close

Enter

Log in using OpenID

After Life Comunication

embedDownload
T IR S A V
Plus
PROJECT
Ministero dell’Ambiente
della Tutela del Territorio e del Mare
Università di L’Aquila
Facoltà di Ingegneria
Provincia di Salerno
Assessorato all’Ambiente
AFTER-LIFE
COMMUNICATION PLAN
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
LIFE05 ENV/IT/000845
Il presente documento ha l'obiettivo di descrivere le azioni di comunicazione
programmate per il dopo life al fine di garantire la diffusione dei risultati
raggiunti con il progetto TIRSAV Plus .
Sommario
IL PROGETTO TIRSAV PLUS ......................................................................................... 3
AFTER-LIFE COMMUNICATION PLAN .......................................................................... 5
ANALISI DELLO SCENARIO........................................................................................... 6
DESTINATARI DELLE AZIONI DI COMUNICAZIONE ....................................................... 8
GLI STRUMENTI E LE AZIONI DEL PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER-LIFE ................... 9
2
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
LIFE05 ENV/IT/000845
IL PROGETTO TIRSAV PLUS
Il progetto TIRSAV PLUS nasce con l’obiettivo di risolvere i problemi di
inquinamento ambientale connessi alla produzione di reflui oleari in ogni
contesto produttivo europeo, indipendentemente dal sistema di estrazione
adottato dagli oleifici (ciclo continuo a tre fasi, ciclo continuo a due fasi,
tradizionale a presse).
Il grado d’innovazione e di trasferibilità della soluzione proposta e realizzata
nell’ambito del TIRSAV PLUS, a differenza di altri sistemi esistenti, riguarda la
possibilità di processare unitamente sia le acque di vegetazione sia le sanse
vergini provenienti dai diversi sistemi di estrazione dell’olio di oliva all’interno
dello stesso processo. L’individuazione del processo di trattamento e del
sistema di gestione del refluo oleario adottato dal TIRSAV PLUS permette
anche di risolvere i problemi di scala legati alla dimensione produttiva dei
frantoi (frantoi con capacità lavorative inferiori alle 1000 t/anno di olive) e di
recuperare un importate fonte di sostanza organica da restituire ai suoli agrari
come fertilizzante.
Allo scopo di raggiungere obiettivi produttivi sufficienti a sostenere
economicamente l’attività di recupero, sono stati scelti due percorsi sinergici:
l’implementazione tecnologica del processo di recupero e la centralizzazione
del sistema di raccolta e trattamento dei reflui oleari. L’implementazione
tecnologica del processo di recupero ci ha permesso di raggiungere dei
risultati qualitativi sia in termini di efficienza del processo di produzione che di
qualità del prodotto finale. La centralizzazione della raccolta e del recupero
dei reflui oleari ci ha consentito di superare i problemi legati alla capacità
produttiva e ai bilanci economici dei piccoli frantoi e garantire, allo stesso
tempo, un sistema di recupero più efficiente con evidenti e positivi risultati
ambientali.
Il principale risultato progettuale è stato la realizzazione di uno stabilimento
industriale pilota capace di trattare potenzialmente, nella configurazione
3
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
LIFE05 ENV/IT/000845
impiantistica attuale, circa 12.000 tonnellate di miscele di reflui oleari
all’anno, per una produzione di circa 5.000 tonnellate di compost di qualità.
I risultati raggiunti sono il frutto di un complesso lavoro organizzativo tecnicogestionale che ha richiesto:
 l’analisi del contesto impiantistico europeo dei processi di compostaggio e lo
studio della fattibilità impiantistica all’interno della filiera olivicola;
 la progettazione esecutiva di un impianto innovativo di Compostaggio dei
reflui oleari sulla base di opportune scelte tecnico-operative;
 la gestione di un complesso iter amministrativo per l’acquisizione dei pareri
autorizzativi in riferimento alla normativa vigente di settore;
 la realizzazione di attività sperimentali preliminari per la produzione di
compost e la loro verifica agronomica;
 la costruzione delle infrastrutture e degli impianti tecnologici, la messa in
esercizio e la gestione dell’impianto CESCO;
 il recupero di reflui oleari prodotti nel comprensorio territoriale di rifermento
per due annualità consecutive (2010-2011, 2011-2012) e la produzione di
compost di qualità;
 l’analisi del mercato del compost in Italia e in Europa e lo studio della
normativa europea nel trattamento dei reflui oleari;
 l’implementazione delle attività sperimentali sia in campo agronomico che
nell’analisi del processo di compostaggio.
Ad accompagnare le attività descritte vi è stato un articolato programma di
divulgativo nel corso del quale sono state attivate collaborazioni e sinergie
con altri enti che proseguono tutt’oggi. Il CESCO è attualmente operativo e
continua le sue attività di recupero di reflui oleari e produzione di composto.
4
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
LIFE05 ENV/IT/000845
AFTER-LIFE COMMUNICATION PLAN
L’AFTER-LIFE COMMUNICATION PLAN del progetto TIRSAV PLUS, è stato
elaborato con l’obiettivo di dare la massima diffusione all’iniziativa LIFE,
consapevoli dell’ottimo risultato progettuale raggiunto e delle potenzialità di
sviluppo futuro sia nel settore olivicolo che del recupero di scarti organici di
lavorazione delle diverse filiere agroindustriali.
Il piano è stato strutturato sulla base del seguente approccio metodologico e
tiene conto dei seguenti elementi:
1. analisi dello scenario
2. obiettivi strategici delle attività di comunicazione
3. pubblici destinatari delle azioni di comunicazione
4. scelta degli strumenti e dei media da utilizzare
L’AFTER-LIFE COMMUNICATION PLAN del progetto TIRSAV PLUS ha anche lo
scopo di implementare e valorizzare il lavoro progettuale è l’insieme di output
sviluppati. Gli assi portanti del Piano si basano su tre elementi principali: la
riduzione dei problemi di inquinamento ambientale causati da una gestione
scorretta dei reflui prodotti dagli oleifici; la valorizzazione di un processo
innovativo di recupero dei reflui oleari; la produzione e l’utilizzo di
ammendanti compostati al fine di migliorare la fertilità dei suoli agrari.
Il Piano è stato sviluppato sulla base di un programma triennale articolato in
funzione degli obiettivi da raggiungere, dei destinatari delle azioni di
comunicazioni e degli strumenti utilizzati.
5
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
LIFE05 ENV/IT/000845
ANALISI DELLO SCENARIO






L'impatto ambientale della coltivazione dell'olivo e della produzione di olio
d'oliva è particolarmente importante per l'Unione europea, considerato che la
superficie interessata dalle produzioni olivicole in Europa è di 4,85 milioni di
ettari (EUROSTAT 2007), che la Spagna, con 2,47 milioni di ettari è la
principale realtà europea, seguita dall’Italia (1,16 milioni di ettari), dalla Grecia
(810.000 ha) e dal Portogallo (380.000 ha) e che nelle ultime campagne la
produzione media di olio d’oliva si è attestata intorno a 2,2 milioni di
tonnellate, pari a circa il 73% della produzione mondiale.
Gli aspetti principali dell’impatto ambientale della filiera olivicola sono legati
ai seguenti fattori:
l'erosione del suolo;
il consumo di acqua;
il rischio desertificazione;
l'inquinamento dovuto all'uso di prodotti chimici (antiparassitari) e
fertilizzanti;
i danni alla biodiversità;
la produzione di rifiuti.
L’ambito in cui andremo ad operare è indirizzato agli scarti organici degli
oleifici, la cui produzione annua dei soli reflui oleari a livello europeo
ammonta a circa 15 milioni di tonnellate.
I reflui oleari derivati dalla trasformazione delle olive possiamo suddividerli in
due categorie principali definite in funzione della loro consistenza fisica: il
refluo oleario solido (OMSW – Olive mill solid waste) e il refluo oleario liquido
(OMWW – Olive mill waste water). Le caratteristiche chimico-fisiche di questi
reflui dipendono dalle condizioni pedoclimatiche dell’area di coltivazione,
dalla cultivar, dallo stato di maturazione delle olive e, soprattutto, dal sistema
di lavorazione adottato. La tossicità dei reflui oleari è legata principalmente
alle caratteristiche chimiche delle acque di vegetazione.
Il refluo liquido (comunemente chiamato acqua di vegetazione: AV) è
composto dall’acqua fisiologica contenuta nella drupa (40-50 % in peso), dalle
acque di lavaggio delle olive e dalle acque di processo (acqua aggiunta per
6
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
LIFE05 ENV/IT/000845
facilitare l’estrazione). A seconda del sistema estrattivo adottato, il refluo
varia dal 40% al 150% in peso delle olive lavorate. La torbidità del refluo è
determinata dalla presenza di sostanza organica variabile tra 2,6 a 18,3 % sul
tal quale e pari all’80% circa sul secco; a questa frazione ed al contenuto
polifenolico variabile dal 3 all’8 %, è imputato l’effetto inquinante delle acque
di vegetazione.
Le AV hanno una carica inquinante intrinseca sia per il tenore in sostanza
organica, la cui ossidazione chimica o biologica riduce il tenore di ossigeno
nelle acque superficiali (COD 45-200 g/l e BOD 28,7-90,2 g/l) sia, soprattutto,
per l'eccessivo tenore in polifenoli (6,2 g/l nei sistemi tradizionali; 2,7 nei
sistemi centrifughi). Nella tabella seguente sono descritti i valori medi dei
parametri chimico-fisici delle acque di vegetazione prodotte da un frantoio
oleario a tre fasi e ciclo continuo.
La gestione dei reflui oleari differisce nei diversi Paesi dell’unione in funzione
dei sistemi estrattivi adottati e delle norme nazionali che ne regolamentano
l’utilizzo.
7
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
LIFE05 ENV/IT/000845
DESTINATARI DELLE AZIONI DI COMUNICAZIONE
I destinatari dell’AFTER-LIFE COMMUNICATION PLAN del progetto TIRSAV
PLUS sono stati individuati in relazione agli obiettivi della comunicazione. Essi
sono stati suddivisi in gruppi omogenei e significativi di soggetti da
raggiungere con le attività di comunicazione.
I destinatari a cui il Piano è rivolto sono stati aggregati nelle seguenti
macrocategorie:
Operatori
Istituzioni
Oleifici
Aziende agricole
Agronomi e agrotecnici
Vivaisti
Aziende che producono fertilizzanti
Rivenditori di prodotti agricoli
Associazioni di categorie
Organizzazioni professionali
Unione Europea
Istituzioni e organi internazionali
Istituzioni e organi nazionali
Amministrazioni statali centrali e
periferiche
Regioni e Autonomie Locali
Influenti
Parti economico sociali
Promotori dello sviluppo locale
Sportelli Informativi presenti sul
territorio
Sistema scolastico, universitario e
formativo
Associazioni ed enti del Terzo settore
Centri studi e società di ricerca
8
LIFE05 ENV/IT/000845
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
GLI STRUMENTI E LE AZIONI DEL PIANO DI COMUNICAZIONE AFTER-LIFE
Data la rilevanza del Progetto TIRSAV Plus in termini di benefici ambientali, nei
prossimi 3-5 anni, sono state pianificate un certo numero di azioni di
disseminazione, sia a livello nazionale sia a livello internazionale.
Le azioni di disseminazione saranno accompagnate da attività di ricerca e
sperimentazione che seguiranno in parallelo le attività ordinarie di gestione
dell’impianto CESCO.
Nella tabella seguente sono indicate le attività programmate o in fase di
definizione:
AZIONE
TARGET
SPECIFICHE
TECNICHE
Incontri pubblici
da svolgersi
presso le sedi
degli
organizzatori.
Dalla chiusura del
progetto sono già
stati effettuati
diversi incontri ed
altri sono
programmati:
Incontri
pubblici
Operatori Salerno –
12/07/2012
Istituzioni Assoindustria
Influenti
Napoli –
28/11/2012 – LIFE
ECOREMED
Roma –
11/02/2013
Coldiretti
MOTIVAZIONE
Si tratta di
conferenze e/o
seminari dove sono
stati presentati o
saranno presentati
i risultati
progettuali.
Si tratta di iniziative
già definite a cui si
aggiungeranno
ulteriori attività
ancora non
pianificate.
DATE
COSTI
PREVISTI
2012
2013
2014
2015
€ 1.500,00
Salerno 2013
LIFE10
INF/IT/000282 –
SHOWW
Firenze 2013
9
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
LIFE05 ENV/IT/000845
LIFE10
INF/IT/000282 –
SHOWW
Rimini – 2013
ECOMONDO
Roma 2014
LIFE10
INF/IT/000282 –
SHOWW
Parco Nazionale
del Cilento e Vallo
di Diano
2013-2015
Progetto didattico
“io composto e
tu?”. Iniziativa
rivolta alle scuole
di ogni ordine e
grado dove è
prevista una visita
guidata al CESCO.
Formazione
Napoli – 2013
LIFE ECOREMED
Operatori
Giornate
Formative per
Influenti Studenti
Universitari
Battipaglia –
2013-2015
Il Compost di
Qualità nelle
produzioni
orticole della
piana del Sele.
Giornate
Formative per
tecnici del settore
Dominio:
www.tirsavplus.eu
Sito web
Utenti
web
Lingue disponibili:
Italiano, inglese,
spagnolo,
portoghese,
Si tratta di attività
formative e/o di
aggiornamento
dove è coinvolto
direttamente il
CESCO. Nel caso del
programma
formativo dell’Ente
Parco e delle
giornate per i
Tecnici è la stessa
struttura operativa
del CESCO ad
organizzare le
iniziative. Nel
primo caso
l’obiettivo è quello
di far conoscere
l’importanza del
compostaggio di
diverse matrici
organiche. Nel
secondo caso si
tratta di azioni
promozionale
finalizzate alla
diffusione dei
risultati progettuali
e soprattutto
all’utilizzo degli
ammendanti
prodotti presso il
CESCO.
Il sito web sarà
mantenuto per
permettere la
visione dei risultati
di progetto e il
download degli
output di progetto.
2012
2013
2014
2015
€ 2.500,00
2012
2013
2014
2015
Manutenzione
sito web: 500
euro annui
10
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
greco, arabo.
Aggiornamenti:
Italiano e inglese.
Principali
caratteristiche:
area download
per gli output di
progetto
LIFE05 ENV/IT/000845
Sarà inoltre
possibile,
attraverso la
pubblicazione dei
report di
monitoraggio, di
aggiornarsi sui
progressi del
progetto
Link su altri
progetti:
http://www.cnr.it
http://www.agri
coltura.regione.
campania.it/eve
nti/pdf/convegn
o-30-05-12b.pdf
http://www.life
oleicoplus.it/
http://www.wast
ereuse.eu/?page_
id=21
http://www.rewasteproject.it
http://www.iam
awaste.org/wor
dpress/izmir/pd
f/Duarte_Izmir2
http://www.euro
pabook.eu/projec
ts/
http://www.italca
maraes.com/news.php
?id=227
http://www.camp
aniaregioneapert
11
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
LIFE05 ENV/IT/000845
a.it/
http://www.parks
.it/
http://www.rean
costruzioni.it/
http://www.quasi
mezzogiorno.org
http://denaro.it/b
log/2011/12/17/s
carti-oleari-darifiuto-a-risorsa/
http://www.alent
aolivar.es
Depliant
informativi
del progetto
Ricerca e
diffusione dei
risultati
n. 4 Depliant in
lingua inglese,
greco, spagnolo,
Operatori portoghese,
italiano.
Istituzioni
N.2 Manuali
Influenti tecnici in lingua
Inglese e Italiano
Savona – 2012/15
LIFE10
ENV/GR/594.
Utilizzo del
Compost
prodotto dal
CESCO nelle
attività di ricerca
previste dal
Operatori
progetto.
Napoli – 2013
Università degli
Studi di Napoli –
Facoltà di Agraria
Referente Prof.
Zoina. Ricerche
nel campo della
fertilizzazione dei
Si tratta di solo una
parte delle
collaborazioni di
ricerca in corso che
coinvolgono il
Centro
Sperimentale di
Compostaggio. In
tutti i casi il lavoro
di ricerca prevede
una diffusione dei
risultati raggiunti e
di conseguenza i
risultati progettuali
del TIRSAV Plus.
2012
2013
2014
2015
500,00€
2012
2013
2014
2015
2500,00€
12
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
LIFE05 ENV/IT/000845
suoli con compost
da reflui oleari.
Napoli – 2013
Università degli
Studi di Napoli –
Facoltà di Agraria
Referente Prof.
Mori. Ricerche nel
campo
dell’utilizzo di
compost da reflui
oleari nelle
produzioni
orticole sotto
serra.
Battipaglia –
2012/14
CRA-CAT Scafati
(Consiglio per la
Ricerca e la
Sperimentazione
in Agricoltura).
Prove
sperimentali del
compost in
campo
agronomico.
Perugia – 20122013
Università degli
Studi di Perugia –
Facoltà di Agraria
Referente Dr.
Federici. Ricerche
nel campo della
microbiologia del
suolo e compost.
Siena – 20122013
Università degli
Studi di Perugia –
Facoltà di S.M.F.N
Dr.ssa Pepi.
Ricerche nel
campo della
microbiologia dei
processi di
13
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
LIFE05 ENV/IT/000845
compostaggio.
Libano -20122015
Proposta
progettuale ENPICBCMED –
COMPOSTAGIO.
Partner:
 Faculty
of
Agriculture,
University
of
Jordan
 National Park of
Cilento e Vallo di
Diano – CESCO
 EUROCEI,
EUROPEAN
BUSINESS AND
INNOVATION
CENTER, S
 Cooperative
Union of Olive
Farmers in the
Koura
district
Libanon
 AEMO- Spanish
Association
of
Municipalities of
the Olive
 NAGREF
Institute for Olive
Tree
and
Subtropical
Plants of Chania
 IAMAW
International
Scientific
Association
14
AFTER-LIFE COMUNICATION PLAN TIRSAV PLUS PROJECT
LIFE05 ENV/IT/000845
PROGETTO TIRSAV PLUS
LIFE05 ENV/IT/000845
Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano
Piazza S. Caterina 8 - 84078 Vallo della Lucania (SA) Italy
Tel. 0039 0974 7199200 Fax 0039 0974 7199217
Antonio Feola - Technical manager
CENTRO SPERIMENTALE DI COMPOSTAGGIO
Località Iscariello snc - 84057 Laurino (SA) Italy
Tel./Fax 0039 0974 270404
email: [email protected]
sito: www.tirsavplus.eu
15
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
7
File Size
1 959 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content