close

Enter

Log in using OpenID

Armwood domani sarà in Trentino

embedDownload
Sport
l'Adige
mercoledì 3 settembre 2014
43
MTB E CICLISMO. Il biker perginese
ha dominato la Gran Paradiso Bike
Fruet 1° a Cogne, Aurora super in Croazia
L’arrivo
in perfetta
solitudine
di Martino
Fruet,
uomo
simbolo
del Carraro
Team,
alla Gran
Paradiso
Bike
Vittoria per distacco per Martino Fruet in Val d’Aosta, ai piedi
del Gran Paradiso. Il trentino del
Carraro Team ha vinto la 14ª
GranParadisoBike, andata in scena lunedì a Cogne.
Fruet ha tagliato il traguardo in
1h 39’32”.81 e si è lasciato alle
spalle il valdostano del Bi&Esse
Michael Pesse e il compagno di
squadra Giuseppe “Pippo” Lamastra, giunti in volata con il crono
di 1h 40’33”.
I bikers hanno attaccato la sali-
BASKET A
ta di Gimillian, dov’era anche posto il Gpm vinto dal valdostano
Pesse. Al passaggio di Cretaz, a
comandare le operazioni c’era
sempre Pesse in compagnia del
trentino Fruet, inseguiti a pochi
metri dai rossoneri Cina e Lamastra. La corsa si è poi animata a
Lillaz: Cina ha perso contatto, Lamastra ha fatto l’elastico, con
Pesse e Fruet sempre a lottare
per la prima posizione. Nel finale, quando era ormai preannunciata la volata, il trentino ha au-
mentato il ritmo e staccato gli avversari, tagliando il traguardo in
solitaria.
Dalla mtb alla strada: ultimo week end ricco di soddisfazioni in
Croazia per esordienti ed allievi
dell’Aurora Pvb. Sabato 30 agosto a Sibenic primo e secondo
posto fra gli esordienti 1° anno
di Gianluca Salvadori e Samuel
Slomp. Vittoria anche fra i 2° anno con Cristian Pasquali (4° Lorenzo Gottardi e 5° SImone Deromedi). Nella prova degli allievi
piazza d’onore per Patrick Iob e
5° posto per Lorenzo Vinintainer.
Il giorno seguente aurorini in gara a Primosten. Fra gli esordienti 1° anno Salvadori ha dovuto
accontentarsi del secondo posto, in compenso fra i secondo
anno si è assistito all’en plein confezionato da Pasquali, Gottardi e
Deromedi, primo, secondo e terzo, con Carlo Gabardi quinto. Fra
gli allievi, per finire, secondo e
terzo posto per Iob e Visintainer
e quarto per Moreno Paternoster.
Il rookie di Washington pronto allo sbarco. Buscaglia: «Con Cremona test non probante»
Armwood
domani sarà
in Trentino
TRENTO - Il rookie Isaiah Armwood (nella foto) è in arrivo. Il giovane lungo, cambio del titolare Josh Owens, e con due
stagioni alla George Washington University, ha chiuso le valigie e da New York
raggiungerà domani il Trentino per abbracciare i compagni della matricola
Aquila Dolomiti Energia, al lavoro da due
settimane: «Sto bene. Non vedo l’ora di
essere lì. Se fosse disponibile - ha detto
via mail Isaiah - mi piacerebbe avere la
maglia numero 32». Poi toccherà all’ultimo tassello, la fenomenale ala piccola Tony Mitchell, alle prese con i visti diplomatici.
Nella prima settimana di allenamento la
palla l’han vista pochino, Toto Forray e
compagni: qualche sessione di tiro e di
ball handling al Palasport di Cles, nulla
più, dato che il mini-ritiro che i ragazzi
della Dolomiti Energia hanno svolto in
Val di Non, ospiti della locale Apt, è servito più che altro a gettare le basi dell’intenso lavoro di preparazione fisica programmata dal professor Lorenzo Taliento. «Nella prima settimana ci siamo allenati molto e bene, facendo grande attenzione ai dettagli e mettendoci tanta voglia – spiega coach Maurizio Buscaglia . I ragazzi avevano delle belle facce, avevano tanta voglia di aiutarsi tra loro e
hanno mostrato grande fiducia nel lavoro che gli è stato proposto. Questa settimana al PalaTrento - continua l’allenatore - dovremo fare un passo in più ogni
giorno, come è nella nostra filosofia. Cominceremo ad entrare nello specifico del-
le situazioni di gioco. Cosa che sarà anche un motivo in più di unione nel gruppo».
Risolta la questione dei numeri tra Baldi
Rossi e Grant, con la gara dei tiri da metà campo a Cles che ha insignito il cecchino di Miami del n.8 e “Filo” ha scelto
il 24, Toto avrà il suo 10, Spanghero il 45
e Pascolo quando torna dalle ferie l’8 avrà
il suo 7. Sabato a Carisolo test con la Vanoli Cremona (palla a due alle ore 18).
«Una partita per cui non ho aspettative
particolari. Sarà più un momento di gioco, un premio per il duro lavoro svolto
nelle prime due settimane. Tenteremo di
fare grande attenzione ad aspetti come
il difendere e attaccare assieme. Prime
valutazioni serie al Memorial Brusinelli».
Il 13 semifinali Dolomiti Energia-Granarolo Virtus Bologna e Cantù-Cremona.
CALCIO COPPA ITALIA
Basket A3 | Il rinforzo è la marchigiana Giulia Pierdicca
La Cestistica baby di coach Ferrari
RIVA del GARDA - Ormai in riva al
lago il basket è targato Cestistica
Rivana, sponsorizzata Avis Alto
Garda e Ledro. Mentre nel maschile
sopravvive in D la Virtus, le ragazze
militano in A3 e dal 20 agosto sono
lavoro agli ordini del nuovo coach
Marco Ferrari (foto sopra a sinistra),
rivano doc che ha giocato nei tempi
eroici del Gs Riva da ala forte e per
5 anni nell’Endas Marsilli, quindi un
anno al Bancole di Mantova, per tre
alla Grada Cartiere in B, due anni a
Desenzano, un anno alla Virtus e
un’ultima stagione al San Marco di
Rovereto dove è stato anche coach
in D. A Rovereto dal ‘96 si è
occupato anche del settore
giovanile, dall’Under 13 all’under 19
con la quale ha vinto il titolo
regionale. Dopo i 5 anni della D con
il San Marco, Ferrari è tornato in
Alto Garda seguendo l’Arco Basket,
con il quale ha trionfato con l’anno
‘94 in Regione e poi con lo stesso
gruppo ha partecipato con l’Under
17 al torneo di Eccellenza Veneto.
Nelle ultime tre stagioni Marco ha
diretto la D con la Virtusarco,
quindi le giovanili Under 15
(campionato vinto con i ‘98) e lo
scorso anno è giunto fino alla
semifinale regionale Under 17. Ora
l’avventura con le ragazze
preparate atleticamente dalla ex
Stasera dalle 20.30 il secondo turno
CALCIO
coach, Barbara Zenari che aveva
guidato la squadra a fianco del
marito Pavan. «Ho a disposizione ci ha detto Ferrari - un roster di età
giovanissima e sotto la tutela del
“totem” Anna Consolati, giocatrice
d’esperienza che ha militato anche
in serie A e che sarà un esempio sul
parquet. Assieme al gruppo storico
farò di questo tem un osso duro per
tute le avversarie». La Cestistica si è
rinforzata con l’ingaggio dell’alapivot Giulia Pierdicca (nella foto in
alto a destra), atleta marchigiana
cresciuyta nell’Ancona, transitata
dalle Girls in B e la scorsa stagione
in A3 a Pesaro, dove ah vinto la
coppa Italia ed ha ceduto in gara3 la
finale playoff. Il neo acquisto e la
Consolati sono le guide delle
giovani ma già esperte Francesca
Santuliana, Maria Vicentini e
Rachele Bertoldi, quindi
completano la formazione rivana le
baby Eva Parolari e Sofia Chemolli,
poi Lucrezia Coser, Alice Pol,
Francesca Ferrigolli, Chiara Flauret
e le giovanissime Pesarini e Betta.
Tra le uscite quella di Emma
Bonvecchio: cresciuta nelle
giovanili della Cestistica, Emma BJ
è nella ”Bull Latina”. La società
biancoverde punta su BJ per
rinforzare la squadra l’A3, Under 19
e puntare alle finali nazionali.
PALLANUOTO
Serie C a Verona
Il roveretano Sega
pilastro del Bentegodi
TRENTO - Il roveretano
Stefano Sega (nella foto) è
stato confermato anche
quest’anno titolare nella
squadra di pallanuoto della
Bentegodi di Verona che
milita in serie C. La scorsa
stagione si era chiusa con
un significativo 2° posto
per i veronesi e il classe ‘89
trentino si è ben
comportato tanto da
ottenere la conferma.
Stefano si è forgiato alla
scuola amatoriale di Trento
con l’Acme Sport
Tridentum guidata dal
tecnico Davide Allegri.
Dopo aver partecipazto alla
Promozione nella stagione
2012-13 con la Bolzano
Nuoto (nel Trentino non
esiste un team maschile), il
n.6 dell’Acme è stato
notato dalla Bentegodi.
L’abile centro-boa è stato
inserito in prima squadra
dal coach Sergej Maksimov,
ex olimpionico russo e
campione europeo, quindi
continua ad allenarsi a
Trento grazie al suo
tecnico Allegri e alla
mediazione del team
manager Pasquale
Maiorano.
Dall’8 l’iniziativa «Keeper project» dai Pulcini agli Allievi
Il Levico è ospite della Ravinense Scuola di «numeri 1» a Rovereto
TRENTO - È l’inedito derby tra
la ViPo del presidente Marco
Sembenotti e il rifondato
Trento di Mauro Giacca il big
match del secondo turno di
Coppa Italia, previsto stasera
alle 20.30. La sfida tra la
neonata compagine collinare e
gli aquilotti sarà ospitata dal
sintetico di Gabbiolo e
precederà di 18 giorni la sfida
di campionato, in programma
per domenica 21 (sempre in
casa della ViPo) ma che
potrebbe essere anticipata al sabato. I
gialloblù di Filippo Moratti (foto) con un
successo potrebbero compiere un bel balzo
verso la qualificazione, mentre gli azulgrana di
Marco Girardi non possono sbagliare,
altrimenti dovrebbero praticamente dire
addio alla Coppa. Sempre per il quadrangolare
C, praticamente obbligato al successo pure il
Levico Terme - fermo a quota 1 dopo il pari
con la ViPo - che a Mattarello sfiderà il
fanalino di coda Ravinense. Nel quadrangolare
A, invece, comandano Bassa Anaunia e
Rotaliana dopo i due larghi successi su Borgo
e Fersina: i nonesi stasera saranno di scena a
Pergine, mentre i biancazzurri di Rosario
Parlato viaggeranno alla volta della Bassa
Valsugana. Equilibrio assoluto, finora, nel C,
dove le quattro formazioni hanno un punto in
classifica: stasera il Lavis ospita il Fiemme,
mentre da seguire è il confronto tra Anaune e
Porfido Albiano, due delle squadre che più
hanno convinto nella prima giornata di
Promozione. Una sola la gara prevista stasera
nel D, ovvero il confronto tra
Castelsangiorgio (ancora al
palo) e Baone (a quota tre).
Spostata a domani sera, la
sfida tra Virtus Trento
(sconfitta all’esordio dagli
arcensi) e Alense (vittoriosa
nel derby). Chiudono il
programma i due triangolari,
con l’esordio in Coppa delle
giudicariesi di Eccellenza: il
Comano Fiavé attende a Ponte
Arche il Pinzolo Campiglio,
sconfitto dieci giorni fa dalla
Benacense, mentre il Calciochiese si recherà
ad Arco, dove i gialloblù di Renzo Scremin
potrebbero già chiudere la questione visto il
blitz all’esordio sul campo della Condinese.
Partite e arbitri. Borgo-Bassa Anaunia (Vescovi
di Rovereto, Giovannini ed En Naciri di
Rovereto), Fersina-Rotaliana (Moser di
Trento, Pepe e Baldessari di Trento); AnaunePorfido Albiano (Gomes di Arco Riva, Berti di
Arco Riva e Cozzio di Rovereto), Lavis-Fiemme
(Scifo F. di Trento, Mattedi e Gandolfo di
Trento); Ravinense-Levico Terme (Scifo A. di
Trento, Tincul e Alberti di Trento), ViPoTrento (Chemotti di Arco Riva, Vanacore di
Trento e Giannone di Arco Riva);
Castelsangiorgio-Baone (Fabello di Trento,
Stefani di Arco Riva e Sartori di Trento), Virtus
Trento-Alense (domani, Gasperotti di
Rovereto, De Cristofaro e Angheben di
Rovereto); Comano Fiavé-Pinzolo Campiglio
(Tallabaci di Trento, Giannone e Luciani di
Arco Riva; Arco-Calciochiese (Pisetta di
Trento, Marchetti e Tabarelli di Trento). A. Z.
ROVERETO - Una nuova
scuola per «numeri uno» in
terra lagarina. Si chiama
«Keeper Project» ed è stata
presentata Al centro sportivo
di via Baratieri dal
responsabile Manuel Tonolli
affiancato dai collaboratori
Massimo Todesco, Michele
Robol, Lorenzo Luzzi,
Massimo Chiodini e Mattia
Lorenzini. Un progetto che
permetterà anche alle
società più piccole, costrette
spesso a «centellinare» o
addirittura rinunciare a
preparatori dedicati soltanto
alla crescita dei portieri, di
far maturare le proprie
«saracinesche» in un
ambiente nuovo e
stimolante. Ventisei
allenamenti per ragazzi dai
10 ai 16 anni, quindi dalla
categoria Pulcini fino agli
Allievi, che si svolgeranno
ogni lunedì sera nella città
della Quercia sul «sintetico»
delle Fucine. «E’
fondamentale che sui portieri
si inizi a lavorare con
attenzione il prima possibile hanno spiegato in coro i
ragazzi guidati da Tonolli,
sostenuti dalla Keeper Sport
di Bolzano per il materiale
tecnico - in modo da colmare
immediatamente delle
lacune che con il passare
degli anni diventano delle
carenze difficili da
correggere. Un ruolo
delicato quello dell’estremo
difensore che deve essere
valorizzato ed integrato,
come piace sempre più agli
allenatori, nel gioco della
squadra. Insomma non deve
rimanere un giocatore
confinato nella propria area,
ma in grado di saper giocare
anche la palla. Con i portieri
piccini ci sarà un approccio
più ludico, ma con il salire
dell’età si lavorerà con
maggior intensità e
specificità». Il primo
appuntamento della Keeper
project, ideata da Manuel
Tonolli con l’aiuto degli
esperti Marco Zuani e
Massimo Schipilliti, è fissato
per lunedì 8 settembre. Ben
sei i sodalizi lagarini
(Rovereto, Isera, Lizzana,
Sacco San Giorgio, Sacra
Famiglia e Vallagarina) che
hanno sposato con
entusiasmo questa nuovo
progetto per un totale di
circa 25 ragazzi pronti a
sistemarsi fra i pali.
Prima categoria, tre
rinforzi per l’Isera - per il
tecnico Ennio Floriani, il
presidente Alberto Sordo ha
ingaggiato l’esperto Ivan
Bellandi (classe 1976), il
centravanti Gianluca Conti
(classe 1991 dal Sacco San
Giorgio) e la punta Mattia
Bertoldi (classe 1990 dal
Castelsangiorgio.
(luga)
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
193 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content