close

Enter

Log in using OpenID

C i t t à d i L a t i s a n a

embedDownload
Città di Latisana
Provincia di
Udine
SERVIZIO SOCIALE dei COMUNI - AMBITO DISTRETTUALE di LATISANA
Sede legale: Piazza Indipendenza n. 74, 33053 Latisana (UD) - Codice fiscale 83000470308 - Partita IVA 00985920305
Sede operativa: Via Goldoni n. 22, 33053 Latisana (UD)
 0431-516611  0431-516637
e-mail: [email protected]
PEC [email protected]
SERVIZIO DI “SEGRETARIATO SOCIALE” E DEL “SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE”
AMBITO DISTRETTUALE 5.2 DI LATISANA
CAPITOLATO SPECIALE D’APPALTO PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SEGRETARIATO SOCIALE E DEL
SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DELL’AMBITO TERRITORIALE DI LATISANA 5.2
PERIODO 1 GENNAIO 2015 – 31 DICEMBRE 2017
CIG: 5982160A97
PARTE PRIMA – DISCIPLINARE DI GARA
(Allegato alla determinazione del Responsabile dei Servizi sociali n. 964 del 28/10/2014 modificato con
determinazione n. 1000 del 06/11/2014)
1. Ente appaltante: Comune di Latisana in qualità di Ente capofila dell’Ambito Territoriale Sociale n.
5.2 (comprendente i Comuni di Carlino, Latisana, Lignano Sabbiadoro, , Marano Lagunare, Muzzana del
Turgnano, Pocenia, Precenicco, Rivignano Teor, Torviscosa San Giorgio di Nogaro) – Sede legale Latisana –
Piazza Indipendenza, 74 – CAP 33053 Latisana– tel. 0431 5166111 fax: 0431 516637 – mail
[email protected] PEC [email protected]
2. Normativa di riferimento:
- Legge 8 Novembre 2000 N. 328 - Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e
servizi sociali;
- Decreto legislativo n. 163/2006 (parzialmente in quanto appalto ricompreso nell’allegato IIB);
- Legge Regione Friuli Venezia Giulia 07 aprile 2006 n. 6 “Sistema integrato di interventi e servizi per la
promozione e la tutela dei diritti di cittadinanza sociale”.
3. Codice CIG 5982160A97.
4. Oggetto della procedura: Affidamento del servizio di segretariato sociale e del servizio sociale
professionale dell’Ambito territoriale di Latisana n. 5.2. Il servizio è disciplinato dal capitolato d’oneri e dal
presente disciplinare;
5. Durata dell’appalto: Anni tre, presuntivamente dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2017. L’appalto
potrebbe essere rinnovato per un ugual periodo di anni, ferme restando le norme in vigore in materia.
6. Sistema di aggiudicazione dell’appalto: Art 125 D.Lgs 163/2006 commi 9 e 11 (Appalto ricompreso
nell’allegato II B del Decreto legislativo N. 163/2006). La stazione appaltante potrà procedere
all’affidamento dell’appalto anche in caso di presentazione di una sola offerta purché ritenuta valida a suo
insindacabile giudizio. Non sono ammesse offerte pari o in aumento rispetto al prezzo posto a base d’asta.
Resta ferma la possibilità, per la stazione appaltante, di non procedere all’aggiudicazione se nessuna offerta
Pag. 1 di 22
risulti conveniente o idonea in relazione all’oggetto del contratto (Articolo 81 Decreto legislativo N.
163/2006).
7. Responsabile unico del procedimento di gara: dott. Antonio Impagnatiello – Responsabile dei Servizi
Sociali del Comune di Latisana – Piazza Indipendenza, 74 – CAP 33053 Latisana– tel. 0431 5166627 fax:
0431 516637 – mail [email protected] PEC [email protected]
8. Uffici presso i quali è possibile ottenere informazioni: ufficio del responsabile dei Servizi Sociali nelle
giornate del martedì e del giovedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 – Referente istruttore Angela Casasola.
Copia della documentazione di gara è depositata presso l’ufficio del RUP e altresì scaricabile dal sito
internet del Comune di Latisana http://www.comune.latisana.ud.it;
Si precisa che gli eventuali chiarimenti, in merito all’interpretazione della documentazione di gara,
dovranno essere chiesti per iscritto al RUP (via fax o posta elettronica o presentati a mano) e che le relative
risposte verranno pubblicate sul sito internet del Comune nell’apposita sezione.
9. Prezzo posto a base d’asta: Euro 105.000,00 oltre IVA di legge, se dovuta.
Si evidenzia che la stazione appaltante non ha provveduto alla predisposizione del DUVRI (Documento
Unico Valutazione Rischi Interferenze) in quanto non esistono rischi derivanti da possibili interferenze
secondo le modalità di strutturazione del servizio e quindi non è stato quantificato alcun costo specifico per
la sicurezza inerenti ai rischi interferenziali che risulta quindi pari a zero.
10. Soggetti ammessi alla procedura: sono ammessi a partecipare alla gara per l’affidamento dell’appalto
in argomento i soggetti indicati nell’articolo 34 del Decreto legislativo 12.4.2006 N. 163 in possesso dei
requisiti indicati nella dichiarazione sostitutiva (Modulo B allegato al presente bando/disciplinare) che la
Ditta dovrà compilare, sottoscrivere, presentare ed inserire nella busta A;
11. Requisiti di partecipazione. I concorrenti dovranno:

essere iscritti al registro presso la C.C.I.A.A. per attività attinenti l’oggetto del presente appalto, se
non residenti in Italia in un analogo registro professionale o commerciale dello Stato di residenza e
se Cooperative anche al relativo Albo;

aver svolto nel triennio precedente (2011-2012-2013) attività nel settore dei servizi di assistenza
sociale, per un fatturato complessivo non inferiore a Euro di € 150.000,00 ai sensi degli articoli 41
e 42 del Decreto legislativo N. 163/2006 la dichiarazione del fatturato andrà inserita in busta A;
12. Cause di esclusione: Sono esclusi dalla gara i soggetti che si trovano in una delle situazioni previste
dall’articolo 38 del Decreto legislativo N. 163/2006.
13. Flussi finanziari - Legge 13.8.2010 N. 136 e s.m.i.: è fatto obbligo all’appaltatore e ai subcontraenti
della filiera delle imprese di utilizzare uno o più conti correnti (bancari o postali) dedicati alle commesse
pubbliche anche non in forma esclusiva, onde consentire la tracciabilità dei flussi finanziari, così come
stabilito dall’articolo 3 della legge N. 136 del 13.8.2010. In particolare dovranno comunicare alla stazione
appaltante gli estremi identificativi dei conti correnti dedicati, nonché le generalità ed il codice fiscale delle
persone delegate ad operare su di essi. Il mancato rispetto delle disposizioni contenute nel citato articolo 3
della legge N. 136/2010 costituirà causa dell’immediata risoluzione del rapporto contrattuale.
14. Cauzioni: i soggetti interessati alla partecipazione alla procedura dovranno produrre (e inserire nella
busta A) apposita cauzione provvisoria di Euro 2.100,00 pari al 2% dell’importo posto a base di gara e
indicato nel presente disciplinare. La cauzione provvisoria dovrà essere costituita nelle forme di legge. La
garanzia dovrà coprire un periodo di almeno 180 giorni dalla data fissata per la gara. Al soggetto
aggiudicatario verrà richiesta, anteriormente alla stipula del contratto, la costituzione di una cauzione
definitiva pari al 10% dell’importo netto contrattuale esecutiva in 15 giorni a richiesta della stazione
appaltante e contenente la clausola di rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore
Pag. 2 di 22
principale. La cauzione definitiva sarà formata esclusivamente mediante polizza fideiussoria o fideiussione
bancaria. Nel caso in cui il soggetto aggiudicatario dell’appalto non prestasse la cauzione definitiva nel
termine stabilito, l’Amministrazione, senza la necessità di procedere alla messa in mora, potrà dichiarare la
decadenza dall’aggiudicazione con riserva di richiedere il risarcimento dei danni. Alla scadenza del contratto
la cauzione sarà svincolata nei modi di legge.
15. Assicurazioni: la Ditta aggiudicataria dovrà stipulare idonea polizza assicurativa RCT/RCO con
massimale non inferiore ad Euro 2.000.000,00 unico a copertura dei danni cagionati a terzi e ai prestatori di
lavoro. In particolare il Comune di Latisana, nella sua qualità di committente e l’utenza dei servizi dovranno
essere considerati terzi ai fini della copertura assicurativa. Rimane in ogni caso ferma la responsabilità della
Ditta per eventuali danni eccedenti i massimali sopraccitati.
16. Fonti di finanziamento dell’appalto: fondi regionali e fondi erogati dai Comuni ricompresi nell’Ambito
5.2.
17. Modalità di pagamento: indicate e disciplinate dall’articolo 10 del capitolato d’oneri.
18. Verifica anomalie delle offerte: la stazione appaltante si riserva di verificare, seguendo i criteri di cui
all’articolo 86, comma 3° del Decreto legislativo N. 163/2006, l’eventuale anomalie delle offerte presentate
dalle Ditte.
19. Criterio per l’aggiudicazione: affidamento del servizio all’offerta economicamente più vantaggiosa
tenuto conto dei parametri di seguito indicati:
A) PREZZO DEL SERVIZIO PER LA DURATA CONTRATTUALE
– Punti Max 15/100 –
La determinazione del punteggio da assegnare all’offerta economica (prezzo) verrà effettuata mediante
applicazione della seguente formula
X = (Prezzo più basso x 15) : Prezzo offerto
Dove X rappresenta il punteggio attribuito ad ogni singolo concorrente. Si precisa che non sono ammesse
offerte pari o in aumento rispetto alla base d’asta fissata in Euro di € 105.000,00 oltre iva di legge.
Nelle operazioni di calcolo della base d’asta, la stazione appaltante ha tenuto in debita considerazione la
tabella di cui al Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali del 2 ottobre 2013. La
maggiorazione, prevista dalla stazione appaltante rispetto al costo del lavoro “secco” contemplata dalla
tabella, è finalizzata alla remunerazione dei costi di gestione e delle attività aggiuntive previste, nei progetti
di gestione, dalle Ditte partecipanti alla gara. Resta inteso che partecipando alla gara, pur senza prevedere
nel progetto di gestione tutte o alcune delle eventuali attività aggiuntive previste dal presente disciplinare,
le Ditte dovranno comunque garantire tutte le prestazioni previste nel capitolato di appalto. Nel
corrispettivo richiesto sono inclusi tutti gli oneri gestionali nessuno escluso (esempio costi per i
trasferimenti del personale, costi di gestione e di coordinamento del servizio, oneri assicurativi) oltre
all’eventuale utile di impresa. Si precisa che l’offerta economica dovrà essere compilata utilizzando
l’apposito modello (modulo C allegato al presente disciplinare), predisposto dalla stazione appaltante pena
l’esclusione dalla gara.
B) PROGETTO DI GESTIONE (valutazione della qualità)
Punti Max 85/100
Il punteggio relativo al merito tecnico organizzativo e alla qualità (massimo 85 punti su 100) sarà attribuito
previa valutazione del progetto di gestione il quale dovrà essere elaborato in un massimo di 20 pagine (per
entrambe le tipologie merito e qualità) – carattere Times New Roman 12– e privo di allegati. Altri allegati,
Pag. 3 di 22
in ogni caso, non saranno valutati dalla Commissione di gara. Il progetto così compilato dovrà essere
inserito nella busta B. Il punteggio verrà attribuito nel seguente modo:
Analisi del territorio e dei bisogni dell’utenza:
Punteggio
Capacità di lettura del territorio, conoscenza degli specifici problemi sociali del territorio e
punti da 0 a 25
delle risorse sociali della comunità
Capacità di lettura dei bisogni, capacità progettuale innovativa
punti da 0 a 25
Organizzazione programmazione e gestione del servizio:
Punteggio
Strumenti di qualificazione organizzativa del lavoro (modulistica, report statistici,
punti da 0 a 10
controllo presenze del personale)
Dotazione strumentale
punti da 0 a 5
Capacità di attivare il lavoro di rete con risorse formali ed informali del territorio
punti da 0 a 5
Proposte migliorative
punti da 0 a 5
Piano delle attività di formazione/aggiornamento e supervisione del personale impiegato
punti da 0 a 4
nel progetto e indicazione delle procedure interne per la valutazione del personale
Forme e modalità di valutazione delle attività e del grado di soddisfacimento dell’utenza
punti da 0 a 4
Adattabilità e flessibilità nel rispondere ai bisogni
punti da 0 a 2
La Ditta che avrà totalizzato il maggior punteggio complessivo, risultante dalla somma dei punti attribuiti ad
ogni singolo criterio (prezzo e progetto di gestione), risulterà aggiudicataria della gara. In caso di parità di
punteggio finale l’appalto verrà aggiudicato alla Ditta che avrà ottenuto il miglior punteggio complessivo
sulla qualità della prestazione offerta (progetto di gestione).
20. Modalità di partecipazione – Svolgimento della procedura:
Per partecipare alla procedura i soggetti interessati, in possesso dei requisiti richiesti dal presente
disciplinare e dal capitolato, dovranno far pervenire, al protocollo generale, apposito plico, secondo le
indicazioni di seguito descritte, ENTRO E NON OLTRE LE ORE 12,30 DEL GIORNO 17 NOVEMBRE 2014,
indirizzato al Comune di Latisana – Ambito distrettuale 5.2 – Piazza Indipendenza 74 – CAP 33053 Latisana –
contenente l’indicazione completa del mittente. Si avverte che il recapito del plico, nei termini di cui sopra,
relativo alla presente procedura rimane ad esclusivo rischio del mittente. In ogni caso il plico che fosse
eventualmente pervenuto al protocollo dopo le ore 12,30 del giorno 17 novembre 2014 non verrà aperto
dalla Commissione di gara.
Tutta la documentazione dovrà essere compilata in maniera chiara, leggibile e in lingua italiana.
La Commissione di gara, nominata con specifico atto dirigenziale, si riunirà in seduta pubblica, presso i
locali dell’Ambito distrettuale (Via Goldoni 22, 1° piano) per l’analisi della sola regolarità della
documentazione (contenuta nella busta A) il giorno 18 novembre 2014 alle ore 9,00. Al termine della
valutazione della documentazione la Commissione procederà (eventualmente anche nella stessa giornata),
in seduta non aperta al pubblico, alla valutazione dei progetti e della restante documentazione tranne
quella relativa alla parte economica. Al termine della valutazione della documentazione di cui sopra la
Commissione comunicherà ai soggetti interessati la data, l’ora di apertura e di valutazione (in seduta aperta
al pubblico) delle offerte economiche (contenute nella busta C). Anteriormente all’apertura delle buste
contenenti le offerte economiche, la Commissione darà lettura dei punteggi attribuiti ai progetti. La
Pag. 4 di 22
Commissione valuterà le offerte (tecniche ed economiche) seguendo le indicazioni contenute nel presente
disciplinare e nel capitolato.
Sul plico, presentato all’ufficio protocollo nei termini di cui sopra, dovrà chiaramente apporsi, a cura del
soggetto concorrente, oltre all’indicazione completa del mittente, la seguente dicitura: OFFERTA INERENTE
L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SEGRETARIATO SOCIALE E DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE
DELL’AMBITO TERRITORIALE DI LATISANA 5.2 – PERIODO 1 GENNAIO 2015 – 31 DICEMBRE 2017. Il plico
dovrà essere sigillato con ceralacca (o con qualsiasi altro metodo atto a garantirne la segretezza)
controfirmato e timbrato sui lembi di chiusura ad opera del legale rappresentante del soggetto concorrente
e, a sua volta, dovrà contenere:
a. BUSTA A – contenente in modo chiaro e analitico:
1) Domanda di ammissione alla gara. Si precisa che il fac-simile di domanda (modulo A allegato al presente
disciplinare), da utilizzare dalle Ditte, a pena di esclusione, risulta pubblicato sul sito internet del Comune di
Latisana http://www.comune.latisana.ud.it depositato, per l’eventuale estrazione, presso l’ufficio del
Responsabile Unico del Procedimento di gara. La domanda dovrà essere compilata e sottoscritta in modo
leggibile dal legale rappresentante del soggetto concorrente seguendo le indicazioni contenute nel facsimile ed essere corredata da un documento di identità in corso di validità.
2) Dichiarazione sostituiva unica di certificazioni e dell’atto di notorietà ai sensi del DPR 28.12.2000 N. 445.
Si precisa che il fac-simile di dichiarazione (Modulo B allegato al presente disciplinare) da utilizzare dalle
Ditte, a pena di esclusione, risulta pubblicato sul sito del Comune di Latisana
http://www.comune.latisana.ud.it e depositato, per l’eventuale estrazione, presso l’ufficio del
Responsabile Unico del procedimento di gara. La dichiarazione sostitutiva dovrà essere compilata in tutte le
sue parti pena l’esclusione dalla gara ad opera della Commissione di gara. Nella compilazione della
dichiarazione la Ditta dovrà tenere in considerazione le istruzioni contenute nel fac-simile pena l’esclusione
dalla procedura.
3) Cauzione provvisoria. Le modalità di costituzione della cauzione provvisoria risultano indicate al punto
14 del presente bando/disciplinare;
4) Copia del capitolato di appalto e del presente bando/disciplinare firmati, in segno di integrale
accettazione di tutte le prescrizioni e condizioni ivi contenute, in ogni sua pagina dal legale rappresentante
delle Ditte partecipanti;
b.
BUSTA B – contenente il progetto di gestione redatto, pena l’esclusione dalla procedura, secondo le
modalità di cui al punto N. 19 sub B) del presente disciplinare;
c.
BUSTA C – Contenente l’offerta economica da compilarsi in bollo da Euro 16,00. Si precisa che per la
presentazione dell’offerta economica dovrà essere utilizzato un solo modulo il cui fac-simile (modulo C
allegato al presente disciplinare) risulta pubblicato sul sito internet del Comune oppure depositato per
l’estrazione presso l’ufficio del Responsabile unico del procedimento di gara. Nella predisposizione
dell’offerta economica il soggetto concorrente dovrà tenere conto di tutte le prescrizioni indicate nel
presente disciplinare e nel capitolato oltre che dei contenuti del progetto di gestione. L’offerta
economica dovrà indicare in cifre e in lettere il prezzo richiesto per la gestione del servizio e la
percentuale di ribasso sul prezzo posto a base d’asta. In caso di discordanza fra l’indicazione espressa
in cifre e quella espressa in lettere verrà presa in considerazione quella più conveniente per
l’Amministrazione. L’offerta dovrà essere sottoscritta in modo leggibile dal legale rappresentante del
concorrente ed essere corredata da un documento di identità in corso di validità.
d.
BUSTA D – Da presentarsi solo nel caso in cui l’impresa concorrente si trovi in una situazione di
controllo ai sensi dell’articolo 2359 del codice civile rispetto ad un altro partecipante alla gara. In
questa busta devono essere inseriti i documenti utili a dimostrare che la situazione di controllo non ha
influito sulla formulazione dell’offerta.
Pag. 5 di 22
Le buste A, B, C, D dovranno essere sigillate e siglate sui lembi di chiusura dal legale rappresentante del
soggetto concorrente e su ognuna, a seconda del contenuto, dovranno apporsi, oltre all’indicazione del
mittente, le seguenti diciture:
Busta A) - Contiene domanda di ammissione, dichiarazione sostitutiva, cauzione provvisoria, copia del
capitolato e del bando sottoscritti per accettazione;
Busta B) – Contiene progetto di gestione;
Busta C) - Contiene offerta economica;
Busta D) (presentazione eventuale) – Contiene documenti rilevanti ai sensi dell’articolo 2359 del Codice
civile.
Il Plico dovrà essere indirizzato al Comune di Latisana – Ambito distrettuale 5.2 – Piazza Indipendenza 74 –
CAP 33053 Latisana (UD). La mancata osservanza delle disposizioni di cui al presente disciplinare
comporterà l’automatica esclusione dalla procedura di gara. Eventuali contestazioni o controversie che
dovessero insorgere durante la procedura di gara saranno risolte con decisione del Presidente della
Commissione.
21. Aggiudicazione, stipula del contratto, spese: Al soggetto aggiudicatario, nonché agli ulteriori
concorrenti, verrà data comunicazione ufficiale, con le modalità previste dal Decreto legislativo N.
163/2006, in merito agli esiti della gara stessa. L’esito della gara verrà pubblicizzato altresì mediante avviso
sul sito internet della stazione appaltante http://www.comune.latisana.ud.it.
L’aggiudicatario dell’appalto dovrà sottoscrivere il contratto nei termini che il Comune di Latisana indicherà
e comunque non prima di trentacinque giorni dalla data di aggiudicazione definitiva.
L’aggiudicazione diverrà immediatamente impegnativa per il soggetto aggiudicatario mentre per la stazione
appaltante diverrà impegnativa dopo la formale stipula del contratto. L’aggiudicatario si impegna, nelle
more del perfezionamento del contratto di appalto e sotto le riserve di legge, a dare inizio alla gestione del
servizio in oggetto alle prescrizioni previste nel presente disciplinare e nel capitolato d’oneri dietro
semplice richiesta scritta della stazione appaltante. Per quanto riguarda la costituzione della cauzione
definitiva si rinvia al punto N. 14 del presente disciplinare. Il contratto verrà stipulato in forma pubblica
amministrativa a rogito del Segretario comunale e verrà sottoscritto, per il Comune, dal Responsabile pro
tempore dei Servizi Sociali e, per l’aggiudicatario, dal legale rappresentante della Ditta. Tutte le spese
relative alla stipula del contratto, nessuna esclusa (tasse, imposte e contributi derivanti dall’appalto, bolli,
registrazioni, diritti di segreteria, copie ecc. ecc.) sono a integrale carico della Ditta aggiudicataria
dell’appalto senza diritto di rivalsa nei confronti della stazione appaltante.
Per ciò che concerne le condizioni del presente appalto si richiama la determinazione del Responsabile dei
servizi sociali n. 964 del 28/10/2014 e i rispettivi allegati.
Eventuali informazioni potranno essere richieste al Rup – Telefono 0431 516611 – E-mail
[email protected]
IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO
dott. Impagnatiello Antonio
Pag. 6 di 22
PARTE SECONDA – CAPITOLATO D’ONERI
Descrizione dell’Organizzazione dell’Ambito distrettuale 5.2 di Latisana.
L’Ambito distrettuale 5.2 di Latisana, di cui al Titolo II, Capo IV, della L.R. 6/2006 “Sistema integrato di
interventi e servizi per la promozione e la tutela dei diritti di cittadinanza sociale” è stato istituito con una
Convenzione tra i 13 Comuni (Carlino, Latisana, Lignano Sabbiadoro, Marano Lagunare, Muzzana del
Turgnano, Palazzolo dello Stella, Pocenia, Porpetto, Precenicco, Rivignano Teor, Ronchis, San Giorgio di
Nogaro e Torviscosa) per il periodo 2013-2017.
I Comuni sopra indicati hanno delegato al Comune di Latisana, in qualità di Ente Gestore, l’organizzazione e
la gestione dei servizi sociali, di cui all’allegato A della citata Convenzione.
Presso ciascun Comune, tra quelli convenzionati, sono istituite le sedi periferiche del segretariato sociale e
del servizio sociale professionale.
Il Servizio Sociale Professionale è diviso in 3 macro Aree, a cui sono preposti n. 3 Coordinatori Titolari di
Posizione Organizzativa:
 Area Minori, compresa la disabilità;
 Area Adulti, compresa la disabilità, e Anziani;
 Area Marginalità, Politiche giovanili, Famiglia, Innovazione e Promozione.
L’Assemblea dei Sindaci ha approvato il Piano di Zona 2013-2015 ed i relativi PAA 2013 e 2014. Il PAA 2015
è in corso di definizione ed approvazione. Come pure la stessa Assemblea ha approvato vari regolamenti
per l’accesso ai servizi.
Art. 1 – Oggetto dell’Appalto
1. Il presente capitolato ha per oggetto il “Servizio Sociale di Base”, con funzioni di “Segretariato Sociale”
e dal “Servizio Sociale Professionale” che dovranno essere espletati in uno o più Comuni dell’Ambito
distrettuale 5.2 di Latisana.
2. I servizi indicati nel comma 1 dovranno essere espletati con la massima cura, diligenza e riservatezza,
senza interruzione per l’intera durata, nel rispetto puntuale delle previsioni e modalità, indicazioni e
prescrizioni contenute nel Piano di Zona dell’Ambito 5.2, nel presente capitolato, oltre ad eventuali
ulteriori prescrizioni stabilite nel provvedimento di aggiudicazione. La Ditta aggiudicataria deve, inoltre,
attuare la gestione dei servizi secondo quanto proposto nel progetto tecnico-organizzativo e proposte
migliorative presentate in sede di gara.
Art. 2 – Caratteristiche dei servizi oggetto dell’appalto
1. Il servizio di “Segretariato Sociale” assolve ad attività di informazione e consulenza in risposta al
bisogno di informazione dei cittadini, ed erogazione dei servizi sociali. È strumento di orientamento del
cittadino e di conoscenza di tutte le risorse della comunità: pubbliche, del terzo settore, private.
Assolve anche alle funzioni di:
a. “punto di accesso” ai servizi sociali e sociosanitari quando, oltre al bisogno informativo, si
manifestano bisogni di natura sociale e sociosanitaria;
b. “osservatorio”, in risposta all’esigenza di disporre di uno strumento di lettura dei fenomeni di
evoluzione dei bisogni sociali e di monitoraggio delle risorse disponibili.
Lo scopo del servizio è quello di far superare le difficoltà di accesso, eliminando le barriere informative,
culturali, fisiche, organizzative e burocratiche: garantire unitarietà di accesso, capacità di ascolto,
orientamento, filtro, osservatorio e monitoraggio dei bisogni e delle risorse, trasparenza e fiducia nel
rapporto tra il cittadino e il servizio. La finalità è quella di garantire agli utenti una risposta certa in
merito alle azioni ed alle risorse esistenti sul territorio, come accedervi, supportando gli utenti nella
scelta più appropriata in risposta al bisogno rilevato. Gli operatori individuati dalla Ditta appaltatrice
provvederanno, nel rispetto del monte orario, all’apertura dei singoli sportelli di servizi in accordo con
l’Ufficio di Direzione dell’Ambito.
Pag. 7 di 22
2. Il “Servizio Sociale Professionale” è finalizzato alla lettura e decodificazione del bisogno, alla presa in
carico globale della persona, della famiglia e/o del gruppo sociale, all’attivazione ed integrazione dei
servizi e delle risorse in rete, all’accompagnamento e all’aiuto nel processo di promozione ed
emancipazione, al fine di rimuovere situazioni di bisogno e/o difficoltà.
3. I servizi oggetto del presente appalto sono trasversali e di supporto ai vari servizi specialistici previsti
anche nel Piano di Zona, svolgono uno specifico ruolo nei processi di pianificazione e coordinamento
della rete dei servizi sociali e socio-sanitari.
4. A ciascun Assistente Sociale compete la programmazione, l’organizzazione, il monitoraggio e il controllo
delle prestazioni sociali erogate dall’Ambito, sulla base anche delle risorse disponibili. Compete, inoltre,
la titolarità in ordine alle proposte di ammissioni, sospensioni e/o cessazioni degli interventi in favore
degli utenti (da presentare al Coordinatore dell’Area tematica), l’esame della situazione, la
predisposizione del Piano Individualizzato e la costante verifica dello stesso e, in particolare, la verifica
della congruità e della puntualità delle prestazioni sociali rispetto agli obiettivi del servizio e della
normativa vigente.
5. Nell’ambito dei servizi offerti, si dovranno assicurare altresì le seguenti attività:
a. custodia, aggiornamento e gestione della documentazione appartenente agli archivi del settore
sociale nei locali messi a disposizione dall’Ambito distrettuale 5.2, garantendo le attività di accesso
ai soggetti autorizzati, al fine di consentire le esigenze di consultazione ed estrazione di copie nel
rispetto delle normative vigenti. I documenti potranno contenere anche dati sensibili ai sensi della
legge sulla privacy e adottando a tal fine le misure minime indicate;
b. movimentazione dei documenti da e per gli uffici sociali dell’Ambito distrettuale 5.2;
c. tenuta della banca dati su supporto informatico, messo a disposizione dell’Ambito, degli interventi
attivati. In particolare si dovrà provvedere all’aggiornamento della banca dati dei servizi sociali di
cui alla Cartella Sociale Informatizzata regionale.
6. Le rilevazioni richieste dovranno essere effettuate acquisendo i relativi accessi, utilizzando i modelli di
rilevazione predisposti dagli enti richiedenti e secondo le modalità definite.
Art. 3 – Destinatari del servizio
1. Sono destinatari dei servizi oggetto dell’appalto i soggetti di cui all’art. 4 della L.R. 6/2006 residenti
ovvero presenti sul territorio dell’Ambito distrettuale 5.2 di Latisana. L’ammissione agli interventi,
prestazioni, ecc. sono regolate dalla normativa nazionale, regionale e dai regolamenti di accesso.
Art. 4 – Durata dell’appalto
1. L’affidamento del servizio oggetto del presente capitolato ha durata dal 1° gennaio 2015 (ovvero dalla
data di decorrenza del contratto) al 31 dicembre 2017, tranne l’ipotesi di estinzione anticipata della
Convenzione istitutiva dell’Ambito 5.2 ovvero recesso dei Comuni. In tal caso il contratto si risolverà
automaticamente, senza che ciò possa far sorgere diritti o pretese risarcitorie in capo alla ditta
aggiudicataria.
2. La Ditta aggiudicataria, al fine di garantire la continuità dei servizi ed il normale svolgimento degli stessi,
al termine del periodo contrattuale ed in presenza di gara d’appalto in corso di svolgimento, è obbligata
ad accettare la proroga del contratto sino all’espletamento della gara stessa, per un periodo massimo di
6 (sei) mesi, salvo diversa maggiore durata concordemente stabilita dalle parti.
3. Il contratto potrà altresì essere prorogato ovvero rinnovato, su esclusiva discrezionalità dell’Ente
Gestore, nel caso in cui, alla data del 31 dicembre 2017, la vigenza della Convenzione venga prorogata
ovvero rinnovata da parte degli Enti sovraordinati. In tale caso il contratto si intenderà prorogato
ovvero rinnovato per il medesimo periodo del contratto iniziale.
Art. 5 – Organizzazione del Servizio
1. La Ditta appaltatrice dovrà organizzare il funzionamento del Servizio di cui all’articolo 1, svolgendo
funzioni e compiti secondo gli obiettivi dell’Amministrazione Comunale di Latisana comunicati
dall’Ambito distrettuale 5.2.
Pag. 8 di 22
2. Le singole prestazioni dovranno essere rese in stretta integrazione con la più complessa organizzazione
delle azioni socio-assistenziali realizzate dall’Ambito distrettuale 5.2 di Latisana.
3. Per lo svolgimento delle attività proprie dei Servizi suddetti, la Ditta aggiudicataria avrà a disposizione
un locale arredato, attrezzatura informatica, collegamento internet e linea telefonica dedicata. Non
saranno forniti né cellulare di servizio né mezzi per gli spostamenti, né rimborsi spese per l’utilizzo di
autovettura da parte degli operatori, fatto salvo quanto indicato nel successivo comma 4, né materiale
di cancelleria.
4. L’Ente gestore si riserva la facoltà di concedere in comodato d’uso gratuito un’autovettura le cui spese
di gestione ordinarie e straordinarie, nonché le spese di consumo (a titolo esemplificativo e non
esaustivo: bollo, assicurazione, carburante, manutenzione, pulizia, ecc.) saranno a carico della Ditta
appaltatrice.
5. Entrambi i servizi dovranno essere garantiti da n. 1 assistente sociale in possesso del diploma di
assistente sociale o laurea in servizio sociale ed iscrizione all’albo professionale. L’intervento
dell’assistente sociale si articolerà in minimo 36 ore settimanali dal Lunedì al Venerdì (per un numero
massimo di 1.600 ore/anno), da espletarsi presso i Comuni dell’Ambito distrettuale 5.2 di Latisana. In
ragione di particolari ed eccezionali esigenze potranno essere richiesti, tuttavia, anche interventi
durante i giorni festivi ovvero i sabati. Comunque, nell’ambito delle norme di cui al presente Capitolato,
gli orari e l’organizzazione per la gestione del Servizio saranno concordati con l’Ufficio di Direzione
dell’Ambito. Gli operatori dovranno fare riferimento, nello svolgimento della loro attività, al
Coordinatore della specifica Area dell’Ambito.
6. Il numero delle ore di servizio, di cui al precedente comma 5, sono da intendersi non vincolanti per
l’Amministrazione. L’Ambito si riserva la facoltà di ampliare ovvero ridurre la misura dell’intervento di
cui al precedente comma 5 sia in termini di ore/settimana che di numero di assistenti sociali. Qualora il
numero delle ore di servizio dovesse cambiare, l’importo sarà proporzionalmente determinato in
ragione del corrispettivo delle ore mensili effettivamente svolte, senza che ciò possa costituire per
l’aggiudicatario, in caso di ore di servizio inferiore a quello previsto, motivo di risarcimento o indennizzo
comunque qualificato e determinato.
7. Gli operatori effettueranno le prestazioni con diligenza e riservatezza, seguendo il principio della
collaborazione con ogni altro operatore, ufficio o struttura con cui vengono a contatto per ragioni di
servizio e devono altresì tenere una condotta irreprensibile durante lo svolgimento del servizio. Il
personale garantirà il mantenimento del segreto su fatti e circostanze relativi a persone e dei quali
abbia avuto notizia durante l’espletamento del servizio o in funzione dello stesso, nel pieno rispetto
dell’attuale normativa di tutela della riservatezza. A tutto il personale è richiesta la disponibilità e la
capacità a rapportarsi con i cittadini che si rivolgono ai servizi e con il personale dell’Ambito distrettuale
5.2 con competenza e professionalità. Ogni operatore dovrà essere munito di tesserino di
riconoscimento con foto.
8. La Ditta dovrà redigere relazioni semestrali con riferimento all’attività svolta, ai risultati ottenuti, alle
verifiche sull’andamento delle prestazioni sociali, come pure dovrà dare immediata comunicazione
all’Ufficio di Direzione di qualsiasi evento di carattere straordinario riguardante l’andamento del
servizio, nonché di eventuali difficoltà nei rapporti interpersonali operatori-utenti.
9. La Ditta aggiudicataria dovrà impiegare per il Servizio e per tutta la durata del contratto il medesimo
personale, al fine di garantire una continuità del servizio stesso, limitando il più possibile il turnover.
Ogni variazione dovrà essere tempestivamente comunicata all’Ufficio di Direzione dell’Ambito.
L’Amministrazione si riserva, comunque, la facoltà di esprimere parere favorevole e di richiedere
informazioni e credenziali relative al personale proposto dalla Ditta aggiudicataria.
10. Il Responsabile del Servizio Sociale Professionale dell’Ambito 5.2 può ricusare motivatamente un
operatore proposto dalla Ditta aggiudicataria, per gravi inadempienze e/o irregolarità commesse nel
corso dell’intervento professionale, richiedendone la sostituzione previa opportuna contestazione alla
Ditta aggiudicataria ed esame delle relative controdeduzioni.
11. Per l’attuazione del Servizio di cui al precedente articolo 1, saranno messi a disposizione le sedi del
servizio sociale territoriale dell’Ambito distrettuale 5.2 di Latisana, come pure le attrezzature ivi
Pag. 9 di 22
presenti. L’uso dei beni mobili ed immobili è concesso gratuitamente alla Ditta per tutte le attività
oggetto del presente Capitolato. In ogni caso l’uso non può intendersi in forma esclusiva. La
responsabilità sull’uso dei locali, compresi gli strumenti tecnici e informatici ivi presenti, nonché la
custodia ed il trattamento dei dati archiviati a vario titolo nei locali messi a disposizione, ricade, sulla
Ditta aggiudicataria. È specifica responsabilità dell’Ente Gestore, dei Comuni dell’Ambito e della Ditta
aggiudicataria, ognuna per le proprie competenze, accertare che ambienti di lavoro, impianti,
attrezzature, macchinari, presidi di sicurezza e quant’altro sia soggetto a specifiche normative tecniche
di riferimento siano effettivamente conformi alla vigente legislazione. Ai fini della salute e della
sicurezza, i lavoratori della Ditta appaltatrice dovranno rispettare le indicazioni impartite dal personale
incaricato delle procedure di prevenzione. Tutte le spese di cancelleria, postali, materiali d’ufficio, etc.,
necessarie all’esecuzione del servizio, sono a carico della Ditta aggiudicataria.
Art. 6 – Clausola di manleva
1. La Ditta aggiudicataria risponde di ogni danno, che per fatto proprio o del personale addetto, possa
derivare all’Amministrazione e a terzi.
2. La Ditta aggiudicataria si intende espressamente obbligata a tenere sollevata e indenne da qualsivoglia
danno, diretto e/o indiretto, causato dai propri dipendenti o a proprie attrezzature.
3. Conseguentemente è fatto obbligo alla Ditta aggiudicataria di mantenere l’Amministrazione Comunale
sollevata e indenne da richieste di risarcimento di danni e da eventuali azioni legali promosse da terzi.
Art. 7 – Obblighi della Ditta appaltatrice
1. Oltre a quanto prescritto in altri articoli del presente Capitolato, la Ditta aggiudicataria si impegna a:
svolgere il Servizio secondo le modalità stabilite nel Capitolato e nel progetto tecnico presentato;
assumere il personale secondo le vigenti tipologie contrattuali, in regola in materia di obbligo
contributivo previdenziale, assistenziale, fiscale e assicurativo; applicare nei confronti dei lavoratori
dipendenti e/o soci lavoratori condizioni contrattuali, normative e retributive non inferiori a quelle
risultanti dai C.C.N.L. e dagli accordi integrativi sottoscritti dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori
maggiormente rappresentative.
2. Il Comune potrà richiedere alla Ditta aggiudicataria, in qualsiasi momento, l’esibizione del libro
matricola, DM10 e foglio paga, al fine di verificare la corretta attuazione degli obblighi di cui trattasi.
Qualora la Ditta aggiudicataria non risulti in regola e non si regolarizzi, il Comune recederà dal
contratto. La Ditta aggiudicataria non potrà applicare regolamenti interni o accordi che possano
limitare il diritto a ferie, malattie, permessi, accantonamento TFR o altri diritti tutelati dal C.C.N.L. del
settore.
3. La Ditta aggiudicataria risponde dei danni alle persone e/o alle cose che potrebbero derivare per fatti
della Ditta stessa e/o dei suoi dipendenti e/o soci e si obbliga a stipulare allo scopo idonea
assicurazione sollevando pertanto l’Ambito stesso da qualsiasi controversia che al riguardo venisse
mossa.
4. La Ditta dovrà provvedere a proprie spese alla fornitura, al proprio personale, di tutto quanto
necessario allo svolgimento del lavoro secondo quanto previsto dalla vigenti norme in materia di igiene
e tutela della salute del personale e degli utenti.
5. La Ditta deve garantire l’aggiornamento professionale e la formazione permanente degli operatori,
facendo loro partecipare attivamente alle iniziative eventualmente promosse dall’Amministrazione e/o
da altri Enti, assicurando il coinvolgimento e la valorizzazione professionale di ognuno di essi e
promuovendo a sua volta iniziative idonee.
6. La Ditta dovrà assicurare la tempestiva sostituzione degli operatori assenti in maniera prolungata
(periodi maggiori a sette giorni) con personale altrettanto qualificato.
7. La Ditta aggiudicataria dovrà far pervenire all’Amministrazione una copia del certificato del casellario
giudiziale del personale di cui al D.Lgs. 39/2014 in materia di lotta contro l’abuso e lo sfruttamento
sessuale dei minori e la pornografia minorile.
Pag. 10 di 22
8. Al personale della Ditta aggiudicataria si estendono gli obblighi del Codice di comportamento dei
dipendenti del Comune di Latisana, di cui all’art. 54, comma 5, D.Lgs. n. 165/2001.
9. Resta fermo, in ogni modo, che il Comune di Latisana rimane del tutto estraneo ai rapporti, ivi
compresa, qualsiasi vertenza economica e/o giuridica, che andranno ad instaurarsi fra la Ditta
aggiudicataria ed il personale dipendente per retribuzione, contributi assicurativi e previdenziali ed in
genere per tutti gli obblighi derivanti dalle disposizioni legislative e regolamentari in materia di lavoro e
di assicurazioni sociali.
Art. 8 – Coordinamento, verifica e valutazione
1. L’ufficio di Direzione dell’Ambito coordina le attività oggetto dell’appalto. In ogni momento, senza
preavviso e con ogni mezzo espleta i controlli volti a verificare il pieno rispetto di quanto contenuto nel
presente capitolato e la corretta esecuzione delle prestazioni richieste. Effettua inoltre la verifica
periodica dei risultati conseguiti dal servizio e formula eventuali proposte di aggiornamento dei piani di
intervento.
2. Gli strumenti di verifica e valutazione sono costituiti dagli incontri d’équipe tra i diversi operatori, dalle
relazioni, dalle schede di lavoro e dalle schede attività; le azioni di verifica e controllo possono essere
integrate con percorsi di valutazione della qualità dei servizi, anche utilizzando registri ovvero la
somministrazione di questionari e/o interviste per la customer satisfaction e la job satisfaction, rispetto
all’adeguatezza organizzativa-funzionale.
Art. 9 – Incompatibilità di servizi
1. Il Servizio Sociale Professionale svolge, tra l’altro, un’azione di controllo generale e di verifica
sull’andamento delle prestazioni sociali offerte dall’Ambito distrettuale 5.2 e sul rispetto delle norme
contenute nei relativi capitolati, attraverso la vigilanza sulla rispondenza delle prestazioni alle finalità
dei servizi e sul servizio qualitativamente idoneo a soddisfare i bisogni degli utenti.
2. La gestione del Servizio Sociale Professionale non è cumulabile con la gestione di altri servizi sociali
appartenenti all’Ambito 5.2, atteso che tra i compi e le funzioni del Servizio Sociale Professionale, che è
“trasversale ai vari servizi specialistici”, vi sono l’attivazione, lo svolgimento delle verifiche in itinere e la
verifica della qualità degli interventi sociali. La Ditta aggiudicataria si obbliga, quindi, ad astenersi dalla
gestione di ulteriori servizi sociali dell’Ambito 5.2, al fine di evitare condizioni di incompatibilità o
conflitto di interessi, derivanti dalla contraddizione di trovarsi nello stesso tempo nelle vesti di
controllore e controllato, promotore e gestore dei servizi; pertanto, nel caso di aggiudicazione di
appalto relativo a ulteriori servizi sociali, la Ditta aggiudicataria deve optare per uno solo dei servizi.
Art. 10 - Assicurazioni
1. È a carico della Ditta aggiudicataria ogni onere assicurativo e previdenziale riguardante gli operatori
impegnati nell’esecuzione del presente contratto. La Ditta risponde direttamente dei danni a persone
e/o cose, derivanti dal servizio prestato. Il servizio si intende esercitato a tutto rischio e pericolo della
Ditta, senza alcun diritto a sussidio o compenso di sorta, oltre al corrispettivo pattuito.
2. La Ditta dovrà stipulare, prima dell’inizio del servizio, idonea polizza assicurativa con massimale
adeguato alla tipologia del servizio: polizza infortuni e polizza di responsabilità civile. Il massimale
minimo non può essere inferiore ad € 2.000.000 per ognuna delle polizze. Rimane ferma la
responsabilità della Ditta aggiudicataria per eventuali danni eccedenti i massimali assicurati nei
confronti dell’Amministrazione.
3. In alternativa alla stipulazione delle polizze di cui al precedente comma, la Ditta potrà dimostrare
l’esistenza di polizze già attive in grado di coprire tutti i rischi. In tal caso deve produrre un’appendice
alle stesse, nelle quali si espliciti che le polizze in questione coprono anche il servizio svolto per conto
dell’Amministrazione Comunale, precisando che non vi sono limiti al numero dei sinistri, nonché limiti
al massimale annuo per danni. Copia delle polizze specifiche o dell’appendice alle polizze esistenti,
conformi all’originale ai sensi di legge, dovrà essere consegnata all’Amministrazione entro 15 (quindici)
giorni dalla comunicazione dell’aggiudicazione, unitamente alla quietanza di pagamento del premio.
Pag. 11 di 22
4. La Ditta comunicherà tempestivamente all’Ambito il verificarsi di eventuali infortuni di operatori e/o
terzi durante le attività oggetto dell’appalto.
5. A ogni scadenza della polizza l’Appaltatore dovrà trasmettere una copia del rinnovo e dell’avvenuto
pagamento del premio.
Art. 11 – Valore dell’appalto e pagamenti dei corrispettivi
1. Il valore complessivo dell’appalto, fissato in € 35.000,00 (i.v.a. esclusa) all’anno pari a complessivi €
105.000,00 (i.v.a. esclusa) per tutta la durata dell’appalto, è stato calcolato con riferimento al monte
orario annuale presunto per le prestazioni richieste con il presente capitolato, nonché alle categorie
professionali richieste e sulla base delle tariffe previste per le cooperative sociali; in particolare, del
suddetto tariffario, si sono utilizzate le tariffe orarie comprensive sia del costo orario, sia dei costi di
gestione.
2. L’importo totale dell’appalto inoltre è comprensivo degli oneri e costi per la sicurezza e di quant’altro
necessario per gli adempimenti di cui al D.Lgs. 81/2008, di cui al successivo articolo 12.
3. Saranno ammesse solo offerte al ribasso. Non saranno ammesse offerte parziali e/o condizionate.
4. La liquidazione dei corrispettivi avverrà in forma posticipata, previa presentazione di fatture,
osservando la distinzione per Comune indicata dall’Ente Gestore. L’importo della fattura sarà
determinato dal costo orario del servizio moltiplicato per il numero di ore effettivamente prestato.
5. La liquidazione di quanto spettante avverrà entro i termini di legge, dalla data di presentazione al
protocollo dell’Ente Gestore delle relative fatture mensili, riscontrate regolari e conformi al servizio
effettuato, previa verifica per gli importi superiori ai diecimila euro, ai sensi del Decreto 18 gennaio
2008 n. 40. Il pagamento sarà predisposto previa acquisizione del Documento Unico di Regolarità
Contributiva (D.U.R.C.). La liquidazione delle fatture potrà essere sospesa qualora siano state accertate
irregolarità o contestati eventuali addebiti alla Ditta. In tal caso, la liquidazione verrà disposta
successivamente alla data di notifica della comunicazione scritta delle decisioni adottate dall’Ente,
dopo aver acquisito le controdeduzioni della Ditta.
6. La Ditta, ai sensi dell’articolo 3 della L. 136/2010, è tenuta ad utilizzare, per tutti i movimenti finanziari
relativi al presente contratto, un conto corrente appositamente dedicato alle commesse pubbliche, i cui
estremi identificativi dovranno essere comunicati all’Amministrazione, entro sette giorni
dall’accensione dello stesso, unitamente alle generalità e al codice fiscale delle persone delegate ad
operare.
7. La Ditta è tenuta ad effettuare i movimenti finanziari di cui al comma precedente esclusivamente
tramite lo strumento del bonifico.
8. Qualora la Ditta effettui transazioni senza avvalersi di banche o della società Poste Italiane S.p.A., il
contratto si intende risolto di diritto, ai sensi dell’art. 1456 del codice civile. Fatta salva l’applicazione
della clausola risolutiva espressa, alla Ditta potranno altresì essere applicate le sanzioni di cui all’art. 6,
commi 1 e 2, della L. 136/2010.
Art. 12 – Rispetto del D.Lgs. 196/2003 e del D.Lgs. 81/2008.
1. Tutti i documenti e i dati che sono prodotti dalla Ditta aggiudicataria nell’ambito dell’attività
dell’appalto sono di proprietà del Comune di Latisana. Alla scadenza del contratto restituirà tutti i dati n
suo possesso al Comune di Latisana entro 5 giorni.
2. La Ditta è tenuta all’osservanza del D.Lgs. n. 196/2003, comunicando il nominativo del Responsabile
della privacy al Comune.
3. La Ditta, con la sottoscrizione del contratto, si impegna altresì a non utilizzare ai fini propri o comunque
non connessi con l’espletamento dell’appalto, i dati personali, sensibili e giudiziali venuti in suo
possesso nel corso dell’esecuzione del contratto, di cui sarà “titolare”, ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e ne
assicurerà il rispetto, con gli obblighi civili e penali conseguenti.
4. La Ditta assicurerà lo svolgimento del servizio nel rispetto delle norme vigenti in materia di prevenzione
infortuni e igiene del lavoro e si assumerà ogni responsabilità e onere nei confronti del Comune o di
terzi nei casi di mancata adozione dei provvedimenti per la salvaguardia delle persone coinvolte nella
Pag. 12 di 22
gestione del servizio. La Ditta si impegna a segnalare situazioni di rischio impreviste, emerse durante
l’esecuzione del servizio.
5. L’esecuzione del presente appalto non comporta interferenze, come da art. 26 del D.Lgs. 81/2008 per
le quali intraprendere misure di prevenzione e protezione atte ad eliminare e/o ridurre rischi e che
pertanto l’importo degli oneri di sicurezza da interferenze è pari ad € 0 (zero).
Art. 13 – Sub-appalto
1. È vietato il subappalto e la cessione anche parziale dei servizi oggetto dell’appalto, ai sensi dell’art. 35,
comma 4, della L.R. n. 6 del 31.03.2006.
2. La Ditta è responsabile di ogni conseguente danno sotto la pena di immediata rescissione del contratto,
oltre alla perdita della cauzione di cui all’articolo 20.
Art. 14 – Clausola risolutiva espressa
1. Ai sensi dell’art. 1456 del codice civile costituiscono cause di risoluzione contrattuale le seguenti ipotesi:
• apertura di una procedura concorsuale a carico dell’impresa aggiudicataria;
• messa in liquidazione o in altri casi di cessione dell’attività dell’impresa aggiudicataria;
• gravi violazioni e/o inosservanze delle norme del presente capitolato relative ai requisiti del
personale e ai suoi obblighi;
• gravi violazioni agli obblighi contrattuali;
• gravi violazioni e/o inosservanze delle disposizioni legislative regolamentari nonché delle norme del
presente capitolato in materia igienico-sanitaria;
• inosservanze delle norme di legge relative al personale dipendente o socio-lavoratore e mancata
applicazione dei contratti collettivi nazionali o territoriali;
• interruzione non motivata del servizio;
• violazione ripetuta delle norme di sicurezza e prevenzione;
• gravi difformità nella realizzazione del piano operativo secondo quanto indicato in fase di offerta.
2. Nelle ipotesi sopraindicate il contratto sarà risolto di diritto con effetto immediato a seguito della
dichiarazione del Comune in forma di lettera raccomandata, di volersi avvalere della clausola risolutiva.
Art. 15 – Mancata sottoscrizione del contratto
1. La Ditta aggiudicataria dovrà costituire le garanzie e le coperture assicurative secondo quanto previsto
dal presente capitolato e firmare il contratto nel giorno e nell’ora che verranno indicati con
comunicazione scritta, con avvertenza che, in caso contrario, l’Amministrazione potrà procedere
all’affidamento al concorrente che segue nella graduatoria.
Art. 16 – Risarcimento danni in caso di risoluzione
1. In tutti i casi in cui si procede a risoluzione l’Amministrazione potrà rivalersi su eventuali crediti
dell’impresa nonché sulla cauzione. In ogni caso è sempre fatto salvo il risarcimento dei danni derivanti
dalle inadempienze.
Art. 17 - Penalità
1. Per ogni violazione degli obblighi derivanti dal presente contratto e da quanto previsto dal progetto
presentato dalla Ditta aggiudicataria in sede di offerta e per ogni caso di tardiva od incompleta
esecuzione del servizio, l’Amministrazione applicherà alla Ditta una penale da euro 50,00 a euro 250,00
in dipendenza della gravità dell’inadempienza.
2. Le irregolarità ed inadempienze accertate andranno previamente contestate all’impresa appaltatrice a
mezzo di lettera raccomandata con ricevuta di ritorno.
3. Alla Ditta verrà concesso un tempo non inferiore ai 15 giorni dal ricevimento della nota di addebito per
la presentazione di eventuali giustificazioni. L’importo della penalità verrà trattenuto in sede di
liquidazione del compenso mensile.
4. Al fine di garantire un alto e soddisfacente livello qualitativo del servizio reso annualmente viene
attivata una procedura di valutazione, prevedendo un punteggio minimo di 21 e massimo di 30.
5. Il relativo punteggio è dato dalla somma dei seguenti punteggi derivanti da giudizi insindacabili forniti
da:
Pag. 13 di 22
a. Responsabile di Ambito, il quale con un giudizio collettivo espresso attraverso il parere
dello staff di direzione, valuterà in particolare la corretta attuazione dei servizi e degli
interventi, le soluzioni gestionali adottate, le soluzioni innovative, il raggiungimento o
meno degli indicatori di risultato oggettivi periodicamente predisposti (punti da 0 a 25);
b. Utenti e familiari, anche a campione, attraverso un sistema di valutazione della qualità
percepita, misurando la percentuale di variazione del gradimento in relazione all’anno
solare intercorso dalla misurazione precedente (punti da 0 a 5);
6. La suddetta valutazione, riferita all’anno solare precedente, verrà effettuata e comunicata entro il mese
di febbraio di ogni anno successivo.
7. Qualora il punteggio minimo di 21 punti non sia raggiunto, sarà formalizzata una procedura di
contestazione per il mancato raggiungimento degli obiettivi di qualità del servizio previsti. La
contestazione sarà comunicata per iscritto tramite raccomandata A/R alla Ditta aggiudicataria, che
potrà far pervenire le proprie controdeduzioni entro il termine indicato nella nota di contestazione.
Trascorso tale termine, ovvero se le controdeduzioni non dovessero essere ritenute dall’Ambito
sufficienti e giustificative, si darà luogo all’applicazione della penale senza pregiudizio di ogni e qualsiasi
altra azione in merito. Al raggiungimento dei 21 punti si procederà al riconoscimento dell’adeguamento
come da successivo art. 21.
8. La penale prevista per il mancato raggiungimento degli obiettivi minimi di qualità (21 punti di
valutazione media complessiva) comporterà la non corresponsione dell’incremento di cui all’art. 20 la
riduzione pari a 0,5 % sul costo orario per ogni punto inferiore a 21.
9. Quanto sopra formerà oggetto di valutazione, finalizzato all’eventuale rinnovo del contratto.
Art. 18 – Disdetta anticipata del contratto
1. L’Amministrazione si riserva la facoltà di sospendere o concludere anticipatamente, con semplice
preavviso di 30 giorni, ovvero di ridurre in qualsiasi momento i servizi oggetto dell’appalto o anche di
attivarlo/proseguirlo in misura parziale, senza che l’appaltatore possa avanzare riserve o pretese; in tali
casi si fa luogo alla riduzione proporzionale del compenso pattuito.
Art. 19 – Divieto di cessione del contratto e vicende soggettive dell’esecutore del contratto
1. Per tutta la durata del servizio è vietata la cessione anche parziale del contratto, a pena di nullità. È
altresì vietato cedere in tutto o in parte i crediti derivanti dall’avvenuta esecuzione delle prestazioni
previste dal contratto senza preventiva espressa autorizzazione dell’Ente gestore. Per tutte le vicende
soggettive che dovessero interessare l’esecutore del contratto si applica l’art. 116 del D.Lgs. 163/2006.
Art. 20 – Sottoscrizione del contratto e deposito cauzionale
1. Il contratto dovrà essere sottoscritto dal legale rappresentante o da un procuratore (in tale caso dovrà
essere allegata copia autentica dell'atto che attesti i poteri di firma di chi sottoscrive) della Ditta
aggiudicataria nel giorno e nell’ora che verranno indicati con comunicazione scritta.
2. La Ditta aggiudicataria dell’appalto, prima della stipula del contratto, dovrà costituire a garanzia
dell’esatto e puntuale adempimento delle obbligazioni assunte una garanzia fideiussoria pari al 10%
dell’importo dell’aggiudicazione, con le modalità di cui all’art. 113 del D.Lgs.163/06. La garanzia dovrà
essere sotto forma di cauzione o di fideiussione, a scelta dell’offerente. La fideiussione, a scelta
dell’offerente, può essere bancaria o assicurativa o rilasciata dagli intermediari finanziari iscritti
nell’elenco speciale di cui all’articolo 107 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, che svolgono
in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie, a ciò autorizzati dal Ministero dell’economia e
delle finanze. La fideiussione deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva
escussione del debitore principale, la rinuncia all’eccezione di cui all’articolo 1957, comma 2, del codice
civile, nonché l’operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta
della stazione appaltante.
3. La mancata costituzione della garanzia suddetta, la mancata presentazione della polizza assicurativa
prevista dal presente capitolato e la mancata sottoscrizione del contratto nel termine sopraindicato,
determineranno l’affidamento dell’appalto al concorrente che segue immediatamente in graduatoria
Pag. 14 di 22
l’aggiudicatario.
Art. 21 – Revisione prezzi
1. Il corrispettivo relativo al servizio rimarrà invariato per i primi 12 mesi. A norma dell’art. 115 del D.Lgs.
163/2006, per i successivi anni, alla ditta verrà riconosciuto annualmente un aggiornamento dei prezzi
unitari dell’appalto pari al 75% dell’aumento del costo della vita calcolato dall’ISTAT per le famiglie di
operai ed impiegati per l’anno precedente, fatto salvo quanto previsto dal precedente art. 17.
Art. 22 – Oneri e spese contrattuali
1. Ogni e qualsiasi onere inerente all’espletamento della gara, al perfezionamento e alla registrazione del
contratto ed allo svolgimento dei servizi fa carico all’appaltatore, ove non diversamente disposto nel
presente Capitolato. Ciò vale anche per gli oneri fiscali, salva contraria disposizione imperativa di legge.
Art. 23 – Domicilio legale
1. A tutti gli effetti del presente Capitolato speciale e del successivo contratto la Ditta elegge domicilio
presso la sede legale del Comune di Latisana.
Art. 24 – Foro competente
1. Qualunque contestazione o vertenza dovesse insorgere sull’applicazione e sull’esecuzione del contratto
è di competenza del Foro di Udine.
Il presente capitolato si compone di n. 24 articoli.
Letto, approvato in tutte le sue parti e sottoscritto:
luogo, ________________________
data, _____________
FIRMA PER ACCETTAZIONE:
_____________________________________________
(nome cognome)
Pag. 15 di 22
________________________________
(qualifica)
Modulo A)
ISTANZA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SEGRETARIATO SOCIALE
E DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DELL’AMBITO TERRITORIALE DI LATISANA 5.2 – PERIODO 1
GENNAIO 2015 – 31 DICEMBRE 2017. CODICE CIG 5982160A97
Spett. le COMUNE LATISANA ente gestore dell’AMBITO DISTRETTUALE DI LATISANA 5.2 Servizi Sociali Piazza
Indipendenza, 74 – CAP 33053
Il sottoscritto ..................................................................................................... nato il.............................
a ............................................................................... in qualità di............................................................
dell’impresa..................................................................con sede in............................................................ con
telefono n...................Fax n.................. cellulare n.....................E-mail...................................... codice fiscale
n....................................... Partita IVA n....................................................................
CHIEDE
di partecipare alla procedura indicata in oggetto .
Data______
Firma _________________
N.B. Allegare un documento di identità in corso di validità del sottoscrittore e inserire nella busta A
seguendo le indicazioni contenute nel disciplinare di gara.
Pag. 16 di 22
Modulo B)
DICHIARAZIONE UNICA DEI PARTECIPANTI GARA PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SEGRETARIATO
SOCIALE E DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DELL’AMBITO TERRITORIALE DI LATISANA 5.2 –
PERIODO 1 GENNAIO 2015 – 31 DICEMBRE 2017. CODICE CIG 5982160A97
Il sottoscritto __________________________________ nato a__________________ il ________________
In qualità di ____________________________ dell’Impresa ______________________________________
con sede in ______________________ Codice fiscale ______________ Partita Iva_____________________
iscritta all’INPS di ________________________________________ matricola N. ______________________
assicurata all’INAIL di ____________________________________ con Codice Ditta N. _________________
con espresso riferimento alla Ditta che rappresenta e a corredo dell’istanza per la partecipazione all’appalto
in oggetto (Modulo A), ai sensi degli articoli 46 e 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 28.12.2000
N. 445, consapevole del fatto che in caso di dichiarazioni mendaci verranno applicate nei suoi riguardi, ai
sensi degli articoli 76 del DPR 28.12.2000 N. 445, le sanzioni previste dal Codice penale e dalle leggi speciali
in materia di falsità negli atti, oltre alle conseguenze amministrative previste per le procedure relative agli
appalti pubblici
DICHIARA

che l’impresa non si trova in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato preventivo e
che non sono in corso procedimenti per la dichiarazione di tali situazioni;

di non aver violato il divieto di intestazione fiduciaria posto dall’articolo 17 della legge 19 marzo
1990, n. 5;

di non aver commesso gravi infrazioni debitamente accertate alle norme in materia di sicurezza e
ad ogni altro obbligo derivante dai rapporti di lavoro, risultanti dai dati in possesso
dell'Osservatorio dei Contratti Pubblici;

di non aver commesso grave negligenza o malafede nell’esecuzione di prestazioni affidate da
codesta stazione appaltante, e di non aver commesso errore grave nell’esercizio della propria
attività professionale;

di non aver commesso violazioni, definitivamente accertate, rispetto gli obblighi relativi al
pagamento delle imposte e tasse, secondo la legislazione italiana o quello dello stato in cui sono
stabiliti;

di non aver reso, nell'anno antecedente la data di pubblicazione del bando di gara, false
dichiarazioni in merito ai requisiti e alle condizioni rilevanti per la partecipazione alle procedure di
gara, risultanti dai dati in possesso dell'Osservatorio;

di non aver commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norma in materia di
contributi previdenziali e assistenziali, secondo la legislazione italiana o dello Stato in cui sono
stabiliti;
Pag. 17 di 22

che a carico dell'impresa non sono operanti sanzioni interdittive di cui all'articolo 9, comma 2, lett.
c), del D. Lgs. 8/6/2001, n. 231;

che non è pendente procedimento per l'applicazione di una delle misure di prevenzione di cui
all'art. 3 della L. 27/12/1956, n. 1423 nei confronti dei soggetti indicati dall'art. 38, comma 1, lett.
b) del D.Lgs. 163/2006 (titolare se si tratta di impresa individuale; soci se si tratta di società in nome
collettivo o in accomandita semplice; amministratori muniti del potere di rappresentanza se si
tratta di altro tipo di società) e che negli ultimi cinque anni non sono stati estesi gli effetti delle
misure di prevenzione della sorveglianza di cui all’art. 3 della legge 27/12/1956, n. 1423, irrogate
nei confronti di un soggetto convivente, né i medesimi soggetti versano nella situazione prevista
all’art. 38, comma 1, lett. m- ter del predetto d.lgs. n. 163/2006 come introdotta dalla lett. a)
comma 19 dell’art. 2 l. 15/7/2009, n. 94;

che non è stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato, oppure di applicazione
della pena su richiesta, ai sensi dell'art. 444 del c.p.p, per reati che incidono sull'affidabilità morale
e professionale nei confronti dei soggetti indicati dall'art. 38, comma1, lett. c), del D.Lgs. 163/2006;
barrare la casella e compilare la parte che interessa:

che nelle situazioni suddette non si trova neppure alcuno dei soggetti che abbiano ricoperto
funzioni di socio e di amministratore con poteri di rappresentanza, nel triennio antecedente la data
di pubblicazione del bando di gara;
oppure

che l'Impresa, in presenza di soggetti che abbiano esercitato le funzioni di socio e di amministratore
con poteri di rappresentanza dell'Impresa stessa nel triennio antecedente la data di pubblicazione
del bando di gara, e che abbiano riportato condanne ai sensi e per gli effetti di cui al terzo
precedente capoverso, ha adottato atti o misure di completa dissociazione dalla condotta
penalmente sanzionata;
barrare la casella che interessa:
(per imprese che occupano non più di 15 dipendenti e da 15 a 35 dipendenti che non abbiano effettuato
nuove assunzioni dopo il 18 gennaio 2000)

di non essere assoggettato agli obblighi di assunzioni obbligatorie di cui alla legge 68/99;
(per le altre imprese)

di essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili (art. 17 L. 68/1999);

di rispettare i CCNL di settore, gli accordi sindacali integrativi, le norme sulla sicurezza dei lavoratori
nei luoghi di lavoro e tutti gli adempimenti di legge nei confronti dei lavoratori dipendenti e soci,
nonché di adempiere agli obblighi di sicurezza previsti dalla normativa vigente;

che l’impresa è iscritta nel registro delle imprese della Camera di Commercio
di............................................................................... per attività inerente l’appalto in oggetto ed
attesta i seguenti dati (per le ditte con sede in uno stato straniero, indicare i dati di iscrizione
nell’Albo o Lista ufficiale dello Stato di appartenenza): numero di iscrizione........................... data di
iscrizione................................
durata
della
ditta/data
termine...............
forma
giuridica....................................

titolari, soci, amministratori muniti di rappresentanza, soci accomandatari (indicare i nominativi, le
qualifiche,
le
date
di
nascita
e
la
residenza)
................................................................................................................................................................
................................................................................................................................................................
Pag. 18 di 22

soci, amministratori muniti di rappresentanza, cessati dalla carica nel triennio antecedente la data
di pubblicazione del bando di gara (indicare i nominativi, le qualifiche, le date di nascita e la
residenza)...............................................................................................................................................

nonché (se cooperativa) che è iscritta all’Albo Nazionale delle Società Cooperative con n.
................................ e all’albo Regionale Cooperative Sociali con n. …………, dichiarando, in
particolare che l’iscrizione è tuttora valida;

di avere svolto nel triennio precedente (anni 2011,2012 e 2013) attività nel settore dei servizi
sociali di cui al presente appalto per un fatturato complessivo non inferiore ad €________Iva
esclusa barrare la casella e compilare la parte che interessa:

di trovarsi in situazione di controllo di cui all’art. 2359 c.c. con i seguenti soggetti partecipanti alla
gara (denominazione, ragione sociale e sede), e di avere formulato autonomamente l’offerta
ovvero
di non trovarsi in situazione di controllo di cui all’art. 2359 c.c. con alcun altro sogge o
partecipante alla gara;

di non trovarsi, rispetto ad altro partecipante alla gara, in una qualsiasi relazione , anche di fatto,
tale da comportare che le offerte siano imputabili ad un unico centro decisionale;

di avere preso esatta cognizione della natura dell’appalto e di tutte le circostanze generali e
particolari che possono influire sulla sua esecuzione;

di accettare, senza condizione o riserva alcuna, tutte le norme e disposizioni contenute nel
bando/disciplinare di gara e nel capitolato speciale di appalto di cui ha preso precedentemente
visione;

di aver preso conoscenza e di avere tenuto conto, nella formulazione dell’offerta, delle condizioni
contrattuali e degli oneri connessi, compresi gli obblighi e gli oneri relativi alle disposizioni in
materia di sicurezza, di assicurazione, di condizioni di lavoro e di previdenza e assistenza in vigore
nel luogo dove deve essere prestato il servizio;

di avere nel complesso preso conoscenza di tutte le circostanze generali, particolari e locali,
nessuna esclusa ed eccettuata, che possono avere influito o influire sia sulla esecuzione del servizio,
sia sulla determinazione

della propria offerta e di giudicare, pertanto, remunerativa l’offerta economica presentata;

che il domicilio eletto per le comunicazioni di cui all’art. 79, commi , 5 bis, 5 ter, 5 quater e 5
quinquies del d.lgs. n. 163/2006, come modificato dall’art. 2 del d.lgs. n. 53/2010, per le quali
espressamente autorizza la stazione appaltante ad utilizzare, l’indirizzo di posta elettronica o il
numero di fax indicati, è il seguente ...................................................
(dichiarazione aggiunta in caso di avvalimento ex art. 49, D.Lgs. 163/2006)

che intende qualificarsi alla presente gara avvalendosi dell’impresa ausiliaria
......................................................................... (indicare nominativo impresa) con sede legale in
.........................., Via ..........................................., cap. ..............., C.F..................................................
P .IVA................................................., telefono ............................., fax. ....................... utilizzandone i
requisiti di capacità tecnica e/o economico finanziaria come di seguito specificato:
.............................................................................................................................................................................
.............................................................................................................................................................................

di rimanere vincolato alla propria offerta per un periodo pari a centottanta giorni dalla scadenza del
termine indicato nel bando di gara.
Pag. 19 di 22
Si allega alla presente:
- copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore, ai sensi dell’art. 38,
comma
3, del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445;
Data....................................
Firma e Timbro____________________
N.B.:
Inserire nella busta A) seguendo le indicazioni contenute nel bando/disciplinare di gara Informativa relativa
al trattamento dei dati personali (artt. 48, comma 2, del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 e 13 del D.Lgs. 30
giugno 2003 n. 196).
INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI:
Finalità e modalità del trattamento: i dati acquisiti con la presente istanza sono utilizzati per verificare, con
le modalità stabilite dal disciplinare di gara e dalla normativa vigente in materia di contratti pubblici, la
sussistenza dei requisiti di ordine generale e di capacità tecnico-professionale necessari per la
partecipazione alla gara in oggetto. Il trattamento dei dati verrà effettuato dall’Amministrazione mediante
strumenti manuali, informatici e telematici in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza. Tutti i dati
acquisiti dall’Amministrazione potranno essere trattati anche per fini di studio e statistici.
Natura del conferimento e conseguenze di un eventuale rifiuto di rispondere: il conferimento di tali dati ha
natura facoltativa, ma il rifiuto di fornire i dati richiesti dall’Amministrazione determina l’esclusione del
concorrente dalla gara ovvero la sua decadenza dell’aggiudicazione.
Ambito di comunicazione e di diffusione dei dati: i dati sono comunicati al personale della stazione
appaltante e a quello di altre Amministrazioni che svolgono attività attinenti al procedimento, e agli altri
concorrenti che facciano richiesta di accesso ai documenti di gara nei limiti consentiti dalla legge 7agosto
1990, n. 241 e succ. mod. int.
I dati conferiti dai concorrenti, trattati in forma anonima, nonché il nominativo del concorrente
aggiudicatario della gara ed il prezzo di aggiudicazione dell’appalto, potranno essere diffusi tramite il sito
internet http://www.comune.latisana.ud.it
Diritti del concorrente interessato: al concorrente in qualità di interessato, vengono riconosciuti i diritti di
cui all’art. 7 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196.
Titolare del trattamento: il titolare del trattamento è il Comune di Latisana. Ai sensi dell’art. 18, comma 4,
del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, i soggetti pubblici non devono richiedere il consenso dell'interessato.
FIRMA e TIMBRO (del legale rappresentante)
____________________________________
Pag. 20 di 22
Modulo C)
OFFERTA ECONOMICA DEI PARTECIPANTI GARA PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SEGRETARIATO
SOCIALE E DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DELL’AMBITO TERRITORIALE DI LATISANA 5.2 –
PERIODO 1 GENNAIO 2015 – 31 DICEMBRE 2017. CODICE CIG 5982160A97
Il sottoscritto ……………...................................................... nato il..................a………………………………….................
in qualità di..................................................... dell’Impresa................................................................................
con sede in.............................................................Via ....................................................................N.................
per la prestazione del servizio di cui all’oggetto richiede il prezzo di:
Euro (cifre)..................................... (lettere) …………………………………………………………………………………………….…….
oltre iva del ……….%, corrispondente ad un ribasso, sul prezzo a base d’asta (fissato ad Euro € 105.000,00
per trentasei mesi), pari al ……………………% (cifra) ………………………………………………………….% (in lettere).
Prezzo orario offerto pari a € (cifre)..................................... (lettere) ……………………………………………………………
oltre i.v.a. del ……….%.
data ________________
FIRMA e TIMBRO (del legale rappresentante)
Inserire nella busta C) seguendo le indicazioni contenute nel disciplinare di gara.
N.B. utilizzare una marca da bollo del valore di Euro 16,00.
Pag. 21 di 22
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
344 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content