close

Enter

Log in using OpenID

3 - Sfogliami.it

embedDownload
COPERTINA auto febbraio2014.indd 2
10/02/14 12.04
WWW.meCsPe .Com
27 • 29 marzo - Fiere di Parma
Vi asPettiamo Pad 6 staNd i29
Contattateci prima di iniziare la progettazione,
vi metteremo a disposizione il nostro know how tecnico.
La nostra ConosCenza, La vostra Creatività.
www.mepol.com - [email protected]
Senza titolo-2 1
11/02/14 15.47
Automotive
sommario-contents
2014
3
anno VI - numero 1- febbraio 2014
News - News 04
Trend - Trend 06
DESIGN 17
ENGINEERING 27
INDUSTRIALIZZAZIONE 35
In copertina/On the cover :
La pianta trapezoidale di BladeGlider 2014, con ruote anteriori molto ravvicinate la carreggiata anteriore misura 1 metro – riduce l'attrito dell'aria.
Indirizzi utili - Addresses list 42
The trapezoidal layout of BladeGlider 2014, with very close front wheels the front wheeltrack measures one meter- reduces fiction with air.
Automotive 2014 • 1
SOMMARIO.indd 1
26/02/14 16.57
AMBASCIATRICE
DEL LUSSO
4
news
É stata ammirata tra gli altri
highlights della mostra
Concept Cars, ospite del
Festival Automobile
International (29 gennaio –
2 febbraio 2014, Parigi), ha
sedotto il Chicago
Athenaeum Museum of
Architecture and Design
che le conferito il Good
Design Award 2013 nella
sezione Transportation e il 7
febbraio, durante la fiera
Ambiente di Francoforte, il
German Design Council le
ha assegnato la Menzione
Speciale nella categoria
Transportation and Public
Space nell’ambito dei
German Design Award
2014: BMW Pininfarina Gran
Lusso Coupé, primo frutto
della collaborazione tra la
Casa automobilistica e lo
studio di design, miete riconoscimenti un po' dovunque. Prodotta in esemplare
unico, la vettura nasce
come “una tipica BMW
caratterizzata dal raffinato
stile Pininfarina”, dichiara lo
studio.
AMBASSADOR OF LUXURY
It has been admired
amongst the other
highlights at the Concept
Cars Show, hosted at the
Festival Automobile international (January 29thFebruary 2nd, 2014 Pairs), it
has seduced the Chicago
Athenaeum Museum of
Architecture and Design
that has assigned it the
Good Design Award 2013 in
the Transportation sector
and on February 7th, during
the Fair on the Environment
in Frankfurt, the German
Design Council has rewarded ir with a Special mention in the Transportation
and Public Space category
within the German Design
Award 2014: BMW
Pininfarina Gran Lusso
Coupé, the first result of the
collaboration between the
car company and the
design office, gains prizes
everywhere. Manufactured
in a unique model, the car
is born as a “typical BMW,
featuring the elegant
Pininfarina style”.
o
LEGGERI,
ECONOMICI E ‘VERDI’
Il 12 marzo, nell’ambito del
JEC – Innovation Composite
Summit, si terrà a Parigi il
convegno: Alleggerimento
e riduzione dei costi –
Materiali rinnovabili per prodotti più ‘verdi’. In particolare, le relazioni verteranno
sull’impiego di polimeri tessili
per materiali elettro-attivi, su
materiali a rapida polimerizzazione per la produzione
di componenti auto in
grandi volumi, su tettucci
integrati e semi-convertibili
in SMA/ABS caricato vetro,
sullo sviluppo di processo di
prodotti semilavorati con
innovativi materiali compositi verdi, su soluzioni rapide
ed economiche per la produzione in massa di parti in
composito e su efficienti
soluzioni per lo sviluppo di
auto in composito di fibre
di carbonio alla
Lamborghini.
LIGHT, CHEAP AND “GREEN”
On March 12th, the convention “Light-weighting
and cost reduction Renewable materials for
greener products” will be
held during JEC –
Innovation Composite
Summit in Paris. In particular
the speeches will focus on
the use of textile polymers
for electro-active materials,
on rapid polymerization
materials for the production
of car components in large
volumes, on integrated and
semi-convertible roofs in
SMA/ABS filled with glass, on
the process development
for semi-finished products
with innovative green composite materials, on rapid
and cheap solutions for
mass production of parts in
composite and on efficient
solutions for the development of cars in carbon fiber
composite at Lamborghini.
o
DIPINGILO COME VUOI
La quinta edizione della
fiera internazionale
PaintExpo accoglierà più di
400 espositori e avrà luogo
presso il centro espositivo di
Karlsruhe dall'8 all'11 aprile
2014. Le aziende presenti
forniscono nuove soluzioni e
gli sviluppi più recenti che
interessano l'intero processo
di verniciatura liquida, in
polvere, in continuo: attrezzature per verniciatura, sistemi di applicazione e pistole
a spruzzo, vernici liquide e
smalti in polvere, tecnologie
per l'automazione, pre-trattamenti ed essiccazione,
sistemi per ridurre l'impatto
ambientale, sistemi pneumatici, sistemi ad aria compressa e di purificazione
delle emissioni, trattamenti
ad acqua, soluzioni per il
riciclo e lo smaltimento, tecnologie di misurazione e collaudo, controllo qualità,
sistemi per la rimozione delle
vernici, soluzioni per l'identificazione, la stampa e l'imballaggio. Tra i temi caldi, la
fiera tratterà delle tendenze
per rivestimenti efficienti,
delle vernici con funzionalità
ottimizzate (caratteristiche
antimicrobiche, di protezione e resistenza alle radiazioni UV e all'invecchiamento), della crescita della tecnologia UV in applicazioni
per materie plastiche e
metalli.
PAINT IT
AS YOU LIKE IT
The 5th PaintExpo international trade fair will feature more than 400 exhibitors and will take place at
the exhibition centre in
Karlsruhe from the 8th
through the 11th
of April, 2014.
The exhibitors offer new
solutions and further
developments throughout
the entire process
sequence for liquid painting, powder coating and
coil coating: coating
equipment, application
systems and spray guns,
liquid paints and powdered enamels, automation
and conveyor technology, cleaning and pre-treatment, drying and
curing, environmental
technology, pneumatics,
compressed air supply
and exhaust purification,
water treatment,recycling
and disposal,measuring
and test technology, quality assurance, paint stripping, as well as identification, printing and
packaging.
1 • Automotive 2014
4-5 news trend.indd 4
10/02/14 11.28
Among the many “ hot”
themes,the fair features
trends in efficient coating,
paints with optimised function ( antimicrobial characteristics, corrosion protection and resistance to UV
radiation and weathering),
the growing of UV technology in applications for plastic
as well as metal parts.
o
LONDON DRIVING
Il Nissan NV200 London Taxi
sostituirà i modelli TX4 a partire da dicembre 2014. Il
veicolo ha per base un furgoncino ma è stato ridisegnato “per ricreare al
meglio il fascino iconico del
tradizionale 'black cab'"
afferma l'azienda. Ora è
caratterizzato da fari anteriori circolati, una griglia
rimodellata e nuovi pannelli
paraurti frontali. La nuova
versione abbandona inoltre
il precedente motore diesel
per un motore a benzina
da 1,6 litri e un cambio
automatico: un modello
elettrico a zero emissioni
sarà disponibile nel 2015.
Accoglie cinque passegge-
ri a sedere con due sedili
anteriori ribaltabili, accesso
per le sedie a rotelle e
porte scorrevoli per un
agile ingresso qualora vi
fosse poco spazio disponibile.
IL TUO PROTOTIPO?
FULL OPTIONAL.
LONDON DRIVING
The Nissan NV200 London
Taxi will replace the TX4
taxis from December 2014.
The vehicle is based on a
van but has been redesigned “to better reflect the
iconic nature of the traditional black cab" the company said. It now features
round headlamps, a remodelled grille and new front
bumper panels. The update also ditches the previous diesel engine for a
1.6-litre petrol engine
and an automatic gearbox: a zero-emissions
electric version will be
available in 2015. It seats
five passengers including
two flip-down seats
facing the rear, access
for wheelchairs and sliding doors for easy
access in narrow spaces.
o
Skorpion Engineering trasforma qualsiasi progetto in prodotto, grazie ad una consolidata
esperienza nella progettazione e nella realizzazione di prototipi e pre-serie d’eccellenza.
Skorpion Engineering utilizza tutte le tecnologie più innovative per affiancarvi in tutte le fasi
della creazione di un prototipo.
www.skorpionprototyping.com
•
•
•
•
Reverse engineering
Co-design e modellazione
Prototipazione rapida
Finitura dei prototipi
Skorpion Engineering S.r.l. • Piazza Centro Commerciale, 48 • 20090 Loc. San Felice • Segrate (MI) • Italy • Tel. +39 02 36687868 • Fax. +39 02 87390666
4-5 news trend.indd 5
Senza titolo-1 1
13/11/13 11.30
10/02/14 11.28
trend-trend
Classici e mutanti a Ginevra.
6
Tori, cactus, supercar, fuoristrada
da città e auto a legna: il futuro è in moto.
Supercar quasi sobrie e crossover spavaldi, berline
asiatiche, concept arditi: a Ginevra il mondo
dell'auto si manifesta in ogni sfaccettatura, e l'84a
edizione del Salone, in calendario dal 6 al 16
marzo 2014, promette ghiotte première, confermandosi come la manifestazione più importante
del settore.
Design scultoreo e comfort per i crossover
Molto attesa è Intrado Concept, un prototipo di
crossover compatto con il quale Hyundai si propone di inaugurare il linguaggio stilistico della filosofia “Fluidic Sculpture 2.0”, affidata a Peter
Schreyer, autore di Audi TT e delle nuove Kia. La
Casa anticipa così le forme dei futuri modelli in
cantiere entro il 2020, per il quale si prefigge
l'obiettivo di raggiungere il 5% del mercato europeo. Il nome Intrado si riferisce alla parte inferiore
dell’ala di un aereo e ammicca ai materiali hightech utilizzati per ottimizzare il peso della vettura,
che verrà alimentata con un sistema fuel cell evoluto dalla ix35. La C4 Cactus di Citroën è stata
presentata in versione concept allo scorso Salone
del cambio è stata eliminata ed è stato installato
uno schermo touch per gestire la climatizzazione,
l’impianto radio e altre funzioni. Lunga 4,21 metri,
larga 1,75 e alta 1,53, la Cactus ha assetto rialzato
a 21 cm: le superfici vetrate occupano un terzo
del corpo vettura, caratterizzata inoltre da sbalzi
ridotti.
di Francoforte: di questo conserva l'elemento protettivo Airbump, posizionato sulle fiancate e sui
paraurti “per attutire i piccoli impatti quotidiani
come l'urto di un carrello da supermercato in un
parcheggio, e realizzato in materiale morbido
simile a quello utilizzato nella suola di una calzatura Nike Air”, spiega il progettista Frederic Duvenier.
Per ampliare lo spazio disponibile nell'abitacolo il
cruscotto è flottante: davanti al passeggero anteriore è posto un vano porta-oggetti poiché il suo
airbag è stato posizionato nel padiglione, la leva
1.
Classics and mutants at Geneva.
La persistenza del classico
Ovviamente non di soli crossover vive il mercato…
È una station wagon con le forme di una berlina
2.
1 • Automotive 2014
6-10 articolo trend ginevra.indd 6
10/02/14 11.08
la Peugeot 308 SW. Il centro stile guidato da
Georges Vidal dosa tocchi di dinamismo senza
compromettere l'abitabilità e la capacità di
carico: la finestratura laterale si prolunga morbidamente verso la coda, la linea di cintura
lievemente è inclinata e arcuata e il tetto, nella
parte posteriore, appare parallelo al terreno
rispetto alla linea dei finestrini. Snellita e aumentata nella capacità di carico rispetto alla precedente 308, è lunga 4,58 metri, con bagagliaio e cinque posti ha una capacità pari a 610
litri. Il pianale modulare EM2 è piatto, con soglia
di carico molto bassa e accessibile tramite il
ribaltamento dei sedili che si comanda dal
vano bagagli. Il motore Peugeot BlueHDI promette consumi ed emissioni virtuose per il segmento: 85 grammi di CO2 ogni 100 km (3,8 litri
di gasolio ogni 100 chilometri).
A Ginevra il brand cinese Qoros presenta il
secondo modello: è determinata a sfornare
una nuova auto ogni sei-dodici mesi e a sedurre il mercato europeo con linee a lui consuete
– a capo del centro stile c'è Gert Hildebrand,
'rubato' a Mini - e dotazioni high-tech. La Qoros
3, che debuttò lo scorso anno, si è guadagnata, prima vettura di produzione cinese, cinque
stelle nei test sulla sicurezza 2013 Euro NCAP: di
quel modello il nuovo mantiene inoltre il sistema di infotainment QorosQloud, accessibile
attraverso un display touch da otto pollici, ma
anche da smartphone e tablet. I teaser pubblicati mostrano un frontale dominato dal grande logo “Q” e una vista posteriore con luci LED.
Driverless, bio
Ma, soprattutto, Ginevra guarda al futuro: oltre
alle studiate alchimie dei centri stile, alla ricerca di una difficile sintesi tra sportività e comfort,
tra riduzione delle emissioni e lusso personalizzato, il Salone ospita anche concept che incarnano le vere nuove tendenze. Eccone due tra
le più affascinanti. Se l'auto si guida da sé, il
conducente può dedicarsi ad altro. Prende
alla lettera il tema dell'auto driverless Rinspeed
XchangE, che salta a piè pari il versante progettuale dei sistemi di guida per concentrarsi
sul design degli interni, ispirati al comfort mutante della business class degli aerei.
1.
2.
3.
4.
5.
1.
2.
3.
3.
4.
5.
4.
Durante la guida autonoma, il volante con sterzo
drive-by-wire (come sugli aerei, il sistema utilizza
connessioni elettroniche per gestire gli elementi
funzionali alla guida) scivola al centro del cruscotto, i sedili anteriori ruotano verso quelli posteriori, un
tavolino accoglie un laptop o diventa un vassoio
per i caffè, uno schermo infotainment fornisce le
informazioni utili e quelle dilettevoli.
Lavoro o svago diventano così la principale preoccupazione del conducente sollevato dall'attenzione alla guida: secondo Rinspeed, la guida autonoma renderà il viaggio in auto "più attraente di
aerei, treni e bus". XchangE è la ventesima concept car che Rinspeed presenta al Motor Show di
Ginevra.
L'impiego di materiali rinnovabili è spinto ad una
sperimentazione estrema nella Biofore, che nasce
da una collaborazione di UPM con la Metropolia
University of Applied Sciences di Helsinki, la Finnish
Funding Agency for Technology and Innovation e
In lingua maya Huracán significa uragano: la nuova Lamborghini
condensa gli stilemi tipici del brand in un linguaggio sintetico ed
efficace.
La piega decisa della linea di cintura conferisce alla vista laterale di
Lamborghini Huràcan una marcata aerodinamicità.
“Nessuno aveva condotto il tema dell'auto driverless fino alla sua
logica conclusione dalla prospettiva del conducente” afferma
Frank M. Rinderknecht di Rinspeed a proposito di XchangE.
Lavoro e relax a 120 km orari: gli interni convertibili di Rinspeed
XchangE sono ispirati alla business-class degli aerei.
Crossover compatto all'idrogeno: il concept Hyundai Intrado è alimentato con un sistema derivato dalla ix35 Fuel Cell.
Huracan means hurricane in the Maya language: the new
Lamborghini fuses the typical stylistic traits of the brand into a
synthetic and effective language,
The strong fold of the belt line confers a marked aerodynamicity
to the lateral view of Lamborghini Huracan.
“Nobody had brought the issue of the driverless car to its logical
conclusion from the driver’s perspective”, says Frank M.
Rinderknecht at Rinspeed, talking about XchangE.
Work and relax at 120 km/hr: the convertible interiors on
Rinspeed XchangE are inspired to the business class on planes.
Compact hydrogen crossover: the Hyundai Intrado concept is
powered with a system derived from the ix35 Fuel Cell.
7
numerosi altri partner. La vettura è realizzata in più
parti con i materiali derivati da fonti rinnovabili di
UPM - il composito Formi, costituito da polipropilene
caricato con fibre di cellulosa, è lavorabile tramite
stampaggio a iniezione; è termoformabile il materiale Grada, composto da strati di legno assemblati con uno speciale film adesivo – e sarà alimentata
con il biocarburante diesel a base di legno BioVerno,
sviluppato da UPM così come i materiali per etichettatura Raflatac, impiegati per la marcatura dei
componenti e per elementi interni ed esterni della
vettura.
A.F.
5.
Automotive 2014 • 1
6-10 articolo trend ginevra.indd 7
10/02/14 11.08
6.
Bulls, cactus, supercars, city SUV and
wood-powered cars: the future is moving.
8
Almost sober supercars and bold crossovers, Asian
sedans, daring concepts: at Geneva the car world
shows itself in every facet and the 84th edition of
the Show, scheduled March 6th-16th, 2014, promises exciting premieres, confirming as the most
important event of the sector.
Sculptural design and comfort for crossovers
There is great expectation for Intrado Concept, a
prototype of compact crossover with which
Hyundai proposes to inaugurate the stylistic language of the “Fluidic Sculpture 2.0” philosophy,
assigned to Peter Schreyer, author of Audi TT and
the new Kia. The car company thus anticipates the
forms of future models underway for 2020, for
which it sets as goal to conquer 5% of the European
market. The name Intrado refers to the lower part
6.
7.
8.
9.
6.
7.
8.
9.
of an airplane’s wing and hints at the high-tech
materials used to optimize the vehicle’s weight
that will be powered with a fuel cell system upgraded from ix35. The C4 Cactus by Citroen has been
presented in the concept version in the last
Frankfurt Car Show: it preserves the protective element Airbump, placed on the sides and bumpers
to “dampen small everyday impacts such as hitting a shopping trolley in a parking lot and made
in soft material similar to that used in the soles of
Nike Air shoes”, explains the designer Frederic
Duvenier. To extend the available space in the
passenger compartment the dashboard is flexible:
facing the front passenger there is a glove compartment since its airbag has been placed in the
top, the gear-change lever has been eliminated
and a touch screen has been installed to control
air conditioning, the radio system and other functions. 4.21 meters long, 1.75 meters wide and 1,
53 meters tall Cactus has a raised trim at 21 cm:
the glass surfaces take up a third of the car body,
which also features reduced projecting.
The enduring classic
Obviously the market does not only live on crossovers... Peugeot 308 SW is a station wagon with the
forms of a sedan. The style center directed by
Georges Vidal dispenses touches of liveliness
without jeopardizing the habitability and the loading capacity: the side windows extend slightly
towards the tail, the belt line is slightly inclined and
arched and the roof, in the back part, appears
parallel to the ground with regards to the window
line. Streamlined and with increased loading
Forme essenziali e la curiosa protezione Airbump per il crossover
C4 Cactus di Citroën.
Materiali morbidi e “cuscinetti d'aria” proteggono la C4 Cactus
dai micro impatti quotidiani.
Snellita e con maggiore capacità di carico, la Peugeot 308 SW
vuol essere capiente come una station wagon e sobriamente
elegante come una berlina.
Che bagagliaio grande hai! Con i suoi 610 kg, la Peugeot 308 SW
sfida i furgoncini.
Essential forms and the funny protection Airbump for the crossover
C4 Cactus by Citroen.
Soft materials and ‘air cushions’ protect the C4 Cactus from everyday micro impacts.
Streamlined and with increased loading capacity, Peugeot 308
SW wants to be capacious like a station wagon and soberly elegant like a sedan.
What a large trunk you have! With its 610 kg, Peugeot 308 SW
challenges mini vans.
7.
8.
9.
capacity compared to the previous 308, it measures 4.58 meters in length, with luggage compartment and five seats, with a capacity of 610 liters.
The modular EM2 is flat, with very low loading level
accessible by tipping up the seats that is controlled
from the luggage compartment.
The engine Peugeot BlueHDI promises virtuous consumption and emissions for the segment: 85 grams
of CO2 for every 100 km (3.8 liters of petrol every 100
kilometers).
At Geneva the Chinese brand Qoros presents its
second model: the company is determined to launch a new car every six-twelve months and seduce
the European market with its familiar lines and hightech equipment. At the head of the style center is
Gert Hildebrand ‘stolen’ from Mini. The Qoros 3,
which made its debut last year has conquered – first
Chinese made car- five stars in the safety tests 2013
Euro NCAP: the new model keeps this element as
well as the infotainment system QorosQloud, accessible through an 8” touch display, but also from
smartphone and tablet.
1 • Automotive 2014
6-10 articolo trend ginevra.indd 8
10/02/14 11.08
Senza titolo-2 1
11/02/14 15.41
Published teasers show a front part dominated by
the large “Q” logo and a rear view with the LED
lights.
Driverless, bio
But, above all, Geneva looks at the future: besides
the studied alchemies of the style centers, the
search for a difficult synthesis between sports style
and comfort, between emissions reduction and
personalized luxury, the Show also hosts concepts
that embody the real new trends. Here are two of
the most fascinating ones. If the car drives by itself,
the driver can concentrate on something else.
Rinspeed XchangE literally takes on the issue of the
10
CHIAMAMI URAGANO
Tra rombi – visivi e uditivi – e spigoli aerodinamici
si materializza Lamborghini Huracán. La sigla
LP-610-4 indica la potenza del V10 di 5,2 litri, pari a
610 CV, e la trazione integrale, con motore longitudinale posteriore; come nella tradizione del
marchio, prende il nome da un toro da combattimento noto a fine '800 per la sua imbattibilità. Il
centro stile Lamborghini, guidato da Filippo Perini
sotto la direzione generale del gruppo Volkswagen
con a capo Walter De’ Silva, ha modellato il
design facendo ampio ricorso alla realtà virtuale
e sintetizzando con efficacia gli stilemi della linea
unica ad arco da frontale a coda e la carrozzeria
sfaccettata. La doppia 'V' del frontale è siglata
dai LED posti all’interno dei sottili gruppi ottici, gli
spoiler sono un paio di 'baffi' che spuntano
dall'ampia griglia. La fiancata si stringe a collo di
bottiglia fino al parafango posteriore per accentuarne la sporgenza; la finestratura si chiude ad
arco sagomando una nicchia sul montante
posteriore, la coda ha uno spoiler accennato e
una fascia orizzontale comprendente le luci a
LED. Negli interni ricorre il motivo di un esagono
schiacciato, ritmato nella strumentazione - un
grande schermo da 12,3 pollici variamente configurabile che include contagiri, navigatore e infotainment -, nelle bocchette, negli specchietti
esterni. La velocità massima è di 325 km/h, l'accelerazione da 0 a 100 km/h avviene in 3,2 secondi.
Il sistema start/stop riduce le emissioni a 290 g/km
di CO2. Grazie ad uno chassis in alluminio e fibra
di carbonio, Huracán pesa solo 1.422 kg.
driverless car, completely skipping the design stage
of driving systems, to focus on the design of the
interiors, inspired to the mutating comfort of the
business class on planes. During the autonomous
driving, the wheel with drive-by-wire steering (as on
planes the system uses electronic connections to
manage the elements functional to driving), moves
to the center of the dashboard, the front seat rotate towards the back ones, a table hosts a laptop or
becomes a coffee tray, an infotainment screen
provides useful and enjoyable information. Work or
leisure thus become the main concern of the driver, relieved from having to pay attention to driving: according to Rinspeed, the driverless system
CALL ME HURRICANE
Lamborghini Huracan emerges between rhombuses
– visual and auditive - and aerodynamic sharp corners. The code LP-610-4 indicates the power of the
V10 of 5.2 liters equivalent to 610 Hp and the fourwheel-drive with rear longitudinal engine; as in the
brand’s tradition, it takes its name from a fighting bull
known at the end of 1800 for its invincibility.
The Lamborghini style center, directed by Filippo
Perini under the general direction of the Volkswagen
group headed by Walter De’ Silva, has modeled the
design with an extensive use of virtual reality and
effectively fusing the stylistic elements of the single
line with arc from front to tail and the faceted
bodywork.
The double “V” of the front part is marked by LED
placed inside thin optical units; the spoilers are a
‘moustache’ that comes out from the broad grille.
The side narrows in bottleneck shape up to the rear
mudguard, to emphasize the protrusion; the windows close in an arc shape, forming a niche on the
rear stanchion, the tail has a suggested spoiler and a
horizontal belt that includes the LED lights. Inside we
find the recurrent pattern of a flattened hexagon,
marked in the instruments- a large 12.3” screen that
can be configured in various modes and that includes tachometer, navigator and infotainment – in the
vents and outside mirrors.
Maximum speed is 325 km/hr, acceleration from 0 to
100 km/hr occurs in 3.2 seconds. The start/stop
system reduces emissions to 290 g/km of CO2.
Thanks to an aluminum and carbon fiber chassis
Huracan only weighs 1.422 kg.
11.
will make car travel “more attractive than airplanes,
trains and buses”. XchangE is the twentieth concept
car that Rinspeed presents at the Motor Show in
Geneva. The use of renewable materials is pushed
to extreme experimentation in Biofore, that is born
from the collaboration between UPM, the Metropolia
University of Applied Sciences in Helsinki, the Finnish
Funding Agency for Technology and Innovation
and several other partners. The car is made in several parts with UPM materials derived from renewable
sources- the composite Formi, made of polypropylene filled with cellulose fiber can be machined by
injection molding; the Grada material can be thermoformed, and it is made by layers of wood assembled with a special adhesive film – and will be powered with the diesel biofuel based on wood BioVerno,
developed by UPM, just like labeling materials
Raflatac used to mark components and for interior
and exterior car elements.
o
10.
10. Fronte e retro della seconda creatura del brand Qoros in due
teaser.
10. Front and back of the second creature by the Qoros brand in
two teasers.
1 • Automotive 2014
6-10 articolo trend ginevra.indd 10
10/02/14 11.08
Scacco al Prezzo
Vinci la tua partita con eper, la nostra plastica moltiplica i tuoi guadagni.
Offerta del mese
PPO fV30 NatUrale
Prima scelta imballo originale € 3.00/kg
fino ad esaurimento scorte
Eper srl
talent for plastic
via Papa Giovanni XXIII, 206
35040 Merlara (PD) Italy
tel. +39 0429 844434 fax +39 0429 844443
www.eper.it
Senza titolo-2 1
AUTOMOTIVE 02 Febbraio 2014_ 297x210.indd 1
11/02/14 15.41
05/02/14 09.39
trend-trend
Plastiche sul podio.
12
Le soluzioni polimeriche e composite
più innovative premiate con gli
SPE Innovation Awards 2013.
La divisione auto della statunitense Society of
Plastics Engineers ha attribuito anche quest'anno,
nella sua 43esima edizione che si è celebrata con
una cerimonia di gala a Livonia, nel Michigan, il 6
novembre 2013, premi che sottolineano i trend
del mercato automobilistico segnalando le applicazioni più innovative di polimeri e compositi.
La qualità dell'innovazione si valuta anche sulla
lunga distanza ed è longeva quella che si aggiu-
1.
dica la Hall of Fame, premio attribuito a un componente in uso da almeno quindici anni nell'industria dell'auto o dei trasporti su strada. Ford Motor
Company ha vinto con il modulo frontale delle
berline Ford Taurus e Mercury Sable: viaggia dal
1996 sui modelli citati, sui veicoli derivati dalla
Taurus e sulle auto di numerose altre Case che
l'hanno adottato nel tempo, come Volkswagen,
Audi, Daimler, PSA Peugeot Citroën, Chrysler. Il
FEM integra in un unico pezzo più sottosistemi e
funzioni separate, perciò riduce il peso complessivo, elimina gli assemblaggi.
É realizzato tramite SMC (sheet-molding compound): dapprima sono stati usati termoplastici
con mat di vetro, a fibra lunga compressi o iniettati con inserti in acciaio, compoundati direttamente in linea con o senza rinforzi di fibre di vetro
continue. "Abbiamo eliminato 22 subcomponenti
e 27 assemblaggi per veicolo, ottenendo un
unico elemento strutturale con fissaggi che si posizionano da sé, riducendo il peso del componente
del 22% e il costo del 14% rispetto al predecessore
in metallo” spiega Ford. L'impiego di compositi
termoplastici colorati in massa elimina inoltre
l'emissione di VOC correlata alla verniciatura del
metallo.
Plastics on the podium.
Esterni, interni, telaio
Ha vinto il Grand Award e il primo premio della
categoria esterni vettura il portellone posteriore
del CUV Nissan Rogue, stampato a iniezione con
resine olefiniche di LyondellBasell e rinforzi di
Advanced Composites: il pannello esterno è realizzato con il TPO Hifax TYC 1175, quello interno
con il polipropilene rinforzato a fibre lunghe
Mostran L5091-P. Il componente è completamente riciclabile a fine vita, alleggerito del 30% rispetto
al predecessore di acciaio con un relativo risparmio di carburante del 10%; il peso ridotto facilita
l'apertura e la chiusura del portellone. Il pannello
esterno in termoplastico è più rapido da produrre
dei precedenti in SMC, quello interno colorato in
massa elimina la necessità di verniciatura.
Un altro LFT-PP, Stamax 30YK270 di Sabic, è stampato a iniezione a pareti sottili – con spessore di 2
mm - per produrre la struttura di contenimento del
pannello strumenti del SUV Jeep Cherokee 2014
di Chrysler. Lo spessore medio di questi pezzi realizzati di solito in TPO, è compreso tra 2,5 e 4mm: il
risparmio di peso (-27%) e di tempi ciclo (-30%) è
evidente con una resina caricata con fibra vetro
per il 30%, rigida e resistente all'impatto, e il pezzo
si è aggiudicato il premio nella categoria interni
1 • Automotive 2014
12-16 articolo trend SPE.indd 12
07/02/14 15.12
1.
2.
3.
4.
5.
1.
2.
3.
2.
vettura. Sabic bissa nella categoria Chassis/
Hardware con l'assorbitore di energia montato
nel paraurti delle berline Ford Fusion e Mondeo
2013, stampato a iniezione con il blend PC/PBT
Xenoy 1103. Il pezzo soddisfa due requisiti tra
loro in conflitto: la norma 581 che esige rigidità
e la GTR ll per la protezione dei pedoni che
impone morbidezza. Il componente conserva
prestazioni di assorbimento di energia fino a
una deformazione del 100% e integrità strutturale a temperature da -30 a 60°C.
Propulsione, sistemi elettrici, sicurezza
Una resina vinilestere termoindurente priva di
VOC di Cyctec stampata a compressione è
stata usata per realizzare l'alloggiamento della
batteria elettrica della Chevrolet Spark EV
2014. I requisiti di barriera-offset, resistenza
all'impatto laterale e frontale, ai test di caduta,
immersione in acqua, urto e vibrazioni, resistenza al
fuoco sono soddisfatti da questa prima applicazione del materiale, rinforzato con una trama di fibra
di vetro intrecciata, per l'involucro che protegge i
componenti della batteria. Il robusto composito
termoindurente è più leggero del 40% rispetto ad
un'alternativa in metallo: non conduttivo, non
comporta rischi in caso di incidente e l'assenza di
emissioni di stirene salvaguarda la salute dei lavoratori. L'utilizzo di pattern differenziati permette rinforzi localizzati ove servono. Il condotto aria per
motori turbo di Röchling Automotive montato sulle
berline Audi A4 e A5 2011 con motori 2.0L TDI e TFSI
è stato prodotto tramite soffiaggio per aspirazione
usando poliammide 6 e copolimero di etilenacrilato di Zeon. L'applicazione ha vinto nella categoria
propulsioni con un componente che combina la
4.
3.
4.
5.
Si aggiudica il premio Hall of Fame 2013 degli SPE Innovation
Awards il modulo frontale integrato realizzato in SMC di Ford.
Il FEM in composito ha debuttato sulla berlina Taurus di Ford, lanciata sul mercato nel 1996, ed è stato adottato su molti altri modelli e
da altri costruttori.
È completamente riciclabile perché usa solo resine olefiniche il
portellone posteriore del CUV Rogue di Nissan: leggero, risparmia
carburante ed è più maneggevole.
L’oculato orientamento delle fibre riduce la deformazione della
struttura per pannello strumenti stampata a iniezione con l'LFT-PP
Stamax 30YK270 di Sabic.
L'assorbitore di energia per paraurti di Ford, stampato con il PC/PBT
Xenoy 1103 di Sabic, migliora la sicurezza dei pedoni e riduce i costi
di sostituzione del pezzo.
The integrated front module made in SMC by Ford wins the Hall of
Fame 2013 prize at the SPE Innovation Awards.
The FEM in composite has made its debut on the sedan Taurus by
Ford, launched on the market in 1996, and has been used in many
other models and by other manufacturers.
The hatchback door of CUV Rouge by Nissan is completely recyclable because it only uses olefin resins: light, it saves fuel and is easier
to handle.
The careful fiber orientation reduces warpage in the structure for
instrument panel, injection molded with the LFT-PP Stamax 30YK270
by Sabic.
The energy absorber for bumpers by Ford molded with PC/PBT
Xenoy 1103 by Sabic enhances pedestrians’ safety and reduces
costs for part replacement.
13
presa d'aria con lo scambiatore termico in un collettore di aspirazione, dimezzando il volume di aria
in circolo e così migliorando la risposta del motore,
riducendo l'ingombro del pacco batterie del 40%.
Le perdite di pressione sono ridotte, la turbina lavora meno mantenendo la spinta alle valvole. L'uso di
un TPV ha eliminato la necessità di pieghe a mantice poiché la sua elasticità disaccoppia i movimenti del motore dall'intercooler ed evita il ricorso a uno
strato interno che protegga il condotto dall'azione
dei fluidi acidi.
5.
Automotive 2014 • 1
12-16 articolo trend SPE.indd 13
07/02/14 15.12
6.
14
Inoltre, il componente è completamente riciclabile a fine vita e ha prestazioni di isolamento acustico che migliorano il comfort dell'abitacolo. La
cover per airbag laterale della Ford Fusion 2013,
stampata a iniezione in TPO TT914 CNP di Mitsubishi
integra l'inserto di fissaggio metallico snellendo il
design del sedile e libera spazio per un'ampia
superficie di protezione. L'assieme semplifica l'assemblaggio della
parte e la alleggerisce rispetto alle versione precedente.
Materiali e processi
Il pannello strumenti della compatta Nissan Sentra
2013 è stampato a iniezione con pelle integrata e
vince nella categoria materiali con il TPV Sunvieo
A7171 di Asahi Kasei Chemicals. La fluidità di questo elastomero – ha un indice di 250 g/10 min – e
la sua resistenza meccanica hanno reso possibile
lo stampaggio di una pelle spessa un millimetro
6.
7.
8.
6.
7.
8.
The most innovative polymeric and composite
solutions winning the SPE Innovation Awards 2013.
market, spotting out the most innovative applications
of polymers and composites. The quality of innovation is also evaluated on the long run and a durable
one is that which wins the Hall of Fame, a prize assigned to a component that has been used for at least
15 years in the automotive or rapid transportation
industries. Ford Motor Company has won with the
front module of the sedan Ford Taurus and Mercury
Sable: it has been traveling since 1996 on the mentioned models, on vehicles derived from Taurus and on
cars of many other car companies that have adopted it in time, such as Volkswagen, Audi, Daimler, PSA
Peugeot Citroen, and Chrysler. The FEM integrates in
a single piece several subunits and separate functions, hence it reduces the total weight and eliminates assembly. It is realized through SMC (sheet-molding compound): at first thermoplastics have been
used with glass mats, compressed with long fibers or
injected with steel inserts, directly compounded in
line with or without continuous glass fiber reinforcements. “We have eliminated 22 sub-components
and 27 assemblies per vehicle, achieving a single
structural element with fastenings that position by
themselves, reducing the component‘s weight the
by 22% and the cost by 14% compared to its metal
predecessors”, says Ford. The use of thermoplastic
composites colored in the mass also eliminates the
VOC emission linked to metal painting.
The automotive division of the American Society of
Plastics Engineers has assigned, this year too for its
43rd edition that was celebrated with a gala ceremony in Livionia, Michigan,- November 6th 2013 prizes that emphasize the trend of the automotive
Exterior, interior, chassis
The hatchback door of the CUV Nissan Rouge has
won the Grand Award and the first prize in the car
exterior category; it is injection molded with olefin
resins by Lyondell Basell and reinforcements by
che asseconda incavi e sottosquadri senza lacerarsi. Il TPV ha un bell'aspetto, è soffice al tatto e
non compromette il rilascio dell'airbag: è più lucido, durevole del PVC e leggero (del 25%), applicato tramite formatura a rigetto si stampa in 60
secondi con un apporto minimo di spray distaccante. Per la sportiva Corvette Stingray 2014 di
General Motors è stato sviluppato da Globe
Machine Manufacturing e Plasan Carbon
Composites un processo rapido di stampaggio
fuori dall'autoclave di compositi rinforzati con fibra
di carbonio: il tempo ciclo è di 17 minuti contro i
150 richiesti dalla lavorazione in autoclave. Altri
plus sono la riduzione del costo della parte del
30% e del 75% dei materiali di consumo. Questo
approccio produttivo, vincitore nella categoria
processi produttivi, evita la polimerizzazione esotermica e il rivestimento di azoto con conseguente rilascio di sostanze volatili. Gli stampi rivestiti con
deposizione di vapori di nichel con linee di condizionamento a olio muovono il calore rapidamente lungo l'asse “Z” per una veloce polimerizzazione. Una calotta in silicone riutilizzabile riduce i costi
dei sacchi a perdere e le operazioni di finitura.
A.F.
L'alloggiamento per batteria della Chevrolet Spark 2014 elettrica
è stampato a compressione con una resina vinilestere termoindurente rinforzata vetro di Cytec.
Lo stampaggio a iniezione a pareti sottili di TPV è un'alternativa
eco-efficiente al rivestimento in PVC che emette il 58% di CO2:
Sunvieo A7171 vince tra i materiali.
PA 6 e ACM miscelate e stampate a soffiaggio per aspirazione
hanno permesso la realizzazione di un collettore di aspirazione
che migliora l'efficienza del motore.
The battery housing in the electric Chevrolet Spark 2014 is compression molded with a glass, reinforced thermosetting vinylesther
resin by Cyctec.
Injection molding with thin sections of TPV is an eco-efficient alternative to the PVC lining that releases 58% of CO2: Sunvieo A7171
wins in the Materials category.
PA6 and ACM mixed and suction blow molded have made it
possible to realize a suction manifold that enhances the engine’s
efficiency.
7.
8.
1 • Automotive 2014
12-16 articolo trend SPE.indd 14
07/02/14 15.12
Senza titolo-2 1
11/02/14 15.42
9.
16
Advanced Composites. The exterior panel is made
with the TPO Hifax TYC 1175, the internal one with
the polypropylene reinforced with long fibers
Mostran L5091-P. The component is completely
recyclable at the end of its lifecycle, with a 30%
weight reduction compared to its steel predecessor and a consequent fuel saving of 10%. The reduced weight facilitates opening and closing of the
hatchback door. The external panel in thermoplastic is faster to manufacture compared to the previous SMC, the internal one, colored in the mass
eliminates the need for painting,
Another LFT-PP Stamax 30YK270 by Sabic is injection molded in thin sections- with 2 mm thickness- to
manufacture the structure that contains the instrument board of the SUV Jeep Cherokee 2014 by
Chrysler. The average thickness of these parts
usually made in TPO, is included between 2.5 and
4 mm; the weight saving (-27%) and cycle time
reduction (-30%) is evident with a resin filled with
glass fiber for 30%, rigid and with impact strength, and the piece has won the prize in the car interiors
category. Sabic doubles in the Chassis/Hardware
category with the energy absorber assembled in
the bumpers of the sedan Ford Fusion and Mondeo
2013, injection molded with the blend PC/PBT
Xenoy 1103.
The part satisfies two conflicting requirements: the
581 standard that demands stiffness and the GTR
for pedestrian protection that imposes softness. The
component preserves energy absorption properties up to a warpage 100% and structural integrity
at temperatures from – 30° to 60°C.
Propulsion, electric systems, safety
A thermosetting vinylesther resin free of VOC by
Cyctec, compression molded has been used to
realize the housing of the electric battery in the
Chevrolet Spark EV 2014. The requirements of off-set
barrier, resistance to lateral and front collision, drop
tests, immersion in water. Impact and vibrations,
resistance to fire are satisfied by this first application
of the material, reinforced with a weave of interwoven glass fiber, for the casing that protects battery
components. The sturdy thermosetting composite is
40% lighter compared to a metal alternative: nonconductive, it doesn’t imply risks in the event of
accident and the absence of styrene emissions
protects workers’ health. The use of differentiated
patterns allows for localized reinforcements where
needed. The air duct for turbo engines by Rochling
Automotive assembled on the sedans Audi A4 and
A5 2011, with 2.0L TDI and TFSI engines has been
manufactured by suction blow molding using polyamide 6 and ethylene-acrylate copolymer by
Zeon. The application has won in the propulsion
category with a component that convines the air
intake with the heat exchanger of a suction manifold, halving the circulating air volume and thus
enhancing the engine’s response, reducing the
overall dimension of the battery pack by 40%.
Pressure losses are reduced, the turbine works less
maintaining the valves’ thrust. The use of a TPV has
eliminated the need for below folds since its elasticity uncouples the engine’s motions from the intercooler and avoids resorting to an internal layer that
protects the duct from the action of acid fluids.
Furthermore, the component is completely recyclable at the end of its lifecycle and has acoustic insulation properties that enhance comfort within the
passenger compartment. The cover for lateral
airbag of Ford Fusion 2013, injection molded in TPO
TT914 CNP by Mitsubishi integrates the metal faste-
ning insert, thinning the design of the seat and freeing
space for a broad protection surface. The set simplifies the assembly of the part and reduces its weight
compared to the previous version.
Materials and processes
The instrument panel of the compact Nissan Sentra
2013 is injection molded with integrated skin and wins
in the Materials category with the TPV Sunvieo A7171
by Asahi Kasei Chemicals. The fluidity of this elastomer- with an index of 250 g/10 min- and its mechanical resistance have made it possible to mold a 1-mm
thick skin that follows the indents and undercuts
without tearing. The TPV looks good , it’s soft to touch
and doesn’t jeopardize the airbag release; it is shinier, more lasting than PVC and lighter (by 25%), applied
by slush molding, it is molded in 60 seconds with a
minimum use of detaching spray. For the sporty
Corvette Stingray 2014 by General Motors, Globe
Machine Manufacturing and Plasan Carbon
Composites have developed a fast molding process
out of the autoclave- of composites reinforced with
carbon fiber: the cycle time is 17 minutes compared
to the 150 required by processing in the autoclave.
Other plus are the cost reduction for the part by 30%
and a 75% reduction in consumer materials. This productive approach, winner in the Productive Process
category, avoids exothermic polymerization and the
nitrogen lining with consequent release of volatile
substances. Molds lined with deposition of nickel
vapors with oil conditioning lines move the heat quickly along the “Z” axis for a fast polymerization. A reusable silicone cap reduces the costs of disposable
bags and finish operations.
o
9.
Vince nella categoria processi la tecnologia per la produzione in
serie di parti rinforzate in composito di fibra di carbonio di Globe
Machine Manufacturing e Plasan Carbon Composites.
10. Un tenace TPO di Mitsubishi tiene saldamente incapsulato il supporto
metallico nella cover per airbag laterale della Ford Fusion 2013.
9.
The technology for mass production of parts reinforced in carbon
fiber composite by Globe Machine Manufacturing and Plasan
Carbon Composites wins in the Process category.
10. A tough TPO by Mitsubishi holds the metal support firmly encapsulated in the lateral airbag cover of Ford Fusion 2013. 10.
1 • Automotive 2014
12-16 articolo trend SPE.indd 16
07/02/14 15.12
17 AUTO DIV.DESIGN
Senza titolo-2 1
23-11-2006
17:26
Pagina 1
11/02/14 15.43
18
L'AUTO-ALIANTE
The glider-car
Forme anfibie tra la Formula 1
e l'aeronautica per una concept
ecologica, procacciatrice di emozioni.
Amphibious forms in-between Formula 1
and aeronautics for an ecologic concept,
provider of emotions.
1.
1 • Automotive 2014
18-20 articolo nissan design anna.indd 18
07/02/14 15.03
2.
I detrattori dei veicoli a basso
impatto ambientale hanno
sempre meno argomenti
per deprecarne il design
poco glamour: Nissan
BladeGlider Concept 2014 è
una roadster a propulsione
elettrica con “ali” triangolari,
dichiaratamente ispirata a
una McLaren da pista, equipaggiata di volante in stile
cloche di aereo, impreziosita
da accenti metallici nella
carrozzeria, che schiude le
portiere ad ali di gabbiano.
L'idea germinativa di questa
vettura presentata al recente Tokio Motor Show (22
novembre – 1° dicembre
2013) risale al 2008 e porta la
firma di Ben Bowlby.
La volumetria trapezoidale
tendente al triangolo le conferisce un coefficiente di
attrito
particolarmente
basso, che a parità di prestazioni dimezza il fabbisogno energetico della vettura. Con il nome di DeltaWing,
l'auto di All American Racers
con motore Nismo (Nissan
Motorsport) ha corso durante
l'edizione 2012 della 24 ore di
Le Mans; una versione ibrida
elettrica con batterie agli ioni
di litio, molto simile nel disegno dello chassis, è Nissan
ZEOD RC (Zero Emission on
Demand Racing Car), pronta a gareggiare a Le Mans
2014.
Aerodinamicità del trapezio
BladeGlider Concept ha forti
parentele con ZEOD, è futuribile ma non troppo 'esotica'
per la dichiarata ispirazione
alle racing car e nasce con
“l'obiettivo di rivoluzionare
l'architettura
consueta
dell'auto per scatenare
nuove emozioni e rendere
visibile ai consumatori come il
tema delle emissioni zero può
ridefinire la nostra concezione degli elementi basilari di
un veicolo”, osserva Francis
Bancon, General Manager
Product
Strategy
and
Product Plannin di Nissan.
La carreggiata anteriore
misura solo un metro, la
posteriore raggiunge 1,8
metri: la pianta trapezoidale
con le due ruote anteriori
poste a distanza ravvicinata
fornisce aerodinamica e
maneggevolezza, la distribuzione del peso varia le percentuali tradizionali 50/50 in
favore di 30/70, scelta che
nelle progenitrici si è dimostrata funzionale alla velocità
in curva con prestazioni alla
pari, se non superiori, alle
auto da corsa con layout
convenzionali. Abbandonato il tradizionale motore a
combustione da 1,6 litri della
Deltawing, la propulsione
elettrica della Bladeglider è
affidata a pacchetti batterie
agli ioni di litio posizionati
nelle ruote posteriori, una
scelta che favorisce la distribuzione ottimale dei pesi e
libera da vincoli il design
complessivo del veicolo, eliminando l'attrito correlato
ad una struttura squadrata
convenzionale. L'impiego di
compositi e materiali plastici
rinforzati snellisce lo chassis e
il corpo vettura; la deportanza aerodinamica è creata
dal sottoscocca in fibra di
carbonio, rigido ma leggero,
che elimina la necessità di ali
per indurre la resistenza.
"BladeGlider è stato concepito per dare le stesse sensazioni del volo planato, come
conferma la struttura leggera, aerodinamica, compatta e super-efficiente. - spiega
Shiro Nakamura, Senior Vice
1. La pianta trapezoidale di BladeGlider 2014, con ruote anteriori molto
ravvicinate – la carreggiata anteriore misura 1 metro – riduce l'attrito
dell'aria.
2. La spavalda concept sarà la prima
vettura Nissan a sfruttare i motori
"in-wheel", posti direttamente sulle
ruote.
3. La trazione posteriore con batterie
agli ioni di litio consente di progettare la parte alta della scocca con
maggiore libertà e di organizzare lo
spazio in modo efficiente.
1. The trapezoidal layout of BladeGlider 2014, with very close front wheels- the front wheeltrack measures
one meter- reduces fiction with air.
2. The bold concept will be the first
Nissan car to exploit the “in-wheel
engines”, directly placed on the
wheels.
3. Rear drive with lithium ion batteries
allows to design the upper part of
the body with more freedom and
to organize space efficiently.
19
President e Chief Creative
Office Nissan - Il design che
abbiamo messo a punto è
più che rivoluzionario: è una
trasformazione radicale, un
prototipo che mette le nostre
migliori tecnologie di propulsione elettrica e lo stile delle
auto da corsa al servizio di
una nuova dimensione di
guida".
A.F.
3.
Automotive 2014 • 1
18-20 articolo nissan design anna.indd 19
07/02/14 15.03
20
Critics of low-environmental
impact vehicles have less
and less elements to despise
its scarcely glamorous
design. Nissan BladeGlider
Concept 2014 is an electricdrive roadster with triangular
‘wings’, markedly inspired to
a racing McLaren, fitted
with a steering wheel like an
airplane’s control stick and
made precious by metal
accents in the body that
opens its gull wing doors .
The original idea for this vehicle presented at the recent
Tokyo Motor Show (No-
vember 22nd-December 1st,
2013) dates back to 2008
and is signed by Ben Bowlby.
The trapezoidal volumes tending to the triangle confer
an especially low friction
coefficient, which with equivalent performances halves
the energy requirement of
the car. With the name
DeltaWing, the car by All
American Racers with Nismo
engine (Nissan Motorsport)
has run during the 2012 edition of the 24 hours of
LeMans; a hybrid electric
version with lithium ion batteries, very similar in its chassis
design is Nissan ZEOD RC
(Zero Emission on Demand
Racing Car), ready to compete at Le Mans 2014.
Aerodynamicity
of the trapezium
BladeGlider Concept has
very close links sto ZEOD, it is
futuristic ma not excessively
‘exotic’ for the declared
inspiration to the racing car
and it is born with the “goal
of revolutionizing the conventional architecture of the
car, to unleash new emotions and make it clear for
the consumer how the issue
of zero emissions can redefine our idea of the basic car
elements” says Francis
Bancon, General Manager
Product
Strategy
and
Product Plannin at Nissan.
The front wheel track only
measures one meter, the
back is 1.8 meters; the trapezoidal layout with the two
front wheels placed at a
close distance provides
aerodynamicity and easy
handling, the weight distribution varies the traditional
50/50 percentages in favor
of 30/70, a choice which in
the progenitors have proved
to be functional to speed
when curving with equivalent, if not superior, performances to racing cars with
conventional layouts.
Having abandoned the traditional 1, 6 liter combustion
4.
5.
engine of the Deltawing,
the electric drive in
Bladeglider is assigned to
lithium ion battery packs
placed in the rear wheels, a
choice that favors the optimum distribution of weights
and frees the overall car
design from constraints, eliminating the friction related
to a squared conventional
structure. The use of composites and reinforced plastic
materials slims the chassis
and the car body; the aerodynamic downforce is created by the underbody in
carbon fiber, rigid but light,
that eliminates the need for
wings to induce resistance.
“BladeGlider has been conceived to provide the same
feelings of the gliding flight,
as confirmed by the light,
aerodynamic, compact
and super-efficient structure” says Shiro Nakamura,
Senior Vice President and
Chief Creative Office Nissan.
The design we have developed is more than revolutionary: it is a radical transformations, a prototype that
puts our best electric drive
technologies and the style of
the racing car to the service
of a new driving dimension”.
o
4. Volante a cloche e design a metà
tra il racing e l'aeronautica per
l'abitacolo di un veicolo elettrico
“concepito per dare la sensazione
del volo planato”.
5. Layout a tre posti, sottoscocca in
fibra di carbonio e corpo vettura in
materiali plastici rinforzati: il design
è snello e high-tech.
4. The control stick steering wheel, and
the design in-between aeronautics and racing for the interior of an
electric vehicle, “conceived to provide the feeling of a gliding flight”.
5. Three-seat layout, underbody in
carbon fiber and car body in reinforced plastic materials: the design
is slim and high-tech.
1 • Automotive 2014
18-20 articolo nissan design anna.indd 20
07/02/14 15.03
Senza titolo-1 1
10/01/14 16.15
MOBILE, INDIPENDENTE... EQUAL
Mobile, independent, equal
Il progetto di una piccola city car
elettrica aumenta la libertà di muoversi
di chi usa la sedia a rotelle.
The project of a small electric city
car increases the freedom to move
for people using wheel chairs.
22
Dallo stile dinamico e accattivante, a prima vista Equal
potrebbe apparire un’ulteriore proposta di auto elettrica da città. Si tratta in realtà
di un interessante progetto
dedicato dallo studio
Absolute Design alla mobilità dei disabili.
I dettagli di un’idea
“Dal momento che il nostro
studio si trova in Croazia, –
affermano Vedran Martinek
e Dario Dropucic, titolari di
Absolute Design – dove una
lunga e dolorosa guerra ha
reso molte persone disabili,
abbiamo pensato di ideare
una soluzione specifica per
loro, piuttosto che affrontare
la competizione con fabbricanti di piccole auto elettriche molto più grandi e strutturati di noi. Non volevamo
proporre l’ennesima city car,
l’idea era piuttosto quella di
sviluppare un’auto che
avesse un’anima, una personalità, che facesse voltare
la testa alla gente che la
vedeva passare per strada.
Coniugare un aspetto
accattivante, un’efficace
funzionalità e il contenimento dei costi non è stato semplice. È molto diverso progettare un’auto per un mero
scopo espositivo e progettare un’auto che tu intendi
portare in produzione. Sia
nella fase iniziale di design
sia nel corso della realizzazione del modello 3D abbiamo
dovuto valutare attentamente ogni dettaglio. La
decisione di conferire
un’estetica attraente non
poteva farci trascurare le
numerose regole che un
mezzo di questo tipo impone
di rispettare. Inoltre, le dimensioni compatte del veicolo
fanno sì che la variazione di
una qualsiasi linea sulla carrozzeria esterna si rifletta nella
modifica di tutte le altri parti
del progetto: tutto è collegato, tutto deve raccordarsi.
Accanto agli aspetti di stile e
ingegneristici,
abbiamo
dedicato particolare attenzione ai fattori psicologici,
considerando come può
sentirsi un disabile che possieda Equal, come gli interni
influiscano su di lui e come
venga percepito dall’esterno mentre è alla guida
dell’auto. Abbiamo infine
dovuto affrontare tutte le
problematiche relative al
reperimento delle informazioni sui componenti che
intendevamo utilizzare, sulla
differenza di costo tra i prototipi e la produzione in serie,
oltre a tutte le difficoltà inerenti alla definizione del business plan. Non si è trattato
solo di risolvere problemi di
tipo progettuale e ingegneristico, che sono parte del
nostro lavoro e quindi, come
designer, amiamo affrontare,
ma di occuparci di tutti gli
innumerevoli aspetti che solitamente, nel processo di realizzazione di una macchina,
vengono gestiti da un corposo team di lavoro, mentre noi
siamo due giovani, seppure
intraprendenti, progettisti
con un’idea in testa”.
1.
1 • Automotive 2014
22-26 articolo equal design lucina.indd 22
07/02/14 15.00
2.
Una soluzione per tre
Chi non può camminare
sulle proprie gambe, oltre
all’esigenza comune a tutti
di spostarsi agevolmente in
mezzo al traffico, sente il
bisogno di farlo in totale
indipendenza, sentendosi
‘uguale’ agli altri. Sulla base
di tali necessità, emerse
dalle ricerche di mercato
condotte nella fase iniziale
di progettazione, in collaborazione con alcune persone disabili, Absolute
Design ha sviluppato Equal.
Questa piccola auto elettrica, funzionale e dall’immagine ‘cool’, intende racchiudere in un unico mezzo
la risposta alle tre richieste:
mobilità, uguaglianza, indipendenza.
Uno degli aspetti che distingue maggiormente Equal
dalle ‘normali’ city car è
l’ingresso. Non si accede
infatti al veicolo da portiere
laterali ma da un ampio
portellone posto sul retro,
che si solleva verso l’alto
mentre un pianale inferiore
si appoggia a terra: in tal
modo si crea un pratico scivolo di ingresso che consente di entrare nell’auto senza
abbandonare la carrozzella. Per fornire a portellone e
pianale il giusto connubio di
robustezza e leggerezza,
Absolute Design ha pensato
di ricorrere a un telaio in
acciaio (come quello che
compone il resto della struttura dell’auto) rivestito esternamente e internamente
da una cover in ABS o altro
materiale plastico rigido.
Per migliorare la trazione tra
la superficie dello scivolo e
le ruote della carrozzella, la
copertura del pianale prevede inoltre parti rivestite in
gomma.
La carrozzeria è stata sviluppata per consentire all’utente di essere considerato
‘uguale’, almeno a bordo di
Equal. “Le persone disabili
– spiegano i due designer
– non vogliono in alcun
modo sottolineare il proprio
stato, vogliono essere trattate come tutti gli altri. Per
questo, abbiamo progettato l’auto in modo che,
dall’esterno, non si veda se
il guidatore è sulla sedia a
rotelle o su un sedile convenzionale. Questo risultato
è stato raggiunto attraverso molti piccoli accorgimenti, ma soprattutto
alzando la linea delle fiancate che ha contribuito a
conferire al veicolo una più
aggressiva spinta in avanti.
Gli interni sono stati progettati in maniera ergonomica, tenendo conto delle
peculiarità di una persona
disabile. Il sistema di guida
consiste in un volante rego-
labile con un pomello per
permettere di sterzare facilmente anche con una sola
mano cui si aggiunge l’Autoadapt
Carospeed
Menox, un intuitivo dispositivo manuale usato per
accelerare o frenare che
integra in un unico punto
tutte le funzioni. Ai lati, gli
interni prevedono corrimani e maniglie che agevolano l’ingresso e l’uscita
dall’auto. Inoltre, sono presenti numerosi scomparti,
facilmente accessibili, per
riporre oggetti di vario
genere. La funzionalità è
importante, ma noi volevamo dotarla di grande stile.
Ecco perché gli esterni di
Equal sono stati disegnati
per essere originali, con
una silhouette sportiva ed
elegante, ulteriormente
accentuata dal contrasto
cromatico della carrozzeria
bicolore. Nel complesso, ci
siamo tuttavia premurati di
mantenere la massima
semplicità, la quale, oltre a
suggerire una grande pulizia formale, concorre a limitare i costi di produzione.
A completamento della
funzionalità del veicolo, sul
portellone posteriore è
stato incorporato un contenitore rimovibile che risolve
l’inconveniente del piccolo
bagagliaio, tipico delle
micro-car. Il suo design è
stato studiato in modo
ergonomico, per consentire a chi si trova sulla sedia a
rotelle di avvicinarvisi il più
possibile senza fare troppa
fatica per accedere al suo
contenuto”.
L.C.
23
1. La city car elettrica Equal progettata da Absolute Design per favorire
la mobilità di chi usa la sedia a rotelle.
2. Lo studio ha conferito alla vettura
una personalità “da far voltare
la testa a chi la vede passare per
strada”.
3. L’accesso a Equal avviene tramite
un ampio portellone posto sul retro,
che si solleva verso l’alto, e uno scivolo che agevola l’ingresso della
carrozzella.
1. The electric city car Equal designed by Absolute Design to favor
mobility of people using wheelchairs.
2. The office has conferred to the car
a personality that makes people
turn around when they see it pass
in the streets.
3. Entering Equal occurs through a
broad hatchback door that rises
towards the top and a slide that
facilitates the entrance of the wheelchair.
3.
Automotive 2014 • 1
22-26 articolo equal design lucina.indd 23
07/02/14 15.00
4. Un dettaglio degli interni.
5. La linea alta delle fiancate non
lascia vedere se il guidatore è seduto o meno sulla sedia a rotelle.
6. Un box rimovibile ed ergonomico
svolge le funzioni di un pratico bagagliaio facilmente accessibile.
7. Alcune possibili varianti cromatiche della carrozzeria bicolore.
4. A detail of the interiors.
5. The high shoulder line of the sides
doesn’t allow seeing if the driver is
sitting on a wheelchair or not.
6. A removable and ergonomic storage box performs the functions of
a handy luggage compartment
that is easily accessible.
7. Some possible chromatic versions
of the two-tone body colors.
4.
With a dynamic and engaging style at first sight Equal
could appear like yet another proposal for an electric
city car. In truth, it is an interesting project dedicated to
the mobility of disabled people by the office Absolute
Design.
24
The details of an idea
“Since our office is in Croatia
- say Vedran Martinek and
Dario Dropucic, owners of
Absolute Design - where a
long and painful war has
made many people disabled, we thought about cre-
ating a specific solution for
them, rather than facing the
competition with manufacturers of small electric cars
that were much lager and
more organized than us.
We didn’t want to propose
yet another boring city car,
the idea was rather to develop a car that had a soul, a
personality that would make
people turn around to look
at it when passing on the
street. Combining an engaging aspect, an effective
functionality and cost containment has not been easy.
It is very different to design a
car for a mere exhibition purpose and design a car you
intend to bring to production. Both in the initial design
stage as during the realization of the 3D model we
have had to evaluate every
detail carefully. The decision
to confer an attractive
esthetics could not make us
neglect the many rules that
must be respected in a vehicle of this type. Furthermore,
the compact dimensions of
the vehicle determine that
the variation of any line on
the external body reflects in
the modification of all the
6.
5.
other parts of the project:
everything is linked, everything must come together.
Besides the style and engineering aspects, we focused especially on psychological factors, considering
how a disabled person who
owns Equal may feel, how
the interiors affect him, and
how he is perceived from
the outside while he is driving
the car. Eventually we had
to deal with all the problems
of finding information on the
components we wanted to
use, on the cost difference
between the prototypes
and mass production, besides all the difficulties inherent to the definition of the
business plan. It was not only
a matter of solving design
and engineering problems,
which are part of our work
and hence as designers, we
love to deal with, but of
facing all the countless
aspects that usually, in a
car’s realization process, are
handled by a substantial
team, while we are only two
young, albeit pro-active
designers, with an idea in our
head”.
A solution for three
People who cannot walk on
their legs, besides the shared
need of having to move
around in traffic feel the
need to do so 100% independently, feeling just like
other people.
On the basis of such needs
that have emerged from the
market surveys carried out in
the initial design stage, together with some disabled people, Absolute Design has
developed Equal. This small
electric car, functional and
with a ‘cool’ image, intends
to gather in a single vehicle
the answer to the three
requests: mobility, equality,
independence.
7.
1 • Automotive 2014
22-26 articolo equal design lucina.indd 24
07/02/14 15.00
Senza titolo-2 1
11/02/14 15.48
26
One of the aspects that
mostly distinguished Equal
from ‘normal’ city cars is the
entry. One doesn’t enter
the vehicle from side doors
but from a large hatch door
placed on the back that
rises towards the top while
an entering board rests on
the ground: in this way a
handy entrance slide is created that allows entering
the ar without having to
leave the wheel chair. To
confer to the hatchback
and the entering board the
correct combination of sturdiness
and
lightness.
Absolute Design has thought about resorting to a
steel frame (like he one that
8. Absolute Design cerca contributi
per realizzare il prototipo dell’auto
e portare Equal su strada.
8. Absolute Design is looking for
contributions to realize the car’s
prototypes and bring Equal on the
road.
makes up the car structure) externally and internally lined with a cover in ABS
or other rigid plastic material. To enhance traction
between the slide’s surface and the wheelchair’s
wheels, the cover of the
loading platforms also
includes parts lined in rubber. The bodywork has
been developed to allow
the user to be considered
‘equal’, at least on board
Equal. “Disabled peopleexplain the two designersdon’t want in any way to
emphasize their condition, they wish to be treated like everybody else.
For this reason, we have
designed the car so that
from the outside, you cannot see if the driver is on a
wheelchair or on a conventional seat. This result has
been achieved through
many small details, but
above all raising the shoulder line that has contributed to confer onto the vehicle a more aggressive forward stance. The interiors
have been designed ergonomically, keeping into
account the peculiarity of a
disabled person. The driving
system consists of a steering
wheel that is controlled
through a spinner knob to
allow steering easily even
with one hand only; then
OBIETTIVO: PROTOTIPO
Absolute Design è certa che il progetto Equal possa portare un
valido aiuto alla mobilità delle persone disabili e che i tempi siano
maturi per la sua realizzazione. Mancano però i finanziamenti per
creare il prototipo del veicolo e ottenere tutta la documentazione tecnica necessaria al suo riconoscimento ‘legale’. Ecco perché lo studio ha lanciato a dicembre 2013 una campagna di
raccolta fondi che si prefigge l’obiettivo di raccogliere
150.000 $ entro il 23 febbraio 2014. È possibile partecipare alla
raccolta secondo diverse fasce di contributo, come è spiegato sul sito http://www.indiegogo.com/projects/equal-carfor-disabled-people. “Se non raggiungeremo l’obiettivo dei
150.000 $, non saremo in grado di costruire da soli il veicolo e,
seppure non abbandoneremo l’idea di realizzare il progetto,
restituiremo ad ognuno la cifra che ci ha versato. – sottolinea
il team di Absolute Design – Se invece riusciremo a raccogliere tale cifra o una somma superiore (fino a 1.000.000 $) investiremo ogni centesimo nelle successive fasi necessarie ad
arrivare alla produzione in serie, alle infrastrutture, al personale
e alla rete di servizi in modo da coprire quanti più mercati
internazionali sia possibile. Oltre ai finanziamenti, saremmo
felici di ricevere la collaborazione di aziende disponibili a partecipare, a diverso titolo, alla produzione dei prototipi e del
veicolo, e non escludiamo la possibilità, in estremo, di vendere il nostro progetto pur di vederlo realizzato e utilizzato”.
8.
there is the Autoadapt
Carospeed Menox, an intuitive manual device used to
accelerate or brake that integrates all functions in a single
point. To the sides, the interiors
include handrails and handles
that facilitate entering and
exiting the car. Furthermore,
there are several, easily
accessible, compartments, to
store any kind of object.
Functionality is important but
we wanted to provide it with
grand style. This is why Equal’s
exteriors have been designed
to be original, with a sporty
and elegant silhouette, further
accentuated by the chromatic contrast of the two-tone
body color.
Overall, we have taken
care of keeping the utmost
simplicity which, besides
suggesting a great formal
order, contributes to limit
production costs.
To complete the vehicle’s
functions, on the hatchback we have incorporated a removable container
that solves the inconvenient
of the small luggage compartment, typical of micro
cars. Its design has been
studied ergonomically to
allow the person on the
wheelchair to approach it
as much as possible and
reach its content without
too much effort”.
o
GOAL: PROTOTYPE
Absolute Design is sure that the Equal project may bring a valid
help to mobility of disabled people and that the time is ripe for
its realization. Yet financing to create the vehicle’s prototype
and achieve all the technical documentation required for its
‘legal’ recognition is missing. This is why in December 2013, the
office has launched a fundraising campaign whose goal is to
collect 150000 $ by February 23rd, 2014.
It is possible to participate to the fundraising according to different contribution ranges, as explained on the site: http://www.
indiegogo.com/projects/equal-car-for-disabled-people.
“If we don’t reach the goal of 150000 $ we will not be able to
build the vehicle by ourselves and although we will not abandon the idea of realizing the project, we will return to each
person the amount paid- says the Absolute Design team. If, on
the contrary, we will manage to put together this money or
more (up to 1000000$) we will invest every cent in the subsequent stages required to reach mass production, the infrastructures, the staff and the service networking so as to cover as
many international markets as possible.
Besides financing, we will be happy to receive the collaboration of companies ready to participate, in various manners, to
the production of prototypes and of the vehicles and we don’t
exclude the possibility, in extreme, of selling our project just to
make sure it is realized”.
1 • Automotive 2014
22-26 articolo equal design lucina.indd 26
07/02/14 15.00
31 AUTO DIV.ENGINEERING
Senza titolo-2 1
23-11-2006
17:35
Pagina 1
11/02/14 15.43
28
1.
IDROGENO, OSSIGENO, AZOTO
Hydrogen, oxygen, nitrogen
Ibridi ecosostenibili
alla riscossa: FCV,
motori pneumatici,
pannelli solari.
La ricerca di propulsioni a
basso impatto ambientale
procede destreggiandosi
tra molteplici difficoltà: la
creazione di un'adeguata
rete di distribuzione ‘alternativa’, il prolungamento
dell'autonomia in modalità
elettrica e la riduzione del
tempo necessario per la
ricarica, pesi e ingombri tuttora consistenti di serbatoi e
batterie che ostacolano il
comfort e il piacere di guida
dei veicoli ibridi, i costi ancora troppo elevati dei sistemi
'verdi'. In attesa di una soluzione in grado di evitare al
meglio la dipendenza dal
petrolio, le proposte avanzano su più fronti.
La berlina e il SUV
L'alimentazione a celle di
combustibile è una tecnologia promettente sotto il profilo ambientale: l'idrogeno
entra in contatto con l'ossigeno dell'aria e reagisce
producendo energia elettrica rilasciando come unico
prodotto di scarto vapore
acqueo. Attualmente però
le unità fuel-cell (costituite
da celle a combustibile, serbatoi per il gas e inverter)
sono molto costose e le
infrastrutture per il rifornimento di idrogeno insufficienti.
Per esempio, Toyota FCV è
un fascinoso concept presentato al Salone dell'Auto
di Los Angeles (22 novem-
bre - 1° dicembre 2013) che
anticipa una vettura di serie
pronta per la commercializzazione nel 2015 a partire da
Giappone, Stati Uniti ed
Europa, ma solo nelle aree
dove saranno presenti i
distributori. Toyota FCV è
un'elegante quattroporte a
quattro posti, lunga quasi
4,9 metri, dalla linea fluida. I
serbatoi di idrogeno sono
posizionati trasversalmente,
uno sotto il divanetto e uno
sotto il bagagliaio, mentre le
celle a combustibile trovano posto sotto i sedili anteriori. Il costo dell'unità fuel cell
mantiene alto il prezzo globale della vettura – previsto
in 100.000 dollari - anche se,
afferma Toyota, continua a
decrescere: nel 2007 si aggirava intorno a un milione di
dollari, nel 2015 dovrebbe
attestarsi intorno ai 50.000
dollari. L'ibrida Hyundai ix35
Fuel Cell è alimentata da un
motore agli ioni di litio da
24kW e da una cella a combustibile di 100 kW. L'idrogeno
ad elevata pressione è contenuto in due serbatoi, uno
più grande posizionato sotto
il vano di carico cui sottrae
circa 10 litri di capacità e
uno più piccolo anteriore
per un totale di 5,64 kg: il
pieno si effettua in meno di 5
minuti, è vigilato da un sensore a infrarossi che si interfaccia con la pompa erogatrice e garantisce un’autonomia di 594 km. Molto
simile per design alle sorelle
a motore termico, la vettura
ne differisce per il logo della
calandra su fondo blu, il
disegno della griglia, la
forma dei fascioni paraurti,
l’assenza dei terminali di
scarico e per un peso di
circa 200 kg in più.
Normalmente,
l'energia
necessaria è fornita interamente dall'idrogeno: quando occorre ulteriore spinta è
fornita dalla batteria al litio.
Idrazina per il camioncino
Il mini camion di Daihatsu FC
Deco Deck si fa notare a
prima vista per il design,
potremmo dire, a scatole
sovrapposte e per la messa
a punto di una tecnologia
FC più economica. Nel
costo elevato della cella a
combustibile una discreta
parte si deve all'impiego del
platino come catalizzatore
dell'elettrodo poiché la
buona resistenza alla corrosione del pregiato metallo lo
protegge dall'acidità della
membrana elettrolitica polimerica della cella. La tecnologia Daihatsu impiega
una membrana di scambio
ad anione alcalino per sostituire il platino usato come
catalizzatore con nichel o
cobalto. Inoltre, al posto
dell'idrogeno, la pila utilizza
come combustibile idrazinaidrato (idrogeno e azoto)
caratterizzato da una elevata densità energetica, assimilabile all'idrogeno ma più
facile da maneggiare perché liquido. L'idrato di idrazina, in concentrazioni superiori al 30%, è una sostanza
pericolosa: per garantirne
l'utilizzo sicuro l'azienda lo
fissa all'interno del serbatoio
utilizzando un polimero che
ne riduce gli effetti nocivi in
caso di danneggiamento
del contenitore. Una pila
supplementare è collocata
in un generatore a bordo,
per fornire energia in casi
d'emergenza o in zone isolate. Pila e motore sono posizionati sotto il pavimento del
singolare veicolo di concezione modulare, che permette una configurazione
versatile dei posti a sedere.
Ad aria
Dopo lunga gestazione, è
pronta e prevista per la produzione nel 2016 la tecnologia Hybrid Air annunciata
anni fa da PSA Peugeot
Citroën, che affianca al
motore termico, per lo stoccaggio dell'energia, un
1 • Automotive 2014
28-30 articolo idrogeno engineering.indd 28
10/02/14 17.21
2.
motore 'pneumatico' alimentato ad aria compressa realizzato in collaborazione con
Bosch. Leggero (pesa circa
100 kg) e compatto, è ideato
per sostituire le batterie elettriche nelle vetture ibride dei
segmenti B e C e nei piccoli
veicoli commerciali: consuma meno di tre litri ogni 100
km e rilascia circa 69 g/km di
CO2 a fronte dei 95 g/km
stabiliti come emissioni limite
dalle normative. Hybrid Air
utilizza il motore a benzina 1.2
VTi da 82 cavalli abbinato a
un sistema che sfrutta l’energia immagazzinata in una
bombola di aria compressa,
ovvero azoto, un’unità idraulica (pompa/motore) e una
trasmissione automatica. I
componenti idraulici recuperano e immagazzinano
l’energia generata dal motore a combustione quando
opera alla massima efficienza e l’energia cinetica prodotta in frenata e decelerazione. In particolare, una
pompa idraulica trascinata
dalle ruote manda in pressione dell’olio il quale a sua
volta comprime l’aria all’interno di una bombola posta
sotto il pianale. In accelerazione l’aria si espande portando ad alta pressione l’olio
che aziona il motore idraulico, il quale a sua volta
aumenta la spinta alle ruote.
In tal modo, è possibile recuperare fino al 95% dell’energia cinetica in frenata. Il processo di immagazzinamento
e rilascio dell’energia è molto
rapido, pertanto, secondo
PSA, in un percorso cittadino
permette di consumare fino
al 45% in meno.
Fame di UV
A CES 2014 (7-10 gennaio), il
salone dell'elettronica di
consumo e della tecnologia che si
svolge a
Los
Angeles, Ford
ha presentato
la
concept
car ibrido-elettrica a energia
solare C-MAX Solar Energi. Le
auto ibride ricaricano le batterie principalmente tramite
un motore a combustione, le
ibride plug-in utilizzano una
presa elettrica: il tetto di questa concept è composto da
pannelli fotovoltaici. I ricercatori del Georgia Institute of
Technology hanno sviluppato
il convogliatore ottico utilizzando delle speciali lenti di
Fresnel che indirizzano i raggi
solari verso le celle fotovoltaiche orientandosi dinamicamente in base alla posizione
del sole. Una giornata di
esposizione equivale ad una
ricarica convenzionale di 4
ore, circa 8 kilowatt, mentre
con una ricarica completa
l’autonomia è di circa 1.000
chilometri, di cui 35 percorsi in
modalità esclusivamente
elettrica. La vettura, frutto di
una ricerca congiunta di
Ford, Georgia Tech e
SunPower, produttore di celle
a energia solare ad alta efficienza, è dotata di una presa
per la ricarica convenzionale
per integrare la sorgente solare, la quale, secondo Ford,
3.
può coprire fino al 75% della
percorrenza annuale media.
A.F.
Eco-sustainable
hybrids in the spotlight:
FCV, pneumatic
engines, solar panels.
The research for low-environmental propulsion proceeds
while coping with several difficulties: the creation of an
adequate, ‘alternative’ distribution network, the extension
of the range in the electric
mode and the reduction of
recharge time, weight and
overall volumes of tanks and
batteries that are still remarkable and that hinder the comfort and pleasure of driving
hybrid vehicles, still excessively
high costs for ‘green’ systems.
Waiting for a solution that can
avoid at best dependence
from petrol, proposals continue on different fronts.
The sedan and the SUV
Fuel cell powering is a promising technology in terms of
the environment: hydrogen
comes into contact with oxy-
1.
2.
3.
4.
1.
2.
3.
4.
Toyota FCV Concept ha un'autonomia di quasi 500 km, nuovo
standard delle vetture con celle a
combustibile: il modello di serie
sarà commercializzato nel 2015.
Il sottocofano di Hyundai ix35 Fuel
Cell: motore elettrico di trazione ed
elettronica di controllo gravano
per 120 kg sull'avantreno.
Bizzarro ma affascinante, il design
modulare del mini camion FC
Deco Deck di Daihatsu dichiara la
libertà concessa dal posizionamento di pila e motore sotto il
pavimento.
Uno sviluppo congiunto del
Gruppo PSA e Bosch ha messo a
punto un sistema ad aria compressa che recupera energia negli
“stop&go” delle vetture ibride.
Toyota FVC Concept has a range
of almost 500 km, new standard of
vehicles with fuel cells: the serial
model will be marketed in 2015.
The underhood of Hyundai ix35
Fuel Cell: electric traction engine
and control electronics weigh for
120 kg on the front axle.
Bizarre yet fascinating, the modular
design of the mini van FC Deco
Deck by Daihatsu claims the freedom made possible by positioning
the cell and engine under the floor.
A joint collaboration of the PSA
Group and Bosch has developed
a compressed air system that recovers energy in the “stop&go” of
hybrid cars.
29
gen in the air and reacts by
producing electric energy
and releasing water vapor
as sole exhaust product. Yet
currently the fuel-cell units
4.
Automotive 2014 • 1
28-30 articolo idrogeno engineering.indd 29
10/02/14 17.21
30
(made by fuel cells, gas tanks
and inverter) are very expensive and the infrastructures for
hydrogen refueling are insufficient.
For example, Toyota FCV is a
fascinating concept presented at the Car Show in Los
Angeles (November 22ndDecember 1st, 2013) that anticipates a mass-produced car
ready to be marketed in 2015
starting from Japan, the United
States and Europe, but only in
the areas where distributors will
be present. Toyota FCV is an
elegant 4-door, 4-seats, almost
4.9 meters long, with a fluid
line. The hydrogen tanks are
placed crosswise, one under
the banquette and one under
the luggage compartment,
while the fuel cells are located
under the front seats. The cost
of the fuel-cell unit keeps the
total price of the vehicle high
– planned in 100.000 dollarseven if, according to Toyota, it
keeps decreasing: in 2007 it
was around one million dollars;
in 2015 it should stop at around
50.000 dollars.
The hybrid Hyundai ix35 Fuel
Cell is powered by a 24 kW
lithium ion engine and a 100
kW fuel cell. The high-pressure
hydrogen is stored in two
tanks, a larger one placed
under the loading compartment from which it takes
about 10 liters in capacity and
a smaller front one for a total
of 5.64 kg. Fill-up takes less
than 5 minutes and is monitored by an infrared sensor that
interfaces with the dispensing
pump and ensures 594 km
range. Very similar in its design
on the combustion engine
sisters the car differs for the
logo of the grille on blue
background, the form of the
bumpers bands, the lack of
exhaust terminals, and for a
weight about 200 kg superior. Normally, the necessary
energy is provided entirely
by the hydrogen: when a
further thrust is needed it is
given by the lithium battery.
Hydrazine for the mini-van
The mini-van FC Deco Deck
by Daihatsu immediately
stands out for its design, we
could say in overlapped
boxes and for the development of a cheaper FC technology. In the high cost of
the fuel cell a fair part is
determined by the use of
platinum as electrode
catalyst since the good resistance to corrosion of the
precious metal protects it
from the acidity of the polymeric electrolytic cell membrane. The Daihatsu technology uses an alkaline anion
exchange membrane to
replace the platinum used
as catalyst with nickel or
cobalt. Furthermore, instead
of hydrogen the cell uses
hydrazine-hydrate (hydrogen and nitrogen) as fuel,
featuring a high energy density, comparable to hydrogen but easier to handle
because liquid. The hydrazine hydrate, in concentrations superior to 30% is a dangerous substance: to ensure
its safe use, the company
secures it inside the tank
using a polymer that reduces its hazardous effects in
the event of damages to the
container. An additional cell is
placed in a generator on
board, to provide energy in
emergency situations or in isolated areas. Cell and engine
are placed under the floor of
the original vehicle with a
modular conception that
allows having a versatile seat
configuration.
With air
After a long incubation it is
ready and planned for production in 2016: it’s the Hybrid
Air technology announced
years ago by PSA Peugeot
Citroen that will go alongside
the combustion engine, to
store energy, a ‘pneumatic’
engine powered with compressed air realized together
with Bosch. Light (it weighs
about 100 kg) and compact
it has been created to replace electric batteries in hybrid
vehicles of the B and C segments and in small commercial vehicles: it consumes less
than three liters every 100 km
and releases about 69 g/km
of CO2 against the 95 g/km
established as limit emissions
by regulations.Hybrid Air uses
the petrol engine 1.2 VTi, 82
Hp, combined with a system
that exploits the energy stored in a cylinder of compressed air, i.e. nitrogen, a hydraulic unit (pump/engine) and
automatic transmission. The
hydraulic components reco5.
L'ibrida elettrica C-MAX Solar Energi
di Ford ricarica le batterie tramite il
tetto a pannelli fotovoltaici.
5.
The electric-hybrid C-MAX Solar
Energi by Ford recharges the battery through the roof with photovoltaic panels.
ver and store the energy
generated by the combustion
engine when it operates at
maximum efficiency and the
kinetic energy produced
during braking and deceleration. In particular, a hydraulic
pump hauled by the wheels
sends oil into pressure, which in
turn compresses the air inside
a cylinder placed under the
loading platform. When accelerating, the air expands bringing at a high pressure the oil
that operates the hydraulic
engine, which in turn increases
the thrust to the wheels. In this
way it is possible to recover up
to 95% of the kinetic energy
while braking. The energy storage and release process is
very fast hence, according to
PSA, in a city journey it allows
consuming up to 45% less.
Hunger for UV
At CES 2014 (January 7th-10th)
the show on consumer electronics and technology that
was held in Los Angeles, Ford
has presented the concept
hybrid-electric car with solar
energy C-MAX Solar Energi.
Hybrid cars recharge their
batteries mainly through a
combustion engine, hybrid
plug-in use an electric socket:
the roof of this concept is
made of photovoltaic panels.
Researchers at the Georgia
Institute of Technology have
developed the optical conveyor using special Fresnel lenses that direct the sun rays
towards the photovoltaic
cells, dynamically orienting
themselves depending on the
Sun’s position. A day of exposure is equivalent to a conventional recharge of 4 hours,
about 8 kilowatt, while with a
complete recharge the range
is of about 1000 kilometers, 35
of which done in exclusively
electric mode. The car, the
result of a joint research by
Ford, Georgia Tech and
SunPower, manufacturer of
high-efficiency solar energy
cells is fitted with a socket for
conventional recharging to
integrate the solar source
which, according to Ford, can
cover up to 75% of the average annual distance.
o
5.
1 • Automotive 2014
28-30 articolo idrogeno engineering.indd 30
10/02/14 17.21
5 | 6 g i ugno 2014
organizzano il
Metal
Replacement
Forum 2014
Pensare e progettare
in plastica
Metal Replacement
Forum 2014 è l’evento
di due giorni sui temi
della Progettazione
(Design for) e della
Produzione (Production
for) di componenti
e prodotti realizzati
con Tecnopolimeri e
Materiali Compositi in
sostituzione di alluminio
e leghe metalliche.
www.eriseventi.com
ADV METAL 05022014_AUTOMOTIVe.indd 2
Sheraton Milan Malpensa Airport Hotel
Produrre con Tecnopolimeri e Materiali Compositi in sostituzione dei metalli implica
cambiamenti nelle tecnologie impiegate e nei processi di industrializzazione. Ma
non solo. Il cambiamento deve avvenire anche nella fase di progettazione. È necessario: PENSARE IN PLASTICA! La possibilità di sviluppare compound termoplastici
con prestazioni specifiche permette di rispondere in modo ottimale alle esigenze di
produzione di componenti in numerosi settori applicativi: Automotive • Componentistica tecnica • Medicale • Aerospaziale • Elettrico ed elettronico • Elettrodomestici • Hobby e sport • Complementi d’arredo
Il Metal Replacement Forum 2014 è composto da due macro-aree tematiche:
Design for
a cura di ErisEventi
Production for
a cura di DBIeventi
Nell’area ‘Design for’ saranno presenti
come Sponsor aziende dei settori:
• Studi di design industriale
• Software (CAD/CAM/CAE, simulazione, ecc..)
• Reverse engineering
• Sistemi di prototipazione
• Service di prototipazione ed engineering
• Progettazione e costruzione stampi
• Finitura e decorazione
Nell’area ‘Production for’ saranno
presenti come Sponsor aziende dei
settori:
• Produttori di materiali
• Produttori di cariche e rinforzi
• Presse per stampaggio a iniezione
• Automazione (robot ecc..)
• Saldatura e accessori (canali caldi,
centraline di riscaldamento stampi)
L’area ‘Design For’ è dedicata a designer, direttori tecnici, progettisti, studi di
progettazione e engineering, costruttori
di stampi.
L’iniziativa ‘Production For’ è dedicata
a titolari e responsabili di produzione di
aziende di stampaggio a iniezione dei
settori automotive, componentistica tecnica, trasporti, medicale, condizionamento e
its, elettrico ed elettronico, elettrodomestici,
arredamento e conto terzi.
Per informazioni sulle opportunità di sponsorizzazione
Guglielmo Calcagno - Sales Manager
[email protected]
Tel. +39 335 1500876
ErisEventi
2/5/2014 4:59:13 PM
L'AUTO FAI DA TE
32
news
Il progetto OSVehicle
project è una piattaforma
open source per costruire,
da parte di piccole organizzazioni o singoli individui,
una vettura economica
che possa circolare legalmente su strada. “Un'auto
modulare che sia facile da
montare”, ha affermato il
design team, ovvero,
Francisco Liu e Ampelio
Macchi. Due diversi modelli
sono in fase di sviluppo.
Tabby è dotata di un piccolo telaio per due o quattro
persone che, secondo
l'azienda, richiede solo
un'ora per il montaggio e
può essere attrezzato con
un motore a combustione
tradizionale, un motore elettrico e un motore ibrido
elettrico sportivo. La Urban
Tabby è caratterizzata da
una struttura che si può
montare sul telaio della
Tabby, fornendo gli utilizzatori di un'auto vero e propria, omologata per l'uso su
strada che sarà approvato
in Europa, Asia e Stati Uniti.
THE D.I.Y. CAR
The OSVehicle project is an
open source platform to
build, by smaller organizations, or even by individuals,
an economic and road
legal vehicle. “A modular
car that is easy to assemble” said the design team,
alias Francisco Liu and
Ampelio Macchi. They are
developing two different
models. Tabby features a
small two or four person
chassis that, according to
the company, only needs
an hour to be assembled,
and can be fitted with a traditional combustion engine,
an electric motor or a hybrid
sports electric engine. The
Urban Tabby features a
structure that you can
mount on top of the Tabby
chassis, providing users with
a road-ready and certified
car which will be legally
recognized in Europe, Asia
and the United States.
o
PANNELLI TOUCH ‘VERDI’
E SENZA DISTORSIONI
Per i pannelli ‘touch’ delle
autovetture, un settore che
si prevede in forte crescita,
Mitsubishi Chemical
Corporation ha sviluppato
Durabio. Questo nuovo
grado di tecnopolimero ad
alte prestazioni e alta trasparenza, che usa isosorbide vegetale come materia
prima, presenta interessanti
proprietà ottiche e un’elevata resistenza al calore e
all’umidità. Durabio fornisce
inoltre un’alta flessibilità progettuale e può contribuire a
migliorare l’aspetto degli
interni automobilistici.
ELETTRICITÀ PER LA
LIMOUSINE SPORTIVA
Resiste agli urti, a differenza
del vetro che si rompe facilmente, ed elimina in modo
pressoché totale le distorsioni nella trasmissione della
luce – un problema per altri
materiali plastici trasparenti
– rendendo ben visibile la
superficie del pannello
‘touch’.
‘GREEN’ TOUCH PANELS
WITHOUT DISTORSION
For use in touch panels on
automobiles, a sector
where demand is expected
to increase significantly,
Mitsubishi Chemical
Corporation developed
Durabio. That new grade of
high-performance, hightransparency engineering
plastic, that uses plant-derived isosorbide as its raw
material, features interesting
optical properties and high
resistance to heat and
humidity. Durabio offers also
high flexibility in design and
can enhance the appearance of automobile interiors. In contrast to easily
breakable glass it is impactresistant and it nearly eliminates distortion in light transmission, a problem for
other transparent plastics,
making it easy to see the
touch panel surface.
o
L’innovativa tecnologia sviluppata da nanoFlowcell
per le batterie delle auto
elettriche sarà il punto di
forze della Quant e-Sportlimousine Concept che sarà
presentata in anteprima al
prossimo Salone di Ginevra
(6 – 16 marzo 2014).
Secondo quanto affermato
dal responsabile di sviluppo
Nunzio La Vecchia, che con
il suo team di ingegneri e
designer ha messo a punto
Quant, si tratta di un veicolo
di ricerca molto speciale:
“In oltre 5,25 metri di lunghezza, l’auto sportiva a
quattro posti offre una particolare combinazione di tecnologia, eccezionale design
e un sistema completamente nuovo di stoccaggio
dell’energia”.
ELECTRICITY FOR
THE SPORTY LIMOUSINE
The innovative technology
developed by nanoFlowcell
for the batteries of electric
cars will be the asset of
Quant e-Sport limousine
Concept that will be presented in preview at the
next Car Show in Geneva
(March 6th-16th, 2014).
According to the head of
development, Nunzio la
Vecchia, who with his team
of engineers and designers
has developed Quant, this
is a very special research
vehicle. “In more than 5.25
meters length, the sports
car with four seats offers a
special combination of
technology, exceptional
design and a completely
new energy storage
system”.
o
IL MOTORE È ANCORA
PIÙ LEGGERO
Il collettore dei nuovi motori
Ford da 3,5 e 3,7 litri impiega un componente refrigerante cross-over, realizzato
con resina PPA Zytel HTN di
DuPont anziché con metallo saldato con ottone,
risparmiando una libbra
(454 grammi) di peso per
migliorare l'efficienza energetica. Si tratta di una
parte cava che permette
al liquido refrigerante del
motore di bypassare il collettore poiché circola attraverso il motore stesso. I polimeri a base poliammide 6
standard non resistono
all'esposizione prolungata al
calore e al contatto con il
liquido refrigerante, e l'alternativa corrente è il metallo
saldato a ottone, pesante
e costoso. La poliftalammi-
1 • Automotive 2014
32-33 news ingen.indd 32
07/02/14 14.58
de di DuPont è utilizzata
frequentemente in applicazioni come questa
perché soddisfa i requisiti
ma l'intensa pressione
che interviene nel processo di sovrastampaggio necessario all'integrazione del componente nel collettore avrebbe
potuto danneggiare il componente cavo. Il costruttore
dello stampo, ITW, ha utilizzato una tecnologia per la
misurazione della pressione
nella cavità al fine di identificare i punti nei quali opportune modifiche progettuali
avrebbero irrobustito il
pezzo. Oltre ad una significativa riduzione di peso, la
sostituzione ha eliminato le
molteplici fasi di lavorazione
connesse all'uso del metallo
saldato con ottone.
ENGINE IS EVEN LIGHTER
The new Ford 3.5L and 3.7L
engine manifold uses a
cross-over coolant component made of Zytel HTN PPA
resin by DuPont instead of
brazed metal, shaving one
pound to improve fuel economy. It's a hollow port that
allows engine coolant to
bypass the manifold as it circulates through the engine.
Traditional nylon 6 polymer
doesn’t withstand longterm exposure to heat and
long-life coolant, and the
current alternative is brazed
metal, heavy and expensive. The polyphthalamide
by DuPont is frequently
used in such applications
because it satisfies the
requirements, but the intense pressure of the overmolding process needed to
integrate the component
into the manifold system
was risking to damage the
hollow component. The
toolmaker, ITW, invested in
cavity-pressure sensing
technology to pinpoint
where design changes
could add structure and to
control the process. In
addition to significant
weight savings, the change
eliminated several steps
connected to the processing and the machining of
powder-coated metal.
o
PROGETTI SENZA LIMITI
Progettazione CAD 3D,
simulazione, gestione dei
dati dei prodotti, comunicazione tecnica e progettazione elettrica sono
integrate in Solidworks
2014 di Dassault Systèmes.
La nuova funzionalità Style
Spline, il ridimensionamento automatico degli schizzi
e i controlli dei raccordi
conici permettono agli
utenti di creare superfici
complesse e forme
organiche in modo più
veloce; per la progettazione di parti in lamiera sono
stati migliorati il controllo
delle proprietà degli
angoli e la capacità
di creare nervature
di irrigidimento.
Il flusso di lavoro è semplificato per Solidworks
Enterprise PDM grazie all'integrazione con Microsoft
Office e al client web ottimizzato con anteprima
grafica, e anche per
Solidworks Electrical, integrato più strettamente con
Enterprise PDM e con
eDrawings per condividere
e tracciare i progetti elettrici in maniera più semplice.
Un nuovo supporto per i
dispositivi Android permette agli utenti mobili di
estendere la visualizzazione
oltre i dispositivi iOS.
Sono stati semplificati
anche i report e le stime di
costo: i dati essenziali di un
assieme per lo sviluppo di
un prodotto possono essere esportati in Microsoft
Excel per una condivisione
più semplice con altri
reparti, come la produzione e l’ufficio acquisti.
La visualizzazione è stata
potenziata. Solidworks
Simulation sfrutta automaticamente i dati per il riutilizzo nelle simulazioni, evitando inutili duplicazioni e
32-33 news ingen.indd 33
migliorando la collaborazione nella progettazione;
gli assiemi possono essere
creati più rapidamente
usando la barra contestuale degli strumenti Quick
Mate e Slot Mate (accoppiamento rapido e di gole).
Nelle viste in sezione degli
assiemi, gli utenti possono
includere o escludere
determinati componenti
per creare velocemente
viste in sezione di grande
impatto.
DESIGN WITHOUT LIMITS
Cad 3D design, simulation,
product data management, technical communication and electrical
design are all integrated in
Solidworks 2014 by Dassault
Systèmes.
The new Style Spline function, the automatic sketch
resize and the conic fillet
control enable a faster creation of complex surfaces
and organic shapes. Sheet
metal parts design can
benefit from improved gusset control and the capability to quickly add stiffening
ribs. Solidworks Enterprise
PDM features a simplified
workflow thanks to the integration of Microsoft Office
and to an optimized client
web with graphic preview
whereas Solidworks
Electrical is more strictly
integrated with Enterprise
PDM and eDrawings to
share and draw electrical
systems more easily. A new
support for Android devices enables mobile users to
experience an extended
view beyond iOS devices.
Also reports and cost estimates have been simplified: the essential assembly
data for the product development can be exported
in Microsoft Excel to be
easily shared with other
offices, such as production
and purchasing departments. Visualization has
been enhanced:
Solidworks Simulation will
automatically uses in simulations the data previously
acquired thus avoiding any
useless duplication and
improving design collaboration; assemblies are created faster by using the
Quick Mate and Slot Mate
tool bars. In assembly section views, users can either
include or exclude selected components to quickly
create section views with
great impact.
o
33
news
Automotive 2014 • 1
07/02/14 14.58
III edizione
25|26
Sept 2014
SHERATON MILAN
MALPENSA AIRPORT
HOTEL
Industrializzazione
dei Processi di Additive
Manufacturing
L’appuntamento con gli Strumenti,
le Tecnologie e i Materiali per il Rapid Manufacturing
di prodotti in plastica e metallo
un evento organizzato da:
Per Iscrizioni
WWW.ERISEVENTI.COM
rm forum 2014_AUTOMOTIVE.indd 1
P er
ErisEventi
informazioni sulle opportunità
di sponsorizzazione :
Guglielmo Calcagno - Sales Manager
[email protected]
+39 02 3494367 | +39 335 1500876
MEDIA PARTNER
2/7/2014 3:27:37 PM
51 AUTO DIV.INDUSTRIALIZZ
Senza titolo-2 1
23-11-2006
17:29
Pagina 1
11/02/14 15.44
36
1.
L’ACCIAIO SULLA BILANCIA
Steel on the scale
I nuovi tipi di acciaio
ad alta resistenza
contribuiscono
all’alleggerimento dei
veicoli senza scendere a
compromessi in termini di
prestazioni e sicurezza.
La ricerca di soluzioni in
grado di ridurre il peso dei
veicoli, al fine di contenere il
consumo di carburante e le
emissioni, ha contribuito in
modo significativo all’introduzione di materiali alternativi al ‘tradizionale’ acciaio
nella costruzione dei veicoli.
Sebbene l’alluminio, il
magnesio, i tecnopolimeri e
i materiali compositi stiano
trovando maggiori applicazioni grazie allo sviluppo di
nuove tipologie di materiali
a più elevate prestazioni,
per ora l’acciaio rappresenta la maggiore percentuale
nella composizione di
camion e autovetture. Nella
carrozzeria, nel telaio, nelle
sospensioni, nei paraurti,
nelle portiere ecc, molte
parti sono realizzate in
acciaio. Ecco perché rivestono un’importanza strategica le ricerche che, da
alcuni anni, diverse aziende
stanno conducendo per
mettere a punto nuove
tipologie di acciai ad alta
resistenza ed impiegarle per
ottenere veicoli più leggeri.
Progetti di futuro
In tal senso, uno degli esempi più significativi è rappresentato dal cosiddetto
FutureSteelVehicle. Questo
progetto internazionale,
organizzato da World Auto
Steel, è nato con l’obiettivo
di realizzare un’auto in
acciaio che, attraverso un
design finalizzato all’alleggerimento e la trazione elettrica, rispondesse ai limiti di
emissioni previsti a partire
dal 2020. La struttura in
acciaio della carrozzeria sviluppata per l’FSV ha un
peso inferiore del 35% rispetto ai veicoli in circolazione e
riduce le emissioni totali del
ciclo di vita per circa il 70%.
Per la realizzazione dell’FSV
sono stati impiegati i più
avanzati tipi e tecnologie
dell’acciaio: sono stati utilizzati più di 20 nuovi gradi di
AHSS (acciaio avanzato
alto resistenziale), quali i
Dual Phase (che contenendo sia ferrite sia martensite
uniscono plasmabilità e resistenza), i TRIP-steel (le cui
caratteristiche di plasticità si
modificano durante il processo di deformazione plastica), i TWIP-steel (dove
meccanismi di deformazione per geminazione inducono la plasticità), acciai
Complex Phase (con microstruttura costituita da diverse fasi) e acciai stampati a
caldo, che raggiungono
livelli di resistenza dell’ordine
del GigaPascal. Oltre ad
ottimizzare l’uso degli acciai
ad alta resistenza per ridurre
gli spessori e quindi il peso, il
progetto ha sviluppato
alcune originali soluzioni di
design, tra le quali spiccano
componenti in grado di
ottenere un efficace rapporto assorbimento d’urto/
massa.
Con il medesimo obiettivo
di supportare i costruttori
automobilistici ad ottemperare alle severe norme in
merito alla riduzione delle
emissioni,
l’Automotive
Applications Council del
Steel Market Development
Institute ha messo a punto
un progetto incentrato
sull’alleggerimento dell’assale torcente in acciaio. Lo
studio ha evidenziato
come, impiegando profilati
in acciaio avanzato altoresistenziale a forma di
‘U’, il peso delle
sospensioni può
essere ridotto
del 30% a fronte
di un innalzamento
del
costo del 15%:
un valore, secondo i progettisti, molto minore a quello
che comporterebbe un pari
alleggerimento raggiunto
impiegando materiali alternativi quali, ad esempio,
l’alluminio.
Con tutti i ‘mezzi’
Al di là delle soluzioni progettuali, negli ultimi anni
diverse produzioni del settore automotive hanno già
fatto ricorso agli acciai altoresistenziali per realizzare
veicoli leggeri, resistenti e
sicuri. Ne è un esempio
Nissan che ha dichiarato di
voler impiegare, a partire
dal 2017, una maggiore
percentuale (fino al 25% in
peso) di acciai AHSS nelle
proprie produzioni in serie
allo scopo di alleggerire i
veicoli. A tale proposito,
l’azienda ha sviluppato una
nuova lega di acciaio ultraresistente e duttile, con
grado di resistenza alla trazione di 1,2 GPa, utilizzata
per ora a bordo della nuova
Infiniti Q50. La nuova lega
ad ultra-alta resistenza a trazione, frutto di un lavoro di
2.
1 • Automotive 2014
36-38 articolo acciai industr.indd 36
10/02/14 10.59
sviluppo congiunto, è caratterizzata da una maggiore stampabilità senza compromettere
forza e allungamento.
Pertanto, consente di ottenere
lamiere più sottili e leggere,
3.
1.
2.
3.
4.
5.
1.
2.
3.
4.
5.
Dal 2017 Nissan userà l’acciaio ad
altissima resistenza per alleggerire le
nuove auto.
La struttura in acciaio AHSS dell’FSV ha
un peso inferiore del 35% rispetto ai
veicoli in circolazione e riduce le emissioni totali del ciclo di vita per circa il
70%.
La particolare sezione delle guide
anteriori delle strutture antiurto
nell’FSV, in acciaio TRIP saldato al
laser, fornisce il minimo peso e le maggiori prestazioni.
L’assale torcente in AHSS a forma di
‘U’ sviluppato dall’Automotive
Applications Council è più leggero
del 30% rispetto a componenti in altri
materiali.
Confronto dei pesi di assali torcenti
con diverse forme.
Starting 2017, Nissan will use the highstrength steel to reduce the weight of
the new cars.
The AHSS steel structure of FSV has a
weight 35% inferior compared to running vehicles and reduces total lifecycle emissions by about 70%.
The special section of the front guides
of the impact-proof structures in the
FSV, in TRIP laser-welded steel, provides minimum weight and maximum
performances.
The U-shaped twist beam in AHSS
developed
by
Automotive
Applications Council is 30% lighter
compared to components in other
materials.
Weight comparison of the twist beam
with different forms.
componenti di forma complessa che, con gli acciai di
plasticità ‘convenzionale’
sono difficilmente raggiungibili. Inoltre, la nuova lega ad
ultraresistenza è in grado di
produrre, sulle linee esistenti,
un maggior numero di pezzi,
impiegando per la produzione stampi ad elevata precisione e un processo di saldatura adatto. Mack Trucks,
parte del Gruppo Volvo, si è
aggiudicata lo Swedish
Steel Prize 2013 (premio
internazionale fondato da
SSAB per diffondere la conoscenza sugli acciai altoresistenziali) grazie all’innovativo sistema di sospensioni
Twin Y per mezzi pesanti.
Sfruttando al meglio le
caratteristiche dell’acciaio
altoresistenziale, il sistema
contribuisce a rendere più
maneggevole il camion,
riducendo fino al 25% l'usura
degli pneumatici e aumentando la sicurezza del
mezzo.
In occasione della recente
edizione del North American
International Auto Show,
che si è svolta a Detroit dal
13 al 26 gennaio 2014, è
stato conferito allo Chevrolet
Silverado il riconoscimento
come
miglior
camion
dell’anno.
General Motors, che ne è il
produttore, afferma che il
nuovo telaio, i longheroni, la
traversa così come alcune
strutture della cabina sono
realizzati con acciai ad alta
resistenza.
Nelle barre laterali e nella
sottoscocca sono stati usati
anche acciai ultraaltoresistenziali. Secondo la giuria, il
ricorso a questi nuovi gradi
di acciaio e a tecnologie
avanzate ha permesso di
realizzare componenti più
leggeri senza ridurre la resistenza e la sicurezza del
mezzo, in modo economicamente vantaggioso ed
eco-sostenibile.
L.C.
4.
The new types of steel
contribute to reduce
the weight in vehicles
without jeopardizing
performances and safety.
The search for solutions that
can reduce the vehicle’s
weight, in order to limit fuel
consumption and emissions
has significantly contributed
to the implementation of
alternative materials to the
‘traditional’ steel in vehicle
manufacturing. Although
aluminum,
magnesium,
engineering polymers and
composite materials are finding growing apparitions,
thanks to the development
of new material typologies
with higher performances,
for now steel represents the
highest percentage in the
composition of trucks and
cars. In the bodywork, frame,
suspensions, bumpers, door,
etc many parts are made in
steel. This is why the research
that has been pursued in the
past years by several companies has a strategic importance in developing new
typologies of high-strength
steels, to be used to obtain
lighter vehicles.
Future projects
In this sense one of the most
significant examples is represented by the so-called
FutureSteelVehicle.
This
International project organized by WorldAutoSteel was
born with the goal of realizing a steel car which, through a design oriented at
weight reduction and electric drive, could respond to
the emission limits provided
for starting in 2020. The steel
structure of the body developed for FSV has a weight 35%
inferior compared to running
vehicles and reduces total
life cycle emissions by about
70%. For the realization of the
FSV, the most advanced
steel typologies and technologies have been applied:
37
5.
Automotive 2014 • 1
36-38 articolo acciai industr.indd 37
10/02/14 10.59
6.
38
more than 20 new grades of
AHSS (advanced high strength steel) have been used
such as the Dual Phase
(which by containing both
ferrite and martensite combine formability and strength),
the TPR-steel (whose plasticity
features modify during the
plastic deformation process),
the TWIP-steels (where deformation by twinning mechanisms
induce
plasticity),
Complex Phase steels (with
microstructure made by different phases) and hot-formed steels that attain levels
of resistance in the range of
GigaPascal. Besides optimizing the use of high-strength
steels to reduce sections and
hence weight, the project
has also developed some original design solutions including components that can
achieve an effective crash
absorption /mass ratio.
With the same goal of supporting car manufacturers in
complying with the stringent
regulations in terms of emission reduction the Automotive
Applications Council of the
Steel Market Development
Institute has developed a
project focusing on the
weight reduction of the steel
twist beam. The study has
emphasized how, by using
high-strength advanced
U-shaped tubular steels, the
weight of suspensions can
be reduced by 30% with a
rise in cost of 15%,a value,
according to designers,
much lower than what
would be implied by an
equivalent weight reduction
achieved by using alternative materials such as for
instance , aluminum.
With all ‘means’
Beyond design solutions in
the past years several productions of the automotive
7.
sector have already resorted
to high-strength steels to
manufacture light, resistant
and safe vehicles.
An example comes from
Nissan that has asserted that
starting in 2017 it intends to
use a higher percentage (up
to 25% in weight) of AHSS steels in its mass productions in
order to reduce vehicle’s
weight. To this regard, the
company has developed a
new alloy of high-strength
and ductile steel, with grade
of tensile strength of 1.2 GPa,
used for now on board the
new Infiniti Q50. The new ultrastrength traction alloy, the
result of a joint work, features
higher formability without jeopardizing strength and elongation. Thus, it enables to
achieve thinner and lighter
plates, components with a
complex form that, with the
‘conventional’ plasticity steel
are hard to attain.
Furthermore, the new ultrastrength alloy can manufacture, on existing lines, a higher
number of parts, using high
precision molds for produc-
tion and an appropriate welding process.
Mack Trucks, part of the Volvo
Group has won the Swedish
Steel Prize 2013 (International
award founded by SSAB to
spread the knowledge on
high-strength steels) thanks to
the innovative suspension
system Twin Y for trucks.
Exploiting at best the features
of high-strength steel, the
system contributes to make
the truck easier to handle,
reducing by up to 25% the
wearing of tires and enhancing the vehicle’s safety.
During the recent edition of
the
North
American
International Auto Show that
was held in Detroit, January
13th-26th 2014, Chevrolet
Silverado won as best truck of
the year. General Motors, the
manufacturer, says the new
frame, main rails, cross-beam
as well as some structures of
the cabin are made with highstrength steels. In the lateral
rails and in the underbody
even ultra-strength steels have
been used. According to the
jury, the use of these new steel
grades and of advanced
technologies has allowed
the realization of lighter
components without reducing the resistance and
safety of the vehicle, in an
economically profitable
and eco-sustainable manner.
o
6.
7.
8.
6.
7.
8.
Nissan ha sviluppato una nuova
lega di acciaio ad ultra-alta resistenza e stampabilità utilizzata
per ora a bordo della nuova
Infiniti Q50.
Il sistema di sospensioni per mezzi
pesanti Twin Y di Mack Truck
rende più maneggevole e sicuro il camion, riducendo fino al
25% l'usura degli pneumatici.
Numerose parti di Chevrolet
Silverado, premiato come
miglior camion dell’anno,. sono
realizzate con acciai ad alta e
ultra-alta resistenza.
Nissan has developed a new
ultra-strength steel alloy easy to
mold used for now on board the
new Infiniti Q50.
The suspension system for trucks
Twin Y on Mack Truck makes the
truck easier to handle and safer,
reducing by up to 25% the tires’
wearing.
Several parts of Chevrolet
Silverado, rewarded as best
truck of the year, have been
made with high and ultra-strength steels.
8.
1 • Automotive 2014
36-38 articolo acciai industr.indd 38
10/02/14 10.59
Automotive 297 x 210_Layout 1 16/01/2014 09:23 Page 1
................
...........
Carica un
modello 3D
.
Pezzi veri in tempi rapidi.
Cerchi chi ti possa fornire dei pezzi per poter completare velocemente un progetto?
Quanti
pezzi?
25–10,000+
pezzi
Completa la procedura
di ordine via web
Ricevi una ProtoQuote®
entro 24 ore
Conferma i punti di estrazione e di
iniezione come richiesto
Fabbricazione
dello stampo
Lavorazione CNC
Stampaggio a Iniezione
1-25
pezzi
Produzione
dei pezzi.
Ricevi una
FirstQuote®
entro 24
ore
1-15 giorni
1-3 giorni
I pezzi sono
pronti per la
spedizione.
È facile lavorare con Proto Labs. Basta caricare il modello CAD 3D e scegliere il
Finalizza
l’ordine dei
pezzi via
web.
processo più indicato per il progetto: lavorazione con macchine CNC in 1-3 giorni oppure
Inizia la lavorazione
con macchine CNC.
I pezzi sono
pronti per la
spedizione.
stampaggio a iniezione in 1-15 giorni. Pezzi veri in materiali veri, in giorni e non in settimane.
E questo è tutto. Chiama il numero +39 0321 622 831 o visita il sito www.protolabs.it
Guarda i nostri
videosuggerimenti!
Tecnologie di realizzazione rapida
Visitate oggi la pagina www.protolabs.it/parts per ricevere la vostra copia GRATUITA del testo che confronta in modo esaustivo le tecnologie di realizzazione
rapida di prototipi. Inserite il codice sorgente EUAU14.
© Proto Labs 2014
Senza titolo-2 1
ISO 9001:2008 Certificata
11/02/14 15.45
ULTRA VISIBILITÀ
CON GLI ULTRASUONI
40
news
Dalla tecnologia aeronautica le supercar prendono
in prestito una soluzione per
eliminare i tergicristalli. In
un'intervista al quotidiano
britannico The Sunday
Times, il responsabile del
design Mc Laren ha annunciato che i prossimi modelli
della Casa utilizzeranno un
trasduttore ultrasonico
posto sul parabrezza che
rimuoverà dalla superficie
del vetro acqua, fango,
insetti, neve e simili, emettendo onde ultrasuoni da
30 kHz. Il sistema, attualmente in fase di progettazione dunque in attesa di
collaudo per la sua applicazione sulle auto, è in uso
sugli aerei da caccia:
secondo McLaren permette anche di ridurre il peso
complessivo della vettura
eliminando i motorini che
azionano i tergicristalli, di
migliorare l'aerodinamica,
di rimuovere il ghiaccio dal
parabrezza con le basse
temperature.
SUPER VISIBILITY WITH
ULTRASOUNDS
From the aeronautic technology super cars borrow a
solution to eliminate windshield wipers. In an interview with the British newspaper “The Sunday Times”,
the design manager at
McLaren has announced
that the next models of the
company will use an ultrasound transducer placed
on the windshield that will
remove water, mud,
insects, snow and the like
from the glass surface, by
emitting ultrasound waves
at 30 kHz. The system, that is
currently in the design
stage, hence waiting to be
tested for its application on
cars, is being used on
fighter planes: according to
McLaren it also allows reducing the overall weight of
the car, eliminating the
small engines that operate
the windshield wipers,
enhancing aerodynamicity, removing ice from the
windshield when at low
temperatures.
o
STAMPI CHE
NON MUOIONO MAI
L'imbutitura, processo di
formatura che modella le
parti della carrozzeria di un
veicolo nella geometria
richiesta, sottopone gli
stampi ad uno sforzo sostenuto a causa dell'elevata
pressione che si sviluppa
durante il processo. Un
approccio per prolungare
la durata degli stampi e
ridurre i tempi di fermo
delle linee per il cambio
stampi è la deposizione
laser di metalli: fonde la
superficie dello stampo e il
materiale di rinforzo per
creare uno strato localizzato che protegge dall'usura
nei punti strategici. Nel
corso di un progetto promosso da Green Carbody
Technologies Innovation
Alliance (InnoCaT®), i ricercatori del Fraunhofer
Institute for Production
Technology IPT hanno
lavorato con il costruttore
di stampi Mühlhoff
Um-formtechnik e altri
partner. Un centro di fresatura a cinque assi è stato
ricostruito per essere usato
per la creazione automatica di strati di rinforzo tramite il laser: la macchina
può essere integrata nel
processo manifatturiero
preesistente e prolungare
la durata degli stampi di
oltre il 150%. Il nuovo processo migliora anche la
qualità dei componenti e
permette di pianificare
con maggiore precisione i
tempi di set-up grazie al
software CAx integrato
che monitora il rispetto dei
parametri impostati nel
trattamento laser delle
superfici in modo chiaro e
riproducibile.
DIES THAT NEVER DIE
Deep drawing, the forming
process used to form vehi-
cle body parts into the
requisite shape, puts a big
strain on dies because of
the high pressure generated during the pressing
operation. To increase the
lifetime of dies and reduce
set- up times, a method is
laser metal deposition: it
melts the surface of the die
and the filler material to
produce a local layer that
guards against wear at critical points. In the course of
a project within the Green
Carbody Technologies
Innovation Alliance
(InnoCaT®), researchers
from the Fraunhofer
Institute for Production
Technology IPT worked
together with the tool
maker Mühlhoff Um- formtechnik and further partners. A conventional fiveaxis milling machine has
been rebuild to used to
alloy forming dies automatically via laser: this machine can be embedded into
the current manufacturing
process and increases the
lifetime of dies by over 150
percent. The new process
also improves the quality of
components and makes it
possible to plan set-up
times with greater precision, thanks to the integrated CAx software that control all the requisite laser surface treatment processes
in a clear and reproducible
manner. All necessary process parameters are transmitted to the machine
without the need for any
interface.
o
DUE TONALITÀ,
UN MATERIALE
L’accattivante pannello di
controllo della nuova Alfa
Romeo MiTo è la prima
applicazione prodotta in
serie della tecnologia di
gradiente superficiale sviluppata da BeneckeKaliko. I colori sul rivestimento Tepeo realizzato da
Benecke-Kaliko. Sembra
essere stato ottenuto a
spruzzo, passando dal nero
al rosso. “Con la nostra tecnologia a gradiente superficiale, permettiamo ai produttori e fornitori del settore
automotive di realizzare
componenti per gli interni
a due tonalità usando rivestimenti di un solo materiale. Inoltre, il processo può
essere applicato a quasi
tutti i materiali di BeneckeKaliko. E Tepeo non è l’unico rivestimento che ha colpito Alfa Romeo. La Casa
automobilistica ha scelto
Benecke-Kaliko anche per i
sedili della MiTo, che sono
rivestiti con il materiale
Acella.
TWO TONES,
ONE MATERIAL
The eye-catcher instrument panel of the new
1 • Automotive 2014
40-41 news industrializzazione.indd 40
10/02/14 11.18
Alfa Romeo MiTo is the
world premiere in series
production for the gradient surface technology
developed by BeneckeKaliko. The colors on the
Tepeo foil manufactured
by Benecke-Kaliko seem to
have been sprayed on,
transitioning from black to
red. “With our gradient surface technology, we allow
automotive manufacturers
and suppliers to now
manufacture two-tone
interior components using
just one single material
sheet” notes BeneckeKaliko. What is more, the
procedure can be applied
to nearly all materials from
Benecke-Kaliko. But it is not
only the spectacular
Tepeo foil that impressed
Alfa Romeo. The automotive manufacturer also
chose Benecke-Kaliko for
the seats of the MiTo,
which are covered in the
Acella material.
o
LA PRODUZIONE CON
CARBONIO È PIÙ FACILE
Grazie a un nuovo processo di Prodrive Composites,
è possibile stampare direttamente sul retro di pannelli in composito di alta
qualità tutti quegli elementi, quali clip e inserti, normalmente aggiunti in
un’operazione successiva.
In tal modo, si possono
produrre parti più economiche rispetto agli assiemi
assemblati in maniera convenzionale e con maggio-
re resistenza meccanica.
“Una delle sfide nell’uso
di pannelli in compositi di
carbonio è l’inserimento
degli elementi di fissaggio
che possono condurre a
componenti costosi e
complessi. – spiega
Prodrive Composites – Le
soluzioni convenzionali
prevedono la creazione
di una complessa forma
in carbonio per accogliere tali elementi.
Stampando gli inserti nel
pezzo in composito finito,
otteniamo i vantaggi di
una parte in plastica
stampata a iniezione ad
un costo ridotto, fornendo
la leggerezza, la resistenza e l’aspetto estetico del
carbonio”. Il processo, già
utilizzato per produrre i
primi due esempi applicativi in produzione, entrambi per auto prestigiose, elimina uno dei principali
ostacoli ad un più ampio
impiego dei compositi.
CARBON
MANUFACTURING
IS EASIER
Thanks to a new process
from Prodrive Composites
features normally added
in a separate operation,
such as clips and
inserts for threaded
fasteners, can now
be moulded directly
onto the back of
high quality composite panels. So parts
can be produced in
a more cost-effective
way than a conventional bonded assembly,
and with greater mechanical strength.
“One of the challenges of
using carbon composite
panels is the provision of
fastenings for their attachment, which can lead to
costly, intricate components. - explains Prodrive
Composites Conventional solutions
involve creating a complex carbon shape to
carry the fittings. By moulding onto the finished
composite, we can
match the convenience
of an injection-moulded
plastic part at a fraction
of the cost, while providing the low weight,
strength and superb
display surface of carbon”. Already producing
parts for the first two production applications, both
premium automotive cars,
the process removes a
major barrier to the wider
use of composites.
o
TEMPO DI MIETITURA
Buhler Industries ha collaudato con successo cofano, paraurti ed elementi
per la ventilazione sui trat-
40-41 news industrializzazione.indd 41
tori di Versatile Tractors:
prodotti tramite infusione
di resina con canapa di
coltivazione locale miscelata alla più ruvida fibra
vegetale dell'agave, con
fibra di vetro e sughero
per fornire ulteriore resistenza, i componenti
hanno retto alla dura vita
d'esercizio di una mietitura
nella prateria. Il progetto è
frutto di una collaborazione tra Composites
Innovation Centre (CIC),
Buhler ed Eastside Group
of Companies, subfornitore
di Winnipeg.
Il CIC è all'avanguardia
nello sviluppo di componenti in biofibra in Nord
America. Il progetto è
stato sostenuto dal
Programma canadese per
il rinnovamento agricolo,
finanziato da Agriculture e
Agri-Food Canada e, nello
stato di Manitoba, portato
a compimento da
Manitoba Rural
Adaptation Council. CIC
ha dichiarato che sono
stati compiuti importanti
passi avanti nella creazione di un centro manifatturiero locale in grado di
produrre mat in fibre vegetali per la realizzazione di
componenti.
hemp mixed with coarser
agave biofiber, along with
some fiberglass and cork
for added support, the
parts withstood the rigors
of a prairie harvest. The
project was a partnership
between the Composites
Innovation Centre (CIC),
Buhler and the Eastside
Group of Companies, a
Winnipeg parts manufacturer. The CIC has been at
the forefront in North
America of developing
industrial usage of biofiber
parts.
The project was assisted
by the Canadian
Agricultural Adaptation
Program, funded by
Agriculture and Agri-Food
Canada and, in
Manitoba, delivered by
the Manitoba Rural
Adaptation Council. CIC
said important inroads are
being made toward the
establishment of a local
manufacturing facility that
can make the biofiber
mats that can eventually
be fashioned into
specific parts.
o
41
news
HARVEST TIME
Buhler Industries has successfully tested hood,
bumpers and fan in-take
component on vehicles by
Versatile Tractors: made
from a resin-infused combination of locally grown
Automotive 2014 • 1
10/02/14 11.18
Indirizzi utili
Automotive
DESIGN, ENGINEERING E INDUSTRIALIZZAZIONE DI PRODOTTI E COMPONENTI
42
• 22 Absolute Design
www.absolutedesign.hr
• 12 Advanced Composites
1062 Fourth Avenue Sidney
(OH-USA) 00019375759800
www.advcmp1.com
• 14 Asahi Kasei Chemicals
www.asahi-kasei.co.jp
• 13 Audi www.audi.com
• 40 Benecke- Kaliko
Beneckeallee 40 Hannover (D)
00495116302
www.benecke-kaliko.com
• 4 BMW www.bmw.com
• 29 Bosch V. M.A. Colonna 35
Milano 0236961
www.bosch.it
• 13 Chevrolet
www.chevrolet.com
• 12 Chrysler
www.chrysler.com
• 6 Citroën www.citroen.com
• 13 Cyctec 5 Garret Mountain
Plaza Woodland Park (NJ-USA)
00019733573100
www.cyctec.com
• 28 Daihatsu
www.daihatsu.com
• 33 Dassault Systèmes
V. Grosio 10 Milano 023343061
www.3ds.com
• 32 DuPont Centro Direzionale
Villa Fiorita V. Gobetti 2/A
Cernusco S/N 02926291
www.dupont.com
• 12, 29 Ford
www.ford.com
• 40 Fraunhofer Institute for
Production Technology IPT
Steinbachstr. 17 Aachen (D)
004924189040
www.ipt.fraunhofer.de
• 14, 37 General Motors
www.gm.com
• 30 Georgia Institute of
Technology North Ave
NW Atlanta (GA-USA)
00014048942000
www.gatech.edu
• 6 Hyundai
worldwide.hyundai.com
• 5 JEC Europe
www.jeccomposites.
• 5, 10 Lamborghini
V. Modena 12
Sant’Agata Bolognese (BO)
0516817611
www.lamborghini.com
• 12 LlyondellBasell P.le
Donegani 12 Ferrara
0532467111
www.llyondellbasell.com
• 40 McLaren
www.mclaren.com
• 14, 32 Mitsubishi
Chemicals Willstätterstr. 30
Düsseldorf (D) 0049211523920
www.mitsubishi-chemicals.com
• 32 nanoFlow Cell
www.nanoflowcell.com
• 4, 12, 18, 36 Nissan
www.nissan-global.com
• 32 OSVehicle
www.osvehicle.com
• 5 PaintExpo
c/o FairFair
Max-Eyth-Str. 19
Oberboihingen (D)
00497022602550
www.paintexpo.de
• 7 Peugeot
www.peugeot.com
• 4 Pininfarina V. Nazionale 30
Cambiano (TO) 0119438111
www.pininfarina.com
• 14 Plasan Carbon
Composites
www.plasancarbon.com
• 41 Prodrive Composites
Banbury Oxfordshire 16 3ER (UK)
00441295273355
www.prodrive.com
• 7 Qoros
www.qorosauto.com
• 7 Rinspeed Strubenacher
2-4 Zumikon / Schweiz (CH)
0041449182323
www.rinspeed.eu
• 13 Röchling Automotive
V. Torino 149 Volpiano (TO)
0114028999
www.roechling.com
• 12 Sabic
Innovative Plastics 1
Plastics Avenue Pittsfield
(MA – USA) 0014134485890
www.sabic-ip.com
• 4, 6 Salone di Ginevra 1218
Grand-Saconnex Geneva (CH)
0041227611111
www.salon-auto.ch
• 12 SPE Society
of Plastics Engineers
www.spe.org
• 36 Steel Market
Development
www.autosteel.org
• 28 Toyota
www.toyota.com
• 7 UPM Alvar
Aallon katu 1 Helsinki (FIN)
0035820415111
www.upm.com
• 37 Volvo
www.volvocars.com
• 36 World Auto Steel
World Steel
Association 120
Rue Colonel Bourg Brussels (B)
003227028900
www.worldautosteel.org
• 13 Zeon Europe
V. Macchi 27 Milano
0267141707
www.zeonchemicals.com
Direttore responsabile: Aldo Filippo Rotta
([email protected]) Tel. 02 31081222
Marketing: Guglielmo Calcagno
([email protected]) Tel. 02 3494367
Redattore Capo: Lucina Ciardi ([email protected]) Tel. 02 31081225
Produzione: Sonia Schianchi ([email protected]) Tel. 02 31081223
Segreteria pubblicità: Edvige Aguggini
([email protected]) Tel. 02 31081220
Vendita pubblicità: Walter Porta ([email protected]) Tel. 02 31081228
German Federal Republic Office: Edelbrok Verlagsvertretung Krummer Weg 23 D-41749 Viersen e-mail: [email protected] Tel. +49 (02162) 814757
Diffusione: Tina D’Andrea ([email protected]) Tel. 02 31081230
Hanno collaborato a questo numero: Anna Fiorini.
Traduzioni: Dajna Annese.
Eris Program S.r.l. - Editori Associati per la Comunicazione Industriale
Sede: Redazione, Amministrazione e Pubblicità: Via Principe Eugenio, 43 - 20155
Milano - Tel. 02/310812.1 (r.a.) - Fax: 02/33611129 e-mail: [email protected]
Periodicità trimestrale - Pubblicità inferiore al 45% - Abbonamento annuo
€ 20,00 - Estero: € 40,00 - c/c postale 41736208 - Costo copia: € 2,50.
Reg. Tribun. di Milano n. 750 del 30/12/2008
Stampa a cura di Sigraf S.p.A.- Via Redipuglia 77 - 24047 Treviglio (BG)
Tel. 0363/300330 - Fax 0363/343282
A tutela degli abbonati e dei lettori, l’editore garantisce la massima riservatezza dei dati
in suo possesso, fatto diritto, in ogni caso, per l'interessato di richiederne gratuitamente la
rettifica o la cancellazione ai sensi della legge 675/96
La riproduzione totale o parziale degli articoli e delle illustrazioni pubblicati su questa rivista
è permessa previa autorizzazione della Direzione. La Direzione non assume responsabilità
per le opinioni espresse dagli autori dei testi redazionali e pubblicitari. Gli articoli e le fotografie anche se non pubblicati non si restituiscono. PLAST DESIGN non è responsabile di
eventuali variazioni di date e/o programmi delle manifestazioni fieristiche segnalate.
Elenco inserzionisti.
Advertising
Advertising list.
EPER • www.eper.it 11
EUROSTAMPI • www.eurostampi.biz 15
MECCANICA GENERALE GROUP •
www.mggroup.it
9
MEPOL • www.mepol.com 2°cop.
METAL REPLACEMENT• www.eriseventi.com 31
MODEL STAMPI •
[email protected]
3° cop.
MPT PLASTICA • www.mptsrl.it
25
PIAZZA ROSA • www.piazzarosa.it 21
PROTO LABS • www.protolabs.it
39
RM FORUM • www.eriseventi.com
34
SKORPION ENGINEERING •
www.skorpionprototyping.com
5
1 • Automotive 2014
42 indirizzi+colophon.indd 42
26/02/14 16.45
Senza titolo-2 1
11/02/14 15.47
COPERTINA auto febbraio2014.indd 1
10/02/14 12.04
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
3
File Size
11 011 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content