TORINOSETTE | Arte

Arte
Lunedì 02 Marzo 2015
IVREA - CRISTINA CANCELLARA E ROSSANA CHALLANCIN AL CASTELLO DI SALE
Mostra di Cristina cancellara e Rossana Challancin, a cura di ArteInFuga. Orario: lunedì
14.30-19.00; dal martedì al sabato 9.30-19.00. Info: [email protected] http://arteinfuga.blogspot.it/
fino al 05/03/2015
ore 18:00
Ivrea (TO)
Via dei Patrioti 14
KIRIL HADZHIEV DA FRANZ PALUDETTO
Personale di Kiril Hadzhiev. Sono enigmi visivi e ironici a incuriosire e solleticare lo spettatore,
che il più delle volte si avvicina alle opere di Kiril Hadzhiev con la sensazione di dover risolvere
un rebus. Sculture in marmo bianco, contraddistinte da un nitore cristallino, accostate o
alternate a semplici objets trouvés articolano le argute sciarade che l'artista mette in scena,
nell'intento di dare rappresentazione visiva a temi filosofici come a suggestioni letterarie. Ogni
opera racchiude in sé, stratificati in vari layers, molteplici riferimenti a libri, a testi di filosofia
come a interrogativi superiori che da secoli attendono ancora una risposta. A dispetto del loro
aspetto lieve, quasi giocoso, sono la sintesi e la convergenza di alcune riflessioni scaturite
dallo studio e dagli interessi del loro artefice, come anche dalla volontà di fare scultura non nel
senso tradizionale del termine, seppur utilizzando ancora nella maggior parte delle opere un
materiale classico. Orario: da giovedì a sabato 15-19 o su appuntamento. Info: 011.4546390 [email protected] - www.franzpaludetto.com
fino al 05/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Stampatori 9
"MANI. SOSTANTIVO FEMMINILE PLURALE" ALLA BIBLIOTECA CIVICA GINZBURG
Nell'ambito degli appuntamenti organizzati per la Giornata della Donna, allestimento della
mostra fotografica "Mani. Sostantivo Femminile Plurale", ideata e realizzata dall'autrice del
Concorso Lingua Madre Brunella Pernigotti per raccontare le abilità e l'umanità delle mani
delle donne. Ad accompagnare l'esposizione, i racconti tratti dalle antologie del Concorso
Lingua Madre (Ed. SEB27).
fino al 05/03/2015
ore 10:00
Torino
Via Lombroso 16
BRUNO BORDOLI ALLA LIBRERIA BELGRAVIA
"Alla faccia", pitture su carta di Bruno Bordoli. Catalogo con didascalie poetiche di Gilberto
Isella. Orario: dal lunedì al sabato 9,30-13 e 15,30-19,30. Info: 011.3852921 - 347.5977883
[email protected]
fino al 06/03/2015
ore 17:30
Torino
Via Vicoforte 14/D
TORINOSETTE | Arte
1 / 195
Arte
"PROGRESSIVA ART EXHIBITION" ALLO SPAZIO COLOMBO ART DESIGN
"Progressiva Art Exhibition", a cura di Max Ponte ed Enrica Merlo. In mostra lavori di Angelo
Barile, affiancato da undici artisti emergenti, selezionati attraverso un "call for artists": Sabina
Kolici (Torino); Daniele Sturiale (Torino); Renata Olivetto (Meledugno-Lecce); Elena Bordina
(Torrazza Piemonte); Sabrina Campagna (Salerno); Francesca Marzo (Bergamo); Mercedes
Pitzalis (Cagliari); Sandra Martinatto (Torino); Nella Parigi (Moncalieri); Raffaella Pasquali
(Torino); Carla Scudieri (Verolengo-Torino). Info: [email protected] - 334.7410978
fino al 06/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Trofarello 13
IVAN CAZZOLA ALLA BURNING GIRAFFE ART GALLERY
"Ivan Cazzola. NYC", a cura di Giuseppe Savoca. Il ritratto di una delle città più affascinati del
mondo che, tra bianchi e neri e luci accecanti, attrae come un magnete chiunque le orbiti
attorno. Come nessun altro posto al mondo, New York City rappresenta, con il suo stile unico,
la metafora della società contemporanea e il fotografo Ivan Cazzola ne cattura lo spirito
attraverso il suo occhio puro, privo di mediazioni, registrandone gli umori contraddittori della
"strada", dove splendore e terrore convivono insieme. Negli scatti presentati in questa mostra,
rappresentativi di tutta la sua ricerca artistica, è evidente come una certa dualità stilistica ed
estetica rappresenti un vero e proprio marchio di fabbrica dell'artista. Sia che si tratti degli
iconici ritratti a personaggi, quali: Orlando Bloom, Joan As Police Woman, Dave Timson, Mik
Lennard, OK GO, Yohji Yamamoto, XX, These New Puritans, Juliette Lewis, Mark "The Gonz"
Gonzales e Charlotte Free, o il lavoro maggiormente documentaristico sulla contro-cultura
giovanile, o, ancora, gli scatti per la moda, possiamo ritrovare la stessa visione audace, a volte
quasi impertinente, ma allo stesso tempo profonda ed evocativa. Ivan Cazzola ha accumulato
nel corso degli anni una grande esperienza, collaborando con magazine (Vogue, Dazed &
Confused, i-D) e fashion labels, tra Milano, Londra, Parigi e New York, approdando anche al
video come director di alcuni short movies. Con i suoi scatti ha esplorato mondi diversi tra loro,
da una realtà vicina e autobiografica, agli scatti di modelle, artisti, rock bands, star del cinema,
gangster, borghesi decadenti, il tutto con una costante stilistica attraverso un occhio spesso
intimo, a volte insolente, ma sempre iconico e provocativo. Nel 2010 è stato designato dalla
rivista Dazed & Confused come uno dei fotografi più interessanti nel panorama internazionale.
Orario: dal martedì al venerdì 15-19; sabato 15:30-20. Info: www.bugartgallery.com [email protected] - [email protected] - 011.5832745 - 347.7975704
fino al 07/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Bava 8/A
TORINOSETTE | Arte
2 / 195
Arte
LAVINIA RACCANELLO ALLA GALLERIA MOITRE
"Not a position, but a proposition", personale di Lavinia Raccanello, artista e attivista italiana
che vive tra la Scozia e l'Italia. Il suo lavoro si concentra sulla relazione tra gli esseri umani, la
società e la giustizia sociale, con una particolare enfasi sul potere della dialettica e della
pratica partecipatoria, e il conflitto tra potere statale ed autonomia e responsabilità personale.
Suoi lavori sono stati esposti in Italia, Scozia, Irlanda, Spagna, Stati Uniti, Cile ed India. Per
questa nuova personale l'artista ha lavorato alla creazione di più di duecento bandiere,
corrispondenti agli Stati indipendenti del mondo. Di questi, centonovantatrè sono membri
dell'ONU, due sono osservatori permanenti all'ONU ed uno ne è ex membro. Sono inoltre
presenti nove Stati che, vantando sovranità territoriale, hanno dichiarato la propria
indipendenza ottenendo un limitato o, in alcuni casi, alcun riconoscimento internazionale. Per
cucire le bandiere è stata utilizzata stoffa nera che in alcuni casi riporta ricami neri su nero.
Nero su nero: queste bandiere rappresentano una dopo l'altra la negazione di tutte le
bandiere. Orario: mercoledì-sabato 16-19. Info: www.galleriamoitre.com [email protected] - 340.5172587 - 338.1426301
fino al 07/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Santa Giulia 37 bis
TORINOSETTE | Arte
3 / 195
Arte
SAN SECONDO DI PINEROLO - "SAN SEBASTIANO" AL CASTELLO DI MIRADOLO
"San Sebastiano. Bellezza e integrità nell'arte tra Quattrocento e Seicento", mostra dedicata a
San Sebastiano, curata da Vittorio Sgarbi. Vittorio Sgarbi e Antonio D'Amico hanno
selezionato circa quaranta capolavori, dal Rinascimento al Seicento inoltrato. Il percorso
prende avvio con Andrea della Robbia che modella l'anatomia del giovane Sebastiano con
grande raffinatezza, levigando le membra con la terracotta invetriata. Si prosegue con uno
sguardo nella Venezia del Quattrocento, dove Carlo Crivelli interpreta con grande
suggestione, tra la laguna e le Marche, la figura di un giovanetto nudo e invaso dalle frecce.
Sul suo viso compare la smorfia: è l'uomo del Rinascimento con le sue passioni e le sue
aspettative sul mondo e nel futuro. Ludovico Carracci interpreta il secolo della grande Riforma
Cattolica mostrandoci un atleta gentile che cita passi di danza e si muove leggiadro nei
meandri della fede. Lo splendido paesaggio è la scena suggestiva che ospita la Vergine col
Bambino e uno statuario Sebastiano, dipinto da Paris Bordon, che ci guarda e assiste
silenzioso al mistico dialogo. Compagno ideale è il solitario e meditabondo San Sebastiano di
Tiziano che proviene da una importante collezione privata americana e che giunge in Italia per
la seconda volta. Il Seicento si apre con l'accesa armonia dei colori e le audaci forme che in
Rubens, che da Anversa giunge in Italia, tra Mantova e Roma, trovano un risvolto leggiadro,
suadente e delicato: il Rubens della Galleria Corsini di Roma esce dalla stanza dell'Alcova di
Palazzo Corsini alla Lungara per la prima volta dopo tanti anni. Pittura tattile è quella del
Seicento che mette in campo gli affetti con un inedito Guercino, di recente scoperto e custodito
in una collezione privata americana e con l'altro, compagno ardito, della Galleria Nazionale
delle Marche. L'aspetto della devozione è sublimata con Guido Reni che lega il bel Sebastiano
a un albero in un'atmosfera calda, serale, intima, pregna di una Bologna in cui i dettami del
Concilio di Trento, applicati dal Cardinale Gabriele Paleotti, sono ancora nevralgici e di forte
attrazione e rispetto per gli artisti. L'ondata caravaggesca, poi, tocca un inedito culmine con un
dipinto eccezionalmente dato in prestito dal Cardinale di Milano, che, appositamente studiato
per la mostra, rivela accenti nordici con una straordinaria verità nel volto e nella posa
dell'uomo "santo". Gli echi caravaggeschi, poi, mostrano la passione con Ribera e l'ardita
partecipazione al martirio con Nicolas Regnier e con l'affascinante Mattias Stomer dei
Gerolamini di Napoli; accezioni preziose del caravaggismo internazionale. La narrazione
ideale, di coinvolgimento emotivo, trova due capisaldi nel Mattia Preti di Capodimonte e nei
Luca Giordano che cavalcano il Seicento e aprono il secolo successivo lasciandosi alla spalle
la pittura di verità e la ritualità del vero. La mostra offre un excursus dentro quasi tre secoli,
operando affascinanti confronti sul soggetto: il medesimo artista che adotta differenti soluzioni
formali, pose e ambientazioni in anni ravvicinati letti da artisti diversi, materiali differenti e
modellati per capirne cambiamenti e intenti devozionali e di fama della figura del santo da nord
a sud. Un percorso che dalla seconda metà del Quattrocento giunge agli albori del Settecento,
contemplando assoluti capolavori. Tre grandi opere si sono aggiunte in un secondo momento
e saranno visibili al Castello di Miradolo: il "San Sebastiano curato dagli angeli" di Rubens (dal
30 ottobre), "Il Martirio di San Sebastiano" di Guercino (dal 6 novembre) e Il "San Sebastiano"
di Raffaello dall'Accademia Carrara di Bergamo (dal 18 dicembre). Orario: giovedì e venerdì
14.00-18.00; sabato, domenica e lunedì 10.00-18.30; chiuso il martedì e il mercoledì; aperto su
prenotazione anche in orario di chiusura. Orari durante ricorrenze e festività: 1 novembre
10.00-18.30; 8 dicembre 10.00-18.30; 24 dicembre chiuso; 25 dicembre 15.00-18.30; 26
dicembre 10.00-18.30; 31 dicembre e 1 gennaio chiuso; 6 gennaio 10.00-18.30. Ingresso:
intero 10 euro; ridotto 8 euro (gruppi, convenzionati, studenti fino a 26 anni, over 65, militari);
ridotto dai 6 ai 14 anni 3 euro; gratuito bambini fino a 6 anni, Abbonati Musei. Info:
www.fondazionecosso.it - [email protected] - 0121.502761 (biglietteria) - 0121.376545
(uffici). Sabato 29 novembre servizio navetta che collega il centro di Torino al Castello di
Miradolo al costo di 8 euro a persona. Partenza da Torino alle ore 14,00 da piazza Carlo
Felice angolo corso Vittorio Emanuele II; ritorno con ritrovo nel parcheggio del Castello di
Miradolo alle ore 17,30 e rientro in città per le 18,30. Prenotazione obbligatoria: 0121.502761
fino al 08/03/2015
ore 10:00
San Secondo di Pinerolo (TO)
Via Cardonata 2
TORINOSETTE | Arte
4 / 195
Arte
"STEMPERANDO" ALLA BIBLIOTECA NAZIONALE
"Stemperando", sesta edizione della Biennale Internazionale di opere d'arte su carta che si
realizzerà in tre tappe: Torino, Tirana e Roma. La Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino
ospiterà la prima tappa della rassegna, nata a Spoleto nel 2003 in concomitanza con il Festival
dei due mondi. Successivamente, le opere saranno trasferite a Tirana e la mostra sarà
allestita al Museo Storico Nazionale dell'Albania. Infine, come ultima tappa, il gruppo di opere
ritornerà in Italia e la mostra sarà composta a Roma, al Museo Villa Vecchia di Villa Doria
Pamphili, dove concluderà il suo percorso. In mostra 96 opere su carta di 49 artisti di ogni
parte del mondo. Per la sezione internazionale: Alberto Biasi, Alberto Brusa, Paolo Conti,
Graham Guerra, Kivanç Gülhan, Ali Herischi, Jiang Shanqing, Susan Leyland, Paolo Marazzi,
Carlo Mazzetti, Xavier Medina Campeny, Sophia Michaeledes, Azad Nanakeli, Qui Yu, Ran
Xue Mei, Claudio Sacchi, Michele Stanzione, Martin Streitenberger, Andreas Tomblin, Jorrit
Tornquist, Lucio Trizzino; per la sezione storica: Georges Braque, Francesco Casorati, Enrico
Colombotto Rosso, Samo Koler, Riccardo Licata, Umberto Mastroianni, Franc Oldering, Mario
Schifano, Giacomo Soffiantino, Alberto Sughi; per la Nazione ospite, Albania: Albien Alushaj,
Helidon Haliti, Ardian Isufi, Pjeter Koleci, Beskida Kraja, Gjon Jon Kraja, Vladimir Llakaj, Fatos
Lubonja, Ormira Lulani, Alban Met-hasani, Alkan Nallbani, Andi Nallbani, Admir Pervathi,
Parlind Prelashi, Agron Rushiti, Alberto Saka, Helidon Xhixha, Armand. A cura di: Anselmo
Villata. Nazione ospite d'Onore: Albania, a cura di Alfred Milot Mirashi.
fino al 08/03/2015
ore 18:00
Torino
Piazza Carlo Alberto 3
"ANDY WARHOL...IN THE CITY" ALL'8 GALLERY
"Andy Warhol...in the city". Un'occasione unica per ammirare 40 opere che hanno segnato la
storia dell'arte mondiale: dal mito di Marilyn Monroe al fascino di Liz Taylor, dalle storiche
bottiglie di Coca Cola alle leggendarie lattine di zuppa Campbell's, l'intuito e l'estro grafico di
Andy Warhol sono i protagonisti di questa interessante esposizione. Le opere fanno parte
della più ampia mostra intitolata "Andy Warhol... in the city" che nasce da un'iniziativa di
Pubbliwork Eventi, in collaborazione con la New Factory Art, ed è già stata esposta nelle
gallerie d'arte di diverse città italiane; da gennaio 2015, in pieno spirito Warhol, la mostra è
stata allestita, per la prima volta in assoluto in un centro commerciale. Tra le opere esposte
l'immancabile Marilyn Monroe, Campbell's e Flowers, si potranno inoltre ammirare le copertine
di Interview Magazine, la rivista fondata proprio da Andy Warhol e le cover di dischi dei Rolling
Stones e dei Velvet Underground. Le opere rappresentano il percorso artistico ed iconografico
creato da Warhol dal 1957 al 1987, fornendo sia un'ampia visione dei suoi soggetti più noti sia
delle sue radici europee attraverso quei lavori poco conosciuti ma molto importanti, come gli
Space Fruits o il Gold Book, realizzato da Warhol in occasione della sua prima mostra
personale presso la Bodley Gallery di New York. I soggetti esposti sono stampe, cover,
cartoncini, serigrafie e offset: opere originali multiple di opere uniche. Info: www.8gallery.it
fino al 08/03/2015
ore 11:00
Torino
Via Nizza 230
TORINOSETTE | Arte
5 / 195
Arte
COLLEGNO - "FOTOGRAFIA AL FEMMINILE" NELLA SALA DELLE ARTI
"Fotografia al femminile", edizione 2015. Orario: venerdì e sabato 16-19,30; domenica 10-12 e
16-19,30. Durante le aperture del 7 e dell'8 marzo sarà allestita una sala posa all'interno della
sala delle Arti per omeggiare di un ritratto in digitale tutte le signore che lo desidereranno. Tra
gli eventi collaterali della mostra, martedì 3 marzo alle 21, presso la Sala del Museo della
Resistenza e della Pace della Città, sarà ospite la fotoreporter di guerra Andreja Restek che
presenterà i suoi ultimi lavori.
fino al 08/03/2015
ore 18:00
Collegno (TO)
Via Torino 9
"ARTE AL FEMMINILE" DA ARTE CITTA' AMICA
"Arte al femminile", quattro mini personali di Margherita Baldelli, Adriana Cernei, Angela
Gastaldi e Carla Perona. Orario: da martedì a sabato 16,00-19,00; chiuso il lunedì e festivi.
Info: 011.7717471 - 011.7768845 - www.artecittaamica.it - [email protected]
fino al 10/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Rubiana 15
"I VENERDÌ DELL'ARTE" ALLA BIBLIOTECA CIVICA PRIMO LEVI
"I venerdì dell'arte", mostra di pittura di fine corso del Centrodonna della Circoscrizione 6.
fino al 11/03/2015
ore 10:00
Torino
Via Leoncavallo 17
"NUOVE RICERCHE 2015" DA MARTINARTE
"Nuove Ricerche 2015", collettiva a cura di Paola Barbarossa e Fernando Montà. In mostra
lavori di Monica Bruera, Daniele Nessi, Joshua Sottile e Corrado Zecca. Orario: lunedì
15.30-19.30; martedì e mercoledì 10,00-12,30 e 15,30-21,30; giovedì e venerdì 10,00-12.30 e
15.30-19.30. Info: 011.3433756 - 335.360545 - [email protected]
fino al 12/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Siracusa 24/A
COLLETTIVA FOTOGRAFICA NEL NUOVO SPAZIO28
Spazio 28, nuovo spazio espositivio in corso Vittorio Emanuele II 28, presenta una mostra
collettiva di fotografia a cura di Phos. In esposizione opere di autori emergenti e di autori
affermati nel panorama della fotografia italiana ed internazionale che negli ultimi anni hanno
presentato alcuni dei loro progetti più significativi all'interno dell'attività espositiva di Phos:
Sophie Anne Herin, Pietro Bolgna, Renato D'Agostin, Davide De Martis, Stefano Fiorina,
Simon Roberts, Vito Vagali. Orario: dal lunedì al venerdì 15:00-19:30. Per informazioni:
335.6661281 - 347.2212059
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Vittorio Emanuele II 28
TORINOSETTE | Arte
6 / 195
Arte
PATRIZIA MUSSA ALLO SPAZIO EVENTA
"Luci silenti", personale fotografica di Patrizia Mussa, secondo appuntamento espositivo
organizzato da ArtPhotò, al fine di promuovere la fotografia d'autore. Gli elementi distintivi del
lavoro artistico di Patrizia Mussa sono innegabilmente la ricerca di una luce particolare e la
ricerca di una dimensione di un tempo sospeso e irreale che procura in chi guarda
l'impressione di un silenzio impalpabile al limite della parola. Le fotografie esposte in mostra
fanno parte di due lavori distinti ma entrambi mettono a fuoco di Patrizia Mussa tutta la sua
interpretazione d'autore, la sua esperienza di fotografa di architettura e la sua abilità tecnica.
La luce è dunque "anima e verità di un luogo" che la fotografa "ascolta" ogni volta che si
confronta con soggetti diversi e che amplifica il silenzio originario degli spazi fotografati. In
mostra sono esposte le fotografie tratte da "Teatri" e da "Le Temple du Soleil". Orario: martedìvenerdì dalle 15.00 alle 18.00. Info: www.ateliernovantotto.it/artphoto.html [email protected] - 335.7815940
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Via dei Mille 42
NEVERCREW ALLA SQUARE23 ART GALLERY
"Frequency Spectrum", mostra di Nevercrew. Dopo Milano e Dublino, dove hanno decorato le
nuove sedi europee di Facebook, il duo di street-artists svizzeri Nevercrew arriva a Torino,
negli spazi della galleria Square23, con "Frequency spectrum", la loro riflessione su
percezione e comunicazione, tra realtà e surrealtà. Pablo Togni e Christian Rebecchi più che
"duo" sono "uno". Lavorano insieme dal 1996 uniti dall'interesse comune per la pittura e la
street art. Hanno esposto e partecipato a progetti internazionali e festival a Belgrado, Il Cairo,
Amburgo, Monaco, Zurigo, Lugano. Il loro lavoro è caratterizzato da alcuni concetti chiave,
come il meccanismo, la composizione, la sezione, le parti, la memoria, la scelta, i rapporti, i
contrasti, l'esplorazione, la surrealtà. Il tutto viene collegato insieme, fuso in composizioni
viventi e che mutano proprio perché vive, evolvendosi nel tempo e nello spazio. Combinare
linguaggi diversi è la loro cifra stilistica: catene di montaggio, esseri organici e ingranaggi
meccanici, mostri marini, "strutture viventi" si intersecano nei loro lavori proprio come gli stili
che utilizzano, tra sintesi grafica e iperrealismo spray. Le loro strutture sono modelli di sistemi
viventi, delle visioni d'insieme rese percepibili nella loro totalità e nella loro struttura tramite
l'utilizzo della "sezione" che permette di vederle per come sono al loro interno, nel caso di un
meccanismo o degli spazi di una casa o della struttura di un essere vivente. Il rapporto tra le
parti e con la memoria viene esteso alla realtà intera, al luogo e allo spettatore, lasciando a
quest'ultimo la possibilità di completare il meccanismo con la sua personale esperienza, con la
sua storia e quindi con le sue molteplici interpretazioni. In "Frequency Spectrum", in
particolare, l'attenzione si concentra su percezione e comunicazione, sulla loro differenza ed
interazione costante. Orario: lunedì-sabato 11-20, o su appuntamento. Info: 334.9980390 [email protected]
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via San Massimo 45
TORINOSETTE | Arte
7 / 195
Arte
LUCA ROMANO DA RIZOMI
Personale di Luca Romano. Romano ha sublimato su carta il suo desiderio più grande rimasto
invariato per vent'anni, prendere il pullman n. 67 con la sua borsa da disegno a tracollo. Ha
prediletto i pennarelli a punta spessa, ricamando talvolta elementi verbali su campiture
fittissime. Cartoncini, planimetrie, fogli strappati da vecchi libri di grammatica, fanno da sfondo
al miraggio dell'autonomia ma anche al simbolo della viabilità metropolitana, di una certa
cultura civica del mezzo di trasporto pubblico. Il risultato, trame di colore intessute dove
talvolta la figura scompare annegata dal tratto pieno e rotondo del gesto pittorico. Lo stesso
trattamento è applicato alla serie del "Dettato", in cui l'artista replica ripetutamente l'incipit dei
dettati della scuola primaria con una vera calli-grafia perfetta e stereotipata. Questa mostra
vuole essere un omaggio ad un artista nascosto, che non si è mai comportato come tale, che
abbiamo selezionato tra tanti altri all'interno della preziosa collezione dell'Archivio Storico
Singolare e Plurale raccolta e curata da Tea Taramino. Orario: dal mercoledì al sabato
14:00-19:00. Info: 011.4367910 - www.rizomi.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Sant'Agostino 18/D
"JUST ANOTHER" ALLA LUCE GALLERY
"Just Another", mostra collettiva comprendente i lavori degli artisti Davide Balliano, Ethan
Greenbaum, JPW3, Dustin Pevey e Leif Ritchie. La mostra è nata quasi per "assonanza"
intorno ad una canzone di Pete Yorn: Just Another. I dipinti in mostra sembrano contenere
quel sound che richiama i nostri momenti più semplici ma anche più intimi, i momenti in cui lo
spazio e il tempo sembrano fermarsi. Certe situazioni hanno una particolare atmosfera e si
relazionano in modo naturale con la musica. E così Just Another, la colonna sonora di questa
mostra s'ispira al trascorrere della vita, ma anche al voltar pagina o semplicemente passare ad
un altro show. Ciascuno dei cinque artisti in mostra possiede una sua musicalità che lo
accomuna allo spirito di Just Another, richiamando alla riflessione e all'intimismo. Orario: dal
martedì al sabato 15.30-19.30. Info: 011.8141011 - 335.5246817 - [email protected] www.lucegallery.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso San Maurizio 25
"FILIPPO SCROPPO E LE AVANGUARDIE ARTISTICHE DEL DOPOGUERRA" ALLA
FONDAZIONE AMENDOLA
"Filippo Scroppo e le avanguardie artistiche del Dopoguerra": opere 1945-1970 di Scroppo,
Gavlano, Crippa, Saroni, Ramella, Gribaudo, Ruggeri, Soffiantino, Gorza, Surbone e Griffa.
Orario: lunedì - venerdì ore 10-12.30, 15.30-19.00 sabato, domenica e visite guidate su
prenotazione. Info: 011.2482970 - 348.2211208 - [email protected] www.fondazioneamendola.it
fino al 15/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Tollegno 52
TORINOSETTE | Arte
8 / 195
Arte
SOPHIE CALLE AL CASTELLO DI RIVOLI
"MAdRE", personale di Sophie Calle, a cura di Beatrice Merz. Sophie Calle, protagonista
indiscussa della scena artistica mondiale, propone un progetto interamente site-specific per le
sale auliche al secondo piano della Residenza Sabauda. La mostra si articola sullo sviluppo di
due importanti progetti che l'artista ha posto in essere da diversi anni: Rachel, Monique e Voir
la mer. Orario: da martedì a venerdì 10.00-17.00; sabato e domenica 10.00-19.00; lunedì
chiuso; 24 e 31 dicembre 10.00-17.00; aperto il lunedì di Pasqua; chiuso 1° gennaio, 1°
maggio e 25 dicembre. Ingresso: 6,50 euro; ridotto: 4.50 euro per ragazzi 11-14 anni,
pensionati, insegnanti, studenti, militari, associazioni culturali ed enti convenzionati. Gratuito
per i minori di 11 anni e per i disabili. Info: 011.9565222 - www.castellodirivoli.org www.castellodirivoli.tv - [email protected] Prorogata fino al 15 marzo.
fino al 15/03/2015
ore 19:00
Rivoli (TO)
Castello di Rivoli
KATARZYNA WYSOCKA AL POLSKI KOT
"Bez Tytulu", personale della pittrice polacca Katarzyna Wysocka. Nata a Lodz nel '83, l'artista
ha trascorso l'infanzia nella campagna sud-orientale della Polonia, che ha ispirato il suo
percorso artistico. La pittrice racconta: "La natura è la principale fonte d'ispirazione per i miei
quadri, dove si intrecciano i paesaggi campagnoli e dove esploro il mondo animale. Nello
stesso tempo la natura costituisce per me l'ispirazione per le ricerche astratte. Costanti sfide
formali forniscono i fiori e gli oggetti materiali nei quali mi misuro con la forma e il colore".
Katarzyna Wysocka, laureatasi presso l'Accademia Albertina di Torino, presenta per la prima
volta le sue opere, create nell'arco degli ultimi 15 anni. Info: polskikot @libero.it - 333.5205763
fino al 16/03/2015
ore 19:00
Torino
Via Massena 19
LUCIA CAPRIOGLIO AL COLLEGIO SAN GIUSEPPE
"Nature", personale di Lucia Caprioglio. In mostra 21 tele inedite a tecnica mista, con utilizzo di
incisioni, pittura e collage elaborati insieme. Orario: da lunedì a venerdì 10,30-12,30 e
16-18,30; sabato 10-12,30
fino al 16/03/2015
ore 17:30
Torino
Via San Francesco da Paola 23
TORINOSETTE | Arte
9 / 195
Arte
MARCO DALBOSCO DA PAOLO TONIN ARTE CONTEMPORANEA
"Paper religions project 2005 2014", personale di Marco Dalbosco. Esposto recentemente nel
corso di prestigiosi appuntamenti quali la mostra "Afterimage" presso la Galleria Civica/Mart di
Trento e ne "L'Arte guarda avanti" come opera finalista del Premio Terna6, il progetto
complessivo "Paper Religions #Jerusalem" viene presentato per la prima volta da Paolo Tonin
dalle sue origini nel 2005 ad oggi. Il lavoro ha preso avvio dalla necessità di indagare le
problematiche del conflitto Israeliano-Palestinese, assumendo nella sua evoluzione
l'espressione di libertà di ogni singolo individuo, investendo questioni di carattere religioso che
finiscono per riferirsi alla possibilità stessa di affermare l'identità individuale. Nel 2008, come
evento Parallelo di Manifesta7, nasce "Paper Religion #The Wall", diretto riferimento alla West
Bank in Israele. Per questo lavoro Marco Dalbosco ha raggruppato dodici persone che hanno
lavorato assieme per una settimana allo scopo di costruire un muro. Realizzato tuttavia con
mattoni di carta piegati secondo la tecnica dell'origami, il muro perde i suoi connotati di
barriera e di confine. Con questo specifico materiale e con la sua lavorazione, l'artista trascrive
la fragilità dell'essere umano e manifesta il potere di costruire, ciascuno con le proprie mani,
l'avvenire e la storia. Assumendo la città di Gerusalemme come simbolo di rispetto e
convivenza di molteplici credenze religiose, nel 2011 si concretizza Paper Religion
#Jerusalem: il mattone che divide, separa, crea un limite, è allo stesso tempo l'elemento base
per la costruzione di ogni tipo di edificio religioso. I mattoni vengono disposti a terra formando
un tappeto su cui vengono "sospese" le tre chiese monoteiste: una Chiesa Cattolica, una
Sinagoga e una Moschea. Anch'esse di carta, condividono con i mattoni la condizione di
fragilità. In mostra è presentata per la prima volta l'espressione complessiva di questo lungo e
partecipato percorso di ricerca e consapevolezza. Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle
13 e dalle 14,30 alle 19; sabato su appuntamento. Info: 011.19710514 - [email protected]
- www.toningallery.com
fino al 20/03/2015
ore 19:00
Torino
Via San Tommaso 6
"FRANCESCO MENNYEY" ALLA GALLERIA LA CONCHIGLIA
Acqueforti e disegni di Francesco Mennyey. Orario: dal martedì al venerdì 15-19; sabato 10-12
e 15-19. Info: 011.6991415
fino al 20/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Zumaglia 13bis
TORINOSETTE | Arte
10 / 195
Arte
NELLA MARCHESINI ALLA GALLERIA OPERE SCELTE
"Parole di pittore. Nella Marchesini - tra disegno e scrittura". La mostra è incentrata sul
rapporto intenso, tra disegno e scrittura, esistente nella produzione artistica di Nella
Marchesini. L'artista, allieva prediletta di Felice Casorati, sente l'arte come un'urgenza vitale
da manifestare in ogni modo e su ogni supporto possibile. Nel lavoro della Marchesini, il
disegno e la scrittura sono due modalità fondanti in quanto pratiche veloci, sintetiche e
accessibili: con una semplice matita Nella ha potuto rappresentare l'universo complesso del
suo essere anche nei momenti più difficili della sua vita. Queste due modalità non sono solo
facilmente realizzabili, ma possiedono una ricchezza d'espressione eccezionale che l'artista
coglie con diverse sfaccettature miscelandone le peculiarità che spesso si determinano
vicendevolmente. Il disegno non è solo bozzetto preparatorio per i vari dipinti, ma è
un'istantanea del quotidiano, dell'intimità più precaria ed effimera che svela però la parte più
autentica dell'emozione e del pensiero. Con il disegno Nella Marchesini riesce a eludere parte
della rigida impostazione di matrice casoratiana, dando forma al suo ambiente familiare e alle
sue esperienze con un'affascinante proiezione personale che fa emergere la sua sensibilità,
articolata e vigorosa. Trasfigurazioni religiose e deformazioni simboliche, presenti sia nei
disegni che negli scritti, rivelano molto chiaramente chi è Nella Marchesini: artista, donna e
madre. Nel tempo l'artista ha scritto una sorta di Zibaldone sul quale lei annota pensieri, sogni
e paure nello stesso modo in cui disegna. Vi è un'interrelazione unica e sorprendente tra
scrittura e disegno. Così anche i libri letti dalla Marchesini diventano essi stessi opere d'arte in
quanto accolgono disegni e rielaborazioni grafiche inedite. Orario: martedì-sabato 15.30-20.
Info: 011.5823026 - 349.3509087 - [email protected] - www.operescelte.com
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Matteo Pescatore 11/D
MICHAEL BIBERSTEIN DA GIORGIO PERSANO
Michael Biberstein, personale. Nato a Solothurn, Svizzera, nel 1948. Nel 1964 si trasferisce
negli Stati Uniti. Al Swarthmore College di Philadelphia incontra David Sylvester sotto la cui
guida studia Storia dell'Arte. Dopo aver vissuto tra gli Stati Uniti e la Svizzera, nel 1979 si
trasferisce in Portogallo, dove trascorrerà la maggior parte dei suoi anni, sino alla morte
improvvisa, sopraggiunta nel 2013. Pittore autodidatta, dagli anni '70 le sue opere vengono
esposte in tutto il mondo e sono presenti nelle collezioni di arte contemporanea di musei e
fondazioni, tra i quali: il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, il Whitney
Museum of American Art di New York, il Calouste Gulbenkian Foundation Centre for
Contemporary Art di Lisbona, la Serralves Foundation di Oporto, il Museu Colecção Berardo di
Lisbona. Orari: martedì - sabato 10,00-13,00 e 15,30-19,00. Info: 011.4378178 - 011.835527 [email protected] - www.giorgiopersano.org
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Principessa Clotilde 85
TORINOSETTE | Arte
11 / 195
Arte
BRUNO MARTINAZZI ALLO SPAZIO DON CHISCIOTTE
Personale di Bruno Martinazzi, scultore e orafo di fama internazionale. Tra le opere presenti
nella mostra, curata da Massimo Ghiotti, ci sono sculture di media dimensione che vanno dagli
anni '80 agli anni '90; una serie di piccole sculture intitolata "Pagine di pietra" tutte di recente
produzione; 12 disegni del 1980 facenti parte degli studi preparatori del libro "I cieli e la terra e
tutte le tue creature" (Noire editore 1988) e quattro gioielli. Nato a Torino nel 1923, allievo degli
stessi insegnanti di Primo Levi, Martinazzi si laurea in Chimica Pura all'Università di Torino.
Durante la guerra partecipa come partigiano combattente alla resistenza, ed è insignito della
Croce di Guerra. Frequenta la Libera Accademia d'Arte di Torino e gli Istituti d'Arte di Firenze
e Roma. Esordisce come orafo nel 1954, dopo quattro anni spesi come direttore di Tintoria
alla fabbrica tessile Magnoni Tedeschi, per poi affermarsi come scultore. È stato inoltre
docente all'Accademia Albertina di Belle Arti. Grazie ad artisti come Martinazzi a partire dagli
anni Sessanta, il gioiello contemporaneo sia entrato a far parte delle più importanti collezioni
museali internazionali; le sue creazioni figurano infatti nelle collezioni, tra gli altri, del
Metropolitan di New York e dell'Hermitage di S.Pietroburgo. Orario: martedì-sabato
10.30-12.30 e 15.30-19.30. Info: [email protected] - 011.19771755 www.fondazionebottarilattes.it
fino al 21/03/2015
ore 18:30
Torino
Via della Rocca 37
"OPERE IN PERMANENZA" ALLA GALLERIA20
"Opere in permanenza", collettiva comprendente opere di Enzo Briscese, Ermanno Barovero,
Nino Aimone, Piero Ferroglia, Alessia Zolfo, Francesco Preverino, Dario Rosolen, Leonardo
Pecoraro, Franco Margari, Marco Vigo, Romano Buratti, Domenico Lasala, Discepolo Girardi,
Elviro Coni. Orario: dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19. Info: 011.3724087 [email protected] - www.galleria20.jimdo.com
fino al 21/03/2015
ore 17:00
Torino
Corso Casale 85/B
GALLIANO GALLO DA CARACOL
"Invasioni", personale di Galliano Gallo. "Nelle sue opere pittoriche l'artista Gallo accede ad un
mondo incantato, in cui si coglie la scoperta genuina di un "qualcosa" che parte da molto
lontano. Lo sguardo innocente dell'infanzia osserva per la prima volta, con gioia e curiosità ciò
che gli si offre. I colori vividi colpiscono l'attenzione; le figure vagamente zoomorfe si
inseguono in un gioco di danza, unite da un filo conduttore che non si perde mai, anzi le tiene
insieme come le perle di una collana. E' un ritorno alle origini, dove forme semplici si
realizzano in un liquido creatore, moltiplicandosi per continuare la vita, per trasformarla. Il
movimento è continuo, coinvolge tutto; il ritmo serrato e vivace ci invita a partecipare a questo
tripudio di colori, ad afferrare, a non indugiare in contorti pensieri, ma a considerare con
rinnovata semplicità la purezza dell'inizio, che è lì a portata di mano, pronta per noi"
(Francesca Luce Milardi). Orario: martedì, mercoledì e giovedì 15.30-19.30; venerdì e sabato
10.30-19.39. Info: 393.2164821 - www.caracolarte.it
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Saluzzo 23
TORINOSETTE | Arte
12 / 195
Arte
RIVAROLO - CLEMENTINE CARSBERG A CASA TOESCA
"Secret de famille - Les angles morts", residenza d'artista di Clementine Carsberg. Al primo
piano, fino al 30 novembre, "Alias/self portraits", fotografie di siciliana Carmen Cardillo. Orario:
sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00; mercoledì dalle ore
17.00 alle ore 20.00. Info: www.areacreativa42.com - [email protected] - 335.1227609
fino al 22/03/2015
ore 18:00
Rivarolo (TO)
Via Ivrea 42
PIER PAOLO CALZOLARI IN VIDEOTECA GAM
Prosegue in Videoteca GAM il ciclo di incontri e mostre, a cura di Elena Volpato, dedicato al
video in Italia negli anni Sessanta e Settanta. Il primo appuntamento del 2015 vede
protagonista Pier Paolo Calzolari che incontra il pubblico della GAM martedì 13 gennaio alle
18.30. L'artista, in conversazione con Elena Volpato, parlerà del suo interesse per la
dimensione temporale e visiva del linguaggio filmico e video, dell'esperienza di lavoro con
Gerry Schum e ripercorrerà lo sviluppo del suo ciclo di opere intitolato "Day after Day a Family
Life" da cui sono tratti i lavori "Cucù", 1972?73, "Aeroplano", 1972 e "Lettere di Tiziano", 1974,
provenienti dall'Archivio della Fondazione Calzolari che la Videoteca GAM è orgogliosa di
poter presentare in esposizione nei propri spazi. L'incontro con Pier Paolo Calzolari offre
l'occasione di ascoltare uno dei più importanti protagonisti della storia del video d'artista, per la
rilevanza delle opere da lui girate in pellicola e video, e per il ruolo che il suo studio bolognese,
a Palazzo Bentivoglio, ebbe tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta, sia come
luogo d'incontro tra esponenti delle avanguardie internazionali, artistiche e teatrali, sia come
studio di registrazione di opere filmiche di altri artisti. In mostra in Videoteca GAM fino al 22
marzo quattro opere video realizzate dall'artista tra il 1970 e il 1974: "Senza titolo", da
"Identifications" di Gerry Schum, 1970, collezione Videoteca GAM; "Aeroplano" ["Day after
Day a Family Life"], 1972, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Cucù - The glass reflects"
["Day after Day a Family Life"], 1972?1973, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Lettere
di Tiziano" ["Day after Day a Family Life"], 1974, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari.
Orario: martedì - domenica 10.00-18.00 giovedì: 10.00-22.30. La biglietteria chiude un'ora
prima. Ingresso gratuito in videoteca. Non occorre appuntamento. Info: 011.4429597 - email
[email protected] - www.gamtorino.it
fino al 22/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
PRAGELATO - KURT MAIR E VINICIO PERUGIA ALLA TINBER ART GALLERY
"Coincidere", incisioni di Kurt Mair e Vinicio Perugia. Orario: sabato 16.00-18.30, domenica
10-12.30 - 15.30-18.00. Info: 0122.78461 - www.tinberartgallery.it
fino al 22/03/2015
ore 17:00
Pragelato (TO)
Via Albergian 20
TORINOSETTE | Arte
13 / 195
Arte
"DAB - DESIGN PER ARTSHOP E BOOKSHOP" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"DAB - Design per Artshop e Bookshop". Esposizione dei prototipi selezionati in occasione
della V edizione dell'omonimo concorso nazionale. Il progetto DAB, nato nel 2006, è promosso
da GAI - Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani e realizzato dall'Ufficio Giovani
d'Arte del Comune di Modena. DAB rientra nella Convenzione Progetto DE.MO. - sostegno al
nuovo design e alla mobilità, siglata tra GAI e Ministero dei beni e delle attività culturali e del
turismo (MiBACT) - Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane
e Direzione Generale Musei. La Mostra DAB presenta i progetti proposti da 20 designer
selezionati dalla Commissione composta da Sandra Tucci, referente del progetto per il
MiBACT - ex DG PaBAAC Servizio V; Patrizia Rossello dell'Associazione GAI e Michele Zini,
Architetto e Designer dello Studio ZPZ Partners. In mostra i prototipi di: Antonio Abatangelo;
Chiara Angioli; il collettivo formato da Margarita Aviles De Carlos, Marco Fogaccia, Shi Jintian,
Nicoletta Marangoni e Maria Montes De Oca; Emilio Baria; Ilaria Bartolini; Lucia Biancalana e
Eleonora Bompieri; Bottega Krua di Giada Fogliato e Arianna Piazza; Code0039 di Dante
Antonucci, Laura Crognale, Stefania Quintili e Alessandro Zuppa; De-sign di Daniela Cavasin
e Enrica Zanini; Alessandro Esposito, Federico Fiordigiglio; Alberto Galotta e Federica Lissoni;
Gian Piero Giovannini; Massimiliano Marianni; Elena Maurigh; Costanza Palmirani; Lorenzo
Passi; Arianna Piazza; Daniele Piazzola; Studio Alchemico di Giulio Bogani e Sofia Crescioli.
La commissione ha selezionato progetti che rispondessero positivamente a tre requisiti del
concorso: appartenenza allo scenario della cultura del progetto contemporaneo; effettiva
compatibilità con i museum shop per caratteristiche dell'oggetto, prezzo, mercato; possibilità di
essere prodotti in modalità di autoproduzione o con filiera produttiva non tradizionale. Si è
cercato di selezionare anche progetti sviluppati in ambiti di ricerca eterogenea o capaci di
proporre nuove tipologie di prodotto, così da avere uno scenario ampio di proposte che desse
profondità a una lettura complessiva, in sede di catalogo o di mostra. La Commissione ha
assegnato inoltre, ex-aequo il Premio Speciale MiBACT - Patrimonio culturale a Alberto
Galotta e Federica Lissoni, premio istituito nel 2011, in occasione della III edizione di DAB, per
incentivare la progettazione, da parte dei giovani designer, di oggetti contemporanei, ma
liberamente ispirati al vasto patrimonio culturale ed artistico del nostro paese e per questo
collocabili negli spazi commerciali di musei e siti archeologici. Il Premio MiBACT consiste
nell'assegnazione ai vincitori di fondi per l'autoproduzione degli oggetti e la promozione degli
stessi in importanti vetrine nazionali ed internazionali. La mostra, proveniente dal MAXXI di
Roma, farà successivamente tappa ad aprile presso l'area del bookshop della Fondazione
Fotografia al Foro Boario di Modena, a maggio a Lecce presso il prestigioso Castello di Acaya.
Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 22/03/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
MAX PAPESCHI DA DAVICO
"Je ne regrette rien", personale di Max Papeschi. Orario: da martedì al sabato dalle 10.00 alle
12.30 e dalle 16.00 alle 19.30. Chiuso lunedì e festivi. Info: 011.0362954 [email protected] - www.davicoarte.it
fino al 28/03/2015
ore 18:30
Torino
Galleria Subalpina 21
TORINOSETTE | Arte
14 / 195
Arte
CARMAGNOLA - "MESSICO CIRCA 2000" A PALAZZO LOMELLINI
"Messico Circa 2000", mostra comprendente 94 opere di 81 artisti messicani del nostro tempo,
tratta dalla collezione dell'imprenditore messicano Josè Pinto Mazal. La mostra è parte della
grande collezione di Josè Pinto Mazal. In essa vi sono raccolte opere che spaziano attorno al
terzo millennio (da qui il titolo di Messico Circa 2000) cioè dal 1980 ad oggi, di artisti messicani
e stranieri che hanno trovato in Messico il luogo ideale per la loro produzione. Non è una
mostra di tendenza, in quanto il collezionista non sceglie le opere secondo una sua particolare
propensione artistica, ma quelle che meglio documentano, attraverso l'arte, lo status del
Messico oggi e soprattutto di Città del Messico. Vi predomina la pittura, ma vi appaiono anche
altri linguaggi come la fotografia, il disegno, la scultura. Le opere sono diversissime tra di loro,
seguendo i criteri disparati dei linguaggi artistici contemporanei che dagli inizi del secolo
scorso hanno frantumato le regole tradizionali dell'arte. L'arte messicana della
contemporaneità si appropria infatti delle tendenze europee imprimendovi però, un marchio
che discende ancora dalle antiche culture precolombiane. L'ambiente, il deserto, la
dimensione tropicale s'insinua in queste superbe testimonianze visive arricchendole di
un'energia incontenibile. E anche la violenza vi traspare - quella che contraddistingue l'attuale
realtà messicana condizionata dalla lotta tra il governo e cartelli del narco-trafico, dal
femminicidio lungo i confini con gli U.S.A - una violenza filtrata in termini metaforici o allusivi.
Molti degli artisti qui presenti hanno frequentato la prestigiosa Scuola nazionale d'arte
Esmeralda, di Città del Messico, abbinata all'I.N.B.A., Istituto Nazionale di Belle Arti. E quasi
tutti vantano curricula internazionali, con puntate in Europa, nell'estremo Oriente, in Australia.
In questa mostra troviamo diversi linguaggi formali , la figuratività, l'astrazione, il realismo e
l'informale, l'espressionismo (che ora diviene neo-espressionismo), il surrealismo, il
concettuale e l'iperrealismo. In sostanza appare sia la realtà che il sogno, ossia dimensioni
"altre" che s'insinuano nel reale. Molto spesso le diverse tendenze si sovrappongono e si
fondono, secondo un paradigma messicano che tende al racconto complesso, stratificato,
spesso simbolico. Nella mostra sono esposte opere di numerosi artisti di valenza
internazionale come Gabriel Orozco, Francis Alys, Julio Galan, Demian Flores, Graciela
Iturbide, Monica Castillo, Irma Palacios, Jerman Venegas, Alfonso Mena Pacheco, Barry
Wolfryd. Nell'arco del suo sviluppo la mostra, che prevede delle visite guidate, proporrà eventi
collaterali integrativi della cultura messicana, con work-shop, performance multimediali,
espressioni sonore, che verranno via via comunicati nel dettaglio. L'allestimento è curato da
Rodrigo Witker con la collaborazione d Emma Ariza, ed è accompagnato da un volume
bilingue (italiano/inglese) edito in occasione della prima edizione. Orario: giovedì, venerdì,
sabato 15,00-18,00; domenica 10,00-12,00 e 15,00-18,00. Ingresso gratuito. Info:
www.palazzolomellini.com
fino al 29/03/2015
ore 18:00
Carmagnola (TO)
Piazza Sant'Agostino 17
"CON I MIEI OCCHI" IN GALLERIA SAN FEDERICO
"Con i miei occhi", mostra fotografica di Isabella Greggio, allestita nella cornice di Galleria San
Federico di Torino in occasione del progetto Sar.to La moda illumina Torino. I luoghi e i volti
ritratti raccontano un percorso emozionale e la storia personale di una giovane fotografa che,
superando le oggettive difficoltà di una malattia che l'ha colpita agli occhi, continua a girare il
mondo e a ritrarlo. Orario: dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00; domenica dalle 15.00
alle 19.00; lunedì chiuso.
fino al 31/03/2015
ore 17:30
Torino
Galleria San Federico
TORINOSETTE | Arte
15 / 195
Arte
PABLO BRONSTEIN DA FRANCO NOERO
"We live in Mannerist times", personale di Pablo Bronstein. L'artista argentino, che ha
recentemente ricevuto la Duveen Commission dalla Tate Britain per il 2016, si è qui
confrontato, similmente a quanto accaduto per la mostra al Metropolitan Museum di New York,
con la storia - in questo caso industriale - dell'edificio che ospita la mostra riflettendo sul
potenziale decorativo della tecnologia e su come il progresso scientifico sia non di rado al
servizio dell'estetica. Orario: lunedì 15.00-19.00; martedì-venerdì 11.00-19.00; sabato
15.00-19.00 o su appuntamento. Info: 011.882208 - [email protected] www.franconoero.com
fino al 02/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Mottalciata 10/B
TORINOSETTE | Arte
16 / 195
Arte
VICTORIA STOIAN DA ALBERTO PEOLA
"Codri Earthquake", personale di Victoria Stoian. La mostra è il risultato della sua
collaborazione con Clara Sofia Rosenberg, che da anni ne segue il lavoro supportandolo sul
piano teorico. Victoria e Clara Sofia hanno frequentato l'Accademia di Belle Arti di Torino dal
2009, in un percorso complementare tra l'attività pittorica dell'una e quella critica dell'altra. La
mostra di Victoria Stoian raccoglie una serie di lavori intorno al tema dell'assenza di un punto
di riferimento. Come recita il titolo, le opere rappresentano il caos e l'instabilità prodotti dalla
catastrofe naturale, in particolare dal terremoto che colpì la Moldavia nel 2011. Di
quell'esperienza, che ha coinvolto la sua famiglia, l'artista ricorda: «Quel 25 agosto alle 04:30
del mattino si verificò un violento terremoto di magnitudo 7,5 con epicentro a breve distanza
da Chi?in?u, dove sono nata e cresciuta. Due onde sismiche si sono succedute per una
durata di 52 secondi: migliaia di persone senza riparo, linee elettriche, strade e ferrovie
distrutte; dighe rotte e villaggi allagati con fuoriuscita di sostanze tossiche. Le Codri, le foreste
più grandi della Moldavia, sono state gravemente danneggiate. Questo mio lavoro è un
omaggio intimo e sofferto alla biografia di un popolo e alla feroce bellezza della natura che con
un colpo secco cambia linee, colori e vite». I quadri oggi esposti in galleria costituiscono una
parte dei 52 previsti dal progetto in fieri Codri Earthquake, ognuno dei quali corrisponde a
un'unità di tempo specifica del terremoto: il secondo. Vengono così messe in relazione, da un
lato, la durata del fenomeno con lo sviluppo del ciclo pittorico, e dall'altro, l'area geografica
colpita dal sisma con l'area della tela, ospite della rielaborazione del dramma. Come dice
l'artista, «in un terremoto il primo secondo può essere della stessa violenza dell'ultimo. Anzi,
forse il primo impatto è ancora più forte e destabilizzante». Per questo motivo, la serie Codri
Earthquake si sviluppa con un andamento cronologico, ma le singole opere non riportano la
violenza del terremoto in successione crescente: ogni quadro del progetto rappresenta infatti
un possibile grado di percezione della catastrofe, che non necessariamente corrisponde al suo
reale grado di intensità. Il tema dell'assenza di punti di riferimento proposto nelle opere
rimanda a un senso di destabilizzazione, percepibile in termini di panico e smarrimento. Ma,
d'altro canto, il potenziale generato da quest'assenza di vincoli può essere colto anche come
un'occasione di libertà. Questa dicotomia tra panico e liberazione è espressa dall'artista
attraverso la rappresentazione di un mondo informe che contiene, però, delle forme
riconoscibili, come protrusioni, annidamenti o ramificazioni. Il mondo organico che emerge da
questo repertorio visivo rimanda alla vitalità della natura - dal magma terrestre a correnti
marine e paesaggi abissali - e all'immaginario anatomico - dalla riproduzione cellulare a
filamenti, globuli e terminazioni nervose. Attraverso la tecnica del chiaroscuro, con
predominanza delle tonalità fredde, forme talvolta non finite, o cancellate, si stratificano in un
gioco di trasparenze e in un'alternanza di piani pittorici. Pur in assenza di un'architettura e di
una linea dell'orizzonte, Stoian riesce in questo modo a ricreare un senso di profondità nelle
forme che si affusolano in direzione di un punto di fuga ideale nella tela, inserendo nell'informe
accenni di prospettiva. I criteri su cui si fonda la ricerca di Victoria Stoian sono l'importanza
attribuita alla sostanzialità della materia, l'approccio diretto e la presenza fisica dell'artista nel
lavoro, e la necessità di coinvolgere lo spettatore attraverso la forza dell'opera in sé.
L'esperienza personale e il suo percorso artistico sono saldamente intrecciati: migrata a Torino
all'età di ventun anni, Victoria inizia a tradurre gli stimoli della nuova realtà, così diversa, in un
linguaggio pittorico denso di rimandi introspettivi e culturali. Attraverso un soggetto fortemente
autobiografico l'artista riesce ad affrontare temi collettivi, come il terremoto o la migrazione,
che riguardano il rapporto degli esseri umani con la storia e con il territorio, in una ricerca che
crea uno spazio di condivisione aperto e flessibile. Orario: da martedì a sabato dalle 15 alle
19, mattino su appuntamento. Info: 011.8124460 - 335.6191039 - [email protected] www.albertopeola.com
fino al 03/04/2015
ore 18:00
Torino
Via della Rocca 29
TORINOSETTE | Arte
17 / 195
Arte
FEDERICO GUERRI DA WEBER & WEBER
"Frammenti", personale di Federico Guerri. L'arte appartiene originariamente alla natura. È
natura. E in quanto tale contempla e dà forma a se stessa. È dunque tempo che l'arte,
memore del suo stato aurorale, torni a muoversi per iniziativa dei propri tratti. È tempo che la
scrittura segnica torni a decidere dei propri tracciati e delle proprie luci. Di tutto. Anche delle
tenebre. Nulla deve nascere se non dai suoi impulsi, dai suoi spasimi, dai suoi getti, violenti o
pacati che siano. È quanto accade nell'opera di Federico Guerri, dove la scrittura sceglie
innanzitutto di essere disegno e di non porsi al servizio che del proprio accadere. La scrittura
danza e iscrive in questo esordio il carattere inafferrabile dello scaturire del segno e l'annuncio
dell'enigmatica soglia tra ciclica sparizione e nuovo inizio. Non ha principio né fine. Appare e
passa. Appare al nostro orizzonte come potrebbe fare il vapore acqueo. Presenza e venirealla-presenza si uniscono e si confondono in questi luoghi verso i quali ci conduce Federico
Guerri: sono luoghi pienamente riconoscibili, pur rivelandosi la loro vera sostanza come ombra
e parvenza. Orario: da martedi a sabato 15.30-19.30. Info: www.galleriaweber.it [email protected] - 011.19500694
fino al 04/04/2015
ore 18:00
Torino
Via San Tommaso 7
RÄ DI MARTINO ALLA GAM PER "VITRINE"
Riparte il 10 febbraio alla GAM di Torino "Vitrine", il progetto dedicato alla ricerca artistica
contemporanea. Possibilità, titolo della quarta edizione, pone l'attenzione sulle trasformazioni
della vita, del suo divenire di cui l'arte ricalca la natura mutevole e fluida. Come un vetro
trasparente, "Vitrine" stabilisce un punto di interazione, di dialogo e di lettura tra le ricerche
artistiche più contemporanee e il flusso incessante degli stimoli fisici e simbolici della
quotidianità. Gli artisti protagonisti della quarta edizione di Vitrine sono: Rä di Martino,
Francesco Gennari, Francesco Barocco, Anna Franceschini, Luca Trevisani. "Vitrine" si
costituisce come una soglia, un passaggio che mette in comunicazione mondo interno ed
esterno al museo attuando un dialogo tra le ricerche artistiche con la realtà circostante. Lo
spazio e il tempo sono le coordinate imprescindibili con cui l'uomo si confronta costantemente
e che s'imprimono nel lavoro dell'artista. Tutto scorre e cambia, le percezioni si arricchiscono
di ricordi personali, del vissuto, della memoria culturale, storico?sociale e politica in una
metamorfosi continua. Mutamenti che investono la realtà naturale e urbana ma anche il
paesaggio dell'immaginario, lo spazio?tempo reale e quello mentale, interiore e intimo
dell'animo. Lo sguardo dell'artista coglie determinate situazioni, alcuni momenti, registra
cambiamenti che mescolano passato, presente e futuro, in una rielaborazione che trova
espressione nelle opere, restituendo attimi e impressioni. Il primo appuntamento dell'edizione
2015 vede protagonista Rä di Martino, che presenta alla GAM dal 10 febbraio al 6 aprile
l'opera "The Picture of Ourselves", video in bianco e nero che inquadra i primi piani alternati di
una bambina e di un giovane uomo dagli occhi chiari, due ritratti in cui affiorano suggestioni
della tradizione artistica, dalla pittura più antica fino alla fotografia più contemporanea, due
sguardi che sono la testimonianza della vita che scorre, si radica, si evolve in un infinito
intrecciarsi di possibilità. Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude
un'ora prima. Ingresso libero a Vitrine. Info: centralino 011.4429518 - segreteria 011.4429595 www.gamtorino.it/vitrine
fino al 06/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
18 / 195
Arte
GAVINO SANNA ALLO SPAZIO MOUV
"Livori in corso", personale di Gavino Sanna. In mostra una trentina di disegni, accompagnati
da brevi racconti, raccolti nel libro intitolato "Livori in corso" che Gavino Sanna ha dedicato ad
Alda Merini. La mostra si apre, così come nel libro, con un verso della Poetessa dei Navigli
"L'uomo fa male al fratello al primo sbadiglio del mattino" a cui segue la dedica di Alda Merini.
Orario: tutti i giorni dalle ore 10 alle 24; chiuso il lunedì. Nel periodo della mostra si
svolgeranno degustazioni libere e guidate dei vini di Cantina Mesa, l'azienda vitivinicola creata
dieci anni fa da Gavino Sanna con la moglie Lella a Sant'Anna Arresi nel Sulcis. Info:
[email protected] - www.spaziomouv.it - 331.5828996
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Silvio Pellico 3
SERGIO STAINO ALLA GAM
"Un racconto di Berlino, 1981", personale di Sergio Staino - uno dei più conosciuti e amati
disegnatori satirici italiani -, a cura di Danilo Eccher. Lo spazio Wunderkammer ospita più di
cento disegni che raccontano Berlino nel 1981, quando Staino, armato di carta, matita, china e
una macchina fotografica raggiunge la città e la interpreta con i suoi disegni. E qui Bobo, da
sempre l'alter ego del disegnatore, si ritrova a esplorare una città dalle mille contraddizioni e
dal grande fascino. Una metropoli in forte espansione architettonica e culturale, in quell'anno
ancora inserita nel cuore del comunismo europeo. "Ogni angolo era una scoperta, una
sorpresa, una suggestione: Berlino in quegli anni là era una città veramente unica per la
quantità di contraddizioni politiche e sociali che faceva coesistere in se stessa esprimendole,
poi, in forme architettoniche e ambientali assai diversificate (...) Tutto era esagerato in Berlino
Ovest: le luci, le insegne, le vetrine, tutte cose che adesso sembrerebbero normali ma che,
allora, erano profondamente innovative. Solo avvicinandosi al confine con la Repubblica
Democratica, e soprattutto al muro, l'atmosfera della città si faceva più scura e deprimente e la
contraddizione tra la vitalità lussuosa dell'Ovest e la tristezza poliziesca dell'est si facevano
evidenti". Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima.
Ingresso: euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011
4429518 - Segreteria tel. 011 4429595 e-mail [email protected]
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
19 / 195
Arte
ALDO MONDINO ALLA GAM PER "SURPRISE"
Martedì 10 febbraio inaugura alla GAM il primo appuntamento dell'edizione 2015 di "Surprise",
progetto espositivo che concentra l'attenzione su aspetti specifici del contesto artistico torinese
tra gli anni Sessanta e Settanta, in cui si intersecarono discipline diverse, dall'architettura al
design, dalla moda alla grafica, dalla musica alle arti visive e performative gettando in questo
modo le basi per il riconoscimento artistico di Torino a livello internazionale. A curare questo
terzo ciclo di appuntamenti, che prosegue per tutto il 2015, sono Maria Teresa Roberto,
docente di Storia dell'Arte Contemporanea presso l'Accademia Albertina di Torino e Gregorio
Mazzonis, curatore GAM. Al progetto è dedicata la sala espositiva della GAM al secondo
piano del museo. Al centro dell'attenzione sono poste di volta in volta opere, tracce di percorsi
espositivi, progetti inediti, riferimenti a contesti extra-artistici; si tratta di frammenti eterogenei
ma accomunati dal senso di stupore e meraviglia e di intensificazione delle energie vitali tipico
di quegli anni. Il protagonista del primo appuntamento è Aldo Mondino (Torino, 1938-2005) il
quale, dopo il periodo trascorso a Parigi dal 1959 al 1960 dove frequenta l'Ecole du Louvre e i
corsi di incisione di William Heyter, nel 1963 esordisce a Torino con una personale alla galleria
Il Punto, allora diretta da Gian Enzo Sperone. Presenta in questa occasione i suoi nuovi lavori,
le "Tavole Anatomiche", metafore della società contemporanea descritta attraverso gli organi
del corpo umano. "Sole" e "Immersore", entrambe realizzate nel 1967 e presentate nella
mostra alla GAM, rappresentano un'esperienza anomala nell'ambito della sua produzione
artistica, rivolta in questi anni al gioco e allo humour. L'arrivo della Pop Art in Italia proprio
grazie a Gian Enzo Sperone e la sua consacrazione nella mostra alla Biennale veneziana del
'64, costituisce un precedente fondamentale per tutta la ricerca artistica degli anni a venire.
Mondino si appropria anch'egli di alcune istanze quali il principio di sconfinamento dalla pittura
ottenuto con l'utilizzo di materiali che circondano il nostro ambiente, in questo caso legno e
lampadine a incandescenza. Se "Immersore" si ricollega , come ha notato Riccardo Passoni,
più alle istanze New Dada che sono discusse proprio in quegli anni, "Sole" traduce con i
materiali delle insegne luminose un tema caro alla pittura di paesaggio come l'alba, sul quale
tra l'altro si concentra la ricerca di uno dei maestri della Pop Art come Roy Lichtenstein negli
anni tra 1963 e 1964 e al quale Sperone dedica la mostra di apertura della sua galleria. Le due
opere hanno in comune, oltre ai materiali utilizzati, una misura fissa che guida la loro
installazione alla parete, 160 centimetri da terra, segnalata dall'artista da una etichetta della
galleria Stein sul verso di "Immersore". Questa linea immaginaria, che attraversa in orizzontale
l'opera, definisce il punto al di sotto del quale le lampadine devono rimanere spente e
corrisponde sia alla misura teorizzata da Masaccio come altezza fissa dell'occhio umano sia al
segno lasciato dalle acque dell'Arno su alcuni capolavori dell'arte fiorentina che impressionò a
tal punto Mondino da spingerlo a realizzare tra la fine del '66 e il 1967 una serie di opere. Tra
questi lavori vale la pena ricordare l'intervento alla mostra "Con temp l'azione" (gallerie Stein,
Sperone e Il Punto, Torino 1967) durante la quale l'artista unisce le sedi della mostra tirando
un filo rosso attraverso la città posto a 160 centimetri di altezza da terra. Orario: martedìdomenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima. Ingressi: euro 10, ridotto
euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011 4429518 - Segreteria tel. 011
4429595 e-mail [email protected]
fino al 07/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
20 / 195
Arte
"MARCO POLO - LA VIA DELLA SETA NELLE FOTOGRAFIE DI MICHAEL YAMASHITA"
AL MAO
Un viaggio per immagini, sulle tracce di uno dei più grandi esploratori di tutti i tempi: la nuova
mostra del Mao ricostruisce il percorso compiuto quasi mille anni fa da Marco Polo lungo la
Via della Seta, attraverso le fotografie di Michael Yamashita, fotografo di punta di National
Geographic. Nelle 76 fotografie esposte al Museo d'Arte Orientale ritroviamo piazza San
Marco e la laguna, il minareto di Samarra in Iraq e le carovane a bordo dei cammelli nel
deserto del Gobi. Non solo: la mostra, articolata in tre sezioni geografiche, ripercorre il tragitto
compiuto da Marco Polo dall'Italia alla Cina, ma anche la permanenza dell'esploratore in Cina
e il viaggio di ritorno via mare, lungo le coste dell'Indonesia e dell'India. Le immagini
desertiche lasciano così pian piano spazio alle distese d'acqua delle piantagioni di riso, agli
spettacolari paesaggi della baia di Ha Long nel Nord del Vietnam e agli sguardi penetranti dei
sadhu a Bombay. Orario: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18. Dal 7 febbraio al 1 marzo,
apertura e chiusura posticipata nei weekend (sabato dalle 11 alle 20; domenica dalle 11 alle
19). La biglietteria chiude un'ora prima. Il biglietto d'ingresso (10 euro) consente anche
l'accesso alla collezione permanente del museo. Info: 011.4436928 - www.maotorino.it
fino al 12/04/2015
ore 17:00
Torino
Via San Domenico 11
MOSTRA DEI FINALISTI DEL MARIO MERZ PRIZE ALLA FONDAZIONE MERZ
Mostra dei 5 finalisti della prima edizione della sezione arte del Mario Merz Prize. Gli artisti,
Lida Abdul (Kabul 1973), Glenn Ligon (New York 1960), Naeem Mohaiemen (Londra 1969),
Anri Sala (Tirana 1974) e Wael Shawky (Alessandria d'Egitto 1971), sono stati selezionati tra
le oltre 500 candidature pervenute dalla giuria composta da Marisa Merz, Beatrix Ruf
(direttrice dello Stedelijk Museum di Amsterdam) e Claudia Gioia (curatrice indipendente). Il
progetto espositivo, curato da Beatrice Merz raccoglie due o tre opere per ciascun autore,
scelte tra le più significative del loro percorso artistico. Il pubblico potrà esprimere la propria
preferenza visitando la mostra o collegandosi al sito mariomerzprize.org. Orario: martedìdomenica 11-19, lunedì chiuso. L'ingresso alla mostra è gratuito. Info: 011.19719437 [email protected] - www.fondazionemerz.org
fino al 12/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Limone 24
AVERY SINGER ALLA FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
"Pictures Punish Words", personale di Avery Singer, a cura di Beatrix Ruf. Sorprendenti per
tecnica e iconografia, i quadri di Avery Singer sovvertono le nostre aspettative visuali. A un
primo sguardo si sottraggono a una classificazione precisa come dipinti o elaborazioni a
stampa. Per questo sollevano l'interrogativo, ovvio e allo stesso tempo pressante per
un'artista, sul modo in cui le informazioni digitali che ci circondano possono concretizzarsi sotto forma di immagine piatta su carta o, più di recente, tridimensionale in plastica, o su ogni
altra possibile superficie materiale. Avery Singer ha realizzato un ciclo di opere pensate
appositamente per questa sua prima personale. Dopo una prima presentazione alla Kunsthalle
di Zurigo, la personale si sposta Torino, alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Orario:
giovedì 20-23 (ingresso libero); venerdì, sabato e domenica 12-19. Ingresso: intero euro 5;
ridotto euro 3 (over 65, studenti); gruppi euro 4 (minimo 6 persone); gratuito (per i bambini fino
a 12 anni, Insieme per l'Arte, abbonamento Torino Musei, giornalisti accreditati, soci ICOM).
Info: [email protected] - 011.3797600 - www.fsrr.org
fino al 12/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Modane 16
TORINOSETTE | Arte
21 / 195
Arte
"IL KABUKI DEI TRE SAMURAI: ARAKI, MORIMURA, SUGIMOTO" ALLA GALLERIA IN
ARCO
"Il kabuki dei tre samurai: Araki, Morimura, Sugimoto". Nobuyoshi Araki, Yasumasa Morimura
e Hiroshi Sugimoto sono i protagonisti della mostra a cura di Graziano Menolascina.
Nobuyoshi Araki, tra gli artisti più rappresentativi e prolifici della storia della fotografia,
racconta la donna, l'eros e il Giappone. Le donne di Araki sono spesso sdraiate su letti disfatti,
oppure distese sul pavimento in pose lascive, legate con corde, con i corpi ostentati e nudi ma
con sguardi in cui è completamente assente la volontà di sedurre. Yasumasa Morimura si
appropria invece di icone universali della storia dell'arte, dei mass media e della cultura
popolare interpretandole in prima persona. In particolare Morimura è interessato alle
trasformazioni sociali politico e culturali dovute alla penetrazione del capitalismo e dei miti del
mondo occidentale in Giappone. Morimura impersona Einstein, Marylin, Frida Khalo, Hitler il
risultato è un'opera e raffinata che nasce da una cura maniacale per i dettagli e l'uso di ritocchi
digitali, di costumi, pose e accessori ricercati che le rendono uniche. I tratti somatici non
modificati, sono l'unico mezzo che Morimura ha per rivendicare la propria origine e le proprie
tradizioni e l'unica via per fare ciò è la provocazione. Infine, ci sono gli scatti di Hiroshi
Sugimoto, immagini mentali, concetti la cui materializzazione è resa possibile grazie a un
rigoroso controllo del mezzo fotografico e del processo manuale di stampa, seguito anch'esso
personalmente dall'artista. Nella serie "Theatre" Sugimoto ha fotografato con tempi di
esposizione lunghissimi sale degli anni '20 e '30, cinema degli anni '50 e drive in. La luce
bianca degli schermi rettangolari, che illumina il resto dell'ambiente, contiene in sé l'intera
proiezione del film. In "Architectures" la tecnica dello sfocato priva le architetture moderniste di
connotazioni temporali. I lunghi tempi di esposizione dei "Seascape" bloccano il movimento
delle onde in immagini eterne, mentre il soggetto dei "Portraits" realizzati fotografando i
personaggi dei musei delle cere è l'immortalità stessa. Info: 011.8122927 - www.in-arco.com [email protected]
fino al 18/04/2015
ore 18:30
Torino
Piazza Vittorio Veneto 3
TORINOSETTE | Arte
22 / 195
Arte
"IL MONDO IN UNA TAZZA" A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta un percorso dedicato alla storia della tazza, attingendo dalle ricche
collezioni di arte decorativa conservate in museo. L'esposizione si riallaccia al tema della
porcellana torinese al centro di Fascino e splendore della porcellana di Torino, mostra curata
da Andreina d'Agliano e Cristina Maritano che apre in contemporanea alla Fondazione AccorsiOmetto e che presenta ben 90 opere provenienti dalle collezioni di Palazzo Madama. Le due
esposizioni offrono nel complesso un vero e proprio percorso cittadino dedicato al tema della
porcellana. Filo conduttore dell'esposizione è la tazzina: da tè, da caffè e da cioccolata.
Oggetto legato indissolubilmente all'introduzione in Europa delle bevande calde provenienti
dall'Oriente e dal Nuovo Mondo e al materiale esotico e prezioso per eccellenza, la porcellana.
A Palazzo Madama una sequenza di tazze, a partire dai blancs-de-chine, ovvero le porcellane
bianche cinesi prodotte a Dehua, mostra l'evoluzione delle forme e la varietà dei decori nelle
tazzine prodotte dalle manifatture europee nel Settecento: dai motivi di origine cinese e
giapponese, a quelli tratti dai libri di storia naturale, ai paesaggi derivati da incisioni olandesi e
tedesche, fino alle scene mitologiche e della letteratura cavalleresca. Contestualmente la
mostra è un'occasione per raccontare, per casi esemplari, la storia della porcellana, delle sue
particolarità produttive, della qualità della pasta e dei colori. Il valore socialmente
rappresentativo della porcellana emerge anche grazie all'esposizione di alcuni servizi araldici,
conservatisi integri per il loro valore altamente simbolico legato al passato illustre della casata
oppure smembrati e dispersi sul mercato antiquario. Una vetrina è dedicata alla principale
manifattura di porcellana operante in Piemonte nel Settecento, la Real fabbrica delle
porcellane di Vinovo, fondata nel 1776 grazie all'intraprendenza di un torinese, Giovanni
Vittorio Brodel, e di un ceramista di Strasburgo, Pierre-Antoine Hannong, e poi rilevata nel
1780 dal medico e chimico torinese, Vittorio Amedeo Gioanetti. Alla produzione di questa
fabbrica è dedicato un più ampio spazio nelle sale della mostra alla Fondazione AccorsiOmetto. In un'altra vetrina, l'artista Matilde Domestico, che da anni conduce ricerche sul tema
della porcellana, ambienta l'installazione Esistenza di porcellana, che si ispira alle poesie di
Emily Dickinson. Il lavoro dell'artista unisce oggetti e frammenti di carta e di porcellana su cui
emergono parole in acciaio. Intorno una superficie di polvere di marmo di Carrara, il caolino,
un materiale refrattario. Tutti gli elementi nel complesso rimandano all'idea di fabbrica, a una
realtà viva e produttiva. In sottofondo una base sonora composta dalla sovrapposizione ed
elaborazione di rumori meccanici, suoni metallici ripetitivi registrati all'interno dei reparti di
fabbricazione dell'Industria Porcellane IPA, si propaga tra le tintinnanti ceramiche antiche e
contemporanee. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00. La biglietteria
chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso: intero euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. In presenza di mostre temporanee le tariffe
potranno subire variazioni. Info: 011.4433501 - www.palazzomadamatorino.it
fino al 19/04/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
ISA MELSHEIMER DA QUARTZ STUDIO
"Examination of the Origins", personale dell'artista tedesca Isa Melsheimer (Neuss, 1968) che
per l'occasione ha concepito un'installazione site specific in cui elementi scultorei pensati a
partire dalle caratteristiche 'ambientali' di Quartz sono accostati alle forme architettoniche di
alcuni edifici della città. Visite su appuntamento. Info: 338.4290085 - [email protected] www.quartzstudio.net
fino al 28/04/2015
ore 19:00
Torino
Via Giulia di Barolo 18/D
TORINOSETTE | Arte
23 / 195
Arte
JOSEF KOUDELKA AL FORTE DI BARD
"Josef Koudelka, Vestiges 1991-2014", prima esposizione in Italia del più imponente progetto
fotografico di uno dei maestri mondiali della fotografia, mostra promossa dall'associazione
Forte di Bard in collaborazione con l'Agenzia Magnum Photos. Il progetto Vestiges, che vede
impegnato da oltre vent'anni il grande fotografo dell'agenzia Magnum Photos, propone la sua
interpretazione fotografica e artistica di alcuni dei più importanti siti archeologici della cultura
romana e greca, in un itinerario attraverso venti paesi, dalla Grecia al Libano, dalla Siria
all'Algeria, dalla Turchia all'Italia e di oltre duecento località che si affacciano sul Mar
Mediterraneo. Un'esplorazione che non ha precedenti, un lavoro fatto di costanza e
perseveranza. L'artista, come i pittori romantici del XIX secolo, coltiva una predilezione
particolare per le rovine, senza celebrarne l'atmosfera malinconica, ma con l'obiettivo di
restituirne l'autentica bellezza. Il suo intento è usare l'arte per riappropriarsi di un mondo che ci
sta sfuggendo e che potremmo perdere. Trasformare le macerie in speranza è il grande e
ambizioso progetto che Koudelka cerca di realizzare con il suo eccezionale viaggio, in
costante divenire che si arricchisce periodicamente di nuovi capitoli. In mostra oltre 60
fotografie di cui 22 panoramiche di grandi dimensioni. Un allestimento che coniuga il
minimalismo dell'approccio del fotografo e della cifra stilistica delle sue immagini, al suggestivo
senso di camminamento tra le rovine. In mostra anche la proiezione di circa 350 scatti relativi
ai set di Vestiges. Fino al 31 gennaio il Forte sarà aperto solo il sabato e la domenica dalle 10
alle 19; dal primo febbraio apertura consueta (feriali dalle 10 alle 18, festivi e prefestivi dalle 10
alle 19). Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 - 83382 e su
www.fortedibard.it
fino al 03/05/2015
ore 18:00
Bard (AO)
Forte
"AL FRONTE" AL MUSEO DEL CINEMA
"Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande Guerra", mostra a cura di Roberta
Basano e Sarah Pesenti Campagnoni. Cento anni fa, la Grande Guerra investe il Vecchio
Continente con la sua modernità che, oltre alle armi micidiali, annovera l'utilizzo di nuovi mezzi
di comunicazione. Tra queste la fotografia e il cinema si rivelano risorse fondamentali nel
definire gli equilibri di potere dei principali paesi belligeranti. Scatti e riprese realizzati da
fotografi e operatori militari invadono le pagine di quotidiani e riviste e dominano gli spettacoli
cinematografici di tutto il mondo, trovando una eco nelle innumerevoli fotografie amatoriali
accumulate dai reduci e dalle loro famiglie, memoria di un'esperienza umana e sociale
estrema e contraddittoria. La mostra "Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande
Guerra" propone un percorso di immagini attraverso 160 fotografie inedite, scattate da Luis
Bogino al seguito del Regio Esercito Italiano e dai soldati fotoamatori dislocati sui di guerra.
Accanto a questo primo tracciato si sviluppa il percorso cinematografico: una selezione di film
"dal vero", girati al fronte e nelle retrovie, e di titoli di fiction di epoche diverse, testimonianza di
un'eredità visiva e culturale variamente interpretata nel corso del tempo. Lo sguardo di artisti
come Paola De Pietri, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi propone infine una lettura
personale della prima guerra mondiale, dei luoghi che essa ha attraversato e di una memoria
spesso dimenticata. Orario: da martedì a venerdì 9.00-20.00; sabato 9.00-23.00; domenica
9.00-20.00; lunedì chiuso. Ultimo ingresso un'ora prima della chiusura. Ingresso: intero euro
14,00; ridotto (studenti universitari fino a 26 anni, over 65, gruppi min. 15 persone) euro 11,00;
giovani e scuole (da 6 a 18 anni, gruppi scolastici) euro 8,00; gratuito fino a 5 anni, disabili e
accompagnatore, Torino+Piemonte Card.
fino al 03/05/2015
ore 19:00
Torino
Via Montebello 20
TORINOSETTE | Arte
24 / 195
Arte
"ASTRATTISMO IN EUROPA" AL FORTE DI BARD
"Astrattismo in Europa. Kandinsky, Popova, Majakovskij, Malevi?...": oltre 80 opere,
principalmente olii e disegni di straordinario valore, appartenenti a una prestigiosa collezione
privata tedesca, per la prima volta esposta in Italia. La collezione, riunita con passione e
costanza nel corso di anni, costituisce un nucleo tematico omogeneo con aspetti storicogeografici di grande interesse: le opere illustrano le tendenze artistiche dell'Europa Orientale e
Centrale durante la prima metà del XX secolo, con particolare attenzione alla nascita della
pittura astratta e ai movimenti di arte non figurativa che ne seguirono e che capillarmente si
diffusero in tutta Europa. In un clima di generale rinnovamento del linguaggio artistico, infatti, a
partire dal 1910 circa si sviluppano diverse tendenze astratte nell'ambito dei movimenti
d'avanguardia tedesco, russo, ceco e olandese. Wassily Kandinsky occupa un posto di primo
piano in questo contesto artistico. Al completo la compagine degli astrattisti russi presenti in
mostra: Vladimir Tatlin, Alexander Rodchenko, El Lissitzky e Alexandra Exter, che sviluppa il
suo linguaggio plastico integrando influssi dal Cubismo e dal Futurismo. Da non perdere le
preziose opere di Natalia Goncharova. Kasimir Malevic, con Kandinsky, può considerarsi il più
importante pioniere dell'arte astratta. Proveniente dal contesto del Cubofuturismo russo,
Malevic dipinge forme geometriche elementari come il quadrato, la sfera, la croce, dando vita
al movimento del Suprematismo: un'arte non descrittiva, puramente contemplativa e spirituale.
In mostra anche 44 libri originali del medesimo movimento artistico culturale con numerosi
pezzi di Wladimir Majakovskij e opere di Nikolay Punin, Kasimir Malevi?, Lajos Kassák e due
filmati di Hans Richter (1888-1976) e Viking Eggeling (1880-1925), pionieri dell'astrattismo
geometrico cinematografico d'avanguardia europeo. I loro lavori, terminati nel 1921, sono
considerati tra le opere fondamentali della modernità. Orario: feriali dalle 10 alle 18, festivi e
prefestivi dalle 10 alle 19. Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 83382 e su www.fortedibard.it
fino al 02/06/2015
ore 10:00
Bard (AO)
Forte
TORINOSETTE | Arte
25 / 195
Arte
"LO SPAZIO DEL DEMIURGO", FORTUNY E MOLLINO A PALAZZO MADAMA
Poliedricità. È il tratto che accomuna i protagonisti della nuova mostra allestita a Palazzo
Madama «Lo spazio del demiurgo», incentrata sulle figure di Mariano Fortuny y Madrazo e
Carlo Mollino. Due personalità forti, capaci di eccellere in differenti discipline, dalla pittura alla
scenografia, passando per l'architettura, il design e la moda. L'esposizione racconta il
percorso artistico e professionale di Fortuny e Mollino attraverso venti immagini realizzate da
una coppia di grandi fotografi, Sarah Moon e Pino Musi, e dal giovane Marco Maria Zanin.
Nato a Granada nel 1871, Mariano Fortuny y Madrazo respirò arte fin dall'infanzia: figlio del
pittore catalano Mariano Fortuny y Marsal, tra i più rilevanti del panorama artistico spagnolo
del XIX secolo, si dedicò al disegno, all'incisione e alla scenografia, realizzando lampade
avveniristiche, d'ispirazione teatrale, che negli anni a venire si affermarono come uno degli
oggetti di design più ricercati e riconoscibili. Stabilitosi a Venezia, fece di Palazzo Pesaro degli
Orfei la sua residenza e il suo laboratorio: qui concepì e realizzò le prime tuniche Delphos,
lunghi abiti femminili caratterizzati da sottilissime pieghe. Sono i primi vestiti plissettati al
mondo: la tecnica ideata e brevettata da Fortuny si rivelò un successo immediato,
rivoluzionando il mondo della moda. La capacità di creare forme, attingendo da mondi e
modelli differenti tra loro, dall'Antica Grecia alle tradizioni catalane, fece di Fortuny una delle
figure più interessanti del suo tempo, un modello tutt'oggi imitato e studiato. Altrettanto
affascinante è la figura di Carlo Mollino: torinese, nato nel 1905 da una famiglia benestante,
seguì da subito le orme del padre Eugenio, ingegnere e architetto, noto per aver progettato e
realizzato l'ospedale delle Molinette. Completati gli studi, Carlo si dedicò con profitto alla
fotografia, alla progettazione di edifici e di automobili da corsa. Appassionato di sci e di
montagna, realizzò chalet, edifici e funivie, coniugando materiali tradizionali e forme molto
moderne, tecnica che caratterizzò anche i suoi progetti più famosi, come il nuovo Teatro Regio
e il palazzo della Camera di Commercio in via Carlo Alberto. Forme morbide e sinuose, che si
ritrovano anche nei suoi arredi e nei suoi mobili, custoditi nella villa di Vittorio Avondo e
immortalati dall'obiettivo di Musi e Zanin. Orario: da martedì a sabato 10-18, domenica
(10-19). La biglietteria chiude un'ora prima. Ingresso: intero 10 euro; ridotto 8; gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 07/06/2015
ore 18:00
Torino
Piazza Castello
JACQUES HENRI LARTIGUE AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Jacques Henri Lartigue - Alle origini della fotografia contemporanea", mostra a cura di Andrea
Busto, in collaborazione con la Donation Jacques Henri Lartigue. La mostra, realizzata a
partire da 130 album originali di Lartigue, ripercorre il destino unico di questo fotografo il cui
talento ora indiscusso venne riconosciuto tardivamente, all'età di 69 anni. La mostra è
composta da 136 fotografie in grande formato e da 50 pagine d'album dell'epoca (1912 - 1922)
che permettono di vedere le immagini nel contesto originale. Una selezione di opere
emblematiche che ripercorrono tutta la storia del Novecento e le origini della fotografia
contemporanea. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
26 / 195
Arte
"PLASTIC DAYS" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Plastic Days - Materiali e design", a cura di Cecilia Cecchini e Marco Petroni. Un percorso
multidisciplinare tra arte, design e costume per raccontare l'affascinante storia di un materiale
che ha profondamente segnato e condizionato il nostro tempo e le nostre abitudini. Gli oggetti
e le opere in mostra costituiranno una sorta di atlante del contemporaneo. La mostra nasce
dall'analisi e dalla selezione di circa 600 oggetti della collezione della Fondazione Plart,
Plastiche e Arte di Maria Pia Incutti-Paliotto, e si compone come un originale racconto della
grande e molteplice famiglia dei materiali plastici. Una testimonianza che racconta le
trasformazioni degli ultimi centocinquanta anni di storia e che svela l'anima profonda della
modernità e delle mutazioni che hanno segnato il paesaggio domestico e culturale in cui siamo
immersi. La plastica diviene la lente d'ingrandimento puntata sulle dinamiche sociali ed
economiche del nostro tempo. Gli oggetti in mostra rappresentano un'articolata selezione di
artefatti assai rari provenienti da tutte le parti del mondo: prime serie di produzione, pezzi di
grande tiratura di famosi designer o di design anonimo. Una scelta non finalizzata a proporre
una puntuale ricostruzione della storia delle plastiche, ma a realizzare una mostra capace di
disegnare un particolare percorso di lettura del nostro tempo, rivisitato attraverso un approccio
multidisciplinare tra design, arte e costume. Uno sguardo ampio, testimoniato anche dagli
interventi in catalogo di Alba Cappellieri, Laura Cherubini, Stefano Catucci, Gianluigi
Ricuperati, Thea van Oosten e Anna Laganà. Completano il percorso espositivo le interviste
ad Andrea Branzi, Donato D'Urbino, Paolo Lomazzi, Alessandro Mendini, Maurizio
Montalti/Officina Corpuscoli, Andrea Trimarchi e Simone Farresin/Studio Formafantasma,
Gaetano Pesce e Maria Pia Incutti, collezionista e presidente della Fondazione Plart. Orario:
da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
ANITA MOLINERO AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Anita Molinero, opere e installazioni". Copertoni, sedie, tavoli, panchine, cassonetti della
spazzatura, arredi urbani dismessi, imballaggi. Sono questi i materiali scultorei preferiti da
Anita Molinero, esposti nella loro grezza povertà nei primi lavori degli anni Ottanta e poi
manipolati, tagliati e plasmati attraverso il fuoco nella produzione successiva. La mostra Anita
Molinero. Opere e installazioni presenta una panoramica di lavori realizzati recentemente e
disseminati negli spazi di tutto il Museo, in dialogo con la mostra Plastic Days. L'artista
realizzerà inoltre una serie di sculture site-specific con materiali plastici - in particolare
cassonetti della spazzatura, elementi di carrozzeria automobilistica come paraurti, fari, fanali recuperati durante la sua permanenza a Torino. Con la mostra di Anita Molinero iniziano le
incursioni del MEF nei territori della creazione contemporanea. Muovendosi dalla mission di un
museo che non vuole essere "solo museo", ma un vivace luogo di scambio e un attivatore di
processi creativi, il MEF inaugura una serie di collaborazioni trasversali, partendo dalla moda.
Primo partner, lo storico marchio di abbigliamento BasicNet. Per l'occasione, la casa torinese
realizzerà un K-WAY progettato da Anita Molinero: l'impermeabile sarà prodotto
esclusivamente durante il periodo della mostra, diventando un vero e proprio multiplo
indossabile. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
27 / 195
Arte
GESSI E CERAMICHE DELLA LENCI A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta, a partire dal 1 novembre, un nuovo allestimento in Sala
Ceramiche dedicato alla celebre manifattura Lenci, a cui il museo ha già dedicato una grande
mostra nel 2010. L'esposizione, resa possibile grazie al generoso prestito di due collezionisti
privati e della Fondazione Guido ed Ettore De Fornaris, mette in evidenza i due momenti
chiave del processo creativo della manifattura Lenci: quello iniziale, i gessi, e quello finale, le
ceramiche. I gessi della Lenci, provenienti da una collezione privata, costituiscono un vero e
proprio archivio di fabbrica, dove si conservano anche le idee rimaste in bozza e mai
realizzate. La selezione presentata a Palazzo Madama offre all'attenzione del pubblico il
confronto diretto con le corrispondenti ceramiche, come per il "Trionfo di Bacco" di Giovanni
Grande, oltre ad alcuni raffinati inediti, come la "Principessa sul pisello" attribuibile a Mario
Sturani, di cui non si conoscono realizzazioni in terraglia. L'esposizione è inoltre l'occasione
per vedere nuovamente riunite, dopo la mostra "L'avventura Lenci", le Stagioni di Mario
Sturani in ceramica e in gesso. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00.
Mercoledì 24 dicembre aperto dalle 10 alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 25 dicembre
chiuso; venerdì 26 dicembre aperto dalle 10 alle 18; mercoledì 31 dicembre aperto dalle 10
alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 1 gennaio aperto dalle 14 alle 18, chiuso il mattino; lunedì
5 gennaio apertura straordinaria dalle 10 alle 18; martedì 6 gennaio aperto dalle 10 alle 18. La
biglietteria chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso museo: intero euro 10, ridotto euro
8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 25/06/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
"FASCINO E SPLENDORE DELLA PORCELLANA DI TORINO" AL MUSEO ACCORSIOMETTO
La mostra, realizzata in collaborazione con Palazzo Madama - Museo Civico di Arte Antica, a
cura di Andreina d'Agliano e di Cristina Maritano, si propone di approfondire la produzione
delle tre manifatture torinesi di porcellana, Rossetti, Vische e Vinovo, grazie allo spoglio dei
documenti d'archivio e alla revisione degli oggetti presenti sia in raccolte pubbliche che private.
L'avventura eroica che portò la "sublime scoperta della porcellana" a diffondersi in Europa e
anche, precocemente, in terra piemontese, le storie, i protagonisti, le opere, uniti all'uso
quotidiano dell'oro bianco all'interno delle dimore signorili, esaminato nell'arco della giornata
del Giovin Signore, sono oggetto dell'esposizione al Museo di Arti Decorative Accorsi Ometto, che presenta - oltre a porcellane provenienti da raccolte pubbliche e private - diversi
esempi di argenteria, quadri, incisioni. Il percorso espositivo si apre con la sezione dedicata
alla produzione di porcellana della manifattura Rossetti, di proprietà del conte Giacinto Roero
di Guarene, rappresentato nello straordinario quadro di Martin van Meytens; si prosegue
entrando in un cabinets des porcelaines, in cui vengono esposte diverse porcellane cinesi
Blanc de Chine, alcune già di proprietà del Conte di Guarene, a cui si aggiungono alcune
statuine di dignitari cinesi in porcellana a pasta tenera, eseguite nella manifattura Rossetti fra il
1737 e il 1743, copiando originali cinesi. Oltre alla produzione bianca, sono state individuate
porcellane dipinte in policromia, fra cui una vaso di Palazzo Madama, e alcuni oggetti
appartenenti a collezioni private. La seconda sezione è dedicata alla manifattura fondata nel
1765 dal conte Ludovico Birago di Vische, di cui vengono presentati numerosi oggetti inediti:
nella sua breve attività (1765 - 68) Vische, oltre a riprodurre statuine e prototipi della
manifattura di Vincennes - Sèvres, presenta un notevole influsso dei disegni rocaille di
Meissonnier e dell'argentiere torinese Boucheron. Fra gli oggetti più interessanti, una
zuccheriera dipinta in monocromia porpora e una straordinaria salsiera, la cui forma ricorda da
vicino la produzione del Boucheron. La terza sezione della mostra inizia mostrando una serie
di sculture in porcellana bianca verniciata e in biscuit, eseguite nel periodo in cui alla direzione
della manifattura furono Giovanni Vittorio Brodel, già socio del Birago a Vische, e Pierre
Antoine Hannong, autore della formula della porcellana dura in Francia (aveva infatti venduto
nel 1761 il segreto della porcellana dura a Sèvres). In questo periodo vengono riprodotti i
modelli di Vische, in buona parte derivati dalle incisioni delle opere di François Boucher. Un
TORINOSETTE | Arte
28 /al195
confronto interessante sarà quello tra Vincennes - Sèvres, Vische e Vinovo, che darà
visitatore la possibilità di esaminare i modelli piemontesi e gli originali francesi, fra cui un
biscuit proveniente dal Museo delle Porcellane di Palazzo Pitti. La mostra prosegue con una
Arte
IVREA - CRISTINA CANCELLARA E ROSSANA CHALLANCIN AL CASTELLO DI SALE
Mostra di Cristina cancellara e Rossana Challancin, a cura di ArteInFuga. Orario: lunedì
14.30-19.00; dal martedì al sabato 9.30-19.00. Info: [email protected] http://arteinfuga.blogspot.it/
fino al 05/03/2015
ore 18:00
Ivrea (TO)
Via dei Patrioti 14
KIRIL HADZHIEV DA FRANZ PALUDETTO
Personale di Kiril Hadzhiev. Sono enigmi visivi e ironici a incuriosire e solleticare lo spettatore,
che il più delle volte si avvicina alle opere di Kiril Hadzhiev con la sensazione di dover risolvere
un rebus. Sculture in marmo bianco, contraddistinte da un nitore cristallino, accostate o
alternate a semplici objets trouvés articolano le argute sciarade che l'artista mette in scena,
nell'intento di dare rappresentazione visiva a temi filosofici come a suggestioni letterarie. Ogni
opera racchiude in sé, stratificati in vari layers, molteplici riferimenti a libri, a testi di filosofia
come a interrogativi superiori che da secoli attendono ancora una risposta. A dispetto del loro
aspetto lieve, quasi giocoso, sono la sintesi e la convergenza di alcune riflessioni scaturite
dallo studio e dagli interessi del loro artefice, come anche dalla volontà di fare scultura non nel
senso tradizionale del termine, seppur utilizzando ancora nella maggior parte delle opere un
materiale classico. Orario: da giovedì a sabato 15-19 o su appuntamento. Info: 011.4546390 [email protected] - www.franzpaludetto.com
fino al 05/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Stampatori 9
"MANI. SOSTANTIVO FEMMINILE PLURALE" ALLA BIBLIOTECA CIVICA GINZBURG
Nell'ambito degli appuntamenti organizzati per la Giornata della Donna, allestimento della
mostra fotografica "Mani. Sostantivo Femminile Plurale", ideata e realizzata dall'autrice del
Concorso Lingua Madre Brunella Pernigotti per raccontare le abilità e l'umanità delle mani
delle donne. Ad accompagnare l'esposizione, i racconti tratti dalle antologie del Concorso
Lingua Madre (Ed. SEB27).
fino al 05/03/2015
ore 10:00
Torino
Via Lombroso 16
BRUNO BORDOLI ALLA LIBRERIA BELGRAVIA
"Alla faccia", pitture su carta di Bruno Bordoli. Catalogo con didascalie poetiche di Gilberto
Isella. Orario: dal lunedì al sabato 9,30-13 e 15,30-19,30. Info: 011.3852921 - 347.5977883
[email protected]
fino al 06/03/2015
ore 17:30
Torino
Via Vicoforte 14/D
TORINOSETTE | Arte
29 / 195
Arte
"PROGRESSIVA ART EXHIBITION" ALLO SPAZIO COLOMBO ART DESIGN
"Progressiva Art Exhibition", a cura di Max Ponte ed Enrica Merlo. In mostra lavori di Angelo
Barile, affiancato da undici artisti emergenti, selezionati attraverso un "call for artists": Sabina
Kolici (Torino); Daniele Sturiale (Torino); Renata Olivetto (Meledugno-Lecce); Elena Bordina
(Torrazza Piemonte); Sabrina Campagna (Salerno); Francesca Marzo (Bergamo); Mercedes
Pitzalis (Cagliari); Sandra Martinatto (Torino); Nella Parigi (Moncalieri); Raffaella Pasquali
(Torino); Carla Scudieri (Verolengo-Torino). Info: [email protected] - 334.7410978
fino al 06/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Trofarello 13
IVAN CAZZOLA ALLA BURNING GIRAFFE ART GALLERY
"Ivan Cazzola. NYC", a cura di Giuseppe Savoca. Il ritratto di una delle città più affascinati del
mondo che, tra bianchi e neri e luci accecanti, attrae come un magnete chiunque le orbiti
attorno. Come nessun altro posto al mondo, New York City rappresenta, con il suo stile unico,
la metafora della società contemporanea e il fotografo Ivan Cazzola ne cattura lo spirito
attraverso il suo occhio puro, privo di mediazioni, registrandone gli umori contraddittori della
"strada", dove splendore e terrore convivono insieme. Negli scatti presentati in questa mostra,
rappresentativi di tutta la sua ricerca artistica, è evidente come una certa dualità stilistica ed
estetica rappresenti un vero e proprio marchio di fabbrica dell'artista. Sia che si tratti degli
iconici ritratti a personaggi, quali: Orlando Bloom, Joan As Police Woman, Dave Timson, Mik
Lennard, OK GO, Yohji Yamamoto, XX, These New Puritans, Juliette Lewis, Mark "The Gonz"
Gonzales e Charlotte Free, o il lavoro maggiormente documentaristico sulla contro-cultura
giovanile, o, ancora, gli scatti per la moda, possiamo ritrovare la stessa visione audace, a volte
quasi impertinente, ma allo stesso tempo profonda ed evocativa. Ivan Cazzola ha accumulato
nel corso degli anni una grande esperienza, collaborando con magazine (Vogue, Dazed &
Confused, i-D) e fashion labels, tra Milano, Londra, Parigi e New York, approdando anche al
video come director di alcuni short movies. Con i suoi scatti ha esplorato mondi diversi tra loro,
da una realtà vicina e autobiografica, agli scatti di modelle, artisti, rock bands, star del cinema,
gangster, borghesi decadenti, il tutto con una costante stilistica attraverso un occhio spesso
intimo, a volte insolente, ma sempre iconico e provocativo. Nel 2010 è stato designato dalla
rivista Dazed & Confused come uno dei fotografi più interessanti nel panorama internazionale.
Orario: dal martedì al venerdì 15-19; sabato 15:30-20. Info: www.bugartgallery.com [email protected] - [email protected] - 011.5832745 - 347.7975704
fino al 07/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Bava 8/A
TORINOSETTE | Arte
30 / 195
Arte
LAVINIA RACCANELLO ALLA GALLERIA MOITRE
"Not a position, but a proposition", personale di Lavinia Raccanello, artista e attivista italiana
che vive tra la Scozia e l'Italia. Il suo lavoro si concentra sulla relazione tra gli esseri umani, la
società e la giustizia sociale, con una particolare enfasi sul potere della dialettica e della
pratica partecipatoria, e il conflitto tra potere statale ed autonomia e responsabilità personale.
Suoi lavori sono stati esposti in Italia, Scozia, Irlanda, Spagna, Stati Uniti, Cile ed India. Per
questa nuova personale l'artista ha lavorato alla creazione di più di duecento bandiere,
corrispondenti agli Stati indipendenti del mondo. Di questi, centonovantatrè sono membri
dell'ONU, due sono osservatori permanenti all'ONU ed uno ne è ex membro. Sono inoltre
presenti nove Stati che, vantando sovranità territoriale, hanno dichiarato la propria
indipendenza ottenendo un limitato o, in alcuni casi, alcun riconoscimento internazionale. Per
cucire le bandiere è stata utilizzata stoffa nera che in alcuni casi riporta ricami neri su nero.
Nero su nero: queste bandiere rappresentano una dopo l'altra la negazione di tutte le
bandiere. Orario: mercoledì-sabato 16-19. Info: www.galleriamoitre.com [email protected] - 340.5172587 - 338.1426301
fino al 07/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Santa Giulia 37 bis
TORINOSETTE | Arte
31 / 195
Arte
SAN SECONDO DI PINEROLO - "SAN SEBASTIANO" AL CASTELLO DI MIRADOLO
"San Sebastiano. Bellezza e integrità nell'arte tra Quattrocento e Seicento", mostra dedicata a
San Sebastiano, curata da Vittorio Sgarbi. Vittorio Sgarbi e Antonio D'Amico hanno
selezionato circa quaranta capolavori, dal Rinascimento al Seicento inoltrato. Il percorso
prende avvio con Andrea della Robbia che modella l'anatomia del giovane Sebastiano con
grande raffinatezza, levigando le membra con la terracotta invetriata. Si prosegue con uno
sguardo nella Venezia del Quattrocento, dove Carlo Crivelli interpreta con grande
suggestione, tra la laguna e le Marche, la figura di un giovanetto nudo e invaso dalle frecce.
Sul suo viso compare la smorfia: è l'uomo del Rinascimento con le sue passioni e le sue
aspettative sul mondo e nel futuro. Ludovico Carracci interpreta il secolo della grande Riforma
Cattolica mostrandoci un atleta gentile che cita passi di danza e si muove leggiadro nei
meandri della fede. Lo splendido paesaggio è la scena suggestiva che ospita la Vergine col
Bambino e uno statuario Sebastiano, dipinto da Paris Bordon, che ci guarda e assiste
silenzioso al mistico dialogo. Compagno ideale è il solitario e meditabondo San Sebastiano di
Tiziano che proviene da una importante collezione privata americana e che giunge in Italia per
la seconda volta. Il Seicento si apre con l'accesa armonia dei colori e le audaci forme che in
Rubens, che da Anversa giunge in Italia, tra Mantova e Roma, trovano un risvolto leggiadro,
suadente e delicato: il Rubens della Galleria Corsini di Roma esce dalla stanza dell'Alcova di
Palazzo Corsini alla Lungara per la prima volta dopo tanti anni. Pittura tattile è quella del
Seicento che mette in campo gli affetti con un inedito Guercino, di recente scoperto e custodito
in una collezione privata americana e con l'altro, compagno ardito, della Galleria Nazionale
delle Marche. L'aspetto della devozione è sublimata con Guido Reni che lega il bel Sebastiano
a un albero in un'atmosfera calda, serale, intima, pregna di una Bologna in cui i dettami del
Concilio di Trento, applicati dal Cardinale Gabriele Paleotti, sono ancora nevralgici e di forte
attrazione e rispetto per gli artisti. L'ondata caravaggesca, poi, tocca un inedito culmine con un
dipinto eccezionalmente dato in prestito dal Cardinale di Milano, che, appositamente studiato
per la mostra, rivela accenti nordici con una straordinaria verità nel volto e nella posa
dell'uomo "santo". Gli echi caravaggeschi, poi, mostrano la passione con Ribera e l'ardita
partecipazione al martirio con Nicolas Regnier e con l'affascinante Mattias Stomer dei
Gerolamini di Napoli; accezioni preziose del caravaggismo internazionale. La narrazione
ideale, di coinvolgimento emotivo, trova due capisaldi nel Mattia Preti di Capodimonte e nei
Luca Giordano che cavalcano il Seicento e aprono il secolo successivo lasciandosi alla spalle
la pittura di verità e la ritualità del vero. La mostra offre un excursus dentro quasi tre secoli,
operando affascinanti confronti sul soggetto: il medesimo artista che adotta differenti soluzioni
formali, pose e ambientazioni in anni ravvicinati letti da artisti diversi, materiali differenti e
modellati per capirne cambiamenti e intenti devozionali e di fama della figura del santo da nord
a sud. Un percorso che dalla seconda metà del Quattrocento giunge agli albori del Settecento,
contemplando assoluti capolavori. Tre grandi opere si sono aggiunte in un secondo momento
e saranno visibili al Castello di Miradolo: il "San Sebastiano curato dagli angeli" di Rubens (dal
30 ottobre), "Il Martirio di San Sebastiano" di Guercino (dal 6 novembre) e Il "San Sebastiano"
di Raffaello dall'Accademia Carrara di Bergamo (dal 18 dicembre). Orario: giovedì e venerdì
14.00-18.00; sabato, domenica e lunedì 10.00-18.30; chiuso il martedì e il mercoledì; aperto su
prenotazione anche in orario di chiusura. Orari durante ricorrenze e festività: 1 novembre
10.00-18.30; 8 dicembre 10.00-18.30; 24 dicembre chiuso; 25 dicembre 15.00-18.30; 26
dicembre 10.00-18.30; 31 dicembre e 1 gennaio chiuso; 6 gennaio 10.00-18.30. Ingresso:
intero 10 euro; ridotto 8 euro (gruppi, convenzionati, studenti fino a 26 anni, over 65, militari);
ridotto dai 6 ai 14 anni 3 euro; gratuito bambini fino a 6 anni, Abbonati Musei. Info:
www.fondazionecosso.it - [email protected] - 0121.502761 (biglietteria) - 0121.376545
(uffici). Sabato 29 novembre servizio navetta che collega il centro di Torino al Castello di
Miradolo al costo di 8 euro a persona. Partenza da Torino alle ore 14,00 da piazza Carlo
Felice angolo corso Vittorio Emanuele II; ritorno con ritrovo nel parcheggio del Castello di
Miradolo alle ore 17,30 e rientro in città per le 18,30. Prenotazione obbligatoria: 0121.502761
fino al 08/03/2015
ore 10:00
San Secondo di Pinerolo (TO)
Via Cardonata 2
TORINOSETTE | Arte
32 / 195
Arte
"STEMPERANDO" ALLA BIBLIOTECA NAZIONALE
"Stemperando", sesta edizione della Biennale Internazionale di opere d'arte su carta che si
realizzerà in tre tappe: Torino, Tirana e Roma. La Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino
ospiterà la prima tappa della rassegna, nata a Spoleto nel 2003 in concomitanza con il Festival
dei due mondi. Successivamente, le opere saranno trasferite a Tirana e la mostra sarà
allestita al Museo Storico Nazionale dell'Albania. Infine, come ultima tappa, il gruppo di opere
ritornerà in Italia e la mostra sarà composta a Roma, al Museo Villa Vecchia di Villa Doria
Pamphili, dove concluderà il suo percorso. In mostra 96 opere su carta di 49 artisti di ogni
parte del mondo. Per la sezione internazionale: Alberto Biasi, Alberto Brusa, Paolo Conti,
Graham Guerra, Kivanç Gülhan, Ali Herischi, Jiang Shanqing, Susan Leyland, Paolo Marazzi,
Carlo Mazzetti, Xavier Medina Campeny, Sophia Michaeledes, Azad Nanakeli, Qui Yu, Ran
Xue Mei, Claudio Sacchi, Michele Stanzione, Martin Streitenberger, Andreas Tomblin, Jorrit
Tornquist, Lucio Trizzino; per la sezione storica: Georges Braque, Francesco Casorati, Enrico
Colombotto Rosso, Samo Koler, Riccardo Licata, Umberto Mastroianni, Franc Oldering, Mario
Schifano, Giacomo Soffiantino, Alberto Sughi; per la Nazione ospite, Albania: Albien Alushaj,
Helidon Haliti, Ardian Isufi, Pjeter Koleci, Beskida Kraja, Gjon Jon Kraja, Vladimir Llakaj, Fatos
Lubonja, Ormira Lulani, Alban Met-hasani, Alkan Nallbani, Andi Nallbani, Admir Pervathi,
Parlind Prelashi, Agron Rushiti, Alberto Saka, Helidon Xhixha, Armand. A cura di: Anselmo
Villata. Nazione ospite d'Onore: Albania, a cura di Alfred Milot Mirashi.
fino al 08/03/2015
ore 18:00
Torino
Piazza Carlo Alberto 3
"ANDY WARHOL...IN THE CITY" ALL'8 GALLERY
"Andy Warhol...in the city". Un'occasione unica per ammirare 40 opere che hanno segnato la
storia dell'arte mondiale: dal mito di Marilyn Monroe al fascino di Liz Taylor, dalle storiche
bottiglie di Coca Cola alle leggendarie lattine di zuppa Campbell's, l'intuito e l'estro grafico di
Andy Warhol sono i protagonisti di questa interessante esposizione. Le opere fanno parte
della più ampia mostra intitolata "Andy Warhol... in the city" che nasce da un'iniziativa di
Pubbliwork Eventi, in collaborazione con la New Factory Art, ed è già stata esposta nelle
gallerie d'arte di diverse città italiane; da gennaio 2015, in pieno spirito Warhol, la mostra è
stata allestita, per la prima volta in assoluto in un centro commerciale. Tra le opere esposte
l'immancabile Marilyn Monroe, Campbell's e Flowers, si potranno inoltre ammirare le copertine
di Interview Magazine, la rivista fondata proprio da Andy Warhol e le cover di dischi dei Rolling
Stones e dei Velvet Underground. Le opere rappresentano il percorso artistico ed iconografico
creato da Warhol dal 1957 al 1987, fornendo sia un'ampia visione dei suoi soggetti più noti sia
delle sue radici europee attraverso quei lavori poco conosciuti ma molto importanti, come gli
Space Fruits o il Gold Book, realizzato da Warhol in occasione della sua prima mostra
personale presso la Bodley Gallery di New York. I soggetti esposti sono stampe, cover,
cartoncini, serigrafie e offset: opere originali multiple di opere uniche. Info: www.8gallery.it
fino al 08/03/2015
ore 11:00
Torino
Via Nizza 230
TORINOSETTE | Arte
33 / 195
Arte
COLLEGNO - "FOTOGRAFIA AL FEMMINILE" NELLA SALA DELLE ARTI
"Fotografia al femminile", edizione 2015. Orario: venerdì e sabato 16-19,30; domenica 10-12 e
16-19,30. Durante le aperture del 7 e dell'8 marzo sarà allestita una sala posa all'interno della
sala delle Arti per omeggiare di un ritratto in digitale tutte le signore che lo desidereranno. Tra
gli eventi collaterali della mostra, martedì 3 marzo alle 21, presso la Sala del Museo della
Resistenza e della Pace della Città, sarà ospite la fotoreporter di guerra Andreja Restek che
presenterà i suoi ultimi lavori.
fino al 08/03/2015
ore 18:00
Collegno (TO)
Via Torino 9
"ARTE AL FEMMINILE" DA ARTE CITTA' AMICA
"Arte al femminile", quattro mini personali di Margherita Baldelli, Adriana Cernei, Angela
Gastaldi e Carla Perona. Orario: da martedì a sabato 16,00-19,00; chiuso il lunedì e festivi.
Info: 011.7717471 - 011.7768845 - www.artecittaamica.it - [email protected]
fino al 10/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Rubiana 15
"I VENERDÌ DELL'ARTE" ALLA BIBLIOTECA CIVICA PRIMO LEVI
"I venerdì dell'arte", mostra di pittura di fine corso del Centrodonna della Circoscrizione 6.
fino al 11/03/2015
ore 10:00
Torino
Via Leoncavallo 17
"NUOVE RICERCHE 2015" DA MARTINARTE
"Nuove Ricerche 2015", collettiva a cura di Paola Barbarossa e Fernando Montà. In mostra
lavori di Monica Bruera, Daniele Nessi, Joshua Sottile e Corrado Zecca. Orario: lunedì
15.30-19.30; martedì e mercoledì 10,00-12,30 e 15,30-21,30; giovedì e venerdì 10,00-12.30 e
15.30-19.30. Info: 011.3433756 - 335.360545 - [email protected]
fino al 12/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Siracusa 24/A
COLLETTIVA FOTOGRAFICA NEL NUOVO SPAZIO28
Spazio 28, nuovo spazio espositivio in corso Vittorio Emanuele II 28, presenta una mostra
collettiva di fotografia a cura di Phos. In esposizione opere di autori emergenti e di autori
affermati nel panorama della fotografia italiana ed internazionale che negli ultimi anni hanno
presentato alcuni dei loro progetti più significativi all'interno dell'attività espositiva di Phos:
Sophie Anne Herin, Pietro Bolgna, Renato D'Agostin, Davide De Martis, Stefano Fiorina,
Simon Roberts, Vito Vagali. Orario: dal lunedì al venerdì 15:00-19:30. Per informazioni:
335.6661281 - 347.2212059
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Vittorio Emanuele II 28
TORINOSETTE | Arte
34 / 195
Arte
PATRIZIA MUSSA ALLO SPAZIO EVENTA
"Luci silenti", personale fotografica di Patrizia Mussa, secondo appuntamento espositivo
organizzato da ArtPhotò, al fine di promuovere la fotografia d'autore. Gli elementi distintivi del
lavoro artistico di Patrizia Mussa sono innegabilmente la ricerca di una luce particolare e la
ricerca di una dimensione di un tempo sospeso e irreale che procura in chi guarda
l'impressione di un silenzio impalpabile al limite della parola. Le fotografie esposte in mostra
fanno parte di due lavori distinti ma entrambi mettono a fuoco di Patrizia Mussa tutta la sua
interpretazione d'autore, la sua esperienza di fotografa di architettura e la sua abilità tecnica.
La luce è dunque "anima e verità di un luogo" che la fotografa "ascolta" ogni volta che si
confronta con soggetti diversi e che amplifica il silenzio originario degli spazi fotografati. In
mostra sono esposte le fotografie tratte da "Teatri" e da "Le Temple du Soleil". Orario: martedìvenerdì dalle 15.00 alle 18.00. Info: www.ateliernovantotto.it/artphoto.html [email protected] - 335.7815940
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Via dei Mille 42
NEVERCREW ALLA SQUARE23 ART GALLERY
"Frequency Spectrum", mostra di Nevercrew. Dopo Milano e Dublino, dove hanno decorato le
nuove sedi europee di Facebook, il duo di street-artists svizzeri Nevercrew arriva a Torino,
negli spazi della galleria Square23, con "Frequency spectrum", la loro riflessione su
percezione e comunicazione, tra realtà e surrealtà. Pablo Togni e Christian Rebecchi più che
"duo" sono "uno". Lavorano insieme dal 1996 uniti dall'interesse comune per la pittura e la
street art. Hanno esposto e partecipato a progetti internazionali e festival a Belgrado, Il Cairo,
Amburgo, Monaco, Zurigo, Lugano. Il loro lavoro è caratterizzato da alcuni concetti chiave,
come il meccanismo, la composizione, la sezione, le parti, la memoria, la scelta, i rapporti, i
contrasti, l'esplorazione, la surrealtà. Il tutto viene collegato insieme, fuso in composizioni
viventi e che mutano proprio perché vive, evolvendosi nel tempo e nello spazio. Combinare
linguaggi diversi è la loro cifra stilistica: catene di montaggio, esseri organici e ingranaggi
meccanici, mostri marini, "strutture viventi" si intersecano nei loro lavori proprio come gli stili
che utilizzano, tra sintesi grafica e iperrealismo spray. Le loro strutture sono modelli di sistemi
viventi, delle visioni d'insieme rese percepibili nella loro totalità e nella loro struttura tramite
l'utilizzo della "sezione" che permette di vederle per come sono al loro interno, nel caso di un
meccanismo o degli spazi di una casa o della struttura di un essere vivente. Il rapporto tra le
parti e con la memoria viene esteso alla realtà intera, al luogo e allo spettatore, lasciando a
quest'ultimo la possibilità di completare il meccanismo con la sua personale esperienza, con la
sua storia e quindi con le sue molteplici interpretazioni. In "Frequency Spectrum", in
particolare, l'attenzione si concentra su percezione e comunicazione, sulla loro differenza ed
interazione costante. Orario: lunedì-sabato 11-20, o su appuntamento. Info: 334.9980390 [email protected]
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via San Massimo 45
TORINOSETTE | Arte
35 / 195
Arte
LUCA ROMANO DA RIZOMI
Personale di Luca Romano. Romano ha sublimato su carta il suo desiderio più grande rimasto
invariato per vent'anni, prendere il pullman n. 67 con la sua borsa da disegno a tracollo. Ha
prediletto i pennarelli a punta spessa, ricamando talvolta elementi verbali su campiture
fittissime. Cartoncini, planimetrie, fogli strappati da vecchi libri di grammatica, fanno da sfondo
al miraggio dell'autonomia ma anche al simbolo della viabilità metropolitana, di una certa
cultura civica del mezzo di trasporto pubblico. Il risultato, trame di colore intessute dove
talvolta la figura scompare annegata dal tratto pieno e rotondo del gesto pittorico. Lo stesso
trattamento è applicato alla serie del "Dettato", in cui l'artista replica ripetutamente l'incipit dei
dettati della scuola primaria con una vera calli-grafia perfetta e stereotipata. Questa mostra
vuole essere un omaggio ad un artista nascosto, che non si è mai comportato come tale, che
abbiamo selezionato tra tanti altri all'interno della preziosa collezione dell'Archivio Storico
Singolare e Plurale raccolta e curata da Tea Taramino. Orario: dal mercoledì al sabato
14:00-19:00. Info: 011.4367910 - www.rizomi.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Sant'Agostino 18/D
"JUST ANOTHER" ALLA LUCE GALLERY
"Just Another", mostra collettiva comprendente i lavori degli artisti Davide Balliano, Ethan
Greenbaum, JPW3, Dustin Pevey e Leif Ritchie. La mostra è nata quasi per "assonanza"
intorno ad una canzone di Pete Yorn: Just Another. I dipinti in mostra sembrano contenere
quel sound che richiama i nostri momenti più semplici ma anche più intimi, i momenti in cui lo
spazio e il tempo sembrano fermarsi. Certe situazioni hanno una particolare atmosfera e si
relazionano in modo naturale con la musica. E così Just Another, la colonna sonora di questa
mostra s'ispira al trascorrere della vita, ma anche al voltar pagina o semplicemente passare ad
un altro show. Ciascuno dei cinque artisti in mostra possiede una sua musicalità che lo
accomuna allo spirito di Just Another, richiamando alla riflessione e all'intimismo. Orario: dal
martedì al sabato 15.30-19.30. Info: 011.8141011 - 335.5246817 - [email protected] www.lucegallery.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso San Maurizio 25
"FILIPPO SCROPPO E LE AVANGUARDIE ARTISTICHE DEL DOPOGUERRA" ALLA
FONDAZIONE AMENDOLA
"Filippo Scroppo e le avanguardie artistiche del Dopoguerra": opere 1945-1970 di Scroppo,
Gavlano, Crippa, Saroni, Ramella, Gribaudo, Ruggeri, Soffiantino, Gorza, Surbone e Griffa.
Orario: lunedì - venerdì ore 10-12.30, 15.30-19.00 sabato, domenica e visite guidate su
prenotazione. Info: 011.2482970 - 348.2211208 - [email protected] www.fondazioneamendola.it
fino al 15/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Tollegno 52
TORINOSETTE | Arte
36 / 195
Arte
SOPHIE CALLE AL CASTELLO DI RIVOLI
"MAdRE", personale di Sophie Calle, a cura di Beatrice Merz. Sophie Calle, protagonista
indiscussa della scena artistica mondiale, propone un progetto interamente site-specific per le
sale auliche al secondo piano della Residenza Sabauda. La mostra si articola sullo sviluppo di
due importanti progetti che l'artista ha posto in essere da diversi anni: Rachel, Monique e Voir
la mer. Orario: da martedì a venerdì 10.00-17.00; sabato e domenica 10.00-19.00; lunedì
chiuso; 24 e 31 dicembre 10.00-17.00; aperto il lunedì di Pasqua; chiuso 1° gennaio, 1°
maggio e 25 dicembre. Ingresso: 6,50 euro; ridotto: 4.50 euro per ragazzi 11-14 anni,
pensionati, insegnanti, studenti, militari, associazioni culturali ed enti convenzionati. Gratuito
per i minori di 11 anni e per i disabili. Info: 011.9565222 - www.castellodirivoli.org www.castellodirivoli.tv - [email protected] Prorogata fino al 15 marzo.
fino al 15/03/2015
ore 19:00
Rivoli (TO)
Castello di Rivoli
KATARZYNA WYSOCKA AL POLSKI KOT
"Bez Tytulu", personale della pittrice polacca Katarzyna Wysocka. Nata a Lodz nel '83, l'artista
ha trascorso l'infanzia nella campagna sud-orientale della Polonia, che ha ispirato il suo
percorso artistico. La pittrice racconta: "La natura è la principale fonte d'ispirazione per i miei
quadri, dove si intrecciano i paesaggi campagnoli e dove esploro il mondo animale. Nello
stesso tempo la natura costituisce per me l'ispirazione per le ricerche astratte. Costanti sfide
formali forniscono i fiori e gli oggetti materiali nei quali mi misuro con la forma e il colore".
Katarzyna Wysocka, laureatasi presso l'Accademia Albertina di Torino, presenta per la prima
volta le sue opere, create nell'arco degli ultimi 15 anni. Info: polskikot @libero.it - 333.5205763
fino al 16/03/2015
ore 19:00
Torino
Via Massena 19
LUCIA CAPRIOGLIO AL COLLEGIO SAN GIUSEPPE
"Nature", personale di Lucia Caprioglio. In mostra 21 tele inedite a tecnica mista, con utilizzo di
incisioni, pittura e collage elaborati insieme. Orario: da lunedì a venerdì 10,30-12,30 e
16-18,30; sabato 10-12,30
fino al 16/03/2015
ore 17:30
Torino
Via San Francesco da Paola 23
TORINOSETTE | Arte
37 / 195
Arte
MARCO DALBOSCO DA PAOLO TONIN ARTE CONTEMPORANEA
"Paper religions project 2005 2014", personale di Marco Dalbosco. Esposto recentemente nel
corso di prestigiosi appuntamenti quali la mostra "Afterimage" presso la Galleria Civica/Mart di
Trento e ne "L'Arte guarda avanti" come opera finalista del Premio Terna6, il progetto
complessivo "Paper Religions #Jerusalem" viene presentato per la prima volta da Paolo Tonin
dalle sue origini nel 2005 ad oggi. Il lavoro ha preso avvio dalla necessità di indagare le
problematiche del conflitto Israeliano-Palestinese, assumendo nella sua evoluzione
l'espressione di libertà di ogni singolo individuo, investendo questioni di carattere religioso che
finiscono per riferirsi alla possibilità stessa di affermare l'identità individuale. Nel 2008, come
evento Parallelo di Manifesta7, nasce "Paper Religion #The Wall", diretto riferimento alla West
Bank in Israele. Per questo lavoro Marco Dalbosco ha raggruppato dodici persone che hanno
lavorato assieme per una settimana allo scopo di costruire un muro. Realizzato tuttavia con
mattoni di carta piegati secondo la tecnica dell'origami, il muro perde i suoi connotati di
barriera e di confine. Con questo specifico materiale e con la sua lavorazione, l'artista trascrive
la fragilità dell'essere umano e manifesta il potere di costruire, ciascuno con le proprie mani,
l'avvenire e la storia. Assumendo la città di Gerusalemme come simbolo di rispetto e
convivenza di molteplici credenze religiose, nel 2011 si concretizza Paper Religion
#Jerusalem: il mattone che divide, separa, crea un limite, è allo stesso tempo l'elemento base
per la costruzione di ogni tipo di edificio religioso. I mattoni vengono disposti a terra formando
un tappeto su cui vengono "sospese" le tre chiese monoteiste: una Chiesa Cattolica, una
Sinagoga e una Moschea. Anch'esse di carta, condividono con i mattoni la condizione di
fragilità. In mostra è presentata per la prima volta l'espressione complessiva di questo lungo e
partecipato percorso di ricerca e consapevolezza. Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle
13 e dalle 14,30 alle 19; sabato su appuntamento. Info: 011.19710514 - [email protected]
- www.toningallery.com
fino al 20/03/2015
ore 19:00
Torino
Via San Tommaso 6
"FRANCESCO MENNYEY" ALLA GALLERIA LA CONCHIGLIA
Acqueforti e disegni di Francesco Mennyey. Orario: dal martedì al venerdì 15-19; sabato 10-12
e 15-19. Info: 011.6991415
fino al 20/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Zumaglia 13bis
TORINOSETTE | Arte
38 / 195
Arte
NELLA MARCHESINI ALLA GALLERIA OPERE SCELTE
"Parole di pittore. Nella Marchesini - tra disegno e scrittura". La mostra è incentrata sul
rapporto intenso, tra disegno e scrittura, esistente nella produzione artistica di Nella
Marchesini. L'artista, allieva prediletta di Felice Casorati, sente l'arte come un'urgenza vitale
da manifestare in ogni modo e su ogni supporto possibile. Nel lavoro della Marchesini, il
disegno e la scrittura sono due modalità fondanti in quanto pratiche veloci, sintetiche e
accessibili: con una semplice matita Nella ha potuto rappresentare l'universo complesso del
suo essere anche nei momenti più difficili della sua vita. Queste due modalità non sono solo
facilmente realizzabili, ma possiedono una ricchezza d'espressione eccezionale che l'artista
coglie con diverse sfaccettature miscelandone le peculiarità che spesso si determinano
vicendevolmente. Il disegno non è solo bozzetto preparatorio per i vari dipinti, ma è
un'istantanea del quotidiano, dell'intimità più precaria ed effimera che svela però la parte più
autentica dell'emozione e del pensiero. Con il disegno Nella Marchesini riesce a eludere parte
della rigida impostazione di matrice casoratiana, dando forma al suo ambiente familiare e alle
sue esperienze con un'affascinante proiezione personale che fa emergere la sua sensibilità,
articolata e vigorosa. Trasfigurazioni religiose e deformazioni simboliche, presenti sia nei
disegni che negli scritti, rivelano molto chiaramente chi è Nella Marchesini: artista, donna e
madre. Nel tempo l'artista ha scritto una sorta di Zibaldone sul quale lei annota pensieri, sogni
e paure nello stesso modo in cui disegna. Vi è un'interrelazione unica e sorprendente tra
scrittura e disegno. Così anche i libri letti dalla Marchesini diventano essi stessi opere d'arte in
quanto accolgono disegni e rielaborazioni grafiche inedite. Orario: martedì-sabato 15.30-20.
Info: 011.5823026 - 349.3509087 - [email protected] - www.operescelte.com
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Matteo Pescatore 11/D
MICHAEL BIBERSTEIN DA GIORGIO PERSANO
Michael Biberstein, personale. Nato a Solothurn, Svizzera, nel 1948. Nel 1964 si trasferisce
negli Stati Uniti. Al Swarthmore College di Philadelphia incontra David Sylvester sotto la cui
guida studia Storia dell'Arte. Dopo aver vissuto tra gli Stati Uniti e la Svizzera, nel 1979 si
trasferisce in Portogallo, dove trascorrerà la maggior parte dei suoi anni, sino alla morte
improvvisa, sopraggiunta nel 2013. Pittore autodidatta, dagli anni '70 le sue opere vengono
esposte in tutto il mondo e sono presenti nelle collezioni di arte contemporanea di musei e
fondazioni, tra i quali: il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, il Whitney
Museum of American Art di New York, il Calouste Gulbenkian Foundation Centre for
Contemporary Art di Lisbona, la Serralves Foundation di Oporto, il Museu Colecção Berardo di
Lisbona. Orari: martedì - sabato 10,00-13,00 e 15,30-19,00. Info: 011.4378178 - 011.835527 [email protected] - www.giorgiopersano.org
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Principessa Clotilde 85
TORINOSETTE | Arte
39 / 195
Arte
BRUNO MARTINAZZI ALLO SPAZIO DON CHISCIOTTE
Personale di Bruno Martinazzi, scultore e orafo di fama internazionale. Tra le opere presenti
nella mostra, curata da Massimo Ghiotti, ci sono sculture di media dimensione che vanno dagli
anni '80 agli anni '90; una serie di piccole sculture intitolata "Pagine di pietra" tutte di recente
produzione; 12 disegni del 1980 facenti parte degli studi preparatori del libro "I cieli e la terra e
tutte le tue creature" (Noire editore 1988) e quattro gioielli. Nato a Torino nel 1923, allievo degli
stessi insegnanti di Primo Levi, Martinazzi si laurea in Chimica Pura all'Università di Torino.
Durante la guerra partecipa come partigiano combattente alla resistenza, ed è insignito della
Croce di Guerra. Frequenta la Libera Accademia d'Arte di Torino e gli Istituti d'Arte di Firenze
e Roma. Esordisce come orafo nel 1954, dopo quattro anni spesi come direttore di Tintoria
alla fabbrica tessile Magnoni Tedeschi, per poi affermarsi come scultore. È stato inoltre
docente all'Accademia Albertina di Belle Arti. Grazie ad artisti come Martinazzi a partire dagli
anni Sessanta, il gioiello contemporaneo sia entrato a far parte delle più importanti collezioni
museali internazionali; le sue creazioni figurano infatti nelle collezioni, tra gli altri, del
Metropolitan di New York e dell'Hermitage di S.Pietroburgo. Orario: martedì-sabato
10.30-12.30 e 15.30-19.30. Info: [email protected] - 011.19771755 www.fondazionebottarilattes.it
fino al 21/03/2015
ore 18:30
Torino
Via della Rocca 37
"OPERE IN PERMANENZA" ALLA GALLERIA20
"Opere in permanenza", collettiva comprendente opere di Enzo Briscese, Ermanno Barovero,
Nino Aimone, Piero Ferroglia, Alessia Zolfo, Francesco Preverino, Dario Rosolen, Leonardo
Pecoraro, Franco Margari, Marco Vigo, Romano Buratti, Domenico Lasala, Discepolo Girardi,
Elviro Coni. Orario: dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19. Info: 011.3724087 [email protected] - www.galleria20.jimdo.com
fino al 21/03/2015
ore 17:00
Torino
Corso Casale 85/B
GALLIANO GALLO DA CARACOL
"Invasioni", personale di Galliano Gallo. "Nelle sue opere pittoriche l'artista Gallo accede ad un
mondo incantato, in cui si coglie la scoperta genuina di un "qualcosa" che parte da molto
lontano. Lo sguardo innocente dell'infanzia osserva per la prima volta, con gioia e curiosità ciò
che gli si offre. I colori vividi colpiscono l'attenzione; le figure vagamente zoomorfe si
inseguono in un gioco di danza, unite da un filo conduttore che non si perde mai, anzi le tiene
insieme come le perle di una collana. E' un ritorno alle origini, dove forme semplici si
realizzano in un liquido creatore, moltiplicandosi per continuare la vita, per trasformarla. Il
movimento è continuo, coinvolge tutto; il ritmo serrato e vivace ci invita a partecipare a questo
tripudio di colori, ad afferrare, a non indugiare in contorti pensieri, ma a considerare con
rinnovata semplicità la purezza dell'inizio, che è lì a portata di mano, pronta per noi"
(Francesca Luce Milardi). Orario: martedì, mercoledì e giovedì 15.30-19.30; venerdì e sabato
10.30-19.39. Info: 393.2164821 - www.caracolarte.it
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Saluzzo 23
TORINOSETTE | Arte
40 / 195
Arte
RIVAROLO - CLEMENTINE CARSBERG A CASA TOESCA
"Secret de famille - Les angles morts", residenza d'artista di Clementine Carsberg. Al primo
piano, fino al 30 novembre, "Alias/self portraits", fotografie di siciliana Carmen Cardillo. Orario:
sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00; mercoledì dalle ore
17.00 alle ore 20.00. Info: www.areacreativa42.com - [email protected] - 335.1227609
fino al 22/03/2015
ore 18:00
Rivarolo (TO)
Via Ivrea 42
PIER PAOLO CALZOLARI IN VIDEOTECA GAM
Prosegue in Videoteca GAM il ciclo di incontri e mostre, a cura di Elena Volpato, dedicato al
video in Italia negli anni Sessanta e Settanta. Il primo appuntamento del 2015 vede
protagonista Pier Paolo Calzolari che incontra il pubblico della GAM martedì 13 gennaio alle
18.30. L'artista, in conversazione con Elena Volpato, parlerà del suo interesse per la
dimensione temporale e visiva del linguaggio filmico e video, dell'esperienza di lavoro con
Gerry Schum e ripercorrerà lo sviluppo del suo ciclo di opere intitolato "Day after Day a Family
Life" da cui sono tratti i lavori "Cucù", 1972?73, "Aeroplano", 1972 e "Lettere di Tiziano", 1974,
provenienti dall'Archivio della Fondazione Calzolari che la Videoteca GAM è orgogliosa di
poter presentare in esposizione nei propri spazi. L'incontro con Pier Paolo Calzolari offre
l'occasione di ascoltare uno dei più importanti protagonisti della storia del video d'artista, per la
rilevanza delle opere da lui girate in pellicola e video, e per il ruolo che il suo studio bolognese,
a Palazzo Bentivoglio, ebbe tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta, sia come
luogo d'incontro tra esponenti delle avanguardie internazionali, artistiche e teatrali, sia come
studio di registrazione di opere filmiche di altri artisti. In mostra in Videoteca GAM fino al 22
marzo quattro opere video realizzate dall'artista tra il 1970 e il 1974: "Senza titolo", da
"Identifications" di Gerry Schum, 1970, collezione Videoteca GAM; "Aeroplano" ["Day after
Day a Family Life"], 1972, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Cucù - The glass reflects"
["Day after Day a Family Life"], 1972?1973, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Lettere
di Tiziano" ["Day after Day a Family Life"], 1974, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari.
Orario: martedì - domenica 10.00-18.00 giovedì: 10.00-22.30. La biglietteria chiude un'ora
prima. Ingresso gratuito in videoteca. Non occorre appuntamento. Info: 011.4429597 - email
[email protected] - www.gamtorino.it
fino al 22/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
PRAGELATO - KURT MAIR E VINICIO PERUGIA ALLA TINBER ART GALLERY
"Coincidere", incisioni di Kurt Mair e Vinicio Perugia. Orario: sabato 16.00-18.30, domenica
10-12.30 - 15.30-18.00. Info: 0122.78461 - www.tinberartgallery.it
fino al 22/03/2015
ore 17:00
Pragelato (TO)
Via Albergian 20
TORINOSETTE | Arte
41 / 195
Arte
"DAB - DESIGN PER ARTSHOP E BOOKSHOP" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"DAB - Design per Artshop e Bookshop". Esposizione dei prototipi selezionati in occasione
della V edizione dell'omonimo concorso nazionale. Il progetto DAB, nato nel 2006, è promosso
da GAI - Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani e realizzato dall'Ufficio Giovani
d'Arte del Comune di Modena. DAB rientra nella Convenzione Progetto DE.MO. - sostegno al
nuovo design e alla mobilità, siglata tra GAI e Ministero dei beni e delle attività culturali e del
turismo (MiBACT) - Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane
e Direzione Generale Musei. La Mostra DAB presenta i progetti proposti da 20 designer
selezionati dalla Commissione composta da Sandra Tucci, referente del progetto per il
MiBACT - ex DG PaBAAC Servizio V; Patrizia Rossello dell'Associazione GAI e Michele Zini,
Architetto e Designer dello Studio ZPZ Partners. In mostra i prototipi di: Antonio Abatangelo;
Chiara Angioli; il collettivo formato da Margarita Aviles De Carlos, Marco Fogaccia, Shi Jintian,
Nicoletta Marangoni e Maria Montes De Oca; Emilio Baria; Ilaria Bartolini; Lucia Biancalana e
Eleonora Bompieri; Bottega Krua di Giada Fogliato e Arianna Piazza; Code0039 di Dante
Antonucci, Laura Crognale, Stefania Quintili e Alessandro Zuppa; De-sign di Daniela Cavasin
e Enrica Zanini; Alessandro Esposito, Federico Fiordigiglio; Alberto Galotta e Federica Lissoni;
Gian Piero Giovannini; Massimiliano Marianni; Elena Maurigh; Costanza Palmirani; Lorenzo
Passi; Arianna Piazza; Daniele Piazzola; Studio Alchemico di Giulio Bogani e Sofia Crescioli.
La commissione ha selezionato progetti che rispondessero positivamente a tre requisiti del
concorso: appartenenza allo scenario della cultura del progetto contemporaneo; effettiva
compatibilità con i museum shop per caratteristiche dell'oggetto, prezzo, mercato; possibilità di
essere prodotti in modalità di autoproduzione o con filiera produttiva non tradizionale. Si è
cercato di selezionare anche progetti sviluppati in ambiti di ricerca eterogenea o capaci di
proporre nuove tipologie di prodotto, così da avere uno scenario ampio di proposte che desse
profondità a una lettura complessiva, in sede di catalogo o di mostra. La Commissione ha
assegnato inoltre, ex-aequo il Premio Speciale MiBACT - Patrimonio culturale a Alberto
Galotta e Federica Lissoni, premio istituito nel 2011, in occasione della III edizione di DAB, per
incentivare la progettazione, da parte dei giovani designer, di oggetti contemporanei, ma
liberamente ispirati al vasto patrimonio culturale ed artistico del nostro paese e per questo
collocabili negli spazi commerciali di musei e siti archeologici. Il Premio MiBACT consiste
nell'assegnazione ai vincitori di fondi per l'autoproduzione degli oggetti e la promozione degli
stessi in importanti vetrine nazionali ed internazionali. La mostra, proveniente dal MAXXI di
Roma, farà successivamente tappa ad aprile presso l'area del bookshop della Fondazione
Fotografia al Foro Boario di Modena, a maggio a Lecce presso il prestigioso Castello di Acaya.
Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 22/03/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
MAX PAPESCHI DA DAVICO
"Je ne regrette rien", personale di Max Papeschi. Orario: da martedì al sabato dalle 10.00 alle
12.30 e dalle 16.00 alle 19.30. Chiuso lunedì e festivi. Info: 011.0362954 [email protected] - www.davicoarte.it
fino al 28/03/2015
ore 18:30
Torino
Galleria Subalpina 21
TORINOSETTE | Arte
42 / 195
Arte
CARMAGNOLA - "MESSICO CIRCA 2000" A PALAZZO LOMELLINI
"Messico Circa 2000", mostra comprendente 94 opere di 81 artisti messicani del nostro tempo,
tratta dalla collezione dell'imprenditore messicano Josè Pinto Mazal. La mostra è parte della
grande collezione di Josè Pinto Mazal. In essa vi sono raccolte opere che spaziano attorno al
terzo millennio (da qui il titolo di Messico Circa 2000) cioè dal 1980 ad oggi, di artisti messicani
e stranieri che hanno trovato in Messico il luogo ideale per la loro produzione. Non è una
mostra di tendenza, in quanto il collezionista non sceglie le opere secondo una sua particolare
propensione artistica, ma quelle che meglio documentano, attraverso l'arte, lo status del
Messico oggi e soprattutto di Città del Messico. Vi predomina la pittura, ma vi appaiono anche
altri linguaggi come la fotografia, il disegno, la scultura. Le opere sono diversissime tra di loro,
seguendo i criteri disparati dei linguaggi artistici contemporanei che dagli inizi del secolo
scorso hanno frantumato le regole tradizionali dell'arte. L'arte messicana della
contemporaneità si appropria infatti delle tendenze europee imprimendovi però, un marchio
che discende ancora dalle antiche culture precolombiane. L'ambiente, il deserto, la
dimensione tropicale s'insinua in queste superbe testimonianze visive arricchendole di
un'energia incontenibile. E anche la violenza vi traspare - quella che contraddistingue l'attuale
realtà messicana condizionata dalla lotta tra il governo e cartelli del narco-trafico, dal
femminicidio lungo i confini con gli U.S.A - una violenza filtrata in termini metaforici o allusivi.
Molti degli artisti qui presenti hanno frequentato la prestigiosa Scuola nazionale d'arte
Esmeralda, di Città del Messico, abbinata all'I.N.B.A., Istituto Nazionale di Belle Arti. E quasi
tutti vantano curricula internazionali, con puntate in Europa, nell'estremo Oriente, in Australia.
In questa mostra troviamo diversi linguaggi formali , la figuratività, l'astrazione, il realismo e
l'informale, l'espressionismo (che ora diviene neo-espressionismo), il surrealismo, il
concettuale e l'iperrealismo. In sostanza appare sia la realtà che il sogno, ossia dimensioni
"altre" che s'insinuano nel reale. Molto spesso le diverse tendenze si sovrappongono e si
fondono, secondo un paradigma messicano che tende al racconto complesso, stratificato,
spesso simbolico. Nella mostra sono esposte opere di numerosi artisti di valenza
internazionale come Gabriel Orozco, Francis Alys, Julio Galan, Demian Flores, Graciela
Iturbide, Monica Castillo, Irma Palacios, Jerman Venegas, Alfonso Mena Pacheco, Barry
Wolfryd. Nell'arco del suo sviluppo la mostra, che prevede delle visite guidate, proporrà eventi
collaterali integrativi della cultura messicana, con work-shop, performance multimediali,
espressioni sonore, che verranno via via comunicati nel dettaglio. L'allestimento è curato da
Rodrigo Witker con la collaborazione d Emma Ariza, ed è accompagnato da un volume
bilingue (italiano/inglese) edito in occasione della prima edizione. Orario: giovedì, venerdì,
sabato 15,00-18,00; domenica 10,00-12,00 e 15,00-18,00. Ingresso gratuito. Info:
www.palazzolomellini.com
fino al 29/03/2015
ore 18:00
Carmagnola (TO)
Piazza Sant'Agostino 17
"CON I MIEI OCCHI" IN GALLERIA SAN FEDERICO
"Con i miei occhi", mostra fotografica di Isabella Greggio, allestita nella cornice di Galleria San
Federico di Torino in occasione del progetto Sar.to La moda illumina Torino. I luoghi e i volti
ritratti raccontano un percorso emozionale e la storia personale di una giovane fotografa che,
superando le oggettive difficoltà di una malattia che l'ha colpita agli occhi, continua a girare il
mondo e a ritrarlo. Orario: dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00; domenica dalle 15.00
alle 19.00; lunedì chiuso.
fino al 31/03/2015
ore 17:30
Torino
Galleria San Federico
TORINOSETTE | Arte
43 / 195
Arte
PABLO BRONSTEIN DA FRANCO NOERO
"We live in Mannerist times", personale di Pablo Bronstein. L'artista argentino, che ha
recentemente ricevuto la Duveen Commission dalla Tate Britain per il 2016, si è qui
confrontato, similmente a quanto accaduto per la mostra al Metropolitan Museum di New York,
con la storia - in questo caso industriale - dell'edificio che ospita la mostra riflettendo sul
potenziale decorativo della tecnologia e su come il progresso scientifico sia non di rado al
servizio dell'estetica. Orario: lunedì 15.00-19.00; martedì-venerdì 11.00-19.00; sabato
15.00-19.00 o su appuntamento. Info: 011.882208 - [email protected] www.franconoero.com
fino al 02/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Mottalciata 10/B
TORINOSETTE | Arte
44 / 195
Arte
VICTORIA STOIAN DA ALBERTO PEOLA
"Codri Earthquake", personale di Victoria Stoian. La mostra è il risultato della sua
collaborazione con Clara Sofia Rosenberg, che da anni ne segue il lavoro supportandolo sul
piano teorico. Victoria e Clara Sofia hanno frequentato l'Accademia di Belle Arti di Torino dal
2009, in un percorso complementare tra l'attività pittorica dell'una e quella critica dell'altra. La
mostra di Victoria Stoian raccoglie una serie di lavori intorno al tema dell'assenza di un punto
di riferimento. Come recita il titolo, le opere rappresentano il caos e l'instabilità prodotti dalla
catastrofe naturale, in particolare dal terremoto che colpì la Moldavia nel 2011. Di
quell'esperienza, che ha coinvolto la sua famiglia, l'artista ricorda: «Quel 25 agosto alle 04:30
del mattino si verificò un violento terremoto di magnitudo 7,5 con epicentro a breve distanza
da Chi?in?u, dove sono nata e cresciuta. Due onde sismiche si sono succedute per una
durata di 52 secondi: migliaia di persone senza riparo, linee elettriche, strade e ferrovie
distrutte; dighe rotte e villaggi allagati con fuoriuscita di sostanze tossiche. Le Codri, le foreste
più grandi della Moldavia, sono state gravemente danneggiate. Questo mio lavoro è un
omaggio intimo e sofferto alla biografia di un popolo e alla feroce bellezza della natura che con
un colpo secco cambia linee, colori e vite». I quadri oggi esposti in galleria costituiscono una
parte dei 52 previsti dal progetto in fieri Codri Earthquake, ognuno dei quali corrisponde a
un'unità di tempo specifica del terremoto: il secondo. Vengono così messe in relazione, da un
lato, la durata del fenomeno con lo sviluppo del ciclo pittorico, e dall'altro, l'area geografica
colpita dal sisma con l'area della tela, ospite della rielaborazione del dramma. Come dice
l'artista, «in un terremoto il primo secondo può essere della stessa violenza dell'ultimo. Anzi,
forse il primo impatto è ancora più forte e destabilizzante». Per questo motivo, la serie Codri
Earthquake si sviluppa con un andamento cronologico, ma le singole opere non riportano la
violenza del terremoto in successione crescente: ogni quadro del progetto rappresenta infatti
un possibile grado di percezione della catastrofe, che non necessariamente corrisponde al suo
reale grado di intensità. Il tema dell'assenza di punti di riferimento proposto nelle opere
rimanda a un senso di destabilizzazione, percepibile in termini di panico e smarrimento. Ma,
d'altro canto, il potenziale generato da quest'assenza di vincoli può essere colto anche come
un'occasione di libertà. Questa dicotomia tra panico e liberazione è espressa dall'artista
attraverso la rappresentazione di un mondo informe che contiene, però, delle forme
riconoscibili, come protrusioni, annidamenti o ramificazioni. Il mondo organico che emerge da
questo repertorio visivo rimanda alla vitalità della natura - dal magma terrestre a correnti
marine e paesaggi abissali - e all'immaginario anatomico - dalla riproduzione cellulare a
filamenti, globuli e terminazioni nervose. Attraverso la tecnica del chiaroscuro, con
predominanza delle tonalità fredde, forme talvolta non finite, o cancellate, si stratificano in un
gioco di trasparenze e in un'alternanza di piani pittorici. Pur in assenza di un'architettura e di
una linea dell'orizzonte, Stoian riesce in questo modo a ricreare un senso di profondità nelle
forme che si affusolano in direzione di un punto di fuga ideale nella tela, inserendo nell'informe
accenni di prospettiva. I criteri su cui si fonda la ricerca di Victoria Stoian sono l'importanza
attribuita alla sostanzialità della materia, l'approccio diretto e la presenza fisica dell'artista nel
lavoro, e la necessità di coinvolgere lo spettatore attraverso la forza dell'opera in sé.
L'esperienza personale e il suo percorso artistico sono saldamente intrecciati: migrata a Torino
all'età di ventun anni, Victoria inizia a tradurre gli stimoli della nuova realtà, così diversa, in un
linguaggio pittorico denso di rimandi introspettivi e culturali. Attraverso un soggetto fortemente
autobiografico l'artista riesce ad affrontare temi collettivi, come il terremoto o la migrazione,
che riguardano il rapporto degli esseri umani con la storia e con il territorio, in una ricerca che
crea uno spazio di condivisione aperto e flessibile. Orario: da martedì a sabato dalle 15 alle
19, mattino su appuntamento. Info: 011.8124460 - 335.6191039 - [email protected] www.albertopeola.com
fino al 03/04/2015
ore 18:00
Torino
Via della Rocca 29
TORINOSETTE | Arte
45 / 195
Arte
FEDERICO GUERRI DA WEBER & WEBER
"Frammenti", personale di Federico Guerri. L'arte appartiene originariamente alla natura. È
natura. E in quanto tale contempla e dà forma a se stessa. È dunque tempo che l'arte,
memore del suo stato aurorale, torni a muoversi per iniziativa dei propri tratti. È tempo che la
scrittura segnica torni a decidere dei propri tracciati e delle proprie luci. Di tutto. Anche delle
tenebre. Nulla deve nascere se non dai suoi impulsi, dai suoi spasimi, dai suoi getti, violenti o
pacati che siano. È quanto accade nell'opera di Federico Guerri, dove la scrittura sceglie
innanzitutto di essere disegno e di non porsi al servizio che del proprio accadere. La scrittura
danza e iscrive in questo esordio il carattere inafferrabile dello scaturire del segno e l'annuncio
dell'enigmatica soglia tra ciclica sparizione e nuovo inizio. Non ha principio né fine. Appare e
passa. Appare al nostro orizzonte come potrebbe fare il vapore acqueo. Presenza e venirealla-presenza si uniscono e si confondono in questi luoghi verso i quali ci conduce Federico
Guerri: sono luoghi pienamente riconoscibili, pur rivelandosi la loro vera sostanza come ombra
e parvenza. Orario: da martedi a sabato 15.30-19.30. Info: www.galleriaweber.it [email protected] - 011.19500694
fino al 04/04/2015
ore 18:00
Torino
Via San Tommaso 7
RÄ DI MARTINO ALLA GAM PER "VITRINE"
Riparte il 10 febbraio alla GAM di Torino "Vitrine", il progetto dedicato alla ricerca artistica
contemporanea. Possibilità, titolo della quarta edizione, pone l'attenzione sulle trasformazioni
della vita, del suo divenire di cui l'arte ricalca la natura mutevole e fluida. Come un vetro
trasparente, "Vitrine" stabilisce un punto di interazione, di dialogo e di lettura tra le ricerche
artistiche più contemporanee e il flusso incessante degli stimoli fisici e simbolici della
quotidianità. Gli artisti protagonisti della quarta edizione di Vitrine sono: Rä di Martino,
Francesco Gennari, Francesco Barocco, Anna Franceschini, Luca Trevisani. "Vitrine" si
costituisce come una soglia, un passaggio che mette in comunicazione mondo interno ed
esterno al museo attuando un dialogo tra le ricerche artistiche con la realtà circostante. Lo
spazio e il tempo sono le coordinate imprescindibili con cui l'uomo si confronta costantemente
e che s'imprimono nel lavoro dell'artista. Tutto scorre e cambia, le percezioni si arricchiscono
di ricordi personali, del vissuto, della memoria culturale, storico?sociale e politica in una
metamorfosi continua. Mutamenti che investono la realtà naturale e urbana ma anche il
paesaggio dell'immaginario, lo spazio?tempo reale e quello mentale, interiore e intimo
dell'animo. Lo sguardo dell'artista coglie determinate situazioni, alcuni momenti, registra
cambiamenti che mescolano passato, presente e futuro, in una rielaborazione che trova
espressione nelle opere, restituendo attimi e impressioni. Il primo appuntamento dell'edizione
2015 vede protagonista Rä di Martino, che presenta alla GAM dal 10 febbraio al 6 aprile
l'opera "The Picture of Ourselves", video in bianco e nero che inquadra i primi piani alternati di
una bambina e di un giovane uomo dagli occhi chiari, due ritratti in cui affiorano suggestioni
della tradizione artistica, dalla pittura più antica fino alla fotografia più contemporanea, due
sguardi che sono la testimonianza della vita che scorre, si radica, si evolve in un infinito
intrecciarsi di possibilità. Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude
un'ora prima. Ingresso libero a Vitrine. Info: centralino 011.4429518 - segreteria 011.4429595 www.gamtorino.it/vitrine
fino al 06/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
46 / 195
Arte
GAVINO SANNA ALLO SPAZIO MOUV
"Livori in corso", personale di Gavino Sanna. In mostra una trentina di disegni, accompagnati
da brevi racconti, raccolti nel libro intitolato "Livori in corso" che Gavino Sanna ha dedicato ad
Alda Merini. La mostra si apre, così come nel libro, con un verso della Poetessa dei Navigli
"L'uomo fa male al fratello al primo sbadiglio del mattino" a cui segue la dedica di Alda Merini.
Orario: tutti i giorni dalle ore 10 alle 24; chiuso il lunedì. Nel periodo della mostra si
svolgeranno degustazioni libere e guidate dei vini di Cantina Mesa, l'azienda vitivinicola creata
dieci anni fa da Gavino Sanna con la moglie Lella a Sant'Anna Arresi nel Sulcis. Info:
[email protected] - www.spaziomouv.it - 331.5828996
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Silvio Pellico 3
SERGIO STAINO ALLA GAM
"Un racconto di Berlino, 1981", personale di Sergio Staino - uno dei più conosciuti e amati
disegnatori satirici italiani -, a cura di Danilo Eccher. Lo spazio Wunderkammer ospita più di
cento disegni che raccontano Berlino nel 1981, quando Staino, armato di carta, matita, china e
una macchina fotografica raggiunge la città e la interpreta con i suoi disegni. E qui Bobo, da
sempre l'alter ego del disegnatore, si ritrova a esplorare una città dalle mille contraddizioni e
dal grande fascino. Una metropoli in forte espansione architettonica e culturale, in quell'anno
ancora inserita nel cuore del comunismo europeo. "Ogni angolo era una scoperta, una
sorpresa, una suggestione: Berlino in quegli anni là era una città veramente unica per la
quantità di contraddizioni politiche e sociali che faceva coesistere in se stessa esprimendole,
poi, in forme architettoniche e ambientali assai diversificate (...) Tutto era esagerato in Berlino
Ovest: le luci, le insegne, le vetrine, tutte cose che adesso sembrerebbero normali ma che,
allora, erano profondamente innovative. Solo avvicinandosi al confine con la Repubblica
Democratica, e soprattutto al muro, l'atmosfera della città si faceva più scura e deprimente e la
contraddizione tra la vitalità lussuosa dell'Ovest e la tristezza poliziesca dell'est si facevano
evidenti". Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima.
Ingresso: euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011
4429518 - Segreteria tel. 011 4429595 e-mail [email protected]
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
47 / 195
Arte
ALDO MONDINO ALLA GAM PER "SURPRISE"
Martedì 10 febbraio inaugura alla GAM il primo appuntamento dell'edizione 2015 di "Surprise",
progetto espositivo che concentra l'attenzione su aspetti specifici del contesto artistico torinese
tra gli anni Sessanta e Settanta, in cui si intersecarono discipline diverse, dall'architettura al
design, dalla moda alla grafica, dalla musica alle arti visive e performative gettando in questo
modo le basi per il riconoscimento artistico di Torino a livello internazionale. A curare questo
terzo ciclo di appuntamenti, che prosegue per tutto il 2015, sono Maria Teresa Roberto,
docente di Storia dell'Arte Contemporanea presso l'Accademia Albertina di Torino e Gregorio
Mazzonis, curatore GAM. Al progetto è dedicata la sala espositiva della GAM al secondo
piano del museo. Al centro dell'attenzione sono poste di volta in volta opere, tracce di percorsi
espositivi, progetti inediti, riferimenti a contesti extra-artistici; si tratta di frammenti eterogenei
ma accomunati dal senso di stupore e meraviglia e di intensificazione delle energie vitali tipico
di quegli anni. Il protagonista del primo appuntamento è Aldo Mondino (Torino, 1938-2005) il
quale, dopo il periodo trascorso a Parigi dal 1959 al 1960 dove frequenta l'Ecole du Louvre e i
corsi di incisione di William Heyter, nel 1963 esordisce a Torino con una personale alla galleria
Il Punto, allora diretta da Gian Enzo Sperone. Presenta in questa occasione i suoi nuovi lavori,
le "Tavole Anatomiche", metafore della società contemporanea descritta attraverso gli organi
del corpo umano. "Sole" e "Immersore", entrambe realizzate nel 1967 e presentate nella
mostra alla GAM, rappresentano un'esperienza anomala nell'ambito della sua produzione
artistica, rivolta in questi anni al gioco e allo humour. L'arrivo della Pop Art in Italia proprio
grazie a Gian Enzo Sperone e la sua consacrazione nella mostra alla Biennale veneziana del
'64, costituisce un precedente fondamentale per tutta la ricerca artistica degli anni a venire.
Mondino si appropria anch'egli di alcune istanze quali il principio di sconfinamento dalla pittura
ottenuto con l'utilizzo di materiali che circondano il nostro ambiente, in questo caso legno e
lampadine a incandescenza. Se "Immersore" si ricollega , come ha notato Riccardo Passoni,
più alle istanze New Dada che sono discusse proprio in quegli anni, "Sole" traduce con i
materiali delle insegne luminose un tema caro alla pittura di paesaggio come l'alba, sul quale
tra l'altro si concentra la ricerca di uno dei maestri della Pop Art come Roy Lichtenstein negli
anni tra 1963 e 1964 e al quale Sperone dedica la mostra di apertura della sua galleria. Le due
opere hanno in comune, oltre ai materiali utilizzati, una misura fissa che guida la loro
installazione alla parete, 160 centimetri da terra, segnalata dall'artista da una etichetta della
galleria Stein sul verso di "Immersore". Questa linea immaginaria, che attraversa in orizzontale
l'opera, definisce il punto al di sotto del quale le lampadine devono rimanere spente e
corrisponde sia alla misura teorizzata da Masaccio come altezza fissa dell'occhio umano sia al
segno lasciato dalle acque dell'Arno su alcuni capolavori dell'arte fiorentina che impressionò a
tal punto Mondino da spingerlo a realizzare tra la fine del '66 e il 1967 una serie di opere. Tra
questi lavori vale la pena ricordare l'intervento alla mostra "Con temp l'azione" (gallerie Stein,
Sperone e Il Punto, Torino 1967) durante la quale l'artista unisce le sedi della mostra tirando
un filo rosso attraverso la città posto a 160 centimetri di altezza da terra. Orario: martedìdomenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima. Ingressi: euro 10, ridotto
euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011 4429518 - Segreteria tel. 011
4429595 e-mail [email protected]
fino al 07/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
48 / 195
Arte
"MARCO POLO - LA VIA DELLA SETA NELLE FOTOGRAFIE DI MICHAEL YAMASHITA"
AL MAO
Un viaggio per immagini, sulle tracce di uno dei più grandi esploratori di tutti i tempi: la nuova
mostra del Mao ricostruisce il percorso compiuto quasi mille anni fa da Marco Polo lungo la
Via della Seta, attraverso le fotografie di Michael Yamashita, fotografo di punta di National
Geographic. Nelle 76 fotografie esposte al Museo d'Arte Orientale ritroviamo piazza San
Marco e la laguna, il minareto di Samarra in Iraq e le carovane a bordo dei cammelli nel
deserto del Gobi. Non solo: la mostra, articolata in tre sezioni geografiche, ripercorre il tragitto
compiuto da Marco Polo dall'Italia alla Cina, ma anche la permanenza dell'esploratore in Cina
e il viaggio di ritorno via mare, lungo le coste dell'Indonesia e dell'India. Le immagini
desertiche lasciano così pian piano spazio alle distese d'acqua delle piantagioni di riso, agli
spettacolari paesaggi della baia di Ha Long nel Nord del Vietnam e agli sguardi penetranti dei
sadhu a Bombay. Orario: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18. Dal 7 febbraio al 1 marzo,
apertura e chiusura posticipata nei weekend (sabato dalle 11 alle 20; domenica dalle 11 alle
19). La biglietteria chiude un'ora prima. Il biglietto d'ingresso (10 euro) consente anche
l'accesso alla collezione permanente del museo. Info: 011.4436928 - www.maotorino.it
fino al 12/04/2015
ore 17:00
Torino
Via San Domenico 11
MOSTRA DEI FINALISTI DEL MARIO MERZ PRIZE ALLA FONDAZIONE MERZ
Mostra dei 5 finalisti della prima edizione della sezione arte del Mario Merz Prize. Gli artisti,
Lida Abdul (Kabul 1973), Glenn Ligon (New York 1960), Naeem Mohaiemen (Londra 1969),
Anri Sala (Tirana 1974) e Wael Shawky (Alessandria d'Egitto 1971), sono stati selezionati tra
le oltre 500 candidature pervenute dalla giuria composta da Marisa Merz, Beatrix Ruf
(direttrice dello Stedelijk Museum di Amsterdam) e Claudia Gioia (curatrice indipendente). Il
progetto espositivo, curato da Beatrice Merz raccoglie due o tre opere per ciascun autore,
scelte tra le più significative del loro percorso artistico. Il pubblico potrà esprimere la propria
preferenza visitando la mostra o collegandosi al sito mariomerzprize.org. Orario: martedìdomenica 11-19, lunedì chiuso. L'ingresso alla mostra è gratuito. Info: 011.19719437 [email protected] - www.fondazionemerz.org
fino al 12/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Limone 24
AVERY SINGER ALLA FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
"Pictures Punish Words", personale di Avery Singer, a cura di Beatrix Ruf. Sorprendenti per
tecnica e iconografia, i quadri di Avery Singer sovvertono le nostre aspettative visuali. A un
primo sguardo si sottraggono a una classificazione precisa come dipinti o elaborazioni a
stampa. Per questo sollevano l'interrogativo, ovvio e allo stesso tempo pressante per
un'artista, sul modo in cui le informazioni digitali che ci circondano possono concretizzarsi sotto forma di immagine piatta su carta o, più di recente, tridimensionale in plastica, o su ogni
altra possibile superficie materiale. Avery Singer ha realizzato un ciclo di opere pensate
appositamente per questa sua prima personale. Dopo una prima presentazione alla Kunsthalle
di Zurigo, la personale si sposta Torino, alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Orario:
giovedì 20-23 (ingresso libero); venerdì, sabato e domenica 12-19. Ingresso: intero euro 5;
ridotto euro 3 (over 65, studenti); gruppi euro 4 (minimo 6 persone); gratuito (per i bambini fino
a 12 anni, Insieme per l'Arte, abbonamento Torino Musei, giornalisti accreditati, soci ICOM).
Info: [email protected] - 011.3797600 - www.fsrr.org
fino al 12/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Modane 16
TORINOSETTE | Arte
49 / 195
Arte
"IL KABUKI DEI TRE SAMURAI: ARAKI, MORIMURA, SUGIMOTO" ALLA GALLERIA IN
ARCO
"Il kabuki dei tre samurai: Araki, Morimura, Sugimoto". Nobuyoshi Araki, Yasumasa Morimura
e Hiroshi Sugimoto sono i protagonisti della mostra a cura di Graziano Menolascina.
Nobuyoshi Araki, tra gli artisti più rappresentativi e prolifici della storia della fotografia,
racconta la donna, l'eros e il Giappone. Le donne di Araki sono spesso sdraiate su letti disfatti,
oppure distese sul pavimento in pose lascive, legate con corde, con i corpi ostentati e nudi ma
con sguardi in cui è completamente assente la volontà di sedurre. Yasumasa Morimura si
appropria invece di icone universali della storia dell'arte, dei mass media e della cultura
popolare interpretandole in prima persona. In particolare Morimura è interessato alle
trasformazioni sociali politico e culturali dovute alla penetrazione del capitalismo e dei miti del
mondo occidentale in Giappone. Morimura impersona Einstein, Marylin, Frida Khalo, Hitler il
risultato è un'opera e raffinata che nasce da una cura maniacale per i dettagli e l'uso di ritocchi
digitali, di costumi, pose e accessori ricercati che le rendono uniche. I tratti somatici non
modificati, sono l'unico mezzo che Morimura ha per rivendicare la propria origine e le proprie
tradizioni e l'unica via per fare ciò è la provocazione. Infine, ci sono gli scatti di Hiroshi
Sugimoto, immagini mentali, concetti la cui materializzazione è resa possibile grazie a un
rigoroso controllo del mezzo fotografico e del processo manuale di stampa, seguito anch'esso
personalmente dall'artista. Nella serie "Theatre" Sugimoto ha fotografato con tempi di
esposizione lunghissimi sale degli anni '20 e '30, cinema degli anni '50 e drive in. La luce
bianca degli schermi rettangolari, che illumina il resto dell'ambiente, contiene in sé l'intera
proiezione del film. In "Architectures" la tecnica dello sfocato priva le architetture moderniste di
connotazioni temporali. I lunghi tempi di esposizione dei "Seascape" bloccano il movimento
delle onde in immagini eterne, mentre il soggetto dei "Portraits" realizzati fotografando i
personaggi dei musei delle cere è l'immortalità stessa. Info: 011.8122927 - www.in-arco.com [email protected]
fino al 18/04/2015
ore 18:30
Torino
Piazza Vittorio Veneto 3
TORINOSETTE | Arte
50 / 195
Arte
"IL MONDO IN UNA TAZZA" A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta un percorso dedicato alla storia della tazza, attingendo dalle ricche
collezioni di arte decorativa conservate in museo. L'esposizione si riallaccia al tema della
porcellana torinese al centro di Fascino e splendore della porcellana di Torino, mostra curata
da Andreina d'Agliano e Cristina Maritano che apre in contemporanea alla Fondazione AccorsiOmetto e che presenta ben 90 opere provenienti dalle collezioni di Palazzo Madama. Le due
esposizioni offrono nel complesso un vero e proprio percorso cittadino dedicato al tema della
porcellana. Filo conduttore dell'esposizione è la tazzina: da tè, da caffè e da cioccolata.
Oggetto legato indissolubilmente all'introduzione in Europa delle bevande calde provenienti
dall'Oriente e dal Nuovo Mondo e al materiale esotico e prezioso per eccellenza, la porcellana.
A Palazzo Madama una sequenza di tazze, a partire dai blancs-de-chine, ovvero le porcellane
bianche cinesi prodotte a Dehua, mostra l'evoluzione delle forme e la varietà dei decori nelle
tazzine prodotte dalle manifatture europee nel Settecento: dai motivi di origine cinese e
giapponese, a quelli tratti dai libri di storia naturale, ai paesaggi derivati da incisioni olandesi e
tedesche, fino alle scene mitologiche e della letteratura cavalleresca. Contestualmente la
mostra è un'occasione per raccontare, per casi esemplari, la storia della porcellana, delle sue
particolarità produttive, della qualità della pasta e dei colori. Il valore socialmente
rappresentativo della porcellana emerge anche grazie all'esposizione di alcuni servizi araldici,
conservatisi integri per il loro valore altamente simbolico legato al passato illustre della casata
oppure smembrati e dispersi sul mercato antiquario. Una vetrina è dedicata alla principale
manifattura di porcellana operante in Piemonte nel Settecento, la Real fabbrica delle
porcellane di Vinovo, fondata nel 1776 grazie all'intraprendenza di un torinese, Giovanni
Vittorio Brodel, e di un ceramista di Strasburgo, Pierre-Antoine Hannong, e poi rilevata nel
1780 dal medico e chimico torinese, Vittorio Amedeo Gioanetti. Alla produzione di questa
fabbrica è dedicato un più ampio spazio nelle sale della mostra alla Fondazione AccorsiOmetto. In un'altra vetrina, l'artista Matilde Domestico, che da anni conduce ricerche sul tema
della porcellana, ambienta l'installazione Esistenza di porcellana, che si ispira alle poesie di
Emily Dickinson. Il lavoro dell'artista unisce oggetti e frammenti di carta e di porcellana su cui
emergono parole in acciaio. Intorno una superficie di polvere di marmo di Carrara, il caolino,
un materiale refrattario. Tutti gli elementi nel complesso rimandano all'idea di fabbrica, a una
realtà viva e produttiva. In sottofondo una base sonora composta dalla sovrapposizione ed
elaborazione di rumori meccanici, suoni metallici ripetitivi registrati all'interno dei reparti di
fabbricazione dell'Industria Porcellane IPA, si propaga tra le tintinnanti ceramiche antiche e
contemporanee. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00. La biglietteria
chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso: intero euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. In presenza di mostre temporanee le tariffe
potranno subire variazioni. Info: 011.4433501 - www.palazzomadamatorino.it
fino al 19/04/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
ISA MELSHEIMER DA QUARTZ STUDIO
"Examination of the Origins", personale dell'artista tedesca Isa Melsheimer (Neuss, 1968) che
per l'occasione ha concepito un'installazione site specific in cui elementi scultorei pensati a
partire dalle caratteristiche 'ambientali' di Quartz sono accostati alle forme architettoniche di
alcuni edifici della città. Visite su appuntamento. Info: 338.4290085 - [email protected] www.quartzstudio.net
fino al 28/04/2015
ore 19:00
Torino
Via Giulia di Barolo 18/D
TORINOSETTE | Arte
51 / 195
Arte
JOSEF KOUDELKA AL FORTE DI BARD
"Josef Koudelka, Vestiges 1991-2014", prima esposizione in Italia del più imponente progetto
fotografico di uno dei maestri mondiali della fotografia, mostra promossa dall'associazione
Forte di Bard in collaborazione con l'Agenzia Magnum Photos. Il progetto Vestiges, che vede
impegnato da oltre vent'anni il grande fotografo dell'agenzia Magnum Photos, propone la sua
interpretazione fotografica e artistica di alcuni dei più importanti siti archeologici della cultura
romana e greca, in un itinerario attraverso venti paesi, dalla Grecia al Libano, dalla Siria
all'Algeria, dalla Turchia all'Italia e di oltre duecento località che si affacciano sul Mar
Mediterraneo. Un'esplorazione che non ha precedenti, un lavoro fatto di costanza e
perseveranza. L'artista, come i pittori romantici del XIX secolo, coltiva una predilezione
particolare per le rovine, senza celebrarne l'atmosfera malinconica, ma con l'obiettivo di
restituirne l'autentica bellezza. Il suo intento è usare l'arte per riappropriarsi di un mondo che ci
sta sfuggendo e che potremmo perdere. Trasformare le macerie in speranza è il grande e
ambizioso progetto che Koudelka cerca di realizzare con il suo eccezionale viaggio, in
costante divenire che si arricchisce periodicamente di nuovi capitoli. In mostra oltre 60
fotografie di cui 22 panoramiche di grandi dimensioni. Un allestimento che coniuga il
minimalismo dell'approccio del fotografo e della cifra stilistica delle sue immagini, al suggestivo
senso di camminamento tra le rovine. In mostra anche la proiezione di circa 350 scatti relativi
ai set di Vestiges. Fino al 31 gennaio il Forte sarà aperto solo il sabato e la domenica dalle 10
alle 19; dal primo febbraio apertura consueta (feriali dalle 10 alle 18, festivi e prefestivi dalle 10
alle 19). Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 - 83382 e su
www.fortedibard.it
fino al 03/05/2015
ore 18:00
Bard (AO)
Forte
"AL FRONTE" AL MUSEO DEL CINEMA
"Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande Guerra", mostra a cura di Roberta
Basano e Sarah Pesenti Campagnoni. Cento anni fa, la Grande Guerra investe il Vecchio
Continente con la sua modernità che, oltre alle armi micidiali, annovera l'utilizzo di nuovi mezzi
di comunicazione. Tra queste la fotografia e il cinema si rivelano risorse fondamentali nel
definire gli equilibri di potere dei principali paesi belligeranti. Scatti e riprese realizzati da
fotografi e operatori militari invadono le pagine di quotidiani e riviste e dominano gli spettacoli
cinematografici di tutto il mondo, trovando una eco nelle innumerevoli fotografie amatoriali
accumulate dai reduci e dalle loro famiglie, memoria di un'esperienza umana e sociale
estrema e contraddittoria. La mostra "Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande
Guerra" propone un percorso di immagini attraverso 160 fotografie inedite, scattate da Luis
Bogino al seguito del Regio Esercito Italiano e dai soldati fotoamatori dislocati sui di guerra.
Accanto a questo primo tracciato si sviluppa il percorso cinematografico: una selezione di film
"dal vero", girati al fronte e nelle retrovie, e di titoli di fiction di epoche diverse, testimonianza di
un'eredità visiva e culturale variamente interpretata nel corso del tempo. Lo sguardo di artisti
come Paola De Pietri, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi propone infine una lettura
personale della prima guerra mondiale, dei luoghi che essa ha attraversato e di una memoria
spesso dimenticata. Orario: da martedì a venerdì 9.00-20.00; sabato 9.00-23.00; domenica
9.00-20.00; lunedì chiuso. Ultimo ingresso un'ora prima della chiusura. Ingresso: intero euro
14,00; ridotto (studenti universitari fino a 26 anni, over 65, gruppi min. 15 persone) euro 11,00;
giovani e scuole (da 6 a 18 anni, gruppi scolastici) euro 8,00; gratuito fino a 5 anni, disabili e
accompagnatore, Torino+Piemonte Card.
fino al 03/05/2015
ore 19:00
Torino
Via Montebello 20
TORINOSETTE | Arte
52 / 195
Arte
"ASTRATTISMO IN EUROPA" AL FORTE DI BARD
"Astrattismo in Europa. Kandinsky, Popova, Majakovskij, Malevi?...": oltre 80 opere,
principalmente olii e disegni di straordinario valore, appartenenti a una prestigiosa collezione
privata tedesca, per la prima volta esposta in Italia. La collezione, riunita con passione e
costanza nel corso di anni, costituisce un nucleo tematico omogeneo con aspetti storicogeografici di grande interesse: le opere illustrano le tendenze artistiche dell'Europa Orientale e
Centrale durante la prima metà del XX secolo, con particolare attenzione alla nascita della
pittura astratta e ai movimenti di arte non figurativa che ne seguirono e che capillarmente si
diffusero in tutta Europa. In un clima di generale rinnovamento del linguaggio artistico, infatti, a
partire dal 1910 circa si sviluppano diverse tendenze astratte nell'ambito dei movimenti
d'avanguardia tedesco, russo, ceco e olandese. Wassily Kandinsky occupa un posto di primo
piano in questo contesto artistico. Al completo la compagine degli astrattisti russi presenti in
mostra: Vladimir Tatlin, Alexander Rodchenko, El Lissitzky e Alexandra Exter, che sviluppa il
suo linguaggio plastico integrando influssi dal Cubismo e dal Futurismo. Da non perdere le
preziose opere di Natalia Goncharova. Kasimir Malevic, con Kandinsky, può considerarsi il più
importante pioniere dell'arte astratta. Proveniente dal contesto del Cubofuturismo russo,
Malevic dipinge forme geometriche elementari come il quadrato, la sfera, la croce, dando vita
al movimento del Suprematismo: un'arte non descrittiva, puramente contemplativa e spirituale.
In mostra anche 44 libri originali del medesimo movimento artistico culturale con numerosi
pezzi di Wladimir Majakovskij e opere di Nikolay Punin, Kasimir Malevi?, Lajos Kassák e due
filmati di Hans Richter (1888-1976) e Viking Eggeling (1880-1925), pionieri dell'astrattismo
geometrico cinematografico d'avanguardia europeo. I loro lavori, terminati nel 1921, sono
considerati tra le opere fondamentali della modernità. Orario: feriali dalle 10 alle 18, festivi e
prefestivi dalle 10 alle 19. Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 83382 e su www.fortedibard.it
fino al 02/06/2015
ore 10:00
Bard (AO)
Forte
TORINOSETTE | Arte
53 / 195
Arte
"LO SPAZIO DEL DEMIURGO", FORTUNY E MOLLINO A PALAZZO MADAMA
Poliedricità. È il tratto che accomuna i protagonisti della nuova mostra allestita a Palazzo
Madama «Lo spazio del demiurgo», incentrata sulle figure di Mariano Fortuny y Madrazo e
Carlo Mollino. Due personalità forti, capaci di eccellere in differenti discipline, dalla pittura alla
scenografia, passando per l'architettura, il design e la moda. L'esposizione racconta il
percorso artistico e professionale di Fortuny e Mollino attraverso venti immagini realizzate da
una coppia di grandi fotografi, Sarah Moon e Pino Musi, e dal giovane Marco Maria Zanin.
Nato a Granada nel 1871, Mariano Fortuny y Madrazo respirò arte fin dall'infanzia: figlio del
pittore catalano Mariano Fortuny y Marsal, tra i più rilevanti del panorama artistico spagnolo
del XIX secolo, si dedicò al disegno, all'incisione e alla scenografia, realizzando lampade
avveniristiche, d'ispirazione teatrale, che negli anni a venire si affermarono come uno degli
oggetti di design più ricercati e riconoscibili. Stabilitosi a Venezia, fece di Palazzo Pesaro degli
Orfei la sua residenza e il suo laboratorio: qui concepì e realizzò le prime tuniche Delphos,
lunghi abiti femminili caratterizzati da sottilissime pieghe. Sono i primi vestiti plissettati al
mondo: la tecnica ideata e brevettata da Fortuny si rivelò un successo immediato,
rivoluzionando il mondo della moda. La capacità di creare forme, attingendo da mondi e
modelli differenti tra loro, dall'Antica Grecia alle tradizioni catalane, fece di Fortuny una delle
figure più interessanti del suo tempo, un modello tutt'oggi imitato e studiato. Altrettanto
affascinante è la figura di Carlo Mollino: torinese, nato nel 1905 da una famiglia benestante,
seguì da subito le orme del padre Eugenio, ingegnere e architetto, noto per aver progettato e
realizzato l'ospedale delle Molinette. Completati gli studi, Carlo si dedicò con profitto alla
fotografia, alla progettazione di edifici e di automobili da corsa. Appassionato di sci e di
montagna, realizzò chalet, edifici e funivie, coniugando materiali tradizionali e forme molto
moderne, tecnica che caratterizzò anche i suoi progetti più famosi, come il nuovo Teatro Regio
e il palazzo della Camera di Commercio in via Carlo Alberto. Forme morbide e sinuose, che si
ritrovano anche nei suoi arredi e nei suoi mobili, custoditi nella villa di Vittorio Avondo e
immortalati dall'obiettivo di Musi e Zanin. Orario: da martedì a sabato 10-18, domenica
(10-19). La biglietteria chiude un'ora prima. Ingresso: intero 10 euro; ridotto 8; gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 07/06/2015
ore 18:00
Torino
Piazza Castello
JACQUES HENRI LARTIGUE AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Jacques Henri Lartigue - Alle origini della fotografia contemporanea", mostra a cura di Andrea
Busto, in collaborazione con la Donation Jacques Henri Lartigue. La mostra, realizzata a
partire da 130 album originali di Lartigue, ripercorre il destino unico di questo fotografo il cui
talento ora indiscusso venne riconosciuto tardivamente, all'età di 69 anni. La mostra è
composta da 136 fotografie in grande formato e da 50 pagine d'album dell'epoca (1912 - 1922)
che permettono di vedere le immagini nel contesto originale. Una selezione di opere
emblematiche che ripercorrono tutta la storia del Novecento e le origini della fotografia
contemporanea. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
54 / 195
Arte
"PLASTIC DAYS" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Plastic Days - Materiali e design", a cura di Cecilia Cecchini e Marco Petroni. Un percorso
multidisciplinare tra arte, design e costume per raccontare l'affascinante storia di un materiale
che ha profondamente segnato e condizionato il nostro tempo e le nostre abitudini. Gli oggetti
e le opere in mostra costituiranno una sorta di atlante del contemporaneo. La mostra nasce
dall'analisi e dalla selezione di circa 600 oggetti della collezione della Fondazione Plart,
Plastiche e Arte di Maria Pia Incutti-Paliotto, e si compone come un originale racconto della
grande e molteplice famiglia dei materiali plastici. Una testimonianza che racconta le
trasformazioni degli ultimi centocinquanta anni di storia e che svela l'anima profonda della
modernità e delle mutazioni che hanno segnato il paesaggio domestico e culturale in cui siamo
immersi. La plastica diviene la lente d'ingrandimento puntata sulle dinamiche sociali ed
economiche del nostro tempo. Gli oggetti in mostra rappresentano un'articolata selezione di
artefatti assai rari provenienti da tutte le parti del mondo: prime serie di produzione, pezzi di
grande tiratura di famosi designer o di design anonimo. Una scelta non finalizzata a proporre
una puntuale ricostruzione della storia delle plastiche, ma a realizzare una mostra capace di
disegnare un particolare percorso di lettura del nostro tempo, rivisitato attraverso un approccio
multidisciplinare tra design, arte e costume. Uno sguardo ampio, testimoniato anche dagli
interventi in catalogo di Alba Cappellieri, Laura Cherubini, Stefano Catucci, Gianluigi
Ricuperati, Thea van Oosten e Anna Laganà. Completano il percorso espositivo le interviste
ad Andrea Branzi, Donato D'Urbino, Paolo Lomazzi, Alessandro Mendini, Maurizio
Montalti/Officina Corpuscoli, Andrea Trimarchi e Simone Farresin/Studio Formafantasma,
Gaetano Pesce e Maria Pia Incutti, collezionista e presidente della Fondazione Plart. Orario:
da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
ANITA MOLINERO AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Anita Molinero, opere e installazioni". Copertoni, sedie, tavoli, panchine, cassonetti della
spazzatura, arredi urbani dismessi, imballaggi. Sono questi i materiali scultorei preferiti da
Anita Molinero, esposti nella loro grezza povertà nei primi lavori degli anni Ottanta e poi
manipolati, tagliati e plasmati attraverso il fuoco nella produzione successiva. La mostra Anita
Molinero. Opere e installazioni presenta una panoramica di lavori realizzati recentemente e
disseminati negli spazi di tutto il Museo, in dialogo con la mostra Plastic Days. L'artista
realizzerà inoltre una serie di sculture site-specific con materiali plastici - in particolare
cassonetti della spazzatura, elementi di carrozzeria automobilistica come paraurti, fari, fanali recuperati durante la sua permanenza a Torino. Con la mostra di Anita Molinero iniziano le
incursioni del MEF nei territori della creazione contemporanea. Muovendosi dalla mission di un
museo che non vuole essere "solo museo", ma un vivace luogo di scambio e un attivatore di
processi creativi, il MEF inaugura una serie di collaborazioni trasversali, partendo dalla moda.
Primo partner, lo storico marchio di abbigliamento BasicNet. Per l'occasione, la casa torinese
realizzerà un K-WAY progettato da Anita Molinero: l'impermeabile sarà prodotto
esclusivamente durante il periodo della mostra, diventando un vero e proprio multiplo
indossabile. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
55 / 195
Arte
GESSI E CERAMICHE DELLA LENCI A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta, a partire dal 1 novembre, un nuovo allestimento in Sala
Ceramiche dedicato alla celebre manifattura Lenci, a cui il museo ha già dedicato una grande
mostra nel 2010. L'esposizione, resa possibile grazie al generoso prestito di due collezionisti
privati e della Fondazione Guido ed Ettore De Fornaris, mette in evidenza i due momenti
chiave del processo creativo della manifattura Lenci: quello iniziale, i gessi, e quello finale, le
ceramiche. I gessi della Lenci, provenienti da una collezione privata, costituiscono un vero e
proprio archivio di fabbrica, dove si conservano anche le idee rimaste in bozza e mai
realizzate. La selezione presentata a Palazzo Madama offre all'attenzione del pubblico il
confronto diretto con le corrispondenti ceramiche, come per il "Trionfo di Bacco" di Giovanni
Grande, oltre ad alcuni raffinati inediti, come la "Principessa sul pisello" attribuibile a Mario
Sturani, di cui non si conoscono realizzazioni in terraglia. L'esposizione è inoltre l'occasione
per vedere nuovamente riunite, dopo la mostra "L'avventura Lenci", le Stagioni di Mario
Sturani in ceramica e in gesso. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00.
Mercoledì 24 dicembre aperto dalle 10 alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 25 dicembre
chiuso; venerdì 26 dicembre aperto dalle 10 alle 18; mercoledì 31 dicembre aperto dalle 10
alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 1 gennaio aperto dalle 14 alle 18, chiuso il mattino; lunedì
5 gennaio apertura straordinaria dalle 10 alle 18; martedì 6 gennaio aperto dalle 10 alle 18. La
biglietteria chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso museo: intero euro 10, ridotto euro
8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 25/06/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
"FASCINO E SPLENDORE DELLA PORCELLANA DI TORINO" AL MUSEO ACCORSIOMETTO
La mostra, realizzata in collaborazione con Palazzo Madama - Museo Civico di Arte Antica, a
cura di Andreina d'Agliano e di Cristina Maritano, si propone di approfondire la produzione
delle tre manifatture torinesi di porcellana, Rossetti, Vische e Vinovo, grazie allo spoglio dei
documenti d'archivio e alla revisione degli oggetti presenti sia in raccolte pubbliche che private.
L'avventura eroica che portò la "sublime scoperta della porcellana" a diffondersi in Europa e
anche, precocemente, in terra piemontese, le storie, i protagonisti, le opere, uniti all'uso
quotidiano dell'oro bianco all'interno delle dimore signorili, esaminato nell'arco della giornata
del Giovin Signore, sono oggetto dell'esposizione al Museo di Arti Decorative Accorsi Ometto, che presenta - oltre a porcellane provenienti da raccolte pubbliche e private - diversi
esempi di argenteria, quadri, incisioni. Il percorso espositivo si apre con la sezione dedicata
alla produzione di porcellana della manifattura Rossetti, di proprietà del conte Giacinto Roero
di Guarene, rappresentato nello straordinario quadro di Martin van Meytens; si prosegue
entrando in un cabinets des porcelaines, in cui vengono esposte diverse porcellane cinesi
Blanc de Chine, alcune già di proprietà del Conte di Guarene, a cui si aggiungono alcune
statuine di dignitari cinesi in porcellana a pasta tenera, eseguite nella manifattura Rossetti fra il
1737 e il 1743, copiando originali cinesi. Oltre alla produzione bianca, sono state individuate
porcellane dipinte in policromia, fra cui una vaso di Palazzo Madama, e alcuni oggetti
appartenenti a collezioni private. La seconda sezione è dedicata alla manifattura fondata nel
1765 dal conte Ludovico Birago di Vische, di cui vengono presentati numerosi oggetti inediti:
nella sua breve attività (1765 - 68) Vische, oltre a riprodurre statuine e prototipi della
manifattura di Vincennes - Sèvres, presenta un notevole influsso dei disegni rocaille di
Meissonnier e dell'argentiere torinese Boucheron. Fra gli oggetti più interessanti, una
zuccheriera dipinta in monocromia porpora e una straordinaria salsiera, la cui forma ricorda da
vicino la produzione del Boucheron. La terza sezione della mostra inizia mostrando una serie
di sculture in porcellana bianca verniciata e in biscuit, eseguite nel periodo in cui alla direzione
della manifattura furono Giovanni Vittorio Brodel, già socio del Birago a Vische, e Pierre
Antoine Hannong, autore della formula della porcellana dura in Francia (aveva infatti venduto
nel 1761 il segreto della porcellana dura a Sèvres). In questo periodo vengono riprodotti i
modelli di Vische, in buona parte derivati dalle incisioni delle opere di François Boucher. Un
TORINOSETTE | Arte
56 /al195
confronto interessante sarà quello tra Vincennes - Sèvres, Vische e Vinovo, che darà
visitatore la possibilità di esaminare i modelli piemontesi e gli originali francesi, fra cui un
biscuit proveniente dal Museo delle Porcellane di Palazzo Pitti. La mostra prosegue con una
Arte
IVREA - CRISTINA CANCELLARA E ROSSANA CHALLANCIN AL CASTELLO DI SALE
Mostra di Cristina cancellara e Rossana Challancin, a cura di ArteInFuga. Orario: lunedì
14.30-19.00; dal martedì al sabato 9.30-19.00. Info: [email protected] http://arteinfuga.blogspot.it/
fino al 05/03/2015
ore 18:00
Ivrea (TO)
Via dei Patrioti 14
KIRIL HADZHIEV DA FRANZ PALUDETTO
Personale di Kiril Hadzhiev. Sono enigmi visivi e ironici a incuriosire e solleticare lo spettatore,
che il più delle volte si avvicina alle opere di Kiril Hadzhiev con la sensazione di dover risolvere
un rebus. Sculture in marmo bianco, contraddistinte da un nitore cristallino, accostate o
alternate a semplici objets trouvés articolano le argute sciarade che l'artista mette in scena,
nell'intento di dare rappresentazione visiva a temi filosofici come a suggestioni letterarie. Ogni
opera racchiude in sé, stratificati in vari layers, molteplici riferimenti a libri, a testi di filosofia
come a interrogativi superiori che da secoli attendono ancora una risposta. A dispetto del loro
aspetto lieve, quasi giocoso, sono la sintesi e la convergenza di alcune riflessioni scaturite
dallo studio e dagli interessi del loro artefice, come anche dalla volontà di fare scultura non nel
senso tradizionale del termine, seppur utilizzando ancora nella maggior parte delle opere un
materiale classico. Orario: da giovedì a sabato 15-19 o su appuntamento. Info: 011.4546390 [email protected] - www.franzpaludetto.com
fino al 05/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Stampatori 9
"MANI. SOSTANTIVO FEMMINILE PLURALE" ALLA BIBLIOTECA CIVICA GINZBURG
Nell'ambito degli appuntamenti organizzati per la Giornata della Donna, allestimento della
mostra fotografica "Mani. Sostantivo Femminile Plurale", ideata e realizzata dall'autrice del
Concorso Lingua Madre Brunella Pernigotti per raccontare le abilità e l'umanità delle mani
delle donne. Ad accompagnare l'esposizione, i racconti tratti dalle antologie del Concorso
Lingua Madre (Ed. SEB27).
fino al 05/03/2015
ore 10:00
Torino
Via Lombroso 16
BRUNO BORDOLI ALLA LIBRERIA BELGRAVIA
"Alla faccia", pitture su carta di Bruno Bordoli. Catalogo con didascalie poetiche di Gilberto
Isella. Orario: dal lunedì al sabato 9,30-13 e 15,30-19,30. Info: 011.3852921 - 347.5977883
[email protected]
fino al 06/03/2015
ore 17:30
Torino
Via Vicoforte 14/D
TORINOSETTE | Arte
57 / 195
Arte
"PROGRESSIVA ART EXHIBITION" ALLO SPAZIO COLOMBO ART DESIGN
"Progressiva Art Exhibition", a cura di Max Ponte ed Enrica Merlo. In mostra lavori di Angelo
Barile, affiancato da undici artisti emergenti, selezionati attraverso un "call for artists": Sabina
Kolici (Torino); Daniele Sturiale (Torino); Renata Olivetto (Meledugno-Lecce); Elena Bordina
(Torrazza Piemonte); Sabrina Campagna (Salerno); Francesca Marzo (Bergamo); Mercedes
Pitzalis (Cagliari); Sandra Martinatto (Torino); Nella Parigi (Moncalieri); Raffaella Pasquali
(Torino); Carla Scudieri (Verolengo-Torino). Info: [email protected] - 334.7410978
fino al 06/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Trofarello 13
IVAN CAZZOLA ALLA BURNING GIRAFFE ART GALLERY
"Ivan Cazzola. NYC", a cura di Giuseppe Savoca. Il ritratto di una delle città più affascinati del
mondo che, tra bianchi e neri e luci accecanti, attrae come un magnete chiunque le orbiti
attorno. Come nessun altro posto al mondo, New York City rappresenta, con il suo stile unico,
la metafora della società contemporanea e il fotografo Ivan Cazzola ne cattura lo spirito
attraverso il suo occhio puro, privo di mediazioni, registrandone gli umori contraddittori della
"strada", dove splendore e terrore convivono insieme. Negli scatti presentati in questa mostra,
rappresentativi di tutta la sua ricerca artistica, è evidente come una certa dualità stilistica ed
estetica rappresenti un vero e proprio marchio di fabbrica dell'artista. Sia che si tratti degli
iconici ritratti a personaggi, quali: Orlando Bloom, Joan As Police Woman, Dave Timson, Mik
Lennard, OK GO, Yohji Yamamoto, XX, These New Puritans, Juliette Lewis, Mark "The Gonz"
Gonzales e Charlotte Free, o il lavoro maggiormente documentaristico sulla contro-cultura
giovanile, o, ancora, gli scatti per la moda, possiamo ritrovare la stessa visione audace, a volte
quasi impertinente, ma allo stesso tempo profonda ed evocativa. Ivan Cazzola ha accumulato
nel corso degli anni una grande esperienza, collaborando con magazine (Vogue, Dazed &
Confused, i-D) e fashion labels, tra Milano, Londra, Parigi e New York, approdando anche al
video come director di alcuni short movies. Con i suoi scatti ha esplorato mondi diversi tra loro,
da una realtà vicina e autobiografica, agli scatti di modelle, artisti, rock bands, star del cinema,
gangster, borghesi decadenti, il tutto con una costante stilistica attraverso un occhio spesso
intimo, a volte insolente, ma sempre iconico e provocativo. Nel 2010 è stato designato dalla
rivista Dazed & Confused come uno dei fotografi più interessanti nel panorama internazionale.
Orario: dal martedì al venerdì 15-19; sabato 15:30-20. Info: www.bugartgallery.com [email protected] - [email protected] - 011.5832745 - 347.7975704
fino al 07/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Bava 8/A
TORINOSETTE | Arte
58 / 195
Arte
LAVINIA RACCANELLO ALLA GALLERIA MOITRE
"Not a position, but a proposition", personale di Lavinia Raccanello, artista e attivista italiana
che vive tra la Scozia e l'Italia. Il suo lavoro si concentra sulla relazione tra gli esseri umani, la
società e la giustizia sociale, con una particolare enfasi sul potere della dialettica e della
pratica partecipatoria, e il conflitto tra potere statale ed autonomia e responsabilità personale.
Suoi lavori sono stati esposti in Italia, Scozia, Irlanda, Spagna, Stati Uniti, Cile ed India. Per
questa nuova personale l'artista ha lavorato alla creazione di più di duecento bandiere,
corrispondenti agli Stati indipendenti del mondo. Di questi, centonovantatrè sono membri
dell'ONU, due sono osservatori permanenti all'ONU ed uno ne è ex membro. Sono inoltre
presenti nove Stati che, vantando sovranità territoriale, hanno dichiarato la propria
indipendenza ottenendo un limitato o, in alcuni casi, alcun riconoscimento internazionale. Per
cucire le bandiere è stata utilizzata stoffa nera che in alcuni casi riporta ricami neri su nero.
Nero su nero: queste bandiere rappresentano una dopo l'altra la negazione di tutte le
bandiere. Orario: mercoledì-sabato 16-19. Info: www.galleriamoitre.com [email protected] - 340.5172587 - 338.1426301
fino al 07/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Santa Giulia 37 bis
TORINOSETTE | Arte
59 / 195
Arte
SAN SECONDO DI PINEROLO - "SAN SEBASTIANO" AL CASTELLO DI MIRADOLO
"San Sebastiano. Bellezza e integrità nell'arte tra Quattrocento e Seicento", mostra dedicata a
San Sebastiano, curata da Vittorio Sgarbi. Vittorio Sgarbi e Antonio D'Amico hanno
selezionato circa quaranta capolavori, dal Rinascimento al Seicento inoltrato. Il percorso
prende avvio con Andrea della Robbia che modella l'anatomia del giovane Sebastiano con
grande raffinatezza, levigando le membra con la terracotta invetriata. Si prosegue con uno
sguardo nella Venezia del Quattrocento, dove Carlo Crivelli interpreta con grande
suggestione, tra la laguna e le Marche, la figura di un giovanetto nudo e invaso dalle frecce.
Sul suo viso compare la smorfia: è l'uomo del Rinascimento con le sue passioni e le sue
aspettative sul mondo e nel futuro. Ludovico Carracci interpreta il secolo della grande Riforma
Cattolica mostrandoci un atleta gentile che cita passi di danza e si muove leggiadro nei
meandri della fede. Lo splendido paesaggio è la scena suggestiva che ospita la Vergine col
Bambino e uno statuario Sebastiano, dipinto da Paris Bordon, che ci guarda e assiste
silenzioso al mistico dialogo. Compagno ideale è il solitario e meditabondo San Sebastiano di
Tiziano che proviene da una importante collezione privata americana e che giunge in Italia per
la seconda volta. Il Seicento si apre con l'accesa armonia dei colori e le audaci forme che in
Rubens, che da Anversa giunge in Italia, tra Mantova e Roma, trovano un risvolto leggiadro,
suadente e delicato: il Rubens della Galleria Corsini di Roma esce dalla stanza dell'Alcova di
Palazzo Corsini alla Lungara per la prima volta dopo tanti anni. Pittura tattile è quella del
Seicento che mette in campo gli affetti con un inedito Guercino, di recente scoperto e custodito
in una collezione privata americana e con l'altro, compagno ardito, della Galleria Nazionale
delle Marche. L'aspetto della devozione è sublimata con Guido Reni che lega il bel Sebastiano
a un albero in un'atmosfera calda, serale, intima, pregna di una Bologna in cui i dettami del
Concilio di Trento, applicati dal Cardinale Gabriele Paleotti, sono ancora nevralgici e di forte
attrazione e rispetto per gli artisti. L'ondata caravaggesca, poi, tocca un inedito culmine con un
dipinto eccezionalmente dato in prestito dal Cardinale di Milano, che, appositamente studiato
per la mostra, rivela accenti nordici con una straordinaria verità nel volto e nella posa
dell'uomo "santo". Gli echi caravaggeschi, poi, mostrano la passione con Ribera e l'ardita
partecipazione al martirio con Nicolas Regnier e con l'affascinante Mattias Stomer dei
Gerolamini di Napoli; accezioni preziose del caravaggismo internazionale. La narrazione
ideale, di coinvolgimento emotivo, trova due capisaldi nel Mattia Preti di Capodimonte e nei
Luca Giordano che cavalcano il Seicento e aprono il secolo successivo lasciandosi alla spalle
la pittura di verità e la ritualità del vero. La mostra offre un excursus dentro quasi tre secoli,
operando affascinanti confronti sul soggetto: il medesimo artista che adotta differenti soluzioni
formali, pose e ambientazioni in anni ravvicinati letti da artisti diversi, materiali differenti e
modellati per capirne cambiamenti e intenti devozionali e di fama della figura del santo da nord
a sud. Un percorso che dalla seconda metà del Quattrocento giunge agli albori del Settecento,
contemplando assoluti capolavori. Tre grandi opere si sono aggiunte in un secondo momento
e saranno visibili al Castello di Miradolo: il "San Sebastiano curato dagli angeli" di Rubens (dal
30 ottobre), "Il Martirio di San Sebastiano" di Guercino (dal 6 novembre) e Il "San Sebastiano"
di Raffaello dall'Accademia Carrara di Bergamo (dal 18 dicembre). Orario: giovedì e venerdì
14.00-18.00; sabato, domenica e lunedì 10.00-18.30; chiuso il martedì e il mercoledì; aperto su
prenotazione anche in orario di chiusura. Orari durante ricorrenze e festività: 1 novembre
10.00-18.30; 8 dicembre 10.00-18.30; 24 dicembre chiuso; 25 dicembre 15.00-18.30; 26
dicembre 10.00-18.30; 31 dicembre e 1 gennaio chiuso; 6 gennaio 10.00-18.30. Ingresso:
intero 10 euro; ridotto 8 euro (gruppi, convenzionati, studenti fino a 26 anni, over 65, militari);
ridotto dai 6 ai 14 anni 3 euro; gratuito bambini fino a 6 anni, Abbonati Musei. Info:
www.fondazionecosso.it - [email protected] - 0121.502761 (biglietteria) - 0121.376545
(uffici). Sabato 29 novembre servizio navetta che collega il centro di Torino al Castello di
Miradolo al costo di 8 euro a persona. Partenza da Torino alle ore 14,00 da piazza Carlo
Felice angolo corso Vittorio Emanuele II; ritorno con ritrovo nel parcheggio del Castello di
Miradolo alle ore 17,30 e rientro in città per le 18,30. Prenotazione obbligatoria: 0121.502761
fino al 08/03/2015
ore 10:00
San Secondo di Pinerolo (TO)
Via Cardonata 2
TORINOSETTE | Arte
60 / 195
Arte
"STEMPERANDO" ALLA BIBLIOTECA NAZIONALE
"Stemperando", sesta edizione della Biennale Internazionale di opere d'arte su carta che si
realizzerà in tre tappe: Torino, Tirana e Roma. La Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino
ospiterà la prima tappa della rassegna, nata a Spoleto nel 2003 in concomitanza con il Festival
dei due mondi. Successivamente, le opere saranno trasferite a Tirana e la mostra sarà
allestita al Museo Storico Nazionale dell'Albania. Infine, come ultima tappa, il gruppo di opere
ritornerà in Italia e la mostra sarà composta a Roma, al Museo Villa Vecchia di Villa Doria
Pamphili, dove concluderà il suo percorso. In mostra 96 opere su carta di 49 artisti di ogni
parte del mondo. Per la sezione internazionale: Alberto Biasi, Alberto Brusa, Paolo Conti,
Graham Guerra, Kivanç Gülhan, Ali Herischi, Jiang Shanqing, Susan Leyland, Paolo Marazzi,
Carlo Mazzetti, Xavier Medina Campeny, Sophia Michaeledes, Azad Nanakeli, Qui Yu, Ran
Xue Mei, Claudio Sacchi, Michele Stanzione, Martin Streitenberger, Andreas Tomblin, Jorrit
Tornquist, Lucio Trizzino; per la sezione storica: Georges Braque, Francesco Casorati, Enrico
Colombotto Rosso, Samo Koler, Riccardo Licata, Umberto Mastroianni, Franc Oldering, Mario
Schifano, Giacomo Soffiantino, Alberto Sughi; per la Nazione ospite, Albania: Albien Alushaj,
Helidon Haliti, Ardian Isufi, Pjeter Koleci, Beskida Kraja, Gjon Jon Kraja, Vladimir Llakaj, Fatos
Lubonja, Ormira Lulani, Alban Met-hasani, Alkan Nallbani, Andi Nallbani, Admir Pervathi,
Parlind Prelashi, Agron Rushiti, Alberto Saka, Helidon Xhixha, Armand. A cura di: Anselmo
Villata. Nazione ospite d'Onore: Albania, a cura di Alfred Milot Mirashi.
fino al 08/03/2015
ore 18:00
Torino
Piazza Carlo Alberto 3
"ANDY WARHOL...IN THE CITY" ALL'8 GALLERY
"Andy Warhol...in the city". Un'occasione unica per ammirare 40 opere che hanno segnato la
storia dell'arte mondiale: dal mito di Marilyn Monroe al fascino di Liz Taylor, dalle storiche
bottiglie di Coca Cola alle leggendarie lattine di zuppa Campbell's, l'intuito e l'estro grafico di
Andy Warhol sono i protagonisti di questa interessante esposizione. Le opere fanno parte
della più ampia mostra intitolata "Andy Warhol... in the city" che nasce da un'iniziativa di
Pubbliwork Eventi, in collaborazione con la New Factory Art, ed è già stata esposta nelle
gallerie d'arte di diverse città italiane; da gennaio 2015, in pieno spirito Warhol, la mostra è
stata allestita, per la prima volta in assoluto in un centro commerciale. Tra le opere esposte
l'immancabile Marilyn Monroe, Campbell's e Flowers, si potranno inoltre ammirare le copertine
di Interview Magazine, la rivista fondata proprio da Andy Warhol e le cover di dischi dei Rolling
Stones e dei Velvet Underground. Le opere rappresentano il percorso artistico ed iconografico
creato da Warhol dal 1957 al 1987, fornendo sia un'ampia visione dei suoi soggetti più noti sia
delle sue radici europee attraverso quei lavori poco conosciuti ma molto importanti, come gli
Space Fruits o il Gold Book, realizzato da Warhol in occasione della sua prima mostra
personale presso la Bodley Gallery di New York. I soggetti esposti sono stampe, cover,
cartoncini, serigrafie e offset: opere originali multiple di opere uniche. Info: www.8gallery.it
fino al 08/03/2015
ore 11:00
Torino
Via Nizza 230
TORINOSETTE | Arte
61 / 195
Arte
COLLEGNO - "FOTOGRAFIA AL FEMMINILE" NELLA SALA DELLE ARTI
"Fotografia al femminile", edizione 2015. Orario: venerdì e sabato 16-19,30; domenica 10-12 e
16-19,30. Durante le aperture del 7 e dell'8 marzo sarà allestita una sala posa all'interno della
sala delle Arti per omeggiare di un ritratto in digitale tutte le signore che lo desidereranno. Tra
gli eventi collaterali della mostra, martedì 3 marzo alle 21, presso la Sala del Museo della
Resistenza e della Pace della Città, sarà ospite la fotoreporter di guerra Andreja Restek che
presenterà i suoi ultimi lavori.
fino al 08/03/2015
ore 18:00
Collegno (TO)
Via Torino 9
"ARTE AL FEMMINILE" DA ARTE CITTA' AMICA
"Arte al femminile", quattro mini personali di Margherita Baldelli, Adriana Cernei, Angela
Gastaldi e Carla Perona. Orario: da martedì a sabato 16,00-19,00; chiuso il lunedì e festivi.
Info: 011.7717471 - 011.7768845 - www.artecittaamica.it - [email protected]
fino al 10/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Rubiana 15
"I VENERDÌ DELL'ARTE" ALLA BIBLIOTECA CIVICA PRIMO LEVI
"I venerdì dell'arte", mostra di pittura di fine corso del Centrodonna della Circoscrizione 6.
fino al 11/03/2015
ore 10:00
Torino
Via Leoncavallo 17
"NUOVE RICERCHE 2015" DA MARTINARTE
"Nuove Ricerche 2015", collettiva a cura di Paola Barbarossa e Fernando Montà. In mostra
lavori di Monica Bruera, Daniele Nessi, Joshua Sottile e Corrado Zecca. Orario: lunedì
15.30-19.30; martedì e mercoledì 10,00-12,30 e 15,30-21,30; giovedì e venerdì 10,00-12.30 e
15.30-19.30. Info: 011.3433756 - 335.360545 - [email protected]
fino al 12/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Siracusa 24/A
COLLETTIVA FOTOGRAFICA NEL NUOVO SPAZIO28
Spazio 28, nuovo spazio espositivio in corso Vittorio Emanuele II 28, presenta una mostra
collettiva di fotografia a cura di Phos. In esposizione opere di autori emergenti e di autori
affermati nel panorama della fotografia italiana ed internazionale che negli ultimi anni hanno
presentato alcuni dei loro progetti più significativi all'interno dell'attività espositiva di Phos:
Sophie Anne Herin, Pietro Bolgna, Renato D'Agostin, Davide De Martis, Stefano Fiorina,
Simon Roberts, Vito Vagali. Orario: dal lunedì al venerdì 15:00-19:30. Per informazioni:
335.6661281 - 347.2212059
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Vittorio Emanuele II 28
TORINOSETTE | Arte
62 / 195
Arte
PATRIZIA MUSSA ALLO SPAZIO EVENTA
"Luci silenti", personale fotografica di Patrizia Mussa, secondo appuntamento espositivo
organizzato da ArtPhotò, al fine di promuovere la fotografia d'autore. Gli elementi distintivi del
lavoro artistico di Patrizia Mussa sono innegabilmente la ricerca di una luce particolare e la
ricerca di una dimensione di un tempo sospeso e irreale che procura in chi guarda
l'impressione di un silenzio impalpabile al limite della parola. Le fotografie esposte in mostra
fanno parte di due lavori distinti ma entrambi mettono a fuoco di Patrizia Mussa tutta la sua
interpretazione d'autore, la sua esperienza di fotografa di architettura e la sua abilità tecnica.
La luce è dunque "anima e verità di un luogo" che la fotografa "ascolta" ogni volta che si
confronta con soggetti diversi e che amplifica il silenzio originario degli spazi fotografati. In
mostra sono esposte le fotografie tratte da "Teatri" e da "Le Temple du Soleil". Orario: martedìvenerdì dalle 15.00 alle 18.00. Info: www.ateliernovantotto.it/artphoto.html [email protected] - 335.7815940
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Via dei Mille 42
NEVERCREW ALLA SQUARE23 ART GALLERY
"Frequency Spectrum", mostra di Nevercrew. Dopo Milano e Dublino, dove hanno decorato le
nuove sedi europee di Facebook, il duo di street-artists svizzeri Nevercrew arriva a Torino,
negli spazi della galleria Square23, con "Frequency spectrum", la loro riflessione su
percezione e comunicazione, tra realtà e surrealtà. Pablo Togni e Christian Rebecchi più che
"duo" sono "uno". Lavorano insieme dal 1996 uniti dall'interesse comune per la pittura e la
street art. Hanno esposto e partecipato a progetti internazionali e festival a Belgrado, Il Cairo,
Amburgo, Monaco, Zurigo, Lugano. Il loro lavoro è caratterizzato da alcuni concetti chiave,
come il meccanismo, la composizione, la sezione, le parti, la memoria, la scelta, i rapporti, i
contrasti, l'esplorazione, la surrealtà. Il tutto viene collegato insieme, fuso in composizioni
viventi e che mutano proprio perché vive, evolvendosi nel tempo e nello spazio. Combinare
linguaggi diversi è la loro cifra stilistica: catene di montaggio, esseri organici e ingranaggi
meccanici, mostri marini, "strutture viventi" si intersecano nei loro lavori proprio come gli stili
che utilizzano, tra sintesi grafica e iperrealismo spray. Le loro strutture sono modelli di sistemi
viventi, delle visioni d'insieme rese percepibili nella loro totalità e nella loro struttura tramite
l'utilizzo della "sezione" che permette di vederle per come sono al loro interno, nel caso di un
meccanismo o degli spazi di una casa o della struttura di un essere vivente. Il rapporto tra le
parti e con la memoria viene esteso alla realtà intera, al luogo e allo spettatore, lasciando a
quest'ultimo la possibilità di completare il meccanismo con la sua personale esperienza, con la
sua storia e quindi con le sue molteplici interpretazioni. In "Frequency Spectrum", in
particolare, l'attenzione si concentra su percezione e comunicazione, sulla loro differenza ed
interazione costante. Orario: lunedì-sabato 11-20, o su appuntamento. Info: 334.9980390 [email protected]
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via San Massimo 45
TORINOSETTE | Arte
63 / 195
Arte
LUCA ROMANO DA RIZOMI
Personale di Luca Romano. Romano ha sublimato su carta il suo desiderio più grande rimasto
invariato per vent'anni, prendere il pullman n. 67 con la sua borsa da disegno a tracollo. Ha
prediletto i pennarelli a punta spessa, ricamando talvolta elementi verbali su campiture
fittissime. Cartoncini, planimetrie, fogli strappati da vecchi libri di grammatica, fanno da sfondo
al miraggio dell'autonomia ma anche al simbolo della viabilità metropolitana, di una certa
cultura civica del mezzo di trasporto pubblico. Il risultato, trame di colore intessute dove
talvolta la figura scompare annegata dal tratto pieno e rotondo del gesto pittorico. Lo stesso
trattamento è applicato alla serie del "Dettato", in cui l'artista replica ripetutamente l'incipit dei
dettati della scuola primaria con una vera calli-grafia perfetta e stereotipata. Questa mostra
vuole essere un omaggio ad un artista nascosto, che non si è mai comportato come tale, che
abbiamo selezionato tra tanti altri all'interno della preziosa collezione dell'Archivio Storico
Singolare e Plurale raccolta e curata da Tea Taramino. Orario: dal mercoledì al sabato
14:00-19:00. Info: 011.4367910 - www.rizomi.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Sant'Agostino 18/D
"JUST ANOTHER" ALLA LUCE GALLERY
"Just Another", mostra collettiva comprendente i lavori degli artisti Davide Balliano, Ethan
Greenbaum, JPW3, Dustin Pevey e Leif Ritchie. La mostra è nata quasi per "assonanza"
intorno ad una canzone di Pete Yorn: Just Another. I dipinti in mostra sembrano contenere
quel sound che richiama i nostri momenti più semplici ma anche più intimi, i momenti in cui lo
spazio e il tempo sembrano fermarsi. Certe situazioni hanno una particolare atmosfera e si
relazionano in modo naturale con la musica. E così Just Another, la colonna sonora di questa
mostra s'ispira al trascorrere della vita, ma anche al voltar pagina o semplicemente passare ad
un altro show. Ciascuno dei cinque artisti in mostra possiede una sua musicalità che lo
accomuna allo spirito di Just Another, richiamando alla riflessione e all'intimismo. Orario: dal
martedì al sabato 15.30-19.30. Info: 011.8141011 - 335.5246817 - [email protected] www.lucegallery.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso San Maurizio 25
"FILIPPO SCROPPO E LE AVANGUARDIE ARTISTICHE DEL DOPOGUERRA" ALLA
FONDAZIONE AMENDOLA
"Filippo Scroppo e le avanguardie artistiche del Dopoguerra": opere 1945-1970 di Scroppo,
Gavlano, Crippa, Saroni, Ramella, Gribaudo, Ruggeri, Soffiantino, Gorza, Surbone e Griffa.
Orario: lunedì - venerdì ore 10-12.30, 15.30-19.00 sabato, domenica e visite guidate su
prenotazione. Info: 011.2482970 - 348.2211208 - [email protected] www.fondazioneamendola.it
fino al 15/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Tollegno 52
TORINOSETTE | Arte
64 / 195
Arte
SOPHIE CALLE AL CASTELLO DI RIVOLI
"MAdRE", personale di Sophie Calle, a cura di Beatrice Merz. Sophie Calle, protagonista
indiscussa della scena artistica mondiale, propone un progetto interamente site-specific per le
sale auliche al secondo piano della Residenza Sabauda. La mostra si articola sullo sviluppo di
due importanti progetti che l'artista ha posto in essere da diversi anni: Rachel, Monique e Voir
la mer. Orario: da martedì a venerdì 10.00-17.00; sabato e domenica 10.00-19.00; lunedì
chiuso; 24 e 31 dicembre 10.00-17.00; aperto il lunedì di Pasqua; chiuso 1° gennaio, 1°
maggio e 25 dicembre. Ingresso: 6,50 euro; ridotto: 4.50 euro per ragazzi 11-14 anni,
pensionati, insegnanti, studenti, militari, associazioni culturali ed enti convenzionati. Gratuito
per i minori di 11 anni e per i disabili. Info: 011.9565222 - www.castellodirivoli.org www.castellodirivoli.tv - [email protected] Prorogata fino al 15 marzo.
fino al 15/03/2015
ore 19:00
Rivoli (TO)
Castello di Rivoli
KATARZYNA WYSOCKA AL POLSKI KOT
"Bez Tytulu", personale della pittrice polacca Katarzyna Wysocka. Nata a Lodz nel '83, l'artista
ha trascorso l'infanzia nella campagna sud-orientale della Polonia, che ha ispirato il suo
percorso artistico. La pittrice racconta: "La natura è la principale fonte d'ispirazione per i miei
quadri, dove si intrecciano i paesaggi campagnoli e dove esploro il mondo animale. Nello
stesso tempo la natura costituisce per me l'ispirazione per le ricerche astratte. Costanti sfide
formali forniscono i fiori e gli oggetti materiali nei quali mi misuro con la forma e il colore".
Katarzyna Wysocka, laureatasi presso l'Accademia Albertina di Torino, presenta per la prima
volta le sue opere, create nell'arco degli ultimi 15 anni. Info: polskikot @libero.it - 333.5205763
fino al 16/03/2015
ore 19:00
Torino
Via Massena 19
LUCIA CAPRIOGLIO AL COLLEGIO SAN GIUSEPPE
"Nature", personale di Lucia Caprioglio. In mostra 21 tele inedite a tecnica mista, con utilizzo di
incisioni, pittura e collage elaborati insieme. Orario: da lunedì a venerdì 10,30-12,30 e
16-18,30; sabato 10-12,30
fino al 16/03/2015
ore 17:30
Torino
Via San Francesco da Paola 23
TORINOSETTE | Arte
65 / 195
Arte
MARCO DALBOSCO DA PAOLO TONIN ARTE CONTEMPORANEA
"Paper religions project 2005 2014", personale di Marco Dalbosco. Esposto recentemente nel
corso di prestigiosi appuntamenti quali la mostra "Afterimage" presso la Galleria Civica/Mart di
Trento e ne "L'Arte guarda avanti" come opera finalista del Premio Terna6, il progetto
complessivo "Paper Religions #Jerusalem" viene presentato per la prima volta da Paolo Tonin
dalle sue origini nel 2005 ad oggi. Il lavoro ha preso avvio dalla necessità di indagare le
problematiche del conflitto Israeliano-Palestinese, assumendo nella sua evoluzione
l'espressione di libertà di ogni singolo individuo, investendo questioni di carattere religioso che
finiscono per riferirsi alla possibilità stessa di affermare l'identità individuale. Nel 2008, come
evento Parallelo di Manifesta7, nasce "Paper Religion #The Wall", diretto riferimento alla West
Bank in Israele. Per questo lavoro Marco Dalbosco ha raggruppato dodici persone che hanno
lavorato assieme per una settimana allo scopo di costruire un muro. Realizzato tuttavia con
mattoni di carta piegati secondo la tecnica dell'origami, il muro perde i suoi connotati di
barriera e di confine. Con questo specifico materiale e con la sua lavorazione, l'artista trascrive
la fragilità dell'essere umano e manifesta il potere di costruire, ciascuno con le proprie mani,
l'avvenire e la storia. Assumendo la città di Gerusalemme come simbolo di rispetto e
convivenza di molteplici credenze religiose, nel 2011 si concretizza Paper Religion
#Jerusalem: il mattone che divide, separa, crea un limite, è allo stesso tempo l'elemento base
per la costruzione di ogni tipo di edificio religioso. I mattoni vengono disposti a terra formando
un tappeto su cui vengono "sospese" le tre chiese monoteiste: una Chiesa Cattolica, una
Sinagoga e una Moschea. Anch'esse di carta, condividono con i mattoni la condizione di
fragilità. In mostra è presentata per la prima volta l'espressione complessiva di questo lungo e
partecipato percorso di ricerca e consapevolezza. Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle
13 e dalle 14,30 alle 19; sabato su appuntamento. Info: 011.19710514 - [email protected]
- www.toningallery.com
fino al 20/03/2015
ore 19:00
Torino
Via San Tommaso 6
"FRANCESCO MENNYEY" ALLA GALLERIA LA CONCHIGLIA
Acqueforti e disegni di Francesco Mennyey. Orario: dal martedì al venerdì 15-19; sabato 10-12
e 15-19. Info: 011.6991415
fino al 20/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Zumaglia 13bis
TORINOSETTE | Arte
66 / 195
Arte
NELLA MARCHESINI ALLA GALLERIA OPERE SCELTE
"Parole di pittore. Nella Marchesini - tra disegno e scrittura". La mostra è incentrata sul
rapporto intenso, tra disegno e scrittura, esistente nella produzione artistica di Nella
Marchesini. L'artista, allieva prediletta di Felice Casorati, sente l'arte come un'urgenza vitale
da manifestare in ogni modo e su ogni supporto possibile. Nel lavoro della Marchesini, il
disegno e la scrittura sono due modalità fondanti in quanto pratiche veloci, sintetiche e
accessibili: con una semplice matita Nella ha potuto rappresentare l'universo complesso del
suo essere anche nei momenti più difficili della sua vita. Queste due modalità non sono solo
facilmente realizzabili, ma possiedono una ricchezza d'espressione eccezionale che l'artista
coglie con diverse sfaccettature miscelandone le peculiarità che spesso si determinano
vicendevolmente. Il disegno non è solo bozzetto preparatorio per i vari dipinti, ma è
un'istantanea del quotidiano, dell'intimità più precaria ed effimera che svela però la parte più
autentica dell'emozione e del pensiero. Con il disegno Nella Marchesini riesce a eludere parte
della rigida impostazione di matrice casoratiana, dando forma al suo ambiente familiare e alle
sue esperienze con un'affascinante proiezione personale che fa emergere la sua sensibilità,
articolata e vigorosa. Trasfigurazioni religiose e deformazioni simboliche, presenti sia nei
disegni che negli scritti, rivelano molto chiaramente chi è Nella Marchesini: artista, donna e
madre. Nel tempo l'artista ha scritto una sorta di Zibaldone sul quale lei annota pensieri, sogni
e paure nello stesso modo in cui disegna. Vi è un'interrelazione unica e sorprendente tra
scrittura e disegno. Così anche i libri letti dalla Marchesini diventano essi stessi opere d'arte in
quanto accolgono disegni e rielaborazioni grafiche inedite. Orario: martedì-sabato 15.30-20.
Info: 011.5823026 - 349.3509087 - [email protected] - www.operescelte.com
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Matteo Pescatore 11/D
MICHAEL BIBERSTEIN DA GIORGIO PERSANO
Michael Biberstein, personale. Nato a Solothurn, Svizzera, nel 1948. Nel 1964 si trasferisce
negli Stati Uniti. Al Swarthmore College di Philadelphia incontra David Sylvester sotto la cui
guida studia Storia dell'Arte. Dopo aver vissuto tra gli Stati Uniti e la Svizzera, nel 1979 si
trasferisce in Portogallo, dove trascorrerà la maggior parte dei suoi anni, sino alla morte
improvvisa, sopraggiunta nel 2013. Pittore autodidatta, dagli anni '70 le sue opere vengono
esposte in tutto il mondo e sono presenti nelle collezioni di arte contemporanea di musei e
fondazioni, tra i quali: il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, il Whitney
Museum of American Art di New York, il Calouste Gulbenkian Foundation Centre for
Contemporary Art di Lisbona, la Serralves Foundation di Oporto, il Museu Colecção Berardo di
Lisbona. Orari: martedì - sabato 10,00-13,00 e 15,30-19,00. Info: 011.4378178 - 011.835527 [email protected] - www.giorgiopersano.org
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Principessa Clotilde 85
TORINOSETTE | Arte
67 / 195
Arte
BRUNO MARTINAZZI ALLO SPAZIO DON CHISCIOTTE
Personale di Bruno Martinazzi, scultore e orafo di fama internazionale. Tra le opere presenti
nella mostra, curata da Massimo Ghiotti, ci sono sculture di media dimensione che vanno dagli
anni '80 agli anni '90; una serie di piccole sculture intitolata "Pagine di pietra" tutte di recente
produzione; 12 disegni del 1980 facenti parte degli studi preparatori del libro "I cieli e la terra e
tutte le tue creature" (Noire editore 1988) e quattro gioielli. Nato a Torino nel 1923, allievo degli
stessi insegnanti di Primo Levi, Martinazzi si laurea in Chimica Pura all'Università di Torino.
Durante la guerra partecipa come partigiano combattente alla resistenza, ed è insignito della
Croce di Guerra. Frequenta la Libera Accademia d'Arte di Torino e gli Istituti d'Arte di Firenze
e Roma. Esordisce come orafo nel 1954, dopo quattro anni spesi come direttore di Tintoria
alla fabbrica tessile Magnoni Tedeschi, per poi affermarsi come scultore. È stato inoltre
docente all'Accademia Albertina di Belle Arti. Grazie ad artisti come Martinazzi a partire dagli
anni Sessanta, il gioiello contemporaneo sia entrato a far parte delle più importanti collezioni
museali internazionali; le sue creazioni figurano infatti nelle collezioni, tra gli altri, del
Metropolitan di New York e dell'Hermitage di S.Pietroburgo. Orario: martedì-sabato
10.30-12.30 e 15.30-19.30. Info: [email protected] - 011.19771755 www.fondazionebottarilattes.it
fino al 21/03/2015
ore 18:30
Torino
Via della Rocca 37
"OPERE IN PERMANENZA" ALLA GALLERIA20
"Opere in permanenza", collettiva comprendente opere di Enzo Briscese, Ermanno Barovero,
Nino Aimone, Piero Ferroglia, Alessia Zolfo, Francesco Preverino, Dario Rosolen, Leonardo
Pecoraro, Franco Margari, Marco Vigo, Romano Buratti, Domenico Lasala, Discepolo Girardi,
Elviro Coni. Orario: dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19. Info: 011.3724087 [email protected] - www.galleria20.jimdo.com
fino al 21/03/2015
ore 17:00
Torino
Corso Casale 85/B
GALLIANO GALLO DA CARACOL
"Invasioni", personale di Galliano Gallo. "Nelle sue opere pittoriche l'artista Gallo accede ad un
mondo incantato, in cui si coglie la scoperta genuina di un "qualcosa" che parte da molto
lontano. Lo sguardo innocente dell'infanzia osserva per la prima volta, con gioia e curiosità ciò
che gli si offre. I colori vividi colpiscono l'attenzione; le figure vagamente zoomorfe si
inseguono in un gioco di danza, unite da un filo conduttore che non si perde mai, anzi le tiene
insieme come le perle di una collana. E' un ritorno alle origini, dove forme semplici si
realizzano in un liquido creatore, moltiplicandosi per continuare la vita, per trasformarla. Il
movimento è continuo, coinvolge tutto; il ritmo serrato e vivace ci invita a partecipare a questo
tripudio di colori, ad afferrare, a non indugiare in contorti pensieri, ma a considerare con
rinnovata semplicità la purezza dell'inizio, che è lì a portata di mano, pronta per noi"
(Francesca Luce Milardi). Orario: martedì, mercoledì e giovedì 15.30-19.30; venerdì e sabato
10.30-19.39. Info: 393.2164821 - www.caracolarte.it
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Saluzzo 23
TORINOSETTE | Arte
68 / 195
Arte
RIVAROLO - CLEMENTINE CARSBERG A CASA TOESCA
"Secret de famille - Les angles morts", residenza d'artista di Clementine Carsberg. Al primo
piano, fino al 30 novembre, "Alias/self portraits", fotografie di siciliana Carmen Cardillo. Orario:
sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00; mercoledì dalle ore
17.00 alle ore 20.00. Info: www.areacreativa42.com - [email protected] - 335.1227609
fino al 22/03/2015
ore 18:00
Rivarolo (TO)
Via Ivrea 42
PIER PAOLO CALZOLARI IN VIDEOTECA GAM
Prosegue in Videoteca GAM il ciclo di incontri e mostre, a cura di Elena Volpato, dedicato al
video in Italia negli anni Sessanta e Settanta. Il primo appuntamento del 2015 vede
protagonista Pier Paolo Calzolari che incontra il pubblico della GAM martedì 13 gennaio alle
18.30. L'artista, in conversazione con Elena Volpato, parlerà del suo interesse per la
dimensione temporale e visiva del linguaggio filmico e video, dell'esperienza di lavoro con
Gerry Schum e ripercorrerà lo sviluppo del suo ciclo di opere intitolato "Day after Day a Family
Life" da cui sono tratti i lavori "Cucù", 1972?73, "Aeroplano", 1972 e "Lettere di Tiziano", 1974,
provenienti dall'Archivio della Fondazione Calzolari che la Videoteca GAM è orgogliosa di
poter presentare in esposizione nei propri spazi. L'incontro con Pier Paolo Calzolari offre
l'occasione di ascoltare uno dei più importanti protagonisti della storia del video d'artista, per la
rilevanza delle opere da lui girate in pellicola e video, e per il ruolo che il suo studio bolognese,
a Palazzo Bentivoglio, ebbe tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta, sia come
luogo d'incontro tra esponenti delle avanguardie internazionali, artistiche e teatrali, sia come
studio di registrazione di opere filmiche di altri artisti. In mostra in Videoteca GAM fino al 22
marzo quattro opere video realizzate dall'artista tra il 1970 e il 1974: "Senza titolo", da
"Identifications" di Gerry Schum, 1970, collezione Videoteca GAM; "Aeroplano" ["Day after
Day a Family Life"], 1972, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Cucù - The glass reflects"
["Day after Day a Family Life"], 1972?1973, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Lettere
di Tiziano" ["Day after Day a Family Life"], 1974, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari.
Orario: martedì - domenica 10.00-18.00 giovedì: 10.00-22.30. La biglietteria chiude un'ora
prima. Ingresso gratuito in videoteca. Non occorre appuntamento. Info: 011.4429597 - email
[email protected] - www.gamtorino.it
fino al 22/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
PRAGELATO - KURT MAIR E VINICIO PERUGIA ALLA TINBER ART GALLERY
"Coincidere", incisioni di Kurt Mair e Vinicio Perugia. Orario: sabato 16.00-18.30, domenica
10-12.30 - 15.30-18.00. Info: 0122.78461 - www.tinberartgallery.it
fino al 22/03/2015
ore 17:00
Pragelato (TO)
Via Albergian 20
TORINOSETTE | Arte
69 / 195
Arte
"DAB - DESIGN PER ARTSHOP E BOOKSHOP" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"DAB - Design per Artshop e Bookshop". Esposizione dei prototipi selezionati in occasione
della V edizione dell'omonimo concorso nazionale. Il progetto DAB, nato nel 2006, è promosso
da GAI - Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani e realizzato dall'Ufficio Giovani
d'Arte del Comune di Modena. DAB rientra nella Convenzione Progetto DE.MO. - sostegno al
nuovo design e alla mobilità, siglata tra GAI e Ministero dei beni e delle attività culturali e del
turismo (MiBACT) - Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane
e Direzione Generale Musei. La Mostra DAB presenta i progetti proposti da 20 designer
selezionati dalla Commissione composta da Sandra Tucci, referente del progetto per il
MiBACT - ex DG PaBAAC Servizio V; Patrizia Rossello dell'Associazione GAI e Michele Zini,
Architetto e Designer dello Studio ZPZ Partners. In mostra i prototipi di: Antonio Abatangelo;
Chiara Angioli; il collettivo formato da Margarita Aviles De Carlos, Marco Fogaccia, Shi Jintian,
Nicoletta Marangoni e Maria Montes De Oca; Emilio Baria; Ilaria Bartolini; Lucia Biancalana e
Eleonora Bompieri; Bottega Krua di Giada Fogliato e Arianna Piazza; Code0039 di Dante
Antonucci, Laura Crognale, Stefania Quintili e Alessandro Zuppa; De-sign di Daniela Cavasin
e Enrica Zanini; Alessandro Esposito, Federico Fiordigiglio; Alberto Galotta e Federica Lissoni;
Gian Piero Giovannini; Massimiliano Marianni; Elena Maurigh; Costanza Palmirani; Lorenzo
Passi; Arianna Piazza; Daniele Piazzola; Studio Alchemico di Giulio Bogani e Sofia Crescioli.
La commissione ha selezionato progetti che rispondessero positivamente a tre requisiti del
concorso: appartenenza allo scenario della cultura del progetto contemporaneo; effettiva
compatibilità con i museum shop per caratteristiche dell'oggetto, prezzo, mercato; possibilità di
essere prodotti in modalità di autoproduzione o con filiera produttiva non tradizionale. Si è
cercato di selezionare anche progetti sviluppati in ambiti di ricerca eterogenea o capaci di
proporre nuove tipologie di prodotto, così da avere uno scenario ampio di proposte che desse
profondità a una lettura complessiva, in sede di catalogo o di mostra. La Commissione ha
assegnato inoltre, ex-aequo il Premio Speciale MiBACT - Patrimonio culturale a Alberto
Galotta e Federica Lissoni, premio istituito nel 2011, in occasione della III edizione di DAB, per
incentivare la progettazione, da parte dei giovani designer, di oggetti contemporanei, ma
liberamente ispirati al vasto patrimonio culturale ed artistico del nostro paese e per questo
collocabili negli spazi commerciali di musei e siti archeologici. Il Premio MiBACT consiste
nell'assegnazione ai vincitori di fondi per l'autoproduzione degli oggetti e la promozione degli
stessi in importanti vetrine nazionali ed internazionali. La mostra, proveniente dal MAXXI di
Roma, farà successivamente tappa ad aprile presso l'area del bookshop della Fondazione
Fotografia al Foro Boario di Modena, a maggio a Lecce presso il prestigioso Castello di Acaya.
Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 22/03/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
MAX PAPESCHI DA DAVICO
"Je ne regrette rien", personale di Max Papeschi. Orario: da martedì al sabato dalle 10.00 alle
12.30 e dalle 16.00 alle 19.30. Chiuso lunedì e festivi. Info: 011.0362954 [email protected] - www.davicoarte.it
fino al 28/03/2015
ore 18:30
Torino
Galleria Subalpina 21
TORINOSETTE | Arte
70 / 195
Arte
CARMAGNOLA - "MESSICO CIRCA 2000" A PALAZZO LOMELLINI
"Messico Circa 2000", mostra comprendente 94 opere di 81 artisti messicani del nostro tempo,
tratta dalla collezione dell'imprenditore messicano Josè Pinto Mazal. La mostra è parte della
grande collezione di Josè Pinto Mazal. In essa vi sono raccolte opere che spaziano attorno al
terzo millennio (da qui il titolo di Messico Circa 2000) cioè dal 1980 ad oggi, di artisti messicani
e stranieri che hanno trovato in Messico il luogo ideale per la loro produzione. Non è una
mostra di tendenza, in quanto il collezionista non sceglie le opere secondo una sua particolare
propensione artistica, ma quelle che meglio documentano, attraverso l'arte, lo status del
Messico oggi e soprattutto di Città del Messico. Vi predomina la pittura, ma vi appaiono anche
altri linguaggi come la fotografia, il disegno, la scultura. Le opere sono diversissime tra di loro,
seguendo i criteri disparati dei linguaggi artistici contemporanei che dagli inizi del secolo
scorso hanno frantumato le regole tradizionali dell'arte. L'arte messicana della
contemporaneità si appropria infatti delle tendenze europee imprimendovi però, un marchio
che discende ancora dalle antiche culture precolombiane. L'ambiente, il deserto, la
dimensione tropicale s'insinua in queste superbe testimonianze visive arricchendole di
un'energia incontenibile. E anche la violenza vi traspare - quella che contraddistingue l'attuale
realtà messicana condizionata dalla lotta tra il governo e cartelli del narco-trafico, dal
femminicidio lungo i confini con gli U.S.A - una violenza filtrata in termini metaforici o allusivi.
Molti degli artisti qui presenti hanno frequentato la prestigiosa Scuola nazionale d'arte
Esmeralda, di Città del Messico, abbinata all'I.N.B.A., Istituto Nazionale di Belle Arti. E quasi
tutti vantano curricula internazionali, con puntate in Europa, nell'estremo Oriente, in Australia.
In questa mostra troviamo diversi linguaggi formali , la figuratività, l'astrazione, il realismo e
l'informale, l'espressionismo (che ora diviene neo-espressionismo), il surrealismo, il
concettuale e l'iperrealismo. In sostanza appare sia la realtà che il sogno, ossia dimensioni
"altre" che s'insinuano nel reale. Molto spesso le diverse tendenze si sovrappongono e si
fondono, secondo un paradigma messicano che tende al racconto complesso, stratificato,
spesso simbolico. Nella mostra sono esposte opere di numerosi artisti di valenza
internazionale come Gabriel Orozco, Francis Alys, Julio Galan, Demian Flores, Graciela
Iturbide, Monica Castillo, Irma Palacios, Jerman Venegas, Alfonso Mena Pacheco, Barry
Wolfryd. Nell'arco del suo sviluppo la mostra, che prevede delle visite guidate, proporrà eventi
collaterali integrativi della cultura messicana, con work-shop, performance multimediali,
espressioni sonore, che verranno via via comunicati nel dettaglio. L'allestimento è curato da
Rodrigo Witker con la collaborazione d Emma Ariza, ed è accompagnato da un volume
bilingue (italiano/inglese) edito in occasione della prima edizione. Orario: giovedì, venerdì,
sabato 15,00-18,00; domenica 10,00-12,00 e 15,00-18,00. Ingresso gratuito. Info:
www.palazzolomellini.com
fino al 29/03/2015
ore 18:00
Carmagnola (TO)
Piazza Sant'Agostino 17
"CON I MIEI OCCHI" IN GALLERIA SAN FEDERICO
"Con i miei occhi", mostra fotografica di Isabella Greggio, allestita nella cornice di Galleria San
Federico di Torino in occasione del progetto Sar.to La moda illumina Torino. I luoghi e i volti
ritratti raccontano un percorso emozionale e la storia personale di una giovane fotografa che,
superando le oggettive difficoltà di una malattia che l'ha colpita agli occhi, continua a girare il
mondo e a ritrarlo. Orario: dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00; domenica dalle 15.00
alle 19.00; lunedì chiuso.
fino al 31/03/2015
ore 17:30
Torino
Galleria San Federico
TORINOSETTE | Arte
71 / 195
Arte
PABLO BRONSTEIN DA FRANCO NOERO
"We live in Mannerist times", personale di Pablo Bronstein. L'artista argentino, che ha
recentemente ricevuto la Duveen Commission dalla Tate Britain per il 2016, si è qui
confrontato, similmente a quanto accaduto per la mostra al Metropolitan Museum di New York,
con la storia - in questo caso industriale - dell'edificio che ospita la mostra riflettendo sul
potenziale decorativo della tecnologia e su come il progresso scientifico sia non di rado al
servizio dell'estetica. Orario: lunedì 15.00-19.00; martedì-venerdì 11.00-19.00; sabato
15.00-19.00 o su appuntamento. Info: 011.882208 - [email protected] www.franconoero.com
fino al 02/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Mottalciata 10/B
TORINOSETTE | Arte
72 / 195
Arte
VICTORIA STOIAN DA ALBERTO PEOLA
"Codri Earthquake", personale di Victoria Stoian. La mostra è il risultato della sua
collaborazione con Clara Sofia Rosenberg, che da anni ne segue il lavoro supportandolo sul
piano teorico. Victoria e Clara Sofia hanno frequentato l'Accademia di Belle Arti di Torino dal
2009, in un percorso complementare tra l'attività pittorica dell'una e quella critica dell'altra. La
mostra di Victoria Stoian raccoglie una serie di lavori intorno al tema dell'assenza di un punto
di riferimento. Come recita il titolo, le opere rappresentano il caos e l'instabilità prodotti dalla
catastrofe naturale, in particolare dal terremoto che colpì la Moldavia nel 2011. Di
quell'esperienza, che ha coinvolto la sua famiglia, l'artista ricorda: «Quel 25 agosto alle 04:30
del mattino si verificò un violento terremoto di magnitudo 7,5 con epicentro a breve distanza
da Chi?in?u, dove sono nata e cresciuta. Due onde sismiche si sono succedute per una
durata di 52 secondi: migliaia di persone senza riparo, linee elettriche, strade e ferrovie
distrutte; dighe rotte e villaggi allagati con fuoriuscita di sostanze tossiche. Le Codri, le foreste
più grandi della Moldavia, sono state gravemente danneggiate. Questo mio lavoro è un
omaggio intimo e sofferto alla biografia di un popolo e alla feroce bellezza della natura che con
un colpo secco cambia linee, colori e vite». I quadri oggi esposti in galleria costituiscono una
parte dei 52 previsti dal progetto in fieri Codri Earthquake, ognuno dei quali corrisponde a
un'unità di tempo specifica del terremoto: il secondo. Vengono così messe in relazione, da un
lato, la durata del fenomeno con lo sviluppo del ciclo pittorico, e dall'altro, l'area geografica
colpita dal sisma con l'area della tela, ospite della rielaborazione del dramma. Come dice
l'artista, «in un terremoto il primo secondo può essere della stessa violenza dell'ultimo. Anzi,
forse il primo impatto è ancora più forte e destabilizzante». Per questo motivo, la serie Codri
Earthquake si sviluppa con un andamento cronologico, ma le singole opere non riportano la
violenza del terremoto in successione crescente: ogni quadro del progetto rappresenta infatti
un possibile grado di percezione della catastrofe, che non necessariamente corrisponde al suo
reale grado di intensità. Il tema dell'assenza di punti di riferimento proposto nelle opere
rimanda a un senso di destabilizzazione, percepibile in termini di panico e smarrimento. Ma,
d'altro canto, il potenziale generato da quest'assenza di vincoli può essere colto anche come
un'occasione di libertà. Questa dicotomia tra panico e liberazione è espressa dall'artista
attraverso la rappresentazione di un mondo informe che contiene, però, delle forme
riconoscibili, come protrusioni, annidamenti o ramificazioni. Il mondo organico che emerge da
questo repertorio visivo rimanda alla vitalità della natura - dal magma terrestre a correnti
marine e paesaggi abissali - e all'immaginario anatomico - dalla riproduzione cellulare a
filamenti, globuli e terminazioni nervose. Attraverso la tecnica del chiaroscuro, con
predominanza delle tonalità fredde, forme talvolta non finite, o cancellate, si stratificano in un
gioco di trasparenze e in un'alternanza di piani pittorici. Pur in assenza di un'architettura e di
una linea dell'orizzonte, Stoian riesce in questo modo a ricreare un senso di profondità nelle
forme che si affusolano in direzione di un punto di fuga ideale nella tela, inserendo nell'informe
accenni di prospettiva. I criteri su cui si fonda la ricerca di Victoria Stoian sono l'importanza
attribuita alla sostanzialità della materia, l'approccio diretto e la presenza fisica dell'artista nel
lavoro, e la necessità di coinvolgere lo spettatore attraverso la forza dell'opera in sé.
L'esperienza personale e il suo percorso artistico sono saldamente intrecciati: migrata a Torino
all'età di ventun anni, Victoria inizia a tradurre gli stimoli della nuova realtà, così diversa, in un
linguaggio pittorico denso di rimandi introspettivi e culturali. Attraverso un soggetto fortemente
autobiografico l'artista riesce ad affrontare temi collettivi, come il terremoto o la migrazione,
che riguardano il rapporto degli esseri umani con la storia e con il territorio, in una ricerca che
crea uno spazio di condivisione aperto e flessibile. Orario: da martedì a sabato dalle 15 alle
19, mattino su appuntamento. Info: 011.8124460 - 335.6191039 - [email protected] www.albertopeola.com
fino al 03/04/2015
ore 18:00
Torino
Via della Rocca 29
TORINOSETTE | Arte
73 / 195
Arte
FEDERICO GUERRI DA WEBER & WEBER
"Frammenti", personale di Federico Guerri. L'arte appartiene originariamente alla natura. È
natura. E in quanto tale contempla e dà forma a se stessa. È dunque tempo che l'arte,
memore del suo stato aurorale, torni a muoversi per iniziativa dei propri tratti. È tempo che la
scrittura segnica torni a decidere dei propri tracciati e delle proprie luci. Di tutto. Anche delle
tenebre. Nulla deve nascere se non dai suoi impulsi, dai suoi spasimi, dai suoi getti, violenti o
pacati che siano. È quanto accade nell'opera di Federico Guerri, dove la scrittura sceglie
innanzitutto di essere disegno e di non porsi al servizio che del proprio accadere. La scrittura
danza e iscrive in questo esordio il carattere inafferrabile dello scaturire del segno e l'annuncio
dell'enigmatica soglia tra ciclica sparizione e nuovo inizio. Non ha principio né fine. Appare e
passa. Appare al nostro orizzonte come potrebbe fare il vapore acqueo. Presenza e venirealla-presenza si uniscono e si confondono in questi luoghi verso i quali ci conduce Federico
Guerri: sono luoghi pienamente riconoscibili, pur rivelandosi la loro vera sostanza come ombra
e parvenza. Orario: da martedi a sabato 15.30-19.30. Info: www.galleriaweber.it [email protected] - 011.19500694
fino al 04/04/2015
ore 18:00
Torino
Via San Tommaso 7
"MANIERA NERA" ALLA NORMA MANGIONE GALLERY
"Maniera Nera", collettiva a cura di Francesco Barocco. In mostra lavori di Vija Celmins,
Richard Earlom, F. Green, Richard Houston, Elizabeth Judkins, S. W. Reynolds e John
Raphael Smith. Orario: dal martedì al sabato 15.30-19.30 o su appuntamento. Info:
011.5539231 - [email protected] - www.normamangione.com
fino al 04/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Matteo Pescatore 17
TORINOSETTE | Arte
74 / 195
Arte
RÄ DI MARTINO ALLA GAM PER "VITRINE"
Riparte il 10 febbraio alla GAM di Torino "Vitrine", il progetto dedicato alla ricerca artistica
contemporanea. Possibilità, titolo della quarta edizione, pone l'attenzione sulle trasformazioni
della vita, del suo divenire di cui l'arte ricalca la natura mutevole e fluida. Come un vetro
trasparente, "Vitrine" stabilisce un punto di interazione, di dialogo e di lettura tra le ricerche
artistiche più contemporanee e il flusso incessante degli stimoli fisici e simbolici della
quotidianità. Gli artisti protagonisti della quarta edizione di Vitrine sono: Rä di Martino,
Francesco Gennari, Francesco Barocco, Anna Franceschini, Luca Trevisani. "Vitrine" si
costituisce come una soglia, un passaggio che mette in comunicazione mondo interno ed
esterno al museo attuando un dialogo tra le ricerche artistiche con la realtà circostante. Lo
spazio e il tempo sono le coordinate imprescindibili con cui l'uomo si confronta costantemente
e che s'imprimono nel lavoro dell'artista. Tutto scorre e cambia, le percezioni si arricchiscono
di ricordi personali, del vissuto, della memoria culturale, storico?sociale e politica in una
metamorfosi continua. Mutamenti che investono la realtà naturale e urbana ma anche il
paesaggio dell'immaginario, lo spazio?tempo reale e quello mentale, interiore e intimo
dell'animo. Lo sguardo dell'artista coglie determinate situazioni, alcuni momenti, registra
cambiamenti che mescolano passato, presente e futuro, in una rielaborazione che trova
espressione nelle opere, restituendo attimi e impressioni. Il primo appuntamento dell'edizione
2015 vede protagonista Rä di Martino, che presenta alla GAM dal 10 febbraio al 6 aprile
l'opera "The Picture of Ourselves", video in bianco e nero che inquadra i primi piani alternati di
una bambina e di un giovane uomo dagli occhi chiari, due ritratti in cui affiorano suggestioni
della tradizione artistica, dalla pittura più antica fino alla fotografia più contemporanea, due
sguardi che sono la testimonianza della vita che scorre, si radica, si evolve in un infinito
intrecciarsi di possibilità. Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude
un'ora prima. Ingresso libero a Vitrine. Info: centralino 011.4429518 - segreteria 011.4429595 www.gamtorino.it/vitrine
fino al 06/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
GAVINO SANNA ALLO SPAZIO MOUV
"Livori in corso", personale di Gavino Sanna. In mostra una trentina di disegni, accompagnati
da brevi racconti, raccolti nel libro intitolato "Livori in corso" che Gavino Sanna ha dedicato ad
Alda Merini. La mostra si apre, così come nel libro, con un verso della Poetessa dei Navigli
"L'uomo fa male al fratello al primo sbadiglio del mattino" a cui segue la dedica di Alda Merini.
Orario: tutti i giorni dalle ore 10 alle 24; chiuso il lunedì. Nel periodo della mostra si
svolgeranno degustazioni libere e guidate dei vini di Cantina Mesa, l'azienda vitivinicola creata
dieci anni fa da Gavino Sanna con la moglie Lella a Sant'Anna Arresi nel Sulcis. Info:
[email protected] - www.spaziomouv.it - 331.5828996
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Silvio Pellico 3
TORINOSETTE | Arte
75 / 195
Arte
SERGIO STAINO ALLA GAM
"Un racconto di Berlino, 1981", personale di Sergio Staino - uno dei più conosciuti e amati
disegnatori satirici italiani -, a cura di Danilo Eccher. Lo spazio Wunderkammer ospita più di
cento disegni che raccontano Berlino nel 1981, quando Staino, armato di carta, matita, china e
una macchina fotografica raggiunge la città e la interpreta con i suoi disegni. E qui Bobo, da
sempre l'alter ego del disegnatore, si ritrova a esplorare una città dalle mille contraddizioni e
dal grande fascino. Una metropoli in forte espansione architettonica e culturale, in quell'anno
ancora inserita nel cuore del comunismo europeo. "Ogni angolo era una scoperta, una
sorpresa, una suggestione: Berlino in quegli anni là era una città veramente unica per la
quantità di contraddizioni politiche e sociali che faceva coesistere in se stessa esprimendole,
poi, in forme architettoniche e ambientali assai diversificate (...) Tutto era esagerato in Berlino
Ovest: le luci, le insegne, le vetrine, tutte cose che adesso sembrerebbero normali ma che,
allora, erano profondamente innovative. Solo avvicinandosi al confine con la Repubblica
Democratica, e soprattutto al muro, l'atmosfera della città si faceva più scura e deprimente e la
contraddizione tra la vitalità lussuosa dell'Ovest e la tristezza poliziesca dell'est si facevano
evidenti". Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima.
Ingresso: euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011
4429518 - Segreteria tel. 011 4429595 e-mail [email protected]
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
76 / 195
Arte
ALDO MONDINO ALLA GAM PER "SURPRISE"
Martedì 10 febbraio inaugura alla GAM il primo appuntamento dell'edizione 2015 di "Surprise",
progetto espositivo che concentra l'attenzione su aspetti specifici del contesto artistico torinese
tra gli anni Sessanta e Settanta, in cui si intersecarono discipline diverse, dall'architettura al
design, dalla moda alla grafica, dalla musica alle arti visive e performative gettando in questo
modo le basi per il riconoscimento artistico di Torino a livello internazionale. A curare questo
terzo ciclo di appuntamenti, che prosegue per tutto il 2015, sono Maria Teresa Roberto,
docente di Storia dell'Arte Contemporanea presso l'Accademia Albertina di Torino e Gregorio
Mazzonis, curatore GAM. Al progetto è dedicata la sala espositiva della GAM al secondo
piano del museo. Al centro dell'attenzione sono poste di volta in volta opere, tracce di percorsi
espositivi, progetti inediti, riferimenti a contesti extra-artistici; si tratta di frammenti eterogenei
ma accomunati dal senso di stupore e meraviglia e di intensificazione delle energie vitali tipico
di quegli anni. Il protagonista del primo appuntamento è Aldo Mondino (Torino, 1938-2005) il
quale, dopo il periodo trascorso a Parigi dal 1959 al 1960 dove frequenta l'Ecole du Louvre e i
corsi di incisione di William Heyter, nel 1963 esordisce a Torino con una personale alla galleria
Il Punto, allora diretta da Gian Enzo Sperone. Presenta in questa occasione i suoi nuovi lavori,
le "Tavole Anatomiche", metafore della società contemporanea descritta attraverso gli organi
del corpo umano. "Sole" e "Immersore", entrambe realizzate nel 1967 e presentate nella
mostra alla GAM, rappresentano un'esperienza anomala nell'ambito della sua produzione
artistica, rivolta in questi anni al gioco e allo humour. L'arrivo della Pop Art in Italia proprio
grazie a Gian Enzo Sperone e la sua consacrazione nella mostra alla Biennale veneziana del
'64, costituisce un precedente fondamentale per tutta la ricerca artistica degli anni a venire.
Mondino si appropria anch'egli di alcune istanze quali il principio di sconfinamento dalla pittura
ottenuto con l'utilizzo di materiali che circondano il nostro ambiente, in questo caso legno e
lampadine a incandescenza. Se "Immersore" si ricollega , come ha notato Riccardo Passoni,
più alle istanze New Dada che sono discusse proprio in quegli anni, "Sole" traduce con i
materiali delle insegne luminose un tema caro alla pittura di paesaggio come l'alba, sul quale
tra l'altro si concentra la ricerca di uno dei maestri della Pop Art come Roy Lichtenstein negli
anni tra 1963 e 1964 e al quale Sperone dedica la mostra di apertura della sua galleria. Le due
opere hanno in comune, oltre ai materiali utilizzati, una misura fissa che guida la loro
installazione alla parete, 160 centimetri da terra, segnalata dall'artista da una etichetta della
galleria Stein sul verso di "Immersore". Questa linea immaginaria, che attraversa in orizzontale
l'opera, definisce il punto al di sotto del quale le lampadine devono rimanere spente e
corrisponde sia alla misura teorizzata da Masaccio come altezza fissa dell'occhio umano sia al
segno lasciato dalle acque dell'Arno su alcuni capolavori dell'arte fiorentina che impressionò a
tal punto Mondino da spingerlo a realizzare tra la fine del '66 e il 1967 una serie di opere. Tra
questi lavori vale la pena ricordare l'intervento alla mostra "Con temp l'azione" (gallerie Stein,
Sperone e Il Punto, Torino 1967) durante la quale l'artista unisce le sedi della mostra tirando
un filo rosso attraverso la città posto a 160 centimetri di altezza da terra. Orario: martedìdomenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima. Ingressi: euro 10, ridotto
euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011 4429518 - Segreteria tel. 011
4429595 e-mail [email protected]
fino al 07/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
77 / 195
Arte
"MARCO POLO - LA VIA DELLA SETA NELLE FOTOGRAFIE DI MICHAEL YAMASHITA"
AL MAO
Un viaggio per immagini, sulle tracce di uno dei più grandi esploratori di tutti i tempi: la nuova
mostra del Mao ricostruisce il percorso compiuto quasi mille anni fa da Marco Polo lungo la
Via della Seta, attraverso le fotografie di Michael Yamashita, fotografo di punta di National
Geographic. Nelle 76 fotografie esposte al Museo d'Arte Orientale ritroviamo piazza San
Marco e la laguna, il minareto di Samarra in Iraq e le carovane a bordo dei cammelli nel
deserto del Gobi. Non solo: la mostra, articolata in tre sezioni geografiche, ripercorre il tragitto
compiuto da Marco Polo dall'Italia alla Cina, ma anche la permanenza dell'esploratore in Cina
e il viaggio di ritorno via mare, lungo le coste dell'Indonesia e dell'India. Le immagini
desertiche lasciano così pian piano spazio alle distese d'acqua delle piantagioni di riso, agli
spettacolari paesaggi della baia di Ha Long nel Nord del Vietnam e agli sguardi penetranti dei
sadhu a Bombay. Orario: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18. Dal 7 febbraio al 1 marzo,
apertura e chiusura posticipata nei weekend (sabato dalle 11 alle 20; domenica dalle 11 alle
19). La biglietteria chiude un'ora prima. Il biglietto d'ingresso (10 euro) consente anche
l'accesso alla collezione permanente del museo. Info: 011.4436928 - www.maotorino.it
fino al 12/04/2015
ore 17:00
Torino
Via San Domenico 11
MOSTRA DEI FINALISTI DEL MARIO MERZ PRIZE ALLA FONDAZIONE MERZ
Mostra dei 5 finalisti della prima edizione della sezione arte del Mario Merz Prize. Gli artisti,
Lida Abdul (Kabul 1973), Glenn Ligon (New York 1960), Naeem Mohaiemen (Londra 1969),
Anri Sala (Tirana 1974) e Wael Shawky (Alessandria d'Egitto 1971), sono stati selezionati tra
le oltre 500 candidature pervenute dalla giuria composta da Marisa Merz, Beatrix Ruf
(direttrice dello Stedelijk Museum di Amsterdam) e Claudia Gioia (curatrice indipendente). Il
progetto espositivo, curato da Beatrice Merz raccoglie due o tre opere per ciascun autore,
scelte tra le più significative del loro percorso artistico. Il pubblico potrà esprimere la propria
preferenza visitando la mostra o collegandosi al sito mariomerzprize.org. Orario: martedìdomenica 11-19, lunedì chiuso. L'ingresso alla mostra è gratuito. Info: 011.19719437 [email protected] - www.fondazionemerz.org
fino al 12/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Limone 24
AVERY SINGER ALLA FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
"Pictures Punish Words", personale di Avery Singer, a cura di Beatrix Ruf. Sorprendenti per
tecnica e iconografia, i quadri di Avery Singer sovvertono le nostre aspettative visuali. A un
primo sguardo si sottraggono a una classificazione precisa come dipinti o elaborazioni a
stampa. Per questo sollevano l'interrogativo, ovvio e allo stesso tempo pressante per
un'artista, sul modo in cui le informazioni digitali che ci circondano possono concretizzarsi sotto forma di immagine piatta su carta o, più di recente, tridimensionale in plastica, o su ogni
altra possibile superficie materiale. Avery Singer ha realizzato un ciclo di opere pensate
appositamente per questa sua prima personale. Dopo una prima presentazione alla Kunsthalle
di Zurigo, la personale si sposta Torino, alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Orario:
giovedì 20-23 (ingresso libero); venerdì, sabato e domenica 12-19. Ingresso: intero euro 5;
ridotto euro 3 (over 65, studenti); gruppi euro 4 (minimo 6 persone); gratuito (per i bambini fino
a 12 anni, Insieme per l'Arte, abbonamento Torino Musei, giornalisti accreditati, soci ICOM).
Info: [email protected] - 011.3797600 - www.fsrr.org
fino al 12/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Modane 16
TORINOSETTE | Arte
78 / 195
Arte
"IL KABUKI DEI TRE SAMURAI: ARAKI, MORIMURA, SUGIMOTO" ALLA GALLERIA IN
ARCO
"Il kabuki dei tre samurai: Araki, Morimura, Sugimoto". Nobuyoshi Araki, Yasumasa Morimura
e Hiroshi Sugimoto sono i protagonisti della mostra a cura di Graziano Menolascina.
Nobuyoshi Araki, tra gli artisti più rappresentativi e prolifici della storia della fotografia,
racconta la donna, l'eros e il Giappone. Le donne di Araki sono spesso sdraiate su letti disfatti,
oppure distese sul pavimento in pose lascive, legate con corde, con i corpi ostentati e nudi ma
con sguardi in cui è completamente assente la volontà di sedurre. Yasumasa Morimura si
appropria invece di icone universali della storia dell'arte, dei mass media e della cultura
popolare interpretandole in prima persona. In particolare Morimura è interessato alle
trasformazioni sociali politico e culturali dovute alla penetrazione del capitalismo e dei miti del
mondo occidentale in Giappone. Morimura impersona Einstein, Marylin, Frida Khalo, Hitler il
risultato è un'opera e raffinata che nasce da una cura maniacale per i dettagli e l'uso di ritocchi
digitali, di costumi, pose e accessori ricercati che le rendono uniche. I tratti somatici non
modificati, sono l'unico mezzo che Morimura ha per rivendicare la propria origine e le proprie
tradizioni e l'unica via per fare ciò è la provocazione. Infine, ci sono gli scatti di Hiroshi
Sugimoto, immagini mentali, concetti la cui materializzazione è resa possibile grazie a un
rigoroso controllo del mezzo fotografico e del processo manuale di stampa, seguito anch'esso
personalmente dall'artista. Nella serie "Theatre" Sugimoto ha fotografato con tempi di
esposizione lunghissimi sale degli anni '20 e '30, cinema degli anni '50 e drive in. La luce
bianca degli schermi rettangolari, che illumina il resto dell'ambiente, contiene in sé l'intera
proiezione del film. In "Architectures" la tecnica dello sfocato priva le architetture moderniste di
connotazioni temporali. I lunghi tempi di esposizione dei "Seascape" bloccano il movimento
delle onde in immagini eterne, mentre il soggetto dei "Portraits" realizzati fotografando i
personaggi dei musei delle cere è l'immortalità stessa. Info: 011.8122927 - www.in-arco.com [email protected]
fino al 18/04/2015
ore 18:30
Torino
Piazza Vittorio Veneto 3
TORINOSETTE | Arte
79 / 195
Arte
"IL MONDO IN UNA TAZZA" A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta un percorso dedicato alla storia della tazza, attingendo dalle ricche
collezioni di arte decorativa conservate in museo. L'esposizione si riallaccia al tema della
porcellana torinese al centro di Fascino e splendore della porcellana di Torino, mostra curata
da Andreina d'Agliano e Cristina Maritano che apre in contemporanea alla Fondazione AccorsiOmetto e che presenta ben 90 opere provenienti dalle collezioni di Palazzo Madama. Le due
esposizioni offrono nel complesso un vero e proprio percorso cittadino dedicato al tema della
porcellana. Filo conduttore dell'esposizione è la tazzina: da tè, da caffè e da cioccolata.
Oggetto legato indissolubilmente all'introduzione in Europa delle bevande calde provenienti
dall'Oriente e dal Nuovo Mondo e al materiale esotico e prezioso per eccellenza, la porcellana.
A Palazzo Madama una sequenza di tazze, a partire dai blancs-de-chine, ovvero le porcellane
bianche cinesi prodotte a Dehua, mostra l'evoluzione delle forme e la varietà dei decori nelle
tazzine prodotte dalle manifatture europee nel Settecento: dai motivi di origine cinese e
giapponese, a quelli tratti dai libri di storia naturale, ai paesaggi derivati da incisioni olandesi e
tedesche, fino alle scene mitologiche e della letteratura cavalleresca. Contestualmente la
mostra è un'occasione per raccontare, per casi esemplari, la storia della porcellana, delle sue
particolarità produttive, della qualità della pasta e dei colori. Il valore socialmente
rappresentativo della porcellana emerge anche grazie all'esposizione di alcuni servizi araldici,
conservatisi integri per il loro valore altamente simbolico legato al passato illustre della casata
oppure smembrati e dispersi sul mercato antiquario. Una vetrina è dedicata alla principale
manifattura di porcellana operante in Piemonte nel Settecento, la Real fabbrica delle
porcellane di Vinovo, fondata nel 1776 grazie all'intraprendenza di un torinese, Giovanni
Vittorio Brodel, e di un ceramista di Strasburgo, Pierre-Antoine Hannong, e poi rilevata nel
1780 dal medico e chimico torinese, Vittorio Amedeo Gioanetti. Alla produzione di questa
fabbrica è dedicato un più ampio spazio nelle sale della mostra alla Fondazione AccorsiOmetto. In un'altra vetrina, l'artista Matilde Domestico, che da anni conduce ricerche sul tema
della porcellana, ambienta l'installazione Esistenza di porcellana, che si ispira alle poesie di
Emily Dickinson. Il lavoro dell'artista unisce oggetti e frammenti di carta e di porcellana su cui
emergono parole in acciaio. Intorno una superficie di polvere di marmo di Carrara, il caolino,
un materiale refrattario. Tutti gli elementi nel complesso rimandano all'idea di fabbrica, a una
realtà viva e produttiva. In sottofondo una base sonora composta dalla sovrapposizione ed
elaborazione di rumori meccanici, suoni metallici ripetitivi registrati all'interno dei reparti di
fabbricazione dell'Industria Porcellane IPA, si propaga tra le tintinnanti ceramiche antiche e
contemporanee. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00. La biglietteria
chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso: intero euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. In presenza di mostre temporanee le tariffe
potranno subire variazioni. Info: 011.4433501 - www.palazzomadamatorino.it
fino al 19/04/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
ISA MELSHEIMER DA QUARTZ STUDIO
"Examination of the Origins", personale dell'artista tedesca Isa Melsheimer (Neuss, 1968) che
per l'occasione ha concepito un'installazione site specific in cui elementi scultorei pensati a
partire dalle caratteristiche 'ambientali' di Quartz sono accostati alle forme architettoniche di
alcuni edifici della città. Visite su appuntamento. Info: 338.4290085 - [email protected] www.quartzstudio.net
fino al 28/04/2015
ore 19:00
Torino
Via Giulia di Barolo 18/D
TORINOSETTE | Arte
80 / 195
Arte
JOSEF KOUDELKA AL FORTE DI BARD
"Josef Koudelka, Vestiges 1991-2014", prima esposizione in Italia del più imponente progetto
fotografico di uno dei maestri mondiali della fotografia, mostra promossa dall'associazione
Forte di Bard in collaborazione con l'Agenzia Magnum Photos. Il progetto Vestiges, che vede
impegnato da oltre vent'anni il grande fotografo dell'agenzia Magnum Photos, propone la sua
interpretazione fotografica e artistica di alcuni dei più importanti siti archeologici della cultura
romana e greca, in un itinerario attraverso venti paesi, dalla Grecia al Libano, dalla Siria
all'Algeria, dalla Turchia all'Italia e di oltre duecento località che si affacciano sul Mar
Mediterraneo. Un'esplorazione che non ha precedenti, un lavoro fatto di costanza e
perseveranza. L'artista, come i pittori romantici del XIX secolo, coltiva una predilezione
particolare per le rovine, senza celebrarne l'atmosfera malinconica, ma con l'obiettivo di
restituirne l'autentica bellezza. Il suo intento è usare l'arte per riappropriarsi di un mondo che ci
sta sfuggendo e che potremmo perdere. Trasformare le macerie in speranza è il grande e
ambizioso progetto che Koudelka cerca di realizzare con il suo eccezionale viaggio, in
costante divenire che si arricchisce periodicamente di nuovi capitoli. In mostra oltre 60
fotografie di cui 22 panoramiche di grandi dimensioni. Un allestimento che coniuga il
minimalismo dell'approccio del fotografo e della cifra stilistica delle sue immagini, al suggestivo
senso di camminamento tra le rovine. In mostra anche la proiezione di circa 350 scatti relativi
ai set di Vestiges. Fino al 31 gennaio il Forte sarà aperto solo il sabato e la domenica dalle 10
alle 19; dal primo febbraio apertura consueta (feriali dalle 10 alle 18, festivi e prefestivi dalle 10
alle 19). Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 - 83382 e su
www.fortedibard.it
fino al 03/05/2015
ore 18:00
Bard (AO)
Forte
"AL FRONTE" AL MUSEO DEL CINEMA
"Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande Guerra", mostra a cura di Roberta
Basano e Sarah Pesenti Campagnoni. Cento anni fa, la Grande Guerra investe il Vecchio
Continente con la sua modernità che, oltre alle armi micidiali, annovera l'utilizzo di nuovi mezzi
di comunicazione. Tra queste la fotografia e il cinema si rivelano risorse fondamentali nel
definire gli equilibri di potere dei principali paesi belligeranti. Scatti e riprese realizzati da
fotografi e operatori militari invadono le pagine di quotidiani e riviste e dominano gli spettacoli
cinematografici di tutto il mondo, trovando una eco nelle innumerevoli fotografie amatoriali
accumulate dai reduci e dalle loro famiglie, memoria di un'esperienza umana e sociale
estrema e contraddittoria. La mostra "Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande
Guerra" propone un percorso di immagini attraverso 160 fotografie inedite, scattate da Luis
Bogino al seguito del Regio Esercito Italiano e dai soldati fotoamatori dislocati sui di guerra.
Accanto a questo primo tracciato si sviluppa il percorso cinematografico: una selezione di film
"dal vero", girati al fronte e nelle retrovie, e di titoli di fiction di epoche diverse, testimonianza di
un'eredità visiva e culturale variamente interpretata nel corso del tempo. Lo sguardo di artisti
come Paola De Pietri, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi propone infine una lettura
personale della prima guerra mondiale, dei luoghi che essa ha attraversato e di una memoria
spesso dimenticata. Orario: da martedì a venerdì 9.00-20.00; sabato 9.00-23.00; domenica
9.00-20.00; lunedì chiuso. Ultimo ingresso un'ora prima della chiusura. Ingresso: intero euro
14,00; ridotto (studenti universitari fino a 26 anni, over 65, gruppi min. 15 persone) euro 11,00;
giovani e scuole (da 6 a 18 anni, gruppi scolastici) euro 8,00; gratuito fino a 5 anni, disabili e
accompagnatore, Torino+Piemonte Card.
fino al 03/05/2015
ore 19:00
Torino
Via Montebello 20
TORINOSETTE | Arte
81 / 195
Arte
"ASTRATTISMO IN EUROPA" AL FORTE DI BARD
"Astrattismo in Europa. Kandinsky, Popova, Majakovskij, Malevi?...": oltre 80 opere,
principalmente olii e disegni di straordinario valore, appartenenti a una prestigiosa collezione
privata tedesca, per la prima volta esposta in Italia. La collezione, riunita con passione e
costanza nel corso di anni, costituisce un nucleo tematico omogeneo con aspetti storicogeografici di grande interesse: le opere illustrano le tendenze artistiche dell'Europa Orientale e
Centrale durante la prima metà del XX secolo, con particolare attenzione alla nascita della
pittura astratta e ai movimenti di arte non figurativa che ne seguirono e che capillarmente si
diffusero in tutta Europa. In un clima di generale rinnovamento del linguaggio artistico, infatti, a
partire dal 1910 circa si sviluppano diverse tendenze astratte nell'ambito dei movimenti
d'avanguardia tedesco, russo, ceco e olandese. Wassily Kandinsky occupa un posto di primo
piano in questo contesto artistico. Al completo la compagine degli astrattisti russi presenti in
mostra: Vladimir Tatlin, Alexander Rodchenko, El Lissitzky e Alexandra Exter, che sviluppa il
suo linguaggio plastico integrando influssi dal Cubismo e dal Futurismo. Da non perdere le
preziose opere di Natalia Goncharova. Kasimir Malevic, con Kandinsky, può considerarsi il più
importante pioniere dell'arte astratta. Proveniente dal contesto del Cubofuturismo russo,
Malevic dipinge forme geometriche elementari come il quadrato, la sfera, la croce, dando vita
al movimento del Suprematismo: un'arte non descrittiva, puramente contemplativa e spirituale.
In mostra anche 44 libri originali del medesimo movimento artistico culturale con numerosi
pezzi di Wladimir Majakovskij e opere di Nikolay Punin, Kasimir Malevi?, Lajos Kassák e due
filmati di Hans Richter (1888-1976) e Viking Eggeling (1880-1925), pionieri dell'astrattismo
geometrico cinematografico d'avanguardia europeo. I loro lavori, terminati nel 1921, sono
considerati tra le opere fondamentali della modernità. Orario: feriali dalle 10 alle 18, festivi e
prefestivi dalle 10 alle 19. Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 83382 e su www.fortedibard.it
fino al 02/06/2015
ore 10:00
Bard (AO)
Forte
TORINOSETTE | Arte
82 / 195
Arte
"LO SPAZIO DEL DEMIURGO", FORTUNY E MOLLINO A PALAZZO MADAMA
Poliedricità. È il tratto che accomuna i protagonisti della nuova mostra allestita a Palazzo
Madama «Lo spazio del demiurgo», incentrata sulle figure di Mariano Fortuny y Madrazo e
Carlo Mollino. Due personalità forti, capaci di eccellere in differenti discipline, dalla pittura alla
scenografia, passando per l'architettura, il design e la moda. L'esposizione racconta il
percorso artistico e professionale di Fortuny e Mollino attraverso venti immagini realizzate da
una coppia di grandi fotografi, Sarah Moon e Pino Musi, e dal giovane Marco Maria Zanin.
Nato a Granada nel 1871, Mariano Fortuny y Madrazo respirò arte fin dall'infanzia: figlio del
pittore catalano Mariano Fortuny y Marsal, tra i più rilevanti del panorama artistico spagnolo
del XIX secolo, si dedicò al disegno, all'incisione e alla scenografia, realizzando lampade
avveniristiche, d'ispirazione teatrale, che negli anni a venire si affermarono come uno degli
oggetti di design più ricercati e riconoscibili. Stabilitosi a Venezia, fece di Palazzo Pesaro degli
Orfei la sua residenza e il suo laboratorio: qui concepì e realizzò le prime tuniche Delphos,
lunghi abiti femminili caratterizzati da sottilissime pieghe. Sono i primi vestiti plissettati al
mondo: la tecnica ideata e brevettata da Fortuny si rivelò un successo immediato,
rivoluzionando il mondo della moda. La capacità di creare forme, attingendo da mondi e
modelli differenti tra loro, dall'Antica Grecia alle tradizioni catalane, fece di Fortuny una delle
figure più interessanti del suo tempo, un modello tutt'oggi imitato e studiato. Altrettanto
affascinante è la figura di Carlo Mollino: torinese, nato nel 1905 da una famiglia benestante,
seguì da subito le orme del padre Eugenio, ingegnere e architetto, noto per aver progettato e
realizzato l'ospedale delle Molinette. Completati gli studi, Carlo si dedicò con profitto alla
fotografia, alla progettazione di edifici e di automobili da corsa. Appassionato di sci e di
montagna, realizzò chalet, edifici e funivie, coniugando materiali tradizionali e forme molto
moderne, tecnica che caratterizzò anche i suoi progetti più famosi, come il nuovo Teatro Regio
e il palazzo della Camera di Commercio in via Carlo Alberto. Forme morbide e sinuose, che si
ritrovano anche nei suoi arredi e nei suoi mobili, custoditi nella villa di Vittorio Avondo e
immortalati dall'obiettivo di Musi e Zanin. Orario: da martedì a sabato 10-18, domenica
(10-19). La biglietteria chiude un'ora prima. Ingresso: intero 10 euro; ridotto 8; gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 07/06/2015
ore 18:00
Torino
Piazza Castello
JACQUES HENRI LARTIGUE AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Jacques Henri Lartigue - Alle origini della fotografia contemporanea", mostra a cura di Andrea
Busto, in collaborazione con la Donation Jacques Henri Lartigue. La mostra, realizzata a
partire da 130 album originali di Lartigue, ripercorre il destino unico di questo fotografo il cui
talento ora indiscusso venne riconosciuto tardivamente, all'età di 69 anni. La mostra è
composta da 136 fotografie in grande formato e da 50 pagine d'album dell'epoca (1912 - 1922)
che permettono di vedere le immagini nel contesto originale. Una selezione di opere
emblematiche che ripercorrono tutta la storia del Novecento e le origini della fotografia
contemporanea. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
83 / 195
Arte
"PLASTIC DAYS" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Plastic Days - Materiali e design", a cura di Cecilia Cecchini e Marco Petroni. Un percorso
multidisciplinare tra arte, design e costume per raccontare l'affascinante storia di un materiale
che ha profondamente segnato e condizionato il nostro tempo e le nostre abitudini. Gli oggetti
e le opere in mostra costituiranno una sorta di atlante del contemporaneo. La mostra nasce
dall'analisi e dalla selezione di circa 600 oggetti della collezione della Fondazione Plart,
Plastiche e Arte di Maria Pia Incutti-Paliotto, e si compone come un originale racconto della
grande e molteplice famiglia dei materiali plastici. Una testimonianza che racconta le
trasformazioni degli ultimi centocinquanta anni di storia e che svela l'anima profonda della
modernità e delle mutazioni che hanno segnato il paesaggio domestico e culturale in cui siamo
immersi. La plastica diviene la lente d'ingrandimento puntata sulle dinamiche sociali ed
economiche del nostro tempo. Gli oggetti in mostra rappresentano un'articolata selezione di
artefatti assai rari provenienti da tutte le parti del mondo: prime serie di produzione, pezzi di
grande tiratura di famosi designer o di design anonimo. Una scelta non finalizzata a proporre
una puntuale ricostruzione della storia delle plastiche, ma a realizzare una mostra capace di
disegnare un particolare percorso di lettura del nostro tempo, rivisitato attraverso un approccio
multidisciplinare tra design, arte e costume. Uno sguardo ampio, testimoniato anche dagli
interventi in catalogo di Alba Cappellieri, Laura Cherubini, Stefano Catucci, Gianluigi
Ricuperati, Thea van Oosten e Anna Laganà. Completano il percorso espositivo le interviste
ad Andrea Branzi, Donato D'Urbino, Paolo Lomazzi, Alessandro Mendini, Maurizio
Montalti/Officina Corpuscoli, Andrea Trimarchi e Simone Farresin/Studio Formafantasma,
Gaetano Pesce e Maria Pia Incutti, collezionista e presidente della Fondazione Plart. Orario:
da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
ANITA MOLINERO AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Anita Molinero, opere e installazioni". Copertoni, sedie, tavoli, panchine, cassonetti della
spazzatura, arredi urbani dismessi, imballaggi. Sono questi i materiali scultorei preferiti da
Anita Molinero, esposti nella loro grezza povertà nei primi lavori degli anni Ottanta e poi
manipolati, tagliati e plasmati attraverso il fuoco nella produzione successiva. La mostra Anita
Molinero. Opere e installazioni presenta una panoramica di lavori realizzati recentemente e
disseminati negli spazi di tutto il Museo, in dialogo con la mostra Plastic Days. L'artista
realizzerà inoltre una serie di sculture site-specific con materiali plastici - in particolare
cassonetti della spazzatura, elementi di carrozzeria automobilistica come paraurti, fari, fanali recuperati durante la sua permanenza a Torino. Con la mostra di Anita Molinero iniziano le
incursioni del MEF nei territori della creazione contemporanea. Muovendosi dalla mission di un
museo che non vuole essere "solo museo", ma un vivace luogo di scambio e un attivatore di
processi creativi, il MEF inaugura una serie di collaborazioni trasversali, partendo dalla moda.
Primo partner, lo storico marchio di abbigliamento BasicNet. Per l'occasione, la casa torinese
realizzerà un K-WAY progettato da Anita Molinero: l'impermeabile sarà prodotto
esclusivamente durante il periodo della mostra, diventando un vero e proprio multiplo
indossabile. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
84 / 195
Arte
GESSI E CERAMICHE DELLA LENCI A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta, a partire dal 1 novembre, un nuovo allestimento in Sala
Ceramiche dedicato alla celebre manifattura Lenci, a cui il museo ha già dedicato una grande
mostra nel 2010. L'esposizione, resa possibile grazie al generoso prestito di due collezionisti
privati e della Fondazione Guido ed Ettore De Fornaris, mette in evidenza i due momenti
chiave del processo creativo della manifattura Lenci: quello iniziale, i gessi, e quello finale, le
ceramiche. I gessi della Lenci, provenienti da una collezione privata, costituiscono un vero e
proprio archivio di fabbrica, dove si conservano anche le idee rimaste in bozza e mai
realizzate. La selezione presentata a Palazzo Madama offre all'attenzione del pubblico il
confronto diretto con le corrispondenti ceramiche, come per il "Trionfo di Bacco" di Giovanni
Grande, oltre ad alcuni raffinati inediti, come la "Principessa sul pisello" attribuibile a Mario
Sturani, di cui non si conoscono realizzazioni in terraglia. L'esposizione è inoltre l'occasione
per vedere nuovamente riunite, dopo la mostra "L'avventura Lenci", le Stagioni di Mario
Sturani in ceramica e in gesso. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00.
Mercoledì 24 dicembre aperto dalle 10 alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 25 dicembre
chiuso; venerdì 26 dicembre aperto dalle 10 alle 18; mercoledì 31 dicembre aperto dalle 10
alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 1 gennaio aperto dalle 14 alle 18, chiuso il mattino; lunedì
5 gennaio apertura straordinaria dalle 10 alle 18; martedì 6 gennaio aperto dalle 10 alle 18. La
biglietteria chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso museo: intero euro 10, ridotto euro
8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 25/06/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
"FASCINO E SPLENDORE DELLA PORCELLANA DI TORINO" AL MUSEO ACCORSIOMETTO
La mostra, realizzata in collaborazione con Palazzo Madama - Museo Civico di Arte Antica, a
cura di Andreina d'Agliano e di Cristina Maritano, si propone di approfondire la produzione
delle tre manifatture torinesi di porcellana, Rossetti, Vische e Vinovo, grazie allo spoglio dei
documenti d'archivio e alla revisione degli oggetti presenti sia in raccolte pubbliche che private.
L'avventura eroica che portò la "sublime scoperta della porcellana" a diffondersi in Europa e
anche, precocemente, in terra piemontese, le storie, i protagonisti, le opere, uniti all'uso
quotidiano dell'oro bianco all'interno delle dimore signorili, esaminato nell'arco della giornata
del Giovin Signore, sono oggetto dell'esposizione al Museo di Arti Decorative Accorsi Ometto, che presenta - oltre a porcellane provenienti da raccolte pubbliche e private - diversi
esempi di argenteria, quadri, incisioni. Il percorso espositivo si apre con la sezione dedicata
alla produzione di porcellana della manifattura Rossetti, di proprietà del conte Giacinto Roero
di Guarene, rappresentato nello straordinario quadro di Martin van Meytens; si prosegue
entrando in un cabinets des porcelaines, in cui vengono esposte diverse porcellane cinesi
Blanc de Chine, alcune già di proprietà del Conte di Guarene, a cui si aggiungono alcune
statuine di dignitari cinesi in porcellana a pasta tenera, eseguite nella manifattura Rossetti fra il
1737 e il 1743, copiando originali cinesi. Oltre alla produzione bianca, sono state individuate
porcellane dipinte in policromia, fra cui una vaso di Palazzo Madama, e alcuni oggetti
appartenenti a collezioni private. La seconda sezione è dedicata alla manifattura fondata nel
1765 dal conte Ludovico Birago di Vische, di cui vengono presentati numerosi oggetti inediti:
nella sua breve attività (1765 - 68) Vische, oltre a riprodurre statuine e prototipi della
manifattura di Vincennes - Sèvres, presenta un notevole influsso dei disegni rocaille di
Meissonnier e dell'argentiere torinese Boucheron. Fra gli oggetti più interessanti, una
zuccheriera dipinta in monocromia porpora e una straordinaria salsiera, la cui forma ricorda da
vicino la produzione del Boucheron. La terza sezione della mostra inizia mostrando una serie
di sculture in porcellana bianca verniciata e in biscuit, eseguite nel periodo in cui alla direzione
della manifattura furono Giovanni Vittorio Brodel, già socio del Birago a Vische, e Pierre
Antoine Hannong, autore della formula della porcellana dura in Francia (aveva infatti venduto
nel 1761 il segreto della porcellana dura a Sèvres). In questo periodo vengono riprodotti i
modelli di Vische, in buona parte derivati dalle incisioni delle opere di François Boucher. Un
TORINOSETTE | Arte
85 /al195
confronto interessante sarà quello tra Vincennes - Sèvres, Vische e Vinovo, che darà
visitatore la possibilità di esaminare i modelli piemontesi e gli originali francesi, fra cui un
biscuit proveniente dal Museo delle Porcellane di Palazzo Pitti. La mostra prosegue con una
Arte
IVREA - CRISTINA CANCELLARA E ROSSANA CHALLANCIN AL CASTELLO DI SALE
Mostra di Cristina cancellara e Rossana Challancin, a cura di ArteInFuga. Orario: lunedì
14.30-19.00; dal martedì al sabato 9.30-19.00. Info: [email protected] http://arteinfuga.blogspot.it/
ore 18:00
Ivrea (TO)
Via dei Patrioti 14
KIRIL HADZHIEV DA FRANZ PALUDETTO
Personale di Kiril Hadzhiev. Sono enigmi visivi e ironici a incuriosire e solleticare lo spettatore,
che il più delle volte si avvicina alle opere di Kiril Hadzhiev con la sensazione di dover risolvere
un rebus. Sculture in marmo bianco, contraddistinte da un nitore cristallino, accostate o
alternate a semplici objets trouvés articolano le argute sciarade che l'artista mette in scena,
nell'intento di dare rappresentazione visiva a temi filosofici come a suggestioni letterarie. Ogni
opera racchiude in sé, stratificati in vari layers, molteplici riferimenti a libri, a testi di filosofia
come a interrogativi superiori che da secoli attendono ancora una risposta. A dispetto del loro
aspetto lieve, quasi giocoso, sono la sintesi e la convergenza di alcune riflessioni scaturite
dallo studio e dagli interessi del loro artefice, come anche dalla volontà di fare scultura non nel
senso tradizionale del termine, seppur utilizzando ancora nella maggior parte delle opere un
materiale classico. Orario: da giovedì a sabato 15-19 o su appuntamento. Info: 011.4546390 [email protected] - www.franzpaludetto.com
ore 18:00
Torino
Via Stampatori 9
"MANI. SOSTANTIVO FEMMINILE PLURALE" ALLA BIBLIOTECA CIVICA GINZBURG
Nell'ambito degli appuntamenti organizzati per la Giornata della Donna, allestimento della
mostra fotografica "Mani. Sostantivo Femminile Plurale", ideata e realizzata dall'autrice del
Concorso Lingua Madre Brunella Pernigotti per raccontare le abilità e l'umanità delle mani
delle donne. Ad accompagnare l'esposizione, i racconti tratti dalle antologie del Concorso
Lingua Madre (Ed. SEB27).
ore 10:00
Torino
Via Lombroso 16
TORINOSETTE | Arte
86 / 195
Arte
"SOUND LECTURES" AL CIRCOLO DEI LETTORI
A partire dal mese di marzo, con cadenza mensile, il Circolo dei lettori in collaborazione con il
collettivo Superbudda, propone "Sound Lectures", un progetto installativo in tre episodi,
realizzato nelle sale di Palazzo Graneri della Roccia, con l'intento di dare una nuova veste
(anche sonora) agli ambienti del Circolo, per l'occasione pensati e allestiti come palcoscenico
di incontro e contaminazione di differenti forme d'arte. Il progetto si svolge in tre serate, in
programma giovedì 5 marzo, martedì 7 aprile e venerdì 8 maggio alle ore 21. Sound Lectures
si compone di una serie di interventi nell'ambito delle arti digitali prediligendo il suono come
principale forma espressiva. Non un semplice contenitore di opere ed esibizioni ma un flusso
continuo inteso come compresenza e sovrapposizione di linguaggi contemporanei: dalla video
arte fino alla sperimentazione elettronica. "Sound Lectures" si struttura come territorio creativo
autonomo, riducendo la distanza tra pubblico e artista. Gli spazi del Circolo dei lettori si
trasformano in uno scenario da percorrere e vivere come un'unica macro installazione. Per
ogni appuntamento vengono allestite alcune sale del Circolo in stretta relazione alla natura
delle proposte artistiche. In occasione della prima serata, giovedì 5 marzo a partire dalle ore
21, è la video installazione di Superbudda ad accogliere il pubblico nella Galleria, sonorizzata
dal set di Sabla (Gang of Ducks). La Sala Grande accoglie invece i live di Miles Cooper
Seaton, cantante, compositore e polistrumentista di base a Los Angeles e di Christian
Fennesz, musicista e compositore di riferimento per la musica elettronica con influenze che
vanno dal glitch al noise. Contemporaneamente, in sala Filosofi, la sonorizzazione è affidata a
un Quintetto di pesci rossi, installazione realizzata da Quiet Ensemble. Il programma della
prima serata di giovedì 5 marzo: dalle ore 21 a fine serata | Galleria Sabla-Gang of Ducks (ITGE) dj set \ artista visivo e musicista torinese membro dei Gang of Ducks, collettivo italiano
con sede a Berlino. La sua musica studia suoni ipnotici e poli-ritmici tra alienanti sonorità
house e techno. Dalle ore 21 a fine serata | Sala Filosofi Quiet Ensemble (IT) installation art \
nasce nel 2009 dall'incontro tra Fabio di Salvo e Bernardo Vercelli che sviluppano un interesse
che spazia dalla sperimentazione applicata a moderni software ad una visione scenografica
che percorre il rapporto tra tecnologia e natura. Ore 22 | Sala Grande Miles Cooper Seaton
(USA) live drone set \ cantante, compositore e polistrumentista di base a Los Angeles,
membro della Akron Family. Nei suoi progetti il suono rivive come elemento di narrazione,
musica che non chiede nulla ma che esiste solo per dare. Ore 23 | Sala Grande Christian
Fennesz (A) live set \ musicista e compositore di riferimento per la musica elettronica
contemporanea. Strutture stratificate e melodici spazi sonori prendono attraverso influenze
che vanno dal glitch al noise, agli eccessi di rumore bianco.
ore 21:00
Torino
Via Giambattista Bogino 9
BRUNO BORDOLI ALLA LIBRERIA BELGRAVIA
"Alla faccia", pitture su carta di Bruno Bordoli. Catalogo con didascalie poetiche di Gilberto
Isella. Orario: dal lunedì al sabato 9,30-13 e 15,30-19,30. Info: 011.3852921 - 347.5977883
[email protected]
fino al 06/03/2015
ore 17:30
Torino
Via Vicoforte 14/D
TORINOSETTE | Arte
87 / 195
Arte
"PROGRESSIVA ART EXHIBITION" ALLO SPAZIO COLOMBO ART DESIGN
"Progressiva Art Exhibition", a cura di Max Ponte ed Enrica Merlo. In mostra lavori di Angelo
Barile, affiancato da undici artisti emergenti, selezionati attraverso un "call for artists": Sabina
Kolici (Torino); Daniele Sturiale (Torino); Renata Olivetto (Meledugno-Lecce); Elena Bordina
(Torrazza Piemonte); Sabrina Campagna (Salerno); Francesca Marzo (Bergamo); Mercedes
Pitzalis (Cagliari); Sandra Martinatto (Torino); Nella Parigi (Moncalieri); Raffaella Pasquali
(Torino); Carla Scudieri (Verolengo-Torino). Info: [email protected] - 334.7410978
fino al 06/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Trofarello 13
IVAN CAZZOLA ALLA BURNING GIRAFFE ART GALLERY
"Ivan Cazzola. NYC", a cura di Giuseppe Savoca. Il ritratto di una delle città più affascinati del
mondo che, tra bianchi e neri e luci accecanti, attrae come un magnete chiunque le orbiti
attorno. Come nessun altro posto al mondo, New York City rappresenta, con il suo stile unico,
la metafora della società contemporanea e il fotografo Ivan Cazzola ne cattura lo spirito
attraverso il suo occhio puro, privo di mediazioni, registrandone gli umori contraddittori della
"strada", dove splendore e terrore convivono insieme. Negli scatti presentati in questa mostra,
rappresentativi di tutta la sua ricerca artistica, è evidente come una certa dualità stilistica ed
estetica rappresenti un vero e proprio marchio di fabbrica dell'artista. Sia che si tratti degli
iconici ritratti a personaggi, quali: Orlando Bloom, Joan As Police Woman, Dave Timson, Mik
Lennard, OK GO, Yohji Yamamoto, XX, These New Puritans, Juliette Lewis, Mark "The Gonz"
Gonzales e Charlotte Free, o il lavoro maggiormente documentaristico sulla contro-cultura
giovanile, o, ancora, gli scatti per la moda, possiamo ritrovare la stessa visione audace, a volte
quasi impertinente, ma allo stesso tempo profonda ed evocativa. Ivan Cazzola ha accumulato
nel corso degli anni una grande esperienza, collaborando con magazine (Vogue, Dazed &
Confused, i-D) e fashion labels, tra Milano, Londra, Parigi e New York, approdando anche al
video come director di alcuni short movies. Con i suoi scatti ha esplorato mondi diversi tra loro,
da una realtà vicina e autobiografica, agli scatti di modelle, artisti, rock bands, star del cinema,
gangster, borghesi decadenti, il tutto con una costante stilistica attraverso un occhio spesso
intimo, a volte insolente, ma sempre iconico e provocativo. Nel 2010 è stato designato dalla
rivista Dazed & Confused come uno dei fotografi più interessanti nel panorama internazionale.
Orario: dal martedì al venerdì 15-19; sabato 15:30-20. Info: www.bugartgallery.com [email protected] - [email protected] - 011.5832745 - 347.7975704
fino al 07/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Bava 8/A
TORINOSETTE | Arte
88 / 195
Arte
LAVINIA RACCANELLO ALLA GALLERIA MOITRE
"Not a position, but a proposition", personale di Lavinia Raccanello, artista e attivista italiana
che vive tra la Scozia e l'Italia. Il suo lavoro si concentra sulla relazione tra gli esseri umani, la
società e la giustizia sociale, con una particolare enfasi sul potere della dialettica e della
pratica partecipatoria, e il conflitto tra potere statale ed autonomia e responsabilità personale.
Suoi lavori sono stati esposti in Italia, Scozia, Irlanda, Spagna, Stati Uniti, Cile ed India. Per
questa nuova personale l'artista ha lavorato alla creazione di più di duecento bandiere,
corrispondenti agli Stati indipendenti del mondo. Di questi, centonovantatrè sono membri
dell'ONU, due sono osservatori permanenti all'ONU ed uno ne è ex membro. Sono inoltre
presenti nove Stati che, vantando sovranità territoriale, hanno dichiarato la propria
indipendenza ottenendo un limitato o, in alcuni casi, alcun riconoscimento internazionale. Per
cucire le bandiere è stata utilizzata stoffa nera che in alcuni casi riporta ricami neri su nero.
Nero su nero: queste bandiere rappresentano una dopo l'altra la negazione di tutte le
bandiere. Orario: mercoledì-sabato 16-19. Info: www.galleriamoitre.com [email protected] - 340.5172587 - 338.1426301
fino al 07/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Santa Giulia 37 bis
TORINOSETTE | Arte
89 / 195
Arte
SAN SECONDO DI PINEROLO - "SAN SEBASTIANO" AL CASTELLO DI MIRADOLO
"San Sebastiano. Bellezza e integrità nell'arte tra Quattrocento e Seicento", mostra dedicata a
San Sebastiano, curata da Vittorio Sgarbi. Vittorio Sgarbi e Antonio D'Amico hanno
selezionato circa quaranta capolavori, dal Rinascimento al Seicento inoltrato. Il percorso
prende avvio con Andrea della Robbia che modella l'anatomia del giovane Sebastiano con
grande raffinatezza, levigando le membra con la terracotta invetriata. Si prosegue con uno
sguardo nella Venezia del Quattrocento, dove Carlo Crivelli interpreta con grande
suggestione, tra la laguna e le Marche, la figura di un giovanetto nudo e invaso dalle frecce.
Sul suo viso compare la smorfia: è l'uomo del Rinascimento con le sue passioni e le sue
aspettative sul mondo e nel futuro. Ludovico Carracci interpreta il secolo della grande Riforma
Cattolica mostrandoci un atleta gentile che cita passi di danza e si muove leggiadro nei
meandri della fede. Lo splendido paesaggio è la scena suggestiva che ospita la Vergine col
Bambino e uno statuario Sebastiano, dipinto da Paris Bordon, che ci guarda e assiste
silenzioso al mistico dialogo. Compagno ideale è il solitario e meditabondo San Sebastiano di
Tiziano che proviene da una importante collezione privata americana e che giunge in Italia per
la seconda volta. Il Seicento si apre con l'accesa armonia dei colori e le audaci forme che in
Rubens, che da Anversa giunge in Italia, tra Mantova e Roma, trovano un risvolto leggiadro,
suadente e delicato: il Rubens della Galleria Corsini di Roma esce dalla stanza dell'Alcova di
Palazzo Corsini alla Lungara per la prima volta dopo tanti anni. Pittura tattile è quella del
Seicento che mette in campo gli affetti con un inedito Guercino, di recente scoperto e custodito
in una collezione privata americana e con l'altro, compagno ardito, della Galleria Nazionale
delle Marche. L'aspetto della devozione è sublimata con Guido Reni che lega il bel Sebastiano
a un albero in un'atmosfera calda, serale, intima, pregna di una Bologna in cui i dettami del
Concilio di Trento, applicati dal Cardinale Gabriele Paleotti, sono ancora nevralgici e di forte
attrazione e rispetto per gli artisti. L'ondata caravaggesca, poi, tocca un inedito culmine con un
dipinto eccezionalmente dato in prestito dal Cardinale di Milano, che, appositamente studiato
per la mostra, rivela accenti nordici con una straordinaria verità nel volto e nella posa
dell'uomo "santo". Gli echi caravaggeschi, poi, mostrano la passione con Ribera e l'ardita
partecipazione al martirio con Nicolas Regnier e con l'affascinante Mattias Stomer dei
Gerolamini di Napoli; accezioni preziose del caravaggismo internazionale. La narrazione
ideale, di coinvolgimento emotivo, trova due capisaldi nel Mattia Preti di Capodimonte e nei
Luca Giordano che cavalcano il Seicento e aprono il secolo successivo lasciandosi alla spalle
la pittura di verità e la ritualità del vero. La mostra offre un excursus dentro quasi tre secoli,
operando affascinanti confronti sul soggetto: il medesimo artista che adotta differenti soluzioni
formali, pose e ambientazioni in anni ravvicinati letti da artisti diversi, materiali differenti e
modellati per capirne cambiamenti e intenti devozionali e di fama della figura del santo da nord
a sud. Un percorso che dalla seconda metà del Quattrocento giunge agli albori del Settecento,
contemplando assoluti capolavori. Tre grandi opere si sono aggiunte in un secondo momento
e saranno visibili al Castello di Miradolo: il "San Sebastiano curato dagli angeli" di Rubens (dal
30 ottobre), "Il Martirio di San Sebastiano" di Guercino (dal 6 novembre) e Il "San Sebastiano"
di Raffaello dall'Accademia Carrara di Bergamo (dal 18 dicembre). Orario: giovedì e venerdì
14.00-18.00; sabato, domenica e lunedì 10.00-18.30; chiuso il martedì e il mercoledì; aperto su
prenotazione anche in orario di chiusura. Orari durante ricorrenze e festività: 1 novembre
10.00-18.30; 8 dicembre 10.00-18.30; 24 dicembre chiuso; 25 dicembre 15.00-18.30; 26
dicembre 10.00-18.30; 31 dicembre e 1 gennaio chiuso; 6 gennaio 10.00-18.30. Ingresso:
intero 10 euro; ridotto 8 euro (gruppi, convenzionati, studenti fino a 26 anni, over 65, militari);
ridotto dai 6 ai 14 anni 3 euro; gratuito bambini fino a 6 anni, Abbonati Musei. Info:
www.fondazionecosso.it - [email protected] - 0121.502761 (biglietteria) - 0121.376545
(uffici). Sabato 29 novembre servizio navetta che collega il centro di Torino al Castello di
Miradolo al costo di 8 euro a persona. Partenza da Torino alle ore 14,00 da piazza Carlo
Felice angolo corso Vittorio Emanuele II; ritorno con ritrovo nel parcheggio del Castello di
Miradolo alle ore 17,30 e rientro in città per le 18,30. Prenotazione obbligatoria: 0121.502761
fino al 08/03/2015
ore 10:00
San Secondo di Pinerolo (TO)
Via Cardonata 2
TORINOSETTE | Arte
90 / 195
Arte
"STEMPERANDO" ALLA BIBLIOTECA NAZIONALE
"Stemperando", sesta edizione della Biennale Internazionale di opere d'arte su carta che si
realizzerà in tre tappe: Torino, Tirana e Roma. La Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino
ospiterà la prima tappa della rassegna, nata a Spoleto nel 2003 in concomitanza con il Festival
dei due mondi. Successivamente, le opere saranno trasferite a Tirana e la mostra sarà
allestita al Museo Storico Nazionale dell'Albania. Infine, come ultima tappa, il gruppo di opere
ritornerà in Italia e la mostra sarà composta a Roma, al Museo Villa Vecchia di Villa Doria
Pamphili, dove concluderà il suo percorso. In mostra 96 opere su carta di 49 artisti di ogni
parte del mondo. Per la sezione internazionale: Alberto Biasi, Alberto Brusa, Paolo Conti,
Graham Guerra, Kivanç Gülhan, Ali Herischi, Jiang Shanqing, Susan Leyland, Paolo Marazzi,
Carlo Mazzetti, Xavier Medina Campeny, Sophia Michaeledes, Azad Nanakeli, Qui Yu, Ran
Xue Mei, Claudio Sacchi, Michele Stanzione, Martin Streitenberger, Andreas Tomblin, Jorrit
Tornquist, Lucio Trizzino; per la sezione storica: Georges Braque, Francesco Casorati, Enrico
Colombotto Rosso, Samo Koler, Riccardo Licata, Umberto Mastroianni, Franc Oldering, Mario
Schifano, Giacomo Soffiantino, Alberto Sughi; per la Nazione ospite, Albania: Albien Alushaj,
Helidon Haliti, Ardian Isufi, Pjeter Koleci, Beskida Kraja, Gjon Jon Kraja, Vladimir Llakaj, Fatos
Lubonja, Ormira Lulani, Alban Met-hasani, Alkan Nallbani, Andi Nallbani, Admir Pervathi,
Parlind Prelashi, Agron Rushiti, Alberto Saka, Helidon Xhixha, Armand. A cura di: Anselmo
Villata. Nazione ospite d'Onore: Albania, a cura di Alfred Milot Mirashi.
fino al 08/03/2015
ore 18:00
Torino
Piazza Carlo Alberto 3
"ANDY WARHOL...IN THE CITY" ALL'8 GALLERY
"Andy Warhol...in the city". Un'occasione unica per ammirare 40 opere che hanno segnato la
storia dell'arte mondiale: dal mito di Marilyn Monroe al fascino di Liz Taylor, dalle storiche
bottiglie di Coca Cola alle leggendarie lattine di zuppa Campbell's, l'intuito e l'estro grafico di
Andy Warhol sono i protagonisti di questa interessante esposizione. Le opere fanno parte
della più ampia mostra intitolata "Andy Warhol... in the city" che nasce da un'iniziativa di
Pubbliwork Eventi, in collaborazione con la New Factory Art, ed è già stata esposta nelle
gallerie d'arte di diverse città italiane; da gennaio 2015, in pieno spirito Warhol, la mostra è
stata allestita, per la prima volta in assoluto in un centro commerciale. Tra le opere esposte
l'immancabile Marilyn Monroe, Campbell's e Flowers, si potranno inoltre ammirare le copertine
di Interview Magazine, la rivista fondata proprio da Andy Warhol e le cover di dischi dei Rolling
Stones e dei Velvet Underground. Le opere rappresentano il percorso artistico ed iconografico
creato da Warhol dal 1957 al 1987, fornendo sia un'ampia visione dei suoi soggetti più noti sia
delle sue radici europee attraverso quei lavori poco conosciuti ma molto importanti, come gli
Space Fruits o il Gold Book, realizzato da Warhol in occasione della sua prima mostra
personale presso la Bodley Gallery di New York. I soggetti esposti sono stampe, cover,
cartoncini, serigrafie e offset: opere originali multiple di opere uniche. Info: www.8gallery.it
fino al 08/03/2015
ore 11:00
Torino
Via Nizza 230
TORINOSETTE | Arte
91 / 195
Arte
COLLEGNO - "FOTOGRAFIA AL FEMMINILE" NELLA SALA DELLE ARTI
"Fotografia al femminile", edizione 2015. Orario: venerdì e sabato 16-19,30; domenica 10-12 e
16-19,30. Durante le aperture del 7 e dell'8 marzo sarà allestita una sala posa all'interno della
sala delle Arti per omeggiare di un ritratto in digitale tutte le signore che lo desidereranno. Tra
gli eventi collaterali della mostra, martedì 3 marzo alle 21, presso la Sala del Museo della
Resistenza e della Pace della Città, sarà ospite la fotoreporter di guerra Andreja Restek che
presenterà i suoi ultimi lavori.
fino al 08/03/2015
ore 18:00
Collegno (TO)
Via Torino 9
"ARTE AL FEMMINILE" DA ARTE CITTA' AMICA
"Arte al femminile", quattro mini personali di Margherita Baldelli, Adriana Cernei, Angela
Gastaldi e Carla Perona. Orario: da martedì a sabato 16,00-19,00; chiuso il lunedì e festivi.
Info: 011.7717471 - 011.7768845 - www.artecittaamica.it - [email protected]
fino al 10/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Rubiana 15
"I VENERDÌ DELL'ARTE" ALLA BIBLIOTECA CIVICA PRIMO LEVI
"I venerdì dell'arte", mostra di pittura di fine corso del Centrodonna della Circoscrizione 6.
fino al 11/03/2015
ore 10:00
Torino
Via Leoncavallo 17
"NUOVE RICERCHE 2015" DA MARTINARTE
"Nuove Ricerche 2015", collettiva a cura di Paola Barbarossa e Fernando Montà. In mostra
lavori di Monica Bruera, Daniele Nessi, Joshua Sottile e Corrado Zecca. Orario: lunedì
15.30-19.30; martedì e mercoledì 10,00-12,30 e 15,30-21,30; giovedì e venerdì 10,00-12.30 e
15.30-19.30. Info: 011.3433756 - 335.360545 - [email protected]
fino al 12/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Siracusa 24/A
COLLETTIVA FOTOGRAFICA NEL NUOVO SPAZIO28
Spazio 28, nuovo spazio espositivio in corso Vittorio Emanuele II 28, presenta una mostra
collettiva di fotografia a cura di Phos. In esposizione opere di autori emergenti e di autori
affermati nel panorama della fotografia italiana ed internazionale che negli ultimi anni hanno
presentato alcuni dei loro progetti più significativi all'interno dell'attività espositiva di Phos:
Sophie Anne Herin, Pietro Bolgna, Renato D'Agostin, Davide De Martis, Stefano Fiorina,
Simon Roberts, Vito Vagali. Orario: dal lunedì al venerdì 15:00-19:30. Per informazioni:
335.6661281 - 347.2212059
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Vittorio Emanuele II 28
TORINOSETTE | Arte
92 / 195
Arte
PATRIZIA MUSSA ALLO SPAZIO EVENTA
"Luci silenti", personale fotografica di Patrizia Mussa, secondo appuntamento espositivo
organizzato da ArtPhotò, al fine di promuovere la fotografia d'autore. Gli elementi distintivi del
lavoro artistico di Patrizia Mussa sono innegabilmente la ricerca di una luce particolare e la
ricerca di una dimensione di un tempo sospeso e irreale che procura in chi guarda
l'impressione di un silenzio impalpabile al limite della parola. Le fotografie esposte in mostra
fanno parte di due lavori distinti ma entrambi mettono a fuoco di Patrizia Mussa tutta la sua
interpretazione d'autore, la sua esperienza di fotografa di architettura e la sua abilità tecnica.
La luce è dunque "anima e verità di un luogo" che la fotografa "ascolta" ogni volta che si
confronta con soggetti diversi e che amplifica il silenzio originario degli spazi fotografati. In
mostra sono esposte le fotografie tratte da "Teatri" e da "Le Temple du Soleil". Orario: martedìvenerdì dalle 15.00 alle 18.00. Info: www.ateliernovantotto.it/artphoto.html [email protected] - 335.7815940
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Via dei Mille 42
NEVERCREW ALLA SQUARE23 ART GALLERY
"Frequency Spectrum", mostra di Nevercrew. Dopo Milano e Dublino, dove hanno decorato le
nuove sedi europee di Facebook, il duo di street-artists svizzeri Nevercrew arriva a Torino,
negli spazi della galleria Square23, con "Frequency spectrum", la loro riflessione su
percezione e comunicazione, tra realtà e surrealtà. Pablo Togni e Christian Rebecchi più che
"duo" sono "uno". Lavorano insieme dal 1996 uniti dall'interesse comune per la pittura e la
street art. Hanno esposto e partecipato a progetti internazionali e festival a Belgrado, Il Cairo,
Amburgo, Monaco, Zurigo, Lugano. Il loro lavoro è caratterizzato da alcuni concetti chiave,
come il meccanismo, la composizione, la sezione, le parti, la memoria, la scelta, i rapporti, i
contrasti, l'esplorazione, la surrealtà. Il tutto viene collegato insieme, fuso in composizioni
viventi e che mutano proprio perché vive, evolvendosi nel tempo e nello spazio. Combinare
linguaggi diversi è la loro cifra stilistica: catene di montaggio, esseri organici e ingranaggi
meccanici, mostri marini, "strutture viventi" si intersecano nei loro lavori proprio come gli stili
che utilizzano, tra sintesi grafica e iperrealismo spray. Le loro strutture sono modelli di sistemi
viventi, delle visioni d'insieme rese percepibili nella loro totalità e nella loro struttura tramite
l'utilizzo della "sezione" che permette di vederle per come sono al loro interno, nel caso di un
meccanismo o degli spazi di una casa o della struttura di un essere vivente. Il rapporto tra le
parti e con la memoria viene esteso alla realtà intera, al luogo e allo spettatore, lasciando a
quest'ultimo la possibilità di completare il meccanismo con la sua personale esperienza, con la
sua storia e quindi con le sue molteplici interpretazioni. In "Frequency Spectrum", in
particolare, l'attenzione si concentra su percezione e comunicazione, sulla loro differenza ed
interazione costante. Orario: lunedì-sabato 11-20, o su appuntamento. Info: 334.9980390 [email protected]
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via San Massimo 45
TORINOSETTE | Arte
93 / 195
Arte
LUCA ROMANO DA RIZOMI
Personale di Luca Romano. Romano ha sublimato su carta il suo desiderio più grande rimasto
invariato per vent'anni, prendere il pullman n. 67 con la sua borsa da disegno a tracollo. Ha
prediletto i pennarelli a punta spessa, ricamando talvolta elementi verbali su campiture
fittissime. Cartoncini, planimetrie, fogli strappati da vecchi libri di grammatica, fanno da sfondo
al miraggio dell'autonomia ma anche al simbolo della viabilità metropolitana, di una certa
cultura civica del mezzo di trasporto pubblico. Il risultato, trame di colore intessute dove
talvolta la figura scompare annegata dal tratto pieno e rotondo del gesto pittorico. Lo stesso
trattamento è applicato alla serie del "Dettato", in cui l'artista replica ripetutamente l'incipit dei
dettati della scuola primaria con una vera calli-grafia perfetta e stereotipata. Questa mostra
vuole essere un omaggio ad un artista nascosto, che non si è mai comportato come tale, che
abbiamo selezionato tra tanti altri all'interno della preziosa collezione dell'Archivio Storico
Singolare e Plurale raccolta e curata da Tea Taramino. Orario: dal mercoledì al sabato
14:00-19:00. Info: 011.4367910 - www.rizomi.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Sant'Agostino 18/D
"JUST ANOTHER" ALLA LUCE GALLERY
"Just Another", mostra collettiva comprendente i lavori degli artisti Davide Balliano, Ethan
Greenbaum, JPW3, Dustin Pevey e Leif Ritchie. La mostra è nata quasi per "assonanza"
intorno ad una canzone di Pete Yorn: Just Another. I dipinti in mostra sembrano contenere
quel sound che richiama i nostri momenti più semplici ma anche più intimi, i momenti in cui lo
spazio e il tempo sembrano fermarsi. Certe situazioni hanno una particolare atmosfera e si
relazionano in modo naturale con la musica. E così Just Another, la colonna sonora di questa
mostra s'ispira al trascorrere della vita, ma anche al voltar pagina o semplicemente passare ad
un altro show. Ciascuno dei cinque artisti in mostra possiede una sua musicalità che lo
accomuna allo spirito di Just Another, richiamando alla riflessione e all'intimismo. Orario: dal
martedì al sabato 15.30-19.30. Info: 011.8141011 - 335.5246817 - [email protected] www.lucegallery.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso San Maurizio 25
"FILIPPO SCROPPO E LE AVANGUARDIE ARTISTICHE DEL DOPOGUERRA" ALLA
FONDAZIONE AMENDOLA
"Filippo Scroppo e le avanguardie artistiche del Dopoguerra": opere 1945-1970 di Scroppo,
Gavlano, Crippa, Saroni, Ramella, Gribaudo, Ruggeri, Soffiantino, Gorza, Surbone e Griffa.
Orario: lunedì - venerdì ore 10-12.30, 15.30-19.00 sabato, domenica e visite guidate su
prenotazione. Info: 011.2482970 - 348.2211208 - [email protected] www.fondazioneamendola.it
fino al 15/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Tollegno 52
TORINOSETTE | Arte
94 / 195
Arte
SOPHIE CALLE AL CASTELLO DI RIVOLI
"MAdRE", personale di Sophie Calle, a cura di Beatrice Merz. Sophie Calle, protagonista
indiscussa della scena artistica mondiale, propone un progetto interamente site-specific per le
sale auliche al secondo piano della Residenza Sabauda. La mostra si articola sullo sviluppo di
due importanti progetti che l'artista ha posto in essere da diversi anni: Rachel, Monique e Voir
la mer. Orario: da martedì a venerdì 10.00-17.00; sabato e domenica 10.00-19.00; lunedì
chiuso; 24 e 31 dicembre 10.00-17.00; aperto il lunedì di Pasqua; chiuso 1° gennaio, 1°
maggio e 25 dicembre. Ingresso: 6,50 euro; ridotto: 4.50 euro per ragazzi 11-14 anni,
pensionati, insegnanti, studenti, militari, associazioni culturali ed enti convenzionati. Gratuito
per i minori di 11 anni e per i disabili. Info: 011.9565222 - www.castellodirivoli.org www.castellodirivoli.tv - [email protected] Prorogata fino al 15 marzo.
fino al 15/03/2015
ore 19:00
Rivoli (TO)
Castello di Rivoli
KATARZYNA WYSOCKA AL POLSKI KOT
"Bez Tytulu", personale della pittrice polacca Katarzyna Wysocka. Nata a Lodz nel '83, l'artista
ha trascorso l'infanzia nella campagna sud-orientale della Polonia, che ha ispirato il suo
percorso artistico. La pittrice racconta: "La natura è la principale fonte d'ispirazione per i miei
quadri, dove si intrecciano i paesaggi campagnoli e dove esploro il mondo animale. Nello
stesso tempo la natura costituisce per me l'ispirazione per le ricerche astratte. Costanti sfide
formali forniscono i fiori e gli oggetti materiali nei quali mi misuro con la forma e il colore".
Katarzyna Wysocka, laureatasi presso l'Accademia Albertina di Torino, presenta per la prima
volta le sue opere, create nell'arco degli ultimi 15 anni. Info: polskikot @libero.it - 333.5205763
fino al 16/03/2015
ore 19:00
Torino
Via Massena 19
LUCIA CAPRIOGLIO AL COLLEGIO SAN GIUSEPPE
"Nature", personale di Lucia Caprioglio. In mostra 21 tele inedite a tecnica mista, con utilizzo di
incisioni, pittura e collage elaborati insieme. Orario: da lunedì a venerdì 10,30-12,30 e
16-18,30; sabato 10-12,30
fino al 16/03/2015
ore 17:30
Torino
Via San Francesco da Paola 23
TORINOSETTE | Arte
95 / 195
Arte
MARCO DALBOSCO DA PAOLO TONIN ARTE CONTEMPORANEA
"Paper religions project 2005 2014", personale di Marco Dalbosco. Esposto recentemente nel
corso di prestigiosi appuntamenti quali la mostra "Afterimage" presso la Galleria Civica/Mart di
Trento e ne "L'Arte guarda avanti" come opera finalista del Premio Terna6, il progetto
complessivo "Paper Religions #Jerusalem" viene presentato per la prima volta da Paolo Tonin
dalle sue origini nel 2005 ad oggi. Il lavoro ha preso avvio dalla necessità di indagare le
problematiche del conflitto Israeliano-Palestinese, assumendo nella sua evoluzione
l'espressione di libertà di ogni singolo individuo, investendo questioni di carattere religioso che
finiscono per riferirsi alla possibilità stessa di affermare l'identità individuale. Nel 2008, come
evento Parallelo di Manifesta7, nasce "Paper Religion #The Wall", diretto riferimento alla West
Bank in Israele. Per questo lavoro Marco Dalbosco ha raggruppato dodici persone che hanno
lavorato assieme per una settimana allo scopo di costruire un muro. Realizzato tuttavia con
mattoni di carta piegati secondo la tecnica dell'origami, il muro perde i suoi connotati di
barriera e di confine. Con questo specifico materiale e con la sua lavorazione, l'artista trascrive
la fragilità dell'essere umano e manifesta il potere di costruire, ciascuno con le proprie mani,
l'avvenire e la storia. Assumendo la città di Gerusalemme come simbolo di rispetto e
convivenza di molteplici credenze religiose, nel 2011 si concretizza Paper Religion
#Jerusalem: il mattone che divide, separa, crea un limite, è allo stesso tempo l'elemento base
per la costruzione di ogni tipo di edificio religioso. I mattoni vengono disposti a terra formando
un tappeto su cui vengono "sospese" le tre chiese monoteiste: una Chiesa Cattolica, una
Sinagoga e una Moschea. Anch'esse di carta, condividono con i mattoni la condizione di
fragilità. In mostra è presentata per la prima volta l'espressione complessiva di questo lungo e
partecipato percorso di ricerca e consapevolezza. Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle
13 e dalle 14,30 alle 19; sabato su appuntamento. Info: 011.19710514 - [email protected]
- www.toningallery.com
fino al 20/03/2015
ore 19:00
Torino
Via San Tommaso 6
"FRANCESCO MENNYEY" ALLA GALLERIA LA CONCHIGLIA
Acqueforti e disegni di Francesco Mennyey. Orario: dal martedì al venerdì 15-19; sabato 10-12
e 15-19. Info: 011.6991415
fino al 20/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Zumaglia 13bis
TORINOSETTE | Arte
96 / 195
Arte
NELLA MARCHESINI ALLA GALLERIA OPERE SCELTE
"Parole di pittore. Nella Marchesini - tra disegno e scrittura". La mostra è incentrata sul
rapporto intenso, tra disegno e scrittura, esistente nella produzione artistica di Nella
Marchesini. L'artista, allieva prediletta di Felice Casorati, sente l'arte come un'urgenza vitale
da manifestare in ogni modo e su ogni supporto possibile. Nel lavoro della Marchesini, il
disegno e la scrittura sono due modalità fondanti in quanto pratiche veloci, sintetiche e
accessibili: con una semplice matita Nella ha potuto rappresentare l'universo complesso del
suo essere anche nei momenti più difficili della sua vita. Queste due modalità non sono solo
facilmente realizzabili, ma possiedono una ricchezza d'espressione eccezionale che l'artista
coglie con diverse sfaccettature miscelandone le peculiarità che spesso si determinano
vicendevolmente. Il disegno non è solo bozzetto preparatorio per i vari dipinti, ma è
un'istantanea del quotidiano, dell'intimità più precaria ed effimera che svela però la parte più
autentica dell'emozione e del pensiero. Con il disegno Nella Marchesini riesce a eludere parte
della rigida impostazione di matrice casoratiana, dando forma al suo ambiente familiare e alle
sue esperienze con un'affascinante proiezione personale che fa emergere la sua sensibilità,
articolata e vigorosa. Trasfigurazioni religiose e deformazioni simboliche, presenti sia nei
disegni che negli scritti, rivelano molto chiaramente chi è Nella Marchesini: artista, donna e
madre. Nel tempo l'artista ha scritto una sorta di Zibaldone sul quale lei annota pensieri, sogni
e paure nello stesso modo in cui disegna. Vi è un'interrelazione unica e sorprendente tra
scrittura e disegno. Così anche i libri letti dalla Marchesini diventano essi stessi opere d'arte in
quanto accolgono disegni e rielaborazioni grafiche inedite. Orario: martedì-sabato 15.30-20.
Info: 011.5823026 - 349.3509087 - [email protected] - www.operescelte.com
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Matteo Pescatore 11/D
MICHAEL BIBERSTEIN DA GIORGIO PERSANO
Michael Biberstein, personale. Nato a Solothurn, Svizzera, nel 1948. Nel 1964 si trasferisce
negli Stati Uniti. Al Swarthmore College di Philadelphia incontra David Sylvester sotto la cui
guida studia Storia dell'Arte. Dopo aver vissuto tra gli Stati Uniti e la Svizzera, nel 1979 si
trasferisce in Portogallo, dove trascorrerà la maggior parte dei suoi anni, sino alla morte
improvvisa, sopraggiunta nel 2013. Pittore autodidatta, dagli anni '70 le sue opere vengono
esposte in tutto il mondo e sono presenti nelle collezioni di arte contemporanea di musei e
fondazioni, tra i quali: il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, il Whitney
Museum of American Art di New York, il Calouste Gulbenkian Foundation Centre for
Contemporary Art di Lisbona, la Serralves Foundation di Oporto, il Museu Colecção Berardo di
Lisbona. Orari: martedì - sabato 10,00-13,00 e 15,30-19,00. Info: 011.4378178 - 011.835527 [email protected] - www.giorgiopersano.org
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Principessa Clotilde 85
TORINOSETTE | Arte
97 / 195
Arte
BRUNO MARTINAZZI ALLO SPAZIO DON CHISCIOTTE
Personale di Bruno Martinazzi, scultore e orafo di fama internazionale. Tra le opere presenti
nella mostra, curata da Massimo Ghiotti, ci sono sculture di media dimensione che vanno dagli
anni '80 agli anni '90; una serie di piccole sculture intitolata "Pagine di pietra" tutte di recente
produzione; 12 disegni del 1980 facenti parte degli studi preparatori del libro "I cieli e la terra e
tutte le tue creature" (Noire editore 1988) e quattro gioielli. Nato a Torino nel 1923, allievo degli
stessi insegnanti di Primo Levi, Martinazzi si laurea in Chimica Pura all'Università di Torino.
Durante la guerra partecipa come partigiano combattente alla resistenza, ed è insignito della
Croce di Guerra. Frequenta la Libera Accademia d'Arte di Torino e gli Istituti d'Arte di Firenze
e Roma. Esordisce come orafo nel 1954, dopo quattro anni spesi come direttore di Tintoria
alla fabbrica tessile Magnoni Tedeschi, per poi affermarsi come scultore. È stato inoltre
docente all'Accademia Albertina di Belle Arti. Grazie ad artisti come Martinazzi a partire dagli
anni Sessanta, il gioiello contemporaneo sia entrato a far parte delle più importanti collezioni
museali internazionali; le sue creazioni figurano infatti nelle collezioni, tra gli altri, del
Metropolitan di New York e dell'Hermitage di S.Pietroburgo. Orario: martedì-sabato
10.30-12.30 e 15.30-19.30. Info: [email protected] - 011.19771755 www.fondazionebottarilattes.it
fino al 21/03/2015
ore 18:30
Torino
Via della Rocca 37
"OPERE IN PERMANENZA" ALLA GALLERIA20
"Opere in permanenza", collettiva comprendente opere di Enzo Briscese, Ermanno Barovero,
Nino Aimone, Piero Ferroglia, Alessia Zolfo, Francesco Preverino, Dario Rosolen, Leonardo
Pecoraro, Franco Margari, Marco Vigo, Romano Buratti, Domenico Lasala, Discepolo Girardi,
Elviro Coni. Orario: dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19. Info: 011.3724087 [email protected] - www.galleria20.jimdo.com
fino al 21/03/2015
ore 17:00
Torino
Corso Casale 85/B
GALLIANO GALLO DA CARACOL
"Invasioni", personale di Galliano Gallo. "Nelle sue opere pittoriche l'artista Gallo accede ad un
mondo incantato, in cui si coglie la scoperta genuina di un "qualcosa" che parte da molto
lontano. Lo sguardo innocente dell'infanzia osserva per la prima volta, con gioia e curiosità ciò
che gli si offre. I colori vividi colpiscono l'attenzione; le figure vagamente zoomorfe si
inseguono in un gioco di danza, unite da un filo conduttore che non si perde mai, anzi le tiene
insieme come le perle di una collana. E' un ritorno alle origini, dove forme semplici si
realizzano in un liquido creatore, moltiplicandosi per continuare la vita, per trasformarla. Il
movimento è continuo, coinvolge tutto; il ritmo serrato e vivace ci invita a partecipare a questo
tripudio di colori, ad afferrare, a non indugiare in contorti pensieri, ma a considerare con
rinnovata semplicità la purezza dell'inizio, che è lì a portata di mano, pronta per noi"
(Francesca Luce Milardi). Orario: martedì, mercoledì e giovedì 15.30-19.30; venerdì e sabato
10.30-19.39. Info: 393.2164821 - www.caracolarte.it
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Saluzzo 23
TORINOSETTE | Arte
98 / 195
Arte
RIVAROLO - CLEMENTINE CARSBERG A CASA TOESCA
"Secret de famille - Les angles morts", residenza d'artista di Clementine Carsberg. Al primo
piano, fino al 30 novembre, "Alias/self portraits", fotografie di siciliana Carmen Cardillo. Orario:
sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00; mercoledì dalle ore
17.00 alle ore 20.00. Info: www.areacreativa42.com - [email protected] - 335.1227609
fino al 22/03/2015
ore 18:00
Rivarolo (TO)
Via Ivrea 42
PIER PAOLO CALZOLARI IN VIDEOTECA GAM
Prosegue in Videoteca GAM il ciclo di incontri e mostre, a cura di Elena Volpato, dedicato al
video in Italia negli anni Sessanta e Settanta. Il primo appuntamento del 2015 vede
protagonista Pier Paolo Calzolari che incontra il pubblico della GAM martedì 13 gennaio alle
18.30. L'artista, in conversazione con Elena Volpato, parlerà del suo interesse per la
dimensione temporale e visiva del linguaggio filmico e video, dell'esperienza di lavoro con
Gerry Schum e ripercorrerà lo sviluppo del suo ciclo di opere intitolato "Day after Day a Family
Life" da cui sono tratti i lavori "Cucù", 1972?73, "Aeroplano", 1972 e "Lettere di Tiziano", 1974,
provenienti dall'Archivio della Fondazione Calzolari che la Videoteca GAM è orgogliosa di
poter presentare in esposizione nei propri spazi. L'incontro con Pier Paolo Calzolari offre
l'occasione di ascoltare uno dei più importanti protagonisti della storia del video d'artista, per la
rilevanza delle opere da lui girate in pellicola e video, e per il ruolo che il suo studio bolognese,
a Palazzo Bentivoglio, ebbe tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta, sia come
luogo d'incontro tra esponenti delle avanguardie internazionali, artistiche e teatrali, sia come
studio di registrazione di opere filmiche di altri artisti. In mostra in Videoteca GAM fino al 22
marzo quattro opere video realizzate dall'artista tra il 1970 e il 1974: "Senza titolo", da
"Identifications" di Gerry Schum, 1970, collezione Videoteca GAM; "Aeroplano" ["Day after
Day a Family Life"], 1972, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Cucù - The glass reflects"
["Day after Day a Family Life"], 1972?1973, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Lettere
di Tiziano" ["Day after Day a Family Life"], 1974, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari.
Orario: martedì - domenica 10.00-18.00 giovedì: 10.00-22.30. La biglietteria chiude un'ora
prima. Ingresso gratuito in videoteca. Non occorre appuntamento. Info: 011.4429597 - email
[email protected] - www.gamtorino.it
fino al 22/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
PRAGELATO - KURT MAIR E VINICIO PERUGIA ALLA TINBER ART GALLERY
"Coincidere", incisioni di Kurt Mair e Vinicio Perugia. Orario: sabato 16.00-18.30, domenica
10-12.30 - 15.30-18.00. Info: 0122.78461 - www.tinberartgallery.it
fino al 22/03/2015
ore 17:00
Pragelato (TO)
Via Albergian 20
TORINOSETTE | Arte
99 / 195
Arte
"DAB - DESIGN PER ARTSHOP E BOOKSHOP" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"DAB - Design per Artshop e Bookshop". Esposizione dei prototipi selezionati in occasione
della V edizione dell'omonimo concorso nazionale. Il progetto DAB, nato nel 2006, è promosso
da GAI - Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani e realizzato dall'Ufficio Giovani
d'Arte del Comune di Modena. DAB rientra nella Convenzione Progetto DE.MO. - sostegno al
nuovo design e alla mobilità, siglata tra GAI e Ministero dei beni e delle attività culturali e del
turismo (MiBACT) - Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane
e Direzione Generale Musei. La Mostra DAB presenta i progetti proposti da 20 designer
selezionati dalla Commissione composta da Sandra Tucci, referente del progetto per il
MiBACT - ex DG PaBAAC Servizio V; Patrizia Rossello dell'Associazione GAI e Michele Zini,
Architetto e Designer dello Studio ZPZ Partners. In mostra i prototipi di: Antonio Abatangelo;
Chiara Angioli; il collettivo formato da Margarita Aviles De Carlos, Marco Fogaccia, Shi Jintian,
Nicoletta Marangoni e Maria Montes De Oca; Emilio Baria; Ilaria Bartolini; Lucia Biancalana e
Eleonora Bompieri; Bottega Krua di Giada Fogliato e Arianna Piazza; Code0039 di Dante
Antonucci, Laura Crognale, Stefania Quintili e Alessandro Zuppa; De-sign di Daniela Cavasin
e Enrica Zanini; Alessandro Esposito, Federico Fiordigiglio; Alberto Galotta e Federica Lissoni;
Gian Piero Giovannini; Massimiliano Marianni; Elena Maurigh; Costanza Palmirani; Lorenzo
Passi; Arianna Piazza; Daniele Piazzola; Studio Alchemico di Giulio Bogani e Sofia Crescioli.
La commissione ha selezionato progetti che rispondessero positivamente a tre requisiti del
concorso: appartenenza allo scenario della cultura del progetto contemporaneo; effettiva
compatibilità con i museum shop per caratteristiche dell'oggetto, prezzo, mercato; possibilità di
essere prodotti in modalità di autoproduzione o con filiera produttiva non tradizionale. Si è
cercato di selezionare anche progetti sviluppati in ambiti di ricerca eterogenea o capaci di
proporre nuove tipologie di prodotto, così da avere uno scenario ampio di proposte che desse
profondità a una lettura complessiva, in sede di catalogo o di mostra. La Commissione ha
assegnato inoltre, ex-aequo il Premio Speciale MiBACT - Patrimonio culturale a Alberto
Galotta e Federica Lissoni, premio istituito nel 2011, in occasione della III edizione di DAB, per
incentivare la progettazione, da parte dei giovani designer, di oggetti contemporanei, ma
liberamente ispirati al vasto patrimonio culturale ed artistico del nostro paese e per questo
collocabili negli spazi commerciali di musei e siti archeologici. Il Premio MiBACT consiste
nell'assegnazione ai vincitori di fondi per l'autoproduzione degli oggetti e la promozione degli
stessi in importanti vetrine nazionali ed internazionali. La mostra, proveniente dal MAXXI di
Roma, farà successivamente tappa ad aprile presso l'area del bookshop della Fondazione
Fotografia al Foro Boario di Modena, a maggio a Lecce presso il prestigioso Castello di Acaya.
Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 22/03/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
MAX PAPESCHI DA DAVICO
"Je ne regrette rien", personale di Max Papeschi. Orario: da martedì al sabato dalle 10.00 alle
12.30 e dalle 16.00 alle 19.30. Chiuso lunedì e festivi. Info: 011.0362954 [email protected] - www.davicoarte.it
fino al 28/03/2015
ore 18:30
Torino
Galleria Subalpina 21
TORINOSETTE | Arte
100 / 195
Arte
CARMAGNOLA - "MESSICO CIRCA 2000" A PALAZZO LOMELLINI
"Messico Circa 2000", mostra comprendente 94 opere di 81 artisti messicani del nostro tempo,
tratta dalla collezione dell'imprenditore messicano Josè Pinto Mazal. La mostra è parte della
grande collezione di Josè Pinto Mazal. In essa vi sono raccolte opere che spaziano attorno al
terzo millennio (da qui il titolo di Messico Circa 2000) cioè dal 1980 ad oggi, di artisti messicani
e stranieri che hanno trovato in Messico il luogo ideale per la loro produzione. Non è una
mostra di tendenza, in quanto il collezionista non sceglie le opere secondo una sua particolare
propensione artistica, ma quelle che meglio documentano, attraverso l'arte, lo status del
Messico oggi e soprattutto di Città del Messico. Vi predomina la pittura, ma vi appaiono anche
altri linguaggi come la fotografia, il disegno, la scultura. Le opere sono diversissime tra di loro,
seguendo i criteri disparati dei linguaggi artistici contemporanei che dagli inizi del secolo
scorso hanno frantumato le regole tradizionali dell'arte. L'arte messicana della
contemporaneità si appropria infatti delle tendenze europee imprimendovi però, un marchio
che discende ancora dalle antiche culture precolombiane. L'ambiente, il deserto, la
dimensione tropicale s'insinua in queste superbe testimonianze visive arricchendole di
un'energia incontenibile. E anche la violenza vi traspare - quella che contraddistingue l'attuale
realtà messicana condizionata dalla lotta tra il governo e cartelli del narco-trafico, dal
femminicidio lungo i confini con gli U.S.A - una violenza filtrata in termini metaforici o allusivi.
Molti degli artisti qui presenti hanno frequentato la prestigiosa Scuola nazionale d'arte
Esmeralda, di Città del Messico, abbinata all'I.N.B.A., Istituto Nazionale di Belle Arti. E quasi
tutti vantano curricula internazionali, con puntate in Europa, nell'estremo Oriente, in Australia.
In questa mostra troviamo diversi linguaggi formali , la figuratività, l'astrazione, il realismo e
l'informale, l'espressionismo (che ora diviene neo-espressionismo), il surrealismo, il
concettuale e l'iperrealismo. In sostanza appare sia la realtà che il sogno, ossia dimensioni
"altre" che s'insinuano nel reale. Molto spesso le diverse tendenze si sovrappongono e si
fondono, secondo un paradigma messicano che tende al racconto complesso, stratificato,
spesso simbolico. Nella mostra sono esposte opere di numerosi artisti di valenza
internazionale come Gabriel Orozco, Francis Alys, Julio Galan, Demian Flores, Graciela
Iturbide, Monica Castillo, Irma Palacios, Jerman Venegas, Alfonso Mena Pacheco, Barry
Wolfryd. Nell'arco del suo sviluppo la mostra, che prevede delle visite guidate, proporrà eventi
collaterali integrativi della cultura messicana, con work-shop, performance multimediali,
espressioni sonore, che verranno via via comunicati nel dettaglio. L'allestimento è curato da
Rodrigo Witker con la collaborazione d Emma Ariza, ed è accompagnato da un volume
bilingue (italiano/inglese) edito in occasione della prima edizione. Orario: giovedì, venerdì,
sabato 15,00-18,00; domenica 10,00-12,00 e 15,00-18,00. Ingresso gratuito. Info:
www.palazzolomellini.com
fino al 29/03/2015
ore 18:00
Carmagnola (TO)
Piazza Sant'Agostino 17
"CON I MIEI OCCHI" IN GALLERIA SAN FEDERICO
"Con i miei occhi", mostra fotografica di Isabella Greggio, allestita nella cornice di Galleria San
Federico di Torino in occasione del progetto Sar.to La moda illumina Torino. I luoghi e i volti
ritratti raccontano un percorso emozionale e la storia personale di una giovane fotografa che,
superando le oggettive difficoltà di una malattia che l'ha colpita agli occhi, continua a girare il
mondo e a ritrarlo. Orario: dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00; domenica dalle 15.00
alle 19.00; lunedì chiuso.
fino al 31/03/2015
ore 17:30
Torino
Galleria San Federico
TORINOSETTE | Arte
101 / 195
Arte
PABLO BRONSTEIN DA FRANCO NOERO
"We live in Mannerist times", personale di Pablo Bronstein. L'artista argentino, che ha
recentemente ricevuto la Duveen Commission dalla Tate Britain per il 2016, si è qui
confrontato, similmente a quanto accaduto per la mostra al Metropolitan Museum di New York,
con la storia - in questo caso industriale - dell'edificio che ospita la mostra riflettendo sul
potenziale decorativo della tecnologia e su come il progresso scientifico sia non di rado al
servizio dell'estetica. Orario: lunedì 15.00-19.00; martedì-venerdì 11.00-19.00; sabato
15.00-19.00 o su appuntamento. Info: 011.882208 - [email protected] www.franconoero.com
fino al 02/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Mottalciata 10/B
TORINOSETTE | Arte
102 / 195
Arte
VICTORIA STOIAN DA ALBERTO PEOLA
"Codri Earthquake", personale di Victoria Stoian. La mostra è il risultato della sua
collaborazione con Clara Sofia Rosenberg, che da anni ne segue il lavoro supportandolo sul
piano teorico. Victoria e Clara Sofia hanno frequentato l'Accademia di Belle Arti di Torino dal
2009, in un percorso complementare tra l'attività pittorica dell'una e quella critica dell'altra. La
mostra di Victoria Stoian raccoglie una serie di lavori intorno al tema dell'assenza di un punto
di riferimento. Come recita il titolo, le opere rappresentano il caos e l'instabilità prodotti dalla
catastrofe naturale, in particolare dal terremoto che colpì la Moldavia nel 2011. Di
quell'esperienza, che ha coinvolto la sua famiglia, l'artista ricorda: «Quel 25 agosto alle 04:30
del mattino si verificò un violento terremoto di magnitudo 7,5 con epicentro a breve distanza
da Chi?in?u, dove sono nata e cresciuta. Due onde sismiche si sono succedute per una
durata di 52 secondi: migliaia di persone senza riparo, linee elettriche, strade e ferrovie
distrutte; dighe rotte e villaggi allagati con fuoriuscita di sostanze tossiche. Le Codri, le foreste
più grandi della Moldavia, sono state gravemente danneggiate. Questo mio lavoro è un
omaggio intimo e sofferto alla biografia di un popolo e alla feroce bellezza della natura che con
un colpo secco cambia linee, colori e vite». I quadri oggi esposti in galleria costituiscono una
parte dei 52 previsti dal progetto in fieri Codri Earthquake, ognuno dei quali corrisponde a
un'unità di tempo specifica del terremoto: il secondo. Vengono così messe in relazione, da un
lato, la durata del fenomeno con lo sviluppo del ciclo pittorico, e dall'altro, l'area geografica
colpita dal sisma con l'area della tela, ospite della rielaborazione del dramma. Come dice
l'artista, «in un terremoto il primo secondo può essere della stessa violenza dell'ultimo. Anzi,
forse il primo impatto è ancora più forte e destabilizzante». Per questo motivo, la serie Codri
Earthquake si sviluppa con un andamento cronologico, ma le singole opere non riportano la
violenza del terremoto in successione crescente: ogni quadro del progetto rappresenta infatti
un possibile grado di percezione della catastrofe, che non necessariamente corrisponde al suo
reale grado di intensità. Il tema dell'assenza di punti di riferimento proposto nelle opere
rimanda a un senso di destabilizzazione, percepibile in termini di panico e smarrimento. Ma,
d'altro canto, il potenziale generato da quest'assenza di vincoli può essere colto anche come
un'occasione di libertà. Questa dicotomia tra panico e liberazione è espressa dall'artista
attraverso la rappresentazione di un mondo informe che contiene, però, delle forme
riconoscibili, come protrusioni, annidamenti o ramificazioni. Il mondo organico che emerge da
questo repertorio visivo rimanda alla vitalità della natura - dal magma terrestre a correnti
marine e paesaggi abissali - e all'immaginario anatomico - dalla riproduzione cellulare a
filamenti, globuli e terminazioni nervose. Attraverso la tecnica del chiaroscuro, con
predominanza delle tonalità fredde, forme talvolta non finite, o cancellate, si stratificano in un
gioco di trasparenze e in un'alternanza di piani pittorici. Pur in assenza di un'architettura e di
una linea dell'orizzonte, Stoian riesce in questo modo a ricreare un senso di profondità nelle
forme che si affusolano in direzione di un punto di fuga ideale nella tela, inserendo nell'informe
accenni di prospettiva. I criteri su cui si fonda la ricerca di Victoria Stoian sono l'importanza
attribuita alla sostanzialità della materia, l'approccio diretto e la presenza fisica dell'artista nel
lavoro, e la necessità di coinvolgere lo spettatore attraverso la forza dell'opera in sé.
L'esperienza personale e il suo percorso artistico sono saldamente intrecciati: migrata a Torino
all'età di ventun anni, Victoria inizia a tradurre gli stimoli della nuova realtà, così diversa, in un
linguaggio pittorico denso di rimandi introspettivi e culturali. Attraverso un soggetto fortemente
autobiografico l'artista riesce ad affrontare temi collettivi, come il terremoto o la migrazione,
che riguardano il rapporto degli esseri umani con la storia e con il territorio, in una ricerca che
crea uno spazio di condivisione aperto e flessibile. Orario: da martedì a sabato dalle 15 alle
19, mattino su appuntamento. Info: 011.8124460 - 335.6191039 - [email protected]om www.albertopeola.com
fino al 03/04/2015
ore 18:00
Torino
Via della Rocca 29
TORINOSETTE | Arte
103 / 195
Arte
FEDERICO GUERRI DA WEBER & WEBER
"Frammenti", personale di Federico Guerri. L'arte appartiene originariamente alla natura. È
natura. E in quanto tale contempla e dà forma a se stessa. È dunque tempo che l'arte,
memore del suo stato aurorale, torni a muoversi per iniziativa dei propri tratti. È tempo che la
scrittura segnica torni a decidere dei propri tracciati e delle proprie luci. Di tutto. Anche delle
tenebre. Nulla deve nascere se non dai suoi impulsi, dai suoi spasimi, dai suoi getti, violenti o
pacati che siano. È quanto accade nell'opera di Federico Guerri, dove la scrittura sceglie
innanzitutto di essere disegno e di non porsi al servizio che del proprio accadere. La scrittura
danza e iscrive in questo esordio il carattere inafferrabile dello scaturire del segno e l'annuncio
dell'enigmatica soglia tra ciclica sparizione e nuovo inizio. Non ha principio né fine. Appare e
passa. Appare al nostro orizzonte come potrebbe fare il vapore acqueo. Presenza e venirealla-presenza si uniscono e si confondono in questi luoghi verso i quali ci conduce Federico
Guerri: sono luoghi pienamente riconoscibili, pur rivelandosi la loro vera sostanza come ombra
e parvenza. Orario: da martedi a sabato 15.30-19.30. Info: www.galleriaweber.it [email protected] - 011.19500694
fino al 04/04/2015
ore 18:00
Torino
Via San Tommaso 7
"MANIERA NERA" ALLA NORMA MANGIONE GALLERY
"Maniera Nera", collettiva a cura di Francesco Barocco. In mostra lavori di Vija Celmins,
Richard Earlom, F. Green, Richard Houston, Elizabeth Judkins, S. W. Reynolds e John
Raphael Smith. Orario: dal martedì al sabato 15.30-19.30 o su appuntamento. Info:
011.5539231 - [email protected] - www.normamangione.com
fino al 04/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Matteo Pescatore 17
TORINOSETTE | Arte
104 / 195
Arte
RÄ DI MARTINO ALLA GAM PER "VITRINE"
Riparte il 10 febbraio alla GAM di Torino "Vitrine", il progetto dedicato alla ricerca artistica
contemporanea. Possibilità, titolo della quarta edizione, pone l'attenzione sulle trasformazioni
della vita, del suo divenire di cui l'arte ricalca la natura mutevole e fluida. Come un vetro
trasparente, "Vitrine" stabilisce un punto di interazione, di dialogo e di lettura tra le ricerche
artistiche più contemporanee e il flusso incessante degli stimoli fisici e simbolici della
quotidianità. Gli artisti protagonisti della quarta edizione di Vitrine sono: Rä di Martino,
Francesco Gennari, Francesco Barocco, Anna Franceschini, Luca Trevisani. "Vitrine" si
costituisce come una soglia, un passaggio che mette in comunicazione mondo interno ed
esterno al museo attuando un dialogo tra le ricerche artistiche con la realtà circostante. Lo
spazio e il tempo sono le coordinate imprescindibili con cui l'uomo si confronta costantemente
e che s'imprimono nel lavoro dell'artista. Tutto scorre e cambia, le percezioni si arricchiscono
di ricordi personali, del vissuto, della memoria culturale, storico?sociale e politica in una
metamorfosi continua. Mutamenti che investono la realtà naturale e urbana ma anche il
paesaggio dell'immaginario, lo spazio?tempo reale e quello mentale, interiore e intimo
dell'animo. Lo sguardo dell'artista coglie determinate situazioni, alcuni momenti, registra
cambiamenti che mescolano passato, presente e futuro, in una rielaborazione che trova
espressione nelle opere, restituendo attimi e impressioni. Il primo appuntamento dell'edizione
2015 vede protagonista Rä di Martino, che presenta alla GAM dal 10 febbraio al 6 aprile
l'opera "The Picture of Ourselves", video in bianco e nero che inquadra i primi piani alternati di
una bambina e di un giovane uomo dagli occhi chiari, due ritratti in cui affiorano suggestioni
della tradizione artistica, dalla pittura più antica fino alla fotografia più contemporanea, due
sguardi che sono la testimonianza della vita che scorre, si radica, si evolve in un infinito
intrecciarsi di possibilità. Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude
un'ora prima. Ingresso libero a Vitrine. Info: centralino 011.4429518 - segreteria 011.4429595 www.gamtorino.it/vitrine
fino al 06/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
GAVINO SANNA ALLO SPAZIO MOUV
"Livori in corso", personale di Gavino Sanna. In mostra una trentina di disegni, accompagnati
da brevi racconti, raccolti nel libro intitolato "Livori in corso" che Gavino Sanna ha dedicato ad
Alda Merini. La mostra si apre, così come nel libro, con un verso della Poetessa dei Navigli
"L'uomo fa male al fratello al primo sbadiglio del mattino" a cui segue la dedica di Alda Merini.
Orario: tutti i giorni dalle ore 10 alle 24; chiuso il lunedì. Nel periodo della mostra si
svolgeranno degustazioni libere e guidate dei vini di Cantina Mesa, l'azienda vitivinicola creata
dieci anni fa da Gavino Sanna con la moglie Lella a Sant'Anna Arresi nel Sulcis. Info:
[email protected] - www.spaziomouv.it - 331.5828996
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Silvio Pellico 3
TORINOSETTE | Arte
105 / 195
Arte
SERGIO STAINO ALLA GAM
"Un racconto di Berlino, 1981", personale di Sergio Staino - uno dei più conosciuti e amati
disegnatori satirici italiani -, a cura di Danilo Eccher. Lo spazio Wunderkammer ospita più di
cento disegni che raccontano Berlino nel 1981, quando Staino, armato di carta, matita, china e
una macchina fotografica raggiunge la città e la interpreta con i suoi disegni. E qui Bobo, da
sempre l'alter ego del disegnatore, si ritrova a esplorare una città dalle mille contraddizioni e
dal grande fascino. Una metropoli in forte espansione architettonica e culturale, in quell'anno
ancora inserita nel cuore del comunismo europeo. "Ogni angolo era una scoperta, una
sorpresa, una suggestione: Berlino in quegli anni là era una città veramente unica per la
quantità di contraddizioni politiche e sociali che faceva coesistere in se stessa esprimendole,
poi, in forme architettoniche e ambientali assai diversificate (...) Tutto era esagerato in Berlino
Ovest: le luci, le insegne, le vetrine, tutte cose che adesso sembrerebbero normali ma che,
allora, erano profondamente innovative. Solo avvicinandosi al confine con la Repubblica
Democratica, e soprattutto al muro, l'atmosfera della città si faceva più scura e deprimente e la
contraddizione tra la vitalità lussuosa dell'Ovest e la tristezza poliziesca dell'est si facevano
evidenti". Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima.
Ingresso: euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011
4429518 - Segreteria tel. 011 4429595 e-mail [email protected]
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
106 / 195
Arte
ALDO MONDINO ALLA GAM PER "SURPRISE"
Martedì 10 febbraio inaugura alla GAM il primo appuntamento dell'edizione 2015 di "Surprise",
progetto espositivo che concentra l'attenzione su aspetti specifici del contesto artistico torinese
tra gli anni Sessanta e Settanta, in cui si intersecarono discipline diverse, dall'architettura al
design, dalla moda alla grafica, dalla musica alle arti visive e performative gettando in questo
modo le basi per il riconoscimento artistico di Torino a livello internazionale. A curare questo
terzo ciclo di appuntamenti, che prosegue per tutto il 2015, sono Maria Teresa Roberto,
docente di Storia dell'Arte Contemporanea presso l'Accademia Albertina di Torino e Gregorio
Mazzonis, curatore GAM. Al progetto è dedicata la sala espositiva della GAM al secondo
piano del museo. Al centro dell'attenzione sono poste di volta in volta opere, tracce di percorsi
espositivi, progetti inediti, riferimenti a contesti extra-artistici; si tratta di frammenti eterogenei
ma accomunati dal senso di stupore e meraviglia e di intensificazione delle energie vitali tipico
di quegli anni. Il protagonista del primo appuntamento è Aldo Mondino (Torino, 1938-2005) il
quale, dopo il periodo trascorso a Parigi dal 1959 al 1960 dove frequenta l'Ecole du Louvre e i
corsi di incisione di William Heyter, nel 1963 esordisce a Torino con una personale alla galleria
Il Punto, allora diretta da Gian Enzo Sperone. Presenta in questa occasione i suoi nuovi lavori,
le "Tavole Anatomiche", metafore della società contemporanea descritta attraverso gli organi
del corpo umano. "Sole" e "Immersore", entrambe realizzate nel 1967 e presentate nella
mostra alla GAM, rappresentano un'esperienza anomala nell'ambito della sua produzione
artistica, rivolta in questi anni al gioco e allo humour. L'arrivo della Pop Art in Italia proprio
grazie a Gian Enzo Sperone e la sua consacrazione nella mostra alla Biennale veneziana del
'64, costituisce un precedente fondamentale per tutta la ricerca artistica degli anni a venire.
Mondino si appropria anch'egli di alcune istanze quali il principio di sconfinamento dalla pittura
ottenuto con l'utilizzo di materiali che circondano il nostro ambiente, in questo caso legno e
lampadine a incandescenza. Se "Immersore" si ricollega , come ha notato Riccardo Passoni,
più alle istanze New Dada che sono discusse proprio in quegli anni, "Sole" traduce con i
materiali delle insegne luminose un tema caro alla pittura di paesaggio come l'alba, sul quale
tra l'altro si concentra la ricerca di uno dei maestri della Pop Art come Roy Lichtenstein negli
anni tra 1963 e 1964 e al quale Sperone dedica la mostra di apertura della sua galleria. Le due
opere hanno in comune, oltre ai materiali utilizzati, una misura fissa che guida la loro
installazione alla parete, 160 centimetri da terra, segnalata dall'artista da una etichetta della
galleria Stein sul verso di "Immersore". Questa linea immaginaria, che attraversa in orizzontale
l'opera, definisce il punto al di sotto del quale le lampadine devono rimanere spente e
corrisponde sia alla misura teorizzata da Masaccio come altezza fissa dell'occhio umano sia al
segno lasciato dalle acque dell'Arno su alcuni capolavori dell'arte fiorentina che impressionò a
tal punto Mondino da spingerlo a realizzare tra la fine del '66 e il 1967 una serie di opere. Tra
questi lavori vale la pena ricordare l'intervento alla mostra "Con temp l'azione" (gallerie Stein,
Sperone e Il Punto, Torino 1967) durante la quale l'artista unisce le sedi della mostra tirando
un filo rosso attraverso la città posto a 160 centimetri di altezza da terra. Orario: martedìdomenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima. Ingressi: euro 10, ridotto
euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011 4429518 - Segreteria tel. 011
4429595 e-mail [email protected]
fino al 07/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
107 / 195
Arte
"MARCO POLO - LA VIA DELLA SETA NELLE FOTOGRAFIE DI MICHAEL YAMASHITA"
AL MAO
Un viaggio per immagini, sulle tracce di uno dei più grandi esploratori di tutti i tempi: la nuova
mostra del Mao ricostruisce il percorso compiuto quasi mille anni fa da Marco Polo lungo la
Via della Seta, attraverso le fotografie di Michael Yamashita, fotografo di punta di National
Geographic. Nelle 76 fotografie esposte al Museo d'Arte Orientale ritroviamo piazza San
Marco e la laguna, il minareto di Samarra in Iraq e le carovane a bordo dei cammelli nel
deserto del Gobi. Non solo: la mostra, articolata in tre sezioni geografiche, ripercorre il tragitto
compiuto da Marco Polo dall'Italia alla Cina, ma anche la permanenza dell'esploratore in Cina
e il viaggio di ritorno via mare, lungo le coste dell'Indonesia e dell'India. Le immagini
desertiche lasciano così pian piano spazio alle distese d'acqua delle piantagioni di riso, agli
spettacolari paesaggi della baia di Ha Long nel Nord del Vietnam e agli sguardi penetranti dei
sadhu a Bombay. Orario: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18. Dal 7 febbraio al 1 marzo,
apertura e chiusura posticipata nei weekend (sabato dalle 11 alle 20; domenica dalle 11 alle
19). La biglietteria chiude un'ora prima. Il biglietto d'ingresso (10 euro) consente anche
l'accesso alla collezione permanente del museo. Info: 011.4436928 - www.maotorino.it
fino al 12/04/2015
ore 17:00
Torino
Via San Domenico 11
MOSTRA DEI FINALISTI DEL MARIO MERZ PRIZE ALLA FONDAZIONE MERZ
Mostra dei 5 finalisti della prima edizione della sezione arte del Mario Merz Prize. Gli artisti,
Lida Abdul (Kabul 1973), Glenn Ligon (New York 1960), Naeem Mohaiemen (Londra 1969),
Anri Sala (Tirana 1974) e Wael Shawky (Alessandria d'Egitto 1971), sono stati selezionati tra
le oltre 500 candidature pervenute dalla giuria composta da Marisa Merz, Beatrix Ruf
(direttrice dello Stedelijk Museum di Amsterdam) e Claudia Gioia (curatrice indipendente). Il
progetto espositivo, curato da Beatrice Merz raccoglie due o tre opere per ciascun autore,
scelte tra le più significative del loro percorso artistico. Il pubblico potrà esprimere la propria
preferenza visitando la mostra o collegandosi al sito mariomerzprize.org. Orario: martedìdomenica 11-19, lunedì chiuso. L'ingresso alla mostra è gratuito. Info: 011.19719437 [email protected] - www.fondazionemerz.org
fino al 12/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Limone 24
AVERY SINGER ALLA FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
"Pictures Punish Words", personale di Avery Singer, a cura di Beatrix Ruf. Sorprendenti per
tecnica e iconografia, i quadri di Avery Singer sovvertono le nostre aspettative visuali. A un
primo sguardo si sottraggono a una classificazione precisa come dipinti o elaborazioni a
stampa. Per questo sollevano l'interrogativo, ovvio e allo stesso tempo pressante per
un'artista, sul modo in cui le informazioni digitali che ci circondano possono concretizzarsi sotto forma di immagine piatta su carta o, più di recente, tridimensionale in plastica, o su ogni
altra possibile superficie materiale. Avery Singer ha realizzato un ciclo di opere pensate
appositamente per questa sua prima personale. Dopo una prima presentazione alla Kunsthalle
di Zurigo, la personale si sposta Torino, alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Orario:
giovedì 20-23 (ingresso libero); venerdì, sabato e domenica 12-19. Ingresso: intero euro 5;
ridotto euro 3 (over 65, studenti); gruppi euro 4 (minimo 6 persone); gratuito (per i bambini fino
a 12 anni, Insieme per l'Arte, abbonamento Torino Musei, giornalisti accreditati, soci ICOM).
Info: [email protected] - 011.3797600 - www.fsrr.org
fino al 12/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Modane 16
TORINOSETTE | Arte
108 / 195
Arte
"IL KABUKI DEI TRE SAMURAI: ARAKI, MORIMURA, SUGIMOTO" ALLA GALLERIA IN
ARCO
"Il kabuki dei tre samurai: Araki, Morimura, Sugimoto". Nobuyoshi Araki, Yasumasa Morimura
e Hiroshi Sugimoto sono i protagonisti della mostra a cura di Graziano Menolascina.
Nobuyoshi Araki, tra gli artisti più rappresentativi e prolifici della storia della fotografia,
racconta la donna, l'eros e il Giappone. Le donne di Araki sono spesso sdraiate su letti disfatti,
oppure distese sul pavimento in pose lascive, legate con corde, con i corpi ostentati e nudi ma
con sguardi in cui è completamente assente la volontà di sedurre. Yasumasa Morimura si
appropria invece di icone universali della storia dell'arte, dei mass media e della cultura
popolare interpretandole in prima persona. In particolare Morimura è interessato alle
trasformazioni sociali politico e culturali dovute alla penetrazione del capitalismo e dei miti del
mondo occidentale in Giappone. Morimura impersona Einstein, Marylin, Frida Khalo, Hitler il
risultato è un'opera e raffinata che nasce da una cura maniacale per i dettagli e l'uso di ritocchi
digitali, di costumi, pose e accessori ricercati che le rendono uniche. I tratti somatici non
modificati, sono l'unico mezzo che Morimura ha per rivendicare la propria origine e le proprie
tradizioni e l'unica via per fare ciò è la provocazione. Infine, ci sono gli scatti di Hiroshi
Sugimoto, immagini mentali, concetti la cui materializzazione è resa possibile grazie a un
rigoroso controllo del mezzo fotografico e del processo manuale di stampa, seguito anch'esso
personalmente dall'artista. Nella serie "Theatre" Sugimoto ha fotografato con tempi di
esposizione lunghissimi sale degli anni '20 e '30, cinema degli anni '50 e drive in. La luce
bianca degli schermi rettangolari, che illumina il resto dell'ambiente, contiene in sé l'intera
proiezione del film. In "Architectures" la tecnica dello sfocato priva le architetture moderniste di
connotazioni temporali. I lunghi tempi di esposizione dei "Seascape" bloccano il movimento
delle onde in immagini eterne, mentre il soggetto dei "Portraits" realizzati fotografando i
personaggi dei musei delle cere è l'immortalità stessa. Info: 011.8122927 - www.in-arco.com [email protected]
fino al 18/04/2015
ore 18:30
Torino
Piazza Vittorio Veneto 3
TORINOSETTE | Arte
109 / 195
Arte
"IL MONDO IN UNA TAZZA" A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta un percorso dedicato alla storia della tazza, attingendo dalle ricche
collezioni di arte decorativa conservate in museo. L'esposizione si riallaccia al tema della
porcellana torinese al centro di Fascino e splendore della porcellana di Torino, mostra curata
da Andreina d'Agliano e Cristina Maritano che apre in contemporanea alla Fondazione AccorsiOmetto e che presenta ben 90 opere provenienti dalle collezioni di Palazzo Madama. Le due
esposizioni offrono nel complesso un vero e proprio percorso cittadino dedicato al tema della
porcellana. Filo conduttore dell'esposizione è la tazzina: da tè, da caffè e da cioccolata.
Oggetto legato indissolubilmente all'introduzione in Europa delle bevande calde provenienti
dall'Oriente e dal Nuovo Mondo e al materiale esotico e prezioso per eccellenza, la porcellana.
A Palazzo Madama una sequenza di tazze, a partire dai blancs-de-chine, ovvero le porcellane
bianche cinesi prodotte a Dehua, mostra l'evoluzione delle forme e la varietà dei decori nelle
tazzine prodotte dalle manifatture europee nel Settecento: dai motivi di origine cinese e
giapponese, a quelli tratti dai libri di storia naturale, ai paesaggi derivati da incisioni olandesi e
tedesche, fino alle scene mitologiche e della letteratura cavalleresca. Contestualmente la
mostra è un'occasione per raccontare, per casi esemplari, la storia della porcellana, delle sue
particolarità produttive, della qualità della pasta e dei colori. Il valore socialmente
rappresentativo della porcellana emerge anche grazie all'esposizione di alcuni servizi araldici,
conservatisi integri per il loro valore altamente simbolico legato al passato illustre della casata
oppure smembrati e dispersi sul mercato antiquario. Una vetrina è dedicata alla principale
manifattura di porcellana operante in Piemonte nel Settecento, la Real fabbrica delle
porcellane di Vinovo, fondata nel 1776 grazie all'intraprendenza di un torinese, Giovanni
Vittorio Brodel, e di un ceramista di Strasburgo, Pierre-Antoine Hannong, e poi rilevata nel
1780 dal medico e chimico torinese, Vittorio Amedeo Gioanetti. Alla produzione di questa
fabbrica è dedicato un più ampio spazio nelle sale della mostra alla Fondazione AccorsiOmetto. In un'altra vetrina, l'artista Matilde Domestico, che da anni conduce ricerche sul tema
della porcellana, ambienta l'installazione Esistenza di porcellana, che si ispira alle poesie di
Emily Dickinson. Il lavoro dell'artista unisce oggetti e frammenti di carta e di porcellana su cui
emergono parole in acciaio. Intorno una superficie di polvere di marmo di Carrara, il caolino,
un materiale refrattario. Tutti gli elementi nel complesso rimandano all'idea di fabbrica, a una
realtà viva e produttiva. In sottofondo una base sonora composta dalla sovrapposizione ed
elaborazione di rumori meccanici, suoni metallici ripetitivi registrati all'interno dei reparti di
fabbricazione dell'Industria Porcellane IPA, si propaga tra le tintinnanti ceramiche antiche e
contemporanee. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00. La biglietteria
chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso: intero euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. In presenza di mostre temporanee le tariffe
potranno subire variazioni. Info: 011.4433501 - www.palazzomadamatorino.it
fino al 19/04/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
ISA MELSHEIMER DA QUARTZ STUDIO
"Examination of the Origins", personale dell'artista tedesca Isa Melsheimer (Neuss, 1968) che
per l'occasione ha concepito un'installazione site specific in cui elementi scultorei pensati a
partire dalle caratteristiche 'ambientali' di Quartz sono accostati alle forme architettoniche di
alcuni edifici della città. Visite su appuntamento. Info: 338.4290085 - [email protected] www.quartzstudio.net
fino al 28/04/2015
ore 19:00
Torino
Via Giulia di Barolo 18/D
TORINOSETTE | Arte
110 / 195
Arte
JOSEF KOUDELKA AL FORTE DI BARD
"Josef Koudelka, Vestiges 1991-2014", prima esposizione in Italia del più imponente progetto
fotografico di uno dei maestri mondiali della fotografia, mostra promossa dall'associazione
Forte di Bard in collaborazione con l'Agenzia Magnum Photos. Il progetto Vestiges, che vede
impegnato da oltre vent'anni il grande fotografo dell'agenzia Magnum Photos, propone la sua
interpretazione fotografica e artistica di alcuni dei più importanti siti archeologici della cultura
romana e greca, in un itinerario attraverso venti paesi, dalla Grecia al Libano, dalla Siria
all'Algeria, dalla Turchia all'Italia e di oltre duecento località che si affacciano sul Mar
Mediterraneo. Un'esplorazione che non ha precedenti, un lavoro fatto di costanza e
perseveranza. L'artista, come i pittori romantici del XIX secolo, coltiva una predilezione
particolare per le rovine, senza celebrarne l'atmosfera malinconica, ma con l'obiettivo di
restituirne l'autentica bellezza. Il suo intento è usare l'arte per riappropriarsi di un mondo che ci
sta sfuggendo e che potremmo perdere. Trasformare le macerie in speranza è il grande e
ambizioso progetto che Koudelka cerca di realizzare con il suo eccezionale viaggio, in
costante divenire che si arricchisce periodicamente di nuovi capitoli. In mostra oltre 60
fotografie di cui 22 panoramiche di grandi dimensioni. Un allestimento che coniuga il
minimalismo dell'approccio del fotografo e della cifra stilistica delle sue immagini, al suggestivo
senso di camminamento tra le rovine. In mostra anche la proiezione di circa 350 scatti relativi
ai set di Vestiges. Fino al 31 gennaio il Forte sarà aperto solo il sabato e la domenica dalle 10
alle 19; dal primo febbraio apertura consueta (feriali dalle 10 alle 18, festivi e prefestivi dalle 10
alle 19). Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 - 83382 e su
www.fortedibard.it
fino al 03/05/2015
ore 18:00
Bard (AO)
Forte
"AL FRONTE" AL MUSEO DEL CINEMA
"Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande Guerra", mostra a cura di Roberta
Basano e Sarah Pesenti Campagnoni. Cento anni fa, la Grande Guerra investe il Vecchio
Continente con la sua modernità che, oltre alle armi micidiali, annovera l'utilizzo di nuovi mezzi
di comunicazione. Tra queste la fotografia e il cinema si rivelano risorse fondamentali nel
definire gli equilibri di potere dei principali paesi belligeranti. Scatti e riprese realizzati da
fotografi e operatori militari invadono le pagine di quotidiani e riviste e dominano gli spettacoli
cinematografici di tutto il mondo, trovando una eco nelle innumerevoli fotografie amatoriali
accumulate dai reduci e dalle loro famiglie, memoria di un'esperienza umana e sociale
estrema e contraddittoria. La mostra "Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande
Guerra" propone un percorso di immagini attraverso 160 fotografie inedite, scattate da Luis
Bogino al seguito del Regio Esercito Italiano e dai soldati fotoamatori dislocati sui di guerra.
Accanto a questo primo tracciato si sviluppa il percorso cinematografico: una selezione di film
"dal vero", girati al fronte e nelle retrovie, e di titoli di fiction di epoche diverse, testimonianza di
un'eredità visiva e culturale variamente interpretata nel corso del tempo. Lo sguardo di artisti
come Paola De Pietri, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi propone infine una lettura
personale della prima guerra mondiale, dei luoghi che essa ha attraversato e di una memoria
spesso dimenticata. Orario: da martedì a venerdì 9.00-20.00; sabato 9.00-23.00; domenica
9.00-20.00; lunedì chiuso. Ultimo ingresso un'ora prima della chiusura. Ingresso: intero euro
14,00; ridotto (studenti universitari fino a 26 anni, over 65, gruppi min. 15 persone) euro 11,00;
giovani e scuole (da 6 a 18 anni, gruppi scolastici) euro 8,00; gratuito fino a 5 anni, disabili e
accompagnatore, Torino+Piemonte Card.
fino al 03/05/2015
ore 19:00
Torino
Via Montebello 20
TORINOSETTE | Arte
111 / 195
Arte
"ASTRATTISMO IN EUROPA" AL FORTE DI BARD
"Astrattismo in Europa. Kandinsky, Popova, Majakovskij, Malevi?...": oltre 80 opere,
principalmente olii e disegni di straordinario valore, appartenenti a una prestigiosa collezione
privata tedesca, per la prima volta esposta in Italia. La collezione, riunita con passione e
costanza nel corso di anni, costituisce un nucleo tematico omogeneo con aspetti storicogeografici di grande interesse: le opere illustrano le tendenze artistiche dell'Europa Orientale e
Centrale durante la prima metà del XX secolo, con particolare attenzione alla nascita della
pittura astratta e ai movimenti di arte non figurativa che ne seguirono e che capillarmente si
diffusero in tutta Europa. In un clima di generale rinnovamento del linguaggio artistico, infatti, a
partire dal 1910 circa si sviluppano diverse tendenze astratte nell'ambito dei movimenti
d'avanguardia tedesco, russo, ceco e olandese. Wassily Kandinsky occupa un posto di primo
piano in questo contesto artistico. Al completo la compagine degli astrattisti russi presenti in
mostra: Vladimir Tatlin, Alexander Rodchenko, El Lissitzky e Alexandra Exter, che sviluppa il
suo linguaggio plastico integrando influssi dal Cubismo e dal Futurismo. Da non perdere le
preziose opere di Natalia Goncharova. Kasimir Malevic, con Kandinsky, può considerarsi il più
importante pioniere dell'arte astratta. Proveniente dal contesto del Cubofuturismo russo,
Malevic dipinge forme geometriche elementari come il quadrato, la sfera, la croce, dando vita
al movimento del Suprematismo: un'arte non descrittiva, puramente contemplativa e spirituale.
In mostra anche 44 libri originali del medesimo movimento artistico culturale con numerosi
pezzi di Wladimir Majakovskij e opere di Nikolay Punin, Kasimir Malevi?, Lajos Kassák e due
filmati di Hans Richter (1888-1976) e Viking Eggeling (1880-1925), pionieri dell'astrattismo
geometrico cinematografico d'avanguardia europeo. I loro lavori, terminati nel 1921, sono
considerati tra le opere fondamentali della modernità. Orario: feriali dalle 10 alle 18, festivi e
prefestivi dalle 10 alle 19. Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 83382 e su www.fortedibard.it
fino al 02/06/2015
ore 10:00
Bard (AO)
Forte
TORINOSETTE | Arte
112 / 195
Arte
"LO SPAZIO DEL DEMIURGO", FORTUNY E MOLLINO A PALAZZO MADAMA
Poliedricità. È il tratto che accomuna i protagonisti della nuova mostra allestita a Palazzo
Madama «Lo spazio del demiurgo», incentrata sulle figure di Mariano Fortuny y Madrazo e
Carlo Mollino. Due personalità forti, capaci di eccellere in differenti discipline, dalla pittura alla
scenografia, passando per l'architettura, il design e la moda. L'esposizione racconta il
percorso artistico e professionale di Fortuny e Mollino attraverso venti immagini realizzate da
una coppia di grandi fotografi, Sarah Moon e Pino Musi, e dal giovane Marco Maria Zanin.
Nato a Granada nel 1871, Mariano Fortuny y Madrazo respirò arte fin dall'infanzia: figlio del
pittore catalano Mariano Fortuny y Marsal, tra i più rilevanti del panorama artistico spagnolo
del XIX secolo, si dedicò al disegno, all'incisione e alla scenografia, realizzando lampade
avveniristiche, d'ispirazione teatrale, che negli anni a venire si affermarono come uno degli
oggetti di design più ricercati e riconoscibili. Stabilitosi a Venezia, fece di Palazzo Pesaro degli
Orfei la sua residenza e il suo laboratorio: qui concepì e realizzò le prime tuniche Delphos,
lunghi abiti femminili caratterizzati da sottilissime pieghe. Sono i primi vestiti plissettati al
mondo: la tecnica ideata e brevettata da Fortuny si rivelò un successo immediato,
rivoluzionando il mondo della moda. La capacità di creare forme, attingendo da mondi e
modelli differenti tra loro, dall'Antica Grecia alle tradizioni catalane, fece di Fortuny una delle
figure più interessanti del suo tempo, un modello tutt'oggi imitato e studiato. Altrettanto
affascinante è la figura di Carlo Mollino: torinese, nato nel 1905 da una famiglia benestante,
seguì da subito le orme del padre Eugenio, ingegnere e architetto, noto per aver progettato e
realizzato l'ospedale delle Molinette. Completati gli studi, Carlo si dedicò con profitto alla
fotografia, alla progettazione di edifici e di automobili da corsa. Appassionato di sci e di
montagna, realizzò chalet, edifici e funivie, coniugando materiali tradizionali e forme molto
moderne, tecnica che caratterizzò anche i suoi progetti più famosi, come il nuovo Teatro Regio
e il palazzo della Camera di Commercio in via Carlo Alberto. Forme morbide e sinuose, che si
ritrovano anche nei suoi arredi e nei suoi mobili, custoditi nella villa di Vittorio Avondo e
immortalati dall'obiettivo di Musi e Zanin. Orario: da martedì a sabato 10-18, domenica
(10-19). La biglietteria chiude un'ora prima. Ingresso: intero 10 euro; ridotto 8; gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 07/06/2015
ore 18:00
Torino
Piazza Castello
JACQUES HENRI LARTIGUE AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Jacques Henri Lartigue - Alle origini della fotografia contemporanea", mostra a cura di Andrea
Busto, in collaborazione con la Donation Jacques Henri Lartigue. La mostra, realizzata a
partire da 130 album originali di Lartigue, ripercorre il destino unico di questo fotografo il cui
talento ora indiscusso venne riconosciuto tardivamente, all'età di 69 anni. La mostra è
composta da 136 fotografie in grande formato e da 50 pagine d'album dell'epoca (1912 - 1922)
che permettono di vedere le immagini nel contesto originale. Una selezione di opere
emblematiche che ripercorrono tutta la storia del Novecento e le origini della fotografia
contemporanea. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
113 / 195
Arte
"PLASTIC DAYS" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Plastic Days - Materiali e design", a cura di Cecilia Cecchini e Marco Petroni. Un percorso
multidisciplinare tra arte, design e costume per raccontare l'affascinante storia di un materiale
che ha profondamente segnato e condizionato il nostro tempo e le nostre abitudini. Gli oggetti
e le opere in mostra costituiranno una sorta di atlante del contemporaneo. La mostra nasce
dall'analisi e dalla selezione di circa 600 oggetti della collezione della Fondazione Plart,
Plastiche e Arte di Maria Pia Incutti-Paliotto, e si compone come un originale racconto della
grande e molteplice famiglia dei materiali plastici. Una testimonianza che racconta le
trasformazioni degli ultimi centocinquanta anni di storia e che svela l'anima profonda della
modernità e delle mutazioni che hanno segnato il paesaggio domestico e culturale in cui siamo
immersi. La plastica diviene la lente d'ingrandimento puntata sulle dinamiche sociali ed
economiche del nostro tempo. Gli oggetti in mostra rappresentano un'articolata selezione di
artefatti assai rari provenienti da tutte le parti del mondo: prime serie di produzione, pezzi di
grande tiratura di famosi designer o di design anonimo. Una scelta non finalizzata a proporre
una puntuale ricostruzione della storia delle plastiche, ma a realizzare una mostra capace di
disegnare un particolare percorso di lettura del nostro tempo, rivisitato attraverso un approccio
multidisciplinare tra design, arte e costume. Uno sguardo ampio, testimoniato anche dagli
interventi in catalogo di Alba Cappellieri, Laura Cherubini, Stefano Catucci, Gianluigi
Ricuperati, Thea van Oosten e Anna Laganà. Completano il percorso espositivo le interviste
ad Andrea Branzi, Donato D'Urbino, Paolo Lomazzi, Alessandro Mendini, Maurizio
Montalti/Officina Corpuscoli, Andrea Trimarchi e Simone Farresin/Studio Formafantasma,
Gaetano Pesce e Maria Pia Incutti, collezionista e presidente della Fondazione Plart. Orario:
da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
ANITA MOLINERO AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Anita Molinero, opere e installazioni". Copertoni, sedie, tavoli, panchine, cassonetti della
spazzatura, arredi urbani dismessi, imballaggi. Sono questi i materiali scultorei preferiti da
Anita Molinero, esposti nella loro grezza povertà nei primi lavori degli anni Ottanta e poi
manipolati, tagliati e plasmati attraverso il fuoco nella produzione successiva. La mostra Anita
Molinero. Opere e installazioni presenta una panoramica di lavori realizzati recentemente e
disseminati negli spazi di tutto il Museo, in dialogo con la mostra Plastic Days. L'artista
realizzerà inoltre una serie di sculture site-specific con materiali plastici - in particolare
cassonetti della spazzatura, elementi di carrozzeria automobilistica come paraurti, fari, fanali recuperati durante la sua permanenza a Torino. Con la mostra di Anita Molinero iniziano le
incursioni del MEF nei territori della creazione contemporanea. Muovendosi dalla mission di un
museo che non vuole essere "solo museo", ma un vivace luogo di scambio e un attivatore di
processi creativi, il MEF inaugura una serie di collaborazioni trasversali, partendo dalla moda.
Primo partner, lo storico marchio di abbigliamento BasicNet. Per l'occasione, la casa torinese
realizzerà un K-WAY progettato da Anita Molinero: l'impermeabile sarà prodotto
esclusivamente durante il periodo della mostra, diventando un vero e proprio multiplo
indossabile. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
114 / 195
Arte
GESSI E CERAMICHE DELLA LENCI A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta, a partire dal 1 novembre, un nuovo allestimento in Sala
Ceramiche dedicato alla celebre manifattura Lenci, a cui il museo ha già dedicato una grande
mostra nel 2010. L'esposizione, resa possibile grazie al generoso prestito di due collezionisti
privati e della Fondazione Guido ed Ettore De Fornaris, mette in evidenza i due momenti
chiave del processo creativo della manifattura Lenci: quello iniziale, i gessi, e quello finale, le
ceramiche. I gessi della Lenci, provenienti da una collezione privata, costituiscono un vero e
proprio archivio di fabbrica, dove si conservano anche le idee rimaste in bozza e mai
realizzate. La selezione presentata a Palazzo Madama offre all'attenzione del pubblico il
confronto diretto con le corrispondenti ceramiche, come per il "Trionfo di Bacco" di Giovanni
Grande, oltre ad alcuni raffinati inediti, come la "Principessa sul pisello" attribuibile a Mario
Sturani, di cui non si conoscono realizzazioni in terraglia. L'esposizione è inoltre l'occasione
per vedere nuovamente riunite, dopo la mostra "L'avventura Lenci", le Stagioni di Mario
Sturani in ceramica e in gesso. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00.
Mercoledì 24 dicembre aperto dalle 10 alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 25 dicembre
chiuso; venerdì 26 dicembre aperto dalle 10 alle 18; mercoledì 31 dicembre aperto dalle 10
alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 1 gennaio aperto dalle 14 alle 18, chiuso il mattino; lunedì
5 gennaio apertura straordinaria dalle 10 alle 18; martedì 6 gennaio aperto dalle 10 alle 18. La
biglietteria chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso museo: intero euro 10, ridotto euro
8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 25/06/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
"FASCINO E SPLENDORE DELLA PORCELLANA DI TORINO" AL MUSEO ACCORSIOMETTO
La mostra, realizzata in collaborazione con Palazzo Madama - Museo Civico di Arte Antica, a
cura di Andreina d'Agliano e di Cristina Maritano, si propone di approfondire la produzione
delle tre manifatture torinesi di porcellana, Rossetti, Vische e Vinovo, grazie allo spoglio dei
documenti d'archivio e alla revisione degli oggetti presenti sia in raccolte pubbliche che private.
L'avventura eroica che portò la "sublime scoperta della porcellana" a diffondersi in Europa e
anche, precocemente, in terra piemontese, le storie, i protagonisti, le opere, uniti all'uso
quotidiano dell'oro bianco all'interno delle dimore signorili, esaminato nell'arco della giornata
del Giovin Signore, sono oggetto dell'esposizione al Museo di Arti Decorative Accorsi Ometto, che presenta - oltre a porcellane provenienti da raccolte pubbliche e private - diversi
esempi di argenteria, quadri, incisioni. Il percorso espositivo si apre con la sezione dedicata
alla produzione di porcellana della manifattura Rossetti, di proprietà del conte Giacinto Roero
di Guarene, rappresentato nello straordinario quadro di Martin van Meytens; si prosegue
entrando in un cabinets des porcelaines, in cui vengono esposte diverse porcellane cinesi
Blanc de Chine, alcune già di proprietà del Conte di Guarene, a cui si aggiungono alcune
statuine di dignitari cinesi in porcellana a pasta tenera, eseguite nella manifattura Rossetti fra il
1737 e il 1743, copiando originali cinesi. Oltre alla produzione bianca, sono state individuate
porcellane dipinte in policromia, fra cui una vaso di Palazzo Madama, e alcuni oggetti
appartenenti a collezioni private. La seconda sezione è dedicata alla manifattura fondata nel
1765 dal conte Ludovico Birago di Vische, di cui vengono presentati numerosi oggetti inediti:
nella sua breve attività (1765 - 68) Vische, oltre a riprodurre statuine e prototipi della
manifattura di Vincennes - Sèvres, presenta un notevole influsso dei disegni rocaille di
Meissonnier e dell'argentiere torinese Boucheron. Fra gli oggetti più interessanti, una
zuccheriera dipinta in monocromia porpora e una straordinaria salsiera, la cui forma ricorda da
vicino la produzione del Boucheron. La terza sezione della mostra inizia mostrando una serie
di sculture in porcellana bianca verniciata e in biscuit, eseguite nel periodo in cui alla direzione
della manifattura furono Giovanni Vittorio Brodel, già socio del Birago a Vische, e Pierre
Antoine Hannong, autore della formula della porcellana dura in Francia (aveva infatti venduto
nel 1761 il segreto della porcellana dura a Sèvres). In questo periodo vengono riprodotti i
modelli di Vische, in buona parte derivati dalle incisioni delle opere di François Boucher. Un
TORINOSETTE | Arte
confronto interessante sarà quello tra Vincennes - Sèvres, Vische e Vinovo, che115
darà/al195
visitatore la possibilità di esaminare i modelli piemontesi e gli originali francesi, fra cui un
biscuit proveniente dal Museo delle Porcellane di Palazzo Pitti. La mostra prosegue con una
Arte
BRUNO BORDOLI ALLA LIBRERIA BELGRAVIA
"Alla faccia", pitture su carta di Bruno Bordoli. Catalogo con didascalie poetiche di Gilberto
Isella. Orario: dal lunedì al sabato 9,30-13 e 15,30-19,30. Info: 011.3852921 - 347.5977883
[email protected]
ore 17:30
Torino
Via Vicoforte 14/D
"PROGRESSIVA ART EXHIBITION" ALLO SPAZIO COLOMBO ART DESIGN
"Progressiva Art Exhibition", a cura di Max Ponte ed Enrica Merlo. In mostra lavori di Angelo
Barile, affiancato da undici artisti emergenti, selezionati attraverso un "call for artists": Sabina
Kolici (Torino); Daniele Sturiale (Torino); Renata Olivetto (Meledugno-Lecce); Elena Bordina
(Torrazza Piemonte); Sabrina Campagna (Salerno); Francesca Marzo (Bergamo); Mercedes
Pitzalis (Cagliari); Sandra Martinatto (Torino); Nella Parigi (Moncalieri); Raffaella Pasquali
(Torino); Carla Scudieri (Verolengo-Torino). Info: [email protected] - 334.7410978
ore 18:30
Torino
Via Trofarello 13
IVAN CAZZOLA ALLA BURNING GIRAFFE ART GALLERY
"Ivan Cazzola. NYC", a cura di Giuseppe Savoca. Il ritratto di una delle città più affascinati del
mondo che, tra bianchi e neri e luci accecanti, attrae come un magnete chiunque le orbiti
attorno. Come nessun altro posto al mondo, New York City rappresenta, con il suo stile unico,
la metafora della società contemporanea e il fotografo Ivan Cazzola ne cattura lo spirito
attraverso il suo occhio puro, privo di mediazioni, registrandone gli umori contraddittori della
"strada", dove splendore e terrore convivono insieme. Negli scatti presentati in questa mostra,
rappresentativi di tutta la sua ricerca artistica, è evidente come una certa dualità stilistica ed
estetica rappresenti un vero e proprio marchio di fabbrica dell'artista. Sia che si tratti degli
iconici ritratti a personaggi, quali: Orlando Bloom, Joan As Police Woman, Dave Timson, Mik
Lennard, OK GO, Yohji Yamamoto, XX, These New Puritans, Juliette Lewis, Mark "The Gonz"
Gonzales e Charlotte Free, o il lavoro maggiormente documentaristico sulla contro-cultura
giovanile, o, ancora, gli scatti per la moda, possiamo ritrovare la stessa visione audace, a volte
quasi impertinente, ma allo stesso tempo profonda ed evocativa. Ivan Cazzola ha accumulato
nel corso degli anni una grande esperienza, collaborando con magazine (Vogue, Dazed &
Confused, i-D) e fashion labels, tra Milano, Londra, Parigi e New York, approdando anche al
video come director di alcuni short movies. Con i suoi scatti ha esplorato mondi diversi tra loro,
da una realtà vicina e autobiografica, agli scatti di modelle, artisti, rock bands, star del cinema,
gangster, borghesi decadenti, il tutto con una costante stilistica attraverso un occhio spesso
intimo, a volte insolente, ma sempre iconico e provocativo. Nel 2010 è stato designato dalla
rivista Dazed & Confused come uno dei fotografi più interessanti nel panorama internazionale.
Orario: dal martedì al venerdì 15-19; sabato 15:30-20. Info: www.bugartgallery.com [email protected] - [email protected] - 011.5832745 - 347.7975704
fino al 07/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Bava 8/A
TORINOSETTE | Arte
116 / 195
Arte
LAVINIA RACCANELLO ALLA GALLERIA MOITRE
"Not a position, but a proposition", personale di Lavinia Raccanello, artista e attivista italiana
che vive tra la Scozia e l'Italia. Il suo lavoro si concentra sulla relazione tra gli esseri umani, la
società e la giustizia sociale, con una particolare enfasi sul potere della dialettica e della
pratica partecipatoria, e il conflitto tra potere statale ed autonomia e responsabilità personale.
Suoi lavori sono stati esposti in Italia, Scozia, Irlanda, Spagna, Stati Uniti, Cile ed India. Per
questa nuova personale l'artista ha lavorato alla creazione di più di duecento bandiere,
corrispondenti agli Stati indipendenti del mondo. Di questi, centonovantatrè sono membri
dell'ONU, due sono osservatori permanenti all'ONU ed uno ne è ex membro. Sono inoltre
presenti nove Stati che, vantando sovranità territoriale, hanno dichiarato la propria
indipendenza ottenendo un limitato o, in alcuni casi, alcun riconoscimento internazionale. Per
cucire le bandiere è stata utilizzata stoffa nera che in alcuni casi riporta ricami neri su nero.
Nero su nero: queste bandiere rappresentano una dopo l'altra la negazione di tutte le
bandiere. Orario: mercoledì-sabato 16-19. Info: www.galleriamoitre.com [email protected] - 340.5172587 - 338.1426301
fino al 07/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Santa Giulia 37 bis
TORINOSETTE | Arte
117 / 195
Arte
SAN SECONDO DI PINEROLO - "SAN SEBASTIANO" AL CASTELLO DI MIRADOLO
"San Sebastiano. Bellezza e integrità nell'arte tra Quattrocento e Seicento", mostra dedicata a
San Sebastiano, curata da Vittorio Sgarbi. Vittorio Sgarbi e Antonio D'Amico hanno
selezionato circa quaranta capolavori, dal Rinascimento al Seicento inoltrato. Il percorso
prende avvio con Andrea della Robbia che modella l'anatomia del giovane Sebastiano con
grande raffinatezza, levigando le membra con la terracotta invetriata. Si prosegue con uno
sguardo nella Venezia del Quattrocento, dove Carlo Crivelli interpreta con grande
suggestione, tra la laguna e le Marche, la figura di un giovanetto nudo e invaso dalle frecce.
Sul suo viso compare la smorfia: è l'uomo del Rinascimento con le sue passioni e le sue
aspettative sul mondo e nel futuro. Ludovico Carracci interpreta il secolo della grande Riforma
Cattolica mostrandoci un atleta gentile che cita passi di danza e si muove leggiadro nei
meandri della fede. Lo splendido paesaggio è la scena suggestiva che ospita la Vergine col
Bambino e uno statuario Sebastiano, dipinto da Paris Bordon, che ci guarda e assiste
silenzioso al mistico dialogo. Compagno ideale è il solitario e meditabondo San Sebastiano di
Tiziano che proviene da una importante collezione privata americana e che giunge in Italia per
la seconda volta. Il Seicento si apre con l'accesa armonia dei colori e le audaci forme che in
Rubens, che da Anversa giunge in Italia, tra Mantova e Roma, trovano un risvolto leggiadro,
suadente e delicato: il Rubens della Galleria Corsini di Roma esce dalla stanza dell'Alcova di
Palazzo Corsini alla Lungara per la prima volta dopo tanti anni. Pittura tattile è quella del
Seicento che mette in campo gli affetti con un inedito Guercino, di recente scoperto e custodito
in una collezione privata americana e con l'altro, compagno ardito, della Galleria Nazionale
delle Marche. L'aspetto della devozione è sublimata con Guido Reni che lega il bel Sebastiano
a un albero in un'atmosfera calda, serale, intima, pregna di una Bologna in cui i dettami del
Concilio di Trento, applicati dal Cardinale Gabriele Paleotti, sono ancora nevralgici e di forte
attrazione e rispetto per gli artisti. L'ondata caravaggesca, poi, tocca un inedito culmine con un
dipinto eccezionalmente dato in prestito dal Cardinale di Milano, che, appositamente studiato
per la mostra, rivela accenti nordici con una straordinaria verità nel volto e nella posa
dell'uomo "santo". Gli echi caravaggeschi, poi, mostrano la passione con Ribera e l'ardita
partecipazione al martirio con Nicolas Regnier e con l'affascinante Mattias Stomer dei
Gerolamini di Napoli; accezioni preziose del caravaggismo internazionale. La narrazione
ideale, di coinvolgimento emotivo, trova due capisaldi nel Mattia Preti di Capodimonte e nei
Luca Giordano che cavalcano il Seicento e aprono il secolo successivo lasciandosi alla spalle
la pittura di verità e la ritualità del vero. La mostra offre un excursus dentro quasi tre secoli,
operando affascinanti confronti sul soggetto: il medesimo artista che adotta differenti soluzioni
formali, pose e ambientazioni in anni ravvicinati letti da artisti diversi, materiali differenti e
modellati per capirne cambiamenti e intenti devozionali e di fama della figura del santo da nord
a sud. Un percorso che dalla seconda metà del Quattrocento giunge agli albori del Settecento,
contemplando assoluti capolavori. Tre grandi opere si sono aggiunte in un secondo momento
e saranno visibili al Castello di Miradolo: il "San Sebastiano curato dagli angeli" di Rubens (dal
30 ottobre), "Il Martirio di San Sebastiano" di Guercino (dal 6 novembre) e Il "San Sebastiano"
di Raffaello dall'Accademia Carrara di Bergamo (dal 18 dicembre). Orario: giovedì e venerdì
14.00-18.00; sabato, domenica e lunedì 10.00-18.30; chiuso il martedì e il mercoledì; aperto su
prenotazione anche in orario di chiusura. Orari durante ricorrenze e festività: 1 novembre
10.00-18.30; 8 dicembre 10.00-18.30; 24 dicembre chiuso; 25 dicembre 15.00-18.30; 26
dicembre 10.00-18.30; 31 dicembre e 1 gennaio chiuso; 6 gennaio 10.00-18.30. Ingresso:
intero 10 euro; ridotto 8 euro (gruppi, convenzionati, studenti fino a 26 anni, over 65, militari);
ridotto dai 6 ai 14 anni 3 euro; gratuito bambini fino a 6 anni, Abbonati Musei. Info:
www.fondazionecosso.it - [email protected] - 0121.502761 (biglietteria) - 0121.376545
(uffici). Sabato 29 novembre servizio navetta che collega il centro di Torino al Castello di
Miradolo al costo di 8 euro a persona. Partenza da Torino alle ore 14,00 da piazza Carlo
Felice angolo corso Vittorio Emanuele II; ritorno con ritrovo nel parcheggio del Castello di
Miradolo alle ore 17,30 e rientro in città per le 18,30. Prenotazione obbligatoria: 0121.502761
fino al 08/03/2015
ore 10:00
San Secondo di Pinerolo (TO)
Via Cardonata 2
TORINOSETTE | Arte
118 / 195
Arte
"STEMPERANDO" ALLA BIBLIOTECA NAZIONALE
"Stemperando", sesta edizione della Biennale Internazionale di opere d'arte su carta che si
realizzerà in tre tappe: Torino, Tirana e Roma. La Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino
ospiterà la prima tappa della rassegna, nata a Spoleto nel 2003 in concomitanza con il Festival
dei due mondi. Successivamente, le opere saranno trasferite a Tirana e la mostra sarà
allestita al Museo Storico Nazionale dell'Albania. Infine, come ultima tappa, il gruppo di opere
ritornerà in Italia e la mostra sarà composta a Roma, al Museo Villa Vecchia di Villa Doria
Pamphili, dove concluderà il suo percorso. In mostra 96 opere su carta di 49 artisti di ogni
parte del mondo. Per la sezione internazionale: Alberto Biasi, Alberto Brusa, Paolo Conti,
Graham Guerra, Kivanç Gülhan, Ali Herischi, Jiang Shanqing, Susan Leyland, Paolo Marazzi,
Carlo Mazzetti, Xavier Medina Campeny, Sophia Michaeledes, Azad Nanakeli, Qui Yu, Ran
Xue Mei, Claudio Sacchi, Michele Stanzione, Martin Streitenberger, Andreas Tomblin, Jorrit
Tornquist, Lucio Trizzino; per la sezione storica: Georges Braque, Francesco Casorati, Enrico
Colombotto Rosso, Samo Koler, Riccardo Licata, Umberto Mastroianni, Franc Oldering, Mario
Schifano, Giacomo Soffiantino, Alberto Sughi; per la Nazione ospite, Albania: Albien Alushaj,
Helidon Haliti, Ardian Isufi, Pjeter Koleci, Beskida Kraja, Gjon Jon Kraja, Vladimir Llakaj, Fatos
Lubonja, Ormira Lulani, Alban Met-hasani, Alkan Nallbani, Andi Nallbani, Admir Pervathi,
Parlind Prelashi, Agron Rushiti, Alberto Saka, Helidon Xhixha, Armand. A cura di: Anselmo
Villata. Nazione ospite d'Onore: Albania, a cura di Alfred Milot Mirashi.
fino al 08/03/2015
ore 18:00
Torino
Piazza Carlo Alberto 3
"ANDY WARHOL...IN THE CITY" ALL'8 GALLERY
"Andy Warhol...in the city". Un'occasione unica per ammirare 40 opere che hanno segnato la
storia dell'arte mondiale: dal mito di Marilyn Monroe al fascino di Liz Taylor, dalle storiche
bottiglie di Coca Cola alle leggendarie lattine di zuppa Campbell's, l'intuito e l'estro grafico di
Andy Warhol sono i protagonisti di questa interessante esposizione. Le opere fanno parte
della più ampia mostra intitolata "Andy Warhol... in the city" che nasce da un'iniziativa di
Pubbliwork Eventi, in collaborazione con la New Factory Art, ed è già stata esposta nelle
gallerie d'arte di diverse città italiane; da gennaio 2015, in pieno spirito Warhol, la mostra è
stata allestita, per la prima volta in assoluto in un centro commerciale. Tra le opere esposte
l'immancabile Marilyn Monroe, Campbell's e Flowers, si potranno inoltre ammirare le copertine
di Interview Magazine, la rivista fondata proprio da Andy Warhol e le cover di dischi dei Rolling
Stones e dei Velvet Underground. Le opere rappresentano il percorso artistico ed iconografico
creato da Warhol dal 1957 al 1987, fornendo sia un'ampia visione dei suoi soggetti più noti sia
delle sue radici europee attraverso quei lavori poco conosciuti ma molto importanti, come gli
Space Fruits o il Gold Book, realizzato da Warhol in occasione della sua prima mostra
personale presso la Bodley Gallery di New York. I soggetti esposti sono stampe, cover,
cartoncini, serigrafie e offset: opere originali multiple di opere uniche. Info: www.8gallery.it
fino al 08/03/2015
ore 11:00
Torino
Via Nizza 230
TORINOSETTE | Arte
119 / 195
Arte
COLLEGNO - "FOTOGRAFIA AL FEMMINILE" NELLA SALA DELLE ARTI
"Fotografia al femminile", edizione 2015. Orario: venerdì e sabato 16-19,30; domenica 10-12 e
16-19,30. Durante le aperture del 7 e dell'8 marzo sarà allestita una sala posa all'interno della
sala delle Arti per omeggiare di un ritratto in digitale tutte le signore che lo desidereranno. Tra
gli eventi collaterali della mostra, martedì 3 marzo alle 21, presso la Sala del Museo della
Resistenza e della Pace della Città, sarà ospite la fotoreporter di guerra Andreja Restek che
presenterà i suoi ultimi lavori.
fino al 08/03/2015
ore 18:00
Collegno (TO)
Via Torino 9
"ARTE AL FEMMINILE" DA ARTE CITTA' AMICA
"Arte al femminile", quattro mini personali di Margherita Baldelli, Adriana Cernei, Angela
Gastaldi e Carla Perona. Orario: da martedì a sabato 16,00-19,00; chiuso il lunedì e festivi.
Info: 011.7717471 - 011.7768845 - www.artecittaamica.it - [email protected]
fino al 10/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Rubiana 15
"I VENERDÌ DELL'ARTE" ALLA BIBLIOTECA CIVICA PRIMO LEVI
"I venerdì dell'arte", mostra di pittura di fine corso del Centrodonna della Circoscrizione 6.
fino al 11/03/2015
ore 10:00
Torino
Via Leoncavallo 17
"NUOVE RICERCHE 2015" DA MARTINARTE
"Nuove Ricerche 2015", collettiva a cura di Paola Barbarossa e Fernando Montà. In mostra
lavori di Monica Bruera, Daniele Nessi, Joshua Sottile e Corrado Zecca. Orario: lunedì
15.30-19.30; martedì e mercoledì 10,00-12,30 e 15,30-21,30; giovedì e venerdì 10,00-12.30 e
15.30-19.30. Info: 011.3433756 - 335.360545 - [email protected]
fino al 12/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Siracusa 24/A
COLLETTIVA FOTOGRAFICA NEL NUOVO SPAZIO28
Spazio 28, nuovo spazio espositivio in corso Vittorio Emanuele II 28, presenta una mostra
collettiva di fotografia a cura di Phos. In esposizione opere di autori emergenti e di autori
affermati nel panorama della fotografia italiana ed internazionale che negli ultimi anni hanno
presentato alcuni dei loro progetti più significativi all'interno dell'attività espositiva di Phos:
Sophie Anne Herin, Pietro Bolgna, Renato D'Agostin, Davide De Martis, Stefano Fiorina,
Simon Roberts, Vito Vagali. Orario: dal lunedì al venerdì 15:00-19:30. Per informazioni:
335.6661281 - 347.2212059
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Vittorio Emanuele II 28
TORINOSETTE | Arte
120 / 195
Arte
PATRIZIA MUSSA ALLO SPAZIO EVENTA
"Luci silenti", personale fotografica di Patrizia Mussa, secondo appuntamento espositivo
organizzato da ArtPhotò, al fine di promuovere la fotografia d'autore. Gli elementi distintivi del
lavoro artistico di Patrizia Mussa sono innegabilmente la ricerca di una luce particolare e la
ricerca di una dimensione di un tempo sospeso e irreale che procura in chi guarda
l'impressione di un silenzio impalpabile al limite della parola. Le fotografie esposte in mostra
fanno parte di due lavori distinti ma entrambi mettono a fuoco di Patrizia Mussa tutta la sua
interpretazione d'autore, la sua esperienza di fotografa di architettura e la sua abilità tecnica.
La luce è dunque "anima e verità di un luogo" che la fotografa "ascolta" ogni volta che si
confronta con soggetti diversi e che amplifica il silenzio originario degli spazi fotografati. In
mostra sono esposte le fotografie tratte da "Teatri" e da "Le Temple du Soleil". Orario: martedìvenerdì dalle 15.00 alle 18.00. Info: www.ateliernovantotto.it/artphoto.html [email protected] - 335.7815940
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Via dei Mille 42
NEVERCREW ALLA SQUARE23 ART GALLERY
"Frequency Spectrum", mostra di Nevercrew. Dopo Milano e Dublino, dove hanno decorato le
nuove sedi europee di Facebook, il duo di street-artists svizzeri Nevercrew arriva a Torino,
negli spazi della galleria Square23, con "Frequency spectrum", la loro riflessione su
percezione e comunicazione, tra realtà e surrealtà. Pablo Togni e Christian Rebecchi più che
"duo" sono "uno". Lavorano insieme dal 1996 uniti dall'interesse comune per la pittura e la
street art. Hanno esposto e partecipato a progetti internazionali e festival a Belgrado, Il Cairo,
Amburgo, Monaco, Zurigo, Lugano. Il loro lavoro è caratterizzato da alcuni concetti chiave,
come il meccanismo, la composizione, la sezione, le parti, la memoria, la scelta, i rapporti, i
contrasti, l'esplorazione, la surrealtà. Il tutto viene collegato insieme, fuso in composizioni
viventi e che mutano proprio perché vive, evolvendosi nel tempo e nello spazio. Combinare
linguaggi diversi è la loro cifra stilistica: catene di montaggio, esseri organici e ingranaggi
meccanici, mostri marini, "strutture viventi" si intersecano nei loro lavori proprio come gli stili
che utilizzano, tra sintesi grafica e iperrealismo spray. Le loro strutture sono modelli di sistemi
viventi, delle visioni d'insieme rese percepibili nella loro totalità e nella loro struttura tramite
l'utilizzo della "sezione" che permette di vederle per come sono al loro interno, nel caso di un
meccanismo o degli spazi di una casa o della struttura di un essere vivente. Il rapporto tra le
parti e con la memoria viene esteso alla realtà intera, al luogo e allo spettatore, lasciando a
quest'ultimo la possibilità di completare il meccanismo con la sua personale esperienza, con la
sua storia e quindi con le sue molteplici interpretazioni. In "Frequency Spectrum", in
particolare, l'attenzione si concentra su percezione e comunicazione, sulla loro differenza ed
interazione costante. Orario: lunedì-sabato 11-20, o su appuntamento. Info: 334.9980390 [email protected]
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via San Massimo 45
TORINOSETTE | Arte
121 / 195
Arte
LUCA ROMANO DA RIZOMI
Personale di Luca Romano. Romano ha sublimato su carta il suo desiderio più grande rimasto
invariato per vent'anni, prendere il pullman n. 67 con la sua borsa da disegno a tracollo. Ha
prediletto i pennarelli a punta spessa, ricamando talvolta elementi verbali su campiture
fittissime. Cartoncini, planimetrie, fogli strappati da vecchi libri di grammatica, fanno da sfondo
al miraggio dell'autonomia ma anche al simbolo della viabilità metropolitana, di una certa
cultura civica del mezzo di trasporto pubblico. Il risultato, trame di colore intessute dove
talvolta la figura scompare annegata dal tratto pieno e rotondo del gesto pittorico. Lo stesso
trattamento è applicato alla serie del "Dettato", in cui l'artista replica ripetutamente l'incipit dei
dettati della scuola primaria con una vera calli-grafia perfetta e stereotipata. Questa mostra
vuole essere un omaggio ad un artista nascosto, che non si è mai comportato come tale, che
abbiamo selezionato tra tanti altri all'interno della preziosa collezione dell'Archivio Storico
Singolare e Plurale raccolta e curata da Tea Taramino. Orario: dal mercoledì al sabato
14:00-19:00. Info: 011.4367910 - www.rizomi.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Sant'Agostino 18/D
"JUST ANOTHER" ALLA LUCE GALLERY
"Just Another", mostra collettiva comprendente i lavori degli artisti Davide Balliano, Ethan
Greenbaum, JPW3, Dustin Pevey e Leif Ritchie. La mostra è nata quasi per "assonanza"
intorno ad una canzone di Pete Yorn: Just Another. I dipinti in mostra sembrano contenere
quel sound che richiama i nostri momenti più semplici ma anche più intimi, i momenti in cui lo
spazio e il tempo sembrano fermarsi. Certe situazioni hanno una particolare atmosfera e si
relazionano in modo naturale con la musica. E così Just Another, la colonna sonora di questa
mostra s'ispira al trascorrere della vita, ma anche al voltar pagina o semplicemente passare ad
un altro show. Ciascuno dei cinque artisti in mostra possiede una sua musicalità che lo
accomuna allo spirito di Just Another, richiamando alla riflessione e all'intimismo. Orario: dal
martedì al sabato 15.30-19.30. Info: 011.8141011 - 335.5246817 - [email protected] www.lucegallery.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso San Maurizio 25
"FILIPPO SCROPPO E LE AVANGUARDIE ARTISTICHE DEL DOPOGUERRA" ALLA
FONDAZIONE AMENDOLA
"Filippo Scroppo e le avanguardie artistiche del Dopoguerra": opere 1945-1970 di Scroppo,
Gavlano, Crippa, Saroni, Ramella, Gribaudo, Ruggeri, Soffiantino, Gorza, Surbone e Griffa.
Orario: lunedì - venerdì ore 10-12.30, 15.30-19.00 sabato, domenica e visite guidate su
prenotazione. Info: 011.2482970 - 348.2211208 - [email protected] www.fondazioneamendola.it
fino al 15/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Tollegno 52
TORINOSETTE | Arte
122 / 195
Arte
SOPHIE CALLE AL CASTELLO DI RIVOLI
"MAdRE", personale di Sophie Calle, a cura di Beatrice Merz. Sophie Calle, protagonista
indiscussa della scena artistica mondiale, propone un progetto interamente site-specific per le
sale auliche al secondo piano della Residenza Sabauda. La mostra si articola sullo sviluppo di
due importanti progetti che l'artista ha posto in essere da diversi anni: Rachel, Monique e Voir
la mer. Orario: da martedì a venerdì 10.00-17.00; sabato e domenica 10.00-19.00; lunedì
chiuso; 24 e 31 dicembre 10.00-17.00; aperto il lunedì di Pasqua; chiuso 1° gennaio, 1°
maggio e 25 dicembre. Ingresso: 6,50 euro; ridotto: 4.50 euro per ragazzi 11-14 anni,
pensionati, insegnanti, studenti, militari, associazioni culturali ed enti convenzionati. Gratuito
per i minori di 11 anni e per i disabili. Info: 011.9565222 - www.castellodirivoli.org www.castellodirivoli.tv - [email protected] Prorogata fino al 15 marzo.
fino al 15/03/2015
ore 19:00
Rivoli (TO)
Castello di Rivoli
KATARZYNA WYSOCKA AL POLSKI KOT
"Bez Tytulu", personale della pittrice polacca Katarzyna Wysocka. Nata a Lodz nel '83, l'artista
ha trascorso l'infanzia nella campagna sud-orientale della Polonia, che ha ispirato il suo
percorso artistico. La pittrice racconta: "La natura è la principale fonte d'ispirazione per i miei
quadri, dove si intrecciano i paesaggi campagnoli e dove esploro il mondo animale. Nello
stesso tempo la natura costituisce per me l'ispirazione per le ricerche astratte. Costanti sfide
formali forniscono i fiori e gli oggetti materiali nei quali mi misuro con la forma e il colore".
Katarzyna Wysocka, laureatasi presso l'Accademia Albertina di Torino, presenta per la prima
volta le sue opere, create nell'arco degli ultimi 15 anni. Info: polskikot @libero.it - 333.5205763
fino al 16/03/2015
ore 19:00
Torino
Via Massena 19
LUCIA CAPRIOGLIO AL COLLEGIO SAN GIUSEPPE
"Nature", personale di Lucia Caprioglio. In mostra 21 tele inedite a tecnica mista, con utilizzo di
incisioni, pittura e collage elaborati insieme. Orario: da lunedì a venerdì 10,30-12,30 e
16-18,30; sabato 10-12,30
fino al 16/03/2015
ore 17:30
Torino
Via San Francesco da Paola 23
TORINOSETTE | Arte
123 / 195
Arte
MARCO DALBOSCO DA PAOLO TONIN ARTE CONTEMPORANEA
"Paper religions project 2005 2014", personale di Marco Dalbosco. Esposto recentemente nel
corso di prestigiosi appuntamenti quali la mostra "Afterimage" presso la Galleria Civica/Mart di
Trento e ne "L'Arte guarda avanti" come opera finalista del Premio Terna6, il progetto
complessivo "Paper Religions #Jerusalem" viene presentato per la prima volta da Paolo Tonin
dalle sue origini nel 2005 ad oggi. Il lavoro ha preso avvio dalla necessità di indagare le
problematiche del conflitto Israeliano-Palestinese, assumendo nella sua evoluzione
l'espressione di libertà di ogni singolo individuo, investendo questioni di carattere religioso che
finiscono per riferirsi alla possibilità stessa di affermare l'identità individuale. Nel 2008, come
evento Parallelo di Manifesta7, nasce "Paper Religion #The Wall", diretto riferimento alla West
Bank in Israele. Per questo lavoro Marco Dalbosco ha raggruppato dodici persone che hanno
lavorato assieme per una settimana allo scopo di costruire un muro. Realizzato tuttavia con
mattoni di carta piegati secondo la tecnica dell'origami, il muro perde i suoi connotati di
barriera e di confine. Con questo specifico materiale e con la sua lavorazione, l'artista trascrive
la fragilità dell'essere umano e manifesta il potere di costruire, ciascuno con le proprie mani,
l'avvenire e la storia. Assumendo la città di Gerusalemme come simbolo di rispetto e
convivenza di molteplici credenze religiose, nel 2011 si concretizza Paper Religion
#Jerusalem: il mattone che divide, separa, crea un limite, è allo stesso tempo l'elemento base
per la costruzione di ogni tipo di edificio religioso. I mattoni vengono disposti a terra formando
un tappeto su cui vengono "sospese" le tre chiese monoteiste: una Chiesa Cattolica, una
Sinagoga e una Moschea. Anch'esse di carta, condividono con i mattoni la condizione di
fragilità. In mostra è presentata per la prima volta l'espressione complessiva di questo lungo e
partecipato percorso di ricerca e consapevolezza. Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle
13 e dalle 14,30 alle 19; sabato su appuntamento. Info: 011.19710514 - [email protected]
- www.toningallery.com
fino al 20/03/2015
ore 19:00
Torino
Via San Tommaso 6
"FRANCESCO MENNYEY" ALLA GALLERIA LA CONCHIGLIA
Acqueforti e disegni di Francesco Mennyey. Orario: dal martedì al venerdì 15-19; sabato 10-12
e 15-19. Info: 011.6991415
fino al 20/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Zumaglia 13bis
TORINOSETTE | Arte
124 / 195
Arte
NELLA MARCHESINI ALLA GALLERIA OPERE SCELTE
"Parole di pittore. Nella Marchesini - tra disegno e scrittura". La mostra è incentrata sul
rapporto intenso, tra disegno e scrittura, esistente nella produzione artistica di Nella
Marchesini. L'artista, allieva prediletta di Felice Casorati, sente l'arte come un'urgenza vitale
da manifestare in ogni modo e su ogni supporto possibile. Nel lavoro della Marchesini, il
disegno e la scrittura sono due modalità fondanti in quanto pratiche veloci, sintetiche e
accessibili: con una semplice matita Nella ha potuto rappresentare l'universo complesso del
suo essere anche nei momenti più difficili della sua vita. Queste due modalità non sono solo
facilmente realizzabili, ma possiedono una ricchezza d'espressione eccezionale che l'artista
coglie con diverse sfaccettature miscelandone le peculiarità che spesso si determinano
vicendevolmente. Il disegno non è solo bozzetto preparatorio per i vari dipinti, ma è
un'istantanea del quotidiano, dell'intimità più precaria ed effimera che svela però la parte più
autentica dell'emozione e del pensiero. Con il disegno Nella Marchesini riesce a eludere parte
della rigida impostazione di matrice casoratiana, dando forma al suo ambiente familiare e alle
sue esperienze con un'affascinante proiezione personale che fa emergere la sua sensibilità,
articolata e vigorosa. Trasfigurazioni religiose e deformazioni simboliche, presenti sia nei
disegni che negli scritti, rivelano molto chiaramente chi è Nella Marchesini: artista, donna e
madre. Nel tempo l'artista ha scritto una sorta di Zibaldone sul quale lei annota pensieri, sogni
e paure nello stesso modo in cui disegna. Vi è un'interrelazione unica e sorprendente tra
scrittura e disegno. Così anche i libri letti dalla Marchesini diventano essi stessi opere d'arte in
quanto accolgono disegni e rielaborazioni grafiche inedite. Orario: martedì-sabato 15.30-20.
Info: 011.5823026 - 349.3509087 - [email protected] - www.operescelte.com
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Matteo Pescatore 11/D
MICHAEL BIBERSTEIN DA GIORGIO PERSANO
Michael Biberstein, personale. Nato a Solothurn, Svizzera, nel 1948. Nel 1964 si trasferisce
negli Stati Uniti. Al Swarthmore College di Philadelphia incontra David Sylvester sotto la cui
guida studia Storia dell'Arte. Dopo aver vissuto tra gli Stati Uniti e la Svizzera, nel 1979 si
trasferisce in Portogallo, dove trascorrerà la maggior parte dei suoi anni, sino alla morte
improvvisa, sopraggiunta nel 2013. Pittore autodidatta, dagli anni '70 le sue opere vengono
esposte in tutto il mondo e sono presenti nelle collezioni di arte contemporanea di musei e
fondazioni, tra i quali: il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, il Whitney
Museum of American Art di New York, il Calouste Gulbenkian Foundation Centre for
Contemporary Art di Lisbona, la Serralves Foundation di Oporto, il Museu Colecção Berardo di
Lisbona. Orari: martedì - sabato 10,00-13,00 e 15,30-19,00. Info: 011.4378178 - 011.835527 [email protected] - www.giorgiopersano.org
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Principessa Clotilde 85
TORINOSETTE | Arte
125 / 195
Arte
BRUNO MARTINAZZI ALLO SPAZIO DON CHISCIOTTE
Personale di Bruno Martinazzi, scultore e orafo di fama internazionale. Tra le opere presenti
nella mostra, curata da Massimo Ghiotti, ci sono sculture di media dimensione che vanno dagli
anni '80 agli anni '90; una serie di piccole sculture intitolata "Pagine di pietra" tutte di recente
produzione; 12 disegni del 1980 facenti parte degli studi preparatori del libro "I cieli e la terra e
tutte le tue creature" (Noire editore 1988) e quattro gioielli. Nato a Torino nel 1923, allievo degli
stessi insegnanti di Primo Levi, Martinazzi si laurea in Chimica Pura all'Università di Torino.
Durante la guerra partecipa come partigiano combattente alla resistenza, ed è insignito della
Croce di Guerra. Frequenta la Libera Accademia d'Arte di Torino e gli Istituti d'Arte di Firenze
e Roma. Esordisce come orafo nel 1954, dopo quattro anni spesi come direttore di Tintoria
alla fabbrica tessile Magnoni Tedeschi, per poi affermarsi come scultore. È stato inoltre
docente all'Accademia Albertina di Belle Arti. Grazie ad artisti come Martinazzi a partire dagli
anni Sessanta, il gioiello contemporaneo sia entrato a far parte delle più importanti collezioni
museali internazionali; le sue creazioni figurano infatti nelle collezioni, tra gli altri, del
Metropolitan di New York e dell'Hermitage di S.Pietroburgo. Orario: martedì-sabato
10.30-12.30 e 15.30-19.30. Info: [email protected] - 011.19771755 www.fondazionebottarilattes.it
fino al 21/03/2015
ore 18:30
Torino
Via della Rocca 37
"OPERE IN PERMANENZA" ALLA GALLERIA20
"Opere in permanenza", collettiva comprendente opere di Enzo Briscese, Ermanno Barovero,
Nino Aimone, Piero Ferroglia, Alessia Zolfo, Francesco Preverino, Dario Rosolen, Leonardo
Pecoraro, Franco Margari, Marco Vigo, Romano Buratti, Domenico Lasala, Discepolo Girardi,
Elviro Coni. Orario: dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19. Info: 011.3724087 [email protected] - www.galleria20.jimdo.com
fino al 21/03/2015
ore 17:00
Torino
Corso Casale 85/B
GALLIANO GALLO DA CARACOL
"Invasioni", personale di Galliano Gallo. "Nelle sue opere pittoriche l'artista Gallo accede ad un
mondo incantato, in cui si coglie la scoperta genuina di un "qualcosa" che parte da molto
lontano. Lo sguardo innocente dell'infanzia osserva per la prima volta, con gioia e curiosità ciò
che gli si offre. I colori vividi colpiscono l'attenzione; le figure vagamente zoomorfe si
inseguono in un gioco di danza, unite da un filo conduttore che non si perde mai, anzi le tiene
insieme come le perle di una collana. E' un ritorno alle origini, dove forme semplici si
realizzano in un liquido creatore, moltiplicandosi per continuare la vita, per trasformarla. Il
movimento è continuo, coinvolge tutto; il ritmo serrato e vivace ci invita a partecipare a questo
tripudio di colori, ad afferrare, a non indugiare in contorti pensieri, ma a considerare con
rinnovata semplicità la purezza dell'inizio, che è lì a portata di mano, pronta per noi"
(Francesca Luce Milardi). Orario: martedì, mercoledì e giovedì 15.30-19.30; venerdì e sabato
10.30-19.39. Info: 393.2164821 - www.caracolarte.it
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Saluzzo 23
TORINOSETTE | Arte
126 / 195
Arte
RIVAROLO - CLEMENTINE CARSBERG A CASA TOESCA
"Secret de famille - Les angles morts", residenza d'artista di Clementine Carsberg. Al primo
piano, fino al 30 novembre, "Alias/self portraits", fotografie di siciliana Carmen Cardillo. Orario:
sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00; mercoledì dalle ore
17.00 alle ore 20.00. Info: www.areacreativa42.com - [email protected] - 335.1227609
fino al 22/03/2015
ore 18:00
Rivarolo (TO)
Via Ivrea 42
PIER PAOLO CALZOLARI IN VIDEOTECA GAM
Prosegue in Videoteca GAM il ciclo di incontri e mostre, a cura di Elena Volpato, dedicato al
video in Italia negli anni Sessanta e Settanta. Il primo appuntamento del 2015 vede
protagonista Pier Paolo Calzolari che incontra il pubblico della GAM martedì 13 gennaio alle
18.30. L'artista, in conversazione con Elena Volpato, parlerà del suo interesse per la
dimensione temporale e visiva del linguaggio filmico e video, dell'esperienza di lavoro con
Gerry Schum e ripercorrerà lo sviluppo del suo ciclo di opere intitolato "Day after Day a Family
Life" da cui sono tratti i lavori "Cucù", 1972?73, "Aeroplano", 1972 e "Lettere di Tiziano", 1974,
provenienti dall'Archivio della Fondazione Calzolari che la Videoteca GAM è orgogliosa di
poter presentare in esposizione nei propri spazi. L'incontro con Pier Paolo Calzolari offre
l'occasione di ascoltare uno dei più importanti protagonisti della storia del video d'artista, per la
rilevanza delle opere da lui girate in pellicola e video, e per il ruolo che il suo studio bolognese,
a Palazzo Bentivoglio, ebbe tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta, sia come
luogo d'incontro tra esponenti delle avanguardie internazionali, artistiche e teatrali, sia come
studio di registrazione di opere filmiche di altri artisti. In mostra in Videoteca GAM fino al 22
marzo quattro opere video realizzate dall'artista tra il 1970 e il 1974: "Senza titolo", da
"Identifications" di Gerry Schum, 1970, collezione Videoteca GAM; "Aeroplano" ["Day after
Day a Family Life"], 1972, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Cucù - The glass reflects"
["Day after Day a Family Life"], 1972?1973, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Lettere
di Tiziano" ["Day after Day a Family Life"], 1974, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari.
Orario: martedì - domenica 10.00-18.00 giovedì: 10.00-22.30. La biglietteria chiude un'ora
prima. Ingresso gratuito in videoteca. Non occorre appuntamento. Info: 011.4429597 - email
[email protected] - www.gamtorino.it
fino al 22/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
PRAGELATO - KURT MAIR E VINICIO PERUGIA ALLA TINBER ART GALLERY
"Coincidere", incisioni di Kurt Mair e Vinicio Perugia. Orario: sabato 16.00-18.30, domenica
10-12.30 - 15.30-18.00. Info: 0122.78461 - www.tinberartgallery.it
fino al 22/03/2015
ore 17:00
Pragelato (TO)
Via Albergian 20
TORINOSETTE | Arte
127 / 195
Arte
"DAB - DESIGN PER ARTSHOP E BOOKSHOP" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"DAB - Design per Artshop e Bookshop". Esposizione dei prototipi selezionati in occasione
della V edizione dell'omonimo concorso nazionale. Il progetto DAB, nato nel 2006, è promosso
da GAI - Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani e realizzato dall'Ufficio Giovani
d'Arte del Comune di Modena. DAB rientra nella Convenzione Progetto DE.MO. - sostegno al
nuovo design e alla mobilità, siglata tra GAI e Ministero dei beni e delle attività culturali e del
turismo (MiBACT) - Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane
e Direzione Generale Musei. La Mostra DAB presenta i progetti proposti da 20 designer
selezionati dalla Commissione composta da Sandra Tucci, referente del progetto per il
MiBACT - ex DG PaBAAC Servizio V; Patrizia Rossello dell'Associazione GAI e Michele Zini,
Architetto e Designer dello Studio ZPZ Partners. In mostra i prototipi di: Antonio Abatangelo;
Chiara Angioli; il collettivo formato da Margarita Aviles De Carlos, Marco Fogaccia, Shi Jintian,
Nicoletta Marangoni e Maria Montes De Oca; Emilio Baria; Ilaria Bartolini; Lucia Biancalana e
Eleonora Bompieri; Bottega Krua di Giada Fogliato e Arianna Piazza; Code0039 di Dante
Antonucci, Laura Crognale, Stefania Quintili e Alessandro Zuppa; De-sign di Daniela Cavasin
e Enrica Zanini; Alessandro Esposito, Federico Fiordigiglio; Alberto Galotta e Federica Lissoni;
Gian Piero Giovannini; Massimiliano Marianni; Elena Maurigh; Costanza Palmirani; Lorenzo
Passi; Arianna Piazza; Daniele Piazzola; Studio Alchemico di Giulio Bogani e Sofia Crescioli.
La commissione ha selezionato progetti che rispondessero positivamente a tre requisiti del
concorso: appartenenza allo scenario della cultura del progetto contemporaneo; effettiva
compatibilità con i museum shop per caratteristiche dell'oggetto, prezzo, mercato; possibilità di
essere prodotti in modalità di autoproduzione o con filiera produttiva non tradizionale. Si è
cercato di selezionare anche progetti sviluppati in ambiti di ricerca eterogenea o capaci di
proporre nuove tipologie di prodotto, così da avere uno scenario ampio di proposte che desse
profondità a una lettura complessiva, in sede di catalogo o di mostra. La Commissione ha
assegnato inoltre, ex-aequo il Premio Speciale MiBACT - Patrimonio culturale a Alberto
Galotta e Federica Lissoni, premio istituito nel 2011, in occasione della III edizione di DAB, per
incentivare la progettazione, da parte dei giovani designer, di oggetti contemporanei, ma
liberamente ispirati al vasto patrimonio culturale ed artistico del nostro paese e per questo
collocabili negli spazi commerciali di musei e siti archeologici. Il Premio MiBACT consiste
nell'assegnazione ai vincitori di fondi per l'autoproduzione degli oggetti e la promozione degli
stessi in importanti vetrine nazionali ed internazionali. La mostra, proveniente dal MAXXI di
Roma, farà successivamente tappa ad aprile presso l'area del bookshop della Fondazione
Fotografia al Foro Boario di Modena, a maggio a Lecce presso il prestigioso Castello di Acaya.
Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 22/03/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
MAX PAPESCHI DA DAVICO
"Je ne regrette rien", personale di Max Papeschi. Orario: da martedì al sabato dalle 10.00 alle
12.30 e dalle 16.00 alle 19.30. Chiuso lunedì e festivi. Info: 011.0362954 [email protected] - www.davicoarte.it
fino al 28/03/2015
ore 18:30
Torino
Galleria Subalpina 21
TORINOSETTE | Arte
128 / 195
Arte
CARMAGNOLA - "MESSICO CIRCA 2000" A PALAZZO LOMELLINI
"Messico Circa 2000", mostra comprendente 94 opere di 81 artisti messicani del nostro tempo,
tratta dalla collezione dell'imprenditore messicano Josè Pinto Mazal. La mostra è parte della
grande collezione di Josè Pinto Mazal. In essa vi sono raccolte opere che spaziano attorno al
terzo millennio (da qui il titolo di Messico Circa 2000) cioè dal 1980 ad oggi, di artisti messicani
e stranieri che hanno trovato in Messico il luogo ideale per la loro produzione. Non è una
mostra di tendenza, in quanto il collezionista non sceglie le opere secondo una sua particolare
propensione artistica, ma quelle che meglio documentano, attraverso l'arte, lo status del
Messico oggi e soprattutto di Città del Messico. Vi predomina la pittura, ma vi appaiono anche
altri linguaggi come la fotografia, il disegno, la scultura. Le opere sono diversissime tra di loro,
seguendo i criteri disparati dei linguaggi artistici contemporanei che dagli inizi del secolo
scorso hanno frantumato le regole tradizionali dell'arte. L'arte messicana della
contemporaneità si appropria infatti delle tendenze europee imprimendovi però, un marchio
che discende ancora dalle antiche culture precolombiane. L'ambiente, il deserto, la
dimensione tropicale s'insinua in queste superbe testimonianze visive arricchendole di
un'energia incontenibile. E anche la violenza vi traspare - quella che contraddistingue l'attuale
realtà messicana condizionata dalla lotta tra il governo e cartelli del narco-trafico, dal
femminicidio lungo i confini con gli U.S.A - una violenza filtrata in termini metaforici o allusivi.
Molti degli artisti qui presenti hanno frequentato la prestigiosa Scuola nazionale d'arte
Esmeralda, di Città del Messico, abbinata all'I.N.B.A., Istituto Nazionale di Belle Arti. E quasi
tutti vantano curricula internazionali, con puntate in Europa, nell'estremo Oriente, in Australia.
In questa mostra troviamo diversi linguaggi formali , la figuratività, l'astrazione, il realismo e
l'informale, l'espressionismo (che ora diviene neo-espressionismo), il surrealismo, il
concettuale e l'iperrealismo. In sostanza appare sia la realtà che il sogno, ossia dimensioni
"altre" che s'insinuano nel reale. Molto spesso le diverse tendenze si sovrappongono e si
fondono, secondo un paradigma messicano che tende al racconto complesso, stratificato,
spesso simbolico. Nella mostra sono esposte opere di numerosi artisti di valenza
internazionale come Gabriel Orozco, Francis Alys, Julio Galan, Demian Flores, Graciela
Iturbide, Monica Castillo, Irma Palacios, Jerman Venegas, Alfonso Mena Pacheco, Barry
Wolfryd. Nell'arco del suo sviluppo la mostra, che prevede delle visite guidate, proporrà eventi
collaterali integrativi della cultura messicana, con work-shop, performance multimediali,
espressioni sonore, che verranno via via comunicati nel dettaglio. L'allestimento è curato da
Rodrigo Witker con la collaborazione d Emma Ariza, ed è accompagnato da un volume
bilingue (italiano/inglese) edito in occasione della prima edizione. Orario: giovedì, venerdì,
sabato 15,00-18,00; domenica 10,00-12,00 e 15,00-18,00. Ingresso gratuito. Info:
www.palazzolomellini.com
fino al 29/03/2015
ore 18:00
Carmagnola (TO)
Piazza Sant'Agostino 17
"CON I MIEI OCCHI" IN GALLERIA SAN FEDERICO
"Con i miei occhi", mostra fotografica di Isabella Greggio, allestita nella cornice di Galleria San
Federico di Torino in occasione del progetto Sar.to La moda illumina Torino. I luoghi e i volti
ritratti raccontano un percorso emozionale e la storia personale di una giovane fotografa che,
superando le oggettive difficoltà di una malattia che l'ha colpita agli occhi, continua a girare il
mondo e a ritrarlo. Orario: dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00; domenica dalle 15.00
alle 19.00; lunedì chiuso.
fino al 31/03/2015
ore 17:30
Torino
Galleria San Federico
TORINOSETTE | Arte
129 / 195
Arte
PABLO BRONSTEIN DA FRANCO NOERO
"We live in Mannerist times", personale di Pablo Bronstein. L'artista argentino, che ha
recentemente ricevuto la Duveen Commission dalla Tate Britain per il 2016, si è qui
confrontato, similmente a quanto accaduto per la mostra al Metropolitan Museum di New York,
con la storia - in questo caso industriale - dell'edificio che ospita la mostra riflettendo sul
potenziale decorativo della tecnologia e su come il progresso scientifico sia non di rado al
servizio dell'estetica. Orario: lunedì 15.00-19.00; martedì-venerdì 11.00-19.00; sabato
15.00-19.00 o su appuntamento. Info: 011.882208 - [email protected] www.franconoero.com
fino al 02/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Mottalciata 10/B
TORINOSETTE | Arte
130 / 195
Arte
VICTORIA STOIAN DA ALBERTO PEOLA
"Codri Earthquake", personale di Victoria Stoian. La mostra è il risultato della sua
collaborazione con Clara Sofia Rosenberg, che da anni ne segue il lavoro supportandolo sul
piano teorico. Victoria e Clara Sofia hanno frequentato l'Accademia di Belle Arti di Torino dal
2009, in un percorso complementare tra l'attività pittorica dell'una e quella critica dell'altra. La
mostra di Victoria Stoian raccoglie una serie di lavori intorno al tema dell'assenza di un punto
di riferimento. Come recita il titolo, le opere rappresentano il caos e l'instabilità prodotti dalla
catastrofe naturale, in particolare dal terremoto che colpì la Moldavia nel 2011. Di
quell'esperienza, che ha coinvolto la sua famiglia, l'artista ricorda: «Quel 25 agosto alle 04:30
del mattino si verificò un violento terremoto di magnitudo 7,5 con epicentro a breve distanza
da Chi?in?u, dove sono nata e cresciuta. Due onde sismiche si sono succedute per una
durata di 52 secondi: migliaia di persone senza riparo, linee elettriche, strade e ferrovie
distrutte; dighe rotte e villaggi allagati con fuoriuscita di sostanze tossiche. Le Codri, le foreste
più grandi della Moldavia, sono state gravemente danneggiate. Questo mio lavoro è un
omaggio intimo e sofferto alla biografia di un popolo e alla feroce bellezza della natura che con
un colpo secco cambia linee, colori e vite». I quadri oggi esposti in galleria costituiscono una
parte dei 52 previsti dal progetto in fieri Codri Earthquake, ognuno dei quali corrisponde a
un'unità di tempo specifica del terremoto: il secondo. Vengono così messe in relazione, da un
lato, la durata del fenomeno con lo sviluppo del ciclo pittorico, e dall'altro, l'area geografica
colpita dal sisma con l'area della tela, ospite della rielaborazione del dramma. Come dice
l'artista, «in un terremoto il primo secondo può essere della stessa violenza dell'ultimo. Anzi,
forse il primo impatto è ancora più forte e destabilizzante». Per questo motivo, la serie Codri
Earthquake si sviluppa con un andamento cronologico, ma le singole opere non riportano la
violenza del terremoto in successione crescente: ogni quadro del progetto rappresenta infatti
un possibile grado di percezione della catastrofe, che non necessariamente corrisponde al suo
reale grado di intensità. Il tema dell'assenza di punti di riferimento proposto nelle opere
rimanda a un senso di destabilizzazione, percepibile in termini di panico e smarrimento. Ma,
d'altro canto, il potenziale generato da quest'assenza di vincoli può essere colto anche come
un'occasione di libertà. Questa dicotomia tra panico e liberazione è espressa dall'artista
attraverso la rappresentazione di un mondo informe che contiene, però, delle forme
riconoscibili, come protrusioni, annidamenti o ramificazioni. Il mondo organico che emerge da
questo repertorio visivo rimanda alla vitalità della natura - dal magma terrestre a correnti
marine e paesaggi abissali - e all'immaginario anatomico - dalla riproduzione cellulare a
filamenti, globuli e terminazioni nervose. Attraverso la tecnica del chiaroscuro, con
predominanza delle tonalità fredde, forme talvolta non finite, o cancellate, si stratificano in un
gioco di trasparenze e in un'alternanza di piani pittorici. Pur in assenza di un'architettura e di
una linea dell'orizzonte, Stoian riesce in questo modo a ricreare un senso di profondità nelle
forme che si affusolano in direzione di un punto di fuga ideale nella tela, inserendo nell'informe
accenni di prospettiva. I criteri su cui si fonda la ricerca di Victoria Stoian sono l'importanza
attribuita alla sostanzialità della materia, l'approccio diretto e la presenza fisica dell'artista nel
lavoro, e la necessità di coinvolgere lo spettatore attraverso la forza dell'opera in sé.
L'esperienza personale e il suo percorso artistico sono saldamente intrecciati: migrata a Torino
all'età di ventun anni, Victoria inizia a tradurre gli stimoli della nuova realtà, così diversa, in un
linguaggio pittorico denso di rimandi introspettivi e culturali. Attraverso un soggetto fortemente
autobiografico l'artista riesce ad affrontare temi collettivi, come il terremoto o la migrazione,
che riguardano il rapporto degli esseri umani con la storia e con il territorio, in una ricerca che
crea uno spazio di condivisione aperto e flessibile. Orario: da martedì a sabato dalle 15 alle
19, mattino su appuntamento. Info: 011.8124460 - 335.6191039 - [email protected] www.albertopeola.com
fino al 03/04/2015
ore 18:00
Torino
Via della Rocca 29
TORINOSETTE | Arte
131 / 195
Arte
FEDERICO GUERRI DA WEBER & WEBER
"Frammenti", personale di Federico Guerri. L'arte appartiene originariamente alla natura. È
natura. E in quanto tale contempla e dà forma a se stessa. È dunque tempo che l'arte,
memore del suo stato aurorale, torni a muoversi per iniziativa dei propri tratti. È tempo che la
scrittura segnica torni a decidere dei propri tracciati e delle proprie luci. Di tutto. Anche delle
tenebre. Nulla deve nascere se non dai suoi impulsi, dai suoi spasimi, dai suoi getti, violenti o
pacati che siano. È quanto accade nell'opera di Federico Guerri, dove la scrittura sceglie
innanzitutto di essere disegno e di non porsi al servizio che del proprio accadere. La scrittura
danza e iscrive in questo esordio il carattere inafferrabile dello scaturire del segno e l'annuncio
dell'enigmatica soglia tra ciclica sparizione e nuovo inizio. Non ha principio né fine. Appare e
passa. Appare al nostro orizzonte come potrebbe fare il vapore acqueo. Presenza e venirealla-presenza si uniscono e si confondono in questi luoghi verso i quali ci conduce Federico
Guerri: sono luoghi pienamente riconoscibili, pur rivelandosi la loro vera sostanza come ombra
e parvenza. Orario: da martedi a sabato 15.30-19.30. Info: www.galleriaweber.it [email protected] - 011.19500694
fino al 04/04/2015
ore 18:00
Torino
Via San Tommaso 7
"MANIERA NERA" ALLA NORMA MANGIONE GALLERY
"Maniera Nera", collettiva a cura di Francesco Barocco. In mostra lavori di Vija Celmins,
Richard Earlom, F. Green, Richard Houston, Elizabeth Judkins, S. W. Reynolds e John
Raphael Smith. Orario: dal martedì al sabato 15.30-19.30 o su appuntamento. Info:
011.5539231 - [email protected] - www.normamangione.com
fino al 04/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Matteo Pescatore 17
TORINOSETTE | Arte
132 / 195
Arte
RÄ DI MARTINO ALLA GAM PER "VITRINE"
Riparte il 10 febbraio alla GAM di Torino "Vitrine", il progetto dedicato alla ricerca artistica
contemporanea. Possibilità, titolo della quarta edizione, pone l'attenzione sulle trasformazioni
della vita, del suo divenire di cui l'arte ricalca la natura mutevole e fluida. Come un vetro
trasparente, "Vitrine" stabilisce un punto di interazione, di dialogo e di lettura tra le ricerche
artistiche più contemporanee e il flusso incessante degli stimoli fisici e simbolici della
quotidianità. Gli artisti protagonisti della quarta edizione di Vitrine sono: Rä di Martino,
Francesco Gennari, Francesco Barocco, Anna Franceschini, Luca Trevisani. "Vitrine" si
costituisce come una soglia, un passaggio che mette in comunicazione mondo interno ed
esterno al museo attuando un dialogo tra le ricerche artistiche con la realtà circostante. Lo
spazio e il tempo sono le coordinate imprescindibili con cui l'uomo si confronta costantemente
e che s'imprimono nel lavoro dell'artista. Tutto scorre e cambia, le percezioni si arricchiscono
di ricordi personali, del vissuto, della memoria culturale, storico?sociale e politica in una
metamorfosi continua. Mutamenti che investono la realtà naturale e urbana ma anche il
paesaggio dell'immaginario, lo spazio?tempo reale e quello mentale, interiore e intimo
dell'animo. Lo sguardo dell'artista coglie determinate situazioni, alcuni momenti, registra
cambiamenti che mescolano passato, presente e futuro, in una rielaborazione che trova
espressione nelle opere, restituendo attimi e impressioni. Il primo appuntamento dell'edizione
2015 vede protagonista Rä di Martino, che presenta alla GAM dal 10 febbraio al 6 aprile
l'opera "The Picture of Ourselves", video in bianco e nero che inquadra i primi piani alternati di
una bambina e di un giovane uomo dagli occhi chiari, due ritratti in cui affiorano suggestioni
della tradizione artistica, dalla pittura più antica fino alla fotografia più contemporanea, due
sguardi che sono la testimonianza della vita che scorre, si radica, si evolve in un infinito
intrecciarsi di possibilità. Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude
un'ora prima. Ingresso libero a Vitrine. Info: centralino 011.4429518 - segreteria 011.4429595 www.gamtorino.it/vitrine
fino al 06/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
GAVINO SANNA ALLO SPAZIO MOUV
"Livori in corso", personale di Gavino Sanna. In mostra una trentina di disegni, accompagnati
da brevi racconti, raccolti nel libro intitolato "Livori in corso" che Gavino Sanna ha dedicato ad
Alda Merini. La mostra si apre, così come nel libro, con un verso della Poetessa dei Navigli
"L'uomo fa male al fratello al primo sbadiglio del mattino" a cui segue la dedica di Alda Merini.
Orario: tutti i giorni dalle ore 10 alle 24; chiuso il lunedì. Nel periodo della mostra si
svolgeranno degustazioni libere e guidate dei vini di Cantina Mesa, l'azienda vitivinicola creata
dieci anni fa da Gavino Sanna con la moglie Lella a Sant'Anna Arresi nel Sulcis. Info:
[email protected] - www.spaziomouv.it - 331.5828996
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Silvio Pellico 3
TORINOSETTE | Arte
133 / 195
Arte
SERGIO STAINO ALLA GAM
"Un racconto di Berlino, 1981", personale di Sergio Staino - uno dei più conosciuti e amati
disegnatori satirici italiani -, a cura di Danilo Eccher. Lo spazio Wunderkammer ospita più di
cento disegni che raccontano Berlino nel 1981, quando Staino, armato di carta, matita, china e
una macchina fotografica raggiunge la città e la interpreta con i suoi disegni. E qui Bobo, da
sempre l'alter ego del disegnatore, si ritrova a esplorare una città dalle mille contraddizioni e
dal grande fascino. Una metropoli in forte espansione architettonica e culturale, in quell'anno
ancora inserita nel cuore del comunismo europeo. "Ogni angolo era una scoperta, una
sorpresa, una suggestione: Berlino in quegli anni là era una città veramente unica per la
quantità di contraddizioni politiche e sociali che faceva coesistere in se stessa esprimendole,
poi, in forme architettoniche e ambientali assai diversificate (...) Tutto era esagerato in Berlino
Ovest: le luci, le insegne, le vetrine, tutte cose che adesso sembrerebbero normali ma che,
allora, erano profondamente innovative. Solo avvicinandosi al confine con la Repubblica
Democratica, e soprattutto al muro, l'atmosfera della città si faceva più scura e deprimente e la
contraddizione tra la vitalità lussuosa dell'Ovest e la tristezza poliziesca dell'est si facevano
evidenti". Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima.
Ingresso: euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011
4429518 - Segreteria tel. 011 4429595 e-mail [email protected]
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
134 / 195
Arte
ALDO MONDINO ALLA GAM PER "SURPRISE"
Martedì 10 febbraio inaugura alla GAM il primo appuntamento dell'edizione 2015 di "Surprise",
progetto espositivo che concentra l'attenzione su aspetti specifici del contesto artistico torinese
tra gli anni Sessanta e Settanta, in cui si intersecarono discipline diverse, dall'architettura al
design, dalla moda alla grafica, dalla musica alle arti visive e performative gettando in questo
modo le basi per il riconoscimento artistico di Torino a livello internazionale. A curare questo
terzo ciclo di appuntamenti, che prosegue per tutto il 2015, sono Maria Teresa Roberto,
docente di Storia dell'Arte Contemporanea presso l'Accademia Albertina di Torino e Gregorio
Mazzonis, curatore GAM. Al progetto è dedicata la sala espositiva della GAM al secondo
piano del museo. Al centro dell'attenzione sono poste di volta in volta opere, tracce di percorsi
espositivi, progetti inediti, riferimenti a contesti extra-artistici; si tratta di frammenti eterogenei
ma accomunati dal senso di stupore e meraviglia e di intensificazione delle energie vitali tipico
di quegli anni. Il protagonista del primo appuntamento è Aldo Mondino (Torino, 1938-2005) il
quale, dopo il periodo trascorso a Parigi dal 1959 al 1960 dove frequenta l'Ecole du Louvre e i
corsi di incisione di William Heyter, nel 1963 esordisce a Torino con una personale alla galleria
Il Punto, allora diretta da Gian Enzo Sperone. Presenta in questa occasione i suoi nuovi lavori,
le "Tavole Anatomiche", metafore della società contemporanea descritta attraverso gli organi
del corpo umano. "Sole" e "Immersore", entrambe realizzate nel 1967 e presentate nella
mostra alla GAM, rappresentano un'esperienza anomala nell'ambito della sua produzione
artistica, rivolta in questi anni al gioco e allo humour. L'arrivo della Pop Art in Italia proprio
grazie a Gian Enzo Sperone e la sua consacrazione nella mostra alla Biennale veneziana del
'64, costituisce un precedente fondamentale per tutta la ricerca artistica degli anni a venire.
Mondino si appropria anch'egli di alcune istanze quali il principio di sconfinamento dalla pittura
ottenuto con l'utilizzo di materiali che circondano il nostro ambiente, in questo caso legno e
lampadine a incandescenza. Se "Immersore" si ricollega , come ha notato Riccardo Passoni,
più alle istanze New Dada che sono discusse proprio in quegli anni, "Sole" traduce con i
materiali delle insegne luminose un tema caro alla pittura di paesaggio come l'alba, sul quale
tra l'altro si concentra la ricerca di uno dei maestri della Pop Art come Roy Lichtenstein negli
anni tra 1963 e 1964 e al quale Sperone dedica la mostra di apertura della sua galleria. Le due
opere hanno in comune, oltre ai materiali utilizzati, una misura fissa che guida la loro
installazione alla parete, 160 centimetri da terra, segnalata dall'artista da una etichetta della
galleria Stein sul verso di "Immersore". Questa linea immaginaria, che attraversa in orizzontale
l'opera, definisce il punto al di sotto del quale le lampadine devono rimanere spente e
corrisponde sia alla misura teorizzata da Masaccio come altezza fissa dell'occhio umano sia al
segno lasciato dalle acque dell'Arno su alcuni capolavori dell'arte fiorentina che impressionò a
tal punto Mondino da spingerlo a realizzare tra la fine del '66 e il 1967 una serie di opere. Tra
questi lavori vale la pena ricordare l'intervento alla mostra "Con temp l'azione" (gallerie Stein,
Sperone e Il Punto, Torino 1967) durante la quale l'artista unisce le sedi della mostra tirando
un filo rosso attraverso la città posto a 160 centimetri di altezza da terra. Orario: martedìdomenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima. Ingressi: euro 10, ridotto
euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011 4429518 - Segreteria tel. 011
4429595 e-mail [email protected]
fino al 07/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
135 / 195
Arte
"MARCO POLO - LA VIA DELLA SETA NELLE FOTOGRAFIE DI MICHAEL YAMASHITA"
AL MAO
Un viaggio per immagini, sulle tracce di uno dei più grandi esploratori di tutti i tempi: la nuova
mostra del Mao ricostruisce il percorso compiuto quasi mille anni fa da Marco Polo lungo la
Via della Seta, attraverso le fotografie di Michael Yamashita, fotografo di punta di National
Geographic. Nelle 76 fotografie esposte al Museo d'Arte Orientale ritroviamo piazza San
Marco e la laguna, il minareto di Samarra in Iraq e le carovane a bordo dei cammelli nel
deserto del Gobi. Non solo: la mostra, articolata in tre sezioni geografiche, ripercorre il tragitto
compiuto da Marco Polo dall'Italia alla Cina, ma anche la permanenza dell'esploratore in Cina
e il viaggio di ritorno via mare, lungo le coste dell'Indonesia e dell'India. Le immagini
desertiche lasciano così pian piano spazio alle distese d'acqua delle piantagioni di riso, agli
spettacolari paesaggi della baia di Ha Long nel Nord del Vietnam e agli sguardi penetranti dei
sadhu a Bombay. Orario: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18. Dal 7 febbraio al 1 marzo,
apertura e chiusura posticipata nei weekend (sabato dalle 11 alle 20; domenica dalle 11 alle
19). La biglietteria chiude un'ora prima. Il biglietto d'ingresso (10 euro) consente anche
l'accesso alla collezione permanente del museo. Info: 011.4436928 - www.maotorino.it
fino al 12/04/2015
ore 17:00
Torino
Via San Domenico 11
MOSTRA DEI FINALISTI DEL MARIO MERZ PRIZE ALLA FONDAZIONE MERZ
Mostra dei 5 finalisti della prima edizione della sezione arte del Mario Merz Prize. Gli artisti,
Lida Abdul (Kabul 1973), Glenn Ligon (New York 1960), Naeem Mohaiemen (Londra 1969),
Anri Sala (Tirana 1974) e Wael Shawky (Alessandria d'Egitto 1971), sono stati selezionati tra
le oltre 500 candidature pervenute dalla giuria composta da Marisa Merz, Beatrix Ruf
(direttrice dello Stedelijk Museum di Amsterdam) e Claudia Gioia (curatrice indipendente). Il
progetto espositivo, curato da Beatrice Merz raccoglie due o tre opere per ciascun autore,
scelte tra le più significative del loro percorso artistico. Il pubblico potrà esprimere la propria
preferenza visitando la mostra o collegandosi al sito mariomerzprize.org. Orario: martedìdomenica 11-19, lunedì chiuso. L'ingresso alla mostra è gratuito. Info: 011.19719437 [email protected] - www.fondazionemerz.org
fino al 12/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Limone 24
AVERY SINGER ALLA FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
"Pictures Punish Words", personale di Avery Singer, a cura di Beatrix Ruf. Sorprendenti per
tecnica e iconografia, i quadri di Avery Singer sovvertono le nostre aspettative visuali. A un
primo sguardo si sottraggono a una classificazione precisa come dipinti o elaborazioni a
stampa. Per questo sollevano l'interrogativo, ovvio e allo stesso tempo pressante per
un'artista, sul modo in cui le informazioni digitali che ci circondano possono concretizzarsi sotto forma di immagine piatta su carta o, più di recente, tridimensionale in plastica, o su ogni
altra possibile superficie materiale. Avery Singer ha realizzato un ciclo di opere pensate
appositamente per questa sua prima personale. Dopo una prima presentazione alla Kunsthalle
di Zurigo, la personale si sposta Torino, alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Orario:
giovedì 20-23 (ingresso libero); venerdì, sabato e domenica 12-19. Ingresso: intero euro 5;
ridotto euro 3 (over 65, studenti); gruppi euro 4 (minimo 6 persone); gratuito (per i bambini fino
a 12 anni, Insieme per l'Arte, abbonamento Torino Musei, giornalisti accreditati, soci ICOM).
Info: [email protected] - 011.3797600 - www.fsrr.org
fino al 12/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Modane 16
TORINOSETTE | Arte
136 / 195
Arte
"IL KABUKI DEI TRE SAMURAI: ARAKI, MORIMURA, SUGIMOTO" ALLA GALLERIA IN
ARCO
"Il kabuki dei tre samurai: Araki, Morimura, Sugimoto". Nobuyoshi Araki, Yasumasa Morimura
e Hiroshi Sugimoto sono i protagonisti della mostra a cura di Graziano Menolascina.
Nobuyoshi Araki, tra gli artisti più rappresentativi e prolifici della storia della fotografia,
racconta la donna, l'eros e il Giappone. Le donne di Araki sono spesso sdraiate su letti disfatti,
oppure distese sul pavimento in pose lascive, legate con corde, con i corpi ostentati e nudi ma
con sguardi in cui è completamente assente la volontà di sedurre. Yasumasa Morimura si
appropria invece di icone universali della storia dell'arte, dei mass media e della cultura
popolare interpretandole in prima persona. In particolare Morimura è interessato alle
trasformazioni sociali politico e culturali dovute alla penetrazione del capitalismo e dei miti del
mondo occidentale in Giappone. Morimura impersona Einstein, Marylin, Frida Khalo, Hitler il
risultato è un'opera e raffinata che nasce da una cura maniacale per i dettagli e l'uso di ritocchi
digitali, di costumi, pose e accessori ricercati che le rendono uniche. I tratti somatici non
modificati, sono l'unico mezzo che Morimura ha per rivendicare la propria origine e le proprie
tradizioni e l'unica via per fare ciò è la provocazione. Infine, ci sono gli scatti di Hiroshi
Sugimoto, immagini mentali, concetti la cui materializzazione è resa possibile grazie a un
rigoroso controllo del mezzo fotografico e del processo manuale di stampa, seguito anch'esso
personalmente dall'artista. Nella serie "Theatre" Sugimoto ha fotografato con tempi di
esposizione lunghissimi sale degli anni '20 e '30, cinema degli anni '50 e drive in. La luce
bianca degli schermi rettangolari, che illumina il resto dell'ambiente, contiene in sé l'intera
proiezione del film. In "Architectures" la tecnica dello sfocato priva le architetture moderniste di
connotazioni temporali. I lunghi tempi di esposizione dei "Seascape" bloccano il movimento
delle onde in immagini eterne, mentre il soggetto dei "Portraits" realizzati fotografando i
personaggi dei musei delle cere è l'immortalità stessa. Info: 011.8122927 - www.in-arco.com [email protected]
fino al 18/04/2015
ore 18:30
Torino
Piazza Vittorio Veneto 3
TORINOSETTE | Arte
137 / 195
Arte
"IL MONDO IN UNA TAZZA" A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta un percorso dedicato alla storia della tazza, attingendo dalle ricche
collezioni di arte decorativa conservate in museo. L'esposizione si riallaccia al tema della
porcellana torinese al centro di Fascino e splendore della porcellana di Torino, mostra curata
da Andreina d'Agliano e Cristina Maritano che apre in contemporanea alla Fondazione AccorsiOmetto e che presenta ben 90 opere provenienti dalle collezioni di Palazzo Madama. Le due
esposizioni offrono nel complesso un vero e proprio percorso cittadino dedicato al tema della
porcellana. Filo conduttore dell'esposizione è la tazzina: da tè, da caffè e da cioccolata.
Oggetto legato indissolubilmente all'introduzione in Europa delle bevande calde provenienti
dall'Oriente e dal Nuovo Mondo e al materiale esotico e prezioso per eccellenza, la porcellana.
A Palazzo Madama una sequenza di tazze, a partire dai blancs-de-chine, ovvero le porcellane
bianche cinesi prodotte a Dehua, mostra l'evoluzione delle forme e la varietà dei decori nelle
tazzine prodotte dalle manifatture europee nel Settecento: dai motivi di origine cinese e
giapponese, a quelli tratti dai libri di storia naturale, ai paesaggi derivati da incisioni olandesi e
tedesche, fino alle scene mitologiche e della letteratura cavalleresca. Contestualmente la
mostra è un'occasione per raccontare, per casi esemplari, la storia della porcellana, delle sue
particolarità produttive, della qualità della pasta e dei colori. Il valore socialmente
rappresentativo della porcellana emerge anche grazie all'esposizione di alcuni servizi araldici,
conservatisi integri per il loro valore altamente simbolico legato al passato illustre della casata
oppure smembrati e dispersi sul mercato antiquario. Una vetrina è dedicata alla principale
manifattura di porcellana operante in Piemonte nel Settecento, la Real fabbrica delle
porcellane di Vinovo, fondata nel 1776 grazie all'intraprendenza di un torinese, Giovanni
Vittorio Brodel, e di un ceramista di Strasburgo, Pierre-Antoine Hannong, e poi rilevata nel
1780 dal medico e chimico torinese, Vittorio Amedeo Gioanetti. Alla produzione di questa
fabbrica è dedicato un più ampio spazio nelle sale della mostra alla Fondazione AccorsiOmetto. In un'altra vetrina, l'artista Matilde Domestico, che da anni conduce ricerche sul tema
della porcellana, ambienta l'installazione Esistenza di porcellana, che si ispira alle poesie di
Emily Dickinson. Il lavoro dell'artista unisce oggetti e frammenti di carta e di porcellana su cui
emergono parole in acciaio. Intorno una superficie di polvere di marmo di Carrara, il caolino,
un materiale refrattario. Tutti gli elementi nel complesso rimandano all'idea di fabbrica, a una
realtà viva e produttiva. In sottofondo una base sonora composta dalla sovrapposizione ed
elaborazione di rumori meccanici, suoni metallici ripetitivi registrati all'interno dei reparti di
fabbricazione dell'Industria Porcellane IPA, si propaga tra le tintinnanti ceramiche antiche e
contemporanee. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00. La biglietteria
chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso: intero euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. In presenza di mostre temporanee le tariffe
potranno subire variazioni. Info: 011.4433501 - www.palazzomadamatorino.it
fino al 19/04/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
ISA MELSHEIMER DA QUARTZ STUDIO
"Examination of the Origins", personale dell'artista tedesca Isa Melsheimer (Neuss, 1968) che
per l'occasione ha concepito un'installazione site specific in cui elementi scultorei pensati a
partire dalle caratteristiche 'ambientali' di Quartz sono accostati alle forme architettoniche di
alcuni edifici della città. Visite su appuntamento. Info: 338.4290085 - [email protected] www.quartzstudio.net
fino al 28/04/2015
ore 19:00
Torino
Via Giulia di Barolo 18/D
TORINOSETTE | Arte
138 / 195
Arte
JOSEF KOUDELKA AL FORTE DI BARD
"Josef Koudelka, Vestiges 1991-2014", prima esposizione in Italia del più imponente progetto
fotografico di uno dei maestri mondiali della fotografia, mostra promossa dall'associazione
Forte di Bard in collaborazione con l'Agenzia Magnum Photos. Il progetto Vestiges, che vede
impegnato da oltre vent'anni il grande fotografo dell'agenzia Magnum Photos, propone la sua
interpretazione fotografica e artistica di alcuni dei più importanti siti archeologici della cultura
romana e greca, in un itinerario attraverso venti paesi, dalla Grecia al Libano, dalla Siria
all'Algeria, dalla Turchia all'Italia e di oltre duecento località che si affacciano sul Mar
Mediterraneo. Un'esplorazione che non ha precedenti, un lavoro fatto di costanza e
perseveranza. L'artista, come i pittori romantici del XIX secolo, coltiva una predilezione
particolare per le rovine, senza celebrarne l'atmosfera malinconica, ma con l'obiettivo di
restituirne l'autentica bellezza. Il suo intento è usare l'arte per riappropriarsi di un mondo che ci
sta sfuggendo e che potremmo perdere. Trasformare le macerie in speranza è il grande e
ambizioso progetto che Koudelka cerca di realizzare con il suo eccezionale viaggio, in
costante divenire che si arricchisce periodicamente di nuovi capitoli. In mostra oltre 60
fotografie di cui 22 panoramiche di grandi dimensioni. Un allestimento che coniuga il
minimalismo dell'approccio del fotografo e della cifra stilistica delle sue immagini, al suggestivo
senso di camminamento tra le rovine. In mostra anche la proiezione di circa 350 scatti relativi
ai set di Vestiges. Fino al 31 gennaio il Forte sarà aperto solo il sabato e la domenica dalle 10
alle 19; dal primo febbraio apertura consueta (feriali dalle 10 alle 18, festivi e prefestivi dalle 10
alle 19). Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 - 83382 e su
www.fortedibard.it
fino al 03/05/2015
ore 18:00
Bard (AO)
Forte
"AL FRONTE" AL MUSEO DEL CINEMA
"Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande Guerra", mostra a cura di Roberta
Basano e Sarah Pesenti Campagnoni. Cento anni fa, la Grande Guerra investe il Vecchio
Continente con la sua modernità che, oltre alle armi micidiali, annovera l'utilizzo di nuovi mezzi
di comunicazione. Tra queste la fotografia e il cinema si rivelano risorse fondamentali nel
definire gli equilibri di potere dei principali paesi belligeranti. Scatti e riprese realizzati da
fotografi e operatori militari invadono le pagine di quotidiani e riviste e dominano gli spettacoli
cinematografici di tutto il mondo, trovando una eco nelle innumerevoli fotografie amatoriali
accumulate dai reduci e dalle loro famiglie, memoria di un'esperienza umana e sociale
estrema e contraddittoria. La mostra "Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande
Guerra" propone un percorso di immagini attraverso 160 fotografie inedite, scattate da Luis
Bogino al seguito del Regio Esercito Italiano e dai soldati fotoamatori dislocati sui di guerra.
Accanto a questo primo tracciato si sviluppa il percorso cinematografico: una selezione di film
"dal vero", girati al fronte e nelle retrovie, e di titoli di fiction di epoche diverse, testimonianza di
un'eredità visiva e culturale variamente interpretata nel corso del tempo. Lo sguardo di artisti
come Paola De Pietri, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi propone infine una lettura
personale della prima guerra mondiale, dei luoghi che essa ha attraversato e di una memoria
spesso dimenticata. Orario: da martedì a venerdì 9.00-20.00; sabato 9.00-23.00; domenica
9.00-20.00; lunedì chiuso. Ultimo ingresso un'ora prima della chiusura. Ingresso: intero euro
14,00; ridotto (studenti universitari fino a 26 anni, over 65, gruppi min. 15 persone) euro 11,00;
giovani e scuole (da 6 a 18 anni, gruppi scolastici) euro 8,00; gratuito fino a 5 anni, disabili e
accompagnatore, Torino+Piemonte Card.
fino al 03/05/2015
ore 19:00
Torino
Via Montebello 20
TORINOSETTE | Arte
139 / 195
Arte
"ASTRATTISMO IN EUROPA" AL FORTE DI BARD
"Astrattismo in Europa. Kandinsky, Popova, Majakovskij, Malevi?...": oltre 80 opere,
principalmente olii e disegni di straordinario valore, appartenenti a una prestigiosa collezione
privata tedesca, per la prima volta esposta in Italia. La collezione, riunita con passione e
costanza nel corso di anni, costituisce un nucleo tematico omogeneo con aspetti storicogeografici di grande interesse: le opere illustrano le tendenze artistiche dell'Europa Orientale e
Centrale durante la prima metà del XX secolo, con particolare attenzione alla nascita della
pittura astratta e ai movimenti di arte non figurativa che ne seguirono e che capillarmente si
diffusero in tutta Europa. In un clima di generale rinnovamento del linguaggio artistico, infatti, a
partire dal 1910 circa si sviluppano diverse tendenze astratte nell'ambito dei movimenti
d'avanguardia tedesco, russo, ceco e olandese. Wassily Kandinsky occupa un posto di primo
piano in questo contesto artistico. Al completo la compagine degli astrattisti russi presenti in
mostra: Vladimir Tatlin, Alexander Rodchenko, El Lissitzky e Alexandra Exter, che sviluppa il
suo linguaggio plastico integrando influssi dal Cubismo e dal Futurismo. Da non perdere le
preziose opere di Natalia Goncharova. Kasimir Malevic, con Kandinsky, può considerarsi il più
importante pioniere dell'arte astratta. Proveniente dal contesto del Cubofuturismo russo,
Malevic dipinge forme geometriche elementari come il quadrato, la sfera, la croce, dando vita
al movimento del Suprematismo: un'arte non descrittiva, puramente contemplativa e spirituale.
In mostra anche 44 libri originali del medesimo movimento artistico culturale con numerosi
pezzi di Wladimir Majakovskij e opere di Nikolay Punin, Kasimir Malevi?, Lajos Kassák e due
filmati di Hans Richter (1888-1976) e Viking Eggeling (1880-1925), pionieri dell'astrattismo
geometrico cinematografico d'avanguardia europeo. I loro lavori, terminati nel 1921, sono
considerati tra le opere fondamentali della modernità. Orario: feriali dalle 10 alle 18, festivi e
prefestivi dalle 10 alle 19. Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 83382 e su www.fortedibard.it
fino al 02/06/2015
ore 10:00
Bard (AO)
Forte
TORINOSETTE | Arte
140 / 195
Arte
"LO SPAZIO DEL DEMIURGO", FORTUNY E MOLLINO A PALAZZO MADAMA
Poliedricità. È il tratto che accomuna i protagonisti della nuova mostra allestita a Palazzo
Madama «Lo spazio del demiurgo», incentrata sulle figure di Mariano Fortuny y Madrazo e
Carlo Mollino. Due personalità forti, capaci di eccellere in differenti discipline, dalla pittura alla
scenografia, passando per l'architettura, il design e la moda. L'esposizione racconta il
percorso artistico e professionale di Fortuny e Mollino attraverso venti immagini realizzate da
una coppia di grandi fotografi, Sarah Moon e Pino Musi, e dal giovane Marco Maria Zanin.
Nato a Granada nel 1871, Mariano Fortuny y Madrazo respirò arte fin dall'infanzia: figlio del
pittore catalano Mariano Fortuny y Marsal, tra i più rilevanti del panorama artistico spagnolo
del XIX secolo, si dedicò al disegno, all'incisione e alla scenografia, realizzando lampade
avveniristiche, d'ispirazione teatrale, che negli anni a venire si affermarono come uno degli
oggetti di design più ricercati e riconoscibili. Stabilitosi a Venezia, fece di Palazzo Pesaro degli
Orfei la sua residenza e il suo laboratorio: qui concepì e realizzò le prime tuniche Delphos,
lunghi abiti femminili caratterizzati da sottilissime pieghe. Sono i primi vestiti plissettati al
mondo: la tecnica ideata e brevettata da Fortuny si rivelò un successo immediato,
rivoluzionando il mondo della moda. La capacità di creare forme, attingendo da mondi e
modelli differenti tra loro, dall'Antica Grecia alle tradizioni catalane, fece di Fortuny una delle
figure più interessanti del suo tempo, un modello tutt'oggi imitato e studiato. Altrettanto
affascinante è la figura di Carlo Mollino: torinese, nato nel 1905 da una famiglia benestante,
seguì da subito le orme del padre Eugenio, ingegnere e architetto, noto per aver progettato e
realizzato l'ospedale delle Molinette. Completati gli studi, Carlo si dedicò con profitto alla
fotografia, alla progettazione di edifici e di automobili da corsa. Appassionato di sci e di
montagna, realizzò chalet, edifici e funivie, coniugando materiali tradizionali e forme molto
moderne, tecnica che caratterizzò anche i suoi progetti più famosi, come il nuovo Teatro Regio
e il palazzo della Camera di Commercio in via Carlo Alberto. Forme morbide e sinuose, che si
ritrovano anche nei suoi arredi e nei suoi mobili, custoditi nella villa di Vittorio Avondo e
immortalati dall'obiettivo di Musi e Zanin. Orario: da martedì a sabato 10-18, domenica
(10-19). La biglietteria chiude un'ora prima. Ingresso: intero 10 euro; ridotto 8; gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 07/06/2015
ore 18:00
Torino
Piazza Castello
JACQUES HENRI LARTIGUE AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Jacques Henri Lartigue - Alle origini della fotografia contemporanea", mostra a cura di Andrea
Busto, in collaborazione con la Donation Jacques Henri Lartigue. La mostra, realizzata a
partire da 130 album originali di Lartigue, ripercorre il destino unico di questo fotografo il cui
talento ora indiscusso venne riconosciuto tardivamente, all'età di 69 anni. La mostra è
composta da 136 fotografie in grande formato e da 50 pagine d'album dell'epoca (1912 - 1922)
che permettono di vedere le immagini nel contesto originale. Una selezione di opere
emblematiche che ripercorrono tutta la storia del Novecento e le origini della fotografia
contemporanea. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
141 / 195
Arte
"PLASTIC DAYS" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Plastic Days - Materiali e design", a cura di Cecilia Cecchini e Marco Petroni. Un percorso
multidisciplinare tra arte, design e costume per raccontare l'affascinante storia di un materiale
che ha profondamente segnato e condizionato il nostro tempo e le nostre abitudini. Gli oggetti
e le opere in mostra costituiranno una sorta di atlante del contemporaneo. La mostra nasce
dall'analisi e dalla selezione di circa 600 oggetti della collezione della Fondazione Plart,
Plastiche e Arte di Maria Pia Incutti-Paliotto, e si compone come un originale racconto della
grande e molteplice famiglia dei materiali plastici. Una testimonianza che racconta le
trasformazioni degli ultimi centocinquanta anni di storia e che svela l'anima profonda della
modernità e delle mutazioni che hanno segnato il paesaggio domestico e culturale in cui siamo
immersi. La plastica diviene la lente d'ingrandimento puntata sulle dinamiche sociali ed
economiche del nostro tempo. Gli oggetti in mostra rappresentano un'articolata selezione di
artefatti assai rari provenienti da tutte le parti del mondo: prime serie di produzione, pezzi di
grande tiratura di famosi designer o di design anonimo. Una scelta non finalizzata a proporre
una puntuale ricostruzione della storia delle plastiche, ma a realizzare una mostra capace di
disegnare un particolare percorso di lettura del nostro tempo, rivisitato attraverso un approccio
multidisciplinare tra design, arte e costume. Uno sguardo ampio, testimoniato anche dagli
interventi in catalogo di Alba Cappellieri, Laura Cherubini, Stefano Catucci, Gianluigi
Ricuperati, Thea van Oosten e Anna Laganà. Completano il percorso espositivo le interviste
ad Andrea Branzi, Donato D'Urbino, Paolo Lomazzi, Alessandro Mendini, Maurizio
Montalti/Officina Corpuscoli, Andrea Trimarchi e Simone Farresin/Studio Formafantasma,
Gaetano Pesce e Maria Pia Incutti, collezionista e presidente della Fondazione Plart. Orario:
da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
ANITA MOLINERO AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Anita Molinero, opere e installazioni". Copertoni, sedie, tavoli, panchine, cassonetti della
spazzatura, arredi urbani dismessi, imballaggi. Sono questi i materiali scultorei preferiti da
Anita Molinero, esposti nella loro grezza povertà nei primi lavori degli anni Ottanta e poi
manipolati, tagliati e plasmati attraverso il fuoco nella produzione successiva. La mostra Anita
Molinero. Opere e installazioni presenta una panoramica di lavori realizzati recentemente e
disseminati negli spazi di tutto il Museo, in dialogo con la mostra Plastic Days. L'artista
realizzerà inoltre una serie di sculture site-specific con materiali plastici - in particolare
cassonetti della spazzatura, elementi di carrozzeria automobilistica come paraurti, fari, fanali recuperati durante la sua permanenza a Torino. Con la mostra di Anita Molinero iniziano le
incursioni del MEF nei territori della creazione contemporanea. Muovendosi dalla mission di un
museo che non vuole essere "solo museo", ma un vivace luogo di scambio e un attivatore di
processi creativi, il MEF inaugura una serie di collaborazioni trasversali, partendo dalla moda.
Primo partner, lo storico marchio di abbigliamento BasicNet. Per l'occasione, la casa torinese
realizzerà un K-WAY progettato da Anita Molinero: l'impermeabile sarà prodotto
esclusivamente durante il periodo della mostra, diventando un vero e proprio multiplo
indossabile. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
142 / 195
Arte
GESSI E CERAMICHE DELLA LENCI A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta, a partire dal 1 novembre, un nuovo allestimento in Sala
Ceramiche dedicato alla celebre manifattura Lenci, a cui il museo ha già dedicato una grande
mostra nel 2010. L'esposizione, resa possibile grazie al generoso prestito di due collezionisti
privati e della Fondazione Guido ed Ettore De Fornaris, mette in evidenza i due momenti
chiave del processo creativo della manifattura Lenci: quello iniziale, i gessi, e quello finale, le
ceramiche. I gessi della Lenci, provenienti da una collezione privata, costituiscono un vero e
proprio archivio di fabbrica, dove si conservano anche le idee rimaste in bozza e mai
realizzate. La selezione presentata a Palazzo Madama offre all'attenzione del pubblico il
confronto diretto con le corrispondenti ceramiche, come per il "Trionfo di Bacco" di Giovanni
Grande, oltre ad alcuni raffinati inediti, come la "Principessa sul pisello" attribuibile a Mario
Sturani, di cui non si conoscono realizzazioni in terraglia. L'esposizione è inoltre l'occasione
per vedere nuovamente riunite, dopo la mostra "L'avventura Lenci", le Stagioni di Mario
Sturani in ceramica e in gesso. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00.
Mercoledì 24 dicembre aperto dalle 10 alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 25 dicembre
chiuso; venerdì 26 dicembre aperto dalle 10 alle 18; mercoledì 31 dicembre aperto dalle 10
alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 1 gennaio aperto dalle 14 alle 18, chiuso il mattino; lunedì
5 gennaio apertura straordinaria dalle 10 alle 18; martedì 6 gennaio aperto dalle 10 alle 18. La
biglietteria chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso museo: intero euro 10, ridotto euro
8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 25/06/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
"FASCINO E SPLENDORE DELLA PORCELLANA DI TORINO" AL MUSEO ACCORSIOMETTO
La mostra, realizzata in collaborazione con Palazzo Madama - Museo Civico di Arte Antica, a
cura di Andreina d'Agliano e di Cristina Maritano, si propone di approfondire la produzione
delle tre manifatture torinesi di porcellana, Rossetti, Vische e Vinovo, grazie allo spoglio dei
documenti d'archivio e alla revisione degli oggetti presenti sia in raccolte pubbliche che private.
L'avventura eroica che portò la "sublime scoperta della porcellana" a diffondersi in Europa e
anche, precocemente, in terra piemontese, le storie, i protagonisti, le opere, uniti all'uso
quotidiano dell'oro bianco all'interno delle dimore signorili, esaminato nell'arco della giornata
del Giovin Signore, sono oggetto dell'esposizione al Museo di Arti Decorative Accorsi Ometto, che presenta - oltre a porcellane provenienti da raccolte pubbliche e private - diversi
esempi di argenteria, quadri, incisioni. Il percorso espositivo si apre con la sezione dedicata
alla produzione di porcellana della manifattura Rossetti, di proprietà del conte Giacinto Roero
di Guarene, rappresentato nello straordinario quadro di Martin van Meytens; si prosegue
entrando in un cabinets des porcelaines, in cui vengono esposte diverse porcellane cinesi
Blanc de Chine, alcune già di proprietà del Conte di Guarene, a cui si aggiungono alcune
statuine di dignitari cinesi in porcellana a pasta tenera, eseguite nella manifattura Rossetti fra il
1737 e il 1743, copiando originali cinesi. Oltre alla produzione bianca, sono state individuate
porcellane dipinte in policromia, fra cui una vaso di Palazzo Madama, e alcuni oggetti
appartenenti a collezioni private. La seconda sezione è dedicata alla manifattura fondata nel
1765 dal conte Ludovico Birago di Vische, di cui vengono presentati numerosi oggetti inediti:
nella sua breve attività (1765 - 68) Vische, oltre a riprodurre statuine e prototipi della
manifattura di Vincennes - Sèvres, presenta un notevole influsso dei disegni rocaille di
Meissonnier e dell'argentiere torinese Boucheron. Fra gli oggetti più interessanti, una
zuccheriera dipinta in monocromia porpora e una straordinaria salsiera, la cui forma ricorda da
vicino la produzione del Boucheron. La terza sezione della mostra inizia mostrando una serie
di sculture in porcellana bianca verniciata e in biscuit, eseguite nel periodo in cui alla direzione
della manifattura furono Giovanni Vittorio Brodel, già socio del Birago a Vische, e Pierre
Antoine Hannong, autore della formula della porcellana dura in Francia (aveva infatti venduto
nel 1761 il segreto della porcellana dura a Sèvres). In questo periodo vengono riprodotti i
modelli di Vische, in buona parte derivati dalle incisioni delle opere di François Boucher. Un
TORINOSETTE | Arte
confronto interessante sarà quello tra Vincennes - Sèvres, Vische e Vinovo, che143
darà/al195
visitatore la possibilità di esaminare i modelli piemontesi e gli originali francesi, fra cui un
biscuit proveniente dal Museo delle Porcellane di Palazzo Pitti. La mostra prosegue con una
Arte
IVAN CAZZOLA ALLA BURNING GIRAFFE ART GALLERY
"Ivan Cazzola. NYC", a cura di Giuseppe Savoca. Il ritratto di una delle città più affascinati del
mondo che, tra bianchi e neri e luci accecanti, attrae come un magnete chiunque le orbiti
attorno. Come nessun altro posto al mondo, New York City rappresenta, con il suo stile unico,
la metafora della società contemporanea e il fotografo Ivan Cazzola ne cattura lo spirito
attraverso il suo occhio puro, privo di mediazioni, registrandone gli umori contraddittori della
"strada", dove splendore e terrore convivono insieme. Negli scatti presentati in questa mostra,
rappresentativi di tutta la sua ricerca artistica, è evidente come una certa dualità stilistica ed
estetica rappresenti un vero e proprio marchio di fabbrica dell'artista. Sia che si tratti degli
iconici ritratti a personaggi, quali: Orlando Bloom, Joan As Police Woman, Dave Timson, Mik
Lennard, OK GO, Yohji Yamamoto, XX, These New Puritans, Juliette Lewis, Mark "The Gonz"
Gonzales e Charlotte Free, o il lavoro maggiormente documentaristico sulla contro-cultura
giovanile, o, ancora, gli scatti per la moda, possiamo ritrovare la stessa visione audace, a volte
quasi impertinente, ma allo stesso tempo profonda ed evocativa. Ivan Cazzola ha accumulato
nel corso degli anni una grande esperienza, collaborando con magazine (Vogue, Dazed &
Confused, i-D) e fashion labels, tra Milano, Londra, Parigi e New York, approdando anche al
video come director di alcuni short movies. Con i suoi scatti ha esplorato mondi diversi tra loro,
da una realtà vicina e autobiografica, agli scatti di modelle, artisti, rock bands, star del cinema,
gangster, borghesi decadenti, il tutto con una costante stilistica attraverso un occhio spesso
intimo, a volte insolente, ma sempre iconico e provocativo. Nel 2010 è stato designato dalla
rivista Dazed & Confused come uno dei fotografi più interessanti nel panorama internazionale.
Orario: dal martedì al venerdì 15-19; sabato 15:30-20. Info: www.bugartgallery.com [email protected] - [email protected] - 011.5832745 - 347.7975704
ore 18:30
Torino
Via Bava 8/A
LAVINIA RACCANELLO ALLA GALLERIA MOITRE
"Not a position, but a proposition", personale di Lavinia Raccanello, artista e attivista italiana
che vive tra la Scozia e l'Italia. Il suo lavoro si concentra sulla relazione tra gli esseri umani, la
società e la giustizia sociale, con una particolare enfasi sul potere della dialettica e della
pratica partecipatoria, e il conflitto tra potere statale ed autonomia e responsabilità personale.
Suoi lavori sono stati esposti in Italia, Scozia, Irlanda, Spagna, Stati Uniti, Cile ed India. Per
questa nuova personale l'artista ha lavorato alla creazione di più di duecento bandiere,
corrispondenti agli Stati indipendenti del mondo. Di questi, centonovantatrè sono membri
dell'ONU, due sono osservatori permanenti all'ONU ed uno ne è ex membro. Sono inoltre
presenti nove Stati che, vantando sovranità territoriale, hanno dichiarato la propria
indipendenza ottenendo un limitato o, in alcuni casi, alcun riconoscimento internazionale. Per
cucire le bandiere è stata utilizzata stoffa nera che in alcuni casi riporta ricami neri su nero.
Nero su nero: queste bandiere rappresentano una dopo l'altra la negazione di tutte le
bandiere. Orario: mercoledì-sabato 16-19. Info: www.galleriamoitre.com [email protected] - 340.5172587 - 338.1426301
ore 18:30
Torino
Via Santa Giulia 37 bis
TORINOSETTE | Arte
144 / 195
Arte
SAN SECONDO DI PINEROLO - "SAN SEBASTIANO" AL CASTELLO DI MIRADOLO
"San Sebastiano. Bellezza e integrità nell'arte tra Quattrocento e Seicento", mostra dedicata a
San Sebastiano, curata da Vittorio Sgarbi. Vittorio Sgarbi e Antonio D'Amico hanno
selezionato circa quaranta capolavori, dal Rinascimento al Seicento inoltrato. Il percorso
prende avvio con Andrea della Robbia che modella l'anatomia del giovane Sebastiano con
grande raffinatezza, levigando le membra con la terracotta invetriata. Si prosegue con uno
sguardo nella Venezia del Quattrocento, dove Carlo Crivelli interpreta con grande
suggestione, tra la laguna e le Marche, la figura di un giovanetto nudo e invaso dalle frecce.
Sul suo viso compare la smorfia: è l'uomo del Rinascimento con le sue passioni e le sue
aspettative sul mondo e nel futuro. Ludovico Carracci interpreta il secolo della grande Riforma
Cattolica mostrandoci un atleta gentile che cita passi di danza e si muove leggiadro nei
meandri della fede. Lo splendido paesaggio è la scena suggestiva che ospita la Vergine col
Bambino e uno statuario Sebastiano, dipinto da Paris Bordon, che ci guarda e assiste
silenzioso al mistico dialogo. Compagno ideale è il solitario e meditabondo San Sebastiano di
Tiziano che proviene da una importante collezione privata americana e che giunge in Italia per
la seconda volta. Il Seicento si apre con l'accesa armonia dei colori e le audaci forme che in
Rubens, che da Anversa giunge in Italia, tra Mantova e Roma, trovano un risvolto leggiadro,
suadente e delicato: il Rubens della Galleria Corsini di Roma esce dalla stanza dell'Alcova di
Palazzo Corsini alla Lungara per la prima volta dopo tanti anni. Pittura tattile è quella del
Seicento che mette in campo gli affetti con un inedito Guercino, di recente scoperto e custodito
in una collezione privata americana e con l'altro, compagno ardito, della Galleria Nazionale
delle Marche. L'aspetto della devozione è sublimata con Guido Reni che lega il bel Sebastiano
a un albero in un'atmosfera calda, serale, intima, pregna di una Bologna in cui i dettami del
Concilio di Trento, applicati dal Cardinale Gabriele Paleotti, sono ancora nevralgici e di forte
attrazione e rispetto per gli artisti. L'ondata caravaggesca, poi, tocca un inedito culmine con un
dipinto eccezionalmente dato in prestito dal Cardinale di Milano, che, appositamente studiato
per la mostra, rivela accenti nordici con una straordinaria verità nel volto e nella posa
dell'uomo "santo". Gli echi caravaggeschi, poi, mostrano la passione con Ribera e l'ardita
partecipazione al martirio con Nicolas Regnier e con l'affascinante Mattias Stomer dei
Gerolamini di Napoli; accezioni preziose del caravaggismo internazionale. La narrazione
ideale, di coinvolgimento emotivo, trova due capisaldi nel Mattia Preti di Capodimonte e nei
Luca Giordano che cavalcano il Seicento e aprono il secolo successivo lasciandosi alla spalle
la pittura di verità e la ritualità del vero. La mostra offre un excursus dentro quasi tre secoli,
operando affascinanti confronti sul soggetto: il medesimo artista che adotta differenti soluzioni
formali, pose e ambientazioni in anni ravvicinati letti da artisti diversi, materiali differenti e
modellati per capirne cambiamenti e intenti devozionali e di fama della figura del santo da nord
a sud. Un percorso che dalla seconda metà del Quattrocento giunge agli albori del Settecento,
contemplando assoluti capolavori. Tre grandi opere si sono aggiunte in un secondo momento
e saranno visibili al Castello di Miradolo: il "San Sebastiano curato dagli angeli" di Rubens (dal
30 ottobre), "Il Martirio di San Sebastiano" di Guercino (dal 6 novembre) e Il "San Sebastiano"
di Raffaello dall'Accademia Carrara di Bergamo (dal 18 dicembre). Orario: giovedì e venerdì
14.00-18.00; sabato, domenica e lunedì 10.00-18.30; chiuso il martedì e il mercoledì; aperto su
prenotazione anche in orario di chiusura. Orari durante ricorrenze e festività: 1 novembre
10.00-18.30; 8 dicembre 10.00-18.30; 24 dicembre chiuso; 25 dicembre 15.00-18.30; 26
dicembre 10.00-18.30; 31 dicembre e 1 gennaio chiuso; 6 gennaio 10.00-18.30. Ingresso:
intero 10 euro; ridotto 8 euro (gruppi, convenzionati, studenti fino a 26 anni, over 65, militari);
ridotto dai 6 ai 14 anni 3 euro; gratuito bambini fino a 6 anni, Abbonati Musei. Info:
www.fondazionecosso.it - [email protected] - 0121.502761 (biglietteria) - 0121.376545
(uffici). Sabato 29 novembre servizio navetta che collega il centro di Torino al Castello di
Miradolo al costo di 8 euro a persona. Partenza da Torino alle ore 14,00 da piazza Carlo
Felice angolo corso Vittorio Emanuele II; ritorno con ritrovo nel parcheggio del Castello di
Miradolo alle ore 17,30 e rientro in città per le 18,30. Prenotazione obbligatoria: 0121.502761
fino al 08/03/2015
ore 10:00
San Secondo di Pinerolo (TO)
Via Cardonata 2
TORINOSETTE | Arte
145 / 195
Arte
"STEMPERANDO" ALLA BIBLIOTECA NAZIONALE
"Stemperando", sesta edizione della Biennale Internazionale di opere d'arte su carta che si
realizzerà in tre tappe: Torino, Tirana e Roma. La Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino
ospiterà la prima tappa della rassegna, nata a Spoleto nel 2003 in concomitanza con il Festival
dei due mondi. Successivamente, le opere saranno trasferite a Tirana e la mostra sarà
allestita al Museo Storico Nazionale dell'Albania. Infine, come ultima tappa, il gruppo di opere
ritornerà in Italia e la mostra sarà composta a Roma, al Museo Villa Vecchia di Villa Doria
Pamphili, dove concluderà il suo percorso. In mostra 96 opere su carta di 49 artisti di ogni
parte del mondo. Per la sezione internazionale: Alberto Biasi, Alberto Brusa, Paolo Conti,
Graham Guerra, Kivanç Gülhan, Ali Herischi, Jiang Shanqing, Susan Leyland, Paolo Marazzi,
Carlo Mazzetti, Xavier Medina Campeny, Sophia Michaeledes, Azad Nanakeli, Qui Yu, Ran
Xue Mei, Claudio Sacchi, Michele Stanzione, Martin Streitenberger, Andreas Tomblin, Jorrit
Tornquist, Lucio Trizzino; per la sezione storica: Georges Braque, Francesco Casorati, Enrico
Colombotto Rosso, Samo Koler, Riccardo Licata, Umberto Mastroianni, Franc Oldering, Mario
Schifano, Giacomo Soffiantino, Alberto Sughi; per la Nazione ospite, Albania: Albien Alushaj,
Helidon Haliti, Ardian Isufi, Pjeter Koleci, Beskida Kraja, Gjon Jon Kraja, Vladimir Llakaj, Fatos
Lubonja, Ormira Lulani, Alban Met-hasani, Alkan Nallbani, Andi Nallbani, Admir Pervathi,
Parlind Prelashi, Agron Rushiti, Alberto Saka, Helidon Xhixha, Armand. A cura di: Anselmo
Villata. Nazione ospite d'Onore: Albania, a cura di Alfred Milot Mirashi.
fino al 08/03/2015
ore 18:00
Torino
Piazza Carlo Alberto 3
"ANDY WARHOL...IN THE CITY" ALL'8 GALLERY
"Andy Warhol...in the city". Un'occasione unica per ammirare 40 opere che hanno segnato la
storia dell'arte mondiale: dal mito di Marilyn Monroe al fascino di Liz Taylor, dalle storiche
bottiglie di Coca Cola alle leggendarie lattine di zuppa Campbell's, l'intuito e l'estro grafico di
Andy Warhol sono i protagonisti di questa interessante esposizione. Le opere fanno parte
della più ampia mostra intitolata "Andy Warhol... in the city" che nasce da un'iniziativa di
Pubbliwork Eventi, in collaborazione con la New Factory Art, ed è già stata esposta nelle
gallerie d'arte di diverse città italiane; da gennaio 2015, in pieno spirito Warhol, la mostra è
stata allestita, per la prima volta in assoluto in un centro commerciale. Tra le opere esposte
l'immancabile Marilyn Monroe, Campbell's e Flowers, si potranno inoltre ammirare le copertine
di Interview Magazine, la rivista fondata proprio da Andy Warhol e le cover di dischi dei Rolling
Stones e dei Velvet Underground. Le opere rappresentano il percorso artistico ed iconografico
creato da Warhol dal 1957 al 1987, fornendo sia un'ampia visione dei suoi soggetti più noti sia
delle sue radici europee attraverso quei lavori poco conosciuti ma molto importanti, come gli
Space Fruits o il Gold Book, realizzato da Warhol in occasione della sua prima mostra
personale presso la Bodley Gallery di New York. I soggetti esposti sono stampe, cover,
cartoncini, serigrafie e offset: opere originali multiple di opere uniche. Info: www.8gallery.it
fino al 08/03/2015
ore 11:00
Torino
Via Nizza 230
TORINOSETTE | Arte
146 / 195
Arte
COLLEGNO - "FOTOGRAFIA AL FEMMINILE" NELLA SALA DELLE ARTI
"Fotografia al femminile", edizione 2015. Orario: venerdì e sabato 16-19,30; domenica 10-12 e
16-19,30. Durante le aperture del 7 e dell'8 marzo sarà allestita una sala posa all'interno della
sala delle Arti per omeggiare di un ritratto in digitale tutte le signore che lo desidereranno. Tra
gli eventi collaterali della mostra, martedì 3 marzo alle 21, presso la Sala del Museo della
Resistenza e della Pace della Città, sarà ospite la fotoreporter di guerra Andreja Restek che
presenterà i suoi ultimi lavori.
fino al 08/03/2015
ore 18:00
Collegno (TO)
Via Torino 9
"ARTE AL FEMMINILE" DA ARTE CITTA' AMICA
"Arte al femminile", quattro mini personali di Margherita Baldelli, Adriana Cernei, Angela
Gastaldi e Carla Perona. Orario: da martedì a sabato 16,00-19,00; chiuso il lunedì e festivi.
Info: 011.7717471 - 011.7768845 - www.artecittaamica.it - [email protected]
fino al 10/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Rubiana 15
"I VENERDÌ DELL'ARTE" ALLA BIBLIOTECA CIVICA PRIMO LEVI
"I venerdì dell'arte", mostra di pittura di fine corso del Centrodonna della Circoscrizione 6.
fino al 11/03/2015
ore 10:00
Torino
Via Leoncavallo 17
"NUOVE RICERCHE 2015" DA MARTINARTE
"Nuove Ricerche 2015", collettiva a cura di Paola Barbarossa e Fernando Montà. In mostra
lavori di Monica Bruera, Daniele Nessi, Joshua Sottile e Corrado Zecca. Orario: lunedì
15.30-19.30; martedì e mercoledì 10,00-12,30 e 15,30-21,30; giovedì e venerdì 10,00-12.30 e
15.30-19.30. Info: 011.3433756 - 335.360545 - [email protected]
fino al 12/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Siracusa 24/A
COLLETTIVA FOTOGRAFICA NEL NUOVO SPAZIO28
Spazio 28, nuovo spazio espositivio in corso Vittorio Emanuele II 28, presenta una mostra
collettiva di fotografia a cura di Phos. In esposizione opere di autori emergenti e di autori
affermati nel panorama della fotografia italiana ed internazionale che negli ultimi anni hanno
presentato alcuni dei loro progetti più significativi all'interno dell'attività espositiva di Phos:
Sophie Anne Herin, Pietro Bolgna, Renato D'Agostin, Davide De Martis, Stefano Fiorina,
Simon Roberts, Vito Vagali. Orario: dal lunedì al venerdì 15:00-19:30. Per informazioni:
335.6661281 - 347.2212059
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Vittorio Emanuele II 28
TORINOSETTE | Arte
147 / 195
Arte
PATRIZIA MUSSA ALLO SPAZIO EVENTA
"Luci silenti", personale fotografica di Patrizia Mussa, secondo appuntamento espositivo
organizzato da ArtPhotò, al fine di promuovere la fotografia d'autore. Gli elementi distintivi del
lavoro artistico di Patrizia Mussa sono innegabilmente la ricerca di una luce particolare e la
ricerca di una dimensione di un tempo sospeso e irreale che procura in chi guarda
l'impressione di un silenzio impalpabile al limite della parola. Le fotografie esposte in mostra
fanno parte di due lavori distinti ma entrambi mettono a fuoco di Patrizia Mussa tutta la sua
interpretazione d'autore, la sua esperienza di fotografa di architettura e la sua abilità tecnica.
La luce è dunque "anima e verità di un luogo" che la fotografa "ascolta" ogni volta che si
confronta con soggetti diversi e che amplifica il silenzio originario degli spazi fotografati. In
mostra sono esposte le fotografie tratte da "Teatri" e da "Le Temple du Soleil". Orario: martedìvenerdì dalle 15.00 alle 18.00. Info: www.ateliernovantotto.it/artphoto.html [email protected] - 335.7815940
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Via dei Mille 42
NEVERCREW ALLA SQUARE23 ART GALLERY
"Frequency Spectrum", mostra di Nevercrew. Dopo Milano e Dublino, dove hanno decorato le
nuove sedi europee di Facebook, il duo di street-artists svizzeri Nevercrew arriva a Torino,
negli spazi della galleria Square23, con "Frequency spectrum", la loro riflessione su
percezione e comunicazione, tra realtà e surrealtà. Pablo Togni e Christian Rebecchi più che
"duo" sono "uno". Lavorano insieme dal 1996 uniti dall'interesse comune per la pittura e la
street art. Hanno esposto e partecipato a progetti internazionali e festival a Belgrado, Il Cairo,
Amburgo, Monaco, Zurigo, Lugano. Il loro lavoro è caratterizzato da alcuni concetti chiave,
come il meccanismo, la composizione, la sezione, le parti, la memoria, la scelta, i rapporti, i
contrasti, l'esplorazione, la surrealtà. Il tutto viene collegato insieme, fuso in composizioni
viventi e che mutano proprio perché vive, evolvendosi nel tempo e nello spazio. Combinare
linguaggi diversi è la loro cifra stilistica: catene di montaggio, esseri organici e ingranaggi
meccanici, mostri marini, "strutture viventi" si intersecano nei loro lavori proprio come gli stili
che utilizzano, tra sintesi grafica e iperrealismo spray. Le loro strutture sono modelli di sistemi
viventi, delle visioni d'insieme rese percepibili nella loro totalità e nella loro struttura tramite
l'utilizzo della "sezione" che permette di vederle per come sono al loro interno, nel caso di un
meccanismo o degli spazi di una casa o della struttura di un essere vivente. Il rapporto tra le
parti e con la memoria viene esteso alla realtà intera, al luogo e allo spettatore, lasciando a
quest'ultimo la possibilità di completare il meccanismo con la sua personale esperienza, con la
sua storia e quindi con le sue molteplici interpretazioni. In "Frequency Spectrum", in
particolare, l'attenzione si concentra su percezione e comunicazione, sulla loro differenza ed
interazione costante. Orario: lunedì-sabato 11-20, o su appuntamento. Info: 334.9980390 [email protected]
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via San Massimo 45
TORINOSETTE | Arte
148 / 195
Arte
LUCA ROMANO DA RIZOMI
Personale di Luca Romano. Romano ha sublimato su carta il suo desiderio più grande rimasto
invariato per vent'anni, prendere il pullman n. 67 con la sua borsa da disegno a tracollo. Ha
prediletto i pennarelli a punta spessa, ricamando talvolta elementi verbali su campiture
fittissime. Cartoncini, planimetrie, fogli strappati da vecchi libri di grammatica, fanno da sfondo
al miraggio dell'autonomia ma anche al simbolo della viabilità metropolitana, di una certa
cultura civica del mezzo di trasporto pubblico. Il risultato, trame di colore intessute dove
talvolta la figura scompare annegata dal tratto pieno e rotondo del gesto pittorico. Lo stesso
trattamento è applicato alla serie del "Dettato", in cui l'artista replica ripetutamente l'incipit dei
dettati della scuola primaria con una vera calli-grafia perfetta e stereotipata. Questa mostra
vuole essere un omaggio ad un artista nascosto, che non si è mai comportato come tale, che
abbiamo selezionato tra tanti altri all'interno della preziosa collezione dell'Archivio Storico
Singolare e Plurale raccolta e curata da Tea Taramino. Orario: dal mercoledì al sabato
14:00-19:00. Info: 011.4367910 - www.rizomi.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Sant'Agostino 18/D
"JUST ANOTHER" ALLA LUCE GALLERY
"Just Another", mostra collettiva comprendente i lavori degli artisti Davide Balliano, Ethan
Greenbaum, JPW3, Dustin Pevey e Leif Ritchie. La mostra è nata quasi per "assonanza"
intorno ad una canzone di Pete Yorn: Just Another. I dipinti in mostra sembrano contenere
quel sound che richiama i nostri momenti più semplici ma anche più intimi, i momenti in cui lo
spazio e il tempo sembrano fermarsi. Certe situazioni hanno una particolare atmosfera e si
relazionano in modo naturale con la musica. E così Just Another, la colonna sonora di questa
mostra s'ispira al trascorrere della vita, ma anche al voltar pagina o semplicemente passare ad
un altro show. Ciascuno dei cinque artisti in mostra possiede una sua musicalità che lo
accomuna allo spirito di Just Another, richiamando alla riflessione e all'intimismo. Orario: dal
martedì al sabato 15.30-19.30. Info: 011.8141011 - 335.5246817 - [email protected] www.lucegallery.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso San Maurizio 25
"FILIPPO SCROPPO E LE AVANGUARDIE ARTISTICHE DEL DOPOGUERRA" ALLA
FONDAZIONE AMENDOLA
"Filippo Scroppo e le avanguardie artistiche del Dopoguerra": opere 1945-1970 di Scroppo,
Gavlano, Crippa, Saroni, Ramella, Gribaudo, Ruggeri, Soffiantino, Gorza, Surbone e Griffa.
Orario: lunedì - venerdì ore 10-12.30, 15.30-19.00 sabato, domenica e visite guidate su
prenotazione. Info: 011.2482970 - 348.2211208 - [email protected] www.fondazioneamendola.it
fino al 15/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Tollegno 52
TORINOSETTE | Arte
149 / 195
Arte
SOPHIE CALLE AL CASTELLO DI RIVOLI
"MAdRE", personale di Sophie Calle, a cura di Beatrice Merz. Sophie Calle, protagonista
indiscussa della scena artistica mondiale, propone un progetto interamente site-specific per le
sale auliche al secondo piano della Residenza Sabauda. La mostra si articola sullo sviluppo di
due importanti progetti che l'artista ha posto in essere da diversi anni: Rachel, Monique e Voir
la mer. Orario: da martedì a venerdì 10.00-17.00; sabato e domenica 10.00-19.00; lunedì
chiuso; 24 e 31 dicembre 10.00-17.00; aperto il lunedì di Pasqua; chiuso 1° gennaio, 1°
maggio e 25 dicembre. Ingresso: 6,50 euro; ridotto: 4.50 euro per ragazzi 11-14 anni,
pensionati, insegnanti, studenti, militari, associazioni culturali ed enti convenzionati. Gratuito
per i minori di 11 anni e per i disabili. Info: 011.9565222 - www.castellodirivoli.org www.castellodirivoli.tv - [email protected] Prorogata fino al 15 marzo.
fino al 15/03/2015
ore 19:00
Rivoli (TO)
Castello di Rivoli
KATARZYNA WYSOCKA AL POLSKI KOT
"Bez Tytulu", personale della pittrice polacca Katarzyna Wysocka. Nata a Lodz nel '83, l'artista
ha trascorso l'infanzia nella campagna sud-orientale della Polonia, che ha ispirato il suo
percorso artistico. La pittrice racconta: "La natura è la principale fonte d'ispirazione per i miei
quadri, dove si intrecciano i paesaggi campagnoli e dove esploro il mondo animale. Nello
stesso tempo la natura costituisce per me l'ispirazione per le ricerche astratte. Costanti sfide
formali forniscono i fiori e gli oggetti materiali nei quali mi misuro con la forma e il colore".
Katarzyna Wysocka, laureatasi presso l'Accademia Albertina di Torino, presenta per la prima
volta le sue opere, create nell'arco degli ultimi 15 anni. Info: polskikot @libero.it - 333.5205763
fino al 16/03/2015
ore 19:00
Torino
Via Massena 19
LUCIA CAPRIOGLIO AL COLLEGIO SAN GIUSEPPE
"Nature", personale di Lucia Caprioglio. In mostra 21 tele inedite a tecnica mista, con utilizzo di
incisioni, pittura e collage elaborati insieme. Orario: da lunedì a venerdì 10,30-12,30 e
16-18,30; sabato 10-12,30
fino al 16/03/2015
ore 17:30
Torino
Via San Francesco da Paola 23
TORINOSETTE | Arte
150 / 195
Arte
MARCO DALBOSCO DA PAOLO TONIN ARTE CONTEMPORANEA
"Paper religions project 2005 2014", personale di Marco Dalbosco. Esposto recentemente nel
corso di prestigiosi appuntamenti quali la mostra "Afterimage" presso la Galleria Civica/Mart di
Trento e ne "L'Arte guarda avanti" come opera finalista del Premio Terna6, il progetto
complessivo "Paper Religions #Jerusalem" viene presentato per la prima volta da Paolo Tonin
dalle sue origini nel 2005 ad oggi. Il lavoro ha preso avvio dalla necessità di indagare le
problematiche del conflitto Israeliano-Palestinese, assumendo nella sua evoluzione
l'espressione di libertà di ogni singolo individuo, investendo questioni di carattere religioso che
finiscono per riferirsi alla possibilità stessa di affermare l'identità individuale. Nel 2008, come
evento Parallelo di Manifesta7, nasce "Paper Religion #The Wall", diretto riferimento alla West
Bank in Israele. Per questo lavoro Marco Dalbosco ha raggruppato dodici persone che hanno
lavorato assieme per una settimana allo scopo di costruire un muro. Realizzato tuttavia con
mattoni di carta piegati secondo la tecnica dell'origami, il muro perde i suoi connotati di
barriera e di confine. Con questo specifico materiale e con la sua lavorazione, l'artista trascrive
la fragilità dell'essere umano e manifesta il potere di costruire, ciascuno con le proprie mani,
l'avvenire e la storia. Assumendo la città di Gerusalemme come simbolo di rispetto e
convivenza di molteplici credenze religiose, nel 2011 si concretizza Paper Religion
#Jerusalem: il mattone che divide, separa, crea un limite, è allo stesso tempo l'elemento base
per la costruzione di ogni tipo di edificio religioso. I mattoni vengono disposti a terra formando
un tappeto su cui vengono "sospese" le tre chiese monoteiste: una Chiesa Cattolica, una
Sinagoga e una Moschea. Anch'esse di carta, condividono con i mattoni la condizione di
fragilità. In mostra è presentata per la prima volta l'espressione complessiva di questo lungo e
partecipato percorso di ricerca e consapevolezza. Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle
13 e dalle 14,30 alle 19; sabato su appuntamento. Info: 011.19710514 - [email protected]
- www.toningallery.com
fino al 20/03/2015
ore 19:00
Torino
Via San Tommaso 6
"FRANCESCO MENNYEY" ALLA GALLERIA LA CONCHIGLIA
Acqueforti e disegni di Francesco Mennyey. Orario: dal martedì al venerdì 15-19; sabato 10-12
e 15-19. Info: 011.6991415
fino al 20/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Zumaglia 13bis
TORINOSETTE | Arte
151 / 195
Arte
NELLA MARCHESINI ALLA GALLERIA OPERE SCELTE
"Parole di pittore. Nella Marchesini - tra disegno e scrittura". La mostra è incentrata sul
rapporto intenso, tra disegno e scrittura, esistente nella produzione artistica di Nella
Marchesini. L'artista, allieva prediletta di Felice Casorati, sente l'arte come un'urgenza vitale
da manifestare in ogni modo e su ogni supporto possibile. Nel lavoro della Marchesini, il
disegno e la scrittura sono due modalità fondanti in quanto pratiche veloci, sintetiche e
accessibili: con una semplice matita Nella ha potuto rappresentare l'universo complesso del
suo essere anche nei momenti più difficili della sua vita. Queste due modalità non sono solo
facilmente realizzabili, ma possiedono una ricchezza d'espressione eccezionale che l'artista
coglie con diverse sfaccettature miscelandone le peculiarità che spesso si determinano
vicendevolmente. Il disegno non è solo bozzetto preparatorio per i vari dipinti, ma è
un'istantanea del quotidiano, dell'intimità più precaria ed effimera che svela però la parte più
autentica dell'emozione e del pensiero. Con il disegno Nella Marchesini riesce a eludere parte
della rigida impostazione di matrice casoratiana, dando forma al suo ambiente familiare e alle
sue esperienze con un'affascinante proiezione personale che fa emergere la sua sensibilità,
articolata e vigorosa. Trasfigurazioni religiose e deformazioni simboliche, presenti sia nei
disegni che negli scritti, rivelano molto chiaramente chi è Nella Marchesini: artista, donna e
madre. Nel tempo l'artista ha scritto una sorta di Zibaldone sul quale lei annota pensieri, sogni
e paure nello stesso modo in cui disegna. Vi è un'interrelazione unica e sorprendente tra
scrittura e disegno. Così anche i libri letti dalla Marchesini diventano essi stessi opere d'arte in
quanto accolgono disegni e rielaborazioni grafiche inedite. Orario: martedì-sabato 15.30-20.
Info: 011.5823026 - 349.3509087 - [email protected] - www.operescelte.com
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Matteo Pescatore 11/D
MICHAEL BIBERSTEIN DA GIORGIO PERSANO
Michael Biberstein, personale. Nato a Solothurn, Svizzera, nel 1948. Nel 1964 si trasferisce
negli Stati Uniti. Al Swarthmore College di Philadelphia incontra David Sylvester sotto la cui
guida studia Storia dell'Arte. Dopo aver vissuto tra gli Stati Uniti e la Svizzera, nel 1979 si
trasferisce in Portogallo, dove trascorrerà la maggior parte dei suoi anni, sino alla morte
improvvisa, sopraggiunta nel 2013. Pittore autodidatta, dagli anni '70 le sue opere vengono
esposte in tutto il mondo e sono presenti nelle collezioni di arte contemporanea di musei e
fondazioni, tra i quali: il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, il Whitney
Museum of American Art di New York, il Calouste Gulbenkian Foundation Centre for
Contemporary Art di Lisbona, la Serralves Foundation di Oporto, il Museu Colecção Berardo di
Lisbona. Orari: martedì - sabato 10,00-13,00 e 15,30-19,00. Info: 011.4378178 - 011.835527 [email protected] - www.giorgiopersano.org
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Principessa Clotilde 85
TORINOSETTE | Arte
152 / 195
Arte
BRUNO MARTINAZZI ALLO SPAZIO DON CHISCIOTTE
Personale di Bruno Martinazzi, scultore e orafo di fama internazionale. Tra le opere presenti
nella mostra, curata da Massimo Ghiotti, ci sono sculture di media dimensione che vanno dagli
anni '80 agli anni '90; una serie di piccole sculture intitolata "Pagine di pietra" tutte di recente
produzione; 12 disegni del 1980 facenti parte degli studi preparatori del libro "I cieli e la terra e
tutte le tue creature" (Noire editore 1988) e quattro gioielli. Nato a Torino nel 1923, allievo degli
stessi insegnanti di Primo Levi, Martinazzi si laurea in Chimica Pura all'Università di Torino.
Durante la guerra partecipa come partigiano combattente alla resistenza, ed è insignito della
Croce di Guerra. Frequenta la Libera Accademia d'Arte di Torino e gli Istituti d'Arte di Firenze
e Roma. Esordisce come orafo nel 1954, dopo quattro anni spesi come direttore di Tintoria
alla fabbrica tessile Magnoni Tedeschi, per poi affermarsi come scultore. È stato inoltre
docente all'Accademia Albertina di Belle Arti. Grazie ad artisti come Martinazzi a partire dagli
anni Sessanta, il gioiello contemporaneo sia entrato a far parte delle più importanti collezioni
museali internazionali; le sue creazioni figurano infatti nelle collezioni, tra gli altri, del
Metropolitan di New York e dell'Hermitage di S.Pietroburgo. Orario: martedì-sabato
10.30-12.30 e 15.30-19.30. Info: [email protected] - 011.19771755 www.fondazionebottarilattes.it
fino al 21/03/2015
ore 18:30
Torino
Via della Rocca 37
"OPERE IN PERMANENZA" ALLA GALLERIA20
"Opere in permanenza", collettiva comprendente opere di Enzo Briscese, Ermanno Barovero,
Nino Aimone, Piero Ferroglia, Alessia Zolfo, Francesco Preverino, Dario Rosolen, Leonardo
Pecoraro, Franco Margari, Marco Vigo, Romano Buratti, Domenico Lasala, Discepolo Girardi,
Elviro Coni. Orario: dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19. Info: 011.3724087 [email protected] - www.galleria20.jimdo.com
fino al 21/03/2015
ore 17:00
Torino
Corso Casale 85/B
GALLIANO GALLO DA CARACOL
"Invasioni", personale di Galliano Gallo. "Nelle sue opere pittoriche l'artista Gallo accede ad un
mondo incantato, in cui si coglie la scoperta genuina di un "qualcosa" che parte da molto
lontano. Lo sguardo innocente dell'infanzia osserva per la prima volta, con gioia e curiosità ciò
che gli si offre. I colori vividi colpiscono l'attenzione; le figure vagamente zoomorfe si
inseguono in un gioco di danza, unite da un filo conduttore che non si perde mai, anzi le tiene
insieme come le perle di una collana. E' un ritorno alle origini, dove forme semplici si
realizzano in un liquido creatore, moltiplicandosi per continuare la vita, per trasformarla. Il
movimento è continuo, coinvolge tutto; il ritmo serrato e vivace ci invita a partecipare a questo
tripudio di colori, ad afferrare, a non indugiare in contorti pensieri, ma a considerare con
rinnovata semplicità la purezza dell'inizio, che è lì a portata di mano, pronta per noi"
(Francesca Luce Milardi). Orario: martedì, mercoledì e giovedì 15.30-19.30; venerdì e sabato
10.30-19.39. Info: 393.2164821 - www.caracolarte.it
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Saluzzo 23
TORINOSETTE | Arte
153 / 195
Arte
RIVAROLO - CLEMENTINE CARSBERG A CASA TOESCA
"Secret de famille - Les angles morts", residenza d'artista di Clementine Carsberg. Al primo
piano, fino al 30 novembre, "Alias/self portraits", fotografie di siciliana Carmen Cardillo. Orario:
sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00; mercoledì dalle ore
17.00 alle ore 20.00. Info: www.areacreativa42.com - [email protected] - 335.1227609
fino al 22/03/2015
ore 18:00
Rivarolo (TO)
Via Ivrea 42
PIER PAOLO CALZOLARI IN VIDEOTECA GAM
Prosegue in Videoteca GAM il ciclo di incontri e mostre, a cura di Elena Volpato, dedicato al
video in Italia negli anni Sessanta e Settanta. Il primo appuntamento del 2015 vede
protagonista Pier Paolo Calzolari che incontra il pubblico della GAM martedì 13 gennaio alle
18.30. L'artista, in conversazione con Elena Volpato, parlerà del suo interesse per la
dimensione temporale e visiva del linguaggio filmico e video, dell'esperienza di lavoro con
Gerry Schum e ripercorrerà lo sviluppo del suo ciclo di opere intitolato "Day after Day a Family
Life" da cui sono tratti i lavori "Cucù", 1972?73, "Aeroplano", 1972 e "Lettere di Tiziano", 1974,
provenienti dall'Archivio della Fondazione Calzolari che la Videoteca GAM è orgogliosa di
poter presentare in esposizione nei propri spazi. L'incontro con Pier Paolo Calzolari offre
l'occasione di ascoltare uno dei più importanti protagonisti della storia del video d'artista, per la
rilevanza delle opere da lui girate in pellicola e video, e per il ruolo che il suo studio bolognese,
a Palazzo Bentivoglio, ebbe tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta, sia come
luogo d'incontro tra esponenti delle avanguardie internazionali, artistiche e teatrali, sia come
studio di registrazione di opere filmiche di altri artisti. In mostra in Videoteca GAM fino al 22
marzo quattro opere video realizzate dall'artista tra il 1970 e il 1974: "Senza titolo", da
"Identifications" di Gerry Schum, 1970, collezione Videoteca GAM; "Aeroplano" ["Day after
Day a Family Life"], 1972, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Cucù - The glass reflects"
["Day after Day a Family Life"], 1972?1973, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Lettere
di Tiziano" ["Day after Day a Family Life"], 1974, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari.
Orario: martedì - domenica 10.00-18.00 giovedì: 10.00-22.30. La biglietteria chiude un'ora
prima. Ingresso gratuito in videoteca. Non occorre appuntamento. Info: 011.4429597 - email
[email protected] - www.gamtorino.it
fino al 22/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
PRAGELATO - KURT MAIR E VINICIO PERUGIA ALLA TINBER ART GALLERY
"Coincidere", incisioni di Kurt Mair e Vinicio Perugia. Orario: sabato 16.00-18.30, domenica
10-12.30 - 15.30-18.00. Info: 0122.78461 - www.tinberartgallery.it
fino al 22/03/2015
ore 17:00
Pragelato (TO)
Via Albergian 20
TORINOSETTE | Arte
154 / 195
Arte
"DAB - DESIGN PER ARTSHOP E BOOKSHOP" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"DAB - Design per Artshop e Bookshop". Esposizione dei prototipi selezionati in occasione
della V edizione dell'omonimo concorso nazionale. Il progetto DAB, nato nel 2006, è promosso
da GAI - Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani e realizzato dall'Ufficio Giovani
d'Arte del Comune di Modena. DAB rientra nella Convenzione Progetto DE.MO. - sostegno al
nuovo design e alla mobilità, siglata tra GAI e Ministero dei beni e delle attività culturali e del
turismo (MiBACT) - Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane
e Direzione Generale Musei. La Mostra DAB presenta i progetti proposti da 20 designer
selezionati dalla Commissione composta da Sandra Tucci, referente del progetto per il
MiBACT - ex DG PaBAAC Servizio V; Patrizia Rossello dell'Associazione GAI e Michele Zini,
Architetto e Designer dello Studio ZPZ Partners. In mostra i prototipi di: Antonio Abatangelo;
Chiara Angioli; il collettivo formato da Margarita Aviles De Carlos, Marco Fogaccia, Shi Jintian,
Nicoletta Marangoni e Maria Montes De Oca; Emilio Baria; Ilaria Bartolini; Lucia Biancalana e
Eleonora Bompieri; Bottega Krua di Giada Fogliato e Arianna Piazza; Code0039 di Dante
Antonucci, Laura Crognale, Stefania Quintili e Alessandro Zuppa; De-sign di Daniela Cavasin
e Enrica Zanini; Alessandro Esposito, Federico Fiordigiglio; Alberto Galotta e Federica Lissoni;
Gian Piero Giovannini; Massimiliano Marianni; Elena Maurigh; Costanza Palmirani; Lorenzo
Passi; Arianna Piazza; Daniele Piazzola; Studio Alchemico di Giulio Bogani e Sofia Crescioli.
La commissione ha selezionato progetti che rispondessero positivamente a tre requisiti del
concorso: appartenenza allo scenario della cultura del progetto contemporaneo; effettiva
compatibilità con i museum shop per caratteristiche dell'oggetto, prezzo, mercato; possibilità di
essere prodotti in modalità di autoproduzione o con filiera produttiva non tradizionale. Si è
cercato di selezionare anche progetti sviluppati in ambiti di ricerca eterogenea o capaci di
proporre nuove tipologie di prodotto, così da avere uno scenario ampio di proposte che desse
profondità a una lettura complessiva, in sede di catalogo o di mostra. La Commissione ha
assegnato inoltre, ex-aequo il Premio Speciale MiBACT - Patrimonio culturale a Alberto
Galotta e Federica Lissoni, premio istituito nel 2011, in occasione della III edizione di DAB, per
incentivare la progettazione, da parte dei giovani designer, di oggetti contemporanei, ma
liberamente ispirati al vasto patrimonio culturale ed artistico del nostro paese e per questo
collocabili negli spazi commerciali di musei e siti archeologici. Il Premio MiBACT consiste
nell'assegnazione ai vincitori di fondi per l'autoproduzione degli oggetti e la promozione degli
stessi in importanti vetrine nazionali ed internazionali. La mostra, proveniente dal MAXXI di
Roma, farà successivamente tappa ad aprile presso l'area del bookshop della Fondazione
Fotografia al Foro Boario di Modena, a maggio a Lecce presso il prestigioso Castello di Acaya.
Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 22/03/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
MAX PAPESCHI DA DAVICO
"Je ne regrette rien", personale di Max Papeschi. Orario: da martedì al sabato dalle 10.00 alle
12.30 e dalle 16.00 alle 19.30. Chiuso lunedì e festivi. Info: 011.0362954 [email protected] - www.davicoarte.it
fino al 28/03/2015
ore 18:30
Torino
Galleria Subalpina 21
TORINOSETTE | Arte
155 / 195
Arte
CARMAGNOLA - "MESSICO CIRCA 2000" A PALAZZO LOMELLINI
"Messico Circa 2000", mostra comprendente 94 opere di 81 artisti messicani del nostro tempo,
tratta dalla collezione dell'imprenditore messicano Josè Pinto Mazal. La mostra è parte della
grande collezione di Josè Pinto Mazal. In essa vi sono raccolte opere che spaziano attorno al
terzo millennio (da qui il titolo di Messico Circa 2000) cioè dal 1980 ad oggi, di artisti messicani
e stranieri che hanno trovato in Messico il luogo ideale per la loro produzione. Non è una
mostra di tendenza, in quanto il collezionista non sceglie le opere secondo una sua particolare
propensione artistica, ma quelle che meglio documentano, attraverso l'arte, lo status del
Messico oggi e soprattutto di Città del Messico. Vi predomina la pittura, ma vi appaiono anche
altri linguaggi come la fotografia, il disegno, la scultura. Le opere sono diversissime tra di loro,
seguendo i criteri disparati dei linguaggi artistici contemporanei che dagli inizi del secolo
scorso hanno frantumato le regole tradizionali dell'arte. L'arte messicana della
contemporaneità si appropria infatti delle tendenze europee imprimendovi però, un marchio
che discende ancora dalle antiche culture precolombiane. L'ambiente, il deserto, la
dimensione tropicale s'insinua in queste superbe testimonianze visive arricchendole di
un'energia incontenibile. E anche la violenza vi traspare - quella che contraddistingue l'attuale
realtà messicana condizionata dalla lotta tra il governo e cartelli del narco-trafico, dal
femminicidio lungo i confini con gli U.S.A - una violenza filtrata in termini metaforici o allusivi.
Molti degli artisti qui presenti hanno frequentato la prestigiosa Scuola nazionale d'arte
Esmeralda, di Città del Messico, abbinata all'I.N.B.A., Istituto Nazionale di Belle Arti. E quasi
tutti vantano curricula internazionali, con puntate in Europa, nell'estremo Oriente, in Australia.
In questa mostra troviamo diversi linguaggi formali , la figuratività, l'astrazione, il realismo e
l'informale, l'espressionismo (che ora diviene neo-espressionismo), il surrealismo, il
concettuale e l'iperrealismo. In sostanza appare sia la realtà che il sogno, ossia dimensioni
"altre" che s'insinuano nel reale. Molto spesso le diverse tendenze si sovrappongono e si
fondono, secondo un paradigma messicano che tende al racconto complesso, stratificato,
spesso simbolico. Nella mostra sono esposte opere di numerosi artisti di valenza
internazionale come Gabriel Orozco, Francis Alys, Julio Galan, Demian Flores, Graciela
Iturbide, Monica Castillo, Irma Palacios, Jerman Venegas, Alfonso Mena Pacheco, Barry
Wolfryd. Nell'arco del suo sviluppo la mostra, che prevede delle visite guidate, proporrà eventi
collaterali integrativi della cultura messicana, con work-shop, performance multimediali,
espressioni sonore, che verranno via via comunicati nel dettaglio. L'allestimento è curato da
Rodrigo Witker con la collaborazione d Emma Ariza, ed è accompagnato da un volume
bilingue (italiano/inglese) edito in occasione della prima edizione. Orario: giovedì, venerdì,
sabato 15,00-18,00; domenica 10,00-12,00 e 15,00-18,00. Ingresso gratuito. Info:
www.palazzolomellini.com
fino al 29/03/2015
ore 18:00
Carmagnola (TO)
Piazza Sant'Agostino 17
"CON I MIEI OCCHI" IN GALLERIA SAN FEDERICO
"Con i miei occhi", mostra fotografica di Isabella Greggio, allestita nella cornice di Galleria San
Federico di Torino in occasione del progetto Sar.to La moda illumina Torino. I luoghi e i volti
ritratti raccontano un percorso emozionale e la storia personale di una giovane fotografa che,
superando le oggettive difficoltà di una malattia che l'ha colpita agli occhi, continua a girare il
mondo e a ritrarlo. Orario: dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00; domenica dalle 15.00
alle 19.00; lunedì chiuso.
fino al 31/03/2015
ore 17:30
Torino
Galleria San Federico
TORINOSETTE | Arte
156 / 195
Arte
PABLO BRONSTEIN DA FRANCO NOERO
"We live in Mannerist times", personale di Pablo Bronstein. L'artista argentino, che ha
recentemente ricevuto la Duveen Commission dalla Tate Britain per il 2016, si è qui
confrontato, similmente a quanto accaduto per la mostra al Metropolitan Museum di New York,
con la storia - in questo caso industriale - dell'edificio che ospita la mostra riflettendo sul
potenziale decorativo della tecnologia e su come il progresso scientifico sia non di rado al
servizio dell'estetica. Orario: lunedì 15.00-19.00; martedì-venerdì 11.00-19.00; sabato
15.00-19.00 o su appuntamento. Info: 011.882208 - [email protected] www.franconoero.com
fino al 02/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Mottalciata 10/B
TORINOSETTE | Arte
157 / 195
Arte
VICTORIA STOIAN DA ALBERTO PEOLA
"Codri Earthquake", personale di Victoria Stoian. La mostra è il risultato della sua
collaborazione con Clara Sofia Rosenberg, che da anni ne segue il lavoro supportandolo sul
piano teorico. Victoria e Clara Sofia hanno frequentato l'Accademia di Belle Arti di Torino dal
2009, in un percorso complementare tra l'attività pittorica dell'una e quella critica dell'altra. La
mostra di Victoria Stoian raccoglie una serie di lavori intorno al tema dell'assenza di un punto
di riferimento. Come recita il titolo, le opere rappresentano il caos e l'instabilità prodotti dalla
catastrofe naturale, in particolare dal terremoto che colpì la Moldavia nel 2011. Di
quell'esperienza, che ha coinvolto la sua famiglia, l'artista ricorda: «Quel 25 agosto alle 04:30
del mattino si verificò un violento terremoto di magnitudo 7,5 con epicentro a breve distanza
da Chi?in?u, dove sono nata e cresciuta. Due onde sismiche si sono succedute per una
durata di 52 secondi: migliaia di persone senza riparo, linee elettriche, strade e ferrovie
distrutte; dighe rotte e villaggi allagati con fuoriuscita di sostanze tossiche. Le Codri, le foreste
più grandi della Moldavia, sono state gravemente danneggiate. Questo mio lavoro è un
omaggio intimo e sofferto alla biografia di un popolo e alla feroce bellezza della natura che con
un colpo secco cambia linee, colori e vite». I quadri oggi esposti in galleria costituiscono una
parte dei 52 previsti dal progetto in fieri Codri Earthquake, ognuno dei quali corrisponde a
un'unità di tempo specifica del terremoto: il secondo. Vengono così messe in relazione, da un
lato, la durata del fenomeno con lo sviluppo del ciclo pittorico, e dall'altro, l'area geografica
colpita dal sisma con l'area della tela, ospite della rielaborazione del dramma. Come dice
l'artista, «in un terremoto il primo secondo può essere della stessa violenza dell'ultimo. Anzi,
forse il primo impatto è ancora più forte e destabilizzante». Per questo motivo, la serie Codri
Earthquake si sviluppa con un andamento cronologico, ma le singole opere non riportano la
violenza del terremoto in successione crescente: ogni quadro del progetto rappresenta infatti
un possibile grado di percezione della catastrofe, che non necessariamente corrisponde al suo
reale grado di intensità. Il tema dell'assenza di punti di riferimento proposto nelle opere
rimanda a un senso di destabilizzazione, percepibile in termini di panico e smarrimento. Ma,
d'altro canto, il potenziale generato da quest'assenza di vincoli può essere colto anche come
un'occasione di libertà. Questa dicotomia tra panico e liberazione è espressa dall'artista
attraverso la rappresentazione di un mondo informe che contiene, però, delle forme
riconoscibili, come protrusioni, annidamenti o ramificazioni. Il mondo organico che emerge da
questo repertorio visivo rimanda alla vitalità della natura - dal magma terrestre a correnti
marine e paesaggi abissali - e all'immaginario anatomico - dalla riproduzione cellulare a
filamenti, globuli e terminazioni nervose. Attraverso la tecnica del chiaroscuro, con
predominanza delle tonalità fredde, forme talvolta non finite, o cancellate, si stratificano in un
gioco di trasparenze e in un'alternanza di piani pittorici. Pur in assenza di un'architettura e di
una linea dell'orizzonte, Stoian riesce in questo modo a ricreare un senso di profondità nelle
forme che si affusolano in direzione di un punto di fuga ideale nella tela, inserendo nell'informe
accenni di prospettiva. I criteri su cui si fonda la ricerca di Victoria Stoian sono l'importanza
attribuita alla sostanzialità della materia, l'approccio diretto e la presenza fisica dell'artista nel
lavoro, e la necessità di coinvolgere lo spettatore attraverso la forza dell'opera in sé.
L'esperienza personale e il suo percorso artistico sono saldamente intrecciati: migrata a Torino
all'età di ventun anni, Victoria inizia a tradurre gli stimoli della nuova realtà, così diversa, in un
linguaggio pittorico denso di rimandi introspettivi e culturali. Attraverso un soggetto fortemente
autobiografico l'artista riesce ad affrontare temi collettivi, come il terremoto o la migrazione,
che riguardano il rapporto degli esseri umani con la storia e con il territorio, in una ricerca che
crea uno spazio di condivisione aperto e flessibile. Orario: da martedì a sabato dalle 15 alle
19, mattino su appuntamento. Info: 011.8124460 - 335.6191039 - [email protected] www.albertopeola.com
fino al 03/04/2015
ore 18:00
Torino
Via della Rocca 29
TORINOSETTE | Arte
158 / 195
Arte
FEDERICO GUERRI DA WEBER & WEBER
"Frammenti", personale di Federico Guerri. L'arte appartiene originariamente alla natura. È
natura. E in quanto tale contempla e dà forma a se stessa. È dunque tempo che l'arte,
memore del suo stato aurorale, torni a muoversi per iniziativa dei propri tratti. È tempo che la
scrittura segnica torni a decidere dei propri tracciati e delle proprie luci. Di tutto. Anche delle
tenebre. Nulla deve nascere se non dai suoi impulsi, dai suoi spasimi, dai suoi getti, violenti o
pacati che siano. È quanto accade nell'opera di Federico Guerri, dove la scrittura sceglie
innanzitutto di essere disegno e di non porsi al servizio che del proprio accadere. La scrittura
danza e iscrive in questo esordio il carattere inafferrabile dello scaturire del segno e l'annuncio
dell'enigmatica soglia tra ciclica sparizione e nuovo inizio. Non ha principio né fine. Appare e
passa. Appare al nostro orizzonte come potrebbe fare il vapore acqueo. Presenza e venirealla-presenza si uniscono e si confondono in questi luoghi verso i quali ci conduce Federico
Guerri: sono luoghi pienamente riconoscibili, pur rivelandosi la loro vera sostanza come ombra
e parvenza. Orario: da martedi a sabato 15.30-19.30. Info: www.galleriaweber.it [email protected] - 011.19500694
fino al 04/04/2015
ore 18:00
Torino
Via San Tommaso 7
"MANIERA NERA" ALLA NORMA MANGIONE GALLERY
"Maniera Nera", collettiva a cura di Francesco Barocco. In mostra lavori di Vija Celmins,
Richard Earlom, F. Green, Richard Houston, Elizabeth Judkins, S. W. Reynolds e John
Raphael Smith. Orario: dal martedì al sabato 15.30-19.30 o su appuntamento. Info:
011.5539231 - [email protected] - www.normamangione.com
fino al 04/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Matteo Pescatore 17
TORINOSETTE | Arte
159 / 195
Arte
RÄ DI MARTINO ALLA GAM PER "VITRINE"
Riparte il 10 febbraio alla GAM di Torino "Vitrine", il progetto dedicato alla ricerca artistica
contemporanea. Possibilità, titolo della quarta edizione, pone l'attenzione sulle trasformazioni
della vita, del suo divenire di cui l'arte ricalca la natura mutevole e fluida. Come un vetro
trasparente, "Vitrine" stabilisce un punto di interazione, di dialogo e di lettura tra le ricerche
artistiche più contemporanee e il flusso incessante degli stimoli fisici e simbolici della
quotidianità. Gli artisti protagonisti della quarta edizione di Vitrine sono: Rä di Martino,
Francesco Gennari, Francesco Barocco, Anna Franceschini, Luca Trevisani. "Vitrine" si
costituisce come una soglia, un passaggio che mette in comunicazione mondo interno ed
esterno al museo attuando un dialogo tra le ricerche artistiche con la realtà circostante. Lo
spazio e il tempo sono le coordinate imprescindibili con cui l'uomo si confronta costantemente
e che s'imprimono nel lavoro dell'artista. Tutto scorre e cambia, le percezioni si arricchiscono
di ricordi personali, del vissuto, della memoria culturale, storico?sociale e politica in una
metamorfosi continua. Mutamenti che investono la realtà naturale e urbana ma anche il
paesaggio dell'immaginario, lo spazio?tempo reale e quello mentale, interiore e intimo
dell'animo. Lo sguardo dell'artista coglie determinate situazioni, alcuni momenti, registra
cambiamenti che mescolano passato, presente e futuro, in una rielaborazione che trova
espressione nelle opere, restituendo attimi e impressioni. Il primo appuntamento dell'edizione
2015 vede protagonista Rä di Martino, che presenta alla GAM dal 10 febbraio al 6 aprile
l'opera "The Picture of Ourselves", video in bianco e nero che inquadra i primi piani alternati di
una bambina e di un giovane uomo dagli occhi chiari, due ritratti in cui affiorano suggestioni
della tradizione artistica, dalla pittura più antica fino alla fotografia più contemporanea, due
sguardi che sono la testimonianza della vita che scorre, si radica, si evolve in un infinito
intrecciarsi di possibilità. Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude
un'ora prima. Ingresso libero a Vitrine. Info: centralino 011.4429518 - segreteria 011.4429595 www.gamtorino.it/vitrine
fino al 06/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
GAVINO SANNA ALLO SPAZIO MOUV
"Livori in corso", personale di Gavino Sanna. In mostra una trentina di disegni, accompagnati
da brevi racconti, raccolti nel libro intitolato "Livori in corso" che Gavino Sanna ha dedicato ad
Alda Merini. La mostra si apre, così come nel libro, con un verso della Poetessa dei Navigli
"L'uomo fa male al fratello al primo sbadiglio del mattino" a cui segue la dedica di Alda Merini.
Orario: tutti i giorni dalle ore 10 alle 24; chiuso il lunedì. Nel periodo della mostra si
svolgeranno degustazioni libere e guidate dei vini di Cantina Mesa, l'azienda vitivinicola creata
dieci anni fa da Gavino Sanna con la moglie Lella a Sant'Anna Arresi nel Sulcis. Info:
[email protected] - www.spaziomouv.it - 331.5828996
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Silvio Pellico 3
TORINOSETTE | Arte
160 / 195
Arte
SERGIO STAINO ALLA GAM
"Un racconto di Berlino, 1981", personale di Sergio Staino - uno dei più conosciuti e amati
disegnatori satirici italiani -, a cura di Danilo Eccher. Lo spazio Wunderkammer ospita più di
cento disegni che raccontano Berlino nel 1981, quando Staino, armato di carta, matita, china e
una macchina fotografica raggiunge la città e la interpreta con i suoi disegni. E qui Bobo, da
sempre l'alter ego del disegnatore, si ritrova a esplorare una città dalle mille contraddizioni e
dal grande fascino. Una metropoli in forte espansione architettonica e culturale, in quell'anno
ancora inserita nel cuore del comunismo europeo. "Ogni angolo era una scoperta, una
sorpresa, una suggestione: Berlino in quegli anni là era una città veramente unica per la
quantità di contraddizioni politiche e sociali che faceva coesistere in se stessa esprimendole,
poi, in forme architettoniche e ambientali assai diversificate (...) Tutto era esagerato in Berlino
Ovest: le luci, le insegne, le vetrine, tutte cose che adesso sembrerebbero normali ma che,
allora, erano profondamente innovative. Solo avvicinandosi al confine con la Repubblica
Democratica, e soprattutto al muro, l'atmosfera della città si faceva più scura e deprimente e la
contraddizione tra la vitalità lussuosa dell'Ovest e la tristezza poliziesca dell'est si facevano
evidenti". Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima.
Ingresso: euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011
4429518 - Segreteria tel. 011 4429595 e-mail [email protected]
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
161 / 195
Arte
ALDO MONDINO ALLA GAM PER "SURPRISE"
Martedì 10 febbraio inaugura alla GAM il primo appuntamento dell'edizione 2015 di "Surprise",
progetto espositivo che concentra l'attenzione su aspetti specifici del contesto artistico torinese
tra gli anni Sessanta e Settanta, in cui si intersecarono discipline diverse, dall'architettura al
design, dalla moda alla grafica, dalla musica alle arti visive e performative gettando in questo
modo le basi per il riconoscimento artistico di Torino a livello internazionale. A curare questo
terzo ciclo di appuntamenti, che prosegue per tutto il 2015, sono Maria Teresa Roberto,
docente di Storia dell'Arte Contemporanea presso l'Accademia Albertina di Torino e Gregorio
Mazzonis, curatore GAM. Al progetto è dedicata la sala espositiva della GAM al secondo
piano del museo. Al centro dell'attenzione sono poste di volta in volta opere, tracce di percorsi
espositivi, progetti inediti, riferimenti a contesti extra-artistici; si tratta di frammenti eterogenei
ma accomunati dal senso di stupore e meraviglia e di intensificazione delle energie vitali tipico
di quegli anni. Il protagonista del primo appuntamento è Aldo Mondino (Torino, 1938-2005) il
quale, dopo il periodo trascorso a Parigi dal 1959 al 1960 dove frequenta l'Ecole du Louvre e i
corsi di incisione di William Heyter, nel 1963 esordisce a Torino con una personale alla galleria
Il Punto, allora diretta da Gian Enzo Sperone. Presenta in questa occasione i suoi nuovi lavori,
le "Tavole Anatomiche", metafore della società contemporanea descritta attraverso gli organi
del corpo umano. "Sole" e "Immersore", entrambe realizzate nel 1967 e presentate nella
mostra alla GAM, rappresentano un'esperienza anomala nell'ambito della sua produzione
artistica, rivolta in questi anni al gioco e allo humour. L'arrivo della Pop Art in Italia proprio
grazie a Gian Enzo Sperone e la sua consacrazione nella mostra alla Biennale veneziana del
'64, costituisce un precedente fondamentale per tutta la ricerca artistica degli anni a venire.
Mondino si appropria anch'egli di alcune istanze quali il principio di sconfinamento dalla pittura
ottenuto con l'utilizzo di materiali che circondano il nostro ambiente, in questo caso legno e
lampadine a incandescenza. Se "Immersore" si ricollega , come ha notato Riccardo Passoni,
più alle istanze New Dada che sono discusse proprio in quegli anni, "Sole" traduce con i
materiali delle insegne luminose un tema caro alla pittura di paesaggio come l'alba, sul quale
tra l'altro si concentra la ricerca di uno dei maestri della Pop Art come Roy Lichtenstein negli
anni tra 1963 e 1964 e al quale Sperone dedica la mostra di apertura della sua galleria. Le due
opere hanno in comune, oltre ai materiali utilizzati, una misura fissa che guida la loro
installazione alla parete, 160 centimetri da terra, segnalata dall'artista da una etichetta della
galleria Stein sul verso di "Immersore". Questa linea immaginaria, che attraversa in orizzontale
l'opera, definisce il punto al di sotto del quale le lampadine devono rimanere spente e
corrisponde sia alla misura teorizzata da Masaccio come altezza fissa dell'occhio umano sia al
segno lasciato dalle acque dell'Arno su alcuni capolavori dell'arte fiorentina che impressionò a
tal punto Mondino da spingerlo a realizzare tra la fine del '66 e il 1967 una serie di opere. Tra
questi lavori vale la pena ricordare l'intervento alla mostra "Con temp l'azione" (gallerie Stein,
Sperone e Il Punto, Torino 1967) durante la quale l'artista unisce le sedi della mostra tirando
un filo rosso attraverso la città posto a 160 centimetri di altezza da terra. Orario: martedìdomenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima. Ingressi: euro 10, ridotto
euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011 4429518 - Segreteria tel. 011
4429595 e-mail [email protected]
fino al 07/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
162 / 195
Arte
"MARCO POLO - LA VIA DELLA SETA NELLE FOTOGRAFIE DI MICHAEL YAMASHITA"
AL MAO
Un viaggio per immagini, sulle tracce di uno dei più grandi esploratori di tutti i tempi: la nuova
mostra del Mao ricostruisce il percorso compiuto quasi mille anni fa da Marco Polo lungo la
Via della Seta, attraverso le fotografie di Michael Yamashita, fotografo di punta di National
Geographic. Nelle 76 fotografie esposte al Museo d'Arte Orientale ritroviamo piazza San
Marco e la laguna, il minareto di Samarra in Iraq e le carovane a bordo dei cammelli nel
deserto del Gobi. Non solo: la mostra, articolata in tre sezioni geografiche, ripercorre il tragitto
compiuto da Marco Polo dall'Italia alla Cina, ma anche la permanenza dell'esploratore in Cina
e il viaggio di ritorno via mare, lungo le coste dell'Indonesia e dell'India. Le immagini
desertiche lasciano così pian piano spazio alle distese d'acqua delle piantagioni di riso, agli
spettacolari paesaggi della baia di Ha Long nel Nord del Vietnam e agli sguardi penetranti dei
sadhu a Bombay. Orario: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18. Dal 7 febbraio al 1 marzo,
apertura e chiusura posticipata nei weekend (sabato dalle 11 alle 20; domenica dalle 11 alle
19). La biglietteria chiude un'ora prima. Il biglietto d'ingresso (10 euro) consente anche
l'accesso alla collezione permanente del museo. Info: 011.4436928 - www.maotorino.it
fino al 12/04/2015
ore 17:00
Torino
Via San Domenico 11
MOSTRA DEI FINALISTI DEL MARIO MERZ PRIZE ALLA FONDAZIONE MERZ
Mostra dei 5 finalisti della prima edizione della sezione arte del Mario Merz Prize. Gli artisti,
Lida Abdul (Kabul 1973), Glenn Ligon (New York 1960), Naeem Mohaiemen (Londra 1969),
Anri Sala (Tirana 1974) e Wael Shawky (Alessandria d'Egitto 1971), sono stati selezionati tra
le oltre 500 candidature pervenute dalla giuria composta da Marisa Merz, Beatrix Ruf
(direttrice dello Stedelijk Museum di Amsterdam) e Claudia Gioia (curatrice indipendente). Il
progetto espositivo, curato da Beatrice Merz raccoglie due o tre opere per ciascun autore,
scelte tra le più significative del loro percorso artistico. Il pubblico potrà esprimere la propria
preferenza visitando la mostra o collegandosi al sito mariomerzprize.org. Orario: martedìdomenica 11-19, lunedì chiuso. L'ingresso alla mostra è gratuito. Info: 011.19719437 [email protected] - www.fondazionemerz.org
fino al 12/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Limone 24
AVERY SINGER ALLA FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
"Pictures Punish Words", personale di Avery Singer, a cura di Beatrix Ruf. Sorprendenti per
tecnica e iconografia, i quadri di Avery Singer sovvertono le nostre aspettative visuali. A un
primo sguardo si sottraggono a una classificazione precisa come dipinti o elaborazioni a
stampa. Per questo sollevano l'interrogativo, ovvio e allo stesso tempo pressante per
un'artista, sul modo in cui le informazioni digitali che ci circondano possono concretizzarsi sotto forma di immagine piatta su carta o, più di recente, tridimensionale in plastica, o su ogni
altra possibile superficie materiale. Avery Singer ha realizzato un ciclo di opere pensate
appositamente per questa sua prima personale. Dopo una prima presentazione alla Kunsthalle
di Zurigo, la personale si sposta Torino, alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Orario:
giovedì 20-23 (ingresso libero); venerdì, sabato e domenica 12-19. Ingresso: intero euro 5;
ridotto euro 3 (over 65, studenti); gruppi euro 4 (minimo 6 persone); gratuito (per i bambini fino
a 12 anni, Insieme per l'Arte, abbonamento Torino Musei, giornalisti accreditati, soci ICOM).
Info: [email protected] - 011.3797600 - www.fsrr.org
fino al 12/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Modane 16
TORINOSETTE | Arte
163 / 195
Arte
"IL KABUKI DEI TRE SAMURAI: ARAKI, MORIMURA, SUGIMOTO" ALLA GALLERIA IN
ARCO
"Il kabuki dei tre samurai: Araki, Morimura, Sugimoto". Nobuyoshi Araki, Yasumasa Morimura
e Hiroshi Sugimoto sono i protagonisti della mostra a cura di Graziano Menolascina.
Nobuyoshi Araki, tra gli artisti più rappresentativi e prolifici della storia della fotografia,
racconta la donna, l'eros e il Giappone. Le donne di Araki sono spesso sdraiate su letti disfatti,
oppure distese sul pavimento in pose lascive, legate con corde, con i corpi ostentati e nudi ma
con sguardi in cui è completamente assente la volontà di sedurre. Yasumasa Morimura si
appropria invece di icone universali della storia dell'arte, dei mass media e della cultura
popolare interpretandole in prima persona. In particolare Morimura è interessato alle
trasformazioni sociali politico e culturali dovute alla penetrazione del capitalismo e dei miti del
mondo occidentale in Giappone. Morimura impersona Einstein, Marylin, Frida Khalo, Hitler il
risultato è un'opera e raffinata che nasce da una cura maniacale per i dettagli e l'uso di ritocchi
digitali, di costumi, pose e accessori ricercati che le rendono uniche. I tratti somatici non
modificati, sono l'unico mezzo che Morimura ha per rivendicare la propria origine e le proprie
tradizioni e l'unica via per fare ciò è la provocazione. Infine, ci sono gli scatti di Hiroshi
Sugimoto, immagini mentali, concetti la cui materializzazione è resa possibile grazie a un
rigoroso controllo del mezzo fotografico e del processo manuale di stampa, seguito anch'esso
personalmente dall'artista. Nella serie "Theatre" Sugimoto ha fotografato con tempi di
esposizione lunghissimi sale degli anni '20 e '30, cinema degli anni '50 e drive in. La luce
bianca degli schermi rettangolari, che illumina il resto dell'ambiente, contiene in sé l'intera
proiezione del film. In "Architectures" la tecnica dello sfocato priva le architetture moderniste di
connotazioni temporali. I lunghi tempi di esposizione dei "Seascape" bloccano il movimento
delle onde in immagini eterne, mentre il soggetto dei "Portraits" realizzati fotografando i
personaggi dei musei delle cere è l'immortalità stessa. Info: 011.8122927 - www.in-arco.com [email protected]
fino al 18/04/2015
ore 18:30
Torino
Piazza Vittorio Veneto 3
TORINOSETTE | Arte
164 / 195
Arte
"IL MONDO IN UNA TAZZA" A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta un percorso dedicato alla storia della tazza, attingendo dalle ricche
collezioni di arte decorativa conservate in museo. L'esposizione si riallaccia al tema della
porcellana torinese al centro di Fascino e splendore della porcellana di Torino, mostra curata
da Andreina d'Agliano e Cristina Maritano che apre in contemporanea alla Fondazione AccorsiOmetto e che presenta ben 90 opere provenienti dalle collezioni di Palazzo Madama. Le due
esposizioni offrono nel complesso un vero e proprio percorso cittadino dedicato al tema della
porcellana. Filo conduttore dell'esposizione è la tazzina: da tè, da caffè e da cioccolata.
Oggetto legato indissolubilmente all'introduzione in Europa delle bevande calde provenienti
dall'Oriente e dal Nuovo Mondo e al materiale esotico e prezioso per eccellenza, la porcellana.
A Palazzo Madama una sequenza di tazze, a partire dai blancs-de-chine, ovvero le porcellane
bianche cinesi prodotte a Dehua, mostra l'evoluzione delle forme e la varietà dei decori nelle
tazzine prodotte dalle manifatture europee nel Settecento: dai motivi di origine cinese e
giapponese, a quelli tratti dai libri di storia naturale, ai paesaggi derivati da incisioni olandesi e
tedesche, fino alle scene mitologiche e della letteratura cavalleresca. Contestualmente la
mostra è un'occasione per raccontare, per casi esemplari, la storia della porcellana, delle sue
particolarità produttive, della qualità della pasta e dei colori. Il valore socialmente
rappresentativo della porcellana emerge anche grazie all'esposizione di alcuni servizi araldici,
conservatisi integri per il loro valore altamente simbolico legato al passato illustre della casata
oppure smembrati e dispersi sul mercato antiquario. Una vetrina è dedicata alla principale
manifattura di porcellana operante in Piemonte nel Settecento, la Real fabbrica delle
porcellane di Vinovo, fondata nel 1776 grazie all'intraprendenza di un torinese, Giovanni
Vittorio Brodel, e di un ceramista di Strasburgo, Pierre-Antoine Hannong, e poi rilevata nel
1780 dal medico e chimico torinese, Vittorio Amedeo Gioanetti. Alla produzione di questa
fabbrica è dedicato un più ampio spazio nelle sale della mostra alla Fondazione AccorsiOmetto. In un'altra vetrina, l'artista Matilde Domestico, che da anni conduce ricerche sul tema
della porcellana, ambienta l'installazione Esistenza di porcellana, che si ispira alle poesie di
Emily Dickinson. Il lavoro dell'artista unisce oggetti e frammenti di carta e di porcellana su cui
emergono parole in acciaio. Intorno una superficie di polvere di marmo di Carrara, il caolino,
un materiale refrattario. Tutti gli elementi nel complesso rimandano all'idea di fabbrica, a una
realtà viva e produttiva. In sottofondo una base sonora composta dalla sovrapposizione ed
elaborazione di rumori meccanici, suoni metallici ripetitivi registrati all'interno dei reparti di
fabbricazione dell'Industria Porcellane IPA, si propaga tra le tintinnanti ceramiche antiche e
contemporanee. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00. La biglietteria
chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso: intero euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. In presenza di mostre temporanee le tariffe
potranno subire variazioni. Info: 011.4433501 - www.palazzomadamatorino.it
fino al 19/04/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
ISA MELSHEIMER DA QUARTZ STUDIO
"Examination of the Origins", personale dell'artista tedesca Isa Melsheimer (Neuss, 1968) che
per l'occasione ha concepito un'installazione site specific in cui elementi scultorei pensati a
partire dalle caratteristiche 'ambientali' di Quartz sono accostati alle forme architettoniche di
alcuni edifici della città. Visite su appuntamento. Info: 338.4290085 - [email protected] www.quartzstudio.net
fino al 28/04/2015
ore 19:00
Torino
Via Giulia di Barolo 18/D
TORINOSETTE | Arte
165 / 195
Arte
JOSEF KOUDELKA AL FORTE DI BARD
"Josef Koudelka, Vestiges 1991-2014", prima esposizione in Italia del più imponente progetto
fotografico di uno dei maestri mondiali della fotografia, mostra promossa dall'associazione
Forte di Bard in collaborazione con l'Agenzia Magnum Photos. Il progetto Vestiges, che vede
impegnato da oltre vent'anni il grande fotografo dell'agenzia Magnum Photos, propone la sua
interpretazione fotografica e artistica di alcuni dei più importanti siti archeologici della cultura
romana e greca, in un itinerario attraverso venti paesi, dalla Grecia al Libano, dalla Siria
all'Algeria, dalla Turchia all'Italia e di oltre duecento località che si affacciano sul Mar
Mediterraneo. Un'esplorazione che non ha precedenti, un lavoro fatto di costanza e
perseveranza. L'artista, come i pittori romantici del XIX secolo, coltiva una predilezione
particolare per le rovine, senza celebrarne l'atmosfera malinconica, ma con l'obiettivo di
restituirne l'autentica bellezza. Il suo intento è usare l'arte per riappropriarsi di un mondo che ci
sta sfuggendo e che potremmo perdere. Trasformare le macerie in speranza è il grande e
ambizioso progetto che Koudelka cerca di realizzare con il suo eccezionale viaggio, in
costante divenire che si arricchisce periodicamente di nuovi capitoli. In mostra oltre 60
fotografie di cui 22 panoramiche di grandi dimensioni. Un allestimento che coniuga il
minimalismo dell'approccio del fotografo e della cifra stilistica delle sue immagini, al suggestivo
senso di camminamento tra le rovine. In mostra anche la proiezione di circa 350 scatti relativi
ai set di Vestiges. Fino al 31 gennaio il Forte sarà aperto solo il sabato e la domenica dalle 10
alle 19; dal primo febbraio apertura consueta (feriali dalle 10 alle 18, festivi e prefestivi dalle 10
alle 19). Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 - 83382 e su
www.fortedibard.it
fino al 03/05/2015
ore 18:00
Bard (AO)
Forte
"AL FRONTE" AL MUSEO DEL CINEMA
"Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande Guerra", mostra a cura di Roberta
Basano e Sarah Pesenti Campagnoni. Cento anni fa, la Grande Guerra investe il Vecchio
Continente con la sua modernità che, oltre alle armi micidiali, annovera l'utilizzo di nuovi mezzi
di comunicazione. Tra queste la fotografia e il cinema si rivelano risorse fondamentali nel
definire gli equilibri di potere dei principali paesi belligeranti. Scatti e riprese realizzati da
fotografi e operatori militari invadono le pagine di quotidiani e riviste e dominano gli spettacoli
cinematografici di tutto il mondo, trovando una eco nelle innumerevoli fotografie amatoriali
accumulate dai reduci e dalle loro famiglie, memoria di un'esperienza umana e sociale
estrema e contraddittoria. La mostra "Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande
Guerra" propone un percorso di immagini attraverso 160 fotografie inedite, scattate da Luis
Bogino al seguito del Regio Esercito Italiano e dai soldati fotoamatori dislocati sui di guerra.
Accanto a questo primo tracciato si sviluppa il percorso cinematografico: una selezione di film
"dal vero", girati al fronte e nelle retrovie, e di titoli di fiction di epoche diverse, testimonianza di
un'eredità visiva e culturale variamente interpretata nel corso del tempo. Lo sguardo di artisti
come Paola De Pietri, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi propone infine una lettura
personale della prima guerra mondiale, dei luoghi che essa ha attraversato e di una memoria
spesso dimenticata. Orario: da martedì a venerdì 9.00-20.00; sabato 9.00-23.00; domenica
9.00-20.00; lunedì chiuso. Ultimo ingresso un'ora prima della chiusura. Ingresso: intero euro
14,00; ridotto (studenti universitari fino a 26 anni, over 65, gruppi min. 15 persone) euro 11,00;
giovani e scuole (da 6 a 18 anni, gruppi scolastici) euro 8,00; gratuito fino a 5 anni, disabili e
accompagnatore, Torino+Piemonte Card.
fino al 03/05/2015
ore 19:00
Torino
Via Montebello 20
TORINOSETTE | Arte
166 / 195
Arte
"ASTRATTISMO IN EUROPA" AL FORTE DI BARD
"Astrattismo in Europa. Kandinsky, Popova, Majakovskij, Malevi?...": oltre 80 opere,
principalmente olii e disegni di straordinario valore, appartenenti a una prestigiosa collezione
privata tedesca, per la prima volta esposta in Italia. La collezione, riunita con passione e
costanza nel corso di anni, costituisce un nucleo tematico omogeneo con aspetti storicogeografici di grande interesse: le opere illustrano le tendenze artistiche dell'Europa Orientale e
Centrale durante la prima metà del XX secolo, con particolare attenzione alla nascita della
pittura astratta e ai movimenti di arte non figurativa che ne seguirono e che capillarmente si
diffusero in tutta Europa. In un clima di generale rinnovamento del linguaggio artistico, infatti, a
partire dal 1910 circa si sviluppano diverse tendenze astratte nell'ambito dei movimenti
d'avanguardia tedesco, russo, ceco e olandese. Wassily Kandinsky occupa un posto di primo
piano in questo contesto artistico. Al completo la compagine degli astrattisti russi presenti in
mostra: Vladimir Tatlin, Alexander Rodchenko, El Lissitzky e Alexandra Exter, che sviluppa il
suo linguaggio plastico integrando influssi dal Cubismo e dal Futurismo. Da non perdere le
preziose opere di Natalia Goncharova. Kasimir Malevic, con Kandinsky, può considerarsi il più
importante pioniere dell'arte astratta. Proveniente dal contesto del Cubofuturismo russo,
Malevic dipinge forme geometriche elementari come il quadrato, la sfera, la croce, dando vita
al movimento del Suprematismo: un'arte non descrittiva, puramente contemplativa e spirituale.
In mostra anche 44 libri originali del medesimo movimento artistico culturale con numerosi
pezzi di Wladimir Majakovskij e opere di Nikolay Punin, Kasimir Malevi?, Lajos Kassák e due
filmati di Hans Richter (1888-1976) e Viking Eggeling (1880-1925), pionieri dell'astrattismo
geometrico cinematografico d'avanguardia europeo. I loro lavori, terminati nel 1921, sono
considerati tra le opere fondamentali della modernità. Orario: feriali dalle 10 alle 18, festivi e
prefestivi dalle 10 alle 19. Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 83382 e su www.fortedibard.it
fino al 02/06/2015
ore 10:00
Bard (AO)
Forte
TORINOSETTE | Arte
167 / 195
Arte
"LO SPAZIO DEL DEMIURGO", FORTUNY E MOLLINO A PALAZZO MADAMA
Poliedricità. È il tratto che accomuna i protagonisti della nuova mostra allestita a Palazzo
Madama «Lo spazio del demiurgo», incentrata sulle figure di Mariano Fortuny y Madrazo e
Carlo Mollino. Due personalità forti, capaci di eccellere in differenti discipline, dalla pittura alla
scenografia, passando per l'architettura, il design e la moda. L'esposizione racconta il
percorso artistico e professionale di Fortuny e Mollino attraverso venti immagini realizzate da
una coppia di grandi fotografi, Sarah Moon e Pino Musi, e dal giovane Marco Maria Zanin.
Nato a Granada nel 1871, Mariano Fortuny y Madrazo respirò arte fin dall'infanzia: figlio del
pittore catalano Mariano Fortuny y Marsal, tra i più rilevanti del panorama artistico spagnolo
del XIX secolo, si dedicò al disegno, all'incisione e alla scenografia, realizzando lampade
avveniristiche, d'ispirazione teatrale, che negli anni a venire si affermarono come uno degli
oggetti di design più ricercati e riconoscibili. Stabilitosi a Venezia, fece di Palazzo Pesaro degli
Orfei la sua residenza e il suo laboratorio: qui concepì e realizzò le prime tuniche Delphos,
lunghi abiti femminili caratterizzati da sottilissime pieghe. Sono i primi vestiti plissettati al
mondo: la tecnica ideata e brevettata da Fortuny si rivelò un successo immediato,
rivoluzionando il mondo della moda. La capacità di creare forme, attingendo da mondi e
modelli differenti tra loro, dall'Antica Grecia alle tradizioni catalane, fece di Fortuny una delle
figure più interessanti del suo tempo, un modello tutt'oggi imitato e studiato. Altrettanto
affascinante è la figura di Carlo Mollino: torinese, nato nel 1905 da una famiglia benestante,
seguì da subito le orme del padre Eugenio, ingegnere e architetto, noto per aver progettato e
realizzato l'ospedale delle Molinette. Completati gli studi, Carlo si dedicò con profitto alla
fotografia, alla progettazione di edifici e di automobili da corsa. Appassionato di sci e di
montagna, realizzò chalet, edifici e funivie, coniugando materiali tradizionali e forme molto
moderne, tecnica che caratterizzò anche i suoi progetti più famosi, come il nuovo Teatro Regio
e il palazzo della Camera di Commercio in via Carlo Alberto. Forme morbide e sinuose, che si
ritrovano anche nei suoi arredi e nei suoi mobili, custoditi nella villa di Vittorio Avondo e
immortalati dall'obiettivo di Musi e Zanin. Orario: da martedì a sabato 10-18, domenica
(10-19). La biglietteria chiude un'ora prima. Ingresso: intero 10 euro; ridotto 8; gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 07/06/2015
ore 18:00
Torino
Piazza Castello
JACQUES HENRI LARTIGUE AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Jacques Henri Lartigue - Alle origini della fotografia contemporanea", mostra a cura di Andrea
Busto, in collaborazione con la Donation Jacques Henri Lartigue. La mostra, realizzata a
partire da 130 album originali di Lartigue, ripercorre il destino unico di questo fotografo il cui
talento ora indiscusso venne riconosciuto tardivamente, all'età di 69 anni. La mostra è
composta da 136 fotografie in grande formato e da 50 pagine d'album dell'epoca (1912 - 1922)
che permettono di vedere le immagini nel contesto originale. Una selezione di opere
emblematiche che ripercorrono tutta la storia del Novecento e le origini della fotografia
contemporanea. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
168 / 195
Arte
"PLASTIC DAYS" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Plastic Days - Materiali e design", a cura di Cecilia Cecchini e Marco Petroni. Un percorso
multidisciplinare tra arte, design e costume per raccontare l'affascinante storia di un materiale
che ha profondamente segnato e condizionato il nostro tempo e le nostre abitudini. Gli oggetti
e le opere in mostra costituiranno una sorta di atlante del contemporaneo. La mostra nasce
dall'analisi e dalla selezione di circa 600 oggetti della collezione della Fondazione Plart,
Plastiche e Arte di Maria Pia Incutti-Paliotto, e si compone come un originale racconto della
grande e molteplice famiglia dei materiali plastici. Una testimonianza che racconta le
trasformazioni degli ultimi centocinquanta anni di storia e che svela l'anima profonda della
modernità e delle mutazioni che hanno segnato il paesaggio domestico e culturale in cui siamo
immersi. La plastica diviene la lente d'ingrandimento puntata sulle dinamiche sociali ed
economiche del nostro tempo. Gli oggetti in mostra rappresentano un'articolata selezione di
artefatti assai rari provenienti da tutte le parti del mondo: prime serie di produzione, pezzi di
grande tiratura di famosi designer o di design anonimo. Una scelta non finalizzata a proporre
una puntuale ricostruzione della storia delle plastiche, ma a realizzare una mostra capace di
disegnare un particolare percorso di lettura del nostro tempo, rivisitato attraverso un approccio
multidisciplinare tra design, arte e costume. Uno sguardo ampio, testimoniato anche dagli
interventi in catalogo di Alba Cappellieri, Laura Cherubini, Stefano Catucci, Gianluigi
Ricuperati, Thea van Oosten e Anna Laganà. Completano il percorso espositivo le interviste
ad Andrea Branzi, Donato D'Urbino, Paolo Lomazzi, Alessandro Mendini, Maurizio
Montalti/Officina Corpuscoli, Andrea Trimarchi e Simone Farresin/Studio Formafantasma,
Gaetano Pesce e Maria Pia Incutti, collezionista e presidente della Fondazione Plart. Orario:
da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
ANITA MOLINERO AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Anita Molinero, opere e installazioni". Copertoni, sedie, tavoli, panchine, cassonetti della
spazzatura, arredi urbani dismessi, imballaggi. Sono questi i materiali scultorei preferiti da
Anita Molinero, esposti nella loro grezza povertà nei primi lavori degli anni Ottanta e poi
manipolati, tagliati e plasmati attraverso il fuoco nella produzione successiva. La mostra Anita
Molinero. Opere e installazioni presenta una panoramica di lavori realizzati recentemente e
disseminati negli spazi di tutto il Museo, in dialogo con la mostra Plastic Days. L'artista
realizzerà inoltre una serie di sculture site-specific con materiali plastici - in particolare
cassonetti della spazzatura, elementi di carrozzeria automobilistica come paraurti, fari, fanali recuperati durante la sua permanenza a Torino. Con la mostra di Anita Molinero iniziano le
incursioni del MEF nei territori della creazione contemporanea. Muovendosi dalla mission di un
museo che non vuole essere "solo museo", ma un vivace luogo di scambio e un attivatore di
processi creativi, il MEF inaugura una serie di collaborazioni trasversali, partendo dalla moda.
Primo partner, lo storico marchio di abbigliamento BasicNet. Per l'occasione, la casa torinese
realizzerà un K-WAY progettato da Anita Molinero: l'impermeabile sarà prodotto
esclusivamente durante il periodo della mostra, diventando un vero e proprio multiplo
indossabile. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
169 / 195
Arte
GESSI E CERAMICHE DELLA LENCI A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta, a partire dal 1 novembre, un nuovo allestimento in Sala
Ceramiche dedicato alla celebre manifattura Lenci, a cui il museo ha già dedicato una grande
mostra nel 2010. L'esposizione, resa possibile grazie al generoso prestito di due collezionisti
privati e della Fondazione Guido ed Ettore De Fornaris, mette in evidenza i due momenti
chiave del processo creativo della manifattura Lenci: quello iniziale, i gessi, e quello finale, le
ceramiche. I gessi della Lenci, provenienti da una collezione privata, costituiscono un vero e
proprio archivio di fabbrica, dove si conservano anche le idee rimaste in bozza e mai
realizzate. La selezione presentata a Palazzo Madama offre all'attenzione del pubblico il
confronto diretto con le corrispondenti ceramiche, come per il "Trionfo di Bacco" di Giovanni
Grande, oltre ad alcuni raffinati inediti, come la "Principessa sul pisello" attribuibile a Mario
Sturani, di cui non si conoscono realizzazioni in terraglia. L'esposizione è inoltre l'occasione
per vedere nuovamente riunite, dopo la mostra "L'avventura Lenci", le Stagioni di Mario
Sturani in ceramica e in gesso. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00.
Mercoledì 24 dicembre aperto dalle 10 alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 25 dicembre
chiuso; venerdì 26 dicembre aperto dalle 10 alle 18; mercoledì 31 dicembre aperto dalle 10
alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 1 gennaio aperto dalle 14 alle 18, chiuso il mattino; lunedì
5 gennaio apertura straordinaria dalle 10 alle 18; martedì 6 gennaio aperto dalle 10 alle 18. La
biglietteria chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso museo: intero euro 10, ridotto euro
8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 25/06/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
"FASCINO E SPLENDORE DELLA PORCELLANA DI TORINO" AL MUSEO ACCORSIOMETTO
La mostra, realizzata in collaborazione con Palazzo Madama - Museo Civico di Arte Antica, a
cura di Andreina d'Agliano e di Cristina Maritano, si propone di approfondire la produzione
delle tre manifatture torinesi di porcellana, Rossetti, Vische e Vinovo, grazie allo spoglio dei
documenti d'archivio e alla revisione degli oggetti presenti sia in raccolte pubbliche che private.
L'avventura eroica che portò la "sublime scoperta della porcellana" a diffondersi in Europa e
anche, precocemente, in terra piemontese, le storie, i protagonisti, le opere, uniti all'uso
quotidiano dell'oro bianco all'interno delle dimore signorili, esaminato nell'arco della giornata
del Giovin Signore, sono oggetto dell'esposizione al Museo di Arti Decorative Accorsi Ometto, che presenta - oltre a porcellane provenienti da raccolte pubbliche e private - diversi
esempi di argenteria, quadri, incisioni. Il percorso espositivo si apre con la sezione dedicata
alla produzione di porcellana della manifattura Rossetti, di proprietà del conte Giacinto Roero
di Guarene, rappresentato nello straordinario quadro di Martin van Meytens; si prosegue
entrando in un cabinets des porcelaines, in cui vengono esposte diverse porcellane cinesi
Blanc de Chine, alcune già di proprietà del Conte di Guarene, a cui si aggiungono alcune
statuine di dignitari cinesi in porcellana a pasta tenera, eseguite nella manifattura Rossetti fra il
1737 e il 1743, copiando originali cinesi. Oltre alla produzione bianca, sono state individuate
porcellane dipinte in policromia, fra cui una vaso di Palazzo Madama, e alcuni oggetti
appartenenti a collezioni private. La seconda sezione è dedicata alla manifattura fondata nel
1765 dal conte Ludovico Birago di Vische, di cui vengono presentati numerosi oggetti inediti:
nella sua breve attività (1765 - 68) Vische, oltre a riprodurre statuine e prototipi della
manifattura di Vincennes - Sèvres, presenta un notevole influsso dei disegni rocaille di
Meissonnier e dell'argentiere torinese Boucheron. Fra gli oggetti più interessanti, una
zuccheriera dipinta in monocromia porpora e una straordinaria salsiera, la cui forma ricorda da
vicino la produzione del Boucheron. La terza sezione della mostra inizia mostrando una serie
di sculture in porcellana bianca verniciata e in biscuit, eseguite nel periodo in cui alla direzione
della manifattura furono Giovanni Vittorio Brodel, già socio del Birago a Vische, e Pierre
Antoine Hannong, autore della formula della porcellana dura in Francia (aveva infatti venduto
nel 1761 il segreto della porcellana dura a Sèvres). In questo periodo vengono riprodotti i
modelli di Vische, in buona parte derivati dalle incisioni delle opere di François Boucher. Un
TORINOSETTE | Arte
confronto interessante sarà quello tra Vincennes - Sèvres, Vische e Vinovo, che170
darà/al195
visitatore la possibilità di esaminare i modelli piemontesi e gli originali francesi, fra cui un
biscuit proveniente dal Museo delle Porcellane di Palazzo Pitti. La mostra prosegue con una
Arte
SAN SECONDO DI PINEROLO - "SAN SEBASTIANO" AL CASTELLO DI MIRADOLO
"San Sebastiano. Bellezza e integrità nell'arte tra Quattrocento e Seicento", mostra dedicata a
San Sebastiano, curata da Vittorio Sgarbi. Vittorio Sgarbi e Antonio D'Amico hanno
selezionato circa quaranta capolavori, dal Rinascimento al Seicento inoltrato. Il percorso
prende avvio con Andrea della Robbia che modella l'anatomia del giovane Sebastiano con
grande raffinatezza, levigando le membra con la terracotta invetriata. Si prosegue con uno
sguardo nella Venezia del Quattrocento, dove Carlo Crivelli interpreta con grande
suggestione, tra la laguna e le Marche, la figura di un giovanetto nudo e invaso dalle frecce.
Sul suo viso compare la smorfia: è l'uomo del Rinascimento con le sue passioni e le sue
aspettative sul mondo e nel futuro. Ludovico Carracci interpreta il secolo della grande Riforma
Cattolica mostrandoci un atleta gentile che cita passi di danza e si muove leggiadro nei
meandri della fede. Lo splendido paesaggio è la scena suggestiva che ospita la Vergine col
Bambino e uno statuario Sebastiano, dipinto da Paris Bordon, che ci guarda e assiste
silenzioso al mistico dialogo. Compagno ideale è il solitario e meditabondo San Sebastiano di
Tiziano che proviene da una importante collezione privata americana e che giunge in Italia per
la seconda volta. Il Seicento si apre con l'accesa armonia dei colori e le audaci forme che in
Rubens, che da Anversa giunge in Italia, tra Mantova e Roma, trovano un risvolto leggiadro,
suadente e delicato: il Rubens della Galleria Corsini di Roma esce dalla stanza dell'Alcova di
Palazzo Corsini alla Lungara per la prima volta dopo tanti anni. Pittura tattile è quella del
Seicento che mette in campo gli affetti con un inedito Guercino, di recente scoperto e custodito
in una collezione privata americana e con l'altro, compagno ardito, della Galleria Nazionale
delle Marche. L'aspetto della devozione è sublimata con Guido Reni che lega il bel Sebastiano
a un albero in un'atmosfera calda, serale, intima, pregna di una Bologna in cui i dettami del
Concilio di Trento, applicati dal Cardinale Gabriele Paleotti, sono ancora nevralgici e di forte
attrazione e rispetto per gli artisti. L'ondata caravaggesca, poi, tocca un inedito culmine con un
dipinto eccezionalmente dato in prestito dal Cardinale di Milano, che, appositamente studiato
per la mostra, rivela accenti nordici con una straordinaria verità nel volto e nella posa
dell'uomo "santo". Gli echi caravaggeschi, poi, mostrano la passione con Ribera e l'ardita
partecipazione al martirio con Nicolas Regnier e con l'affascinante Mattias Stomer dei
Gerolamini di Napoli; accezioni preziose del caravaggismo internazionale. La narrazione
ideale, di coinvolgimento emotivo, trova due capisaldi nel Mattia Preti di Capodimonte e nei
Luca Giordano che cavalcano il Seicento e aprono il secolo successivo lasciandosi alla spalle
la pittura di verità e la ritualità del vero. La mostra offre un excursus dentro quasi tre secoli,
operando affascinanti confronti sul soggetto: il medesimo artista che adotta differenti soluzioni
formali, pose e ambientazioni in anni ravvicinati letti da artisti diversi, materiali differenti e
modellati per capirne cambiamenti e intenti devozionali e di fama della figura del santo da nord
a sud. Un percorso che dalla seconda metà del Quattrocento giunge agli albori del Settecento,
contemplando assoluti capolavori. Tre grandi opere si sono aggiunte in un secondo momento
e saranno visibili al Castello di Miradolo: il "San Sebastiano curato dagli angeli" di Rubens (dal
30 ottobre), "Il Martirio di San Sebastiano" di Guercino (dal 6 novembre) e Il "San Sebastiano"
di Raffaello dall'Accademia Carrara di Bergamo (dal 18 dicembre). Orario: giovedì e venerdì
14.00-18.00; sabato, domenica e lunedì 10.00-18.30; chiuso il martedì e il mercoledì; aperto su
prenotazione anche in orario di chiusura. Orari durante ricorrenze e festività: 1 novembre
10.00-18.30; 8 dicembre 10.00-18.30; 24 dicembre chiuso; 25 dicembre 15.00-18.30; 26
dicembre 10.00-18.30; 31 dicembre e 1 gennaio chiuso; 6 gennaio 10.00-18.30. Ingresso:
intero 10 euro; ridotto 8 euro (gruppi, convenzionati, studenti fino a 26 anni, over 65, militari);
ridotto dai 6 ai 14 anni 3 euro; gratuito bambini fino a 6 anni, Abbonati Musei. Info:
www.fondazionecosso.it - [email protected] - 0121.502761 (biglietteria) - 0121.376545
(uffici). Sabato 29 novembre servizio navetta che collega il centro di Torino al Castello di
Miradolo al costo di 8 euro a persona. Partenza da Torino alle ore 14,00 da piazza Carlo
Felice angolo corso Vittorio Emanuele II; ritorno con ritrovo nel parcheggio del Castello di
Miradolo alle ore 17,30 e rientro in città per le 18,30. Prenotazione obbligatoria: 0121.502761
ore 10:00
San Secondo di Pinerolo (TO)
Via Cardonata 2
TORINOSETTE | Arte
171 / 195
Arte
"STEMPERANDO" ALLA BIBLIOTECA NAZIONALE
"Stemperando", sesta edizione della Biennale Internazionale di opere d'arte su carta che si
realizzerà in tre tappe: Torino, Tirana e Roma. La Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino
ospiterà la prima tappa della rassegna, nata a Spoleto nel 2003 in concomitanza con il Festival
dei due mondi. Successivamente, le opere saranno trasferite a Tirana e la mostra sarà
allestita al Museo Storico Nazionale dell'Albania. Infine, come ultima tappa, il gruppo di opere
ritornerà in Italia e la mostra sarà composta a Roma, al Museo Villa Vecchia di Villa Doria
Pamphili, dove concluderà il suo percorso. In mostra 96 opere su carta di 49 artisti di ogni
parte del mondo. Per la sezione internazionale: Alberto Biasi, Alberto Brusa, Paolo Conti,
Graham Guerra, Kivanç Gülhan, Ali Herischi, Jiang Shanqing, Susan Leyland, Paolo Marazzi,
Carlo Mazzetti, Xavier Medina Campeny, Sophia Michaeledes, Azad Nanakeli, Qui Yu, Ran
Xue Mei, Claudio Sacchi, Michele Stanzione, Martin Streitenberger, Andreas Tomblin, Jorrit
Tornquist, Lucio Trizzino; per la sezione storica: Georges Braque, Francesco Casorati, Enrico
Colombotto Rosso, Samo Koler, Riccardo Licata, Umberto Mastroianni, Franc Oldering, Mario
Schifano, Giacomo Soffiantino, Alberto Sughi; per la Nazione ospite, Albania: Albien Alushaj,
Helidon Haliti, Ardian Isufi, Pjeter Koleci, Beskida Kraja, Gjon Jon Kraja, Vladimir Llakaj, Fatos
Lubonja, Ormira Lulani, Alban Met-hasani, Alkan Nallbani, Andi Nallbani, Admir Pervathi,
Parlind Prelashi, Agron Rushiti, Alberto Saka, Helidon Xhixha, Armand. A cura di: Anselmo
Villata. Nazione ospite d'Onore: Albania, a cura di Alfred Milot Mirashi.
ore 18:00
Torino
Piazza Carlo Alberto 3
"ANDY WARHOL...IN THE CITY" ALL'8 GALLERY
"Andy Warhol...in the city". Un'occasione unica per ammirare 40 opere che hanno segnato la
storia dell'arte mondiale: dal mito di Marilyn Monroe al fascino di Liz Taylor, dalle storiche
bottiglie di Coca Cola alle leggendarie lattine di zuppa Campbell's, l'intuito e l'estro grafico di
Andy Warhol sono i protagonisti di questa interessante esposizione. Le opere fanno parte
della più ampia mostra intitolata "Andy Warhol... in the city" che nasce da un'iniziativa di
Pubbliwork Eventi, in collaborazione con la New Factory Art, ed è già stata esposta nelle
gallerie d'arte di diverse città italiane; da gennaio 2015, in pieno spirito Warhol, la mostra è
stata allestita, per la prima volta in assoluto in un centro commerciale. Tra le opere esposte
l'immancabile Marilyn Monroe, Campbell's e Flowers, si potranno inoltre ammirare le copertine
di Interview Magazine, la rivista fondata proprio da Andy Warhol e le cover di dischi dei Rolling
Stones e dei Velvet Underground. Le opere rappresentano il percorso artistico ed iconografico
creato da Warhol dal 1957 al 1987, fornendo sia un'ampia visione dei suoi soggetti più noti sia
delle sue radici europee attraverso quei lavori poco conosciuti ma molto importanti, come gli
Space Fruits o il Gold Book, realizzato da Warhol in occasione della sua prima mostra
personale presso la Bodley Gallery di New York. I soggetti esposti sono stampe, cover,
cartoncini, serigrafie e offset: opere originali multiple di opere uniche. Info: www.8gallery.it
ore 11:00
Torino
Via Nizza 230
COLLEGNO - "FOTOGRAFIA AL FEMMINILE" NELLA SALA DELLE ARTI
"Fotografia al femminile", edizione 2015. Orario: venerdì e sabato 16-19,30; domenica 10-12 e
16-19,30. Durante le aperture del 7 e dell'8 marzo sarà allestita una sala posa all'interno della
sala delle Arti per omeggiare di un ritratto in digitale tutte le signore che lo desidereranno. Tra
gli eventi collaterali della mostra, martedì 3 marzo alle 21, presso la Sala del Museo della
Resistenza e della Pace della Città, sarà ospite la fotoreporter di guerra Andreja Restek che
presenterà i suoi ultimi lavori.
ore 18:00
Collegno (TO)
Via Torino 9
TORINOSETTE | Arte
172 / 195
Arte
"ARTE AL FEMMINILE" DA ARTE CITTA' AMICA
"Arte al femminile", quattro mini personali di Margherita Baldelli, Adriana Cernei, Angela
Gastaldi e Carla Perona. Orario: da martedì a sabato 16,00-19,00; chiuso il lunedì e festivi.
Info: 011.7717471 - 011.7768845 - www.artecittaamica.it - [email protected]
fino al 10/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Rubiana 15
"I VENERDÌ DELL'ARTE" ALLA BIBLIOTECA CIVICA PRIMO LEVI
"I venerdì dell'arte", mostra di pittura di fine corso del Centrodonna della Circoscrizione 6.
fino al 11/03/2015
ore 10:00
Torino
Via Leoncavallo 17
"NUOVE RICERCHE 2015" DA MARTINARTE
"Nuove Ricerche 2015", collettiva a cura di Paola Barbarossa e Fernando Montà. In mostra
lavori di Monica Bruera, Daniele Nessi, Joshua Sottile e Corrado Zecca. Orario: lunedì
15.30-19.30; martedì e mercoledì 10,00-12,30 e 15,30-21,30; giovedì e venerdì 10,00-12.30 e
15.30-19.30. Info: 011.3433756 - 335.360545 - [email protected]
fino al 12/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Siracusa 24/A
COLLETTIVA FOTOGRAFICA NEL NUOVO SPAZIO28
Spazio 28, nuovo spazio espositivio in corso Vittorio Emanuele II 28, presenta una mostra
collettiva di fotografia a cura di Phos. In esposizione opere di autori emergenti e di autori
affermati nel panorama della fotografia italiana ed internazionale che negli ultimi anni hanno
presentato alcuni dei loro progetti più significativi all'interno dell'attività espositiva di Phos:
Sophie Anne Herin, Pietro Bolgna, Renato D'Agostin, Davide De Martis, Stefano Fiorina,
Simon Roberts, Vito Vagali. Orario: dal lunedì al venerdì 15:00-19:30. Per informazioni:
335.6661281 - 347.2212059
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso Vittorio Emanuele II 28
PATRIZIA MUSSA ALLO SPAZIO EVENTA
"Luci silenti", personale fotografica di Patrizia Mussa, secondo appuntamento espositivo
organizzato da ArtPhotò, al fine di promuovere la fotografia d'autore. Gli elementi distintivi del
lavoro artistico di Patrizia Mussa sono innegabilmente la ricerca di una luce particolare e la
ricerca di una dimensione di un tempo sospeso e irreale che procura in chi guarda
l'impressione di un silenzio impalpabile al limite della parola. Le fotografie esposte in mostra
fanno parte di due lavori distinti ma entrambi mettono a fuoco di Patrizia Mussa tutta la sua
interpretazione d'autore, la sua esperienza di fotografa di architettura e la sua abilità tecnica.
La luce è dunque "anima e verità di un luogo" che la fotografa "ascolta" ogni volta che si
confronta con soggetti diversi e che amplifica il silenzio originario degli spazi fotografati. In
mostra sono esposte le fotografie tratte da "Teatri" e da "Le Temple du Soleil". Orario: martedìvenerdì dalle 15.00 alle 18.00. Info: www.ateliernovantotto.it/artphoto.html [email protected] - 335.7815940
fino al 13/03/2015
ore 18:30
Torino
Via dei Mille 42
TORINOSETTE | Arte
173 / 195
Arte
NEVERCREW ALLA SQUARE23 ART GALLERY
"Frequency Spectrum", mostra di Nevercrew. Dopo Milano e Dublino, dove hanno decorato le
nuove sedi europee di Facebook, il duo di street-artists svizzeri Nevercrew arriva a Torino,
negli spazi della galleria Square23, con "Frequency spectrum", la loro riflessione su
percezione e comunicazione, tra realtà e surrealtà. Pablo Togni e Christian Rebecchi più che
"duo" sono "uno". Lavorano insieme dal 1996 uniti dall'interesse comune per la pittura e la
street art. Hanno esposto e partecipato a progetti internazionali e festival a Belgrado, Il Cairo,
Amburgo, Monaco, Zurigo, Lugano. Il loro lavoro è caratterizzato da alcuni concetti chiave,
come il meccanismo, la composizione, la sezione, le parti, la memoria, la scelta, i rapporti, i
contrasti, l'esplorazione, la surrealtà. Il tutto viene collegato insieme, fuso in composizioni
viventi e che mutano proprio perché vive, evolvendosi nel tempo e nello spazio. Combinare
linguaggi diversi è la loro cifra stilistica: catene di montaggio, esseri organici e ingranaggi
meccanici, mostri marini, "strutture viventi" si intersecano nei loro lavori proprio come gli stili
che utilizzano, tra sintesi grafica e iperrealismo spray. Le loro strutture sono modelli di sistemi
viventi, delle visioni d'insieme rese percepibili nella loro totalità e nella loro struttura tramite
l'utilizzo della "sezione" che permette di vederle per come sono al loro interno, nel caso di un
meccanismo o degli spazi di una casa o della struttura di un essere vivente. Il rapporto tra le
parti e con la memoria viene esteso alla realtà intera, al luogo e allo spettatore, lasciando a
quest'ultimo la possibilità di completare il meccanismo con la sua personale esperienza, con la
sua storia e quindi con le sue molteplici interpretazioni. In "Frequency Spectrum", in
particolare, l'attenzione si concentra su percezione e comunicazione, sulla loro differenza ed
interazione costante. Orario: lunedì-sabato 11-20, o su appuntamento. Info: 334.9980390 [email protected]
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via San Massimo 45
LUCA ROMANO DA RIZOMI
Personale di Luca Romano. Romano ha sublimato su carta il suo desiderio più grande rimasto
invariato per vent'anni, prendere il pullman n. 67 con la sua borsa da disegno a tracollo. Ha
prediletto i pennarelli a punta spessa, ricamando talvolta elementi verbali su campiture
fittissime. Cartoncini, planimetrie, fogli strappati da vecchi libri di grammatica, fanno da sfondo
al miraggio dell'autonomia ma anche al simbolo della viabilità metropolitana, di una certa
cultura civica del mezzo di trasporto pubblico. Il risultato, trame di colore intessute dove
talvolta la figura scompare annegata dal tratto pieno e rotondo del gesto pittorico. Lo stesso
trattamento è applicato alla serie del "Dettato", in cui l'artista replica ripetutamente l'incipit dei
dettati della scuola primaria con una vera calli-grafia perfetta e stereotipata. Questa mostra
vuole essere un omaggio ad un artista nascosto, che non si è mai comportato come tale, che
abbiamo selezionato tra tanti altri all'interno della preziosa collezione dell'Archivio Storico
Singolare e Plurale raccolta e curata da Tea Taramino. Orario: dal mercoledì al sabato
14:00-19:00. Info: 011.4367910 - www.rizomi.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Sant'Agostino 18/D
TORINOSETTE | Arte
174 / 195
Arte
"JUST ANOTHER" ALLA LUCE GALLERY
"Just Another", mostra collettiva comprendente i lavori degli artisti Davide Balliano, Ethan
Greenbaum, JPW3, Dustin Pevey e Leif Ritchie. La mostra è nata quasi per "assonanza"
intorno ad una canzone di Pete Yorn: Just Another. I dipinti in mostra sembrano contenere
quel sound che richiama i nostri momenti più semplici ma anche più intimi, i momenti in cui lo
spazio e il tempo sembrano fermarsi. Certe situazioni hanno una particolare atmosfera e si
relazionano in modo naturale con la musica. E così Just Another, la colonna sonora di questa
mostra s'ispira al trascorrere della vita, ma anche al voltar pagina o semplicemente passare ad
un altro show. Ciascuno dei cinque artisti in mostra possiede una sua musicalità che lo
accomuna allo spirito di Just Another, richiamando alla riflessione e all'intimismo. Orario: dal
martedì al sabato 15.30-19.30. Info: 011.8141011 - 335.5246817 - [email protected] www.lucegallery.com
fino al 14/03/2015
ore 18:30
Torino
Corso San Maurizio 25
"FILIPPO SCROPPO E LE AVANGUARDIE ARTISTICHE DEL DOPOGUERRA" ALLA
FONDAZIONE AMENDOLA
"Filippo Scroppo e le avanguardie artistiche del Dopoguerra": opere 1945-1970 di Scroppo,
Gavlano, Crippa, Saroni, Ramella, Gribaudo, Ruggeri, Soffiantino, Gorza, Surbone e Griffa.
Orario: lunedì - venerdì ore 10-12.30, 15.30-19.00 sabato, domenica e visite guidate su
prenotazione. Info: 011.2482970 - 348.2211208 - [email protected] www.fondazioneamendola.it
fino al 15/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Tollegno 52
SOPHIE CALLE AL CASTELLO DI RIVOLI
"MAdRE", personale di Sophie Calle, a cura di Beatrice Merz. Sophie Calle, protagonista
indiscussa della scena artistica mondiale, propone un progetto interamente site-specific per le
sale auliche al secondo piano della Residenza Sabauda. La mostra si articola sullo sviluppo di
due importanti progetti che l'artista ha posto in essere da diversi anni: Rachel, Monique e Voir
la mer. Orario: da martedì a venerdì 10.00-17.00; sabato e domenica 10.00-19.00; lunedì
chiuso; 24 e 31 dicembre 10.00-17.00; aperto il lunedì di Pasqua; chiuso 1° gennaio, 1°
maggio e 25 dicembre. Ingresso: 6,50 euro; ridotto: 4.50 euro per ragazzi 11-14 anni,
pensionati, insegnanti, studenti, militari, associazioni culturali ed enti convenzionati. Gratuito
per i minori di 11 anni e per i disabili. Info: 011.9565222 - www.castellodirivoli.org www.castellodirivoli.tv - [email protected] Prorogata fino al 15 marzo.
fino al 15/03/2015
ore 19:00
Rivoli (TO)
Castello di Rivoli
TORINOSETTE | Arte
175 / 195
Arte
KATARZYNA WYSOCKA AL POLSKI KOT
"Bez Tytulu", personale della pittrice polacca Katarzyna Wysocka. Nata a Lodz nel '83, l'artista
ha trascorso l'infanzia nella campagna sud-orientale della Polonia, che ha ispirato il suo
percorso artistico. La pittrice racconta: "La natura è la principale fonte d'ispirazione per i miei
quadri, dove si intrecciano i paesaggi campagnoli e dove esploro il mondo animale. Nello
stesso tempo la natura costituisce per me l'ispirazione per le ricerche astratte. Costanti sfide
formali forniscono i fiori e gli oggetti materiali nei quali mi misuro con la forma e il colore".
Katarzyna Wysocka, laureatasi presso l'Accademia Albertina di Torino, presenta per la prima
volta le sue opere, create nell'arco degli ultimi 15 anni. Info: polskikot @libero.it - 333.5205763
fino al 16/03/2015
ore 19:00
Torino
Via Massena 19
LUCIA CAPRIOGLIO AL COLLEGIO SAN GIUSEPPE
"Nature", personale di Lucia Caprioglio. In mostra 21 tele inedite a tecnica mista, con utilizzo di
incisioni, pittura e collage elaborati insieme. Orario: da lunedì a venerdì 10,30-12,30 e
16-18,30; sabato 10-12,30
fino al 16/03/2015
ore 17:30
Torino
Via San Francesco da Paola 23
MARCO DALBOSCO DA PAOLO TONIN ARTE CONTEMPORANEA
"Paper religions project 2005 2014", personale di Marco Dalbosco. Esposto recentemente nel
corso di prestigiosi appuntamenti quali la mostra "Afterimage" presso la Galleria Civica/Mart di
Trento e ne "L'Arte guarda avanti" come opera finalista del Premio Terna6, il progetto
complessivo "Paper Religions #Jerusalem" viene presentato per la prima volta da Paolo Tonin
dalle sue origini nel 2005 ad oggi. Il lavoro ha preso avvio dalla necessità di indagare le
problematiche del conflitto Israeliano-Palestinese, assumendo nella sua evoluzione
l'espressione di libertà di ogni singolo individuo, investendo questioni di carattere religioso che
finiscono per riferirsi alla possibilità stessa di affermare l'identità individuale. Nel 2008, come
evento Parallelo di Manifesta7, nasce "Paper Religion #The Wall", diretto riferimento alla West
Bank in Israele. Per questo lavoro Marco Dalbosco ha raggruppato dodici persone che hanno
lavorato assieme per una settimana allo scopo di costruire un muro. Realizzato tuttavia con
mattoni di carta piegati secondo la tecnica dell'origami, il muro perde i suoi connotati di
barriera e di confine. Con questo specifico materiale e con la sua lavorazione, l'artista trascrive
la fragilità dell'essere umano e manifesta il potere di costruire, ciascuno con le proprie mani,
l'avvenire e la storia. Assumendo la città di Gerusalemme come simbolo di rispetto e
convivenza di molteplici credenze religiose, nel 2011 si concretizza Paper Religion
#Jerusalem: il mattone che divide, separa, crea un limite, è allo stesso tempo l'elemento base
per la costruzione di ogni tipo di edificio religioso. I mattoni vengono disposti a terra formando
un tappeto su cui vengono "sospese" le tre chiese monoteiste: una Chiesa Cattolica, una
Sinagoga e una Moschea. Anch'esse di carta, condividono con i mattoni la condizione di
fragilità. In mostra è presentata per la prima volta l'espressione complessiva di questo lungo e
partecipato percorso di ricerca e consapevolezza. Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle
13 e dalle 14,30 alle 19; sabato su appuntamento. Info: 011.19710514 - [email protected]
- www.toningallery.com
fino al 20/03/2015
ore 19:00
Torino
Via San Tommaso 6
TORINOSETTE | Arte
176 / 195
Arte
"FRANCESCO MENNYEY" ALLA GALLERIA LA CONCHIGLIA
Acqueforti e disegni di Francesco Mennyey. Orario: dal martedì al venerdì 15-19; sabato 10-12
e 15-19. Info: 011.6991415
fino al 20/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Zumaglia 13bis
NELLA MARCHESINI ALLA GALLERIA OPERE SCELTE
"Parole di pittore. Nella Marchesini - tra disegno e scrittura". La mostra è incentrata sul
rapporto intenso, tra disegno e scrittura, esistente nella produzione artistica di Nella
Marchesini. L'artista, allieva prediletta di Felice Casorati, sente l'arte come un'urgenza vitale
da manifestare in ogni modo e su ogni supporto possibile. Nel lavoro della Marchesini, il
disegno e la scrittura sono due modalità fondanti in quanto pratiche veloci, sintetiche e
accessibili: con una semplice matita Nella ha potuto rappresentare l'universo complesso del
suo essere anche nei momenti più difficili della sua vita. Queste due modalità non sono solo
facilmente realizzabili, ma possiedono una ricchezza d'espressione eccezionale che l'artista
coglie con diverse sfaccettature miscelandone le peculiarità che spesso si determinano
vicendevolmente. Il disegno non è solo bozzetto preparatorio per i vari dipinti, ma è
un'istantanea del quotidiano, dell'intimità più precaria ed effimera che svela però la parte più
autentica dell'emozione e del pensiero. Con il disegno Nella Marchesini riesce a eludere parte
della rigida impostazione di matrice casoratiana, dando forma al suo ambiente familiare e alle
sue esperienze con un'affascinante proiezione personale che fa emergere la sua sensibilità,
articolata e vigorosa. Trasfigurazioni religiose e deformazioni simboliche, presenti sia nei
disegni che negli scritti, rivelano molto chiaramente chi è Nella Marchesini: artista, donna e
madre. Nel tempo l'artista ha scritto una sorta di Zibaldone sul quale lei annota pensieri, sogni
e paure nello stesso modo in cui disegna. Vi è un'interrelazione unica e sorprendente tra
scrittura e disegno. Così anche i libri letti dalla Marchesini diventano essi stessi opere d'arte in
quanto accolgono disegni e rielaborazioni grafiche inedite. Orario: martedì-sabato 15.30-20.
Info: 011.5823026 - 349.3509087 - [email protected] - www.operescelte.com
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Matteo Pescatore 11/D
MICHAEL BIBERSTEIN DA GIORGIO PERSANO
Michael Biberstein, personale. Nato a Solothurn, Svizzera, nel 1948. Nel 1964 si trasferisce
negli Stati Uniti. Al Swarthmore College di Philadelphia incontra David Sylvester sotto la cui
guida studia Storia dell'Arte. Dopo aver vissuto tra gli Stati Uniti e la Svizzera, nel 1979 si
trasferisce in Portogallo, dove trascorrerà la maggior parte dei suoi anni, sino alla morte
improvvisa, sopraggiunta nel 2013. Pittore autodidatta, dagli anni '70 le sue opere vengono
esposte in tutto il mondo e sono presenti nelle collezioni di arte contemporanea di musei e
fondazioni, tra i quali: il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, il Whitney
Museum of American Art di New York, il Calouste Gulbenkian Foundation Centre for
Contemporary Art di Lisbona, la Serralves Foundation di Oporto, il Museu Colecção Berardo di
Lisbona. Orari: martedì - sabato 10,00-13,00 e 15,30-19,00. Info: 011.4378178 - 011.835527 [email protected] - www.giorgiopersano.org
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Principessa Clotilde 85
TORINOSETTE | Arte
177 / 195
Arte
BRUNO MARTINAZZI ALLO SPAZIO DON CHISCIOTTE
Personale di Bruno Martinazzi, scultore e orafo di fama internazionale. Tra le opere presenti
nella mostra, curata da Massimo Ghiotti, ci sono sculture di media dimensione che vanno dagli
anni '80 agli anni '90; una serie di piccole sculture intitolata "Pagine di pietra" tutte di recente
produzione; 12 disegni del 1980 facenti parte degli studi preparatori del libro "I cieli e la terra e
tutte le tue creature" (Noire editore 1988) e quattro gioielli. Nato a Torino nel 1923, allievo degli
stessi insegnanti di Primo Levi, Martinazzi si laurea in Chimica Pura all'Università di Torino.
Durante la guerra partecipa come partigiano combattente alla resistenza, ed è insignito della
Croce di Guerra. Frequenta la Libera Accademia d'Arte di Torino e gli Istituti d'Arte di Firenze
e Roma. Esordisce come orafo nel 1954, dopo quattro anni spesi come direttore di Tintoria
alla fabbrica tessile Magnoni Tedeschi, per poi affermarsi come scultore. È stato inoltre
docente all'Accademia Albertina di Belle Arti. Grazie ad artisti come Martinazzi a partire dagli
anni Sessanta, il gioiello contemporaneo sia entrato a far parte delle più importanti collezioni
museali internazionali; le sue creazioni figurano infatti nelle collezioni, tra gli altri, del
Metropolitan di New York e dell'Hermitage di S.Pietroburgo. Orario: martedì-sabato
10.30-12.30 e 15.30-19.30. Info: [email protected] - 011.19771755 www.fondazionebottarilattes.it
fino al 21/03/2015
ore 18:30
Torino
Via della Rocca 37
"OPERE IN PERMANENZA" ALLA GALLERIA20
"Opere in permanenza", collettiva comprendente opere di Enzo Briscese, Ermanno Barovero,
Nino Aimone, Piero Ferroglia, Alessia Zolfo, Francesco Preverino, Dario Rosolen, Leonardo
Pecoraro, Franco Margari, Marco Vigo, Romano Buratti, Domenico Lasala, Discepolo Girardi,
Elviro Coni. Orario: dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19. Info: 011.3724087 [email protected] - www.galleria20.jimdo.com
fino al 21/03/2015
ore 17:00
Torino
Corso Casale 85/B
GALLIANO GALLO DA CARACOL
"Invasioni", personale di Galliano Gallo. "Nelle sue opere pittoriche l'artista Gallo accede ad un
mondo incantato, in cui si coglie la scoperta genuina di un "qualcosa" che parte da molto
lontano. Lo sguardo innocente dell'infanzia osserva per la prima volta, con gioia e curiosità ciò
che gli si offre. I colori vividi colpiscono l'attenzione; le figure vagamente zoomorfe si
inseguono in un gioco di danza, unite da un filo conduttore che non si perde mai, anzi le tiene
insieme come le perle di una collana. E' un ritorno alle origini, dove forme semplici si
realizzano in un liquido creatore, moltiplicandosi per continuare la vita, per trasformarla. Il
movimento è continuo, coinvolge tutto; il ritmo serrato e vivace ci invita a partecipare a questo
tripudio di colori, ad afferrare, a non indugiare in contorti pensieri, ma a considerare con
rinnovata semplicità la purezza dell'inizio, che è lì a portata di mano, pronta per noi"
(Francesca Luce Milardi). Orario: martedì, mercoledì e giovedì 15.30-19.30; venerdì e sabato
10.30-19.39. Info: 393.2164821 - www.caracolarte.it
fino al 21/03/2015
ore 18:00
Torino
Via Saluzzo 23
TORINOSETTE | Arte
178 / 195
Arte
RIVAROLO - CLEMENTINE CARSBERG A CASA TOESCA
"Secret de famille - Les angles morts", residenza d'artista di Clementine Carsberg. Al primo
piano, fino al 30 novembre, "Alias/self portraits", fotografie di siciliana Carmen Cardillo. Orario:
sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00; mercoledì dalle ore
17.00 alle ore 20.00. Info: www.areacreativa42.com - [email protected] - 335.1227609
fino al 22/03/2015
ore 18:00
Rivarolo (TO)
Via Ivrea 42
PIER PAOLO CALZOLARI IN VIDEOTECA GAM
Prosegue in Videoteca GAM il ciclo di incontri e mostre, a cura di Elena Volpato, dedicato al
video in Italia negli anni Sessanta e Settanta. Il primo appuntamento del 2015 vede
protagonista Pier Paolo Calzolari che incontra il pubblico della GAM martedì 13 gennaio alle
18.30. L'artista, in conversazione con Elena Volpato, parlerà del suo interesse per la
dimensione temporale e visiva del linguaggio filmico e video, dell'esperienza di lavoro con
Gerry Schum e ripercorrerà lo sviluppo del suo ciclo di opere intitolato "Day after Day a Family
Life" da cui sono tratti i lavori "Cucù", 1972?73, "Aeroplano", 1972 e "Lettere di Tiziano", 1974,
provenienti dall'Archivio della Fondazione Calzolari che la Videoteca GAM è orgogliosa di
poter presentare in esposizione nei propri spazi. L'incontro con Pier Paolo Calzolari offre
l'occasione di ascoltare uno dei più importanti protagonisti della storia del video d'artista, per la
rilevanza delle opere da lui girate in pellicola e video, e per il ruolo che il suo studio bolognese,
a Palazzo Bentivoglio, ebbe tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta, sia come
luogo d'incontro tra esponenti delle avanguardie internazionali, artistiche e teatrali, sia come
studio di registrazione di opere filmiche di altri artisti. In mostra in Videoteca GAM fino al 22
marzo quattro opere video realizzate dall'artista tra il 1970 e il 1974: "Senza titolo", da
"Identifications" di Gerry Schum, 1970, collezione Videoteca GAM; "Aeroplano" ["Day after
Day a Family Life"], 1972, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Cucù - The glass reflects"
["Day after Day a Family Life"], 1972?1973, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari; "Lettere
di Tiziano" ["Day after Day a Family Life"], 1974, Courtesy Archivio Fondazione Calzolari.
Orario: martedì - domenica 10.00-18.00 giovedì: 10.00-22.30. La biglietteria chiude un'ora
prima. Ingresso gratuito in videoteca. Non occorre appuntamento. Info: 011.4429597 - email
[email protected] - www.gamtorino.it
fino al 22/03/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
PRAGELATO - KURT MAIR E VINICIO PERUGIA ALLA TINBER ART GALLERY
"Coincidere", incisioni di Kurt Mair e Vinicio Perugia. Orario: sabato 16.00-18.30, domenica
10-12.30 - 15.30-18.00. Info: 0122.78461 - www.tinberartgallery.it
fino al 22/03/2015
ore 17:00
Pragelato (TO)
Via Albergian 20
TORINOSETTE | Arte
179 / 195
Arte
"DAB - DESIGN PER ARTSHOP E BOOKSHOP" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"DAB - Design per Artshop e Bookshop". Esposizione dei prototipi selezionati in occasione
della V edizione dell'omonimo concorso nazionale. Il progetto DAB, nato nel 2006, è promosso
da GAI - Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani e realizzato dall'Ufficio Giovani
d'Arte del Comune di Modena. DAB rientra nella Convenzione Progetto DE.MO. - sostegno al
nuovo design e alla mobilità, siglata tra GAI e Ministero dei beni e delle attività culturali e del
turismo (MiBACT) - Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane
e Direzione Generale Musei. La Mostra DAB presenta i progetti proposti da 20 designer
selezionati dalla Commissione composta da Sandra Tucci, referente del progetto per il
MiBACT - ex DG PaBAAC Servizio V; Patrizia Rossello dell'Associazione GAI e Michele Zini,
Architetto e Designer dello Studio ZPZ Partners. In mostra i prototipi di: Antonio Abatangelo;
Chiara Angioli; il collettivo formato da Margarita Aviles De Carlos, Marco Fogaccia, Shi Jintian,
Nicoletta Marangoni e Maria Montes De Oca; Emilio Baria; Ilaria Bartolini; Lucia Biancalana e
Eleonora Bompieri; Bottega Krua di Giada Fogliato e Arianna Piazza; Code0039 di Dante
Antonucci, Laura Crognale, Stefania Quintili e Alessandro Zuppa; De-sign di Daniela Cavasin
e Enrica Zanini; Alessandro Esposito, Federico Fiordigiglio; Alberto Galotta e Federica Lissoni;
Gian Piero Giovannini; Massimiliano Marianni; Elena Maurigh; Costanza Palmirani; Lorenzo
Passi; Arianna Piazza; Daniele Piazzola; Studio Alchemico di Giulio Bogani e Sofia Crescioli.
La commissione ha selezionato progetti che rispondessero positivamente a tre requisiti del
concorso: appartenenza allo scenario della cultura del progetto contemporaneo; effettiva
compatibilità con i museum shop per caratteristiche dell'oggetto, prezzo, mercato; possibilità di
essere prodotti in modalità di autoproduzione o con filiera produttiva non tradizionale. Si è
cercato di selezionare anche progetti sviluppati in ambiti di ricerca eterogenea o capaci di
proporre nuove tipologie di prodotto, così da avere uno scenario ampio di proposte che desse
profondità a una lettura complessiva, in sede di catalogo o di mostra. La Commissione ha
assegnato inoltre, ex-aequo il Premio Speciale MiBACT - Patrimonio culturale a Alberto
Galotta e Federica Lissoni, premio istituito nel 2011, in occasione della III edizione di DAB, per
incentivare la progettazione, da parte dei giovani designer, di oggetti contemporanei, ma
liberamente ispirati al vasto patrimonio culturale ed artistico del nostro paese e per questo
collocabili negli spazi commerciali di musei e siti archeologici. Il Premio MiBACT consiste
nell'assegnazione ai vincitori di fondi per l'autoproduzione degli oggetti e la promozione degli
stessi in importanti vetrine nazionali ed internazionali. La mostra, proveniente dal MAXXI di
Roma, farà successivamente tappa ad aprile presso l'area del bookshop della Fondazione
Fotografia al Foro Boario di Modena, a maggio a Lecce presso il prestigioso Castello di Acaya.
Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 22/03/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
MAX PAPESCHI DA DAVICO
"Je ne regrette rien", personale di Max Papeschi. Orario: da martedì al sabato dalle 10.00 alle
12.30 e dalle 16.00 alle 19.30. Chiuso lunedì e festivi. Info: 011.0362954 [email protected] - www.davicoarte.it
fino al 28/03/2015
ore 18:30
Torino
Galleria Subalpina 21
TORINOSETTE | Arte
180 / 195
Arte
CARMAGNOLA - "MESSICO CIRCA 2000" A PALAZZO LOMELLINI
"Messico Circa 2000", mostra comprendente 94 opere di 81 artisti messicani del nostro tempo,
tratta dalla collezione dell'imprenditore messicano Josè Pinto Mazal. La mostra è parte della
grande collezione di Josè Pinto Mazal. In essa vi sono raccolte opere che spaziano attorno al
terzo millennio (da qui il titolo di Messico Circa 2000) cioè dal 1980 ad oggi, di artisti messicani
e stranieri che hanno trovato in Messico il luogo ideale per la loro produzione. Non è una
mostra di tendenza, in quanto il collezionista non sceglie le opere secondo una sua particolare
propensione artistica, ma quelle che meglio documentano, attraverso l'arte, lo status del
Messico oggi e soprattutto di Città del Messico. Vi predomina la pittura, ma vi appaiono anche
altri linguaggi come la fotografia, il disegno, la scultura. Le opere sono diversissime tra di loro,
seguendo i criteri disparati dei linguaggi artistici contemporanei che dagli inizi del secolo
scorso hanno frantumato le regole tradizionali dell'arte. L'arte messicana della
contemporaneità si appropria infatti delle tendenze europee imprimendovi però, un marchio
che discende ancora dalle antiche culture precolombiane. L'ambiente, il deserto, la
dimensione tropicale s'insinua in queste superbe testimonianze visive arricchendole di
un'energia incontenibile. E anche la violenza vi traspare - quella che contraddistingue l'attuale
realtà messicana condizionata dalla lotta tra il governo e cartelli del narco-trafico, dal
femminicidio lungo i confini con gli U.S.A - una violenza filtrata in termini metaforici o allusivi.
Molti degli artisti qui presenti hanno frequentato la prestigiosa Scuola nazionale d'arte
Esmeralda, di Città del Messico, abbinata all'I.N.B.A., Istituto Nazionale di Belle Arti. E quasi
tutti vantano curricula internazionali, con puntate in Europa, nell'estremo Oriente, in Australia.
In questa mostra troviamo diversi linguaggi formali , la figuratività, l'astrazione, il realismo e
l'informale, l'espressionismo (che ora diviene neo-espressionismo), il surrealismo, il
concettuale e l'iperrealismo. In sostanza appare sia la realtà che il sogno, ossia dimensioni
"altre" che s'insinuano nel reale. Molto spesso le diverse tendenze si sovrappongono e si
fondono, secondo un paradigma messicano che tende al racconto complesso, stratificato,
spesso simbolico. Nella mostra sono esposte opere di numerosi artisti di valenza
internazionale come Gabriel Orozco, Francis Alys, Julio Galan, Demian Flores, Graciela
Iturbide, Monica Castillo, Irma Palacios, Jerman Venegas, Alfonso Mena Pacheco, Barry
Wolfryd. Nell'arco del suo sviluppo la mostra, che prevede delle visite guidate, proporrà eventi
collaterali integrativi della cultura messicana, con work-shop, performance multimediali,
espressioni sonore, che verranno via via comunicati nel dettaglio. L'allestimento è curato da
Rodrigo Witker con la collaborazione d Emma Ariza, ed è accompagnato da un volume
bilingue (italiano/inglese) edito in occasione della prima edizione. Orario: giovedì, venerdì,
sabato 15,00-18,00; domenica 10,00-12,00 e 15,00-18,00. Ingresso gratuito. Info:
www.palazzolomellini.com
fino al 29/03/2015
ore 18:00
Carmagnola (TO)
Piazza Sant'Agostino 17
"CON I MIEI OCCHI" IN GALLERIA SAN FEDERICO
"Con i miei occhi", mostra fotografica di Isabella Greggio, allestita nella cornice di Galleria San
Federico di Torino in occasione del progetto Sar.to La moda illumina Torino. I luoghi e i volti
ritratti raccontano un percorso emozionale e la storia personale di una giovane fotografa che,
superando le oggettive difficoltà di una malattia che l'ha colpita agli occhi, continua a girare il
mondo e a ritrarlo. Orario: dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00; domenica dalle 15.00
alle 19.00; lunedì chiuso.
fino al 31/03/2015
ore 17:30
Torino
Galleria San Federico
TORINOSETTE | Arte
181 / 195
Arte
PABLO BRONSTEIN DA FRANCO NOERO
"We live in Mannerist times", personale di Pablo Bronstein. L'artista argentino, che ha
recentemente ricevuto la Duveen Commission dalla Tate Britain per il 2016, si è qui
confrontato, similmente a quanto accaduto per la mostra al Metropolitan Museum di New York,
con la storia - in questo caso industriale - dell'edificio che ospita la mostra riflettendo sul
potenziale decorativo della tecnologia e su come il progresso scientifico sia non di rado al
servizio dell'estetica. Orario: lunedì 15.00-19.00; martedì-venerdì 11.00-19.00; sabato
15.00-19.00 o su appuntamento. Info: 011.882208 - [email protected] www.franconoero.com
fino al 02/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Mottalciata 10/B
TORINOSETTE | Arte
182 / 195
Arte
VICTORIA STOIAN DA ALBERTO PEOLA
"Codri Earthquake", personale di Victoria Stoian. La mostra è il risultato della sua
collaborazione con Clara Sofia Rosenberg, che da anni ne segue il lavoro supportandolo sul
piano teorico. Victoria e Clara Sofia hanno frequentato l'Accademia di Belle Arti di Torino dal
2009, in un percorso complementare tra l'attività pittorica dell'una e quella critica dell'altra. La
mostra di Victoria Stoian raccoglie una serie di lavori intorno al tema dell'assenza di un punto
di riferimento. Come recita il titolo, le opere rappresentano il caos e l'instabilità prodotti dalla
catastrofe naturale, in particolare dal terremoto che colpì la Moldavia nel 2011. Di
quell'esperienza, che ha coinvolto la sua famiglia, l'artista ricorda: «Quel 25 agosto alle 04:30
del mattino si verificò un violento terremoto di magnitudo 7,5 con epicentro a breve distanza
da Chi?in?u, dove sono nata e cresciuta. Due onde sismiche si sono succedute per una
durata di 52 secondi: migliaia di persone senza riparo, linee elettriche, strade e ferrovie
distrutte; dighe rotte e villaggi allagati con fuoriuscita di sostanze tossiche. Le Codri, le foreste
più grandi della Moldavia, sono state gravemente danneggiate. Questo mio lavoro è un
omaggio intimo e sofferto alla biografia di un popolo e alla feroce bellezza della natura che con
un colpo secco cambia linee, colori e vite». I quadri oggi esposti in galleria costituiscono una
parte dei 52 previsti dal progetto in fieri Codri Earthquake, ognuno dei quali corrisponde a
un'unità di tempo specifica del terremoto: il secondo. Vengono così messe in relazione, da un
lato, la durata del fenomeno con lo sviluppo del ciclo pittorico, e dall'altro, l'area geografica
colpita dal sisma con l'area della tela, ospite della rielaborazione del dramma. Come dice
l'artista, «in un terremoto il primo secondo può essere della stessa violenza dell'ultimo. Anzi,
forse il primo impatto è ancora più forte e destabilizzante». Per questo motivo, la serie Codri
Earthquake si sviluppa con un andamento cronologico, ma le singole opere non riportano la
violenza del terremoto in successione crescente: ogni quadro del progetto rappresenta infatti
un possibile grado di percezione della catastrofe, che non necessariamente corrisponde al suo
reale grado di intensità. Il tema dell'assenza di punti di riferimento proposto nelle opere
rimanda a un senso di destabilizzazione, percepibile in termini di panico e smarrimento. Ma,
d'altro canto, il potenziale generato da quest'assenza di vincoli può essere colto anche come
un'occasione di libertà. Questa dicotomia tra panico e liberazione è espressa dall'artista
attraverso la rappresentazione di un mondo informe che contiene, però, delle forme
riconoscibili, come protrusioni, annidamenti o ramificazioni. Il mondo organico che emerge da
questo repertorio visivo rimanda alla vitalità della natura - dal magma terrestre a correnti
marine e paesaggi abissali - e all'immaginario anatomico - dalla riproduzione cellulare a
filamenti, globuli e terminazioni nervose. Attraverso la tecnica del chiaroscuro, con
predominanza delle tonalità fredde, forme talvolta non finite, o cancellate, si stratificano in un
gioco di trasparenze e in un'alternanza di piani pittorici. Pur in assenza di un'architettura e di
una linea dell'orizzonte, Stoian riesce in questo modo a ricreare un senso di profondità nelle
forme che si affusolano in direzione di un punto di fuga ideale nella tela, inserendo nell'informe
accenni di prospettiva. I criteri su cui si fonda la ricerca di Victoria Stoian sono l'importanza
attribuita alla sostanzialità della materia, l'approccio diretto e la presenza fisica dell'artista nel
lavoro, e la necessità di coinvolgere lo spettatore attraverso la forza dell'opera in sé.
L'esperienza personale e il suo percorso artistico sono saldamente intrecciati: migrata a Torino
all'età di ventun anni, Victoria inizia a tradurre gli stimoli della nuova realtà, così diversa, in un
linguaggio pittorico denso di rimandi introspettivi e culturali. Attraverso un soggetto fortemente
autobiografico l'artista riesce ad affrontare temi collettivi, come il terremoto o la migrazione,
che riguardano il rapporto degli esseri umani con la storia e con il territorio, in una ricerca che
crea uno spazio di condivisione aperto e flessibile. Orario: da martedì a sabato dalle 15 alle
19, mattino su appuntamento. Info: 011.8124460 - 335.6191039 - [email protected] www.albertopeola.com
fino al 03/04/2015
ore 18:00
Torino
Via della Rocca 29
TORINOSETTE | Arte
183 / 195
Arte
FEDERICO GUERRI DA WEBER & WEBER
"Frammenti", personale di Federico Guerri. L'arte appartiene originariamente alla natura. È
natura. E in quanto tale contempla e dà forma a se stessa. È dunque tempo che l'arte,
memore del suo stato aurorale, torni a muoversi per iniziativa dei propri tratti. È tempo che la
scrittura segnica torni a decidere dei propri tracciati e delle proprie luci. Di tutto. Anche delle
tenebre. Nulla deve nascere se non dai suoi impulsi, dai suoi spasimi, dai suoi getti, violenti o
pacati che siano. È quanto accade nell'opera di Federico Guerri, dove la scrittura sceglie
innanzitutto di essere disegno e di non porsi al servizio che del proprio accadere. La scrittura
danza e iscrive in questo esordio il carattere inafferrabile dello scaturire del segno e l'annuncio
dell'enigmatica soglia tra ciclica sparizione e nuovo inizio. Non ha principio né fine. Appare e
passa. Appare al nostro orizzonte come potrebbe fare il vapore acqueo. Presenza e venirealla-presenza si uniscono e si confondono in questi luoghi verso i quali ci conduce Federico
Guerri: sono luoghi pienamente riconoscibili, pur rivelandosi la loro vera sostanza come ombra
e parvenza. Orario: da martedi a sabato 15.30-19.30. Info: www.galleriaweber.it [email protected] - 011.19500694
fino al 04/04/2015
ore 18:00
Torino
Via San Tommaso 7
"MANIERA NERA" ALLA NORMA MANGIONE GALLERY
"Maniera Nera", collettiva a cura di Francesco Barocco. In mostra lavori di Vija Celmins,
Richard Earlom, F. Green, Richard Houston, Elizabeth Judkins, S. W. Reynolds e John
Raphael Smith. Orario: dal martedì al sabato 15.30-19.30 o su appuntamento. Info:
011.5539231 - [email protected] - www.normamangione.com
fino al 04/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Matteo Pescatore 17
TORINOSETTE | Arte
184 / 195
Arte
RÄ DI MARTINO ALLA GAM PER "VITRINE"
Riparte il 10 febbraio alla GAM di Torino "Vitrine", il progetto dedicato alla ricerca artistica
contemporanea. Possibilità, titolo della quarta edizione, pone l'attenzione sulle trasformazioni
della vita, del suo divenire di cui l'arte ricalca la natura mutevole e fluida. Come un vetro
trasparente, "Vitrine" stabilisce un punto di interazione, di dialogo e di lettura tra le ricerche
artistiche più contemporanee e il flusso incessante degli stimoli fisici e simbolici della
quotidianità. Gli artisti protagonisti della quarta edizione di Vitrine sono: Rä di Martino,
Francesco Gennari, Francesco Barocco, Anna Franceschini, Luca Trevisani. "Vitrine" si
costituisce come una soglia, un passaggio che mette in comunicazione mondo interno ed
esterno al museo attuando un dialogo tra le ricerche artistiche con la realtà circostante. Lo
spazio e il tempo sono le coordinate imprescindibili con cui l'uomo si confronta costantemente
e che s'imprimono nel lavoro dell'artista. Tutto scorre e cambia, le percezioni si arricchiscono
di ricordi personali, del vissuto, della memoria culturale, storico?sociale e politica in una
metamorfosi continua. Mutamenti che investono la realtà naturale e urbana ma anche il
paesaggio dell'immaginario, lo spazio?tempo reale e quello mentale, interiore e intimo
dell'animo. Lo sguardo dell'artista coglie determinate situazioni, alcuni momenti, registra
cambiamenti che mescolano passato, presente e futuro, in una rielaborazione che trova
espressione nelle opere, restituendo attimi e impressioni. Il primo appuntamento dell'edizione
2015 vede protagonista Rä di Martino, che presenta alla GAM dal 10 febbraio al 6 aprile
l'opera "The Picture of Ourselves", video in bianco e nero che inquadra i primi piani alternati di
una bambina e di un giovane uomo dagli occhi chiari, due ritratti in cui affiorano suggestioni
della tradizione artistica, dalla pittura più antica fino alla fotografia più contemporanea, due
sguardi che sono la testimonianza della vita che scorre, si radica, si evolve in un infinito
intrecciarsi di possibilità. Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude
un'ora prima. Ingresso libero a Vitrine. Info: centralino 011.4429518 - segreteria 011.4429595 www.gamtorino.it/vitrine
fino al 06/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
GAVINO SANNA ALLO SPAZIO MOUV
"Livori in corso", personale di Gavino Sanna. In mostra una trentina di disegni, accompagnati
da brevi racconti, raccolti nel libro intitolato "Livori in corso" che Gavino Sanna ha dedicato ad
Alda Merini. La mostra si apre, così come nel libro, con un verso della Poetessa dei Navigli
"L'uomo fa male al fratello al primo sbadiglio del mattino" a cui segue la dedica di Alda Merini.
Orario: tutti i giorni dalle ore 10 alle 24; chiuso il lunedì. Nel periodo della mostra si
svolgeranno degustazioni libere e guidate dei vini di Cantina Mesa, l'azienda vitivinicola creata
dieci anni fa da Gavino Sanna con la moglie Lella a Sant'Anna Arresi nel Sulcis. Info:
[email protected] - www.spaziomouv.it - 331.5828996
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Silvio Pellico 3
TORINOSETTE | Arte
185 / 195
Arte
SERGIO STAINO ALLA GAM
"Un racconto di Berlino, 1981", personale di Sergio Staino - uno dei più conosciuti e amati
disegnatori satirici italiani -, a cura di Danilo Eccher. Lo spazio Wunderkammer ospita più di
cento disegni che raccontano Berlino nel 1981, quando Staino, armato di carta, matita, china e
una macchina fotografica raggiunge la città e la interpreta con i suoi disegni. E qui Bobo, da
sempre l'alter ego del disegnatore, si ritrova a esplorare una città dalle mille contraddizioni e
dal grande fascino. Una metropoli in forte espansione architettonica e culturale, in quell'anno
ancora inserita nel cuore del comunismo europeo. "Ogni angolo era una scoperta, una
sorpresa, una suggestione: Berlino in quegli anni là era una città veramente unica per la
quantità di contraddizioni politiche e sociali che faceva coesistere in se stessa esprimendole,
poi, in forme architettoniche e ambientali assai diversificate (...) Tutto era esagerato in Berlino
Ovest: le luci, le insegne, le vetrine, tutte cose che adesso sembrerebbero normali ma che,
allora, erano profondamente innovative. Solo avvicinandosi al confine con la Repubblica
Democratica, e soprattutto al muro, l'atmosfera della città si faceva più scura e deprimente e la
contraddizione tra la vitalità lussuosa dell'Ovest e la tristezza poliziesca dell'est si facevano
evidenti". Orario: martedì-domenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima.
Ingresso: euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011
4429518 - Segreteria tel. 011 4429595 e-mail [email protected]
fino al 06/04/2015
ore 10:00
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
186 / 195
Arte
ALDO MONDINO ALLA GAM PER "SURPRISE"
Martedì 10 febbraio inaugura alla GAM il primo appuntamento dell'edizione 2015 di "Surprise",
progetto espositivo che concentra l'attenzione su aspetti specifici del contesto artistico torinese
tra gli anni Sessanta e Settanta, in cui si intersecarono discipline diverse, dall'architettura al
design, dalla moda alla grafica, dalla musica alle arti visive e performative gettando in questo
modo le basi per il riconoscimento artistico di Torino a livello internazionale. A curare questo
terzo ciclo di appuntamenti, che prosegue per tutto il 2015, sono Maria Teresa Roberto,
docente di Storia dell'Arte Contemporanea presso l'Accademia Albertina di Torino e Gregorio
Mazzonis, curatore GAM. Al progetto è dedicata la sala espositiva della GAM al secondo
piano del museo. Al centro dell'attenzione sono poste di volta in volta opere, tracce di percorsi
espositivi, progetti inediti, riferimenti a contesti extra-artistici; si tratta di frammenti eterogenei
ma accomunati dal senso di stupore e meraviglia e di intensificazione delle energie vitali tipico
di quegli anni. Il protagonista del primo appuntamento è Aldo Mondino (Torino, 1938-2005) il
quale, dopo il periodo trascorso a Parigi dal 1959 al 1960 dove frequenta l'Ecole du Louvre e i
corsi di incisione di William Heyter, nel 1963 esordisce a Torino con una personale alla galleria
Il Punto, allora diretta da Gian Enzo Sperone. Presenta in questa occasione i suoi nuovi lavori,
le "Tavole Anatomiche", metafore della società contemporanea descritta attraverso gli organi
del corpo umano. "Sole" e "Immersore", entrambe realizzate nel 1967 e presentate nella
mostra alla GAM, rappresentano un'esperienza anomala nell'ambito della sua produzione
artistica, rivolta in questi anni al gioco e allo humour. L'arrivo della Pop Art in Italia proprio
grazie a Gian Enzo Sperone e la sua consacrazione nella mostra alla Biennale veneziana del
'64, costituisce un precedente fondamentale per tutta la ricerca artistica degli anni a venire.
Mondino si appropria anch'egli di alcune istanze quali il principio di sconfinamento dalla pittura
ottenuto con l'utilizzo di materiali che circondano il nostro ambiente, in questo caso legno e
lampadine a incandescenza. Se "Immersore" si ricollega , come ha notato Riccardo Passoni,
più alle istanze New Dada che sono discusse proprio in quegli anni, "Sole" traduce con i
materiali delle insegne luminose un tema caro alla pittura di paesaggio come l'alba, sul quale
tra l'altro si concentra la ricerca di uno dei maestri della Pop Art come Roy Lichtenstein negli
anni tra 1963 e 1964 e al quale Sperone dedica la mostra di apertura della sua galleria. Le due
opere hanno in comune, oltre ai materiali utilizzati, una misura fissa che guida la loro
installazione alla parete, 160 centimetri da terra, segnalata dall'artista da una etichetta della
galleria Stein sul verso di "Immersore". Questa linea immaginaria, che attraversa in orizzontale
l'opera, definisce il punto al di sotto del quale le lampadine devono rimanere spente e
corrisponde sia alla misura teorizzata da Masaccio come altezza fissa dell'occhio umano sia al
segno lasciato dalle acque dell'Arno su alcuni capolavori dell'arte fiorentina che impressionò a
tal punto Mondino da spingerlo a realizzare tra la fine del '66 e il 1967 una serie di opere. Tra
questi lavori vale la pena ricordare l'intervento alla mostra "Con temp l'azione" (gallerie Stein,
Sperone e Il Punto, Torino 1967) durante la quale l'artista unisce le sedi della mostra tirando
un filo rosso attraverso la città posto a 160 centimetri di altezza da terra. Orario: martedìdomenica 10-18, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un'ora prima. Ingressi: euro 10, ridotto
euro 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni. Info: Centralino tel. 011 4429518 - Segreteria tel. 011
4429595 e-mail [email protected]
fino al 07/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Magenta 31
TORINOSETTE | Arte
187 / 195
Arte
"MARCO POLO - LA VIA DELLA SETA NELLE FOTOGRAFIE DI MICHAEL YAMASHITA"
AL MAO
Un viaggio per immagini, sulle tracce di uno dei più grandi esploratori di tutti i tempi: la nuova
mostra del Mao ricostruisce il percorso compiuto quasi mille anni fa da Marco Polo lungo la
Via della Seta, attraverso le fotografie di Michael Yamashita, fotografo di punta di National
Geographic. Nelle 76 fotografie esposte al Museo d'Arte Orientale ritroviamo piazza San
Marco e la laguna, il minareto di Samarra in Iraq e le carovane a bordo dei cammelli nel
deserto del Gobi. Non solo: la mostra, articolata in tre sezioni geografiche, ripercorre il tragitto
compiuto da Marco Polo dall'Italia alla Cina, ma anche la permanenza dell'esploratore in Cina
e il viaggio di ritorno via mare, lungo le coste dell'Indonesia e dell'India. Le immagini
desertiche lasciano così pian piano spazio alle distese d'acqua delle piantagioni di riso, agli
spettacolari paesaggi della baia di Ha Long nel Nord del Vietnam e agli sguardi penetranti dei
sadhu a Bombay. Orario: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18. Dal 7 febbraio al 1 marzo,
apertura e chiusura posticipata nei weekend (sabato dalle 11 alle 20; domenica dalle 11 alle
19). La biglietteria chiude un'ora prima. Il biglietto d'ingresso (10 euro) consente anche
l'accesso alla collezione permanente del museo. Info: 011.4436928 - www.maotorino.it
fino al 12/04/2015
ore 17:00
Torino
Via San Domenico 11
MOSTRA DEI FINALISTI DEL MARIO MERZ PRIZE ALLA FONDAZIONE MERZ
Mostra dei 5 finalisti della prima edizione della sezione arte del Mario Merz Prize. Gli artisti,
Lida Abdul (Kabul 1973), Glenn Ligon (New York 1960), Naeem Mohaiemen (Londra 1969),
Anri Sala (Tirana 1974) e Wael Shawky (Alessandria d'Egitto 1971), sono stati selezionati tra
le oltre 500 candidature pervenute dalla giuria composta da Marisa Merz, Beatrix Ruf
(direttrice dello Stedelijk Museum di Amsterdam) e Claudia Gioia (curatrice indipendente). Il
progetto espositivo, curato da Beatrice Merz raccoglie due o tre opere per ciascun autore,
scelte tra le più significative del loro percorso artistico. Il pubblico potrà esprimere la propria
preferenza visitando la mostra o collegandosi al sito mariomerzprize.org. Orario: martedìdomenica 11-19, lunedì chiuso. L'ingresso alla mostra è gratuito. Info: 011.19719437 [email protected] - www.fondazionemerz.org
fino al 12/04/2015
ore 18:00
Torino
Via Limone 24
AVERY SINGER ALLA FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO
"Pictures Punish Words", personale di Avery Singer, a cura di Beatrix Ruf. Sorprendenti per
tecnica e iconografia, i quadri di Avery Singer sovvertono le nostre aspettative visuali. A un
primo sguardo si sottraggono a una classificazione precisa come dipinti o elaborazioni a
stampa. Per questo sollevano l'interrogativo, ovvio e allo stesso tempo pressante per
un'artista, sul modo in cui le informazioni digitali che ci circondano possono concretizzarsi sotto forma di immagine piatta su carta o, più di recente, tridimensionale in plastica, o su ogni
altra possibile superficie materiale. Avery Singer ha realizzato un ciclo di opere pensate
appositamente per questa sua prima personale. Dopo una prima presentazione alla Kunsthalle
di Zurigo, la personale si sposta Torino, alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Orario:
giovedì 20-23 (ingresso libero); venerdì, sabato e domenica 12-19. Ingresso: intero euro 5;
ridotto euro 3 (over 65, studenti); gruppi euro 4 (minimo 6 persone); gratuito (per i bambini fino
a 12 anni, Insieme per l'Arte, abbonamento Torino Musei, giornalisti accreditati, soci ICOM).
Info: [email protected] - 011.3797600 - www.fsrr.org
fino al 12/04/2015
ore 18:30
Torino
Via Modane 16
TORINOSETTE | Arte
188 / 195
Arte
"IL KABUKI DEI TRE SAMURAI: ARAKI, MORIMURA, SUGIMOTO" ALLA GALLERIA IN
ARCO
"Il kabuki dei tre samurai: Araki, Morimura, Sugimoto". Nobuyoshi Araki, Yasumasa Morimura
e Hiroshi Sugimoto sono i protagonisti della mostra a cura di Graziano Menolascina.
Nobuyoshi Araki, tra gli artisti più rappresentativi e prolifici della storia della fotografia,
racconta la donna, l'eros e il Giappone. Le donne di Araki sono spesso sdraiate su letti disfatti,
oppure distese sul pavimento in pose lascive, legate con corde, con i corpi ostentati e nudi ma
con sguardi in cui è completamente assente la volontà di sedurre. Yasumasa Morimura si
appropria invece di icone universali della storia dell'arte, dei mass media e della cultura
popolare interpretandole in prima persona. In particolare Morimura è interessato alle
trasformazioni sociali politico e culturali dovute alla penetrazione del capitalismo e dei miti del
mondo occidentale in Giappone. Morimura impersona Einstein, Marylin, Frida Khalo, Hitler il
risultato è un'opera e raffinata che nasce da una cura maniacale per i dettagli e l'uso di ritocchi
digitali, di costumi, pose e accessori ricercati che le rendono uniche. I tratti somatici non
modificati, sono l'unico mezzo che Morimura ha per rivendicare la propria origine e le proprie
tradizioni e l'unica via per fare ciò è la provocazione. Infine, ci sono gli scatti di Hiroshi
Sugimoto, immagini mentali, concetti la cui materializzazione è resa possibile grazie a un
rigoroso controllo del mezzo fotografico e del processo manuale di stampa, seguito anch'esso
personalmente dall'artista. Nella serie "Theatre" Sugimoto ha fotografato con tempi di
esposizione lunghissimi sale degli anni '20 e '30, cinema degli anni '50 e drive in. La luce
bianca degli schermi rettangolari, che illumina il resto dell'ambiente, contiene in sé l'intera
proiezione del film. In "Architectures" la tecnica dello sfocato priva le architetture moderniste di
connotazioni temporali. I lunghi tempi di esposizione dei "Seascape" bloccano il movimento
delle onde in immagini eterne, mentre il soggetto dei "Portraits" realizzati fotografando i
personaggi dei musei delle cere è l'immortalità stessa. Info: 011.8122927 - www.in-arco.com [email protected]
fino al 18/04/2015
ore 18:30
Torino
Piazza Vittorio Veneto 3
TORINOSETTE | Arte
189 / 195
Arte
"IL MONDO IN UNA TAZZA" A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta un percorso dedicato alla storia della tazza, attingendo dalle ricche
collezioni di arte decorativa conservate in museo. L'esposizione si riallaccia al tema della
porcellana torinese al centro di Fascino e splendore della porcellana di Torino, mostra curata
da Andreina d'Agliano e Cristina Maritano che apre in contemporanea alla Fondazione AccorsiOmetto e che presenta ben 90 opere provenienti dalle collezioni di Palazzo Madama. Le due
esposizioni offrono nel complesso un vero e proprio percorso cittadino dedicato al tema della
porcellana. Filo conduttore dell'esposizione è la tazzina: da tè, da caffè e da cioccolata.
Oggetto legato indissolubilmente all'introduzione in Europa delle bevande calde provenienti
dall'Oriente e dal Nuovo Mondo e al materiale esotico e prezioso per eccellenza, la porcellana.
A Palazzo Madama una sequenza di tazze, a partire dai blancs-de-chine, ovvero le porcellane
bianche cinesi prodotte a Dehua, mostra l'evoluzione delle forme e la varietà dei decori nelle
tazzine prodotte dalle manifatture europee nel Settecento: dai motivi di origine cinese e
giapponese, a quelli tratti dai libri di storia naturale, ai paesaggi derivati da incisioni olandesi e
tedesche, fino alle scene mitologiche e della letteratura cavalleresca. Contestualmente la
mostra è un'occasione per raccontare, per casi esemplari, la storia della porcellana, delle sue
particolarità produttive, della qualità della pasta e dei colori. Il valore socialmente
rappresentativo della porcellana emerge anche grazie all'esposizione di alcuni servizi araldici,
conservatisi integri per il loro valore altamente simbolico legato al passato illustre della casata
oppure smembrati e dispersi sul mercato antiquario. Una vetrina è dedicata alla principale
manifattura di porcellana operante in Piemonte nel Settecento, la Real fabbrica delle
porcellane di Vinovo, fondata nel 1776 grazie all'intraprendenza di un torinese, Giovanni
Vittorio Brodel, e di un ceramista di Strasburgo, Pierre-Antoine Hannong, e poi rilevata nel
1780 dal medico e chimico torinese, Vittorio Amedeo Gioanetti. Alla produzione di questa
fabbrica è dedicato un più ampio spazio nelle sale della mostra alla Fondazione AccorsiOmetto. In un'altra vetrina, l'artista Matilde Domestico, che da anni conduce ricerche sul tema
della porcellana, ambienta l'installazione Esistenza di porcellana, che si ispira alle poesie di
Emily Dickinson. Il lavoro dell'artista unisce oggetti e frammenti di carta e di porcellana su cui
emergono parole in acciaio. Intorno una superficie di polvere di marmo di Carrara, il caolino,
un materiale refrattario. Tutti gli elementi nel complesso rimandano all'idea di fabbrica, a una
realtà viva e produttiva. In sottofondo una base sonora composta dalla sovrapposizione ed
elaborazione di rumori meccanici, suoni metallici ripetitivi registrati all'interno dei reparti di
fabbricazione dell'Industria Porcellane IPA, si propaga tra le tintinnanti ceramiche antiche e
contemporanee. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00. La biglietteria
chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso: intero euro 10, ridotto euro 8, gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. In presenza di mostre temporanee le tariffe
potranno subire variazioni. Info: 011.4433501 - www.palazzomadamatorino.it
fino al 19/04/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
ISA MELSHEIMER DA QUARTZ STUDIO
"Examination of the Origins", personale dell'artista tedesca Isa Melsheimer (Neuss, 1968) che
per l'occasione ha concepito un'installazione site specific in cui elementi scultorei pensati a
partire dalle caratteristiche 'ambientali' di Quartz sono accostati alle forme architettoniche di
alcuni edifici della città. Visite su appuntamento. Info: 338.4290085 - [email protected] www.quartzstudio.net
fino al 28/04/2015
ore 19:00
Torino
Via Giulia di Barolo 18/D
TORINOSETTE | Arte
190 / 195
Arte
JOSEF KOUDELKA AL FORTE DI BARD
"Josef Koudelka, Vestiges 1991-2014", prima esposizione in Italia del più imponente progetto
fotografico di uno dei maestri mondiali della fotografia, mostra promossa dall'associazione
Forte di Bard in collaborazione con l'Agenzia Magnum Photos. Il progetto Vestiges, che vede
impegnato da oltre vent'anni il grande fotografo dell'agenzia Magnum Photos, propone la sua
interpretazione fotografica e artistica di alcuni dei più importanti siti archeologici della cultura
romana e greca, in un itinerario attraverso venti paesi, dalla Grecia al Libano, dalla Siria
all'Algeria, dalla Turchia all'Italia e di oltre duecento località che si affacciano sul Mar
Mediterraneo. Un'esplorazione che non ha precedenti, un lavoro fatto di costanza e
perseveranza. L'artista, come i pittori romantici del XIX secolo, coltiva una predilezione
particolare per le rovine, senza celebrarne l'atmosfera malinconica, ma con l'obiettivo di
restituirne l'autentica bellezza. Il suo intento è usare l'arte per riappropriarsi di un mondo che ci
sta sfuggendo e che potremmo perdere. Trasformare le macerie in speranza è il grande e
ambizioso progetto che Koudelka cerca di realizzare con il suo eccezionale viaggio, in
costante divenire che si arricchisce periodicamente di nuovi capitoli. In mostra oltre 60
fotografie di cui 22 panoramiche di grandi dimensioni. Un allestimento che coniuga il
minimalismo dell'approccio del fotografo e della cifra stilistica delle sue immagini, al suggestivo
senso di camminamento tra le rovine. In mostra anche la proiezione di circa 350 scatti relativi
ai set di Vestiges. Fino al 31 gennaio il Forte sarà aperto solo il sabato e la domenica dalle 10
alle 19; dal primo febbraio apertura consueta (feriali dalle 10 alle 18, festivi e prefestivi dalle 10
alle 19). Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 - 83382 e su
www.fortedibard.it
fino al 03/05/2015
ore 18:00
Bard (AO)
Forte
"AL FRONTE" AL MUSEO DEL CINEMA
"Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande Guerra", mostra a cura di Roberta
Basano e Sarah Pesenti Campagnoni. Cento anni fa, la Grande Guerra investe il Vecchio
Continente con la sua modernità che, oltre alle armi micidiali, annovera l'utilizzo di nuovi mezzi
di comunicazione. Tra queste la fotografia e il cinema si rivelano risorse fondamentali nel
definire gli equilibri di potere dei principali paesi belligeranti. Scatti e riprese realizzati da
fotografi e operatori militari invadono le pagine di quotidiani e riviste e dominano gli spettacoli
cinematografici di tutto il mondo, trovando una eco nelle innumerevoli fotografie amatoriali
accumulate dai reduci e dalle loro famiglie, memoria di un'esperienza umana e sociale
estrema e contraddittoria. La mostra "Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande
Guerra" propone un percorso di immagini attraverso 160 fotografie inedite, scattate da Luis
Bogino al seguito del Regio Esercito Italiano e dai soldati fotoamatori dislocati sui di guerra.
Accanto a questo primo tracciato si sviluppa il percorso cinematografico: una selezione di film
"dal vero", girati al fronte e nelle retrovie, e di titoli di fiction di epoche diverse, testimonianza di
un'eredità visiva e culturale variamente interpretata nel corso del tempo. Lo sguardo di artisti
come Paola De Pietri, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi propone infine una lettura
personale della prima guerra mondiale, dei luoghi che essa ha attraversato e di una memoria
spesso dimenticata. Orario: da martedì a venerdì 9.00-20.00; sabato 9.00-23.00; domenica
9.00-20.00; lunedì chiuso. Ultimo ingresso un'ora prima della chiusura. Ingresso: intero euro
14,00; ridotto (studenti universitari fino a 26 anni, over 65, gruppi min. 15 persone) euro 11,00;
giovani e scuole (da 6 a 18 anni, gruppi scolastici) euro 8,00; gratuito fino a 5 anni, disabili e
accompagnatore, Torino+Piemonte Card.
fino al 03/05/2015
ore 19:00
Torino
Via Montebello 20
TORINOSETTE | Arte
191 / 195
Arte
"ASTRATTISMO IN EUROPA" AL FORTE DI BARD
"Astrattismo in Europa. Kandinsky, Popova, Majakovskij, Malevi?...": oltre 80 opere,
principalmente olii e disegni di straordinario valore, appartenenti a una prestigiosa collezione
privata tedesca, per la prima volta esposta in Italia. La collezione, riunita con passione e
costanza nel corso di anni, costituisce un nucleo tematico omogeneo con aspetti storicogeografici di grande interesse: le opere illustrano le tendenze artistiche dell'Europa Orientale e
Centrale durante la prima metà del XX secolo, con particolare attenzione alla nascita della
pittura astratta e ai movimenti di arte non figurativa che ne seguirono e che capillarmente si
diffusero in tutta Europa. In un clima di generale rinnovamento del linguaggio artistico, infatti, a
partire dal 1910 circa si sviluppano diverse tendenze astratte nell'ambito dei movimenti
d'avanguardia tedesco, russo, ceco e olandese. Wassily Kandinsky occupa un posto di primo
piano in questo contesto artistico. Al completo la compagine degli astrattisti russi presenti in
mostra: Vladimir Tatlin, Alexander Rodchenko, El Lissitzky e Alexandra Exter, che sviluppa il
suo linguaggio plastico integrando influssi dal Cubismo e dal Futurismo. Da non perdere le
preziose opere di Natalia Goncharova. Kasimir Malevic, con Kandinsky, può considerarsi il più
importante pioniere dell'arte astratta. Proveniente dal contesto del Cubofuturismo russo,
Malevic dipinge forme geometriche elementari come il quadrato, la sfera, la croce, dando vita
al movimento del Suprematismo: un'arte non descrittiva, puramente contemplativa e spirituale.
In mostra anche 44 libri originali del medesimo movimento artistico culturale con numerosi
pezzi di Wladimir Majakovskij e opere di Nikolay Punin, Kasimir Malevi?, Lajos Kassák e due
filmati di Hans Richter (1888-1976) e Viking Eggeling (1880-1925), pionieri dell'astrattismo
geometrico cinematografico d'avanguardia europeo. I loro lavori, terminati nel 1921, sono
considerati tra le opere fondamentali della modernità. Orario: feriali dalle 10 alle 18, festivi e
prefestivi dalle 10 alle 19. Ingresso: Intero: 6,00 euro - Ridotto: 5,00 euro. Info 0125.833811 83382 e su www.fortedibard.it
fino al 02/06/2015
ore 10:00
Bard (AO)
Forte
TORINOSETTE | Arte
192 / 195
Arte
"LO SPAZIO DEL DEMIURGO", FORTUNY E MOLLINO A PALAZZO MADAMA
Poliedricità. È il tratto che accomuna i protagonisti della nuova mostra allestita a Palazzo
Madama «Lo spazio del demiurgo», incentrata sulle figure di Mariano Fortuny y Madrazo e
Carlo Mollino. Due personalità forti, capaci di eccellere in differenti discipline, dalla pittura alla
scenografia, passando per l'architettura, il design e la moda. L'esposizione racconta il
percorso artistico e professionale di Fortuny e Mollino attraverso venti immagini realizzate da
una coppia di grandi fotografi, Sarah Moon e Pino Musi, e dal giovane Marco Maria Zanin.
Nato a Granada nel 1871, Mariano Fortuny y Madrazo respirò arte fin dall'infanzia: figlio del
pittore catalano Mariano Fortuny y Marsal, tra i più rilevanti del panorama artistico spagnolo
del XIX secolo, si dedicò al disegno, all'incisione e alla scenografia, realizzando lampade
avveniristiche, d'ispirazione teatrale, che negli anni a venire si affermarono come uno degli
oggetti di design più ricercati e riconoscibili. Stabilitosi a Venezia, fece di Palazzo Pesaro degli
Orfei la sua residenza e il suo laboratorio: qui concepì e realizzò le prime tuniche Delphos,
lunghi abiti femminili caratterizzati da sottilissime pieghe. Sono i primi vestiti plissettati al
mondo: la tecnica ideata e brevettata da Fortuny si rivelò un successo immediato,
rivoluzionando il mondo della moda. La capacità di creare forme, attingendo da mondi e
modelli differenti tra loro, dall'Antica Grecia alle tradizioni catalane, fece di Fortuny una delle
figure più interessanti del suo tempo, un modello tutt'oggi imitato e studiato. Altrettanto
affascinante è la figura di Carlo Mollino: torinese, nato nel 1905 da una famiglia benestante,
seguì da subito le orme del padre Eugenio, ingegnere e architetto, noto per aver progettato e
realizzato l'ospedale delle Molinette. Completati gli studi, Carlo si dedicò con profitto alla
fotografia, alla progettazione di edifici e di automobili da corsa. Appassionato di sci e di
montagna, realizzò chalet, edifici e funivie, coniugando materiali tradizionali e forme molto
moderne, tecnica che caratterizzò anche i suoi progetti più famosi, come il nuovo Teatro Regio
e il palazzo della Camera di Commercio in via Carlo Alberto. Forme morbide e sinuose, che si
ritrovano anche nei suoi arredi e nei suoi mobili, custoditi nella villa di Vittorio Avondo e
immortalati dall'obiettivo di Musi e Zanin. Orario: da martedì a sabato 10-18, domenica
(10-19). La biglietteria chiude un'ora prima. Ingresso: intero 10 euro; ridotto 8; gratuito ragazzi
fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 07/06/2015
ore 18:00
Torino
Piazza Castello
JACQUES HENRI LARTIGUE AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Jacques Henri Lartigue - Alle origini della fotografia contemporanea", mostra a cura di Andrea
Busto, in collaborazione con la Donation Jacques Henri Lartigue. La mostra, realizzata a
partire da 130 album originali di Lartigue, ripercorre il destino unico di questo fotografo il cui
talento ora indiscusso venne riconosciuto tardivamente, all'età di 69 anni. La mostra è
composta da 136 fotografie in grande formato e da 50 pagine d'album dell'epoca (1912 - 1922)
che permettono di vedere le immagini nel contesto originale. Una selezione di opere
emblematiche che ripercorrono tutta la storia del Novecento e le origini della fotografia
contemporanea. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
193 / 195
Arte
"PLASTIC DAYS" AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Plastic Days - Materiali e design", a cura di Cecilia Cecchini e Marco Petroni. Un percorso
multidisciplinare tra arte, design e costume per raccontare l'affascinante storia di un materiale
che ha profondamente segnato e condizionato il nostro tempo e le nostre abitudini. Gli oggetti
e le opere in mostra costituiranno una sorta di atlante del contemporaneo. La mostra nasce
dall'analisi e dalla selezione di circa 600 oggetti della collezione della Fondazione Plart,
Plastiche e Arte di Maria Pia Incutti-Paliotto, e si compone come un originale racconto della
grande e molteplice famiglia dei materiali plastici. Una testimonianza che racconta le
trasformazioni degli ultimi centocinquanta anni di storia e che svela l'anima profonda della
modernità e delle mutazioni che hanno segnato il paesaggio domestico e culturale in cui siamo
immersi. La plastica diviene la lente d'ingrandimento puntata sulle dinamiche sociali ed
economiche del nostro tempo. Gli oggetti in mostra rappresentano un'articolata selezione di
artefatti assai rari provenienti da tutte le parti del mondo: prime serie di produzione, pezzi di
grande tiratura di famosi designer o di design anonimo. Una scelta non finalizzata a proporre
una puntuale ricostruzione della storia delle plastiche, ma a realizzare una mostra capace di
disegnare un particolare percorso di lettura del nostro tempo, rivisitato attraverso un approccio
multidisciplinare tra design, arte e costume. Uno sguardo ampio, testimoniato anche dagli
interventi in catalogo di Alba Cappellieri, Laura Cherubini, Stefano Catucci, Gianluigi
Ricuperati, Thea van Oosten e Anna Laganà. Completano il percorso espositivo le interviste
ad Andrea Branzi, Donato D'Urbino, Paolo Lomazzi, Alessandro Mendini, Maurizio
Montalti/Officina Corpuscoli, Andrea Trimarchi e Simone Farresin/Studio Formafantasma,
Gaetano Pesce e Maria Pia Incutti, collezionista e presidente della Fondazione Plart. Orario:
da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info: 011.853065 www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni; gratuito fino a 12
anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
ANITA MOLINERO AL MEF - MUSEO ETTORE FICO
"Anita Molinero, opere e installazioni". Copertoni, sedie, tavoli, panchine, cassonetti della
spazzatura, arredi urbani dismessi, imballaggi. Sono questi i materiali scultorei preferiti da
Anita Molinero, esposti nella loro grezza povertà nei primi lavori degli anni Ottanta e poi
manipolati, tagliati e plasmati attraverso il fuoco nella produzione successiva. La mostra Anita
Molinero. Opere e installazioni presenta una panoramica di lavori realizzati recentemente e
disseminati negli spazi di tutto il Museo, in dialogo con la mostra Plastic Days. L'artista
realizzerà inoltre una serie di sculture site-specific con materiali plastici - in particolare
cassonetti della spazzatura, elementi di carrozzeria automobilistica come paraurti, fari, fanali recuperati durante la sua permanenza a Torino. Con la mostra di Anita Molinero iniziano le
incursioni del MEF nei territori della creazione contemporanea. Muovendosi dalla mission di un
museo che non vuole essere "solo museo", ma un vivace luogo di scambio e un attivatore di
processi creativi, il MEF inaugura una serie di collaborazioni trasversali, partendo dalla moda.
Primo partner, lo storico marchio di abbigliamento BasicNet. Per l'occasione, la casa torinese
realizzerà un K-WAY progettato da Anita Molinero: l'impermeabile sarà prodotto
esclusivamente durante il periodo della mostra, diventando un vero e proprio multiplo
indossabile. Orario: da mercoledì a venerdì 14-19; sabato 11-22; domenica 11-19. Info:
011.853065 - www.museofico.it. Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro, 5 euro da 13 a 26 anni;
gratuito fino a 12 anni, persone con disabilità, abbonamento Musei Torino Piemonte.
fino al 21/06/2015
ore 11:00
Torino
Via Cigna 114
TORINOSETTE | Arte
194 / 195
Arte
GESSI E CERAMICHE DELLA LENCI A PALAZZO MADAMA
Palazzo Madama presenta, a partire dal 1 novembre, un nuovo allestimento in Sala
Ceramiche dedicato alla celebre manifattura Lenci, a cui il museo ha già dedicato una grande
mostra nel 2010. L'esposizione, resa possibile grazie al generoso prestito di due collezionisti
privati e della Fondazione Guido ed Ettore De Fornaris, mette in evidenza i due momenti
chiave del processo creativo della manifattura Lenci: quello iniziale, i gessi, e quello finale, le
ceramiche. I gessi della Lenci, provenienti da una collezione privata, costituiscono un vero e
proprio archivio di fabbrica, dove si conservano anche le idee rimaste in bozza e mai
realizzate. La selezione presentata a Palazzo Madama offre all'attenzione del pubblico il
confronto diretto con le corrispondenti ceramiche, come per il "Trionfo di Bacco" di Giovanni
Grande, oltre ad alcuni raffinati inediti, come la "Principessa sul pisello" attribuibile a Mario
Sturani, di cui non si conoscono realizzazioni in terraglia. L'esposizione è inoltre l'occasione
per vedere nuovamente riunite, dopo la mostra "L'avventura Lenci", le Stagioni di Mario
Sturani in ceramica e in gesso. Orario: martedì-sabato 10.00-18.00; domenica 10.00-19.00.
Mercoledì 24 dicembre aperto dalle 10 alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 25 dicembre
chiuso; venerdì 26 dicembre aperto dalle 10 alle 18; mercoledì 31 dicembre aperto dalle 10
alle 14, chiuso il pomeriggio; giovedì 1 gennaio aperto dalle 14 alle 18, chiuso il mattino; lunedì
5 gennaio apertura straordinaria dalle 10 alle 18; martedì 6 gennaio aperto dalle 10 alle 18. La
biglietteria chiude un'ora prima. Chiuso il lunedì. Ingresso museo: intero euro 10, ridotto euro
8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Info: 011.4433501 www.palazzomadamatorino.it
fino al 25/06/2015
ore 10:00
Torino
Piazza Castello
Powered by TCPDF (www.tcpdf.org)
"FASCINO E SPLENDORE DELLA PORCELLANA DI TORINO" AL MUSEO ACCORSIOMETTO
La mostra, realizzata in collaborazione con Palazzo Madama - Museo Civico di Arte Antica, a
cura di Andreina d'Agliano e di Cristina Maritano, si propone di approfondire la produzione
delle tre manifatture torinesi di porcellana, Rossetti, Vische e Vinovo, grazie allo spoglio dei
documenti d'archivio e alla revisione degli oggetti presenti sia in raccolte pubbliche che private.
L'avventura eroica che portò la "sublime scoperta della porcellana" a diffondersi in Europa e
anche, precocemente, in terra piemontese, le storie, i protagonisti, le opere, uniti all'uso
quotidiano dell'oro bianco all'interno delle dimore signorili, esaminato nell'arco della giornata
del Giovin Signore, sono oggetto dell'esposizione al Museo di Arti Decorative Accorsi Ometto, che presenta - oltre a porcellane provenienti da raccolte pubbliche e private - diversi
esempi di argenteria, quadri, incisioni. Il percorso espositivo si apre con la sezione dedicata
alla produzione di porcellana della manifattura Rossetti, di proprietà del conte Giacinto Roero
di Guarene, rappresentato nello straordinario quadro di Martin van Meytens; si prosegue
entrando in un cabinets des porcelaines, in cui vengono esposte diverse porcellane cinesi
Blanc de Chine, alcune già di proprietà del Conte di Guarene, a cui si aggiungono alcune
statuine di dignitari cinesi in porcellana a pasta tenera, eseguite nella manifattura Rossetti fra il
1737 e il 1743, copiando originali cinesi. Oltre alla produzione bianca, sono state individuate
porcellane dipinte in policromia, fra cui una vaso di Palazzo Madama, e alcuni oggetti
appartenenti a collezioni private. La seconda sezione è dedicata alla manifattura fondata nel
1765 dal conte Ludovico Birago di Vische, di cui vengono presentati numerosi oggetti inediti:
nella sua breve attività (1765 - 68) Vische, oltre a riprodurre statuine e prototipi della
manifattura di Vincennes - Sèvres, presenta un notevole influsso dei disegni rocaille di
Meissonnier e dell'argentiere torinese Boucheron. Fra gli oggetti più interessanti, una
zuccheriera dipinta in monocromia porpora e una straordinaria salsiera, la cui forma ricorda da
vicino la produzione del Boucheron. La terza sezione della mostra inizia mostrando una serie
di sculture in porcellana bianca verniciata e in biscuit, eseguite nel periodo in cui alla direzione
della manifattura furono Giovanni Vittorio Brodel, già socio del Birago a Vische, e Pierre
Antoine Hannong, autore della formula della porcellana dura in Francia (aveva infatti venduto
nel 1761 il segreto della porcellana dura a Sèvres). In questo periodo vengono riprodotti i
modelli di Vische, in buona parte derivati dalle incisioni delle opere di François Boucher. Un
TORINOSETTE | Arte
confronto interessante sarà quello tra Vincennes - Sèvres, Vische e Vinovo, che195
darà/al195
visitatore la possibilità di esaminare i modelli piemontesi e gli originali francesi, fra cui un
biscuit proveniente dal Museo delle Porcellane di Palazzo Pitti. La mostra prosegue con una