close

Enter

Log in using OpenID

Costa Maya

embedDownload
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
Grand Costa Maya. Tu Maya. Agenzia di viaggi.
Cosa a Visitare a Chetumal. Agua Cristal.
Segretario di Cultura di Quintana Roo.
Cosa a Visitare a Chetumal. Hotel Holiday Inn.
Mappa di Chetumal.
Bahía de Chetumal. Calderitas. Isla Tamalcab.
Bahía de Chetumal. Laguna Guerrero.
Santuario del lamantino.
8. Bahía de Chetumal. Oxtankah. Raudales.
9. Mappa di Bahía de Chetumal.
10. Riviera del Fiume Hondo. Río Hondo.
Laguna Milagros.
11. Zona Libre de Belice. Sacxán.
12. El Palmar. La Unión.
13. Rovine Maya. Kohunlich.
14. Dzibanché.
15. Kinichná. Mappa di Kohunlich.
Mappa di Dzibanché.
16. Cosa a Visitare a Bacalar. Hacienda Bacalar.
17. Cosa a Visitare a Bacalar.
18. Cosa a Visitare a Bacalar. Fuerte de San Felipe.
19. Mappa di Bacalar.
20. Cenote Azul. Parco Ecotorístico Uchben Kah.
21. Chacchoben. Ichkabal.
22. Costa del Caraibi. Majahual. Río Indio.
Margarita del Sol.
23. Mappa di Majahual.
24. Costa del Caraibi. Xcalak. Punta Herrero.
25. Costa del Caraibi. Banco Chinchorro.
Sistema della Garriera Corallina Mesoamericana.
26. Attivitá nella Costa Maya. Pesca.
Sport Acquatici.
27. Immersioni. Mappa di Banco Chinchorro.
28. Attivitá nella Costa Maya. Snorkeling.
Kayak. Quad. Osservazione di Uccelli.
Tartarughe.
29. Grand Costa Maya.
30. Mappa di Quintana Roo.
Grand Costa Maya é una terra benedetta, per la sua
combinazione di selva tropicale, zone umide con un ricco
ecosistema, spiagge dalla bianca sabbia, barriere
coralline, abbondante vita selvaggia e meravigliose zone
archeologiche. É il luogo Ideale per praticare turismo
alternativo ed immergersi nella cultura maya, grazie
all’esistenza di varie comunitá che mantengono tradizioni
ancestrali.
1
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Capitale dello stato, fondata nel 1898 con il nome di Payo
Obispo. Ha un sapore caraibico, con case in antico stile
inglese. Il suo nome in maya significa “ Luogo di abbondante
Chakte” e conserva ancora l’incanto della provincia, che si
riflette nella gentilezza dei suoi abitanti.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Conta con una magnifica infrastruttura alberghiera, un
aeroporto e un’ampia rete stradale che la collega con il
resto del Paese. La cittá é sede degli allegri festeggiamenti
del carnevale a febbraio, della Gara Motonautica Rio
Hondo-Bacalar ad agosto, del Festival Internazionale della
Cultura dei Caraibi a noviembre. Fra le sue attrazioni si
trovano:
Espacio destinado a presentaciones
de obras de teatro, danza
y conciertos musicales.
3
2
Av. Calzada Veracruz num. 59
Col. Centro, C.P. 77000
Chetumal, Quintana Roo.
Maqueta “Luis Reinhardt McLiberty”, donde se recrea en pequeño formato la antigua
aldea de payo Obispo, sus calles arenosas, sus palmas, sus casas de madera.
Poliforum Cultural Gral.
Rafael E. Melgar
Festival de Cultura del Caribe Edición 2013
Del 7 al 17 de Noviembre.
Establecimiento en donde se
muestran películas y
4
cintas cinematográficas.
El festival busca difundir las manifestaciones artísticas
y culturales del Caribe Mexicano, a través de música,
danza gastronomía, literatura, teatro y exposiciones
de obras plásticas.
Av. Héroes Entre Chapultepec y Lázaro Cárdenas s/n.
Col. Centro, C.P. 77000 Chetumal, Quintana Roo.
Único en su género en Latinoamérica con un estilo
modernista. Está dedicado a la promoción
y difusión de la cultura maya y sus orígenes.
5
Av. Héroes Esq. Mahatma Gandhi s/n.
Col. Centro, C.P. 77000
Chetumal, Quintana Roo, México.
Casa de la Crónica
6
Muestra fotográfica que
abarca diferentes etapas de
la historia de Chetumal.
Parque de los Caimanes 8
7
Centro Cultural de Bellas Artes
Av. Héroes Esq. Héroes de
Chapultepec Col. Centro, C.P. 77000
Chetumal, Quintana Roo.
Proporciona una visión general
sobre la civilización maya, la guerra
de castas, la influencia británica
y la historia de la ciudad.
9
Complejo cultural alberga
el Museo de la Ciudad,
el Teatro Minerva y El
paseo del arte. Además,
es sede de la Escuela
de Música y Artes.
Espacio que contribuye a
conservar las tradiciones
y fomentar el arte.
10
Fortaleza que representa la conjunción de lo austero con lo funcional, el
encuentro de la sobriedad y la elegancia. Ofrece una museografía moderna
que exhibe piezas arqueológicas mayas, objetos de la época colonial como
planos, armas, y utensilios. También cuenta con un impresionante mural
que muestra la historia del lugar.
Edificio del siglo XVIII donde se exhiben pinturas,
documentos relacionados con el movimiento indígena
en contra de los españoles, esculturas, piezas
12
a
arqueológicas
y herramientas que se utilizaron durante
la Guerra de Castas. Además, cuenta con pinturas,
documentos, una exposición de medicina tradicional,
música y danza autóctona, cuentos y leyendas.
© 2013 Tutti i diritti riservati.
riservati E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Centro Cultural de las
Bellas Artes.
11
Av. Efraín Aguilar No. 361
Col. Centro. C.P. 77100
Chetumal, Quintana Roo.
Tel.: 01 (983) 8321791
13
14
Il boulevard Bahia – Percorre tutta la cittá ed ha
un’incredibile vista su tutta la baia. Lungo il Bulevard si
trova il Corridoio Scultorico, con 17 pezzi di artisti
rinomati come: José Luis Cuevas, Sebastian ed Helen
Escobedo e tanti altri. Si puó percorrere a piedi o in
bicicletta.
Museo della Cultura Maya - L’esposizione mostra la vita
quotidiana dei Maya, ci sono interessanti pezzi, modelli in
scala delle zone archeologiche e riproduzioni di murali.
Orario: da martedí a giovedí e la domenica dalle 9.00 alle
19.00, venerdí e sabato dalle 9.00 alle 20.00
Biouniverzoo - Vi si trovano cascate, lagune,
impressionanti grotte ed incredibili sentieri lungo i quali si
possono trovare delle “ stazioni visuali” che ricreano alla
perfezione l’habitat naturale
delle specie piu’ caratteristiche del sud-est messicano.
Museo della cittá di Chetumal – Mostra la storia della cittá
attraverso 6 sale, in un ambiente coloniale inglese. Orario: da
martedí a domenica dalle 9.00 alle 19.00.
Modellino Payo Obispo – L’architettura caratteristica dell’antico
Chetumal (Payo Obispo) nei suoi primi anni, si rappresenta in
un modellino in scala con bellissime costruzioni in legno.
Orario: da martedí a sabato dalle 9.00 alle 22.00 e domenica
dalle 9.00 alle 14.00.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
P.U
ri
C óste
Cda.Córd gui
. Ve oba
racr
I.
G uz
Jorg Góme .Lópe
z
eO z
bisp
o
Av.
M
Bermudas
Eco
sur
anu
el E
Bahamas
Bahamas
via
Aruba
Ca
ma
M.S
B.Q osa
ueza
B.C da
Fra ueva
tern
s
idad
ra
Granada
na
rio
Av.
Ce
nte
Rep.Dominicana
a
io
ujic
dia
o.M
Fc
ere
lH
P.C
ora
can
aya
n
Gu
rio
ah
ía
na
Ve
rac
ruz
Blv
a
da
co
J. M
Av.
Ca
lza
ujic
Av.
Ce
nte
Ch
aca
Arboledas
Pu
ert
o
Un
iv
ers
ida
dA
v. T
am
p
ico
Fra
ncis
oE
.R
ive
ra
F. It
urb
e
cru
z
or
An
Alv
Fc
ge
o.
ara
les
J. M
do
ujic
a
ad
Frí
as
Fe
Fe
lipe
lipe
Sa
lv
hía
ico
res
ueje
. Ba
eri
Av.
H
Un
I. M
Blv
d
rto
be
Fe
ive
rsid
ad
Av.
Tam
p
rad
ón
Ra
m
Ca
lz.
Lib
Ve
ra
L. B
ald
era
s
ente
s
ca
bar
Ma
ya
s
C. 3
rde
C.1
erto
Ma
Fría
L. C
C. 5abrera
Av.
Tam
pic
o
Eth
Eliz
de
Verd
abe
th
ad
Isla
Ch
Co
nto
y
mo
etu
Un
Isla
ive
l
Co
nto
y
ad
el
ma
nL
mó
Ra
Pri
rita
Blvd
.
sco
rga
Ba
hía
ra
z
Verac
F.B
err
P. A iozab
a
rria
ga l
rte
ga
surg
ad
cutia
ra
J. Es
Barre
de la
Juan
lgar
tín Me
Agus
uez
Márq
Fco.
de
ltepec
Av. 22 de Enero
hía
Isla Contoy
V. Guerrero
Cozumel
Av. Reforma
Av. Alvaro Obregón
Blanco
Merino
as
Ba
oes
Av. Lázaro Cárden
De los Hér
ro
z.O
Av.
In
Ce
cu
oP
erifé
Primo de Verd
Calz. Veracruz
Av. Othón P.
Av. Carmen O. de
Gle
Torr
es
Ada
lid
rian
oE
Mo
uis
Felip
gue
Calz.
Av. M. Hidalgo
16 de
mín
Av. Plutarco E. Calles
Av. M. Hidalgo
nco
s
Av. Héroes de Chapu
cia
Emiliano Zapata
s
za
Do
ruz
mbre
Septie
ro
Obreg
re ón
rias
ópe
zV
ela
co
B
d.
end
ro
bre
ltepec
16 de Septiembre
hón P.
Bla
Av. Ignacio Zarago
rio
as
5 de Mayo
Prol. Ot
Av. Plutarco E. Calles
Fa
Ca
Av. Héroes de Chapu
Av. Lázaro Cárden
Av. Independen
ca
Av. Efraín Aguilar
Av. Fco. I. Made
en
Oaxa
Cecil O Chi
ob
Bogotá
4
ch
18
Cristóbal Colón
an
o
na
rsid
lan
lisa
mir
oro
rico
erib
io B
Be
za
Av.
H
Luc
ieg
uez
Pip
ila
a. L
Javin
Camelias
.D
éM
De los Hér
bia
Jos
oes
Av. Independen
lM
ara
Av. Venustiano Carran
Mahatma Ghandi
Av.José Ma. Morelo
de Malpas
soo
a Rivero
Av. Fco. I. Made
Zona
Militar
éro
Lib
es
rad
oE
Ra
.R
mó
ive
nF
ra
. Itu
rbe
los
H
De
nue
J.S
Luis
E.
B.
Ca
lde
rón
Ma
Ca
cia
n
He
ribe
rto
eC
Jara
.P
uert
o
os
Av.José Ma. Morel
quez
Se
gun
do
Cir
cuit
Ca
Tu obas
lipa
ne
lz.
Gra
s
Vera
na
cru
dillo
z
Sa
lva
do
Felip r Alva
rad
e
o
Fco
An
g
.
J. M eles
ujic
a
c
Xca
la
an
cú
el Veláz
io A
lta
nC
Hil
l
He
rib
ert
lipe o Jara
Pu
ert
Jo
o
sé
Ma
.L
uis
Mo
ya
e
elic
Av.
B
4
Av. Héroes
Av. Fid
Estero de Chac
Justo Sierra
Benito Juárez
Turín
Mateos
d
Av. Alv
aro
Guillermo Lope Vega
Jacinto Rat
Av.
Ce
nte
na
rio
Sierra
Calos Laz
o
J.Barros
Emiliano Zapata
Flores Mag
ón
Roo
Francisco May
Rafael F. Melgar
Av. Andrés Q.
Milán
Florencia
8
z
J. Villanuev
Ch
ech
e
1 de Mayo
27 de Septiembre
5 de Febrero
1 de Mayo
Av. Corozal
24 de Noviembre
12 de Octubre
Av. Benito Juárez
Naranjal
Alfredo V. Buenfil
Petcacab
Av. Nicolás Bravo
Leona Vicario
Venecia
Genova
Av. Nápoles
12
19
A. Olachea
M. P. Revino
4 de Marzo
Av. Palermo
A. Olachea
14
Camelias
me
z
mín
Ca
bre
ra
Isla
C
Laguna Milagros
Av. San Salvador
Aguilar
roc
Av. Benito Juárez
Av. Chetumal
Av. Chetumal
Polyuc
M-Alemán
Del Magisterio
Nizuc
M-Alemán
io
Tec. de Orizaba
Palermo
Gabriel Leyva
a
Rodolfo S. Taboad
D.Guerra
ra
Alm
pe
Yucatán
stu
Luis
e
alu
ac
Ch
a
l-H
3
ngo
Puct
Ce
iba
Cir
ico
te
Ce
dro
Ca
rac
Ch
olil
ech
Av.
lo
en
Ign
acio
Co
mo
nfo
rt
M.
Oca
mp
o
Aq
uile
sS
Ma
erd
tam
án
oro
s
ac
mó
nja
ad
Laguna de Tamiagua
Av. Adolfo López
óppe
ópe
Hu
aya
Ign
Ra
Be
V.G
ó
Gu
Xu
as
la A
Laguna de Bacal
ar
Primo de Verdad
ro
Zacatec
A. G
uzm
án
P. d
e
Roma
P.Sain
tzcua
ra
Laguna Enca
ntada
Estero de Ucum
V. Carranza
Carranza
Presa de la Amista
Dos Aguadas
G.López
Roma
Hidroelétrica
de Pa
a
Isla Cancún
quez
dor
Av. Venustiano
Av. Efraín
Laguna
Reforma Agraria
Rio Verde
Ret. Arboledas 3
Ret. Arboledas 2
Ret. Arboledas 1
Celul
Tres Garantías
Presa de la Angostu
Justo Sierra
Av. San Salva
Roma
ro
Dos Aguadas
Raudales
Yaxcopoil
L.Bonfil
Av. Fidel Veláz
11
Parque Estadio
Ecológico Nachan
Ka’an
tzcua
Celul
Bioniverzoo
Rafael E. Melgar
s Peza
Tepich
S.Butrón
Vallehermoso
Flores Magón
de Dio
Lirios
3
mb
Av. Erick Paolo Martínez
Juan José Siordi
ar
5
Co
co
oya yol
nes
Fla
Av. Machuxac
Río Verde
Unidad
Deportiva
Genova
Orquídeas
Anémonas
Limonarias
Azaleas
de Alarcón
les
Tomas Aznar Barbachano
Manuel Avila Camacho
Ursulo Galvan
Margarita Maza
30 de Nov.
Graciano Sánchez
Subtte. López
Isla Cancún
Laguna de Bacal
Juan Ruíz
Oxalidas
Mantos
Flor de Liz
Flor de Liz
quez
Av. Fidel Veláz
Rosas
Claveles
Juan
de Pa
Raudales
V.M
o
ròn
Av. Belice
11
S.Butrón
Vallehermoso
Tec. de Veracruz
T. de Minatitlán
.
mp a
Ca os
de herm
c.
Te Villa
de
c.
Te
Tec. de Mérida
Del Magister
16
15
G.Leyva
eV
illa
Juan de Asbaje
R.del Valle Inclán
Av. Javier Rojo Gómez
im
J.Villa
C.Madrazo
Ja
Jazmines
Trébo
Laguna
Petcacab
Nizuc
o
16
Tucan
12
o
Av. 4 de Marz
23
Calle Faisán
Tabí
Carlos Vidal
Tomás Garrido Canabal
Emilio P. Gil
Nubes
Codorniz
Av. Flor de Mayo
A.Merino
Panpano
Av. Aarón Merino Fdz.
A.Cora
35
12
Cobá
Av. Javier Rojo Gómez
Torcasa
Xpatun
Lombardo Toledano
Pensamientos
Salazar
4 de Marzo
Av. Erick Paolo Martínez
Krichná
Chable
Insurgentes
P. Romero
Santana Hdz.
Chachalaca
Paloma
43
35
Chachalaca
26
49
47
Xtacay
Colobrí
Xtacay
Calle 3
Av. Tzibanche
Bakhalal
37
Chun-yá
Ramonal
Dos Aguadas
Raudales
Saczuquil
Chunyah
Reforma Agraria
3
Tiholop
Av. Chan Kon
Chikinzonot
Tepich
44
b
Manuel Crecencio Rejon
Celul
Chablé
iuro
Cocoyol
Pascual Coral Heredia
Manuel Crecencio Rejon
Av. Machuxac
Yaxcopoil
Tela
Alcatraces
Sebastían
rrufo
Saczukil
Ursulo Galvan
Campamento Vega
Tihosuco
Chablé
34
Pascual Coral Heredia
T. Aznar Barbachano
éS
Río Verde
5
Octaviano Solís
Rufo Figueroa
Garza
Palos
José
Ma
Ecab
Graciano Sánchez
Santa Cruz de Bravo
15
Jacaranda
6
Enrique Barocio
Sacalaca
Cochuan
Muyil
Perdiz
Insurgentes
Av. Cornejo Lizárraga
11
M.Ríos Norman
Melquiades Borge
Calle 9
Onésimo Pool
12
Siglo XX
Laguna Negra
Siglo XI
Calle 10
Fco. Valdés
Laguna Noh-Bec
L. Xul-Ha
L.Huay-Pix
L.Guerrero
Laguna Om
Laguna de Pailas
Laguna Noh-Bec
L.Virtud
L.Sn. Felipe
Tejón
48
Colobrí
50
Yaxcopoil
Aaron Merino
Zenzontle
25
El Salto Durango
Av. Nicolás Bravo
Armadillo
Tejón
Venado
Tepezcuintle
Paloma
Av. 4 de Marz
Tapir
Paloma
Jaguar
9
7
Av. Corozal
Camino al Cielo
La Tenacidad
Tejón
Jos
Alfredo V. Buenfil
Petcacab
G.G
C.P ueva
lan ra
k
10
E.B
a
Av. Nicolás Bravo
Granada
Av. Ignacio Zarago
za
Escuela Naval Militar
Colegio Militar
Av. Othón P.
Blanco
22 de Enero
8
Av. M. Hidalgo
6
22 de Enero
2
ico
mp
zV
ela
ad
Co
nto
y
Av.
Ta
ópe
nL
Isla
rsid
mó
ive
Un
y
nto
Isla
Av. Lázaro Cárde
nas
Isla Contoy
V. Guerrero
Av. Reforma
lles
Cozumel
Calz. Veracr
uz
Av. Plutarco E. Ca
Av. Ignacio Zarago
za
Escuela Naval Mil
itar
Colegio Milita
r
Av. Othón P.
Bl
anco
3
Bahía de Chetumal
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
bet
eV
erd
Co
C
Av. M. Hidalgo
Ra
Septie
16 de
oes
ia
Av. Independe
nc
anco
Av. 22 de Enero
od
apultepec
Av. Alvaro Obregón
Merino
Eliz
a
Prim
Av. Héroes de Ch
16 de Septiembre
Av. Carmen O. de
co
7
5 de Mayo
Av. Othón P.
Bl
cruz
mbre
Benito Juárez
ro
za
z
rdad
4
Av. Fco. I. Ma
de
lles
lan
cutia
ra
J. Es
Barre
de la
Juan
elgar
M
n
tí
Agus
uez
Márq
Fco.
nas
ro
s
Av. Plutarco E. Ca
Av.José Ma. Morelo
Rafael E. Melgar
Flores Magón
Av. Lázaro Cárde
gue
Primo de Ve
9
io B
pe
Av. Héroes de Ch
apultepec
14
Luc
Do
mín
alu
Cecil O Chi
1
r
5
rio
ad
Bogotá
13
Mahatma Ghandi
Av. Efraín Aguila
Av. Ignacio Zarago
Cristóbal Colón
lisa
Gu
Aeroporto
Centro Commerciale
Stazione Bus
Self-Service
Servizio Medico
Av. Fco. I. Ma
de
Zona
Militar
11
Be
rranza
era
alz. V
Av. Venustiano Ca
Primo de Verdad
De los Hér
Turín
Roma
rde
Río Hondo
h
ad
La bella baia di Chetumal possiede lagune costiere, isole
ed ampie zone di mangrovie. Nelle sue acque di un tono
verde smeraldo abita una ricca fauna selvatica.
Lungo la baia si possono osservare rovine della cultura
maya, cosiccome costruzioni dell’epoca coloniale. Inoltre
si trova un piacevole balneario con ristoranti che offrono
squisiti piatti a base di frutti di mare ed un bel paesaggio
dove un fiume alimenta un’impressionante laguna.
Villaggio peschereccio, con un osservatorio di uccelli e
dove si possono assaporare squisiti piatti a base di pesce
e frutti di mare. Anche Calderitas é un balneario. Alcuni
tratti costieri sono stati trasformati in spiaggia artificiale.
Fra i servizi della zona ci sono un hotel, tráiler park, giri in
barca e affitto di kayaks.
L’isola di 9 km di lunghezza e centinaia di metri di
larghezza, si trova a 2 km da Calderitas. Lí si possono
trovare spiagge bianche e tranquille acque, ideali per gli
sport acquatici, gli amanti della pesca e lo snorkel; é
considerato come uno dei migliori luoghi della regione.
L’isola é l’habitat della scimmia ragno, il coatí, l’agutí
(piccolo roditore), l’aquila pescatrice e diversi tipi di aironi.
Si trovano anche delle vestigia maya.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Bell’ estensione d’acqua salmastra che si estende per
quasi 10 km, nella sua parte piú ampia. Accanto alla
laguna si trova il “Centro di Attenzione e Riabilitazione dei
mammiferi acquatici dell’Area Naturale Protetta Statale”, il
santuario del lamantino della Baia di Chetumal, che tutti
conoscono piú semplicemente come il Recinto di Daniel,
perché lí vive dal 2003 il lamantino con questo nome. Il
simpatico lamantino fu trovato appena nato ed alimentato
con un latte speciale portato dalla Florida e dopo due anni
venne liberato nell’ambiente selvatico. Nonostante ció
Daniel preferiva la compagnia degli umani e tornava
continuamente da loro finché si prese la decisione di
lasciarlo nel suo recinto.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Area naturale protetta con un’estensione di 281000 ettari,
che vanno dal Rio Hondo alla Baia di Chetumal alla
Laguna Guerrero. Dal 1996 diverse agenzie governative,
oltre a centri di studi superiori, istituzioni private ed
organizzazioni internazionali per la conservazione si sono
uniti per aiutare a mantenere questo santuario. Nel
santuario vivono da 150 a 200 lamantini, una delle
popolazioni piú importanti dei Caraibi.
Lí si trovano, a parte del lamantino, anche altre specie
come il coccodrillo da pantano, la tartaruga da fiume e il
giaguaro.
A solo 25 minuti dalla cittá di Chetumal si trovano le rovine di quello
che é considerato uno degli insediamenti maya piú antichi della
Penisola dello Yucatan. Questa cittá sorse e raggiunse il suo
massimo splendore durante il Periodo Classico della cultura maya,
fra gli anni 300 e 600 d.C.
La maggioranza degli edifici che si possono vedere oggi in questa
zona sono stati costruiti fra i secoli IV e VI, anche se piú tardi molti
di loro sono stati modificati, fra i secoli XI e XVI d.C.
Si pensa che sia il luogo dov’é nato il meticciato.
Le rovine archeologiche si trovano raggruppate intorno a due
piazze, chiamate una “ delle Api” e l’altra “delle colonne”.
Nella prima piazza risalta l’edificio IV che conserva nella sua cima
i resti di quello che fu un labirinto segreto. Nella seconda piazza
spicca una ripida piramide ed i resti di una costruzione che sembra
essere stato un edificio.
Ci sono resti della cappella che si pensa sia stata costruita dal
concquistatore Alonso de Avila in 1531. Vi si trova anche un
museo. Vi si trova un museo con alcune riproduzioni di pezzi di
ceramica trovati in questo luogo, oltre a disegni delle costruzioni
ed alcune mappe.
Orario: tutti i giorni dalle 8.00 alle 17.00.
Si trova a solo 3 km dalla Laguna Guerrero. Ha un bel fiume che
proviene dalla laguna di Bacalar. Con un bel ruscello, é ideale
per campeggiare e nei periodi di vacanze ci sono vari ristoranti
aperti. Si possono anche affittare kayaks e fare dei giri in barca.
Ideale per chi ama l’osservazione di uccelli.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Cancún
Riviera Maya
Campeche
16
10
Campeche
Ciudad de Belize
Zona Campeggio
Aeroporto
Artigianato
Immersione Suacquea
Centro Commerciale
Cenote e Grotte
Crociere
Snorkeling
Architettura Coloniale
Faro
Traghetto
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Stazione di Servizio
Albergo
Kayak
Porto Turistico
Piccoli Cumuli Archeologico
Museo
Nuoto
Naufragios
Osservazione Uccelli
Osservazione Piante
Osservazione Tartarughe
Giro in Barca
Pesca Sportiva
Chalet
Ristorante
Servizio Medico
Stazione Bus
Trailer Park
Self-Service
Zone Archeologiche
Il Rio Hondo é un corridoio in mezzo alla foresta ed una
frontiera naturale fra il Messico ed il Belize. Durante
l’epoca coloniale fu utilizzato come via fluviale per
trasportare il prezioso “palo di Campeche”, che si estraeva
nella regione.
Piú tardi fu il mezzo per trasportare il cicle naturale, che si
estraeva dall’albero del chicozapote, il mogano ed altri
legni preziosi. Attualmente continua ad essere una via
acquatica fiancheggiata da estesi albereti.
Nel suo percorso si trovano belle sorgenti, fiumiciattoli,
cenote e lagune, che fino ad ora non sono state molto
esplorate.
il fiume é la frontiera naturale fra il Messico e il Belize. Il
viaggiatore si trova fra belle sorgenti, ruscelli, cenotes e
lagune. Si puó navigare lungo il percorso che facevano i
pirati, da Chetumal a Bacalar, attraversando l’estuario di
Chac. Gli amanti del kayak possono navigare per il fiume e
i suoi diversi canali circondati da mangrovie. Nelle sue rive
si possono osservare cervi, tapiri, scimmie, iguane ed una
grande quantitá di uccelli.
il villaggio Huay Pix si estende dalla strada fino al bordo
della laguna. Ci sono ristoranti ed un balneario che
funziona anche da tráiler park. Si possono affittare kayaks
o fare giri in barca. Questa laguna é un’altra delle
spettacolari formazioni acquifere della zona. Si estende
per una lunghezza di 3 km e nella sua parte piú amplia
raggiunge i due mila metri. I suoi differenti toni d’azzurro la
rendono un luogo unico. Lí hanno avuto luogo gare locali e
nazionali di canottaggio.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Attraversando il Rio Hondo, si trova questa zona con
tantissimi negozi che offrono prodotti esenti da tasse. Per
attraversare il ponte della frontiera a piedi o in macchina
non é necessario il passaporto. Inoltre, si trovano dei
casino allo stile Las Vegas dove si puó assistere ai
divertenti spettacoli notturni o cenare in diversi ristoranti di
specialitá.
A destra della “Zona Libre” (zona libera di tasse) continua
la strada che porta ad Orange Walk, Corozal e all’interno
del Belize. I viaggiatori messicani non hanno bisogno della
visa per entrare in questo Paese, peró se hanno la
macchina sono obbligati a pagare un’assicurazione.
Corozal é un piccolo paesino, a soli 14 km dalla frontiera
con il Messico. Il luogo possiede una grande ricchezza
maya, con rovine che devono ancora essere scoperte. Qui
si trovano piú di 200 outlet, tutti nella Zona Libre.
Da un incredibile belvedere, che consiste in una torre di
legno costruita su una collinetta, si puó osservare parte del
territorio del Belize, il Rio Hondo e una serie di zone
lagunose. Ha un incredibile osservatorio, che si trova in
cima ad una collina, ed é uno dei migliori posti per l’
osservazione di uccelli.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Paese dove si trova un bel balneario chiamato El
Manantial (la sorgente). Il suo nome si deve ad un laghetto
artificiale con acque insolitamente trasparenti, ideale per
nuotare. Nel balneario c’é un ristorante che offre piatti
preparati a base di pesce fresco.
Sulla strada principale che porta al sud si possono trovare
altri angoli tranquilli dove si puó nuotare in acqua dolce. A
2 km dal Palmar si trova La Palma, dove un fiume dalle
acque chiare scorre sotto frondosi alberi. A 17 km si trova
il cascinale di Alvaro Obregón ed un luogo chiamato El
Balneario, con alcune piscine alimentate dall’acqua dello
stesso fiume.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Questo paesino di frontiera si trova alle rive del fiume
Hondo, da qui si arriva a Belize in canoa. Zona remota che
ha come principale attrazione il Cenote del Cocodrilo
Dorado, dove i visitanti possono nuotare o avventurarsi
nella giungla, accompagnati da una guida, per esplorare
alcune dell grotte nelle vicinanze. Il cenote é uno specchio
d’acqua di all’incirca 100 metri di diametro, con brillanti
colori azzurro cobalto. E’ circondato da una serie di colline
con cime pronunciate che possono raggiungere i 70 metri
d’altezza, ottima opzione per gli amanti dell’ avventura a
cui piace il rappel. Al tramonto si possono vedere nuvole di
pipistrelli che escono dalle pareti, pronti per i loro percorsi
notturni.
Secondo gli archeologi, due secoli fa vivevano nel sud di
Quintana Roo all’incirca un milione di abitanti, cioé tre volte piú
di quanti ce ne siano adesso.
Allora la regione era una delle piú importanti del mondo maya e
i resti di quel periodo confermano che le sue cittá erano
cosmopolite ed avevano sofisticati centri cerimoniali e grandi
aree residenziali per i gruppi dirigenti.
Inoltre spiccano le sue opere d’infrastruttura come vie, canali e
sistemi artificiali di concentrazione d’acqua. Nonostante ció
quello che attira di piú l’attenzione é la sua maestosa arte.
Questo percorso é formato da tre zone archeologiche molto
vicine l’una dall’altra: Kohunlich, Dzibanché e Kinichná. Questi
siti sono una dimostrazione della grandezza dei maya classici.
Impossibile perdersele!
É un’affascinante zona archeologica, sia per la sua storia che
per il suo valore estetico e la bellezza naturale che la circonda.
Risale all’anno 200 a.C., anche se la maggior parte degli edifici
é stata costruita fra gli anni 500 e 600 d. C, cioé nel Primo
Periodo Classico .
Risalta il Tempio dei Mascheroni che é la struttura piú
rappresentativa del luogo.
La sua base piramidale
originariamente mostraba ai lati della gradinata principale otto
mascheroni di tre metri d’altezza, dei quali solo cinque
sopravvivono fino ai giorni nostri. Si crede che questi
mascheroni rappresentino il dio solare Kinich Ahau. Si conserva
ancora parte dello stucco e del pigmento rosso che li ricopriva.
All’interno del gruppo delle strutture di alto rango bisogna
includere anche la piazza delle stele, di cui fanno parte il
Palazzo delle Stele, la Graderia e il Re. Si pensa che fossero
dedicati ad attivitá pubbliche ed amministrative.
La Acropolis, il Complesso Pixa’an ed i 27 Gradini, sono invece
complessi che pare servissero come aree residenziali dei
dirigenti locali.
Spicca l’ingegneria idraulica utilizzata a Kohunlich, dato che nei
90.000 dei 210.000 metri quadrati che occupa la zona, si
trovano canali che servivano per raccogliere l’acqua.
Verso l’anno 1200 d. C. Il sito rimase completamente disabitato,
senza nessuna ragione specifica.
Inoltre questo sito funziona come un importante rifugio di vita
silvestre. Al percorrere i sentieri circondati da un’immensa
varietá di piante ed alberi, si puó godere della flora e la fauna
della regione.
Orario: aperto tutti i giorni dalle 8.00 alle 17.00.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
L’enorme insediamento conosciuto come Dzibanché
occupa un’estensione di poco piú di 40 km2, con diversi
complessi architettonici di una grande monumentalitá e
qualitá a livello di costruzione. Si tratta di uno degli
insediamenti piú grandi ed importanti del sud di Quintana
Roo. Nella sua epoca di splendore doveva competere per
le sue dimensioni e potere politico con siti come la potente
Calakmul, nel vicino stato di Campeche.
Il sito fu fondato come una comunitá agricola all’incirca
verso l’anno 200 a.C. Quattro gruppi architettonici fanno
parte della zona archeologica: Tutil, Lamay, Kinichná e
Dzibanché.
Il nome di Dzibanché si dá al gruppo principale delle
rovine, che si trova ad un chilometro e mezzo all’oriente
dell’entrata. Piú avanti si trova il gruppo Lamay, un’altra
zona archeologica che per essere ancora sottomessa a
lavori d’investigazione, non é stata ancora aperta al
pubblico, ma la si puó comunque ammirare dalla strada.
Ed infine si trova la zona di Kinichná.
Il percorso per il complesso Dzibanché inizia con l’edificio
VI o Templo de los Dinteles (Tempio delle architravi),
relativamente isolato, una piramide con lo stile
architettonico teotihuacano caratterizzato dagli elementi
architettonici “talud” e “tablero”.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Nei sue aree superiori si trovano architravi in legno con
iscrizioni calendariali, per le quali questo sito ha ricevuto il
suo attuale nome.
In seguito si trova la Piazza Gann, dove spicca l’Edificio II
o il Tempio dei Cormorani, la piramide piú alta del sito, un
grande basamento a pianta quadrangolare all’interno della
quale ci sono tre stanze con il tetto a volta, in una delle
quali furono trovati i resti di un personaggio importante,
accompagnato da una grande oblazione.
Nella piazza si trovano mezza dozzina di grandi strutture,
fra le quali risaltano l’Edificio XIII o Tempio dei Prigionieri,
che presenta delle incisioni con glifi che fanno riferimento
ad uno scontro bellico che sarebbe avvenuto fra
Dzibanché e Calakmul. É anche interessante l’Edificio XVI
o Tempio dei Tucani, edificio con una lunga sequenza di
costruzione.
A nord ovest si trova la piazza Xibalbá, che aveva la
funzione di centro principale della cittá fin dai primi tempi.
Qui si trovano l’Edificio I o il Tempio del Gufo, una grande
costruzione con angoli arrotondati allo stile delle piramidi
maya del Peten in Guatemala e in Belize. La piazza si
completa con due palazzi, chiamati nord e sud.
A partire dal secolo XI, questa cittá fu abbandonata.
Orario: tutti i giorni dalle 8.00 alle 17.00.
Kohunlich
15
16
DzibanchÉ
2
1
9
8
7
11
3
6
11
14
8
10
7
2
5
12
10
9
13
1. Complejo Residencial Noroeste
Northwest Residential Compound
2. Acrópolis
Acropolis
3. Plaza de las Estelas
Square of the Stelae
4. El Rey
Temple of the King
5. La Gradería
The Stands
6. Palacio de las Estelas
Palace of the Stelae
7. Plaza Hundida
Sunken Plaza
8. Templo de los Mascarones
Temple of the Masks
9. Juego de Pelota
Ball Court
10. Edificio de las 11 Puertas
Building of the Eleven Doors
11. Edificio de las Columnas Paradas
Twinned Columns Building
12. Plaza Merwin
Merwin Square
13. Conjunto Pixa’an
Pixa’an Residential Compound
14. Conjunto los 27 Escalones
The 27 Steeps Residential Compound
15. Baños y Cafetería
Restrooms and Cafeteria
16. Estacionamiento
Parking lot
Gli investigatori gli hanno dato un nome che vuole dire
“Casa del Sol”. Si distingue per un’acropolis monumentale
di tre piani e vari templi distribuiti in forma “tripartita”,
caratteristico dell’architettura del Primo Periodo Classico,
fra il 200 ed il 600 d.C. Si sale un’ampia scalinata che
porta al primo piano, dove si trovano i templi.
La stessa sequenza si ripete nel secondo piano, da dove si
risale una scalinata, un po’ piú stretta, che porta al terzo ed
ultimo piano coronato da un tempio con due navate a volta.
Questo tempio conserva all’esterno resti di fregi fatti con
stucco che rappresentano motivi solari.
Qui si trovano importanti offerte con oggetti di giada.
L’ albereto che copre completamente il luogo dá un effetto
spettacolare al combinarsi con le antiche strutture.
Orario: tutti i giorni dalle 8 alle 17.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
3
6
5
4
1
1. Estacionamiento
Parking
2. Templo de los
Dinteles
(Edificio 6)
3. Palacio de los
Tucanes
(Edificio 16)
4. Templo de los
Cautivos
(Edificio 13)
5. Plaza Gann
6. Palacio Pop
(Edificio 11)
7. Templo de los
Cormoranes
(Edificio 2)
8. Palacio Norte
(Edificio 3)
9. Templo del Búho
(Edificio 1)
10. Palacio Sur
(Edificio 4)
11. Plaza del Xibalba
Con quasi 60 chilometri da una punta all’altra (Uchben Kah al
nord e Xul-Há al sud), Bacalar é la seconda laguna interna
piú lunga del Paese, dopo quella di Chapala, che é lunga 80
km. Inoltre questa laguna é solo la porta d’accesso ad un
enorme sistema lacustre e fluviale al sud di Quintana Roo. Al
nord Bacalar é collegata con altre lagune come Guerrero e
Chile Verde, che a loro volta sboccano nelle baia di
Chetumal. Al sud, é collegata con il Rio Hondo, attraverso il
canale di Chac.
Le rotte commerciali del passato approfittavano
completamente di questa complessa rete acquatica. Fino
alla metá del secolo XX, negli accampamenti dove si
estraeva il legno all’estremo nord della laguna, si buttavano i
tronchi degli alberi tagliati nella laguna e venivano trascinati
verso sud per essere tirati poi fuori verso Chetumal. Nei
secoli precedenti i pirati inglesi si addentravano nel Belize
alla ricerca del prezioso “palo de tinte “ (anche chiamato palo
di Campeche) attraverso un canale che sbocca quasi davanti
all’attuale Bacalar. Per questo motivo si costruí in questo
punto il Forte di San Felipe, per difendersi dall’attacco dei
pirati. Per i visitanti, questo enorme sistema acquatico offre
opportunitá uniche di giri in barca ed avventure. Si puó
affittare una barca per visitare la laguna oppure addentrarsi
nelle mangrovie con un kayak. Nel parco Uchben Kah ci sono
percorsi guidati che permettono di avvistare la flora e la fauna
meglio conservate del nord della laguna.
15
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Localizzato a 38 km al nord-ovest di Chetumal, questo paese
riunisce diverse qualitá che lo rendono unico e per cui é stato
nominato “Pueblo Magico”.
Fu fondato nell’anno 435 d.C. come il paese maya di Siyancaan
Bakhalal.
Dopo la feroce guerra di conquista nella Penisola dello Yucatan ,
il signor Gaspar Pacheco la fondó nuovamente con il nome di Villa
De Salamanca de Bacalar nel 1544. Durante il vicereame della
Nuova Spagna, visse sempre sotto la minaccia dei pirati inglesi,
che nel 1652 l’hanno finalmente rasa al suolo. Piú tardi fu uno dei
principali scenari della Guerra delle Caste.
Anche se durante il secolo XX é cresciuta in dimensioni e
popolazione, Bacalar continua ad avere una gradevole atmosfera
provinciale, edifici coloniali, storie e tradizioni che si uniscono alla
bellezza della laguna, conosciuta come la Laguna dei Sette
Colori,
La sua gastronomia é una combinazione della cucina yucateca e
del Belize, come per esempio nei piatti “rice and beans”, cucinato
con olio di cocco; i tamales di xpelón (un tipo di fagiolo); il
sotobichay, cioé un tamal di chaya (pianta della regione); il
tikinchic, o pesce marinato con una miscela di achiote (un arbusto
della regione); pane al palombo e l’ aragosta
Durante il mese di agosto si celebrano le feste di San Joaquin, il
santo patrono di Bacalar.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Per nove giorni di seguito c’é un gran numero di celebrazioni,
durante le quali i visitanti sono piú che benvenuti. Ci sono tanti
snack tipici, musica, balli e gare di barche e moto. .
Possiede una delle lagune piú belle del Messico, é un’enorme
estensione d’acqua poco profonda con sabbia bianca e soffice.
Questa laguna fa parte di un sistema lagunare di all’incirca 55 km
di lunghezza. Nella laguna ci sono delle zone in cui sono presenti
delle pozze piene di formazioni calcaree che possono variare
forma, da morbide pendenze a piccoli canyon o vere e proprie
muraglie e tutto ció é uno spettacolo unico per gli amanti delle
immersioni. Bacalar ha una delle lagune piú belle del Messico,
con una longitudine di piú di 42 km, conosciuta come la laguna
dei sette colori, é un’ eccellente localitá per la pratica di sport
acquatici, specialmente nel lato sud dove sono presenti vari
canali e una piccola baia chiamata Rio Chaak. Ci sono piccoli
moli da cui si puó nuotare o affittare barche, moto acquatiche o
kayak.
Il tranquillo ambiente di Bacalar invita ad esplorare e conoscere
tutte le sue attrazioni, fra cui possiamo citare:
La Piazza Principale, che si trova nella parte alta del paese. Il
parco centrale ha un chiosco e dei bei giardini ed é il punto di
riunione di tutti gli abitanti. La sera, sia i residenti che i visitanti
possono ballare al ritmo del danzón e si possono acquistare
oggetti d’artigianato ed assaporare i piatti tipici nei ristoranti
attorno alla piazza.
La Casa della Cultura, il cui edificio risale al secolo XIX, offre corsi
di danza, poesia, teatro e manualitá.
La Parrocchia di San Joaquin, che si trova al centro di
Bacalar, é una costruzione del secolo XVIII. All’interno
si possono osservare murales che narrano la storia
della Guerra delle Caste.
La Casa dello Scrittore, inaugurata nel 1990, ha
l’obiettivo
di offrire uno spazio per ricevere
comodamente scrittori, poeti e creatori artistici, sia
nazionali che stranieri. É composto da cinque comodi
bungalows e bei giardini. É stato sede di importanti
eventi come: la Prima Riunione Nazionale di Scrittori
di Cinema ed il Primo Diplomato Internazionale per
Scrittori.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Il Forte di San Felipe, che fu costruito nel 1733 per
difendere la regione dai pirati, é una formidabile
struttura militare dagli spessi muri, baluardi nei sui
quattro angoli ed un fosso di 4 metri di profonditá
che invece di contenere acqua conteneva pali
appuntiti per la sua difesa.
Durante la “Guerra delle Caste”, i ribelli l’hanno
praticamente distrutto. Il Forte é stato restaurato ed
oggi ha dei bei giardini, murali ed il Museo della
Pirateria. Il museo mostra barche in scala, mappe e
pezzi storici. Orario: da martedí a domenica dalle 9.00
alle 20.00.
Ca
lle
Ca
Ca
e 34
42
40
Calle 42
Ca
34
Ave
n
ida
21
Ave
n
lle
e 36
Call
Call
e 32
ida
Ave
n
Call
Call
Centro
e 24 Cultural
ida
5
e 22
8
lle
teo
12
a3
Ma
nid
ez
Av
.L
Av
e
óp
6
3A
0
o
ter
s
ard
lle
Ca
lle
2
s
teo
Ca
s
a9
nid
lle
4
Ma
Ave
n
ida
9
15
A
lle
Ca
lle
Av
e
Ca
Ca
lle
7
Av.
Ló
2
10
Fuerte
San Felipe
pez
e1
11
ida
Av
en
Estadio
Beisbol
Ave
n
Call
Ca
lle
e 18
e 16
ida
Call
e 14
Zócalo
10
Call
1
Ave
n
Ave
n
ida
9
Ave
n
ida
e 20
Avenida
11
13
Ave
n
ida
Call
3
e 26
ida
ien
ram
a 17
e 28
Call
Call
Ca
e 34
Call
e 20
Ca
Call
e 30
15
e 26
e 24
Calle 38
Call
Ave
nid
Call
Call
e 28
Lib
Call
a
e 34
to
Call
nid
Calle 40
38
Ave
n
Call
e
Av
lle
19
Ave
n
Ca
ida
25
Ave
n
ida
7
ida
23
Call
lle
lle
Felipe
Carrillo
Puerto
44
Bo
v
ule
Co
Laguna
de
Bacalar
Immersione Suacquea
Centro Commerciale
Snorkeling
Porto Turistico
Nuoto
Pesca Sportiva
Stazione Bus
Chetumal
Cenote
Azul
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Si trova a 5 km a sud dal centro di Bacalar e si collega con la
laguna. Ricevette questo nome grazie al colore turchese
delle sue acque. Con 200 metri di larghezza, é considerato il
piú grande di tutto il Messico ed inoltre con i suoi 90 metri di
profonditá é il cenote piú profondo del mondo. É circondato
da un’abbondante vegetazione tropicale. É un luogo fuori
serie per le immersioni, grazie alla sua spettacolare visibilitá,
un’intricato labirinto di radici e tronchi, un complesso di
formazioni rocciose su pareti d’inclinazione verticale. Inoltre
possiede caverne che possono essere esplorate solo da sub
con sufficiente esperienza ed accompagnati da una guida. Si
puó anche nuotare e praticare canottaggio.
Si puó anche nuotare e praticare canottaggio. In riva al
cenote c’é un ristorante famoso per i suoi frutti di mare.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Si estende su 90 ettari, sulla sponda nord della laguna di
Bacalar. É disegnato per gli amanti delle camminate e del
ciclismo di montagna in mezzo alla selva. Ci sono anche
percorsi in kayak con il proposito di avvistare la fauna tipica della
zona, come uccelli, cervi, tapiri e coccodrilli.
Esiste una versione notturna di questo percorso, durante il quale
ogni viaggiatore ha una lampada in testa, che gli permette
osservare i coccodrilli in riva alla laguna.
Le strutture centrali del parco si trovano dove mezzo secolo fa
esisteva un centro d’estrazione del mogano e dell’albero del
cicle. L’antico negozio dove compravano i lavoratori, la casa
dell’amministratore e le altre costruzioni sono state trasformate
in ristorante, negozio, bagni, spogliatoi, docce, centro per l’affitto
dell’attrezzattura per lo snorkeling, telefoni, bancomat, un
piccolo museo e chiosco delle bibite.
Ci sono anche aree per il campeggio e la possibilitá di ricreazioni
acquatiche nella parte della costa.
Chacchoben nacque come un piccolo villaggio verso l’anno 200
a.C. É il piú grande insediamento trovato fino ad ora nella regione
dei laghi. I resti del complesso archeologico coprono una
settantina d’ettari.
Il primo edificio che si puó osservare é il Tempio 24. Si trova dopo
il Complesso delle Vie, che doveva fungere da area residenziale
per i gruppi dominanti della cittá. Al suo interno si possono
apprezzare basse piattaforme in muratura, che sostenevano
stanze costruite con materiale deperibile. Il Gruppo II non é stato
ancora esplorato, ció nonostante, considerata la magnitudine delle
sue costruzioni e la distribuzione, é molto probabile che si
utilizzasse per attivitá amministrative e per l’alloggiamento.
Nell’estremo sud s’innalza il Gran Basamento, una piattafroma
artificiale molto alta sulla quale furono costruite varie piramidi, fra
cui il magnifico Tempio 1, con iscrizioni calendariche. Si pensa che
questa struttura fu il centro dove avvenivano cerimonie religiose e
pubbliche.
Sono state recuperate due stele con iscrizioni geroglifiche che sono
state cancellate quasi completamente, per cui si puó solo supporre
che Chacchoben fosse vincolato a qualche capitale regionale
dell’area del Peten, cosa che si deduce per le caratteristiche
architettoniche. Orario: da lunedí a domenica dalle 8.00 alle 17.00.
Inoltre, al visitare la zona archeologica si puó godere del paesaggio
che la circonda, dove si possono osservare tucani ed uccelli
canterini, oltre ad alberi di zapote, fichi, cedri bianchi e mogani, ed
altri ancora.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Ha un’estensione di all’incirca 30 km2. Le sue origini
risalgono all’epoca preclassica, 250 a.C. É uno dei siti piú
monumentali del sud di Quintana Roo; le sue strutture sono
notevolmente massiccie, fino a 40 metri d’altezza e ció
permette assicurare che si trattasse di uno dei grandi centri
politici della regione, fin dai tempi antichi. Il sito é composto
da tre grandi strutture ed una serie di costruzioni minori;
tuttavia la maggior parte é ancora inesplorata. Il Gruppo
Principale é composto da tre enormi basamenti, collocati ad
ogni angolo dell’estesa piazza. Si prevede che questa zona
archeologica sará aperta al pubblico in un futuro prossimo.
Inoltre, grazie all’intorno tropicale le acque cristalline hanno
sempre una gradevole temperatura. Gli amanti delle
immersioni possono trovare un’infinitá di incredibili formazioni
coralline, oltre ad una ricca vita marina.
Pittoresco villaggio ideale per la pratica di sport acquatici. Un
vero paradiso tropicale con acque poco profonde, protette da
una grande barriera corallina, dove si possono trovare da
orate ad aragoste.
Al nord del faro si trova il Molo Costa Maya, dovve da appena
un paio d’anni attraccano grandi navi da crociera. Si é
trasformato nel secondo porto piú importante del Paese per
l’arrivo di navi da crociera. Nel molo si trova un magnifico
centro commerciale.
Al sud del faro si trovano negozi, ristoranti, alberghi e beach
club aperti al pubblico. Ci sono opzioni d’alloggiamento per
tutte le tasche, da bungalows a sofisticati appartamenti di
lusso.
C’é anche la bellissima spiaggia che per la sua vicinanza con
la barriera é una piscina naturale dalle incredibili tonalitá
azzurre e smeralde.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Si trova nella zona nord di Majahual. Bel tratto di spiaggia
abbastanza solitaria, con un ristorante ed affitto di kayak
disponibile. Si puó campeggiare.
16
rto
lP
ue
Xcalak,
Chetumal
Av
.P
as
eo
de
Ox
ca
ac
Ch
inc
ch
ho
Ca
rre
lar
oH
ka
on
h
do
rita
etu
Muelle de
Cruceros
ma
hu
Ba
tan
lde
Ch
Ko
Ch
Ca
Rí
l
nli
ch
ob
en
rro
ter
aC
afe
tal
-M
aja
hu
a
Parque
El Manglar
Zona Campeggio
Centro Commerciale
Crociere
Faro
Stazione Bus
Self-Service
Sierra
Male
cón
Parque
El Manglar
Sa
rdi
na
jarr
Alm Atún
eja
Liz
a
Hua
Mo
chin
ango
Cherna
na
a
2S
ur
Muelle de
16 Pescadores
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Mar Caribe
Caribbean Sea
É uno degli ultimi angoli vergini dei Caraibi, con il fascino unico di
un’atmosfera rilassata e tranquilla per gli amanti della natura. A
Xcalak si trova il canale di Zaragoza che permette la
comunicazione della Baia di Chetumal con il Mar dei Caraibi,
senza dover attraversare le acque territoriali del Belize.
Luogo che é diventato un paradiso per gli amanti delle
immersioni, ha graziose spiagge. Vi sono piccoli alberghi ed é un
bel posto per fare passeggiate in bicicletta. In kayak o in barca si
puó arrivare a “La Aguada”, zona di palude di mangrovie con piú
di 40 specie di uccelli.
É anche un luogo eccellente per la praticare della pesca con
mosca e dello snorkeling. Tutto l’anno si puó pescare pesci
sega, sugarelli, tonni, barracuda, cernie, orate e cheppie; da
aprile a giugno, si trovano lampughe, pesci spada e marlin.
Nel 2003 é stato creato il Parco Marino Xcalak, che forma parte
del Sistema Arrecifal Mesoamericano. Il parco comprende
all’incirca 18.000 ettari. Va dalla frontiera con il Belize fino al nord
della cittá ed include i reef e tutto ció che si trova a 100 metri di
profonditá, cosiccome la spiaggia e le lagune interne. Il parco é
un paradiso per gli amanti delle immersioni grazie alla sua unica
biodiversitá e per gli amanti dello snorkeling, lo si puó fare in
tutta tranquillitá, senza la presenza di barche perché le acque
poco profonde non permettono la navigazione. A 15 km al sud si
trova Rio Huach, che forma anche parte del parco ecologico di
Xcalak.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Punta Herrero si trova all’estremo sud della Baia dello Spirito
Santo. Luogo di spiagge vergini circondato da selva e mare,
il posto ideale per chi cerca un ambiente tranquillo, a contatto
diretto con la natura. É un luogo magico dove si puó
campeggiare in riva al mare ed osservare la grande quantitá
di uccelli della regione. Navigare attraverso i canali in kayak
o fare snorkeling nelle acque trasparenti della costa, sono
alcune delle attivitá che si possono praticare a Punta Herrero.
É anche conosciuta per le sue zone umide e per la pesca in
aree poco profonde dove si possono facilmente trovare
cheppie, spigole, barracuda e aragoste, ed altre specie
ancora.
A Punta Herrero c’é una Cooperativa nominata “I Barcaioli
della Baia”, che offrono giri in barca e tour di pesca.
Non si possono non assaporare i piatti tipici a base di pesce
e frutti di mare, soprattutto la famosa aragosta.
Ci si puó arrivare dalla strada Majahual-Uvero oppure in
barca da Punta Allen.
La Reserva de la Biosfera de Banco Chinchorro se localiza a
unos 20 minutos de Majahual. Es un atolón coralino con unos
70 kilómetros de largo por unos 25 en su parte más ancha, es
el más grande del país y el segundo más grande del mundo.
Lo rodea una gran barrera de coral de 20 metros de espesor
que permanece totalmente sumergida. Su configuración
posibilita la formación de una amplia laguna arrecifal con una
profundidad de 3 a 5 metros, de la cual emergen tres cayos
cubiertos de mangle, palmera y arbustos: Cayo Norte, Cayo
Centro y Cayo Lobos. Historicamente ha sido una trampa
para la navegación, por lo que se ha convertido en un museo
marítimo con 68 sitios arqueológicos registrados, dentro de
las que se destacan galeones españoles e ingleses de los
siglos XVI y XVII.
Al sumergirse, lo primero que se puede identificar son
esponjas, abanicos y látigos de mar, y también aisladas
colonias de corales pétreos y una enorme diversidad de
peces arrecifales multicolores, tortugas, e incluso delfines y
tiburones que viven dentro del arrecife.
Hay palafitos de pescadores en el Cayo Central, el más
grande y céntrico de los islotes, que se usan como
campamentos temporales de turistas que llegan a fotografiar,
filmar y nadar entre estos hermosos corales.
Se extiende sobre aproximadamente 1,000 kilómetros desde
la Isla Contoy en la punta de la Península de Yucatán, hasta
las costas de Belice, Guatemala y Honduras. Este gran
arrecife coralino es el más grande del océano Atlántico y el
segundo mayor del mundo. Más que una simple barrera
arrecifal, es todo un intrincado sistema coralino y un tesoro de
biodiversidad con más de 500 variedades de peces, 350
especies de moluscos y de 65 especies de corales pétreos. El
sistema arrecifal es también parte del hábitat de una de las
mayores poblaciones del mundo de manatíes, cuyo número se
estima entre 1.000 y 1.500 individuos.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
La Costa Maya é uno dei migliori posti al mondo per praticare
questa emozionante attivitá. Grazie alle sue acque
trasparenti e alla sua ricca biodiversitá, é possibile trovare
tonni pinna gialla, wahoo, mahi-mahi (dorado), orate, pesci
gallo, pescespada, marlin, cernie ed altri ancora. É
importante ricordare che in Messico non é permessa la pesca
sottomarina attraverso la libera immersione ed é illegale
praticarla con l’attrezzatura da sub. Inoltre tutti i pesci
catturati si mangaino o vengono regalati.
Si possono contrattare escursioni di pesca sportiva da
Majahual e Xcalak. Nei mesi estivi (alta stagione) si puó
pescare il pesce “dorado”, il pesce vela e il pescespada
azzurro (marlin). Nel resto dell’anno é facile trovare snapper
rossi, sgombri, barracuda e tonni. Nel Chinchorro si pesca a
mano l’aragosta allevata dai locali.
Nel Chinchorro, si pesca a mano l’ aragosta allevata dagli
abitanti del luogo. Una delle novitá é la pesca sottomarina,
che é simile alla caccia, perché il pescatore cerca la preda
per catturarla.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Nuoto- si puó praticare nel Rio Hondo, nel Palmar e nella
Laguna di Bacalar. Altri sport come il windsurf, il canottaggio,
lo sci d’acqua e la vela si possono praticare nella Laguna di
Bacalar.
La profonditá, la densitá dei coralli e le belle formazioni sono
alcune delle caratteristiche del reef corallino che si trova a soli
350 metri dalla costa e si estende per piú di 100 Km lungo il sud
di Quintana Roo.
La profonditá all’interno del reef nella parte meno profonda va da
1.8 a 7.6 metri, mentre nella parte piú profonda della barriera puó
andare dai 9 a piú di 60 metri. C’é una grande diversitá di muri
inclinati che permette che i sub possano scegliere fra vari profili.
La visibilitá cambia secondo le condizioni atmosferiche, ma in
generale va dai 60 ai 100 piedi. Le immersioni nella Barriera
Corallina cambiano durante l’anno, d’estate i venti sono leggeri e
le condizioni sono ottimali per l’immersione, mentre in inverno si
possono presentare i venti del nord (i norte) che alterano
completamente le condizioni. La temperatura media dell’acqua
in inverno é di 24° C, mentre d’estate é di 29.5° C. Si possono
realizzare immersioni notturne per conoscere l’altra faccia del
reef, dato che animali come polipi, murene e la maggior parte dei
crostacei escono di notte.
Inoltre il reef del Chinchorro possiede piú di 50 barche
naufragate. Fra i luoghi piú raccomandabili si trovano: Copper
Clad, Quaranta cannoni e Far Star o Fire Star.
Nella zona si puó anche fare immersione nei canali sotterranei e
caverne che sboccano in lagune e nel Mar dei Caraibi, é
un’asperienza unica pero é necessaria esperienza. Un’eccellente
e originale luogo per fare immersioni é il Cenote Azul.
3033
Galeon
45
1220
Cannons
Ginger
Scout
3
The Garden
90 Penelope
5
1500
90
Two Step
Glenn
View
Galeo
Siglo
XVI
8
Cayo
Centro
Punta Isabel
Kai Ha
San
100 Andres
9
2100
18
6
Punto
González
33
Obi
3513
24
Kassel
12
2033
6
9
Makawall
18
Tropic
153
Xuba
76”F
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
132”F
Far
Star
Lobos
180
3223
Profundidad en pies
Depth feet
Si puó fare snorkeling lungo la costa e nei pressi del
Chinchorro. Uno dei luoghi piú consigliabili é Punta Placer,
con incredibili formazioni coralline ed una grande quantitá di
pesci, dove non é raro trovare incredibili banchi.
Il fiume Hondo é uno dei posti migliori, con tutti i suoi canali
circondati da mangrovie. Si puó anche godere delle tranquille
acque della spettacolare Laguna di Bacalar.
C’é la possibilitá di affittare kayak totalmente trasparenti che
rendono l’esperienza indimenticabile, giacché le acque
cristalline della Costa Maya permettono osservare pesci
multicolore che abbondano nella regione.
C’é la possibilitá di esplorare la Costa Maya lungo le strade
costiere, conoscere i piccoli paesini ed i luoghi piú pittoreschi
dove si possono osservare uccelli, iguane ed altri piccoli
mammiferi.
Esiste quasi lo stesso numero di specie di uccelli nella
regione di quelle che si possono trovare in tutta Europa. Le
lagune lungo la Costa Maya, Sian Ka’an e tutta l’area che si
estende della Baia di Chetumal a Bacalar, son alcuni dei
luoghi migliori per l’osservazione di uccelli.
Durante le notti fra aprile e settembre si possono osservare le
tartarughe depositare le uova a Majahual.
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Golfo de México
Cabo
Catoche
Isla
Holbox
Laguna
Yalahan
Cuyo
San Felipe
Río Lagartos
Parque Natural
San Felipe
Punta Sam
Puerto Júarez
San Felipe
Puerto
Temax
Mérida
Cancún
Kantunilkin
Tizimin
Yucatán
Izamal
Punta Maroma
Nuevo
X-Can
12
Tunkas
Tres Ríos
Tres Reyes
Punta Laguna
X
Xcaret
L
Laguna
Mojarras
Campamento
Hidalgo
Cobá
C á
Ixhil
Mayapán
184
San
Lorenzo
Uaimax
Tzucacab
Catmis
X-Querol
Sacalaca
Tihosuco
Huay Max
Sabán
Xel-háá
Parque
Tulum
Boca Paila
MEXICO
307
El Payón
Dziuche
Tacoh
Campeche
Puerto
Arturo
Allen
295
Bahía
de la
Ascención
Carrillo
Puerto
Chunhuhub
Othon P.
Blanco
Laguna
Ocom
El Ramonal
Chan Santa
Cruz Poniente
San Isidro
Poniente
Petcacab
Laguna
Chancab
MEXICO
293
Reserva
de la
Biosfera Bahía
Sian Espíritu
Santo
Ka’an
Isla Chal
Ziquipal
Punta Herreros
Laguna
Nonbec
Limones
Chacchoben
Miguel Alemán
El Uvero
Altos de Sevilla
16
Bahía
Dzibanché
MEXICO
Cayo
Centro
186
Chetumal
MEXICO
186
Nicolás
Bravo
Corozal
Kohunlich
La Aguada
Sarteneja
Cayo
Norte
Majahual
Bacalar
de
Cenote Azul
Oxtankah Chetumal
Comitán de
las flores
Calderitas
Kinichná
El Cedral
Chicaná
Punta
Herradura
Río
h
Huach
Cayo
Blackford
Reserva
de la
Biosfera
Calakmul
Tres Garantías
Cayo
Lobos
Banco
Chinchorro
Alvaro
Obregon
Xcalak
Cenote del
Cocodrilo Dorado
Orange
Walk
Tomás
Garrido
Justo
Sierra
l
zu
oA
Rí
Maachtún
Dos Lagunas
La Unión
Arroyo
Negro
Alton-Ha
Arrecife
de
Corales
Guatemala
Uaxactún
C
a
r
i
b
e
El Placer
Río
ío Indio
La Libertad
Zoh-Laguna
M
a
r
MEXICO
307
Reserva
de la
Biosfera
Calakmul
Punta
Pajaritos
Puticub
Lázaro
Cardenas
Celarain
Cayo Culebras
184
Quintana
Roo
Cozumel
Laguna
Azul
MEXICO
MEXICO
El Naranjal
Molas
Tulúm
y
Chunyaxché
Laguna
Chinchancanabb
Laguna
Esmeralda
José Ma.
Candelaria
Morelos
Kankab-Chen
San
Miguel
Akumal
Xcacel
Tankanah
Parque
Nacional
de
Quintana
Roo
San Silverio
T
Tepich
Peto
Xpu-Há
Kantenah
Actúnn
Chen
Chan Chén
MEXICO
Calica
Puerto
Paamul
u
Aventuras
Chichén Itza
Sotuta
Punta Betee
Playa del
Carmen
Valladolid
Ticul
Punta Nizuc
Playa del
Secreto
San Andrés
Uman
Uxmal
Punta
nt Cancún
Morelos
Cansahcab
Motul
Isla
Isla
Blanca Mujeres
Chiquila
Dzilam de Bravo
Puerto Progreso
Isla
Contoy
Boca
Iglesiaa
Zona Campeggio
Aeroporto
Artigianato
Immersione Suacquea
Centro Commerciale
Cenote e Grotte
Crociere
Snorkeling
Architettura Coloniale
Faro
Traghetto
Stazione di Servizio
Albergo
Kayak
Porto Turistico
Piccoli Cumuli Archeologico
Museo
Nuoto
Naufragios
Osservazione Uccelli
Osservazione Piante
Osservazione Tartarughe
Giro in Barca
Pesca Sportiva
Chalet
Ristorante
Servizio Medico
Stazione Bus
Trailer Park
Self-Service
Zone Archeologiche
Ladyville
Bermudian
Landing
Belize
La Democracia
Belmopan
Tikal
© 2013 Tutti i diritti riservati. E 'vietato copiare in
parte o in toto senza il permesso dell'autore
Belize
Islas
Turneffe
Arrecife
del Faro
Bacalar
Cancún
Calderitas
Cenote Azul
Chichén Itzá
Ciudad de México
Dzibanché
Felipe Carillo Puerto
Kohunlich
La Unión
Mahahual
Mérida
Parque Uchben Kah
Playa del Carmen
Oxtankah
Raudales
Tulúm
Xcalak
Zona Libre de Belice
38
380
9
34
564
1 360
78
162
65
111
141
413
75
314
16
31
251
193
11
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
15 464 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content