close

Enter

Log in using OpenID

delibera c. p. n.40 del 09.04.2014 adempimento ai sensi dell

embedDownload
/
...
Ratificata con delibera
Rettificata con delibera
Modif. e/o integro con del.ra
Revocata con delibera
Annullata con delibera
di
di
di
di
di
nO
n°
nO
n°
nO
Prot. D.
Affissa all'Albo Pretorio il
del
del
del
del
del
C I T T A'
POMPEI
DI
IORIGINAL~I
Provincia di Napoli
DELffiERAZIONE
DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO
con i poteri della Giunta Comunale
ai sensi dell'art. 48 del D. Lgs.vo 267/2000 e ss.mm.ii.
OGGE'ITO
: ADEMPIMENTO AI SENSI DELL' ARTICOLO 46 BIS, COMMA 4 DEL DL 159/2007
SMI, RELATNO
AL CANONE
DI CONCESSIONE
DEL
SERVIZIO
DI
DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE. ATTO D'INDIRIZZO ADEMPIMENTI D.M.
12/1112011 N° 226 (AFFIDAMENTO INCARICO PROFESSIONALE VALUTAZIONE
ECONOMICO ESTIMA TICA VALORE RESIDUO RETE DISTRIBUZIONE
GAS
METANO E BENI IMMOBILI STRUMEN
I)
L'anno duemilaquattordici addì
delle adunanze del Comune,
••
. .
.
del mese di
.
, alle ore
(..
, ella sala
IL COMMISSARIO PREFETTIZIO
I
Cognome e Nome
Dott.
Aldo Aldi
Con l'assistenza del Segretario Generale Dott.ssa M. B. Tedesco;
A vvalendosi delle attribuzioni di competenza del Consiglio e/o della Giunta Comunale, ai sensi ed in conformità
dell'art.42 e/o 48 del D.L.gvo n.267/2000;
Vista ed esaminata l'allegata proposta di deliberazione relativa all'argomento segnato in oggetto, corredata dai pareri di
cui all'art.49 - comma l° - del D. L.gvo n.267/2000;
Ritenuto di dover approvare la suddetta proposta di deliberazione;
A voti unanimi, espressi nei modi e forme di legge;
DELIBERA
l.
Di approvare la proposta di deliberazione, cosi come formulata, relativa all'argomento indicato in oggetto, che
viene allegata al presente atto per formarne parte integrante e sostanziale e come se nel presente dispositivo
trascritta.
2. Di non comunicare il presente provvedimento, contestualmente all'affissione all' Albo Pretorio Comunale, al
Sig. Prefetto di Napoli, ai sensi e per gli effetti di cui all'art.135 del D. L.gvo 267/00, regolante le materie
relative ad acquisti, alienazioni, appalti e in generale a contratti nelle modalità e termini di cui all' art.13 3 del
D. Lgvo medesimo.
.--,--, ••..
3 • D·I
..
D"mgente
R esponsa su
5 ~..
CJ-. .1
di
mcancare
l·'1
I e ~71 .
.. 0 ~ò
,
ne Ila
persona
loN.C. .•.. ft .• N.\.I Il.7..1. f't .r. t\ .. perl' esecuzione della presente e le relative procedure attuative.
4. Dichiarare la presente, con separata ed unanime votazione, immediatamente eseguibile, stante l'urgenza ai
sensi dell'art. 134 - comma 4° - del D.L.gvo n.267/2000.
RELAZIONE ISTRUTIORIA
Premesso:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Che il servizio di distribuzione del gas metano sul proprio territorio è affidato alla Enel Rete
Gas Spa;
che con il D. Lgs. 23 maggio 2000, n. 164 (c.d. Decreto Letta), il legislatore italiano ha
inteso avviare un processo di adeguamento ai principi dell' ordinamento europeo del mercato
interno nel settore del gas, in particolare conformandosi ai canoni fondamentali in tema di
libertà di impresa e di apertura alla concorrenza di cui all'art. 3 lettera g) del Trattato.
che l'art. 15 del Decreto Legislativo citato, così come modificato prima per effetto delle
disposizioni di cui alla legge n. 239/04 (legge C.d. Marzano - art. 1, comma 69), e poi di
disposizioni successivamente intervenute, ha prorogato il termine di scadenza delle
concessioni in essere, originariamente stabilito in cinque anni dal momento dell' entrata in
vigore del Decreto medesimo;
che in questo contesto, allo scopo di "favorire" l'esercizio in forma aggregata del servizio
pubblico della distribuzione del gas naturale. l'art. 46 bis del d.l. 1° ottobre 2007, n. 159
(introdotto, in sede di conversione, dalla legge 29 novembre 2007, n. 222), ha delegato il
Governo, e per esso il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro per gli Affari
Regionali e le Autonomie Locali, ad emanare due distinti decreti, un primo finalizzato a
stabilire "i criteri di gara e di valutazione dell'offerta per l'affidamento del servizio di
distribuzione di gas", ed un secondo destinato a determinare "gli ambiti territoriali minimi
per lo svolgimento delle gare per l'affidamento del servizio", nonché "misure per
l'incentivazione delle relative operazioni di aggregazione";
che dopo alcune proroghe del termine fissato originariamente per l'adozione dei
provvedimenti delegati, il secondo dei due decreti è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale
del 31 marzo 20Il, e poi integrato con provvedimento pubblicato sulla GURI del 28 ottobre 20 Il, sicché risultano ormai definiti e perimetrali i 177 ambiti territoriali minimi, per i quali
occorrerà procedere alle gare per l'affidamento del servizio su base d'ambito;
che con l'emanazione del D.M. 12.11.2012 n. 226, pubblicato nella Gazzetta ufficiale il
27.1.2012, che definisce i criteri di gara, si è completato il quadro normativo delineato
dall'art. 46 bis sopra citato;
che nelle more del completamento della regolamentazione attuativa del citato art. 46 bis
D.L. n. 159/07, l'art. 24 comma 4 del D. Lgs. n. 93 del 28 giugno 2011, ha disposto che le
gare per l'affidamento del servizio di distribuzione gas venissero effettuate solo sulla base.
degli ambiti come definiti dai decreti sopra ricordati, inibendo così ai Comuni di procedere
all'effettuazione di gare su basi territoriali diverse da quelle d'ambito;
che per effetto di quanto sopra richiamato il servizio di distribuzione del gas naturale è
attualmente, di fatto, affidato in regime di proroga alla società Enel Rete_Q_~~pa.;
che l'art. 46/bis, commi 3 e 4 della legge n0222 del 29/1112007,di conversione in legge, con
modificazioni, del decreto-legge n0159 del 1110/2007 (come modificati dalla legge
n0244/2007, art.2, comma 175), nel disporre la delega per la definizione degli Ambiti
Territoriali Minimi (ATEM), ha altresì previsto che i comuni interessati dalle nuove gare
possono increIl1e~tareil can~delle concess!~~.~~~<!!,~~~~o~e,.so~o~ve ~ore. e f~o al
nu~vo affiruunent~,,fino a1~yer,-eent?'del.vmcolo
SUl nca.vI di. distribuzione dI cw. alla
delibera dell'Autontà per l'erièfgia elettrica e Il gas n. 237 dei 28 dicembre 2000, pubblicata
nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 4 del 5 gennaio 2001, e successive
modificazioni;
che ai sensi del D.M. 226 del 12/11/2012 l'amministrazione comunale deve procedere alla
valutazione economico - estimativa del Valore residuo della rete di distribuzione Gas
Metano e beni immobili strWnentali; -,che la valutazione economica dell'impianto di distribuzione del gas metano in base alla
consistenza al 31/12/2011, dovrà essere effettuata con i criteri previsti dall'art. 24, comma 4
del Regio Decreto 15 ottobre 1925, n. 2578 e comunque ai sensi dell'art. 5 del D.M. 12
novembre 2011 n? 226;
2
•
..
•
Che secondo quanto stabilito dallo stesso D.M. n? 226 del 12 Novembre 2011 nell'art. 2, gli
Enti Locali concedenti forniscono alla stazione appaltante medesima la documentazione
necessari~a
preparazione gel bando di gara tra çyi la determmanone-aer'
valore
estimativo degli impianti esistenti;
considerato che una errata valutazione del valore di rimborso per il gestore uscente può
comportare
possibili
asimmetrie
tra i comuni
concedent],
se determinano
sovradimensionamento dell' impianto ed al contempo. itJ.çrenient~i.di Y~9!ç,P~.!timo.!!il!!~
dello stesso, dato atto che ai sensi del D.Lgs. 93 del 2011 va riconosciuta in tariffa al
Gestore entrante, la differenza tra il rimborso al gestore uscen!e. ((VIR) e il valore del
c~taIe netto di località (quale quota percentuale &rVRD) che il Gestore dovrà versare
annualmente al Comune, per l'intero periodo della conceSsioiie ..
Considerato:
•
•
•
•
"~."
~\
J
~J
c
'-'
•
•
"
che in data 06/11/2008 l'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha emanato la Delibera
159/08 ARG, in vigore dal 01/0112009, con la quale ha approvato il Testo Unico della
regolazione della qualità e delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il
periodo di regolazione 2009-2012 (TUDG) prorogato con Delibera 25 ottobre
2012 N°436/20121RJgas al 3111212013;
che il Comune di Pompei non ha assegnato una nuova concessione successivamente
all'entrata in vigore della legge 29 novembre 2007, n. 222; ed è interessato dalle nuove gare
per l'affidamento del servizio di distribuzione gas;
che l'Amministrazione Comunale, fino al nuovo affidamento, ha la facoltà di incrementare il
canone della concessione di distribuzione gas;
che il Comun;& Pompei in;nde attivare nell' immediato precisi interventi a sostegno delle
fasce più deboli della cittadinanza;
che sussistono i presupposti per poter richiedere il canone, con decorrenza dal 21 giugno
2012, nella misura massima consentita pari al 10% del Vincolo Ricavi Distribuzione;
..
che stante il regime di concessione a favore della società ENEL RETE GAS SPA è
opportuno attivare il procedimento così come previsto dalle disposizione normative
sopraccitate ai fini della rideterminazione del canone concessorio di distribuzione del gas
naturale;
..--....,
Visto:
•
•
- che ai sensi della Legge 9 agosto 2013, n. 98 (G.U. n. 194 del 20 agosto 2013) art. 4 comma 2,4 e S, [termini
previsti dall'articolo 3 del decreto del Ministro dello sviluppo economico 12 novembre
20 Il, n. 226, come modificati ai sensi del comma 3 del presente articolo, relativi all'avvio
delle procedure di gara per l'affidamento del servizio di distribuzione del gas naturale, sono
da intendersi di natura perentoria. In particolare, scaduti tali termini, la Regione con
competenza sull' ambito, avvia la procedura di gara attraverso la nomina di un commissario
ad acta, ai sensi dell'articolo 14, comma 7, del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164.
Decorsi quattromesi dalla scadenza dei termini di cui al comma 2 senza che la Regione
competente abbia proceduto alla nomina del commissario ad acta, il Ministero dello
sviluppo economico, sentita la Regione, interviene per dare avvio alla gara, nominando un
commissario ad acta.
- che nei casi in cui gli Enti locali concedenti non abbiano rispettato i termini di cui
all' articolo 3 del decreto del Ministro dello sviluppo economico 12 novembre 20 Il, n. 226 , COQlemodificati ai sensi del comma 3 del presente articolo, il venti per cento delle somme di
cui all'articolo 8, comma 4, del decreto del Ministro dello sviluppo economico 12 novembre
2011, n. 226, ad essi spettanti a seguito della gara, è versato dal concessionario subentrante,
con modalità stabilite dall'Autorità per l'energia elettrica e il gas, in uno specifico capitolo
della Cassa conguaglio per il settore elettrico.
RITENUTO
3
•
che per quanto sopra, per la predisposizione della valutazione economica degli impianti
esistenti, l'organico dell'UTC è impossibilitato a provvedere direttamente per le numerose
incombenze istituzionali dell'Ente di cui l'ufficio è oberato e per le specializzazioni
richieste;
che per lo svolgimento di tale incarico occorre avviare preliminarmente la procedura di
affidamento di incarico professionale esterno ad un professionista di provata esperienza in
merito a valutazioni delle reti gas metano, comprovata da curriculum professionale;
•
IL COMMISSARIO PREFETTIZZIO
Letta e fatta propria la relazione che precede
VISTO:
• l'art. 48 del. D.Lgs. 18.08.2000 n. 267
•
4.
5.
6.
7.
8.
DELIBERARA
Di approvare le suesposte premesse;
Di richiedere a ENEL RETE GAS SPA l'applicazione di una aliquota pari al 10% del
vincolo sui ricavi di distribuzione con decorrenza dal 22/06/2012 e fino a nuovo
affidamento;
Di confermare la volontà di avvalersi di tale opportunità anche per le annualità successive,
salva la facoltà di eventuale revoca nel caso venissero meno le condizioni;
Che le risorse derivanti dal canone vadano destinate prioritariamente all'attivazione di
meccanismi di tutela nei confronti delle fasce deboli di utenti;
DI INVIARE copia autentica del presente provvedimento alla società ENEL RETE GAS
SPA ,attuale concessionario, avente sede in Milano alla Via San Giovani al Muro n° 9;
Di incaricare il dirigente del VI Settore di attivare le procedure per l'affidamento a un
professionista esterno, per la valutazione economico estimativa del valore residuo attuale
degli impianti di distribuzione del gas naturale nonché dei beni immobili strumentali
esistenti, che verranno ceduti in concessione al nuovo soggetto gestore, come previsto dal
Decreto 12 novembre 2011 n? 226;
Di dare atto che gli oneri relativi al compenso professionale rinveniente dalla procedura
selettiva che attiverà il Dirigente del VI Settore, rientrano tra le spese poste a carico del
Concessionario aggiudicatario della gara d'ambito come determinato da Deliberazione
dell' Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas del Il ottobre 2012 407/2012/R/GAS, ai sensi
dell'art. 125 comma Il, D.L. 163/2006 e dell'art. 4 comma 15 del D.L. n" 106/2011, non
comportando alcuna spesa per l'ente.
Di dare atto che il presente atto deliberativo non comporta spese per l'Ente.
Il Commissario Prefettizio
{Jvv~~
4
·
Oggetto: ADEMPIMENTO AI SENSI DELL'ARTICOLO
46 BIS, COMMA 4 DEL DL 159/2007 SMI,
RELATIVO AL CANONE DI CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE
DEL GAS NATURALE. ATTO D'INDIRIZZO ADEMPIMENTI D.M. 12/11/2011 N° 226
(AFFIDAMENTO
INCARICO
PROFESSIONALE
VALUTAZIONE
ECONOMICO
ESTIMA TICA VALORE RESIDUO RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO E BENI
IMMOBILI STRUMENTALI)
••
PARERE SULLA REGOLARITA'
TECNICA (Art. 49 - comma l - TUEL)
SETTORE PROPONENTE:
i esprime parere FAVOREVOLE
D si esprime parere SFAVOREVOLE per il seguente motivo:
Il Responsabile del Servizio interessato
ILDIRIGENT
PARERE SULLA REGOLARITA' CONTABILE (Art. 49 - comma 1- TUEL)
SETTORE AFFARI FINANZIARI
D si esprime parere FAVOREVOLE
si esprime parere
CONTRARIO
per il seguente motivo:
_
~
estraneo al parere contabile in quanto non comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione
~~~ico,
finanziaria o sul patrimonio dell'Ente.
IL Dirigente Responsabile del Seo1JlYV
•...,,..uari Generali e Finanziari
ATTESTAZIONE DELLA COPERTURA FINANZIARIA
SETTORE AFFARI FINANZIARI
Bilancio:
Esercizio fmanziario:
Prenotazione
Intervento:
Cap. PEG n.
_
------
della spesa
Assunzione impegno di spesa (art. 153 comma 5 del TUEL)
n ..
per €
n.
per €
_
_
D si attesta che esiste la copertura finanziaria al capitolo indicato
e'~
~ atto estraneo alla copertura fin~iaria
l't.olt ~
,4. l..<:v~. ~\'""~SA
Y'r*
Lì
':f~.~Pvl\CfO
\. ~ . (
t,
&1:>ULAnDirigente
Responsabil
dr. Eug
S
.
ore Affari Generali e Finanziari
CINO
----~~---------5
Il presente verbale viene così sottoscritto:
IL COMMISSARIO
PREFEITIZIO
Dott. Aldo Aldi
~~~
Pompei, lì
_
Si attesta che la suestesa deliberazione,
A comunicata con lettera n.
ArrESTATO
DI TRASMISSIONE
E COMUNICAZIONE
contestualmente all'Affissione all' Albo Pretorio Comunale, è stata:
in data
al Sig. Prefetto ai sensi dell'art. 135 del D. L.gvo n. 26712000;
VISTO: Il Dirigente Responsabile del Settore AA.GG. e Finanziari
Dr. Eugenio Piscino
Pompei, lì
ATTESTATO DI ESEGUITA PUBBLICAZIONE
La suestesa deliberazione è stata pubblicata mediante affissione ai sensi dell'artI24- comma l° D. L.gvo n. 26712000 all'Albo Pretorio Comunale per
quindici giorni consecutivi dal
, contrassegnata con n.
Reg. Pubbl., senza reclami ed opposizioni.
VISTO: IL SEGRETARIO GENERALE
Dott.ssa M.B. Tedesco
IL MESSO COMUNALE
o
Pompei,li
·ì~.o
ìt
.~
.~
ATTESTATO DI ESECUTIVITA'
uestesa deliberazione è divenuta esecutiva ai sensi del D. L.gvo n. 26712000 il giorno --,-_-.,perché:
[] Entro il prescritto termine di IO giorni dalla suddetta data di inizio della pubblicazione elo contestuali comunicazioni non è pervenuta alcuna
richiesta di invio al controllo da parte degli interessati (Art. 127- comma l°, art. 134 comma 3° e artJ35 - comma 2° - del D. L.gvo n .
26712000);
[ ] E' una delibera urgente, dichiarata immediatamente eseguibile, con il voto espresso dall'unanimità ovvero dalla maggioranza dei suoi
componenti (art. 134 - comma 4° - del D. L.gvo n. 26712000);
Pompei,lì
IL SEGRETARIO
GENERALE:
F.to Dott.ssa M.B. Tedesco
SPAZIO RISERVATO ALL'ORGANO DELffiERANTE DELL'ENTE
Copia della suestesa delibera, immediatamente eseguibile / divenuta esecutiva è trasmessa per l'esecuzione della medesima e le relative procedure
attuative:
P.R. Data e Firma
P.R Data e Firma
al
al
al
al
al
al
Dirigente
Dirigente
Dirigente
Dirigente
Dirigente
Dirigente
Pompei, li,
Settore I Affari Generali e Finanziari
Settore 11 AA. Prad. Tur. Cult. e Legali
Settore 1lI AA.DD. e PoI. Sociali
Settore IV Sicurezza Polizia Locale e P.C.
V Settore Tecnico
VI Settore Tecnico
elo Responsabile
e/o Responsabile
e/o Responsabile
e/o Responsabile
elo Responsabile
elo Responsabile
_
Servizio,
Servizio,
Servizio,
Servizio,
Servizio,
Servizio,
_
_
_
_
_
_
IL RESPONSABILE Settore AA.GG. e Finanziari
Dott. Eugenio Piscino
6
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
464 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content