close

Enter

Log in using OpenID

83 ASSEMBLEA - YouManager

embedDownload
83a ASSEMBLEA
Milano, 20-21 giugno 2014
SOMMARIO
Premessa.......................................................................................................................................................................................................... 3
Piano operativo 2012/2016 – I progetti per il prossimo futuro .......................................................................................................................... 4
RAPPRESENTANZA E POLITICA
1) CIDA - MANAGER E ALTE PROFESSIONALITÀ PER L’ITALIA ................................................................................................................ 5
Spending review e pensioni................................................................................................................................................................ 6
“Youth guarantee” – Garanzia giovani................................................................................................................................................ 7
Corte di giustizia Ue: l’esclusione dei dirigenti di azienda dalle procedure di mobilità e dalla cassa integrazione da parte dell’Italia
è in violazione con il diritto comunitario .............................................................................................................................................. 8
Incontri con Segreteria PD.................................................................................................................................................................. 8
Incontro con il Direttore Generale politiche attive e passive del Ministero del lavoro, Salvatore Pirrone ........................................... 8
Conferenza CEC di giugno sulla “leadership femminile” .................................................................................................................... 9
Rappresentanza e rappresentatività sindacale................................................................................................................................... 9
2) #PRIORITALIA ........................................................................................................................................................................................... 10
Attività ............................................................................................................................................................................................... 11
3) OSMOSI ..................................................................................................................................................................................................... 11
Attività: appello ai parlamentari......................................................................................................................................................... 12
SOSTENIBILITÀ E CRESCITA
4) GOVERNANCE FEDERALE ...................................................................................................................................................................... 12
Acquisizione di GPA da parte di Manageritalia Servizi ..................................................................................................................... 13
Aggiornamento della quote associative Manageritalia...................................................................................................................... 13
5) ETICA E RESPONSABILITÀ SOCIALE ..................................................................................................................................................... 13
Mille manager per cento progetti ..................................................................................................................................................... 14
I manager per i beni confiscati alla criminalità .................................................................................................................................. 14
Premi di laurea agli studenti dell’Aquila ............................................................................................................................................ 15
6) QUADRI ED EXECUTIVE PROFESSIONAL ............................................................................................................................................. 15
7) INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA PER LE IMPRESE.............................................................................................................................. 16
8) TALENTI MANAGERIALI ........................................................................................................................................................................... 17
“Community dei talenti” - Fondo Mario Negri .................................................................................................................................... 18
LAVORO E WELFARE
9) POLITICHE ATTIVE ................................................................................................................................................................................... 18
Managerattivo ................................................................................................................................................................................... 19
ManagerinImpresa............................................................................................................................................................................ 19
Bandi Italia lavoro “Manager to work” .............................................................................................................................................. 20
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
1 Previdenza
Esodati.............................................................................................................................................................................................. 20
Blocco della perequazione e contributo di solidarietà per il triennio 2014-2016 ............................................................................... 21
Perequazione delle pensioni: dettagli sulla causa ............................................................................................................................ 22
Giornata nazionale della previdenza................................................................................................................................................. 22
10) NUOVO MODELLO DI RAPPRESENTANZA E WELFARE CONTRATTUALE ...................................................................................... 23
Un Fiocco in Azienda ....................................................................................................................................................................... 23
Indagine conoscitiva sulla tutela della salute alla Camera: documento congiunto del FASDAC e di altri fondi sanitari integrativi............... 24
Smart Welfare................................................................................................................................................................................... 24
Attività contrattuale ........................................................................................................................................................................ 25
11) PATTO JUNIOR/ SENIOR INTERAGEING.............................................................................................................................................. 27
Contributo statale per la staffetta tra generazioni ............................................................................................................................. 28
12) FORUM DELL’INNOVAZIONE TERZIARIA ............................................................................................................................................. 29
I MANAGER DEL TERZIARIO NEL 2013: NOTIZIE E NUMERI
La base associativa .......................................................................................................................................................................... 31
Le caratteristiche dei manager associati........................................................................................................................................... 33
Le caratteristiche professionali dei manager i servizio ..................................................................................................................... 34
RENDICONTO AL 31 DICEMBRE 2013
Stato Patrimoniale............................................................................................................................................................................. 37
Conto economico.............................................................................................................................................................................. 39
Note illustrative ................................................................................................................................................................................. 41
Relazione del Collegio dei revisori dei conti ..................................................................................................................................... 48
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
2 Roma, 6 giugno 2014 PREMESSA Sono di seguito riassunte le attività svolte da Manageritalia tra luglio 2013 e maggio 2014. In questo periodo, si sono succeduti due Governi (quasi tre). A rileggere in ordine cronologico alcuni avvenimenti sembra siano avvenuti anni fa e non solo pochi mesi fa. Nel Congresso del 2011 si era giunti alla definizione delle linee prioritarie di intervento per la Federazione, allargando l’orizzonte e il campo di Manageritalia e focalizzando l’attenzione sui nuovi bisogni degli iscritti. Il Piano Operativo 2012-­2016 traduce tali indicazioni congressuali in progetti e azioni concrete e rappresenta le risposte di Manageritalia alla complessità del contesto associativo e sociale che stiamo vivendo. L’elemento innovativo sta nel metodo e nell’organizzazione del Piano che si propone come strumento di una nuova governance, più partecipata e più condivisa rispetto al passato. Il Piano Operativo 2012-­‐2016 infatti riconosce un coinvolgimento più incisivo alle associazioni territoriali che, partecipando attivamente alla progettazione e alla realizzazione dei progetti, rendono possibile un coinvolgimento esteso ed allargato con modalità organizzative tipiche del program management. Le tre aree di intervento – Rappresentanza e Politica, Sostenibilità e Crescita, Lavoro e Welfare – all’interno delle quali sono collocati i 12 progetti, sono affidate a tre coordinatori, Marco Ballarè, che dal 24 gennaio 2014 sostituisce Silvestre Bertolini, Presidente CIDA, Mario Mantovani e Flavio Leone, i quali guidano i lavori del Piano Operativo, verificandone l’esecuzione e mantenendo la coerenza a livello federale e territoriale. Ciascun progetto ha un Project Leader Nazionale che supporterà i coordinatori nella fase attuativa dei progetti. Nel Comitato di Presidenza dell’11 ottobre 2013 sono state approvate due iniziative a supporto del Piano Operativo: -­‐ “coaching” per i Project Leader Nazionali, un programma con Cibiesse, che fornisce metodi e strumenti per la gestione dei gruppi, sviluppando le doti di leadership, di motivazione e di focus sugli obiettivi; -­‐ “Gruppi Piano Operativo 2012-­‐2016 e territori”, un’iniziativa che porta in ciascuna Associazione Territoriale una riunione di avanzamento di un Gruppo nazionale. L’organizzazione del Piano Operativo prevede una collaborazione trasversale tra le associazioni territoriali. I responsabile dell’intero progetto è Mario Mantovani, Vice Presidente Federale, coadiuvato da Massimo Fiaschi, Segretario Generale della Federazione. Anche se alcuni progetti sono già in atto o sono già stati realizzati, vedi ad esempio la costituzione della nuova CIDA, #PRIORITALIA, Managerattivo, ogni progetto è stato inserito in una time-­‐line orientativa, in base alla quale è possibile definire un livello di completamento dell’attività in relazione alle attese o ritenere che gli obiettivi siano ancora da raggiungere. Sono stati, inoltre, adottati strumenti che permettono ai partecipanti di lavorare a distanza, di condividere idee e azioni e di ottimizzare i tempi. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
3 MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
4 TO-­‐Longo
TS-­‐Bensi
VE-­‐Bechis
TO-­‐Massa
TN-­‐Nicolussi
TS-­‐Hauser
VE-­‐ChiriaF
PA-­‐Dejak
RM-­‐Mallen
PA-­‐Pulviren;
RM-­‐Torino
GE-­‐Capra
NA-­‐Gervasio
NA-­‐De Mar;no
MI-­‐ Ballarè
BO-­‐Rubini
FI-­‐Rapezzi
BO-­‐Longobardi
BA-­‐Gargano
BA-­‐Gargano
GE-­‐RisseEo
MI-­‐Ballarè
AN-­‐Elisei
FI-­‐Bucelli
Prioritalia
AN-­‐Castelli
CIDA-­‐MAPI
Marco Ballarè
VE-­‐Canton
TS-­‐Bensi
TN-­‐Girardi
TO-­‐Candela
RM-­‐D'Agos;no
PA-­‐Alongi
NA-­‐Tedesco
GE-­‐Crocco
FI-­‐Menichini
BO-­‐Casini
BA-­‐ Ricciardi
AN-­‐Moscioni
MI-­‐Catalucci
Osmosi
TS-­‐Caporale
VE-­‐Brangian
TN-­‐Tomasi
RM-­‐Tringali
PA-­‐Dejak
NA-­‐Rizzo
MI-­‐ Scarpa
GE-­‐Ghio
FI-­‐Pulcinelli A.
BO-­‐Rubini
BA-­‐ Mon;
AN-­‐Moscioni
TO-­‐Lanfredi
Governance
VE-­‐Girardi
TN-­‐Giulini
TO-­‐PantaneF
PA-­‐Pulviren;
NA-­‐Russo
MI-­‐DoF
GE-­‐Mangini
FI-­‐Zuffanelli BO-­‐ Maestrello
BA-­‐Ruggiero
AN-­‐Buldrini
RM-­‐Corbò
E7ca Responsabilità sociale
TO-­‐Testolin
TN-­‐Cozzi
RM-­‐Vignoli
PA-­‐Pulviren;
NA-­‐Turiello
MI-­‐Montegiove
GE-­‐Crocco
FI-­‐Pulcinelli F.
BO-­‐Bigi
BA-­‐Rositani BA-­‐Pellegrino
AN-­‐Tausani
MI-­‐Della Torre
VE-­‐
VE-­‐Fochesato
TN-­‐Cozzi
TO-­‐Bruno
RM-­‐Vignoli
PA-­‐Dejak
NA-­‐Cordova
GE-­‐Pavan
FI-­‐Cristofani
BO-­‐MezzanoEe
BA-­‐Cuccorese
AN-­‐Lapesa
MI-­‐Montegiove
PaGo junior/senior InterAgeing
Flavio Leone
Rappresentanza Welfare contraGuale
VE-­‐Moro
VE-­‐Accorsi
TN-­‐Cozzi
TO-­‐Longo
RM-­‐Buondes;no
PA-­‐Dejak
NA-­‐Barba;
MI-­‐Bonardo
FI-­‐Sulpizio
BO-­‐Bigi
BA-­‐Aprico
AN-­‐Tausani
GE-­‐Nolo
Poli7che aEve
TN-­‐Lupi
VE-­‐Iorio
TS-­‐Svara
TN-­‐Comploj
TO-­‐Pasini
RM-­‐Saso
PA-­‐Alongi
NA-­‐Iaccarino
MI-­‐Pizzoglio
AN -­‐ Rossini
FI-­‐Mastrogiovanni
BO-­‐Sandri
BA-­‐Aprico
GE-­‐Ballerini
Talen7 manageriali
TS-­‐De Mar;n
VE-­‐Giacomon
TN-­‐Maule
TO-­‐Sandri Giachino
PA-­‐Alongi
NA-­‐De Angelis
MI-­‐Moriggi
GE-­‐Nolo
FI-­‐Origgi
BO-­‐Ragni
BA-­‐
AN-­‐Manella
RM-­‐Saliola
Innovazione organizza7va imprese
TO-­‐Nara
RM-­‐Di Pietrantonio
PA-­‐Rizzo
NA-­‐Di Palo
MI-­‐Antonucci
GE-­‐Scimone
GE-­‐Sanna
FI-­‐Ulivieri
FI-­‐Giordano
BO-­‐Pedrini
BA-­‐Panarello
AN-­‐Vo;no
BO-­‐Romanelli
MI-­‐Lanzoni
Quadri e Professional
Mario Mantovani
12-06-14
TO-­‐Trucato
RM-­‐Fedi
NA-­‐Calvanese
MI-­‐Pugi
GE-­‐Panerai
FI-­‐Gistri
BO-­‐BeFni
BA-­‐Vigilante
AN-­‐Elisei
VE-­‐Giacomon
Forum Innovazione terziaria
RAPPRESENTANZA E POLITICA
1) CIDA -­ MANAGER E ALTE PROFESSIONALITÀ PER L’ITALIA Il punto del Project Leader Nazionale, Marco Ballarè Il progetto, nato per aiutare la confederazione nella concezione e formazione di un’organizzazione di rappresentanza regionale sul territorio nazionale e sostenere i nostri rappresentanti all’interno dei coordinamenti stessi durante la fase di avvio, può oggi legittimamente considerare raggiunti gli obiettivi primari per i quali era nato. Oggi, infatti, l’organizzazione locale è stata definita: i nostri rappresentanti nei “coordinamenti regionali Cida” sono stati individuati e nominati, così come sono state determinate e formalizzate le cariche di “coordinatore” nelle diverse realtà. Sul piano dei contenuti sono stati stesi e condivisi i regolamenti, effettuata la formazione dei coordinatori, individuati gli obiettivi e predisposti i piani di territorio che sono poi stati approvati da parte della confederazione. Infine sul piano operativo sono già state realizzate significative iniziative. Parte ora una seconda fase permanente a sostegno dell’organizzazione Cida e a garanzia del rispetto delle posizioni e orientamenti della nostra federazione all’interno delle scelte dei diversi coordinamenti. Per fare questo abbiamo ritenuto fosse necessario rivedere l’attuale impostazione e: 1. Eliminare la struttura parallela creata al nostro interno con la formazione dei gruppi di lavoro a favore dell’organizzazione dei coordinamenti Cida. 2. Razionalizzare i partecipanti alle attività Cida limitandoli ai colleghi che abbiano titolo ufficiale nella confederazione: coordinatori regionali, rappresentanti nei coordinamenti territoriali, rappresentanti in assemblea, delegati negli enti pubblici (INPS, INAIL, …), ecc. 3. Costituire i GOI (gruppi operativi integrati), gruppi misti fra noi e Federmanager, che si facciano carico di volta in volta dell’organizzazione delle diverse iniziative (convegni, incontri, comunicati, ecc) decisi dai coordinamenti. Tali gruppi sono costituiti da rappresentanti individuati dalle diverse organizzazioni a presidio delle diverse aree operative per fornire i necessari supporti alle attività istituzionali della confederazione. I vertici delle associazioni territoriali rimangono naturalmente titolari unici dell’approvazione dei capitolati di spesa. 4. Rafforzare la circolazione dell’informazione fra il PLN e i PLT per consentire il supporto ai nostri rappresentanti attraverso la conoscenza delle attività, problematiche e soluzioni adottate nelle diverse realtà come elemento principe per la garanzia di scelte coerenti e supporto di leadership intellettuale della nostra federazione. In particolare dovranno essere messe a sistema le informazioni riguardanti: a. l’attività politico/sindacale e di rappresentanza (Convegni, eventi, azioni, accordi, favorevoli agli obiettivi dell’organizzazione) b. l’attività di formazione e informazione specifica agli associati (eventi o sessioni di aggiornamento specifiche per gli associati sui temi della confederazione.) c. le documentazioni, Protocolli, Intese, … La struttura funzionale è già stata deliberata dal gruppo e sarà presentata nella prossima assemblea nazionale. I Gruppi GOI sono in formazione sulle diverse realtà regionali. Il Coordinamento della Lombardia è già operativo. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
5 Attività -­‐ Il 4 luglio 2012 è stata costituita la CIDA – Manager e Alte Professionalità per l’Italia. -­‐ Il 26 novembre 2012 si sono svolti gli Stati Generali CIDA a Milano. -­‐ In occasioni delle elezioni politiche di febbraio 2013 sono stati promossi confronti con i candidati, presentando “L’Italia che vogliamo”, il programma proposto dalla CIDA. -­‐ L’11 dicembre 2013 la CIDA ha organizzato presso il Teatro Eliseo di Roma una manifestazione contro le misure contenute nel Disegno di Legge di Stabilità per il 2014 che penalizzano, ancora una volta, la categoria dei pensionati già colpita da precedenti iniqui interventi che ne hanno eroso pesantemente il potere d’acquisto. In particolare, la CIDA si è impegnata al fine di evitare l’ennesimo blocco della perequazione delle pensioni, nei confronti del quale la Corte Costituzionale ha già espresso le sue esplicite riserve richiamando il Governo a non reiterare questo tipo di interventi. -­‐ Il 18 novembre 2013 a Roma (e replicato poi a Milano, Firenze, Napoli e Genova) la CIDA ha organizzato un evento che aveva per titolo “La cultura manageriale per il rilancio del Paese”. In quella occasione è stata presentata una ricerca che la CIDA ha commissionato alla società GFK sulla figura del manager italiano. La CIDA vuole aprirsi e dialogare con tutte le categorie del Paese, ad iniziare da quelle che per competenza ed esperienza le sono più vicine, con l’obiettivo dichiarato di diffondere sempre di più la cultura manageriale. Anche per questo motivo agli eventi hanno partecipato uomini politici ed esperti. Il percorso CIDA intrapreso fino ad oggi è contrassegnato da un forte spirito unitario, da programmi ambiziosi e da progetti che la categoria intende mettere al servizio del Paese. Non sono mancati ostacoli e difficoltà, soprattutto nel dialogo con il Governo, anzi, meglio dire i Governi (ne sono cambiati quattro dal 2011), ma questi problemi non devono impedirci di diminuire la nostra determinazione tesa al cambiamento. I coordinatori regionali CIDA, rappresentanti di Manageritalia sono: Paolo Longobardi (Emilia Romagna); Walter Bucelli (Toscana); Rossella Bonaiti (Campania) e Roberto Chiriatti (Veneto). La CIDA sta seguendo, presso la CEC, alla quale aderisce, un importante lavoro per la definizione del profilo del manager europeo, che potrà essere utile per individuarne le caratteristiche concordemente riconosciute nei paesi membri dell’Unione Europea. L’8 gennaio 2014 il Parlamento ha discusso i contenuti di 7 mozioni presentate da alcuni schieramenti politici sul tema delle pensioni d’oro ed approva quella presentata dal PD e cofirmata da Scelta Civica e Nuovo Centro Destra, che recepisce le osservazioni critiche formulate da Manageritalia, Federmanager e CIDA, di fatto rinviando la proposizione di ulteriori contributi di solidarietà sui trattamenti pensionistici all’esito di un monitoraggio sugli effetti delle misure correttive introdotte con la legge di stabilità, comunque nel rispetto dei principi indicati dalla Corte Costituzionale. Spending review e pensioni Niente nuovi prelievi sulle pensioni, grazie anche al tempestivo intervento della dirigenza. Infatti tutte le Federazioni dei manager, attraverso la CIDA avevano emanato un comunicato stampa per criticare aspramente l’ipotesi di un contributo di solidarietà sulle pensioni superiori a 2.500 euro lorde così come proposto dal commissario per la Spending Review, Carlo Cottarelli nella sua audizione al Senato, il 12 marzo 2014. Il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha tranquillizzato i pensionati dicendo che non daranno alcun contributo né pagheranno di più. Cottarelli aveva accennato a 33 azioni o gruppi di azioni presentate al comitato interministeriale per la revisione della spesa: raccomandazioni elaborate in piena autonomia e indipendenza di giudizio a cui doveva seguire una scelta politica. Adesso pare che questa scelta politica ci sia stata se il presidente del Consiglio ha tranquillizzato i pensionati, smentendo l’ipotesi avanzata dal commissario alla Spending Review Carlo Cottarelli. Per il momento possiamo tirare un respiro di sollievo senza però abbassare la guardia. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
6 “Youth guarantee” – Garanzia giovani “Youth Guarantee” è il programma europeo per favorire l’occupabilità e l'avvicinamento dei giovani al mercato del lavoro che ciascuno Stato dell’UE deve implementare nel corso dell’anno 2014 con una serie di misure, a livello nazionale e territoriale, volte a facilitare l’offerta di opportunità di orientamento, formazione e inserimento al lavoro per i giovani tra 15 e 25 anni, nonché per i giovani laureati con meno di 30 anni. ! 7 ottobre 2013 -­‐ La CIDA, tramite Manageritalia, incontra il Ministro del lavoro Giovannini Manageritalia ha partecipato in rappresentanza della CIDA ad un incontro voluto dal Ministro del Lavoro Giovannini per porre le basi del Piano italiano per la “Youth Guarantee”, la Garanzia per i giovani. All’incontro il Ministro del lavoro Giovannini ha raccolto le proposte delle parti datoriali. La CIDA è intervenuta affermando innanzitutto che i giovani rappresentano una immensa risorsa che non viene utilizzata e che l’Europa non può permettersi di sprecare e che come organizzazione dei manager siamo i primi chiamati ad applicare le normative sul lavoro approvate dal Governo. Abbiamo proposto una migliore distribuzione delle risorse impiegate per le politiche del lavoro (oggi vengono spesi 27 miliardi di cui 21 circa per i sussidi al reddito) in maniera da potenziare le politiche attive e investire sul sistema dei servizi per l’impiego, oggi del tutto insufficiente per garantire la nuova occupazione dei giovani, a maggior ragione per realizzare la “Youth Guarentee”. La CIDA ha poi richiamato l’attenzione sulla necessità di evitare la dispersione delle competenze manageriali, citando il dato dei dirigenti fuoriusciti dal mondo del lavoro. Poiché i due segmenti del mercato del lavoro giovani/anziani sono tra di loro interconnessi e non si può agire solo su uno dei due fronti trascurando l’altro, la CIDA ha rilanciato la proposta della staffetta intergenerazionale. ! 9 aprile 2014 -­ Firmato da Manageritalia in Piemonte il primo Protocollo La Regione Piemonte ha promosso un progetto straordinario, denominato “Garanzia Giovani Piemonte” con cui attivare politiche di inserimento al lavoro dei giovani, per il tramite dell’Agenzia Piemonte Lavoro. Il progetto è stato pienamente condiviso e promosso anche grazie al sostegno delle organizzazioni di rappresentanza del management, che attraverso vari progetti sperimentali metteranno a disposizione le loro risorse manageriali. A tal fine, Manageritalia, Federmanager e Agenzia Piemonte Lavoro hanno sottoscritto un apposito Protocollo d’Intesa, con decorrenza dal 9 aprile 2014, data di avvio della “Garanzia Giovani Piemonte”, in cui viene delineata una vera e propria operazione sperimentale di welfare che coinvolge giovani da inserire nel mondo del lavoro e manager involontariamente disoccupati o neo-­‐pensionati su una serie di possibili interventi specifici, da attuare congiuntamente, che possono concernere: la creazione ed il consolidamento di start-­‐up innovative da parte dei giovani, con il supporto di manager resisi disponibili a svolgere attività di mentoring, per assistere i giovani “start-­‐upper” su tutti gli aspetti amministrativi, organizzativi e gestionali relativi allo sviluppo dell’azienda; la nascita di iniziative imprenditoriali in compartecipazione da parte di giovani neo-­‐laureati o laureandi e di manager involontariamente disoccupati; promozione del contratto di apprendistato di alta formazione e ricerca, attraverso un servizio di tutoraggio; attività di supporto ai servizi per il lavoro, con particolare riferimento agli Youth Corner, (es. preparazione/simulazione di colloqui di lavoro). Il progetto realizza un modello di attuazione del Piano nazionale per la “Garanzia per i Giovani” (Youth Guarantee), che il Ministero del Lavoro ha avviato il 1°maggio. In questo quadro, con l’avvio aprile in occasione della Fiera “IoLavoro” della “Garanzia Giovani Piemonte” la Regione fa sostanzialmente da “apripista” per il programma nazionale. Il protocollo d’intesa è da considerarsi come una best practice, che auspicabilmente potrebbe essere replicata anche in altre regioni, con le rispettive agenzie regionali per il Lavoro. Anche l’assessore al Lavoro della Regione Campania ha dichiarato il proprio interesse a tale tipo di collaborazione, per cui verrà presto replicato analogo Protocollo per la Regione Campania. Abbiamo poi interessato la Regione Lazio della possibile collaborazione delle organizzazioni dei manager per un supporto qualificato alle iniziative giovanili. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
7 ! 7 maggio 2014 -­ Manageritalia e Federmanager scrivono al Ministro Poletti Manageritalia e Federmanager, hanno scritto al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, per proporre la collaborazione delle nostre Organizzazioni nella fase di avvio del Piano italiano della “Garanzia per i Giovani”, di attuazione del programma europeo per la “Youth Guarantee”, allo scopo di realizzare una serie di misure, a livello nazionale e territoriale, che possano offrire ai giovani che si affacciano al mondo del lavoro opportunità concrete di orientamento, formazione e inserimento professionale. In particolare, si è proposto di raggiungere un’Intesa con il Ministero del Lavoro sulla base delle medesime linee di azione individuate nel Protocollo d’intesa sottoscritto con l’Agenzia Piemonte Lavoro, in cui si delineano i possibili interventi da attuare congiuntamente che possono coinvolgere manager involontariamente disoccupati o neo-­‐pensionati a supporto e collaborazione di giovani in cerca di occupazione. Sulle possibili linee di intervento avevamo già riscontrato un forte interesse da parte del precedente Ministro del Lavoro, Giovannini, e del Sottosegretario Dell’Aringa, a cui avevamo offerto la nostra disponibilità ad implementare una simile iniziativa su scala nazionale, riscontrando anche pubblicamente la loro adesione a sottoscrivere una apposita Convenzione. Corte di giustizia Ue: l’esclusione dei dirigenti di azienda dalle procedure di mobilità e dalla cassa integrazione da parte dell’Italia è in violazione con il diritto comunitario L’esclusione dei dirigenti di azienda dalle procedure di mobilità e dalla cassa integrazione (Legge n. 223/1991)da parte dell’Italia è in violazione con il diritto comunitario. Lo ha stabilito il 13 febbraio scorso la Corte di giustizia dell’Unione europea, con la Sentenza C-­‐596/12 dopo i chiarimenti richiesti dalla Commissione Europea con un parere motivato sull’esclusione dei dirigenti sia dall’applicabilità delle disposizioni riguardanti la mobilità sia dal computo dei lavoratori ai fini degli obblighi di informazione e consultazione nei casi di licenziamento collettivo. E’ stato criticato il fatto che in Italia siano soggetti a queste procedure soltanto operai, impiegati e quadri, mentre le regole Ue non prevedono alcuna distinzione tra i lavoratori. Nella sentenza i giudici europei ricordano inoltre che la nozione di “lavoratore” non può essere definita mediante un rinvio alle legislazioni degli Stati membri, ma deve essere definita in base a criteri oggettivi. La Corte sottolinea che in Italia la cassa integrazione si applica solo alle aziende con più di quindici dipendenti. I dirigenti sono considerati nel computo dei dipendenti al fine di stabilire se la cassa integrazione è applicabile, tuttavia essi sono esclusi dal computo nel momento in cui si attua la cig e le eventuali successive procedure di licenziamento collettivo, che invece sono applicate solo a operai, quadri e impiegati. A partire dal 2008, la Commissione europea ha rimproverato all’Italia questo trattamento diseguale e non in linea con le norme Ue. Ora la sentenza della Corte conferma la posizione di Bruxelles e condanna la disciplina italiana come non conforme con l’ordinamento europeo. “Avendo escluso, mediante la legge n. 223/1991, recante norme in materia di cassa integrazione, mobilità , trattamenti di disoccupazione, la categoria dei dirigenti dall’ambito di applicazione della procedura prevista dall’articolo 2 della direttiva 98/59/CE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di licenziamenti collettivi, l’Italia è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti”, si legge nella nota della Corte Ue. Ora l’Italia dovrà provvedere a conformarsi alla sentenza. Manageritalia segue da vicino la questione. Il Ministero del lavoro si è già adoperato in passato per giungere ad una soluzione condivisa con le parti sociali, in maniera da evitare la comminazione di una sanzione all’Italia. Tuttavia le parti datoriali avevano proposto un testo per la modifica della legge n. 223/91 rivolto a definire una procedura di licenziamento del personale dirigente del tutto inedita. Stiamo lavorando quindi ad una nuova ipotesi di mediazione tra le diverse posizioni. Incontri con Segreteria PD Il 23 aprile 2014 Manageritalia ha incontrato il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, Luca Lotti e il responsabile della Segreteria PD degli Enti Locali, Stefano Bonaccini. Obiettivo dell’incontro era quello di far conoscere le specificità della categoria manageriale, per evitare nuove penalizzazioni sul piano fiscale o previdenziale, rafforzare l’immagine dei dirigenti nei riguardi della classe politica e offrire il contributo dei manager alle istituzioni nazionali e territoriali. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
8 Abbiamo illustrato i progetti inerenti al movimento #Prioritalia e quelli propri di Manageritalia, in particolare la collaborazione per il progetto della Youth Guarantee e quella per la gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata. Infine abbiamo chiesto un referente istituzionale per la dirigenza. I due rappresentanti della Segreteria PD si sono infine impegnati per organizzarci contatti con il Ministro del lavoro Poletti e con il Ministro per la pubblica amministrazione Madia. Incontro con il Direttore Generale politiche attive e passive del Ministero del lavoro, Salvatore Pirrone Il Direttore Generale politiche attive e passive del Ministero del lavoro, incontrato il 12 maggio 2014, ha manifestato interesse sul ruolo che i dirigenti possono esercitare nei servizi per l’impiego a favore e a supporto delle iniziative di autoimprenditorialità dei giovani. Inoltre il Direttore Generale si è impegnato a fare una riflessione sugli incentivi al reimpiego dei dirigenti nell’ambito della delega sulla riforma del lavoro in discussione al Senato. La nostra organizzazione ha chiesto di ripristinare uno strumento legislativo, come l’art. 20 della legge 266/97, che era conosciuto dalle aziende e soprattutto era una misura strutturale. Il rifinanziamento ogni tre anni dei Bandi di Italia lavoro a favore dei dirigenti disoccupati, pur offrendo un interessante sbocco per il dirigente, rappresenta comunque una misura a carattere temporaneo che non risolve il problema generale della disoccupazione manageriale. Il nostro impegno in questi mesi è quindi di dare la corretta informazione alle istituzioni sulle specificità della categoria chiedendo si attenzione per il problema della ricollocazione manageriale, ma anche ponendo in evidenza i punti forti della categoria -­‐ la competenza, l’esperienza – che possiamo mettere a disposizione della comunità nell’ambito del nuovo sistema delle politiche del lavoro. Conferenza CEC di giugno sulla “leadership femminile” La CEC sta organizzando la sua Conferenza annuale, nel quadro di un progetto europeo, dal 25 al 27 giugno prossimo a Cannes. La Conferenza sarà dedicata alla “leadership femminile” e in particolare agli stereotipi che affliggono la parità di genere nell’occupazione. La portavoce della delegazione della Cida sarà Marisa Montegiove. Le Federazioni della Cida hanno elaborato i loro contributi sulla situazione della equità di genere a livello settoriale. Rappresentanza e rappresentatività sindacale Il 19 settembre 2013 la commissione lavoro del Senato ha proceduto all’audizione informale del Presidente dell’Inps Mastrapasqua sull’attuazione dell’accordo interconfederale del 31 maggio 2013 sulla rappresentanza e la rappresentatività sindacale. Paventavamo che tale audizione fosse il preludio della presentazione di un disegno di legge del Governo su tale tema. Così, ad oggi, non è stato. La nostra preoccupazione è che si dia corso ad un accordo del tutto inapplicabile alla realtà della categoria dei dirigenti. Tale normativa, se approvata da una legge nazionale, potrebbe apportare numerosi problemi alle organizzazioni sindacali della categoria dei dirigenti. Per essi infatti non si applica l’istituto della delega conferita dai lavoratori alle aziende, ma vige la prassi dell’iscrizione diretta. Inoltre, a differenza di Manageritalia che ha la quasi totalità della rappresentatività sindacale rispetto all’universo potenziale dei dirigenti del commercio e del terziario, per altre organizzazioni potrebbe esserci il rischio di presenza di altre organizzazioni concorrenti. Contemporaneamente presso la Commissione Lavoro della Camera è iniziata dal 30 luglio 2013 la discussione di 4 proposte di legge (una d’iniziativa popolare, una di Damiano, una della Polverini e una del gruppo Sel) che titolano “Norme in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale e di efficacia dei ccnl”. I lavori tuttavia al momento non sembrano avere seguito. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
9 2)
#PRIORITALIA Il punto del Project Leader Nazionale, Marco Ballarè Il progetto, nato sotto i migliori auspici, ha visto, dopo le prime importanti iniziative, spegnersi lo stimolo a livello nazionale. Di contralto sul territorio una delle iniziative lanciate in fase fondante “1.000 manager per 100 progetti” si è fortemente sviluppata assumendo sempre più valore e credibilità sia presso i nostri aderenti che presso le istituzioni. A ottobre 2013 abbiamo svolto una breve indagine sull’iniziativa citata presso i responsabili di progetto territoriali per fare il punto sull’avanzamento dell’attività, valutare lo stato dell’arte, capire gli aspetti da migliorare e quelli virtuosi da replicare e diffondere. Questa lo stato alla data: Quasi tutte le Associazioni (11 su 13) hanno preso contatto con varie modalità (mail e in seguito incontri di gruppo o singoli) con i manager che hanno dichiarato la loro disponibilità. Delle due che non l’hanno fatto: una aveva un basso numero di aderenti e l’altra ha utilizzato un gruppo già costituito. 1. 10 Associazioni dopo il contatto hanno fatto riunioni ad hoc. 2. I manager che, dopo questi incontri informativi, hanno confermato la loro disponibilità sono in totale a oggi 489. 3. In 9 Associazioni si sono costituiti gruppi specifici, creandone uno ex novo o utilizzando gruppi preesistenti. 4. 10 Associazioni hanno già contattato alcune ONLUS o PA destinatarie dei progetti da sviluppare, per un totale di 34 organizzazioni contattate ex novo circa il supporto che può fornire “1.000 manager per 100 progetti”. 5. Per quanto riguarda i progetti, si contano in totale 148 progetti in atto: 132 già avviati e 16 in fase di definizione. Naturalmente questi numeri si fanno forti di gran parte dell’attività preesistente soprattutto a Milano. 6. L’attività è in pieno sviluppo e può contare in generale su una forte motivazione dei coordinatori locali e degli stessi manager coinvolti. 7. E’ un ottimo punto di partenza che bisogna sfruttare e rafforzare. In sintesi si ritiene che #Prioritalia: − Sia un valido strumento di interlocuzione con le Istituzioni − Ci accrediti per le competenze manageriali e professionali che ci sono proprie − Costituisca una partita di scambio per la presenza sui tavoli istituzionali − Sostituisca l’immagine di postulante con quella di proponente Pertanto: rilancia l’immagine della nostra categoria e può permetterci di recuperare quel legittimo ruolo sociale che abbiamo perduto. Da queste considerazioni e constatazioni e dall’analisi che segue è nata la convinzione di poter realizzare una presenza istituzionale e consolidare un’organizzazione sul territoriale sfruttando le presenze attive prodotte dai progetti che possa diventare base reale anche per altre attività e orientamenti promossi dal centro. Anche su #Prioritalia l’impostazione iniziale, come per Cida, aveva previsto la costituzione di gruppi di lavoro interni alla nostra associazione a sostegno e garanzia di un’organizzazione nazionale Prioritalia da definire. Questi gruppi si sono sostanziati poi nella realtà attivando contatti sul territorio, individuando iniziative, costituendo progetti che hanno poi trovato accoglienza sotto le bandiere Manageritalia o Cida. Noi riteniamo ora che possa essere opportuno configurare uno schema organizzativo che veda lo sviluppo di un’organizzazione Manageritalia sul territorio più estesa (es. per capoluogo di provincia) e che possa in un futuro prossimo costituire la base di MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
10 sviluppo per le attività di Prioritaria e nell’immediato far beneficare la nostra federazione dei contatti istituzionali che si creano con lo sviluppo di “1.000 manager per 100 progetti”. Attività #PRIORITALIA, è il movimento d’opinione nato ad agosto 2012 su iniziativa di CIDA e di tutte le organizzazioni di rappresentanza di dirigenti, quadri e alte professionalità del pubblico e del privato ad essa aderenti. Un soggetto terzo rispetto ad esse, che continueranno a svolgere il loro compito di rappresentanza sindacale e offerta di servizi professionali e personali, che lavora per portare il contributo dei manager alla politica, nel senso di interessarsi della “res pubblica”. #PRIORITALIA si fonda sulla cultura della valutazione dei risultati della politica, (l’accountability) e della finalizzazione del potere politico a determinati obiettivi, (la governance del potere). #PRIORITALIA è stata costituita in Associazione con atto notarile il 20 maggio 2013. I soci fondatori sono otto: la Cida e le più importanti Federazioni aderenti alla Cida stessa (Federmanager, Manageritalia, FeNDA, Sindirettivo Bankitalia, Fidia, FP-­‐ CIDA e CIMO). Ricordiamo che la prima Assemblea di #Prioritalia ha nominato Presidente Giorgio Ambrogioni e Guido Carella come Vice Presidente, nonché gli altri due componenti del Consiglio direttivo, Giorgio Rembado e Riccardo Cassi, al quale partecipa di diritto anche Silvestre Bertolini in qualità di Presidente CIDA. L’attività di #PRIORITALIA è molto vicina a quella svolta da CIDA e si sta lavorando per caratterizzare al meglio la sua identità. Ha avuto una forte visibilità in occasione delle elezioni politiche del febbraio 2013 ed in seguito ha svolto una attività contenuta per non sovrapporsi alla CIDA. Un altro passo in avanti è stato fatto: #PRIORITALIA si è adesso dotata di una piccola struttura e di risorse proprie. 3)
OSMOSI Il punto del Project Leader Nazionale, Luigi Catalucci Obiettivi : Identificare le aree di semplificazione, risparmio e miglioramento dei servizi derivanti da sinergie tra le strutture di Manageritalia e Federmanager, sia a livello nazionale che territoriale, grazie anche alla comune appartenenza a Cida -­‐ Manager e Alte Professionalità per l’Italia. Altri obiettivi sono l’ottimizzazione dei processi, la valorizzazione delle risorse in gioco, la riduzione dei costi e, soprattutto, il miglioramento della qualità dell’offerta di servizi e della capacità di rappresentanza della categoria. Allo scopo è necessario declinare in parallelo i tre ambiti: quello progettuale, quello delle iniziative nazionali e l’ambito territoriale, per dare corpo e sostegno al progetto. Progress: Determinante l’impulso venuto al progetto dall’incontro delle Giunte di Manageritalia e Federmanager tenutosi a Roma lo scorso 13 Dicembre. In un buon clima di fiducia e di collaborazione sono stati lanciati tre progetti di interesse nazionale relativi a possibili comuni iniziative su Welfare Assicurativo, Welfare Sanitario e Convenzioni Commerciali. I gruppi misti, costituiti allo scopo, stanno già lavorando e sono previste, a breve, le prime risposte sulla fattibilità di alcune ipotesi emerse. Nel frattempo sul territorio si sono sviluppati, talvolta spontaneamente, in altri casi con un paziente lavoro di ricerca di utili contatti, rapporti personali e/o iniziative che rappresentano la base per lo sviluppo e il consolidamento di nuove proficue relazioni. Friuli-­‐Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Trentino Alto Adige e Veneto segnalano già realizzazioni significative che verranno, insieme a eventuali altre che dalle sedi territoriali ci verranno segnalate, presentati alla prossima Assemblea Federale. Momento importante di condivisione delle attività è stato l’incontro di tutti i PLT a Trento (14 marzo 2014), nel corso del quale si sono precisati meglio obiettivi e modalità di lavoro, MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
11 fissando anche i due principali obiettivi a breve: mappatura delle attività svolte e costituzione di comitati locali misti che lavorino stabilmente sugli obiettivi e sulle possibili sinergie. Attività Appello ai parlamentari Il 1° ottobre 2013, in occasione della crisi del Governo Letta, Manageritalia e Federmanager hanno pubblicato sui principali quotidiani un appello ai Parlamentari e al Governo chiedendo di evitare all’Italia una crisi dagli esiti devastanti sottolineando che avrebbe spento i già deboli segnali di ripresa e vanificato i tanti sacrifici compiuti. Abbiamo chiesto un Governo che sappia proporre un “progetto paese”, specie nell’interesse dei giovani, che dia risposte urgenti ai tanti problemi del Paese a cominciare dalla valorizzazione del patrimonio industriale, che eviti provvedimenti che diminuiscano ulteriormente la propensione ai consumi e che dia dimostrazione di capacità della classe politica italiana nei riguardi delle autorità sovranazionali. SOSTENIBILITÀ E CRESCITA
4)
GOVERNANCE FEDERALE Il punto del Project Leader Nazionale, Alfredo Lanfredi Partendo dal dato oggettivo che l’introduzione, a seguito del congresso 2011, del Piano Operativo 2012-­‐2016 è già stata di per sé la prima e più importante modifica del sistema di Governance della nostra Federazione, il gruppo impegnato nel Progetto ha, anche in questo ultimo anno, monitorato da vicino le attività svolte nelle varie AATT e, anche messo a disposizione affinché questo nuovo metodo di lavoro (basato su argomenti/progetti comuni a tutte le AATT) fosse attuato. I Project Leader Territoriali, che compongono il Gruppo Governance, si sono assegnati il compito di facilitare lo svolgimento del Piano Operativo nella sua dimensione locale. Da tale lavoro ne è derivato un feed back che ha posto in evidenza alcune aree d’incertezza, una necessità di supporto nonché possibili conflitti/interconnessioni/sovrapposizioni da risolvere tra parte dei progetti, che il Project Leader Nazionale ha potuto riferire ed esporre oltre che al proprio Coordinatore Nazionale anche agli altri colleghi PLN partecipanti alle 2 sessioni formative svoltesi a Milano il 13 febbraio ed il 5 marzo 2014. Nel confronto interno del Gruppo, avvenuto nell’ultima riunione plenaria del 21 marzo 2014, si è potuto certificare che le modalità con le quali si sta realizzando il Piano Operativo 2012-­‐
2016 in molte delle nostre associazioni territoriali (le più grandi) ha già portato nei fatti ad un allargamento della base decisionale sul territorio: nei Gruppi di Lavoro/Progetti, coordinati dai Project Leader Territoriali, partecipano anche numerosi dirigenti esterni al Consiglio Direttivo e conseguentemente nei fatti è iniziato un processo tendente ad un sistema di “governance estesa”, che andrà rafforzato e regolamentato nel prossimo biennio. In estrema sintesi si può affermare che il compito principale del progetto “Governance” in quest'anno è coinciso con l'osservazione quotidiana dei Progetti in corso al fine di definire, attraverso le domande e i dubbi nati, i processi di questo nuovo modello di governance “estesa e condivisa”, che sta dando vita e sostanza al Piano Operativo. Il risultato in parte già visibile è quello di un’organizzazione “a matrice” in grado di affiancare all’organizzazione istituzionale, basata sulle AATT e le strutture federali, una struttura più mobile e temporanea, quella dei Progetti, con ruoli e attività trasversali ed integrate. Infine, il Gruppo ha partecipato, attraverso il proprio Project Leader Nazionale, alla discussione ed alla formulazione della proposta pervenuta al comitato di Presidenza circa il nodo dei “doppi incarichi”. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
12 Nel prossimo biennio il Gruppo (ora che la nuova governance è compresa, realizzata, vissuta nelle responsabilità e nello spirito di squadra) si occuperà prima di studiare la governance interna alle Associazioni Territoriali, individuando le eventuali criticità e suggerendo possibili miglioramenti (anche attraverso possibili modifiche normative) e successivamente si dedicherà all’analisi di eventuali criticità a livello centrale-­‐federale onde valutare se e come suggerire cambiamenti anche formali volti a rendere più coerente, ove necessario, il modello di governance con le attribuzioni degli Organi statutari associativi e federali. L’attività federale Siamo a metà mandato. In questi ultimi mesi, l’ufficio di Presidenza ha effettuato un giro per le Associazioni territoriali, partecipando ai consigli direttivi. Ai componenti è stata chiesta una valutazione degli ultimi due anni di attività sia federale che territoriale, nonché come pensano di organizzarsi per il ricambio in vista del prossimo mandato. Acquisizione di GPA da parte di Manageritalia Servizi Si è conclusa a luglio 2013 l’operazione di acquisizione, da parte di Manageritalia Servizi, della società GPA. Il comitato di Presidenza, per garantire la continuità nella gestione della società acquisita, ha nominato Mario Mantovani come Presidente di GPA. L’Assemblea Nazionale dell’8 e 9 novembre scorso ha ratificato tale nomina. Aggiornamento della quote associative Manageritalia Con il Comitato di Presidenza di settembre 2013 è stato avviato un percorso per la definizione di uno standard nelle quote di adesione alle associazioni territoriali. Manageritalia ha pertanto modificato l’entità delle quote associative, che in questo modo vengono unificate sul territorio, dal 1 gennaio 2014, e conseguentemente rideterminato la misura delle quote di adesione da parte delle Associazioni territoriali alla Federazione. Le quote associative sono pari a 130 euro per i dirigenti in attività ed i prosecutori volontari e 60 euro per tutti gli altri, oltre a 35 euro per l’una tantum di ingresso. 5)
ETICA E RESPONSABILITÀ SOCIALE Il punto del Project Leader Nazionale, Paolo Corbò Il Gruppo di Lavoro “Etica e Responsabilità Sociale” ha sviluppato il proprio lavoro partendo dalla valutazione delle indicazioni congressuali e ha cercato di individuare i processi e gli strumenti coerenti con le scelte operate dalla Federazione in tale contesto. Ha quindi considerato, tra l’altro, l’opportunità di una nuova modalità di rappresentanza coerente con un sistema socio economico che cambia velocemente. E’ infatti necessario che MIT possa stare con efficacia sui temi di frontiera per garantirsi durabilità e sia sempre più consapevole delle conseguenze e del valore che il suo agire genera per gli associati e per il sistema sociale ed economico. La Federazione MIT ha scelto di costruire la propria strategia 2012-­‐2016 attraverso un Piano Operativo il quale: • avvia un processo di cambiamento finalizzato alla costruzione di un soggetto sindacale che sappia agire in modo evoluto la propria funzione di rappresentanza; • pone in tutte le priorità individuate valori e contenuti intrisi di etica, responsabilità sociale e sostenibilità; • coglie la necessità di un profilo innovativo per il “manager 2020”. In considerazione di questo contesto, il GdL ha identificato la seguente missione: • Individuare e proporre un processo che aiuti MIT a essere più consapevole del valore del Piano Operativo PO2016 e delle attività istituzionali normalmente svolte per: MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
13 Ascoltare e rispondere sempre più puntualmente alle esigenze/aspettative dei propri stakeholder rilevanti; - Guidare l’implementazione del cambiamento; - Rendicontare il valore generato. Per perseguire con efficacia la propria missione, il GdL ha operato su tre cantieri: • La nuova figura del Manager -­‐ Integrated Thinking. Questo cantiere ha il compito di favorire la creazione di una nuova cultura manageriale che guidi consapevolmente il cambiamento, interagendo innovazione e sostenibilità. • Integrated Reporting. Questo cantiere ha il compito di sviluppare un processo unico ed integrato di monitoraggio e di rendicontazione a supporto dell’implementazione del Piano Operativo e delle attività istituzionali della Federazione. • Il Piano di Comunicazione. Ha il compito di comunicare, all’intero e all’esterno, il valore della nuova cultura manageriale e le risultanze del processo di rendicontazione integrata: ratio e valore. -
L’attività federale La responsabilità sociale d’impresa (Rsi) è diventata, nel complesso contesto sociale ed associativo che viviamo, un vero e proprio strumento di crescita e di servizio. Come organizzazione di rappresentanza dei manager riteniamo indispensabile che negli ambienti lavorativi maturi una nuova sensibilità e una nuova cultura di impresa. Richiamare l’attenzione delle imprese sulla responsabilità sociale è, infatti, indicativo della capacità di tradurre quello che un tempo era un mero obbligo etico in un investimento in innovazione, con chiaro ritorno in termini sviluppo, occupazione e competitività “di sistema”. Grazie all’orientamento di Manageritalia alla responsabilità sociale è stato possibile fare rappresentanza in modo nuovo, prendendo coscienza del nostro ruolo sociale volto a incrementare comportamenti organizzativi responsabili ed etici. Le linee progettuali da sviluppare riguardano due ambiti: il bilancio sociale, come strumento innovativo in grado di comunicare in maniera trasparente quale valore generiamo e quali valori guidano l’azione associativa. Ricordiamo che le Associazioni Territoriali sono attive da tempo con progetti di Rsi sul territorio. Mille manager per cento progetti A livello nazionale, tra le iniziative già attive, ci sono quelle legate al volontariato professionale del progetto “Mille manager per cento progetti”. Lanciata con #PRIORITALIA, l’iniziativa coinvolge manager che mettono a disposizione gratuitamente le loro competenze e la loro professionalità alle organizzazioni del terzo settore, offrendo un valido supporto in un momento di crisi economica. Le attività finora realizzate sono oggetto di un primo monitoraggio finalizzato a una futura implementazione. I manager per i beni confiscati alla criminalità Alla luce della crescente rilevanza economica e sociale rivestita dal patrimonio confiscato e sequestrato alla criminalità, Manageritalia si sta impegnando per diffondere nella gestione delle aziende e dei beni in questione la cultura manageriale di cui è portatrice. Solitamente affidati ad amministratori giudiziari privi di competenze manageriali specifiche, i beni e le aziende sequestrati, infatti, non riescono in molti casi ad essere valorizzati adeguatamente e finiscono per diventare un costo per la collettività anziché una risorsa come dovrebbero. Nell’ultimo anno Manageritalia ha sottoscritto, insieme ad altre parti sociali, protocolli d’intesa con i tribunali di Milano e di Roma finalizzati a mettere a disposizione degli amministratori giudiziari dei manager qualificati. Sono stati avviati contatti con le istituzioni e con le associazioni che si occupano dell’argomento, sia a livello nazionale che a livello territoriale, tra cui Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC), le Camere di Commercio, le Regioni, Libera e con le parti datoriali. Si studia come risolvere le diverse questioni che la complessità della materia comprende: da quelle legali, connesse all’approvazione di un nuovo testo di Legge unico sull’antimafia a quelle formative, per stabilire i requisiti e i sistemi di certificazione per allargare anche ai manager l’albo dei gestori, oggi composto quasi esclusivamente da commercialisti/liquidatori e avvocati. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
14 Premi di laurea agli studenti dell’Aquila A settembre 2013 sono stati assegnati nove premi di laurea del valore di mille euro l’uno a nove studenti dell’Università dell’Aquila. Si è così esaurito il fondo di 98mila euro costituito nell’ambito di Ricominciamo da Te, progetto di solidarietà a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto promosso da Manageritalia in collaborazione con l’Associazione Librai Italiani di Confcommercio e con il gruppo assicurativo Cambiaso Risso di Genova. L’iniziativa ha portato, nell’arco di tre anni, alla distribuzione di 882 buoni libro dal valore di 100 euro ciascuno. I buoni sono stati spesi dagli studenti nelle tre librerie universitarie dell’Aquila, dando un sostegno economico a piccole aziende del terziario che rischiavano la chiusura. I nove studenti sono stati selezionati tramite bando tra coloro che, iscrittisi nell’anno accademico 2009/2010 (quello successivo al terremoto), hanno conseguito la laurea triennale nei tempi previsti, con il voto finale più alto e la migliore votazione media negli esami. 6)
QUADRI E EXECUTIVE PROFESSIONAL Quadri -­ Il punto del Project Leader Nazionale, Andrea Lanzoni La principale attività realizzata nel periodo è stata il questionario sulla condizione e situazione attuale dei Quadri che operano nelle aziende italiane: si tratta della più importante e capillare survey che sia stata realizzata sul middle management privato e pubblico; la ricerca che viene veicolata e promossa attraverso i mezzi più capillari e potenti strumenti oggi disponibili sul web. Il questionario è stato sviluppato in stretto contatto con la Federazione MIT dal team coordinato dal PLT Antonio Votino di MIT Ancona in collaborazione con Enrico Pedretti di MIT Servizi; in Nov-­‐Dic 2013 è stato sottoposto ai Quadri iscritti a MIT; a partire dalla fine di Maggio 2014 -­‐ con la collaborazione tecnica di AstraRicerche e OD&M Consulting e il supporto di Linkedin e Praxi – l’accesso alla survey è aperto all’ascolto di tutto il middle management che ogni giorno utilizza professionalmente il web. La ricerca è in corso, i risultati saranno analizzati nei prossimi mesi e saranno diffusi sul web e presentati al mondo del lavoro, delle imprese e delle istituzioni in un apposito convegno la cui data è in corso di definizione: davanti a tale platea di ascolto sarà questa l’occasione più opportuna per presentare al pubblico la proposta che Manageritalia sta finalizzando per arrivare al riconoscimento della rappresentanza dei Quadri quali componenti essenziali del middle-­‐
management. Questa proposta – oltre a definire finalmente il ruolo dei Quadri, a riconoscerne le specifiche valenze in termini di contratto e di rappresentanza – è l’altra sinergica attività che è stata portata avanti nel periodo dal GdiL Quadri nell’ambito del PO12-­‐16: dopo una fase di raccolta delle proposte dalle Associazioni Territoriali, nei mesi scorsi, è in corso l’elaborazione delle proposta da sottoporre alla Federazione, in quanto in questo stesso periodo i nuovi accordi interconfederali in tema di rappresentanza, unitamente al susseguirsi di annunci e successivi provvedimenti di riforma complessiva del mercato del lavoro non hanno finora consentito di stabilizzare il testo della proposta. Executive professional -­ Il punto del rappresentante nazionale, Carlo Romanelli Nel corso degli ultimi mesi i lavori dei gruppi territoriali dei professional hanno segnato un’accelerazione che ha portato alla realizzazione di due incontri a livello nazionale. I temi più importanti sul tavolo di lavoro sono la costruzione dell’identità della “categoria”, la ricognizione delle differenti tipologie di professionisti aderenti a Manageritalia, la tracciabilità MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
15 delle carriere nelle diverse configurazioni contrattuali che caratterizzano questa fase e l’avvio del progetto di costruzione di un sistema di welfare dedicato. Sulla base di tali dinamiche di lavoro si è deciso di modificare la denominazione della categoria, strutturando l’dea che coloro che aderiscono a Manageritalia sono degli “Executive Professional”, rafforzandone e qualificandone l’identità all’interno dell’Associazione. Ciò significa che l’ “Executive Professional” di Manageritalia è qualunque lavoratore/lavoratrice che esercita una professione, ordinata o meno, che non implica un contratto di lavoro subordinato e a tempo indeterminato, e che offre i suoi servizi in maniera libera ed indipendente ad organizzazioni private e/o pubbliche. Il “Professional” aderente a Manageritalia è colui che, con modalità differenti da quelle del dirigente, eroga continuativamente i suoi servizi e svolge la sua attività con modalità che influenzano i processi decisionali delle organizzazioni clienti, interagendo principalmente con i gruppi dirigenti ed i decisori primari. Con l’intento di rafforzare tale identità associativa e qualificare l’offerta di rappresentanza, è allo studio un progetto che dovrà portare a rilasciare una “certificazione di esperienza” degli EP di Manageritalia, in grado di dare visibilità e al contempo di definire dei percorsi di appartenenza. Naturalmente ciò non implica un’appartenenza esclusiva e “definitiva” alla categoria, nella consapevolezza che la frammentazione delle carriere non esclude nessuna delle ipotesi contrattuali che fanno riferimento al sistema di rappresentanza di Manageritalia. 7)
INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA PER LE IMPRESE Lo stato dell’arte. La nota del Project Leader Nazionale, Roberto Saliola Avvicinare i dirigenti alle micro, alle piccole e alle medie imprese, favorendo l’incontro tra domanda e offerta di competenze manageriali. Stimolare la nascita di nuove forme di aggregazione imprenditoriale che richiedono una governance specializzata, come i contratti di rete. Sono queste le principali linee guida che hanno orientato l’attività del gruppo di lavoro “Innovazione organizzativa per le Pmi”. Per realizzarle, al momento, si è lavorato seguendo due format progettuali: SMI/STM (Servizio Manager nelle Imprese/Servizio temporary manager) e business collaborativo. Il primo prende piede dal bando SMI realizzato con la Camera di Commercio di Reggio Calabria, e tutt’ora in corso, che ha portato allo stanziamento di 150mila euro per le imprese locali che vogliono farsi affiancare da manager. Nel giugno 2013 è stata firmata una convenzione quadro tra Unioncamere Calabria, Federmanager e Manageritalia, finalizzata a estendere su scala regionale l’esperienza di Reggio, che ha portato alla pubblicazione di nuovi bandi. Finora sono stati pubblicati 5 bandi per finanziare le aziende che intendono avvalersi di servizi manageriali. I colleghi coinvolti nell’iniziativa, ovvero quelli che fanno parte del repertorio (la banca dati) delle competenze sono oltre 70. Le imprese coinvolte sono circa 40. Le risorse messe a disposizione ammontano a circa 500mila euro. Il secondo format -­‐ business collaborativo – mira ad affermare tra i diversi attori del sistema produttivo la capacità di fare rete puntando sugli “snodi” delle competenze manageriali. A tal fine Manageritalia promuove workshop per mettere a confronto le proposte e le esigenze di manager, imprese, associazioni di rappresentanza ed istituzioni. Dopo un primo evento di lancio tenutosi a Pescara nel maggio 2013, si sono svolti nuovi incontri a Sassari e a Trento ed altri sono previsti a Bologna, Milano e Torino. Oltre ad affermare il concetto che la convergenza di diversi stakeholder favorisce la crescita, l’innovazione economica e sociale e beneficia l’occupazione, il format mira a far emergere gli MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
16 strumenti e le competenze manageriali specifiche che servono a “fare rete”. Proprio in quest’ottica, di recente, il gruppo ha deciso di strutturare meglio la propria offerta sul territori, rafforzando il coordinamento tra i responsabile delle varie AATT e adottando un proprio brand identitario facilmente riconoscibile. Un terzo modello progettuale, appena agli inizi, riguarda l’affiancamento alle istituzioni nella gestione dei beni e delle aziende sequestrate e confiscate. Di recente, Manageritalia ha iniziato a lavorare con la Fondazione Polis -­‐ ente della Regione Campania che ha la missione di sostenere le vittime della criminalità e valorizzare il patrimonio confiscato alle mafie – svolgendo un checkup sui fabbisogni di un’azienda sequestrata nel centro di Napoli e creando un team di manager volontari che affiancherà il Comune di Ottaviano, assegnatario del Castello Mediceo già appartenuto al clan Cutolo. Attività Federale Il supporto alle attività del GdL è funzionale al perseguimento di alcune direttrici strategiche della Federazione. I progetti in essere permettono infatti di mobilitare la categoria al servizio dell’economia e della società italiana e, allo stesso tempo, aprono nuovi sbocchi occupazionali per i manager, sperimentando modalità e strumenti operativi nella filosofia di quel welfare to work che rappresenta uno dei capisaldi dell’agire associativo e sindacale di Manageritalia. Per dare continuità alle esperienze maturate in questi due anni e consolidare un approccio di intervento multilivello (nazionale e locale), dopo aver messo a sistema i progetti in Calabria si lavora adesso di replicare i modelli SMI/STM in altri territori come Emilia-­‐Romagna, Lombardia, Piemonte, Sardegna e Veneto. Allo stesso modo, per quanto riguarda il lavoro sui beni sequestrati e confiscati alle mafie, si costruiscono azioni sinergiche tra il GdL e quello di diverse associazioni territoriali. Un esempio arriva dalla Campania: presso l’associazione di Napoli si sta costituendo una squadra di volontari che forniranno supporto progettuale e organizzativo al Comune di Ottaviano nella gestione del Castello Mediceo. Nella “gestazione” della squadra, i colleghi di Napoli saranno affiancati dagli associati già impegnati nel gruppo di volontariato professionale dell’Associazione di Roma, con il coordinamento delle federazione. Insieme alla intrinseca valenza sociale e simbolica, questi progetti offrono occasioni concrete per affermare il fattore manageriale quale strumento di riscatto e sviluppo etico ed economico, per valorizzare il ruolo della categoria e generare nuove opportunità di lavoro qualificato. 8)
TALENTI MANAGERIALI Il punto del Project Leader Nazionale, Dario Ballerini Il Gruppo di lavoro Talenti Manageriali si è riunito presso l’Associazione di Genova il 13 marzo 2014 con lo scopo relazionarsi sullo stato di avanzamento del progetto nelle singole sedi locali e dare spazio al confronto ed alla condivisione delle criticità per adottare correttivi e per costruire le edizioni future. E’ stato quindi possibile condividere lo stato dell’arte dei singoli progetti [Progetto Giotto – Giovani Talenti Toscani, (selezione di laureati e laureandi da inserire nel mondo del lavoro); Corso Orienteering e formazione – III edizione (Torino); Vivi 3gg da Manager – III edizione (Roma); Comploj (Trento); Voglio fare il Manager – I edizione (Genova)] e soffermarsi su alcune riflessioni. E’ stato sollevato il problema dell’inadeguatezza della preparazione fornita dalle scuole e dall’Università per entrare nel mondo del lavoro. E’ necessario intervenire prima del momento di ingresso nel mondo del lavoro per comunicare ai giovani quello che il mondo del lavoro vuole da loro e fare in modo che abbiano gli strumenti per affrontarlo (conoscenza lingua inglese, scelta Università). La formazione deve partire dal liceo, occorre coinvolgere il manager per introdurre la cultura dell’impresa nella scuola e nell’Università ed investire sui giovani già in terza, quarta e quinta liceo per evitare che arrivino impreparati. Il gruppo condivide l’idea che sia fondamentale investire sulla formazione preventiva per favorire l’ingresso nel mondo del lavoro e, a tal fine, vengono proposte alcune azioni da mettere in campo: MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
17 ♦ individuazione degli istituti di scuola superiore che partecipano a varie attività di orientamento universitario a cui formulare proposte di intervento dei manager; ♦ contattare il consorzio interuniversitario Almalaurea (Bologna) che ha avviato da tempo il progetto AlmaDiploma per creare un ponte tra il sistema di istruzione secondario, l'università ed il mondo del lavoro ♦ inserimento nelle giornate di orientamento degli atenei -­‐ quando cercano di essere appetibili ai potenziali nuovi iscritti -­‐ con interventi di informazione su come-­‐cosa cercano le aziende. Tali azioni hanno l’obiettivo di svolgere un’importante ruolo di orientamento e consentire ai giovani di anticipare il contatto con il mondo del lavoro prima che venga effettuata una scelta in tal senso e, ancora di più, rappresenteranno un supporto per la scelta del percorso di studi da intraprendere con maggiori sbocchi professionali. Per il prossimo anno l’obiettivo è quello di collaborare con Federmanager per aumentare il numero di aziende partecipanti nei singoli progetti di inserimento dei giovani. Attività federale “Community dei talenti” -­ Fondo Mario Negri Tra le attività associative riconducibili a questi obiettivi c’è quello di incentivare il merito nello studio, attraverso l’erogazione di borse di studio a giovani figli di associati. Nel 2013 il Fondo Mario Negri ha premiato 934 ragazzi di diversi ordini di studio per un importo complessivo di circa 505 mila euro. Nel 2014 il Fondo Mario Negri e Manageritalia hanno messo a concorso ulteriori borse di studio per seguire il “Corso professionalizzante di alta formazione universitaria in amministrazione, gestione, direzione e controllo delle forme di previdenza complementare” dell’Università Cattaneo e il “Master in Management dei Servizi e delle Politiche per il Lavoro” della Link Campus University, nell’ambito di nuove partnership che legano il sistema associativo con queste due istituzioni accademiche. Tali iniziative, insieme alle numerose altre portate avanti delle AA.TT. in favore dei giovani, vengono promosse – tra l’altro -­‐ tramite la “community” Imagine. Lanciata lo scorso anno per fare networking tra Manageritalia e i giovani che si distinguono per i risultati e impegno nello studio, Imagine funziona come uno “snodo orizzontale” dove i figli dei dirigenti possono condividere informazioni e opportunità nel campo della formazione e del lavoro, trovare risorse per l’orientamento pre e post universitario nonché competenze e assistenza per far crescere i propri progetti di startup. Al momento il gruppo di Facebook, il principale strumento di lavoro di Imagine, è seguito da circa 400 membri attivi. LAVORO E WELFARE
9)
POLITICHE ATTIVE Il punto del Project Leader Nazionale, Monica Nolo Nel periodo considerato il gruppo di lavoro ha lavorato per realizzare il programma che era stato presentato nell’Assemblea Federale di giugno 2013. Particolare diffusione è stata data al programma Manager to Work attraverso l’organizzazione di eventi (in molti casi insieme a Federmanager) nei quali, oltre a pubblicizzare il contenuto della misura, le rappresentanze dirigenziali e quelle datoriali (Confcommercio, Confindustria) sono state messe a confronto sul tema della managerialità. Il programma ha avuto un buon riscontro sia per la parte di contributo destinato all’autoimprenditorialità, sia per quello finalizzato all’assunzione di dirigenti. Sono proseguiti gli interventi del CFMT nell’ambito dei programmi Comincio da tre, Me+We e Managerattivo e del progetto sperimentale Managerinimpresa. L’esperienza acquisita ha aperto la riflessione sull’opportunità di rivedere il percorso Managerattivo per renderlo modulabile e flessibile e, di conseguenza, “esportabile” nei singoli territori. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
18 Managerinimpresa dopo la fase sperimentale del Veneto, ha trovato applicazione in altre regioni e, ad oggi, sono circa 14 i progetti realizzati e/o in corso. Il gradimento espresso dalle imprese e dalle Ascom conferma la validità del programma e motiva ad una sua strutturazione come intervento a carattere permanente, capace di catalizzare anche risorse provenienti da soggetti esterni (Camere di commercio, enti pubblici territoriali, etc.). A marzo 2014 è stato incontrato il Vice Procuratore Nazionale Antimafia per proporre un accordo con l’Agenzia Nazionale Beni Sequestrati e Confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC) che preveda l’impiego di manager nella gestione delle attività e dei beni confiscati; l’iniziativa è stata accolta positivamente e si attende che sia nominato il nuovo direttore della ANBSC per proseguire nel confronto. L’attività federale Secondo le elaborazioni di Manageritalia dal 2009 al 2013 sono stati licenziati in Italia oltre 56.000 manager. In un contesto caratterizzato da una profonda recessione si rende necessario, ora più che mai, il ricorso alle politiche attive del lavoro, intese come tutte le azioni destinate a supportare i manager che hanno perso l’occupazione verso processi di reinserimento nel mercato del lavoro. Già grazie al supporto del CFMT si è dato vita al progetto Managerattivo, che ha avuto il merito di aver posto al centro del progetto la figura del manager, destinatario di un piano sistematico di iniziative, come la certificazione delle competenze (Youmanager), programmi di formazione e orientamento al reinserimento in azienda o all’autoimprenditorialità. La sfida contenuta nel Piano Operativo consiste in un’ulteriore trasformazione del progetto in uno strumento che divenga un vero e proprio elemento qualificante del nostro welfare contrattuale, attraverso il quale consolidare il rapporto tra Manageritalia e Confcommercio. Il progetto si sviluppa su differenti direttrici: studiare forme di intervento permanenti, che possano divenire elementi contrattuali, per i manager che perdono l’occupazione; sviluppare forme di collaborazione con gli enti pubblici (Regioni, Province, Camere di Commercio) e individuare la possibilità di stabilire partnership con soggetti privati per il reinserimento dei dirigenti inoccupati. Managerattivo L’accordo del 27/09/2011 tra Manageritalia e Confcommercio ha affidato al CFMT la promozione di azioni di politiche attive per il lavoro volte alla ricollocazione dei dirigenti anche per il biennio 2011-­‐
2013. Managerattivo è il progetto per valorizzare e sostenere il riposizionamento professionale dei dirigenti non occupati e favorirne l’incontro con le piccole e medie imprese, che intendano cogliere opportunità di sviluppo e di crescita. In questo percorso si affianca il manager, che ripensa e ridisegna le proprie capacità e competenze e riflette sulla strada da intraprendere per ricollocarsi al meglio sul mercato. Si tratta dunque di un supporto valido e innovativo per la competitività delle imprese. Un’iniziativa concreta per migliorare il dialogo tra imprenditori e manager e sviluppare una maggiore capacità e diffusione della managerialità, contribuendo alla competitività dell’economia italiana. Su 801 dirigenti che hanno seguito i percorsi proposti da CFMT quelli rioccupati sono stati 597, pari al 75% (Osservatorio Managerattivo, 31 ottobre 2013). Alcune di queste storie sono state raccontate nel libro Out of office, a cura di Massimo Del Monte, Carlo S. Romanelli, Gian Piero Scilio (Franco Angeli). Il CFMT, per definire e concretizzare tali progetti, ha a disposizione circa 1.6 milioni di euro, provenienti da un contributo una tantum di 40 euro sia carico delle aziende che a carico dei dirigenti. Con l’accordo Manageritalia/Confcommercio del 31 luglio 2013, è stato confermato anche per l’anno 2014 il finanziamento delle iniziative del CFMT volte alla ricollocazione dei dirigenti disoccupati, senza prevedere contributi aggiuntivi a carico delle imprese e dei dirigenti. ManagerinImpresa E’ il programma di CFMT Managerattivo voluto da Confcommercio e Manageritalia per supportare le piccole e medie imprese nella realizzazione di progetti di sviluppo del loro business, mettendo a MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
19 disposizione la consulenza di professionisti con competenze elevate e certificate, derivanti spesso da carriere in multinazionali e grandi aziende italiane, al momento non occupati. Si parla di un bacino di oltre 1000 manager che hanno partecipato al percorso “Comincio… da tre!” di Managerattivo e che rappresentano una fonte di proposte professionali qualificate per le piccole e medie imprese italiane, nei confronti delle quali ManagerinImpresa svolge una funzione di promotore di una cultura della managerialità, come fattore chiave per la competitività sul mercato oggi. Attraverso le realtà territoriali, Cfmt Managerattivo ha avviato un roadshow nazionale per presentare il programma ManagerinImpresa, raccogliere le adesioni da parte delle aziende interessate e avviare dunque con loro il processo, dall’identificazione delle esigenze di sviluppo, attraverso l’individuazione del manager più idoneo, all’ideazione del progetto in collaborazione con il manager stesso, fino alla condivisione e all’avvio del piano di sviluppo in azienda e alla finalizzazione del contatto. L’inserimento del manager in azienda è correlato alle specifiche esigenze del progetto per un periodo massimo di 6 mesi, indicativamente 2 giorni alla settimana fino al completamento dell’obiettivo. Bandi Italia lavoro “Manager to work” La dotazione di quasi dieci milioni stanziata dal Ministero del lavoro per iniziative di autoimpiego e di reimpiego dei dirigenti disoccupati è stata del tutto impegnata e in buona parte spesa e vi sono forti probabilità che vengano respinte le nuove domande di contributo. A maggio 2014 sono state accolte circa 400 domande per un totale di risorse impegnate pari al totale di quelle disponibili.. Questo dimostra che i tre partner dell’iniziativa hanno intercettato e soddisfatto una forte esigenza di autoimprenditorialità dei manager. Manageritalia e Federmanager si stanno adoperando per chiedere un potenziamento del contributo statale a favore dei dirigenti disoccupati. Tale richiesta deve essere considerata nell’ambito di un contesto più generale, nel quale chiediamo attenzione al Ministero del lavoro sulle politiche attive a favore della categoria dei dirigenti, anche attraverso la costituzione di un’apposita Agenzia per il lavoro manageriale. PREVIDENZA Esoati ! Alcuni dati Da un rapporto dell’Inps che fotografa la situazione aggiornata al 20 gennaio 2014, soltanto un esodato ogni cinque ha finora ricevuto la liquidazione della pensione come previsto dai vari provvedimenti “di salvaguardia” che si sono succeduti negli ultimi anni. Secondo i dati le “posizioni salvaguardate” sono in totale 162.147 e i già “liquidati”, al momento, 33.147. La questione continua a essere al centro dell’agenda politica per risolvere definitivamente il problema con criteri generali e omogenei. ! In attesa di misure strutturali, la quinta ondata è salvaguardata Il 2 maggio 2014 l’Inps ha pubblicato, con il messaggio 4373, le istruzioni dettagliate per la “salvaguardia” di 17mila esodati. Si completa così il quadro normativo previsto dall’ultima legge di stabilità per consentire il pensionamento della cosiddetta quinta ondata di esodati rimasti senza lavoro né pensione dopo la riforma Fornero. Un tavolo tecnico tra Ministero, Inps e Commissioni Bilancio e Lavoro sta cercando di trovare una soluzione definitiva. Tra i nodi principali da risolvere c’è quello della copertura finanziaria. Si sta pensando di mettere a punto uno scivolo di 5 anni che consenta di collegare la condizione degli esodati al pensionamento. Sono allo studio anche soluzioni e vantaggi per le aziende che assumono coloro che hanno superato i 50 anni. ! Le proposte Manageritalia Ferma restando la necessità di favorire una maggiore permanenza dei lavoratori in servizio, al fine di garantire la sostenibilità del sistema previdenziale pubblico, occorre al tempo stesso trovare una soluzione per i lavoratori che, superata una certa età da individuare (58-­‐59 anni) ed in possesso di una MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
20 determinata anzianità contributiva (ad esempio, 35 anni) perdono il lavoro e, una volta terminato il periodo di erogazione degli ammortizzatori sociali, continuano ad avere difficoltà a ricollocarsi. Per questi soggetti proponiamo due soluzioni alternative: a) L’adozione della cosiddetta “forchetta” (ad esempio 60-­‐66 anni), che prevede di anticipare il pensionamento di vecchiaia accettando penalizzazioni sul calcolo della pensione, stabilite in maniera graduale per ogni anno di anticipo rispetto al compimento dell’età pensionabile. b) L’applicazione del sistema di calcolo contributivo sull’intera anzianità maturata, come avviene in forma sperimentale fino al 31.12.2015 per le lavoratrici che hanno raggiunto i 57 anni di età ed un’anzianità contributiva di 35 anni (opzione ai sensi dall’art. 1, comma 9, della legge 243/2004). L’accesso alla salvaguardia per coloro che sono in mobilità è stato oggetto di numerosi interventi, naturalmente tutti seguiti dalla Federazione. Le donne lavoratrici che hanno anticipato il pensionamento scegliendo di farsi calcolare la pensione col metodo contributivo sono state oltre 17mila negli ultimi 5 anni. La stragrande maggioranza (circa 16mila) l’ha fatto negli ultimi due anni, da quando con la riforma Fornero l’opzione è diventata molto più conveniente, visto che a fronte di una decurtazione media del 15-­‐20% dell’assegno si può smettere di lavorare con 6 o 7 anni di anticipo rispetto alla norma, e dunque a 57-­‐58 anni. Questo canale di uscita è destinato ad esaurirsi prima di quanto fosse originariamente stabilito. La legge che offriva alle donne la possibilità di scegliere questa soluzione (la 243 del 2004) stabiliva che la sperimentazione proseguisse fino a fine 2015 (per poi eventualmente essere prorogata). L’Inps, però, con la circolare 35/2012 ha stabilito che nel termine del 31 dicembre 2015 debbano essere comprese anche le cosiddette finestre mobili: un anno per le dipendenti, un anno e mezzo per le autonome. Di fatto, saranno sempre meno le donne che avranno i requisiti per scegliere di andare in pensione anticipata usufruendo di questa possibilità. Manageritalia, come già detto, ribadisce la proposta ad estendere tale diritto anche agli uomini. Blocco della perequazione e contributo di solidarietà per il triennio 2014-­2016 Il Governo con la legge di stabilità conferma anche per il 2014 il blocco della perequazione per la parte delle pensioni superiore a sei volte il minimo, pari a 2.972,58 euro, circa 2mila euro nette (i pensionati coinvolti dal blocco sono stati stimati 669.736). La rivalutazione delle pensioni riparte dunque con quattro scaglioni anziché i vecchi tre. Dal 2014 l’indicizzazione è pari al 100% per gli assegni fino a tre volte il minimo, al 90% per lo scaglione di pensione compreso tra tre e quattro volte il minimo, al 75% per lo scaglione tra quattro e cinque volte il minimo e al 50% per gli importi superiori a cinque volte il minimo. Per il solo 2014 resta il blocco dell’indicizzazione per la parte di pensione che supera le sei volte il minimo. Pertanto chi percepisce sopra a tale tetto riceverà una perequazione lorda di circa 18 euro al mese. Viene introdotto dalla legge di stabilità anche il contributo di solidarietà per le pensioni d’oro: a decorrere dal 2014 e per un periodo di tre anni, sugli importi dei trattamenti pensionistici superiori a 150mila euro lordi annui, sarà dovuto un contributo di solidarietà pari al 5 per cento (della parte eccedente i 150 mila) fino a 200mila euro. Il contributo salirà al 10 per cento per la parte eccedente tra 200mila e 250mila euro e al 15 per cento per la parte eccedente 250mila euro. Dal prelievo dovrebbero derivare maggiori entrate nette di 12 milioni di euro all’anno nel triennio. Ma come riuscirà il Governo a reintrodurre i contributi di solidarietà già bocciati dalla Corte Costituzionale che li giudica discriminatori nei confronti dei pensionati? L’espediente normativo che aggira il divieto presuppone una diversa destinazione del contributo, mascherando il suo valore di tributo: il gettito ricavato non finisce nelle casse dell’erario, ma “a favore delle gestioni previdenziali obbligatorie di appartenenza, con la finalità di concorrere al mantenimento dell’equilibrio pensionistico”. La Corte Costituzionale accetterà l’escamotage e credere che quel contributo non sia una tassa? Noi ne “provocheremo” la risposta! MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
21 Perequazione delle pensioni: dettagli sulla causa Come noto, nel 2011 (art. 24, comma 25, del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201, cd. decreto “Salva Italia”, convertito nella legge 22 dicembre 2011 n. 214, cd. “Riforma Monti”) il governo, per fronteggiare la situazione di crisi, ha sospeso la perequazione dei trattamenti pensionistici di importo superiore a tre volte il minimo Inps (oltre € 1441,58 per il 2012 e € 1486,29 per il 2013). Il tema è stato e seguita ad essere oggetto di articolato dibattito sul blog Pensioni di Manageritalia che assieme a Federmanager, ha promosso l’avvio di sette giudizi presso i tribunali di Agrigento, Avellino, Firenze, Palermo, Perugia, Terni e Vicenza, contro il blocco della perequazione 2012 e 2013, affidando il mandato allo studio Orrick. Viene promossa anche l’azione legale contro il contributo di solidarietà richiesto ai pensionati ex iscritti alle gestioni speciali. Il 13 maggio 2014, innanzi al Tribunale di Modena, si è tenuta una delle udienze in calendario: il giudice, ritenendo l’eccezione meritevole di studio ed approfondimento, ha rinviato all’udienza del 18 settembre 2014 la decisione, concedendo alle parti la possibilità di depositare ulteriori note integrative. Lo studio legale che segue la causa per conto di Manageritalia e Federmanager sta valutando se vi siano ulteriori elementi ed argomenti per sostenere l’azione. A giugno del 2013 la Corte Costituzionale (sentenza n. 116 del 3 giugno 2013) ha dichiarato l’incostituzionalità del comma 22 bis dell’art.18 D.L. 98 del 6/07/2011 che, a far data dal primo agosto 2011 e fino al 31 dicembre 2014, aveva disposto che i trattamenti pensionistici corrisposti da enti gestori di forme di previdenza obbligatorie – i cui importi superassero 90mila euro lordi annui – fossero assoggettati a un contributo di perequazione applicato sulla parte eccedente l’importo, del 5%, fino a 150mila euro, del 10% per la parte eccedente 150mila euro; e al 15% per la parte eccedente 200mila euro. L’11 luglio l’INPS pubblica il messaggio n. 11243, con il quale impartisce le istruzioni alle proprie direzioni perché procedano alla restituzione del contributo dichiarato incostituzionale con sentenza n. 116/2013 della Corte Costituzionale. Il primo successo importante riferito ai giudizi di legittimità arriva il 6 novembre 2013, allorché il Presidente della Sezione Lavoro del Tribunale di Palermo, dott. Antonio Ardito, dichiara non manifestamente infondata la questione di legittimità relativa al provvedimento di sospensione della perequazione delle pensioni di importo lordo superiore a 1405 euro , per il 2012 e 2013, e dispone quindi il rinvio degli atti alla Corte Costituzionale. Ad aprile del 2014 la causa è stata presa in carico dalla Corte; frattanto, anche il Tribunale di Avellino ha abbracciato le tesi difensive di Manageritalia disponendo la sospensione del giudizio pendente sul medesimo oggetto, in attesa del pronunciamento dei Giudici di legittimità; è il secondo successo di Manageritalia. Ricordiamo che già nel 2008 Manageritalia ottenne un rinvio ai giudici della Corte Costituzionale, per tentare di difendere le pensioni di importo superiore ad otto volte il minimo Inps, per le quali era stata disposta la sospensione della perequazione. Nella sentenza di rigetto (sentenza pubblicata nel 2010, la n.316), la Corte Costituzionale osservava, fra le motivazioni, che l’importo elevato dei trattamenti sottoposti alla sospensione della perequazione era tale da poter comunque garantire una idonea difesa dal fenomeno inflattivo. Rispetto al passato, la mancata perequazione 2012 – 2013 coinvolge un maggior numero di pensionati, anche i titolari di pensioni non certo elevate. Questa differente circostanza aprirebbe un vulnus alle argomentazioni sostenute nel 2008 dalla Corte, perché i trattamenti pensionistici medio bassi, impoveriti dalla sospensione della perequazione, potrebbero definirsi inadeguati a sostenere il fenomeno inflattivo. Ancora, rispetto al passato, la reiterazione della sospensione della perequazione sia per il 2012 sia per il 2013 contrasterebbe con il carattere di temporaneità ed eccezionalità della misura restrittiva attribuita alle norme del 2008. Il 1 aprile 2014 la cancelleria della Corte Costituzionale ha ricevuto l’atto di costituzione in giudizio per l’illegittimità del blocco della perequazione 2012 e 2013. Al momento, si attende la data della prima udienza in Corte Costituzionale. Giornata nazionale della previdenza Si è svolta a Milano dal 14 al 16 maggio presso la sede della Borsa Italiana la quarta edizione della GNP, Giornata Nazionale della Previdenza, l’evento organizzato da Itinerari Previdenziali per sensibilizzare tanto gli addetti ai lavori quanto il “grande pubblico” sul mondo delle pensioni e del welfare. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
22 Anche quest’anno Manageritalia è tra i partner dell’iniziativa, insieme al Fondo Mario Negri, al Fasdac, all’Associazione Antonio Pastore e al CFMT, dove siamo stati presenti con uno stand dedicato a far conoscere il nostro sistema di welfare, quello del Contratto dei dirigenti del terziario sviluppato e gestito in partnership con Confcommercio, e i diversi aspetti dell’impegno associativo in materia di previdenza, assistenza sanitaria, politiche attive e formazione professionale. Nella giornata centrale dell’evento, il 15 maggio alle 14.30, abbiamo organizzato, con Federmanager, il convegno “Well fare & work. Quale lavoro e welfare per crescere in benessere, produttività e competitività” un dibattito su alcuni importanti temi chiave – flessibilità, merito, rendicontazione, remunerazione, previdenza – e sul ruolo che i diversi attori sociali, la politica, le istituzioni, gli imprenditori e i manager devono giocare per orientare il necessario cambiamento. L’evento parte dalla convinzione che una collaborazione fattiva tra politici, imprenditori e manager per diffondere nuovi e più flessibili modelli organizzativi del lavoro possa finalmente determinare quel cambiamento culturale nella gestione delle risorse umane sempre più necessario, un miglioramento del clima aziendale e un accrescimento della produttività. 10)
NUOVO MODELLO DI RAPPRESENTANZA E WELFARE CONTRATTUALE
Il punto del Project Leader Nazionale, Daniele Testolin Il Project charter e la presentazione illustrata durante l’Assemblea di Manageritalia del Giugno 2013, sono confermati e coerenti con la successiva attività del gruppo di lavoro che, dopo la fase di informazione, analisi e definizione delle aree di intervento, è passato alla formulazione di proposte. Il lavoro si è sviluppato, sia a livello delle Associazioni territoriali, con il coinvolgimento (coordinato dai PLT) dei gruppi di lavoro delle singole associazioni e dei Consigli Direttivi, sia con riunioni dedicate tra i PLT, che hanno consentito di individuare le mutate esigenze dei dirigenti, derivanti dalla nuova situazione economica e lavorativa e definire una serie di innovazioni contrattuali in grado di fornire risposte concrete. Le proposte hanno lo scopo di garantire la sostenibilità dell’attuale welfare contrattuale anche con l’inserimento di alcune novità nei prossimi contratti. Le proposte sono finalizzate ad incentivare le nomine di dirigenti, a limitare l’espulsione degli over 50 dal “mondo del lavoro dipendente” e ad individuare alcune misure specifiche, che consentano di migliorare e rafforzare il nostro welfare contrattuale, rendendolo più coerente con la nuova realtà lavorativa. Sono state elaborate proposte relative: a)all’integrazione dei “requisiti” per poter procedere alla nomina di DPN, b)alla creazione di un sostegno al reddito, per i dirigenti che si trovano in periodi di inoccupazione involontaria, che sia sostenibile, finalizzato, integrativo e selettivo, c)alla previsione di una curva retributiva decrescente realizzabile su base volontaria in cambio di un incremento delle ferie, d)alla modifica dell’art. 37 del contratto –Outplacement-­‐ che ne consenta l’utilizzo anche in caso di contenzioso e)all’inserimento di due giornate retribuite per la formazione del dirigente f)alla previsione di una retribuzione variabile minima prevista contrattualmente g)alla previsione di una polizza assicurativa per responsabilità civile, obbligatoria e a carico dell’azienda. Un Fiocco in Azienda E’ un programma per aiutare genitori ed aziende ad affrontare serenamente la maternità e facilitare il rientro in azienda delle mamme. Il Rapporto 2013 sulle dimissioni delle lavoratrici madri e dei lavoratori padri del ministero del Lavoro rivela dunque che nel 2013 le dimissioni volontarie dal lavoro di neo madri (e neopadri) convalidate dagli Uffici competenti sul territorio sono state 23.666, con un aumento del 23% rispetto al 2012, quando il totale si era fermato a 19.187. Per le madri l’aumento registrato è del 15% (nel 2012 le dimissioni volontarie erano state 18.454, oggi sono 21.282), mentre quelle dei padri sono più che triplicate. Nel 2013 sono 2.384, a fronte delle 733 del 2012. Sono 13.642 (il 57,64% del totale delle dimissioni) i genitori che abbandonano il posto dopo il MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
23 primo figlio e il 35,81% (percentuale invariata dal 2012) vi è costretto da un insieme di cause tutte riconducibili all' incompatibilità tra occupazione ed esigenze di cura dei bambini. Il risultato è che le aziende perdono professionalità e competenze. Un Fiocco in Azienda è un progetto di Manageritalia per l’intero territorio nazionale e coinvolge come promotori gli oltre 35.500 Manager Associati. Dal 10 ottobre 2013 il progetto è partito anche a Firenze. Dal 16 aprile 2014 è attiva una sul sito internet di Manageritalia una nuova voce di menu dedicata a Un Fiocco in Azienda per Milano e Roma (le informazioni generali di Un Fiocco in Azienda sono contenute nella voce di menu EVENTI E INIZIATIVE > PRODUTTIVITA’ & BENESSERE > UN FIOCCO IN AZIENDA). Indagine conoscitiva sulla tutela della salute alla Camera: documento congiunto del FASDAC e di altri fondi sanitari integrativi Le commissioni riunite Bilancio e Affari sociali della Camera dei Deputati hanno avviato nel mese di giugno 2013 una “Indagine conoscitiva sulla sfida della tutela della salute tra nuove esigenze del sistema sanitario e obiettivi di finanza pubblica”. Tale indagine intende analizzare la sostenibilità dei costi del Servizio Sanitario nazionale, l’adeguatezza delle azioni finora messe in campo per il controllo della spesa sanitaria e tutti gli elementi di criticità connessi con l’andamento di tale spesa, ma anche valutare il livello di omogeneità su tutto il territorio nazionale dell’accesso alle cure e della qualità delle prestazioni sanitarie erogate. Tra i soggetti chiamati alle relativi audizioni vi sono anche i fondi sanitari. Il Fasdac, insieme a Casagit (Cassa autonoma di assistenza integrativa dei Giornalisti) Faschim Fondo di assistenza sanitaria per i lavoratori dell’industria chimica e farmaceutica etc.) e Fondoest (ente di assistenza sanitaria integrativa del Commercio, turismo e servizi) hanno incontrato il 12 settembre 2013 il Presidente della Commissione Affari sociali, On. Pierpaolo Vargiu (Scelta civica per l’Italia), per sottoporgli la posizione congiunta dei Fondi sui temi oggetto dell’indagine conoscitiva. In quella occasione i Fondi hanno presentato un documento unitario con alcune proposte sul piano normativo e sul piano fiscale. Il documento è stato acquisito agli atti dell’indagine conoscitiva. Auspichiamo che le proposte avanzate dai Fondi siano recepite nel documento finale della Commissione, che sta per essere reso pubblico. Smart Welfare Il punto del Project Leader Nazionale, Edvige della Torre Il progetto Smart Welfare che fa parte, con Interaging e Fiocco in Azienda, del più ampio progetto “Produttività & Benessere” si è sviluppato in questi nove mesi, con un ritmo sicuramente serrato raggiungendo il primo degli obiettivi che ci eravamo posti: creare una cultura d’impresa sul tema del benessere aziendale e attraverso l’organizzazione di convegni sul territorio nazionale. Dieci delle tredici associazioni territoriali si sono così attivate ospitando l’incontro Smart Welfare: -­‐ Torino, Varese, Genova , Firenze centrando l’evento solo sul tema del benessere -­‐ Bari, Ancona, Monza, Catania, Padova, Roma includendo anche il tema del passaggio intergenerazionale, grazie al progetto sviluppato da Manageritalia con Fondir, in collaborazione con Cibiesse -­‐CFMT Business School. Focus dei convegni sono stati i seguenti punti chiave: " presentazione dei dati della ricerca condotta da Manageritalia sul tema del benessere aziendale " messa a fuoco del significato di benessere aziendale e delle azioni e servizi che lo possono concretizzare " condivisione del modello Smart Welfare che è stato messo a punto (fasi, tempi, modalità di sviluppo) " evidenziazione dei benefit che azienda e manager possono trarre dai progetti di benessere aziendale. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
24 Due i risultati maggiori che abbiamo raggiunto: 1) rispetto al progetto, ottima partecipazione da parte di manager e imprenditori e apprezzamento della tematica 2) rispetto alle associazioni, e grazie all’efficace azione di guida dei Project Leader Territoriali, l’opportunità di lavorare insieme, di conoscersi, di attivarsi per raggiungere un obiettivo comune. Ed è stato un vero piacere. Nei prossimi mesi il secondo obiettivo da raggiungere -­‐ dopo l’organizzazione del convegno nelle ultime tre città -­‐ sarà implementare il progetto in quelle aziende interessate a passare “dalle parole ai fatti” sviluppando un progetto di benessere aziendale nella propria organizzazione. Per consentire ciò, è prevista un’attività di trasferimento del metodo e dei contenuti “Smart Welfare” alle associazioni e ai Project Leader Territoriali a partire dal secondo semestre 2014. L’ attività federale
Il 26 maggio scorso, il gruppo Donne Manager di Manageritalia ha organizzato, in occasione del meeting annuale “Facciamo il punto!”, dedicato alla conciliazione tra vita e lavoro e al bilancio delle iniziative del Gruppo volte a favorire produttività e benessere in azienda, l’evento “Rottamiamo l’inconciliabilità tra persona e lavoro?”. L’incontro voleva essere un momento di riflessione su un nuovo modo di concepire il lavoro in relazione alla persona nella sua totalità. Sono state affrontati temi attuali quali le modalità di approccio alla maternità in azienda, il fenomeno delle mamme in età avanzata ma soprattutto porremo l’accento sulla necessità di un giusto equilibrio tra vita lavorativa e personale non solo per le mamme ma anche per gli uomini e per i single. L’evento ha avuto come ospiti importanti esponenti del mondo istituzionale, manageriale, medico ed accademico e si è concluso con uno spettacolo teatrale. ATTIVITÀ CONTRATTUALE Questa la situazione dei rinnovi contrattuali: • CONFCOMMERCIO– Il 31 luglio 2013 Manageritalia e Confcommercio hanno firmato un accordo per prorogare di un anno il contratto nazionale dei dirigenti del terziario, fino al 31 dicembre 2014. E’ stato inoltre sottoscritto il Testo Unico contrattuale, attualmente in fase di stampa, scaricabile dal sito internet di Manageritalia. Il contesto in cui ci troviamo ci impone di guardare oltre e aprire nuovi fronti, inaugurando una nuova stagione di concertazione “creativa”, capace di elaborare progetti innovativi. La decisione di prorogare la vigenza del ccnl, scaturita da un complesso lavoro di approfondimento e di negoziato, sancisce la volontà comune di dare risposte concrete e certezze al sistema economico, in nome di un obiettivo condiviso dai manager e dalle imprese: lavorare insieme per la ripresa. La scelta di bloccare per un anno gli aumenti contrattuali si accompagna all’esigenza irrinunciabile di puntare sulla manutenzione del welfare contrattuale della dirigenza, anche in vista del prossimo rinnovo del ccnl, a tale fine le delegazioni sindacali di Confcommercio e Manageritalia dal gennaio del 2014 hanno avviato una serie di incontri a cadenza mensile in cui affrontare e approfondire le specificità dei fondi e degli enti di derivazione contrattuale in modo da arrivare alla prossima scadenza contrattuale – cioè a fine 2014 – con un solido bagaglio di conoscenze e di proposte. Tra gli obiettivi, quello di rafforzare Managerattivo e ManagerinImpresa, progetti che integrano al meglio il ricollocamento dei manager disoccupati e le esigenze delle imprese. Sono cambiati i paradigmi del mondo del lavoro e questo ci impone anche la necessità di cambiare i paradigmi del nostro contratto. Puntare di più a politiche di welfare e workfare viste in un’ottica di flessibilità, ma che diano garanzie di vera occupazione, nel caso dei giovani e di stabilità, nel caso dei lavoratori senior. Occorre modificare i sistemi di welfare e adeguarli alle esigenze del momento. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
25 Sui temi dell’innovazione del modello contrattuale, delle tutele aperte e del welfare siamo tra i primi. Ma ci dobbiamo impegnare per fare sistema, completando la nostra strumentazione, definendo un assetto contrattuale coerente e completo e fare contaminazione, diffondendo tra le parti sociali la cultura delle tutele “aperte”, dell’attivazione, della promozione, dei servizi e del welfare. Assistiamo all’evoluzione di un modello di bilateralità, forte e dinamico, sempre più orientato a regolare il mercato del lavoro e a mettere a sistema le politiche di welfare e le politiche attive per sostenere i livelli occupazionali e la sicurezza sociale, coniugando gli ambiti e le responsabilità dei diversi soggetti: imprese, lavoratori e Stato. Il nostro modello contrattuale, grazie anche alla lungimiranza delle parti contraenti, è stato costruito su queste basi e noi crediamo di poter dare un importante contributo nella costruzione di un moderno sistema di flexsecurity. • CONFETRA – L’Accordo di rinnovo siglato il 3 dicembre 2012 scadrà il 31 dicembre 2004. Il 13 dicembre 2013 è stato sottoscritto un accordo per l’adeguamento della contribuzione al Fondo Mario Negri e al Fasdac, per l’anno 2014, e per confermare la volontà a proseguire l’attività affidata al CFMT per la promozione di Politiche attive per la ricollocazione dei dirigenti. Anche per questo settore è in fase di ultimazione la stesura del Testo Unico contrattuale. • ASSOLOGISTICA – All’Accordo di rinnovo siglato il 12 dicembre 2012 è seguito l’accordo di adeguamento della contribuzione 2014, sottoscritto l’8 gennaio 2014 e con contenuti analoghi a quelli illustrati per la Confetra. • FEDERALBERGHI – Sottoscritto il 9 dicembre 2013, l’accordo di proroga della vigenza del ccnl al 31 dicembre 2014, comprensivo dell’adeguamento della contribuzione per i fondi Negri e Fasdac e della conferma dell’impegno sulle Politiche Attive. • AICA – Analogamente, con accordo del 23 gennaio 2014, si è provveduto a prorogare la vigenza del ccnl al 31 dicembre 2014, ad adeguare la contribuzione per i fondi Negri e Fasdac e a confermare dell’impegno sulle Politiche Attive. Inoltre, per questo settore si è giunti alla stesura del nuovo Testo Unico contrattuale, attualmente in fase di stampa, risultato non da poco, se si considera che il precedente Testo Unico risaliva al 1995. • FEDERAGENTI – L’Accordo di rinnovo siglato il 9 gennaio 2013 scadrà il 31 dicembre 2014. Per questo settore non è stato ancora siglato un accordo per la contribuzione 2014 per il Fondo Mario Negri ed il Fasdac. Negli accordi di rinnovo siglati con Confetra, Assologistica e Federagenti, per favorire la permanenza in azienda dei dirigenti senior, anche in considerazione dei nuovi requisiti per accedere al pensionamento Inps fissati dalla Riforma Fornero è stata prevista la possibilità di sottoscrivere intese per la trasformazione del rapporto di lavoro, da ratificare in sede di Commissione Paritetica di conciliazione delle controversie. In merito al contenuto di tali intese, la formulazione adottata negli accordi è volutamente generica, per permettere il più ampio spazio alla trattativa individuale tra i dirigenti a cui mancano alcuni anni al raggiungimento del diritto al pensionamento e le loro aziende. La trasformazione del rapporto di lavoro può concernere l’orario di lavoro e, conseguentemente, una riduzione della retribuzione fissa, ma anche diverse funzioni e mansioni, ad esempio assegnando al dirigente senior la funzione di tutor nei confronti di giovani dirigenti (o anche lavoratori assunti con qualifica di quadro o livelli equipollenti) che li potranno sostituire al momento del pensionamento. Nell’ipotesi di una riduzione dell’orario di lavoro, tramite il ricorso ad un contratto part-­‐time, potrebbero essere inoltre concordate clausole di miglior favore con riferimento al TFR e alla contribuzione previdenziale Inps, per non avere ripercussioni negative sulla retribuzione differita e sul futuro trattamento pensionistico. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
26 I contributi ai fondi contrattuali saranno comunque dovuti integralmente, perché non sono rapportati alla RAL né all’orario di lavoro svolto. Sarà anche preferibile inserire una clausola di durata minima garantita del contratto, che potrà essere risolto automaticamente al momento del raggiungimento dei requisiti per il pensionamento. L’accordo di trasformazione del contratto di lavoro potrà, inoltre, prevedere una parte variabile della retribuzione legata all’esito della formazione o dei nuovi progetti/programmi assegnati al dirigente senior. Nella tabella abbiamo provato a sintetizzare i pro ed i contro del ricorso al patto intergenerazionale per i dirigenti e le aziende. Vantaggi Svantaggi Azienda Risparmio costo aziendale per il dirigente senior (inferiore RAL) e per l’assunzione del giovane lavoratore, se si utilizza il contratto di apprendistato professionalizzante o si fa ricorso ad altre agevolazioni per l’assunzione di dirigenti disoccupati. Mantenimento di elevate professionalità in organico favorendo il ricambio intergenerazionale. Risparmio dei costi di licenziamento del dirigente senior: -­‐ preavviso pari a min 6, max 12 mesi; -­‐ indennità risarcitoria per licenziamento ingiustificato; -­‐ altre spettanze di fine rapporto (TFR, ratei 13ma e 14ma, indennità ferie non godute, ecc.). Dirigente Mantenimento posto di lavoro, anche fino al pensionamento. Minore Nessuna penalizzazione sul futuro trattamento pensionistico (se retribuzione concordato versamento contribuzione aggiuntiva). netta Possibilità di svolgere consulenze o stipulare un secondo contratto di lavoro part-­‐time con altre aziende, purché non in concorrenza. In generale, maggiore tempo libero, miglioramento della qualità della vita. 11)
PATTO JUNIOR/ SENIOR INTERAGEING Il punto del Project Leader Nazionale, Marisa Montegiove Interageing inserito nelle azioni di “Produttività & Benessere” ha svolto un’attività di diffusione del progetto puntualmente avvenuta nelle nostre AATT tramite roadshow attraverso forum di confronto con le aziende e con le associazioni di categoria datoriali e soprattutto, nel recente seminario a Roma, la presentazione di best practice. L’indagine presso i nostri manager per capire se le aziende si stanno attrezzando per competere al meglio e se hanno in atto o in previsione politiche di intergenerazionalità ha evidenziato che solo un decimo le sta già attuando e poco meno di un decimo pensa di farlo; l’80% delle aziende non fa nulla e addirittura non sa di cosa si tratti perché manca una gestione strategica delle risorse umane, per scarsa conoscenza da parte dei vertici e per una resistenza del top management al cambiamento. Criticità sulle quali intervenire proprio con il nostro progetto, anche perché, nota estremamente positiva, il 75% dei manager vuole approfondire questo argomento e l’87% chiede a MIT di essere formati al riguardo. Questo conferma la bontà del nostro progetto e l’impegno a proseguire su questa strada. Nel frattempo è stato creato uno sportello in MIT Milano con lo scopo di fornire ulteriori informazioni alle aziende interessate. Azione che sarà replicata a breve in tutte le AATT. La Bulgari di Roma è stata individuata per realizzare il progetto pilota dove l’iniziativa sta avendo molto successo, in particolare la nostra proposta “Tutor” ha generato ben 7 “coppie” mentor/mentee coinvolgendo anche figure di alto profilo creando un entusiasmo inaspettato non solo tra le MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
27 “coppie” ma tra tutto il personale Bulgari. Permane la criticità, nella maggior parte delle regioni, nell’attuazione della “Staffetta” a causa di mancati accordi tra le parti interessate. Il programma a breve termine prevede oltre alla formazione della struttura delle AATT per rispondere alle esigenze dello Sportello, la formazione di professionisti che, a livello locale, in nome e per conto di MIT, dopo un’adeguata formazione sulle varie fasi progettuali, siano in grado di affiancare per 6/8 mesi le aziende nella realizzazione del progetto. Il progetto InterAGEing, promosso da Manageritalia, e lanciato a Milano il 15/2/2013, si sta diffondendo sul territorio: ha fatto già tappa a Genova (3/6/2013), a Napoli (20/6/2013) ed a Bologna (24/10/2013 e 10/4/2014 solo per i soci AIDP) dove è stato illustrato come si possa fare impresa etica anche nell’attuale congiuntura orchestrando innovativamente il conflitto intergenerazionale, la meritocrazia, la riforma pensionistica, la qualità della vita lavorativa, la disoccupazione giovanile, il patrimonio di competenze, variabili organizzative spesso vissute come minacce ma che posso essere armonizzate in una complementarietà di estrema efficacia. Manageritalia Trentino-­‐Alto Adige ha organizzato a Trento, il 24 gennaio 2014 il convegno “InterAGEing, un patto tra generazioni in Azienda” per affrontare l’analisi dei fenomeni organizzativi più recenti; esplorare prospettive internazionali, normative, sociologiche, manageriali; giungere alla proposta di progetti innovativi e sostenibili per aumentare le opportunità di lavoro e carriera, accrescere la produttività e migliorare la qualità della vita nelle aziende moderne che la crisi internazionale, l’incertezza del futuro produttivo e la riforma del sistema pensionistico italiano stanno mettendo alla prova. Come già detto a proposito di smart welfare, Manageritalia ha promosso, per il tramite di Fondir, un ciclo di convegni con il supporto di Cibiesse sulla valorizzazione del patrimonio aziendale per l’occupazione, il benessere e la produttività: Bari, 21/09/2013; Ancona, 24/10/2013; Monza, 22/11/2013; Catania, 28/01/2014; Padova, 15/02/2014. Contributo statale per la staffetta tra generazioni Tra la fine del 2012 e l’inizio del 2013 il Ministero del Lavoro ha ripartito tra le regioni delle risorse finanziarie per avviare il meccanismo delle staffetta generazionale. Le Regioni e province autonome verseranno all’Inps l’integrazione contributiva a beneficio dei lavoratori anziani che accetteranno un contratto part time a fronte della contestuale assunzione di un giovane purché l’operazione comporti un “saldo occupazionale positivo”. Alcune Regioni hanno sottoscritto accordi con le parti sociali per l’attuazione del progetto. Purtroppo in Lombardia, e probabilmente in Abruzzo, è avvenuto che gli accordi sono stati applicati limitatamente ad alcuni settori. Come Manageritalia abbiamo chiesto che la concertazione relativa alla stipula dei predetti accordi sia aperta a tutte le componenti sociali, compresa quella manageriale e di poter quindi partecipare agli incontri previsti per la stipula degli accordi. In Emilia Romagna, con la Delibera n.1094/2013 dell’agosto 2013 la Regione Emilia-­‐Romagna ha dato attuazione all’intervento “Staffetta generazionale”. L’intervento prevede che: • il lavoratore maturo, a fronte del riconoscimento di un incentivo pubblico a titolo di contribuzione volontaria, chieda al datore di lavoro la trasformazione a tempo parziale del proprio contratto di lavoro fino alla data del pensionamento; • l’impresa assuma un giovane inoccupato o disoccupato di età superiore a 18 anni e fino a 29 anni compiuti, con un contratto a tempo pieno indeterminato, anche di apprendistato. L’impresa dovrà garantire inoltre il saldo occupazionale positivo fino al pensionamento del lavoratore maturo o, in caso di assunzione di apprendista, fino al termine del periodo formativo. Per questo progetto vengono messe a disposizione risorse pari a 3 milioni di euro, stanziati dal progetto nazionale Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012-­‐2014, che verranno utilizzati esclusivamente per l’integrazione contributiva a favore dei lavoratori che aderiscono all’iniziativa fino al raggiungimento certo dei requisiti pensionistici. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
28 Le aziende che hanno nel proprio organico lavoratori “maturi” interessati, potranno presentare le domande, compilate nell’apposita modulistica, entro il 30 giugno 2014, al Servizio Lavoro della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro della regione. In Friuli il 1° marzo 2013 è stato firmato un Accordo per l’attuazione della staffetta generazionale tra la regione e tutte le organizzazioni datoriali e sindacali, compresa la CIDA. In Campania è stato siglato un Protocollo senza alcuna preclusione di settore e sta per essere emanato l’avviso pubblico. Nel Lazio nel 2014 sono state emanate le Linee guida sulla staffetta intergenerazionale. In Veneto, Umbria, Sardegna, Toscana, Molise i project leader hanno preso contatto con i rispettivi assessorati al lavoro, i quali stanno progressivamente avviando la consultazione delle parti sociali ma sono lontani dalla firma di un bando. 12)
FORUM DELL’INNOVAZIONE TERZIARIA
Il punto del Project Leader Nazionale, Pierluigi Giacomon Gli obiettivi del Gruppo, a suo tempo definiti nel Project charter erano: "L’obiettivo finale – cui il progetto intende contribuire – è di operare, assieme alle Associazioni di rappresentanza delle imprese, per diffondere la cultura dell’innovazione, valorizzando le innovazioni d’uso collegate alla conoscenza. L’obiettivo intermedio è di operare nei diversi territori per coinvolgere le imprese al fine di: 1. far conoscere e diffondere le buone pratiche innovative di aziende e di manager, 2. supportarle a valorizzare la innovazione e la creatività per migliorare (integrare o trasformare) i loro attuali modelli di business, aumentando il valore in una azienda e, soprattutto, in una filiera. Lo sforzo del Forum dell’innovazione sarà quello di far ragionare di più le imprese in termini di filiere e non di singole organizzazioni e sviluppare anche nei servizi una visione meno individualistica del business, con un maggiore sviluppo del lavoro in rete, del lavoro collaborativo, delle filiere nel terziario". Le riunioni del Gruppo svolte nel periodo sono state: Milano 9 novembre 2013, Ancona 19 maggio 2014. Inoltre, nella piattaforma Yammer sono stati inseriti, oltre i documenti interni del Gruppo, anche approfondimenti sul tema innovazione realizzati dal T-­‐Lab del Cfmt, i programmi formativi in tema del Cfmt e documenti del Gruppo CreaInnovazione di Roma. Attività realizzate e obiettivi raggiunti Nel periodo sono stati realizzati due dei tre incontri previsti nel 2013, attraverso workshop con imprese e manager per la diffusione di buone pratiche (organizzati da Manageritalia, Confcommercio e Cfmt). Nel dicembre 2013 infatti, il 2 a Milano ed il 4 a Roma, si sono svolti due convegni, curati dal Gruppo Innovazione di Milano coordinato da Silvia Pugi (“Modelli per innovare, Nuovi approcci per fare business nei servizi ) e dal Gruppo CreaInnovazione di Roma coordinato da Paolo Fedi (“L’officina dell’innovazione”). Gli incontri hanno consentito: " a Milano di attivare la progettazione di un percorso formativo, che porterà a proporre ai manager un percorso per aiutarli a mettere a fuoco e realizzare le loro idee di innovazione, " a Roma di approfondire un’ipotesi di ulteriori relazioni con le imprese per cercare di applicare modelli e percorsi creativi per l’innovazione ed anche per ricercare risorse per l’attivazione di progetti pilota. " Nel 2014 si è svolto il 19 maggio l’incontro ad Ancona, che ha visto coinvolti esponenti di Confcommercio, Università e Regione Marche con il Gruppo Forum dell’Innovazione. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
29 È stata progettata ed è in corso di realizzazione l’indagine web nazionale, che prevede un questionario rivolto ai manager sui “Percorsi per innovare”, con l’obiettivo di: " Conoscere le opinioni sui percorsi innovativi e creativi che ci possono aiutare nella attuale transizione dei modelli di business delle imprese, " Verificare insieme le cause della scarsa o insufficiente innovazione in Italia, " Approfondire in quale maniera le aziende hanno risposto alla crisi negli ultimi anni. Inoltre il Gruppo ha deciso il rinvio al 2015 del 1° Forum Innovazione, iniziativa che continua a rivestire un grande significato, considerando anche che Confcommercio ha positivamente cominciato a discutere e ad operare con le sue associazioni nel campo nell’innovazione. Infine il Gruppo auspica più collegamenti con gli altri Gruppi del PO, mettendo in comune alcuni elementi caratterizzanti, con una positiva “contaminazione”. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
30 I MANAGER DEL TERZIARIO NEL 2013: NOTIZIE E NUMERI Il 2013 per la dirigenza privata del terziario è stato un anno negativo culminato con un calo sia per i dirigenti (-­‐203; -­‐0,9%) che per le aziende nelle quali operano (-­‐179; -­‐2,1%). I dirigenti in servizio, negli ultimi dieci anni (tab. 1), dopo il calo avvenuto tra il 2002 e il 2003, hanno avuto un trend positivo culminato nella crescita piuttosto sostenuta del 2007 (+5,8%), per poi avere un calo nel biennio 2009 (-­‐1%) 2010 (-­‐1,4%), tornando a crescere nel 2011 (+2,1%) per poi calare seppur lievemente nel 2012 (-­‐0,5%) e nell’ultimo anno (-­‐0,9%). L’alterno andamento dell’economia nell’ultimo decennio, culminato nella profonda crisi tutt’ora in atto, hanno frenato la forte crescita del terziario. Di fatto alla strutturale scarsità di figure manageriali nelle aziende italiane e all’espulsione di dirigenti dalle multinazionali e dalle grandi aziende si è contrapposto un lento, ma incoraggiante inserimento di dirigenti in aziende di piccola-­‐media dimensione, che fino ad oggi ne erano spesso sprovviste. Un processo che, se adeguatamente sostenuto, potrebbe ampliare la cultura e la presenza manageriale delle imprese nazionali, come richiesto dalla necessità di competere al meglio sui mercati. Tabella 1 - Manageritalia: i dirigenti del terziario in servizio e le aziende dal 2003 al 2013
Dicembre 2003
Dicembre 2004
Dicembre 2005
Dicembre 2006
Dicembre 2007
Dicembre 2008
Dicembre 2009
Dicembre 2010
Dicembre 2011
Dicembre 2012
Dicembre 2013
Variazione 2013-03
Dirigenti in servizio
numero
var n°
18.659
19.085
426
19.402
317
20.237
835
21.413
1.176
22.178
765
21.956
-222
21.652
-304
22.099
447
21.984
-115
21.781
-203
3.122
var %
2,3
1,7
4,3
5,8
3,6
-1,0
-1,4
2,1
-0,5
-0,9
16,7
Aziende
numero
var n°
7.581
7.759
178
7.991
232
8.249
258
8.632
383
8.891
259
8.726
-165
8.542
-184
8.588
46
8.484
-104
8.305
-179
724
var %
2,3
3,0
3,2
4,6
3,0
-1,9
-2,1
0,5
-1,2
-2,1
9,6
LA BASE ASSOCIATIVA MANAGERITALIA Gli associati dopo aver superato le 30.000 unità nel corso del 2005, nel 2011 hanno raggiunto il massimo di sempre superando le 35.500 unità, per poi calare nell’ultimo anno (35.205). I dirigenti in servizio associati sono nel 2013 19.229, con un sostanziale arresto della loro crescita negli ultimi tre anni (19.741 nel 2010, 19.650 nel 2011 e 19.186 nel 2012). Anche i quadri che nel 2013 sono 1.854 hanno subito questo calo negli ultimi tre anni (1927 nel 2010, 1920 nel 2011 e 1.830 nel 2012). In lieve crescita invece i professional (+3, +0,1%), cioè quei manager che operano senza un contratto di lavoro dipendente. Si tratta sia di manager che dopo esser stati nel contratto dirigenti continuano ad operare come liberi professionisti e spesso proseguono volontariamente la contribuzione ai Fondi contrattuali, sia di alte professionalità spesso di tipo manageriale mai transitate nel contratto dirigenti. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
31 Tabella 2 - Manageritalia: andamento della base associativa dal 2003 al 2013
Iscritti
Dirigenti
Quadri
Professional
Pensionati
2003
28.690
18.000
1.437
1.466
7.787
2004
29.494
17.909
1.488
2.022
8.075
2005
30.460
18.209
1.577
2.300
8.374
2006
31.762
18.637
1.926
2.955
8.244
2007
33.048
19.316
2.037
3.094
8.601
2008
34.503
19.780
2.061
3.378
9.284
2009
35.060
19.902
2.057
3.602
9.499
2010
35.304
19.741
1.927
3.880
9.756
2011
35.514
19.650
1.920
4.005
9.939
2012
35.189
19.186
1.830
4.316
9.857
2013
35.205
19.229
1.854
4.319
9.803
Variazione n° 13-03
6.515
1.229
417
2.853
2.016
Variazione % 13-03
22,7
6,8
29,0
194,6
25,9
16
43
24
3
-54
0,05
0,2
1,3
0,1
-0,5
Variazione n° 13-12
Variazione % 13-12
Fonte: elaborazione su dati Manageritalia
Rispetto al passato vi è un mutamento significativo nella composizione della base associativa. I dirigenti restano ancora (tab. 3) la componente di gran lunga più importante (54,6%), ma cominciano a prendere sostanza sia i professional (12,3%) che i quadri (5,3%). I pensionati (27,8%), se consideriamo il fatto che non pochi di questi li ritroviamo anche tra i professional, sono comunque e naturalmente in aumento, ma restano ancora lontani dal peso che hanno in altre situazioni associative. Tabella 3 - Manageritalia: composizione degli associati
2013
2013
n°
%
Dirigenti
19.229
54,6
Quadri
1.854
5,3
Professional
4.319
12,3
Pensionati
9.803
27,8
35.205
100,0
Totale associati
Fonte: elaborazione su dati Manageritalia
Vediamo da ultimo come la base associativa si distribuisce attualmente nelle 13 Associazioni territoriali. A livello geografico (tab. 4), è evidente la forte concentrazione in Lombardia (circa 54,8%) e soprattutto al Nord-­‐ovest (66%), che prevale piuttosto nettamente sul resto d’Italia (Nord-­‐est 14,6%, Centro 17,1% e Sud 2,3%). MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
32 Tabella 4 - Gli associati a Manageritalia e alle 15 Associazioni (2012)
ANCONA
BARI
BOLOGNA
FIRENZE
GENOVA
MILANO
NAPOLI
PALERMO
ROMA
TORINO
TRENTO/BZ
TRIESTE
VENETO
Tot. MANAGERITALIA
nord-ovest
nord-est
centro
sud e isole
tot. iscritti(1)
dirigenti
quadri
professional
tot. iscritti(1)
dirigenti
quadri
professional
293
244
2.005
999
1.591
19.286
361
205
4.738
2.355
663
315
2.150
35.205
23.232
5.133
6.030
810
139
153
1.131
549
653
10.519
233
141
2.772
1.111
304
140
1.384
19.229
12.283
2.959
3.460
527
55
23
119
60
115
685
27
13
248
201
140
20
148
1.854
1.001
427
363
63
32
31
234
108
205
2.447
12
12
725
301
76
28
108
4.319
2.953
446
865
55
0,8
0,7
5,7
2,8
4,5
54,8
1,0
0,6
13,5
6,7
1,9
0,9
6,1
100,0
66,0
14,6
17,1
2,3
0,7
0,8
5,9
2,9
3,4
54,7
1,2
0,7
14,4
5,8
1,6
0,7
7,2
100,0
63,9
15,4
18,0
2,7
3,0
1,2
6,4
3,2
6,2
36,9
1,5
0,7
13,4
10,8
7,6
1,1
8,0
100,0
54,0
23,0
19,6
3,4
0,7
0,7
5,4
2,5
4,7
56,7
0,3
0,3
16,8
7,0
1,8
0,6
2,5
100,0
68,4
10,3
20,0
1,3
Fonte: elaborazioni su dati Manageritalia
1) dal 2001 sono compresi tra gli associati Manageritalia anche i superstiti e i quadri
LE CARATTERISTICHE DEGLI ASSOCIATI I segmenti che formano la base associativa hanno, come naturale, un’elevata correlazione fra lo status associativo-­‐professionale e l’età dei loro componenti. Infatti (tab. 5), a fronte di un’età media degli associati di 54 anni, i dirigenti e i quadri risultano i segmenti più giovani (quasi 49 anni i dirigenti e 48 i quadri), seguiti dai professional (55 anni) e dai pensionati (circa 65 anni). Tabella 5 - Manageritalia: i manager associati per fasce di età e status (2013)
sesso
uomo
donna
Fasce d'età
fino a 30 anni
31-35
36-40
41-45
46-50
51-55
56-60
oltre 60
Totale
Età media
Dirigenti
Professional
Pensionati
Totale
Quadri
%
85,0
15,0
%
86,0
14,0
%
78,0
22,0
%
82,7
17,3
76,2
23,8
0,1
1,9
10,3
21,9
26,8
21,5
13,5
4,1
100,0
48,68
0,1
0,4
2,2
8,3
17,1
21,1
21,8
29,0
100,0
55,45
0,0
0,0
0,0
0,0
0,1
0,3
1,9
97,6
100,0
64,79
0,1
1,2
6,5
14,2
18,1
15,4
11,3
33,3
100,0
53,99
0,3
2,5
11,9
23,3
25,5
18,6
13,6
4,3
100,0
48,23
Nell’ultimo anno (tab. 2), che ha visto un leggero aumento totale degli iscritti del 0,05%, sono in calo solo i pensionati (-­‐0,5%), in leggero aumento invece i dirigenti (+0,2%), i quadri (+1,3%) e i pensionati (+0,1%). MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
33 Guardando agli ultimi dieci anni tutti i segmenti sono aumentati: i dirigenti (+6,8%), i professional (+194,6%), i quadri (29%) e i pensionati (+26%). LE CARATTERISTICHE PROFESSIONALI DEI MANAGER IN SERVIZIO Vediamo ora in maggior dettaglio le caratteristiche professionali dei manager in servizio. Tra i dirigenti la componente femminile si attesta al 15%. A livello di contratto di lavoro (tab. 6), la stragrande maggioranza dei dirigenti in servizio ricade nella sfera contrattuale del commercio (95,5%) e in misura minore in quella dei trasporti (2,5%) e dei restanti contratti (alberghi, magazzini generali e agenzie marittime). La dominanza del contratto del commercio è più marcata per quanto riguarda le donne (96,8% contro il 95,2% degli uomini) di conseguenza meno elevata è quella del contratto dei trasporti (1,5%) e dei restanti contratti. Tabella 6 - Manageritalia: il settore contrattuale dei manager in servizio (anno 2013)
Dirigenti
Settore contrattuale
Quadri
Uomo
Donna
Totale
Uomo
Donna
Totale
95,2
96,8
95,5
91,9
94,9
92,6
Autotrasporto e spedizione
2,7
1,5
2,5
5,5
2,5
4,8
Alberghi
1,2
1,3
1,2
2,1
1,8
2,0
Magazzini generali
0,2
0,1
0,2
0,1
0,0
0,1
Agenzie marittime
0,7
0,3
0,6
0,4
0,9
0,5
100,0
100,0
100,0
100,0
100,0
100,0
Commercio
Totale
Passando a considerare le funzioni aziendali nelle quali operano i dirigenti (tab. 7), la direzione generale (32,3%), che spesso in aziende commerciali ingloba anche la responsabilità commerciale, prevale sull’area commerciale-­‐vendite-­‐marketing (24,5%) e sull’area amministrazione e finanza (13,1%). A livello professionale le donne manager si caratterizzano per una minore presenza, rispetto ai colleghi, nella direzione generale (25,9% contro il 33,5% degli uomini) e per una maggiore presenza nell’area amministrazione e finanza, legale e affari generali e all’interno dell’area comunicazione e pubblicità. Tabella 7 - Manageritalia: le funzioni aziendali dei manager in servizio (anno 2013)
Dirigenti
Quadri
Funzioni aziendali
Uomo %
Donna %
Totale %
Uomo % Donna %
Area/funzione
General Management
33,5
25,9
32,3
19,0
13,6
Amministrazione e finanza
12,2
18,3
13,1
8,0
15,9
Commerciale
11,5
6,8
10,8
9,0
6,9
Vendite
9,9
5,7
9,3
22,0
10,3
Tecnica, produzione e qualità
6,8
2,9
6,2
6,4
4,7
Consulenza
5,7
7,2
5,9
2,4
3,6
Marketing
4,0
7,2
4,4
4,1
9,2
Personale e organizzazione
2,0
7,1
2,8
2,8
8,3
Sistemi informativi
2,7
1,5
2,5
6,9
5,1
Comunicazione e pubblicità
1,4
5,1
2,0
1,0
4,9
Acquisti
2,1
2,3
2,1
4,0
2,2
Logistica
1,4
0,5
1,3
2,9
0,7
Legale e affari generali
0,9
2,4
1,1
0,7
2,0
Altro/non specificato
6,0
7,2
6,2
10,8
12,5
Totale
100,0
100,0
100,0
100,0
100,0
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
Totale %
17,7
9,9
8,5
19,1
6,0
2,7
5,3
4,1
6,5
2,0
3,6
2,3
1,0
11,2
100,0
34 Per quanto riguarda le aziende (tab. 8), i dirigenti italiani operano prevalentemente in aziende di piccola dimensione (51% fino a 99 dipendenti), il 17,1% opera in grandi aziende (più di 500 dipendenti). Tabella 8 - Manageritalia: la distribuzione percentuale per sesso dei manager in servizio
rispetto alla dimensione aziendale (anno 2013)
Dipendenti
Dirigenti
Quadri
Uomo %
Donna %
Totale %
Uomo %
Donna %
Totale %
fino a 15
20,3
18,2
20,0
13,8
18,1
14,8
16-34
12,7
11,7
12,5
11,3
11,4
11,3
35-99
18,4
18,6
18,5
18,2
16,6
17,8
100-199
10,6
10,6
10,6
6,7
8,7
7,2
200-299
5,5
6,3
5,6
7,2
9,8
7,8
300-399
3,5
4,2
3,6
3,2
1,3
2,8
400-499
2,9
2,8
2,9
1,7
2,2
1,8
500-749
4,1
4,4
4,1
2,9
2,2
2,7
12,9
13,7
13,0
21,1
18,6
20,5
9,2
9,5
9,3
14,0
11,0
13,3
100,0
100,0
100,0
100,0
100,0
100,0
213
224
214
274
243
266
750 e oltre
Altro/non specificato
Totale
N° medio dipendenti
Venendo ora ai quadri associati, pur tenendo conto della minore rappresentatività numerica, si possono evidenziare alcuni tratti distintivi rispetto ai colleghi dirigenti. La componente femminile assume qui un peso più elevato (23,8%), mentre a livello contrattuale la situazione è abbastanza speculare, seppur meno marcata, a quella dei dirigenti e domina il commercio (92,6%), seguito da trasporti (4,8%) e alberghi (2%). Parlando ora delle funzioni professionali prevalgono, come naturale, aree funzionali più intermedie quali vendite (19,1%), general management (17,7%), amministrazione e finanza (9,9%), commerciale (8,5%) e sistemi informativi (6,5%). Abbastanza speculare ai dirigenti risulta la distribuzione dei quadri associati rispetto alla dimensione aziendale e quindi il 44% lavora in aziende sino a 99 dipendenti e il 23,2% in aziende con più di 500 dipendenti. MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
35 Rendiconto
al 31 dicembre 2013
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
36
STATO PATRIMONIALE
ATTIVITÀ
AI)
Immateriali (nota 2)
- Marchio
- Software
III) Finanziarie
- Partecipazioni (nota 3)
Associazione Antonio Pastore
Manageritalia Servizi srl
Cfmt
Cfmt Business School srl
- Crediti e Depositi cauzionali (nota 4)
Totale immobilizzazioni
I)
Crediti
- Crediti verso Fondi (nota 5)
- Crediti verso Associazioni (nota 6)
- Crediti diversi (nota 7)
Totale attivo circolante
Ratei e risconti attivi (nota 9)
TOTALE ATTIVO (A+B+C)
15.023
2.889
17.912
11.434
2.889
14.323
211.903
55.200
267.103
229.904
55.200
285.104
516
4.070.637
5.165
10.000
4.086.318
516
4.070.637
5.165
10.000
4.086.318
9.858
9.858
4.381.191
4.395.603
1.212.112
86.371
16.112
1.314.595
1.190.304
86.992
20.402
1.297.698
42.596
4.244.250
118.741
4.608.735
4.286.846
4.727.476
5.601.441
6.025.174
13.970
34.244
9.996.602
10.455.021
Attivo circolante
II) Disponibilità liquide (nota 8)
- Cassa
- Banche
C-
2012
Immobilizzazioni
II) Materiali (nota 2)
- Mobili e macchine ufficio
- Automezzi
B-
2013
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
37
PATRIMONIO NETTO E PASSIVITÀ
2013
2012
- Fondo comune
- Altre riserve e fondi:
Fondo organizzazione e iniziative
Fondo realizzazione programma federale
- Avanzo (disavanzo) d'esercizio
3.160.141
3.160.141
5.504.180
180.760
(40.644)
5.118.691
180.760
385.489
Totale patrimonio netto
8.804.437
8.845.081
207.505
192.499
- Fondo ammortamento immobilizzazioni
immateriali e materiali (nota 1)
- Fondo solidarietà e beneficenza (nota 12)
285.015
2.948
299.427
12.260
Totale accantonamenti
287.963
311.687
- Debiti verso fornitori (nota 13)
- Debiti verso società controllata (nota 13)
- Debiti verso istituti previdenziali (nota 14)
- Debiti verso erario (nota 15)
- Debiti verso Associazioni e Confederazioni (nota 16)
- Debiti diversi (nota 17)
72.666
267.298
94.368
119.785
35.597
42.853
64.096
687.118
80.114
109.731
26.844
55.099
Totale debiti e passività varie
632.567
1.023.002
E - Ratei e risconti passivi (nota 18)
64.130
82.752
9.996.602
10.455.021
A - Patrimonio netto (nota 10)
B - Fondo per trattamento di fine rapporto (nota 11)
C - Accantonamenti
D - Debiti e passività varie
TOTALE PASSIVO E PATRIMONIO NETTO (A+B+C+D+E)
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
38
CONTO ECONOMICO
PROVENTI
2013
2012
A - Contributi e rimborsi (nota 19)
- Contributi dalle Associazioni
- Quote di servizio Fondo Mario Negri
- Quote di servizio Fondo Mario Besusso
86.371
1.766.635
4.644.240
86.992
1.798.670
4.701.472
Totale contributi e rimborsi
6.497.246
6.587.134
B - Proventi finanziari (nota 20)
97.893
148.633
C - Plusvalenze e sopravvenienze attive (nota 21)
73.052
2.685
6.668.191
6.738.452
40.644
(385.489)
6.708.835
6.352.963
TOTALE PROVENTI (A+B+C)
(Avanzo) Disavanzo d'esercizio
TOTALE PROVENTI E RISULTATO D'ESERCIZIO
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
39
COSTI E SPESE
2013
2012
A - Contributi associativi (nota 22)
- Contributi alle Associazioni
- Contributi Associazione Antonio Pastore
- Contributi Confederali
Totale contributi associativi
1.073.800
15.000
202.308
1.291.108
1.010.000
15.000
110.449
1.135.449
880.148
178.861
53.724
30.048
1.142.781
875.586
171.388
53.155
29.865
1.129.994
- Spese gestionali (nota 24)
- Spese servizi istituzionali (nota 25)
- Altre iniziative associative (nota 26)
919.115
556.857
2.273.813
985.584
515.642
2.019.724
Totale spese organizzative
3.749.785
3.520.950
364.264
350.579
0
8.639
8.639
0
14.275
14.275
152.258
152.258
201.716
201.716
6.708.835
6.352.963
B - Costi del personale (nota 23)
- Stipendi
- Oneri sociali
- Accantonamento tfr
- Altri costi
Totale costi del personale
C - Spese organizzative
D - Oneri diversi di gestione (nota 27)
E - Ammortamenti (nota 1 e 28)
- Ammortamento immobilizzazioni immateriali
- Ammortamento immobilizzazioni materiali
Totale ammortamenti
F - Minusvalenze e sopravvenienze passive (nota 29)
- Sopravvenienze passive
Totale minusvalenze e sopravvenienze passive
TOTALE COSTI E SPESE (A+B+C+D+E+F)
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
40
Note illustrative
alle voci dello
stato patrimoniale
e del conto economico
dell’anno 2013
Partecipazioni
Le partecipazioni in imprese ed enti controllati o collegati,
che rappresentano una immobilizzazione finanziaria, sono
iscritte nel rendiconto al costo di acquisizione o al valore di
sottoscrizione diminuito delle eventuali perdite durature di
valore.
PRESENTAZIONE DEL RENDICONTO
Il rendiconto di Manageritalia al 31 dicembre 2013, mostra un
disavanzo di € 40.644 contro uno preventivato di € 292.000.
La differenza del risultato d’esercizio, rispetto al preventivo, è
stata determinata sia da minori entrate per € 108.809 sia da
minori spese per € 360.165.
La diminuzione delle entrate deriva prevalentemente dalla
diminuzione di contributi conseguente ad un leggero calo dei
Dirigenti in servizio in seguito agli effetti della crisi
congiunturale in atto, compensate solo in parte dai maggiori
proventi finanziari e dai contributi Fondir per piani formativi
svolti in esercizi precedenti; il decremento dei costi è
principalmente riferibile alle minori spese organizzative e oneri
diversi di gestione, nonché ai minori bisogni finanziari delle
Associazioni Territoriali.
Crediti e debiti
I crediti sono esposti al presunto valore di realizzo; i debiti
sono iscritti al loro valore nominale.
Altri titoli e operazioni pronti contro termine
Gli altri titoli e le operazioni di pronti contro termine, che
rappresentano l’impiego delle temporanee disponibilità
finanziarie, sono esposti rispettivamente al valore di mercato
alla fine dell’esercizio ed al valore di sottoscrizione a pronti.
Trattamento di fine rapporto
La passività per il trattamento di fine rapporto è accantonata in
base alla situazione giuridica dei singoli dipendenti in essere
alla data del rendiconto, in conformità alle Leggi ed ai
contratti di lavoro vigenti.
Tale passività è mostrata nel rendiconto al netto degli anticipi
corrisposti e dei conferimenti a Fondi pensione.
Un dettaglio delle differenze tra il consuntivo e il preventivo
approvato nell’Assemblea dell’ 8 novembre 2012 è riportato
alla nota 32.
Ratei e risconti attivi e passivi
Nel seguito sono riportate e commentate le principali voci dello
stato patrimoniale e del conto economico nonché la proposta di
coprire il disavanzo dell’esercizio, pari a € 40.644, mediante
l’utilizzo del Fondo organizzazione ed iniziative.
Regime fiscale
Si rammenta che Manageritalia, nel seguito anche Federazione,
è strutturata in forma di Ente non Commerciale (organizzazione
non profit) e persegue fini di natura sindacale, assistenziale,
culturale ed in genere di promozione del ruolo dirigenziale e
delle alte professionalità, anche attraverso contatti e intese con
altre componenti sociali.
NOTA 1 - CRITERI DI VALUTAZIONE
Premesso che gli importi sono stati arrotondati all’unità di euro,
si riportano di seguito i principali criteri di valutazione,
omogenei a quelli applicati nell’esercizio precedente, adottati
nella predisposizione del rendiconto della Federazione.
Immobilizzazioni
Le immobilizzazioni immateriali e materiali, rilevate al costo di
acquisto incluso gli oneri accessori, vengono ammortizzate in
un’unica quota, pari al costo sostenuto, imputata nell’esercizio
in cui i cespiti entrano in funzione. Il fondo di ammortamento è
esposto nel passivo.
I costi di manutenzione e riparazione vengono rilevati nel Conto
Economico dell’esercizio nel quale sono stati sostenuti.
I ratei e i risconti vengono calcolati secondo il criterio della
competenza temporale.
Data la natura di Ente non Commerciale (organizzazione non
profit) che non produce redditi di impresa, la Federazione è
soggetta alla sola Irap che grava sul costo del lavoro.
Conseguentemente l’IVA pagata su acquisti di beni e servizi
non è recuperabile e viene iscritta nelle corrispondenti voci di
costo.
NOTA 2 – Immobilizzazioni
Immateriali
Marchio
Software
Totale
31/12/2012 Incremento
11.434
3.589
2.889
0
14.323
3.589
Decremento
0
0
0
31/12/2013
15.023
2.889
17.912
L’importo relativo al marchio comprende i costi sostenuti per
la registrazione del marchio Manageritalia il cui utilizzo è in
comodato, a Manageritalia Servizi srl.
L’incremento è relativo alle spese sostenute per il rinnovo del
marchio stesso.
Il software è relativo al programma di contabilità.
Materiali
Mobili e
macchine ufficio
Automezzi
Totale
31/12/2012
Incremento Decremento
229.904
55.200
285.104
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
5.050
0
5.050
31/12/2013
23.051
0
23.051
211.903
55.200
267.103
41
I principali incrementi dell’esercizio riguardano l’acquisto di
alcune attrezzature elettroniche e di bandiere da esterno con il
marchio Manageritalia.
I decrementi riguardano essenzialmente la dismissione del
vecchio impianto di condizionamento e di alcuni arredi.
a) del Fondo M. Negri per quote di servizio calcolate sulle
entrate pervenute entro la fine dell’esercizio al Fondo stesso e
non liquidate nel 2013 alla Federazione;
b) del Fondo M. Besusso per quote di servizio di competenza
dell’anno in corso che verranno liquidate nell’esercizio
successivo.
NOTA 3 – Partecipazioni
NOTA 6 - Crediti verso Associazioni
Partecipazioni
Associazione Antonio Pastore
Manageritalia Servizi srl
CFMT
CFMT Business School srl
Totale
31/12/2013
516
4.070.637
5.165
10.000
4.086.318
31/12/2012
516
4.070.637
5.165
10.000
4.086.318
La partecipazione, quale socio unico, nella società controllata
Manageritalia Servizi srl, non ha subito variazioni
nell’esercizio 2013. Come risulta dal bilancio al 31 dicembre
2013, approvato dall’Assemblea dei Soci del 30 aprile 2014,
Manageritalia Servizi srl dispone di un patrimonio netto di €
25.153.333 incluso il risultato dell’esercizio chiuso a tale data
di € 2.898.600.
Il valore delle quote di partecipazione nella Associazione
Antonio Pastore non ha avuto variazioni nel corso dell’anno.
Nel corso del corrente anno 2014, in attuazione di appositi
accordi, gli Organi dell’Associazione A. Pastore, con le Parti
datoriali, hanno assunto deliberazioni che hanno completato il
processo di trasformazione in un Ente Bilaterale. In tale
contesto, a far data dal 04 aprile 2014, i valori di partecipazione
della Federazione sono stati annullati.
Il valore delle quote di partecipazione nel Fondo comune
indivisibile del Centro di Formazione Management del
Terziario (CFMT) non ha subito variazioni rispetto all’esercizio
precedente.
La partecipazione del 10% della Federazione nel CFMT
Business School srl non ha avuto variazioni nel corso
dell’anno; la restante parte del capitale è posseduto per un 80%
dal CFMT e per un 10% dalla Confcommercio.
Come risulta dal bilancio al 31 luglio 2013, predisposto dal
Consiglio di Amministrazione, CFMT Business School srl,
dispone, a seguito di un utile di € 113.976, di un patrimonio
netto di € 563.875.
I crediti, pari a € 6.606, sono inerenti al finanziamento in conto
capitale concesso al CFMT Business School srl in anni
precedenti; i depositi cauzionali, pari ad € 3.252, sono relativi
ai contratti di locazione e ai contratti per servizi di telefonia
mobile.
NOTA 5 - Crediti verso Fondi
Fondo Mario Negri
Fondo Mario Besusso
Totale
31/12/2012 Contributi
comp.2013
29.814 1.766.635
1.160.490 4.644.240
1.190.304 6.410.875
31/12/2012 Contributi
comp.2013
717
702
583
573
5.268
5.173
2.448
2.410
4.025
3.971
47.224
46.822
949
931
405
402
11.455
11.754
5.839
5.743
1.765
1.711
808
795
5.506
5.384
86.992
86.371
Incassi
2013
1.773.151
4.615.916
6.389.067
31/12/2013
23.298
1.188.814
1.212.112
Incassi
2013
717
583
5.268
2.448
4.025
47.224
949
405
11.455
5.839
1.765
808
5.506
86.992
31/12/2013
702
573
5.173
2.410
3.971
46.822
931
402
11.754
5.743
1.711
795
5.384
86.371
L’importo esposto nel rendiconto è costituito dalle quote
associative annuali dovute dalle Associazioni territoriali
relative all’anno in corso non riscosse a fine esercizio.
NOTA 7 - Crediti diversi
31/12/2013
3.185
12.927
16.112
Credito macchina affrancatrice
Crediti diversi
Totale
31/12/2012
3.426
16.976
20.402
I crediti diversi sono formati in prevalenza dal residuo
deposito, non utilizzato a fine esercizio, della macchina
affrancatrice, dal credito verso l’Acea per conguaglio positivo
sui consumi di energia elettrica e dalla quota parte dovuta dal
Fondo Mario Negri per l’utilizzo della foresteria.
NOTA 8 - Disponibilità liquide
Cassa e cassa assegni
Banche
NOTA 4 – Crediti e Depositi cauzionali
Fondi
Associazioni
Territoriali
Ancona
Bari
Bologna
Firenze
Genova
Milano
Napoli
Palermo
Roma
Torino
Trento
Trieste
Veneto
Totale
Totale
31/12/2013
42.596
4.244.250
31/12/2012
118.741
4.608.735
4.286.846
4.727.476
L’importo della cassa è prevalentemente formato dall’assegno
ricevuto a fine anno dal Fondo M. Besusso (di € 39.717 contro
€ 117.836 dell’anno precedente) a fronte delle quote di
servizio, di nostra pertinenza, incassate in conto dell’esercizio
chiuso al 31 dicembre 2013.
Nel corso dell’esercizio non sono state effettuate operazioni di
pronto contro termine destinate all’utilizzo delle momentanee
disponibilità finanziarie, in quanto il rendimento netto di tali
investimenti non è stato valutato significativamente dissimile
da quello praticato dalle banche sui nostri conti correnti.
I saldi indicati rappresentano il credito nei confronti:
42
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
NOTA 9 - Ratei e risconti attivi
NOTA 13 - Debiti verso fornitori e società controllata
31/12/2013
Risconti attivi:
Canoni manutenzione
Spese locazione e condominio
Abbonamenti prepagati
Altri
Totale
629
3.179
5.246
4.916
13.970
31/12/2012
777
3.098
5.189
25.180
34.244
Le spese di locazione si riferiscono alla quota parte, relativa
all’anno 2014, del canone anticipato di affitto degli uffici di
Milano. Gli altri risconti riguardano principalmente i costi
anticipati per l’acquisto di buoni pasto dei dipendenti e della
polizza infortuni Organi sociali.
Fornitori terzi
Fatture da ricevere terzi
31/12/2013
3.160.141
31/12/2012
3.160.141
5.504.180
180.760
(40.644)
8.804.437
5.118.691
180.760
385.489
8.845.081
31/12/2012
46.560
17.536
64.096
267.298
0
267.298
687.118
0
687.118
Manageritalia Servizi srl
Manageritalia Servizi srl fatture da ricevere
I debiti di cui sopra derivano dalle usuali operazioni di
acquisto di beni e servizi connesse al funzionamento della
Federazione nella sua attività istituzionale.
NOTA 14 - Debiti verso Istituti Previdenziali
NOTA 10 - Patrimonio netto
Fondo comune
Altre riserve e fondi:
Fondo organizzazione e iniziative
Fondo realizzazione programma federale
Avanzo (disavanzo) d’esercizio
Totale
31/12/2013
53.758
18.908
72.666
Debito verso Inps per contributi dipendenti
Debito verso Inps per contributi autonomi
Debito verso Fondo Mario Negri
Debito verso Fondo Mario Besusso
Debito verso Associazione Antonio Pastore
Debito verso Fondi Pensione
Debito verso altri
Totale
31/12/2013
21.865
49.940
2.220
1.123
1.317
15.583
2.320
94.368
31/12/2012
17.445
40.856
2.214
1.123
1.317
14.854
2.305
80.114
Il patrimonio netto rappresenta di fatto il fondo comune con cui
la Federazione fa fronte ai propri scopi istituzionali.
L’avanzo dell’esercizio 2012 è stato portato in aumento del
fondo organizzazione e iniziative, che registra pertanto un
incremento di € 385.489 rispetto all’esercizio precedente, come
da delibera assembleare del 14 giugno 2013.
Tali debiti sono composti dai contributi, maturati a fine
esercizio e non ancora liquidati, dovuti sulle retribuzioni del
personale dipendente di dicembre e 13^ mensilità e dai
contributi gestione separata Inps a carico degli emolumenti dei
componenti gli Organi sociali. I debiti verso i Fondi Pensione
sono derivanti dalla decisione di quasi tutti i dipendenti di
conferire l’accantonamento del TFR ai Fondi di categoria
NOTA 11 - Fondo trattamento fine rapporto
NOTA 15 - Debiti verso Erario
Saldo a inizio anno
Accantonamento dell’esercizio
Utilizzo per dimissioni o anticipi
Imposta sostitutiva rivalutazione anni precedenti
Totale
31/12/2013
192.499
15.413
0
(407)
207.505
31/12/2012
176.267
16.873
0
(641)
192.499
Per quanto riguarda l’esercizio in chiusura il fondo si riferisce
ai dipendenti in servizio; esso è stato incrementato dagli
accantonamenti dell’anno e dalle rivalutazioni di legge.
Nel corso dell’esercizio non sono state erogate quote per
anticipo del TFR.
NOTA 12 - Fondo solidarietà e beneficenza
Il Fondo di Solidarietà e Beneficenza, costituito dai contributi
accantonati nell’esercizio 2009, con la partecipazione del
Fondo M. Negri, l’Assidir srl, il CFMT e altre aziende private
di Genova, a favore dei terremotati dell’Abruzzo e in
particolare agli studenti che si sono immatricolati per la prima
volta all’università nell’anno accademico 2009/2010, è
diminuito a seguito di erogazioni a favore dell’Università
dell’Aquila da destinare a n° 9 borse di studio al merito ad
altrettanti studenti delle Facoltà Universitarie.
Il residuo, pari ad € 2.948, verrà utilizzato per far fronte
all’impegno dell’adozione a distanza che la Federazione ha
assunto da svariati anni.
31/12/2013
0
119.785
119.785
Irap
Irpef
Totale
31/12/2012
2.901
106.830
109.731
L’importo iscritto nel rendiconto riguarda il debito nei
confronti dell’Erario per le ritenute Irpef sulle retribuzioni del
personale, relative al mese di dicembre e 13^ mensilità, e sui
compensi a consulenti e collaboratori.
NOTA 16 - Debiti verso Associazioni e Confederazioni
31/12/2013
13.130
0
22.467
35.597
Debiti verso Associazioni Territoriali
Debiti verso Confederazione
Altri debiti
Totale
31/12/2012
26.844
0
0
26.844
I debiti verso le Associazioni Territoriali includono le richieste
di rimborso delle spese, sostenute da componenti Organi
federali e anticipate dalle Associazioni agli aventi diritto,
pervenute nel 2013 e liquidate nel 2014. Non risultano debiti
per contributi verso la Confederazione Cida in quanto gli stessi
sono stati versati nel corso dell’esercizio.
Gli altri debiti afferiscono la quota parte, pari ad € 22.467, nei
confronti della Cida, attinente le inserzioni effettuate sui
principali quotidiani e al Convegno sui Pensionati realizzato
nel mese di dicembre 2013.
43
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
NOTA 17 - Debiti diversi
Debiti verso componenti organi sociali
Altri debiti
Totale
COSTI E SPESE
31/12/2013
1.975
40.878
42.853
31/12/2012
16.127
38.972
55.099
I debiti verso componenti organi sociali si riferiscono ad
emolumenti di competenza dell’esercizio ed erogati
nell’esercizio successivo. Gli altri debiti sono composti
principalmente dalla quota di competenza dell’esercizio, pari a
€ 27.269, attinente la 14^ mensilità e gli oneri relativi, dal saldo
delle polizze assicurative nei confronti di Assidir nonché dalle
spese, i cui addebiti non sono ancora pervenuti, relative ai
pagamenti effettuati tramite carta di credito.
NOTA 18 - Ratei e risconti passivi
Ratei passivi
Totale
31/12/2013
64.130
64.130
31/12/2012
82.752
82.752
I ratei passivi si riferiscono esclusivamente al conguaglio di
fine anno richiesto dalla compagnia in relazione alla polizza
“Card Manageritalia”, stipulata a favore degli iscritti, associata
alla Card Manageritalia.
CONTO ECONOMICO
PROVENTI
NOTA 19 - Contributi e rimborsi
Contributi dalle Associazioni
Quote di servizio Fondo Mario Negri
Quote di servizio Fondo Mario Besusso
Contributi diversi
Totale
2013
86.371
1.766.635
4.644.240
0
6.497.246
2012
86.992
1.798.670
4.701.472
0
6.587.134
Il contributo dalle Associazioni territoriali è costituito da
quanto spettante alla Federazione a titolo di quota associativa.
L’ammontare complessivo è stato determinato sulla base di €
2,58 per ogni associato in attività o pensionato.
Le quote di servizio dei Fondi sono determinate e riconosciute
in base agli specifici accordi contrattuali e ai sistemi di
contabilizzazione dei contributi in uso presso i due Fondi.
NOTA 20 - Proventi finanziari
Interessi attivi bancari
Interessi attivi su p c/t
Interessi attivi diversi
Totale
2013
97.893
0
0
97.893
2012
148.575
0
58
148.633
L’importo dei proventi finanziari, derivante principalmente dai
depositi bancari, è in diminuzione rispetto all’esercizio
precedente, a seguito della dinamica negativa dei tassi di
interesse a breve.
NOTA 21 - Plusvalenze e sopravvenienze attive
Le sopravvenienze attive, pari ad € 73.052, derivano
principalmente dai rimborsi ricevuti da Fondir per contributi di
piani formativi attinenti ad esercizi precedenti.
NOTA 22 - Contributi associativi
2013
1.073.800
15.000
202.308
1.291.108
Contributi Associazioni
Contributi Ass. A. Pastore
Contributi Confederali
Totale
2012
1.010.000
15.000
110.449
1.135.449
I contributi erogati alle Associazioni territoriali sono stati
determinati in funzione delle loro disponibilità finanziarie e
dell’attività istituzionale effettivamente sviluppata.
Il contributo all’Associazione A. Pastore rappresenta la quota
dovuta dalla Federazione per l’anno 2013.
I contributi confederali rappresentano la quota a favore della
Cida, per il periodo gennaio/dicembre 2013, in seguito alla
delibera dell’Assemblea che stabilisce il contributo associativo
sulla base di € 6,00 per ogni associato attivo.
NOTA 23 - Costi del personale
2013
880.148
178.861
53.724
30.048
1.142.781
Retribuzioni
Oneri sociali
Trattamento fine rapporto
Altri costi (formazione ecc.)
Totale
2012
875.586
171.388
53.155
29.865
1.129.994
I costi del personale, al quale è applicato il C.C.N.L. del
Commercio, è riferito ai 12 dipendenti (4 part time), di cui n. 1
dirigente, n. 5 quadri, n. 3 di I° livello, n. 2 di II° livello e n. 1
di IV° livello.
L’aumento delle retribuzioni è connesso agli usuali incrementi
meritocratici concessi nell’esercizio e comprende il compenso
del Presidente Federale, inquadrato attraverso un rapporto di
collaborazione coordinata e continuativa.
Gli oneri sociali, rapportati alle retribuzioni, risultano
proporzionali rispetto all’esercizio precedente e alla diversa
posizione contributiva.
NOTA 24 - Spese gestionali
Emolumenti cariche sociali
Assemblee federali
Congresso/convegni
Riunioni Giunta, Comitato di Presidenza
Gruppi e commissioni lavoro
Altre riunioni
Programma Politico Prioritalia
Stati Generali Cida
Totale
2013
586.231
115.368
17.705
29.879
16.194
73.658
80.080
0
919.115
2012
587.474
90.953
5.295
52.059
36.449
71.026
94.826
47.502
985.584
Gli emolumenti erogati a favore dei componenti gli organi
federali, conformi agli importi deliberati dal consiglio federale,
comprendono anche gli oneri sociali dovuti sulle collaborazioni
coordinate e continuative.
I costi delle Assemblee federali, svoltesi nei giorni 14/15
giugno 2013 e 8/9 novembre 2013, comprendono i costi di
viaggio e permanenza dei delegati e i relativi oneri
organizzativi.
44
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
Stesse tipologie di costi afferiscono alle riunioni di Giunta ed ai
Comitati di Presidenza svoltisi nel corso del 2013.
I costi dei Congressi/convegni afferiscono al convegno Cida sui
pensionati effettuato a Roma nel mese di dicembre 2013.
I costi per le altre iniziative associative afferiscono ai
programmi redatti e concordati con Manageritalia Servizi srl e
principalmente per le seguenti attività:
Le altre riunioni si riferiscono ai costi di viaggi e permanenza
sostenuti in occasione di tutti quegli incontri non classificabili
nelle voci precedenti.
- Manager & Mercato del Lavoro: attività nata per fronteggiare
l’emergenza della crisi occupazionale manageriale, è ora un
servizio di orientamento professionale a disposizione degli
iscritti. A tale servizio, è stata connessa l’opportunità di
certificare le competenze dei manager;
I costi relativi al Programma Politico #Prioritalia afferiscono ai
compensi erogati ai consulenti per l’organizzazione e
preparazione degli incontri, svoltisi nell’arco dell’anno 2013,
con rappresentanti della politica e delle Istituzioni, finalizzati a
promuovere gli interessi del management e del Paese.
- manifestazioni e attività socio-culturali: si riferisce a tutte le
attività necessarie per l’organizzazione, la promozione e
l’informazione delle manifestazioni sociali Manageritalia che,
ancora una volta, si sono confermate un valido strumento di
aggregazione;
NOTA 25 - Spese servizi istituzionali
Spese Fondo speciale
Assistenza legale e consulenza
Dirigente –La rivista di Manageritalia
Totale
2013
44.146
62.711
450.000
556.857
2012
34.192
31.450
450.000
515.642
Le spese per il Fondo speciale sono prevalentemente destinate
ad attività di solidarietà e beneficenza.
L’assistenza legale e la consulenza, erogate agli uffici federali,
sono conseguenti a contratti di collaborazione.
Il maggior costo è conseguente alla convenzione stipulata con
lo Studio Orrick per rappresentare e difendere alcuni iscritti
pensionati nei confronti dell’Inps.
Il Dirigente – La rivista di Manageritalia, edito per conto della
Federazione da Manageritalia Servizi srl, nell’anno 2013 risulta
nella stessa misura dell’esercizio precedente
NOTA 26 - Altre iniziative associative
Manageritalia Servizi srl:
Manager Mercato Lavoro
Manifestazioni e attività socio/culturali
Sistema Gestionale Federale (SGF)
Servizio di ass. informat. di base e integr.
Canone, manutenzione e gestione ACF
Portale Manageritalia
Resta in Manageritalia
Entra in Manageritalia
Card Manageritalia
Premio Eccellenza
Servizi di intercomunicazione
Rassegna stampa
Videoconferenza
Reportistica
Ricerca Demoskopica
Servizi vari
Altri:
Polizza Card Manageritalia
Card Manageritalia
Formazione continua
Ufficio stampa e ricerche di mercato
Pubblicazioni/editoria/brochure
Altri
Totale
2013
2012
72.600
37.610
337.801
268.868
256.999
103.200
24.200
89.103
24.082
14.640
181.500
30.250
36.300
15.125
0
79.150
1.571.428
96.800
36.300
329.883
269.042
250.976
102.850
24.200
87.571
23.801
0
181.500
30.250
36.300
15.125
24.200
94.380
1.603.178
176.130
5.063
420.416
0
31.433
69.343
702.385
2.273.813
175.970
5.365
188.754
0
0
46.457
416.546
2.019.724
- sistema gestionale federale (SGF): attuato oltre che per una
riforma tecnologica anche per raggiungere uno standard
comune sia di dispositivi sia di installazione, così da facilitare
le modalità e i tempi di intervento ed aumentare il livello di
sicurezza informatica. Il sistema gestionale federale (SGF)
fornisce un supporto e l’assistenza alle attività specifiche delle
Associazioni territoriali ivi incluse alcune funzionalità legate
alla gestione dell’assistenza sanitaria;
- canone, manutenzione e gestione banca dati (ACF):
l’Anagrafica centralizzata federale rappresenta un’unità
informatica di supporto per l’intera organizzazione e vuole
raggiungere una serie di obiettivi quali l’identificazione nel
mondo Manageritalia degli associati, aziende e rapporti di
lavoro, garantendo così l’uniformità, validità e aggiornamento
delle informazioni e il loro corretto uso;
- il portale Manageritalia, è un sito che gestisce, in tempo
reale, informazioni aggiornate, con la possibilità di scaricare la
modulistica e i documenti utili, valido ed efficace strumento di
comunicazione verso gli associati e il pubblico esterno, nonché
connettore delle attività editoriali, istituzionali e associative;
- la procedura “Resta in Manageritalia” risponde all’obiettivo
di raggiungere e informare, in modo efficace ed efficiente, tutti
i dirigenti che escono dal contratto sulle opportunità di
mantenere l’iscrizione all’organizzazione e di proseguire
volontariamente la contribuzione e quindi le tutele garantite dal
contratto stesso (Fondo M. Besusso, Fondo M. Negri,
Associazione Antonio Pastore e Cfmt);
- la procedura “Entra in Manageritalia” risponde all’esigenza
di migliorare l’efficacia e l’efficienza del momento
dell’iscrizione dei dirigenti di nuova nomina attraverso una
coordinata e tempestiva informazione individuale;
- la card Manageritalia, che viene inviata annualmente a tutti
gli associati, attesta l’iscrizione alla Federazione e permette di
fruire delle convenzioni commerciali e sanitarie. L’invio della
card ha anche l’importante compito di creare e mantenere il
senso di appartenenza, di promuovere il rinnovo dell’iscrizione
e di valorizzare la qualità di tutti i servizi offerti;
45
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
- il servizio di intercomunicazione copre tutti i costi delle linee
dedicate alle connessioni, Associazioni territoriali comprese;
- la locazione di un impianto completo di videoconferenza, che
permette di trasmettere e ricevere immagini e dati in tempo
reale da tutte le Associazioni territoriali, da Manageritalia e da
Manageritalia Servizi srl;
Le spese di manutenzioni e riparazioni sono risultate in
diminuzione in quanto alcuni lavori sono stati sostenuti
direttamente da Manageritalia Servizi srl, così come sono
inferiori le spese di cancelleria e stampati a seguito di una
riorganizzazione dell’archivio e conseguente riutilizzo del
materiale.
- Servizi vari comprendono i costi relativi ai Blog, ad AskMit e
al canone del nuovo programma di contabilità utilizzato sia
dalla Federazione sia da tutte le Associazioni Territoriali.
Le spese varie sono risultate in aumento a seguito del premio di
fine anno erogato dalla Federazione anche a favore di tutti i
dipendenti delle Associazioni Territoriali.
Gli altri costi,
principalmente:
Le imposte e tasse afferiscono principalmente l’imposta Irap.
riferiti
a
fornitori
terzi,
riguardano
- la Polizza Card Manageritalia, offre gratuitamente a tutti gli
associati prestazioni nell’area sanitaria, assistenza durante i
viaggi nonché informazioni e consulenze;
- la formazione continua: nell’ambito dell’approvato piano
pluriennale di formazione, è rivolta ai vertici politici e alle
strutture operative, Associazioni Territoriali comprese. Tale
piano è teso a sviluppare tematiche di rappresentanza, di
gestione, di organizzazione e prestazione dei servizi.
Nell’esercizio corrente il costo è superiore in quanto la
formazione è stata estesa al personale dipendente delle
Associazioni Territoriali e delle società operative partecipate e
non è stato possibile beneficiare dei contributi del Fondo
For.Te.;
- l’ufficio stampa e ricerche di mercato: nel corso
dell’esercizio non si è avvalso del supporto della struttura
esterna che svolge, per conto della Federazione e sotto il
coordinamento di Manageritalia Servizi srl, l’attività di
contatto e rapporti con le principali testate giornalistiche per
sviluppare la conoscenza e l’immagine della Federazione;
- la voce altri comprende i costi dei fornitori terzi sostenuti per
le attività socio/culturali, servizi sviluppati a favore degli
associati e quelli relativi al progetto SMI – Servizio Manager
nelle Imprese.
NOTA 27 - Oneri diversi di gestione
Abbonamenti
Spese trasporto e spedizioni
Assicurazioni
Manutenzioni e riparazioni
Postali, fax, internet
Cancelleria e stampati
Materiale di consumo
Giornali, riviste, periodici
Gestione automezzi
Spese rappresentanza
Imposte e tasse - vidimazioni
Affitti e spese condominiali
Spese pulizia
Utenze
Legali
Spese bancarie
Spese varie
Totale
2013
14.041
7.831
6.870
9.522
12.507
4.701
4.767
1.370
28.038
299
65.369
148.910
14.705
24.201
254
1.746
19.133
364.264
2012
13.872
7.085
7.059
13.508
11.780
9.005
4.429
1.210
26.208
1.426
63.137
145.903
14.375
24.699
0
1.765
5.118
350.579
NOTA 28 – Ammortamenti
L’ammortamento, come in precedenza citato, è stato effettuato
in un’unica quota sull’intero valore delle immobilizzazioni
acquistate nell’esercizio.
Tale ammortamento è dettagliato come segue:
2013
3.589
5.050
8.639
Immobilizzazioni immateriali
Immobilizzazioni materiali
Totale
2012
97
14.178
14.275
NOTA 29 – Minusvalenze e sopravvenienze passive
Le sopravvenienze passive sono in massima parte costituite
dalle insussistenze di quote di servizio del Fondo Mario
Besusso relative all’anno precedente emerse dal consuntivo
dell’anno in corso.
NOTA 30 - Informazioni e fatti di rilievo avvenuti dopo la
chiusura dell’esercizio
Nel primo trimestre del 2014 il Fondo Mario Besusso ha quasi
integralmente versato il saldo delle quote di servizio inerenti
l’esercizio 2013.
Dalla data del 31 dicembre 2013 ad oggi non si sono verificati
fatti di rilievo tali da modificare i valori e le informazioni
riportate nel rendiconto.
NOTA 31 - Documento programmatico sulla sicurezza dei
dati personali e misure sulla protezione dei dati
È
stato
disposto
l’aggiornamento
del
documento
programmatico sulla sicurezza, previsto dal D.Lgs. 196/2003,
nei termini e secondo le modalità di legge.
46
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
NOTA 32 - Confronto tra rendiconto e preventivo
_______________________________________________________________
Rendiconto
Preventivo Scostamento
2013
2013
PROVENTI
Contributi e rimborsi
6.497.246
6.727.000
-229.754
Proventi finanziari
97.893
50.000
+ 47.893
Plusvalenze e
sopravvenienze attive
73.052
0
+ 73.052
Totale proventi
6.668.191
6.777.000
-108.809
COSTI E SPESE
Contributi associativi
1.291.108
1.518.000
- 226.892
Costi del personale
1.142.781
1.158.000
- 15.219
Spese organizzative:
- gestionali
919.115
1.040.000
- 120.885
- servizi istituzionali
556.857
537.000
+ 19.857
- altre iniziative associative
2.273.813
2.263.000
+ 10.813
Oneri diversi di gestione
364.264
398.000
- 33.736
Ammortamenti
8.639
15.000
6.361
Minusvalenze e
sopravvenienze passive
152.258
140.000
+ 12.258
Totale Costi e Spese
6.708.835
7.069.000
- 360.165
Avanzo
(disavanzo) d’esercizio
(40.644)
(292.000)
251.356
I contributi associativi coprono le iniziative associative
effettivamente portate a termine dalle Associazioni territoriali
in seguito al programma di attività, pianificato e concordato
con la Federazione. In tale contesto, il budget disponibile è
stato utilizzato soltanto in modo parziale essendo le
Associazioni riuscite, almeno in parte, ad autofinanziarsi e/o
coprendo parte delle spese con sponsorizzazioni.
Il decremento delle spese gestionali deriva principalmente dai
minori costi sostenuti per le assemblee, per le riunioni di Giunta
e Comitato di Presidenza e per i gruppi di lavoro e
commissioni.
L’aumento delle spese per servizi istituzionali deriva
principalmente da una convenzione avviata nel corso
dell’esercizio con lo Studio Orrick in merito alla
Rappresentanza e difesa di alcuni iscritti pensionati, dinanzi ad
alcuni tribunali, per l’ottenimento dell’accertamento nei
confronti dell’Inps dell’obbligo di restituzione del contributo di
solidarietà applicato sul trattamento pensionistico.
Per effetto del decremento del numero dei Dirigenti in servizio,
a seguito della profonda crisi economica in atto, i contributi
incassati risultano inferiori a quanto previsto.
Le sopravvenienze passive sono conseguenti al mancato
introito delle quote di servizio del Fondo Mario Besusso
relative all’anno precedente.
I proventi finanziari risultano maggiori
dell’andamento dei tassi di interesse di mercato.
NOTA 33 – Destinazione del risultato d’esercizio
a
seguito
Le plusvalenze e sopravvenienze attive sono conseguenti a dei
rimborsi da parte di Fondir per contributi di piani formativi
attinenti ad esercizi precedenti.
Si propone di coprire il disavanzo dell’esercizio, pari ad €
40.644, portandolo in diminuzione del fondo organizzazione ed
iniziative, che scenderebbe così a € 5.463.536.
47
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
Relazione del Collegio dei revisori dei conti al
Rendiconto chiuso al 31 dicembre 2013
Durante l’esercizio 2013 abbiamo vigilato sull’osservanza della
legge e dello Statuto, sulla gestione economica e finanziaria
della Federazione, sulla regolare conservazione dei beni in
dotazione, e sul funzionamento dell’assetto amministrativo e
contabile.
Signori Delegati,
il progetto di Rendiconto d’esercizio al 31/12/2013 predisposto
dalla Giunta Esecutiva si chiude con un disavanzo pari a €
40.644 e si sintetizza nei seguenti valori economici e
patrimoniali:
Siamo stati regolarmente informati sul generale andamento
della gestione della Federazione e possiamo ragionevolmente
assicurare che le azioni poste in essere sono conformi alla legge
e allo Statuto sociale. Abbiamo valutato e vigilato
sull’adeguatezza del sistema amministrativo e contabile,
nonché sull’affidabilità di quest’ultimo a rappresentare
correttamente i fatti di gestione.
STATO PATRIMONIALE
Fondo comune al 1/1/2013
Altre riserve e fondi all’1/1/2013
Disavanzo dell’esercizio 2013
Patrimonio netto al 31/12/2013
CONTO ECONOMICO
Proventi
Costi e spese
Disavanzo dell’esercizio
3.160.141
5.684.940
(40.644)
8.804.437
6.668.191
(6.708.835)
(40.644)
La responsabilità della redazione del Rendiconto d’esercizio
compete alla Giunta Esecutiva della Federazione. E' nostra la
responsabilità del giudizio professionale espresso sul
Rendiconto d’esercizio.
Il nostro esame sul Rendiconto d’esercizio è stato svolto
secondo le norme previste dall’art. 15 dello Statuto della
Federazione, le norme di comportamento contenute nel
documento “il controllo indipendente negli enti non profit” e le
norme di comportamento del Collegio Sindacale raccomandate
dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli
Esperti Contabili.
A nostro giudizio, non vi sono elementi che possano far
ritenere, da quanto verificato, che il Rendiconto d’esercizio al
31/12/2013 non sia conforme ai criteri di redazione descritti
nelle note illustrative; esso pertanto è redatto con chiarezza e
rappresenta in modo veritiero e corretto la situazione
patrimoniale e finanziaria e l’avanzo d’esercizio della
Federazione.
Esprimiamo pertanto parere favorevole alla sua approvazione
nonché alla proposta di portare il disavanzo dell’esercizio in
diminuzione delle riserve accumulate nel patrimonio netto.
Roma, 03 giugno 2014
IL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI
Antonella Portalupi
Alberto Cristofani
Oscar Dal Poz
In conformità alle predette norme il nostro lavoro è stato
pianificato e svolto al fine di acquisire ogni elemento
necessario per accertare se il Rendiconto d’esercizio sia viziato
da errori significativi e se risulti, nel suo complesso, attendibile.
Le nostre verifiche hanno comportato l'esame, sulla base di
riscontri a campione, degli elementi probativi a supporto dei
saldi e delle informazioni contenuti nel Rendiconto d’esercizio,
nonché la valutazione dell'adeguatezza e della correttezza dei
criteri contabili utilizzati e della ragionevolezza delle stime
effettuate dalla Giunta Esecutiva. Riteniamo che il lavoro
svolto fornisca una ragionevole base per l'espressione del
nostro giudizio professionale.
48
MANAGERITALIA – Relazione attività federale 2013
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
2 239 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content