close

Enter

Log in using OpenID

bollettino_aprile-2015 - San Pasquale Baylon Portici

embedDownload
Foglio informativo della Parrocchia S. Pasquale Baylon, Piazza Granatello 12, 80055 Portici (Na)
Ciclostilato in proprio - distribuzione gratuita - APRILE 2015
Caro amico, cara amica,
vivere e celebrare la Pasqua significa fare
l’esperienza di Tommaso perché anche noi
abbiamo bisogno di stendere la nostra mano e
toccare Gesù per poter dire di credere veramente. Ma dove possiamo toccare le ferite di
Gesù e fare questo passaggio dall’incredulità
alla fede matura? Le ferite di Cristo sono le
ferite del nostro cuore, dei poveri, della Chiesa. Sono quelle cicatrici di chi è passato attraverso il dolore, la calunnia, l’ingiustizia e
continua, come Gesù, a dire a tutti: “Pace a
voi!” Sono le ferite di chi fa il bene e riceve il
male, le ferite di chi fatica per la comunione
e l’unità e deve fare i conti con chi semina
zizzania e divisione.
Amico mio, amica mia, rinnova il tuo cuore e
accogli la pace di Cristo. Risorgi con Lui per-
Buona Pasqua
dai frati minori
di S. Pasquale
ché se non accogli Lui e la Sua pace resterai nel
regno della morte, della lamentela, della delusione, proprio come Tommaso. La fede di Tommaso
non nasce quando vede Gesù ma quando sta con
gli altri discepoli. Se, come Tommaso, ti metti da
parte e non vivi la vita comunitaria, se ti metti
in un angolo solo a guardare e giudicare gli altri
non vedrai mai Gesù, non crederai mai a chi ti
dice: “Abbiamo visto il Signore, Lui è vivo in
mezzo a noi!” Se invece vivrai la comunione e
starai con gli altri, magari non condividendone
sempre lo stile e le scelte, allora anche i tuoi
occhi si apriranno, riconoscerai il Signore e potrai dire di vivere la Pasqua con i fratelli esclamando, come Tommaso: “Mio Signore e mio Dio!”.
\Ä ÑtÜÜÉvÉ
A volte, toccati dalla sofferenza o da prove che ci appaiono incomprensibili e superiori alle nostre forze, ci
interroghiamo sulla fede. Per quanto mi riguarda, nel tempo del disorientamento, una luce è arrivata e mi ha
confermato nella fede. Questa luce è stata l’incontro con il Signore nella preghiera e l’incontro in parrocchia con
la fraternità francescana (OFS). La regola della fraternità (scritta da S. Francesco) è quella di vivere osservando
il Vangelo di nostro Signore Gesù Cristo secondo l’esempio e gli insegnamenti di S. Francesco di Assisi, passando dal Vangelo alla vita e dalla vita al Vangelo. Gesù, dono d’ amore del Padre, è la via che ci conduce a Lui
e lo Spirito Santo ci assiste per portarci verso la verità e quindi al compimento della Sua opera. Ogni francescano deve essere testimone di Cristo con la sua vita e con le parole ed essere missionario tra gli uomini.
Dopo un periodo di formazione e di esperienza, la preghiera e la testimonianza della mia vita hanno confermato che il Signore, mi chiamava a vivere il Vangelo. Così, martedì 10 marzo, nella Parrocchia di S. Pasquale
Baylon, durante la celebrazione Eucaristica presieduta dal Ministro Provinciale fra Agostino Esposito, alla presenza del Parroco fra Giuseppe Sorrentino, di Padre Luigi Ortaglio assistente spirituale dell’ OFS, del ministro
Giuseppe Airoma e di tutta la fraternità, ho emesso con piena persuasione la Professione di vita evangelica.
Tre fratelli invece hanno chiesto, con il Rito dell’ Ammissione, di entrare nella Fraternità: Maria Carrozza,
Luca Ferrante e Maria Rosaria Carrozza. Possa il Signore benedire e custodire il nostro cammino.
(Nunzia Musella)
A Scampia: La vita a Napoli non è mai stata facile, però non è mai stata triste! È questa la
vostra grande risorsa: la gioia, l’allegria. Il cammino quotidiano in questa città, con le sue difficoltà e i suoi disagi e talvolta le sue dure prove, produce una cultura di vita che aiuta sempre
a rialzarsi dopo ogni caduta, e a fare in modo che il male non abbia mai l’ultima parola. Questa è una sfida bella: non lasciare mai che il male abbia l’ultima parola. Lo sappiamo, chi prende volontariamente la via del male ruba un pezzo di speranza, guadagna qualcosina ma ruba
speranza a sé stesso, agli altri, alla società. La via del male è una via che ruba sempre speranza, la ruba anche alla gente onesta e laboriosa, e anche alla buona fama della città, alla sua economia.
In Piazza del Plebiscito: sono venuto a
Napoli per proclamare insieme a
voi: Gesù è il Signore!
Ogni parrocchia e ogni realtà ecclesiale diventi santuario
per chi cerca Dio e casa accogliente per i poveri, gli anziani e quanti si trovano nel bisogno. Andare e accogliere: così pulsa il cuore della madre Chiesa, e di tutti i suoi
figli. Vai, accogli! Vai, cerca! Vai, porta amore, misericordia, tenerezza.
Quando i cuori si aprono al Vangelo, il mondo comincia
a cambiare e l’umanità risorge! Se accogliamo e viviamo
ogni giorno la Parola di Gesù, risorgiamo con Lui.
Non cedete alle lusinghe di facili guadagni o di redditi
disonesti: questo è pane per oggi e fame per domani. Non ti può portare niente! Reagite con fermezza alle organizzazioni che sfruttano e corrompono i giovani, i poveri e i deboli, con il cinico commercio della droga e
altri crimini. Non lasciatevi rubare la speranza! Ai criminali e a tutti i loro complici oggi io umilmente, come
fratello, ripeto: convertitevi all’amore e alla giustizia! Lasciatevi trovare dalla misericordia di Dio! Siate consapevoli che Gesù vi sta cercando per abbracciarvi, per baciarvi, per amarvi di più. Con la grazia di Dio, che
perdona tutto e perdona sempre, è possibile ritornare a una vita onesta. Ve lo chiedono anche le lacrime delle
madri di Napoli, mescolate con quelle di Maria, la Madre celeste invocata a Piedigrotta e in tante chiese di Napoli. Queste lacrime sciolgano la durezza dei cuori e riconducano tutti sulla via del bene.
E il futuro di Napoli non è ripiegarsi rassegnata su sé stessa: questo non è il vostro futuro! Ma il futuro di Napoli è aprirsi con fiducia al mondo, dare largo alla speranza. Sperare è già resistere al male. Sperare è guardare
il mondo con lo sguardo e con il cuore di Dio. Sperare è scommettere sulla misericordia di Dio che è Padre e
perdona sempre e perdona tutto.
A Poggioreale: Nella vita non bisogna mai spavernarsi
delle cadute, l'importante è sapersi sempre rialzare. Dio
dimentica e cancella sempre i nostri peccati»
A volte capita di sentirsi delusi, sfiduciati, abbandonati da
tutti: ma Dio non si dimentica dei suoi figli, non li abbandona mai! Anche se nella vita abbiamo sbagliato, il Signore non si stanca di indicarci la via del ritorno e
dell’incontro con Lui.
In cattedrale: , il segno che non c’è fraternità, sia nel
presbiterio sia nelle comunità religiose è quando ci sono
le chiacchiere. E mi permetto di dire questa espressione: il
terrorismo delle chiacchiere, perché quello che chiacchiera è un terrorista che butta una bomba, distrugge stando fuori. Se almeno facesse il kamikaze! Invece distrugge
gli altri. Le chiacchiere distruggono e sono il segno che non c’è fraternità. Quando uno incontra un presbiterio
che ha le sue differenti vedute, perché deve avere differenze, è normale, è cristiano, ma queste differenze si
devono manifestare avendo il coraggio di dirle in faccia.
1
2
3
4
5
6
12
13
14
16
17
18
19
M ore 18:30 S. Messa crismale in Duomo con il Cardinale Arcivescovo
Giovedì Santo ore 19 Messa nella Cena del Signore e lavanda dei piedi
G ore 22:30 Adorazione comunitaria
Venerdì Santo ore 8:00 Lodi Mattutine
ore 16:00 Ufficio della Passione di S. Francesco
V ore 19:00 Azione liturgica della Passione del Signore e Adorazione della Croce
S Sabato Santo ore 8:00 Lodi Mattutine - ore 23:00 Veglia Pasquale e Battesimi
D Pasqua di Risurrezione SS. Messe ore 7:30; 10:00; 12:00; 19:00
L Lunedì dell’Angelo S. Messa ore 8:00
D II Dom. di Pasqua e della Divina Misericordia SS. Messe ore 7:30; 10:00; 12:00; 19:00
Ore 17:30 Incontro con volontari del Centro Missioni
L Ore 19:30 Consiglio Pastorale Parrocchiale
M Ore 19:30 Catechesi P. Antonio sul Sacramento dell’Ordine Sacro
G Ore 19:30 Adorazione Eucaristica
Ricordo mensile di S. Pasquale - SS. Messe ore 8; 9; 10 e 19
V Una notte d’amore e di perdono: Adorazione e confessioni dalle 21 a mezzanotte
S Ore 19:30 Via Lucis cittadina - Porto del Granatello
23
D III Dom. di Pasqua SS. Messe ore 7:30; 10:00; 12:00; 19:00
9° Anniversario Ordinazione Sacerdotale di P. Giuseppe
Ore 19:00 S. Messa solenne con P. Giovanni Paolo Bianco.
G Al termine della S. Messa esposizione Eucaristica e preghiera di adorazione per le vocazioni
26
D IV Dom. di Pasqua SS. Messe ore 7:30; 10:00; 12:00; 19:00
30
G Ore 19:30 Adorazione Eucaristica
Al Gesù Nuovo: A voi ammalati vi dico che se non potete
capire il Signore, chiedo al Signore che vi faccia capire nel
cuore che siete la carne di Cristo, che siete Cristo Crocifisso fra noi, che siete i fratelli molto vicini a Cristo. Una cosa è guardare un Crocifisso e un’altra cosa è guardare un
uomo, una donna, un bambino ammalati, cioè crocifissi lì
nella loro malattia: sono la carne viva di Cristo.
Sul lungomare: Dio, il nostro Dio, è un Dio delle parole, è
un Dio dei gesti, è un Dio dei silenzi. Il Dio delle parole, lo
sappiamo perché nella Bibbia ci sono le parole di Dio: Dio
ci parla, ci cerca. Il Dio dei gesti è il Dio che va. E poi il
Dio del silenzio. il più grande silenzio di Dio è stato la
Croce: Gesù ha sentito il silenzio del Padre, fino a definirlo
“abbandono Il nostro Dio è anche il Dio dei silenzi e ci sono silenzi di Dio che non si possono spiegare se tu
non guardi il Crocifisso.
Ai giovani ripeto: non perdete la speranza di andare avanti sempre. Agli anziani: portate avanti la saggezza
della vita; gli anziani sono come il buon vino quando invecchia. E il buon vino ha qualcosa di buono che serve sia ai giovani che agli anziani. Giovani e anziani insieme: i giovani hanno la forza, gli anziani la memoria
e la saggezza. Un popolo che non cura i giovani, che li lascia senza lavoro, disoccupati e che non cura gli anziani, non ha futuro. Se noi vogliamo che il nostro popolo abbia futuro, dobbiamo avere cura dei giovani cercando per loro lavoro, cercando per loro strade di uscita da questa crisi, dando loro valori dell’educazione; e
dobbiamo avere cura degli anziani che sono quelli che portano la saggezza della vita.
19 aprile-24 giugno,
Cattedrale di Torino:
ostensione della Sindone
La Sindone è un lenzuolo di lino tessuto a
spina di pesce delle dimensioni di circa m.
4,41 x 1,13, contenente la doppia immagine
accostata per il capo del cadavere di un uomo
morto in seguito ad una serie di torture culminate con la crocefissione. L'immagine è contornata da due linee
nere strinate e da una serie di lacune: sono i danni dovuti all'incendio avvenuto a Chambéry nel 1532. Secondo la tradizione si tratta
del Lenzuolo citato nei Vangeli che servì per avvolgere il corpo di
Gesù nel sepolcro. Questa tradizione, anche se ha trovato numerosi
riscontri dalle indagini scientifiche sul Lenzuolo, non può ancora dirsi definitivamente provata. Certamente invece la Sindone, per le
caratteristiche della sua impronta, rappresenta un rimando diretto e
immediato che aiuta a comprendere e meditare la drammatica realtà
della Passione di Gesù. Per questo Papa san Giovanni Paolo II l'ha
definita "specchio del Vangelo".
Dai la tua adesione in sacrestia
per il progetto “mensa dei poveri” a S. Pasquale
ogni sabato, domenica e lunedì
dalle 10:30 alle 13:30
CONFERMARE ISCRIZIONE CON ACCONTO
ENTRO LA META’ DEL MESE
SABATO 18 APRILE ORE 19:30
con tutte le Parrocchie di Portici
La fede di ogni credente e di ogni comunità
cristiana è sovente paragonata alla “strada”,
che suppone una crescita graduale e un graduale avvicinamento sempre più cosciente e
responsabile alla vita della Chiesa. La Via
Lucis si inserisce nel momento in cui, dalla
tragica conclusione del sepolcro, erompe
una esplosione di letizia proveniente
dall’annuncio della Risurrezione. Annuncio
che si espande gradatamente dalle guardie
tramortite per lo spavento, dalle donne e dai
discepoli colti di sorpresa e invasi da incontenibile gioia. La Via Lucis parte dal sepolcro
vuoto e trova il suo culmine nel Cenacolo
con l’effusione dello Spirito Santo.
Mercoledì 11 marzo 2015, Padre Giuseppe ha incontrato i genitori dei bambini del catechismo e degli Araldini per un
momento di formazione e riflessione sulle ultime catechesi che Papa Francesco tiene durante le udienze del mercoledì.
Abbiamo letto alcuni passaggi dei discorsi del Papa sulla figura della madre, del padre e del figlio, il ruolo che hanno
nella famiglia della società di oggi e il ruolo che dovrebbero assumere con gli occhi della fede e della gratuità dell'amore. La madre, che dona la vita e insegna la pratica religiosa, è al centro della famiglia come la Madonna, madre di Gesù,
è al centro della Chiesa che siamo noi. Mai smettere di ringraziare la mamma per tutto quello che è, e darle più ascolto
perchè pronta a fare infiniti sacrifici per i propri figli proprio come Maria e come la Chiesa che diventa nostra madre e
ci dona la vita. Il padre, a volte troppo assente, un pò latitante, dovrebbe essere più guida autorevole per i propri figli e
più vicino alla famiglia condividendo con la moglie gioie e dolori, fatiche e speranze e accompagnare i propri figli nelle
esperienze della vita, insegnando il perdono, correggendo ma con fiducia nel futuro, proprio come fa Dio, Padre di tutti
noi. I figli, un dono. Unico e irripetibile, con il suo carattere e la sua originalità. Una vita generata da noi ma destinata
al bene della famiglia, della società. L'essere figli permette di scoprire l'aspetto gratuito dell'amore. Così è l'amore di
Dio verso di noi tutti suoi figli, gratuito e autentico. È stato bello condividere insieme il nostro pensiero e confrontarci
sulle parole del Papa e con gioia abbiamo accolto l’invito del Parroco a riflettere e a condividere in famiglia queste belle
parole di Papa Francesco. Come una grande famiglia, infine, abbiamo infine recitato la preghiera per la famiglia affinchè Gesù, Maria e Giuseppe custodiscano le nostre famiglie e le rendano sempre più belle nel progetto di Dio.
(Lucia Rezzuti)
Parrocchia S. Pasquale Baylon dei Frati Minori
Piazza S. Pasquale, 12 - 80055 Portici (Na) tel. 081 7768380
[email protected] facebook: San Pasquale Al Granatello
Gli orari della giornata feriale:
feriale
Ore 8:00 Lodi Mattutine
ore 18:30 S. Rosario; ore 19:00 S. Messa:
ore 19:30 Vespro
Gli orari della giornata festiva
SS. Messe ore 7:30; 10:00; 12:00; 19:00
La devozione a S. Pasquale il 17 feriale di ogni mese
Ore 8:00; 9:00; 10:00; 19:00 SS. Messe - Distribuzione pane di S. Pasquale alla fine di ogni Messa
Ore 21:00-24:00: Adorazione Eucaristica e Confessioni
Adorazione Eucaristica Ogni giovedì dalle ore 19:30 alle 20:30
Per ricevere “Baylon” in formato digitale clicca su
www.sanpasqualeportici.it
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
480 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content