close

Enter

Log in using OpenID

2014. Insieme News numero 02

embedDownload
Cuneo
Confcooperative Cuneo
Newsletter web della Confcooperative Unione Provinciale di Cuneo • 31 gennaio 2014 • Numero 2
NOTIZIE ISTITUZIONALI
Confcooperative Cuneo al Road Show “Italia per le imprese”
Corsi di formazione finanziati nel campo della sicurezza – ANNO 2014
E’ “Made in Piemonte” la brand-identity della space-area ortofrutticola piemontese a Fruit
Logistica
Condifesa Cuneo: tre incontri rivolti ai produttori agricoli ed agli agenti di assicurazione
NOTIZIE DALLE COOPERATIVE - EVENTI
Cooperativa Operatori Sociali COS: ciclo di incontri gratuiti per i familiari dei malati di Alzheimer
Un 2013 di solidità per Banca d'Alba
Corsi di guida sicura
FUORI DALLA GRANDA HANNO FATTO…
APPASSIONATI PER LA COOPERAZIONE
Giuseppe Gramaglia
LINK UTILI AI COOPERATORI
NOTIZIE ISTITUZIONALI
Confcooperative Cuneo al Road Show “Italia per le imprese”
Il 27 gennaio u.s. presso la Città Studi di Biella si è tenuta la prima
tappa del Road Show per l’Internazionalizzazione, giornata di
incontro e condivisione tra il mondo imprenditoriale e le Istituzioni
pubbliche e private preposte all’internazionalizzazione.
L’evento è stato organizzato dalla Cabina di Regia per l’Italia
Internazionale, composta dal Ministero degli Affari Esteri, il Ministero
dello Sviluppo Economico, Simest, Sace, ICE Agenzia e l’Alleanza
delle Cooperative Italiane.
All’iniziativa, aperta a tutte le piccole-medie imprese di Piemonte e
Valle d’Aosta interessate ad
intraprendere un percorso di
internazionalizzazione, ha partecipato anche una delegazione di Confcooperative Cuneo guidata dal
Presidente provinciale Domenico Paschetta, dal Responsabile Relazioni Industriali Maurizio Fantino e da una
significativa presenza di cooperative dei settori agroindustriale e produzione lavoro e servizi.
Qualora interessati ad acquisire la documentazione consegnata al meeting, potete mettervi in contatto con
il Responsabile Relazioni Industriali di Confcooperative Cuneo – dott. Maurizio Fantino – tel. 0171/451713 –
mail: [email protected]
Corsi di formazione finanziati nel campo della sicurezza – ANNO 2014
Sono stati definiti per l’anno 2014 i calendari dei corsi aventi ad oggetto la sicurezza sul lavoro soggetti a
finanziamento tramite i Piani Formativi per la Sicurezza della Provincia di Cuneo organizzati da
Confcooperative Cuneo in collaborazione con l’Agenzia Formativa I.Re.Coop Piemonte.
Di seguito le proposte:
• AGGIORNAMENTO R.L.S. (4 ore ): 2^ edizione: martedì 15 aprile 2014 in orario 14.00-18.00, scadenza
preiscrizioni: 21 febbraio2014; 3^ edizione: lunedì 24 novembre 2014 in orario 14.00-18.00, scadenza
preiscrizioni: 26 settembre 2014— costo € 8,80 ( esente IVA art.10)
• AGGIORNAMENTO R.L.S. (8 ore): 2^ edizione: mercoledì 16 aprile 2014 in orario 9.00-13.00 e 14.0018.00, scadenza preiscrizioni: 21 febbraio2014; 3^ edizione: mercoledì 26 novembre 2014 in orario 9.0013.00 e 14.00-18.00, scadenza preiscrizioni: 26 settembre 2014 — costo € 26,40 (esente IVA art.10)
• AGGIORNAMENTO R.S.P.P. per Datori di Lavoro - attività a rischio basso (8 ore): 2^ edizione: martedì 6
maggio 2014 in orario 9.00-13.00 e 14.00-18.00, scadenza preiscrizioni 13 marzo 2014; 3^ edizione:
martedì 2 dicembre 2014 in orario 9.00-13.00 e 14.00-18.00, scadenza preiscrizioni 9 ottobre 2014 - costo
€ 17,60 (per piccole imprese); € 26,40 (per medie imprese) – (costi esenti IVA art.10)
• AGGIORNAMENTO R.S.P.P. per datori di lavoro - attività a rischio medio e alto - (16 ore): 2^ edizione:
mercoledì 7 e mercoledì 14 maggio 2014 in orario 9.00-13.00 e 14.00-18.00, scadenza preiscrizioni 13
marzo 2014; 3^ edizione: mercoledì 3 e mercoledì 10 dicembre 2014 in orario 9.00-13.00 e 14.00-18.00,
scadenza preiscrizioni 9 ottobre 2014; costo € 35,20 (per piccole imprese); € 52,80 (per medie imprese) (costi esenti IVA art.10)
• R.L.S. Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza—32 ore: i giorni martedì 4,11,18,25 e venerdì
7,14,21,28 novembre 2014 in orario 9.00-13.00, scadenza preiscrizioni 12 settembre 2014; costo 70,40 €
(per piccole imprese); € 105,60 (per medie imprese).- (costi esenti IVA art.10)
Per informazioni e iscrizioni è possibile contattare l’Area Sindacale – Servizio Europrogetti e Formazione
nella persona della dott.ssa Roberta Rallo tel: 0171/451738 – mail: [email protected] – fax:
0171/451734
E’ “Made in Piemonte” la brand-identity della space-area ortofrutticola piemontese a Fruit
Logistica
Un colpo d’occhio di grande appeal, quello che caratterizzerà l’importante presenza del Piemonte
ortofrutticolo alla 22ma edizione di Fruit Logistica, la rassegna internazionale di riferimento per l’intera
filiera di frutta e ortaggi, in programma dal 5 al 7 febbraio prossimi a Berlino.
Sotto il brand “Made in Piemonte”, circa 20 aziende tra le più rappresentative del territorio regionale
animeranno un’area di oltre 200 mtq, realizzata grazie al sostegno dell’Assessorato all’Agricoltura della
Regione Piemonte, unitamente al FEASR-Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale, con il
coordinamento organizzativo di Assortofrutta (l’Associazione dei Consorzi per la valorizzazione e tutela delle
produzioni ortofrutticole a marchio collettivo della provincia di Cuneo e del Piemonte), in collaborazione con
Fedagri-Confcooperative Piemonte e Cuneo.
In tale occasione, non poteva non godere di una visibilità esclusiva la Mela Rossa Cuneo, nella sua prima
uscita internazionale ufficialmente griffata della nuova IGP-Identificazione Geografica Protetta: a colpo
1
d’occhio, un brivido rosso che accende la scena con una personalizzazione che inebria e sa di casa. Il trionfo
della “diva rossa” di Cuneo, oltre a portare luce tra le sagome che delimitano gli habitat delle varie imprese,
evidenzia quelle aziende già in possesso della certificazione sulla produzione, che esprime
complessivamente una superficie totale certificata di circa 800 ettari, con un potenziale produttivo
complessivo di circa 48 mila tons.
In questa geometria vintage legata alle
produzioni tradizionali del territorio - unite alle
avanguardie d’innovazione tecno-varietale del
settore presentate dalle imprese espositrici non manca però un comune pensare all’evento
italiano che esprimerà la rivoluzione culturale
della green-economy, come commenta il
presidente di Assortofrutta e del Consorzio di
Tutela della Mela Rossa Cuneo IGP, Domenico
Sacchetto: “Se Berlino rappresenta un
appuntamento quasi istituzionale con il
mercato ortofrutticolo mondiale, a Expo 2015 di Milano guardiamo come all’evento-riscatto verso gli altri
Paesi della Comunità Europea, grazie al quale ci aspettiamo di rilanciare l’identità produttiva del nostro
territorio per rinnovare il modello agricolo legato al Made in Italy. “Mission possible”, se la Regione
Piemonte confermerà una regia e un adeguato sostegno economico a questa sfida di competitività e
visibilità internazionale per l’agricoltura locale in un contesto sempre più globale, in cui l’ortofrutta
rappresenta certamente un player strategico.”
Come da tradizione, il “Made in Piemonte” farà da file-rouge alle degustazioni previste nell’arco della tregiorni berlinese, con un ricco banqueting allestito nei due poli dell’area espositiva, a cura dell’Istituto
Alberghiero di Dronero, sotto l’expertise dello chef Mauro Prato e della sommelier della frutta Romina
Baratta, insieme ai giovani allievi della scuola Noemi Giraudo e Giacomo Barucco. La nuova linea sottovetro
di Cascina Valledoglio di Neive – interamente dedicata a prodotti a base di frutta e verdure piemontesi –
arricchirà di localismo i menù in programma con antipasti e sfiziosità tradizionali, contorni grigliati e
sott’olio, salse, bagnetti, creme, mostarde e composte, con un’attenzione speciale alla Pera Madernassa, il
poliedrico frutto roerino che sarà oggetto di promozione da parte del Comune di Guarene, ufficialmente
presente nello spazio Piemonte.
Oltre alla rassegna più rappresentativa dell’agroalimentare cooperativo piemontese - con salumi, formaggi,
dolci tradizionali, vini doc e docg offerti da Fedagri Piemonte - l’edizione 2014 dedicherà un inedito
“maritaggio” tra la Mela Rossa Cuneo IGP e il Prosciutto Crudo Cuneo DOP a marchio “Salumeria
GranDock”, offerto dalla storica azienda Carni Dock di Lagnasco (produttore autorizzato dal Consorzio di
Tutela). Un prodotto di pregio altamente locale, proposto secondo un rituale di produzione tramandato dal
1630 grazie all’attitudine all’allevamento dei suini e alla lavorazione delle loro carni che da secoli esprime la
zona di produzione di questo gioiello della salumeria. Ma anche una tradizione garantita dall’esclusiva
lavorazione artigianale a filiera corta, dall’autenticità del marchio a fuoco, dal microclima propedeutico alla
stagionatura e dalla naturalezza del sale marino utilizzato. Ecco perché il “Made in Piemonte” a Fruit
Logistica sarà sinonimo di un’agricoltura di eccellenza di ieri, oggi e… domani!
Per info Assortofrutta Tel. 0175/282311- Fax 0175/282320 – mail: [email protected] – sito:
www.assortofrutta.eu
FB fanpage “Mela Rossa Cuneo IGP”: https://www.facebook.com/pages/MELA-ROSSA-CUNEOIGP/605193349531244?fref=ts
Elenco degli espositori presenti nell’area “MADE IN PIEMONTE”:
STAND B-01
Eden Fruit (Saluzzo)
Cooperativa Jolly (Verzuolo)
Cooperativa Ponso (Saluzzo)
VM Marketing – Vanzetti Fruit (Savigliano)
F.lli Castellino (Villanova Mondovì)
Cascina Valledoglio – Centogum (Neive)
STAND B-O2
Area Assortofrutta-Consorzio di Tutela della Mela Rossa Cuneo IGP con le 4 OP-Organizzazioni di
Produttori associate: Piemonte Asprofrut (Lagnasco), Lagnasco Group (Lagnasco), Ortofruit Italia
(Saluzzo) e Albifrutta (Costigliole Saluzzo)
Rivoira Spa (Verzuolo)
Kiwi Uno (Verzuolo)
RK Growers (Saluzzo)
Sanifrutta (Costigliole Saluzzo)
2
-
Aurum Fruit (Costigliole Saluzzo)
AsProPat (Castelnuovo Scrivia)
Sepo (Revello)
Condifesa Cuneo: tre incontri rivolti ai produttori agricoli ed agli agenti di assicurazione
Il Condifesa di Cuneo, che assicura in provincia di Cuneo oltre 200 milioni di valore delle produzioni
agricole contro gli eventi atmosferici, in vista dell’imminente inizio della campagna assicurativa, organizza
sul territorio provinciale tre incontri aperti a tutti i produttori agricoli (associati e non associati), agenti di
assicurazione e loro collaboratori per i seguenti giorni: sabato 8 febbraio a Cuneo (presso la Sala Incontri
della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo in via Roma); mercoledì 12 febbraio a Lagnasco (presso la
sala della Piemonte Asprofrut in Via Praetta 8), giovedì 13 febbraio ad Alba (presso la Sala Beppe Fenoglio
in Via Vittorio Emanuele 19). All’incontro di Cuneo è prevista la presenza dell’Assessore regionale
Sacchetto.
Per info Condifesa Cuneo tel. 0171/66276
NOTIZIE DALLE COOPERATIVE - EVENTI
Cooperativa Operatori Sociali COS: ciclo di incontri gratuiti per i familiari dei malati di Alzheimer
La Cooperativa operatori sociali COS di Alba aderente a Confcooperative Cuneo, organizza un ciclo di
incontri gratuiti, individuali o di gruppo a seconda delle esigenze, rivolti ai familiari dei malati di Alzheimer.
Le sedute, realizzate grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, saranno condotte da
una psicologa della cooperativa, dott.ssa Miranda Bessone, e hanno quale obiettivo quello di supportare i
familiari dei malati di Alzheimer dal proprio carico emotivo; l’intento è infatti quello di sviluppare nei
familiari impegnati nell’assistenza un insieme di strategie per far fronte all’evolversi della malattia, causa di
un peggioramento della qualità della vita e della salute psicofisica dei familiari stessi.
Per info è possibile contattare la Cooperativa Operatori Sociali nella persona della dott.ssa Miranda Bessone
cel. 335/6963821 – mail: [email protected]
Un 2013 di solidità per Banca d'Alba
La mattina di venerdì 24 gennaio u.s., sono stati presentati gli importanti risultati conseguiti da Banca
d'Alba nel corso dell'anno passato.
Banca d'Alba chiude l'esercizio 2013 con risultati estremamente soddisfacenti, che ne confermano la solidità
ed il ruolo di banca di riferimento nei territori di competenza.
Nel corso della riunione del 24 gennaio, il presidente di Banca d'Alba Felice Cerruti, riferendosi agli ottimi
risultati conseguiti dall'Istituto bancario da lui guidato, ha voluto lanciare un messaggio di speranza ai Soci
ed ai Clienti della Banca, dichiarando: "Crediamo nella ripresa, investiamo nel futuro insieme".
I volumi complessivi di Banca d'Alba raggiungono i 7,8 miliardi di euro, grazie soprattutto alla raccolta che
supera i 5 miliardi di euro (+7%), a riprova della fiducia crescente riposta in Banca d'Alba dai clienti,
aumentati di 5.000 unità nell'esercizio per un totale di 126.000, e dai Soci, che sono ormai 45.000, dato
che consolida Banca d'Alba al primo posto in Italia nel Credito Cooperativo e che la porta ad essere la più
grande compagine sociale italiana, grazie alle 2.544 nuove entrate, di cui 1.060 sono giovani under 30.
La crescita della banca di riferimento locale non può prescindere da una grande attenzione verso le aziende
e le famiglie del territorio in questo momento difficile dell'economia; è proseguita infatti l'azione di sostegno
del credito e dei progetti meritevoli: sono stati stipulati 3.902 nuovi mutui per un valore di 242 milioni di
euro, di cui 922 nuovi mutui casa (in aumento rispetto al 2012) erogati alle famiglie per oltre 99 milioni di
euro. Sono state accolte 269 richieste di moratoria, 50 in più rispetto al 2012.
Gli impieghi complessivi si attestano a 2,83 miliardi di euro, in calo del 2,9% rispetto all'esercizio
precedente, ma in un contesto dove la media nazionale si attesta a -4%.
In un anno particolarmente impegnativo per tutte le aziende, e dopo accantonamenti molto prudenziali ed
una visita ispettiva della Banca d'Italia durata 3 mesi ed appena conclusa, l'utile netto di esercizio si attesta
sui 6 milioni di euro.
II patrimonio di vigilanza, elemento fondamentale per garantire la Banca, supera i 321 milioni di euro, a
conferma della ottima solidità patrimoniale di Banca d'Alba.
Il positivo risultato economico è ottenuto pur mantenendo condizioni economiche di favore soprattutto nei
confronti dei Soci, attraverso un'azione di razionalizzazione delle risorse e di contenimento dei costi.
Corsi di guida sicura
Hanno preso il via lo scorso novembre, con successo, i corsi di guida sicura organizzati dall’ex pilota di rally,
due volte Campione d’Italia, Mauro Pregliasco.
Come da scheda allegata di seguito, i corsi proseguiranno nei prossimi mesi con una calendarizzazione
3
prefissata e pensata per rispondere alle esigenze anche degli amici cooperatori.
Qualora interessati alla partecipazione potete mettervi in contatto con il Responsabile Relazioni Industriali di
Confcooperative Cuneo – dott. Maurizio Fantino – tel. 0171/451713 – mail: [email protected] –
al fine di poter usufruire delle agevolazioni appositamente studiate per gli associati di Confcooperative
Cuneo.
4
FUORI DALLA GRANDA HANNO FATTO…
…C’è qualcuno che rimpiange lo spirito autentico degli sport invernali e si sorprende per il costo di uno
skipass o di una settimana in un grande villaggio? O che abbia fatto una coda di 30 minuti alla seggiovia
prima di scendere su una pista strapiena di sciatori, schivando cannoni per l’innevamento artificiale?
Proprio il desiderio di tornare al vero spirito che anima lo sci, ovvero l’amore per la montagna e per la
natura, è l’obiettivo che ha animato l’iniziativa intrapresa dai residenti di Terrace, nella regione della
Columbia Britannica, a 1.500 km a nord di Vancouver, Canada.
Nel
gennaio
2013
sono
diventati
gli
orgogliosi
proprietari
della
loro
montagna, Shames Mountain,
rendendola
la
prima
cooperativa non-profit di sci
del Canada.
My
Mountain
Coop
(www.mymountaincoop.ca) è
stata costituita nel 2010 sulla
base di “Amici di Shames”, un
gruppo istituito per creare un modello di business che potesse assumere la proprietà degli impianti (che
erano stati in vendita per un decennio) e salvarli da una chiusura altrimenti certa. Imprese locali, individui e
famiglie si sono associati alla cooperativa e, attraverso vari altri schermi di raccolta fondi, sono riusciti a
raccogliere la cifra necessaria per l’acquisto, 360.000 dollari canadesi.
Shames non è un resort sciistico: non ha alberghi, nessun bar sfarzoso, ristoranti o negozi che vendono
capi di alta moda. Ha due seggiovie, uno skilift e uno spaccio dove è possibile acquistare cibo e bevande e
noleggiare attrezzature. Dispone però di 480 centimetri di neve ogni anno, contro i 469 centimetri medi del
mega-resort di Whistler. “Siamo abbastanza viziati – ha detto David Jepheson, un membro della My
Mountain Coop – Non abbiamo impianti veloci, ma abbiamo una quantità enorme di neve e piste a livello
mondiale, qui è molto bello”.
Fino a poco tempo fa c’era solo un volo al giorno da Vancouver fino a Terrace; Air Canada ora ne gestisce
34 a settimana, rendendo il sito più accessibile ai visitatori. “La gente di solito arriva da noi solo quando c’è
nebbia da qualche altra parte – ha aggiunto Jephson – ma una volta che sciano qui sono conquistati per
sempre”.
I turisti pernottano a Terrace, guidano ogni giorno 20 minuti per andare a sciare e pagano lo skipass 30
dollari canadesi. La montagna è gestita da volontari che fanno di tutto, dalla pittura degli steccati alla
manutenzione dei macchinari.
“La proprietà comunitaria dei comprensori sciistici crea un notevole orgoglio – ha dichiarato il direttore
generale, Christian Theberge -. Le persone tendono a prendersi più cura di ciò che è loro. Permette anche ai
soci di partecipare attivamente ai miglioramenti e capire davvero che cosa rende la loro terra un luogo
magico”.
E la magia sembra destinata a diffondersi. Il modello cooperativo sta generando interesse tra le altre
comunità montane e My Mountain Coop riceve sempre più richieste su come replicare il modello.
(Fonte: Italia Cooperativa)
APPASSIONATI PER LA COOPERAZIONE
Giuseppe Gramaglia
L’associazionismo e la cooperazione ortofrutticola nel Saluzzese ha una storia antica e nobile (si veda, per
esempio, il libro di Attilio Ianniello, “I frutteti del Monviso. Lo sviluppo della frutticoltura nel Saluzzese:
uomini, associazioni e cooperative”).
L’odierna compagine associativa e cooperativistica saluzzese nasce negli anni Sessanta del XX secolo dalla
volontà di alcuni imprenditori agricoli di costruirsi magazzini e frigoriferi in condominio. Tra le diverse realtà
di questo tipo nate in quegli anni ricordiamo la “Magazzini Produttori Riuniti” (sorta nel 1960 nella frazione
Falicetto di Verzuolo), la “Frutticoltori Associati Lagnaschesi” (sorta nel 1960 a Lagnasco) e la “Frutticoltori
Associati di Costigliole Saluzzo” (sorta nel 1961). Le forme condominiali «rappresentano l’applicazione agli
impianti di conservazione di principi dei condomini edilizi. Il condominio dei magazzini e dei frigoriferi, a
somiglianza di quanto avviene nei condomini delle case, presuppone la proprietà esclusiva dei soci di certe
parti e la proprietà comune di altre. Sono oggetto di proprietà esclusiva le celle frigorifere; di proprietà
5
comune il suolo su cui sorgono gli edifici, le fondazioni, i muri maestri, i tetti, le parti dell’edificio necessarie
agli usi comuni, i locali degli addetti, le opere, le installazioni, i manufatti di qualunque genere che servano
all’uso ed al godimento comune come pozzi, cisterne, acquedotti, gli impianti dell’energia elettrica e di
refrigerazione e simili sino al punto di diramazione ai locali di proprietà esclusiva dei singoli condomini. Il
condominio presuppone la rappresentanza dei singoli proprietari in base alle quote di proprietà. Nel caso dei
condomini ogni produttore commercia la propria merce. Sono in gestione comune solo l’esercizio di certi
servizi e in primo luogo quello del raffreddamento delle celle» (Cfr. Carlone Raffaele, La cooperazione nella
frutticoltura piemontese, Associazione Piemonte Italia, Torino, 1966, pp. 34-35).
Tra i protagonisti di questa pagina di storia all’ombra del Monviso troviamo Giuseppe Gramaglia (1931 –
2007) che promosse a Lagnasco il 15 dicembre 1960 la “Frutticoltori Associati Lagnaschesi”: «Dopo averne
parlato con l’amico Tommaso Astesana, che mi esorta a proseguire nella mia idea, mettiamo in piedi la
prima centrale frigorifera. Si chiamerà Fal lotto A e nascerà con l’adesione di 38 frutticoltori. Questa
realizzazione beneficerà dei finanziamenti del Piano Verde allora istituito. È un esempio che contagerà altri
produttori, così nascerà la Fal lotto B con altre 18 celle da oltre 3mila quintali l’una e relativi magazzini di
lavorazione» (Giuseppe Gramaglia, relazione letta il 4 aprile 2003 nel corso di “Fruttinfiore” a Lagnasco).
Lo spirito associativo di Giuseppe Gramaglia non si fermava a questa prima realizzazione.
Il ragioniere Giuseppe Gramaglia e il suo amico Tommaso Astesana, vollero fare un ulteriore passo di fronte
alle enormi difficoltà di commercializzazione.
Infatti crescendo i volumi di merce da immettere sui mercati ma essendo la piazza controllata da pochi
commercianti locali e da ditte private emiliane che giocavano al ribasso dei prezzi, si avvertiva il bisogno di
una maggiore informazione sul costo reale della frutta nei vari mercati di Torino, Milano ecc.
A questo proposito Giuseppe Gramaglia prese contatto con il neonato Ortocis, il primo centro internazionale
per gli scambi ortofrutticoli, ospitato nel palazzo degli Affari al Mercato Ortofrutticolo all’Ingrosso di Milano.
Precedentemente per far nascere una mentalità cooperativistica si erano organizzati tra i frutticoltori viaggi
per visitare cooperative, prima in Emilia Romagna e poi in Inghilterra.
Finalmente nel 14 dicembre 1968 ventinove soci costituirono la Cooperativa Agricola Lavorazione,
Conservazione, Esportazione Frutta del Lagnaschese – Cooperativa Lagnasco Frutta.
Il secondo passo dopo la costituzione fu di cercare finanziamenti; Giuseppe Gramaglia chiese ed ottenne un
aiuto dalla Cassa di Risparmio di Saluzzo. Successivamente si cercò il terreno su cui edificare i magazzini
della cooperativa, ed anche in questo caso la fortuna aiutò i novelli cooperatori, che riuscirono ad acquistare
un’area vicino al cimitero di Lagnasco. Attendendo di avere magazzini propri, l’azienda iniziò a lavorare in
via sperimentale nell’estate 1972 nel Centro Polivalente di Cussanio, del quale parleremo in seguito, dove
continuò la sua opera anche nell’anno successivo, e nell’autunno 1974 finalmente inaugurò il proprio
stabilimento in Lagnasco dove tuttora opera, avendo nel corso del tempo ampliato e modernizzato gli
impianti, grande soddisfazione dei soci.
Giuseppe Gramaglia quindi con la sua passione e la sua dedizione al territorio e alla frutticoltura ha
contribuito a costruire una mentalità cooperativistica e imprenditoriale che caratterizza il Saluzzese.
LINK UTILI AI COOPERATORI
Note & Commenti - Fatturato e marginalità negli anni della crisi
È on line sul sito nazionale di Confcooperative www.confcooperative.it il numero IX di “Note & commenti” il
working paper statistico-economico realizzato dagli uffici studi di Confcooperative, Legacoop e Agci per
l’Alleanza delle Cooperative Italiane dedicato a “Fatturato e marginalità negli anni della crisi”.
Negli anni della crisi la crescita (sebbene sofferta e diseguale) del fatturato aggregato dell’insieme delle
imprese che fanno riferimento all’Alleanza delle Cooperative Italiane non trova riflesso in una dinamica
altrettanto positiva dei margini e della redditività. In particolare, sia il margine operativo lordo aggregato
sia il risultato d’esercizio aggregato delle cooperative attive tra il 2012 e il 2008 registrano una sostenuta e
generalizzata contrazione.
Nel complesso il fatturato aggregato delle cooperative attive è sceso del -1,2% tra il 2009 e il 2008. Tra il
2010 e il 2009 il fatturato è tornato a salire e la crescita si è attestata al +3,8%. Tra il 2011 e il 2010
l’aumento del fatturato si è attestato al +6,2%. Infine, tra il 2012 e il 2011 l’incremento del fatturato,
inferiore a quello dell’inflazione, non è andato oltre il +0,6%.
Clicca il link seguente per accedere al IX numero di Note & Commenti ed agli altri studi:
http://www.confcooperative.it/C13/C11/Area%20Studi/default.aspx
6
Confcooperative Unione Provinciale di Cuneo
Via Cascina Colombaro, n. 56
12100 Cuneo
Cod. Fisc. 80008950042
Area Sindacale – Servizio Stampa
Tel 0171/451736 – Fax 0171/451734
E-mail: [email protected]
Sito Internet: http://www.cuneo.confcooperative.it
Presidente Confcooperative Cuneo
Domenico Paschetta
Direttore Generale Confcooperative Cuneo
Massimo Gallesio
Invitiamo le Cooperative associate a segnalarci gli avvenimenti che prossimamente le caratterizzano per darne
visibilità all’intero sistema Confcooperative ed ai giornali locali.
Confcooperative Cuneo gradirebbe essere citata dai mezzi di comunicazione che ricevono ed estrapolano notizie dalla
pubblicazione inviata.
7
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
830 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content