close

Enter

Log in using OpenID

CamLab supporta i produttori di turbine statunitensi

embedDownload
N. 1 2014
Assistenza clienti
Fare il massimo per i clienti
Armando Brunetti:
da grande calciatore
a Presidente di
Camfil USA
Negozio online per una semplice gestione dei filtri
CamLab supporta i produttori di turbine statunitensi
CAMFIL: Soluzioni per l'aria pulita
EDIT OR IALE: M AG N US YN G E N
FIERE 2014
Giugno
I clienti
sempre al
primo posto
L'assistenza clienti è di vitale importanza per
Camfil ed è il tema di questo AirMail, che illustra
le metodologie per "dare il massimo" e soddisfare
i clienti.
Un'azienda di successo deve dedicarsi con impegno all'assistenza clienti. Si tratta del nostro
credo sin dagli inizi, che risalgono a 50 anni fa:
per Camfil, l'assistenza clienti vuol dire andare
oltre le mansioni di base e offrire alla clientela
la migliore esperienza possibile. In poche parole,
vogliamo trasformare un'organizzazione commerciale in una realtà basata sui valori.
A tale scopo, ascoltiamo i clienti per identificarne le esigenze in termini di qualità dell'aria,
­illustriamo i vantaggi delle nostre soluzioni per
la purificazione dell'aria e il valore dell'investimento in filtri di qualità.
Per ridurre i costi totali di proprietà (TCO), i
clienti scelgono soluzioni in grado di offrire la
migliore qualità dell'aria possibile, risparmiare sul
budget dei filtri, sfruttare la riduzione dei costi
energetici e risparmiare ore di lavoro a­ ttraverso
la riduzione delle sostituzioni e dello smaltimento.
In sostanza, l'assistenza clienti Camfil deve
offrire risultati tali da esaudire le promesse attraverso un'ampia gamma di prodotti e servizi.
L'offerta di Camfil
Tutti questi aspetti costituiscono la nostra
­offerta per i clienti: sviluppiamo, produciamo,
commercializziamo e installiamo prodotti e
soluzioni garantiti in termini di rendimento e
qualità grazie a competenze, supporto, analisi,
strumenti, tempi di risposta, consegne e servizi
di livello eccellente.
Svilupperemo un'offerta complessiva cercando
ogni metodo possibile per offrire nuovi vantaggi ai clienti. Camfil si occuperà sempre più degli utenti, cercando di soddisfare le esigenze di
una clientela sempre più ampia e in cerca di una
filtrazione dell'aria tanto convenzionale quanto
all'avanguardia.
I clienti sono la risorsa più importante di
Camfil. In quest'articolo forniremo alcuni esempi delle attività di Camfil in Nord America, il
mercato del settore filtri più agguerrito al mondo, Regno Unito, Stati Uniti, Norvegia, Francia
e Germania, in cui abbiamo collaborato con i
clienti alla risoluzione dei problemi di qualità
dell'aria, riuscendo a migliorarne l'operatività.
Troverete questo numero molto interessante:
contattateci per ulteriori informazioni sui nostri
prodotti e servizi, ovvero la gamma più completa sul mercato in termini di soluzioni per l'aria
pulita.
2-4
Hospital Build & Infrastructure Middle East,
Dubai International Convention & Exhibition
Centre, Dubai, Emirati Arabi Uniti
3-5
Lounges 2014, Stoccarda, Germania
3-6 Fispal Technology, Parque Anhembi, São
Paulo, Brasile
4-7 RENEWABLE ENERGY/ENTECH POLLUTEC
ASIA 2014, Bangkok International Trade
and Exhibition Centre (BITEC), Bangkok,
Thailandia
Settembre
22-24
FSTA Exhibition, Kolding, Danimarca
Ottobre
1-3
FinnBuild 2014, Helsinki, Finlandia
22-24 VVS Dagene, Lillestrøm (nei pressi di Oslo),
Norvegia
Novembre
10-13
ADIPEC 2014, Abu Dhabi International
Petroleum Exhibition & Conference, Abu
Dhabi, Emirati Arabi Uniti
27-28
Ajour Exhibition, Odense, Danimarca
Dicembre
2-4
P-MEC India, Mumbai, India
L'elenco contiene una parte delle fiere mondiali a cui
Camfil parteciperà da giugno a dicembre 2014. Per
l'elenco completo, visitare www.camfil.com/AboutCamfil/Events/
CAMFIL AIRMAIL è una pubblicazione mondiale per i clienti
Camfil, disponibile in nove lingue.
Pubblicato da:
Camfil AB, Sveavägen 56E
SE-111 34 STOCCOLMA, Svezia
Tel. +46 8 545 12 500. Fax +46 8 24 96 50
E-mail: [email protected]
www.camfil.com
Editore:
Alain Bérard
VP senior vendite e marketing
Redattore:
Liza Braaw/Magnus Jerräng
Tel. +46 8 545 12 513. Fax +46 8 24 96 50
Testo:
Camfil/Thorn PR Svezia AB
Grafica:
Kaigan AB
Per saperne di più
Per ulteriori informazioni, contattare l'agente o l'ufficio
regionale di Camfil più vicino oppure telefonare, scrivere o
inviare un fax alla sede centrale di Camfil.
Sede centrale
Camfil AB, Sveavägen 56E, SE-111 34 STOCCOLMA,
Svezia. Tel. +46 8 545 12 500.
Fax +46 8 24 96 50
Magnus Yngen
Presidente e CEO
2 AirMail N. 1 2014
Här kommer artikeln till AirMail om den nya Filterbutiken online – förmodligen alldeles för lång
för att rymmas på en sida, men ni kan väl lägga in texten så kan vi se om den ska bli en sida - eller
ett uppslag, ifall vi har plats till det.
L'elevata qualità dell'aria indoor (IAQ) ottenuta
con l’utilizzo di filtri a basso consumo energetico
När det gäller bilder så hade ju drömscenariot varit att ha en bild på någon av killarna som
intervjuas i artikeln när han är ute på fältet med sin iPad – men nu har vi ingen sån bild så vi får
nog satsa på en bild på en iPad i vilken man ser Filterbutiken på skärmen. Hör av er ifall ni har
andra idéer på bilder.
è una delle priorità degli ospedali universitari
che offrono cure mediche, ricerca e formazione universitaria in un'unica struttura centrale.
Questo è il caso dell'University Hospital RWTH
Aachen (UKA) in Germania, in cui 6.000 dipendenti di 34 cliniche, 25 istituti e 5 unità interdisciplinari forniscono servizi sanitari completi a
circa 200.000 pazienti all'anno.
Nell'ambito della propria strategia per una gestione operativa conveniente delle strutture, l'UKA ha scelto Camfil fra
altri fornitori di filtri per il controllo dei sistemi di ventilazione e filtrazione integrati, con l'obiettivo di ottimizzare
la filtrazione per 26 unità di trattamento dell'aria (UTA) e
l'efficienza energetica ed economica, per poi incrementare
l'IAQ nel pieno rispetto delle normative ambientali e tecnologiche.
Karl Klein, Responsabile dei sistemi di riscaldamento,
ventilazione e condizionamento dell'UKA, ha commissionato a Camfil alcuni test sui filtri Hi-Flo M per confrontarne le prestazioni con i prodotti della concorrenza. Inoltre,
l'associazione di controllo tecnico TÜV Rheinland ha condotto test a lungo termine su Hi-Flo per convalidarne l'efficienza di filtrazione delle particelle. UKA ha scelto Hi-Flo
grazie agli eccellenti risultati ottenuti.
Efficacia dell'analisi dei LCC
Hi-Flo™ è una
soluzione perfetta
per ridurre i costi
energetici e
aumentare l'IAQ
L'UKA era in cerca di una soluzione energeticamente efficiente per ridurre la concentrazione delle particelle e l'inquinamento dell'erogazione dell'aria fresca. L'UKA utilizzava Hi-Flo M7 per il sistema di aspirazione dell'aria, M9 per
la filtrazione dell'aria erogata attraverso i condotti dell'aria
calda e fredda, Closepleat H13 per gli ambulatori e le cartucce dei filtri H14 nelle sale operatorie.
Per verificare l'efficacia energetica della soluzione Hi-Flo,
l'UKA ha condotto un'analisi LCC (Life Cycle Cost, costi
dell’intero ciclo di vita) atta a confrontare, nel pieno rispetto degli standard internazionali del settore, due configurazioni di filtri Camfil tecnologicamente avanzate dal punto
di vista dell'efficienza e dei costi dell’intero ciclo di vita.
Un risparmio di 2.350 MWh all'anno
Le analisi effettuate hanno dimostrato che la soluzione più
efficace è la sinergia fra Hi-Flo M7 e M9. In base ai calcoli
LCC dei filtri Hi-Flo nell'arco di 25 anni con un flusso dell'aria di 3 milioni di m3all'ora, la soluzione con Hi-Flo M7 e M9
offre un risparmio energetico di 2.350 MWh all'anno rispetto a una soluzione di filtrazione tradizionale (Standard-Flo
UF7 e Hi-Flo UF9), con una riduzione di almeno il 20% delle
emissioni di monossido di carbonio annue.
Questi risparmi sono diventati realtà. Il personale e i pazienti hanno inoltre apprezzato l'elevata IAQ. Secondo Karl
Klein, "la sostenibilità è una parte importante della politica
dell'UKA, ma l'efficienza economica resta essenziale. Grazie alla soluzione con Hi-Flo M7 e M9 abbiamo ottenuto
entrambi i risultati, riducendo il consumo energetico e le
emissioni di anidride carbonica".
AirMail N. 1 2014 3
ASS IS T EN Z A
Fare il massimo
per i clienti
Come può un produttore di filtri per l'aria conservare la leadership di settore,
aumentare le quote di mercato e restare al top del mercato della filtrazione dell'aria
del Nord America, il più competitivo al mondo?
Ecco come facciamo:
Semplifichiamo il rapporto con i clienti attraverso una dedizione totale.
Assegniamo una grande importanza al linguaggio: fare sempre ciò che si dice,
nel rispetto del contenuto, dei modi e dei tempi. Innalziamo gli standard per
offrire ai clienti un'esperienza sempre migliore.
Team di vendita per il successo degli
utenti
I professionisti di vendita Camfil offrono
ai clienti un quadro relativo alle possibili riduzioni dei costi e al miglioramento
dell'IAQ per una maggiore salubrità e produttività degli ambienti di lavoro, interagendo continuamente con i clienti acquisiti e potenziali per comprenderne cultura
aziendale, difficoltà pratiche ed esigenze di
filtrazione.
Nell’ottica dell’ottimizzazione dei costi
totali, Camfil può aiutare il cliente a ridurre
le spese per i filtri, diminuire i costi energetici, risparmiare ore di lavoro attraverso
la riduzione delle sostituzioni, ridurre lo
smaltimento e migliorare la propria IAQ.
I team di vendita di Camfil offrono programmi completi dedicati ai filtri, come
ad esempio test in situ, analisi LCC, ottimizzazione di prodotti e tempi di sostitu­
zione, analisi delle esigenze dei prodotti per le UTA e report finali sull’analisi
dei costi energetici post-installazione. In
­alcuni mercati, questi servizi comprendono ­anche programmi di riciclo dei rifiuti.
È possibile anche realizzare programmi
specifici per alcuni clienti, come ad esempio stock dedicati e identificazione dei prodotti in base al settore, all’UTA e al piano
dell'edificio. È possibile eseguire anche test
CamField e in situ per verificare le prestazioni dei filtri, oltre a calcolare la durata dei
prodotti con CamTester (se non vengono
adoperati indicatori di cadute di pressione
Magnehelic).
Gli altri servizi offerti da Camfil comprendono progettazione e installazione
iniziale sul campo, test dei filtri, analisi
dell'aria con eventuale certificazione e assistenza per la progettazione con i software
AMC e CREO.
4 AirMail N. 1 2014
Offriamo ai clienti una gamma completa di servizi, strumenti, applicazioni
e funzionalità di logistica grazie a un'esperienza decennale nel campo della
­filtrazione dell'aria e pregiate risorse di ricerca e sviluppo.
Aiutiamo i clienti a compiere qualsiasi operazione, dal controllo della qualità dell'aria, al test e all'analisi dei filtri, fino alla gestione completa dei filtri,
­all'ottimizzazione delle clean room, alla formazione dei clienti e ai test in loco.
Sviluppiamo piattaforme di e-business, strumenti di vendita e software per la
determinazione dei costi del ciclo di vita che i clienti utilizzano per operare la
giusta scelta filtrante con il minimo costo di proprietà totale (TCO).
Infine, stabiliamo una collaborazione con i clienti per sviluppare i prodotti del
­futuro.
Nel Nord America, Camfil USA, Inc. soddisfa tutti i criteri sopra elencati, proprio come
Camfil in tutti gli altri paesi. Di seguito sono riportati alcuni esempi reali di operazioni
quotidiane negli Stati Uniti.
Risposta rapida nella catena di distribuzione
Nei mercati di grandi aree geografiche, come ad
esempio il Nord America, Camfil collabora anche
con distributori indipendenti per soddisfare le esigenze dei clienti finali migliorando la rapidità delle
spedizioni anche in caso di prodotti non standard o
non a stock. Ad esempio, quando si è verificato
­l'esaurimento delle scorte di un cliente che ha
­richiesto i filtri con urgenza, Camfil ha risposto nel
giro di un giorno.
Camfil risponde rapidamente anche quando i
clienti richiedono assistenza per progetti urgenti.
In una situazione particolare, Camfil ha consegnato in tre giorni dei filtri i cui normali tempi tecnici
erano di due/tre settimane per evitare al cliente
di pagare una penale per la mancata modifica del
­ rodotto in conformità alle specifiche del progetto
p
(il cliente aveva dimenticato di ordinare i filtri).
La consegna è stata programmata per il fine settimana, di sabato, due giorni prima della data richiesta dal cliente. A causa di problemi, il fornitore
non ha potuto mantenere l'impegno e solo metà
del prodotto è stata consegnata di sabato. Uno dei
dipendenti addetti al magazzino di Camfil è stato
inviato presso il fornitore il lunedì successivo, per
consegnare personalmente i filtri presso la sede del
cliente alle 21.00 dello stesso giorno, consentendo
al cliente di effettuare la modifica entro la scadenza
delle 4.00 del martedì ed evitando la chiusura del
sistema di ventilazione.
ASSIST ENZA
Ben più del dovuto
I clienti si rivolgono a Camfil per ottenere consulenza tecnica e competenza. Ad esempio, un cliente
aveva dubbi circa il tipo di gel utilizzato dai propri
macchinari. A tale scopo, Camfil ha eseguito una
spettroscopia ad infrarossi con trasformata di
­Fourier (FTIR), fornendo una risposta entro un'ora
dall'invio dei campioni.
In un'altra situazione, Camfil ha configurato il
monitoraggio GigaCheck presso le sedi di due
clienti per cercare gas acidi nell'aria che avrebbero
potuto compromettere la longevità del gel in silicone dei filtri delle clean room. In uno dei due casi, il
cliente poteva accedere al sistema solo attraverso
una piccola porticina. Camfil non si è scoraggiata e
ha realizzato una sonda personalizzata per sostenere il dispositivo di monitoraggio GigaCheck.
Camfil offre anche dispositivi di analisi per ottimizzare la gestione dei filtri. Ad esempio, abbiamo
fornito un CamTester a un centro veterinario per
suini, utile agli operatori per recarsi presso le sedi
dei clienti e misurare la durata restante dei filtri
Camfil installati negli allevamenti suini eseguendo
il rilevamento delle perdite di pressione. In questo
modo è stato possibile constatare la minore durata
prevista dei filtri della concorrenza.
Un cliente del settore ospedaliero ha individuato
un materiale sconosciuto all'interno di un filtro.
Usando un microscopio ottico, Camfil ha identificato il materiale, scoprendo che si trattava di una
muffa. Quindi, è stato inviato un campione della
muffa a un laboratorio biologico esterno per individuare la specie precisa del parassita, in modo da
aiutare il cliente a identificare e risolvere un problema di umidità della propria UTA e trovare la fonte delle muffe della struttura. Così facendo, è stato
possibile prevenirne la diffusione ed eliminare altri
costi e problemi.
In un'altra occasione, il cliente voleva cambiare le
guarnizioni dei filtri ad alta temperatura. Camfil
ha assemblato un kit speciale con istruzioni, schede tecniche di sicurezza, nuove guarnizioni e componenti in cemento ceramico per garantire l'aderenza ottimale delle guarnizioni al telaio del filtro.
Poiché il cliente disponeva di attrezzature e competenze limitate, Camfil ha aggiunto al kit, in via del
tutto gratuita, contenitori in plastica, una lama per
miscelazione e alcune paia di guanti. Il kit ha
­riscosso un grande successo ed è stato richiesto
­anche per il successivo set di filtri.
Un'azienda farmaceutica doveva utilizzare il gel
in silicone per riparare la guarnizione fra un'unità
di ventilazione e un telaio per filtri. Camfil ha creato un piccolo kit di gel, risparmiando al cliente l'acquisto del kit da 36 kg (79,4 lb) in modo da ridurre le
spese e la produzione di rifiuti.
Usando un sistema di codici a barre è possibile
­verificare la scansione del prodotto presso il punto
di prelevamento.
È possibile sfruttare servizi di consegna come
ad esempio spedizioni su pallet con identificazione univoca, documenti di trasporto e notifica di
­consegna via e-mail con informazioni su numeri di
ordine e tracciabilità di spedizioni e prodotti.
È possibile offrire consegne personalizzate ad
­alcuni clienti, come ad esempio per gli ospedali con
requisiti specifici di dimensioni, impilamento e
consegna dei pallet.
I database di ordini ripetuti consentono ai clienti
di richiamare ed effettuare rapidamente gli ordini
ripetuti senza dover osservare le solite procedure.
Tali database vengono utilizzati anche per ricordare ai clienti quando è il momento di effettuare un
nuovo ordine.
TLC* PER I CLIENTI
Servizi offerti ai clienti del Nord America
e degli altri mercati di competenza di
Camfil:
–CamTester e test della pressione dei condotti
interni per la verifica delle letture, il monitoraggio delle perdite di pressione e l'informazione dei clienti circa eventuali sostituzioni.
– Analisi LCC Green per una maggiore sostenibilità.
– Gestione delle letture e delle riparazioni degli
indicatori.
– Servizi di formazione per i clienti su prodotti,
applicazioni e installazione.
– Creazione di materiali di marketing per
­d istributori e rappresentanti indipendenti.
–Programmi di gestione magazzino.
– Programmi per kit "Bag & tag" (scatole dei
filtri etichettate e contrassegnate singolarmente dall'UTA).
– Gestione dell'inventario.
– Programmi di smaltimento.
– Monitoraggio della tracciabilità delle spedizioni.
– Appuntamenti per le consegne.
– Sopralluoghi in sede.
– Filtri personalizzati realizzati al momento.
– Programmi di fatturazione mensile o
­p ersonalizzata.
– Gestione completa dei filtri e fornitura di
­p rodotti non legati al filtrazione dell'aria.
– Test dei filtri per l'anidride carbonica.
– Sportello unico e assistenza senza appuntamento per installatori.
Addetti all'Assistenza clienti in tempo reale
Gli addetti all'Assistenza clienti nello stabilimento
di Camfil rappresentano la voce del cliente nell'impianto di produzione e garantiscono la tempestiva
gestione ed elaborazione degli ordini. Essi costituiscono una risorsa eccellente per l'assistenza nelle
diverse applicazioni dei filtri e la risoluzione dei
problemi dell'utente finale.
Un addetto all'Assistenza clienti in tempo reale
offre assistenza per domande o richieste telefoniche, mentre l'Assistenza clienti va ben oltre per
­ottenere i migliori prezzi e servizi per i clienti e
­velocizzare le consegne dei prodotti, a volte fino a
farli consegnare in poche ore.
Le richieste di preventivo ottengono risposta il
È possibile apprezzare la versatilità dello
staff tecnico Camfil durante le visite tenute presso le sedi dei clienti, in cui vengono
messe in atto sessioni di formazione sui
filtri Camfil e fornite precise istruzioni per
l'utilizzo dei prodotti. La formazione consente ai clienti di scoprire nuovi metodi per
risparmiare denaro, prolungare la durata
dei prodotti e migliorarne affidabilità e
prestazioni. Le sessioni di formazione possono comprendere webinar a cui possono
partecipare clienti, utenti finali, ingegneri
di progettazione e tecnici HVAC.
Inoltre, Camfil fornisce regolari aggiornamenti sugli ultimi prodotti e tecnologie
proprietari, in modo da ottimizzare i costi
totali di proprietà.
– Analisi dei raccordi per la risoluzione dei
­p roblemi di contaminazione sconosciuta.
Logistica a valore aggiunto
In che modo riusciamo a rispettare la puntualità
delle consegne? Attraverso servizi quali la gestione
del carico dei filtri sui camion, tabelle giornaliere
degli ordini, prenotazioni e pianificazione del trasporto su gomma, gestione delle problematiche di
logistica, sfruttamento degli ampi volumi di carico
di Camfil per la riduzione dei costi dei clienti con
spedizioni LTL (a carico parziale), a pieno carico e
con corriere UPS o FedEx.
Grazie a una profonda conoscenza del settore dei
trasporti, Camfil può inviare una fitta serie di e-mail
ai clienti per informarli delle situazioni di capacità
limitata e pianificare i contratti di ritiro e dei vettori.
Inoltre, Camfil invia rapporti di carico via e-mail
ai distributori per migliorare la gestione di carichi
e priorità e utilizza un sistema per il consolidamento della gestione degli ordini multipli su gomma
per prelevare e caricare in un'unica soluzione un
eventuale tipo di filtro presente in più ordini.
Formazione presso le strutture dei clienti
giorno stesso se vengono ricevute prima delle 15.00.
Gli articoli a magazzino in genere vengono spediti il
giorno stesso o il giorno successivo, mentre nel caso
dei prodotti fabbricati (in quantità massima di 300
articoli), l'attesa può essere di 72 ore al massimo. Per
alcuni clienti sono stati stabiliti piani di immagazzinaggio locale per garantire la disponibilità di filtri
fondamentali per una risposta rapida.
Il personale dell'Assistenza clienti controlla gli
ordini del distributore e valuta se i prodotti verranno consegnati all'utente finale o al magazzino
del distributore. Inoltre, verifica che siano presenti
tutte le etichette e le informazioni sulla spedizione
per garantire un'agevole transizione al cliente.
– Area di lavoro per installatori durante l’attesa
dei filtri personalizzati.
– Conferma elettronica degli ordini entro
­q uattro ore.
– Etichette personalizzate per l'assistenza dei
filtri.
– Guida con riferimenti incrociati per i filtri
delle cabine di verniciatura.
– Certificazione HEPA dei filtri (tramite
­s ubappaltatori).
– Ordinazioni EDI.
– Moduli di ordinazione personalizzati.
– Manuali di installazione e istruzioni per l'uso.
– Test in loco.
– Filtri e relativi banchi di prova.
–Fatturazione e pagamenti elettronici.
–Rapporti di utilizzo personalizzati.
*Attenzione al cliente.
AirMail N. 1 2014 5
R IT R AT T O – AR M A N D O B R UN E TTI
Attento alle persone
e orientato ai dati
Armando Brunetti è nato e cresciuto nel New
­Jersey, a Garden State. La sua storia è iniziata
come quella di molti americani i cui genitori
sono emigrati negli Stati Uniti dall’Europa e da
altri Paesi lontani. La sua famiglia era originaria
dell’Abruzzo, e Armando e i suoi due fratelli sono
stati la prima generazione nata in America.
“Mia madre venne per la prima volta con un programma di scambio per studenti del liceo e tornò
in Italia, dove incontrò mio padre. Dopo essersi
sposati, entrambi emigrarono negli Stati Uniti nel
1960 dove diedero origine alla nostra famiglia.”
“In realtà imparai a parlare
l’italiano prima dell’inglese,
cosa che mi causò qualche
problema quando iniziai a
frequentare l’asilo.”
Oggi, Armando Brunetti è Presidente di Camfil
USA, Inc. e Area Manager per l’intero settore dei
filtri Camfil nella vasta area geografica di mercato del Nord America.
Ai tempi della scuola e del liceo, era un campione di calcio. Nella vita professionale, i suoi
­colleghi lo riconoscono come un uomo d’affari competente che ha guidato la crescita e lo
­sviluppo di Camfil USA.
Verso Camfil attraverso la Francia
Il cammino di Armando Brunetti verso Camfil si
è sviluppato attraverso la Francia. Appena uscito
dal college nel 1983 e armato di una laurea in Ingegneria Meccanica conseguita presso lo Stevens
Institute of Technology, si tuffò direttamente nel
mondo della filtrazione entrando nella società
Filtra Corporation, la consociata statunitense del
produttore di filtri francese Sofiltra-Poelman, di
proprietà di Saint-Gobain, dove ottenne la posizione di Ingegnere di progetto. A quei tempi, Filtra era un nuovo produttore di filtri HEPA/ULPA
per applicazioni per clean room.
“Filtra era una piccola società con sede nel
New Jersey e praticamente io costituivo l’intero reparto tecnico. Questo lavoro mi ha offerto
delle opportunità, consentendomi di trascorrere
circa quattro settimane l’anno a Parigi per corsi
di formazione tecnica e riunioni sullo sviluppo
dei prodotti. Ero molto grato di questa esperienza. Un paio di dipendenti di Sofiltra mi presero sotto la loro ala protettrice. Uno operava nel
campo delle vendite e del marketing e mi offrì
molte informazioni di background sul settore, la
tecnologia e i prodotti. L’altro, che operava nel
campo della ricerca e dello sviluppo, mi insegnò
tutti gli aspetti più tecnici dietro i prodotti.”
Armando Brunetti aveva 28 anni quando in6 AirMail N. 1 2014
contrò per la prima volta i proprietari di Camfil, Jan Eric Larson e Johan Markman, nel 1989,
l’anno in cui Camfil compì una delle più grandi
acquisizioni al di fuori della Svezia, acquisendo
Sofiltra in Francia. Filtra negli Stati Uniti era
parte dell’accordo. Questo fu l’inizio di una relazione fruttuosa con Camfil e di una lunga carriera al suo interno.
Dal 1986 al 1991 Armando Brunetti è stato
­Direttore del reparto tecnico di Filtra, responsabile dell’assistenza per lo sviluppo, la qualità e la
produzione dei prodotti e, successivamente, delle vendite tecniche. Nel 1992 Camfil lo nominò
Presidente, incaricandolo della missione di risanare Filtra e preparare le basi per l’espansione
di Camfil. Lo stesso anno conseguì il Master in
Economia Aziendale (M.B.A.) presso la Columbia University, un riconoscimento che lo aiutò a
realizzare il suo obiettivo di passare da un ruolo
tecnico a una posizione dirigenziale superiore.
Fusione di due fucine in una
“L’acquisizione di Sofiltra da parte di Camfil (l’attuale Camfil France) è stato un matrimonio perfetto, che ha unito due fucine di idee europee nel
campo dei filtri di ventilazione sofisticati e generici”, afferma Armando. “Filtra non era ancora in
grado di offrire ricavi e aveva avuto qualche intoppo per quanto riguarda i clienti. Jan Eric ­Larson,
all’epoca CEO di Camfil, mi chiese di collaborare
con lui per costruire il futuro di Camfil negli Stati
Uniti, insieme ad Alan O’Connell (CEO di Camfil
dal 2001 al 2013), che ci raggiunse dall’Europa per
sommare la sua esperienza alla nostra e aumentare le vendite. Accettammo la sfida, ci rimboccammo le maniche e iniziammo un tentativo di cambiamento di rotta aggressivo e di successo. Ciò
creò uno spirito di squadra molto forte e ci diede
un senso di realizzazione. Ci ­sentimmo preparati
per il futuro.”
Entrare a far parte della dirigenza del
Gruppo
Quando Filtra diventò parte di Camfil, Armando
Brunetti iniziò a viaggiare spesso con destinazione Trosa, in Svezia, sede centrale di Camfil
(oggi Stoccolma) e sede del settore Ricerca e sviluppo. In Svezia apprese molte notizie sull’attività, le linee di prodotti, la cultura aziendale e
l’eredità svedese di Camfil. “I proprietari erano
sempre presenti per salutarmi, ogni volta che
arrivavo, facendomi sentire parte della famiglia.
Questo mi colpì molto.” afferma.
Entrò a far parte della dirigenza del Gruppo
nel 1994 e poté stabilire molte valide relazioni
con altri dirigenti e società di Camfil.
Dopo l’efficace cambiamento di rotta di Filtra,
Camfil investì ulteriormente nelle sue consociate statunitensi offrendo fondi nel 1995 per
R I TR ATTO – ARMA NDO BRUNETTI
costruire una nuova sede centrale e un moderno impianto di produzione a Riverdale, nel New
Jersey. Le vendite e i profitti aumentarono gradualmente. La prima acquisizione (Delcon) venne effettuata in Canada nel 1999 per ampliare la
linea di prodotti di Filtra (filtri generici e attività
automobilistiche) e offrire al Canada orientale una rete di vendite diretta. È stato l’inizio di
una nuova era per la consociata americana, il cui
passo stava per accelerare alla velocità della luce.
“Per migliorare, è
necessario abbracciare il
cambiamento e sentirsi a
proprio agio nella nuova
situazione.”
La svolta decisiva con Farr
Passiamo rapidamente al 2000, quando Camfil
acquisì il produttore di filtri statunitense Farr,
Inc., una svolta decisiva nella crescita di Camfil
U.S. Nel 2000 Camfil era un marchio meno noto
nel Nord America, mentre Farr era un protagonista locale rispettato e con un’ottima reputazione.
“Ero appena sceso dall’aeroplano per una breve
vacanza in Florida con la mia famiglia quando
ho ricevuto una chiamata da Jan Eric, che diceva che dovevo recarmi a Los Angeles entro due
giorni per una riunione tra la dirigenza di Farr
e quella di Camfil per negoziare l’acquisizione
di Farr. A quel tempo le vendite di Camfil U.S.
erano intorno ai 25-30 milioni di USD. Farr
era quattro volte più grande di noi, con 130
­milioni di vendite e aveva una linea di filtri
dell’aria completa e una rete in Nord America di
rappresentanti e distributori indipendenti. Era
un momento molto eccitante per me. Stavamo
per unire due culture aziendali separate per
creare una nuova forza statunitense nel campo
della filtrazione.”
Una volta siglato l’accordo, Armando Brunetti ­diventò Presidente del gruppo di prodotti
HVAC/HPP e gestì l’intero mercato dei filtri in
Nord America per cinque anni, rispondendo a
John Johnston, il precedente CEO di Farr.
“Ho imparato a conoscere nuove aree dell’attività e a collaborare con i distributori indipendenti. Con il nome di Camfil Farr, Inc., abbiamo
migliorato la collaborazione con i distributori nel
Nord America e abbiamo semplificato la gamma
dei prodotti e la base di produzione. Abbiamo
iniziato a creare un portafoglio di strumenti di
vendita, inclusi il software LCC (Life Cycle Cost)
e i test in-situ. Ci siamo anche scatenati a testare e confrontare i nostri prodotti con quelli della
concorrenza per ottenere dati affidabili.” afferma.
Con solidi piani aziendali e una strategia ben
definita, le vendite della società hanno preso lo
slancio e Armando Brunetti ha iniziato a concentrarsi sulle difficili iniziative di produzione
per migliorare i margini operativi e aumentare
la soddisfazione dei clienti e le quote di mercato. Quando John Johnston uscì dalla società nel
2005, come preventivato, Armando Brunetti
­assunse di nuovo il comando dell’intero mercato
dei filtri di Camfil negli Stati Uniti.
Camfil USA oggi
Il nome della società statunitense è cambiato ­diverse volte negli anni, da Filtra a Camfil a
Camfil Farr, e nel 2013, a Camfil USA, Inc. La piccola società in cui entrò Armando Brunetti nel
1983 è cresciuta per diventare un’organizzazione
di livello nazionale. Oggi, Camfil USA vanta sei
impianti di produzione nel New Jersey, in North
Carolina (2), nell’Illinois, in California e in Ontario, Canada; 11 uffici di vendita diretta negli
Stati Uniti; una rete di vendita nel Canada; e
un sofisticato modello di distribuzione ibrida. Il
mercato dei filtri si è inoltre arricchito dei sistemi di produzione energetica e controllo dell’inquinamento atmosferico (APC) di Camfil, molto
diffusi negli Stati Uniti e in Canada.
Nel 1983 le vendite di Filtra ammontavano a
pochi milioni e la società aveva circa 30-40 dipendenti. Oggi, il totale delle vendite di Camfil
USA nel Nord America è di 140 milioni di USD,
con 600 dipendenti. La struttura di Riverdale,
dove Armando Brunetti si trova ancora oggi, ha
un’area di produzione di 10.220 m2.
I filtri più venduti includono Megalam, Absolute, Durafil, Hi-Flo, 30/30 e i sistemi di biocontenimento CamContain. La maggior parte delle
vendite è di tipo B2B (Business-to Business) e
interessa i settori industriale, dell’alta tecnologia e, in parte, commerciale.
“Siamo una delle quattro principali società
operanti nel campo della filtrazione con quasi
la stessa quota di un mercato frammentato.
Camfil, tuttavia, è ancora vista a livello generale
come leader del mercato e siamo saldamente affermati nei sofisticati mercati della filtrazione e
del contenimento. Il mercato riconosce la nostra
abilità tecnica e pertanto aiutiamo a stabilire gli
standard futuri.” afferma Armando Brunetti.
In confronto all’Europa, il Nord America è un
mercato molto orientato ai prezzi, aspetto sia
negativo che positivo. Brunetti spiega:
“Ci distinguiamo dalla folla in virtù delle nostre caratteristiche di esperienza, leadership
globale e tecnologia, ma abbiamo ancora davanti a noi una vita di lavoro di promozione dei
vantaggi dell’aria pulita. Oppure, come dicono
alcuni membri del mio team, ‘siamo educatori in
un mondo degli affari pieno di potenziali clienti
che hanno bisogno di assistenza’.”
“Ciò significa che dobbiamo spiegare ai nostri
clienti che non tutti i filtri sono uguali e dobbiamo dimostrare che quando acquistano i filtri Camfil essi compiono
la scelta appropriata nel modo appropriato e possono effettivamente risparmiare denaro. Significa aiutare i clienti ad
essere competitivi mostrando loro un risparmio concreto
e offrendo loro la qualità dell’aria che desiderano e di cui
hanno bisogno, insieme a una serie di servizi a valore aggiunto che completa l’offerta dei filtri. Il nostro obiettivo
nei prossimi anni sarà quello di raddoppiare il successo di
Camfil in Europa raggiungendo una posizione sul mercato
equivalente a quella del Nord America.”
La sua filosofia dirigenziale
“Capisco il ruolo di un leader: assemblare un gruppo affiatato di persone e creare un ambiente in cui possano esprimere le proprie potenzialità a un livello più alto di quello
che ritenevano possibile,” afferma Armando Brunetti. “È
necessario coordinare i talenti delle persone e indirizzarle
verso un obiettivo. È necessario avere buona volontà e iniziativa per migliorare dal punto di vista personale e professionale. È anche necessario anticipare il mercato. Non
è possibile vincere continuando a fare ciò che si è sempre
fatto. Un buon giocatore di hockey non pattina in direzione
del disco, ma piuttosto in direzione del punto verso il quale
si dirige il disco.”
Durante la sua carriera in Camfil, ha dovuto affrontare
diverse sfide di ristrutturazione. “Per migliorare, è necessario abbracciare il cambiamento e sentirsi a proprio agio
nella nuova situazione” afferma.
In quale modo i dipendenti descriverebbero il suo stile di
leadership? “Sono molto attento alle persone e molto orientato ai dati. Questa seconda caratteristica è dettata dall’ingegnere che è in me,” sorride. “Mi piace il miglioramento
costante e mi piace essere corretto con i membri del mio
team. Tento di mettermi nei panni dei miei collaboratori
prima di formarmi un’opinione su di loro. Siamo anche
fortunati ad avere dipendenti così fantastici che si appassionano ai risultati di Camfil e sono contenti di lavorare per
la società.”
ARMANDO BRUNETTI
ETÀ: 52
POSIZIONE: Presidente di Camfil USA, Inc. e Area Manager
del Gruppo Camfil per il Nord America. Membro del team di
gestione del gruppo dirigenziale globale di Camfil.
RESIDENZA: New Jersey, accanto all'ufficio e allo stabilimento di Riverdale.
FAMIGLIA: moglie Cathleen e figli Michael, Vincent ed Andrew.
INTERESSI: corsa, sci, viaggi, chitarra e di recente "campo
di addestramento" per alcuni corsi di fitness. Papà devoto
al calcio e all'hockey su ghiaccio: Michael è uno studente
del terzo anno che gioca a hockey sul ghiaccio e frequenta
la Northeastern University di Boston; Vincent, una matricola
della Cornell, gioca a calcio in Serie A per l'Università e ha
giocato per cinque anni nella New York Red Bull Academy;
Andrew è una matricola del liceo e gioca anche lui nei Red
Bull.
FILM E LIBRO PIÙ RECENTI: "Nebraska" e "Lo zen e l'arte
della manutenzione della motocicletta".
SUL LAVORO IN CAMFIL: "Forniamo aria pulita per la salute
e il benessere delle persone, nonché aria di qualità per
migliorare la produttività, la sostenibilità e i costi nel settore. Forniamo prodotti e servizi di valore supportati da
onestà e integrità. Ogni giorno offriamo ai nostri clienti un
AirMail
N. 1 2014 7
valore maggiore di quello offerto dal loro
denaro."
CAM F IL F ILT ER S C H O O L : MO D UL O 3
Metodi e
standard di
test per i filtri
per l’aria
I filtri per l’aria utilizzano le fibre fini dei loro
media filtranti e complessi meccanismi di filtrazione che sono invisibili a occhio nudo, come le
particelle e i gas che catturano. Come possiamo
dunque verificare che un filtro funzioni in modo
efficiente, secondo le specifiche? Come possiamo definire un filtro “buono” o “cattivo”?
Sappiamo che la proprietà più importante di un filtro per
l’aria è la sua efficienza, ossia la sua capacità di rimuovere
gli agenti inquinanti presenti nell’aria, come la polvere, le
particelle e i gas. Altre proprietà essenziali di un filtro sono
la perdita di carico e la capacità di trattenere la polvere.
Per misurare queste proprietà, sono necessari standard
nel settore della filtrazione dell’aria che garantiscano che
i test dei filtri vengano eseguiti in modo coerente e affidabile. Gli standard basati sulla conoscenza delle caratteristiche dei filtri consentono la classificazione e il confronto dei
­filtri di diversi produttori.
Classificazioni dei filtri e test di laboratorio
In Europa i filtri dell’aria antiparticolato per le applicazioni
di ventilazione generali sono classificati in base allo standard europeo EN 779:2012. Negli Stati Uniti viene utilizzato
lo standard ASHRAE 52.2. La scelta dello standard determina il tipo di dispositivo di test, la procedura di test, la
classificazione del filtro e il modo in cui vengono riportati i
risultati dell’analisi.
IN AIRMAIL VENGONO PROPOSTI I SEGUENTI MODULI:
In questo standard un filtro viene caricato con
una polvere di prova standard per misurarne
la capacità di trattenere il particolato e viene
collaudato con un aerosol di prova per determinarne l’efficienza di filtrazione. La capacità di
trattenere il particolato è la misura della quantità di polvere trattenuta espressa in grammi
fino a raggiungere la perdita di carico stabilita
dal test (vedere la Tabella 1 di seguito). Le misurazioni dell’efficienza vengono effettuate in
base a quantità definite di polvere finché non
si raggiunge la perdita di carico stabilita dalla
normativa.
I risultati del test vengono utilizzati per classificare il filtro. La classe dei filtri medi e fini è
determinata dalla relativa efficienza media sulle
particelle della dimensione di 0,4 micrometri
(μm), dato interessante dal punto di vista della
filtrazione perché la maggior parte delle particelle antropogeniche (prodotte dalle attività
umane) ha una dimensione di circa 0,4 μm. Per
avere i requisiti della classe di filtro F7, è necessario che l’efficienza media del filtro sia compresa nell’intervallo tra l’80 e il 90% (≥80 <90 %)
durante l’intero ciclo di test.
Alcuni filtri utilizzano fibre (sintetiche) polimeriche caricate elettrostaticamente. La relativa efficienza dipenderà dall’intensità della
carica, che decade nell’intervallo di tempo. Nel
test sono pertanto incluse la misurazione e la
segnalazione dell’efficienza minima (ME, Minimum Efficiency) di questi filtri, sia caricati che
scaricati elettrostaticamente. Per rimuovere la
carica elettrostatica, il filtro viene trattato con
isopropanolo. Il valore ME per un filtro F7 è 35%
(vedere la Tabella 1).
Modulo 3:Metodi di test e standard (in questo numero)
Modulo 6: Aspetti ambientali ed energetici
Modulo 7: Scegliere il filtro migliore e la classe adeguata
Modulo 8: Sostituzione del filtro e servizi
8 AirMail N. 1 2014
ISO 16890 è un nuovo standard globale per i filtri che è stato sviluppato per sostituire gli standard EN 779 e ASHRAE 52.2. L’efficienza della
filtrazione è alla base di questo standard e viene
misurata in diversi modi, a seconda del tipo di
filtro. Per i filtri per polveri grossolane, viene
utilizzata l’efficienza gravimetrica su una polvere di prova. Per i filtri medi, l’efficienza viene testata sulle particelle PM2.5 e PM10. Per i filtri fini
viene utilizzata l’efficienza sulle particelle PM1.
Garanzia di qualità del filtro
Attualmente il marchio P svedese rappresenta la
più alta classificazione per la garanzia di qualità
per un filtro. Nessun altro sistema di qualità prevede requisiti più elevati o si basa su condizioni
di vita reale. I filtri vengono testati in laboratorio
in base allo standard EN 779:2012. Per garantire
le prestazioni in condizioni operative reali, i filtri vengono testati anche sul campo per sei mesi.
ASHRAE 52.2:2007 è lo standard americano per
il test e la classificazione dei filtri. Le particelle
di sale (sale al cloruro di potassio) vengono uti-
Certificazione Eurovent
Per certificare che le prestazioni dei filtri siano
conformi ai dati tecnici del produttore, è posPerdita di
­c arico finale
Pa
Efficacia minima dopo
la neutralizzazione della
carica elettrostatica
ME %
EN 779:2012
%
Efficienza con
particolato di
medie dimensioni
%
Filtri per
polveri
­g rossolane
G1
G2
G3
G4
<65
≥65 - <80
≥80 - <90
≥90
–
–
–
–
250
250
250
250
–
–
–
–
Filtri medi
M5
M6
–
–
≥40 - <60
≥60 - <80
450
450
–
–
Filtri fini
F7
F8
F9
–
–
–
≥80 - <90
≥90 - <95
≥95
450
450
450
35
55
70
Gruppo
Modulo 4: Ventilatori, flussi d'aria e calcoli energetici
Modulo 5: Sistemi di certificazione
Nuovo standard per i test dei filtri
Test in conformità agli standard ASHRAE
Modulo 1: Agenti inquinanti nell'aria - Perché abbiamo bisogno di aria pulita
Modulo 2: Come funzionano i filtri per l'aria
lizzate per misurare l’efficienza di un filtro su
particelle di tre dimensioni differenti: 0.3-1 µm,
1-3 µm e 3-10 µm, e durante le fasi di carico della
polvere utilizzata per caricare i filtri.
Per misurare la capacità di trattenere il
­particolato, il filtro viene caricato con polvere
di prova ASHRAE standard. Il valore MERV
­(Minimum Efficiency Reporting Value) è alla
base della classificazione dei filtri per l’aria, in
base allo standard ASHRAE 52.2. Il valore MERV
corrisponde all’efficienza minima iniziale misurata o alla misura minima di efficienza durante
il carico di polvere sul filtro.
In ASHRAE 52:2, Appendice J, la carica elettrostatica viene rimossa da un eccesso di aerosol di
prova al cloruro di potassio.
Test basati sullo standard EN 779:2012
Classe di filtro
Efficienza
media
Tabella 1. Classi di filtri in EN 779:2012.
CAMF I L F I LTE R SCHO OL: M ODULO 3
zioni tecniche, ma non è obbligatorio. EN 13779 consente di
creare un clima interno salubre e confortevole con costi di
installazione e gestione sostenibili.
La classe del filtro è determinata dallo standard che specifica gli step di filtrazione necessari per ottenere la qualità
dell’aria indoor (IAQ) considerando al contempo i livelli
di inquinamento esterni. I filtri dei gas per la filtrazione
­molecolare devono soddisfare i requisiti più severi per
­rimuovere gas e vapori (vedere la Tabella 2).
Filtri per l’aria ad alta efficienza
GPACD
sibile richiedere a un’autorità indipendente,
­Eurovent Certification Company, di testare e
certificare filtri a tasca, compatti e a pannello
nelle classi dei filtri aventi efficienza da M5 a F9.
A tale scopo, Eurovent utilizza un laboratorio
­accreditato in base allo standard EN 779.
I produttori approvati ricevono un certificato
Eurovent e l’autorizzazione all’utilizzo del logo
Eurovent. Per mantenere la certificazione, è necessario ripetere i test ogni anno.
Standard di test per i filtri molecolari
Sebbene i filtri molecolari siano stati utilizzati
per più di 50 anni, uno standard di test internazionale univoco per tali filtri è stato stabilito
solo di recente. Inoltre, per i filtri molecolari
non esiste alcun sistema di classificazione, come
EN 779. Gli standard molecolari odierni possono essere suddivisi in metodi di test per media
­filtranti e per filtri completi.
GPACM
GPACM (Gas Phase Air Cleaning Media) è l’acronimo per i media filtranti utilizzati per rimuovere i gas nell’aria. I materiali loose-fill, o a forma
sferica o a granuli, sono testati in base allo standard statunitense ANSI/ASHRAE 145.1 attraverso il collaudo con un flusso di aria inquinata in
un tubo di prova della larghezza di due pollici in
cui vengono mantenuti costanti il flusso di aria,
la temperatura e l’umidità. Viene misurato il
tempo necessario affinché la concentrazione di
collaudo iniziale aumenti del 50%.
Oltre ai materiali loose-fill, lo standard internazionale ISO 10121-1 viene utilizzato anche per
testare materiali e strutture a forma piana, come
il nido d’ape. Entrambi gli standard vengono
utilizzati per i test dei materiali, ma non per il
test dei prodotti finali e assemblati.
GPACD (Gas Phase Air Cleaning Devices) è
l’acronimo per i prodotti che rimuovono i gas
dall’aria. Attualmente è possibile testare l’efficienza iniziale, l’efficienza durante il test di carico, la capacità, la ritenzione e la perdita di carico utilizzando lo standard statunitense ANSI/
ASHRAE 145.2 o lo standard internazionale ISO
10121-2. I due standard si basano su approcci
­diversi per confrontare prodotti simili.
Lo standard ANSI/ASHRAE 145.2 consente
di testare solo i dispositivi GPACD che utilizzano materiali adsorbenti e gli utenti possono
scegliere tra 30 diversi gas di prova a concentrazioni fisse. La capacità viene riportata come
quantità di gas rimosso a una penetrazione del
99% o dopo un massimo di quattro ore. Lo standard ISO 10121-2 contiene una parte aperta in
cui è possibile controllare e regolare il gas, la
concentrazione, il flusso, la temperatura e l’umidità specifici dell’applicazione. È disponibile
una parte semplificata che si basa su parametri
predefiniti. Lo standard ISO richiede una riduzione minima dell’efficienza per ottenere dati di
qualità e accetta tutti i tipi di filtri e di tecniche
di pulizia dell’aria.
EN 13779 per determinare le classi dei filtri
EN 13779 è lo standard europeo per la ventilazione generale in tutti i tipi di edifici, ad eccezione
degli edifici residenziali. Questo standard specifica il livello di funzione richiesto per le soluQualità dell'aria esterna
ODA 2 (polvere)
ODA 3 (concentrazioni molto
alte di polveri o gas)
Standard per clean room
Attualmente ISO 14644 e ISO 14698 sono gli standard più
comuni utilizzati per le strutture di clean room. ISO 14644
ha sostituito standard nazionali quali U.S. Federal Standard 209 e British Standard 5295.
ISO 14644 è composto da dieci parti e si prevede che ne
verranno aggiunte diverse altre. ISO 14644 non considera
i microorganismi. ISO 14698 e GMP (Good Manufacturing
Practices) vengono utilizzati dalle industrie farmaceutiche
e nella lavorazione degli alimenti. Questi standard includono i contaminanti microbiologici.
Qualità dell'aria interna (IAQ, Indoor Air Quality)
IDA 1 (elevata)
ODA 1 (aria pura)
In Europa viene utilizzato lo standard EN 1822 che prevede la suddivisione in cinque parti del test dei filtri dell’aria
EPA, HEPA e ULPA ad alta efficienza.
I filtri per l’aria ad alta efficienza sono classificati utilizzando la dimensione della particella MPPS (Most Penetrating Particle Size), ossia la particella in grado di penetrare
più facilmente nel media filtrante. Per i filtri di classe H13
e superiori sono necessari i test obbligatori per le perdite.
“ISO 29463 - Filtri e media filtranti ad alta efficienza per
la rimozione delle particelle nell’aria” è uno standard ISO
basato in gran parte su EN 1822. Anche questo standard è
suddiviso in cinque parti, dotate delle stesse intestazioni di
EN 1822, ma introduce anche classi “pari” tra quelle previste dallo standard EN 1822, ad esempio 99,90%, classificata
come ISO 30E.
IEST, una società tecnica internazionale di ingegneri
con sede negli Stati Uniti, ha istituito diversi metodi di
test. IEST-RP-CC001, 007, 021 e 034 riguardano i filtri per
l’aria ad alta efficienza. Le diverse parti di questo standard
si occupano dei test di requisiti delle prestazioni, classificazione, progettazione, requisiti di progettazione e media
filtranti.
IDA 2 (media)
IDA 3 (moderata)
IDA 4 (bassa)
F9
F8
F7
M5
F7 + F9
F6 + F8
M5 + F7
M5 + M6
F7 + GF* + F9
F7 + GF* + F9
M5 + F7
M5 + M6
Tabella 2. Classi di filtri consigliate secondo EN 13779, come funzione delle classi di qualità dell'aria per l'aria interna ed esterna.
*GF = Filtro del gas (filtro a carbone attivo e/o filtro chimico)
AirMail N. 1 2014 9
NO T I Z IE I N BR EV E
Il nuovo negozio online
semplifica la gestione dei filtri
Se siete responsabili della manutenzione con molti clienti da visitare, non sarebbe comodo poter
­ordinare, acquistare e gestire i filtri direttamente dal vostro smartphone o tablet quando serve,
­direttamente sul sito o all’interno del vostro veicolo? Immaginate di avere a portata di mano una
­panoramica ­completa degli acquisti presenti e futuri, oltre a tutte le informazioni relative all’assistenza
di cui avete bisogno: il tipo di filtro da cambiare, la marca dell’unità per il trattamento dell’aria (UTA)
e la sua esatta posizione nell’edificio.
Tutto questo è ora possibile con la nuova versione del negozio online di Camfil, attualmente disponibile in Svezia,
Danimarca, Norvegia e Finlandia. Il negozio online è progettato per offrire un comodo accesso mobile ovunque e in
qualsiasi momento, semplificando ai tecnici la gestione dei
filtri. Può essere eseguito su tablet e smartphone Windows,
iOS e Android, nonché sui computer desktop Windows.
CamCard di riferimento rapido
Quando un tecnico utilizza il browser per accedere al sito
del negozio online, ha a disposizione una serie di funzioni per la gestione dei lavori di assistenza in modo
rapido ed efficiente. Se ha bisogno di consultare le informazioni sul prodotto, può cercare un filtro dell’aria specifico per nome, dimensioni e classe, oppure
fare clic su più di dieci schede per sfogliare l’intera
gamma di prodotti Camfil, compresi gli accessori
per i filtri.
Nella scheda “My page” i tecnici possono configurare una propria pagina personale con le informazioni di installazione del cliente; si tratta di
una delle caratteristiche più apprezzate del negozio
online. I clienti possono creare, archiviare e utilizzare
“CamCard” per le UTA e i siti dei clienti a cui forniscono
assistenza. Possono inoltre avere un file mobile virtuale di
tutte le loro attività di sostituzione dei filtri direttamente
sul proprio tablet o cellulare.
Ciascuna CamCard è come uno schedario elettronico dei
clienti, della costruzione e dell’installazione, che consente
al tecnico di accedere rapidamente a una miniera di informazioni e dati e vedere l’ultimo e il successivo ordine pianificato su ciascuna CamCard.
Facendo clic su una foto della CamCard, il tecnico può vedere un’immagine del filtro e leggere le specifiche complete, inclusa una descrizione dei materiali e del tipo di telaio,
il numero di ordinazione, le dimensioni e la classe di filtro.
I filtri possono essere ordinati e acquistati facilmente
come normali prodotti di consumo online. Il tecnico seleziona i filtri, li aggiunge al carrello ed effettua il pagamento, ordinando direttamente da Camfil. È possibile selezionare e aggiungere al carrello una o più CamCard, nonché
stamparle con o senza prezzi.
I tecnici possono inoltre visualizzare la cronologia degli
ordini di un cliente, lo stato dell’ordine, la consegna e il
­numero di riferimento.
“Ho il pieno controllo”
Jens Krylborn è un responsabile della manutenzione presso
Gunnar Karlsen Sverige AB, società controllata svedese del
10 AirMail N. 1 2014
gruppo GK, uno dei più grandi
contraenti e società di servizi per
HVAC e servizi di gestione degli
impianti in Norvegia, Svezia e
Danimarca. Con circa 1.850 dipendenti e 2,6 miliardi di SEK di
fatturato, GK è uno dei maggiori
gruppi nella gestione della qualità
dell’aria interna in Scandinavia,
che fornisce soluzioni per edifici
Jens Krylborn, Gunnar
nuovi ed esistenti.
Karlsen Sverige AB.
“Lavoro principalmente sulla
manutenzione e l’ottimizzazione del funzionamento dei
sistemi di trattamento dell’aria degli edifici nell’intera contea di Stoccolma. Mi servo di un iPad e del browser Safari
per accedere e utilizzare il negozio online. Il negozio funziona alla perfezione e ho configurato 60-70 clienti sulle
CamCard con UTA e posizione degli stabilimenti. Posso
programmare gli intervalli di manutenzione per ogni UTA
e so esattamente quando ciascuna operazione deve essere
eseguita. In questo modo faccio risparmiare tempo e denaro a GK e al cliente,” spiega Jens.
La tipologia di clienti varia da grandi stabilimenti industriali e commerciali a piccoli proprietari con sistemi di
trattamento dell’aria centralizzati. Jens sostituisce principalmente filtri a tasca Hi-Flo™ XL e si serve di un veicolo in
grado di contenere fino a 20 confezioni di filtri, che ritira
presso il magazzino centrale di Camfil nella zona sud di
Stoccolma.
Semplice da utilizzare
“Non ho molta esperienza con i computer,” dice Jens. “Ma il
negozio online è semplice da utilizzare e configurare il mio
profilo su My Page è stato un gioco da ragazzi. Il sito mi dà
il pieno controllo sui miei ordini e sulle mie installazioni,
oltre a una buona panoramica di ciò che devo fare per ogni
cliente. Con un semplice tocco, ho tutto a disposizione sul
mio iPad. Posso vedere ciò che è stato ordinato e ciò che
deve essere ordinato. Posso impostare gli intervalli di manutenzione in base alle necessità.” Jens solitamente lascia il
suo iPad nel veicolo che utilizza per il lavoro, ma a volte lo
porta con sé sul sito per configurare una CamCard.
“Quando i dettagli di installazione sono memorizzati
e accessibili su una CamCard, so esattamente quali filtri
portare con me per ciascun locale dotato di unità di trattamento d’aria. Si tratta di un processo molto semplice. L’intera procedura di ordinazione è più veloce e comporta una
­gestione più snella da parte del cliente e di GK.”
NOT IZIE IN BREVE
“Ha davvero semplificato il lavoro”
Stockholm Drift-Team AB è una società di gestione
degli impianti che offre messa in funzione e manutenzione delle attrezzature tecniche per garantire
un clima interno ottimale e alta qualità dell’aria
interna ad un basso costo di esercizio per i clienti.
Presso l’azienda, che appartiene a un gruppo più
grande con circa 50 dipendenti, lavorano 8 persone.
I servizi includono installazione di impianti
elettrici e sistemi di ventilazione, controlli di costruzione e una serie di
servizi HVAC, comprese
soluzioni per il risparmio
energetico. I clienti sono
società di gestione immobiliare e fornitori di abitaStefan Klang, Stockholm
zioni plurifamiliari.
Drift-Team AB.
Stefan Klang è uno
dei responsabili della manutenzione di Stockholm
­Drift-Team. ­Anche lui utilizza un iPad per gestire i
suoi ordini sul sito del negozio online:
“Di solito cambiamo i filtri per i nostri clienti in
primavera e in autunno. Nei giorni in cui c’è più
­lavoro, uso circa 20 diverse CamCard alla volta,”
dice Stefan.
e ho il totale controllo su località e date dei lavori di
sostituzione futuri.”
Un viaggio risparmiato
Stefan parla di un’altra comoda funzione del negozio online: consente di decidere quando e dove
consegnare i filtri, senza dover inserire l’indirizzo
di consegna tutte le volte. Con le CamCard memorizzate su My page, è sufficiente scorrere la lista e
trovare l’edificio in questione.
“L’utilizzo di tablet e
smartphone sul campo
ha davvero semplificato il
nostro lavoro. Prima dovevo
chiamare per effettuare
gli ordini oppure andare
in ufficio per inserirli.
Ora lo faccio dall’iPad,
risparmiandomi il viaggio.”
“La soluzione mobile di Camfil ci fa risparmiare
tempo e denaro. Attraverso il negozio online, posso anche rispondere rapidamente alle domande
dei clienti su prezzi e acquisti precedenti. E se ho
bisogno di aiuto, basta una telefonata alle funzioni
di supporto di Camfil,” conclude Stefan.
“Su My page possono
tenere traccia dei clienti,
delle posizioni delle UTA
e degli edifici in tutta
semplicità.”
Grazie alle funzioni del negozio online, inoltre, è
semplice fatturare in base a cliente e area. Posso
­vedere dove sono stati consegnati e installati i filtri
Una relazione governativa cita la gestione energetica di Camfil
Camfil sviluppa e vende i filtri per l’aria con la
maggiore efficienza energetica sul mercato ed è
coerente a ciò che sostiene in termini di efficienza
energetica, concentrandosi su misure interne per
ridurre il proprio consumo di energia e le emissioni
di ­anidride carbonica.
Le iniziative di gestione dell’energia attuate da
Camfil nel Regno Unito sono un esempio, e il Dipartimento britannico per l’Energia e il Cambiamento
Climatico (DECC, Department of Energy and Climate Change) si è servito della riuscita implementazione della norma ISO 50001 di Camfil nel Regno
Unito come case study per il suo aggiornamento
sulla strategia di efficienza energetica*.
Nella pubblicazione risultante “Case study 4:
­Camfil – ISO 50001 Energy Management System
Implementation” si legge:
“Camfil ha posto la gestione energetica al centro del
suo modello di business. Ha avviato un programma
di riduzione dell’energia, il Camfil Energy Awareness Saves Environment (CEASE), con l’obiettivo
principale di istruire i gestori di strutture ed edifici
sulle opportunità finanziarie e di risparmio energetico che possono essere ottenute sostituendo i filtri
per l’aria esistenti con filtri per l’aria a basso consumo energetico.”
Il case study conclude che le misure per la gestione energetica adottate da Camfil hanno portato a
significative riduzioni dei consumi energetici, consentendo alla società un risparmio di oltre 200.000
GBP sulle bollette energetiche attraverso opportunità di autofinanziamento dai costi minimi.
*Il report “Energy Management Strategy 2013 Update” (scaricabile nella sezione Publications del sito gov.uk) traccia i progressi compiuti dal governo britannico in materia di efficienza energetica nel 2013.
Il caso Camfil, a pagina 30, è un esempio di come le aziende si stanno avvicinando all’efficienza energetica come un’opportunità di crescita aziendale e un mezzo per aumentare la propria competitività.
AirMail N. 1 2014 11
NO T I Z IE I N BR EV E
Mobile CamLab supporta gli
operatori di turbine statunitensi
nel mettere a confronto i sistemi
filtranti in loco
Le moderne turbine a gas sono altamente sensibili perfino alle particelle
più piccole e i costi operativi possono
essere abbattuti riducendo la polvere
con filtri efficienti con bassa perdita
di carico. Per raggiungere però costi di
manutenzione bassi e un tasso di efficienza sempre elevato, è inoltre fondamentale che l’operatore della turbina
scelga il filtro e il materiale adatti alle
specifiche condizioni del sito.
L’odierno mercato della filtrazione
dell’aria offre un’ampia gamma di
prodotti con caratteristiche diverse,
quali tipo di filtro, media filtrante,
efficienza, struttura o materiali. Con
condizioni ambientali come l’umidità, la temperatura, le precipitazioni
MATERIALI 3D SINTETICI GTC
I materiali 3D sintetici GTC per le
turbine a gas sono dotati di fibre
fini situate nello strato centrale
per catturare le particelle di sale
per tutta la profondità del filtro
anziché sulla superficie soltanto.
I materiali offrono inoltre bassa
resistenza al flusso dell'aria, con
una conseguente perdita di carico
inferiore per tutta la durata del
­filtro. Le fibre sintetiche lisce
sono inoltre idrofobiche.
Oltre alle prestazioni dei materiali, la tecnologia di plissettatura
HemiPleat delle cartucce Camfil
offre uno spazio maggiore, esponendo una parte maggiore del
materiale delle superficie al flusso
d'aria, con una conseguente perdita di carico più contenuta. La cosa
più importante è che in condizioni
di elevata umidità gli aumenti della
perdita di carico sono minimi e
viene garantito un miglioramento
polvere durante
12 dell'emissione
AirMail N. 1 di2014
la pulizia a impulsi.
e gli agenti contaminanti che variano
da un sito all’altro, è sempre più difficile per gli operatori di turbine differenziare le richieste di prestazioni
dei produttori di filtri e prendere una
decisione informata circa i prodotti
adatti alle loro esigenze.
Nonostante la comune classificazione dei filtri e gli standard dei test
di laboratorio, i test dei filtri vengono
eseguiti nei laboratori allo scopo di ridurre l’incertezza e di fornire la classificazione più accurata. Tali test di
laboratorio non consentono tuttavia
agli utenti di prevedere le prestazioni
del filtro in sito.
Per documentare le prestazioni dei
propri filtri per turbine e dei propri
materiali in situazioni operative reali, Camfil Power Systems introduce
un’ulteriore innovazione, offrendo
test sul campo con CamLab.
I test sul campo rappresentano la
risposta
I test sul campo forniscono risposte
rapide alle domande sulle prestazioni
perché si basano su dati reali raccolti
presso il sito. CamLab, un’attrezzatura mobile per test, unica nel settore,
sta realizzando ciò in misura sempre
maggiore, come recentemente dimostrato da una società di energia elettrica statunitense della Florida, con
un’unità a ciclo combinato quattro in
uno (quattro turbine a gas e una turbina a vapore) sulla costa del Golfo. Il
proprietario della centrale desiderava
valutare le prestazioni dei prodotti di
filtrazione dell’aria in ingresso presso
le sedi principali all’interno della sua
grande flotta di turbine di combustione.
Per la valutazione la società ha eseguito un test sul campo con CamLab
presso un sito costiero in cui le condizioni ambientali prevedevano alta
concentrazione salina e un clima
umido e subtropicale con livelli di
umidità relativa ricorrenti che si avvicinavano al 100%. Lo scopo del test
era quello di confrontare i nuovi media sintetici F9 per ambienti costieri,
Camfil HemiPleat™ GTC, con i media
misti F7 ampiamente utilizzati.
Dati dettagliati in tempo reale
CamLab ha monitorato in maniera
dettagliata i dati ambientali e quelli ­relativi alle prestazioni lungo un
DATI SULLA FILTRAZIONE
Synthetic
HemiPleat TM GTC
Tipici materiali misti
Perdita di carico iniziale
0,45’’ wg
0,45’’ wg
Perdita di carico media
0,47’’ wg
0,82’’ wg
perdita di carico dopo 3 mesi
0,49’’ wg
0,95’’ wg
aumento della perdita di carico nel corso del test
5%
72%
Max fluttuazioni giornaliere
0,10’’ wg
0,24’’ wg
Efficienza media su 0,4  m
84% / F9
45% / F7
periodo di tre mesi. Anche se i due
diversi media filtranti hanno avuto
una perdita di carico iniziale simile, i
risultati del test su di essi hanno mostrato fluttuazioni della perdita di carico molto diverse rispetto ai dati dei
test di laboratorio; questo dimostra
che i media filtranti in condizioni
di utilizzo reali reagiscono in modo
­diverso.
Inoltre, dato che le prestazioni dei
filtri nel corso del tempo hanno un
impatto maggiore sul costo LCC totale rispetto ai dati iniziali, il test di tre
mesi sul campo ha evidenziato l’importanza della selezione del media filtrante più appropriato per l’ambiente
specifico.
Decisioni giuste grazie a CamLab
Grazie ai risultati documentati dei
test in situ, gli operatori di turbine
possono effettuare la selezione del filtro migliore, riducendo il costo LCC
totale con il giusto grado di efficienza
e il prodotto appropriato per il sito
specifico.
Fornendo tutti i dati necessari per
un’analisi approfondita, i test CamLab rendono più facile per gli operatori prendere la decisione giusta e
raggiungere bassi costi operativi e di
manutenzione, nonché un tasso di
efficienza sempre elevato. Infine, con
il sistema di monitoraggio on-line,
CamLab offre agli operatori di turbine un altro grosso vantaggio: possono confrontare le prestazioni dei filtri
con i dati del motore e le statistiche
relative alle condizioni ambientali su
base giornaliera.
NOT IZIE IN BREVE
COS'È CAMLAB
Alloggiato in un rimorchio o container, CamLab è dotato di quattro
condotti paralleli che possono essere dotati di prefiltri e filtri finali
installati all’interno di housing o canister. A seconda della configurazione, CamLab consente di testare fino a quattro diverse combinazioni di filtri contemporaneamente.
I filtri per l'aria sono monitorati e analizzati in termini di prestazioni
di rimozione del contaminante, consumo energetico e integrità meccanica in varie condizioni ambientali. Le sofisticate apparecchiature
di analisi possono essere controllate tramite accesso remoto, consentendo il recupero dei dati dal sito del test in tempo reale.
CamLab può essere collocato ovunque si desideri ed è a prova di
esplosione secondo la norma NEC. È stato progettato per rispondere alle esigenze specifiche di raffinerie e siti di generazione di
energia.
CamLab viene generalmente collocato nelle immediate vicinanze di
una centrale elettrica per analizzare la qualità dell'aria e la capacità
dei filtri di rimuovere i contaminanti. Testando contemporaneamente
diverse combinazioni di filtri è possibile determinare il miglior tipo e
livello di filtrazione per la turbina.
Ciascun condotto di test è dotato di un sistema a ventola e di
controllo indipendente. Ogni canale opera a un volume del flusso
d'aria costante che può essere impostato da 1.700 a 7.650 m³ / h
(da 1.000 a 4.500 cfm), simulando la velocità effettiva di ingresso
presso il sito.
Il sistema di controllo monitora la resistenza al flusso dell'aria
attraverso il flussometro installato in ciascun condotto e mantiene
costante il flusso con la frequenza variabile su ciascun motore della
ventola. Il sistema di test di efficienza del contatore di particelle
funziona automaticamente nell'intervallo temporale stabilito. Il sistema alterna tra insiemi di dati a monte e a valle. Eseguendo più set
di dati, il sistema di monitoraggio fornisce un quadro chiaro delle
prestazioni del filtro nel corso del tempo.
La raccolta di particelle
di polvere da 1 micron
non è un problema
Negli Stati Uniti, Tri-Gemini
(Hillside, Illinois) è un impianto di
lavorazione della grafite che fornisce materiali di consumo per il settore dell’elettroerosione a tuffo. La
società fornisce grafite ed elettrodi
di grafite su ordinazione.
I processi di Tri-Gemini si servono di
­seghe, smerigliatrici, levigatrici, centri di
tornitura CNC e fresatrici CNC che generano grandi quantità di polvere. Quando
il materiale della grafite viene lavorato, le
particelle di polvere possono essere piccole (anche un micron) e rappresentano una
preoccupazione per la salute e la sicurezza
dei lavoratori.
Tutte le macchine di Tri-Gemini si servono della raccolta di polvere. In un edificio meno recente, l’azienda disponeva di
un raccoglitore di polvere centrale poco
efficiente che aveva lasciato uno strato di
polvere di grafite nello stabilimento. Nella costruzione di un nuovo stabilimento,
Tri-Gemini era alla ricerca di un sistema di
raccolta che fosse in grado di gestire particelle da 1 micron e si adattasse a limitazioni
di installazione specifiche.
Rispetto di tutti i criteri
Tutte le prese d'aria sono collocate nella parte anteriore del lab, in
modo tale che l'aria testata sia il più uniforme possibile per tutti i
condotti di test.
Il depolveratore doveva essere collocato
all’interno dell’edificio perché non aveva
senso tenerlo all’esterno e far sì che l’aria
tornasse a 35° in estate quando l’edificio
disponeva di condizionamento dell’aria.
L’unità doveva inoltre adattarsi ai nuovi
edifici con soffitti alti 5,5 metri. La polvere
raccolta doveva essere depositata in grossi
sacchi anziché in contenitori di acciaio.
Camfil APC ha progettato un depolveratore Farr Gold Series® GS40 con 40 Cartucce
Gold Cone® dotato di un sistema di scarico
con coclea inclinata e rotocella per il trasferimento della polvere in Big Bag. Una volta
che l’aria viene filtrata tramite il depolveratore, passa attraverso un sistema di filtraggio secondario dotato di 24 filtri aggiuntivi; in questo modo l’aria viene nuovamente
rilasciata nell’edificio.
Durante il ciclo di vita operativo del sistema della durata di sei anni, Tri-Gemini ha
dovuto pulire le apparecchiature soltanto
una volta. I fornitori di Graphite che visitano il negozio rimangono impressionati
dalla sua pulizia. I filtri originali installati
col depolveratore vengono utilizzati ancora oggi.
I parametri misurati includono:
• Concentrazione di polveri ambientali
• Flusso d'aria
• Resistenza del filtro al flusso d'aria (calo di pressione)
• Efficienza del filtro per conteggio/dimensioni delle particelle
•Temperatura
• Umidità relativa
Tutti i dati vengono analizzati e inclusi in un report che indica:
• Le condizioni di funzionamento effettive
• L'evoluzione delle prestazioni nel tempo
• Combinazioni multiple di filtri a confronto
• Analisi del costo per il ciclo di vita completo
AirMail N. 1 2014 13
NO T I Z IE I N BR EV E
Come affrontare i problemi
di IAQ nei grandi impianti
industriali
Un’aria di scarsa qualità ha effetti negativi sia sulla salute che sulle prestazioni dei dipendenti. Nei grandi
ambienti industriali, la polvere e le particelle presenti nell’aria prodotte dai processi possono provocare
­bruciore agli occhi, mal di testa e naso chiuso oppure scatenare asma e irritazione delle vie respiratorie.
Come soluzione di filtrazione supplementare, la gamma CamCleaner purifica l’aria e combatte efficacemente
questi problemi, migliorando le prestazioni lavorative, riducendo le assenze per malattia e rendendo l’aria
più respirabile. Di seguito sono riportati due recenti esempi di installazioni nel Regno Unito e in Norvegia
con il CamCleaner 6000.
Segni premonitori della pessima qualità dell’aria
VERSATILE ED EFFICACE
La versione mobile e stazionaria
di CamCleaner 6000 viene in
genere utilizzata negli ambienti
polverosi e nei grandi locali chiusi
come gli impianti farmaceutici,
le industrie alimentari, l'industria
pesante, le cartiere, le officine di
saldatura, le legnamerie, la produzione di imballaggi, gli impianti di
stampa, l'industria della lavorazione, i supermercati e altre applicazioni specialistiche, compresi gli
interventi volti al miglioramento
delle clean room e di altri ambienti di assemblaggio classificati.
I filtri HEPA garantiscono una
filtrazione più efficiente, in quanto
richiedono un numero inferiore di
ricambi d'aria e utilizzano una tecnologia sicura ed ecocompatibile.
Le unità CamCleaner sono note
per garantire operazioni senza
problemi e offrono una qualità
dell'aria elevata con un basso
costo energetico. La circolazione
dell'aria generata da CamCleaner
crea una distribuzione della temperatura uniforme in tutti i locali,
anche in quelli con soffitti alti.
L'installazione di questi purificatori d'aria consente di solito ai
clienti di offrire ai rispettivi clienti
prodotti finiti più puliti con meno
scarto e una minore necessità di
pulizia all'interno dell'edificio.
14 AirMail N. 1 2014
Nel Lancashire un produttore di carta da parati britannico utilizza macchine da stampa di grandi dimensioni per
creare carta da parati a disegni destinata a tutto il Regno
Unito, Europa e Nord America.
La qualità dell’aria interna doveva essere migliorata nel
reparto produttivo e negli uffici di 18.600 m2. Le particelle
visibili presenti nell’aria erano presenti ad alto livello come
un sottoprodotto delle macchine da stampa e del processo
di produzione in generale. La temperatura elevata e i numeri di particelle sono stati confermati nei travetti e nelle grondaie dell’edificio. L’estrazione nell’atmosfera non
­costituiva un’opzione.
Sono stati consultati gli ingegneri Camfil, che hanno consigliato l’installazione di sei purificatori d’aria CamCleaner
6000. Queste unità sono ora sospese nello spazio del soffitto sopra le macchine da stampa, consentendo di eliminare
l’inquinamento all’origine e prevenendo in modo efficace
l’accumulo di sostanze inquinanti in maniera controllata
utilizzando al contempo pochissima energia.
I purificatori d’aria dell’impianto, come tutti i CamCleaners sono dotati dei filtri HEPA più efficienti sul mercato.
Possono essere aggiunti al sistema di ventilazione esistente e consentono di ridurre i costi energetici, rendere più
­efficiente la produzione e creare un ambiente di lavoro più
salubre, con meno polvere e particolato dannoso.
Ambiente di lavoro più vivibile presso Marine Aluminium
Marine Aluminium Group (Norvegia) è una delle società
leader nel mondo per quanto riguarda la progettazione e
la fabbricazione di strutture e prodotti di alluminio per il
settore offshore e della costruzione navale. I prodotti includono eliponti, sistemi ferroviari, passerelle telescopiche e
soluzioni HVAC.
La società ha di recente ampliato il proprio stabilimento
in Karmøy aggiungendo una nuova officina di produzione
di 20.000 m2 per la lavorazione dei prodotti di alluminio in
un ambiente di lavoro che comprende il taglio, la saldatura
e la smerigliatura.
La polvere e le particelle generate da queste operazioni ha inciso negativamente sulla qualità dell’aria indoor
dell’impianto respirata dai dipendenti. Marine per risolvere il problema di IAQ ha deciso di cercare una soluzione di
filtrazione in grado di garantire il consumo energetico più
basso possibile.
ROI triennale
La soluzione fornita da Camfil e dall’appaltatore HVAC
Gunnar Karlsen AS consisteva in sei CamCleaner 6000 installati su colonne sopra la linea di produzione.
L’installazione ha consentito di migliorare notevolmente
l’ambiente di lavoro. Sono necessari meno ricambi d’aria perché i filtri CamCleaner filtrano l’aria in modo estremamente
efficiente, eliminando la necessità di introdurre 20.000 m³/h
di impianti per la pulizia dell’aria e riducendo il consumo
energetico per la ventilazione di 125.000 kW all’anno. L’impianto viene inoltre mantenuto più pulito e richiede meno
manutenzione. Il rendimento stimato è pari a tre anni.
NOT IZIE IN BREVE
Altre statistiche
­d eprimenti da parte
dell’OMS
Il traffico rimane fuori
Questa primavera l’Organizzazione mondiale della
sanità (OMS) ha riferito gli ultimi dati sulla mortalità, dichiarando che circa sette milioni di persone,
pari a un ottavo del totale dei decessi nel mondo,
sono morte nel 2012 a causa dell’esposizione all’inquinamento atmosferico. Questi dati raddoppiano
le stime precedenti e confermano che l’inquinamento dell’aria è oggi il maggiore rischio sanitario ambientale nel mondo, uccidendo più persone
dell’AIDS, il diabete e gli incidenti stradali
I nuovi dati mostrano una connessione più forte
dell’esposizione all’inquinamento (sia indoor che
outdoor) con le malattie cardiovascolari e con il
­cancro.
Le informazioni daranno una nuova spinta verso
la pulizia dell’aria che la gente respira, specialmente
nelle grandi città in cui si concentra il maggiore tasso di inquinamento. Queste fanno inoltre sorgere la
richiesta di filtri migliori nei sistemi di ventilazione per impedire alle particelle e ai gas nocivi degli
ambienti esterni inquinati di penetrare all’interno
degli ambienti chiusi degli spazi commerciali e pubblici, in cui si mischiano con gli agenti inquinanti
presenti, quali ad esempio radon, fumo di tabacco,
composti organici volatili (VOC) e agenti inquinanti biologici che rendono l’aria degli ambienti chiusi
fino a 50 volte più inquinata.
Per fermare subito l’inquinamento esterno Camfil
consiglia prodotti come la propria serie di filtri HiFlo™ per l’elevata efficienza di eliminazione delle
particelle, e filtri per l’aria come City-Flo™ XL, City­
Carb™, City-Flo™ e CitySorb™ per mantenere un’elevata qualità dell’aria negli edifici situati in prossimità di strade molto trafficate.
I filtri “City” consentono di controllare efficacemente l’ozono e i composti organici semivolatili
(sVOCs), tra cui gli idrocarburi aromatici policiclici
(PAH, Policyclic Aromatic Hydrocarbon) dell’aria
esterna e gli agenti inquinanti di origine interna
degassati dai materiali. Oltre alla loro elevata efficienza energetica e al loro indice di rimozione dei
composti organici semivolatili, i filtri City non richiedono alcuna modifica delle unità di trattamento
dell’aria ai fini dell’installazione.
Quando i sistemi di ventilazione degli ambienti
urbani non sono dotati di filtri City, Camfil offre
ai clienti altre soluzioni, quali il nuovo CamCleaner City, un purificatore d’aria mobile dotato di
un sistema di filtrazione a tre fasi per eliminare le
particelle e gli agenti inquinanti gassosi negli spazi
chiusi.
esterna, ma devono poter scegliere di lavorare e
vivere in edifici con un’elevata e riconosciuta qualità dell’aria indoor (IAQ). I proprietari degli edifici
dovrebbero prendere in considerazione il valore aggiunto di una buona filtrazione dell’aria degli stabili,
e i datori di lavoro dovrebbero sapere che un’elevata
qualità dell’aria riduce i tassi di malattia e aumenta
la produttività, come dimostrato da numerosi studi.
PER SAPERE TUTTO SU DI NOI
Per la più recente e completa presentazione delle
attività globali e delle prestazioni finanziarie di
Camfil Group, scaricate il rapporto annuale 2013
da camfil.com. La pubblicazione presenta inoltre
una sezione contenente il Sustainability Report
(Rapporto sulla sostenibilità) di Camfil per il 2013.
Filtrazione a valore aggiunto
Gli abitanti dei centri urbani non possono limitare
la propria esposizione all’inquinamento dell’aria
C
A
E
S
O
I
C
L
E
A
M
O
B
L
A
C
R
F
S
N
C
P
O
L
L
U
T
I
O
N
R
O
E
G
O
U
CLEANROOMPOLLUTION
T
A
L
B
E
T
O
G
S
A
R
T
I
O
N
R
U
R
CUSTOMERSSERVICE
A
C
E
S
V
O
T
R
O
T
B
O
A
R
C
A
M
A
P
O
A
P
E
R
S
A
N
G
O
L
O
B
U
O
A
V
O
A
N
M
O
R
O
P
A
R
T
N
E
R
S
H
I
P
T
G
R
O
F
O
V
H
L
A
I
R
U
T
T
E
R
H
L
O
O
T
N
I
O
I
S
P
A
L
L
U
O
R
F
I
E
N
O
M
R
O
L
T
C
O
H
U
O
M
M
V
L
O
T
O
M
O
B
I
L
E
O
E
S
A
R
B
E
I
O
W
P
O
L
L
I
T
U
R
O
S
T
O
U
E
R
C
W
O
S
E
R
V
L
O
S
T
A
N
D
A
R
D
S
T
O
M
PAROLE NASCOSTE
AIRFLOWPARTNERSHIP
GRAPHITESTANDARDS
MOBILETABLET
CAMFIL
AirMail N. 1 2014 15
Pharmaseal-E consente
test sull’integrità in situ
nella clean room di Cenexi
®
Lo slogan del Cenexi Group francese è
“Spirito di partnership”, che è stato chiaramente dimostrato nella recente esecuzione
di un progetto di collaborazione di successo con Camfil Francia e il progettista della
clean room francese Air Climat per la progettazione e l’installazione di contenitori
Pharmaseal-E in una struttura di classe C
per la produzione di soluzioni sterili.
Nell’ambito della propria organizzazione
globale, Cenexi opera tramite tre gruppi­
principali, di cui il più grande, Cenexi
­Paris, gestisce l’impianto farmaceutico
Fontenay-sous-Bois vicino a Parigi. Questa
struttura di 20.000 metri quadrati ha una
produzione annua di circa quattro miliardi di compresse, 80 milioni di supposte,
10 milioni di bottiglie di sciroppo, 1,5 miliardi di capsule e 300 milioni di ampolle.
Cenexi ha stabilito un rapporto di collaborazione con Air Climat e Camfil Francia per affrontare una sfida per la clean
room dell’impianto Fontenay-sous-Bois,
il cui spazio era limitato e in cui era difficile ­accedere al soffitto per eseguire i test
di ­integrità sulle unità di filtrazione
­terminali.
I test di integrità vengono di solito eseguiti in un’area tecnica separata all’esterno
della clean room, ma presso Cenexi i test
dovevano essere condotti proprio nella clean room. Era necessario un nuovo approccio integrato.
filtro sul pannello di controllo integrato
nell’unità.
Grazie a tale caratteristica, possono essere realizzate tutte le funzioni essenziali
ed è possibile accedere ad esse dal lato della clean room per controllare la porta della
pressione statica, il comando della valvola
di regolazione della portata d’aria e il sistema di dispersione dell’aerosol per il test. La
valvola di regolazione consente di isolare il
contenitore dai canali e dispone di un indicatore di posizione che consente anch’esso
regolazioni del flusso dell’aria dall’interno
della clean room.
Le guarnizioni di gel in silicone HFU
HD garantiscono la tenuta del contenitore Pharmaseal-E. I vantaggi aggiunti per
Cenexi includono una manutenzione più
veloce e facile per ridurre i tempi di fermo
della clean room.
Per informazioni sui prodotti, contattare
il responsabile Camfil più vicino oppure
scaricare la scheda prodotto di Pharmaseal-E da camfil.com in “Sistemi per clean
room e ospedali”.
Tutte le funzioni in un’unica unità
La soluzione consisteva nell’installare
sei unità Pharmaseal-E dotate di filtri
­Megalam MG 14 HFU HD.
Quando sono necessari test di integrità
in situ, Pharmaseal-E costituisce la scelta
ottimale perché è completamente attrezzata per l’iniezione di aerosol all’entrata
del filtro, dal lato della clean room, consentendo il monitoraggio dell’integrità del
www.camfil.com
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 766 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content