close

Enter

Log in using OpenID

00_DDS_editorial_03_Layout 1

embedDownload
DDS Europe
Milan
2014
Handbook
Dental Tribune International
The World’s Largest News and
Educational Network in Dentistry
www.dental-tribune.com
Welcome to
DDS Europe 2014!
Torsten R. Oemus
I have the great pleasure to welcome you to the inauguration of the Digital Dentistry Show (DDS) at
the 2014 International Expodental in Milan. DDS Europe — the European version of the show — is the
first in a series of events entirely dedicated to the field of digital dentistry, showcasing the latest
products, as well as offering lectures and workshops to participants.
Digital technology is one of the fastest-growing market segments in dentistry and digital processes
are increasingly determining everyday practice in dental offices and laboratories. In recent years, an
increasing number of dental companies have released innovations in digital hardware, software and
consumables, such as 3-D imaging, CAD/CAM and intra-oral devices. DDS provides comprehensive
information on the latest digital technology and is targeted at dentists, dental technicians and representatives of the dental industry.
In contrast to the conventional booth-based presentation of products, DDS is showcasing digital innovations through a combination of sponsored live product presentations, hands-on workshops,
discussion sessions, an exhibition and a printed guide, offering participants a dynamic and interactive education experience.
In 2015, further Digital Dentistry Shows are planned for the U.S., Latin America, the Middle East and
the Asia Pacific region, leading up to the first International Digital Dentistry Show in Berlin, which is
planned for 2016.
We hope you find this new show concept beneficial and welcome your feedback at:
www.digitaldentistryshow.com
Torsten R. Oemus
President/CEO
Dental Tribune International
DDS 2014
editorial
03
IMPRINT
Publisher
International Administration
International Media Sales
Torsten R. Oemus
Chief Financial Officer
Dan Wunderlich
Matthias Diessner — Key Accounts
→ [email protected]
Business Development Manager
Claudia Salwiczek
Melissa Brown — International
Managing Editor
Event Manager
Lars Hoffmann
Peter Witteczek — Asia Pacific
→ [email protected]
Event Services
Esther Wodarski
Weridiana Mageswki — Latin America
Concept & Design
Marketing Services
Nadine Dehmel
Hélène Carpentier — Europe
→ [email protected]
Sales Services
Nicole Andrä
Barbora Solarova — Eastern Europe
Copy Editor
Executive Producer
Gernot Meyer
Alessia Murari — Italy
Magda Wojtkiewicz
Christian Majonek
Sabrina Raaff
→ [email protected][email protected][email protected][email protected][email protected][email protected][email protected]
Dental Tribune International
Holbeinstr. 29
04229 Leipzig
Germany
[email protected]
[email protected]
T+49 341 48 474 302
F +49 341 48 474 173
www.dental-tribune.com
www.digitaldentistryshow.com
Copyright Regulations
The DDS Handbook is published by Dental Tribune International (DTI) and appears with one issue in 2014. The magazine and all articles and illustrations therein are
protected by copyright. Any utilisation without the prior consent of editor and publisher is in admissible and liable to prosecution. This applies in particular to duplicate copies, translations, microfilms, and storage and processing in electronic systems. Reproductions, including extracts, may only be made with the permission
of the publisher. Given no statement to the contrary, any submissions to the editorial department are understood to be in agreement with a full or partial publishing
of said submission. The editorial department reserves the right to check all submitted articles for formal errors and factual authority, and to make amendments if
necessary. No responsibility shall be taken for unsolicited books and manuscripts. Articles bearing symbols other than that of the editorial department, or which are
distinguished by the name of the author, represent the opinion of the afore-mentioned, and do not have to comply with the views of DTI. Responsibility for such articles shall be borne by the author. Responsibility for advertisements and other specially labeled items shall not be borne by the editorial department. Likewise, no
responsibility shall be assumed for information published about associations, companies and commercial markets. All cases of consequential liability arising from
inaccurate or faulty representation are excluded. General terms and conditions apply. Legal venue is Leipzig, Germany.
04
DDS 2014
about the publisher
hybrid technology moltiplica il tuo potenziale
Software
adattivo
Scansione
intera arcata
Librerie
precaricate
Convalidato
DICOM®
7YLZ[HaPVUPYHKPVNYHÄJOL+L+JVUMVYTPHPWPƒLSL]H[PZ[HUKHYKKPHNUVZ[PJP<U»\UPJHWPH[[HMVYTH
TVK\SHYLPUWVZZPIPSPJVUÄN\YHaPVUPJOLL]VS]VUVJVUSHZLTWSPJLPU[LNYHaPVULKPKP]LYZL
[LJUVSVNPL,JJLSSLUaHPUJPHZJ\UHMHZLKPPTWSLTLU[HaPVULZLUaHHSJ\UJVTWYVTLZZV
[email protected],9065? <UPU]LZ[PTLU[VPU[LSSPNLU[LPKLHSLWLYPSWYLZLU[LV[[PTVWLYPSM\[\YV
www.my-ray.com
Digital Dentistry Show - Expodental - Fiera Milano City, 16-17-18 Ottobre 2014
CONTENT
editorial
03
Welcome to DDS Europe 2014!
→ Torsten R. Oemus
18
Croixture high-quality practice attire
Croixture — abbigliamento pratico e
di alta qualità
→ Croixture
20
about the publisher
04
Imprint
GHIMAS pursuing health and well beeing
since 1947
GHIMAS Dal 1947... obiettivo salute e benessere
→ GHIMAS
22
industry
10
About Henry Schein Krugg
L’azienda Henry Schein Krugg
→ Henry Schein Krugg
3DIEMME bioimagining technologies
3DIEMME bioimagining technologies
→ 3DIEMME
24
12
Advanced Italian dental market A perfect fit for
new 3Shape Milan office
L‘innovazione nel mercato dentale: apertura
della nuova sede di 3Shape a Milano
→ 3Shape
14
Acteon Imagining
Acteon Imagining
→ Acteon Group
16
Waterlase exceeds clinical and patient
expectations for 15 years
→ BIOLASE
06
DDS 2014
content
KaVo Dental Excellence
Questo è il motto della KaVo con sede principal
in Biberach/Riss, in Germania
→ KaVo
26
MyRay – New comfort in digital imaging
→ MyRay
28
Digital imaging devices and software for your
practice orangedental – made in Germany
Apparecchi per l´immagine digitale e software
per il suo studio innovazioni premium sin dal
1998
→ orangedental
30
62
Oral-B the No.1 brand recommended
by dentists
Oral-B – Il marchio #1 raccomandato
dai dentisti
→ Procter & Gamble
Guided implant surgical placement with
CAD/CAM CEREC crown
Posizionamento implantare guidato con corona
CAD/CAM CEREC
→ Dr Nilesh Parmar
34
68
REVELLO: Values and passion for dentistry
Valori e passione per il dentale
→ REVELLO
CAD/CAM fixed prosthetics: A case report
CAD/CAM fixed prosthetics: Caso clinico
→ Tero Rakkolainen
38
72
About Sirona
L’azienda
→ Sirona
Non-extraction treatment of a Class II case with
a missing mandibular central incisor using a
CAD/CAM lingual orthodontic system
Trattamento non estrattivo di una II Classe con
incisivo centrale inferiore mancante mediante
un sistema ortodontico linguale CAD/CAM
→ Dr Khaled M. Abouseada
programme
40
Programme – DDS Milan 2014
78
clinical articles
Dentofacial aesthetic analysis using 3-D software Synergy between aesthetic dentistry and
aesthetic medicine
Analisi estetica dento-facciale con l’uso di software 3D Sinergia tra medicina estetica e odontoiatria
→ Dr Valerio Bini
42
The aetiology of various types of failure modes
in oral implantology
Eziologia dei diversi tipi di insuccesso in implantologia orale
→ Dr Dov M. Almog
54
index
86
List of companies
The future of implant-supported restorations
utilizing CAD/CAM technology
Il futuro di restauri supportati da impianti con la
tecnologia CAD/CAM
→ Dr Robert Humphries
DDS 2014
content
07
Nel segno dell’innovazione
IV SIRONA USERS MEETING
Gran Guardia Verona 13, 14 novembre 2014
LE REGOLE DELLA MODERNA
ODONTOIATRIA INTERPRETATE
IN CHIAVE DIGITAL
SCARICA
IL PROGRAMMA
SCIENTIFICO
Per la prima volta i professionisti che hanno contribuito a redigere le regole
delle moderne riabilitazioni odontostomatologiche saranno affiancati del
team trainer Sirona Digital Academy per rileggere attraverso gli strumenti
della Digital Dentistry casi clinici semplici e complessi.
GIOVEDÍ 13 NOVEMBRE 2014
A PARTIRE DALLE ORE 20:00
SIRONA DINNER PARTY
Sirona ha il piacere di invitarLa
al Dinner Party che si terrà presso
www.museonicolis.com
Quote individuali di partecipazione
Odontoiatra € 350,00 iva inc.
Odontotecnico € 200,00 iva inc.
Igienista
€ 150,00 iva inc.
Solo Dinner Party 13/11/2014 € 70,00 iva inc.
Per informazioni contattare la segreteria eventi Sirona
www.sirona.it - Mail. [email protected] - Tel. 045/82.81.811
PROGRAMMA CONGRESSUALE
Giovedì 13 novembre 14.00-18.30 - Presidente di sessione: Dr. Tiziano Testori
Sessione di diagnostica odontostomatologica e decisione clinica
Interviene Dr.ssa Francesca Manfrini - Presidente dell’Accademia Italiana di Conservativa
Approccio conservativo alla formulazione
del piano di trattamento nei casi complessi:
metodi conservativi
Utilizzo della terza dimensione per la visione
diretta della situazione clinica: analisi e applicazione pratica
Al termine della sessione di lavoro: TAVOLA ROTONDA
Venerdì 14 novembre 09.00-13.00 - Presidente di sessione: Prof. Roberto Scotti, Prof. Francesco Simionato
Sessione sui protocolli clinici e metodologie in protesi e implantoprotesi
Intervengono: Dr. Leonello Biscaro - Presidente dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica
Dr. Stefano Gracis - Past President dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica
Formulazione del piano di cura nelle riabilitazioni
semplici e complesse: scelta delle preparazioni
dentali, materiali, retrazione dei tessuti molli e
cementazione adesiva
Nuovi metodi, nuove funzioni software e materiali
innovativi: strumenti digitali a disposizione del
Clinico per una maggiore predicibilità ed efficienza
Al termine della sessione di lavoro: TAVOLA ROTONDA
Venerdì 14 novembre 14.00-18.30 - Presidente di sessione: Dr. Roberto Spreafico
Sessione di riabilitazione conservativa mininvasiva odontostomatologica
Interviene Dr. Sandro Pradella - Consiglio direttivo dell’Accademia Italiana di Conservativa
Restaurativa mininvasiva: linee guida sulle
preparazioni conservative, metodi di build-up
e cementazione adesiva
Rivoluzione nelle potenzialità mininvasive
estetiche: l’utilizzo di materiali di ultima
generazione apre le frontiere delle
riabilitazioni conservative
Al termine della sessione di lavoro: TAVOLA ROTONDA
CORSI PRATICI MONOTEMATICI
Giovedì 13 novembre 14.30-17.30
Sessione per Odontotecnici
Il supporto della scienza dei materiali alle metodologie digitali in Odontotecnica
Interviene: Prof. Francesco Simionato
Soluzione di casi protesici complessi: funzionalità e approfondimento di strumenti software per
protesi su impianti e smile design
Introduzione al nuovo software inLab 4.3
Intervengono: Odt. Gaetano Bonifacio, Odt. Massimiliano Pisa - Moderatore: Odt. Massimo Merli
Venerdì 14 novembre 09.30-12.00
Corso per Igienisti dentali
Corso sull’utilizzo avanzato di strumenti digitali per la lettura 3D del cavo orale: nuovi strumenti a
disposizione dell’igienista dentale
Intervengono: Prof.ssa Gianna Nardi e Dr.ssa Laura Antonia Marino
Presentazione della spettrometria come innovativo strumento di indagine nell’igiene orale
Interviene: Prof.ssa Gianna Nardi
Al termine delle sessioni di lavoro: TAVOLA ROTONDA
3DIEMME
3DIEMME
bioimaging technologies
3DIEMME bioimaging technologies
3DIEMME offers medical imaging software and
computer-guided surgery systems (RealGUIDE)
for dental and maxillofacial surgery, delivering
the most suitable solution for integrating prosthetic information (obtained via any dental laboratory planning software, starting from optical
scans of the stone models or the dentist’s intraoral scans) into surgical treatment (3-D diagnosis on DICOM images, virtual bone graft modelling and implant planning). The resulting digital
project (surgical guides) can be manufactured
with any CAD/CAM or rapid prototyping technology. The 3DIEMME mission is to become the reference company for the digital management of
minimally invasive surgeries through the development of a software environment into which all
of the information relevant to the patient’s custom rehabilitation can be integrated into a single
open system. 3DIEMME can provide the customer (dentist or dental technician) with a dedicated solution for any specific need: from the full
product (software and hardware) to specialised
services (customisation of software and guided
surgery instruments, virtual modelling and
multi-material rapid prototyping). Unlike its
competitors, 3DIEMME is able to demonstrate
the use of its technology directly, showing how
every single step works in order to reach the desired outcome, owing to the possibility of visiting 3DIEMME’s facilities and assisting in the
manufacture of the products to be used immediately in treating the clinical case.
The 3DIEMME product line consists of all the
tools necessary for the patient’s custom dental
rehabilitation, and includes software, surgical
instruments and laboratory equipment for manufacture of the surgical guides. It offers software
packages adapted to the dentist’s or dental laboratory’s specific needs: 3Diagnosys and PlastyCAD. 3Diagnosys is Class IIa certified medical
imaging software for dental implant planning
10
DDS 2014
industry
3DIEMME sviluppa software di diagnostica per
immagini e procedure di chirurgia guidata (RealGUIDE) in campo dentale e maxillofacciale, fornendo la soluzione più adatta per l’integrazione
del progetto protesico (realizzato con qualsiasi
software aperto di laboratorio a partire dalla
scansione ottica dei modelli in gesso o da scansioni intra-orali effettuate dal Medico) con il trattamento chirurgico (diagnosi 3D su immagini
DICOM, modellazione virtuale di innesti ossei e
progettazione impianti). Il progetto digitale risultante (guida chirurgica) può essere realizzato
con qualsiasi tecnologia CAD/CAM o di prototipazione rapida. La missione di 3DIEMME è diventare l’Azienda di
riferimento per la gestione digitale di interventi
mini-invasivi attraverso lo sviluppo di un ambiente software che integri in un unico sistema
aperto tutte le informazioni necessarie alla riabilitazione personalizzata del Paziente. 3DIEMME
è in grado di fornire al Cliente (Medico, Odontotecnico o Azienda) una soluzione dedicata alle
esigenze specifiche: dal prodotto completo
(software e hardware) a servizi specializzati (personalizzazione software e strumenti per la chirurgia guidata, modellazione virtuale e prototipazione rapida multi-materiale). A differenza dei
concorrenti, 3DIEMME è in grado di dimostrare
l'utilizzo della propria tecnologia direttamente
su problemi reali dei Clienti, mostrando il funzionamento di ogni singolo passaggio per arrivare
alla soluzione desiderata, grazie alla possibilità
di visitare il reparto produttivo dell'Azienda ed
assistere alla realizzazione pratica dei prodotti
da utilizzare subito nella risoluzione di casi clinici
reali.
La linea di prodotti 3DIEMME è composta da
tutti gli strumenti necessari alla riabilitazione
dentale personalizzata del Paziente e include
software, strumenti chirurgici e strumentazione
di laboratorio per la costruzione delle guide chirurgiche. Il software è disponibile in diverse ver-
3DIEMME
and can import any DICOM dataset. The virtual
planning can be performed on any implant platform and exported in STL format for guide modelling in PlastyCAD, then manufactured with
any rapid prototyping or CAD/CAM machine. A
dedicated universal surgical instrument kit is
available to place the implants in the virtually
planned positions. Based on 3DIEMME’s advanced research, a new
product has been launched on the market: the
EVOGUIDE kit (international patent pending).
This product, consisting of dedicated software,
as well as surgical and laboratory materials, has
been designed for treating partially edentulous
cases with a revolutionary guided surgery procedure. The software automatically places the
implants in the sites determined by the dentist
while manufacturing the radiographic guide,
and enables correction of their positions based
on a set of standard micro-moulded tools that
are precisely assembled by the dentist to manufacture the surgical guide in-house quickly, easily and cheaply.
→ contact
3DIEMME srl
www.3diemme.it T +39 031 707 33 53
Via Risorgimento 9
22063 Cantù
Italy
sioni adattate alle esigenze specifiche di Medici
e Odontotecnici ed è composto da due ambienti
principali: 3Diagnosys e PlastyCAD. 3Diagnosys
è un software certificato (classe IIA) di diagnostica per immagini focalizzato sulla progettazione implantare che importa qualsiasi esame
radiologico in formato DICOM. Il progetto virtuale può essere realizzato su qualsiasi piattaforma implantare ed esportato in formato STL
per la modellazione virtuale della guida chirurgica in PlastyCAD, costruita poi con qualsiasi
stampante 3D o sistema CAD/CAM. E’ poi disponibile un kit dedicato di strumenti chirurgici
per guidare in bocca gli impianti posizionati virtualmente sul software.
Grazie alla ricerca avanzata di 3DIEMME un
nuovo prodotto viene lanciato sul Mercato: il kit
EVOGUIDE (International patent pending). Questo set di strumenti, composto da un software
dedicato e da materiali chirurgici e di laboratorio,
è stato progettato per il trattamento di edentulie
parziali secondo una procedura di chirurgia guidata rivoluzionaria. Infatti il software posiziona
automaticamente gli impianti nei siti individuati
dal Medico nella fase di costruzione della guida
radiologica, e ne consente la correzione di posizione in base ad un set di strumenti standard micro-stampati che vengono assemblati in modo
preciso dal Medico stesso per la costruzione
della guida chirurgica “in casa”, senza la necessità di spedire il progetto all’esterno dello Studio,
in modo semplice, rapido ed economico.
DDS 2014
industry
11
3Shape
Advanced Italian dental market
A perfect fit for new 3Shape
Milan office
L‘innovazione nel mercato dentale:
apertura della nuova sede di 3Shape a Milano
Copenhagen-based dental equipment provider
3Shape has opened a new office in Milan. The
new facilities are fully equipped with the company’s latest digital dental equipment, enabling
the facility to perform sophisticated product
demonstrations of the entire dental workflow,
as well as accommodate 3Shape Academy
learning activities.
Italy is considered one of the world’s leading
countries for dentistry in terms of aesthetics,
digitisation, discovery and entrepreneurship.
The country has been at the forefront in adopting dental CAD/CAM technology.
For 3Shape, the advanced Italian implant market is a perfect fit for its 3-D dental laboratory
colour scanners and TRIOS impression scanners
for dental clinics. “Italy is an important market to 3Shape. Italy’s
dental professionals are leaders when it comes
to pioneering restoration techniques and aesthetic implant design. To be able to learn from
them, as well as ensure best-in-class local cooperation, service and support from the new office, is essential to our company’s continued
growth. The Milan office is a terrific opportunity
to expand 3Shape’s industry knowledge and expertise, and our business,” Flemming Thorup,
President and CEO of 3Shape, stated.
3Shape provides comprehensive customer support and education services through its LABcare
and CLINIcare programmes. The two programmes’ learning channels are managed by the
3Shape Academy. The learning resources include a library of webinars, lectures and training
at selected live events. Yearly product software
updates are also part of the two customer care
programmes.
12
DDS 2014
industry
With the new Milan office, 3Shape will be able to
better localise its training and educational resources, as well as work first hand with Italy’s
leading dental practitioners.
3Shape, leader mondiale nello sviluppo e ingegnerizzazione di soluzioni CAD (HardWare &
SoftWare) da studio e da laboratorio, ha inaugurato il 20 Maggio 2014 la nuova sede italiana a
Milano. La nuova struttura consentirà a 3Shape
di essere ancora più vicino e rafforzare il legame
con i propri utenti, dealer e partner. 3Shape può
infatti già fregiarsi di un notevole parco installato
consolidato, e di una sviluppata e professionale
piattaforma commerciale, sia nel settore clinico
che odontotecnico.
I nuovi uffici di Milano sono integralmente attrezzati e configurati con le più recenti e innovative apparecchiature che 3Shape possa ad oggi
proporre al settore dentale. Questa struttura
permette quindi di poter soddisfare gli utenti più
esigenti con training e dimostrazioni sull’ intero
flusso di lavoro digitale, oltre a poter ospitare le
esclusive attività formative erogate dalle
3Shape Academy.
L’ufficio è diretto dall’ Ing. Franco De Sano, 3Shape
Commercial Country Manager per l’Italia.
L’Italia, da sempre considerata uno dei paesi leader mondiali per quanto concerne l’odontoiatria
in termini di estetica, digitalizzazione, sviluppo e
innovazione, è oggi indubbiamente all’avanguardia nell’implementazione della tecnologia CAD/
CAM nel settore dentale. 3Shape ha da sempre
collaborato massivamente con i professionisti
del settore dentale di tutto il mondo per meglio
3Shape
→
3Shape opening in Milan. The
company works extensively with
dental professionals around the
world in developing its products
and in establishing best practices.
At the new office, 3Shape will
offer training in the local
language, best practices,
products and support to Italian
dental clinics, laboratories,
customers and partners.
I nuovi uffici milanesi di 3Shape
(il primo a carattere commerciale,
e il secondo per lo sviluppo
tecnico) sono nati con l’intento e
il presupposto di erogare corsi,
training, formazione, supporto e
assistenza (HardWare &
SoftWare) non solo agli studi
dentistici e ai laboratori
odontotecnici, ma anche e
soprattutto ai ns dealer e partner.
Photograph: 3Shape
sviluppare i propri prodotti, ed implementarli
con le migliori procedure. In quest’ottica uno dei
fini dell’ufficio di Milano sarà quindi condividere
la ns esperienza, e farci sentire ancor più vicini ai
dentisti ed odontotecnici italiani.
Con questa scelta 3Shape ha dimostrato, e sottolineato ancora una volta, di osservare con attenzione le esigenze del dinamico mercato italiano degli impianti, che si sposa perfettamente
con i propri innovativi scanner a colori 3D per laboratori odontotecnici, e con il rivoluzionario
scanner intraorale TRIOS destinato agli studi
dentistici. L’attenzione di 3Shape verso l’ottimizzazione del trattamento dei pazienti e la creazione di valore aggiunto per gli utenti soddisfa
appieno alla richiesta di sviluppo, all’ambizione e
all’innovazione della comunità odontoiatrica italiana.
3Shape fornisce servizi completi di formazione e
assistenza clienti attraverso i programmi LabCare e CliniCare. I canali di apprendimento dei
due programmi sono supportati dalla 3Shape
Academy. Tale risorsa include una libreria di webinar, conferenze e formazione con eventi live
selezionati. Gli aggiornamenti annuali del software dei prodotti sono anch’essi parte dei due
programmi di assistenza clienti.
Ora, grazie ai nuovi uffici di Milano, 3Shape potrà
localizzare al meglio le proprie risorse formative,
e lavorare direttamente con i più qualificati professionisti del settore dentale italiano.
→ contact
“L’Italia è un mercato importante per 3Shape.
I professionisti italiani del settore dentale sono i
leader quando si tratta di progettazione di impianti estetici e tecniche protesiche all’avanguardia. Apprendere da questi professionisti, e
garantire collaborazione, assistenza e supporto
locale all’avanguardia dal nuovo ufficio, è fondamentale per la crescita continua della nostra
azienda. L’ufficio di Milano è un’opportunità eccezionale per ampliare la conoscenza e la competenza di 3Shape nel settore, nonché la nostra
attività”, afferma Flemming Thorup, presidente
e amministratore delegato di 3Shape.
3Shape A/S
Holmens Kanal 7
1060 Copenhagen K
Denmark
→ www.3shapedental.com
3Shape Italy Srl
Via Ripamonti 137
20141 Milan
Italy
DDS 2014
industry
13
Acteon Group
Acteon Imaging
Acteon Imaging
Acteon Imaging, a member of Acteon Group, is
born from the merger between Sopro and
DeGötzen, each specialized in the development and manufacturing of imaging products
for the medical market.
Acteon Imaging, azienda del gruppo Acteon,
nasce dalla fusione tra Sopro e DeGötzen, entrambe specializzate nello sviluppo e produzione di prodotti Imaging per il settore odontoiatrico.
With over 30 years’ experience, Acteon Imaging is made up of a team of 150 employees, including 25 engineers dedicated solely to new
developments. We work closely with dentists
and universities to design products that meet
users’ expectations and patients’ healthcare
improvements.
Con più di 30 anni di esperienza Acteon Imaging si avvale di un team di 150 collaboratori,
tra cui 25 ingegneri dedicati esclusivamente
allo sviluppo di nuovi prodotti. Lavoriamo a
stretto contatto con dentisti ed università per
progettare prodotti che soddisfano le richieste
dei medici e che migliorano la salute dei pazienti.
Innovation is our dedication and allowed us to
offer the worldwide dental community a complete range of imaging products that are efficient, elegant, easy to use and unique.
→ contact
Acteon Group
Via Roma, 45
21057 Olgiate Olona (VA)
Italy
Andrea Castellini
Sales Manager Acteon Italia
→ [email protected]
T +39 0331 376 760
14
DDS 2014
industry
La ricerca costante dell’ innovazione è il nostro
obiettivo, che ci consente di creare una gamma
completa di prodotti di Imaging, riconosciuti
dai mercati globali come efficienti, eleganti,
dal semplice utilizzo.
BIOLASE
Waterlase exceeds clinical and
patient expectations for 15 years
BIOLASE, Inc. is a biomedical device company
that develops, manufactures, and markets innovative lasers in dentistry and medicine and also
markets and distributes high-end 2-D and 3-D
digital imaging equipment, CAD/CAM intraoral
scanners, and in-office milling machines and 3D printers.
BIOLASE’s products are focused on technologies that advance the practice of dentistry and
medicine and offer benefits and value to healthcare professionals and their patients. The Company's proprietary laser products, including the
flagship WaterLase iPlus, incorporate approximately 300 patented and patent-pending technologies designed to provide biologically clinically superior performance with less pain and
faster recovery times to deliver the best results
for dentists and patients.
16
DDS 2014
industry
WaterLase iPlus All-Tissue Laser
The WaterLase iPlus laser offers the benefits of
advanced laser dentistry: practice differentiation with high ROI, patient-friendly procedures.
The all-tissue WaterLase iPlus adds value with a
wide range of soft- and hard-tissue treatments,
including periodontal procedures (periodontitis
& peri-implantitis treatment/removal of subgingival calculus) and endodontic treatment (root
canal shaping/cleaning). WaterLase iPlus delivers exceptionally fast, efficient cutting with little
or no anesthetic required. For tooth cutting, the
WaterLase iPlus helps to eliminate microfractures, thermal damage, and cross contamination risks associated with drills. A contra-angle
handpiece offers precision during treatment and
the compact footprint easily moves between
operatories while the easy-to-use touchscreen
interface simplifies any learning curve.
BIOLASE
BIOLASE, Inc. è una società che sviluppa produce e commercializza dispositivi biomedicali.
Fra questi i più innovativi laser del settore odontoiatrico e medico. Distribuisce inoltre high-end
2D, apparecchiature per immagini digitali 3D,
scanner CAD/CAM intraorali, fresatrici e stampanti 3D.
I prodotti BIOLASE si focalizzano su tecnologie
all’avanguardia permettendo di valorizzare al
massimo il lavoro dell’odontoiatria e del medico
a beneficio dei professionisti del settore sanitario e dei loro pazienti. I prodotti laser della Società includono il famoso Waterlase iPlus, circa
300 brevetti e tecnologie in attesa di brevetto il
tutto ideato per fornire prestazioni biologicamente e clinicamente superiori con meno dolore
e tempi di recupero più rapidi.
Waterlase iPlus il Laser per tutti i tessuti
Il laser Waterlase iPlus offre i benefici di
un’odontoiatria laser all’avanguardia: un innovativo modo di lavorare, un ritorno d’investimento
molto elevato, procedure atraumatiche per il paziente. Il Waterlase iPlus per tutti i tessuti crea un
valore aggiunto ad una vasta gamma di trattamenti: per i tessuti duri e molli, nelle procedure
parodontali (parodontiti e perimplantiti, trattamento/rimozione del tartaro sottogengivale) nel
trattamento endodontico (condizionamento del
canale radicolare / pulizia). Waterlase iPlus esegue un taglio veloce e preciso con poca o nessuna anestesia. Il Waterlase iPlus aiuta ad eliminare microfratture, danni termici e rischi di contaminazione associata ai trapani. Un manipolo a
contrangolo offre la massima precisione durante il trattamento e un solido pedale ne permette un facile utilizzo. La tecnologia touchscreen semplifica la fase di apprendimento
all’operatore.
→ contact
BIOLASE
World Headquarters
4 Cromwell
Irvine, CA 92618
USA
→ www.biolase.com
Distributor in Italy:
Henry Schein Krugg srl
→ www.henryschein.it
DDS 2014
industry
17
Croixture
Croixture
high-quality practice attire
Croixture — abbigliamento pratico e di alta qualità
Founded in 2013, Croixture is headquartered in
Berlin, Germany. The idea behind the brand is to
develop workwear that replaces bland and
mediocre clothing with stylish and high-quality
practice attire.
Croixture takes pride in using only natural highquality fabric. Our quality viscose, modal and
cotton adapt to all climate conditions, and regulate body temperature in both hot and cold environments. All Croixture fabrics are self-developed and produced especially for us. Designed
and developed by Sophie Böhmert, all clothes
are manufactured in Europe and use European
materials only.
18
DDS 2014
industry
Fondata nel 2013, Croixture ha il proprio quartier
generale a Berlino, in Germania. L’idea sottostante il brand è quella di sviluppare un abbigliamento da lavoro in grado di riprodurre abiti casual e raffinati con stile e alta qualità manufatturiera.
Croixture è orgogliosa di usare solamente materiali naturali e di alta qualità. La nostra viscosa di
qualità, il tessuto modal, il cotone si adattano a
tutte le condizioni climatiche e si autoregolano
alla temperatura corporea sia con un clima caldo
che con uno freddo. Tutti i tessuti Croixture sono
progettati e prodotti appositamente per noi. Disegnati e sviluppati da Sophie Bohmert, tutti i
Croixture
Aside from logical design and manufacture considerations, we hold high regard for the smallest
detail. We use high-quality buttons, such as
nacreous buttons, which are produced in Germany. We carefully select all other materials,
such as eyelets, ribbons and zippers, which are
exclusively produced in Europe. The manufacture of Croixture clothing is performed to the
same high-quality standards as the manufacture of its constituent materials.
capi sono realizzati in Europa e con materiali unicamente europei.
Croixture stands for the perfect combination of
functionality, quality, comfort and style.
Al di là della logica e delle considerazioni sul design e la manifattura, prestiamo una grande attenzione ai più piccoli dettagli. Usiamo bottoni di
alta qualità, come i bottoni in madreperla prodotti in Germania. Selezioniamo attentamente
tutti i materiali, come le asole, i nastri e le cerniere, esclusivamente prodotte in Europa. La
manifattura degli abiti di Croixture è basata sugli
stessi standard di alta qualità così come i materiali usati.
Comfort, feel and design for medical professionals
Croixture rappresenta la perfetta combinazione
di funzionalità, qualità, confort e stile.
– Natural and specially selected fabrics:
Cotton, modal, virgin wool
– Naturally treated fibers
– Stonewashed for a soft feel
– Easy care
– Creative and innovative
– Fine tailoring
– New perception of design and feel
– High-end manufacture
– Utmost attention to detail
– Delicate and velvety fabric texture — silky and
extra light
– Soft colors
– Combined threads for an exquisite color mix
Confort, materiali e design per le professioni
mediche
– tessuti naturali e specificatamente
selezionati: cotone, modal, lana vergine
– fibre naturali trattate
– lavaggio con pietre abrasive per ottenere
una sensazione morbida sulla pelle
– facile manutenzione
– creativi ed innovativi
– fine lavoro sartoriale
– nuova percezione del design e della
sensazione sulla pelle
– manifattura di alto livello
– grande attenzione ai dettagli
– delicata tessitura dall’effetto setoso
ed extra leggero
– colori tenui
– trattamenti combinati per ottenere
gradazioni diverse di colori
→ contact
BFG Berlin Fashion Group GmbH / Croixture
Am Sandwerder 12
14109 Berlin
Germany
→ www.croixture.com | T +49 30 801050 28
DDS 2014
industry
19
GHIMAS
GHIMAS
pursuing health and well beeing
since 1947
GHIMAS
Dal 1947... obiettivo salute e benessere
GHIMAS was founded in 1947 and has been producing dental and over-the-counter products,
as well as private-label products for third parties, for more than 65 years. GHIMAS is located
in Casalecchio di Reno just outside of Bologna,
one of Italy’s major cities. GHIMAS has been located there since 1968 and the company moved
to a new location with almost 3,000 m2 of floor
space in September 2004. The facility contains
state-of-the-art manufacturing equipment, including biology, chemistry, pharmacology and
quality control laboratories, allowing for highlevel research and the control of all phases of
production.
Ghimas nasce nel 1947, produce prodotti farmaceutici, OTC e dentali, nonché prodotti per
conto terzi da oltre 65 anni. Ghimas si trova a
Casalecchio di Reno, pochi chilometri fuori Bologna, una delle principali città italiane. Ghimas è presente nel territorio bolognese dal
1968. Nel settembre 2004, l’azienda si trasferisce in una nuovo stabilimento che copre quasi
3.000 metri quadrati di superficie. La nuova
sede contiene impianti di ultima generazione,
tra cui laboratori di biologia, chimica, farmacologia e controllo qualità. Questo consente a
Ghimas di condurre una ricerca di alto livello e
di controllare tutte le fasi di produzione.
GHIMAS products are distributed in more than
30 countries throughout the world, including
important markets, such as the US, South America, North Africa and East Asia. In the dental industry, GHIMAS is a market leader in Italy with
PLASTOR, a temporary filling material, and
other surgical products.
I prodotti Ghimas ‘sono distribuiti in più di 30
paesi in tutto il mondo, compresi importanti
mercati come gli Stati Uniti, Sud America, Nord
Africa e l’ estremo Oriente. Nel campo dentale
Ghimas è leader di mercato in Italia con PLASTOR, un materiale di riempimento temporaneo e con altri prodotti chirurgici nel settore
dentale.
Three of our most innovative and highly successful products are FISIOGRAFT, CHLO-SITE,
both researched and developed entirely by our
scientific staff, and BNX 3D GUIDE.
BNX 3D GUIDE is a treatment planning program
used to create surgical guides for dental implant
and prosthesis placement. The customised surgical guide created using BNX 3D GUIDE enables the clinician to perform implant and prosthesis placement in fully or partially edentulous
patients safely, efficiently and quickly. With BNX
3D GUIDE, all clinical decisions can be made at
the planning stage before the surgical procedure
takes place. This very accurate surgical guide facilitates results that are fully consistent with the
software planning.
20
DDS 2014
industry
Tre dei prodotti più innovativi e di grande successo di Ghimas sono FISIOGRAFT, CHLOSITE, prodotti e sviluppati interamente dal nostro personale scientifico e BNX 3D GUIDE.
BNX 3D GUIDE rappresenta un metodo di realizzazione di guide chirurgiche per l’intervento
implanto-protesico dentale attraverso la pianificazione software.
Attraverso la progettazione implantare, la metodologia BNX 3D GUIDE, realizza per il Dentista una guida chirurgica personalizzata che
consente di eseguire l’intervento implantoprotesico in modo sicuro, efficiente e rapido sia
per pazienti totalmente edentuli che per pazienti con edentulia parziale.
GHIMAS
BNX 3D GUIDE enables a less invasive procedure
while ensuring a high level of accuracy, BNX 3D
GUIDE is the safest and most advanced guided
implant surgery system now available.
Il livello di accuratezza raggiunto consente di
ottenere una guida chirurgica estremamente
precisa, garantendo un risultato perfettamente in linea con la pianificazione software.
Furthermore, with BNX 3D GUIDE, the clinician
can easily collaborate with the technician using
the digital modelling 3-D system to plan and realise the most advanced prosthetic solutions.
Con BNX 3D GUIDE tutte le decisioni cliniche
possono essere prese in fase di pianificazione
prima dell’esecuzione dell’intervento.
La minore invasività dell’intervento unita ad
un’estrema precisione fanno di BNX 3D GUIDE
il sistema di chirurgia guidata più avanzato e
sicuro.
Utilizzando BNX 3D GUIDE il clinico può facilmente collaborare con l’odontotecnico, che
utilizzi la modellazione digitale 3-D, per progettare e realizzare le soluzioni le protesiche
più avanzate.
→ contact
GHIMAS S.p.A.
Via Domenico Cimarosa 85
40033 Casalecchio di Reno (Bologna)
Italy
→ www.ghimas.it | T +39 051 57 53 53
DDS 2014
industry
21
Henry Schein Krugg
About
Henry Schein Krugg
L’azienda Henry Schein Krugg
Henry Schein is the world’s largest provider of
health care products and services to office-based
dental, animal health and medical practitioners.
The company also serves dental laboratories, government and institutional health care clinics, and
other alternate care sites. A Fortune 500 company
and listed on the NASDAQ-100 Index, Henry
Schein has more than 17,000 employees and
serves more than 800,000 customers.
22
DDS 2014
industry
Henry Schein, Inc. è il più grande fornitore di prodotti e servizi per la salute rivolto a professionisti
medici, dentisti e veterinari con studi privati.
L’azienda rifornisce anche studi dentistici, cliniche mediche statali e pubbliche ed altre strutture mediche alternative. Azienda inserita nella
classifica Fortune 500 e nell’indice NASDAQ
100, Henry Schein ha oltre 17,000 dipendenti e
rifornisce oltre 800,000 clienti.
Henry Schein Krugg
The company offers a comprehensive selection of products and services, including valueadded solutions for implementing efficient
practices and delivering high-quality care.
Henry Schein operates through a centralised
and automated distribution network, with a
selection of more than 96,000 branded products and Henry Schein private-brand products
in stock, as well as more than 110,000 additional products available as special-order
items. The company also offers its customers
exclusive, innovative technology solutions, including practice management software and ecommerce solutions, as well as a broad range
of financial services. Headquartered in
Melville in New York, Henry Schein has operations and affiliates in 27 countries.
In 2004, Henry Schein acquired Krugg, and
was then able to combine Krugg’s long-standing customer focus with the service and experience of a large multinational. Since then,
Henry Schein Krugg has evolved from a catalogue sales company into a provider of a
broader range of products and services, including high-tech equipment and products,
technical assistance and repairs, and financial
services, while continuing to offer consumable
products and small equipment for offices and
laboratories.
For more information, visit the Henry Schein
Krugg website at www.henryschein.com.
L’azienda offre una selezione completa di prodotti e servizi, incluse soluzioni a valore aggiunto
per l’attuazione di pratiche efficienti e la fornitura di assistenza sanitaria di alta qualità. Henry
Schein opera attraverso una rete di distribuzione
centralizzata ed automatizzata, con una selezione di oltre 96,000 prodotti di marca e prodotti
Henry Schein a marchio privato sempre disponibili ed oltre 110,000 prodotti aggiuntivi speciali
disponibili su ordinazione. L’azienda offre inoltre
ai suoi clienti soluzioni tecnologiche innovative
ed esclusive, inclusi software di gestione di studi
professionali, soluzioni di e-commerce ed una
vasta gamma di servizi finanziari. Con sede centrale a Melville, N.Y., Henry Schein opera ed ha filiali in 27 Paesi.
Nel 2004 Krugg, forte dell’acquisizione da parte
di Henry Schein, il più grande fornitore globale di
prodotti e servizi sanitari, è stata in grado di coniugare il suo tradizionale impegno orientato al
cliente con il servizio e la grande esperienza della
multinazionale.
→ contact
Henry Schein Krugg srl
Via dei Lavoratori 7
20090 Buccinasco (Milan)
Italy
→ www.henryschein.it | T +39 02 45 77 31
Da quel momento Henry Schein Krugg si è trasformata da azienda di “vendita attraverso cataloghi” in azienda fornitrice di una gamma di
prodotti e servizi più ampia, tra questi grandi
attrezzature e prodotti High Tech, assistenza
tecnica e riparazioni nonché servizi finanziari,
oltre alla tradizionale offerta di prodotti di consumo e piccole attrezzature per lo Studio e il
Laboratorio.
Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web di
Henry Schein Krugg, www.henyschein.it, o di
Henry Schein, Inc., www.henryschein.com.
DDS 2014
industry
23
KaVo
KaVo
Dental Excellence
Questo è il motto della KaVo con quartier generale
in Germania, a Biberach/Riss.
Dental excellence is the guiding principle of
KaVo. For over 100 years now, our company has
been developing, manufacturing and selling
high-quality products that set new market standards. KaVo has made a significant contribution
to progress in dentistry with its ongoing innovations. This has made KaVo a leader in the global
dental industry and forms the basis for our future growth. The more than 2,200 patents and
utility models that have been granted in Germany and abroad are proof of this.
Our core business is in the fields of dental instruments, equipment, treatment units, imaging and
CAD/CAM. Particular product highlights include
our turbines, straight and contra-angle handpieces, diagnostic equipment, lasers, surgical
units, treatment units, as well as multimedia, imaging and CAD/CAM products.
Global presence
KaVo has over 3,000 employees worldwide and
18 subsidiaries, which focus on customer satisfaction. Furthermore, we are represented by
dealers, with whom we have exclusive agreements, in most countries. Our headquarters are
in Biberach an der Riss in Germany.
As a global corporation, KaVo now produces in
four locations. Flexibility, proximity to our customers and market-oriented products are the
result.
KaVo, achieving dental excellence in the
twenty-first century
KaVo is continuously improving its processes to
maintain the high quality that has been associated with our brand and products from the start.
Our company will continue to provide holistic,
sustainable and comprehensive solutions for
dental professionals, and to work to prove itself a
24
DDS 2014
industry
reliable partner and expert consultant in all aspects of dentistry now and in the future.
As part of its imaging business, KaVo distributes
Gendex and Instrumentarium Dental products,
including therefore in its portfolio the most advanced 2-D and 3-D technologies.
Recent innovative additions to the company’s
product range are the EXPERTsurg LUX and
MASTERsurg LUX surgical units for use with
SURGmatic handpieces.
Da oltre 100 anni i nostri addetti sviluppano, producono e vendono prodotti pregiati che hanno
determinato e continuano a definire gli standard
di riferimento sul mercato. Grazie alle continue
innovazioni KaVo ha contribuito al progresso in
odontoiatria.
Questo ha reso KaVo una delle aziende leader a
livello internazionale nel settore dentale, costituendone la base per la futura crescita. Una dimostrazione di ciò sono gli oltre 2,200 brevetti
registrati e i modelli di utilizzo distribuiti a livello
nazionale ed internazionale.
I nostri campi di attività principali si suddividono
in Strumentazione Rotante e Piccole Attrezzature, Riuniti Odontoiatrici, Imaging, CAD/CAM.
In particolare i nostri prodotti sono turbine, manipoli e contrangoli, sistemi per la diagnostica,
strumenti laser, strumenti per la chirurgia, riuniti
nonché attrezzature per multimedia, radiologia,
odontotecnica e CAD/CAM.
KaVo – Presenza globale
Oltre 3,000 dipendenti in 18 succursali in tutto il
mondo garantiscono la massima vicinanza al
cliente e l'elevata soddisfazione dei clienti.
KaVo
Cifre e fatti
Con oltre 3,000 collaboratori in tutto il mondo,
l'anno 2001 si è chiuso con un fatturato di ca.
370 mio Euro.
KaVo. Società Globale, dispone di sei stabilimenti di produzione. Il risultato: più flessibilità,
maggior presenza presso il cliente e la miglior disponibilità alla continua evoluzione del mercato.
Con la continuità della sua costante ricerca KaVo
ha dato un forte contributo allo sviluppo della
moderna odontoiatria. Testimonianza convalidata da oltre 2,200 brevetti e modelli di impiego
in tutto il mondo.
Nel 1992 inizia l'era del trattamento dentale con
pochi dolori, grazie all'introduzione del KaVo KEY
LASER. Nell'anno 1994 alla KaVo vengono conferiti i certificati per l'adempimento alla gestione
di qualità conformemente alle normative ISO
9001 e EN 46001.
Nel 1998 KaVo presenta il primo sistema multimediale al mondo per lo studio dentale „ERGOcom1“, nonché l'innovativo DIAGNOdent per il riconoscimento di carie. Nel 2003 la KaVo entra
nell'era CAD/CAM con il sistema Everest.
Nel 2005 alla KaVo vengono conferiti i premi di
innovazione per i prodotti di successo GENTLEsilence & DIAGNOdent pen. GENTLEsilence è
stata venduta ben 50.000 volte in un solo anno.
Storia
KaVo – Dental Excellence nel 21º secolo
L'azienda KaVo venne fondata nel 1909 da Alois
Kaltenbach a Berlino-Steglitz e già dopo breve
tempo si è sviluppata fino a diventare leader sul
mercato del settore dentale.
Richard Voigt entrò a far parte della giovane
azienda nel 1919 e la sede aziendale venne quindi
trasferita a Potsdam. Nel 1928 la KaVo ha sviluppato il primo manipolo sterilizzabile al mondo. Il
primo riunito odontoiatrico viene prodotto dal
1936.
Nell'anno 1946 entrò in azienda Erich Hoffmeister, come nuovo socio e dopodiché la sede
aziendale venne trasferita nell'alta Svevia a Biberach. Dopo la fine della guerra qui venne ripresa la produzione degli strumenti. Nel 1952
venne poi ripresa anche la produzione delle attrezzature. Nel 1958 con la KaVo Borden-Air 60
iniziò la marcia trionfale della turbina negli studi
odontoiatrici tedeschi.
KaVo lavora in continuazione a migliorie di processi, al fine di garantire l'elevata qualità ormai
legata al nome KaVo sin dalla fondazione dell'azienda.
KaVo anche in futuro saprà affermarsi come partner competente e affidabile per la fornitura di soluzioni complete, integrative e durevoli che soddisfino tutti i requisiti dell'odontoiatria. Nel mercato
della radiologia, KaVo distribuisce anche i prodotti
a marchio Gendex e Instrumentarium, includendo
pertanto nel proprio portafoglio prodotti le più
avanzate tecnologie 2-D e 3-D.
Ulteriori recenti prodotti all’avanguardia sono stati
introdotti in ambito chirurgico/implantologico,
con i dispositivi chiamati KaVo EXPERTsurg e MASTERsurg ed i manipoli della serie SURGmatic.
→ contact
KaVo ITALIA srl
Via del Commercio 35
16167 Genoa
Italy
→ www.kavo.it
T +39 010 833 21
L'azienda imbocca un coerente percorso di crescita e nel 1959 apre lo stabilimento per odontotecnica di Leutkirch. Il riunito1025 venne sviluppato nel 1965 ed è il primo riunito KaVo che consente il trattamento di pazienti distesi. Questo è
l'inizio di una rivoluzione dell'ergonomia del lavoro negli studi dentali.
Nel 1976 venne poi inaugurato lo stabilimento
per attrezzature dentali di Warthausen. L'attacco MULTIflex viene presentato al mondo specialistico nel 1977 ed è ancora oggi uno standard
molto apprezzato. Nel 1980 l'unità operativa
REGIE 1050, nel frattempo leggendaria, come
pure i mobili da studio DOMINO, festeggiano il
loro debutto.
DDS 2014
industry
25
MyRay
MyRay
New comfort in digital imaging
New comfort in digital imaging
Innovation, speed, design, performance
At MyRay, we believe that it is not just a question
of including as much technology as possible in a
medical device; the primary objective is to make
that device as effective as possible, so that the
end-user will immediately benefit from the
technology in terms of performance and quality.
We pride ourselves on creating solutions that offer new levels of comfort and the best available
technologies: instruments developed for those
looking for innovation, speed, design and performance.
2-D and 3-D imaging
We have three product families to cover all aspects of 2-D and 3-D imaging, plus a host of
complementary patented solutions to make life
easier for dentists and radiologists. The complete product range includes high-frequency Xray units, wireless digital sensors, innovative
panoramic imagers, intra-oral cameras, curing
lights, CBCT imaging systems and dedicated,
user-friendly software.
right tools. We create those tools with your tangible aspirations in mind.
MyRay is a global name in the field of image-assisted diagnostics primarily intended for dental
professionals and radiologists.
Present across all continents, our sales team is
supported by qualified technical staff, who provide local assistance and remote support via Internet-based tools or by phone. All MyRay staff
benefit from intensive product training at regular intervals to ensure that you receive the best
answers and to extend our promise of reliability
beyond the product itself to the sound advice we
provide for the profession.
Innovazione. Rapidità. Design. Prestazioni.
Non si tratta solo di inserire quanta più tecnologia possibile in un dispositivo medico; l’obiettivo
primario di MyRay è far sì che quel dispositivo sia
il più efficace, affinché l’utente finale goda immediatamente di ciò che la tecnologia ha da offrire sia in termini di prestazioni che di qualità.
Understanding your workflow
The idea that drives us is extremely simple: we
do everything we can to provide new levels of
comfort in digital imaging.
We believe in making the best technology immediately available to both dentists and radiologists. This approach demands innovative ideas,
ideas that translate raw technology into real
benefits appreciated every day you walk into
your operatory.
We have decades of experience in the dental industry, so we understand your needs and how
your workflow will improve if we give you the
26
DDS 2014
industry
Siamo orgogliosi delle nostre soluzioni creative
che offrono nuovi livelli di comfort e le migliori
tecnologie disponibili: strumenti concepiti per
coloro che richiedono innovazione e rapidità, design e prestazioni
Imaging 2-D e 3-D
Proponiamo essenzialmente tre famiglie di prodotti che coprono tutti gli aspetti dell’imaging 2D e 3-D, oltre a una molteplicità di soluzioni complementari e brevettate atte a semplificare la
vita di dentisti e radiologi. La gamma completa
dei nostri prodotti comprende radiografici ad
alta frequenza, sensori digitali wireless, disposi-
MyRay
Fig. 1
tivi panoramici innovativi, telecamere intraorali,
lampade polimerizzanti, sistemi di radiologia CB
3-D e software intuitivi e dedicati.
Capire il flusso di lavoro
L’idea di base è estremamente semplice: fare
tutto il possibile, e anche di più, per garantire
nuovi livelli di comfort nell’imaging dentale.
Vogliamo che dentisti e radiologi abbiano a loro
disposizione il meglio della tecnologia attuale.
Questo approccio richiede idee innovative, che
trasformino la tecnologia in vantaggi concreti
apprezzabili quotidianamante in qualsiasi studio
odontoiatrico.
Grazie a decenni di esperienza nel settore dentale siamo in grado di capire le vostre esigenze e
siamo consapevoli che, con gli strumenti giusti, è
possibile migliorare il vostro flusso di lavoro. Ed è
proprio focalizzandosi sui vostri reali bisogni che
si arriva alla creazione di questi strumenti.
Fig. 2
Fig. 1
X-pod
Fig. 2
Hyperion X9
Nel campo della diagnostica per immagini, il
marchio MyRay è noto a dentisti e radiologi di
tutto il mondo.
Siamo presenti ormai in ogni continente e il nostro
team vendite è supportato da tecnici altamente
qualificati che garantiscono assistenza in loco e
supporto a distanza, via web o telefono. I membri
dello staff MyRay partecipano periodicamente a
corsi intensivi mirati sui prodotti e sono sempre
pronti a rispondere e gestire qualsiasi richiesta.
Ecco che il fondamentale concetto di affidabilità
non si limita solamente ai nostri prodotti, ma anche alla consulenza altamente specializzata che
offriamo ai nostri clienti.
→ contact
MyRay
Via Bicocca 14/C
40026 Imola (Bologna)
Italy
→ www.my-ray.com | T +39 0542 65 34 41
DDS 2014
industry
27
orangedental
Digital imaging devices
and software for your practice
orangedental – made in Germany
Dynamic occlusion with Freecorder BlueFox ensures success in
prosthetics, orthodontics and dental technology
Apparecchi per l´immagine digitale e software per il suo studio
innovazioni premium sin dal 1998
Occlusione dinamica con Freecorder BlueFox assicura il successo nella tecnologia prostetica, odontoiatrica e dentale. orangedental – prodotto in Germania
Digital imaging devices for diagnostics and
treatment always present new challenges to the
practice team: Which device should be chosen?
How is the device installed in the practice? How
is the device integrated into the treatment
process? How does network integration occur?
Who is responsible for training, maintenance
and service? Questions upon questions – but the
mouse and keyboard have moulted into dental
instruments.
As a specialist for digital x-rays, optical imaging
and software, orangedental has provided integrated digital solutions since 1998 that have
proven their value in day-to-day practice. Both
the byzz image consulting software and the c-on
intraoral camera have set quality standards.
Innovators in search of new solutions for the
patient's benefit
Dentistry is undergoing quick and continuous
development. New digital devices for diagnostics and treatment have become a decisive factor in the success of every practice. They open up
new sources of revenue and are an important
factor in differentiating one practice from another. And this is where orangedental would like
to surprise you again and again with new highquality products.
28
DDS 2014
industry
Gli apparecchi per l´immagine digitale per la diagnostica e il trattamento presentano sempre
sfide nuove per il team dello studio: Quale dispositivo scegliere? Come sarà installato il dispositivo nello studio? Come si integrerà il nuovo dispositivo nel processo di trattamento? Come
procederà l´integrazione con la rete? Chi è responsabile per la formazione, per la manutenzione e per l´assistenza? Domande su domande
– ma il mouse e la tastiera si sono trasformati in
strumenti odontoiatrici.
Come specialista per radiografie digitali, immagine ottica e softwere, orangedental ha fornito
soluzioni integrate digitali sin dal 1998, che
hanno collaudato il loro valore, con la pratica
giorno dopo giorno. Sia la byzz software per la
consultazione dell´immagine , che la c-on camera per vie orali, hanno stabilito standard qualitativi.
Innovatori in ricerca per nuove soluzioni per il
benessere del paziente
L´odontoiatria sta subendo veloci e continui sviluppi. I dispositivi digitali per la diagnostica e il
trattamento sono diventati un fattore decisivo
per il successo di ogni studio. Aprono nuovi fonti
di entrate e sono un importante fattore nel differenziare uno studio dall´altro. E su questo orangedental vuole sorprendervi ancora e ancora con
nuovi prodotti di alta qualità.
orangedental
Our best practice: specialty devices for periodontics, endodontics and prophylaxis –
simply innovative
Il nostro miglior esercizio: dispositivi speciali per
la periodonzia, la endodonzia e la profilassi –
semplicemente innovativi
To treat better, treat quicker, be there for the patient and to separate yourself from the competition specialty devices can provide substantial
help.
– Pa-on – the first periometer for the fully automated assessment of periodontal status.
Faster, standardised and fully software-integrated.
– Smart PAD – The photo-activated oral disinfection for dental hygiene.
– Carie-Scan – Efficient caries management
– Freecorder BlueFox – The digital recording device for measurements for jaw movements to
consider the dynamic occlusion in prosthetics
and orthodontics – x-on nxt intraoral sensor
Per trattare meglio, trattare più velocemente, essere li per i pazienti e contra distinguervi dai dispositivi specialistici della concorrenza, può provvedere un aiuto sostanziale.
– Pa-on – il primo periometer per l´assestamento
completamente automatico dello status periodontale Più veloce, un software standardizzato e
completamente integrato.
– Smart PAD – La disinfezione foto-attivata per
l´igiene dentale.
– Carie-Scan – Gestione efficace della carie
– Freecorder BlueFox - Il dispositivo per la registrazione digitale per le misurazioni dei movimenti della mascella che considera l´occlusione
dinamica nella protesi e ortodonzia – x-on nxt
sensore orale
Our best vision: Optical innovations for magnification, ergonomics and documentation
La nostra migliore vision: Innovazione ottica per
l´ingrandimento, ergonomico e documentato
– c-on nxt – intraoral camera Intraoral camera
systems – Optimal patient consultation: a picture says more than a thousand words
– opt-on – The most comfortable loupe with the
greatest depth of field and corner-to-corner
sharpness
– spin-bright – The spinning dental mirror that
always stays clear and clean
– Dentaloscope 2HD – Magnification, ergonomics and light. The new freedom to work comfortably (with HD-Quality). Perfect ergonomics and maximum precision for every treatment
– c-on nxt – Intraoral camera systems – Consultazione ottimale del paziente: un imagine dice
più di mille parole.
– opt-on – La più confortevole lente d´ingrandimento con la più grande profondità di campo e
angolo d´intensità.
– spin-bright – Lo specchio girevole che rimane
sempre pulito e chiaro.
– Dentaloscope 2HD – Ingrandimento, ergonomia
e luce. La nuova libertà per lavorare confortabilmente (con HD-Qualià). Ergonomia perfetta e
massima precisione per ogni trattamento.
We want to inspire you with quality
and service
Noi vogliamo ispirarti con qualità
e servizio
Quality and service have to be right. A smooth
treatment process is the highest goal. orangedental was the first company in the dental field
to provide a service hotline 7 days/week: so that
you can have your questions answered outside
of your normal business hours.
Qualità e servizio devono essere giusti. Un trattamento tranquillo è la meta più alta. orangedental è
stata le prima compagnia nel campo odontoiatrico
che ha fornito un´assistenza per 7 giorni alla settimana: per fare in modo che voi possiate avere risposte elle vostre domane al di fuori dell´orario di
lavoro.
Working together with the specialized dental
trade for your benefit
orangedental has worked together with the
specialized dental trade since its founding. You
select the partners you trust and we work together with them to deliver you state-of-theart quality.
Lavorare insieme con commercio odontoiatrico
specializzato per il Vostro benificio
orangedental ha lavorato insieme con il commercio odontoiatrico specializzato sin dalla fondazione. Voi selezionate gli soci e noi lavoriamo insieme a loro per consegnare a voi una qualità da
opera d´arte.
→ contact
orangedental
GmbH & Co. KG
Aspachstr. 11
88400 Biberach
Germany
→ www.orangedental.de
[email protected]
Tel.: + 49 7351 474 99 0
DDS 2014
industry
29
Procter & Gamble
Oral-B
the No. 1 brand
recommended by dentists
Oral-B – Il marchio #1 raccomandato dai dentisti
The Oral-B brand has a long association with
dental professionals. Oral-B was founded by a
dentist and throughout its history has developed
products in close co-operation with dentists and
hygienists. Our history began back in 1950 with
Dr Robert Hutson, a Californian periodontist
who created, designed and patented the first
Oral-B toothbrush with its soft, round-ended
nylon bristles. He also created the Oral-B brandname. “The first product was known as the OralB 60 because it had 60 tufts,” according to Dr
Hutson.
Il marchio Oral-B è lagato da tantissimo tempo ai
Professionisti Dentali. Oral-B è stato fondato da
un dentista e durante tutta la sua storia ha ideato
e sviluppato prodotti lavorando a stretto contatto con dentisti e igienisti. La storia di Oral-B è
cominciata negli anni ’50 con il Dr. Robert Hutson, un parodontologo californiano, che creò, disegnò e brevettò i primi spazzolini Oral-B con setole di nylon morbite ed arrotondate. Lui stesso
inventò anche il nome Oral-B. “Il primo prodotto
fu chiamato Oral-B 60” disse il Dr. Hudson “perché aveva 60 ciuffi”.
The role of the dental profession and our work
with dental professionals
Il ruolo dei Professionisti Dentali nella
ricerca P&G
Dental professionals play a significant role in
P&G’s business and we are committed to supporting them, as we value them as key health
care providers. We share the mutual goal of
treatment success and patient satisfaction. In
order to help dental professionals achieve the
best oral health for their patients, Oral-B develops innovative products.
I Professionisti Dentali giocano un ruolo fondamentale per P&G che li supporta e valorizza
avendo lo scopo comune di curare e soddisfare il
paziente. Al fine di aiutare i Professionisti Dentali
a ottenere l’igiene orale migliore per i propri pazienti, Oral-B sviluppa prodotti e soluzioni innovative per tutti i tipi di pazienti. Questi prodotti
innovativi sono supportati da un robusto corpo di
dati clinici e aiutano i Professionisti Dentali a
soddisfare i bisogni specifici di ogni paziente.
These innovative products are supported by
sound clinical data and they help dental professionals meet the patient-specific needs of their
particular practice. For example, to improve pa-
30
DDS 2014
industry
Per esempio, per aiutare la compliance dei pazienti, Oral-B ha sviluppato lo spazzolino elet-
Procter & Gamble
tient compliance, Oral-B developed Oral-B Triumph with SmartGuide, which guides the patient on proper brushing and helps improve
brushing behaviour.1
Furthermore, we provide educational materials
on a wide range of topics to address the needs of
individual patients and dental professionals.
Linking patient needs and technology to deliver
outstanding products
At Oral-B, we keep in touch with patients and
dental professionals throughout the entire product development process, from idea generation
to in-market follow-up after launch. Understanding of patients’ needs and uses is achieved
through qualitative research (e.g. patient inhome visits) and quantitative research (e.g.
habits and practices studies). Furthermore, we
maintain regular contact with the dental profession and especially opinion leaders in the field
(e.g. through an advisory board), and consider
their input in our product development.
The Consumer and Products Research Centre is
an in-context research facility. It is our power engine for consumer-centric innovation and for
bringing consumers’ experience with the product to life. It contains focus group rooms (fully
linked with audio and video) and bathroom-like
cabins for consumer habits and practices studies, and sensory work.
Robot centre in Kronberg, a state-of-the-art in
vitro testing facility
Robot tests are used to investigate the cleaning
performance of new products and these tests
start very early in the product development
trico Oral-B Triumph con la Smart Guide, che
migliora la routine e regolarità di spazzolamento domiciliare dei pazienti (Walters PA, et
al. J Contemp Dent Pract 2007 May; (8)4:001009).
→
1 Walters, P.A., et al., “Novel oscillating-rotating power toothbrush
with SmartGuide: Designed for
enhanced performance and compliance”, Journal of Contemporary
Dental Practice, 8/4 (2007), 1–9.
Inoltre P&G mette a disposizione di pazienti e
Professionisti Dentali materiale educativo su
diversi argomenti riguardanti la salute e
l’igiene orale.
Unire le necessità dei pazienti con tecnologia
all’avanguardia ci permette di realizzare
prodotti superiori
In Oral-B lavoriamo a stretto contatto sia con i
pazienti che con i professionisti dentali durante tutto il processo di sviluppo dei prodotti,
dalla creazione di nuove idee alla loro commercializzazione. P&G approfondisce la conoscenza delle necessità dei pazienti tramite ricerca qualitativa (ad es. visite a casa dei pazienti) e ricerca quantitativa (ad es. studi di
abitudine di consumo).
Siamo anche regolarmente in contatto con i
Professionisti Dentali e in particolar modo con
gli Opinion Leader per avere commenti e consigli su come meglio sviluppare i nostri prodotti
(ad esempio Advisory Board).
La struttura di Consumer and Products Research Centre (CPRC) ci permette di innovare i
prodotti mantenendo i pazienti al centro della
ricerca. All’interno della struttura CPRC ci
sono stanze per focus group (con audio e video
per osservare le discussioni in remoto) e cabine
che riproducono il bagno di casa per analisi
sensoriali e studi sulle abitudini di consumo.
DDS 2014
industry
31
Procter & Gamble
→
2 Danser, M.M., et al., “A laboratory and clinical investigation
comparing 2 oscillating/rotating
electric toothbrushes”, Journal of
Clinical Periodontology, 27/4
(2000), 277–83.
process with just a handful of prototypes. The
results with prototypes help us to understand
the potential of a toothbrush before scaling up
and such tests are therefore normally the first
step before testing new products with patients
or in clinical studies. The robots are programmed
to simulate patients’ use of manual or power
toothbrushes, but without the human factor.
Testing under these standardised and controlled
conditions is objective and controls for factors
that can influence clinical testing, such as brushing technique and novelty effects. Brushing by
robots and the assessment of results via a visual
laser camera system provide objective test results. Leading candidates for further development or later in vivo testing can be identified in a
way that is cost-effective and fast. The robot
test methodology has been clinically validated.
The results have been presented at an International Association for Dental Research meeting
and published in the Journal of Clinical Periodontology.2
Oral-B advanced clinical research
P&G is highly experienced in clinical research.
Oral-B clinical studies are conducted in accordance with international standards of good clinical practice using well-established indices for
both plaque and gingivitis evaluation. We assess
and monitor the clinical performance of our prototypes from the earliest stage up to the final
product. We examine a diverse portfolio of study
designs for plaque removal, gingivitis prevention and stain removal, among others. Clinical
studies are of great importance to confirm that
our products deliver the desired in vivo benefits,
as well as to guide the future development of
toothbrushes, toothpaste and oral care concepts.
→ contact
Procter & Gamble
Viale Giorgio Ribotta 11
00144 Rome
Italy
→ www.dentalcare.com
32
DDS 2014
industry
Il centro di robotica a Kronberg è
all’avanguardia nel campo della
sperimentazione in-vitro
I test coi robot sono utilizzati per analizzare l’efficacia dei nuovi prodotti e vengono effettuati sin
dalle prime fasi del processo di sviluppo grazie
all’uso di vari prototipi. I risultati ottenuti coi prototipi ci aiutano a capire il potenziale dello spazzolino prima di avviarne la produzione. Tali test
vengono pertanto eseguiti sia prima dei test sui
pazienti che dei test clinici. I robot sono programmati per simulare l’utilizzo di spazzolini
manuali od elettrici da parte dei pazienti – eliminando però la variabilità umana.
I test effettuati con queste procedure controllate
e standardizzate sono oggettivi e eliminano fattori come la tecnica di spazzolamento e l’effetto
dell’utilizzo di uno strumento nuovo che possono influenzare i risultati degli studi clinici. I risultati vengono poi raccolti da un sistema visivo
di Laser camera che permette di mantenere l’oggettività dei risultati. Questa metodologia di Test
Robotici è stata clinicamente validata e ci consente di effettuare test in-vitro in maniera molto
più rapida ed economica. I risultati di alcuni di
questi studi sono stati presentati durante l’International Association for Dental Research e pubblicati su Journal of Clinical Periodontology
(Danser MM, et al., J. Clin Periodontol, 2000;
27: 277-283).
Ricerca Clinica all’avanguardia di Oral-B
P&G ha moltissima esperienza di ricerca clinica.
Gli studi clinici di Oral-B vengono condotti seguendo gli standard internazionali di buona pratica clinica e utilizzando i più conosciuti indici di
rilevamento di placca e gengivite. Gli studi clinici
sono estremamente importanti per confermare
che i nostri prodotti diano i risultati desiderati dai
pazienti, ma anche per guidare lo sviluppo futuro
di spazzolini, dentifrici e tutti i prodotti per
l’igiene orale. Controlliamo e monitoriamo le
performance cliniche di tutti i nostri prototipi
dalla loro creazione alla loro uscita sul mercato.
Gli scopi degli studi clinici effettuati possono essere tra i più vari dalla rimozione della placca, alla
prevenzione della gengivite, alla rimozione delle
macchie estrinseche, ecc.
REVELLO
REVELLO:
Values and passion for dentistry
Working with dental professionals for 65 years
Valori e passione per il dentale
Structures to serve you with efficiency
→ REVELLO study centre
Our study centre offers continuing dental education for your professional growth. Training at the
centre focuses on CBCT, digital impressions,
CAD/CAM, implantology and guided surgery.
Our mission
ililil tuo
tu
uoo
tu
tuo
sistema
ssis
sist
sistem
sstema
st
te
ttem
em
e
ma
m
aa
sistem
sist
sis
ma
m
di
impresa
ddi
iim
m
mpr
mpre
pre
pres
p
rres
es
e
esa
sa
di impre
impres
impresa
imp
im
pr
p
resa
rre
esa
esa
dd
denta
ental
ent
enta
e
nt
n
ta
a
alle
dentale
dentale
denta
enta
nttal
le
→ Dental business education
Our team of professional consultants will help
you develop your business and professional success through the quality of products and services
we offer.
→ Technical assistance
REVELLO supports you efficiently for any need
concerning your equipment, including installation, repair and periodical check-up of your
equipment. We offer a team of qualified technicians in all regions to guarantee a fast and riskfree service.
Tradizione e innovazione al servizio del settore
odontoiatrico e odontotecnico. Questa è Revello: un’impresa familiare oggi divenuta leader
tra le aziende italiane operanti nel mercato dentale, con competenze specifiche nei campi dell’implantologia, dell’imaging digitale, del CAD/
CAM e della vostra formazione professionale ed
imprenditoriale. Una storia lunga generazioni
che parla di dinamismo, intraprendenza e passione. Con Voi da piu’ di 65 anni...
Valori e competenze per il dentale
→ Capo area e agenti classic
Le persone sulle quali potete sempre fare affida-
34
DDS 2014
industry
REVELLO
mento per supporto all’acquisto e consulenza sui
prodotti d’uso.
→ Agenti Specialist
I vostri consulenti per l’implantologia e le grandi
attrezzature: la competenza e l’aggiornamento,
al vostro servizio.
→ Customer Care
La “Cura del Cliente” firmata Revello: un servizio
di riferimento costante e personale, per ogni
aspetto amministrativo e logistico.
→ Assistenza Tecnica
Tecnici certificati dalle migliori aziende fornitrici,
pronti a fornirvi consulenza e manodopera qualificata, rapida ed efficace.
Strutture al vostro servizio
Il centro direzionale Revello di Verona garantisce
l’organizzazione, la gestione amministrativa e la
logistica centralizzata. In particolare il magazzino Revello, che si estende per una superficie di
oltre 3.500 metri quadrati, evade più di 900 ordini al giorno.
Revello è soprattutto presenza capillare sul territorio nazionale da nord a sud, una estesa rete di
filiali garantisce una ancora più efficace copertura strategica. Crescita costante Revello continua nella sua espansione sul territorio per essere
sempre più vicina ai propri clienti.
Centro studi REVELLO: Valori e formazione
per il dentale
Formazione, collaborazione e aggiornamento
sono al servizio del vostro business. Alla base di
un sistema che punta all’eccellenza, attraverso il
Centro Studi, Revello propone, coordina e realizza corsi tematici, con particolare attenzione
alle ultime tecnologie di settore: una serie di percorsi di crescita professionale personalizzati, per
trasmettere ai vostri studi e al personale tutte le
competenze necessarie allo sviluppo dello studio e alla soddisfazione del paziente.
→ Focus: Implantologia e Chirurgia orale
Il Centro Studi Revello collabora con professionisti selezionati e riconosciuti per l’esperienza maturata nel campo dell’implantologia e della chirurgia orale.
Offriamo diversi livelli di approfondimento a
seconda delle vostre specifiche esigenze: da
un lato, per chi sta muovendo i primi passi, proponiamo corsi ”base”, mentre per chi desidera
approfondire tematiche specifiche e più complesse, strutturiamo corsi “avanzati”.
Inoltre, mettiamo a vostra disposizione il “coaching one-to-one”, ovvero l’opportunità di un
tutor qualificato, in grado di offrire formazione
mirata per affiancamenti su specifici casi implantari e per assistenza costante. Un vantaggio che va ad aggiungersi alla partnership
stretta con MIS, l’azienda israeliana seconda
produttrice al mondo di impianti e soluzioni
protesiche, distribuita in esclusiva in Italia da
Revello.
→ Focus: nuove metodiche e tecnologie
Organizzati presso le nostre filiali, proponiamo
workshop studiati in collaborazione con le più
qualificate aziende produttrici, sui piani della
formazione e dell’aggiornamento, riguardanti
l’utilizzo delle nuove tecnologie e le metodiche
di intervento ad esse associate.
→ Focus: radiologia digitale 3D CONE BEAM
TC, impronta ottica e CAD/CAM
Per continuare ad offrire ai propri pazienti soluzioni di qualità, sempre al passo con i tempi, è
indispensabile essere allineati con un sistema
in continuo mutamento. Soprattutto in odontoiatria, dove – mentre dilagano fenomeni
quali il turismo odontoiatrico e i centri dentistici low cost – si è sempre più chiamati a sviluppare terapie meno invasive, più efficaci, sicure e veloci.
Con questa filosofia, riteniamo la pratica dell’odontoiatria assistita dal digitale, o digital
dentistry, il giusto mezzo per mantenere alti gli
standard qualitativi della professione, fidelizzando i pazienti e offrendo loro un grande valore aggiunto. La digital dentistry è anche una
soluzione efficace per abbassare i costi di gestione aumentando la redditività delle prestazioni.
La mission REVELLO: “Scuola impresa dentale”
“Contribuire al successo professionale ed imprenditoriale dei clienti attraverso la qualità del
servizio e del prodotto offerti”
DDS 2014
industry
35
REVELLO
→ Obiettivo della “Scuola di Impresa Dentale”
Fornire conoscenze base di natura economica,
comprensibili e facilmente applicabili da parte
del dentista “classico”.
L’esclusivo progetto formativo è concentrato
prioritariamente sui contenuti, con un approccio
unico e differenziante per quanto riguarda:
– La struttura dei moduli
– Le modalità di formazione
– La presenza di docenti con specializzazioni
specifiche
– La presenza di testimonial di settore e non
Con una modalità semplice e fortemente operativa, ai partecipanti sono trasmesse le conoscenze per affrontare, sfruttare e trasformare i
cambiamenti di un mercato in continua evoluzione in opportunità. Tutto ciò declinato in un’ottica di corretta gestione dello studio e del business:
– Il paziente è cambiato
– La concorrenza è cambiata
– Le tecnologie digitali stanno facendo il loro
ingresso nello studio
→ Vantaggi per i partecipanti
– Ritrovare serenità e passione
– Riconquistare e acquisire clienti/pazienti
nuovi attraverso un metodo preciso
ed efficace
– Conoscere e sviluppare il proprio team “
la persona giusta al posto giusto”
– Gestire in modo organizzato i “numeri”
a partire dagli incassi
– Affrontare le nuove dinamiche concorrenziali
con strategie e metodi mirati
Assistenza tecnica REVELLO: Valori e interventi
per il dentale
Crediamo nell’efficienza operativa, nella competenza puntuale e in una gestione precisa e sinergica delle vostre esigenze. Così, nasce il servizio
di Assistenza Tecnica Revello: una gamma di interventi utili a migliorare la gestione di ogni apparecchiatura unita all’impagabile professionalità della nostra squadra di tecnici specializzati.
36
DDS 2014
Industry
→ Il servizio di Assistenza Tecnica Revello
garantisce
– Ottime competenze cliniche, unite alla manualità eccellente del nostro personale
– Installazione e supporto completo a tutte le
apparecchiature in ambito odontoiatrico e
odontotecnico
– Formazione e scolarizzazione qualificata
– Maggiore affidabilità e sicurezza grazie ad interventi di manutenzione mirati, articolati in:
– Contratti di Manutenzione Periodica
– Contratti di Manutenzione Full Risk
– Contratti di Manutenzione personalizzati
– Estensioni si garanzia
Affidabili, Efficaci,
Vicini…
Rispondiamo ai vostri bisogni proponendoci
come partner affidabili, certificati e competenti,
grazie all’ormai storica esperienza maturata negli anni. Qualsiasi siano le vostre necessità tecniche o manutentive, il personale Revello è pronto
ad offrirvi il massimo supporto e la migliore consulenza. Siamo presenti su tutto il territorio con
una fitta rete di filiali, tecnici diretti e tecnici freelance del settore, sempre al vostro fianco. Da
oggi, inoltre, grazie all’ausilio dei tablet, possiamo archiviare digitalmente i verbali tecnici,
garantendovi una maggiore efficienza nella gestione del vostro intervento.
→ contact
Revello S.p.A.
Via Enrico Fermi 20
37136 Verona
Italy
→ www.revello.net | [email protected]
T +39 045 823 86 11
Sirona
About Sirona
L’azienda
Sirona è il principale produttore a livello mondiale di tecnologia dentale ed è leader nell’innovazione in odontoiatria. In quanto tale, Sirona è il partner preferito di studi dentistici, cliniche, laboratori odontotecnici e distributori
autorizzati in tutto il mondo. L’azienda sviluppa, produce e commercializza una linea
completa di prodotti dentali, tra cui sistemi di
restauro CAD/CAM (CEREC), sistemi digitali
intraorali, panoramici e 3-D, riuniti, manipoli e
sistemi d’igiene.
Sirona Dental Systems is the world’s largest manufacturer of dental technology and is an innovation leader in dentistry. As such, Sirona is a preferred partner for dental practices, dental clinics,
dental laboratories and authorised distributors
worldwide. The company develops, manufactures and markets a complete line of dental products, including CAD/CAM restoration systems
(CEREC); digital intra-oral, panoramic and 3-D imaging systems; dental treatment centres; handpieces; and hygiene systems.
Sirona is the driving force behind technical
progress in dentistry. Beginning with the invention
of the first electrically powered dental drill in 1887,
the company has consistently spear-headed technological developments. Sirona product innovations set the standards for dental treatment and
we are the global leader in the development of digital treatment modalities that drive improved
workflow, a better patient experience and ultimately the success of dentists who incorporate
Sirona technology in their practices.
Sirona employs a workforce of more than 3,000 at
25 locations worldwide, and markets its products
in over 135 countries on all continents. In Italy,
Sirona has an office in Verona, as well as subsidiaries in Milan, Rome and Catania. The US is
38
DDS 2014
industry
Sirona è la forza trainante del progresso tecnologico in odontoiatria. A partire dall’invenzione
del primo trapano elettrico dentale nel 1887,
l’azienda è stata costantemente all’avanguardia in fatto di sviluppo high-tech. Grazie alle
sue innovazioni di prodotto, Sirona costituisce
lo standard di riferimento per il trattamento
dentale ed è leader globale nello sviluppo di sistemi di trattamento digitale che permettono
un flusso di lavoro ottimizzato, una migliore
esperienza per il paziente e supporta attivamente quei professionisti che introducono la
tecnologia Sirona nella propria attività quotidiana.
Sirona impiega una forza lavoro di oltre 3,000
persone in 25 differenti località nel mondo, e
commercializza i propri prodotti in oltre 135
paesi dei cinque continenti. Gli Stati Uniti sono
il mercato principale per Sirona, seguiti dalla
Germania, Europa Occidentale e Asia. L’azienda
è nata dalla scissione della Divisione Tecnologie Medicali da Siemens nel 1997 e, dal 2006, è
quotata al NASDAQ della borsa americana
(simbolo: SIRO).
Sirona sviluppa e produce la maggior parte dei
suoi prodotti a Bensheim, in Germania, il più
grande sito di ricerca, sviluppo, e produzione
dell’industria dentale. Sirona attualmente impiega più di 260 ingegneri e scienziati e nel
corso degli ultimi sei anni ha investito oltre 250
milioni di dollari in ricerca e sviluppo. È questo
impegno nel reinvestire nell’innovazione che ci
dà la fiducia che le tecnologie Sirona continue-
Sirona
Sirona largest market, followed by Germany,
Western Europe and Asia. The company was a
spin-off from the Siemens Medical Technology Division in 1997 and has been listed on the US NASDAQ stock exchange since 2006 (symbol: SIRO).
Sirona develops and manufactures the majority of
its products in Bensheim in Germany, the largest
research, development, and production facility in
the dental industry. Sirona currently employs
more than 260 engineers and scientists, and has
invested more than US$250 million in research
and development over the past six years. It is this
commitment to reinvesting in innovation that
gives us confidence that Sirona technologies will
continue to drive the advancement of dentistry.
Strategy and vision
Sirona believes in providing dental practitioners
with the tools they need to put and keep them
ahead. From optimising treatment workflow and
patient communication to creating modern practice management platforms, we are constantly
working to meet and exceed the expectations of
our customers.
Equally important is our commitment in the field
of innovation. In the future, digital networking will
play a fundamental role in dental practices, clinics
and laboratories, influencing everything, from
treatment to patient management. That is why we
place great emphasis on the research and development of digital, network-capable dental technology. It is just one more way in which we are
helping to build a stronger dental community prepared for all future challenges.
Individuality is also a vital part of our company philosophy. Different markets have different needs,
which is why our products are manufactured with
features and functions tailor-made to suit their requirements. In offering dental practices, clinics
and laboratories a wide spectrum of individual solutions, we not only make work more effective, but
also boost earnings.
Consulting is another essential component of this
service and we work closely with dental dealers
throughout the world, providing extensive support in marketing and sales promotions.
ranno a lungo a guidare il progresso in odontoiatria.
Strategia e obiettivi
Sirona si impegna a fornire ai professionisti del
dentale gli strumenti di cui necessitano per essere sempre moderni e innovativi. Dall’ottimizzazione del flusso di lavoro legato al trattamento e alla comunicazione con il paziente,
alla creazione di piattaforme per la gestione di
studi moderni, siamo costantemente al lavoro
per soddisfare e superare le aspettative dei nostri clienti.
Altrettanto importante è il nostro impegno nel
campo dell'innovazione. In futuro, la rete digitale svolgerà un ruolo fondamentale negli
studi dentistici, nelle cliniche e nei laboratori influenzando tutto, dalla cura alla gestione del
paziente. È per questo che puntiamo molto
sulla ricerca e lo sviluppo di una tecnologia
dentale digitale adatta alla rete. E’ solo un altro
modo in cui stiamo contribuendo a costruire
una comunità dentale più forte preparata alle
sfide future.
L'individualità è un’altra parte fondamentale
della nostra filosofia aziendale. Mercati diversi
hanno esigenze diverse, per questo motivo i
nostri prodotti sono realizzati con caratteristiche e funzionalità fatte su misura per soddisfare le loro necessità. Nell'offrire agli studi
dentistici, alle cliniche e ai laboratori una vasta
gamma di soluzioni individuali, non solo rendiamo il lavoro più efficace, ma diamo anche un
impulso ai guadagni. La consulenza è un altro
componente essenziale di questo servizio e noi
lavoriamo a stretto contatto con i depositi dentali di tutto il mondo, fornendo supporto nel
marketing e nella promozione delle vendite.
In Italia, Sirona è presente sul territorio nazionale con la sede principale di Verona e con le filiali di Milano, Roma, Catania.
L’impegno nel supportare odontoiatri e odontotecnici nella loro attività quotidiana è rappresentato dal ricco programma di corsi di formazione offerto da Sirona Digital Academy.
→ contact
Sirona Dental Systems srl
Via Enrico Fermi 22
37136 Verona
Italy
→ www.sirona.it
T +39 045 828 18 11
The company’s commitment to supporting dentists and dental technicians in their daily work is
demonstrated by the extensive training programme offered by Sirona Digital Academy.
DDS 2014
industry
39
Programme – DDS Milan 2014
↓ Time
↓ Speaker
↓ Title
Thursday 16 October 2014
10:15–11:00
Sabine Nahme
CBCT from a new perspective
11:15–12:00
Dr. med. Dr. med. dent.
Stephan Weihe
Dynamic occlusion with Freecorder®BlueFox ensures success in prosthetics,
orthodontics and dental technology
12:15–13:00
Dr. Roberto Spreafico
Use of CAD/CAM technologies for simple and complex restorative
13:15–14:00
Prof. Dr. Gilles Chaumanet
Laser Applications in Surgery
14:15–15:00
Dott. Achille Lamma
Biomedical engineering research and development in service of clinical activity.
MyRay's experience with 11 clinics
15:15–16:00
Prof. Antonio Pelliccia
What guides patient decision making in buying dental treatment?
How to design a marketing plan?
16:15–17:00
Dott. Paolo Cardelli
Digital technologies: rational integration in surgery and prosthesis
17:15–18:00
Dott. Roberto Ghiretti
3D diagnosis in the daily practice
Friday 17 October 2014
09:15–10:00
Prof. Dr. Gilles Chaumanet
Laser Applications in Surgery
10:15–11:00
Dott. Achille Lamma
Biomedical engineering research and development in service of clinical activity.
MyRay's experience with 11 clinics
11:15–12:00
Morten Ryde Holm-Hansen
Christopher Adamus
Joining Clinics and Labs in Complete Digital Workflows
12:15–13:00
Antonio Pelliccia
What guides patient decision making in buying dental treatment?
How to design a marketing plan?
13:15–14:00
Dott. Andrea Gandolfi
Strategic positioning in critical markets: analysis of the dental market and
markets in flux. Why invest in technology today?
14:15–15:00
Dr. Tiziano Testori
3D diagnosis and plannig guided implant in the age of virtual reality
15:15–16:00
Dott. Michele Manacorda
Dott. Ing. Alessandro Motroni
Odt. Marco Aguzzi
3DIEMME RealGUIDE CAD: A complete system for open and
minimally invasive rehabilitation of the patient
16:15–17:00
Dott.ssa Cristina Mariani
Communicating the value of the service: tools for the new scenario in the dental industry
17:15–18:00
Dr.ssa Anna Albertario
Odt. Davide Zanusso
Connect Dental – Interactive Dialog between Practice and Laboratory.
3D Technologies, Cad Design, prosthetic materials for dentists and prostodontics.
DDS Area – Workshops
12:00–13:00
Dott. Mario R. Cappellin
Diagnostic and therapeutic opportunities for 3D technologies
in implant prosthetics and surgery
15:00–15:45
Dott. Fabio Soggia
From provisional to definitive: CAD/CAM protocols for clinical and economic optimisation
of abutments, crowns and bridges on implants
15:45–16:30
Odt. Alfredo Salvi
Implant solutions with the KaVo ARCTICA system: the difference lies in what you don't see
Saturday 18 October 2014
10:15–11:00
Dott. Ing. Alessandro Motroni
Odt. Marco Aguzzi
Guided rehabilitation for partial edentulism with the EVOGUIDE procedure
11:15–12:00
Dott. Andrea Alberghini Maltoni
IMPLANTATIO NATURAM IMITATUR – Implant Surgery Assistant Software.
From impression taking to 3D rendering of the ideal implant, to surgery and CAD/CAM
creation of prosthetic structures.
12:15–13:00
Prof. Antonio Pelliccia
What guides patient decision making in buying dental treatment?
How to design a marketing plan?
13:15–14:00
Odt. Guido Testa
CAD/CAM versus tradition: experiences of daily work in a dental laboratory
14:15–15:00
Prof. Dr. Gilles Chaumanet
Laser Applications in Surgery
DDS Area – Workshops
11:00–12:30
40
Dott. Giuseppe Chiodera
DDS 2014
programme
Conservative diagnoses: a game of shadows!
Programme – DDS Milan 2014
↓ Ora
↓ Altoparlante
↓ Titolo
Giovedi 16 Ottobre 2014
10:15–11:00
Sabine Nahme
La tecnologia CT cone beam vista da una nuova prospettiva
11:15–12:00
Dr. med. Dr. med. dent.
Stephan Weihe
L'occlusione dinamica per mezzo di Freecorder®BlueFox da fattore di successo
nelle protesi dentarie, nell'ortodonzia e nella tecnica dentale
12:15–13:00
Dr. Roberto Spreafico
L'impiego di tecnologie innovative CAD/CAM per la restaurativa semplice e complessa
13:15–14:00
Prof. Dr. Gilles Chaumanet
Applicazioni laser nella chirurgia
14:15–15:00
Dott. Achille Lamma
Ricerca e sviluppo dell’Ingegneria Biomedicale al servizio dell’attività clinica.
L’Esperienza di MyRay con 11 Clinic
15:15–16:00
Prof. Antonio Pelliccia
Come si formano i processi decisionali dei pazienti, quando si trovano ad
acquistare una cura odontoiatrica? Come si progetta un Piano di Marketing?
16:15–17:00
Dott. Paolo Cardelli
Tecnologie digitali: integrazione razionale in chirurgia e protesi
17:15–18:00
Dott. Roberto Ghiretti
Diagnosi 3D nella pratica quotidiana
Venrdí 17 Ottobre
09:15–10:00
Prof. Dr. Gilles Chaumanet
Applicazioni laser nella chirurgia
10:15–11:00
Dott. Achille Lamma
Ricerca e sviluppo dell’Ingegneria Biomedicale al servizio dell’attività clinica.
L’Esperienza di MyRay con 11 Clinic
11:15–12:00
Morten Ryde Holm-Hansen
Christopher Adamus
Al fianco delle cliniche e dei laboratori per un flusso di lavoro completamente digitalizzato
12:15–13:00
Antonio Pelliccia
Come si formano i processi decisionali dei pazienti, quando si trovano ad
acquistare una cura odontoiatrica? Come si progetta un Piano di Marketing?
13:15–14:00
Dott. Andrea Gandolfi
Posizionamento strategico nei mercati critici: analisi del mercato odontoiatrico
e analisi dei mercati in cambiamento. Perché investire in tecnologia oggi.
14:15–15:00
Dr. Tiziano Testori
Diagnosi 3D e pianificazine implantare guidata nell'era della realtà virtuale
15:15–16:00
Dott. Michele Manacorda
Dott. Ing. Alessandro Motroni
Odt. Marco Aguzzi
3DIEMME RealGUIDE CAD: Un sistema completo e aperto per
la riabilitazione mini-invasiva del Paziente
16:15–17:00
Dott.ssa Cristina Mariani
Comunicare il valore del servizio: strumenti per il nuovo scenario nel settore dentale
17:15–18:00
Dr.ssa Anna Albertario
Odt. Davide Zanusso
Connect Dental – Dialogo Interattivo tra Studio e Laboratorio. Tecnologie 3D, Design Cad,
Materiali protesici a disposizione di odontoiatri e odontotecnici.
DDS Area – Workshops
12:00–13:00
Dott. Mario R. Cappellin
Opportunità diagnostiche e terapeutiche delle tecnologie 3D
in implantoprotesi e chirurgia
15:00–15:45
Dott. Fabio Soggia
Dal provvisorio al definitivo: protocolli CAD/CAM per l’ottimizzazione clinica ed
economica di abutment, corone e ponti su impianti
15:45–16:30
Odt. Alfredo Salvi
Soluzioni implantari con il sistema KaVo ARCTICA: la differenza sta in quello che non vedi
Sabato 18 Ottobre
10:15–11:00
Dott. Ing. Alessandro Motroni
Odt. Marco Aguzzi
Riabilitazione guidata di edentulie parziali mediante la procedura EVOGUIDE
11:15–12:00
Dott. Andrea Alberghini Maltoni
“IMPLANTATIO NATURAM IMITATUR – Chirurgia Implantare Software Assistita”
Dalla presa dell’impronta alla programmazione ideale dell’impianto in 3D, fino alla
chirurgia e alla realizzazione di strutture protesiche CAD/CAM.
12:15–13:00
Prof. Antonio Pelliccia
Come si formano i processi decisionali dei pazienti, quando si trovano ad acquistare una
cura odontoiatrica? Come si progetta un Piano di Marketing?
13:15–14:00
Odt. Guido Testa
CAD/CAM versus tradizione: esperienze di lavoro quotidiano in un laboratorio odontotecnico
14:15–15:00
Prof. Dr. Gilles Chaumanet
Applicazioni laser nella chirurgia
DDS Area – Workshops
11:00–12:30
Dott. Giuseppe Chiodera
La diagnosi in conservativa… un gioco di ombra!
DDS 2014
programme
41
Author – Dr Dov M. Almog
The aetiology of various types of
failure modes in oral implantology
Eziologia dei diversi tipi di insuccesso in implantologia orale
To date, the diagnostic realm of pre-operative
examination in oral implantology has been frequently reviewed and researched. In this article
we will discuss the possible aetiology and diversity of potential implant failures associated with
confining our pre-operative examination to twodimensional radiographic images rather than
cone-beam computed tomography (CBCT)
three-dimensional based dental imaging technologies.
In recent years, CBCT dental imaging
technologies have started to make big inroads
into every discipline in our profession, expanding
the horizons of clinical dental practice by adding
a third dimension to craniofacial treatment planning. CBCT-based dental imaging captures a
volume of data, and through a reconstruction
process, it constructs images that do not contain
distortion, magnification and/or overlap of
anatomy.
In the same slices, different views are
feasible with one exposure, taking the guesswork out of oral implantology.
Additionally, these imaging systems’ effective radiation doses, measured in Microsieverts are much lower in dose compared to a full
mouth series of periapical radiographs (digital or
even D speed film). According to dental practitioners who are placing implants, using this
technology also makes them more proficient.
Essentially, CBCT dental imaging was a
paradigm shift, especially for oral implantology
where measurements are precise and provide
practitioners clear insight into a patient’s
anatomical relationships. CBCT-based dental
imaging uses advanced technology to provide
the most complete anatomical information on a
patient’s oral and maxillofacial region, including
the mouth, face, jaws, TMJ and other areas,
leading to enhanced treatment planning and
predictable treatment outcomes.
As far as other physical mechanisms
contributing to implant failure modes, for the
most part, the research and review papers con-
42
DDS 2014
clinical article
implants
oral implantology
Finora, l’ambito diagnostico dell’esame preoperatorio in implantologia orale è stato spesso
oggetto di ricerca e valutazione. In questo articolo, discuteremo la possibile eziologia e la peculiarità dei potenziali insuccessi implantari associati al limitare il nostro esame pre-operatorio
a immagini radiografiche bi-dimensionali, piuttosto che all’imaging tridimensionale con tomografia Cone-beam (CBCT).
Negli ultimi anni, la tecnologia di imaging
dentale CBCT ha iniziato a farsi strada in ogni disciplina della nostra professione, espandendo gli
orizzonti della professione clinica, aggiungendo
una terza dimensione alla pianificazione del trattamento cranio-facciale. L’imaging dentale
CBCT acquisisce un volume di dati e, tramite un
processo di ricostruzione, produce immagini che
non contengono distorsioni, ingrandimenti e/o
sovrapposizione di anatomia.
Nelle stesse sezioni, sono possibili differenti viste con una sola esposizione, eliminando
così il lavoro di congettura dall’implantologia
orale.
Inoltre, le dosi effettive di radiazioni di
questi sistemi di imaging, misurate in Microsievert, sono decisamente inferiori rispetto a quelle
di una serie completa di radiografie periapicali
(digitali o con pellicola di tipo D speed). Secondo
i professionisti che inseriscono impianti, questa
tecnologia rende la procedura più efficiente.
Essenzialmente, l’imaging dentale CBCT
ha rappresentato un’importante svolta, soprattutto per l’implantologia orale in quanto le misurazioni sono precise e consentono ai professionisti una chiara visione dei rapporti anatomici del
paziente. L’imaging dentale CBCT usa una tecnologia avanzata per fornire informazioni anatomiche più complete del distretto orale e maxillofacciale, tra cui bocca, viso, mascellari e Atm, che
permettono una migliore pianificazione del trattamento e risultati finali predicibili.
Per quanto riguarda altri meccanismi fisici che contribuiscono alle modalità di insuccesso dell’impianto, la maggior parte degli arti-
cluded that the crown-to-root ratio guidelines
associated with natural teeth should not be applied to a crown-to-implant restorations ratio.
According to these papers, the crown-to-implant ratios of those implants that were considered successful at the time the reviews took
place were similar to those implants that failed.
Apparently, according to some of these papers,
the guidelines that are used by some clinicians to
determine the future prognosis of implant-supported restorations lack scientific validation as
far as the possible grounds for implant fractures.
Furthermore, while the overall success
rate of dental implants is high, accomplishing
predictable reconstruction and aesthetic results
for single or multiple teeth replacements with
dental implants is challenging. As dental implants become an increasingly viable treatment
for replacing missing teeth, we may encounter
more random maxillofacial anatomic and occlusal conditions.
The consequences
As far as oral implantology, like several institutions and authors have forecasted,1,2 with the
rapidly aging population trend in the developed
world and the resulting enormous unmet need
for replacement of teeth, the growth in implantbased dental reconstruction products and services outstripped all other areas in dentistry.
What’s more, in recent years implant dentistry
and implant-based dental reconstructions have
become part of the curriculum in the undergraduate and graduate programs of dental schools.3
Yet, a large number of dental practitioners, including generalists and specialists, with
different levels of proficiency who saw the opportunity to move into these sophisticated oral
implantology arenas, continue to overlook the
advantages of CBCT, and as a result we are observing a diversity of abnormal complications
associated with these surgical procedures.
Dental practitioners can obtain only
vague dimensions from traditional two-dimensional intraoral and extra-oral radiographic images due to magnification variations as a result
of positioning and projection of anatomical
structures, their properties and relationships. It
is very difficult for traditional radiographs, such
as periapical and panoramic images, to precisely
replicate the anatomical structures captured on
their receptors.
Traditional two-dimensional radiographic
images essentially exhibit magnification, distortion, overlap of anatomical structures, restricted
coli di ricerca e revisione hanno concluso che le
linee guida del rapporto corona-radice associate ai denti naturali non dovrebbero essere
applicate al rapporto corona-impianto.
Secondo questi articoli, i rapporti corona-impianto degli impianti che al tempo delle
verifiche erano stati considerati di successo,
erano simili a quelli degli impianti falliti. Apparentemente, secondo alcuni di questi articoli, le
linee guida utilizzate da alcuni clinici per determinare le prognosi future dei restauri supportati da impianti mancano di validazione scientifica riguardo alle possibili cause di frattura dell’impianto.
Inoltre, nonostante la percentuale di
successo degli impianti dentali sia alta, l’ottenimento di risultati predicibili in termini di ricostruzione ed estetica per la sostituzione di un
dente singolo o di più denti multipli con impianti dentali rappresenta un sfida.
Con l’ampliamento delle possibilità riabilitative mediante impianti per la sostituzione
dei denti mancanti, possiamo incontrare sempre più condizioni anatomiche maxillofacciali e
occlusali diverse.
Le conseguenze
Per quanto riguarda l’implantologia orale,
come diverse istituzioni e autori hanno previsto1,2, con la rapida tendenza all’invecchiamento della popolazione nel mondo sviluppato
e il risultante enorme fabbisogno non soddisfatto di sostituzione di denti, la crescita di prodotti e servizi per ricostruzioni su impianti ha
superato quella di ogni altra area dell’odontoiatria.
Per di più, negli ultimi anni, l’implantologia e la protesi su impianti sono diventate parte
del curriculum dei programmi di formazione dei
corsi di laurea e post-laurea delle scuole odontoiatriche3
Nonostante ciò, un grande numero di
odontoiatri, sia generici sia specialisti con diversi livelli di competenza, che hanno visto l’opportunità di entrare nella sofisticata arena dell’implantologia orale, continuano a trascurare i
vantaggi della CBCT e, come risultato di ciò, ne
consegue una diversità di complicanze anomale associate a queste procedure chirurgiche.
Dalle tradizionali immagini bidimensionali intra ed extraorali, gli odontoiatri possono
ottenere solo dimensioni vaghe, a causa della
variabilità di ingrandimento derivante dal posizionamento e dalla proiezione delle strutture
anatomiche, dalle loro proprietà e dai rapporti.
implants
oral implantology
DDS 2014
clinical article
43
Fig. 1a
A postoperative periapical
radiograph revealing the dental
implant perforating the maxillary
left sinus.
La radiografia periapicale
postoperatoria mostra che
l’impianto dentale ha perforato il
seno mascellare di sinistra (Foto
di Dov M. Almog).
Fig. 1b
A postoperative cross-sectional
slice utilizing the i-CAT threedimensional CBCT (Imaging
Sciences International) reveals
the dental implant perforating the
maxillary left sinus from a
different perspective.
La sezione trasversale
postoperatoria eseguita con CBCT
tridimensionale i-CAT™ (Imaging
Sciences International, Hatfield,
Pa.) mostra la perforazione
dell’impianto del seno mascellare
di sinistra da una prospettiva
differente.
Fig. 1c
A postoperative threedimensional
virtual rendering (3DVR) utilizing
the i-CAT CBCT provides a visual
demonstration of the extent to
which the dental implant
penetrated into the maxillary left
sinus
Il rendering virtuale
tridimensionale postoperatorio
(3DVR) eseguito con CBCT i-CAT
fornisce una dimostrazione visiva
dell’entità di penetrazione
dell’impianto del seno mascellare
di sinistra.
44
DDS 2014
clinical article
Fig. 1a
Fig. 1b
clarity and lack of accuracy in measurements,
and therefore, the dimensions or determination
of precise anatomical structures’ relationships
are inaccurate. In addition to that, two-dimensional radiographic images do not allow for
three-dimensional virtual rendering (3DVR).
A literature and Internet search revealed
several published research and review papers on
implant failures.4–12 One common failure associated with dental practitioners restricting their
diagnostic field to two-dimensional radiographic images such as panoramic and/or periapical radiographs was perforation of the maxillary sinus (Figs. 1a–c). Every so often dental
practitioners reveal that they perforated the sinus a few millimetres or so by error due to misinterpretation of the vertical dimension. Some
cases remain asymptomatic and are put under
close watch, like in this case, while others become symptomatic and the implants need to be
removed.
According to some dental practitioners,
they perforate the sinus by design, expecting to
achieve “bi-cortical” anchorage in the maxillary
sinus with the aim of increasing primary stability. However, according to a 15-year retrospective research paper published in 2000,4 implants that were anchored bicortically failed
nearly four times more often than the mono-cortical ones. Furthermore, implant fractures accounted for more than 80 per cent of the observed failures and were found to affect the bicortical group almost three times more often as
compared to the mono-cortical ones.
Another abnormal set of complications
associated with dental practitioners restricting
their diagnostic imaging to two-dimensional radiographic images such as panoramic images is
the displacement of implants into the maxillary
sinus 5 (Figs. 2a–c). Foreign bodies in the maxilimplants
oral implantology
Fig. 1c
È molto difficile per le radiografie tradizionali,
come le immagini periapicali e panoramiche, replicare con precisione le strutture anatomiche
acquisite sui loro ricettori.
Essenzialmente, le immagini radiografiche bidimensionali tradizionali sono caratterizzate da ingrandimento, distorsione, sovrapposizione di strutture anatomiche, chiarezza limitata
e mancanza di precisione nelle misurazioni e,
quindi, le dimensioni o la determinazione dei
precisi rapporti delle strutture anatomiche non è
precisa. Inoltre, le immagini radiografiche bidimensionali non permettono un rendering virtuale tridimensionale (3DVR).
Una ricerca in letteratura e su Internet
ha rilevato diversi articoli di ricerca e di revisione sull’argomento dell’insuccesso implantare.4-12 Un tipo comune di insuccesso associato a odontoiatri che restringono il loro ambito diagnostico a immagini radiografiche
bidimensionali, come le radiografie panoramiche e/o periapicali, è la perforazione del seno
mascellare (Figg. 1a-c).
Spesso i clinici rivelano di aver perforato il seno di alcuni millimetri per errore, a
causa dell’interpretazione errata della dimensione verticale. Alcuni casi rimangono asintomatici e sono messi sotto stretta osservazione,
come in questo caso; mentre altri casi diventano sintomatici e gli impianti devono essere
rimossi.
Secondo alcuni professionisti, essi perforano il seno intenzionalmente, aspettandosi di
ottenere un ancoraggio “bicorticale” nel seno
mascellare allo scopo di aumentare la stabilità
primaria. Però, secondo una ricerca retrospettiva a 15 anni, pubblicata nel 20004, gli impianti
che erano stati ancorati bicorticalmente sono
falliti con una frequenza di quasi quattro volte
superiore a quella degli impianti monocorticali.
ORTHOPANTOMOGRAPH® OP300 Maxio
Controllo senza compromessi
L’ultimo nato
della leggendaria famiglia
ORTHOPANTOMOGRAPH®
Attenzione al benessere dei pazienti
Assoluta versatilità
Diagnosi in sicurezza
dell’intera regione maxillo-facciale
SU
Ù
I
P
I
D
I
R
P
SCO
al.com
t
n
e
d
m
iu
r
a
t
men
www.instru
KaVo ITALIA S.r.l. - Via del Commercio, 35 - 16167 Genova - Tel. 010 8332.1 - Fax 010 8332.210 - www.kavo.it
Fig. 2a
A postoperative panoramic
radiograph revealing two dental
implants displaced in the right
and left maxillary sinuses.
La panoramica postoperatoria
mostra due impianti dislocati nel
seno mascellare di destra e di
sinistra.
Fig. 2a
Fig. 2b
Postoperative cross-sectional
slices through one of the
displaced implants in the right
maxillary sinus utilizing the i-CAT
CBCT that reveals the dental
implant and its anatomic
orientation in the buccal lingual
perspective.
La sezione trasversale
postoperatoria eseguita con CBCT
i-CAT di uno degli impianti
dislocato nel seno di destra
mostra l’impianto e il suo
orientamento anatomico nella
prospettiva bucco-linguale.
Fig. 2c
A postoperative 3DVR of the
displaced implant provides the
surgeon feedback as to the
surgical approach. In this case, a
Caldwell-Luc procedure was
performed using a bur to create
an access window through the
lateral wall of the maxilla, thereby
gaining direct access to the
displaced implant.
Un 3DVR postoperatorio
dell’impianto dislocato fornisce al
chirurgo un feedback
dell’approccio chirurgico. In
questo caso, è stata eseguita una
procedura Caldwell-Luc con una
fresa per creare una finestra di
accesso attraverso la parete
laterale della mascella, ottenendo
così un accesso diretto
all’impianto dislocato.
46
DDS 2014
clinical article
Fig. 2c
lary sinus include displaced teeth, roots, impression materials, dental instruments and more recently, dental implants. Not to mention that the
procedure associated with the removal of foreign bodies from the maxillary sinuses is considered very invasive.
In such cases, as others have recently reported, retrieval by endoscopic or Caldwell-Luc
techniques are the methods of choice in retrieval
of such displaced implants from the maxillary sinuses.5,6 While several other dental reports described patients treated for displaced implants
into the maxillary sinuses, none illustrated those
from a preventive standpoint, that is, the use of
CBCT based dental imaging prior placing dental
implants.
A different set of tricky situations is associated with the anatomy of the anterior region of
the maxillary alveolar bone (Figs. 3a & b). In this
case, from what is observed visually clinically,
one would expect the alveolar bone to be more
than enough and shaped in a triangular form,
representing the “triangle of bone” theory developed by Dr Scott Ganz.7,8 This theory recognizes
the shape of the existing bone volume and aids in
determining whether it is a positive implant receptor site.
As demonstrated in this case, the CBCTbased dental imaging cross-sections revealed a
concaved alveolar bone. It eliminated any surprises, allowing the dental practitioner to plan
for bone grafting beforehand and discuss the
treatment options, including the associated
supplementary bone grafting costs with the patient. A two-dimensional panoramic image
implants
oral implantology
Fig. 2b
Inoltre, le fratture degli impianti rappresentavano più dell’80% degli insuccessi osservati e
interessavano il gruppo degli impianti bicorticali quasi tre volte di più rispetto a quelli monocorticali.
Un’altra importante serie di complicanze
associate a clinici che limitano l’imaging diagnostico a immagini radiografiche bidimensionali,
come le immagini panoramiche, è quella della dislocazione degli impianti dentro al seno mascellare5 (Figg. 2a-c).
Tra i corpi estranei nel seno mascellare vi
sono denti dislocati, radici, materiale d’impronta, strumenti dentali e, più recentemente,
impianti dentali. Senza dimenticare poi che la
procedura associata alla rimozione di corpi
estranei dal seno mascellare è considerata
molto invasiva.
In questi casi, come altri hanno recentemente riportato, il recupero tramite endoscopio
o tecniche di Caldwell-Luc sono i metodi d’elezione per il recupero di tali impianti dal seno mascellare5,6.
Nonostante numerosi articoli descrivano il trattamento di pazienti in caso di impianti dislocati nel seno mascellare, nessuno
ha illustrato quello che dal punto di vista preventivo è l’utilizzo dell’imaging CBCT prima
dell’inserimento degli impianti dentali.
Un’altra serie di situazioni ingannevoli è
quella associata all’anatomia della regione anteriore dell’osso mascellare alveolare (Figg.
3a,b). In questo caso clinico, da quello che si
può osservare clinicamente, ci si aspetterebbe
che l’osso alveolare sia più che sufficiente e sagomato in una forma triangolare, rappresentando la teoria del “triangolo d’osso” sviluppata dal dottor Scott Ganz7,8.
Questa teoria riconosce la forma del volume dell’osso esistente e aiuta a determinare
se si è in presenza di un sito adatto a ricevere un
impianto.
Come dimostrato in questo caso, le sezioni trasversali dell’imaging CBCT hanno mostrato un osso alveolare concavo. Questo ha
eliminato ogni sorpresa, permettendo al clinico
Fig. 3a
Fig. 3b
would have never revealed this phenomenon in
advance. A different and unusual set of complications associated with dental practitioners restricting their diagnostic field to two-dimensional radiographic images is implant fractures
(Fig. 4). Yet again, by utilizing only a two-dimensional panoramic radiograph, which provides inaccurate dimensions, some practitioners feel
obligated to play it safe and stay away from the
mandibular nerve canal by placing shorter implants. By doing so, they compromise the prosthetic crown-to-implant ratio, at times causing
bone loss, and ultimately, implant fractures.
In cases such as these, the follow-up procedures associated with the removal of the remaining piece or pieces of the fractured implant,
grafting and placement of another implant are
considered very invasive, not to mention the cost
and the psychological affect it has on the patients.
Moreover, compromising the prosthetic crownto-root ratio represents a constant confrontational clash between implant surgeons and restoring dentists. More about this particular notion of
prosthetic crown-to-root ratio will be discussed in
the next section under the physical mechanisms
contributing to implant failure modes.
Other serious complications associated with
confining our pre-operative diagnostic radiographic examination to two-dimensional radiographic images include:
– dehiscence and fenestration of the buccal cortical plates (Figs. 5a–c);
– perforations of the mandibular lingual undercuts;
– violations of the nasopalatine nerve (in some
cases causing permanent numbness of the
premaxillary region);
– and violations of the inferior alveolar nerve
canal, the least of which can cause potentially
serious chronic pain, drooling and even permanent numbness of the lower lip (Fig. 6).
Fig. 4
di pianificare in anticipo l’innesto osseo e discutere le opzioni di trattamento, compresi costi
supplementari associati all’innesto osseo, con
il paziente. Un’immagine panoramica bidimensionale non avrebbe mai mostrato in anticipo
questo fenomeno. Una serie differente e inusuale di complicanze associate alla diagnosi limitata solo immagini radiografiche panoramiche bidimensionali, è quella delle fratture dell’impianto (Fig. 4).
Ancora una volta, utilizzando solo una radiografia panoramica bidimensionale, che fornisce dimensioni imprecise, alcuni professionisti si
sentono obbligati ad “andare sul sicuro” e rimanere lontani dal canale del nervo mandibolare,
inserendo impianti più corti.
Ciò facendo, essi compromettono il rapporto protesico corona-impianto, talvolta causando una perdita ossea e, di conseguenza, la
frattura dell’impianto.
In casi come questi, le successive procedure associate alla rimozione del pezzo o dei
pezzi residui dell’impianto fratturato, all’innesto
e all’inserimento di un altro impianto sono considerate molto invasive, senza dimenticare poi il
costo e l’effetto psicologico sul paziente. Inoltre,
la compromissione del rapporto protesico corona-radice rappresenta una fonte di costante
scontro tra i chirurghi e protesisti.
Si discuterà più in dettaglio riguardo al
rapporto protesico corona-radice nella prossima sezione dedicata ai meccanismi fisici che
contribuiscono alle modalità di insuccesso degli
impianti.
Tra le altre complicanze serie, associate alla limitazione del nostro esame diagnostico radiografico pre-operatorio a immagini radiografiche bidimensionali, vi sono:
Fig. 3a
What dental practitioners see
clinically does not always reflect
the correct alveolar bone
anatomy underneath the surface.
Ciò che l’odontoiatra vede
clinicamente non sempre riflette
la corretta anatomia dell’osso
alveolare sotto alla superficie.
Fig. 3b
Pre-operative diagnostic dental
image utilizing the i-CAT CBCT.
The CBCT-based cross-sectional
slice in the edentulous area of
teeth #6 and 7 revealed in
advance a natural buccal
concavity in the alveolar bone,
requiring bone grafting prior to or
during the implant procedure.
Immagine diagnostica
preoperatoria con CBCT i-CAT. La
sezione trasversale CBCT nell’area
edentula dei denti 6 e 7 ha
mostrato in anticipo la concavità
buccale naturale nell’osso
alveolare che richiede un innesto
prima o durante la procedura
implantare.
Fig. 4
By utilizing only a 2-D panoramic
radiograph that provides
inaccurate dimensions, some
practitioners play it safe and “stay
away” from the mandibular nerve
canal, compromising the
prosthetic crown-to-implant
ratios, resulting in bone loss and,
ultimately, implant fractures. The
follow-up procedures associated
with the removal of the remaining
piece of the fractured implant,
grafting and placement of
another implant are considered
very invasive and, not to mention,
the cost and the psychological
affect it has on the patient.
– deiscenza e fenestrazione del piano corticale
buccale (Figg. 5a-c);
– perforazione dei sottosquadri linguali mandibolari;
implants
oral implantology
DDS 2014
clinical article
47
Fig. 4
Utilizzando solo una panoramica
bidimensionale che fornisce
dimensioni imprecise, alcuni
clinici “vanno sul sicuro” e
rimangono lontani dal canale del
nervo mandibolare,
compromettendo il rapporto
protesico corona-impianto, con il
risultato di perdita ossea e
frattura dell’impianto. Le
successive procedure associate
alla rimozione del pezzo
dell’impianto fratturato,
all’innesto e all’inserimento di un
altro impianto sono considerate
molto invasive, senza dimenticare
poi il costo e l’effetto psicologico
sul paziente.
48
DDS 2014
clinical article
Physical mechanisms contributing to implant
failure modes
The etiology and physical mechanism of fractured dental implants incidents have been reviewed and studied at length in recent years.9–12
For the most part, the research and review papers concluded that the crown-to-root ratio
guidelines associated with natural teeth should
not be applied to a crown-to-implant restoration
ratio. As far as the guiding principles of crownto-root ratio for natural teeth vs. the crown-toimplant ratio, they have been frequently reviewed and researched at length in recent
years.10, 13–20 In this section of the article we will
discuss the possible aetiology and diversity of
potential physical mechanisms for implant failures.
Fractures can happen several years after
implants are placed (Figs. 7a & b) or sooner.
While in this particular case the treatment option was developed with an appreciation of the
patient’s occlusal and mechanical circumstances and habits, following the implants fracture, a retrospective analysis of the site planned
for the implants revealed extended inter-occlusal space on the articulated models and widespread occlusal wear of the opposing dentition
(Figs. 7c & d). In this case, proceeding with careful assessment of all the available retrospective
diagnostic information and upon further discussion with the patient, several diagnostic assumptions and one follow-up treatment option
were established, which included replacement
of the implant-supported crowns by a removable cast partial denture.
Considering the extremely invasive surgical procedure needed for the removal of fractured implants, a balanced decision was made
against the risk of increasing damage. Thus, a
choice was made to allow for primary closure
of the soft tissue over the remaining implant
bodies #6 and 7, that is, “put them to sleep,”
followed by an insertion of an immediate
acrylic removable partial denture and, subsequently, the fabrication of a removable cast
partial denture.
This case attempts to provide an argument in favour of the consideration of physical
mechanisms as potential contributors to implant fractures. While controversy continues
to exist as to whether crown-to- root ratio can
serve as an independent aid in predicting the
prognosis of teeth,20 the same certainly applies to crown-to-implant ratio, unless multiple other clinical indices such as opposing ocimplants
oral implantology
– violazione del nervo nasopalatino (in alcuni
casi con insensibilità permanente della regione premascellare);
– violazione del canale del nervo alveolare inferiore che può causare un serio dolore cronico,
intorpidimento e persino insensibilità permanente del labbro inferiore (Fig. 6).
Meccanismi fisici che contribuiscono alle
modalità di insuccesso degli impianti
L’eziologia e il meccanismo fisico delle fratture
implantari sono stati ampiamente valutati e studiati negli ultimi anni9-12.
Per lo più, gli articoli di ricerca e revisione
hanno concluso che le linee guida del rapporto
corona-radice associate ai denti naturali non dovrebbero essere applicate al rapporto coronaimpianto.
Per quanto riguarda i principi guida del
rapporto corona-radice dei denti naturali vs il
rapporto corona-impianto, essi sono oggetti di
ampia ricerca e valutazione stati negli ultimi
anni10,13-20.
In questa sezione dell’articolo discuteremo la possibile eziologia e la diversità dei potenziali meccanismi fisici dei fallimenti implantari.
Le fratture possono verificarsi diversi
anni dopo che gli impianti sono stati inseriti (Fig.
7a,b) oppure prima.
Mentre in questo caso particolare l’opzione di trattamento è stata sviluppata con un apprezzamento delle circostanze e delle abitudini
occlusali e meccaniche del paziente, l’analisi retrospettiva del sito implantare successiva alla
frattura degli impianti, ha rilevato un spazio interocclusale esteso sui modelli articolati e una diffusa usura occlusale sulla dentizione antagonista
(Figg. 7c,d). In questo caso, procedendo con un’attenta valutazione di tutte le informazioni diagnostiche retrospettive disponibili e con un’ulteriore
discussione con il paziente, sono state identificate diverse presupposizioni diagnostiche e
un’opzione di trattamento di follow-up che includeva la sostituzione delle corone supportate da
impianti con una protesi parziale mobile.
Considerando la procedura chirurgica
estremamente invasiva necessaria per la rimozione degli impianti fratturati, è stata presa una
decisione ponderata per non correre il rischio di
aumentare il danno.
Quindi si è scelto di permettere una chiusura primaria del tessuto molle sopra ai corpi implantari residui in 6 e 7, ovvero di “metterli a dormire”, con successivo inserimento di una protesi
Fig. 5a
Fig. 5b
Fig. 6
clusion, presence of parafunctional habits and
material electrochemical problems, just to
name a few, are considered.
Implant fractures are considered one potential problem with dental implants, especially
delayed fracture of titanium dental implants due
to chemical corrosion and metal fatigue.14 Following careful review of the referenced articles, which
are very enlightening, we realized that to a great
extent they support our theory that there are multiple factors involved in implant fractures.
These include: magnitude, location, frequency, direction and duration of compressive,
tensile and shear stress; gender; implant location in the jaw; type of bone surrounding the implant; pivot/fulcrum point in relation to abutment connection; implant design; internal
structure of the implant; length of time in the
oral environment as it relates to metallurgic
changes induced in titanium over time; gingival
health; and crown-to-implant-ratio.
Considering the multiple factors involved
in implant fractures, both physical and biological,
we can only assume that it can happen especially if
the forces of the opposing occlusion and or parafunctional habits are greater than the strength of
the implant, especially over time. Therefore, it is
imperative that the clinician be knowledgeable
about the diversity of factors before recommending dental implants. Errors in diagnosing potential
contributors to implant fractures are the most
common reason that dental implants break.
Fig. 5c
parziale immediata mobile in acrilico e realizzazione di una protesi parziale mobile fusa.
Questo caso si pone l’obiettivo di apportare un argomento a favore della considerazione
dei meccanismi fisici come potenziali contribuenti alla fratture degli impianti.
Mentre continuano a sussistere diatribe
riguardo al fatto che il rapporto corona-radice
possa servire come un aiuto indipendente e predire la prognosi dei denti20 ciò certamente vale
per il rapporto corona-impianto, a meno che si
considerino altri indici clinici, come l’occlusione
antagonista, la presenza di abitudini parafunzionali, problemi elettrochimici dei materiali, solo
per menzionarne alcuni.
Le fratture implantari sono considerate
un potenziale problema per gli impianti dentali,
soprattutto le fratture ritardate degli impianti in
titanio, dovute a corrosione chimica e usura del
metallo14.
Dopo un’attenta revisione degli articoli
referenziati, che sono molto esplicativi, ci siamo
resi conto che, per lo più, essi sostengono la nostra teoria riguardo al fatto che nelle fratture implantari sono coinvolti molteplici fattori.
Tra questi vi sono: l’entità, la posizione, la
frequenza, la direzione e la durata della sollecitazione delle forze di compressione, tensile e di taglio; la posizione dell’impianto nella mascella, il
tipo di osso intorno all’impianto, il punto di pivot/fulcro in relazione alla connessione con
l’abutment, la morfologia dell’impianto, la struttura interna dell’impianto, la durata della permanenza nell’ambiente orale che si lega ai cambiamenti metallurgici indotti nel titanio nel tempo,
la salute gengivale e il rapporto corona-impianto.
Considerando i fattori multipli coinvolti
nelle fratture, siano essi fisici o biologici, possiamo soltanto presumere che può verificarsi un
fallimento, soprattutto se le forze dell’occlusione antagonista e le abitudini parafunzionali
sono superiori alla forza dell’impianto, in particolare con il passare del tempo.
implants
oral implantology
Fig. 5a
A close-up look at the intraoral
view of the failing implantsupported restoration reveals
dehiscence and fenestration of
the buccal cortical plate below
crown #25.
Immagine intraorale ravvicinata
del restauro supportata
sull’impianto fallito mostra
deiscenza e fenestrazione del
piano corticale buccale sotto la
corona del 25.
Fig. 5b
A postoperative cross-sectional
slices through the implant placed
in the region of tooth #25 utilizing
the i-CAT CBCT reveals the dental
implant and its anatomic
orientation in the buccal lingual
perspective, demonstrating
severe buccal bone dehiscence,
exposing about a third of the
implant buccal threads.
La sezione trasversale
postoperatoria eseguita con CBCT
i-CAT dell’impianto inserito nella
regione del dente 25 mostra
l’impianto dentale e il suo
orientamento anatomico nella
prospettiva bucco-linguale,
evidenziando una grave deiscenza
ossea buccale che espone circa un
terzo della filettatura dell’impianto.
Fig. 5c
CBCT 3DVR revealing severe
buccal bone dehiscence in the
region of tooth #25.
3Dvr CBCT che mostra la grave
deiscenza ossea buccale nella
regione del dente 25.
Fig. 6
A postoperative panoramic
radiograph revealing two dental
implants violating the cortical
plate of the inferior alveolar nerve
canal.
La panoramica postoperatoria
mostra due impianti dentali che
hanno violato il piano corticale del
canale del nervo alveolare
inferiore.
DDS 2014
clinical article
49
Fig. 7a
Fig. 7b
Fig. 7a
Implants #6 and 7 (Lifecore
Biomedical, 3.3 x 15 mm) before
the fracture. By default, based on
physical principals, once an
implant has integrated in the
bone, the weakest point is the
fulcrum where the internal screw
engages the implant (a). Note the
fracture level in implant #7 and
fracture line in implant #6 (b).
Gli impianti 6 e 7 (Lifecore
Biomedical, 3,3 x 15 mm) prima
della frattura. Solitamente, sulla
base dei principi fisici, una volta
che l’impianto si è integrato
nell’osso, il punto più debole è il
fulcro in cui la vite interna
ingaggia l’impianto (a). Notare il
livello di frattura nell’impianto 7 e
la linea di frattura nell’impianto 6
(b).
Fig. 7b
Implants #6 and 7 after the
fracture.
Gli impianti 6 e 7 dopo la frattura.
Figs. 7c & d
Retrospective analysis of the site
planned for the implants #6 and 7
revealed an extended overbite
requiring long crowns to meet
aesthetic needs and, at the same
time, the opposing occlusion
presented extensive occlusal
wear.
L’analisi retrospettiva del sito
pianificato per gli impianti 6 e 7
ha mostrato un overbite che
necessita di corone lunghe per
soddisfare le esigenze estetiche e,
nello stesso tempo, l’occlusione
antagonista mostrava un’estesa
usura occlusale.
50
DDS 2014
clinical article
Fig. 7c
Conclusion
While the quantitative relationship between
successful outcomes in dental implants treatment and CBCT-based dental imaging is unknown and awaits discovery through large
prospective clinical trials, there is enough clinical
evidence to support the argument for the necessity of CBCT-based dental imaging systems.
This is necessary, especially due to the
fact that the clinical management associated
with some of these implant failures is difficult
and at times it is considered very invasive; especially given the recent hype toward dental implants in our profession.
Based on a series of recent preliminary
clinical research and review papers and case reports, the author strongly believes in a more selective approach that includes the use of CBCTbased dental imaging. It is a very reliable procedure from a precautionary standpoint, and by
obtaining a CBCT-based dental imaging study
prior to placing dental implants, many of the
above mentioned complications that adversely
affect our patients can be circumvented.
As far as the fact that the use of crownto-implant ratio, in addition to other clinical indices, does not offer the best clinical predictors,
and even though no definitive recommendations could be ascertained, dental implants are
becoming increasingly popular and an increase
in the number of failures, especially due to late
fractures, is to be expected.19
This report attempted to provide an argument in favour of consideration of physical
mechanisms as potential predictors to implant
fractures. It is essential for us to familiarize ourselves with the understanding and diagnostic
competence of the multiple factors involved in
implant fractures. Once observed, this predictor
would certainly lead to better diagnosis and
treatment planning.
In conclusion, and as alluded to earlier,
oral implantology has become the fastest growing segment in dentistry. Therefore, the lessons
implants
oral implantology
Fig. 7d
Per cui, è imperativo che il clinico sia a conoscenza di tutti i diversi fattori prima di raccomandare un trattamento con impianti dentali.
Gli errori nel diagnosticare i potenziali fattori che
possono contribuire alla frattura dell’impianto
sono le cause più comuni dei fallimenti.
Conclusione
Anche se il rapporto quantitativo tra i risultati di
successo del trattamento implantare e l’imaging
CBCT non è noto ed è in attesa di valutazione tramite diverse prove cliniche prospettiche, vi è
un’evidenza clinica sufficiente per sostenere la
necessità di sistemi di imaging dentale CBCT.
Questo è necessario, soprattutto perché
la gestione clinica degli insuccessi implantari, è
difficile ed è talvolta considerata veramente invasiva; in particolar modo considerando la recente diffusione degli impianti dentali nella nostra professione. Sulla base di una serie di recenti articoli di ricerca clinica preliminare,
revisione e case report, l’autore crede fermamente in un approccio più selettivo che includa il
ricorso all’imaging dentale CBCT. Dal punto di vista precauzionale, è una procedura molto affidabile e, grazie a una pianificazione prechirurgica
basata su CBCT, si possono evitare molte delle
summenzionate complicanze che influiscono
negativamente sui nostri pazienti.
Per quanto riguarda il fatto che l’uso di un
rapporto corona-impianto, in aggiunta ad altri
indici clinici, non offra previsioni cliniche migliori, e anche se non è stato possibile accertare
alcuna raccomandazione, dato che gli impianti
dentali stanno diventando sempre più popolari,
dobbiamo aspettarci un aumento del numero di
insuccessi, soprattutto dovuti a fratture ritardate19. Questo articolo si è proposto di fornire un
argomento a favore della considerazione dei
meccanismi fisici come potenziali elementi di
previsione delle fratture implantari. Per noi è essenziale familiarizzare con la valutazione e la
competenza diagnostica dei molteplici fattori
coinvolti nelle fratture degli impianti. Con un’at-
NI
AZIO
RM
FO
I IN
ED
HI
C
I
R
Soluzioni Protesiche Digitali per Studi Dentistici e Laboratori Odontotecnici
Nome
Cognome
Via
Città
APOLLO SIRONA
CONCEPT SCAN - OPEN TECHNOLOGY
VHF
ZIRLUX
AVATAR
IMPIANTI HENRY SCHEIN KRUGG
.......................................
OFFERTE PROMOZIONALI
VISITA-SPECIALIST
Henry
Henry
Schein
Schein
Krugg
Krugg
- 20090
- 20090
Buccinasco
Buccinasco
(MI)(MI)
E-mail:
E-mail:
[email protected]
[email protected]
www.henryschein.it
- www.henryschein.it
INFORMAZIONI SUI NOSTRI WORKSHOP
Trasmettere il coupon c/o fax allo 02 45773295 oppure via e-mail a:
CLIENTE HENRY SCHEIN KRUGG
Tel./ Cell.
e-mail
[email protected]
Ai sensi della legge n. 675/96 acconsento al trattamento dei miei dati personali.
learned from these troubled or compromised
cases and the gaining of insight into these failure
processes — including the accurate understanding of critical anatomical, restorative and mechanical information — might stimulate the clinicians’ implementation of preventive actions
that may avoid the future failure outcomes with
dental implants.
While researchers studying these CBCTbased dental imaging platforms’ methodologies
agree that more outcomes assessment research
has a long-term value, in the meantime we must
work together to optimize our patient’s health.
To that effect, the recent introduction of
numerous associated CBCT-based imaging systems and surgical guidance platforms are gradually taking our profession through key changes
that have a major impact on the way we view and
practice oral implantology.
This ultimately yields substantial public
health benefits and translates into more predictable outcomes, the preservation of adjacent
teeth, the protection of critical anatomical landmarks and improved aesthetics and function,
just to name a few.
Editorial note: A complete list of references is available from the publisher.
This article was published in IMPLANTS international C.E. magazine of
oral implantology No. 01/2011
tenta valutazione, questa previsione porterebbe
a una migliore diagnosi e a una migliore pianificazione del trattamento. In conclusione, come
già affermato in precedenza, l’implantologia
orale rappresenta il segmento più velocemente
in crescita in ambito odontoiatrico. Quindi, la lezione imparata da questi casi problematici o
compromessi e l’acquisizione di una consapevolezza di questi processi di insuccesso - nonché la
precisa comprensione delle importanti informazioni anatomiche, protesiche e meccaniche - potrebbero stimolare l’implementazione da parte
del clinico di azioni preventive che possono evitare eventuali futuri fallimenti degli impianti
dentali.
Anche se i ricercatori che studiano le metodologie imaging dentale CBCT concordano
che sono necessarie ulteriori valutazioni con risultati a lungo termine, nel frattempo noi dobbiamo fare in modo di ottimizzare la salute dei
nostri pazienti. A questo scopo, la recente introduzione di numerosi sistemi di imaging CBCT e
piattaforme di chirurgia guidata sta gradatamente portando la nostra professione verso
cambiamenti fondamentali che hanno un maggiore impatto sul modo con cui approcciamo e
pratichiamo l’implantologia orale.
Alla fine, questo porta sostanziali vantaggi alla salute pubblica e si traduce in risultati
più predicibili per la preservazione dei denti adiacenti, la protezione di limiti anatomici critici e il
miglioramento di funzione ed estetica; solo per
menzionarne alcuni.
About the author
↓
Dental Service (160)
VA NJ Health Care System
385 Tremont Ave.
07018 East Orange (NJ)
USA
Dr Dov Almog, DMD, is a prosthodontist with more than 30
years of diversified professional experience in clinical, academic and research environments. His publications include
articles on cone beam CT, dental implants, carotid artery calcifications and practice management, to name a few.
[email protected]
52
DDS 2014
clinical article
implants
oral implantology
In 2003, in acknowledgment for his research on incidental
findings of carotid artery calcifications on panoramic radiographs, Almog received the Arthur H. Wuehrmann Award
by the American Academy of Oral & Maxillofacial Radiology.
Currently, Almog is serving as the chief of the dental service
for the U.S. Department of Veterans Affairs at the VA New
Jersey Health Care System.
ililil tuo
tu
u
o
tuo
tuo
ssis
sist
sistem
s
st
te
tem
t
em
e
ma
m
a
sistema
sistem
sist
sis
stema
ma
m
a
ddi
i
im
i
impre
m
mpr
mpre
pre
pres
p
r
res
es
esa
e
s
sa
a
di
impresa
d im
impres
impresa
imp
prrre
p
resa
e
esa
dd
denta
ental
ent
enta
e
nt
n
ta
tal
t
a
al
l
e
dentale
dentale
denta
enta
n le
Author – Dr Robert Humphries
The future of implant-supported
restorations utilizing
CAD/CAM technology
Il futuro di restauri supportati da impianti
con la tecnologia CAD/CAM
For over a decade, we have been fortunate in the
area of restorative implant dentistry to be able to
incorporate CAD/CAM-designed, precisionmilled, custom patient-specific abutments in the
treatment of our patients. However, this was not
always the case.
Da più di un decennio, abbiamo avuto la fortuna di
poter implementare nell’ambito dell’implantoprotesi l’uso di abutment personalizzati, progettati e
fresati con precisione mediante CAD/CAM per il
trattamento dei nostri pazienti. Tuttavia, non è
sempre stato così.
Solutions of the past: Temporary and
final abutments
Le soluzioni del passato: abutment provvisori
e definitivi
Before 1999, we had limited abutment choices;
mainly stock (straight or angulated) or custom
cast abutments, with either choice presenting its
own particular difficulties. Components designed
for fabricating provisional restorations were even
more difficult to work with.
Prima del 1999, avevamo una scelta di abutment
limitata; per lo più si trattava di abutment standardizzati (dritti o angolati) o abutment fusi personalizzati, con ciascuna delle opzioni che presentava le
proprie difficoltà. I componenti progettati per la
realizzazione di restauri provvisori erano ancora
più difficili da gestire.
Complications when using a final stock abutment
could involve one or more of the following:
– If the implant fixture is not ideally placed, stock
abutments rarely allow proper lines of draw,
and therefore, there is no possibility for screwretention of the prosthesis due to fixture angulation.
– They almost always need adjustments (interproximal and occlusal), and for cases where a
zirconia stock abutment is utilized, micro-fractures are a definite possibility if the abutment is
not properly handled during modification,
which could then lead to abutment fracture.
– In cases where the cement line ends up millimetres sub-gingival and/or monoplane (circumferential), by design, cementation and the difficulty with removing cement could also be a
problem.
– A larger quantity of alloy is necessary to properly
support the overlying porcelain, greatly in-
54
DDS 2014
clinical article
CAD/CAM
implant-supported restorations
Quando si utilizza un abutment standardizzato, vi
possono essere alcune complicanze, tra cui:
– Se la fixture implantare non è posizionata in
modo ideale, raramente gli abutment standardizzati consentono linee corrette di inserimento
e quindi non vi è possibilità di ritenzione mediante la vite della protesi a causa dell’angolazione della fixture.
– Essi richiedono quasi sempre delle modifiche
(interprossimali e occlusali) e, nel caso in cui
si utilizzi un abutment standardizzato in zirconia, le microfratture sono una possibile
conseguenza. Infatti, se l’abutment non
viene gestito correttamente durante la modifica, questo potrebbe portare alla frattura
dell’abutment.
– Nei casi in cui la linea del cemento termini a
causa del design con alcuni millimetri in posizione sub-gengivale e/o monoplanare (in
modo circonferenziale), anche la cementa-
creasing the cost of the restoration, due to the
smaller size of the stock abutment.
zione e la difficoltà di rimozione del cemento
potrebbero rappresentare un problema.
Custom cast abutments were the next step in improved abutment design and provided us the possibility of correcting fixture angulation problems
and an abutment that represented, more
anatomically, a crown preparation. However,
problems that could occur with the use of these
abutments are:
– They are costly.
– It is technically difficult to achieve an accurate
fixture platform to abutment interface.
– Mis-casts are always a possibility.
–A causa delle dimensioni più piccole dell’abutment standardizzato, si rende necessaria una
maggior quantità di lega per supportare adeguatamente la ceramica di copertura, aumentando
notevolmente il costo del restauro.
Provisional abutments and restorations
Another factor in the process of providing our patients with dental implant restorations involves
the fabrication of the provisional restorations.
With most stock systems, the temporization
process can be inefficient and, in most cases, very
time consuming.
Stock components for implant provisionalization present the same problems as stock final
abutments, including angulation, deep monoplane margins for cementation and non-ideal
screw access openings. The provisional temporary “coping” also proves difficult to work with
and, in many cases, quite anaesthetic. In the end,
these two types of abutments (stock and custom
cast) have allowed us to serve our patients relatively well, but also present complicating factors
that could affect everything from the fabrication
of the abutment to the long-term soft-tissue
health of the restoration.
Enter the digital age: CAD/CAM patient-specific
abutments
Over a decade ago, the first CAD/CAM designed,
patient-specific abutments were introduced to
dentistry: Atlantis abutments (DENTSPLY Implants). These unique abutments have allowed
dentists and laboratories to offer an abutment
designed in a digital environment for the individual tooth/teeth being replaced, resulting in optimal function and aesthetic results (Figs. 1 & 2).
The key features of this abutment and the aesthetic benefits that they help provide are defined
by what is referred to as the Atlantis BioDesign
Matrix, which include:
Gli abutment fusi personalizzati sono stati il passo
successivo nel miglioramento della progettazione
dell’abutment, dandoci la possibilità di correggere
i problemi di angolazione della fixture, nonché un
abutment che rappresentasse, in modo più anatomico, la preparazione coronale. Però, con l’uso di
questi abutment si possono verificare i seguenti
problemi:
– Sono costosi.
– È tecnicamente difficile ottenere una piattaforma precisa per la fixture di interfaccia con
l’abutment.
– Gli errori nella fusione sono sempre una possibilità.
Abutment e restauri provvisori
Un altro fattore nella procedura di riabilitazione
implantoprotesica dei nostri pazienti è quello della
realizzazione dei restauri provvisori.
Con la maggior parte dei sistemi del commercio, il processo di temporizzazione può essere
inefficiente e, nella maggioranza dei casi, molto dispendioso in termini di tempo.
I componenti standardizzati per provvisori
presentano gli stessi problemi degli abutment
standardizzati definitivi, tra cui l’angolazione, i
margini profondi monoplanari per la cementazione e fori di accesso della vite non ideali.
Anche la procedura con la cappetta provvisoria si presenta difficile e, in molti casi, alquanto
antiestetica.
Alla fine, questi due tipi di abutment (standardizzati e fusi) ci hanno permesso di offrire ai nostri pazienti un trattamento relativamente buono,
ma presentano anche fattori di complicanze che
potrebbero influire su tutta la procedura, dalla realizzazione dell’abutment alla salute a lungo termine dei tessuti molli adiacenti al restauro.
Entrare nell’era digitale: abutment CAD/CAM
personalizzati
Circa 12 anni fa,sono stati introdotti in odontoiatria
i primi abutment personalizzati, progettati al
CAD/CAM
implant-supported restorations
DDS 2014
clinical article
55
Figs. 1 & 2
Atlantis patient-specific
abutments allow for optimal
function and aesthetic results.
Gli abutment personalizzati
Atlantis permettono risultati
funzionali ed estetici ottimali
(Foto del dottor Robert
Humphries).
Fig. 3
Utilization of Atlantis VAD for the
design of an Atlantis Abutment.
Utilizzo di Atlantis VAD™ per la
progettazione di un abutment
Atlantis™.
– Atlantis VAD™ (Virtual Abutment Design) is the
proprietary software used to design each patientspecific abutment based on the individual
patient’s anatomy utilizing a 3-D cast scan and
in an entirely virtual environment.
– Natural Shape refers to the ability to design the
abutment such that it represents the shape of
an “ideally prepared” tooth in all dimensions.
This design allows for the proper occlusal clearance, as well as, retention and resistance forms.
– Soft-tissue Adapt, which is the optimized support of the soft tissue forming the ideal emergence profile and soft tissue supported by the
finished crown. The clinician and/or laboratory
have the ability to develop the “ideal” emergence profile for each individual tooth in each
specific site in the mouth.
Teeth are not round. However, stock abutments
only allow for a round or slightly flared abutment
in an attempt to support the soft tissue.
The Atlantis abutment provides the
proper emergence profile to support the development of the soft tissue contours in both one- and
two-stage surgeries
– Custom Connect describes the customized
connection of an Atlantis abutment to each particular implant interface. This means that each
abutment interface and corresponding abutment screw is engineered and tested for each
implant and optimally designed to incorporate
the three key requirements of an interface design, including an insertion element, a tight
“seal” or surface for seating and an anti-rotation
feature.
Development of soft tissue emergence profile
using duplicate abutments and provisionals
CAD/CAM: gli abutment Atlantis™ (DENTSPLY
Implants).
Questi esclusivi abutment hanno consentito ai dentisti e ai laboratori di offrire un
abutment progettato in un ambiente digitale
per il singolo dente/denti da sostituire, con risultati ottimali dal punto di vista della funzione
e dell’estetica (Figg. 1, 2).
Le caratteristiche fondamentali di questo abutment e i vantaggi estetici che ne conseguono sono
definiti da ciò che viene chiamato “Atlantis Biodesign Matrix™” e includono:
–Atlantis VAD™ (Virtual Abutment Design) che è il
software brevettato usato per progettare l’abutment personalizzato, in base all’anatomia del paziente e utilizzando una scansione 3D del modello in un ambiente interamente virtuale.
– Natural Shape™ è la possibilità di progettare
l’abutment in modo da rappresentare la forma di
un dente “preparato idealmente” in tutte le sue
dimensioni. Questa progettazione permette il
corretto spazio occlusale, nonché le forme di ritenzione e resistenza.
– Soft-tissue Adapt™, che è il supporto ottimizzato
del tessuto molle che forma il profilo d’emergenza ideale e il tessuto molle supportato dalla
corona finita. Il clinico e/o il laboratorio hanno la
possibilità di sviluppare il profilo d’emergenza
“ideale” per ogni singolo dente, in ogni sito specifico nella bocca.
I denti non sono rotondi. Però, gli abutment standardizzati permettono solo un abutment rotondo,
o leggermente svasato, nel tentativo di supportare
il tessuto molle.
L’abutment Atlantis consente il corretto
profilo d’emergenza per supportare lo sviluppo dei
contorni di tessuto molle nella chirurgia a uno e a
due fasi.
Whether using a one- or two-stage placement
procedure, it is of paramount importance for the
Fig. 1
56
Fig. 2
DDS 2014
clinical article
CAD/CAM
implant-supported restorations
Fig. 3
epic 10
TM
L’INNOVAZIONE ASSOLUTA
RLO!S
A
V
O
R
NI A P
RE A DD
VIE
A
NTAL - tr y Show
E
D
O
P
EX
entis
igital D
33
D
Stand C
IGIENE
O
SOLLIEV ANEO
TEMPOR ORE
DAL DOL LGICA)
IA ANTA
(TERAP
RGIA
U
R
I
H
C
UTI
S
S
E
T
DEI
I
MOLL
SBIA
IN 2 NCAME
0 MI
NUT NTO
I
STUDIATO PER IL COMFORT
DEL PAZIENTE
NUMEROSE COMBINAZIONI DI
PORTABILITÀ E DI POTENZA
• l’esclusiva tecnologia ComfortPulse, capace di impulsi da 10
microsec., minori di quelli di qualunque altro diodo e di una
frequenza di 50.000 Hz, fornisce un miglior controllo ed un
bilanciamento ottimale tra la velocità di taglio e il comfort
del paziente
• riduce il surriscaldamento dei tessuti trattati, evitandone
il danno termico, garantendo minor dolore nella fase operatoria,
una perfetta emostasi ed una guarigione più veloce
• la maggior parte delle procedure può essere eseguita
utilizzando solo anestetici locali
• riduce la paura e l’ansia nei pazienti
• limita l’uso di suture, di emostatici e astringenti
• ampia scelta di diametri e lunghezze dei puntali, Eztip,
per avere un maggior controllo e precisione nelle diverse
procedure e biotipi di tessuto
• le Eztip sono pieghevoli, per un migliore accesso alle aree.
Sono sterilizzabili per ridurre il rischio di contaminazioni crociate.
• lunghezza d'onda 940nm, sviluppata per i dentisti da
Biolase, garantisce il miglior assorbimento per emoglobina
ed ossiemoglobina
• fino a 10 watt di potenza e libertà grazie alla tecnologia
wireless
• la batteria al litio ricaricabile, integrata ed il pedale wireless
garantiscono il funzionamento per un’intera giornata
di lavoro
• nuova interfaccia grafica, ancora più intuitiva
• il più potente ed affidabile laser portatile sul mercato.
Distribuito da:
$WWUH]]DWXUH
800 011423
Henry Schein Krugg S.r.l.
Via dei Lavoratori, 7 - 20090 Buccinasco (MI)
www.henryschein.it
Fig. 4
Provisional placed during healing
period.
Provvisorio applicato per il
periodo di guarigione.
Fig. 5
Healed tissue prior to final
restoration.
Guarigione dei tessuti prima del
restauro definitivo.
Fig. 6
Atlantis abutment in place.
Abutment Atlantis in situ.
Fig. 4
58
provisional restoration to guide the peri-implant
soft tissues (gingival architecture) in developing
the ideal emergence profile. Atlantis abutments
make it possible for you to achieve this in a cost effective and time efficient manner.
At the time of implant placement, an index
relation of the implant is made and transferred to
the study model, allowing for placement of an
analog. This altered model is then scanned into a
3-D virtual image so that the design of an Atlantis
Abutment utilizing the Atlantis VAD software can
begin (Fig. 3).
Atlantis abutments can be designed to the
clinician’s and/or laboratory technician’s specifications, including such aspects as margin heights
and depth, material used (titanium, gold-shaded
titanium or zirconia), surface characteristics
(smooth or textured for retention) and emergence
width options (full anatomical dimensions, contour soft tissue, support soft tissue or no tissue
displacement).
As a result, Atlantis abutments also allow
for the correction of angulation discrepancies of
the implant placed, and even provides the ability
to create parallel abutments for multiple-unit
restorations.
Another unique aspect of Atlantis abutments is that they can be fabricated with an identical duplicate so that one abutment can be used
with the provisional restoration (Fig. 4) while the
second abutment is used with the final restoration.
It is with this initial abutment and provisional crown that the ideal emergence profiles
and gingival architecture are created (Fig. 5). The
final restoration can then be fabricated using the
second abutment (Fig. 6) by simply following
these ideal tissue contours captured in the final
impression. Results demonstrate a natural appearing and realistic restoration (Fig. 7). Radiograph indicates optimal bone maintenance
around the implant (Fig. 8).
Fig. 5
DDS 2014
clinical article
CAD/CAM
implant-supported restorations
– Custom connect™ descrive la connessione personalizzata di un abutment Atlantis a ogni specifica interfaccia implantare. Ciò significa che ogni
interfaccia di abutment e la corrispondente vite
dell’abutment sono realizzate e testate per ogni
impianto e progettate in modo ottimale per incorporare i requisiti chiave di un design di interfaccia, tra cui l’inserzione dell’elemento, un sigillo “saldo”, o la superficie per l’applicazione e
una caratteristica di anti-rotazione.
Sviluppo del profilo d’emergenza del tessuto
molle con abutment duplicati e provvisori
Indipendentemente dal fatto che si usi una procedura di posizionamento a una o a due fasi, è di
enorme importanza che il restauro provvisorio
guidi i tessuti molli perimplantari (architettura
gengivale) nello sviluppo del profilo emergente
ideale. Gli abutment Atlantis permettono di ottenere tutto ciò a un costo contenuto e in tempi
rapidi.
Al momento del posizionamento dell’impianto, si esegue la registrazione dell’indice dell’impianto la si trasferisce al modello di studio,
consentendo il posizionamento di un analogo.
Questo modello modificato viene quindi sottoposto a scansione in un’immagine 3D virtuale in
modo da poter iniziare la progettazione di un abutment Atlantis, utilizzando il software Atlantis VAD
(Fig. 3).
Gli abutment Atlantis possono essere progettati secondo le specifiche del clinico e/o dell’odontotecnico, tenendo conto di aspetti quali altezze e profondità dei margini, materiali utilizzati
(titanio, titanio con colore dorato, o zirconia), caratteristiche di superficie (lisce o ruvide per ritenzione) e opzioni di ampiezza dell’emergenza (dimensioni anatomiche totali, contorno di tessuto
molle, supporto al tessuto molle o nessuna dislocazione del tessuto).
Come risultato, gli abutment Atlantis permettono anche la correzione delle discrepanze di
angolazione dell’impianto posizionato e permette
Fig. 6
L’ultima frontiera della tecnologia laser
unita ad un design esclusivo.
Accesso
e campo visivo
ineguagliabili
Massima
potenza
Interfaccia
grafica intuitiva
Lase 940nm
laser diodo
RLO!S
A
V
O
R
NI A P
RE A DD
VIE
A
NTAL - tr y Show
E
D
O
P
EX
tis
ital Den
Dig
33
Stand C
Intuitive Power™
Distribuito da:
$WWUH]]DWXUH
Potenza,
semplicità d’uso,
design.
800 011423
Henry Schein Krugg S.r.l.
Via dei Lavoratori, 7 - 20090 Buccinasco (MI)
www.henryschein.it
Fig. 7
Final ceramic restoration (#8).
Restauro definitivo in ceramica.
Fig. 8
Radiograph showing optimal
bone maintenance around the
implant.
La radiografia mostra l’ottimale
mantenimento dell’osso intorno
all’impianto.
Fig. 9
Atlantis BioDesign Matrix.
Atlantis Biodesign Matrix.
About the author
Robert Humphries, DDS, MS, is a
graduate of the University of
Michigan where he earned his undergraduate dental degree in 1985
and completed his Master’s in the
specialty of prosthodontics in
1988. Humphries has worked with
the Atlantis patient-specific abutments for more than 10 years and
has lectured on the advantages of
this solution for various dental societies and study groups over the
past several years. He has been actively involved in the American
College of Prosthodontists and is
currently the immediate past
president of the Michigan Section
of the American College of Prosthodontists.
Robert Humphries, DDS. MS si è
laureato alla University of Michigan nel 1985 e ha completato il
Master in Protesi nel 1988. Humphries ha lavorato per oltre 10 anni
con gli abutments Atlantis personalizzati e ha tenuto relazioni sui
vantaggi di questa soluzione per
diversi anni per associazioni dentali e gruppi di studio.
↓
3801 Glenkerry Court
49024 Portage (Mich)
USA
[email protected]
60
DDS 2014
clinical article
Fig. 7
Fig. 8
Fig. 9
Conclusion
In conclusion, Atlantis abutments allow practitioners and dental technicians the ability to design
a patient- and site-specific abutment for each individual tooth being restored, representing the
shape of an “ideally” prepared tooth.
anche di creare abutment paralleli per restauri a
più elementi. Un altro aspetto particolare degli
abutment Atlantis è che possono essere realizzati
con un duplicato identico, così che un abutment
può essere usato per il restauro provvisorio (Fig. 4),
mentre l’altro viene utilizzato con il restauro finale.
È con l’abutment iniziale e con la corona provvisoria che si creano i profili d’emergenza e l’architettura gengivale ideali (Fig. 5). Il restauro definitivo
può essere quindi realizzato usando il secondo
abutment (Fig. 6), semplicemente seguendo questi contorni ideali del tessuto rilevati nell’impronta
finale.
I risultati mostrano un aspetto naturale e
un restauro realistico (Fig. 7).
La radiografia indica un ottimo mantenimento dell’osso intorno all’impianto (Fig. 8).
Conclusione
– Create an emergence profile that can help to
sculpt the ideal gingival architecture.
– Eliminate deep cement lines by designing the
margins of Atlantis abutments to sub-gingival
specifications.
– Correct fixture angulation for single- and multiple-unit restorations.
– Reduce costs by decreasing the amount of alloy
used with cast restorations.
By leveraging the continued advancements in
digital technology, dental professionals can provide patients with the highest level of individual
care and optimized function and aesthetics for
their implantsupported restorations with added
simplicity, reliability and profitability.
Editorial note: ATLANTIS abutments is a registered trademark of DENTSPLY
Implants. Atlantis abutments offers patient-specific CAD/CAM abutments for
both cement-retained and single-tooth screw-retained restorations for all
major implant systems.
This article was published in IMPLANTS international C.E. magazine of oral
implantology No. 01/2011
CAD/CAM
implant-supported restorations
In conclusione, gli abutment Atlantis consentono
ai clinici e agli odontotecnici di progettare un abutment personalizzato in base al paziente e al sito da
restaurare, rappresentando la forma di un dente
preparato “idealmente”.
– Creare un profilo d’emergenza che può aiutare a
scolpire l’architettura gengivale ideale.
– Eliminare le linee profonde di cemento, progettando i margini degli abutment Atlantis secondo
le specifiche sub-gengivali.
– Correggere l’angolazione della fixture per restauri a uno o più elementi.
– Ridurre i costi diminuendo la quantità di lega utilizzati per restauri fusi.
Grazie al continuo progresso della tecnologia digitate, il professionista può offrire ai pazienti il grado
più elevato di trattamento individuale, con funzione ed estetica ottimizzate per restauri implantoprotesici, in modo semplice, affidabile ed economico.
I No limit
Panoramica
CBCT
Cefalometria
9LD5RPD‡‡2OJLDWH2ORQD9$‡,7$/,$
7HO‡)D[‡(PDLOLQIRLWDOLD#DFWHRQJURXSFRP‡ZZZDFWHRQJURXSFRP
Author – Dr Nilesh Parmar
Guided implant surgical placement
with CAD/CAM CEREC crown
Posizionamento implantare guidato con corona CAD/CAM CEREC
Fig. 1
Fig. 2
Fig. 4
Fig. 5
Fig. 1
Reference body with CEREC Guide
mill block.
Mascherina di riferimento con
CEREC Guide mill block.
Fig. 2
Thermoplastic warmed in hot
water and placed over the
working model.
Materiale termoplastico
ammorbidito in acqua calda e
applicato sul modello di lavoro.
Fig. 3
Reference body and thermoplastic
surgical guide.
Mascherina di riferimento e guida
chirurgica termoplastica.
Fig. 4
Reference body and thermoplastic
guide in-situ prior to CBCT scan
Mascherina di riferimento e guida
termoplastica in situ prima della
scansione CBCT.
62
DDS 2014
clinical article
Fig. 3
Fig. 6
Guided surgery has been around for a long time.
However, very few dentists in the UK place implants using surgical guides. The reasons for this
are multiple, ranging from dentists not wanting
to follow the procedure, or not having confidence
in the procedure, the increased costs of guide
fabrication, and the time delay and extra appointments needed to obtain a fully functional and reliable surgical guide.
In this case report, I shall demonstrate a
surgical guide manufactured in-house using
the CEREC Bluecam (Sirona). These guides do
not require any impressions to be sent to a
third party and can be made rather cheaply in
the surgery within around 30 minutes. The
guide can then be used in conjunction with
specific drill keys, which are compatible with
the guided surgery drill sets from all leading
implant manufacturers.
In this particular case, Facilitate (Astra
Tech/DENTSPLY Implants) was used to place the
implant. Once the implant was osseointegrated,
CAD/CAM
implant therapy
Fig. 7
La chirurgia guidata è in uso da diverso tempo.
Però, in Inghilterra, pochi dentisti posizionano gli
impianti avvalendosi delle guide chirurgiche. I
motivi di ciò sono molti, a partire dal fatto che gli
odontoiatri non vogliono seguire questa procedura, o non ne hanno dimestichezza, all’incremento dei costi per la realizzazione della guida,
fino al tempo aggiuntivo e alle sedute necessarie
per ottenere una guida chirurgica pienamente
funzionale e affidabile.
In questo case report, illustrerò la realizzazione in studio di una guida chirurgica mediante
CEREC Bluecam (Sirona). Queste guide non necessitano di inviare le impronte a terze parti e possono essere realizzate in studio in modo economico, in circa 30 minuti.
La guida può essere utilizzata insieme a
guide frese specifiche, compatibili con i set di frese
chirurgiche dei principali produttori di sistemi implantari. In questi caso specifico, per inserire l’impianto è stato utilizzato il sistema Facilitate (Astra
Tech/ DENTSPLY Implants). Una volta osteointe-
Fig. 5
CBCT with reference body and
CEREC proposal overlay.
CBCT con mascherina di
riferimento e proposta CEREC.
Fig. 6
CEREC Guide in situ.
Guida CEREC in situ.
Fig. 8
Fig. 9
Fig. 10
the final restoration was fabricated chairside using the CEREC MC XL milling machine (Sirona)
and an IPS e.max CAD block (Ivoclar Vivadent).
grato l’impianto, il restauro finale è stato realizzato
in studio con il sistema CEREC MC XL (Sirona) e un
blocco IPS e.max CAD block (Ivoclar Vivadent).
Fig. 8
Soft tissue removed.
Rimozione del tessuto molle.
Case report
Caso clinico
A young female patient had lost tooth 36 a few
years ago and wanted an implant solution. Her
medical history was clear and she had a mildly
restored dentition with no current dental
pathology. Her BPE scores were low, with excellent oral hygiene.
The patient was scanned using the
CEREC Bluecam and a proposal for the missing
tooth was created. A collimated CBCT scan of the
lower jaw was taken using GALILEOS (Sirona)
with a CEREC Guide reference body set in thermoplastic over the edentulous area.
The reference body is identified by the
software and a virtual implant placement along
with the CEREC crown proposal is imported into
the software. This allows the clinician to place
the implant virtually, with reference to the ideal
final crown position. In this case, it was deemed
Una giovane donna aveva perso il dente 36 qualche anno prima e ora ne chiedeva la sostituzione
mediante un impianto. La sua storia clinica era
chiara e mostrava una dentizione moderatamente
restaurata, senza alcuna attuale patologia dentale. I suoi punteggi BPE erano bassi, con un’eccellente igiene orale. La paziente è stata sottoposta a
scansione mediante CEREC Bluecam, ed è stata
realizzata una proposta per il dente mancante.
È stata eseguita una scansione CBCT dell’arcata inferiore con GALILEOS (Sirona) con una
mascherina di riferimento CEREC Guide in materiale termoplastico posizionata sull’area edentula.
La mascherina di riferimento viene identificata dal
software e nel software viene importato un posizionamento implantare virtuale insieme alla proposta della corona CEREC. Questo permette al clinico di posizionare virtualmente l’impianto, in rife-
Fig. 11a
Fig. 11b
Fig. 14
Fig. 7
AstraTech (DENTSPLY Implants)
facilitate biopsy punch used
through CEREC Guide.
Mucotomo Facilitate Astra Tech
(DENTSPLY Implants) usato
attraverso la guida CEREC.
Fig. 9
Directional indicator to assess
osteotomy position.
Indicatore direzionale per valutare
la posizione dell’osteotomia.
Fig. 10
Implant placement.
Posizionamento dell’impianto.
Fig. 11a
Placement of a 4 mm healing
abutment at stage 1.
Posizionamento di un abutment di
guarigione da 4 mm nella fase 1.
Fig. 11b
Post-op RTG view.
Immagine RTG postoperatoria.
Fig. 12
Fig. 13
Fig. 15
Fig. 16
CAD/CAM
implant therapy
DDS 2014
clinical article
63
Fig. 17
Fig. 19
Fig. 18
Fig. 12
Fixture level open-tray impression
using impregum.
Impronta a cucchiaio aperto a
livello dell’impianto.
Fig. 13
Standard abutment with 3 mm of
occlusal clearance.
Abutment standard con spazio
occlusale di 3 mm.
Fig. 14
Soft tissue profile after 2 months
healing.
Profilo del tessuto molle due mesi
dopo la guarigione.
Fig. 15
CEREC image of the abutment.
Immagine CEREC dell’abutment.
Fig. 16
CEREC image of final restoration.
Immagine CEREC del restauro
finale.
Fig. 17
CEREC image of the block.
Immagine CEREC del blocco.
Fig. 18
e.max crown glaxed, stained and
ready for sintering.
Corona e.max glasata,
caratterizzata e pronta per la
sinterizzazione.
Fig. 19
Milled e.max CAD/CAM crown
with screw hole.
Corona CAD/CAM e.max fresata
con foro per la vite.
that a screw-retained restoration would be desirable; hence, the screw-access hole was positioned through the centre of the crown.
Once the implant position had been decided, the information was ported to the CEREC
software and using a CEREC Guide Bloc a drill
body was milled by the CEREC MC XL milling machine. Once this has been milled, it will lock
tightly into the thermoplastic drilling template.
At this point, the surgical guide is complete and
can be used on the patient.
In this particular case, an OsseoSpeed TX
implant (DENTSPLY Implants) (4.0 × 11 mm) was
placed using the surgical guide. The patient was
prepared in accordance with a standard sterile
protocol and the area anaesthetised as one
would for a regular implant placement. The surgical guide snaps firmly over the existing teeth,
expanding over- and undercuts, becoming a very
stable platform through which to drill. The Facilitate soft-tissue punch was used to remove the
overlying soft tissue, and a standard drilling protocol using the Sirona drill keys was followed.
A high primary stability of 40 N cm was
obtained and a 4 mm healing abutment was
placed immediately. The patient healed with no
pain, no swelling and no discomfort. The postoperative long-cone periapical radiograph corresponded well with the preoperative planning
with an ideal angulation for a screw-retained
crown. After two months of healing, a fixturelevel open-tray impression was taken and cast
rimento alla posizione ideale della corona definitiva. In questo caso, è stato deciso che fosse opportuno un restauro avvitato; quindi, al centro
della corona è stato realizzato il foro di accesso
della vite.
Una volta stabilita la posizione dell’impianto, le informazioni sono state riportate nel
software CEREC e, mediante un CEREC Guide
Bloc, è stato fresato un drill body con il sistema CEREC MC XL. Una volta fresato, questo si adatta
perfettamente alla guida termoplastica di fresatura. A questo punto, la guida chirurgica è completa e può essere utilizzata sul paziente.
In questo caso particolare, mediante la
guida chirurgica è stato posizionato un impianto
Osseo Speed TX (DENTSPLY Implants) (4,0×11
mm). La paziente è stata preparata secondo un
protocollo sterile standard e l’area è stata anestetizzata per un normale intervento di implantologia.
La guida chirurgica si adatta perfettamente sopra
ai denti esistenti, sormontandoli completamente,
diventando una piattaforma molto stabile attraverso cui fresare. È stato utilizzato un mucotomo
Facilitate per rimuovere il tessuto molle sovrastante ed è stato eseguito un protocollo di fresatura standard mediante le guida frese Sirona.
È stata ottenuta una stabilitŕ primaria elevata di 40 Ncm ed è stato applicato immediatamente un abutment di guarigione di 4 mm. La guarigione è avvenuta senza dolore, gonfiore o disagi.
La radiografia postoperatoria periapicale con tecnica del cono lungo mostrava la congruenza con la
Fig. 20
Screw retained e.max crown.
Corona e.max avvitata.
Fig. 21
Final restoration in situ.
Restauro finale in situ.
Fig. 22
Final restoration in situ.
Restauro finale in situ.
64
DDS 2014
clinical article
Fig. 20
CAD/CAM
implant therapy
Fig. 21
Fig. 22
KaVo ARCTICA.® Sistema CAD/CAM.
Aspettatevi di più
dal vostro sistema
CAD/CAM.
KaVo ARCTICA.®
Un unico sistema, moltissimi vantaggi.
Il sistema KaVo ARCTICA CAD / CAM soddisfa tutti i requisiti tecnici
ed economici che vengono richiesti per una moderna
lavorazione dentale, sia in studio che in laboratorio:
r.BTTJNBTJDVSF[[BEJJOWFTUJNFOUPFHBSBO[JBQFSJMGVUVSP
vasta gamma di applicazioni ed ampia scelta di materiali fresabili
r.BTTJNBáFTTJCJMJUÆ
grazie alla completa compatibilità con la maggior parte degli scanner
presenti sul mercato
r.BTTJNBQSFDJTJPOFFNBOFHHFWPMF[[B
in tutte le procedure e nei risultati
WORKSHOP
I
R
T
S
O
N
I
A
I
IT
IS C R IV
R A T U IT I
E A I W E B IN AIR PGIÙ S U :
SCOPRI D
www.kavo.it
KaVo ITALIA S.r.l. - Via del Commercio, 35 - 16167 Genova - Tel. 010 8332.1 - Fax 010 8332.210 - www.kavo.it
up using an Astra Tech replica. A standard metal
abutment was inserted into the replica and cut
back by 3 mm from the occlusal table. This was
then powdered and scanned using the CEREC
Bluecam, and an IPS e.max CAD C 14 block was
milled.
The CEREC 4.2 software was instructed
to mill a hole that corresponded to the screw-insertion path on the abutment. This was finished
using a high-speed diamond bur with copious irrigation. The crown was glazed and sintered, allowed to cool and bonded to the abutment using
Variolink II (Ivoclar Vivadent). The final crown
was screwed directly onto the implant and a final
check for contacts and occlusion was done.
This process shows just how far
CAD/CAM technology has come. An implant can
be planned, inserted and restored all in-house,
using the current available technology. The final
result is equal to any laboratory-based restoration, albeit for simple units. The process does
have its limits in terms of multiple-span bridges
and placement of multiple implants, especially in
edentulous areas. As the technology develops,
with further advances being made, the scope of
what is possible for the implant dentist is always
expanding.
This article was published in CAD/CAM international magazine of
digital dentistry No. 01/2013.
pianificazione preoperatoria con un’angolazione
ideale della corona avvitata.
Dopo due mesi di guarigione, è stata rilevata un’impronta a cucchiaio aperto a livello dell’impianto ed è stato realizzato il modello con una
replica Astra Tech. Nella replica è stato inserito un
abutment in metallo standard ed è stato eseguito
un cut back di 3 mm dal piano occlusale. È stata poi
applicata la polvere ed eseguita la scansione con
CEREC Blucam, ed è stato fresato un blocchetto
IPS e.max CAD C 14.
Il software CEREC 4.2 è stato impostato
per fresare un foro sull’abutment corrispondente
al percorso di inserimento della vite. Questo è
stato rifinito con una fresa diamantata a elevata
velocità con abbondante irrigazione. La corona è
stata glasata e sinterizzata, lasciata raffreddare e
applicata sull’abutment con Variolink II (Ivoclar Vivadent). La corona definitiva è stata avvitata direttamente sull’impianto ed è stato eseguito il controllo finale dei contatti e dell’occlusione.
Questa procedura dimostra i passi avanti
compiuti dalla tecnologia CAD/CAM.
Grazie all’attuale tecnologia, è possibile
pianificare un impianto, inserirlo e protesizzarlo
direttamente in studio. Il risultato finale è uguale a
quello di un restauro eseguito in laboratorio, anche
se per unità semplici. La procedura ha i suoi limiti
per quanto riguarda i ponti a travata lunga e l’inserimento di impianti multipli, soprattutto nelle aree
edentule. Con lo sviluppo della tecnologia e con gli
ulteriori miglioramenti, le potenzialità dell’implantologia si amplieranno sempre più.
About the author
Dr Nilesh R. Parmar, BDS (Lond.), M.Sc. (Prosth. Dent.),
M.Sc. (Imp. Dent.), Cert. Ortho., was voted Best Young Dentist in the East of England in 2009 and runner-up in 2010. He
was short-listed for the Private Dentistry Awards in 2011 in
the category of Outstanding Individual.
He has a master’s degree in Prosthetic Dentistry from the
Eastman Dental Institute and a master’s degree in Clinical
Implantology from King’s College London. He is one of the
few dentists in the UK to hold a degree from all three London
dental schools and recently obtained his Certificate in Orthodontics from the University of Warwick. His main area of interest is dental implants and CEREC CAD/CAM technology.
↓
More information can be found on:
www.drnileshparmar.com
Twitter: @NileshRParmar
Facebook: DR NILESH R. PARMAR
66
DDS 2014
clinical article
Nilesh runs a successful five-surgery practice close to London and is a visiting implant dentist at two Central London
practices. Nilesh has a never-ending passion for his work and
is well known for his attention to detail and his belief that
every patient he sees should become a patient for life. He offers training and mentoring to dentists starting out in implant dentistry.
CAD/CAM
implant therapy
Nilesh R. Parmar, BDS (Lond.), M.Sc. (Prosth. Dent.), MSc
(Imp. Dent.), Cert. Ortho., è stato votato come “Best Young
Dentist” dell’East of England nel 2009 e secondo classificato
nel 2010. È stato nella rosa dei candidati del Private Dentistry
Awards nel 2011 nella categoria Outstanding Individual. Ha
conseguito il Master in Odontoiatria protesica presso l’Eastman Dental Institute e il Master in Implantologia presso il
King’s College London.
È uno dei pochi dentisti UK a detenere una laurea in tutte e tre
le scuole di odontoiatria londinesi e recentemente ha ottenuto il Certificate in Orthodontics presso la University of
Warwick. Si interessa soprattutto di implantologia e tecnologia CEREC CAD/CAM.
Nilesh ha uno studio privato vicino a Londra ed è consulente
presso due studi di Londra, è appassionato del suo lavoro ed
è noto per l’attenzione che dedica a ogni paziente, che lui reputa un paziente per la vita. Tiene corsi di formazione in implantologia.
TRIOS® - MORE THAN
AN IMPRESSION
DIGITAL IMPRESSIONS IN LIFELIKE COLORS
MEASURE TEETH SHADES AS YOU SCAN
HD PHOTOS FOR SUPREME MARGIN DETECTION
WANT TO LEARN
MORE?
COME TO FRIDAYS
LECTURE 11 AM
Choose the optimal TRIOS® solution for your clinic – Cart, Pod, Chair Integration
www.3Shapedental.com/TRIOS
Author – Tero Rakkolainen
CAD/CAM fixed prosthetics:
A case report
CAD/CAM fixed prosthetics: Caso clinico
Fig. 1
A clinical photograph of the
patient with the implants and
healing abutments in place.
Immagine clinica del paziente
con gli impianti e gli abutment di
guarigione inseriti.
Fig. 2
The work models before the
actual work was started in the
laboratory.
In laboratorio sono stati eseguiti
i modelli di lavoro che precedono
il lavoro reale.
Fig. 3
The starting point for CAD/CAM
work is a carefully filled out order
form.
Il lavoro CAD/CAM inizia con la
compilazione accurata di un
modulo d’ordine.
CAD/CAM fixed prosthetic implant restorations
raise many questions among dental technicians.
Unfortunately, if a technician is not familiar with
CAD/CAM technology, he or she might have
many misconceptions about it. The design and
manufacture of fixed prosthetics still requires
the professional skills of an experienced technician. Without input, clicking a button on a computer does nothing. This case report demonstrates the multiple phases and challenges of
dental technology work even when CAD/CAM
technology is used in design and manufacture.
Case report
A middle-aged male patient had an old fibre-reinforced anterior bridge. The abutment teeth of
the old bridge had severe caries and the structures of the bridge had reached the end of their
lifespan. The bridge was removed. Dr JuhaPekka Lyytikkä (Hammas-Pulssi dental clinic)
extracted the teeth that could not be saved
and placed three XiVE implants (Ø 3.8 mm;
DENTSPLY Implants) in positions 14, 12 and 22.
Fig. 1
Fig. 2
Fig. 4
68
Fig. 5
DDS 2014
clinical article
CAD/CAM
fixed prosthetics
La produzione di impianti dentali con tecnologia
CAD/CAM solleva molte questioni fra i tecnici di
laboratorio. Purtroppo, se un tecnico non ha dimestichezza con la tecnologia CAD/CAM, potrebbe avere idee sbagliate in merito. La progettazione e la produzione di protesi fisse richiede
ancora le capacità professionali di un tecnico di
laboratorio dentale esperto. Senza un contributo personale, fare clic sul pulsante di un computer non genera alcun risultato. Questa storia
rappresenta un buon esempio delle molteplici
fasi e sfide insite nel lavoro della tecnologia dentale anche quando il sistema CAD/CAM viene
utilizzato nella progettazione e nella produzione
dall’inizio alla fine.
Caso clinico
Il paziente è un uomo di mezza età con un vecchio
ponte anteriore rinforzato con fibre. I denti di
abutment del vecchio ponte presentavano gravi
carie e anche le strutture del ponte avevano raggiunto il limite della loro durata. Il ponte è stato rimosso. Lo specialista Juha-Pekka Lyytikkä della
Fig. 3
Fig. 6
When the healing period was over, the construction of the final prosthetic restoration began.
The implants and healing abutments
were in place (Fig. 1) and, since the position and
direction of the implants were optimal, screwretained zirconia structures were chosen. Being
able to detach screw-retained bridges and
crowns when necessary offers significant benefits for both the patient and the entire dental
team. Zirconia abutment bridges and crowns are
usually very well tolerated by patients and can
be cleaned easily, which is a critical factor in the
retention of bone and gingival volume.
The work models were fixed in the articulator before the work was started in the laboratory (Fig. 2). It is not necessary to divide the work
model into sections when using the 3Shape
scanner for implants. A normal gingival mask
and high-quality plaster models are sufficient.
The starting point for CAD/CAM work is a
carefully filled out order form in a software program (Fig. 3). The order form specifies the work
in question and the material to be used for manufacture. The form also specifies the milling centre to be used for manufacture, as well as the
abutment library to be used. Moreover, the order
form links specific design parameters to the
work in question.
Next scanning abutments (Turun Teknohammas) were fixed on the model with screws
(Fig. 4). This ensured that the position of the implants remained precise during the entire
process. The scanning abutments on the model
defined the position of the implants in 3-D
space. The software compares the scanning results to the files in the abutment library (Fig. 5).
The complete CAD work model with
scanning abutments and a separate gingival
mask scan was shown on the screen (Fig. 6). The
opposing arch was also scanned (Fig. 7). The
work model and opposing arch scan are combined at the end of the scanning phase (Fig. 8). At
this stage, it is possible to remove unnecessary
data from the scans, such as the base of the plaster model.
Fig. 7
Fig. 8
clinica dentale Hammas-Pulssi ha estratto il
dente oramai inutilizzabile e ha posizionato tre
impianti Xive (DENTSLY Implants) da 3,8 mm
(aree n. 14, 12, 22). Al termine del periodo di guarigione, è iniziata la costruzione della protesi finale.
Immagine clinica del paziente con gli impianti e gli abutment di guarigione inseriti (Fig. 1).
Data la posizione e la direzione ottimali degli impianti, sono state utilizzate strutture in zirconio
trattenute da vite. Le corone e i ponti trattenuti da
vite possono essere rimossi quando necessario e
questo comporta notevoli vantaggi sia per il paziente che per l’intero team odontoiatrico.
In laboratorio sono stati eseguiti i modelli
di lavoro che precedono il lavoro reale (Fig. 2).
Quando si utilizza lo scanner 3Shape per gli impianti, non è necessario dividere il modello di lavoro in sezioni. Sono sufficienti una maschera
gengivale e modelli in gesso di alta qualità.
Il lavoro CAD/CAM inizia con la compilazione accurata di un modulo d’ordine (Fig. 3). Il
modulo d’ordine specifica il lavoro in questione e il
materiale da utilizzare per la produzione. Specifica inoltre il centro di fresatura da utilizzare per la
produzione e la libreria di abutment. Il modulo
d’ordine collega inoltre i parametri di progettazione specifici per il centro di fresatura al lavoro in
questione.
Gli abutment di scansione prodotti da Turun Teknohammas Oy sono stati fissati sul modello con le viti (Fig. 4). In questo modo la posizione degli impianti rimane precisa per tutta la durata del processo.
Gli abutment di scansione installati sul
modello determinano la posizione dell’impianto nell’area 3D. Il software confronta i risultati di scansione ai file presenti nella libreria
di abutment (Fig. 5).
Modello di lavoro CAD completo con gli
abutment di scansione e scansione separata della
maschera gengivale (Fig. 6). Scansione dell’arcata opposta (Fig. 7). Al termine della fase di scansione, il modello di lavoro viene abbinato alla
scansione dell’arcata opposta (Fig. 8). In questa
fase è possibile eliminare dalle scansioni i dati su-
Fig. 4
The scanning abutments
manufactured were fixed on the
model.
Gli abutment di scansione sono
stati fissati sul modello con le viti.
Fig. 5
The scanning abutments on the
model defined the position of the
implants in 3-D space.
Gli abutment di scansione
installati sul modello determinano
la posizione dell’impianto
nell’area 3D.
Fig. 6
The complete CAD work model
with scanning abutments and a
separate gingival mask scan.
Modello di lavoro CAD completo
con gli abutment di scansione e
scansione separata della
maschera gengivale.
Fig. 7
Opposing arch scan.
Scansione dell’arcata opposta.
Fig. 8
The work model and opposing
arch scan are combined at the
end of the scanning phase.
Il modello di lavoro viene abbinato
alla scansione dell’arcata
opposta.
Fig. 9
3Shape Dental Designer program.
3Shape Dental Designer.
Fig. 9
CAD/CAM
fixed prosthetics
DDS 2014
clinical article
69
Fig. 10
The preparation limit of the
abutments can be configured by
dragging the dots to the desired
location.
Configurare il “limite di
preparazione” degli abutment
trascinando i punti sulla posizione
desiderata.
Fig. 11
The virtual articulator in Dental
Designer.
3Shape DentalDesigner 2010
contiene un articolatore virtuale
che simula gli stessi movimenti di
un articolatore reale.
Fig. 12
The completed bridge ready to be
sent for milling.
Un ponte completo pronto per
essere inviato per la fresatura.
Fig. 13
The complete abutment, combining the anatomy from the library
files and the created plan.
Abutment completo che combina
l’anatomia dei file della libreria
con il piano creato.
Fig. 14
A zirconia block.
Zirconia block.
Fig. 15
The complete zirconia abutment
sits completely passively on the
model.
L’abutment completo in zirconio si
posiziona in modo totalmente
passivo.
Next, the software closes the scan and opens the
3Shape Dental Designer program. This software
program places the basic units in the correct
places (Fig. 9). It also offers many tools for editing the results.
The preparation limit of the abutments
can be configured by dragging the dots to the desired location (Fig. 10). This is where you can also
change the shape of the subgingival parts of the
abutment to, for example, offer support or make
more room, depending on the type and volume
of the gingiva.
Dental Designer uses a virtual articulator
(Fig. 11). The virtual articulator mimics movements the same way as a real articulator does. In
addition, you can use the colour-marking feature to detect contact areas. Movements can be
simulated automatically or by moving the
mouse.
The software also contains preset values
for configuring, for example, the strength of
pontics and alerts the user if these pre-sets are
changed. Figure 12 shows a completed bridge
ready to be sent for milling and Figure 13 the
complete abutment, combining the anatomy
from the library files and the created plan.
The fact that today we can mill custommade abutments and screw-retained bridges
from zirconia is the result of a cross-disciplinary
effort between dental technology and engineering. After years of hard work, we are now able to
mill parts to tolerances of less than 5 μm. The
milling of implant bridges requires a five-axis
milling machine. The STL file generated by the
CAD system is only one of the steps in creating
the final product (Fig. 14).
perflui, ad esempio la base del modello di gesso.
Il software chiude la scansione e apre il
programma DentalDesigner. Il software 3Shape
installa in maniera perfetta le unità di base al loro
posto e contiene inoltre numerosi strumenti per
modificare i risultati (Fig. 9).
È possibile configurare il “limite di preparazione” degli abutment trascinando i punti sulla
posizione desiderata (Fig. 10). Qui è anche possibile modificare la forma delle parti sub-gengivali
dell’abutment, ad esempio per offrire sostegno o
creare più spazio, in base al tipo e al volume della
gengiva.
3Shape DentalDesigner 2010 contiene un
articolatore virtuale che simula gli stessi movimenti di un articolatore reale (Fig. 11). Inoltre, per
rilevare le aree di contatto, è possibile utilizzare la
funzione di evidenziazione a colori. I movimenti
possono essere simulati in modo automatico o
muovendo il mouse.
Il software contiene valori predefiniti, ad
esempio per configurare la forza degli elementi
intermedi e avverte l’utente se tali valori vengono
modificati. L’immagine 12 mostra un ponte completo pronto per essere inviato per la fresatura e
l’imagine 13 mostra abutment completo che
combina l’anatomia dei file della libreria con il
piano creato.
La possibilità di fresare abutment personalizzati e ponti in zirconio trattenuti da vite è il risultato di un impegno interdisciplinare fra l’ingegneria e la tecnologia dentale. Dopo anni di duro
lavoro, siamo in grado ora di fresare elementi con
una tolleranza inferiore a 5 micrometri. La fresatura dei ponti di impianto richiede macchinari a 5
assi. Il file stl creato dal sistema CAD rappresenta
Fig. 10
Fig. 11
Fig. 12
Fig. 13
Fig. 14
Fig. 15
70
DDS 2014
clinical article
CAD/CAM
fixed prosthetics
The complete zirconia abutment sits completely
passively on the model after correctly executed
computer-aided design, milling and sintering
(Fig. 15). As part of quality control, the completed abutment is test-tightened to the correct
torque on the model. The flexural strength of
carefully modified custom-made abutments
can be up to twice as high as that of standard zirconia abutments. Stress tests conducted at the
University of Turku strained the abutments at a
45-degree angle using up to 1,500 N of force.
The completed abutments accurately
matched the design, including the opposing arch
and the gingival margin. In this particular case,
the abutments were coloured using regular
colour (Fig. 16).
The veneering work was performed at
Turun Teknohammas’s laboratory using conventional methods (Fig. 17). The ceramic used was
IPS e.max (Ivoclar Vivadent) and the work was
performed by Jaakko Siira, the technician in
charge.
The completed screw-retained bridge
and the abutment were tried on the model (Fig.
18), as was the screw-retained zirconia crown
(Fig. 19). Then the completed work was ready to
be sent to the clinic (Fig. 20). Figure 21 shows the
final clinical situation of the completed product,
tightened to the desired torque.
→ contact
Tero Rakkolainen
www.intodental.fi Käsityöläiskatu 7
20100 Turku
Finland
solo uno degli elementi necessari per la realizzazione del prodotto finale (Fig. 14).
Dopo una progettazione, fresatura e sinterizzazione corrette eseguite con CAD, l’abutment completo in zirconio si posiziona in modo totalmente passivo (Fig. 15). Il controllo di qualità
prevede che venga eseguito un test di serraggio
dell’abutment completo nel modello alla coppia
corretta. La forza di articolazione di abutment
personalizzati modificati con attenzione può essere due volte superiore a quella degli abutment in
zirconio reperibili in commercio. I test di sollecitazione condotti dall’università di Turku hanno sottoposto gli abutment a un’angolazione di 45 gradi
utilizzando una forza massima di 1.500 N.
Gli abutment completati corrispondono in
modo accurato alla progettazione, compresa l’arcata opposta e il margine gengivale. In questo
caso particolare, gli abutment sono stati colorati
in modo reale (Fig.16).
Il lavoro di rivestimento è stato eseguito
presso il laboratorio di Turun Teknohammas Oy
con metodi tradizionali (Fig. 17). È stata utilizzata ceramica e.max di Ivoclar Vivadent e il lavoro è stato eseguito da Jaakko Siira, il tecnico
incaricato.
L’immagine 18 mostra ponte completo
trattenuto da vite e abutment sul modello e l’imagine 19, corona in zirconio trattenuta da vite. Il lavoro completato pronto per essere spedito alla
clinica (Fig. 20). Immagine clinica finale del prodotto completo serrato alla coppia desiderata
(Fig. 21). Le corone e i ponti con abutment in zirconio possono essere puliti con estrema facilità, fattore critico nel mantenimento dell’osso e del volume gengivale.
Fig. 16
Fig. 17
Fig. 18
Fig. 19
Fig. 20
Fig. 21
CAD/CAM
fixed prosthetics
Fig. 16
The completed abutments accurately matched the design.
Gli abutment completati corrispondono in modo accurato alla
progettazione.
Fig. 17
The veneering work was performed at the laboratory using
conventional ceramic methods.
Il lavoro di rivestimento è stato
eseguito presso il laboratorio di
Turun Teknohammas Oy con
metodi tradizionali.
Fig. 18
The completed screw-retained
bridge and the abutment on the
model.
Ponte completo trattenuto da vite
e abutment sul modello.
Fig. 19
The screw-retained zirconia
crown.
Corona in zirconio trattenuta da
vite.
Fig. 20
The completed work ready to be
sent to the clinic.
Il lavoro completato pronto per
essere spedito alla clinica.
Fig. 21
The final clinical photograph.
Immagine clinica finale del
prodotto completo serrato alla
coppia desiderata.
DDS 2014
clinical article
71
Author – Dr Khaled M. Abouseada
Non-extraction treatment
of a Class II case with a missing
mandibular central incisor
using a CAD/CAM lingual
orthodontic system
Trattamento non estrattivo di una II Classe
con incisivo centrale inferiore mancante mediante
un sistema ortodontico linguale CAD/CAM
Adult orthodontic patients insist on aesthetic
treatment options that have the least possible impact on their work and life. Clear aligners are an excellent treatment option that is well suited to
many comprehensive orthodontic treatment
plans. You may have already figured out that case
selection is essential, and some movements are
more difficult to perform well with removable
aligners.
Incognito lingual braces (3M ESPE) are an
ideal treatment option for adult patients who are
best treated with a fixed system and who are looking for invisible orthodontics. They are also perfect
for patients who are not committed to dealing
with removable aligners. Lingual braces are an exciting advancement in orthodontic care, and many
patients are thrilled. I would like to present a brief
background on the Incognito lingual braces system, followed by a discussion of a case I treated
with lingual braces and why I chose this system.1
The Incognito appliance is manufactured
using state-of-the-art CAD/CAM technology. The
first step in the fabrication process is taking accurate polyvinyl siloxane impressions and bite registration using polyvinyl siloxane, and then creating
a model in plaster and a diagnostic wax-up thereafter (according to my direct instructions). The final model is then sent to me digitally for feedback,
and I can make a series of changes until I am satisfied with the final result. The final model is then
scanned with a 3-D scanner and the brackets are
designed on the computer.
The bracket and archwire system consists entirely of individualised components.
72
DDS 2014
clinical article
CAD/CAM
lingual orthodontic system
I pazienti ortodontici adulti richiedono con insistenza opzioni di trattamento estetiche che abbiano il minor impatto possibile sul loro lavoro e la
loro vita. Gli allineatori trasparenti sono un’eccellente opzione di trattamento, adatta a molti piani
di trattamento ortodontico globale. Avrete già capito che la selezione del caso è essenziale e che alcuni movimenti sono più difficili da eseguire bene
con gli allineatori removibili.
Gli attacchi linguali Incognito (3M ESPE)
rappresentano un’opzione di trattamento ideale
per i pazienti adulti che possono essere trattati
meglio con un sistema fisso e che desiderano un
trattamento ortodontico fisso. Sono perfetti anche per chi non è propenso a gestire gli allineatori
removibili.
Gli attacchi linguali sono un interessante
passo avanti nella cura ortodontica e molti pazienti ne sono soddisfatti. Vorrei presentare brevemente il sistema di attacchi linguali Incognito,
illustrando poi un caso che ho trattato con gli attacchi linguali e spiegando perché ho scelto questo sistema.1
Il dispositivo Incognito è realizzato mediante l’innovativa tecnologia CAD/CAM. La
prima fase del processo di realizzazione prevede
la rilevazione di accurate impronte in polivinilsilossano, seguita dalla realizzazione di un modello in gesso e di una ceratura diagnostica (secondo le mie istruzioni dirette). Il modello finale
mi viene quindi inviato in modo digitale per un riscontro e quindi io posso apportare una serie di
cambiamenti fino a quando sono soddisfatto del
risultato finale. Il modello finale viene quindi
The bracket bases and bodies, the position of the
bracket body on the bases, the bracket-slot orientation (ribbonwise), the direction of the archwire
insertion (vertical or horizontal) and the archwire
geometry are all individually adjusted to each
tooth, according to malocclusion and the orthodontist’s instructions. Rapid prototyping technology is used for the manufacturing of the lingual
brackets. The braces are then cast from gold alloy,
mounted in a flexible indirect bonding tray, and
shipped out ready to be bonded. Direct bonding is
feasible too, owing to the extended individual
bases.
Bending archwires is one of the most difficult tasks in orthodontics. In this system, computer-operated bending of archwires using robots
is used to manufacture precisely shaped archwires. Even super-elastic archwires can be precisely shaped. This helps solve three major problems in lingual orthodontics:
1. Patient discomfort during the adaptation phase:
The appliance is designed to be as flat as possible, not much higher than a bonded retainer; this
significantly improves patient comfort.
2. Difficulties in re-bonding: The customised
bracket base covers the major part of the lingual
tooth surface and therefore allows direct rebonding without the need for any other positioning aids.
3. Inaccuracies in finishing: Inaccuracies of the
slots due to production and resulting variation in
torque play are now part of the past, owing to Incognito. Measuring rates show divergences of
not more than 0.008 mm between the slots.
The precisely shaped archwires also make highstandard finishing easily achievable. 2, 3 Figure 1
shows the different steps in manufacturing
braces with the Incognito system.
This case report describes the treatment of
a patient with a skeletal Class II malocclusion due
to a retrognathic mandible and protrusive maxilla.
He also had a congenitally missing mandibular left
central incisor. The extraction of a single mandibular incisor can be employed as a compromise treatment of certain malocclusions if the end result fulfils the requirements for a healthier dentition that
is functionally and aesthetically harmonised in relation to the surrounding structures.4 In this case,
one of these incisors was missing so extraction
was not necessary.
The Class II malocclusion was corrected by
non-extraction orthodontic treatment with a
CAD/CAM fixed lingual appliance (Incognito).
The Class III molar relationship had not changed
Fig. 1
scansionato con uno scanner 3D e i bracket vengono progettati a computer.
Il sistema di bracket e archi consiste in
componenti interamente individualizzate. La base
e il corpo dei bracket, la posizione del corpo del
bracket sulla base, l’orientamento dello slot (ribbonwise), la direzione dell’inserimento dell’arco
(verticale o orizzontale) e la geometria dell’arco
vengono tutti adattati individualmente per ciascun dente, in base alla malocclusione e alle istruzioni dell’ortodontista. Per la realizzazione dei
bracket linguali si utilizza la tecnica di prototipazione rapida. Questi vengono poi fusi in una lega
aurea, montati su un tray flessibile per adesione indiretta e pronti per l’applicazione.
Grazie all’approccio individuale, è possibile
anche l’adesione diretta.
La piegatura degli archi è uno dei compiti
più difficili in ortodonzia. In questo sistema, la piegatura degli archi eseguita a computer mediante
robot permette di modellare gli archi con precisione. Anche quelli super elastici possono essere
modellati in modo preciso. Questo aiuta a risolvere
tre problemi principali dell’ortodonzia linguale:
Fig 1
Different Steps of Manufacturing
of Incognito System.
Le diverse fasi della produzione
del Sistema Incognito.
1. disagio del paziente durante la fase di adattamento: l’applicazione è fatta in modo da essere il
più possibile piatta, non più alta di un ritentore
adesivo; questo migliora significativamente il
confort del paziente;
2. difficoltà nella ri-adesione: la base individuale
del bracket copre la maggior parte della superficie linguale del dente e quindi permette una riadesione diretta senza la necessità di ulteriori
ausili di posizionamento;
3. imprecisione della finitura: le imprecisioni degli
CAD/CAM
lingual orthodontic system
DDS 2014
clinical article
73
Fig. 2
Fig 2
Extraoral and Intraoral
Photographs Before Treatment
Showing Severe Upper and Lower
Crowding and Retruded Lower
Lip.
Le immagini extraorali e intraorali
prima del trattamento mostrano il
grave affollamento superiore e
inferiore e il labbro inferiore
retruso.
Fig 3
Final Photographs Show Normal
Overbite and Overjet Relationship,
Elimination of Anterior Crowding
and Improvement of Facial
Profile.
Le immagini finali mostrano una
normale relazione di overbite e
overjet, l’eliminazione
dell’affollamento anteriore e il
miglioramento del profilo facciale.
at the end of treatment, but a Class I canine relationship was achieved and the facial profile improved owing to improvement in the position of
the mandibular incisor in relation to the
mandibular plane, which affects the position of
the lower lip.
The patient was male, aged 23 years and 9
months, and had the chief complaint of crowding of the maxillary and mandibular anterior
teeth. He had Class III canine and molar relationships on both sides, a 2 mm overjet, a 4 mm overbite, a missing mandibular left central incisor,
the maxillary midline was coincident with the
midsagittal plane, the mandibular midline was
shifted to the left, the maxillary dental arch had
about 7 mm of crowding and lower dental arch
had 8 mm of crowding, excluding the width of
the missing mandibular incisor, and the maxillary lateral incisors were in crossbite (Fig. 2). According to cephalometric analysis, there was a
Class II jaw relationship and normal vertical facial height. The patient was in good health and
his medical history showed no contra-indications to orthodontic therapy (Fig. 3).
The treatment objectives included correction of
the maxillary and mandibular crowding, improvement of the dentoalveolar and maxillomandibular relationships, improvement of facial
aesthetics, and establishment of a stable occlusion and better smile.
DDS 2014
clinical article
slot dovuti alla produzione e la risultante variazione del torque ora fanno parte del passato grazie a Incognito. Le percentuali di misurazione
mostrano divergenze di non più di 0,008 mm tra
gli slot. Anche gli archi modellati con precisione
permettono di ottenere facilmente un elevato
standard di finitura.2,3
Diagnosis and aetiology
Treatment objectives
74
Fig. 3
CAD/CAM
lingual orthodontic system
La Figura 1 mostra le diverse fasi di realizzazione
dei componenti del sistema Incognito. Questo
caso clinico descrive il trattamento di un paziente
con una malocclusione di II Classe scheletrica a
causa di una mandibola retrognatica e una mascella protrusiva. Presentava anche la mancanza
congenita dell’incisivo centrale inferiore di destra.
L’estrazione di un solo incisivo inferiore può essere
eseguita come trattamento di compromesso per
alcune malocclusioni se il risultato finale soddisfa i
requisiti per una dentizione più sana e sia armonizzato dal punto di vista funzionale ed estetico in relazione alle strutture adiacenti.4 In questo caso,
uno di questi incisivi mancava e quindi è stata necessaria l’estrazione.
La malocclusione di II Classe è stata corretta con un trattamento ortodontico non estrattivo con un dispositivo linguale fisso CAD/CAM
(Incognito).
La relazione molare di III Classe non è cambiata alla fine del trattamento, ma è stata ottenuta
una relazione canina di I Classe e il profilo facciale è
migliorato grazie al miglioramento della posizione
dell’incisivo mandibolare in relazione al piano
mandibolare, che influisce sulla posizione del labbro inferiore.
Diagnosi ed eziologia
Il paziente, di 23 anni e nove mesi, lamentava l’affollamento mascellare e mandibolare dei denti anteriori. Presentava relazioni canine e molari di III
Classe su entrambi i lati, un overjet di 2 mm, un
overbite di 4 mm, l’agenesia dell’incisivo centrale
inferiore di sinistra, la linea mediana mascellare
era coincidente con il piano mediosagittale, la linea
mediana mandibolare era spostata a sinistra, l’arcata dentale superiore aveva circa 7 mm di affollamento e l’arcata inferiore aveva 8 mm di affollamento, escludendo l’ampiezza dell’incisivo inferiore mancante, e gli incisivi centrali superiori
erano in crossbite (Fig. 2). Secondo l’analisi cefalometrica, vi era una relazione dell’arcata di II Classe
e un’altezza facciale verticale normale. Il paziente
era in buona salute e la sua anamnesi medica non
mostrava alcuna controindicazione alla terapia ortodontica (Fig. 3).
Fig. 4
Fig 4
Pretreatment Cephalometric
Tracing and Measurements.
Tracciato cefalometrico e
misurazioni pretrattamento.
Treatment alternatives
Obiettivi del trattamento
Three treatment options were suggested to the
patient. The first alternative entailed labial orthodontics using either metal or clear brackets.
The second option entailed lingual orthodontics,
as the aesthetic demand was very high for the
patient and clear aligners would not have been
able to achieve the needed results. Both options
1 and 2 were non-extraction. The third option
was to extract all four first premolars but this
would have affected the facial profile negatively.
After detailed discussion with the patient, we
chose option 2, non-extraction using a lingual
appliance.
Treatment progress
Treatment began with customised, pre-adjusted,
CAD/CAM fixed lingual appliances (0.5588 mm
slots) placed on both the maxillary and mandibular
arches using an indirect bonding technique. Levelling, alignment and expansion of the arch were
achieved using heat-activated, super-elastic, customised wire (14, 16, 16 x 22; and 18 x 25). Detailing
and finishing were performed using 16 x 22 stainless-steel wire and 18.2 x 18.2 Beta III Titanium
Archwire. The total active treatment time was 17
months. Patient compliance was good. For retention, fixed maxillary and mandibular retainers
were provided, as well as an Essix retainer at night.
Treatment results
The post-treatment extra-oral photographs
showed general improvement in the facial profile.
Gli obiettivi del trattamento includevano la correzione dell’affollamento mascellare e mandibolare,
il miglioramento delle relazioni dentoalveolare e
maxillomandibolare, il miglioramento dell’estetica facciale e l’ottenimento di un’occlusione stabile e di un sorriso migliore.
Alternative di trattamento
Al paziente sono state suggerite tre opzioni di trattamento. La prima alternativa prevedeva l’ortodonzia labiale mediante bracket in metallo o trasparenti. La seconda opzione prevedeva l’ortodonzia linguale, in quanto l’esigenza estetica del
paziente era molto elevata e gli allineatori trasparenti non sarebbero stati in grado di ottenere i risultati necessari.
Entrambe le opzioni 1 e 2 erano di tipo non
estrattivo. La terza opzione era quella di estrarre
tutti i quattro primi premolari, ma questo avrebbe
influenzato negativamente il profilo facciale.
Dopo una dettagliata discussione con il paziente,
abbiamo optato per l’opzione 2, senza alcuna
estrazione e con un dispositivo linguale.
Procedura di trattamento
Il trattamento è iniziato con applicazioni linguali
fisse CAD/CAM personalizzate, pre-regolate (slot
da 0,5588 mm) posizionate su entrambe le arcate
mediante tecnica adesiva indiretta. Il livellamento,
l’allineamento e l’espansione dell’arcata sono stati
ottenuti mediante arco personalizzato, super-elaCAD/CAM
lingual orthodontic system
DDS 2014
clinical article
75
Fig. 5a
Fig. 5b
Fig 5a–g
Showing Upper and Lower Initial
and Final Comparing Them
to Their Corresponding Set-up.
Situazione superiore e inferiore
iniziale e finale e confronto con il
corrispondente set-up.
The post-treatment intra-oral photographs
showed satisfactory dental alignment, Class I canine and Class III molar relationships, and a normal
overbite and overjet. In addition, the maxillary and
mandibular incisors had a normal inter-incisal angle due to the interproximal reduction in the maxillary arch. In Figure 4, we can see how accurate
the model was compared with the final treatment
outcome for both arches. At the end of treatment,
a normal morphological and functional occlusion
was obtained, with anterior guidance in lateral and
protrusive excursions. Class I canine relationships
were obtained on both sides. The good interdental
relationship also provided a well-balanced facial
profile with lip competence.
Discussion
The treatment objectives were attained with the
non-extraction treatment protocol using a
CAD/CAM lingual system. Obviously, the results
reflect the effects of not only the proclination of
the mandibular anterior teeth, but also the relief of
crowding in both arches and the accuracy of the
model in reflecting the final result (Fig. 5). We still
had to perform interproximal reduction in the
maxillary arch to achieve a normal overbite and
overjet, with the canines in a Class I relationship.
Another treatment option would have been to extract the maxillary and mandibular first premolars.
However, this was not a favourable treatment alternative owing to its negative effect on the facial
profile.
Performing lingual orthodontic treatment
for each patient in the average orthodontic office is
now a reality. The treatment results are of a high
level, and all our patients may benefit from an invisible appliance. Former problems, such as discomfort, speech alteration, finishing inaccuracies,
and particular tooth anatomy, can be overcome in
this manner.5
The extraction of the mandibular incisors
constitutes a therapeutic alternative in treating
certain anomalies. It is not a standard approach to
76
DDS 2014
clinical article
CAD/CAM
lingual orthodontic system
Fig. 5c
stico, attivato dal calore (14, 16, 16 x 22 e 18 x 25). Il
dettaglio e la finitura sono stati eseguiti con arco in
acciaio 16 x 22 e Beta III Titanium Archwire 18,2 x
18,2. Il tempo totale del trattamento attivo era di 17
mesi. La compliance del paziente era buona. Per la
ritenzione, sono stati forniti ritentori fissi mascellari e mandibolari, nonché un ritentore Essix notturno.
Risultati del trattamento
Le fotografie extraorali post-trattamento mostravano un miglioramento generale del profilo facciale. Le fotografie intraorali post-trattamento
mostravano un allineamento dentale soddisfacente, una relazione canina di I Classe e molare di III
Classe e overbite e overjet normali. Inoltre, gli incisivi superiori e inferiori avevano un normale angolo inter-incisale grazie alla riduzione interprossimale nell’arcata superiore.
Nella Figura 4, si può vedere quanto era
preciso il modello rispetto al risultato finale del
trattamento per entrambe le arcate. Alla fine del
trattamento, era stata ottenuta un’occlusione
morfologica e funzionale normale, con guida anteriore nelle escursioni laterale e protrusiva. Su entrambi i lati sono state ottenute relazioni canine di
I Classe.
La buona relazione interdentale ha assicurato anche un profilo facciale ben bilanciato con
competenza labiale.
Discussione
Gli obiettivi del trattamento sono stati raggiunti
con un protocollo di trattamento non estrattivo
mediante un sistema linguale CAD/CAM. Ovviamente, i risultati riflettono gli effetti non solo della
proclinazione dei denti anteriori mandibolari, ma
anche la risoluzione dell’affollamento in entrambe
le arcate e la precisione del modello nel riflettere il
risultato finale (Figg. 5a-g). Dovevamo ancora
eseguire la riduzione interprossimale nell’arcata
superiore per ottenere un normale overbite e over-
Fig. 5d
Fig. 5g
symmetrically treating most malocclusions, but
the therapeutic aims must be adjusted in certain
clinical situations to individual patient needs, even
when this means that the final occlusion achieved
is not ideal. The deliberate extraction of a
mandibular incisor in certain cases allows the orthodontist to improve occlusion and dental aesthetics with minimal orthodontic treatment. In all
cases, however, a diagnostic cast is required to
predetermine the occlusal possibilities precisely.6
Conclusion
The key to success in lingual orthodontics in terms
of both professional and patient satisfaction is
practice and training. The Incognito system can be
used for all types of malocclusions with the same
precision as labial braces.
The possibility of incisor extraction
should be a part of every clinician’s portfolio of
treatment techniques. If it is planned carefully
and executed properly, incisor extraction can be
an effective way of satisfying a particular set of
treatment objectives.
Editorial note: A complete list of references is available from the publisher.
This article was published in CAD/CAM international magazine of digital
dentistry No. 03/2013
Fig. 5e
Fig. 5f
jet, con i canini in relazione di I Classse. Un’altra opzione di trattamento sarebbe stata quella di
estrarre i primi premolari mascellari e mandibolari.
Però, questa non era un’alternativa di trattamento
favorevole a causa del suo effetto negativo sul profilo facciale.
L’esecuzione di un trattamento ortodontico linguale per ciascun paziente nello studio ortodontico medio ora è una realtà. I risultati del trattamento sono di livello elevato e tutti i nostri pazienti possono trarre vantaggio da un’applicazione
invisibile. I problemi del passato, come il disagio,
l’alterazione fonetica, l’imprecisione della finitura
e la particolare anatomia dentale ora possono essere risolti in questo modo.5
L’estrazione degli incisivi mandibolari costituisce un’alternativa terapeutica per il trattamento di alcune anomalie. Non è un approccio
standard al trattamento simmetrico della maggior
parte delle malocclusioni, ma gli aiuti terapeutici
devono essere modificati in alcune situazioni cliniche in base alle necessità dei singoli pazienti, anche quando questo significa che l’occlusione finale
ottenuta non è ideale. L’estrazione deliberata di un
incisivo mandibolare in alcuni casi permette all’ortodontista di migliorare l’occlusione e l’estetica
dentale con un trattamento ortodontico minimale. In tutti i casi, però, è necessario un modello
diagnostico per predeterminare con precisione le
possibilità occlusali.6
About the author
Dr Khaled Abouseada is a consulting orthodontist involved in private practice in Saudi Arabia,
Bahrain and Egypt. He lectures orthodontics at the Batterjee Medical College and Specialized Academy for Medical Training. He has
lectured at many international
dental and orthodontic forums. He
is a certified trainer for CAD/CAM
orthodontics and serves on the editorial board of Dental Tribune
Middle East. He won the I Love My
Dentist Award in 2010–2012 and
the MENA Award for Orthodontic
Best Case in 2010–2012.
Conclusioni
La chiave del successo dell’ortodonzia linguale in
termini di soddisfazione professionale e del paziente è la pratica e l’addestramento. Il sistema Incognito può essere usato per tutti i tipi di malocclusione con la stessa precisione dei bracket labiali.
La possibilità dell’estrazione dell’incisivo
dovrebbe essere una parte della gamma di tecniche
di trattamento di ciascun clinico. Se pianificata con
attenzione ed eseguita correttamente, l’estrazione
dell’incisivo può essere un modo efficace per soddisfare alcuni obiettivi particolari del trattamento.
↓
Asnani Dental Clinic
P.O. Box 122721
Jeddah 21332
Saudi Arabia
CAD/CAM
lingual orthodontic system
[email protected]
DDS 2014
clinical article
77
Author – Dr Valerio Bini
Dentofacial aesthetic analysis
using 3-D software
Synergy between aesthetic
dentistry and aesthetic medicine
Analisi estetica dento-facciale con l’uso di software 3D
Sinergia tra medicina estetica e odontoiatria
Introduzione
Fig. 1a
Fig. 1a
Objectives of aesthetic dentistry
and aesthetic medicine.
Obiettivi della sinergia tra
Odontoiatria e Medicina estetica.
78
DDS 2014
clinical article
Introduction
Dentofacial abnormalities are alterations in facial
proportion and dental relationships, and such abnormalities in dental and facial appearance often
lead to societal discrimination. While orthodontic treatment restores correct dental relationships, it is often not sufficient to solve the facial
disharmony and certainly cannot resolve the accompanying psychological difficulties in certain
patients (Fig. 1a).
For this reason, aesthetic medicine is
utilised to harmonise the final result. Owing to
virtual dentistry, the expected smile and face of
the patient at the end of orthodontic therapy and
aesthetic treatment can be shown to the patient.
In order to achieve this, a new diagnostic approach is used in the correction of dental malocclusion: capturing and analysing preoperative
photographs in conjunction with CT scans and Xrays with the help of 3-D software specifically for
aesthetic dentistry. In this way, the final expected
result can be shown to the patient.
CAD/CAM
dentofacial aesthetic analysis
Le anomalie dento-facciali sono alterazioni
delle proporzioni facciali e dei rapporti dentali,
molto spesso di entitŕ tale da rappresentare un
handicap. L’aspetto dentale e facciale porta
spesso a discriminazioni nell’ambito dei rapporti sociali, in quanto l’estetica facciale influenza molti aspetti della nostra vita. Nonostante il trattamento ortodontico collochi i
denti in un giusto rapporto, molto spesso non è
sufficiente a risolvere le disarmonie a livello
facciale, cosicché non riesce a risolvere, in ogni
caso, le numerose problematiche psicologiche
di determinati pazienti (Fig. 1a). Per questa ragione, si ricorre a procedure di medicina estetica e/o di chirurgia estetica sui tessuti molli,
per armonizzare il risultato finale. Nell’era del
virtuale e dei morphing, il paziente ha voglia di
vedere come sarŕ il suo sorriso e il suo viso al
termine della terapia ortodontica e medicoestetica: in questo lavoro viene presentato un
nuovo approccio diagnostico nella correzione
delle malocclusioni dentarie: partendo e analizzando le foto pre-operatorie del paziente,
unitamente a indagini strumentali come TC e
radiografie, e con l’aiuto di un software 3D,
specifico per l’odontoiatria estetica, si prospetta al paziente il risultato finale al termine
della terapia ortodontica e medico-estetica.
Analisi estetica. Status iconografico
Spesso il paziente si rivolge a un consulto
odontoiatrico poiché non gradisce il proprio
sorriso, situazione che psicologicamente presenta risvolti che l’Odontoiatria estetica non
può ignorare. La figura del clinico oggi deve es-
LA TESTINA ORAL-B PIU’ AVANZATA.
PERFETTAMENTE
ANGOLATA
PER UNA
PULIZIA SUPERIORE*
ORAL-B® PRO 6000 CON CROSS ACTION®
UNA NUOVA CONQUISTA NELLA TECNOLOGIA
DELLO SPAZZOLAMENTO
Le setole dello spazzolino perfettamente angolate e a lunghezza alternata
permettono una migliore rimozione di placca del 22% e un minor sanguinamento
gengivale del 35%**
*rispetto ad uno spazzolino manuale tradizionale e Sonicare®DiamondClean®.
**rispetto ad uno spazzolino SonicareDiamondClean dopo 6 settimane di utilizzo.
Sonicare DiamondClean è un marchio registrato di Philips Oral Healtcare Inc.
SPAZZOLINI ELETTRICI ORAL-B®
DELICATO, EFFICACE, ACCURATO.
Fig. 1b
Fig. 2
Fig. 1b
Class III/I malocclusion and labial
disharmony.
Classificazione delle
malocclusioni di Angle e rapporti
labiali.
Fig. 2
Dentofacial aesthetic analysis
showing incongruent lip
relationship with asymmetry.
Analisi estetica dento-facciale.
Incongruità dei rapporti labiali
con asimmetrie.
Fig. 3a
Software-assisted aesthetic
dentistry.
Odontoiatria estetica software
assistita.
Aesthetic analysis
Often the patient is directed to a dental consultant because he or she does not like his or her smile
and this has affected him or her psychologically
such that aesthetic dentistry is inevitable. The
role of the dentist today should be to ensure that
the reasons for intervention will be agreed upon
with the patient and to ensure predictability of
the aesthetic result.
Many dentofacial disharmonies are
caused by malocclusion, classified according to
Angle’s molar relationships (Fig. 1b). The soft tis-
sere rassicurante sia sulle finalità, che verranno concordate insieme al paziente, sia sulla
predicibilità dei risultati clinico estetici.
Molte disarmonie dento-facciali sono
causate da malocclusioni che vengono classificate da Angle nei rapporti dento-scheletrici. I
tessuti molli (labbra e vestiboli) sono adagiati
sui tessuti duri e pertanto anch’essi vengono
influenzati nella loro relazione (Fig. 1b). Osservando quindi il paziente potremo prendere in
considerazione, per esempio, il profilo, analizzandolo anche e soprattutto dal punto di vista
labiale.
Fig. 3b
Use of ClinCheck 3-D in dentistry.
Applicabilitŕ del ClinCheck 3D in
Odontoiatria.
Fig. 3c
Superimposition of ClinCheck 3-D
image over a 2-D image.
Integrazione del ClinCheck 3D su
immagine bidimensionale.
Figs. 4a & b
Dentolabial profile analysis while
smiling and with closed lips.
Analisi profilo dentolabiale nel
sorriso e a labbra chiuse.
80
DDS 2014
clinical article
Fig. 3a
Fig. 3b
Fig. 3c
Fig. 4a
CAD/CAM
dentofacial aesthetic analysis
Fig. 4c
Analysis with superimposition:
prediction after orthodontic
treatment of lip–tooth
relationship with closed lips.
Labbra chiuse. Analisi con
sovrapposizione. Previsione
posttrattamento ortodontico del
rapporto labbro/dente.
Fig. 4b
Fig. 4d
sue of the vestibule and the lips lies over the dental hard tissue and is therefore influenced by the
molar relationships.
In examining the patient, we could consider, for example, his or her profile from the labial
view. When a patient comes to my office for examination, in recording his or her medical history
I pay much attention to preoperative photographs in seeking to determine the cause of aesthetic disharmony.
In the case presented here, three extraoral photographs were taken from the front and
three extra-oral photographs were taken from
the side (Fig. 2). Intra-oral examination found
that the patient presented with a Class III/I malocclusion with a pronounced overjet. From the
extra-oral photographs, the macroscopic incongruity in the labial relationship is evident because
although the patient had her mouth closed and
lips soft the lips are not touching. The face is
asymmetrical in the inferior third and the smile
line is not aligned with the occlusal plane, and is
oblique and does not run parallel to the bipupillary line.
Fig. 4d
Prediction of future dentolabial
relationship after orthodontic
therapy to align dental elements.
Previsione del futuro rapporto
dento-labiale dopo terapia
ortodontica finalizzata ad
allineamento degli elementi
dentali.
Fig. 4c
Fig. 4e
Aesthetic predictability: the labial
relationship with or without
cosmetic intervention with a filler.
Predicibilitŕ estetica nel disegno
del rapporto labiale, con o senza
intervento di Medicina estetica
finalizzata a riempimento con
filler.
Fig. 4e
Quando il paziente si presenta nel mio studio per
un’osservazione, nella raccolta dei dati anamnestici clinici, mi dedico con molta dedizione alla
fotografia, cercando di immortalare il “momento” che più mi colpisce dal punto di vista
della disarmonia estetico-clinica.
Lo status iconografico che riguarda il
caso dimostrativo qui rappresentato, è formato
da 6 fotografie: 3 esami extra-orale frontale, 3
esami extra-orale laterale (Fig. 2). La paziente in
osservazione all’esame obiettivo intraorale presenta una malocclusione di Classe II/I div., con
overjet molto pronunciato.
Osservando bene le fotografie extraorali si evince come sia presente una macroscopica incongruità nel rapporto labiale, poiché proprio nelle foto dove viene richiesto dal clinico di
tenere bocca chiusa e labbra morbide, quest’ultime non sono invece tra loro adese.
Inoltre, il viso è asimmetrico nel suo terzo
inferiore e la smile-line non è rapportata al piano
occlusale, obliquo e disparallelo alla linea bipupillare.
3-D software in aesthetic dentofacial analysis
Applicabilità software 3D in analisi estetica
dento-facciale
Today, we can design smiles more reliably and in
a more sophisticated manner to correct the smile
of our patients (smile makeover) using 2-D and 3D dental software (Fig. 3a). ClinCheck 3-D soft-
Oggi possiamo formulare smile design sempre
più attendibili e sofisticati per poter disegnare e
correggere il sorriso dei nostri pazienti (Smile
Makeover) attraverso software odontoiatrici 2D
CAD/CAM
dentofacial aesthetic analysis
DDS 2014
clinical article
81
Fig. 5a
Initial and final phase of
alignment shown using
ClinCheck.
Fase iniziale e finale di
allineamento previste da
ClinCheck.
Fig. 5b
Lateral intra-oral view before and
after orthodontic treatment.
Visione laterale intraorale, prima
e dopo trattamento ortodontico.
Fig. 5c
Lateral extra-oral view at the
start of treatment.
Inizio trattamento. Esame
obiettivo extraorale laterale.
Fig. 5d
Virtual prediction of labial profile
after orthodontic treatment.
Previsione virtuale del profilo
labiale post-ortodontico.
Fig. 5e
Virtual prediction of labial profile
with remodelling.
Previsione virtuale del profilo
labiale con rimodellamento
labiale.
Fig. 5c
DDS 2014
clinical article
Fig. 5b
ware (Align Technology) for use by dentists to
create transparent orthodontic and dental aligners has proven to be an excellent tool in dentofacial aesthetic analysis, not only from an orthodontic perspective but also from an aesthetic
perspective.
In this case, orthodontic therapy using Invisalign (Align Technology) was proposed. Impressions taken of the dental arches, X-rays, photographs and diagnosis with a treatment plan
were processed by ClinCheck 3-D, which converts everything into 3-D images to allow the
dentist to see and change all the therapeutic orthodontic steps necessary to align the teeth.
ClinCheck is sophisticated software that
processes data captured by clinicians, allowing
high-fidelity 3-D reproduction, where each step
corresponds to the action by a single aligner able to
perform movements of 0.12 to 0.25 mm (Fig. 3b).
Fig. 5d
Fig. 6a
Aesthetic analysis with
superimposition of all the
available elements after
treatment.
Analisi estetica con
sovrapposizione di tutti gli
elementi disponibili per il
completamento diagnostico.
82
Fig. 5a
Fig. 6c
CAD/CAM
dentofacial aesthetic analysis
Fig. 5e
e 3D (Fig. 3a). Tra questi il ClinCheck 3D di Align
Tecnology, software in dotazione agli odontoiatri per la realizzazione dell’Ortodonzia con allineatori dentali trasparenti, si è dimostrato un ottimo strumento nell’analisi estetica dento-facciale, non solo dal punto di vista ortodontico, ma
altresì nella Medicina estetica.
Nel caso clinico in oggetto, viene proposta la terapia ortodontica Invisalign; impronte
delle arcate dentarie, radiografie, fotografie e relativa diagnosi con prescrizione terapeutica vengono elaborati dal ClinCheck 3D, che trasforma il
tutto in un video tridimensionale con cui si possono osservare, ed eventualmente modificare,
tutti i momenti dell’iter terapeutico ortodontico
necessario ad allineare i denti.
È in pratica un sofisticato software che,
elaborando dati e impronte rilevate dal clinico, le
trasforma in riproduzione 3D ad alta fedeltà,
Fig. 6a
Fig. 6b
dove ogni step corrisponde all’azione esercitata
dal singolo allineatore in grado di eseguire movimenti compresi in un range di 0,12-0,25 mm
(Fig. 3b). Gli step biomeccanici conferiscono allo
studio del caso clinico ortodontico maggior predicibilità per il clinico e per il paziente.
La fase iniziale del movimento di allineamento, e così quella finale, possono essere integrati sul viso del paziente precedentemente fotografato integrandoli con un software 2D (Fig. 3c).
PRO-EXPERT
PROTEZIONE GENGIVE
FLUORURO STANNOSO
STABILIZZATO
Attenzione continua per i pazienti, a casa come nel suo studio
← Figs. 6b & c
Immediately post-treatment with
labial hyaluronic acid.
Somministrazione guidata di
acido ialuronico labiale.
Differenza con emilabio destro
appena trattato.
Fig. 7a
Fig. 7b
Figs. 7a–c
Patient after completion of
aesthetic dental treatment and
aesthetic medical treatment.
Paziente a completamento delle
terapie odontoiatriche e medicoestetiche.
Fig. 8
Digital verification of treatment
outcome.
Verifiche digitali del caso clinico.
84
Biomechanical steps ensure greater predictability in orthodontic clinical cases for both
the clinician and the patient. The initial phase
of aligner movement and the final situation can
be superimposed on a photograph of the face
of the patient using 2-D software (Fig. 3c).
ClinCheck has among its options a millimetre
grid that can be superimposed on the photograph and the steps shown according to conventional reference lines (Figs. 4a–c). In this
way, one can obtain a predictable dentofacial
analysis from both a dentoskeletal perspective
(alignment) and a dentolabial perspective
(labial/perilabial repositioning).
DDS 2014
clinical article
Fig. 7c
Il ClinCheck infatti presenta tra i suoi optional
una griglia millimetrata, il cui fotogramma può
essere integrato nella foto del viso del paziente
attraverso una sovrapposizione dello step su
punti di repere (Figg. 4a–c) convenzionalmente
fissati.
Quindi si potrà ottenere uno studio prevedibile analitico dento-facciale sia dal punto di
vista dento-scheletrico (allineamento) sia dal
punto di vista analitico dento-labiale (riposizionamento labiale/perilabiale).
L’analisi dentale del caso clinico in oggetto
prevede una drastica chiusura dell’overjet di circa
3 mm come previsione post-ortodontica (Fig. 4d).
Fig. 8
The analysis of the clinical case in question
demonstrated a drastic closure overjet of about 3
mm as the final post-orthodontic treatment outcome (Fig. 4d). Since the soft tissue of the lips and
of the vestibule lie on the skeletal structures, it is
possible to predict the future dentolabial relationship (Fig. 4e). At this point, aesthetic predictability for the patient is important because at
this stage the combined results of dentistry and
aesthetic medicine are shown. In fact it is possible to simulate virtually the new labial dimension
following aesthetic dental treatment and cosmetic labial or perilabial surgery.
Considerando il fatto che le labbra e relativi vestiboli sono tessuti molli che si “adagiano” sulle strutture scheletriche, sarŕ quindi possibile prevedere il
futuro rapporto dento/labiale (Fig. 4e).
In questo momento la predicibilitŕ estetica per il paziente acquista importanza, poiché
proprio in questa fase si concretizza la sinergia
tra Odontoiatria e Medicina estetica: l’analisi
estetica labiale. Infatti, è possibile simulare virtualmente la previsione della nuova dimensione
labiale in seguito alla quale si potrŕ intervenire
con intervento di Medicina estetica e/o Chirurgia
plastica labiale e perilabiale.
Clinical case: Orthodontic treatment and
hyaluronic acid
Caso clinico: Ortodonzia estetica e
acido ialuronico
A 47-year-old female patient presented with
malocclusion with crowded teeth in the maxilla and mandible and an incongruous dentolabial relationship. The clinical case was
treated with 28 upper and 20 lower aligners,
with interproximal reduction and attachments
in both arches. The superior/inferior midline
was moved during the process of sagittal correction (Fig. 5a).
La paziente, donna di 47 anni, professione medico, presentava una malocclusione di tipo biprotusivo, con affollamento superiore e inferiore
palesato da rapporto dento-labiale incongruo. Il
caso clinico viene trattato con 28 allineatori trasparenti superiori e 20 inferiori integrati di relativo IPR ed attachment in entrambe le arcate. La
linea mediana superiore/inferiore è stata spostata durante il processo di correzione sagittale
CAD/CAM
dentofacial aesthetic analysis
In keeping with the protocol described above,
and at the explicit request of the patient, it was
decided to approach treatment in accordance
with the dentofacial aesthetic analysis obtained using ClinCheck 3-D (Fig. 5b). Using
software to show the predicted movement on
the grid allows the patient to see the expected
changes (showing the lips with or without surgical remodelling; Figs. 5c & d). The preoperative analysis can be verified at the end of therapy by superimposing all of the images available (Fig. 6a).
Once the dental treatment had been
completed, we decided together with the patient to increase the lip volume using
hyaluronic acid (Figs. 6b & c). About two weeks
after surgery, it was possible to verify what had
been expected in the analytical aesthetic
phase (Figs. 7a–c & 8).
Conclusion
Combined aesthetic dentistry and aesthetic
medicine can offer optimal and predictable
treatment in the majority of clinical aesthetic
cases. Using digital technology, the predicted
outcome of such treatment for smile design
can be shown to the increasing number of patients presenting for aesthetic treatment.
Editorial note: A complete list of references is available from the publisher.
This article was published in CAD/CAM international magazine of
digital dentistry No. 01/2013.
(Fig. 5a). Rispettando il protocollo sopra descritto, si decide, su esplicita richiesta della paziente, di approcciare la diagnosi applicando alle
fotografie l’analisi estetica dento-facciale facendo uso del set-up virtuale ClinCheck 3D (Fig.
5b). Elaborando i dati del software relativamente agli spostamenti previsti sulla griglia millimetrata, vengono proposte alla paziente le immagini del proprio viso di profilo, le cui labbra si
presentano con o senza rimodellamento plastico (Figg. 5c–e).
L’analisi con sovrapposizione (Fig. 6a) di
tutti gli elementi disponibili al completamento
diagnostico è quindi pronta per essere verificata
a fine terapia. Pertanto, terminato il trattamento
odontoiatrico, si è deciso insieme alla paziente di
aumentare il volume labiale somministrando filler di acido ialuronico (Figg. 6b & c).
Trascorsi quindici giorni circa dall’intervento si passa alla verifica di quanto era stato
previsto in fase analitico-estetica (Figg. 7a–c); si
conferma la positività dei dati resi predicibili alla
paziente (Fig. 8).
Conclusioni
La sinergia tra Odontoiatria estetica e Medicina
estetica, nonché Chirurgia plastica ricostruttiva,
possono oggi serenamente proporsi a tutti quei
pazienti che sempre più spesso si sottopongono
a consulti medici rivolgendo la retorica domanda:
“Dottore, come sarà il mio nuovo sorriso?”.
La tecnologia digitale e la Medicina estetica in tutte le sue specialità, insieme possono rispondere con chiarezza e predicibilità alla risoluzione della maggior parte dei casi clinico-estetici.
About the author
Dr Valerio Bini, DDS in dentistry and dental prosthetics from
the University of Genoa in Italy, is a cosmetic dentist. He is a
member of the European Society of Cosmetic Dentistry, a
fellow of SIED (Italian society of aesthetic dentistry), a fellow
of the Italian Academy of Esthetic Dentistry, and Align Technology Invisalign certified. He regularly attends courses for
specialist clinicians in aesthetic dentistry and aesthetic
medicine. He has been a speaker at international conferences on aesthetic dentistry and aesthetic medicine. He is
also the author of many articles published in international
journals.
Dr Valerio Bini, Libero professionista. Laurea in Odontoiatria
e protesi dentaria presso l’Universitŕ degli Studi di Genova.
Svolge la professione occupandosi di Odontoiatria estetica e
Cosmesi dentale, avvalendosi delle tecniche e tecnologie più
attuali allo stato dell’arte. Socio Sied (Società Italiana Estetica Dentale), Socio Iaed (Accademia Italiana di Odontoiatria
Estetica), odontoiatra certificato Invisalign, Certificato Lumineers. Ha frequentato corsi di perfezionamento clinico in
Odontoiatria e Medicina estetica. Relatore a congressi internazionali di Medicina e Odontoiatria estetica. Autore di pubblicazioni su riviste internazionali di Odontoiatria e Cosmesi
odontoiatrica.
CAD/CAM
dentofacial aesthetic analysis
↓
contact:
Piazza Martiri della Libertà 3
13900 Biella BI
Italy
DDS 2014
clinical article
85
INDEX
3DIEMME srl
KaVo ITALIA srl
Via Risorgimento 9
22063 Cantù, Italy
→ www.3diemme.it
Via del Commercio 35
16167 Genoa, Italy
→ www.kavo.it
3Shape A/S
MyRay (Cefla)
Holmens Kanal 7
1060 Copenhagen K, Denmark
→ www.3shapedental.com
Via Bicocca 14/C
40026 Imola (Bologna), Italy
→ www.my-ray.com
Acteon Group
orangedental GmbH & Co. KG
Via Roma, 45
21057 Olgiate Olona (VA), Italy
Aspachstr. 11
88400 Biberach, Germany
→ www.orangedental.de
BIOLASE (World Headquarters)
Procter & Gamble (Oral-B)
4 Cromwell
Irvine, CA 92618, USA
→ www.biolase.com
Viale Giorgio Ribotta 11
00144 Rome, Italy
→ www.dentalcare.com
BFG Berlin Fashion Group GmbH (Croixture)
Revello S.p.A.
Am Sandwerder 12
14109 Berlin, Germany
→ www.croixture.com
Via Enrico Fermi 20
37136 Verona, Italy
→ www.revello.net
GHIMAS S.p.A.
Sirona Dental Systems srl
Via Domenico Cimarosa 85
40033 Casalecchio di Reno (Bologna), Italy
→ www.ghimas.it
Henry Schein Krugg srl
Via dei Lavoratori 7
20090 Buccinasco (Milan), Italy
→ www.henryschein.it
86
DDS 2014
index
Via Enrico Fermi 22
37136 Verona, Italy
→ www.sirona.it
Digital Dentistry Show
www.digitaldentistryshow.com
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
9 946 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content