close

Enter

Log in using OpenID

Dal 12 al 14 settembre a Modena, Carpi e

embedDownload
Spedizione in a.p. -45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di Parma
B9820814
Gloria
Dal 12 al 14 settembre
a Modena, Carpi e Sassuolo
torna il festivalfilosofia
arte
Nuove mostre
in città:
al Foro Boario
e a Palazzo
Santa Margherita
MUSICA
L’omaggio
a Pavarotti
in Piazza Grande
e Grandezze
& Meraviglie
INCONTRI
Passa la parola
happening
di lettura
per bimbi
e ragazzi
o
in sommario
i
Primo piano
pag. 04 - 05 Dal 12 al 14 settembre torna a Modena, Carpi e Sassuolo il festivalfilosofia con 50 lezioni magistrali e moltissime iniziative collaterali sul tema della Gloria.
r
GLORIA
INCONTRI
Musica
Passa la parola
happening
di lettura
per bimbi
e ragazzi
Aut. Tribunale di Parma
n. 9 del 24.03.2003
ISSN 1827-5958
Il Mese di Modena n.132
Direttore responsabile
Simone Simonazzi,
[email protected]
Cinema
s
Per informazioni e contatti
Redazione de Il Mese di Modena:
Editore
Edicta p.s.c.
via Torrente Termina 3/b
n. iscrizione ROC: 9980
43124 PARMA
www.edicta.net
Per la pubblicità
Tel. 0521258210
Tiratura 12.000 copie
Stampa
Stamperia s.c.r.l. - PARMA
In copertina:
foto di “CittàdiModena”
i
Erika Varesi - Edicta
via Torrente Termina 3/b
43124 PARMA
Tel. 0521251848
Fax 0521907857
[email protected]
n
In redazione:
Marina Leonardi, Micol
Lombardi, Mirna Loren
[email protected]
pag. 10 Una panoramica sui film presentati al recente Festival del Film di Locarno.
Teatro
pag. 11 Mentre apre la biglietteria del Teatro Storchi, Ert presenta il cartellone di Vie
Festival che si terrà nel mese di ottobre con un programma che vede i maggiori interpreti della scena contemporanea. Spettacolo di Danza Bharatanatyam a Fusorari.
Incontro
.
Art director
Pietro Spagnulo,
[email protected]
pag. 08 - 09 Prende il via il 7 settembre il festival di musica antica Grandezze &
Meraviglie. Il 6 settembre torna in Piazza Grande l’omaggio a Luciano Pavarotti, una
serata piena di ospiti e condotta da Milly Carlucci.
pag. 12 - 13 Dal 17 al 21 settembre ritorna il festival di lettura per bambini e
ragazzi Passa la parola con belle iniziative tra Piazza Mazzini e la Biblioteca Delfini.
Dal 3 al 7 settembre nuova edizione di Mutina Boica, dedicato ad Augusto e alla
Guerra di Modena. Dal 25 al 28 settembre nei comuni delle Terre di castelli ritorna
il Poesia Festival con autori nazionali e internazionali. Ancora iniziative estive nei
quattro quartieri modenesi mentre riapre il 14 il Parco della Terramara di Montale
con le sue iniziative.
Carpi
pag. 14 - 15 Dal 2 al 5 ottobre a Carpi e nelle vicine Terre d’Argine si dipanano le
tante e belle iniziative della Festa del Racconto e la premiazione del Premio Loria
2014. Nei Musei di Palazzo Pio apre una mostra sui Trionfi del Petrarca mentre,
per i più piccoli, arrivano le iniziative de Il castello dei ragazzi.
il Mese Modena
Distribuito gratuitamente in città:
Comune di Modena, Informagiovani/IAT,
Biblioteca Delfini, Provincia di Modena,
Teatro Storchi, Teatro delle Passioni,
Fondazione Cassa di Risparmio di Modena,
Sala Truffaut. Musei Civici, Biblioteca Facoltà di
Lettere, Biblioteca Facoltà di Giurisprudenza,
Facoltà di Economia e Commercio, Facoltà di
Ingegneria, La Tenda, Forum Monzani, Fusi
Orari, Baluardo
In provincia a Carpi:
Comune, Biblioteca Arturo Loria, IAT,
Urp QuiCittà
B9600514
ESTATE!
Dai Giardini ducali alle piazze ai parchi
un vivace cartellone di spettacoli, arte e musica
B9690614
ARTE
CINEMA
Prosegue alla
Palazzina la
mostra
Michelangelo e il
Novecento
CARPI
La lunga stagione
sotto le stelle
con i film del
Supercinema
Estivo
Spedizione in
a.p. -45% - art.2
comma 20/b
legge 662/96
- filiale di Parma
L’omaggio
a Pavarotti
in Piazza Grande
e Grandezze
& Meraviglie
m
MUSICA
m
Nuove mostre
in città:
al Foro Boario
e a Palazzo
Santa Margherita
o
ARTE
a
Dal 12 al 14 settembre
a Modena, Carpi e Sassuolo
torna il festivalfilosofia
pag. 06 - 07 Fondazione Fotografia inaugura le nuove mostre al Foro Boario dedicate
alle opere di Mimmo Jodice, Kenro Izu e alla fotografia antica andina. A Palazzo Santa
Margherita si inaugura la mostra dell’artista Jamie Ried mentre alla Palazzina prosegue Michelangelo e il Novecento. Alla Biblioteca Poletti apre una mostra dedicata a
Enrico Baj mentre da Mazzoli prosegue quella su Devendra Banhart.
Spedizione in a.p. -45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di Parma
Spedizione in a.p. -45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di Parma
Arte
Nel ricco
programma di
Carpi Estate anche
i concerti di Sosa
Portal e Girotto
GLORIA
Dal 12 al 14
settembre
a Modena,
Carpi
torna il festiva e Sassuolo
lfilosofia
ARTE
Nuove mostr
e
in città:
al Foro Boario
e a Palazzo
Santa Margherita
MUSICA
L’omaggio
a Pavarotti
in Piazza Grand
e
e Grandezze
& Meraviglie
INCONTRI
Passa la parola
happening
di lettura
per bimbi
e ragazzi
di Micol Lombardi
Gloria, luce e onore
tra le piazze e i cortili
Dal 12 al 14 settembre a Modena
Carpi e Sassuolo la nuova edizione
del festival con 50 lezioni magistrali
“F
orte degli ottimi risultati ottenuti nei 13 anni della sua
attività (1 milione e 629 mila presenze dal 2001 al
2013 per quasi 2000 eventi) il 12, 13 e 14 settembre
torna a Modena, Sassuolo e Carpi il Festival Filosofia. Piazze
e cortili ospitano oltre 50 lezioni magistrali in cui maestri del
pensiero filosofico si confronteranno con il pubblico sulle varie
declinazioni contemporanee della gloria. Il
percorso tematico prenderà le mosse dal
suo carattere splendente, che rimanda al
potere attrattivo della luce. In questa chiave prenderà rilievo propriamente filosofico
anche il fenomeno tutto contemporaneo
delle “vite spettacolari”, che ha al suo
centro la visibilità e la messa in luce di
sé. Le trasformazioni dell’ambizione e
la riabilitazione dell’onore indicheranno
nuove implicazioni antropologiche e
morali del riconoscimento sociale, fino a
giungere alle nuove sfide della democrazia
alla prova del consenso mediatico. Senza
dimenticare che la gloria è un tentativo di lasciare una traccia,
tanto materiale, quanto digitale. Quest’anno tra i protagonisti,
Video, caroselli e documentari
Alla Manifattura Tabacchi e alla Loria
Diversi gli appuntamenti con video e
cinema. Il 12, 13 e
14 alle 20.30 nella
piazza della Manifattura Tabacchi Da Carosello a Supergulp!
proiezione di filmati di
animazione a cura di
Galleria D406 fedeli
alla linea. Sabato 13
alle ore 22.30 nel
Chiostro di Palazzo Santa Margherita, Songs from before the future
(1976-1982), selezione di videoclip. Con Marco Pierini e
Giuliano “Larry” Bolognesi. A Carpi, all’Auditorium Loria il
12 alle 21, Il più mancino dei tiri, un documentario Rai
da Edmondo Berselli (Ita, 2014, 48’), introduce Alberto
Bertoni. Sabato 13 alle ore 21 è la volta di Searching for
Sugar Man, di Malik Bendjelloul.
[04] - il mese settembre \ 2014
dell’iniziativa promossa dal “Consorzio per il festivalfilosofia”, i
cui fondatori – ovvero i Comuni di Modena, Carpi e Sassuolo,
la Provincia di Modena, la Fondazione Collegio San Carlo e la
Fondazione Cassa di Risparmio di Modena – sono i soci storici
che hanno partecipato alla realizzazione del festival fin dalla
prima edizione, si ricordano, tra gli altri, Enzo Bianchi, Roberta
de Monticelli, Roberto Esposito, Maurizio Ferraris, Umberto
Galimberti, Giacomo Marramao, Michela Marzano, Salvatore
Natoli, Massimo Recalcati, Chiara Saraceno, Emanuele Severino, Carlo Sini, Gustavo Zagrebelsky e Remo Bodei, Presidente
del Comitato scientifico del Consorzio. Nutrita la componente di
filosofi stranieri: tra loro i francesi Miguel Abensour (spagnolo
di nascita), Nathalie Heinich e Marc Augé,
che fa parte del comitato scientifico del
Consorzio; il franco-libanese Milad Doueihi; il tedesco Gernot Böhme; i britannici
Zygmunt Bauman ed Ellis Cashmore; lo
spagnolo Javier Gomà. Saliranno in cattedra due protagonisti della narrativa e del
teatro. Alessandro Baricco (lectio Rotary)
leggerà e commenterà le gesta di Achille
nell’Iliade, mentre Alessandro Bergonzoni
pronuncerà sulla gloria un intervento pirotecnico e sorprendente.
Il programma filosofico del festival propone
anche la sezione “la lezione dei classici”
dove esperti eminenti commenteranno i testi che, nella storia del
pensiero occidentale, hanno costituito modelli o svolte concettuali
p r i m o p i a n o
Bahrami, Haber, Ovadia
Curino, Servillo e la Gmi
nella pagina foto di A. Nicoli, E. Baracchi, S. Campanini
rilevanti per il tema della gloria. Se le lezioni magistrali sono il
cuore della manifestazione, un vasto programma creativo, coinvolgerà narrazioni e performance, musica e spettacoli dal vivo.
Non mancheranno i mercati di libri e le iniziative per bambini e
ragazzi con tantissimi laboratori e le mostre. E, accanto a pranzi
e cene filosofici ideati dall’Accademico dei Lincei Tullio Gregory per
i circa settanta ristoranti ed enoteche delle tre città, nella notte
di sabato 13 settembre è previsto il “Tiratardi”, con iniziative e
aperture di gallerie e musei fino alle ore piccole.
Interessante il programma di
spettacoli e reading, a partire
da sabato 13 alle ore 22 con
Laura Curino in Olivetti. Alle
radici di un sogno, nella Piazza
della Manifattura Tabacchi. Il
14 alle 21 in Piazza Grande
conversazione concerto con
Ramin Bahrami su le Variazioni
Goldberg di Bach.
A Sassuolo, in Piazza Garibaldi
il 13 alle ore 22 troviamo Moni
Ovadia con Odisseo e la gara
con l’arco, il 12 alle 22.30 a
Carpi in piazza Martiri Alessandro Haber presenta Fu vera
gloria?. Doppio appuntamento
con la Gmi di Modena, il 14 settembre all’Auditorium Marco
Biagi: alle 19 Non chiamatemi Maestro. Ricordi di Claudio
Abbado con Angelo Foletto e alle 21.30 il Quartetto d’archi
Mirus in musiche di Beethoven e Bartók. Il 13 alle 21 in
Piazza Pomposa, Uomini contro. Sonorizzazione live di film
muti a cura del Centro Musica, il 12 a Sassuolo alle 21.30
Futbòl. Canzoni e racconti da “Storie di calcio” di Osvaldo
Soriano, con Peppe Servillo, Natalio Luis Mangalavite e
Javier Girotto. Dentro gli spari, monologo di Giorgio Scaramuzzino è alla Biblioteca Delfini, domenica 14, ore 11 e
16, mentre Andrea Zorzi con Beatrice Visibelli presentano
La leggenda del pallavolista volante in Piazza Pomposa, il 12
alle 21,30. Ancora in cartellone 2B a… Star sul red carpet
allestito a Il posto di Modena e Re (e Regine) per una notte.
Sfilata di moda riciclata in pompa magna Piazzetta dei Servi,
sabato 13 alle 21.
Info: tel. 059/2033382 e www.festivalfilosofia.it
Come ogni anno sono tante
le mostre legate al tema
ed allestite in tutte tre le città
Tra gli eventi collaterali numerose
sono le mostre a partire da quelle
alla Galleria Civica e al Foro Boario
che trovate nella pagina seguente. Ma
ancora Il potere e la gloria. Ritratti
estensi a cura di Musei Civici e Galleria
Estense e Dames et généraux con
le opere di Enrico Baj alla Biblioteca
Poletti. Essendo la celebrità legata
soprattutto alla riconoscibilità di un
volto è interessante osservare come
gli album di figurine abbiano creato dei
veri e propri testimonial ante litteram:
è questo il tema della mostra “Celebrity. Icone in figurina” realizzata dal
Museo della Figurina.
La grandezza della lotta contro il tempo pervade anche le tavole di Giovanni
Battista Piranesi, ne Magnificenza delle
rovine, della Galleria Artbroking. Resti
di altro genere, ossia frammenti sopravvissuti alle devastazioni delle recenti
trasformazioni territoriali, sono quelli
fotografati da Giancarlo Pradelli in Mirabilia. Architetture e luoghi di pianura all’
Orto Botanico e sempre all’Orto Botanico
si possono visitare le immaginette sacre
di Gloria in cielo, verde sulla terra.
In “Vanitas” di Figura/sfondo, la transitorietà mortale che mina la durata della
gloria è incarnata dal cartone ondulato
di cui è fatto “Le Crane” alla Galleria
La Darsena. Impronte di un passato
concepito come origine sono quelle di
Mistero dell’apparente presso lo Studio
Vetusta.
La Gloria del Santo. Vita, culto e im-
magine di San Geminiano raccoglie
in due sale dei Musei del Duomo di
Modena preziosi oggetti di corredo e
di culto, codici miniati e dipinti. La luce
è il cuore di Remain in light, la mostra
di video e foto in mostra a Metronom/
Fuorimappa. Al Consorzio Creativo
troviamo Scatti di dignità del bravo
fotografo Franco Fontana alla Galleria
Carteria Luccicante informe installazioni di Valentina Maddalena Lugli, alla
Galleria ArtEkyp Gloria P. Dispositivo di
visibilità di Mauro Barbieri e alla Mies
Salone Gloria.
A Sassuolo, a Paggeriarte da non perdere Volti di volti, la mostra di Tullio Pericoli e a Carpi alla Galleria Darkroom
Silmar Massimo Lagrotteria propone In
excelsis homo mentre ai Musei di Palazzo dei Pio è allestita Trionfi. Il segno
di Petrarca nella Corte dei Pio.
primopiano
Così è il potere riletto da musei e gallerie private
>arte
Di Marina Leonardi
Kenro Izu e i territori dello spirito
Dal 12 settembre tre nuove mostre per Fondazione Fotografia
L’inaugurazione è inserita nell’ambito del festivalfilosofia 2014
P
er l’autunno 2014 Fondazione Fotografia punta su due grandi nomi della
fotografia contemporanea internazionale, Mimmo Jodice e Kenro Izu, e sul
fascino esercitato dalla cultura peruviana
sui fotografi sudamericani tra ottocento
e novecento.
Sono tre, infatti, le mostre in programma, promosse da Fondazione
Fotografia Modena e FCRMO con il
sostegno di UniCredit, dal 12 settembre
negli spazi del Foro Boario di Modena,
che continueranno ad ospitare l’attività
espositiva di Fondazione Fotografia fino
alla conclusione dei restauri del Polo Santagostino: due personali e una collettiva,
che affiancano lo sguardo sul contemporaneo ad una prospettiva storica. Le
mostre si inseriscono nel programma del
festivalfilosofia 2014.La raffinata ricerca artistica del giapponese Kenro Izu
(Osaka, 1949) è al centro della personale Kenro Izu. Territori dello spirito curata
da Filippo Maggia e interamente dedicata
al lungo lavoro che ha spinto l’artista ad
esplorare i più importanti luoghi sacri del
mondo, dalle piramidi d’Egitto alle antiche pietre di Stonehenge, dalla città di
Angkor in Cambogia ai templi buddisti di
India e Indonesia, dal deserto della Siria
alle alte vette del Tibet. In un percorso
di oltre sessanta immagini, la mostra
presenta l’evoluzione della sua personale
visione: dalle prime opere realizzate in
Egitto ai numerosi viaggi intrapresi per la
serie Sacred Places (1979-2001), fino
ad includere lavori successivi dalle serie
Bhutan Sacred Within (2002-2007) e India Where Prayer Echoes (2008-2012),
dove per la prima volta nella sua ricerca
sulla spiritualità dei luoghi trova spazio
anche la rappresentazione di figure umane raccolte in preghiera.
Info: wwww.fondazionefotografia.org
Il mondo antico secondo Jodice
Con 50 nuove immagini ritorna a Modena il maestro napoletano
In apertura della stagione espositiva 2014-15, Fondazione Fotografia Modena dedica una personale
al grande fotografo napoletano Mimmo Jodice
(Napoli, 1934), Arcipelago del mondo antico a
cura di Filippo Maggia.
Reduce da una serie di prestigiosi riconoscimenti
a livello nazionale e internazionale, Jodice (Napoli,
1934) torna a Modena, dove aveva già esposto qui
più volte. Il percorso si snoda tra cinquanta opere
fotografiche, in maggior parte mai esposte sinora, in
cui Jodice ricompone l’immagine delle civiltà che hanno attraversato la storia antica del mare nostrum,
facendo rivivere statue e templi, eroi e miti, in un
tempo sospeso in cui passato e presente sembrano
convivere. Fondamentale per comprendere la poetica di Jodice è il suo rapporto con
la città natale, Napoli, sempre presente nelle sue fotografie e nella quale, per scelta,
continua a vivere, traendone un continuo stimolo creativo. Un’altra caratteristica di
Jodice è l’incessante sperimentazione di tecniche e materiali. Come rileva Filippo
Maggia, pur avendo iniziato a fotografare cinquant’anni fa, Mimmo Jodice continua
ad “inventare, a studiare nuove tecniche sempre più raffinate di ripresa e soprattutto
di stampa che implicano lunghe e faticose prove in camera oscura”.
[06] - il mese settembre \ 2014
Fotografia del los
Andes 1897-1950
Dal peruviano M. Chambi
all’italiano Luigi Gismondi
Accanto a due mostre che guardano
al presente Fondazione Fotografia
ne presenta una di respiro storico:
Fotografia de los Andes. A cura di
Jorge Villacorta, studioso di fotografia
sudamericana e direttore della II Biennale di Fotografia di Lima, la mostra
collettiva conduce il visitatore in un
viaggio nella straordinaria ricchezza
della cultura peruviana, raccontata
attraverso il lavoro
di numerosi fotografi
che, tra la seconda
metà dell’ottocento e
la prima metà del novecento, lavorarono
fra le città di Cusco,
Arequipa e Puno.
Le 60 fotografie in
mostra, provengono
da numerose raccolte private e documentano il carattere
multietnico della società sudamericana
di inizio secolo, in
cui le differenze di
classe sociale fra
gli indios e i bianchi
erano evidenti. Ai
ritratti si affiancano
vedute delle città e
spettacolari paesaggi andini, da Machu
Picchu al vulcano El Misti, tutti realizzati fra il 1897 e il 1950.
Martin Chambi (1891-1973) uno dei
primi autori indigeni del Sudamerica
,è forse il più celebre dei fotografi presenti in mostra. Nella selezione degli
autori presenti in mostra figura anche
l’italiano Luigi Domenico Gismondi,
nato nel 1872 ed emigrato in Perù
nel 1891, attivo in Bolivia e Perù fino
alla morte avvenuta ne 1947.
Info:
Kenro Izu. Territori dello spirito
Mimmo Jodice. Arcipelago del mondo antico
Fotografia de los Andes 1897-1950
Foro Boario, via Bono da Nonantola, 2
12 settembre 2014 – 11 gennaio 2015
orari di apertura:
venerdì 12 settembre 9-23
sabato 13 ore 9-24, domenica 14 ore 9-22
successivamente: martedì-venerdì 15-19
sabato-domenica 11-19, lunedì chiuso
ingresso: € 5, libero i martedì e per il
festivalfilosofia
Info: www.fondazionefotografia.org
J. Ried: Ragged Kingdom
A Palazzo Santa Margherita è protagonista l’arte punk inglese
L
a Galleria civica di Modena
inaugura venerdì 12 settembre a Palazzo Santa Margherita
la mostra Jamie Reid. Ragged
Kingdom, dedicata a Jamie Reid
(1947), artista britannico legato
al Situazionismo e ai movimenti
anarchici, responsabile della
grafica dei Sex Pistols, per i quali
dette vita a immagini radicalmente rivoluzionarie, divenute
simbolo della prima ondata del
punk inglese.
La mostra, è inserita nel programma di eventi del festivalfilosofia, il cui tema, quest’anno, è stato individuato nel concetto di “gloria”. Il lavoro di Reid,
perfettamente in linea con il tema centrale del festival e allo stesso tempo sua antitesi,
sovverte ogni gerarchia e ogni regola e spesso si esprime attraverso il ribaltamento dei
piani, lo sberleffo sistematico, la smitizzazione. La regina d’Inghilterra con le svastiche
sugli occhi, la Union Jack con le spille da balia e la scritta “Anarchy in the U.K.” sono tra
le più celebri icone di un periodo che vide la convivenza di profonde e radicali istanze di
rinnovamento sociale con “la più grande truffa del Rock and Roll”.
Disegni, dipinti, collage, fotografie per raccontare i migliori esiti del talento di un artista
da sempre contrario al potere costituito, che ha aperto nuove strade nel mondo dell’immagine e della comunicazione.
Alla Palazzina dei Giardini prosegue invece fino al 19 ottobre la mostra Michelangelo
e il Novecento all’interno della quale sono presenti due disegni originali di Michelangelo
prestati da Casa Buonarroti accanto ad interpetazioni scultoree di opere del grande artista
come Merciful Dream (Pietà V) di Jan Fabre, L’Esclave (d’après Michel-Ange) (S 20)”
di Yves Klein e il David di Kendell Geers. Alla Palazzina sono esposte inoltre immagini di
Mapplethorpe, Parisi, Amendola e Basilico e un cortometraggio di Antonioni.
Le mostre sono aperte dal mercoledì al venerdì 10.30-13.00 e 15.00-18.00; sabato,
domenica e festivi 10.30-19.00. Lunedì e martedì chiuso. In occasione del festival, il 12
apertura dalle 9 alle 23, il 13 dalle 9 all’1 e il 14 dalle 9 alle 21.
Info: www.galleriacivicadimodena.it
in breve
Gli Este e la Gloria
Palazzo dei Musei
La mostra Gli Este e
la gloria. Ambizioni
e rinunce a cura di
Museo Civico d’Arte,
Galleria Estense e
Biblioteca Estense
Universitaria è incentrata sulle figure di
quattro duchi estensi
che in diverse epoche, hanno incarnato modi diversi di conseguire la gloria
e i più alti valori connessi al governo,
mostrando il ruolo dell’iconografia
pubblica nell’esercizio del potere. Si
possono ammirare dipinti, disegni,
libri e bozzetti di monumenti dedicati
agli Este.
Info: tel. 059 2033101
Celebrity. Icone in figurina
Museo della Figurina
È interessante
osservare come,
fin dagli inizi del
Novecento gli album di figurine
con i ritratti di
grandi personalità abbiano creato dei veri e propri
testimonial ante litteram, fissando un
modulo iconico che si è poi enormemente diffuso nel corso del secolo. È
questo il tema della mostra Celebrity.
Icone in figurina realizzata dal Museo
della Figurina e curata da Paola
Basile che inaugura il 12 settembre
nell’ambito del festivalfilosofia.
Info: www.museodellafigurina.it
Libri d’artista, fogli, plaquettes e il celebre “Punching general”
Alla Biblioteca d’arte Poletti (Palazzo dei Musei) venerdì 12 settembre alle ore 18 si inaugura Dames et
Généraux la mostra, curata da Carla Barbieri, che prende il nome dall’omonima opera di Enrico Baj del 1964,
dove le incisioni di Baj si affiancano a poesie del poeta
surrealista Benjamin Péret e sono accompagnate da un
testo critico di André Breton. In mostra alla Poletti libri
d’artista, fogli sparsi, plaquettes ed altri materiali, tra
cui il celebre Punching general del 2003. In occasione di
questa mostra è stato donato alla biblioteca l’introvabile
catalogo originale del 1972, che il Comune di Milano aveva realizzato per l’esposizione a Palazzo Reale dell’opera I
funerali dell’anarchico Pinelli. Orari dal 15 settembre al 3
gennaio 2015: lunedì 14.30-19, dal martedì al venerdì
8.30-13/14.30-19, sabato 8.30-13. In occasione del festivalfilosofia, il 12 e 13
apertura dalle 9 alle 23 e il 14 dalle 9 alle 20.
Info: tel. 059 2033372
Devendra Banhart
Galleria Mazzoli
Dopo la chiusura estiva riapre la personale
di Devendra Banhart
alla Galleria Mazzoli
(via Nazario Sauro,
62). In mostra opere
inedite dell’artista,
musicista e cantautore americano che
qui propone le sue
monocromatiche “sfingi” realizzate
con inchiostro su carta, una serie di
nature morte a colori, olio su carta e
ancora inedite opere astratte su tavola e carta. Orari di visita: dal lunedì
al sabato 9,30-13; 16-19.
Info: tel. 059 243455
arte
incontri
Enrico Baj alla Biblioteca Poletti
>musica
DI Micol Lombardi
Teatro Comunale al via
Dal 16 settembre la campagna abbonamenti. Si riparte il 15 ottobre
I
l 16 settembre apre la campagna abbonamenti della
nuova Stagione 2014-2015
della Fondazione Teatro Comunale di Modena Luciano
Pavarotti che avrà inizio il
15 ottobre. Il primo sipario
si aprirà sulla concertistica,
improntata come di consueto
sulla musica sinfonica ma
con importanti appuntamenti
anche in ambito cameristico.
Il concerto inaugurale sarà
affidato all’Orchestra Sinfonica di Monaco di Baviera,
impegnata in un programma
di musica tedesca che vedrà Arabella Steinbacher, fra le maggiori violiniste del momento,
eseguire il Concerto in mi minore di Mendelssohn, vera e propria hit del repertorio classico. A proposito di concerti, si ripeterà anche quest’anno l’esperienza di wikiclassica.
mo, la rassegna a carattere divulgativo inaugurata lo scorso anno. Il 12 novembre,
nel corso di tre recite, si vedrà invece la prima opera lirica, il Rigoletto di Giuseppe
Verdi, in una nuova produzione curata proprio dal Teatro Comunale in un cartellone
che vede cinque titoli in abbonamento e un’opera contemporanea fuori abbonamento.
Prevista anche una seconda produzione lirica a febbraio, il Don Giovanni di Mozart che
coinvolgerà alcuni cantanti allievi di Mirella Freni presso il CUBEC di Modena. L’opera,
dopo Le nozze di Figaro della scorsa stagione, viene programmata nel contesto di un
più ampio progetto sulla trilogia Mozart/Da Ponte. In continuità con la scorsa stagione
proseguiranno anche gli appuntamenti dedicati al Musical e ai grandi successi di Broadway, nel corso di una rassegna di tre spettacoli che avrà inizio nel mese di novembre.
A dicembre, in attesa della più ampia rassegna Danza Primavera, riprenderà anche
Passioni in Danza, piccolo festival in programma al Teatro delle Passioni e attento alle
novità della danza contemporanea con particolare riferimento ai coreografi italiani. In
quest’ambito Cristiana Morgan, danzatrice rifletterà sulla sua collaborazione ormai
storica con la compagnia di Pina Bausch.
Con la Festa de l’Unità
Battiato, Afterhours & co.
Sempre interessante il cartellone
spettacoli della Festa de l’Unità provinciale in svolgimento a Ponte Alto
fino al 22 settembre. Tra i concerti
segnaliamo il ritorno a Modena di
Franco Battiato, il 6 settembre con
Joe Patti’s Experimental group che
presenta in anteprima il suo nuovo
progetto discografico (ingresso 20
euro). Ancora da non perdere il 9
settembre la tappa modenese dell’Hai
paura del buio? Tour degli Aftetrhours, il 5 settembre Alessandro
Mannarino con Al Monte live (18
euro) e il 10 Emis killa nel Mercurio
Tour. Ricco cartellone per il cabaret:
con Vergassola, in Sparla con me il
7 settembre; Giacobazzi in Del mio
meglio l’11, Sgrilli e Migone con
U2-gli ultimi due il 14 e a chiudere
il recital di Giobbe Covatta il 21.
Parte del prezzo del biglietto dei due
concerti a pagamento verrà devoluto
a Emergency.
Info: www.pdmodena.it
Info: www.teatrocomunalemodena.it, tel. 059 2033010
Ricordando Luciano Pavarotti…
Sarà Milly Carlucci, padrona di casa di
quasi tutte le edizioni del Pavarotti &
Friends, a condurre lo spettacolo gratuito in programma il prossimo 6 set[08] - il mese settembre \ 2014
tembre in Piazza Grande per ricordare
la figura del Maestro Luciano Pavarotti a
sette anni dalla sua scomparsa.
L’omaggio al Maestro, quest’anno, sarà
volto a ricordare il suo spirito filantropico
e quanto si è speso, a livello personale e
professionale, per tante cause meritevoli,
anche nel ruolo di Messaggero di Pace
delle Nazioni Unite, titolo conferitogli nel
1998 dall’allora Segretario generale Kofi
Annan.
L’iniziativa, resa possibile grazie all’impegno congiunto della Fondazione Luciano
Pavarotti (fondata dalla moglie del tenore, Nicoletta, per mantenere viva la
memoria del Maestro Pavarotti e aiutare
i giovani cantanti a trovare opportunità) e
del Comune di Modena, con il sostegno
della Fondazione Cassa di Risparmio
di Modena, si svilupperà attraverso
testimonianze di personaggi di spicco,
che ripercorreranno l’impegno solidale
di Pavarotti e i progetti di beneficenza
da lui sostenuti in tutto il mondo.
Sul palco saliranno anche volti noti del
cinema che si alterneranno in letture
di brani sulla pace e la salvaguardia dei
diritti umani, un tema caro al Maestro
e, purtroppo in questo momento di
stringente e drammatica attualità.
A intervallare i vari contributi saranno
le performance di giovani tenori, che si
esibiranno in canzoni o arie che hanno
fatto parte del repertorio del Maestro
e sono considerate capisaldi della sua
carriera.
Grandezze & Meraviglie
17° edizione per il festival musicale estense che torna con un ricco cartellone
G
con Enrico Gatti e Susanne Scholz ai violini,
Gaetano Nasillo al violoncello e Michele
Barchi al clavicembalo, a coronamento
della masterclass da loro tenuta nei giorni
precedenti. Venerdì 26 alle 21, nella Chiesa di San Carlo a Modena, ritornano le
voci, il coro e l’orchestra di Villa Contarini,
con la direzione di Francesco Erle, per una
Coniugare il nuovo con l’antico
Tra le attività collaterali masterclass, convegni e Il linguaggio delle arti
Rispettando il suo spirito interdisciplinare anche
in questa nuova edizione, Grandezze e Meraviglie affianca ai concerti diverse attività collaterali
e apre sempre di più la programmazione a temi
nuovi e a repertori poco frequentati, al dialogo
con il contemporaneo e a nuovi linguaggi.
A questo si aggiunge l’approfondimento della
musica legata ai “Genius Loci” quali Corelli,
Bononcini ed altri, in connessioni con le masterclass dedicate alla scuola strumentale
bolognese all’interno del Progetto Bononcini
& Corelli condiviso con le cittadine di Zocca
e Fusignano (Ravenna). Il festival approda poi
nel contemporaneo con i concerti dedicati alle
riletture in forma jazz di Bach o al concerto di
chiusura che vede nuove composizioni, ispirate
da antiche, commissionate a giovani compositori. La sezione “I linguaggi delle arti”
curati da Enrico Bellei e Sonia Cavicchioli presenta alcuni appuntamenti che, non
dimenticando il dramma della ricostruzione post terremoto nelle terre emiliane
tema dell’interazione tra antico e futuro: come la dialettica con il passato fornisca
stimoli vitali anche al servizio della creativa.
Biglietti e abbonamenti
Tutte le informazioni
Per informazioni potete
rivolgervi alla sede del festival
Grandezze&Meraviglie
via Nazario Sauro 54
41121 Modena
Tel. (+39) 059 214333
(+39) 345 8450413
e-mail: [email protected]
www.grandezzemeraviglie.it
Concerti: biglietti da 5 a 12 euro;
abbonamenti da € 25 a € 75, gratuito
fino a 14 anni
Biglietteria sul luogo dei concerti e online: www.grandezzemeraviglie.it
Incontri e conferenze: ingresso libero
prima assoluta: i Vespri Solenni dedicati a
San Pietro Orseolo, con l’orchestrazione
del Galuppi. Domenica 28 alle 16,30
a Montombraro, Gabriele Cassone alla
tromba barocca e Antonio Frigé all’organo
Traeri della Parrocchiale presentano un’antologia di brani italiani dei secoli XVI-XVII.
Sabato 4 ottobre a Modena alle 21, nella
Chiesa di San Bartolomeo l’ensemble di
musica medievale La Reverdie propone
un nuovissimo progetto: i Mottetti per i
Dogi di Venezia composti fra la metà del
‘300 e inizi del ‘400 con musiche, fra gli
altri, di Ciconia e Landini, in una variegata
rassegna di generi e colori.
musica
incontri
iunge alla 17.ma edizione Grandezze & Meraviglie il Festival Musicale
Estense, che si svolge fino al 29 novembre
tra Modena, Villa Sorra, Zocca, Vignola e
Fusignano. Un ricco programma con ben
21 concerti e poi lezioni, masterclass,
conferenze, una giornata di studi e un
convegno. Promosso da Comuni e Fondazioni ed enti territoriali di pertinenza,
vede la collaborazione di svariate istituzioni
culturali locali, italiane e straniere e si tiene
sotto l’Alto Patronato del Presidente della
Repubblica
Si parte domenica 7 settembre, nella
Parrocchiale di Montombraro alle 20
con una rara messa di Guillaume Du Fay:
Resveillez-vous! in collaborazione con il
Festival austriaco Trigonale. Mercoledì
10 settembre nel Chiostro di Palazzo S.
Margherita alle 21 si apre la serie modenese, in collaborazione con la Galleria Civica, sul tema Antico-Futuro: Bach & Jazz,
con la Jazz Band Saxofollia. Sabato 20 a
Montecorone, alle 21 si tiene il concerto
della Masterclass Bononcini & Corelli, con
la partecipazione di musicisti italiani e stranieri. Domenica 21 alle 16,30 sempre
nella chiesa di Montombraro, si tiene il
concerto dedicato a Corelli e Bononcini
>cinema
DI Marina Leonardi
Tutto il cinema
di Locarno 67
T
irare le somme del Festival di Locarno
non è facile, perché l’offerta è sempre
talmente ricca e varia da non sapere da
dove cominciare. Partirò da ciò che più
mi ha colpito di questa 67 esima edizione,
la seconda dell’apprezzata direzione Chatrian, la scoperta (in ritardo ahimè) di un
ottimo regista, lo spagnolo Victor Erice,
che a Locarno ha presentato le sue poche,
bellissime e poeticissime pellicole. Cinema
di grande qualità, di quello che raramente
si vede (e quest’anno a Locarno non se n’è
visto tanto purtroppo), a partire dal delizioso Correspondencia: Victor Erice –Abbas
Kiarostami, che raccoglie le lettere che
i due registi e amici si sono scritti, non
usando le parole bensì le immagini.
E veniamo ai film italiani. Grande delusione
a partire da Perfidia di Bonifacio Angius,
trentaduenne regista sassarese, unico
italiano in concorso che ha raccontato
una storia di emarginazione e solitudine
non del tutto convincente. Ancora meno
convincente è stato il documentario La
creazione di significato, di Simone Rapisarda Casanova, tanto pretenzioso il titolo
quanto insignificante di contenuti. L’Italia
si è salvata in zona Cesarini grazie a una
coproduzione (italo- francese) La sapienza
di Eugène Green, un film interessante e
paradossale che alla fissità delle immagini contrappone dei dialoghi assurdi e
ironici. Un film da vedere, sicuramente
[10] - il mese settembre \ 2014
tra i migliori di questo festival. Così come
sono da vedere, segnateli in agenda caso
mai trovassero una distribuzione italiana,
il russo Durak (The Fool) di Yuri Bikov
che racconta la lotta di un uomo (Artem
Bystrov che si è aggiudicato il pardo
come miglior attore) contro la corruzione
dilagante; Listen Up Philip, il bel film
dell’americano Alex Ross Perry che si è
aggiudicato il premio speciale della critica,
Notti bianche sul molo deliziosa pellicola
dell’84 enne Paul Vecchiali e The Iron Ministry di J.P. Sniadecki, un documentario
sui tre anni trascorsi dal regista in viaggio
per il continente cinese.
Sarà più facile incontrare sugli schermi
italiani i film proiettati in Piazza Grande, il
nuovo film di Luc Besson, che ha aperto il
festival Lucy, tipico film d’azione del regista
francese, improbabile e godibilissimo e
ancora l’israeliano Dance Arabs di Eran
Riklis, l’autore de Il giardino dei limoni,
La sposa siriana e Il Responsabile delle
risorse umane, che tocca il tema dell’integrazione in Israele, quanto mai d’attualità
oggi e infine l’irresistibile The HundredFoot Journey di Lasse Hallström, ve lo
ricorderete per Chocolat e La mia vita
a 4 zampe. Passato ancora in Piazza
Grande il tedesco Tour de force un film
che se arriverà in Italia farà molto discutere, raccontando la storia di un ragazzo
ammalato di Sla che alle prime avvisaglie
Molti spunti interessanti
dalla recente edizione del
festival diretto da Carlo
Chatrian. A partire dal film
filippino vincitore del Pardo
ma anche l’italo-francese
La sapienza, l’americano
Listen Up Philip, il russo
Durak (The Fool)
della malattia sceglie l’eutanasia.
Una considerazione a parte merita il film
vincitore, selezionato dalla giuria capeggiata dal nostro Gianfranco Rosi. Era il film
che già di partenza davano tutti come il
candidato al Pardo d’oro, il filippino Mula
sa kung ano ang noon (From What Is
Before) di Lav Diaz, in bianco e nero e
lungo quasi sei ore. Diaz racconta, con
la camera fissa, le storie degli abitanti
di un villaggio delle Filippine negli anni
‘70, nei due anni che hanno preceduto la
dittatura di Marcos e l’avvento poi della
legge marziale.
Il premio per la migliore attrice è andato
a Ariane Labed per Fidelio, L’odyssée
d’Alice l’opera prima (non ancora matura)
della francesce Lucie Borleteau, che ci
racconta di Alice, macchinista donna su
una nave commerciale mentre il premio
per la migliore regia se l’è aggiudicato il
regista cult portoghese Pedro Costa per
Cavalo Dinheiro.
Mula sa kung ano ang noon
>teatro
Ert: arriva un grande Vie
Dal 16 la campagna abbonamenti della Stagione e del Festival
R
iaprono il 16 settembre le porte del Teatro
Storchi, con la ripresa della
campagna abbonamenti.
Ricordiamo che la Stagione
dello Storchi inizierà il 25
novembre con Andrea de
Rosa che dirige Giuseppe
Battiston in Falstaff, mentre
il sipario del Teatro delle
Passioni si leverà il 13
novembre. Informazioni allo
059 2136021 dal lunedì al
venerdì dalle 9 alle 13 e alla
biglietteria di Largo Garibaldi
15, dal martedì al sabato. Sempre dal 16 settembre sarà possibile acquistare i biglietti e
le formule d’abbonamento per la decima edizione di VIE Festival. Forte di un nuovo slancio
Ert, lo Stabile regionale dell’Emilia-Romagna, disegna un grande festival degno delle più
rinomate vetrine internazionali. Vie, che in questo 2014 compie dieci anni, sarà davvero
un grande festival, grande per la dimensione geografica che coinvolge i palcoscenici di
tre province emiliane: il bolognese con Bologna e Casalecchio di Reno, il reggiano con
Rubiera e poi il modenese con i teatri di Modena, Carpi, Cavezzo, Castelfranco Emilia,
Finale Emilia, Mirandola, Rubiera, San Felice s/P, Vignola, Novi.
Grande per l’estensione temporale, ben diciassette saranno quest’anno i giorni di festival
dal 9 al 25 ottobre. E grande per la quantità ma soprattutto per la qualità delle compagnie
e dei performer invitati e basti qui fare solo alcuni nomi: Alain Platel, Angelica Liddel, il
Belarus Free Theatre, Pippo Delbono, la Societas Raffaello Sanzio, Danio Manfredini,
le Albe, Virgilio Sieni, Toshiki Okada, Lisbeth Gruwez…
Lo stesso Ert riesce inoltre a farsi soggetto produttore di alcune delle proposte più interessanti del festival. È il caso del lavoro di un’artista come Angélica Liddell il cui lavoro
l’anno scorso è stato premiato da un Leone d’argento dalla Biennale di Venezia. Ert
produce il suo ultimo lavoro, ‘You are my destiny (Lo stupro di Lucrezia)’ basato sull’omonimo sonetto shakespeariano, che VIE presenta il 16 e 17 ottobre a pochi giorni dal suo
debutto assoluto a Rennes.
Al Teatro Nero con Blu
e Aperitivo con delitto
I battenti del Teatro Nero (Via Bolzano 31, tel. 3356663510), riaprono
il 18 Settembre alle 19.30. Si tratta
della serata di presentazione dei
Corsi di Teatro durante la quale verrà offerto un Aperitivo con delitto,
secondo la nota e popolare formula.
Il primo spettacolo è in programma
sabato 27 e lunedì 29 settembre,
si tratta di Blu con testo e regia di
Claudio Calafiore. Blu è un semplice operaio che conduce una vita
assolutamente normale e vive con
il fratello. Al risveglio, un mattino,
si scopre completamente di colore
blu e questo comporta non pochi
problemi...
L’ a p p u n t a mento successivo è
con Andy e
Norman di
Neil Simon,
per la regia
di Claudio
Calafiore, in
programma
nei fine settimana dell’ 11
e 12 e del 18
e 19 ottobre.
Notissima
commedia
del celebre
commediografo americano, narra
della scoppiettante convivenza dei
due “Geni della Biro”, uno scrittore
e il suo agente...
Info: www.teatronero.it
Info: www.viefestivalmodena, www.emiliaromagnateatro.com
Prosegue anche a settembre La Piazza
in una Mano 2014 il cartellone estivo di
Fusorari (Piazzale Torti) che il 4 alle ore
21 recupera lo spettacolo Il conformista. I Flexus cantano Gaber rimandato
già due volte per maltempo. Il confor-
mista” e un titolo ironico per raccontare
di un personaggio che conformista in
realtà non e stato mai e che ha sempre
espresso le proprie idee in modo coerente, sincero, difendendo coraggiosamente
il proprio pensiero dai compromessi. Sul
palco Gianluca Magnani, Daniele Brignone, Enrico Sartori, Alessandro Albarelli e
Davide Vicari.
Domenica 7 settembre con un “grosso
grasso” aperitivo greco e sulle note del
trio acustico Akronimus si festeggia il 7°
Compleanno di Fusorari. Dalle ore 18
quindi musica e buffet con il meglio dei
mezes e aperitivi greci, ouzo e retzina.
Il 20 settembre, sempre in Piazzale
Torti alle ore 21 a ingresso libero, l’Associazione Asia Modena presenta una
performance di Danza Indiana Bharatanatyam, con le danzatrici Alessandra
Pizza e Camilla Pisani. Il Bharatanatyam è lo stile più antico di teatro-danza
classico dell’India del sud. Le sue origini
risalgono al secondo millennio a.C. e
attinge al vasto repertorio mitico e
filosofico del pantheon hindu, in cui
le gesta degli dèi, vengono riproposte
con un preciso linguaggio corporeo. La
perfetta geometria del corpo, il ricco ed
elaborato linguaggio delle mani (mudra),
la vivacità ritmica e la raffinata mimica
del volto, fanno di questo stile di teatrodanza, una disciplina affascinante che
conferisce grande energia all’essere
nella sua totalità.
Info: tel. 059.4270436 e www.fusorari.it
teatro
Fusorari: Gaber e Danza indiana
>incontri
Di Micol Lombardi
Ritorna Passa la parola
Dal 17 al 21 tra Modena e Carpi si celebra la lettura “giovane”
Q
uarta edizione per Passa la Parola, il
Festival della Lettura per bambini e
ragazzi, la bella manifestazione, che ha preso
il via nel 2011 da un’idea di Milena Minelli
e Sara Tarabusi, della libreria per ragazzi di
Vignola il Castello di Carta, in collaborazione
con il Csi, la biblioteca “Il castello dei ragazzi” di
Carpi e la biblioteca dei ragazzi Antonio Delfini
di Modena.
Per cinque intere giornate dal 17 al 21 settembre tra piazza Mazzini e la Biblioteca Delfini e a Carpi la domenica 21, si susseguiranno
numerosi appuntamenti, tutti gratuiti, dedicati
a bambini e ragazzi, genitori, insegnanti e scolaresche, e in generale a tutti gli appassionati di
illustrazione e letteratura per l’infanzia. Letture
animate, racconti, filastrocche, rime e poesie, laboratori, spettacoli teatrali e incontri
con gli autori come Nicoletta Costa, Nicola
Grossi, Jorge Lujan o gli illustratori Yvan Pommaux e Roger Olmos. Uno degli eventi
più attesi è il rito sonoro “Le giovani parole” della straordinaria poetessa Mariangela
Gualtieri, venerdì 19 alle ore 21 in piazza Mazzini dove la Gualtieri ridà vita orale ai
propri versi, partendo dal suo bellissimo “Sermone ai cuccioli delle mia specie”.
Alla Biblioteca Delfini sono in programma diversi appuntamenti per i ragazzi, con il
collettivo Wu Ming che presenta L’armata dei sonnambuli (Einaudi 2014), la mostra
Fuori dai denti dei fumettisti Zerocalcare e Vanna Vinci e ancora l’incontro con Chiara
Carminati, autrice di Fuori fuoco (Bompiani 2014) un romanzo sulla Grande Guerra, la
performance artistica e mostra Senza Parole’ dell’illustratore Roger Olmos e l’incontro
con Nicola Grossi e il suo libro Orso, buco! vincitore del Premio nazionale 2014 Nati
per Leggere.
Ancora tanti gli appuntamenti che potrete trovare sul sito, come la storia ’O Mae con
Luigi Garlando, la magia delle illustrazioni di Fabian Negrin e di Alessandro Sanna
o lo spettacolo Un ladro di bestiame felice di Gek Tessaro. In caso di pioggia tutti gli
eventi si terranno al coperto.
Mutina Boica rende
omaggio ad Augusto
Sesta edizione per Mutina Boica,
che torna dal 3 al 7 settembre al
Parco Ferrari e al Parco NoviArk,
in collaborazione tra gli altri con i
Quartieri 1 e 4 e il Museo Civico
Archeologico ed Etnologico. Tra i
tanti appuntamenti in cartellone, che
potrete trovare sul sito, segnaliamo
al NoviArk il 3 alle 21 lo spettacolo
Giulio Cesare di Shakespeare a cura
dell’associazione Aes Cranna. Nell’anno del bimillenario della morte di Augusto Mutina Boica dedica una parte
del ricco programma alla “Guerra di
Modena” e il Museo Archeologico il 6
alle 15 ospita un importante appuntamento sulla figura dell’imperatore
dal titolo Augusto: tutto cominciò a
Modena con l’illustre storico e filologo
classico Luciano Canfora. Alle ore
18 segue un corteo storico lungo
la via Emilia Centro che alle 18.30
arriverà al NoviArk dove si terrà una
visita archeologica guidata.
Info: www.mutinaboica.it
Info: www.passalaparola.it
Assieme al Quartiere 4
Palio e Festa d’estate
È ancora estate al Quartiere 4 con diverse iniziative. Al Parco di Via Cambi
a Ganaceto, il 7 settembre dalle
ore 10 alle ore 20 si tiene il Palio di
Ganaceto con la sfida delle contrade
della frazione e la Premiazione del
miglior aceto balsamico 4ville. Ci saranno inoltre un mercatino, una gara
culinaria e un pranzo. A cura dell’Associazione Insieme per Ganaceto. Il 6
settembre, a Marzaglia vecchia è in
programma la Festa d’estate. Ci sarà
un giro turistico in mountain bike per il
Parco Naturale del Fiume Secchia e al
termine momento enogastronomico
con intrattenimento.
A cura del Circolo Arci Marzaglia.
Info: 059 2034150
[12] - il mese settembre \ 2014
Tra le quartine di Poesia festival
Grandi protagonisti per la nuova edizione da Magrelli a Balestrini
Dal 25 al 28 settembre Poesia festival 2014 porta il meglio
della poesia italiana e internazionale nelle piazze dell’Unione
Terre di Castelli (Castelnuovo, Castelvetro, Marano, Spilamberto e Vignola) e nei comuni di Castelfranco e Maranello.
Sul palco i poeti Nanni Balestrini, Valerio Magrelli, Tiziano
Scarpa, Gabriele Frasca e Franco Buffoni saranno tra i
principali protagonisti dell’edizione 2014 di Poesia Festival, e
a confermare la sua vocazione internazionale contribuiranno
gli apprezzati poeti inglesi Simon Armitage e Jamie McKendrick. Alle voci di oggi faranno da controcanto le esibizioni
dedicate a grandi voci del passato come Lina Sastri con il
Cantico dei Cantici, Giuseppe Cederna con uno spettacolo
sulla Grande Guerra, Stefano Benni con una personale riscrittura di Cyrano de Bergerac, Paola Turci in concerto e Dallabanda che racconterà
il sodalizio tra Lucio Dalla e il poeta Roberto Roversi. L’ingresso è libero.
Info: www.poesiafestival.it
Il Parco archeologico riapre il 14 settembre con dimostrazioni
laboratori, visite guidate a tema per i bambini e le loro famiglie
R
iapre domenica 14 settembre il Parco
della Terramara di Montale. Anche per
la stagione autunnale (orari 10 - 13.30 e
14.30 – 19 ma fino alle 18 ad ottobre)
di questo 2014, tutte le domeniche e i
giorni festivi si tengono visite guidate agli
scavi archeologici, dimostrazioni di antiche
tecniche artigianali e laboratori per bambini
e famiglie. Si parte appunto domenica 14
settembre con l’attività legata a Intrecciare
le fibre, mentre domenica 21 settembre si
parlerà del Lavorare la pelle con il laboratorio per famiglie “dolcetto o sacchetto?”.
Ingresso libero al parco domenica 28
settembre. In occasione delle Giornate
europee del patrimonio.
Si terrà l’iniziativa Fondere il bronzo (in caso
di forte maltempo l’attività è rimandata al
12 ottobre).
Il programma prosegue domenica 5 ottobre con l’appuntamento Tessere il lino e la
lana accompagnato da diverse rappresentazioni di Fili di storie, racconto animato
dell’attrice Sara Tarabusi (si consiglia la
prenotazione).
Info: tel. 059 2033101, www.parcomontale.it
“a ruota libera” un bel volume di Sabrina Bastai
La tappa a Sestola del Giro d’Italia 2014, ha fornito
lo spunto per la realizzazione del bel volume a ruota
libera realizzato dall’artista Sabrina Bastai e che lega
la forma del cerchio, tipica della ruota e protagonista
della gara ciclistica, al paesaggio e alla cultura della
nostra montagna. Fermate dal fotografo Roberto Leoni ecco quindi una serie di immagini evocative dove il
segno diventa ruzzola, tigella, chiocciola, uno squarcio
nelle nuvole, il sole che tramonta. Sono immagini di
grande poesia quelle del libro di Sabrina Bastai (il coordinamento dell’opera è di Paolo Ferrari), intervallate
da qualche testo evocativo. Il volume, impreziosito
dalla prefazione di Philippe Daverio ed edito da Artioli
è disponibile in libreria. Il progetto editoriale legato al Giro d’Italia è completato dalla
realizzazione di un libro d’artista, in serie limitata a 13 copie, realizzato in fogli di
acetato stampati e con testo di Mario Bertoni.
Scampoli d’Estate nei
parchi del Quartiere 2
Al Parco Divisione Acqui il 5 alle
19.30 Corsi gratuiti di tango argentino e Notte Tanguera e il 6 settembre alle ore 21 ultimo appuntamento
con il Teatro Latino. Martedì 9 alle
ore 21, Music Open day della Scuola
d’Arte Talentho. Al parco XXII aprile
fino al 30 dalle 9 alle 20 Pattinestate.
Sabato 6 alle 21 Canti tradizionali
modenesi e internazionali col
Coro Folk S. Lazzaro e sabato 20
settembre Festa di chiusura con
musica, karaoke e balli di gruppo.
Info: 059 2034150
Quartiere 3 con i Loving
e le “Serate nell’orto”
Prosegue fino a settembre al parco Amendola
il ricco cartellone di Loving Amendola con
spettacoli, musica e
incontri. Lo stesso al
Parco della Repubblica
con Loving Repubblica
dove inoltre dal 2 al 9 settembre dalle ore
9 alle 10 si tiene un corso di ginnastica
dolce. Al Centro Sociale Anziani e Orti Buon
Pastore (via Panni 202) tutti i giovedì fino al
18 settembre alle ore 21 si tiene Serate
nell’orto, animazione musica e ballo liscio.
Info: tel. 059 2034200
in breve
Riapre la Biblioteca Estense
9 settembre
Dal 9 settembre la
Biblioteca Estense,
tornerà nei suoi spazi
e alla piena funzionalità al piano superiore
di Palazzo dei Musei,
dopo oltre due anni in
cui, a causa dei danni del terremoto,
ha garantito il servizio ma in maniera
parziale a causa dei ridotti spazi.
Info: tel. 059 222248
Associazione Amici del libro
settembre
Presso la sede (via
S. G. Bosco 153)
mostra della pittrice
T. Parascovia e incontro il 6 alle 17.30.
Sabato 13 dalle 17
presentazione delle
attività autunnali e il
20 alle 17 al via al ciclo Letteratura
modenese tra ‘700 e ‘800 a cura di
G.C. Montanari che prosegue il 27 e
il 4 ottobre.
Info: tel. 059217530
I corsi del Salotto Magico
settembre
Al via i corsi dell’Associazione culturale
Salotto magico, dal
Cucito e modellistica
(dal 29/9 in via Oristano) alla chitarra,
dal restauro all’acquerello, alla cucina,
alla fotografia, alla lingua inglese.
Info: wtel. 3319069870 (lun – ven)
o [email protected]
Una casa per la ginnastica
settembre
La Società Ginnastica Castelnovese
ha dato il via a un
fundrasing (www.
com-unity.it) per
costruire La casa
della ginnastica un
innovativo spazio in
grado di proporre
attività motoria per tutti.
Info: www.societa-ginnastica-castelnovese.it
incontri
Autunno alla Terramara di Montale
DI Mirna Loren
Grande Festa
del Racconto
L
a nona Festa del Racconto delle Terre
d’Argine porterà in soli 4 giorni, tra
Carpi, Soliera, Campogalliano e Novi i
personaggi, i libri e gli eventi più interessanti del panorama culturale nazionale. Lo
strumento sono, come al solito, i racconti.
Si parte con una anteprima a Soliera il
2 ottobre in Piazza della Repubblica con
Stefano Benni che racconterà le sue passioni letterarie, seguito da musica e action
painting con Aka-B e Stoni. La Festa del
Racconto prende il via ufficialmente venerdì
3 ottobre alle 21, al Teatro Comunale di
Carpi con il saluto delle autorità e l’omaggio
alla poetica dell’indimenticato Piero Ciampi
con Amore scalzo reading di Alessio Boni
e Marcello Prayer. Sempre venerdì, alle
22.30 nel Cortile Loria, action painting,
improvvisazioni jazz e la mostra Il fiume
lento di Alessandro Sanna.
Giornata ricchissima quella di sabato 4
fin dalla mattina, alle 10 nella Tenda di
Piazzale Re Astolfo, con un incontro per gli
studenti e non solo, che vede protagonisti il
reporter Paolo Rumiz e lo scrittore Fulvio
Ervas. Alle 10.30 in Piazza Martiri, canzoni
e storie con Angus Mc Og, alle 11.30 nei
Giardini della Pretura, La religiosità della
terra. Una fede civile per la salvezza del
mondo con il filosofo Duccio Demetrio.
Ancora incontri, alle 12 in Piazza Martiri
con lo scrittore Cristiano Cavina e alle 15
in Piazzale Re Astolfo con l’inossidabile
[14] - il mese settembre \ 2014
sociologo Francesco Alberoni. Alle 16, nei
Giardini della Pretura, imperdibile reading di
Mariangela Gualtieri: L’amore in versi. Alle
17 in Piazza Martiri letture da John Fante
e concerto di Caso mentre alla stessa ora
nel Cortile Loria è previsto l’incontro con
Valeria Parrella e alle 18 in piazza Martiri
con Elisa Ruotolo.
Due grandi della letteratura saranno alle
18.30 ai Giardini della Pretura, Gianni
Celati ed Ermanno Cavazzoni racconteranno la loro (e nostra) pianura. Alle 19 in
Piazza Martiri letture da Woody Guthrie e
concerto di Bob Corn e a conclusione di
giornata, alle 21 al Comunale va in scena
Licia Maglietta con Il difficile mestiere di
vedova e alle 22 al Cortile Loria incontro
con Omar Pedrini.
Domenica 5 si riparte ai Giardini della
Pretura con Gabriella Caramore, studiosa,
storica conduttrice di Uomini e profeti e il
teologo Brunetto Salvarani. Sulla letteratura per l’infanzia doppio appuntamento
alle 11 e alle 16 in Piazza Garibaldi con
incontri e laboratori creativi. Ancora importanti incontri con autori e saggisti: Melania
Mazzucco alle 11.30 nel Cortile Loria,
Raffaele Morelli in Piazzale Re Astolfo alle
15, Massimo Carlotto in Piazza Garibaldi
alle 17 e Donatella Di Pietrantonio stessa
ora in Piazza Martiri. Alla Libreria La Rocca
alle 12 incontro su “L’inverno di Diego. Le
quattro stagioni della Resistenza”, ai Giar-
Dal 2 al 5 ottobre nelle
Terre d’Argine sarà
un susseguirsi di eventi
con importanti autori
da Celati a Cavazzoni
da Carlotto alla Parrella
Gualtieri, Ervas e Rumiz
e con i cinque finalisti
del Premio Loria 2014
dini della Pretura alle 16 l’attrice Iaia Forte
legge il Premio Nobel Alice Munro mentre
alle 19 in Piazza Martiri ci saranno letture
da Trilobiti e musica con Three Lakes and
the Flatland Eagles.
Appuntamento clou alle ore 18, al Cortile
Loria, con l’incontro con gli autori finalisti
e la premiazione del Premio Loria 2014:
Marina Pareschi autrice di È di vetro
quest’aria presentata da Davide Bregola;
Fabio Geda autore di Se la vita che salvi è
la tua presentato da Fulvio Ervas, Ermanno
Rea autore di Il sorriso di Don Giovanni
presentato da Antonio Prete, Walter Siti
autore di Exit Strategy presentato da Loredana Lipperini, Giorgio Fontana autore
di Morte di un uomo felice presentato da
Fulvio Panzeri.
Chiude questa bellissima kermesse dedicata al racconto, Cinema naturale. Lo
sguardo di Gianni Celati sul paesaggio.
Proiezioni e interventi di Gianni Celati. In
caso di maltempo gli incontri saranno
tenuti al chiuso.
Info: http://festadelracconto.carpidiem.it
Stefano Benni
a
r
I Trionfi della Corte dei Pio di Carpi
Si inaugura il 13 ai Musei la mostra sull’influenza che Petrarca
ebbe sul ciclo di affreschi che decorano la Camera dei trionfi
S
i inaugura il 13 settembre alle ore
18 nei Musei di Palazzo dei Pio, in
occasione del festivalfilosofia, la mostra
Il segno di Petrarca nella Corte dei Pio
di Carpi. I Trionfi di Francesco Petrarca
costituiscono il soggetto di un ciclo affrescato, datato intorno al 1460-1470,
nella Camera dei Trionfi di Palazzo dei Pio
a Carpi. Tema consueto in quel tempo su
oggetti di ambito nuziale, il ciclo carpigiano
per la sua ampiezza e rarità costituisce
un unicum. Realizzati in occasione del
matrimonio di Lionello Pio e Caterina Pico,
gli affreschi sembrano rappresentare una
traccia della prima corte che nasce a
Carpi, dietro i modelli delle due principali
corti di riferimento dell’area, la Mantova
dei Gonzaga e soprattutto la Ferrara di
Borso ed Ercole d’Este.
La mostra, prodotta dal Comune di Carpi,
Musei di Palazzo dei Pio, oltre a una nuova lettura del ciclo decorativo e una più
ampia contestualizzazione dell’iconografia
dei Trionfi tra Quattro e Cinquecento,
attraverso dipinti, cassoni nuziali, oggetti
di corredo, manoscritti, cinquecentine,
stampe antiche, con una particolare attenzione all’ipotesi della presenza del ritratto
dello stesso Petrarca nel Trionfo della
Fama, percorre i temi trionfali delle corti
gonzaghesca ed estense. Da una parte Il
trionfo di Cesare di Mantegna dall’altra i
trionfi allegorici e planetari del salone dei
Mesi di palazzo Schifanoia a Ferrara.
Il segno di Petrarca nella Corte dei Pio
a Carpi, sarà visitabile fino al 6 gennaio
2015. Gli orari di apertura in occasione
del festival sono: venerdì 12 e sabato 13
ore 10 - 23, domenica 14 ore 10 - 20.
Info: tel. 059 649955 e www.palazzodeipio.it
Così i piccoli riscoprono Atalanta
festivalfilosofia e Passa la parola: tante iniziative per i bambini
Installazioni, laboratori, collage,
giochi, letture: è ricchissima
la proposta de Il Castello dei
ragazzi (in collaborazione con
la libreria Radice-Labirinto) per
il prossimo festivalfilosofia (12,
13 e 14 settembre).
Il tema della gloria viene sviluppato a partire dal mito di Atalanta
l’imbattibile eroina, prendendo
spunto da un lungo racconto di
Gianni Rodari. Il progetto si sviluppa in due luoghi: Palazzo dei
Pio con due videoinstallazioni, la
prima nella Torre dell’Uccelliera
(che resterà allestita fino al 19
ottobre) in cui si narra la nascita di Atalanta e la sua vita nei boschi, una seconda
in Sala Estense che racconterà invece le sue imprese a fianco dei maggiori eroi
Greci. Sarà realizzato anche un allestimento che ricorda il bosco dove Atalanta è
cresciuta. Sabato e domenica, in Piazza Garibaldi in un ambiente mediterraneo
si svolgeranno letture, danze, musiche dell’antica Grecia e laboratori. Ci saranno
anche giochi e prove di abilità e letture per i più piccoli.
Altro appuntamento per i ragazzi domenica 21 settembre con il festival dedicato alla letteratura per l’infanzia Passa la parola a Carpi. I bambini e i ragazzi
leggono. In Piazza Garibaldi dalle 17 e fino a sera si susseguiranno letture,
incontri e spettacoli.
Info: tel. 059 649983-649961, www.castellodeiragazzi.carpidiem.it
p
i
La Biblioteca si fa Radio
con un corso e 4 serate
Si intitola Radio
Loria, il progetto di animazione
musicale ideato
dalla Biblioteca
Multimediale di
Carpi in collaborazione con
K-Rock Radiostation di Scandiano.
L’iniziativa è suddivisa in due parti:
Fare Radio - Corso di formazione
per conduttore radiofonico, che si
terrà tra ottobre-novembre (apertura
iscrizioni 8 settembre ore 15, costo
50 €) per formare i conduttori che
costituiranno la redazione della nuova
Radio Loria che diffonderà il ricco
patrimonio discografico e bibliografico
della Biblioteca. Il secondo momento
sarà il Radio Loria Live Show, quattro
serate dal vivo con il pubblico in sala,
condotte da Lorenzo Immovilli, Mirko
Colombo e Marco Moser, storici conduttori di K-Rock con interviste, novità
discografiche, ascolti e visioni di video
musicali. Le date sono i venerdì 7,
14, 21 e 28 novembre alle ore 21
all’Auditorium Loria.
Info: www.bibliotecaloria.it
tel. 059 649950-649368
Teatro Comunale di Carpi
al via gli abbonamenti
Il 9 settembre riapre la biglietteria
del Teatro Comunale di Carpi (Piazza Martiri 72). Fino
al 19 è prevista
la prelazione degli
abbonati, escluso il
turno D per cui la prelazione andrà dal
20 al 24. La formula small è in calendario dal 25 al 27, gli spostamenti dal
28 settembre al 4 ottobre mentre dal 5
all’11 ottobre ci sarà spazio per i nuovi
abbonamenti. La stagione che potete
vedere sul sito http://teatrocomunale.
carpidiem.it è come al solito ricca e
di qualità. In cartellone nella Stagione
2014-15 Don Giovanni con Alessandro
Preziosi, Il mercante di Venezia con Silvio Orlando e ancora Giuseppe Fiorello,
il Teatro delle Albe, Arturo Brachetti
e Father and son di Michele Serra
con Claudio Bisio. In cartellone anche
ottima danza con la CCN de Creteil et
du Val-de-Marne/C.e Kafig, il Balletto
Maribor e musica d’eccellenza col pianoforte di Grigory Sokolov.
Info: tel. 059649263
carpi
c
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 447 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content