close

Enter

Log in using OpenID

CUD 2014 - SPES di Antonio Raso, Vendita Software per

embedDownload
Gecom Paghe
CUD 2014
( Rif. rilascio vers. PAGHE 2014.00.03 )
CUD 2014
2 / 69
INDICE
CUD 2014 .......................................................................................................................................................... 3
Termini di presentazione ......................................................................................................................... 3
Novità CUD 2014..................................................................................................................................... 3
Parte A – Dati relativi al dipendente.............................................................................................................. 3
Parte B – Dati Fiscali – Altri dati ................................................................................................................... 3
Parte C – Dati previdenziali ed assistenziali INPS ........................................................................................ 4
Annotazioni ................................................................................................................................................... 5
Informazioni non più richieste nel mod. CUD 2014 ....................................................................................... 6
Destinazione dell’8 e del 5 per mille IRPEF ............................................................................................ 7
Modalità di compilazione ......................................................................................................................... 7
Gestione modello CUD .................................................................................................................................... 8
GESCUD ......................................................................................................................................................... 8
Gestione Modello CUD ............................................................................................................................ 8
Tabelle ..................................................................................................................................................... 9
Enti assistenziali ........................................................................................................................................... 9
Personalizzazioni ed annotazioni.................................................................................................................. 9
Correlazione modelli CUD in stampa .......................................................................................................... 10
Varia anno .................................................................................................................................................. 10
Gestione ................................................................................................................................................ 11
Prelievo dichiarazioni .................................................................................................................................. 11
Gestione dichiarazioni ................................................................................................................................ 12
Gestione dichiarazioni dipendenti ............................................................................................................... 14
Chiusura / Apertura dichiarazioni ................................................................................................................ 15
Stampa Modelli CUD ............................................................................................................................. 16
Istruzioni Modello CUD .......................................................................................................................... 20
Stampe di controllo ................................................................................................................................ 20
Guida alla compilazione ................................................................................................................................ 21
Guida alla compilazione di alcune caselle ............................................................................................ 21
DATI RELATIVI AL DATORE DI LAVORO ................................................................................................. 21
PARTE A – DATI RELATIVI AL DIPENDENTE .......................................................................................... 21
Sezione DATI FISCALI ............................................................................................................................... 24
Sezione ALTRI DATI .................................................................................................................................. 27
Sezione SOMME EROGATE PER L’INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA’ DEL LAVORO ................. 31
Sezione COMPENSI RELATIVI AGLI ANNI PRECEDENTI ....................................................................... 32
Sezione DATI PREVIDENZIALI ASSISTENZIALI....................................................................................... 33
Sezione DATI PREVIDENZIALI ED ASSISTENZIALI INPDAP .................................................................. 34
Casi particolari ....................................................................................................................................... 35
Lavoratori dipendenti / collaboratori ............................................................................................................ 35
Indirizzo azienda ......................................................................................................................................... 35
Dipendente riassunto .................................................................................................................................. 35
Dipendente riassunto con più erogazioni TFR ............................................................................................ 35
Dipendente deceduto.................................................................................................................................. 36
Dipendente riassunto con assenza della sezione “Altri dati – Lavoro precedente” ..................................... 36
Operazioni straordinarie ............................................................................................................................. 36
Indennità di fine mandato corrisposti ai co.co.co ........................................................................................ 38
Somme soggette a tassazione separata: incentivo all'esodo agevolato. .................................................... 38
Esposizione redditi esenti ........................................................................................................................... 38
Dettaglio campi ...................................................................................................................................... 40
PARTE A – DATI RELATIVI AL DIPENDENTE .......................................................................................... 40
PARTE B – DATI FISCALI .......................................................................................................................... 40
PARTE C – DATI PREVIDENZIALI ED ASSISTENZIALI INPS .................................................................. 51
Annotazioni ............................................................................................................................................ 55
CUD 2014
3 / 69
CUD 2014
Termini di presentazione
L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento del 15 gennaio 2014, ha approvato lo schema di certificazione
unica “CUD 2014”, per i redditi corrisposti nell’anno 2013.
La certificazione deve essere consegnata al dipendente:
entro il 28 febbraio 2014 anche in caso di cessazione di rapporto avvenuto nell’anno 2013;
entro 12 giorni dall’eventuale richiesta del dipendente che abbia cessato il rapporto nel corso dell’anno
2014.
Novità CUD 2014
La certificazione CUD 2014, rispetto al modello dell’anno precedente, presenta le differenze di seguito
elencate.
Parte A – Dati relativi al dipendente
Punto 11 “Eventi eccezionali”
I codici ammessi in tale campo sono stati modificati come di seguito descritto:
a) Introdotto il codice 2 per individuare i contribuenti residenti alla data del 18 novembre 2013 nel
territorio dei comuni della regione Sardegna colpiti dagli eventi meteorologici del novembre 2013;
b) il nuovo codice 4 sostituisce il precedente codice 7 (eliminato) per l’identificazione di “altri eventi
eccezionali”;
Per la modalità di compilazione del presente punto si rimanda alla sezione “Guida alla compilazione di
alcune caselle” (v. pag. 22).
Parte B – Dati Fiscali – Altri dati
-
Punto 130 – “Totale oneri sostenuti non esclusi dai redditi
Inserita la casella “Totale oneri sostenuti non esclusi dai redditi indicati nei punti 1 e 2” nel quale va
indicato il totale degli oneri sostenuti di cui all’articolo 10, comma 1, lett. d-bis) del TUIR, come modificato
dall’articolo 1, comma 174, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 che non è stato dedotto dai redditi indicati
nei punti 1 e 2 e per il quale è possibile la deduzione dal reddito complessivo nei periodi d’imposta
successivi.
In alternativa il sostituito può chiedere il rimborso dell’imposta corrispondente all’importo non dedotto
secondo le modalità definite on decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Il sostituto d’imposta
deve precisare nelle annotazioni (cod. CG) che il contribuente, per fruire della quota non dedotta, può
presentare la dichiarazione dei redditi, riportare tale onere negli anni successivi o chiedere il rimborso
dell’imposta corrispondente.
Il punto 130 e la relativa annotazione CG sono a gestione manuale.
CUD 2014
-
4 / 69
Punto 131 – “Totale oneri per i quali è prevista la detrazione d’imposta
Nel punto 131 deve essere indicato il totale degli oneri detraibili, comprendendo quelli per i quali spetta la
detrazione nella misura del 19% e quelli per i quali, a decorrere dal 2013, spetta la detrazione del 24%
(erogazioni liberali alle Onlus ed erogazioni liberali a partiti e movimenti politici).
Gli oneri detraibili al 24%, nel CUD 2014, devono essere analiticamente descritti nelle annotazioni (cod.
AZ) riportando per ciascuno di essi il codice e la descrizione desunti dalla tabella B delle istruzioni CUD
nonché il relativo importo (rispettivamente codici 41 e 42).
Si ricorda che, all’interno del campo “Altri oneri detraibili 19% - 24%” della sezione “Altri dati > Oneri” di
DIPE, gli oneri detraibili al 24% sono stati gestiti mediante i codici 20 (ONLUS) e 19 (partiti politici).
In fase di prelievo dei dati CUD, il programma inserisce automaticamente l’annotazione AZ con i
corrispondenti codici previsti nel CUD 2014.
Con riferimento agli oneri detraibili al 19% (da riportare nella annotazione AT già prevista), si precisa che:
- gli “Altri oneri detraibili”, precedentemente identificati dal codice 34 in DIPE, verranno riportati nel CUD
2014 con il nuovo codice 99;
- nel CUD 2014 sono stati introdotti i nuovi codici 20 (“Erogazioni liberali a favore delle popolazioni
colpite da calamità pubbliche o eventi straordinari”) e 35 (“Erogazioni liberali al fondo per
l’ammortamento di titoli di Stato”); tali codici possono essere inseriti solo manualmente in “Gestione
dichiarazioni dipendenti > Oneri detraibili/deducibili” di GESCUD.
Parte C – Dati previdenziali ed assistenziali INPS
Modalità generale di compilazione
Le istruzioni CUD 2014 prevedono come unica modalità di compilazione dei dati previdenziali e assistenziali,
l’esposizione dei dati in centesimi di euro; pertanto, sia i dati retributivi che i dati contributivi devono essere
riportati in centesimi, arrotondando per eccesso se la terza cifra decimale è uguale o superiore a 5 o per
difetto se inferiore a tale limite.
Sez. 3 – Gestione dipendenti pubblici (ex INPDAP)
Nelle istruzioni CUD 2014 viene precisato che nel punto 15 – “Codice fiscale Amministrazione” deve essere
indicato il codice fiscale della Amministrazione di Appartenenza indicata nella denuncia mensile contributiva.
In fase di prelievo, pertanto, il programma riporterà il codice fiscale indicato nella scheda “Ente
appartenenza” della gestione denuncia mensile ex INPDAP (DMA > “Gestione dichiarazioni”) se tale sezione
risulta compilata; in assenza, verrà riportato il codice fiscale dell’azienda.
Analogamente, anche il “Progressivo Azienda” (punto 16) verrà prelevato dal campo “Progressivo” della
scheda “Ente appartenenza” o, se non compilata, della scheda “Ente dichiarante” (azienda).
CUD 2014
5 / 69
Annotazioni
-
Annotazione AI – Informazioni relative ai redditi certificati
Nelle istruzioni relative alla compilazione dei punti 3 e 4 del CUD 2014, viene precisato che
nell’annotazione AI deve essere riportato il periodo di lavoro anche (novità) qualora questo sia di durata
inferiore all’anno.
Il programma riporterà sempre nell’annotazione AI la data di inizio e la data di fine del periodo di lavoro.
-
Annotazione AC – Detrazioni per carichi di famiglia
Con riferimento al punto 102 (“Detrazioni per carichi di famiglia”) nelle istruzioni CUD 2014 viene
precisato che, in caso di rapporto di lavoro inferiore all’anno solare, il sostituto calcola la detrazione per
carichi di famiglia in relazione al periodo di lavoro, salvo che il sostituito non abbia richiesto
espressamente di poterne fruire per l’intero periodo di imposta.
A tal proposito è stata inserita l’annotazione AC con la quale il sostituto comunica di aver calcolato la
detrazione per carichi di famiglia in relazione al periodo di lavoro.
Sulla base delle impostazioni della scheda “Detrazioni” di DIPE, il programma riporta l’annotazione AC in
caso di dipendente non in forza per l’intero anno per il quale non risulti contrassegnato il campo
“Detrazioni familiari: conguaglio automatico” oppure, benché contrassegnato, sia presente una delle
seguenti situazioni:
- al campo “Detrazioni familiari: mese inizio” risulti indicato un mese successivo a gennaio (valore
maggiore ad 1);
- in caso di dipendente licenziato prima del mese di dicembre, non sia indicato il valore “A” al campo
“Detrazioni familiari cessazione durante anno”.
-
Annotazione AU – Contributi per assistenza sanitaria versata ad enti aventi fini assistenziali
A partire da quest’anno, nelle annotazioni (cod. AU) devono essere evidenziati anche i contributi sanitari
che il sostituto non ha potuto escludere dal reddito, pur rientrando nei limiti prestabiliti (contributi sanitari
versati ad enti assistenziali non iscritti all’Anagrafe dei fondi sanitari e per i quali, quindi, non può essere
riconosciuto il beneficio della deducibilità; v. ente MetaSalute).
In tal caso, nell’annotazione AU va indicato l’ammontare di detti contributi che hanno concorso a formare
il reddito di lavoro dipendente, e va chiarito che le relative spese sanitarie eventualmente rimborsate
potranno essere portate in deduzione o in detrazione.
Al fine di riportare automaticamente l’annotazione AU nell’ipotesi sopra descritta il programma verifica gli
enti selezionati dall’utente all’interno della tabella “Enti assistenziali” di GESCUD per i quali, in tale sede,
risulta valorizzato il nuovo campo “Ctr. no ded.”.
Si precisa che, i contributi relativi all’ente MetaSalute vengono automaticamente considerati nella
suddetta casistica, senza necessità di inserire il relativo codice di TB0305 nella tabella “Enti assistenziali”
di GESCUD; tale automatismo viene applicato per l’anno 2013 in quanto, in fase di elaborazione della
mensilità di dicembre 2013, la contribuzione MetaSalute è stata automaticamente considerata come non
deducibile.
La contribuzione (c/azienda e c/dipendente) memorizzata nella sezione “Progressivi > Contributi sociali”
di DIPE con riferimento ai suddetti enti, pertanto, verrà evidenziata distintamente nell’annotazione AU
specificando che “le spese sanitarie rimborsate per effetto di tali contributi sono deducibili o detraibili in
sede di dichiarazione dei redditi”.
Si precisa che l’importo di tali contributi viene comunque riportato nel punto 132 del CUD (“Contributi
versati a enti e casse aventi esclusivamente fini assistenziali”).
In caso di conguaglio di più rapporti di lavoro, in presenza di contributi versati sia ad enti assistenziali
iscritti all’Anagrafe dei fondi sanitari che ad enti non iscritti, nel punto 132 del CUD verrà riportato
l’importo complessivo della contribuzione versata mentre, nell’annotazione AU verranno riportate le
diverse diciture previste, evidenziando distintamente l’importo dei contributi non esclusi dal reddito in
quanto relativi ad enti non iscritti.
CUD 2014
-
6 / 69
Annotazione AZ – Dettaglio oneri detraibili al 24%
Con riferimento agli oneri detraibili indicati al punto 131, è stato introdotta l’annotazione AZ con la quale
deve essere evidenziato il dettaglio degli oneri per i quali è prevista la detrazione nella misura del 24% (v.
sopra punto 131).
-
Annotazione BA – Dati relativi agli acconti versati in sede di assistenza fiscale
Con riferimento all’annotazione in oggetto è stata aggiunta la seguente specifica:
nel caso in cui il sostituto abbia rideterminato l’importo del secondo o unico acconto IRPEF come stabilito
dal DL. n. 76/2013 (ricalcolo acconto nella misura del 100%), nelle annotazioni (cod. BA) deve essere
indicato l’ammontare della rata ricalcolata.
A tal fine, in presenza di un importo al campo “Ricalcolo” della sezione “Progressivi > Assistenza fiscalePagina 2” di DIPE (v. comando RID2ACC, vers. PAGHE 2013.2.1), il programma inserisce l’annotazione
BA indicando, con la dicitura prevista, l’importo della 2^ rata rideterminata (somma dei valori presenti al
campo “2^ rata acconto-Totale”, colonna “debito” o “rettifiche”, ed al campo “Ricalcolo”).
-
Annotazione CC – Contributi a previdenza complementare
Con riferimento ai punti 120 e 121 (contributi a previdenza complementare) nelle istruzione CUD 2014
viene precisato che, in caso di contributi per previdenza complementare certificati in più CUD non
conguagliati, è necessario verificare che non siano stati superati i limiti di deducibilità previsti dalle norme.
A tal fine il sostituto dovrà sempre compilare le annotazioni (cod. CC), per permettere al contribuente di
effettuare tale verifica in sede di dichiarazione dei redditi.
Il programma riporta automaticamente l’annotazione CC (con dicitura fissa prevista dalle istruzioni) per
tutti i dipendenti che presentano contributi a previdenza complementare.
Informazioni non più richieste nel mod. CUD 2014
-
Dati fiscali
Eliminati i seguenti punti previsti nel modello CUD 2013:
- 118 – Detrazione fruita comparto sicurezza;
- 119 – Compenso erogato comparto sicurezza;
- 136 – Reddito al netto del contributo di perequazione;
- 137 – Contributo di perequazione;
- 352 – Compenso erogato comparto sicurezza (compensi relativi agli anni precedenti);
- 354 – Detrazione (compensi relativi agli anni precedenti).
-
Annotazioni
- Eliminata l’annotazione CA prevista nel CUD 2013, relativamente alla regolarizzazione degli
adempimenti e dei versamenti sospesi in relazione al sisma che ha interessato la regione Emilia.
- Eliminata l’annotazione CB prevista nel CUD 2013 per l’esposizione dell’importo dei benefici di qualsiasi
genere concessi dai datori di lavoro privati ai propri lavoratori in relazione agli eventi sismici nella
regione Emilia.
CUD 2014
7 / 69
Destinazione dell’8 e del 5 per mille IRPEF
Il contribuente può destinare:
l’otto per mille del gettito IRPEF allo Stato oppure ad una Istituzione religiosa;
il cinque per mille della propria IRPEF a determinate finalità.
Il sostituto d’imposta è tenuto a rilasciare l’apposita scheda debitamente compilata nella parte relativa al
periodo d’imposta nonché ai dati del sostituto e del contribuente, che i contribuenti esonerati dalla
presentazione della dichiarazione devono utilizzare per esprimere la scelta.
La scheda va consegnata a cura del contribuente entro il termine di presentazione della dichiarazione dei
redditi (Modello UNICO 2014 Persone Fisiche):
in busta chiusa allo sportello di una banca o di un ufficio postale che provvederà a trasmetterlo
all’Amministrazione finanziaria;
in alternativa ad un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (professionisti, CAF, ecc.).
La scheda per la scelta della destinazione dell’8 e del 5 per mille può essere stampata contrassegnando
l’apposita colonna “Scelta 8/5 x mille” della tabella “Correlazione modelli Cud in stampa” (GESCUD >
“sF3=Personalizzazioni”), in corrispondenza del “Tipo Cud” prescelto.
Modalità di compilazione
Dati fiscali e contributivi
Gli importi vanno espressi in centesimi di euro, arrotondando per eccesso se la terza cifra decimale è pari o
superiore a 5 o per difetto se inferiore a 5.
L’elaborazione del CUD 2014 deve essere effettuata dall’applicativo PAGHE utilizzando il comando
GESCUD che consente di elaborare e gestire le informazioni acquisite dagli archivi del dipendente nonché di
procedere alla stampa dei modelli CUD (per la stampa è disponibile anche il comando MCUD).
CUD 2014
8 / 69
Gestione modello CUD
GESCUD
Gestione Modello CUD
GESCUD è il programma di gestione delle informazioni prelevate dagli archivi del dipendente ai fini della
compilazione del modello CUD.
Per procedere alla compilazione automatica dei modelli mediante prelievo dei dati dagli archivi del
dipendente è necessario selezionare l'apposita funzione di prelievo dati; tale funzione può essere effettuata:
-
per tutte le aziende/dipendenti gestiti (“Gestione > Prelievo dichiarazioni”);
-
per tutti i dipendenti dell'azienda selezionata (“Gestione > Gestione dichiarazioni > Prelievo dichiarazioni”)
-
per il singolo dipendente selezionato (“Gestione > Gestione dichiarazioni > Gestione dichiarazioni
dipendenti > Calcolo dipendente”).
La gestione ha lo scopo di semplificare il controllo dei dati acquisiti e di consentire l’apporto di modifiche o
integrazioni.
I dati in GESCUD sono utilizzati per la compilazione del modello 770 semplificato e sono memorizzati nel file
DATICUD, presente nella directory degli archivi (CED).
Il comando va eseguito selezionando l’anno di riferimento dei redditi certificati; il programma propone
automaticamente l’anno precedente a quello indicato nella tabella “Anno e mese di elaborazione” (TB0002).
Per la gestione del modello CUD relativo ad altri anni (ad esempio CUD relativo ai redditi erogati nel 2014 a
dipendenti licenziati nel corso dell’anno stesso), è necessario selezionare la funzione “Varia anno”
(GESCUD > “Tabelle”) e indicare l’anno di elaborazione interessato; si precisa che richiamando un anno
precedente al 2013 verrà visualizzata la precedente gestione del comando GESCUD.
L’anno selezionato viene evidenziato nel campo “Anno” posto nella parte superiore destra della maschera di
avvio del comando GESCUD:
Il programma GESCUD è suddiviso nelle seguenti sezioni:
-
Tabelle: contiene alcune tabelle e funzioni per l’impostazione generale dell’elaborazione dei modelli;
-
Gestione: contiene le funzioni per la gestione dei singoli modelli CUD;
-
Stampa (comando MCUD): contiene le stampe relative ai modelli.
CUD 2014
9 / 69
Tabelle
Enti assistenziali
Tale tabella consente di selezionare ed impostare gli enti assistenziali per i quali, la cui contribuzione
sanitaria versata deve essere riportata al campo “Contributi versati a enti e casse aventi esclusivamente fini
assistenziali” (punto 132 del modello CUD 2014).
In tale tabella è necessario:
a) selezionare al campo “Ente”, il codice della tabella “Descrizione altri enti” (TB0305) corrispondente agli
enti aventi tale natura (mediante il tasto F2 è possibile visualizzare e selezionare gli enti presenti in
archivio);
b) indicare nel campo “Perc.” la percentuale contributiva versata all’ente a titolo di contributi per assistenza
sanitaria, nel caso in cui tale percentuale non corrisponda al totale della contribuzione versata
c) contrassegnare la casella “Ctr. no ded.” con riferimento agli enti assistenziali per i quali non è stato
riconosciuto il beneficio della deducibilità fiscale della relativa contribuzione versata (enti assistenziali non
iscritti all’Anagrafe dei fondi sanitari).
La contribuzione relativa a tali enti, oltre ad essere riportata nel suddetto punto 132, verrà evidenziata
distintamente nell’annotazione AU al fine di specificare che “le spese sanitarie rimborsate per effetto di
tali contributi sono deducibili o detraibili in sede di dichiarazione dei redditi
Personalizzazioni ed annotazioni
Tale tabella consente di inserire delle annotazioni fisse da riportare sui tutti i modelli CUD elaborati.
Inoltre, mediante il capo “Codice eventi eccezionali” è possibile impostare, a livello generale, la compilazione
del campo “Eventi eccezionali” del modello (punto 11 del CUD 2014, v. parag. “Guida alla compilazione di
alcune caselle”, pag. 22).
Si sottolinea che la tabella in oggetto opera su tutti i modelli CUD elaborati (i campi “Azienda”, “Filiale” in tale
sede sono disabilitati); per effettuare le stesse operazioni a livello di singola azienda o azienda/filiale è
disponibile un’analoga tabella nella sezione “Gestione > Gestione dichiarazioni”.
CUD 2014
10 / 69
Correlazione modelli CUD in stampa
Tale tabella consente di definire in fase di stampa laser quali copie stampare (originale dipendente, copia
dipendente, istruzioni, copia azienda e modulo per la scelta dell’ 8/5 per mille).
Ciascun codice “Tipo CUD” corrisponde alla rispettiva riga di correlazione, nella quale vanno contrassegnate
le caselle corrispondenti alle copie che si intendendo inserire nella stampa.
E’ possibile definire 9 diverse tipologie di stampa (righe da 1 a 9):
Nella tabella, inoltre, sono presenti le scelte relative alla generazione del file PDF (comando PDFPAG) per
l’invio o l’archiviazione dei modelli CUD.
Mese rilascio CUD:
indicare il mese nel quale deve essere generato il modello CUD in
formato PDF.
In tal caso, eseguendo il comando PDFPAG, scelta 1 o 3, per il mese
indicato nel presente campo, il programma provvederà ad inserire i
modelli CUD relativi all’anno precedente a quello in elaborazione.
Rilascio CUD licenziati nel mese:
indicare se generare mensilmente il CUD dei dipendenti licenziati tra i
modelli da inviare in formato PDF.
In tal caso, eseguendo il comando PDFPAG, scelta 1 o 3, il
programma, con riferimento ai soli dipendenti licenziati nel mese,
provvederà ad inserire i modelli CUD relativi all’anno in elaborazione.
Si precisa che con le scelte 2 e 4 del comando PDFPAG (“Elaborazione CUD – Invio / Archiviazione”), il
programma genera automaticamente, in formato pdf, i modelli CUD relativi all’anno precedente a quello in
elaborazione (solo per tali scelte al campo “Anno elaborazione” di PDFPAG viene impostato l’anno
precedente a quello in elaborazione, indicato in tabella TB0002 “Anno e mese di elaborazione”).
Varia anno
Selezionando tale scelta è possibile variare, a livello generale, l’anno di riferimento per la gestione dei
modelli CUD:
Analoga funzione è disponibile anche a livello di singola azienda nella sezione “Gestione > Gestione
dichiarazioni”.
Si precisa che richiamando un anno precedente al 2013 verrà visualizzata la precedente gestione del
comando GESCUD.
CUD 2014
11 / 69
Gestione
Tale sezione contiene le funzioni di prelievo e gestione dei dati per l’elaborazione dei modelli CUD.
Sono presenti le scelte di seguito descritte.
Prelievo dichiarazioni
Tale funzione consente di procedere alla compilazione automatica dei modelli CUD per tutti i dipendenti delle
aziende selezionate, sulla base dei dati prelevati dai rispettivi archivi.
Al campo “Tipo prelievo” è possibile selezionare la modalità di prelievo delle dichiarazioni, scegliendo tra le
seguenti opzioni:
1
Prelievo
Vengono effettuato il prelievo dei modelli CUD per le aziende per le quali tale elaborazione non
risulti già chiusa (sono comunque esclusi i dipendenti il cui modello CUD risulti elaborato
manualmente; v. pag. Errore. Il segnalibro non è definito.)
2
Prelievo e chiusura
Viene effettuato il prelievo come indicato al punto precedente e viene chiusa l’elaborazione.
3
Apertura, prelievo e chiusura
Viene effettuata e chiusa l’elaborazione dei CUD per tutte le aziende selezionate, anche se già
chiusa.
CUD 2014
12 / 69
Gestione dichiarazioni
In tale sede è possibile procedere all’elaborazione/gestione dei modelli relativi ai dipendenti dell’azienda
selezionata.
Nella parte superiore della maschera viene evidenziato l’anno di riferimento delle dichiarazioni e lo stato
(aperta o chiusa).
Mediante la scelta “Gestione dichiarazioni dipendenti” (v. parag. successivo) è possibile accedere alla
gestione del modello CUD relativo al singolo dipendente dell’azienda.
In “Gestione dichiarazioni”, inoltre, sono presenti le seguenti scelte che consentono di operare
complessivamente su tutti i modelli relativi all’azienda come di seguito descritto.
Prelievo dichiarazioni
Tale funzione consente di procedere alla compilazione automatica dei modelli CUD per tutti i dipendenti
dell’azienda, sulla base dei dati prelevati dai rispettivi archivi.
L’elaborazione complessiva per tutti i dipendenti dell’azienda consente al programma di ricostruire eventuali
posizioni dei singoli lavoratori in presenza di diversi rapporti di lavoro nell’ambito della stessa azienda.
Successivamente, all’interno della gestione del modello relativo al singolo dipendente (“Gestione
dichiarazioni dipendenti”) è comunque possibile effettuare il prelievo dei dati con riferimento al solo
dipendente selezionato, utilizzando la funzione “Calcolo dipendente”.
CUD 2014
13 / 69
Personalizzazioni ed annotazioni
In tale sezione è possibile inserire delle annotazioni fisse da riportare su tutti i CUD dell’azienda selezionata
(zero al campo “Filiale”) o di una filiale della stessa.
Il campo “Prendi indirizzo da altra filiale” consente di inserire nel CUD lo stesso indirizzo azienda per tutte
le filiali dell’azienda stessa: tale l’indirizzo viene prelevato dalla filiale specificata nel successivo campo
“Filiale”. Tale campo viene abilitato solo nel caso in cui la tabella risulti impostata con riferimento a tutte le
filiali dell’azienda selezionata (campo “Filiale” non valorizzato).
Mediante il capo “Codice eventi eccezionali” è possibile impostare, a livello azienda o azienda/filiale, la
compilazione del campo “Eventi eccezionali” del modello (punto 11 del CUD 2014, v. parag. “Guida alla
compilazione di alcune caselle”, pag. 22).
Operazioni straordinarie
Questa sezione consente di compilare correttamente il modello CUD in presenza di operazioni straordinarie.
Per istruzioni dettagliate si rinvia all’apposito paragrafo “Casi particolari – Operazioni straordinarie” (v. pag.
36).
Varia anno
Selezionando tale scelta è possibile variare, per l’azienda selezionata, l’anno di riferimento per la gestione
dei relativi modelli CUD:
Si precisa che richiamando un anno precedente al 2013 verrà visualizzata la precedente gestione del
comando GESCUD.
Annulla dichiarazioni
Tale funzione consente di eliminare tutti i modelli CUD elaborati per l’azienda selezionata.
Chiudi / Apri dichiarazione
Tale funzione consente di chiudere e, se necessario, riaprire l’elaborazione delle dichiarazioni dell’azienda.
Dopo la chiusura, le dichiarazioni dei dipendenti non potranno essere variate dell’utente ne verranno
rielaborate in caso di successivo prelievo (salvo il caso di prelievo effettuato con l’apposita opzione di
“Apertura, prelievo e chiusura”, codice 3 al campo “Tipo prelievo” di “Gestioni > Prelievo dichiarazioni”).
CUD 2014
14 / 69
La chiusura, inoltre, consente di evitare il ricalcolo delle dichiarazioni effettuato automaticamente dal
programma in fase di stampa dei modelli, velocizzando di conseguenza il processo di stampa.
Lo stato dell’elaborazione per l’azienda (aperta/chiusa) viene evidenziato nel campo “Stato” presente in
“Gestione dichiarazioni”.
Gestione dichiarazioni dipendenti
Tale sezione consente di accedere al modello CUD relativo al dipendente selezionato.
In corrispondenza del campo “Filiale” e del campo “Dipendente” è disponibile la funzione “Dichiarazioni
presenti” (Ctrl+F1) che consente di visualizzare i dipendenti per i quali risulta elaborato il modello CUD, con il
relativo stato di “manuale” o “stampato”; mediante la gestione della maschera di ricerca e selezione
(“Modifica vista”) è possibile inserire nella funzione di ricerca ulteriori dati rilevati dalla dichiarazione stessa.
Inoltre, nel campo “Dipendente” è presente la funzione “Gestione dipendenti” (Ctr+F2) che consente di
accedere all’anagrafica del dipendente selezionato.
La “Gestione dichiarazioni dipendenti” si compone di diverse scelte che consentono la gestione delle
corrispondenti sezioni previste nello schema di certificazione:
In ciascuna sezione sono riportati i vari campi previsti, con il relativo numero di riferimento all’interno del
modello.
Oltre alle scelte per l’accesso alle sezioni del modello, nella “Gestione dichiarazioni dipendenti” sono
presenti le seguenti funzioni di gestione della dichiarazione del dipendente.
CUD 2014
15 / 69
Gestione Manuale / Stampato
Selezionando tale scelta viene proposta la seguente maschera:
Dichiarazione CUD
manuale:
contrassegnando tale campo, la dichiarazione del dipendente viene convertita allo
stato “manuale”; tale operazione è necessaria al fine di consentire modifiche alla
dichiarazione e di non ricalcolare i dati in caso di successivo prelievo.
Dichiarazione CUD
stampata:
tale campo viene automaticamente aggiornato in fase di stampa del modello, al fine
di ristampare i modelli già stampati.
Lo “Stato” della dichiarazione (eventuale CUD manuale) e la situazione di “Stampato” (Si / No) vengono
evidenziati in “Gestione dichiarazioni dipendenti”, a lato del nominativo del dipendente:
Anteprima PDF
Tale funzione (analoga al pulsante
presente nella barra degli strumenti) consente di visualizzare
l’anteprima di stampa del modello CUD relativo al dipendente selezionato.
Calcolo dipendente
Tala funzione consente di effettuare il prelievo dei dati con riferimento al solo dipendente selezionato.
Annulla dichiarazione
Tale funzione consente di eliminare il modello CUD del dipendente.
Chiusura / Apertura dichiarazioni
Tale funzione consente di procedere alla chiusura o riapertura dell’elaborazione dei modelli CUD delle
aziende selezionate, indicando rispettivamente il valore “C” o “A” nel campo “Tipo elaborazione”.
La presente scelta equivale all’analoga funzione presente, a livello di singola azienda, in “Gestione
dichiarazioni” (v. pag. 13).
CUD 2014
16 / 69
Stampa Modelli CUD
Nella sezione “Stampa modelli CUD” (corrispondente al comando MCUD) sono presenti le seguenti funzioni
di stampa del modello CUD:
1. Stampa modello CUD su modulo
2. Stampa modello riepilogativo su modulo
3. Stampa modello CUD su laser
4. Stampa modello riepilogativo su laser
5. Stampa elenco Modello CUD
6. Stampa elenco Modello CUD per firma
In base all’opzione selezionata, vengono abilitati i campi utili alla selezione dei modelli da stampare:
Tipo di stampa (copie):
(solo su scelta 3)
indicare le copie che si desidera includere nella stampa, facendo
riferimento ai codici “Tipo CUD” impostati nella tabella “Correlazione
modelli CUD in stampa” (v. pag. 10);
Ristampa (Si o No):
indicare “Si” se si desidera stampare anche i modelli che risultano già
stampati (valore “Si” al campo “Stampato” presente in “Gestione
dichiarazioni dipendenti”);
Stampa solo licenziati:
indicare “Si” per procedere alla stampa dei soli modelli CUD relativi a
dipendenti licenziati; in tal caso verrà richiesta la selezione dei
dipendenti licenziati che si intendono includere nella stampa (licenziati
nell’anno oppure licenziati nel mese/anno indicato dall’utente);
Anno elaborazione:
indicare l’anno di riferimento dei modelli CUD da stampare;
Con la scelta “Stampa Elenco Mod. CUD” è possibile ottenere un elenco dei CUD in archivio.
In tal caso, vengono richieste le seguenti impostazioni:
Stampa solo totali:
indicare “S” per evidenziare solo il numero totale dei modelli elaborati
(oppure “P” per ottenere la stessa stampa senza salto pagina fra
un’azienda e l’altra);
indicare “N” per riportare il dettaglio dei dipendenti con CUD elaborato.
Tipo di stampa:
indicare quali modelli si intende rilevare, scegliendo fra elaborati (E),
manuali (M), stampati (S) o tutti (T).
Ordinamento stampa:
in caso di stampa con dettaglio dei dipendenti (valore “N” al campo
CUD 2014
17 / 69
“Stampa solo totali”), indicare “C” per riportare l’elenco dipendenti in
ordine di matricola, oppure “A” per riportare l’elenco dipendenti in ordine
alfabetico.
Nei campi “Da/A Azienda/Filiale/Matricola” vanno selezionati i limiti di ricerca e stampa dei modelli CUD.
Tale selezione può essere effettuata anche mediante le schede “Aziende” e “Filtri” della maschera di
impostazione della stampa, nelle quali è possibile anche selezionare elenchi di aziende interessate o
impostare criteri di ricerca e selezione dei dipendenti da includere nella stampa.
Con riferimento alla stampa dei modelli CUD su modulo continuo o su stampante laser (scelta 1 e 3), sono
disponibili anche i campi “Ordina per” che consentono di impostare la modalità di raggruppamento e
ordinamento dei modelli inclusi nella stampa.
L’ordinamento può essere effettuato per codice filiale, qualifica Inps, centro di costo (1, 2 o 3), reparto (1, 2 o
3) e per ordine alfabetico.
In caso di selezione dell’ordinamento alfabetico, il programma propone un ulteriore filtro che consente di
effettuare la stampa per gruppi di dipendenti:
In tale sede l’utente può definire diversi gruppi di dipendenti, indicando (con carattere maiuscolo) la prima
lettera o parte del cognome dei dipendenti interessati.
Nella scheda “ALTRO” della tabella “Personalizzazione procedura” (TB1203), il campo “Stampa laser in
modalità fronte-retro” (int. 84) permette di stampare il CUD fronte retro nelle stampanti abilitate a tale
modalità di stampa.
E’ possibile procedere alla stampa dei modelli CUD direttamente in formato pdf, senza effettuare la
“conversione PDF” della stampa laser.
A tal fine, nella maschera di impostazione del formato di stampa è presente l’opzione “Stampa grafica”
(generata direttamente in pdf), in aggiunta alla “Stampa PCL (laser)”.
CUD 2014
18 / 69
La stampa in modalità PCL è preferibile in termini di velocità nell’esecuzione della stampa.
La modalità “Stampa grafica”, però, consente di ovviare a problemi di conversione in pdf in caso di stampe
di grandi dimensioni.
In ogni caso, al fine di velocizzare il processo di stampa è consigliabile eseguire la stampa dopo la chiusura
delle dichiarazioni CUD dell’azienda (cod. 2 o 3 come tipo prelievo o funzione “Chiudi dichiarazioni” in
“Gestione dichiarazioni”); in caso contrario, infatti, prima di procedere alla stampa il programma riesegue
automaticamente il prelievo dei dati per i CUD non manuali.
Si precisa che in tutte le opzioni di invio/archiviazione dei modelli CUD mediante il comando PDFPAG viene
utilizzata la modalità di stampa grafica.
Va sottolineato che, utilizzando la modalità “Stampa PCL (laser)” (modalità proposta di default), qualora la
stampante non abbia un driver associato e non si sia contrassegnato il campo “Invio diretto”, il programma
evidenzierà la seguente segnalazione:
In tal caso, quindi, per procedere con la stampa sarà necessario associare il relativo driver o contrassegnare
il campo “Invio diretto”.
Firma elettronica legale rappresentante
E’ presente la possibilità di stampare, in modalità laser o modalità grafica, la firma elettronica del legale
rappresentante o il timbro azienda tramite la predisposizione di un’immagine rispettivamente in formato pcl o
in formato bmp, jpg o jpeg.
Il file dell’immagine dovrà essere associato nella sezione “Legale rappresentante” dell’anagrafica azienda,
nell’apposito campo “Immagine pcl firma CUD”, con o senza indicazione dell’estensione (jpeg, bmp o pcl).
L’immagine deve essere memorizzata nella directory “epaghe\image”.
Sulla base della modalità di stampa utilizzata (stampa PCL-Laser o stampa grafica), il programma
provvederà automaticamente a selezionare l’immagine del formato adeguato.
Il programma, quindi, procederà come di seguito descritto:
CUD 2014
19 / 69
in caso di stampa in formato PCL (opzione “Stampa PCL (laser)”), il programma provvederà a ricercare
(nella cartella “epaghe\image) il file in formato pcl avente la denominazione indicata al campo “Immagine
pcl firma CUD”;
in caso di stampa in formato PDF (opzione “Stampa grafica” o invio/archiviazione mediante comando
PDFPAG), il programma provvederà a ricercare (nella cartella “epaghe\image) il file il formato jpeg, jpg o
bmp avente la denominazione indicata al campo “Immagine pcl firma CUD”.
In assenza del file con formato adeguato alla modalità di stampa selezionata, non verrà inserita alcuna
immagine.
CUD riepilogativo
Fra i comandi di stampa sono presenti due opzioni (scelte 2 e 4) che consentono di stampare un CUD
riepilogativo, in modalità laser o su modulo meccanografico, con la sommatoria degli importi presenti nei
singoli modelli elaborati per l’azienda.
Oltre agli importi relativi alla tassazione ordinaria e assistenza fiscale, nel CUD riepilogativo vengono riportati
anche i valori complessivi delle sezioni relative ai redditi erogati da altri soggetti ed alle somme soggette a
tassazione separata nonché della sezione previdenziale INPS.
Inserimento codice azienda / filiale / matricola
E’ possibile riportare l’indicazione del codice dell’azienda, della filiale e della matricola nella parte superiore
della prima pagina del modello CUD.
A tal fine è necessario compilare il campo “Indicazione codice azienda/filiale/matricola” (scheda “CUD” della
tabella TB1203-“Personalizzazione procedura”, int. 115) indicando il codice A per inserire tale dato solo in
caso di archiviazione dei modelli CUD (comando PDFPAG), il codice S per inserirlo solo in caso di stampa
oppure il codice X per riportare sempre il codice in oggetto.
CUD 2014
20 / 69
Istruzioni Modello CUD
All’interno della gestione del modello CUD (GESCUD) sono visualizzabili, in formato PDF, il modello e le
istruzioni operative dell’Agenzia delle Entrate. A tal fine è possibile selezionare l’apposito pulsante nella
barra degli strumenti posta o i tasti funzione Shift+F1.
Stampe di controllo
Per la verifica e il controllo delle informazioni acquisite in GESCUD sono disponibili alcuni programmi di
stampa quali:
STADIP (scelta “Stampa storia assunzioni”) che consente la verifica della presenza di diversi
rapporti di lavoro, elencando le pagine interessate alla compilazione dei modelli CUD;
STADIP (scelta “Stampa dipendenti con altri rapporti”) che permette di avere un elenco di tutti i
dipendenti per i quali risulta compilata la sezione “Altri dati – Lavoro precedente”;
I dati vanno controllati e/o modificati negli archivi dipendente (DIPE), con riferimento all’anno 2013.
CUD 2014
21 / 69
Guida alla compilazione
Guida alla compilazione di alcune caselle
DATI RELATIVI AL DATORE DI LAVORO
Casella “Codice sede”
I sostituti d’imposta hanno l’obbligo di ricevere attraverso il flusso telematico per il tramite dell’Agenzia delle
Entrate i 730-4 dei dipendenti che hanno richiesto assistenza fiscale ad un CAF o a un professionista
abilitato.
Il sostituto d’imposta che, per proprie esigenze organizzative, intende gestire separatamente gruppi di
dipendenti, può far indirizzare i relativi modelli presso diverse sedi operative; a tal fine è necessario attribuire
a ciascuna sede/gestione un codice identificativo di tre cifre (da 001 a 999, a scelta dell’azienda) da riportare
nella casella “Codice sede” del modello CUD.
A tal fine, nella scheda “Anagrafica” di AZIE è presente il campo “Codice sede” nel quale l’utente
può indicare il codice identificativo della sede relativa ai dipendenti dell’azienda/filiale selezionata;
tale codice verrà automaticamente riportato nell’apposita casella dei rispettivi modelli CUD.
Si precisa che la casella “Codice sede” non deve essere compilata nel caso in cui il sostituto d’imposta non
intenda gestire separatamente gruppi di dipendenti ossia non abbia più sedi operative presso le quali far
pervenire i modelli 730-4.
PARTE A – DATI RELATIVI AL DIPENDENTE
Punto 8 “Previdenza complementare”
Tale casella deve essere compilata qualora il sostituto ha versato contributi e/o TFR presso una forma di
previdenza complementare o individuale oppure ha tenuto conto dei contributi versati direttamente dal
contribuente.
In tal caso dovrà essere indicato uno dei seguenti codici:
1
per i soggetti per i quali, in base a quanto previsto dall’art. 8, comma 4 del D.Lgs. n. 252/2005, è
prevista la deducibilità dei contributi versati per un importo non superiore a euro 5.164,57;
2
per i soggetti iscritti alle forme pensionistiche per le quali è stato accertato lo squilibrio finanziario ed
approvato il piano di riequilibrio da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali;
3
per i lavoratori di prima occupazione successiva alla data di entrata in vigore del D.Lgs. n. 252/2005;
4
per i dipendenti pubblici iscritti a forme pensionistiche loro destinate; in tal caso, nelle annotazioni
(cod. BD) va indicato l’importo di TFR destinato al fondo.
A per i soggetti per i quali, nel corso dell’anno, si siano verificate più situazioni riconducibili a diversi
codici; in tal caso, nelle annotazioni (cod. BD) va indicata distintamente ciascuna situazione con il
relativo codice.
I codici previsti in tale campo vengono inseriti automaticamente dal programma secondo le modalità
di seguito indicate:
2 Viene inserito per i dipendenti ai quali, nel campo “Codice fondo” (DIPE > scheda “Fondi” > riquadro
“Codici fondo previdenza”), risulta collegato un fondo di previdenza non sottoposto al limite massimo
deducibile di € 5.164,57 (flag al campo “No controllo limite deducibilità” della relativa tabella
“Anagrafica fondi”, TB0801).
3
Viene inserito per i dipendenti per i quali risulta valorizzato il campo “Data prima adesione a fondo”
presente nella scheda “Fondi” di DIPE, sempreché tale data sia successiva al 31.12.2006.
CUD 2014
22 / 69
4
Viene inserito per i dipendenti che presentano entrambe le seguenti condizioni:
a) risultano iscritti all’ex-INPDAP ovvero dipendenti per i quali al campo “Ente IVS” (DIPE > scheda
“Trattenute”) risulta collegato un ente di tabella “Descrizione altri enti” (TB0305) caratterizzato dal
codice ente interno 40;
b) aderiscono ad un fondo di previdenza complementare (codice fondo di tabella TB0801 collegato
al campo “Codice fondo” della scheda “Fondi” di DIPE).
In tal caso, oltre al codice 4 al campo “Previdenza complementare”, il programma provvede a
generare nel mod. CUD l’annotazione BD con la quale viene evidenziato l’importo del TFR destinato
al fondo di previdenza.
1
Tale codice viene inserito per tutti i soggetti che non rientrano in nessuna delle situazioni sopra
individuate e che presentano un codice fondo collegato al campo “Codice fondo” della scheda
“Fondi” di DIPE.
A Viene inserito per i soggetti per i quali, nella sezione “Altri dati – Lavoro precedente” di DIPE, è
presente un progressivo nel quale risulta valorizzato il campo “TFR destinato a fondo prev.” ed al
campo “Previdenza complementare” risulti indicato un codice diverso da quello determinato
automaticamente dal programma in base ai criteri sopra descritti.
In tal caso, oltre al codice A al campo “Previdenza complementare”, il programma provvede a
generare nel mod. CUD l’annotazione BD con la quale vengono evidenziati i diversi codici
interessati.
Diversamente, in caso di dipendente non iscritto ad un fondo di previdenza complementare, il punto
8 del CUD non verrà compilato.
Punto 9 “Data iscrizione al fondo”
Con riferimento ai dipendenti di prima occupazione successiva al 31.12.2006 ed iscritti ad un fondo di
previdenza complementare, in tale punto deve essere indicata la data di iscrizione a previdenza
complementare.
Nel punto 9 del CUD viene riportata la data indicata nel campo “Data prima adesione a fondo” della scheda
“Fondi” di DIPE.
Punto 11 “Eventi eccezionali”
La casella “Eventi eccezionali” (punto 11) deve essere compilata nei casi in cui il contribuente benefici della
sospensione dei termini relativi ai versamenti delle ritenute alla fonte.
Per la compilazione della casella in oggetto è necessario utilizzare uno dei seguenti codici:
1 per i contribuenti vittime di richieste estorsive per i quali l’articolo 20, comma 2, della legge 23 febbraio
1999, n. 44, ha disposto la proroga di tre anni dei termini di scadenza degli adempimenti fiscali
ricadenti entro un anno dalla data dell’evento lesivo;
2
per i contribuenti residenti alla data del 18 novembre 2013 nel territorio dei comuni della regione
Sardegna colpiti dagli eventi meteorologici del novembre 2013 di cui all’elenco approvato con
l’ordinanza del Commissario delegato per l’emergenza, n.3 del 22 novembre 2013, il Decreto del
Ministro dell’Economia e delle Finanze del 30 novembre 2013 ha previsto la sospensione dei termini
dei versamenti e degli adempimenti tributari scadenti nel periodo compreso tra il 18 novembre ed il 20
dicembre 2013; il decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 20 dicembre 2013 ha inoltre
previsto che la sospensione si applica anche nei confronti dei contribuenti residenti nel territorio dei
comuni indicati nelle tabelle allegate alle ordinanze del Commissario delegato per l’emergenza n.16
del 10 dicembre 2013 e nn. 17 e 18 del 12 dicembre 2013;
3
per i contribuenti, residenti alla data del 12 febbraio 2011 nel comune di Lampedusa e Linosa,
interessati dall’emergenza umanitaria legata all’afflusso di migranti dal Nord Africa, per i quali
l’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 16 giugno 2011, n. 3947, ha previsto la
sospensione dal 16 giugno 2011 al 30 giugno 2012 dei termini relativi agli adempimenti e ai versamenti
tributari scadenti nel medesimo periodo; la sospensione è stata da ultimo prorogata fino al 31 dicembre
2013 dall’art.1, comma 612, della L. 27 dicembre 2013, n.147;
CUD 2014
4
23 / 69
per i contribuenti colpiti da altri eventi eccezionali.
In caso di contemporanea presenza di più situazioni riguardanti diversi eventi eccezionali, andrà indicato il
codice dell’evento che prevede, per gli adempimenti fiscali, un periodo di sospensione più ampio.
Nel programma GESCUD, all’interno della sezione “Personalizzazioni ed annotazioni” (presente in
“Tabelle”, a livello generale, o in “Gestione>Gestione dichiarazioni” a livello di azienda/filiale), è
presente il campo “Codice eventi eccezionali”; in tale campo è possibile indicare lo specifico codice
richiesto.
Il codice indicato verrà riportato nei CUD dei soli dipendenti che presentano dell’Irpef sospesa nel
relativo campo della sezione “Altri dati – Altri progressivi” di DIPE.
Contestualmente alla compilazione della casella “Eventi eccezionali”, il programma riporterà nelle
annotazioni il codice AA, evidenziando che, “alla ripresa della riscossione, il contribuente è tenuto
autonomamente al versamento dei tributi oggetto di sospensione con le modalità previste dal provvedimento
di ripresa”.
CUD 2014
24 / 69
Sezione DATI FISCALI
Punto 2: Redditi per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all’art. 13, c. 5 e 5-bis del T.U.I.R.
In tale campo deve essere indicato l’importo dei redditi per i quali è possibile fruire della detrazione prevista
dall’art. 13, comma 5 e 5-bis del TUIR.
Il programma riporta automaticamente in tale campo la somma dei redditi inseriti nella sezione “Altri
dati – Lavoro precedente” di DIPE con il codice 2 al campo “Tipo reddito”.
Per la corretta esposizione nelle annotazioni del modello CUD è necessario che siano inserite nella suddetta
sezione di DIPE anche le date di inizio/fine del periodo di riferimento e la specifica tipologia di reddito; a tal
fine, nel campo “Codice altri redditi”, possono essere selezionati i seguenti codici:
1. Indennità per l’esercizio di pubbliche funzioni;
2. Indennità per l’esercizio di cariche pubbliche elettive;
3. Compensi per l’attività libero professionale intramuraria svolta dal personale del S.S.N.;
4. Rendite vitalizie a tempo determinato;
6. Altri assegni periodici
Redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati – Annotazione AI
Per i redditi esposti nei punti 1 e 2 della sezione “DATI FISCALI” del modello CUD, dovrà essere fornita, con
l’annotazione AI, distinta indicazione di ciascuna tipologia di reddito certificato e del relativo importo,
specificando altresì se trattasi di rapporto a tempo determinato o indeterminato.
Nell’annotazione AI deve essere indicata anche la data inizio e la data fine del periodo di lavoro.
Per i redditi inseriti nella sez. “Altri dati – Lavoro precedente” di DIPE, l’annotazione AI viene generata con le
seguenti modalità:
1. Se il campo “Tipo reddito” (“Lavoro precedente” di DIPE) è uguale a 2, nelle annotazioni viene indicata
la specifica tipologia di reddito indicata al campo “Codice altri redditi”, la dicitura tempo determinato o
indeterminato (campo “Tempo i.”), l’importo del reddito e le date di inizio/fine del periodo di riferimento
(campo “Date”).
2. Se il campo “Tipo reddito” è uguale a 1, il programma controlla il valore presente al campo “Codice
qualifica”.
- Se la qualifica è uguale a 1 (pensionati), nelle annotazioni, oltre alla tipologia “pensione” e al relativo
importo, deve essere sempre data indicazione del periodo di pensione. Il programma come data inizio
e data fine riporta rispettivamente 01/01/13 e 31/12/13, a meno che non siano state indicate date
diverse al campo “Date” della sez. “Altri dati – Lavoro precedente” di DIPE.
- Se la qualifica è diversa da 1, il programma indica la tipologia “Co.co.co.” nel caso in cui risulti
compilata anche la sezione “Collaboratori coordinati continuativi” (pulsante “co.co.co.”) presente nella
stessa sezione “Lavoro precedente”; diversamente il programma indica la tipologia “lavoro
dipendente”.
Sono in ogni caso esclusi dall’annotazione AI i redditi dei collaboratori non residenti, identificati dal
codice 5 al campo “Codice altri redditi”; tali redditi vengono evidenziati con l’annotazione AX.
Per ogni singolo reddito certificato, inoltre, nell’annotazione AI viene evidenziato l’importo eventualmente
erogato per lavoro straordinario o per premi di produttività (assoggettabili ad imposta sostitutiva 10%), con
l’indicazione della relativa ritenuta operata.
Tale indicazione viene inserita solo se:
risultino presenti degli importi assoggettabili ad imposta sostitutiva erogati da altro sostituto (progressivo
in pagina “Lavoro precedente” di DIPE, intestato ad un codice fiscale diverso da quello dell’azienda);
i suddetti importi siano stati conguagliati dal sostituto che rilascia il CUD; a tal fine il programma verifica
che il precedente datore di lavoro sia estinto (“Si” al campo “Soggetto estinto” della pagina “Lavoro
precedente”) oppure che l’utente abbia scelto di conguagliare le somme corrisposte dal precedente
sostituto (“Si” al campo “Imposta sostitutiva 10%: conguaglio somme erogate da altri sostituti”, int. 102,
della sezione “CEDOL” della tabella “Personalizzazione procedura” – TB1203).
CUD 2014
25 / 69
Addizionale comunale all’Irpef
Punto 10: Acconto 2013
In tale campo va indicato l’importo dell’addizionale comunale all’IRPEF effettivamente trattenuta a titolo
d’acconto per il periodo d’imposta 2013, comprensivo della parte eventualmente sospesa (indicata al
punto 17).
Punto 11: Saldo 2013
Va indicato l’importo dell’addizionale comunale all’IRPEF dovuto a saldo per il periodo d’imposta 2013,
relativamente al totale dei redditi di lavoro dipendente e assimilati certificati, con esclusione dei redditi
soggetti a tassazione separata o a ritenuta a titolo d’imposta; anche tale importo deve essere evidenziato
al lordo della parte eventualmente sospesa (indicata al punto 18).
L’importo da indicare come “Saldo 2013” è determinato dalla differenza fra l’importo complessivamente
dovuto per l’anno e l’importo già trattenuto a titolo di acconto (punto precedente).
Nel caso in cui l’importo del saldo 2013 sia stato determinato tenendo conto di un’eventuale
soglia di esenzione prevista dal relativo comune di riferimento, verrà inserita l’annotazione BB.
NOTA BENE
Compilazione Acconto e Saldo Addizionale Comunale all’IRPEF
A. In caso di saldo positivo ovvero add. com. complessiva dell’anno maggiore dell’acconto
effettivamente versato
- Nel punto 10 viene riportato il valore presente al campo “Acconto addizionale irpef comuni – versata”
della sez. “Progressivi – Irpef e detrazioni – Addizionali” di DIPE;
- Nel punto 11 viene riportato l’importo presente al campo “Addizionale irpef comuni – dovuta” della
sez. “Progressivi – Irpef e detrazioni – Addizionali” di DIPE.
B. In caso di saldo negativo o uguale a zero ovvero add. com. complessiva dell’anno inferiore o
uguale all’acconto effettivamente versato
- Nel punto 10 viene riportata l’add. com. complessiva dell’anno, determinata dalla somma algebrica
fra il valore presente al campo “Acconto addizionale irpef comuni – versata” ed il campo
“Addizionale irpef comuni – dovuta” della sez. “Progressivi – Irpef e detrazioni – Addizionali” di
DIPE;
- Nel punto 11 viene riportato il valore 0 (zero).
Punto 13: Acconto 2014
Va indicato l’importo dell’addizionale comunale all’Irpef dovuta, a titolo di acconto per il periodo 2014, al
Comune nel quale il contribuente ha il domicilio fiscale alla data del 1° gennaio dell’anno stesso.
Tale importo, calcolato mediante il comando ACCADD (eseguito automaticamente con l’esecuzione del
comando AZZERA), viene memorizzato al campo “Acconto addizionale Irpef comuni” della sezione
“Progressivi – Irpef e detrazioni – Addizionali” di DIPE (anno 2014) e da qui prelevato per la compilazione
del punto 13 del modello CUD.
Nel caso in cui l’importo dell’acconto 2014 sia stato determinato tenendo conto di un’eventuale
soglia di esenzione prevista dal relativo comune di riferimento, verrà evidenziata l’annotazione BN
CUD 2014
26 / 69
Punti 21, 22, 24, 26, 27: Acconti Irpef, Acc. add. comun. e Acconto cedolare secca da assistenza
fiscale
In tali campi devono essere evidenziati gli importi degli acconti Irpef, dell’acconto di addizionale comunale
nonché degli acconti relative alla cedolare secca trattenuti dal sostituto al sostituito (anche con riferimento al
coniuge) sulla base delle risultanze dell’assistenza fiscale di cui si è avvalso il dipendente.
Gli importi in oggetto devono essere indicati al netto degli eventuali interessi per rateazione o ritardato
pagamento e devono essere comprensivi degli eventuali importi sospesi indicati rispettivamente nelle caselle
23, 25 e 28.
Tali importi vengono ricavati dai rispettivi righi della sez. “Altri dati – Assistenza fiscale” di DIPE, sia con
riferimento al dichiarante che al coniuge; nei punti in oggetto verrà riportata la differenza fra il valore
complessivo delle colonne “conguagliato” e “compensato” e l’eventuale valore della colonna “interessi”.
-
Annotazione BA
Nel caso in cui il sostituto effettui il conguaglio da assistenza fiscale anche per il coniuge del dipendente,
con l’annotazione BA dovrà essere indicato il dettaglio dei rispettivi acconti versati per il dipendente e per
il coniuge.
Per quanto riguarda l’acconto di addizionale comunale (punto 24), l’importo conguagliato risulta già
suddiviso nella sezione “Assistenza fiscale” di DIPE fra dichiarante (dipendente) e coniuge, e
conseguentemente verrà distinto all’interno dell’annotazione BA.
Diversamente, per il primo e secondo (o unico) acconto Irpef (punto 21 e 22), e per il primo e secondo (o
unico) acconto cedolare secca (punto 26 e 27), l’importo effettivamente conguagliato risulta, nella
suddetta sezione, cumulato fra dichiarante e coniuge.
Nel caso in cui l’importo totale dovuto (colonna “debito” o “rettifiche”) non sia stato interamente trattenuto,
il programma provvederà a suddividere fra dichiarante e coniuge l’importo complessivamente trattenuto
(colonna “conguagliato”), in proporzione al rispettivo debito originario:
(Imp. conguagliato – Imp. interessi)
Totale debito
x debito dichiarante
=
Imp. dichiarante
(Imp. conguagliato – Imp. interessi)
Totale debito
x debito coniuge
=
Imp. coniuge
Gli importi così ottenuti verranno distintamente evidenziati nell’annotazione BA.
Come previsto nelle istruzioni CUD 2014, nell’annotazione viene evidenziato con apposita dicitura
l’importo della seconda o unica rata di acconto Irpef rideterminato ai sensi del DL. 76/2013 (acconto Irpef
determinato nella misura del 100%).
A tal fine il programma inserisce, con la dicitura prevista, l’importo della 2^ rata di acconto dovuta ai sensi
della sopra citata normativa, tenendo conto dell’importo memorizzato al campo “Ricalcolo” della sezione
“Assistenza fiscale” di DIPE (Pagina 2, riquadro “2^ rata acconto”; v. vers. PAGHE 2013.2.1).
CUD 2014
27 / 69
Sezione ALTRI DATI
Punto 102 “Detrazioni per carichi di famiglia”
In tale campo devono essere riportate esclusivamente le detrazioni spettanti per coniuge e familiari a
carico ai sensi dell’art. 12 comma 1 del TUIR; le detrazioni di cui al comma 1-bis dello stesso articolo
(detrazioni per famiglie numerose) non vanno comprese nel presente punto ma esposte solo nel
successivo punto 103.
In caso di rapporto di lavoro inferiore all’anno solare, la detrazione per carichi di famiglia deve essere
calcolata in relazione al periodo di lavoro, salvo espressa richiesta del dipendente di poterne fruire per
l’intero periodo di imposta.
A tal proposito, per i dipendenti con rapporto di lavoro inferiore all’anno solare, deve essere inserita
l’annotazione AC nel caso in cui le suddette detrazioni siano state determinate in relazione alla durata del
rapporto di lavoro (quindi non riconosciute per l’intero anno)
Il programma, sulla base delle impostazioni della scheda “Detrazioni” di DIPE, riporta l’annotazione AC in
caso di dipendente non in forza per l’intero anno per il quale non risulti contrassegnato il campo
“Detrazioni familiari: conguaglio automatico” oppure, benché contrassegnato il suddetto campo, sia
presente una delle seguenti situazioni:
- al campo “Detrazioni familiari: mese inizio” risulti indicato un mese successivo a gennaio (valore
maggiore ad 1);
- in caso di dipendente licenziato prima del mese di dicembre, non sia indicato il valore “A” al campo
“Detrazioni familiari cessazione durante anno”.
Punti 103, 104, 105, 106: Ulteriore detrazione per famiglie numerose
Punto 103: Detrazioni per famiglie numerose
In tale casella va indicata la parte dell’ulteriore detrazione per famiglie numerose che ha trovato capienza
nell’imposta lorda diminuita delle altre detrazioni.
Tale informazione viene ricalcolata dal programma in fase di generazione del modello CUD.
Il valore del campo 103 del mod. CUD viene calcolato con la seguente procedura:
• Imposta lorda (“Progr. > Irpef e detraz.” + “Altri dati > Lav. prec.” di DIPE) – Tot. detrazioni spettanti
(somma dei punti 102, 107, 108 e 109 del CUD e del campo “Ulteriore detrazione figli” di “Progr. >
Irpef e detraz.” e “Altri dati > Lav. prec.” di DIPE) = “Imposta netta”
- Se “Imposta netta” > 0
l’ulteriore detrazione per famiglie numerose è stata interamente fruita,
pertanto nel punto 103 viene riportata la somma dei valori presenti ai
campi “Ulteriore detrazione figli” delle sezioni “Progr. > Irpef e detraz.”
e “Altri dati > Lav. prec.” di DIPE.
- Se Imposta netta < 0
a) se “Ulteriore detrazione figli” (“Progr. > Irpef e detraz.” + “Altri dati > Lav. prec.”) – Imposta
netta (in valore assoluto) >0
nel punto 103 del mod. CUD viene riportato il risultato di tale differenza;
b) se “Ulteriore detrazione figli” – Imposta netta (in valore assoluto) < 0
nel punto 103 del CUD viene riportato il valore 0 (zero).
Punto 104: Credito riconosciuto per famiglie numerose
In tale casella va indicata la parte dell’ulteriore detrazione per famiglie numerose che non è stata fruita
ma è stata erogata come credito al dipendente.
Viene riportata la somma dei valori presenti nei campi “Credito ulteriore detraz. anno restituito” (“Progr. >
Irpef e detraz. > Crediti” di DIPE) e “Credito ulteriore detrazione figli” (“Altri dati – Lav. prec.” di DIPE).
CUD 2014
28 / 69
Punto 105: Credito non riconosciuto per famiglie numerose
In tale casella va indicata la parte dell’ulteriore detrazione che non è stata ne fruita come detrazione ne
erogata come credito al dipendente.
Tale valore viene determinato dalla seguente differenza:
“Ulteriore detrazione figli” (“Progr. > Irpef e detraz.” + “Altri dati > Lav. prec.”) – detraz. fruita (punto 103
del CUD) – cred. riconosciuto (punto 104 del CUD).
Contestualmente alla valorizzazione del punto 105 del CUD, il programma provvede a generare
l’annotazione BH con la quale viene evidenziata la possibilità per il contribuente di recuperare in fase di
dichiarazione dei redditi il credito non riconosciuto dal sostituto d’imposta.
Punto 106: Credito per famiglie numerose recuperato
In tale casella va indicata la parte del credito per famiglie numerose che è stata precedentemente
riconosciuta e successivamente recuperata in sede di conguaglio.
Tale valore viene rilevato dall’archivio storico delle voci di calcolo utilizzate, prelevando l’importo delle
voci di recupero appositamente collegate al campo “Trattenuta credito non più spettante” della tabella
TB1201 (generata in fase di conguaglio di fine anno) ed al campo “Codice voce trattenuta credito
ulteriore detrazione” della tabella TB0407 (generata in fase di conguaglio tardivo).
Punti 109, 110, 111, 112: Detrazioni per canoni di locazione
Punto 109: Detrazioni per canoni di locazione
In tale casella va indicata la parte di detrazione per canoni di locazione che ha trovato capienza
nell’imposta lorda diminuita delle detrazioni per carichi di famiglia e per lavoro dipendente.
Tale informazione viene ricavata come differenza fra l’importo della detrazione complessivamente
spettante (campo “Detrazione canoni locazione” della sez. “Progressivi – Irpef e detraz.” di DIPE) e la
relativa quota non fruita come detrazione ma attribuita come credito (campo “Credito detrazione art. 16”
della sez. “Progressivi – Irpef e detraz. – Crediti” di DIPE).
Punto 110: Credito riconosciuto per canoni di locazione
In tale casella va indicata la parte della detrazione per canoni di locazione che è stata erogata come
credito al dipendente.
Viene riportato il valore presente al campo “Credito detrazione art. 16 restituito” (sez. “Progressivi – Irpef
e detraz. – Crediti” di DIPE).
Punto 111: Credito non riconosciuto per canoni di locazione
In tale casella va indicata la parte della detrazione per canoni di locazione che non è stata ne fruita come
detrazione ne erogata come credito al dipendente.
Viene riportata la differenza fra l’importo complessivamente spettante (campo “Detrazione canoni
locazione” della sez. “Progressivi – Irpef e detraz.” di DIPE) e l’importo riconosciuto come detrazione e
come credito (punto 109 e 110 del CUD).
Contestualmente alla valorizzazione del punto 111 del CUD, il programma provvede a generare
l’annotazione BI con la quale viene evidenziata la possibilità per il contribuente di recuperare in fase di
dichiarazione dei redditi il credito non riconosciuto dal sostituto d’imposta.
CUD 2014
29 / 69
Punto 112: Credito per canoni di locazione recuperato
In tale casella va indicata la parte del credito per canoni di locazione che è stata precedentemente
riconosciuta e successivamente recuperata in sede di conguaglio.
Nell’applicativo PAGHE il recupero del credito erogato per canoni di locazione può verificarsi solo a
seguito dell’effettuazione di un conguaglio tardivo (comando CONGRIT).
Tale valore viene rilevato dall’archivio storico delle voci di calcolo utilizzate, prelevando l’importo della
voce di recupero appositamente collegata al campo “Codice voce trattenuta credito canoni locazione”
della tabella “Codici voce trattenute Irpef” (TB0407).
Annotazione BG: Tipologia canoni di locazione
In presenza di detrazioni per canoni di locazione, il programma genera l’annotazione BG con la quale
viene indicata la tipologia di canone detraibile con i relativi giorni e percentuale di spettanza.
Tali informazioni vengono prelevate dall’apposita sezione “canoni Locaz.” della scheda “Detrazioni” di
DIPE; si precisa che i codici “Tipo canone” indicati nella scheda ”Detrazioni” vengono riportati
nell’annotazione BG in base alla seguente correlazione:
Cod. scheda “Detrazioni”
Cod. annotazione BG
1
2
3
4
2
3
1
4
Punto 113: Totale detrazioni
In tale casella va indicato il totale complessivo delle detrazioni già indicate ai punti 102, 103, 107, 108, 109 e
118 del CUD, nel limite dell’importo effettivamente attribuito in relazione all’imposta lorda del percipiente.
In particolare, in caso di incapienza dell’imposta lorda, nei punti 102, 107 e 108 va indicato l’importo
teoricamente spettante, mentre nel punto 113 va riportato il totale effettivamente utilizzato in detrazione
dell’imposta lorda.
Il programma riporta in tale casella il minore tra il valore dell’Irpef lorda (sez. “Progressivi – Irpef e detrazioni”
+ “Altri dati – Lavoro precedente” di DIPE) ed il totale delle detrazioni inserite nei punti 102, 103, 107, 108,
109 e 118 del modello CUD.
Contributi previdenza complementare lavoratori di prima occupazione
I campi della sezione in oggetto (da 122 a 126) devono essere compilati con riferimento ai lavoratori di prima
occupazione successiva all’entrata in vigore del D.lgs 252/2005 (1° gennaio 2007).
Ai fini del prelievo il programma verifica la compilazione del campo “Data prima adesione a fondo” della
scheda “Fondi” di DIPE.
Inoltre, se presente, tale data viene riportata nel Punto 9 “Data iscrizione al fondo” della parte A Dati
generali.
-
Punto 122: Versati nell’anno
In tale punto vanno riportati i contributi (c/dipe e c/azie) versati nell’anno a previdenza complementare.
Il programma provvede a riportare la somma dei contributi indicati nei punti 120, 121 e 123 del modello
CUD (campi “Contributi previdenza complementare esclusi/non esclusi dai redditi di cui ai punti 1 e 2” e
“Eccedenti”).
-
Punto 123: Eccedenti
L’importo dei contributi dedotti nell’anno, eccedenti il limite 5.164,57 euro escluso dai punti 1 e 2, che i
lavoratori di prima occupazione possono dedurre nei venti anni successivi al quinto anno di
partecipazione alle forme pensionistiche complementari. Tale importo è già compreso nel punto 122.
CUD 2014
30 / 69
Viene riportato l’importo dei contributi dedotti nell’anno per la parte eccedente il massimale annuo
deducibile (5164.57 euro).
-
Punto 124: Importo totale
Importo complessivo dei contributi dedotti nell’anno e negli anni precedenti limitatamente ai primi cinque
anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari, a fronte dei contributi complessivamente
versati nel quinquennio.
Tale punto deve essere compilato relativamente ai soli primi cinque anni di partecipazione alle forme di
previdenza complementare.
Viene riportato l’importo presente al campo “Contributi previdenza complem. anno precedente” della
scheda “Fondi” di DIPE (riferito all’anno 2013), sommato all’importo dei contributi dedotti nell’anno (punto
120 del CUD).
A partire dal sesto anno la data prima adesione al fondo, tale campo non viene più compilato.
-
Punto 125: Differenziale
L’importo che il dipendente può portare in deduzione nei venti anni successivi al quinto d’iscrizione al
fondo.
Tale valore corrisponde alla differenza fra l’importo di 25.822,85 euro e l’importo effettivamente dedotto
nei primi cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche.
Tale ammontare deve essere indicato al netto dell’importo dei contributi già dedotti a partire dal sesto
anno.
Il programma riporta il valore presente al campo “Differenziale deducibile” della scheda “Fondi” di DIPE
(riferito all’anno 2013), al netto dell’importo dei contributi dedotti nell’anno per la parte eccedente il
massimale (punto 123 CUD).
-
Punto 126: Anni residui
Numero degli anni residui nei quali è possibile usufruire della deduzione prevista dal comma 6 dell’art. 8
del D.Lgs. 252/2005.
Tale valore viene determinato automaticamente a partire dal sesto anno la data indicata al campo “Data
prima adesione a fondo”.
Punto 132: Contributi versati a enti e casse aventi esclusivamente fini assistenziali
In tale punto vanno indicati i contributi per assistenza sanitaria versati dal sostituto e/o dal sostituito ad enti o
casse aventi esclusivamente fine assistenziale, in conformità a disposizioni di contratto o di accordo o di
regolamento aziendale.
Ai fini del prelievo automatico dei contributi da riportare nella casella in oggetto è necessaria la compilazione
dell’apposita tabella “Enti assistenziali” di GESCUD (v. pag. 9).
In tale tabella deve essere selezionato il codice della tabella “Descrizione altri enti” (TB0305) corrispondente
agli enti aventi tale natura.
In fase di elaborazione del Modello CUD, il programma preleva dalla sezione “Progressivi > Contributi
sociali” di DIPE, la contribuzione totale (c/azienda e c/dipendente) versata agli enti indicati nella tabella “Enti
assistenziali”.
Se la percentuale contributiva da versare agli enti a titolo di contributi per assistenza sanitaria non
corrisponde alla contribuzione totale, indicare la percentuale in oggetto nell’apposita colonna “Percentuale”.
Si precisa che in tale punto vengono riportati anche i contributi sanitari relativi all’ente MetaSalute nonché
quelli relativi agli enti inseriti nella tabella “Enti assistenziali” di GESCUD con valorizzazione del campo “Ctr.
no ded.”, non dedotti dal reddito imponibile (compresi nei punti 1 e 2 del CUD).
CUD 2014
31 / 69
Sezione SOMME EROGATE PER L’INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA’ DEL LAVORO
In tale sezione vanno evidenziate le informazioni relative alle somme erogate per l’incremento della
produttività del lavoro, assoggettabili ad imposta sostitutiva 10% in base a quanto previsto dall’art. 2 del
decreto legge n.93 del 27 maggio 2008, convertito con modificazioni dalla legge n.126 del 24 luglio 2008 e
prorogato per il periodo d’imposta 2013 dal D.P.C.M. del 22 gennaio 2013.
Punto 251: “Totale redditi 2013”
In tale casella va indicata la somma erogata in attuazione di accordi o contratti collettivi territoriali o aziendali
per l’incremento della produttività del lavoro, nel limite complessivo di 2.500 euro al netto delle trattenute
previdenziali obbligatorie.
Il programma riporta in tale casella la somma dei valori presenti ai campi “Retribuzione al netto dei contributi”
(riquadro “Imposta sostitutiva dl. 93/2008” della sez. “Progressivi – Irpef e detrazioni” di DIPE) e
“Retribuzione netta” (analogo riquadro della sez. “Altri dati – Lavoro precedente” di DIPE), nel limite
dell’importo indicato al campo “Importo massimo detassabile” della tabella “Altre informazioni IRPEF”
(TB0403). Si precisa che, l’importo relativo al precedente rapporto di lavoro (sez. “Altri dati – Lavoro
precedente”) viene preso in considerazione solamente se risulta conguagliato dal sostituto che rilascia il
CUD; a tal fine il programma verifica la presenza di almeno una delle seguenti condizioni:
- si tratta dello stesso datore di lavoro (codice fiscale nella sez. “Altri dati – Lav. prec.” uguale a quello
dell’azienda);
- il precedente sostituto risulta estinto (“Si” al campo “Soggetto estinto” della sez. “Altri dati – Lav. prec.”);
- l’utente ha scelto comunque di conguagliare gli importi assoggettati ad imposta sostitutiva 10% da altri
sostituti (“Si” al campo “Imposta sostitutiva 10%: conguaglio somme erogate da altri sostituti”, int. 102,
della sezione “CEDOL” della tabella “Personalizzazione procedura” – TB1203).
Punto 252: “Totale ritenute operate”
In tale casella va indicato l’importo dell’imposta sostitutiva 10% applicata sulle somme di cui al precedente
punto 251.
Tale importo viene ricavato dalla somma dei campi “Imposta” presenti nel riquadro “Imposta sostitutiva dl.
93/2008” delle sezioni “Progressivi – Irpef e detrazioni” e “Altri dati – Lavoro precedente” di DIPE. Si precisa
che, l’importo relativo al precedente rapporto di lavoro viene preso in considerazione solo se risulta
conguagliato dal sostituto che rilascia il modello CUD (vedi sopra).
Punto 253: “Ritenute sospese”
In tale casella va indicata l’imposta sostitutiva già compresa nel precedente punto 252 non trattenuta per
effetto delle disposizioni emanate a seguito di eventi eccezionali.
Il programma riporta il valore presente al campo “Imposta sostitutiva dl. 93/08 sospesa” della sezione “Altri
dati – Altri progressivi” di DIPE.
Punto 254: “Vedere istruzioni”
Tale casella deve essere contrassegnata nel caso in cui, sulle somme assoggettabili ad imposta sostitutiva
10%, il sostituto abbia applicato la tassazione Irpef ordinaria. In tal caso, l’importo in questione sarà
ricompreso nel reddito imponibile indicato nel punto 1 del CUD, ma dovrà essere riportato anche nel punto
251, senza indicare alcun importo di imposta nel punto 252.
Il programma provvede a contrassegnare la casella nel caso in cui risulti valorizzato il punto 251 e non il
punto 252.
In tal caso, nelle annotazioni (codice AF) deve essere indicata la motivazione per la quale il sostituto ha
proceduto ad applicare la tassazione ordinaria in luogo di quella sostitutiva.
Nell’annotazione viene riportata la dicitura “Richiesta da parte del sostituito…” se risulta selezionata
l’opzione “No (richiesta dipendente)” al campo “Imposta sostitutiva dl 93/08” della scheda “Altro” di DIPE
(relativamente all’anno d’imposta interessato; negli altri casi di non applicazione dell’imposta sostitutiva,
viene riportata la dicitura “Applicazione della tassazione ordinaria da parte del sostituto in quanto più
favorevole o per altre cause”.
CUD 2014
32 / 69
Annotazione AI: Informazioni relative al reddito/i certificato/i
In presenza di redditi corrisposti da altro sostituto d’imposta e conguagliati dal sostituto che rilascia il CUD,
nell’annotazione AI viene aggiunto il dettaglio delle somme erogate per premi di produttività (assoggettabili
ad imposta sostitutiva 10%) e la relativa ritenuta operata. Tale informazione, benché non obbligatoria, viene
inserita nell’annotazione al fine di consentire la distinzione delle somme (e delle ritenute) in questione riferite
ad altro sostituto e cumulate nei punti 251 e 252 del CUD.
ANNOT AZIONE
Dipendente deceduto e CUD eredi
In caso di dipendente deceduto nel corso del 2013, le somme relative a premi di produttività
eventualmente corrisposte nella mensilità di conguaglio (mese del decesso) soggette all’imposta
sostitutiva 10%, devono essere riportate, con la relativa ritenuta operata, nel modello CUD dell’erede/i e
non in quello del dipendente; a tale scopo, nella sezione “Altri dati – Eredi” di DIPE sono presenti i campi
“Retribuzioni DL. 93/2008” e “Imposta”.
In presenza di tale casistica, l’utente, prima dell’elaborazione del relativo modello CUD, dovrà intervenire
nell’anagrafica dipendente relativa al 2013 come di seguito descritto:
- inserire nel record 0 della sezione “Altri dati – Eredi” di DIPE le suddette somme erogate nella
mensilità del decesso nonché l’importo dell’imposta sostitutiva applicata;
- stornare i medesimi importi dai corrispondenti campi del riquadro “Imposta sostitutiva DL. 93/2008”
della sezione “Progressivi – Irpef e detrazioni” di DIPE.
Sezione COMPENSI RELATIVI AGLI ANNI PRECEDENTI
Tale sezione viene compilata se il soggetto nell’anno di dichiarazione, ha percepito compensi per
effetto di leggi, contratti, sentenze sopravvenute o per altre cause non dipendenti dalla volontà delle
parti, che avrebbe dovuto percepire in periodi di imposta differenti.
Per la compilazione dei punti 351, 352, 353 e 354 il programma provvede a prelevare i dati presenti nel
riquadro “Arretrati anni precedenti” della sezione “Progressivi – Indennità anzianità” di DIPE; al campo
“arretrati AP” è presente il totale degli arretrati complessivamente percepiti dal dipendente, mentre all’interno
del pulsante “Arretrati”, gli importi erogati vengono memorizzati dal programma AGGI suddivisi per tipologia
ed anno di riferimento.
Il programma di prelievo del CUD riporta il totale dei dati presenti nella sezione “Progressivi –
Indennità anzianità”; nel modello CUD, infatti, i dati non devono essere suddivisi così come previsto
nel modello 770 in base all’anno di riferimento ed in base al sostituto di imposta che ha effettuato
l’erogazione.
CUD 2014
33 / 69
Sezione DATI PREVIDENZIALI ASSISTENZIALI
Nella sezione relativa ai dati previdenziali e assistenziali sono presenti le seguenti informazioni:
-
la matricola aziendale;
-
l’ente pensionistico di appartenenza;
-
l’imponibile previdenziale del dipendente;
-
l’imponibile ai fini IVS (lavoratori iscritti alla gestione ex-Ipost)
-
l’importo dei contributi trattenuti a carico del lavoratore;
-
i mesi per i quali è stata presentata la denuncia Uniemens.
Per istruzioni approfondite in merito al contenuto dei punti richiesti si rinvia alla sezione “Dettaglio campi”.
Nell’ambito della stessa certificazione è richiesta la compilazione di più sezioni:
- in caso di variazione della matricola aziendale;
- in caso di variazione nel corso dell’anno dell’Ente pensionistico (situazione non gestita
automaticamente);
Per i dipendenti assunti successivamente al 31.12.95 senza anzianità contributiva cioè soggetti al sistema
previdenziale “contributivo” (codice “E” al campo “Gestione IVS” della scheda “Trattenute” di DIPE), in caso
di superamento del massimale annuo, il programma riporterà come imponibile previdenziale nel modello
CUD l’importo di tale massimale, rettificato in aumento o diminuzione con gli eventuali importi delle variabili
retributive del 2013, imputate nel mese di gennaio 2014.
La sezione “Dati previdenziali ed assistenziali Inps” non va compilata per:
1. collaboratori coordinati continuativi, perché prevista apposita sezione;
2. gli operai a tempo determinato ed indeterminato di aziende del settore agricolo, poiché l’obbligo della
certificazione dei dati previdenziali ed assistenziali viene assolto dall’INPS in base ai dati comunicati dal
datore di lavoro tramite le dichiarazioni trimestrali della manodopera occupata;
3. gli operai agricoli a tempo indeterminato di Cooperative previste dalla legge n.240/84 ai quali non
debbono essere certificati i dati previdenziali relativi alle forme assicurative CIG, CIGS, mobilità e ANF
versate con il sistema Uniemens.
CUD 2014
34 / 69
Per non compilare la sezione dei dati previdenziali (settore agricoltura) occorre inserire il codice 9 al campo
“Esclusione Cud” della sezione “Altri dati – Modello 01/M” di DIPE. Per inserire questo indicatore in
automatico per più dipendenti eseguire il comando FLAGCUD e selezionare l’apposita scelta 1.
Collaboratori coordinati e continuativi
Per il dettaglio del contenuto e delle modalità di compilazione della “Sezione 2 – Collaborazioni coordinate e
continuative” si rinvia al paragrafo “Dettaglio campi”.
Sezione DATI PREVIDENZIALI ED ASSISTENZIALI INPDAP
Tutte le informazioni vengono prelevate dalla “Gestione dichiarazione” del comando DMA, sommando gli
importi dei vari campi per codice fiscale del dipendente e per anno di competenza.
Le informazioni relative all’anno di competenza della dichiarazione vengono prelevate dal quadro E0.
Le informazioni relative ad anni precedenti a quello di dichiarazione vengono prelevate dal quadro V1.
In particolare, verranno compilate sezioni distinte in presenza di quadri V1 con data inferiore al 1/1/2013 e
causale 1 ovvero causale 7 per i codici motivo utilizzo 3 (regolarizzazione da sentenza), 4 (regolarizzazione
da transazione) o 5 (regolarizzazione da circolare o messaggio).
Per istruzioni in merito al contenuto dei punti richiesti si rinvia alla sezione “Dettaglio campi”.
CUD 2014
35 / 69
Casi particolari
Lavoratori dipendenti / collaboratori
In presenza di due matricole in forza con medesimo codice fiscale (stesso soggetto che risulta
contemporaneamente dipendente e collaboratore), il modello CUD viene elaborato esclusivamente con
riferimento all’anagrafica per la quale non risulta attivato il blocco del conguaglio (“Blocco conguaglio Irpef”
presente nella scheda “Altro” di DIPE).
Nel caso in cui non risulti attivata la funzione di blocco del conguaglio su nessuna matricola, il CUD viene
elaborato per l’anagrafica relativa al rapporto di lavoro subordinato e non per quella relativa al rapporto di
collaborazione
Indirizzo azienda
Per i dipendenti licenziati la comunicazione dei dati relativi all’assistenza fiscale non va effettuata e quindi
l’indirizzo dell’azienda non viene stampato. L’indirizzo della sede dell’azienda viene stampato solo per i
dipendenti in essere.
Dipendente riassunto
Per i dipendenti riassunti il CUD viene stampato riepilogando i dati complessivi fiscali (sez. “Progressivi >
Irpef e detr.” e sez. “Altri dati > Lavoro precedente”) e contributivi (sez. “Altri dati > Modello 01/M”) e
compilando la sezione redditi erogati da altri soggetti qualora si tratti di rapporti di lavoro intrattenuti con altri
datori di lavoro.
In gestione (GESCUD > “Gestione dichiarazioni dipendenti”) tutte le informazioni sono visualizzabili con
l’ultima matricola assunta, mentre le matricole precedenti non conterranno alcun dato.
Dipendente riassunto con più erogazioni TFR
Nel modello 770 Semplificato va indicato il numero delle “Comunicazioni dati certificazioni lavoro dipendente,
assimilati ed assistenza fiscale”. La circolare dell’Agenzia delle entrate n.34 del 18/4/2002, ha precisato che
le modalità di compilazione da osservare nell’ipotesi di più corresponsioni di TFR, a seguito di cessazioni del
rapporto di lavoro, relative al medesimo percipiente, comporta per lo stesso sostituto d’imposta il rilascio di
più certificazioni con l’indicazione, in ognuna di esse, dei dati relativi al TFR.
In merito a tale casistica, è presente la possibilità di scegliere come effettuare la stampa dei modelli CUD in
presenza di riassunzioni del dipendente.
Nella tabella “Personalizzazione procedura” (TB1203), scheda “CUD”, è disponibile il campo “Esposizione
TFR dipendenti con più rapporti di lavoro” (int. 65) dove sono presenti 3 scelte:
- S = vengono stampati più CUD ciascuno con il relativo TFR;
- N = il TFR è totalizzato nell’unico e ultimo CUD;
- X = viene stampato l’ultimo CUD senza TFR oppure, se presente, con quello dell’ultimo periodo, (se i
singoli CUD sono stati già consegnati).
Con la scelte S o X il numero delle certificazioni sono pari ai CUD rilasciati al termine di ciascun rapporto di
lavoro. Con la scelta N verrà considerata un'unica certificazione rilasciata.
I dati fiscali vengono stampati in modo riepilogativo soltanto nell’ultimo CUD. I singoli CUD conterranno
soltanto i dati relativi al TFR erogato.
CUD 2014
36 / 69
Dipendente deceduto
Per i dipendenti deceduti il CUD viene compilato nel seguente modo:
- Il CUD del dipendente deceduto con i dati fiscali fino al mese precedente al decesso e contributivi per il
loro intero ammontare;
- Il CUD degli eredi con i dati di loro competenza contenuti nella sez. “Altri dati – Eredi” di DIPE; nella
sezione TFR va indicata anche la quota di eredità; nelle annotazioni vanno riportati i dati anagrafici del
dipendente deceduto.
I punti da 409 a 413 vanno compilati relativamente alla certificazione intestata agli eredi e non nella
certificazione intestata al deceduto.
Dipendente riassunto con assenza della sezione “Altri dati – Lavoro precedente”
Per un dipendente licenziato e riassunto viene stampato un solo CUD con i dati dell’ultima matricola perché il
programma a parità di codice fiscale prende a riferimento la sez. “Progressivi > Irpef e detrazioni” dell’ultima
matricola.
L’assenza dei dati nella sez. “Altri dati > Lavoro precedente” di DIPE relativi al rapporto di lavoro precedente
ha portato sicuramente ad un errato conguaglio fiscale. Per ottenere due CUD è necessario modificare il
codice fiscale in una delle due matricole.
Operazioni straordinarie
In presenza di operazioni straordinarie intervenute nel corso del periodo d’imposta interessato o in quello
successivo prima del termine fissato per il rilascio della certificazione, i sostituti d’imposta sono tenuti, con la
dichiarazione Modello 770/2014 Semplificato, a comunicare i dati delle certificazioni rilasciate ai dipendenti e
assimilati, integrandoli con alcune informazioni utili all’amministrazione finanziaria.
Al fine di individuare il soggetto tenuto alla compilazione della certificazione e le modalità di compilazione
della stessa è necessario stabilire se in seguito all’operazione straordinaria si sia verificata o meno
l’estinzione del soggetto preesistente.
A. Estinzione del soggetto preesistente.
Nel caso in cui, a seguito dell’operazione straordinaria, si sia verificata l’estinzione del soggetto
preesistente, con prosecuzione dell’attività da parte di un altro soggetto è necessario individuare il
soggetto che ha effettuato le operazioni di conguaglio.
Conguaglio effettuato dal soggetto estinto
Nel caso in cui le operazioni di conguaglio siano state effettuate dal soggetto estinto (per i soggetti
licenziati prima dell’operazione) l’incorporante deve rilasciare un’unica certificazione, nella quale deve
indicare:
- nella sezione “Dati relativi al datore di lavoro ” i propri dati;
- nella parte B “Dati fiscali” i dati relativi ai redditi corrisposti nel corso del periodo d’imposta dal
soggetto estinto;
- nelle annotazioni, l’indicazione che le operazioni di conguaglio sono state effettuate dal sostituto
estinto a seguito di operazione straordinaria, riportandone il codice fiscale;
- i punti 204 e 205 non vanno compilati;
L’utente, a livello software, dovrà operare come segue:
- sostituire la ragione sociale fiscale ed il codice fiscale presenti nella scheda “Anagrafica” di AZIE
relativa all’azienda estinta, con i dati dell’azienda incorporante;
- inserire l’annotazione richiesta eventualmente utilizzando la funzione “Personalizzazioni ed
annotazioni” in “Gestione dichiarazioni” di GESCUD;
- stampare il modello CUD;
- ripristinare i dati originari nell’anagrafica dell’azienda estinta, scheda “Anagrafica”, per una corretta
stampa del Modello 770.
CUD 2014
37 / 69
Conguaglio effettuato dal soggetto risultante dall’operazione straordinaria
Nel caso in cui le operazioni di conguaglio siano state effettuate dal soggetto risultante dall’operazione
straordinaria, quest’ultimo deve rilasciare un’unica certificazione nella quale indicare:
- nella sezione “Dati relativi al datore di lavoro..” i propri dati;
- nella parte B “Dati fiscali”, i dati complessivi relativi ai redditi corrisposti al percipiente nel corso del
periodo d’imposta;
- nei punti 204 e 205, le somme ed i valori corrisposti dal soggetto estinto;
- nella parte C “Dati previdenziali ed assistenziali Inps” i dati complessivi con riferimento anche al
soggetto estinto
L’utente Paghe dovrà pertanto procedere nel seguente modo:
- accedere alla “Gestione dichiarazioni” di GESCUD;
- richiamare il codice dell’azienda incorporante;
- all’interno della scelta “Operazioni straordinarie”, indicare il codice della ditta o delle ditte estinte ai
fini del prelievo dei dati relativi alla parte C “Dati previdenziali ed assistenziali Inps” con riferimento
all’azienda estinta.
L’operazione si rende necessaria poiché, in caso di passaggio diretto del dipendente senza interruzione
del rapporto di lavoro (PSIN30 > “1 – Trasferimento dipendenti” > “Tipo trasferimento” 5, 6, 13 e 14) i dati
relativi alla parte C “Dati previdenziali ed assistenziali Inps” non vengono, infatti, trasferiti.
E’ pertanto necessario creare un legame tra l’azienda originaria e quella risultante dall’operazione
straordinaria, per consentire al programma il prelievo di tali dati utili.
B. Prosecuzione dell’attività da parte del soggetto preesistente.
In presenza di passaggio diretto di uno o più dipendenti, senza interruzione del rapporto di lavoro, da una
ditta ad un’altra (PSIN30 > “1 – Trasferimento dipendenti” > “Tipo trasferimento” 5, 6, 13 e 14) il sostituto
incorporante dovrà consegnare un’unica certificazione nella quale indicare:
- nella parte B “Dati fiscali”, i dati complessivi relativi ai redditi corrisposti al percipiente nel corso del
periodo d’imposta;
- nei punti 204 e 205, le somme e i valori corrisposti dal sostituto cedente;
- i dati relativi alla parte C “Dati previdenziali ed assistenziali Inps” con riferimento solo al suo rapporto
di lavoro dal momento che tali dati con riferimento al precedente rapporto di lavoro saranno denunciati
dall’azienda cedente.
CUD 2014
38 / 69
Indennità di fine mandato corrisposti ai co.co.co
I trattamenti di fine mandato soggetti a tassazione separata corrisposti ai collaboratori coordinati continuativi
vanno riportati nelle seguenti caselle:
- 401 (indennità, acconti, anticipazioni e somme erogate nell’anno);
- 404 (ritenuta operata nell’anno);
- 402 (acconti ed anticipazioni erogati in anni precedenti);
- 406 (ritenute operate in anni precedenti)
I dati richiesti nelle caselle 401 e 404 e nelle caselle 402 e 406 vengono prelevati dalla sezione “Progressivi
> Collaboratori” di DIPE (“pag.av.”), riportando i valori presenti ai campi “Compenso cessazione rapporto” e
“Ritenuta Irpef cessazione rapporto” con riferimento rispettivamente alla colonna “Anno” e “Anni precedenti”.
Somme soggette a tassazione separata: incentivo all'esodo agevolato.
L'agevolazione fiscale prevista dall'abrogato articolo 19, comma 4-bis (tassazione con la metà dell'aliquota
del Tfr), permane in via residuale soltanto per:
a) rapporti di lavoro cessati prima dell'entrata in vigore del Dl n. 223/2006;
b) rapporti di lavoro cessati successivamente ma in attuazione di accordi o atti di data certa anteriore alla
entrata in vigore del decreto.
Nelle suddette ipotesi a) e b), l'incentivo all'esodo agevolato dovrà comunque essere esposto nel punto 401
nel suo intero ammontare.
L’importo dell’incentivo all’esodo viene prelevato dalla sezione “Progressivi > Indennità di anzianità” di DIPE
(pulsante “Tassazione”).
Esposizione redditi esenti
Nel modello CUD è prevista l’esposizione, mediante apposite annotazioni, dei redditi che non hanno
concorso alla formazione del reddito indicato ai punti 1 e 2.
In presenza di soli redditi totalmente esenti, è obbligatorio il rilascio del modello CUD con l’inserimento nelle
annotazioni richieste dell’importo del reddito esente.
Inoltre, nel modello 770 è previsto un campo per l’indicazione dello specifico codice attribuito a ciascuna
tipologia di reddito esente (codici da 1 a 8).
Di seguito si riporta l’elenco di ciascuna tipologia di reddito esente previsto, con l’indicazione del codice
identificativo (770) e del relativo codice annotazione (CUD):
Tipologia
Codice
Annotazione
Redditi dei docenti e dei ricercatori Legge 2/2009 (abbattimento della
base imponibile pari al 90% dell’ammontare erogato)
1
BC
Redditi Legge 238/2010 per le categorie individuate dal Decreto
Ministero Economia e Finanze del 3.6.2011 (abbattimento della base
imponibile pari all’80% per le lavoratrici e al 70% per i lavoratori)
2
BM
Redditi totalmente o parzialmente esentati da imposizione in Italia in
quanto il percipiente risiede in uno Stato estero con cui è in vigore una
convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte
dirette
3
AJ
CUD 2014
39 / 69
Retribuzioni corrisposte a dipendenti residenti nel territorio dello Stato
da Enti e organismi internazionali nonché corrisposte da
rappresentanze diplomatiche e consolari e missioni
4
BQ
Redditi prodotti in zona di frontiera da soggetti residenti nel territorio
dello stato
5
AE
Somme corrisposte per borse e assegni di studio o per attività di
ricerca esenti sulla base di specifiche disposizioni normative
6
BQ
Somme erogate da parte dell’Inail
7
BQ
Somme erogate da parte dell’Inps
8
BQ
Ai fini dell’inserimento automatico delle specifiche annotazioni nel modello CUD e della successiva
compilazione del modello 770, nella sezione “Altri dati > Oneri” di DIPE è presente il campo “Somme esenti”
(codice e importo) che consente l’indicazione del codice corrispondente alla tipologia di reddito esente
ed il relativo importo.
Con riferimento ai dipendenti aventi al campo “Trattamento IRPEF” (scheda “Dati generali” di DIPE) il valore
5 “Dipendente esente irpef”, il programma compilerà le annotazioni in oggetto in base alle seguenti modalità:
- in assenza di valori ai campi codice e importo verrà compilata l’annotazione AJ prelevando l’importo dal
campo “Imponibile irpef” (“Progressivi” > “Irpef e detrazioni” di DIPE);
- in presenza dei codici 4, 6, 7 o 8 verrà compilata l’annotazione BQ prelevando l’importo dal campo
“Imponibile irpef” (“Progressivi” > “Irpef e detrazioni” di DIPE).
In tutti gli altri casi sarà necessario compilare i campi codice e importo in funzione del tipo di reddito erogato.
Fra i codici ammessi al campo “Somme esenti” è presente anche il codice esenzione 50 non previsto dalle
istruzioni del modello 770 ma utile al programma per identificare i dipendenti di aziende estere non sotituti
d’imposta.
Tale codice, in concomitanza del codice trattamento irpef 5 “Dipendente esente irpef”, permetterà di
elaborare il CUD senza riportare nessuna delle annotazioni che identificano i redditi esenti.
Con riferimento alle annotazioni BC e BM, nell’ipotesi in cui il sostituto non abbia previsto l’abbattimento
rispettivamente del 90% oppure del 70 - 80% dell’imponibile, nelle annotazioni in questione dovrà essere
indicato l’ammontare di tali somme. In tal caso le suddette annotazioni dovranno essere inserite
manualmente.
Al fine di inserire automaticamente il codice “Somme esenti” in “Altri dati” > “Oneri” di DIPE, è disponibile il
comando UTYCODESE che consente di inserire lo specifico codice per tutti i dipendenti con “Trattamento
Irpef” pari a 5 (“Dipendente esente Irpef”).
Eseguendo tal comando viene richiesta l’indicazione dell’anno con riferimento al quale si intende procedere
(viene proposto l’anno precedente a quello in elaborazione) ed il codice di esenzione da riportare nel
suddetto campo “Somme esenti”.
CUD 2014
40 / 69
Dettaglio campi
Di seguito sono elencate le caselle del modello CUD con a fianco i relativi riferimenti nel programma GecomPAGHE (pagina e campo).
PARTE A – DATI RELATIVI AL DIPENDENTE
Casella
Descrizione
Campo
(8)
Previdenza complementare
Vedi “Guida alla compilazione di alcune
caselle - Dati generali”
(9)
Data iscrizione al fondo
DIPE > scheda “Fondi”
“Data prima adesione a fondo”
(11)
Eventi eccezionali
Vedi “Guida alla compilazione di alcune
caselle - Dati generali”
PARTE B – DATI FISCALI
DATI PER LA EVENTUALE COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI
Casella
Descrizione
(1)
Redditi per i quali è possibile fruire della detrazione di cui
all’art. 13, commi 1, 2, 3 e 4 del TUIR
Campo
Progressivi > Irpef e detrazioni > Irpef
+ Imponibile irpef
Progressivi > Irpef e detrazioni > Irpef
- Contributo solidarietà
Altri dati > Lavoro precedente
+ Imponibile irpef se tipo red = 1
Altri dati > Oneri
- oneri deducibili
Altri dati > Lavoro precedente
- ctr prev.complementare
- contributi obbligatori
- altri oneri deducibili
(2)
Redditi per i quali è possibile fruire della detrazione di cui
all’art. 13, comma 5 del TUIR
Altri dati > Lavoro precedente
+ Imponibile irpef se tipo red = 2
(3)
Numero di giorni per i quali spettano le detrazioni di cui
all’art.13 c. 1,2,3 e 4 del TUIR (Lavoro dipendente)
Progressivi > Irpef e detrazioni>Irpef
+ Giorni detrazione
Altri dati > Lavoro precedente
+ Giorni detrazione
(4)
Numero di giorni per i quali spettano le detrazioni di cui
all’art.13 c. 1,2,3 e 4 del TUIR (Pensione)
GESTIONE MANUALE
CUD 2014
Casella
(5)
41 / 69
Descrizione
Campo
Ritenute irpef
Progressivi > Irpef e detrazioni >Irpef
+ Irpef netta
Progressivi > Irpef e detrazioni >Addizionali
- addizionali
Altri dati > Lavoro precedente
+ irpef netta
- addizionali
(6)
Addizionale regionale all'IRPEF
Progressivi > Irpef e detrazioni >Addizionali
+ Add. Irpef regioni dovuta
Altri dati > Lavoro precedente
+ Irpef regionale
(10)
Addizionale comunale all'IRPEF – Acconto 2013
Se addizionale dell’anno > dell’acconto
versato (saldo positivo)
Assenza di Altri dati > Lavoro precedente
Progressivi > Irpef e detrazioni >Addizionali
+ Acc. Irpef Comuni versata
Presenza di Altri dati > Lavoro precedente
Altri dati > Lavoro precedente
+ Acc. add. comunale versata
Se addizionale dell’anno < o uguale
all’acconto versato (saldo negativo o pari a
0)
Assenza di Altri dati > Lavoro precedente
somma algebrica dei seguenti campi:
Progressivi > Irpef e detrazioni >Addizionali
Acconto Irpef comuni versato
Add. Irpef comuni dovuta
Presenza di Altri dati > Lavoro precedente
se “acc. add. com.” = “Irpef comunale” di pag.
“Lavoro precedente”
somma algebrica dei seguenti campi:
Altri dati > Lavoro precedente
Acc. add. comunale versata
Progressivi > Irpef e detrazioni >Addizionali
Add. Irpef comuni dovuta
se “acc. add. com.” < “Irpef comunale” di pag.
“Lavoro precedente”
Altri dati > Lavoro precedente
Acc. add. comunale versata
(11)
Addizionale comunale all'IRPEF – Saldo 2013
Se addizionale dell’anno > dell’acconto
versato (saldo positivo)
Assenza di Altri dati > Lavoro precedente
Progressivi > Irpef e detrazioni >Addizionali
Add. Irpef comuni dovuta
Presenza di Altri dati > Lavoro precedente
Altri dati > Lavoro precedente
+ Irpef comunale
- Acc. add. comunale versata
Progressivi > Irpef e detrazioni >Addizionali
+ Add. Irpef comuni dovuta
Se addizionale dell’anno < o uguale
all’acconto versato (saldo negativo o pari a
0)
CUD 2014
42 / 69
Assenza di Altri dati > Lavoro precedente
Il campo è pari a zero
Presenza di Altri dati > Lavoro precedente
Altri dati > Lavoro precedente
+ Irpef comunale
- Acc. add. comunale versata
Progressivi > Irpef e detrazioni >Addizionali
- Add. Irpef comuni dovuta
(13)
Addizionale comunale all'IRPEF – Acconto 2014
Anno 2014
Progressivi > Irpef e detrazioni >Addizionali
Acconto add. Irpef Comuni dovuta
N.B.
La casella non viene compilata per i dipendenti
licenziati nei mesi di gennaio e febbraio 2014.
(14)
Ritenute irpef sospese
Altri dati > Altri progressivi
+ Irpef ord. sospesa
(15)
Addizionale regionale all'IRPEF sospesa
Altri dati > Altri progressivi
+ Addizionale regionale sospesa
(17)
Addizionale comunale all'IRPEF sospesa – acconto 2013
Altri dati > Altri progressivi
+ Acconto Add. Comunale sospesa
(18)
Addizionale comunale all'IRPEF sospesa – saldo 2013
Altri dati > Altri progressivi
+ Addizionale comunale sospesa
(21)
Primo acconto IRPEF trattenuto nell'anno
Altri dati > Assistenza fiscale > Pagina 2
“1^ rata acconto”
+ ”conguagliato”
+ “compensato”
- “interessi”
(22)
Secondo o unico acconto IRPEF trattenuto nell’anno
Altri dati > Assistenza fiscale > Pagina 2
“2^ rata acconto”
+ “conguagliato”
(23)
Acconti Irpef sospesi
GESTIONE MANUALE
(24)
Acconto addizionale comunale all’Irpef
Altri dati > Assistenza fiscale > Pagina 1
“Acconto comunale dichiarante”
+ ”conguagliato”
+ “compensato”
- “interessi”
“Acconto comunale coniuge”
+ “conguagliato”
+ “compensato”
- “interessi”
(25)
Acconto addizionale comunale all’Irpef sospesa
GESTIONE MANUALE
(26)
Primo rata di acconto cedolare secca
Altri dati > Assistenza fiscale > Pagina 3
“Cedolare secca locazione – 1^ rata acconto”
+ ”conguagliato”
+ “compensato”
- “interessi”
(27)
Seconda o unica rata di acconto cedolare secca
Altri dati > Assistenza fiscale > Pagina 3
“Cedolare secca locazione – 2^ rata acconto”
+ “conguagliato”
(28)
Acconti cedolare secca sospesi
GESTIONE MANUALE
CUD 2014
Casella
(36)
Descrizione
Credito IRPEF non rimborsato
43 / 69
Campo
Altri dati > Assistenza fiscale > Pagina 1
“IRPEF” / “Totale”
+ “credito”
- “conguagliato”
- “compensato”
In presenza di rettifiche:
+ “rettifiche”
- “conguagliato” (al netto degli interessi)
- “compensato”
(37)
Credito di addizionale regionale all'IRPEF non rimborsato
Altri dati > Assistenza fiscale > Pagina 1
“Addiz. regionale dichiarante”
+ “credito”
- “conguagliato”
- “compensato”
“Addiz. regionale coniuge”
+ “credito”
- “conguagliato”
- “compensato”
In presenza di rettifiche:
il programma effettua lo stesso calcolo
prelevando gli importi dalla colonna “rettifiche”
anziché dalla colonna “credito”.
(38)
Credito di addizionale comunale all’IRPEF non rimborsato
Altri dati > Assistenza fiscale > Pagina 1
“Addiz. comunale dichiarante”
+ “credito”
- “conguagliato”
- “compensato”
“Addiz. comunale coniuge”
+ “credito”
- “conguagliato”
- “compensato”
In presenza di rettifiche:
il programma effettua lo stesso calcolo
prelevando gli importi dalla colonna “rettifiche”
anziché dalla colonna “credito”.
(39)
Credito cedolare secca non rimborsato
Altri dati > Assistenza fiscale > Pagina 3
“Cedolare secca locazione – saldo” / “Totale”
+ “credito”
- “conguagliato”
- “compensato”
In presenza di rettifiche:
+ “rettifiche”
- “conguagliato” (al netto degli interessi)
- “compensato”
CUD 2014
44 / 69
ALTRI DATI
Casella
Descrizione
Campo
(101)
Imposta lorda
Tale casella viene ricalcolata applicando
sull’imponibile IRPEF (punti 1 e 2 del CUD) le
aliquote e gli scaglioni vigenti
(102)
Detrazioni per carichi di famiglia
Progressivi > Irpef e detrazioni > Irpef
+ Detrazione coniuge
+ Detrazione figli
+ Detrazione altri
Altri dati > Lavoro precedente
+ Detrazione coniuge
+ Detrazione figli
+ Detrazione altri
(103)
(104)
Detrazioni per famiglie numerose
Credito riconosciuto per famiglie numerose
Imposta lorda (Progressivi > Irpef e detrazioni
+ Altri dati > Lavoro precedente)
- punti 102, 107, 108 e 109 del CUD
= imposta netta
Se l’imposta netta > 0
punto 103 = Ulteriore detraz. (Progressivi >
Irpef e detrazioni + Altri dati > Lavoro
precedente)
Se l’imposta netta < 0
Se “Ulteriore detraz.” (Progressivi > Irpef e
detrazioni + Altri dati > Lavoro precedente) –
imposta netta > 0: l’importo viene indicato al
punto 103
Se “Ulteriore detraz.” (Progressivi > Irpef e
detrazioni + Altri dati > Lavoro precedente) –
imposta netta < 0: punto 103 = 0
Progressivi > Irpef e detrazioni > Crediti
+ Credito ulteriore detrazione anno restituito
Altri dati > Lavoro precedente
+ Credito ulteriore detrazione Figli
(105)
Credito non riconosciuto per famiglie numerose
Progressivi > Irpef e detrazioni> Irpef
+ Ulteriore detrazione Figli
Altri dati > Lavoro precedente
+ Ulteriore detrazione Figli
- punto 103 CUD
- punto 104 CUD
(106)
Credito per famiglie numerose recuperato
GESSTO
Importo voce collegata in TB0407, campo
“Codice voce trattenuta credito ulteriore
detrazione”
(107)
Detrazioni per lavoro dipendente, pensioni e redditi
assimilati
Progressivi > Irpef e detrazioni> Irpef
+ Detrazioni lavoro dipendente
Altri dati > Lavoro precedente
+ Detrazioni lavoro dipendente
(108)
Detrazioni per oneri
Progressivi > Irpef e detrazioni > Irpef
+ Detrazione per oneri
Altri dati > Lavoro precedente
+ Detrazione per oneri
CUD 2014
Casella
(109)
Descrizione
Detrazioni per canoni di locazione
45 / 69
Campo
Progressivi > Irpef e detrazioni > Irpef
+ Detrazione canoni locazione
Progressivi > Irpef e detrazioni >Crediti
- Credito detrazione art. 16
(110)
Credito riconosciuto per canoni di locazione
Progressivi > Irpef e detrazioni > Crediti
Credito detrazione art.16 restituito
(111)
Credito non riconosciuto per canoni di locazione
Progressivi > Irpef e detrazioni > Irpef
+ Detrazione canoni locazione
- punto 109 CUD
- punto 110 CUD
(112)
Credito per canoni di locazione recuperato
GESSTO
Importo della voce collegata al campo “Voce
trattenuta credito canoni locazione” di TB0407.
(113)
Totale detrazioni
Al punto 113 viene riportato il minore tra
l’irpef lorda (Progressivi > Irpef e detrazioni +
Altri dati > Lavoro precedente) e la somma dei
punti 102, 103, 107, 108, 109 e 118 del CUD.
(114)
Credito d’imposta per le imposte pagate all’estero
GESTIONE MANUALE
(120)
Contributi previdenza complementare esclusi dai redditi di
cui ai punti 1 e 2
Altri dati > Oneri
+ Contrib. previdenza complementare
Altri dati > Lavoro precedente
+ Contributi previdenza complementare
Progressivi > Contributi sociali
+ Contrib. c/dipe e c/azie versati al Fondo
M.Negri (cod. ente 30)
In presenza di un importo al campo 123
“Eccedenti”, nel punto 120 viene comunque
riportato il valore 5164,57 (massimale annuo
deducibile normalmente previsto).
(121)
Contributi previdenza complementare non esclusi dai
redditi di cui ai punti 1 e 2
Progressivi > Fondo previdenza
+ Contributo c/azie
+ contributo c/dipe
+ contributo c/dipe aggiuntivo
- contributo c/azie, sez. “Chiusura per cassa”
+ contr. c/azie, “chius. cassa” AP 2012
- contributo c/dipe, sez. “Chius. per cassa”
+ contr. c/dipe, “chius. per cassa” AP 2012
Altri dati > Oneri
- contrib. previdenza complementare
Altri dati > Lavoro precedente
+ contributi non dedotti
CUD 2014
Casella
(122)
46 / 69
Descrizione
Contributi previdenza complementare lavoratori di prima
occupazione – Versati nell’anno
Campo
(solo per i dipendenti con “Data prima
adesione a fondo” nella scheda “Fondi” di
DIPE).
Modello CUD
+ punto 120
+ punto 121
+ punto 123
(123)
Contributi previdenza complementare lavoratori di prima
occupazione – Eccedenti
(solo per i dipendenti con “Data prima
adesione a fondo” nella scheda “Fondi” di
DIPE).
Altri dati > Oneri
+ Contr. Previdenza complementare
- 5164.57 euro.
(124)
Contributi previdenza complementare lavoratori di prima
occupazione – Importo totale
(solo per i dipendenti con “Data prima
adesione a fondo” nella scheda “Fondi” di
DIPE, e solo relativamente ai primi 5 anni a
partire da tale data).
DIPE > Fondi
+ contributi previdenza compl. anno prec.
(2013)
Modello CUD
+ punto 120.
(125)
Contributi previdenza complementare lavoratori di prima
occupazione – Differenziale
(solo per i dipendenti con “Data prima
adesione a fondo” nella scheda “Fondi” di
DIPE).
DIPE > Fondi
+ Differenziale deducibile (2013)
Modello CUD
- punto 123
(126)
Contributi previdenza complementare lavoratori di prima
occupazione – Anni residui
Anno della “Data prima adesione a fondo”
+ 25
– anno di riferimento del CUD (2013) + 1
(127)
Previdenza complementare per familiari a carico
GESTIONE MANUALE
(129)
Totale oneri sostenuti esclusi dai redditi indicati nei punti 1
e2
Altri dati > Oneri
+ Contributi obbligatori
+ Erogazioni religiose
+ Contributi paesi sviluppo
+ Spese mediche assistenza hand.
+ Assegno coniuge
+ Altri oneri deducibili
[totali dei campi da 1 a 8 in GESCUD > “Gestione
dichiarazioni dipendenti” > “Oneri detraibili/deducibili” >
scheda “Oneri deducibili”]
Altri dati > Lavoro precedente
+ Contributi obbligatori
+ Altri oneri deducibili
(130)
(131)
Totale oneri sostenuti non esclusi dai redditi indicati nei
punti 1 e 2
Totale oneri per i quali è prevista la detrazione d’imposta
GESTIONE MANUALE
Altri dati > Oneri
+ Oneri detraibili
+ Altri oneri detr. 19% - 24%
CUD 2014
Casella
Descrizione
(132)
Contributi versati a enti e casse aventi esclusivamente fini
assistenziali
47 / 69
Campo
Altri dati > Oneri
Contributi versati Casse, oppure
Progressivi > Contributi sociali
+ contributi c/dipe enti
+ contributi c/azie entI
(con riferimento agli enti selezionati in tabella
“Enti assistenziali” di GESCUD e, solo per il
2013, all’ente MetaSalute)
Altri dati > Oneri
Flag assicurazioni / contributi
(134)
Assicurazioni sanitarie
(135)
Applicazione maggiore ritenuta
La casella viene barrata se la somma delle
ritenute Irpef (casella 5 del CUD) e del totale
oneri detraibili (casella 131 del CUD) risulta
maggiore dell’imposta lorda calcolata in
base agli scaglioni Irpef in vigore ed inserita
nella casella 101 del CUD. Tale controllo
viene eseguito nel caso in cui nella scheda
“Dati generali” di DIPE sia presente il codice
“Trattamento Irpef” 3 oppure 8 con il valore
A nel campo “Tassazione” di DIPE > “Dati
generali”.
(136)
Casi particolari
Codice A: GESTIONE MANUALE
Codice B: viene inserito in automatico in
presenza delle seguenti condizioni:
codice “D” o “S” al campo “Qualifica 3
inps” di DIPE > Dati Generali;
flag al campo “Applico detrazione minima”
di DIPE > Detrazioni;
campo “Detrazioni lavoro dipendente”
di DIPE > Progressivi > Irpef e detrazioni,
importo della detrazione applicata uguale
ad € 1.380
Codice C: GESTIONE MANUALE
(137)
Contributo di solidarietà
Progressivi > Irpef e detrazioni > Irpef
+ Contributo solidarietà
(138)
Contributo di solidarietà sospeso
GESTIONE MANUALE
DATI RELATIVI AI CONGUAGLI
Casella
Descrizione
(201)
Irpef da trattenere dal sostituto successivamente al 28 /02
Altri dati > Oneri
Irpef da trattenere 28.02
Campo
(203)
Irpef da versare all’erario da parte del dipendente
Altri dati > Oneri
Irpef da versare dipendente
(204)
Totale redditi conguagliato già compresa nel punto 1
(205)
Totale redditi conguagliato già compreso nel punto 2
Altri dati > Lavoro Precedente
+ Imponibile irpef, se tipo reddito = 1
- Contributi previd. complementare
- Contributi obbligatori
- Altri oneri deducibili
Altri dati > Lavoro Precedente
Imponibile irpef se tipo reddito = 2
CUD 2014
48 / 69
SOMME EROGATE PER L’INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA’ DEL LAVORO
Casella
(251)
Descrizione
Campo
Progressivi > Irpef e detrazioni> Irpef
+ Retribuzione al netto dei contributi
Totale redditi 2013
Altri dati > Lavoro Precedente
+ Retribuzione netta
Fino all’importo massimo detassabile presente
in TB0403
(252)
Progressivi > Irpef e detrazioni> Irpef
+ Imposta
Totale ritenute operate
Altri dati > Lavoro Precedente
+ Imposta
(253)
Ritenute sospese
Altri dati > Altri progressivi
Imposta sostitutiva dl 93/08 sospesa
(254)
Vedere istruzioni
La casella viene barrata in presenza del punto
251 e in assenza del punto 252.
Viene compilata l’annotazione AF.
(255)
Redditi non imponibili art. 51, comma 6 del Tuir
GESTIONE MANUALE
REDDITI ASSOGGETTATI A RITENUTA A TITOLO D’IMPOSTA
Casella
(301)
Descrizione
Totale redditi
Campo
Se “Trattamento Irpef” pari a 9 (DIPE > Dati
generali)
Progressivi > Irpef e detrazioni > Irpef
+ Imponibile Irpef
Altri dati > Lavoro Precedente
+ Imponibile Irpef
(302)
Totale ritenute Irpef
Progressivi > Irpef e detrazioni > Irpef
+ Irpef netta
Altri dati > Lavoro Precedente
+ Irpef netta
(303)
Totale addizionale regionale all’Irpef
GESTIONE MANUALE
(304)
Totale ritenute Irpef sospese
Altri dati > Altri progressivi
Irpef ordinaria sospesa
(305)
Totale addizionale regionale all’Irpef sospesa
GESTIONE MANUALE
CUD 2014
49 / 69
COMPENSI RELATIVI AGLI ANNI PRECEDENTI
Casella
Descrizione
Campo
(351)
Totale compensi arretrati per i quali è possibile fruire delle
detrazioni
Progressivi > Indennità di anzianità
Arretrati AP
(352)
Totale compensi arretrati per i quali non è possibile fruire
delle detrazioni
Progressivi > Indennità di anzianità
Arretrati AP no Detrazioni
(353)
Totale ritenute operate
Progressivi > Indennità di anzianità
Imposta arretrati AP
(354)
Totale ritenute sospese
Progressivi > Indennità di anzianità
IRPEF arr. AP sospesa
TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, INDENNITA’ EQUIPOLLENTI, ALTRE INDENNITA’ E
PRESTAZIONI IN FORMA CAPITALE
Casella
(401)
Descrizione
Indennità,
nell'anno
acconti,
anticipazioni
Campo
e
somme
erogate
Progressivi > Indennità di anzianità >
Tassazione
+ Indennità preavviso
+ indennità di buonuscita
+ patto non concorrenza
+ anticipazioni TFR
+ indennità di anzianità
+ acconti TFR
- erogazioni TFR Inps no capienza
(*)
Oppure
+ Indennità incentivo esodo
Per i co.co.co.:
Progressivi > Collaboratori > pag. 2
+ Compenso cessazione rapporto
(*)
diversa esposizione perché con diversa
percentuale
(402)
Acconti ed anticipazioni erogati in anni precedenti
Progressivi > Indennità di anzianità
+ Anticipazioni TFR (ante 2001)
+ Anticipazioni TFR (dal 2001)
+ Anticipazioni altre IA
- TFR Inps non erogato
Per i co.co.co.:
Progressivi > Collaboratori > pag. 2
Compenso cessaz. Rapp. A.P.
(403)
Detrazione
Progressivi > Indennità di anzianità >
Tassazione
+ Detrazioni 2008 (Tassazione ante 2001)
+ Detrazioni 2008 (Tassazione dal 2001)
CUD 2014
Casella
(404)
50 / 69
Descrizione
Ritenuta operata nell'anno
(405)
Ritenute sospese
(406)
Ritenute operate in anni precedenti
Campo
Progressivi > Indennità di anzianità >
Tassazione
+ Imposta (Tassazione ante 2001)
+ Imposta netta (Tassazione dal 2001)
Oppure
Progressivi > Collaboratori > pag. 2
Ritenuta Irpef cessazione rapporto
Altri dati > Altri progressivi
+ Irpef TFR1 sospesa
+ Irpef TFR2 sospesa
Progressivi > Indennità di anzianità
+ Ritenuta fiscale AP
+ Ritenuta fiscale
Per i co.co.co.:
Progressivi > Collaboratori > pag. 2
Ritenuta Irpef cessazione rapporto A.P.
(407)
Ritenute di anni precedenti sospese
Progressivi > Indennità di anzianità
Ritenute TFR sospese anni precedenti
(408)
Quota spettante per indennità erogate ai sensi art. 2122
del codice civile
Altri dati > Eredi
% di eredità
(409)
TFR maturato fino al 31/12/2000 e rimasto in azienda
Progressivi > TFR
+ quota fondo 2000
Progressivi > Indennità di anzianità
+ Anticipazioni TFR ante 2001
Progressivi > Fondo previdenza
- Smobilizzo TFR 2000
(410)
TFR maturato dall’ 01/01/2001 e rimasto in azienda
Progressivi > TFR
+ TFR Spettante
+ Anticipazioni dell’anno
- Quota fondo 2000
Progressivi > Indennità di anzianità
+ Anticipazioni TFR dal 2001
Progressivi > Fondo previdenza
+ Smobilizzo TFR 2000
(411)
TFR maturato fino al 31/12/2000 e versato al fondo
Progressivi > TFR
+ Quota TFR a previdenza 2000
Progressivi > Fondo previdenza
+ Smobilizzo TFR 2000
(412)
TFR maturato dall’1/1/2001 al 31/12/2006 e versato al
fondo
Progressivi > TFR > Anno 2007
+ Quota TFR a previdenza AP
Progressivi > Fondo previdenza
+ Smobilizzo TFR (max TFR spettante 2006)
(413)
TFR maturato dall’1/1/2007 e versato al fondo
Progressivi > TFR
+ Quota TFR a previdenza AP
+ TFR destinato previdenza
Progressivi > Fondo previdenza
+ Smobilizzo TFR
Modello CUD
- casella 412
CUD 2014
51 / 69
PARTE C – DATI PREVIDENZIALI ED ASSISTENZIALI INPS
SEZIONE 1 – LAVORATORI SUBORDINATI
( I dati vengono rettificati con quelli presenti nella terza pagina della sezione “Altri dati – Modello 01/M” di DIPE )
Casella
Descrizione
Campo
(1)
Matricola azienda
AZIE > Dati contributivi
Posizione assicurativa
(2)
Ente pensionistico (INPS)
DIPE > Trattenute
La casella viene barrata se il campo “Ente IVS”
della scheda “Trattenute” di DIPE è pari a “0”.
(3)
Ente pensionistico (Altro)
DIPE > Trattenute
La casella viene barrata se il campo “Ente IVS”
della scheda “Trattenute” di DIPE è valorizzato
con
un
codice
diverso
da
“0”
e
contestualmente sono presenti contributi INPS
nei “Progressivi > Contributi sociali” di DIPE
(Circ. Inps n. 17/2008) oppure TFR versato a
Fondo di Tesoreria.
(4)
Imponibile previdenziale
Altri dati > Modello 01/M > Pagina 1
+ Progressivo competenze
+ Altre competenze
+ Ratei differiti
Pagina 2
+ Retribuzione particolare “Tipo” P (Indennità
di preavviso)
Pagina 3 (relativamente al 2014)
+ Retribuzioni
+ Altre competenze
+ Ferie differite
(5)
Imponibile ai fini IVS
(da compilare solo per i lavoratori iscritti al
fondo quiescenza ex-Ipost)
GESTIONE MANUALE
(6)
Contributi a carico del lavoratore trattenuti
Altri dati > Modello 01/M > Pagina 1
+ Contributo c/dipendente IVS
+ Contributo c/dipendente altri
Altri dati > Altri progressivi
- Contributi sociali sospesi
(se non trattenuti nell’anno stesso)
Per le aziende con chiusura per cassa
vengono sommati i contributi del mese di
dicembre 2012 contenuti ai campi "contr.c/dipe
IVS cassa" e "contrib.c/dipe altri cassa" anno
2012 della pagina “Altri dati > Modello 01/M” di
DIPE.
Mesi per i quali è stata presentata la denuncia Uniemens
(7)
Tutti
(8)
Tutti con l’esclusione di
Informazione rilevata dall’archivio spedizioni
EMENS (file TELEME nella cartella ARCEME)
Casella barrata se in tutti i mesi dell’anno è
stato inviato l’UniEmens
Vengono barrati i mesi per i quali non è stato
inviato l’UniEmens
La sezione non viene compilata se presente il codice 9 al campo “Esclusione CUD” della pagina “Altri dati >
Modello 01/M” di DIPE e per i co.co.co. (codice 8 o 9 al campo “Trattamento Irpef” della scheda “Dati
generali” di “DIPE).
CUD 2014
52 / 69
SEZIONE 2 – COLLAB. COORDINATE E CONTINUATIVE
Casella
(9)
Descrizione
Compensi corrisposti al collaboratore
Campo
Progressivi > Collaboratori
Imponibile INPS
Se l’azienda chiude per cassa:
Progressivi > Collaboratori
+ Imponibile INPS
Progressivi > Contributi sociali
+ Imponibile mese 12 AP
(10)
Contributi dovuti
Progressivi > Collaboratori
+ Contributi c/ditta
+ Contributi c/collaboratori
Se l’azienda chiude per cassa:
Progressivi > Collaboratori
+ Contributi c/ditta
+ Contributi c/collaboratori
Progressivi > Contributi sociali
+ contr. c/ditta e c/collaboratore mese 12 AP
(11)
Contributi a carico del collaboratore trattenuti
Progressivi > Collaboratori
Contributi c/collaboratore
Altri dati > Altri progressivi
- Contributi sociali sospesi
Se l’azienda chiude per cassa:
Progressivi > Collaboratori
+ Contributi c/collaboratore
Progressivi > Contributi sociali
+ Contributi c/collaboratore mese 12 AP
(12)
Contributi versati
Progressivi > Collaboratori
+ Contributi c/ditta
+ Contributi c/collaboratori
Se l’azienda chiude per cassa:
Progressivi > Collaboratori
+ Contributi c/ditta
+ Contributi c/collaboratori
Progressivi > Contributi sociali
+ contr. c/ditta e c/collaboratore mese 12 AP
Mesi per i quali è stata presentata la denuncia Uniemens
(13)
Tutti
(14)
Tutti con l’esclusione di
Informazione rilevata dall’archivio ARCEME.
Casella barrata se in tutti i mesi dell’anno è
stato inviato l’UniEmens.
Vengono barrati i mesi per i quali non è stato
inviato l’UniEmens.
CUD 2014
53 / 69
SEZIONE 3 – INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI (EX INPDAP)
Le informazioni vengono prelevate dalla “Gestione dichiarazioni” del programma DMA.
Casella
Descrizione
Campo
(15)
Codice fiscale Amministrazione
Se presente, viene riportato il “Codice fiscale” indicato
nella scheda “Ente appartenenza” della sezione
“Dichiarante e posizione assicurativa” (DMA > “Gestione
dichiarazioni”), altrimenti viene riportato il codice fiscale
dell’azienda.
(16)
Progressivo azienda
Campo “Progressivo” della scheda “Ente appartenenza”
o, se non compilata, della scheda “Ente dichiarante”
(DMA > “Gestione dichiarazioni” > “Dichiarante e
posizione assicurativa”).
(17)
Codice identificativo attribuito da SPT del MEF
Campo “Codice STP del MEF” della scheda “Sede di
servizio” (DMA > “Gestione dichiarazioni” > “Dichiarante e
posizione assicurativa”).
– Gestione –
Campo “Codice gestione” in “Dettaglio dipendenti” >
quadro “E0” > scheda “Gest. pensionistica”.
(18)
Pens
(19)
Prev
(20)
Cred
Campo “Codice gestione” in “Dettaglio dipendenti” >
quadro “E0” > scheda “Altre gestioni” > “Gestione credito”
(21)
Enpdep / Enam
Campo “Codice gestione” in “Dettaglio dipendenti” >
quadro “E0” > scheda “Altre gestioni” > “ENPDP” o
“ENAM”
(22)
Anno di riferimento
“Dettaglio dipendenti” / quadro “E0”, anno ricavabile dai
campi “Data periodo inizio – fine”.
(23)
Totale imponibile pensionistico
Campo “Imponibile” in “Dettaglio dipendenti” > quadro
“E0” > “Gestione pensionistica”.
(24)
Totale contributi pensionistici
Campi “Contributo” e “Contributo 1%” in “Dettaglio
dipendenti” > quadro “E0” > “Gestione pensionistica” >.
Campo “Codice gestione” in “Dettaglio dipendenti” >
quadro “E0” > scheda “Altre gestioni” > “Gestione
previdenziale” (“il relativo codice 6 o 7 dovrà essere
seguito da 001, o 002, o 003).
CUD 2014
Casella
Descrizione
54 / 69
Campo
(25)
Totale imponibili TFS
Campo “Imponibile TFS” in “Dettaglio dipendenti” >
quadro “E0” > “Altre gestioni” > “Gestione previdenziale”
(26)
Totale contributi TFS
Campo “Contributo TFS” in “Dettaglio dipendenti” >
quadro “E0” > “Altre gestioni” > “Gestione previdenziale”
(27)
Totale imponibile TFR
Campo “Imponibile TFR” in “Dettaglio dipendenti” > quaro
“E0” > “Altre gestioni” > “Gestione previdenziale”
(28)
Totale contributi TFR
Campo “Contributo TFR” in “Dettaglio dipendenti” >
quadro “E0” > “Altre gestioni” > “Gestione previdenziale”
(29)
Totale imponibile Cassa Credito
Campo “Imponibile” in “Dettaglio dipendenti” > quadro
“E0” > “Altre gestioni” > “Gestione credito”
(30)
Totale contributo Cassa Credito
Campo “Contributo” in “Dettaglio dipendenti” > quadro
“E0” > “Altre gestioni” > “Gestione credito”
(31)
Totale imponibile ENPDEP/ENAM
Campo “Imponibile” in “Dettaglio dipendenti” > quadro
“E0” > “Altre gestioni” > “ENPDEP” o “ENAM”
(32)
Totale contributi ENPDEP/ENAM
Campo “Contributo” in “Dettaglio dipendenti” > quadro
“E0” > “Altre gestioni” > “ENPDEP” o “ENAM”
CUD 2014
55 / 69
Annotazioni
Le annotazioni obbligatorie sono contraddistinte da uno specifico codice identificativo.
Nel programma di gestione del CUD (GESCUD) le annotazioni che verranno stampate sul modello possono
essere visualizzate nella sezione “Sostituto e annotazioni” e nella sezione “Oneri deducibili e detraibili”
(pulsante “Annotazioni”) della “Gestione dichiarazioni dipendenti”.
Di seguito si riepilogano, per ciascun campo del modello, le possibili Annotazioni richieste (Tabella C).
Codice
Annotazione
Casella
Tipologia
AA
Tributi sospesi: nelle annotazioni il sostituto deve evidenziare
che, alla data di ripresa della riscossione, il contribuente è
tenuto autonomamente al versamento dei tributi sospesi alle
scadenze previste dal provvedimento di ripresa della
riscossione.
11
Eventi eccezionali
AB
Nelle annotazioni, devono essere indicati il codice fiscale e i dati
anagrafici del deceduto e deve essere specificato che le somme
riportate nei punti 1 e 2 non devono essere indicate nella
dichiarazione dei redditi.
1e2
Dipendente
deceduto
AB
Nel caso di erogazione di indennità ai sensi dell’art. 2122 del
c.c., ovvero in caso di eredità, nonché di erogazione di somme
a favore dell’ex coniuge ai sensi dell’art. 12-bis della legge n.
898/70, nel punto 408 deve essere indicata la percentuale
spettante all’avente diritto o erede al quale è stata consegnata
la certificazione mentre gli altri punti devono essere compilati
evidenziando l’indennità complessivamente erogata nell’anno o
in anni precedenti a tutti i coeredi o al de cuius.
Nelle annotazioni (cod. AB) devono essere indicati il codice
fiscale, i dati anagrafici del deceduto e se trattasi di eredità, di
erogazioni di indennità ai sensi dell’articolo 2122 del codice
civile o delle leggi speciali corrispondenti ovvero di somme
erogate a favore dell’ex coniuge ai sensi dell’art. 12-bis legge
n°898 del 1970.
408
Quota spettante per
le indennità erogate
agli eredi
AC
Con riferimento alle detrazioni per carichi di famiglia, in caso di
rapporto di lavoro inferiore all’anno solare, il sostituto calcola tali
detrazione in relazione al periodo di lavoro, salvo che il
sostituito non abbia richiesto espressamente di poterne fruire
per l’intero periodo di imposta.
L’annotazione AC deve essere inserita al fine di comunicare
che il sostituto ha calcolato la detrazione per carichi di famiglia
in relazione al periodo di lavoro.
Sulla base delle impostazioni della scheda “Detrazioni” di DIPE,
il programma riporta l’annotazione AC in presenza di una delle
seguenti casistiche:
- dipendente non in forza per l’intero anno, per il quale non
risulti contrassegnato il campo “Detrazioni familiari:
conguaglio automatico”;
- al campo “Detrazioni familiari: mese inizio” risulti indicato un
mese successivo a gennaio (valore maggiore ad 1);
- in caso di dipendente licenziato prima del mese di
dicembre, non sia indicato il valore “A” al campo “Detrazioni
familiari cessazione durante anno”.
102
Detrazioni per
carichi di famiglia
CUD 2014
56 / 69
Codice
Annotazione
Casella
Tipologia
AD
Qualora il reddito di cui al punto 1 comprenda redditi prodotti
all’estero, l’ammontare del reddito prodotto in ciascuno Stato
estero deve essere distintamente indicato nelle annotazioni
(annotazione manuale a cura dell’utente).
1
Lavoratori all’estero
AE
Per i redditi derivanti da lavoro dipendente, prestato all’estero in
zone di frontiera ed in altri Paesi limitrofi da residenti nel
territorio dello Stato, nelle annotazioni andrà fornita indicazione
della quota esente pari a 6.700 euro, di cui dovrà essere data
distinta indicazione nelle annotazioni
Il programma compila automaticamente tale annotazione
riportando il valore eventualmente inserito, con codice 5, al
campo “Somme esenti” della sezione “Altri dati > Oneri” di
DIPE.
1
Lavoratori all’estero
AF
Qualora il sostituto abbia assoggettato a tassazione ordinaria il
compenso erogato per lavoro straordinario, supplementare e
premi di produttività non eccedente i 2.500 euro, tale importo
oltre ad essere ricompreso nel punto 1 della certificazione,
dovrà essere indicato anche nel punto 251, avendo cura di
barrare il punto 254. In tale ipotesi nessun importo dovrà essere
evidenziato nel punto 252. Nelle annotazioni (cod. AF) deve
essere indicata la motivazione per la quale il sostituto ha
proceduto ad applicare una tassazione ordinaria su dette
somme.
Il programma compila l’annotazione in oggetto nel seguente
modo:
se il campo “Imposta sost. dl 93/08” della scheda “Altro” di
DIPE è compilato a “No (richiesta dipendente)”, viene
indicato che la tassazione ordinaria è stata applicata su
richiesta del sostituito;
se al campo “Imposta sost. dl 93/08” della scheda “Altro” di
DIPE è presente un’indicazione diversa da “No (richiesta
dipendente)”, viene indicato che la tassazione ordinaria è
stata applicata in quanto più favorevole di quella sostitutiva o
per altre cause.
1 e 251
Compensi per premi
di produttività
AG
Nel caso di non spettanza del regime agevolato dovrà esserne
data indicazione nelle annotazioni (annotazione manuale a cura
dell’utente).
1
Lavoratori
socialmente utili
Nell’ annotazione deve essere indicato, indipendentemente dal
loro ammontare, l’importo delle eventuali erogazioni liberali in
natura, nonché di eventuali compensi in natura concessi dal
datore nel corso del rapporto di lavoro.
AH
Nell’annotazione AH il programma evidenzia i valori
memorizzati nei rispettivi campi presenti nelle sezioni
“Progressivi – Irpef e detrazioni” e “Altri dati – Lavoro
precedente” di DIPE.
1e2
Compensi in natura
CUD 2014
Codice
Annotazione
57 / 69
Casella
Per i punti 1 e 2, è necessario dare distinta indicazione nelle
annotazioni:
- di ciascuna tipologia di reddito certificato;
- del relativo importo;
- se si tratta di rapporto a tempo determinato o indeterminato.
Tali informazioni sono utili al percipiente in caso di compilazione
della propria dichiarazione dei redditi.
AI
Tipologia
Tipologia di reddito
Natura del rapporto
1e2
In presenza di importi assoggettabili ad imposta sostitutiva 10%
erogati da altro datore e conguagliati dal sostituto che rilascia il
CUD, nell’annotazione AI viene aggiunto, sebbene non
obbligatoriamente richiesto, il dettaglio di tali importi (e della
relativa ritenuta operata) suddiviso in base ai diversi periodi di
lavoro certificati.
Con riferimento ai punti 3 e 4 nelle annotazioni dovrà essere
data indicazione del periodo di lavoro o di pensione (data inizio
e data fine).
Straordinari e premi
di produttività
3e4
Giorni per detraz. Ex
art. 13, co. 1, 2, 3, 4
del Tuir
AJ
Con tale annotazione deve essere evidenziato l’importo dei
redditi totalmente o parzialmente esentati da imposizione in
Italia, in quanto il percipiente risiede in uno Stato estero con cui
è in vigore una convenzione per evitare le doppie imposizioni in
materia di imposte dirette.
In caso di reddito totalmente esente, è obbligatorio (e non
più facoltativo) il rilascio del modello CUD, indicando
l’importo di tali redditi esclusivamente nell’annotazione AJ.
Il programma compila automaticamente tale annotazione
riportando il valore eventualmente inserito, con codice 3, al
campo “Somme esenti” della sezione “Altri dati > Oneri” di
DIPE.
2
Redditi totalmente o
parzialmente
esentati in Italia
AK
Gli enti erogatori di trattamenti pensionistici che hanno applicato
le ritenute e riconosciuto le detrazioni sulla base delle
comunicazioni fornite dal “Casellario delle pensioni” devono
farne menzione nelle annotazioni precisando che il pensionato,
se non possiede altri redditi oltre ai trattamenti pensionistici,
sempreché le operazioni di conguaglio siano state
correttamente effettuate, è esonerato dall’obbligo di
presentazione della dichiarazione.
L’annotazione è manuale.
5
Trattamenti
Pensionistici
AL
Gli importi delle addizionali eventualmente evidenziati nei punti
6, 11 e 13 comportano l’obbligo per il sostituto d’imposta di
effettuare il prelievo o in rate, nel corso del periodo d’imposta
successivo, ovvero in un unica soluzione in caso di cessazione
del rapporto di lavoro. In tale ultimo caso, le annotazioni devono
contenere l’informazione che gli importi indicati nei punti 6, 10 e
11 sono stati interamente trattenuti.
6
11
13
Addizionali all’Irpef
AI
In caso di conguaglio con altri redditi di lavoro dipendente o di
pensione dovrà essere data distinta indicazione del periodo con
riferimento a ciascuno dei redditi conguagliati.
CUD 2014
58 / 69
Codice
Annotazione
Casella
AM
Con riferimento ai crediti di IRPEF, di addizionale regionale
all’IRPEF, di addizionale comunale all’IRPEF e cedolare secca
derivanti da assistenza fiscale devono, altresì, essere
evidenziati nelle annotazioni i relativi importi rimborsati dal
sostituto.
Gli importi vengono prelevati dai rispettivi campi della colonna
“conguagliato” e “compensato” della sezione “Altri dati –
Assistenza fiscale” di DIPE.
36
37
38
39
Crediti da
assistenza fiscale
107
Detrazione minima
107
Detrazioni per
lavoro dipendente o
per familiari a carico
108
Detrazione oneri
AN
Nel caso di rapporti di lavoro a tempo determinato o a tempo
indeterminato di durata inferiore all’anno, limitatamente ai redditi
di cui al punto 1, il sostituto deve ragguagliare anche la
detrazione minima al periodo di lavoro. In tal caso il sostituto
deve dar conto al percipiente nelle annotazioni che potrà fruire
della detrazione per l’intero anno in sede di dichiarazione dei
redditi, sempreché non sia già stata attribuita, su richiesta del
percipiente, dallo stesso sostituto o da altro datore di lavoro e
risulti effettivamente spettante.
Tipologia
L’annotazione è manuale.
Qualora il percipiente abbia comunicato l’ammontare di altri
redditi al sostituto d’imposta, questi ne deve tenere conto ai fini
del calcolo dell’importo delle detrazioni di cui agli artt.12 e 13,
del TUIR e darne evidenza nelle annotazioni, indicando
distintamente l’importo del reddito dell’abitazione principale e
delle relative pertinenze, se ricompreso nell’ammontare
comunicato.
AO
AP
Gli importi inseriti ai campi “Importo altri redditi” e “di cui
abitazione principale” della scheda “Detrazioni” di DIPE, in fase
di prelievo dati CUD, vengono automaticamente trasferiti nei
corrispondenti campi presenti nella sezione “Dati aggiuntivi”
della “Gestione dichiarazioni dipendenti” di GESCUD.
In tal modo, nel modello CUD verrà automaticamente generata
la relativa annotazione AO.
Nel punto 108 deve essere indicato l’importo complessivo delle
detrazioni derivante dagli oneri detraibili indicati al punto 131.
Nelle Annotazioni deve essere evidenziata la detrazione
forfetaria relativa alle spese di mantenimento per il cane guida
pari a 516,46 euro (cod AP).
Il programma di prelievo compila
automaticamente
l’annotazione in oggetto se nella pagina “Altri dati > Oneri” di
DIPE (anno 2013) è stato contrassegnato il campo
“Mantenimento cane guida”.
CUD 2014
59 / 69
Codice
Annotazione
Casella
AQ
Nelle annotazioni deve essere data distinta indicazione di tutti
gli elementi utili ai fini del calcolo del credito spettante (lo Stato
estero, l’anno d’imposta in cui è stato percepito il reddito
all’estero, reddito prodotto all’estero, imposta pagata all’estero,
reddito complessivo tassato in Italia, imposta lorda italiana,
imposta netta italiana al lordo dell’eventuale credito d’imposta
riconosciuto).
L’annotazione è manuale.
Se il reddito prodotto all’estero concorre solo parzialmente alla
formazione del reddito di lavoro dipendente anche l’imposta
pagata all’estero, da riportare nelle annotazioni, è quella ridotta
in misura corrispondente.
In tal caso, nelle annotazioni il sostituto dovrà informare il
contribuente che l’imposta estera definitiva evidenziata è stata
ridotta proporzionalmente al rapporto tra il reddito estero
assoggettato a tassazione in Italia ed il reddito estero
effettivamente percepito.
L’annotazione è manuale.
114
Credito redditi
estero
AR
Il sostituto d’imposta dovrà esplicitare nelle Annotazioni le
singole voci del punto 129, evidenziando al sostituito che tali
importi non devono essere riportati nella eventuale
dichiarazione dei redditi presentata da quest’ultimo in quanto
già esclusi dalla formazione del reddito imponibile.
129
Oneri deducibili
AS
Nelle annotazioni deve essere fornita distinta indicazione
dell’ammontare dei premi e contributi indicati nel punto 127
rispetto ai quali il dipendente ha chiesto al sostituto d’imposta il
riconoscimento della deduzione.
Di tale ultimo importo occorrerà inoltre specificare la quota parte
ricompresa nel punto 120 e quella ricompresa nel punto 121.
127
Previdenza
complementare per
familiari a carico
131
Oneri detraibili
AT
Gli oneri, per i quali spetta la detrazione dall’imposta lorda nella
misura del 19% (inseriti nel punto 131 insieme a quelli detraibili
al 24%), devono essere analiticamente descritti nelle
annotazioni (cod. AT) riportando per ciascuno di essi il relativo
codice e descrizione (tabella A allegata alle istruzioni del
modello CUD) nonché il rispettivo importo al lordo delle
franchigie applicate.
Per quanto attiene alle spese sanitarie, qualora l’importo delle
stesse sia inferiore ad Euro 129,11 l’importo va comunque
indicato nelle annotazioni con l’apposita dicitura: “Importo delle
spese mediche inferiore alla franchigia”.
Il programma riporta in tale annotazione gli oneri detraibili
indicati nella sezione “Oneri detraibili/deducibili” della “Gestione
dichiarazioni dipendenti”, con codice diverso da 41 e 42.
Tipologia
CUD 2014
Codice
Annotazione
60 / 69
Casella
Tipologia
Nel punto 132 vanno indicati i contributi per assistenza sanitaria
versati dal sostituto e/o dal sostituito ad enti o casse aventi
esclusivamente fini assistenziali. Tali contributi non concorrono
a formare il reddito di lavoro dipendente per un importo non
superiore ad euro 3.615,20.
Se l’importo di tali contributi è inferiore a euro 3.615,20,
l’annotazione deve specificare che le spese sanitarie
rimborsate per effetto di tali contributi non sono deducibili o
detraibili in sede di dichiarazione dei redditi.
Se l’importo di tali contributi è superiore a euro 3.615,20,
l’annotazione deve specificare che le spese sanitarie
rimborsate per effetto di tali contributi sono deducibili o
detraibili in sede di dichiarazione dei redditi in proporzione
alla quota di contributi eccedente il suddetto importo, e deve
indicare, inoltre, l’ammontare della quota stessa.
AU
AV
AW
Nell’annotazione AU devono essere evidenziati anche i
contributi sanitari che il sostituto non ha potuto escludere dal
reddito, pur rientrando nei limiti prestabiliti (contributi sanitari
versati ad enti assistenziali non iscritti all’Anagrafe dei fondi
sanitari e che, pertanto, non possono essere dedotti).
A tal fine il programma rileva gli enti inseriti nella tabella “Enti
assistenziali” di GESCUD con valorizzazione del campo “Ctr. no
ded.”.
La contribuzione (c/azienda e c/dipendente) memorizzata nella
sezione “Progressivi > Contributi sociali” di DIPE con riferimento
ai suddetti enti, verrà riportata nel punto 132 ed evidenziata
distintamente nell’annotazione AU specificando che “le spese
sanitarie rimborsate per effetto di tali contributi sono deducibili o
detraibili in sede di dichiarazione dei redditi”.
Si precisa che, ai fini del CUD 2014, l’ente MetaSalute viene
automaticamente considerato nella suddetta casistica, senza
necessità di inserire il relativo codice di TB0305 nella tabella
“Enti assistenziali” di GESCUD; tale automatismo viene
applicato in quanto, in fase di elaborazione della mensilità di
dicembre 2013, la contribuzione MetaSalute è stata
automaticamente considerata come non deducibile.
In caso di conguaglio di più rapporti di lavoro, in presenza di
contributi versati sia ad enti assistenziali iscritti all’Anagrafe dei
fondi sanitari che ad enti non iscritti, nel punto 132 del CUD
verrà riportato l’importo complessivo della contribuzione versata
mentre, nell’annotazione AU verranno riportate le diverse
diciture previste, evidenziando distintamente l’importo dei
contributi non dedotti in quanto relativi ad enti non iscritti.
Nelle annotazioni va indicato che può essere presentata la
dichiarazione dei redditi per far valere deduzioni o detrazioni
d’imposta relative a spese sanitarie rimborsate per effetto delle
assicurazioni sanitarie stipulate dal datore di lavoro.
Nelle annotazioni della certificazione deve essere specificato
che sulle somme indicate nel punto 201 sono dovuti gli interessi
nella misura dello 0,50% mensile.
132
Contributi versati a
enti e casse
assistenziali
134
Presenza di
assicurazioni
sanitarie stipulate
dal datore di lavoro
201
Incapienza in sede
di conguaglio
CUD 2014
Codice
Annotazione
61 / 69
Casella
Tipologia
Nei punti da 301 a 305 vanno indicati gli importi complessivi dei
redditi assoggettati a ritenuta a titolo d’imposta e le relative
ritenute operate e sospese.
AX
Per le prestazioni pensionistiche erogate in forma di trattamento
periodico, si precisa che nel punto 301 deve essere indicato il
solo ammontare imponibile della prestazione maturata
dall’1/1/2007 evidenziando nelle annotazioni il periodo di
partecipazione alla forma pensionistica maturato a decorrere da
tale data, o dalla data di iscrizione, se precedente, ma
computati con un massimo di 15.
301
Prestazioni
pensionistiche
erogate in forma di
trattamento
periodico
L’annotazione è manuale.
I compensi per lavori socialmente utili percepiti da soggetti che
hanno raggiunto l’età prevista dalla vigente legislazione per la
pensione di vecchiaia e che possiedono un reddito complessivo
di importo non superiore ad euro 9.296,22 al netto della
deduzione prevista per l’unità immobiliare adibita ad abitazione
principale e per le relative pertinenze, devono essere indicati nel
punto 301 per la parte che eccede complessivamente nel
periodo d’imposta euro 3.098,74. Nelle annotazioni deve
essere, comunque, indicato l’ammontare del predetto reddito
escluso dalla tassazione. L’annotazione è manuale.
Nel caso in cui l’ammontare evidenziato al punto 301 si riferisca
ad una anticipazione di prestazione in forma di capitale erogata
da un fondo pensione, è necessario indicare nell’annotazione
che trattasi di anticipazione, indicando la relativa aliquota
applicata.
AX
301
Lavori socialmente
utili
301
Altri redditi
assoggettati a
ritenuta a titolo
d’imposta
In presenza di compensi per lavori socialmente utili in regime
agevolato, nelle annotazioni si dovrà dare distinta indicazione,
oltre che della parte dei compensi esclusi dalla tassazione,
anche di quella soggetta a tassazione e compresa nel punto
301 nonché dell’importo di ritenute e addizionale riferibili ai
suddetti compensi.
L’annotazione è manuale.
In presenza delle altre tipologie di reddito assoggettate a
ritenuta a titolo d’imposta, nelle annotazioni dovrà essere data
distinta indicazione del tipo di reddito certificato, del relativo
importo, delle ritenute operate.
L’annotazione AX viene riportata automaticamente solo in
presenza di collaboratori non residenti (codice 9 al campo
“Trattamento IRPEF” della scheda “Dati generali” di DIPE),
evidenziando l’importo del reddito erogato e delle ritenute
operate.
CUD 2014
62 / 69
Codice
Annotazione
Casella
AY
Nel caso in cui ai punti 401 e 402 trovino esposizione somme
corrisposte a titolo di TFR, sue anticipazioni ed acconti, altre
indennità e somme, nonché di prestazioni in forma di capitali,
nelle Annotazioni il sostituto dovrà dare distinta indicazione:
per il TFR e le altre indennità e somme, dell’importo maturato
fino al 31 dicembre 2000 e di quello maturato dal 1° gennaio
2001 (annotazione automatica);
per le prestazioni in forma di capitale, dell’importo maturato
fino al 31 dicembre 2000, dal 1° gennaio 2001 al 31 dicembre
2006 (annotazione manuale).
401
402
Indennità
rapporto
131
Oneri detraibili
21
22
24
26
27
Assistenza fiscale
11
Addizionale
comunale all’Irpef –
Saldo 2013
AZ
Gli oneri, per i quali spetta la detrazione dall’imposta lorda nella
misura del 24% (inseriti nel punto 131 insieme a quelli detraibili
al 19%), devono essere analiticamente descritti nelle
annotazioni (cod. AZ) riportando per ciascuno di essi il relativo
codice e descrizione (tabella B allegata alle istruzioni del
modello CUD) nonché il rispettivo importo.
Tipologia
di
fine
Il programma riporta in tale annotazione gli oneri detraibili
indicati nella sezione “Oneri detraibili/deducibili” della “Gestione
dichiarazioni dipendenti”, con codice 41 (erog. liberali alle
ONLUS) e 42 (erog. liberali a partiti politici).
Nel caso in cui il sostituto presti assistenza fiscale anche al
coniuge del sostituito, si dovrà indicare nelle annotazioni il
dettaglio dei rispettivi acconti del sostituito e del coniuge, già
compresi nei punti 21, 22, 24, 26 e 27. Tali importi devono
essere indicati al netto delle eventuali maggiorazioni per
rateazione o ritardato pagamento e sono comprensivi
dell’importo eventualmente indicato nei punti 23, 25 e 28.
BA
BB
Nel caso in cui il sostituto abbia rideterminato l’importo del
secondo o unico acconto IRPEF come stabilito dal DL. n.
76/2013 (ricalcolo acconto nella misura del 100%), nelle
annotazioni (cod. BA) deve essere indicato l’ammontare della
rata ricalcolata.
In presenza di un importo al campo “Ricalcolo” della sezione
“Progressivi > Assistenza fiscale-Pagina 2” di DIPE (importo
memorizzato mediante il comando RID2ACC; vers. PAGHE
2013.2.1), il programma inserisce l’annotazione BA indicando,
con la dicitura prevista, l’importo della 2^ rata rideterminata
(somma dei valori del campo “2^ rata acconto-Totale” (colonna
“debito” o “rettifiche”) e campo “Ricalcolo”.
Nel caso siano state deliberate delle fasce di esenzione ai sensi
dell’art. 1, comma 3-bis del D.Lgs. n. 360/1998, va riportata
l’annotazione BB se si è usufruito di tale esenzione nella
determinazione del saldo 2013 dell’addizionale comunale
all’Irpef.
CUD 2014
63 / 69
Codice
Annotazione
Casella
Tipologia
BC
Per i redditi di lavoro dipendente dei docenti e dei ricercatori,
che in possesso di titolo di studio universitario o equiparato,
siano non occasionalmente residenti all’estero e abbiano svolto
documentata attività di ricerca o docenza all’estero per almeno
due anni continuativi e che sono divenuti fiscalmente residenti
nel territorio dello Stato, nel punto 1 va indicato solo il 10 per
cento dei redditi corrisposti.
Nell’ annotazione indicare l’ammontare delle somme che non
hanno concorso a formare il reddito imponibile (90%
dell’ammontare erogato), in tal caso il programma compila
automaticamente tale annotazione riportando il valore
eventualmente inserito, con codice 1, al campo “Somme esenti”
della sezione “Altri dati > Oneri” di DIPE.
Nell’ipotesi in cui il sostituto non abbia previsto l’abbattimento
del 90% dell’imponibile occorre indicare l’ammontare di tali
somme. In tal caso l’annotazione è manuale.
1
Docenti e ricercatori
rientrati dall’estero
BD
Qualora al campo 8 “Previdenza complementare” della sez.
“Dati relativi al dipendente” sia stato inserito il codice “A”, il
sostituto dovrà dare distinta indicazione nelle annotazioni (cod.
BD) di ciascuna situazione con il relativo codice.
8
Previdenza
complementare
BE
Nel caso di conguaglio di prestazioni in forma capitale erogate
in anni precedenti, comprese nel maturato dal 1/1/2001 al 31
dicembre 2006 e assoggettate a tassazione separata, da cui
risulti un credito d’imposta, l’importo del campo 5 è esposto al
netto di suddetto credito e nelle Annotazioni deve essere
specificato:
l’ammontare complessivo dei redditi assoggettati a
tassazione ordinaria e delle ritenute ad essi relative
(annotazione manuale a cura dell’utente);
1
Riscatto volontario
posizione
individuale maturata
c/o forme
pensionistiche
complementari
BF
l’eventuale eccedenza di imposta risultante dal conguaglio
con anticipazioni di prestazioni in forma capitale erogate in
anni precedenti ed assoggettate a tassazione separata
utilizzata in compensazione delle ritenute nonché
l’eccedenza d’imposta non utilizzata in compensazione
(annotazione manuale a cura dell’utente).
CUD 2014
Codice
Annotazione
64 / 69
Casella
Tipologia
Nel caso in cui nel corso dell’anno si siano stipulati più contratti
di locazione, nelle annotazioni (cod. BG) devono essere indicati
con i codici 1, 2, 3 e 4 le diverse tipologie di canoni di locazione
rispettivamente indicate nei commi da 01 a 1-ter dell’art. 16 del
TUIR, il numero dei giorni per i quali l’unità immobiliare locata è
adibita ad abitazione principale nonché la percentuale di
spettanza della detrazione.
BG
Se risultano compilate le caselle 109 o 110 o 111, il
programma
di
prelievo
compila
automaticamente
l’annotazione in oggetto prelevando le informazioni dalla
sezione “canoni Locaz.” della scheda “Detrazioni” di DIPE
(anno 2013).
Si precisa che i codici “Tipo canone” indicati nella scheda
“Detrazioni” di DIPE vengono riportati nell’annotazione BG in
base alla seguente correlazione:
Cod. in DIPE
1
2
3
4
BH
109
Detrazioni canoni
locazione
105
Credito per famiglie
numerose non
riconosciuto
111
Credito per canoni
di locazione non
riconosciuto
Cod. annotazione BG
2
3
1
4
In caso di compilazione del punto 105, il sostituto d’imposta
deve precisare nelle annotazioni (cod. BH) che il contribuente,
qualora non abbia altri redditi oltre quelli certificati dal sostituto
d’imposta, può chiedere nella dichiarazione dei redditi il
rimborso del credito non riconosciuto.
Il programma di prelievo compila l’annotazione in oggetto
se l’importo presente al campo 105 è maggiore di zero.
BI
In caso di compilazione del punto 111, il sostituto d’imposta
deve precisare nelle annotazioni che il contribuente, qualora
non abbia altri redditi oltre quelli certificati dal sostituto
d’imposta, può chiedere nella dichiarazione dei redditi il
rimborso della detrazione non fruita.
Il programma di prelievo compila l’annotazione in oggetto
se l’importo presente al campo 111 è maggiore di zero.
BL
In presenza di remunerazioni erogate sottoforma di bonus e
stock option, nell’ annotazione con tale codice indicare
l’ammontare complessivo di dette remunerazioni, la parte dei
compensi eccedenti la parte fissa della retribuzione nonché la
relativa imposta operata.
L’annotazione è manuale.
1
Bonus e
Stock option
CUD 2014
Codice
BM
Annotazione
Annotazione da compilare per i lavoratori dipendenti i quali,
essendo in possesso dei requisiti individuati dal Decreto del
Ministero dell’Economia e delle Finanze del 03/06/2011, hanno
richiesto di fruire del beneficio fiscale previsto dall’art. 3 della
legge n. 238 del 30/12/2010.
Con il codice BM specificare l’ammontare complessivo delle
somme che non hanno concorso alla formazione del reddito
imponibile (80% o 70% dell’ammontare erogato), in tal caso il
programma compila automaticamente tale annotazione
riportando il valore eventualmente inserito, con codice 2, al
campo “Somme esenti” della sezione “Altri dati > Oneri” di
DIPE.
65 / 69
Casella
Tipologia
1
Beneficio ex art. 3 L.
n. 238 del
30/12/2010
13
Addizionale
comunale all’Irpef –
Acconto 2014
Nell’ipotesi in cui il sostituto non abbia previsto l’abbattimento,
rispettivamente dell’80% e del 70% dell’imponibile, deve essere
indicato l’ammontare di tali somme. In tal caso l’annotazione è
manualmente.
BN
BO
Nel caso siano state deliberate delle fasce di esenzione ai sensi
dell’art. 1, comma 3-bis del D.Lgs. n. 360/1998, va riportata
l’annotazione BN se si è usufruito di tale esenzione nella
determinazione dell’acconto 2014 dell’addizionale comunale
all’Irpef
Per ogni familiare fiscalmente a carico del sostituito, nella
presente annotazione deve essere indicato:
- grado di parentela (“C” per coniuge, “F1” per primo figlio,
“F” per figli successivi al primo, “A” per altro familiare, “D”
per figlio portatore di handicap);
- codice fiscale
- numero dei mesi a carico;
- minore di 3 anni (numero dei mesi per i quali il figlio ha
avuto un’età inferiore ai tre anni);
- percentuale di detrazione spettante;
- percentuale di detrazione spettante per famiglie numerose;
- detrazione 100% per affidamento figli.
Nel caso in cui al primo figlio spetti la detrazione per coniuge a
carico per l’intero anno, indicare come percentuale di detrazione
spettante la lettera “C”. Se tale detrazione non spetta per l’intero
anno, occorre compilare per lo stesso figlio due volte le
annotazioni, esponendo sia la detrazione spettante come figlio
che quella come coniuge. Nel caso di separazione,
annullamento o cessazione degli effetti civili del matrimonio,
indicare se si è usufruito della detrazione del 100% per
affidamento figli.
Il programma compila tale annotazione sulla base delle
informazione inserite nella scheda “Detrazioni” di DIPE.
In particolare, l’indicazione della detrazione del 100% per
affidamento dei figli, viene riportata in presenza di una
percentuale a carico pari al 100% e se lo stato civile indicato
nella scheda “Anagrafica” di DIPE è pari a “separato/divorziato”.
Familiari a carico
CUD 2014
Codice
Annotazione
BP
Nelle annotazioni con il cod. BP devono essere evidenziati gli
importi dell’addizionale regionale e del saldo dell’addizionale
comunale certificati nel CUD precedente che non sono stati
trattenuti a seguito della sospensione avvenuta per eventi
eccezionali.
Tale
indicazione deve essere
riportata
indipendentemente dal verificarsi della cessazione del rapporto
di lavoro.
66 / 69
Casella
Addizionali
certificate nel CUD
precedente e
sospese
Il programma verifica la sezione “Altri dati – Altri progressivi” di
DIPE con riferimento all’anno 2012, e preleva gli importi
eventualmente presenti ai campi “Addizionale regionale
sospesa” e “Addizionale comunale sospesa”; non vengono presi
in considerazione i dipendenti licenziati nel corso del 2012.
BQ
Il sostituto d’imposta deve rilasciare la certificazione (CUD) per
indicare nell’annotazione BQ ulteriori categorie di redditi esenti
(retribuzioni corrisposte a dipendenti residenti nel territorio dello
Stato da Enti e Organismi internazionali nonché da
rappresentanze diplomatiche e consolari e missioni, somme
corrisposte per borse e assegni di studio o per attività di ricerca
esenti sulla base di specifiche disposizioni normative, rendite
INAIL, altri redditi previsti dalle specifiche disposizioni
normative).
Tipologia
2
Ulteriori categorie di
redditi esenti
Il programma compila automaticamente tale annotazione
riportando il valore eventualmente inserito, con codice 4, 6, 7 o
8 al campo “Somme esenti” della sezione “Altri dati > Oneri” di
DIPE
Nelle annotazioni (cod. BR) vanno indicati gli importi dei debiti
del saldo Irpef, dell’addizionale regionale, del saldo
dell’addizionale comunale, dell’acconto della tassazione
separata, dell’imposta sostitutiva sui premi di produttività e sulle
locazioni, nonché del contributo di solidarietà relativi
all’assistenza fiscale prestata, che non sono stati trattenuti a
seguito della sospensione avvenuta per eventi eccezionali.
BR
Nell’applicativo PAGHE, al fine di sospendere la generazione
automatica delle voci di assistenza fiscale è necessario
contrassegnare il campo “No conguaglio automatico” nella sez.
“Altri dati – Assistenza fiscale” di DIPE.
L’annotazione BR viene automaticamente inserita nel caso in
cui risulti contrassegnato il campo “No conguaglio automatico”
nella sez. “Altri dati > Assistenza fiscale” di DIPE e risulti
presente un importo di Irpef sospesa (sez. “Altri dati > Altri
progressivi” di DIPE).
Sospensione debiti
Irpef da assistenza
fiscale
CUD 2014
Codice
Annotazione
67 / 69
Casella
Tipologia
Nelle annotazioni con il cod. BS deve essere riportato l’importo
dell’acconto dell’addizionale comunale certificato nel CUD
precedente che non è stato operato a seguito della sospensione
avvenuta per eventi eccezionali.
BS
Acconto Addizionale
comunale certificato
nel CUD precedente
e sospeso
Tale indicazione deve essere riportata indipendentemente dal
verificarsi della cessazione del rapporto di lavoro.
Il programma verifica la sezione “Altri dati > Altri progressivi” di
DIPE con riferimento all’anno 2012, e preleva l’importo
eventualmente presente al campo “Acconto add. comunale
sospesa”; non vengono presi in considerazione i dipendenti
licenziati nel corso del 2012.
BT
BV
BW
La circolare del 13/08/2010 n. 44 dell’Agenzia delle Entrate
avente ad oggetto la ripresa degli adempimenti e dei versamenti
relativi alla sospensione a seguito degli eventi sismici del 6
aprile 2009, ha previsto che detti versamenti, su richiesta del
sostituito, possano essere effettuati dal datore di lavoro. Nel
caso di cessazione del rapporto di lavoro prima della
conclusione del versamento delle rate da parte del datore di
lavoro, quest’ultimo deve indicare nelle annotazioni, con il
codice BT, gli importi non versati.
Con il codice BV devono essere indicati, in ogni caso, tutti i
versamenti effettuati.
Nell’annotazione BT viene riportato, con riferimento a ciascun
codice tributo, la differenza fra l’importo complessivamente
dovuto risultante dalla sezione “Restituzione sospesi” (F4 al
campo “Sospensione IRPEF” della scheda “Trattenute” di DIPE)
e l’importo complessivamente versato.
Ai fini della compilazione dell’annotazione BV, il programma
verifica la presenza della voce di calcolo generata nei cedolini
per la trattenuta rateale di tali tributi sospesi (voce indicata al
campo “Restituzione IRPEF sospesa tramite sostituto” della
tabella TB1201-“Codici voci gestioni automatiche”) e determina i
singoli importi versati sulla base dei valori indicati nella sezione
“Restituzione sospesi”.
Con riferimento ai punti 301 e 401, nel caso in cui la prestazione
in forma di capitale sia maturata parte in Italia e parte all’estero
in predetto punto deve essere riportato solo il reddito
assoggettato a tassazione in Italia. In tal caso nelle annotazioni
(cod. BW) deve essere indicato l’importo della prestazione
previdenziale non assoggettata a tassazione in Italia.
Importi sospesi a
seguito degli eventi
sismici del 6.4.2009
301
401
Redditi esenti da
imposizione in Italia
251
Somme erogate nel
2013 per incremento
della produttività
Annotazione manuale.
BX
L’annotazione BX deve essere riportata in caso di compilazione
del punto 251.
Con tale annotazione il sostituto certifica che le somme indicate
nel punto 251 sono state erogate a titolo di incremento della
produttività, in attuazione di quanto previsto da uno specifico
accordo o contratto collettivo territoriale o aziendale; tale
certificazione assolve all’obbligo del rilascio di apposita
dichiarazione previsto dalla circolare Ag. Entrate n. 47 del 2010.
CUD 2014
68 / 69
Codice
Annotazione
BY
L’annotazione BY deve essere riportata dal sostituto d’imposta,
in caso di cessazione del rapporto di lavoro nel corso del 2013,
per evidenziare che il contribuente è obbligato alla
presentazione della dichiarazione dei redditi, al fine di auto
liquidare il contributo di solidarietà.
L’annotazione BY viene inserita automaticamente dal
programma per i dipendenti licenziati con imponibile Irpef al
netto degli oneri deducibili superiore ad euro 300.000 e assenza
del contributo di solidarietà nella sezione “Progressivi” > “Irpef e
detrazioni” di DIPE .
Contributo di
solidarietà ex art.2,
c.2, DL n. 138 del
13/08/2011
BZ
Nelle annotazioni, con codice BZ, deve essere riportato
l’importo delle indennità di cui all’art. 17 comma 1, lettere a) e c)
del Tuir che eccede il milione di euro al netto delle riduzioni e
degli abbattimenti forfetari previsti dall’art.19 del Tuir
proporzionalmente ripartiti in base a quanto stabilito dalla
Circolare n° 3/E del 2012, nonché l’ammontare delle singole
indennità corrisposte.
L’annotazione è manuale.
1
Indennità di cui
all’art. 17 comma 1,
lettere a) e c) del
Tuir
120
121
Contributi
previdenza
complementare
136
Circolare 46/E del
2012, decreto legge
n.174 del 2012,
finanziamento per il
pagamento dei
tributi dovuti dal
16/12/12 al 30/06/13
CC
CD
CE
In caso di compilazione dei punti 120 e 121 (contributi
previdenza complementare), nelle annotazioni (cod. CC) deve
essere evidenziato che, in presenza di contributi per previdenza
complementare certificati in più CUD non conguagliati, è
necessario verificare che non siano superati i limiti di
deducibilità previsti dalle norme (5.164,57 euro).
Il programma riporta automaticamente l’annotazione CC per
tutti i dipendenti che presentano contributi a previdenza
complementare.
Il decreto legge n.174 del 2012 ha previsto la possibilità di
accesso al finanziamento per il pagamento dei tributi dovuti dal
16 dicembre 2012 al 30 giugno 2013, sia direttamente dal
dipendente sia tramite sostituto d’imposta.
- I sostituti d’imposta che hanno versato le ritenute per effetto
del ricorso al finanziamento devono indicare, tramite
l’annotazione CD, l’importo delle ritenute operate nonché
l’importo delle ritenute che dovranno essere operate a partire
dal mese di luglio 2013 secondo il piano di ammortamento
del finanziamento.
- Nell’ipotesi in cui il sostituto non intenda aderire alla richiesta
o non abbia i requisiti per fruire del finanziamento agevolato
ovvero il dipendente abbia richiesto espressamente di non
accedere al finanziamento per il tramite del sostituto
d’imposta, quest’ultimo deve certificare esclusivamente le
ritenute effettivamente operate.
In tal caso al punto 135 deve essere indicato il codice “C” e
nell’annotazione CE deve essere comunicato che il
dipendente è obbligato alla presentazione della dichiarazione
dei redditi in quanto le operazioni di conguaglio non sono
state correttamente effettuate.
Casella
Tipologia
CUD 2014
Codice
Annotazione
CG
Con riferimento agli oneri indicati al punto 130, il sostituto
d’imposta deve precisare nelle annotazioni (cod. CG) che il
contribuente, per fruire della quota non dedotta, può presentare
la dichiarazione dei redditi, riportare tale onere negli anni
successivi o chiedere il rimborso dell’imposta corrispondente.
L’annotazione è manuale.
ZZ
Il codice ZZ è stato inserito per dare evidenza di ulteriori
annotazioni obbligatorie. Il codice dovrà essere utilizzato su
indicazione dell’Agenzia delle Entrate in relazione a situazioni
non previste nelle istruzioni per la compilazione del modello
CUD, che si potranno verificare in relazione all’anno 2013.
69 / 69
Casella
Tipologia
130
Totale oneri ex art.
10, c. 1, lett. d-bis)
del TUIR, come
modificato dall’art. 1,
co. 174, L. 147/2013
Ulteriori annotazioni
obbligatorie
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
5
File Size
2 356 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content