close

Enter

Log in using OpenID

3 D - Liceo Tasso

embedDownload
LICEO CLASSICO STATALE
T. TASSO
via Sicilia 168, Roma
DOCUMENTO DEL CONSIGLIO
CLASSE III SEZ. D
Anno scolastico 2013/2014
CONSIGLIO DELLA CLASSE III D
DISCIPLINA
NOME DEL DOCENTE
ITALIANO
FIRMA DEL DOCENTE
Antonella Del Buono
LATINO E GRECO
Francesco Moliterno
STORIA E FILOSOFIA
Giovanni Sedita
MATEMATICA E FISICA
Francesca Maria Marrocu
SCIENZE
Rossella Casalino
LINGUA INGLESE
Laura Di Muzio
STORIA DELL’ ARTE
Fabrizio Fringuelli
EDUCAZIONE FISICA
Riccardo Schiantoni
RELIGIONE CATTOLICA
Massimo Pieggi
MATERIA ALTERNATIVA
Maria Cristina Paciello
(STORIA DELLA MUSICA)
COMMISSARI DESIGNATI MEMBRI INTERNI
MATERIA
DOCENTE
LATINO/ GRECO
Francesco Moliterno
SCIENZE NATURALI
Rossella Casalino
INGLESE
Laura Di Muzio
RAPPRESENTANTI DEI GENITORI
BENIAMINO MARCHI
ROBERTO PANEI
RAPPRESENTANTI DEGLI STUDENTI
GAIA FIORE
BRUNO MONTESANO
PRESENTAZIONE DELL’ISTITUTO
QUADRO ORARIO SETTIMANALE DELLA CLASSE NEL CORSO DEGLI ANNI
DISCIPLINE
I
ANNO
II
ANNO
III
ANNO
IV
ANNO
V
ANNO
TOTALE
ORE
I.R.C/Attività
alternativa
1
1
1
1
1
165
Italiano
5
5
4
4
4
726
Latino
5
5
4
4
4
726
Greco
4
4
3
3
3
451
Storia
2
2
3
3
3
429
Geografia
2
2
-
-
-
132
Filosofia
-
-
3
3
3
297
Inglese
3
3
3
3
3
495
Matematica
3
3
3
2
2
429
Fisica
-
-
-
2
3
165
Scienze
-
-
4
3
2
297
Storia dell’Arte
-
-
1
1
2
132
Ed. Fisica
2
2
2
2
2
330
LA NOSTRA SCUOLA
Il liceo classico Torquato Tasso, sia per la sua ubicazione al centro della città, che lo rende facilmente
raggiungibile anche dalle periferie, sia per la tradizione di oltre cento anni di attività, costituisce un polo di
riferimento in cui gli studenti confluiscono richiamati dalla attenzione rivolta alla formazione culturale e civile
dei giovani. Fedele infatti alla sua consuetudine, il Liceo continua a promuovere un‟ intensa vita culturale, non
solo con la normale attività didattica e con le numerose iniziative extracurriculari, ma anche attraverso
l‟organizzazione in sede di eventi di particolare interesse.
ISPIRAZIONE PEDAGOGICA GENERALE
Tenendo presente la situazione concreta in cui il liceo Torquato Tasso si trova ad operare e la sua tradizione,
si possono in linea di principio così identificare e delineare alcuni criteri di fondo che ispirano l‟azione
educativa nel nostro Istituto:
consapevolezza della peculiarità della formazione classica nel contesto della scuola
secondaria
superiore e suo adeguamento alla specifica particolare utenza di questo liceo
attenzione alla continuità del processo formativo (raccordo con la scuola media, passaggio bienniotriennio, orientamento agli studi superiori)
equilibrio e rapporto armonico tra ambito umanistico e scientifico, al fine di ricostruire l‟originaria
unità della cultura
impegno nel porre argini all‟ insuccesso ed alla dispersione scolastica e nel favorire e potenziare
negli allievi un atteggiamento positivo nei confronti dello studio, anche attraverso la costruzione di
personali percorsi di formazione.
OBIETTIVI TRASVERSALI DELL’AZIONE DIDATTICA-EDUCATIVA
L‟azione didattico - educativa dell‟ultimo anno di studi conclude un percorso costruito sui seguenti obiettivi
trasversali identificanti l‟indirizzo classico:
 conoscenze
-conoscere i contenuti delle singole discipline correlati alla centralità della dimensione umanistica della
storia occidentale
 competenze
-sapere usare i linguaggi settoriali
-sapere decifrare le fonti documentali
-sapere applicare in ambiti diversi le conoscenze acquisite
-sapere interpretare fatti ed eventi
 capacità
-sviluppare le capacità logico-deduttive, logico-interpretative, critico-argomentative, di collegamento tra
i vari saperi
-sviluppare una personalità autonoma nel giudizio, autocritica, flessibile
-formare una coscienza civile e politica
PROGETTI DI AMPLIAMENTO E MIGLIORAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA
Il Collegio dei Docenti di questo Liceo ha deliberato le seguenti attività per l‟ampliamento e il miglioramento
dell‟offerta formativa:
Esperienze di traduzione letteraria
ITALIANO
Incontri con scrittori contemporanei
Laboratorio dantesco
Laboratorio di scrittura creativa
Letture preparatorie Certamen Horatianum
Esperienze di traduzione letteraria
LATINO/GRECO
Giornata di studi classici
Prometeo
Laboratorio di Archeologia
Educazione al Teatro
TEATRO
Compagnia teatrale stabile Tasso
Laboratorio teatrale Inglese
Elementi di Analisi Matematica
Olimpiadi di Matematica
MATEMATICA
Laboratorio di Matematica
Esperimenti di Fisica
La Matematica in Greco
STORIA-ARTE
FILOSOFIA
Identità e Alterità
Pasubio
Cineforum
70 anni fa: Resistenza e Costituzione
Cinema e Storia
STORIA
Viaggio della memoria
Conferenze di Storia della Scienza
Storia e musica nel „900
Luoghi della Scienza..Luoghi del Potere
ED. FISICA-STORIA
FILOSOFIA
FILOSOFIA- RELIGIONE
Bici e Storia
Olimpiadi di Filosofia
Psicologia della relazione
Frontiere del possibile
RELIGIONE
Costruire ponti tra religioni
Laboratorio d‟arte contemporanea
L‟ombra del Caravaggio
ARTE
Olimpiadi del patrimonio
ARTE /MUSICA
Classico Contemporaneo
Il “Tasso” alla Corsini
ARTE/REL/MUSICA
Biennale di Venezia
Certificazioni linguistiche PET-FCE-CAE
LINGUA INGLESE
Parlamento Europeo Giovani
Partnerariato bilaterale Comenius
Model United Nations
SCIENZE
Potenziamento studio delle Scienze naturali
A tu per tu con la ricerca
EDUCAZ. SALUTE
Sportello psicoterapeutico
Sportello medico
EDUCAZ FISICA
Gruppo sportivo scolastico
ATTIVITA’ DI ORIENTAMENTO IN USCITA
L‟attività di orientamento universitario è stata articolata nelle seguenti iniziative:
- incontri con docenti universitari, professionisti, ex-alunni
- “Orientamento in rete” per la preparazione al superamento dei test per l‟accesso alle facoltà biologicomediche
- prove di orientamento e di autovalutazione per alcune Facoltà dell‟Area scientifica
- partecipazione alla selezione della Settimana di Orientamento organizzate da alcune Università (Bocconi,
Politecnico di Milano, Scuola Normale Superiore, Scuola Superiore S. Anna)
- partecipazione alla selezione per il programma “Talent Scout” organizzato dall‟Università Bocconi
- partecipazione agli Open Day delle singole Facoltà
- corso di potenziamento delle competenze in preparazione ai test d‟ingresso alle facoltà scientifiche
ATTIVITA’ DI RECUPERO E POTENZIAMENTO
La Scuola ha predisposto per le discipline Greco, Latino e Matematica attività di recupero (corsi e sportelli in
orario pomeridiano), indirizzate agli alunni che avessero riportato insufficienze allo scrutinio del trimestre.
Per Scienze è stata proposta agli studenti attività di potenziamento delle competenze in vista dei test
universitari.
CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE
Le informazioni necessarie al processo valutativo, raccolte nel corso dell‟anno scolastico 2013-2014 (suddiviso in
trimestre ed esamestre), hanno permesso di formulare:
valutazioni iniziali: attraverso verifiche formative volte a controllare che la situazione di partenza della classe
corrispondesse allo standard prefissato dagli obiettivi didattici dell‟anno precedente
valutazioni intermedie: attraverso interrogazioni, colloqui, prove scritte di diverso tipo, strutturate e non
strutturate, osservazioni attente e sistematiche dei comportamenti della classe e dei singoli alunni.
Le valutazioni intermedie, a metà dell‟esamestre (14 marzo 2014), hanno trovato forma ufficiale in una scheda
informativa alle famiglie (pagellino)
valutazioni finali: attraverso la crescita culturale e i progressi raggiunti nel processo di formazione di ogni
singolo studente e della classe stessa rispetto al punto di partenza, attraverso la partecipazione alle diverse
attività, la regolarità e la qualità del lavoro personale, le conoscenze, le capacità e le competenze sviluppate.
Sulla base degli obiettivi didattico - educativi si è proceduto a definire i requisiti richiesti per una valutazione di:
non sufficienza
focalizzazione imprecisa dell‟argomento
conoscenze frammentarie
esposizione incerta
sufficienza
individuazione dell‟argomento
conoscenze essenziali
collegamenti monodisciplinari
esposizione ordinata e corretta
oltre la sufficienza
contestualizzazione
capacità di effettuare deduzioni logiche e di argomentare efficacemente
collegamenti pluridisciplinari
capacità di approfondimento e di apporti personali
precisione e ricchezza linguistica, originalità espositiva
SIMULAZIONE DELLE PROVE D’ ESAME
Il Collegio dei Docenti, come da consolidata tradizione, ha stabilito una simulazione generale della tre prove
d‟esame secondo il seguente calendario:
simulazione prima prova
16 maggio 2014
simulazione seconda prova
simulazione terza prova
17 maggio 2014
7 marzo 2014, 23 maggio 2014.
Per la terza prova, come deliberato dal Collegio dei Docenti, si adotta la tipologia B (cinque discipline, dieci
quesiti, 10 righe, in un tempo di 2,30 ore); tale tipologia è risultata funzionale alla preparazione degli studenti
del liceo classico e ha garantito omogeneità per tutte le terze.
Le griglie di misurazione adottate per la correzione delle prime due prove scritte sono riportate in calce ai
programmi di Italiano e di Greco. La griglia di misurazione della terza prova è riportata in calce alle tracce della
prima e seconda simulazione.
La griglia di misurazione del colloquio è riportata in calce a tutto il documento.
PROFILO DELLA CLASSE III
1.
D
LA STORIA
IV ginnasio
V ginnasio
n. iniziale
alunni
n. alunni
ritirati e/o
non promossi
n. totale
alunni a fine
a.s.
I liceo
II liceo
26
24
n. 1 non
ammesso
n. 1 N.O.
III liceo
24
24
2. OBIETTIVI
2.1 Obiettivi generali
Il Consiglio di classe ha perseguito obiettivi educativi comuni a tutte le discipline che vengono così
sintetizzati:
 livello di interesse
 senso di responsabilità
 rielaborazione personale e assimilazione dei contenuti appresi
 capacità espressiva
 organizzazione del lavoro
2.2 Obiettivi disciplinari
 Conoscenza e comprensione dei contenuti
 analisi e sintesi disciplinari
 uso dei linguaggi specifici
 metodologie disciplinari
 abilità nell‟applicazione delle conoscenze
3. PERCORSO FORMATIVO
3.1 Contenuti
I contenuti disciplinari scelti ed affrontati sono riportati nei programmi disciplinari allegati al presente
documento dopo la relazione finale della classe e le relazioni dei singoli docenti.
3.2 Metodi
I metodi utilizzati, come si evince dallo schema che segue, sono stati molteplici e la scelta di uno o più di essi
è stata sempre legata all‟obiettivo da raggiungere, al contenuto da trasmettere, alla specificità dell‟alunno.
TIPOLOGIA DEI METODI E DELLE ATTIVITA’ FORMATIVE
lezione frontale
Italiano
+
Latino
+
Greco
+
Storia
+
Filosofia
+
Matematica
+
Fisica
+
Scienze
+
Storia arte
Inglese
insegnamento
individualizzato
e/o recupero in
itinere
uso mezzi
audiovisivi
approfondimenti
individuali/
attività
seminariali/
laboratorio
+
+
+
Ed. Fisica
+
+
I. R. C.
+
+
Storia musica
+
+
3.3 Attività integrative e rapporti con il territorio relativamente alla classe III D nell’anno in corso
Dipartimento di Latino e Greco
Certamen Viterbiense della Tuscia
Dipartimento di Storia e Filosofia
Olimpiadi di Filosofia
70 anni fa: Resistenza e Costituzione
Dipartimento di Arte e Musica
Biennale di Venezia
Dipartimento di Educazione fisica
Gruppo Sportivo
Dipartimento di Religione
Costruire ponti tra le religioni
3.4 Tempi
L‟anno scolastico in corso è stato diviso in un trimestre (09 settembre - 12 dicembre 2013) ed un
esamestre (13 dicembre - 07giugno 2014).
4. VALUTAZIONE
4.1 Tipologie delle prove
Le tipologie delle prove somministrate agli studenti sono riportate di seguito:
esercitazioni
su diverse
tipologie
I prova
esame
*
esercitazioni
su tipologia B
III prova
esame
interrog.
tema/
relazione
Italiano
*
*
Latino
*
versioni
*
*
Greco
*
versioni
*
*
Storia
*
*
*
Filosofia
*
*
*
*
*
*
*
Fisica
*
*
*
Scienze
*
*
St.Arte
*
Inglese
*
Ed. Fisica
*
I.R.C.
*
St. Musica
*
Matematica
*
prove
strutturate/
semistr.
problemi
/
esercizi
*
*
*
*
*
4.2 Valutazione delle prove
Per la valutazione delle prove si rimanda ai criteri indicati in precedenza e ad eventuali indicazioni contenute
nei programmi allegati dai docenti.
Per la valutazione delle simulazioni di I, II, III prova d‟Esame si rimanda alle griglie già indicate.
4.3 Criteri di valutazione del credito formativo
Il Consiglio di Classe ha preso in considerazione per il credito formativo quanto indicato dal Collegio docenti e
riportato nel POF d‟Istituto, in coerenza con l‟indirizzo e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5. PROGRAMMI E RELAZIONI DISCIPLINARI
5.1 Le relazioni ed i programmi delle singole discipline sono disposti dopo la relazione finale della classe
secondo l‟ordine usuale della pagella.
Il Documento del Consiglio della classe III D… approvato nella riunione del 05 maggio 2014, è affisso
all‟Albo. Copia del documento è a disposizione dei candidati.
PROGRAMMA DI ITALIANO III D
MODULO 1 – Incontro con l’opera: “Dei Sepolcri” di U. Foscolo
Lettura integrale dell’opera.
Contestualizzazione:
Panorama storico culturale della fine del Settecento. Il Neoclassicismo. Il Preromanticismo: lo
Sturm und Drang, la poesia sepolcrale inglese, i Canti di Ossian. Il sublime.
J. J. Winckelmann, Il Laocoonte
E. Burke, Il sublime: cause ed effetti
F. Schiller, Dal bello al sublime: oltre le leggi di natura
Riferimenti biografici:
U. Foscolo: vita, poetica
Riferimenti testuali:
Alla sera
In morte del fratello Giovanni
A Zacinto
MODULO 2 – Il Romanzo tra la fine del Settecento e la prima metà dell’ Ottocento
Il romanzo epistolare. Il romanzo storico. Le tecniche narrative. Il narratore. La focalizzazione.
Testi:
W. Goethe: I dolori del giovane Werther.
U. Foscolo: Le ultime lettere di Jacopo Ortis: Il sacrificio della patria nostra è consumato; La donna
amata: Teresa; L’incontro con Parini.
A. Manzoni
I promessi sposi: sintesi del romanzo; l’Introduzione; tre capitoli a scelta.
La Pentecoste
Il 5 Maggio
Adelchi: primo coro, atto III; secondo coro, atto IV.
Prefazione al Conte di Carmagnola: Il problema del coro.
Lettre à Monsieur Chauvet: Poesia e storia.
Riferimenti biografici:
Manzoni: la vita e la produzione poetica. Il vero storico e il vero poetico; il romanzo e il
romanzesco; il vero, l’utile, l’interessante. Il teatro. Dal Fermo e Lucia a I promessi sposi.
MODULO 3 – Incontro con l’Autore: G. Leopardi
La vita. La cognizione del dolore. Il pessimismo storico e la teoria del piacere. La poetica dell’indefinito e del
vago. Gli idilli. Il silenzio poetico e le Operette Morali. Il Pessimismo cosmico. I Canti pisano – recanatesi.
L’ultimo Leopardi e La ginestra.
Testi:
Zibaldone:la teoria del piacere; doppia vista, rimembranza, indefinito e sentimento poetico.
L’infinito
La sera del dì di festa
Le Operette morali: Dialogo di un folletto e di uno gnomo. Dialogo della Natura e di un Islandese.
Dialogo di Tristano e di un amico. Dialogo di un venditore d’almanacchi e di un passeggere.
A Silvia
Il sabato del villaggio
Canto notturno di un pastore errante dell’Asia
La ginestra: vv.1-157; 297-317
Contestualizzazione:
Il Romanticismo: aspetti storici, ideologici, culturali. Il Romanticismo in Italia. La polemica classicoromantica.
A.W. Schlegel, Spirito classico e spirito romantico
Il programma del Conciliatore
MODULO 4-Incontro con l’opera: I Malavoglia di G. Verga.
Lettura integrale dell’opera.
Contestualizzazione:
Il Positivismo. La seconda rivoluzione industriale. Il Naturalismo. Il Verismo.
Riferimenti testuali:
E. Zola
Il romanzo sperimentale: Letteratura e scienza.
G. Verga
Vita dei campi: Fantasticheria; Rosso Malpelo.
Riferimenti biografici:
G. Verga: la vita. La fase mondano-scapigliata.L’adesione al Verismo. Il ciclo dei vinti.Il determinismo, il
pessimismo. Le tecniche narrative. La focalizzazione. Il narratore regredito.
MODULO 5- La lirica tra Ottocento e Novecento.
Una nuova poetica. La destrutturazione del linguaggio poetico tradizionale. La dissoluzione delle forme
poetiche tradizionali. La lirica nell’età del simbolismo. La lirica nell’età delle avanguardie storiche. La lirica
tra le due guerre.
Testi:
A. Boito,Lezione di anatomia
C. Baudelaire, Corrispondenze. L’albatro.
A. Rimbaud,Vocali
P. Verlaine,Arte poetica
G. Pascoli,Arano.X Agosto.L’assiuolo.Il gelsomino notturno.
G. D’Annunzio, Canta la gioia.La sera fiesolana.La pioggia nel pineto .
G. Gozzano,La signorina Felicita, ovvero la felicità: III, VI.
A. Palazzeschi, Lasciatemi divertire.
G. Ungaretti, Eterno.Il porto sepolto.Veglia.Sono una creatura.Soldati.
E. Montale,I limoni.Spesso il male di vivere ho incontrato.Non chiederci la parola.Forse un
mattinoandando in un’aria di vetro.Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale.
S. Quasimodo, Vento a Tindari. Dolore di cose che ignoro. Tramontata è la luna.
Contestualizzazione:
La Scapigliatura. Il Decadentismo: aspetti storici,sociali,culturali. .Il crepuscolarismo. Il futurismo.
La poesia pura. L’ermetismo.
Riferimenti testuali:
G. Pascoli
Il fanciullino: E’ dentro noi un fanciullino…
La grande proletaria s’è mossa.
F.T.Marinetti
Manifesto del futurismo. Manifesto tecnico della letteratura futurista.
Riferimenti biografici:
G. Pascoli. G. D’Annunzio. F. T. Marinetti. G. Ungaretti. E. Montale. S. Quasimodo.
MODULO6-Il romanzo tra Ottocento e Novecento.
Il romanzo decadente. L’eroe decadente: l’esteta. Il romanzo novecentesco. La nuova concezione
del tempo. Le nuove tecniche narrative. Il narratore. La focalizzazione.
Testi:
G. D’Annunzio
Il piacere: lettura integrale
L. Pirandello
Il fu Mattia Pascal: lettura integrale.
I. Svevo
La coscienza di Zeno: La morte del padre; Ritratto di Augusta; Psico-analisi.
Riferimenti biografici:
G. D’Annunzio. L. Pirandello. I. Svevo.
Riferimenti testuali:
L. Pirandello
L’umorismo: il flusso continuo della vita
Contestualizzazione:
Il relativismo pirandelliano . Il teatro pirandelliano.
H. Bergson e il tempo come durata. S. Freud e la psicanalisi.
MODULO 7 – Incontro con l’opera: Una vita violenta di P.P. Pasolini
Lettura integrale dell’opera.
Riferimenti biografici:
P.P. Pasolini.
La vita e la produzione artistica
Contestualizzazione:
Il Neorealismo
Dante Alighieri
Il Paradiso: Canti: I-III-VI-XI-XII-XV-XVII-XXXIII.
Prof.ssa Antonella Del Buono
GRIGLIA
DI
VALUTAZIONE
PER
LA
CANDIDATO:
PRIMA
PROVA
SCRITTA
CLASSE III D
VOTO:
COMPETENZE
INDICATORI
DESCRITTORI
Molto
scarse
Frammentarie
e
inadeguate
Parzialmente
adeguate
1-4
5-7
8-9
Adeguate
ma
essenziali
10
Esaurienti
11-12
Complete
Complete
e
articolate
13-14
correttezza
morfo-sintattica
proprietà
lessicale
CONOSCENZE
organicità e
coerenza
aderenza alla
traccia e/o
rispetto delle
consegne
delle
caratteristiche
formali del testo
da produrre
dell‟argomento
e del contesto di
riferimento
CAPACITA’
di analisi
di sintesi
di giudizio
critico
originalità e/o
creatività
TOTALE PUNTI
* Il punteggio si ottiene dividendo il totale per 10 e arrotondando matematicamente
15
PROGRAMMA DI LINGUA E LETTERATURA LATINA III SEZ. D – A. S. 2013 / 2014
LETTERATURA
Riepilogo generale sull’età augustea.
La produzione bucolica, georgica ed epica di Virgilio.
La poesia epodica, satirica, epistolare e lirica di Orazio.
La poesia elegiaca (nelle linee generali) di Tibullo, di Properzio e di Ovidio. Dalla letteratura dell’extra a
quella dell’intus nel contesto storico, politico, sociale e culturale sotto la dinastia giulio – claudia.
Dalla satira luciliana ed oraziana a quella di Persio: biografia, opere e poetica.
Dalla divulgazione ciceroniana della filosofia greca per la res publica a quella per il singolo attraverso i
dialogi, le Epistulae, i trattati e la produzione satirica e drammatica di Lucio Anneo Seneca.
Dal poema epico virgiliano a quello antimitologico attraverso la Pharsalia di Lucano.
Il “ Satyricon” come genere ”composito”: modelli greci e latini, definizione del genere e funzione
dell’opera di Petronio.
Dalla dinastia Giulio- Claudia a quella dei Flavi e di Traiano: novità storico-politiche e socioculturali rispetto all’epoca passata.
Il ruolo dell’intellettuale nell’età dei Flavi attraverso l’Institutio di Quintiliano, maestro e
propugnatore del ciceronianismo.
La produzione epigrammatica nell’età dei Flavi: dall’epigramma greco arcaico ed ellenistico a
quello catulliano e di Marziale.
Dalla satira di Orazio e di Persio a quella di Giovenale attraverso la sua opera.
Dalla storiografia annalistica di Livio alla monografia, alla Historia ed all’annalistica nell’età di
Traiano e di Adriano attraverso le opere di Tacito.
Novità storico-politiche e socio-culturali dell’età di Adriano e degli Antonini.
Filosofia, religione e magia nell’opera di Apuleio.
Classici
Virgilio, Bucoliche, I, IV;
Georgiche, II, 458- 542; IV, 149 –227;
Eneide, I, 1-11; II, 199 – 227; IV, 1 – 30; 296 – 330; VI, 124-155
Orazio, Carmina, I, 1; III, 30; I, 22; I, 6; I, 9; I, 11; II, 14; IV, 7; I, 38; III, 12; I, 33; III, 9.
Lucio Anneo Seneca, - De Clementia, I, 1,1-4;
- De tranquillitate animi, IV, 4, 1-6; II, 6-15;
- De brevitate vitae, I, 1-4;
-Epistulae ad Lucilium, I,; XXIV, 15-31; XLIX, 2-4; XLVII, 1-13; VII, 1-5; XCV, 51-53;
- De ira, III, 13, 1-7;
- De providentia, II, 1-4;
 C. Tacito, Annales, XIV, 14, 38, 44; XV, 61 - 64; XVI, 16, 18, 19;
Agricola, 30, 32, 45;
Roma, 15/05/2014
Gli Alunni
Il Docente
Prof. Francesco Moliterno
PROGRAMMA DI LINGUA E LETTERATURA GRECA III SEZ. D A. S. 2013/2014
LETTERATURA
Riepilogo generale della Tragedia Attica con particolare riferimento a quella di Eschilo, Sofocle e di Euripide
con tutte le problematiche strutturali, compositive e contenutistiche.
Oratoria attica: contesto storico, politico, sociale e culturale; origine, sviluppo e funzione (emotiva,
conativa e fatica); i generi: giudiziario, epidittico, politico; rapporto tra Sofistica, filosofia ed oratoria;
L’oratoria come genere composito; affinità dell’oratoria con la drammaturgia ed il dialogo filosofico;
L’oratoria giudiziaria: connotazioni peculiari del genere; le ragioni storiche e socio-culturali della logografia;
La logografia come prima forma di divulgazione scritta della cultura; struttura e tempi della recitazione di
un’ orazione.
Lisia: biografia; orazioni giudiziarie e politiche; lingua e stile; contesto storico, politico, sociale, culturale e
religioso del IV secolo a.C.;
L’oratoria epidittica: Isocrate: biografia; dalla logografia all’oratoria epidittica; le scuole di retorica del
quarto secolo a.C. e quella di Isocrate; la polemica di Isocrate con Platone; il panellenismo isocrateo;
rapporto di Isocrate con Filippo II di Macedonia; arte, retorica, lingua e stile;
L’oratoria politica: Demostene: biografia, dalla logografia all’oratoria politica; le concezioni politiche e
militari; il rapporto con Filippo II di Macedonia; il rapporto con Eschine; arte, lingua e stile;
La commedia attica: contesto storico, questioni inerenti alle origini; connotazioni contenutistiche,
strutturali e linguistiche; affinità e differenze fra tragedia e commedia: satira politica, culturale e letteraria
nella commedia attica antica; commedia e “parresìa”;
Aristofane: biografia; commedie superstiti; divisione delle commedie in due gruppi; tipologia di una
commedia; questioni polemiche con i contemporanei sull’invenzione delle trame; satira politica, polemica
con i Sofisti e critica contro Euripide; arte, lingua e stile; dalla commedia attica antica a quella “di mezzo”;
connotazioni peculiari della commedia “di mezzo” in rapporto al contesto storico; rapporto tra la commedia
“di mezzo” e quella latina; formazione dell’impero di Alessandro Magno;
Età ellenistica: contesto storico, politico, politico, sociale, culturale, letterario e religioso; dalla
divulgazione “aurale” delle opere letterarie a quella scritta; disgregazione dell’impero di
Alessandro e formazione dei regni ellenistici; diffusione del libro; il ruolo dell’intellettuale; il
cosmopolitismo, la filantropia ed il ripiegamento interiore degli intellettuali; il rapporto tra
letterati e potere politico; il mecenatismo; il poeta ed il suo pubblico; la formazione della koiné; la
filologia; importanza e ruolo dei filosofi ed eco delle loro dottrine nella produzione letteraria
ellenistica.
La Commedia Nuova: innovazioni strutturali e contenutistiche; il ruolo del coro; il cambiamento del
pubblico rispetto alla rappresentazione teatrale; eredità della drammaturgia euripidea; dalla commedia
aristofanea a quella borghese.
Menandro: biografia, opere superstiti e loro stato di conservazione; temi della commedia menandrea;
introspezione dei personaggi; il “ lieto fine” della commedia come forma evasiva dalla realtà; la commedia
menandrea come “ specchio” della realtà; arte, lingua e stile.
Callimaco: biografia ed opere; la poetica attraverso il proemio degli Aitia; le polemiche letterarie; la poesis
docta; la produzione elegiaca e relative connotazioni strutturali e contenutistiche; il canto dell’amore e
della donna nell’elegia; la produzione giambica ed epigrammatica; la produzione epillica: uso del mito,
concezione nuova dell’eroe e umanità dei personaggi; la produzione innografia: struttura tecnico compositiva; concezione della divinità ed uso del mito eziologico; lingua e stile.
Apollonio Rodio: biografia ed opera con relativa trama; la concezione nuova del poema epico nell’età
ellenistica; struttura “segmentata” del poema apolloniano; motivazioni della concezione dell’eroe
ellenistico o dell’antieroe; il magico, l’esotico ed il mostruoso; gli excursus topografici, geografici ed
etnografici; la nuova tecnica compositiva rispetto a quella omerica; lingua e stile.
Teocrito: biografia, opere e generi di appartenenza; la produzione bucolica: connotazioni strutturali,
contenutistiche e linguistiche; la produzione mimica: caratteristiche strutturali, contenutistiche e
linguistiche; la produzione epillica: tematiche e tecnica compositiva; la poetica teocritea anche in rapporto
a quella callimachea; tematiche peculiari della produzione teocritea; la concezione della natura e della
campagna; rapporto tra la produzione teocritea e quella drammaturgia. Origine, sviluppo e produzione
dell’Epigramma greco – ellenistico attraverso Asclepiade, Meleagro e Leonida.
La storiografia ellenistica: dalla storiografia retorico-patetica ed etico-morale a quella degli storici di
Alessandro Magno.Polibio: biografia ed opere; il piano dell’opera; il metodo storiografico: storia
pragmatica, universale ed utile; tipologie di cause (politiche, economiche, sociali,…); le Costituzioni; la
teoria dell’anaciclosi; la costituzione mista dei Romani; il ruolo della Fortuna nella Storia; lingua e stile.Età
imperiale: contesto storico, politico, sociale, culturale e religioso.
La critica letteraria: Apollodorei e Teodorei; il trattato dell’Anonimo “Sul Sublime”.
Luciano di Samosata: biografia ed opere; interessi culturali; satira dissacratoria; critica demolitrice, lingua e
stile;
Plutarco: biografia ed opere; Vite Parallele: struttura, motivazione e funzione della biografia; lingua e
stile.
Il Romanzo: origine e sviluppo; il Romanzo come genere composito, come sottogenere letterario; il
romanzo d’amore e d’avventura; caratteristiche dei personaggi; destinatari.
Classici
Euripide, Le Baccanti: - Prologo, vv 1-63
Primo episodio, vv 170-308;
Secondo episodio: vv.434- 510;
Terzo episodio, vv 660-777;
Quarto episodio: vv. 912-976;
Quinto Episodio, vv. 1043- 1152;
Esodo: vv. 1263- 1300.
Platone, Simposio, 201 d- 216e
Gli Alunni
Il Docente
Francesco Moliterno
LICEO GINNASIO STATALE “T. TASSO”
ESAMI DI STATO ANNO SCOLASTICO 2013 – 2014
GRIGLIA DI MISURAZIONE PER LA SECONDA PROVA SCRITTA
ALUNNO…………………………………………………….
CLASSE III D / E
MATERIA: GRECO
GRIGLIA DI MISURAZIONE
INDICATORI
DESCRITTORI
GRAV.INSUFF. INSUFF. SUFF. DISCRETO BUONO OTTIMO
1-5
6-9
10
11-12
13-14
15
CONOSCENZE Conoscenza
delle strutture
morfosintattiche
ABILITÀ
Interpretazione
e
comprensione
del testo
COMPETENZE Ricodifica in
Italiano
PUNTEGGIO TOTALE ___________________
PUNTEGGIO FINALE___________/15
Il punteggio si ottiene dividendo il totale per tre e arrotondando all’unità in presenza di decimali
PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA
CONTENUTI1
Modulo Introduttivo
-
La seconda rivoluzione industriale (Cap. 18, Vol. II)
1. Il capitalismo a una svolta: concentrazioni, protezionismo e imperialismo
-
L’Unità d’Italia (Cap. 19, Vol. II)
1. L’esperienza liberale in Piemonte e l’opera di Cavour
2. Il fallimento dell’alternativa repubblicana
3. La diplomazia di Cavour e la seconda guerra di indipendenza
4. La spedizione dei Mille e l’unità
5. I caratteri dell’unificazione
-
-
Colonizzatori e colonizzati (Fare Storia)
R. F. Betts, Le cause del colonialismo ottocentesco
Stato e società nell’Italia unita (Cap. 23, Vol. II)
1. Le condizioni di vita degli italiani
2. La classe dirigente: Destra e Sinistra
3. Lo Stato accentrato, il Mezzogiorno e il brigantaggio
4. L’unificazione economica
5. Il completamento dell’unità
6. La Sinistra al governo
7. La politica economica: crisi agraria e sviluppo industriale
8. La politica estera: Triplice alleanza ed espansione coloniale
9. Movimento operaio e organizzazioni cattoliche
10. La democrazia autoritaria di Francesco Crispi
Modulo 1 L’alba del ‘900
-
Verso la società di massa (Cap. 1, Vol. III)
6. Suffragio universale, partiti di massa, sindacati
9. I partiti socialisti e la Seconda Internazionale
10. I cattolici e la Rerum novarum
11. Il nuovo nazionalismo
1
-
L’Europa nella belle époque (Cap. 2, Vol. III)
7. La Russia e la rivoluzione del 1905
8. Verso la guerra
-
L’Italia giolittiana (Cap. 4, Vol. III)
1. La crisi di fine secolo
2. La svolta liberale
3. Decollo industriale e progresso civile
Gli argomenti sono riportati facendo riferimento al capitolo e al numero di paragrafo del testo in adozione.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
-
La questione meridionale
I governi Giolitti e le riforme
Il giolittismo e i suoi critici
La politica estera, il nazionalismo, la guerra di Libia
Socialisti e cattolici
La crisi del sistema giolittiano
Individui, masse, folle (Fare Storia)
Gustave Le Bon, La psicologia delle folle
J. Ortega y Gasset, La ribellione delle masse
Modulo 2 Guerra e rivoluzione
-
La prima guerra mondiale (Cap. 5, Vol. III)
1. Dall’attentato di Sarajevo alla guerra europea
2. 1914-15: dalla guerra di movimento alla guerra di usura
3. L’intervento dell’Italia
4. 1915-16: la grande strage
5. La guerra nelle trincee
6. La nuova tecnologia militare
7. La mobilitazione totale e il “fronte interno”
8. 1917: la svolta nel conflitto
9. L’Italia e il disastro di Caporetto
10. 1917-18: l’ultimo anno di guerra
11. I trattati di pace e la nuova carta d’Europa
-
La rivoluzione russa (Cap. 6, Vol. III)
1. Da febbraio a ottobre
2. La rivoluzione d’ottobre
3. Dittatura e guerra civile
4. La Terza Internazionale
5. Dal “comunismo di guerra” alla Nep
6. La nascita dell’Urss: costituzione e società
7. Da Lenin a Stalin: il socialismo in un solo paese
-
L’eredità della grande guerra (Cap. 7, Vol. III)
4. Il “biennio rosso” in Europa
5. Rivoluzione e reazione in Germania
7. La Repubblica di Weimar fra crisi e stabilizzazione
8. La ricerca della distensione in Europa
-
Il dopoguerra in Italia e l’avvento del fascismo (Cap. 8, Vol. III)
1. I problemi del dopoguerra
2. Il “biennio rosso” in Italia
3. Un nuovo protagonista: il fascismo
4. La conquista del potere
5. Verso lo Stato autoritario
Modulo 3 Totalitarismi e stermini di massa
-
La grande crisi: economia e società negli anni ’30 (Cap. 9, Vol. III)
1. Crisi e trasformazione
2. Gli Stati Uniti e il crollo del 1929
3. La crisi in Europa
4. Roosevelt e il New Deal
5. Il nuovo ruolo dello Stato
-
Totalitarismi e democrazie (Cap. 10, Vol. III)
1. L’eclissi della democrazia
2. L’avvento del nazismo
3. Il Terzo Reich
4. Il contagio autoritario
5. L’Unione Sovietica e l’industrializzazione forzata
6. Lo stalinismo
7. La crisi della sicurezza collettiva e i fronti popolari
8. La guerra di Spagna
9. L’Europa verso la catastrofe
-
L’Italia fascista (Cap. 11, Vol. III)
1. Il totalitarismo imperfetto
2. Il regime e il paese
3. Cultura e comunicazioni di massa
4. La politica economica
5. La politica estera e l’Impero
6. L’Italia antifascista
7. Apogeo e declino del regime
-
La seconda guerra mondiale (Cap. 13, Vol. III)
1. Le origini
2. La distruzione della Polonia e l’offensiva al Nord
3. La caduta della Francia
4. L’Italia in guerra
5. La battaglia d’Inghilterra e il fallimento della guerra italiana
6. L’attacco all’Unione Sovietica e l’intervento degli Stati Uniti
7. Il “nuovo ordine”. Resistenza e collaborazionismo
8. 1942-43: la svolta della guerra
9. L’Italia: la caduta del fascismo e l’armistizio
10. L’Italia: guerra civile, resistenza, liberazione
11. La sconfitta della Germania
12. La sconfitta del Giappone e la bomba atomica
Modulo 4 Il mondo diviso2
-
Guerra fredda e ricostruzione (Cap. 14, Vol. III)
1. Le conseguenze della seconda guerra mondiale
2. Le Nazioni Unite e il nuovo ordine economico
3. La fine della “grande alleanza”
4. La divisione dell’Europa
5. L’Unione Sovietica e le “democrazie popolari”
6. Gli Stati Uniti e l’Europa occidentale negli anni della ricostruzione
7. La rinascita del Giappone
8. La rivoluzione comunista in Cina e la guerra di Corea
9. Guerra fredda e coesistenza pacifica
10. Il 1956: la destalinizzazione e la crisi ungherese
11. L’Europa occidentale e il Mercato comune
12. La Francia dalla Quarta Repubblica al regime gaullista
-
L’Italia repubblicana (Cap. 16, Vol. III)
3. Dalla liberazione alla Repubblica
5. La Costituzione repubblicana
6. Le elezioni del ’48 e la sconfitta delle sinistre
2
Gli argomenti di seguito riportati saranno trattati dopo il 13 maggio 2014.
PROGRAMMA SVOLTO DI FILOSOFIA
CONTENUTI
Modulo introduttivo. Il criticismo
1. Kant
- Il criticismo e la filosofia del limite
- Critica della ragion pura
Il problema generale
I giudizi sintetici a priori
La “rivoluzione copernicana”
La partizione della Critica della ragion pura
L’estetica trascendentale
L’analitica trascendentale
La dialettica trascendentale
- Critica della ragion pratica
La ragion “pura” pratica e i compiti della seconda Critica
La realtà e l’assolutezza della legge morale
La “categoricità” dell’imperativo morale
La teoria dei postulati pratici
- Critica del giudizio
L’analisi del bello e i caratteri specifici del giudizio estetico
Il sublime, le arti belle e il “genio”
Il giudizio teleologico
Modulo 1 L’idealismo tedesco
1. Il Romanticismo in filosofia: l’idealismo
2. Fichte
- Il dibattito sulla “cosa in sé” e il passaggio da Kant a Fichte
- La “dottrina della scienza”
- La dottrina morale
3. Schelling
- L’Assoluto come indifferenza di spirito e natura
- La filosofia della natura
- L’idealismo trascendentale
4. Hegel
- La dialettica
- La critica alle filosofie precedenti
- L’identità di razionale e reale
- La Fenomenologia dello spirito: coscienza, autocoscienza, ragione
- La logica
- La filosofia della natura
- Lo spirito soggettivo
- Lo spirito oggettivo: diritto, moralità, eticità
- La filosofia della storia
- Lo spirito assoluto: arte, religione e filosofia
Modulo 2 L’eredità di Hegel
1. La Destra e la Sinistra hegeliana
2. Feuerbach: la religione come alienazione dell’uomo
3. Marx
- I conti con Hegel e la Sinistra hegeliana
- Il materialismo storico
- La scienza economica: Il Capitale
- La rivoluzione
Modulo 3 Critica e rottura del sistema hegeliano
1. Schopenhauer
- Il mondo come volontà e rappresentazione
- La via della liberazione umana
2. Kierkegaard
- Una filosofia dell’esistenza
- Gli stadi dell’esistenza
- Il singolo e il sentimento del possibile
Modulo 4 Scienza e progresso: il positivismo
1. Auguste Comte
- La riorganizzazione spirituale della società
- Una filosofia della storia: la legge dei tre stadi
- La classificazione delle scienze
- Morale e politica
2. John Stuart Mill
- L’Utilitarismo e Bentham
- La logica dell’esperienza
- L’Utilitarismo liberale
- Un filosofo della libertà
3. Charles Darwin
- L’evoluzionismo di Lamarck
- I principi del Darwinismo
4. Herbert Spencer
- L’evoluzionismo filosofico
- La teoria della società
Modulo 5 La crisi delle certezze
1. Nietzsche
- Il periodo giovanile
-
-
-
La nascita della tragedia
Storia e vita
Il periodo “illuministico”
Il metodo genealogico
La filosofia del mattino
La morte di Dio
Il periodo di Zarathustra
La filosofia del meriggio
Il superuomo
L’eterno ritorno
L’ultimo Nietzsche
La trasvalutazione dei valori
La volontà di potenza
Il problema del nichilismo e del suo superamento
Modulo 6 La rivoluzione psicoanalitica
1. Freud
-
Una nuova scienza
L’inconscio
Il metodo dell’analisi
L’interpretazione dei sogni
Genesi della nevrosi
Es, Io e Super-io
Il disagio nella civiltà contemporanea
Modulo 8 L’esistenzialismo3
1. Il primo Heidegger
- Il senso dell’essere
- L’essere e il tempo
2. Sartre
- L’essere, il nulla e la libertà umana
- La nausea, l’angoscia e lo sguardo dell’altro
- Un “Dio mancato”
- La responsabilità del soggetto
Prof.ssa Francesca Maria Marrocu
3
Gli argomenti di seguito riportati saranno trattati dopo il 13 maggio 2014.
PROGRAMMA DI MATEMATICA
Le funzioni goniometriche
La misura degli angoli: la misura in gradi, la definizione di radiante, la misura in radianti, la circonferenza
goniometrica. Angoli orientati.
La funzione seno: definizione di seno di un angolo nella circonferenza goniometrica, grafico della funzione
y=senx, caratteristiche della funzione y=senx.
La funzione coseno: definizione di coseno di un angolo nella circonferenza goniometrica, grafico della
funzione y=cosx, caratteristiche della funzione y=cosx.
La prima relazione fondamentale.
La funzione tangente: definizione di tangente di un angolo nella circonferenza goniometrica, grafico della
funzione y=tgx, caratteristiche della funzione y=tgx.
Seconda relazione fondamentale.
La funzione cotangente: definizione di cotangente di un angolo nella circonferenza goniometrica, grafico
della funzione y=cotgx.
Terza relazione fondamentale.
Le funzioni secante e cosecante: definizioni e relazioni fondamentali..
Le funzioni goniometriche di angoli particolari: l’angolo di 30°, l’angolo di 45° e l’angolo di 60°.
Le formule goniometriche
Le funzioni goniometriche di angoli associati: angoli opposti, angoli esplementari, angoli supplementari,
angoli che differiscono di 180°, angoli complementari.
Formule di addizione e sottrazione per il seno, per il coseno e per la tangente.
Formule di duplicazione.
Formule di bisezione.
Le equazioni goniometriche
Identità goniometriche.
Equazioni goniometriche elementari in seno, coseno e tangente.
Equazioni riconducibili a equazioni elementari.
Equazioni lineari in seno e coseno (risoluzione con il metodo grafico)
Equazioni di secondo grado in una sola funzione goniometrica.
Equazioni omogenee di secondo grado in seno e coseno.
Equazioni riconducibili a omogenee di secondo grado in seno e coseno.
La trigonometria
Teoremi sui triangoli rettangoli.
Applicazione dei teoremi sui triangoli rettangoli: area di un triangolo, area di un parallelogramma.
Applicazione alla fisica: il lavoro di una forza.
Teorema della corda.
Teorema dei seni.
Teorema del coseno.
Risoluzione dei triangoli rettangoli.
Risoluzione dei triangoli qualunque.
Le equazioni esponenziali e logaritmiche
Proprietà delle potenze.
Funzioni esponenziali.
Equazioni esponenziali.
I logaritmi.
Le proprietà dei logaritmi (senza dimostrazione).
Funzioni logaritmiche.
Le equazioni logaritmiche.
Testo Bergamini-Trifone-Barozzi
Goniometria+Trigonometria
Moduli blu Modulo O+Q
Moduli di matematica
Le equazioni esponenziali e logaritmiche
Modulo N
Zanichelli
Per gli alunni
prof.ssa Francesca Maria Marrocu
PROGRAMMA DI FISICA
LA TEMPERATURA
Il concetto di temperatura: principio “zero” della termodinamica; definizione operativa della temperatura;
misura della temperatura; scale termometriche.
La dilatazione termica: dilatazione termica dei solidi (lineare e cubica); dilatazione termica dei liquidi.
Proprietà dei gas: la legge di Boyle; le due leggi di Gay-Lussac; il gas perfetto e la temperatura assoluta; la
legge dei gas perfetti.
Cenni sulla teoria cinetica dei gas perfetti: modello molecolare del gas perfetto; energia cinetica e
temperatura.
IL CALORE E I CAMBIAMENTI DI STATO DELLA MATERIA
Il calore come lavoro; misura del calore.
Il calore specifico e la capacità termica..
Propagazione del calore: conduzione; convezione; irraggiamento termico.
Cambiamenti di stato: fusione e solidificazione; evaporazione e tensione di vapore saturo; ebollizione;
condensazione.
LA TERMODINAMICA E I SUOI PRINCIPI
Sistemi termodinamici. Trasformazioni termiche. Trasformazioni reversibili e trasformazioni irreversibili.
Il primo principio della termodinamica.: energia interna di un gas perfetto; dipendenza dell’energia interna
dalla temperatura;esperienza di Joule:espansione senza lavoro; conseguenze del primo principio ( sistema
isolato, trasformazione isocora, trasformazione adiabatica.); calore specifico e calore molare a pressione e a
volume costante.
Il secondo principio della termodinamica: enunciato di Kelvin; enunciato di Clausius; macchina di Carnot;
ciclo di Carnot e rendimento di una macchina termica; teorema di Carnot.
LA CARICA ELETTRICA E LA LEGGE DI COULOMB
Cariche elettriche.
Corpi elettrizzati e loro interazioni.
Conduttori e isolanti.
Elettrizzazione: strofinio, contatto e induzione.
La polarizzazione dei dielettrici.
Misura di una carica: pendolino elettrostatico ed elettroscopio.
La legge di Coulomb ( nel vuoto e in un dielettrico ); costante dielettrica.
Confronto tra la legge di Coulomb e la forza gravitazionale.
IL CAMPO ELETTRICO
Il concetto di campo elettrico.
Il vettore campo elettrico E.
Le linee di forza come rappresentazione del campo.
Campo elettrico generato da una carica puntiforme.
Campo elettrico uniforme.
Campo elettrico generato da una distribuzione sferica di cariche.
Campo elettrico in presenza di un dielettrico.
Distribuzione delle cariche su un conduttore in equilibrio elettrostatico; densità di carica; potere dispersivo
delle punte.
Il flusso del campo elettrico e il teorema di Gauss.
POTENZIALE E CAPACITA’
Lavoro del campo elettrico.
Energia potenziale elettrica.
Il potenziale elettrico : la differenza di potenziale; moto delle cariche tra punti a potenziale diverso;
superfici equipotenziali.
Circuitazione del campo elettrico.
Potenziale di un conduttore sferico.
Capacità di un conduttore.
I condensatori : capacità di un condensatore; effetto di un dielettrico sulla capacità di un condensatore.
LA CORRENTE ELETTRICA
Concetto di corrente elettrica : il circuito elettrico elementare; l’intensità di corrente elettrica.
Forza elettromotrice.
La resistenza elettrica e le leggi di Ohm.
Resistenze in serie e in parallelo.
Generatori di corrente: la pila di Volta.
Passaggio di corrente nei liquidi.
IL MAGNETISMO
Campo magnetico: poli magnetici; fenomeno della calamita spezzata; ago magnetico.
Le linee di forza di un campo magnetico.
Il flusso del campo magnetico.
Campi magnetici generati da corrente.
Interazione corrente-corrente:definizione di Ampere.
Campo generato da circuiti elettrici: legge di Biot-Savart; spira circolare; solenoide.
Lezioni da svolgere dopo il 15/5/2014
La circuitazione del campo di induzione magnetica: teorema della circuitazione di Ampere.
La forza magnetica sulle cariche in movimento: forza di Lorentz.
Moto di una carica elettrica in un campo magnetico.
L’INDUZIONE ELETTROMAGNETICA
La legge di Faraday-Neumann-Lenz.
Testo Caforio-Ferilli
Le leggi della Fisica (vol.B)
Le Monnier
Per gli alunni
prof.ssa Francesca Maria Marrocu
Liceo classico “T. Tasso”
classi 3a D e 3a E
a.s. 2013-2014
insegnante: Casalino Rossella
PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI
ASTRONOMIA
Studio della luce
La luce dal cielo. I colori della luce. L’osservazione strumentale del cielo. Misura e analisi della luce.
Spettroscopia. Spettro continuo e spettri a righe (in emissione e in assorbimento). Modello del corpo nero.
Effetto Doppler.
La sfera celeste
Riferimenti sulla sfera celeste. Circoli di riferimento. Coordinate altazimutali. Coordinate equatoriali orarie.
Coordinate equatoriali celesti. I moti delle stelle e il percorso del Sole. Costellazioni e zodiaco.
Il tempo
Misura del tempo. Tempo siderale e tempo solare. Tempo universale. Tempo civile medio e fusi orari. Anno
siderale e anno tropico. I calendari.
Elementi di meccanica celeste
Il modello tolemaico. I modelli copernicano e tychonico. Le tre leggi di Keplero. La legge di gravitazione
universale di Newton. Moto intorno al comune centro di massa. Velocità di fuga.
Definizione di pianeta e satellite. La precessione luni-solare. La nutazione. Le maree.
I moti della Terra
Il moto di rotazione. Prove e conseguenze della rotazione della Terra. Il moto di rivoluzione. Stagioni
astronomiche, solstizi ed equinozi. I crepuscoli. Zone astronomiche. Prove del moto di rivoluzione.
Parallasse annua e misura delle distanze. Parsec.
I moti millenari della Terra. Moto della linea degli apsidi. La precessione degli equinozi come conseguenza
della precessione luni-solare. Variazione dell’eccentricità dell’orbita terrestre. Variazione dell’inclinazione
dell’asse terrestre. Le glaciazioni.
La Luna
Caratteristiche della Luna. Parametri principali. Caratteri geomorfologici. Origine ed evoluzione della Luna. I
principali moti della Luna. Moto di rotazione e moto di rivoluzione. Mese siderale e mese sinodico. Moto di
traslazione. Regressione della linea dei nodi. Le fasi lunari. Le librazioni lunari. Le eclissi.
Il Sole
Caratteristiche principali. La struttura del Sole. La fonte di energia del Sole. L’attività solare (macchie solari,
protuberanze e brillamenti). Il ciclo del Sole.
Il sistema solare
Caratteri generali. Origine e formazione del sistema solare. Cenni sulle caratteristiche generali dei pianeti
terrestri ( Mercurio, Venere e Marte) e dei pianeti gioviani (Giove, Saturno, Urano e Nettuno). I corpi minori
del sistema solare. Asteroidi. Pianeti nani. Comete. Meteore, meteoroidi e meteoriti.
L’universo vicino
La Via Lattea. Definizione di stella. Classificazione delle stelle. Classi spettrali. Parametri fisici delle stelle:
massa, luminosità e dimensione. Magnitudine apparente e magnitudine assoluta. Evoluzione stellare. Il
diagramma H-R. Stelle variabili. Gli ammassi stellari. Ammassi aperti e ammassi globulari.
L’universo lontano
La nostra Galassia. Tipi di galassie. Gruppi di galassie. La cosmologia. Modello dello stato stazionario e
principio cosmologico perfetto. La legge di Hubble e l’espansione dell’universo. La teoria del big bang.
Conferme della teoria del big bang. Ipotesi sul futuro.
SCIENZE DELLA TERRA
Minerali e rocce
Minerali e struttura cristallina. Proprietà fisiche dei minerali. Polimorfismo ed isomorfismo. Classificazione
dei minerali. Le rocce della crosta terrestre. Il ciclo litogenetico.
Processo magmatico e rocce ignee
Il processo magmatico. Magma e lava. Genesi dei magmi. Cristallizzazione magmatica e differenziazione.
Rocce ignee intrusive ed effusive. Classificazione delle rocce ignee.
Processo sedimentario
Erosione, trasporto, accumulo e diagenesi. Facies e ambienti di sedimentazione. Ambienti continentali.
Ambienti di transizione. Ambienti marini. Cenni di stratigrafia.
Rocce sedimentarie
Proprietà fondamentali. Rocce terrigene. Rocce carbonatiche. Evaporiti. Rocce silicee. Petrolio e carbon
fossile. Rocce residuali.
Processo metamorfico e rocce metamorfiche
Processi metamorfici. Facies metamorfiche. Struttura delle rocce metamorfiche. Metamorfismo regionale,
metamorfismo di contatto e metamorfismo cataclastico.
Tettonica
Le deformazioni delle rocce. Giacitura delle rocce. Comportamento elastico e plastico dei corpi rocciosi.
Diaclasi e faglie (faglia normale, inversa e trascorrente). Pieghe (anticlinali e sinclinali). Falde di
ricoprimento.
I terremoti
Terremoto e onde sismiche. Teoria del rimbalzo elastico. Ipocentro ed epicentro di un terremoto. Onde
sismiche: onde longitudinali (P), onde trasversali (S) ed onde L. Energia dei terremoti: magnitudo e scala
Richter. Intensità dei terremoti e scala Mercalli. Previsione e controllo dei terremoti. Prevenzione dei
terremoti. La sismicità in Italia.
L’interno della Terra
Comportamento delle onde sismiche e struttura interna della Terra. Superfici di discontinuità sismica
(discontinuità di Mohorovicid, di Gutenberg e di Lehmann). Crosta, mantello e nucleo. Litosfera,
astenosfera e mesosfera. Calore interno della Terra. Geoterma e gradiente geotermico. Composizione del
nucleo. Nucleo esterno e nucleo interno. Composizione del mantello. Moti convettivi nel mantello. Crosta
continentale e crosta oceanica. Principio dell’isostasia. Il campo magnetico della terra. Paleomagnetismo.
Le inversioni di polarità.
Dalla Teoria della deriva dei continenti alla Teoria dell’espansione dei fondi oceanici
Teoria di Wegener della deriva dei continenti. Pangea. Le prove a sostegno di Pangea. Le dorsali mediooceaniche. Teoria dell’espansione dei fondi oceanici. La prova dell’espansione: le anomalie magnetiche dei
fondi oceanici.
Tettonica delle placche e orogenesi
Teoria della tettonica delle placche. I margini delle placche. Moto delle placche. Dorsali oceaniche e fosse.
Espansione e subduzione. Punti caldi. Orogenesi. Struttura dei continenti; cratoni e orogeni.
L’insegnante
(Rossella Casalino)
Libro di testo:
A. Bosellini, T. Cavattoni
Corso di Scienze del Cielo e della Terra A + B Zanichelli
STORIA DELL’ ARTE
PROGRAMMA III D
A . S.
2013 - 2014
La prospettiva come forma simbolica dello spazio ;
- Aspetti del Neoclassicismo : J. J. Winckelmann ;
Il Grand tour nel XVIII secolo;
La cultura neoclassica a Roma nel XVIII secolo: protagonisti, istituzioni, musei ;
G. Battista Piranesi : opere dal manuale ;
Tecniche di incisione a stampa e editoria nel XVIII secolo;
Antonio Canova: Dedalo e Icaro, Teseo e il Minotauro, monumento a Clemente XIII, monumento a
Clemente XIV, monumento a Maria Cristina d’Austria, Paolina Borghese, Amore e Psiche;
J. Louis David: Giuramento degli Orazi, A Marat; opere dal manuale;
- Romanticismo in Germania, Inghilterra e Francia:
C. David Friedrich: Monaco in riva al mare, Viandante sul mare di nebbia, Mare di ghiaccio;
W. Turner: opere dal manuale;
T. Géricault : La zattera della Medusa;
E. Delacroix: La libertà guida il popolo;
- Realismo in Francia : G. Courbet – opere dal manuale;
- Impressionismo : opere dal manuale;
Claude Monet: opere dal manuale;
- Fotografia nel XIX secolo;
Neoimpressionismo : G. Seurat – opere dal manuale
Espressionismo in Germania – opere dal manuale:
Verifiche :
Colloquio con il docente ;
Contenuti :
Neoclassicismo ;
Romanticismo ;
Realismo ;
Impressionismo ;
Avanguardie storiche del Novecento ;
Immagine e parola nella cultura contemporanea – corso con Antonio Capaccio , progetto
“Laboratorio delle Arti contemporanee “
Obiettivi:
Conoscenza della cultura figurativa della modernità ;
Acquisizione di conoscenze tecniche relative alle opere oggetto di indagine .
Finalità:
Capacità di comprensione della complessità della cultura figurativa del XVIII, XIX e XX secolo in relazione ai
diversi ambiti del sapere ;
Elaborazione di capacità critica sostenuta da ricerca e metodo interpretativo .
Il docente
Fabrizio Fringuelli
PROGRAMMA DI LINGUA E LETTERATURA INGLESE SVOLTO NELLA CLASSE III D
ANNO SCOLASTICO 2013/14
DOCENTE, PROF.SSA L. DI MUZIO
REVISION OF THE HISTORICAL AND SOCIAL BACKGROUND OF THE ROMANTIC PERIOD
SHELLEY, LIFE AND WORKS
POEMS : OZYMANDIAS
ODE TO THE WEST WIND
ENGLAND IN 1819
KEATS, LIFE AND WORKS
POEM : “ODE ON A GRECIAN URN”
BYRON, LIFE AND WORKS, THE BYRONIC HERO
FROM CHILDE HAROLD’S PILGRIMAGE THE FIRST 5 STANZAS
READING AND COMMENTARY OF THE NOVEL “FRANKENSTEIN” BY M. SHELLEY
THE VICTORIAN AGE, HISTORICAL AND SOCIAL BACKGROUND
THE VICTORIAN COMPROMISE, THE VICTORIAN FRAME OF MIND
C. DICKENS, LIFE AND WORKS
THE VICTORIAN COMPROMISE. THE VICTORIAN FRAME OF MIND
FROM “OLIVER TWIST”, OLIVER WANTS MORE.
ROBERT BROWNING, LIFE AND WORKS
THE DRAMATIC MONOLOGUE
POEM : “PORPHIRIA’S LOVER”
MORAL AND SOCIAL CRITICISM IN THE VICTORIAN AGE
AESTHETICISM AND DECADENCE
OSCAR WILDE, LIFE AND WORKS
FROM THE IMPORTANCE OF BEING EARNEST: LADY BRACKNELL’S INTERVIEW
MODERNISM, HISTORICAL AND SOCIAL BACKGROUND
THE AGE OF ANXIETY
NOVEL, POETRY AND DRAMA IN THE MODERN AGE
J. JOYCE, LIFE AND WORKS
THE INTERIOR MONOLOGUE
FROM DUBLINERS:
EVELINE
THE DEAD
FROM ULYSSES:” INSIDE BLOOM’S MOUTH”, “ MOLLY’S MONOLOGUE “
FROM “ FINNEGANS’ WAKE “: “RIVERRUN”(EXPERIMENTATION)
T.S. ELIOT, LIFE AND WORKS
THE WASTE LAND
FROM THE WASTE LAND :
THE FIRE SERMON
WHAT THE THUNDER SAID
GEORGE ORWELL, LIFE AND WORKS
FROM “1984” : “THIS WAS LONDON”
“NEWSPEAK”
FROM “THE ROAD TO WIGAN PIER” : “DOWN THE MINE”
ROMA, 5 MAGGIO 2014
LA DOCENTE,
L. DI MUZIO
GLI STUDENTI P.P.V.,
PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE
ANNO SCOLASTICO 2013-2014
CLASSE 3° LICEO SEZ. D
POTENZIAMENTO FISIOLOGICO
- ESERCIZI PER ATTIVITA’ DI RESISTENZA
a) Corsa lenta di durata progressivamente crescente utilizzando sempre il
meccanismo aerobico
- ESERCIZI PER ATTIVITA’ DI FORZA (forza resistente,veloce, esplosiva
a) A carico naturale ed aggiuntivo
b) Con piccoli e grandi attrezzi
- ESERCIZI PER ATTIVITA’ DI VELOCITA’
a) Per la velocità sulla corsa breve
b) Per la velocità sui singoli gesti motori
- ESERCIZI PER LA MOBILITA’ ARTICOLARE
a) Con piccoli e grandi attrezzi
b) A coppie
- ESERCIZI PER LA COORDINAZIONE
a) Individuali a corpo libero
b) A coppie
c) Con piccoli attrezzi
ATTIVITA’ SPORTIVA
-
ESERCIZI PER LA TECNICA INDIVIDUALE PALLAVOLO
ESERCIZI PER LA TATTICA PALLAVOLO
ESERCIZI PER LA TECNICA INDIVIDUALE BASKET, PALLAMANO, CALCETTO
ESERCIZI PER LA TATTIVA BASKET, PALLAMANO, CALCETTO.
REGOLAMENTO PALLAVOLO E RELATIVO ARBITRAGGIO
TEORIA – Cenni di Anatomia e Fisiologia del corpo umano applicati allo Sport – Storia
dell’Educazione Fisica e dello Sport – Concetto di allenamento sportivo - Doping
Riccardo Schiantoni
PROGRAMMA
Disciplina:
Docente:
Classe:
Libro di testo:
Religione (IRC)
Prof. Massimo Pieggi
3D
FAMÀ, A., Uomini e profeti, Novara 2007.
OS, TSC e nuclei tematici
Conoscenze
Abilità
Competenze
Confronto criticosistematico con gli
interrogativi e le
questioni di senso
proprie dell’uomo
(l’arché/origine, il
futuro/l’escaton/la
speranza, il male, la
morte), cui il
cristianesimo e le
altre religioni cercano
di offrire risposta
Porre domande di senso e
interrogarsi sulla condizione
umana, confrontandosi con i
limiti materiali, la ricerca di
trascendenza e la speranza di
salvezza offerta dalle grandi
tradizioni religiose, in
particolare dalla rivelazione
ebraico-cristiana
Porsi domande di senso e
interrogarsi in ordine alla
ricerca di un’identità umana,
religiosa e spirituale libera e
consapevole, in relazione
con gli altri e con il mondo, al
fine di sviluppare un maturo
senso critico e un personale
progetto di vita, nel
confronto con i valori delle
grandi tradizioni religiose
(specialmente ebraicocristiana)
Categorie antropologiche delle grandi
tradizioni religiose, in particolare ebraicocristiana (ripresa sistematica)
Fondare le scelte religiose
sulla base delle motivazioni
intrinseche della libertà
responsabile
Nodi del rapporto tra fede (teologica) e
ragione (filosofica e scientifica). Certezza
morale e ragionevolezza (Dei Filius, Dei
Verbum, Fides et Ratio)
La persona umana fra
le novità tecnicoscientifiche e le
ricorrenti domande di
senso
Relazione della fede
cristiana con la
razionalità umana e
con il progresso
scientificotecnologico
L’uomo e la ricerca
della verità: l’incontro
tra filosofia, teologia
e scienza
Dio, la religione e le
religioni tra
rivelazione e critica
della ragione
Riconoscere in opere
artistiche (figurative,
musicali,
cinematografiche…),
letterarie e sociali i
riferimenti biblici e religiosi
che ne sono all’origine
Riconoscere differenze e
complementarietà tra
ragione filosofica, scientifica
e teologica
Cogliere i rischi e le
opportunità delle tecnologie
informatiche e dei nuovi
mezzi di comunicazione sulla
vita dell’uomo
Nuclei contenutistici essenziali svolti
Lettura e comprensione ermeneutica di testi,
con particolare attenzione alla prospettiva
esistenziale e religiosa
Terence Malick: The tree of life
T.S.Eliot: The hollow men
Baricco- Tornatore: Novecento
Argomentazioni antropiche (Carter, Barrow,
Tipler) e fondamenti scientifici. Nuclei cruciali
del rapporto tra teologia e scienza.
Epistemologia e filosofia della scienza
(Popper, Kuhn, Godel)
Sintesi sistematica: snodi del rapporto tra
teologie e filosofie *Vie dell’interiorità; Platone,
Plotino, Agostino, la patristica. Scolastica: Anselmo,
Tommaso (analisi di quaestiones della ST), Bonaventura.
Vie a posteriori. Modernità: Cartesio, Galileo, Bacone,
empirismo anglosassone, Kant. Idealismo tedesco
(Hegel). Brevi cenni agli sviluppi successivi: Kierkegaard,
Schopenauer, Feuerbach, Marx, Nietzsche. Psicanalisi
(Freud, Jung, Adler, Lacan, Frankl). Russell. Wittgenstein.
Filosofia analitica e del linguaggio. Circolo di Vienna.
Scuola di Francoforte. Fenomenologia. Esistenzialismo.
Strutturalismo. Ermeneutica. Teologia politica e teologia
della liberazione]
Elementi di filosofia e teologia della cultura
I principi dell’ermeneutica biblica
per un approccio sistematico al
testo
Lettura pagine scelte del Primo e
del Nuovo Testamento
Origine, senso (ebraico e
cristiano) e attualità delle
‘grandi’ parole e dei simboli
biblici (creazione, esodo,
alleanza, promessa, popolo di
Dio, messia, regno di Dio, grazia,
conversione, salvezza,
redenzione, escatologia, vita
eterna)
Origine e significato della fede
cristiana nell’Unità e Trinità di
Dio
Applicare criteri ermeneutici
adeguati ad alcuni testi biblici
Analizzare nel Primo e nel Nuovo
Testamento le tematiche
preminenti e i personaggi più
significativi
Bioetica ed etica personale,
sociale e ambientale
F.to Prof. Massimo Pieggi
Composizione della
Bibbia: aspetti storici,
filologici, redazionali.
Generi letterari. Critica
testuale. Studi
archeologici.
Periodizzazioni e struttura
(cenni sintetici)
Cogliere i significati originari dei
segni, dei simboli e delle principali
professioni cristiane di fede
Impostare criticamente la
riflessione su Dio nelle sue
dimensioni storiche, filosofiche e
teologiche
Categorie e temi di
teologia e cristologia
fondamentale e
sistematica (cenni)
Comprendere il significato cristiano
della coscienza e la sua funzione
per l’agire umano, individuando il
rapporto fra coscienza, verità e
libertà nelle scelte morali
Essere consapevole della serietà e
problematicità delle scelte morali,
valutandole anche alla luce della
proposta cristiana
Categorie e snodi tematici
di teologia morale
fondamentale e speciale
(cenni)
Discutere dal punto di vista etico
potenzialità e rischi delle nuove
tecnologie
Dall’antropologia e
teologia bibliche all’ethos
ebraico e cristiano: sintesi
sistematica
Accogliere, confrontarsi e dialogare
con quanti vivono scelte religiose
ed etiche diverse dalle proprie
La Chiesa nella sua
autocomprensione (elementi
misterici e storici, istituzionali e
carismatici) e nel suo sviluppo
storico (motivi storico-teologici
delle divisioni, Chiesa e
totalitarismi, tensioni unitarie in
prospettiva ecumenica)
Elementi fondamentali di
esegesi e teologia biblica
Esegesi e teologia di Gen
1-4. Cenni: Es 1-3, Is 5; Am
2; Mt 25; Rm 7-8
Il mistero della persona di Gesù:
comprensione della Chiesa
(“Cristo della fede”) e ricerca
moderna (“Gesù della storia”)
Caratteristiche fondamentali
dell’Ethos pneumatologico
cristiano: coscienza, libertà,
verità e normatività
Confrontarsi con la visione cristiana
del mondo, utilizzando le fonti della
rivelazione ebraico- cristiana e
interpretandone i contenuti, al fine
di elaborare una posizione
personale libera e responsabile,
aperta alla ricerca della verità e alla
pratica della giustizia e solidarietà
Affrontare il rapporto del
messaggio cristiano universale con
le culture particolari e con gli effetti
storici che esso ha prodotto nei vari
contesti sociali e culturali
Individuare le cause delle divisioni
tra i cristiani e valutare i tentativi
operati per la riunificazione della
Chiesa
Riconoscere la presenza e
l’incidenza del cristianesimo nel
corso della storia, nella valutazione
e trasformazione della realtà e
nella comunicazione
contemporanea, in dialogo con le
altre religioni e sistemi di significato
Interpretare la presenza della
religione nella società
contemporanea in un contesto di
pluralismo culturale e religioso,
nella prospettiva di un dialogo
costruttivo fondato sul principio del
diritto alla libertà religiosa
Categorie e temi
ecclesiologici
fondamentali (cenni)
Confronto della visione
cristiana con altri sistemi
di significato presenti
nella società
contemporanea;
secolarizzazione e non
credenza
Religioni, società e politica
(cenni)
Programma di Storia della musica (A.A. all’I.R.C.)
A. S. 2013-2014
classe III A
Insegnante: Maria Cristina Paciello
L’Ottocento
Dualismo stilistico
Cultura musicale borghese
L. van Beethoven
Mito e fortuna
Il Romanticismo
La concezione romantica della musica
Caratteri e tendenze
Condizione sociale del musicista
Opera e dramma tragico in Italia
Verdi, Otello
La concezione wagneriana del dramma musicale
Antiwagnerismo
● Hanslick e Brahms
Il sinfonismo di fine Ottocento
● Mahler
Il wagnerismo in Francia
Accenni alle Avanguardie del primo Novecento
Debussy e il simbolismo
Schoenberg e la scuola di Vienna
Stravinskij
Satie
Il Futurismo italiano
Maria Cristina Paciello
LICEO GINNASIO STATALE “T. TASSO”
ANNO SCOLASTICO 2013 - 2014
Alunno/a_________________________________
Classe III
Sezione D
Simulazione della terza prova del 7/3/2014
LATINO
TIPOLOGIA B
1.Spiega in che cosa consistano le Suasoriae e le Controversiae e per quali ragioni politicamente segnino la
fine della Repubblica romana. (max. 10 righe).
2.Spiega perché Persio scelga il genere satirico e polemizzi con i poeti epici e tragici, basandoti sui Coliambi
e sulla prima satira.. (max. 10 righe).
STORIA
COGNOME
NOME
Analizza la strategia diplomatica di Cavour e ricostruisci brevemente la seconda guerra d’indipendenza.
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
Spiega i caratteri fondamentali delle “tesi di aprile” di Lenin e ricostruisci brevemente la presa del potere da
parte dei bolscevichi.
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
DATA……………………………………………………….CLASSE……………..SEZ……………
COGNOME…………………………………………………NOME…………………………………
FISICA
1) Dopo aver dato la definizione di rendimento, descrivere in modo sintetico la macchina di Carnot ed
enunciare il teorema di Carnot.
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..
2) Descrivere come si distribuiscono le cariche su un conduttore in equilibrio elettrostatico.
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………...
MATERIA: SCIENZE NATURALI
Cognome e nome: ………………………………………………
1)
7/03/2014
Cosa sono le macchie solari e a quali fenomeni di attività solare sono associate?
……………………………………………………………………………………………………..…………………………………………………………
…………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..……………
………………………………………………………………………………………..………………………………………………………………………
……………………………..……………………………………………………………………………………………………..…………………………
…………………………………………………………………………..……………………………………………………………………………………
……………..……………………………………………………………………………………………………..………………………………………….
……………..……………………………………………………………………………………………………..………………………………………….
……………..……………………………………………………………………………………………………..………………………………………….
……………..……………………………………………………………………………………………………..………………………………………….
……………..……………………………………………………………………………………………………..………………………………………….
2) Quali sono le principali differenze tra i pianeti di tipo terrestre e i pianeti di tipo gassoso del Sistema
solare?
……………………………………………………………………………………………………..…………………………………………………………
…………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..……………
……………………………………………………………………………………..…………………………………………………………………………
…………………………..…………………………………………………………………………………………………….……………………………
………………………………………………………………………..………………………………………………………………………………………
……………..……………………………………………………………………………………………………..…………………………………………
…………..……………………………………………………………………………………………………..………………………………………….…
…………..……………………………………………………………………………………………………..………………………………………….…
…………..……………………………………………………………………………………………………..…………………………………………
……………..……………………………………………………………………………………………………..………………………………………….
CLASSE III D
SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA : LINGUA E LETTERATURA INGLESE
1) WHY IS “1984” BY GEORGE ORWELL A DYSTOPIAN NOVEL?
……………………………………………………………………………………………………..…………………………………………………
…………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..
…………………………………………………………………………………………………..……………………………………………………
………………………………………………..…………………………………………………………………………………………………….…
…………………………………………………………………………………………………..……………………………………………………
………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..…
…………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..
………………………………………….……………..………………………………………………………………………………………………
……..………………………………………….……………..………………………………………………………………………………………
……………..…………………………………………………………………………………………………………………………………………
2) EXPLAIN WHY T.S. ELIOT’S “THE WASTE LAND” IS A MODERNIST WORK.
……………………………………………………………………………………………………..…………………………………………………
…………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..
…………………………………………………………………………………………………..……………………………………………………
………………………………………………..…………………………………………………………………………………………………….…
…………………………………………………………………………………………………..……………………………………………………
………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..…
…………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..
………………………………………….……………..………………………………………………………………………………………………
……..………………………………………….……………..………………………………………………………………………………………
……………..………………………………………………………………………………..… …………………………………………………..
LICEO GINNASIO STATALE “T. TASSO”
ANNO SCOLASTICO 2013 - 2014
Alunno/a_________________________________
Classe III
Sezione D
Simulazione della terza prova del 23/5/2014
LATINO
TIPOLOGIA B
1. Illustra e spiega le differenze salienti tra il Bellum Civile di Lucano e l’Eneide di Virgilio, fornendo prove
pertinenti. (max. 10 righe).
2.Spiega sinteticamente che cosa si intenda per eclettismo filosofico e quale sia l’atteggiamento di Seneca
verso le dottrine dei filosofi greci. (max. 10 righe).
FILOSOFIA
COGNOME
1.Confronta il concetto di alienazione in Feuerbach e Marx
2.Analizza il concetto di singolo in Kierkegaard.
NOME
DATA……………………………………………………….CLASSE……………..SEZ……………
COGNOME…………………………………………………NOME…………………………………
FISICA
1) Spiega che cos’è un generatore di corrente elettrica, qual è la sua grandezza caratteristica e descrivi
brevemente la pila di Volta.
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
2) Dopo aver descritto le caratteristiche di un campo uniforme, spiega come si ottiene un campo
elettrico uniforme e come si ottiene un campo magnetico uniforme.
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
SIMULAZIONE TERZA PROVA (tipologia B - max 10 righe)
classe 3a D
MATERIA: SCIENZE NATURALI
Cognome e nome: ………………………………………………
1)
23/05/2014
In base a quali caratteristiche si può comprendere se un campione è di una roccia
magmatica intrusiva o effusiva?
……………………………………………………………………………………………………..…………………………………………………
…………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..
…………………………………………………………………………………………………..……………………………………………………
………………………………………………..…………………………………………………………………………………………………….…
…………………………………………………………………………………………………..……………………………………………………
………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..…
…………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..
………………………………………….……………..………………………………………………………………………………………………
……..………………………………………….……………..………………………………………………………………………………………
……………..…………………………………………………………………………………………………………………………………………
2) Quali sono le principali differenze tra la crosta continentale e quella oceanica?
……………………………………………………………………………………………………..…………………………………………………
…………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..
…………………………………………………………………………………………………..……………………………………………………
………………………………………………..…………………………………………………………………………………………………….…
…………………………………………………………………………………………………..……………………………………………………
………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..…
…………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..
………………………………………….……………..………………………………………………………………………………………………
……..………………………………………….……………..………………………………………………………………………………………
……………..…………………………………………………………………………………………………………………………………………
CLASSE III D
SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA : LINGUA E LETTERATURA INGLESE
1)
WHY IS “1984” BY GEORGE ORWELL A DYSTOPIAN NOVEL?
……………………………………………………………………………………………………..…………………………………………………
…………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..
…………………………………………………………………………………………………..……………………………………………………
………………………………………………..…………………………………………………………………………………………………….…
…………………………………………………………………………………………………..……………………………………………………
………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..…
…………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..
………………………………………….……………..………………………………………………………………………………………………
……..………………………………………….……………..………………………………………………………………………………………
……………..…………………………………………………………………………………………………………………………………………
2)
EXPLAIN THE USE OF THE OBJECTIVE CORRELATIVE IN ELIOT'S “THE FIRE SERMON”(THE WASTE
LAND)
……………………………………………………………………………………………………..…………………………………………………
…………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..
…………………………………………………………………………………………………..……………………………………………………
………………………………………………..…………………………………………………………………………………………………….…
…………………………………………………………………………………………………..……………………………………………………
………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..…
…………………………………………………..……………………………………………………………………………………………………..
………………………………………….……………..………………………………………………………………………………………………
……..………………………………………….……………..………………………………………………………………………………………
……………..…………………………………………………………………………………………………………………………………………
LICEO GINNASIO STATALE “T. TASSO”
ESAME DI STATO A.S. 2013 – 2014
GRIGLIA DI MISURAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA
CANDIDATO………………………………………………CLASSE III D
MATERIA___________________
1°
QUESITOINDICATORI
DESCRITTORI
TIPOLOGIA B
GRAVEM.
SUFF.
BUONO
OTTIMO
12 - 13
14 - 15
BUONO
OTTIMO
12 - 13
14 - 15
INSUFF.
1-5
ABILITÀ
INSUFF.
6-9
10-11
Abilità di
focalizzazione
dell’argomento e
di sintesi
CONOSCENZE
Conoscenza
dell’argomento
COMPETENZE
Uso del
linguaggio
specifico
PUNTEGGIO TOTALE…………………………
PUNTEGGIO FINALE………./15
2° QUESITO
INDICATORI
DESCRITTORI
GRAVEM.
INSUFF.
SUFF.
INSUFF.
1-5
ABILITÀ
6-9
10-11
Abilità di
focalizzazione
dell’argomento e
di sintesi
CONOSCENZE
Conoscenza
dell’argomento
COMPETENZE
Uso del
linguaggio
specifico
PUNTEGGIO TOTALE…………………………
PUNTEGGIO FINALE………./15
Il punteggio si ottiene dividendo il totale per tre e arrotondando all’unità in presenza di decimali.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
1 137 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content