close

Enter

Log in using OpenID

Daunia Agrinotizie PDF

embedDownload
Giornale fondato nel 1969 - N. 4-2014 - mensile gratuito ai soci
Giuliano fa il bis per acclamazione
Il presidente confermato per il secondo mandato
La semina
non è ancora
conclusa
Onofrio Giuliano
S
eminiamo il futuro: con
questo felice slogan coniato dalla nostra organizzazione
qualche tempo fa, vorrei che
cominciasse anche il secondo
mandato della mia presidenza.
Ringrazio ovviamente tutti i
grandi elettori per avermi voluto
accordare la loro fiducia per un
altro triennio, ma soprattutto
vorrei ringraziare tutti i 5mila associati alla nostra grande
organizzazione che conferma
con i numeri il suo peso e la
sua forza a livello provinciale,
regionale e nazionale. Confagricoltura e il valore aggiunto di
Agrinsieme – l’alleanza che ci
vede da un anno uniti a Cia ed
alle cooperative agricole – hanno
capito da un pezzo che l’unione
fa la forza.
Vorrei riassumere un po’ i dati
salienti che ho elencato durante
la relazione congressuale. In
questi primi tre anni abbiamo
cercato di seguire un percorso
lineare che ci ha permesso di
costruire nuovi ponti verso il
futuro. E laddove non siamo
riusciti in questo intento, ritengo
che non possiamo farcene una
colpa.
continua a pag. 8
Assemblea generale molto partecipata quella che ha portato al
rinnovo degli organi direttivi per il triennio 2014-2017 di Confagricoltura Foggia. L’elezione per acclamazione della presidenza Giuliano, è stato l’ultimo atto di un percorso cominciato il 18 febbraio
scorso con i rinnovi delle assemblee zonali. Un mandato-bis che
trova sintonia nella conferma dei tre vicepresidenti, Emidio Ursitti,
Alfredo Ricucci e la “new entry” Giuseppe De Girolamo.
speciale alle pagine 4-5
Distretto pomodoro
agricoltori al centro
La nuova Pac dovrà tener
conto anche della nascita, orm a i data
per certa
d a l l ’A n i cav, di un
d i s t r et to
del pomodoro da
industria. La sede non è stata
ancora scelta (ma Foggia è da
tempo candidata). Nicastro: “Gli
agricoltori dovranno essere
protagonisti”.
servizio a pagina 3
Guida Biol
L’olio Villa Uva
fa incetta di premi
2
Orobanche
Ecco la guida
contro il parassita
6
Finanziamenti
Ripartiti i fondi
della “Sabatini”
7
daunia agrinotizie
2
4.2014
L’olio mondiale di Villa Uva fa incetta di premi
E’ nella guida Biol 2014, la “Bibbia” degli extravergini
L’
extravergine biologico
“Villa Uva” ha trionfato
anche quest’anno alla XIX edizione del Premio Internazionale
Biol, il premio riservato ai migliori oli extravergini di
oliva biologici del mondo.
Una kermesse
concorsua le
che quest’anno ha messo a
confronto 425
oli provenienti da 17 Paesi
del mondo, distribuiti in tutti i 5 continenti, che partecipano ogni anno
all’esame eseguito dai gruppi
internazionali di assaggio e da
laboratori chimici selezionati
e istituiti dal Biol per offrire
un panorama completo, affidabile e aggiornato della realtà dell’olio biologico a livello
mondiale. Dati che rafforzano
Biol come il concorso olivicolo – non solo biologico – più
grande al mondo. L’extravergine
foggiano ha ottenuto due “Gold
medal” (monocultivar Coratina
e al monocultivar Peranzana)
e una “Silver medal” al blend.
Un risultato davvero emozionante: tre oli, tre medaglie per
i primi posti!
“Voglio precisare – spiega
Emidio Alvisi di Villa Uva - che
aver ricevuto la Gold medal e
la Silver medal non significa
essermi classificato primo e
secondo al mondo, ma che gli
oli che produco hanno ricevuto
dalla giuria finale del Premio
Biol un tale punteggio – e allo
stesso tempo sono risultati irreprensibili all’esame chimico
analitico – da meritare la due
Medaglie d’Oro e la Medaglia
d’Argento che gli permetteranno,
assieme a pochi altri, di essere
pubblicati nella Guida biol 2014
che promuove e descrive i migliori oli extravergini biologici
del mondo prodotti nell’annata
2013-2014”.
La continuità dei riconoscimenti ricevuti nel corso degli
ultimi anni è una conferma
che premia
e incentiva la
scelta – non
facile – del
continuo miglioramento
della qualità
del prodotto.
S c e lt a c h e
vede i mpegnati molti,
molt i ss i m i
pr o d ut to r i
italiani a testimonianza del
fatto che nel nostro Paese esiste
anche un’agricoltura sana oltre
a quella delle truffe, delle frodi
e delle sofisticazioni che pure
ci sono, ma che non devono
oscurare l’onestà, la passione,
l’impegno, la tenacia, i sacrifici
e la perseveranza di chi crede
onestamente nel proprio lavoro
quotidiano. “Voglio condividere
con tutti voi – conclude Alvisi
– la felicità per questi risultati
continuando a ringraziarvi per
la fiducia che mi date ogni qual
volta ‘condite’ e ‘abbinate’ i vostri
pasti con i miei extravergini
’mondiali’!”.
D_jhef^eiaW
legXjjfXmXek`
e\ccXelki`q`fe\[\cc\g`Xek\
E`kifg_fjbXž\okiX
E`kifg_fjbXžjg\Z`Xc
E`kifg_fjbXžg\i]\Zk
E`kifg_fjbXžjlg\i
=b_kd_Y_\[hj_b_ppWdj_
Yecfb[ii_DFA
ZWieb\Wje
Z_fheZkp_ed[
eh_]_dWb[87I<
_d\e$d_jhe][d6ai#W]h_YebjkhW$_j
mmm$ai#W]h_YebjkhW$_j
4.2014
daunia agrinotizie
3
Facciamo chiarezza sul distretto del pomodoro
Nicastro: “L’Anicav coinvolga gli agricoltori altrimenti non serve”
T
ra le principali criticità
che dovrà affrontare la
nuova Pac c’è anche la nascita
di un distretto del pomodoro
da industria in Capitanata che
permetta ai produttori e alle
industrie di programmare anno
per anno le produzioni, evitando i surplus produttivi degli
ultimi anni che fanno ridurre
il prezzo ai minimi termini.
L’intesa sul prezzo del pomodoro per l’annata 2014 è stata
raggiunta ai primi di febbraio
ma solo nel distretto emiliano,
secondo bacino nazionale di
produzione dell’oro rosso.
Anche al Sud e in particolar modo in Capitanata la
nascita del distretto viene data
per imminente
dopo le promesse
dell’Anicav (l’associazione degli
industriali) fatte
proprio a Foggia
in occasione del
convegno nazionale del 26 novembre scorso.
Ma sulla sede che Marco Nicastro
dovrà ospitarlo,
al momento in cui andiamo
in stampa (7 aprile) c’è ancora
molta confusione. «Per la Capitanata si stanno muovendo alcune
Op (organizzazioni di prodotto:
ndr) – riferisce Marco Nicastro,
presidente nazionale della sezione economica del Pomodoro
da industria di Confagricoltura
- alcune grandi organizzazioni come la Icab di Salerno
hanno chiuso i contratti già a
fine dicembre. Noto un certo
attivismo da parte dell’Anicav
negli ultimi tempi, credo chi
ci si stia muovendo più rapidamente verso la costituzione
del distretto del pomodoro da
industria.
Ma il distretto
che vuole l’Anicav è fatto solo di
industriali e organizzazioni di
prodotto, gli agricoltori non sono
parte integrante
del progetto e questo a noi non sta
bene».
Una consolazione però c’è da parte dei produttori: i prezzi al Sud saranno
più remunerativi. «Un chilo di
tondo non potrà costare meno
di 13 centesimi – rileva Nicastro
– ma questo perché da noi le
spese sono maggiori. Un’altra
causa del prevedibile rincaro
sarà la quasi certa diminuzione
delle superfici: gli agricoltori
sono stati depistati da alcune
organizzazioni agricole che
hanno invitato i proprietari
a non cedere in fitto i terreni
pena la perdita dei titoli comunitari.
Tutto falso, ovviamente, ma
ormai la frittata è fatta».
E-commerce
Inaugurate
le vendite on-line
di Confagricoltura
C
onfagricoltura ha inaugurato un sito di e-commerce (http://store.confagricoltura.it) con una linea di propri
prodotti di merchandising: da
un lato prodotti di largo consumo e di merchandising puro
(abbigliamento, tute da lavoro,
tazze, bicchieri, ecc.) rivolti
a tutti i navigatori del web;
dall’altro prodotti riguardanti
l’attività di sindacalizzazione
per le nostre sedi territoriali.
Il sito è on-line ed avrà anche
una visibilità con un banner
d’accesso direttamente dal sito
istituzionale di Confagricoltura.
Questa iniziativa rientra in un
più ampio progetto strategico
che la confederazione sta realizzando e che mira a rafforzare
il brand Confagricoltura e a
diffonderlo anche al di fuori
del settore agricolo.
daunia agrinotizie
4
4.2014
L’assemblea elegge Giuliano per acclamazione
Il Presidente: “avanti uniti, per il bene dell’agricoltura foggiana”
E’
alla struttura dell’organizzamitati di presidenza e 6 Consigli
stata un’assemblea genezione: “La nostra associazione
direttivi. Abbiamo irrobustito la
rale “sentita e partecipasi compone di tre società di
comunicazione, ottenendo una
ta”, parole del direttore Alfredo
servizi collegate, siamo sia un
presenza più forte e costante sui
Giordano, quella che ha portato
sindacato, ma forniamo anche
mass media e dando un nuovo
al rinnovo degli organi direttivi
servizi alle imprese. La nostra
taglio al Daunia Agrinotizie, il
per il triennio 2014-2017 di Conazienda è presente da più di 50
nostro giornale”. Tra gli eventi
fagricoltura Foggia. L’elezione
anni sul territorio con i suoi 52
organizzati, Giuliano considera
per acclamazione della presidipendenti, 8 Uffici di zona, 21
gli incontri sulla Pac con relatore
denza Giuliano, è stato l’ultimo
Delegazioni comunali e oltre
Paolo De Castro (presidente della
atto di un percorso cominciato
commissione Agricolil 18 febbraio scorso
tura al parlamento
quando si è riunita la
europeo), il convegno
prima assemblea zonasulla “terra sociale”
le di Manfredonia che
e quello sulle regole
ha proceduto all’elecerte per il futuro del
zione del presidente
pomodoro, i momenti
dell’ufficio di zona e
di approfondimento
del consiglio (i nomi di
più qualificanti per
tutti gli eletti in queste
la nostra organizzapagine e sulla pagina
zione che registra in
Facebook di ConfagriCapitanata il più alto
coltura Foggia). “Un
numero di giornate
percorso – ha ricordato
lavorative denunciaGiordano – terminato
te all’Inps (428.901).
a Cerignola, dopo aver
L’inaugurazione di 6
interessato San Sevenuove delegazioni coro, Vico del Gargano,
munali, l’istituzione
Pietramontecorvino,
COMITATO DI PRESIDENZA 2014/2017
del Memorial “AntoAscoli Satriano, Lunio Poppi” (dedicato
cera e Foggia. AbbiaPRESIDENTE
ONOFRIO GIULIANO
al nostro compianto
mo inoltre definito i
Vice Presidenti
ALFREDO RICUCCI
ex direttore) e i relaquadri delle Sezioni
EMIDDIO URSITTI
tivi riconoscimenti
di prodotto e dei Sin
GIUSEPPE DE GIROLAMO
consegnati agli eudacati di categoria, tra
Presidenti dei Comprensori
roparlamentari Paolo
cui c’è la novità, di
MAURIZIO MAZZEO
Ascoli Satriano
De Castro e Sergio
cui siamo molto fieANGELO IPPOLITO Cerignola
Silvestris e alla deri, del Sindacato per
E. GIOVANNI TERRENZIO
Foggia
putata foggiana Col’Imprenditoria femFILIPPO SCHIAVONE
Lucera
lomba Mongiello, altri
minile. I risultati – ha
GIANCARLO FRATTAROLO Manfredonia
momenti significativi
rilevato il direttore – si
GIUSEPPE MASSARI
Pietra Montecorvino
del primo mandato
ottengono quando c’è
RAFFAELE MANCINO
San Severo
Giuliano. Tra i risuluna squadra forte, che
ALFREDO RICUCCI
Vico del Gargano
tati raggiunti anche
rema unita nella stessa
Presidente precedenti mandati
il “potenziamento
direzione. E la squadra
LUIGI LEPRI
dell’Ufficio crediti,
di Confagricoltura Fogdiventato un modello
gia sta dimostrando
5mila associati”. Il bilancio del
in tutta Italia; i rapporti più prodi esserlo, per questo ringrazio
primo triennio targato Giuliano
ficui con Cofidi Puglia e Ismea
di cuore tutta la struttura per
è caratterizzato probabilmente
(che ha aperto uno sportello nella
il quotidiano impegno con cui
dalla più significativa e incalsede di Confagricoltura Foggia:
lavora per rappresentare e tuzante attività di comunicazione
ndr); il rinnovo degli organi di
telare le imprese agricole della
mai svolta in passato dall’assoricerca e consulenza”.
Capitanata”.
ciazione: “Abbiamo mediamente
Un mandato che trova in sinUn ringraziamento pubblico,
organizzato all’anno un paio di
tonia anche i tre vicepresidenti,
da parte del presidente Onofrio
grossi convegni, convocato 8 Codue dei quali confermati come
Giuliano, è stato rivolto anche
daunia agrinotizie
4.2014
CARICHE SOCIALI SEZIONI DI PRODOTTO
TRIENNIO 2014/2017
5
CARICHE SOCIALI SINDACATI DI CATEGORIA
TRIENNIO 2014/2017
AGROENERGIE
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
FRATTA VINCENZO
BORRELLI MASSIMO
Affittuari Conduttori in Economia
PRESIDENTE GRAMAZIO ANTONIO
VICE PRESIDENTE
DE VITA PASQUALE
AGRUMICOLTURA
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
RICUCCI ALFREDO
GIAMBAVICCHIO MATTEO
Impresa Familiare Coltivatrice
PRESIDENTE
GATTA NICOLA
VICE PRESIDENTE
DI BATTISTA ELVIRA
ALLEVAMENTI BOVINI
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
TOTARO MATTEO
BRAMANTE GIUSEPPE
Proprietari Conduttori in Ec.mia e Forme Ass.tive Varie
PRESIDENTE
CIRILLO FARRUSI EMILIO
VICE PRESIDENTE
IANNACCI GIUSEPPE
ALLEVAMENTI OVINI E CAPRINI
PRESIDENTE
MALGIERI LORENZO
VICE PRESIDENTE
COCCIA ROCCO
ALLEVAMENTI SUINI
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
ROCCIA GIUSEPPE
DE VITA PASQUALE
ALLEVAMENTI AVICOLA
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
FALCONE NATALINA
DEL BUONO PIETRO
BARBABIETOLA DA ZUCCHERO
PRESIDENTE
DE LUCA ANTONIO
VICE PRESIDENTE
RUGGIERI LUIGI
BONIFICA E AMBIENTE
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
IPPOLITO ANGELO
GRASSO GIUSEPPE
BOSCHI E PIANTE DA LEGNO
PRESIDENTE
MONACO MARCO
VICE PRESIDENTE
D’INNOCENZIO FRANCESCO
Proprietà Fondiaria
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
Imprenditoria Femminile
PRESIDENTE
MANZARI GABRIELLA
VICE PRESIDENTE
NOVIELLO NICOLETTA
CARICHE SOCIALI
TRIENNIO 2014/2017
CONSIGLIERI DI NOMINA ELETTIVA
DE VITA PASQUALE
DI BIASE ERCOLE
DI MOLA FRANCESCO SAVERIO
GRASSO GIUSEPPE
MINISCHETTI ALBERTO
REVISORI DEI CONTI
PRESIDENTE PELLEGRINI GIUSEPPE
MEMBRI EFF. CEREALICOLTURA DA FORAGGIO
PRESIDENTE
MUSCARELLA MICHELANTONIO
VICE PRESIDENTE
D’APOLITO FRANCESCO
MEMBRI SUPPL.
FLOROVIVAISMO
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
FERRANDINO MICHELE
SELICATO MICHELA
FRUTTA IN GUSCIO
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
PICCALUGA ROBERTO
BULZACCHELLI FRANCESCO PAOLO
PROBIVIRI
FRUTTICOLTURA
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
BIANCARDI MICHELE
DE FINIS GIUSEPPE
GRANO DA SEME
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
DE NIGRIS GIOVANNI
CARDONE MARIO
GRANO DURO
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
MASCIA SIMONE
IAMELE MAURIZIO
LATTIERO CASEARIA
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
DE LEONARDIS URBANO
DI MOLA FRANCESCO SAVERIO
OLIVICOLTURA DA MENSA
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
CINQUINO SACCO ROSA
MARUOTTI PAOLO
OLIVICOLTURA DA OLIO
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
DE STASIO FRANCESCO PAOLO
IPPOLITO ANGELO
ORTICOLE DA INDUSTRIA E DA MERCATO
PRESIDENTE
ROTUNNO FILIPPO
VICE PRESIDENTE
MALGIERI LORENZO
POMODORO DA INDUSTRIA
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
NICASTRO MARCO
DE LUCA ANTONIO
PRODUZIONI BIOLOGICHE
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
MAGNATTA MAURIZIO
DI TUCCIO LUIGI
PROTEOLEAGINOSE
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
VENDITTI PASQUALE
URSITTI RICCARDO
VITICOLTURA
PRESIDENTE
VICE PRESIDENTE
ANGARANO ANGELANTONIO
GRASSO SERGIO LUCIO
SANTINOPIETRO
CIRULLI GIANLUCA
D’ORIA GIUSEPPE
SARACINO VINCENZO
DE LUCA ANTONIO
DI LORETO STEFANO
IAMELE MAURIZIO
DE MAJO FRANCESCO
FANTINI FABRIZIO
MARINO NICOLA
SIGNORE NICOLA
TRICARICO ANASTASIO
VASCIAVEO ANTONIO
Emidio Ursitti e Alfredo Ricucci. La “new entry”
è quella di Giuseppe De Girolamo, al posto del
compianto Giuseppe Noviello, scomparso nel
maggio di un anno fa e al quale Giuliano ha
tributato il suo omaggio all’uomo che faceva
dell’equilibrio e della passione i suoi punti cardinali. “Cercherò di svolgere al meglio il mio
compito – le parole pronunciate da De Girolamo
– che sarà quello di supportare la struttura sul
piano dell’operatività e delle indicazioni che
possono migliorare la nostra azione. Dobbiamo,
con ancora più energia, contrastare la piaga del
lavoro nero”. La ricerca di “maggior coesione”
è stato il tema affrontato da Alfredo Ricucci:
“Se saremo uniti, nel solco del nostro nome
storico, ovvero Unione provinciale degli agricoltori, diventeremo effettivamente, oltre che
nei numeri, la prima organizzazione agricola
della Capitanata”. “Vorrei che comprendessimo – ha rilevato Ursitti – quanto il momento
storico in cui ci troviamo sia fondamentale per
perseguire coesione e sinergie. L’unione fa la
forza. L’associazionismo è la base del nostro
futuro, indipendentemente da come sarà la
nuova Pac, che mi auguro sia per noi la meno
dannosa possibile. Dobbiamo impegnarci tutti
affinché si segua questa linea, l’unica strada che
può permetterci di avere un peso maggiore nei
consessi in cui dovremo discutere e cercare di
ottenere ciò che ci spetta».
daunia agrinotizie
6
4.2014
Orobanche, un opuscolo per combatterla
La pianta infestante del pomodoro, studio delle Università di Foggia e Bari
O
robanche, ovvero come
combattere la sporchia del
pomodoro che minaccia migliaia
di ettari di coltivazioni in Puglia.
Ma il flagello si può tenere sotto
controllo e combattere
come suggerisce un opuscolo molto utile per gli
agricoltori, pubblicato
in questi giorni dal Dipartimento di Scienze
Agro-Ambientali e Territoriali dell’Università
degli Studi di Bari “Aldo
Moro”; dal Dipartimento
di Scienze Agrarie, degli
Alimenti e dell’Ambiente
dell’Università di Foggia
e dall’Istituto di Scienze
delle Produzioni Alimentari di
Bari - Consiglio Nazionale delle
Ricerche. La pubblicazione è
curata dai prof. Pasquale Montemurro, Emanuele Tarantino,
Maurizio Vurro, Mariano Fracchiolla, Francesco Lops e Antonia
Carlucci. “Daunia Agrinotizie”
ne pubblica alcuni stralci, per
ragioni di spazio, ma l’intera
pubblicazione si può consultare
alla pagina Facebook di Confagricoltura Foggia.
Premessa
Negli ultimi anni questa specie parassita si è diffusa con
una veloce progressione negli
areali pugliesi di coltivazione
del pomodoro, interessando
specialmente l’agro di Foggia, in
cui è stata stimata una superficie
pari a qualche migliaio di ettari.
Tale specie è dotata, infatti, di
caratteristiche eco-fisiologiche
che le permettono di essere
molto invasiva e dannosa. La
presente pubblicazione è stata
preparata con l’intento di for-
nire ai coltivatori di pomodoro
un insieme di informazioni di
carattere pratico che possano
risultare utili innanzitutto per
conoscere alcuni dettagli della
biologia della sporchia e per
fare in modo che gli agricoltori
che hanno terreni già infestati,
possano mettere in pratica degli
interventi che contribuiscano a
ridurne un’ulteriore diffusione o
attuare strategie preventive.
PRINCIPALI ASPETTI BIOLOGICI
DELLA SPORCHIA
La sporchia del pomodoro è
una specie oloparassita e cioè
totalmente dipendente dall’ospite
nell’assorbimento idrico e degli
elementi nutritivi, perché non
dotata né di un vero e proprio
apparato radicale, né di capacità
fotosintetica. Infesta il pomodoro ed altre Solanaceae (tabacco,
melanzana), nonché diverse altre
colture appartenenti ad altre
famiglie botaniche e pure delle
specie infestanti; da alcuni anni
a questa parte, nel foggiano ha
iniziato a parassitizzare anche
la camomilla. Il ciclo vitale della
sporchia è caratterizzato da stadi
che si svolgono in due fasi ben
distinte, la prima delle quali
avviene nel terreno (fase ipogea),
mentre la seconda si realizza al
di fuori di esso (fase epigea).
POSSIBILITA’ DI CONTROLLO
Nei campi in cui la sporchia
si è insediata, allo stato
attuale non è possibile
controllarne in modo
efficace l’infestazione.
Risulta possibile adottare soltanto alcun i
metodi di lotta in grado di ridurre la “banca
semi” del parassita del
terreno. Prima, però, di
entrare nel dettaglio di
ciò che possono fare gli
agricoltori, è bene evidenziare come una prima azione
preventiva è di certo quella che
devono mettere in atto i vivaisti;
questi ultimi devono porre molta
attenzione alla produzione delle
piantine da trapiantare, pulendo
accuratamente i contenitori e
sterilizzando correttamente il
terreno con il vapore. Per quanto concerne i metodi di lotta
praticabili dagli agricoltori, i
principali sono: impedire che i
semi di tale parassita arrivino nei
campi non ancora infestati; non
aumentare i livelli di infestazione
nelle zone già interessate.
Tra i sistemi impiegabili in
maniera preventiva è possibile ritardare il più possibile
l’epoca di trapianto del pomodoro; seminare le cosiddette
cacth crops (colture trappola),
cioè specie di piante capaci di
stimolare la germinazione dei
semi dell’orobanche, ma senza
lasciarsi poi parassitizzare, quali
ad esempio il pisello, la soia, il
fagiolo, l’erba medica, il mais,
il sorgo e l’aglio.
4.2014
daunia agrinotizie
Riammessi i termini della “Sabatini”
per l’acquisto di beni strumentali
pari all’ammontare complessivo
degli interessi calcolati in via
convenzionale su un finanziamento al tasso del 2.75%, della
durata di 5 anni. Per accedere
bisogna essere titolari di un
finanziamento deliberato dalla
banca e dalla società di leasing
di massimo cinque anni, non
inferiore a 20.000,00€ e non
superiore a 2.000.000,00€.
Vincoli: I beni agevolati oggetto del finanziamento non
potranno essere alienati o ceduti
prima di cinque anni dall’acquisto.
L’alba di un
giorno nuovo.
Senza sorprese.
Prodotto fitosanitario autorizzato dal Ministero della Salute. Usare i prodotti fitosanitari con
precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. TM Trade Mark.
L’acquisto e il leasing di nuovi
macchinari, impianti e attrezzature in genere e per la prima
volta hardware e software possono essere finanziati tramite
la cosiddetta “nuova Sabatini”:
con il Decreto del Fare del giugno 2013, il governo ha infatti
previsto a favore delle piccole e
medie imprese, comprese quelle agricole, delle agevolazioni
sull’acquisto di macchine e impianti nuovi. Dal 31 marzo alle
ore 9 tutte le imprese interessate
potranno pertanto presentare la
domanda per la richiesta di un
finanziamento con il relativo
contributo pubblico. La “Sabatini bis” prevede un meccanismo agevolativo che favorisce
l’acquisto di beni strumentali
mediante un contributo sugli
interessi di un prestito quinquennale attivabile nell’ambito
dello specifico plafond ( di circa
2.5 mld di €, operativo per il
triennio 2015/2016) messo a
disposizione della Cassa Depositi e Prestiti alle banche che
aderiscono all’iniziativa.
Beneficiari: Tutte le piccole
e medie imprese comprese le
aziende agricole con sede in
Italia e con iscrizione al Registro
delle Imprese.
Spese Ammissibili: Il finanziamento è ammissibile per
l’acquisto o il leasing di macchinari, impianti, beni strumentali dell’impresa, attrezzature,
hardware, software e tecnologia
digitale tutti nuovi di fabbrica.
Ogni acquisto deve risultare successivo alla data della domanda
di accesso ai contributi. Gli investimenti devono essere conclusi
entro il periodo di preammortamento della durata massima di
12 mesi dalla data della stipula
del finanziamento. A tale fine è
presa in considerazione la data
dell’ultimo titolo di spesa riferito
all’investimento o, nel caso di
operazione in leasing, la data
di consegna del bene.
Finanziamenti: i finanziamenti sono concessi fino al 31
dicembre 2016. Alle imprese
richiedenti viene riconosciuto
un contributo in conto interessi
7
BREVI
GIOVANI, CAMPAGNA
ASSOCIATIVA DELL’ANGA
Sta per concludersi la campagna associativa 2014 dell’Anga,
l’organizzazione dei giovani imprenditori agricoli che favorisce
l’inserimento dei suoi iscritti nel
tessuto economico nazionale e
internazionale stimolando il processo di sviluppo dell’impresa.
L’ Anga si propone di aderire
alle organizzazioni nazionali ed
internazionali, studia i problemi
sindacali economici e tecnici,
promuove ed aderisce attività di
formazione, ricerca, studi sulle
problematiche sindacali, economiche e tecniche. Per informazioni
tel. 0881.724535.
TM
Libero da peronospora
con meno trattamenti
67
COSTA ATLANTICA
3 / 7 GIUGNO 2012
www.bayercropscience.it
8
segue dalla prima pagina
Il confronto è stato sempre
la nostra stella polare che ci
ha guidato nei difficili scenari
dell’agricoltura prossima ventura, con l’ingresso in campo
della nuova Pac. I due convegni
organizzati in media all’anno
hanno puntato proprio a questo
scopo: discutere e approfondire i
mutamenti del sistema globale. Il
convegno “Foggia capitale europea della Cerealicoltura”, maggio
2011, ha aperto un varco nella
considerazione anche europea sul
nostro bel Tavoliere che aspira
ad essere punto di riferimento
economico e commerciale, oltre
che agricolo, nello scenario dei
mercati internazionali. La lobby
dei prezzi questo non lo vuole e
fa di tutto per ostacolare il progetto, ma noi andremo avanti.
Un’operazione che abbiamo
portato avanti con successo sul
Pomodoro da industria, con la
nomina alla presidenza nazionale
del “nostro” Marco Nicastro. Il
confronto e la partecipazione
hanno reso possibili alcuni cambiamenti. Si situano in questo
solco le 3 nuove delegazioni di
Confagricoltura a Deliceto, Carpino e Bovino e la partecipazione
dei livelli provinciali ai consigli
degli otto uffici di Zona. Il trasferimento nella bella e grande
nuova sede che ci ospita dal
gennaio 2013 nel Centro Direzionale Amgas è un altro segnale
di novità non solo estetico. Con
i sindacati di categoria di Cgil,
Cisl e Uil coltiviamo rapporti
improntati alla massima correttezza e lealtà, abbiamo messo
a disposizione la nostra sede
per le trattative e la firma del
Contratto provinciale di lavoro.
E sul lavoro, però quello “nero”,
invito gli associati a tenere alla
larga tentazioni e costumi che
non ci appartengono perché lo
sfruttamento del bracciantato
agricolo oggi è una macchia
sull’agricoltura perbene che noi
tutti dobbiamo impegnarci a…
smacchiare.
Vorrei infine ricordare con
orgoglio gli importanti risultati
daunia agrinotizie
4.2014
raggiunti da alcuni nostri dirigenti ai vari livelli: detto di Marco
Nicastro alla presidenza della Fnp
Pomodoro da industria, ricordo
Antonio Gramazio, componente
del Sindacato Nazionale Affittuari Conduttori in Economia;
Giancarlo Frattarolo, dal 2005
alla presidenza del Consorzio
di Bonifica Montano; Simone
Mascia, presidente Gal Daunia
Rurale; Alfredo Ricucci, componente del cda Gal Gargano;
Giuseppe Bramante, presidente regionale Bovini da carne;
Giuseppe Roccia, componente
Fnp allevamenti Suini; Filippo
Schiavone, vice presidente nazionale ANGA; Maurizio Magnatta,
presidente regionale biologico.
Siamo, inoltre, parte attiva con
la mia vice presidenza nella
riorganizzazione del Consorzio
di Bonifica di Capitanata, con la
nomina del Direttore generale e
dei Direttori di area. Ma siamo
stati esclusi dal Consorzio di
Difesa, per via di un insolito
apparentamento (Coldiretti –
Cia – Copagri), madre di successive sventure. La linea che
abbiamo perseguito è la stessa
anche in Camera di Commercio
dove abbiamo interpretato in
maniera corretta l’applicazione
della nuova legge di rinnovo e,
senza alcun apparentamento,
abbiamo dimostrato con trasparenza la consistenza dei numeri
che rappresentiamo: oggi siamo
presenti con due rappresentanti
nel Consiglio e in Giunta con
Agrinsieme. La semina che ci
attende nel prossimo futuro è
già cominciata, i nostri risultati
saranno il frutto di ciò che noi
siamo: non poco.
Prezzi del grano
influenzati
dalla crisi ucraina
DAUNIA AGRINOTIZIE
(gratuito ai soci)
Organo ufficiale di informazione di
CONFAGRICOLTURA FOGGIA
Unione Provinciale Agricoltori
Direttore Responsabile
Massimo Levantaci
in redazione
Anna Lisa Corbosiero - Raffaele Fiorella
La crisi tra Russia e Ucraina
crea, inevitabilmente, una volatilità sui prezzi dei prodotti agricoli
internazionali. Indipendentemente
dagli sviluppi che avrà il conflitto nei prossimi mesi, quando
in gioco ci sono due paesi come
Russia e Ucraina, leader mondiali
sulle esportazioni di cereali, i
riflessi sui prezzi si vedono in
modo tangibile. Come ogni anno
– informa Sergio Pitzalis, titolare
della Gsa (Gann Systems Analysis),
che da oltre 10 anni opera sui
mercati finanziari e sulle principali borse merci
internazionali in questo
periodo,
t utte le
agenzie di analisi scendono in
campo fornendo le loro previsioni
sui nuovi raccolti. Quest’anno, poi,
a causa di quanto sta accadendo
in Crimea, le informazioni sono
ancora più interessanti. L’agenzia MDA CropCast alza per il
2014/2015 la stima di produzione
Usa di grano invernale da 11 a
15 milioni di bushel grazie a un
aumento della superficie nella
zona settentrionale del paese.
Stessa linea per la Food and
Agricultural Policy Research Institute (FAPRI), la quale, nelle sue
previsioni per gli Usa, parla di
un aumento di terreno coltivato
a grano pari a 57 milioni di acri
di contro i 56,2 milioni di un
anno fa. Qui addirittura la produzione di grano Usa è vista in
aumento da 21,3 a 22,03 milioni
di bushel.
Redazione - Direzione - Amministrazione
71121 FOGGIA - Viale Manfredi, 1 (Pal. Amgas)
tel. 0881.724535 - 0881.778468
e-mail: [email protected]
Pubblicità
Confagricoltura Servizi Foggia srl
tel. 0881.724535
Stampa
Tipografia Rotostampa snc
via Lecce, 7B-C - tel. 0881.724788 - 71121 Foggia
Giornale chiuso in tipografia l’8 aprile 2014
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n. 9/69
del 14 ottobre 1969
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
952 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content