close

Enter

Log in using OpenID

asl bari - Bari Congressi e Cultura S.r.l.

embedDownload
Responsabile Scientifica: dr.ssa Angela Carofiglio– Dirigente Responsabile Formazione DSM
SICUREZZA AMBIENTALE
Relatori e Moderatori:
Antonello Bellomo: Professore Associato Psichiatria Università di Foggia
Vincenzo Defilippis: Direttore U.O. Risk management e Qualità ASL BA
E GESTIONE DEI COMPORTAMENTI
AGGRESSIVI E VIOLENTI
Guido Di Sciascio: Dirigente Responsabile U.O. Psichiatria Universitaria
A.O.U. Consorziale Policlinico
Giancarlo Magno: Dirigente Psicologo SPDC ASL TA
Francesco Polemio:Direttore Servizio Sorveglianza Sanitaria e Radioprotezione Medica ASL BA
Rita Roncone: Professore Associato Psichiatria Università dell’Aquila
Domenico Semisa: Direttore f.f. DSM ASL BA
Cesare Schiraldi: Dirigente Psichiatra DSM ASL BA
Alfredo Sgaramella: Direttore CSM Area 5 ASL BA
Bari, 27 marzo 2014
Sala Consiliare della Provincia di Bari
Il corso è stato accreditato e ha ricevuto n. 9 Crediti ECM ed è riservato a 100 operatori del
DSM ASL BA :
Medici, Psicologi, Infermieri, Educatori Professionali, Terapisti della Riabilitazione
Psichiatrica, Assistenti Sociali
La Sala Consiliare della Provincia di Bari è situata in Lungomare Nazario Sauro, 27. E’
raggiungibile con i mezzi pubblici. Si consiglia l’utilizzo del Park 6 Ride di Pane e Pomodoro.
Comportamenti aggressivi e violenti sono frequenti nei servizi dove si è in contatto con
situazioni di emergenza ( CSM , Servizi per le dipendenze patologiche ,Pronto Soccorso).
Compito degli operatori è conoscere e pretendere l'applicazione di tutte le norme previste
per evitare che i comportamenti violenti possano arrecare danno ai
pazienti stessi
nonché agli operatori interferendo gravemente sul clima di fiducia che è alla base di ogni
rapporto terapeutico.
E’ indispensabile conoscere cosa è il DVR secondo la legge 81 , ma anche come sia
fondamentale in ogni contesto lavorativo la costruzione collegiale delle linee guida miranti
alla sicurezza ambientale e alla definizione di pratiche per prevenire il rischio.
Nel DSM , in particolare, è necessario operare una attenta disamina delle relazioni tra
disturbo mentale e comportamento violento, porre una speciale attenzione alle emozioni
che si attivano nei contesti aggressivi per imparare a padroneggiarle e scegliere le
strategie opportune per contenere l'escalation della violenza recuperando il ruolo di cura .
Un agito violento è sempre da intendersi come “ evento sentinella” che può essere correlato
ad anomalie organizzative di vario tipo, da quelle strutturali -ambientali, a quelle della
comunicazione tra operatori e tra operatori e portatori di un disagio, siano essi malati o loro
familiari.
Si intende enfatizzare la tesi che l'isolamento del curante è di per sé un segno negativo del
funzionamento di un servizio di salute mentale che ha nella sua missione quello di agire
attraverso gli apporti di figure multiprofessionali, e che solo dal confronto tra i diversi punti di
vista che colgono dimensioni differenti di uno stesso problema si può giungere a dare
risposte articolate ai bisogni complessi delle persone che hanno necessità di rivolgersi per
sé o per i loro familiari ai nostri servizi.
PROGRAMMA
Ore 8.30 Registrazione partecipanti
Ore 9.00 Presentazione dei lavori
Angela Carofiglio
Modera: Domenico Semisa
Ore 9.30 La costruzione delle linee guida per la sicurezza
Vincenzo Defilippis
Ore 9.50 Sicurezza e salute (il DVR e la legge 81) Francesco Polemio
Ore 10.10 Misure di prevenzione dei comportamenti a rischio
Alfredo Sgaramella — Schiraldi — Carofiglio
Ore 10.30 La supervisione istituzionale come strumento di prevenzione
Giancarlo Magno
Ore 10.50 Il comportamento violento nella classificazione dei disturbi
mentali Antonello Bellomo
Ore 12.10 Farmacoterapia del comportamento violento
Guido Di Sciascio
Ore 12.30 Discussione
Ore 13.30 Pausa
Ore 14.30 Strategie di gestione del paziente con disturbo mentale e
comportamento violento Rita Roncone
Le immagini, relative alla morte di una stella riprese da satellite,sono dedicate a Paola Labriola
Ore 15.30 Attività di gruppo: simulazione di casi clinici
Quando una stella muore che brucia ma non vuole
L’universo se ne accorgerà.
Quando una stella muore fa male, fa male
Cambia il cielo cambia la musica dell'anima ma tu resti qui con me
tra lo stomaco e i pensieri più invisibili e da li non te ne andrai
“Giorgia”
Ore 17.30 Questionario di verifica dell’apprendimento
Ore 18.00 Termine dei lavori
Rita Roncone
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
169 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content