close

Enter

Log in using OpenID

ALESSANDRIA Con il piano anti emergenze una piazzola del 118

embedDownload
12
50 .Casale e Valenza
STAMPA
.LA
MERCOLEDÌ 18 MARZO 2015
il trovalavoro
RIORGANIZZATO IL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE
Con il piano anti emergenze
una piazzola del 118 al Cappa
L’eliambulanza potrà operare anche di notte all’aeroporto casalese
FRANCA NEBBIA
CASALE MONFERRATO
La piazzola d’atterraggio dell’eliambulanza del 118 sarà
uno dei primi interventi che
verranno realizzati all’aeroporto casalese Francesco
Cappa come supporto all’attività della Protezione civile,
di cui è stato approvato il Piano aggiornato.
Nove responsabili
Per il Piano di Protezione civile, più volte sollecitato dall’allora consigliere Massimo
De Bernardi durante la precedente amministrazione,
sono stati intanto individuati
nove responsabili per altrettanti settori. Se si tratterà,
ad esempio, di aprire le scuole di notte, perché serve un
ricovero per la popolazione,
si saprà a chi fare riferimento. Stesso discorso per eventuali attendamenti, per l’approntamento di mense o per
questioni legate alla viabilità,
o ancora per tenere aperto il
municipio di notte.
I numeri
La Protezione civile è composta da circa 300 persone (il
nucleo di Casale, la sezione
Protezione civile degli alpini,
i gruppi sanitari con Misericordie, Cri a altre croci), a cui
Viaggiava con accetta
e falcetto artigianale
1 Sull’auto
aveva due coltelli, di 20 e 23 centimetri di
lunghezza, un falcetto artigianale di 40 centimetri e
un’accetta di 38, senza poter
fornire adeguate motivazioni. I carabinieri di San Salvatore hanno sequestrato il tutto e hanno denunciato G. G.,
38 anni, fermato a Lu Monferrato, per possesso ingiustificato di oggetti atti a offendere e armi da taglio. [R. C.]
Frassineto
Truffato per la caparra
dell’alloggio fantasma
1 Quando
su un sito internet aveva visto l’annuncio per
un alloggio a Cesenatico, sulla riviera Romagnola, con vista mare, aveva subito pensa-
ricordano agli iscritti che in
caso di mancata presentazione al laboratorio informativo
(incontro di gruppo), con appuntamento fissato e comunicato in forma scritta, il Centro
stesso procederà con la cancellazione dalle liste con conseguente interruzione da parte dell’Inps dell’eventuale indennità economica.
PROGETTO FUTURO. Al
L’eliambulanza del 118 di Alessandria durante un atterraggio notturno di prova a Casale
si aggiungono il gruppo sommozzatori, quello degli speleologi e il gruppo cinofili. La Protezione civile «si è dotata di
strumentazioni più aggiornate
- dice Teruggi - come un parco
radio più efficiente, motopom-
pe e un gruppo elettrogeno,
per avere la possibilità di operare anche in caso di blackout». Verrà ripetuta probabilmente a inizio giugno l’esercitazione che l’anno scorso in
settembre aveva coinvolto la
Lomellina, mettendo in comune le competenze del gruppo
casalese e di quello lombardo,
mentre la fase finale del Piano
comporterà il coinvolgimento
della popolazione, che prima
va informata e poi addestrata.
Si partirà dalla confluenza con il Rotaldo
ContoallarovesciaperilavoridimessainsicurezzadelGattola
Interventialviadopolaprimafasediirrigazionedeicampi
1 L’ultimo tassello per poi avviare i lavo-
ri sul torrente Gattola è atteso dal bilancio,
che la giunta di Casale intende proporre al
Consiglio comunale entro fine marzo. Un
«ok» che rientra nel Piano triennale delle
opere pubbliche e che va presentato contemporaneamente al bilancio. Il rio in più
di un’occasione ha causato allagamenti,
soprattutto nelle frazioni casalesi di S.
Germano e Santa Maria del Tempio, e ora
si è giunti al progetto di messa in sicurezza
e pulizia del corso d’acqua. Si partirà da
valle, dove il torrente confluisce nel Rotaldo, nei territori di Ticineto, Frassineto e
Santa Maria del Tempio. Con gli altri due
Comuni Casale ha dovuto sottoscrivere
convenzioni per poter procedere nell’intervento. «Sarà comunque necessario at-
In breve
Lu
CANCELLAZIONE DALLE
LISTE. I Centri per l’impiego
OCCUPATI A RISCHIO. È
stato promosso dalla Provincia il progetto Occupati a rischio finalizzato a migliorare
le possibilità di trovare una
nuova occupazione da parte
di cassintegrati prossimi alla
scadenza di questo ammortizzatore. Info nei Centri per
l’impiego.
Soccorsi tempestivi
La piazzola per decolli e atterraggi sarà utile per interventi sia di giorno sia di notte
per emergenze che «nella nostra zona riguardano soprattutto - dice l’assessore Sandro Teruggi - il soccorso a
grandi ustionati o a feriti in
gravi incidenti stradali, vista
la centralità della città rispetto ai nodi viabili». La
piazzola realizzata di recente
allo stadio Palli è infatti solo
provvisoria, essendo inserita
in un’area densamente residenziale, quindi poco adatta
al arrivo e al decollo di elicotteri. Per di più, al Cappa si realizzerà una nuova pista
asfaltata, indipendente dalla
piazzola, con possibilità di
arrivo e partenza di aerei utili anche per il servizio
d’emergenza.
Ecco le più recenti offerte di
lavoro segnalate dai Centri
per l’impiego della provincia,
ai quali ci si può rivolgere in
orario d’ufficio per avere
maggiori informazioni.
to che poteva essere la soluzione ideale per le vacanze con la
famiglia. Ha preso contatti e si
è sentito richiedere una caparra di 200 euro. Il monferrino,
un quarantenne di Frassineto,
ha accreditato la cifra con bonifico salvo poi scoprire che
l’appartamento non esiste e
che il referente era irreperibile. I carabinieri di Ticineto sono risaliti al truffatore A.A., 53
anni, domiciliato a Reggio
Emilia: denunciato.
[R. SA.]
Casale
Una serata dedicata
ai rifugiati politici
1 Oggi alle 21 al salone del Po
in Lungo Po Gramsci a Casale
serata su «Informati è meglio»
sulla misura di «Protezione internazionale in Italia» con Cristina Molfetta, presidente del
coordinamento «Non solo asilo» per i rifugiati politici. [F. N.]
tendere, per l’avvio dei lavori, che si sia
conclusa la prima fase dell’irrigazione dei
campi - commenta l’assessore casalese all’Urbanistica Sandro Teruggi -, visto che
dal torrente la maggior parte degli agricoltori ricava l’acqua per i propri appezzamenti di terreno». Per di più la zona è densamente coltivata a riso, con un forte fabbisogno d’acqua. Il costo dell’intervento si
aggirerà sui 980 mila euro, ma non sarà
esaustivo dei lavori necessari per mettere
completamente in sicurezza il rio. D’altra
parte, si deve prima intervenire a valle e
poi risalire verso monte. È proprio l’idrografia minore che negli ultimi anni ha causato più problemi di esondazione e seguire l’iter in senso contrario significa aumentare il rischio di allagamenti a valle. [F. N.]
VALENZANO NEI GUAI
GUARDIA DI FINANZA.
Sulla Gazzetta Ufficiale del 6
marzo (IV serie speciale numero 18) è pubblicato il bando
di concorso per 236 allievi
marescialli alla scuola ispettori e sovrintendenti della
Guardia di finanza dell’Aquila.
Info su www. gdf.gov.it sezione
concorsi online. Scadenza 6
aprile.
CATEGORIE PROTETTE.
Categoria Orfani, vedove ed
equiparati (fino al 31 marzo):
1 autista (1505) patente C,
Cqc e carta tachigrafica, per 7
mesi a Casale per guida veicoli per raccolta e movimentazione dei rifiuti.
CHIAMATE PUBBLICHE.
Prenotazioni ai Centri per
l’impiego di Casale e Valenza
entro il 23 marzo per: 2 ope-
rai agricoli specializzati
(2133), per almeno 80 giorni,
dal 1 aprile al 31 luglio, al Cra,
Consiglio per la ricerca e la
sperimentazione in agricoltura, a Casale, esp. documentabili in analoghe strutture sperimentali di ricerca, competenze come potatore e ortofloro-vivaista.
ALESSANDRIA (via Ca-
A casa armi non denunciate
e sull’auto cocaina e coltelli
Aveva piccole quantità di
droga, viaggiava in auto con
armi da taglio e deteneva armi non sue. I carabinieri di
Valenza hanno denunciato
per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, possesso
illegale di armi comuni da
sparo, porto abusivo di armi
da taglio e per avere trasportato delle armi comuni da
sparo senza averne dato avviso alle autorità, un valenzano di 51 anni.
Fermato di notte, all’uomo
è stato scoperto sull’auto un
involucro di plastica con circa 0,5 grammi di cocaina,
mentre nei pantaloni c’era un
altro involucro con 0,1 grammi di cocaina. Nel poggia
Centro per l’impiego di Casale
si raccolgono le domande di
ammissione e inserimento
nella banca dati del Progetto
Futuro, promosso dal Comune di Casale per l’inserimento
lavorativo di residenti. Sono
ammessi lavoratori residenti
a Casale e iscritti al Centro
con la condizione di inoccupati se di età inferiore a 35 anni o
di disoccupati se di età superiore, tutti con Isee riferito al
2013 inferiore a 5000 euro.
braccio del sedile, inoltre, sono
stati rinvenuti due coltelli, uno
a scatto e uno a serramanico.
A casa il resto: altri 0,3 grammi di cocaina, un bilancino di
precisione, alcune buste di plastica tagliate e dello stesso tipo
degli involucri dello stupefacente rinvenuto, un proiettile
da fucile tipo guerra cal. 308
Win e 3 fucili e carabine di vario calibro che risultano denunciati a nome della madre
dell’uomo, che li aveva ereditati dopo la morte del marito.
L’anziana si trova in una casa
di riposo e le armi erano ancora denunciate nel luogo dove la
donna risiedeva, trasportate
senza autorizzazione dall’uomo a casa sua.
[R. C.]
vour 17, telefono 0131 303359 303367). Per candidarsi occorre inviare il curriculum
per e-mail a [email protected] con il codice dell’offerta. Privati: 1 sarta/o (2130),
iniz. per 3 mesi, al mattino,
orario 8-12, per riparazioni,
esp. biennale, ottima conoscenza lingua italiana; 1 magazziniere consegnatario
(2110), settore fiori, inserimento iniziale in tirocinio retribuito di 6 mesi, età massima 29, carico e scarico merce,
gestione fiori e piante, consegne, riordino e pulizia locale,
lavoro pesante; 1 tirocinante segreteria (2105), età
massima 29, per agenzia formativa, conoscenza molto
buona dell’inglese e di una seconda lingua; 1 tirocinante
addetto contabile fornitori (2102), età massima 29,
azienda servizi tappezzeria,
aggiornamento listini, fatturazione, preventivi, buona conoscenza inglese, uso pc.
CASALE (via Magnocavallo
13, telefono 0142 452394, fax
0142 422086). Privati: 1 autista (2132), patente C, utilizzo
autogrù, autoarticolati, piattaforme aeree, età 20-35; 1 operaio addetto al riempimento gas medicale in bombole
(2127), età 30-50, iscrizione da
almeno 6 mesi, uso pc; 1 elettromeccanico-elettrotecnico (2068), età 25-45, esp. manu-
tenzione impianti, previste trasferte massimo di 2 giorni; 1
cucitrice (2067), a Castelletto
Merli, iniz. tempo det., elevata
esperienza nell’uso di macchine
lineari tagliacuci; 1 tornitorefresatore (2052), esp., età
massima 40, pref., sgravi contributivi.
NOVI (via Oneto 29, telefono
0143 2374). Privati; 1 parrucchiera/e qual. (2145), iniz. per
3 mesi, esp. gestione attività,
esp. pluriennale; 1 addetto
manutenzione impianti di
saldatura (2144), a Cassano,
iniz. tempo det., età 20-35, esp.
anche minima, conoscenza di
base lingua inglese, uso pc, trasferte; 1 farmacista collaboratore (2106), a Gavi, iniz. tempo det. o tirocinio, laurea in farmacia Ctf e abilitazione alla
professione, uso pc.
TORTONA (via Marsala 22,
telefono 0131 861402). Privati: 1
tecnico informatico (2140),
per 3 mesi, età 20-40, esp. installazione pc, diploma, pref.
partita Iva; 1 elettricista industriale (2138), per 6 mesi,
età 30-50, addetto manutenzione macchinari elettrici ed elettronici, esp. pluriennale, ottimo
uso pc; 1 operatore commerciale estero (2137), apprendistato, età 18-29, diploma,
ottima conoscenza inglese parlato e scritto, uso pc; 1 tornitore programmatore Cnc
(2136), per 4 mesi, età 18-50, minima esp.; 1 aiuto panettiere
(2108), per 6 mesi, su turni, età
18-29, minima esp.; 1 panettiere (2107), per 6 mesi, su turni, età 25-50, esp. pluriennali; 1
meccanico su macchine/
torni cnc (2041), per 3 mesi,
età 18-29, minima esp., pref. diploma; 1 operatore su torni
Cnc (2038), per 3 mesi, età 2350, esp. pluriennale.
VALENZA (via IX Febbraio
angolo via Carducci, tel. 0131
942104). Privati: 1 orefice
(2071), iniz. 3 mesi, esp. biennale, Rhinoceros, pref. in mobilità;
1
orefice-assemblatore
(2058), uso laser, iniz. tempo
det., pref. conoscenza Cad e
pref. in mobilità; 1 incassatore a microscopio (2057), iniz.
per 3 mesi, età 20-45.
ACQUI (via Crispi 15, telefono 0144 322014).
OVADA (via Pietro Nenni 12,
telefono 0143 80150). Per candidarsi inviare il curriculum a
[email protected] o presentarsi con Cv. Privati: 3 operatori/trici socio
sanitari (2134), per 3 mesi, diploma Oss, esp. anche minima,
possibilità alloggio in zona; 1
addetto/a cucina (2103) con
elevato grado di autonomia,
iniz. tirocinio di 3 mesi, residenza in zona; 1 pizzaiolo (2063),
per 3 mesi, part time, età minima 25, esp. pluriennale, residenza nell’Ovadese; 1 aiuto
cuoco/a (2053), per 6 mesi, in
pizzeria, diploma scuola alberghiera o esp. pluriennale, residenza nell’Ovadese; 1 cameriere/a (2051), per 6 mesi, in
pizzeria, diploma scuola alberghiera o esp. pluriennale, residenza nell’Ovadese, pref. discreta conoscenza inglese.
[email protected]
12
LA STAMPA
MERCOLEDÌ 18 MARZO 2015
Asti e provincia .51
.
CONTENZIOSO TRA PROPRIETA’ E COOP A CUI E’ AFFIDATA LA GESTIONE
INTERVENTI ANCHE PER IL MUSEO LAPIDARIO
“AllaCasadiriposodiAgliano
senzastipendiodaduemesi”
Piccolo teatro Giraudi
ristrutturato ospiterà
l’angolo delle “illusioni”
Oggi alle 10 sit in dei dipendenti davanti alla Fonti San Rocco
ROBERTO GONELLA
AGLIANO
Venerdì saranno due mesi
senza stipendio. È quanto sta
accadendo alla casa di riposo
«Fonti San Rocco» di Agliano. La causa, stando a quanto denuncia il sindacato, è
dovuta ad un contenzioso tra
tra il gruppo Camerlengo di
Torino, proprietario della
struttura che ospita una
quarantina di anziani e la Cooperativa Ancora a cui dallo
scorso giugno è è stato affidato il servizio di assistenza.
Il documento
«Il problema è nato da alcune presunte irregolarità fiscali e contabili che hanno
indotto i vertici del gruppo
Camerlengo a bloccare il pagamento delle fatture che
mensilmente la cooperativa
inviava per esigere il pagamento del lavoro svolto»
spiegano Daniele Barcaro
(Fp Cgil) e Salvatore La Mattina (Uil Fpl). «Ci risulta
dunque - aggiungono i due
sindacalisti - che il mancato
pagamento delle retribuzioni nasca dalla scelta del
gruppo di sospendere il pagamento delle fatture a causa della verifica del Durc». In
sostanza, il Documento della
regolarità contributiva segnalava un’inadempienza
nel luglio 2014. «In effetti la
Una veduta di Agliano dove ha sede la casa di riposo
cooperativa - spiegano - ha
provveduto successivamente
al versamento previdenziale
ma a seguito di un ritardo nel
pagamento da parte della
proprietà». Oltra a quella di
Agliano sono interessate altre strutture in Piemonte,
tanto che Cgil-Cisl-Uil hanno
proclamato lo stato di agitazione e chiesto rassicurazioni
agli amministratori del gruppo sul futuro dei lavoratori
(una trentina di addetti ad
Agliano) ed hanno aderito allo
stato di agitazione regionale.
Questa mattina, alle 10, i sindacati hanno indetto un sit in
davanti alla struttura di regione San Rocco.
Sindacato
RaccoltadifirmeCgilperunaleggesullavoroinappalto
1 Giornata di mobilitazione domani in-
detta in tutta Italia dalla Cgil. Anche ad
Asti sui luoghi di lavoro e davanti alla sede
di piazza Marconi saranno raccolte firme a
sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare «Gli appalti sono il nostro lavoro. I diritti non sono in appalto». L’iniziativa è stata presentata ieri mattina dal segretario della Camera del lavoro Giovanni
Prezioso e da altri componenti la segreteria confederale. «E’ una questione centra-
le in questo Paese perchè legata ad economia ed etica - spiega il sindacalista - Il
giro di risorse legato a lavori concessi in
appalto rappresenta il 15% del Pil. Ma
una parte importante costo dell’appalto
finisce nel “malaffare”, una quota sottratta alle risorse pubbliche e ai lavoratori di quei settori che potrebbero invece
beneficiare di più salario e maggiori diritti». Domani sarà possibile firmare dalle 9
alle 12 e dalle 15 alle 17.
VALENTINA FASSIO
ASTI
Dal 1999, dopo gli interventi
di restauro iniziati due anni
prima, l’ex chiesa di San Giuseppe è diventata sede di mostre e di eventi culturali, fino
a diventare «Piccolo Teatro
Giraudi».
Oggi il teatro è chiuso: sono iniziati i lavori di ristrutturazione avviati nel contesto del Pisu, insieme agli interventi di rifacimento dell’illuminazione al Museo Lapidario.
Ex chiesa di San Giuseppe. Per valorizzare il complesso e adeguare gli impianti, le opere strutturali prevedono risanamento di parte
degli intonaci della chiesa e
di quelli esterni dell’ex canonica; revisione della copertura della navata principale
(c’è una perdita); realizzazione di servizi igienici, camerini e spogliatoi; risanamento
degli intonaci dell’ex sacrestia che diventerà il nuovo ingresso del teatro (con collegamento sul parcheggio di
piazza San Giuseppe).
Costo complessivo 150 mila euro, fine lavori prevista
per luglio. L’architetto Cristina Cirio è responsabile del
procedimento per conto del
Comune. Nei prossimi giorni
partiranno anche progettazione e procedura per mettere a gara un ulteriore intervento: appena approvato
dalla Regione (finanziato con
ribassi d’asta dei fondi Pisu)
prevede ristrutturazione e
sistemazione degli arredi (le
tribune ad esempio) per rendere più visibile e scenografico
l’interno della chiesa come richiesto dalla Soprintendenza.
Angolo della scenotecnica
Nel cantiere del Piccolo teatro
Giraudi c’è anche la realizzazione del museo della scenotecnica, uno spazio interattivo
che si chiamerà «La macchina
delle illusioni». Non un museo ,
ma uno spazio interattivo con
installazioni multimediali, per
spiegare il funzionamento della macchina teatrale: dall’illuminazione alla messa in scena.
Il museo con biblioteca (il materiale per l’allestimento è già
in possesso del teatro Alfieri),
nascerà sul lato Nord dell’edificio. Costo circa 50 mila euro.
Museo Lapidario
Sempre nell’ambito dei cantieri Pisu, sono terminati i lavori di rifacimento dell’impianto di illuminazione delle
opere e del museo. Le luci sono state sostituite con Led
che durano di più e consumano meno, posizionati in modo
da valorizzare i reperti archeologici. Il Museo infatti,
custodisce reperti lapidei
provenienti dallo smaltimento di edifici pubblici, religiosi
e privati della città medievale
e un sito archeologico dove ripercorrere i 2000 anni di storia di Asti, dal foro romani ai
resti delle chiese romaniche.
Tra gli interventi anche la
sistemazione dell’impianto di
rilevazione incendi e le luci di
emergenza. Costo circa 50
mila euro.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
2 084 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content