close

Enter

Log in using OpenID

29.08.2013 Relazione Finanziaria Semestrale al

embedDownload
-­‐à++-­‐ CICCOLELLA S.P.A.
Relazione finanziaria semestrale 30 giugno 2013 Ciccolella S.p.A. Capitale sociale € 93.861.492,40 i.v. N.ro iscrizione presso il Registro delle imprese di Bari e Codice Fiscale: 00726570153 Iscritta al REA della CCIAA di Bari al numero 558558 Società soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Gruppo Ciccolella S.r.l. Sito internet: www.ciccolella.eu Sede legale Via Patrioti Molfettesi, 8 70056 – Molfetta (BA) INDICE ORGANI SOCIALI ...................................................................................................................................................... 5 MILESTONES ............................................................................................................................................................ 6 STRUTTURA DEL GRUPPO ........................................................................................................................................ 7 RELAZIONE D EGLI A MMINISTRATORI S ULL’ANDAMENTO D ELLA G ESTIONE .................................................... 8 1 CONTENUTO DELLA RELAZIONE ....................................................................................................................... 9 2 INDICATORI ALTERNATIVI DI PERFORMANCE .................................................................................................. 9 3 EVENTI DI RILIEVO INTERCORSI NEL PERIODO ............................................................................................... 11 4 ANDAMENTO GESTIONALE DEL GRUPPO ....................................................................................................... 14 5 SITUAZIONE PATRIMONIALE DEL GRUPPO ..................................................................................................... 16 6 SITUAZIONE FINANZIARIA DEL GRUPPO ......................................................................................................... 17 7 EVENTI DI RILIEVO INTERVENUTI DOPO LA CHIUSURA DEL PERIODO E PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELL’ATTIVITÀ. ........................................................................................................................................... 21 8 ANDAMENTO PREVEDIBILE DELLA GESTIONE E RISCHI .................................................................................. 22 9 ALTRE INFORMAZIONI .................................................................................................................................... 25 BILANCIO C ONSOLIDATO S EMESTRALE A BBREVIATO A L 3 0 G IUGNO 2 013 .................................................. 27 PROSPETTO DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE FINANZIARIA CONSOLIDATA SEMESTRALE -­‐ ATTIVO ................ 28 PROSPETTO DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE FINANZIARIA CONSOLIDATA SEMESTRALE – PASSIVO ............. 29 PROSPETTO DI CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO SEMESTRALE ...................................................................... 30 PROSPETTO DI CONTO ECONOMICO COMPLESSIVO CONSOLIDATO SEMESTRALE .............................................. 31 RENDICONTO FINANZIARIO CONSOLIDATO SEMESTRALE .................................................................................... 32 PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO CONSOLIDATO SEMESTRALE ..................................... 33 NOTE ESPLICATIVE AL BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO ........................................................ 34 1 PREMESSA ...................................................................................................................................................... 34 2 CONSIDERAZIONI SULLA CONTINUITA’ AZIENDALE ........................................................................................ 35 3 MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO AL 30 GIUGNO 2013 ............................................................................................................................................. 38 4 CRITERI ED AREA DI CONSOLIDAMENTO ........................................................................................................ 38 5 PRINCIPI CONTABILI, CRITERI DI VALUTAZIONE E DI CONSOLIDAMENTO ...................................................... 39 6 OPERAZIONI FRA ENTITA’ SOTTO COMUNE CONTROLLO .............................................................................. 43 7 ATTIVITÀ IMMATERIALI .................................................................................................................................. 43 8 ATTIVITÀ BIOLOGICHE .................................................................................................................................... 43 9 ATTIVITÀ MATERIALI ...................................................................................................................................... 45 10 RIMANENZE .................................................................................................................................................. 47 11 CREDITI COMMERCIALI ................................................................................................................................ 47 12 CREDITI TRIBUTARI ....................................................................................................................................... 48 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 2 13 ATTIVITÀ FINANZIARIE CORRENTI ................................................................................................................ 48 14 ALTRE ATTIVITÀ CORRENTI ........................................................................................................................... 48 15 DISPONIBILITÀ LIQUIDE E MEZZI EQUIVALENTI ........................................................................................... 49 16 ATTIVITÀ DISPONIBILI PER LA VENDITA ....................................................................................................... 49 17 CAPITALE SOCIALE ........................................................................................................................................ 53 18 RISERVE ED ALTRE VOCI DEL PATRIMONIO NETTO ...................................................................................... 53 19 FINANZIAMENTI A MEDIO LUNGO TERMINE ............................................................................................... 54 20 ALTRE PASSIVITÀ FINANZIARIE NON CORRENTI ........................................................................................... 55 21 CONTRIBUTI PUBBLICI .................................................................................................................................. 56 22 FONDI PER RISCHI E ONERI ........................................................................................................................... 56 23 ALTRE PASSIVITÀ NON CORRENTI ................................................................................................................ 57 24 DEBITI COMMERCIALI .................................................................................................................................. 57 25 DEBITI VERSO BANCHE E QUOTA CORRENTE DEI FINANZIAMENTI .............................................................. 58 26 ALTRE PASSIVITÀ FINANZIARIE CORRENTI ................................................................................................... 59 27 DEBITI TRIBUTARI ......................................................................................................................................... 59 28 ALTRE PASSIVITÀ CORRENTI ......................................................................................................................... 60 29 INFORMATIVA DI SETTORE ........................................................................................................................... 60 30 ALTRI RICAVI ................................................................................................................................................. 62 31 COSTO DEL PERSONALE ............................................................................................................................... 62 32 ALTRI COSTI OPERATIVI ................................................................................................................................ 63 33 AMMORTAMENTI E SVALUTAZIONI ............................................................................................................. 64 34 ONERI FINANZIARI ........................................................................................................................................ 64 35 PROVENTI FINANZIARI .................................................................................................................................. 65 36 IMPOSTE SUL REDDITO ................................................................................................................................ 65 37 RISULTATO PER AZIONE ............................................................................................................................... 66 38 IMPEGNI E RISCHI ......................................................................................................................................... 66 39 INFORMATIVA SULLE PARTI CORRELATE ...................................................................................................... 68 40 OPERAZIONI SIGNIFICATIVE NON RICORRENTI ............................................................................................ 70 41 GESTIONE DEL RISCHIO FINANZIARIO: OBIETTIVI E CRITERI ........................................................................ 70 42 ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO AI SENSI DELL’ART. 81-­‐TER DEL REGOLAMENTO CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ............................................................................................................................................ 76 RELAZIONE DELLA SOCIETA’ DI REVISIONE SULLA REVISIONE CONTABILE LIMITATA DEL BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO ................................................................................................ 77 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 3 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 4 ORGANI SOCIALI Consiglio di Amministrazione * Presidente e Amministratore Delegato ** Consigliere – Lead Independent Director Consigliere – Indipendente Consigliere Consigliere Corrado Ciccolella Carlo Andrea Bollino Gianvito Giannelli Valeria Serafini Gianluca Petrera Comitato per il Controllo Interno e Rischi Presidente Componente Componente Gianvito Giannelli Carlo Andrea Bollino Valeria Serafini Comitato per la Remunerazione Presidente Componente Componente Carlo Andrea Bollino Gianvito Giannelli Gianluca Petrera Comitato per operazioni con Parti Correlate Presidente Componente Componente Carlo Andrea Bollino Gianvito Giannelli Gianluca Petrera Collegio Sindacale *** Presidente del Collegio Sindacale Sindaco Effettivo Sindaco Effettivo Anna Lucia Muserra Guglielmo Antonacci Andrea Pisani Società di Revisione BDO S.p.A. Dirigente preposto alla redazione dei documenti Gianluca Petrera contabili societari * ** *** Consiglio di Amministrazione nominato dall’Assemblea degli Azionisti del 30 aprile 2013. Poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione, nessuno escluso, salvo quelli riservati dalla legge o dallo statuto alla competenza esclusiva del Consiglio. -­‐ Segnalazione ai sensi della raccomandazione di cui alla Comunicazione Consob DAC/RM/97001574 del 20 febbraio 1997. Collegio Sindacale nominato dall’Assemblea degli Azionisti del 6 luglio 2012 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 5 MILESTONES 1950-­‐1960: Coltivazione di ortaggi e frutta nell’agro del comune di Molfetta (BA) 1960-­‐1970: Conversione delle coltivazione da ortofrutta a fiori: focus su crisantemi e garofani 1970-­‐1980: Inizio investimento in serre e avvio produzione di rose 1980-­‐1990: Consolidamento del posizionamento di mercato e sviluppo della distribuzione 1990-­‐2000: Investimento in nuove tecnologie, quali la coltivazione fuori suolo e avvio produzione di anthurium 2000-­‐2005: Focalizzazione sui costi di produzione e accordo con Edison per lo sviluppo di un impianto di cogenerazione e teleriscaldamento 2006: Acquisizione della Cucirini Coats e conseguente quotazione del titolo Ciccolella presso la borsa di Milano attraverso il metodo della fusione inversa: conferimento della attività della famiglia Ciccolella all’interno della società quotata Ciccolellla S.p.A.; acquisizione di Zurel Group BV, uno dei principali trader di fiori e piante con sede ad Amsterdam 2007: Completamento del processo di quotazione attraverso il lancio di una offerta pubblica di acquisto (OPA) e cambio di denominazione del titolo quotato in borsa da Cucirini Coats S.p.A. a Ciccolella S.p.A. e creazione del nuovo Brand Ciccolella; acquisizione di Flowers Plant Partners Group e Leliveld Group, trader di fiori e piante con sede in Olanda, Inghilterra e Germania e leader nella distribuzione di Piante e Bouquets presso le catene di supermercati nel Centro e Nord Europa. 2008: Consolidamento del processo di internazionalizzazione 2009: Consolidamento e integrazione del Gruppo e focus sulla creazione di valore attraverso razionalizzazioni e sinergie; completamento del primo lotto dell’impianto cogenerativo di teleriscaldamento presso il comune Candela (FG) e Ciccolella diventa la prima Energy Flowers Company al mondo attraverso l’applicazione del c.d. Modello Ciccolella 2010: Completamento ed entrata a pieno regime dell’impianto cogenerativo di teleriscaldamento presso il comune di Candela (FG) 2013: Focalizzazione sulle attività operanti nella produzione agro energetica con espansione del sito di Candela e dismissione della Business Unit di Trading Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 6 STRUTTURA DEL GRUPPO Alla data del 30 giugno 2013, in seguito alla cessione intervenuta a febbraio 2013 della Business Unit di Trading, il Gruppo è operativamente suddiviso in due principali unità: •
•
quella produttiva, ubicata sul territorio nazionale, in Puglia e Basilicata, svolge la sua attività principale nell’ambito della produzione agro energetica di prodotti floreali freschi (fiori recisi, verde ornamentale e piantine in vaso). quella di servizi ed impianti, basata sempre sul territorio nazionale, opera principalmente nella fornitura di beni e servizi alle attività di produzione agro energetiche. Le due unità operative fanno legalmente capo, per la parte produttiva, alla G.C. Partecipazioni S.a.r.l. e, per le attività di servizi ed impianti, alla G.C. Service S.r.l.. Entrambe le società summenzionate sono controllate in modo totalitario da Ciccolella S.p.A., come in seguito graficamente esposto. Le società attive nel ramo servizi ed impianti, in seguito alle decisioni già prese dal management, sono in fase di dismissione. Ciccolella S.p.A.
100%
100%
G.C. Partecipazioni
G.C. Service S.r.l.
S. Agric. a.r.l.
100%
G.C. Impianti S.p.A.
100%
Zurel Italy BV
Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 7 Società disponibili per la vendita RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULL’ANDAMENTO DELLA GESTIONE Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 8 1 CONTENUTO DELLA RELAZIONE La presente relazione finanziaria semestrale (successivamente “Relazione”) del Gruppo di società facenti capo alla controllante Ciccolella S.p.A. (di seguito “Gruppo”) è redatta ai sensi dell’art. 154 ter del D.Lgs. 58/1998, e comprende la Relazione sulla Gestione, il Bilancio semestrale consolidato abbreviato e l’Attestazione prevista dall’art. 154-­‐bis del D.Lgs. 58/1998 (TUF). Pertanto, ai sensi del citato articolo del TUF, il contenuto della Relazione comprende: ü una descrizione generale della situazione patrimoniale e dell'andamento economico del Gruppo; ü un'illustrazione degli eventi rilevanti e delle operazioni che hanno avuto luogo nel periodo di riferimento e la loro incidenza sulla situazione patrimoniale del Gruppo, attraverso il commento delle principali variazioni intercorse. Il bilancio consolidato semestrale è predisposto in conformità con i Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) applicabili ai sensi del Regolamento CE n. 1606/2002 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 luglio 2002, nonché ai provvedimenti emanati in attuazione dell’art. 9 del D.Lgs. n. 38/2005, ed in particolare dello IAS 34 – Bilanci Intermedi. La struttura ed il contenuto dei prospetti contabili riclassificati contenuti nella Relazione intermedia sulla gestione e degli schemi obbligatori inclusi nella presente Relazione Semestrale, sono in linea con quelli predisposti in sede di Bilancio annuale, mentre le note informative sono state redatte in conformità con i contenuti minimi prescritti dallo IAS 34 – Bilanci intermedi, tenuto altresì conto delle disposizioni fornite da Consob nella comunicazione n. 60464293 del 28 luglio 2006. Il bilancio consolidato semestrale è costituito dal prospetto della situazione patrimoniale – finanziaria consolidata, dal prospetto di conto economico consolidato, dal prospetto di conto economico complessivo consolidato, dal rendiconto finanziario consolidato, e dal prospetto delle variazioni del patrimonio netto consolidato nonché dalle relative note esplicative. La relazione sulla gestione al 30 giugno 2013 è predisposta, ai sensi del D.Lgs. 6 novembre 2007, n. 195, recante attuazione della Direttiva 2004/109/CE (Direttiva Transparency), ed è stata redatta adottando i principi contabili IAS/IFRS. Nelle note esplicative alla Relazione al 30 giugno 2013, la comparazione delle voci nei prospetti contabili è stata effettuata, per i dati patrimoniali, con i valori del Bilancio Consolidato di Ciccolella S.p.A. al 31 Dicembre 2012 e, per i dati economici, con i valori della Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2012. In particolare, in virtù della dismissione (già avvenuta) della business unit Trading e di quella (programmata) della business unit Servizi, ai sensi dell’IFRS 5, il Gruppo ha provveduto a riesporre i dati economici della Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2012. Inoltre, in conseguenza dell’entrata in vigore del principio contabile IAS 19 revised, si è provveduto ad applicare retrospettivamente tale principio e, quindi, a riesporre i dati al 30 giugno 2012 ed al 31 dicembre 2012. Questa impostazione viene seguita nel rispetto dei dettami dello IAS 34 (Interim Financial Reporting) nell’ambito degli schemi di bilancio e delle relative note esplicative. 2 INDICATORI ALTERNATIVI DI PERFORMANCE Nella presente Relazione, in aggiunta agli indicatori finanziari convenzionali, previsti dagli IFRS, vengono presentati alcuni indicatori alternativi di performance, in linea con la Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 9 raccomandazione del CESR dell’ottobre 2005, al fine di consentire ad ogni stakeholders una migliore valutazione dell’andamento della gestione economico-­‐finanziaria del Gruppo. Gli indicatori alternativi di performance che non devono, comunque, essere considerati sostitutivi di quelli convenzionali previsti dagli IFRS, sono presentati anche nelle Relazioni di gestione intermedie al fine di assicurare e garantire il rispetto del principio di coerenza nel tempo. Nei casi eccezionali in cui si dovesse procedere ad una rielaborazione degli indicatori di performance, il Gruppo procederà ad ogni esaustiva spiegazione a riguardo. Gli indicatori alternativi di performance utilizzati sono di seguito evidenziati: •
•
•
Lo schema di riclassificazione del Conto Economico consolidato introduce, in particolare, le accezioni di: EBITDA (Earnings Before Interest Taxes Depreciation and Amortization) adjusted ed EBIT (Earnings Before Interest and Taxes); Posizione Finanziaria Netta; La situazione patrimoniale -­‐ finanziaria consolidata riclassificata secondo criteri funzionali introduce in particolare le definizioni di: Capitale Circolante Netto Commerciale, Capitale Circolante Netto, Attivo Immobilizzato Netto e Capitale Investito Netto. 2.1 EBITDA ADJUSTED ED EBIT Sono i principali indicatori finanziari utilizzati dal Gruppo Ciccolella, nella reportistica interna per la presentazione di documenti quali budget, business plan e reporting consuntivo periodico, ed esterna, nelle presentazioni alla comunità finanziaria. Entrambi sono definiti in maniera omogenea ed univoca, all’interno di tutto il Gruppo, comprese le società olandesi, che hanno, in seguito ad un processo di integrazione contabile, adattato la propria reportistica a quella già utilizzata dalle consociate italiane. Il valore dei principali indicatori economico-­‐finanziari è così determinato: Utile prima delle imposte derivante dalle attività in funzionamento + Oneri finanziari -­‐ Proventi finanziari +/-­‐ Altre rettifiche di natura finanziaria EBIT – Risultato Operativo +/-­‐ Svalutazioni /(Ripristini di valore) delle attività biologiche +/-­‐ Svalutazioni /(Ripristini di valore) delle altre attività correnti e non correnti +/-­‐ Accantonamenti ai fondi e costi di ristrutturazione +/-­‐ Minusvalenze/(Plusvalenze) da realizzo di attività correnti e non correnti + Ammortamenti EBITDA Adjusted 2.2 POSIZIONE FINANZIARIA NETTA Rispetto all’indicatore finanziario convenzionale rappresentato nella nota integrativa, denominato “Indebitamento Finanziario Netto” e determinato dalla Consob ai sensi della delibera DEM/6064293 del 28 luglio 2006, il Gruppo determina, secondo criteri funzionali, la Posizione Finanziaria Netta. Questo indicatore di performance alternativo differisce rispetto al suddetto indicatore convenzionale, in quanto sottrae anche le attività finanziarie non correnti. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 10 2.3 SITUAZIONE PATRIMONIALE-­‐FINANZIARIA Lo schema di riclassificazione dello Stato Patrimoniale consolidato, come riportato Nel paragrafo “Situazione finanziaria di Gruppo”, è stato costruito partendo dalle voci dello schema a sezioni contrapposte dello stato patrimoniale consolidato ufficiale e introducendo le seguenti voci: Capitale circolante netto commerciale, dato dalla somma di: “Rimanenze”, “Crediti commerciali” e “Debiti commerciali”; Attivo immobilizzato netto, dato dalla somma di “Immobilizzazioni materiali”, “Immobilizzazioni immateriali”, “Partecipazioni”, “Contributi pubblici”, “Fondi per accantonamenti e rischi e TFR” e “Altre attività/passività nette”; Capitale investito netto, dato dalla somma algebrica di “Attivo immobilizzato netto” e “Capitale circolante netto commerciale”. 3 EVENTI DI RILIEVO INTERCORSI NEL PERIODO 3.1 AFFITTO AZIENDE AGRICOLE DI MOLFETTA, TERLIZZI, GIOVINAZZO E MELFI E RIORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE Il consiglio di Amministrazione del 29 gennaio 2013 ha deliberato in merito alla stipula dei contratti relativi all’operazione di riassetto societario (già prevista nel Piano Industriale 2012-­‐
2016, vedi nota 6.2.1) avente ad oggetto l’affitto di ramo d’azienda della controllata G.C. Partecipazioni S. Agr. a r.l. (di cui la Ciccolella S.p.A. detiene la partecipazione totalitaria), relativo ai siti di Molfetta, Terlizzi e Melfi, ad una società semplice correlata, denominata Floricoltura dei Fratelli Ciccolella Società Semplice Agricola. I contratti di affitto, che sono stati stipulati in data 31 gennaio 2013, con decorrenza dal 1° febbraio 2013, hanno una durata di 6 anni e sono rinnovabili, salvo disdetta, per uguale periodo. Insieme ad un canone di locazione fisso, di importo simbolico, è stato previsto un canone in misura variabile pari ad una percentuale dell’eventuale risultato positivo della gestione che la Conduttrice realizzerà. La cessione in affitto della gestione dei tre siti agricoli è avvenuta in linea con le previsioni e le modalità già delineate nel Piano Industriale 2012-­‐2016 e consegue alla impossibilità di avviare su detti siti produttivi la riconversione delle strutture produttive per renderle compatibili con una produzione agro energetica. Le 240 unità lavorative già interessate dalla Cassa Integrazione Guadagni sono stati oggetto di provvedimenti collettivi di ridimensionamento di organico da parte di G.C. Partecipazioni; l’onere di tale ridimensionamento di organico era già stato accantonato nell’esercizio 2011 con l’approvazione della precedente versione di piano (per maggiori dettagli si rinvia alla nota 6.2.1 ed alla nota 22 della Nota Integrativa). L’operazione non ha influito sul valore patrimoniale dell'attivo della GC Partecipazioni, costituito in gran parte da immobilizzazioni materiali. 3.2 INCASSO PROVENTI CONTRATTUALI EDISON Nei mesi di gennaio e febbraio 2013, la società controllata G.C. Partecipazioni ha incassato un residuo dei proventi contrattuali maturati nell’esercizio 2011, per un valore di circa 2,07 milioni di euro. Nei mesi di luglio ed agosto 2013, inoltre, si è incassata una parte rilevante dei Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 11 proventi maturati nell’esercizio 2012, inclusivi delle quote CO2, così come meglio indicato alla nota 7.2. 3.3 CESSIONE BU TRADING Il 14 febbraio 2013, in seguito ad intense trattative ed a quanto deliberato dal Consiglio di Amministrazione dell’11 febbraio 2013, Ciccolella S.p.A. ha ceduto alla Fondazione di diritto olandese “Stichting Belangenbehartiging CHI” (“SBC”) il 100% della partecipazione detenuta nella società Ciccolella Holding International B.V. (“CHI”), controllante il gruppo di società di diritto olandese, operanti nel trading di fiori e piante. Gli elementi fondamentali dell’accordo sono stati: (i) prezzo di vendita stabilito in € 1,00 più il valore determinato dalla perizia di congruità da effettuare a cura di un valutatore terzo nominato dal Consiglio di Amministrazione della Ciccolella S.p.A.; (ii) opzione al riacquisto (call) ad € 1,00 della partecipazione in oggetto a favore di Ciccolella S.p.A. o società del suo gruppo in caso di mancato accordo sull’esito della perizia di congruità di cui al punto precedente; (iii) diritto di prelazione (call) della Ciccolella S.p.A. o società del suo gruppo, esercitabile a partire dal 1° gennaio 2014, a riacquistare tutto o parte delle attività che la SBC deterrà in seguito alle eventuali operazioni di fusione e/o ristrutturazione con altre società della stessa tipologia di business che SBC avrà realizzato. Il prezzo dell’opzione di acquisto era stabilito pari ad 1,25 volte il prezzo definitivo concordato all’atto della vendita (€ 1,00 o maggior valore derivante dalla citata perizia di congruità). Non sussistevano ulteriori condizioni sospensive dell’accordo. Tale operazione si collocava nell’ottica strategica di aumentare la focalizzazione del gruppo italiano sul core business agro energetico che, da solo, realizzava il 95% del risultato operativo positivo di gestione attraverso la controllata G.C. Partecipazioni S.Agr. a r.l. operante nel sito di Candela, mantenendo altresì la possibilità di riacquisire le attività di trading quando e qualora, a seguito dei processi di ristrutturazione e di integrazione prospettati, queste attività fossero risultate maggiormente performanti. Successivamente alla suddetta cessione, a seguito dei repentini effetti indotti dalla revoca degli affidamenti da parte del principale istituto di credito finanziatore di CHI, il giorno 18 febbraio 2013 CHI è stata ammessa alla procedura fallimentare congiunta dei tribunali di Amsterdam e dell’Aia (tribunali competenti in base alle sedi delle società coinvolte). Allo stato attuale, stante l’avvio della procedura fallimentare, i professionisti interpellati dalla Ciccolella per la redazione della suddetta perizia di congruità non hanno dato la loro disponibilità a proporre preventivi per tale attività (la mancanza di continuità aziendale renderebbe non applicabili le usuali metodologie valutative). Conseguentemente, il Consiglio di Amministrazione della Ciccolella S.p.A. nella seduta del 20 marzo 2013 ha ratificato la rinuncia all’esercizio dell’opzione di riacquisto confermando il prezzo di vendita preliminarmente stabilito in € 1,00; questo soprattutto in considerazione degli accadimenti che hanno interessato la Ciccolella Holding International B.V. e le sue controllate successivamente alla cessione (avvio delle procedure concorsuali). La suddetta cessione ha comportato la completa svalutazione del valore di carico della partecipazione nel bilancio separato della capogruppo Ciccolella S.p.A. pari ad euro 58 milioni, già interamente registrata nel conto economico dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2012. Per quanto attiene, invece, ai possibili rischi derivanti dalla procedura fallimentare di CHI (rischi connessi ad eventuali situazioni di deficit patrimoniale scaturenti dalla procedura concorsuale intervenuta dopo la cessione del gruppo CHI, vedi nota 38.4), si ritiene che la Ciccolella S.p.A. non abbia rischi specifici oltre a quelli derivanti dalle garanzie fornite e dalle Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 12 esposizioni dirette (oggetto di separata valutazione già nel bilancio individuale dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2012). Le valutazioni sui rischi in oggetto sono state operate dagli amministratori anche sulla base di uno specifico parere legale. 3.4 CESSIONE P&F Il 15 maggio 2013, la Ciccolella S.p.A. ha raggiunto ed eseguito un accordo in virtù del quale è uscito dalla JV “P&F Società agricola a r. l.” mantenendo comunque validi gli impegni sottoscritti nel 2010 nell’ambito del contratto quadro per lo sviluppo di nuove iniziative agro energetiche. In conseguenza di tali accordi, la società si è impegnata a coprire i fabbisogni derivanti dagli impegni già assunti dalla P&F nei confronti dei terzi, la cui quota di competenza è stata concordata in 500 migliaia di euro ed ha dismesso la quota di partecipazione alla JV (il cui valore era stato già in precedenza svalutato) al valore simbolico di Euro 1,00 rinunciando, contestualmente, ai crediti vantati verso la stessa P&F. 3.5 CESSIONE BU SERVIZI E IMPIANTI Il Consiglio di Amministrazione, nell’ambito dell’aggiornamento del Piano Industriale al 2013-­‐
2017, ha deciso di dismettere la partecipazione detenuta nella società G.C. Service S.r.l., operante nel settore dei servizi amministrativi e similari, che controlla a sua volta la società G.C. Impianti S.p.A., operante nel settore della realizzazione e manutenzione di impianti serricoli e accessori, e la società Zurel Italy B.V., con oggetto sociale commercializzazione di fiori e piante. La cessione del 100% delle quote sociali di G.C. Service S.r.l., deliberata dal Consiglio di amministrazione di marzo 2013 e per la quale è stato formalizzato un accordo preliminare con terzi permetterà, quindi, di completare il piano di dismissioni che consentirà a Ciccolella S.p.A. di focalizzarsi esclusivamente sulle attività agro energetiche come delineato nel Piano Industriale (nota 6.2.2). Le trattative per l’effettiva cessione sono avanzate e si conta di finalizzarle nel corso del 2013. 3.6
ACCORDO DI RIMODULAZIONE DEL CONTRATTO DI FINANZIAMENTO IN POOL ED EROGAZIONE DI NUOVA FINANZA – MANCATO RISPETTO COVENANTS Al 31 dicembre 2011, la Società controllata G.C. Partecipazioni S.a.r.l. non ha rispettato due dei covenants (parametro tecnico relativo alla rete di teleriscaldamento e rapporto PFN/Ebitda) previsti dal contratto di finanziamento sottoscritto nel corso del 2011 (accordo di rimodulazione ed erogazione di nuova finanza per complessivi 155 milioni di Euro) ed il 28 marzo 2012 ha proceduto a richiedere formale waiver agli istituti finanziatori. In seguito a tale richiesta, sono iniziate le trattative con il pool di banche finanziatrici che hanno portato alla redazione di un nuovo piano industriale, economico e finanziario finalizzato a meglio allineare alcune previsioni contrattuali al mutato contesto economico e normativo che ha portato al mancato rispetto dei suddetti parametri, anche in riferimento alle successive rilevazioni del 30 giugno 2012, 31 dicembre 2012 e 30 giugno 2013. Ad oggi le trattative con il Pool delle banche finanziatrici sono in corso e prevedono, tra l’altro, la redazione di una specifica attestazione da parte di un professionista indipendente ai sensi dell’art. 67 della Legge Fallimentare. 3.7 INTERPELLO Il 26 giugno 2013, in risposta ad apposita istanza di interpello (presentata ai sensi della Legge n.212 del 27 luglio 2000 dalla società G.C. Partecipazioni nel mese di febbraio 2013) finalizzata Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 13 a conoscere l’orientamento dell’autorità finanziaria circa il regime di tassazione dei proventi rinvenienti dall’accordo con Edison, l’Agenzia delle Entrate ha ritenuto inammissibile l’interpello in quanto interferente con l’attività di accertamento in corso determinato solo ed esclusivamente dalla richiesta di informazioni per attività istruttoria e non accertativa (ai sensi dell’articolo 37 bis del D.P.R. 29 settembre 1973 n. 600 circa l’elusività dell’operazione di trasformazione societaria posta in essere dalla società istante). Il 2 luglio 2013 l’Agenzia delle Entrate territorialmente competente iniziava una verifica mirata ai sensi e per gli effetti degli artt. 51 e 52 del D.P.R. 633 26/10/1972 e degli artt. 32 e 33 del D.P.R. 600 29/9/1973 avente per oggetto il periodo d'imposta 2010, per eseguire il controllo delle seguenti poste di bilancio e quelle correlate: Operazioni Straordinarie e Certificati Verdi (si rinvia alla nota 22 della Nota Integrativa per gli ulteriori sviluppi). 4 ANDAMENTO GESTIONALE DEL GRUPPO Prima di commentare i fattori che hanno contribuito all’andamento gestionale del gruppo, occorre rilevare come i risultati qui di seguito esposti tengono già conto della cessione della Business Unit Trading avvenuta a febbraio 2013 (e di cui meglio alla nota 3.3) e delle altre dismissioni di cui alla nota 7.4. Per effetto di tali dismissioni, il conto economico consolidato del primo semestre 2013 espone fino all’EBIT, esclusivamente, il risultato gestionale realizzato dalla capogruppo Ciccolella S.p.A. e dalla sua controllata G.C. Partecipazioni attiva nella produzione agro energetica (essendo tutti gli altri settori rappresentati nel risultato delle attività disponibili per la vendita). Pertanto, al fine di rendere comparabile il risultato raggiunto nel 2013, il dato di confronto relativo al primo semestre 2012 è stato opportunamente riesposto (ai sensi di quanto previsto dall’IFRS 5). Le motivazioni che hanno portato alla dismissione dei settori diversi da quello agro energetico, sono riconducibili, sostanzialmente, alla necessità di concentrare le risorse aziendali nel settore storico di produzione agricolo energetica che ha da sempre generato la migliore marginalità all’interno del gruppo. Le altre aree di operatività avrebbero richiesto, al fine di poter esprimere interessanti ritorni in termini prospettici, la realizzazione di ulteriori investimenti che, nell’attuale contesto, sarebbero stati difficilmente giustificabili in una logica di rigore e risanamento. Dati Economici (in milioni di euro) Ricavi EBITDA EBITDA adjusted 30 giugno 2013 Variazione assoluta 18,5 10,9 11,2 30 giugno 2012 */** 28,7 19,6 20,2 60,5% 70,4% 3,3 11,6 (8,3) % sui ricavi di vendita 17,7% 40,4% 3,1 0,017 (11,0) % sui ricavi di vendita EBIT Risultato netto del Gruppo e di Terzi Risultato base e diluito per azione (in Euro) (7,9) (0,044) (10,2) (8,7) (9,0) (0,1) Variazione % (35,5) (44,4) (44,6) (71,7) (354,8) (354,4) * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised ** dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 14 I settori di attività del gruppo sono la produzione agro-­‐energetica esercitata dalla G.C. Partecipazioni e l’attività di holding svolta dalla capogruppo Ciccolella S.p.A. Il quadro di sintesi sopra esposto mostra come la significativa contrazione dei ricavi sia la principale causa dell’andamento registrato nel primo semestre del 2013 che ha continuato a risentire delle tensioni finanziarie scaturenti dalla mancata finalizzazione degli accordi con gli istituti finanziatori; conseguentemente, non è stato ancora possibile realizzare la piena ed efficace riconversione del sito produttivo di Candela (che rimane l’unico sito di produzione agricola gestito dal Gruppo). Sono di seguito indicate le principali voci che compongono il volume d’affari del Gruppo: Ricavi (in milioni di euro) 30 giugno 2013 30 giugno 2012 */** Variazione assoluta Variazione % Ricavi delle vendite Proventi contrattuali Altri ricavi 0,9 17,4 0,2 2,0 26,3 0,4 (1,1) (8,9) (0,2) -­‐55,0% -­‐33,8% -­‐50,0% Totale ricavi 18,5 28,7 (10,2) -­‐36% * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised ** dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 Tutti i ricavi sono generati dall’attività di produzione agro-­‐energetica. La variazione dei ricavi registrati nei primi sei mesi del 2013 rispetto al corrispondente periodo del 2012 deriva da una riduzione degli stessi nei confronti di Edison in linea con le previsioni contrattuali e le previsioni incluse nel Piano Industriale. I benefici contrattuali maturati nei primi 6 mesi del 2013 ammontano a 17,4 milioni di euro contro i 26,3 registrati nel corrispondente periodo del 2012. Alla data del 30 giugno 2013 la forza lavoro del Gruppo è costituita da 140 unità lavorative tra operai (a tempo determinato ed indeterminato), impiegati, quadri e dirigenti; il sito di Candela, sempre al 30 giugno 2013, ha una superficie in piena coltivazione di oltre 14 ettari di anthurium e 17 ettari di altre coltivazioni (che comprendono anche piante in vaso), ulteriori 30 ettari risultano in corso di riconversione (da rose recise a piante in vaso). Nel prospetto che segue sono proposte le principali voci componenti l’EBITDA Adjusted e le variazioni intercorse fra i due periodi comparati: EBITDA Adjusted (in milioni di euro) 30 giugno 2013 30 giugno 2012*/** Variazione Totale ricavi 18,5 28,7 (10,2) Costi per materie prime e materiali di consumo (0,3) (1,1) 0,8 Costi per servizi (4,1) (3,2) (0,9) Costi del personale (2,0) (3,2) 1,2 Altri costi operativi (0,9) (0,9) 0,0 0,0 (0,1) 0,1 11,2 20,2 (9,0) Costi per lavori interni capitalizzati EBITDA Adjusted * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised ** dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 La diminuzione dell’EBITDA Adjusted di 8,6 milioni di Euro è dovuto alla significativa riduzione dei ricavi, principalmente contrattuali, marginalmente controbilanciati dalla riduzione dei costi Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 15 in seguito all’avvio delle azioni di ristrutturazioni previste nel Piano; azioni che hanno comportato la riduzione di alcune voci di costo (materiali e personale) e l’aumento di altre (servizi e altri costi). Segue il prospetto di raccordo fra l’EBITDA Adjusted e l’EBIT nonché le relative variazioni intercorse fra i due periodi comparati: EBIT (in milioni di euro) 30 giugno 2013 30 giugno 2012*/** Variazione EBITDA Adjusted Costi di ristrutturazione 11,2 (0,5) 20,2 0,0 (9,0) (0,5) Rivalutazioni/(Svalutazioni) di attività biologiche (0,1) (0,3) 0,2 Rivalutazioni/(Svalutazioni) di cespiti 0,0 0,0 0,0 Altre rivalutazioni/(svalutazioni) Ammortamenti e svalutazione cespiti (0,8) (6,5) (0,6) (7,7) (0,2) 1,2 3,3 11,6 (8,3) EBIT * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised ** dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 Come si evince dal prospetto, il differenziale registrato a livello di EBITDA Adjusted nei primi sei mesi del 2013, rispetto al primo semestre del 2012, si riscontra quasi integralmente anche a livello di EBIT. La riduzione degli ammortamenti che si riscontra tra il primo semestre 2013 ed il primo semestre 2012 è frutto delle svalutazioni dei cespiti effettuate negli scorsi esercizi e non presenti nel 2013. 5 SITUAZIONE PATRIMONIALE DEL GRUPPO Al 30 giugno 2013 il totale attivo del Gruppo ammonta a 267,2 milioni di euro, con un decremento di circa 60 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2012. Tale decremento scaturisce per 8 milioni di euro dal processo di ammortamento dei beni materiali, per 3,7 milioni di euro dalle minori risorse liquidi disponibili e, soprattutto, per 62,3 milioni di euro, dalla cessione delle attività disponibili per la vendita (essenzialmente riferite alle società di diritto olandese cedute nel mese di febbraio 2013), parzialmente controbilanciate dall’incremento dei crediti vantati verso terzi (Edison). L’incidenza delle attività immobilizzate e delle attività finanziarie (complessivamente pari a 172,7 milioni di euro) sul totale attivo è pari circa al 65 %. Il Patrimonio Netto consolidato di spettanza del Gruppo al 30 giugno 2013 risulta negativo (deficit) per 26,4 milioni di euro. Rispetto al Patrimonio Netto di Gruppo dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2012, (negativo per 20 milioni di euro) si è registrata una variazione negativa di 6,3 milioni di euro per effetto del risultato netto negativo consuntivato dal gruppo parzialmente controbilanciato dalle variazioni intercorse nelle riserve patrimoniali in seguito al mutato valore degli strumenti derivati di copertura. L’ammontare delle passività non correnti del gruppo al 30 giugno 2013 è pari a 71,8 milioni di euro e, rispetto al 31 dicembre 2012, ha subito una riduzione di 2,6 milioni di euro attribuibile per 1,3 milioni di euro alla riclassifica da lungo a breve di alcune passività finanziarie e per 1,3 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 16 milioni di euro al parziale ristorno dei contributi pubblici ricevuti. La variazione della posizione finanziaria netta di 6,9 milioni di euro deriva per 3,6 milioni di euro dalle minori risorse liquide disponibili a fine periodo e per 3,3 milioni di euro dagli oneri finanziari maturati nel periodo. L’incidenza del Patrimonio Netto consolidato e delle passività non correnti (complessivamente pari a 45,4 milioni di euro) sul totale delle passività del gruppo è pari al 15%. Il prospetto che segue riporta i principali dati patrimoniali (in milioni di euro) al 30 giugno 2013 raffrontati con quelli del bilancio chiuso al 31 dicembre 2012, opportunamente riesposti in considerazione delle attività disponibili per la vendita. Dati Patrimoniali (in milioni di euro) 30 giugno 2013 31 dicembre 2012 * Totale Attivo Posizione Finanziaria Netta Patrimonio netto (deficit) Investimenti materiali e immateriali 267,2 203,1 (26,4) 172,7 327,1 196,2 (20,2) 180,3 Variazione assoluta (59,9) 6,9 Variazione % (18,3) 3,5 (6,2) (30,8) (7,6) (4,2) * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised 6 SITUAZIONE FINANZIARIA DEL GRUPPO L’attuale contesto dei mercati finanziari ha imposto una politica finanziaria improntata a principi di rigore che determinano un’attenta gestione della tesoreria ed un oculato utilizzo della liquidità. Al fine di evidenziare la Posizione Finanziaria Netta, si riporta di seguito la situazione patrimoniale -­‐ finanziaria consolidata riclassificata secondo criteri funzionali: Impieghi (In milioni di euro) Crediti verso clienti Debiti verso fornitori Rimanenze A) Capitale circolante netto commerciale Altre attività /passività nette B) Capitale circolante netto Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni finanziarie Immobilizzazioni immateriali Contributi in conto impianti Fondi per accantonamenti e rischi Altre attività/passività nette C) Attivo immobilizzato netto D) Capitale investito netto attività in funzionamento (B+C) 30 giugno 2013 variazione assoluta 31 dicembre 2012* 73,8 (17,5) 1,1 57,4 (5,6) 51,8 172,6 0,0 0,0 (17,9) (9,5) 0,1 145,3 58,9 (14,8) 1,3 45,4 (4,9) 40,5 180,2 0,0 0,0 (19,4) (9,6) 0,1 151,3 14,9 (2,7) (0,2) 12,0 (0,7) 11,3 (7,6) 0,0 0,0 1,5 0,1 0,0 (6,0) 197,1 191,8 5,3 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 17 Impieghi (In milioni di euro) 30 giugno 2013 31 dicembre 2012* variazione assoluta (20,4) 176,7 (15,7) 176,1 (4,7) 0,6 E) Attività/passività disponibili per la vendita F) Capitale investito netto * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised Il lieve incremento del capitale investito netto deriva da un aumento dei crediti commerciali quasi integralmente controbilanciato dalla riduzione degli attivi immobilizzati (in seguito al normale processo di ammortamento) e dalla variazione del saldo delle attività/passività disponibili per la vendita. Fonti (In milioni di euro) (26,4) 0,0 (26,4) Patrimonio netto attribuibile al Gruppo (deficit) Patrimonio netto attribuibile a terzi C) Patrimonio netto variazione assoluta 30 giugno 2013 31 dicembre 2012* Finanziamenti bancari a breve termine (Liquidità) (Altre attività finanziarie -­‐ correnti e non) Finanziamenti a medio lungo termine Altre passività finanziarie D) Posizione finanziaria netta (fonti di terzi) Totale mezzi propri e di tezi (C+D) (20,1) 0,0 (20,1) (6,3) 0,0 (6,3) 160,7 (0,8) (0,8) 7,2 36,8 203,1 155,4 (4,4) (1,3) 8,7 37,8 196,2 5,3 3,6 0,5 (1,5) (1,0) 6,9 176,7 176,1 0,6 * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised La variazione della Posizione Finanziaria Netta deriva dall’utilizzo delle giacenze liquide e dalla maturazione degli oneri finanziari del periodo non corrisposti al 30 giugno 2013. Nella voce “Finanziamenti bancari a breve termine” è iscritto l’intero debito per finanziamento in pool con scadenze a medio/lungo termine contratto da GC Partecipazioni in conseguenza del non rispetto dei covenants finanziari stabiliti dall’accordo di rimodulazione e nuova finanza stipulato con le banche. Alla data di redazione del presente documento, sebbene la società GC Partecipazioni abbia richiesto alle banche finanziatrici di rinunciare ai rimedi contrattualmente previsti (waiver), queste non hanno ancora accolto tale richiesta in attesa di ricevere maggiore documentazione a supporto della richiesta stessa. La società sta predisponendo, anche con l’ausilio di consulenti esterni, quanto richiesto dal pool di banche ed è fiduciosa nell’accoglimento da parte di queste della richiesta avanzata. Inoltre, come meglio illustrato nel paragrafo relativo alle considerazioni sulla continuità aziendale, per una serie di concause, la situazione finanziaria è ancora in tensione e si registrano delle posizioni debitorie per le quali non sono state rispettate le originarie scadenze e si è intenzionati a raggiungere accordi di rateizzazione. 6.1 INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO CONSOLIDATO Nel prospetto che segue è riportato l’indebitamento finanziario netto consolidato redatto sia ai sensi della delibera Consob n. DEM/6064293 del 28 luglio 2006, sia ai sensi dei criteri Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 18 funzionali del Gruppo. L’indebitamento finanziario netto al termine del periodo ammonta a 203,1 milioni di euro. (in milioni di euro) 30 giugno 2013 31 dicembre 2012 h Altri debiti finanziari correnti 0,0 0,8 0,0 0,8 0,8 (16,1) (144,6) (3,4) 0,0 4,4 0,0 4,4 1,3 (15,3) (140,1) (5,0) i Indebitamento finanziario corrente (f+g+h) (164,1) (160,4) j Indebitamento finanziario corrente netto (i+e+d) (162,5) (154,7) m Altri debiti non correnti (7,2) 0,0 (33,4) (8,7) 0,0 (32,8) n Indebitamento finanziario non corrente (k+l+m) (40,6) (41,5) (203,1) (196,2) 0,0 (0,0) (203,1) (196,2) a Cassa b Altre disponibilità liquide c Titoli detenuti per la negoziazione d Liquidità (a+b+c) e Crediti finanziari correnti f Debiti bancari correnti g Parte corrente dell'indebitamento non corrente k Debiti bancari non correnti l Obbligazioni emesse o Indebitamento finanziario netto come da comunicazione CONSOB n. DEM/6064293/2006 (j+n) p Attività finanziarie non correnti Totale indebitamento finanziario netto redatta secondo i criteri funzionali del Gruppo(o+p) 6.2 PIANO INDUSTRIALE 2012-­‐2016 E AGGIORNAMENTO 2013-­‐2017 6.2.1
PIANO INDUSTRIALE 2012-­‐2016 A seguito dell’attività di monitoraggio al 31 dicembre 2011, prevista dal contratto di finanziamento della società controllata G.C. Partecipazioni S.a.a.r.l. con un pool di banche (capofila Unicredit), relativa al primo anno del piano industriale 2011-­‐2017, affidata alla società KPMG Advisory S.p.A, il Gruppo ha proceduto alla rielaborazione del piano per gli anni 2012-­‐2016 con il supporto della stessa KPMG in qualità di advisor industriale e finanziario. Tale Piano, come indicato nel successivo paragrafo 6.2.2, è stato aggiornato al periodo 2013-­‐2017 per effetto di nuovi rilevanti eventi occorsi tra fine 2012 e inizio 2013. Il piano 2012 – 2016 approvato nelle sue linee guida a maggio 2012 dal Consiglio di Amministrazione è stato redatto tenendo in debita considerazione: (i) le strategie produttive e commerciali previste dal precedente piano sia per la Business Unit Produzione agro energetica che per la Business Unit Trading; (ii) i ritardi e gli scostamenti registrati nell’implementazione del precedente piano nel corso dell’esercizio 2011 (come da monitoraggio di KPMG); (iii) ulteriori azioni correttive e di miglioramento implementate e da implementare. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 19 Le principali Linee guida strategiche di Gruppo e le principali assunzioni del Piano industriale 2012-­‐2016 sono così riassumibili (le parti poi modificate dalla revisione del 2013 sono barrate): Produzione: Ø miglioramento dell’efficienza delle coltivazioni esistenti in termini di minore incidenza dei costi di produzione (così come già stabilito nel precedente piano); Ø non rinnovo delle piante per la coltivazione delle rose (fiore fresco reciso); Ø sviluppo delle nuove coltivazioni (piante in vaso) con marginalità superiori rispetto a quelle “tradizionali” (così come già stabilito nel precedente piano). Energia: Ø valorizzazione della cogenerazione ed estensione della superficie agricola di serre teleriscaldate (così come già stabilito nel precedente piano) e ipotesi di prolungamento dei benefici contrattuali per tutto l’arco di validità del contratto (ipotesi di revamping); Ø introduzione dei benefici economici relativi agli impianti fotovoltaici realizzati nel 2011. Trading: Ø perseguire la crescita del fatturato attraverso lo sfruttamento di opportunità di mercato e l’acquisizione di nuovi venditori; Ø ristrutturazione del personale; Ø riduzione dei costi variabili ed Implementazione dei risparmi sui costi fissi. Con riferimento all’attività di produzione, è prevista la graduale riconversione dei siti produttivi con lo sviluppo di nuove coltivazioni (pot plant e piante pluriannuali) caratterizzate da un minor impiego di personale diretto al fine di consentire un recupero della marginalità e alla cessazione dal 2014 della produzione di rose negli stabilimenti di Candela e Melfi (mancato rinnovo delle piante di produzione al termine della loro vita utile). Verranno mantenute le coltivazioni degli anthurium che, grazie alla razionalizzazione del processo tecnico produttivo e ad una politica di efficientamento dei costi di produzione, avranno un miglioramento del margine di redditività. Su tutte le attività operative (sia di produzione che di commercializzazione) sono previste delle azioni di riduzione dei costi, sia diretti che di struttura, che dovrebbero consentire nel futuro un recupero di margine. E’ previsto, inoltre, un incremento delle superfici coltivabili nel sito produttivo di Candela per circa 8 ettari (già compresi nel precedente piano). Le nuove strutture serricole saranno collegate in teleriscaldamento al fine di creare ulteriori sinergie tra gli impianti di produzione agricola e gli impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile. In questa strategia di innovazione tecnologia sono stati introdotti nel piano gli impianti fotovoltaici realizzati nel corso del 2011 sulle coperture delle strutture serricole di Molfetta per una potenza complessiva di 2,3 Mw ed i cui benefici economici si dispiegheranno a partire dal 2012 per raggiungere un pieno regime produttivo già dall’anno successivo. Infine, in relazione all’attività di trading, la strategia prevista a piano è volta essenzialmente nella direzione dell’efficientamento e razionalizzazione dei costi, in continuità con le politiche avviate in tal senso già dalla metà del 2010, e nella ricerca delle opportunità di mercato più appetibili in relazione alla crescita del giro di affari del Gruppo. A tale riguardo le principali azioni strategiche sono il recupero della base clienti mediante nuovi venditori e maggiore commitment commerciale, la crescita nei mercati emergenti (in particolare Est Europa) ed il lancio del nuovo marchio “Dolcefiore”. L’insieme delle azioni descritte e previste a piano porteranno il Gruppo a raggiungere nel 2016 un fatturato di circa 350 milioni di euro ed un EBITDA di circa 51 milioni di euro. Sebbene il piano si basava su presupposti ragionevoli, sussistevano aree di incertezze relative all’ effettivo concretizzarsi dei benefici connessi ad azioni future previste nel piano, ciò in particolare è Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 20 riferibile al conseguimento dei ricavi previsti da (i) introduzione della coltivazioni di piante in vaso (avvio di nuova attività); (ii) raggiungimento dei parametri ipotizzati e connessi alla cogenerazione; (iii) completamento delle iniziative di riorganizzazione nei modi e nei tempi previsti dal piano e alla positiva conclusione degli accordi di rateizzazione delle posizioni debitorie scadute sia nei confronti dei fornitori che dell’Erario che degli istituti di previdenza sociale. Inoltre, il Consiglio di Amministrazione ha approvato le linee guida dello scenario di sviluppo del Piano Industriale che prevedono una ulteriore espansione del sito di Candela e dei relativi benefici contrattuali da cogenerazione. La concreta realizzabilità di tale scenario è condizionata da una serie di accadimenti tra cui la positiva valutazione di tale scenario da parte delle banche del pool e la positiva asseverazione del suddetto scenario di piano a cura di un professionista indipendente. 6.2.2
PIANO INDUSTRIALE -­‐ AGGIORNAMENTO 2013-­‐2017 In considerazione dei rilevanti eventi e degli sviluppi intervenuti tra il finire del 2012 e l’inizio del 2013, il Gruppo ha riconsiderato l’implementazione delle strategie inerenti lo sviluppo delle diverse attività di cui al Piano 2012-­‐2016 precedentemente illustrato. In primo luogo, per quanto attiene all’attività di produzione agricola abbinata al teleriscaldamento, è stato avviato il progetto di ulteriore espansione del sito produttivo di Candela per ulteriori 17 ettari al fine di completarne la realizzazione entro il 2013. Per quanto attiene alle attività di trading, invece, si è deciso di dismettere la partecipazione nel gruppo di società olandesi con l’iniziale obiettivo di consentirne la ristrutturazione e l’accorpamento con altri soggetti operanti nel settore e, successivamente, valutarne l’eventuale riacquisizione. Si rinvia alla nota 3.3 per gli ulteriori sviluppi che hanno interessato il gruppo di società olandesi, dopo la cessione avvenuta nel mese di febbraio 2013, rendendo di fatto non perseguibile l’ipotesi di sviluppo formulata nel precedente piano 2012-­‐2016. Per quanto attiene, invece, alle attività di servizi, anche alla luce del conseguente ridimensionamento derivante dalla citata dismissione delle attività di trading, si è deciso di procedere alla dismissione delle società operanti in tale settore. Si rinvia alla nota 3.5 per dettagli su tali decisioni. Fatta eccezione per i cambiamenti derivanti dalle decisioni sopra riportate, peraltro rilevanti comunque previsti come possibili scenari di sviluppo del piano industriale, l’andamento dell’esercizio 2012 e quello del primo semestre del 2013, sostanzialmente in linea con quanto previsto nel piano, hanno portato a confermare le previsioni già fatte per il restante arco di piano. 7 EVENTI DI RILIEVO INTERVENUTI DOPO LA CHIUSURA DEL PERIODO E PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELL’ATTIVITÀ. 7.1 VERIFICA FISCALE GC PARTECIPAZIONI Il 2 luglio 2013 l’Agenzia delle Entrate territorialmente competente iniziava una verifica mirata ai sensi e per gli effetti degli artt. 51 e 52 del D.P.R. 633 26/10/1972 e degli artt. 32 e 33 del D.P.R. 600 29/9/1973 avente per oggetto il periodo d'imposta 2010, per eseguire il controllo delle seguenti poste di bilancio e quelle correlate: Operazioni Straordinarie e Certificati Verdi (si rinvia alla nota 22 della Nota Integrativa per gli ulteriori sviluppi in seguito alle risultanze delle verifiche del 27 agosto 2013). Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 21 7.2 INCASSO PROVENTI CONTRATTUALI EDISON Nei mesi di luglio ed agosto 2013 la società controllata G.C. Partecipazioni, così come previsto pianificato, ha incassato complessivi 33,4 milioni di euro sui complessivi 46,4 milioni di euro dei proventi contrattuali maturati nell’esercizio 2012. L’incasso della restante parte è previsto entro il termine dell’anno 2013. 7.3 VICENDE BU TRADING Le società Ciccolella S.p.A. e G.C. Partecipazioni hanno promosso apposita azione legale a tutela dei loro interessi lesi in seguito alle vicende che hanno interessato la società (precedentemente facente parte del gruppo) Ciccolella Holding International B.V. e le sue controllate 7.4 CESSIONE BU SERVIZI E IMPIANTI Le trattative per la cessione della società G.C. Service e delle sue controllate, susseguenti all’impegno formalizzato dal potenziale acquirente nel precedente mese di marzo 2013, stanno proseguendo e si prevede di finalizzarle entro la fine dell’esercizio 2013. 7.5 APERTURA PROCEDIMENTO SANZIONATORIO CONSOB Il 24 luglio 2013 veniva notificata ai sensi dell’articolo 195 comma 1 del D.lgs. n. 58/1998 (“TUF”) alla società Ciccolella S.p.A. la contestazione mossa da parte di CONSOB in merito all’avvio della procedura sanzionatoria prevista dall’articolo 193, comma 1 del citato Decreto per una presunta violazione dell’articolo 114, comma 5 del TUF. 8 ANDAMENTO PREVEDIBILE DELLA GESTIONE E RISCHI 8.1 RISCHI ED INCERTEZZE L’evoluzione prevedibile della gestione per l’esercizio 2013 potrebbe essere influenzata da rischi ed incertezze dipendenti da molteplici fattori. Si indicano di seguito i principali fattori di rischio o incertezza significativi concernenti l’attività del Gruppo Ciccolella nell’anno 2013. 8.1.1
ANDAMENTO MACROECONOMICO La crisi che ha interessato l’economia mondiale, e che si prevede continui a produrre effetti per tutto l’esercizio 2013, è caratterizzata da una generalizzata contrazione dei consumi seppur con intensità diverse sulla base delle localizzazioni geografiche e delle collocazioni settoriali. 8.1.2
ANDAMENTO ECONOMICO DEL GRUPPO I dati economici consuntivati nel primo semestre 2013, seppur non positivi, hanno registrato un andamento in linea con le attese. Ciononostante, vi sono fattori ed elementi di incertezza che potrebbero mettere a rischio in futuro tale andamento: •
•
l’estrema volatilità del mercato floricolo registrata nel corso dell’anno (andamento accentuato dalla crisi economica globale); la razionalizzazione societaria e il completamento delle azioni di ristrutturazione hanno determinato un positivo effetto ancora parziale nel conto economico dell’esercizio; Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 22 •
•
la concentrazione sui risultati economici dei proventi derivanti dagli accordi con Edison; la continua evoluzione della regolamentazione del settore energetico e delle attività connesse alla cogenerazione da teleriscaldamento. A tale proposito, sono stati rivisti i dati economico/finanziari previsionali e sono stati identificati i fattori che potrebbero eventualmente influenzare l’operatività della Società nell’immediato futuro (si veda quanto esposto alla nota 2 della Nota Integrativa in merito al rischio di continuità aziendale). 8.2 GESTIONE DEL RISCHIO ALL’INTERNO DEL GRUPPO – COMPLIANCE ENTERPRISE RISK MANAGEMENT 8.2.1
RISCHI DI STIMA Alcune voci del conto economico includono delle stime che il management ha effettuato utilizzando al meglio tutte le informazioni disponibili. Il verificarsi delle ipotesi sottostanti le stime delle valutazioni incluse nel presente bilancio rappresenta un elemento di rischio. Per quanto attiene ai ricavi contrattuali maturati nei confronti di Edison S.p.A., vi è un rischio di stima connesso alla valorizzazione dei benefici contrattualmente previsti. In particolare, la valutazione si è basata su informazioni e dati desunti da comunicazioni ufficiali di Edison e da informazioni ricavabili dal mercato. Tale rischio è prevalentemente connesso e derivante dal grado di stima del prezzo medio dei Certificati Verdi e delle quote di emissione CO2. 8.2.2
RISCHI DI CREDITO Il rischio di credito rappresenta l’esposizione di Ciccolella a potenziali perdite derivanti dal mancato adempimento delle obbligazioni assunte dalle controparti commerciali. Per il gruppo Ciccolella l’esposizione al rischio di credito è connessa in modo preponderante, determinando anche una elevata concentrazione, alle posizioni creditorie nei confronti di Edison S.p.A. che produce il duplice effetto di rischiosità sia a livello dei crediti commerciali che a livello di risultato essendo una parte preponderante dello stesso risultato connesso ai ricavi maturati nei confronti di Edison S.p.A. 8.2.3
CONCORRENZA I mercati all’interno dei quali il Gruppo opera sono soggetti ad una forte concorrenza. Al fine di fronteggiare tali rischi derivanti dal mercato che opera in regime di concorrenza il Gruppo persegue lo sviluppo di un portafoglio clienti differenziato ampliando quanto più possibile la diversificazione geografica e l’ottimizzazione del mix produttivo anche attraverso il conferimento della produzione alle aste olandesi. 8.2.4
RISCHIO OPERATIONS L’attività caratteristica di Ciccolella prevede, allo stato attuale, la coltivazione di fiori (Anthurium) e piante in vaso. Rischi di perdite o danni possono derivare da danneggiamenti di serre a causa di violente manifestazioni meteorologiche e/o da improvvisa e imprevedibile indisponibilità di uno o più macchinari o impianti critici ai processi di produzione. I rischi di malfunzionamento, rottura, eventi atmosferici disastrosi e similari possono incidere anche sugli impianti di connessione ed utilizzo della rete di teleriscaldamento dell’impianto di Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 23 Candela e, quindi, sulla conseguente capacità di realizzare gli obiettivi minimi annuali necessari per l’ottenimento dei proventi contrattualmente previsti. Più in generale, gli eventi di cui sopra possono incidere anche a livello di redditività del gruppo, essendo questa per buona parte determinata dai proventi connessi al funzionamento della rete di teleriscaldamento nel suo insieme. Tali rischi pur essendo coperti da apposite assicurazioni, non possono essere completamente trasferiti. Ciccolella, pertanto, persegue una politica di gestione del rischio industriale comprendente attività di prevenzione e controllo dei rischi, che prevede l’adozione di politiche di manutenzione degli impianti. 8.2.5
INFORMATION TECHNOLOGY I sistemi informativi supportano l’operatività aziendale per quanto concerne in particolare gli aspetti commerciali e amministrativi. Aspetti di rischio sono associati all’adeguatezza di tali sistemi e all’integrità e riservatezza dei dati e delle informazioni, nonché alla disponibilità di risorse di adeguata esperienza. Il continuo sviluppo di soluzioni IT di supporto al business, l’adozione di elevati standard di sicurezza e di sistemi di autenticazione e di profilo, mitigano tali rischi. Inoltre, per quanto riguarda il rischio di interruzione dell’attività a fronte di un “fault” dei sistemi, Ciccolella si sta dotando di architetture hardware e software in configurazione ad alta affidabilità per quelle applicazioni che supportano attività critiche attraverso il ricorso all’outsourcing di tali servizi con primari provider. 8.2.6
RISCHI FINANZIARI In un contesto di mercati finanziari altamente volatili e dominati da incertezze che potrebbero avere impatti anche sulla situazione finanziaria del gruppo, si evidenziano comunque i risultati raggiunti con l’accordo con il sistema bancario che ha consentito di avviare il risanamento della situazione finanziaria complessiva così come previsto nei piani approvati ed in costante monitoraggio ed aggiornamento. Permangono, comunque, i rischi connessi alla tensione della gestione finanziaria generati dalle concause di cui alla nota 2, ovvero: (i) ritardi nei pagamenti dei fornitori, delle imposte e degli enti previdenziali; (ii) mancato rispetto dei covenants del contratto di rifinanziamento e conseguente necessità di mantenere e confermare le attuali linee di affidamento anche in termini di onerosità; (iii) necessità di raggiungere gli obiettivi di piano al fine di ottenere le ulteriori risorse finanziarie generate dallo stesso. 8.2.7
RISCHI CONNESSI ALLA POSSIBILE SVALUTAZIONE DEL VALORE DI ISCRIZIONE IN BILANCIO DI ATTIVITÀ Il Gruppo potrebbe avere effetti negativi sul valore del proprio patrimonio netto nell’ipotesi di eventuali svalutazioni di attivi nel caso in cui il Gruppo non fosse in grado di sviluppare adeguati flussi di cassa rispetto a quelli attesi (quali previsti nel Piano Economico – Finanziario 2013 – 2017). Tale rischio si è concretamente manifestato nel corso dei passati esercizi (in particolare il 2011) nei quali, in seguito al palesarsi di evidenti indicatori di perdita di valore degli investimenti effettuati nei siti produttivi di Molfetta e Melfi, ed in conseguenza della variazione delle dinamiche di mercato sulle quali si regge l’iscrizione di detti siti produttivi nell’attivo del gruppo, si sono iscritte rilevanti svalutazioni al valore delle suddette attività. Tale elemento di rischio permane negli esercizi futuri, sia pure in entità ridotta per effetto della precedente svalutazione operata. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 24 8.2.8
RISCHI NORMATIVI La varietà degli ambiti di business in cui opera, pone il Gruppo a confronto con un contesto regolamentare complesso e articolato. L’evoluzione della normativa, in termini di nuove disposizioni o modifiche alla legislazione vigente, può determinare effetti rilevanti sulle variabili competitive e sulle condizioni di mercato in specifiche aree di attività, oltre che generare, a livello di governance societaria, una maggiore onerosità nei processi interni di compliance su tematiche inerenti, tra le altre, al D. Lgs. n. 231/2001, al D. Lgs. n. 196/2003 sulla Privacy, alla legge n. 262/2005 sulla Tutela del risparmio, ad adempimenti di carattere fiscale. Al riguardo il Gruppo è in procinto di definire un adeguato sistema di controllo interno e di gestione dei rischi che, attraverso l’identificazione e gestione dei principali rischi aziendali, concorra ad assicurare la salvaguardia del patrimonio sociale, l’efficienza e l’efficacia dei processi aziendali, l’affidabilità dell’informazione finanziaria, il rispetto di leggi e regolamenti, nonché dello statuto sociale e delle procedure interne. 9 ALTRE INFORMAZIONI 9.1 QUOTAZIONE Le azioni ordinarie Ciccolella S.p.A. sono quotate al Mercato Telematico Azionario di Milano organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. con codice ISIN IT0000080421. 9.2 OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Ciccolella S.p.A. ha effettuato operazioni di carattere commerciale e finanziario con parti correlate per il cui dettaglio si rinvia alla apposita nota. 9.3 ATTIVITÀ DI DIREZIONE E COORDINAMENTO Ciccolella S.p.A. è soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Gruppo Ciccolella S.r.l.. I dettagli dei rapporti finanziari ed economici intrattenuti con Gruppo Ciccolella S.r.l. sono riportati nella nota illustrativa al bilancio consolidato. 9.4 QUOTE DELLA CONTROLLANTE Nessuna quota della società controllante Gruppo Ciccolella S.r.l. è posseduta da Ciccolella S.p.A. o dalle società da questa direttamente o indirettamente controllate. Nessuna operazione sulle quote della società controllante Gruppo Ciccolella S.r.l. è stata compiuta da Ciccolella S.p.A. o dalle società da questa direttamente o indirettamente controllate nel corso del primo semestre 2013. 9.5 AZIONI PROPRIE Nessuna azione propria è posseduta al 30 giugno 2013. Nessuna operazione sulle proprie azioni è stata compiuta nel corso del primo semestre 2013. 9.6 PARTECIPAZIONI POSSEDUTE DA AMMINISTRATORI, SINDACI E DIRETTORI GENERALI In ottemperanza all’articolo 79 del regolamento di attuazione del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998 n. 58, adottato dalla Consob con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999, si Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 25 riportano nella tabella seguente le partecipazioni detenute in Ciccolella S.p.A. e nelle società da questa controllate, risultanti dalle comunicazioni ricevute e da altre informazioni acquisite da tutti i soggetti che nel primo semestre 2013 hanno ricoperto, anche per una frazione di periodo, la carica di componenti degli organi di amministrazione e di controllo, di direttori generali, nonché il ruolo di dirigenti con responsabilità strategiche in Ciccolella S.p.A. Nome e Cognome Enrico Cervone Gianluca Petrera Società Categori
partecipata a Azioni Carica Consigliere in carica fino al 30 aprile 2013 Consigliere dal 30 aprile 2013 e Dirigente Preposto Ciccolella S.p.A. Ciccolella S.p.A. Numero di Azioni Giacenza Acquisto Iniziale Vendita Giacenza Finale Ordinarie 220.000 Zero Zero 220.000 Ordinarie 580.000 Zero Zero 580.000 Melfi, 29 agosto 2013 p. Il consiglio di Amministrazione Il Presidente -­‐ Corrado Ciccolella Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 26 BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO AL 30 GIUGNO 2013 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 27 PROSPETTO DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE FINANZIARIA CONSOLIDATA SEMESTRALE -­‐ ATTIVO ATTIVO Rif. Nota
(in migliaia di euro) ATTIVITA' NON CORRENTI Attività immateriali Avviamento Attività immateriali Attività materiali Attività biologiche Immobili, impianti e macchinari Altre attività non correnti Partecipazioni Contributi pubblici Attività per imposte anticipate Attività finanziarie Altre attività non correnti TOTALE ATTIVITA' NON CORRENTI (A) ATTIVITA' CORRENTI Rimanenze di magazzino Crediti commerciali Crediti tributari Contributi pubblici Attività finanziarie correnti Altre attività correnti Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Attività disponibili per la vendita TOTALE ATTIVITA' CORRENTI (B) TOTALE ATTIVITA' (A+B) 7
8
9
11 12 13 14 15 16 10
30 giugno di cui con parti 2013 correlate 0 23 637 171.996 1 3.669 95 0 51 176.472 1.048 73.826 2.205 0 819 2.743 774 9.321 90.736 267.208 * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 14 0 0 819 864 0 7.339 9.036 9.036 31 dicembre di cui con parti 2012 * correlate 0 23 783 179.489 1 3.669 117 0 26 184.108 1.344 58.866 2.203 0 1.265 2.800 4.442 72.079 142.999 327.107 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 6 0 0 1.265 531 0 7.218 9.020 9.020 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 28 PROSPETTO DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE FINANZIARIA CONSOLIDATA SEMESTRALE – PASSIVO PASSIVO (in migliaia di euro) Rif. Nota PATRIMONIO NETTO 17 Capitale sociale 18 Riserve Risultato netto di Gruppo Totale Patrimonio netto di spettanza Capitale e riserve di terzi TOTALE PATRIMONIO NETTO (A) (DEFICIT) PASSIVITA' NON CORRENTI Finanziamenti Altre passività finanziarie Contributi pubblici Trattamento di fine rapporto Fondi per rischi ed oneri Imposte differite passive Altre passività non correnti TOTALE PASSIVITA' NON CORRENTI (B) PASSIVITA' CORRENTI Debiti commerciali Debiti vs banche e quota corr. dei finanziamenti Altre passività finanziarie Debiti tributari Altre passività correnti Passività disponibili per la vendita 20 21 22
23
7.235 33.350 21.563 3 9.481 2 144 25 26 27 28 160.650 3.505 6.693 3.811 29.677 221.816 293.594 33.350 0 0 0 0 0 33.350 1.265 0 0 0 282 546 2.093 35.443
267.208 di cui 31 dicembre con parti 2012 * correlate 93.861 (102.171) (11.858) (20.168) 0 0 0 0 0 0 0
74.376 32.776 0 0 0 0 0 32.776 14.750 155.441 5.001 6.717 3.220 87.770 272.899 0 0 0 292 520 1.646 8.723 32.776 22.957 65 9.566 2 287 0
347.275 35.443
(20.168) 0
17.480 24
0 0 0 0 0 0
71.778 TOTALE PATRIM. NETTO E PASSIVITA' (A+D) TOTALE PASSIVITA' (D=B+C) (26.386) 93.861 (112.340) (7.907) (26.386) 0 19
TOTALE PASSIVITA' CORRENTI (C) di cui 30 giugno con parti 2013 correlate 834
34.422
34.422
327.107 * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 29 PROSPETTO DI CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO SEMESTRALE CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO Nota
(in migliaia di euro) Ricavi delle vendite e delle prestazioni Altri ricavi di cui impatto delle partite di natura non ricorrente
Costi per materie prime e materiali di consumo Costi per servizi di cui impatto delle partite di natura non ricorrente
Costo del personale Altri costi operativi Costi per lavori interni capitalizzati Ammortamenti e Svalutazioni Variazione nel fair value delle attività biologiche RISULTATO OPERATIVO di cui impatto delle partite di natura non ricorrente
Oneri finanziari Proventi finanziari RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE di cui impatto delle partite di natura non ricorrente
RISULTATO NETTO ATTIVITA' DISMESSE RISULTATO NETTO DEL PERIODO Attribuibile a:
Gruppo
Terzi
Informazioni per azione:
Risultato netto base e diluita per azione (euro)
Risultato netto delle attività in funzionamento base e diluito per azione (euro)
di cui 30 giugno con parti 2013 correlate 32 33 34 35 36 31
Imposte sul reddito RISULTATO NETTO ATTIVITA’ IN FUNZIONAMENTO 30
RICAVI 896 17.641 18.537 (309) (4.093) (505) (2.471) (1.669) (15) (6.523) (146) 3.311 (505) (5.492) 11 (2.170) (505) (90) (2.260) (5.647) (7.907) (7.907) 0 (0,044) (0,013) 0
109 109 0 0 (1.014) (505) 0 0 0 0 0 (905) (505) (574) 10 (1.469) (505) 0 (1.469) (27) (1.496) 0
di cui 30 giugno con parti 2012 */** correlate 2.036 26.662 28.698 (1.114) (3.220) 0 (3.204) (1.496) (56) (7.706) (256) 11.646 (6.399) 441 5.688 (291) 5.397 (2.290) 3.107 3.107 0 0,017 0,030 0 0 0 (559) 0 0 (100) 0 0 0 (659) (615) 16 (1.258) 0 (1.258) 1.330 72 0
* dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised ** dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 30 PROSPETTO DI CONTO ECONOMICO COMPLESSIVO CONSOLIDATO SEMESTRALE Ai sensi dello IAS 1 (Presentazione del bilancio) rivisto, entrato in vigore a partire dal 1° gennaio 2009, viene di seguito illustrato il prospetto di Conto Economico Complessivo Consolidato. Questo comprende, oltre al risultato di fine periodo indicato nel Conto Economico Consolidato, le altre variazioni dei movimenti di Patrimonio Netto diverse da quelle con gli Azionisti. Il prospetto è stato adeguato allo IAS 1 rivisto. CONTO ECONOMICO COMPLESSIVO 30 giugno 2013 (in migliaia di euro) 30 giugno 2012 */** (7.907) 3.107 (25) (63) Utili / (perdite) attuariali e rettifiche relativi a piani a benefici definiti Altre componenti reddituali al nello delle imposte con rigiro a conto economico A. UTILE/ (PERDITA) NETTO/(A) DEL PERIODO Altre componenti reddituali al nello delle imposte senza rigiro a conto economico Proventi / (oneri) relativi ad attività non correnti o a un gruppo in dismissione posseduti per la vendita *** Utili / (perdite) su strumenti di copertura 1.713 (982) Proventi / (oneri) relativi ad attività non correnti o a un gruppo in dismissione posseduti per la vendita 0 (305) Altri utili / (perdite) 0 0 Utili / (perdite) da conversione di attività estere 0 B. TOTALE ALTRE COMPONENTI DEL RISULTATO ECONOMICO COMPLESSIVO 1.688 (1.350) (6.219) 1.757 UTILE/ (PERDITA) COMPLESSIVO DEL PERIODO ( A + B ) * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised ** dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 ***la voce accoglie gli utili e le perdite attuariali delle attività in dismissione Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 31 RENDICONTO FINANZIARIO CONSOLIDATO SEMESTRALE (in migliaia di euro) 30 giugno 2013 di cui parti correlate 30 giugno 2012 */** di cui parti correlate (2.261) (5.646) (7.907) 5.397 (2.290) 3.108 FLUSSO DI CASSA DA ATTIVITA' OPERATIVE Risultato netto derivante dalle attività in funzionamento Risultato netto derivante dalle attività operative cessate Risultato netto dell'esercizio Rettifiche di riconciliazione fra il risultato netto dell'esercizio al flusso di cassa generato dalle attività operative -­‐ Ammortamenti e svalutazioni cespiti -­‐ Contributi pubblici di competenza -­‐ Variazione nel fair value di attività biologiche -­‐ Variazione nel fair value dei contratti derivati di copertura -­‐ Costo ammortizzato su finanziamenti -­‐ Svalutazione crediti commerciali -­‐ Utilizzo Fondo Svalutazione Crediti Commerciali -­‐ Accantonamenti e rilasci ai fondi rischi ed oneri -­‐ Accantonamenti e versamenti al trattamento di fine rapporto -­‐ Pagamento per trattamento di fine rapporto Variazione netta delle imposte anticipate e differite Variazione delle attività operative Crediti commerciali Debiti commerciali Altre -­‐ nette Variazione attività/passivita disponibili per la vendita FLUSSO DI CASSA NETTO GENERATO / (ASSORBITO) DALLE ATTIVITA' OPERATIVE (A) FLUSSO DI CASSA DA ATTIVITA' DI INVESTIMENTO Investimenti in attività materiali Variazioni di attività materiali Variazioni di attività immateriali Variazione netta nelle altre attività/passività non correnti FLUSSO DI CASSA NETTO ASSORBITO DALLE ATTIVITA' DI INVESTIMENTO (B) FLUSSO DI CASSA DA ATTIVITA' DI FINANZIAMENTO Variazione netta delle altre attività/passività finanziarie a medio -­‐ lungo termine Variazione netta delle altre attività/passività finanziarie a breve termine Altre variazioni del patrimonio FLUSSO DI CASSA NETTO GENERATO / (ASSORBITO) DA ATTIVITA' DI FINANZIAMENTO (C) FLUSSO DI CASSA COMPLESSIVO (D=A+B+C) DISPONIBILITA' LIQUIDE NETTE ALL'INIZIO DEL PERIODO (E) DISPONIBILITA' LIQUIDE NETTE ALLA FINE DEL PERIODO (F=D+E) Disponibilità liquide riclassificate in attività destinate alla vendita (G) DISPONIBILITA' LIQUIDE E MEZZI EQUIVALENTI (H)=(G)+(F) Informazioni supplementari: Interessi pagati nell'esercizio Interessi incassati nell'esercizio * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised ** dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 7.917 (1.394) 146 (1.496) 151 47 0 (85) 36 (98) 22 (15.007) 2.730 884 4.665 (8) 431 (343) 9.128 (1.422) 256 1.374 157 359 (176) 1.921 175 (238) (377) (6.874) (74) 2.202 (282) 252 (385) (125) (9.390) 9.237 (471) 46 0 (168) (530) (46) (977) 8 (592) (1.545) 574 574 (3.046) (3.301) 5.655 446 (2.191) (245) 0 6 6.229 (5.231) (3.753) 4.442 689 2.462 9.205 11.667 85 384 774 12.051 5.492 11 574 0 6.399 441 615 16 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 32 PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO CONSOLIDATO SEMESTRALE Dati al 31 dicembre 2012* (in migliaia di euro) Saldo al 01 gennaio 2012 Capitale Sociale Riserva legale Riserva sovrapp. azioni Altre Riserve Utili (perdite) da convers. IFRS 93.861 1.248 106.084 (66.883) 1.059 TOTALE Utile Utile Patrimonio (perdite) (perdita) Netto di a nuovo dell’esercizio spettanza (98.168) (44.280) (7.079) Capitale di terzi 0 Utile TOTALE (perdita) Patrimonio di terzi Netto 0 (7.079) Perdita del periodo 0 0 0 0 0 0 (11.858) (11.858) 0 0 (11.858) 0 0 0 (1.196) 0 0 0 (1.196) 0 0 (1.196) 0 0 0 (1.196) 0 0 (11.858) (13.054) 0 0 (13.054) 0 0 0 0 0 (44.280) 44.280 0 0 0 0 0 0 0 0 0 (35) 0 (35) 0 0 (35) 1.059 (142.483) (11.858) (20.168) 0 0 (20.168) Altri utili / (perdite) complessivi Risultato complessivo del periodo Destinazione risultato esercizio 2011 Altri movimenti Saldo al 31 dicembre 2012 93.861 1.248 106.084 (68.079) * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised Dati al 30 giugno 2013 Utili TOTALE Utile Utile TOTALE Altre (perdite) da Utile (perdita) Patrimonio Capitale di (perdite) a (perdita) di Patrimonio Riserve convers. dell’esercizio Netto di terzi nuovo terzi Netto IFRS spettanza Capitale Sociale Riserva legale Riserva sovrapp. azioni 93.861 1.248 106.084 (68.079) Risultato del periodo 0 0 0 0 Altri utili / (perdite) complessivi 0 0 0 1.688 Risultato periodo 0 0 0 Destinazione risultato esercizio 2012 0 0 Altri movimenti 0 93.861 (in migliaia di euro) Saldo al 01 gennaio 2013* complessivo Saldo al 30 giugno 2013 del 1.059 (142.483) (11.858) (20.168) 0 0 (20.168) 0 0 (7.907) (7.907) 0 0 (7.907) 0 0 0 1.688 0 0 1.688 1.688 0 0 (7.907) (6.219) 0 0 (6.219) 0 0 0 (11.858) 11.858 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1.248 106.084 (66.391) 1.059 (154.341) (7.907) (26.386) 0 0 (26.386) * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 33 NOTE ESPLICATIVE AL BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO 1 PREMESSA Ciccolella S.p.A. (in seguito Ciccolella), Società per Azioni costituita in Italia ed iscritta all’Ufficio del Registro delle Imprese di Bari al numero 00726570153, svolge attività di holding di partecipazioni. La sede legale della Società è a Molfetta, Via Patrioti Molfettesi, 8. Ciccolella è soggetta ad attività di direzione e coordinamento da parte di Gruppo Ciccolella S.r.l. La pubblicazione del bilancio consolidato di Ciccolella per il periodo chiuso al 30 giugno 2013 è stata autorizzata con delibera degli amministratori del 29 agosto 2013. L’attività principale del Gruppo controllato da Ciccolella è la produzione e la vendita di fiori freschi recisi e piante in vaso prodotti nelle proprie serre che utilizzano le reti di teleriscaldamento sulla base di accordi contrattuali con un primario operatore del settore energetico. Nel Gruppo sono presenti, inoltre, società svolgenti attività complementari a quella principale, quali l’attività di realizzazione e manutenzione d’impianti, ed attività di consulenza amministrativa e di information technology. Il Bilancio consolidato di Ciccolella è redatto in conformità ai principi contabili internazionali (IFRS) adottati al 30 giugno 2013 dall’Unione Europea, ai provvedimenti emanati in attuazione dell’art. 9 del D.Lgs. n. 38/2005, e altresì applicando il principio contabile internazionale IAS 34 – Bilanci intermedi. Il presente bilancio è redatto in euro, in quanto valuta funzionale del Gruppo controllato da Ciccolella; tutti i valori sono arrotondati alle migliaia di euro se non diversamente indicato. Gli schemi di bilancio adottati sono coerenti con quelli previsti dai principi contabili di riferimento ed in particolare: •
il Prospetto della Situazione Patrimoniale-­‐Finanziaria Consolidata è stato predisposto classificando le attività e le passività secondo il criterio “corrente/non corrente”; •
il Prospetto di Conto Economico Consolidato è stato predisposto classificando i costi operativi per natura; •
Il Prospetto di Conto Economico Complessivo Consolidato comprende, oltre al risultato del periodo come da Conto Economico Consolidato, le voci di ricavo e di costo che non sono rilevate nell’utile (perdita) d’esercizio come richiesto o consentito dai principi contabili IAS/IFRS; •
il Rendiconto Finanziario Consolidato è stato predisposto esponendo i flussi finanziari derivanti dalle attività operative secondo il “metodo indiretto”, come consentito dallo IAS 7 (Rendiconto finanziario); •
il Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto Consolidato è stato predisposto fornendo separata evidenza degli altri utili/perdite risultanti dal Conto Economico Complessivo Consolidato. •
Con riferimento alla delibera Consob n. 15519 del 27/7/2006 in merito agli schemi di bilancio, si segnala che sono state inserite delle apposite sezioni atte a rappresentare i rapporti significativi con parti correlate, nonché delle apposite voci di conto economico al Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 34 fine di evidenziare, laddove esistenti, le operazioni significative non ricorrenti effettuate nel consueto svolgimento dell’attività. Tenuto conto di quanto richiesto dai principi contabili di riferimento, la comparazione delle voci di natura patrimoniale è effettuata con i valori al 31 dicembre 2012 mentre quelli di natura economica con i valori al 30 giugno 2012 del bilancio consolidato di Ciccolella riesposti in considerazione delle cessioni effettuate e programmate nel corso dell’esercizio 2013. In particolare, in virtù dell’avvenuta cessione della partecipazione nella Ciccolella Holding International B.V., capogruppo delle società operanti nel trading, e della prevista cessione di G.C. Service S.r.l., ai sensi dell’IFRS 5 il Gruppo, al fine di consentire al lettore del presente documento una migliore comparazione dei dati del periodo 2013 con quelli dell’esercizio precedente, si è provveduto a riesporre i dati economici dell’analogo periodo 2012. Inoltre, in conseguenza dell’entrata in vigore del principio contabile IAS 19 revised, si è provveduto ad applicare retrospettivamente tale principio e, quindi, a riesporre i dati al 30 giugno 2012 ed al 31 dicembre 2012. Le note illustrative evidenziano, relativamente alle singole voci, le variazioni avvenute nel corso del periodo. 2 CONSIDERAZIONI SULLA CONTINUITA’ AZIENDALE Il Gruppo ha chiuso il periodo in esame con un rilevante risultato netto negativo di 7,9 milioni di euro che risente della riduzione dei ricavi, in linea con le previsioni di Piano, della crisi economica generale che non ha risparmiato il settore della produzione e vendita di fiori recisi e piante da vaso, nonché di svalutazioni e di altre componenti negative residuali non ricorrenti connesse essenzialmente alle dismissioni delle partecipazioni decise e realizzate dagli amministratori nei primi mesi dell’esercizio 2013, anche in seguito alla decisione di concentrare l’attività del gruppo nell’attività agro energetica. Nonostante l’andamento gestionale consuntivato dal gruppo sia stato complessivamente in linea con le attese, anche il periodo appena chiuso è stato caratterizzato dal perdurare della situazione di tensione finanziaria causata dalla concomitanza di diversi fattori tra i quali: a) la difficoltà nel reperimento di adeguate e nuove risorse finanziarie; b) la limitata disponibilità delle somme incassate dalla controllata GC Partecipazioni in virtù dell’accordo vigente con Edison S.p.A. inerente la centrale energetica cogenerativa di Candela anche successivamente alla data di riferimento della presente relazione; c) mancato raggiungimento dei covenants stabiliti per gli esercizi 2011, 2012 e 2013 nel contratto di finanziamento in vigore tra il pool di banche e la stessa controllata. La circostanza della limitata disponibilità dei depositi di liquidità presenti sui conti correnti bancari nel corso del periodo ha determinato il perdurare di posizioni debitorie scadute verso fornitori, istituti previdenziali ed Erario. L’altro principale settore di attività del gruppo (attività di trading svolta essenzialmente per il tramite delle società controllate di diritto olandese), dopo un lungo esame dei possibili scenari di sviluppo e delle risorse necessarie per un’equilibrata e proficua gestione, è stato oggetto di cessione nei primi mesi dell’esercizio 2013 (così come meglio esposto alla nota 3.3 della Relazione sulla Gestione) al fine di consentire al gruppo di concentrare tutte le risorse disponibili sul principale e più proficuo settore di attività della produzione agro energetica. Tenuto conto di tale situazione, visto lo scenario macroeconomico che mostra segnali ancora negativi e prospettive non positive nel breve periodo, tutti gli elementi sopra riportati sono Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 35 stati oggetto di specifiche analisi e considerazioni di cui si è tenuto conto nell’aggiornamento del Piano 2013-­‐2017 approvato dagli amministratori il 20 marzo 2013. Il Piano proietta fino al 2017 l’andamento aziendale, tenuto conto sia degli scostamenti verificatisi nel 2012 rispetto a quanto in precedenza ipotizzato sia delle ulteriori azioni già intraprese nei primi mesi del 2013. Tutto ciò premesso, la controllata GC Partecipazioni ha ribadito la richiesta al pool di banche, già presentata durante il precedente esercizio, di rinuncia all’esercizio dei rimedi contrattualmente previsti in seguito al mancato rispetto dei covenants del 2011, del 2012 e del 2013 e si accinge a presentare alle stesse l’aggiornamento del Piano 2013-­‐2017 sulla base delle risultanze della presente relazione semestrale. È altresì intenzione degli amministratori sottoporre tale aggiornamento del piano (anche in virtù degli ulteriori investimenti realizzati) alle verifiche di un esperto indipendente (ex art. 67 lett. d, l.f.) che aveva già svolto la sua attività sulla base del piano aggiornato con le risultanze al 31 marzo 2013. Si evidenzia che il Piano è stato predisposto sulla base di previsioni e di assunzioni, per loro natura ipotetiche, che presentano profili di rischio inerenti le future dinamiche gestionali, il mantenimento di risorse finanziarie necessarie all’attività operativa, il mantenimento dei crediti di fornitura e delle ipotesi di pagamento dei debiti scaduti. Allo stato attuale, le previsioni effettuate rappresentano la miglior stima degli accadimenti futuri attesi, tenuto conto delle azioni che il management ha già in parte intrapreso, di altri accadimenti esogeni (tra i principali si annovera la disponibilità delle forniture di calore da parte della rete di teleriscaldamento così come previste con la Edison), dei dati consuntivi e di informazioni disponibili sull’andamento del settore in cui il gruppo opera. Elemento basilare per il buon esito del Piano è comunque costituito dall’ipotesi di positiva conclusione delle trattative con il sistema bancario in relazione all’ottenimento del waiver relativo ai covenants non rispettati, precedentemente richiamati. Le assunzioni alla base del piano relative ad eventi ed azioni future, anche in parte indipendenti dalle azioni di gestione sono quindi caratterizzate da un certo grado di aleatorietà e, nel caso concreto, attengono in sintesi a: (i)
(ii)
(iii)
(iv)
ottenimento del waiver da parte degli istituti di credito sui covenants e mantenimento delle risorse finanziarie erogate dal sistema bancario e delle relative condizioni economiche; ammontare e tempistica di incasso dei proventi connessi al contratto con Edison; ottenimento dei necessari accordi con i vari creditori al fine di ottenere le ulteriori dilazioni previste; andamento del settore in cui opera il gruppo e delle azioni di riconversione al fine di ottenere i miglioramenti gestionali attesi. Conseguentemente, gli obiettivi strategici identificati dal Piano, seppure ragionevoli, presentano profili di rilevante incertezza a causa dell’aleatorietà connessa alla realizzazione di eventi futuri, sia per quanto concerne il concretizzarsi degli accadimenti rappresentati nel Piano, sia per quanto riguarda la misura e la tempistica della loro manifestazione. L’eventuale mancato raggiungimento, anche solo in parte, dei principali obiettivi previsti, infatti, potrebbe comportare effetti negativi sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria del Gruppo e sui flussi di cassa sulla base dei quali è stata valutata la recuperabilità di alcune poste dell’attivo. Tutto ciò premesso, sono stati valutati attentamente i fattori di rischio ed incertezza che potrebbero influenzare in maniera rilevante l’operatività del Gruppo nell’immediato futuro, la sua capacità di raggiungere una adeguata redditività, di ottenere risorse finanziarie nei tempi e modi previsti nel piano ed incidere negativamente sul raggiungimento degli obiettivi previsti, Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 36 ovvero i rischi che possono condizionare la regolare prosecuzione delle attività. Tra quelli maggiormente significativi si citano: a) instabilità del mercato italiano ed europeo dei fiori e piante in vaso e relativo impatto sui volumi e prezzi di vendita programmati dal Gruppo; b) messa a regime del processo di razionalizzazione dei costi della società di produzione ed efficace conversione delle specie in coltivazione verso colture la cui redditività è meno volatile. In particolare, tale processo dovrebbe comportare un’ulteriore riduzione dei costi di struttura e di alcuni costi operativi (dovuti essenzialmente alla semplificazione nei processi produttivi necessari per le nuove specie in coltivazione), senza avere effetti sull’efficienza operativa. A fronte di tali azioni vi sono anche rischi connessi alle possibili controversie legali derivanti dal mancato raggiungimento di specifici accordi nell’ambito dei processi di ristrutturazione interna; c) conferma del regime fiscale applicabile alla società GC Partecipazioni in relazione ai risultati connessi alla sua operatività (si veda la successiva nota 22); d) mantenimento del regime tecnico ipotizzato nell’ambito del processo di teleriscaldamento connesso agli accordi con Edison e, più in generale, dei termini e condizioni che caratterizzano la specifica normativa di settore; e) disponibilità di adeguate fonti di finanziamento nei tempi e nei modi previsti nella pianificazione per contribuire a migliorare la situazione finanziaria di gruppo, con effetti positivi sulla redditività aziendale. Tra le fonti sono ricomprese, soprattutto, le previsioni di riscadenzamento del rimborso dei debiti verso fornitori e verso l’Erario, al fine di prevenire situazioni di tensione nei rapporti con le controparti, l’instaurarsi di contenziosi e di evitare ulteriori costi derivanti da sanzioni o penali relativi allo scaduto; f) ottenimento del waiver dalle banche conseguente al citato mancato rispetto di covenants sul finanziamento in pool. Tenuto conto dei suddetti fattori, sono state individuate alcune azioni volte a contenere i rischi. In particolare: 1) Sono state avviate le conversioni delle colture per rendere meno stagionale il prodotto e per consentire risparmi di costi fissi, soprattutto in merito all’utilizzo della manodopera; 2) E’ stata prevista la continuazione dei progetti di ottimizzazione e razionalizzazione dei processi operativi (produttivi, logistici, commerciali, etc..) che dovrebbero permettere un ulteriore miglioramento della redditività operativa del settore delle produzioni floricole; si sta spingendo sempre più su un contenimento dei costi di struttura (overheads) in modo da poter assorbire e rendere più elastica la struttura rispetto alla variabilità del mercato florovivaistico; 3) In seguito alla dichiarata inammissibilità dell’istanza di interpello da parte dell’Amministrazione Finanziaria per la conferma del regime fiscale in uso, ed all’inizio di una attività di verifica le cui conclusioni non sono in linea con il comportamento seguito dalla società, la stessa si è attivata nel richiedere ed ottenere da professionisti qualificati ulteriori conferme circa l’impostazione adottata; 4) L’utilizzo a pieno regime della rete di teleriscaldamento dipende anche da fattori esogeni al gruppo il cui impegno, comunque, è focalizzato a mantenere pienamente funzionante il sistema di teleriscaldamento per quanto di sua competenza. La realizzata espansione della rete di teleriscaldamento getta le basi per considerare un orizzonte temporale di durata della stessa rete anche oltre l’orizzonte temporale previsto nel piano (2017). 5) Gli incassi registrati nel corso del secondo semestre 2013, benchè di rilievo, non hanno consentito di ridurre definitivamente l’esposizione debitoria pregressa verso i fornitori e verso gli altri creditori in particolare per debiti previdenziali e fiscali. In tale contesto, sono Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 37 state avviate le necessarie richieste di rateizzazione dell’esposizione agli enti competenti e, come innanzi menzionato, sono state avviate le trattative con le banche partecipanti al finanziamento in pool per l’ottenimento del “waiver” riferito al mancato rispetto dei covenants. Alla luce di quanto sopra illustrato, seppure gli esiti delle azioni intraprese sono ancora formalmente in corso e gli esiti delle stesse sono allo stato ancora non definitivi, e quindi incerti, il management è confidente di riuscire ad ottenere il “waiver” dal pool di banche finanziatrici e gli accordi di rateizzazione da parte dei creditori. A causa dell’insieme delle circostanze sopra evidenziate, si ritiene che, alla data di redazione del presente documento di bilancio consolidato semestrale abbreviato, sussistano incertezze rilevanti che potrebbero far sorgere dubbi significativi sulla capacità del Gruppo di continuare ad operare sulla base del presupposto della continuità aziendale ritenendo che la conferma delle risorse finanziarie sia un elemento essenziale al mantenimento di tale presupposto. Ciononostante, dopo aver effettuato le necessarie verifiche ed aver valutato le azioni intraprese e quelle ipotizzate, lo stato delle trattative con il sistema bancario e creditori vari e i conseguenti effetti sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale del Gruppo, pur nell’instabilità dell’attuale contesto economico e finanziario sia nazionale che internazionale, si ha la ragionevole aspettativa che il Gruppo potrà raggiungere gli obiettivi fissati nel Piano e potrà mantenere adeguate risorse finanziarie per continuare la propria operatività in un prevedibile futuro. Per tali ragioni si è ritenuto di continuare ad adottare il presupposto della continuità aziendale nella preparazione del presente bilancio. 3 MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO AL 30 GIUGNO 2013 Il Bilancio consolidato semestrale abbreviato di Ciccolella per il periodo chiuso al 30 giugno 2013, costituito dal Prospetto della Situazione Patrimoniale -­‐ Finanziaria Consolidata Semestrale, dal Conto Economico Consolidato Semestrale, dal Conto Economico Complessivo Consolidato Semestrale, dal Prospetto delle Variazioni del Patrimonio Netto Consolidato Semestrale, dal Rendiconto Finanziario Consolidato Semestrale e dalle relative note esplicative, è stato predisposto in conformità agli IAS/IFRS approvati dalla Comunità Europea, con le integrazioni introdotte a seguito dell’applicazione dello IAS 1-­‐ rivisto. Le operazioni fra le entità oggetto di consolidamento sono state eliminate; pertanto sono stati eliminati i rapporti di credito e debito, di costo e ricavo, esistenti fra le entità oggetto di consolidamento, nonché gli eventuali utili e perdite derivanti da operazioni avvenute fra le entità oggetto di consolidamento e non ancora realizzati nei confronti dei terzi, al netto dell’eventuale effetto fiscale teorico. 4 CRITERI ED AREA DI CONSOLIDAMENTO Il Bilancio consolidato semestrale abbreviato di Ciccolella comprende i dati patrimoniali, economici e finanziari di Ciccolella e di tutte le imprese sulle quali essa ha il diritto di esercitare, direttamente o indirettamente, il controllo. Le società incluse nell'area di consolidamento di Ciccolella al 30 giugno 2013 sono le seguenti: Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 38 Capitale Sociale Valuta Quota Quota di consolid. di partecip sul Azionista Gruppo (%) capitale (%). Denominazione Sede Ciccolella S.p.A. Milano 93.861.492 EUR GC Partecipazioni S. Agr. a r.l. Molfetta (BA) 61.120.000 EUR 100,00% 100,00% Ciccolella S.p.A. GC Service S.r.l. Molfetta (BA) 200.000 EUR 100,00% 100,00% Ciccolella S.p.A. GC Impianti S.p.A. Molfetta (BA) 7.760.000 EUR 100,00% 100,00% GC Service s.r.l. Zurel Italy B.V. Aalsmeer (Olanda) 20.000 EUR 100,00% 100,00% GC Service s.r.l. 5 PRINCIPI CONTABILI, CRITERI DI VALUTAZIONE E DI CONSOLIDAMENTO I principi contabili, i criteri di valutazione ed i principi di consolidamento adottati per redigere il bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2013, fatta eccezione per quanto di seguito indicato alla nota 5.3, sono omogenei con quelli utilizzati in sede di redazione del bilancio annuale al 31 dicembre 2012, al quale si rimanda per completezza di trattazione. La redazione del bilancio intermedio richiede da parte della direzione l’effettuazione di stime e di assunzioni che hanno effetto sui valori dei ricavi, dei costi, delle attività e delle passività iscritti e sull’informativa relativa ad attività e passività potenziali alla data di chiusura del periodo ed, in particolare, per quanto riferito alle voci derivanti dagli accordi contrattuali in essere. Se nel futuro tali stime e assunzioni effettuate da parte del management dovessero differire dalle circostanze effettivamente intervenute, i corrispondenti valori verranno modificati in modo appropriato. Si segnala, inoltre, che alcuni processi valutativi, in particolare quelli più complessi quale la determinazione di eventuali perdite di valore di attività immobilizzate, sono generalmente effettuati in modo completo solo in sede di redazione del bilancio annuale, allorquando sono disponibili tutte le informazioni eventualmente necessarie, salvo i casi in cui vi siano indicatori che richiedano un’immediata valutazione di eventuali perdite di valore. Le imposte sul reddito del semestre delle singole imprese consolidate sono determinate sulla base della migliore stima possibile in relazione alle informazioni disponibili e sulla ragionevole previsione dell’andamento dell’esercizio fino alla fine del periodo di imposta. Si segnala che al 30 giugno 2013, le società consolidate sono possedute interamente per via diretta e/o indiretta da Ciccolella S.p.A. Pertanto non vi è alcun patrimonio e risultato di terzi. 5.1 USO DI STIME E DI VALUTAZIONI SOGGETTIVE La redazione del bilancio consolidato abbreviato semestrale e delle relative note in applicazione degli IFRS richiede da parte della Direzione aziendale l’effettuazione di stime e la predisposizione d’ipotesi che hanno effetto sui valori delle attività e delle passività di bilancio e sull’informativa relativa ad attività e passività potenziali alla data del bilancio. I risultati che si consuntiveranno potrebbero differire da tali stime. Le stime e le valutazioni soggettive sono utilizzate per rilevare il valore recuperabile delle attività non correnti, il fair value delle attività biologiche, i ricavi, gli accantonamenti per rischi su crediti, gli ammortamenti, i benefici ai dipendenti, le imposte, i fondi di ristrutturazione, nonché altri accantonamenti e fondi. Le stime e le assunzioni sono riviste periodicamente e gli effetti di ogni variazione sono riflessi immediatamente a conto economico. In assenza di un Principio o di un’Interpretazione che si applichi specificatamente ad un’operazione, la Direzione aziendale definisce, attraverso ponderate valutazioni soggettive, Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 39 quali metodologie contabili intende adottare per fornire informazioni rilevanti ed attendibili affinché il bilancio: • rappresenti fedelmente la situazione patrimoniale -­‐ finanziaria, il risultato economico ed i flussi finanziari del Gruppo, • rifletta la sostanza economica delle operazioni, • sia neutrale, • sia redatto su basi prudenziali, • sia completo sotto tutti gli aspetti rilevanti. Per quanto attiene ai ricavi contrattuali maturati nei confronti di Edison S.p.A., vi è un rischio di stima connesso alla valorizzazione dei benefici contrattualmente previsti. In particolare la valutazione si è basata su informazioni e dati desunti da comunicazioni ufficiali di Edison e da informazioni ricavabili dal mercato. 5.2 INCERTEZZA NELLE STIME Nell’applicare i principi contabili di Gruppo, gli Amministratori hanno assunto decisioni basate su alcune ipotesi chiave riguardanti il futuro e altre importanti fonti di incertezza nelle stime alla data di chiusura del bilancio, che potrebbero produrre rettifiche nei valori di carico delle attività e passività. In particolare gli avviamenti, gli assets biologici e le immobilizzazioni sono sottoposti a verifica circa eventuali perdite di valore; detta verifica ha richiesto una stima del valore d’uso delle unità generatrice di flussi finanziari relativi, a sua volta basata sulla stima dei flussi finanziari attesi delle unità e sulla loro attualizzazione in base a un tasso di sconto adeguato. Le assunzioni formulate ai fini della determinazione del valore d’uso delle singole Cash Generating Unit, a supporto di tali valori dell’attivo, si presentano di incerta realizzazione, stante le attuali critiche condizioni di mercato e potrebbero, in futuro, determinare sensibili rettifiche dei valori contabili con riferimento alla stato di tensione finanziaria dovuto ad un elevato livello dell’indebitamento del Gruppo. In tale ambito, le stime dei valori di mercato degli stabilimenti di Molfetta e Melfi sulla base delle quali sono stati corretti i valori di iscrizione all’attivo dei singoli cespiti potrebbe subire in futuro ulteriori variazioni in conseguenza dei valori di mercato tempo per tempo riscontrabili. Ulteriori elementi di incertezza nelle stime si riscontrano nella valutazione delle stime dei crediti vantati verso Edison il cui valore è agganciato all’andamento dei prezzi di mercato delle quote di emissione CO2, alle trattative in corso in merito all’esecuzione dell’ampliamento dell’impianto di Candela ed alle stime sui possibili rischi connessi ai contenziosi in corso e potenziali anche di natura fiscale. 5.3 NUOVI PRINCIPI E INTERPRETAZIONI RECEPITI DALL’UNIONE EUROPEA E IN VIGORE A PARTIRE DAL 1° GENNAIO 2013 Come richiesto dal paragrafo 30 dello IAS 8 (Principi contabili, cambiamenti nelle stime contabili ed errori) vengono qui di seguito indicati e brevemente illustrati gli IFRS in vigore a partire dal primo gennaio 2013. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 40 5.3.1
MODIFICHE ALLO IAS 1 PRESENTAZIONE DI BILANCIO – PRESENTAZIONE DELLE ALTRE COMPONENTI DI CONTO ECONOMICO COMPLESSIVO La modifica allo IAS 1 cambia il raggruppamento delle altre componenti di conto economico complessivo. Le voci che potrebbero essere riclassificate (o “riciclate”) nel conto economico in futuro (per esempio, alla cancellazione o liquidazione) dovrebbero essere presentate separatamente rispetto alle voci che non saranno mai riclassificate. La modifica riguarda solo la modalità di presentazione e non ha alcun impatto sulla posizione finanziaria della Società o sui risultati. La modifica entra in vigore per gli esercizi che hanno inizio al 1 luglio 2012 o successivamente. L’applicazione di tali modifiche non ha portato effetti significativi sul bilancio consolidato di Gruppo. 5.3.2
IAS 19 -­‐ BENEFICI AI DIPENDENTI (MODIFICA) Lo IASB ha emesso numerose modifiche allo IAS 19. Queste spaziano da cambiamenti radicali quali l’eliminazione del meccanismo del corridoio e del concetto dei rendimenti attesi dalle attività del piano, a semplici chiarimenti e terminologia. Le modifiche sono effettive per gli esercizi che hanno inizio al 1 gennaio 2013 o successivamente. L’applicazione di tali modifiche non ha portato effetti significativi sul bilancio consolidato di Gruppo. 5.3.3
IAS 27 -­‐ BILANCIO SEPARATO (RIVISTO NEL 2011) A seguito dei nuovi IFRS 10 e IFRS 12, quello che rimane dello IAS 27 è limitato alla contabilizzazione delle società controllate, a controllo congiunto e collegate, nel bilancio separato. Le modifiche diventano effettive per gli esercizi che hanno inizio al 1 gennaio 2013 o successivamente. Tali modifiche non hanno comportato effetti significativi sul bilancio consolidato di Gruppo. 5.3.4
IAS 28 -­‐ PARTECIPAZIONI IN SOCIETÀ COLLEGATE (RIVISTO NEL 2011) A seguito dei nuovi IFRS 11 e IFRS 12, lo IAS 28 è stato rinominato Partecipazioni in società collegate e a controllo congiunto, e descrive l’applicazione del metodo del patrimonio netto per le partecipazioni in società a controllo congiunto, in aggiunta alle collegate. Le modifiche sono effettive per gli esercizi che hanno inizio al 1 gennaio 2013 o successivamente. Tali modifiche non hanno comportato effetti significativi sul bilancio consolidato di Gruppo. 5.3.5
IFRS 10 – BILANCIO CONSOLIDATO L’IFRS 10 sostituisce la parte dello IAS 27 Bilancio consolidato e separato che disciplina la contabilizzazione del bilancio consolidato. Esso comprende anche le problematiche sollevate nel SIC-­‐12 Consolidamento – Società a destinazione specifica. L’IFRS 10 stabilisce un singolo modello di controllo che si applica a tutte le società, comprese le società a destinazione specifica (special purpose entities). I cambiamenti introdotti dall’IFRS 10 richiederanno al management, rispetto alle richieste che erano presenti nello IAS 27, valutazioni discrezionali rilevanti per determinare quali società sono controllate e, quindi, devono essere consolidate dalla controllante. Questo principio si applica dagli esercizi con inizio al 1 gennaio 2013, o successivamente. Tali modifiche non hanno comportato effetti significativi sul bilancio consolidato di Gruppo. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 41 5.3.6
IFRS 11 -­‐ ACCORDI CONGIUNTI (JOINT ARRANGEMENTS) L’IFRS 11 sostituisce lo IAS 31 Partecipazioni in Joint venture e il SIC-­‐13 Entità a controllo congiunto – Conferimenti in natura da parte dei partecipanti al controllo. L’IFRS 11 elimina l’opzione di contabilizzare le società controllate congiuntamente usando il metodo di consolidamento proporzionale. Le società controllate congiuntamente che rispettano la definizione di una joint venture devono invece essere contabilizzate usando il metodo del patrimonio netto. Questo principio si applica dagli esercizi con inizio al 1 gennaio 2013, o successivamente. Tali modifiche non hanno comportato effetti significativi sul bilancio consolidato di Gruppo. 5.3.7
IFRS 12 -­‐ INFORMATIVA SU PARTECIPAZIONI IN ALTRE IMPRESE L’IFRS12 include tutte le disposizioni in materia di informativa in precedenza incluse nello IAS 27 relativo al bilancio consolidato, nonché tutte le disposizioni di informativa dello IAS 31 e dello IAS 28. Questa informativa è relativa alle partecipazioni di una società in società controllate, controllate congiuntamente, collegate e in veicoli strutturati. Sono inoltre previste nuove casistiche di informativa. Questo principio si applica dagli esercizi con inizio al 1 gennaio 2013, o successivamente. Tali modifiche non hanno comportato effetti significativi sul bilancio consolidato di Gruppo. 5.3.8
IFRS 13 – VALUTAZIONE AL FAIR VALUE (VALORE EQUO) L’IFRS 13 stabilisce una singola linea guida nell’ambito degli IFRS per tutte le valutazioni al fair value. L’IFRS 13 non modifica i casi in cui sia richiesto di utilizzare il fair value, ma piuttosto fornisce una guida su come valutare il fair value in ambito IFRS, quando l’applicazione del fair value è richiesta o permessa. Questo principio è effettivo per gli esercizi con inizio al 1 gennaio 2013. Tali modifiche non hanno comportato effetti significativi sul bilancio consolidato di Gruppo. 5.4 PRINCIPI EMESSI MA NON ANCORA IN VIGORE Sono di seguito illustrati i principi che, alla data di redazione della presente Relazione risultavano già emanati ma non ancora in vigore. L’elenco si riferisce a principi e interpretazioni che la Società si aspetta saranno ragionevolmente applicabili nel futuro. • In data 16 dicembre 2011, lo IASB aveva emesso alcuni emendamenti allo IAS 32 – Strumenti Finanziari: esposizione nel bilancio, per chiarire l’applicazione di alcuni criteri per la compensazione delle attività e delle passività finanziarie presenti nello IAS 32. Gli emendamenti devono essere applicati in modo retrospettivo per gli esercizi aventi inizio dal o dopo il 1° gennaio 2014. •
In data 12 novembre 2009 lo IASB aveva pubblicato il principio IFRS 9 – Strumenti finanziari, lo stesso principio è poi stato emendato. Il principio, applicabile dal 1° gennaio 2015 in modo retrospettivo, rappresenta la prima parte di un processo per fasi che ha lo scopo di sostituire interamente lo IAS 39 e introduce
dei nuovi criteri per la classificazione e valutazione delle attività e passività finanziarie. In particolare, per le attività finanziarie il nuovo principio utilizza un unico approccio basato sulle modalità di gestione degli strumenti finanziari e sulle caratteristiche dei flussi di cassa contrattuali delle attività finanziarie stesse al fine di determinarne il criterio di valutazione, sostituendo le diverse regole previste dallo IAS 39. Per le passività finanziarie, invece, la principale modifica avvenuta riguarda il trattamento contabile delle variazioni di fair value Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 42 di una passività finanziaria designata come valutata al fair value attraverso il conto economico, nel caso in cui queste siano dovute alla variazione del merito creditizio della passività stessa. Secondo il nuovo principio tali variazioni devono essere rilevate negli Altri utili/(perdite) complessivi e non transiteranno più nel conto economico. Alla data della presente Relazione semestrale, gli organi competenti dell’Unione Europea non hanno ancora concluso il processo di omologazione necessario per l’adozione di tale principio. Al momento si ritiene che l’adozione di tali modifiche non comporterà effetti significativi sul bilancio del Gruppo. 6 OPERAZIONI FRA ENTITA’ SOTTO COMUNE CONTROLLO Nel presente paragrafo verranno riportate tutte le informazioni riguardanti le operazioni fra entità sotto comune controllo realizzate nel corso del primo semestre dell’esercizio 2013 e dell’esercizio 2012. 6.1 OPERAZIONI FRA ENTITA’ SOTTO COMUNE CONTROLLO NEL PRIMO SEMESTRE 2013 Nel corso del primo semestre dell’esercizio 2013 non sono state poste in essere dal Gruppo operazioni fra entità sotto comune controllo. 6.2 OPERAZIONI FRA ENTITA’ SOTTO COMUNE CONTROLLO DELL’ESERCIZIO 2012 In data 30 settembre 2012 è stato eseguito il contratto preliminare di vendita della società Inglese Leliveld Holding Limited, dalla Leliveld Holding Sierteelt B.V alla correlata F.lli Ciccolella. Il valore di cessione è stato definito di 1 euro. Tale operazione di vendita è legata alla volontà del management di abbandonare l’area geografica che fino ad ora ha interessato la Leliveld Holding Limited. 7 ATTIVITÀ IMMATERIALI Il saldo al 30 giugno 2013 è pari a 23 migliaia di euro ed è invariato rispetto al saldo al 31 dicembre 2012 e si riferisce alle immobilizzazioni immateriali in corso: 8 ATTIVITÀ BIOLOGICHE Di seguito viene esposta la composizione del relativo saldo al 30 giugno 2013 ed al 31 dicembre 2012 (in migliaia di euro), suddivise per sito produttivo delle attività biologiche dell’unica tipologia di pianta in coltivazione (asset biologico). Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 43 Piante di anthurium da fiore reciso Fair value al 31 dicembre 2012 Variazione dell'esercizio nel fair value Fair value piante di anthurium al 30 giugno 2013 Molfetta Melfi Candela Totale 0 0 0 0 0 0 783 (146) 637 783 (146) 637 Le attività biologiche sono rappresentate dalle piante da fiore per produzione intensiva in coltura protetta (serre) della sola specie Anthurium avendo il gruppo deciso di interrompere la coltura della specie Rosa. Le attività biologiche in piena produzione sono quelle piante che, normalmente, passati i primi 6 mesi dalla messa a dimora, hanno raggiunto uno stato vegetativo tale da avere una piena produttività (in linea con le best practice del settore). Il fair value di tali piante è stato determinato utilizzando il modello di calcolo del valore attuale dei flussi finanziari attesi ragionevolmente attribuibili alle piante e derivanti dalla produzione dei fiori e considerando anche la conversione di alcune colture già avvenute nel corso del 2012 su alcuni dei siti produttivi. Le variazioni nelle stime del fair value sono riflesse a conto economico in una voce dedicata, diversa da quella in cui vengono iscritti i ricavi derivanti dalla vendita dei prodotti agricoli raccolti (fiori recisi). 8.1 METODO DI VALUTAZIONE Il modello di calcolo del valore attuale dei flussi finanziari attesi (DCF) ragionevolmente attribuibili alle piante utilizza le migliori stime disponibili alla data di rilevazione e considera: •
In entrata: il flusso finanziario derivante dalla produzione attesa dalle piante (fiore reciso) in base alla produttività peculiare del sito produttivo – produzione lorda vendibile (variabile in base alla localizzazione geografica, ai fattori climatici e alle caratteristiche degli impianti produttivi serricoli); valorizzata al prezzo medio stimato di cessione del prodotto raccolto. Tale prezzo è al netto dei costi necessari per collocare sul mercato finale il prodotto agricolo e incorpora le differenze qualitative riscontrabili nella produzione. •
In uscita: il flusso finanziario necessario per realizzare e raccogliere il prodotto agricolo e renderlo idoneo alla commercializzazione. In tali flussi si è tenuto conto di tutti i costi direttamente attribuibili all’attività produttiva e, per i soli assets biologici del sito di Candela, delle peculiarità derivanti dall’utilizzo del sistema di teleriscaldamento. •
Tasso di attualizzazione: il tasso medio di costo del capitale impiegato (WACC) pari al 9,8%. Le variazioni delle stime effettuate, in particolare la produttività delle piante, la loro eventuale sostituzione, le fluttuazioni climatiche ed il tasso di sconto potrebbero incidere sul fair value calcolato. La produttività futura è stata stimata sulla base delle medie produttive realizzate e realizzabili in base anche alle caratteristiche delle piante dichiarate dai breeders (produttori delle specie). La qualità del prodotto raccoglibile in futuro è un dato che, seppure stimato con tutte le informazioni disponibili, non può essere conosciuto se non al momento della selezione del fiore reciso. Il prezzo di vendita, inoltre, è un fattore altamente sensibile che potrebbe portare anche a variazioni significative nell’applicazione del modello. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 44 9 ATTIVITÀ MATERIALI Di seguito è riportato il valore netto contabile delle immobilizzazioni al 30 giugno 2013 ed al 31 dicembre 2012: Costo Storico (in migliaia di euro) Terreni e Fabbricati Impianti e macchinari Attrezzature industriali Altri beni 143.033 127.034 6.115 1.945 Costo storico al 31 dicembre 2012 Immob. In Acconti corso 15.240 0 Totale 293.367 Acquisti dell'anno 0 87 1 0 382 0 470 Cessioni dell'esercizio 0 0 0 (10) 0 0 (10) 143.033 127.121 6.116 1.935 15.622 0 293.827 Costo storico al 30 giugno 2013 Fondo Ammortamento (in migliaia di euro) Fondo Ammortamento al 31 dicembre 2012 Ammortamenti dell'esercizio Altri movimenti Fondo Ammortamento al 30 giugno 2013 Terreni e Fabbricati Impianti e macchinari Attrezzature industriali Altri beni Immob. In corso Acconti Totale (44.400) (63.764) (4.450) (1.264) 0 0 (113.878) (2.306) (4.925) (540) (146) 0 0 (7.917) 0 (36) 0 0 0 0 (36) (46.706) (68.725) (4.990) (1.410) 0 0 (121.831) Valore Netto Contabile (in migliaia di euro) Terreni e Fabbricati Impianti e Attrezzature macchinari industriali Valore Netto Contabile al 31 dicembre 2012 98.633 63.270 1.665 681 15.240 0 179.489 Valore Netto Contabile al 30 giugno 2013 96.327 58.396 1.126 525 15.622 0 171.996 Altri beni Immob. In Acconti corso Totale Le attività materiali sono ubicate sul territorio italiano. Le variazioni dei cespiti intervenute nel periodo sono attribuibili al normale processo di ammortamento dei beni. 9.1 VINCOLI EX L. 662/96 SU BENI OGGETTO DI AGEVOLAZIONE Parte delle immobilizzazioni realizzate nel sito di Candela, avendo beneficiato dei contributi del contratto di programma ex L. 662/96, sono soggette al vincolo di destinazione ed inalienabilità previsto dalla norma. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 45 9.2 TERRENI E FABBRICATI Tale voce, per un valore netto di 96.327 migliaia di euro si riferisce ai terreni, prevalentemente agricoli, sui quali sorgono (o si stanno erigendo) le serre per lo svolgimento dell’attività florovivaistica. Il valore complessivo dei terreni di proprietà è di circa 15 milioni di euro, per una estensione di oltre 250 ettari localizzati nelle province di Bari, Foggia e Potenza, mentre il valore dei fabbricati ivi insistenti è invece di circa 81 milioni di euro, per una superficie serricola di produzione pari a circa 91 ettari. I cespiti del sito produttivo di Terlizzi appartenenti alla società GC Partecipazioni sono posti a garanzia del finanziamento bancario ottenuto da Banca Intermobiliare. Alcune particelle di terreno e relative serre del sito di Molfetta sono poste a garanzia del finanziamento bancario erogato da Banca Apulia a favore di GC Impianti (ora classificato ai sensi dell’IFRS 5 tra le passività disponibili per la vendita) e altre date in garanzia a favore di ABN Amro Bank per un finanziamento concesso alle ex società controllate olandesi. I cespiti dei siti produttivi di Melfi e Candela sono posti a garanzia del finanziamento in pool di originari 155 milioni di euro concesso da un pool di banche con capofila Unicredit S.p.A. (di seguito Unicredit), e sono coperti da idonee polizze assicurative. 9.3 IMPIANTI E MACCHINARI Gli impianti e macchinari, aventi un valore complessivo, al netto degli ammortamenti e svalutazioni, di 58.397 migliaia di euro, si riferiscono principalmente agli impianti serricoli in funzionamento (in proprio o concessi in affitto) presso i siti di Candela, Melfi e Molfetta, Terlizzi e Giovinazzo. I cespiti riferiti al sito produttivo di Terlizzi sono posti a garanzia del finanziamento bancario concesso da Banca Intermobiliare. Alcuni impianti e macchinari del sito di Molfetta sono posti a garanzia del finanziamento bancario erogato da Banca Apulia a favore di GC Impianti (ora classificato tra le passività disponibili per la vendita ai sensi dell’IFRS 5). I cespiti riferiti ai siti produttivi di Candela e Melfi sono posti a garanzia del finanziamento concesso dal pool di banche con capofila Unicredit, e sono coperti da idonee polizze assicurative. 9.4 ATTREZZATURE INDUSTRIALI E COMMERCIALI Le attrezzature industriali e commerciali, aventi un valore complessivo, al netto degli ammortamenti, pari a 1.126 migliaia di euro, includono l’attrezzatura utilizzata nei siti produttivi sia per le attività di produzione, che per la movimentazione interna delle merci ed è riferibile principalmente ai siti produttivi di Molfetta, Terlizzi e Giovinazzo, Melfi e Candela. I cespiti di Terlizzi sono posti a garanzia del finanziamento bancario di Banca Intermobiliare. I cespiti dei siti produttivi di Melfi e Candela sono posti a garanzia del finanziamento concesso dal pool di banche con capofila Unicredit e sono coperti da idonee polizze assicurative. 9.5 ALTRI BENI Gli altri beni presentano un saldo, al netto degli ammortamenti, pari a 524 migliaia di euro e si riferiscono principalmente mezzi di trasporto su strada e mezzi di lavoro della società G.C. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 46 Partecipazioni. Sono altresì inclusi i mobili e le attrezzature d’ufficio necessarie per lo svolgimento dell’attività. I cespiti dei siti produttivi di Terlizzi sono posti a garanzia del finanziamento bancario di Banca Intermobiliare. I cespiti dei siti produttivi di Melfi e Candela sono posti a garanzia del finanziamento concesso dal pool di banche con capofila Unicredit e sono coperti da idonee polizze assicurative. 9.6 IMMOBILIZZAZIONI IN CORSO ED ACCONTI Le immobilizzazioni in corso e acconti complessivamente pari a 15.623 migliaia di euro, si riferiscono principalmente ai cespiti in fase di realizzazione afferenti il sito produttivo di Candela commissionati da G.C. Partecipazioni alla società di impiantistica GC Impianti, classificati come disponibile per la vendita. 10 RIMANENZE Le rimanenze iscritte in bilancio al 30 giugno 2013 ammontano a 1.048 migliaia di euro, rispetto ai 1.344 migliaia del precedente esercizio; la composizione delle stesse è la seguente: (in migliaia di euro) Materie prime Prodotti finiti Totale rimanenze 30 giugno 2013 Variazioni 31 dicembre 2012 del periodo 355 693 (57) (239) 412 932 1.048 (296) 1.344 Le variazioni più significative sono attribuibili alla riduzione delle rimanenze connesse alla concentrazione delle attività produttive sul solo sito di Candela. 11 CREDITI COMMERCIALI I crediti commerciali iscritti in bilancio al 30 giugno 2013 sono pari a 73.826 migliaia di euro e sono così dettagliati: (in migliaia di euro) 30 giugno 2013 Variazioni 31 dicembre 2012 del periodo Crediti verso terzi Crediti verso parti correlate (Fondo svalutazione crediti) 74.190 14 (378) 14.999 8 (47) 59.191 6 (331) Totale crediti commerciali 73.826 14.960 58.866 Per una dettagliata analisi della voce relativa alle parti correlate e delle variazioni in essa intercorse, si rinvia alla apposita nota. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 47 La parte prevalente dei crediti verso terzi, nonché la variazione sostanziale del saldo rispetto all’esercizio precedente, è connessa ai proventi maturati nei confronti di Edison nel corso dell’esercizio 2012 e nei primi mesi del 2013 e di cui si attende l’incasso entro il termine dell’esercizio 2013 (per maggiori informazioni si rinvia alla nota 7.2 della Relazione sulla Gestione). Tali crediti sono posti a garanzia del contratto di finanziamento in pool Unicredit. Al 30 giugno 2013 il fondo svalutazione crediti è pari a 378 migliaia di euro. Tali svalutazioni sono ritenute prudenzialmente necessarie e sono relative a saldi (anche recenti) relativi a clienti nei confronti dei quali si sono interrotte le forniture. Il Gruppo si è, comunque, sempre attivato nelle apposite sedi per il recupero dei propri crediti. 12 CREDITI TRIBUTARI I crediti tributari iscritti in bilancio al 30 giugno 2013 ammontano a 2.205 migliaia di euro, e sono dettagliati come segue: 30 giugno 2013 Variazioni del periodo 31 dicembre 2012 Crediti verso l'erario per IVA Credito di imposta Crediti verso l'erario per IRES Crediti verso l'erario per IRAP 2.006 31 165 3 1 1 0 0 2.005 30 165 3 Totale crediti tributari 2.205 2 2.203 (in migliaia di euro) Il credito per IVA, complessivamente vantato dal Gruppo, ammonta a 2.006 migliaia di euro generato da quanto chiesto a rimborso da G.C. Partecipazioni S.a.r.l. (ceduto pro-­‐solvendo in esercizi precedenti al factor). 13 ATTIVITÀ FINANZIARIE CORRENTI Le attività finanziarie correnti al 30 giugno 2013 ammontano a 819 migliaia di euro. (in migliaia di euro) 30 giugno 2013 Variazioni del periodo 31 dicembre 2012 Crediti vs. parti correlate 819 (446) 1.265 Totale attività finanziarie correnti 819 446 1.265 Per i termini, condizioni e movimentazioni intercorse in riferimento ai crediti verso parti correlate, si rimanda alla successiva apposita nota. 14 ALTRE ATTIVITÀ CORRENTI Le altre attività correnti al 30 giugno 2013 ammontano a 2.743 migliaia di euro. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 48 30 giugno 2013 Variazioni del periodo 31 dicembre 2012 Crediti verso terzi Crediti verso parti correlate Risconti attivi 80 864 1.799 (331) 333 (59) 411 531 1.858 Totale altre attività correnti 2.743 (57) 2.800 (in migliaia di euro) La voce risconti attivi accoglie un contributo di allaccio alla rete elettrica di circa 1,8 milioni di Euro per una utenza non ancora resa disponibile e attivata. Per i termini, condizioni e movimentazioni intercorse in riferimento ai restanti crediti verso parti correlate, si rimanda alla successiva apposita nota. 15 DISPONIBILITÀ LIQUIDE E MEZZI EQUIVALENTI Le disponibilità liquide e mezzi equivalenti al 30 giugno 2013 sono pari a 774 migliaia di euro. Il dettaglio della voce è di seguito rappresentato: (in migliaia di euro) Depositi bancari a breve Cassa contanti Totale disponibilità liquide e mezzi equivalenti 30 giugno 2013 Variazioni del 31 dicembre 2012 periodo 772 2 (3.668) 0 4.440 2 774 (3.668) 4.442 I depositi bancari a breve rappresentano il saldo positivo dei conti correnti bancari che le società del Gruppo utilizzano per l’elasticità di cassa. Tali conti correnti producono interessi attivi in base ai saldi attivi risultanti ed ai tassi di interesse variabili periodicamente applicabili. La variazione è riconducibile principalmente all’utilizzo delle somme depositate e vincolate al contratto di finanziamento in Pool di cui Unicredit è la Banca Agente. Le somme presenti su tali conti correnti, così come previsto dal contratto di finanziamento, in seguito al mancato rispetto dei covenants contrattuali, non sono liberamente utilizzabili. 16 ATTIVITÀ DISPONIBILI PER LA VENDITA Nell’ambito del processo di riorganizzazione e focalizzazione sulle attività di produzione agro-­‐
energetiche, sono state già cedute le attività di trading di fiori e piante e sono in procinto di cessione le attività di servizi e di impianti. Così come indicato alla nota 7.4 della Relazione sulla Gestione alla quale si rinvia per maggiori informazioni, la Ciccolella S.p.A. è in trattative avanzate per la cessione della partecipazione totalitaria in G.C. Service S.r.l., che controlla a sua volta il 100% delle società G.C. Impianti S.p.A. e Zurel Italy B.V. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 49 Si riportano qui di seguito tutte le informazioni relative alle attività destinate alla vendita al 30 giugno 2013 ed al 31 dicembre 2012. 16.1 ATTIVITÀ DISPONIBILI PER LA VENDITA AL 30 GIUGNO 2013 Al 30 giugno 2013 tale voce accoglie i dati riferiti alle dismissioni di G.C. Service S.r.l. e delle sue controllate, G.C. Impianti e Zurel Italy (vedi nota 3.5 della Relazione sulla Gestione). Si riportano qui di seguito tutte le informazioni relative alle attività destinate alla vendita al 30 giugno 2013: ATTIVO 30.06.2013 (in migliaia di euro) GC Service e controllate ATTIVITA' NON CORRENTI Attività materiali Attività immateriali 26 Attività materiali 337 Altre Attività non correnti 2.609 TOTALE ATTIVITA' NON CORRENTI 2.973 ATTIVITA' CORRENTI Crediti commerciali 2.870 Altre attività correnti 3.393 Disponibilità liquide e mezzi equivalenti 85 TOTALE ATTIVITA' CORRENTI 6.348 Rettifica di valore (adeguamento a valore di cessione) 0 ATTIVITA' DESTINATE ALLA VENDITA 9.321 PASSIVO 30.06.2013 (in migliaia di euro) GC Service e controllate PASSIVITA' NON CORRENTI Passività non correnti 8.489 TOTALE PASSIVITA' NON CORRENTI 8.489 PASSIVITA' CORRENTI Debiti commerciali 8.672 Debiti tributari 8.239 Altre passività correnti TOTALE PASSIVITA' CORRENTI 4.276 21.188 PASSIVITA' DESTINATE ALLA VENDITA 29.677 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 50 16.1.1
MUTUO IPOTECARIO BANCA BANCAPULIA Tra le passività è iscritto tale finanziamento, sottoscritto da GC Impianti S.p.A. per un importo concesso di euro 4,5 milioni. L’estinzione del finanziamento avverrà nel 2021 ad un tasso di interesse pari all’Euribor a 6 mese più uno spread del 2,5%. Il finanziamento è assistito da garanzia ipotecaria di 8.100 migliaia di euro su alcune serre del sito produttivo di Molfetta interessate dalla installazione degli impianti fotovoltaici. 16.1.2
RISULTATO NETTO DELLE ATTIVITÀ DESTINATE ALLA DISMISSIONE Il risultato netto delle attività destinate alla dismissione pari a complessivi euro 5.647 migliaia, si compone: (i) euro 501 migliaia principalmente relativi al finanziamento concesso nel 2013 alla società dismessa P&F e al cui rimborso si è rinunciato nell’ambito degli accordi sottoscritti con la controparte sempre nel 2013 (vedi nota 3.4 della Relazione sulla Gestione); (ii) euro 3.861 migliaia relativi al finanziamento concesso alla società dismessa Ciccolella Holding International e il cui rimborso, in seguito al deconsolidamento ed alle vicende che hanno interessato tale società successivamente alla dismissione intervenuta nel 2013 (vedi nota 3.3 della Relazione sulla Gestione), è ritenuto non più realizzabile; (iii) euro 1.285 migliaia relativi al risultato netto negativo attribuibile alle società G.C. Service, G.C. Impianti e Zurel Italy il cui dettaglio è di seguito riportato: 30.06.2013 GC Service e controllate in migliaia di euro RICAVI 114 Costi per materiali e servizi (301) Costo del personale (434) Altri costi operativi (99) Ammortamenti e svalutazioni (95) RISULTATO OPERATIVO (814) Oneri e Proventi finanziari (456) Imposte (16) RISULTATO NETTO DA ATTIVITA' DESTINATE ALLA DISMISSIONE (1.285) 16.1.3
ATTIVITÀ DISPONIBILI PER LA VENDITA AL 31 DICEMBRE 2012 Al 31 dicembre 2012 tale voce includeva le società Ciccolella Holding International e P&F cedute nel corso del primo semestre 2013 (vedi nota 3.3 della Relazione sulla Gestione) oltre che la società G.C. Service S.r.l. e le sue controllate, G.C. Impianti e Zurel Italy. Si riportano qui di seguito tutte le informazioni relative alle attività destinate alla vendita al 31 dicembre 2012 (la voce Altre include le società P&F, G.C. Service, G.C. Impianti e Zurel Italy): Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 51 ATTIVO 31.12.2012 (in migliaia di euro) Ciccolella Holding International B.V. Altre Totale ATTIVITA' NON CORRENTI Attività materiali 14.373 35 14.409 6.097 423 6.520 Altre Attività non correnti 15.648 2.598 18.245 TOTALE ATTIVITA' NON CORRENTI Attività immateriali Attività materiali 36.118 3.056 39.174 ATTIVITA' CORRENTI 33.144 3.038 36.182 3.166 3.582 6.748 226 159 385 36.535 6.778 43.314 (10.409) 0 (10.409) 62.244 9.834 72.079 Crediti commerciali Altre attività correnti Disponibilità liquide e mezzi equivalenti TOTALE ATTIVITA' CORRENTI Rettifica di valore Adeguamento a valore di cessione ATTIVITA' DESTINATE ALLA VENDITA PASSIVO 31.12.2012* Cicccolella Holding International B.V. Altre Totale 6.819 6.819 8.211 8.211 15.030 15.030 30.918 8.833 39.751 109 8.392 8.501 Altre passività correnti TOTALE PASSIVITA' CORRENTI 20.538 51.565 3.952 21.176 24.489 72.741 PASSIVITA' DESTINATE ALLA VENDITA 58.384 29.387 87.771 PASSIVITA' NON CORRENTI Passività non correnti TOTALE PASSIVITA' NON CORRENTI PASSIVITA' CORRENTI Debiti commerciali Debiti tributari * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised 16.1.4
RISULTATO DELLE ATTIVITA’ NETTE DESTINATE ALLA DISMISSIONE AL 30 GIUGNO 2012 30.06.2012* RICAVI Costi per materiali e servizi Costo del personale Cicccolella Holding International B.V. Altre Totale 138.581 (124.035) (10.335) 1.720 (415) (901) 140.301 (124.450) (11.237) Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 52 Cicccolella Holding International B.V. Altre Totale Altri costi operativi Ammortamenti e svalutazioni RISULTATO OPERATIVO Oneri e Proventi finanziari Imposte (2.630) (1.433) 147 (1.929) 381 (632) (142) (370) (307) (212) (3.262) (1.575) (223) (2.235) 169 RISULTATO NETTO DA ATTIVITA' DESTINATE ALLA DISMISSIONE (1.401) (889) (2.290) 30.06.2012* * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised 17 CAPITALE SOCIALE Ammonta a 93.861 migliaia di euro. La composizione del capitale sociale, che rispetto al precedente esercizio non ha subito movimentazioni, è così di seguito rappresentata: Titoli azionari emessi, autorizzati e in circolazione 30 giugno 2013 N° di azioni ordinarie da nominali euro 0,52 180.502.870 Totale Titoli azionari (n°) 180.502.870 Al 30 giugno 2013 numero 95.275.000 azioni sono state costituite a garanzia di finanziamenti concessi alla controllante Gruppo Ciccolella srl. 18 RISERVE ED ALTRE VOCI DEL PATRIMONIO NETTO Le riserve e le altre voci del patrimonio netto, il cui totale esprime un saldo negativo per 112.340 migliaia di euro, sono qui di seguito elencate: 18.1 RISERVA LEGALE Di importo pari a 1.248 migliaia di euro, non ha subito variazioni nel periodo. 18.2 RISERVA SOVRAPPREZZO AZIONI Di importo pari a 106.084 migliaia di euro non ha subito variazioni nel corso dell’esercizio. 18.3 ALTRE RISERVE Presentano un saldo negativo di 66.391 migliaia di euro e si compongono come segue: Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 53 (in migliaia di euro) al 31 dicembre 2012 Adeguamento al fair value dei derivati Adeguamento utili/perdite attuariali al 30 giugno 2013 Riserva da operazioni Riserve per Riserva per Riserva "under differenze utili/perdite cash flow common di cambio attuariali* hedge control" (62.607) (795) (213) (4.464) Totale (68.079) 0 0 0 1.713 1.713 0 0 (25) 0 (25) (62.607) (795) (238) (2.751) (66.391) * dato riesposto in accordo con le modifiche apportate al principio IAS 19 revised 18.3.1
RISERVA DA OPERAZIONI “UNDER COMMON CONTROL” Tale riserva, ammontante a 62.607 migliaia di euro, accoglie l’effetto di operazioni fra entità sotto comune controllo avvenute nel corso di esercizi precedenti. 18.3.2
RISERVE PER DIFFERENZE DI CAMBIO Tale riserva, ammontante a 795 migliaia di euro, accoglie l’effetto delle conversioni valutarie effettuate da alcune società del Gruppo su operazioni originate in Lire sterline. 18.3.3 RISERVA PER UTILI/PERDITE ATTUARIALI Tale riserva, accoglie, in accordo con l’applicazione dello IAS 19 revised, le perdite attuariali sulle indennità di fine rapporto dei dipendenti delle società oggi classificate, ai sensi dell’IFRS 5, come disponibili per la vendita. 18.3.4
RISERVA DA CASH FLOW HEDGE Questa riserva è iscritta in conseguenza della rilevazione degli strumenti finanziari derivati sorti in copertura del finanziamento in pool della controllata G.C. Partecipazioni. L’importo negativo di 2.751 migliaia di euro rappresenta la componente di “intrinsic value” dei contratti di copertura tassi portata a decremento delle altre riserve per effetto della classificazione di copertura (non speculative) degli stessi contratti. 18.4 UTILI (PERDITE) DA CONVERSIONE IFRS In questa riserva, che ha un saldo positivo di 1.059 migliaia di euro, è contabilizzato l’effetto complessivo derivante dalla transizione ai principi contabili internazionali. 18.5 UTILI (PERDITE) A NUOVO Questa riserva il cui saldo è negativo per 154.341 migliaia di euro, accoglie i risultati accumulati degli esercizi precedenti e gli altri movimenti di patrimonio netto; nel corso del 2013 sono state registrate in questa riserva le perdite dell’esercizio 2012 per 11.858 migliaia di euro (dato riesposto in applicazione dello IAS 19 revised). 19 FINANZIAMENTI A MEDIO LUNGO TERMINE Si riporta qui di seguito il dettaglio dei prestiti e dei finanziamenti in essere (utilizzi effettivi), classificati per durata e tipologia al 30 giugno 2013. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 54 Movimenti del periodo (in migliaia di euro) Scadenza contrattuale Mutuo Ipotecario Banca 2010 – 2016 Intermobiliare Totale finanziamenti a medio -­‐ lungo termine 30 giugno 2013 Quota Rimborso / capitale da Altre Erogazioni rimb. a variazioni breve 31 dicembre 2012 7.235 0 (1.488) 0 8.723 7.235 0 (1.488) 0 8.723 19.1 MUTUO IPOTECARIO BANCA INTERMOBILIARE Si tratta di un finanziamento sottoscritto per un ammontare originario pari a 24.000 migliaia di euro. Il finanziamento è assistito da garanzia ipotecaria di 48.000 migliaia di euro sugli impianti produttivi di Terlizzi. Non sono previsti covenants sul finanziamento in oggetto. L’ammontare riclassificato a breve termine ammonta a 1.488 migliaia di euro in considerazione della rata in scadenza a marzo 2014. Nel corso del 2013 non sono state pagate né rate capitali né interessi. 20 ALTRE PASSIVITÀ FINANZIARIE NON CORRENTI Le altre passività finanziarie al 30 giugno 2013 ammontano a 33.350 migliaia di euro, di seguito la composizione: (in migliaia di euro) Variazioni del 31 dicembre 2012 periodo 30 giugno 2013 Finanziamento passivo verso correlate 33.350 574 32.776 Totale altre passività finanziarie non correnti 33.350 574 32.776 Le passività finanziarie verso parti correlate comprendono due finanziamenti erogati dalla controllante Gruppo Ciccolella. In particolare, il saldo di 33.350 accoglie: •
•
il finanziamento di originari 25 milioni di euro ricevuto da GC Partecipazioni è classificato a lungo termine in quanto il pagamento di tali somme è stato postergato al rimborso del finanziamento in pool (dopo il 2017). Tale finanziamento è fruttifero di interessi ad un tasso pari all’Euribor a 6 mesi più uno spread dell’3,50%. il finanziamento dell’importo residuo di oltre 7 milioni di euro ricevuto da Ciccolella S.p.A. classificato a lungo termine in quanto il pagamento di tali somme è stato contrattualmente fissato oltre il 2017. Tale finanziamento è fruttifero di interessi ad un tasso pari all’Euribor a 6 mesi più uno spread dell’3,50%. La variazione del periodo si riferisce agli interessi maturati. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 55 21 CONTRIBUTI PUBBLICI Ammontano a 21.563 migliaia di euro. Il relativo dettaglio è riportato nella seguente tabella: (in migliaia di euro) G.C. Partecipazioni Contributi pubblici al 31 dicembre 2012 Quota di contributo liberato in proporzione agli ammortamenti 22.957 (1.394) Contributi pubblici al 30 giugno 2013 21.563 Ai sensi dello IAS 20, il Gruppo contabilizza la quota di contributi a conto economico in proporzione all’ammortamento dei cespiti di riferimento (risconto passivo del contributo in conto impianti). L’importo di cui sopra è pari all’ammontare delle agevolazioni complessivamente ottenute, al netto della quota già imputata a conto economico in seguito al processo di ammortamento sull’investimento agevolato sito in Melfi e Candela facente capo a G.C. Partecipazioni. 22 FONDI PER RISCHI E ONERI I fondi rischi e oneri sono iscritti nel bilancio al 30 giugno 2013 per 9.481 migliaia di euro. Di seguito si riporta la movimentazione dei fondi rischi e oneri nell’esercizio di riferimento: (in migliaia di euro) Fondo per rischi ed oneri al 31 dicembre 2012 Accantonamenti dell'esercizio Utilizzi/ Rilasci del periodo Fondo per rischi ed oneri al 30 giugno 2013 Fondi di ristrutturazione aziendale Accantonam. per quote CO2 Sanzioni ed interessi su omessi e ritardati versamenti Contenziosi Vari Totale 500 3.420 601 5.045 9.566 0 97 303 1.684 2.084 (381) (727) 0 (1.061) (2.169) 119 2.790 904 5.668 9.481 Il fondo di ristrutturazione aziendale presente al 31 dicembre 2012, iscritto in seguito all’approvazione del piano industriale 2012-­‐2016 (vedi nota 6.2.1 della Relazione sulla Gestione), connesso alla ristrutturazione del personale agricolo, è stato parzialmente utilizzato nei primi sei mesi del 2013 in seguito all’avvio dei procedimenti collettivi. Il fondo incasso quote CO2 è stato costituito negli esercizi precedenti per far fronte ai rischi connessi alla procedura di liquidazione che sarà attivata per rimborsare i beneficiari delle quote incrementali di CO2 (tra cui Edison) e, conseguentemente, GC Partecipazioni. La movimentazione dell’anno riflette il miglior adeguamento del fondo in considerazione di tale alea e dell’avvenuto incasso di quota parte dei crediti maturati (specificatamente, la totalità dei crediti di competenza del 2012). Il fondo sanzioni ed interessi per omessi e ritardati versamenti tributari e previdenziali accoglie la migliore stima delle sanzioni ed il puntuale calcolo degli interessi al 30 giugno 2013 a fronte dei mancati puntuali versamenti di debiti previdenziali e tributari. L’utilizzo dell’esercizio riflette la quota di fondo utilizzata a fronte di definizioni bonarie di pregresse pendenze. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 56 Il fondo contenziosi e varie si riferisce alla migliore stima dei probabili esborsi collegati a contenziosi vari (anche relativi alle vicende che hanno interessato le società olandesi precedentemente controllate) e ad altri specifici rischi delle società del Gruppo ed all’esecuzione degli accordi sottoscritti ed ai possibili contenziosi. In particolare, come indicato nella precedente nota 2, si evidenzia che, successivamente alla chiusura del periodo, è stata avviata una verifica fiscale sulla controllata G.C. Partecipazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate di Bari con particolare riferimento alla conferma o meno del regime in uso (tassazione degli imponibili fiscali sulla base del reddito agrario); le conclusioni di tale verifica (avvenuta tramite Processo Verbale di Constatazione del 27 agosto 2013) non sono in linea con il comportamento seguito dalla suddetta società, peraltro confermato sulla base di una valutazione operata dagli amministratori anche in base a specifici pareri predisposti da consulenti esperti indipendenti. Il rischio di passività potenziale connesso all’esito della suddetta verifica è stato pertanto valutato allo stato attuale remoto, anche in considerazione che la diversa interpretazione data dall’Agenzia in riferimento alla tassazione del componente positivo non trova supporto in alcuna specifica norma di legge; per tale motivo, è stato operato prudenzialmente un accantonamento limitatamente agli oneri che potranno derivare alla società nel corso del probabile contenzioso fiscale. 23 ALTRE PASSIVITÀ NON CORRENTI La movimentazione delle altre passività non correnti al 30 giugno 2013 è la seguente: 30 giugno 2013 Variazioni del periodo 31 dicembre 2012 Altri debiti verso terzi 144 (143) 287 Totale altre passività non correnti 144 (143) 287 (in migliaia di euro) Il saldo di Euro 144 migliaia riguarda sostanzialmente debiti tributari e previdenziali rateizzati. 24 DEBITI COMMERCIALI Il dettaglio dei debiti commerciali iscritti in bilancio al 30 giugno 2013 è esposto di seguito: 30 giugno 2013 Variazioni del periodo 31 dicembre 2012 Debiti commerciali verso terzi Debiti commerciali verso parti correlate 16.216 1.264 2.300 430 13.916 834 Totale debiti commerciali 17.480 2.730 14.750 (in migliaia di euro) I debiti commerciali che risultano iscritti al 30 giugno 2013 si riferiscono quasi esclusivamente ai debiti contratti nella realizzazione dell’insediamento serricolo di Candela e nella gestione operativa in Italia. I debiti commerciali non producono interessi. Al 30 giugno 2013 risultano Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 57 debiti commerciali scaduti da parte delle società italiane per circa 13 milioni di euro di cui oltre 3 milioni sono già stati oggetto di specifici accordi di riscadenzamento. Per maggiori dettagli circa i debiti commerciali verso le parti correlate, si rimanda all’apposita nota. 25 DEBITI VERSO BANCHE E QUOTA CORRENTE DEI FINANZIAMENTI Di seguito si riporta il dettaglio dei debiti verso banche e della quota corrente dei finanziamenti a medio – lungo termine al 30 giugno 2013: Movimenti del periodo (in migliaia di euro) Scadenza contrattuale Scoperti bancari A richiesta Mutuo Ipotecario in 2011 -­‐ 2017 Pool Unicredit Mutuo Ipotecario Banca 2010-­‐2017 Intermobiliare Totale debiti verso banche e quota corrente dei finanziamenti a medio -­‐ lungo termine 30 giugno 2013 (Rimborso) / Erogazioni Costo ammortiz. Altre variazioni Riclassifica da finanz. a m/l 31 dicembre 2012 16.099 760 15.339 136.809 151 2.613 134.045 7.742 197 1.488 6.057 160.650 0 151 3.570 1.488 155.441 25.1 SCOPERTI BANCARI E FATTORIZZAZIONE CREDITI VERSO CLIENTI Questa voce include i saldi negativi dei rapporti in essere tra le società del Gruppo e il sistema bancario per un ammontare pari a 16.099 migliaia di euro. Alcuni di questi rapporti sono assistiti da garanzie rilasciate dalle società controllanti (lettere di patronage) a favore delle società beneficiarie.. 25.2 MUTUO IPOTECARIO IN POOL UNICREDIT Tale voce include il finanziamento a medio lungo termine oggetto di rimodulazione e concessione di nuova finanza. In particolare è composto da: (i) mutuo concesso da un pool di banche con capofila UniCredit, di originari 135 milioni di euro, rinegoziato per il saldo residuo di 129,5 milioni di euro; (ii) concessione di nuova finanza per euro 25,5 milioni. Il contratto sottoscritto nel 2011 prevede il rispetto di covenants, su base semestrale, sia di natura tecnica che di natura finanziaria: GWh termici erogati dalla rete di teleriscaldamento, rapporto tra PFN ed Ebitda, rapporto tra Ebitda e oneri finanziari, PFN consolidata del gruppo. Al 31 dicembre 2011 e alle rilevazioni successive del 30 giugno e 31 dicembre 2012 nonché del 30 giugno 2013 non sono stati rispettati i covenants relativi al livello di GWh e al rapporto PFN/Ebitda e, pertanto, tale finanziamento è stato classificato interamente a breve termine. Il tasso di interesse contrattualmente previsto è pari all’Euribor 6 mesi maggiorato di uno spread pari a 350 punti base. Il contratto prevede, altresì, l’applicazione di un margin ratchet in base al quale lo spread di 350 punti base possa ridursi in seguito alla diminuzione del rapporto PFN/Ebitda. Tale finanziamento è assistito da una serie di garanzie reali (ipoteche e privilegi sui beni immobili e mobili di Melfi e Candela) e chirografarie (garanzie prestate dalla controllante Ciccolella S.p.A., dalla società Gruppo Ciccolella S.r.l. e dai soci di quest’ultima). Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 58 25.3 MUTUO IPOTECARIO BANCA INTERMOBILIARE Trattasi della quota a breve del finanziamento sottoscritto per originari 24 milioni di euro di cui alla precedente nota. Nel periodo non è avvenuto il rimborso di quote di capitale né sono stati pagati interessi. Il piano di ammortamento ridefinito nel 2013 prevede rate annuali. Il tasso di interesse è fissato pari all’Euribor a tre mesi più uno spread dell’1,50%. La variazione rispetto al 31 dicembre 2012 è rappresentata esclusivamente dalla riclassifica a breve termine della rata in scadenza al 31 marzo 2014. 25.4 MUTUO IPOTECARIO BANCAPULIA E BANCA POPOLARE DI BARI Tali finanziamenti, concessi alla società GC Impianti, sono stati riclassificati ai sensi dell’IFRS 5. 26 ALTRE PASSIVITÀ FINANZIARIE CORRENTI Le altre passività finanziarie al 30 giugno 2013 ammontano a 3.505 migliaia di euro. Di seguito si riporta il relativo dettaglio. (in migliaia di euro) 30 giugno 2013 Strumenti finanziari derivati di copertura Factor per cessione credito IVA Totale altre passività finanziarie a breve Variazioni 31 dicembre 2012 del periodo 3.335 (1.496) 4.831 170 0 170 3.505 (1.496) 5.001 Al 30 giugno 2013 permane iscritto in bilancio il valore di mercato (mark to market) degli strumenti finanziari derivati di copertura che recepisce il mutamento dei tassi di interessi correnti e attesi alla data della presente relazione; strumenti sottoscritti in ottemperanza delle clausole previste dalla rinegoziazione del finanziamento in pool. 27 DEBITI TRIBUTARI Al 30 giugno 2013 i debiti tributari ammontano a 6.693 migliaia di euro. Il dettaglio degli stessi è riportato nella seguente tabella: (in migliaia di euro) 30 giugno 2013 Variazioni del periodo 31 dicembre 2012 Debiti per IRES Debiti per IRAP Debiti per IVA Altri debiti tributari 423 631 3.550 2.089 41 67 (823) 691 382 564 4.373 1.398 Totale debiti tributari 6.693 (24) 6.717 I debiti tributari sono composti da posizioni debitorie delle società del gruppo che non hanno effettuato i dovuti versamenti alla scadenza. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 59 I debiti tributari scaduti al 30 giugno 2013 ammontano a circa 6,2 milioni di euro. Per tali debiti scaduti, in attesa di procedere con le rateizzazioni, si sono accantonati gli interessi, gli oneri e le sanzioni così come previsto dalla normativa. 28 ALTRE PASSIVITÀ CORRENTI Il dettaglio delle altre passività correnti iscritte in bilancio è riportato nella seguente tabella: (in migliaia di euro) 30 giugno 2013 Variazioni del periodo 31 dicembre 2012 857 (194) 1.051 Debiti verso personale 1.106 (49) 1.155 Debiti verso terzi 1.308 878 430 Debiti verso parti correlate 282 (10) 292 Risconti Passivi 258 (32) 290 3.811 593 3.218 Debiti verso Istituti Previdenziali Totale altre passività correnti Al 30 giugno 2013 le altre passività correnti ammontano a 3.811 migliaia di euro. La variazione dei debiti verso terzi è ascrivibile principalmente all’impegno assunto in merito al versamento da effettuare alla controparte in relazione alla cessione della controllata P&F (vedi nota 3.4 della Relazione sulla Gestione) La voce debiti verso istituti previdenziali di 857 migliaia di euro si riferisce principalmente alla controllata GC Partecipazioni ed include partite già scadute per circa 0,6 milioni di euro. Per tali debiti scaduti, in attesa di procedere con le rateizzazioni, si sono accantonati gli interessi, gli oneri e le sanzioni così come previsto dalla normativa. I debiti verso il personale accolgono principalmente il debito per la mensilità di maggio e giugno 2013 oltre che ferie maturate e non godute e retribuzioni da liquidarsi. Per un maggior dettaglio relativo ai debiti verso parti correlate si rimanda all’apposita nota. 29 INFORMATIVA DI SETTORE Il Gruppo è attualmente composto da due settori di attività: •
•
Agro energetico: •
produzione fiori e piante in vaso; •
commercializzazione fiori e piante in vaso; Holding: include servizi di direzione, di coordinamento e di consulenza amministrativa e fiscale alle società del Gruppo; 29.1 CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO PER SETTORE DI ATTIVITÀ Di seguito si riporta il conto economico consolidato del Gruppo al 30 giugno 2013, comparato con lo stesso periodo del 2012, distinto per settore di attività. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 60 Attività agroenergetica Holding (in milioni di euro) 30 giugno
2013
Ricavi verso terze parti Ricavi infra settori** Totale ricavi del settore Costi per materie prime e servizi Totale consolidato (riesposto) Elisioni 30
30
30
30
30
30
giugno giugno giugno giugno giugno giugno
2013
2012 *
2013
2012 *
2013
2012 *
30 giugno
2012 *
18,5 28,6 0,0 0,1 0,0 0,0 18,5 28,7 0,0 0,0 0,0 0,7 (0,0) (0,7) 0,0 0,0 18,5 28,6 0,0 0,8 (0,0) (0,7) 18,5 28,7 (4,1) (3,9) (0,3) (0,4) 0,0 0,0 Materiali e servizi infra settori (0,3) (1,3) 0,0 (0,0) 0,3 1,3 0,0 0,0 Costi del personale (2,0) (3,0) 0,0 (0,2) 0,0 0,0 (2,0) (3,2) Costi per lavori interni capitalizzati (0,0) 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 (0,0) 0,0 Altri costi operativi (2,2) (1,4) 0,0 (0,1) 0,0 0,0 (2,2) (1,4) Variazione nel fair value delle piante (0,1) (0,3) 0,0 0,0 0,0 0,0 (0,1) (0,3) Rivalutazioni/(svalutazioni) di cespiti 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Ammortamenti e svalutazioni (***) EBIT -­‐ Risultato operativo Risultato della gestione finanziaria EBT -­‐ Risultato prima delle imposte Imposte dell'esercizio (6,5) (7,7) 3,3 10,9 (0,3) 0,1 0,3 0,6 3,3 11,7 (5,5) (7,7) (4,4) (6,5) 0,0 0,0 0,0 0,0 (4,4) (6,0) (2,2) 5,7 (0,1) (0,3) Risultato delle attività cessate (5,6) (2,3) Risultato netto dell'esercizio (7,9) 3,1 * ** *** **** dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 ricomprende le attività relative alla cogenerazione per intersettoriali si intendono le transazioni effettuate fra un settore e l'altro. ai fini della rappresentazione del conto economico per settore di attività, i contributi in conto impianti sono stati portati a riduzione degli ammortamenti Di seguito sono riportate ulteriori informazioni di dettaglio riguardanti la attività e le passività per area geografica e per settore: 29.2 ATTIVITA’ E PASSIVITA’ PER SETTORE Le attività e le passività sono largamente attinenti all’attività di produzione agro energetica. 29.3 INVESTIMENTI PER SETTORE Gli investimenti sono interamente concentrati nel settore di produzione agro energetico. 29.4 INVESTIMENTI E TOTALE ATTIVO PER AREA GEOGRAFICA Gli investimenti ed il totale attivo riguarda società italiane e sono localizzati tutti in Italia. 29.5 RICAVI PER AREA GEOGRAFICA Il fatturato è interamente realizzato in Italia. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 61 29.6 RICAVI PER NATURA Si riporta qui di seguito la composizione dei ricavi per natura 30 giugno 2013 30 giugno 2012 * Variazione assoluta Variazione % Ricavi delle vendite Proventi contrattuali Altri ricavi 0,9 17,4 0,2 2,0 26,3 0,4 (1,1) (8,9) (0,2) -­‐55,0% -­‐33,8% -­‐50,0% Totale ricavi 18,5 28,7 (10,2) -­‐36% Ricavi (in milioni di euro) * dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 30 ALTRI RICAVI L’ammontare al 30 giugno 2013 della voce degli altri ricavi diversi dalle vendite presenta un saldo contabile pari a 17.642 migliaia di euro, rispetto ai 26.662 migliaia di euro del corrispondente periodo dell’esercizio precedente. (in migliaia di euro) Proventi Contrattuali Edison -­‐ CV Proventi Contrattuali Edison -­‐ Quote CO2 Proventi da Cessione energia a tariffa incentivante Altri Totale altri ricavi 30 giugno 2013 17.088 295 15 244 30 giugno 2012 * 25.090 840 388 344 17.642 26.662 * dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 Il saldo contabile al 30 giugno 2013 accoglie i benefici economici derivanti dall’accordo con Edison che sono stati stimati pari a 17.383 migliaia di Euro. Le stime degli amministratori hanno tenuto conto di tutte le informazioni disponibili alla data di redazione del presente bilancio. La variazione tra i ricavi registrati nel 2013 e nel 2012 è in linea con le attese inserite nel Piano Industriale e riflette quanto previsto contrattualmente. Gli altri ricavi si riferiscono all’utilizzo del fondo rischi in connessione ai provvedimenti collettivi posti in essere in conseguenza della riduzione di organico. 31 COSTO DEL PERSONALE Il costo del personale sostenuto nel periodo ammonta a 2.471 migliaia di euro, rispetto ai 3.204 dello stesso periodo del precedente esercizio. Tale costo comprende le retribuzioni per salari e stipendi, gli oneri sociali, gli oneri per piani contributi definiti e l’accantonamento al trattamento di fine rapporto. Come evidenziato nelle tabelle di seguito esposte, la diminuzione del costo del personale è riconducibile ad una riduzione del numero di dipendenti che ha interessato la controllata GC Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 62 Partecipazioni in linea con quanto previsto a piano. Per i piani di riorganizzazione del personale si rimanda a quanto esposto alla nota 3.1 della Relazione sulla Gestione. (in migliaia di euro) Salari e stipendi Oneri sociali e oneri per piani a contributi definiti Trattamento di Fine Rapporto Totale costo del personale 30 giugno 2013 1.926 540 5 2.471 30 giugno 2012 * 2.614 590 0 3.204 30 giugno 2013 30 giugno 2012 * Dirigenti Quadri Impiegati Operai 5 7 26 102 4 8 43 407 Totale personale 140 462 * dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 La composizione dei dipendenti del Gruppo è la seguente: * dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 Per gli operai italiani soggetti al CCNL Agricoltura, la voce salari e stipendi include anche l’onere che, per gli impiegati e dirigenti dello stesso CCNL, viene versato all’ENPAIA. Pertanto, la voce relativa al fondo TFR si riferisce esclusivamente ai dipendenti assunti con contratto di lavoro non rientranti nell’ambito di applicazione del CCNL Agricoltura. 32 ALTRI COSTI OPERATIVI Il totale degli altri costi operativi (verso terzi) ammonta a 1.669 migliaia di euro. Al 30 giugno 2012 tale voce registrava un valore pari a 1.496 migliaia di euro. (in migliaia di euro) 30 giugno 2013 30 giugno 2012 * Accantonamento a fondo rischi Svalutazioni di crediti commerciali verso terzi Oneri diversi di gestione 720 47 902 626 0 770 Oneri diversi di gestione verso parti correlate 0 100 1.669 1.496 Totale altri costi operativi * dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 La posta comprende: (i) accantonamenti a fondi rischi, al netto dei rilasci del periodo, per 720 migliaia di euro, per la cui descrizione si rimanda alla nota 22; (ii) svalutazioni crediti commerciali di dubbia esigibilità per 47 migliaia di euro; (iii) oneri diversi di gestione per 902 migliaia di euro relativi alle spese di gestione sostenute dal gruppo nello svolgimento dell’attività caratteristica. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 63 33 AMMORTAMENTI E SVALUTAZIONI La tabella che segue mostra la composizione degli ammortamenti per il periodo chiuso al 30 giugno 2013: (in migliaia di euro) Ammortamenti immobilizzazioni materiali Ammortamenti immobilizzazioni immateriali Svalutazione immobilizzazione materiali (Contributi in conto impianto maturati nell'esercizio) Totale ammortamenti * dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 30 giugno 2013 7.917 0 0 (1.394) 6.523 30 giugno 2012 * 9.128 0 0 (1.422) 7.706 Per l’ammortamento delle immobilizzazioni si è adottato il metodo di calcolo del “pro rata temporis” a partire dalla data di acquisizione o di messa in esercizio del bene (ove quest’ultima differisca significativamente dalla data di acquisto). Si precisa che gli ammortamenti sono esposti nel presente bilancio al netto dei contributi pubblici pari a 1.394 migliaia di euro. Tali contributi pubblici, relativi agli impianti serricoli dei siti di Melfi e Candela, si riferiscono alla quota di contributo in conto impianti (provento) maturata al 30 giugno 2013 in relazione al processo di ammortamento dei beni oggetto di agevolazione. 34 ONERI FINANZIARI La tabella che segue mostra la composizione degli oneri finanziari per il periodo chiuso al 30 giugno 2013: (in migliaia di euro) Interessi passivi bancari Interessi passivi su mutui Oneri da adeguamento al fair value dei derivati Costo ammortizzato dei finanziamenti Oneri finanziari verso parti correlate Oneri finanziari operazioni su derivati Commissioni bancarie e Altri oneri finanziari Totale oneri finanziari 30 giugno 2013 609 2.746 217 151 574 881 315 5.492 30 giugno 2012 * 163 4.104 391 157 615 850 118 6.399 La voce, al 30 giugno 2013, ammonta a 5.492 migliaia di euro, mentre al 30 giugno dell’anno precedente, registrava un valore pari a 6.399 migliaia di euro. Analogamente al precedente esercizio, la voce comprende principalmente gli interessi passivi bancari riferiti agli oneri relativi alle aperture di conto corrente a breve termine, che le varie società del Gruppo utilizzano per elasticità di cassa, e gli interessi passivi sui mutui relativi ai costi sostenuti sulle operazioni di finanziamento. Essi ammontano a 2.746 migliaia di euro, Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 64 registrando una sostanziale riduzione rispetto al periodo corrispondente dell’esercizio precedente (4.104 migliaia di euro). Gli oneri da adeguamento al fair value dei derivati, pari a 217 migliaia di euro, si riferiscono alla rilevazione effettuata Mark to Market sulle copertura del tasso di interesse (Interest Rate Swap) effettuata dalla G.C. Partecipazioni in linea con le previsioni contrattuali concordate a luglio 2011, mentre gli oneri finanziari su derivati, per 881 migliaia di euro, si riferiscono ai premi corrisposti alle scadenze concordate. Gli altri oneri finanziari comprendono, tra gli altri, le commissioni bancarie e oneri finanziari diversi relativi a ritardati pagamenti o a contenziosi in atto. Per l’informativa sulle parti correlate si rimanda all’apposita nota. 35 PROVENTI FINANZIARI La tabella che segue mostra la composizione dei proventi finanziari per il periodo chiuso al 30 giugno 2013: (in migliaia di euro) 30 giugno 2013 30 giugno 2012 * Interessi attivi bancari Altri ricavi finanziari 0 11 3 438 Totale proventi finanziari 11 441 * dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 Gli interessi attivi bancari si riferiscono ai proventi maturati sulle disponibilità liquide giacenti sui conti correnti bancari delle varie società del Gruppo. Gli altri ricavi finanziari includono prevalentemente gli interessi maturati sul credito IVA chiesto a rimborso. 36 IMPOSTE SUL REDDITO 36.1 IMPOSTE SUL REDDITO D’ESERCIZIO Le imposte sul reddito ammontano a 90 migliaia di euro. Tale voce ricomprende 68 migliaia di euro di imposte correnti dell’esercizio e 22 migliaia di euro di imposte anticipate/differite. (in migliaia di euro) Imposte correnti 30 giugno 2013 68 30 giugno 2012 * 276 IRAP 68 257 IRES 0 19 Proventi da consolidamento fiscale Imposte anticipate/differite 22 15 IRAP 14 8 IRES Totale imposte sul reddito 8 90 7 291 * dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 65 L’onere fiscale del gruppo riflette l’opzione per la tassazione del reddito su base catastale di cui all’ art. 32 del TUIR esercita dalla controllata GC Partecipazioni in considerazione dell’esercizio di attività agricola. Il reddito così tassato, include i proventi contrattuali riveniente dal contratto con Edison qualificati sempre come attività agricola, così come anche supportato da apposito parere pro-­‐veritate, che conferma la bontà dell’operato della Società pur in presenza di una diversa interpretazione dell’Agenzia delle Entrate (vedi nota 3.7 e 7.1 della Relazione sulla Gestione e 22). 37 RISULTATO PER AZIONE Il Risultato base per azione è calcolato dividendo il risultato del periodo attribuibile agli azionisti ordinari della capogruppo. Il Risultato per azione diluito coincide con il risultato base per azione in quanto non vi sono strumenti finanziari con effetti diluitivi. Di seguito sono esposti il reddito e le informazioni sulle azioni utilizzati ai fini del calcolo del risultato per azione base: Numeratore 30 giugno 2013 Risultato netto attribuibile agli azionisti ordinari della Capogruppo (in migliaia di euro) Denominatore Numero medio ponderato di azioni ordinarie Valore nominale per azione (in euro) Risultato per azione (in euro) 30 giugno 2012 * (7.907) 3.107 180.502.870 180.502.870 0,52 0,52 (0,044) 0,017 * dato riesposto in accordo con il principio IFRS 5 38 IMPEGNI E RISCHI 38.1 GARANZIE PRESTATE A TERZI Di seguito si riportano le garanzie prestate a favore di terzi non riportate in altre parti del presente documento. 38.1.1
LETTERE DI PATRONAGE Nel 2005 l’allora controllante Ciccolella Holding S.p.A. (ora confluita nella GC Partecipazioni) aveva rilasciato nell’interesse della allora controllata Ali.Bio una lettera di patronage a beneficio della Banca Antonveneta per euro 7,4 milioni. 38.2 CESSIONI DEL CREDITO 38.2.1
CREDITO IVA GC PARTECIPAZIONI Il credito IVA per complessivi 2 milioni di euro di Polo Floricolo (ora GC Partecipazioni) è stato ceduto pro solvendo nel 2009 al factor. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 66 38.2.2
CREDITI VERSO EDISON I crediti derivanti dal contratto con Edison S.p.A. della controllata GC Partecipazioni, nell’ambito dell’operazione di rifinanziamento del pool Unicredit, sono stati posti a garanzia del suddetto finanziamento di originari 155 milioni di euro. 38.3 IPOTECHE E PRIVILEGI SPECIALI 38.3.1
A FAVORE DI BANCA INTERMOBILIARE DI INVESTIMENTI E GESTIONI Il finanziamento erogato da Banca Intermobiliare a GC Partecipazioni di originari 24 milioni di euro è assistito da una ipoteca di primo grado su terreni e fabbricati del sito di Terlizzi per un ammontare complessivo massimo di 48.000 migliaia di euro. 38.3.2
A FAVORE DEL POOL UNICREDIT Il finanziamento erogato dal pool Unicredit a GC Partecipazioni per originari 155 milioni di euro è assistito da una ipoteca di primo grado su terreni e fabbricati dei siti di Melfi e Candela per un ammontare complessivo massimo di 310.000 migliaia di euro e in un privilegio speciale sui beni mobili delle stesse società fino a 162.000 migliaia di euro. 38.3.3
A FAVORE DI BANCA APULIA Il finanziamento concesso da Banca Apulia a GC Impianti per 4,5 milioni di euro, ora classificato all’interno delle passività disponibili per la vendita ai sensi dell’IFRS 5, è assistito da una ipoteca di primo grado su alcuni terreni e relativi fabbricati ed impianti fotovoltaici del sito di Molfetta per un ammontare complessivo massimo di 8,1 milioni di euro. 38.3.4
A FAVORE DI ABN AMRO BANK Due particelle di terreno di Giovinazzo della società G.C. Partecipazioni sono state oggetto di ipoteca a favore di ABN Amro Bank N.V. per un importo massimo garantito di 2,1 milioni di euro. 38.4 RISCHI Oltre i rischi già oggetto di specifica valutazione ed esposizione nel fondo rischi (nota 22) il gruppo è esposto agli ulteriori rischi qui di seguito riportati. In data 4 febbraio 2010 G.C. Impianti ha ricevuto due cartelle di pagamento relative a contributi INPS e INAIL derivanti dall’accertamento effettuato nell’esercizio 2008 dall’INPS. L’ammontare complessivo degli importi scritti a ruolo è pari ad € 5.967.000 più compensi da riscossione per € 277.000. In data 03 febbraio 2010 e 04 marzo 2010 la società ha ricevuto formale comunicazione da parte degli Istituti interessati (INPS ed INAIL) di sospensione degli importi iscritti a ruolo (sospensione confermata con comunicazione del 13 gennaio 2011 ). La società GC Partecipazioni ha ricevuto atti di citazione per il pagamento di complessivi 636 migliaia di euro per forniture non pagate sul sito di Melfi e Candela; si segnala che il mancato pagamento è dovuto a contestazioni per difetti esistenti sulla fornitura. La società ha inoltrato una domanda riconvenzionale per risarcimento del danno. Inoltre, le società del gruppo hanno rilasciato a terzi garanzie a favore delle società del gruppo olandese ceduto nei primi mesi del 2013 a fronte di passività non più consolidate per complessivi euro 15 milioni a fronte dei quali sono stati iscritti circa 5 milioni di euro nel fondo rischi. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 67 39 INFORMATIVA SULLE PARTI CORRELATE I saldi in essere a fine esercizio non sono assistiti da garanzie e generano interessi ai tassi di provvista del gruppo. 39.1 CREDITI VERSO PARTI CORRELATE La riclassifica effettuata ai sensi dell’IFRS 5 in seguito alla decisione di dismettere le società GC Service, GC Impianti e Zurel Italy, comporterà una riduzione dei crediti verso parti correlate per 7.145 migliaia di euro per attestarsi su residui 1.596 migliaia di euro. (in migliaia di euro) Crediti Commerciali Floriale Crediti Finanziari correnti F.lli Ciccolella Anticipi finanziari amministratore GC Partecipazioni saarl Altre attività correnti F.lli Ciccolella Floriale Gruppo Ciccolella Floricoltura Ciccolella Nuova Biozenit Attività disponibili per la vendita Attività disponibili per la vendita Totale crediti verso parti correlate 39.1.1
14 14 819 818 Variazion
i del periodo 8 8 (447) 0 1 (446) 447 864 3 21 531 295 14 7.339 7.339 9.036 333 3 21 0 295 14 121 121 15 531 0 0 531 0 0 7.218 7.218 9.020 30 giugno 2013 31 dicembre 2012 6 6 1.265 818 CREDITI FINANZIARI CORRENTI Il credito finanziario verso l’amministratore di GC Partecipazioni è stato oggetto di definizione per il tramite di compensazione con i crediti sorti in occasione dell’attribuzione dell’indennità di cessazione dalla carica così come stabilito dall’Assemblea dei soci della controllata del 12 aprile 2013. 39.1.2
ALTRE ATTIVITÀ CORRENTI La variazione registra nei confronti di Floricoltura si riferisce agli oneri maturati nel periodo. 39.2 DEBITI VERSO PARTI CORRELATE La riclassifica effettuata ai sensi dell’IFRS 5 in seguito alla decisione di dismettere le società GC Service, GC Impianti e Zurel Italy, comporterà una riduzione dei debiti verso parti correlate per 546 migliaia di euro per attestarsi su residui 34.897 migliaia di euro. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 68 in migliaia di euro 30 giugno 2013 Variazioni 31 dicembre 2012 del periodo Passività finanziarie non correnti Gruppo Ciccolella srl Debiti Commerciali Gc Mobility Eurosa dei F.lli Ciccolella Floppy Immobiliare Floriale srl Altri Altre passività finanziarie Gruppo Ciccolella Altre passività correnti 33.350 33.350 1.265 385 652 159 69 1 0 0 282 574 574 431 53 332 111 (65) 1 0 0 (9) 32.776 32.776 834 332 320 48 134 0 0 0 292 Floricoltura Ciccolella Amministratori Ciccolella spa Altri Passività disponibili per la vendita Passività disponibili per la vendita Totale debiti verso parti correlate 74 193 15 546 546 35.443 74 (81) (2) 26 26 1.023 0 274 17 520 520 34.422 39.2.1
PASSIVITÀ FINANZIARIE NON CORRENTI La variazione intervenuta nel periodo è relativa agli interessi maturati nel periodo. 39.2.2
DEBITI COMMERCIALI La principale variazione nei debiti commerciali riguarda l’incremento dei debiti verso le società correlate Eurosa relativamente agli impianti presi in affitto. 39.2.3
ALTRE PASSIVITÀ CORRENTI Le principali variazione delle altre passività correnti si riferiscono agli oneri maturati nel periodo verso Floricoltura e alla maturazione dei compensi nei confronti degli amministratori. 39.3 RAPPORTI ECONOMICI VERSO PARTI CORRELATE (in migliaia di euro) Gruppo Ciccolella Eurosa dei F.lli Ciccolella GC Mobility Floriale Floricoltura Ricavi delle vendite e delle prestazioni Costi per m.p., per servizi ed altri costi di gestione Proventi e oneri finanziari 30 giugno 2013 30 giugno 2012 * 30 giugno 2013 30 giugno 2012 * 30 giugno 2013 30 giugno 2012 * 0 0 0 0 (574) (617) 0 0 (240) (240) 0 0 0 0 109 0 0 0 (55) (36) 0 (71) 0 0 0 0 0 0 0 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 69 (in migliaia di euro) Floppy Immobiliare Amministratori Altri Disponibili per la vendita Gruppo Ciccolella GC Mobility Floriale Floppy Immobiliare Sunflower Powerflor Distribuzione Energia Altri Totale rapporti economici con parti correlate Ricavi delle vendite e delle prestazioni Costi per m.p., per servizi ed altri costi di gestione Proventi e oneri finanziari 30 giugno 2013 30 giugno 2012 * 30 giugno 2013 30 giugno 2012 * 30 giugno 2013 30 giugno 2012 * 0 0 (48) (48) 0 0 0 0 0 0 (635) 0 (300) 0 10 14 5 0 10 5 0 30 0 0 (7) 0 0 (9) 0 (51) 0 0 12 0 0 7 0 0 0 0 0 0 1.280 0 0 0 0 8 0 0 0 0 16 1 0 0 0 0 0 140 1.310 (1.021) (668) (615) (570) 40 OPERAZIONI SIGNIFICATIVE NON RICORRENTI Nel corso dei primi sei mesi del 2013, le operazioni significative non ricorrenti del Gruppo attengono esclusivamente, alla iscrizione di un costo, pari a 526 migliaia di euro, connesso alla cessazione anticipata dalla carica, dell’amministratore della società controllata G.C. Partecipazioni s.a.a r.l. e alla conseguente previsione del trattamento di fine mandato corrispondente. 41 GESTIONE DEL RISCHIO FINANZIARIO: OBIETTIVI E CRITERI Le fonti di finanziamento si articolano in un mix di capitale di rischio, apportato a titolo permanente dai soci, e di capitale di debito, necessario alla realizzazione e completamento degli investimenti serricoli e comprendente, oltre ai finanziamenti a breve e a medio – lungo termine, i contributi in conto impianti di cui il Gruppo dispone in forza dei contratti di programma stipulati con il Ministero delle Attività Produttive. Al fine di garantire la salvaguardia della continuità aziendale e lo sviluppo del business, il Gruppo monitora costantemente l’evoluzione del livello di indebitamento in rapporto al patrimonio netto, nonché i parametri finanziari a cui è soggetto per effetto dei finanziamenti sottoscritti. I principali strumenti finanziari del Gruppo, diversi dai derivati, comprendono i finanziamenti bancari, i leasing finanziari, i depositi bancari a vista e a breve termine, i finanziamenti da parti Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 70 correlate e da terzi, i debiti commerciali, i debiti tributari e gli altri debiti. L’obiettivo principale di tali strumenti è di finanziare le attività operative. Il Gruppo utilizza inoltre strumenti finanziari derivati per copertura dal rischio tasso d’interesse. I rischi principali generati dagli strumenti finanziari del Gruppo sono il rischio di mercato, il rischio di liquidità ed il rischio di credito. Per ciascuna tipologia di rischio il management valuta preliminarmente la concentrazione degli stessi in base alle controparti ed all’area geografica in considerazione dello scenario di rischio complessivo del business ed esamina e delinea le politiche per gestire detti rischi, come di seguito riportato per ciascuna tipologia. 41.1 RISCHIO DI MERCATO Il rischio di mercato è il rischio di fluttuazione dei futuri flussi di uno strumento finanziario a seguito di variazioni nei prezzi di mercato. E’ composto da tre tipi di rischio: •
•
•
il rischio di tasso di interesse il rischio valutario il rischio prezzo 41.1.1
RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE Il rischio di tasso di interesse è il rischio di fluttuazione dei futuri flussi di uno strumento finanziario a seguito di variazioni nei tassi di interesse. L’esposizione del Gruppo al rischio di mercato per le variazioni del tasso di interesse riguarda tutte le operazioni finanziarie in corso da parte del Gruppo. Con riferimento al finanziamento in Pool con capofila Unicredit la cui quota di capitale residua è pari a 135 milioni di euro, che rappresenta la principale operazione di finanziamento del Gruppo e prevede un tasso pari all’Euribor a 6 mesi più uno spread dell’3,5%, il Gruppo si è tutelato dal rischio di oscillazione del tasso di interesse con strumenti di copertura (Interest Rate Swap) allineati alle scadenze del debito sottostante. Tale finanziamento è stato classificato tra le passività finanziarie a breve termine a causa del mancato rispetto degli originali covenants finanziari. Di seguito si riporta il riepilogo dei tassi applicati ai vari strumenti finanziari del Gruppo: (in migliaia di euro) Correnti Debiti per leasing finanziari e contratti di noleggio Scoperti di conto corrente bancario Altri finanziamenti: Mutuo Unicredit Euro 151 MLN Mutuo BIM Euro 24 MLN Altre passività finanziarie verso correlate -­‐ Gruppo Ciccolella S.r.l. Contratto di factoring per cessione credito IVA Strumenti finanziari di copertura Mutuo Banca Popolare di Bari** Tasso di interesse effettivo Scadenza 30 giugno 2013 31 dicembre 2012 5,50% medio 2013 0 0 EURIBOR 3M + 1,5 EURIBOR 6M + 3,5 EURIBOR 3M + 1,5 a revoca 2017 (*) 2013 16.099 136.809 7.742 15.338 134.045 6.057 EURIBOR 6M + 3,5 2013 0 0 EURIBOR 1M + 1% 2013 170 170 2,195% EURIBOR 6M + 3,75% 2013 3.335 4.831 2013 0 0 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 71 (in migliaia di euro) Mutuo BancApulia*** Tasso di interesse effettivo Scadenza EURIBOR 6M + 2,5% 2013 EURIBOR 3M + 1,5 EURIBOR 6M + 2,5% EURIBOR 6M + 3,5% Non correnti Mutuo BIM Euro 24 MLN Strumenti finanziari di copertura Mutuo BancApulia*** Debiti finanziario verso correlate 30 giugno 2013 31 dicembre 2012 0 0 164.155 160.441 31/03/2016 2014 2021 2018 7.235 0 0 33.350 8.723 0 0 32.776 40.585 41.499 (*) la scadenza indicata è quella contrattuale; il mancato rispetto dei covenants ha causato la riclassifica a breve del
finanziamento
(**) valore Euro 388 migliaia riclassificato ai sensi IFRS 5
(***) valore Euro 318 migliaia parte corrente ed Euro 4172 migliaia parte non corrente riclassificato ai
sensi IFRS 5
41.1.2
RISCHIO VALUTARIO Il rischio valutario è il rischio di fluttuazione dei futuri flussi di uno strumento finanziario a seguito di variazioni nei tassi di cambio. Il Gruppo, in seguito alla cessione della BU Trading (vedi nota 3.3 della Relazione sulla Gestione) non è più esposto al rischio valutario. 41.1.3
RISCHIO PREZZO Il principale rischio prezzo identificato deriva dalla fluttuazione dei prezzi dei fiori e delle piante registrato in tempo reale al mercato delle aste in Olanda, che, data la contrazione di mercato, incide in maniera rilevante sull’andamento del valore della produzione. 41.1.4
RISCHIO DI LIQUIDITÀ L’obiettivo del Gruppo è di conservare un equilibrio fra il mantenimento della provvista e la flessibilità attraverso l’uso di scoperti bancari, finanziamenti e leasing finanziari anche in considerazione della non positiva situazione finanziaria corrente. In una logica di ridurre al minimo il rischio di liquidità, i flussi di cassa vengono monitorati giornalmente al fine di ottimizzare il ricorso alle linee di credito ordinarie massimizzando l’utilizzo delle disponibilità. La tabella seguente mostra le scadenze delle passività finanziarie del Gruppo al 30 giugno 2013 ed al 31 dicembre 2012: 30 giugno 2013 < 1 > 1 < (in migliaia di euro) > 2 < 3 > 3 < 4 > 4 < 5 > 5 Totale anno 2 Scoperti bancari 16.099 0 0 0 0 0 16.099 Mutuo Unicredit 136.809 0 0 0 0 0 136.809 Mutuo Bim 7.742 3.587 3.648 0 0 0 14.977 Debiti commerciali e altre passività correnti 27.984 0 0 0 0 0 27.984 Factoring per cessione credito IVA 170 0 0 0 0 0 170 Altre passività 0 0 0 0 0 0 0 Passività verso parti correlate 0 0 0 0 0 33.350 33.350 Altre passività 0 0 287 0 0 0 287 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 72 30 giugno 2013 (in migliaia di euro) Strumenti finanziari di copertura Leasing finanziari Mutuo Banca Popolare di Bari Mutuo BancApulia TOTALE < 1 > 1 < > 2 < 3 > 3 < 4 > 4 < 5 > 5 Totale anno 2 3.335 0 0 0 0 0 3.335 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 192.139 3.587 3.935 0 0 33.350 233.011 31 dicembre 2012 < 1 > 1 < (in migliaia di euro) > 2 < 3 > 3 < 4 > 4 < 5 > 5 Totale anno 2 Scoperti bancari 15.338 0 0 0 0 0 15.338 Mutuo Unicredit 134.045 0 0 0 0 0 134.045 Mutuo Bim 6.057 2.830 2.907 2.987 0 0 14.781 Debiti commerciali e altre passività correnti 24.687 0 0 0 0 0 24.687 Factoring per cessione credito IVA 170 0 0 0 0 0 170 Passività verso parti correlate 0 0 0 0 0 32.776 32.776 Altre passività finanziarie Strumenti finanziari di copertura TOTALE 0 0 287 0 4.831 0 0 0 185.129 2.830 3.194 2.987 0 0 287 0 0 4.830 0 32.776 226.915 41.2 RISCHIO CREDITO Il principale rischio credito a cui il Gruppo è esposto è correlato all’attività operativa svolta (crediti commerciali). Di seguito si riporta un dettaglio dell’anzianità dei crediti al 30 giugno 2013 ed al 31 dicembre 2012: Attività in funzionamento (in migliaia di euro) a scadere < 30 giorni 30 -­‐ 60 giorni 60 -­‐ 90 giorni 90 -­‐ 120 giorni over 120 giorni Totale crediti commerciali 30 giugno 2013 69.929 69 82 30 66 3.651 73.826 31 dicembre 2012 52.738 2.305 67 19 9 3.728 58.866 In merito ai crediti scaduti non si evidenziano ulteriori rischi se non sull’ammontare già oggetto di svalutazione o di apposito fondo rischi. Inoltre, si evidenzia la rilevante esposizione creditoria nei confronti della Edison che rappresenta, alla data del bilancio, oltre il 90% del totale dei crediti. 41.3 VALORE EQUO (FAIR VALUE) Di seguito è riportato un raffronto del valore contabile e del valore equo, per categoria, degli strumenti finanziari del Gruppo iscritti in bilancio: Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 73 Valore contabile (in migliaia di euro) Valore equo Attività finanziarie Disponibilità liquide Altri crediti finanziari Passività finanziarie Scoperti bancari e finanziamenti a breve Finanziamenti Bancari Debiti per operazioni di leasing finanziario Strumenti finanziari derivati di copertura Finanziamenti a lungo termine Finanziamento da parti correlate Finanziamento Staap voor Staap Finanziamento Flora Holland Factoring per cessione credito IVA e fattura Edison 30 giugno 2013 774 819 (16.099) (144.551) 0 (3.335) (7.235) (33.350) 0 0 (170) 31 dicembre 2012 4.442 1.265 (15.338) (140.103) 0 (4.831) (8.723) (32.776) 0 0 (170) 30 giugno 2013 774 819 (16.099) (145.356) 0 (3.335) (7.235) (33.350) 0 0 (170) 31 dicembre 2012 4.442 1.265 (15.338) (139.148) 0 (4.831) (8.723) (32.776) 0 0 (170) Totale posizione finanziaria netta (203.147) (196.234) (203.952) (195.279) 41.4 COPERTURA DEI FLUSSI FINANZIARI 41.4.1
COPERTURA PER 105,7 MILIONI DI EURO Con tutte le banche partecipanti al pool di finanziamento, così come contrattualmente previsto, è stata sottoscritta un’operazione di copertura di Interest Rate Swap per un importo totale originario di 105,7 milioni di euro, definendo un tasso del 2,195 ad un Euribor 6 mesi. La valorizzazione di tali strumenti al Mark to Market al 30 giugno 2013 ha comportato l’iscrizione nella voce “Altre passività finanziarie” di un fair value negativo di 4.831 migliaia di euro. Essendo tale derivato di copertura, in linea con quanto previsto dallo IAS 39 gli stessi sono stati contabilizzati a patrimonio netto in un’apposita riserva di cash flow hedge. 41.5 FAIR VALUE -­‐ GERARCHIA Il Gruppo utilizza la seguente gerarchia, per determinare e documentare il fair value degli strumenti finanziari basato su tecniche di valutazione: a) Livello 1: prezzi quotati (non rettificati) in un mercato attivo per attività e passività identiche b) Livello 2: altre tecniche per le quali tutti gli input che hanno un effetto significativo sul fair value registrato sono osservabili, sia direttamente che indirettamente; c) Livello 3: tecniche che utilizzano input che hanno un effetto significativo sul fair value registrato, che non si basano su dati di mercato osservabili. Al 30 giugno 2013, il Gruppo detiene i seguenti strumenti finanziari valutati al fair value: Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 74 (in migliaia di euro) Passività valutate al fair value Livello 1 Contratto copertura tassi detenuto da società italiane Totale passività valutate al fair value Livello 2 Livello 3 30 giugno 2013 0 3.335 0 3.335 0 3.335 0 3.335 Si precisa che durante l’esercizio non vi sono stati trasferimenti fra Livelli di valutazione del fair value. Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 75 42 ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO AI SENSI DELL’ART. 81-­‐TER DEL REGOLAMENTO CONSOB N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI I sottoscritti, Corrado Ciccolella in qualità di Presidente del Consiglio di Amministrazione ed Amministratore Delegato, e Gianluca Petrera, in qualità di dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari di Ciccolella S.p.A. attestano tenuto anche conto di quanto previsto dall’art. 154-­‐bis, commi 3 e 4, del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58: •
•
l’adeguatezza in relazione alle caratteristiche dell’impresa e l’effettiva applicazione, delle procedure amministrative e contabili per la formazione del Bilancio consolidato semestrale abbreviato chiuso al 30 giugno 2013. La valutazione dell’adeguatezza delle procedure amministrative e contabili per la formazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2013 è stata effettuata sulla base delle norme e metodologie definite da Ciccolella Spa in coerenza con il modello Internal Control – Integrated Framework emesso dal Commitee of Sponsoring Organizations of the Treadway Commission che rappresenta un corpo di principi generali di riferimento per il sistema di controllo interno generalmente accettato a livello internazionale. Si attesta, inoltre, che il Bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2013: •
•
corrisponde alle risultanze dei libri e delle scritture contabili; è redatto in conformità agli International Financial Reporting Standards adottati dall’Unione Europea nonché alle disposizioni legislative e regolamentari di riferimento vigenti in Italia e, a quanto consta, è idoneo a fornire una rappresentazione veritiera e corretta della situazione patrimoniale, economica e finanziaria dell’emittente e dell’insieme delle imprese incluse nel consolidamento. La relazione sulla gestione comprende un’analisi attendibile dell’andamento e del risultato della gestione, nonché della situazione dell’emittente e dell’insieme delle imprese incluse nel consolidamento, unitamente alla descrizione dei principali rischi e incertezze cui sono esposti. Melfi, 29 agosto 2013 Il Presidente del Consiglio di Amministrazione (Corrado Ciccolella) (Gianluca Petrera) Il Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 76 RELAZIONE DELLA SOCIETA’ DI REVISIONE SULLA REVISIONE CONTABILE LIMITATA DEL BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 77 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 78 Ciccolella Spa | Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 – 79 
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 475 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content