close

Enter

Log in using OpenID

copertine CORRIERE singole.p65

embedDownload
Pellegrino De Rosa
Plasticismo evolutivo
Una nuova ipotesi evoluzionistica basata sulla
biologia quantistica e sull’entanglement olografico
EDIZIONI
SIMPLE
Evoluzionismo, Creazionismo
o Plasticismo evolutivo?
Il Plasticismo evolutivo: un’affascinante
e nuova ipotesi evoluzionistica, presentata
da uno studioso e scrittore italiano, che basandosi sui principi delle scienze
quantistiche (universo olografico di
Bohm) e su una serie di osservazioni
naturalistiche (mimetismo) - vorrebbe
conciliare evoluzionismo e creazionismo,
supponendo una possibile funzione
“plastica” della psiche dell’individuo e
richiamando il monismo panteistico
bruniano.
Farfalla “foglia secca” (Kallima inachus)
Insetto-foglia (Phyllium spp.)
ISBN: 9788862594165
free download e-book
A mio figlio Antonio.
1
Pellegrino De Rosa
plasticismo
evolutivo
Una nuova ipotesi evoluzionistica basata
sulla biologia quantistica e sull’entanglement olografico
SAGGIO INTRODUTTIVO
EDIZIONI
SIMPLE
3
Proprietà riservata.
©
De Rosa Pellegrino (2009)
L’autore detiene tutti i diritti - sia in Italia che all’estero - sui neologismi e
sui termini e concetti inediti da lui proposti e illustrati in questo saggio.
L’autore puo’ essere contattato:
tramite mail: [email protected]
sul sito: http://www.metamorfer.com,
o tramite le sue pagine su Facebook o su Google+.
La versione cartacea in italiano del saggio potrà essere acquistata dai bookstore
on-line, mentre quella digitale, in inglese, è scaricabile gratuitamente dal web
(es. dal sito http://www.issuu.com) o cercando on-line il file pdf.
La presente versione è scaricabile dal sito: http://www.corriereirpinia.it
4
Chi si occupa di scienza ha il dovere
di mettere in dubbio tutto ciò
che si ritiene già acquisito.
Jean François Champollion
Il Vostro corpo,
dalla punta del becco alla coda,
dall’una all’altra punta delle ali,
non è altro che il Vostro pensiero:
una forma del Vostro pensiero,
visibile, concreta.
Spezzate le catene che
imprigionano il pensiero,
e anche il Vostro corpo
sarà libero.
da “Il gabbiano Jonathan Livingston”
di Richard Bach
5
Sommario
Prefazione del Prof. Pellegrino Conte
I
Introduzione
1
1. Il quesito di partenza: come si è evoluto l’insetto-foglia?
3
2. Considerazioni sul Lamarckismo
2. 1. Confutazione del Lamarckismo
5
5
3. Considerazioni sul Darwinismo e sulle altre teorie basate
sul caso
3. 1. Selezione naturale ed evoluzionismo sono due cose diverse
3. 2. Le variazioni delle frequenze geniche in una popolazione
non possono, da sole, condurre alla comparsa di nuove specie
3. 3. Confutazione dell’evoluzione casuale
3. 4. Altri punti critici del Darwinismo
8
10
12
4. Mimetismo e necessità di una diversa ipotesi evoluzionistica
4. 1. La Biston betularia e il melanismo industriale
4. 2. Come si formano le specie mimetiche?
14
14
14
5. La convergenza evolutiva e la necessità di una diversa ipotesi
evoluzionistica
17
7
7
6. Relazione tra mente, corpo, ipergenomica e scienze quantistiche
6. 1. Ologrammi e fisica quantistica (cenni)
6. 2. Mente e campo energetico delle specie viventi
e corpo inteso come ologramma
6. 3. La biologia quantistica
6. 4. Indizi di bio-entanglement quantistico
6. 5. La mente è in grado di agire sul corpo?
6. 6. Animali rapidomimetici e somatizzazione quantistica
6. 7. Podaciris sicula, medusa amortale, metamorfosi e
complessione ipergenomica
6. 8. Neurobiologia vegetale: anche le piante hanno una mente?
6. 9. “Evoluzione quantica” e il paradosso del gatto di Schrödinger
6.10. Mutazioni “adattive” ed “evoluzione diretta”
19
19
7. Aspetti olistici
7. 1. La storiella della “centesima scimmia”
37
39
8. Il Plasticismo evolutivo
8. 1. Caratteristiche distintive del Plasticismo evolutivo
41
42
9. Plasticismo evolutivo e Creazionismo
44
10. Il Plasticismo genomico
45
Appendice
7
22
23
25
26
26
28
31
32
35
47
8
Prefazione
La teoria Darwiniana sull’Origine delle Specie è oggi accettata da tutta la
comunità scientifica in quanto rappresenta l’unica risposta seria ai quesiti
che fin dall’antichità l’essere umano si è posto: chi siamo? Da dove veniamo?
Nonostante tutte le prove a sostegno della teoria di Darwin, ancora oggi
una parte della popolazione mondiale (specialmente quella del Continente
Americano) ritiene che essa sia fallace e che un disegno intelligente sia più
attendibile di una teoria che spiega in modo obiettivo delle osservazioni
sperimentali (Dawkins, 2010).
L’obiettività scientifica si fonda sulla possibilità di dare delle spiegazioni a
fatti empirici sulla base delle cognizioni correnti e fino a prova contraria. E,
bisogna aggiungere, fino ad ora prove a sostegno di un disegno intelligente
non sono state ancora trovate. Al contrario, giorno dopo giorno aumentano
le prove a sostegno di una evoluzione basata sul caso (Monod, 1970;
Dawkins, 2010).
Il punto centrale dell’avversione alla teoria di Darwin è, sostanzialmente,
di tipo poetico ovvero filosofico: come è possibile che il caso possa
governare lo sviluppo degli esseri viventi? È mai possibile pensare che
trasformazioni casuali abbiano consentito l’evoluzione di sistemi complessi
come gli animali e le piante superiori?
Il problema è una errata concezione del significato di “caso”.
Sotto l’aspetto puramente etimologico, “caso” è un avvenimento che si
verifica senza una causa definita e identificabile, contraddicendo così ogni
teoria deterministica che assegna ad ogni accadimento una precisa causa
(http://it.wikipedia.org/wiki/Caso_%28filosofia%29).
In realtà, quando si parla di accadimenti che avvengono casualmente
non si vuole intendere che essi si realizzino senza una causa precisa, ma
che, al contrario, la causa esiste e non è, attualmente, identificabile
(Boncinelli, 2011). In altre parole, uno scienziato non si spinge a dare risposte
se non ha a disposizione dei fatti che gli consentano di dedurre delle
spiegazioni. Se questi fatti non sono facilmente identificabili, lo scienziato,
da buon ricercatore, studia prima il sistema semplificato e poi, sulla base di
complicazioni successive e graduali, cerca di spiegare il comportamento
del sistema complesso individuando le sinergie tra le diverse componenti
elementari.
In questa logica, quando nelle scienze si parla di processi casuali si intende
“processi che non hanno una causa specifica nota, o perché non è utile o
perché non è facile o perché non è possibile conoscerla” (Boncinelli, 2011).
Lo scopo dei ricercatori è quello di individuare le cause di questi processi
spostando sempre più in avanti il confine tra ciò che è comprensibile e ciò
che non lo è ovvero cercando di definire sempre meglio il significato di “caso”.
9I
Gli sviluppi occorsi negli ultimi decenni nell’ambito matematico, fisico,
chimico e biologico hanno consentito di elaborare una nuova concezione
delle ipotesi evoluzionistiche di Darwin (McFadden, 2000; Dawkins, 2010).
Queste nuove idee si basano sulla consapevolezza che il corredo genetico
degli esseri viventi contiene migliaia di informazioni relative ai singoli individui
delle singole specie. Queste informazioni sono codificate nei codoni (triplette
di basi nucleotidiche) del DNA (acido desossiribonucleico) e vengono prima
trascritte e poi tradotte nel corredo proteico (per informazioni dettagliate in
merito al significato biochimico del DNA ed ai processi di trascrizione e
traduzione consultare Tymoczko & Stryer, 2011). Ogni proteina ha una
sua specifica funzione che consente lo sviluppo di tutti gli organismi viventi.
Tuttavia, il DNA è fatto da migliaia di triplette di basi nucleotidiche e non
tutte sono attive contemporaneamente. Solamente una piccolissima parte
dei codoni del DNA consente la vita come noi la conosciamo.
Quando un casuale (questo sì non prevedibile) evento geofisico (ovvero
naturale come un terremoto, un’inondazione e così via di seguito) modifica
l’habitat in cui sopravvive una data specie, si attivano quei codoni che nelle
condizioni ambientali precedenti non lo erano. Come conseguenza si
osservano le mutazioni che portano all’evoluzione dalla specie primitiva
(nel senso di prima dell’evento geofisico casuale) verso una specie più
evoluta in grado di sopravvivere nelle nuove condizioni ambientali. In questo
senso “evoluto” non vuol dire “più intelligente”, ma semplicemente “nuovo”
rispetto alla specie precedente (Dawkins, 2010).
Molti esempi di questo tipo sono riportati nel saggio di Pellegrino De
Rosa. Uno tra tutti il processo evolutivo della Podaciris sicula che a seconda
delle condizioni ambientali sviluppa in modo differente le diverse parti del
suo organismo.
Sulla base di quanto finora riportato, quale deve essere, a mio avviso, la
chiave di lettura del saggio di Pellegrino De Rosa?
In realtà, l’ipotesi dell’attivazione codonica funzionale agli habitat in cui
le specie viventi sopravvivono, spiega molto bene come mai il DNA è così
complesso. Infatti, la domanda che ci si potrebbe porre è: perché il DNA si
è evoluto in una struttura complessa (Watson & Crick, 1953) se solo una
piccolissima parte di esso viene utilizzata per la sintesi proteica?
Evidentemente il DNA è una vera e propria rete di laboratori chimici ognuno
dei quali si attiva solo all’occorrenza quando la necessità di sopravvivenza
diventa impellente (Monod, 1970). Ma mentre in una rete di laboratori
chimici i singoli ricercatori cooperano tra loro scambiandosi informazioni
via internet, attraverso le pubblicazioni o semplicemente prendendo un caffè
insieme, in che modo comunicano tra loro i codoni? In che modo un codone
“realizza” che deve smettere di funzionare per consentire al proprio collega
vicino di laboratorio di svolgere senza ostacoli il proprio lavoro?
Anche se sotto l’aspetto ancora puramente metafisico, col suo saggio,
Pellegrino De Rosa cerca di fornire una risposta alle domande appena riportate.
10
II
L’autore introduce il concetto di un campo metafisico attraverso cui
avvengono quelle comunicazioni che consentono di spegnere codoni attivi
ed accenderne degli altri in una sorta di interruttore biochimico del tipo on/
off. Questo consentirebbe di spiegare sia mutazioni permanenti come quelle
del Phyllium bioculatum che comportamenti temporanei come quelli delle
Sepiidae quando soggette all’azione casuale e temporanea dei predatori.
Molto suggestive sono anche le possibili implicazioni dell’esistenza di un
simile campo metafisico come per esempio l’idea della morte che si rifà a
quella degli universi paralleli di derivazione quantistica (Camejo, 2006).
Gli organismi viventi devono essere considerati come delle proiezioni
tridimensionali, indipendenti ed inconsapevoli le une delle altre, di una realtà
polidimensionale cosicché, quando un individuo muore, la realtà
polidimensionale rimane intatta e continua la sua esistenza.
Si potrebbe continuare a lungo nel citare le suggestive idee avanzate da
Pellegrino nel suo saggio.
Ciò che ancora manca, tuttavia, è la cosiddetta “ciliegina sulla torta”.
Manca, cioè, una conferma sperimentale di tali ipotesi.
Bisogna, però, aggiungere che laddove finisce il lavoro del teorico, inizia
quello degli sperimentatori.
È adesso compito dei ricercatori individuare le strategie sperimentali
migliori per confermare quanto suggestivamente avanzato da Pellegrino
De Rosa.
Pellegrino Conte
Professore Associato di
Chimica Agraria presso
l’Università degli Studi
di Palermo
Riferimenti
Boncinelli, E., 2011, I casi della vita. Newton, 18/19, 40-43
Camejo, S.A., 2006, Il bizzarro mondo dei quanti. Springer-Verlag Italia, Milano (Italia)
Dawkins, R., 2010, Il più grande spettacolo della Terra. Perché Darwin aveva ragione.
Edizioni Oscar Mondadori (2011)
McFadden, J., 2000, Quantum evolution. W.W. Norton & Company, NY, USA
Monod, J., 1970, Il caso e la necessità. Edizioni Oscar Mondadori (2011)
Tymoczko, B.J.M., Stryer, J.L., 2011, Biochemistry, 7th ed., W.H. Freeman & Co
Ltd, NY, USA
Watson, J.D., Crick, F.H.C., 1953, Molecular structure of nucleic acids. A Structure
for Deoxyribose Nucleic Acid. Nature, 4356, 737
III
11
12
Introduzione
Che le specie viventi non siano sempre state come le vediamo
oggi e che si siano evolute nel corso del tempo è ritenuto un dato
di fatto oggettivo, quasi universalmente accettato, e con il quale
concordo pienamente.
L’evidenza dei fossili e di altri fatti incontestabili, come la
convergenza evolutiva e la presenza di geni vestigiali - al di là delle
diverse interpretazioni - stanno a provarlo oltre ogni ragionevole
dubbio.
Ciò, tuttavia, non esclude affatto la possibilità che la spinta
evolutiva possa essere ricondotta a una qualche causa intelligente
(creazionistica o di altra natura) e non a una serie di variazioni
casuali o a improbabili e ciechi meccanicismi molecolari o genetici.
Infatti, secondo il mio personale parere, la teoria oggi
maggiormente accreditata - quella di Darwin - essendo fondata
su tre presupposti fallaci (l’equivoco tra i termini “evoluzione”
e “selezione naturale”, un’imprecisa definizione di “specie” e,
soprattutto, il caso come causa di mutazioni) non può essere
ritenuta valida e dovrebbe veder ridotto il suo campo di
competenza da “teoria evoluzionistica delle specie” a “teoria
ecologica delle razze”.
In questo scenario, il “Plasticismo evolutivo”, partendo da
osservazioni naturalistiche (mimetismo, insetti sociali, adattamenti
di alcune specie a nuovi habitat), vuole proporre un evoluzionismo
“intelligente e consapevole” - che coinvolge, direttamente, le facoltà
mentali delle specie viventi - e provare, infine, a conciliare le
posizioni evoluzionistiche con quelle creazionistiche, attraverso
considerazioni che richiamano il monismo panteistico bruniano.
L’impresa non è delle più semplici, ma la biologia quantistica
(quantum biology) e l’entanglement olografico ci potranno fornire,
forse, gli strumenti utili per comprendere, o anche solo per
ipotizzare, alcuni meccanismi di interazione tra mente e corpo e
tra individuo e universo. Interazioni, tra l’altro, già ritenute possibili
sia da alcuni filosofi e mistici del passato sia da alcuni scienziati
dei nostri giorni.
In altre parole, il meccanismo evoluzionistico proposto con il
1
Plasticismo potrebbe essere legato (ma per ora è solo una
congettura), alle interazioni quantiche (perché dovute a fenomeni
quantistici tetradimensionali), aspecifiche (perché ancora non
comprese), legate alla necessità delle specie di adattarsi alle
modifiche ambientali o di rispondere a relazioni sessuali o di
difendersi dai predatori, e attivate da una presunta forza “plastica”
o mutagena della psiche dei progenitori.
In particolare, la teoria fa esplicito riferimento alle concezioni
quantistiche di Bohm, Aspect e Pribram (paradigma olografico).
Nel testo vengono presentati anche gli inediti concetti di
“complessione iper genomica” e di iper-specie, che, a mio parere,
potrebbero spiegare la comparsa dei singoli “step evolutivi” e
trovare un punto d’incontro tra la teoria degli equilibri punteggiati,
di Gould ed Eldredge, e il gradualismo.
La
stupefacente
somiglianza di un
insetto-foglia con la
lamina e le nervature
fogliari della pagina
inferiore delle foglie
del suo habitat.
2
1. Il quesito di partenza: come si è evoluto l’insetto-foglia?
Svariati anni fa, stavo preparando l’esame di entomologia e,
mentre osservavo i vari insetti conservati nelle apposite bacheche
raccolte in un’aula della Facoltà di Scienze e Tecnologie Agrarie di
Portici (Napoli), il mio sguardo cadde su un terraio in cui erano
stati posti alcuni insetti-foglia.
Uova di fasmidi
Phyllium bioculatum
Quella visione mi lasciò perplesso.
Gli insetti-foglia erano incredibilmente simili a foglie di latifoglie.
Presentavano addirittura una serie di segni che richiamavano le
nervature fogliari e altri che parevano di seccume, oltre a sfumature
di colore di vario tipo che facevano somigliare alcuni di essi a foglie
verdi e altri a foglie autunnali.
Accanto al primo, era posto un secondo terraio che conteneva gli
insetti-stecco, il cui corpo era identico a rametti e, in una bacheca
più piccola, incollate su uno sfondo bianco, erano appoggiate delle
piccole formazioni, dalla superficie rugosa e irregolare, che
sembravano semi di piante erbacee - ma un cartellino attaccato su
di essa avvertiva che si trattava di uova di fasmidi (l’ordine che
comprende sia gli insetti-foglia che gli insetti-stecco).
Conoscevo già le principali teorie evoluzionistiche (di Lamarck,
Wallace, Darwin, Spencer ed altri) ma nessuna di esse riusciva a
fornirmi una spiegazione convincente della forma di quei
particolarissimi insetti e delle loro uova.
Fu allora che compresi che era necessario elaborare, quantomeno
come ipotesi di studio, una nuova teoria evoluzionistica che fosse
3
in grado di spiegare perché quei misteriosi insetti, tra le infinite
possibilità, avessero assunto proprio quelle caratteristiche forme
e, soprattutto, con tale precisione dei particolari.
Decisi anche che non avrei mai accettato per buona nessuna teoria
evoluzionistica, passata, presente o futura, che non fosse stata in
grado di giustificare, in maniera convincente, l’aspetto di quegli
stranissimi animali e quello di una particolarissima orchidea, la
Ophirys apifera, il cui fiore presenta il tepalo inferiore (labello) simile,
per forma, consistenza, peluria, dimensioni e perfino per odore,
all’addome di un’ape femmina.
Per la verità, avevo già una mia idea, ma mi accorsi che aveva un
grosso punto debole1, e allora lasciai perdere le mie velleità
speculative e mi dedicai a tutt’altre faccende.
Svariati anni dopo, però - alla luce di nuove considerazioni - mi
resi conto che la mia ipotesi poteva essere ritenuta plausibile: la
chiamai “Plasticismo evolutivo” e la presentai, per grandi linee, in
un techno-thriller dal titolo “Metamorfer. La gemma di Darwin”.
Infine, sollecitato da alcuni amici2 e da un discreto numero di
lettori del romanzo, decisi di illustrarla in maniera più lineare nel
presente saggio, con l’auspicio che il mio punto di vista possa
contribuire in maniera costruttiva alla risoluzione della
problematica evoluzionistica, che considero tutt’altro che definita.
Siccome la mia ipotesi è piuttosto articolata, proseguirò
introducendo, di volta in volta e propedeuticamente, gli elementi,
i richiami e le osservazioni utili ad esporre il mio pensiero, per poi
presentare i punti essenziali del Plasticismo evolutivo e discuterne
alcuni aspetti particolari, fino a giungere a proporlo come possibile
“terza via” in grado di conciliare creazionismo (non fissita) ed
evoluzionismo.
1
In base alle mie conoscenze dell’epoca, essa non poteva essere applicata ai
vegetali, che si riteneva non avessero alcuna funzione neurobiologica né che
potessero essere dotati di un “campo di informazioni sottili di natura
quantistica, olografica o non-locale”.
2
Tra i quali il mio carissimo amico, il Prof. Pellegrino Conte, dell’Università di
Palermo, che, nonostante le nostre rispettive posizioni, talora divergenti, ha
dimostrato apertura mentale e curiosità intellettuale nei confronti della mia ipotesi
di studio e ha voluto onorarmi con la sua prestigiosa prefazione.
4
2 - Considerazioni sul Lamarckismo
Il Lamarckismo, che è precedente al Darwinismo, ha il grande
merito di aver introdotto il concetto di evoluzione in opposizione a
quello del fissismo, secondo cui le specie erano immutabili.
Inoltre, anche se nel corso degli anni è stato ampiamente
confutato, ritengo che conservi tuttora un impianto concettuale
degno della massima considerazione e mi riferisco all’aver postulato
che l’evoluzione non derivi dal caso ma da una necessità evolutiva cosa che, come dirò meglio in seguito, condivido pienamente.
Di questa rivoluzionaria teoria è stato contestato sia il presunto
meccanismo di induzione delle mutazioni sia il fatto che le
caratteristiche acquisite potessero essere effettivamente trasmesse
alla progenie.
Ricordo che, secondo il Lamarckismo, la comparsa di nuove
caratteristiche avveniva attraverso uno sforzo fisico esercitato da un
individuo sulle sue cellule e strutture somatiche, attraverso
sollecitazioni meccaniche e lo spostamento di “fluidi” negli organi
maggiormente sollecitati, mentre la scomparsa di alcune appendici
era dovuta al fatto che queste non venivano più usate e sollecitate
(principio dell’uso e del non uso).
Gli esempi tipici erano quello dell’allungamento del collo delle
giraffe (che avrebbero sviluppato un collo così lungo, a causa degli
sforzi da esse prodotti sulle strutture somatiche del loro corpo) e
dei serpenti (che avrebbero perso le zampe perché non più
utilizzate).
2.1. Confutazione del Lamarckismo
Georges Cuvier, il fondatore della paleontologia dei vertebrati,
avversò questa teoria in quanto essa non spiegava la comparsa di
caratteristiche non derivanti dall’uso e disuso delle parti, come la pelle
maculata e mimetica delle stesse giraffe.
Anche io mi permetto di avanzare lo stesso tipo di obiezioni e
adduco due esempi.
Il primo è quello del Draco volans, un piccolo rettile che presenta
ai lati del corpo due slargature membranose che somigliano ad ali e
con le quali plana da un albero all’altro. Ebbene, le appendici aeree
5
di questo piccolo rettile sono costituite da particolari allungamenti
delle costole e non derivano da modificazioni degli arti anteriori
(come negli uccelli) o delle dita (come nei pipistrelli); quindi a far
comparire la sua slargatura non è stato uno “sforzo” che ha agito
sulle cellule somatiche degli arti o delle dita per trasformarle in ali.
Il secondo riguarda gli insetti-foglia e gli insetti-stecco, la cui particolarissima forma, analogamente al mantello mimetico delle giraffe, non può essersi determinata secondo il principio dell’uso e
disuso.
Altri avversatori della teoria Lamarckiana, inoltre, contestarono
sia la validità del principio dell’u s o e d i s u s o sia di quello
dell’ereditarietà dei caratteri acquisiti con un sadico esperimento:
tagliarono le code ad alcuni topini di laboratorio (che, così, non
avevano modo di usarle), per varie generazioni, e fecero notare
che i discendenti continuavano a nascere con le code.
6
3 - Considerazioni sul Darwinismo e sulle altre teorie basate
sul caso
È noto come la teoria evoluzionistica di Charles Darwin non sia
universalmente accettata e di come, accanto alla maggioranza di
studiosi che la sostengono, ve ne siano altri che la contestano e che
si rifanno a ipotesi creazionistiche o teleologiche (creazionismo,
disegno intelligente o, anche, a interventi di esseri extraterrestri o
di entità ultraterrene).
Io, pur ritenendo che le specie si siano evolute per conto proprio,
non concordo con il darwinismo.
Tale teoria, infatti, pur spiegando benissimo le modalità
d’azione e gli effetti della “selezione naturale” (che concede un
vantaggio ecologico e riproduttivo ai “più adatti”) non fornisce
una spiegazione convincente di come tali individui “più adatti”
compaiano.
Nei paragrafi che seguono, cercherò di chiarire meglio la mia
posizione.
3.1. Selezione naturale ed evoluzione sono due cose diverse
Nel linguaggio comune e, purtroppo, anche nelle argomentazioni
di alcuni abilissimi divulgatori, quando si parla di questa teoria, si
cade spesso in un singolare equivoco: quello di confondere, fin
quasi a sovrapporli semanticamente, i termini di “evoluzione” e di
“selezione naturale”.
Ebbene, è noto che si tratta di due concetti completamente diversi
e adoperarli in maniera equivalente (strumentalmente o meno)
conduce inevitabilmente a conclusioni errate.
La selezione naturale consiste, essenzialmente, nell’azione
selettiva esercitata dai più disparati fattori ambientali (fattori
climatici ed edafici, competizione per il cibo e per la riproduzione,
altri fattori ecologici) su una certa specie.
Cioè: tra tutti gli individui presenti in una certa popolazione
sopravviveranno, in prevalenza, i più forti e i più competitivi - in
una parola i “più adatti” - che si riprodurranno in misura superiore
rispetto ai “meno adatti”.
Per cui, è comprensibile che, con il passare delle generazioni, gli
7
individui presentanti le caratteristiche più “performanti” finiranno
per rimpiazzare tutti gli altri.
E ciò è indiscutibile!
Ma come si formano gli individui “più adatti” e quelli “meno
adatti”, in maniera che su di essi possa agire la selezione e si possa
determinare l’evoluzione della specie?
Ebbene, secondo le principali interpretazioni della teoria
darwiniana, la comparsa di individui con nuove caratteristiche
avverrebbe “per variazioni casuali”.
A mio parere, mentre sono sicuramente da condividere sia
l’esistenza della selezione naturale sia i suoi effetti (eliminazione
dei “meno adatti” e conservazione dei “più adatti”), non può essere
assolutamente accettata l’ipotesi che “i più adatti” compaiano grazie
alla cieca forza del caso.
Su questo punto discuteremo più estesamente in seguito.
Per adesso limitiamoci a sottolineare un aspetto cronologico:
avviene prima la mutazione evolutiva, che conduce alla variabilità,
e solo dopo interviene la selezione naturale, che su tale variabilità
agisce.
3.2. Le variazioni delle frequenze geniche in una popolazione
non possono, da sole, condurre alla comparsa di nuove specie3
Chi abbia studiato un po’ di genetica delle popolazioni e alcuni
fattori ecologici (come l’effetto fondatore4 , l’effetto collo di bottiglia5 ,
ecc...) sa bene che questi fattori possono avere un rilevante effetto
sulla frequenza genica di un certo allele in una popolazione, fino a
provocare sensibili effetti sull’aspetto esteriore (fenotipo) degli
individui di quella stessa popolazione.
Ma deve essere chiaro che quelli che, a un esame superficiale,
sembrano essere nuovi caratteri erano in realtà già presenti nel pool
genetico di quella popolazione e non si manifestavano fenotipicamente
solo perché erano mascherati dai caratteri dominanti.
3
Mentre, come vedremo meglio in seguito, le pressioni ambientali (intese come
variazioni dell’habitat) possono determinare degli stress o “necessità di adattamento” alle quali le specie rispondono secondo i principi del “Plasticismo
evolutivo”. Lo stesso Darwin lamentò, verso la vecchiaia, di non aver considerato abbastanza tali tipi di interazioni con l’ambiente e di aver sopravvalutato gli
effetti della selezione naturale.
8
Il fatto, per esempio, che in una popolazione umana isolata,
composta da pochi individui e caratterizzata da un alto indice di
inincrocio 6 (frequenti accoppiamenti tra consanguinei) compaiano,
improvvisamente, individui dai capelli rossi non deve essere inteso
come un’evoluzione: quel carattere era già presente nel genoma di
quella popolazione e si è manifestato solo a causa dell’elevata
omozigosi7 .
Perciò, quando si attribuisce una presunta o effettiva evoluzione
alla sola “selezione naturale” (o alla selezione antropica: selezione
zootecnica o vegetale) si dice una cosa non precisa e non vera.
Inoltre, faccio osservare che la comparsa di nuove caratteristiche
causate dai fattori ecologici prima indicati, riguarda sempre
variazioni che si manifestano all’interno della stessa specie (si pensi,
per esempio, al gran numero di razze canine e feline) e che non
conducono mai a nuove specie8 (diverso è, chiaramente, il caso
L’effetto del fondatore si verifica quando un esiguo numero di soggetti
fondatori arriva a colonizzare un nuovo habitat (per esempio, un’isola) portando
con sé solo una piccola parte della variabilità genetica (pool genetico) della
popolazione. Se, per esempio, su un’isola giungono solo pochi uomini e donne,
in gran parte con i capelli rossi, accade che con il tempo il carattere “capelli
rossi” si fisserà nella popolazione (sia geneticamente che fenotipicamente),
anche se si tratta di un carattere recessivo. In tal modo, se la popolazione di
quell’isola rimane isolata, con il tempo si differenzierà da quella presente sulla
terraferma (con capelli prevalentemente biondi o castani o neri). Ma tale fattore
non può condurre addirittura alla formazione di nuove specie o alla comparsa di
nuove caratteristiche non presenti nel pool genetico della popolazione di partenza.
5
L’effetto collo di bottiglia è, per quanto riguarda gli effetti, analogo all’effetto
fondatore. Si verifica allorquando si ha una forte riduzione del numero di individui
di una popolazione per cause naturali (catastrofi di varia natura) che, come nel
caso precedente, sono portatori di solo una parte dell’originaria variabilità
genetica della popolazione.
6
T.M. Bettini, Elementi di demografia zootecnica. Produzione Animale, Torre
del Greco - NA, 1968, 316.
7
In realtà, come verrà detto meglio in seguito, la questione è ancora più
complessa, poiché, secondo gli studi più recenti, il DNA sarebbe responsabile
solo di una piccola parte dei caratteri di un individuo, che sarebbero dovuti, in
massima parte, all’azione dei fattori epigenetici (che regolano l’espressione dei
geni) e, presumibilmente, all’interazione con il cosiddetto DNA-spazzatura.
8
Queste, come vedremo in seguito, secondo l’ipotesi del plasticismo evolutivo,
possono comparire per reazione agli stressori ambientali, ai quali l’individuo
progenitore risponderebbe, con le sue facoltà psichiche, agendo, a seconda dei
casi, o tramite il meccanismo della somatizzazione quantistica o per attivazione
della complessione ipergenomica o per interazione quantistica con la matrice
olografica implicita della specie.
4
9
degli ibridi interspecifici, ottenuti facendo accoppiare riproduttori
di specie diverse9).
La teoria darwiniana spiega bene come agisce la selezione
naturale all’interno della specie (razze, tipi genetici) ma non i
meccanismi dell’evoluzione della specie. Per questo motivo, ritengo
che la teoria darwiniana debba essere considerata non una “teoria
evoluzionistica delle specie” ma una “teoria ecologica delle razze”.
Ma, a questo punto, per chiarire meglio i termini della questione,
sarebbe bene fare qualche riflessione sul concetto di “specie”.
Darwin (ne “L’origine delle specie”, cap. 2: “La variazione in
natura”) dichiarava, testualmente:
«[...] io considero il termine specie come una definizione arbitraria che, per
motivi di convenienza, serve a designare un gruppo di individui strettamente
simili tra di loro, per cui la specie non differisce granché dalla varietà,
intendendosi con questo termine le forme meno distinte e più fluttuanti. Inoltre,
anche il termine di varietà viene applicato arbitrariamente per pura praticità
nei confronti delle semplici variazioni individuali».
Si tratta, come si vede, di una definizione piuttosto elastica.
Ma confondere specie, sottospecie, razze, tipi genetici, cultivar e
differenze individuali è davvero ben poco scientifico.
Ed è chiaro come una definizione di specie dai confini così
nebulosi (e capaci di espandersi e restringersi, come un’ameba, in
funzione della convenienza argomentativa dell’apologeta di turno10 )
non possa che ingenerare confusioni.
3.3. Confutazione dell’evoluzione casuale
La teoria evoluzionistica darwiniana si fonda, come già detto,
sull’assunto che le mutazioni dei caratteri di una specie avvengano
per caso. Ma non tutti gli scienziati sono d’accordo con Darwin e
con tutti gli altri studiosi (alcuni insigni) che sostengono la sua
teoria o che hanno elaborato visioni ancora più meccanicistiche.
Fred Hoyle11, per esempio, a proposito del caso, ha dichiarato
Per esempio, il mulo (asino × cavalla) e il bardotto (cavallo × asina).
Qualcosa di simile, vedremo in seguito, accade anche per quanto concerne le
definizioni di “campo”, di “caso” e di “entanglement” quantico.
11
Fred Hoyle (matematico, fisico e astronomo britannico), noto soprattutto per
aver introdotto la teoria cosmologica dello “stato stazionario”, l’ipotesi della
panspermia (che sembra essere confermata dalle ultime osservazioni) e quella
della sintesi stellare degli elementi chimici.
9
10
10
che: «Le probabilità che un processo spontaneo metta insieme un essere vivente
sono analoghe a quelle che una tromba d’aria, spazzando un deposito di
robivecchi, produca un Boeing 747 perfettamente funzionante».
E anche altri autori (me compreso) sono dello stesso avviso.
Molto esplicativa è la stupenda storiella pubblicata dal brillante
studioso creazionista Adnar Oktar, con lo pseudonimo di Harun
Yahya, nel suo “Il Darwinismo confutato”:
«Se si crede che una cellula vivente possa venire all’esistenza per caso,
allora niente impedisce di credere a una storia simile a quella riportata sotto.
È la storia di una città.
Un giorno, un pezzo di argilla compresso tra le rocce in una terra sterile si
bagna per la pioggia. L’argilla bagnata si asciuga e si indurisce al sorgere
del sole, e assume un aspetto solido e resistente. Successivamente, queste rocce,
servite anche da stampo, in qualche modo si fanno a pezzi, e appare un
mattone ben fatto e resistente. Questo mattone attende per anni che, nelle
stesse condizioni naturali, si formi un mattone simile. Questo va avanti fino
a che centinaia e migliaia di mattoni simili si sono formati nello stesso luogo.
Per caso, però, nessuno dei mattoni precedentemente formatisi è danneggiato.
Anche se esposto per migliaia di anni a tempeste, pioggia, vento, sole che
brucia e freddo che gela, i mattoni non si spaccano, non si rompono né vengono
trascinati via ma attendono lì, allo stesso posto con la stessa determinazione,
la formazione di altri mattoni.
Quando il numero dei mattoni è sufficiente, erigono un edificio mettendosi
di lato e uno sull’altro, essendo stati trascinati a caso dagli effetti di condizioni
naturali quali venti, tempeste o tornado. Nel frattempo, materiali come cemento
o miscele di terreno si formano in condizioni naturali, con perfetto tempismo,
e strisciano tra i mattoni per farli aderire. Mentre avviene tutto ciò, materiali
ferrosi sotto il terreno prendono forma, in “condizioni naturali” e gettano le
fondamenta di un edificio da formare con questi mattoni. Alla fine di questo
processo, compare un edificio completo con tutti i materiali, la carpenteria e le
installazioni intatte. Naturalmente, un edificio non consiste solo di
fondamenta, mattoni e cemento. In che modo, allora, si devono ottenere gli
altri materiali mancanti? La risposta è semplice: tutti i tipi di materiali
necessari per la costruzione dell’edificio esistono già nella terra in cui esso è
eretto. Il silicio per il vetro, il rame per i cavi elettrici, il ferro per le colonne,
le travi, i tubi dell’acqua, ecc..., esistono tutti sotto terra in quantità
abbondanti. Ci vuole solo l’abilità delle “condizioni naturali” per dare
forma a questi materiali e porli all’interno dell’edificio. Tutte le installazioni,
le opere di carpenteria e gli accessori sono messi tra i mattoni con l’aiuto del
11
vento che soffia, della pioggia e di terremoti. Tutto è andato così bene che i
mattoni sono disposti in modo da lasciare gli spazi necessari per le finestre,
come se sapessero che qualcosa chiamato vetro si sarebbe formato più tardi
per condizioni naturali. Inoltre, non hanno dimenticato di lasciare un po’ di
spazio per consentire l’installazione delle tubature per l’acqua, dei cavi elettrici
e dell’ impianto di riscaldamento, che devono formarsi successivamente sempre
per caso. Tutto è andato così bene che “coincidenze” e “condizioni naturali”
producono un quadro perfetto.
Chi riesce a conservare la fede in questa storia fino a questo punto, non
dovrebbe avere alcun problema nel supporre in che modo vennero fuori gli
altri edifici, impianti, strade, sottostrutture, comunicazioni e sistemi di
trasporto della città. Se possiede conoscenze tecnologiche ed è versato
nell’argomento, può anche scrivere alcuni volumi estremamente “scientifici”
che affermano le sue teorie sul “processo evolutivo di un sistema fognario e la
sua uniformità con le strutture presenti”. Potrebbe ben essere insignito di
riconoscimenti accademici per i suoi studi brillanti e può considerare sé stesso
un genio che getta luce sulla natura dell’umanità.
La teoria dell’evoluzione, che afferma che la vita è pervenuta all’esistenza
per caso, non è meno assurda della nostra storia, poiché, con tutti i suoi
sistemi biologici, di comunicazione, di trasporto e di gestione, una cellula non
è meno complessa di una città».
3.4. Altri punti critici del darwinismo
Il darwinismo, inoltre, non è in grado di spiegare:
a) Come si siano evoluti organi e sistemi dalla straordinaria
complessità (come l’orecchio12, il sistema nervoso, il sistema cardiocircolatorio, ecc...) che, per formarsi, hanno avuto bisogno di un
12
Per rigettare questa osservazione, talora si fa riferimento all’evoluzione
dell’occhio che – in effetti – è possibile che si sia evoluto gradualmente (ocelli,
ecc…) e per il quale può anche valere l’obiezione “vederci poco è sempre meglio
che non vederci per niente”. Ma, per organi e sistemi più complessi (es. sistema
vestigiale), tale obiezione non può essere assolutamente accettata. E, in tutti i
casi, spiegare l’evoluzione facendo riferimento al caso vuol dire fornire una
“non spiegazione”, e tale impostazione, davvero poco scientifica, non può
essere condivisa. Mentre è più probabile (come vedremo a proposito della
comparsa della valvola ileo-cecale nell’intestino della Podaciris sicula) che ci
sia una reazione adattativa, volontaria e di natura psichica e quantistica
(somatizzazione quantistica), della specie in evoluzione alle necessità causate
dalle sollecitazioni ambientali (principio che sta alla base del Plasticismo evolutivo).
12
grande numero di mutazioni coordinate tra di loro e che, per un
buon funzionamento - come sa bene chi soffra delle loro disfunzioni hanno bisogno che tutte le loro componenti siano coordinate
perfettamente;
b) Come si sia evoluto l’insetto foglia (e questo, come ho già
detto in precedenza, è per me un punto essenziale: io non potrò
mai accettare nessuna teoria evoluzionistica che non sia in grado
di spiegarmi questo particolare quesito).
13
4. Mimetismo e necessità di una diversa ipotesi
evoluzionistica
4.1. La Biston betularia e il melanismo industriale
Quando si parla di relazione tra mimetismo ed evoluzionismo,
generalmente, nei libri di testo, ci si imbatte nell’esempio della Biston
betularia e del “melanismo industriale”.
La Biston betularia è una falena appartenente alla famiglia dei
geometridi, le cui larve si nutrono di foglie di betulla, faggio, salice e
olmo.
La farfalla adulta può presentare diversi cromatismi (può essere
bianca, marmorizzata o nera).Viene descritta come esempio di
selezione naturale perché nei periodi con minore inquinamento sono
più diffusi i cromotipi bianchi (che si mimetizzano benissimo sulla
bianca corteccia della betulla e sulle mura pulite della città) mentre,
nei periodi in cui è presente un forte inquinamento, sono
maggiormente diffusi i cromotipi neri, che riescono meglio a
mascherarsi sulle mura e sulle cortecce annerite dallo smog e a
sfuggire alla predazione da parte degli uccelli, mentre quelli bianchi
vengono più facilmente individuati e predati (quando c’è minore
inquinamento avviene l’esatto contrario).
Il fatto, in sé, è oggettivo e non contestabile.
Tuttavia, è il caso di segnalare che la selezione naturale, in questo
caso, agisce su forme cromatiche già pre-esisenti e che sono
l’espressione della normale variabilità genetica della popolazione
di Biston betularia. Inoltre, la selezione naturale, anche in questo
caso, non porta a una nuova specie ma solo a una diversa
distribuzione tra i cromotipi (o razze) della stessa specie: cosa
questa che giustifica la mia proposta di ridefinire il campo di
applicabilità della teoria darwiniana (da teoria evoluzionistica delle
specie a teoria ecologica delle razze).
4.2. Come si formano le specie mimetiche?
In sintesi, quando si parla di mimetismo, ci si limita a evidenziare
che gli animali che riescono in qualche modo a confondersi con il
substrato godono di un vantaggio evolutivo, perché non sono
14
facilmente visibili né dai predatori né dalle eventuali prede e,
pertanto, riescono più facilmente a sfuggire ai primi e a sorprendere
le seconde e, quindi, si diffondono in misura maggiore rispetto agli
individui non mimetici, giungendo talora a soppiantarli completamente.
Ma, in questo saggio, la domanda centrale a cui si cerca di
rispondere è quella già anticipata in precedenza, e cioè: come si
formano i “più mimetici” (ovvero i “più adatti”)?
E come fanno a presentare un corpo così simile all’immagine che
mimano?
Per il momento, limitiamoci a ricordare alcuni casi eclatanti,
partendo dagli insetti-foglia e dagli insetti-stecco.
Baculum extradentatum
Questi insetti appartengono all’ordine chiamato Phasmoidea o
Phasmatodea o fasmoidei. Sono noti per il mimetismo criptico, grazie
al quale si confondono perfettamente con l’ambiente. Sono ovipari
e, spesso, partenogenetici. Inoltre, sono in grado di rigenerare
parzialmente le appendici perdute (zampe e antenne). Molti di essi
hanno anche uova mimetiche, somiglianti - per forma e dimensioni
- a semi di piante erbacee.
Oltre a quelli già citati, esistono numerose altre specie di insettifoglia (Phyllium giganteum, Phyllium biocultam, ecc...) e di insetti-stecco
(Bacillus rossius, ecc...).
Ma i fasmoidei non sono gli unici esseri viventi a mostrare un
mimetismo così spinto.
15
A titolo di esempio, ricordo la farfalla-foglia-secca (Kallima inachus).
Questa farfalla ha la parte superiore delle ali dipinta con colori
sgargianti, utili per il corteggiamento, ma se chiude le ali,
appiattendole verticalmente l’una sull’altra, appare la colorazione
del lato inferiore, simile in tutto per tutto (anche per la forma) a
quella delle foglie secche. E non è finita qui: esistono delle varietà
simili a foglie morte della stagione umida e altre a quelle della
stagione secca.
Accanto al mimetismo
Kallima inachus
criptico esiste, poi, un
mimetismo foberico: il cui
scopo è quello di creare
allarme in un eventuale
predatore e scoraggiare il
suo attacco.
Anche qui i casi sono
numerosi, e mi limito a
riportare quello della Aegeria
o Sesia apiformis (che
somiglia a un’ape) e la Euleia
heraclei (che somiglia a un
piccolo scorpione).
Ma si potrebbe accennare
a numerosi altri casi, sia tra
gli insetti sia tra gli altri
animali.
Ebbene, l’esistenza di
questi animali dalle forme
così simili ad altri esseri viventi o a parti di essi ci deve far
riflettere - al di là delle pur valide considerazioni dei genetisti.
Non è possibile, infatti, sostenere che essi abbiano assunto queste
forme “per caso”, perché l’ipotesi non è statisticamente sostenibile:
sarebbero stati necessari miliardi di “tentativi ed errori” che,
moltiplicati per la frequenza con cui si verificano le variazioni
casuali, avrebbero richiesto un tempo superiore all’età dell’universo.
D’altra parte, non è neppure sostenibile l’ipotesi di Lamarck, visto
che il fenomeno non è spiegabile facendo ricorso al principio dell’uso
e disuso delle parti.
Ne discende che abbiamo bisogno di una nuova teoria
evoluzionistica che consideri altri fattori evolutivi.
16
5. La convergenza evolutiva e la necessità di una diversa
ipotesi evoluzionistica
Gli ittiosauri (sauri acquatici primitivi), i cetacei (delfini, orche,
balene, focene, ecc...) e i pesci, hanno tutti una forma idrodinamica
molto simile e hanno sviluppato le pinne.
Il pipistrello, che è un mammifero insettivoro, e il guacharo, che è
uno strano uccello dalle penne oleose, vivendo entrambi nel buio
delle grotte, hanno sviluppato una sorta di sonar per orientarsi.
E, ancora, la talpa comune e la talpa marsupiale, che a parte il
diverso colore del pelo (la prima è nera, la seconda è giallastra),
hanno identica conformazione, pur essendo la prima un mammifero
e la seconda un marsupiale.
Queste specie animali vengono dette “convergenti” e la spinta
evolutiva che causa la comparsa delle caratteristiche comuni prende
il nome di “convergenza evolutiva”.
Essa, secondo l’evoluzionismo darwiniano, è definita come: il
fenomeno per il quale le specie diverse che vivono nello stesso tipo di ambiente,
o in nicchie ecologiche simili, sotto la spinta delle stesse pressioni ambientali,
si evolvono sviluppando, per selezione naturale, determinate strutture o
adattamenti che le portano ad assomigliarsi fortemente.
Nulla da obiettare se non la frase “per selezione naturale”.
Infatti, ancora una volta, vengono confuse causa ed effetto; è
assolutamente normale che, se in un certo ambiente esistono sia
gli individui “più adatti” sia quelli “meno adatti”, alla fine finiranno
per essere selezionati e prevalere i “più adatti”, ma la questione di
fondo rimane sempre la stessa, e cioè: come sono comparsi gli
individui “più adatti”?
In realtà, a ben vedere, la risposta è già scritta nella definizione,
solo che - abbagliati dal darwinismo imperante - non l’abbiamo
notata. Ecco la risposta: «sotto la spinta delle stesse condizioni
ambientali»!
Ciò significa che sono le condizioni ambientali (e non il caso) a
indurre le mutazioni, come già sosteneva Lamarck.
Tuttavia, abbiamo già visto che le nuove strutture e i nuovi
adattamenti non si possono spiegare sempre secondo il principio
dell’uso e disuso delle parti e che Lamarck non spiega le modalità di
ereditarietà dei caratteri che sono stati acquisiti a livello somatico.
Perciò, anche in questo caso, c’è bisogno di una nuova ipotesi
evoluzionistica.
17
Non è credibile, infatti, che tutti gli individui, anche di specie
diversissime, che vivono in uno stesso habitat sviluppino una stessa
funzione o una stessa forma “per caso”.
E ci sarebbero un’infinità di altri esempi, come il fatto che quasi
tutti gli organismi marini che vivono nelle profondità degli abissi,
nelle quali la luce non arriva, hanno sviluppato organi e funzioni
bioluminescenti (o per attirare i partner o per ingannare le prede).
Il pesce vipera (Chauliodus sloani), ad esempio, “ha pensato”
bene di farsi crescere degli organi luminosi nella cavità orale,
attirando così le sue prede direttamente in bocca.
18
6. Relazione tra mente, corpo, ipergenomica e scienze
quantistiche.
Come i più attenti avranno già intuito leggendo alcune note e le
ultime righe del capitolo precedente - e come ho già accennato
nell’introduzione - la mia ipotesi evoluzionistica si basa,
essenzialmente, sul presupposto che sia la mente degli esseri viventi,
con le modalità che vedremo tra breve, a determinare
volontariamente e “plasticamente” la comparsa di nuove appendici,
organi e funzioni.
È evidente come una simile ipotesi crei più problemi di quanti
non ne risolva.
Tuttavia l’insetto-foglia (per limitarci all’esempio dal quale sono
partite le mie riflessioni) esiste e le teorie evoluzionistiche a me
note non riescono a spiegare, in maniera condivisibile, come abbia
assunto proprio quella particolarissima forma. Quindi, a meno che
non si voglia sostenere che tale insetto sia solo un’illusione (e la
cosa potrebbe anche essere, se si accetta la visione di alcune filosofie
orientali, secondo le quali quella che a noi appare realtà non è altra
che maya, cioè apparenza) bisognerà provare a esplorare altre ipotesi
evoluzionistiche.
Per illustrare il Plasticismo evolutivo, avremo bisogno, però, di
presentare nuovi concetti e di richiamare, preliminarmente, alcune
nozioni sugli ologrammi, alcuni concetti di fisica quantistica e di
considerare i loro possibili rapporti con i sistemi biologici (quantum
biolog y). Inoltre, valuteremo una serie di indizi che farebbero
supporre un’effettiva interazione tra mente e corpo (bio-entanglement
e somatizzazione quantistica) e, successivamente, considereremo
l’ipotesi che anche le piante possano essere dotate di una mente
(neurobiologia vegetale).
In ultimo, affronteremo il caso della presunta evoluzione della Podaciris
sicula e introdurremo i concetti di iper-specie e di complessione ipergenomica.
6.1. Ologrammi e fisica quantistica (cenni).
Gli ologrammi sono proiezioni tridimensionali di oggetti.
Ecco come si realizzano: un singolo fascio di luce laser viene
diviso in due raggi; il primo viene diretto sull’oggetto da fotografare
e, con una serie di specchi, si devia il secondo fino a farlo collidere
19
con il riflesso del primo. Si ottiene, in tal modo, una configurazione
di interferenza che viene registrata su una pellicola, proiettando la
quale con un raggio laser si ricostruisce l’immagine tridimensionale.
Una caratteristica molto interessante di un ologramma è che ogni
sua porzione contiene tutte le informazioni per generare l’intero
ologramma: tagliandolo in due parti entrambe mostreranno l’oggetto
intero, seppure di dimensioni minori.
Ricordo, poi, che uno degli assunti fondamentali della fisica
quantistica stabilisce che le particelle subatomiche possano
manifestarsi sia con un comportamento corpuscolare sia con un
comportamento ondulatorio (interpretazione di Copenaghen) e che secondo il principio di indeterminazione di Heisemberg - è impossibile
determinarne contemporaneamente la posizione e la quantità di
moto. Perciò il loro comportamento viene descritto come una
funzione d’onda e studiato tramite l’equazione di Schrödinger.
Con il famoso esperimento “della doppia fenditura” di Thomas
Young si vide che, ponendo una fonte di luce monocromatica dietro
uno schermo con due fenditure, avveniva che, se si chiudeva una
delle fenditure, la luce si comportava come una particella, mentre
se si lasciavano aperte entrambe le fenditure, la luce le attraversava
entrambe e si comportava come un’onda, lasciando dietro alle
fenditure delle frange di interferenza (analoghe alle onde che si
formano sulla superficie di uno stagno quando si lascino cadere in
esso due sassi) che si sovrapponevano tra di loro (interferenza).
Ma il fatto ancora più sorprendente era che avveniva la stessa cosa
anche quando invece del fascio di fotoni si sparava un solo fotone!
20
Anche in questo caso, se era aperta una sola fenditura, il fotone
aveva un comportamento corpuscolare mentre, se le fenditure aperte
erano due, esso passava contemporaneamente in entrambe le
fenditure e lasciava dietro lo schermo le fasce di interferenza. Cioè,
il fotone non solo si “sdoppiava”, ma pareva anche sapere prima
che avrebbe incontrato due fenditure!
Ebbene, Bohm spiegò questo fenomeno supponendo che il fotone
fosse informato o collegato (entangled) in maniera “non-locale”
tramite un campo quantistico denominato “potenziale quantico”
attraverso il quale il fotone e tutta la realtà fisica (da lui chiamata
“ordine esplicito”) erano connessi con una realtà consapevole da lui
chiamata “ordine implicito13 ”.
Alan Aspect, poi, dimostrò
che, lanciando due fotoni
“entangled” (cioè, che hanno
interagito e che poi sono stati
separati) in direzioni opposte
verso due rilevatori lontani,
succedeva che, ogni volta che
uno dei due fotoni deviava
dalla sua traiettoria (a causa
di un filtro posto sul suo
percorso), anche l’altro subiva
la stessa deviazione14.
Per spiegare intuitivamente questo tipo di interazione Bohm utilizzò
l’esempio del pesce nell’acquario e suppose che le particelle subatomiche
fossero connesse allo stesso modo delle immagini del pesce sui due
monitor. In questo esempio, sebbene le particelle (come i pesci)
sembrino separate l’una dall’altra, a un livello più profondo della realtà
(un livello analogo a quello dell’acquario), corrispondente all’ordine
implicito, esse costituirebbero una sola entità.
13
Una interpretazione alternativa dell’esperimento della doppia fenditura è
stata avanzata dal fisico israeliano David Deutsch, secondo il quale l’effetto di
auto-entanglement del fotone sdoppiato deriverebbe da un’interferenza reale
del fotone situato nella nostra dimensione con una particella gemella situata in
un altro universo (teoria “dei molti mondi”).
14
Vorrei far notare che - essendo l’entanglement “non locale” e riguardando,
potenzialmente, tutte le particelle dell’Universo (perché createsi, esse stesse o
i lori precursori, tutte contemporaneamente con il Big Bang) - comprendere
meglio la natura del loro collegamento potrebbe condurre a realizzare un sistema
di comunicazione istantaneo anche con galassie distanti anni luce.
21
I due fotoni, quindi, sarebbero collegati non-localmente, e quella
che a noi appare come realtà “esplicita” non sarebbe altro che il
riflesso di un ologramma “implicito”con cui essa è entangled.
E ciò varrebbe non solo nella scala subatomica ma anche nella
scala macroscopica e astronomica.
A questo punto, non pare così azzardato paragonare l’ordine
implicito di Bohm all’Iperuranio o “mondo delle idee” di Platone
o all’inconscio collettivo di Jung o al “Tempo del sogno” degli
aborigeni australiani15.
E, ancora, questa concezione della realtà avrebbe anche delle
stupefacenti implicazioni sui concetti di vita e di morte: se,
infatti, uno dei monitor si rompesse (cosa che equivarrebbe a
una morte), il pesce pur risultando non più visibile in quello
stato, continuerebbe a esistere nella sua vera essenza (l’acquario)
e sull’altro monitor.
6.2. Mente e campo energetico delle specie viventi e corpo inteso
come ologramma
Normalmente si ritiene che la mente sia il prodotto dell’attività
cerebrale, ma secondo alcune concezioni più temerarie, cervello,
mente e corpo sarebbero solo degli ologrammi (proprio come un
ologramma, secondo Bohm, sarebbe anche l’intero universo), e il
nostro vero “io” sarebbe costituito da un sottile campo energetico
che ne decodifica le informazioni.
Fantasie?
Chissà!
Tuttavia, pare che ci sarebbero alcuni indizi che supporterebbero
questa interpretazione in apparenza così bizzarra.
Secondo quanto riportato da Michael Talbot16 , la ricercatrice
americana Valerie Hunt avrebbe studiato le risposte di alcuni
individui a uno stimolo luminoso, confrontando le letture degli
elettromiogrammi (EMG) e degli elettroencefalogrammi (EEG), e
avrebbe osservato che, inaspettatamente, l’elettromiogramma
registrava la risposta allo stimolo prima ancora dell’encefalogramma.
Fatto questo che farebbe supporre l’esistenza di un campo
15
16
Nel prosieguo sarà dato un breve cenno di tale concezione.
Michael Talbot. “Tutto è uno. L’ipotesi della scienza olografica”. Urra. 2006.
22
energetico mentale che circonderebbe il corpo e che
sovrintenderebbe alle funzioni cerebrali17.
Molto prima che i fisici quantistici cominciassero a parlare di
architettura olografica dell’universo - all’incirca 4.000 anni prima già gli antichi agopuntori cinesi credevano che il corpo umano avesse
dei microsistemi, in cui ogni punto corrispondeva olograficamente a
una precisa parte del corpo. Tra questi, ricordo il “feto auricolare”,
una mappa dei punti di agopuntura dell’orecchio che
corrisponderebbe alla sagoma di un essere umano capovolto:
stimolando con l’agopuntura i punti sull’orecchio si avrebbe lo stesso
effetto dell’agopuntura esercitata sulla corrispondente parte del corpo.
6.3. La biologia quantistica
È un campo di studio piuttosto avveniristico, denominato anche
quantum biolog y, che si prefigge di studiare le rivoluzionarie
implicazioni dei fenomeni descritti dalla fisica quantistica all’interno
dei sistemi biologici, con particolare riferimento all’ipotesi
dell’esistenza di un “campo di informazione sottile”, di natura
ondulatoria e non-locale (e, come vedremo, forse anche di natura
olografica), intimamente legato alle varie strutture biologiche degli
esseri viventi.
Studiare il bio-entanglement (il collegamento interattivo di natura
quantistica tra le componenti biologiche) non è cosa facile, a causa
sia dell’inadeguatezza attuale dei sistemi di indagine sia del noto
fenomeno delle “decoerenza quantistica” (per il quale le interazioni
quantistiche, evidenti in campo atomico, vengono mascherate e si
sovrappongono nei sistemi biologici complessi).
Ciononostante, non sono pochi gli scienziati che hanno eseguito
ricerche in questo settore di punta.
Tra questi, ricordo, il premio Nobel Luc Montagnier, scopritore
del virus dell’AIDS. Egli ha messo in evidenza che il DNA
Come verrà ricordato in seguito, l’idea dell’esistenza di un campo energetico
e informativo (chiamato aura, corpo astrale, campo, o con altri termini), in
grado di interagire con altri individui o con il cosmo, fa parte delle convinzioni
di alcune tra le più antiche filosofie e culture sciamaniche dell’umanità e non è
certo un concetto elaborato negli ultimi decenni, come alcuni ricercatori e
divulgatori contemporanei pare vogliano far credere.
17
23
contiene alcuni spezzoni che risultano capaci di generare onde
elettromagnetiche di frequenza molto bassa - cosa che farebbe
pensare che possa anche riceverle, comportandosi, quindi, da
antenna rice-trasmittente.
Il comportamento ondulatorio del DNA è stato confermato
anche dal biofisico Piotr Petrovic Gariaev.
Inoltre, secondo gli studi condotti da Elisabeth Rieper, della
National University of Singapore, sarebbe proprio il fenomeno
dell’entanglement quantistico a consentire al DNA il
mantenimento della propria struttura che altrimenti, secondo il
modello strutturale classico, non avrebbe energia sufficiente a
rimanere unita.
Altri campi di indagine della biologia quantistica riguardano il
funzionamento del cervello e delle strutture nervose.
Già Karl H. Pribram, insigne medico neurochirurgo austriaco,
stimolato dalle teorie quantistiche di Bohm, teorizzò un modello
olografico del cervello secondo il quale le informazioni e i ricordi
non sarebbero “registrati” nei neuroni, ma sarebbero il risultato di
figure d’onda (o pattern) interferenti, spiegando in tal modo la
capacità del cervello di immagazzinare un’enorme quantità di
informazioni in uno spazio relativamente piccolo.
Ciò confermerebbe l’opinione di John C. Eccles, premio Nobel
nel 1963 per le scoperte riguardanti i meccanismi di stimolo e
inibizione delle cellule nervose, il quale sosteneva che l’io non
sarebbe il prodotto dell’attività cerebrale, ma che, al contrario,
sarebbe il vero motore della complessa catena di reazioni
chimiche ed elettriche che formano il supporto materiale della
coscienza immateriale.
Anche Evan Harris Walzer, negli anni ‘70, riteneva che sarebbe
la mente, intesa come entità non-fisica, a guidare i processi cerebrali
tramite effetti quantistici. Si tratta di una teoria estrema ma
riconducibile ad alcune idee di Wigner, per un certo periodo riprese
ed amplificate da J. A. Wheeler, secondo cui la mente
dell’osservatore è responsabile di uno dei postulati chiave
dell’interpretazione di Copenhagen: il collasso della funzione d’onda,
che determinerebbe la “scelta” tra i diversi segnali.
Altre teorie, per spiegare i fenomeni mentali, fanno ricorso,
oltre che al collasso della funzione d’onda, anche ad altri
meccanismi come la coerenza quantistica e il tunneling. Tra i
sostenitori di queste teorie il più famoso oggi è sicuramente
24
R. Penrose, con la sua teoria dei microtubuli, caldeggiata da S.
Hameroff (modello ORCH-OR).
6.4. Indizi di bio-entanglement quantistico
Secondo Dean Radin, i neuroni provenienti da una stessa fonte e
poi fatti sviluppare separatamente avrebbero dimostrato di reagire
gli uni agli stimoli degli altri, cioè sarebbero bio-entangled. Pare che
questo esperimento non sia stato ancora replicato e validato ma,
se venisse confermato, sarebbe la conferma dell’effettiva esistenza
di fenomeni di entanglement quantistico nei sistemi biologici.
Esistono, poi, altri possibili indizi che indicherebbero che il corpo
umano funzioni in maniera olografica e che le informazioni
(memoria compresa) vengano distribuite e memorizzate in tutto il
corpo.
Una prova a sostegno di tale ipotesi potrebbe essere costituita
dall’osservazione che molte delle persone che hanno subito un
trapianto di uno o più organi, avrebbero acquisito abitudini,
alimentari e non, dell’individuo donatore (naturalmente, senza
esserne stati già informate per altre vie). Ciò costituirebbe
un’ulteriore conferma che il corpo umano presenterebbe un “campo
quantistico”, olografico, tramite il quale le sue cellule comunicano
con la mente (e, presumibilmente, anche con le cellule germinali).
Queste osservazioni suggerirebbero, insieme agli studi di Pribram,
la possibilità di un reale bio-entanglement negli esseri viventi.
Tuttavia, è bene sottolineare che queste osservazioni riguardano
un settore di ricerca di frontiera e che tutto quanto riportato deve
essere ancora definito e confermato da ulteriori ricerche e
sperimentazioni.
Un ulteriore esempio di bio-entanglement potrebbe essere
rappresentato dal comportamento dei cosiddetti “insetti sociali”.
Le colonie di questi insetti (formiche, api, termiti) vengono spesso
definite superorganismi, a causa del fatto che il loro comportamento
sembra essere coordinato da una “mente collettiva” che li porta a
compiere azioni così complesse che non sono spiegabili con i soli
linguaggi chimici (feromoni) o mimici.
25
6.5. La mente è in grado di agire sul corpo?
Esistono chiare evidenze psichiatriche che l’uomo sia in grado di
influenzare con il suo stato mentale la fisiologia del proprio corpo.
Un esempio è rappresentato dall’effetto placebo (ampiamente
dimostrato e usato in medicina) e dal suo opposto, l’effetto nocebo.
Anche le osservazioni di Bruce Lipton18 tendono a confermare
l’ipotesi dell’azione della mente sull’espressione dei caratteri genetici
e sui meccanismi di controllo epigenetico.
Ma l’esempio più convincente di controllo epigenetico è costituito,
forse, dal comportamento delle cellule staminali che, o poste a
contatto con cellule diverse o fatte crescere in differenti terreni di
coltura, si differenziano in cellule di tipo diverso (muscolari,
epidermiche, nervose, ecc...) dimostrando che le loro potenzialità
genetiche (da me in seguito definite “ipergenomiche”) rispondono
in maniera diversa a seconda dei “segnali”(di natura, fisica, chimica
o energetica) che ricevono e che costituiscono, nel loro insieme, il
sistema di controllo epigenetico.
Un altro esempio di influenza della mente sul corpo è costituito
dal disturbo MPD (Multiple Personality Disorder), secondo il quale
un determinato soggetto quando pensa di essere una certa
personalità ha certe manifestazioni fisiologiche (per esempio, è
allergico alla puntura degli insetti), mentre quando pensa di essere un
altro individuo ha reazioni molto limitate19. Tale differenza di
comportamento non ha basi genetiche - poiché in entrambi i casi si
tratta dello stesso individuo, con il medesimo corredo genetico ma psicologiche, e costituisce un significativo esempio di controllo
epigenetico della psiche dell’individuo sulle manifestazioni somatiche.
6.6. Animali rapidomimetici e somatizzazione quantistica
Un altro esempio che dimostra chiaramente l’azione della mente
sul corpo e che si ricollega con il mimetismo ci è fornito dal
comportamento degli animali rapidomimetici.
Seppie e polpi sono in grado di cambiare i colori del loro corpo,
18
19
Bruce H. Lipton. La mente è più forte dei geni. Macro Video. 2007.
Esempio riportato da Talbot, op. cit.
26
per adeguarli istantaneamente a quelli del substrato sul quale si
appoggiano e riuscire a mimetizzarsi perfettamente nell’ambiente.
È evidente che si tratta di una variazione volontaria in risposta
all’esigenza di sfuggire ai predatori, e ciò dimostra che la mente è
in grado di agire direttamente sul corpo.
La mia ipotesi è che sia successo qualcosa di simile anche agli
insetti-foglia con l’unica, ma grossa, differenza che essi sono riusciti
a fissare la variazione direttamente nei geni e a trasmetterla, così,
alle generazioni future.
Non sono in grado di spiegare, nei dettagli, come ciò possa essere
avvenuto, ma ipotizzo che il meccanismo sia collegato a un campo
di comunicazione sottile, di natura quantistica e olografica (che
chiamo “campo metamorfico20”), che costituirebbe l’interfaccia
tra mente e corpo e che sarebbe responsabile anche dei fenomeni
indicati nel paragrafo precedente. Non si vede, infatti, perché la
mente possa agire sulle cellule somatiche e non su quelle germinali21 !
Io chiamo questo meccanismo “somatizzazione quantistica”
e lo definisco come: il supposto processo mentale attraverso il quale la
mente degli esseri viventi agisce quantisticamente, con meccanismo ondulatorio
o olografico, sulle loro cellule somatiche e germinali fissandone le mutazioni.
Così chiamato perché agirebbe, olograficamente, oltre che sul piano fisico
(ordine esplicito) anche sul piano metafisico (ordine implicito).
21
Riporto alcuni presunti casi di “somatizzazione quantistica”, e sottolineo
presunti, giacché non ho avuto modo di verificarne l’attendibilità. Perciò, riporto
queste notizie solo come curiosità prive di qualunque valenza scientifica,
pregando però i lettori che fossero a conoscenza di riferimenti precisi di volermeli
comunicare.
Il primo è il caso di una cucciolata di gattini nati con una data scritta sul
ventre: si scoprì che la data era quella riportata sui sacchi di granaglie sulle quali
la madre era vissuta prima e durante la gestazione (rif. Il Giornale dei misteri).
Il secondo è il caso di una gallina che viveva in un pollaio posto sotto un albero
di noci e che deponeva uova a forma di noci (trasmissione televisiva Portobello).
Il terzo è il caso di un gattino nato con la scritta CAT (fonte: Internet). Il quarto
è il caso di un gatto nato con la forma del corpo simile a quella di un cane (fonte:
Internet). In tutti questi casi (che, lo ripeto, non ho potuto verificare di persona)
è presumibile l’azione di un “imprinting genetico”: per esempio, nel terzo caso,
mamma gatta era, presumibilmente, in qualche ambiente dove c’era qualcosa
con la scritta “cat” (per esempio una ciotola, un lettino, ecc...); nel quarto caso
mamma gatta doveva essere o molto affezionata o molto terrorizzata da un cane.
Perché ho riportato in un saggio questi episodi non verificati? Perché hanno
una evidente analogia con il caso dell’insetto-foglia, che ha assunto la forma
delle foglie del suo ambiente e le cui uova sono simili a semi. Si potrà obiettare
sui casi riferiti ai gatti ma non sull’imprinting genetico (somatizzazione
quantistica) riguardante l’insetto-foglia, che è facilmente osservabile.
20
27
E questo supposto meccanismo di fissazione delle caratteristiche
adattative funzionerebbe non solo nel caso del mimetismo criptico
ma in tutti i casi di induzione di mutazioni (evoluzione) sollecitati
dalle pressioni ambientali. Tale meccanismo, mediato dalla mente,
interagirebbe intimamente con il “complesso ipergenomico”, definito
nel prossimo paragrafo.
Secondo tale ipotesi, quindi, tutti gli esseri viventi si
evolverebbero grazie alla forza mentale, una “volontà che prende
forma”, esercitata deliberatamente dagli individui che necessitano di
adattarsi all’ambiente.
Presumibilmente, infine, questo meccanismo scatterebbe solo quando
l’individuo sia sottoposto a prolungate o stressanti pressioni emotive e
vitali (rischio di sopravvivenza, urgenza), e sarebbe trasmissibile alla
progenie solo quando l’evento riproduttivo avvenga in un lasso di tempo
tale da consentire l’utilizzazione delle cellule germinali mutate.
6.7. Podaciris sicula, medusa amortale, metamorfosi e complessione
ipergenomica22
La discussione di questo presunto esempio di evoluzione potrà
essere utile a chiarire l’inedito concetto di “complessione ipergenomica”.
Nel 1971 il prof. Eviatar Nevo immise nello scoglio dalmata di
Hrid Pod Mrèaru un certo numero di esemplari di una piccola
lucertola, la Podaciris sicula, per studiare come si sarebbe adattata al
nuovo habitat. Nel 2004 un team di scienziati guidato da Duncan
Irschick e Anthony Herrel ritornò sull’isola e poté osservare una
serie di notevoli cambiamenti morfologici.
L’analisi del DNA mitocondriale eseguita sulle lucertole confinate
sullo scoglio confermò che si trattava sempre di lucertole
appartenenti alla specie Podarcis sicula, ma esse erano diventate più
grandi di quelle del continente (gigantismo insulare) e la loro mascella
risultava essere più potente. Avevano anche modificato il loro
regime alimentare, da insettivoro a erbivoro, e presentavano delle
importanti modificazioni dell’apparato digerente. In particolare, era
comparsa una struttura anatomica nell’intestino che non era
presente nella popolazione di partenza: la valvola ileo-cecale.
22
I concetti di iper-specie e di complessione ipergenomica sono scaturiti da
alcune illuminate osservazioni avanzate da mio figlio Antonio, attualmente
studente liceale, al quale, perciò, va riconosciuta gran parte della loro paternità.
28
Questo caso è stato presentato come un esempio di evoluzione
delle specie ed è stato considerato coerente con il modello di
evoluzione graduale e a velocità non costante promossa dal
neodarwinismo.
Come si spiega quanto osservato?
Apparentemente, non ci sono che due possibilità: o i nuovi
caratteri erano già presenti nelle possibilità espressive del pool genetico
della specie di origine e sono emersi a causa delle pressioni
ambientali (rappresentate dalla penuria di insetti e abbondanza di
vegetali e dagli accoppiamenti tra consanguinei), oppure si è avuta
una mutazione genetica.
Quest’ultima ipotesi lascia piuttosto interdetti, perché appare
davvero poco probabile che si siano verificate “per caso” proprio
le mutazioni più utili a sopravvivere in quel determinato ambiente
(mascelle più grandi e valvola ileo-cecale).
E ancora più improbabile appare l’ipotesi che, insieme a quelle
indicate, si siano verificate anche altre mutazioni, tra le quali poi la
“selezione naturale” avrebbe selezionato gli individui presentanti
la valvola ileo-cecale (“più adatti”) - a meno che non si voglia
ritenere che le mutazioni siano eventi così frequenti.
E, allora, come si spiega l’adattamento evolutivo osservato?
Lamarck avrebbe spiegato la cosa ricorrendo al suo principio
dell’uso e disuso degli organi: le mascelle e l’intestino, essendo usati
maggiormente, si sarebbero adeguati al nuovo regime alimentare.
Ma sappiamo che la sua teoria non era in grado di spiegare come le
caratteristiche acquisite somaticamente da un individuo avrebbero
potuto poi essere trasmesse alle generazioni successive.
E allora?
E allora è chiaro, ancora un avolta, che abbiamo bisogno di una
nuova teoria!
Per spiegare la comparsa di una mutazione (ma io la chiamerei
un “adeguamento”) così mirata e che si è verificata come risposta
a una pressione ambientale durata poco più di trent’anni (e forse
anche meno) non trovo che una risposta: l’adeguamento che ha
subito la piccola lucertola era già contenuto tra le possibilità
fenotipiche della “complessione ipergenomica” della Podaciris sicula!
Mi spiego.
Propongo che tutte le specie siano caratterizzate da una certa
“complessione ipergenomica”, definita come: l’insieme di tutte le
informazioni e di tutte le interazioni che riguardano il DNA (che, secondo i
29
genetisti, pare sia responsabile solo di una piccola frazione dell’espressione
dei caratteri), tutti i fattori di controllo epigenetico (o epigenoma), e tutto il
materiale genetico delle cellule (dall’RNA fino al cosiddetto DNAspazzatura).
In questa complessione genetica, magari sotto la forma di geni
vestigiali (geni presenti, ma che ordinariamente non vengono
trascritti) o nascoste tra le trame del DNA-spazzatura, era già
presente la risposta adattativa rappresentata dalla comparsa (o
ricomparsa) della valvola ileo-cecale.
Ogni specie, quindi, sarebbe geneticamente una “iper-specie”,
cioè: una specie che, oltre a esprimere il fenotipo standard, è in grado di
rispondere alle sollecitazioni ambientali proponendo configurazioni fenotipiche
alternative, già contenute nel suo iper-genoma.
L’attivazione della configurazione alternativa presentante la
valvola ileo-cecale sarebbe dovuta, perciò, alla risposta psichica
dei riproduttori (causata dalla pressione ambientale) che avrebbe
agito sulle cellule germinali (somatizzazione quantistica),
analogamente a quanto avverrebbe per gli adeguamenti di nuova
formazione.
Questa spiegazione, dal mio punto di vista, sarebbe in grado di
conciliare la diatriba tra i sostenitori dell’evoluzione per “equilibri
punteggiati” e coloro che propendono per il “gradualismo”: i piccoli
adeguamenti sarebbero causati dall’espressione di possibilità
adattative già presenti nella costellazione ipergenomica, mentre
i grandi adeguamenti richiederebbero vere e proprie mutazioni
(prodotte con il meccanismo del Plasticismo evolutivo, appresso
descritto).
La riattivazione di possibilità adattative inespresse ma contenute
nella “complessione ipergenomica” potrebbe essere, in una qualche
misura, connessa con il fenomeni della metamorfosi e con il
“ringiovanimento” della medusa amortale (Turritopsis nutricula)23 :
in tutti e tre i casi, infatti, verrebbero attivati particolari cluster ipergenomici
responsabili della comparsa delle caratteristiche ad essi associati.
La Turritopsis nutricula è una idromedusa che vive la prima parte della sua
vita allo stadio di “polipo” (piccoli esserini unicellulari a forma di “U”, spesso
riuniti in colonie, che normalmente vivono immobili sul fondo del mare o ancorati
alle rocce). In una seconda fase, si trasforma in medusa unicellulare, a forma di
polipo capovolto. In particolari condizioni, come per esempio in carenza di cibo,
dopo essersi riprodotta, non invecchia e non muore, ma si ritrasforma in polipo!
E può ripetere il ciclo all’infinito: da polipo diventa medusa e poi da medusa
ridiventa polipo, e così via, sfuggendo in tal modo alla vecchiaia e alla morte. È
23
30
6.8. Neurobiologia vegetale: anche le piante hanno una mente?
Il plasticismo evolutivo, come più volte accennato, si fonda
sull’assunto che sia lo sforzo mentale dei progenitori a determinare
la comparsa di variazioni adattative.
Ma questo assunto si scontra con una difficoltà di base che, per
secoli, ha tenuto lontani gli studiosi da quello che io ritengo il vero
motore dell’evoluzione (la funzione “plastica” della mente dei
progenitori sulle cellule germinali, nel caso di riproduzione gamica,
o direttamente sul materiale genetico, nel caso di riproduzione
agamica dei procarioti).
La difficoltà era costituita dalla seguente domanda: anche le piante
sono dotate di una mente?
Ebbene, parrebbe di sì.
Sono convinto che la vita sia rappresentata da una vibrazione
energetica e che tutto ciò che è energia è, potenzialmente,
consapevole e intelligente24.
Ma questo discorso esula dagli scopi della presente trattazione e,
pertanto, mi limiterò a ricordare, che alcune considerazioni sulla
presunta intelligenza delle piante furono avanzate già da Aristotele
(280 a.C.) e dallo stesso Charles Darwin il quale, in “The power of
movement in plants”, asseriva che gli apici radicali si comportassero
come un cervello esteso, del tutto simile a quello degli animali
inferiori.
Più di recente, le ricerche del fiorentino Stefano Mancuso hanno
portato a un nuovo filone di ricerca denominato “Neurobiologia
vegetale”, che si occupa proprio di indagare i fenomeni connessi
con la presunta intelligenza dei vegetali (esempio della Cuscuta, della
Mimosa pudica, degli apici radicali, ecc...).
Infine, le considerazioni di Bohm, Aspect, Pribram e gran parte
di quelle riportate in questo sesto capitolo possono essere riferite
anche agli esseri viventi vegetali e ai procarioti.
come se una farfalla, invece di invecchiare e morire, fosse in grado di ritrasformarsi
nuovamente in bruco e poi di nuovo in farfalla... e questo per un numero infinito
di volte.
24
È noto che alcuni studiosi stanno cercando di capire se anche i computer
possono essere coscienti (Can Machines Be Consciuous?, Koch C. e Tononi
G., in “IEE Spectrum”, Vol 45, n.6, pp.54-59, giugno 2008).
31
6.9. “Evoluzione quantica” e il paradosso del gatto di Schrödinger
Siccome il Plasticismo evolutivo, pur partendo da osservazioni
naturalistiche e osservabili da tutti (insetti mimetici, insetti sociali,
Ophyris apifera, ecc...) si collega, per ipotizzare alcuni presunti
meccanismi mentali di induz ione dell’e voluz ione, alla fisica
quantistica (con particolare riferimento al paradigma olografico di
Bohm), è opportuno fare alcune precisazioni sul concetto di
“evoluzione quantica”.
In questo capitolo non ci riferiamo alla “Quantum evolution” del
paleontologo George Gaylord Simpson25, ma a tutte quelle teorie26
che, come il Plasticismo evolutivo, sono in qualche maniera
collegate alle scienze quantistiche.
La prima cosa da mettere bene in chiaro è che, come ben sanno
gli studiosi del settore, non esiste un’unica concezione di fisica
quantistica e che le conclusioni a cui sono giunti i vari autori
(Bohr, Einstein, Bohm, Hugh Everett27, David Deutsch e tantissimi
altri, già menzionati e non) sono spesso opinabili e, talora, in
sensibile disaccordo tra di loro. Perciò, anche le teorie che ne
derivano, si differenziano notevolmente tra di loro.
La confusione aumenta, poi, quando si passi a confrontare alcune
ipotesi di biologia e di fisiologia quantistiche.
È un dato di fatto che tutti i fenomeni biologici si basano sul
trasferimento di energia e di particelle microscopiche, come protoni
ed elettroni, entro le cellule; moti e interazioni che potrebbero essere
sicuramente descritti in modo più appropriato dalla meccanica
quantistica piuttosto che da quella classica. Ma la biologia
quantistica si scontra con alcuni fenomeni (emergenza, coerenza e
decoerenza, collasso della funzione d’onda, entanglement,
tunneling, risonanza, “campi” quantici e olografici) non facilmente
misurabili in un sistema complesso come quello biologico.
Tuttavia, da più parti, come è stato già accennato, sono stati
Simpson aveva osservato che l’evoluzione procedeva per “salti quantici”
(tutto o niente), cioè che lunghi periodi di stasi evolutiva erano seguiti
dall’improvvisa comparsa di interi gruppi tassonomici.
26
Si vedano, per esempio, quelle diffuse a partire dai primi anni ’30 e poi riprese
ed estese da Johnjoe McFadden e da altri autori.
27
Nella sua tesi di dottorato (The Many-Worlds Interpretation of Quantum
Mechanics) propose, per la prima volta, il concetto di multiverso o
“interpretazione a molti mondi” della meccanica quantistica.
25
32
proposti collegamenti (bio-entanglement) tra le varie componenti
biologiche tra di loro e sono state ipotizzate alcune interazioni
con presunti “campi” quantici, variamente definiti.
Frölich, Penrose e molti altri, per esempio, hanno proposto
che effetti quantistici macroscopici possano verificarsi anche
nei sistemi biologici e, attualmente, è sostanzialmente accettato
che il tunneling di elettroni e protoni giochi un ruolo essenziale
nell’azione e nelle riconfigurazioni di enzimi e nel trasporto di
elettroni nei processi respiratori e di fotosintesi. Del resto, già
Schrödinger, nel suo famoso libro What is Life? (1944) proponeva
che i sistemi biologici avessero un comportamento simile a quello
dei sistemi quantistici.
Di recente, inoltre, sono stati proposti alcuni modelli tendenti
a spiegare come una cellula possa mutare selettivamente alcuni
geni tramite una risposta automatica ai segnali ambientali. Ma,
in questo caso, si tratta di modelli ritenuti dalla maggioranza
degli studiosi non convincenti e troppo simili a un “Lamarckismo
quantistico” che, al posto dei presunti “fluidi” lamarchiani, ha
sostituito le interazioni quantiche e le configurazioni d’onda
ma che, come il Lamarckismo, non riesce a spiegare alcuni
aspetti dell’evoluzione (perché la giraffa ha quel colore di
mantello, come il Draco volans ha sviluppato le sue appendici
aeree costali e, soprattutto, perché l’insetto-foglia ha proprio
quel particolarissimo aspetto28).
Essi, infatti, possono (forse) spiegare come cambia la
configurazione di una molecola al cambiare dello stato quantico
di un protone, ma non come (e per volontà di chi) nella Podaciris
sicula è apparso un nuovo organo (la valvola ileo-cecale).
Il comportamento quantistico dei sistemi biologici, quindi, pur
essendo fuori discussione (ma ancora da chiarire), è solo una
modalità con cui alcuni tipi di informazione (e bisognerà
verificare quali) possono essere scambiati tra le diverse
componenti biologiche e tra queste e la mente ma, a mio avviso,
non può spiegare come una cellula possa addirittura conoscere
28
Il Plasticismo evolutivo, basandosi non sul “multiverso”, non sulla “teoria
delle stringhe“ o altro, ma sul “paradigma olografico di Bohm” riesce, invece, a
spiegarlo, postulando un’azione mentale (somatizzazione quantistica) che agisce
a livello esplicito con un entanglement olografico (e ciò è in accordo con
l’osservazione, prima riportata, sulla memoria degli organi trapiantati) e, sempre
con meccanismo olografico, sulle matrici dell’ordine implicito.
33
- meccanicamente e aprioristicamente - quale delle possibili e
complesse mutazioni possa risultare per lei più favorevole o
indurre un organismo a produrre un nuovo organo!
Infatti - anche se alcune interpretazioni del comportamento
delle particelle subatomiche farebbero supporre l’esistenza di
una sorta di “coscienza”, dell’interazione meccanicistica di più
coscienze e della possibilità da parte dell’osservatore di
condizionare il loro comportamento (collasso della funzione
d’onda) - è probabile che, a causa della decoerenza quantistica,
la cosa non possa verificarsi negli stessi termini e con le stesse
modalità quando si abbia a che fare con sistemi di complessità
superiore a quello molecolare.
Quindi, bisogna distinguere e contestualizzare.
Suppongo, in particolare, che esista una “gerarchia quantistica”
che, a livelli superiori di complessità, richieda l’interazione di livelli
di coscienza anch’essi superiori, spiegabili solo con paradigmi
quantistici che tengano conto della maggiore complessità dei sistemi
biologici o che prevedano un entanglement di natura olografica (e ciò
sia nell’ordine esplicito che in quello implicito).
E vorrei ricordare ad alcuni divulgatori e sperimentatori che il
paradosso del gatto di Schrödinger è, appunto, solo un paradosso.
Il gatto, altrove - in qualche presunto e indefinito
multiuniverso - potrà forse anche essere, contemporaneamente,
sia vivo che morto. Ma qui, in quello che io definisco con Bohm
“ordine esplicito” (e dove stiamo studiando l’evoluzione), non
ci sono alternative: il gatto o è vivo o è morto! O, se è furbo, se
ne sarà scappato fuori dalla portata di alcuni fisici teorici!
Fuor di metafora, intendo ribadire che, quando si parla di
evoluzione e di sistemi biologici, non si possono applicare
sempre, direttamente e con leggerezza, alcune astrazioni di fisica
quantistica non contestualizzate e la cui validità sia stata
dimostrata, finora, solo a livello sub-atomico29.
29
Le attuali conoscenze di fisica quantistica, a mio parere, possono spiegare le
modalità con cui certe informazioni si possono trasmettere al corpo
(somatizzazione quantistica) ma non la genesi di quelle informazioni
(volontarietà): così come studiare le modalità di trasmissione e di ricezione delle
onde radio e come esse vengano ritrasformate, dalle varie componenti elettroniche
delle apparecchiature riceventi, in musica o in immagini, o comprendere il
funzionamento elettronico di diodi, transistor e microprocessori, non spiega
affatto come e per quale motivo siano stati creati una sinfonia o un show televisivo.
34
Infatti, non sempre il fatto di aver dimostrato l’esistenza di un
certo comportamento quantistico a livello sub-atomico giustifica
l’estensione del principio osservato a tutti gli altri ambiti, altrimenti
si corre il rischio di sfiorare il grottesco e il ridicolo30, e ciò nonostante
il fatto che la scienza quantistica sia un settore di tutto rispetto.
6.10. Mutazioni “adattive” ed “evoluzione diretta”
Come è stato detto più volte, la teoria neo-darwiniana
dell’evoluzione è basata sull’ipotesi fondamentale che le mutazioni
avvengano in maniera casuale e che la direzione delle variazioni
evolutive sia determinata per selezione delle mutazioni vantaggiose.
Tuttavia, l’ipotesi centrale che le mutazioni abbiano luogo “per
caso31” è stata recentemente messa in discussione (oltre che dalle
ipotesi creazionistiche e dal P l a s t i c i s m o e v o l u t i v o ) anche
dall’osservazione delle cosiddette mutazioni “adattive”.
Un esempio di tali presunte mutazioni è costituito
dall’esperimento del genetista John Cairns.
Egli fece crescere alcune colonie del batterio Escherichia coli in
terreni di coltura diversi, alcuni contenenti lattosio e altri che ne erano
privi, e avrebbe osservato che la presenza di lattosiostimolava, nella
popolazione di E. coli a contatto con esso, le mutazioni che favorivano
la capacità di utilizzarlo come alimento - come se la E. coli avesse
potuto, in qualche modo, effettuare una scelta32 e dirigere l’evoluzione.
Tale conclusione è, però, piuttosto controversa, in quanto molti
biologi suppongono che i risultati osservati possano essere spiegati
facendo ricorso ai meccanismi biochimici già noti.
Tuttavia, alcuni autori (come Johnjoe McFadden) si riferiscono a
Si immagini, per esempio, a quali bizzarre e suggestive conclusioni
potrebbe giungere un fisico teorico che volesse decontestualizzare i
risultati dell’esperimento della “doppia fenditura” di Young ed
estenderli fino ad applicarli alle posizioni del Kamasutra!
31
Segnalo che alcuni neo-darwinisti non si sono limitati ad applicare il
concetto di “evoluzione casuale” ai sistemi biologici e naturali ma hanno
fatto “evolvere” anche il concetto stesso di caso, cambiandone così il
significato e rendendolo “più adatto” a sostenere la “competizione
dialettica”. Secondo costoro, il caso non sarebbe perciò più un evento
“random”, ma un evento le cui cause sarebbero perfettamente spiegabili
dalla scienza, ma - si badi bene - non ora! Viene da chiedersi in base a quale
criterio “scientifico” si possa essere fare un’affermazione del genere!
32
Secondo alcuni autori, proprio come nell’esperimento della doppia fenditura!
30
35
questo esperimento per ipotizzare un presunto entanglement,
quantistico e automatico, tra ambiente e cellula batterica, tramite
il quale il lattosio avrebbe esercitato un feedback quantistico sul
genoma dell’E. coli, ciò che avrebbe determinato una sorta di
“evoluzione diretta” o, secondo altri autori, addirittura “spontanea”.
Pur nella convinzione che tutte le ipotesi hanno lo stesso diritto
di essere prese in considerazione, non è affatto provato che
l’adattamento presentato possa essere elevato a rango di mutazione,
poiché pare trattarsi, più probabilmente, di un semplice
adeguamento del metabolismo, che può trovare una spiegazione
più accettabile ammettendo che possa essere dovuto all’attivazione
di una alternativa fenotipica già presente nell’ipergenoma della specie
ed attivata attraverso un (presunto) meccanismo mentale come
quello prima descritto a proposito della Podaciris sicula.
Inoltre, nel caso di mutazioni vere (per esempio, la comparsa delle
appendici aeree del Draco volans) non è ammissibile, come è stato
già accennato nel paragrafo precedente, che esse possano essere
state determinate dall’ambiente tramite un semplice spostamento
di qualche protone sul DNA, indotto da un’automatica interazione
molecolare o di interferenza o di risonanza tra ambiente e cellule.
In questo caso (e negli altri che richiedono mutazioni numerose e
coordinate) occorre, come proposto dal Plasticismo evolutivo,
l’intervento di una “volontà che prende forma” - di grado superiore
all’elementare entanglement sub-molecolare - che si esplica, con
m e c c a n i s m o q u a n t i s t i c o d i n a t u r a o l o g r a f i c a, sia attraverso
l’intervento mentale volontario dei progenitori sia tramite la
risonanza con le informazioni o con i “progetti” rappresentati dalle
matrici residenti nell’ordine implicito.
36
7. Aspetti olistici
Come verrà detto nel prossimo capitolo, mentre la prima parte
dell’ipotesi del Plasticismo evolutivo, denominata psico-plasticismo,
si basa, prevalentemente, su considerazioni naturalistiche e sulla biologia
quantistica, la seconda parte, denominata meta-plasticismo, si collega
dichiaratamente al paradigma olografico di Bohm, il cui “ordine implicito”
ha qualche vaga analogia con alcune interpretazioni olistiche
dell’universo (“contenitori psichici universali” e “campi” energetici o
informativi di varia natura). Pertanto, ritengo sia opportuno fare un
fugace accenno anche a tali visioni.
Negli ultimi decenni “un po’ tutti dicono che tutto è connesso con tutto” e, al
riguardo, sono state presentate un gran numero di teorie che spaziano
dalla fisica, alla psichiatria, alla biologia, alla parapsicologia, alla
cosmologia (il campo subquantistico di Roger Penrose33 , la coscienza
globale di Ervin Laszlo, la consapevolezza globale dello psicologo
Dean Radin, i campi morfici e morfogenetici di Rupert Sheldrake, la
causalità evolutiva discendente del fisico quantistico Amit Goswami,
e gli impianti teorici o metafisici di numerosi altri divulgatori e studiosi,
creazionisti, fisici teorici e non).
Una delle teorie di maggiore impatto è stata, forse, quella presentata,
circa un secolo fa, dal filosofo britannico Herbert Spencer. Essa si riferiva
sia all’evoluzione biologica, sia a quella sociale e spirituale, sia a quella
cosmologica (evoluzione delle galassie e dell’universo) e supponeva che, in
tutti gli ambiti, l’evoluzione fosse mossa da una tendenza evolutiva
spontanea orientata a favorire il passaggio dall’incoerente al coerente,
dall’omogeneo all’eterogeneo, dall’indefinito al definito34.
Tuttavia, è bene chiarire che alcuni concetti ripresi di recente, e
“tacitamente”, da taluni autori non sono altro che la riproposizione in
chiave moderna di concetti già espressi in passato, soprattutto dai
filosofi e dagli sciamani.
Secondo Penrose, la stessa coscienza umana potrebbe essere il risultato di
interazioni quantistiche.
34
Gli ultimi anni sono stati caratterizzati dalla comparsa di una serie di ipotesi di
studio e di teorie che - dimenticando di riferirlo - paiono ispirarsi proprio a Spencer:
studi sull’evoluzione delle galassie, studi in ambito spirituale e sociale, studi
sull’organizzazione dei cristalli, sulla presunta evoluzione frattale, “sulla proporzione
aurea”, ecc... Tali posizioni sono, com’è evidente, diametralmente opposte al Plasticismo
evolutivo, che presuppone un’azione psichica volontaria dei progenitori.
33
37
In particolare, anche la concezione che, sia le specie viventi sia tutte
le componenti dell’universo, siano in qualche modo collegate tra di
loro è, infatti, molto precedente alla formulazione del concetto di
entanglement quantistico e risale ai primordi della civiltà umana.
Già gli aborigeni australiani, per esempio, e già da alcune decine di
migliaia di anni, si tramandano la conoscenza di un “Tempo del
Sogno35 ”, una dimensione magica, intimamente intrecciata con il
mondo reale, in cui sarebbero conservati gli antenati totemici36 con
cui gli sciamani sarebbero in grado di interagire per continuare e
modificare la creazione.
Di un “mondo delle Idee”, o Iperuranio, parlava anche Platone
(mito della caverna, parusia, metessi e mimesi); e di un inconscio
collettivo e di sincronicità parlava Gustav Jung, il padre della
moderna psicanalisi.
Molte filosofie e religioni orientali (tra cui il Buddismo), inoltre,
hanno concezioni monistiche, e la stessa cosa può dirsi per una
parte del pensiero filosofico occidentale (ricordo, tra gli altri, il
monismo panteistico del mio illustre conterraneo, il filosofo e monaco
eretico Giordano Bruno, ripreso in seguito da Baruch Spinoza).
Anche Albert Einstein ha avuto modo di esprimere un analogo
concetto, con la frase: Tutto è determinato da forze sulle quali non
abbiamo alcun controllo. Vale per l’insetto come per gli astri. Esseri
umani, vegetali o polvere cosmica, tutti danziamo al ritmo di una musica
misteriosa, suonata in lontananza da un pifferaio invisibile”.
Egli, inoltre, ebbe anche occasione di mettere in evidenza il
concetto di “campo”, definendone di vari tipi, e di sottolinearne
il ruolo organizzativo nei confronti della materia.
Anche l’esistenza di “campi morfogenetici”, capaci di modellare
la forma e le funzioni di un individuo in via di sviluppo, che è stata
riproposta dai biologi a partire dagli anni ‘20 del secolo scorso era
stata, in realtà, già ipotizzata, circa due secoli prima, da Linneo (lo
scienziato noto per aver introdotto la nomenclatura binomiale),
che, ispirandosi ad Aristotele (sinolo) e a Platone, sosteneva che le
specie naturali altro non fossero che imperfette materializzazioni
di idee immateriali (paragonabili, queste, ai concetti di “campi
metamorfici” olografici del Plasticismo e all’ordine implicito di Bohm).
35
In realtà il termine tradotto con “sogno” nella lingua originale ha un significato
tra il sognare, il cantare e il ballare, e denota un “movimento creativo” che, in
qualche modo, richiama l’olomovimento di Bohm.
36
Concettualmente equivalenti alle “idee” dell’Iperuranio di Platone.
38
Va ribadito, anche, che anche la nozione che attorno al corpo
umano (e delle altre specie viventi) esista un “campo”, generalmente
definito “aura”, era presente già in molte antiche culture: in India
da oltre 5.000 anni viene chiamato prana; in Cina viene chiamato
ch’i e la Kabalah ebraica lo definisce nefish e lo descrive come una
bolla iridescente di forma ovale che circonderebbe il corpo umano
e che sarebbe visibile da alcuni mistici.
Poi, con lo sviluppo e con il consolidamento della fisica
quantistica tutti, o quasi, questi antichi concetti hanno trovato
un possibile appiglio teorico (non-località, campi quantistici,
risonanza, coerenza e decoerenza, emergenza, presunte proprietà
mnemoniche dell’acqua, ecc…).
Tuttavia, incredibilmente, l’impulso allo sviluppo di alcune teorie
sviluppatesi successivamente è derivato da un episodio,
dichiaratamente di fantasia, raccontato dall’antropologo e zoologo
sudafricano Lyall Watson nel suo libro “Life Tide”, pubblicato nel 1979.
Perciò è forse utile riportare, qui di seguito, tale racconto in
maniera tale che chiunque possa trovare autonomamente i
collegamenti tra l’idea in essa descritta (e che, per anni, è stata
riportata, come vera, nei trattati di etologia e di antropologia) e
alcune teorie diffusesi successivamente.
7.1. La storiella della “centesima scimmia”
«Il comportamento della scimmia giapponese Macaca Fuscata è stato
intensamente studiato dagli etologi per più di trent’anni, osservando un certo
numero di colonie selvagge. Una di queste colonie viveva isolata sull’isola di
Koshima, di fronte alla costa occidentale di Kyushu, dove nel 1952 l’uomo
fornì alle scimmie una “spinta” evolutiva37: delle patate dolci […] imbrattate
di sabbia.
A un certo punto Imo, una femmina di diciotto mesi, risolse il problema,
portando le patate giù verso il torrente e lavandole prima di mangiarle.
Comparata con le conoscenze già acquisite da queste scimmie, questa era una
vera rivoluzione culturale. Richiedeva astrazione e una deliberata
manipolazione di parecchi parametri rispetto all’ambiente.
Invertendo la normale tendenza, fu la giovane Imo a insegnare alla propria
madre il trucco. Lo insegnò anche ai suoi compagni di gioco che, a loro volta,
In questo episodio si parla, chiaramente, di un adattamento non biologico ma
di tipo comportamentale.
37
39
lo insegnarono ai loro genitori. Piano piano, la “nuova cultura” si sparse
attraverso la colonia, e ogni passaggio ebbe luogo in piena vista degli osservatori.
Nel 1958, tutti i giovani lavavano il cibo sporco, ma i soli adulti (più vecchi
di cinque anni) che adottavano le novità, erano quelli che l’avevano imparata
dai figli.
Poi successe qualcosa di straordinario: nell’autunno di quell’anno, un
numero imprecisato di scimmie di Koshima lavava le patate dolci nel mare,
perché Imo aveva fatto l’ulteriore scoperta che l’acqua salata non solo puliva
il cibo ma gli dava un interessante nuovo sapore.
Era un martedì quando gli etologi osservarono questo fenomeno: un certo
numero di scimmie, diciamo 99, per rendere l’evento più chiaro, era sulla
riva alle undici di quella mattina, quella stessa sera tutte le scimmie dell’isola
avevano iniziato a lavare le patate! Possiamo immaginare che, raggiunta
una certa “massa critica”, una centesima scimmia si sia aggregata al gruppo
che lavava le patate provocando un drammatico cambio di comportamento
nell’intera comunità.
Non solo, ma il comportamento aveva in qualche modo superato le barriere
naturali ed era apparso spontaneamente in colonie su altre isole e pure sulla
terraferma, in un gruppo a Takasakiyama».
Sulla scia di questa storiella, la cui veridicità è stata smentita
dallo stesso autore nel 1985, è nata tutta una serie di filoni di studio
e di ricerca riguardanti la psicogenealogia38, la telepatia, l’etologia,
la sociologia, la cosmologia, la biologia e tanto altro ancora.
Tali filoni di studio, che spaziano da concetti come mente collettiva
ed evoluzione automatica, presentano, a una lettura comparativa,
imbarazzanti somiglianze, oltre che con questa “favola” di Lyall
Watson, anche con il sistema filosofico di Herbert Spencer, con i
sistemi filosofici monistici e con le tradizioni sciamaniche.
E in questo non ci sarebbe nulla di male, se solo i vari autori si
fossero degnati di segnalare le fonti delle loro ispirazioni e avessero
evitato di presentare i loro lavori come teorie originali.
Il tocco finale è poi costituito, in alcuni casi, da temerari e
apodittici agganci con la meccanica quantistica
Quasi tutte queste teorie, infine, trascurano di tener conto degli
aspetti fondamentali degli studi evoluzionistici: la genetica
molecolare e, soprattutto, lo studio diretto della natura (biologia,
entomologia, etologia, ecologia, genetica delle popolazioni, ecc...).
38
Secondo cui le esperienze e le azioni degli avi avrebbero, come ammonisce
anche la stessa Bibbia, degli effetti sul destino delle generazioni successive.
40
8. Il Plasticismo Evolutivo
Il Plasticismo evolutivo39 è una nuova ipotesi evoluzionistica
che, partendo da osservazioni naturalistiche (mimetismo), mette in
relazione l’evoluzione con le discipline quantistiche (fisica
quantistica e quantum biology), con particolare riferimento al bioentanglement e al paradigma olografico di Bohm.
Si fonda, essenzialmente, sull’ipotesi che l’evoluzione avvenga
non per caso ma per azione di una “volontà che prende forma”.
Grazie, cioè, a una funzione “plastica” e volontaria della psiche
delle specie viventi (animali, vegetali e procarioti) che si
esplicherebbe tramite meccanismi quantistici (somatizzazione
quantistica e campi metamorfici).
Si suddivide in due parti:
- psico-plasticismo (azione di bio-entanglement sulla realtà fisica,
o ordine esplicito);
- meta-plasticismo (interazione non-locale con le matrici olografiche
residenti nell’ordine implicito).
La psiche dei progenitori, sottoposta allo stress causato dalle
pressioni ambientali (pericolo, paura, fame, fattori climatici ed
ecologici, impulso genesico, ecc...) manifesterebbe un “desiderio”
39
Le definizioni dei concetti qui richiamati sono riportate nei capitoli precedenti.
41
di reazione, continuativo, intenso e impellente. Tale “necessità
di adattamento ” si tradurrebbe in un’azione “plastica” delle
mente che agirebbe sia nell’ordine esplicito (psico-plasticismo) - sulla
complessione ipergenomica (DNA, epigenoma, ecc…) delle cellule
germinali degli stessi riproduttori e dell’embrione in formazione,
attraverso il processo definito di “somatizzazione quantistica” - sia
nell’ordine implicito (meta-plasticismo), sulla matrice olografica della specie.
Matrice olografica e specie vivente rimarrebbero, poi, entangled o
connesse “non-localmente”, secondo la teoria quantistica di Bohm.
8.1. Caratteristiche distintive del Plasticismo evolutivo:
L’aspetto fondamentale del Plasticismo evolutivo è il ruolo
attivo o “plastico” attribuito alla psiche dei progenitori.
Sarebbe la forza della mente, infatti, a causare le attivazioni di
cluster ipergenomici (come nel caso della riconfigurazione della iperspecie della Podaciris sicula) o a determinare nuovi adattamenti evolutivi
(agendo, come si è detto, sia sulle cellule germinali dei progenitori e
sull’embrione in formazione, sia sulla matrice entangled).
Le modalità di tali azioni sarebbero di tipo quantistico e
troverebbero alcune conferme negli esempi e in alcuni dei
meccanismi riportati nei capitoli precedenti (paradigma olografico
di Bohm ed altri).
Il Plasticismo evolutivo, quindi, riuscirebbe a spiegare:
1) La particolare forma degli insetti-foglia e di tutti gli altri
animali mimetici (i progenitori avrebbero “desiderato” di
diventare come le foglie del loro ambiente);
2) Il lungo collo della giraffa (i progenitori dal collo lungo
avrebbero “desiderato” di avere il collo più lungo) e anche il
mantello mimetico della giraffa;
3) Il caso di “riconfigurazione” della Podaciris sicula e alcuni aspetti
poco chiari del fenomeno della metamorfosi (di insetti e anfibi);
4) La formazione di strutture complesse che, per funzionare
correttamente, richiedono più variazioni contemporanee o che si
sommano in maniera funzionale (es. l’orecchio, il sistema circolatorio,
ecc…): in tal caso è probabile una continua interazione con la matrice
olografica, in fase di completamento, residente nell’ordine implicito;
42
5) La convergenza evolutiva (le varie specie hanno “desiderato”
di adattarsi nello stesso modo allo stesso ambiente o si sono adattate
in “risonanza” con le matrici delle altre specie viventi nello stesso
ambiente);
6) La particolare forma del fiore dell’Ophrys apifera, un’orchidea
che, per attrarre le api e per favorire l’impollinazione, ha sviluppato
una parte del fiore fino a renderlo perfettamente simile (per colore,
forma, dimensioni e odore) a quello dell’addome di un’ape femmina
(in tal caso, si può supporre un entanglement o una risonanza tra la
matrice olografica delle api e quella dell’orchidea);
7) Spiega l’evoluzione di tutte le specie (vegetali e procarioti
compresi) poiché assume che tutti gli esseri viventi siano dotati di
una mente (ipotesi che non dovrebbe affatto sorprendere,
considerato che essi sono in grado di far fronte autonomamente a
tutte le loro necessità vitali).
8) Sug gerisce che anche gli “istinti” siano conser vati
nell’ipergenoma e nella matrice olografica implicita.
Il Plasticismo evolutivo, come il Lamarckismo, postula che sia la
necessità e non il caso a indurre l’evoluzione e che gli individui
abbiano un ruolo importantissimo nel determinare l’evoluzione
della specie alla quale appartengono.
Tuttavia, a differenza del Lamarckismo, che proponeva che le
variazioni avvenissero attraverso l’uso e il disuso di parti somatiche,
il Plasticismo propone un’azione mentale che agisce direttamente,
per “somatizzazione quantistica”, sull’ipergenoma delle cellule germinali
(spiegando, così, anche l’ereditarietà dei caratteri acquisiti) e, di
riflesso, sulla matrice olografica implicita.
In conclusione, sottolinea l’importanza dell’intenzione: cioè del
desiderio degli individui di una certa specie di attivare o meno una
configurazione ipergenomica o di causare delle variazioni adattative e,
a riprova del presunto potere della mente, fa riferimento a tutta
una serie di indizi indicati nelle pagine precedenti (effetti placebo
e nocebo, sindrome da personalità multipla, memoria olografica
dei trapiantati, rapidomimetismo dei sepiidi, insetto-foglia, ecc…).
Rifiuta, infine, l’ipotesi che interazioni quantiche automatiche e
involontarie, tra esseri viventi e ambiente, possano guidare le
mutazioni del DNA facendogli scegliere, meccanicamente, quelle
che poi si dimostrerebbero essere le più favorevoli.
43
9. Plasticismo evolutivo e Creazionismo
Il Plasticismo evolutivo non esclude affatto che l’evoluzione possa
avere una causalità teleologica, né ritiene che l’esistenza di un Dio
possa essere in contrasto con l’evoluzione delle specie viventi.
Esso propone che le specie viventi siano in grado di dirigere la
loro evoluzione grazie all’azione “plastica” della loro stessa psiche
ma che - essendo essi parte sia del Creato che del Creatore (monismo
panteistico bruniano) - la loro azione evolutiva coinciderebbe con
quella del Dio, che tramite loro opera e che gli concede il libero
arbitrio e la possibilità di agire40 in “risonanza” con Lui.
In ogni caso, il fatto di supporre l’esistenza di un Dio (che, per
inciso, a me pare evidente) non invalida affatto le ipotesi proposte
per spiegare i processi evolutivi tramite un possibile meccanismo
quantistico (anche se la causa può essere ritenuta di natura divina,
le modalità possono essere ugualmente studiate dalla scienza).
Per tale motivo, ritengo che il Pasticismo evolutivo possa costituire
un tentativo di riavvicinamento tra creazionisti (non “fissisti”) ed
evoluzionisti, poiché esso non nega l’evoluzione ma non esclude l’azione
divina (che si concretizza tramite l’azione psichica individuale).
Anche il famoso cosmologo Steven Hawking era, fino a qualche
tempo fa, del parere che l’esistenza di un Dio non fosse in contrasto
con la scienza, ma, nella sua ultima pubblicazione, ha fatto sapere
di aver cambiato idea.
A mio parere, in generale e indipendentemente dai titoli
accademici, dalla popolarità e dal credito posseduti, nessuno può
ritenersi in grado di fare affermazioni categoriche su tali argomenti.
La posizione più corretta sarebbe, forse, quella di lasciare aperte
tutte le possibilità e di sforzarsi di ragionare, per quanto possibile,
filosoficamente - poiché la filosofia si trova, sicuramente, a un
gradino più alto della scienza41 e dello scientismo.
Azione assimilabile, per certi versi, alla preghiera.
In appendice, riporto un breve racconto che illustra questo mio punto di vista. Qui
voglio solo ricordare che le obiezioni categoriche sono, filosoficamente, facilmente
oppugnabili. Secondo Socrate, per esempio, anche l’affermazione, generalmente data
per scontata, che “tutti gli uomini sono mortali” non è dimostrabile. Perché, per esserne
sicuri, bisognerebbe essere certi che tutti gli uomini nati dall’alba dei tempi fino ad oggi
siano morti, che tutti quelli attualmente viventi siano anch’essi mortali (e non c’è altro
modo per assicurarsene se non quello di ucciderli tutti) e, infine, dovrebbe suicidarsi
anche lo stesso sperimentatore! Che, se lo facesse, da morto non sarebbe ugualmente in
grado di confermare l’ipotesi.
40
41
44
10. Il Plasticismo genomico
Riassumendo, l’ipotesi di studio denominata Plasticismo evolutivo
si fonda su tre precisi assunti.
Il primo è che tutti 42 gli esseri viventi (vegetali e microrganismi
compresi) siano dotati di mente, di consapevolezza e di volontà.
Il secondo è che la psiche dei genitori possa agire volontariamente
e direttamente43 sull’ipergenoma delle cellule germinali, esercitando
su di esse un potere “plastico” o mutageno.
Il terzo è che l’azione mentale dei progenitori agisca tramite
meccanismi di natura quantistica (entanglement olografico - esplicito e
implicito - e somatizzazione quantistica) che, si badi bene, costituirebbero
il mezzo e non la causa delle mutazioni.
Chi non ha considerato valido il primo assunto (e cioè l’ipotesi
che anche i vegetali e i microrganismi abbiano una mente) non ha
potuto, di conseguenza, prendere in considerazione neppure il
secondo ed è stato costretto a proporre improbabili meccanismi
mutageni casuali (i neo-darwinisti), fantasiose interazioni
energetiche o nebulosi automatismi44 di presunta natura “quantica”
(gli autori new-age), oppure un’azione divina (i creazionisti).
Il Plasticismo evolutivo, dopo aver presentato, nelle pagine
precedenti, tutta una serie di fatti che tenderebbero a
confermarlo, ritiene invece possibile che il processo evolutivo
possa essere dovuto sia a un’interazione tra la mente dei
progenitori e l’ipergenoma delle loro cellule germinali sia a
un’interazione con un ordine implicito.
Tali conclusioni - a parte l’evidenza di alcuni “indizi” - vanno,
però, provate. E, per fare ciò, è necessario innanzitutto confermare
che anche i vegetali e gli organismi procarioti sono dotati di volontà
propria e, contemporaneamente, che i ricercatori realizzino delle
ricerche scientifiche orientate a valutare il possibile effetto delle capacità
psichiche degli esseri viventi sulle dinamiche evoluzionistiche e, in particolare,
Questa ipotesi si fonda sia sulle recenti e controverse risultanze della
neurobiologia vegetale sia sull’ipotesi che la vita sia - essenzialmente - energia,
e che la sostanza biologica costituisca solo il supporto fisico che gli consente
di esprimersi e di interfacciarsi con la realtà fisica (o ordine esplicito).
43
Nel saggio sono stati riportati una serie di “indizi” che confermerebbero tale ipotesi.
44
Ribadisco che non concordo con tali concezioni per tutto quanto già esposto nel
capitolo 7.
42
45
gli eventuali effetti mutageni del “desiderio di adattamento” sul
genoma (Plasticismo genomico )45.
Gli studi di meccanica quantistica sembrano aver dimostrato che
il collasso della funzione d’onda possa rappresentare la modalità
con cui viene effettuata una “scelta” quantica: quindi esisterebbe
una base teorica minima per procedere alla sperimentazione.
Tuttavia, occorrerà usare alcune precauzioni.
In primo luogo, come è stato già accennato, bisognerà verificare
che i fenomeni osservati a scala subatomica siano validi anche a
scala macroscopica e biologica (cosa di cui è tuttora lecito dubitare).
In secondo luogo, si dovrà resistere alla tentazione di cercare di
avvalorare le proprie ipotesi facendo esclusivo riferimento alle
interpretazioni quantistiche (talune delle quali paiono così visionarie
da non essere accettate dalla grande maggioranza dei fisici), ma si
dovranno sempre tenere nel giusto conto le fondamentali e
ineludibili osservazioni naturalistiche e biologiche.
In ultimo, non si dovrà trascurare di studiare gli aspetti naturalistici
più inusuali, poiché è proprio dal loro studio che si potrà giungere
a comprendere o a ipotizzare nuovi meccanismi evoluzionistici.
In definitiva, una teoria evoluzionistica degna di tale nome dovrà
essere in grado di spiegare quantomeno come si sono formati gli
insetti-foglia, con quali meccanismi compaiono alcune appendici
che rappresentano un vantaggio evolutivo (Draco volans), la
particolare forma della Ophyris apifera, le cause deterministiche della
convergenza evolutiva e come si for mano alcuni sistemi
particolarmente complessi (sistema vestigiale, sistema cardiocircolatorio, sistema immunitario, ecc...).
Se una teoria non è in grado di spiegare almeno questo, allora
non è una buona teoria - anche se si basa sulla “miracolosa”
meccanica quantistica - e c’è ancora molto spazio per altri studi e
approfondimenti.
Nel romanzo techno-thriller “Metamorfer. La gemma di Darwin”- con la libertà
che è concessa al narratore ma che non è consentita al saggista - ho immaginato un
metodo, chiaramente fantascientifico, per indurre mutazioni non attraverso
l’ingegneria genetica ma sfruttando una fantasiosa apparecchiatura (il Metamorfer)
in grado di immergere un individuo induttore (progenitore) in una realtà virtuale
olografica, di amplificarne le reazioni tramite un processo ipnotico e di convogliare
il “campo metamorfico” così prodotto (con un principio analogo a quello dei
potenziali somato-sensoriali evocati) sull’ipergenoma delle cellule germinali
(sottintendendo un meccanismo di somatizzazione quantistica ed olografica, agente
sia nell’ordine esplicito che nell’ordine implicito).
45
46
APPENDICE
47
Il frate eretico domenicano e filosofo nolano
Giordano Bruno
«La qual natura (come devi sapere) non è altro che Dio nelle cose».
(Giordano Bruno, “Spaccio de la bestia trionfante”. 1584).
48
L’oggetto della discordia
(Racconto)
L’oggetto si stagliava immobile e silenzioso, sospeso a mezz’aria, sopra
il mare in bonaccia.
Aveva la forma di un triangolo isoscele, con la base a sinistra e la punta
a destra, e sembrava di metallo.
Il bambino corse, trafelato, dall’uomo chiamato “il Maestro” e lo
strattonò tirandolo per una gamba del pantalone.
«Che c’è?»
«Guarda!» fece il bambino, indicando l’oggetto nel cielo. «Cos’è?»
L’uomo alzò lo sguardo e rimase a bocca aperta.
L’oggetto era enorme e inquietante, come il dubbio che rode le vite dei
mortali.
«Non so cos’è. Da quanto tempo è lì?» chiese l’anziano uomo a sua
volta.
Il bambino alzò le spalle e sgambettò via, corrucciato: dal Maestro si
aspettava delle risposte, non delle domande.
Il Maestro si mordicchiò un labbro.
Per quanto ne sapeva lui, quell’oggetto poteva anche essere stato là,
sospeso nel cielo, fin dai tempi della Creazione, senza che nessuno se ne
fosse mai accorto. Gli uomini, infatti, erano troppo presi dai loro affari e
non alzavano mai lo sguardo al cielo.
La notizia dell’avvistamento si sparse in un battibaleno e tutti, nell’isola,
presero a camminare con il naso all’insù in attesa che l’oggetto facesse
qualche movimento, che andasse via o che cadesse o che emettesse qualche
rumore.
Ma non avvenne proprio un bel niente!
L’oggetto continuò a rimanere immobile per giorni, per mesi e per
anni.
Gli uomini, nel frattempo, si divisero in fazioni: alcuni ebbero paura,
temettero la fine del mondo e formarono una setta religiosa; altri si misero
a studiare un piano per abbatterlo; altri, ancora, presero a osservarlo con
grossi telescopi; altri, infine, cominciarono ad adorarlo come un Idolo e si
diedero alla fornicazione.
Poi al Maestro venne un’idea.
Pensò che, oltre che dalla loro isola, quella dei naturalisti, l’oggetto potesse
risultare visibile anche dalle isole vicine. Perciò, vincendo l’innata ritrosia,
sollevò il telefono e chiamò i suoi colleghi che abitavano nell’isola dei fisici.
49
E la loro risposta lo lasciò stupefatto: «Noi abbiamo visto l’oggetto da
un bel po’ di tempo. Ma vi sbagliate: non è un triangolo... è un cerchio!»
«Un cerchio?»
«Proprio così... e ha un punto giusto al centro!» continuò il fisico.
«Ah, ma allora deve trattarsi di un altro oggetto! Strano, però, che noi
non lo vediamo».
«Se è per questo anche noi vediamo un solo oggetto nel cielo e - ti ripeto è un cerchio. Mentre non riusciamo a scorgere il vostro triangolo».
«E se vi sbagliaste?» ribatté il professore naturalista. «Forse la vostra vista
non è così buona come credete. Io potrei giurare che si tratta di un
triangolo!»
«E allora facciamo una cosa» propose il fisico, «chiamiamo i religiosi e
chiediamogli cosa vedono loro».
«Ottima idea. Vedrai che daranno ragione a noi» rispose il naturalista.
Allora telefonarono all’isola dei religiosi e gli chiesero se, dal loro punto
di vista, vedessero qualcosa nel cielo, sospeso sul mare davanti a loro.
Il religioso alzò lo sguardo al cielo e ammutolì.
Era proprio vero!
Anche nel loro cielo c’era un gigantesco oggetto sospeso a mezz’aria e
non se ne era mai accorto prima.
Per lo stupore lasciò cadere il telefono, e suonò le campane per chiamare
a raccolta tutti gli abitanti della sua isola.
«Qualcuno di voi si era già accorto di questo oggetto nel cielo?»
domandò.
Tutti scuoterono la testa.
Nessuno lo aveva mai notato!
Chiamò, quindi, i naturalisti e i fisici e parlò loro: «Anche nel
nostro cielo c’è un oggetto misterioso ma, da come lo vediamo
noi, ha la forma di un cerchio schiacciato - più un’ellissi che un
cerchio - con un piccolo triangolino sulla destra. Perciò, non
dovrebbe trattarsi dello stesso oggetto! Lo osser veremo, ci
rifletteremo, e vi faremo sapere».
Il Maestro, allora, andò alla spiaggia e piazzò un potente telescopio.
Era ben determinato a non desistere fino a quando non avesse scoperto
cosa fosse quel misterioso oggetto sospeso a mezz’aria.
Tutti gli altri abitanti dell’isola avevano ormai accettato l’idea che si trattasse
di un triangolo, come dicevano tutti gli altri naturalisti, e deridevano sia i
fisici che i religiosi che vedevano oggetti diversi. Ma lui non ne era per
niente persuaso.
Una risatina soffocata dietro di sé lo costrinse a girarsi.
50
Strinse le palpebre, per mettere meglio a fuoco il volto del visitatore e,
dopo qualche istante, lo riconobbe.
«Ah, sei tu!» sospirò, imbarazzato.
Molto tempo era passato e quello che era un bambino era ormai
diventato un ragazzino dallo sguardo vispo e sicuro e lo guardava
sghignazzando, mentre mangiava con gusto un gelato.
Era proprio il bambino che, anni prima, gli aveva fatto notare l’oggetto
incombente.
«Senti, non so come dirtelo» sbuffò il Maestro, «ma non ho alcuna idea
di cosa sia quell’oggetto. Per la verità ho chiesto anche ad altri: ma vedono
cose diverse. Alcuni vedono un cerchio, altri un triangolo, altri un’ellisse con
una punta triangolare di lato...» spiegò, spalancando le braccia e spiando le
reazioni del ragazzino, che sorrideva e continuava a leccare il suo cono gelato.
«È un cono» dichiarò il ragazzino, alzando il cornetto al cielo.
«Lo vedo che è un cono gelato» rispose il Maestro, per fortuna questo
riesco ancora a capirlo!
«Non dicevo questo. Io parlavo di quell’oggetto enorme nel cielo... è un
cono, come questo!»
Il Maestro sorrise, divertito. «Hai una bella fantasia, e questo è bene.
Però ti sbagli: quello nel cielo non è affatto un cono gelato!»
«E invece sei tu che ti sbagli, Maestro, perché non hai fantasia e ragioni
solo in base a quello che puoi vedere...»
Il Maestro arrossì, offeso.
«Come ti permetti? Io ho studiato tanto, sono un grande accademico,
mentre tu hai la mente vuota, proprio come un foglio bianco!»
«Ed è proprio per questo che nella mia c’è posto per qualcosa di nuovo»
ribatté il ragazzino. «Guarda: se il gelato lo metto così vedo un cerchio, se
lo giro di lato vedo un triangolo e, se lo metto un po’ obliquo vedo
un’ellisse e una punta triangolare di lato» continuò, sghignazzando.
Il Maestro, stupefatto, si lasciò cadere sulla sabbia.
«Non era poi così difficile» osservò il ragazzino. «Perché mai voi studiosi
non vi siete mai degnati di considerare ognuno anche il punto di vista
degli altri ed elaborare una sintesi?»
Il ragazzino aveva ragione: la realtà apparente cambiava a seconda del
punto di vista ma l’essenza dell’oggetto era immutabile: l’oggetto nel cielo
era un cono, proprio come un cono gelato!
E avrebbero potuto capirlo anni prima, se solo ognuno avesse fatto
uno sforzo per ascoltare l’opinione degli altri.
«E cosa rappresenta quel cono?»
«Mi sembra chiaro: è il pregiudizio; è il punto di vista fazioso e parziale»
«E riusciremo mai a liberarcene?»
51
«Forse. Ma si scioglierà solamente se sarà riscaldato dalla luce della
tolleranza… come un cono gelato sotto i raggi del sole!» rispose il ragazzino,
girandosi per andare via.
«Te ne vai?»
«Sì. Andrò ad abitare nell’isola dei filosofi. È molto più estesa di quelle
degli scienziati e dei religiosi messe insieme: è a forma di arco e consente
molteplici punti di vista; inoltre, proprio al centro, ha una montagna, la
Vetta della Meditazione, che ti consente di vedere le cose dall’alto».
«E noi cosa potremo fare, separati come siamo gli uni dagli altri?»
«Potreste costruire dei ponti che colleghino le vostre isole tra di loro,
magari anche con quella dei filosofi!»
«Sarà difficile» commentò il naturalista, «da tempo ho compreso che
ogni capo-isola vuole rimanere separato per dominare meglio gli abitanti
della sua isola...»
«E allora, almeno parlatevi ogni tanto e cercate di scambiarvi i punti di
vista!»
Il Maestro storse il naso, dubbioso.
«Ma tu chi sei veramente?» chiese, infine. «Dimmi chi sei!»
Il ragazzino fece una lunga pausa e sgranocchiò con gusto il resto del
cono gelato. «Sono uno che osserva e che ha la mente e il cuore bianchi
come un foglio vuoto» rispose, con un largo sorriso.
(Da “Appunti di viaggio”, raccolta inedita di poesie, aforismi e racconti di Pellegrino De Rosa).
52
53
Note sull’autore
Pellegrino De Rosa è dottore agronomo,
giornalista, saggista e scrittore.
È laureato in Scienze e Tecnologie Agrarie,
e ha un master in Gestione e difesa del territorio.
Insegna materie scientifiche e tecniche
presso le scuole medie superiori ed è istruttore
di scacchi.
Si interessa di progettazioni e di studi in
ambito ambientale, botanico, zootecnico e di
ingegneria naturalistica.
Per contatti. Email: [email protected]
Facebook: Pellegrino De Rosa
Altre pubblicazioni dell’autore
Piante alimurgiche
(del Baianese e del Lauretano)
Studio botanico ed etnografico su 74
specie di erbe selvatiche commestibili e
sulla loro utilizzazione gastronomica.
Stampato a cura della Regione
Campania - Assessorato all’Agricoltura
e alle Attività Produttive e con la
prestiogiosa prefazione del prof. Antonio
Saracino di Scienze Forestali e
Ambientali di Portici (Na).
La gestione dell’ambiente e del
territorio e la “Metodica De Rosa”
Studio ambientale sulle areee interne
a rischio di dissesto idrogeologico.
Presentazione di una innovativa
metodica di Ingegneria Naturalistica da
adottarsi nei suoli piroclastici e in quelli
presentanti orizzonti pedologici inerti per
cause di natura fisica, chimica o biologica.
54
ROMANZO
Golfo di Napoli.
Aria fresca, mare un po’ mosso, atmosfera sensuale.
Subito un personaggio fosco e affascinante, Raf, assetato di vendetta.
Subito una splendida giornalista, dai capelli color del grano maturo, Eva Nabokova.
E subito una serie di misteriosi interrogativi: chi o che cosa ha folgorato il cane Avatar?
chi ha sparato al delfino? chi ha fatto saltare in aria il campo nomadi di Ponticelli? e chi è
la misteriosa creatura che Raf ha cercato di liberare portando con sé il chip della “gemma
di Darwin”?
Il romanzo di esordio di Pellegrino De Rosa non perde tempo: t’inchioda alla pagina fin
dalle prime righe e ti tiene sulla corda fino all’ultimo e sorprendente capitolo, con il ritmo
incalzante e avvincente dei migliori action-movie.
E subito la storia principale si intreccia con tante altre storie: quella di un simpatico
fotoreporter, donnaiolo incallito; quella di una sexy spia italo-americana; quella di una
misteriosa e vecchia zingara napoletana; quella di un gruppo di “femminielli” e di un
nostalgico boss della camorra, e di tanti e tanti altri personaggi, più o meno secondari, ma
tutti descritti con cura e pathos.
E, sullo sfondo, Napoli, i suoi vicoli, i suoi odori, le sue leggende e i suoi coloratissimi
personaggi.
Soprattutto, viene presentata una inedita ipotesi evoluzionistica (il Plasticismo Evolutivo)
che mette in relazione l’evoluzionismo con le scienze quantistiche.
Ma la complessità dell’argomento non appesantisce affatto la narrazione che, anzi,
scorre via fluida, leggera e allegra, come l’acqua trasparente di un ruscello di alta montagna.
L’autore, infatti, è riuscito a combinare - con stile gradevole e con sovrana leggerezza affreschi paesaggistici, battute napoletane, leggende popolari ed erotismo, con azione,
mistero, scienza e filosofia.
Finalmente un techno-thriller italiano che, per contenuti, suspense e humor, è in grado
di competere degnamente con i colossi stranieri dello stesso genere e con una marcia in
più: la scanzonata e fatalistica ironia napoletana.
“Metamorfer. La gemma di Darwin” di Pellegrino De Rosa, Pag. 382. Edizioni Simple
(ISBN:978-88-6259-399-1), acquistabile su http://www.ibs.it e sugli altri bookstore on-line.
55
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 028 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content