” per l’incremento di
competenze nelle comprensione del testo.
Destinatari:
alunni stranieri di tutto l’istituto per percorsi specifici di alfabetizzazione;
tutti gli alunni per l’approfondimento di temi legati all’accoglienza e al
multiculturalismo;
insegnanti e singoli team di docenti.
Progetto Continuità
Infanzia/primaria:
“Il mio percorso di
crescita nell’Istituto
Comprensivo di
Carbonera”
Funzione
strumentale
Mariacristina Vigna
PERCHE’ QUESTO
PROGETTO
Perché alla Scuola Primaria, il
bambino continua la sua crescita
personale e la sua carriera
scolastica approfondendo e
ampliando esperienze, abilità,
conoscenze e competenze che ha
iniziato a maturare e ad acquisire
alla Scuola d’Infanzia
OBIETTIVI GENERALI
DEL PROGETTO
Approfondire il processo di
valutazione degli alunni in
prospettiva del successo
personale del bambino e
dell’individuazione di
aspetti di problematicità, al
fine di prevenire
l’insuccesso scolastico.
Accompagnare l’alunno durante
il passaggio alla scuola Primaria
attraverso esperienze di
accoglienza significative
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE - BREVE DESCRIZIONE
• Condividere contenuti e strumenti di valutazione e concordare modalità e momenti di presentazione
degli alunni in passaggio alla scuola primaria
• Realizzare momenti di incontro – accoglienza con gli alunni in entrata alla scuola Primaria,
programmando attività coinvolgenti e significative.
DESTINATARI DEL PROGETTO
• Alunni frequentanti l’ultimo anno delle Scuole d’Infanzia Statale e Paritarie del Comune di Carbonera
• Alunni frequentanti la classe 1^ di Scuola Primaria di tutte le Scuole dell’Istituto
• Docenti Referenti Continuità delle Scuole d’Infanzia del Comune di Carbonera (Statale e Paritarie)
• Docenti di classe 1^ e 5^ delle Scuole Primarie dell’Istituto Comprensivo
• Docenti Referenti delle Scuole Primarie dell’Istituto Comprensivo
Progetto
Continuità
primaria/secondaria
Coordinatori
Alessandra Dall’Agnol
Gabriella Anello
OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO
•
•
•
Trovare ed esprimere forme di collaborazione
tra docenti di Scuola Primaria e scuola
Secondaria coinvolti nel passaggio degli alunni
fra i due ordini di scuola.
Trovare momenti di confronto e di
collaborazione efficaci all’individuazione e
realizzazione di criteri valutativi che riguardano
l’alunno nel passaggio da un ordine di scuola
all’altro.
Trovare momenti di collaborazione e di
confronto tra insegnanti dei due diversi ordini di
scuola per la miglior formazione delle future
classi prime
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE - BREVE DESCRIZIONE
Il progetto prevede dei momenti fondamentali:
• Somministrazione agli alunni di classe IV e V di un questionario relativo ai comportamenti degli alunni
rispetto al metodo di studio, alle relazioni con insegnanti e compagni. Tale questionario permetterà di
individuare alcune tecniche di superamento delle aspettative, ansie, paure che concernono il passaggio dalla
scuola primaria a quella secondaria
• Formulazione di prove oggettive di italiano, matematica, storia e geografia da parte degli insegnanti delle
classi quinta di scuola primaria e individuazione di criteri di valutazione comune delle prove stesse in linea
con i criteri di valutazione degli insegnanti della scuola secondaria di primo grado.
• Formazione dei gruppi classe soprattutto a carico degli insegnanti della scuola primaria sulla base delle
informazioni raccolte dai questionari, dalle prove di verifica e dalle osservazioni.
• Scambio di informazioni, sotto forma di lettere, fra gli alunni di prima secondaria e gli alunni di quinta
primaria
• Incontro di alcuni insegnanti della secondaria e gli alunni di quinta primaria
• Visite degli alunni della primaria presso la scuola secondaria
Destinatari:
•
•
docenti di classe quarta e quinta della scuola primaria
docenti delle future classi prime della scuola secondaria
Progetto Ips sport
Coordinatore
Innocente Lucia
Breve descrizione attività
Vengono proposte esperienze motorie in
forma ludica su obiettivi programmati per
lo sviluppo delle competenze motorie di
base; interventi di supporto alla didattica
su attività motorie e di gioco-sport, con la
collaborazione delle società sportive ,
dell’ente locale e dell’ASL e del 118 .
Vengono organizzati momenti di incontroconfronto come, i tornei d’Istituto e le
feste dello Sport.
Lezioni di primo soccorso da parte della
Croce Verde La Marca
•
•
Finalità ed obiettivi
Attraverso un progetto unico d’Istituto diffondere un uso educativo ed orientante dell’attività
motoria e del GIOCO attraverso una serie di attività ludico-motorie proposte in maniera
specifica, ma non tecnicistica, adatte cioè all’età evolutiva degli alunni dell’istituto
comprensivo con la finalità di diffondere corretti stili di vita
Il progetto si chiama IPS SPORT come Sport che si programma nell’Infanzia, poi nella
Primaria e infine nella Secondaria in modo progressivo, dalle abilità di base, al gioco-sport, allo
Sport .
Modalità di realizzazione
Durante l’intero anno scolastico sono previsti interventi di supporto alla didattica su attività
motorie e di gioco-sport, con le società sportive del territorio. Al termine dei percorsi feste, tornei
d’Istituto. Alla scuola dell’Infanzia, in collaborazione con l’ASL, i bambini accedono mensilmente
alle attrezzature sportive del centro sportivo “ Ghirada” di Treviso.
Destinatari: tutti gli alunni delle scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado
PROGETTI
1) MUSICA!
2) STRUMENTI E SUONI
3) IMAPARA UNO
STRUMENTO
4) ANTIQUA VOX
CLASSI:
CLASSI PRIME E SECONDE
PRIMARIA
CLASSI SECONDARIA
Referente
DA ROS GIOVANNA
Breve descrizione attività :
-Lezioni-concerto con
Musicisti dell’Associazione
Toscanini per educazione
all’ascolto, per
l’apprendimento di brani
vocali, per la conoscenza di
differenti strumenti
musicali.
-Studio dello strumento da
parte degli allievi della
sezione musicale della
secondaria.
-Educazione alla musica in
orario curricolare per alcuni
alunni delle prime e
seconde di Vascon e
Mignagola
-Conoscenza dello
strumento organo per le
classi seconde medie
Finalità ed obiettivi
Valorizzando e stimolando le potenzialità creative individuali e del gruppo attraverso l’ascolto di
sé e degli altri, partecipando attivamente nel tempo e nello spazio attraverso le varie forme d’arte,
si può sviluppare la crescita armoniosa della personalità in tutti i suoi aspetti.
Connessioni con l’area disciplinare di riferimento
Conosce e decodifica il linguaggio musicale;
approccio all’uso di uno strumento musicale;
sviluppo e affinamento del senso ritmico;
uso corretto della voce.
Strumenti e materiali utilizzati
Strumenti musicali vari.
Per i piccoli alunni di prima e seconda primaria il programma è volto alla scoperta del “musicale”
che è in ogni bambino:
 la vocalità (la scoperta delle note, la nota scritta, della parola cantata e parlata attraverso
canti e filastrocche),
 la motilità (il senso del ritmo e del movimento di ogni singola parte del corpo attraverso
ascolti attivi e body percussion),
 la tattilità (la percezione fisica della musica principalmente attraverso le mani con il
disegno, la creazione di strumenti musicali),
 la gestualità (la scoperta del movimento fluido che si accompagna al discorso musicale).
Attività espositive/spettacoli/ attività previste a fine del percorso
Rappresentazioni e spettacoli
Attività
SITO WEB di Istituto
Coordinatore
Marina Prete
Funzione strumentale di riferimento
MARINA PRETE
OBIETTIVI GENERALI DEL
PROGETTO
• Dare visibilità alla propria
scuola
• Intrecciare rapporti con altre
scuole
• Condividere esperienze e
documenti
• Permettere di reperire
informazioni sul nostro istituto.
• Mettere a disposizione
materiale informativo e
documenti.
• Coinvolgere alunni e famiglie.
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE
Si cura la raccolta e la pubblicazione di materiale
multimediale di documentazione per le pagine del sito, in
formato adeguato.
La responsabile per l’istituto collabora con i responsabili
sito di ogni plesso, cura i rapporti con la web agency, la
segreteria e informa la Dirigente di ogni cambiamento. Si
utilizza la posta elettronica per comunicazioni interne.
DESTINATARI DEL PROGETTO
• Studenti e famiglie
• Docenti e personale amministrativo
• Reti di scuole e partner europei
Referenti:
Ottavian
Fraccaro
Orefice
Rossi
Borsato
Progetto
“PERCORSI DI
SICUREZZA”
Motivi che hanno determinato il progetto
Il D.Lgs 81/2008 (Testo Unico sulla
sicurezza) indica i compiti che spettano
alle istituzioni scolastiche in materia di
sicurezza. Si enuncia che la scuola di ogni
ordine e grado costituisce luogo
privilegiato per la promozione e la
divulgazione della cultura della sicurezza.
L’art. 11 prevede l’ “inserimento in ogni
attività scolastica di specifici percorsi
formativi interdisciplinari alle diverse
materie scolastiche volti a favorire la
conoscenza delle tematiche della salute e
della sicurezza nel rispetto delle
autonomie scolastiche.”
Sviluppare la cultura della sicurezza nella
scuola attraverso interventi didattici
disciplinari e interdisciplinari, attraverso
la costituzione di un contesto ambientale,
organizzativo e sociale favorevole e
attraverso il consolidamento del ruolo
forte e centrale del Servizio di
Prevenzione e Protezione.
OBIETTIVI
•
•
•
•
Far acquisire la capacità di riconoscere i pericoli e le situazioni di rischio nel proprio
contesto di vita in condivisione con i compagni e i lavoratori della scuola.
Avviare gli alunni all’uso di strumenti di rilevazione di uso quotidiano (osservazioni,
interviste, normativa, …) che rivestono un ruolo primario nell’opera di prevenzione che si
intende intraprendere.
Interiorizzare un “metodo” di indagine e di lavoro.
Sviluppare consapevolezza sull’importanza del rispetto delle regole in situazioni di rischio e
di emergenza.
Destinatari: alunni di tutte le classi di ordine e grado, insegnanti, personale ATA, Dirigente Scolastico
Coordinatori
Orefice Concetta
Buonaiuto Ilaria
Lorenzon Sonia
Progetto
DISABILITA’
Funzione strumentale
OREFICE CONCETTA
Breve descrizione attività
Accoglienza alunni e definizione
percorsi personalizzati.
Collaborazione con i distretti sociosanitari, ASL e CTI di riferimento.
Stretta collaborazione con le famiglie
Finalità ed obiettivi
L’attività si propone di:
Applicare la legge 104/1992, la legge 170/2010, la
circolare n.8/2013.
Individuare
strumenti,
tecniche,
percorsi
individualizzati e personalizzati per consentire
l’integrazione e l’inclusione di tutti gli alunni
Delineare, a livello di secondaria, l’iter adatto ad
ogni alunno, nella formazione superiore, in vista
del successivo inserimento nella società
•
•
Modalità di realizzazione
Creazione di percorsi specifici per alunni che ne necessitino la realizzazione, in base ad
eventuali certificazioni e a precise decisioni dei team e dei consigli di classe
Destinatari:
alunni di tutto l’istituto con necessità specifiche
PROGETTI
DELLE
PRIMARIE
Progetto
Rete di Geostoria
a scala locale
Le trasformazioni
del territorio
Coordinatore
LUISA BORDIN
OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO
• Rendere più significativo il processo di
formazione della cultura storica dei cittadini, in
particolare delle nuove generazioni.
• Sensibilizzare gli alunni al presente e alle sue
relazioni con i passati del territorio.
•
Valorizzare e promuovere la conoscenza
dei beni paesaggistici e culturali del territorio.
• Costruire competenze e una nuova sensibilità
per la tutela e lo sviluppo del patrimonio
storico, artistico e ambientale.
• Comprendere l’importanza del fare storia
attraverso la modalità laboratoriale usando anche
le nuove tecnologie.
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE
• Costruzione di “copioni” che aiutino a
sviluppare gli schemi temporali di base:
successione, contemporaneità, durata,
periodo, ciclo
Fare il grano, la farina, il pane-(classi 1)
• Percorsi di geostoria e di educazione al
patrimonio:
-Al tempo delle case coloniche (classi 2)
-La vita quotidiana agli inizi del 900 e la
Grande Guerra (cl 3)
-I Veneti antichi; I mulini e le attività
produttive, le cartiere (classi 4)
-La romanizzazione; La Grande Guerra
(classi 5)
DESTINATARI DEL PROGETTO
• Docenti partecipanti al laboratorio di ricerca-azione organizzato dalla Rete in sede
decentrata (I.C. Carbonera)
• Alunni partecipanti ai laboratori di ricerca-azione
• Famiglie degli alunni
• Amministrazione Comunale e cittadinanza
Progetto
“We are friends”
•
•
•
•
•
Coordinatore
PRETE MARINA
DESCRIZIONE
Da alcuni anni intercorre uno
scambio di lettere, disegni e altri
materiali tra alunni della nostra
scuola e alcuni alunni di una scuola
di Chester in Pennsylvania (U.S.A.).
Questa corrispondenza è cominciata
con una classe terza nell’a.s. 2007.
Inizialmente era stato un tentativo
per vedere quale impatto poteva
avere un’attività di questo tipo sugli
alunni: poiché la proposta è stata
accolta con entusiasmo e continua
ad avere una forte valenza
motivazionale, il progetto continua
anche quest’anno. Dallo due anni si
è raccoglie la documentazione
relativa allo scambio in un blog che
contiene video, disegni e idee
oggetto di scambio.
OBIETTIVI DEL PROGETTO
Fornire agli alunni un contesto di comunicazione autentica per scambiare contatti con
coetanei che abitano in un contesto completamente diverso dal loro
Aumentare la motivazione allo studio della lingua due (vero per entrambe le scuole: noi
studiamo l’inglese e loro l’italiano)
Dare un fine concreto alla elaborazione e produzione di materiali da condividere
Sperimentazione di nuovi modi per comunicare e condividere (es utilizzo di Fotobabble per
produrre audiomessaggi, costruzione di questionari con Survey Monkey, libro digitale,
poster, ecc.)
Comunicazione diretta via Skype
Destinatari: Alunni classe 5A e 5B – Scuola Primaria di Carbonera
Progetto ricerca-azione
“ Scrivo, leggo bene”
Coordinatore
Mariacristina Vigna
OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO
Promuovere il successo scolastico per gli alunni
delle classi prime, intensificando l’attenzione per
l’apprendimento della lettura e scrittura al fine di
limitare eventuali sviluppi deficitari successivi
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE
 Somministrazione di prove a
gennaio e a maggio
 Analisi dei risultati da parte di una
logopedista esperta
 Realizzazione di eventuali eventi di
recupero
 Consulenza ai genitori
 Somministrazione di una terza prova
a novembre del secondo anno
DESTINATARI DEL PROGETTO
• Classi prime di tutti i plessi; conclusione nelle classi seconde
Progetto Potenziamento
ROBOTICA
Coordinatore
Renato Moretto
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE
Suddivisione dei ragazzi in gruppi di 3-4 alunni che lavorano in team
per 9 incontri a testa.
Ogni team sviluppa un progetto a tema attraverso la programmazione (
scratch ) e un viaggio con il robot lego ministro ev3 opportunamente
programmato
OBIETTIVI
GENERALI DEL
PROGETTO
Il ruolo della robotica
educativa è quello di
costituire uno strumento
per favorire le abilità
essenziali per la vita (lo
sviluppo cognitivo e
personale, il lavoro in
team) attraverso il quale
le persone possono
sviluppare il loro
potenziale per usare la
loro immaginazione,
esprimere se stessi e fare
scelte originali e di valore
nella loro vita. I vantaggi
della robotica sono
rilevanti per tutti i ragazzi
.
DESTINATARI DEL PROGETTO
Classe quinta del plesso C.Battisti di Vascon
Progetto
“ ISIDE”
Coordinatore
Daniela Rossi
OBIETTIVI GENERALI DEL
PROGETTO
Il progetto è frutto di un accordo
fra una rete di scuole della
provincia e alcuni comuni.
Lo scopo principale è lo
sviluppo di una coscienza di
cittadino consapevole del bene
comune, capace di
comportamenti che favoriscano
il risparmio energetico e il
rispetto dell’ambiente
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE






effettuare lungo tutto l'anno scolastico le letture dei
consumi
energetici
ed
idrici
(a
cadenza
bisettimanale, ovvero il 1^ e il 16^ del mese);
partecipare agli incontri del percorso partecipato
organizzati dalla Rete ISIDE;
svolgere le attività di analisi dei consumi energetici
ed idrici (la “Ricognizione energetica”) attraverso
anche il supporto di un docente tutor della Rete
ISIDE e avvalendosi anche di studenti o diplomati;
organizzare le attività di sensibilizzazione all'interno
del plesso;
attuare
le
azioni
di
risparmio
legate
ai
comportamenti;
coinvolgere e sensibilizzare le famiglie
DESTINATARI DEL PROGETTO
• Classi quarte e quinte dei plessi di Carbonera e Mignagola.
• Famiglie
• Comunità cittadina
Progetto
ALLA SCOPERTA
DELLE NOSTRE
EMOZIONI
Coordinatore
Lorena Daldin
OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO
Prestare attenzione, accogliere, saper esprimere
sentimenti, emozioni e stati d’animo.
Avviare ad un atteggiamento di
responsabilità verso se stessi e gli altri.
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE
Una storia semplice darà avvio alla conoscenza di
alcune emozioni; si procederà poi con attività
corporee da svolgere in palestra ; in classe verrà
concluso il percorso.
Ad ogni incontro gli a/i saranno coinvolti a
scambiarsi il proprio vissuto rispetto
all’esperienza vissuta.
Mostra finale dove verranno esposte le produzioni
degli a/i
DESTINATARI DEL PROGETTO
• Classi seconde del plesso di Carbonera
Progetto
Teatro
La fabbrica di
cioccolato
Tutti gli
insegnanti di Vascon
OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO
Sviluppo, tramite il lavoro teatrale, delle
competenze chiave europee:
 imparare ad imparare
 consapevolezza ed espressione culturale
 competenze sociali
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE.
 Incontri
tra
docenti
per
la
programmazione e la realizzazione
dello spettacolo
 Incontri con scadenza quindicinale con
tutti gli alunni per la realizzazione
dello spettacolo (costumi, scenografie,
musiche, prove , ecc.)
Rappresentazione teatrale di fine anno del
famoso racconto di Roald Dahal presso
Tendone allestito dal Gruppo 86 presso i locali
della Parrocchia in occasione dello spettacolo (
giugno 2015)
DESTINATARI DEL PROGETTO
Classi di tutto il plesso di Vascon
Comunità di Vascon
Progetto
Recita natalizia
Coordinatore
Marina Prete
OBIETTIVI GENERALI
DEL PROGETTO
Sviluppo delle competenze
chiave europee:
 imparare ad
imparare
 consapevolezza ed
espressione
culturale
 competenze sociali
 comunicazione in
lingua comunitaria
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE.
Recita di natale organizzata presso il Palalenzi con cori natalizi in
gran parte in lingua inglese.
DESTINATARI DEL PROGETTO
Classi di tutto il plesso di Carbonera
Comunità di Carbonera
Progetto
Coordinatore
KAMISHIBAI
Mariacristina Vigna
OBIETTIVI GENERALI DEL
PROGETTO
-
-
-
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE
-
-
-
I bambini dalla lettura animata della fiaba,
dovranno trarre gli spunti più importanti e ricrearla
utilizzando la tecnica del KAMISHIBAI.
(la parola Kamishibai deriva da due termini, KAMI
che indica il materiale cartaceo, shibai la storia
drammatizzata. Tale tecnica nasce in Giappone
intorno agli anni 20, dove dei narratori ambulanti
trasportavano una “valigia” contenente le
immagini. Potremo paragonarli ai nostri
cantastorie.)
creazione degli sfondi
costruzione dei singoli personaggi
realizzazione tavole vere e proprie nel rispetto della
sequenza temporale
condivisione dell’esperienza vissuta insieme
DESTINATARI DEL PROGETTO
• Classi quarte di Carbonera
•
approfondire e
rafforzare abilità di
linguaggio e di lettura
sperimentare una
pluralità di linguaggi
favorire la
coordinazione visivomanuale e la motricità
fine
individuare tutta la
struttura sequenza di
una storia
abituarsi al lavoro di
gruppo e alla
collaborazione in
un’attività a tappe
PROGETTI
DELLA
SCUOLA
DELL’INFANZIA
Coordinatore
Progetto
Accoglienza:
INSIEME AMICI
LAURA MANENTE
Breve descrizione attività
I bambini attraverso attività ludiche imparano a
conoscere i compagni e a stabilire con loro
relazioni positive
Finalità ed obiettivi
L’attività si propone di:
- Favorire la conoscenza di sé e dell’altro
- Stabilire relazioni positive con adulti e coetanei
- Superare con tranquillità il distacco dai genitori
- Iniziare a scoprire le prime regole della scuola
Modalità di realizzazione
• Giochi di conoscenza reciproca, motori, girotondi, filastrocche mimate
• Conversazioni in piccolo e grande gruppo
• Esplorazione degli spazi della sezione e della scuola (salone,giardino, bagno, sala da
pranzo)
• Giochi di manipolazione con la farina e la pasta di sale
Destinatari
• Bambini e bambine che entrano per la prima volta a scuola
• Tutti i bambini e le bambine già frequentanti
Coordinatore:
Gritti Grazia:
Magoga Orietta
Florian Marina
Manente Laura
Progetto
“Educare alla
Motricità
0-6 “
Breve descrizione attività
Il progetto prevede un momento di attività motoria fatta a
scuola, volta a potenziare specifiche abilità motorie (un giorno
alla settimana durante le attività per gruppi omogenei d’età). Un secondo momento, prevede il coinvolgimento
della famiglia, attraverso la consegna di una scheda informativa,
per favorire ’attività fisica oltra a quella scolastica. Un terzo
momento, prevede la formazione delle insegnanti, attraverso la
partecipazione ad un percorso formativo, organizzato dall’ULS
9, in collaborazione con l’università di Padova.
.
Finalità ed obiettivi
Rivolti ai bambini:
• Promuovere la presa di coscienza del corpo.
• Sviluppare attraverso il movimento capacità motorie
adeguate all’età..
• Saper interagire con gli altri.
Rivolti alle famiglie :
• Informare le famiglie sull’importanza dell’attività fisica
per lo sviluppo complessivo del bambino.
Rivolti alle insegnati :
• Aumentare la consapevolezza di come la motricità
agisca, in modo virtuoso, nella costruzione e nel
potenziamento di competenze trasversali.
Modalità di realizzazione
Laboratorio di attività motoria per età omogenea. Attività motoria guidata a coppie, individuale e di gruppo. Giochi
motori strutturati con oggetti e non. Giochi motori guidati con base musicale. Giochi di ritmo e funzionali al
movimento e all’autocontrollo.
Destinatari
• Bambini e bambine della scuola dell’infanzia.
• I genitori dei/delle bambini/e della scuola dell’infanzia.
• Le insegnanti della scuola dell’infanzia.
Progetto S.O.S.
BAMBINI
Coordinatore
M.CRISTINA VIGNA
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE
Osservazione dei bambini durante le
attività a scuola per cogliere
situazioni di problematicità rispetto
alle normali tappe di crescita
personale e cognitiva con la
supervisione della pedagogista
Carla Perusini
OBIETTIVI GENERALI DEL
PROGETTO
-Attivare
pratiche di osservazione
mirate
-Scambi, confronti con l’esperto e
programmazione di interventi
mirati
-Consulenza ai genitori
DESTINATARI DEL PROGETTO
Bambini della scuola dell’infanzia e prima primaria
PROGETTI
E
LABORATORI
DELLA
SCUOLA SECONDARIA
Progetto
educazione
agli affetti
alla sessualita’
alla relazione
interpersonale
alla relazione in internet
Coordinatore
Velo Mara
Breve descrizione attività
Nella
quotidianità
scolastica
esplodono
le
contraddizioni
intrinseche ad un periodo, quello
preadolescenziale e adolescenziale,
foriero di disagi, paure, aspirazioni e
ansie tanto nei maschi quanto nelle
femmine, seppure con modalità e
manifestazioni diverse.
L’educazione all’affettività è dunque
incentrata su percorsi e interventi tesi
a far maturare una piena conoscenza
di sé, ad agevolare l’instaurarsi di
relazioni personali equilibrate e serene
e a conseguire un proficuo
inserimento sul piano sociale.
L’intento è quello di fornire agli
allievi punti di riferimento saldi che
li guidino nella delicata fase di
emancipazione dalla famiglia, nel
loro forte desiderio di vita
psicomotoria, nel loro prorompente
bisogno di autonomia che si
accompagna
però
a
timori,
insicurezze e ad una necessità, a
volte
totalmente
acritica,
di
identificazione con il “gruppo”.
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Finalità ed obiettivi
Favorire percorsi sulla riflessione sul sé relazionale ed emotivo
Favorire la conoscenza delle sfumature e della vasta gamma dei sentimenti
Agevolare l’instaurarsi di rapporti autentici e proficui tra pari
Stimolare un clima di classe sereno e teso all’apprendimento
Prevenire e combattere fenomeni di discriminazione, sopruso, bullismo
Favorire la consapevolezza di genere con un approfondimento sui ruoli maschili e femminili
Favorire il possesso di informazioni circa la sfera sessuale, l’apparato genitale e riproduttivo
Insegnare a vivere con serenità il tumulto dei sentimenti adolescenziali
Promuovere l’accudimento, la cura di sé e dell’altro
Promuovere una piena educazione alla legalità da intendere sempre come cura e preservazione
felice di sé e dell’altro
Favorire la consapevolezza nell’uso responsabile di internet per stringere amicizie e dei rischi
connaturati all’utilizzo dei social
Modalità di realizzazione
Sono previsti confronti con le famiglie, attività dei ragazzi con personale esperto dell’USSL n.
9 (psicoterapeuti, medici, educatori specializzati), proiezioni di film d’autore e rielaborazione
critica degli stessi, adesione al social network protetto Qwert, incontri con i responsabili locali
Avis e 118; incontri con polizia postale e con l’Arma dei Carabinieri.
Destinatari: le progettualità coinvolgono progressivamente prime, seconde, terze e i genitori.
Coordinatore
Paola Schiavinato
Progetto
Orientamento
scolastico
Breve descrizione attività
Le attività di orientamento servono a
favorire, agli alunni di terza media,
una scelta consapevole del proprio
percorso scolastico tenendo conto
delle loro capacità, dei loro interessi,
delle loro competenze e abilità
raggiunte nel triennio.
•
•
•
•
Finalità ed obiettivi
Favorire l’integrazione nella scuola superiore ed implementare la fase di accoglienza
Promuovere l’acquisizione di competenze trasversali, all’interno dell’obbligo formativo che
permettano una scelta consapevole del proprio futuro
Coinvolgere i genitori per una scelta consapevole ed omogenea alle indicazioni fornite dalla
scuola- consigli di classe 3e.
Attivare il processo di scelta e favorire l’accordo tra aspettativa e realtà
Modalità di realizzazione
Sono previsti incontri con le famiglie, attività di orientamento con i ragazzi da parte del
consiglio di classe, visite alle scuole superiori ed aziende e incontro con ex alunni.
Destinatari: alunni delle classi terze e loro genitori
Progetto
BIBLIOTECA
Coordinatrici
GIOFFRE’ DOMINIQUE
ALESSANDRA
DIOTALLEVI
Breve descrizione attività
Apertura della biblioteca durante l’orario di
interscuola nei giorni del rientro e prestito libri.
•
•
•
•
•
•
•
Finalità ed obiettivi
promozione alla lettura
sviluppo di comportamenti di lettura
autonomi e continuati
favorire la sensibilizzazione all’uso della
biblioteca
educazione al confronto con gli altri
educazione all’ascolto
comprensione del testo scritto
sviluppo delle capacità di individuare
informazioni significative e finalizzate
Modalità di realizzazione
Stimolare la capacità di sintetizzare e memorizzare le informazioni inerenti ai testi letti
Coinvolgere gli alunni come membri attivi nell’organizzazione della biblioteca stessa
Razionalizzare l’uso della biblioteca anche mediante la catalogazione informatica
Destinatari:
• alunni delle scuola secondaria
Attività
giorno della
memoria
OBIETTIVI GENERALI
Sensibilizzare gli alunni sui concetti
di uguaglianza,tolleranza, giustizia
sociale, libertà e democrazia,
attraverso la realizzazione di uno
spettacolo di musiche e recitazione, su
quella enorme tragedia che è stata la
Shoah
CONTENUTI ED ATTIVITA’
PREVISTE
Canti, Brani eseguiti alla chitarra , al
flauto e al violoncello Acrostici, Brani
di romanzi e testi poetici,Filmati
realizzati dagli alunni
•
•
•
•
Modalità di realizzazione
ricerca di brani e testi sul tema della Shoa
lettura espressiva
dibattiti sul tema dell’antisemitismo, del razzismo e della Shoa
recital finale con l’interpretazione dei brani scelti
Destinatari: Tutti gli alunni, i genitori e i docenti della scuola media
Coordinatore
Da Ros Giovanna
TITOLO DEL LABORATORIO:
DOCENTE:
POESIA E MOVIMENTO
Schiavinato Paola
CLASSI: Seconde
Breve descrizione attività (I° e II° quadrimestre)
Movimenti per misurarsi con lo spazio e per entrare in
relazione con gli altri; esercizi di espressività corporea e di
improvvisazione teatrale guidati, movimenti armonici
seguendo il ritmo della musica e interpretando, attraverso
la gestualità, l’intenzione comunicativa di un poeta e il
tema dei suoi versi. Attività guidata per esprimere con il
movimento il contenuto di una poesia.
Finalità ed obiettivi
-Saper improvvisare, seguendo la musica, una sequenza di movimenti per esprimere un dato pensiero.
-Interpretare, in un breve testo letterario, i sentimenti dell’autore.
-Saper simulare i vissuti interiori di un poeta e riuscire a comunicarli agli altri con autocontrollo.
-Creare delle coreografie significative e rappresentative delle situazioni analizzate.
Connessioni con l’area disciplinare di riferimento
L'attività proposta quadrimestre è strettamente correlata all'area scientifica e storico-scientifica per gli argomenti
trattati.
Modalità di realizzazione
Esercizi di espressività corporea e di improvvisazione teatrale con ampio uso del movimento.
-Creazione di semplici coreografie.
-Recitazione di qualche testo.
-Annotazione da parte degli alunni di parole e vissuti significativi. Esercizi di espressività corporea e di
improvvisazione teatrale con ampio uso del movimento.
Modalità di verifica e passaggio informazioni al coordinatore di classe
Valutazione della capacità di rapportarsi con gli altri attraverso il movimento.
Valutazione delle abilità di improvvisazione e di collaborazione con l’insegnante per creare insieme delle coreografie.
Valutazione dei movimenti più espressivi e dell’impegno dimostrato nell’attività.
Il passaggio delle informazioni sugli alunni al coordinatore avverrà oralmente, i voti saranno riportati sul registro del
laboratorio e fatti pervenire.
Coordinatore
GIOVANNA LO
SCIUTO
Progetto educazione alla
salute
AVIS
Servizio 118
Breve descrizione attività
Incontri con personale dell’Avis di
Carbonera in aula magna
Finalità ed obiettivi
Conoscere a livello anatomico-fisiologico organi e tessuti interessati
Conoscere le problematiche relative alla donazione del sangue
Conoscere il valore della solidarietà e del volontariato
Modalità di realizzazione
Incontri per classi
Realizzazione di elaborati significativi
Destinatari: alunni della secondaria
Progetto
MINERVIADI
Coordinatore
Leonora
Tagliapietra
Breve descrizione attività
Realizzazione di un nervosimetro,
circuito elettronico con inserimento
transistor
Partecipazione alle Minerviadi
organizzate dall’IT Planck
Incontro con il prof. Ricci nell’aula
magna dell’IC di Carbonera per una
lezione di fisica
Finalità ed obiettivi
Sperimentazione ed applicazione delle conoscenze teoriche
Mobilitazione delle abilità fisiche e logico-matematiche
Conoscenza della esistenza delle leggi della fisica nei fenomeni a cui assistiamo quotidianamente
anche in casa
Modalità di realizzazione
Costruzione e assemblaggio di materiali forniti dall’Istituto Planck nell’ aula di tecnologia
Partecipazione alla gara organizzata presso l’istituto Planck
Destinatari: alunni delle classi della secondaria
Progetto educazione alla
LEGALITA’
Coordinatore
GIOVANNA LO
SCIUTO
Breve descrizione attività
Incontri con I VIGILI di Carbonera
in aula magna
Incontri con i CARABINIERI di
Treviso
Finalità ed obiettivi
Presentazione di situazioni quotidiane che possono creare problemi legati alla legge
Assimilazione del concetto di “rispetto delle regole”
Descrizione di comportamenti corretti in contesti vari
Modalità di realizzazione
Incontri per classi
Realizzazione di elaborati significativi
Destinatari: alunni delle classi terze della secondaria
Attività
Coordinatore
SOLIDARIETÀ
Antonio Morellato
OBIETTIVI GENERALI
Avvicinare i ragazzi al tema dei diritti umani
Sviluppare interesse e riflessione sulle
tematiche di grande attualità: sviluppo e
sottosviluppo,
risorse,
ambiente,
democrazia, dittatura
Favorire la conoscenza ed il confronto con
realtà locali, territoriali, gruppi, organismi
internazionali come punti di riferimento per
condividere ed approfondire gli stessi
obiettivi educativi proposti all’interno della
scuola. Promuovere iniziative di vario tipo
per sostenere microprogetti in paesi in via di
sviluppo, devastati da conflitti o catastrofi
naturali o iniziative di solidarietà locali
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE
Conoscenza delle tematiche dello squilibrio
nord-sud del mondo, concetto di mondialità,
conoscenza delle Onlus, concetto di
mondialità, studio della Dichiarazione
universale dei diritti dell’uomo, lettura della
Convenzione
internazionale
dei diritti
dell’infanzia
Modalità di realizzazione
Incontro con operatori di Time 4 life
Illustrazione del progetto solidarietà,
Realizzazione della raccolta fondi attraverso modalità varie
Destinatari: Tutti gli alunni, i genitori e i docenti della scuola secondaria
DOCENTE:
ATTIVITA’ DI:
Braido Valentina
Potenziamento di matematica e scienze
CLASSE
II sez. A
Breve descrizione attività
L’attività consiste in un approfondimento di alcuni contenuti della matematica e delle scienze in
modo laboratoriale, con l’utilizzo di strumenti informatici.
In particolare gli alunni, dopo alcune lezioni base di informatica, saranno introdotti al sistema
operativo libero “Linux”, installato nelle aule d’informatica della scuola, e all’utilizzo delle funzioni
base dei seguenti software che potranno essere approfonditi nei successivi anni scolastici:
-
Libbre Office Writer di videoscrittura
Libbre Office Calc, foglio di calcolo
Libbre Office Impress per la realizzazione di brevi presentazioni
Cmap e altri software per la realizzazione di mappe cognitive o diagrammi di flusso
Hot potatoes per la creazione di cruciverba, testi a completamento etc.
Geogebra, software di geometria dinamica
Gli alunni hanno la possibilità di consolidare e approfondire in modo operativo alcuni argomenti
della programmazione, di migliorare il proprio metodo di studio e contemporaneamente arricchire le
proprie conoscenze informatiche attraverso l’utilizzo dei suddetti programmi .
Finalità ed obiettivi
 Recuperare, consolidare e approfondire alcuni contenuti del programma di matematica e
scienze
 Imparare ad utilizzare il PC e relativi software non solo come strumento di gioco ma anche
per il lavoro scolastico
 Arricchire le proprie conoscenze in ambito informatico
 Migliorare il metodo di studio
 Consolidare le capacità di comprensione, rielaborazione e sintesi
Connessioni con l’area disciplinare di riferimento
L'attività proposta è strettamente correlata all'area scientifico-matematica ma ovviamente ha anche
una valenza trasversale in quanto, saper utilizzare alcuni software informatici nonché il
miglioramento del metodo di studio, ha una ricaduta su tutte le discipline.
Modalità di realizzazione
 lettura, analisi e sintesi di testi
 realizzazione di mappe cognitive, diagrammi di flusso

realizzazione di ricerche con inserimento di immagini

realizzazione di brevi presentazioni

risoluzione di esercizi di matematica con l’utilizzo di particolari software (Calc, Geogebra)
Strumenti e materiali utilizzati
 PC e software vari
 Libri di testo
 Materiale vario fornito dal docente
 Lim-videoproiettore
Progetto Peer to peer
Coordinatore
Francesco Netto
Breve descrizione attività
Lezioni di rinforzo del metodo
di studio e delle competenze
linguistiche e logicomatematiche da parte di giovani
volontari, selezionati dal
Comune, nei confronti di alcuni
alunni di prima, nel rapporto di
uno a uno.
.
Finalità ed obiettivi
Il progetto è parte integrante del piano annuale per l’inclusione.
La modalità di apprendimento fra pari incrementa la motivazione
Un giovane adulto che si pone come modello di riferimento in cui l’adolescente si possa
identificare, ottiene risultati dell’apprendimento maggiori
Modalità di realizzazione
Le lezioni saranno tenute nel pomeriggio in orario extracurricolare nel secondo quadrimestre
Destinatari: alunni delle classi prime della secondaria
DOCENTE:
TITOLO DEL LABORATORIO:
"VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO TEMPO"
PROF. Luigi Iseppi
CLASSI: TERZE
Breve descrizione attività (I° e II° quadrimestre)
Visione di film storici, in particolare su fatti e
personaggi del Novecento; film su tematiche
della legalità, solidarietà e pace; film sul
confronto tra culture diverse e su problemi che
caratterizzano il nostro tempo come la
globalizzazione, il razzismo, il rispetto
dell'ambiente.
Finalità:
 Essere in grado di discutere in maniera
controllata nei tempi e nei modi,
rispettando l’opinione di tutti.
 Acquisire le regole del vivere e convivere,
l'importanza del rispetto degli altri,
dell'ambiente, dei diritti costituzionali, il
valore dell'impegno, della responsabilità,
di forme di cooperazione e solidarietà, del
senso di legalità.
 Saper distinguere il film come strumento
di comunicazione di messaggi di valore e
non solo come occasione di puro
divertimento.
Obiettivi:
 Sviluppare abilità di comprensione e di
analisi del linguaggio cinematografico.
 Sviluppare abilità di valutazione critica di
un film.
 Sviluppare abilità di analisi testuale
mediante la stesura scritta della recensione
di un film.
 Comprendere la struttura narrativa del
film.
 Analizzare personaggi, tempi e luoghi.
 Riflettere su temi, sentimenti, valori e
messaggi del film
 Approfondire le conoscenze su aspetti
specifici del linguaggio cinematografico.
Collegamenti interdisciplinari in
particolare con la storia, la geografia e la
letteratura del Novecento.
Connessioni con l’area disciplinare di
riferimento
Modalità di realizzazione


Presentazione del film.
Visione del film.

Discussione guidata sui contenuti e sulle
emozioni suscitate dal film.
 Attività individuale o di gruppo:
approfondimento del film tramite il
supporto di schede o questionari.
Strumenti e materiali utilizzati
Lettore DVD, schermo, videoproiettore.
Modalità di verifica e passaggio informazioni al
coordinatore di classe
Aula audiovisivi (supporti tecnici: televisore,
videoregistratore, lettore Dvd, schermo,
videoproiettore) o LIM. Videocassette e Dvd.
Materiale di facile consumo: cartelloni e
pennarelli
Osservazione delle modalità di intervento e di
partecipazione .
Valutazione delle attività individuali o di
gruppo.
Il passaggio di informazioni al coordinatore di
classe sarà effettuato mediante costanti colloqui
informativi. Le valutazioni verranno comunicate
a fine quadrimestre.
Progetto
QWERT
Coordinatore
Breve descrizione attività
Qwert è una rete sociale
virtuale e reale pensata
dall’Ulss 9 e dal comune di
Treviso con il supporto del
Lions Club Treviso Sile e
H-Farm, focalizzata su un
social network.
Concorsi
Raduni
Sistema interno di chat
Questionari on line
Finalità ed obiettivi
Equipaggiare emotivamente e tecnicamente gli alunni affinché possano affrontare il mondo dei
social network reali e non protetti. In sintesi il progetto persegue la tecnologia in sicurezza.
Rafforzamento del legame con la scuola e i docenti e del senso di appartenenza
Rafforzamento del collegamento tra servizi specialistici distrettuali e aziendali, i servizi comunali,
il mondo della scuola, il volontariato e l’associanismo.
Modalità di realizzazione
Una piattaforma di Social network protetta è messa a disposizione degli alunni iscritti; gli alunni
verranno accompagnati a realizzare attività on line e off line
Destinatari: alunni delle classi prime, seconde e terze della secondaria
Il quotidiano in classe
Classe IC
secondaria
Coordinatore
M.Daniela Benvenuto
OBIETTIVI GENERALI DEL
PROGETTO
La proposta del quotidiano
allarga le possibilità di
approccio ai testi, con una
molteplicità di forme e
strutture che giovano alla
capacità di comprensione e
articolazione linguistica del
discente. Inoltre, educare a
comprendere i testi, e,
attraverso di essi, la realtà,
conduce ad imparare a
riconoscere la natura, la
struttura e le funzioni del
messaggio, le forme
linguistiche utilizzate, gli
effetti attesi sui destinatari.
Infine, la abitudine a leggere
il quotidiano consente
all’alunno di informarsi su
quanto accade intorno a lui.
La lettura del giornale si rivela
“come una risorsa per
cominciare a collocare nel segno
della storia (conoscenza
CONTENUTI ED ATTIVITA’ PREVISTE
documentata, comprensione
Lettura di quotidiani locali e nazionali con esercitazioni e
critica, costruzione dell’opinione
dibattiti (analizzare, ritagliare, incollare, scambiare gli articoli,
personale) la propria
operare confronti). Si prevede di inserire nell’attività tecniche di
quotidianità di vita”,
problem solving e di brainstorming, si prediligerà l’uso del
permettendo così una vera e
cooperative learning. Saranno privilegiati il confronto nel
propria lezione di educazione
gruppo e tra i gruppi di lavoro e l’analisi comparata di testi
alla cittadinanza realizzata
lontana dagli schemi didattici
tradizionali
DESTINATARI DEL PROGETTO
• Alunni della classe 1^C
• Famiglie degli alunni
• Amministrazione Comunale e cittadinanza
I CONSIGLI
COMUNALI DEI
RAGAZZI
Coordinatori
Dominique Gioffrè, M.Daniela Benvenuto, Paola Schiavinato
Alessandra Diotallevi, Severina Vocialta
OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO
progetto di educazione alla cittadinanza attiva e al
rispetto civico.
CONTENUTI ED ATTIVITA’
PREVISTE
Il Consiglio Comunale dei Ragazzi è
la sede dove i/le ragazzi/e elaborano
proposte per migliorare la città in
cui vivono ed per esprimere le loro
opinioni.
È composto da rappresentanti che
vengono nominati in ogni scuola
partecipante e sono i portavoce dei
propri compagni di classe
Ogni anno viene scelta una nuova
tematica, da sviluppare e condividere
durante l’anno scolastico.
Il CCR prevede la partecipazione attiva
delle scuole e il potenziale
coinvolgimento di tutti gli alunni
attraverso interventi del sindaco, degli
assessori e dei facilitatori direttamente
nelle scuole Il CCR non ricalca le
dinamiche del Consiglio Comunale
"degli adulti", ma propone incontri tra
pari che si confrontano e condividono
idee.
L’attività si svolge in parte a scuola e
in parte nel centro giovani del comune,
dove gli alunni si incontrano seguiti
dagli operatori della cooperativa Il
Sestante
DESTINATARI DEL PROGETTO
• Alunni partecipanti ai consigli
• Famiglie degli alunni
• Amministrazione Comunale e cittadinanza
Progetto
OLIMPIADI DELLA
MATEMATICA E DI
SCIENZE SPERIMENTALI
Coordinatore
Gabriella
Anello
Breve descrizione attività
Partecipazione di alcuni alunni
interessati alle sessioni di test con
risoluzione di quesiti e problemi
e/o di elaborazione di ipotesi
scientifiche, organizzate da
associazioni
nazionali,individualmente o in
team.
Finalità ed obiettivi
Sviluppo di competenze matematiche e scientifiche.
Sviluppo di capacità di problem solving.
Sviluppo di capacità di lavorare in team.
Sviluppo di intraprendenza.
Modalità di realizzazione
Partecipazione a sessioni organizzate in parte all’interno della scuola e in parte in altri luoghi, come
il liceo Da Vinci di Treviso e il museo di Scienze naturali di venezia
Destinatari: alunni delle classi prime, seconde e terze della secondaria
Laboratorio
Viaggio nel tempo
Coordinatore
M.D.
Benvenuto
Breve descrizione attività
Durante il laboratorio si
cercherà di indurre i ragazzi a
scoprire le tracce lasciate dalla
cultura classica sul territorio
(archeologia), nella lingua e
nella cultura moderna.
I contenuti del laboratorio
verranno presentati attraverso
l’uso di strumenti multimediali,
LIM, Power Point, fotocopie,
lavori di gruppo e giochi
etimologici. Si proporranno
anche brani in lingua con
relativa traduzione, al fine di far
avvicinare i ragazzi anche agli
autori,al loro pensiero, al loro
modo di raccontare.
Finalità ed obiettivi
Far avvicinare gli alunni delle classi terze alla cultura classica, far individuare
loro caratteristiche e modalità di espressione di una cultura e di una tradizione, quella
greca e latina, che è parte fondamentale della nostra cultura europea.
Conoscere quel patrimonio, anche solo in minima parte, insegnerà a ragionare e quindi a
crescere, offrirà le basi per disegnare un quadro generale all’interno del quale collocare
informazioni ed immagini che arrivano in modo disordinato da più parti.
Non solo sfida…ma orientamento…indiretto…
Modalità di realizzazione
Si partirà con un modulo dedicato all’archeologia, “Progetto di uno scavo archeologico”,
per poi passare alla conoscenza degli aspetti più quotidiani del mondo greco e romano:
dalle divinità alla mitologia, dallo sport alla magia, dalla medicina alla cosmesi, dal
calendario alla famiglia, alla cucina…si proporrà anche assaggio delle lingue attraverso
giochi linguistici e spiegazione di modi di dire, senza tralasciare di volta in volta di
sottolineare i valori fondanti delle due civiltà, l’amore, l’amicizia, l’ospitalità, attraverso la
lettura diretta di alcuni testi (richiamo all’educazione all’affettività che i ragazzi già
seguono a scuola). Alla fine del laboratorio i ragazzi dovranno produrre in Power Point o
in altra modalità
da definire, singolarmente o in gruppo, un elaborato di sintesi sul corso da presentare
eventualmente al colloquio di fine anno.
Destinatari: alunni classi terze del tempo prolungato della secondaria
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
3 573 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content