close

Enter

Log in using OpenID

Anb Informa 32 - Associazione Nazionale Bieticoltori

embedDownload
Numero trentadue – 1 settembre 201 4
Flash sull'andamento dei mercati
internazionali
Riferimento 1 settembre 2014
La debolezza dell'euro, la minor
disponibilità
di
grano
tenero
panificabili e i problemi geopolitici
dell’est, hanno fermato la spinta
ribassista anche per il fisico.
Pertanto i prezzi sono rimasti invariati
nelle principali piazze, con però i grani
proteici in aumento e poco offerti.
In questo numero
Mercati: andamento raccolti e quotazioni nazionali prodotti - pagg. 1/2
Bietola: aggiornamento monitoraggio cercospora a cura di Beta - pag. 3
Eventi: 28 agosto Tortona (AL) giornata in campo - sorgo biomassa - p. 4
Sorgo biomassa: protocollo agronomico condiviso con le componenti
territoriali progetto Bioenergy Casei Gerola - pag. 5
Rassegna stampa ANB: Terra e Vita - le migliori cultivar di colza - seconda parte - pagg. 6/7
RAPPORTO SULLA SITUAZIONE DEI RACCOLTI E DEI MERCATI
CEREALICOLI
1 settembre 2014
A cura di Augusto Verlicchi - consulente ANB COOP
I principali fatti che hanno caratterizzato i mercati cerealicoli della settimana
appena conclusa sono stati la debolezza dell'euro e le notizie pervenute di un
coinvolgimento diretto della Russia negli scontri armati in Ucraina.
Notizie che, di fatto, hanno spinto i mercati dei futures, soprattutto del
grano, ad un leggero rialzo.
Associazione Nazionale Bieticoltori | e-mail: [email protected] | www.anb.it
1
Flash sull'andamento dei raccolti
Unione Europea
La stima delle rese cerealicole per il raccolto 2014 è in aumento dell’1,6%
rispetto al 2013.
Il mais è stimato in aumento dell' 11,8%.
In Germania, la stima del raccolto di grano tenero 2014 è di 27,9 mln di Tn.,
in aumento del 12% rispetto al 2013.
In Inghilterra, dove le trebbiature sono al 75% della superficie investita, il
raccolto è stimato a circa 16 mln di tn., in netto aumento rispetto alle 12
mln di Tn. del 2013.
Focus sulla produzione del frumento duro
UNIONE EUROPEA: secondo l'ultimo rapporto disponibile di Strategie
Grain del 14 agosto 2014, la produzione del frumento duro nella UE, è stimata a 7.200.000 di Tn., contro le 8.000.000 di Tn. del 2013/14; la riduzione riguarda tutti i paesi produttori di frumento duro.
Italia: la stessa fonte ha stimato una produzione di frumento duro in Italia
di 3.700.000 di Tn. contro le 3.930.000 di Tn. del 2013/14.
Grecia: la produzione del frumento duro 2014, è stata stimata in ribasso
anche in Grecia, passando dalle 830.000 di Tn. dello scorso anno alle
780.000 Tn. di quest’anno.
Francia: la produzione francese è stimata quest’anno a 1.500.000 Tn., contro le 1.770.000 Tn. del 2013/14.
Spagna: in regressione anche la produzione della Spagna, passando dalle
910.000 Tn. del 2013-14, alle 710.000 Tn. di quest’anno.
PRODUZIONE MONDIALE: l'ultimo rapporto disponibile dell’IGC, del 31 luglio u.s., riporta che la produzione mondiale di frumento duro è in diminuzione rispetto a quella dello scorso anno, passando dalle 38.0 Mil di Tn. del
2013/14 alle 34.6 Mln. di Tn. di quest’anno.
Canada: il 22 agosto sono stati pubblicati i risultati del July Farm Tour, la
consueta indagine presso i produttori condotta tra il 23/7 e il 4/8, che ha
fornito le prime stime sulla produzione di grano duro nel 2014/15; la quota
prevista, per ora, si assesterebbe intorno alle 4.953.000 di Tn., mentre nel
2013/14 la produzione era stata di 6.505.000 di Tn.
USA: la produzione è prevista in riduzione anche negli USA.
Flash sull'andamento dei mercati
nazionali
Riferimento 22 agosto 2014
La Commissione AGER Bologna ha rilevato i prezzi di seguito riportati.
Frumento tenero
Prezzi in aumento per i grani proteici,
stazionari per quelli panificabili di base
e in diminuzione per quelli mercantili
ad utilizzo mangimistico.
N° 1 €/Tn. 226-231, in aumento di 2 €/Tn.
rispetto alla scorsa settimana ;
N° 2 €/Tn. 206-210;
N° 3 €/Tn. 193-195, invariati rispetto a
quelli della settimana precedente;
N° 4 €/Tn. 178-183;
N° 5 €/Tn. 173-176, in riduzione rispetto
a quelli della settimana precedente.
Frumento duro.
Prezzi stazionari per tutte le classi
mercantili quotate.
Duro Nord fino €/Tn. 301-306;
Duro Nord buono mercantile €/Tn. 291296;
Duro mercantile €/Tn. 281-286.
Duro Centro fino €/Tn. 302-307;
Duro Centro buono mercantile €/Tn.
295-300;
Duro Centro mercantile €/Tn. 278-283.
Mais
Il mais ha registrato una forte riduzione
della quotazione, meno 11,00 €/Tn. per
effetto dell’arrivo della nuova produzione.
Il mais è stato quotato €/Tn. 184-188
-11,00 €/Tn. rispetto alla precedente
quotazione.
Soia
Non quotata alla borsa merci di Bologna.
Associazione Nazionale Bieticoltori | e-mail: [email protected] | www.anb.it
2
BIETOLA - AGGIORNAMENTO MONITORAGGIO CERCOSPORA
Livello di rischio cercosporiosi in base al modello previsionale Beta - 26/08/14
BACINO
MIN
MIN
MIN
MIN
MIN
MIN
MIN
PL
PL
PL
PL
PL
SQ
SQ
SQ
SQ
SQ
SQ
SQ
SQ
COMUNE
ARGELATO
MOLINELLA
PASSO SEGNI
SANDOLO
ARIANO FERRARESE
PALMIRANO
MALBORGHETTO DI B.
MONSELICE
MONTAGNANA
ADRIA
COSTA
PORTOGRUARO
CERESARA
GUSSOLA
QUISTELLO
RONCOFERRARO
FIORENZUOLA
FONTANELLATO
BAGNOLO IN P
VOGHERA
PR
BO
BO
BO
FE
FE
FE
FE
PD
PD
RO
RO
VE
MN
CR
MN
MN
PC
PR
RE
PV
1° Allarme2° Allarme3° Allarme4° Allarme ULTIMO RILIEVO (24/8)
15-giu
13-lug
03-ago
24-ago
GRAVE
15-giu
08-lug
29-lug
21-ago
GRAVE
15-giu
13-lug
03-ago
24-ago
GRAVE
27-mag
17-giu
08-lug
29-lug
GRAVE
23-mag
13-giu
13-lug
03-ago
NON PERVENUTO
15-giu
13-lug
03-ago
24-ago
GRAVE
15-giu
13-lug
03-ago
24-ago
GRAVE
24-mag
15-giu
13-lug
GRAVE
25-giu
16-lug
06-ago
GRAVE
27-mag
23-giu
14-lug
04-ago
GRAVE
16-giu
07-lug
28-lug
11-ago
MODERATO
24-mag
15-giu
06-lug
27-lug
GRAVE
23-giu
14-lug
04-ago
GRAVE
26-giu
20-lug
10-ago
GRAVE
21-ago
GRAVE
15-giu
08-lug
29-lug
23-giu
14-lug
04-ago
GRAVE
26-giu
22-lug
14-ago
MODERATO
26-giu
22-lug
20-ago
MODERATO
26-giu
21-lug
11-ago
GRAVE
23-mag
13-giu
04-lug
26-lug
GRAVE
La tabella si ferma al quarto trattamento.
Sospendere i trattamenti trenta giorni prima della raccolta, rispettando i
periodi di carenza dei prodotti impiegati.
Monitoraggio cercospora in base al
modello previsionale di Beta
La cercospora è la malattia parassitaria
della bietola responsabile delle maggiori contrazioni produttive ed economiche. E' pertanto necessario predisporre un efficace programma di protezione della coltura, che preveda un
impiego oculato dei prodotti più efficaci nei momenti più propizi. A tale riguardo la società di ricerca Beta ha attivato un sistema di monitoraggio, finalizzato a verificare le condizioni favorenti lo sviluppo della cercospora e a
suggerire il momento idoneo per l'esecuzione dei trattamenti.
Il modello previsionale si basa su un
algoritmo matematico che fa riferimento ai parametri climatici di umidità
e temperatura.
Si suggerisce di trattare entro 10 giorni
dal verificarsi dell'evento di allarme. La
corretta esecuzione del trattamento anticercosporico garantisce la copertura
della coltura per un lasso temporale di
circa 18/20 giorni.
La tabella a sinistra riporta i principali
parametri indicanti il "rischio cercospora" in base al modello previsionale.
Le date di allarme rappresentano il parametro da seguire per l'esecuzione degli interventi cercosporici.
ll livello attuale di rischio cercospora
rappresenta unicamente la situazione
recentemente aggiornata che, seppure
minimo o moderato, non esclude la necessità di eseguire l'intervento in presenza di allarmi in essere.
Associazione Nazionale Bieticoltori | e-mail: [email protected] | www.anb.it
3
PARTE IL PROGETTO DI RICONVERSIONE DELLO ZUCCHERIFICIO DI
CASEI GEROLA.
Il 28 agosto promossa un'iniziativa di divulgazione delle opportunità agricole
Il 28 agosto presso l’Albergo Ristorante Il Carrettino a Tortona, Rivalta
Scrivia (Alessandria), si è svolta la giornata in campo per il sorgo da fibra.
Obiettivo dell’evento è far conoscere al mondo agricolo la gestione tecnica della coltura. Il sorgo da fibra rappresenta una delle opportunità collegate al progetto di riconversione dello zuccherificio di Casei Gerola, che
prevede la realizzazione di una centrale per la produzione di energia elettrica (con potenza pari a 13,5 MW), alimentata con biomasse di origine vegetale – prevalentemente sorgo da fibra – per una quantità pari a circa
120.000 tonn. La centrale sarà realizzata da Bioenergy Casei Gerola, società appartenente al gruppo TERRAE S.p.A., specializzata nel settore delle
energie rinnovabili.
Il progetto sperimentale agricolo, che prevede tra l’altro la gestione di tre
campi sperimentali, è coordinato da ANB - Associazione Nazionale Bieticoltori, di concerto con le organizzazioni agricole locali di Confagricoltura
e Cia, che hanno promosso l’accordo di filiera e che si occupano della divulgazione sul territorio delle opportunità a favore delle aziende agricole.
Perno del progetto di approvvigionamento della centrale è l’Accordo di
Filiera, sottoscritto lo scorso mese di maggio dalle rappresentanze degli
agricoltori.
La coltura del sorgo da fibra da biomassa rappresenta, inoltre,
un'importante opportunità di diversificazione produttiva, preziosa in base
ai dettami della nuova PAC, che prevede almeno tre colture (specie) per le
aziende con superficie superiore a 30 ettari.
Il programma dell’evento ha previsto una prova di sfalcio del sorgo nel
campo sperimentale adiacente al “Carrettino”, seguita dal convegno
presso la sala del ristorante. Nel corso dell'incontro sono state illustrate le
potenzialità della coltura e il progetto di costruzione della centrale a biomassa. Sono intervenuti rappresentanti della pubblica amministrazione,
di Confagricoltura e Cia e tecnici coinvolti nella realizzazione del progetto.
Presente anche Mario Resca, amministratore unico Bioenergy Casei Gerola.
Nel corso dell'incontro è stato divulgato il "protocollo agronomico ANB", condiviso
con le componenti territoriali e finalizzato a individuare le migliori cultivar e le tecniche più produttive con l'obiettivo di assicurare le migliori rese, nell’ottica del contenimento dei costi colturali. Queste indicazioni, riportate nella pagina successiva, derivano dai risultati della sperimentazione parcellare e maturano sulla scorta delle
esperienze nelle prove effettuate a pieno campo.
Associazione Nazionale Bieticoltori | e-mail: [email protected] | www.anb.it
4
SPECIE - FAMIGLIA
Sorghum bicolor - famiglia delle graminacee.
AMBIENTE COLTURALE
Possiede notevoli capacità di adattamento,
anche su suoli argillosi. I migliori risultati si
ottengono, tuttavia, in terreni di medio
impasto e ben strutturati, fertili, profondi.
PREPARAZIONE LETTO DI SEMINA
In genere viene eseguita una lavorazione
principale autunnale, estirpatura a 25-30 cm,
seguita da lavori di affinamento nella fase
primaverile. In prospettiva sono interessanti
sistemi di preparazione "a strisce".
ROTAZIONE
Coltura da rinnovo a semina primaverile
tardiva. In genere segue e precede un
cereale autunno vernino (grano, altri). Per
evitare acuirsi problematiche infestanti
(graminacee) e funghi consigliato turno
almeno triennale. Possibile anche un ciclo in
secondo raccolto, ad esempio dopo triticale.
DISERBO
PRE SEMINA: Roundup Max (altri) 2-2,5 l/ha;
PRE EMERGENZA: Challenge 1-1,5 l/ha; tale
intervento viene solitamente sostituito dal
trattamento di post emergenza.
POST EMERGENZA: Primextra Gold 2,5-4 l/ha,
da usarsi precocemente con sorgo 2-3 foglie
ed infestanti appena emerse; in alternativa è
possibile impiegare i più economici U 46
Ultra 0,8 l/ha o U 46 Combi Fluid 0,4 l/ha.
SEMINA
EPOCA: da fine aprile a metà maggio.
SEMINATRICE: pneumatica, interfila: cm 75
(70) con distanza semi 9 cm, meno
frequentemente interf. 45 cm; scelta in base
alla tipologia delle macchine per la raccolta.
GEODISINFESTAZIONE: impiego Force 10
kg/ha, localizzato alla semina, consigliato ma
non sempre indispensabile.
PROFONDITÀ: 2-3 cm, in base tipo e umidità
suolo.
INVESTIMENTO/DENSITA’ DI SEMINA
L'obiettivo d'investimento finale è pari,
mediamente, a 12-14 piante per metro
quadrato, ottenute seminando 160.000180.000 semi per ettaro.
CONCIMAZIONE
Indicativamente: AZOTO 80-120 unità N2, in
pre semina o parte in presemina (2/3) e parte
in copertura (1/3); FOSFORO 45 unità P2O5
localizzato; POTASSIO solo su suoli carenti
80 unità K2O.
IRRIGAZIONE
Coltura solitamente in asciutta, molto
resistente alla siccità grazie all'elevata
capacità di suzione. Per emergenza coltura di
secondo raccolto richiesta irrigazione, in
assenza di piogge successive alla semina.
SARCHIATURA
Operazione di solito consigliata; con tale
lavorazione si somministra l'eventuale
frazione azotata di copertura.
RACCOLTA
EPOCA: da agosto a prima metà settembre.
PRODUZIONE: media 20 t/ha s.s. (es. 71 t/ha al 28% s.s.)
OPERAZIONI: sfalcio e condizionamento,
ranghinatura, pressatura, carico.
Per tutte le operazioni colturali, si raccomanda di rispettare le disposizioni vigenti in materia e quanto previsto dalle direttive o da
eventuali specifici protocolli, anche in relazione alla possibile revisione, sospensione o revoca di alcuni prodotti. I dosaggi sono
indicativi e dovranno essere congruenti con quanto riportato in etichetta e modulati in considerazione delle specificità colturali.
Associazione Nazionale Bieticoltori | e-mail: [email protected] | www.anb.it
Associazione Nazionale Bieticoltori | e-mail: [email protected] | www.anb.it
5
Associazione Nazionale Bieticoltori | e-mail: [email protected] | www.anb.it
6
Associazione Nazionale Bieticoltori | e-mail: [email protected] | www.anb.it
7
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
1 838 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content