close

Enter

Log in using OpenID

A caso un giorno mi guidò la sorte

embedDownload
1
A caso un giorno mi guidò la sorte
Luigi Tansillo, Il canzoniere
Andrea Gabrieli (c.1532-1585)
Il primo libro de madrigali à 3 voci (Gardano press, Venice, 1575)
Canto 1
Canto 2
8
mi gui do
A
pa
spes
mes
l’ha vea mes
ri to a mor
stor fe ri to a mor
15
te,
Che
la
no
O
stor fe ri to a
se
Che
te,
sua nin fa in sen
te,
sor
la
sua nin fa in sen
te, Che la sua nin fa in sen
pian
gea
so. La gio va ne gen til, La gio va ne gen til pian
si
se
La gio va ne gen til pian gea
so. La gio va ne gen til
so, O ve gia cea un pa
te,
ve gia cea un pa
so,
la
O
so,
sor
la
ca so un gior
spes
ri to a mor
so.
se l’ha vea mes
fe
vea
mi gui do
cie om bro so e spes
te, fe
te,
mi gui do
ca so un gior no
sor te,
ve gia cea un
l’ha
fe ri to a mor
mor
la
A
mi gui do la sor te, In un bos co di quer cie om bro so e
8
mi gui do la sor te, In un bos co di quer
ca so un gior no
In un bos co di quer cie om bro so e
stor
8
A
8
5
10
Basso
Prima parte
si
gea
Typeset by Allen Garvin ([email protected]) (ver. 2015-01-12) CC BY-NC 3.0
te
for
for
si
for
2
A caso un giorno (score)
8
20
25
Pian gea il
Pian gea il
ta le,
30
mor ta
ga e ra
ga e
Canto 1
Canto 2
Basso
to di lei, più che il suo
Pian gea il pian to
le,
mor
di lei,
le,
ra mor ta le,
pian
to di
Pian gea il
to
di
to di
pian
cor
più che il suo
lei, più che il suo
ra
che la sua pia
An
lei, più che il suo
ra mor
An cor
lei,
che la sua pia ga e
le,
le, An cor
mor ta
che la sua pia ga e
ma
che la sua pia
35
le.
ma
le.
ma
le.
Seconda parte
Va
8
ga d’u dir,
Va
Va ga d’u dir,
cor
Pian gea il
ma
ra
più che il suo ma le, An cor,
Pian gea il pian
ta le,
mor
che la sua pia ga e
An
to di lei, più che il suo ma
pian
so,
stes
che la sua pia ga e ra
An cor
An cor
pian
8
stes so, An cor,
te i
te So pra il suo a man te, che l’a man te i
ta le,
te So pra il suo a man te, che l’a man te i stes so,
So pra il suo a man te, che l’a man
8
Va
ga d’u dir,
co me o
ga d’u dir,
gni don
co me o
na suo
co me o gni don na suo
Typeset by Allen Garvin ([email protected]) (ver. 2015-01-12) CC BY-NC 3.0
gni don
na
le, co me o gni don na
le, co me o gni don na
A caso un giorno (score)
suo le,
5
8
In un
spu glio,
fi ne a vea la co
sa,
ce spu glio, o
un
ce
spu glio,
o ve ap pe na en tra il so
spu glio,
8
In
spu glio,
d’am be due
due ne stet
8
due ne stet
20
Nin
Nin
sa.
sa.
ti a sco
ti a sco
sa.
lo
fa do
lo
fa do
do
lo ro
ro sa do
sa
25
Pa
sa
lo
ro
le,
E’l pian to
le, E’l pian to de la
rea che in tor no l’a ria e le con
sa Pa rea che in tor no
le, E’l pian to de la
gli oc chi
gli oc chi d’am be
le, Da
Da gli oc chi d’am be
Pa stor nel for mar del le pa ro
do
nel for mar del le pa ro
Da
In un ce
sa,
Il Pa stor nel for mar del le pa ro
lo ro
lo ro
le,
ve ap pe na en tra il so
Il
sa
ro
tra il so
le,
Il Pa stor
so
na en
Pa stor
Il
fa do
de la Nin
8
ne stet ti a sco
o
co
ce
fi ne a vea la co sa, In un ce
che
na en tra il
ve ap pe
In un
ve ap pe
le, o
15
sa,
fi ne a vea la
che
10
fi ne a vea la co sa,
per ve der che
E
suo le,
fi ne a vea la co
per ve der che
che
E
per ve der
E
suo le,
3
sa
Typeset by Allen Garvin ([email protected]) (ver. 2015-01-12) CC BY-NC 3.0
l’a ria e le con tra
Pa
4
A caso un giorno (score)
rea che in tor no l’a ria e le con tra
pie ta
8
pie
tra
Canto 1
Canto 2
Basso
de,
ser la cri mar per la
e le con tra
de
de
per
ser la cri mar
35
l’a ria e le con tra
Fa ces
ser la cri mar,
40
ser la cri mar per la
Fa ces ser la cri mar per
ser la cri mar, Fa ces
la
Fa ces
Pa rea che in tor no l’a ria e le con
de Fa ces
ser la cri mar, Fa ces
rea che in tor no l’a ria e le con tra
Pa
de,
Fa ces
ta
Fa ces ser la cri mar,
de
de Fa ces
de, Pa rea che in tor no
la
30
Fa ces ser la cri mar per
ser la cri mar,
Fa ces ser la cri mar,
pie ta
de
8
Fa ces
e le con tra
de,
8
de
tra
ser la cri mar
la
pie ta
per
de.
pie ta
de.
pie
la
ta
de.
Terza parte
Con
Con quel po
co di spir
quel po
to che gli a van
co di spir to che
gli a
van
8
Typeset by Allen Garvin ([email protected]) (ver. 2015-01-12) CC BY-NC 3.0
za,
Con
za, Con quel
Con
quel
A caso un giorno (score)
po
co di spir
po
re, Non
Non
duol il
mi
duol
8
fa,
mo
il
mo
ve re al cun
Di
vi
co me av rà pos san
fa,
co
mi duol il mo rir, di cea il Pa sto
il mo
rir,
nel
za,
co
20
re, Pur che do po la mor te ab bi spe ran
re, Pur che do po la mor te ab bi spe ran
tuo co
nel
tuo
san
re, Pur che do po la mor te ab bi spe ran
co
re:
Di
cea il
re:
re:
Di
za, Di
cea il
vi
za,
Di
vi
ve re un de’
Typeset by Allen Garvin ([email protected]) (ver. 2015-01-12) CC BY-NC 3.0
Di
ve re un de’ due,
co me av rà pos san za,
Nin
Nin
me av rà pos san
co me av rà pos san za,
me av rà pos
duol
ve re al cun tem po nel tuo co
po
po
tem
rir, di cea il Pa sto
mo
mi
tem
il Nin
rir, di cea il Pa sto
ve re al cun
duol il
Non
za, Non
vi
za,
mi
rir, di cea il Pa sto
15
fa,
Non
mi duol il mo rir, di cea il Pa sto
za
gli a van
Non
Di
za Di vi
cea
van
10
gli a
to che
za
8
za,
mi
to che
co di spir
8
5
gli a van
re,
to che
co di spir
8
quel po
5
Di
vi ve
due,
6
A caso un giorno (score)
se
l’al
re un de’ due, se
8
8
Canto 2
Basso
e tu nel mi
gli oc chi il
8
Men
Men
8
gli oc chi il
Co
30
pian to
pian to
to,
Co
me,
mo ren do tu,
pet
o, S’io vi vo nel tuo pet
ver pos s’i
do tu, vi
mo ren do tu, vi
me,
mo ren
me,
o, S’io vi vo nel tuo pet
S’io vi vo nel tuo
Co
Men
tre ch’el la le pia ghe va
tre ch’el la le pia ghe va
tre ch’el la le pia ghe va
gli oc chi il pian to
be
ver pos s’i
vi
ver pos
s’i
o?
o?
o?
Quarta ed ultima parte
to, e tu nel mi
e tu nel mi
o,
tuo pet
o, e tu nel mi o,
to,
Canto 1
5
25
re?
to, e tu nel mi
o, e tu nel mi o,
re? S’io vi vo nel
to, e tu nel mi
tro mo
S’io vi vo nel tuo pet
re?
tro mo
l’al
se
tro mo
l’al
ve, O
be
so
ca
ve,
be
ve,
O
O
ca
ca
sciu gan
so
trop
do,
A quel de’ suoi be
do,
A quel de’ suoi be
A quel de’ suoi be
do,
10
quan
po la
la gri mo so,
sciu gan
po
sciu gan
trop
so trop
po
gri mo so, quan
la gri mo so, quan
Typeset by Allen Garvin ([email protected]) (ver. 2015-01-12) CC BY-NC 3.0
do Il fe
do
Il fe
do Il fe
ri
ri
to Pa stor pur mo rir de ve,
15
ve, Veg gio la bel la nin
fe
an
8
Veg gio la bel la nin fa an
20
nir in bre
25
duo
8
ve:
mor
lo,
Che l’un
ti in
uc ci se il fer
ro, e
l’al
tro il
lo,
fi
ro, e l’al tro il duo
e
l’al
tro il
Che l’un uc ci se il fer ro,
lo,
duo lo,
nir in bre
per fi
l’al
tro il duo
ro, e l’al tro il duo lo, e l’al tro il duo
ve:
per
fi nir in bre
lo, Che l’un uc ci se il fer
e
ta;
ro,
per
E ca der mor
quel suo
E ca der mor ta;
quel suo
Che l’un uc ci se il fer
lo, Che l’un uc ci se il fer
ti in
mor
E ca der mor ta;
ve,
ve,
do
ma ser am bi due mor ti in quel suo
man can
to Pa stor pur mo rir de
do
dar
Ri ma ser am bi due
ve:
8
Ri
ri
mo rir de
pur
to Pa stor
pur mo rir de
dar man can do
Veg gio la bel la nin fa an dar man can
ri
fa
Il
fe
to Pa stor
fe ri
to Pa stor pur mo rir de ve, Il
7
Il
ri
8
A caso un giorno (score)
to Pa stor pur mo rir de ve,
e
l’al tro il duo
lo,
lo,
lo,
Typeset by Allen Garvin ([email protected]) (ver. 2015-01-12) CC BY-NC 3.0
Ri ma ser am bi
Ri ma ser
8
A caso un giorno (score)
30
due
35
mor
ti in
fer
ro, e
lo,
tro il duo lo,
e
l’al
tro il
ro,
e
duo lo,
Che l’un
lo,
lo, Che l’un uc ci se il fer
quel suo
Che l’un uc ci se il fer
quel suo
ro, e l’al
ci se il fer
8
ti in
am bi due mor ti in quel suo
8
mor
l’al
tro il
l’al
e
e
l’al
tro il duo
ro, e l’al tro il duo
duo
tro il duo
l’al tro il duo
lo,
lo,
Che l’un
e
lo,
lo,
lo, Che l’un uc
uc ci se il fer ro,
l’al tro il duo
l’al tro il duo
e
l’al tro il duo
e
A caso un giorno mi guidò la sorte
In un bosco di quercie ombroso e spesso,
Ove giacea un pastor ferito a morte,
Che la sua Ninfa in sen se l'havea messo.
La giovane gentil piangea sì forte
Sopra'l suo amante, che l'amante istesso,
Ancor che la suo piaga era mortale,
Piangea il pianto di lei, più ch'il suo male.
Vaga d’udir, come ogni donna suole,
E per veder che fine avea la cosa,
In un cespuglio, ove appena entra il sole,
Dagli occhi d’ambedue ne stetti ascosa.
Il Pastor nel formar delle parole,
E’l pianto de la Ninfa dolorosa
Parea che intorno l’aria e le contrade
Facesser lacrimar per la pietade.
Con quel poco di spirto che gli avanza,
Non mi duol il morir, dicea il Pastore,
Purche dopo la morte abbi speranza
Di vivere alcun tempo nel tuo core:
Dicea il Ninfa, come avrà possanza,
Di vivere un de’ due, se l’altro more?
S’io vivo nel tuo petto, e tu nel mio,
Come, morendo tu, viver poss’io?
Mentre ch’ella le piaghe va sciugando,
A quel de’ suoi begli occhi il pianto beve,
O caso troppo lagrimoso, quando
Il ferito Pastor pur morir deve,
Veggio la bella Ninfa andar mancando
E cader morta; per finir in breve:
Rimasero ambidue morti in quel suolo,
Che l’una uccise il ferro, e l’altro il duolo.
Typeset by Allen Garvin ([email protected]) (ver. 2015-01-12) CC BY-NC 3.0
uc ci se il
lo.
lo.
lo.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
147 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content