close

Enter

Log in using OpenID

Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa

embedDownload
Condizioni Generali Commerciali
della Banca Commerciale
Intesa Sanpaolo Romania S.A.
Persone Fisiche
Edizione aprile 2014
La variante ufficiale del contractto e’ quella in romeno, la traduzione in italiano e’ stata realizzata solo per
informativa. In caso di differenze, divergenze o conflitti tra le due varianti prevale la versione in romeno.
Condizioni Generali Commerciali della
Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. - Persone Fisiche
1. AREA DI APPLICABILITA’ DELLE CONDIZIONI GENERALI COMMERCIALI
1.1. Le presenti Condizioni Generali Commerciali (di seguito “CGA”) stabiliscono il quadro giuridico generale
relativamente al rapporto contrattuale tra la Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. (di seguito
“Banca”) e ciascuno dei suoi clienti (di seguito singolarmente “Cliente”) che hanno firmato per avvenuto
ricevimento, accettazione e condivisione del contenuto di cui alle presenti CGA la Domanda di apertura conti
correnti e prodotti aggiuntivi.
1.2. Le presenti CGA, assieme alla Domanda di apertura conti correnti e prodotti addizionali, con il Tariffario dei Costi
Standard della Banca (di seguito “LCS”) e qualsiasi altro modulo, documento e/o contratto disciplinante a livello
individuale un servizio o prodotto della Banca costituisce un unico documento rappresentante la base del
rapporto contrattuale tra la Banca ed il Cliente relativamente all’apertura e alla gestione dei conti correnti e di
deposito, nonché per fornire qualsiasi altro servizio/prodotto bancario, ed insieme valgono da Contratto-Quadro,
soggetto alle disposizioni di cui alla vigente legislazione romena. Tutti questi documenti saranno di seguito
denominati, all’interno delle presenti CGA, Contratto-Quadro.
1.3. L’applicazione della firma del Cliente sulla Domanda di apertura conti correnti e prodotti addizionali certifica in
modo inequivocabile che al momento dell’avvio del rapporto commerciale con la Banca, il Cliente ha preso atto
del contenuto di cui alle presenti CGA, ne ha recepito il contenuto, ne concorda pienamente e ne ha ricevuto una
copia.
1.4. Dalla data di ricevimento/comunicazione, le presenti CGA sostituiscono qualsiasi precedente versione, ed ogni
altra disposizione contraria di cui ai moduli /documenti/contratti specifici relativi ai prodotti o servizi forniti al
Cliente da parte della Banca stipulati prima dell’entrata in vigore delle presenti CGA e, se del caso, li integra.
1.5. In caso di eventuali divergenze tra la costruzione, il significato o l’interpretazione del testo di cui a qualsiasi
modulo/documento/contratto specifico relativo ad un prodotto o servizio stipulato tra la Banca ed il Cliente contrari
alle presenti CGA prevalgono le disposizioni di cui ai moduli/documenti/contratti specifici. Ogni
aspetto/procedura/diritto/obbligo non coperto/-a dal contenuto di un modulo/documento/contratto specifico di un
prodotto o servizio individuale stipulato tra la Banca ed il Cliente è governato/inteso o interpretato in conformità
alle disposizioni di cui alle presenti CGA. I termini e le condizioni specifici dei prodotti/servizi della Banca
disciplinati con moduli/documenti/contratti individuali sono applicabili per il periodo ivi specificato.
1.6. La modifica o l’interruzione di uno dei prodotti e/o servizi specifici stipulati tra il Cliente e la Banca si realizza come
specificato all’interno delle presenti CGA e non impatta la validità degli altri prodotti o servizi contrattati dal Cliente
né la validità delle presenti CGA.
1.7. Il Cliente ha la possibilità di consultare le presenti CGA anche presso le sedi delle unità territoriali della Banca,
nonché sul sito Internet della Banca, www.intesasanpaolobank.ro.
1.8. La Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. ha sede ad Arad, Bulevardul Revoluţiei nr. 88, judeţul
Arad, è iscritta all’Albo degli Istituti di Credito con il n°. RB-PJR-02-032/1999, registrata al Registro delle Imprese
presso il Tribunale Arad con il n°. J02/82/1996, Codice Unico di Registrazione RO 8145422, numero operatore
dati personali 2581, telefono: 0040 257 308 200, fax: 0040 257 285 335, Website: www.intesasanpaolobank.ro,
e-mail: [email protected]
2. DEFINIZIONI
2.1. All’interno delle presenti CGA i termini di cui infra hanno i seguenti significati:
ATM (Automated-Teller Machine) - sportello bancario automatico destinato alla realizzazione di operazioni con
Carta al fine di prelevare contanti, trasferire fondi, pagare bollette, ottenere informazioni sulla situazione dei conti
e delle operazioni effettuate a mezzo della Carta;
Autenticazione - procedura che consente alla Banca di verificare la modalità di utilizzo di uno strumento di
pagamento;
Autorizzazione - il processo attraverso il quale il Cliente ordinante esprime il proprio consenso per eseguire
l’operazione di pagamento;
Banca - Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. (prestatore di servizi di pagamento del Cliente), in
riferimento sia alla sede centrale che a qualsiasi delle sue unità territoriali;
Beneficiario del pagamento - destinatario dei fondi oggetto dell’operazione di pagamento;
Beneficiario reale - persona fisica che detiene o controlla alla fine il Cliente e/o la persona fisica a cui nome e nel
cui interesse si realizza, direttamente o indirettamente, una transazione oppure un’operazione;
Ufficio di Credito - società che si propone di fornire supporto ai partecipanti al sistema bancario con informazioni
reali, aggiornate e consistenti relativamente alle persone fisiche che hanno contrattato crediti da banche o società
finanziarie, hanno acquistato un prodotto in sistema leasing oppure sono state assicurate contro il rischio di
mancato pagamento presso una società assicurativa, attraverso raccolta/trattamento dati in merito al portafoglio
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 2 di 36
clienti - persone fisiche, fornire informazioni/analisi allo scopo di: identificare e quantificare il rischio di credito,
incrementare la qualità dei crediti, diminuire il rischio di frode e tutelare i creditori, definire criteri omogenei di
valutazione della clientela (scoring);
Carta - Carta di debito Maestro/ Visa Electron emessa dalla Banca, rappresentante lo strumento di pagamento
elettronico attraverso cui il Titolare dispone solamente delle proprie liquidità di cui al conto aperto presso la
Banca;
Cerved Business Information Spa - società registrata in Italia che fornisce informazioni di natura finanziaria per
agevolare la valutazione dei clienti italiani;
Challenge Code - codice unico fornito dal negoziante in sede di realizzazione della transazione, dietro cui,
insieme al codice PIN, viene generata una password unica (OTP-one time password) denominata Secure Code
che si genera attraverso la lettura delle chiavi di crittografia presenti sulla cip della carta;
CIP - Centrale degli Incidenti di Pagamenti rappresentante una struttura specializzata nella raccolta, archiviazione
e centralizzazione delle informazioni specifiche degli incidenti di pagamenti prodotti dai titolari di conti con
assegni, cambiali e pagherò diretti;
Cliente/ Titolare Conto - persona fisica, residente o non residente, che beneficia dei prodotti e servizi della
Banca, titolare degli importi di cui al conto corrente bancario, che ha stabilito rapporti commerciali con la Banca
aventi per oggetto l’apertura di conti correnti e prodotti addizionali, operazioni di cassa bonifici o qualsiasi altro
prodotto e servizio bancario;
Codice unico di identificazione - combinazione di lettere, cifre o simboli fornita dal pagatore, utilizzatore dei
servizi di pagamento, ai fini dell’esatta identificazione dell’altro utilizzatore dei servizi di pagamento (beneficiario
del pagamento) e/o del suo conto corrente per un’operazione di pagamento (codice IBAN, numero conto ecc.). In
sede di apertura del conto corrente, la Banca, in veste di prestatore di servizi di pagamento, comunica al Cliente
(utilizzatore dei servizi di pagamento) il suo codice unico di identificazione (codice IBAN ) ed il codice BIC/SWIFT
della Banca;
Codice CVC2 - codice di sicurezza sul retro della carta, formato da 3 cifre, situato nell’estremità destra dello
spazio predisposto per la firma;
Commerciante accettante - entità che accetta la Carta quale mezzo di pagamento, in forza ad un contratto
stipulato in precedenza con un istituto di credito;
Conto corrente bancario - strumento di base per le operazioni di incassi e pagamenti, prelievi/versamenti in
contanti, nonché per la costituzione di depositi di fondi, intrattenuto dal Cliente (utilizzatore dei servizi di
pagamento), adoperato anche per l’esecuzione delle operazioni di pagamento, di seguito “conto corrente”;
C.R.C. - la Centrale del Rischio di Credito rappresenta una struttura specializzata nella raccolta, archiviazione e
centralizzazione delle informazioni relativamente all’esposizione di ciascuna persona dichiarante (istituto di
credito, istituto finanziario non bancario iscritto all’Albo speciale, istituto di pagamento che registra un livello
significativo di attività creditizia o istituto emittente di moneta elettronica che registra un livello significativo
dell’attività creditizia) della Romania verso quei debitori che hanno usufruito di crediti e/o impegni il cui livello
cumulato supera il limite di segnalazione, nonché delle informazioni riguardanti le frodi con carte generate dai
titolari;
Cut off time (ore limite) - momento nel tempo specificato dalla Banca fino a quando un ordine di pagamento può
essere presentato per pagamento ed autorizzato dall’Utilizzatore/Titolare/Cliente affinché possa essere
considerato ricevuto dalla Banca nello stesso giorno feriale;
CVV2 - codice di sicurezza composto da 3 cifre, unico per ciascuna Carta, stampato nel riquadro destinato alla
firma del titolare di cui alla Carta;
Data del trasferimento per il Bonifico Permanente - data quando viene eseguito il bonifico permanente; Data
della valuta - data di riferimento utilizzata dalla Banca per il computo degli interessi relativi ai fondi addebitati o
accreditati da/nel conto corrente;
Addebito diretto - servizio attraverso il quale il Cliente autorizza la Banca affinché, in nome e per suo conto,
possa effettuare il pagamento automatico dal conto corrente indicato degli importi che devono essere pagati ad
un beneficiario, in conformità alle fatture che questi rilascia periodicamente in nome del Cliente o di una terza
persona;
Intestatario/Titolare Carta Principale - privato, residente o non residente, che, sulla base del rapporto
contrattuale con la Banca, dispone di uno strumento di pagamento elettronico emesso a suo nome;
Digital Signature (DS)/Codice DS - codice univoco generato dal dispositivo Token o selezionando l’opzione
Codice Autorizzazione Transazioni (MessageAuthorizationCode), per i Token di telefonia mobile e con il quale
sono autorizzate le operazioni effettuate tramite Internet Banking;
Interesse annuo - tasso che la Banca applica per i prodotti di risparmio costituiti dal Cliente, calcolato secondo il
periodo di validità del prodotto di risparmio e la valuta di costituzione;
Periodo di validità - periodo intercorrente tra la data di costituzione del deposito vincolato a termine e la data di
scadenza; se la data di scadenza è un giorno festivo, si considera come data di scadenza il successivo giorno
feriale, mentre se il deposito viene costituito con rinnovo automatico, la durata è estesa con la durata iniziale;
Estratto conto - documento che riflette le transazioni effettuate sul conto corrente del Cliente, fornito dalla Banca
al Cliente, su supporto durevole oppure per il mezzo di comunicazione concordato con questi;
[email protected] - servizio di Internet Banking fornito al Cliente da parte della Banca, che consente di effettuare
operazioni bancarie via Internet (di seguito anche “Servizio/Applicazione Internet Banking”);
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 3 di 36
Indisponibilità del servizio [email protected] - periodo di tempo quando il servizio [email protected] non può essere letto o
utilizzato da parte del Cliente in conseguenza di lavori di manutenzione dei sistemi eseguiti dalla Banca per
migliorare la qualità dei servizi resi;
LCS - Tariffario dei Costi Standard della Banca - Privati, documento contenente l’elenco delle commissioni, spese
ed oneri applicati dalla Banca in relazione alla clientela Privati;
Mastercard 3D-Secure & VBV (Verified by Visa) - standard di sicurezza delle transazioni e-commerce, offerto
dalle organizzazioni internazionali Mastercard e Visa, che incorpora tecnologie di ultim’ora in materia, riducendo le
possibilità di frodi su Internet;
Minorenne - persona che non ha raggiunto i 18 anni;
Momento di ricevimento - momento in cui l’ordine di pagamento trasmesso direttamente dal Cliente su cartaceo
o per mezzo dell’applicazione [email protected], completo di tutti gli elementi obbligatori e debitamente firmato/autorizzato,
viene ricevuto dalla Banca, ed il Cliente dispone di sufficienti liquidità nel suo conto corrente per la relativa
esecuzione;
One Time Password (OTP) - codice univoco generato dal dispositivo Token o mobile Token e per mezzo del
quale viene identificato l’utente nell’applicazione Internet Banking; l’errata introduzione per tre volte consecutive
del codice OTP blocca l’accesso al servizio [email protected]; in questo caso, l’utente potrà contattare il Servizio Call
Center della Banca allo 0800.800.888;
Operazione di pagamento - azione avviata dal pagatore o dal beneficiario del pagamento al fine di versare,
trasferire o ritirare fondi, a prescindere da eventuali obblighi successivi tra il pagatore ed il beneficiario del
pagamento;
Ordine di pagamento - ogni istruzione del pagatore o del beneficiario del pagamento al proprio prestatore di
servizi di pagamento, con cui richiede l’esecuzione di un’operazione di pagamento;
Password di sicurezza nei rapporti con la Banca - elemento di identificazione indicato dal Titolare della carta
nei moduli specifici presentati in Banca, utilizzato ai fini dell’identificazione del medesimo da parte degli operatori
del servizio telefonico Call Center/InfoCard della Banca;
Persona politicamente esposta - persona fisica che detiene o ha detenuto un importante incarico pubblico, i
familiari e le persone note pubblicamente come stretti soci di tale persona; i familiari diretti delle persone
politicamente esposte sono: il/la coniuge; figli e loro coniugi, i genitori;
Phishing - truffa relativa alle informazioni bancarie che in genere si verifica come una presunta lettera inviata
dalla Banca, ma che in realtà arriva da hacker, dove viene chiesto al Cliente di accedere a determinati siti, e così i
propri dati bancari vengono catturati;
PIN (Personal Identification Number) - è un codice numerico di 4 (quattro) cifre, a carattere riservato, utilizzato
come collegamento tra il Token ed il suo utilizzatore; il Titolare imposta il codice PIN per il dispositivo Token in
sede di acquisto del servizio; il codice PIN è personalizzato dall’utente; l’utilizzo del dispositivo Token è consentito
solo dopo l’introduzione del codice PIN corretto; il codice PIN rappresenta anche il codice di identificazione a
carattere rigorosamente riservato assegnato dalla Banca ad ogni titolare di carta da utilizzare nelle operazioni con
carta sia in ambiente reale che virtuale;
Pagatore (Cliente) - titolare di un conto corrente, che richiede di effettuare un’operazione di pagamento dal
rispettivo conto;
POS (Point of Sale) - terminal bancario ubicato presso i negozianti (supermercati, negozi, distributori di
carburante ecc.), collegato al sistema della Banca tramite una linea telefonica e che consente l’autorizzazione in
tempo reale, la registrazione ed il trasferimento di soldi direttamente dal conto dell’acquirente al conto del
venditore quando il pagamento viene effettuato utilizzando una carta;
Prima facie - a prima vista;
Prodotto di risparmio - prodotto specifico messo a disposizione del Cliente dalla Banca ai fini del risparmio;
Legale rappresentante - persona fisica con diritto alla rappresentanza legale del Cliente/titolare di conto;
Secure Code - password generata dal token, a seguito della lettura del chip sulla carta, e dell’introduzione del
codice Challenge e del codice PIN. Il Secure Code generato è valido per la transazione ed accettato per il relativo
completamento, la durata di tempo è illimitata, però una volta utilizzato per completare una transazione, il codice
diventa inutile e non può più essere utilizzato per altre operazioni.
Sede della Banca - sede centrale della Banca, nonché tutti i punti operativi/unità territoriali della Banca in
Romania;
SEPA (Single Euro Payments Area) - zona euro, all’interno della quale i cittadini, le imprese e gli altri operatori
economici possono eseguire e ricevere pagamenti in Euro, in Europa, all’interno o all’esterno dei confini nazionali,
alle stesse condizioni, con gli stessi diritti e doveri, indipendentemente da dove si trovano e comprende gli stati
membri dell’Unione Europea, Spazio Economico Europeo, la Svizzera ed il Principato di Monaco;
Specimen di firma - rappresenta la firma autografa del Cliente stampata sui documenti utilizzati nei rapporti con
la Banca e conservati nei propri registri;
Stato membro - qualsiasi stato membro dell’Unione Europea, ed ogni stato appartenente allo Spazio Economico
Europeo;
Supporto durevole - qualsiasi strumento/modalità che consente al Cliente di memorizzare informazioni destinate
personalmente ad esso, in modo da potervi accedere per consultazioni future, per un periodo di tempo adeguato
ai fini di tali informazioni e che consente la riproduzione identica delle informazioni memorizzate (ad es.: e-mail,
lettera, accesso alle informazioni rese disponibili tramite il servizio Internet Banking);
SWIFT (Society for the Worldwide Interbank Financial Telecommunication) - rappresenta l’organizzazione
che effettua trasferimenti elettronici di fondi tra banche; SWIFT opera attraverso i due centri operativi in Europa e
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 4 di 36
negli Stati Uniti, dove vengono temporaneamente memorizzati tutti i dati personali relativi alle operazioni
finanziarie eseguite;
Tecnologia contactless - tecnologia che consente il pagamento veloce, di basso valore, avvicinando
semplicemente la carta al POS, utilizzando le onde radio, senza la necessità di inserire il codice PIN e/o di firmare
la ricevuta della transazione;
Termine di esecuzione - periodo massimo, dal momento di ricezione dell’ordine di pagamento avviato dal
Cliente, fino a quando l’importo dell’operazione di pagamento è accreditato al prestatore di servizi di pagamento
del beneficiario;
Token [email protected] - dispositivo sicuro che permette all’utente di identificarsi nell’applicazione [email protected]; il dispositivo
Token viene assegnato/consegnato a tutti gli utenti del servizio Internet Banking, è protetto da un codice PIN
personalizzato dall’utente, il codice PIN che può essere modificato dall’utente stesso; il dispositivo Token è
proprietà della Banca; il dispositivo può essere hard Token oppure mobile Token; il dispositivo hard Token viene
consegnato all’utente dalla Banca presso la sede della Banca dove il Cliente ha richiesto l’acquisto del servizio e
genera codici univoci sulla cui base si procede all’identificazione ed all’autenticazione del Cliente per il servizio [email protected]; il dispositivo mobile Token è installato sul cellulare dell’utente, il Cliente riceve dalla Banca, sul cellulare, i
messaggi necessari per l’installazione del dispositivo stesso;
Token operazioni in ambiente virtuale - dispositivo di autenticazione necessario per eseguire transazioni in
ambiente virtuale (e-commerce), consente l’autorizzazione delle operazioni in conformità allo standard 3D Secure,
generando una password univoca sulla base delle lettura del chip sulla carta.
Bonifico permanente - modalità di pagamento attraverso cui la Banca esegue, in automatico, trasferimenti verso
un beneficiario indicato dal Cliente, in nome e per conto del Cliente, dal conto corrente indicato dal Cliente, alle
date e con gli importi fissati in anticipo dal Cliente;
Transazione off–line - operazione che viene effettuata con la carta senza l’autorizzazione elettronica presso il
Negoziante che accetta o il processore; la transazione viene inviata direttamente per addebito senza dover
espletare la fase autorizzativa;
Transazione “under floor limit” - transazione effettuata con la carta senza la necessità di ottenere
l’autorizzazione della Banca, bloccando in tal modo l’importo della transazione, l’operazione viene direttamente
presentata per addebito;
Utilizzatore dei servizi di pagamento - il Cliente che utilizza un servizio di pagamento fornito dalla Banca, in
veste di pagatore e/o beneficiario del pagamento;
Utilizzatore Internet-Banking - il Cliente o la persona autorizzata dal Cliente ad operare tramite il servizio di
Internet Banking a suo nome e che necessariamente deve essere anche la persona autorizzata ad operare sui
conti del Cliente;
Utilizzatore/Titolare Carta supplementare - persona fisica nel cui nome il titolare della carta principale ha
richiesto l’emissione di una carta supplementare, persona autorizzata dal titolare stesso ad effettuare operazioni
con la Carta sul conto del titolare stesso;
Giorno feriale/giorno bancario - giorno in cui le banche in Romania e nel suo principale centro finanziario sono
aperte e vengono effettuate operazioni sul mercato interbancario della Romania tra di loro; giorno in cui il
prestatore di servizi di pagamento del pagatore o il beneficiario del pagamento coinvolto nell’esecuzione di
un’operazione di pagamento svolge l’attività che consentono l’esecuzione di operazioni di pagamento.
2.2. I termini “rapporti speciali”, “gruppo” e “singolo debitore” hanno il significato attribuito dalla legge
relativamente agli istituti di credito e l’adeguatezza patrimoniale e dai regolamenti della Banca Centrale della
Romania in materia di esposizioni rilevanti degli istituti di credito.
3. PRIVACY. SEGRETO BANCARIO.
3.1. La Banca tratterà le informazioni sul Cliente e/o sulla sua attività bancaria come informazioni segrete e riservate,
nel rispetto degli obblighi di riservatezza imposti dalla vigente legislazione in materia di segreto bancario.
3.2. La Banca fornisce/comunica a terzi informazioni sul Cliente e/o sulla sua attività bancaria soltanto se il Cliente ne
abbia acconsentito in precedenza oppure nel caso in cui la Banca è tenuta a farlo per esigenze della legge in
vigore.
3.3. Su richiesta della Banca, ai fini dell’avvio e dello svolgimento del rapporto commerciale, il Cliente si impegna a
mettere a disposizione della Banca stessa, documenti, informazioni o chiarimenti ritenuti necessari dalla Banca,
sul supporto dalla stessa richiesto.
3.4. La Banca adotterà tutte le misure necessarie per garantire la riservatezza ed il segreto bancario sui fatti, dati,
informazioni e transazioni dei clienti, in ottemperanza delle normative vigenti e della prassi internazionale in
materia.
4. TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
4.1. Ai sensi della Legge n.677/2001 sulla tutela delle persone con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché
alla libera circolazione di tali dati, come modificata, la Banca effettua il trattamento dei dati personali ed è iscritta
nel registro del trattamento dei dati personali al n°. 2581.
4.2. Con il recepimento delle presenti CGA, il Cliente acconsente al trattamento dei propri dati personali, ed allo
stesso tempo autorizza la Banca ad utilizzare tali dati personali per attività di marketing o a fini statistici, a
consultare le informazioni registrate a suo nome nella C.R.C., C.I.P., Biroul de Credit, Cerved Business
Information Spa o altri enti pubblici, nonché a trasferire tali dati, sia in Romania che all’estero, a terzi a cui la
Banca si rivolge per svolgere parte della propria attività (per ragioni amministrative, organizzative o tecniche)
oppure con cui la Banca intrattiene rapporti contrattuali che prevedono la necessità di trasferire i dati personali,
ogniqualvolta sia necessario al fine di avviare o condurre rapporti commerciali, tra cui la gestione dei rapporti e
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 5 di 36
servizi richiesti o che possono essere richiesti alla Banca. Il Cliente ha il diritto di opporsi al trattamento dei propri
dati personali per finalità di marketing, notificando in tal senso per iscritto la Banca.
4.3. La comunicazione a terzi dei dati personali avverrà in ottemperanza dei diritti conferiti dalla Legge n. 677/2001
sulla tutela delle persone con riguardo al trattamento dei dati personali nonché alla libera circolazione degli stessi
e di altre leggi che regolano questioni relative al trattamento dei dati personali.
4.4. Il Cliente può esercitare tutti i diritti previsti dalla Legge n. 677/2001, vale a dire il diritto all’informazione, diritto di
accesso ai dati: diritto di ottenere dalla Banca, su richiesta e gratuitamente, la conferma che i dati che lo
riguardano sono oppure non sono trattati dalla stessa, diritto di intervento: diritto di ottenere, su richiesta e
gratuitamente, la rettifica, l’aggiornamento, il blocco o la cancellazione dei dati il cui trattamento non è conforme
alla legge, in particolare dei dati incompleti o inesatti o trasformazione in dati anonimi, se del caso, nonché la
trasformazione in dati anonimi dei dati il cui trattamento non è conforme alla legge, in particolare dei dati
incompleti o inesatti, diritto di opposizione: il diritto di una persona di opporsi in qualsiasi momento, per motivi
preminenti e legittime legate alla sua situazione particolare, affinché i propri dati siano oggetto di trattamento,
tranne i casi in cui ci sono disposizioni legali contrarie (diritto di opporsi al trattamento dei dati personali da parte
della Banca, salvo in caso di disposizioni legali contrarie, il diritto di rifiutare il trattamento dei dati personali a fini
di marketing), il diritto di non essere oggetto di decisione individuale ed il diritto di andare in tribunale. In tal senso,
il Cliente potrà inviare alla Banca una richiesta /segnalazione per iscritto, datata e firmata, allegando anche una
fotocopia leggibile dell’atto di identità del richiedente.
4.5. Attraverso le presenti CGA il Cliente acconsente espressamente a fornire nell’ambito dei rapporti con terzi
coinvolti nei processi organizzativi e decisionali della Banca, tutte le informazioni ed i dati riguardanti il Cliente o i
suoi conti, necessari per questi processi, ma che non impatteranno in alcun modo il Cliente né la sua attività. Per
terzi coinvolti si intendono, ma senza limitarsene, i consulenti specializzati accettati dalla Banca, finanziatori, il
Gruppo, vale a dire le entità del Gruppo di appartenenza della Banca, fornitori di servizi ecc. I terzi collaboratori
sono tenuti, a loro volta, a garantire la riservatezza delle informazioni così ottenute.
4.6. Il Cliente acconsente affinché la Banca, membro di un gruppo finanziar-bancario internazionale, possa trasferire
all’estero (compreso ad altri istituti nel sistema di informazioni interbancario o revisori/organi di controllo e/o
auditing), per conformarsi alle disposizioni di legge e per adempiere agli obblighi verso la società controllante,
qualsiasi informazione necessaria per il corretto funzionamento della Banca, informazioni soggette al segreto
bancario o alla tutela dei dati personali.
4.7. La Banca ha il diritto di trasferire i dati e le informazioni personali del Cliente per l’elaborazione da parte dei suoi
partner contrattuali, autorità pubbliche locali/centrali, fornitori di servizi e beni, entità facenti parte dello stesso
gruppo della Banca, datore di lavoro del Cliente, società bancarie, uffici o agenzie di servizi per l’organizzazione
delle base dati (tipo Ufficio Crediti, Centrale dei Rischi Bancari, SWIFT ecc.), operatori di archivio elettronico delle
garanzie reali mobiliari, notai, uffici esecutori giudiziali, studi legali, azionisti della Banca, affiliati della Banca
(compagnie di assicurazioni, leasing, intermediazione ecc.), terzi contraenti (come le compagnie di assicurazione,
società di intermediazione finanziaria ecc.), agenzie di recupero debiti /recupero crediti ecc..
4.8. La Banca, come operatore autorizzato di dati personali tratta i dati personali nelle transazioni effettuate tramite
SWIFT. Se il Cliente della Banca effettua trasferimenti internazionali di fondi, i dati personali del Cliente possono
essere trasferiti in Paesi che non sono membri dell’Unione Europea (ad es.: Stati Uniti d’America - U.S.A.). Gli
U.S.A. non garantiscono lo stesso livello di protezione in relazione al trattamento dei dati personali come gli stati
membri dell’Unione Europea, ma presentano le garanzie richieste (Safe Harbour). Al fine di prevenire il riciclaggio
di denaro e combattere il finanziamento del terrorismo, le autorità/istituzioni americane (U.S. Treasury
Department ecc.) possono richiedere l’accesso ai dati personali del Cliente memorizzati nel centro operativo
SWIFT degli U.S.A.. Tali dati vengono conservati solo per il periodo di tempo necessario ai fini della lotta al
terrorismo, sono conservati in ambiente sicuro e sono trattati con cura.
4.9. La Banca è autorizzata dal Cliente ad elaborare e memorizzare in un database le informazioni sui prodotti/servizi
ricevuti, modo in cui ha adempiuto agli obblighi assunti durante le relazioni commerciali con la Banca e di usarli a
fini di marketing, statistici, per definire politiche e programmi per prevenire e contrastare il riciclaggio di denaro ed
il finanziamento del terrorismo ecc. e di trasmettere queste informazioni a tutti gli istituti/uffici di
credito/autorità/società di assicurazioni ed altri soggetti autorizzati a disporre in materia.
4.10. I dati personali forniti dal Cliente o presenti nei registri pubblici relativi ad azionisti, amministratori delle aziende
presso dove il Cliente detiene quote o cariche, beneficiari reali delle somme di cui ai conti del Cliente o familiari
(parenti, coniuge, figli, partner di vita) vengono raccolti, trattati ed archiviati dalla Banca esclusivamente per
adempiere ai propri obblighi legali (conoscenza della clientela, antiriciclaggio, frodi, conflitti d’interesse, requisiti di
identificazione delle persone aventi rapporti speciali con la Banca ecc.) e contrattuali.
4.11. Il Cliente autorizza espressamente la Banca a conservare fotocopie della carta d’identità o di altri documenti
identificativi, nonché ed ogni volta sia necessario, al fine di avviare o svolgere il rapporto commerciale con la
Banca, elaborare, archiviare, trasmettere e consultare le informazioni relative a:
4.11.1. i dati personali per l’identificazione del Cliente: nome e cognome del Cliente e suoi familiari (se
applicabile), indirizzo di casa, compreso la località, il codice di avviamento postale, la provincia e lo stato,
sesso, data e luogo di nascita, codice di identificazione personale o equivalente, qualità di residente/non
residente, recapito telefonico, indirizzo e-mail, stato civile, cittadinanza, nazionalità, tipo atto di identità,
serie e numero;
4.11.2. i dati personali relativi al rapporto in essere tra il titolare e la persona autorizzata/delegata, limiti della
delega ecc., rapporti di parentela /affinità con dipendenti della Banca o con altre persone aventi rapporti
speciali con la Banca, se il soggetto è parte di un “gruppo” di persone fisiche o giuridiche connesse tra
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 6 di 36
esse direttamente o indirettamente, domicilio/residenza, stato familiare, contratti stipulati strettamente
connessi al rapporto commerciale in essere tra il Cliente e la Banca, denominazione datore di
lavoro/natura del proprio business, anzianità presso l’ultimo posto di lavoro, anzianità di lavoro,
occupazione del soggetto interessato, dati riguardanti il contratto di lavoro, redditi, trattenute gravanti i
redditi, vertenze con terzi, crediti/impegni in essere presso altri istituti finanziari o altri impegni di
pagamento, dati sui beni di proprietà, dati sul livello di studi compiuti, situazione familiare, qualità di
persona politicamente esposta, nonché dati relativi al rischio globale, crediti insoluti o incidenti di
pagamento registrati a nome del Cliente ecc.;
4.11.3. i dati necessari per identificare le informazioni relative all’attività fraudolente;
4.11.4. le informazioni sulle carenze individuate nei/nelle documenti/dichiarazioni forniti/-e a qualsiasi autorità,
persona fisica o giuridica o trasmesse a qualsiasi autorità, persona fisica o giuridica;
4.11.5. le informazioni per la preparazione di registri statistici, compreso il valore aggregato dei conti;
4.11.6. l’invio dei dati all’Ufficio Crediti o a qualsiasi istituto analogo, alla C.R.C., al Ministero delle Finanze, Ufficio
Nazionale Antiriciclaggio, altre autorità, SWIFT;
4.11.7. l’invio delle informazioni a qualsiasi altra persona con cui la Banca stipulerà convenzioni per adempiere ai
propri obblighi legali.
4.12. I dati personali dei Clienti possono essere trasmessi in Romania, negli stati membri dell’Unione Europea ed in
altri paesi, compresi gli Stati Uniti d’America, al fine di compiere eventuali rapporti giuridici tra la Banca ed il
Cliente, per adempiere agli obblighi di legge, realizzare gli interessi e gli obblighi legali della Banca, compresi del
Gruppo di appartenenza della stessa e per promuovere qualsiasi prodotto e servizio propri e di terzi contraenti.
4.13. I dati personali sono trattati dalla Banca per tutta la durata del rapporto contrattuale con il Cliente, quindi
quest’ultimo acconsente che al termine dei rapporti contrattuali con la Banca, la stessa proceda
all’archiviazione/ulteriore trattamento dei dati personali fino al compimento dei termini legali previsti in materia
oppure in conformità con le disposizioni interne della Banca e/o le norme legislative nazionali.
5. SERVIZI FORNITI DALLA BANCA
5.1. Costituisce oggetto delle presenti CGA quanto segue:
5.1.1. la regolamentazione delle condizioni di concessione da parte della Banca dei prodotti e/o servizi richiesti
dal Cliente in conformità ai moduli/documenti/contratti specifici messi a sua disposizione da parte della
Banca oppure tramite il servizio [email protected], parte integrante delle presenti CGA, nonché
5.1.2. la definizione delle condizioni di utilizzo di tali prodotti e/o servizi da parte del Cliente.
5.2. La Banca si riserva il diritto di rifiutare l’apertura e/o la gestione dei prodotti e servizi bancari disponibili e di
selezione la concessione di determinati prodotti e/o servizi, a prescindere da altri prodotti forniti al richiedente,
senza essere obbligata a dare spiegazioni sui motivi che ne hanno determinato il suo rifiuto di aprire o utilizzare il
prodotto/servizio.
6. CONTO CORRENTE BANCARIO
6.1. Al fine di mantenere il rapporto commerciale tra la Banca ed il Cliente, quest’ultimo deve usufruire di almeno uno
dei prodotti forniti dalla Banca. L’esistenza di un conto corrente aperto presso la Banca può essere una delle
condizioni imperative ed obbligatorie affinché la Banca apra anche altri tipi di conti, prodotti e/o servizi al Cliente,
meno le situazioni in cui la vigente normativa prevede diversamente.
6.2. Per aprire un conto corrente presso la Banca, il Cliente dovrà compilare e presentare presso la sede della Banca
la domanda standard di apertura conto corrente ed altri documenti richiesti dalla Banca secondo la tipologia del
richiedente (documenti di identificazione del Cliente e/o persona autorizzata, specimen di firme ecc.). Tutti i
documenti richiesti dalla Banca saranno presentati in originale, e depositati in copia contestualmente alla
domanda di apertura conto corrente.
6.3. Il Cliente, quale intestatario del conto corrente, ha il diritto di disporre del conto senza limitazioni, nel rispetto dei
requisiti di cui alle presenti CGA, di cui ad altri moduli/documenti/contratti stipulati con la Banca e delle vigenti
disposizioni di legge.
6.4. Il correntista può autorizzare una o più persone ad operare sul proprio conto corrente, persone che possono
disporre sia dei fondi di cui al conto corrente aperto che di qualsiasi altro conto ad esso connesso, aperto dal
Cliente. Le persone autorizzate hanno il diritto di effettuare qualsiasi transazione sui conti, compreso di aprire e/o
liquidare depositi /o altri prodotti di risparmio, a meno che il Titolare del conto ne disponga espressamente il
contrario.
6.5. Le persone autorizzate/delegate ad operare su un conto corrente non hanno il diritto di apportare modifiche alle
autorizzazioni per operare su tale conto corrente o qualsiasi altro conto ad esso connesso o di chiudere/liquidare
il conto in questione.
6.6. Affinché una persona possa essere nominata “persona autorizzata” ad operare su un conto corrente è necessario
che la stessa si rechi in Banca ai fini dell’identificazione da parte dei rappresentanti della Banca e per depositare
lo specimen di firma, apposto alla presenza di un impiegato della Banca o dinnanzi al notaio, come previsto dalla
vigente legislazione. Gli specimen di firma sono considerati validi (l’autorizzazione è ritenuta valida) fino alla loro
revoca fatta per iscritto da parte del Titolare del conto, revoca accettata dalla Banca anche nei casi in cui tali
modifiche di autorizzazione siano state rese pubbliche ai sensi della vigente legislazione. Per quanto riguarda la
realizzazione di operazioni elettroniche o di altri tipi di transazioni che non comportano la presenza fisica del
Cliente o delle persone da questi autorizzate, la Banca può accettare le firme elettroniche, comprese le
identificazioni a base di codice PIN o password, in conformità alle condizioni espressamente previste nel
Contratto-Quadro stipulato con la Banca. Il Cliente e la persona autorizzata sono responsabili per le operazioni
effettuate tramite i mezzi elettronici messi a disposizione dalla Banca, essendo pertanto obbligati ad utilizzare i
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 7 di 36
relativi elementi personali di identificazione (codice PIN, password ecc.) in condizioni di sicurezza. Ogni prova o
riproduzione della Banca delle dichiarazioni o informazioni trasmesse dal Cliente tramite i mezzi elettronici
costituisce prova certa nei rapporti tra Cliente, persona autorizzata e Banca, salvo il caso in cui si dimostra il
contrario attraverso mezzi di prova accettati dalla legge.
6.7. Tutte le operazioni effettuate sui conti correnti si realizzano nella valuta del conto stesso, pertanto il Cliente deve
essere titolare di un conto corrente nella valuta dell’operazione; ogni cambio valutario si realizza al di fuori delle
operazioni di versamento/prelievo di contanti o transfer credito; nel caso in cui il Cliente riceve un incasso in
valuta diversa dalla valuta dei conti di pagamenti aperti in Banca, la Banca è autorizzata espressamente dal
Cliente ad aprire per conto del medesimo un conto corrente nella valuta dell’importo da incassare, nonché di
accreditare il conto corrente connesso alla valuta di cui all’istruzione di incasso.
6.8. Attraverso il servizio Internet Banking, il Cliente può aprire conti correnti in valuta diversa dalla valuta del/dei
conto-i già aperto/-i, il nuovo conto verrà aperto soltanto presso l’unità territoriale della Banca dove già intrattiene
un conto. La richiesta del Cliente effettuata attraverso il servizio l [email protected] sarà attuata il successivo giorno feriale
rispetto alla data della richiesta, in ottemperanza dei cut-off times previsti nel LCS, soltanto nel caso in cui il
Cliente soddisfa le condizioni previste per l’apertura del conto. Nel caso in cui la richiesta del Cliente non è stata
elaborata, il Cliente ne verrà informato con messaggio inviato nell’Applicazione Internet Banking.
6.9. La Banca può operare sul conto corrente del Cliente, senza la necessità di averne il suo accordo né di espletare
altra previa formalità nelle seguenti situazioni:
6.9.1. estinzione debiti/pagamenti del Cliente verso la Banca arrivati a scadenza o altri impegni assunti dal
Cliente a base di contratti o convenzioni nei confronti della Banca;
6.9.2. svolgimento delle operazioni creditizie di tipo revolving;
6.9.3. per operare i pagamenti disposti in forza a sentenza definitiva ed esecutiva o altre disposizioni di
legge;
6.9.4. nel caso in cui il Cliente non ha pagato a scadenza crediti, interessi, commissioni e/o altri obblighi
verso la Banca, ma ha le disponibilità espresse in una valuta diversa da quella in cui è denominato il
credito della Banca, per recuperare i propri crediti, la Banca è espressamente autorizzata dal Cliente
ai sensi delle presenti CGA a procedere per conto del medesimo ad effettuare il cambio degli importi
esistenti nei conti al tasso applicato dalla Banca il giorno dell’operazione;
6.9.5. compensare i pagamenti effettuati con assegni, carte;
6.9.6. correggere gli errori di registrazione nel sistema informatico, correzioni che verranno comunicate al
Cliente con il successivo estratto conto;
6.9.7. pagamento degli interessi relativi ai conti; la Banca può effettuare correzione retroattive sul calcolo
degli interessi, a partire dal giorno in cui è stata fatta la registrazione errata;
6.9.8. trattenere le tasse e le imposte dovute dal Cliente in conformità alle disposizioni di legge in vigore;
6.9.9. per altri motivi di cui al contenuto delle presenti CGA.
6.10. Il decesso del Cliente, persona fisica o socio unico di un ente debitore, oppure il decesso di tutti i soci di un ente
debitore, non estingue il debito dello /degli stesso/-i verso la Banca, che sarà sostenuto dai suoi successori legali,
ai sensi della legge. L’estinzione dei debiti/pagamenti del Cliente verso la Banca arrivati a scadenza o di altri
impegni assunti dal Cliente a base di contratti o convenzioni nei confronti della Banca;
6.11. In caso di decesso del titolare del conto, fino alla realizzazione divisione dei beni, i suoi eredi sono considerati coproprietari del conto. In questa situazione, le operazioni di conto corrente potranno essere effettuate soltanto con
il consenso di tutti i co-proprietari.
6.12. Se la Banca viene informata per iscritto, vale a dire con documenti giustificativi, sul decesso/incapacità di un
titolare di conto, sul decesso/incapacità del delegato, tutte le autorizzazioni divengono nulle, la Banca consentirà
lo svolgersi di operazioni di conto corrente soltanto ai soggetti in grado di dimostrare il diritto di accedere ai fondi
del Cliente a base di titolo ufficiale, in veste di erede, delegato, curatore, liquidatore, tutore ecc..
6.13. La Banca non è responsabile per eventuali danni subiti dal Cliente a seguito di un’azione delle persone
autorizzate ad operare nel suo conto corrente nell’intervallo di tempo trascorso fino all’adeguata informazione
della Banca sul decesso / incapacità del Cliente.
6.14. A nome del Cliente minorenne persona fisica senza capacità individuale, gli atti giuridici/le operazioni con la
Banca saranno completati/attuati dal/dai legale/-i rappresentante/-i (persona/-e nominata/-e, ai sensi della legge,
a rappresentare il minorenne negli atti giuridici firmati a suo nome), il conto viene aperto su richiesta del/dei
legale/-i rappresentante/-i del minorenne non avente capacità di esercizio.
6.15. Per il Cliente persona fisica avente capacità di esercizio limitata, gli atti giuridici / le operazioni con la Banca
saranno conclusi dalla stessa con l’approvazione del suo rappresentante legale (persona nominata, ai sensi della
legge, a rappresentare la persona fisica avente capacità di esercizio limitata negli atti giuridici stipulati nel suo
nome).
6.16. Il minorenne con capacità di esercizio limitata può disporre da solo dei ricavi acquisiti con atti giuridici, attività
artistiche o sportive o legate alla sua professione.
6.17. La Banca sarà comunicata per iscritto, immediatamente, dal Cliente persona fisica/rappresentante legale, nel
caso in cui perde o gli viene disunita la capacità di esercizio.
6.18. Estratto conto
6.18.1. La Banca informa il Cliente circa l’esecuzione delle singole transazioni, movimento dei fondi/disponibilità
da/nei conti correnti aperti a suo nome attraverso un estratto conto.
6.18.2. Fatte salve altre situazioni previste da accordi separati, la Banca mette a disposizione del Cliente l’estratto
conto periodicamente, gratuitamente per il Cliente persona fisica, all’inizio di ogni mese solare per le
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 8 di 36
operazioni effettuate il precedente mese (che comprende anche gli interessi ed altre commissioni, tasse
ed oneri applicati dalla Banca).
6.18.3. Il Cliente è tenuto a verificare le operazioni registrate sui suoi conti ed a restituire alla Banca gli importi
incassati ma non spettanti ad esso, entro e non oltre 5 (cinque) giorni feriali dall’inizio del mese. Ogni
possibile obiezione sulla correttezza e/o contenuto di un estratto conto periodico, deve essere effettuata
dal Cliente nel più breve tempo dopo l’identificazione del problema.
6.18.4. Qualora non dovesse riceve l’estratto conto entro 10 (dieci) gironi dall’inizio del mese, relativamente alle
transazioni effettuate il precedente mese, il Cliente è tenuto a recarsi presso uno degli sportelli territoriali
della Banca oppure chiamare il Call Center - 0800800888 (numero operativo 24 su 24), al fine di ottenere
l’estratto conto.
6.18.5. Nel caso in cui il Cliente non contesta il contenuto delle conferme, degli estratti conto, delle note o di altre
comunicazioni della Banca, indipendentemente da come sono stati trasmessi o messi a sua disposizione
(per posta, mezzi elettronici, presso una delle sedi della Banca ecc.), entro 13 (tredici) mesi dalla data
quando si può considerare che il Cliente abbia ragionevolmente potuto prendere atto del contenuto di tali
documenti, il contenuto dei rispettivi documenti sarà considerato approvato dal Cliente. Se tali documenti
contengono errori di calcolo, la Banca procederà a correggere tali irregolarità, anche dopo il periodo
previsto di 13 (tredici) mesi.
6.19. Ordine di pagamento. Momento ricevimento
6.19.1.1. La Banca non riceverà ordini di pagamento nel caso in cui al momento dell’inoltro dell’ordine di
pagamento il Cliente non dispone nel suo conto di pagamenti di sufficienti fondi per la loro
esecuzione. Nel caso in cui il Cliente e la Banca concordano che l’ordine di pagamento venga
effettuato in un certo giorno oppure alla fine di un determinato periodo (ciò può avvenire soltanto
in caso di ordini di pagamento programmati: bonifico permanente, addebito diretto ecc. oppure
pagamenti avviati tramite [email protected] con data di esecuzione in futuro), il momento di ricevimento è
considerato il giorno pattuito. Nel caso in cui il giorno pattuito non è un giorno feriale, l’ordine di
pagamento si considera ricevuto il successivo giorno feriale.
6.19.1.2. La Banca stabilisce ore limite (sia per le operazioni normali, che per quelle da eseguire in via
d’urgenza), che, se superate, qualsiasi ordine di pagamento si considera ricevuto il successivo
giorno feriale. Queste ore limite sono quelle previste nel Tariffario dei Costi Standard della
Banca.
6.19.2. Nel caso in cui la Banca rifiuta di eseguire un ordine di pagamento, il rifiuto e, se possibile, i motivi del
rifiuto, nonché, se del caso, la procedura per correggere eventuali errori fattuali che hanno portato al rifiuto
vengono comunicati al Cliente, se non vietato da regolamenti nazionali o internazionali. La Banca invia o
mette a disposizione la notifica, secondo le modalità concordate con il Cliente, in base al contratto-quadro
stipulato, nel più breve tempo possibile.
6.19.3. La Banca ha il diritto di rifiutare l’esecuzione di un ordine di pagamento nelle seguenti circostanze:
6.19.3.1. durante l’elaborazione da parte della Banca dell’ordine di pagamento le liquidità di cui al relativo
conto corrente non coprono l’importo necessario per l’esecuzione dell’ordine di pagamento e per
pagare le relative commissioni/spese;
6.19.3.2. sul conto corrente del Cliente è stato istituito un procedimento legale o esecutivo di
congelamento (ad es.: sequestro, pignoramento, esecuzione forzata ecc.);
6.19.3.3. effettuare il pagamento significa violare i regolamenti interni della Banca o del gruppo di
appartenenza, la vigente legislazione, i regolamenti nazionali o internazionali, gli embargo o i
divieti oppure desta sospetti circa la loro trasgressione oppure potrebbe condurre alla violazione
dei propri obblighi contrattuali verso terze parti oppure potrebbe danneggiare l’integrità o la
reputazione del settore finanziario e/o della Banca;
6.19.3.4. la Banca sospetta che il pagamento non è stato disposto dalle persone autorizzate;
6.19.3.5. Il Cliente è deceduto, è soggetto a divieto o amministrazione fiduciaria;
6.19.3.6. Il Cliente ha violato le disposizioni di cui ai contratti/convenzioni/contratto-quadro stipulati con la
Banca;
6.19.3.7. Il Cliente ha emesso l’ordine di pagamento in una valuta in cui la Banca non esegue ordini di
pagamento;
6.19.3.8. il prestatore di servizi del beneficiario del pagamento si trova oppure è minacciato da default,
insolvenza, fallimento o altre procedure similari;
6.19.3.9. l’ordine di pagamento non può essere eseguito per motivi tecnici;
6.19.3.10. in tutte le altre circostanze in cui la Banca considera possa essere ritenuta responsabile oppure
subire danni diretti/indiretti, materiali/morali, se effettua il pagamento
6.19.3.11. la Banca sospetta il Cliente di frode o abuso
6.19.3.12. il Cliente ha altri obblighi in sospeso verso la Banca;
6.19.3.13. altri motivi ritenuti giustificati dalla Banca.
6.19.4. Nel caso in cui sono soddisfatte tutte le condizioni di cui alle presenti CGA, la Banca non può rifiutare di
eseguire un ordine di pagamento autorizzato avviato dal Cliente, se questo non è vietato dalla legislazione
nazionale, internazionale o interna.
6.19.5. Un ordine di pagamento la cui esecuzione è stata rifiutata si considera non pervenuto.
6.20. Esecuzione degli ordini di pagamento
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 9 di 36
6.20.1. L’ordine di pagamento è considerato eseguito correttamente per quanto riguarda il beneficiario del pagamento
specificato verificando il codice unico di identificazione (ad es.: codice IBAN), se l’ordine di pagamento è
eseguito conformemente al codice unico di identificazione indicato nell’istruzione di pagamento ricevuta dal
Cliente. La Banca non è obbligata ad effettuare un’ulteriore verifica circa la corrispondenza tra il codice unico di
identificazione ed il nome/ragione sociale del beneficiario e/o qualsiasi altro elemento di identificazione e non
risponde in caso in mancata esecuzione o di esecuzione inesatta dell’operazione di pagamento se l’ordine di
pagamento è stato eseguito conformemente al codice unico di identificazione indicato dal Cliente ordinante. Nel
caso in cui il Cliente fornisce ulteriori informazioni rispetto a quanto richiesto dalla Banca affinché un transfer di
credito ordinato dal Cliente venga correttamente eseguito, la Banca risponde soltanto per l’esecuzione delle
operazioni di pagamento in conformità con il codice unico di identificazione fornito dal Cliente. Tuttavia la Banca
si riserva il diritto di verificare, se lo ritenga necessario, la correlazione tra il codice unico di identificazione
indicato ed il nome del Cliente beneficiario e/o qualsiasi altro elemento identificativo, ed in casi giustificati o di
violazione dei regolamenti legali in materia di antiriciclaggio e lotta al finanziamento del terrorismo, di rifiutare
l’esecuzione di un ordine di pagamento. In questa situazione, il rifiuto e, se possibile, i motivi del rifiuto, saranno
comunicati all’ordinante/Banca ordinante, se non vietato da norme nazionali o internazionali.
6.20.2. Qualora il codice unico di identificazione del beneficiario del pagamento fornito dal Cliente sia scorretto, la
Banca non è responsabile per la mancata esecuzione o per l’esecuzione errata dell’operazione di pagamento. In
questa situazione, la Banca compie ogni ragionevole sforzo per recuperare i fondi di cui all’operazione di
pagamento e può addebitare i costi di revoca /recupero secondo il Tariffario dei Costi Standard della Banca.
6.20.3. Nel caso in cui un ordine di pagamento è avviato dal Cliente, la Banca non è responsabile per la corretta
esecuzione dell’operazione di pagamento, a meno che la Banca possa dimostrare al Cliente e, se del caso, al
prestatore di servizi di pagamento del beneficiario del pagamento, che il prestatore di servizi del beneficiario del
pagamento ha ricevuto l’importo oggetto dell’operazione di pagamento in tempo; in questo caso, il prestatore di
servizi di pagamento del beneficiario del pagamento è considerato responsabile, nei confronti del beneficiario del
pagamento, per la corretta esecuzione dell’operazione di pagamento stessa.
6.20.4. Nel caso in cui la Banca sia responsabile quale banca dell’ordinante, deve rimborsare all’ordinante, senza
indugio, l’importo oggetto dell’operazione di pagamento non eseguita o scorrettamente eseguita e, se del caso,
deve ripristinare il conto di pagamenti addebitato nello stato in cui si fosse trovato se l’operazione di pagamento
eseguita erroneamente non avesse avuto luogo. Se la Banca è responsabile in veste di banca del beneficiario, è
tenuta a mettere tempestivamente a disposizione del Cliente l’importo oggetto dell’operazione di pagamento e,
se del caso, accreditare il dovuto importo sul conto corrente del Cliente stesso.
6.20.5. In caso di operazioni di pagamento non eseguite o non correttamente eseguite, su richiesta del Cliente, la
Banca, quale banca dell’ordinante, farà ogni sforzo immediatamente, a prescindere dalla sua responsabilità, al
fine di identificare e rintracciare l’operazione di pagamento e per notificarne il Cliente circa i risultati.
6.20.6. Il Cliente comunica alla Banca per iscritto gli ordini di pagamento che richiedono l’elaborazione preferenziale in
termini di tempi di esecuzione. La Banca non sarà tenuta responsabile nel caso in cui non riceve una simile
richiesta da parte del Cliente, salvo i casi di colpa grave dimostrata, altrimenti la Banca non è ritenuta
responsabile per alcun danno subito dal Cliente come conseguenza dell’esecuzione degli ordini di pagamento in
base alle norme di legge o interne in vigore e secondo la prassi bancaria .
6.20.7. La responsabilità della Banca non interviene in circostanze impreviste che esulano dal controllo della persona
che le invoca e le cui conseguenze non potevano essere evitate nonostante tutti gli sforzi compiuti in tal senso o
nel caso in cui è tenuta a rispettare regolamenti nazionali o internazionali.
6.21. Strumenti di debito (assegni, cambiali, pagherò diretti)
6.21.1. Il Cliente può effettuare pagamenti dal proprio conto corrente compreso utilizzando assegni, cambiali o
pagherò diretti, chiedendo alla Banca il rilascio di simili strumenti di pagamento. L’emissione di tali strumenti di
pagamento è a discrezione della Banca, in caso di rifiuto, la Banca non è obbligata a comunicare al Cliente i
motivi della propria decisione.
6.21.2. Gli assegni in valuta tratti su banche estere verranno presentati per incasso presso le banche emittenti
direttamente o tramite le banche corrispondenti della Banca. Tutti i costi praticati dalle banche locali o dalle
banche corrispondenti estere per l’incasso degli assegni o per altri servizi bancari offerti, nonché i costi per la
comunicazione del mancato incasso di assegni e la restituzione degli assegni non pagati dalle banche tratte,
saranno interamente a carico del Cliente che ne verrà in seguito informato.
6.21.3. Costituiscono casi di negligenza imputabili al Cliente, le seguenti situazioni:
6.21.3.1. emissione di assegni senza l’autorizzazione del trattario;
6.21.3.2. emissione di assegni senza sufficienti liquidità;
6.21.3.3. presentazione per incasso di assegni dopo la scadenza del termine fissato per la
presentazione;
6.21.3.4. falso circa gli elementi essenziali da inserire sull’assegno prestampato dalla Banca
6.21.4. In casi di negligenze imputabili al Cliente, la Banca può:
6.21.4.1. ritirare il libretto degli assegni emesso al Cliente;
6.21.4.2. chiudere tutti i conti del Cliente (senza il suo consenso o altre formalità preliminari);
6.21.4.3. informare gli organi di investigazione penale;
6.21.4.4. segnalare l’/gli incidente/incidenti alla C.I.P.
6.21.5. Al fine di recuperare i danni in caso di negligenze imputabili al Cliente come sopra indicato o per altri motivi
imputabili al medesimo, la Banca è autorizzata a soddisfare il proprio credito, senza il previo accordo del Cliente,
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 10 di 36
dalle liquidità dello stesso (in lei o valuta) esistenti nei conti aperti presso la Banca, nonché ad avviare altri
procedimenti di esecuzione (compresi giudiziari) nei confronti del Cliente.
6.21.6. Il Cliente è pienamente responsabile per perdite, distruzioni e/o furto dei moduli di assegno/libretti degli
assegni, pagherò diretti o cambiali emessi dalla Banca, quindi è obbligato a notificare tempestivamente per
iscritto la Banca circa il verificarsi di tali situazioni.
6.22. Operazioni di cassa
6.22.1. I depositi in contanti sui conti aperti presso la Banca possono essere effettuati tramite pagamento agli sportelli
della Banca di cui al luogo di funzionamento. La Banca può rifiutare al Cliente il versamento di monete,
banconote danneggiate, di origine sospetta o ritirate dalla circolazione, senza essere tenuta a giustificare al
Cliente le ragioni del rifiuto. Inoltre, la Banca non è obbligata a riscattare tali monete, banconote, ad eccezione
dei casi espressamente previsti dalla legge.
6.22.2. I prelievi in contanti che superano il limite fissato e specificato nel Tariffario dei Costi Standard della Banca
saranno notificati dal Cliente in anticipo. In caso di prelievi in contanti superiore a tali importi, il Cliente dovrà
contattare la Banca per stabilire insieme la possibilità, modalità ed il termine entro il quale si può realizzare tale
operazione. La Banca non è responsabile per le perdite subite dal Cliente in caso di inottemperanza di tali
disposizioni. Anche in assenza della relativa notifica, la Banca può soddisfare la richiesta del Cliente in cambio
del pagamento di una commissione indicata nel Tariffario dei Costi Standard della Banca. Nel caso in cui il
Cliente prenota un prelievo di fondi dal/dai conto/-i corrente/-i e la transazione non avviene per colpa del Cliente
stesso, la mancata realizzazione della transazione sarà soggetta a commissioni speciali, come specificato nel
Tariffario dei Costi Standard della Banca.
6.23. Bonifico permanente. Esecuzione bonifici
6.23.1. Attraverso le presenti CGA, nel caso in cui il Cliente richiede alla Banca il servizio di bonifico permanente, il
Cliente autorizza espressamente la Banca ad eseguire bonifici permanenti dal suo conto corrente aperto presso
la Banca, verso il beneficiario da questi indicato.
6.23.2. Il Cliente incarica espressamente la Banca ad effettuare il trasferimento delle somme, entro il limite del
mandato conferito, con la frequenza impostata dal Cliente, secondo le condizioni di cui alle presenti CGA, a
nome e per conto del Cliente, verso il conto del beneficiario da questi indicato, nella misura determinata ed alle
date da questi richieste.
6.23.3. Nel caso in cui la data fissata dal Cliente per effettuare il bonifico sia un giorno festivo/non bancario, il bonifico
verrà eseguito dalla Banca il precedente o il successivo giorno feriale/bancario, a seconda delle esigenze del
Cliente
6.23.4. Il Cliente si impegna a garantire che, entro e non oltre le ore 12.00 del giorno del trasferimento - di seguito
Data bonifico - nel conto dal quale verrà realizzato il trasferimento ci sono fondi sufficienti a coprire l’importo
stabilito per l’esecuzione del bonifico permanente, nonché per pagare altre tasse/oneri dovuti alla Banca. Il
bonifico si considera ricevuto alle ore 12.00 del giorno fissato per l’esecuzione del bonifico. Nel caso in cui il
bonifico permanente ordinato non è stato eseguito/operato secondo i termini di cui al Contratto-Quadro, il
prossimo bonifico periodico verrà eseguito alla prossima data di bonifico stabilita tra le parti, nel rispetto delle
disposizioni di cui alle presenti CGA.
6.24. Mandato per addebito diretto. Esecuzione bonifici
6.24.1. Con il recepimento delle presenti CGA, il Cliente autorizza espressamente la Banca ad addebitare in
automatico il conto corrente aperto nella moneta richiesta con l’importo da pagare di cui alle fatture rilasciate
periodicamente dal fornitore (prestatore) di servizi del Cliente (di seguito “Fornitore”). La Banca accredita, a
nome e per conto del Cliente, il conto corrente aperto nella moneta richiesta dal Fornitore, aperto presso la sua
banca, con l’importo di pagamento di cui alle fatture emesse a nome del Cliente. Al Cliente spetta l’obbligo di
notificare il Fornitore in merito all’attivazione di codesto servizio.
6.24.2. I pagamenti verranno effettuati dalla Banca entro i limiti del mandato conferito, periodicamente, secondo le
istruzioni di addebito diretto ricevute dal Fornitore. Il Cliente è tenuto a garantire, almeno due giorni bancari
precedenti alla scadenza della fattura, nel suo conto corrente aperto nella valuta richiesta, sufficienti fondi per
coprire l’importo indicato nell’istruzione di addebito diretto nonché il controvalore di eventuali commissioni/costi.
6.24.3. In conformità a queste informazioni, la Banca addebiterà il conto corrente indicato dal Cliente, il giorno
bancario precedente la data di addebito interbancario - di seguito la Data del Pagamento, però non oltre la data
quando le istruzioni di addebito diretto possono essere rifiutate nella cassa di compensazione automatica.
6.24.4. Nel caso in cui il mandato di addebito diretto conferito dal Cliente alla Banca prevede istruzioni di addebito
diretto con importo fisso, che si ripetono ad intervalli stabiliti, prima con almeno 10 (dieci) giorni feriali di qualsiasi
completamento dell’istruzione, modifica, aumento o rettifica annuale relativamente all’importo da addebitare o
alla data di scadenza, il Cliente dovrà notificare per iscritto la Banca in questo senso.
6.24.5. Nel caso in cui il mandato di addebito diretto conferito dal Cliente alla Banca prevede istruzioni di addebito
diretto con importo variabile, che si ripete ad intervalli stabiliti, prima con almeno 10 (dieci) giorni feriali di
qualsiasi istruzione di addebito diretto del conto del Cliente, con riguardo all’importo da addebitare ed alla data di
scadenza, il Cliente dovrà notificare per iscritto la Banca in tal senso. La frequenza dell’addebito del conto con il
controvalore delle fatture emesse dal Fornitore di servizi del Cliente si realizza esclusivamente in conformità alle
disposizioni contrattuali in essere tra il Fornitore ed il Cliente, portate a conoscenza della Banca con la
presentazione da parte del Cliente delle fatture emesse dal Fornitore. Il Cliente ed il Fornitore possono convenire
la modifica della modalità di notifica o rinuncia al requisito di previa notifica attraverso altri atti di rinuncia.
6.24.6. Nel caso in cui il Cliente contesta i dati di cui alla fattura (ad es.: importo dovuto ecc.) dovrà trasmettere alla
Banca, presso una delle unità territoriali della stessa, entro e non oltre le ore 11.00 a.m. del giorno feriale
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 11 di 36
(bancario) precedente alla Data di Pagamento, una richiesta di annullamento del pagamento della fattura. A
seguito della richiesta del Cliente, la Banca non procederà al pagamento della fattura secondo quanto sopra
indicato, ma non può intervenire in alcun modo nei rapporti tra il Cliente ed il Fornitore, poiché in questo rapporto
riveste la mera qualità di terzo. La Banca è esente da qualsiasi responsabilità circa il quantum dell’importo di cui
alla fattura/istruzione di addebito, data di emissione/scadenza della fattura, importo addebitato, data di addebito
ecc..
6.24.7. Qualora una qualsiasi operazione di addebito diretto sia effettuata dalla Banca in modo errato a causa della
mancanza del mandato di addebito diretto, del fatto che l’istruzione di addebito diretto non è stata eseguita in
conformità al mandato conferito o con le istruzioni di addebito diretto oppure a seguito della revoca del mandato
di addebito diretto, il Cliente ha il diritto di chiedere il rimborso delle somme versate dal suo conto da parte della
Banca. La richiesta del Cliente di rimborso delle somme così versate dal suo conto verrà inviata alla Banca entro
e non oltre 10 (dieci) giorni feriali dalla data in cui il Cliente sapeva o avrebbe dovuto sapere che l’importo
previsto nell’istruzione di addebito diretto contestato è stato addebitato dal suo conto.
6.25. Bonifico Permanente e Mandato per addebito diretto
6.25.1. La Banca esegue i bonifici permanenti per i quali è stata autorizzata a condizione che, in Data del
Bonifico/Data del Pagamento, il conto del Cliente da addebitare contenga sufficienti liquidità nella moneta
richiesta per effettuare interamente il trasferimento dell’importo indicato/fattura, nonché per pagare i relativi
costi/commissioni ed inoltre non ci siano in essere misure di congelamento sulle somme di cui al conto del
Cliente né altri ostacoli tali da impedire la realizzazione dei pagamenti, ed il Cliente abbia rispettato gli obblighi
assunti ai sensi delle presenti CGA. In caso contrario la Banca non eseguirà il bonifico, senza essere tenuta ad
informarne il Cliente, ed è liberata da qualsiasi responsabilità nei confronti del Cliente o di terzi, senza dover
impegnare fondi propri per la realizzazione dei pagamenti. Nel caso in cui il Cliente non ha sufficienti liquidità nel
suo conto corrente per coprire l’intero importo dovuto per il pagamento nonché per i relativi costi/spese o se
l’importo del pagamento supera l’importo massimo accettato per il pagamento tramite il servizio di addebito
diretto o bonifico permanente, come fissato dal Cliente e comunicato alla Banca, quest’ultima non è obbligata ad
effettuare un pagamento parziale né di eseguire alcuna conversione di valuta aggiuntiva a quella indicata dal
cliente, nel caso in cui il Cliente dispone di sufficienti disponibilità per effettuare questi pagamenti, ma in una
valuta diversa da quella richiesta per il pagamento.
6.25.2. Il servizio di bonifico permanente/addebito diretto diviene attivo entro 1 (un) giorno feriale dalla data di
accettazione da parte della Banca del mandato conferito. Per il servizio di addebito diretto le fatture con data di
scadenza precedente all’attivazione del servizio (compresa la data dell’attivazione), saranno pagate con altri
mezzi/canali, diversi dal servizio di addebito diretto.
6.25.3. L’attivazione del servizio di bonifico permanente /addebito diretto si può realizzare dal Cliente anche per mezzo
dell’applicazione [email protected] Il Cliente compila nell’applicazione la richiesta per l’attivazione del bonifico permanente
/mandato di addebito diretto ed autorizza la transazione. Se la richiesta del Cliente è stata autorizzata in un
giorno lavorativo, sarà attuata automaticamente entro la fine della giornata stessa, in ottemperanza dei cut-off
times previsti nel LCS o durante il giorno lavorativo successivo alla richiesta, se la richiesta del Cliente è stata
autorizzata in un giorno festivo o fuori dei cut-off times.
6.25.4. L’attivazione del servizio bonifico permanente/addebito diretto via Internet Banking si realizza soltanto se il
Cliente soddisfa tutte le condizioni necessarie per l’attivazione del servizio stesso. Se il Cliente non soddisfa le
condizioni per l’attivazione del bonifico permanente/addebito diretto (i conti indicati dal Cliente non sono validi
ecc.), la richiesta del Cliente non verrà elaborata, ed il Cliente ne verrà informato mediante l’applicazione [email protected]
con un messaggio di notifica in merito alla mancata elaborazione della transazione.
6.25.5. Nel caso in cui il Cliente desidera disattivare questo servizio tramite l’applicazione [email protected], deve richiedere la
disattivazione nell’applicazione ed autorizzare l’operazione. Dopo l’elaborazione, la disattivazione del servizio
sarà attuata in automatico entro la fine della giornata nel rispetto dei cut-off times di cui al LCS, se la richiesta
del Cliente è stata autorizzata in un giorno feriale o durante il giorno feriale successivo alla richiesta, nel caso in
cui la richiesta del Cliente è stata autorizzata un giorno festivo. La mancata elaborazione della richiesta di
disattivazione del servizio bonifico permanente/addebito diretto tramite l’applicazione [email protected] sarà notificata con
un messaggio da visualizzare nella Messaggeria [email protected]
6.25.6. Al fine di effettuare il bonifico permanente /addebito diretto la Banca si riserva il diritto di richiedere qualsiasi
documento che ritiene necessario al fine di rispettare la vigente legislazione ed i propri regolamenti interni.
6.26. Consenso
6.26.1. Le operazioni di pagamento, costituzione prodotti di risparmio, registrazione mandati di addebito diretto e
registrazione dei mandati di bonifico permanente sono considerate autorizzate dal Cliente ordinante se questi ha
acconsentito espressamente all’esecuzione dell’operazione di pagamento.
6.26.2. Per i trasferimenti di credito disposti con ordini di pagamento o derivati dall’esecuzione da parte della Banca di
un mandato di addebito diretto o di un mandato di bonifico permanente, per i versamenti e prelievi in contanti
effettuati presso gli sportelli della Banca, il consenso (autorizzazione) del Cliente si esprime con la/le firma/-e
applicata/-e sull’ordine di pagamento, sul mandato di addebito diretto o bonifico permanente, ovvero sulla
quietanza di versamento/prelievo di contanti o attraverso l’autorizzazione effettuata da questi per mezzo del
servizio [email protected], durante l’esecuzione di operazioni attraverso Internet Banking.
6.26.3. In assenza del consenso del Cliente, le operazioni sono considerate non autorizzate, salvo le correzioni
effettuate dalla Banca o altre operazioni per le quali la Banca è autorizzata espressamente dal Cliente nel
Contratto-Quadro.
6.26.4. Il Cliente non potrà revocare il consenso dopo che la Banca ha ricevuto l’ordine di pagamento. Sono fatti salvi
gli ordini di pagamento per i quali il Cliente e la Banca hanno convenuto che la relativa esecuzione comincia in
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 12 di 36
un dato giorno oppure alla fine di un determinato periodo (ad es.: ordini di pagamento programmati/operazioni di
bonifico permanente, pagamenti avviati tramite Internet Banking con data di esecuzione in futuro), la cui data
convenuta di esecuzione rappresenta il momento del ricevimento, in questo caso il Cliente può revocare il
consenso, per iscritto, entro il giorno feriale precedente alla data pattuita per l’esecuzione (giorno feriale
precedente la data di ricevimento).
6.26.5. La Banca si riserva il diritto di eseguire le istruzioni di pagamento del Cliente/persona autorizzata a seconda
del momento di ricevimento.
6.26.6. L’annullamento di un pagamento avviato dal Cliente, può effettuarsi soltanto dietro richiesta scritta del Cliente
stesso, presentata presso gli sportelli della Banca, con il consenso esplicito della Banca. Per quest’operazione la
Banca può addebitare commissioni come da LCS.
6.27. Tempi di esecuzione e data dalla valuta
6.27.1. Per quanto riguarda i pagamenti ordinati dal Cliente, la Banca si accerta che, dopo aver ricevuto l’ordine di
pagamento avviato dal Cliente nel rispetto dei limiti fissati nel LCS, l’importo dell’operazione di pagamento è
accreditato al prestatore dei servizi di pagamento del beneficiario del pagamento, come segue:
6.27.1.1. per le operazioni nazionali di pagamento, effettuate in lei - entro la fine della giornata feriale
successiva al ricevimento;
6.27.1.2. per i bonifici in Euro verso stati membri dell’Unione Europea - entro e non oltre la fine del terzo
giorno feriale successivo al ricevimento,
6.27.1.3. per bonifici SEPA - entro e non oltre la fine della seconda giornata feriale successiva al
ricevimento;
6.27.1.4. per le operazioni di pagamento transfrontaliere effettuate negli stati membri dell’Unione
Europea, nelle valute degli stessi, tranne l’euro - entro e non oltre quattro giorni feriali bancari
dalla data di ricevimento dell’ordine di pagamento;
6.27.1.5. per le altre operazioni di pagamento transfrontaliere - secondo le condizioni imposte dalle
banche corrispondenti.
6.27.2. La data della valuta di addebito del conto corrente del Cliente non può essere precedente alla data quando
l’importo oggetto dell’operazione di pagamento è addebitato sul conto.
6.27.3. In termini di incassi ricevuti dal Cliente, la data della valuta di accredito del conto corrente non può essere
successiva al giorno feriale quando l’importo oggetto dell’operazione di pagamento viene accreditato sul conto
bancario.
6.27.4. Nel caso in cui il Cliente effettua versamenti in contanti in un conto corrente aperto presso la Banca nella
moneta del conto stesso, la Banca mette a disposizione l’importo e assegna una data alla valuta
immediatamente dopo aver ricevuto i fondi (data di versamento sul conto).
6.28. Costi e commissioni per i conti correnti
6.28.1. Per qualsiasi operazione di pagamento avviata verso uno Stato membro dell’Unione Europea, la Svizzera e il
Principato di Monaco, nelle valute di questi paesi, il beneficiario del pagamento sosterrà la commissione
addebitata dal suo prestatore di servizi di pagamento, mentre il Cliente ordinante sosterrà la commissione
riscossa dalla Banca, pertanto bisogna tassativamente selezionare l’opzione di commissione SHA sull’ordine di
pagamento.
6.28.2. Per un’operazione di pagamento avviata verso uno stato membro dell’Unione Europea, la Svizzera ed il
Principato di Monaco, nelle valute di questi paesi, il prestatore di servizi di pagamento dell’ordinante/beneficiario
del pagamento, nonché tutti gli intermediari dei prestatori di servizi di pagamento trasferiscono l’intero importo
dell’operazione di pagamento senza riscuotere alcun cannone dall’importo trasferito. Il beneficiario del
pagamento ed il suo prestatore di servizi di pagamento possono concordare di prelevare la commissione
dall’importo trasferito prima dell’accredito del conto del beneficiario del pagamento con il rispettivo importo. In
questo caso, il valore complessivo dell’operazione di pagamento e la commissione riscossa vengono specificati
distintamente nelle informazioni fornite al beneficiario del pagamento.
6.28.3. Se la Banca rifiuta di eseguire un ordine di pagamento, ed il rifiuto è oggettivamente giustificato, la Banca
addebita la notifica di rifiuto secondo le tariffe di cui al LCS.
6.29. Blocco dei conti
6.29.1. Il blocco dei conti del Cliente e degli importi di cui a tali conti può avvenire nel rispetto delle disposizioni di cui
alle presenti CGA sia dietro iniziativa della Banca, sia per richiesta scritta di istituti/autorità/persone legalmente
abilitate attraverso l’istituzione di un ordine di pignoramento o altra disposizione di congelamento del conto.
6.29.2. Nel caso in cui il Cliente non adempie all’obbligo di informare la Banca con riguardo alle modifiche o
circostanze importanti in grado di impattare la sua relazione contrattuale con la Banca, compreso, ma senza
limitarsene: modifiche relative ai documenti di identità (atto di identità scaduto, modifica nome o cognome,
indirizzo, carta d’identità, passaporto o equivalenti legali), firma ecc., la Banca procederà al blocco automatico
del/dei conto/-i del Cliente, senza la necessità di informarne il Cliente né dover espletare altre formalità.
7.
SERVIZIO INTERNET BANKING
7.1. Condizioni di utilizzo del servizio Internet Banking
7.1.1. La Banca fornisce il servizio informatico bancario [email protected], su richiesta del Cliente, questo servizio offre
all’Utilizzatore la possibilità di effettuare operazioni bancarie nei suoi conti correnti aperti presso la Banca,
via Internet.
7.1.2. Le transazioni bancarie verranno effettuate soltanto in conformità alla documentazione di operazione
elaborata dalla Banca e secondo le funzionalità dell’applicazione (moduli specifici del servizio [email protected]).
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 13 di 36
7.1.3. La procedura di connessione ad Internet è soggetta alle norme disciplinanti l’utilizzo dei servizi, in genere,
e dei servizi di telecomunicazioni in particolare.
7.1.4. Le operazioni sono avviate direttamente dal Cliente tramite l’applicazione [email protected] messa a disposizione
da parte della Banca su Internet, l’accesso dell’Utilizzatore al servizio Internet Banking si realizza
attraverso l’opzione specifica sul portale della Banca (www.intesasanpaolobank.ro).
7.1.5. I prodotti ed i servizi disponibili tramite il servizio [email protected] si ritrovano nel menu dell’applicazione e sono
descritti nel Manuale di utilizzo del servizio [email protected], disponibile agli Utilizzatori nell’applicazione [email protected]
Per determinati tipi di operazioni, la Banca impone dei limiti orari per l’introduzione e l’autorizzazione nel
sistema delle operazioni (Cut-off times), secondo quanto specificato nel LCS.
7.1.6. Al fine di effettuare le operazioni tramite il Servizio [email protected], la Banca mette a disposizione del Cliente un
dispositivo di accesso denominato Token.
7.1.7. La Banca può decidere di cambiare il dispositivo Token, caso in cui il Cliente deve consegnare alla Banca
il vecchio dispositivo e ne riceverà uno nuovo.
7.1.8. Il Cliente deve recarsi in Banca per ricevere il nuovo dispositivo Token, gratuitamente, in caso di
deterioramento a seguito del normale utilizzo o mancato funzionamento. Nel caso in cui il Cliente
dimentica il codice PIN del Token deve contattare per telefono la Banca per ottenere un nuovo codice
PIN.
7.1.9. A seconda della decisione del Cliente espressa nella documentazione di operazione messa a sua
disposizione da parte della Banca, l’Utilizzatore del servizio [email protected] può essere:
7.1.9.1. Inputer - persona avente diritti di introduzione/visualizzazione/modifica/cancellazione delle
transazioni elettroniche;
7.1.9.2. Authorizer - persona avente diritti di autorizzazione delle transazioni elettroniche. L’ “Authorizer”
include l’“Inputer”, in modo che l’utilizzatore può introdurre operazioni, ma non potrà autorizzare le
proprie operazioni;
7.1.9.3. Inputer & Authorizer - simile all’“Authorizer”, però l’Utilizzatore avrà il diritto di autorizzare anche le
proprie operazioni.
7.1.10. Tutti gli utilizzatori del servizio [email protected] devono essere anche persone autorizzate sul conto.
7.1.11. L’autorizzazione di una transazione elettronica utilizzando la firma digitale (DS) equivale alla
sottoscrizione da parte di un delegato di un documento con cui ordina alla Banca di effettuare
un’operazione (ad es.: firma autorizzata apposta sull’ordine di pagamento).
7.1.12. La compilazione dei campi richiesti nelle schermate [email protected], seguita dall’autorizzazione dell’operazione
utilizzando la firma digitale (DS), equivale alla compilazione e sottoscrizione dei moduli specifici presso
gli sportelli della Banca. I moduli compilati tramite [email protected] hanno lo stesso valore giuridico dei moduli
su cartaceo disponibili agli sportelli della Banca.
7.1.13. L’utilizzatore non può revocare operazioni dal Servizio [email protected] dopo averle autorizzate.
7.1.14. Le operazioni introdotte dall’Utilizzatore e non autorizzate dal medesimo non saranno elaborate dalla
Banca.
7.1.15. Nessuna delle clausole di cui alle presenti CGA può essere interpretata nel senso che la Banca è
responsabile per l’utilizzo del servizio [email protected] da parte di un’altra persona, diversa dal titolare/delegato.
7.1.16. Per l’utilizzo del Servizio [email protected], la Banca fornisce supporto tecnico ogni giorno, 24 su 24, al TelVerde
0800.800.888.
7.1.17. Il tasso di cambio applicato per le operazioni di cambio è il tasso praticato dalla Banca, accessibile
direttamente dall’applicazione [email protected] Disponendo la realizzazione di simili operazioni attraverso il
Servizio [email protected], l’Utilizzatore concorda con i tassi di cambio affissi tramite il Servizio [email protected]
7.1.18. Utilizzando il servizio [email protected] vi possono derivare potenziali rischi non imputabili alla Banca, come ad
esempio il rischio di frodi online, rispettivamente "phishing” o i rischi relativi alla connessione ad
Internet (ad es.: virus, hacker ecc.).
7.1.19. La Banca non richiederà in alcuna situazione informazioni riservate via e-mail o per telefono
(informazioni riguardanti l’utente, la password ecc.), quindi informazioni riguardanti la password ed il
codice PIN non vanno rivelate per alcun motivo a nessuno, nemmeno alla Banca.
7.1.20. La Banca non sarà responsabile per i danni causati al Cliente a seguito di tentativi di furto di dati
personali o frodi via Internet che possono consistere in:
7.1.20.1. l’invio di messaggi elettronici verso utilizzatori di e-mail dove vengono richiesti dati personali di
identificazione bancaria;
7.1.20.2. Il Cliente riceve messaggi, e-mail ecc. che, in apparenza, appartengono alla Banca e dove si
richiede di accedere ad un sito identico/similare al sito della Banca, allo scopo di introdurre alcuni
dati riservati (ad es.: utente e password).
Nel caso in cui il Cliente riceve simili messaggi, deve avvisare tempestivamente la Banca.
7.1.21. Alla fine di una giornata feriale, per le operazioni recanti la rispettiva data di esecuzione, accedendo al
report specifico dell’applicazione [email protected], nonché tramite le notifiche inviate dalla Banca nella
Messaggeria dell’applicazione [email protected], il Cliente sarà informato su eventuali rifiuti di eseguire
un’operazione avviata attraverso il servizio [email protected]
7.2. Costi e commissioni relativi al Servizio Internet Banking
7.2.1. Per ottenere il dispositivo di sicurezza Token, il Cliente deposita in Banca una garanzia il cui valore
viene specificato nel LCS.
7.2.2. In caso di smarrimento o distruzione del dispositivo Token, il Cliente deve richiedere alla Banca un
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 14 di 36
8.
8.2.
nuovo dispositivo, i cui relativi costi sono specificati nel LCS.
7.2.3. Nel caso in cui il Cliente desidera cessare i rapporti contrattuali con la Banca, deve restituire il
dispositivo e ne riceverà la garanzia (se applicabile). Se il dispositivo è stato smarrito o distrutto, a
seconda del caso si trattiene la garanzia, se depositata, oppure se il dispositivo è stato offerto a titolo
gratuito, il Cliente si farà carico dei relativi costi di cui al LCS.
7.2.4. Per la gestione del servizio [email protected], nonché per ogni operazione effettuata dal Cliente tramite il
servizio [email protected], questi deve alla Banca le commissioni indicate nel LCS valide al momento di
realizzazione dell’operazione.
CARTE DI DEBITO
Condizioni di utilizzo delle carte di debito
8.2.1. La carta di debito Maestro/Visa Electron (di seguito “Carta”) è destinata alle persone fisiche residenti o
non residenti e viene emessa in connessione ad un conto in lei oppure euro, con la possibilità di essere
utilizzata sia a livello nazionale, che a livello internazionale.
8.2.2. La carta può essere utilizzata soltanto direttamente dal Titolare, è nominale e non trasmissibile.
8.2.3. La carta diviene operativa/attiva entro 1(un) giorno feriali dalla data di ritiro della stessa e del relativo
codice PIN da parte del titolare autorizzato, e può essere utilizzato fino all’ultimo giorno del mese
indicato sulla carta stessa (VALID THRU).
8.2.4. La carta può essere utilizzata in ambiente elettronico soltanto presso i terminal recanti la sigla Maestro /
Visa Electron, ovvero:
8.2.4.1.
POS per il pagamento di beni e servizi forniti dai commercianti;
8.2.4.2.
POS per prelievi di contanti presso gli sportelli della Banca;
8.2.4.3.
ATM per prelievo contanti, trasferimento di fondi o altre operazioni bancarie;
8.2.4.4.
Internet (on-line) per il pagamento di beni e servizi forniti da commercianti sul Internet.
Al fine di utilizzare la Carta su Internet, il Titolare della carta richiederà alla Banca il
token necessario per effettuare le transazioni in ambiente virtuale. La Banca consiglia
di utilizzare la carta su Internet in particolare presso i commercianti online che
affissano la sigla Verified by Visa;
8.2.4.5.
transazioni di tipo mail order / telephone order (MO/TO).
8.2.5. Le operazioni di pagamenti e prelievi in contanti per mezzo della Carta si possono effettuare soltanto
entro il limite delle disponibilità di cui ai conti del Titolare di Carta principale.
8.2.6. L’autorizzazione ed il trattamento delle operazioni effettuate per mezzo della Carta si realizzano:
8.2.6.1. On-line - in tempo reale, il conto corrente viene bloccato con il controvalore della transazione; la
verifica del Titolare di carta al momento della transazione on-line si effettua sulla base del codice
PIN e/o firma;
8.2.6.2. Off-line - transazioni con importi limitati, senza ottenere l’autorizzazione elettronica diretta da parte
della banca emittente e rispettivamente l’inoltro della transazione direttamente per addebito, senza
il blocco iniziale degli importi operati.
8.2.7. In entrambi i casi, l’Addebito effettivo dell’importo di cui al conto del Titolare avviene come segue:
8.2.7.1. per i conti in LEI, le transazioni effettuate sul territorio della Romania (in LEI) saranno addebitati
dal conto corrente connesso alla carta con il valore in LEI delle operazioni effettuate;
8.2.7.2. Per i conti in EURO, le transazioni effettuate sul territorio della Romania (in LEI) saranno
addebitate dal conto corrente connesso alla carta nella valuta del conto, quindi la Banca effettuerà
la conversione valutaria al tasso di cambio valido il giorno di presentazione per addebito della
transazione secondo quanto stabilito nel Tariffario dei Costi Standard della Banca;
8.2.7.3. L’importo bloccato al momento dell’autorizzazione della transazione effettuata con la Carta, ha un
termine massimo di 180 giorni di addebito secondo le Regole Internazionali Mastercard/VISA.
L’importo bloccato viene sbloccato in automatico trascorso un periodo di 35 giorni;
8.2.7.4. Le transazioni internazionali saranno registrate sul conto corrente connesso alla carta nella valuta
del conto stesso. Nel caso in cui la valuta del conto differisce dalla valuta di addebito con
MasterCard/VISA (EURO), il valore delle transazioni compensate e addebitate dall’organizzazione
internazionale MasterCard/VISA (EURO) e delle relative commissioni si converte nella valuta del
conto al tasso di cambio stabilito, previsto nel Tariffario dei Costi Standard della Banca valido il
giorno di addebito della transazione. Se la valuta della transazione è diversa dalla valuta di
addebito con MasterCard/VISA (EURO), l’organizzazione internazionale VISA converte il valore
della transazione per l’EURO al tasso di cambio applicato dalla stessa il giorno dell’addebito;
8.2.7.5. I tassi di cambio utilizzati dalle organizzazioni internazionali di pagamenti possono essere trovati
sui siti messi a disposizione dalle stesse. I link a questi siti sono disponibili sul sito della Banca;
8.2.7.6. La Banca applicherà immediatamente le modifiche sul tasso di cambio stabilito nel Tariffario dei
Costi Standard della Banca, senza preavviso, nei seguenti casi:
8.2.7.6.1. la modifica è dovuta alla fluttuazione del tasso di riferimento (cambio BNR) utilizzato
nella determinazione del tasso di cambio;
8.2.7.6.2. la variazione del tasso di cambio è più vantaggiosa per il Cliente.
8.2.7.7. La Banca addebita automaticamente il conto corrente connesso alla carta del Titolare di carta
principale l’importo delle transazioni effettuate con Carta, nonché le tariffe e le commissioni
prelevate dalla Banca per l’utilizzo della Carta, essendo autorizzata in tal senso ai sensi del
presente contratto;
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 15 di 36
8.3.
8.4.
8.2.7.8. Il consenso del Titolare di carta principale/supplementare per effettuare transazioni con la carta è
espresso attraverso l’introduzione del codice PIN. Il Titolare di carta principale/supplementare non
può rimuovere il consenso dopo averlo espresso;
8.2.8. Il momento di ricevimento dell’istruzione di pagamento avviata a mezzo della carta è il momento in cui
l’istruzione di pagamento è ricevuta dalla Banca per addebito. Se la data di ricezione non è un giorno
feriale per la Banca, l’istruzione di pagamento avviata per carta si considera ricevuta il successivo
giorno feriale.
8.2.9. Nel corso del rapporto contrattuale con la Banca, ai sensi del Contratto-Quadro ed implicitamente ai
sensi delle presenti CGA, la data di scadenza della Carta supplementare può differire da quella della
Carta principale. Qualora la data di scadenza della Carta supplementare (data indicata sulla Carta) è
successiva alla scadenza della Carta principale, la Carta supplementare sarà risolta alla data di
cessazione, per qualsiasi motivo, delle presenti CGA, quando lo decide il Titolare di conto oppure a
scadenza della carta se non ne è stato chiesto il rinnovo;
8.2.10. L’alimentazione del conto corrente connesso alla Carta si effettua con:
8.2.10.1. versamento in contanti presso qualsiasi unità territoriale o terminal della Banca, terminal dotato
dell’opzione “cash-in”;
8.2.10.2. bonifico bancario - specificando il codice IBAN del conto di Carta
8.2.11. Per effettuare un’operazione di rilascio contanti o di pagamento con la Carta, il titolare della carta
principale/supplementare:
8.2.11.1. verifica i dati riportati sulla ricevuta rilasciata dal POS, quindi firma la ricevuta (se richiesto dal
POS) con la stessa firma come quella apposta sul retro della Carta, questa firma rappresenta,
insieme al codice PIN, il consenso del Titolare di Carta principale/supplementare ai fini della
realizzazione della transazione;
8.2.11.2. ritira /rimuove la Carta nell’intervallo prestabilito al terminal (ATM) per evitarne la cattura.
8.2.12. La carta emessa dalla Banca sulla base del Contratto-Quadro è valida per un periodo di 4 (quattro) anni
con possibilità di estensione automatica da parte della Banca per periodi uguali, a condizione che il
Titolare rispetti tutte le clausole di cui al Contratto-Quadro. A questo proposito, la Banca si impegna a
comunicare al Cliente per iscritto almeno 60 giorni prima della scadenza della carta, chiedendogli di
esprimere per iscritto l’opzione circa l’estensione/non estensione della validità della carta. La Banca
rinnova automaticamente la carta a scadenza del contratto, incassando il cannone di rinnovo di cui al
Tariffario dei Costi Standard della Banca, salvo che il Titolare di carta comunichi alla Banca, per iscritto,
almeno 30 giorni solari prima della scadenza, l’intenzione di annullare la carta. In questa situazione, il
Contratto-Quadro terminerà alla scadenza prevista, momento in cui tutti gli importi dovuti alla Banca
nell’ambito del Contratto-Quadro divengono dovuti ed esigibili. In caso di rinnovo, verrà rilasciata una
nuova Carta, le disposizioni di cui al Contratto-Quadro si applicano anche per la nuova Carta. La Carta
non verrà rinnovata se si verifica uno dei casi in cui la Banca ha il diritto di rescindere unilateralmente il
Contratto-Quadro.
8.2.13. Il Titolare della Carta principale/supplementare ha accesso permanente al Call Center 0800800888/InfoCard - 0040372712194, numeri operativi 24 su 24, per richiedere, fornendo la
password o i dati personali, il blocco della Carta in caso di smarrimento/furto o danneggiamento e per
ottenere informazioni relativamente alla Carta/al conto.
Caratteristiche legate alla tecnologia ed alle transazioni contactless
8.3.1. Con la tecnologia contactless, tramite la Carta Visa Inspire, si possono effettuare transazioni contactless
presso gli esercenti che accettano Visa Electron e che hanno installato POS dotati della tecnologia
contactless.
8.3.2. Le transazioni contactless saranno effettuate senza la necessità di inserire il codice PIN e firmare la
ricevuta, ricevuta da emettere a scelta, a seconda delle impostazioni dei POS.
8.3.3. L’importo massimo per una transazione contactless è di 50 (cinquanta) lei, mentre il valore massimo
delle transazioni contactless consecutive cumulate è di 100 lei (limite nazionale imposto dalle
organizzazioni internazionali VISA/Mastercard). Nel caso in cui la/le transazione/transazioni non
soddisfa/non soddisfano le condizioni di cui sopra verrà tassativamente richiesto di inserire il codice
PIN.
Caratteristiche dello standard 3D-Secure
8.4.1. Il servizio 3D-Secure può essere utilizzato soltanto in ambiente elettronico, collegandosi ad Internet. La
Banca concede al Titolare della Carta la possibilità di effettuare pagamenti in ambiente virtuale (ecommerce), cui si può accedere solo attraverso il Token.
8.4.2. Il servizio Mastercard 3D-Secure/Verified by Visa offerto dalla Banca mette a disposizione del Titolare
della Carta uno standard di sicurezza per le transazioni e-commerce che incorpora le ultime tecnologie
in questo settore, diminuendo le possibilità di frode su internet, utilizzando lo standard 3-D Secure.
8.4.3. L’attivazione del servizio 3D-Secure richiede l’accesso alla pagina dedicata esistente sul sito della
Banca e registrare la Carta per il servizio Mastercard 3D-Secure o Verify by Visa, a seconda del tipo di
carta detenuto, fornendo on-line i dati del Titolare della Carta che verranno poi utilizzati per confermare
l’identità durante l’esecuzione delle transazioni e-commerce, con la possibilità di personalizzare un
messaggio di benvenuto che apparirà quando si effettuano transazioni in ambiente virtuale. Il messaggio
di benvenuto verrà visualizzato sulla schermata di autenticazione MasterCard® SecureCode™ o
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 16 di 36
8.5.
Verified by Visa, che attesta così l’autenticità del Cliente e la sua diretta comunicazione con l’emittente
della carta
8.4.4. Nel caso in cui la transazione viene effettuata presso un negoziante non iscritto al programma 3DSecure e non si visualizza correttamente il logo, la Banca non assume alcuna responsabilità per la
sicurezza di questa operazione, quindi le eventuali perdite saranno a carico del Cliente;
8.4.5. Le operazioni di pagamento che si possono realizzare utilizzando la Carta ed il Servizio 3D-Secure, si
possono effettuare dai conti del Cliente soltanto entro il limite delle liquidità oppure entro il limite di
credito concesso dalla Banca.
8.4.6. La verifica del Titolare di carta principale/supplementare al momento della transazione viene effettuata
sulla base del numero di carta, codice PIN, data di scadenza, codice CVC2 e del codice unico Secure
Code per l’autorizzazione e l’elaborazione delle operazioni.
8.4.7. La Banca fornirà al Titolare della Carta il servizio Mastercard 3D-Secure/Verified by Visa che dà la
possibilità di effettuare transazioni di commercio elettronico in condizioni di rigorosa sicurezza, in
conformità del contratto-quadro.
8.4.8. Per utilizzare il servizio Mastercard 3D-Secure/Verified by Visa, il Cliente deve le tasse e le commissioni
associate a questo servizio specificate nel LCS.
8.4.9. La Banca e MasterCard/Visa si riservano il diritto di modificare, migliorare o sospendere il servizio senza
alcun preavviso al Cliente.
8.4.10. I dati personali forniti durante la registrazione non saranno divulgati ai commercianti su Internet, in alcun
modo.
8.4.11. È severamente vietata la sostituzione di un’altra persona o entità che utilizza il servizio Mastercard 3DSecure/Verified by Visa.
8.4.12. Il Cliente è direttamente responsabile di mantenere la riservatezza della password e dei dati di
identificazione e quindi delle transazioni e-commerce effettuate accedendo al servizio Mastercard 3DSecure/Verified by Visa.
8.4.13. La Banca non è responsabile per le transazioni validamente effettuate (per le quali è stato fornito il
codice di autorizzazione valido), poi contestate dal Cliente.
8.4.14. Prima della notifica della Banca da parte del Cliente, la Banca non è responsabile per l’esecuzione delle
operazioni, attraverso l’utilizzo fraudolente degli elementi identificativi e di sicurezza (tra cui Token).
8.4.15. In caso di smarrimento/furto del Token o di altre situazioni che rendono necessaria la sostituzione del
dispositivo, diverse da quelle stabilite dalla Banca, il Cliente dovrà sostenere il costo del Token, come
indicato nel LCS. Inoltre, al momento di cessazione dell’uso della Carta, per qualsiasi motivo, il Cliente è
tenuto a restituire alla Banca il Token ricevuto o rimborsare alla Banca l’importo di cui al LCS.
Contestazione delle transazioni effettuate con la carta
8.5.1. Nel caso in cui il Titolare della Carta principale/supplementare identifica transazioni non autorizzate o
non correttamente eseguite nel conto collegato alla Carta, può richiedere alla Banca, completando una
contestazione scritta, di avviare la procedura di rifiuto del pagamento al più presto possibile, ma
comunque non più tardi di 13 (tredici) mesi dalla data di addebito della transazione.
8.5.2. Il rifiuto del pagamento verrà elaborato dalla Banca soltanto dietro notifica di rifiuto pagamento dove si
contesta la validità di un’operazione effettuata con la Carta e riportata nell’estratto conto. Il rifiuto di
pagamento di un’operazione con Carta può essere avviato, in genere, nelle seguenti situazioni:
8.5.2.1. errori tecnici di elaborazione e addebito delle operazioni con Carte;
8.5.2.2. ATM non rilascia l’importo in contanti richiesto;
8.5.2.3. Il Titolare di Carta principale/supplementare afferma che non è stato d’accordo e/o non ha
partecipato alla realizzazione dell’operazione stessa;
8.5.2.4. assenza degli elementi di identificazione del Titolare della Carta principale/supplementare o
della Carta con cui è stata effettuata l’operazione, se non è possibile identificare o confermare
che una Carta valida o il Titolare della Carta o entrambe erano presenti al momento del rilascio
della ricevuta per un’operazione da parte dei un negoziante accettante;
8.5.2.5. il negoziante accettante non rispetta la procedura di autorizzazione dell’operazione con la Carta.
8.5.3. La Banca esaminerà la contestazione ed informerà il Titolare sullo stadio e/o modalità di soluzione della
contestazione entro e non oltre 50 giorni solari dalla data di apertura della procedura di rifiuto di
pagamento, in conformità alle vigenti disposizioni legali ed ai regolamenti dell’organizzazione
internazionale di pagamento con carte MasterCard/Visa. Al fine di risolvere il reclamo, la Banca può
richiedere al Titolare della carta documenti aggiuntivi, che questi è obbligato a fornire entro e non oltre 3
(tre) giorni feriali dal momento in cui la Banca ha formulato la richiesta. Nel caso in cui il Titolare di carta
non fornisce alla Banca i documenti richiesti, la Banca si riserva il diritto di respingere il reclamo.
8.5.4. La Banca accredita sul conto del Titolare di carta principale il valore della transazione non eseguita
oppure scorrettamente eseguita, le commissioni relative alla rispettiva transazione e gli interessi sul
periodo compreso tra la mancata esecuzione/esecuzione impropria della transazione ed il momento di
ripristino della posizione del conto del titolare, corrispondente al momento della mancata
esecuzione/esecuzione impropria della transazione, subito dopo la risoluzione favorevole della
contestazione.
8.5.5. Le risposte ai reclami ingiustificati o che sono stati risolti negativamente, sono trasmesse dalla Banca al
Cliente corredate dalle prove attestanti che la transazione è stata completata (giornale elettronico ATM
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 17 di 36
8.6.
9.
9.2.
9.3.
9.4.
9.5.
o ricevuta rilasciata dal POS firmata dal titolare della Carta). Dal conto corrente del Titolare della Carta
si addebita automaticamente la commissione di rifiuto ingiustificato di pagamento di cui al LCS
8.5.6. In caso di rifiuti di pagamenti presentati per addebito, avviati attraverso transazioni dai terminal di altre
banche, nel caso in cui esistano anche vie di attacco delle decisioni dell’altra banca, il Titolare della
carta verrà immediatamente informato sulle misure da adottare in tal senso e sui possibili termini per
chiudere il caso.
Commissioni ed interessi per le Carte
8.6.1. La Banca ha il diritto di applicare al Titolare della Carta principale tasse, commissioni, interessi, penalità
secondo il LCS, per il rilascio, la gestione, nuova emissione e rinnovo della Carta, operazioni correnti,
altri servizi (iniziazione ingiustificata rifiuti di pagamento), prelievo contanti in via d’urgenza o rilascio
Carta in via d’urgenza ecc..
8.6.2. Il livello delle tasse, commissioni, penali ed interessi riscossi dalla Banca per le operazioni con carte e
che il Titolare si impegna a pagare è quello previsto nel LCS.
8.6.3. I costi dovuti periodicamente dal Titolare della Carta per i servizi di pagamento saranno pagati in
proporzione al periodo che precede la cessazione dei rapporti contrattuali con la Banca. Nel caso in cui i
costi sono stati pagati in anticipo, saranno rimborsati in misura proporzionale.
CONCEDERE I PACCHETTI IL MIO STIPENDIO / LA MIA PENSIONE
Generalità
9.2.1. A seconda dell’offerta della Banca, su richiesta del Cliente, questi può decidere di acquistare i Pacchetti
di prodotti e servizi IL MIO STIPENDIO / LA MIA PENSIONE, contenenti alcuni benefici, in modo che il
costo finale pagato per i prodotti e servizi inclusi in questi pacchetti sia inferiore all’importo delle
commissioni addebitate per ciascun prodotto e servizio separatamente.
9.2.2. Il pacchetto IL MIO STIPENDIO è rivolto ai clienti persone fisiche che sono dipendenti /collaboratori di
almeno un istituto con il quale la Banca ha stipulato un Contratto di incasso gli emolumenti in vigore alla
data di acquisto del pacchetto e che incassano lo stipendio sui conti intrattenuti presso la Banca oppure
depositano al più tardi nel corso della giornata di acquisto del pacchetto una richiesta in questo senso.
9.2.3. Il pacchetto LA MIA PENSIONE è destinato ai clienti persone fisiche pensionati in conformità alla
vigente legislazione ed incassano la pensione dai conti intrattenuti in Banca oppure depositano al più
tardi il giorno di acquisto del pacchetto una domanda in tal senso.
9.2.4. Il Cliente, nella sua qualità di dipendente/collaboratore/pensionato, che ha richiesto di acquistare il
Pacchetto IL MIO STIPENDIO / LA MIA PENSIONE, capisce che gli verranno associati ai prodotti e
servizi inclusi nel pacchetto, rigorosamente per il periodo in cui ricevono i diritti salariali dai conti
intrattenuti in Banca; in caso contrario la Banca ha il diritto di commissionare i conti come indicato nel
Tariffario dei Costi Standard della Banca, a partire dal secondo mese di mancata incasso dei diritti
salariali.
9.2.5. Le agevolazioni concesse con il Pacchetto IL MIO STIPENDIO/LA MIA PENSIONE sono condizionate
all’apertura di un conto corrente in Lei, all’acquisto di una carta di debito e all’accesso del servizio di
incasso dei diritti pecuniari dal conto corrente aperto presso la Banca (prodotti e servizi obbligatori per
l’acquisto del Pacchetto).
Diritti ed obblighi specifici della Banca
9.3.1. La Banca è tenuta a conferire i benefici del Pacchetto IL MIO STIPENDIO / LA MIA PENSIONE al
Clientule nel rispetto delle disposizioni di cui al Contratto-Quadro e agli altri contratti sottoscritti dal
Cliente con la Banca, ma anche all’esistenza di un Contratto valido per il pagamento degli emolumenti
firmato tra l’ente cui dipendente/collaboratore è il Cliente oppure pensionato in conformità alle
disposizioni di legge e la Banca.
Diritti ed obblighi specifici del Cliente
9.4.1. Per beneficiare delle agevolazioni concesse con il Pacchetto IL MIO STIPENDIO, l’ente presso dove il
Cliente è dipendente/collaboratore deve aver stipulato una Convenzione per l’incasso degli emolumenti,
in conformità alle procedure della Banca in vigore ed il Cliente incassa i diritti pecuniari oppure ha
presentato al più tardi il giorno di accesso al pacchetto la richiesta di incasso dei diritti pecuniari dai conti
intrattenuti presso la Banca.
9.4.2. Per beneficiare delle agevolazioni concesse con il Pacchetto LA MIA PENSIONE, il Cliente deve
dimostrare con documenti giustificativi che soddisfa la condizione di pensionato, secondo la vigente
legislazione ed incassa la pensione oppure ha presentato alla data di acquisto del pacchetto la richiesta
di incasso della pensione nei conti intrattenuti presso la Banca. La qualità di pensionato si può attestare
in conformità a uno dei seguenti documenti:
9.4.2.1. decisione definitiva di pensionamento;
9.4.2.2. ultimo coupon di pensione;
9.4.2.3. domanda per l’incasso della pensione nel conto aperto presso la Banca.
9.4.3. Il Cliente non può scegliere di rinunciare, sospendere o non utilizzare più i prodotti ed i servizi obbligatori
per l’acquisto del Pacchetto IL MIO STIPENDIO / LA MIA PENSIONE, nel caso in cui desidera
beneficiare delle agevolazioni ivi previste.
9.4.4. Il Cliente si impegna a notificare per iscritto alla Banca qualsiasi modifica, vale a dire se non è più
dipendente/collaboratore dell’istituto con cui la Banca ha stipulato la convenzione per l’incasso degli
emolumenti/pensione, entro e non oltre 5 (cinque) giorni dal verificarsi della modifica stessa.
Cessazione dei benefici del Pacchetto IL MIO STIPENDIO/LA MIA PENSIONE
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 18 di 36
9.5.1.
10.
I benefici associati al Pacchetto IL MIO STIPENDIO / LA MIA PENSIONE cessano in qualsiasi delle
seguenti situazioni:
9.5.1.1. su iniziativa del Cliente, espressa per iscritto, di rinuncia a: i benefici del pacchetto IL MIO
STIPENDIO / LA MIA PENSIONE, al conto corrente, carta di debito associata al pacchetto o
al servizio di incasso degli emolumenti sul conto;
9.5.1.2. su iniziativa del Cliente, nel caso in cui richiede espressamente di trasformare i benefici
associati al pacchetto, scegliendo un altro pacchetto di prodotti e servizi che non possono
coesistere oppure nel caso in cui il Cliente richiede che gli vengano applicate le condizioni
standard relative ai prodotti contrattati in conformità al Tariffario dei Costi Standard della
Banca;
9.5.1.3. nel caso in cui il Cliente non incassa più per due mesi consecutivi gli emolumenti sul conto
intrattenuto in Banca, in questo caso al Cliente verranno applicate le commissioni standard per
i prodotti contrattati in conformità al Tariffario dei Costi Standard della Banca, a partire dal
secondo mese in cui non riceve gli emolumenti nei conti intrattenuti presso la Banca;
9.5.1.4. nel caso in cui interviene una delle cause speciali di cessazione della validità di qualsiasi degli
altri prodotti o servizi obbligatori per poter acceder al pacchetto IL MIO STIPENDIO/LA MIA
PENSIONE, caso in cui al Cliente si applicano le condizioni standard per i prodotti contrattati in
conformità al Tariffario dei Costi Standard della Banca;
9.5.1.5. per quanto concerne il Pacchetto IL MIO STIPENDIO, su iniziativa della Banca o dell’istituto
dove il Cliente è dipendente/collaboratore per la rescissione del Contratto di incasso degli
emolumenti, senza previa notifica del Cliente in tal senso, l’istituto è tenuto a notificare il
dipendente/collaboratore in tal senso, il Cliente riconosce alla Banca il diritto di applicare le
condizioni standard per i prodotti contrattati in conformità al Tariffario dei Costi Standard della
Banca a partire dal secondo mese di non incasso degli emolumenti;
9.5.1.6. quando il Cliente non è più dipendente/collaboratore dell’Istituto con cui la Banca ha stipulato
un Contratto di incasso emolumenti/pensione, in conformità alle precisazioni legali in vigore,
situazione comunicata per iscritto alla Banca dal Cliente o dall’istituto.
9.5.2. La Banca non accorda più alcuno dei benefici relativi al Pacchetto IL MIO STIPENDIO / LA MIA
PENSIONE, tutte le commissioni ed interessi verranno calcolati in conformità al Tariffario dei Costi
Standard della Banca in vigore alla data di ricezione della notifica da parte del Cliente oppure in
qualsiasi dei casi di cessazione dei benefici del pacchetto, salvo il caso in cui il Cliente sceglie un altro
pacchetto di prodotti/servizi.
PRODOTTI DI RISPARMIO - CARATTERISTICHE GENERALI
10.2. La Banca può costituire depositi vincolati a termine ed altri prodotti di risparmio destinati al deposito di
fondi per determinati periodi di tempo, fondi provenienti dal conto corrente del Cliente o da altri conti
intrattenuti dal Cliente.
10.3. La Banca è un istituto di credito partecipante al Fondo di Garanzia dei Depositi nel Sistema Bancario. Gli
importi depositati nei conti bancari aperti presso la Banca sono garantiti dal Fondo di Garanzia dei
Depositi nel Sistema Bancario ai sensi della normativa in materia di garanzia dei depositi nel sistema
bancario. Ai sensi delle presenti CGA, il Titolare di conto conferma di aver preso atto delle disposizioni
legislative relative ai limiti ed alle condizioni di garanzia dei depositi da parte del Fondo di Garanzia dei
Depositi nel Sistema Bancario.
10.4. I depositi dei clienti aventi rapporti speciali con la Banca sono soggetti alle normative legali in materia.
10.5. La Banca informerà il Cliente, pubblicando presso le sue unità territoriali, l’Elenco dei Depositi Non
garantiti, le informazioni riguardanti la garanzia dei depositi, i doveri dei depositanti, i plafond di garanzia,
nonché le informazioni sul calcolo, il pagamento e l’incasso delle compensazioni.
10.6. In linea con la propria politica aziendale, la Banca si riserva il diritto di stabilire le condizioni, i limiti minimi
e/o massimi per gli importi e/o periodi di costituzione dei prodotti di risparmio.
10.7. I prodotti di risparmio sono costituiti in conformità a documenti specifici stipulati tra la Banca ed il Cliente,
dove si specifica, senza limitarsene, quanto segue: valuta, importo, tasso d’interesse e durata dei prodotti
di risparmio. Per la durata del deposito vincolato a termine, il Cliente rinuncia ai propri diritti di disporre dei
fondi costituiti come deposito, salvo diverso accordo con la Banca.
10.8. I depositi vincolati a termine sono prodotti di risparmio aperti per conto del Cliente, per un determinato
periodo, come da questi richiesto. Il Cliente può optare per un prodotto di deposito a tasso fisso o a tasso
variabile, in base alle caratteristiche dei prodotti offerti dalla Banca.
10.9. I depositi vincolati a termine si possono costituire con o senza rinnovo automatico. Il rinnovo automatico
del deposito vincolato a termine implica che a scadenza del periodo per il quale è stato costituito, la
Banca rinnova il deposito attraverso la costituzione automatica di un nuovo deposito per un periodo di
tempo simile al precedente deposito. Ogni nuovo deposito vincolato a termine, costituito a seguito di
rinnovo automatico, sarà pari alla somma del deposito precedente (importo depositato inizialmente più
eventuali interessi pagati e capitalizzati, a seconda dell’opzione del Cliente). Qualora si concordi il rinnovo
automatico del deposito vincolato a termine, tale rinnovo sarà effettuato dalla Banca in base alle
condizioni di cui alle presenti CGA e di cui al modulo specifico firmato con il Cliente, fino a quando la
Banca riceve una richiesta scritta contraria da parte del Cliente.
10.10. Per ogni tipo di prodotto di risparmio, la Banca applica interessi, che variano a seconda del tipo, durata di
deposito e moneta. In caso di rinnovo automatico del deposito vincolato a termine, il tasso d’interesse
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 19 di 36
annuo verrà aggiornato per ogni nuovo periodo di deposito al tasso annuo applicato dalla Banca al
momento del rinnovo automatico, per quel determinato tipo di deposito. Il Cliente può informarsi sul tasso
d’interesse annuo applicato dalla Bancă per il deposito rinnovato in automatico, consultando il sito ufficiale
della Banca, presso gli sportelli delle unità territoriali o chiamando il servizio di Call-Center TelVerde 0800
800 888.
10.11. I depositi vincolati a termine si possono costituire con o senza capitalizzazione degli interessi. Esclusi i
depositi con capitalizzazione degli interessi, per gli altri tipi di depositi vincolati a termine, gli proventi degli
interessi maturati saranno pagati (meno le tasse previste dalla legge) nel conto corrente aperto presso la
Banca dal Cliente, conto indicato nel modulo specifico.
10.12. Ai sensi delle presenti CGA e dei moduli specifici firmati dal Cliente con la Banca, le persone autorizzate
a disporre dei fondi di cui al conto corrente del Cliente aperto presso la Banca sono delegate a disporre
anche dei fondi costituiti come deposito/prodotti di risparmio, tranne il caso in cui il Cliente dispone
diversamente in conformità a specifici documenti depositati alla Banca.
10.13. Ad ogni prodotto di risparmio costituito attraverso il servizio [email protected] si assegna un riferimento univoco,
indicato per ogni prodotto, sia nell’estratto conto che in ogni schermata del deposito in [email protected] Per la
costituzione di prodotti di risparmio attraverso il servizio [email protected], il Cliente compila nell’applicazione la
relativa richiesta ed autorizza la transazione.
10.14. Nel caso in cui il Cliente vuole chiudere un prodotto di risparmio a mezzo dell’applicazione Internet
Banking, questi deve compilare nell’applicazione la relativa richiesta ed autorizzare la transazione.
L’operazione di liquidazione del prodotto di risparmio così autorizzata si concretizza con il trasferimento
dei saldi del deposito stesso sul conto corrente del Cliente.
10.15. Qualora il Cliente non soddisfa le condizioni previste per costituire/liquidare il prodotto di risparmio, la sua
richiesta sarà attuata in automatico entro la fine della giornata feriale, osservando i cut-off times di cui al
LCS oppure durante il giorno feriale successive alla richiesta, nel caso in cui la richiesta del Cliente è
stata autorizzata in un giorno festivo oppure al di fuori dei cut-off times. Se il Cliente non soddisfa le
condizioni per la costituzione/liquidazione del prodotto di risparmio, la richiesta non verrà elaborata, ed il
Cliente né verrà informato tramite messaggio di notifica con riferimento al motivo della mancata
elaborazione della transazione, messaggio inviato tramite l’applicazione [email protected]
11. INTERESSI E COMMISSIONI PER LE OPERAZIONI BANCARIE. GENERALITA’
11.1 Il Cliente pagherà alla Banca tutti i costi legati allo svolgersi delle proprie operazioni bancarie, così come
tutti i tipi di spese associate (ad es.: tasse, imposte ecc.). La Banca riscuote commissioni, tasse e/o
spese come previsto nel LCS.
11.2 La Banca percepisce interessi relativi al tipo di conto intrattenuto dal Cliente. Gli interessi sono calcolati
sul saldo del conto alla fine di ogni giornata e saranno versati sul conto corrente del Cliente il primo giorno
feriale del mese successivo. La Banca si riserva il diritto di modificare i tassi d’interesse, commissioni,
tasse e/o oneri a seconda dei movimenti del mercato, della sua politica commerciale e/o delle condizioni
specifiche delle transazioni, in conformità con i vigenti requisiti legali e contrattuali.
11.3 Ai sensi delle presenti CGA, il Cliente autorizza espressamente la Banca ad addebitare i conti in
automatico e senza preavviso con tutte le somme necessarie a coprire (i) le spese di esecuzione, premi
assicurativi, altri costi sostenuti dalla Banca in connessione con le presenti CGA, a prescindere dal titolo;
(ii) commissioni insolute; (iii) interessi insoluti/di mora; (iv) capitale insoluto; (v) commissioni correnti; (vi)
interessi correnti; (vii) capitale corrente, da trattenere con priorità dai conti (in lei e/o valuta) del Cliente,
come sono stati stabiliti nei contratti stipulati tra le parti. In caso di più obblighi di pagamento dello stesso
tipo, gli importi pagati / incassati verranno addebitati dalla Banca nell’ordine deciso da essa.
11.4 Il Tariffario dei Costi Standard della Banca è disponibile per la consultazione anche presso gli sportelli
della Banca ed include solo le commissioni, tasse e/o oneri relativi alla gestione del rapporto contrattuale
diretto con il Cliente, e non comprende eventuali spese generate dal rapporto del Cliente con terze parti.
Tali costi specificati all’interno del LCS sono connessi/accessori al conto intrattenuto dal Cliente alla
Banca e sono a carico del Cliente in base al tipo di pacchetto di prodotti e servizi/conto corrente a questi
offerto.
11.5 Per quanto concerne i clienti persone fisiche (consumatori ai sensi della legislazione in materia di tutela
del consumatore), la Banca può modificare il livello dei costi di cui al LCS a condizione della
comunicazione per iscritto con almeno due mesi prima dell’entrata in vigore delle modifiche. In tale caso,
se la Banca non riceve dal Cliente una notifica scritta prima della data fissata per l’attuazione delle
modifiche dove questi dichiara espressamente di non concordare con la modifica dei costi, si considera
che il Cliente ha accettato tacitamente le nuove condizioni contrattuali. Nel caso in cui il Cliente comunica
per iscritto alla banca, prima della data fissata per l’applicazione delle modifiche, di non concordare con le
modifiche proposte, il Cliente ha la possibilità di rescindere unilateralmente il Contratto-Quadro stipulato
con la Banca, per contro, la Banca applicherà di diritto le nuove modifiche contrattuali o potrà rescindere
di pieno diritto, immediatamente e senza preavviso il Contratto-Quadro stipulato con il Cliente.
11.6 Qualora la Banca utilizza i servizi di terzi, a spese del Cliente, la Banca comunica al Cliente tutti i
documenti attestando la spesa, spesa che il Cliente è tenuto a pagare per intero.
11.7 Il Cliente deve inoltre sostenere anche altre spese accessorie sostenute dalla Banca, derivanti dal
rapporto commerciale con il Cliente, compreso, ma senza limitarsene: costi notarili, spese di
assicurazione, i costi di traduzione, spese postali e di telecomunicazioni, incassati secondo le tariffe degli
operatori economici, salvo il caso in cui si prevede diversamente nei documenti firmati tra il Cliente e la
Banca. Il Cliente autorizza espressamente la Banca ad addebitare il conto con tutti questi costi.
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 20 di 36
11.8 Il pagamento da parte del Cliente di qualsiasi somma dovuta alla Banca sarà al netto di tutte le imposte,
tasse, trattenute a fonte o deduzione di qualsiasi tipo, presente o futura.
11.9 La Banca può pagare al Cliente gli interessi per i fondi di cui al/ai suo/suoi conto/conti, in conformità ai
tassi d’interesse validi ed a seconda del pacchetto di prodotti e servizi/tipo di conto intrattenuto dal
Cliente. Il Cliente ha la possibilità di informarsi sul tasso d’interesse applicato sugli importi di cui al suo
conto corrente o di cui al conto dei prodotti di risparmio, presso gli sportelli territoriali della Banca,
chiamando il Call Center al TelVerde 0800 800 888 oppure consultando il sito ufficiale della Banca.
11.10 La Banca può modificare i tassi d’interesse (senza dover avvisare il Cliente) in qualsiasi momento, a
seconda dei movimenti di mercato, della sua politica commerciale e/o delle condizioni specifiche delle
transazioni.
11.11 La Banca paga per i prodotti di risparmio costituiti dal Cliente un determinato tasso, e può pagare un
determinato tasso (modificabile in qualsiasi momento) anche i depositi a vista del Cliente. Gli interessi
pagati dalla Banca sono calcolati utilizzando la formula:
Interessi = Capitale x [(RD x NZ)/365], dove:
Capitale - importo depositato per l’intervallo di calcolo NZ;
RD – tasso annuo d’interesse espresso in percentuale (%);
NZ – numero di giorni solari di deposito per i quali si calcolano interessi;
Base calcolo interessi – Actual/365.
11.12. Gli interessi maturati sul/sui conto/-i del Cliente sono soggetti a trattenuta a fonte, salvo che la legge
preveda diversamente. La Banca calcola e deduce gli importi adeguati in conformità alle vigenti
disposizioni legali in materia di imposte e tasse, nonché ai sensi delle disposizioni internazionali
applicabili, a seconda del caso. A questo proposito, il Cliente è tenuto a presentare alla Banca la
conferma del proprio domicilio fiscale.
11.13. Nel caso in cui il Cliente supera le proprie disponibilità di cui ai conti conseguentemente alle operazioni
condotte, è soggetto a scoperto non autorizzato di conto, quindi la Banca è autorizzata ad addebitare
interessi (dalla data di registrazione dello scoperto di conto non autorizzato, fino alla data di scadenza)
ed interessi di mora (dalla data di scadenza fino alla data di rimborso effettivo da parte del Cliente dello
scoperto di conto non autorizzato divenuto insoluto). La data di scadenza dello scoperto di conto non
autorizzato è considerata l’ultimo giorno solare del mese successivo il mese quando si è registrato lo
scoperto di conto. Gli interessi per lo scoperto di conto non autorizzato e gli interessi di mora sono tassi
fissi. Il tasso d’interesse ed il tasso di interesse di mora per il mancato pagamento a scadenza degli
importi dovuti per lo scoperto di conto non autorizzato sono previsti nel LCS. Quindi il Cliente
acconsente che le somme dovute per lo scoperto di conto non autorizzato siano considerate come
prestito concesso dalla Banca, pertanto il presente documento è riconosciuto come titolo esecutivo
affinché la Banca recuperi tali importi. Il mancato pagamento delle somme dovute alla Banca implica la
comunicazione all’Ufficio Crediti e/o alla Centrale del Rischio di Credito, e/o ad altre strutture analoghe
esistenti, nel rispetto delle disposizioni legali in vigore.
11.14. Salvo accordi separati che dispongono diversamente, nel calcolo degli interessi e delle commissioni si
considera come base un anno di 365 giorni.
11.15. I tassi applicati vengono calcolati sulla base della seguente formula di calcolo:
11.15.1.Tasso d’interesse scoperto di conto non autorizzato = importo dello scoperto di conto non
autorizzato * tasso scoperto di conto non autorizzato * numero di giorni scoperto non autorizzato
/365;
11.15.2. Interessi di mora = importo insoluto * tasso di mora * numero di giorni di insoluto/360.
11.16. Gli interessi dovuti sono calcolati come segue (a seconda del tipo di tasso):
11.16.1. ogni giorno sul valore dello scoperto di conto non autorizzato;
11.16.2. ogni giorno sul valore degli importi insoluti ed incassati direttamente, senza preavviso al
Cliente o altra formalità, il cliente acconsentendone.
11.17. Entro i limiti ed in ottemperanza delle disposizioni legali, la Banca tratterà qualsiasi somma dai conti del
Cliente o qualsiasi importo che sarà ricevuto sui suoi conti, fino alla concorrenza dei debiti esigibili e non
saldati, a prescindere dalla valuta degli insoluti e/o delle somme trattenute, applicando il tasso di cambio
della Banca valido il giorno di realizzazione della transazione. Nel caso in cui la valuta di qualsiasi conto
è diversa dalla valuta degli obblighi, la Banca è autorizzata espressamente dal Cliente affinché possa
procedere alla conversione valutaria, al tasso di cambio applicato dalla Banca (tasso di cambio per il
quale la Banca può effettuare la conversione valutaria della valuta di denominazione dell’obbligo con la
valuta del rispettivo conto), dell’importo in cui sono denominati tali obblighi, nonché per addebitare il
conto con il costo della conversione.
12. DIRITTI ED OBBLIGHI DELLA BANCA
12.2. Generalità
12.1.1. I diritti della Banca elencati nelle presenti CGA non sono limitativi, ma vengono integrati dai relativi atti
accessori e dalla vigente legislazione.
12.1.2. Il mancato esercizio da parte della Banca di un diritto previsto nelle presenti CGA o dalla normativa
vigente o l’esercizio in ritardo non può essere considerato come una rinuncia della Banca al diritto in
oggetto.
12.1.3. La Banca ha il diritto di cedere, novare o trasferire in qualsiasi modo tutti i diritti e/o obblighi derivanti dal
contratto quadro stipulato con il Cliente a qualsiasi altra persona, dandone comunicazione al Cliente. La
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 21 di 36
Banca può rivelare a qualsiasi cessionario ogni informazione relativa al Cliente o contenuta nel
Contratto-Quadro stipulato con il Cliente.
12.1.4. La Banca si riserva espressamente il diritto di rifiutare/stornare qualsiasi incasso/pagamento del Cliente,
in caso di sospetta violazione dei regolamenti nazionali, internazionali o del Gruppo in termini di
restrizioni/sanzioni applicate a certi stati, entità e persone o nel caso in cui il Cliente conduce una
transazione con una contropartita considerata dalla Banca appartenente ad un paese/entità “a rischio” o
di cui si sospetta sia inclusa nelle liste internazionali delle persone soggette a sanzioni.
12.1.5. La Banca è autorizzata espressamente ad effettuare verifiche, richiedere ed ottenere qualsiasi
informazione sul Cliente/delegati ai fini della conduzione del rapporto commerciale sulla base delle
presenti CGA, da qualsiasi autorità competente, registro pubblico, archivio, base dati elettronica oppure
organismo abilitato in possesso di tali informazioni.
12.1.6. Se la Banca ha il sospetto che tramite i conti del Cliente si svolgono attività illecite/sospette, la Banca ha
il diritto di rifiutare l’esecuzione di qualsiasi operazione dai conti del Cliente, senza essere obbligata a
giustificare le ragioni del rifiuto e senza dover pagare per eventuali danni subiti a seguito dell’esercizio di
tale diritto.
12.1.7. La Banca ha il diritto di verificare se il Cliente soddisfa le condizioni necessarie per l’apertura del conto
corrente/attivazione dei servizi richiesti.
12.1.8. La Banca è autorizzata a chiedere (a spese del Cliente) informazioni, documenti, materiali ed ogni altro
documento relativo al Cliente, necessari a fini di rendicontazione, conduzione delle sue operazioni o
verifica delle informazioni fornite dal Cliente, sul management dello stesso o sulle garanzie fornite dal
Cliente ecc.
12.1.9. La Banca comunica gli incidenti di pagamenti del Cliente alla CIP a mezzo di una domanda di
registrazione del rifiuto bancario, che comprenderà anche la dichiarazione di divieto bancario (se
applicabile), ed in tal senso inoltra al Cliente un’intimazione per comunicarli il divieto di emettere assegni
per un periodo di 1 (un) anno a partire dalla data di registrazione nella CIP dell’incidente di pagamento
significativo con assegni.
12.1.10.Le parti concordando che la Banca invierà o metterà a disposizione del Cliente, ogni mese,
gratuitamente, attraverso l’estratto conto corrente fornito ai sensi delle disposizioni di cui alle presenti
CGA, informazioni riguardanti i riferimenti per l’identificazione di ciascuna operazione di pagamento
effettuata o ricevuta, informazioni sull’ordinante/beneficiario dell’operazione di pagamento - se del caso,
il valore dell’operazione di pagamento nella valuta in cui è addebitato/accreditato il conto di pagamenti
del Cliente, il prezzo totale relativo all’operazione di pagamento e, se applicabile, la ripartizione delle
somme incluse nel prezzo totale, la data della valuta di addebito/accredito del conto.
12.1.11.La Banca si impegna ad attuare adeguate misure tecniche ed organizzative per la tutela dei dati
personali del Cliente contro la distruzione accidentale o illecita, perdite, modifica, rivelazione o accesso
non autorizzato, in particolare se il trattamento comporta trasmissioni di dati su una rete, così come
contro qualsiasi altra forma di trattamento illecito.
12.1.12.La Banca trasmette alla CIP, su richiesta del Cliente che ha smarrito, cui sono stati rubati o ha distrutto
uno o più moduli di assegni, cambiale o pagherò diretto validamente rilasciati, nello stesso giorno
bancario, una dichiarazione in conformità alla vigente normativa.
12.1.13.La Banca dichiara alla CIP come annullati, gli assegni non recuperati in totalità dal Cliente, nel caso in
cui ha preso l’iniziativa di ritirare dalla circolazione moduli di assegni o nel caso in cui non può più
utilizzare assegni.
12.1.14.La Banca informerà le autorità penali competenti in merito alle violazioni delle disposizioni di legge
relative agli assegni, riscontrate nella sua attività.
12.3. Diritti ed obblighi riguardo ai conti correnti
12.3.1. La Banca può aprire e gestire conti correnti o qualsiasi altro conto denominato in Lei e/o valuta estera
per conto dei suoi clienti in conformità ai regolamenti legali in vigore e solo se questi accettano per
iscritto di rispettare il Contratto-Quadro.
12.3.2. La Banca può condizionare il Cliente in sede di apertura di un conto corrente a costituire un deposito
minimo o mantenere un saldo creditore minimo intangibile per tutta la durata di funzionamento del conto
corrente; il saldo minimo è quello previsto nel LCS.
12.3.3. Nel caso in cui il Cliente segnalerà per iscritto un errore di elaborazione, in accordo con le presenti
CGA, la Banca procederà alla correzione delle operazioni di pagamento eseguite in maniera scorretta o
senza autorizzazione, senza indebito ritardo.
12.3.4. Nel caso in cui la Banca si rifiuta di eseguire un ordine di pagamento, trasmetterà al Cliente il rifiuto e,
se possibile, i motivi del rifiuto, nonché la procedura per correggere qualsiasi errore che ha portato al
rifiuto, se ciò non è vietato da regolamenti nazionali o internazionali.
12.4 Diritti ed obblighi relativi al servizio Internet Banking
12.4.1. La Banca informerà l’Utente sulle operazioni avviate, mostrando lo status tramite il servizio [email protected]
12.4.2. La Banca ha il diritto di:
12.4.2.1. condurre indagini in relazione ai dati forniti dall’Utente, in conformità con le disposizioni di legge
in vigore;
12.4.2.2. offrire al Cliente accesso al servizio [email protected], senza essere obbligata, in caso di rifiuto, di fornire
spiegazioni in merito alle ragioni del rifiuto e senza iniziare una corrispondenza sull’argomento
con l’Utente;
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 22 di 36
12.4.2.3. rifiutare l’esecuzione di un’operazione tramite il Servizio [email protected] nel caso in cui ritiene siano state
effettuate transazioni fraudolenti, senza dover espletare alcuna formalità giuridica/preliminare
avviso;
12.4.2.4. agire in conformità alle disposizioni legali per il recupero dei danni causati dall’uso improprio
del servizio [email protected]
12.4.3. La Banca metterà a disposizione dell’Utilizzatore, dopo aver effettuato le operazioni, senza indebito
ritardo, le seguenti informazioni:
12.4.3.1. il riferimento che consente all’Utilizzatore di individuare ciascuna operazione di pagamento e,
se del caso, informazioni sul beneficiario del pagamento;
12.4.3.2. l’importo dell’operazione di pagamento nella valuta in cui viene addebitato il conto di
pagamenti dell’ordinante o nella valuta utilizzata per l’ordine di pagamento;
12.4.3.3. il corrispondente importo complessivo dell’operazione di pagamento e, se del caso, la
ripartizione degli importi inclusi nel valore totale o gli interessi sostenuti dall’Utilizzatore;
12.4.3.4. tasso di cambio applicato;
12.4.3.5. data valuta dell’addebito del conto o data di ricevimento dell’ordine di pagamento.
12.4.4. La Banca ha il diritto di disattivare il servizio [email protected] nel caso in cui i conti del Cliente divengono inattivi
oppure nel caso in cui il saldo di cui ai conti correnti è insufficiente per l’addebito delle commissioni del
servizio. La chiusura/disattivazione del servizio [email protected] avrà luogo il giorno immediatamente successivo
alla scadenza del termine di 3 (tre) mesi dalla data di addebito dell’ultima commissione. La riattivazione
del servizio verrà realizzata soltanto dietro richiesta scritta presentata dall’Utilizzatore presso uno degli
sportelli della Banca, e solo previo pagamento integrale delle commissioni insolute associate al servizio.
12.4.5. La Banca è tenuta ad impedire qualsiasi utilizzo del servizio [email protected] appena notificata (per iscritto o per
telefono) da parte dell’Utilizzatore circa lo smarrimento o il furto del dispositivo Token, oppure circa
l’utilizzo improprio o qualsiasi altro utilizzo non autorizzato del servizio. La Banca non sarà responsabile
nel caso in cui si dimostra di aver agito in base alle disposizioni di cui alle presenti CGA o dimostra che
le istruzioni sono state inviate in maniera errata da parte dell’Utilizzatore.
12.4.6. La Banca è responsabile per il valore delle operazioni avviate dopo che l’Utilizzatore ne ha dato
comunicazione circa lo smarrimento/furto/danneggiamento/blocco/invalidazione, malfunzionamento del
dispositivo Token o la possibilità che ci sia una copia del dispositivo stesso o il codice PIN è noto a
persone non autorizzate, a condizione che l’Utilizzatore non abbia agito in malafede o in modo
fraudolente e/o il malfunzionamento sia stato causato consapevolmente da questi.
12.4.7. La Banca si impegna ad eseguire le transazioni/operazioni richieste dall’Utilizzatore, in base ai dati da
questi trasmessi attraverso il servizio [email protected] ed a non rivelare il nome dell’utilizzatore, i codici unici di
identificazione, la password o qualsiasi altra informazione riservata a persone diverse dall’Utilizzatore,
ma ai sensi della legge.
12.4.8. La Banca non è affatto tenuta a garantire il servizio di hardware o software al Cliente.
12.4.9. La Banca non è responsabile se l’Utilizzatore non può accedere al servizio [email protected] per cause non ad
essa imputabili, in questa situazione l’Utilizzatore condurrà il rapporto commerciale con la Banca con i
mezzi tradizionali (sportello ecc.).
12.5. Diritti ed obblighi relativi alle carte
12.5.2. La Banca ha il diritto di non riemettere una nuova Carta al Titolare a scadenza della carta senza dover
fornire una spiegazione sulle ragioni del rifiuto di remissione.
12.5.3. La Banca ha il diritto di indagare l’autenticità dei dati inseriti nei moduli/documenti presentati dal Cliente,
e nel caso in cui vi identifica dati errati/falsi la Banca può adottare le seguenti misure, senza preavviso al
Titolare della Carta principale/supplementare:
12.5.3.1. bloccare la Carta nel sistema di autorizzazione;
12.5.3.2. includere (se del caso) la Carta nell’Elenco delle carte da recuperare delle organizzazioni
internazionali di pagamenti con carte;
12.5.3.3. registrare la situazione al Registro frodi e richieste fraudolenti di emissione Carte.
12.5.4. In caso di sospetti di frode e/o esecuzione di transazioni fraudolenti a mezzo della Carta e/o di
trasgressioni delle disposizioni contrattuali, la Banca può adottare le seguenti misure, con successiva notifica
in tal senso al Titolare della Carta principale/supplementare:
12.5.4.1. rifiutare l’autorizzazione di una transazione effettuata con la Carta;
12.5.4.2. annullare e/o bloccare l’accesso della Carta al conto corrente connesso;
12.5.4.3. rifiutare la sostituzione della Carta o il rilascio di una nuova, senza che in questo modo il
Titolare della Carta principale/supplementare venga liberato dalla responsabilità finanziaria
per le transazioni già effettuate con la Carta;
12.5.4.4. richiedere di catturare le carte rilasciate dalla Banca.
12.5.5. Al fine di prevenire e ridurre al minimo le frodi, la Banca può limitare il numero massimo di operazioni
eseguite in un solo giorno con la Carta, nonché l’importo massimo da ritirare giornalmente con la Carta,
quindi può limitare:
12.5.5.1. l’importo massimo prelevato in contanti/numero massimo di operazioni da prelevare in contanti
da ATM/POS;
12.5.5.2. il numero massimo di transazioni che si possono effettuare/importo massimo che può essere
eseguito su POS in ambiente reale o virtuale, via Internet.
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 23 di 36
La Banca non sarà responsabile per alcuna limitazione tipo quelle sopra elencate, applicate da un’altra
banca.
12.5.7. In caso di attuazione di misure di esecuzione forzata sui conti del Cliente (congelamento conti), la Banca
ha il diritto di bloccare la Carta (principale e supplementare), senza previa notifica al Titolare della Carta
principale/supplementare e senza il suo consenso, poiché la Banca agisce in conformità alle disposizioni
di legge.
12.5.8. In caso di sospetta violazione della legge in materia di antiriciclaggio e contrasto al finanziamento del
terrorismo oppure nel caso in cui il Titolare della Carta principale/supplementare effettua una
transazione (incasso/pagamento) con una contropartita considerata dalla Banca appartenente ad un
paese/entità ”a rischio” (come ad esempio: paesi soggetti ad embargo, paesi considerati
insufficientemente cooperanti in termini di lotta al terrorismo, paesi sanciti per la violazione dei diritti
dell’uomo) oppure di cui si sospetta sia inclusa nelle liste internazionali delle persone soggette a
sanzioni (ad es.: elenco U.E., U.S. Treasury, O.F.A.C. ecc.) la Banca non assume alcuna responsabilità
per quanto riguarda la mancata esecuzione delle transazioni con Carta, poiché autorizzata a
rifiutare/stornare qualsiasi transazione del genere.
12.5.9. In
situazioni
ritenute
giustificate
dalla
Banca
(ad
es.:il
Titolare
della
Carta
principale/supplementare/società controllate/gestite direttamente o indirettamente da questi minacciano
in qualsiasi modo la Banca o il gruppo di entità di cui fa parte con querele o qualsiasi altra azione che al
parere della Banca potrebbe danneggiare il prestigio, la credibilità o la sua immagine; promuove azioni
legali contro la Banca o il gruppo di entità di cui fa parte; espone la Banca o il gruppo di entità di cui fa
parte a contenziosi da parte di terzi; crea danni o perdite di qualsiasi sorta alla Banca o al gruppo di
entità di cui fa parte ecc.) la Banca ha il diritto di adottare le seguenti misure:
12.5.9.1. bloccare/annullare/sospendere l’utilizzo della/delle Carta/Carte;
12.5.9.2. rifiutare l’autorizzazione di una transazione con Carta;
12.5.9.3. rifiutare il rilascio di una nuova Carta o la relativa sostituzione, senza che il Titolare di Carta
principale/supplementare sia sollevato dalla responsabilità finanziaria per le transazioni
effettuate con la Carta.
12.5.10. La Banca ha il diritto di avviare la procedura di rifiuto di pagamento di un’operazione effettuata con la
Carta nelle seguenti situazioni:
12.5.10.1. l’operazione non può essere identificata dalla Banca (transazione effettuata con una carta
rilasciata da un’altra banca e presentata per addebito alla Banca, ecc.);
12.5.10.2. l’operazione è stata rifiutata al pagamento dal Titolare di carta principale/supplementare, in tal
senso questi ha presentato una domanda per rifiutare il pagamento.
12.5.11. La Banca può adottare le seguenti misure contro il Titolare di Carta principale/supplementare che ha
partecipato ad un numero importante di operazioni rifiutate al pagamento:
12.5.11.1. ridurrà il numero consentito di operazioni effettuate con la Carta al giorno o a settimana;
12.5.11.2. aumenterà il saldo minimo obbligatorio da tenere sul conto connesso alla Carta;
12.5.11.3. sospenderà il diritto di utilizzo della Carta da parte del Titolare di Carta
principale/supplementare o terminerà il rapporto contrattuale con il Cliente condotto ai sensi
del Contratto-Quadro.
12.5.12. La Banca ha il diritto di agire in conformità alle disposizioni legali per il recupero dei danni causati
dall’utilizzo abusivo o fraudolente delle carte.
12.5.13. La cancellazione della Carta e la chiusura dei conti connessi saranno effettuate dalla Banca soltanto se
tutte le somme dovute alla Banca da parte del Titolare di carta principale, a prescindere dalla loro
natura, per l’attività di carte condotto con la Carta principale/supplementare siano state pagate per
intero.
12.5.14. La Banca ha il diritto di recuperare gli importi spettanti e non incassati a causa dell’assenza di liquidità
dai conti correnti del Titolare di carta principale aperti presso la Banca, in tal senso può adottare una o
più delle seguenti misure:
12.5.14.1. contattare il Titolare di carta principale per risolvere in via bonaria il recupero integrale del
debito;
12.5.14.2. registrare il codice della Carta nell’Elenco delle carte vietate all’accettazione in caso in
mancata risoluzione in via bonaria del recupero integrale del debito;
12.5.14.3. rescissione unilaterale del Contratto-Quadro;
12.5.14.4. avviare azioni legali di recupero delle somme dovute dal Cliente.
12.5.15. La Banca ha il diritto di registrare la Carta nell’Elenco delle carte vietate all’accettazione, nei casi in cui
le rispettive carte sono state dichiarate dal Titolare di Carta principale/supplementare, per iscritto,
rubate o smarrite, oppure nel caso in cui i Titolari hanno dimenticato il codice PIN.
12.5.16. La Banca ha il diritto di esigere al Titolare di Carta principale/supplementare di presentare una copia
della ricevuta di pagamento per l’acquisto di beni e/o servizi, rispettivamente prelievi in contanti, nonché
qualsiasi altro documento necessario per risolvere i reclami formulati da questi in merito all’errata
registrazione di alcune operazioni nell’estratto conto.
12.5.17. La Banca ha il diritto di utilizzare (compreso di comunicare alle parti coinvolte nell’elaborazione) i dati
sul Titolari di Carta principale/supplementare e sulle operazioni effettuate da questi, ai fini del buon
funzionamento delle transazioni, nonché di registrare le frodi con carte al Registro frodi con Carte
12.5.6.
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 24 di 36
presso la C.R.C., ai sensi della Legge n. 677/2001 per la tutela delle persone con riguardo al
trattamento dei dati personali e alla libera circolazione di tali dati.
12.5.18. La Banca non assume alcuna responsabilità per quanto riguarda la mancata esecuzione di transazioni
con Carta da parte di un commerciante, istituto finanziario, ATM di un’altra banca o qualsiasi altro
terzo, a seguito di eventi che non possono essere controllati dalla Banca.
12.5.19. La Banca non è responsabile nei confronti del Titolare di carta principale/supplementare per l’addebito
in ritardo delle transazioni se il ritardo è causato da fattori che non possono essere controllati dalla
Banca (ritardo dei commercianti o di istituti finanziari in relazione all’invio per addebito, ritardi causati da
problemi di comunicazioni nazionali o internazionali ecc.).
12.5.20. La Banca è obbligata a tenere un registro con le operazioni effettuate con la Carta per un determinato
periodo di tempo in conformità alle disposizioni legali in materia e di mettere a disposizione del Titolare
di carta principale/supplementare, dietro sua richiesta espressa, i documenti relativi alle transazioni
effettuate con la Carta.
12.5.21. La Banca ha l’obbligo di garantire servizi permanenti di autorizzazione delle operazioni realizzate dal
Titolare di Carta principale/supplementare e di fornire informazioni su come utilizzare le carte dietro
richiesta del Cliente.
12.5.22.La Banca è tenuta a non divulgare ad alcuna persona, tranne il Titolare di Carta
principale/supplementare, il codice PIN e la password della Carta.
12.5.23. Nel caso in cui la Banca è stata notificata sullo smarrimento/furto o danneggiamento della Carta, essa
può decidere di inserire la Carta smarrita/rubata o danneggiata nell’Elenco delle carte da recuperare
pubblicata dalle organizzazioni internazionali, le relative spese sono a carico del Titolare di carta
principale/supplementare. La Banca sostituirà, su richiesta, la Carta dichiarata per iscritto dal Titolare di
carta principale/supplementare come smarrita/rubata o danneggiata, poi il Titolare di carta principale
pagherà una tassa di remissione come indicata nel LCS in vigore a quella data.
12.5.24. La Banca è responsabile per le perdite subite dal Titolare di carta principale/supplementare per
l’esecuzione dei pagamenti effettuati con la Carta, nelle seguenti condizioni:
12.5.24.1. per mancata o cattiva esecuzione delle transazioni ordinate attraverso la Carta, anche se avviate
utilizzando i terminal non direttamente né esclusivamente controllati dalla Banca, salvo il caso in
cui si dimostra che il Titolare di Carta principale/supplementare ha agito in modo fraudolente o
in cattiva fede;
12.5.24.2. per il valore delle transazioni avviate dopo la comunicazione alla Banca da parte del Titolare di
Carta principale/supplementare relativa allo smarrimento, furto, danneggiamento, blocco,
invalidazione, malfunzionamento della Carta o alla possibilità legata all’esistenza di una copia
della carta o alla possibilità che il codice PIN/ codice di identificazione/password siano noti a
persone non autorizzate;
12.5.24.3. per il valore delle transazioni non autorizzate dal Titolare di Carta principale/supplementare,
eseguite a mezzo di Carta contraffatta o attraverso l’utilizzo fraudolente del numero di Carta
senza utilizzare il codice (password) di sicurezza, nonché per qualsiasi errore o irregolarità
imputabile alla Banca circa la gestione del conto del Titolare.
12.5.25. L’importo dei risarcimenti, imputabile alla Banca, sarà composto da:
12.5.25.1. il valore della transazione non eseguita o eseguita in modo errato e gli interessi per il periodo
trascorso dalla data di mancata esecuzione/esecuzione impropria della transazione e fino al
ripristino del conto del Titolare di carta, corrispondente alla situazione precedente al momento di
mancata esecuzione/esecuzione impropria della transazione;
12.5.25.2. sono fatti salvi i casi di mancata esecuzione delle transazioni previste dalla vigente legislazione
sull’antiriciclaggio e della normativa relativa all’utilizzo del sistema finanziar-bancario ai fini del
finanziamento del terrorismo;
12.5.25.3. l’importo necessario per ripristinare il conto del Titolare di carta corrispondente al momento
precedente all’esecuzione della transazione non autorizzata da parte del Titolare della Carta
principale/supplementare.
12.5.26. Qualsiasi altra conseguenza finanziaria successiva e, in particolare, quelle relative all’estensione dei
danni per i quali va pagato un indennizzo, spettano alla Banca, in conformità alle disposizioni legali
applicabili al rapporto contrattuale tra la Banca ed il Cliente.
12.5.27. La Banca è responsabile nei confronti del Titolare di carta principale/supplementare per il valore perso
e per l’esecuzione impropria delle sue transazioni nel caso in cui la perdita o l’esecuzione impropria è
attribuibile al malfunzionamento della Carta, dispositivo, terminal o qualsiasi altra attrezzatura
autorizzata per l’utilizzo del Titolare della Carta, a condizione di fornire la prova che il
malfunzionamento non è stato provocato di proposito dal Titolare della Carta principale/supplementare.
12.5.28.La Banca non assume la responsabilità per i danni causati al Titolare di carta principale da parte del
Titolare di carta supplementare.
12.5.29. La Banca è tenuta ad accertarsi che in qualsiasi momento sono disponibili mezzi adeguati tali da
consentire ai Titolari di Carta ad effettuare notifiche in relazione allo smarrimento, furto, utilizzo da non
aventi diritto della Carta o qualsiasi altro uso non autorizzato della stessa. La Banca impedirà qualsiasi
uso della Carta una volta comunicata tale notifica.
12.6. Responsabilità
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 25 di 36
12.6.2.
La Banca è responsabile per garantire la riservatezza di tutte le informazioni riguardanti le transazioni ed
i servizi offerti al Cliente, tranne le informazioni fornite alle autorità/istituti/persone abilitate legalmente ad
avere accesso a tali informazioni.
12.6.3. La Banca non può essere ritenuta responsabile per le transazioni effettuate da persone autorizzate,
compreso tramite la Carta o il servizio [email protected], il Titolare del conto riconosce che, con l’autorizzazione
conferita, assume l’intera responsabilità per quanto riguarda le operazioni effettuate nei propri conti dalle
persone autorizzate. La Banca è responsabile soltanto per il valore delle transazioni non autorizzate dal
Cliente, nel caso in cui si dimostra che questi non ha agito in malafede o in modo fraudolente, nonché
per qualsiasi errore o irregolarità commessa dalla Banca nella gestione dei conti del Cliente, e soltanto
per la perdita effettiva subita dal Cliente a seguito della transazione.
12.6.4. La Banca non è responsabile per le operazioni ordinate dal Cliente che non possono essere effettuate
dal suo conto per mancanza di fondi, errori di introduzione dati, illegittimità delle operazioni, disposizioni
esecutive degli organi di controllo/autorità abilitate o assenza dei documenti giustificativi relativi alle
operazioni ordinate alla Banca.
12.6.5. In tutti i casi in cui la Banca è tenuta a verificare l’autenticità, il corretto completamento, la veridicità o
validità dei documenti presentati dal Cliente o dalle persone autorizzate da questi o a tradurne il
contenuto in conformità alle presenti CGA o con le condizioni per la gestione delle operazioni bancarie,
la Banca sarà ritenuta responsabile soltanto per le situazioni di colpa grave, comprovata nello svolgersi
di tali attività. Nel caso in cui la Banca è tenuta ad effettuare le operazioni di cui sopra al fine di eseguire
gli ordini del Cliente, la Banca può utilizzare i servizi di un terzo a spese del Cliente, il Cliente ne
acconsente espressamente.
12.6.6. La Banca non assume alcuna responsabilità per la forma, accuratezza, validità, veridicità, corretta e
completa compilazione dei documenti presentati alla Banca, salvo i casi in cui per accordi separati tale
responsabilità viene espressamente assunta per iscritto dalla Banca.
12.6.7. La Banca non è responsabile per i danni subiti dal Cliente a seguito di errate istruzioni impartite con gli
strumenti di addebito, modifiche delle decisioni disposte successivamente alla presentazione dei
documenti o altri interventi su iniziativa del Cliente.
12.6.8. La Banca non è responsabile per le perdite o i danni derivanti da ritardi, interruzioni, difetti di
trasmissione, confusioni o altri errori derivanti dall’utilizzo della posta, dei servizi di telefonia, fax, Internet
o altri mezzi di trasmissione, trasporto o telecomunicazioni, così come per le perdite ed i danni causati
da errori/interruzioni dei mezzi tecnici attraverso i quali si svolgono i suoi servizi.
12.6.9. La Banca declina ogni responsabilità per ritardi nell’esecuzione dei servizi causati dalla presentazione
da parte del Cliente di documenti in una lingua diversa dal romeno, senza traduzione certificata,
traduzione che il Cliente è tenuto ad effettuare a proprie spese.
12.6.10. La Banca non è responsabile per le perdite causate dal rispetto della vigente normativa, compreso della
legislazione sulle attività criminali.
12.6.11. La Banca agisce in conformità alle disposizioni di legge ed ai regolamenti nazionali ed internazionali in
materia di restrizioni/sanzioni commerciali applicate a determinati paesi, entità e persone e inoltre alle
restrizioni sull’export di prodotti e tecnologie con potenziale di applicazioni civili e militari (“beni a doppio utilizzo”). Di conseguenza, la Banca non sarà responsabile per perdite dirette/indirette, materiali/morali,
danni o ritardi subiti dal Cliente o da terze persone derivanti dalla mancata esecuzione di
incassi/realizzazione dei pagamenti del Cliente a seguito dell’osservanza dei regolamenti e della
legislazione nazionale ed internazionale in materia di restrizioni /sanzioni applicate a determinate entità e
persone.
12.6.12. La Banca non risponde né è tenuta ad individuare e segnalare i falsi o altre inosservanze relativamente
alla firma del Cliente o delle persone da questi autorizzate, timbro o documento connesso alla
transazione.
12.6.13. La Banca non è responsabile neanche in caso di:
12.6.13.1. inosservanza delle presenti CGA da parte del Cliente nei rapporti commerciali realizzati con
la Banca;
12.6.13.2. ritardi di pagamento da parte della Banca a causa di insufficienza di fondi nei conti del
Cliente o a seguito di ordini o documenti di addebito presentati in ritardo o in modo errato;
12.6.13.3. la totalità e l’esattezza dei dati messi a disposizione della Banca in occasione della richiesta
di crediti, garanzie o altri impegni, in lei e/o valuta oppure ogniqualvolta sia necessario nel
caso in cui sulla base di tali dati è condotta l’analisi per la concessione di un’agevolazione
creditizia;
12.6.13.4. inosservanza di qualsiasi obbligo assunto da terzi non aventi diritto per conto del Cliente per
danni, perdite o diffetti registrati dal Cliente a seguito di comunicazioni non effettuate per
tempo da parte di terzi.
12.6.14. In tutti i casi, la Banca non è responsabile per danni di qualsiasi natura causati nel corso del rapporto
commerciale con il Cliente, salvo grave colpa da parte sua adeguatamente documentata.
13. DIRITTI ED OBBLIGHI DEL CLIENTE
13.1. Generalità
13.1.1. In qualsiasi momento durante il rapporto contrattuale, il Cliente ha il diritto di ricevere, per richiesta, su
supporto cartaceo o altro supporto durevole, i termini del Contratto-Quadro, ed ogni altra informazione
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 26 di 36
relativamente alla Banca, all’utilizzo dei servizi di pagamento, costi, tassi d’interesse, tassi di cambio,
comunicazioni ecc..
13.1.2. Il Cliente si impegna a conoscere e rispettare le disposizioni di cui alle presenti CGA, il Contratto-Quadro,
nonché altri contratti stipulati con la Banca, le normative ed i regolamenti della Banca Centrale della
Romania in vigore con riferimento all’oggetto del Contratto-Quadro, comprese le presenti CGA e:
13.1.2.1. rispettare le caratteristiche e le condizioni dei prodotti offerti dalla Banca;
13.1.2.2. comunicare per iscritto alla Banca eventuali modifiche in relazione ai propri dati personali,
quanto prima;
13.1.2.3. informare la Banca in merito ad eventuali irregolarità nelle transazioni registrate, subito dopo il
ritiro/ricezione dell’estratto conto;
13.1.2.4. pagare commissioni, spese e tasse dovute per le operazioni effettuate, la Banca è
espressamente autorizzata ad addebitare i suoi conti con il controvalore di tali
commissioni/costi;
13.1.2.5. effettuare operazioni entro i limiti di cui al proprio conto corrente, prendendo in considerazione
anche il valore delle commissioni e delle spese relative al conto corrente e delle operazioni
effettuate;
13.1.2.6. assumere la responsabilità circa la legalità e realtà delle disposizioni impartite dalla Banca per
la realizzazione delle operazioni di conto corrente e fornire alla Banca qualsiasi documento
richiesto per la realizzazione delle transazioni richieste.
13.1.3. Ai sensi delle presenti CGA è vietato al Cliente cedere in alcun modo i suoi diritti ed obblighi verso terzi,
senza il previo accordo scritto della Banca.
13.1.4. Il Cliente/Titolare di Carta principale è tenuto a notificare la persona autorizzata/Titolare della Carta
supplementare/Utilizzatore tutte le disposizioni di cui alle presenti CGA e di informarli circa le modifiche
comunicate al Cliente/Titolare di carta principale da parte della Banca.
13.1.5. Quando si ordina un pagamento in valuta verso non residenti o residenti all’estero, il cui valore è pari o
superiore a 50.000 (cinquantamila) Euro (o altro limite stabilito dalla legge di volta in volta) o equivalente
alla data di ricevimento del pagamento da parte della Banca, il Cliente residente è tenuto a mettere a
disposizione della Banca il modulo specifico di pagamenti esterni compilato, entro e non oltre 10 (dieci)
giorni feriali dall’avvenuto pagamento.
13.1.6. Per quanto riguarda i pagamenti effettuati in Lei, pari o superiori a 50.000 (cinquantamila) Euro (o altro
limite fissato per legge di volta in volta) o equivalente alla data di ricevimento del pagamento da parte
della Banca, disposto a favore di non residenti sul territorio della Romania, il Cliente residente è tenuto a
compilare la dichiarazione di pagamento, e depositarla in Banca entro e non oltre 10 (dieci) giorni solari
dall’avvenuto pagamento.
13.1.7. Per quanto concerne i versamenti/prelievi di contanti, il Cliente deve essere presente in Banca fino al
completamento dell’operazione di conteggio dei soldi e verifica da parte del funzionario responsabile
della Banca del denaro versato o ritirato e riceverà dietro firma le relative quietanze ed altri documenti
emessi dalla Banca.
13.1.8. Il Cliente è tenuto a presentare, ovvero a trasmettere alla Banca per la realizzazione delle operazioni
bancarie, documenti leggibili, senza correzioni o cancellazioni, firmati in forma scritta (dove specificato
nel testo in situazioni in cui è necessario) e timbrati (se del caso) su un supporto in grado di garantire la
conservazione della firma, ovvero del timbro per un periodo indefinito di tempo e l’impossibilità che
vengano cancellati senza danneggiare il documento. La Banca è autorizzata a rifiutare la registrazione
e/o l’elaborazione dei documenti che non rispettano quanto sopra, la persona che deposita per conto del
Cliente in Banca simili documenti sarà responsabile in caso di eventuali perdite o danni derivanti da un
eventuale rifiuto. Il Cliente deposita in Banca gli ordini di pagamento o gli strumenti di debito utilizzando i
moduli accettati dalla Banca. Gli ordini di pagamento/strumenti di debito/ricevute/moduli di cassa vanno
firmati dal Cliente in conformità agli specimen di firma depositati in Banca e/o confermati secondo le
modalità di autenticazione concordate.
13.1.9. Il Cliente è tenuto a restituire con prontezza alla Banca tutti i moduli non adoperati, i supporti di dati e
mezzi di comunicazione affidati o concessi in licenza per l’utilizzo da parte della Banca, le carte, i token,
una volta che il rapporto tra il Cliente e la Banca è terminato.
13.1.10.Il Cliente si impegna a non divulgare ed a non usare a propri fini, contrariamente al loro
scopo/destinazione, le informazioni ricevute (a prescindere dal supporto) dalla Banca.
13.1.11.Il Cliente si impegna a soddisfare tutte le richieste giustificate della Banca ed a fornire informazioni o altre
forme di collaborazione che potrebbero essere importanti, sia per il presente che per il futuro dei rapporti
commerciali con la Banca.
13.1.12.Il Cliente è obbligato a notificare per iscritto alla Banca qualsiasi cambiamento della situazione di una
persona autorizzata o qualsiasi modifica di autorizzazione di operare i conti.
13.1.13. Il Cliente si impegna a fornire i fondi necessari per le operazioni ordinate nei suoi conti.
13.2. Diritti ed obblighi relativi ai conti correnti
13.2.1. Il Cliente si impegna a completare correttamente tutte le informazioni richieste nei moduli specifici, a
seconda della natura del trasferimento o strumento di pagamento emesso.
13.2.2. Il Cliente si impegna a fornire alla Banca le seguenti informazioni ai fini della corretta esecuzione degli
ordini di pagamento:
13.2.2.1. per bonifici in lei: il codice IBAN del beneficiario del pagamento;
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 27 di 36
13.2.2.2. per bonifici verso banche dei paesi membri, la Svizzera ed il Principato di Monaco, nelle valute
di questi stati: il codice IBAN del beneficiario ed il codice SWIFT della banca del beneficiario;
13.2.2.3. per i bonifici in valuta verso altre banche all’estero e stati membri, la Svizzera ed il Principato di
Monaco, in valute diverse dalla loro valuta: il codice unico di identificazione (ad es: il codice
IBAN, numero di conto ecc.) del beneficiario ed il codice BIC/SWIFT della banca del
beneficiario.
13.2.3. Il Cliente si impegna a fornire a propri partner le coordinate bancarie corrette, come fornite dalla Banca,
ovvero: il codice unico di identificazione (codice IBAN) corrispondente al conto nella valuta della
transazione ed il codice BIC/SWIFT della Banca (WBANRO22XXX), per la corretta esecuzione dei
bonifici ricevuti.
13.2.4. Il Cliente si impegna a dichiarare immediatamente alla Banca gli strumenti di pagamento smarriti, rubati,
sottratti, distrutti, annullati.
13.2.5. Il Cliente si impegna a restituire alla Banca gli assegni bancari in suo possesso e/o dei suoi delegati, in
caso di rifiuto di pagamento di un assegno a causa del verificarsi di un incidente di pagamento grave sul
conto.
13.2.6. Prima del rilascio di un assegno, il Cliente si impegna a costituire disponibilità di valore pari o superiore
all’assegno emesso, disponibilità liquide, certe ed esigibili ed a mantenere la copertura a disposizione
del portatore dell’assegno fino all’incasso o fino alla scadenza fissata per la presentazione.
13.3. Diritti ed obblighi relativi al servizio Internet Banking
13.3.1. Il Cliente/Utilizzatore è tenuto ad utilizzare il servizio [email protected] in conformità ai termini che ne regolano
l’attivazione e l’utilizzo.
13.3.2. Il Cliente/Utilizzatore è tenuto a non comunicare informazioni a terzi circa il servizio [email protected] fornitogli
dalla Banca, senza il previo accordo scritto della Banca.
13.3.3. L’utilizzatore si impegna a trasmettere alla Banca tramite il servizio [email protected] istruzioni chiare e precise
per la realizzazione delle operazioni.
13.3.4. Le operazioni inserite dall’Utilizzatore e non autorizzate da questi non verranno elaborate dalla Banca.
13.3.5. Il Cliente è tenuto ad informare la Banca chiamando lo 0800.800.888 appena constata:
13.3.5.1. lo smarrimento, il furto o il danneggiamento del Token;
13.3.5.2. la registrazione di transazioni non da egli avviate/ autorizzate;
13.3.5.3. eventuali irregolarità o errori derivanti dalla gestione del conto bancario;
13.3.5.4. elementi destanti sospetti circa la possibilità che il nome dell’utente o il codice PIN del
dispositivo Token siano noti;
13.3.5.5. malfunzionamenti degli strumenti di pagamento elettronico o del dispositivo Token.
13.3.6. Il Cliente è tenuto a adottare tutte le misure necessarie per tenere gli elementi di sicurezza personalizzati
al sicuro, e di cambiare il codice PIN del dispositivo Token nel caso in cui sospetta che tale codice è noto
a persone non autorizzate.
13.3.7. Il Cliente è obbligato a consegnare alla Banca tutti i documenti o gli atti previsti dalla legge, dalla
convenzione tra le parti o richiesti dalla Banca per giustificare le operazioni effettuate o da eseguire. A
questo proposito, il Cliente si impegna entro e non oltre 10 (dieci) giorni solari dalla data dell’operazione
a comunicare alla Banca la documentazione necessaria. L’inadempienza di tale obbligo conferisce il
diritto alla Banca di sospendere il servizio [email protected] o di cessare i rapporti contrattuali in essere ai sensi
delle presenti CGA e del Contratto-Quadro, di pieno diritto, senza ulteriori formalità e senza l’intervento
della corte.
13.3.8. A cominciare dalla data di attivazione del servizio ai sensi del Contratto-Quadro, l’Utilizzatore assume i
rischi e le conseguenze delle transazioni effettuate, a seguito dell’utilizzo del servizio [email protected] dietro suo
ordine.
13.3.9. Il Cliente chiederà alla Banca di cancellare/modificare qualsiasi diritto assegnato agli Utilizzatori
nominati, di aggiungerne altri o revocarli.
13.3.10. Il Cliente è il solo responsabile per la correttezza e legittimità delle operazioni effettuate attraverso il
Servizio [email protected] ed è responsabile per il modo in cui terzi utilizzano il servizio, nel caso in cui sono stati
delegati dietro sua richiesta, facendosi carico di tutte le perdite causate da loro. Tutte le operazioni
effettuate dall’Utilizzatore sono vincolanti per il Cliente.
13.3.11. Sono a carico del Cliente le perdite relative a qualsiasi transazione non autorizzata dovute a
smarrimento o furto del dispositivo Token o, nel caso in cui il Cliente non ha conservato in sicurezza gli
elementi di sicurezza personalizzati, le perdite derivanti dall’utilizzo illecito del servizio [email protected] fino alla
notifica della Banca in conformità alle disposizioni di cui alle presenti CGA. Le perdite a carico del Cliente
possono valere al massimo 150 (centocinquanta) Euro o equivalente lei. Il Cliente assume tutte le
perdite relative a qualsiasi transazione non autorizzata se tali perdite derivano da frode o inosservanza,
intenzionale o per grave negligenza, di uno o più obblighi a questi spettanti relativamente all’utilizzo del
[email protected] in conformità alle disposizioni di cui alle presenti CGA, ed in tali casi l’importo massimo
di 150 (centocinquanta) Euro o equivalente in lei non si applica. Il Cliente si fa carico delle perdite
sommanti al massimo 50 (cinquanta) Euro o equivalente lei alla data della transazione non autorizzata,
nel caso in cui l’Utilizzatore non ha agito in modo fraudolento né ha trasgredito, volontariamente, i propri
obblighi ai sensi delle presenti CGA. Il Cliente non dovrà sopportare alcuna conseguenza finanziaria
derivante dall’utilizzo di uno strumento di pagamento smarrito, rubato o utilizzato senza diritto dopo
l’avvenuta comunicazione ai sensi delle presenti CGA, tranne il caso in cui questi ha agito in modo
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 28 di 36
fraudolento.
13.3.12. Il Cliente è responsabile della custodia degli elementi di identificazione e del dispositivo Token e si
impegna a non alienarli.
13.3.13. Il Cliente può richiedere il/lo blocco/sblocco dell’accesso al Servizio [email protected] presentando una richiesta
scritta presso qualsiasi sportello territoriale o chiamando Intesa Sanpaolo Call Center allo 0800.800.888.
13.3.14. Il Cliente ha il diritto di presentare ricorso per iscritto per qualsiasi transazione che non riconosce, quindi
la Banca avvierà un’indagine specifica e fornirà una risposta sull’indagine condotta entro un termine
massimo di 30 giorni.
13.4. Diritti ed obblighi relativi alle carte
13.4.1. La Carta è proprietà della Banca, quindi il Cliente è tenuto a restituirla immediatamente, su richiesta
della Banca, nei casi previsti dalle presenti CGA.
13.4.2. Il Titolare di carta principale ha il diritto di richiedere la cancellazione della Carta principale e della Carta
supplementare, dietro richiesta specifica alla Banca; il Titolare di Carta supplementare è autorizzato a
richiedere soltanto la cancellazione della Carta supplementare.
13.4.3. In caso di smarrimento, furto, distruzione della Carta o in caso di scadenza, il Titolare di Carta
principale/supplementare ha il diritto di beneficiare della sostituzione della Carta e del codice PIN,
pagando la tassa di remissione, in conformità con il LCS vigente a quella data.
13.4.4. Al momento della consegna della Carta e del codice PIN, il Titolare di Carta principale/supplementare è
tenuto a confermare, dietro firma, l’avvenuta ricezione.
13.4.5. Il Titolare di Carta principale/supplementare deve firmare sul retro della Carta con la stessa firma di cui
allo specimen di firma depositato in Banca, queste firme sono considerate specimen di firma autorizzate
per le operazioni effettuate con la Carta in nome e per conto del Titolare di Carta principale.
13.4.6. Il Titolare di Carta principale/supplementare ha il dovere di esercitare la dovuta diligenza nel garantire la
sicurezza della Carta e del codice PIN per evitare che siano resi noti a terzi, vale a dire :
13.4.6.1. deve conservare la Carta e non svelarne le specifiche informazioni di identificazione (numero
di Carta, scadenza ecc.) a nessun’altra persona (nemmeno ai dipendenti della Banca);
13.4.6.2. non deve alienare la Carta o il codice PIN ad altre persone;
13.4.6.3. deve distruggere la busta ricevuta dalla Banca contenente il codice PIN, dopo averlo
memorizzato;
13.4.6.4. informa tempestivamente la Banca se al momento della consegna la busta contenente il
codice PIN non era sigillata;
13.4.6.5. farà in modo che durante le transazioni effettuate la Carta rimane sotto stretta sorveglianza,
quindi digiterà il codice PIN senza che altre persone possano vederlo;
13.4.6.6. non registrerà il codice PIN in una forma che può essere facilmente riconosciuta, in particolare,
sulla Carta o altro oggetto che tiene insieme alla Carta stessa.
13.4.7. Il Titolare di Carta principale/supplementare deve utilizzare la Carta ed eseguire le operazioni connesse
in conformità alle presenti CGA, nonché alle vigenti disposizioni di legge.
13.4.8. Il Titolare di Carta principale non è autorizzato a conoscere il codice PIN della Carta supplementare.
13.4.9. Il Titolare di Carta principale è responsabile per tutte le operazioni/transazioni effettuate dal Titolare di
Carta supplementare nominato, entrambi rispondono congiuntamente alla Banca per l’utilizzo della Carta
supplementare.
13.4.10. Il Titolare di Carta principale/supplementare è tenuto ad adottare tutte le misure per garantire la
sicurezza della Carta ovvero proteggerla contro il furto, lo smarrimento o il danneggiamento ed a
rispettare tutte le disposizioni particolari di cui alle presenti CGA in merito al furto o allo smarrimento
della Carta stessa; inoltre, questi deve adottare tutte le misure appropriate per impedire l’utilizzo della
Carta da parte di persone non autorizzate.
13.4.11. Il Titolare di Carta principale/supplementare ha l’obbligo di notificare la Banca tramite il Call Center 0800800888/InfoCard - 0040372712194, numeri operativi 24 su 24, appena constata:
13.4.11.1. lo smarrimento, il furto, danneggiamento, distruzione, la contraffazione o il/la blocco/cattura
della Carta (a causa dell’errata digitazione del codice PIN per tre volte consecutive o a causa di
malfunzionamento del bancomat);
13.4.11.2. la registrazione sul conto personale di transazioni non autorizzate o fraudolenti;
13.4.11.3. qualsiasi errore o irregolarità nella gestione del conto da parte della Banca;
13.4.11.4. elementi destanti sospetti al Titolare di Carta circa la possibilità che la Carta sia stata copiata
oppure il codice PIN / password siano noti a terzi;
13.4.11.5. malfunzionamenti della Carta, compresa la situazione in cui i codici di accesso ricevuti non
sono corretti.
13.4.12. Successivamente alla chiamata telefonica d’urgenza per il blocco della Carta al Call Center 0800800888 / InfoCard - 0040372712194, numeri operativi 24 su 24, il Titolare di Carta
principale/supplementare è tenuto a recarsi al più presto in Banca per compilare il modulo specifico e, se
del caso, per il rilascio di una nuova Carta.
13.4.13. In caso di blocco della Carta a causa di malfunzionamento del bancomat, la Banca restituisce la Carta al
Titolare previa verifica della sua identità, dietro verbale contenente le cause della cattura della Carta
stessa.
13.4.14. Il Cliente si fa carico delle perdite generate dalle transazioni non autorizzate derivanti dall’utilizzo della
Carta smarrita o rubata o nel caso in cui il Titolare non ha conservato al sicuro gli elementi di sicurezza
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 29 di 36
personalizzati, le perdite derivanti dall’utilizzo illecito di una Carta fino al momento dell’addebita notifica
alla Banca, ai sensi delle disposizioni di cui alle presenti CGA. In questa situazione, le perdite sostenute
dal Titolare di Carta principale non superano 150 (centocinquanta) euro o equivalente in lei.
13.4.15. Qualora tali perdite derivano da frode o inottemperanza intenzionale o per grave negligenza di uno o più
obblighi spettanti al Titolare della Carta in merito all’utilizzo della Carta in conformità alle disposizioni di
cui alle presenti CGA, il Titolare si farà carico di tutti i danni causati.
13.4.16. Nel caso in cui il Titolare di Carta non ha agito in maniera fraudolenta o ha trasgredito non
intenzionalmente i propri obblighi ai sensi delle presenti CGA, il Titolare dovrà sostenere perdite
ammontanti a massimo 50 (cinquanta) euro o equivalente in lei.
13.4.17. Successivamente alla notifica alla Banca in conformità alle presenti CGA il Cliente non dovrà sostenere
alcuna conseguenza finanziaria derivante dall’utilizzo di una Carta smarrita, persa o utilizzata senza
averne diritto, a meno che non abbia agito in modo fraudolente.
13.4.18. Il Titolare di Carta principale/supplementare non sarà responsabile per le transazioni eseguite, se la
Carta è stata utilizzata senza la presenza fisica o senza la relativa identificazione elettronica (PIN, codici
di accesso).
13.4.19. Il Titolare di Carta principale/supplementare è obbligato a restituire alla Banca la Carta il più presto
possibile, nel caso in cui trova la Carta dopo aver comunicato alla Banca lo smarrimento / il furto della
stessa, la rispettiva Carta non può più essere utilizzata.
13.4.20. Il Titolare di Carta principale/supplementare ha l’obbligo di restituire tempestivamente la Carta alla
Banca alla data di scadenza oppure in qualsiasi altra situazione determinante la cessazione dei rapporti
contrattuali tra le due parti.
13.4.21. Il Titolare di Carta principale/supplementare è tenuto a conservare le ricevute di tutte le operazioni,
quanto anche altri documenti relativi alle transazioni effettuate, al fine di verificare l’estratto di conto
corrente e la soluzione di eventuali contestazioni.
13.4.22. Il Titolare di Carta principale/supplementare è tenuto a verificare le operazioni riportate nell’estratto
conto ricevuto e di informare la Banca su eventuali omissioni o errori rilevati.
13.4.23. Una transazione avviata con la Carta e completata (già inserita nel circuito di addebito) non può essere
annullata dal Titolare della Carta. A questo proposito, il Titolare di Carta principale/supplementare è
tenuto a non cancellare un ordine impartito per mezzo della Carta.
13.4.24. Il Titolare di Carta principale/supplementare è obbligato a comunicare alla Banca eventuali rifiuti
ingiustificato di accettazione della Carta da parte di commercianti o qualsiasi filiale bancaria.
13.4.25. Dalle disponibilità in lei esistenti nel suo conto corrente, il Titolare di Carta principale è tenuto a pagare il
controvalore delle operazioni in valuta, comprese le commissioni e le spese generate da tali operazioni,
al tasso di cambio utilizzato dalla Banca per le operazioni con Carte, valido il giorno della transazione.
Alla data di addebito della transazione, sulla base della relazione di addebito presentato da
MasterCard/VISA, nonché delle informazioni comunicate dalla Banca, il conto del Titolare di Carta
principale sarà addebitato con il controvalore degli importi in Euro necessari a coprire il valore delle
transazioni, spese e relative commissioni, conversione che verrà eseguita al tasso di cambio applicato
dalla Banca quel giorno e specificato nel LCS.
13.4.26. Il Titolare di Carta principale ha l’obbligo di accettare per addebito, dai conti correnti aperti a suo nome,
tutte le operazioni effettuate con le Carte emesse a nome dei Titolari di Carta supplementare, nel rispetto
delle disposizioni contrattuali e legali in vigore.
13.4.27. Il Titolare di Carta principale è tenuto a risarcire la Banca eventuali danni, perdite o spese sostenute
dalla stessa derivanti dalla violazione delle presenti CGA oppure dopo aver stabilito le responsabilità
finanziarie in capo al Titolare di Carta principale per il rifiuto di pagamento.
13.5. Responsabilità
13.5.1. Il Cliente dovrà rispondere se a causa del suo comportamento o inadeguata condotta nello svolgere la propria
attività ha causato un danno (compreso di immagine) alla Banca.
13.5.2. Il Cliente ha la piena responsabilità nei confronti della Banca per l’autenticità, la corretta, integrale e precisa
compilazione e per i termini di sottoscrizione dei dati e dei documenti precisati in tutti gli accordi stipulati con la
Banca o connessi alle operazioni bancarie correnti o per la destinazione di tutti i
trasferimenti/pagamenti/operazioni effettuate dalla Banca in nome, per conto e/o a suo ordine, compreso
l’utilizzo di qualsiasi finanziamento contratto dalla Banca.
13.5.3. Il Cliente è considerato in ritardo, senza preavviso e senza dover espletare altre formalità, conseguentemente
alla mera inadempienza degli obblighi assunti entro i termini e secondo le condizioni stipulate nelle presenti
CGA, nonché all’interno del contratto-quadro stipulato con la Banca.
13.5.4. Il Cliente ha la piena responsabilità per le perdite causate dalla trasmissione di dati inesatti o fuorvianti alla
Banca, per le perdite derivanti da sua negligenza o da azioni compiute da terzi, compresi i propri delegati,
nonché nei casi in cui la Banca ha identificato la firma ed il timbro del Cliente in modo scorretto e non si è
dimostrata una grave negligenza dei doveri della stessa.
13.5.5. Il Cliente è responsabile di qualsiasi violazione del copyright di proprietà della Banca.
14. AUTORIZZAZIONI ESPRESSE
14.1. In conformità ed ai sensi delle presenti CGA, nonché del Contratto-Quadro stipulato con la Banca, il Cliente
autorizza espressamente la Banca ad aprire il conto corrente/attivare il /i servizio/-i richiesti con
moduli/documenti/contratti specifici e addebitare dal/dai conto/-i a questi intestato/-i (a prescindere dalla valuta) il
controvalore delle somme dovute alla Banca per qualsiasi motivo, compreso il controvalore delle commissioni
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 30 di 36
indicate nel LCS (relativi al tipo di conto intrattenuto dal Cliente) o eventuali spese di esecuzione o scoperto non
autorizzato di conto ecc., importi che possono essere incassati in automatico dalla Banca dai conti del Cliente,
conseguentemente all’accettazione delle presenti CGA rappresentanti autorizzazione espressa da parte del
Cliente per simile addebito.
14.2. In tutti i casi, la Banca può esercitare questo diritto, senza esserne obbligata, anche se gli importi di cui ai conti
sono stati depositati presso la Banca per un determinato periodo, e tale termine non è scaduto, senza che la
Banca sia responsabile per eventuali danni conseguenti all’esercizio di questi diritti.
14.3. La Banca potrà compensare i saldi attivi dei conti aperti a nome del Cliente, indipendentemente dal tipo e dalla
valuta per dirimere qualsiasi obbligo di pagamento, al fine di compensare qualsiasi credito certo, liquido ed
esigibile del Cliente verso la Banca, con priorità rispetto a qualsiasi altro obbligo del medesimo verso terzi. Nel
caso in cui la Banca vanta nei confronti del Cliente vari crediti certi, liquidi ed esigibili, la loro compensazione sarà
gestita dalla Banca nell’ordine previsto per l’attribuzione dei pagamenti di cui alle presenti CGA. In ogni caso, la
Banca non sarà responsabile nei confronti del Cliente per eventuali danni derivanti dall’esercizio dei diritti di cui
sopra.
14.4. Con l’accettazione e recepimento delle presenti CGA, il Cliente autorizza espressamente la Banca a partecipare
a suo nome sul mercato valutario per l’acquisto o la vendita di valuta o per eseguire la conversione da una valuta
all’altra, così come per chiudere in anticipo depositi vincolati a termine costituiti dal Cliente presso la Banca.
15. DURATA DEL RAPPORTO CONTRATTUALE TRA CLIENTE E BANCA
15.1. Il Contratto-Quadro tra Cliente e Banca, così come le presenti CGA vengono stipulati a tempo indeterminato.
15.2. Le presenti CGA entrano in vigore alla data di contrattazione da parte del Cliente del primo prodotto e/o servizio e
saranno valide per l’intero periodo in cui il Cliente beneficia/utilizza i prodotti o i servizi messi a sua disposizione
da parte della Banca, fino alla cessazione degli effetti dell’ultimo prodotto e/o servizio fornito dalla Banca al
Cliente ai sensi del Contratto-Quadro.
15.3. Le clausole relative ai prodotti di cui alle presenti CGA si applicano nei rapporti commerciali tra Cliente e Banca
solo nel caso in cui il Cliente ha richiesto espressamente tali prodotti alla data di sottoscrizione dei
moduli/documenti/contratti specifici o successivamente oppure ha costituito i prodotti in oggetto attraverso il
servizio Internet Banking.
16. CESSAZIONE DEL RAPPORTO CONTRATTUALE TRA CLIENTE E BANCA
16.1. La Banca ed il Cliente potranno interrompere il rapporto giuridico derivato dopo l’avvio dei rapporti commerciali in
qualsiasi momento, senza dover giustificare tale decisione.
16.2. Le presenti CGA possono essere disdette unilateralmente da qualsiasi delle parti dietro previa notifica per iscritto,
trasmessa come segue:
16.2.1. il Cliente trasmette alla Banca la notifica 30 (trenta) giorni prima della data di cessazione;
16.2.2. la Banca trasmette al Cliente la notifica due mesi prima della data di cessazione.
16.3. Nel caso in cui la Banca ha rilasciato una carta di debito a favore del Cliente connessa al conto corrente del
medesimo, tale conto può essere liquidato soltanto trascorsi 30 (trenta) giorni dalla restituzione della carta alla
Banca e dopo la regolarizzazione di tutte le transazioni effettuate con la carta stessa.
16.4. La Banca si riserva il diritto di risolvere il Contratto-Quadro stipulato con il Cliente ed implicitamente le presenti
CGA, di pieno diritto, senza diffida ad adempiere, senza l’intervento della corte, senza preavviso e senza la
necessità di espletare altre formalità (patto commissorio), in tutti i casi in cui il Cliente trasgredisce uno o più
degli obblighi assunti con le presenti CGA o in qualsiasi delle situazioni di cui infra:
16.4.1. riceve informazioni negative sulla reputazione del Cliente o se il Cliente dimostra mancanza di
rispetto nel suo atteggiamento verso la Banca o i suoi impiegati;
16.4.2. il Cliente ha eseguito o prova ad eseguire azioni fraudolenti nei confronti della Banca o qualsiasi dei
suoi Clienti oppure ha causato danni o perdite (attuali, potenziali, di immagine ecc.) alla Banca o ai
membri del gruppo di entità di cui fa parte la Banca;
16.4.3. il Cliente ha promosso o ha avuto intenzione di promuovere querele contro la Banca o i membri del
gruppo di entità di cui fa parte la Banca oppure ha esposto la Banca o membri del gruppo di entità di
appartenenza della Banca a contenziosi da parte di terzi;
16.4.4. il Cliente ha fornito alla Banca informazioni false o distorte, non ha presentato i documenti o le
informazioni richiesti dalla Banca oppure la Banca ha informazioni o sospetta che il Cliente ha
eseguito oppure intende eseguire operazioni contemplate dalla normativa antiriciclaggio;
16.4.5. il Cliente e/o la persona autorizzata - persone fisiche sono deceduti o soggetti al divieto;
16.4.6. una parte considerata importante dalla Banca tra le attività del Cliente è stata sospesa, trasferita o
cessata.
16.5. In tutti i casi di cessazione delle presenti CGA e del Contratto-Quadro, la Banca chiuderà automaticamente i conti
correnti e qualsiasi altro prodotto/servizio fornito al Cliente, con la precisazione che le presenti CGA ed il
Contratto-Quadro producono effetti giuridici fino al completo rimborso di tutte le passività del Cliente alla Banca,
compreso restituzione della Carta, token e di qualsiasi altro modulo alla Banca, indipendentemente dal modo in
cui si effettua il pagamento (pagamento per propria iniziativa, recupero in via bonaria, esecuzione forzata ecc.).
17. CHIUSURA DEI CONTI
17.1. La chiusura di un conto corrente può essere avviata in qualsiasi momento dal Cliente o dalla Banca oppure a
scadenza del termine per il quale è stato aperto. La condizione necessaria da soddisfare in sede di chiusura di un
conto corrente è la previa regolarizzazione di tutti gli obblighi presenti e/o futuri del Cliente verso la Banca,
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 31 di 36
nonché degli obblighi assunti dalla Banca per conto del Cliente. Quando si chiude il conto corrente, verranno
chiusi anche tutti gli altri conti del Cliente aperti presso la Banca.
17.2. Il conto corrente può essere chiuso su richiesta scritta del Cliente alla Banca, con un preavviso di 30 giorni. Nel
caso in cui la Banca ha emesso a nome del Cliente una carta di debito connessa al suo conto corrente, questo
conto si può chiudere soltanto trascorso un periodo di 30 (trenta) giorni dalla restituzione della carta alla Banca e
dopo la liquidazione di tutte le transazioni effettuate con la carta stessa.
17.3. La Banca può chiudere un conto corrente o qualsiasi sotto-conto senza alcuna giustificazione, con un preavviso
di due mesi calcolato dalla data di presentazione da parte del Cliente della comunicazione scritta in questo senso.
17.4. La Banca si riserva il diritto di chiudere di propria iniziativa, immediatamente e senza preavviso, il conto corrente
di un Cliente, di pieno diritto, senza diffida ad adempiere, senza l’intervento della corte e senza la necessità di
espletare altre formalità (patto commissorio) in tutti i casi in cui il Cliente trasgredisce uno o più obblighi
contrattuali verso la Banca, dietro mera comunicazione scritta al Cliente da parte della Banca.
17.5. La Banca comunica per iscritto al Cliente la data di chiusura del conto corrente, nonché se del caso, la modalità
di trattamento del relativo saldo.
17.6. In caso di non utilizzo dei conti per 6 (sei) mesi (fatte salve le operazioni effettuate su iniziativa della Banca) e se
il saldo è inferiore a 5 (cinque) Euro (o equivalente in lei), la Banca può chiudere questi conti con un preavviso di
due mesi calcolato dalla data di presentazione al Cliente della comunicazione scritta in tal senso, dopo di che,
previa regolarizzazione, se il conto corrente registra saldo positivo, la Banca tratterà i rispettivi importi in
conformità alle istruzioni scritte del Cliente.
17.7. In tutti i casi, se durante il periodo di preavviso comunicato dalla Banca per la chiusura del conto, la Banca non
riceve alcuna istruzione da parte del Cliente su come gestire il saldo del conto corrente, la Banca trasferirà le
somme in un conto collettore, dove le andrà a contabilizzare per il periodo previsto dalla legge, tali importi non
sono fruttiferi.
17.8. I documenti depositati dal Cliente al momento dell’apertura del conto (corrente ecc.), in sede di aggiornamento
dei suoi dati identificativi, i documenti presentanti in occasione dello svolgersi delle operazioni tramite la Banca o
qualsiasi altro documento richiesto dalla Banca, non saranno restituiti al Cliente alla chiusura del conto.
17.9. Le presenti CGA regoleranno i rapporti reciproci tra il Cliente e la Banca, anche dopo la chiusura del conto
corrente del Cliente.
18. LUOGO DI FUNZIONAMENTO. IDENTIFICAZIONE DEL CLIENTE. DELEGA
18.1. La sede della Banca o delle sue unità territoriali rappresentano il luogo di funzionamento dei rapporti commerciali
tra Banca e Cliente, l’edificio dove si svolgono i servizi della Banca (filiali/agenzie/uffici di rappresentanza/punti
operativi) che forniscono servizi al Cliente. Tutti i rapporti giuridici tra Cliente e Banca sono soggetti alla legge
romena anche in caso di contenziosi all’estero.
18.2. In caso di soppressione dell’unità territoriale della Banca con cui il Cliente ha avviato i rapporti commerciali o in
qualsiasi altro caso giustificato, i rapporti con il Cliente si realizzano tramite un’altra unità territoriale appartenente
alla Banca, il Cliente autorizza espressamente la Banca a questo proposito.
18.3. In caso di fusione, divisione o transfer totale/parziale delle attività della Banca verso un altro istituto, la Banca è
autorizzata a trasferire i rapporti contrattuali con il Cliente all’istituto che assume (in tutto o in parte) gli obblighi
della Banca, quindi il Cliente ne acconsente espressamente.
18.4. La Banca è autorizzata, in caso di qualsiasi transazione effettuata “di persona” a verificare secondo le proprie
procedure l’identità del Cliente o delle persone autorizzate/delegate, sulla base del documento originale di identità
e/o di altri documenti ufficiali richiesti dalla Banca.
18.5. L’accesso del Cliente ai servizi bancari che richiedono l’identificazione del Cliente da remote per eseguire
operazioni tramite la Banca si può realizzare in forza al Contratto-Quadro.
18.6. La Banca può rifiutare di effettuare qualsiasi transazione nel caso in cui il Cliente o le persone autorizzate
insistono a rimanere anonimi, quindi rifiutano la verifica dell’identità da parte della Banca. La Banca tratterà in
modo similare anche i casi in cui la persona in questione non è in grado di identificarsi in conformità ai requisiti
della Banca.
18.7. La Banca è autorizzata a individuare un numero di documenti o informazioni che saranno richiesti al Cliente o alle
persone autorizzate in modo da poter effettuare l’identificazione come previsto dalla vigente normativa in materia
di conoscenza della clientela applicabile sul luogo di funzionamento, ovvero stabilire se la persona si trova “in
rapporti speciali” con la Banca, se fa parte di un “gruppo” oppure se rappresenta “singolo debitore” verso la
Banca.
18.8. Nello svolgere le operazioni bancarie, la Banca metterà a confronto la firma del Cliente e/o delle persone
autorizzate con gli specimen di firma messi a disposizione della Banca in sede di apertura del conto, oppure in
occasione di eventuali modifiche successive.
18.9. Il Cliente può concedere ad una terza persona l’autorizzazione di effettuare operazioni bancarie a suo nome e per
suo conto. Le autorizzazioni possono essere effettuate sia presso il luogo di funzionamento, dietro firma apposta
dinnanzi all’impiegato della Banca nel rispetto delle disposizioni legali in materia, sia con procura speciale
autentica.
18.10. Qualora la procura è valida per un periodo limitato di tempo, diventa nulla e non valida dalla data di scadenza
della stessa, tranne i casi in cui il Cliente ne ha proceduto alla revoca, per iscritto. Se la procura non prevede un
termine o non è concessa per un periodo indeterminato, la validità cessa entro 3 (tre) anni dalla data di
assegnazione, quindi con tale data il delegato non avrà più diritto ad operare sui conti. Una procura conferita a
tempo indeterminato sarà considerata valida dalla Banca fino al momento in cui il Cliente la revoca
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 32 di 36
espressamente per iscritto. La revoca di una procura concessa in forma autentica va effettuata sempre per
iscritto in forma autentica. Per opponibilità alla Banca, qualsiasi revoca della delega/mandato va registrata presso
la Banca.
18.11. Il Cliente ha la piena responsabilità per le perdite registrate dalla Banca nel caso in cui questi o un suo
delegato si trovava in incapacità legale nel momento in cui l’operazione è stata eseguita dalla Banca.
18.12. Con il recepimento delle presenti CGA, il Cliente è consapevole che qualsiasi sua comunicazione con la Banca
effettuata per telefono può essere registrata, quindi ne acconsente espressamente ed accetta che tali
registrazioni possano costituire prova di “prima facie” per quanto riguarda gli ordini telefonici impartiti alla Banca.
18.13. La Banca può comunicare qualsiasi informazione circa i prodotti, servizi ecc. forniti alla clientela, per affissione
presso il luogo di funzionamento, pubblicazione sul sito web o attraverso qualsiasi altra modalità a sua
disposizione in conformità alle vigenti disposizioni di legge.
18.14. In ogni caso la Banca presume che il Cliente ha le informazioni comunicate secondo quanto sopra, le recepite
e ne concorda, fatte salve le situazioni in cui il Cliente ne manifesta espressamente disaccordo per iscritto.
18.15. Se i documenti relativi alle operazioni bancarie contengono importi espressi in lettere che non coincidono con
gli importi espressi in cifre, la Banca è autorizzata a non eseguire/effettuare le operazioni di cui ai documenti
oppure di eseguire/effettuare l’operazione considerando gli importi espressi in lettere.
18.16. La Banca accetterà istruzioni soltanto del Cliente o delle persone autorizzate, così come istruzioni autenticate
da un codice concordato in precedenza con il Cliente. Qualsiasi cancellazione o modifica di un ordine ricevuto, di
un’autorizzazione concessa o di un codice concordato avviene nel rispetto delle disposizioni legali e dei limiti orari
di transazione (cut-off times) e non vincola la Banca fino alla ricezione di una notifica su cartaceo da parte del
Cliente al riguardo.
18.17. Per motivi di sicurezza, la Banca si riserva il diritto, senza esserne obbligata, a richiedere per iscritto al Cliente
(a spese del medesimo), la conferma di qualsiasi ordine o istruzione ricevuto per telefono, fax, e-mail o altri mezzi
elettronici dal Cliente stesso o dai suoi delegati, prima della relativa esecuzione, quindi il Cliente è obbligato a
confermare alla Banca con risposta scritta la correttezza dell’ordine o dell’istruzione in oggetto. Nel caso in cui
l’ordine o l’istruzione non è confermato per iscritto dal Cliente o dai suoi delegati, la Banca non è obbligata ad
eseguirlo, quindi non sarà considerata responsabile per danni o perdite derivanti in conseguenza di tale
inadempimento.
19. NOTIFICHE
19.1. In aggiunta alle informazioni specifiche per le operazioni in corso, la Banca ed il Cliente si comunicano
reciprocamente qualsiasi evento, fatto, omissione, errore che si dovesse verificare nel loro rapporto e
risponderanno al più presto possibile a tutte le domande rivolte l’un l’altro su questi problemi.
19.2. Qualsiasi richiesta, notifica, approvazione o comunicazione del Cliente alla Banca in riferimento al ContrattoQuadro si realizza per iscritto, in lingua romena e va trasmessa/comunicata all’indirizzo della sede legale o di
posta elettronica dell’unità territoriale della Banca indicato nei moduli specifici oppure all’indirizzo indicato sul sito
della Banca come appartenente all’unità territoriale presso dove il Cliente intrattiene i conti correnti. Tale
corrispondenza è considerata efficace al ricevimento della conferma.
19.3. Qualsiasi richiesta, notifica, approvazione o comunicazione della Banca al Cliente in riferimento al ContrattoQuadro deve essere in forma scritta, in lingua romena, da effettuarsi secondo una delle seguenti modalità: lettera
semplice, e-mail, sms, affissione presso la sede dell’unità territoriale della Banca (per informazioni generali) o sul
sito internet della Banca. Se la notifica del Cliente viene effettuata con lettera semplice, e-mail, sms, bisogna
spedirla all’indirizzo di corrispondenza/di posta elettronica o al recapito telefonico del Cliente di cui ai moduli
specifici, salvo il caso in cui il Cliente ha comunicato alla Banca un altro indirizzo di corrispondenza/posta
elettronica o altro numero di cellulare, nel qual caso si prende in considerazione l’indirizzo di
corrispondenza/posta elettronica o il numero di cellulare notificato più di recente. Tale corrispondenza sarà
considerata efficace dalla data di spedizione.
19.4. La Banca non è responsabile per le conseguenze dovute a ritardi e/o perdite di messaggi, lettere o documenti né
in caso di danni o altri errori che possono verificarsi durante la trasmissione, se il ritardo, la perdita, il
danneggiamento ed i relativi errori non sono ad essa imputabili.
19.5. Le comunicazioni consegnate “di persona” si considerano efficaci dal momento della consegna dietro firma del
Cliente o di un suo delegato.
20. LEGISLAZIONE APPLICABILE. SOLUZIONE CONFLITTI E VERTENZE
20.1. Le presenti CGA, nonché il Contratto-Quadro stipulato con il Cliente sono regolati ed interpretati in linea con la
legge romena, i regolamenti legali vigenti in materia di attività bancaria, trattamento dei dati personali, contrasto
alla criminalità informatica, norme concernenti il mandato, qualsiasi normativa legale che regola la disciplina
valutara, e la legge in materia di antiriciclaggio, nonché per l’istituzione di misure atte a prevenire e combattere il
finanziamento del terrorismo.
20.2. Le controversie tra le parti saranno risolte in via bonaria, e se ciò non è possibile, dai tribunali competenti di
Bucarest, salvo disposizioni di legge che stabiliscono la competenza esclusiva di altre corti. Questa clausola non
limita il diritto della Banca di scegliere un altro tribunale per la risoluzione delle controversie tra le parti in
conformità con la legge.Agendo in veste di querelante, la Banca potrà, se del caso, sottoporre la controversia non
soltanto ai tribunali in Romania, ma anche ad uno straniero che ha giurisdizione sul Cliente.
20.4. Nel caso in cui qualsiasi disposizione contenuta nel Contratto-Quadro o nei contratti specifici di determinati
servizi/prodotti offerti dalla Banca è oppure diviene ad un certo punto illecita, inefficace o ineseguibile, secondo la
legge applicabile, tutte le altre clausole restano inalterate e valide.
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 33 di 36
20.5. Qualsiasi reclamo del Cliente circa la qualità dei servizi forniti dalla Banca o scarso adempimento o inadempienza
degli obblighi della Banca sarà da questa esaminato e il Cliente riceverà una risposta entro un termine
ragionevole, quindi il Cliente verrà informato sulla misura adottata con qualsiasi mezzo di comunicazione
concordato con il Cliente all’interno delle presenti CGA. Nel caso in cui il Cliente non sarà soddisfatto con le
misure adottate dalla Banca, si procederà alla risoluzione in via bonaria, ove non possibile, si proseguirà secondo
le disposizioni legali vigenti.
20.6. I documenti giustificativi originali/registrazioni estratti dai registri della Banca ivi depositati costituiscono, di per sé,
la base della soluzione delle controversie riguardanti i rapporti commerciali tra la Banca ed il Cliente e serviranno
come prova “prima facie” in relazione al Cliente, fino alla prova contraria fornita dal Cliente.
20.7. Per quanto riguarda eventuali controversie in relazione ai servizi di pagamento resi dalla Banca, il Cliente consumatore può seguire anche procedure stragiudiziali di composizione delle controversie, rivolgendosi
all’Autorità Nazionale per la Tutela dei Consumatori o della Banca Centrale della Romania. La Banca Centrale
della Romania garantisce l’applicazione di procedure stragiudiziali di ricorso adeguate ed efficaci per la
risoluzione dei reclami presentati dagli utenti dei servizi di pagamento che si considerano lesi dai fornitori di
servizi di pagamento operanti sul territorio della Romania. Gli utenti di servizi di pagamento possono ricorrere a
queste procedure per risolvere i reclami su base volontaria. Per risolvere qualsiasi controversia/contenzioso, il
Cliente ha anche il diritto di ricorrere ai tribunali competenti della Romania. L’autorità di sorveglianza della Banca
è la Banca Centrale della Romania, con sede centrale a Bucarest, Str. Lipscani nr. 25, sector 3, CAP 030031.
21. FORZA MAGGIORE E CASO FORTUITO
21.1. La forza maggiore ed il caso fortuito, come definiti dalla legge, esonera la parte che invoca tali situazioni. Per
forza maggiore si intende ogni circostanza che si verifica dopo la stipula delle presenti CGA e del ContrattoQuadro e consiste in eventi esterni, imprevedibili, assolutamente invincibili ed inevitabili in conformità alla legge
romena. Il caso fortuito è un evento che non può essere previsto né impedito da chi sarebbe stato ritenuto
responsabile se l’evento non si fosse verificato, secondo la legge romena. La parte che invoca la/il forza
maggiore/caso fortuito ne deve dare comunicazione all’altra parte, in forma scritta, entro 5 (cinque) giorni dal
verificarsi dell’evento.
21.2. La Banca non è tenuta responsabile in caso di inadempimento di uno dei propri obblighi se tale situazione è il
risultato diretto o indiretto di circostanze indipendenti alla sua volontà o capacità (casi di forza maggiore).
21.3. I casi di forza maggiore/caso fortuito sospendono automaticamente gli obblighi delle parti durante l’esistenza
dell’evento.
21.4. Se la forza maggiore/caso fortuito impedisce una delle parti nell’adempiere ai propri obblighi contrattuali per un
periodo superiore a 30 (trenta) giorni, qualsiasi delle parti ha il diritto, in mancanza di altri accordi, di risolvere ipso
jure le presenti CGA, con una notifica all’altra parte, senza risarcimento danni.
21.5. Gli eventi di forza maggiore o il caso fortuito non esonerano la responsabilità del Titolare della carta, che rimane
obbligato alla Banca fino al completo rimborso di tutti i debiti derivanti dalle presenti CGA e dal Contratto-Quadro.
22. MODIFICA CGA
22.1. Eventuali modifiche alle presenti CGA sono proposte al Cliente - persona fisica - almeno 2 (due) mesi prima
dell’applicazione delle stesse, attraverso uno dei mezzi di comunicazione previsti dalle presenti CGA.
22.2. Nel caso in cui il Cliente notifica per iscritto alla Banca, prima della data fissata per l’applicazione delle modifiche,
di non concordarne, il Cliente ha la possibilità di risolvere unilateralmente le presenti CGA senza che la Banca
addebiti alcun costo. In caso contrario, la Banca applicherà le nuove modifiche contrattuali o potrà recedere ipso
jure, immediatamente e senza preavviso le presenti CGA concordate con il Cliente, salvo i casi in cui il Cliente
registra debiti, quindi è tenuto a pagarli per intero.
22.3. Se la Banca non riceve comunicazione scritta da parte del Cliente prima della data fissata per l’applicazione delle
modifiche dove dichiara espressamente di non concordate con tali modifiche del Contratto, si considera che il
Cliente ha tacitamente accettato le nuove condizioni contrattuali.
22.4. Le nuove versioni di uno dei documenti sopra citati, che andranno a sostituire in tutto o parte precedenti
documenti, saranno inviate ai Clienti su richiesta, con affissione presso le unità territoriali della Banca e/o
pubblicazione sul sito internet dell Banca.
22.5. Il Cliente non può invocare alla Banca l’ignoranza del Contratto-Quadro o della legislazione e dei regolamenti
vigenti in materia creditizia, addebito e di altri servizi forniti dalla Banca.
23. DISPOSIZIONI FINALI
23.1. I titoli esecutori emessi in riferimento ai conti correnti dei Clienti nei casi ed alle condizioni previste dalla legge
(esistenza di un ordine di pignoramento o altra disposizione per il congelamento del conto ordinata dall’autorità
giudiziale abilitata o da un organismo statale o da qualsiasi organo competente ai sensi della legge) viene
eseguito dalla Banca entro i limiti di cui alle disponibilità del conto corrente del Titolare, senza il suo preventivo
consenso.
23.2. Il Contratto-Quadro viene integrato con i regolamenti della Banca Centrale della Romania e con la legislazione
applicabile in vigore.
23.3. Il Contratto-Quadro costituisce titolo esecutivo ed è soggetto alle disposizioni di cui all’O.U.G. 99/2006 sugli istituti
di credito e l’adeguatezza patrimoniale, Legge n. 287/2009 per il Codice Civile Romeno, O.U.G. n. 113/2009 sui
servizi di pagamento, come sono stati/possono essere modificati/integrati successivamente.
23.4. All’interno delle presenti CGA, tutte le disposizioni che si riferiscono agli “obblighi” del Cliente, con l’espressione
Cliente si intende sia il Cliente - titolare del conto, quanto anche qualsiasi altra persona da questi autorizzata ad
operare sul suo conto. Ogni riferimento agli obblighi del Titolare della Carta è valido sia per il Titolare di carta
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 34 di 36
principale che per il Titolare di Carta supplementare.
23.5. Un cliente può contenere un unico pacchetto di prodotti e/o servizi tra quelli forniti dalla Banca in conformità al
LCS.
23.6. Gradualmente all’attuazione di altri servizi da parte della Banca, questi saranno portati a conoscenza dei propri
clienti attraverso pubblicazione sul sito Internet della Banca www.intesasanpaolo.ro, materiali pubblicitari,
affissione presso le unità territoriali della Banca o attraverso i mezzi di comunicazione elettronica (internet, e-mail,
SMS, fax ecc.).
23.7. Le presenti CGA sono state elaborate in lingua romena e sono state consegnate al Cliente al momento della
sottoscrizione della Domanda per l’apertura di conti correnti e prodotti aggiuntivi.
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 35 di 36
www.intesasanpaolobank.ro  0800 800 888
Condizioni Generali Commerciali della Banca Commerciale Intesa Sanpaolo Romania S.A. Persone Fisiche
Pagina 36 di 36
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
682 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content