close

Enter

Log in using OpenID

Colourful Flavours of Japan (PDF - 3.001 Kb)

embedDownload
COMUNICATO STAMPA
31 Gennaio, 2014
Colourful Flavours of Japan Administrative Office
Presentazione dei Piatti creati dai migliori Chef Italiani
utilizzando ingredienti della cucina giapponese
The Colourful Flavours of Japan Administrative Office è lieta di annunciare la presentazione
dell’evento “Colourful Flavours of Japan / Harmony” che si svolgerà durante il congresso
internazionale di cucina Identità Golose a Milano. Durante l’evento verranno presentati i piatti
che famosi chef Italiani hanno creato utilizzando ingredienti e tecniche tipiche della cucina
giapponese. Saranno inoltre illustrate alcune caratteristiche degli ingredienti giapponesi.
Questa speciale presentazione è stata possibile grazie alla collaborazione del Dott. Paolo Marchi,
creatore di Identità Golose, il quale introdurrà alcuni interessanti aspetti della cultura culinaria
giapponese.
Durante la presentazione saranno esposti gli ingredienti giapponesi utilizzati.
o
Data e ora: 9 Febbraio (Domenica) 2014, 1:00–2:00 p.m.
o
Dove:
MiCo Milano Congressi Gate 14 (Via Gattamelata 5, Milano)
o
Evento:
SALA eventi (SALA GIALLA1)
Special Colourful Flavours of Japan / Harmony presentations
◇ Il Progetto: The Colourful Flavours of Japan / Harmony
The Colourful Flavours of Japan Administrative Office è uno dei progetti promossi dal MAFF –
Ministero dell’Agricoltura del Giappone – inseriti nella campagna di promozione del cibo
giapponese all’estero. L’obiettivo di questo evento è quello di fornire agli ospiti italiani una
conoscenza accurata e precisa sul cibo giapponese, sulla cultura culinaria del Giappone e sui
prodotti di eccellenza.
Lo scorso Dicembre sei importanti chef italiani (tra cui due coppie), hanno partecipato alla
prima parte di questo progetto, un seminario tenuto da Haruo Ichikawa, chef giapponese che
1
vive e lavora in Italia. Durante il seminario gli chef hanno avuto l’opportunità di sperimentare
gli ingredienti giapponesi e di testare le loro inconfondibili caratteristiche, approfondendo così
la conoscenza della cucina giapponese e della sua cultura. Il seminario si è sviluppato su tre
temi principali: (1) la cultura dell’ umami, (2) la cultura della fermentazione, (3) la cultura
giapponese delle fragranze/aromi.
Durante l’evento The special Colourful Flavours of Japan / Harmony verranno presentati i
piatti
che
gli
chef
Italiani
hanno
creato
utilizzando
gli
ingredienti
giapponesi.
Contemporaneamente verranno illustrati gli aspetti più interessanti emersi durante la
preparazione.
 Dicembre 2013, seminario
Da sinistra: Moreno Cedroni, Alessandro Ruggle, Luigi Taglienti, Paolo Marchi, Christian Costardi,
Haruo Ichikawa, Manuel Castardi, Cristina Bowerman, Lorenzo Lavezzari 2
Da sinistra: Paolo Marchi, Haruo Ichikawa e Carlo Cracco
3
Gli chef in ordine alfabetico:
Cristina Bowerman (Glass Hostaria)
Cristina Bowerman si laurea in Arti Culinarie presso l’Università di Austin in Texas, con il
programma della famosa scuola parigina Cordon Bleu.
Dal 2006 è alla direzione del Glass Hostaria. Nel 2008 riceve le due forchette dal Gambero
Rosso e nel 2010 ottiene la stella Michelin, unica donna per quell’anno.
Nel 2013 Cristina viene premiata a Identità Golose.
È direttrice e docente di corsi professionali di cucina presso varie scuole italiane e straniere
e continua a coltivare la sua passione per la cucina studiando in particolare l’applicazione
della scienza in cucina.
Moreno Cedroni (Madonnina del Pescatore)
Moreno Cedroni è tra i più innovativi chef italiani, forte di 2 stelle Michelin.
All’età di 20 anni ha aperto il ristorante la Madonnina del Pescatore a Senigallia (Ancona)
ottenendo nel 2011 un importante riconoscimento e l’inserimento nella Top Ten dei
migliori Ristoranti di Pesce in Europa da parte del Wall Street Journal.
È autore di svariati libri quali “Sushi & Susci” in cui ha introdotto una nuova ed innovativa
interpretazione del tradizionale sushi giapponese: il susci italiano.
Nel 2000 ha aperto il primo Clandestino Susci Bar a Portonovo a 50 km da Senigallia,
e nel 2003 Cedroni ha avviato la produzione di conserve gourmet nel suo laboratorio
Officina distribuite oggi in tutto il mondo e lo stesso anno ha aperto a Senigallia Anikò, la
prima salumeria di pesce italiana al mondo.
4
Christian e Manuel Costardi (Cinzia – Da Christian e Manuel)
Riso è la parola chiave per Christian e Manuel Costardi, due fratelli il primo chef e il
secondo pasticciere, proprietari del Ristorante Christian e Manuel all’interno dell’Hotel
Cinzia, una struttura a conduzione famigliare a Vercelli in Piemonte.
I fratelli Costardi offrono una ristorazione di alto livello grazie alla grande varietà di ottimi
risotti e una haut cuisine creativa.
A dispetto della loro giovane età, Christian e Manuel hanno già vinto numerosi premi
importanti e nel 2009 hanno ottenuto la loro prima stella Michelin.
Carlo Cracco (Cracco)
Carlo Cracco inizia la sua carriera professionale nel 1986 da Gualtiero Marchesi a Milano, il
primo ristorante italiano che raggiunge le tre stelle Michelin.
Dopo un periodo a La Meridiana a Garlenda, hotel di charme della famosa catena Relais &
Chateau, si trasferisce in Francia dove lavora con Alain Ducasse e, in seguito, Lucas Carton.
Una volta tornato in Italia Cracco viene nominato chef all’Enoteca Pinchiorri a Firenze. Durante
la sua conduzione il ristorante ottiene le tre stelle Michelin.
Nel 2001 apre il ristorante Cracco-Peck, che ottiene due stelle Michelin.
Dal 2007 Carlo Cracco è Chef Patron del Ristorante Cracco, nominato tra i migliori 50 ristoranti
al mondo.
È uno dei tre giudici della serie TV Masterchef Italia e sarà il nuovo giudice del talent show
Hell’s Kitchen Italia.
5
Luigi Taglienti (Trussardi alla Scala)
Luigi Taglienti inizia la sua carriera culinaria all’Antica Osteria del Ponte di Cassinetta di
Lugagnano (Milano) dove porta avanti la ricerca delle materie prime, dei singoli ingredienti e
delle tecniche di avanguardia.
In seguito lavora presso Le Palme D’Or a Cannes, raggiunge quindi Carlo Cracco a Milano prima
di diventare Executive Chef a La Meridiana Relais & Chateau Hotel a Garlenda, in Liguria.
Nel 2007 diventa Executive Chef al Ristorante Delle Antiche Contrade a Cuneo che, sotto il suo
comando, guadagna la prima stella Michelin.
Nel luglio 2012 inizia la collaborazione con il Gruppo Trussardi come Executive Chef presso Il
Ristorante Trussardi alla Scala a Milano.
Per informazioni e richieste sulla presentazione contattare:
Stefania Viti
[email protected]
Per informazioni e richieste sul progetto contattare:
IXI S.R.L.
[email protected]
I giornalisti che desiderano partecipare all’evento al MiCo Milano Congressi devono
registrarsi in anticipo al seguente link:
http://www.identitagolose.it/sito/it/index.php?id_cat=124&id_art=7085
6
Dal 1 Maggio 2015 Milano ospiterà EXPO, l’Esposizione Universale. Il governo giapponese è
stato tra i primi a decidere la partecipazione a EXPO 2015.
L’obiettivo dell’evento di oggi “Presentazione di Piatti creati dai migliori chef italiani con gli
ingredienti giapponesi” illustra il fascino della cucina e della cultura culinaria giapponese:
molto altro verrà presentato al Padiglione Giapponese a EXPO 2015.
 Padiglione giapponese EXPO 2015. Tema: Harmonious Diversity
L’alimentazione giapponese è basata su diversi tipi d’industria: agricoltura, foreste e pesca,
tutte simbioticamente collegate con la Natura. Il riso è il nostro alimento base e utilizzando
tecniche di fermentazione e umami, noi giapponesi abbiamo sviluppato una cucina sia di terra
che di mare.
Abbiamo creato una ricca cultura alimentare che riflette l’ alto livello di abilità presente nei
mestieri tradizionali e degli artigiani anche nelle nostre stoviglie, negli utensili da cucina, e nella
sala da pranzo – essi riportano umilmente alla saggezza della Natura.
C’è una diversità di iniziative in Giappone che comprende cibo e agricoltura, foreste e pesca,
così come una diversità di idee e tecniche che fanno parte della cucina e del cibo giapponese.
Questa diversità che abbiamo coltivato come nazione, cela la forte possibilità che essa possa
contribuire a risolvere problematiche globali come quello alimentare. Il Giappone parteciperà a
EXPO 2015 di Milano con un focus su questo tema: “Harmonious Diversity”.  Presentazione del Padiglione Giapponese a EXPO 2015

Tema dell’esposizione: Harmonious Diversity

Organizzatore: Ministero dell’Agricoltura, delle Foreste e della Pesca e Ministero
dell’Economia, Commercio e Industria

Co-Organizzatore: Ministero del Territorio, delle Infrastrutture e del Trasporto

Partecipanti: Japan External Trade Organization (JETRO)

Area del Padiglione: approssimativamente 4,170 ㎡
(la più grande esibizione su scala tra tutti i paesi partecipanti)
7
FOR IMMEDIATE RELEASE
January 31, 2014
Colourful Flavours of Japan Administrative Office
Presentation of Menu Items Developed by Top Italian Chefs Using
Japanese Ingredients
The Colourful Flavours of Japan Administrative Office will hold a special Colourful Flavours of
Japan / Harmony presentation during the Identità Golose international chef congress in Milan.
The presentation will include introductions to menu items developed by leading Italian chefs
using Japanese ingredients and cooking techniques, as well as a look at the appealing aspects
of cooking ingredients produced in Japan.
This special presentation is possible thanks to the cooperation of Mr. Paolo Marchi, who
presides over Identità Golose and plans to deliver a presentation on the appealing aspects of
Japanese culinary culture.
We hope that everyone in attendance will enjoy learning more about Japanese food culture and
cooking ingredients.
Date and Time: February 9 (Sun.), 2014, 1:00–2:00 p.m.
Venue: MiCo Milano Congressi Gate 14 (Via Gattamelata 5, Milano)
SALA eventi (SALA GIALLA1)
Event: Special Colourful Flavours of Japan / Harmony presentations
◇
The Colourful Flavours of Japan / Harmony Project
The Colourful Flavours of Japan Administrative Office is implementing this project in order to
provide accurate knowledge about Japanese food, Japanese culinary culture, and Japan’s
exceptionally high-quality cooking ingredients to the people of Italy. It is just one part of the
Project to Promote Japanese Food led by Japan’s Ministry of Agriculture, Forestry and
Fisheries.
1
In December 2013, six influential chefs (four individuals and one pair) in the Italian cooking
world attended a lecture led by Haruo Ichikawa, a Japanese chef who is active in Italy, in order
to deepen the chefs’ understanding of Japanese cuisine and culinary culture while providing
them with an opportunity to experience Japanese ingredients and their unique flavors. The
lecture focused on three major themes in Japanese cuisine: (1) the culture of umami, (2) the
culture of fermentation and (3) the culture of fragrances/aromas. These highly skilled Italian
chefs utilized knowledge gained from the lecture to develop new menu items incorporating
Japanese ingredients.
The special Colourful Flavours of Japan / Harmony presentation will provide introductions to
menu items developed by top Italian chefs as well as a look at the appealing aspects of Japanese
cuisine and ingredients.
December 2013 lecture
From left: Mr. Moreno Cedroni, Mr. Alessandro Ruggle, Mr. Luigi Taglienti, Mr. Paolo Marchi,
Mr. Christain Costardi, Mr.Haruo Ichikawa, Mr. Manuel Castardi, Ms. Cristina Bowerman, Mr. Lorenzo
Lavezzari 2
From left: Mr. Paolo Marchi, Mr.Haruo Ichikawa, and Mr.Carlo Cracco
3
Chef (Restaurant), Listed in alphabetical order
Ms. Cristina Bowerman (Glass Hostaria)
Cristina Bowerman graduated in Culinary Arts at the Univeristy of Austin, Texas, with the
program of the famous Parisian school Cordon Bleu.
Since 2006 she has been at the direction of Glass. In 2008 she received two forks by
Gambero Rosso and in 2010 the Michelin star, the only woman of that year.
In 2013, Cristina was awarded at Identità Golose.
She is director and professor of cooking courses at various Italian and foreign schools and
continues to cultivate her passion for cooking, studying in particular the application of
science in cooking.
Mr. Moreno Cedroni (Madonnina del Pescatore)
Moreno Cedroni is one of the most innovative 2 Michelin stars Italian chefs.
At the age of 20 he opened the restaurant La Madonnina del Pescatore, in Senigallia
(Ancona) obtaining in 2011 an important recognition and the inclusion in the Top Ten
Seafood Restaurants in Europe by the Wall Street Journal.
He’s the author of several books such as “Sushi & Susci” in which he introduced a new and
innovative interpretation of the traditional Japanese sushi – the Italian susci.
In 2000 he opened his first Clandestino Susci Bar in Portonovo, 50 km from Senigallia and
in 2003 Cedroni started to produce gourmet preserved foods in his workshop Officina
which are now distributed worldwide and in the same year he opened in Senigallia Anikò,
the first Italian fish delicatessen in the world.
4
Messrs. Christian and Manuel Costardi (Cinzia – Da Christian e Manuel)
Rice is the keyword for Christian and Manuel Costardi, two brothers, the elder chef and the
younger confectioner, owners of the Ristorante Christian e Manuel located in Hotel Cinzia,
a family hotel in Vercelli, Piedmont region.
The Costardi brothers offer high level food service with a great variety of excellent risottos
and a creative haut cuisine.
Despite their young age, Christian and Manuel have already won important awards, and in
2009 they earned their first Michelin star.
Mr. Carlo Cracco (Cracco)
Carlo Cracco began his professional career in 1986 at “Gualtiero Marchesi”, in Milan, the
first Italian restaurant awarded three Michelin stars.
After a period at “La Meridiana” in Garlenda, part of the famous Relais & Chateau chain, he
moved to France where he could work with Alain Ducasse and, afterwards, Lucas Carton.
Once back to Italy, Cracco was appointed chef at “Enoteca Pinchiorri” in Florence. During
his tenure, the restaurant was awarded three Michelin stars.
In 2001 he opened “Cracco-Peck Restaurant”, awarded since then two Michelin stars.
Since 2007, Carlo Cracco has been the sole owner of Ristorante Cracco that has been listed
in the World’s 50 best restaurants.
He is one of the three judges of the TV series Masterchef Italy and is going to be the new
judge of Hell’s Kitchen Italy talent show.
5
Mr. Luigi Taglienti (Trussardi alla Scala)
Luigi Taglienti started his culinary career at Antica Osteria del Ponte di Cassinetta di
Lugagnano (Milano) where he could investigate raw materials, single ingredients and
avant-garde techniques.
Afterwards, he worked at Le Palme D’Or in Cannes, joining then Carlo Cracco in Milan
before becoming Executive Chef at La Meridiana Relais & Chateau Hotel in Garlenda,
Liguria region.
In 2007, he became Executive Chef at Ristorante Delle Antiche Contrade in Cuneo that,
under his supervision, earned its first Michelin star.
In July 2012, he started his cooperation with Trussardi Group as Executive Chef at
Ristorante Trussardi alla Scala in Milan.
Contact information for inquiries regarding the presentation:
Stefania Viti
[email protected]
Contact information for inquiries regarding the project:
IXI S.R.L.
[email protected]
All journalists who wish to enter the MiCo Milano Congressi must register in advance by
following the link below.
http://www.identitagolose.com/sito/en/index.php?id_cat=124&id_art=7086
6
In addition, Expo Milano 2015 will begin on May 1, 2015. The Japanese government has
already made the decision to take part and is undertaking the necessary preparations.
The goal in presenting menu items developed by top Italian chefs using Japanese
ingredients is to promote a deeper understanding of Japanese food and culinary culture
among participants. We hope that everyone will enjoy the Japan Pavilion at Expo Milano
2015.
■Japan Pavilion Exhibition Theme Harmonious Diversity
Building upon diverse agricultural, forestry, and fishing industries that are symbiotic with
Nature, consuming rice as our staple food, and utilizing fermentation techniques and
umami, we Japanese have come to enjoy a variety of foods from both the land and the sea.
We have constructed a rich food culture by reflecting the high level of skill present in
traditional crafts and craftspeople in our dishware, cooking utensils, and even the dining
space—while humbly incorporating the wisdom of Nature.
There is a diversity of initiatives in Japan encompassing both food and the agricultural,
forestry, and fishing industries, as well as a diversity of ideas and techniques that fill
Japanese cuisine and food culture. Within this diversity that we as a nation have cultivated,
there hides the strong possibility that it can contribute to solving such global issues as the
food problem. Japan will participate in EXPO 2015 Milano with a focus on this theme of
“Harmonious Diversity.”
■Overview of the Japan Pavilion
・Exhibition Theme: Harmonious Diversity
・Organizers: The Ministry of Agriculture, Forestry and Fisheries and the Ministry of
Economy, Trade and Industry
・Co-organizer: Ministry of Land, Infrastructure, and Transport
・Participant: Japan External Trade Organization(JETRO)
・Area of Pavilion Grounds: approx. 4,170 ㎡
(Largest scale exhibition of all participating countries)
7
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
3
File Size
3 001 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content