close

Enter

Log in using OpenID

Alpexpress - Ticino 1/14 - AlpTransit Gotthard AG

embedDownload
alpexpress
L A R I V I S TA D I A L P T R A N S I T S A N G O T TA R D O S A
T I C I N O 1 / 2 0 14
Il portale nord
della GbC
3
8
12
Ospite d’onore al San Gottardo
A 220 km/h in galleria
GALLERIA DI BASE DEL CENERI
PORTALE NORD:
TERMINATE LE ATTIVITÀ
2
A 220 km/h attraverso
il San Gottardo
La Galleria di base del San Gottardo verrà
inaugurata solo all’inizio del mese di giugno
2016. Nonostante ciò, i primi treni circolano
già attraverso la galleria ferroviaria più lunga
del mondo. I primi test vengono infatti svolti
assieme alle FFS fino all’estate 2014. Lungo i
circa 13 km della tratta di prova nella canna
ovest della Galleria di base del San Gottardo
tra il portale sud di Bodio e la stazione multifunzionale di Faido si possono raggiungere
i 220 km/h. Scopo di queste corse di prova è
confermare che il sistema di galleria soddisfa
le condizioni richieste.
Al Ceneri sono invece ancora i minatori a
farla da padrone. Alla fine del mese di aprile
2014 più di 30 km dei 40 km totali del sistema di galleria sono stati scavati.
La prima caduta del diaframma in direzione
sud è prevista per l’estate 2015.
Renzo Simoni
Presidente della Direzione
AlpTransit San Gottardo SA
In copertina:
Galleria di base del Ceneri, portale nord Vigana
A Vigana si trova il portale nord della
Galleria di base del Ceneri. Qui si è
dovuto scavare in materiale sciolto
per sottopassare l’autostrada A2 a
una profondità di soli 9 m. Dal mese
di aprile 2014 tutte le attività in sotterraneo (scavo e rivestimenti) iniziate nel 2008 sono terminate.
(lungo circa 1.4 km) che dal portale nord
della Galleria di base del Ceneri si collega
direttamente alla linea ferroviaria esistente Bellinzona-Locarno nei pressi della
fermata di S. Antonino. Questo nuovo
collegamento diretto permetterà la trasferta senza cambio da Lugano a
Locarno e viceversa in circa 22 minuti.
Al cantiere del portale nord di Vigana
sono state realizzate due canne lunghe
ca. 670 m. Nella zona detta «Raccordo di
Vigana», le due canne assumono la dimensione di vere e proprie caverne.
All’interno di queste, minimizzando l’impatto ambientale e l’utilizzo di territorio
pregiato del Piano di Magadino, si sviluppa il sistema di svincoli che permetterà
la realizzazione della cosiddetta S-Bahn
Ticino, ossia il collegamento ferroviario
Iniziate nel 2008, le attività al cantiere di
Vigana sono state caratterizzate da una
prima fase di realizzazione delle trincee
d’approccio. Successivamente, i lavori
sono proseguiti con lo scavo delle canne
in materiale sciolto sotto l’autostrada
A2. Una vera e propria sfida ingegneristica portata a termine con successo
nell’estate 2009. Fino al raggiungimento
dell’ammasso roccioso, gli avanzamenti
sono avvenuti mediante martello demolitore ed escavatori. Non appena rag-
giunto il fronte di roccia è iniziato
l’avanzamento all’esplosivo durato fino
alla fine del 2011. I ca. 670 m di galleria
sono poi stati completamente impermeabilizzati e rivestiti in modo da essere
pronti per la prossima fase prevista con
l’installazione della tecnica ferroviaria.
A partire dalla fine del mese di aprile
2014, non sono più previste attività in
sotterraneo fino all’arrivo dell’avanzamento degli scavi provenienti dal cantiere
di Sigirino. La caduta del diaframma in
direzione nord, e quindi in territorio di
Vigana è prevista per la fine del 2015.
Terminate le attività di impermeabilizzazione e
rivestimento, al cantiere di Vigana si attende
l’avanzamento dello scavo da Sigirino previsto
per la fine del 2015.
3
I N T E R V I S T A A R A lf R ü diger
Una sfida e una passione,
non solo un lavoro
4
Le ferrovie hanno segnato la sua vita.
Ingegnere per la realizzazione di ferrovie diplomato a Dresda, lavora da
15 anni a diverse nuove tratte in Europa e colleziona modelli di ferrovia.
Da un anno Ralf Rüdiger è corresponsabile della messa in esercizio affinché AlpTransit San Gottardo SA consegni nel 2016 la Galleria di base del
San Gottardo alle FFS.
A questo scopo è pronto a prendersi
a carico diverse incombenze.
I suoi occhi brillano, la voce è calma.
L’orgoglio è evidente. Per Ralf Rüdiger il
suo non è semplicemente un lavoro. Per
lui è una sfida e una passione: la messa
in esercizio della Galleria di base del San
Gottardo! «Dapprima ho lavorato per
nove anni per la DB AG alla nuova tratta
Norimberga-Ingolstadt. Sono poi seguiti
5 anni in Austria, dove ho potuto seguire
la messa in esercizio della tratta d’accesso
della Galleria di base del Brennero.
E adesso ho la possibilità di dare il mio
contributo alla messa in funzione della
più lunga galleria ferroviaria del mondo».
I nuovi progetti affascinano talmente
tanto Ralf Rüdiger da essere pronto a
prendersi a carico diverse cose – professionalmente e privatamente.
Ralf Rüdiger spiega agli ospiti in occasione
di una corsa di prova quanto veloce viaggi il
treno e cosa sia necessario affinché i viaggi
vengano effettuati senza intoppi.
Ralf Rüdiger è di casa a Bayreuth
(Germania) dove se possibile rientra
ogni fine settimana per riabbracciare la
moglie e le due figlie. Con questa certezza il lungo viaggio non è un peso.
«Se vuoi lavorare a dei nuovi progetti
devi essere pronto a viaggiare. Certi progetti non vengono da te – sei tu che
devi andare da loro. Nel nostro settore è
normale». E così più di un anno fa Ralf
Rüdiger si è chiesto per parecchio tempo
se era pronto a farsi carico della lunga
via che lo porta in Svizzera. «Ho risposto
di sì. Sì a un nuovo, unico progetto e sì
a lunghi viaggi nel weekend. Per la mia
famiglia trasferirsi in Austria o in Svizzera non è mai stata un’opzione.
"Casa" per loro è e rimane Bayern».
Insieme fra alti e bassi
Per Ralf Rüdiger il classico giorno lavorativo non esiste. Ma non lo vorrebbe neanche. Gli piace quando vi sono nuovi temi,
nuove sfide quotidiane. Organizzare, pianificare, correggere – niente lo turba. Durante le corse di prova da dicembre 2013
a giugno 2014 lo si poteva incontrare
spesso a Biasca. Giorni intensi e lunghi
erano all’ordine del giorno. «Sono fiero e
molto stimolato quando i colleghi di diversi settori mirano allo stesso scopo e
condividono gli alti e bassi. La dedizione e
la collegialità da parte di tutti i partecipanti è straordinaria». L’orario non ha importanza. Anche alla sera tardi è necessario che le informazioni raccolte in
giornata vengano documentate.
«Informazioni particolari, poco importa se
positive o negative, le annotiamo in un
"libro rosso". Questi dati sono importanti
per la nostra futura collaborazione e per
la pianificazione dell’esercizio di prova».
Tutto deve funzionare senza intoppi
L’esercizio di prova alla Galleria di base
del San Gottardo inizierà nel mese di ottobre 2015 e durerà fino al mese di maggio 2016. Questo non significa che fino
ad allora Ralf Rüdiger e il suo team non
avranno più niente da fare. Al contrario.
Nel frattempo i dati ricavati verranno elaborati, effettuate interviste, stesi tempistiche e programmi. Perché Ralf Rüdiger desidera che a partire dal mese di ottobre
2015 tutto possa procedere senza intoppi. «I treni devono puntualmente essere presenti al luogo definito, la galleria
deve essere controllata e preparata per le
previste prove. Da non dimenticare inoltre
che tutte le pause sono organizzate in
modo che l’orario lavorativo non venga
violato».
E nonostante tutto «È una soddisfazione
quando dopo lunghe giornate gli occhi
e la mente mi riportano a vedere dove
lavoro. In fin dei conti non tutti possono
affermare di essere stati presenti quando
il primo treno ha circolato attraverso la
galleria più lunga del mondo. E oltretutto averne avuto una parte di responsabilità!»
5
GALLERIA DI BASE DEL CENERI
Stato
dei lavori
6
Presso il cantiere del Nodo di
Camorino prosegue la realizzazione
dei due viadotti. Alla fine del mese
di maggio 2014 alla Galleria di base
del Ceneri gli scavi hanno raggiunto
più del 75% dei complessivi 39.8 km
di gallerie e cunicoli. Al portale di
Vezia sono quasi terminati i lavori
di realizzazione della galleria a
cielo aperto.
Nodo di Camorino
Nel primo semestre del 2014 le attività
del cantiere del Nodo di Camorino sono
state contraddistinte dall’imponente realizzazione dei viadotti Lugano-Bellinzona
e Bellinzona-Lugano. A fine maggio
2014, 7 dei 10 settori del viadotto Lugano-Bellinzona sono stati portati a termine. I rimanenti 3 settori verranno ultimati entro l’inizio del 2015. Il viadotto
Bellinzona-Lugano sarà invece completato entro la fine del 2014. Al momento
si stanno eseguendo i giunti tra i settori
e completando la spalla lato Bellinzona.
Seguiranno poi i lavori d’impermeabilizzazione del manufatto completo.
1
Al ponte ferroviario che sovrasta l’autostrada A2 sono terminati i lavori di impermeabilizzazione del manufatto e
sono in corso le attività concernenti lo
smantellamento delle aree di cantiere
provvisorie in autostrada.
Fra l’autostrada A2 e la stazione di Giubiasco è terminata la realizzazione del
piano stradale che ospiterà i due nuovi
binari della linea AlpTransit.
2 Portale nord di Vigana
Al portale nord della Galleria di base del
Ceneri sono terminate le attività in sotterraneo. Si procede ora con la sistemazione
esterna e la realizzazione dei portali
(v. approfondimento p.3).
Attacco intermedio di Sigirino
Al cantiere di Sigirino, parallelamente ai
lavori di scavo procedono, in direzione
nord e sud, le attività nella canna est
quali la posa della soletta, delle tubazioni di drenaggio, delle murette e, da
ultimo, dell’impermeabilizzazione della
volta. Sono pure in corso i preparativi
per l’installazione delle attrezzature di
cantiere nella canna ovest, affinché
nell’autunno del 2014 si possa iniziare
con il rivestimento interno.
3
A metà maggio 2014, in direzione sud,
con diversi mesi di anticipo da quanto
preventivato dal programma lavori, si è
raggiunta la linea dell’ultimo chilometro
da scavare. Nonostante nelle attività sotterranee non possono essere esclusi
eventi straordinari che implichino dei rallentamenti, questo traguardo permette di
ipotizzare la fine dei lavori di scavo in direzione sud entro un anno. A queste attività seguiranno quelle di rivestimento in
modo da poter dare inizio ai lavori di tecnica ferroviaria entro l’autunno del 2016.
ormai tradizionale giornata delle porte
aperte, sabato 20 settembre 2014.
Dalle 9.00 alle 17.00 e con qualsiasi
tempo sarà possibile visitare la galleria e
il cantiere esterno. La visita di
quest’anno sarà resa ancora più speciale
dalla possibilità di percorrere un tratto in
galleria con dei trenini turistici. Una
prima occasione per avvicinarsi a quello
che diventerà realtà nel 2019!
7
1
Portale sud di Vezia
I lavori di realizzazione della galleria artificiale in prossimità del portale sud della
Galleria di base del Ceneri proseguono
come da programma. Contemporaneamente è in corso l’impermeabilizzazione
del primo tratto della stessa.
4
Lungo la nuova strada comunale procedono le opere infrastrutturali e stradali,
nonché l’installazione delle protezioni
vetrate delle nicchie lungo il muro di
sostegno a monte della linea ferroviaria esistente.
2
3
Esternamente, procede la realizzazione
del deposito di Sigirino, alimentato da
nastri trasportatori.
Anche quest’anno il cantiere di Sigirino
apre i suoi cancelli alla popolazione nella
4
«Il conto alla rovescia
è iniziato!»
Lunedì 16 dicembre 2013,
Werner Marti (Presidente Consiglio d’Amministrazione ATG), Andreas Meyer
(CEO FFS), Doris Leuthard (Consigliera federale) e Renzo Simoni (Presidente della
direzione ATG) danno il via alle prove di velocità sulla tratta Bodio-Faido.
galleria di base del san gottardo
STATO DEI LAVORI
10
All’incirca il 70 per cento della tecnica
ferroviaria è stato installato nella Galleria di base del San Gottardo. Tutti i
lavori in sotterraneo sono stati completati alla fine del 2013. Le diverse
aree di installazione sono in fase di ripristino e gradualmente spariscono
pure i sili ed i container.
Dall’inizio del 2014 a Sedrun è in corso
l’installazione della tecnica ferroviaria. In
febbraio sono iniziati i lavori di montaggio
degli impianti di ventilazione e della piattaforma definitiva d’ispezione.
Sull’area d’installazione proseguono i lavori di ripristino. L’impianto di depurazione acque ed i sili in cemento sono
stati smontati.
Tratta a cielo aperto nord – Uri
Avanzano i lavori a nord nella tratta a
cielo aperto. Il filo della linea contatto in
rame è stato montato, il passaggio faunistico per animali di piccola taglia completato. Al portale nord è stato installato nel
marzo 2014 uno scambio di protezione.
Faido
Dalla fine del 2013 sono terminati tutti i
lavori in sotterraneo. Fino a fine febbraio
2014 l’impresa di costruzione grezza ha
smontato le installazioni a cielo aperto. I
container alloggi sono spariti.
I lavori di sterro a sud del sottopasso di
Erstfeld stanno avanzando velocemente. Il
«Walenbrunnen» è stato interrato, i ripari
fonici ed i basamenti smontati.
Sono pure terminati i lavori di costruzione
grezza allo stabile del portale di Faido. Da
gennaio 2014 proseguono le installazioni
della tecnica ferroviaria.
Erstfeld/Amsteg – Uri
Il Consiglio di Stato urano ha visitato l’11
febbraio 2014 la Galleria di base del San
Gottardo dove è stato informato in merito all’attuale stato dei lavori ed ha potuto viaggiare in treno fino alla stazione
multifunzionale di Sedrun.
I binari tra Sedrun e Faido sono stati installati nel marzo 2014 quasi completamente in entrambe le canne fino alla stazione multifunzionale di Faido. Anche
tutti i cunicoli trasversali vengono arredati
con gli armadi dei comandi e stazioni
trafo. Gli impianti di media tensione vengono allacciati man mano.
La ghiaia, i canali ed il rilevato lungo la
«vecchia» linea esistente a Pollegio sono
stati asportati. A fine marzo sono iniziati
i lavori di demolizione dei tre sottopassi
di Pollegio. La nuova strada Mondai è in
costruzione.
11
1
2
3
4
Proseguono i lavori al raccordo del Nodo
della Giustizia.
1
2
Sedrun – Grigioni
A partire dal 12 dicembre 2013 tutti i settori sotterranei del Comparto Sedrun
sono stati sottoposti ad esame tecnico.
Gli ultimi settori consegnati sono stati il
cunicolo di accesso, il pozzo di ventilazione, i pozzi I e II come pure l’intera caverna della testa del pozzo di Sedrun.
3
4 Bodio
I lavori di demolizione sono terminati e
iniziano le prime attività di ricoltivazione.
5 Tratta a cielo aperto sud – Ticino
Vicino al portale sud continuano i lavori per
la strada cantonale e per le aree adiacenti.
5
G alleria di base del S an G ottardo
«Dobbiamo essere fieri di
quanto sin ora realizzato!»
12
Le prove sulla tratta veloce tra Bodio
e Faido funzionano a pieno regime.
Si tratta di controllare il funzionamento di tutte le installazioni in galleria con dei treni che circolano ad
una velocità fino a 220 km/h.
La tratta è stata inaugurata il 16 dicembre 2013 alla presenza della
Consigliera federale Doris Leuthard
che ha ribadito la sua soddisfazione.
Nel tubo ovest della Galleria di base del
San Gottardo, sulla tratta tra Bodio e
Faido lunga circa 13 chilometri, tutte le
installazioni di tecnica ferroviaria sono
state installate. Ora si tratta di avere la
conferma che tutto il sistema di galleria
corrisponde alle esigenze richieste. Viene
testata la complessa interazione tra i diversi processi, sistemi e impianti come
binari, linea di contatto, approvvigionamento di corrente, tecnica di guida della
galleria, protezione automatica dei treni,
sicurezza e comunicazione. Queste prove
avvengono con dei treni equipaggiati da
diversi sistemi di misure che viaggiano
ad una velocità fino a 220 km/h e dureranno fino al mese di giugno 2014.
Il 16 dicembre 2013 si è svolta l’inaugurazione delle prove sulla tratta veloce
tra Bodio e Faido. Alla presenza della
Consigliera federale Doris Leuthard, del
Presidente della direzione di AlpTransit
San Gottardo SA Renzo Simoni, del CEO
di FFS Andreas Meyer, autorità, politici e
media si è svolta la prima corsa ufficiale
sulla tratta veloce. Gli invitati, insieme
all’ospite d’onore, hanno avuto la possibilità di percorrere a bordo di un FLIRT
della TILO la tratta tra Bodio e Faido,
con una velocità di 160 km/h. Alla fine
dei 13 km gli ospiti sono scesi e la consigliera, rivolgendosi a loro, ha detto: «È
meraviglioso vedere la galleria illuminata
e viaggiare a 160 km/h. Tutto è già funzionato al primo giorno. Complimenti!»
Renzo Simoni ha sottolineato che il
«countdown» è ormai iniziato! Questi sei
mesi di prove sulla tratta veloce sono un
importante presupposto per poter consegnare alla Confederazione e alle FFS a
fine giugno 2016 la galleria terminata.
Andreas Meyer ha aggiunto che è molto
fiducioso di poter mostrare al mondo fra
900 giorni, quanto innovativa e affidabile
sia la Svizzera.
La Consigliera federale ha inoltre annunciato che il 4/5 giugno 2016 ci
sarà una grande festa per la popolazione volta a inaugurare la Galleria
di base del San Gottardo.
13
Committente:
Committente:
AlpTransit San Gottardo SA
AlpTransit San Gottardo SA
infocentro gottardo sud
Visita alla stazione
multifunzionale di Faido
IL 2013
IN IMMAGINI
Gotthard
San Gottardo
Gotthard
San Gottardo
AGENDA
Galleria di base del San Gottardo
Galleria
di base del2014
San Gottardo
LUGLIO - NOVEMBRE
14
Approfittate delle diverse possibilità
di visita alle Gallerie di base del
San Gottardo e del Ceneri. Dall’inizio
dell’anno è di nuovo possibile prenotare la visita a Faido.
Attualmente l’Infocentro Gottardo Sud a
Pollegio offre le seguenti possibilità di visita ai cantieri:
•
Accesso alla Galleria di base del
San Gottardo a Faido
Terminati i lavori di scavo per la
Galleria di base del San Gottardo la
visita alla stazione multifunzionale
è un’esperienza nuova!
La discesa per arrivare al livello della
galleria è rimasta quasi invariata ma
una volta arrivati non riconoscerete
più il cantiere. Lo spazio immenso è
stato occupato dalle due canne e da
diversi edifici sotterranei.
•
Avventuratevi all’interno della montagna per scoprire tutti i cambiamenti avvenuti.
•
•
Il cantiere esterno del Nodo
della Giustizia a Biasca
Visitate i manufatti necessari per l’inserimento della linea veloce che esce
dalla Galleria di base del San Gottardo nella linea esistente. Potrete
ammirare il ponte sul canale Froda,
la galleria a cielo aperto e la vasca di
contenimento del riale Stabiello,
sempre accompagnati dalle guide
esperte dell’Infocentro.
Accesso alla Galleria di base del
Ceneri a Sigirino
In questo cantiere si scava ancora
nella roccia viva. Visitate la Galleria
di base del Ceneri e scoprite con i
vostri occhi questo grande cantiere
sotterraneo.
A partire dal 1° luglio 2014 è di nuovo possibile visitare la tecnica ferroviaria a Biasca
Entrate con il treno nella Galleria di base del San Gottardo e scoprite
come si presenta la galleria una
volta terminata.
Avrete inoltre l’occasione di visitare
un cunicolo trasversale contenente
l’equipaggiamento della tecnica ferroviaria per il futuro funzionamento
della galleria.
Come avviene ormai da diversi anni,
anche nel 2013 un team di operatori
video ha seguito i lavori ai cantieri
AlpTransit da nord a sud del San
Gottardo. Ne è risultato un film di circa
30 minuti, che documenta l’evoluzione
attraverso spettacolari sequenze.
Bellinzona, Castello Sasso Corbaro:
esposizione fotografica dedicata al
progetto AlpTransit San Gottardo.
Nicola Demaldi, fotografo ufficiale ATG
................................................................
SETTEMBRE 2014
Committente:
AlpTransit San Gottardo SA
Fine dei lavori della costruzione grezza –
Inizio dei primi viaggi ad alta velocità alla
Galleria di base del San Gottardo – Più del
70% della Galleria di base del Ceneri scavato: questi sono gli importanti traguardi
raggiunti nel 2013 dagli addetti alla realizzazione della NFTA, asse San Gottardo. Il
film realizzato da AlpTransit San Gottardo
SA documenta il progresso effettuato attraverso immagini emozionanti.
L’annuale film 2013 è da subito disponibile in tre lingue (italiano, tedesco, inglese). Il DVD può essere richiesto attraverso il sito (www.alptransit.ch)
presso
Gotthard
San Gottardo
gli Infocentro AlpTransit di Erstfeld,
Sedrun e Pollegio o alla sede principale
di AlpTransit San Gottardo SA a Lucerna
al prezzo di CHF 30.-. Il DVD è pure disponibile presso il RailShop situato alla
stazione di Lucerna.
Committente:
Committente:
AlpTransit San Gottardo SA
AlpTransit San Gottardo SA
Galleria di base del San Gottardo
Sabato 20, Sigirino:
giornata delle porte aperte
................................................................
NOVEMBRE 2014
Nodo della Giustizia:
inaugurazione nuova strada cantonale
Galleria di base del Ceneri
Galleria di base del Ceneri
Gotthard
San Gottardo
Gotthard
San Gottardo
informazioni
Nodo di Camorino
Nodo di Camorino
Aperti dal martedì al sabato,
dalle 9.00 alle 18.00.
Informazioni al numero di telefono:
091 873 05 50 oppure
www.infocentro.ch
Vi ricordiamo che l’esposizione
all’interno dell’Infocentro può
essere visitata gratuitamente.
Galleria di base del San Gottardo
Galleria di base del San Gottardo
Filippini & Partner Ingegneria SA
Studio d’Ingegneria
G. Dazio SA
& Associati SA
Filippini
& Partner Ingegneria
Studio d’Ingegneria
d’Ingegneria G.
Bernardoni
SA
Studio
Dazio & Associati
SA
Brenni d’Ingegneria
Engineering SA
Studio
Bernardoni SA
Brenni Engineering SA
15
Impressum
Editore e redazione: AlpTransit San Gottardo SA, Servizio stampa Ceneri: Monica Knapp, Tosca Zanotta
Fotografie: Archivio ATG, Nicola Demaldi
Concetto grafico ed impaginazione: Stefano Pedrazzetti, Immagimedia
Stampa: Tipo-offset Aurora SA, Lugano-Canobbio
Giugno 2014, Tiratura 91.500
16
www.alptransit.ch
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
2 049 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content