close

Enter

Log in using OpenID

Assoluzione per Boeris e Borgiattino

embedDownload
Pedemontana
Mercoledì 12 marzo 2014
Anno 109 - Numero 10
13
© RIPRODUZIONE RISERVATA DI ARTICOLI E FOTO
Cumiana, assolti gli ex-amministratori Boeris e Borgiattino
Cumiana, una lista civica vicina al centrodestra
Nessuna tangente per il palasport Ajelli: “Quasi quasi mi ricandido”
Il giudice: il fatto non sussiste - La parte civile: «Sentenza ingiusta»
CUMIANA - Assolti perché il fatto non sussiste:
si è concluso così, venerdì 7 marzo, il processo a
carico dell’ex-vice sindaco
Simone Boeris e dell’exassessore allo Sport Valter
Borgiattino. Erano accusati
di concussione per presunte tangenti al palasport Camusso.
A denunciare i due examministratori, il 2 aprile
2013, fu Pierfranco Bertello, al tempo presidente
dell’Asd E20 che gestisce il
Centro sportivo e oggi parte civile con l’avv. Riccardo
Reynaud. Agli inquirenti
raccontò che Borgiattino e
Boeris gli avevano chiesto
soldi per rinnovare la convenzione del palazzetto e
per l’allacciamento all’Enel
dell’impianto fotovoltaico.
Il 22 aprile i due furono arrestati con l’accusa di “induzione indebita a dare o
promettere utilità” e finirono ai domiciliari. Il pm Ciro
Santoriello aveva chiesto la
condanna a 4 anni, nel caso
il reato fosse qualificabile
come concussione, o a 2
anni e 8 mesi, nell’ipotesi
no Mauro Piccato. Il processo inizierà il 19 settembre
2014 a Torino. Ma c’è ancora
una terza indagine, di cui si
attendono ancora le conclusioni della Procura. Risale al
24 maggio 2013 quando sei
avvisi di garanzia raggiunsero Ajelli, Boeris e Grometto
e tre professionisti. In ballo,
presunte irregolarità legate
alla variante di riordino al
Piano regolatore.
Simone Boeris a sinistra e, accanto, Valter Borgiattino.
di “induzione indebita”. Il
gup Francesca Christillin (il
processo si è svolto in rito
abbreviato) è stata però di
tutt’altro avviso e ha deciso di assolverli.
Grande soddisfazione da
parte dei difensori, Sandro
Adorno e Paola Roberto
per Borgiattino, Paolo Bolley per Boeris. «Obiettivamente non c’era alcuna pro-
va del passaggio di denaro
- puntualizza Bolley - tutto si
basava sulle dichiarazioni
di Bertello, peraltro molto
contraddittorie. Ora aspettiamo le motivazioni (tra
15 giorni)».
Sul fronte opposto l’avv.
Reynaud: «La ritengo una
decisione clamorosa. È
una sentenza ingiusta: alla
lettura delle motivazioni ci
riserviamo l’appello».
Quella a carico di Boeris
e Borgiattino fu la prima di
una serie di inchieste giudiziarie che l’anno scorso
si abbatterono sull’Amministrazione Ajelli. La seconda, relativa al monumento
dell’Angelo del dolore, arrivò in maggio coinvolgendo
il sindaco, l’ex-assessore
Claudio Camusso e l’artigia-
VALTER BORGIATTINO:
«LA FINE DI UN INCUBO»
«La fine di un incubo».
Con queste parole Valter
Borgiattino riassume il suo
stato d’animo dopo l’assoluzione: «E’ stata ribadita
la mia estraneità totale ai
fatti, fatico ancora a comprendere come si sia potuti
arrivare a una tale situazione». In futuro Borgiattino
non esclude di ricandidarsi, sempre con Ajelli: «Per
ora è prematuro, ma potrei
anche pensarci, anche se
la scelta dovrà essere condivisa con la mia famiglia».
Lucia Sorbino
(Ha collaborato
Francesco Faraudo)
L’ex-sindaco: «Sto valutando attentamente la situazione»
CUMIANA - L’ex-sindaco
Ettore Ajelli potrebbe rientrare nei giochi per le prossime elezioni amministrative.
In un’intervista esclusiva
al nostro giornale, l’ex-primo
cittadino commenta le recentissime vicende: «Dopo il
commissariamento della mia
Amministrazione, sulle cui
motivazioni continuo ad avere numerosi dubbi, e il linciaggio morale al quale da circa
un anno sono stato sottoposto
insieme agli altri membri della maggioranza, avevo deciso
di non presentarmi più alle
elezioni», esordisce. Ma la
sentenza della Procura della
Repubblica di Torino, che
ha assolto nel procedimento
penale l’ex-assessore e vicesindaco Simone Boeris e l’exassessore e presidente del
Consiglio Valter Borgiattino,
apre nuovi scenari: «Boeris
e Borgiattino hanno avuto un
peso determinante nella mia
Amministrazione ma, per
meglio difendersi da accuse
infamanti, avevano deciso
di dimettersi: adesso è stata
riconosciuta la loro assoluta
innocenza, nella quale ho
sempre creduto, e ho com-
preso che con la loro voglia
di combattere si riescono a
vincere le battaglie e si può
ottenere giustizia».
Ajelli traccia i passi di
un’eventuale nuova candidatura. In primis, una breve
assenza di due settimane per
un viaggio in Etiopia, a Shire,
«a continuare la mia opera
presso la clinica delle Suore
della Carità di S. Antida». Al
ritorno, il 26 marzo, la scelta
se presentarsi e con chi far-
FROSSASCO ELEZIONI:
COMBA VOLTO NUOVO?
FROSSASCO - L’annuncio ufficiale verrà dato sabato 5
aprile alle 18, ma a Frossasco da qualche giorno la piazza
si concentra sulla figura dell’attuale consigliere di opposizione Federico Comba, giovane ingegnere con studio in
paese, come candidato sindaco. Primo dei non eletti della
lista che faceva capo all’ex-sindaco Francia, subentrò proprio al posto di Francia, che si era nel frattempo dimesso.
Altri rumors si concentrano sull’ex-capogruppo di maggioranza, poi passato all’opposizione, Renato Zambon, che
pare abbia però declinato l’invito causa impegni lavorativi.
E la conferma viene da un volantino diffuso da “Insieme per
Frossasco” di Marrocu, Zambon & C., in cui si mette praticamente il sigillo sulla candidatura Comba: «C’è bisogno di
competente gioventù e flessibile modernità almeno al vertice
della prossima compagine amministrativa, affinché in Frossasco si spezzino finalmente quei vecchi schemi che hanno finora
incatenato e diviso il paese». Parte dell’attuale maggioranza
sarebbe intenzionata a dar battaglia con una sua lista della
quale non farà più parte l’attuale sindaco, che da mesi ha
annunciato che abbandonerà la vita amministrativa.
Maurizio Agliodo
lo: «Valuterò attentamente la
situazione e, se vi fossero le
condizioni e i nomi di persone da inserire nella squadra,
mi ripresenterò con una lista
civica orientata al centrodestra, aperta a persone nuove
anche non impegnate politicamente purché interessate
al bene del paese».
Della lista potrebbero far
parte esponenti della Lega
Nord della passata Amministrazione, ma ancora è da
verificare il nome del candidato sindaco. La scelta non
è stata compiuta e Ajelli potrebbe anche abbandonare
definitivamente la scena
politica cumianese per proseguire la sua avventura in
Africa come medico volontario.
Intanto, si attendono novità sull’estremo tentativo
di lista unitaria che vedrebbe come protagonisti “Cumiana Ora” e “CumianaViVa”, anche se le possibilità
di dialogo paiono ridotte
al lumicino. E aumentano
le probabilità che anche il
Movimento 5 Stelle prenda
parte alla contesa.
Francesco Faraudo
“Franzin Basket”: oltre 200 iscritti tra Frossasco, Roletto e Cantalupa
A maggio
A Cumiana Brevi Pedemontana
la natura in cucina
si vota anche
il tennis sta Cantalupa:
Venerdì 14, alle 21, l’associazione Centro culturale Cantalupa
il primo di due corsi curati dalla naturopata Nadia
a S. Secondo
allo stretto: propone
Sussetto. Il tema è “Cucinare con i prodotti della terra”: rispettare i ritmi stagionali e nutrirsi con i prodotti che offre la
per una scelta consapevole di amore per l’ambiente. Al
ma tutto tace Una realtà in crescita, nata in ricordo di un campione che non c’è più serve campo terra
Centro culturale Cantalupa in via Chiesa 73. Ingresso gratuito.
Val Noce, una valle di canestri
S. SECONDO - Mancano poco più di due mesi
al rinnovo dell’Amministrazione comunale eppure ancora non si sa né
chi sarà l’erede di Paolo
Cozzo (non candidabile
in quanto al termine del
suo secondo mandato) né
chi concorrerà per diventarlo.
Se dalla Giunta uscente
non trapela alcun nome
(anche se alcuni rumors
darebbero l’attuale vicesindaco Adriana Sadone
in pole position), stranamente anche l’attuale minoranza appare silente.
Né il candidato sindaco
nel 2009, Franco Giraudo,
né il capogruppo in Consiglio Carlo Re, hanno
ancora sciolto le riserve.
«Certamente mi piacerebbe dare una mano a S.
Secondo. Tuttavia al momento è prematuro indicare scenari sia personali sia
inerenti al gruppo», taglia
corto Carlo Re.
Insomma, un bel rebus. Il tutto tralasciando
il “caso” di Roberto Mauro
che, eletto nella lista capeggiata da Giraudo e Re
nella legislatura che volge
al termine, si è poco dopo
distaccato caratterizzandosi per una linea decisamente più morbida verso
la maggioranza. Lo stesso
Mauro potrebbe quindi essere tentato di creare una
propria lista.
Simone Lorenzati
Esiste un luogo dove
la palla a spicchi la fa da
padrona. E non è al di là
dell’oceano tra i giganti dell’Nba e neppure
nell’italica Bologna dove
la tradizione cestistica
è radicata da moltissimi
anni. Si trova invece in
Val Noce.
Stiamo parlando della “Alessandro Franzin
Val Noce”, nata nel 1997,
quando un gruppo di amici decise di far qualcosa
per promuovere la cultura sportiva, l’interesse
per l’attività motoria, per
il gioco del minibasket e
della pallacanestro nel
triangolo tra Frossasco,
Cantalupa e Roletto. La
scelta del nome fu semplice: intitolarla a un amico, un ragazzo che viveva
a Frossasco, ma che nel
1984 scomparve improvvisamente lasciando un
grande vuoto nella sua famiglia e in tutto il mondo
della pallacanestro, Alessandro Franzin detto “Billo” (il nome della mascotte societaria). Giocatore
di basket ad alto livello,
calcò i parquet della serie
A con il Mecap Vigevano.
A pochi anni dal suo
battesimo, esattamente
nel 2003, la “Franzin” decise di iscriversi al Campionato sportivo italiano.
«Sono 110 i nostri tesserati
per i vari campionati, più
un altro centinaio tra minibasket e società distac-
cate», spiega con orgoglio
il presidente Giovanni
Garrone, nome parecchio
noto nel panorama cestistico piemontese e non
solo. «Abbiamo creato
recentemente una società satellite (Val Pellicans
Basket, ndr) che segue i
ragazzi del minibasket
nelle zone di Luserna,
Torre Pellice e Bagnolo»,
prosegue. Di più: il basket
viene insegnato in tutte le
scuole elementari facen-
ti parte delle zone geografiche di competenza
Franzin e distaccamento.
«È uno sforzo grande ma
che ci riempie di orgoglio,
e anche di soddisfazioni
a livello agonistico», sottolinea Garrone. Infatti,
le squadre Eccellenza,
Top Junior e Under 12
hanno nell’ultimo lustro
partecipato alle Finali nazionali Csi di categoria,
mentre sono ben quattro
i titoli provinciali nella
categoria Under 10. «Fino
a qualche anno fa ero a
Collegno in una società
con 500 giovani. Dopo il
mio trasferimento in Val
Noce mi sono avvicinato, inizialmente come
coach, a questa realtà
che tra l’altro nel nome
ricorda proprio quell’Alessandro Franzin che fu mio
compagno di squadra ai
tempi dell’Auxilium», ricorda il presidente. «Fin
da bambini i nostri ragaz-
zi (i più piccoli hanno 4
anni, ndr) si allenano tre
volte a settimana più la
partita».
Il Franzin basket si
muove anche a livello di
pallacanestro femminile.
Basket in rosa, con ragazze tra i 9 e i 15 anni, seguite da Donatella Trevisi,
ex-azzurra e giocatrice di
serie A, medaglia di bronzo ai Campionati europei
del ‘74.
Simone Lorenzati
400 ATLETI IN VAL NOCE PER IL CIRCUITO DI CANTALUPA
CANTALUPA - Domenica
16 si svolge la prima edizione del Circuito di Cantalupa, raduno programmato
dal responsabile di settore
della Nazionale cinese Renato Canova e da AppleRun Team, in occasione
della presenza in Val Noce
della squadra nazionale
cinese di mezzofondo e
fondo (nella foto, uno dei
primi allenamenti). Si prevede la partecipazione di
oltre 400 atleti.
Il circuito, 8,5 chilometri, si snoda dalla Scuola
regionale dello Sport per
il centro del paese, con
partenza alle 10. Al termine, verso le 11,30, la Pro
loco offrirà un rinfresco in
piazza del Municipio. Per
lo svolgimento in sicurezza della gara, per tutta la
mattinata la circolazione
sarà interrotta nei seguenti punti: via S. Giovanni
all’altezza del cimitero,
via Scrivanda all’altezza
della chiesa, via Roma,
via Torino e via Tre Denti
all’altezza della rotatoria,
via Ligiard, via Italia, via
Coassoli all’altezza del
Mammolo, via S. Martino
all’altezza di strada Cravosio, via S. Antonio all’incrocio con via Tre Denti e
strada Muriatera.
S.B.
CUMIANA - Un nuovo
campo da tennis per Cumiana. È quanto chiede a nome
di tutti i soci Maurizio Zadro,
presidente della sezione Fit
del circolo Menna, dove attualmente si pratica il tennis
su due campi da gioco.
«Il circolo cumianese vive
oggi un periodo particolarmente propizio, vuoi per il
numero di soci, mai stato così
alto, vuoi per la diversificazione delle attività proposte
e svolte dai suoi componenti»
esordisce Zadro, che elenca il numero delle squadre
Fit iscritte ai Campionati,
passate negli ultimi quattro
anni da due a cinque. Un
movimento che cresce e
si afferma, ma necessita di
maggiori spazi: «Già adesso
le strutture non sono sufficienti a soddisfare le esigenze:
avere 5 squadre agonistiche
comporta la necessità di allenarsi con continuità, ma
non ci si deve dimenticare
la frequentazione giornaliera degli altri soci del circolo,
parimenti importante. Siamo
penalizzati dai due campi
esistenti, di cui solo uno coperto. E ci sono numerosi
progetti fermi nel cassetto
per mancanza di strutture».
A conferma della necessità
di una terza struttura da
gioco, anche l’incremento
dell’attività giovanile curata
da Claudio Botta. Secondo
Zadro, si potrebbe realizzare
un terzo campo nel terreno
di fronte agli attuali campi.
fr.fa.
Cumiana in parrocchia
Gli appuntamenti settimanali per la parrocchia di S. Maria
della Motta, con la convocazione della Conferenza di S.
Vincenzo per mercoledì 12 alle 21, l’incontro con le catechiste giovedì 13 alle 21. Tutti i venerdì di Quaresima, e
venerdì 14, Via Crucis nella cappella delle suore Salesiane
di via Boselli alle 18,30. Martedì 18 alle 21 serata quaresimale in chiesa per adulti dal titolo “L’acqua della vita”.
Cumiana: escursione con il Forum
Il Forum ambientale di Cumiana, con il patrocinio del
Comune, propone per domenica 16 una passeggiata
“Alla ricerca del Roch Uss”, grossa pietra che si trova
nella boscaglia lungo i confini tra Cumiana, Giaveno e
Trana. Sarà anche l’occasione per ritrovare altri ruderi.
Partenza alle 9 da piazza Martiri, con rientro previsto alle
17 e pranzo al sacco. Info: 335 143.9208 o 333 222.8989.
Cumiana: in gita con l’Unitre
L’Unitre organizza una visita alla Base aeronautica di
S. Damiano (Piacenza), sede del 50º Stormo dei cacciabombardieri “Tornado”: partenza mercoledì 19 alle 6,15
da piazza Martiri. Rientro previsto alle 20,30. Costo: 45
euro. Prenotazioni: 347 859.4032.
Cumiana: commercianti e Tasi
Si terrà nei prossimi giorni l’incontro tra il commissario Ricci
e il Comitato dei commercianti: questi ultimi hanno ottenuto
la disponibilità del funzionario prefettizio per valutare possibili azioni e percorsi per rimodulare la Iuc (imposta che
include la Tasi, la tariffa sui rifiuti) per l’anno 2014, in vista
anche del preliminare di bilancio che sarà presto approvato.
Il gruppo si sta anche muovendo per rappresentare le sue
istanze all’interno dei gruppi politici che si affronteranno
nelle prossime elezioni amministrative.
Frossasco: “W il vino”
Nuovo incontro per il ciclo “Davide & Golia” al Museo
del gusto a cura di “W il vino”. Il tema di mercoledì 19
(ore 20,45) sarà “I Bordeaux d’Italia”. Info e prenotazioni:
[email protected] o su www.vivailvino.it.
giornalismo e migranti
Cantalupa, capo d’imputazione nullo: gli atti tornano al pm Frossasco:
Giovedì 13, alle 20,30 nella saletta dell’ala comunale, inizierà
Processo Rostan: tutto da rifare
Il geometra era accusato di uso di atto falso e truffa
Festa del CostaClub
Venerdì 28 marzo 2014 - Ore 20.30
Salone delle Feste - Telecupole
Presentano la serata
Sonia De Castelli e Piero Montanaro
Cena a buffet con bevande 20.00 €
GRATIS per i CostaClub Gold Pearl
Durante la serata in regalo buoni sconto del valore di 50.00 €
e l’estrazione di una crociera !
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA Tel. 0175 348424 – 0175 257396
E’ richiesto un abbigliamento elegante.
[email protected]
CANTALUPA - “Torna
al via”: nel gioco dell’oca
succede spesso. Tiri i dadi
e finisci su una casella che
ti rimanda all’inizio. Tutto
da rifare. È successo anche
per il processo a carico del
geom. Marco Rostan: mercoledì scorso, 5 marzo, il
giudice del Tribunale di
Torino Alberto Giannone
ha accolto l’eccezione di
nullità del capo d’imputazione sollevata dal difensore di Rostan, avv. Raffaele Magrì. Per questo ha
rimandato gli atti al pm,
che dovrà riformulare le
sue accuse. Vale a dire, essere più preciso sul tipo di
“falso” contestato al professionista.
Il geometra, classe ‘77,
consigliere comunale fino
alle dimissioni dell’ottobre
2012, nelle maglie della
giustizia è già incappato
più volte e sempre per
“problemi” legati alla sua
professione di tecnico. Il
5 novembre scorso, Giannone l’aveva condannato a
due mesi con la condizionale per aver predisposto
(nel febbraio 2012) un falso certificato di collaudo,
con tanto di firma apocrifa
dell’ingegnere che l’avrebbe redatto e falso numero
di protocollo del Servizio
sismico regionale. Contro
A S. Secondo
arriva la Fiera
di S. Giuseppe
Prenderà il via mercoledì 19
la tradizionale Fiera di S. Giuseppe, appuntamento primaverile che da anni caratterizza il marzo sansecondese,
organizzato da Comune e Pro
loco in collaborazione con le
varie associazioni. Mercoledì
19, alle 21 in sala consiliare,
sarà inaugurata la mostra
“S. Rocco e oltre”, ricerca
fotografica sul patrimonio
pittorico sansecondese, realizzata da Augusto Cantamessa e Alfredo Pizzighello
con didascalie di Marco Fratini. Seguirà musica dal vivo
con Martina Richard. Tutti
gli altri appuntamenti sul
prossimo numero de “L’Eco”.
la decisione del giudice,
Magrì ha già fatto appello.
E ancora. Rostan nel settembre 2011 fu condannato ad un mese e mezzo di
reclusione (convertiti in
multa da 11.250 euro) per
aver contraffatto alcune
pratiche inerenti la costruzione di un tronco fognario e relativi allacciamenti
alla fognatura comunale.
Pochi mesi prima (luglio
2011) aveva patteggiato
sei mesi per aver prodotto documenti fasulli in Comune: sentenza definitiva
da luglio 2012, quando la
Cassazione dichiarò inammissibile l’appello.
Sulla testa del noto professionista di Cantalupa,
gravava ancora un procedimento: quello che la
scorsa settimana è finito
in Tribunale a Torino, aula
43, per la prima udienza.
In questo caso la pm Chiara Maina gli contestava,
oltre al falso, anche l’uso
di atto falso e la truffa. In
questo caso il geometra,
sempre stando alle carte
processuali, avrebbe con-
fezionato addirittura una
falsa procura speciale per
poter vendere, all’insaputa
dei proprietari, alcuni terreni di una famiglia già residente a Cantalupa ma da
anni in Sud Africa. E per di
più, precisava la Maina nel
suo decreto di citazione
a giudizio, «ad un prezzo
inferiore rispetto alle valutazioni di mercato».
Per portare a termine l’operazione, Rostan
avrebbe perfino contraffatto la firma del console
italiano a Johannesburg.
La pm non usa mezzi termini e parlava di «più azioni di un medesimo disegno
criminoso». Per vedere
come difenderà il professionista, dovremmo però
attendere parecchi mesi
perché la Procura dovrà
riformulare l’imputazione
e richiedere il rinvio a giudizio. Ad attendere l’esito
della vicenda, ci sarà pure
la parte offesa (la signora,
oggi vedova, e i due figli),
rappresentati dall’avv. Maria Genesi.
Lucia Sorbino
la prima di cinque lezioni di giornalismo condotte da Silvio
Lavalle che tratterà di “Uffici stampa e redazioni, Linea guida
delle professioni, Primi elementi di scrittura giornalistica”.
Venerdì 14, alle 20,45, serata al Museo dell’emigrazione
dedicata a “La condizione del migrante”, che prevederà la
proiezione di filmati e l’attualizzazione di un argomento che
ha visto Frossasco e i Comuni limitrofi direttamente coinvolti nei flussi migratori moderni. Le due iniziative rientrano
nelle attività dell’Unitre Frossasco Val Noce.
Roletto a caccia di fondi per la scuola
L’Amministrazione comunale è sempre alle prese con il
problema di completare la ricostruzione dell’ultima parte
dell’edificio dichiarato inagibile della scuola primaria e
materna. Il costo del progetto sarebbe totalmente coperto con la disponibilità economica dei residui di bilancio,
ma persistono i vincoli della Legge di stabilità. Dopo la
risposta negativa dal progetto “6000 campanili”, ora il
Comune spera di cogliere una di altre due opportunità.
La prima è il recente progetto del Governo Renzi teso a
favorire gli interventi di ristrutturazione delle scuole e la
seconda dal maggiore spazio economico dato in Regione
per la manutenzione delle scuole.
Roletto: Giornata ecologica
Il Comune e gli Aib organizzano la Giornata ecologica,
che si svolgerà domenica 16, dalle 7,30, con ritrovo in
piazza Tessore per i volontari che vorranno partecipare.
Saranno organizzate le squadre che percorreranno le
strade bonificandole dai rifiuti abbandonati.
S. Pietro V.L.: corso di potatura
Partirà martedì 18, alle 21, un corso di giardinaggio, potatura
e floricoltura a cura di Domenico Montevecchi. L’appuntamento è nel salone polivalente (piazza Mercato 2) tutti i martedì, alla stessa ora, fino all’8 aprile. I temi trattati: il frutteto
(potatura e cure primarie), piante da appartamento, balconi
e terrazzi, l’orto di famiglia, piante acidofile, agrumi, fiori e
in particolare la rosa. Iscrizioni martedì 18 dalle 20,30. Info
e prenotazioni: 335 216.915 o 0121 78.526. Costo: 20 euro.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
169 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content