close

Enter

Log in using OpenID

Catalogo formativo per i confidi

embedDownload
I
R
E
P -15
A
4
S 201
Catalogo formativo
per i confidi
NUOVI PERCORSI FORMATIVI
per crescere insieme
I nostri cataloghi si sono arricchiti di nuove proposte per poter rispondere alle esigenze specifiche delle
diverse aree e funzionalità aziendali.
Crediamo che investire sulle persone sia al centro dei processi d’innovazione e di successo dell’azienda,
per questo accompagnamo la vostra crescita costruendo, insieme a voi, progetti formativi su misura.
I nostri cataloghi formativi
• Formazione per la banca
• Formazione per i confidi
• Formazione per le aziende
• Formazione per gli agenti
in attività finanziaria
e i mediatori creditizi
Tutti i programmi dei corsi sono soltanto spunti
per definire e implementare il piano formativo di
ciascuno.
Ogni progetto è personalizzabile sulla base dei
fabbisogni formativi individuali e sulle esigenze
aziendali.
RES consulting group è una società di consulenza e formazione che opera da più di 10 anni a livello nazionale nel
settore dei servizi con specializzazione nell’ambito bancario e finanziario. Le aree di intervento sono :
•
•
•
•
•
consulenza organizzativa e di direzione;
formazione comportamentale e manageriale;
formazione tecnica per intermediari finanziari;
realizzazione di eventi e convegni;
software per la gestione delle risorse umane, CRM, governance aziendale
È accreditata dalla Regione Toscana in quanto agenzia formativa dal gennaio 2007 e dal 2010 è iscritta all’albo dei
formatori per la mediazione civile e commerciale.
È azienda con certificazione di qualità ISO9001 e certificazione etica SA8000 dal dicembre 2007.
E ora parliamo di “noi”
La nostra caratteristica principale è la capacità di fare squadra: riusciamo a fare squadra con i
nostri clienti come se fossimo un’unica impresa.
In ogni progetto mixiamo l’entusiasmo con la
competenza tecnica, la passione con le conoscenze della materia, la flessibilità con l’esperienza.
Il risultato è la squadra RES e il cliente.
www.resgroup.it
ELENCO CORSI
ALTA FORMAZIONE
Il direttore commerciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
La dirigenza del confidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Percorso neo assunti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Percorso responsabili di filiale e/o unità operative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Percorso talenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
SICUREZZA: FORMAZIONE OBBLIGATORIA
Formazione generale sulla sicurezza aziendale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Formazione specifica sulla sicurezza aziendale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Formazione sulla sicurezza aziendale - Dirigenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Formazione aggiuntiva sulla sicurezza aziendale - Preposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Formazione sulla sicurezza aziendale - RLS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Aggiornamento formativo per RLS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Aggiornamento formativo quinquennale per i lavoratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
17
18
19
20
21
22
23
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
La rilevazione e la valutazione delle competenze e delle performance . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Tecniche di selezione, formazione e gestione del personale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il front-office: il biglietto da visita dell’azienda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La gestione dei collaboratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Innovare la comunicazione attraverso la PNL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La comunicazione con il cliente interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Nuovi canali di comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
L’approccio commerciale in un confidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il problem solving . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Diversity management . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Change management . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Time management . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
24
25
26
28
29
31
32
33
35
36
37
38
LEGALE
Adempimenti normativi per il contatto con il pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Antiriciclaggio e confidi per gli operatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Antiriciclaggio e confidi per la Direzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Antiriciclaggio e confidi per il responsabile della funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La responsabilità amministrativa degli enti ex D. Lgs. 231/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
40
41
42
43
44
Società fiduciarie e trust profili giuridici e risvolti antiriciclaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La tutela della privacy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La disciplina sull’usura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La trasparenza nei confidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
45
46
47
48
TECNICHE AMMINISTRATIVE
Il controllo di gestione nei confidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
TECNICHE PROFESSIONALI
Analisi di bilancio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
I controlli interni e i presidi organizzativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Internal Audit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il monitoraggio del credito deteriorato e in bonis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Seminario pratico di approfondimento, il monitoraggio del credito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Presidio rischio crediti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il controllo strategico: progettazione, pianificazione, budgeting e reporting . . . . . . . . . . . . .
La figura del Risk Manager nel confidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La valutazione del merito creditizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La gestione del credito ai piccoli operatori economici (POE) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il consiglio di amministrazione: ruoli e responsabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il processo ICAAP nei confidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Dal bilancio tradizionale al bilancio IAS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Lo IAS 7 e il rendiconto finanziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La funzione compliance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La gestione strategica dei confidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
I Mediatori Creditizi e gli Agenti in Attività Finanziaria:
il rapporto con gli Intermediari finanziari vigilati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Costruzione e organizzazione della rete di vendita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
L’impatto sulle politiche del credito della riforma del diritto fallimentare . . . . . . . . . . . . . . . .
Tecniche di valutazione dell’impresa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Le garanzie e i rapporti con il fondo centrale di garanzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Tecniche di Vendita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La Negoziazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La comunicazione efficace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
50
51
52
53
54
55
56
57
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
OBBLIGHI OAM - IVASS
Preparazione all’esame per agenti in attività finanziaria e mediatori creditizi
per l’iscrizione alle liste dell’OAM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
Formazione per dipendenti e collaboratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
Corso di formazione professionale ai sensi dell’art. 14, comma 1, D.lgs 141/10 . . . . . . . . . 79
Corso di aggiornamento biennale per tutti gli agenti e mediatori iscritti
agli elenchi dell’OAM e per i loro dipendenti e collaboratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
Formazione IVASS 60 ore in materia assicurativa ai sensi del
regolamento ISVAP n. 5/2006 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
Formazione IVASS 30 ore in materia assicurativa ai sensi del
regolamento ISVAP n. 5/2006 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
TRASVERSALE
Corsi di lingue straniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
Corsi di informatica base. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
Corsi di informatica avanzata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
LEGENDA
Corsi fruibili in modalità e-learning
RES garantisce l’aggiornamento costante di tutti i percorsi formativi. Il presente catalogo è stato stampato in
febbraio 2014, i corsi risultano pertanto aggiornati a tale data. I programmi degli interventi formativi saranno
costantemente aggiornati con le novità normative via via che verranno pubblicate.
PERCORSI FORMATIVI
A COSTO ZERO
realizzati su misura per la tua azienda
COME ACCEDERE AI FONDI
1
Iscriviti gratuitamente a uno dei Fondi Paritetici Interprofessionali esistenti
2
Scegli i corsi adatti a te e prepara un piano formativo aziendale. Sono le stesse
strutture del fondo ad emanare periodicamente dei bandi in cui si mettono a
disposizione i fondi per finanziare la formazione delle aziende iscritte
3
Partecipa ai bandi emessi dai fondi mano a mano che questi vengono pubblicati
4
Forma i tuoi dipendenti
5
Percepisci il finanziamento
COME PUÒ AIUTARTI RES
I nostri consulenti si occuperanno della gestione del progetto in ogni sua parte:
progettazione, presentazione, erogazione, rendicontazione, e consentiranno alla tua
azienda di percepire i fondi delegando a RES ogni aspetto organizzativo, burocratico e
amministrativo. Richiedici subito una consulenza gratuita!
Per saperne di più:
www.resgroup.it/formazione-finanziata
Alessia Marchi, [email protected]
PERCORSO FORMATIVO TECNICO COMPORTAMENTALE
ALTA FORMAZIONE
Il direttore commerciale
Premessa
In un contesto economico come quello attuale, la figura del direttore
commerciale assume un’importanza strategica per i confidi. È importante,
perciò, formare personale in tal senso, in grado di gestire e valorizzare la rete
commerciale affidatagli, sia sotto il profilo professionale che motivazionale.
Obiettivi
Fornire una visione completa del ruolo del direttore commerciale, sotto
l’aspetto marketing, normativo, organizzativo, comportamentale. Il corso
fornisce altresì strumenti e metodi per la gestione del mercato e del personale
nonché precisi piani per la costruzione di diverse reti di vendita dei confidi.
Destinatari
Direttori e vice direttori, direttori commerciali, direttori vendita, venditori
“eccellenti”, responsabili di funzione
Metodologia
Le tecniche di formazione saranno di tipo tradizionale ed esperienziale al fine
di ottenere il pieno coinvolgimento delle persone. Il corso prevede l’utilizzo
alternato di attività teoriche e di attività pratiche, quali esercitazioni in gruppo
e simulazioni.
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Generalità e modello di business del confidi
Il modello organizzativo e strutturale del confidi
Il rapporto del confidi con le associazioni di categoria
Le normative a presidio di un confidi vigilato
Le normative a supporto del rapporto confidi, impresa, banca
Riflessi sulla rete commerciale del modello di business e organizzativo
Tipologie e figure costitutive della rete: inquadramenti e normative
Gestione e sviluppo collaboratori
Modalità di gestione operativa
La produttività e il sistema di remunerazione
L’accoglienza
La qualità del servizio
La comunicazione in ogni sua forma: verbale, non verbale, telefonica, web
etc.
• La negoziazione: teorie e tecniche
7
• Tecniche di vendita e di marketing
• La vendita orientata al cliente
• La misurazione del territorio e dei risultati
Il percorso è strutturato in 3 moduli di 2 giorni cadauno
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
ALTA FORMAZIONE
Durata
8
PERCORSO FORMATIVO
ALTA FORMAZIONE
La dirigenza del confidi
Obiettivi
Sono anni che RES srl studia il mondo dei confidi, lavorando fianco a fianco con
strutture piccole e grandi, creando percorsi formativi nati con l’obiettivo di
professionalizzare le figure chiave e infine, organizzando da otto anni l’evento
nazionale dei confidi. Attraverso le diverse attività abbiamo sempre cercato
il confronto diretto per capire quali sono le reali esigenze, quali le aree di
miglioramento e quali le aree di business attraverso le quali far crescere le
strutture. Tutto questo lo facciamo guardando con un occhio al mercato e uno
alla normativa. Oggi queste modalità non sembrano sufficienti o per lo meno
esaustive, per questo RES organizza un percorso che intreccia consulenza e
formazione e rivolto alle figure apicali del Confidi.
Destinatari
Membri del CDA e del Collegio Sindacale, Direttore Generale, Vice Direttore
Generale, Responsabili di Funzione
Pre-requisiti e attività propedeutiche
Al fine di rendere efficiente l’incontro e quindi perfettamente aderente alla
realtà dell’impresa è necessario procurarsi e fornire almeno una settimana
prima i dati societari richiesti
Programma
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Gli esponenti aziendali dei confidi: ruoli, funzioni e responsabilità
Le funzioni dell’Organismo di Governance
L’Organo di Controllo
Il ruolo dell’Organo di supervisione strategica
Il ruolo dell’Organo di Gestione
La responsabilità apicale
Esternalizzare le funzioni di controllo
Organizzazione e business
Analisi di case history
La circolarità dell’operatività
Le ispezioni dell’Organo di controllo
Durata:
2 giornate
Modalità di fruizione
Residenziale
9
PERCORSO FORMATIVO TECNICO COMPORTAMENTALE
ALTA FORMAZIONE
Percorso neo assunti
Premessa
Spesso accade che il neo assunto sia preposto all’attività commerciale o al
front office, senza un’adeguata formazione. Se il cliente è scontento della
persona che incontra, il rapporto fra azienda e cliente va in crisi. Occorre quindi
avere persone preparate, non solo tecnicamente, quanto personalmente, che
sappiano stare vicini ai clienti e fornire soluzioni concrete.
Obiettivi
L’obiettivo del percorso è quello di fornire ai discenti una cultura sull’attività
del confidi a 360°, lavorando non solo sull’incremento delle competenze
tecniche, ma anche sviluppando l’attitudine alla comunicazione, all’empatia e
alla gestione delle relazioni con il cliente.
Il tutto non perdendo di vista il modello di business del confidi e la funzione
strategica di marketing che può rivestire il ruolo affidato al neo assunto.
Destinatari
I neo assunti
Metodologia
Le tecniche di formazione saranno di tipo tradizionale ed esperienziale al fine
di ottenere il pieno coinvolgimento delle persone. Il corso prevede l’utilizzo
alternato di attività teoriche e di attività pratiche, quali esercitazioni in gruppo
e simulazioni.
Si alterneranno incontri comportamentali e giornate di tecniche professionali.
È consigliabile usare la formula “residenziale” in luogo esterno all’azienda per
favorire la creazione del gruppo e l’interazione delle persone.
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Chi è il confidi e il suo modello di business
La normativa a presidio dei confidi
Gli organismi di vigilanza
La struttura organizzativa del confidi
Ruoli, compiti, responsabilità: distribuzione sul funzionigramma
Le garanzie e i servizi
I principali contratti bancari e altre forme di accesso al credito
La finanza d’impresa
Le normative e la struttura di vigilanza
Le normative a presidio dei rapporti con la clientela
Fondamenti di cultura finanziaria, assicurativa, creditizia
10
Fondamenti di gestione dei rischi, in particolare il rischio credito
Tecniche di comunicazione
La relazione commerciale con la clientela
Tecniche comportamentali all’interno del confidi
Il lavoro di squadra
L’intelligenza emotiva sul lavoro
Durata
Il percorso è strutturato in 4 moduli di 2 giorni cadauno a distanza minimo di
15 giorni l’uno dall’altro
Modalità di fruizione
Residenziale o aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
ALTA FORMAZIONE
•
•
•
•
•
•
11
ALTA FORMAZIONE
PERCORSO FORMATIVO TECNICO COMPORTAMENTALE
Percorso responsabili di
filiale e/o unità operative
Premessa
In un momento di forte cambiamento è necessaria una figura di “responsabileimprenditore”, capace di gestire le risorse, il mercato, che abbia una forte carica
emotiva e senso di appartenenza necessari per far crescere sia sé stesso che il
gruppo a lui affidato e naturalmente … il business.
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di fornire ai partecipanti le tecniche necessarie per
migliorare la leadership, incrementare l’aspetto commerciale e favorire la
creazione di un team.
Inoltre si propone di dare ai partecipanti supporto sotto il profilo tecnicooperativo, gestendo anche reali problematiche riscontrate.
Destinatari
Responsabili, vice di filiale e unità operative, responsabili di area, capi servizi
o capi settore, quadri in evidenza e persone in procinto di assumere suddette
cariche
Metodologia
Le tecniche di formazione saranno di tipo tradizionale ed esperienziale al fine
di ottenere il pieno coinvolgimento delle persone. Il corso prevede l’utilizzo
alternato di attività teoriche e di attività pratiche, quali esercitazioni in gruppo
e simulazioni.
Si alterneranno incontri comportamentali e giornate di tecniche professionali.
È consigliabile usare la formula “residenziale” in luogo esterno all’azienda per
favorire la creazione del gruppo e l’interazione delle persone.
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Le relazioni interpersonali
La comunicazione assertiva
La consapevolezza
La leadership
La creazione del gruppo
Il cambiamento della figura del responsabile di unità operativa
Il modello di business del confidi
Le leve di redditività del confidi
Tecniche di gestione delle unità operative
12
Le normative a presidio del rapporto con la clientela
Il presidio del rapporto confidi - banca -impresa
La struttura finanziaria delle PMI e sistemi di accesso al credito
Le responsabilità amministrative e penali
Momento di confronto su casi pratici e clienti difficili
Durata
Il percorso è strutturato in 3 moduli di 2 giorni cadauno a distanza minimo di
15 giorni l’uno dall’altro
Modalità di fruizione
Residenziale o aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
ALTA FORMAZIONE
•
•
•
•
•
13
PERCORSO FORMATIVO TECNICO COMPORTAMENTALE
ALTA FORMAZIONE
Percorso talenti
Premessa
In una situazione di forte cambiamento economico-sociale e normativo il confidi dovrà dotarsi di un modello organizzativo basato sulla centralità delle persone, sulle loro competenze, capacità, senso di responsabilità, leadership per
poter costruire una squadra competente, affidabile e soprattutto flessibile.
Obiettivi
Obiettivo del percorso è quello di infondere una nuova cultura manageriale,
dove ciascuno sviluppi un alto senso di appartenenza e responsabilità e sia in
grado, nel tempo, di assumere ruoli di crescente responsabilità e di gestione
delle persone. In estrema sintesi: un percorso tecnico e comportamentale che
fornisca competenze, sviluppi la leadership e contemporaneamente la capacità di lavorare in squadra.
Destinatari
Il percorso si rivolge ai talenti, cioè le persone i cui atteggiamenti e comportamenti facciano supporre la presenza di grosse potenzialità ancora inespresse
Metodologia
Le tecniche di formazione saranno di tipo tradizionale ed esperienziale al fine
di ottenere il pieno coinvolgimento delle persone. Il corso prevede l’utilizzo
alternato di attività teoriche e di attività pratiche, quali esercitazioni in gruppo
e simulazioni.
Si alterneranno incontri comportamentali e giornate di tecniche professionali.
È consigliabile usare la formula “residenziale” in luogo esterno all’azienda per
favorire la creazione del gruppo e l’interazione delle persone.
Al fine di ottenere maggiori risultati è necessario strutturare gruppi (di ambo i
sessi) di massimo 15 persone.
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Comunicazione e dinamiche relazionali
L’assertività
Flessibilità e gestione del cambiamento
La relazione capo - collaboratore
La motivazione e l’entusiasmo
La creazione del gruppo e la vision aziendale
La “costruzione” della squadra
Il lavoro di gruppo
La messa in pratica delle metodologie apprese
Il modello di business del confidi
14
•
•
•
•
•
La struttura di governance del confidi
Il presidio del rischio
I controlli interni
Il mercato
La finanza, il credito, i contratti bancari di base e altre forme di accesso al
credito
La finanza aziendale: il supporto delle garanzie e della consulenza
Le reti di distribuzione
Il conto economico
La clientela corporate
La clientela PMMI
Durata
Il percorso è strutturato in 4 moduli di 2 giorni cadauno a distanza minimo di
15 giorni l’uno dall’altro
Modalità di fruizione
Residenziale o aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
ALTA FORMAZIONE
•
•
•
•
•
15
Ora è il momento
adatto per…
…valutare il potenziale
La valutazione del potenziale consente di valorizzare le persone inserite nel
contesto aziendale, con uno sguardo orientato al futuro, poiché vengono indagate
le potenzialità ancora inespresse, del tutto o in parte, delle risorse.
L’obiettivo, quindi, è quello di far emergere caratteristiche, capacità, attitudini,
che non vengono attualmente utilizzate e valorizzate adeguatamente nell’ambito
dell’attività svolta.
La valutazione del potenziale offre numerosi vantaggi.
• Maggiore flessibilità organizzativa, in quanto permette di verificare il grado di sostituibilità delle risorse e pianificare eventuali sostituzioni;
• Programmare in modo efficace e tempestivo i percorsi di carriera di ciascuna risorsa, secondo tempi ed indirizzi che siano i più rispondenti possibile
alle caratteristiche individuali;
• Programmare interventi formativi “mirati”, in funzione cioè delle caratteristiche rilevate e dei piani di sviluppo ipotizzati;
• Misurare lo “stato di salute” dell’azienda dal punto di vista delle risorse
umane disponibili, attraverso il censimento dei collaboratori per “classi di
potenziale”;
• Prevedere lo stato di salute futuro, attraverso il confronto tra le risorse
umane disponibili con le esigenze organizzative future.
Uno strumento efficace e ideale da utilizzare in numerose occasioni:
• identificare, fra una rosa di risorse disponibili, la più adatta a svolgere un
determinato ruolo;
• capire se le risorse sono allocate in ruoli confacenti le loro caratteristiche;
• a fronte di riorganizzazioni aziendali;
• progettare percorsi formativi ad hoc.
Per maggiori informazioni:
Federica Spinelli Bini, [email protected]
Formazione generale sulla
sicurezza aziendale
Percorso formativo per i lavoratori ai sensi dell’ art.
37 D.Lgs. 81/2008
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di assolvere alla formazione obbligatoria di cui al
punto 4 dell’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011; si propone altresì di
fornire una formazione generale sui comportamenti, sulle normative, sulle
misure adottate a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori.
Destinatari
Tutto il personale, eccetto dirigenti
Programma
• I concetti di rischio e danno
• I concetti di prevenzione e protezione
• Organizzazione della prevenzione aziendale
• Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali
Durata
4 ore
Modalità di fruizione
Aula ed e-learning
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
SICUREZZA SUL LAVORO
PERCORSO FORMATIVO
17
Formazione specifica sulla
sicurezza aziendale
Percorso formativo per i lavoratori ai sensi dell’ art.
37 D.Lgs. 81/2008
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di assolvere alla formazione obbligatoria di cui al
punto 4 dell’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011, in funzione dei rischi
riferiti alle mansioni, ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure
di prevenzione e protezione caratteristici del settore o del comparto di
appartenenza dell’azienda.
Destinatari
Tutto il personale, eccetto dirigenti
Programma
Il programma sarà elaborato dal docente sulla base dei rischi specifici individuati dal DVR aziendale.
Durata
4 ore
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
SICUREZZA SUL LAVORO
PERCORSO FORMATIVO
18
SICUREZZA SUL LAVORO
PERCORSO FORMATIVO
Formazione sulla sicurezza
aziendale - Dirigenti
Percorso formativo per i dirigenti
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di assolvere alla formazione obbligatoria prevista all’
art. 2 co. 1 lett. D del D.Lgs. 81/2008 e dal punto 5 dell’Accordo Stato Regioni;
si propone altresì di fornire una formazione generale sui comportamenti, sulle
normative, sulle misure adottate a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori.
Destinatari
Dirigenti aziendali
Programma
• Sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori
• I soggetti del sistema di prevenzione aziendale e relativi compiti, obblighi
e responsabilità
• La delega delle funzioni
• Modelli di organizzazione e gestione nella salute e sicurezza sul lavoro
• Organizzazione della prevenzione incendi, primo soccorso, gestione delle
emergenze
• Modalità di organizzazione e di esercizio della funzione di vigilanza delle
attività lavorative
• Criteri e strumenti per l’individuazione e la prevenzione dei rischi
• Le misure tecniche organizzative procedurali di prevenzione e protezione
in base ai fattori di rischio
• La sorveglianza sanitaria
• Tecniche di comunicazione
• Lavoro di gruppo e gestione dei conflitti
• Natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei RLS
Durata
16 ore
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula e e-learning
19
SICUREZZA SUL LAVORO
PERCORSO FORMATIVO
Formazione aggiuntiva
sulla sicurezza aziendale Preposti
Percorso formativo per i preposti
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di assolvere alla formazione obbligatoria prevista all’
art. 2 co. 1 lett. E del D.Lgs. 81/2008 e dal punto 5 dell’Accordo Stato Regioni
del 21/12/2011; si propone altresì di fornire una formazione generale sui
comportamenti, sulle normative, sulle misure adottate a tutela della salute e
sicurezza dei lavoratori.
Destinatari
Preposti alla sicurezza. Intendendo come preposto alla sicurezza il soggetto
aziendale che si pone a capo di altri lavoratori, sovraintendendo l’attività
lavorativa e controllando la corretta esecuzione dei lavori (art. 2 co. 1 lettera
E, D.Lgs. 81/08)
Programma
• Principali soggetti del sistema di prevenzione aziendale: compiti, obblighi
e responsabilità
• Relazione fra i soggetti interni ed esterni del sistema di prevenzione
• Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori, in particolare
neo assunti, somministrati, stranieri
• Definizione e individuazione dei fattori di rischio e relativa valutazione in
riferimento al contesto
• Misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione
• Modalità di esercizio della funzione di controllo e di osservanza da parte
dei lavoratori delle disposizioni di legge e aziendali
Durata
8 ore
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Modalità di fruizione
Aula
Aula (4 ore) + modalità e-learning o video conferenza (4 ore) se disciplinati
da accordi aziendali previa consultazione del RLS (punto 5 bis Accordo StatoRegioni)
20
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
SICUREZZA SUL LAVORO
PERCORSO FORMATIVO
Formazione sulla sicurezza
aziendale - RLS
Percorso formativo per i rappresentanti dei
lavoratori per la sicurezza
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di assolvere alla formazione prevista dall’art. 37,
comma 10 del D.Lgs. 81/08; si propone altresì di fornire una formazione
generale sui comportamenti, sulle normative, sulle misure adottate a tutela
della salute e sicurezza dei lavoratori.
Destinatari
Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza
Programma
• Le normative: il D.Lgs. 81/08, il decreto correttivo 106 del 3/08/2009, Accordo Stato Regioni 21/12/2011
• La figura dell’ RLS nel sistema della prevenzione: compiti, responsabilità,
rapporti
• La comunicazione, l’informazione e la formazione sui luoghi di lavoro
• Rischi di natura psicosociale e stress lavoro correlato
• Concetto di salute, sicurezza, benessere
• Mappatura dei rischi e monitoraggio
• La valutazione dei rischi specifici
• Il documento di valutazione dei rischi (DVR)
• Compiti e responsabilità dei lavoratori, della struttura di prevenzione,
dell’azienda
• Tecniche di controllo e prevenzione dei rischi e in particolare il rischio incendio
• Il medico competente e la sorveglianza sanitaria
• Emergenze: tipologie, prevenzione e gestione
• Aspetti giuridici sanzionatori : amministrativo e penale
• Il concetto di responsabilità
• Organismo di vigilanza interno (ODV ex D.Lgs. 231/2001)
• Organismo di vigilanza esterno
Durata
32 ore da svolgersi in 4 giornate
Modalità di fruizione
Aula
21
SICUREZZA SUL LAVORO
PERCORSO FORMATIVO
Aggiornamento formativo
per RLS
Aggiornamento formativo per i rappresentanti dei
lavoratori per la sicurezza
Obiettivi
Fornire un aggiornamento annuale in ottemperanza al D.Lgs. 81/2008.
Destinatari
Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza
Programma
• Esame e sviluppo degli argomenti previsti dall’art. 37 comma 11 D.Lgs.
81/08
• Legislazione generale e speciale in materia di salute e sicurezza sul lavoro
• Principali soggetti coinvolti e relativi compiti, obblighi e responsabilità
• Individuazione delle misure tecniche, organizzative, procedurali di prevenzione e protezione
• Aspetti normativi dell’attività di rappresentanza dei lavoratori
• Organi di controllo e sistema sanzionatorio
• Esame e valutazione del rischio stress lavoro correlato art. 28 D.Lgs. 81/08
• La sorveglianza sanitaria alla luce dei nuovi rischi
Durata
4 ore annue per le imprese che occupano fino a 50 lavoratori
8 ore annue per le imprese che occupano più di 50 lavoratori
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
22
Aggiornamento formativo
quinquennale per i lavoratori
Aggiornamento formativo quinquennale per i
lavoratori
Obiettivi
Fornire un aggiornamento quinquennale in ottemperanza al D.Lgs. 81/2008.
Destinatari
Tutti i lavoratori, preposti e dirigenti
Programma
•
•
•
•
•
Approfondimenti giuridico - normativi
Aggiornamenti tecnici sui rischi ai quali sono esposti i lavoratori
Aggiornamenti su organizzazione e gestione della sicurezza in azienda
Fonti di rischio e relative misure di prevenzione
Aggiornamento relativo ai propri compiti in materia di salute e sicurezza
del lavoro
Durata
6 ore
Modalità di fruizione
Aula ed e-learning
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
SICUREZZA SUL LAVORO
PERCORSO FORMATIVO
23
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
PERCORSO FORMATIVO
La rilevazione e la
valutazione delle
competenze e delle
performance
I sistemi e le metodologie per la misurazione e la
crescita delle risorse umane
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di fornire metodologie e strumenti per individuare,
valutare e misurare le competenze espresse da ciascun dipendente nel suo
ruolo. Successivamente valutare il livello delle prestazioni di ciascuno, dando
la possibilità di individuare metodi e sistemi per migliorare il livello qualitativo.
Destinatari
Responsabili HR, direttori del personale, Direzione Generale
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Individuare quali sono i ruoli e le competenze necessarie in azienda
Assegnazione delle competenze a ciascun ruolo
Tecniche di valutazione delle competenze del personale
La gap analisys fra le competenze attese e le competenze rilevate
Tecniche e metodologie per il miglioramento delle competenze
Differenza fra competenze e prestazioni
La rilevazione e la valutazione delle prestazioni
Impianto di un sistema di valutazione e monitoraggio delle prestazioni
La crescita dell’impresa attraverso la crescita del personale
Monitoraggio competenze e prestazioni
Durata
2 giornate
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Modalità di fruizione
Aula
24
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
Tecniche di selezione,
formazione e gestione del
personale
Obiettivi
Le risorse umane rappresentano da sempre un valore centrale per l’azienda,
per questo le figure che si occupano della loro selezione, gestione e formazione devono essere adeguatamente aggiornate. I cambiamenti avvenuti negli ultimi anni nel mondo della gestione delle risorse umane deriva soprattuto dallo
sviluppo dell’informatica e dal suo impiego. Acquisire competenze aggiornate
in questo ambito significa diventare elemento di successo per lo sviluppo e la
crescita della propria azienda.
Destinatari
Responsabili HR, Responsabili del processo di valutazione del personale
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
La selezione
Identificazione dei parametri di riferimento, le job description
Il pre-screening e lettura del curriculum vitae
Fonti di reclutamento
Le prove
Dal profilo alle skills
Il colloquio
Il reclutamento; individuazione delle fonti e scelta degli strumenti per il reclutamento
• La valutazione di Posizione, Prestazione, Potenziale
• L’Assessment Center: obiettivi e definizione delle diverse prove
• In basket: obiettivo e costruzione della prova
Durata
1 giornata
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Modalità di fruizione
Aula
25
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
PERCORSO FORMATIVO
Il front-office: il biglietto da
visita dell’azienda
L’importanza del front-office come strumento di
vendita e relazione
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di far acquisire ai partecipanti consapevolezza
delle proprie capacità relazionali, sperimentare la comunicazione vincente e
persuasiva, conoscere le tecniche dell’ascolto attivo, strumento fondamentale
per la comprensione dell’altro.
Inoltre saranno esaminate le tecniche più efficaci per sviluppare una relazione
positiva con il cliente, migliorando l’empatia e la capacità di comprendere
le aspettative di quest’ultimo. Saranno infine appresi metodi e tecniche di
negoziazione, aumentando la capacità dei discenti di trasformare i conflitti in
negoziati.
Destinatari
Tutto il personale che ha contatto con la clientela
Metodologia
Le tecniche di formazione saranno di tipo tradizionale ed esperienziale al fine
di ottenere il pieno coinvolgimento delle persone. Il corso prevede l’utilizzo
alternato di attività teoriche e di attività pratiche, quali esercitazioni in gruppo
e simulazioni.
La formazione tradizionale servirà per supportare i partecipanti
nell’apprendimento dei concetti fondamentali, mentre la metodologia
esperienziale aiuterà le persone ad interiorizzare i concetti appresi in modo da
riapplicarli nel lavoro.
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Come sviluppare una comunicazione efficace
La comunicazione non verbale
La raccolta delle informazioni
Le parole da evitare
L’uso delle domande
Il cliente al centro delle relazioni
La flessibilità nella relazione
La disponibilità
Individuare le aspettative del cliente
26
• La gestione del conflitto
• Trasformare le obiezioni in opportunità
• La gestione del cliente difficile
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
• I reclami e le lamentele
27
PERCORSO FORMATIVO
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
La gestione dei collaboratori
Alla scoperta del capitale umano
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di fornire metodologie e strumenti per la gestione
dei collaboratori, sia sotto il profilo motivazionale che operativo.
Verranno inoltre analizzati i vari stili di leadership e sviluppate le conoscenze
relativamente a comunicazione, lavoro per obiettivi e negoziazione.
Destinatari
Direzione Generale, responsabili di area e funzione, responsabili di filiale,
figure di coordinamento
Metodologia
Le tecniche di formazione saranno di tipo tradizionale ed esperienziale al fine
di ottenere il pieno coinvolgimento delle persone. Il corso prevede l’utilizzo
alternato di attività teoriche e di attività pratiche quali esercitazioni in gruppo
e simulazioni.
La formazione tradizionale servirà per supportare i partecipanti
nell’apprendimento dei concetti fondamentali, mentre la metodologia
esperienziale aiuterà le persone ad interiorizzare i concetti appresi in modo da
riapplicarli nel lavoro.
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
La relazione capo – collaboratore
Le abilità e le competenze per la gestione dei collaboratori
I diversi stili di leadership
La gestione operativa dei collaboratori
La trasmissione efficace dei compiti
La formulazione delle critiche costruttive
La gestione dei conflitti interpersonali
Il processo della delega
La condivisione delle informazioni
Le modalità di valutazione dei collaboratori e controllo sull’operato
La definizione e condivisione degli obiettivi
Motivazione e sviluppo dei collaboratori
Laboratorio esperienziale
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
Aula
28
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
PERCORSO FORMATIVO
Innovare la comunicazione
attraverso la PNL
Conoscere e capire la programmazione neuro
linguistica
Obiettivi
La comunicazione nei contesti aziendali e all’esterno degli stessi rappresenta
la linfa di ogni organizzazione o sistema sociale e costituisce un fondamentale
strumento di valore.
Lo sviluppo di tale processo può avvenire strategicamente attraverso l’utilizzo
della PNL (Programmazione Neuro Linguistica) che aiuta a creare un immediato
feeling con le persone e permette, inoltre, di acquisire lo stile comunicativo
adatto al contesto, e scegliere l’atteggiamento e/o il comportamento più
adeguato attraverso tecniche precise.
Queste tecniche e questi modelli, che danno poi vita ad una serie di
atteggiamenti mentali, ci servono per migliorare i nostri rapporti e la nostra
comunicazione con gli altri.
Destinatari
Tutte le figure professionali
Metodologia
Le tecniche di formazione saranno di tipo tradizionale ed esperienziale al fine
di ottenere il pieno coinvolgimento delle persone. Il corso prevede l’utilizzo
alternato di attività teoriche e di attività pratiche, quali esercitazioni in gruppo
e simulazioni.
La formazione tradizionale servirà per supportare i partecipanti
nell’apprendimento dei concetti fondamentali, mentre la metodologia
esperienziale aiuterà le persone ad interiorizzare i concetti appresi in modo da
riapplicarli nel lavoro.
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Conoscere i presupposti della PNL
Come le convinzioni di un individuo influenzano il suo comportamento
Cos’ è la PNL e come si valuta la bontà o meno di una strategia
Imparare come si struttura la comunicazione attraverso le sue componenti
L’importanza, in PNL, del primo impatto con una persona
In che misura la mappa interiore non corrisponde alla realtà oggettiva
Facilitare la relazione interpersonale: l’empatia
Come entrare nella realtà di un’altra persona per comunicare efficacemente
Come i tre sistemi rappresentazionali (visivo, auditivo e cinestesico)
29
•
•
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
•
•
interagiscono in ogni persona
Entrare in sintonia con la tecnica del ricalco
La sintonia istantanea in PNL: può bastare una parola per sintonizzarti con
l’interlocutore
L’arte di ascoltare ed osservare
La prossemica e lo spazio sociale
30
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
PERCORSO FORMATIVO
La comunicazione
con il cliente interno
Come migliorare la comunicazione con i colleghi
Obiettivi
L’ obiettivo è quello di migliorare la capacità di relazionarsi fra colleghi, favorire
l’ascolto reciproco e, di conseguenza, la collaborazione fra i vari uffici.
In pratica, favorire la creazione di un ambiente dove le relazioni siano positive,
la comunicazione facile e trasparente, si possa trovare supporto reciproco,
capacità di prendere decisioni, scambiarsi feedback, condividere risorse e
creare una crescita sistematica, continua e sinergica.
Destinatari
Tutte le figure professionali
Metodologia
Le tecniche di formazione saranno di tipo tradizionale ed esperienziale al fine
di ottenere il pieno coinvolgimento delle persone. Il corso prevede l’utilizzo
alternato di attività teoriche e di attività pratiche, quali esercitazioni in gruppo
e simulazioni.
La formazione tradizionale servirà per supportare i partecipanti
nell’apprendimento dei concetti fondamentali, mentre la metodologia
esperienziale aiuterà le persone ad interiorizzare i concetti appresi in modo da
riapplicarli nel lavoro.
È consigliabile usare la formula “residenziale” in luogo esterno all’azienda per
favorire la creazione del gruppo e l’interazione delle persone.
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
Comunicazione verbale, paraverbale, non verbale
Gli elementi che facilitano la relazione
L’ascolto attivo, passivo, empatico
La comunicazione assertiva
Gli stili comunicativi: aggressivo, passivo, assertivo
La gestione del conflitto
Superare i pregiudizi e gli stereotipi
L’intelligenza emotiva e il saper essere
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
Residenziale o aula
31
PERCORSO FORMATIVO
Come il web può favorire le relazioni con i clienti
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di mettere in evidenza come il web e i social network
possano rappresentare nuovi canali di business. I partecipanti apprenderanno
le tecniche per pianificare una strategia di web marketing, nonché i vari
strumenti a disposizione per metterla in pratica.
Destinatari
Direzione, responsabili area mercato, responsabili marketing, responsabili di
filiale
Programma
• Dal marketing online al cross media marketing
• Best practice e fattori critici di successo per l’integrazione della
comunicazione online e offline
• Dal piano di marketing al social media marketing plan
• L’ importanza del coinvolgimento e della co-creazione di contenuti con i
clienti
• Strumenti di comunicazione 2.0, dai social network alle mobile app
• Pubblicare sul web e sui social network
• Come costruire contenuti adeguati, virali, coinvolgenti o semplicemente
efficaci
• Analisi di best practice nel settore
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
Nuovi canali di comunicazione
32
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
PERCORSO FORMATIVO TECNICO COMPORTAMENTALE
L’approccio commerciale in
un confidi
Come costruire proficue relazioni con i clienti
Obiettivi
L’obiettivo di questo corso è quello di trasmettere l’importanza della figura
commerciale nello sviluppo di una relazione consulenziale che consenta di
conoscere meglio il cliente per vendere, fidelizzarlo e ampliare il rapporto.
Destinatari
Tutti coloro che hanno rapporti con la clientela a qualsiasi livello
Metodologia
Le tecniche di formazione saranno di tipo tradizionale ed esperienziale al fine
di ottenere il pieno coinvolgimento delle persone. Il corso prevede l’utilizzo
alternato di attività teoriche e di attività pratiche, quali esercitazioni in gruppo
e simulazioni.
La formazione tradizionale servirà per supportare i partecipanti
nell’apprendimento dei concetti fondamentali, mentre la metodologia
esperienziale aiuterà le persone ad interiorizzare i concetti appresi in modo da
riapplicarli nel lavoro.
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Comunicazione verbale, paraverbale, non verbale
Facilitare la relazione interpersonale: l’empatia e l’ascolto profondo
Come sviluppare una comunicazione efficace
L’accoglienza
Il cliente al centro delle relazioni
Individuare le aspettative del cliente
La qualità nel servizio
I bisogni del cliente
La qualità nella relazione
La negoziazione
Trasformare le obiezioni in opportunità
Tecniche di vendita
La raccolta delle informazioni e l’analisi dei bisogni
La gestione del rapporto con le diverse tipologie di clienti
Orientamento al prodotto/servizio e orientamento al cliente
33
Durata
3 giornate
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
• La dimensione giuridica del contratto impresa-confidi tra Codice Civile,
Codice Consumatori, TUF e Codice Etico dell’Azienda
• Le normative specifiche del rapporto: trasparenza, privacy, antiriciclaggio,
usura
• Le regole della contrattazione: le fasi del contratto, il contratto adeguato e
validamente concluso
• Profili operativi: comportamenti, modulistica, adeguata informazione
• Il diritto al recesso
34
PERCORSO FORMATIVO
L’arte di risolvere i problemi con successo
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di sviluppare un approccio creativo alla soluzione
dei problemi, oltre che fornire le conoscenze e le capacità per affrontare con
successo le criticità aziendali trasformandole in opportunità.
Destinatari
Tutte le figure professionali
Metodologia
La metodologia usata è di tipo interattivo: il corso viene condotto come un
laboratorio, segue quindi una metodologia basata sulle tecniche del problem
solving. L’approccio si basa prevalentemente su casi individuati dai partecipanti.
Il corso viene strutturato in due fasi: la prima è costituita da un’ indispensabile
introduzione teorica, la seconda è dedicata alla risoluzione di casi proposti dai
partecipanti.
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
La creatività applicata
I veri e i falsi problemi
Le fasi del problema
Processi mentali nella soluzione di problemi
La visione d’insieme
Identificazione delle soluzioni
Il brainstorming
Individuazione dei criteri per identificare le soluzioni migliori
Laboratorio esperienziale
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
Il problem solving
35
PERCORSO FORMATIVO
Valorizzare le differenze
Obiettivi
Il Diversity Management è una filosofia di gestione delle risorse umane che si
concretizza in azioni finalizzate alla gestione e la valorizzazione delle diversità.
Dato che le organizzazioni in cui viviamo e lavoriamo sono sempre meno
uniformi per genere, provenienza etnico-culturale, orientamento sessuale,
fede religiosa etc. , per poter definire politiche di intervento e strumenti
efficaci, nei diversi ambiti, diventa fondamentale avere consapevolezza sia delle
normative che delle dinamiche organizzative, sia degli strumenti più adatti per
definire l’approccio più adeguato, che dele migliori strategie da adottare.
Destinatari
Direzione, Responsabili delle Risorse Umane, Responsabili HR, Responsabili
di gruppi di progetto
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
Conoscere il diversity management ed il gender mainstreaming.
La pluralità nelle organizzazioni
Strategie e processi di comunicazione del Diversity Management
Il personale multiculturale e la valorizzazione delle diversità
Conflitti generazionali e divario tecnologico
La pianificazione delle carriere nel rispetto delle diversità
Progettare e valutare il diversity management ed il gender mainstreaming
Il Project work
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
Diversity Management
36
PERCORSO FORMATIVO
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
Change management
Capire, accettare e gestire il cambiamento
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di far capire ai partecipanti gli aspetti critici e
quelli positivi del cambiamento, imparando a riconoscere e gestire le proprie
emozioni e quelle degli altri. Il corso stimolerà i partecipanti a creare soluzioni
alternative e ad accogliere i cambiamenti come opportunità.
Destinatari
Tutte le figure professionali
Metodologia
Le tecniche di formazione saranno di tipo tradizionale ed esperienziale al fine
di ottenere il pieno coinvolgimento delle persone. Il corso prevede l’utilizzo
alternato di attività teoriche e di attività pratiche, quali esercitazioni in gruppo
e simulazioni.
La formazione tradizionale servirà per supportare i partecipanti
nell’apprendimento dei concetti fondamentali, mentre la metodologia
esperienziale aiuterà le persone ad interiorizzare i concetti appresi in modo da
riapplicarli nel lavoro.
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
La cultura ed i valori dell’impresa e delle persone
L’uomo: l’animale con maggiore adattabilità
Flessibilità e gestione del cambiamento
La difficoltà a lasciare la zona di comfort: il passato che tiene in ostaggio il
futuro
La perdita dei tradizionali modi di agire
I processi di trasformazione dell’organizzazione
La responsabilità personale nell’affrontare i cambiamenti
Laboratorio Esperienziale : momento di confronto dove i discenti potranno,
attraverso una serie di esercizi, attività, esperienze, applicare i concetti
appresi
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
Aula
37
PERCORSO FORMATIVO
La gestione efficace del tempo e degli obiettivi
Obiettivi
L’obiettivo è quello di valutare il proprio stile di pianificazione e organizzazione,
acquisire metodi e strumenti per gestire il tempo e governarlo, favorire la
consapevolezza degli usi ed abusi della risorsa tempo ed infine capire la
differenza tra urgenza e importanza.
Destinatari
Tutte le figure professionali
Metodologia
Le tecniche di formazione saranno di tipo tradizionale ed esperienziale al fine
di ottenere il pieno coinvolgimento delle persone. Il corso prevede l’utilizzo
alternato di attività teoriche e di attività pratiche, quali esercitazioni in gruppo
e simulazioni.
La formazione tradizionale servirà per supportare i partecipanti
nell’apprendimento dei concetti fondamentali, mentre la metodologia
esperienziale aiuterà le persone ad interiorizzare i concetti appresi in modo da
riapplicarli nel lavoro.
Programma
•
•
•
•
•
•
•
Prendere consapevolezza della risorsa tempo
Tempo e produttività personale (efficacia ed efficienza)
Usi ed abusi della risorsa tempo
Sfruttare al meglio i momenti di maggiore rendimento
Le perdite di tempo (come ridurle)
Eliminare o ridurre al massimo le distrazioni
La gestione degli imprevisti
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
COMPORTAMENTALI & MANAGERIALI
Time management
38
PROTAGONISTA
DELLA TUA FORMAZIONE
E DELLA TUA CRESCITA
Cognosco è un modo di “vivere” la
formazione per trasformare i saperi in
conoscenza e in crescita.
Cognosco è un portale interattivo per
l’informazione e formazione delle
persone, con sistematico e costante
aggiornamento degli argomenti trattati.
Formazione erogata in base al ruolo
della persona
Percorsi formativi automatici
ad personam
Libretto formativo
costantemente aggiornato
Visione sistematica del
livello di preparazione del personale
Cognosco è un sistema di tutoring che
monitorizza il livello formativo di ogni
persona.
Si rivolge al mercato degli intermediari
finanziari: banche, confidi, società
finanziarie, mediatori creditizi, agenti in
attività finanziaria, istituti di pagamento,
ecc.
I contenuti formativi sono organizzati ed
erogati con modalità multimediali
interattive accessibili nei modi più
diversi: per argomento, per area, per job
description, per parola chiave, per ricerca
puntuale.
Cognosco è concepito e realizzato da
www.cognosco.it
Per info:
Simone Scotto, [email protected]
Beatrice Pagliai, [email protected]
LEGALE
PERCORSO FORMATIVO
Adempimenti normativi per
il contatto con il pubblico
Le principali normative che regolano l’intermediario
finanziario vigilato
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di fornire ai partecipanti una panoramica completa
ed esaustiva delle normative che regolano il rapporto confidi – cliente, nonché
fornire precise indicazioni sui comportamenti e le procedure da seguire per la
completa rispondenza alle normative.
Metodologia
I metodi didattici utilizzati saranno prevalentemente orientati ad un
apprendimento di tipo pratico-applicativo, attraverso lavori di gruppo,
analisi di casi, simulazione di processi decisionali e momenti di confronto e
rielaborazione in plenaria, seguiti da momenti mirati di concettualizzazione
teorica.
Destinatari
Tutte le figure professionali
Programma
• La dimensione giuridica del contratto Confidi/Cliente
• Le normative specifiche del rapporto : trasparenza, privacy, usura
• Le normative a presidio dell’antiriciclaggio e conseguenze operative: i
diversi adempimenti in relazione ai diversi soggetti
• Le regole della contrattazione: le fasi del contratto, il contratto adeguato e
validamente concluso
• Il rapporto post contrattuale e la patologia del reclamo
• Profili operativi: comportamenti, modulistica, adeguata informazione
• Profili di responsabilità: civile, penale, amministrativa
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
40
LEGALE
PERCORSO FORMATIVO
Antiriciclaggio e confidi
per gli operatori
La disciplina antiriciclaggio per i confidi,
relativamente all’attività degli operatori
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di fornire una visione completa sul corpus normativo
relativo al contrasto del riciclaggio e al finanziamento del terrorismo, nonché
precise istruzioni pratiche sui diversi comportamenti da tenere nelle specifiche
casistiche.
Destinatari
Personale commerciale, Presidio del Rischio, Controlli Interni, Compliance e a
tutti gli addetti che hanno contatti con il pubblico
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Le finalità e lo spirito della normativa antiriciclaggio
Il corpus normativo
Le diverse forme di riciclaggio nell’attività del confidi
L’esecuzione dell’adeguata verifica
La ricerca del titolare effettivo
Le persone politicamente esposte
Le diverse tipologie di operazione (collegate, frazionate, etc. )
L’ operazione sospetta
Indici di anomalia
Le segnalazioni di I e II livello
La nuova adeguata verifica della clientela. Aspetti organizzativi e operativi
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
41
LEGALE
PERCORSO FORMATIVO
Antiriciclaggio e confidi per
la Direzione
La disciplina antiriciclaggio per i confidi,
relativamente ai compiti e alla responsabilità della
Direzione
Obiettivi
Fornire una visione completa sul corpus normativo relativo al contrasto al
riciclaggio e al finanziamento al terrorismo, nonché precise istruzioni pratiche
sui diversi comportamenti da tenere nelle diverse casistiche.
Destinatari
Membri del Consiglio di Amministrazione, Collegio Sindacale, Direzione
Generale, responsabili delle funzioni di Compliance, Risk Management, Ufficio
Legale, Internal Audit
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
•
•
Le finalità e lo spirito della normativa antiriciclaggio
Il corpus normativo
I provvedimenti che riguardano i confidi di Banca d’Italia e del MEF
Compiti e responsabilità del CDA, Collegio Sindacale e alta direzione
Le diverse forme di riciclaggio
Riciclaggio penale e riciclaggio bancario
Le persone politicamente esposte
Le diverse tipologie di operazione (collegate, frazionate, etc. )
L’operazione sospetta
Indici di anomalia
Le segnalazioni di I e II livello
La responsabilità amministrativa da illecito penale ex D.Lgs. 231/01 e
rapporti con D.Lgs. 231/07
La funzione degli organismi di vigilanza
Antiriciclaggio, controlli antimafia e ruolo della AVCP (Autorità di Vigilanza
sui Contratti Pubblici)
Revisione del sistema di invio delle segnalazioni antiriciclaggio aggregate
La nuova adeguata verifica della clientela. Aspetti organizzativi e operativi
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
Aula
42
LEGALE
PERCORSO FORMATIVO
Antiriciclaggio e confidi per il
responsabile della funzione
La disciplina antiriciclaggio per i confidi,
relativamente all’attività dei responsabili della
funzione antiriciclaggio
Obiettivi
Il corso fornisce le conoscenze tecniche necessarie a gestire il processo
di rischio di riciclaggio. È articolato in due giornate al termine delle quali è
prevista una prova d’esame.
Destinatari
Compliance, Risk Management, responsabili e addetti della Funzione
Antiriciclaggio, responsabili delle segnalazioni di operazioni sospette, Delegati
Antiriciclaggio, responsabili e addetti delle Funzioni Legali
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Programma
• Excursus normativo comunitario e nazionale: primo approccio sistematico
alla normativa primaria ed ai provvedimenti di natura secondaria
• Analisi del reato di riciclaggio: ambito operativo e rapporti con la disciplina
231/01
• I presidi e gli obblighi antiriciclaggio nello specifico: profili introduttivi
• Gli indicatori di anomalia, loro evoluzione.
• Cenni all’uso del denaro contante negli ultimi provvedimenti interpretativi
dell’art. 49 D.Lgs. 231/07
• La segnalazione di operazione sospetta: contenuti e applicazioni
• La funzione antiriciclaggio – esternalizzazione degli adempimenti
antiriciclaggio
• Antiriciclaggio e rapporti con la Pubblica Amministrazione. La disciplina
antimafia: CIG e CUP
• Il modello 231/01: analisi della normativa
• I ruoli degli organi dei confidi: Cda, Collegio Sindacale, ODV
• Le segnalazioni: modalità e caratteristiche
• Tecniche di organizzazione e gestione della funzione di antiriciclaggio
• La nuova adeguata verifica della clientela. Aspetti organizzativi e operativi
• Esame finale
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
Aula
43
LEGALE
PERCORSO FORMATIVO
La responsabilità
amministrativa degli enti
ex D. Lgs. 231/01
La costruzione e la gestione di un modello
organizzativo compliant con il D. Lgs. 231/01 e
relativi adempimenti
Obiettivi
Il corso si propone di fornire le basi teorico pratiche per comprendere le
tematiche di rilevanza penale nella gestione delle persone giuridiche, delle
società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, contenute nel
D. Lgs. 231/01. Si propone inoltre di offrire elementi necessari per predisporre
un adeguato modello organizzativo, redigere regolamenti e nominare un
adeguato ODV.
Destinatari
Consiglio di Amministrazione, Presidente, Direttore Generale e vice, dirigenti,
Collegio Sindacale, responsabili di area, professionals
Programma
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
• Introduzione alla responsabilità amministrativa degli enti
• Il quadro normativo di riferimento in materia di responsabilità amministrativa delle personalità giuridiche
• Evoluzione storica e aggiornamenti normativi del D. Lgs. 231/01 dalla sua
entrata in vigore ad oggi
• Le fattispecie di reato previste dal D. Lgs. 231/01
• La connessione con altre normative di riferimento: antiriciclaggio, trasparenza, privacy, usura, etc.
• La predisposizione del modello organizzativo 231 e relativi protocolli
• Il regolamento 231 e il sistema di gestione integrato aziendale
• L’organismo di vigilanza indipendente o demandato al collegio sindacale
• Il codice etico aziendale
• Il sistema sanzionatorio e disciplinare
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
Aula
44
LEGALE
PERCORSO FORMATIVO
Società fiduciarie e trust
profili giuridici e risvolti
antiriciclaggio
Le società fiduciarie e i trust nella normativa
italiana. Modalità di utilizzo, funzionamento e
controllo
Obiettivi
Fornire un quadro delle normative a presidio delle società fiduciarie e dei trust
sia come clienti che come soci. Capire identità, modalità di funzionamento,
nonché gli impatti sul sistema di vigilanza nazionale.
Destinatari
Direzione, Ufficio Legale, Responsabile Controlli Interni, Responsabile
Mercato, Membri del Collegio Sindacale
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Chi sono e cosa sono le società fiduciarie e i trust
Normativa di riferimento
Vigilanza sulle fiduciarie e sul trust
Fiduciaria/trust socia e/o cliente di banche
La fiscalità del mandato fiduciario
Fiscalità diretta e indiretta del trust
Antiriciclaggio e individuazione del titolare effettivo
Il funzionamento del trust
Leggi regolatrici del trust e casistiche
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
45
PERCORSO FORMATIVO
LEGALE
La tutela della privacy
Le implicazioni e le modalità operative a seguito
del D.Lgs. 196 del 30 giugno 2003 e successive
modifiche
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di fornire una panoramica completa sulle normative
a tutela della privacy e sui presidi organizzativi, operativi, comportamentali
da porre in essere per essere rispondenti alla normativa e avere un corretto
rapporto con la clientela.
Destinatari
Consiglio di Amministrazione, Direzione Generale, responsabili e operatori
commerciali, personale a contatto con la clientela, Ufficio Legale, Compliance,
Risk Management, Ufficio Organizzazione
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
La normativa in materia di dati personali
L’ applicazione della privacy nell’ambito del credito e della garanzia
I soggetti della privacy
Gli adempimenti che competono al personale e i vari step durante la
trattativa
Le misure di sicurezza
Classificazione dei dati e loro trattamento con e senza ausilio di strumenti
elettronici
Il documento programmatico sulla sicurezza
Casi di esclusione del consenso
Diritti dell’interessato
Le sanzioni
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula ed e-learning
46
PERCORSO FORMATIVO
LEGALE
La disciplina sull’usura
La filosofia e i comportamenti da tenere per
rispettare la norma, il codice etico e la deontologia
Obiettivi
Il corso si propone di dare un’informativa completa sia sulla normativa a
presidio, sia sulle disposizioni di Banca d’Italia e del MEF, nonché suggerire
assetti organizzativi, procedure e comportamenti per essere compliant con le
normative.
Destinatari
Consiglio di Amministrazione, Direzione Generale, Area Risk Management,
Compliance, Organizzazione, responsabili e operatori della rete commerciale
Programma
•
•
•
•
•
•
•
Definizione usura e legislazione relativa
La tutela civile e la tutela penale
Il credito, la garanzia e l’usura
Istruzioni di vigilanza Banca d’Italia - Rilevazione del TEG agosto 2009
TAEG, TAN e TEG: analogie e differenze
L’ usura nel rapporto banca, confidi, impresa
L’influenza della Legge 2/2009 sul tasso di usura e le ultime novità
introdotte dal nuovo articolo 117 bis del TUB
• Commissioni, spese, interessi e usura
• L’usura nel mutuo bancario
• L’usura nel quadro normativo relativo alla responsabilità amministrativa
degli enti ex D.Lgs. 231/01
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
47
PERCORSO FORMATIVO
LEGALE
La trasparenza nei confidi
Le normative e le attività per la corretta gestione
dei rapporti con la clientela
Obiettivi
L’obiettivo del corso è quello di dare una panoramica completa della normativa
che si è succeduta nel tempo per la regolazione delle relazioni confidi, impresa,
banca. Il corso fornisce altresì nozioni sulle attività da porre in essere per
applicare correttamente la norma e soddisfare le necessità del cliente.
Destinatari
Direzione, responsabili e operatori commerciali, personale Area Risk
Management, Compliance, Organizzazione
Programma
• Dalla delibera del CICR del 2003, alle disposizioni di Banca d’ Italia del
2009 fino alle delibere 2012
• I compiti e le responsabilità del confidi nella gestione del rapporto bancaimpresa
• La profilatura del cliente
• Principali diritti del cliente e documento di sintesi
• Le fasi del rapporto
• La documentazione a tutela del cliente
• Il foglio informativo con i contenuti, descrizione, condizioni e clausole
• I contratti base
• Le variazioni unilaterali delle condizioni contrattuali
• Le comunicazioni alla clientela
• La gestione del reclamo
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
48
TECNICHE AMMINISTRATIVE
PERCORSO FORMATIVO
Il controllo di gestione nei
confidi
Progettazione, implementazione, gestione del
controllo dei processi operativi
Obiettivi
Il partecipante sarà in grado di individuare le attività del controllo di gestione
in un confidi e distinguerle dagli ambiti propri dei controlli interni e del risk
management; identificare gli elementi di base per la progettazione dei profili
organizzativi, tecnico-contabili e procedure costituenti un sistema di controllo
di gestione.
Destinatari
Consiglio di Amministrazione, Collegio Sindacale, Area Controlli Interni, Area
Pianificazione e Controllo di Gestione, Area Amministrazione e Supporti, Area
Risk Management, Internal Audit
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Le normative, i concetti, le tecniche a supporto del controllo di gestione
Il controllo strategico e il controllo operativo
I rapporti con il risk management e il sistema dei controlli interni
Gli indicatori di performance
La struttura tecnico contabile
Dal reddito contabile al reddito economico
Il controllo tradizionale della redditività e dei centri di responsabilità:
modelli, strumenti e indicatori
Il controllo di gestione dei processi
Il monitoraggio della redditività: il processo pricing
La reportistica tradizionale
Principali procedure software a sostegno
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
49
CORSO PRATICO
TECNICHE PROFESSIONALI
Analisi di bilancio
L’analisi del bilancio tradizionale nelle imprese di
capitale e di persone
Obiettivi
Il percorso formativo ha l’obiettivo di fornire le competenze necessarie a
valutare la capacità di credito di un’impresa, realizzare uno stato patrimoniale
di previsione, misurare il fabbisogno finanziario d’impresa e determinarne
natura, qualità e durata, ed infine valutare le imprese affidate in chiave
completa e prospettica.
Destinatari
Ufficio Fidi, Ufficio Monitoraggio Rischi, Controllo Andamentale, Controlli
Interni
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Il bilancio d’esercizio
Criteri di valutazione
Il bilancio riclassificato
Il conto economico
Lo stato patrimoniale
La nota integrativa
Analisi dinamica dei processi produttivi aziendali: capitale fisso e circolante
Finanziamento dei fabbisogni aziendali
Reperimento e aggregazione dati fiscali, contabili, amministrativi relativi a
società di persone
• Ricostruzione schemi di bilancio d’esercizio ed impianto delle garanzie
delle società di cui sopra
• La relazione dell’analisi effettuata
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
50
I controlli interni
e i presidi organizzativi
Come strutturare e gestire con profitto un
sistema di controlli interni volto al controllo, alla
mitigazione dei rischi e allo sviluppo del business
Obiettivi
Il corso si pone come obiettivo la valorizzazione del controllo del “rischio
aziendale” e della cultura del controllo di vigilanza, fornendo una formazione
completa alle figure preposte al monitoraggio e controllo rischio.
Destinatari
Direttore Generale, Cda, responsabili Presidio del Rischio, Compliance,
Internal Audit , responsabile antiriciclaggio, Organizzazione
Programma
•
•
•
•
•
•
•
La struttura organizzativa di un confidi vigilato
Il presidio dei rischi aziendali
Il modello ICAAP e il patrimonio di vigilanza: realizzazione e impatto
Il sistema dei controlli interni
I tre livelli di controllo
L’interrelazione delle funzioni di controllo interne e esterne
L’esternalizzazione
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
51
PERCORSO FORMATIVO
La preparazione ai controlli interni e all’auditing in
un confidi
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di fornire una conoscenza delle competenze, delle
diverse metodologie, degli strumenti per lo svolgimento della funzione di
Internal Audit. Acquisire profili tecnico organizzativi della funzione e del
contesto istituzionale ove si opera. Sviluppare una conoscenza di base dei
rischi, dei principali processi e delle metodologie di controllo. Apprendere gli
elementi di reportistica internazionale.
Destinatari
Internal Audit
Programma
•
•
•
•
•
•
Il ruolo dell’Internal Audit in un confidi
Quadro normativo di riferimento nell’Internal Audit e nei controlli interni
Quadro dei controlli interni tipici di un confidi
Il concetto di rischio e controllo e la relativa valutazione
Il processo ICAAP
I processi, le procedure, le operazioni per la costruzione di un efficace sistema di controlli interni
• La funzione Internal Audit in relazione ai controlli di I e II livello
• Tecniche di reportistica internazionale
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
TECNICHE PROFESSIONALI
Internal Audit
52
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
Il monitoraggio del credito
deteriorato e in bonis
Come riconoscere il credito incagliato e gestire al
meglio le azioni di recupero
Obiettivi
Obiettivo del corso è fornire competenze tecniche e strumenti per il
monitoraggio dei crediti con particolare riguardo al credito problematico
o deteriorato. Con questo intervento si mira a fornire le conoscenze sulla
gestione del credito incagliato, le diverse azioni di recupero e la riduzione del
contenzioso.
Destinatari
Responsabili e addetti presidio del rischio, responsabili e operatori commerciali,
addetti e responsabili ufficio fidi, ufficio controllo crediti e contenzioso.
Programma
• Con quali elementi valutare le pratiche per individuare e separare le pratiche in bonis da quelle problematiche
• Come dividere il credito anomalo ma ancora gestibile con provvedimenti
per superare lo stato di crisi dalle pratiche irrimediabilmente deteriorate
• Le gestione della crisi d’impresa e ruolo degli intermediari finanziari
• Diagnosi e strumenti di allerta delle crisi di impresa
• Insolvenza e crisi di impresa tra modelli liquidativi e prospettive di risanamento
• Ruolo e responsabilità delle banche nei processi di risanamento delle imprese in crisi
• La gestione delle pratiche irrimediabilmente deteriorate
• La cessione del credito
• Le azioni stragiudiziali
• La ristrutturazione del debito
• Le garanzie nel sistema Basilea 2
Durata
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
2 giornate
Modalità di fruizione
Aula
53
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
Seminario pratico di
approfondimento, il
monitoraggio del credito
Obiettivi
RES Consulting Group da anni lavora nel mondo dei confidi, monitorando il
mercato, gli assetti organizzativi, gli obblighi di vigilanza, cercando di portare innovazione, semplicità, pragmatismo nella formazione e nella consulenza.
Proprio per questo motivo nasce la formula del “seminario pratico di approfondimento”, una giornata di formazione che avrà una natura prevalentemente pratica, con l’obiettivo di concentrarsi sulla vera attività e sulla quotidianità
delle azioni che fanno capo a chi si occupa di gestire questo delicato ruolo.
Destinatari
Responsabili e addetti presidio del rischio, responsabili e operatori commerciali,
addetti e responsabili ufficio fidi, ufficio controllo crediti e contenzioso.
È preferibile che i partecipanti abbiamo una buona base di conoscenze e
capacità legate all’operatività del confidi.
Programma
• Strumenti e attività per il monitoraggio del credito
• Il monitoraggio andamentale
• Gli elementi di valutazione e di classificazione che differenziano le pratiche
in bonis da quelle deteriorate
• I sintomi premonitori dell’incaglio
• Come gestire le diverse tipologie di credito: in osservazione, incaglio e a
sofferenza
• La reportistica per il CDA sull’andamentale
• La reportistica sulle previsioni di incasso e default
Durata
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
1 giornata
Modalità di fruizione
Aula
54
PERCORSO FORMATIVO
TECNICHE PROFESSIONALI
Presidio rischio crediti
Valutazione fidi e monitoraggio del rischio
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di dare una visione completa delle normative esogene ed endogene a presidio del rischio credito, nonché sulle tecniche, modalità
e usi più comuni per valutare e monitorare il rischio del credito.
Destinatari
Responsabili e addetti Presidio del Rischio, responsabili e operatori
commerciali, addetti e responsabili Ufficio Fidi
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Normative a presidio della concessione del credito
La responsabilità patrimoniale del debitore
Le normative di vigilanza di Banca d’Italia
Il credito e le garanzie
L’istruttoria fidi
Richiesta di finanziamenti e garanzie
Differenze operative fra intermediari bancari, non bancari e confidi
L’analisi del rischio credito e la valutazione dei rischi connessi
Il rating, Basilea II e III
La valutazione del cliente
Il monitoraggio del credito
La gestione operativa della posizione a rischio
I diversi soggetti economici da affidare con particolare riferimento al credito alle PMMI
Durata
3 giornate
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
55
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
Il controllo strategico:
progettazione,
pianificazione,
budgeting e reporting
Il processo di pianificazione, controllo e
realizzazione del budgeting e del sistema del
reporting in un confidi
Obiettivi
Il corso si pone come obiettivo quello di approfondire i concetti base di
pianificazione e controllo, come costruire un realistico piano di budgeting e
un sistema di reporting che consenta di verificare la pratica acquisizione degli
obiettivi del confidi.
Destinatari
Membri del Cda, Direzione Generale, responsabile Area Amministrativa,
Internal Audit, responsabili commerciali e marketing, assistenti di Direzione
Programma
• La funzione strategica di indirizzo: obiettivi, progetti, organizzazione
dell’impresa
• I fattori critici
• Il controllo direzionale
• Gli obiettivi aziendali e gli strumenti di controllo direzionale
• Business plan, pianificazione, forecast
• Il sistema di reporting
• La struttura tecnico contabile del controllo di gestione
• Il monitoraggio e la revisione del budget
• Principi e finalità del reporting
• Indicatori (KPI)
• Struttura, flussi, riconciliazioni
• Analisi degli scostamenti
• Il reporting commerciale ed economico
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
Aula
56
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
La figura del Risk Manager
nel Confidi
Obiettivi
Il corso si pone come obiettivo la valorizzazione del controllo del “rischio
aziendale” e della cultura del controllo di vigilanza, fornendo una formazione
completa alla figura preposta al monitoraggio e controllo “rischio”.
Destinatari
Risk Manager
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
•
•
•
•
•
•
•
La struttura organizzativa degli intermediari finanziari vigilati
Il funzionigramma di un confidi: riporti gerarchici e funzionali
Il presidio del rischio in azienda
Le figure professionali a presidio del rischio: risk manager, compliance officer, internal audit, collegio sindacale, Organismo di vigilanza
Overview sul risk management
L’importanza del risk management nel business dei confidi
Identificazione e definizione dei maggiori rischi
Interrelazioni tra i rischi ed errori commessi
L’approccio gestionale ed operativo per i confidi: rischi, valutazione, mitigazione
Il sistema dei controlli interni: una fattispecie a carattere circolare
I diversi livelli di presidio e di controllo del rischio
Le necessarie interrelazioni tra funzioni, anche esterne, per l’ottimizzazione dei controlli.
Il coinvolgimento dell’Organo di Controllo
L’OdV (Organismo di Vigilanza) a norma 231/01
Risk Manager, Compliance Officer, Internal Audit, Funzione Antiriciclaggio. Analogie, differenze, operatività
La realizzazione del modello ICAAP (Internal Capital Adequacy Assessment Process)
La costituzione del modello ICAAP
I rischi quantificabili
I rischi non valorizzabili
La costituzione e la misurazione del patrimonio di vigilanza
Analisi e commenti su un documento ICAAP
L’equilibrio gestionale dei confidi
57
•
•
•
•
•
•
Il requisito patrimoniale a fronte del rischio di credito
Il requisito patrimoniale in condizioni di crescita dei volumi operativi
Pricing, tasso di crescita e livello di sostegno pubblico
La figura del referente interno
Outsourcing puro
Responsabilità e sanzioni amministrative
Il risk management e l’impalcatura di vigilanza prudenziale
La gestione del rischio credito
Il monitoraggio dei crediti: del cliente, dei dati esterni, dell’andamentale
interno
La gestione del rapporto banca-confidi per il monitoraggio dei crediti
La gestione del credito difficile
La ristrutturazione del credito
Le fasi precontenzioso e contenzioso
Il recupero del credito
Analisi di casi pratici
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
TECNICHE PROFESSIONALI
•
•
•
•
•
•
•
•
•
58
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
La valutazione del merito
creditizio
Obiettivi
Il corso di formazione fornisce ai partecipanti gli elementi per valutare
correttamente le richieste di credito provenienti dalle imprese interiorizzando
i criteri legislativi e le modalità operative
Destinatari
Addetti al Settore Rischio Credito, responsabili e operatori commerciali,
addetti e responsabili ufficio fidi, Area Risk Management
Programma
• Basilea 1 e 2
• Il rischio di mercato
• Analisi delle scelte finanziarie delle imprese: la teoria del ciclo di vita delle
imprese e l’evoluzione del fabbisogno finanziario delle unità produttive
• Tecniche di mitigazione del rischio
• L’impatto del nuovo accordo sulle aziende
• L’impatto del nuovo accordo sui confidi
• Basilea 3, novità e conseguenze
• La gestione del rischio aziendale
• Gli elementi per la valutazione della richiesta di fido delle imprese
• L’ERM
• Legami tra obiettivi e componenti
• Cenni sull’analisi di bilancio
• Anomalie andamentali e centrale dei rischi
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
59
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
La gestione del credito ai
piccoli operatori economici
(POE)
Tecniche di gestione e valutazione delle micro e
piccole imprese
Obiettivi
Con questo corso i discenti saranno in grado di gestire il credito e le garanzie alle
micro imprese, alle imprese familiari e alle piccole attività che rappresentano
oltre il 90 % del tessuto produttivo nazionale.
Destinatari
Addetti al Settore Rischio Credito, responsabili e operatori commerciali,
addetti e responsabili ufficio fidi, Area Risk Management
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
Individuazione e caratteristiche dei POE
L’analisi dei flussi e dei fabbisogni finanziari nei POE
Ruolo del confidi nello sviluppo dei POE
Tipologie di affidamento e rischi conseguenti
L’istruttoria semplificata ma non semplice
Il reperimento delle informazioni e dei dati
Utilizzo dei dati induttivi per la valutazione del merito creditizio
Il diverso approccio con le diverse categorie: lavoratori autonomi, piccoli
imprenditori, professionisti etc. etc.
• Tecniche di mitigazione del rischio
• La gestione del credito anomalo
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
60
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
Il consiglio di
amministrazione:
ruoli e responsabilità
I compiti e le responsabilità amministrative, civili,
penali dei membri del Cda e del Collegio Sindacale
Obiettivi
Il corso si pone come obiettivo quello di informare i consiglieri di un confidi
circa le caratteristiche soggettive ed oggettive dei componenti, nonché sui
doveri, compiti e conseguenti responsabilità amministrative, civili e penali dei
membri stessi.
Destinatari
Membri del Cda e del Collegio Sindacale, Direzione Generale
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
La normativa a presidio dell’attività del Cda in un confidi
Ruoli, compiti, responsabilità dell’amministratore
I requisiti di onorabilità, professionalità ed indipendenza
I requisiti degli amministratori di imprese finanziarie
Il ruolo del Cda nella definizione delle strategie aziendali
Le deleghe agli amministratori esecutivi: natura e completezza delle deleghe
Il ruolo del Cda nel risk management
La responsabilità amministrativa e la responsabilità apicale
I rischi personali dell’amministratore
Il conflitto di interesse e l’interlocking
Le differenze fra il Cda di un’impresa e il Cda di un intermediario finanziario vigilato
Le sanzioni amministrative
Le assicurazioni a tutela dell’operato dell’amministratore
Durata
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
1 giornata
Modalità di fruizione
Aula
61
PERCORSO FORMATIVO
TECNICHE PROFESSIONALI
Il processo ICAAP nei confidi
Tecniche di costruzione e valutazione del modello
ICAAP
Obiettivi
Il corso si propone di fornire strumenti teorico pratici per formare personale
che possa identificare l’intero rischio del confidi, valutarlo con sufficiente
precisione, individuando così il patrimonio di vigilanza. Il corso darà altresì una
visione sui rischi del confidi dal duplice punto di vista del Risk Management
e dei Controlli Interni. Fornire le adeguate tecniche di revisione annuale del
processo ICAAP in atto.
Destinatari
Area Presidio Rischio, Area Controlli Interni, responsabili Organizzazione,
responsabili Area Mercato, Direttore e Vice Direttore
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
La normativa di riferimento e gli accordi di Basilea II e III
I sistemi e le tecniche di rilevazione e misurazione dei rischi
Metodologie di rilevamento, misurazione e valutazione del singolo rischio
La misurazione e la valutazione in termini monetari dei principali rischi: rischio di credito, di mercato, operativo, liquidità
Il calcolo del capitale interno complessivo
Analisi degli scostamenti fra capitale complessivo e patrimonio di vigilanza
L’impatto del modello ICAAP sul sistema organizzativo e sui Controlli Interni
La centralità del modello ICAAP e del patrimonio di vigilanza in un confidi e
negli intermediari finanziari in genere
La revisione annuale del modello ICAAP e la rispondenza alla realtà del
passato modello
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
62
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
Dal bilancio tradizionale
al bilancio IAS
La ricostruzione del bilancio di esercizio in base alle
direttive IAS
Obiettivi
Il corso vuole illustrare le principali metodologie e tecniche per poter migrare
da un bilancio tradizionale ad un bilancio IAS, nonché le normative a presidio,
le finalità, le diverse metodologie di impostazione e i differenti criteri relativi
alle poste di bilancio.
Destinatari
Ufficio Fidi, Monitoraggio Rischi, Controllo Andamentale, Controlli Interni,
Sindaci Revisori , responsabili amministrativi, addetti all’Ufficio Contabilità e
Bilancio
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Lo schema e i componenti d’esercizio del bilancio tradizionale
Lo schema e le impostazioni del bilancio IAS
Le diverse postazioni delle voci nel tradizionale e nello IAS
Confronto fra le note integrative dei due diversi sistemi
Esempi pratici di passaggio delle voci dal tradizionale allo IAS
La logica alla base delle valutazioni secondo i principi IAS
I criteri di valutazione secondo le direttive IAS
La classificazione degli strumenti finanziari
L’applicazione di IAS agli strumenti finanziari
Il passaggio contabile e operativo dal bilancio tradizionale a quello IAS
Cenni della fiscalità IAS
Casi applicativi e questioni pratiche
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
63
TECNICHE PROFESSIONALI
CORSO PRATICO
Lo IAS 7 e il rendiconto
finanziario
L’analisi dei flussi finanziari generati con la
modalità IAS
Obiettivi
Il corso vuole dare un’informazione precisa e puntuale sulle normative e finalità
IAS 7 e fornire competenze per l’analisi del rendiconto finanziario e gli indici
generati dallo stesso. Fornire informazioni e competenze per la costruzione
del rendiconto finanziario.
Destinatari
Ufficio Fidi, Monitoraggio Rischi, Controllo Andamentale, Controlli Interni,
Sindaci Revisori , responsabili amministrativi, addetti all’Ufficio Contabilità e
Bilancio, analisti finanziari
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Analisi delle normative e finalità IAS 7
Tipologia dei flussi finanziari in euro e valuta estera
Partecipazioni, mergers and acquisitions
Operazioni non monetarie
I rendiconti finanziari e relativa costruzione
Gli indici finanziari e relativa interpretazione
Analisi critica degli indici e metodologie di utilizzo
Lo IAS 7 e i principi contabili nazionali
Le indicazioni delle autorità di vigilanza
Caso pratico, costruzione di un rendiconto finanziario
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
64
PERCORSO FORMATIVO
Attività, responsabilità della funzione compliance
ed impatto sul modello di controllo
Obiettivi
Il corso si propone di fornire il complessivo quadro di riferimento della funzione
di compliance, nella duplice prospettiva di chi deve assicurare la conformità e
degli impatti che questa porta sul modello organizzativo.
Destinatari
Consiglio di Amministrazione, Direzione Generale, addetti Funzione
Compliance, Area Controlli Interni, responsabili Presidio del Rischio, Ufficio
Organizzazione, capi area e responsabili di funzione
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Cos’è la funzione compliance: competenze, metodologie e strumenti
La figura del Compliance Officer
La rispondenza fra la normativa, le procedure e i processi operativi
Controlli formali e sostanziali su procedure e processi operativi
L’analisi e il monitoraggio della normativa eterologa
La costruzione e gestione dei processi nell’ottica compliance
Modelli di organizzazione, di gestione per processi e impatti normativi
I rischi: conoscerli, prevenirli, mitigarli
L’attività della funzione compliance nel normale ciclo di lavoro
L’esternalizzazione della funzione compliance: vantaggi e svantaggi
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
TECNICHE PROFESSIONALI
La funzione compliance
65
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
La gestione strategica
dei confidi
Metodologie e tecniche per il governo del confidi
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di fornire un quadro esaustivo della gestione dei
confidi nei suoi quattro aspetti fondamentali: normativo - legale, organizzativo,
economico-finanziario ed infine la gestione dei rapporti con le banche, con le
istituzioni e con il socio cliente.
Destinatari
Membri del Cda e del Collegio Sindacale, Direzione Generale, soci di confidi
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
La normativa societaria
Il TUB e il TUF
Le normative primarie e secondarie a presidio dei confidi
Le autorità di vigilanza
Le responsabilità civili, amministrative, penali degli esponenti
Le diverse forme societarie in ambito confidi: differenze a confronto
La struttura del confidi
Il presidio del rischio e i controlli interni
Il mercato di riferimento
Il modello di business del confidi
Metodologie e tecniche di acquisizione e gestione della clientela
Il business plan e il piano industriale
Lo sviluppo economico organizzativo del territorio
Le competenze professionali di esponenti di confidi
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
66
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
I Mediatori Creditizi
e gli Agenti in Attività
Finanziaria: il rapporto con
gli Intermediari finanziari
vigilati
Obiettivi
Obiettivo del corso è fornire competenze su come e perché implementare
la rete di mediatori creditizi e agenti in attività finanziaria a supporto della
tradizionale rete di vendita dell’intermediario finanziario vigilato
Destinatari
Direzione Commerciale, Responsabili Area Mercato
Programma
• Aspetti normativi e regolamenti dei nuovi intermediari finanziari vigilati:
Mediatori Creditizi e Agenti in Attività Finanziaria
• L’operatività degli intermediari nei rapporti con il marketing e con il management
• L’utilizzo delle reti degli intermediari a supporto delle reti territoriali della
banca
• Come reclutare gli intermediari e le tipologie di rapporti da instaurare
• Piano industriale, piano di vendita , prodotti da proporre con le reti degli
intermediari
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
67
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
Costruzione e
organizzazione
della rete di vendita
La rete di vendita di un confidi
Obiettivi
L’obiettivo del corso è quello di fornire metodologie e tecniche per la
costruzione di un’efficiente rete commerciale, con la triplice visione: la vendita,
il reperimento della documentazione relativa al servizio, la tutela del cliente.
Inoltre il corso fornisce strumenti per la gestione del mercato e del personale.
Destinatari
Direttori e vice, direttori commerciali, direttori vendita, venditori “eccellenti”,
responsabili di funzione
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
I diversi modelli della rete commerciale del confidi
La multicanalità per raggiungere ogni tipo di clientela
La costruzione della rete commerciale territoriale
La costruzione della rete commerciale virtuale
Il co-branding e il co-marketing
Tecniche di monitoraggio dell’attività e produttività dei venditori
Tecniche di marketing e acquisizione mercato
Gli strumenti a supporto della gestione e della misurazione delle
performance
• La formazione continua della rete
• Il sistema di remunerazione e incentivazione
• Il budgeting e reporting della rete commerciale
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
68
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
L’impatto sulle politiche del
credito della riforma del
diritto fallimentare
Gli effetti della nuova disciplina sulle procedure
concorsuali nella concessione del credito
Obiettivi
Il corso si propone, attraverso un’attenta analisi delle novità, di esaminare
l’impatto che la riforma del diritto fallimentare (L. 69/2009 e D.L. 78/2010)
ha sulla politica di concessione del credito. Illustra altresì i presidi a tutela del
rischio, le attività da porre in essere nel processo di istruttoria per adeguarsi
alla nuova disciplina.
Destinatari
Addetti al settore Rischio Credito, responsabili e operatori commerciali,
addetti e responsabili Ufficio Fidi, Area Risk Management, Ufficio Legale,
Controllo Andamentale, Compliance
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Il fallimento e i suoi presupposti
L’ imprenditore fallibile
Il fallimento delle società di persone e di capitale
La dichiarazione di fallimento
Gli organi della procedura fallimentare
Gli effetti del fallimento sui soggetti e sui rapporti giuridici pendenti
Gli effetti del fallimento sugli atti pregiudizievoli dei creditori: inefficacia e
regola
La procedura di esdebitazione
Il concordato fallimentare
Il concordato preventivo
Sovraindebitamento: la nuova disciplina per la composizione della crisi
Accordi di ristrutturazione dei debiti
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
Aula
69
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
Tecniche di valutazione
dell’impresa
Metodi di valutazione delle aziende e analisi del
merito creditizio
Obiettivi
Il corso si propone di dare una panoramica, con un taglio estremamente pragmatico, di tutte le metodologie di valutazione delle imprese con particolare riguardo alle PMI con le diverse metodologie.
Destinatari
Addetti al settore Presidio del Rischio, responsabili e operatori commerciali,
addetti e responsabili Ufficio Fidi.
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
I diversi metodi di valutazione del merito creditizio
I sistemi di reperimento dati di base nelle società di persone e di capitali
Le metodologie empiriche
Le fonti esterne di approvvigionamento dati
Analisi dei fabbisogni e dei flussi finanziari
Gli indici di indebitamento finanziari
Cos’è e come viene costruito il rating
Leve di miglioramento
Capacità di rimborso
La lettura dei bilanci e il calcolo degli indicatori
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
70
Le garanzie e i rapporti con il
fondo centrale di garanzia
L’accesso al fondo centrale di garanzia: modalità,
sistemi, soggetti
Obiettivi
L’obiettivo del corso è quello di illustrare le modalità di accesso al Fondo
Centrale di Garanzia: i passi da compiere, i soggetti finanziabili, cosa garantisce
il Fondo e per quale importo, le operazioni ammissibili. Iter operativo e la
documentazione a supporto.
Destinatari
Direzione, Ufficio Crediti, Presidio del Rischio, Organizzazione, responsabili e
operatori commerciali
Programma
•
•
•
•
•
•
Cos’è il Fondo Centrale di Garanzia per le PMI
Riferimenti normativi
Soggetti e finalità
La garanzia diretta, la controgaranzia, cogaranzia
Soggetti richiedenti e beneficiari finali
L’iter burocratico e modalità pratiche
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
Aula
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
TECNICHE PROFESSIONALI
PERCORSO FORMATIVO
71
PERCORSO FORMATIVO
TECNICHE PROFESSIONALI
Tecniche di Vendita
Obiettivi
Il corso ha come obiettivo principale di fornire strumenti e metodologie per
sviluppare e consolidare il rapporto con il cliente e mettere in piedi un processo
di “customer satisfaction” finalizzato alla fidelizzazione del cliente.
Destinatari
Responsabili Area Mercato, area commerciale, responsabili Marketing
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
La comunicazione Personale e Professionale
La capacità di ascolto - Empatia
Le 3 A : accoglienza, assistenza, affidabilità
Favorire la relazione
La vendita orientata al cliente e ai suoi bisogni
Individuare le aspettative del cliente
La fidelizzazione e la negoziazione
Trasformare le obiezioni in opportunità
La gestione del cliente difficile e del conflitto
La raccolta delle informazioni e l’analisi dei bisogni
La gestione del rapporto con le diverse tipologie di clienti
Cosa vendo: me stesso, la mia azienda, i servizi
A chi vendo: ad un collega, ad un amico, ad un cliente
Come vendo: soddisfo una necessità, stimolo un miglioramento, percepisco un disagio, raccolgo un’opportunità
• Il post vendita e la continuità del rapporto
• I principi della customer satisfation
Durata
2 giornate
Modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Aula
72
PERCORSO FORMATIVO
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
TECNICHE PROFESSIONALI
La Negoziazione
Obiettivi
L’obiettivo più importante, ancor prima della vendita, è stabilire un rapporto
sul quale costruire una relazione duratura dove poter sviluppare business
ma, soprattutto, realizzare una partnership che consenta, anno dopo anno,
di crescere. Ci sono alcune tecniche molto efficaci per vincere una trattativa
e chiudere un buon affare. Insomma: vendere è un arte, e la si può imparare.
Alcuni principi, se applicati con maestria, danno risultati notevoli a coloro che
hanno l’esigenza di migliorare e consolidare i rapporti professionali con i propri
clienti.
Negoziare è quindi un’attività che, nel lavoro o nel privato, dobbiamo affrontare
quasi tutti i giorni. Sono le reazioni alle nostre proposte che, nello svolgimento
di qualsiasi ruolo, costituiscono la misura del nostro successo.
Destinatari
Tutte le figure professionali
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
I principi della comunicazione riferiti alla vendita
La comunicazione persuasiva
Negoziazione e comunicazione
I soggetti della negoziazione
I principi della dinamica persuasiva
L’Intelligenza emotiva come svilupparla
A cosa servono le emozioni
Conoscenza di sé, autocontrollo
Il processo di vendita
Gli errori psicologici
Tecniche di negoziazione
Come pianificare correttamente la negoziazione
Come scoprire il cliente attraverso il ricalco
Come sfruttare i vantaggi dei giochi di prestigio verbale
Durata
1 giornata
Modalità di fruizione
Aula
73
PERCORSO FORMATIVO
TECNICHE PROFESSIONALI
La comunicazione efficace
Obiettivi
A parità di competenze, in azienda ciò che fa la differenza è la capacità di
comunicare con efficacia con i propri superiori, con i propri clienti, in tutte
le situazioni in cui ci si relaziona agli altri. Il corso fornisce le tecniche di
comunicazione utili per coinvolgere, convincere e persuadere i propri
interlocutori, al fine di proiettare la giusta immagine di sè, ottenendo consenso
e la giusta attenzione.
Destinatari
Tutte le figure professionali
Programma
• Il comunicatore di successo
• Metodi avanzati di comunicazione: cosa significa e in quali aree applicarli
• Analisi delle situazioni più ricorrenti, dove lo strumento comunicativo ha
necessità di rinforzi manageriali
• Comunicazione come elemento di relazione, gestione e organizzazione
• Coinvolgere: suscitare consenso
• Coinvolgimento degli interlocutori e motivazione ad essere ascoltati
• Convincere: il potere e il peso delle parole
• Utilizzare un linguaggio chiaro e credibile
• La parola come mezzo per influenzare gli interlocutori
• Uso del linguaggio metaforico per impressionare positivamente il gruppo
• Tecniche per rinforzare la propria comunicazione persuasiva
• Fondamenti della comunicazione persuasiva
• Dinamiche della persuasione: linguaggio evocativo ed approccio strutturato
• Utilizzo del linguaggio metaforico per impressionare positivamente
• La parola come mezzo per creare immagini mentalil
• La comunicazione analogica per rafforzare il messaggio
• Controllo ed autodisciplina della propria gestualità e della voce
Durata
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
1 giornata
Modalità di fruizione
Aula
74
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
OBBLIGHI OAM - IVASS
Iscrizione
PERCORSO FORMATIVO
Preparazione all’esame per
agenti in attività finanziaria
e mediatori creditizi per
l’iscrizione alle liste dell’OAM
Corso propedeutico al sostenimento dell’esame
necessario per l’iscrizione nelle liste dell’OAM
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di fornire una preparazione esauriente sia dal punto
di vista normativo, sia comportamentale che tecnico per sostenere l’esame, ma
anche per affrontare la professione con sufficiente serenità, avendo una prima informazione completa sulla figura professionale.
Destinatari
Tutti coloro che aspirano a diventare agente in attività finanziaria o mediatore
creditizio
Programma
• Il sistema finanziario e l’intermediazione del credito
• I soggetti operanti nell’intermediazione creditizia: gli intermediari bancari,
gli intermediari finanziari e gli intermediari del credito
• Il sistema istituzionale preposto alla regolazione e al controllo del sistema
finanziario
• I mediatori creditizi e gli agenti in attività finanziaria in particolare: attività
svolta, requisiti richiesti, sistema di vigilanza
• I soggetti operanti nell’intermediazione creditizia
• Aspetti tecnici e normativi delle forme di finanziamento: mutui, prestiti
personali, affidamenti finalizzati, leasing, factoring, cessione del quinto dello stipendio e della pensione, aperture di credito, carte di credito, deleghe
di pagamento, concessione di garanzie
• La disciplina sulla trasparenza nei contratti bancari, nel credito ai consumatori e nell’attività di mediazione creditizia
• Elementi sulla valutazione del merito creditizio: come esaminare il bilancio
familiare ed il fabbisogno finanziario d’impresa
• La disciplina antiriciclaggio ed antiusura
• Elementi fondamentali di diritto societario e di diritto fallimentare
• La disciplina in tema di intermediazione assicurativa
• Disciplina dei reclami e dell’Arbitro bancario e finanziario
75
Durata
20 ore
Aula ed e-learning
Sarà inoltre possibile effettuare delle simulazioni pratiche on line della prova
d’esame.
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
OBBLIGHI OAM - IVASS
Iscrizione
Modalità di fruizione
76
Formazione per dipendenti e
collaboratori
Corso per dipendenti e collaboratori di cui gli
agenti in attività finanziaria e mediatori creditizi si
avvalgono per il contatto con il pubblico - art. 128
novies, comma 1, D. Lgs. 385/93 - circolare 5/12
dell’OAM
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di fornire una preparazione adeguata ai dipendenti e
collaboratori che devono sostenere la prova valutativa.
Destinatari
Dipendenti e collaboratori di agenti in attività finanziaria e mediatori creditizi
che lavorano a contatto con il pubblico
Programma
• Il sistema finanziario e l’intermediazione del credito
• I soggetti operanti nell’intermediazione creditizia: gli intermediari bancari,
gli intermediari finanziari e gli intermediari del credito
• Il sistema istituzionale preposto alla regolazione e al controllo del sistema
finanziario
• I mediatori creditizi e gli agenti in attività finanziaria in particolare: attività
svolta, requisiti richiesti, sistema di vigilanza
• Aspetti tecnici e normativi delle forme di finanziamento: mutui, prestiti
personali, affidamenti finalizzati, leasing, factoring, cessione del quinto dello stipendio e della pensione, aperture di credito, carte di credito, deleghe
di pagamento, concessione di garanzie
• La disciplina sulla trasparenza nei contratti bancari, nel credito ai consumatori e nell’attività di mediazione creditizia
• Elementi sulla valutazione del merito creditizio: come esaminare il bilancio
familiare ed il fabbisogno finanziario d’impresa
• La disciplina in tema di intermediazione assicurativa
• La disciplina antiriciclaggio ed antiusura
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
OBBLIGHI OAM - IVASS
iscrizione
PERCORSO FORMATIVO
77
Il corso di formazione è interamente in modalità e-learning, ha durata 20 ore
così divise:
prima parte: 12 ore fruibili 24/24 h e 7/7 giorni
seconda parte: 8 ore di video lezione fruibili in giorni e orari pre-stabiliti, dal
lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 18, al fine di garantire la disponibilità telefonica del docente per eventuali domande dei corsisti
È possibile accedere alla seconda parte di corso solo una volta terminata la
prima parte.
La prova valutativa si svolgerà con valutatore Res o a distanza, in entrambi i
casi Res fornirà i test cartacei necessari per la prova.
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
OBBLIGHI OAM - IVASS
iscrizione
Durata e modalità di fruizione
78
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
OBBLIGHI OAMaggiornamento
- IVASS
PERCORSO FORMATIVO
Corso di formazione
professionale ai sensi
dell’art. 14, comma 1, D.lgs
141/10
Corso di aggiornamento per il periodo che
intercorre dall’iscrizione agli elenchi e la fine
dell’anno corrente - circolare 6/12 dell’OAM
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di adempiere all’obbligo formativo previsto dalla
circolare 6/12 dell’ OAM, in merito alle 10 ore di formazione professionale da
effettuare ai sensi dell’art. 14, comma 1, del Decreto n. 141/10.
Destinatari
Agenti in attività finanziaria e mediatori creditizi iscritti alle liste dell’OAM
e loro dipendenti e collaboratori che hanno usufruito dell’opportunità di
applicare, nel periodo transitorio previsto dal D.Lgs. 141/10, il principio della
prevalenza dell’esperienza maturata precedentemente
Programma
• Il sistema finanziario e l’intermediazione del credito
• I soggetti operanti nell’intermediazione creditizia: gli intermediari bancari,
gli intermediari finanziari e gli intermediari del credito
• Il sistema istituzionale preposto alla regolazione e al controllo del sistema
finanziario
• I mediatori creditizi e gli agenti in attività finanziaria in particolare: attività
svolta, requisiti richiesti, sistema di vigilanza
• Aspetti tecnici e normativi delle forme di finanziamento: mutui, prestiti
personali, affidamenti finalizzati, leasing, factoring, cessione del quinto dello stipendio e della pensione, aperture di credito, carte di credito, deleghe
di pagamento, concessione di garanzie
• Aspetti tecnici e normativi dei servizi di pagamento
• La disciplina sulla trasparenza nei contratti bancari, nel credito ai consumatori e nell’attività di mediazione creditizia
• Deontologia e correttezza professionale nei rapporti con il cliente
• Elementi sulla valutazione del merito creditizio: come esaminare il bilancio
familiare ed il fabbisogno finanziario d’impresa
79
• La disciplina in tema di intermediazione assicurativa
• La disciplina antiriciclaggio ed antiusura
• La disciplina dell’Arbitro Bancario Finanziario e gestione dei reclami
Il corso di formazione è interamente in modalità e-learning e ha durata di 12
ore
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
OBBLIGHI OAMaggiornamento
- IVASS
Durata e modalità di fruizione
80
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
OBBLIGHI OAMaggiornamento
- IVASS
PERCORSO FORMATIVO
Corso di aggiornamento
biennale per tutti gli agenti
e mediatori iscritti agli
elenchi dell’OAM e per i loro
dipendenti e collaboratori
Corso di aggiornamento per il biennio successivo
all’iscrizione - circolare 6/12 dell’OAM
Obiettivi
Il corso si pone l’obiettivo di adempiere all’obbligo formativo previsto dalla
circolare 6/12 dell’ OAM, in merito alle 60 ore di aggiornamento da effettuare
nel biennio successivo all’iscrizione agli elenchi.
Destinatari
Agenti in attività finanziaria e mediatori creditizi iscritti alle liste dell’OAM e
loro dipendenti e collaboratori
Programma
• Il sistema finanziario e l’intermediazione del credito
• I soggetti operanti nell’intermediazione creditizia: gli intermediari bancari,
gli intermediari finanziari e gli intermediari del credito
• Il sistema istituzionale preposto alla regolazione e al controllo del sistema
finanziario
• I mediatori creditizi e gli agenti in attività finanziaria in particolare: attività
svolta, requisiti richiesti, sistema di vigilanza
• Aspetti tecnici e normativi delle forme di finanziamento: mutui, prestiti
personali, affidamenti finalizzati, leasing, factoring, cessione del quinto dello stipendio e della pensione, aperture di credito, carte di credito, deleghe
di pagamento, concessione di garanzie
• Aspetti tecnici e normativi dei servizi di pagamento
• La disciplina sulla trasparenza nei contratti bancari, nel credito ai consumatori e nell’attività di mediazione creditizia
• Deontologia e correttezza professionale nei rapporti con il cliente
• Elementi sulla valutazione del merito creditizio: come esaminare il bilancio
familiare ed il fabbisogno finanziario d’impresa
• La disciplina in tema di intermediazione assicurativa
• La disciplina antiriciclaggio ed antiusura
81
• Disciplina dell’Arbitro Bancario Finanziario e gestione dei reclami
L’aggiornamento ha una durata complessiva di 60 ore, ed è suddiviso in 4 corsi
da 15 ore cadauno.
Ogni corso è così composto:
• ­10 ore in aula o video lezione
• 5 ore in modalità e-learning
Al termine del corso sarà effettuato un test e nel caso l’esito sia positivo, verrà
rilasciato un attestato di partecipazione e di avvenuta preparazione, secondo
quanto stabilito dalla circolare 6/12 dell’OAM.
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
OBBLIGHI OAM - IVASS
iscrizione
Durata e modalità di fruizione
82
OBBLIGHI OAM - IVASS
iscrizione
PERCORSO FORMATIVO
Formazione IVASS in
materia assicurativa ai sensi
del regolamento ISVAP n.
5/2006 - 60 ore
Acquisizione 60 ore
Obiettivi
L’obiettivo del corso è quello di acquisire le conoscenze teoriche, le capacità
tecniche, operative e di comunicazione per poter trattare prodotti assicurativi
con la clientela, così come previsto dal Regolamento Isvap n. 5 del 16 ottobre
2006.
Destinatari
Tutto il personale che vende o propone alla clientela prodotti assicurativi
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
Il mondo assicurativo
Tipologie delle assicurazioni
Ramo danni
Ramo vita
L’intermediazione assicurativa
Trasparenza delle operazioni e protezione
Previdenza complementare
Approfondimento vita
Durata e modalità di fruizione
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Il percorso formativo ha la durata di 60 ore di cui 30 in aula o modalità e-learning equivalente e 30 di autoistruzione, mediante materiale didattico fornito
dalla nostra società.
Al termine del corso sarà effettuato un test (svolto in via telematica o cartacea) e nel caso l’esito sia positivo verrà rilasciato un attestato di partecipazione
e di avvenuta preparazione idonea all’ottenimento della certificazione, ai sensi
dell’art. 17 lettera D del regolamento Isvap n. 5 del 16 ottobre 2006.
83
OBBLIGHI OAMaggiornamento
- IVASS
PERCORSO FORMATIVO
Formazione IVASS in
materia assicurativa ai sensi
del regolamento ISVAP n.
5/2006 - 30 ore
Mantenimento 30 ore, anno 2014
Obiettivi
L’obiettivo del corso è quello di consentire ai partecipanti di soddisfare l’obbligo
del mantenimento annuale previsto dal Regolamento Isvap n. 5 del 16 ottobre
2006.
Destinatari
Coloro i quali sono già iscritti al RUI e vendono o propongono alla clientela
prodotti assicurativi
Programma
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Il processo di vendita
Il difficile rapporto tra gli italiani e le polizze;
Le origini delle norme di comportamento degli intermediari
La normativa
L’intermediazione assicurativa
Regolamento 35/2010 trasparenza dei prodotti assicurativi
Provvedimento IVASS N.7 Del 16 luglio 2013
Le fasi della trattativa di vendita
La pianificazione dell’attività di vendita
Rischio e rischio assicurabile. Contratto di assicurazione
Ramo danni
La normativa antiriciclaggio
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Durata e modalità di fruizione
Il percorso formativo ha la durata di 30 ore di cui 15 in aula o modalità
e-learning equivalente e 15 di autoistruzione mediante materiale didattico
fornito dalla nostra società. Al termine del corso sarà effettuato un test (svolto
in via telematica o cartacea) e nel caso l’esito sia positivo verrà rilasciato un
attestato di partecipazione e di avvenuta idonea preparazione all’ottenimento
della certificazione, ai sensi dell’art. 17 lettera D del regolamento Isvap n. 5 del
16 ottobre 2006.
84
PERCORSO FORMATIVO
TRASVERSALE
Corsi di lingue straniere
Aumenta le tue possibilità e ottimizza il tuo
potenziale. Trasforma la tua azienda in una realtà
dinamica e internazionale
Lingue
INGLESE
FRANCESE
SPAGNOLO
ARABO
CINESE
TEDESCO
RUSSO
Livello
Base, intermedio, avanzato, commerciale, mirato al raggiungimento delle conoscenze predefinite. Sulla base delle necessità, della tipologia di azienda e
della tipologia dei partecipanti realizzeremo un programma formativo su misura.
Destinatari
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Tutti i lavoratori
85
TRASVERSALE
Corsi di informatica base
Conoscenze di base dei principali
strumenti informatici
Strumenti informatici per la produttività personale e di base
MS Office
• Excel
• Word
• Powerpoint
Preparazione per ECDL
Programmazione, web design
•
•
•
•
•
Elementi di web design
Elementi di HTML
Elementi di Javascript
Elementi di Visual Basic
Elementi di PHP
Livello base
Sulla base delle necessità, della tipologia di azienda e della tipologia dei partecipanti realizzeremo un programma formativo su misura.
Destinatari
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Tutti i lavoratori
86
TRASVERSALE
Corsi di informatica avanzata
Conoscenze avanzate dei principali strumenti
informatici
Strumenti informatici per la produttività personale
MS Office
• Excel
• Access
• Word
• Powerpoint
Suite Adobe:
•
•
•
•
Photoshop
Illustrator
In Design
Premiere
Programmazione, e web design
•
•
•
•
Programmazione HTML
Programmazione Java
Programmazione Javascript
Programmazione PHP
• Programmazione SQL
Livello avanzato
Sulla base delle necessità, della tipologia di azienda e della tipologia dei
partecipanti realizzeremo un programma formativo su misura.
Destinatari
RES - Catalogo corsi 2014 - 1
Tutti i lavoratori
87
note
RES srl
Via Brigate Partigiane 2, 56025 Pontedera (PI) - tel. 0587 59829 fax 0587 211063 - www.resgroup.it - [email protected]
filiali a Roma, Milano, Firenze
PERSONÆ
Via G. Boccaccio 89/R, 50133 Firenze - tel. 055 4633220 fax 055 4624820 - www.personae.it - [email protected]
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
1 215 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content