close

Enter

Log in using OpenID

5 Verifica di assoggettabilità a V.A.S.

embedDownload
Comune di
PESCHIERA DEL
GARDA
Elaborato
Provincia di
Verona
VARIANTE
P.I.
Rel. 02
Verifica di assoggettabilità a V.A.S.
AI SENSI ART. 12 DPR 4/2008 e s.m.i
(VERIFICA DI ESCLUSIONE DA V.A.S. AI SENSI DELLA DGR n. 791 del 31.03.09 e DGRV 1717/2013)
VARIANTE PARZIALE FINALIZZATA AL CAMBIO DI DESTINAZIONE DI
ZONA DA ALBERGHIERA A COMMERCIALE
Adeguato alle indicazioni della DCC n° 6 del 9/04/2014 e al Parere Commissione Regionale VAS n° 69 del 27 Marzo 2014
GRUPPO DI LAVORO
Ufficio Tecnico Comunale
Geom. Massimo Cristini
Progettista incaricato Variante PI
Arch. Emanuela Volta
COLLABORAZIONI SPECIALISTICHE
Quadro Conoscitivo
Geom. Fabiano Zanini
Screening di V.Inc.A.
Arch. Emanuela Volta
Ing. Amb. Agnese Tosoni
Valutazione Compatibilità Idraulica
Dott. Geol. Cristiano Mastella
Verifica Assoggettabilità alla VAS
Ing. Amb. Agnese Tosoni
Comune di Peschiera del Garda
Sindaco Umberto Chincarini
Progettista incaricato
Arch. Emanuela Volta
Redattore Verifica
Assoggettabilità alla VAS
Ing. Amb. Agnese Tosoni
Arch. Emanuela Volta - Via Belvedere 4/d - 37064 Povegliano V.se (VR)
Tel/Fax 045/6350196 - e-mail: [email protected]
Aprile 2014
2
1. PROCESSO METODOLOGICO-PROCEDURALE ........................................................................ 8
1.1. LE PROCEDURE ..................................................................................................................................................... 8
1.2. LA CONSULTAZIONE ............................................................................................................................................. 8
1.3. IDENTIFICAZIONE DEI SOGGETTI COINVOLTI NELLA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA’ A VAS ............................... 9
2. CARATTERISTICHE DEL PIANO E DELL’AREA DI INTERVENTO DEL PIANO ............. 11
2.1. CONTESTUALIZZAZIONE GEOGRAFICA ................................................................................................................11
2.2. LO STATO ATTUALE: INQUADRAMENTO URBANISTICO ......................................................................................12
2.3. INQUADRAMENTO URBANISTICO: IL PI VIGENTE ................................................................................................13
2.4. IL DIMENSIONAMENTO DEL PI VIGENTE: ATO P2-PESCHIERA..............................................................................16
2.5. DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA .....................................................................................................................18
2.6. IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE ........................................................................................................................21
3. IL QUADRO PIANIFICATORIO SOVRAORDINATO............................................................... 31
3.1. IL PTRC ................................................................................................................................................................31
3.2. IL PIANO D’AREA GARDA BALDO.........................................................................................................................37
3.3. IL PTCP ADOTTATO .............................................................................................................................................42
3.4. IL PATI APPROVATO ............................................................................................................................................53
3.5. COERENZA CON I PIANI SOVRAORDINATI ...........................................................................................................65
4. IL PROGETTO................................................................................................................................. 67
4.1. I DATI DEL PROGETTO: CONTENUTI E DATI DIMENSIONALI .................................................................................67
4.2. NUOVE PREVISIONI, DOTAZIONI TERRITORIALI E INFRASTRUTTURALI ................................................................68
4.3. INDICI DI EDIFICABILITA’, DESTINAZIONI D’USO AMMESSE .................................................................................68
4.4. CONTENUTI PLANIVOLUMETRICI, TIPOLOGICI E COSTRUTTIVI DI PROGETTO ......................................................69
4.5. NORME TECNICHE PARTE DELLA VARIANTE ........................................................................................................69
4.6. IL PIANO DEGLI INTERVENTI MODIFICATO – ESTRATTI TAVOLE...........................................................................71
5. CARATTERI DELL’AREA IN RELAZIONE ALLE DIVERSE COMPONENTI AMBIENTALI
– QUADRO GENERALE ...................................................................................................................... 72
5.1. MATRICE ARIA ....................................................................................................................................................73
5.1.1. QUALITÀ DELL’ARIA............................................................................................................................................ 73
5.1.2. QUALITÀ DELL’ARIA IN RIFERIMENTO AL TRAFFICO VEICOLARE ....................................................................... 75
5.1.3. IL RUMORE ......................................................................................................................................................... 78
5.2. MATRICE CLIMA ..................................................................................................................................................78
5.2.1. CONDIZIONI CLIMATICHE LOCALI E REGIME PLUVIOMETRICO .......................................................................... 78
5.3. MATRICE SUOLO E SOTTOSUOLO ........................................................................................................................80
5.3.1. INQUADRAMENTO GEOLOGICO ........................................................................................................................ 80
5.4. MATRICE PAESAGGIO .........................................................................................................................................81
3
5.5. MATRICE ECOSISTEMI E BIODIVERSITA’ ..............................................................................................................82
5.5.1. INTERFERENZA CON AREE DELLA NATURA 2000 ............................................................................................... 82
5.5.2. RETE ECOLOGICA A SCALA LOCALE ................................................................................................................... 83
5.6. MATRICE ACQUA ................................................................................................................................................84
5.6.1. INQUADRAMENTO IDRAULICO ......................................................................................................................... 85
5.6.2. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ................................................................................................................ 86
5.6.3. QUALITÀ DELLE ACQUE ...................................................................................................................................... 87
5.7. MATRICE VIABILITA’............................................................................................................................................89
5.8. MATRICE INQUINANTI FISICI ...............................................................................................................................90
5.8.1. INQUINAMENTO ACUSTICO ............................................................................................................................... 91
5.8.2. INQUINAMENTO LUMINOSO ............................................................................................................................ 91
6. GLI EFFETTI SULL’AMBIENTE, LA SALUTE UMANA E IL PATRIMONIO CULTURALE
IN RIFERIMENTO ALLA VARIANTE .............................................................................................. 93
6. LA MATRICE AMBIENTALE DECLINATA NELL’AMBITO DI VARIANTE .......................................................................93
6.1 CARATTERISTICHE DEGLI EVENTUALI IMPATTI .....................................................................................................93
6.1.1. EMISSIONI IN ATMOSFERA: RUMORE ................................................................................................................ 93
6.1.2. EMISSIONI IN ATMOSFERA: INQUINANTI FISICI NELLE FASI DI CANTIERE E DI ESERCIZIO ................................ 93
6.1.3. CLIMA ................................................................................................................................................................. 95
6.1.4. SUOLO E SOTTOSUOLO ...................................................................................................................................... 95
6.1.5. PAESAGGIO ........................................................................................................................................................ 98
6.1.6. INTERFERENZE CON SITI DELLA RETE NATURA 2000 ......................................................................................... 98
6.1.7. ECOSISTEMI ........................................................................................................................................................ 99
6.1.8. ACQUA ............................................................................................................................................................... 99
6.1.9. RISORSE ENERGETICHE E IMPIANTI TECNOLOGICI .......................................................................................... 100
6.1.10. RISORSE IDRICHE ............................................................................................................................................ 101
6.1.11. ILLUMINAZIONE E INQUINAMENTO LUMINOSO ........................................................................................... 102
6.1.12. PRODUZIONE RIFIUTI ..................................................................................................................................... 102
7. SINTESI DEI POSSIBILI EFFETTI ............................................................................................ 104
8. CONCLUSIONI ............................................................................................................................... 110
8.1. PROBABILITÀ, DURATA, FREQUENZA E REVERSIBILITÀ DEGLI EFFETTI...............................................................110
8.1.1 CARATTERE CUMULATIVO DEGLI IMPATTI ....................................................................................................... 110
8.1.2. ARIA E ATMOSFERA.......................................................................................................................................... 113
8.1.3. QUALITÀ DELLE ACQUE SUPERFICIALI .............................................................................................................. 113
8.1.4. RISORSA IDRICA E SUL SISTEMA APPROVVIGIONAMENTO-SMALTIMENTO .................................................... 114
8.1.5. SICUREZZA IDROGEOLOGICA ........................................................................................................................... 114
8.1.6. SISTEMA SUOLO ............................................................................................................................................... 115
8.1.7. SISTEMA DELLA VIABILITÀ ................................................................................................................................ 115
8.1.8. INQUINAMENTO ACUSTICO ............................................................................................................................. 116
8.1.9. SISTEMA ENERGETICO...................................................................................................................................... 116
8.1.10. SISTEMI AMBIENTALI E BIODIVERSITÀ ........................................................................................................... 117
8.1.11. PAESAGGIO E PATRIMONIO CULTURALE ....................................................................................................... 117
8.1.12. ENTITÀ ED ESTENSIONE NELLO SPAZIO DEGLI EFFETTI .................................................................................. 117
8.1.13. NATURA TRANSFRONTALIERA DEGLI IMPATTI .............................................................................................. 117
8.1.14. RISCHI PER LA SALUTE PUBBLICA O PER L’AMBIENTE.................................................................................... 117
8.1.15. POPOLAZIONE RESIDENTE ............................................................................................................................. 118
VALUTAZIONE FINALE ..............................................................................................................................................118
4
OGGETTO:
Comune di Peschiera del Garda (VR) – Variante al Piano degli Interventi. Variante Parziale per
cambio di destinazione di zona da Turistico-Alberghiera a Commerciale.
Verifica di Assoggettabilità.
Il presente documento costituisce sintesi per la richiesta di esclusione all’assoggettabilità di
Valutazione Ambientale Strategica ai sensi del comma 3 articolo 3 della direttiva 2001/42/CE per
l’area sita in Loc. Mandella a Peschiera del Garda - VR.
La VAS, Valutazione Ambientale Strategica, prevista a livello europeo, recepita a livello nazionale e
regolamentata a livello regionale, riguarda i programmi e i piani sul territorio, e deve garantire che
siano presi in considerazione gli effetti sull’ambiente derivanti dall’attuazione di detti piani.
L’art. 6 comma 3 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. prevede che in caso di modifiche minori di piani o
programmi esistenti, o di piani o programmi che determinino l’uso di piccole aree a livello locale
debba essere posta in essere la procedura di verifica di assoggettabilità di cui all’art. 12 del
medesimo Decreto legislativo .
Il presente documento viene redatto secondo i dettami dell’art. 12 del D.Lgs 4/2008 (correttivo al
D.Lgs 152/2006).
Con deliberazione n. 791 del 31.03.2009 la Giunta Regionale ha stabilito le procedure da seguire
per la verifica di assoggettabilità individuando alcune tipologie e casistiche da escludere dalla
suddetta procedura nonché dalla procedura VAS.
Scopo della “Verifica di assoggettabilità” è la decisione di assoggettare o meno il piano (o
programma) a VAS. Il decreto 4/2008 specifica all’art. 6 i piani da sottoporre a VAS (oggetto della
disciplina), e all’art. 12 norma la verifica di assoggettabilità a VAS di piani, individuando
nell’autorità competente il soggetto che esprime il provvedimento di verifica.
Il presente documento è redatto nel rispetto dei seguenti riferimenti normativi:
Direttiva 2001/42/CE (concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e
programmi sull’ambiente);
D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 (Testo Unico sull’Ambiente);
D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4;
L.r. 23 aprile 2004, n° 11, (norme per il governo del territorio e in materia di paesaggio);
DGR n. 791 del 31703/09
DGRV n° 1717/2013
5
Nell’allegato II della Direttiva Europea 2001/42/CE (allegato I del DLgs 16 gennaio 2008 n. 4) si
specificano i criteri per la determinazione dei possibili effetti significativi di piani e programmi
(p/p) e, dunque, per valutare l’opportunità di assoggettarli o meno alla procedura di VAS:
− in quale misura il piano stabilisce un quadro di riferimento per progetti ed altre attività, o per
quanto riguarda l’ubicazione, la natura, le dimensioni e le condizioni operative o attraverso la
ripartizione delle risorse;
− in quale misura il piano influenza altri p/p, inclusi quelli gerarchicamente ordinati;
− la pertinenza del piano per l’integrazione delle considerazioni ambientali, in particolare al fine di
promuovere lo sviluppo sostenibile;
− problemi ambientali relativi al piano;
− la rilevanza del piano per l’attuazione della normativa comunitaria nel settore dell’ambiente
(ad es. p/p connessi alla gestione dei rifiuti o alla protezione delle acque).
Caratteristiche degli effetti e delle aree che possono essere interessate, tenendo conto in
particolare dei seguenti elementi:
− probabilità, durata, frequenza e reversibilità degli effetti;
− carattere cumulativo degli effetti;
− natura transfrontaliera degli effetti;
− rischi per la salute umana o per l’ambiente (ad es. in caso di incidenti);
− entità ed estensione nello spazio degli effetti (area geografica e popolazione potenzialmente
interessate);
− valore e vulnerabilità dell’area che potrebbe essere interessata a causa:
• delle speciali caratteristiche naturali o del patrimonio culturale;
• del superamento dei livelli di qualità ambientale o dei valori limite dell’utilizzo intensivo del
suolo;
− impatti su aree o paesaggi riconosciuti come protetti a livello nazionale, comunitario o
internazionale”.
Nella redazione del Rapporto Preliminare si è utilizzato il quadro conoscitivo delineato da analisi e
approfondimenti già eseguiti ed in particolare nella Relazione tecnica illustrativa dell’intervento,
integrati dai dati a disposizione a livello comunale, provinciale e regionale.
Il presente Rapporto è cosi strutturato:
descrizione del processo metodologico-procedurale per la valutazione e analisi dello stato
delle componenti dell’ambiente;
descrizione dei contenuti e delle azioni del Piano Attuativo ;
effetti sull’ambiente dell’attuazione del P.U.A.;
considerazioni finali.
6
Enti competenti in materia:
REGIONE VENETO
PROVINCIA DI VERONA
UNITÀ PERIFERICA GENIO CIVILE DI VERONA
AZIENDA ULSS N° 22
CONSORZIO DI BONIFICA VERONESE
ARPAV DI VERONA
MINISTERO BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DIREZIONE REGIONALE PER I BENI
CULTURALI E PAESAGGISTICI DEL VENETO
SOPRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI E PAESAGGISTICI PER LE PROVINCE DI
VERONA, ROVIGO E VICENZA
SOPRINTENDENZA AI BENI ARCHEOLOGICI DEL VENETO
ANAS
VENETO STRADE
COMUNE CASTELNUOVO DEL GARDA
COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO
UNITÀ PERIFERICA SERVIZIO FORESTALE REGIONALE VERONA
7
1. PROCESSO METODOLOGICO-PROCEDURALE
1.1. LE PROCEDURE
Il percorso previsto per effettuare la verifica di esclusione della Variante al PI in esame é
chiaramente delineato nell’allegato F della DGRV 791/2009, che contiene le procedure da seguire
per la verifica di assoggettabilità di cui all'art 12 della Parte II del Codice Ambiente - prevista per valutare
se piani o programmi possano avere un impatto significativo sull'ambiente per cui devono essere
sottoposti alla valutazione ambientale strategica - come nel caso in cui si tratti di modifiche minori di
piani o programmi esistenti, o di piani o programmi che determinino l'uso di piccole aree a livello locale,
o di piani o programmi diversi da quelli previsti dal comma 2 dell'art. 6 Codice Ambiente.
Si riporta di seguito quanto citato:
Titolo II
LA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA
Art. 12.
Verifica di assoggettabilità
1. Nel caso di piani e programmi di cui all'articolo 6, comma 3, l'autorità procedente trasmette all'autorità
competente, su supporto cartaceo ed informatico, un rapporto preliminare comprendente una descrizione del piano
o programma e le informazioni e i dati necessari alla verifica degli impatti significativi (negativi ndr) sull'ambiente
dell'attuazione del piano o programma, facendo riferimento ai criteri dell'allegato I del presente decreto.
2. L'autorità competente in collaborazione con l'autorità procedente, individua i soggetti competenti in materia
ambientale da consultare e trasmette loro il documento preliminare per acquisirne il parere.
Il parere e' inviato entro trenta giorni all'autorità competente ed all'autorità procedente.
3. Salvo quanto diversamente concordato dall'autorità competente con l'autorità procedente, l'autorità
competente, sulla base degli elementi di cui all'allegato I del presente decreto e tenuto conto delle osservazioni
pervenute, verifica se il piano o programma possa avere impatti significativi sull'ambiente.
4. L'autorità competente, sentita l'autorità procedente, tenuto conto dei contributi pervenuti, entro novanta giorni
dalla trasmissione di cui al comma 1, emette il provvedimento di verifica assoggettando o escludendo il piano o il
programma dalla valutazione di cui agli articoli da 13 a 18 e, se del caso, definendo le necessarie prescrizioni.
5. Il risultato della verifica di assoggettabilità, comprese le motivazioni, deve essere reso pubblico.
1.2. LA CONSULTAZIONE
La consultazione é espressa negli Indirizzi generali come “componente del processo di piano o
programma prevista obbligatoriamente dalla direttiva 2001/42/CE, che prescrive il coinvolgimento
di autorità e pubblico al fine di fornire un parere sulla proposta di piano o programma e sul
Rapporto Ambientale che la accompagna, prima dell’adozione del piano o programma o dell’avvio
della relativa procedura legislativa”.
Nella Verifica di esclusione VAS del Piano in esame la consultazione è intesa come insieme delle
fasi che prevedono l’intervento e la condivisione delle decisioni con i soggetti che, ai sensi della
vigente normativa, devono essere coinvolti e convocati e che esprimono parere in fase di
valutazione. Tali soggetti sono nello specifico i soggetti competenti in materia ambientale e gli enti
territorialmente interessati, come individuati nel paragrafo successivo.
8
1.3. IDENTIFICAZIONE DEI SOGGETTI COINVOLTI NELLA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA’
A VAS
Ai sensi del D.Lgs. 152/2006, all. I, come modificato dall’art.12 del D.Lgs. 4/2008, commi 1 e 2, e
della DGR n. 791/09, per la verifica di assoggettabilità a VAS sono stati individuati:
Proponente: proprietari
Ente procedente: COMUNE di Peschiera del Garda
Autorità competente: Commissione Regionale V.A.S.
Soggetti/autorità competenti in materia ambientale (in base dell’allegato A2 della D.G.R. n. 2587
del 7 agosto 2007 l’elenco delle autorità ambientali di cui all’appendice: “elenco Autorità
ambientali consultate/da consultare”:
REGIONE VENETO
Segreteria Regionale Ambiente e Territorio
DIPARTIMENTO URBANISTICA
CALLE PRIULI - CANNAREGIO ,99
30121 VENEZIA (VE)
PROVINCIA DI VERONA
VIA SANTA MARIA ANTICA, 1
37122 VERONA (VR)
tel. 0459288611 fax 0459288763
pec: [email protected]
UNITÀ PERIFERICA GENIO CIVILE DI VERONA
PIAZZALE CADORNA N. 2
37126, VERONA (VR)
e-mail: [email protected]
AZIENDA ULSS 22
VIA CARLO ALBERTO DALLA CHIESA
37012 BUSSOLENGO
Pec: [email protected]
CONSORZIO DI BONIFICA VERONESE
STRADA DELLA GENOVESA, 31/E
37135 VERONA
Email: [email protected]
ARPAV DI VERONA
VIA ALBERTO DOMINUTTI, 8
37135 VERONA (VR)
Pec: [email protected]
COMUNE CASTELNUOVO DEL GARDA
PIAZZA DEGLI ALPINI, 4 37014
TEL. 0456459920 FAX 0456459921
PEC: [email protected]
9
VALEGGIO SUL MINCIO
PIAZZA CARLO ALBERTO 48 37067
TEL. 0456339800 FAX 0456370290
PEC: [email protected]
MINISTERO BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DIREZIONE REGIONALE PER I BENI
CULTURALI E PAESAGGISTICI DEL VENETO
PEC: [email protected]
SOPRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI E PAESAGGISTICI PER LE PROVINCE DI
VERONA, ROVIGO E VICENZA
Piazza San Fermo 3a
37121 VERONA
[email protected]
SOPRINTENDENZA AI BENI ARCHEOLOGICI DEL VENETO
via Aquileia, 7 - 35139 Padova
[email protected]
ANAS
V. Millosevich, 49 – 30173 Mestre
PEC: [email protected]
VENETO STRADE
Via C.Baseggio, 5
30174 Mestre Venezia
PEC: [email protected]
UNITÀ PERIFERICA SERVIZIO FORESTALE REGIONALE VERONA
Palazzo Capuleti
Via delle Franceschine 10
37122 - Verona
email: [email protected]
10
2. CARATTERISTICHE DEL PIANO E DELL’AREA DI INTERVENTO DEL PIANO
2.1. CONTESTUALIZZAZIONE GEOGRAFICA
L’Area oggetto della Variante al PI è sita in Peschiera del Garda in Loc. Mandella nella zona
antistante il casello autostradale posta frontalmente rispetto al nuovo svincolo di smistamento del
traffico verso il Brennero in uscita al casello di Peschiera, ed è contraddistinto catastalmente al
foglio 11, mapp. 623, 626,634 e 638.
Il PATI, approvato dalla Conferenza di Servizi tra i Sindaci dei Comuni di Peschiera del Garda e
Castelnuovo del Garda e il Dirigente all’Urbanistica della Regione Veneto in data 05.02.2009, e
ratificato con Deliberazione di Giunta Regionale n. 930 del 07.04.2009, (pubblicata sul B.U.R. della
Regione Veneto n. 33 del 21.04.2009), individua l’ambito in zona consolidata.
Il Piano degli Interventi approvato nel 2010 individua l’ambito come zona alberghiera D3.1.
L’area si affaccia sulla SR 11 – Padana Superiore.
ESTRATTO CATASTALE
11
Estratto ortofoto
2.2. LO STATO ATTUALE: INQUADRAMENTO URBANISTICO
L’ambito comprende una superficie complessiva di circa 7120 mq, attualmente con indice di
fabbricabilità di 2,00 mc/mq, corrispondente a circa 14.240 mc a destinazione di zona Alberghiera.
L’area alberghiera prevista dalla strumentazione urbanistica vigente non trova oggi possibilità di
realizzazione, in quanto la specifica localizzazione, la conformazione territoriale e la viabilità
esistente non rendono appetibile l’area per la realizzazione di strutture alberghiere legate al
turismo sul lago, ma piuttosto per tipologie alberghiere (tipo motel) che non porterebbero a una
riqualificazione dell’ambito di intervento, come verificato a seguito di richieste specifiche
avanzate ai proprietari dall’anno di inserimento dell’area nel PI.
Si ritiene pertanto che l’ambito oggetto di intervento sia localizzato in un ambito particolarmente
vocato alla destinazione d’uso commerciale.
Si ritiene che lo sviluppo di un insediamento commerciale a completamento di ambiti circostanti
che già sono destinati allo sviluppo delle stesse attività economiche assicuri un maggior risparmio
del consumo di suolo, prevedendo una destinazione congrua e compatibile con quella delle zone
D, richiamato il fatto che il concetto di "insediamenti produttivi", di cui all’articolo 5 del decreto
ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444, è comprensivo sia degli "insediamenti di carattere industriale e
ad essi assimilabili" di cui al numero 1) del predetto articolo, che degli "insediamenti di carattere
commerciale e direzionale" di cui al numero 2).
12
2.3. INQUADRAMENTO URBANISTICO: IL PI VIGENTE
13
14
PI approvato Aprile 2013
15
2.4. IL DIMENSIONAMENTO DEL PI VIGENTE: ATO P2-PESCHIERA
L’area oggetto di intervento è localizzata dal PAT all’interno dell’ATO P2 – Peschiera.
Descrizione del territorio
Il territorio è caratterizzato dalla presenza del Centro Storico di Peschiera e dalle espansioni
recenti, che comprendono anche la “zona artigianale” attestata in fregio all’autostrada.
Per gli ambiti di natura storica e monumentale si evidenzia la presenza dei significativi edifici e
strutture fortificate vincolati presenti nel tessuto del Centro Storico, oltre ai forti Papa, Laghetto,
Salvi, Ronchi (vedi “Peschiera – Storia della città fortificata”, Lino Vittorio Bozzetto, © 1997 Franke
S.p.A.).
Per gli ambiti di carattere paesaggistico ed ambientale si evidenzia la presenza del Parco Fluviale
del Mincio (PTRC Vigente).
Verifica di coerenza sulla sostenibilità ambientale e territoriale
L’ATO P2 è soggetto a criticità dovute alla presenza di un insieme unico di elementi paesaggistici,
storici, monumentali, ambientali.
Obiettivi e strategie del PAT
Il Piano di Assetto del Territorio:
16
− conferma il sistema di tutela dei Centri storici, secondo le indicazioni e prescrizioni del vigente
P.R.G.;
− affida al P.I. la definizione degli elementi di pianificazione per la tutela, la conservazione, la
riqualificazione architettonica ed ambientale dei sistema forti;
− tutela le risorse paesaggistiche ed ambientali con particolare riguardo per l’Ambito del Fiume
Mincio al quale il PATI assegna la destinazione a Parco di Interesse Locale;
− prevede la formazione di un “Programma Complesso” denominato “Porta di Peschiera”, quale
luogo dell’intermodalità del trasporto passeggeri.
Previsione quantitativa dei carichi insediativi per le varie destinazioni d’uso, e per la dotazione
di standard
17
2.5. DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA
Le immagini relative all’ambito di analisi mostrano come l’area sia al momento ricoperta di
vegetazione arbustiva e boschiva.
18
19
20
2.6. IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE
21
Si richiamano alcuni dati tratti dalla Relazione di Sintesi sul sistema della mobilità nel territorio dei
Comuni di Castelnuovo del Garda e Peschiera del Garda (Agosto 2007), allegata alla VAS del PAT:
2.1 Il quadro viario di livello nazionale interregionale (sottosistema sovracomunale)
Il territorio occupato dai Comuni di Castelnuovo e Peschiera del Garda è connotato dalla forte
presenza di infrastrutture di primaria importanza, dovuta essenzialmente da una parte alla valenza
turistica del Garda, polo attrattore di ordine nazionale, dall’altra alla sua posizione strategica
all’intersezione tra il corridoio pedealpino padano, che sull’asse est-ovest si sviluppa tra Torino,
Venezia e Trieste, e la dorsale centrale, che collega il Brennero a Roma passando per Bologna.
A livello europeo i due assi citati costituiscono parte rispettivamente del Corridoio I Berlino –
Palermo e del Corridoio V Lisbona – Kiev, e sono destinati quindi a vedere potenziata la loro
funzione all’interno del sistema relazionale internazionale e nazionale per quel che concerne sia la
mobilità su gomma che quella su ferro.
Nella fattispecie le infrastrutture di interesse sovraregionale attraversano il territorio soprattutto
lungo la direttrice est-ovest; esse sono:
-
la linea ferroviaria Milano – Venezia, che attraversa l’abitato di Peschiera, dove la stazione
dei treni è localizzata a ridosso del centro storico, costeggia quello di Cavalcaselle e passa a
sud del nucleo di Castelnuovo, separandolo dalla sua zona produttiva, delimitata a nord
dalla linea stessa lungo la quale è presente la stazione;
-
la tratta autostradale Brescia – Padova, facente parte dell’autostrada A4 Torino Trieste
(E70 nella denominazione comunitaria), che mantiene un tracciato rettilineo nella fascia
sud dei due Comuni e si interfaccia al resto della viabilità attraverso il casello di Peschiera,
posto tra quelli di Sirmione ad ovest e di Sommacampagna ad est;
-
la S.R. n°11 Padana Superiore, che, mentre nel suo tracciato originale seguiva la costa e
penetrava nei centri abitati che vi sorgono, oggi risulta spostata più a sud nel tratto
parallelo al lago di Garda, grazie anche alla variante di recente terminata che consente il
bypassaggio di Peschiera e Cavalcaselle, e si ricollega al tracciato originale ad est di
Cavalcaselle, in corrispondenza del nodo di intersezione con la S.R. n°450, da cui prosegue
verso Verona attraversando l’abitato di Castelnuovo.
-
Sulla direttrice nord-sud le infrastrutture fondamentali del Corridoio I, l’A22 del Brennero
(E70 nella denominazione comunitaria), la S.R. n°12 e la ferrovia, passano più ad est,
interessando i territori di Affi, Cavaion Veronese, Pastrengo, Bussolengo, oltre ai Comuni
22
della bassa Valpolicella per quel che riguarda la statale. Tuttavia vanno segnalati per la loro
rilevanza a livello interregionale due assi viari:
-
la S.R. n°249 Gardesana Orientale, che percorre la costa orientale del lago di Garda e la
collega alla Provincia di Mantova: storicamente rappresenta l’arteria di collegamento
principale tra i centri abitati dislocati lungo essa, nonché la via di accesso ai parchi tematici
dell’area ed alle numerose strutture ricettive (campeggi, alberghi, residence, ecc.) e
ricreative; rappresenta una delle principale via d’accesso al Garda dal mantovano;
-
la S.R. n°450, parallela alla Gardesana ma nell’entroterra, rappresenta il collegamento
diretto tra i caselli di Peschiera sull’A4 ed Affi sulla A22, e, dal momento che si sviluppa su
un percorso più breve di circa 20 km rispetto all’autostrada, visto che i due assi autostradali
si intersecano molto più ad est nei pressi di Verona, e si configura come una extraurbana di
scorrimento pur non prevedendo pedaggi, è molto utilizzata in alternativa all’autostrada
stessa dai flussi provenienti da ovest sulla A4 e diretti a nord o viceversa, soprattutto mezzi
pesanti; essa svolge altresì un importante funzione di distribuzione dei flussi da e per il
Basso Garda grazie agli accessi di Cavalcaselle (collegamento con la S.R. n°11), di
Pontigliardo (strada di collegamento tra Sandrà e Pacengo di Lazise), di Saline
(collegamento con la S.P. n°5), di Calmasino(collegamento con la S.P. 31a) e di Cavaion
(collegamento con la S.P. n°29).
(…)
Per quanto concerne l’accessibilità ai centri abitati, Peschiera dispone di una serie di vie di
penetrazione disposte a raggiera: seguendo la S.R. n°11, che descrive una sorta di perimetro
sud dell’abitato, da est a ovest, è possibile entrare nel centro abitato imboccando via Venezia
(rotatoria ad est), via Valeggio e via Gen. Bonomi (svincoli del casello autostradale), via
Mantova o via Salvi (svincoli su due livelli con la S.P. n°28), via Milano (incrocio a raso ad
ovest). A questi si aggiungono l’accesso rappresentato dalla S.R. n°249 Gardesana per chi
proviene da nord seguendo la costa e la S.P. n°28 proveniente da Valeggio che si immette nelle
già citate via Mantova e via Salvi. L’asse storico di attraversamento del centro storico, che
collega via Milano a via Venezia affiancando il lago e la fortezza, è costituito da via
Risorgimento, dalla Riviera Giosuè Carducci, da via Donatori di Sangue e dal Parco Catullo.
Il Comune di Peschiera, non dispone di un Piano del Traffico.
Da studi redatti nell’anno 2006 (basati su rilievi precedenti all’apertura della variante alla S.R. n°11
tra il casello di Peschiera, il casello futuro di Castelnuovo e la bretella per Affi) risulta che la S.R.
23
n°11 risulta in assoluto l’asta più trafficata, che nel giorno feriale sostiene un volume di traffico
pari a 22700 veicoli ad est dell’abitato di Castelnuovo e pari a oltre 34000 veicoli sul confine con il
Comune di Peschiera presso Cavalcaselle.
Analisi delle criticità viabilistiche
Ad oggi, rispetto al quadro delineato nei precedenti paragrafi, si registra la netta diminuzione dei
flussi sul vecchio tracciato della S.R. n°11 tra il casello di Peschiera, l’abitato di Cavalcaselle e la
rotatoria di Castelnuovo dove si innesta la S.R. n°450. La diminuzione effettiva è proporzionale allo
spostamento di una quota parte dei flussi sul nuovo asse di collegamento a sud, utilizzato da:
-
i flussi in transito tra i caselli di Peschiera sulla A4 e di Affi sulla A22, caratterizzati
da una forte componente di traffico pesante;
-
i flussi diretti ai parchi tematici provenienti dal casello di Peschiera e dai territori ad
ovest e a sud di Peschiera, con parte di questi che comunque continuerà ad utilizzare via
Valeggio e la S.R. n°249 Gardesana;
-
parte dei flussi che percorrono l’intero tratto della S.R. n°11 che attraversa il
territorio di Peschiera e Castelnuovo da est a ovest e viceversa. La nuova strada si carica
quindi di una significativa quota parte dei flussi di attraversamento, con indubbio beneficio
per il livello di servizio della vecchia S.R. n°11 e per l’abitato di Cavalcaselle. Tale
miglioramento generale delle condizioni viabilistiche potrebbe anche aver determinato un
aumento dei flussi che utilizzano la S.R. n°450 come by pass tra i caselli autostradali di Affi e
Peschiera, con particolare riferimento ai mezzi pesanti, così come un incremento
nell’utilizzo della S.R. n°11 come via d’accesso alle zone sud est del lago di Garda da Verona
rispetto alla S.P. n°5 che raggiunge Lazise passando per Bussolengo e Pastrengo.
A determinare la complessità del quadro della mobilità dei Comuni di Peschiera e Castelnuovo del
Garda è un sistema viario articolato su più livelli, a fronte di una domanda di mobilità in cui si
esprimono esigenze assai diversificate.
Il territorio in esame è infatti inserito in un’area la cui caratteristica peculiare è rappresentata dalla
forte valenza turistica, in un contesto in cui peraltro assumono grande importanza gli aspetti
paesaggistico – ambientali. La zona denominata comunemente come il Basso Garda è densamente
abitata non solo nella fascia costiera ma anche nell’immediato entroterra, dove si riconosce più
24
forte lo sviluppo delle attività produttive oltre a quello dei servizi e del turismo, funzioni
predominanti nei centri costieri. Poli attrattori di scala nazionale sono poi i parchi a tema e dei
divertimenti presenti sulla fascia costiera tra Peschiera e Lazise, responsabili di una fortissima
movimentazione di veicoli durante tutta la stagione turistica, con punte massime nei mesi estivi.
Così, mentre i movimenti sulla rete locale e le forti relazioni tra i centri abitati sulla costa del lago,
le zone abitate, i poli industriali e commerciali dell’entroterra e più ad est il territorio di Verona si
registrano nell’intero corso dell’anno, durante la stagione turistica a questi si sommano i flussi
generati dai villeggianti, dagli escursionisti di giornata e dai visitatori dei parchi di attrazione.
Inevitabilmente è quindi durante la stagione estiva, ed in particolare nei fine settimana, che le
varie componenti di traffico si combinano dando luogo alle situazioni spesso critiche che
interessano anche la viabilità di Peschiera e Castelnuovo.
Nei momenti di massimo afflusso turistico l’offerta viaria non regge la pressione della domanda
determinando la congestione sulla S.R. n°11, sulla Gardesana e sulla viabilità di accesso ai parchi
dei divertimenti. A risentirne è anche la viabilità locale, che in diversi casi condivide i percorsi di
collegamento tra le principali realtà, come i centri di Castelnuovo e Peschiera, con i percorsi più
frequentati su scala provinciale e regionale.
Il tema dell’accessibilità ai parchi a tema ed alle strutture turistiche lungo la costa del Garda da
Peschiera verso nord rappresenta una criticità che va affrontata nell’ottica di individuare dei
percorsi sulla viabilità primaria che interferiscano il meno possibile con la rete locale e con i centri
abitati.
Analoga direzione va seguita per risolvere la questione della commistione del traffico pesante con
quello leggero e con la mobilità lenta nei centri abitati e lungo gli assi a carattere urbano dove
sono dislocati residenza, servizi e strutture turistiche.
Scenari di evoluzione dell’offerta di infrastrutture
Nuove infrastrutture viarie programmate
Il sottosistema viario sovracomunale di interesse nazionale, regionale e provinciale è oggetto già
da tempo di una revisione complessiva da parte degli enti competenti e degli strumenti urbanistici
sovraordinati al PATI. Appurate le condizioni critiche in cui versano diverse aste viarie dal punto di
vista del traffico, particolarmente gravose durante la stagione turistica, e le problematiche legate
all’attraversamento dei centri abitati a cui si è fatto ampio riferimento nel capitolo precedente, la
revisione del sistema di viabilità primaria mira in sintesi ad una sua sostanziale integrazione
25
dell’offerta viaria e di conseguenza alla riqualificazione degli assi urbani. Fondamentale in questo
quadro risulta la scelta di realizzare una nuova autostazione sulla A4 a Castelnuovo del Garda.
La revisione del sistema viario primario ha di recente compiuto un passo concreto di notevole
importanza con l’apertura della variante alla S.R. n°11 nel tratto che collega direttamente il casello
autostradale di Peschiera del Garda, l’area del futuro casello di Castelnuovo e la S.R. n°450 per Affi,
affiancando l’autostrada nel primo tratto e piegando verso nord in linea con bretella nel secondo.
Da studi compiuti in fase di pianificazione dell’opera, con l’ausilio della modellizzazione
matematica, era emerso che nel giorno feriale medio invernale la variante avrebbe comportato
una diminuzione dei flussi veicolari sul vecchio tracciato presso Cavalcaselle pari al 60%; stando ai
rilievi effettuati nel giugno 2006 a Castelnuovo, a tale riduzione corrisponderebbe uno
spostamento di circa 20˙000 veicoli/giorno sul nuovo tracciato che avrebbe portato attualmente il
flusso bidirezionale a Cavalcaselle sul vecchio tracciato a meno di 15˙000 veicoli/giorno. Dallo
studio emergeva anche l’incremento del traffico sia in entrata e in uscita dal casello di Peschiera,
sia sulla bretella per Affi, quantificato in un 20% circa, imputabile alla maggiore scorrevolezza del
nuovo percorso.
Gli altri interventi programmati, qui descritti sommariamente, influenzeranno in modo altrettanto
incisivo la circolazione dei flussi sulla rete primaria, spostando sulle nuove aste previste quote
significative dei flussi, con particolare riferimento ai flussi di attraversamento ed ai flussi diretti ai
parchi tematici.
L’intervento di livello sovraordinato analizzato, utilizzando dati aggiornati rispetto alla VAS del
PAT, riguarda la Variante S.R. n°11 Rovizza – Casello di Peschiera.
La progettazione si inserisce in un vasto contesto viabilistico che trova origine nel quadrante sud
orientale della provincia di Brescia e si espande fino al tessuto viario a ridosso della città di Verona.
Nell’ottica di un ammodernamento della S.S. n. 11 ora S.R. n. 11 e cioè del collegamento Est-Ovest
integrativo all’Autostrada, la Provincia di Brescia si è da tempo mossa per realizzare in territorio di
sua competenza un’arteria di scorrimento veloce e sicura, spesso in variante, per evitare località
ormai fortemente inurbate, con presenza fronte strada di innumerevoli unità abitative e
commerciali.
Di tale sistemazione viaria, specie nel tratto Sud dell’area gardesana, si è cominciato a parlare già
nel 1971, in occasione della redazione di un progetto di massima di una “seconda gardesana
meridionale” che si sviluppava dall’attuale tangenziale Sud di Brescia all’attuale tangenziale di
Peschiera. Data la spiccata vocazione turistica di questa zona, era necessario cercare di separare il
26
più possibile il traffico in transito e trasferimento da quello locale, per evitare ingorghi altamente
nocivi sia per l’ambiente che per l’economia. Il progetto è stato sviluppato dall’Amministrazione
Provinciale di Brescia e da alcuni anni l’ANAS ha dato inizio ai lavori di costruzione di alcuni tratti
della variante alla S.S. 11 “Padana Superiore”.
Anche l’Amministrazione Regione del Veneto si è fatta carico con il presente progetto di dare
continuità al programma complessivo, indicando nel proprio territorio un possibile tracciato di
variante, in prosecuzione di quanto approvato nel Bresciano. Partendo quindi dal confine regionale
Veneto-Lombardia e fino al casello di Verona Nord, si è studiata la nuova sede stradale,
presentando una proposta in grado di tener contemporaneamente conto delle molteplici esigenze
degli enti locali e dei privati, con soluzioni comunque sempre valide.
(Premessa alla Relazione Generale di Progetto – Maggio 2008)
Il progetto prevede la realizzazione delle opere oggetto dell’appalto mediante un raccordo in
nuova sede che prevede il collegamento tra il termine del tracciato già esistente della S.R. n. 11
Lombarda a Rovizza ed il tratto di S.R. n. 11 tangenziale a Peschiera già esistente.
L’intervento si completa con l’ammodernamento di svincoli esistenti e la realizzazione di un nuovo
svincolo tra il tratto di tangenziale di Peschiera esistente e la viabilità locale in località Porto
Vecchio. Il progetto prevede la realizzazione di due sottopassi in Loc. Cascina Marcazzan e su Via S.
Cristina alle progressive km 0+804.20 e km 1+515.00, un viadotto sullo svincolo Bella Italia alla
progressiva km. 2+328.50, l’ampliamento del ponte sulla linea FS Milano-Venezia alla progressiva
km. 2+614.00 ed un sovrappasso in località Porto Vecchio, nonché una serie di manufatti minori
per dare continuità ai corsi d’acqua e per garantire lo smaltimento della acque superficiali.
Dati anagrafici dell’intervento
Si faccia riferimento al Decreto n. 420 del 1 agosto 2013 “Riqualificazione ed ammodernamento "
S.R.N° 11 - Padana superiore completamento tangenziale di Peschiera del Garda - I° Stralcio
"Rovizza - Casello Di Peschiera". In Comune di Peschiera del Garda – bur 84 del 4 ottobre 2013.
27
4
1
2
3
28
Foto n° 1
Foto n° 2
Foto n° 3
29
Foto n° 4
30
3. IL QUADRO PIANIFICATORIO SOVRAORDINATO
Al fine di valutare gli effetti del progetto in Variante urbanistica rispetto agli obiettivi di
sostenibilità e alle possibili sinergie con gli altri strumenti di pianificazione e programmazione, si
analizzeranno i seguenti piani/programmi:
A livello sovraordinato:
- Piano Territoriale Regionale di Coordinamento P.T.R.C; (vigente e adottato)
- Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale P.T.C.P. (adottato)
- Piano d’Area Garda Baldo (adottato)
A livello comunale e di settore:
- Piano di Assetto del Territorio Intercomunale (con Castelnuovo del Garda)
- il PI vigente
3.1. IL PTRC
◊
Denominazione
Piano Territoriale di Coordinamento Regionale
◊
◊
PIANIFICAZIONE
◊
Settore
NATURA DI PP
X
Strategica
X
Strutturale
Attuativa
LIVELLO TERRITORIALE
◊
FINALITA’
◊
APPROVATO
“disciplina” le forme di tutela, valorizzazione e
riqualificazione del territorio.
Adottato con D.G.R. 23/12/1986 n. 7090 approvato
definitivamente nel 1992 ai sensi della Legge 431 del
08/08/1985)
◊
Denominazione
Nuovo Piano Territoriale di Coordinamento Regionale
◊
◊
PIANIFICAZIONE
◊
◊
Settore
NATURA DI PP
X
Strategica
X
Strutturale
Attuativa
LIVELLO TERRITORIALE
FINALITA’
◊
ITER IN CORSO
Regionale: Regione Veneto
Regionale: Regione Veneto
“disciplina” le forme di tutela, valorizzazione e
riqualificazione del territorio.
Adottato con D.G.R.V. n. 372 del 17/02/09
BUR n. 22 del 13/03/2009
Il P.T.R.C. ha il fine di delineare gli obiettivi e le linee principali di organizzazione del territorio
regionale, nonché le strategie e le azioni volte alla loro realizzazione. In particolare questo
31
strumento “disciplina” le forme di tutela, valorizzazione e riqualificazione del territorio,
attraverso l’individuazione, il rilevamento e la tutela di un’ampia gamma di categorie di beni
culturali e ambientali.
Il P.T.R.C. si articola per settori funzionali raggruppati in 4 sistemi: ambientale, insediativo,
produttivo e relazionale. Il Piano considera due aspetti principali dell’ambiente: i condizionamenti
che pone allo sviluppo delle attività umane e l’impatto che gli interventi antropici hanno
sull’ambiente. Il PTRC si articola per Piani di Area, uno strumento di definizione degli indirizzi
generali che consente di "individuare le giuste soluzioni per tutti quei contesti territoriali che
richiedono specifici, articolati e multidisciplinari approcci alla pianificazione": il Piano d’Area di
riferimento per il Comune di Peschiera del Garda è il “Piano d’Area Garda Baldo”.
Il P.T.R.C. vigente nell’area in esame è stato approvato nel 1992; la Regione Veneto ha
recentemente avviato un processo di radicale aggiornamento dello strumento in vigore,
adottando con D.G.R.V. n. 372 del 17/02/09 (pubblicata sul BUR n. 22 del 13/03/09), il Piano
Territoriale Regionale di Coordinamento ai sensi della legge regionale 23 aprile 2004 n.11 (art. 25 e
4); si tratta di un documento di indirizzi, più in linea con il nuovo quadro programmatico previsto
dal Programma Regionale di Sviluppo (PRS) e con le disposizioni introdotte con il Codice dei beni
culturali e del paesaggio (D.lgs. 42/04). “In questo quadro il nuovo PTRC è “progetto di territorio”
ed in quanto tale la “forma” è derivata dal percorso formativo dentro la filiera decisoria regionale e
non solo, ma anche dalla necessità di andar oltre la dimensione “urbanistica” per essere strumento
che favorisce un processo decisionale interattivo e quadro di riferimento disciplinare multilivello;
risorsa da utilizzare per costruire – a fronte di una forte articolazione sociale e degli interessi –
punti di riferimento condivisi”1.
Si riassumono di seguito le principali criticità ambientali evidenziate dal PTRC rispetto ai temi
d’interesse per il progetto in esame, evidenziate anche rispetto alle cartografie di Piano disponibili:
1. Suolo
Necessario riutilizzo dei suoli edificati e dismessi;
Impermeabilizzazione dei suoli;
2. Atmosfera
Inquinamento dell’aria soprattutto in ambito urbano;
Inquinamento luminoso;
Inquinamento acustico;
Inquinamento elettromagnetico;
3. Acqua
Inquinamento delle acque sotterranee;
Impoverimento della disponibilità di risorse idriche;
4. Sviluppo economico
Incentivare le nuove attività imprenditoriali;
5. Rifiuti
1
Cfr. PRTC, all.A1 relazione al documento preliminare.
32
progressivo aumento della quantità di rifiuti urbani prodotti;
6. Energia
produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili scarsa;
consumi pro-capite di energia elettrica piuttosto elevati.
7. Rischio
impianti industriali a rischio di incidenti rilevanti.
In riferimento all’area oggetto di variante, si richiama in modo specifico il Titolo VII – Capo I del
PRTC/2009, laddove viene data una lettura della localizzazione delle aree commerciali, attraverso
le azioni passate, le azioni presenti, le azioni di Piano, e la verifica dell’efficacia del Piano a seguito
della lettura degli effetti cumulativi.
Estratto dalla Sintesi non Tecnica del P.T.R.C. adottato nel febbraio 2009
33
ESTRATTI PTRC VIGENTE
34
35
36
3.2. IL PIANO D’AREA GARDA BALDO
◊
Denominazione
PIANO
Piano d’Area Garda Baldo
◊
Settore
PIANIFICAZIONE
◊
NATURA DI PP
X
Strategica
X
Strutturale
Attuativa
◊
LIVELLO
TERRITORIALE
Regionale di Area Vasta
◊
FINALITA’
è lo strumento di pianificazione di area vasta proprio del territorio regionale
che si colloca, sul piano istituzionale, a livello intermedio tra il livello
pianificatorio regionale e quello provinciale e ha quindi la principale funzione di
armonizzare e raccordare le pianificazioni espresse da tali enti
◊
ITER IN CORSO
adottato con deliberazione di Giunta Regionale n. 827 del 15 marzo 2010
37
38
39
40
41
3.3. IL PTCP ADOTTATO
◊
Denominazione
PIANO
Piano Territoriale di coordinamento provinciale P.T.C.P.
◊
Settore
PIANIFICAZIONE
◊
NATURA DI PP
X
Strategica
X
Strutturale
Attuativa
◊
LIVELLO
TERRITORIALE
Provinciale: Provincia di Verona
◊
FINALITA’
è lo strumento di pianificazione di area vasta proprio del territorio provinciale
che si colloca, così come la Provincia sul piano istituzionale, a livello intermedio
tra il livello pianificatorio regionale e quello comunale e ha quindi la principale
funzione di armonizzare e raccordare le pianificazioni espresse da tali enti
◊
ITER IN CORSO
adottato con DCP n. 52 del 27/06/2013
La L.R. 11/2004 individua il P.T.C.P. come lo strumento di pianificazione che "delinea gli obiettivi e
gli elementi fondamentali dell'assetto del territorio provinciale in coerenza con gli indirizzi per lo
sviluppo socio-economico provinciale con riguardo alle prevalenti vocazioni, alle sue caratteristiche
geologiche, geomorfologiche paesaggistiche ed ambientali". Il P.T.C.P. è dunque uno strumento di
pianificazione di area vasta che si colloca a livello intermedio tra il livello pianificatorio regionale e
quello comunale; in linea generale, si tratta di uno strumento di pianificazione di secondo livello
che indirizza, prevalentemente attraverso direttive, le scelte dei piani sotto ordinati.
42
Estratto Fuori scala
43
Elementi da valutare:
Titolo 1
Vincoli ambientali
Art. 5 - Obiettivi
1. Nel perseguimento degli obiettivi di sostenibilità e vivibilità del territorio, di tutela, conservazione e valorizzazione delle
risorse naturali, di interesse paesaggistico ed archeologico, in applicazione dell’art. 22, comma 1, lettere g) ed h), della L.R.
n. 11/2004, il PTCP censisce e riporta i vincoli previsti dalle specifiche normative di tutela ed assicura il coordinamento di
tutte le politiche di gestione del territorio mediante il recepimento degli atti di pianificazione sovraordinata.
Art. 6 - Definizione e identificazione
1. Il PTCP riporta i vincoli relativi a:
a. Le aree soggette a tutela:
aree di notevole interesse pubblico;
aree tutelate per legge:
o territori contermini ai laghi compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per territori
elevati sui laghi;
o le montagne per la parte eccedente i 1.600 metri sul livello del mare;
o territori coperti da foreste e boschi, ancorché percorsi o danneggiati dal fuoco, e quelli sottoposti a vincolo di
rimboschimento;
o le zone di interesse archeologico;
o fiumi, i torrenti, i corsi d’acqua vincolati e le relative sponde o piedi degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna;
o le aree assegnate alle università agrarie e le zone gravate da usi civici;
aree soggette a vincolo idrogeologico;
aree soggette a vincolo forestale;
aree protette di interesse locale;
aree soggette a vincolo sismico.
b. I Siti di Importanza Comunitaria (SIC) e le Zone di Protezione Speciale (ZPS) che costituiscono la Rete Natura 2000.
c. La pianificazione di livello superiore:
Piani d’Area insistenti sul territorio provinciale approvati e adottati;
Piano Territoriale di Coordinamento Regionale;
Piani di Assetto Idrogeologico;
Zone militari.
Art. 7 - Attuazione dei Vincoli
1. I Comuni nella redazione dei piani di competenza comunale sono tenuti a prendere atto e documentare a loro volta
l’esistenza, gli effetti e l’estensione di tutti i vincoli di cui al precedente articolo ed a conformare le proprie scelte
pianificatorie all’esigenza di salvaguardare e valorizzare tali vincoli, secondo le pertinenti discipline nonché le direttive ed
indicazioni della pianificazione sovraordinata.
2. I Comuni in sede di redazione dei piani di competenza comunale definiscono e identificano i terreni di uso civico, soggetti
al vincolo di destinazione agro-silvo-pastorale e al vincolo paesaggistico, tenendo conto che:
a. i beni di uso civico sono inalienabili, inusucapibili e soggetti al vincolo di destinazione agro-silvo-pastorale;
b. il diritto di esercizio degli usi è imprescrittibile qualora si delinei la necessità di trasformare i terreni soggetti ad uso civico,
tale trasformazione sarà subordinata al rilascio delle autorizzazioni previste dalla normativa regionale di settore.
Gli strumenti urbanistici locali, come il PATI e il PI, hanno riportato come da indicazioni provinciali
l’individuazione dell’ambito soggetto a vincolo forestale, dettagliando la normativa e documentando nel
dettaglio le indicazioni sovraordinate.
44
45
Elementi da valutare:
Estratto NT PTCP:
Art. 12 - Definizione e identificazione
1. Con particolare riferimento alle condizioni di fragilità ambientale determinate dal rischio geologico, idraulico e
idrogeologico il PTCP individua e definisce:
(…)
f. aree a periodico ristagno idrico (aree a deflusso difficoltoso), costituite da aree - individuate sulla base dei dati forniti dai
Consorzi di Bonifica territorialmente competenti - che presentano problematiche idrauliche quali il ristagno per difficoltà
di drenaggio superficiale legato alle litologie poco permeabili, alla morfologia depressa, alla falda sub-affiorante,
all’innalzamento della falda nei periodi irrigui, a locali sofferenze della rete di bonifica.
Art. 20 – Area a periodico ristagno idrico (area a deflusso difficoltoso)
1. I Comuni, in sede di formazione dei piani di competenza comunale predispongono apposita normativa finalizzata a:
a. attuare metodologie per la riduzione del rischio idraulico, avvalendosi del parere delle Autorità di Bacino e dei Consorzi di
Bonifica competenti;
b. approfondire ad una scala di adeguato dettaglio la perimetrazione delle aree riportate dal PTCP precisando e ridefinendo
gli ambiti;
c. comunicare periodicamente alla Provincia le perimetrazioni delle aree a ristagno idrico alla luce delle trasformazioni del
territorio e degli interventi realizzati;
d. dotarsi, di concerto con i Consorzi di Bonifica territorialmente competenti, di una omogenea regolamentazione
dell’assetto idraulico del territorio agricolo da osservarsi anche nelle fasi di programmazione e attuazione delle attività
antropiche;
e. adottare tutte le necessarie precauzioni verificando la compatibilità idraulica ed idrogeologica delle previsioni degli
strumenti urbanistici vigenti in relazione alle condizioni di rischio o pericolo rilevate nella cartografia di piano ed in base ad
analisi di maggior dettaglio eventualmente disponibili.
Gli strumenti urbanistici locali, come il PATI e il PI, hanno riportato come da indicazioni provinciali
l’individuazione dell’ambito soggetto deflusso difficoltoso, dettagliando la normativa e documentando nel
dettaglio le indicazioni sovraordinate. La Variante predispone uno studio di dettaglio, la Valutazione di
Compatibilità Idraulica.
46
47
Elementi da valutare:
Estratto NT PTRC:
Art. 47 – Definizione e identificazione
1. Il PTCP identifica la rete ecologica provinciale composta dai biotopi, dalle aree naturali, dai fiumi, dalle aree di risorgiva,
dai percorsi a valenza culturale e fruitiva (greenways) e dagli altri elementi naturali che caratterizzano il territorio provinciale
e costituita in particolare da:
(…)
d. aree di connessione naturalistica: aree contigue alle aree nucleo ed essenziali per la migrazione e lo scambio genetico fra
le specie significative delle aree nucleo, idonee ad esercitare una funzione di protezione ecologica sulle specie e sugli
habitat, limitando gli effetti negativi dell’antropizzazione. Sul territorio veronese esse sono rappresentate da:
· aree pedecollinari: ambiti di notevole rilevanza naturalistica anche in quanto comprensivi di habitat di interesse
comunitario. Vi si alternano in un pregevole ecomosaico elementi naturali ed elementi coltivati, caratteristici di
condizioni climatiche di impronta mediterranea;
· fascia morenica gardesana: tale ambito, pur notevolmente antropizzato, conserva sia singole emergenze naturalistiche
(specie, habitat ed habitat di specie), sia elementi di pregio agrario e paesaggistico con vigneti di qualità e
frutteti, alternati a residui di prati aridi;
· area agricola del Lugana: elemento di grande valenza grazie al permanere di caratteri colturali tipici (vitigni del Lugana) e
alla diffusa presenza di elementi naturali e/o seminaturali (siepi, filari, macchie boscate) che conferiscono all’ambito
un’importante funzione eco relazionale in un’area vasta, come quella perilacuale, soggetta ad intensa antropizzazione;
· arrenatereti: prati pingui, regolarmente ma non intensivamente falciati. In tal modo tali formazioni mantengono una
rilevante diversità floristica e faunistica, il che rende ragione del loro ruolo ecologico. In provincia di Verona questi ambienti
trovano diffusione sia in zona montana inferiore, sia in aree pedecollinari.
Art. 50 - Area di connessione naturalistica
1. (P) I progetti di nuova costruzione di infrastrutture di interesse pubblico (strade, ferrovie, edifici, impianti, ecc) dovranno
prevedere interventi di compensazione ambientale idonea a mantenere costante o migliorare l’indice di equilibrio ecologico
esistente, quantificati con metodi analitici.
2. I Comuni, per le aree di connessione naturalistica, nella redazione dei piani di competenza comunale:
a. incentivano la rilocalizzazione delle attività e degli impianti non agricoli fuori dalle aree di connessione naturalistica, anche
attraverso l’istituto del credito edilizio;
b. prevedono il mantenimento delle caratteristiche e del ruolo eco relazionale di tali aree nei confronti degli habitat e delle
specie guida delle aree nucleo di pertinenza;
c. incentivano e valorizzano il recupero delle aree ai fini della fruizione ambientale, anche utilizzando tratturi e capezzagne
come percorsi pedonali;
d. incentivano l'utilizzo di edifici esistenti connessi all’attività agricola e non più funzionali alla stessa, permettendo anche
cambi di destinazione d’uso esclusivamente a scopo abitativo, ricettivo, ricreativo, sportivo e del tempo libero,
con finalità di fruizione del territorio circostante avendo attenzione all'inserimento architettonico nel contesto di riferimento;
e. incentivano interventi di mitigazione dell'impatto sul territorio relativo agli insediamenti civili e produttivi esistenti al fine
di incrementarne la funzionalità ecologica e l'inserimento paesaggistico.
Il PTCP individua tutto l’ambito dei Comuni di Peschiera e di Castelnuovo come aree di connessione naturalistica. Gli
interventi pertanto dovranno valutare interventi di mitigazione e di inserimento paesaggistico. L’area in esame non presenta
caratteristiche di particolare significatività ecologica, come probabilmente aveva un tempo. A seguito della realizzazione
della nuova viabilità l’area è stata frazionata e al momento confina con la viabilità di scorrimento principale a sud -ovest
(Ora regionale) e con la zona commerciale a nord.
48
49
50
Il PTCP individua la SS 11DIR come viabilità di progetto, già realizzata: È il raccordo fra la
tangenziale di Peschiera del Garda e la rotatoria d'innesto della SR 450 a Castelnuovo del Garda
che permette d'evitare il passaggio attraverso il centro abitato di Cavalcaselle (frazione di
Castelnuovo del Garda).
51
52
3.4. IL PATI APPROVATO
◊
Denominazione
Piano di Assetto Territoriale
◊
Settore
PIANIFICAZIONE
◊
NATURA DI PP
X
Strategica
X
Strutturale
Attuativa
◊
LIVELLO TERRITORIALE
INTERCOMUNALE
◊
FINALITA’
Norma tutti gli interventi sul territorio comunale a livello di
pianificazione strategica, ai sensi della LRV n° 11/2004
◊
ITER CONCLUSO
Approvato dalla Conferenza di Servizi tra i Sindaci dei
Comuni di Peschiera del Garda e Castelnuovo del Garda e il
Dirigente all’Urbanistica della Regione Veneto in data
05.02.2009.
Ratificato con Deliberazione di Giunta Regionale n. 930 del
07.04.2009, pubblicata sul B.U.R. della Regione Veneto n. 33
del 21.04.2009.
Il PATI, approvato dalla Conferenza di Servizi tra i Sindaci dei Comuni di Peschiera del Garda e
Castelnuovo del Garda e il Dirigente all’Urbanistica della Regione Veneto in data 05.02.2009, e
ratificato con Deliberazione di Giunta Regionale n. 930 del 07.04.2009, (pubblicata sul B.U.R. della
Regione Veneto n. 33 del 21.04.2009), individua l’ambito in zona consolidata (Art. 40 NT del PAT),
parte in area di connessione naturalistica (Art. 53 NT del PAT).
Sulla tavola dei Vincoli e della Pianificazione Territoriale del PAT si segnalano la presenza della
Fascia di rispetto stradale a nord-ovest dell’area e di una porzione di fascia di rispetto a Vincolo
Destinazione Forestale (LR 15/78) a sud-est, riferito dal PAT all’art. 7 delle NT.
La carta delle Fragilità del PAT approvato indica l’ambito come terreno idoneo a condizione - “Area
esondabile o ristagno idrico”, normata ai sensi dell’art. 31 delle NT.
La Tavola n° 2 – Invarianti del PAT non riporta indicazioni progettuali riferite all’area oggetto di
richiesta.
53
Estratto Tav. 1 – Carta dei Vincoli e della Pianificazione Territoriale
Scala 1:10.000
54
ESTRATTI PATI
7. Vincolo idrogeologico - forestale
Rif. Legislativo: R.D. 16.05.1926 n. 1126 – art. 41 L.R. 11/2004
Rif.: Tav. 1 – Carta dei vincoli e della Pianificazione Territoriale.
7.01 Il vincolo idrogeologico–forestale riguarda le aree sottoposte a tutela ai sensi del R.D.
16.05.1926 n. 1126 e delle leggi regionali di settore.
DIRETTIVE
7.02 Il P.I. provvederà a porre norme di tutela e valorizzazione della aree sottoposte a vincolo
idrogeologico – forestale secondo le vigenti disposizioni comunitarie, nazionali e regionali.
PRESCRIZIONI E VINCOLI
7.03 Le opere da realizzarsi nell'ambito della aree sottoposte a vincolo idrogeologico e forestale,
sono subordinate all'autorizzazione preventiva di cui al R.D. 16.05.1926 n. 1126 e della
legislazione regionale in materia.
10. Risorse naturali ed ambientali, ambiti per l’istituzione di Parchi, individuati dal P.T.R.C.
Rif. Legislativo: P.T.R.C. vigente, NTA art. 19 e art. 27
Rif.: Tav. 1 – Carta dei vincoli e della Pianificazione Territoriale.
10.01 Le risorse naturalistiche-ambientali e gli ambiti per l’istituzione dei Parchi regionali sono
individuate nel vigente P.T.R.C.
DIRETTIVE
10.02 Il P.I. orienterà la propria azione verso obiettivi di salvaguardia, tutela, ripristino e
valorizzazione degli ambiti individuati.
PRESCRIZIONI E VINCOLI
10.03 Sino alla approvazione del P.I. è fatto divieto di realizzare opere che compromettano il
mantenimento e l’evoluzione degli equilibri ecologici e naturali in tutti i loro aspetti.
55
Estratto Tav. 2 – Carta delle Invarianti
Scala 1:10.000
56
Estratto Tav. 3 – Carta della Fragilità
Scala 1:10.000
57
29. Compatibilità geologica ai fini urbanistici.
Rif. Legislativo: L.R. 11/2004 e D.M. 11/3/1988, DM 14/09/05, DM 14/01/08, Ord. Pres. del
Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20/03/03, D.C.R. 03/12/03 n. 67, D.G.R. 22/01/08 n. 71.
Rif.: Tav. 3 – Carta delle fragilità.
29.01 Sulla base delle analisi, la classificazione della compatibilità geologica ai fini urbanistici è
fondata su indici relativi di qualità dei terreni con riferimento alle possibili problematiche
riguardanti la stabilità dei versanti nelle aree collinari, ai possibili effetti d’inquinamento delle
acque sotterranee, alla compressibilità dei terreni, alle caratteristiche geotecniche nei confronti
delle opere di fondazione, ai possibili sprofondamenti per la presenza di cavità di dissoluzione
carsica o d’origine antropica, all’erodibilità delle sponde fluviali, all’esondabilità dei corsi d’acqua,
alla sicurezza di arginature o di altre opere idrauliche, alla salvaguardia di singolarità geologiche,
geomorfologiche, paleontologiche o mineralogiche, alla protezione delle fonti di energia e delle
risorse naturali.
DIRETTIVE
29.02 Il P.I., tenuto conto delle previsioni del PATI ed in relazione alla classificazione sismica del
comune, provvederà a disciplinare la localizzazione e la progettazione degli interventi edificatori
sulla base della classificazione di cui al successivo comma, ed in conformità alle norme vigenti.
29.03 Sulla base degli studi effettuati e della classificazione proposta, sono individuate tre tipologie
di tutela, a cui corrispondono le limitazioni all’attività edificatoria che seguono:
(…)
B. TERRENO IDONEO A CONDIZIONE (fondo giallo): le caratteristiche litologiche,
geomorfologiche od idrogeologiche di queste aree sono penalizzanti ai fini urbanistici e
richiedono specifici studi ed indagini geologiche/idrogeologiche approfondite per ogni tipo
d'intervento urbanistico che necessiti di concessione e/o autorizzazione edilizia. L'edificabilità
di tali aree è possibile solo previo controllo geologico specifico finalizzato al tipo d'intervento
da eseguire come prescritto dalla normativa vigente.
In questa classe ricadono le aree nelle quali sono state rilevate puntuali o ridotte condizioni
limitative alla modifica delle destinazioni d'uso dei terreni. L'utilizzo di queste aree sarà
peraltro subordinato alla realizzazione di supplementi di indagine per acquisire una maggior
conoscenza geologica - tecnica dell'area e del suo intorno, mediante campagne geognostiche,
prove in situ e di laboratorio, nonché mediante studi tematici specifici di varia natura
(idrogeologici, idraulici, ambientali, pedologici ecc..). Ciò dovrà consentire di precisare le
idonee destinazioni d'uso, le volumetrie ammissibili, le tipologie costruttive più opportune,
nonché le opere di sistemazione e bonifica.
La classe comprende le seguenti tipologie di terreni:
1) Sedimenti di accumulo fluvioglaciale o morenico a tessitura eterogenea prevalentemente
sabbio limosa con ghiaie e blocchi. Si tratta di Depositi da addensati a mediamente addensati.
2) Sedimenti lacustri, prevalentemente limo-sabbio-argillosi. Depositi con consistenza da
media ad alta.
58
3) Sedimenti alluvionali recenti, prevalentemente ghiaiosi in matrice sabbiosa. Depositi, da
addensati a mediamente addensati.
4) Sedimenti alluvionali, prevalentemente sabbio-limosi. Depositi con consistenza
generalmente bassa.
Norme geologiche di attuazione:
In queste classi il territorio presenta vulnerabilità idrogeologica alta.
Le scelte di progetto, i calcoli e le verifiche devono essere sempre basati su uno studio
geologico e/o geotecnico che dovrà verificare, per mezzo di rilievi, indagini e prove, gli
aspetti indicati anche in precedenza anche per le aree idonee.
In questi territori è necessario identificare le caratteristiche idrogeologiche quali presenza
della falda acquifera, direzione di deflusso sotterraneo e permeabilità dell’acquifero.
Nelle valli intramoreniche le indagini geognostiche andranno effettuate con particolare attenzione.
-Vista l’elevata vulnerabilità della falda acquifera superficiale, o la scarsa soggiacenza, si
richiede che le opere che prevedono lo stoccaggio o la circolazione di fluidi inquinanti, come
serbatoi, fognature e scarichi, vengano realizzate senza pregiudizio per la falda stessa. - In
presenza di insediamenti di attività produttive che, in considerazione delle materie trattate
o stoccate, possono costituire una fonte di pericolo ambientale (Vedere Decreto Legislativo
18 agosto 2000 n. 258 Allegato 5), si consiglia l’adozione di sistemi di monitoraggio, sia a
monte che a valle dell’insediamento, quali piezometri che consentano il controllo
idrochimico della falda.
Nei casi in cui sono previsti edifici con piani interrati, dovrà essere verificata la profondità e
le oscillazioni del livello superficiale della falda acquifera. Nel caso di scarsa soggiacenza
della falda dovranno essere adottati idonei accorgimenti a tutela della stessa. Per questo si
consiglia di adottare le seguenti indicazioni generali:
a) sistemi di impermeabilizzazione e prevenzione perdite dalla rete di scarico,
b) sistemi di drenaggio delle acque meteoriche ed eventuali scarichi in pozzi dispersori,
In materia di scarichi si dovrà fare riferimento al Decreto Legislativo 03/04/06.
Norme specifiche per i rilievi morenici
I nuovi interventi devono avere caratteristiche di impianto rispettose dell’andamento del
terreno, del quale deve essere mantenuta la morfologia preesistente.
Prescrizioni per le Aree soggette a potenziali inondazioni
Per gli ambiti ricadenti nelle aree definite a rischio idraulico (Carta Idrogeologica), si
prescrive che “l’edificazione in queste aree dovrà necessariamente prevedere una verifica
complessiva delle problematiche legate ai nuovi insediamenti previsti…” ed essere
preceduta uno Studio di valutazione della compatibilità idraulica-idrogeologica delle
previsioni di trasformazioni dell’uso del suolo redatto ai sensi della vigente normativa, e
volto alla definizione delle misure da attuarsi per la mitigazione del rischio idraulico. La
verifica di compatibilità idraulica è prevista dalla D.G.R. 1322/2006.
59
31. Aree soggette a dissesto idrogeologico
Rif. Legislativo: L.R. 11/2004 e D.Lgs. 152/2006
Rif.: Tav. 3 – Carta della Fragilità e Carta Idrogeologica.
31.01 Trattasi di aree soggette a potenziali inondazioni, a depressioni palustri, sorgenti di corso
d’acqua superficiale.
31.02 Il P.I., in armonia con il piano per la tutela dal rischio idrogeologico provvederà a porre
norme di tutela e valorizzazione.
PRESCRIZIONE E VINCOLI
31.03 Nelle aree di tutela dal rischio idrogeologico si applicano le norme del Piano Stralcio per la
Tutela dal Rischio Idrogeologico approvato dall'Autorità Nazionale di Bacino
31.04 Nelle more dell’approvazione del P.I., in tutto il territorio comunale si applicano le seguenti
norme di salvaguardia dal rischio idrogeologico:
a) Le superfici pavimentate diverse dai piazzali pertinenziali degli insediamenti produttivi
prive di costruzioni sottostanti dovranno essere realizzate con pavimentazioni che
permettano il drenaggio dell'acqua e l'inerbimento.
b) Le superfici pavimentate sovrastanti costruzioni interrate e piazzali pertinenziali ad
insediamenti produttivi, dovranno essere provviste di canalizzazioni ed opere di drenaggio
che provvedano a restituire le acque meteoriche alla falda o, se tecnicamente impossibile,
dotate di vasche di raccolta con rilascio lento delle acque nelle fognature comunali o negli
scoli, al fine di ritardarne la velocità di deflusso.
c) Le precedenti prescrizioni non si applicano alle superfici pavimentate ove si raccolgano acque
meteoriche di dilavamento o di prima pioggia disciplinate dall'art. 39 del D. Leg.vo 152/2006, per
le quali si applicheranno le speciali disposizioni regionali e comunali di attuazione.
32. Aree boscate o destinate al rimboschimento. Aree a bassa trasformabilità di natura
ambientale
Rif. Legislativo: Art. 44, comma 10, L.R. 11/2004 – L.R. 52/78
Rif.: Tav. 1 – Carta dei Vincoli e della Pianificazione Territoriale
Tav. 3 – Carta delle Fragilità.
32.01 Trattasi zone coperte da boschi come definiti dall’art. 14 della Legge regionale 13 settembre
1978, n. 52 Legge Forestale Regionale e succ. modificazioni.
DIRETTIVE
32.02 Il PI provvederà a tutelare e valorizzare le zone boscate in conformità con gli indirizzi della
politica forestale comunitaria e regionale.
PRESCRIZIONI E VINCOLI
32.03 Nelle zona boscate, come definite dall’art. 14 della Legge regionale 13 settembre 1978, n. 52
e successive modificazioni non sono consentiti interventi di nuova costruzione. Sono ammessi
esclusivamente gli interventi previsti dalla norme di tutela idrogeologica e forestale e previa
autorizzazione delle autorità competenti.
32.04 E' fatto divieto di piantare organismi vegetali non originari della zona.
60
Estratto Tav. 4 – Carta della Trasformabilità
Scala 1:10.000
61
53. Rete ecologica locale.
Rif. Legislativo: L.R. 11/2004 , art.
Rif.: Tav. 2 – Carta delle invarianti
Tav. 3 – Carta delle fragilità
Tav. 4 – Carta delle Trasformabilità
Allegato C: “Sistema del verde”
53.01 La rete ecologica è l’insieme delle aree e fasce con vegetazione naturale, spontanea o
di nuovo impianto, già individuate e normate dal PATI, messe tra loro in connessione, in
modo da garantire la continuità degli habitat e quindi il loro funzionamento, condizione
questa fondamentale per favorire la presenza di specie animali e vegetali sul territorio.
53.02 Essa è costituita da matrici naturali primarie in grado di costituire sorgenti di
diffusione per elementi di interesse ai fini della biodiversità, da fasce di appoggio alle
matrici naturali primarie e da gangli primari e secondari. In tale contesto assumono
particolare rilievo, quali elementi funzionali alla coerenza della rete:
a) le aree verdi di maggiore estensione e con notevole differenziazione degli habitat,
quali i Siti di Interesse Comunitario e le Zone di Protezione Speciale e gli Ambiti dei Parchi o
per la formazione dei Parchi e delle riserve naturali di interesse comunale;
b) le zone umide;
c) le aree boscate;
d) i corsi d’acqua naturali e artificiali;
e) i prati, pascoli ed incolti;
f) le siepi ed i filari;
g) i neo-ecosistemi paranaturali.
Gli interventi dovranno prevedere il miglioramento delle aree naturali e in via di
rinaturalizzazione esistenti e la realizzazione di neo-ecosistemi naturaliformi, quali zone
umide, aree boscate e arbustive, recupero e rinaturalizzazione di ambiti di cava,
rinaturalizzazione di tratti di corsi d’acqua, ecc., nonché il mantenimento dei sistemi agricoli
e l’incremento della naturalità nelle stesse aree (fasce boscate, costituzione di siepi, filari,
prati polifiti, aree incolte).
Al fine di garantire l’efficacia della rete ecologica, le opere di nuova realizzazione, sia
edilizia che infrastrutturale, dovranno prevedere interventi contestuali e/o preventivi di
mitigazione e compensazione – di risarcimento ambientale – in modo tale che, al termine di
tutte le operazioni, la funzionalità ecologica complessiva risulti accresciuta.
Nelle aree agricole si ritiene vengano attuati i seguenti interventi.
- mantenimento di radure con prati polifiti naturali o a pascolo;
- formazione di siepi alto-arbustive nelle aree rurali;
- mantenimento di coltivazioni arboree di cultivar tradizionali;
- mantenimento dei terrazzamenti e delle colture tradizionali connesse
62
Tutti i piani e progetti che sono previsti all’interno della rete ecologica individuata nella tav.
4 devono prevedere tra i propri elaborati la documentazione prevista dalla D.G.R. n. 3173
del 10/10/2006 (Valutazione d’incidenza ambientale).
La realizzazione di infrastrutture viarie che interferiscono con la rete, deve prevedere, anche
in fase progettuale, il posizionamento di sottopassi o sovrappassi per animali corredati di
elementi utili al loro funzionamento. Devono essere previste inoltre fasce arboreo-arbustive
di ampia larghezza lungo l’infrastruttura
DIRETTIVE
53.03 Il P.I., sulla base delle previsioni del PATI, provvederà ad identificare a livello di
dettaglio ed a normare anche in senso gestionale, anche con prescrizioni circa la tipologia e
la struttura dei moduli vegetazionali da impiegare:
a) I nodi, aree già sottoposte e/o da sottoporre a tutela, ove sono presenti biotopi, habitat
naturali e seminaturali, ecosistemi terrestri ed acquatici caratterizzati da un alto contenuto
di naturalità. La finalità di dette aree è la conservazione dei valori naturalistici e la
promozione di attività umane con essi compatibili
b) I corridoi, elementi lineari a struttura naturale superiore alla matrice in cui sono collocati.
Elementi atti a favorire la permeabilità ecologica del territorio e, quindi, il mantenimento ed
ilo recupero delle connessioni fra ecosistemi e biotopi. Si distinguono: corridoi principali,
corrispondenti ai sistemi naturali lineari di maggiori dimensioni e valenze naturalistiche.
Sono rappresentato da corsi d’acqua o da sistemi agrovegetazionali a prevalente sviluppo
lineare; corridoi secondari, corrispondenti sostanzialmente a corsi d’acqua, i quali, se pur in
misura inferiore ai precedenti, possono tuttavia concorrere alla funzionalità ecologica
reticolare in special modo in ambiti ad elevata antropizzazione.
c) Le aree di rinaturalizzazione (restoration area), ambiti dotati di elementi di naturalità
diffusa, anche con presenza di agromosaici. Per tali zone anche gli strumenti di
programmazione agricola dovranno incentivare gli interventi e le forme di conduzione che
possano contribuire a tutelare ed a riqualificare gli elementi di naturalità del contesto. Nel
caso di presenza di elementi significativi ed identitari del paesaggio locale, quali i rilievi
morenici, il PI provvederà a porre specifiche norme di tutela
d) E’ introdotta anche la definizione delle barriere infrastrutturali, quali elementi puntuali di
discontinuità della rete costituiti per lo più da infrastrutture importanti di tipo lineare. Per
essi andranno previsti, alla scala progettuale di competenza, gli idonei interventi di
mitigazione e/o di compensazione.
PRESCRIZIONI E VINCOLI
53.04 Nelle more dell’approvazione del P.I., sulla base delle precedenti direttive vengono
poste le seguenti prescrizioni e vincoli:
63
a) Gli elementi vegetazionali lineari di connessione della rete ecologica, quali canneti, filari
e siepi ubicati lungo le rive dei corsi d’acqua, lungo i poderi ed a delimitazione di
infrastrutture lineari vanno conservati;
b) I nuclei boscati e le siepi interpoderali vanno conservati, quali elementi importanti per la
qualità e la produttività degli agroecosistemi;
c) In corrispondenza di nuove infrastrutture lineari vanno previsti, sulla base di specifico
progetto, ed a seconda della tipologia dell’infrastruttura, sistemi per favorire
l’attraversamento da parte della fauna e/o sistemi per la dissuasione della medesima;
d) Sono vietati movimenti di terra e più in generale, trasformazioni morfologiche, negli
elementi del sistema ecorelazionale locale.
64
3.5. COERENZA CON I PIANI SOVRAORDINATI
Al fine di verificare la coerenza del Piano di lottizzazione in progetto, viene di seguito analizzato il
livello di interazione che esso ha con i Piani sovraordinati analizzati.
La simbologia utilizzata è la seguente:
+
+
/
Il Piano è in linea con le previsioni ed
indicazioni del piano sovraordinato di
riferimento.
LIVELLO DI COERENZA: ALTO
LIVELLO DI COERENZA: MEDIO
Il Piano è PARZIALMENTE in linea con le
previsioni ed indicazioni del piano
sovraordinato di riferimento.
LIVELLO DI COERENZA: BASSO
Il Piano non è in linea con le previsioni
ed indicazioni del piano sovraordinato
di riferimento
INDIFFERENTE
Non c’è interferenza tra il Piano ed il
piano sovraordinato di riferimento
L’analisi di coerenza avviene attraverso l’ausilio della seguente tabella che indica il livello di
coerenza con ogni Piano sovraordinato inserito nella colonna di sinistra e fornisce delle indicazioni
circa il giudizio assegnato nella colonna di destra.
PIANO
SOVRAORDINATO
LIVELLO DI
COERENZA
P.T.R.C. vigente
+
P.T.R.C. adottato
+
MOTIVAZIONI
Il PTRC ha come obiettivi la tutela del territorio e il
progetto, nel rispetto del piano, va a minimizzare l’impatto
paesaggistico. Il progetto valuta infatti gli aspetti
paesaggistici e naturalistici, prevedendo opportune misure
di mitigazione in caso di impatto e/o interferenza con
ambiti nello strumento.
Non sono comunque presenti nell’ambito di intervento
particolari vincoli o emergenze ambientali.
Il PTRC ha come obiettivi la tutela del territorio e il
progetto, nel rispetto del piano, va a minimizzare gli impatti
rispetto alle fonti di pressione che sono identificate nella
fragilità idrogeologica e nella presenza di elementi
paesaggistici. Il progetto valuta gli aspetti paesaggistici e
naturalistici, prevedendo opportune misure di mitigazione
in caso di impatto e/o interferenza con ambiti nello
strumento. Le indicazioni di carattere ambientale vengono
recepite nel PATI e rispettate negli strumenti sottoordinati.
65
Piano d’Area
+
P.T.C.P. adottato
+
Il Piano d’Area sviluppa e prevede l’attuazione degli
obiettivi di area vasta definiti dal PTRC. Il progetto valuta
infatti gli aspetti paesaggistici e naturalistici, prevedendo
opportune misure di mitigazione in caso di impatto e/o
interferenza con ambiti inseriti nello strumento. Si segnala
nella tavola delle fragilità l’individuazione di un corridoio di
difesa dall’inquinamento acustico, di cui verrà tenuto conto
in fase di progettazione relativamente al tema del rumore ai
sensi della normativa vigente.
Il PTRC ha come obiettivi la tutela del territorio e il
progetto, nel rispetto del piano, va a minimizzare l’impatto
paesaggistico.
Il progetto valuta infatti gli aspetti paesaggistici e
naturalistici, prevedendo opportune misure di mitigazione
in caso di impatto e/o interferenza con ambiti nello
strumento.
Tavola dei vincoli: Gli strumenti urbanistici locali, come il
PATI e il PI, hanno riportato come da indicazioni provinciali
l’individuazione dell’ambito soggetto a vincolo forestale,
dettagliando la normativa e documentando nel dettaglio le
indicazioni sovraordinate.
Tavola delle fragilità: Gli strumenti urbanistici locali, come il
PATI e il PI, hanno riportato come da indicazioni provinciali
l’individuazione dell’ambito soggetto deflusso difficoltoso,
dettagliando la normativa e documentando nel dettaglio le
indicazioni sovraordinate. La Variante predispone uno
studio di dettaglio, la Valutazione di Compatibilità Idraulica.
Carta del sistema ambientale: Il PTCP individua tutto
l’ambito dei Comuni di Peschiera e di Castelnuovo come
aree di connessione naturalistica. Gli interventi pertanto
dovranno valutare interventi di mitigazione e di inserimento
paesaggistico. L’area in esame non presenta caratteristiche
di particolare significatività ecologica, come probabilmente
aveva un tempo. A seguito della realizzazione della nuova
viabilità l’area è stata frazionata e al momento confina con
la viabilità di scorrimento principale a sud -ovest (Ora
regionale) e con la zona commerciale a nord.
Il PTCP individua la SS 11DIR come viabilità di progetto, già
realizzata: È il raccordo fra la tangenziale di Peschiera del
Garda e la rotatoria d'innesto della SR 450 a Castelnuovo
del Garda che permette d'evitare il passaggio attraverso il
centro abitato di Cavalcaselle (frazione di Castelnuovo del
Garda).
66
PIANIFICAZIONE
LOCALE E/O DI
SETTORE
LIVELLO DI
COERENZA
P.I.
+
PATI
+
MOTIVAZIONI
Tale area è stata inserita nel PRG vigente come ambito
Alberghiero, in coerenza con l’ambito consolidato presente
sul PATI.
Il progetto risulta COERENTE con tale strumento, in quanto
conferma la volontà di trasformazione dell’area attraverso
la semplice modifica della destinazione di zona, da
alberghiera a commerciale.
Il PAT verifica nelle linee strategiche della programmazione
gli ambiti di progetto e inserisce l’ambito oggetto di
intervento come consolidato sulla Tav. 4.
4. IL PROGETTO
4.1. I DATI DEL PROGETTO: CONTENUTI E DATI DIMENSIONALI
La variante al Piano degli interventi del comune di Peschiera del Garda della destinazione
urbanistica dell’area da “ZTO D3.1 - attrezzature alberghiere” a “ZTO D1.2.a - commerciale di
completamento” cosi come previsto dalla normativa vigente dgr n. 2948 del 6 ottobre 2009,
finalizzata all’individuazione della significatività idraulica dell’intervento stesso e l’individuazione
delle misure necessarie per il mantenimento dell’invarianza idraulica relativamente al progetto di
variante che prevede un incremento della impermeabilizzazione attuale del suolo.
La richiesta consiste in una variazione di destinazione dell’area che allo stato attuale risulta essere
coperta da vegetazione erbacea, arbustiva e arborea e non presenta urbanizzazione.
La superficie di intervento interessa l’area di proprietà delle committenti, pari a mq 7.120 (invariati
rispetto all’attuale superficie già presente nel PRG/PI approvato), con l’aggiunta di una porzione
del lotto che attualmente e di proprietà di Veneto strade e che verrà ceduta al Comune (si tratta
della fascia di rispetto stradale tratteggiata in grigio nell’immagine di seguito riportata).
Il progetto prevede la realizzazione di un fabbricato ad uso commerciale ed una zona di parcheggio
e transito mezzi. Sono previste porzioni a verde.
Nella seguente tabella sono riportate le superfici dell’area oggetto di studio suddivise nelle diverse
tipologie di copertura allo stato di progetto.
67
4.2. NUOVE PREVISIONI, DOTAZIONI TERRITORIALI E INFRASTRUTTURALI
L’ambito di intervento al momento risulta intercluso, in quanto anche sulla strumentazione
urbanistica vigente non è prevista un’accessibilità diretta all’area.
E’ presente invece una controstrada che segue la curva della SR11DIR e che serve un’unica
abitazione presente all’interno della zona agricola presente al confine nord con l’area di variante.
4.3. INDICI DI EDIFICABILITA’, DESTINAZIONI D’USO AMMESSE
4.3.1. Previsioni urbanistiche vigenti dell’area destinata ad “attrezzature alberghiere” – D3.1
L’Area oggetto della proposta di trasformazione urbanistica è sita in Peschiera del Garda nella zona
antistante il casello autostradale posta frontalmente rispetto al nuovo svincolo di smistamento del traffico
verso il Brennero in uscita al casello di Peschiera, ed è contraddistinto catastalmente al foglio 11, mapp.
623, 626,634 e 638.
La proposta pertanto si svilupperà secondo i seguenti criteri e parametri urbanistici, che qui vengono
determinati in via indicativa.
La zona oggetto di richiesta nella strumentazione urbanistica vigente viene come di seguito individuata:
4.3.2. Previsioni e parametri stereometrici del PI vigente
Il Piano degli Interventi approvato individua l’ambito come zona alberghiera D3.1., normate dall’”Art. 52 -
Sottozone D3.1: attrezzature alberghiere” delle NTO.
Superficie territoriale dell’ambito di intervento: mq 7.120 (invariati rispetto all’attuale superficie
già presente nel PRG/PI approvato). L’ambito calcolato corrisponde catastalmente al foglio 11,
mapp. 623, 626,634 e 638.
Indice di fabbricabilità attuale da PI: 2,00 mc/mq
Volume ammissibile da PI a destinazione “attrezzature alberghiere”: circa 14.240 mc
68
Lo sviluppo di un insediamento commerciale a completamento di ambiti circostanti che già sono destinati
allo sviluppo delle stesse attività economiche assicura un maggior risparmio del consumo di suolo,
prevedendo una destinazione congrua e compatibile con quella delle zone D, richiamato il fatto che il
concetto di "insediamenti produttivi", di cui all’articolo 5 del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444, è
comprensivo sia degli "insediamenti di carattere industriale e ad essi assimilabili" di cui al numero 1) del
predetto articolo, che degli "insediamenti di carattere commerciale e direzionale" di cui al numero 2).
4.4. CONTENUTI PLANIVOLUMETRICI, TIPOLOGICI E COSTRUTTIVI DI PROGETTO
L’area oggetto di variante prevede la realizzazione di una struttura commerciale presumibilmente di tipo
prefabbricato per la quale viene dimensionato lo spazio destinato ai parcheggi ai sensi dell’art. 31 della LRV
n° 11/2004.
L’accesso all’area avviene direttamente dalla strada regionale SR11 (ex SS 11dir), con regolamentazione dei
flussi in entrata e in uscita e accesso diretto dall’interno dell’area alla contro strada esistente.
Nella seguente immagine sono riportate le principali informazioni del progetto.
4.5. NORME TECNICHE PARTE DELLA VARIANTE
La Variante prevede l’inserimento della seguente nuova zona: ZTO D1.2.A – COMMERCIALE DI
COMPLETAMENTO
“1. Tali zone sono costituite dalle aree destinate all’insediamento di attività commerciali
all’ingrosso e al dettaglio: supermarket, grandi magazzini, centri commerciali ed
ipermercati. In esse sono, peraltro, consentite, attività commerciali e terziarie, ristoranti e
pubblici esercizi in genere. (Oss approvata con DCC n° 6 del 9/04/2014)
69
2. In tali zone il PI si attua per intervento edilizio diretto convenzionato (da attuare
mediante convenzione e/o atto unilaterale d’obbligo) relativamente alla regolamentazione
della superficie a parcheggio da realizzare in fascia di rispetto, e sono ammessi interventi di
manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, ristrutturazione edilizia e
ristrutturazione per sostituzione edilizia.
Sono ammessi inoltre interventi di nuova edificazione (compreso ampliamento) nel rispetto
dei seguenti indici:
a) rapporto di copertura massimo = 0,30 mq/mq
b) altezza massima = 8,00 m
c) distanza minima dai confini di proprietà = 5,00 m, o in aderenza.
d) distanza minima dalle strade = 10,00 m,
e) distanza minima tra i fabbricati = 10,00 m, o in aderenza.
f) n° piani fuori terra a destinazione commerciale: 1
In tale zona, oltre la destinazione commerciale, è consentita anche la destinazione
direzionale funzionale all’attività commerciale.”
70
4.6. IL PIANO DEGLI INTERVENTI MODIFICATO – ESTRATTI TAVOLE
Modifica da ZTO D3 – Alberghiera a D1.2.A – COMMERCIALE DI COMPLETAMENTO
71
5. CARATTERI DELL’AREA IN RELAZIONE ALLE DIVERSE COMPONENTI
AMBIENTALI – QUADRO GENERALE
Le problematiche ambientali presenti nelle aree interessate da variante posso essere comprese al
meglio suddividendo il sistema ambiente nei diversi comparti ed analizzandoli singolarmente. Per
tale ragione di seguito verrà riportata una descrizione dello stato attuale dei diversi comparti
ambientali in relazione al Piano valutato. Tali descrizioni ed analisi saranno utili alla completa
comprensione delle valutazioni fatte successivamente e determinanti la valutazione complessiva
di assoggettabilità al procedimento di VAS.
In questa prima parte di analisi verranno valutate le matrici ambientali di riferimento sviluppando gli
aspetti considerati, in modo da dare un quadro completo di riferimento sulla base del quale declinare la
specificità del progetto relativamente a ciascuna delle componenti ambientali analizzate.
In sintesi, le matrici ambientali considerate sono riassunte nella seguente tabella:
Componente ambientale
Aria
Aspetti considerati
Qualità dell’aria
Emissioni in atmosfera: traffico, riscaldamento, rumore
Clima
Condizioni climatiche locali
Caratteri geologici e geomorfologici
Suolo e sottosuolo
Paesaggio
Ecosistemi e biodiversità
Caratteri del suolo/Uso del suolo
Sistema paesaggistico in relazione all’utilizzo del suolo
Elementi storico-culturali
Caratteri ambientali e presenza di aree della Rete Natura 2000
Caratteri idraulici e idrogeologici
Acqua
Idrografia superficiale
Qualità del ciclo idrico integrato
Viabilità
Sistema della viabilità
Inquinamento acustico
Inquinanti fisici
Inquinamento luminoso
Raccolta dei rifiuti
Tali componenti, analizzate nel presente capitolo, vengono nel capitolo seguente valutati in riferimento al
progetto oggetto di valutazione.
72
5.1. MATRICE ARIA
5.1.1. QUALITÀ DELL’ARIA
Componente ambientale
Aria
Aspetti considerati
Qualità dell’aria
Emissioni in atmosfera: traffico, riscaldamento, rumore
In assenza di un inventario regionale delle emissioni in atmosfera, l’Osservatorio Regionale Aria ha
prodotto una stima preliminare delle stesse su tutto il territorio regionale, elaborando i dati di
emissione forniti con dettaglio provinciale da APAT – CTN-ACE (Centro Tematico Nazionale –
Atmosfera Clima Emissioni) per l’anno di riferimento 2000.
L’elaborazione è stata realizzata attuando il cosiddetto processo di «disaggregazione spaziale»
dell’emissione, ovvero assegnando una quota dell’emissione annuale provinciale a ciascun
comune, in ragione di alcune variabili sociali, economiche e ambientali note.
Si evidenzia come i dati relativi alle emissioni riferiti all’anno 2000 siano i più aggiornati a
disposizione, ufficialmente, di ARPAV.
La normativa di riferimento per i valori limite di emissione in atmosfera annovera il D.Lgs.
152/2006 (per gli impianti produttivi).
L’autorità competente per il controllo è l’ARPAV, alla quale è attribuito il compito di eseguire i
controlli circa il rispetto delle prescrizioni indicate nell’autorizzazione oltre al rispetto dei valori
limite di emissione. I tecnici dell’ARPAV quindi analizzano i parametri fisico-chimici delle emissioni
rilasciate dagli impianti produttivi in accordo con la normativa tecnica di settore, con particolare
riferimento alle polveri, sostanze organiche volatili, acidi organici e inorganici, sostanze alcaline,
ossidi di combustione (CO, CO2, NOX, SO2), metalli pesanti, microinquinanti organici (PCDD-PCDF,
IPA). La metodologia prevede l’esecuzione di prelievi a camino di campioni di inquinanti; tali campioni
successivamente sono consegnati al laboratorio per l’esecuzione delle analisi chimiche specifiche.
La verifica delle emissioni prodotte dagli impianti produttivi permette, oltre al controllo del
rispetto dei valori limite, anche la valutazione del contributo dell’attività produttiva ai livelli di
inquinamento dell’aria nel territorio in esame.
I controlli condotti sugli impianti produttivi non consentono tuttavia di costruire un quadro completo
delle emissioni generate in un determinato territorio: alcuni esempi sono le emissioni derivanti dal
traffico veicolare, dal riscaldamento domestico e più in generale di tipo diffuso. Queste possono essere
tuttavia “stimate” utilizzando una metodologia denominata CORINAIR (COoRdination-INformationAIR), proposta dall’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA) che indica le modalità di classificazione e di
quantificazione delle emissioni derivanti dalle attività antropiche e non.
I diversi valori di emissione sulla base dei 21 inquinanti considerati (Piano Regionale di Tutela e
Risanamento dell’Atmosfera, anno 2002) sono riportati nella Tabella successiva.
Il macrosettore che risulta più significativo è quello relativo alla combustione nel’industria (40%).
Seguono il trasporto su strada (25%) e la combustione non industriale (22%).
73
Questo significa che quasi il 90% delle sostanze inquinanti complessive deriva dalle combustioni
civili e industriali. Esigue sono le emissioni da parte delle sorgenti mobili e altri processi produttivi
mentre è pressoché nullo l’impatto dei rimanenti macrosettori.
Valori degli inquinanti in base alle fonti di emissione. Fonte: Quadro Conoscitivo Regione Veneto
Per le concentrazione di biossido di azoto e zolfo, benzene, monossido di carbonio e ozono non
sono noti dati specifici per il comune, se non quelli estrapolati dal Quadro Conoscitivo della
Regione Veneto.
La programmazione di un unico lotto di intervento potrà l’essere l’occasione per progettare (anche
sul fronte delle mitigazioni e/o compensazioni ambientali) l’insediamento della nuova attività in
maniera organica e coordinata, sia dal punto di vista progettuale che temporale, essendo
l’attuatore unico.
In sede di attuazione dell’intervento, la progettazione dovrà tenere conto dei seguenti fattori:
separazione dei flussi di traffico veicolare in accesso al comparto in entrata e uscita,
rendendo la mobilità fluida ed evitando il più possibile le soste a motore acceso;
lungo i fronti nord est del lotto di intervento dovrà essere prevista una fascia a verde, utile
al contenimento della propagazione delle polveri e delle emissioni acustiche (che
comunque non risultano significative in relazione a quanto già in essere lungo la viabilità
esistente)
le eventuali emissioni in atmosfera da parte dell’attività insediata dovranno, innanzitutto,
essere verificate rispetto alla necessità di autorizzazione di competenza provinciale di cui al
D.Lgs. 152/2006; è preferibile che, comunque, gli eventuali punti di emissione in atmosfera
74
appropriata progettazione termica dell’involucro edilizio (almeno per la parte adibita ad
uffici e/o direzionale) e dei consumi delle varie forme di energia; verificare la possibilità di
utilizzare la copertura dell’edificio per l’installazione di una centrale fotovoltaica per la
produzione di energia.
5.1.2. QUALITÀ DELL’ARIA IN RIFERIMENTO AL TRAFFICO VEICOLARE
Il Comune di Peschiera del Garda, rientra tra i comuni con densità emissiva di PM10 tra 7 e 20
tonn/anno kmq.
Comune di Peschiera del Garda
di VR:
Zona A1-Provincia
NOx
EMISSIONI DI OSSIDI DI AZOTO DOVUTE AL TRAFFICO
VEICOLARE IN PROVINCIA DI VERONA
È stata utilizzata la stima comunale delle emissioni di ossidi di
azoto dovute al traffico veicolare ottenuta dall’Osservatorio
Aria di ARPAV dalla disaggregazione dell’inventario regionale
elaborato da APAT-CTN ACE.
I dati si riferiscono all’anno
2000. Le emissioni totali del singolo comune sono state divise
per l’estensione totale della superficie del comune ottenendo
così le emissioni annue in tonnellate per Km2.
Rappresentazione grafica
I comuni vengono rappresentati con colori diversi in base al
rapporto fra l’emissione media annua per Km2 del singolo
comune e l’emissione media annua provinciale per Km2., pari a
3.9 t/a per Km2. Nella legenda sono riportati i valori delle
emissioni corrispondenti alla scala colore e fra parentesi il
corrispondente rapporto con il valore medio provinciale.
Peschiera del Garda appartiene alla fascia compresa tra 3,9 7,8 t/a*kmq di emissioni di NOx.
75
EMISSIONI DI PM10 PRIMARIO DA TRAFFICO IN PROVINCIA
DI VERONA
È stata utilizzata la stima comunale delle emissioni di ossidi di
azoto dovute al traffico veicolare ottenuta dall’Osservatorio
Aria di ARPAV dalla disaggregazione dell’inventario regionale
elaborato da APAT-CTN ACE. I dati si riferiscono all’anno
2000. Le emissioni totali del singolo comune sono state divise
per l’estensione totale della superficie del comune ottenendo
così le emissioni annue in tonnellate per Km2.
Rappresentazione grafica
I comuni vengono rappresentati con colori diversi in base al
rapporto fra l’emissione media annua per Km2 del singolo
comune e l’emissione media annua provinciale per Km2., pari a
3.9 t/a per Km2. Nella legenda sono riportati i valori delle
emissioni corrispondenti alla scala colore e fra parentesi il
corrispondente rapporto con il valor medio provinciale.
Peschiera del Garda appartiene alla fascia compresa tra 0,3 e
1,2 t/a*kmq di emissioni di PM10
Flusso di traffico veicolare sulle principali arterie provinciali, la scala colori differenzia le strade in base al numero di veicoli
equivalenti giornalieri transitanti
76
Nei grafici seguenti sono riportate le emissioni di NOX e PM10 (parte primaria) in t/anno per Km per ogni
arteria considerata.
Oltre alle autostrade, che contribuiscono annualmente con 160 tonnellate/anno di ossidi di azoto per Km
e circa 6 tonnellate anno di polveri sottili per Km, le arterie che danno origine a alle maggiori emissioni
sono quelle che collegano l’Est e l’Ovest della provincia (come la statale 11) e quelle che collegano la
parte Nord con il Sud.
Questo spiega come mai i comuni che presentano la maggiore densità emissiva di ossidi di azoto e PM10
primario prodotto dal traffico siano proprio quelli il cui territorio è attraversato da queste arterie.
77
5.1.3. IL RUMORE
La criticità acustica è determinata dall’insieme di edifici esposti a potenziali e prefissati livelli di emissione
stradale. La criticità acustica alta è determinata dalla presenza di strade che presentano livelli di
emissione diurni superiori a 67 dBA o notturni superiori a 61 dBA. La criticità acustica bassa è legata alla
assenza di arterie stradali con valori di immissione diurni >65 dBA e notturni > 61 dBA.
In provincia di Verona il 4% dei comuni presenta livelli di criticità alti nel periodo diurno ed il 7% nel
periodo notturno.
Secondo la situazione stimata da ARPAV il Comune di Peschiera presenta una situazione notturna
maggiormente critica rispetto a quella diurna. Nonostante non siano condotte campagne continuative di
misurazione del rumore stradale, il Comune è dotato della zonizzazione acustica.
Esposizione al rumore da traffico veicolare
5.2. MATRICE CLIMA
5.2.1. CONDIZIONI CLIMATICHE LOCALI E REGIME PLUVIOMETRICO
Componente ambientale
Aspetti considerati
Clima
Condizioni climatiche locali
Il clima della provincia veronese, pur rientrando nella tipologia mediterranea, presenta proprie
peculiarità dovute principalmente al fatto di trovarsi in una posizione climatologicamente di transizione.
Subisce, infatti, varie influenze quali l’effetto orografico della catena alpina e la continentalità dell’area
centro-europea che distinguono:
• le caratteristiche termiche e pluviometriche della regione alpina con clima montano;
78
• il carattere continentale della pianura veneta, con inverni rigidi; in quest’ultima regione climatica si
differenzia una subregione a clima più mite: quella lacustre nei pressi del lago di Garda, ove è presente
un clima submediaterraneo.
La precipitazione media annua, varia da poco meno di 600 mm registrati a Sorgà e Roverchiara fino ai
1200-1500 mm osservati nella zona più settentrionale della provincia (San Bortolo).
L’andamento stagionale risulta distribuito abbastanza uniformemente, ad eccezione dell’inverno che è la
stagione più secca dell’anno. La precipitazione totale annua può variare di circa 400 mm in più o in meno
rispettivamente nelle stagioni molto piovose o in quelle secche.
La fascia relativamente più calda (Fig. 29) si estende lungo una direttrice da Nord- Ovest a Sud-Est che
partendo dal lago di Garda, dove risultano evidenziati gli effetti mitigatori del lago stesso, arriva
fino ad un nucleo più caldo collocato nella Bassa Veronese.
Piovosità in provincia di Verona
Andamenti delle temperature medie in provincia di
Verona.
79
5.3. MATRICE SUOLO E SOTTOSUOLO
Componente ambientale
Aspetti considerati
Caratteri geologici e geomorfologici
Suolo e sottosuolo
Caratteri del suolo/Uso del suolo
5.3.1. INQUADRAMENTO GEOLOGICO
La zona in studio si localizza nell’anfiteatro morenico del Garda, che e stato generato dal trasporto solido
del ghiacciaio del Garda in milioni di anni seguito dalla deposizione di sedimenti fini alluvionali depositati
dalle oscillazioni batimetriche del lago di Garda e da depositi fluvioglaciali trasportati dai corsi d’acqua.
Dal punto di vista morfologico i rilievi morenici sono più elevati e sono costituiti da depositi alluvionali di
natura prevalentemente ghiaiosa.
Nella seguente immagine e riportato uno stralcio della Tavola litologica allegata al PATI, nella quale e
visibile che l’area e caratterizzata dalla presenza di materiali di accumulo fluvioglaciale grossolani in
matrice fine sabbiosa L-ALL07 che corrisponde nella carta delle fragilità ad un’area idonea a condizione
(PEN-02) caratterizzati da una vulnerabilità idrogeologica alta.
Da un punto di vista strettamente geologico tecnico, a meno della necessità di attestare le strutture di
fondazione entro il terreno naturale dalle omogenee caratteristiche geotecniche, non sussistono
elementi ostativi all’intervento di trasformazione proposto dalla variante. In fase progettuale sarà
necessario eseguire degli approfondimenti geologici e geotecnici volti a definire il corretto
dimensionamento delle nuove strutture fondali e a quantificare il volume degli sterri/riporti e la
destinazione / provenienza delle terre e rocce da scavo. Per quanto riguarda quest’ultimo punto, la
gestione delle terre e rocce da scavo, sia in entrata che in uscita, dovrà essere conforme alle modalità
previste dalla normativa vigente.
In sede di progettazione, al fine di controllare il rischio di contaminazione del suolo da parte di sostanze
pericolose utilizzate nell’attività artigianale, dovrà tenere conto dei seguenti fattori:
e aree di lavorazione e/o le aree di deposito di sostanze pericolose o di rifiuti e/o le aree di
carico/scarico merci devono essere impermeabilizzate;
depositi delle sostanze pericolose e dei rifiuti dovranno essere coperti.
80
5.4. MATRICE PAESAGGIO
Componente ambientale
Paesaggio
Aspetti considerati
Sistema paesaggistico in relazione all’utilizzo del suolo
Elementi storico-culturali
Unità di paesaggio di Castelnuovo e Peschiera:
Ambito caratterizzato dalla fascia rivierasca con siti relitti a vegetazione igrofila (canneti) e spazi aperti
retroripari a prato. L’antropizzazione crescente ha ridotto significativamente gli aspetti, anche secondari,
di naturalità. La naturalità residua si concentra nelle aree esterne ai nuclei insediativi principali, ove
permangono tratti di spiagge naturali e formazioni a canneto.
81
5.5. MATRICE ECOSISTEMI E BIODIVERSITA’
Componente ambientale
Aspetti considerati
Ecosistemi e biodiversità
Caratteri ambientali e presenza di aree della Rete Natura 2000
Il PTCP adottato individua tutto l’ambito dei Comuni di Peschiera e di Castelnuovo come aree di
connessione naturalistica. Gli interventi pertanto dovranno valutare interventi di mitigazione e di
inserimento paesaggistico. L’area in esame non presenta caratteristiche di particolare significatività
ecologica, come probabilmente aveva un tempo.
A seguito della realizzazione della nuova viabilità l’area è stata frazionata e al momento confina con la
viabilità di scorrimento principale a sud -ovest (Ex regionale) e con la zona commerciale a nord.
5.5.1. INTERFERENZA CON AREE DELLA NATURA 2000
Individuazione SIC -ZPS
82
Sono stati considerati i Siti di Importanza Comunitaria e le Zone di Protezione Speciale presenti
nella porzione ovest della Provincia di Verona.
Di seguito si riportano le distanze in metri lineari dai punti più prossimi di ciascun sito Natura
2000.
SIC/ZPS IT3210018 – Basso Garda: dista circa 1530 m in direzione nord-ovest
SIC/ZPS IT3210003 - Laghetto del Frassino: dista circa 2950 m in direzione ovest
5.5.2. RETE ECOLOGICA A SCALA LOCALE
Gli strumenti urbanistici locali, come il PATI e il PI, hanno riportato come da indicazioni provinciali
l’individuazione dell’ambito soggetto a vincolo forestale, dettagliando la normativa e
documentando nel dettaglio le indicazioni sovraordinate.
Il PTCP individua tutto l’ambito dei Comuni di Peschiera e di Castelnuovo come aree di
connessione naturalistica. Gli interventi pertanto dovranno valutare interventi di mitigazione e di
inserimento paesaggistico. L’area in esame non presenta caratteristiche di particolare
significatività ecologica, come probabilmente aveva un tempo. A seguito della realizzazione della
nuova viabilità l’area è stata frazionata e al momento confina con la viabilità di scorrimento
principale a sud -ovest (Ex regionale) e con la zona commerciale a nord.
Il PATI, approvato dalla Conferenza di Servizi tra i Sindaci dei Comuni di Peschiera del Garda e
Castelnuovo del Garda e il Dirigente all’Urbanistica della Regione Veneto in data 05.02.2009, e
ratificato con Deliberazione di Giunta Regionale n. 930 del 07.04.2009, (pubblicata sul B.U.R. della
Regione Veneto n. 33 del 21.04.2009), individua l’ambito in zona consolidata (Art. 40 NT del PAT),
parte in area di connessione naturalistica (Art. 53 NT del PAT).
83
Sulla tavola dei Vincoli e della Pianificazione Territoriale del PAT si segnalano la presenza della
Fascia di rispetto stradale a nord-ovest dell’area e di una porzione di fascia di rispetto a Vincolo
Destinazione Forestale (LR 15/78) a sud-est, riferito dal PAT all’art. 7 delle NT.
Le opere da realizzarsi nell'ambito della aree sottoposte a vincolo idrogeologico e forestale, sono
subordinate all'autorizzazione preventiva di cui al R.D. 16.05.1926 n. 1126 e della legislazione
regionale in materia.
10. Risorse naturali ed ambientali, ambiti per l’istituzione di Parchi, individuati dal P.T.R.C.
Rif. Legislativo: P.T.R.C. vigente, NTA art. 19 e art. 27
Rif.: Tav. 1 – Carta dei vincoli e della Pianificazione Territoriale.
Nelle zona boscate, come definite dall’art. 14 della Legge regionale 13 settembre 1978, n. 52 e
successive modificazioni non sono consentiti interventi di nuova costruzione. La verifica della zona
boscata andrà effettuata al momento della realizzazione del progetto edilizio, ai sensi della legge
regionale in materia.
Fino ad allora sono ammessi esclusivamente gli interventi previsti dalla norme di tutela
idrogeologica e forestale e previa autorizzazione delle autorità competenti.
5.6. MATRICE ACQUA
Componente ambientale
Aspetti considerati
Caratteri idraulici e idrogeologici
Acqua
Idrografia superficiale
Qualità delle acque
84
5.6.1. INQUADRAMENTO IDRAULICO
Il sistema idrico e dunque formato principalmente dal Mincio e dal Tione, cui si accompagnano altri corsi
d’acqua minori, quali la Bisavola che scorre fra due cordoni intermorenici e confluisce nel Mincio sopra
Salionze; il Rio Dugale che nasce a sud di Lazise e segna il fondovalle ad ovest di Cola ed a est di Pacengo,
per dividersi in più rami presso il confine di Castelnuovo: il Dugale di Ronchi scorre a sud di Ronchi e
sfocia in lago, mentre il Dugale di Cavalcaselle, dividendosi in due rami, si ricongiunge al sottopasso della
ferrovia in entrata a Peschiera e da qui raggiunge il Mincio. Vi e poi il Tionello che si forma a Monte del
centro storico di Castelnuovo e, dirigendosi verso sud, va a concludere il suo corso nel Tione.
In particolare l’area e situata ad una distanza di circa 1500 m dal lago di Garda e ad una distanza di circa
500 m dal Fiume Mincio.
Inoltre in base ai dati forniti dal Consorzio di Bonifica Veronese, l’area e interessata dal passaggio dello
scolo irriguo denominato scolo Mandella e dal passaggio dei un canale intubato sempre ad uso irriguo,
identificato col n. 58. Lo scolo Mandella confluisce nel Canale Seriola che scorre parallelo al Fiume
Mincio.
Tale canale di uso irriguo e in stretta connessione con il Fiume Mincio per la ricarica idrica; le quote del
tirante idraulico dipendono dall’alimentazione del fiume stesso. Ne consegue che in condizioni di portate
elevate nel Fiume Mincio, il canale Seriola non riesce scaricare in esso; al contrario può essere impiegato
per ridurre le portate del Fiume Mincio, derivando una parte di portata da quest'ultimo.
Ciò comporta a ritroso che gli affluenti della Seriola come lo scolo Mandella si trovino nella impossibilita
di trovare sfogo alle sue eventuali portate critiche comportando a monte delle condizioni di deflusso
difficoltoso e di allagamento delle zone di basso morfologico come l’area oggetto di studio.
85
Il sistema idraulico del Fiume Mincio a valle dello sbarramento di Mozambano e in parte artificializzato e
viene suddiviso in tre derivazioni (per uso irriguo e industriale):
Canale Seriola (portate da 2 a 6 mc/s)
Canale Virgilio (portate da 23 a 40 mc/s)
Mincio (portate residue da 4 a 37 mc/s)
Le Concessioni di derivazione sono definite nel Piano regolatore delle acque del Mincio (1957).
La gestione del deflusso e affidata all'AIPO, in base alle richieste del Consorzio del Mincio.
5.6.2. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO
In merito all’idrogeologia dell’area, si rileva che i particolari caratteri geologico - geomorfologici della
zona morenica condizionano strettamente anche l'assetto idrogeologico del territorio. Nella zona
morenica del Garda e lungo la fascia costiera gli acquiferi sfruttati si trovano a profondità notevoli. Si
tratta di acquiferi di tipo confinato e semiconfinato, sviluppatisi in orizzonti granulari ed alternati a più
potenti depositi di materiale fine. Queste prerogative impediscono la formazione di falde freatiche o
artesiane ben definite, mentre si possono reperire anche a debole profondità corpi d’acqua sotterranei
di variabile entità la cui alimentazione dipende quasi esclusivamente dalle precipitazioni atmosferiche.
Viene di seguito riportato l’estratto della Tavola idrogeologica del PAT con localizzata l’area oggetto di
studio.
86
Si osserva che l’area ricade un una zona a vulnerabilità idrogeologica elevata e soggetta a potenziali
inondazioni.
5.6.3. QUALITÀ DELLE ACQUE
Il Piano di Tutela delle Acque, previsto dall’art. 44 del D.Lgs. 152/99 e successive modificazioni, è lo
strumento del quale le Regioni debbono dotarsi per il raggiungimento e il mantenimento degli
obiettivi di qualità ambientale e per specifica destinazione dei corpi idrici regionali. Il D.lgs. 152/99
e s.m.i. prevede di classificare lo stato ecologico e lo stato ambientale dei corsi d’acqua.
La classificazione dello stato ecologico, che viene espressa in classi dalla 1 alla 5, viene effettuata
incrociando il dato risultante dai macrodescrittori (azoto ammoniacale, azoto nitrico, fosforo
totale, percentuale di saturazione dell’ossigeno, BOD5, COD ed Escherichia coli) con il risultato
dell’I.B.E., attribuendo alla sezione in esame o al tratto da essa rappresentato il risultato peggiore
tra quelli derivati dalle valutazioni relative ad I.B.E. e macrodescrittori. Lo Stato Ambientale viene
calcolato confrontando i dati relativi allo stato ecologico con i dati relativi alle concentrazioni dei
principali microinquinanti chimici indicati in tabella 1 del D.Lgs. 152/99.
La VAS del PAT riporta le seguenti valutazioni: “Lo stato di qualità delle acque sotterranee può
essere influenzato sia dalla presenza di eventuali sostanze inquinanti, dovute principalmente
all’uomo, sia dai meccanismi idrochimici naturali che incidono sulla qualità delle acque profonde.
In particolare le falde maggiormente esposte all’inquinamento antropico si collocano nell’alta
pianura veronese, dove avviene la maggiore alimentazione delle acque sotterranee. Nel caso della
bassa pianura veronese si riscontrano frequentemente in falda valori elevati di ferro, manganese
ed ammoniaca, derivanti naturalmente da sottosuoli sovente di natura torbosa.
87
Una campagna di misure svolta da ARPAV nei primi mesi del 2006 su 200 pozzi della provincia di
Verona ha evidenziato come la principale causa di degrado della risorsa idrica sotterranea sia da
ricercare nella presenza di ioni nitrato in soluzione prodotti dalle attività zootecniche, dagli scarichi
civili e dalle pratiche agricole ed industriali. La concentrazione dei nitrati è massima nelle falde
superficiali e decresce scendendo verso livelli di falda sempre più bassi.
I territori di Peschiera e Castelnuovo non presentano particolari criticità per la qualità delle acque
sotterranee. Si riscontrano tuttavia elevate concentrazioni di ammoniaca nella parte settentrionale
ed occidentale dei due comuni, e di nitrati nella zona meridionale con valori vicini ai limiti di legge
pari a 50 mg/l per l'acqua ad uso potabile secondo il DL31/01.
I valori misurati in comune di Castelnuovo presso il pozzo di via Solferino confermano l'oscillazione
tra lo stato chimico ad “Impatto antropico nullo o trascurabile” e “Impatto antropico ridotto e
sostenibile” secondo il DL 152/99”.
Il fiume Mincio, affluente del Po e lungo complessivamente 73 km, costituisce l’unico emissario del
lago di Garda, e percorre 17 km nella provincia di Verona, a partire dal comune di Peschiera.
La portata idrica del fiume Mincio dipende fortemente dal livello del lago di Garda, il quale viene
regolato artificialmente tramite lo sbarramento di Salionze gestito dall’A.I.PO al confine con la
Lombardia, oltre che dalle centrali idroelettriche di monte e dalla laminazione prodotta dallo
specchio acqueo soprastante. In caso di forti apporti meteorici nel bacino del Sarca e conseguente
incremento del livello del lago oltre certe soglie di regolazione lo sbarramento viene parzialmente
aperto in modo da lasciar defluire,
88
anche per alcuni giorni consecutivi, una portata pari al massimo a 280 m3/s.
Il governo dello sbarramento e della conseguente portata del Mincio ottempera sia alle esigenze
della navigazione del Lago, sia alle richieste elettro-irrigue di valle e per tale motivo possono
essere rilasciate a Salionze nell’alveo del Mincio portate minime comprese da 5 a 10 m3/s.
Il sistema idrico superficiale comprende il bacino lacustre del Garda.
Il lago di Garda viene sottoposto ad un controllo qualitativo nella sponda veronese che consiste
nella sorveglianza di 4 stazioni: 2 rappresentative del bacino nord-occcidentale (Brenzone e Torri
del Benaco), e 2 di quello sud-orientale (Bardolino e Lazise). Con sonda multiparametrica sono
analizzati numerosi parametri, fra cui ossigeno disciolto, pH, temperatura, azoto nitrico e nitroso,
fosforo, conducibilità, e parametri atti ad evidenziare la presenza di elementi algali
potenzialmente tossici.
Per rendere un quadro completo dei risultati dei rilevamenti effettuati ARPAV ha elaborato un
indice, chiamato indice di eventi sfavorevoli (IES), Tale indice viene calcolato come somma dei
punteggi ottenuti per ciascun parametro per ogni punto di campionamento, per ogni parametro
determinato. Più è elevato l’IES più sarà scuro il colore con il quale viene rappresentato.
Dalle mappe tematiche dell’indice di eventi sfavorevoli (IES) si può notare che i problemi si hanno
soprattutto nella zona del basso lago, nel tratto di costa compreso tra Peschiera, Castelnuovo del
Garda e Lazise.
Stato di qualità della costa secondo IES
5.7. MATRICE VIABILITA’
Componente ambientale
Aspetti considerati
Viabilità
Sistema della viabilità
89
L’area confina a sud-ovest con la S.R. n°11 Padana Superiore, che, mentre nel suo tracciato
originale seguiva la costa e penetrava nei centri abitati che vi sorgono, oggi risulta spostata più a
sud nel tratto parallelo al lago di Garda, grazie anche alla variante di recente terminata che
consente il bypassaggio di Peschiera e Cavalcaselle, e si ricollega al tracciato originale ad est di
Cavalcaselle, in corrispondenza del nodo di intersezione con la S.R. n°450, da cui prosegue verso
Verona attraversando l’abitato di Castelnuovo.
A sud della SR11 scorre il tratto autostradale Brescia – Padova, facente parte dell’autostrada A4 Torino
Trieste (E70 nella denominazione comunitaria), che mantiene un tracciato rettilineo nella fascia sud
dei due Comuni di Peschiera e Castelnuovo e si interfaccia al resto della viabilità attraverso il casello di
Peschiera, posto tra quelli di Sirmione ad ovest e di Sommacampagna ad est. L’area, al momento
interclusa, è pertanto servita in entrata e in uscita dalle due rotonde lungo la SR 11.
A seguito dello studio di compatibilità idraulica effettuata dal Geologo Dott. Mastella, si ritiene
indispensabile che venga posta attenzione a tutto il sistema idraulico dell’area che a nostro avviso
appare con diverse criticità gestionali e operative come e stato descritto nei paragrafi precedenti;
si citano di seguito le cause maggiormente critiche che sono state appurate dalle informazioni
reperite in loco e dalla bibliografia esistente:
· effetto diga dell’argine del Fiume Mincio per lo scarico dello Scolo Mandella nella Seriola/Fiume Mincio
· rotonda tangenziale senza un evidente bacino di invaso
· scoli dalle sedi stradali e provinciali limitrofe
· aree commerciali e produttive limitrofe senza un evidente bacino di invaso
· scoli dalle aree agricole e residenziali circostanti
5.8. MATRICE INQUINANTI FISICI
Componente ambientale
Aspetti considerati
Inquinamento acustico
Inquinanti fisici
Inquinamento luminoso
Raccolta dei rifiuti
90
5.8.1. INQUINAMENTO ACUSTICO
A livello comunale, così come previsto dall’art 6 comma 1, lettera a, della Legge 26 ottobre 1995
n°447 - “Legge quadro sull’inquinamento acustico”, è stato adottato il Piano di Classificazione
Acustica del territorio del Comune di Peschiera del Garda.
Una vasta parte del territorio è ad uso agricolo con scarsa presenza di sorgenti di rumore, le fasce
maggiormente impattate sono quelle a ridosso delle importanti vie di comunicazione e di alcune
sorgenti produttive fisse, l’impatto acustico proveniente dalla linea ferroviari è di certo minore
rispetto a quello derivante dal carico autoveicolare.
5.8.2. INQUINAMENTO LUMINOSO
Nel territorio non sono state individuate zone di maggior tutela definite dalla Regione Veneto per
la protezione di osservatori astronomici esistenti (pubblici o privati). Peschiera del Garda infatti
non compare nell’Elenco dei Comuni con territorio inserito nelle fasce di rispetto ai sensi della
legge regionale 27 giugno 1997, n° 22.
E' rappresentato il rapporto tra la luminosità artificiale del cielo e quella naturale media allo zenit
(rapporto dei rispettivi valori di luminanza, espressa come flusso luminoso (in candele) per unità di
angolo solido di cielo per unità di area di rivelatore.
91
Legenda:
Aumento della luminanza totale superiore al 900%
Aumento della luminanza totale tra il 300% e 900%
Aumento della luminanza totale tra il 100% e 300%
Aumento della luminanza totale tra il 33% e 100%
Si richiama il seguente allegato, dalla legge regionale 27 giugno 1997, n° 22:
ALLEGATO C - Criteri tecnici perla progettazione, realizzazione e gestione di impianti di
illuminazione esterna (previsto dall'articolo 11)
1. Impiegare preferibilmente sorgenti luminose a vapori di sodio ad alta pressione.
2. Per le strade con traffico motorizzato, selezionare ogniqualvolta ciò sia possibile i livelli minimi di
luminanza ed illuminamento consentiti dalle normative UNI 10439.
3. Evitare per i nuovi impianti l'adozione di sistemi di illuminazione a diffusione libera o diffondenti
o che comunque emettano un flusso luminoso nell'emisfero superiore eccedente il tre per cento del
flusso totale emesso dalla sorgente.
4. Limitare l'uso di proiettori ai casi di reale necessità, in ogni caso mantenendo l'orientazione del
fascio verso il basso, non oltre i sessanta gradi dalla verticale.
5. Adottare sistemi automatici di controllo e riduzione del flusso luminoso, fino al cinquanta per
cento del totale, dopo le ore ventidue, e adottare lo spegnimento programmato integrale degli
impianti ogniqualvolta ciò sia possibile, tenuto conto delle esigenze di sicurezza.
92
6. GLI EFFETTI SULL’AMBIENTE, LA SALUTE UMANA E IL PATRIMONIO
CULTURALE IN RIFERIMENTO ALLA VARIANTE
6. LA MATRICE AMBIENTALE DECLINATA NELL’AMBITO DI VARIANTE
6.1 CARATTERISTICHE DEGLI EVENTUALI IMPATTI
Le sensibilità e le criticità circa lo stato delle diverse componenti ambientali nel territorio interessato
dall’intervento sono descritte di seguito.
Per Peschiera del Garda le criticità in tema di qualità dell’aria sono riconducibili prevalentemente agli impatti
generati dalla mobilità veicolare, che aumenta in modo consistente nei mesi estivi prettamente turistici.
Permangono infatti elementi di criticità legati al traffico veicolare:
Peschiera del Garda appartiene alla fascia compresa tra 3,9 -7,8 t/a*kmq di emissioni di NOx.
Peschiera del Garda appartiene alla fascia compresa tra 0,3 e 1,2 t/a*kmq di emissioni di PM10.
L’opera in oggetto causerà un trascurabile incremento delle emissioni annuali complessive di CO, NOX ,
PM10 e PM2.5 rispetto alle emissioni regionali, provinciali e comunali.
In riferimento al traffico, l’incremento di flusso veicolare è assorbito dalla viabilità di progetto che si va a
scaricare esternamente al lotto.
6.1.1. EMISSIONI IN ATMOSFERA: RUMORE
Dal punto di vista acustico per la costruzione dello scenario di riferimento dello stato attuale, non si
ritiene necessario un particolare studio del clima acustico, in quanto l’ambito di progetto si trova
all’interno di un tessuto già urbanizzato, a ridosso di viabilità di scorrimento di rango extraurbano
(autostrada e strada regionale 11).
In fase di cantiere verranno prese tutte le misure necessarie per mantenere un clima acustico
rispondente alle specifiche richieste dal Piano di Classificazione Acustica , adottato con Deliberazione n.
53/2001 del 23/10/2001, così come previsto dall’art 6 comma 1, lettera a, della Legge 26 ottobre 1995
n°447 - “Legge quadro sull’inquinamento acustico”.
RUMORE: VALUTAZIONE SULLE POSSIBILI PERTURBAZIONI
Si è concluso pertanto che l’intervento in oggetto risulta compatibile con i livelli di rumore imposti dalla
normativa vigente; i livelli di qualità ambientale non risultano compromessi né dall’ambito del lotto, né
dal traffico indotto.
6.1.2. EMISSIONI IN ATMOSFERA: INQUINANTI FISICI NELLE FASI DI CANTIERE E DI ESERCIZIO
INQUINANTI FISICI: VALUTAZIONE SULLE POSSIBILI PERTURBAZIONI
A) Perturbazioni in fase di cantiere:
93
1) sollevamento e dispersione di polveri:
-deposizione al suolo di parti di carico di materiali incoerenti trasportati dai mezzi pesanti e la loro
dispersione nell'aria per un certo tempo;
- la dispersione e deposizione al suolo di polveri in fase di lavorazione;
- il risollevamento di polveri a causa di presenza di vento naturale e di quello creato dal passaggio di
mezzi meccanici.
Le azioni a maggior incidenza del fenomeno sono gli scavi, gli sbancamenti, l’esercizio degli impianti di
betonaggio, la movimentazione dei materiali sulla viabilità di cantiere e ordinaria.
Accorgimenti in fase di lavorazione:
- bagnatura delle aree di cantiere e dei depositi di materiali a possibile rilascio di polveri
- limitazione delle lavorazioni a maggior dispersione di polveri (scavi e rinterri) evitando, per quanto
possibile, i periodi a ventosità molto elevata.
- utilizzo della viabilità di progetto per movimentazione mezzi.
Con tali accorgimenti si limita la deposizione di polveri sulla vegetazione e sugli insediamenti più vicini.
2) emissioni di gas di scarico e vapori prodotti dai mezzi di trasporto, dalle macchine operatrici e dalle
attrezzature di cantiere.
Le emissioni provenienti dagli scarichi dei mezzi sopra indicati sono primariamente: PM, NOX, monossido
di carbonio (CO), composti organici volatili (VOCs) e biossido di zolfo (SO2). Queste emissioni avranno
comunque un effetto trascurabile sulla qualità dell'aria nell'area considerata, in quanto si tratta di effetti
temporanei ed a reversibilità alta (in quanto al termine dell'azione di progetto cessa l'impatto).
Non vi sono elementi di criticità nello stato attuale dell’atmosfera nell’intorno e nel sito.
Dato il carattere saltuario di tali effetti, le perturbazioni sono valutabili di lieve entità.
B) Perturbazioni in fase di esercizio:
Il Progetto adotta comunque norme che contribuiscono alla riduzione dell’inquinamento atmosferico:
- In sede esecutiva verranno previste Tecniche di risparmio energetico (la riduzione delle emissioni
è data da misure che sono in grado di ridurre i consumi energetici mantenendo lo stesso output
del sistema); Tecniche di produzione di energia da fonte rinnovabile (in questo caso la riduzione
di anidride carbonica si ottiene tramite la produzione dello stesso quantitativo di energia ma da
fonti rinnovabili, cioè fonti a emissioni nulle o non significative) e Tecniche di cattura di CO2 (la
riduzione di emissioni non è dovuta alla mancata produzione di energia o alla produzione da fonti
non inquinanti, ma all’utilizzo di tecniche che fungono da pozzi di assorbimento per l’anidride
carbonica attraverso piantumazioni di alberi e siepi).
- Le Emissioni da impianti termici e di refrigerazione comporteranno l’uso di sistemi di
riscaldamento e raffreddamento di ultima generazione porterà alla mitigazione e riduzione di
possibili situazioni di criticità.
94
6.1.3. CLIMA
Il clima della provincia veronese, pur rientrando nella tipologia mediterranea, presenta proprie
peculiarità dovute principalmente al fatto di trovarsi in una posizione climatologicamente di transizione.
Subisce, infatti, varie influenze quali l’effetto orografico della catena alpina e la continentalità dell’area
centro-europea che distinguono:
• le caratteristiche termiche e pluviometriche della regione alpina con clima montano;
• il carattere continentale della pianura veneta, con inverni rigidi; in quest’ultima regione climatica si
differenzia una subregione a clima più mite: quella lacustre nei pressi del lago di Garda, ove è presente
un clima submediterraneo.
Le condizioni climatiche da valutare in sede di analisi riguardano la piovosità e il tipo di compensazioni da
prevedere per l’area oggetto di variante. Viene prodotta per la variante una specifica Valutazione di
Compatibilità Idraulica.
CLIMA: VALUTAZIONE SULLE POSSIBILI PERTURBAZIONI
Vanno valutati i fattori di piovosità, in relazione all’area che come conformazione fisica risulta
confinare con zone in rilavato (sia aree che strade), pertanto si ritrova in posizione “depressa”
rispetto alla quota del piano di campagna.
L’intervento permetterà di riportare a quota stradale l’area dove possibile e verranno seguite le
indicazioni della Compatibilità idraulica sia del PATI che della Variante al PI, in conformità a quanto
disposto dalle Autorità competenti.
6.1.4. SUOLO E SOTTOSUOLO
Da un punto di vista strettamente geologico tecnico, a meno della necessità di attestare le strutture di
fondazione entro il terreno naturale dalle omogenee caratteristiche geotecniche, non sussistono
elementi ostativi all’intervento di trasformazione proposto dalla variante.
In fase progettuale sarà necessario eseguire degli approfondimenti geologici e geotecnici volti a definire il
corretto dimensionamento delle nuove strutture fondali e a quantificare il volume degli sterri/riporti e la
destinazione / provenienza delle terre e rocce da scavo. Per quanto riguarda quest’ultimo punto, la
gestione delle terre e rocce da scavo, sia in entrata che n uscita, dovrà essere conforme alle modalità
previste dell'art. 41bis, comma 1, della legge n. 98/2013 e smi.
Per quello che riguarda le impermeabilizzazioni del suolo, nelle more dell’approvazione del P.I., in tutto il
territorio comunale si applicano le seguenti norme di salvaguardia dal rischio idrogeologico:
a) Le superfici pavimentate diverse dai piazzali pertinenziali degli insediamenti produttivi prive di
costruzioni sottostanti dovranno essere realizzate con pavimentazioni che permettano il drenaggio
dell'acqua e l'inerbimento.
b) Le superfici pavimentate sovrastanti costruzioni interrate e piazzali pertinenziali ad insediamenti
produttivi, dovranno essere provviste di canalizzazioni ed opere di drenaggio che provvedano a restituire
95
le acque meteoriche alla falda o, se tecnicamente impossibile, dotate di vasche di raccolta con rilascio
lento delle acque nelle fognature comunali o negli scoli, al fine di ritardarne la velocità di deflusso.
c) Le precedenti prescrizioni non si applicano alle superfici pavimentate ove si raccolgano acque
meteoriche di dilavamento o di prima pioggia disciplinate dall'art. 39 del D. Leg.vo 152/2006, per le quali
si applicheranno le speciali disposizioni regionali e comunali di attuazione.
Si rileva inoltre che l’area ricade in una zona ribassata rispetto all’intorno, dove la strada si trova in
posizione maggiormente elevata.
L’area funziona da bacino di invaso naturale dell’acqua che cade sulle aree (naturali e produttive)
e sulle strade circostanti posizionate a quote più elevate.
Inoltre probabilmente riceve l’acqua anche da aree agricole a sud est, in quanto si e verificato la
presenza di tubazioni di scarico sulla scarpata di confine.
SUOLO E SOTTOSUOLO: VALUTAZIONE POSSIBILI PERTURBAZIONI
Uso del suolo
A) Perturbazioni in fase di cantiere:
Si prevede una sostanziale modifica dell’uso del suolo, con diminuzione dell’area boscata e al momento
incolta.
Tale modifica sostanziale dell’uso del suolo è coerente con la pianificazione territoriale comunale e
di livello sovraordinato, in conformità a quanto previsto dagli Enti preposti.
Nel complesso la perturbazione è da considerare di media entità, in quanto irreversibile e diffusa,
ma a bassa vulnerabilità.
B) Perturbazioni in fase di esercizio:
La configurazione definitiva degli spazi dell’insediamento permette di migliorare l’uso del suolo,
sotto il profilo ambientale, con recupero a spazi verdi di aree prima occupate dal cantiere.
Inoltre si prevede l’evoluzione dei consistenti spazi aperti verso associazioni vegetali a maggior
complessità.
Nel complesso la perturbazione è da considerare trascurabile nell’arco temporale di esercizio del sito.
Sottosuolo
In linea generale vanno confermate le considerazioni già svolte analizzando la componente suolo.
La scelta progettuale di evitare l’edificazione in aree, che pur essendo idonee, risultavano penalizzate
sotto il profilo geologico e geotecnica, contribuisce a limitare in modo rilevante gli impatti prevedibili.
96
A) Perturbazioni in fase di cantiere:
Sulla superficie occupata dal cantiere si procederà allo scotico superficiale, agli scavi e sbancamenti.
Gli sbancamenti riguardano aree di modesta entità, soprattutto in corrispondenza dei tracciati
stradali. Il movimento terra è previsto in modo da compensare sterri e riporti, utilizzando il materiale di
scavo per sottofondi e rimodellamenti ambientali.
In corrispondenza delle aree maggiormente interessate da scavi si prevede una temporanea alterazione
delle proprietà geotecniche e geomeccaniche dei litotipi, che sarà superata mediante la sistemazione dei
del terreno.
Le lavorazioni saranno distribuite in un arco temporale ampio : questo permette di diminuire fortemente
la durata degli effetti temporanei e dare sistemazione definitiva alle superficie interessate da ciascuno
stralcio funzionale.
In questo modo le inevitabili e temporanee alterazioni assumono minor rilevanza e permettono, con
la contestuale sistemazione a verde di tutte le aree di pertinenza, di ripristinare rapidamente uno
stato del suolo adeguato.
Le perturbazioni prevedibili risultano quindi localizzate alle opere più impegnative e reversibili, a
sistemazione dei luoghi completata. Tenuto conto anche della limitata vulnerabilità dei siti interessati, le
alterazioni generate dal cantiere sono da considerare di entità da lieve a media.
B) Perturbazioni in fase di esercizio:
La sistemazione delle opere stradali e le sistemazioni a verde delle aree pertinenziali limitano in modo
rilevante i fenomeni di possibile dissesto in fase di esercizio.
Pertanto non si prevedono perturbazioni.
La sistemazione definitiva delle aree determina un assestamento delle alterazioni indotte dal cantiere,
mediante la sistemazione a verde.
In fase di esercizio le azioni impattanti sul suolo sono da ascrivere alla possibile dispersione di inquinanti
o rifiuti nel suolo: la presenza di adeguate infrastrutture e sistemi gestionali (raccolta differenziata dei
rifiuti) permette di limitare al minimo la frequenza di tali eventi. Gli effetti prevedibili risultano nel
complesso trascurabili.
Il lotto sarà allacciati alla pubblica fognatura esistente e quindi per lo smaltimento delle acque nere non è
previsto nessun tipo di impatto sul terreno.
In fase progettuale sarà necessario eseguire degli approfondimenti geologici e geotecnici volti a definire il
corretto dimensionamento delle nuove strutture fondali e a quantificare il volume degli sterri/riporti e la
destinazione / provenienza delle terre e rocce da scavo. Per quanto riguarda quest’ultimo punto, la
gestione delle terre e rocce da scavo, sia in entrata che n uscita, dovrà essere conforme alle modalità
previste dalla DGR 2424/2008.
Non si stima sia presente un impatto sulle acque superficiali.
97
L’area ricade in una zona ribassata rispetto all’intorno, dove la strada si trova in posizione maggiormente
elevata.
L’area funziona da bacino di invaso naturale dell’acqua che cade sulle aree (naturali e produttive) e sulle
strade circostanti posizionate a quote più elevate.
Inoltre probabilmente riceve l’acqua anche da aree agricole a sud est, in quanto si e verificato la presenza
di tubazioni di scarico sulla scarpata di confine.
6.1.5. PAESAGGIO
La ricognizione dei beni paesaggistici individuati dalla strumentazione urbanistica ed i rilievi condotti
hanno permesso di verificare che nel sito di progetto non vi sono beni storico – culturali.
L’area oggetto dell’intervento è interessata dalla presenza di un corridoio secondario. Tale elemento
ecorelazionale, attualmente deficitario dal punto di vista vegetazionale,
PAESAGGIO: VALUTAZIONE POSSIBILI PERTURBAZIONI
A) Perturbazioni in fase di cantiere:
L’interferenza sotto il profilo paesaggistico risulta di limitata entità, in quanto la realizzazione del
progetto manterrà comunque la connessione della rete ecologica indicata dagli strumenti
sovraordinati, in quanto il progetto non comprende ambiti di valore storico-culturale, e si pone a
completamento di ambiti già urbanizzati, in coerenza con quanto previsto dagli obiettivi della
strumentazione urbanistica sovraordinata.
B) Perturbazioni in fase di esercizio:
Si conferma quanto descritto per la fase di cantiere: pertanto non si ravvisano interferenze
negative.
6.1.6. INTERFERENZE CON SITI DELLA RETE NATURA 2000
Sono stati considerati i Siti di Importanza Comunitaria e le Zone di Protezione Speciale presenti
nella porzione ovest della Provincia di Verona.
Di seguito si riportano le distanze in metri lineari dai punti più prossimi di ciascun sito Natura
2000.
SIC/ZPS IT3210018 – Basso Garda: dista circa 1530 m in direzione nord-ovest
SIC/ZPS IT3210003 - Laghetto del Frassino: dista circa 2950 m in direzione ovest
RETE NATURA 2000: VALUTAZIONE SULLE POSSIBILI PERTURBAZIONI
Viene prodotta una Screening di Incidenza Ambientale.
98
Le conclusioni a cui giunge l’analisi portano ad escludere che l’intervento di realizzazione della
variante comporti effetti negativi significativi nei riguardi degli habitat, degli habitat di specie e
delle specie individuate nel formulario standard, nonché a seguito dell’esame delle caratteristiche
ambientali dell’area indagata, anche mediante sopralluoghi diretti.
In particolare il progetto non comporta riduzioni di superficie di habitat Natura 2000.
6.1.7. ECOSISTEMI
ECOSISTEMI: VALUTAZIONE POSSIBILI PERTURBAZIONI
A) Perturbazioni in fase di cantiere:
Gli effetti da considerare sono:
- la modifica dell’uso del suolo
- la modifica dell’assetto vegetale
- la frammentazione del mosaico ambientale
Queste complesse variazioni determinano, nel periodo di esecuzione dei lavori, una temporanea
alterazione dei flussi di materia ed energia tra le differenti componenti dell’ecosistema.
Va osservato che le modifiche non riguardano ecosistemi di pregio, in quanto le aree al momento
mostrano una vegetazione in parte spontanea (incolto), in parte a bosco.
B) Perturbazioni in fase di esercizio:
Nel complesso gli effetti sono trascurabili o lievi
6.1.8. ACQUA
ACQUA: VALUTAZIONE POSSIBILI PERTURBAZIONI
A) Perturbazioni in fase di cantiere:
La presenza di aree prive di vegetazione in misura significativa, per la durata dei singoli cantieri,
genera una inevitabile parziale alterazione dell’assorbimento delle acque meteoriche.
La riduzione dell’estensione del cantiere, mediante suddivisione dei lavori in vari stralci funzionali,
permette di limitare i fenomeni di run off. Anche la tempestiva sistemazione dei nuovi spazi
impermeabilizzati con le opere di regimazione idraulica concorre a contenere tali fenomeni.
Lo studio di compatibilità idraulica valuterà la coerenza del progetto con le norme di tutela del
sistema idraulico e idrografico.
La presenza nel cantiere di sostanze inquinanti determina il rischio di sversamento accidentale di
queste sostanze nelle aree di cantiere.
Il Piano di sicurezza del cantiere prevede tutti gli accorgimenti e le buone prassi, in grado di
limitare al minimo tali eventi.
99
Dato il carattere saltuario di tali effetti, le perturbazioni sono valutabili di lieve entità.
B) Perturbazioni in fase di esercizio:
A lavori ultimati la superficie non permeabile si riduce, rispetto alla fase di cantiere.
Inoltre la compiuta realizzazione delle reti (acque bianche e meteoriche) e la sistemazione a verde
delle aree di pertinenza degli edifici e la realizzazione di ampie parti a sistemazione a verde e a
parcheggio pavimentato con materiali adatti a evitare l’impermeabilizzazione del suolo,
contribuisce a migliorare l’assetto dell’ambito di progetto.
Lo studio di compatibilità idraulica attesta la rispondenza del progetto alla trasformazione edilizia,
senza interferenze significative sotto il profilo idrologico e idraulico.
La regimazione delle opere e le sistemazioni a verde delle aree pertinenziali agli edifici limita in
modo rilevante i fenomeni di possibile alterazione della circolazione profonda delle acque. Altro
fattore da considerare è la derivazione dai pozzi in progetto, per approvvigionamento idrico a fini
non potabili: lo studio geologico condotto nel SIA esclude con ragionevole certezza il verificarsi di
perturbazioni a carico delle acque profonde.
Non si ravvisano quindi perturbazioni particolari.
6.1.9. RISORSE ENERGETICHE E IMPIANTI TECNOLOGICI
Il consumo di energia è riconducibile alla consistenza dei lavori ed alla configurazione dell’area
commerciale. In generale il progetto è orientato ad integrare la finalità dell’efficienza energetica e
del risparmio energetico in tutte le sue fasi, compreso l’adeguamento funzionale a fine durata
economica dell’investimento.
Notevole attenzione verrà posta all’ utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. Il consumo di energia
genera effetti di tipo indiretto, in quanto le perturbazioni prevedibili sono a carico di siti esterni a
quello di progetto.
RISORSE ENERGETICHE: VALUTAZIONE POSSIBILI PERTURBAZIONI
Per le acque reflue sono previste reti separate (acque bianche e nere).
Il sistema fognario esistente sembra dimensionato correttamente per supportare l’immissione dei
reflui provenienti dal nuovo edificio in progetto.
Se richiesta dalla verifica di compatibilità idraulica saranno realizzate idonee soluzioni tecnologiche
finalizzate al recupero delle acque.
A) Perturbazioni in fase di cantiere:
Si prevede un incremento temporaneo del consumo di energia, in ragione dei lavori da eseguire.
La suddivisione in stralci funzionali limita i carichi di punta. Le lavorazioni a maggiore intensità
energetica sono gli scavi, gli sbancamenti, la costruzione degli edifici, il movimento mezzi.
100
Trattandosi di effetti transitori, senza bersagli specifici all’interno del sito, le perturbazioni previste
sono da considerare lievi.
B) Perturbazioni in fase di esercizio:
La gestione dell’insediamento comporta un significativo incremento del consumo di energia,
riconducibile a:
- energia elettrica
- combustibili per riscaldamento edifici (periodo invernale) e condizionamento (estivo).
- incremento flusso veicolare
Tali effetti saranno attenuati dalla scelta di inserire dispositivi volti al risparmio energetico .
Nel complesso si identificano effetti di lieve entità.
6.1.10. RISORSE IDRICHE
La rete di distribuzione dell’acqua potabile, come quella dell’antincendio, si sviluppa lungo la
viabilità esistente e sarà collegata e gestita dall’Ente Gestore, verificata la compatibilità dei
massimi consumi ipotizzabili con la potenzialità del servizio esistente.
RISORSE IDRICHE: VALUTAZIONE POSSIBILI PERTURBAZIONI
Questa componente ambientale è riferita al consumo di acqua, da considerare con attenzione
soprattutto nella fase di esercizio, sia per uso sanitario che per uso antincendio.
A) Perturbazioni in fase di cantiere:
Il consumo idrico nel cantiere è limitato al fabbisogno per getti, fondazioni, etc…. Data la durata dei
lavori, transitoria e la ripartizione degli stessi in più stralci funzionali, il fabbisogno idrico è irrilevante,
rispetto alla potenzialità degli acquiferi presenti.
B) Perturbazioni in fase di esercizio:
In questa fase della vita del progetto il consumo è più rilevante, in ragione della durata – permanente –
degli effetti.
I consumi più significativi sono riconducibili alla struttura commerciale, ma il consumo di acqua risulta
comunque limitato in relazione al tipo di attività insediabile, che non comporta lavorazioni, ma è rivolta
alla vendita e all’immagazzinaggio delle merci.
Il progetto si pone in modo sostanziale l’obiettivo di limitare i consumi idrici, mediante le seguenti
scelte strategiche:
1. favorire il recupero ed il riciclo dell’acqua dove possibile
2. suddivide l’adduzione idrica nella rete l’uso potabile e in una seconda rete per gli altri impieghi
3. prevalenza di sistemazione a verde aridofile, a basso fabbisogno irriguo
101
Le perturbazioni sono da considerare lievi
6.1.11. ILLUMINAZIONE E INQUINAMENTO LUMINOSO
L’inquinamento luminoso è l’irradiazione di luce artificiale - lampioni stradali, i fari, i globi, le insegne, ecc.
- rivolta direttamente o indirettamente verso la volta celeste.
Gli effetti più significativi prodotti da tale fenomeno sono un aumento della brillanza del cielo notturno e
l’allungamento del fotoperiodo negli ambienti aperti.
Il progetto è orientato a criteri progettuali illuminotecnici atti a limitare l’inquinamento luminoso.
L’unica fonte di possibile inquinamento luminoso sarà l’illuminazione pubblica ma sarà realizzata
conformemente alla normativa vigente per il contenimento di tale forma di inquinamento.
La Regione Veneto ha pubblicato sul BUR n. 85 del 11/08/2009 la Legge del 07 agosto 2009
relativa a “Nuove norme per il contenimento dell’inquinamento luminoso, il risparmio energetico
nell’illuminazione per esterni e per la tutela dell’ambiente e dell’attività svolta dagli osservatori
astronomici”. Secondo quanto disposto dalla suddetta Legge, ciascun comune deve, entro tre anni,
redigere il Piano dell’illuminazione per il contenimento luminoso (PICIL).
ILLUMINAZIONE: VALUTAZIONE POSSIBILI PERTURBAZIONI
A) Perturbazioni in fase di cantiere:
Trascurabili, in quanto il cantiere opera con orario diurno.
B) Perturbazioni in fase di esercizio:
Si prevede una leggera interferenza, data la necessità di illuminare gli spazi pubblici all’interno
dell’area, ma verranno utilizzate opportune forme di illuminazione ai sensi della normativa vigente.
6.1.12. PRODUZIONE RIFIUTI
Le attività previste, sia in fase di cantiere, che di esercizio, comportano la produzione di rifiuti di
varia tipologia.
Il progetto implementa gli indirizzi e le modalità di gestione dei rifiuti, previste dalla vigente normativa in
materia di cantieri, di raccolta dei R.S.U. e dei rifiuti speciali.
Dal punto di vista della produzione, gli interventi previsti conducono ad un incremento dei rifiuti
urbani, ma considerando che trattasi di esercizio commerciale, essi producono sul posto una
piccola quantità di rifiuti sia per la tipologia di merce trattata, sia perché non hanno lavorazioni sul
posto, sia perché una quota parte del potenziale rifiuto viene trasferita al consumatore finale,
pertanto si ritiene che l’effetto abbia impatto non significativo.
Circa la tipologia di rifiuti prodotti, possiamo prevedere che verranno prodotti all’interno del
centro le seguenti tipologie di rifiuti:
102
Rifiuti solidi urbani indifferenziati: sono i rifiuti provenienti da rotture imballaggi primari,
pulizie locali.
Carta e cartone: sono rappresentati da imballaggi di merce che arriva all’esercizio
commerciale e dai fogli prodotti nella parte direzionale che rappresentano la quota di
rifiuti maggiormente incisiva;
Plastica: in prevalenza rappresentata dagli imballaggi delle merci su pallet.
RIFIUTI: VALUTAZIONE SULLE POSSIBILI PERTURBAZIONI
A) Perturbazioni in fase di cantiere:
La completa delimitazione del cantiere e la definizione di aree di deposito e stoccaggio materiali e
rifiuti permette di rendere efficace ed efficiente la gestione dei rifiuti.
Non si ravvisano particolari criticità, a parte il rischio di sversamenti o perdite di carichi accidentali,
che rientrano nelle previsioni dei Piani di sicurezza dei cantieri.
Le interferenze, riconducibili alla normale gestione dei rifiuti, sono di lieve o media entità.
Particolare attenzione dovrà essere prestata agli accorgimenti atti a ridurre il rischio di dispersione
di sostanze polverulente o liquide.
B) Perturbazioni in fase di esercizio:
La produzione di rifiuti, essenzialmente R.S.U., è rapportata alle presenze annue e alla tipologia
dell’insediamento commerciale. Il progetto prevede la raccolta differenziata dei R.S.U.
I sistemi per la raccolta dei rifiuti dovranno essere improntati alla massima differenziazione, onde
limitare il carico sul sistema di raccolta locale.
Perturbazione lieve/non significativa.
103
7. SINTESI DEI POSSIBILI EFFETTI
Componente
Possibili impatti
analizzati
Descrizione e risultati delle analisi degli impatti con
riferimenti alle mitigazioni/compensazioni da inserire in fase
di progetto
Per Peschiera del Garda le criticità in tema di
qualità
dell’aria
sono
riconducibili
prevalentemente agli impatti generati dalla
mobilità veicolare, che aumenta in modo
consistente nei mesi estivi prettamente
turistici.
L’intervento si colloca comunque in un’area
in una posizione geografica già urbanizzata.
Rumore: Dal punto di vista acustico per la
costruzione dello scenario di riferimento dello
stato attuale, non si ritiene necessario un
particolare studio del clima acustico, in quanto
l’ambito di progetto si trova all’interno di un
tessuto già urbanizzato, a ridosso di viabilità di
scorrimento di rango extraurbano (autostrada e
strada regionale 11).
In fase di cantiere verranno prese tutte le misure
necessarie per mantenere un clima acustico
rispondente alle specifiche richieste dal Piano di
Classificazione Acustica, adottato
con
Deliberazione n. 53/2001 del 23/10/2001, così
come previsto dall’art 6 comma 1, lettera a,
della Legge 26 ottobre 1995 n°447 - “Legge
quadro sull’inquinamento acustico”.
Aumento
dell’inquinamen
to atmosferico
Aria Atmosfera
Qualità dell’aria
Emissioni in
atmosfera:
traffico,
riscaldamento,
rumore
Per quanto riguarda le emissioni in atmosfera
in fase d cantiere, esse riguardano:
1) sollevamento e dispersione di polveri
2) emissioni di gas di scarico e vapori prodotti
dai mezzi di trasporto, dalle macchine
operatrici e dalle attrezzature di cantiere.
Tali possibili impatti andranno mitigati con
opportuni accorgimenti/soluzioni in fase di
104
lavorazione:
- bagnatura delle aree di cantiere e dei depositi
di materiali a possibile rilascio di polveri
- limitazione delle lavorazioni a maggior
dispersione di polveri (scavi e rinterri) evitando,
per quanto possibile, i periodi a ventosità molto
elevata.
- utilizzo della viabilità di progetto per
movimentazione mezzi.
Con tali accorgimenti si limita la deposizione di
polveri sulla vegetazione e sugli insediamenti più
vicini.
Le Emissioni da impianti termici e di
refrigerazione comporteranno l’uso di sistemi di
riscaldamento e raffreddamento di ultima
generazione porterà alla mitigazione e riduzione
di possibili situazioni di criticità.
Clima
Vanno valutati i fattori di piovosità, in
relazione all’area che come conformazione
fisica risulta confinare con zone in rilavato
(sia aree che strade), pertanto si ritrova in
posizione “depressa” rispetto alla quota del
piano di campagna.
L’intervento permetterà di riportare a quota
stradale l’area nei punti dove è possibile e
verranno seguite le indicazioni della
Compatibilità idraulica sia del PATI che della
Variante al PI, in conformità a quanto
disposto dalle Autorità competenti.
Si rilava pertanto una criticità che è possibile
risolvere a livello progettuale, in riferimento a
quanto già espresso relativamente alla
matrice acqua.
Condizioni
climatiche locali piovosità
105
Acqua
sotterranee e
sottosuolo
Il lotto sarà allacciato alla pubblica fognatura
esistente e quindi per lo smaltimento delle
acque nere non è previsto nessun tipo di
impatto sul terreno.
In fase progettuale sarà necessario eseguire
degli approfondimenti geologici e geotecnici
volti a definire il corretto dimensionamento
delle nuove strutture fondali e a quantificare
il volume degli sterri/riporti e la destinazione
/ provenienza delle terre e rocce da scavo.
Per quanto riguarda quest’ultimo punto, la
gestione delle terre e rocce da scavo, sia in
entrata che n uscita, dovrà essere conforme
alle modalità previste dalla DGR 2424/2008.
L’area più critica che risentirà dell’intervento
di
progetto
con
conseguente
impermeabilizzazione del suolo a cui
conseguirà un maggiore apporto idrico nello
scolo Mandella e la località Paradiso, posta a
valle dell’area in studio.
Tale area individuata dalle cartografie come
area esondabile, già descritta nei paragrafi
precedenti, e stata confermata dialogando
con degli abitanti del luogo che confermano
la criticità del territorio che periodicamente
viene allagata diverse volte durante l’anno, in
corrispondenza di intense precipitazioni, in
concomitanza con un alto tirante idraulico dei
corsi d’acqua scolmatori (che come gia
descritto impedisce il deflusso delle acque).
Tutta la zona infatti risulta essere ribassata e
costituisce un bacino di invaso naturale.
Per questo motivo e necessaria la presente
valutazione di compatibilità idraulica
necessaria
a garantire l’invarianza del sistema e laminare
le acque al fine di non incrementare la
criticità del sistema. Ciò nonostante si ritiene
indispensabile che venga posta attenzione a
tutto il sistema idraulico dell’area:
Inquinamento
delle acque
sotterranee
106
effetto diga dell’argine del Fiume
Mincio per lo scarico dello Scolo
Mandella nella Seriola/Fiume Mincio
rotonda tangenziale senza un
evidente bacino di invaso
scoli dalle sedi stradali e provinciali
limitrofe
aree commerciali e produttive
limitrofe senza un evidente bacino di
invaso
scoli dalle aree agricole e residenziali
circostanti
In generale l’elemento maggiormente
evidente di discontinuità del territorio, che
genera situazione di criticità e rappresentato
dai rilevati stradali. Esiste una rete di scoli e
tubazioni interrate, di attraversamento dei
rilevati, per convogliare l’acqua di deflusso
verso il canale Seriola. Questa rete di scoli
funziona per gestire l’acqua scolante dalla
strada ma non e in grado di risolvere il
problema dell’allagamento in località
Paradiso.
L’attuazione
del
progetto
terrà
in
considerazione gli elementi di criticità
riscontrati, prevedendo le opportune forme
di mitigazione e compensazione ai sensi di
quanto previsto dalla normativa vigente.
Acqua
superficiale
Sicurezza
idrogeologica
Non si stima sia presente un inquinamento
sulle acque superficiali.
Inquinamento
delle acque
superficiali
Vanno ottemperate le prescrizioni/indicazioni
date dalla Valutazione di Compatibilità
idraulica e dal relativo parere del Consorzio di
Bonifica e del Genio Civile.
L’area ricade in una zona ribassata rispetto
all’intorno, dove la strada si trova in
posizione maggiormente elevata.
L’area funziona da bacino di invaso
naturale dell’acqua che cade sulle aree
Aumento del
rischio
idrogeologico
107
(naturali e produttive) e sulle strade
circostanti posizionate a quote più elevate.
Inoltre probabilmente riceve l’acqua anche
da aree agricole a sud est,
in quanto si e verificato la presenza di
tubazioni di scarico sulla scarpata di confine.
Vanno ottemperate le prescrizioni/indicazioni
date dalla Valutazione di Compatibilità
idraulica e dal relativo parere del Consorzio di
Bonifica e del Genio Civile, con particolare
attenzione
alla
criticità
evidenziata
relativamente alla sicurezza idrogeologica.
La viabilità in progetto si innesta su una
viabilità già esistente, per una massima
permeazione dell’ambito di progetto,ma in
sicurezza.
Sistema della
viabilità
La realizzazione della viabilità in Variante alla
SR11 (ex SS11) evidenzia la necessità di
verificare in sede progettuale di dettaglio la
dislocazione dell’accesso all’area, che risulta
non avere l’affaccio diretto sulla SR a seguito
di frazionamento e di esproprio dei terrei
finalizzato alla realizzazione della viabilità.
Aumento del
traffico e degli
effetti ad esso
connessi
La fase progettuale valuterà pertanto le
migliori soluzioni attuabili per la realizzazione
dell’accesso all’area in sicurezza, sentiti gli
Enti preposti.
Inquinamento
acustico
Inquinamento
luminoso
Gli effetti sono connessi al traffico, passaggio
nel progetto vanno previste nel progetto
mitigazioni acustiche.
Aumento
dell’inquinamen
to acustico
L’unica fonte di possibile inquinamento
luminoso sarà l’illuminazione pubblica ma
sarà
realizzata
conformemente
alla
normativa vigente per il contenimento di tale
forma di inquinamento.
Aumento
dell’inquinamen
to luminoso
A) Perturbazioni in fase di cantiere:
Trascurabili, in quanto il cantiere opera con
108
orario diurno.
B) Perturbazioni in fase di esercizio:
Si prevede una leggera interferenza, data la
necessità di illuminare gli spazi pubblici
all’interno dell’area, ma verranno utilizzate
opportune forme di illuminazione ai sensi della
normativa vigente.
Sistema
ambientale e
biodiversità
Rifiuti
Paesaggio e
patrimonio
culturale
Interferenze con
i siti Natura
2000
Non c’è interferenza con i siti Natura 2000
La completa delimitazione del cantiere e la
definizione di aree di deposito e stoccaggio
materiali e rifiuti permette di renderne efficace
ed efficiente la gestione.
L’aumento della produzione dei rifiuti sarà
oggetto di gestione ai sensi della normativa
vigente
Aumento
produzione dei
rifiuti valutate in
fase di cantiere
e di esercizio
I sistemi per la raccolta dei rifiuti dovranno
essere improntati alla massima differenziazione,
onde limitare il carico sul sistema di raccolta
locale.
Capacità di
inserimento nel
contesto
paesaggistico
Per l’area saranno previste tipologie consone
al contesto e tali da inserirsi correttamente
sia per l’architettura degli edifici che per l’uso
dei materiali impiegati.
Legenda:
impatto positivo: miglioramento della
situazione attuale
impatto nullo, trascurabile e basso
impatto negativo
impatto negativo ma reso trascurabile
dalle soluzioni progettuali/procedurali
109
8. CONCLUSIONI
Il progetto di modifica di zona dell’ambito oggetto di valutazione risulta essere coerente con gli
strumenti di pianificazione sovraordinati.
Il piano in progetto è coerente con le indicazioni pianificatorie espresse dall’Amministrazione
Comunale con gli strumenti comunali approvati.
Dall’analisi della documentazione non emergono effetti significativi di alcuna natura che possano
comportare rischi per la salute umana o per l’ambiente immediati, cumulativi, a breve o a lungo
termine, permanenti o temporanei, positivi o negativi, in quanto non vengono introdotte funzioni
in contrasto con quelle esistenti che possano alterare a breve o lungo termine gli equilibri attuali.
Non sussistono elementi che possano generare effetti transfrontalieri di sorta.
L’area geografica interessata dai possibili effetti ambientali dell’intervento risulta essere limitata
alle immediate adiacenze dei comparti.
Gli interventi previsti dal piano non interferiscono con alcun Sito Natura 2000.
Gli interventi di mitigazione sono intesi come insieme di misure atte a limitare gli effetti
potenzialmente negativi sugli ecosistemi interessati in rapporto a:
1. presenza antropica
2. consumo di risorse
3. traffico motorizzato ed emissioni in atmosfera
4. impermeabilizzazione delle superfici
5. frammentazione della rete ecologica
6. scarichi
7. produzione di rifiuti.
8.1. PROBABILITÀ, DURATA, FREQUENZA E REVERSIBILITÀ DEGLI EFFETTI
Le zone interessate dal progetto sono composte da aree antropizzate, già destinate dai Piani
all’edificazione di tipo alberghiero.
Al fine di verificare gli effetti potenziali prodotti direttamente dal progetto in esame sull’ambiente,
ed il carattere cumulativo di questi, è stata sviluppata una matrice di identificazione dei possibili
impatti ambientali positivi, negativi e nulli rispetto alle principali componenti ambientali.
8.1.1 CARATTERE CUMULATIVO DEGLI IMPATTI
Il progetto applica le possibilità operative del PI, in relazione alla possibilità di edificare sul lotto
attività non residenziali.
Tale progettazione, inserendosi a valle di un percorso pianificatorio già consolidato e definito e
soprattutto in un territorio già compromesso e debole dal punto di vista dei valori e delle
potenzialità ambientali, non produce effetti rilevanti o relazioni dirette o cumulative con problemi
110
di ordine ambientale connessi ad aspetti quali la biodiversità, la popolazione, la salute umana, la
flora e la fauna, il suolo, l’acqua, l’aria, i fattori climatici e i beni materiali.
E’ da segnalare che nelle vicinanze dell’area oggetto di variante, il PATI individua uno dei suoi
progetti strategici: Il Polo intermodale di Peschiera
L’area compresa fra la stazione ferroviaria ed il casello autostradale in comune di Peschiera sarà
destinata a parcheggi di interscambio ferro-gomma e mezzo privato-trasporto pubblico-biciclette.
L’affaccio al Mincio potrà assolvere alla funzione portuale diportistica di questo tratto del fiume,
già prevista dall’Amministrazione comunale di Peschiera.
L’area a sud della linea ferroviaria potrà fungere anche da base per un sistema di servizi navetta
pubblici per il centro di Peschiera e per i parchi tematici del lago, liberando in tal modo le aree
della stazione e residenziale che vi si affacciano dalla congestione dei flussi veicolari.
Tale Polo determinerebbe anche un miglioramento dell’immagine che Peschiera offre ai suoi
visitatori, riunendo, oltre alle funzioni per la mobilità, anche altri servizi, quali esercizi per la
ristorazione, aree verdi, punti vendita e promozione di prodotti locali
L’ambito di intervento si localizza in posizione strategica, fra il corso del fiume Mincio, la linea
ferroviaria a nord e l’asse infrastrutturale formato dalla A4 e dalla SR11.
Lettura azione di Piano del Polo
Intermodale dalla VAS del PAT
111
Estratto Localizzazione Polo Intermodale dalla VAS del PAT
Estratto Tav. 4 – Carta della trasformabilità del PATI
Si ritiene che la presenza del Polo Intermodale, di realizzazione in programmazione, possa
procurare effetti cumulativi relativamente alle possibili pressione esercitate sull’atmosfera e sulla
viabilità.
112
Non essendo ancora possibile valutare il progetto, in quanto ancora in forma di programmazione
strategica, si rimanda alla sua futura analisi una valutazione più approfondita.
8.1.2. ARIA E ATMOSFERA
In fase di cantiere le interferenze ambientali potenziali possono essere connesse a:
1. polverosità conseguente alle attività di costruzione (movimenti di terra, accumulo di materiali
polverulenti, ecc). L'interferenza non appare significativa in quanto limitata all’area di intervento e
di durata contenuta.
2. emissioni da macchine operatrici presenti in cantiere e da mezzi di trasporto.
Anche in questo caso l'interferenza non appare significativa, infatti:
−anche stimando un numero di mezzi di trasporto leggeri di 5 autovetture equivalenti (valore da
considerare sovrastimato), tale valore non risulta di per sé importante, in particolare considerando
che queste vetture saranno utilizzate solo per accedere al cantiere;
−allo stesso modo non risulta critico il numero di mezzi pesanti in movimento; infatti i residui di
materiale non sono riutilizzati in loco, quindi il numero massimo di camion circolanti non è
certamente critico per quanto riguarda le emissioni di inquinanti.
In fase di esercizio vista l'ubicazione e le caratteristiche del punto del presente punto oggetto di
variante, gli elementi di pressione sulla componente ambientale sono da individuarsi
principalmente in:
1. potenziale aumento del flusso di traffico generato dalla presenza di un nuovo edificio
commerciale in un contesto antropizzato.
2. emissioni dirette dalle caldaie utilizzate per il riscaldamento dei locali.
3. consumi di combustibile a fini energetici e dagli impianti tecnologici derivanti dalle attività che si
prevede di insediare nell’area oggetto della variante;
Il punto 1 rappresenta un’interferenza sicuramente non trascurabile. In entrambi i casi, gli
inquinanti emessi sono quelli tipici della combustione: NOx (ossidi di azoto), VOC (composti
organici volatili), PM10 (particolato atmosferico), CO (monossido di carbonio). Per il punto 2, si
ritiene che le emissioni di VOC e PM10 dovute a tali sorgenti emissive siano trascurabili.
Si ritiene pertanto che le potenziali nuove fonti locali di emissione in atmosfera siano correlabili
alla variazione di traffico veicolare (unica mobilità possibile per l’area oggetto di trasformazione), e
alla produzione di CO2 rispetto alla tipologia di riscaldamento del nuovo fabbricato.
8.1.3. QUALITÀ DELLE ACQUE SUPERFICIALI
L’intervento non interferirà con corpi idrici superficiali, in quanto le gli scarichi relativi saranno
collettati alla fognatura comunale (acque nere) e dispersi nel suolo (acque bianche).
113
Il progetto comporterà la realizzazione di edifici non caratterizzati da inquinanti particolari, che
verranno gestiti insieme agli scarichi comunali dall’ente che gestore del servizio idrico integrato.
8.1.4. RISORSA IDRICA E SUL SISTEMA APPROVVIGIONAMENTO-SMALTIMENTO
L'utilizzo dell'area per fini commerciali-direzionali si prevede porti modesti effetti della pressione
su questo indicatore e conseguentemente sull'apporto di reflui sull'attuale sistema di
smaltimento.
L’area interessata dal presente punto oggetto di riqualificazione risulta essere servita da
acquedotto e da fognatura.
8.1.5. SICUREZZA IDROGEOLOGICA
Come esposto nei precedenti paragrafi, l’area di progetto ricade in zone che il PATI individua
fragile a livello idrogeologico.
Tutte le superfici scoperte: percorsi pedonali, piazzali, parcheggi, accessi carrabili ecc., dovranno
essere pavimentate utilizzando accorgimenti tecnici che favoriscano l’infiltrazione delle acque nel
terreno, nel rispetto di quanto previsto dal decreto legislativo 11 maggio 1999 n. 152, come
previsto anche dal parere del Genio Civile prot. 56331/2008.
Si riportano di seguito le indicazioni generali previste dal Parere citato:
Pertanto si stima che, avendo cura di realizzare le misure sopra descritte in conformità con le
buone norme, non si presenteranno particolari effetti negativi sulle acque sotterranee e sul
dissesto idrogeologico.
Vanno inoltre ottemperate le prescrizioni/indicazioni date dalla Valutazione di Compatibilità
idraulica e dal relativo parere del Consorzio di Bonifica e del Genio Civile, con particolare
attenzione alla criticità evidenziata relativamente alla sicurezza idrogeologica.
114
8.1.6. SISTEMA SUOLO
L’impermeabilizzazione delle superfici dell’ambito può essere mitigata dalla realizzazione di
superfici verdi sia su aree calpestabili o parcheggi scoperti, sia sui tetti degli edifici. Il verde su
soletta, infatti, assolve a molteplici funzioni come ad esempio duplice azione termoregolatrice,
con moderazione degli eccessi termici estivi e della dispersione termica invernale; ed anche
arborei.
Il PAT prevede che elle more dell’approvazione del P.I., in tutto il territorio comunale si applichino
le seguenti norme di salvaguardia dal rischio idrogeologico:
a) Le superfici pavimentate diverse dai piazzali pertinenziali degli insediamenti produttivi prive di
costruzioni sottostanti dovranno essere realizzate con pavimentazioni che permettano il drenaggio
dell'acqua e l'inerbimento.
b) Le superfici pavimentate sovrastanti costruzioni interrate e piazzali pertinenziali ad
insediamenti produttivi, dovranno essere provviste di canalizzazioni ed opere di drenaggio che
provvedano a restituire le acque meteoriche alla falda o, se tecnicamente impossibile, dotate di
vasche di raccolta con rilascio lento delle acque nelle fognature comunali o negli scoli, al fine di
ritardarne la velocità di deflusso.
c) Le precedenti prescrizioni non si applicano alle superfici pavimentate ove si raccolgano acque
meteoriche di dilavamento o di prima pioggia disciplinate dall'art. 39 del D. Leg.vo 152/2006, per
le quali si applicheranno le speciali disposizioni regionali e comunali di attuazione.
8.1.7. SISTEMA DELLA VIABILITÀ
L’ambito di intervento si localizza in posizione strategica, fra il corso del fiume Mincio, la linea
ferroviaria a nord e l’asse infrastrutturale formato dalla A4 e dalla SR11.
La progettazione del nuovo accesso all’ambito di variante, altrimenti intercluso, dovrà scaturire da
adeguata verifica dei percorsi e dei flussi di traffico.
L’ambito di intervento al momento risulta infatti intercluso, in quanto anche sulla strumentazione
urbanistica vigente non è prevista un’accessibilità diretta all’area.
Tutti gli interventi atti a realizzare o a riqualificare gli accessi all’area, saranno attuati con le
migliori tecnologie disponibili atte a minimizzare gli impatti del traffico veicolare.
E’ presente invece una contro strada che segue la curva della SR11DIR.
La realizzazione della viabilità in Variante alla SR11 (ex SS11) evidenzia la necessità di verificare in
sede progettuale di dettaglio la dislocazione dell’accesso all’area, che risulta non avere l’affaccio
diretto sulla SR a seguito di frazionamento e di esproprio dei terrei finalizzato alla realizzazione
della viabilità.
La fase progettuale valuterà pertanto le migliori soluzioni attuabili per la realizzazione dell’accesso
all’area in sicurezza, sentiti gli Enti preposti.
115
8.1.8. INQUINAMENTO ACUSTICO
Le principali sorgenti d’inquinamento acustico dovute all’attività dell’edificio commerciale sono le
seguenti:
1. condizionatori
2. parcheggio;
3. traffico indotto.
I gruppi frigoriferi e condizionatori risultano poco influenti in quanto saranno protetti da apposita
pennellatura schermante.
Le principali fonti di rumore saranno pertanto quelle di tipo veicolare che saranno comunque in
numero sostenibile visto il rango della viabilità principale di accesso. Gli edifici saranno comunque
realizzati in conformità alla normativa vigente per garantire un corretto isolamento acustico degli
stessi.
In merito all’impatto acustico che avrà il traffico veicolare, si verificherà un incremento dei valori,
che tuttavia si stima possa rientrare all’interno delle soglie ammesse.
Gli effetti sulla qualità dell’aria saranno quindi trascurabili.
Si faccia comunque riferimento a quanto previsto dall’Ordinanza del Sindaco per la disciplina delle
attività rumorose, n° 077/2002 e successive, che fa riferimento alle seguenti normative in
relazione ai rumori provocati sia dall'uso di macchinari rumorosi nei cantieri edili, che dall'uso di
qualsiasi attrezzatura rumorosa nonché dai rumori che derivano da attività rumorose in genere:
Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 7 marzo 1991 "Limiti massimi di
esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell'ambiente esterno";
legge Regionale 10 marzo 1999 n. 21 dal titolo "Norme in materia di inquinamento
acustico" che ha disciplinato tra l'altro l'impiego di macchinari rumorosi nei cantieri edili
prevedendo che gli stessi possono essere utilizzati soltanto dalle ore 8,00 alle ore 19,00 con
interruzione pomeridiana (individuata dai regolamenti comunali);
l'art. 50 del DLgs 267/2000.
L’incidenza più rilevante si avrà sicuramente in fase di cantiere.
Durante la fase di cantiere infatti, si richiede l'utilizzo di macchine operatrici e mezzi di trasporto
(persone e materiali) che determinano emissione di rumore nei luoghi nell'intorno dell'area
interessata. L'interferenza, anche se significativa, avrà carattere temporaneo.
Bisogna precisare che il luogo, sede di probabili peggioramenti dal punto di vista dell’impatto
acustico è praticamente caratterizzato da una zona scarsamente popolata in quanto nella zona
sono presenti più che altro edifici ad uso commerciale.
8.1.9. SISTEMA ENERGETICO
La realizzazione delle previsioni del presente punto di variante determina incremento del
fabbisogno energetico sia in fase di realizzazione dell’opera, sia a seguito dell’apertura degli stessi
negozi e uffici.
116
In caso venisse previsto il ricorso alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili, l’effetto
della realizzazione dell’edificio commerciale-direzionale sul sistema energetico, può essere
considerato poco impattante.
8.1.10. SISTEMI AMBIENTALI E BIODIVERSITÀ
Come è stato analizzato, l’intervento ricade a distanze significative dalle aree cartografate nella
Rete Natura 2000 della Regione Veneto, si ritiene quindi che il progetto non possa avere
ripercussioni negative sulle stesse.
Dalla valutazione degli effetti potenziali sulle componenti floristiche e faunistiche dell'area oggetto
della trasformazione proposta non emergono criticità.
8.1.11. PAESAGGIO E PATRIMONIO CULTURALE
L’area non è soggetta a Vincolo paesaggistico di cui al D. LGS. N. 42/2004.
8.1.12. ENTITÀ ED ESTENSIONE NELLO SPAZIO DEGLI EFFETTI
L’estensione nello spazio degli effetti è associabile all’estensione del progetto che comprende
un’area posta in adiacenza a zone urbane già consolidate. Quindi l’area di influenza della Variante
è limitata a scala locale. L’entità degli effetti è in generale limitata e potenzialmente negativa, solo
alcune azioni potrebbero avere impatti positivi e comunque solo nel caso che non vengano
rispettati i valori limite e i livelli di qualità ambientale imposti dalla legislazione ambientale
vigente.
8.1.13. NATURA TRANSFRONTALIERA DEGLI IMPATTI
Il progetto non ha impatti di natura transfrontaliera.
8.1.14. RISCHI PER LA SALUTE PUBBLICA O PER L’AMBIENTE
Non si riscontrano particolari rischi per la salute umana o per l’ambiente associati ad impianti
industriali in quanto non sono presenti nei territori interessanti dal progetto tale tipologia di
impianti ad alto rischio.
La destinazione commerciale del sito non comporta attività tali da generare disturbo o aumento di
rischi per la salute degli abitanti.
Gli aspetti relativi alla tutela della salute umana sono considerati in relazione alla presenza di
possibili elementi inquinanti o di disturbo. Oltre ai fattori trattati sopra, quali emissioni
atmosferiche e/o acustiche dovute al traffico veicolare, non si individuano altri specifici elementi
di pressione per la salute umana.
Non si ravvisano effetti negativi di alcun tipo.
117
8.1.15. POPOLAZIONE RESIDENTE
La variante riguarda la località Mandella, relativamente alla porzione di area individuata dalla
strumentazione precedente come Turistico-Alberghiera, per la quale viene richiesto il cambio di
destinazione di zona a commerciale.
Si prevede un lieve disturbo, per lo più legato al transito di mezzi pesanti sulla viabilità dell’intorno
e all’aumento del traffico veicolare in accesso e in uscita, ma l’area è già al momento servita da
una viabilità di ordine superiore, con la vicinanza dello svincolo dell’Autostrada A4 Torino-Trieste e
le rotonde della SS 11.
Fronteggia infatti l’area, lungo la SS 11 – Padana Superiore, un ristorante (Ristorante Pilotto) e un
esercizio commerciale (polleria), mentre a confine nord è presente il supermercato Eurospar, al
quale si accede da una contro strada.
L’intero ambito è pertanto già a prevalente destinazione commerciale.
Non si ravvisano comunque particolari criticità relativamente alle forme di pressione ambientale
sulla popolazione residente, considerando che nell’area non è prevista alcuna porzione di
residenziale.
La presenza dell’insediamento commerciale non prevede alcuna volumetria a destinazione
residenziale all’interno dell’ambito.
Si rileva tuttavia la presenza di un’unica abitazione zona al confine nord-est dell’area di progetto,
per la quale l’accesso viene previsto regolarizzando l’entrata e separando i flussi lungo la viabilità
principale.
Pertanto si identificano in relazione ad essa possibili effetti negativi di lieve entità in quanto il
traffico veicolare di entrata/uscita viene regolato con lo studio di accessi separati alla contro
strada e all’area commerciale.
VALUTAZIONE FINALE
Dall'analisi delle degli effetti che la costruzione del nuovo edificio commerciale-direzionale avrà sul
luogo, si può affermare come gli interventi non interferiscano né con ambiti di tutela della natura
(parchi, riserve, aree protette), né hanno alcun effetto indiretto con siti di interesse comunitario,
zone di protezione speciale o habitat protetti.
La realizzazione del complesso prevede un incremento del carico automobilistico lungo la S.R.
11dir, ipotizzabile soprattutto nei mesi estivi in cui il Comune di Peschiera del Garda raddoppia i
propri abitanti per l’utilizzo delle seconde case.
Il traffico critico nelle ore di punta, dovrebbe risentire solo marginalmente della presenza del
nuovo insediamento, che potrebbe produrre al più, un sovraccarico nell’area della delle rotatorie
in entrata e uscita all’area, lungo la SR 11.
Le caratteristiche delle aree e degli impatti, residui, evidenziati attraverso l’articolazione delle
matrici di valutazione, appaiono modesti e settoriali in rapporto alla predisposizione di misure di
mitigazione e/o compensazione da dettagliare nelle successive fasi attuative e alla localizzazione
stessa dell’area di intervento in prossimità si di viabilità di scorrimento già al momento trafficata e
118
sia di altre strutture commerciali esistenti che comportano flussi veicolari importanti, soprattutto
nell’arco della stagione estiva.
In base a quanto sopra illustrato, considerati i riferimenti normativi richiamati in premessa, si può
ritenere fondata e legittima la proposta di esclusione del progetto in esame dal processo di
Valutazione Ambientale Strategica di cui al D.Lgs 152/2006 e s.m.i.
119
Prescrizioni da Parere Commissione Regionale VAS n° 69 del 27 Marzo 2014
120
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
8 520 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content