close

Enter

Log in using OpenID

7 Patria della Frisona Scarpe rosse

embedDownload
Saluzzo -Attualità
CUNEO, VENERDì 21 NOVEMBRE
Amarcord anni ‘90
Ci sarà anche Sergio Berardo, leader dei Lou
Dalfin, tra gli ospiti dell’incontro che si terrà a
Cuneo venerdì 21 novembre, alle 21, nella sala
Cdt di largo Barale 11, penultimo appuntamento
della rassegna “Mezzosecolo” promossa
dall’Istituto storico della Resistenza di Cuneo per
celebrare i cinquant’anni della sua fondazione. La
serata sarà dedicata agli anni ’90-2000 e Berardo
parlerà dell’exploit della musica occitana tra i
giovani. Toccherà allo storico Marcello Flores
tracciare un quadro della situazione sociale,
politica ed economica nel decennio di fine
millennio; interverranno inoltre Elio Allario (le
battaglie degli ambientalisti in provincia per la
difesa del territorio cuneese), Bruna Gerbaudo
(l’inizio della stagione dell’immigrazione a
Cuneo), Giovenale Gerbaudo ( i cambiamenti del
mondo agricolo locale) e Maria Grazia Molinaro (il
ruolo delle donne nella montagna cuneese).
FOSSANO, DOMENICA 23
Clarinetti in corsia
Quartetto di clarinetti in corsia all’ospedale di
Fossano domenica 23 novembre, a partire dalle
15. L’appuntamento con la musica in ospedale si
terrà in realtà nel corridoio di radiologia al piano
terra ed è organizzato dall’Associazione per la
lotta all’ictus Cerebrale (Alice) Cuneo onlus in
collaborazione con la Fondazione Fossano
musica “per portare la musica all’interno del
reparto, convinti che i suoni siano un ottimo
strumento per mediare la frattura tra vita esterna
ed interna all’ospedale». Al termine del concerto
sarà offerto ai presenti un bicchiere di cioccolata
calda densa, adatta . alle persone disfagiche,
che verrà servita anche senza zucchero per
venire incontro a chi ha problemi di diabete.
SAVIGLIANO, GIOVEDI’ 27
I bisogni educativi del piùpiccoli
Saranno presentati giovedì 27 novembre a
Savigliano, i dati emersi dalla prima parte della
ricerca sui bisogni educativi dei bimbi tra 3 e 8
anni realizzata sul territorio dell’Asl Cn1 dalla
cooperativa sociale Insieme a voi di Busca, con la
collaborazione di Alberto Parola del Dipartimento
di filosofia e scienze dell’educazione
dell’Università di Torino. Il convegno “Piccoli
passi: bisogni educativi e territorio” si svolgerà a
partire dalle 14,30 presso la sede saviglianese
dell’Università di Torino in via Garibaldi 6.
«L’obiettivo del convegno è proporre e
condividere modalità di risposta ai bisogni
riscontrati». A questo primo appuntamento sono
invitati i direttori dei servizi di Neuropsichiatria
infantile e dei consorzi socio-assistenziali, gli
operatori che hanno partecipato al progetto, le
associazioni di genitori e chi ha incarichi
istituzionali di responsabilità legati all’educazione;
adesioni entro lunedì 24 novembre al 333/
9385807.
il 24 al Monviso “Donne dentro” di Marzia Pellegrino
Scarpe rosse
Contro la violenza sulle donne
CUNEO – Scarpe rosse alla galleria commerciale Auchan e all’Ipercoop di Cuneo, sabato
22 novembre, “per camminare insieme contro la
violenza sulle donne”.
Proseguono le iniziative
promosse a Cuneo dall’assessorato alle pari
opportunità e dalla Rete
antiviolenza del capoluogo in occasione del
25 novembre, Giornata
internazionale contro la
violenza sulle donne.
Decine di scarpe rosse
saranno disposte nelle
gallerie dei due supermercati per invitare i passanti a riflettere sulle “donne assenti”, i cui passi
sono stati interrotti da una
violenza ingiustificata.
Zapatos rojos ( Scarpe
rosse) è un’iniziativa nata
in Messico nel 2009: l’artista Elina Chauvet ha
voluto dedicare questo
progetto d’arte pubblica
a tutte le donne del suo
paese, rapite, violentate,
uccise. Il colore rosso ne
è il simbolo e sta a indicare la sofferenza, l’umiliazione, il dolore. L’iniziativa è curata dall’associazione Mai+sole, Se non
ora quando? e Telefono
donna. “Scarpe rosse”
anche nelle vetrine dei
negozi della città per iniziativa di molti commercianti.
Domenica 23, nel salone d’onore del Comune in via Roma 28, a partire dalle 17 la scuola
Danzitango by Danzicherie propone “Non sei
sola… danziamo?”, con
raccolta fondi a favore
della Casa Segreta Fiordaliso per donne vittime
di violenza.
“Donne dentro” è il film
documentario della regista Marzia Pellegrino Gastinelli per illustrare sen-
Il Saluzzese in Regione
za filtri il fenomeno della
violenza contro le donne, attraverso le interviste alle vittime: il film sarà
proiettato lunedì 24 novembre, alle 21, al Cinema Monviso.
Martedì 25 novembre,
alle 21 sul palco del teatro Toselli spettacolo di
danza Condizione Donna - Compagnia EgriBiancoDanza.
Giovedì 27 si parlerà
dell’altra faccia della violenza contro le donne:
“Uomini fuori. L’apparenza della forza e le fragilità
dell’uomo violento” è il
tema della serata di riflessione con proiezione
di sequenze cinematografiche dedicata ai comportamenti aggressivi di
certi uomini; un’iniziativa del Gruppo di lavoro
Psicologia e cinema del
Punto informativo di Cuneo dell’Ordine degli
psicologi del Piemonte.
E sabato 29 novembre si farà un balzo indietro nel tempo per parlare
di “Donne e Resistenza:
la memoria sulla pelle”
(alle 17 nel Museo di
Casa Galimberti) e raccontare attraverso video
e testimonianze storie di
donne, sofferenza e violenza quotidiana durante l’epoca fascista.
non per alimentare il business della malattia. Per
fare questo al primo posto
ci deve essere la sanità
territoriale, porta di accesso al sistema che apre
percorsi differenziati per
livelli di complessità organizzativa crescenti. Il sistema nel suo insieme
deve garantire equità, sicurezza e salute. Non si
perderanno posti di lavoro, anzi sarà la strada per
riprendere le assunzioni.
E’ importante che si
comprenda la posta in gioco, ne va della salute e del
denaro di tutti. Chi è fermo
alla difesa di punti nascita
in bacini piccoli o dell’emodinamica con bassi volumi di attività dovrà guardare a chi si è messo in
movimento per tempo,
accettando il concetto di
rete territoriale e dando
servizi nuovi in cambio di
altri non sostenibili o doppioni.
Colibrì: il “bio” si fa in tre
La bottega del commercio equo e solidale
Colibrì di Cuneo organizza “Il bio si fa in tre”, tre
appuntamenti dedicati ad approfondire la
conoscenza con produttori ed esperti del
biologico: venerdì 21 alle 17 Francesco
Manuello, fondatore dell’azienda agricola La
Ghiandaia di Bonvicino, nelle Langhe cuneesi,
racconterà la sua scelta di attività a conduzione
famigliare che produce farine macinate a pietra,
legumi e frutta secca ottenuti con metodi di
agricoltura biologica, garantendo al
consumatore controllo e qualità dalla semina
alla tavola. Al termine dell’incontro
dimostrazione di macinatura a pietra.
Sabato 22, alla stessa ora, la bottega di corso
Dante 33 a Cuneo si trasformerà in laboratorio
sulla biodiversità con la dott. Valentina Ferrai,
botanica specializzata nella biologia dei semi
delle specie alpine che parlerà di “Intelligenza
dei semi”.
Sabato 29, infine, alle 10, l’erborista e
nutrizionista Barbara Giordano sarà a
disposizione dei clienti di Colibrì per
accompagnarli alla scoperta della “biodiversità
a tavola”, tra alghe, miso, tofu, seitan ecc. Gli
incontri sono aperti a tutti e l’ingresso é gratuito.
Per informazioni 0171/634819;
www.coopcolibri.it
Patria della Frisona
Alla città di Saluzzo il premio Italialleva
SALUZZO – Sarà assegnato alla Città di Saluzzo il Premio Italialleva
2014: l’ambito riconoscimento verrà attribuito nel
corso di Allevatorissima,
la festa del latte organizzata dalla sezione Frisona dell’Apa, l’Associazione Provinciale Allevatori,
in programma giovedì 20
novembre alle Cupole di
Cavallermaggiore.
Livio Diale, presidente della sezione Frisona,
sottolinea i successi delle
mostre provinciale e regionale della “bianconera”, che da alcuni anni
sono ospitate al Foro Boario saluzzese: «Nonostante il venir meno dei
contributi pubblici, grazie
all’apporto dell’amministrazione saluzzese con
cui abbiamo siglato un
protocollo di collaborazione, siamo riusciti ad allestire rassegne di alto profilo con la presenza di
campionesse assolute».
Queste dunque le ragioni del Premio Italialleva, che verrà ritirato dal
sindaco Mauro Calderoni e dall’assessore all’agricoltura Francesca
Neberti, ma che idealmente comprende i loro
predecessori, Paolo Allemano e Cinzia Aimone,
ed i componenti della
Fondazione Bertoni che
si fa carico dell’organizzazione. «La Frisona a
Saluzzo ha trovato la sua
casa – aggiunge Diale - il
Marchesato ci porta bene
e la location del Foro boario è straordinaria, per
l’ottima logistica e la qualità dei servizi».
festa sociale dell’Avis Saluzzo
I
donatori
Sanità:
più
generosi
strategie per il futuro
riore a 600.000 abitanti);
negli ospedali di Alba,
Mondovì e Savigliano gli
ospedali sede di DEA 1
livello (bacino di utenza
150.000 abitanti, con una
criticità sotto questo profilo per Mondovì); Bra (fino
alla fusione con Alba nel
nuovo ospedale di Verduno) e Saluzzo ospedali
di territorio (bacino di
80.000 abitanti). L’ospedale di Ceva, insieme a
quelli di Susa, Cuorgnè,
Ovada, avrà la qualifica di
presidio di zona disagiata.
Gli ospedali di territorio, oltre a pronto soccorso 24/24, medicina e chirurgia e servizi correlati
(terapia intensiva-rianimazione, laboratorio, radiologia, fisioterapia,
emoteca), potranno ospitare interventi di oculistica, otorino, urologia, ortopedia, dermatologia, chirurgia vascolare, odontoiatria. Le aree di degenza
in tutti gli ospedali non
saranno più per specialità
ma per intensità di cure.
La medicina territoriale sarà potenziata con
unità di cure primarie a
livello di distretti, inclusive
di attività ambulatoriali
specialistiche, e aggregazioni funzionali di medici
di base a livello sub distrettuale.
Non sarà la solita minestra riscaldata come
qualcuno sostiene. La storia di questi anni ha visto
criteri omogenei applicati
in modo disomogeneo; ha
presentato gli ospedali e
la medicina del territorio
come marginali; ha ceduto alle pressioni delle lobbies territoriali
Occorre capovolgere
l’approccio e allineare
sanità e salute, cioè spendere per produrre salute,
CUNEO, DA VENERDì 21 NOVEMBRE
AGRICOL
TURA La consegna nell’ambit
o di Alle
vat
orissima
nell’ambito
Allev
atorissima
GRICOLTURA
di Paolo Allemano
Settimana cruciale per
la sanità piemontese.
L’assessore regionale
alla sanità è atteso al tavolo romano del ministro
delle finanze dove dovrà
presentare le azioni concrete messe in atto dal
Piemonte per rientrare da
una spesa che da troppi
anni sfonda tutti i tetti programmati: oltre 8 miliardi
di euro l’anno, oltre l’80%
del bilancio regionale e
ancora un disavanzo nel
2013!
Le azioni dovranno
contenere la spesa in 8
miliardi, accantonare dei
fondi per l’edilizia ospedaliera, consentire l’uscita dal piano di rientro alla
fine del 2015 con la conseguente rimozione del
blocco alle assunzioni di
personale, blocco che oggi
sta mettendo in crisi molti
servizi.
La strada che abbiamo intrapreso come governo regionale è semplice: controlli rigorosi dei
conti e centralizzazione
degli acquisti a livello di
quadranti (4 in Piemonte);
tracciatura dei farmaci a
distribuzione ospedaliera;
riordino della rete ospedaliera sulla base dei bacini di utenza e degli esiti,
vale a dire volumi di attività e risultati conseguiti. Una
strada da percorrere a
senso unico, senza indugi.
Non ci saranno le stucchevoli discussioni del
passato sulla gerarchia
degli ospedali; questi saranno tutti parte dello stesso sistema, con funzioni
diversificate in base al
bacino di utenza.
La provincia Granda
avrà nel Santa CroceCarle l’ospedale con tutte
le specialità (DEA 2 livello, bacino di utenza supe-
giovedì 20 novembre 2014
150 donazioni per Secondino Filippa premiato dal
presidente provinciale Avis Giorgio Groppo
SALUZZO – Festa
grande per l’Avis di Saluzzo in occasione del
pranzo sociale annuale
che si è tenuto domenica
16 novembre presso il
ristorante Sarvanot di
Castellar. Il momento
conviviale ha raccolto un
ottimo numero di partecipanti, che hanno fatto
segnare ben 200 coperti. La giornata ha preso il
via con la messa a Maria
Ausiliatrice. Successivamente, durante il pranzo,
è stata consegnata una
BORSA DI STUDIO
Lo Zonta premia Chiara Motta
Venerdì 14 novembre il Politeama ha ospitato la
rappresentazione teatrale “Povero Piero” messa
in scena dagli studenti del liceo Bodoni, con la
regia di Francesco Testa e le musiche dirette da
Flavio Fraire. Prima dello spettacolo il preside
Lorenzo Rubini e la presidente dello Zonta Club
Saluzzo, Nelly De Fazio hanno consegnato mille
euro alla 19enne revellese Chiara Motta, ex allieva del Bodoni al primo anno di odontoiatria, vincitrice del concorso istituito dallo Zonta per incoraggiare le studentesse a partecipare alla vita
pubblica e politica.
targa al presidente Marco Actis Grosso per ringraziarlo del suo impegno quotidiano.
Tra una portata e l’altra sono stati consegnati
attestati e premi per i
donatori che hanno raggiunto importanti traguardi nella loro attività in
seno all’associazione.
Tra i premiati per 150
donazioni figura Secondino Filippa, riconoscimento per le 75 donazioni a Giovanni Donnantuono.
Seguono a quota 50
Paolo Bertacco e Marco
Bertone e a 24 donazioni
Gianfranco Barbero, Bruno Belotti, Luigi Bonansea, Giulio Borgna, Enrico Bosio, Filippo Culasso, Valter Peirone, Alessandro Perotti, Sergio
Massimo Racca e Graziano Zanias. L’oscar
delle generosità 2014 è
andato invece a Vilma
Pasero. «A nome del direttivo e di tutta l’associazione – dichiara Marco
Actis Grosso – ringrazio
tutti i partecipanti alla giornata, sperando di poter
nuovamente trovarci tra
un anno ancora più numerosi». L’attività dell’Avis continua: il prossimo appuntamento pubblico è previsto per Natale con la distribuzione dei
panettoni.
fabrizio scarpi
CARRU’, SABATO 22 NOVEMBRE
Casa museo della Piemontese
CARRU’ - Sarà il ministro dell’agricoltura Maurizio
Martina a tagliare il nastro inaugurale della prima casamuseo dedicata a una razza bovina italiana, quella
Piemontese. L’appuntamento è per sabato 22 novembre, nella sede dell’Anaborapi (l’associazione nazionale della Razza Piemontese) a Carrù.
Tra antiche memorie e l’attualità zootecnica, fatta di
tecnologia e sperimentazione genetica di alto livello,
la narrazione della Piemontese si sviluppa all’interno
della Casa-museo rivelando i segreti del Fassone e di
una carne fra le più pregiate al mondo per caratteristiche nutrizionali e gastronomiche.
Il programma della giornata di sabato 22 novembre
prevede, alle 10, una tavola rotonda con il ministro
Martina sul tema della carne e delle razze bovine
autoctone. Parteciperanno l’assessore regionale all’agricoltura Giorgio Ferrero, i vertici di Anaborapi e del
Consorzio Coalvi, i rappresentanti del mondo allevatoriale e i sindacati di categoria. L’inaugurazione si
svolgerà verso mezzogiorno, seguita dalla prima visita
ufficiale.
o. f.
7
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
27
File Size
429 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content