close

Enter

Log in using OpenID

CISI j FOGGI@ - Cisl Foggia

embedDownload
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
CISI FOGGI@
j
~
'\ UNIONE SINDACALE TERRITORIALE
"
"
a cura dell'Ufficio Informazione
Via Trento, 42 - Foggia
TeL 0881,724388 - 348.8543490 Fax 0881,771681
e-mail: [email protected]
www.cis1foggia.it
1
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
la Repubblica VENERD113GIUGN02014
Statali, via alla mobilità
èntro50 chilometri
ecco la'rifotmadella Pa
cipa~e. Confermato il dimezzamento dei permessi sindacali 'e
l'abqlizione del trattenimento'
in servizio, prevista per favorire
la ({staffetta generazionale»
(terminecheneiduetestinonri_
sulterebbe usato). Gli statali
che avranno raggiunto l'età
pensionabile non potranno più
c~ntin';lare a lavor;;re, come og~pre~~to'J?eraltn2anni(5per
i~
No ai prepensionamenti, sì aparttime etelelavoro
AllarmeCassazionesull'uscitaa70 anni; c'èla deroga
magIStratI)! secondo i calcoli
del governo tale misura dovrebbe liberare 10-15 rnill;tposti dari.
. _servare ai giovani. Malanorma,
"che scatterebbe 'a fine ottobre
creerebbe pe;r:icolosi Vuoti ~
magistratura, in particOlare
nella Corte di Cassazione dove
l
, qUasiil45'percentodell'organi~
co ha un'età compresa fra i 70 e
i 75 anni. La carenza sarebbe
«non sopportabile) e causereb:be ({gravissimo pregiudizio alla
ragionestessadi ~sistenza della
Corte» sottolinea il suo presidente .Giorgio Santacroce. In
realtà sembrerebbe che l'ultima bozza del decreto già preve-
LUISAGRION
RINNOVO EREVOCA
Incarichi triennall
per ì dirigenti
pubblici,
rinnova bili.
Revoca in caso di
Sarà una
ROMA. Spariscono i prepensio-'
namenti; si dimezzano i chilometri entro i quali sarà prevista
la mobilità obbligatoria; au~
menta-neglientipubblicì':ilnumero di dirigenti «fiduciari)), ovvero nominati per specifiche.
competenze al W.fuori dei concorsi. Ecco le ultune novità sulla
riforma della Pubblica ainmini-:'
strazione 'che,-òggi il govetno"si .
appresta a varare attraverso un-'
decrèto ~egge (cl,leconterràtilt-:"
telenorme:destinateaprodurre .,.,"
risparmi) e un disegno
delega (che riurùrà
da una deroga per ì magistrati
con jucarichi direttiVi~
Le novità principali della l~g­
ge delega, titolata "Repubblica
semplice", dovrebbero invece
riguardare i dirigenti, cui sarà
posto un tetto massimo sui bonus (dal 20 si passerebbe 8J. 15
per cento), ma il compenso di·
periderà anche dall'andamento
. commissione a
valutare"illoro
operato
SENZA INCARICO
I dirig,entli senza
amministrazioni
pari al,
totale,è
legata oltre che
ad obiettivi
specifici, anche al
Pii
00 chilometri.
Ora si parla di
mobilità entro i
50 chilometri
quella
il ricam- ..
bio generazionale nel settore
.'pubblico mahdando gli~,«even-- "",,~,"'::':"::.~-"-_-'-_ _ _~_ _ _ _ _ __
tuali lavoratori in esubero» in
prepensionamento per un mas- Oggi il decreto e il ddl. Madia ai
sirnodidueanni.Questanorma;
nell'ultima bozza del decreto, è sindacati: "Nonresisteteal
sparita-là. stessaMadial'ha con- cambiamento". Lareplica: "Ipotesi
fermato 'ai sindacati ieri convo- deludenti". Rischio sciopero
cati-ancheperchécreavaunadisparità con il settore privato.
({Per noi'vengono prima gli esoMac'èun'importantenovità
dati»hadichiarato;aconferma, anche riguardo alla mobilità al?il ministro' del Lavoro Giuliano bligatoria; i dipendenti pubblici
Poletti.
potrarma essere spostati senza
il loro consenso-nel raggio: non
~iùdi 100;madi 50 chilometri,
comegiàavvienenelsettorepri_
vato. La differenza, commentano i sindacati, è che a differenza'
del settore privato qui la mobilità non sarà materia di contrattazione, 'manorma di legge e la
cD:sa non piace affatto a Cgil, CisI e, UR Cambiamenti in vista
per i nuoVÌ' ingressi: aumente-:
rebbe -~ numero dei dirigenti"
cheunentelocalepuònominare
suJJ.a fiducia, senza passare attraverso un concorso pubblico:
% dellà spesa'dall'attuale 10 per cento si pas2013. Prefetture
serebbe al 30. Sempre per i diriaccorpate, uffici
genti - ma questa volta in penri.dotti. Via a .
sione -l'obbligo di non ricevere
telelavoro e coincarichi una volta usciti dal
working
mondo del lavoro risulterebbe
esteso anche all,e società parte-
2
del PiI. nloro incarico sarà a termirie: 3 anni con possibilità di
rinnOVQ, ma se resteranno senzamcarico saranno messiinmobiiità e in seguito lice~ati. Un
capitolocorposoriguardalaconciliazione fra tempi della vita e
del lavàro: ci saranno voucher
per baby sitter e badanti, convenzioni coni nidi, orari elastici
eteléblvoro;> _, >':,'
..·PerilminishòM~diaquestaè
;~a: :rlvQli:Jzion~»_' 'ifnp.i~ta~_,
s.lÙr.epilaf;tJ:i':,«qrg~azio~e, :
inn6va2;i{)l1è,~. persone)}. -Ai '_sinq~cati.;.~ _4opò' aver coDfermato
che' nOIÌ" ci saranno esuberi, ha
dettò:_ ({Mi aspetto un vostJ;6 imPegno àttivo, co~tro le resistenze al cambiamento: abbiamo
. l'òpp'oÌ1:ùnità cii riformare"tutta:
la Pubblica amininistrazione,
anche il sindacato deve fare la
sua parte. Nonsiate conservatori e "rappresent~ti. del potere
che blocca il cambiamento, ma
partecipi delle riforme in atto».
Quanto ai tagli ai perm~ssi sindacali «si tratta della .risposta
che ci chiedono i cittadini». Ma
l'iinpianto della riforma non
>
convinceirappresentantid~ila­
voratori: niente entusiasmi per
«propostedeludentieprivedidisegno' organico», Precisap.o che
asperterapno di conoscere i testi definiti,mailrischiosciopero
resta.
CRIPROtlUZlONEfIlSORIIATA
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
Corriere d,çlla Sera Venerdì 13 Giugno 2014
I
I
Arriva lamobilità
entro 50 chilometri
Orario ridotto a chi
è vicino all'uscita
La riforma della pubblica
amministrazione ffssa i criteri·della
mobilità obbligatoria per i dipendenti
pubblici. Si potranno «ricoprire i
posti vacanti mediante passaggio
diretto di dipendenti con.la stessa
qualifica, in servizio presso altre
amministrazioni». I trasferimenti in
un diverso posto di lavoro potranno
aVVenire senza assenso purché
nell'arco di 50 chilometri
La bozza della riforma della
pubblica amministrazione
introduce una novità anche per
il personale in uscita non dirigente,
Si avrà infatti la possibilità di fare
domandà di part time al 50 per
cento nei cinque anni antecedenti
la pensione. Ma la pensione
continuerà a essere calcolata
carnese il rapporto di lavoro fosse
proseguito full time
La riforma Il disegno di legge delega oggi sul tavolo del Consiglio dei ministri
.Dipendenti pubblici, part time
negli ultimi cinque anni
poi sarà la.volta delle norme
attuative, da emanare entro sei
mesi. Per questo l'attenzione di
tutti si concentra sul decreto
legge, con le sue norme subito
operative. A partire dalla mobilità obbligatoria, ii trasferimento dei dipendenti a pre. scindere dal parere dell'interessato. Ieri il governo ha
smentito l'ipotesi che il «trasloco forZato» posso arrivar~
Le prefetture
fino a 100 chilometri di distanAI via le «prefetture za, come indicato in alcune
bozze. Sembra· confermata
regionali», 20
!'ipotesi di un raggio più breve,
di partenza ma con 50 chilometri o un'ora di dideroghe possibili
stanza con i mezzi pubblici,
circolata due gionii fa.
I sindacati bocciano il governo su tutta la linea. L'Usb ha
L'obbligo
già fissato uno sciopero per
giovedì prossim9, oggi anche
Il vincolo per ogni
le
altre sigle prenderanno una
amministrazione di decisione.
«Non siate conser~
risparmiare almeno vatori, spero nella vostra colla~
1'1 % per 5 anni
borazione», ha detto il ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia agli
stessi sindacati, incontrati ieri.
Ma l'aria che tira non è proprio
distesa. Nel decreto, in vigore
dal primo agosto, c'è anche il
taglio al 50% di permessi e di'
stacchi sindacali.
Lorenzo Salvia
Per i dirigenti parità di genere e mandato triennale
ROMA - Un part time vo- be essere questa la chiave per
lontario negli ultimi cinque aprire le porte della macchina
anrù di ufficio, con metà orario statale ai lavoratori più giovae metà stipendio. Ma con laga- ni. A patto ·-di trovare i soldi,
ranzia di una pensione uguale naturalmente, perché la diffe:a quella di chi lavorerà a tempo renza sui contributi previdenpieno fino all'ultimo dei suoi ziali dovrebbe essere· pagata
. gionii alla scrivania. Nella fati- dallo Stato.
cosa ricerca di un meccanismo
.Nel disegno di legge, 13 artiutile per far scattare la «staffet- coli in tutto, ci sono altre novita generazionale», il graduale tà importanti. Dall'obbligo per
passaggio delle consegne dai ogni amministrazione di rilavoratori più anziani a quelli sparmiare almeno 1'1% percinpiù giovani, il governo appro- que anni, all'assorbimento del
da all'articolo 4 del disegno di Corpo fòrestale nella 'Guardia
legge delega <<RepUbblica sem- di Finanza e delle gnardie carplice», che arriverà oggi sul ta- . c.erarie nella Polizia, passando
volo del Consiglio dei ministri per una riscrittnra totale delle
insieme al decreto legge sulla regole dei dirigenti. l.nuovi
Pubblica· àmministrazione. vertici della burocrazia non so-o
Bocciati i prepensionamenti lo avranno un incarico massidiretti, visti come un privilegio mo di tre anni e si vedranno
dai lavoratori privati ancora al- sforbiciare la pianta organica.
le prese cçmil guaio degli «eso- Ma dovranno rispettare la redatb, insufficiente l'abolizio- gola dell'«equilibrio di genere
ne del trattenimento in servi- nel éonferimento degli incarizio· dopo la pensione, dqvreb- chi», .agganceranno un pezzo
del loro stipendio all'andamento dell'economia italiana,
e dovranno pubblicare su lntemet nome e cognome dei di~
pendenti ai quali daranno un
premio. In compenso la loro
responsabilità disciplinare sarà limitata ai «comportamenti
effettivamente imputabili ai
dirigenti stessi». Nello stesso
disegno di legge trovano posto
anche le nuove «prefetture regionali», 20 di partenza ma con
deroghe possiJ>ili per «specifiche esigenze», la «ridefinizione delle circoscrizioni territoriali delle Camere di commercio su base regionale» e anche
l'accentramento delle autorità
indipendenti che gestiranno
insieme i servizi e potrebbero
arrivare a una sede unica.
. Il disegno di legge delega
avrà tempi lunghi. Non solo
per il doppio esame in Parlamento senza la corsia veloce
del decreto legge ma perché
3
[email protected]
Copie ad esclusivo uso del destinatario
!
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
",
i
Corriere della Sera Venerdì 13 Giugno 2014'
'I
•
COmmerCIO
MILANO C'è un tesoro chiuso
mentre la camera di Firenze detiene
nelle cas~eforti delle Camere di com1'8,7% della Centrale dellattl; di Firenmercio. E fatto di partecipazioni soze, Pistoia e Lucca.
cietarie in porti e aeroporti. AutostraID tutto le Camere sono 105. IntenLE PARTECIPAZIONI
de, interporti, fiere. Per non parlare
zione del governo sarebbe ridurle a
delle aziende speciali, con la loro ca~
20, una per regione. Con un vincolo:
pacità di «conquistare» e gestire fondi
vendere buona parte delle partecipaeuropei e regionali. Èla chiave di quezioni. EridUlTe l'attività delle aziende
ste casseforti che ii governo Renzi
speciali; Anche qni parliamo di attivipretende senza convenevoli: Nonotà non trascurabili. Sempre a Milano,
,'stantele resistenze dei padroni di caaziende speciali come Formaper (forsa: lè associazioni delle imprese che
mazione) e Promos (tuternazionalizamministrano le Camere.
zazione) hanno proventi propri - in
Ieri sera !'ipotesi più temuta era la
gran parte fondi Ue o regionali - pari
seguente: subito un taglio del 20 per
rispettivamente a 6 e 19 milioni.
cento ai diritti annuali pagati dalle
Che cosa pensano le associazioni
imprese (si parla in media di 10g eudelle imprese del programma del goro' quindi lo sconto varrebbe poco '22
verno? Confindustria è favorevole alia
meno di 22 euro, ma bisogna tenere ~, telecomunicazioni
revisione e ridimensionamento del
conto che il diritto massimo può arri- :ed energia
sistema. Ritiene che il rapporto costivare a 40 mila euro). Poi la riforma vebenefici sia svantaggioso per le im•.••••• > .•.•••••••
ra e propria delle Camere all'interno
prese. Si oppongono àlla dieta forzala
di un diseguo di legge. Ma alla fine trollato dal sistema camerale. Per non capitale. Mentre la Camera di Firenze del governo Renzi, invece, le altre asanche il tàglio dei diritti annuali po- parlare dell'aeroporto di Cagliart, per arriva al 28,67% della fiera cittadina.
sociazioni. In particolare, quelle che
trebbe essere inseritp nella delega, se il 94.3% nella mani della Camera del
Per parlare di strade e autostrade, fanno parte di Rete imprese Italia.
un esempio per tutti: il progetto della Tutte sono d'accordo sul fatto che 20
non altro perché' sarebbe complesso capoluogo s.ardo.
giustificare l'urgenza dell'intervento. . Altro capitolo: le fiere. La Camera di Brebemi non sarebbe mal decollato camere sono troppo poche.
Il sistema delle Camere di commer- commercio di Milano è coinvolta, in- senza il contributo delle Camera di
Da non trascurare, sullo sfondo, i
cio ha 78 partecipazioIÙ in fiere, 31 in sieme con le associazioni delle impre- Milano, Bergamo, Brescia e Cremòna litigi tra associazioni sul sistema di
mercati agroalimentari, 95 in aero- se del territorio, nella governance del- Poi ci sono le partecipazioIÙ «cultura- governance attuale (vedi il caso della
porti, 30 in porti, 96 in strade, auto- la fondazione Fiera Milano. Fondazio- li». Nobili, ma anche onerose. La Ca- Camera di Roma, balcanizzata: dai
strade e·cosÌ via elencando.
ne che a sp.a volta ha la maggioranza rriera di Milano partecipa con tre mi- contrasti interni). Confindustria ha di
Prendiamo gli aeroporti. Quello di assoluta di FieraMilano spa oltre a es- tioni alia fondazione Teatro alia Scala recente conquistato la presidenza di
Firenze è partecipato al 15% dalia Ca- sere socia di Arexpo, società che ha il
Non serve andare oltre per rendersi Firenze ed è tornata a quota 34 Camemeradellastessa città e al 5% da quel- compito di gestire e valorizzare le aree conto che il ruolo nelle Camere sul re. Ma Confcommercio la supera, con
la di Prato. La Camera di Verona con- dell'esposizione univers.ale. A propo- territorio è èapillare e rilevante sul 37. Gli industriali sono convinti di
trollail27,73% dell'aeroporto Catullo. sito di Éxpo, la Camera di commercio piano economico. Certo, ci sono an- non pesare abbastanza. Di qui un
La Camera di_Catania ha il 37,7% del- di Milano detiene il 10% della spa che che partecipazioni non così stretta- contrasto non ricomposto. Che gioca
l'aeroporto Fontanarossa Se si tiene gestisce l'evento. A Roma, per conti- mente legate alla missione di una Ca- a favore della riforma del governo.
conto che hanno quote anche la Ca- nuare con le fiere, la Camera detiene il , mera di commerciò. Per dirne un paRitaQuerzé
mera di Siracusa e quella di Ragusa 58,54%. di Investimenti spa, società io, la camera di Roma possiede H91 %
Jìtlfrquerze
(entrambe al 12,5%)10 scalo è con- che gestisce il sistema fieristico della del centro ingrosso fiori della capitale
Il sistema camerale
4
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
CORRIERE DEL MEZZOGIORNO
La Regione avverte il governo
«LaP~glia rischia il collasso»
Minervini: «Territorio lasciato solo, serve un supporto»
~,
ci chiedono di fare» fanno, sapere gli uffici regionali Sigriifi-
BARl- «La Puglia rischia il
collasso. il governo deve cam-
facesse, l'esecutivo dimostre-
rebbe la propria incapacità e
ciò sarebbe un segno di re83».
Le parole di Guglielmo Minervini, aS$essore regionale all'Immigrazione e alla Protezione ci- .
vile, sono pacate e secche. Non
vi è alcun accento isterico o al;.
larmistico nella nota cop cui ieri si è rivolto ai governo. Anzi,
verso l'esecutivo di Renzi arrivano anche parole di elogio
Le risorse
L'assessore sottolinea la
to) situazione di allarme,
necessità di risorse dal
Mi,nervini, tuttavia, si attiva
proprio per prevenire contesti governo per fronteggiare
più gravi. «La situazione attua- l'ernergenza
cà che non c'è (per il momen-
biare atteggiamento sulla distribu.zione dei mig,ranti sul
territorio nazionale. Se non lo
Sbagliato
e inefficace
individuare
il porto di Taranto
. come
unicohub
dell'accoglienza
,
le - dice - richiede un immediato ripensamento della strategia nazionale, soprattutto se
il fenomeno dovesse prolungarsi .ancora per molto tempo». Che fare? Dice l'assessore:
«Occorre da un lato individuare immediatamente, prima del
~
collasso, altri porti-hub che
«per lo straordinario lavoro
consentano una gestione soste-
che sta conducendo con l'qperazione di salvataggio Mare nostru!n». Tuttavia la situazione
.. sul terreno, a Taranto, sta diventando complessa ogni gior-
nibile e distribuita degli arrivi, ,
Dall'altra supportare il territorio di risorse umane e finanziarie decisamente più idonee rispetto a quelle attUali, La generosità dei tarantini e dei puglie'
no che passa. L'asse,ssore non
mànca di segnalarlo e invita a
smistare gli arrivi .dei migranti
in tutta Italia, senza concentrare l'afflusso solo sulla Puglia.
si"non potrà essere sostenuta a
lungo in assenza di provvedimenti sostanziali». Insomma,
se si sta trattando una situazio-
, «La 'Scelta del governo nazio-
· ne di emergenza, le forze ordi. nari,e non bastano. «Se questi
· attf'non dovessero arrivare a
breve - conclude l'assessore
- significherebbe la resa dello
Stato e la dichiarazione di incapacità di un governo che fino· ra si è dimostrato più sensibile
nale - riflette l'assessore - di
individuare nel portò di Taranto un unico hub per l'accoglienza e lo smistamento dei mi ~
granti si sta rivelando non solo
inefficace, ma anche profondamente sbagliata, Se poi si aggiunge che il territorio non è
stato supportato da un adeguato dispositivo per la gestione
rispetto al passato, ma comun-
que distratto». Ieri la Conferen-.
za Stato-Regioni ha affrontato
il tema, I governatori chiederanno un incontro al premier.
Subito dopo predisporranno
un documento unitario per àf~
frontare al meglio la questione,
di un'emergenza così comples-
sa, allora il quadro diventa preoccupante». Minervini qui allude al fatto che il sistema centrale dello Stato non si è assunto
car~chi e compiti specifici se
non quello del trasporto dei
migranti via nave, Ranzi ha lasciato alle articolazioni locali
- prefettura e Comune in primo luogo - di provvedere alle
Francesco Strippoli
necessità.
«Il peso eccezionale rappresentato dall'arrivo e dall'accoglienza dei migranti spiega
l'assessore - si sta scaricando
solo sulle istituzioni locali, sulle strutture del vOlontariato,'
sul sistema della Protezione civile regionale e sul servizio sanitario regionale, Tatti starmo
mettendo in campo uno slancio solidale senza limiti».
Va chiarito cheil dispositivo
regionale di Protezione civile
sta agendo solo per supportare
l'attività logistica, Partecipa
agli incontri che si tengono in
Prefettura, ma senza intervenire direttamente. «Facciamo le
cp$e ,ç,4e le autorità eli Taranto
5
Copie ad esclusivo uso del destinatario
l,
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
4~1 Mezzogiorno
13/06/2014
Venerdì 13 Giugno 2014
•
Idati La Regione Pugliaesultà per i numeri del primo trimestre 2014
Esportazioni da primato
Vendola: «Sforzi premiati»
BARI - <<11 primato della Puglla nelle esportazioni è verna e vedere come allentare la morsa che vieta di spenla dimostrazione della straòrdinaria vitalità di qnest~ deré oltre una certa misura e dunque impedisce !'indispeu'regione e dei suoi lavoratori. I quali stanno lottando ,sabile co-finanziamento delle risorse europee.
con grande euergia per coutrastare la crisi e mantenere
Si sa che il premier porrà il tema alla prossima Comil posto di lavoro». Nichi Vendola si dice <<felice» del , missione europea, ma sembra difficile che possa essebalzQ compiuto dalle esportazioni pugilesi nel primo re operata una immediata correzione di rotta, come intrimestre del 2014, rispetto allo stesso periodo del vece richiesto dalla Puglia La conseguenza è inevitabi2013. La Puglia si colloca al primo posto per incremen- le. CQme annunciatQ da Vendola nei giorni scorsi, la
to delle vendite all'estero: più
giunta approverà presto una deli18,1% con un distacco di quabera COn la quale abbasserà la
si 8 punti percentuali sulla sequantità delle risorse stanziate
conda classificata, le Marche,
per il co-finanziamento, per deche porta a casa un pur ottimo
stinarequel denaro ad altre in10,5% in più. La terza regione
sopprimibili esigenze. In cannella graduatoria è il Friuli Veereto: si va verso il rallentarnennezia Giniia con un incremento della spesa dei fondi Ue. Se
to del 7,3%. Col seguo più an-,
ne duole l'assessora allo Sviche Abruzzo, Bolzano, Campaluppo economico, Loredana
nia, Trento e Valle d'Aosta StaCapone: «La soddisfazione
zionaria la Lombardia. In calo
per l'aumeuto dell'export saCalabria, Molise, Umbria, Ligurebbe ben più grande se ci
ria, Basilicata, Lazio, Sardegua,
fosse permesso di completaToscana e Sicilia Si deve aggiun- "
re il raggiungimento dei nogere che la Puglia èla prima resm obiettivb>.
gione in Italia sia per la crescita
Francesco Strippoli
delle vendite nei Paesi Ue (più
19;9%), sia per l'aumento delle
esportazioni nei Paesi extra Ue
Le esportazioni pugliesi guidate dall'acciaio
, (+16%).
,
«Sono numeri - afferma il govematore - che raccontano 'lo sforzo' gigantesco della Puglia Numeri che abbiamo ottenuto contrastando la crisi attraverso pacchetti articolati di incentivi per le aziende. Grazie a questi stramenti abbiamo messo in campo miliiJni di euro, che hanno consentito la moltiplicazione delle iillprese, il loro pro-'
cesso di tanovazione e la ricerca industriale. Sono numeri
di una Puglia estremamente reattiva È una notizia che ci
riempie di fiducia e che, pur tra tante difficoltà delle famiglie e delle imprese, ci conferma la bontà delle politiche
messe in campo in questi anni».
II dato dell'export, inoltre, si associa ai primi seguali positivi nel mercato del lavoro. }, a prima volta dai 2012,
ha detto nei giorni scorsi l'assessore Leo Caroli, è aumentata l'occupazione (9.730 occupati in più nel primo mme·
stre dell'anno). <<Abbiamo accompaguato le aziende - riflette Vendola - con le nostre iniziative all'estero, con i
finanziamenti mirati per l'innovazione e la ricerca, con la
nostra capacità di spesa'dei fondi europei. Atale proposito si fa ancora più grande il nostro disagio per non poter
spendere le risorse ancora disponibili. l vincoli del Patto
di stabilità stanoo, di fatto, strozzando i nostri sforzi e
quelli dei lavoratOl;». Ieri il capo di gabinetto Davide Pellegrino è stato a Roma per confrontarsi con i tecnici del go-
6
Copie ad esclusivo uso del destinatario
i
i,
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
lA GAZZETD\ DELMEZZOGlORNO
Venerdì 13 giugno 2014
ELEZIONI fiNITE
IL SINDACO ~I ÈINSEDIATO
NIENTE FESTE
<di mio pensiero avittime esfollati di via De
Amicis, al piccolo Salvatore eall'amico Paolo
Terenzio che ci ha lasciato qualche giorno fa»
Mongelli passa la fascia
al neo sindaco Landella
«A te il compito prestigioso e oneroso di guidare foggia»
teresse collettivo su ogni risentimento o
egoismo di parte», ha spiegato il nuovo
sindaco che ha poi lanciato un appello: «Ad
Augusto Marasco, alle forze di minoranza, ai
rappresentanti del mondo economico, produttivo, sindacale ed associativo della città
chiedo di lavorare insieme, A tutti chiedo di
dare un contributo di idee, proposte e partecipazione per il bene della nostra comu-
IO «Foggia ha oggi più che mai bisogno di
pace, serenità e concordia. Il futuro della
nostra città dovrà essere scritto a partire
dalla collaborazione e dal contributo di tutte
le forze sane della nostra comunità», Così
Franco Landella, nuovo sindaco di Foggia, nel
corso della cerimonia che ha «consumato» il
rito del passaggio di consegne con il suo
predecessore, Gianni Mongelli. Numerosi gli
esponenti del centrodestra, consiglieri eletti e
dirigenti di partito, assenti quelli del centrosinistra, si sono visti solo l'assessore Lisi
per la giunta uscente ed il candidato consigliere Saleuni (Pd).
Sotto il gonfalone della città, Mongelli ha
affidato al suo successore le chiavi della città
e la fascia tricolore, augurandogli buon lavoro,
<<In democrazia il risultato elettorale va
sempre rispettato - ha detto il primo cittadino uscente -, Lascio il Comune di Foggia
dopo questi cinque anni intensi con la serenità di chi ha lavorato con amore ed
impegno per la città - ha aggiunto Mongelli,
che ha ricevuto dal nuovo sindaco un mazzo
di rose color arancio in segno di amicizia -,
Ora tocca a Franco Landella raccogliere
questo testimone, spetta a lui il compito
prestigioso ed oneroso di rappresentare e
guidare Foggia. Sono certo che saprà essere
all'altezza di questa sfida».
TI sindaco Franco Landella, accompagnato
dalla moglie Daniela Di Donna, ha tenuto il
suo primo intervento da sindaco non senza un
minimo di emozione.
«Ringrazio Gianni Mongelli per il lavoro
difficile svolto in questi anni. Nonostante le
nostre posizioni fossero diverse e spesso
conflittuali ho apprezzato la passione con la
quale si è speso per Foggia»ha dichiarato
Landella che ha poi aggiunto: «Voglio esprimergli il mio personale ringraziamento e
quello dell'intera città, che avrà ancora bi·
sogno dei suoi consigli, del suo contributo e
della sua esperienza, Foggia ed il suo nuovo
sindaco avranno ancora bisogno di essere
nità)~.
GRAZIE GIANNI
"Nonostante le nostre posizioni fossero
spesso conflittuali ho apprezzato la
passione con la quale si è speso per Foggia»
aiutati da persone perbene come Gianni
Mongellh>.
Il nuovo primo cittadino ha poi ribadito al
suo predecessore la propria solidarietà per le
modalità con cui ha «divorziato» dal centrosinistra. «La politica ha le sue logiche,
spesso aspre e fatte di dialettica e contrapposizione - ha sottolineato Landella -, Ma
prima della politica ci sono gli uomini ed il
loro valore, Non faccio mistero di non aver
compreso e di non aver condiviso i toni del
dibattito interno alla coalizione di centrosinistra per la scelta del candidato sindaco,
perché Gianni Mongelli non meritava il trattamento che ha ricevuto».
«Ora però la campagna elettorale è finita. E
noi abbiamo il dovere di far prevalere l'in-
7
«È questo il segno che voglio imprimere
alla mia sindacatura - ha aggiunto Landellaperché le emergenze ed i problemi potranno
essere risolti solo se saremo insieme, solo se
sapremo guardare tutti nella stesa direzione e
verso lo stesso obiettivo~~.
Landella ha poi comunicato la sua volontà,
condivisa dai partiti della coalizione di centrodestra, di non organizzare alcuna festa di
piazza dopo la vittoria elettorale._
«Vorrei urlare la mia gioia per aver conseguito un così importante traguardo. Per la
città questo è però ancora un momento di
dolore, che va rispettato e condiviso in silenzio e con sobrietà», ha affermato il nuovo
primo cittadino che ha poi ricordato l'ex
consigliere comunale Paolo Terenzio, scomparso qualche giorno fa: «Voglio rivolgere un
pensiero commosso all'amico Paolo Terenzio,
che ci ha lasciati pochi giorni fa. Una persona
straordinaria, generosa e integerrima che mi
ha insegnato il valore della moderazione e del
dialogo pur essendo un mio avversario politico».
<<In questo momento il pensiero di tutte le
forze politiche è rivolto al piccolo Salvatore,
vittima innocente della tragedia di via De
Amicis, che dovrà essere adottato non dal
Comune di Foggia, ma dall'intera città ha
concluso Landella -. Alle famiglie dello stabile rimaste oggi senza una casa dico di
continuare ad avere fiducia nelle istituzioni,
che stanno lavorando con impegno per superare questa emergenza. Questi nostri concittadini non sono rimasti soli ieri e non lo
saranno oggi>~.
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
lA GAZZETlADELMEZZOGIORNO
Venerdì 13 giugno 2014
i
I,
COMUNE Gianni Mongelli passa la fascia a Franco Landella
COMUNE Agostinacchio, Mongelli e Verile
Prima della cerimonia dello scambio delle
consegne, Gianni Mongelli ha ricevuto a
sorpresa la visita di due ex sindaci, Paolo
Agostinacchio (1995-2004) e Domenico Verile
(1990·1993 con l'elezione in Consiglio comunale), Un gesto molto apprezzato da Mongelli
che si è trattenuto con i due esponenti per
lungo tempo anche consiglieri comunali.
«Siamo qui perché questo è un giorno
importante per Franco Landella ma è anche
un giorno triste per Gianni Mongelli. Fare il
sindaco per cinque anni e poi lasciare rapporti politici, amministrativi ed umani non è
facile. A Mongelli abbiamo fatto gli auguri
perché la politica è una cosa ed i rapporti
umano sono ben altra cosa», ha spiegato l'ono
Paolo Agostinacchio.
8
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
'"
t,
fA GAZZETIADELMEZZOGlORNO
Venerdì 13 giugno 2014
.
..~
WElFARE ESALUTE IL PD STUDIA LE LEGGI DI BRUXELLES. LUNGO (UDC): "SANITA, TROPPI TORMENTb,. MATAROZZO (UILP): "HA OPERATO BENEII COMMERCIO ISTAT: "PRIMO TRIMESTRE, VENDITE ALrESTERO +18 D
/DII
Gentile, ipotesi conferma
«Noi, primi per export
aziende più competitive}}
Puglia: l'assessore, eletta all'Europarlamento, non decadrebbe subito Vendola: «Le nostre politiche pagano»
e Da Bruxelles giungono notizie che, almeno al momento, al-
ANCORA
lontanerebbero l'addio alla Puglia
fassessore
pugliese a
WeHaree
Salute, Elena
INSIEME
e alla giunta regionale in quanto
assessore alle Politiche per la Sa·
Iute, neoeletta al Parlamento europeo, Elena Gentile, I tempi
(trenta giorni) entro i quali dimet·
Gentile, con il
presidente
della Regione,
Nichi Vendola.
Forse non c'è
bisogno di
rimpasti in
giunta
tersi dal momento della proclamazione degli eletti e che valgono per
chi ha cariche istituzionali secon·
do la legislazione italiana, non
avrebbero analoga disciplina a li·
vello europeo. Per i parlamentari
europei, in defmitiva, la decadenza non scatterebbe immediatamente. Secondo una lettura della
legge, che nel Pd pugliese si va
affermando, La Gentile potrebbe a
questo punto anche restare assessore per i mesi che mancano alla
fine della consigliatura.
In attesa di capire se a prevalere
sarà questa interpretazione della
legge, il dibattito politico non
manca di registrare prese di posizione. Per il consigliere, segretario della presidenza del Consiglio di Puglia, Peppino Longa:
(iL'assessore Gentile non ha fatto
in tempo a finire i suoi (quasi) blitz
negli ospedali pugliesi che adesso
fa le valigie e vola al parlamento
europeo. A lei, ovviamente, gli auguri di buon lavoro ma ai pugliesi,
purtroppo, non resta che tenersi i
disagi che nessuno degli assessori
fmora accomodatisi su quella poltrona è riuscito a cancellare. I diversi passaggi di testimone all'assessorato alla salute sono la più
classica testimonianza della tormentata politica sanitaria del governo regionale che ai proclami
non ha fatto seguire le azioni conerete: e così ci ritroviamo con le
strutture ospedaliere che accumulana disagi su disagi e i servizi
territoriali che non decollano affatto». li capogruppo della stessa
Ude, Salvatore Negro, va oltre e
pensa già al dopo Gentile, auspicando che al ruolo di assessore
salga un politico, non un tecnico.
«Ognuno deve fare il proprio mestiere - dice Negro - spetta al politico assumersi la responsabilità
della cosa pubblica. La Sanità è un
settore nevralgico dell'amministrazione regionale e ha bisogno
di una gestione politie3}).
Non manca la voce del sindacato. TI segretario regionale della
Uil Pensionati di Bari e di Puglia,
Rocco Matarozzo si augura che i
tempi .,~ella sostituzione dell'assessore: Gentile siano rapidi. La
Uilp esprime un giudizio positivo
sull'operato dell'assessore, ma esige che sia voltata pagina in tempi
brevi: «L'impulso chela Gentileha
dato al Welfare in Puglia è stato
fondamentale· dice Matarozzo per un profondo cambiamento politico e culturale che ha messo al
centro la persona, ha colto a fondo
lo spirito della 328/00 che ha 1X>rtato alla soluzione dei problemi
della gente attraverso i servizi e
non già la monetizzazione del bisogno. Ci è sembrato logico supportare la Gentile ad assumere la
guida dei due assessorati, Salute e
Welfare, unificati in una logica di
forte integrazione socio-sanitaria.
L'eredità e il compito dell'assessore uscente non erano e non sono
stati dei più facili. Riteniamo che
per questo sia stata essa stessa
fagocitata dalla burocrazia asfissiante. Anche per questo si rende
indispensabile voltare pagina».
9
$ Cresce l'export di Puglia, cresce più che in qualsiasi altra regione
d'Italia, aumenta de118,1 %, secondo l'Istat, nel primo trimestre 2014. TI
presidnete della Regione, Nichi Vendola, ha di che essere soddisfatto.
«Sono numeri -dice· che raccontano lo sforzo gigantesco della Puglia,
sono numeri che abbiamo ottenuto contrastando la crisi, attraverso
pacchetti articolati di incentivi per le aziende, grazie ai quali abbiamo
messo in campo milioni di euro, che hanno consentito la moltiplicazione delle imprese, il loro processo di innovazione e la ricerca
industriale. Sono numeri di una Puglia estremamente reattiva». TI
primato di Puglia distacco è tale da produrre quasi 8punti percentuali
di scarto dalla seconda regione classificata, le Marche, in crescita del
10,5%. Terza regione è il Friuli Venezia Giulia con un +7,3%.
«TI segnale di fiducia che avevamo percepito a marzo - commenta
Vendola - e confermato ad aprile grazie a unarilevazione di dettaglio
che avevamo richiesto all'Istat, diventa un numero tangibile e netto
nel primo trimestre di quest'anno. Siamo felici di questa conferma.
Essere primi in Italia per una regione meridionale, per di più con un
distacco così grande dalle altre, è la dimostrazione di una straordinaria vitalità di questa regione e dei suoi lavoratori. È una notizia
che ci riempie di fiducia e che, pur tra tante difficoltà delle famiglie e
delle imprese, ci confermala bontà di alcune politiche messe in campo
in questi anni, immaginando incentivi che permettessero alle aziende, da un lato, di restare in Puglia e, dall' altro, di essere più moderne,
più competitive e innovative}).
L'assessore allo Sviluppo economico, Loredana Capone aggiunge:
«La Puglia è la prima regione in Italia sia per la crescita delle vendite
nei Paesi Ue (+19,9%), sia per l'aumento delle esportazioni nei Paesi
extra Ve (+16%). La nostra soddisfazione sarebbe ben più grande se ci
fosse permesso di completare il raggiungimento dei nostri obiettivi.
Ma le forze del solo governo regionale non sono più sufficienti a
sostenere il sistema, se non ci è permesso di spendere».
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
i-
Il Quotidiano
~·c?l-----
{ Crono via De Amicis} L'appello di "Coscienza Evoluta" per l'aiuto agli sfollati
Tutti i foggiani chiamati a fare
la propria parte per non dimenticare
piccolo Salvatore), ma ha crea- ste. La Croce Rossa ha allestito una serie di problemi a tut- to temporaneamente una tenti gli sfollati dello stabile che, dopoli che li possa ospitare duper precauzione, è stato. com- rante le ore del giorno. Purtroppletamente evacuato. Del picco- po, la vicenda, ancora al vaglio
stanno subendo. le decine di fa- lo superstite se ne sta occupan- degli inquirenti, ha lasciato in
miglie- che abitavano nello sta- do, oltre ai parenti e a gruppi balia delle onde tutti loro con
bile colpito dalla nefasta esplo- spontanei, anche il Presidente le rispettive famiglie, con prosione -conseguente ad una fuga della Repubblica Giorgio Napo- , blemi da_risolvere anche piutdi gas. Qui di seguito l'appel- litano, come da notizie apparse tosto gravi. n nostro appello va
lo dell'associazione "Coscien- su vari quotidiani loeali. Le re-. a tutti i "fratelli foggiard" e al
za Evoluta" diramato alla stam- stanti famiglie dello stabile eva- loro grande cuore solidale che
pa: ""Auspichiamo che l'opinio- . cuato, alcuni momentaneamen- si muove alla stessa stregua an- •
ne pubblica locale sia sollecita- te ospitati presso due struttu- che nei confronti dei disagiati
ta e sensibilizzata in merito. alla re albergiliere (Hotel Holiday e extra-comunitari. Queste famivicenda che ha colpito. i cittadi- Hotel degli Atleti), e aitri pres- glie hanno bisogno, non solo di
ni foggiani nello. scoppio avve- so parenti o amici, ad oggi vi- affetto, ma di un concreto aiunut-o in Via De Amicis, -che ha vono in condizioni di precarie- to economioo: viveri per neonaprovoea.ro non solo la morte di tà assoluta, senza denaro, sen- ti e bambini; prodotti,!,er !'igiedue giovani sposi (Luigi e Giu- za effetti personali e soprattut- ne, abiti e indumenti intimi, una
sy) "reso orfano il loro figlio (il to senza Un tetto sulle loro te- . raccolta fondi, con l'istituzioVassociazione culturale e
sociale "'Coscienza Evoluta" dì
FOggia torna a parlare della
tragedia di via De Amicis e delle
drammatiche conseguenze cp.e
ne di un conto corrente bancario o postale, si vogliono sollecitare tutti gli Enti Locali (Co- '
mUI/.~, Provincia, Regione Puglia,: Asl territoriale, Cu,ria vescovile e le parrocchie, consulta delle Associazioni) ed anche i grossi gruppi di acquisto
~coop, Lid!, Eurospin, Despar) affinchè si possa provvedere in tempi ragionevolmente
brevi allarisoluzione dei problemi più urgenti. Con l'occasio- lè vicenda'- C~me sede operativà
ne, si vuole sensipilizzare an- (situata in Via Capozzi n. 56),
che il nuovo Sindaco di Foggia, abbiamo messo a disposizioFranco ,Landella, afinchè possa ne, a-partire da questo fine setprendér'e a cuore la vicenda dei thnaua, il nostro locaie per ponostri fratelli più sfortunati e terli ospitare durante le ore del
dare loro il giusto apporto affin- pranzo e della cena. Ci auguché -non risentano dell 'ulterio- riamo che questa tragica storia
re disagio causat~ dalla terribi- non venga dimenticata, come è
10
accaduto per altre vicende del
passato, ma che possa, ridare
una speranza a tutti coloro che,
inconsapevolmente e improvvisamente, sono stati travolti da
questa disgrazia. Insieme possiamo farcela". conclude la nata-appello dell'associazione Coscienza Evoluta.
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
~ VENERDI' 13 GIUGNO 2014
La Garanzia Giovaniper
il piotagonismo dinamico
delle nuove generazioni
'"
L'EUROPA EGLI STATI MEMBRI SI PREFIGGONO DI OFFRIRE AI RAGAZZI DAI 15 AI 29 ANNI CHE NON
. STUDIANO NÈ LAVORANO UNA OPPORTUNITÀ DI INSERIMENTO NEL PERCORSO FORMATIVO
LAVORATIVO, NEL PERIODO CHE VA FINO AL 31/12/2015. SE N'E'DISCUSSO A MANFREDONIA
o
Ha avuto luogo lo scorso' .Il Piano attuativo della Regione (approvato proprio il
9 giugno) e i successivi avvisi pubblici indicheranno'
contro seminariale orga- t'insieme degli strumenti e
nizzato co.ngiuntamente le modalità conI e qualineldall'associazione Daunia- le prossime settimane i gio:
tur e dall'assoCiazione La- vani iscritti saranno presI
voro&Welfare sulla misura in carico e orientati dalle
europea "Garanzia Giova- strutture pubbliche ti Cenni", conIa quale l'Europa e tri per l'Impiego) e da ~ltri
gli Stati, membri si prefigOrganismi appositamente
gono.di offrire ai ragazzi dai accreditati versO lepossibi - '
15 ai 29 anni che non stuli attività di fo.nnazione
diano nè lavorano, una op(soprattutto per quanti
portunità di inserimento hanno interrotto un pernel percorso formativo o lacorso di studi), 'nonchè di
vorativ0' nel periodo cheva
inserimento,lavoratiyo.
fino aI31112/2015.
Ma sarà determinante, coNel suo saluto di apertura,
me ha affermato Silvio Ca·
Giuseppe Quitadamo, revicchia, la risposta delle
ferente cittadino di Lavoro&Welfare, ha indicato il imprese e la capacità del
contesto reale e drammati- territorio di rilandare le
co nel quale anche gli inter- proprie azioni e potenzialiventi della Garanzia Giova- tà di-sviluppo.
ni si inseriscono, in parti- Durante l'incontro sono
colare iI livello record rag- intervenuti igiovani Daniegiunto dalla disoccupazio- le, Lorena e Matteo, indine giovanile che, se neI Pae- cando rispettivamente
se è ormai al 50%, nel l"esigenza dì urw forte e
nostro territorio riguarda ampia azione informativa
quasi 1'80% dei ragazzi.
sulla Garan·zia Giovani,
Silvio Cavicchia, sociologo l'importanza che le'iniziae dirigente territoriale -di tive di tirocinio siano magLavoro&Welfare, ha illu- giormente incentivate ove
strato i principali contenu- finalizzate ad una assun·
ti della Garanzia Giovani, zione stabile, la necessità
alla quale coloro che ne ab- di far nascere forrnè di agbiano i requisiti possono gregazione dei giovani che
accedere iscrivendosi on: li rendano protagonisti
linedall Omaggio 2014 alsi- delle esperienze ed attività
t
o a loto, destinate.
'
www.garanziagiovanLgov.i L'imprenditore Antonello
t. Cavicchia ha illustrato i
Scarlatella ha auspicato
settori di intervento sui che il dinamismo dei giovaquali la Regione Puglia con ni ,possa esprimersi Con
la delibera di giunta del 14
maggio ha distribuito il finanziamento complessivo
alla Garanzia Giovani disponibile per la Puglia di
120 milioni di euro, in-primo luogo tirocini formativi, servizio civile; formazione, bonus per assunzioni a tempo indeterminato.
venerdì 9 giugno a Manfredonia. con una ampia partecipazione giovanile. l'in-
azioni di valorlzzazione del
territorio e che proponga~
no idee originali diautolmprenditorialità nei settori
strategici del turismo e del:'
l'agroalimentare.
Infine il rappresentante'
dell'associazione Daunia-
11
tur Giuseppe Frattarolo ha
esortato i giovani a non
adagiarsi o rassegnarsi a
condizioni di sottomissione e di'emarginazione, rì"cprdando che la propria
-esperienza è indicativa di
come .da un percorso di so-
stegno (quale è stato PrincipiAttivi in Puglia) si possa giungere ad un più coerente impiego 'delle competenze profes~ionali, acquisite ed acontribuire allo
sviluppo del 'proprio territorio.
Copie ad esclusivo uso del destinatario
i
"
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
1À.ttacco
VERTEl\fZE
i
''Fiomhageneratooonfusionetrailavoratoririguanioallarichiestadiproduzioneaggiuntivadi3500rnotorinelrnesedigiugod'
'lq\.
"
Sciopero deimetahneccanici, isindacati
.provinciali di Foggia replicano allaFIOM
Sciopero o no dei metal~
meccanici? Il comunicato
CCSL per rilanciare ldsviluppo e l'occupazione dir
questo -territorio. Noi non
impediamo al lavoratori di
scioperare, perché è un loro diritto, facciamò comprendere loro che è inopportuno farlo per scelta di,
mero ,opportunismo.
Quanto all'unità sindàcale
ribadiamo ancora uIlà volta che sul testo unico sulla
rappresentanza ci siamo
dichiarati immediatamente disponibili a1I'ap-
dellaFiomha generato mol~
ta confusione tra i lavoratori
. riguardo' all'informazione
sunarichìest~di prad uzione
aggiuntiva di 3!)OO motori
nel mese di:giugno. A dirlo
sono i sindacati provinciali
FIM,. UILM,FISMIC e
UGLM. "Era del tutto scon·
tato che, per soddisfare tale
esigenza, bisognavaricorre~
re alto straordinario art,5 del
CCSL, per chi non lo sapesse, senzail preventivo accor-
do sindacale che prevede
..1?O ore pro capite di straordinario a turni interi. Come
pure era scontato che perfare la turnazio ne prevista fosse necessario derogare al
d.1gs n. 66/03 in Via eccezionaleilriposo delle35 oresettimanali, previste dallo stesso decreto. Non abbiamo
anca ~a capito quale reato sia
stato commesso. Piuttosto
sarebbe opportuno che la
<Fiom chiarisse la reale linea
politica dellforganizzazione
dal momento che in Piat
asteggialo straordinario e in
altri stabilimenti, a noi vicini, lo avalla e non solo. 'Comunque sia, al contrario di
quanto sostenuto, proprio
l'aver compreso la criticità
del momento ci spinge responsabilmen te a rispettare
quanto. concordato, n.el
J:ì.APPORTO ISTAT
(-4,6%) e Sardegna (-18,1 %).
L'aumento delle esportazioni di autoveicoli,da! Piemonte, di metalli di base
e prodotti in metallo, esclusi macchine
o
.rMOb~one,
SOSpesa
.Export +18,1%, Puglia prima in Italia
La Puglia è prima in Italia cdn un aumento'dell'export del 18,1%, seguita
dalle Marche con un distacco di quasi
8 pU'nti (+10,5%). Tra le regioni che forniscono un confributo rilevante alla
c.t'escita tendenziale dell'export nazionale nel primo trimestre 2014 si segnalano Emilia-Romagna (+5,9%), Piemonte(+6,9%), Veneto(+2,7%), Puglla
(+18,1 %) e Marche(+10,5%). Tra quelle che contribuiscono a frenare
l'espansione dell'export nazionale si
segnalano Sicilia (-15,6%), Toscana
plicazione. Tuttavia, all'interno della nostra categoria,
per motivi ormai noti, quell'accordo dopo sei mesi non
è ancora applicato e certamente non per colpa nostra!
Lunedì prossimo.~nena riunionedellesegreteriesiconcarderanno le iniziative da
intraprendere negli stabilimenti Fiat dalla prossima
settimana".
I
I
le
"Abbiamo preso atto
c~e il ministro Martina
e impianti, dalla Puglia, e di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici 'dalle Marche, spiega circa 'il 60%
dell'incremento tendenziale dell'export nazionale nel 'primo trimestre
2014.L'analisi congiunta per settore e
regione di provenlt;mza della merce,
svol.ta considerando anche il loro contributo alla variazione complessiva dell'export italiano, mostra che nel primo
trimestre 2014 un significativo impulSO
alla contenuta crescita delle esporta.,.
zioni nazionali proviene dai forti incre~
menti registrati per le vendite all'estero
di metalli di base e prodotti in metallo,
esclusi macchine e impianti dalla Puglia (+163,O%).
ha fatte proprie
i
istanze di Agrinsieme,
sbloccando il paga.mento agli agricoltori
di 81,5 milioni di euro
di fondi della politica
agricola comune; per- .
tanto sospendiamo il·
presidio di protesta indetto per il 12 giugno
presso le sedi romane
de!!'Agea". Lo comunica il coordinamento
di Cia, ,Confagricoltura, Alleanza de'Ile Coo~
peratlve agroalimen~
tari. "La nostra mobilltazione-è sospesa non
annullata".
I
II
I
iIIlilll----~-:----------·---------·-------_·--.tE.
12
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
VENERDì 13 GIUGNO 2014 ~~
Ance, forse c'è l'intesa:
Biallcofiore resta al suo
posto ma con meno peso
FRANCESCO BELLIZZI
Il direttivo Ance di ierimat~
tinaèduratocircaunpaiodi
are,e si è concluso con una
sorta di "pace arro'ata" tra lo
schieramento che vuole le
dimissioni del presidente
Gerardo Biancofiore e
quello che fa riferimento a
lui.
La parola fine non è ancora
arrivata ma il desiderio ge~
nerale è quello che si legge
in stampatello su un foglio
lasciato nella sala riunioni
dj via Vista Franco ValentiDi: "serenità",
Assindtistria vuole superare lo scoglio oltre il quale
non arrivano le onde che
stanno agitando l'associazione dall'interno. '~bbia­
ma bisogno chevengaripristinata la pace il prima possibile", ha detto Pino Di Carlo ai suoi collaboratori. È
per questo che il presidente, di comune accordo con
Biancofiore e il resto dei
prese'nti, ha,proceduto con
la nomina di un comitato di
saggi incaricato proprio di
dirimereleincomprensioni
tra le parti. I componenti di
questo o~ganismo sono Eliseo Zanasi, Gianni Trisciuoglio, Piero Gentile (lo
stesso Gentile che due gior~
ni fa dichiarava di hon conoscere neanche l'ordine
l!~ii
Gianni Mongelli,
.. Gianni Trisciuoglio,
Eliseo ZAnasi e Piero
Gentile sono stati
scelti pertrovareuna
soluzionepacifica
del giorno del direttivo di le,
ri 'mattina) e l' ex' sindaco
Gianni Mongelli,
.
I saggi avranno due compiti: adeguare lo statuto diAssindustria provinciale a
quanto prescritto nel codice etico dell'associazione
nazionale, come si legge'
sull'appunto lasciato in sala; risolvere i contrasti tra le
parti utilizzando la diplomazia(giàdaoggfinizieranno le consultazioni con"i le
imprese pih rappresentative del settore del mattone).
Ma esiste anchela possibilità chela questione si risolva
in maniera più semplice:
Biancofiore roan terrebbe la
presìdenza Ance fino alla
sc"adenza naturale del mandato, in cambio di una maggiore co.ndivisione delle decisioni e aprendo una trattativa sul nome da,presentare per la successione a Di
Carlo il cui mandato scadrà
ad inizio luglio. Fino ad og·gi, Biancofiore ha cercato di
imporre il sip'ontino Gianni
Rotice come unico candidato in quota agli Edili. Nome che invece non piace a
buona parte degli ,iscritti
che vorrebbero il Iucerino
Umberto Sacco.
Dall'associazione rispondono chenonsi tratta di'nomine in quota a nessuno.
Ma da questi nomi si può
·tracciare una mappa degli
equilibri interni. agli Edili.
Equilibri decisamente
orientati verso il fronte che
avrebbe voluto le dimissioni di Gerardo Biancofiore
già pronte sul tavolo. I:unico ad essere dalla sua parte
è Eliseo Zanasi, dato che
· 'anche Mongelli dovrebbe
essere orientato sull'altro
fronte, vista la condivisione
da parte:di suo 'padre della
richiesta di dimi,ssi'oni.
È utile ricordare che l'ariemb~ggjo alla presidenza
della sezione degU Edili è
stato lanciato dal gruppo
guidato' dall'attuale' presidente di Assindustria, Pino
Di Carlo, 'Salvatore Disilluso e Gianni Trisciuoglio;
Marco Insalata, Antonio
Rosania e Piero Gentile.
Zanasi è intervenu to durante il direttivo ·di ieri utilizzando parole pernulladolcì
nei confro"ilti di gran parte
dell' assemblea. Momenti di
alta tensione ci 'sarebbero
stati tra lui e Di Carlo. Ormai, itempi della collaborazione' e della 'condivisione
di investimenti tra i due,
sembranoesseredavverofiniti.
AncheFedeleSannella, titolare della Satel srl con suo
fratello Franco, ha preso la
parola. La sua posizione, fino ad oggi, è stata equidistantemaierihalanciatoun
chiaro segnale a Biancofio-
13
re; nonostante la raccolta
firme non abbia raggiunto
una maggioranza' 'schiacçia'te, il 50% dei 126iscritti è
un dato importante di cui il
presidente degli Edili deve
tenere conto.
Il' compito a cui sono chiam!lti i saggi non è facile per-o
ché la richiesta di dimissioni è motivata dall'accusa
mossa a Biancofiore di aver
gestito l'assbciazione in
modo eccessivamente solitario. Oltre ad alcuni atti assunti senza urla condivisione da parte del direttivo, gli
viene contestato l'aver avviato un attacco alla presidenza di Cassa Edile "ingiustificato".
È stata propriò la richiesta
di dimissioni dalla guida
dell'ente paritetico fatta çla
Biancofiore a Marco Insalataa produrrel'aÌzata di scu-
di che ha dato il via alla raccolta firme per la "detronizzazione del presidente
dell'Ance. "Marco ha ricevuto due giorni fa una lettera dal tribunale in quanto
persona lesa dalla vicenda
della conc~ssione compiuta dal dirigente ai lavori
pubblici Fernando Biagini e
il consigliere centrista Massimo Laccetti. Quindi, la richiesta di Biancofiore delle
sue dimissioni per n'on aver
denunciato il fatto, è strumentale", spiega una fonte
interna a via Vista Franco
Valentini. Ma che il presidente dell'Ance non abbia
voglia di tornare a casa a
mani vuote lo testimonia
l'incarico dato ai' quattro
saggi di modificare lo statuto foggiano per recepire ì
dettaini del codice etico nazionale.
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
..•'iI>
i
"
vAttacco
I BLOCCO GINO LISA
I
.
Di Carlo: ((Denunceremo iresponsabili"
della procedura
I Ilperblocco
il ril~scio della valutaI zione di impatto ambien-
I
.
tale nazionale per l'allungamento della pista del Gino Lisa non piace nemmeno ad Assindustria.
Il suo presidente, Pino Di
Carlo, interviene nel dibattito con un unanot stampa
nella quale annuncia
"ill.1>I@",,,,.. <I!,,,b
VIlà è '!Ii.",,,,,,..<lIa
[email protected]
.. m<lIep"" <lI!-.PaeSE> ~WiII.","
"esposti ed atti nelle 'Ùver"Se sedi competenti. per far
emergere con chiarezza le
responsabilità di coloro i
quali stanno arrecando
gravi danni all'economia di
Capitanata".
"Una vicenda vergognosa
14
ed indegna per un Paese civile che non può più assistere inerme a questo deplorevole. palleggio di
competenze", continua Di
Carlo..
E ancora: "Chiam€lremo le
altre organizzazioni lm-.
prenditoriali, i sindacati, i
movimenti culturali e lediversé espressioni della società civile alla condivisione di un'azione che non
può più essere di semplice
sensfbilizzazione o den'lmcia,' ma 'che deve necessariamente puntare
all'accertamento di comportamenti dolosi e di nocumento periI nostro territorio", conclude il presidente diAssjndustria.
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
IA GA2ZE1ll'\DELMUZOGIORNO
Venerdì 13 giugno 2014
AEROPORTO LANOELLA: «I CITTADINI CON NOI .., ENNESIMO ANNUNCIO DEI CONSIGLIERI REGIONALI
le altre notizie
Sarà «battaglia» per il Lisa
Confindustria si mobilita
e «La battaglia per il Gino
Lisa è per il futuro della Capitanata e per la valorizzazione
dei suoi principali asset strategici, rispetto alla quale non
arretreremo di un solo metro)},
avverte il nuovo sindaco Franco Landella, da ieri a mezzogiorno pienamente nelle sue
funzioni. «Sono certo che in
questa partita avremo al nostro
fianco cittadini, istituzioni e
rappresentanti del mondo economico, produttivo e sindacale
della provincia di Foggia. Regione Puglia, Aeroporti di Puglia e Ministero dell'Ambiente
- precisa il primo cittadino hanno il dovere di chiarire i
termini di una situazione che
sta diventando incresciosa e
che _rischia di far perdere a
Foggia e alla Capitanata 14 milioni di euro e con essi la possibilità di costruire un pezzo
dello sviluppo del nostro territorio».
L'invito del sindaco alla società civile non si è fatto at-
tendere. Ieri Confindustria ha
annunciato che sul Gino Lisa
(prolungamento della pista a
rischio senza l'ok del ministero
sulla valutazione d'impatto ambientale: ndr) promuoverà
«esposti ed atti nelle diverse
sedi competenti, per far emergere con chiarezza le responsabilità di coloro i quali stanno
arrecando gravi danni all'economia di Capitanata}). TI presidente degli industriali foggiani, Giuseppe Di Carlo, «stigmatizza i contorni di una vicenda - si legge in una nota vergognosa ed indegna per un
Paese civile che non può più
assistere inerme a questo deplorevole palleggio di competenze. Chiameremo - dice Di
Carlo - le altre organizzazioni
imprenditoriali, i sindacati, i
movimenti culturali e le diverse espressioni della società
civile alla condivisione di
un'azione che non può più essere di semplice sensibilizzazione o denuncia, ma che deve
necessariamente
puntare
all'accertamento di comportamenti dolosi e di nocumento
per il nostro territorio».
Purtroppo gli inviti a non
mollare la presa sul Gino Lisa
piovono puntualmente solo in
presenza di notizie negative,
forse il risultato della mancanza di una tensione costante
sull'argomento da parte delle
forze politiche e sociali del territorio.
Lo conferma anche l'appello
lanciato ieri da Giannicola De
Leonardis, consigliere regionale e presidente della VII Commissione Affari Istituzionali, il
quale ricorda «l'importanza
della posta in gioco, altissima,
che non concede margini di
errori o ulteriori tentennamenti. La questione Gino Lisa, che
non riguarda solo Foggia e la
Capitanata, ma l'intero assetto
infrastrutturale regionale - ricorda il consigliere regionale deve diventare una priorità, e le
semplici rassicurazioni e giu-
15
CQt;iQ;~~4yg~(3.INg'':i\fi'.·'·.
L'EMENDAMENTO
•
L: ono Mongiello:
«Sì al tappo antiraboccoll
,
.. Solo bottiglie dotate di tappo antirabbocca per l'olio extravergine d'oliva
così da evitare che il prodotto venga
diluito. L'emendamento, proposto
dall'ono foggiarla Colomba Mongiello, votato mercoledì scorso dalla Ca·
mera «fornisce alle istituzioni italiane gli strumenti per difendere chi
vuole produrre e consumare qualità
del Made in ltaly da chi utilizza scorciatoie chimiche».
AL CINERPORTO
stificazioni non possono più bastare}).
Tutto giusto, ma non si ha
notizia di un'iniziativa congiunta in consiglio regionale
dei rappresentanti foggiani sulle disavventure del povero aeroporto di Foggia. Eppure l'interlocutore ce l'hanno di fronte,
quel presidente Vendola indicato sia da Landella che dall'ex
sindaco Gianni Mongelli come
il responsabile politico dello
stallo sul Gino Lisa.
[m.lev.J
AEROPORTO
SOSPESO
L'aerostazione
del Gino Lisa:
i lavori di
ammodernamento
sono stati
appena
conclusi
Giornata gastronomica
sulle produzioni tipiche
.. Per diffondere una nuova cultura
dell'agricoltura e del cibo, questo pomeriggio dalle ore 17 presso il Cineporto di via San Severo, la condotta di Slow Food Foggia e Monti
Dauni, in collaborazione conIa Daunia Production, ha organizzato
"Buono, pulito e giusto: la Daunia
che va piano", una giornata dedicata
alle attività delle condotta e alla valorizzazione delle produzioni di qualità della prOVincia di Foggia.
Copie ad esclusivo uso del destinatario
ILTEMA
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
La Cgil chiama a raccolta
i medici per scrivere la
mappa deidis m IL
iii
~
VENERDì
13 GIUGNO
2014
.
{.
qtI
11&
,
. LÈ DENUNCE DEGLI OPERATORI RIGUARDANO I CONTRATTI, GLI SPRECHI, LA BUROCRAZIA
E LA RIORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE: CARENZA DEL PERSONALE PRIMA CRITICITA'
MICHELE CI RULLI
indacati e pubbliche
ammin istrazi bn i,
S
ospedali e criticità di un
intero comparto che, dopo i
tagli del piano di rientro"
scontaancoraaffanniesprechi. Se ne è parlato ieri, presso la Biblioteca Anatomia
Patologica degli ospedali
Riuniti di Foggia nell'assemblea della CGIL alla quale
hanno preso parte Felice
Zinno, segretario generale,
Antonio Mazzarella,respon-
sabile medici Fp Puglia, Stefano Colellì, area medici degli OO.RR, e Biagio D'Alber-
:ta~faò!~
SlI1I&_~
~,spJreclni ..
",~...... ,....,)i
~@
to, segretario generale Pu-
glia. "Di austerità si può morire e i tagli alla sanità nel ter-
ritorio che tutti, a parole,
dicono di voler potenziar~,
in aggiunta agli spreclù e ai
privilegi che ancora oggi ed
anche a Foggia sono eviden~ ,?~ìoni" e soprattutto quel viti, mettono in evidenza la 1f zio della politica di entrare a
fragilità del sistema", dice
gamba tesa nelle scelte saniMazzarella. LaPuglia, uscita
tarie: "E' ingerenza forte, la
dal piano di rientro regiona~
.loro, e non sono mai pronti a
le, deve guardare "a chi un
condividere con noilè scelte
mesepagaimedicinaliel'al~
sanitarie", È un passaggio,
tra l'affitto, ma con una straquello della protervia deipotegia precisa", prosegue il
litici, che anche il direttore
sindacalista, che non lesina
generale. della ASL, Attilio
commenti critici verso la
Manfrini, aveva denunciato
scelta dell'assessore alle po~
negli anni addietro in occalitiche alla Salute Elena Gen~
sione di un convegno pubtile di aver scelto il carrozzoblico nella sua città natia:
ne europeo mettendo a ri~
~'Molte volte op~riamo degli
schio le contrattazioni in at ~
spostamentì di personale e
to: "La Gentile, con la quale
dopo 5 minuti aniva la chiaCGIL ha un buon rapporto,
mata del politico di turno
ha deciso di candidarsi al
che vuole impedire il moviParlamento Europeo ed ora
mento", Perla CGILlastrada
si aprirà una fase nuova per
da battere èsichiama "inter·
la scelta di un Successore:
nalizzazione"
per evi~
siamo preoccupati 'per lo
tare anche "la disomogeneistato delle trattative, che po~
tà dei servizi offerti dai ditrebbero subire una frenata",
partimenti e le carenze del
prosegue il referente regiopersonale o delle stnitture
nale del sindacato dei lavoospedaliere. Manfrini~ proratori. Da arginare, per Lucia
segue Aversa· ha detto di yo~
Aversa del distretto socio saler andare in questa direzionitario di Manfredonia, "è il
fenomeno della COlTuzione
e del malaffure dilaganti nelle pubbliche amministra-
ne, ma per quanto riguarda
l'ADI, l'assistenza domiciliare integrata, dai cui standard minimi siamo lontani,
già si parla di esternalizzare",
I controsensi dell'azienda,
secondo i sindacalisti, diventano più grandi quando
si volgelosguardosulpersonale, la più vistosa pecca del
sistema sanitario. Nonostante l'ondata di assunzioni
previste dalla legge regionale di febbraio scorso, i risul-
tati scarseggiano, innanzitutto perché la quota parte
spettante al foggiano è stata
minima (26 unità tramedici,
infermieri ed OSS), ma anche perché, denuncia Stefano Cole1lì "queste figure non
sono ancora arrivate e anche
per il prossimo step previsto
per giugno non si dice ancora niente", La seconda tranchedelle2400assunzionidisposte su tutte il territorio
avrebbe dovuto portare alla
ASL di Foggia ulteriori 70
operatori, masetutto tace"ci
sarà unaggravio di turnisupplementari per i medici". Le
accuseallaRegioneealsistema sanitario diventano più
circoscritte quando. il riferi·
mento è alla costituzione
della centrale unica appal~
tante "che non parteperché
ci sarebbero lobby di piccoli
imprenditori che hanno tutto l'interesse a mantenere lo
status quo", denuncia Biagio
D'Alberto, secondo il quale
la prima traccia visibile del
corto circuito sanitario sta
nell'identificazione degli
. sprechi considerato che "in
Puglia ci sono ancora 7-B
ospedali completamente
inutili e troppi dirigenti che
si grattano la pancia", Non
solo, perché come sottolinea
Colelli, "i direttoli dei dipartimenti con contratto prorogato hanno deciso di alzare
del 50% gli standard minimi
dell'indennità, meritre noi
viviamo nel caos da un pun~
to dì vista contrattuale",
~-~.
16
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
•
•
corsiè"'"'"Viiote, imedici battono lpugm
MASSIMO LEVANTACI
.. Da un po' di tempo nei re·
parti degli ospedali riuniti non
si fa altro che parlare di «riorganizzazione», La invocano un
po' tutti, medici e infermieri in
particolare, ovvero i più esposti
alla prevediliile ondata di su-
perlavoro che si abbatterà in
corsia quando cominceranno le
ferie estive del personale. «Già
adesso - rilevano - si fanno le
nozze con i fichi secchi: i vuoti
di organico neirepartì sono evi-
denti, ma nessuno fa niente»,
Ieri la funzione pubblica della
egil ha tenuto un'assemblea in
ospedale, convocata per discute1'e del contratto dei medici e
della «riorganizzazione» (anche qui) del servizio che farebbe
acqua al policlinico, così come
in altre strutture sanitarie della
Capitanata: si prenda, ad esempio, l'Asl che ha ridimensionato
i due ospedali di Lucera e San
Marco in Lamis - è l'accusa
mossa - senza prevedere un rafforzamento dell'assistenza sul
territorio.
. La Fp Cgil promette adesso
un'«azione sindacale incisiva»
all'interno dell'ospedale, forte
del consenso degli iscritti e di
nuove acquisizioni: «Siamo diventati il primo sindacato dei
medici ospedalieri - ha sottolineato ieri il segretario provinciale Felice Zinno - e possiamo
crescere ancora, stimolati da
un malcontento diffuso nel personale. Oggi (ieri: ndr)abbiamo
affrontato le questioni dei medici, poi faremo un'altra assemblea con il personale di comparto)}.
Il malcontento dei medici viene sintetizzato così in un'intervista alla Gazzetta da Stefano
Colelli, segretario aziendale Fp
medici: «Viviamo una serie di
Allarme suicidi in carcere
intesa Asl-Case circondariali
«& il direttore generale dell' Asl, Attilio
Manfrini e i direttori delle Case circondiali di
Foggia e Lucera, Mariella Affatato e Davide
Di Florio, hanno firmato ieri un protocollo
d'intesa per la «sorveglianza particolare» per
i detenuti con problematiche psichiche e a
rischio suicidio. «A breve - informa una nota
dell'Asl \lamedicina penitenziaria nelle case
circondariali di Foggia e Lucera sarà rafforzata grazie all'accordo stipulatOì>.
L'intervento, fmalizzato a prevenire il ri·
schio autolesivo in persone provenienti dallo
stato di libertà o condizioni di disagio ma·
nifestati da soggetti già in stato di detenzione,
prevede una intensificazione della consulenzapsicologica e neuropsichiatrica. I detenuti,
dal momento del loro arrivo e durante l'intera esecuzione della pena, riceveranno, nei
casi in cui verrà riscontrato uno stato di
disagio, assistenza psicologica da una equipe
multidisciplinare, composta da personale interno al carcere e del Dipartimento di Salute
Mentale della Asl Compito dell'equipe specializzata sarà quello di redigere unprogramma individualizzato di assistenza e cura, con
la definizione di interventi professionali specifici a breve, lungo e medio termine.
Al termine dell'esecuzione della pena, i
soggetti con problematiche psichiche che
rientreranno nel territorio di provenienza
saranno presi a carico dal personale delle
ASL competenti.
17
PREVENZIONE L'Asl di piazza libertà
contra11dizioni e di disparità al
nostro interno che ci mortifi·
cano, ma l'azienl1a finge di non
sentire. Questo e un ospedale
tra i più grandi in Puglia, ma
non esiste ancora un piano delle
emergenze-urgenze e non vorremmo che con la stagione estiva un problema di questo tipo
esploda. L'assemblea (che ha visto la presenza di una trentina
di medici: ndr) ha voluto porre
l'accento anche sulla forte disparità esistente fra i medici
con più di 5 anni di anzianità di
servizio e le figure apicali degli
11 dipartimenti: ai primi viene
negato l'adeguamento dello sti·
pendio, previsto per legge, con il
pretesto che non ci sono soldi;
ma poi scopriamo che ai secondi è stato concesso. Perché queste differenze? Anche su questo
la direzione si trincera dietro
un incomprensibile silenziO>l.
Nessuno poi riesce a spiegarsi il perché del blocco delle assunzioni ai "Riuniti": {(La Regione ha autorizzato 2440 assunzioni fra medici e personale di
comparto, tutte però sono avvenute nella Puglia centro-meridionale tralasciando Foggia
come se il problema qui non si
ponesse, E' un altro mistero dice Colelli - che 1'azienda non
chiarisce».
Anche l'assistenza sul territorio rischia il completo abbandono, denuncia Lucia Aversa
responsabile sindacale della Fp
Cgil dell'Asl. «La chiusura dei
posti letto a Lucera e San Marco
in Lamis doveva essere compensata da un'adeguata riorga·
nizzazione del servizio sui ter·
ritori. Ma la domiciliazione sanitaria resta, allo stato, ancora
sulla carta e sono centinaia i
pazienti che soffrono queste situazioni che per l'Asl però non
hanno voce in capitolo»,
.l
Copie ad esclusivo uso del destinatario
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
LA GA2{~ETTA DEL MEZZOGIORNO
ti
H4~ ~ I IV! r;, ila.]! NIt4j I~ I
i
DALLA REGIONE PER ~INERZIAAMMINISTRATIVA NEL PIANO SOCIALE DI ZONA
Commissariato l'Ambito territoriale
arischio 8milioni destinati a4paesi
FRANCESCO TROTTA
'li SAN MARCO IN LAMIS.
Troppi i ritardi e le scadenze non
rispettate (inerzia amministrativa), per cui quello che era
nell'aria da tempo si è avverato
all'indomani delle tornate elettorali comunali ed europee.
L'ambito Territoriale di San
Marco in Lamis (comprende
quattro Comuni, anche San Giovanni Rotondo, Rignano Garganico e San Nicandro Garganico)
è stato commissariato. A deci·
derlo è stata la giunta regionale
con delibera dello scorso 6 giugno. La prima conseguenza imo
mediata di questo atto potrebbe
essere lo stop al trasferimento
della cassa del piano sociale di
zona dal Comune di San Marco in
Lamis (ente capofùa) a quello del
Comune di San Giovanni Rotondo (idea in voga fino a qualche
settimana fa). La giunta regionale come commissario ad acta
ha nominato l'avvocato Giuliana
Galantina, segretario generale
del Comune di San Marco in
Lamis. Per il supporto operativo
nominati sub commissari Vittoria Gualano, responsabile del
settore affari generali e politiche
sociali del Comune di San Marco
in Lamis, Giacomo Scalzulli, segretario generale del Comune di
San Giovanni Rotondo e Emanuele Attilio Pepe, funzionario
dell'ufficio programmazione sociale del servizio programmazione sociale e iptegrazione sociosanitaria della Regione Puglia.
Un commissariamento che di
fatto sposta il peso della gestione
dai politici ai tecnici. La causa
scatenante dell'attivazione della
procedura per l'esercizio dei poteri sostitutivi da parte della regione Puglia (scattata lo scorso 18
marzo} risiede nella mancata stesura ed àdozione del piano sociale di zona, che andava fatto
entro il 28 febbraio 2014, da parte
dei quattro Comuni dell'Ambito.
Una falla che di fatto bloccava e
blocca ben otto milioni di euro di
18
fondi, in un settore alquanto delicato come quello socio assistenziale. Roba inaccettabile di
questi tempi. A San Marco in
Lamis la delibera regionale ha
scatenato letture diametralmente opposte. il sindaco Angelo Cera gongola perché è riuscito a
stappare eventuali tentativi di
scippo della cassa e della gestione
da parte di altri Comuni dell' Ambito e parla di «trionfo delle
nostre ragioni, contro il disfattismo e l'arroganza di altri. Vorrà dire qualcosa se da Barh> ha
sottolineato «hanno individuato
come commissario ad acta il segretario del nostro Comune. Ringrazio l'assessore Elena Gentile
per aver saputo volare alto in
questa vicenda ad attendo fiducioso giustizia dalla magistratura per la mia denuncia in merito alla passata. distrazione dei
fondi». Per il Partito democratico
sammarchese, all'opposizione in
comune, invece si tratta della
«certificata dichiarazione di fallimento dei quattro Comunh).
Copie ad esclusivo uso del destinatario
"
RASSEGNA STAMPA CISL FOGGIA
13/06/2014
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
'1,\.
1M·UUlì'N i IN m§!Il' IL VICESINDACO: "SIAMO PRESI PER IFONDELLln
Ospedale, Comune polemico
contro l'Asl e la Regione
«Hanno disatteso tutti gli impegni sul piano di riconversione»
e MONTE SANT'ANGELO. «Non ci prendano nitario Pacilii e l'assessore regionale alla sanità
per i fondelli, devono ascoltarci e darci delle ri· Elena Gentile, durante il quale l'Asl si disse di·
sposte. Non ci fermeremo qui, siamo pronti a dar sponibile se i medici di base lo fossero stati albattaglia politica dato che il piano di riconver- trettanto. Abbiamo incontrato i medici che vosiane voluto dalla Regione non viene rispettato». gUano avviare un percorso del genere, la quasi
È quanto denuncia alla Gazzetta Felice Scirpoli,
totalità, ma la Asl da quell'incontro» lamenta
vicesindaco e assessore alle politiche sociali e alla Scirponi «non si è minimamente attivata. Ci sia·
solidarietà, che si dice deluso dal comportamento ; mo fidati di quelle parole, sbagliando. Chiediamo
dell'Asl Foggia e della Regione Puglia sulla si· che la Asl ci ascolti, è necessario superare le
tuazione de110cale ospedale.
difficoltà derivanti dalla mancanza di molti ser·
«L'intera comunità aspetta risposte ormai da vizi. Tanti impegni e neppure una sola risposta,
troppo tempo e il nostro assessore regionale alla impegni assunti con il piano di riconversione,
salute, insieme all'Asl, continuano a ignorare le dopo la chiusura dell'ospedale. Impegni confero
richieste dell'amministrazione, gli impegni presi mati da Manfrini e dalla Gentile nell'incontro di
e le promesse disattese. Tutto questo è inaccet- febbraio, ma nulla fino ad ora si è mosso}) afferma
tabile. Monte Sant'Angelo e la sua comunita me· infine Scirpoli.
ritano più at·
tenzione, ri·
spetto e serietà.
Siamo
stanchi delle
Si attende il day surgery,
parole, è tempo di agire e
mancato
potenziamento di
anche in fretalcuni servizi
ta», continua
Scirpoli.
«A marzo
2011» la ricostruzione del vice sindaco della cit·
tadina garganica «ci fu la riconversione dell'ospedale di Monte Sant'Angelo in presidio sanitario territoriale. Ad aprile 2011 il Comune e l'Asl
fIrmarono un protocollo d'intesa dove venivano
indicati i nuovi servizi che sarebbero stati attivati. Ancora a maggio 2013 proprio l'assessore
regionale alla sanità Gentile, durante una sua
visita, annunciò "entro fine estate il day surgery e
lilla medicalizzato. Ad oggi, ancora niente, anzi.
Sono ancora tanti i problemi che invece si trova ad
affrontare la struttura ospedaliera. Diversi servizi avrebbero dovuto essere potenziati, secondo
quanto promesso dalla Regione Puglia e dai vertici dell'ASL di Foggia, ed invece la situazione non
ha fatto altro che peggiorare, lasciando diverse
migliaia di cittadini privi dei servizi essenziali.
Quanto all'ospedale di comunità «nello scorso
febbraio ci fu un incontro a Foggia con il direttore
generale dell' Asl Attilio Manfrini, il direttore sa·
l'ACCUSA
19
Copie ad esclusivo uso del destinatario
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
2 228 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content