close

Enter

Log in using OpenID

Delib. ne c.c. 37 del 6.10.14 variazioni bil. previs. eserc. 2014...

embedDownload
Deliberazione del Consiglio Comunale
ATTO N. 37 del 06/10/2014
Oggetto: VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2014 E AL
BILANCIO PLURIENNALE 2014 - 2016.
IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE
La seduta ha luogo nell' anno 2014 il giorno 06 del mese di ottobre alle ore 17,30 nella
Sala del Consiglio del Palazzo Civico, convocata nei modi di legge in sessione ordinaria,
prima convocazione e in seduta pubblica
Presiede Paolo Manfredini
Assiste il Segretario Generale Angelo Petrucciani
All’appello nominale risultano presenti, come dal seguente prospetto, n. 25 consiglieri:
ARMANI MARCELLO
BUCCHIONI EDMONDO
CARRO PAOLO
CATTANI TIZIANA
COLOMBINI CARLO
CONTI ENRICO
CORSINI STEFANO
CREMOLINI LAURA
DE LUCA LUIGI
DELFINO MARCELLO
DI VIZIA GIAN CARLO
ERBA LUCA
FALUGIANI DINO
FERRAIOLI MAURIZIO
GALLI SAURO
LIGUORI LUCA
MANFREDINI PAOLO
MANUCCI SAURO
MARSELLA JONATHAN
MASIA ROBERTO LUCIANO
MIRENDA IVAN
MONTEFIORI IACOPO
RAFFAELLI MARCO
SOMMOVIGO PIER LUIGI
VENTURINI RICCARDO
Risultano assenti i consiglieri:
BERTAGNA CHRISTIAN
FRIJIA MARIA GRAZIA
IANNELLO ERICA
PESERICO GIACOMO
FEDERICI MASSIMO
GUERRI GIULIO
LAGHEZZA ALESSANDRO
SCARDIGLI PIER GINO
Alla seduta hanno partecipato senza facoltà di voto gli assessori
NATALE DAVIDE
POLLIO ALESSANDRO
TARTARINI JACOPO
Num.proposta 41
SERVIZI FINANZIARI
Il Dirigente
Dott.ssa Barbara Rodighiero
Il Direttore
Dott. Pier Luigi Fusoni
Preso atto delle decisioni assunte dalla Conferenza dei Capigruppo di mercoledì 1° ottobre 2014, si ripone in votazione la
presente proposta di deliberazione.
Atteso che il Bilancio di Previsione dell’esercizio 2014 è stato approvato con deliberazione C.C.
n. 20 del 7.5.2014, esecutiva ai sensi di legge;
Ritenuto, in adempimento a quanto previsto dalla normativa vigente e in ragione delle richieste
avanzate dai Responsabili dei vari Servizi al fine del raggiungimento degli obbiettivi programmati,
apportare al bilancio di previsione 2014 una serie di variazioni analizzate secondo le seguenti tipologie:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
Entrate correnti 2014;
Spesa corrente e conto capitale 2014;
Partite compensative 2014;
Piano Opere 2014;
Piano Opere 2015;
Avanzo di amministrazione libero;
Avanzo di amministrazione vincolato;
Storni 2014;
Storni 2015;
Storni 2016;
Servizi conto terzi;
Entrate correnti 2015;
Entrate correnti 2016;
Maggiori spese 2015;
Maggiori spese 2016;
1) ENTRATE CORRENTI 2014
Le maggiori entrate di € 771.526,44 sono principalmente originate da:
• € 531.515,94 a seguito di ridefinizione della somma spettante allo Stato per Alimentazione
Fondo di solidarietà. L’importo Imu è stato iscritto, nel Bilancio 2014, al netto della quota di
alimentazione al Fondo di Solidarietà inizialmente pari ad € 8.670.278,05 (così come previsto
all’articolo 1, comma 380-ter, lettera a) della legge 24 dicembre 2012, n. 228). E’ infatti stabilito
che i Comuni iscrivono la quota dell’Imposta Municipale Propria al netto dell’importo versato
all’entrata del bilancio dello Stato. La somma stanziata a bilancio era pertanto pari ad €
21.029.724,95. A seguito della ridefinizione del Fondo di Solidarietà 2014 e della modalità della
sua alimentazione, l’importo trattenuto dallo Stato passa da € 8.670.270,05 ad € 8.138.762,11
(38,22% del gettito IMU 2014 stimato - art. 4 c. 3 DPCM ). Si realizza quindi una maggior
entrata come sotto evidenziato:
B)
D)
C)
A)
E)
Differenza
Previsione iniziale
IMU
Importo iniziale di
Alimentazione
Fondo di
solidarietà
Importo iscritto a
Bilancio di
Previsione 2014
€ 8.670.278,05
€ 21.029.721,95
€ 29.700.000,00
Quota
alimentazione a
Fondo Solidarietà
rideterminato
€ 8.138.762,11
Importo da
iscrivere a
Bilancio 2014
€ 21.561.237,89
( E-C )
€ 531.515,94
• € 35.850,64: trasferimento statale per conguaglio contributo Imu abitazione principale;
• € 110.207,77: contributo statale per Imu Immobili Comunali. Tale contributo è previsto per i
Comuni che hanno registrato il maggior taglio di risorse, operato nell’anno 2012, per effetto
dell’assoggettamento degli immobili posseduti dagli stessi nel proprio territorio all’Imposta
Municipale Unica.
Contributo previsto a Bilancio 2014
Comunicato del 31 luglio 2014 Finanza
Locale
Differenza
€ 876.436,71
€ 986.644,48
€ 110.207,77
Le minori entrate di € 666.332,50 sono principalmente originate da:
• € 412.174,50 riduzione Fondo di Solidarietà derivante dal saldo delle seguenti somme:
Incremento Fondo 2013
Incremento Fondo 2014
Contributo dei Comuni
alla finanza pubblica di
375,6 Milioni di Euro,
per l’anno 2014,
previsto dai commi 9 e
10 dell’articolo 47 del
decreto legge n. 66 del
2014.
+€ 310.284,09
+€ 275.548,63
- € 666.130,29
Ulteriore taglio
comunicato in data
16.9.2014 relativo ad
IMU fabbricati D
Saldo
- € 331.876,93
-412.174,50
• € 254.158,00. Il comma 731 della Legge di Stabilità per il 2014, come modificato dall’articolo 1,
comma 1 – lett. d), del decreto legge n. 16/2014, ha previsto per l'anno 2014 l’attribuzione ai
comuni di un contributo di 625 milioni di euro. Con decreto del Ministro dell'economia e delle
finanze, di concerto con il Ministro dell'interno è stabilita, secondo una metodologia adottata
sentita la Conferenza Stato-città e autonomie locali, la quota del contributo di spettanza di
ciascun comune, tenendo conto dei gettiti standard ed effettivi dell'IMU e della TASI. Il D.L.
16/2014 ha quindi modificato la precedente versione del comma 731 della legge di stabilità che
prevedeva un contributo di 500 milioni di euro per finanziare la previsione da parte dei comuni
di detrazioni dalla TASI a favore dell’abitazione principale. La minore entrata si determina come
segue:
Contributo previsto a Bilancio 2014
Comunicato del 31 luglio 2014 Finanza
Locale
Differenza
€ 800.000,00
€ 545.842,00
- € 254.158,00
Le suddette variazioni sono analiticamente specificate nel prospetto 1 “Entrata corrente”
allegato quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento. Il saldo si attesta quindi in +
€ 105.193,94;
2) SPESA CORRENTE E CONTO CAPITALE 2014
Le maggiori spese di € 106.896,94 segnalate dai vari servizi al fine di assicurare il regolare
funzionamento degli stessi o per fronteggiare nuove maggiori necessità non previste, vengono
finanziate per € 105.193,94 con le maggiori entrate di cui al sopracitato punto 1) e per € 1.703,00 da
economie di spesa .
Le maggiori spese finanziate con le entrate correnti di cui sopra riguardano principalmente:
•
•
•
•
€ 54.000,00 Prestazioni di servizio per asili nido;
€ 10.100,00 Spese atti giudiziari;
€ 10.000,00 Prestazioni di servizio per scuole dell’infanzia comunali;
€ 20.000,00 Aggio Speziarisorse su provvedimenti sanzioni Cds.
Le motivazioni sono dettagliatamente riportate nel prospetto n. 2 “Spesa corrente e conto
capitale” allegato al presente provvedimento quale parte integrante e sostanziale.
3) PARTITE COMPENSATIVE 2014
Le maggiori entrate riguardano principalmente l’ erogazione di contributi regionali e di enti e
soggetti privati destinati al finanziamento di spese finalizzate come riportato nel prospetto n. 3 “Partite
compensative” allegato quale parte integrante e sostanziale al presente provvedimento.
4) PARTITE COMPENSATIVE A SEGUITO AGGIORNAMENTO DEL PIANO
INVESTIMENTI 2014.
A seguito dell’aggiornamento degli interventi programmati in relazione allo stato di
avanzamento dei vari progetti e della tipologia dei relativi finanziamenti, si rende necessario variare gli
stanziamenti al bilancio di previsione come specificato nel prospetto 4 “Piano Opere 2014” e nelle
variazioni al Piano degli interventi programmati 2014, allegati al presente provvedimento quale parte
integrante e sostanziale.
L’art 2 comma 8 della Legge n. 244 del 24.12.2007 (Legge Finanziaria 2008) prevede che i
proventi delle concessioni edilizie e delle sanzioni previste dal testo unico di cui al DPR 6.6.2001 n. 380
possano essere utilizzati nel triennio 2008/2010 per una quota non superiore al 50% per il
finanziamento di spese correnti e per una quota non superiore ad un ulteriore 25% esclusivamente per
spese di manutenzione ordinaria del patrimonio comunale.
Durante l’iter parlamentare del Decreto Legge 35/2013 (convertito dalla Legge 64/2013,
pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 132 del 7 giugno 2013) in materia di pagamento dei debiti scaduti
della Pubblica Amministrazione è stata inserita una norma (art. 10, comma 4 ter) che, modificando l’art.
2, comma 8 della Legge 244/2007 (Finanziaria 2008), estende anche al 2013 e al 2014 la possibilità per i
comuni di utilizzare i proventi dei titoli abilitativi edilizi e delle sanzioni previste dal Dpr 380/2001
“Testo Unico Edilizia” per far fronte alle spese correnti.
In particolare si ricorda che la norma della finanziaria per il 2008 dispone che i suddetti proventi
possono essere utilizzati:
• per una quota non superiore al 50% per il finanziamento di spese correnti;
• per una quota non superiore ad un ulteriore 25% per spese di manutenzione ordinaria del verde,
delle strade e del patrimonio comunale.
Pertanto solo la restante quota del 25% può essere destinata alla realizzazione di opere di
urbanizzazione, connesse agli interventi di trasformazione urbanistico-edilizia.
In ottemperanza alle disposizioni di cui sopra si evidenzia comunque che il 76,90 % degli oneri
di urbanizzazione è destinato, nel bilancio 2014, al finanziamento di spese in conto capitale come da
prospetto allegato.
Inoltre la Giunta Comunale con provvedimento n. 224 in data 08.09.2014, allegato quale parte
integrante e sostanziale, ha provveduto all’aggiornamento del programma triennale delle opere
pubbliche 2014/2016, dell’elenco annuale delle opere per l’anno 2014/2016 delle relative schede
nonché del Piano delle manutenzioni 2014/2016;
5) PARTITE COMPENSATIVE A SEGUITO AGGIORNAMENTO PIANO DEGLLI
INVESTIMENTI 2015
A seguito dell’aggiornamento degli interventi, si rende necessario variare gli stanziamenti al
bilancio di previsione come specificato nel prospetto 5 “Piano Opere 2015”, allegato al presente
provvedimento quale parte integrante e sostanziale
6) AVANZO DI AMMINISTRAZIONE LIBERO
Con il presente provvedimento viene applicato l’avanzo di amministrazione non vincolato,
approvato con il rendiconto dell’esercizio 2013 in € 1.931.000,00, per la somma di € 332.544,87
interamente per spese correnti, compatibilmente con quanto previsto dall’articolo 187, comma 3-bis,
del Tuel. Tale disposizione, nel testo risultante dopo le modifiche introdotte dall'art. 3 del dl 174/2012,
vieta l'utilizzo dell'avanzo di amministrazione non vincolato agli enti che si trovino in una delle
situazioni previste dagli artt. 195 e 222, ossia a quelli che utilizzano entrate a specifica destinazione o
che fanno ricorso ad anticipazioni di tesoreria.
Le spese finanziate con avanzo di amministrazione non vincolato, sono dettagliate nell’allegato
n. 6 facente parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
Riepilogo utilizzo avanzo
Avanzo di amministrazione
libero accertato con il
Rendiconto 2013
€ 1.931.000,00
Avanzo già applicato al
Bilancio di previsione
2014
€ 500.000,00
Avanzo applicato con la
presente variazione
Totale avanzo applicato
Avanzo libero ancora
disponibile
€ 332.544,87
832.544,87
1.098.455,13
7) AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO
L’avanzo di amministrazione vincolato, accertato con il rendiconto dell’esercizio 2013 in €
2.207.439,42, di cui € 1.326.234,54 vincolato per spesa in conto capitale ed € 881.204,88 vincolato per
spesa corrente, viene applicato, con il presente provvedimento, per la somma di € 46.857,81. nel
rispetto del vincolo di legge originario e nell’osservanza delle disposizioni di cui all’art.187 del D. Lgs.
267/2000. L’utilizzo risulta il seguente:
Totale Avanzo Vincolato applicato
di cui
46.857,81
-per spesa corrente
-per spesa in conto capitale
43.431,68
3.426,13
Le variazioni di che trattasi sono dettagliatamente riportate nel prospetto n. 7 “Avanzo
vincolato” allegato al presente provvedimento quale parte integrante e sostanziale.
8) STORNO DI FONDI 2014
Lo storno di fondi per € 816.279,66 è generato in parte dalla corretta imputazione di alcune
spese da un intervento all’altro per una più attinente classificazione, secondo quanto stabilito dal DPR
31.1.96 n.194, ed in parte dal rimpinguamento di alcuni stanziamenti mediante la riduzione di altri che si
sono rilevati esuberanti, così come indicato dagli stessi Servizi comunali, dando atto che le riduzioni
non arrecano alcun danno per il raggiungimento degli obiettivi specifici di gestione.
Le motivazioni inerenti le suddette variazioni sono dettagliatamente riportate nel prospetto n. 8
“Storno di fondi” allegato al presente provvedimento quale parte integrante e sostanziale.
9) STORNO DI FONDI 2015
Lo storno di fondi per € 282.780,00 è generato dal rimpinguamento di alcuni stanziamenti
mediante la riduzione di altri che si sono rilevati esuberanti, così come indicato dagli stessi Servizi
comunali, dando atto che le riduzioni non arrecano alcun danno per il raggiungimento degli obiettivi
specifici di gestione.
Le motivazioni inerenti le suddette variazioni sono dettagliatamente riportate nel prospetto n. 9
“Storno di fondi 2015” allegato al presente provvedimento quale parte integrante e sostanziale.
10) STORNO DI FONDI 2016
Lo storno di fondi per € 132.400,00 è generato dal rimpinguamento di alcuni stanziamenti
mediante la riduzione di altri che si sono rilevati esuberanti, così come indicato dagli stessi Servizi
comunali, dando atto che le riduzioni non arrecano alcun danno per il raggiungimento degli obiettivi
specifici di gestione.
Le motivazioni inerenti le suddette variazioni sono dettagliatamente riportate nel prospetto n.
10 “Storno di fondi 2015” allegato al presente provvedimento quale parte integrante e sostanziale.
11) SERVIZI CONTO TERZI
Si è proceduto alla variazione degli stanziamenti di entrata e spesa relativi agli introiti/spese
derivanti da depositi cauzionali per occupazione suolo pubblico come evidenziato nel prospetto n. 11)
“Servizi conto terzi”, allegato al presente provvedimento quale parte integrante e sostanziale.
12) ENTRATE CORRENTI 2015
Le maggiori entrate correnti per il 2015 di € 31.000,00 sono derivate da maggiori proventi
scuole infanzia e asili nido, come evidenziato nel prospetto n.12) “Entrate correnti 2015”, allegato alla
presente quale parte integrante e sostanziale;
13) ENTRATE CORRENTI 2016
Le maggiori entrate correnti per il 2016 di € 31.000,00 sono derivate da maggiori proventi
scuole infanzia e asili nido, , come evidenziato nel prospetto n.13) “Entrate correnti 2016”, allegato alla
presente quale parte integrante e sostanziale;
14) MAGGIORI SPESE 2015
Le maggiori spese correnti per il 2015 di € 31.000,00 derivano da incrementi di spesa nella
gestione di asili nido e refezioni scuole materne e obbligo, , come evidenziato nel prospetto n.14)
“Maggiori spese 2015”, allegato alla presente quale parte integrante e sostanziale;
15) MAGGIORI SPESE 2016
Le maggiori spese correnti per il 2016 di € 31.000,00 derivano da incrementi di spesa nella gestione di
asili nido e refezioni scuole materne e obbligo, come evidenziato nel prospetto n.15) “Maggiori spese
2016”, allegato alla presente quale parte integrante e sostanziale.
PATTO DI STABILITA’
In relazione al patto di stabilità si evidenzia che l’obiettivo da raggiungere, così come definito
dal comma 2 dell’articolo 31 della legge n. 183 del 2011 - come modificato dal comma 532 dell’articolo
1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità 2014) - risulta il seguente:
Calcolo dell'obiettivo programmatico
Spesa corrente titolo I impegnata
Media spesa corrente del triennio
2009
77.584.160,98
Anno
2010
76.465.430,17
76.267.612,76
2011
74.753.247,12
76.267.612,76
Obiettivo di miglioramento
Anno 2014
Anno 2015
Anno 2016
Obiettivo di miglioramento al netto del taglio statale
Anno 2014
Anno 2014
Anno 2015
Nuovo obiettivo
Addebito per rimodulazione per clausola di salvaguardia
Patto regionale verticale (comma 138 art. 1 della Legge n. 220/2010, modificato da comma 17 art.
32 Legge 183/2011)
Patto regionale verticale incentivato (commi 122 e seguenti dell'art. 1 Legge n. 228/2012)
Obiettivo finale
%
15,07
15,07
15,62
Obiettivo
11.493.529,24
11.493.529,24
11.913.001,11
Importo
11.493.529,24
11.493.529,24
11.913.001,11
Taglio statale
5.440.967,00
5.440.967,00
5.440.967,00
Valore nettizzato
6.052.562,24
6.052.562,24
6.472.034,11
2014
6.052.562,24
2015
6.052.562,24
2016
6.472.034,11
182.821,76
0,00
0,00
6.052.562,24
6.472.034,11
-4.858.000,00
-1.199.000,00
178.384,00
Ai fini del rispetto del patto di stabilità, a seguito delle variazioni di cui al presente
provvedimento, si attesta che viene rispettato l’obiettivo imposto dal patto di stabilità, come
specificatamente dettagliato nel prospetto sotto riportato:
Ip ot e si ri spe t t o P a t t o d i S t a bil it à 20 1 4-2 0 16
20 1 4
C
O
M
P
( + ) E n trat e fin a li tit o li I + I I + III d a acc erta re in co m p eten za
( - ) Sp es e tit o lo I d a im p egn are in co m p eten za
(- ) E n t ra te d a a cce rta re T it o lo II p ro v en ien ti U E
(+ ) Sp ese T it o lo I d a im p egn are co n fin an zia m en ti U E
Sa ldo fi na n zi ar io d i p a rt e c orr en t e
10 1 .1 64 .49 2 ,2 1
9 5 .2 7 9.33 2 ,7 6
8 4.9 19 ,25
8 4.9 19 ,25
5. 88 5 .1 59 ,4 5
C
A
S
S
A
( + ) E n trat e d a ris cu o ter e titolo IV
( - ) Risco s sio n i d i cred iti d a effett u a re
( - ) Sp es e d a p a ga re a l t it o lo II
( + ) Pa g a m en t i d i con c essio ne cred it i d a effe ttu are
(- ) r is co ssio n i in co nt o ca p ita le d a U E
(+ ) p a ga m en t i tito lo II fin a n zia t i co n co n trib u t i U E
Sa ldo fi na n zi ar io p a rt e c a pi t al e
1 0 .7 0 0.00 0 ,0 0
2 0.0 00 ,00
1 7 .7 3 8.17 4 ,4 6
0,0 0
1 .3 2 9.0 60 ,26
1 .6 0 9.4 93 ,48
-6. 77 7 .74 1 ,2 4
SA LD O F IN AN ZI A R I O D I C O M PE T E N Z A M I S T A P R E V IS T O
Im p o rt o d ei p a ga m e n ti d a esclu d ere a i sen si d el co m m a 9 - b is , d ell’artico lo 3 1, d ella
le gge 1 2 no ve m b re 2 01 1 , n . 1 83 (in t ro d o tt o d a l co m m a 53 5, d ell’a rt ico lo 1, d ella
le gge 2 7 d ic em b re 2 01 3 , n . 1 47 )
-8 92 .5 8 1, 79
- 1 .1 0 3.8 50 ,0 0
SA L D O FIN A N Z IA RIO D I C OM P ETE N Z A M ISTA D A C O N SID E RA RE
2 11 .2 6 8, 21
R I E P I LO G O
20 1 4
O b ie t ti vo rag g iu nt o
2 11 .2 6 8, 21
O b ie t ti vo da ra gg iu n ge re
M ar gi ne d i m a no vra
1 7 8.3 8 4, 00
3 2. 88 4, 21
Il Servizio Finanziario monitorerà costantemente gli accertamenti e gli impegni di parte corrente
nonché i flussi di entrata e di spesa per la parte in conto capitale al fine di rispettare i vincoli imposti
dalla normativa.
Ritenuto pertanto apportare al bilancio di previsione 2014 e pluriennale 2014-2016 le variazioni
di cui ai sopraindicati punti 1), 2), 3), 4), 5), 6), 7), 8), 9) 10), 11), 12), 13) , 14) E 15);
Considerato inoltre che è necessario aggiornare, in coerenza con la presente variazione di
bilancio, la Relazione Previsionale e Programmatica 2014 – 2016;
Dato atto che le variazioni sono proposte nel rispetto delle vigenti disposizioni legislative;
Visto il parere del Collegio dei Revisori dei Conti;
Visto il parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica espresso ai sensi dell’art. 49 della D.
Lgs. 267/18.8.2000;
Visto il parere favorevole in ordine alla regolarità contabile espresso ai sensi dell’art. 54 del
vigente regolamento di contabilità e dell’art. 49 del D.Lgs. n. 267 del 18.08.2000;
IL CONSIGLIO COMUNALE
Udito quanto precede;
Udita la comunicazione del Presidente Paolo Manfredini, con riferimento alla
conferenza dei Capigruppo di mercoledì 1° ottobre 2014;
Entrano i Consiglieri: Bertagna, Iannello – Presenti 27
Il Presidente dichiara aperte le votazioni;
Posta in votazioni la proposta di deliberazione è approvata con il seguente esito:
Presenti 27 Votanti 27 Favorevoli 18 Contrari 9 Astenuti 0 Non partecipano 0
(Favorevoli: Armani Marcello, Carro Paolo, Cattani Tiziana, Conti Enrico, Cremolini Laura,
Delfino Marcello, Erba Luca, Falugiani Dino, Ferraioli Maurizio, Liguori Luca, Marsella
Jonathan, Montefiori Iacopo, Raffaelli Marco, Venturini Riccardo – Partito Democratico;
Corsini Stefano – Il mio cuore è Spezia noi con Federici; Manfredini Paolo, Masia Roberto
Luciano – Sinistra Unita per il Socialismo Europeo; Sommovigo Pier Luigi – Gruppo Misto;)
(Contrari: Di Vizia Gian Carlo – Gruppo Misto; Galli Sauro, Manucci Sauro – Forza Italia; De
Luca Luigi – Nuovo CentroDestra; Bertagna Christian, Colombini Carlo, Iannello Erica,
Mirenda Ivan – Movimento 5 Stelle Beppe Grillo.it; Bucchioni Edmondo – Federazione della
Sinistra Rifondazione Comunisti Italiani Socialismo 2000 Lavoro Solidarietà;)
DELIBERA
1. di apportare le variazioni al Bilancio di Previsione 2014 e pluriennale 2014-2016, così come
dettagliatamente analizzato nelle premesse e riportato nei sotto elencati prospetti allegati quali
parte integrante e sostanziale al presente provvedimento:
1. Entrate correnti 2014;
2. Spesa corrente e conto capitale 2014;
3. Partite compensative 2014;
4. Piano Opere 2014;
5. Piano Opere 2015;
6. Avanzo di amministrazione libero;
7. Avanzo di amministrazione vincolato;
8. Storni 2014;
9. Storni 2015;
10.Storni 2016;
11.Servizi conto terzi
12.Entrate correnti 2015
13.Entrate correnti 2016
14.Spesa corrente 2015
15.Spesa corrente 2016
2. di approvare le variazioni al Piano degli investimenti programmati 2014, come da prospetti
allegati quali parte integrante e sostanziale al presente provvedimento;
3. di approvare l’aggiornamento del programma triennale delle OO.PP 2014/2016, dell’elenco
annuale delle opere per l’anno 2014, delle relative schede e del Piano delle manutenzioni
2014/2016 approvate con deliberazione della GC n. 224 del 08.09.2014 che si allega quale parte
integrante e sostanziale al presente provvedimento;
4. di approvare le variazioni agli esercizi 2014-2016 ed alla Relazione Previsionale e Programmatica
2014-2016 come specificato nelle premesse;
5. di prendere atto che , a seguito delle sopra esposte variazioni, le previsioni di entrata e di uscita
in termini di competenza mista del bilancio di previsione 2014 sono coerenti con l’obiettivo
programmatico del patto di stabilità interno, ai sensi del comma 2 dell’articolo 31 della legge n.
183 del 2011, così come modificato dal comma 532 dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 2013,
n. 147 ( legge di stabilità 2014);
6. di dare atto che il bilancio mantiene l’equilibrio economico e finanziario;
7. di dare atto che il 76,90 % degli oneri di urbanizzazione è destinato, nel bilancio 2014, al
finanziamento di spese in conto capitale come da prospetto allegato;
Dopodiché a seguito di separata e successiva votazione che ha dato i seguenti esiti:
Presenti 27 Votanti 26 Favorevoli 22 Contrari 4 Astenuti 0 Non partecipano 1
(Favorevoli: Armani Marcello, Carro Paolo, Cattani Tiziana, Conti Enrico, Cremolini Laura,
Delfino Marcello, Erba Luca, Falugiani Dino, Ferraioli Maurizio, Liguori Luca, Marsella
Jonathan, Montefiori Iacopo, Raffaelli Marco, Venturini Riccardo – Partito Democratico;
Corsini Stefano – Il mio cuore è Spezia noi con Federici; Manfredini Paolo, Masia Roberto
Luciano – Sinistra Unita per il Socialismo Europeo; Di Vizia Gian Carlo, Sommovigo Pier
Luigi – Gruppo Misto; Galli Sauro, Manucci Sauro – Forza Italia; De Luca Luigi – Nuovo
CentroDestra; Bucchioni Edmondo – Federazione della Sinistra Rifondazione Comunisti Italiani
Socialismo 2000 Lavoro Solidarietà;)
(Contrari: Bertagna Christian, Colombini Carlo, Iannello Erica, Mirenda Ivan – Movimento 5
Stelle Beppe Grillo.it;)
(Non partecipano: Venturini Riccardo – Partito Democratico;)
DELIBERA
di rendere il presente provvedimento immediatamente eseguibile
SERVIZI FINANZIARI
OGGETTO : VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO
2014 E AL BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016
SI ESPRIME PARERE FAVOREVOLE IN ORDINE ALLA REGOLARITA’
TECNICA AI SENSI DELL’ART. N. 49 DEL D. LGS. N° 267 DEL 18.08.2000
IL DIRETTORE DIPARTIMENTO
FINANZA E SVILUPPO ECONOMICO
Dott. Pier Luigi Fusoni
SI ESPRIME PARERE FAVOREVOLE IN ORDINE ALLA REGOLARITA’
CONTABILE AI SENSI DELL’ART. N° 54 DEL REGOLAMENTO DI
CONTABILITA’ E DELL’ART. 49 DEL D. LGS. N. 267 DEL 18.08.2000
IL DIRIGENTE SERVIZI FINANZIARI
Dott.ssa Barbara Rodighiero
Il Presidente
Paolo Manfredini
Il Segretario Generale
Angelo Petrucciani
La presente deliberazione sarà pubblicata all’albo on-line del Comune per quindici
giorni consecutivi, ai sensi dell’articolo 124, 1° comma, del Testo Unico delle Leggi
sull’ordinamento degli EE.LL. (Decreto legislativo 18.8.2000 n. 267) dal 14.10.2014
La Spezia, li 13.10.2014
Il Segretario Generale
Angelo Petrucciani
SERVIZI FINANZIARI
37 / 41
Il presente atto deliberativo è composto di n. 124 facciate
Il Funzionario della Segreteria Generale
(Roberta Bini)
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
147 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content