close

Enter

Log in using OpenID

atto di citazione promosso dai sigg. de salve roberto e leopizzi lucia

embedDownload
CITTA’ DI PARABITA
C.A.P. 73052 – PROVINCIA DI LECCE
ORIGINALE
DETERMINAZIONE
SETTORE: SETTORE CONTENZIOSO,CULTURA,PUBBLICA ISTRUZIONE,SPORT E
RISORSE UMANE
REG. GEN.LE N. 27600DEL 26/03/2014
REG. SERVIZIO N. 450DEL 20/03/2014
OGGETTO: ATTO DI CITAZIONE PROMOSSO DAI SIGG. DE SALVE ROBERTO E
LEOPIZZI LUCIA. IMPEGNO DI SPESA PER PROCEDURA DI MEDIAZIONE.
SETTORE FINANZIARIO
Si attesta la regolarità contabile e la copertura della spesa
prevista sul presente atto
Data
Assunto impegno di spesa N° IMP.304/SUB.1/2014
Effettuata prenotazione impegno N°_______
Emesso mandato N°______ in data _______
Data 26/03/2014
IL RESPONSABILE DEL SETTORE
IL RESPONSABILE DEL SETTORE
f.to DOTT.SSA CONSUELO TARTARO
RELATA DI PUBBLICAZIONE
Si certifica che copia della presente determinazione sarà pubblicata all’Albo Pretorio online del
Comune, dalla data odierna e per i giorni 15 consecutivi
Parabita, 26/03/2014
IL MESSO
Raffaele Dimo
OGGETTO: ATTO DI CITAZIONE PROMOSSO DAI SIGG. DE SALVE ROBERTO E
LEOPIZZI LUCIA. IMPEGNO DI SPESA PER PROCEDURA DI MEDIAZIONE.
IL RESPONSABILE del SETTORE
CONTENZIOSO - CULTURA - PUBBLICA ISTRUZIONE - SPORT
E RISORSE UMANE
PREMESSO
- che, con nota datata 07.11.2012 acquisita al protocollo del Comune n. 19802 del 13.11.2012,
il Sig. De Salve Roberto per il tramite del suo Legale Avv. Giovanni Erroi ha chiesto il
risarcimento dei danni, subiti dalla propria autovettura Volkswagen targata CW 446 DJ in
data 01.11.2012 quando, mentre percorreva la via Prov. Matino incappava in un chiusino di
tombino sito sul manto stradale della medesima strada non visibile per la presenza di acqua;
- che, con nota prot. n. 19847 del 14.11.2012, veniva chiesto al Comando di P. M. e al
Responsabile dell’Ufficio Tecnico Comunale di relazionare in merito al sinistro di cui sopra,
fornendo tutte le informazioni utili al fine di dimostrare la totale responsabilità del Comune
o, in caso contrario l’eventuale esclusiva responsabilità del danneggiato;
- che, con note prot. n. 20141 del 19.11.2012 e n. 21757 del 14.12.2012, il Comandante della
P.M. aveva comunicato, tra l’altro, che effettivamente, nella notte tra il 31.10.2012 e il
01.11.2012, il territorio comunale è stato interessato da intense precipitazioni a carattere
temporalesco provocando lo spostamento di numerosi tombini, precisando che trattasi di
tombino a servizio dell’impianto di fognatura gestito dall’Acquedotto Pugliese S.p.a.;
- che, con nota prot. n. 2836 del 12.02.2013, il Responsabile dell’Ufficio Tecnico aveva
comunicato, tra l’altro, che nelle giornate di pioggia persistente la zona in argomento viene
invasa dall’acqua a causa delle inadeguate condotte interrate, le quali, non sopportando la
pressione interna esercitata dall’acqua raccolta a livelli più alti, fanno saltare i tombini;
- che, con nota Prot. n. 570 del 09.01.2013, la richiesta di risarcimento danni veniva inoltrata
all’A.Q.P. per i provvedimenti di competenza;
- che l’Ente A.Q.P non ha mai dato riscontro a tale richiesta, né ha provveduto a risarcire il
danneggiato in argomento;
PRESO ATTO:
- che in data 10.10.2013 è stato acquisito al Protocollo del Comune l’Atto di Citazione, con il
quale il Sig. De Salve Roberto e la Sig.ra Leopizzi Lucia per il tramite del proprio legale,
Avv. Giovanni Erroi hanno citato il Comune di Parabita, in persona del Sindaco quale legale
rappresentante p.t. a comparire innanzi al Giudice di Pace di Gallipoli, all’udienza del
01.12.2013, con invito di costituirsi in giudizio nelle forme e nei tempi di legge, per sentire,
tra l’altro, accogliere le seguenti conclusioni:
a) dichiarare la responsabilità del Comune di Parabita nel sinistro di cui è causa ex art.
2051 c.c. o, ove occorra, ex art. 2043 c.c.;
b) condannare il Comune al pagamento in favore degli attori, a titolo di risarcimento
danni, della somma di € 3.121,20 o a quella maggiore o minore che sarà determinata
anche tramite CTU, o che sarà ritenuta, maggiorata di interessi legali di mora e
rivalutazione monetaria die calamitatis sino al soddisfo, sempre e comunque nei limiti
di competenza del Giudice adito;
c) condannare al pagamento di spese e competenze del presente giudizio, da distrarsi in
favore del legale procuratore anticipatario;
- che, con deliberazione n. 252 del 18.11.2013 la Giunta Comunale ha, tra l’altro, determinato
di costituirsi in giudizio avverso il predetto Atto di Citazione, conferendo in tal senso
incarico all’Avv. Margherita Caggiula con studio legale in Parabita alla Via S. Pasquale,
dando mandato al medesimo di chiamare in causa l’A.Q.P.;
- che, con lo stesso atto, è stato stabilito di corrispondere al sopramenzionato professionista
incaricato, la somma di € 800,00 oltre IVA e CAP e quindi per complessivi € 1.015,04 omnia,
demandando al Responsabile del settore competente gli adempimenti conseguenti e necessari;
- che, sempre con il medesimo atto, è stato determinato di approvare lo schema di disciplinare
di incarico, parte integrante e sostanziale dello stesso;
- che in data 27.11.2013 l’Avv. Caggiula ha sottoscritto il predetto disciplinare di incarico;
- che, con Determinazione della scrivente n. 165 del 02.12.2013 - Reg. n. 879 del 04.12.2013,
è stato determinato di impegnare la suddetta somma di € 1.015,04, con imputazione
sull’intervento 1.01.02.03 (ex Cap 103) “Spese per liti” del bilancio 2013;
DATO ATTO:
- che, con nota datata 03.12.2013 acquisita al Prot. n. 19950, del 10.12.2013, l’Avv. Caggiula
ha comunicato che ha provveduto a redigere la comparsa di costituzione e risposta in
relazione alla citazione di cui sopra, precisando che a seguito a due accessi nella cancelleria
del Giudice di Pace di Gallipoli è emerso che la causa non è stata iscritta a ruolo e pertanto il
relativo giudizio non sarà celebrato;
- che, con la stessa Nota, il predetto professionista ha chiesto la liquidazione delle
competenze sin ora maturate;
- che, con Determinazione n. 8 del 13.01.2014 - Reg. n. 47 del 22.01.2014 è stato determinato
di liquidare la somma di € 834,00 omnia in favore del succitato Avv. Caggiula;
CONSIDERATO;
- che, nel frattempo, è stata acquisita la nota Prot. n. 3782 del 17.02.2014 con la quale il
Gruppo101 S.r.l. - Organismo Nazionale di Mediazione n. 294, su istanza di mediazione
proposta dal Sig. De Salve Roberto e dalla Sig.ra Leopizzi Lucia, assistiti dall’Avv.
Giovanni Erroi, nei confronti di questo Comune, ha fissato un primo incontro informativo di
mediazione, in ordine alla richiesta di risarcimento danni avanzata dagli istanti;
- che, con Deliberazione n. 56 del 07.03.2014, la Giunta Comunale ha, tra l’altro:
a) preso atto della suindicata nota Prot. n. 3782 del 17/02/2014;
b) stabilito di estendere l’incarico all’Avv. Margherita Caggiula, già legale del Comune
nella controversia in argomento, incaricandola di curare, per conto e nell’interesse di
questo Ente, la procedura di mediazione civile di che trattasi, dando atto che la succitata
delibera integrava quanto stabilito con atto n. 252 del 18.11.2013;
c) autorizzato il Sindaco a conferire al nominato professionista la necessaria specifica
procura ad litem nelle forme e con i poteri più ampi per la tutela delle ragioni e
dell’interesse dell’Ente;
d) integrato e riapprovato il disciplinare d’incarico, già approvato con la sopra richiamata
deliberazione d’incarico n. 252 del 18.11.2013, il quale risultava riformulato in un nuovo
Schema di disciplinare allegato alla stessa Deliberazione n. 56/2014 quale parte
integrante e sostanziale del suddetto Atto;
e) stanziato, a titolo di spese per la predetta procedura, la somma di € 150,00 ;
f) che in data 10.03.2014 l’Avv. Caggiula ha sottoscritto il predetto nuovo disciplinare di
incarico;
RITENUTO dover dare esecuzione alla sopradetta Deliberazione G. C. n. 56 del 07.03.2014
in applicazione delle disposizioni di cui agli artt. 107 e 109 del D.Lgs. n. 267/2000,
provvedendo all’assunzione dell’impegno di spesa di € 150,00 per spese connesse alla
procedura di mediazione di cui in argomento;
DATO ATTO che il presente provvedimento si caratterizza, per tipologia, come atto
amministrativo di tipo gestionale, denominato “Determinazione” secondo la definizione di cui
all’art. 183, comma 9 del D.Lgs. n. 267/2000, e rientra, quindi, nella sfera di competenza
dirigenziale, ai sensi dell’art. 107 del “Testo Unico O. EE. LL.”, approvato con Decreto
Legislativo 18 agosto 2000 n. 267;
TENUTO PRESENTE:
- che gli artt. 107 e 109 del sopra detto “T. U. O. EE. LL.”, approvato con D.Lgs. n. 267/2000,
attribuiscono ai dirigenti o, in mancanza, ai responsabili degli uffici o dei servizi, gli atti di
amministrazione e gestione del personale, nonché atti di gestione finanziaria;
- che, con apposito Decreto Sindacale n. 2 del 03.01.2014, è stato nominato il Responsabile del
Settore “Contenzioso, Cultura, Pubblica Istruzione, Sport e Risorse Umane”, comprendente, tra
gli altri, anche il Servizio “Contenzioso”, al quale sono state attribuite le funzioni previste
all’art. 107 del D.Lgs. n. 267/2000 e da tutte le disposizioni normative in materia;
- che, quindi, compete al predetto Responsabile dì Settore, cui è demandata la gestione della
materia in argomento, provvedere alla liquidazione di quanto sopra precisato;
VISTO il “T. U. O. EE. LL.”, approvato con D.Lgs 18.08.2000, n. 267 ss.mm.ii.
DETERMINA
Per i motivi di cui in premessa, che qui si intendono richiamati e riportati,
DI IMPEGNARE, per la causale in narrativa ed in esecuzione della Deliberazione G. C. n.
56 del 07.03.2014, la somma di € 150,00 omnia (Euro centocinquanta/00), da intendersi per
spese connesse alla procedura di mediazione di cui in argomento, eventualmente dovuti all’Avv.
Margherita Caggiula, già incaricato di costituirsi in giudizio avverso il sopra richiamato Atto di
Citazione, datato 03.10.2013, promosso dai Sigg.ri De Salve Roberto e Leopizzi Lucia;
DI IMPUTARE la somma di € 150,00 omnia sull'Intervento 1.01.02.03 (ex Cap. 103)
“Spese per liti” del Bilancio del corrente esercizio finanziario;
Il presente atto viene trasmesso al Responsabile del Servizio Finanziario dell’Ente affinché,
ai sensi del co. 4 dell’art. 151 del D.Lgs.267/2000, vi apponga il visto di regolarità contabile,
attestante la copertura finanziaria.
IL RESPONSABILE DEL SETTORE
Sig.ra Tiziana PINO
PARERE DI REGOLARITÀ TECNICA
Ai sensi dell'art. 147 bis del D. Lgs. N. 267/2000, si attesta la regolarità e la correttezza
dell'azione amministrativa nell'adozione del presente atto.
IL RESPONSABILE DEL SETTORE
Sig.ra Tiziana PINO
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
793 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content