close

Enter

Log in using OpenID

ANCE Sicilia-2014_07_01-RESOCONTO DELLINCONTRO CON

embedDownload
RESOCONTO DELL’INCONTRO CON L’ASSESSORE REGIONALE
DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITA’
DOMENICO TORRISI ED IL SUO STAFF
PALERMO, 1 LUGLIO 2014
INTERVENUTI:
PER L’ASSESSORATO: l’Assessore Dott. Domenico Torrisi, il Capo di Gabinetto
Ing. Mario La Rocca, il Dott. Fulvio Bellomo, l’Ing. Vincenzo Palizzolo, l’Arch.
Michele Carrara, l’addetto stampa.
PER ANCE SICILIA: il Presidente S. Ferlito, il Vicepresidente S. Cutrone, il
Vicepresidente P. Funaro, il Tesoriere V. Pirrone, il Presidente del Collegio dei
Revisori dei Conti S. Caggia ed il Direttore G. La Rosa.
I temi dell’incontro, prospettati dalla delegazione di ANCE Sicilia, sono stati i
seguenti:
Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani
90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6112913
C.F. 80029280825 - [email protected] – www.ancesicilia.it
1. la modifica della legge regionale 12/11, in particolare in chiave
antiturbativa e per arrestare la deriva al rialzo dei ribassi d’asta;
2. la necessità del miglioramento del funzionamento degli UREGA, anche
alla luce dello studio di ANCE Sicilia che ha evidenziato che solo meno
della metà delle gare bandite in un anno vengono aggiudicate e entro i
10 mesi dell’anno successivo;
3. la urgente necessità di revisione delle “Linee Guida per il Procedimento
di Verifica delle Offerte Anormalmente Basse di cui al D.P.R.S.
N.1/2005”, D.D.G. n° 02 del 7 gennaio 2009;
4. la urgente necessità di reinsediamento della Commissione Prezzario;
5. le difficoltà di applicazione, alla legge 457/78, da parte degli uffici
dell’Assessorato, della circolare 6 settembre 2012 “Frazionamento dei
mutui concessi alle imprese di costruzione e alle cooperative di
costruzione” riguardo alla ultimazione per parti funzionalmente
autonome e al frazionamento dei mutui con le banche anche in
considerazione delle semplificazioni normative intervenute con la legge
regionale n. 14 del 23 giugno 2014 “Semplificazioni in materia edilizia.
Procedure per il rilascio delle certificazioni di abitabilità ed agibilità.”;
6. il problema delle opere in stand by con particolare riferimento a quelle
comprese nel CIS ed a quelle della delibera CIPE 60/2012 e relativo
APQ;
pag. 2
Il Capo di Gabinetto, il Dott. Bellomo e l’Ing. Palizzolo hanno preso atto
delle nostre proposte di modifica della lr 12/11, in particolare dell’art. 19
comma 6 e comma 2, acquisendo le nostre proposte, già peraltro condivise dal
Dipartimento Regionale Tecnico, e dovrebbero quindi far parte di un DDL
proposto dall’Assessorato. Hanno condiviso la necessità di miglioramento del
funzionamento degli UREGA e di revisione delle “Linee Guida per il
Procedimento di Verifica delle Offerte Anormalmente Basse di cui al D.P.R.S.
N.1/2005”, D.D.G. n° 02 del 7 gennaio 2009, acquisendo anche in questo caso
le nostre proposte di miglioramento. In particolare riguardo al funzionamento
delle subcommissioni per la verifica delle Offerte Anormalmente Basse o delle
commissioni in caso di OEPV hanno preso atto della richiesta di quanto
discusso in ambito nazionale in chiave antiturbativa e raccomandato dalle
Linee Guida Itaca, il cui riferimento è stato pure acquisito, che recitano: “Le
Stazioni Appaltanti devono prevedere adeguati tempi di valutazione delle
offerte e organizzazione delle operazioni di gara full time, in un periodo
continuo. Le operazioni di gara devono cioè avvenire con continuità e per un
periodo concentrato di tempo, adeguato alla difficoltà delle operazioni stesse.”
Hanno preso atto e condiviso inoltre la richiesta della urgente necessità del
reinsediamento della Commissione Prezzario che è bloccato da una semplice
revisione testuale/formale dell’art. 5 della lr 16/2010 conseguente alla
creazione del nuovo Dipartimento Regionale Tecnico.
Il Capo di Gabinetto, per quanto riguarda le opere in stand by ha detto che a
breve, entro l’estate, sarà definitivamente firmato il CIS.
pag. 3
L’Assessore Torrisi ha confermato quanto detto dal Capo di Gabinetto
riguardo al CIS ed ha anticipato alcune prossime novità riguardo alle opere
della delibera CIPE 60/2012. In particolare, per il depuratore di Acireale è
stata individuata una nuova soluzione che non comporta la adduzione delle
acque a Catania. L’Assessore ha anche proposto per il raggiungimento in
tempi brevi delle modifiche normative richieste incontri serrati, a cadenza
bisettimanale, per la stesura dei necessari provvedimenti che dovrebbero
esser tali da poter essere facilmente condivisi.
Il Capo di Gabinetto e l’Arch. Michele Carrara, riguardo alle problematiche
legate alla legge 457/78, hanno, dopo un dettagliato approfondimento,
condiviso, alla luce anche delle nuove semplificazioni normative intervenute,
la opportunità di applicazione dei contenuti della circolare 6 settembre 2012
“Frazionamento dei mutui concessi alle imprese di costruzione e alle
cooperative
di
costruzione”
riguardo
alla
ultimazione
per
parti
funzionalmente autonome e al frazionamento dei mutui con le banche, non
comportando
tale
applicazione
alcun
pregiudizio
per
la
Pubblica
Amministrazione.
pag. 4
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
664 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content