close

Enter

Log in using OpenID

CISI j FOGGI@ - Cisl Foggia

embedDownload
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
CISI FOGGI@
j
~
'\ UNIONE SINDACALE TERRITORIALE
"
"
a cura dell'Ufficio Informazione
Via Trento, 42 - Foggia
TeL 0881,724388 - 348.8543490 Fax 0881,771681
e-mail: [email protected]
www.cis1foggia.it
1
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
UNifiCATE SEI SIGLE IL SEGRETARIO 811111I1111NI: {(SI TRATTA DI UIII IIIUOVO MODELLO DI SINDACATO ..
Nasce Cisllavoro pubblico
gigante da 600miia iscritti
"~o
*
tela ma, soprattutto, giocare
ROMA. Più forza contrattuale e risparmio di ri- da protagonisti nella riforma
sorse interne. Sono queste le della Pa, Lo rivendica Frandue leve che hanno portato cesco Scrima (CisI' Scuola),
alla nascita di Cisl Lavoro chiamato a. coordinare il nuopubblico, un gigante da quasi vo soggetto: «Siamo noi l'in600 mila iscritti che rappre- novazione, la s~riipli:ficazione
senta la più grande associa- parté dalsindacàto:, Con que-,
zione italiana di lavoratori at- sta unificazione parleremo
tivi. Per arrivare a questa con una voce sola per mettere
sigla sono state accorpate le al centro le competenze e dare
precedenti sei categorie cisli- al paese servizi nuovi, più
ne del pubblico impiego: fun- veloci e che costino meno al
zione pubblica, Scuola, Sicu- cittadino». Per Scrima infatti
rezza, Medici, Università, In- la nuova formazione sarà «più
novazione e ricerca.
forte e più incisiva» e si bat·
«Si tratta di un
nuovo modello di
sindacato
ha
spiegato il segretario generale della Cisl,Raffaele
Bonanni che ha tennto a battesimo la'
nuova formazione
- più coordinato
nell'azione e più
vicino ai posti dì
lavoro, Una nuova
organizzazione
con piÙ competenza per garantire
ancora più impegno su formazione,
contrattazione
BONANN! Segretario generale della Cisl
aziendale e produttività». il nuovo organo di terà sia per tutelare «chi larappresentanza, con i suoi 585 vora nel pubblico impiego e
mila iscritti, conta 25 mila tante volte è ingiustamente
delegati sindacali Rsu,
vilipeso» che per garantire
In . questo varo non sono migliore qualità dei servizi.
casuali le tempistidie perché
Bonanni ha poi annunciato
l'obiettivo dichiarato è quello che questa fusione non sarà
di mettere insieme tutti i la- l'ultima: «Lo faremo anche
voratori del settore pubblico per altre categorie, è il frutto
in un soggetto più forte nel di una spending review inft'!.O!6 di raprrese!lt~mza ~ tt.1· ~~!,~q !!1i?iat8 C!?.!r'0~h·: tp~~0~
2
a livello territoriale siamo
passati da 124 a 58 strutture, e
passeremo da 17 a 7 categorie», il leader Cisl si è poi
augurato che anche <<lutti i
parola!» prendano esempio da
questa scelta, con chiaro riferimento ai politici che
«quando fanno da soli fanno
pasticci», riferito al DI Lavoro
approvato ieri, e che sulle cri"
si aziendali «chiacchierano e
disquisiscono del sesso degli
angeli, mentre quelle gestite
sindacahnente arrivano alla
meta».
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
Sarà possibile prorogare un contratto
per 5volte (non più 8come inizialmente
previsto dal testo del governo) .
enzi: C SÌ si salvano
imprese e lavoratori
Paletti: non si dovrà avere più alcuna paura di assumere
<I ROMA. Via l1bera defmitivo della Camera al
in chiave Europee che ai contenuti del testo in va·
decreto legge lavoro con 279, 143 contrari è solo 3 tazione. Nel mirino in particolare l'ostruzionismo
astenuti. Soddisfatto il ministro Paletti, che si dice messo in atto nelle ultime 24 ore da Sinistra ecologia e
convinto che Ora (de imprese potranno assumere Libertà, che però viene rivendicato dai diretti in·
senza preoccupazioni», Non solo. il premier Renzi, :in teressati: «Per chi vive la condizione di precarietà
serata e via tweet, spiega che il decreto serve anche a ànche un minuto in più di opposlziohe - dice TittiDi
salvare imprese elavoratori sottolineando che «(senza Salvo - significa una speranza che quel decreto non
quel decreto Elecrrolux non avrebbe fIrmato) l'ac- solo si poteva provare a fermare ma si poteva provare
cordo per il salvataggio.
a cambiare domanD).
Assi portanti del decreto legge sono le norme sui
I deputati pentastellati non vogliono però «lezioni
contratti a tempo e quelle sull'apprendistato. D~ora in da nessuno - è la controreplica - sulla presunta
poi, infatti, sarà possibile stiplÙare contrattiflno a 36 rinuncia all'ostruzionismo. Abbiamo fatto anche più
mesi senza causale, vale a dire sena una ragione di quanto era in nostro pot~re·- -insistono - per
specifica, così come sarà possibile prorogare un con· bloccare un testo indegno)}, proteste in Au1a com·
tratto per cinque volte (non più otto come inizial- prese. Come quella di ieri che ha visto una deputata
mente previsto dal testo del governo). Fissato anche grillinafar trillare lilla sveglia in Aula. «La vostra ora
un tetto di precari pari a120% dell'organico stabile: in - afferma Tiziana Ciprini rivolta ai colleghi seduti
caso di violazionè, il datore di lavoro si trova a dover nell'emiciclo diMontecitorio-è suonata)}. E critici si
pagare' una mu1ta ma non è più obbligato - come mostrano ancora una volta anche isindacati. La Cgil,
concordato inizialmente durante l'esame del dl alla COn Nicola Marongiu, conferma :il giudizio negativo
CalUera - a stabilizzare i lavoratori assunti fuori di una legge che «sotto ilprofllo della: precarizzazione
quota. Altra novità, 11 ripristino della formazione è peggiorativo rispetto alla normativ~ precedente)}.
pubblica per gli apprendisti seppure con alcuni pa- ,<Più leggi si fanno - è la lesi del leader Uil Luigi
letti, sulla maternità e sui contratti di solidarietà.
Angeletti - meno posti si creano); nlentre il numero
Plauso dei partiti che sostengono 11 governo con . uno.della Cisl Raffaele Bonanni se la prende con «le
Ncd convinta della tesi che il dl sia un incentivo alle ultime modifiche fatte, frutto di mediazione politica,
assunzioni mentre più cautela usa il Pd sostenendo che hanno aggiunto a flessibilità a flessibilità». Coro
che si tratti di un testo equilibrato «tra le ragioni dei rezioni rivendicate invece dal Pd, in particolare dal
lavoratori e quelle delle aziende). Di parere netta- presidente della commissione Lavoro della Camera
mente opposto tutte le opposizioni da SeI a Forza Cesare Damiano, e in modo simmetrico ma opposto
Italia. TI voto si consmna in un' Aulala cui attenzione dal partito diAngelìno Alfano: «Da oggi - scommette
è catalizzata dall'affaire Genovese con continui sco!).- il presidente dei senatori Ncd Maurizio Sacconi tri tra grillini e democratici - ma anche con Sel- con ogni datore di lavoro è più libero)}.
Chiara Scalise
interventi che guardando più alla tempistica dél voto
3
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
I 8 IPUGtIAE BASILICATA
lA GAZZE~DELMEZZOGIORNI
Venerdì 16 maggio 20'
SI TORNA All'USO «ISTiTUZIONALE»> AR~iVANO 281Y11110NI ALI:«ARlOTTAl
Cancellato il prelievo di 77 miliDni per
La rimodulazione finanzierà i lavori per
il piazzale e la pista dirullaggio, Rinviati
CAMBIA L:ACCORDO DI PROGRAMMA pagare i debiti con le Sud-Est. Giannini:
({Molto meglio destinare tutto ai cantieri» alcuni progetti relativi all'aeroporto di Bar
TRASPORTI
r.~là"l'lW"(1'.l<_'ctt-='>-~~ti<""~'~''''''''Tm''';:~-''''-''?:''';''''~;3i'''
Puglia, cura dimagrante per iFas
Saltano 55 mln dopo i tagli di Renzi, ma dalla manovrina soldi allo scalo di GrottagHt
MASSIMILIAIUO SCAGLIARINI
19 SARI.La disponibilità netta
per gli interventi infrastruttu·
rali previsti dall'accordo di pro-
La giunta regionale ha infatti
rimodulato il quadro fmanziario dell'accordo di programma.
E, come differenza tra i 77 mi~
lioni che a ottobre erano stati
destinati a copertura debiti
gramma sui trasporti scende da (cancellati) ed i 55 milioni cni è
637 a 581 milioni. Ma, tutto som- stata obbligata arinunciare dal~
mato, poteva andare peggio: pur lo Stato, JaPnglia ha recuperato
_dovendo applicare i tagli obbli· un tesoretto di quasi 22 milioni:
gatori previsti dalla legge di Sta- soldi che verranno destinati al
bilità per il 2014, la Regione è fmanziamento didue interventi
tornata sui suoi passi. Ed ha (piazzale e nuova pista di ruIdunque rinunciato - come pure laggio) per l'{(Arlotia», insieme
avrebbe potuto· a usare parte ad altri 8 milioni di (<somme a
del Fondo per lo sviluppo e la disposizione» reperite sempre
coesione (gli ex Fas) per il pa- nelle pieghe dell'accordo di progamento di 77 milioni di debiti
pregressi, come stanno facendo
inmolte altre parti d'Italia, Con
questo cambio in corsa sono sta~
ti trovati i soldi necessari per i
nuovi interventi sull'aeroporto
di Grottaglie amlUnciati due
mesi fa.
gramma_ l 55 milioni di tagli,
invece, verranno coperti eliminando una serie di progetti non
realizzabili nei termini di impegno previsti dagli ex Fas (ter-
mine ora prorogato dal 31 dicembre 2013 al 30 giugno 2014):
ziati attingendo (ad esempio) al-
la
nuova programmazione
2007-2014 dei fondi europei.
On cambio in corsa che non è
neutro dal pnnto di vista dal bi-
lancio autonomo della Regione,
visto che quei 77 milioni (corrispondenti al debito verso le
Ferrovie Sud-Est in conseguenza di una sentenza del Consiglio
di Stato) andranno comunque
coperti in qualche altro modo.
«Ma piuttosto che usare i Fas
per il pagamento dei debiti -
spiega l'assessore ai Trasporti,
Giannì Giannini - ci è sembrato
piÙ giusto riportarli alla loro
destinazione originale, vale a
dire gli investimenw>. Cosa è
cambiato da ottobre ad oggi?
«La rimodulazione dell'accordo
di p,:,ogramma - spiega l'asses-
sore -ha fatto emergere una serie di progetti che non sarebbero comunque stati realizzati,
ed ai quali si può rinunciare
senza danni. Anche perché, in
ogni caso, con il taglio verticale
che il governo ha assestato agli
ex Fas non avremmo comunque
potuto spenderID).
Resta però da risolvere il problema delie Sud-Est, che discen-
de dal mancato adeguamento
all'inflazione dèi contributi chilometrici versati ogni anno dalla Regione. I massimi giudici
amministrativi -hanno riconosciuto alla società un risarcimento da 72,9 milioni per gli
anni dal 2001 al 2008. «Trove-
.remo la soluzione - promette
Giannini - in sede di assesta~
mento al bilancio».
tra questi progetti ce ne sono
anche alclUli che riguardano
l'aeroporto di Bari, e che dovranno essere comunque finan-
SE,NE RIPARlA DOPO LE ELEZIONI
<,
Regione, rinviata
la riunione
con i sindacati
per le assunzioni
iii BARI, È slitiata a data da
Neli'ultima seduta di Consi-
destinarsi, probabilmente a dopo le elezioni, la riunione della
Cabina di regia tra sindacati e
Regione per il problema delle
assunzioni di personale. L'assessore Leo Caroli ha accolto la
riclùesta di rinvio presentata
dalla Cisl a causa della contemporaneità con i congressi nazionali di categoria: ma si tratta
molto probabilmente di una
mossa diplomatica per evitare
imbarazzi.
glio regionale, hlfatti, Caroti annunciò che avrebbe replicato alla mozione--Zullo sull'imminente concorso per 200 funzionari
«dopo le elezioni». Nel frattempo, martedì il Formez dovrebbe
diramare il calendario delle
prove per i 40mila partecipanti.
La questione è collegata con
quella relativa ai 400 cosiddetti
precari che chiedono la stabilizzazione immediata. e alla immi-
-
---""",--,--",---
~
__
~.
_ _ ~~,_/'
.,0.
- " - " - ' - - ' --,-' _o,,'
4
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
Venerdì 16 Maggio 2014 Corriere del Mezzogiorno
Lavoratori rumeni a Grottaglie
Regione e sindacati contro Alenia
Caroti: «Perché non considerare i 400 under 30 pugliesi già superqualificati?»
Stefanelli (Piom): «Gli operai dell'Est sono più di 100 e costano il 300/0 in più»
La domanda è inevitabile: assunti a part time». Stefanelil lavoro_c'è, ma sono i giova- li parla di <<situazione disordini che non sono qualificati a nata ma organizzata», cioè
svolgerlo o non hanno voglia voluta, aggiungendo che «gli
di cimentarsi con la comples- interinali percepiscono lo
sità, almeno quella del setto- stesso salario dei lavoratori
re aerosp~ale? La notizia- 'assuntia tempoindeterminariportata ieri dal Camere del to, ma fazienda paga all'agenMezzogiorno - di 100 lavora- zia, per il suo servizio, almetori rumeni impiegati da Ale- no il 300k in più»; e questo a
nia a Grottaglie ha creato fronte di un importantissimo
scalpore. intanto Aldo Puglie- contratto sottoscritto da Alese, segretario un, informa Dia con Boeing, che <<imporche <4 rumeni stanno per an- rà molte assunzioni a tempo
dar via, anche grazie alle no- indeterminato. Non la sto
stre insistenze l'azienda si sta sparando grossa, perché ne
guardando attorno, in Puabbiamo parlato duraute le
glia, per .cercare lavoratori
normali relazioni industriaquallficati alle proprie produID>. .La Piom, al problema di
zioni». Ma, per r~stare alle inutilizzare in tempi strettissiformazioni, non -è tutto. Inmi manodopera qualificata
tanto perché -.:. come spiega (questa la motivazione di Aleil leader pugliese della Piom niaperilricorso allavoro.inDomenico Stefanelli - <4 l1l- terina1e rumeno) replica: «Se
meni "somministrati" già ci si avvale di lavoratori
dall'agenzia interinale sono di ditte esterne f Alenia pomolti di più di 100 a Grotta- trebbe iniziare stabilizzando
glie, su un organico che supe- questi». Oppure, aggiunge
ra le 1.000 unità; e poi perché l'assessore al Lavoro Leo CaiI ricorso al lavoro interinale roti, «si può far conto sui 400
straniero interessa tutti gli under 30 pugliesi che grazie
impianti dell'azienda, sparsi al bando lanciato da Fimnecin Itali3». «Non è una questione di personale qualificato o
meno a svolgere certe mansioni per un periodo limitato, perché Alenia ha le possibilità di fare assunzioni, anche stabili, pescando in un
bacino di persone di valore, a
paftire dai tirocinanti quallficati dalla stessa azienda, ma
Concertazione
Colecchia (Cis!): «Sigle
sindacali, Confindustria
ed enti locali devono
ragionare insieme
sulle strategie
industri~1i del territorio»
canlca (per 1.500 posti) sono
stati ritenuti idonei a s;volgere mansioni ,superquànficate». <<Si tratta di universitari,
diplomati con contratti di tirocinio. Ecco, si potrebbe iniziare da qui per colmare il
gap delle presunte carenze».
Caroli aggiunge un altro tassello: a Brindisi l'istituto tec-
nico industriale ha corsi ad
hoc per rispondere alle esi-
«Capisco che ci possa essere
difficoltà a soddisfare in tempi stretti e in loco la richiesta
di lavoro qualificato, ma sindacati, Confindustria, Regione devono ragionare insieme
sulle strategie industriall del
territorio, tocca a noi tutti indicare il fabbisogno di manodopera specializzata, acui il
sistema dell'istruzione deve
rispondere». Su questo fronte è impegnato il Distretto
dell'Aerospazio, il cui presidente Giuseppe Aciemo ricorda che <<da tempo il Distretto
è impegnato nella formazione, abbiamo messo a disposizione 59 borse di formazione
da svolgersi presso aziende e
abbiamo costituito, con il .
contribùto del ministero
dell'Istruzione e della Regione la Fondazione dell'istituto
superiore dell'Aerospazio per
corsi biennali post diplom3»,
uno dei tre presenti in Italia
Su questo punto l'assessora
genze del distretto aerospaziale e, dunque, anche questo è un serbatoio importante di cui tener conto. Tuttavia, al di là di questi dati, c'è
un vuoto di comunicazione,
come denuncia il segretario
della Cisl Giulio Colecchia:
Alba Sasso precisa che il primo corso ha licenziato 23 superspeciaIizzati tutti assunti,
di cni 7 da Aleniadi Grottaglie. Altri 20 si diplomeranno
a giugno. Ma ciò nonostante,
scrive Sasso in una lettera inviata aI Corriere del Mezzogiorno, ~i Sono state nella
Fondazione dell'istituto tecnico' superiore dell'Aerospazio
- dove sono presenti insieme al Distretto dell'Aerospazio,Alenia, Firuneccanicae altre imprese oltre a scuole e
Università - alcune resistenze a incrementare i corsi, e
non si capisce perché, vista
la effettiva necessità di personale specializzato. Noi pensiamo che occorra aumentare il
numero dei corsi, che finan-zieremo anche con l'utilizzo
del fondo sociale, per offrire
ai giovani pugllesi le migliori
.opportunità di alta formazione». Ma chi oppone resistenza? Sasso non lo dice, ma sarebbero alcune aziende.
Rosanna Lampugnani
<l'> rllPI1OOOllONe "'S>O!lIIATA
5
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
\
)) Ila !l'epica di Nenia «Negli ultimi tre anni assunti in Puglia 600 giovani locali»
«Necessari per i picchi di lavoro»
«Alcuni picchi di lavoro rendono necessario l'utilizzo temporaneo di lavoratori già in
possesso dicompetenze tecnico-professionali in ambito aeronautico. L'impiego -di tali
operai risulta strettamente correlato a carichi di lavoro di na-
_',:;;."",T>'
~ '.::"~
y~ é'i{/j,~_
,l:a,rlvelaZIOne
" ",\
i;f.",
~_/
0'0
~.':'~
">_ci;.
"" '<'
A destra l'articolo pubblicato
ieri dal Corriere del
Mezzogiorno con cui
l'opinione pubblica è venuta a
conoscenza
tura eccezionale (cosiddette - del fatto che
selle produttive), nell'ambito in una
dci quali alle risorse stabilmen- regione
te impiegate sul sito vengono come la
affiancati alcuni operai specia- Puglia, con il
lizzati a carattere tipicamente 20% di
temporaneo. In particolare il disoccuparump-up di alcuni program- zione e un
mi, in particolar modo del Distretto
787, impone nn rateo produtti- dell'Aerospazio di eccellenza,
vo che risulta praticamente Alenia Aermacchi per far
raddoppiato in poco più di un fronte a picchi di produzione
anno». CosÌ AleDia Aermacchi
spiega ufficialmente «la pre-
deve ricorrere a operai
specializzati interinali rumeni.
senza presso i propri siti produttivi di un team di operai
specializzati di nazionalità romena:» in una nota inviata al
Comere del Mezzogiorno do-
mi anni. <<1'Azienda ha già da
tempo individuato la Regione
Puglia quale territorio strategico per lo svilnppo di·program-
po la notizia pubbllcataieri relativa all'utilizzo di un centinaio di operai
particolare riferimento ai materiali compositi. Gli addetti
diretti di Alonia Aermacchi in
interiuali provenienti dalla
regione, dislocati sui siti pro-
se, tutte provenienti dalla Regione. Per i nuovi inserimenti
si è fatto ampio ricorso anche
duttivi di Foggia e Monteia-
allo strumento dci tirocini for-
Romania nel
si-Grottaglie, sono attualmen-
matiVi) messo a disposizione
sito di Grottaglie.
te 1.958, al netto dell'indotto
locale. Nel dettaglio, lo stabilimento di 'Foggia conta a oggi
dalla Regione Puglia, per sostenere lo sviluppo sul territorio
Dall'azienda non viene
specificato
né il numero
esatto degli -operai impiegati,
né il loro compenso. I numeri
sono utilizzati esclusivamente
per sottolineare· le assunzioni
di pugliesi effettuate negli u1ti-
Iìl.i aeronautici avanzati, con .ennio Alenia Aermacchi ha as-
una forza lavoro di 962 risorse, mentre quello di Monteia-
snnto in Puglia oltre 6oorisor-
delle competenze professionali necessarie a soddisfare la ri-
si-Grottaglie di 996. Nel 2004
gli addetti di Alenia in regione
chiesta di profili altamente
qualificati da parte delle imprese operanti in Regione. Dopo
erano in totale 600: al netto
del turnover,-in 10 anni la forza lavoro diretta è più"che tri-_
plicata Soltanto nell'ultimo tri-
all'interno dell'azienda (training on the jOb) deila durata di
sei mesi, i giovani pugliesi, in
un perjodo di formazione
età compresa fra i 18ei 25 anni (se diplomati) e29 anni (se
laureati), vengono assunti con
contratto a temo indeterminato. A questo si affianca anche
l'iniziativadell'ts Aerospazio,
sostenuto dalla Regione, dagli
Enti Locali e dalle grandi imprese del territorio, che svolge
corsi biennali post-diploma,
con l'obiettivo di fornire ai giovani pugliesi le conoscenze
tecniche utili ad agevolarne
l'inserimento nel mercato del
lavoro». Evidentemente non
sufficienti per occupare anche
i 100 posti dei rumeni..
,,«ll>RQ(:\Il),")'!tIl!SalVA1~
Il 12esimo congresso della categoria
Allanne Uilm
«A Bari boom
di fallimenti
e concordati»
BARI - <<A Bari abbiamo circa 15
aziende in concordato preventivo e
31 aziende fallite. E in Puglia si
sono chiuse anche 2 mila imprese
artigiane. Bari, che rappresenta il
Puglia, effettnata per il 12esimo
congresso della categoria. Un
stabilimento nuovo, con macchinari
intervento che non copre le
i battenti per decisione della casa
difficoltà strutturali di un comparto
madre Kion (tedesca). <<Abbiamo
cercato di salvaguardare il inruro
dci lavoratori - ha detto Busto tenendo aperto uno spiraglio in
ogni passaggio della vertenza. Ma ci
alle prese con le strategie sempre
40,7% delle imprese artigiane, ha
più globalizzate delle
visto diminuire in un anno 928
unità, circa il 30/0»' Si apre cosÌ la
multinazionali associate al calo dei
relazione di Franco Busto,
volumi dell'indotto. Esempio di
scuola è la vicenda dell'Dm Carrelli
segretario genecale della Uiim Uil di
di Bari che~ nonostjUlte uno
all'avanguardia, ha dovuto chiudere
invertito la rotta peggiorando la
situazione dei dipendenti in cassa
integrazione. Ma ci sono stati anche
casi toccanti di solidarietà come un
anonimo che lavoratore lasciò mille
euro in buoni pasto ai cassintegrati.
Anche questo è il settore della
metalmeccanica».
Vito Fatiguso
sono stati sindacati, come la Fiom
CgU, che irresponsabilmente hanno
"'WROOll1'OM: fllSERVA1A
-- _.-_.
6
-._--_._----_.
-~--~
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
\
IL CASO IL PRESIDENTE AVEVA DICHIARATO AI MAGISTRATI DI AVER PAGATO UNA TANGENTE ALL'EX INGEGNERE CAPO Da COMUNE. rANCE: SI DIMETTA
La tangentopoli foggialla travolge la Cassa edile
Assolti 5costruttori in un'altra inchiestalegata apresunte fideiussioni false per ottenere appalti pubblici
FOGGIA
'" FOGGIA. Tra gli edili foggiani.
uno scontro così, non si era mai
visto. Da un lato -il president~
dell' Ance, Gerardo Biancofiore, che
Il Tribunale
ha assolto
cinque
costruttori
foggiani
. in un'altra
inchiesta legata
a presunte
fideiussioni false
pre~entate dagli
imprenditori
per ottenere
appalti pubblici
invita il presidente della Cassa edi*
le, Marco Insalata, a ·presentare le
dimissioni e invoca il codice etico di
Confindustria per aver dichiarato
ai magistrati di aver pagato una .
tangente all'ex ingegnere capo del
Comune di Foggia. Fernando Biagini, ora ai domiciliari. Si oppone il presidente di Confindustria Foggia,
Giuseppe Di Carlo, che considera
Insalata «un esempio per tutti noi»
per aver «favorito le indagini» con
la sua ammissione.
Ieri la richiesta formalizzata
dall'Ance che però spiega la richiestà del passo indietro di insalata con l'esigenza di «rilanciare
l'azione» dell'associazione in vista costrette a chiudere. C'è bisogno
delle prossime elezioni.· Più tardi della massima trasparenza nelle
però Biancofiore ha spiegato così nostre azioni, la mia solidarietà a
alla Gazzetta le ragioni del suo Marco Insalata per quanto gli è
gesto: «La nostra categoria attra· successo: sono anch'io convinto che
versa un momento molto delicato, la sua confessione abbia contri·
non si vende -più una casa, la crisi buito a fare ptùizia. Ma il passo
economica ha dimezzato i cantieri :indietro si rende necessario se vo·
in tutta la provincia e se continua gliamo contribuire tutti a riportare
così l'anno prossimo quelle poche . un clima di serenità nel nostro
imprese ancora in attività saranno ambiente»,
Insalata, insieme al collega Raffaele Zammarano (che con le sue
rivelazioni ha denunciato il sistematico ricorso alle tangenti per
eseguire lavori con il Comune), è
diventato il perno dell'inchiesta
condotta dalla magistratura foggiana. In particolare le dichiarazioni
di Insalata, che avrebbe pagato una
tangente -di lOmila euro per es€guiré lavori all':interno del cimitero
di Foggia, hanno permesso agli
inquirenti di riarrestare il2 maggio
scorso Biagini e l'ex consigliere
comunale Massimo Laccetti, appena usciti dal carcere e posti ai
domiciliari.
Intanto _proprio ieri il Tribunale
di Foggia ha assolto 5 costruttori
foggiani (ci sono anche un 'fun·
zionario comunale e un agente assiewativo) in un'altra :inchiesta le·
gata a presunte fideiussioni false
presentate dagli imprenditori per'·
ottenere appalti pubbijci. Un teorema che non ha retto al vaglio del
Gup, Michela Valente, che ieri mat·
tina ha assolto i sette imputati.
Secondo Procura e Guardia di
Finanza i costruttori raggirarono il
Comune che li autorizzò a costruire
alloggi destinati a privati, a patto
che eseguissero contestualmente
una serie di opere pubbliche gratuitamente, a garanzia delle quali
gli imprenditori fornirono all'ente
fidejussioni che la Procura ritiene
inefficaci, e quindi vuote, perchè
rilasciate da una società londinese,
Ja «VikaJ», non abilitata dalla Ban·
ca d'Italia all'esercizio dell'attività
fmanziaria in Italia_
[m.lev.]
-
7
-~-_._~.
---
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
lA GAZZEllA nfLMEZZOGIORNO
Venerdl16 maggio·2014
Gli edili: Insalata si deve'dimettere
MASSIMO LEVANTACI
~ I costruttori chiedono le
dimissioni del presidente del·
la Cassà edile, Marco Insalata;
il presidente di Confindustria,
Di Carlo, manifesta inveée al
{(collega» Insalata sentimenti
di «profonda solidarietà>} dopo
il suo cOinvolgimento nell'inchiesta sulle tangenti al Comune (lnsrua.tà avrebbe ammesso di aver pagato all'ingegner Biagini lOmila euro di
tangenti per effettuare lavori
al cimitero) e non fa accenno
al benservito che la sua sezione sta per servirgli.
C'e un po' di confusione in
via Valentini VIsta Franco,
almeno a giudicare dai due
comunicati dlifusi in mattinata di senso diametralmente
oppostp, L'oggetto del contendere, diciamo così, resta Marco Insalata, presidente delle
Cassa edile e. «reo confesso»
davanti ai magistrati, dimentico (forse) del codice etico di
Confindustria che prevede
l'espulsione dei soci per reati
come
quelli
denunciati
dall'imprenditore foggiano. li
presidente dell'associazione
degli edili, Gerardo Biancofiore, chiede dunque il rispetto del regolamento e perciò
invita Insalata a lasciare la
poltrona. Anche se la mossa
compiuta ieri è una summa di
"vorrei ma non posso", Biancofiore sembra agire in maniera isolata dalla sua associazione e la stessa richiesta
delle dimissioni, fatta filtrare
attraverso 'l'Ance, viene presentata sotto mentite spoglie
(<<rilanciare l'azione»), ma diventa un monito per i colleghi
costruttori (almeno per quelli
che vogliono interpretarlo cosi) a non infilare la testa sotto
CONFINDUSTRIA: E' UN ESEMPIO
Confindustria difende il collega, Di Carlo:'
«Ha avuto coraggio, èun esempio per
tutti noi», Ma è un duello senza precedenti
Il GESTO NEI.. MIRiNO
Il presidente di Cassa edile ha confessato
.,gi averpagato unatangente per eseguire dei
lavori. LAnce: solidarietà, ma ora si cambi
UNA MAZZETIA DI TROPPO Il fitto di questo palazzo preso in fitto
dal Comune ha aperto l'inchiesta. In basso Gerardo Biancofiore
la sabbia.
TI conflitto è sottotraccìa,
ma reale, vivo e senza precedenti nelle paludate stanze
del potere imprenditoriale locale. La spallata comunque c'è
stata: il presidente dell' Ance
chiede ufficialmente il passo
indietro di Insalata «per rilanciare l'azione degli enti paritetici», si legge nella strin-
gatissima nota dìffusa nel pri- con il suo gesto abbia conmo pomeriggio. Una mossa tribuito a denunciare situadecisa d'intesa con il comitato zioni di malaffare che coldirettivo dell'Ance che ha ra" piscono anche la nostra catìficato anche le dimissioni tegoria oggi così fortemente
dei vertici degli altri due enti fiaccata da una crisi che non
paritetici, Formedil e Cpt do- passa. Proprio per questo il
presidente
po aver designato Rotice can- . aggiunge
-didato unico alla presidenza dell'Ance - abbiamo tutti la
necessità-di risalire la china,
d~gli edili (Biancofiore è a
una sitriazione che richiederà
rme mandato).
Un'iniziativa dunque a suo un impegno notevole e magmodo teatrale, tragica in un giore serenità da parte di tutmomento così delicato: se il tI. Le dimissioni da me solrimpasto coinvolge i presiden- lecitate hanno solo questfì
ti degli enti paritetici, qual è chi'ave di lettura ed è g\usto
l'urgenza di chiedere solo le che siano gli imprenditori a
dimissioni di Insalata? «Ab- dare il buon esempio. Ci aubiamo bisogno in questo mo- guriamo . conclude Biancomento di massima trasparen- fiore - che anche i politici
za nelle nostre azioni - ha ritrovino un'etica che riporti
spiegato così la sua richiesta la politica _al servizio dei cit·
Gerardo Biancofiore alla Gaz- tadini e non al servizio di
zetta " non' nego che Insalata , pochi}).
8
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
Di Carlo: «Dimettersi?
Ha favorito le indagini»
Giuseppe Di Carlo, presidente di Confindustria, il suo
collega dell' Ance vuole rottamare il presidente della
Cassa edile. Avrebbe trasgredito il codice etico, lei che
dice?
{(Abbiamo due visioni diverse, evidentel)1ente».
Si spieghi.
"
<<Io non credo che Biancofiore pensi che chi denuncia un reato
vada redarguito, o addirittura espulso dall'associazione invocando il codice etico. Mi sembra un controsenso per come i
fatti sono andati e il contesto. lo credo invece che chi denuncia
un malcostume vada sempre e comu:p.que premiato, solo così
potremo ripulire la nostra città da certi costumb).
Insalata avrebbe ammesso ai
magistrati di aver pagato una
tangente, ma solo perchèmes
so di fronte al fatto compiuM
, to.
.
«E' un momento importante questo per la nostra città, se ci mettiamo a perseguire chi ha comunque agevolato le indagini degli inquirenti, mi creda, non ne usciamo
più. Marco l'ha falto, gli altri no. il
suo è un esempio positivo, la sua
testimonianza è servita a far scat, tare nuovi arresti. Se poi vogliamo
prendere le distanze da un'azione
che andava fatta prima, llberi di
farlo. Ma io preferisco essere realista».
Pensa che altri suoi colleghi debbano fare la stessa cosa?
.
.{{Chi sa parli e aiuti le indagini, l'ho sempre detto. Ma nOn mi
faccia anche lei il processo alle intenzioni: non so se vi siano altri
imprenditQrtche dovrebbero seguire l'esempio di Insalata».
Lei esprime la solidarietà al collega Marco a nome di
tutti gli associati. Ma è tutta r Ance, non solo Biancofiore, a chiedere il passo indietro di Insalata,
{(Non ho letto il loro comunicato, Ma voglio rispondere con una
battuta: se una prostituta decide di smettere, non è che ogni
giorno dobbiamo ricordarglielo. Abbiamo un momento imporlante davanti a noi, approfittiamone».
M
[m.lev.}
9
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
<II
re al
co ~ -sul "caso Insalata' sulla
candidaturà di Gianni Rotic
Di Carlo e
FRANCESCO BELLIZZI
Bendu.ecomunicatistampa
per annunciare altrettante
importanti decisioni prese
da Confindustria di Capitanata. Decisioni prese due
giorni fa con una lunga riu-.
nione della direttivo della
sezione Edili.
L'esito: dell'incontro era
molto attes.o" per.conoscere
la posizione che l'associazione aveva intenzione di
assumere sul caso di MarcO
Insalata, il costruttore, presidente di Cassa Edile, vittima dell' estorsione da lOmila euro del dirigente comUnale Fernando Biagini e del
consigliere M~ssinio Laecetti, entrambi in carcere
con due accuse di concUSsione (la prima ai danni di
Lello Zalninarano). Con il
pagamento di quella .tangehte, Insalata ha avuto lo
sblocco delle autorizzazioni p~r larimozione dei rifiuti che impedivano l'avvio
dei lavori di ampliamento
del Cimitero, progetto che
condivide con il collega
Gianni Trisciuoglio. Episo:dio che Insalata ha confermato davanti al giudice per
le indagini preliminari incaricato dell'inchiesta sulla
corruzione in sena ai Lavori
pubblici di Pala7.2o di Città.
GJi"edili di Confindustria si
,,"dZ!rieflà
<
~ ."wata
l!1!a d .."'''......ciato,
~~ass'<t)1'%$;ffitwjjS
sono riuniti per decidere se
il pagamento della tangente
e la mancata denuncia seduta stante non configurino
una violazione del codice
etico dell'associazione, cosa che comporta l'espulsio-
ne.
MAGGI02014lA~
\
"Con riferimento allevicende giudiziarie che hanno interessato l'imprenditore
Marco Insalata, il presidente di Confindustria -Poggia,
Giuseppe Di Carlo, esprime
a nome delI'a~sociazione
degli Industriali di Capita-.
nata i sentimenti di pr.ofonda solidarietà al collega:in-=salata, sottolineandone il
coraggioperaverdenunciato taluni fatti criminosi", si
leggenellanotastampauffi~
I>dMw.z~m
VENERDì 16
ciale.
"Desidero altresl evidenziare.:- commenta Di Carlo - il
nostro grande sostegno e
plauso all'attività della magistratura inquìrente, certo
dell'indispensabìlìtà_ di un
appoggib corale affinché
proseguano condeterminazione tutte quelle iniziative
volte a garantire condizioni
dilegalitàesicurezzasulnostroterritorio,nell'interesse
delle imprese, dei cittadini e
dell'intera collettività".
.Sembra aver vinto quindi la
linea del gruppo foggiano
degli industriali su quella
che fa capo a Gerardo Bian~
cofiore, rappresentante dei
costruttorichesullavicenda
aveva lasciato intendere la
possibilità di 'una-decisione
. diametralmente opposta.
Ma la riunione di mercoledì
è servita a fare il punto anchesulnomedacandidarea
successore di Di Carlo perii
rinnovo dei vertici previsto a
fine giugno: Biancofiore ha
inviato un comunicato nel
'quale annuncia un'unica
candidatura da parte degli
Edili, quella del sipontino.
GiovanniRotice.I1consiglio
direttivo-composto da Barbone, Brune.tti, Cal\jo, Cifaldi, De Salvia, Di Carlo, Di
'frani, Insalata, ,Palumbo,
Rotice, Simeone, Spezzati,
Trisciuoglio e Zallasi - ha
"deciso all'unanimità", scriveBiancofiore.Dichiarazione molto pesante, visto che
il settore "edilizia" è quello
più iJ;rrportante all'interno
dell'associazione ed quello
che ne decide equilibri e
-
__ o
, .....
_",,,,lIio,,,,,
gllillF:dlil!i
~
"WlL"Jj.",_dida_
di (;:li-m R~'",,,,
ruoli. Ma non sembra che
tutti siano d'accordo sull'unanimità dichiarata da
Biancofiore.
"Non c'è alcuna unanimità",
è il secco commento di Di
Carlo raggiunto telefonicamente da l'Attacco. lui, insieme a nomi come Eliseo
ZanasieGianniTrisciuoglio,
aveva intenzÌone di portare
alle urne un altro candidato:
il presidente nazionale dei
semolieri , Umberto Sacco.
Ma Dì Carlo su questo punto aggiunge: "Il nomediSacco non è stato.fatto durante
il direttivo_ ma 'una cosa è
certa - aggiunge -, l'unanì~
mìtàsu Rotice non c'è".
Nel èorso della stessa riunione il Biancofiore "ha ricevuto unanime e pieno
mandat.o per definire
un'azione di rilando degli
enti paritetici -si continua a
leggere nel f,omunicato de~
gli Edili-anche alla luce delle dimissioni spontanee dei
Presidenti dì Formedil eCPT
e, conseguentemente, ha richiesto formalmente le di~
missioni al Presidente della
Cassa Edile di Capitanata",
Carlo Insalata.
[email protected]'"
Un comunicato
degli Edili annuncia
l \manimità suRotice
quale unico candidato
allapresidenza ma
Di Carlo smentisce
Biancofiore
ha annunciato
l'azzeramento
di FOlmedil e CPT,
manca solo
Cassa Edile
10
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
-vAttaccO
'IL COLLOQUIO
"Su Rotice non c'è nessuna unanimità"
"LecosenonstannocomediceBiancofiorenelsuocomunieato stampa". :SPino Di Car-
zioni interne per un voto al-
l'unanimità". Le ragioni della
divisione sul voto, il presidente non le dice ma poi aggiunge: "Di certo influisce la
diversa opinione che abbia-
!o"U-presldente"generaIe-tli -
Confindustria a smentire
l'armunc'io fatto dal presidente, degli Edili sull'unani-
mo sulla vicenda di Insalata:
mità del direttivo sulnomeçli
secondo me ha denunciato i
.
Gianru Rotice ii prossimo
presidente dell'associazio-
ne.
~i,C..,.,I..
I
s"""_%is",,,
&''''''<l'd_, s""
" lìl<>%iO::<l> ""'''''''Wl'''''
l ~-~
"Le cose sono andate diversamente - continua Di Carlo-
Emico Barbone,'componente degli Edili aveva pl'~senta­
to una mo?-ion,e per la candi-
11
datura del còstruttore sipontino ma'l'ha dovuta ·ritirare
perché non c'erano le condi-
suoiestorsoriedèdapremia~
re. Lui la pensa diversamen~
te, appellandosi ai tempi del ~
la denuncia anivata dopo la
richiesta e il pagamento dellatangente-eaggiunge-.Ma
io sono convinto che se do~
vesse passare il messaggio
che chi si espone e collabora
con la giustizia poi debba essere cacciato da Confindustria, sarebbe un bel gUaio":
A dire "no" aRotice sono stati
Trisciuoglio, Insalata e Spezzati. Loro, fanno parte del
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
..dM
Foggia & Provincia 11
venerdì 16 maggio 2014
\
{ Crisi edilizia} 3,5 milioni di euro per sostenibilità ed efficientamento energetico delle scuole foggiane
"Circa 3,5 milioni di euro
per lavori da cantierizzare
quanto prima al fine di dare un
po' di fiato a un settore, quello
dell'edilizia che anche nel-2014
presenta prospettive negative.
Uno- scenario che andrà ad appesantire ancora più il portato crisi yissuta in questi anni,
che ha prodotto in provincia di
Foggia una drastica riduzione
del numero di imprese e di posti di lavoro':. E' quanto sostiene la Fillea CgiI in relazione alle
Fillea: '1\vviare quanto prima i cantieri per dare ossigeno al settore"
quattro gare scadute nei primi
mesi dell'anno, che haniJ.o come
oggetto il miglioramento della sostenibilità ambientale e la
promozione del risparmio energetico - con fondi rivenienti dal
programma di AreaVasta Capitanata 2020 - per altrettanti istttuti scolastici.
Per la Fillea serve prendere coscienza di un processo ir.reversibile, "che vede l'edilizia
indirizzarsi sempre più su uno
sviluppo sostenibil~, che consumi sempre -meno suolo attraverso opere utili e finanziabili. La
messa in sicurezza· degli edilici e l'efficientamento energetico sono tra queste". Le quattro gare espletate dall'Ente Provincia insistono proprio su que-
sta voce di spesa e intere:ssano l'Itis "Di Maggio" di San Giovanni Rotondo (557mi1a; euro),
l'Itis "Minuziano" di San Severo·
(872mi1a euro), il Liceo Scientifico "Fermi" e l'Itc Programmatori di San Marco in Lamis
(725mila euro), il complesso del
Palazzo degli Studi di Foggia
che comprende gli istituti "Lanza", "Poerio" ed "Einaudi" (1,3
milioni di euro).
. "Purtroppo nella fase di appalto e messa in opera dei cantieri - afferma il segretario generale Giovanni Tarantellastiamo registrando qualche rallentamento, e pensiamo con le
altre sigle sindacali di chiedere un incontro al commissario
della Provincia. Si tratta di ri-
sorse necessarie ad àrrestare
l'emorragia del settore. TI nUme- { Nomine} Indicato dal presidente dell' Ance, Biancofiore
ro di imprese e di occupati censiti dalla Cassa Edile si è ridotto negli anni del venti per cento.
E se andiamo a guardare le Ore
medie diJavoro denunciate, nel
2008 erano 2.115 per cantiere,
nel 2013 quasi la metà. Numeri
che ci parlano della crisi ma che
li Comitato Direttivo di Ance-Foggia, su indicazione del presidennascondono anche l'enorme ricorso a lavoro nero grigio. Oc- te Gerardo Biancofiore, ha indicato all'unanimità l'ing. Giovanni Roticorre invece investire sulla qua- ce qùal.e unico candidB;to della Sezione Costruttori Edili per il prossimo
lità e la qualificaiione del lavo- rinnovo ·della Presidenza di Confindustria Foggia. Del Consiglio Direttivo
ro se le nostre imprese vogi1o~ fanno parte aoche gli imprenditori Barbone, Brunetti, Calvio, Cifaldi, De
no competere su urio scenario SalVis, Di Carlo, Di Trani" Insalata, Palnmbo,' Rotice, Simeone, Spezzati,
globale. Così come serve che gli Trisciuoglio, Zanasi. Nel corso della stessa riunione il presidente Bianenti di spesa pubblici siano ce- cofiore ha inoltre ricevuto unanime e pieno mandato per definire un 'azioleri nell'assegnàzione delle rine _di rilancio degli enti paritetici, anche alla luce delle dimissioni sponta-.
sorse e rigorosi nei controlli de- nee dei Presidenti di. FOl'medil e CPT e, conseguentemente, ha richiesto
gli appalti".
. formalmente le dimissioni al presidente della Cassa Edile di Capitanata.
Sezione Costruttori Edili di Foggia
Rotice candidato alla presidenza
12
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
Corriere del Mezzogiorno Venerdì 16 Maggio 2014
~ I Bat~Foggia
Foggia I coltivatori lamentano ritardi nel rilascio dei contributi, il Comune fa un blitz e li scopre
Timbrano e vanno al bar,
scrivanie piene di pratiche
forse i dipendenti non si
aspettavano che sarebbero
scattati i controlli.
E cosi, il 7 maggio, l'asse,ssore Albano si è presentata
I due"assenteisti bloccano l'uffiéio Agricoltura
segnalazione all'ufficio personale e al direttore generale
FOGGIA - Avevano prete"
so ore di straordinario soste~
nendo che non riuscivano
nell'orano di servizio a smaltire le pratiche accumulate. Ma
dopo averlo ottenuto non solo le pratiche erano rimaste
ferme sulle scrivanie, e quin- .
negli uffici in questione inlor"
no alle 10 scoprendo che dietro le scrivanie non c'erano
quattro dipendenti, ma solo
due. tuunediata è scattata la
dell'Ente, Mario Pazzaglia.
Ql1esti, accompagnato da funzionari, si è presentato negli ,
uffici in attesa del rientro dei
due assenteisti.
.
A quanto è stato :t1portato .
nel verbale uno era al bar e
dopo essere stato scoperto ha
dichiarato: «Avevo dolore
agli occhi, mi dovevo riposare». il secondo si è giustificato dicendo di essersi anontanato per motivi personali. In
entrambi i casi però, secondo
di inevase per quanti ne at"
trendevano il disbrigo, ma al"
cuni impiegati timbravano e
poi si allontanavano dall'ufficio.
quanto rilevato dall'ufficio
n Comune di Foggia, a se"
guito di un blitz negli uffici
Urna, ha aperto due procedi-
del personale, i due dipendenti nel lasciare il lavoro non
menti disciplinari nei con-
no. Di qui la prima contestazione. Ma c'è di più: neppure
avevano timbrato il cartelli-
fronti di altrettanti dipenden"
ti che la scorsa settimana alle
10 non erano in uffido ma, in
orario di lavoro, al bar. Òra i
due riscruanà' anche una denuncia penale.
Da diversi mesi l'assessora-
to alie Politiche agricole gui"
dato da Giusy Albano era
nell'occhio del ciclone per il
Il Comune di Foggia il cui direttore generale ha
contagocce.
I funzionari delle associazioni agricole avevano avuto
difficoltà di dialogo anche
con il dirigente dell'ufficio,
promos~o un prowedimento disciplinare
Antonio Stanchi Secondo gli
impiegati il lavoro era troppo
e non riuscivano a smaltirlo
nel normale orario mattutino. L'assessorato al persona-
le, nel tentativo di sbloccare
l'impasse burocratico, av.eva
autorizzato 60 ore complessive di straordinario, 25 ore
per ciascun impiegato. Ma
l'accordo sullo straordinario
aveva sottilo effetti perché iI
carico settimanale stabilito
non era stato rispettato, Ili"
bretti per il gasolio continuano ad accumularsi sulle seri ~
vanie.
Antonella Caruso
mancato rilascio agli agricol"
tori dei libretti per l'acquisto
di gasolio àgevolato2A'prote"
stare erano state le o:rganizzazioni agricole che avevano anche incontrato il sindaco
Gianni Mongelli, denunciando la situazione particolar-'
mente difficile in quell'uffi"
cio.
L'Urna è l'unico sportello
comunale al quale gli agricol-
tori possono rivolgersi. n Comune aveva destin~to a questo servizio 4 impiegati (ex di"
pendenti della Regione passa"
ti al Comune al momento del
trasferimento di queste com-
petenze). Ma da mesi la situa"
zione era più che rallentata, i
libretti veniv:~o rilasciati col
',M'Q1rtQ,)].igàft~:~mW~tf~tq;ij""
'> :' ,: :-',<"~'
,',i,' '" ',>, ':"":':'':c':':':'.'( _\:: :~> ~",.;::.> ,:.: ',.c:::;: :'\':":' ./ 'c,,.' :,,:;,::;::;?':'.'k',:i> <:,: c',(;:?,:": / ; :.::.>,:"< /<,
.~QNIA:.,,' :,)lIn()J;lo"pr,qb~1iilJhe()t~Ij~r!e,ferit'e·>(.; '.,
'rip()J;l~t~ durant, i Inà!tràtt~~ti;'ilçucqP!òn~In.ctièq(}o/
.tiréàqùatl:i;o In(!Silegat<ìa4tnfa~tÒ1Il9bjlee~§c:illat~\ i···.• .,'.
'•.• §tiIl'a~falt.o ~~rà!8'lrlcbi)oInet.rtdl1I s.lI!> R~()pri"1.ìu;iq;i"tij
J.~~pi:sp~o;~,~~:~yyeh~~qJe1j.l~~ttR-·~~9èW":,c6s~:~RV$l~~f:"<;>,.,-,,,
:-:':,~lii~at~~' 'e:~atà#qv~f9: mt)tt~lèii,.inattina,:iì~,l: caiW~:4r,';'::::
'. Manfr~dòpia,'~9'('~r~.~at~lloJ;latoda.Ii,:pollii:,>.rureSt""1l(), ..
··.·dell~gabbie·()e!leqita.Iihon.era~1p . rinc:l]jus9per;.\;j•• ·i •.·•· .
".. <1eçisioh~ \leigeStorj;.Lò.h~· ~hiaritò !aQlleshp.'a4!.Foggiaii .
'.• dopoche.l'JlnpadiMànVè?o~a.aV'e'0'djffu§ola()()lli;iirilèl>
taP!n1erit~ dél.<:<jmi, stilla ;:;"cassa.§~à~seguital'atitopSià; "".'
13
L'aula gup del
Tribunale di Trani
(foto) è stata
intitolata, ieri mattina,
ad Antonio Lovecchio,
il magistrato tranese
scomparso il19
marzo dopo una
lunga malatlia.
Lovecchio era stato
. gip a Trani prima di
trasferirsi a Bari.
Copie ad esclusivo uso del destinatario
!
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
•
lA GAZZE'ID\ DEL MEZZOGIORNO
Venerdì 16 maggio 2014
VINCE
,
A
LA PROVINCIA RIVEDE I PIANI
BATTAGliA DELLA GAllmA
Il nostro giornale al fianco dei cittadini e degli
studenti a difesa di un presidio culturale di
eccellenza vanto di Foggia e della Capitanata
Biblioteca pn~vinciale
ritirata l'idea di ridurre
rorario di apertura
FIUPPO SANTIGUANO
SI La biblioteca provinciale di
Foggia non sarà trasformata in un
qualunque ufficio aperto al pubblico, ma continuerà ad essere un
punto di rjferimen~o per i cittadini.
L'orario prolungato resiste' agli assalti di una burocrazia miope e
inconcludente, anche se con qUalche
ritòcco. In sostanza la soluzione è
l'apertura posticipata alle ore 9,
mentre prima era alle 8,30, e la
chiusura anticipata alle ore 19 mentre prima era alle 19,45. TI sabato
apertura solo mattutina. Ridotto il
numero delle persone in servizio,
ievitabilmente alcuni servipi ne risentiranno. Uno su tutti il prestito
. bibliotecario, mentre -saranno garantiti tutti i servizi di sala.
Sul piano- dei costi ,questo piano
consente di tagliare il 50% delle
turnazionì passanto dai 150 mila
euro lordi all'anno per pagare tutto
il personale a 75 mila euro lordi. TI
fatto paradossale è che 1'Amministrazione provinciaJ.e non avrà alcun risparmio perché i fondi utilizzati per il personale sono vincolati. Questo signllica che se si
'toglie alla biblioteca si assegna ad
un altro settore e sarebbe quanto
mai opportuno conoscere, proprio
dal commissario Costantini, quali gno per quanto stava accadendo.
sono questi servizi straordinari in Questo è il segno che le mobilidotazione alla Provincia che richie- tazioni darmo i loro frutti, dei frutti
dono turnazioni. Forse era meglio di enorme portata che consentimanteuere lo slandard di qualità dei ranno di tenere aperto e funzionante
servizi della Biblioteca provinciale uno dei luoghi di aggregaiioue e di
di Foggia. Su questo fronte la bat- , cultura più importanti della nostra
taglia deila Gazzetta per la Biblio- città.»
teca sarà estesa a tutti i servizi
culturall gestiti dalla ProVincia e a
rischio per il futuro, dal Teatro del
Fuoco ai musei.
Soddisfatti gli studenti lJ1liversitari che nei giorni scorsi avevano
promosso anche un sit in di protesta
davanti a Palazzo Dogana.
«Siamo enormemente soddisfattè
di questo risultato - dichiarano congiuntamente Regina Barile, referente di LINK Foggia e Fiorenza De
Filippo, Coordinatrice deil'UDS Foggia - il nuovo orario, dalle 9 alle 19,
consentirà a migliaia di giovani di
usufruire dei servizi offerti dalla
Magna Capitana e sarà possibile
partecipare alle numerose iniziative
culturali organizzate)}.
{{Questo è derivato dalla straordinaria partecipazione e dall'impegno degli studenti - concludono Barile di LINK Foggia e De Filippo
deil'UDS Foggia - ma anche dei
numerosi cittadini che hanno dimostrato interesse e soprattutto sde-
14
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
,
Lavoro per le donne Contributi braccianti
via agli «incubatori» azienda condannata
Previsti incontri in città e in altri 5 centri «Dovute anche le somme integrative»
.'
$
Si chiama #Thaveadream ("ho un sogno", frase resa ce-
lebre da Martin Luther Klng) il progetto sull'occupazione
femminile dedicato alle donne e alla loro voglia di mettere in
campo valori e energie, sostenuto dalla consigliera di Parità
opportunitàdellaProvincia,Antonietta Colasanto e dai Centri
per l'Impiego. (ili progetto -informa una nota -tiéne conto del
nostro contesto economico e sociale dove, accanto ai ben noti
problemi delle crisi produttive, fmanziarie e occupazionali si
ripropongono, come altrove, anche aspetti di lacerazione sociale tradotti, talvolta, in fenomeni di
marginalità, di crisi identitaria, di
apatia e di apparente assenza di idee e
di inventiva per un futuro diversQ}).
Si ptulta pertanto a «creare un "incubatore di idee" a servizio delle donne le cui risorse sono troppo spesso
destinate a rimanere latenti o ven·.
gono mortificate sul nascere dalle re·
sponsabilitàfamiliarh}.
Previsti incontri a Foggia, Manfre·
donia, Vico del Gargano, San Severo e
Lucera {<per offrire alle donne spunti
di riflessione e instillare un pizzico di coraggio alle impren·
ditrici di domani>}, llprimo incontro si terrà giovedì22maggio
a Foggia dalle ore lO alle 18 presso il Centro per l'Impiego in
piazzale Anna De Lauro Matera 4 (nei pressi della Città del
cinema). Le interessate sono invitate a iscriversi con una mail
a [email protected] o telefonicamente ai numeri
0881.791527 oppure 0881.712690.
15
. '
""
~ .....
.'
~ La Corte d'Appello di Bari ha respinto il ricorso di
un'azienda agricola foggiana che si -era rifiutata di riconoscere a un suo dipendente, lavoratore agricolo, i contributi
integrativi extra legem . Secondo il titolare dell'impresa, già
soccombente in primo grado, nessuna contribuzione sarebbe
stata dpvuta in là..uanto «non iscritto alle organizzazioni
datoriali firmatarie del contratto collettivo di categoriID}, da
qui la mancata assunzione dell'obbligo contributivo. La Cor·
te di Appello ha invece ribadito l'«obbligatorietà del versamento dei contributi extra legem
da parte dei datori di lavoro agricoli,
i quali possono 'beneficiare della fio
scalizzazione degli oneri sociali, do·
vuti per i lavoratori agricoli indicati
nei modelliDMAG, solo a condizione
che venga "rispettata la legislazione
sul collocamento e gli obblighi derivanti dai contratti collettivi''}>,
Una sentenza che conferma la le-
gittbnità della C.lALA (Cassa in·
tegrazione assistenza lavoratori
agricoli) e che chiarisce ili maniera
iliequivocablle l'ambito delle norme contrattuali e regolamentari in cui si collocano le Casse extralegem, stabilendo
. il principio secondo il quale l'adozione implicita dei contratti
collettivi di categoria, a prescindere dall'appartenenza ad
una categoria sindacale datoriale stipulante i contr~tti collettivi nazionali e provinciali, Obbliga il datore di lavoro al
versamento della contribuzione anche a favore della Cassa.
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
\
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
,è lavoro per 100 ragazzi
fra libri e amministrazione
Via agli impieghi part Urne, retribuiti con oltre sei'èuro per ogni ora
@
C'è lavoro part time per cento stu·
denti dellTInìversità, proprio neli 'Università. Scatta la selezione per le attività di collaborazione a tempo parziale
degli studenti, che potranno presentare
la domanda entro il 9 giugno.
I posti disponibili, come detto, sono
100,. di cui 6 riservati agli studenti diversamente abili (uno per ciascun Dipartimento). l posti banditi, in proporzione al numero degli iscritti a ciascun Dipartimento, sono i seguenti: lO
posti agli studenti del Dip~iinento di
Scienze agrarie, degli -alimenti e dell'ambiente; 24 posti agli studenti del
Dipartimento di Economia; 19 posti agli
studenti del Dipartimento di Giurisprudenza; 23 posti agli studenti del Dipartimento di Stndi umantstici. Lettere,
beni culturali e scienze della formazione; 13 'posti agli studenti del Dipartimento di Scienze mediche e chi-
GUIDA ECONONlIA
nmaggior numero di posti
disponibili a Economia, dove
potranno lavorare 24 studenti
16
rurgiche; 1l posti agli studenti del Dipartimento di Medicina clinica e sperimentale.
I vincitori della selezione saranno
assegnati alle strutture e alle biblioteche dei Dipartimenti e alle strutture
dell'amministrazione centrale.
il compenso orario è fissato a 6,20
euro (esente dall'imposta sul reddito
delle persone fisiche). Per partecipare è
necessario aver superato, entro il 30
settembre 2013, almeno i2/5 degli esamì
previsti dal proprio piana di studi, con
riferimento agli anni precedenti a quello dell'ultima- iscrizione. Sono esclusi
gli studenti che, pur avendo presentato
domanda di partecipazione al bando nei
termini prévisti, alla data di pubblicazione delle graduatorie abbiano ultiniato il proprio corso di studi, oppure
gli studenti che, già :in possesso della
laurea tr~ennale, siano confluiti nel cor-
so di laurea magistrale mediante una
nuova immatricolazione, oppure che
abbiano' dichiarato un Isee, con riferimento al nucleo familiare, uguale o
sùperiore a 29.000-'euro. Sono esclusi
anche gli studenti che, siano già in
possesso di una laurea de~ vecchio ordinamento o di laurea magistrale biennale e a ciclo unico.
L'attività a tempo parziale non è esteso agli studenti già beneficiari di borse
di studio o vincitori di concorso per
attività di tntorato. Tuttt gli studentL
ariunessi nelle graduatorie defmitive e
successivamente beneficiaridèlla borsa
di studio Adisu dovranno scegliere se
completare le ore dell'attività di collaborazione a 'tempo parziale e rinunciare alla borsa di studio; se accettare la
borsa di studio e rinunciare al completamento del lavoro part time (info:
[email protected]).
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
IL CASO ISII\IDACATI: "PUGUÀE BASIUCATA INDIFfERENTI. Il MINISTERO DEllA SALUTE DISINTERESSATO"
ISTITUTO
ZOOPIiOFi.
LAttiCO
Zooprofilattico dimenticato
...•
eancora senza co..-~"nnri_ri>
'-
.
.
La sede
dell'istituto in
via
Manfredonia
•un'assemblea
.'
.
~.
'
dei lavoratori
..
presidenti delle due regioni, il to, l'a~ses~~re re~bn.Je·· ~
numero 27 del 21/1/2014, che Salute Elena Gentile comunicò
sancì lo scioglimento del Con- ai dipendenti la convocazione,
siglio di anuninistrazione e la . per il giorno 3 aprile, deLgo.
decadenza della ghmta.
vernatori di Puglia e Basilicata
<<A tutt'oggi .- evidenziano i presso ilministero della Salute.
sindacati - la tanto attesa no- La riunione non fu risolutiva.
mina del commissario straor(~d .oggi . stigrnatizzano i
dinario non é stata effettuata, sindacati -1'1zs è senza vertici
e Quando la nomina del né le Regioni Puglia e Basi- aziendali, così come previsti
commissario 'straordinario licata hanno attivato di cou- dalla normativa che disciplina
all'istituto Zooprofilattico? Lo certo l'iter per il recepimento gli Izs e, nelle more, possono
chiedono i sindacati della di- dei decreti relativi al riordino essere "posti in essere esclurigenza, del comparto e la Rsu degli Istituti Zooprofilattici».
sivamente gli atti di ordinaria
dell'ente sperimentale di Pu- .
il 31 marzo scorso, nel corso amministrazione". Tutto ciò
glia "e 'Ò.èlla-·'Basilica:ta:: 'i\>,pre- dell'assemblea generale del determina l'impossibilità di
. vedere.1a nòmina~"ildecreto dei personale cui aveva partecipa· pianificare ed attuare linee
Trascorsi ormai 4mesi
dallo scioglimento del
consiglio di
amministrazione
programmatiche per il raggiungimento di obiettivi strategici e operativi. Questa incresciosa situazione conferma
sia l'indifferenza e l'inerzia legislativa delle due Regioni, sia
il disinteresse degli organi ceno
trali del ministero della Salu- .
te».
17
~._~~.
----
/'
.'"
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
[aera 9;*4 ALUGLIO CI FU IL PRIMO ANNUNCIO, MA LA VERTENZA PAREVA RISOLTA
Cazienda di trasporto pubblico.
conferma i 24 licenziamenti
Intende recedere dallo scuolabus e dal servizio per disabili
RICCARDO ZINGARO
j
@ LUCERA. Sta per diventare esplosiva la situa:
zione del trasporto locale pubblico locale a Lucera,
dopo che il2 maggio l'azienda che ha l'appalto ha
inviato lettere di licenzlamento a 24 dipendenti
Dopo alcuni mesi di silenzio solo apparente, la questione torna con grande attualità proprio in camo
pagna elettorale, e vede protagonista la «Lucera
service» che già da tempo aveva comunicato l'in·
tenzione di recedere dal servizio scuolabus, disabili
e acqua potabile.
A luglio dell'anno scorso il primo scossone c'era
stato con l'annuncio del licenziamento di 14 lavo·
ralori arrivati a incatenarsi al portone del Comune,
poi scongiurato grazie alla fIrma di un contratto di
solidarietà con
la benedizione
delia Prefettu·
ra. A settem·
l'ATTESA.
bre il servizio
era ripartito tu Deve ancora svolgersi la
proroga fmo al
nuova gara d'appalto,
31 maggio di
pure annunciata da mesi
quest'anno,
ma con più incognite che
certezze non ancora risolte, sebbene il sindaco Pasquale Dotoli avesse annunciato subito l'espleta·
mento di una nuova gara d'appalto. Visto che dell'in·
dizione non c'è ancora traccia, la famiglia Cola·
truglio con quelle lettere ha confermato di fatto il
suo dishnpegno, mantenendo attivo solo il trasporto
pUbblico locale con i mezzi arancioni
Nei giorni scorsi a Palazzo Mozzagrugno c'è stato
un incontro tra il sindacato Ugl che assiste da tempo
ilavoratori e gli esponenti dell'amministrazione che
sono tornati a promettere la gara d'appallo e soprattutto una nuova proroga delle prestazioni alia
Lucera service. Vobiettivo fmale è scongiurare pro·
prio il licenziamento, visto che la legislazione vigente prevede il passaggio automatico del personale
al nuovo gestore del servizio che peraltro dovrà
accollarsi iresianti costi per l'acquisto in leasing dei
veicoli utilizzati. La questione si trascinava praticamente da un anno, con l'azienda che aveva reclamato una minore effettuazione di 63 mila chi·
lometri rispetto a quanto previsto, con un consegnente minore introito rispetto a quanto indicato
nel capitolato e l'immancabile richiesta di risarchnento. Dopo trattative e incontri in Comune, la
soluzione trovata daliagiuntaDotoli è stata quella di
un versamento di 136 mila euro (in tre rate bimestrali) a fronte dei 200 mila richiesti con il pagamento delle prestazioni dei chilometri <<li consumo» per disabili e acqua, mentre a prezzo pieno
quello per gliscuolabus ma con un'hnplementazione
dei servizi Tra gli obiettivi principali dell'accordo
c'era ovviamente la garanzla della continuità del
servizio e il mantenhnento dell'occupazione dei lavoratori che nei mesi scorsi hanno pure reclamato
ritardi nel pagamento degli stipendi, ma in queslXl
momento a rischio è direttamente il posto di lavoro.
18
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
Ex statale 98, un cantiere infinit~'~--
Da Canosa ad Andria, la Provinciale è segnata da interruzioni. Ma anche di croci efior
dal nostro inviato
PAOLO PIIUI\lELU
• Un tempo_ si chiamava
«Strada statale 98}), poi divenne «Strada provinciale
231»-infme, pochi anni fa, con
l'avvento della sesta Provincia pugliese, sì chiamò «Strada provinciale 2}). Insomma,
in una ventina d'anni, la strada che, partendo dal ponte
romano sull'Ofanto, collega
Canosa, con Andria, e poi
quest'ultima con Corato e più
a sud, il Nord Barese con il
circondario strettamente barese, ha cambiato tre nomi
ma è restata sconsolatamente
sempre la stessa.
Stretta e pericolosa in molti
tratti, cantiere abbandonato
in altri, quasi .perfetta in pochissimi chilometri in cui appare il «new jersep>, Una strada, ieri come oggi, segnata dal
passaggio continuo sia di
mezzi pesanti, sia di mezzi
agricoli, con gli ultimi che
intralciano spesso il transito
dei primi. E, in mezzo, le auto,
costrette a sorpassi a volte
impossibili. Come quello che
è costato la vita, l'altro pomeriggio, a tre persone e che
ha registrato tre feriti le cui
condizioni restano ancora
preoccupanti.
Un incidente che era stato
preceduto da un altro altrettanto nefasto ppmeriggio a
Bisceglie, non più di 24 ore
prima.
E così,j fiori e le croci sulle
strade del Nord Barese, ma
soprattutto sulla vecchia strada statale 98 continuano ad
aumentare. Gli interventi per
la messa in sicurezza no, quelli no.
Percorrendo la «Provinciale 2)), dal chilometro 0, ci
accorgiamo, proprio sul ponte
romano sull'Ofanto, che il
cartello che segna il suo inizio
- e che co.incide con il confme
più a nord della provincia di
Barletta Andria Trani - «dimentica» l'istituzione della
nuova provincia e segnala la
fine di quella di Foggia con
l'inizio di quella di «Barb. Ma
tant'è.
Partendo
dal
ponte
sull'Ofanto, basta percorrere
poche centinaia di metri e lo
spartitraffico in ({new jerse)7»
sparisce quasi subito. Riapparirà qualche chilometro
più avanti, non prima di aver
superato il pericoloso incrocio con la strada Salinelle,
teatro di tante tragedie, e dove
si attende da anni una rotatoria, ed il curvone «maledetto», un tratto che in discesa (quindi proveniendo da
Andria), è «riservato» solo
agli autisti provetti. I meno
esperti fmiscono facilmente e
pericolosamente con l'invadere la corsia opposta. O finiscono addirittura fuori
strada; soprattutto se l'asfalto
è appena appena bagnato dalla pioggia.
All'incrocio con -la strada
vecchia di Minervino riappare il «new jersey». Lo spartitraffico preluderebbe ad un
tratto finalmente agevole e
scorrevole ed invece, dopo pochissimi chilometri, allo svincolo per la «ex Regionale 6»,
ecco che la strada si restringe.
E non si allargherà quasi
più per oltre quindici -chilométri. Si supera Montegrosso, lo svincolo con Caster del
Monte, di fronte a «PapparicottID>, si passa sotto lo scheletro di un «vecchio-mai nuovo». cavalcavia per giungere
alla periferia di Andria. Lì,
alcuni detriti ricordano l'ennessima tragedia dell'altro
pomeriggio.
In questo tratto, zone di"
allargamenti mai finiti ed abbandonati si alternano a strisce di new jersey che, invece
di dividere due corsie, ne costeggiano l'unica mai raddoppiata.
Non c'è tregua per chi guida: l'attenzione deve restare
'massima perchè la tentazione
di effettuare un sorpasso ad
un veicolo più lento che precede, è forte ma su quei saliscendi la strada improVVisamente «cambia», stringendosi ed allargandosi senza regolarità.
TI «segnO)} della esistenza
della nuova Provincia appari
all'ingresso di Andria: nOI
già sui cartelli «miliarb> chi
continuano a riportare im
perterriti «Provincia di" Bari
Sp 231» ad ogni centinaio d
metri, ma sul cartello chI
segnala l'autovelox installai<
dalla Provincia, «Bav) ahnen(
questa volta.
In lontananza appare il san
tuario del Santissimo Salva
tore e la strada si fa un tan
tino migliore, più definita
con una bella doppia strisci;:;
centrale che vieta ogni sor
passo_
Tutta la «extramurale» È
fatta così, per quattro-cinqUE
chilometri, fmchè un bel caro
tello -non avverte: ({Attenzio·
ne: A 200 metri spartitrafficm;
e quindi qoppia corsia. Mene
male- che' è:: finita, sembranc
dire le-auto che' sfrecciano più
velocemente:-peccato che sia·
mo orm,ai _quasi.. al confine
sud' _della 'ProviÌicia e quindj
della stessa «Provinciale 2».
19
La stradà del ritorno in
redazione, a ·Barletta, passa
obbligatotiamente per la ex
SS 170 dir. Anche questa ora è
«Provinciale» ma è una strada con tanto di spartitraffico,
doppia corsia e di asfalto ben
curato.
Sembra di uscire da un
amarcord, fatto di asfalto
sconnesso, strade sterrate e
new jersey a singhiozzo, e di
immergerSi nel mondo dei
«deSideri»: fosse stata tutta
cOsì, la ex statale 98 o la ex Sp
231, o la Sp2 che dir si voglia,
avrebbe registrato meno morti, 'distrutto meno famiglie.
Avrebbe fatto versare meno
lacrime di quante, se resterà a
lungo cosÌ; ne farà versare
ancora.
[email protected]
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
16/05/2014
\
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
Snll; «Non è colpa della Provincia
.• ",0c<iLpre.sJp.entei
if:;x;;';}, ·[email protected],
ma di.chi blocca il via ai lavori»
di FRANCESCO VENTOLA *
ribadisco dappertutto, non si può continuare a fare tUla corsa ad ostacoli, che
frustrante il dover assistere impediscono il traguardo.
.
quasi inermi alla perdita di
In virtù dell'infaticabile lavoro degli
vite umane che ogni giorno uffici e del dirigente, da subito abbiamo
siamo costretti a contare sul- messo mano per superare una eterna
le nostre strade. Come ammihistratore incompiuta. E siccome è giusto dare a
pubblico, perciò parte della classe po- Cesare ciò che è. di Cesare, devo ricordare che tre anni
litica, me ne vergogno. Certo molti infa, graZie all'intervencidenti sono frutto
to del Ministro Fitto,
della fatalità, altri
la SP 2 è siaia destinataria del [mandell'imprudenza. Ciò
non toglie che chi amo
ziamento per la sisteministra è deputato a
mazione defmitiva di
creare le condizioni
tutto il tratto (oltre alper un adeguato livella circonvallazione del
lo di servizi, per la
Comune di Andria).
sicurezza e tanto alCon la delibera CIPE
tro.
n. 62 del 2011 - Fondo
Alle Province, per la PRESIDENTE Francesco Ventola per lo sviluppo e la
parte di competenza,
coesione, sono stati fispetta la responsabilità delle strade nanziati i lavori di completamento per
provincialt La ex SS 98, poi SP 231, ora l'ammodernamento, l'allargamento del
SP 2, dopo quella statale e della Pro- piano viabile e la realizzazione della
vincia di Bari, ora è strada che rientra viabilità di servizio. Completati i progetti, le innumerevoli formalità prepella nostra competenza.
Perché vergona e frustrazione? Per- viste e fatte le gare, due sono i lotti dei
ché non può continuare così come lavori che la Provincia ha appaltato,
......
E
.',
'.
".,Htal!;J;:,.$.\~~~.
"
pervenendo per entrambi all'aggiudi- altre autorizzazioni che per legge sono
cazione defll1itiva: lO milioni ilIO, 24,5 necessarie 'per la cantierizzazione
II 20, affidati dalla procedura pubblica dell'opera.
ad aziende peraltro appartenenti al
Ghi sta a Roma - chi legifera e chi
'territorio.
governa - deve capire che il Paese non
li problema dov'è? Nella farragino- può continuare a9, essere ingessato così
sità del sistema: troppe' carte, troppe tanto. Con la drastica riduzione delle
norme, troppe competenze tra enti dif- risorse trasferite annuahnente agli enti
ferenti. Mentre ti semlocali ed alle Province
bra di aver superato
in particolare, la nogià mille ostacoli bustra Provincia è pasrocratici, ne trovi alsata da 12 'milioni a
trettanti casomai ansoli 900 mila euro;
che perché nel fratidem per il personale
tempo le certificazioni
che subisce il blocco
prodotte seno scadute.
del turnover mentre
Per la SP2, dopo II
le procedure aumenfmanziamento
tano alla faccia della
dell'opera, abbiamo
semplificazione e del
dovuto attendere quarecupero di efficiensi due anni affjnchè la OBSOlETf l,cartelli non aggiornati za.
Regione Puglia appro-,
Siamo lenti, improvasse approvato l'accordo quadro Ìlll-. duttivi, affatto adeguati alle esigenze
pegnando le risorse. Poi, seguendo pas- del mercato, della gente, degli imprenso passo tutte le -incombenze, abbiamo ditori. Così come succede nel mondo'
superato le fasi dell'aggiudicazione, del lavoro, anche su questo versante
con riserva prima e defillitiva dopo, constuniamo energie che non vorremproprio per velocizzare al massimo. mo spendere: piangiamo!
* presidente della Provincia Badetta Andria Trani
Eppure non basta ancora. Aspett~~lllo
"
20
Copie ad esclusivo uso del destinatario
1:Attacco
CAfiJ:l", ~ BORGO MEZZAN'QNE
Bordo: "Migliorare la sicurezza"
"E' indispensabile migliorare l'apparata di sicurezza a Borgo Mezzanoper scongiurare che la ter:}èione tra
residenti 8. immigrati abbia pesanti
conseguenze". Loaffermaj'on. Michele Bordo. deputato del Pd e presidente
della Commissione Politiche UE della
Camera, commentando i recenti fatti di
cronaca che lo hanno convinto a presen~are l'ennesima interrogazione al
ministro dell'Interno. "Solo nell'ultimo
mese 911 ospiti del CARA hanno organizzato due blocchi stradali - continUa
Bordo·- mentre sempre più tensioni si
manifestano tra immigrati e·cittadini di
Mezzanone a bordo dei pochissimi e
sovraffollati mezzi pubblici che collegana la borgata a Foggia. I cittadini
ne
hanno più volte segnalato problemi e
disagi, chiedendo l'installazione di un
sistema di videosorveglianza e !'incremento dì uomini e mezzi per il controllo
del territorio. Personalmente, sono anni che sollecito il Governo ad avere
maggiore attenzione verso aree come
quella di Mezzanone, dove la presenza
di immigrati è di gran lunga superiore a
quella di cittadini italiani e la pacifica
convivenza è quotidianamente messa
arischio dalle conseguenze del sovraffoltamento del Centro. Il recente incremento degli sbarchi sulle coste italiane
f!3 temere ai residenti di Borgo Mezzanone l'arrivo di altri ospiti nella struttura
dunque, l'aggravarsi di problemi e
tensioni - conclude Michele Bordo.
e.
_ _- - - - -.....-............-..-..---.~-.-------_!iIiI_
\
.."& '
10 foggia & Provincia
venerdì 16 maggio 2014
{ Foggia } Dopo mesi di scioperi e proteste, i sindacati incalzano le Regioni Puglia e Basilicata
~e, {)tganizzaz.toÌli- sindaca-
possono essere "posti in esse-
, li dell;1. dirigenza, delcompar-
re esclusivamente _gli atti di or"
dina,.ria amministrazione". Tut-
to -e)a:i'appresentanza sindaca-
le unitaria dell'Istituto Zoopro-
filattico Sperimentale della Pu,glia e deliaIlaSilieala sollecita'
. no la nomina-, del- éomIiiissario
straordinario.
.
Uria richiesta legitt!Jna, in
llaea con quanto previsto dal
,decreto ,dei '.-·Presidenti_ della
Giunta dena ,Regione Puglia' e
della Ragione Basilicata del 21 '
gennaio scorso, dove si dichiarava lo scioglimento del CdA e
la d~enza 'della Giunta esecutiva de)l'IZS.
, "~ tntt'oggi- spiegano in
una nota stampa le organizzazioni sindacali -la tanto attesa
nomina--deI ,commissario stra-:-
ordinario non è stata effettuata, né lèRagioni Puglia e B3silieata hànno-attivato di concerto
l'iter per ilrecepimento dei decreti legislativi relativi al rior-
to ciò determina l'impossibilità
dì piaDificai'e ed attuare linee
programmaticbe per il raggiun-
gimerito di obiettivi strategici e
.
"Questa incresciosa situa-
operativi~
zione comerma, ancora una volta" sia l'indiffel'enza e l'inerzia
legislativa delle dué Regioni,concludono le organizzazioni
Vertenza Zoopro61attico,
commissario straordinario cercasi
re alla -Salute della Regio~e Pu,....
glia, Elena Gentile, ha comunicato ai dipendenti la convocaootaf niarzo-;scorso,' rassesso- _ zione, per il. gi~rno 3 aprile; dei
dino degli..Jstitnti ZooproffiatticiSperimen!ali".
Nell' assemblea
generale
ne,-
Governatòri delle - Regioni "-Pu';
'però, non è -stata-risolutiva
glia e Basilieala presso il Mini- né risl.Ùtano azioni ulteriori per
stero della Salute per la soluzio- la conclusione p_ositiva' dell' anll;e dell~" questione: "La riunio-- ~ nosa problematica!'.
, Ad oggi l'IZS' èsenzavertici aziendali, così come previsto dalla normativa che disciplina-tali' istituU e, nelle more;
sindacali - sia il disinteresse degli Organi centrali del Ministero della Salute; unico attore in
grado di esercitare U potere so~-
\
Il Quotidiano
{ Cerignola} Il nuovo Codice di Awiamento Postale attivato dal 12 maggio scorso
Poste
. Italiane aggiorna il CAP di Borgo Libertà
.
Dal 12 maggio scorso è ope-
rativo il nuovo Codicè di Av~
viamenlo Postale della località· Borgo Libertà, nel territorio
del Comune di Cerignola, per
la quale il nuovo CAP diventa
71042. I cambiamenti dei CAP
sono fin~ati al migfioramen~
to del trattamento automatico
.,' ,.' -.. '_.
.~"~ ',-~'..
della corrispondenza nella fase
di smistamento e di recapito. il
vecchio CAP 71040 resterà comunque in vigore per i prossimi sei mesi.
Il CAP, da scrivere in modo
corretto su ogni tipo di invio, è
un elemento fondamentale per
la lavorazione della corrispon~-;,,::,
",
o
denza, consentendone il trattamento automatizzato sia nella fase di smistamento che nella consegna finale da parte del
portalettere. I Codici di Avviamènto Postale sono stati introdotti in Italia nel 1967, e sonò
stati progressivamente modificati ed aggiornati a seconda
"
delle nuove provincie o comuni
che vemvano istituiti nel corso
degli aniù. Per conoscere i nuovi Cap della propria zona ci si
può rivolgere ali'Ufficio Postale, contatt!ll'e il Cali Center di
Poste Italiane al numero' gratuito 803.160 o consultare il sito
www.poste.it .
.~'~._'
- '-,---- ---
._-----_._---~.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
2 405 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content