Il Friuli Venezia Giulia ha aderito alla Carta Internazionale dell

UDINE
Periodico mensile - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003
(conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, D.C.B. Udine Bollettino degli Organi direttivi di Associazione Sindacale
Anno XIV - Supplemento n. 5 - Maggio 2014
Il Friuli Venezia Giulia
ha aderito alla Carta Internazionale
dell’Artigianato Artistico
HEY!: L’ARTE ORAFA E L’ARTIGIANATO ARTISTICO
IN MOSTRA A CIVIDALE
ANCHE GLI ARTIGIANI DI CONFARTIGIANATO
ALLA MINI MAKER FAIRE DI TRIESTE
VALORIZZATI.IT, NUOVO PROGETTO NAZIONALE
CONTRO LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE
PIETRO BOTTI RICONFERMATO ALLA PRESIDENZA
DELL’ANAP DI UDINE
Contenuti
Editoriale
Periodico MENSILE
di Confartigianato Imprese F.V.G.
Autorizzazione del Tribunale di Trieste
n. 1020 del 08/03/2001
Anno XIV - Supplemento al n. 5 - maggio 2014
Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003
(conv. in L. 27/02/2004 n. 46)
art. 1, comma 1, D.C.B. Udine
03
Non siamo il residuo di passate glorie economiche,
ma il terreno su cui coltivare il futuro
I FATTI
04
Il Friuli Venezia Giulia aderisce alla
Carta Internazionale dell’Artigianato Artistico
Bollettino degli organi direttivi
di Associazione sindacale
06
Alla Mini Maker Faire di Trieste
successo degli artigiani di Confartigianato
Direttore responsabile:
Tiziana Sabadelli
07
Anche gli artigiani mobilitati
per il Digital Day del Friuli Venezia Giulia
08
Oltre 250 partecipanti alla quinta
edizione della Scuola per Genitori
09
EXPO 2015: le potenzialità per le piccole
e medie imprese in un incontro a Udine
Comitato di redazione:
Alessio Belgrado, Enrico Eva, Marco Gobbo,
Gian Luca Gortani, Gianfranco Trebbi
Hanno collaborato a questo numero:
Flavio Cumer, Gian Luca Gortani, Mauro Nalato,
Luca Nardone, Tiziana Sabadelli,
Direzione, Redazione,
Amministrazione:
Via Coroneo 6, 34133 Trieste
Tel. 040 363938
Editore:
Confartigianato Imprese Friuli Venezia Giulia
Via Coroneo 6, 34133 Trieste - Tel. 040 363938
I NOSTRI IMPRENDITORI
10
Un raffinato intreccio
di artigianato, storia e passione
Categorie
12
Fuoristrada e territorio, primo confronto
fra comuni, artigiani e motociclisti
Progetto grafico:
Unidea
Internazionalizzazione
Stampa:
Cartostampa Chiandetti srl
Reana del Rojale - Via Vittorio Veneto 106
13
Pubblicità:
Per la pubblicità su Informimpresa
potete contattare Rosanna Palmisciano
Tel. 0432 516738
I 6.150 pensionati dell’Anap
hanno festeggiato il loro 1° maggio
Missione alla fiera internazionale Expocomer
di Panama e nuove iniziative in programma
Cronache
14
Confartigianato lancia un nuovo progetto
contro la disoccupazione giovanile
15
Mercatino artigiano e seminario
sui trend nel Sud-est asiatico
16
Giovani Imprenditori: la cucina etnica per fare team
17
Val d’Arzino, le ricette di sindaci
e artigiani per il rilancio della valle
ANAP
18
Artigiani pensionati: Pietro Botti confermato
presidente affiancato dai vice Rinaldi e Greatti
19
I 6.150 pensionati dell’Anap
hanno festeggiato il loro 1° maggio
2
Editoriale
Non siamo
il residuo di passate
glorie economiche,
ma il terreno su cui
coltivare il futuro
di Graziano Tilatti
presidente Confartigianato Udine
Chi leggerà questo editoriale - a differenza
del sottoscritto che lo sta scrivendo - conoscerà l’esito delle elezioni del 25 maggio che
hanno interessato nel contempo 92 Comuni
della nostra provincia ed il Parlamento europeo. Due livelli istituzionali distanti tra loro,
ma entrambi di fondamentale importanza per
la vita delle nostre aziende e per il futuro di
noi imprenditori e dei nostri collaboratori.
Che si tratti delle regole dettate alla politica
economica degli stati dell’UE o delle decisioni di dettaglio sull’applicazione delle tasse e
delle tariffe locali, non possiamo non fare i
conti con questi due livelli decisionali: continentale e locale.
Chiunque sia stato eletto deve ora affrontare uno scenario complesso, in cui per anni le
tensioni economiche hanno alimentato quelle sociali e molte, troppe, aspettative sono
state disattese. A tutti loro rivolgiamo un
invito, che suona come un appello: credete
nelle piccole imprese, negli artigiani, nei lavoratori autonomi e in tutte le nuove dimensioni dell’imprenditoria diffusa, familiare e
personale. Fatelo con il cuore e con la testa,
perché il nostro mondo produttivo non tradirà le attese. Non lo ha fatto in passato, nei
momenti più delicati in cui è stato necessario
ricostruire e ripartire. Non lo farà neppure in
futuro. Non credete in noi soltanto a parole,
ma con i fatti, pensando a noi ogni volta che
dovrete prendere una decisione, piccola o
grande che sia. E non fatelo perché vi siamo
simpatici, bensì con la ragionata convinzione
che sia la scelta più giusta e conveniente per
l’interesse collettivo. Lo dimostrano i dati elaborati da Confartigianato: in Europa le Micro,
Piccole e Medie Imprese hanno creato l’85%
dei nuovi posti di lavoro negli ultimi 10 anni e
sono 19 milioni quelle che occupano meno di
10 addetti. Dati che trovano riscontro a livello
locale, basti pensare che ogni comune della
nostra provincia ospita in media 105 artigiani
(90, se si esclude Udine) con una densità di
quasi 3 aziende per chilometro quadrato. Un
tessuto produttivo così radicato sul territorio,
capace di creare reddito, ricchezza e occupazione non è il residuo di passate glorie economiche, ma il terreno su cui coltivare il futuro,
a condizione di impostare una politica che
ne valorizzi davvero il potenziale. E questo
vale nel locale come su larga scala. “Voglio
dare alle nostre piccole aziende ogni possibile vantaggio per affrontare la competizione
globale” ha dichiarato di recente il capo di un
governo europeo ed è una frase che vorremmo sentire anche dalla politica italiana, ma è
soprattutto l’impegno che vorremmo vedere
realizzato in concreto, giorno dopo giorno.
In Europa le Micro,
piccole e medie
imprese hanno
creato l’85% dei
nuovi posti di lavoro
negli ultimi 10 anni
3
I Fatti
Il Friuli Venezia Giulia
aderisce alla Carta Internazionale
dell’Artigianato Artistico
La presidente Serracchiani:
“L’artigianato non è figlio di un Dio minore”
L
“
’artigianato non è figlio di un Dio minore. La
Regione considera l’artigianato e la piccola
imprese l’ossatura dell’economia del Fvg,
una realtà economica diffusa capace di innovazione, di mantenere l’occupazione e di rischiare in
proprio. Per questo non poteva non sottoscrivere
la Carta Internazionale dell’Artigianato Artistico,
un documento a cui hanno già aderito molti enti
e organismi del mondo”. Lo ha detto la presidente della Regione Debora Serracchiani inaugurando il 9 maggio a Cividale del Friuli la seconda
edizione di HEY!, rassegna di arte orafa e d’artigianato artistico organizzata da Confartigianato Udine nella splendida cornice della chiesa di
S. Maria dei Battuti. La presidente Serracchiani,
che ha annunciato l’arrivo del regolamento sulle
botteghe scuola ed ha auspicato un’Europa con
un made in Italy tutelato e valorizzato, ha sottoscritto la Carta con i presidenti regionali di Confartigianato Fvg Graziano Tilatti, della Cna Paolo
Brotto e dell’Ures-Sdgz Nicola Tenze.
La Carta internazionale dell’artigianato artistico è
stata messa a punto nel 2008 da Ateliers d’Art de
France e da Artex, il consorzio di valorizzazione
dell’artigianato artistico costituito a Firenze da
Confartigianato e Cna e che evidenzia i valori
e le peculiarità del settore mettendone in luce i
punti di forza così come le aree di miglioramento.
Alla firma hanno presenziato anche il direttore di
Artex, Alesssandro Ricceri, e l’assessore provinciale Marco Quai.
All’inaugurazione di HEY!, introdotta dalla vicepresidente di Confartigianato Udine Edgarda
Fiorini, è intervenuto anche il sindaco del Comune di Cividale Stefano Balloch che ha sottolineato la positiva collaborazione fra amministrazione
e Confartigianato Udine, che consente di apprezzare anche a Cividale le pregevoli creazioni
realizzate dalle mani sapienti degli artigiani friulani. Soddisfazione per la firma della Carta è stata espressa anche dalla rappresentante del comparto artistico Eva Seminara, che ha sottolineato
come questo non sia un mero atto simbolico ma
il primo passo per la realizzazione di progetti di
respiro nazionale e internazionale. Alla rassegna
di arte orafa e artigianato artistico, aperta dal 9
maggio al 2 giugno, hanno aderito 25 botteghe
artigiane e la sezione di disegno industriale del
liceo artistico “G. Sello” di Udine. Una vetrina
qualificata di aziende che, come ha evidenziato
Simone Lugli di FriulAdria, sponsor dell’iniziativa,
“una banca locale ha il piacere di vedere valorizzate e promosse attraverso una rassegna così
prestigiosa”.
4
LE AZIENDE PRESENTI A HEY!
Artigianato artistico
Fare come pensare (Mosolo Pelletterie, Pellegrina Gioielli, Emozioni by Gloria de Martin, Arte
sulla seta di Alida Liberale) - Udine - Creazioni
artigianali d’arte • L’Oca Bianca ed altre storie
di Alda Rita Bressanutti - San Daniele del Friuli Atelier di design e decorazione • Atelier di design
e decorazione - Tavagnacco – Colugna - Legatoria • Legatoria Moderna di Eva Seminara - Udine - Legatoria • Adelia Di Fant - San Daniele del
Friuli - Cioccolato, distillati e altre passioni • Home
Sweet Home - Manzano • Cancian Cristina Mosaici - Spilimbergo - Laboratorio artigianale per la
lavorazione di mosaici artistici • Il Fiore dipinto di
Selene Del Ross - Tarvisio - Restauro e decorazione
mobili, interni e arredi sacri • Franz sas - Santa Maria la Longa - Complementi d’arredo e oggettistica
in ceramica raku realizzati a mano • Codutti Cucine
sas OKRA - Udine - Interior design • Ceramiche
Artistiche di Luciana Della Mora - Codroipo - Ceramiche artistiche • A&M GLASS - Udine • Fratelli
Rossitti - Tolmezzo - Laboratorio artistico, restauro,
liuteria e arredo su misura, design, disinfestazione
microonde, aereotermica • Naka Decorazioni di
Nicola Tuniz - Manzano - Creazioni grafiche plastiche • Tessitura di Sauris snc di Schneider Sandra
e Adriana - Sauris • Insegne Storiche - Grado - Decorazioni artigianali • Maiero Ivano sas di Maiero
Sandro & C - Tavagnacco - Arredamenti su misura •
Casa Patch di Barbara Marini - Gemona del Friuli Articoli per la casa in patchwork
ARTE ORAFA
Creagioiellli srl - Tarcento • La Torre di Margherita
Cozzi - Cividale del Friuli, San Vito al Tagliamento
- Laboratorio orafo • Piero De Martin - Codroipo Gioielli e sculture • Liceo Artistico G. sello - Udine
- Sezione disegno Industriale
5
I Fatti
Primo raduno ufficiale in regione per i “makers”,
in attesa dell’evento nazionale a Roma
Alla Mini Maker Faire di Trieste
successo degli artigiani di Confartigianato
S
abato 17 maggio c’erano anche gli artigiani
friulani ad animare la Mini Maker Faire di Trieste, il raduno ufficiale dei “makers”, cioè inventori, creativi ed entusiasti della cultura del “fare”
che hanno esposto al pubblico le loro creazioni e
condiviso con tutti le loro idee e invenzioni. “La
nostra presenza a questo appuntamento - ha detto il direttore di Confartigianato Udine Gian Luca
Gortani - ha voluto sottolineare il forte legame che
c’è tra artigianato e movimento dei maker”. Non
a caso, infatti, lo slogan dello spazio di Confartigianato era “Artigiani=Maker2” ad indicare che gli
artigiani sono loro stessi dei maker che sviluppano
da sè i loro prodotti, ma che hanno anche scelto
di trasformare la loro passione e la loro creatività
in una azienda. E, sempre non a caso, nello stand
di Confartigianato Udine erano presenti 3 imprese
che sono la sintesi di queste attitudini: la Select di
Enrico Todesco (che progetta e costruisce sistemi
di controllo avanzati per schede elettroniche), la
Lab-U di Giampaolo Zamborlini (che ha attivato un
servizio di stampa 3d in centro a Udine con delle
stampanti che ha costruito lui stesso adattandole alle sue esigenze) e la Segnoprogetto di Paolo
Capizzi, Carlo Alberto Dana e Paolo Carrozza (una
società che si occupa di rendering fotografici e che
realizzerà delle dimostrazioni di scansione 3d di un
oggetto effettuata a partire da delle fotografie).
Assieme a loro c’erano anche alcuni prodotti della
Videosystems di Alessandro Liani, telecamere intel-
ligenti della serie Parson Animals, che per il loro
design hanno trovato posto su molte diverse riviste, un esempio di prodotti sviluppati da un giovane team di tecnici e che con spirito “maker” costruiscono schede elettroniche di altissimo livello, una
delle 20 aziende più innovative nel 2013 secondo
Wired Italia.
Confartigianato Udine è da diverso tempo interessata a supportare lo sviluppo dei maker locali e sta
lavorando per attivare sul territorio regionale un
FabLab che possa permettere a tutti di utilizzare
tecnologie digitali e di sviluppare i propri progetti e prototipi mantenendo un forte legame con il
mondo della produzione. In questo modo intende
aiutare chi ha un progetto concreto a trasformarlo
in un’impresa o a collegarlo ad imprese già esistenti. Uno degli incontri organizzati durante la manifestazione è stato dedicato proprio al confronto tra
persone interessate far nascere sul territorio friulano un Fab Lab. Tra gli animatori dell’incontro Carlo
Fonda (organizzatore della Mini Maker Faire), Davide Gomba (Officine Arduino), Alessandro Ranellucci (creatore di Slic3r, il software che fa funzionare la
maggior parte delle stampanti 3d del mondo), Fabio Carniello (direttore dell’Immaginario scientifico)
e Luca Nardone dell’ufficio Categorie di Confartigianato Udine che ha raccontato dell’esperienza
fatta su questo argomento anche con la attivazione
di un temporary Fab Lab lo scorso novembre per
promuovere l’idea nella città di Udine.
6
I Fatti
Nel settore informatico in FVG
ci sono 621 imprese artigiane, con 1.200 addetti
Anche gli artigiani mobilitati
per il Digital Day del Friuli Venezia Giulia
A
nche Confartigianato Udine ha aderito al
Digital Day organizzato il 5 maggio scorso dal Ditedi, il Distretto delle tecnologie digitali, con il supporto della Regione Fvg
nell’ambito del progetto GO ON FVG. “Abbiamo
proposto 5 appuntamenti - ha spiegato Fabrizio
Peresson, capo categoria provinciale degli informatici di Confartigianato Udine e capogruppo
regionale ICT -, all’interno degli oltre 100 eventi
che si sono tenuti in tutto il Friuli Venezia Giulia allo scopo di accelerare sulla digitalizzazione
e permettere a tutti - imprese, studenti, over 54,
pubblica amministrazione - di stare al passo con il
futuro, di toccare con mano e, soprattutto, usare
al meglio, internet e gli strumenti tecnologici per
migliorare la qualità della vita e del lavoro”. Fra
gli incontri che Confartigianato ha organizzato a
Udine, Cividale, Tolmezzo e Codroipo, i due che
hanno riscosso maggiore attenzione sono stati
quello sul mobile per inesperti nella sede Anap
a Udine (nella foto), e quello sugli aspetti legali della digitalizzazione nella sede della Camera
di commercio in cui sono intervenuti gli avvocati
David D’Agostini e Guido Scorza per parlare della
nuova privacy e la sicurezza informatica, il diritto
d’autore, marchi e concorrenza sul web. Un appuntamento questo molto apprezzato, al quale
ha partecipato anche l’assessore regionale Maria Santa Telesca, e dal quale nascerà anche un
percorso formativo ad hoc. “Il bilancio del D-Day
dimostra che c’è ancora molto lavoro da fare per
accompagnare, in particolare, le piccole imprese
a sfruttare adeguatamente le opportunità delle
tecnologie digitali. In questa direzione gli artigiani digitali intendono impegnarsi concretamente
a favore di tutti gli altri e stiamo già valutando
come proseguire con nuovi appuntamenti in autunno” ha aggiunto Peresson. Va ricordato che in
Fvg le imprese artigiane del settore informatico
sono cresciute notevolmente nel periodo di crisi
2009-2013 con +110 unità pari al 22%, in controtendenza rispetto al dato complessivo dell’artigianato: -1.171 imprese artigiane (-4%). In regione sono 621 con 1.200 addetti e 500 dipendenti.
7
I Fatti
La lezione di don Mazzi ha chiuso
questo ciclo di incontri sul rapporto genitori-figli
Oltre 250 partecipanti alla quinta
edizione della Scuola per Genitori
G
rande partecipazione all’ultimo appuntamento di quest’anno della Scuola per
Genitori organizzato da Confartigianato
Udine e Fondazione Crup nell’auditorium dell’Erdisu a Udine, quello con don Antonio Mazzi che
ha parlato a lungo, e con grande coinvolgimento
dei partecipanti di “come salvare un figlio dopo
averlo rovinato”.
“L’adolescenza è un periodo straordinario per i
nostri figli - ha spiegato don Mazzi - in quanto i ragazzi manifestano infinite potenzialità che vanno
però supportate soprattutto attraverso l’ascolto,
che deve essere di entrambi i genitori, ognuno
con il proprio ruolo: il padre, per esempio, deve
dare “le spalle”, il “carattere” e le “regole” al figlio adolescente”. Questo ultimo appuntamento
è stato occasione per un bilancio dell’iniziativa
che riscuote sempre un alto indice di gradimento
testimoniato dalle presenze di genitori, educatori, insegnanti e giovani coppie. A questa edizione hanno partecipato oltre 250 persone. “Anche
quest’anno - ha infatti commentato il presidente
di Confartigianato Udine, Graziano Tilatti - è stato un successo in termini di partecipazione e di
qualità dei relatori”.
Tilatti, che ha ringraziato la Fondazione Crup per
il sostegno e per la collaborazione, ha sottolineato l’importanza della famiglia all’interno della
società, in quanto “è in essa che si formano i
giovani sia in termini di valori che di carattere”.
Soddisfatto anche il vicepresidente della la Fondazione Crup Oldino Cernoia, che nella serata
conclusiva ha sottolineato l’importanza di sostenere “progetti mirati allo sviluppo della società,
in questo periodo particolarmente difficoltoso
caratterizzato da una crisi che non riguarda solo
l’economia ma anche i valori”. “Questa iniziativa
- ha aggiunto - dà un contributo e una speranza
al futuro attraverso l’educazione dei componenti
della società”.
Soddisfatta anche la presidente del Movimento
Giovani Imprenditori di Confartigianato Udine
Elisabetta Parise che ha evidenziato come i “Giovani di Confartigianato siano da tempo attivi anche nelle scuole per far conoscere le opportunità
di un settore così ricco e vasto come quello artigiano”. Infine, molto apprezzato anche l’incontro
dello Spazio Giovani - iniziativa collaterale alla
“Scuola per Genitori” - con lo psicologo e sessuologo Marco Rossi, che si è tenuto il 13 maggio con gli studenti del Liceo classico “Jacopo
Stellini ” di Udine sul tema della “Sessualità 2.0”.
La mattinata, introdotta dalla presidente del Movimento Donne Impresa di Confartigianato Udine Michela Sclausero, è stata l’occasione per fare
il punto con i ragazzi dello Stellini sui temi della
sessualità ai tempi di internet e sulle informazioni
spesso distorte che la rete può dare ai ragazzi.
8
I Fatti
Buttazzoni: “Fra le diverse opportunità ci sono
il catalogo delle imprese e le iniziative del Fuori Expo”
EXPO 2015: le potenzialità per le piccole
e medie imprese in un incontro a Udine
184
giorni: tanto durerà l’EXPO, l’Esposizione universale che aprirà i battenti a Milano il 1 maggio 2015 per
restare aperta fino a tutto il mese di ottobre in una
area di un milione di metri quadrati a Nord-Ovest
del centro cittadino. Una gigantesca ed unica vetrina
delle eccellenze che saranno messe in mostra da 147
paesi (tanti sono quelli che hanno già confermato la
propria presenza) a beneficio di almeno 20 milioni
di visitatori, per il 35% provenienti dall’estero. Molte
e preziose le opportunità che l’EXPO dischiude alle
aziende, anche a quelle di piccola dimensione, e proprio per illustrarle Confartigianato Udine ha ospitato
mercoledì 14 maggio un incontro promosso dalla nostra Federazione regionale durante il quale il segretario di Confartigianato Lombardia, Enzo Mamoli, e il
project manager, Walter Andreazza, hanno illustrato
il progetto che la Confederazione sta sviluppando in
proposito. Oltre a Coldiretti, Confartigianato è infatti
l’unica associazione di categoria ad aver siglato una
apposita convenzione, il 17 dicembre del 2012, per
attivare una collaborazione con EXPO 2015, promuovere accordi e partenariati con paesi esteri, favorire
l’accesso delle imprese associate agli appalti e promuovere la partecipazione all’evento da parete delle
piccole imprese. “Tra le svariate opportunità che si
offrono alle nostre aziende - ha sottolineato il Vicepresidente vicario di Confartigianato Udine, Franco
Buttazzoni - va sottolineata la possibilità di iscriversi al
catalogo in cui i paese partecipanti potranno selezio-
nare le imprese e i professionisti a cui affidare incarichi e commesse, e l’insieme di iniziative che Confartigianato, ispirandosi al modello del “Fuori salone”
del mobile, organizzerà nell’ambito del Fuori EXPO”.
L’incontro di Udine ha consentito a Confartigianato
Lombardia, delegata dal livello nazionale ad occuparsi del progetto, di raccogliere dagli imprenditori
presenti spunti e riflessioni utili a valutare
la sostenibilità delle iniziative in cantiere, tra cui una
mostra mercato per le eccellenze produttive regionali, una serie di incontri B2B con operatori internazionali, iniziative di incoming, ambientazione di botteghe di mestiere, ecc. “Ora tocca a noi sviluppare
sinergie al nostro interno e con le altre realtà del
territorio, dalla Regione alle Camere di commercio,
che stanno progettando una presenza all’EXPO - ha
evidenziato il Segretario di Confartigianato Imprese
FVG, Gianfranco Trebbi - in modo tale da focalizzare
i contenuti e le offerte che possono essere proposte
con successo all’EXPO per promuovere e valorizzare
l’artigianato della nostra regione”. Tra i supporti che
Confartigianato mette a disposizione delle imprese
che saranno coinvolte a vario titolo, figura il Safety
Service Point, per assistere le aziende che stanno già
lavorando al cantiere negli adempimenti legati alla
sicurezza sui luoghi di lavoro, gli info-point per fornire
informazioni utili e pratiche e l’assistenza per accedere al Catalogo per i Partecipanti.
Info: www.expo2015.confartigianato.it / [email protected]
confartigianato.it.
9
I nostri imprenditori
CARNICA ARTE TESSILE di BEPI TONON – VILLA SANTINA
Un raffinato intreccio
di artigianato,
storia e passione
50 anni di dedizione per continuare a dare lustro
all’arte della tessitura in Carnia
Q
uello che colpisce entrando nella bottega di Bepi Tonon a Villa
Santina, non è solo la preziosità
dei tessuti che qui vengono realizzati, ma
anche lo straordinario intreccio fra storia,
cultura e impresa.
Una storia che affonda le radici nella
Carnia del 1700 quando Jacopo Linussio diede vita al più grande esempio di
manifattura tessile basata sull’artigianato
domestico diffuso. Un complesso che,
all’apice dello sviluppo, arrivò ad occupare oltre 30.000 persone con più di 1.000
telai distribuiti in altrettante famiglie e
che grazie al sostegno della Repubblica
Serenissima di Venezia esportava i suoi
tessuti fino in Asia e America.
Fu poi il senatore Michele Gortani, negli
anni ’50 del secolo scorso, a voler far rivivere questo passato organizzando a
Tolmezzo dei corsi di formazione sull’arte
tessile. A Venezia trovò la persona giusta
per occuparsi delle docenze: Tomasina
Da Ponte, che lavorava nella Camera di
Commercio della città dei Dogi, ma che
per passione aveva frequentato la scuola dell’antica tessitura Bevilacqua. Dopo
aver insegnato a diverse allieve che però
non ebbero la forza di mettersi in proprio,
fu lei a dare vita nel 1964 alla Tessitura
Carnica, oggi Carnica Arte Tessile, su richiesta e impulso di Gortani che non vo-
leva fosse disperso questo sapere. Da
subito la affiancò nell’impresa il marito
Sergio Tonon, arrivato in Carnia da Vittorio Veneto per la direzione di alcuni cantieri della SADE e che Tomasina aveva conosciuto nei viaggi in treno da pendolari.
All’inizio si insediarono nei locali dismessi
di una vecchia falegnameria di Invillino,
utilizzando tre telai a mano piani e dando
lavoro ad alcune delle allieve della signora Tomasina. Producevano soprattutto
tessuti per l’abbigliamento in lana e in
seta. Ma il vero elemento distintivo era,
ed è tutt’ora, la tessitura con la tecnica
a jacquard. “Si tratta di una particolare
tecnica – ci spiega Bepi Tonon che oggi
dirige l’impresa fondata dai suoi genitori - che permette attraverso la lettura di
schede forate, di realizzare i motivi decorativi sul tessuto con i diversi intrecci dei
fili di trama ed ordito. Mia madre ne era
una grande esperta ed appassionata e
noi ancora oggi la utilizziamo sfruttando
le nuove tecnologie dei telai meccanici
ed impiegando lino, cotone e seta di altissima qualità”.
L’intero ciclo di produzione si svolge all’interno dell’azienda ed i tessuti vengono realizzati da esperte tessitrici, seguendo autentici criteri artigianali ed usando anche
alcuni disegni originali dell’epoca di Linussio. L’impresa oggi conta 8 dipendenti,
10
oltre a
Bepi Tonon
ed a sua moglie
Tiziana Dalla Valle, e si
avvale di dieci telai meccanici.
Negli anni ’80, quando molta parte
delle lavorazioni erano manuali, arrivò
ad occupare fino a 40 persone interne e
20 esterne, tanto da rendere necessario
il trasferimento nell’attuale sede di Villa
Santina. “La nostra produzione di tessuti ed articoli di biancheria per la casa in
lino, misto lino/cotone ed altre fibre naturali – continua Tonon – viene venduta
soprattutto in Italia, ma abbiamo importanti clienti anche in Austria, Germania,
Francia ed altri paesi ancora. Quello che
ci rende orgogliosi è che continuiamo ad
essere scelti ed apprezzati da una clientela esigente ed attenta ai particolari. Molti
turisti che vengono in Carnia acquistano i
nostri prodotti, ma vogliono anche conoscere la nostra storia aziendale e, con essa,
inevitabilmente quella della nostra terra”.
Quest’anno la Carnica Arte Tessile festeggia il 50o anniversario di fondazione, ed il
nostro augurio è che questo modello artigianale e culturale della montagna Carnica possa essere un riferimento ed un
esempio anche per le future generazioni.
Carta d’identità
Nome: Carnica Arte Tessile
Attività: produzione artigianale di tessuti
e biancheria per la casa
Sede: via Nazionale, 14 - Villa Santina
www.carnica.it
11
Categorie
Maurig: “L’attività fuoristradistica non crea lavoro solo per
albergatori e ristoratori, ma anche per decine di imprese artigiane”
Fuoristrada e territorio, primo confronto
fra comuni, artigiani e motociclisti
U
“
n passo importante verso il dialogo fra
Fmi, istituzioni locali e motociclisti”. Così
Sandra Meret, consigliere nazionale della Federazione Motociclistica Italiana, e Giusto
Maurig, presidente della zona del Friuli orientale
di Confartigianato Udine al termine dei lavori del
convegno “Fuoristrada e territorio, convivenza
possibile?” organizzato da Confartigianato Udine
il 3 maggio a Cividale del Friuli, nel giorno in cui
è cominciata la due giorni di una della prove del
campionato italiano di regolarità d’epoca (Gr 5)
che ha portato nella città ducale 240 concorrenti e oltre 500 persone. Un evento, il trofeo dei
“ Longobardi di Cividale che ha interessato anche
il comune di Torreano, non solo sportivo, ma che
ha voluto coinvolgere il territorio.
Non a caso hanno dato il loro patrocinio Coldiretti, Confartigianato e Confcommercio consapevoli
del fatto che un evento sportivo possa diventare
occasione di promozione del territorio e dei suoi
prodotti. E non a caso al convegno sono intervenuti il sindaco di Torreano Roberto Sabbadini e il
vice sindaco e assessore al Comune di Cividale
Daniela Bernardi che non solo si sono detti con-
tenti di aver ospitato la manifestazione, ma hanno
anche dato la loro disponibilità a regolamentare
l’attività fuoristradistica nei loro rispettivi territori,
anche individuando dei percorsi, ma chiedendo
un aiuto nella manutenzione dei sentieri e soprattutto nel rispetto delle regole.
“L’attività fuoristradistica – ha infatti evidenziato
Maurig – non crea lavoro solo per alberghi, ristoranti e agriturismo ma anche per decine di imprese artigiane che riparano le moto, a gommisti,
elettrauti, meccanici, carrozzieri e infine alle industrie che costruiscono le moto”.
Al convegno sono intervenuti anche l’assessore
allo Sport della Provincia di Udine Beppino Govetto, Tony Mori membro della Consulta della
Commissione normative fuoristrada FMI e dei
rapporti con le istituzioni e Valter Marcon, referente regionale della Commissione Normative
Fuoristrada FMI che hanno fatto il punto sulla
legislazione nazionale e regionale e sullo stato
dell’arte delle trattative fra moto club e comunità montane che rappresentano un ottima base di
partenza per un accordo di collaborazione su tutto il territorio regionale.
12
Internazionalizzazione
Trasferta di una delegazione di imprese friulane,
realizzata con il supporto della Provincia di Udine
Missione alla fiera internazionale Expocomer
di Panama e nuove iniziative in programma
che l’ente eroga ai suoi iscritti per favorirne
il business. Panama, grazie alla sua posizione strategica, alla sua economia basata sul
dollaro americano, al suo accesso ai mercati
internazionali, ad un moderno sistema bancario ed al suo Canale per i transito di merci
ed alla relativa Zona per lo smistamento di
merci di Colón, rappresenta attualmente la
“Svizzera del Centro-America”. Importante
l’incontro, organizzato dal Vice-Console in
Italia, della nostra delegazione alla Zona Libre de Colón, in cui i responsabili di questo
centro di ri-distribuzione merci hanno illustrato la forza di quest’area franca, seconda
solo a Hong Kong. La ZLC rappresenta infatti
uno dei principali pilastri dell’economia panamense, sia per il volume che per il valore
delle merci importate e riesportate, con oltre
2.600 aziende presenti che danno lavoro a
circa 16.000 persone e circa 250.000 visitatori/compratori ogni anno,
Altrettanto importante l’incontro tenutosi
presso la locale Camera delle Costruzioni,
che ha permesso di conoscere l’enorme business nel settore delle infrastrutture, edilizia
ed affini, sfociato successivamente nella visita a diversi cantieri in città.
Raffaele Schneider, componente del consiglio direttivo del Comitato PMI di Confartigianto Udine, anche a seguito dell’incontro
tenutosi presso il Ministero dell’Urbanistica,
ha sottolineato le molteplici opportunità di
lavoro per le nostre imprese edili dotate di
grande know-how, ed anche per serramentisti ed impiantisti in particolare del settore
fotovoltaico.
U
na delegazione di imprese associate
a Confartigianato Udine, anche grazie
al supporto della Provincia di Udine,
ha preso parte a fine marzo alla Expocomer
di Panama, un evento internazionale che ha
registrato oltre 2.500 espositori provenienti
da Africa, America, Asia, Caraibi ed Europa.
Si tratta di una manifestazione plurisettoriale, giunta quest’anno alla 32a edizione, nella
quale sono rappresentate le categorie dall’agro-alimentare, tessile, costruzioni e tecnologie. Sono stati organizzati anche incontri
B2B tra buyer ed espositori nell’ampia sala
convegni dell’Atlapa Convention Center di
Panama City, che hanno dato un particolare valore aggiunto all’evento. Nell’occasione la delegazione friulana ha incontrato anche la locale Camera di Commercio, al fine
di conoscere nel dettaglio le potenzialità di
questa manifestazione fieristica e le attività
Newsletter
Vuoi ricevere informazioni aggiornate e complete per la tua impresa?
Vuoi avere direttamente sul tuo pc le novità per il settore artigiano
e conoscere e iniziative di Confartigianato Udine?
Iscriviti alla newsletter quindicinale gratuita dal sito
www.confartigianatoudine.com
13
Cronache
Online il sito nazionale www.valorizzati.it
In Friuli Venezia Giulia sono 28mila i Neet
Confartigianato lancia un nuovo progetto
contro la disoccupazione giovanile
C
all’avvio dalla Regione Fvg e che continua dopo i primi
positivi risultati. Ma non si ferma qui. Ha infatti aderito,
come accennato, al progetto di Confartigianato nazionale che avvicina i giovani al lavoro attraverso il portale
www.valorizzati.it. “È un portale – spiega il vice presidente di Confartigianato Udine Edgarda Fiorini - che
orienta i giovani verso le opportunità occupazionali di
centinaia di attività artigiane, dai mestieri tradizionali e
a quelli più innovativi. Su www.valorizzati.it, i giovani
possono trovare tutte le informazioni utili per scoprire
cosa è l’artigianato, quali sono le sue caratteristiche e
cosa può dare in termini di professionalità.
Inoltre, possono individuare tutte le scuole e i percorsi
formativi che in quella data provincia preparano ad acquisire un mestiere e ad entrare nel mondo del lavoro,
sia come dipendente che come futuro imprenditore.
Una vera e propria guida online che connette scuole,
istituti professionali (in tutta Italia) con le attività artigiane e le imprese – nelle quali i giovani possono formarsi
– associate alle Confartigianato italiane. Nel portale, si
troveranno anche tutte le iniziative promosse localmente dalle Confartigianato territoriali con le scuole.
onfartigianato dichiara guerra alla disoccupazione giovanile che miete vittime anche in Fvg e
aderisce al progetto che avvicina giovani e lavoro attraverso il nuovo portale nazionale “www.valorizzati.it”. I cosiddetti Neet, ossia i giovani tra i 15 e
i 29 anni che non studiano né lavorano, sono almeno
28mila in Friuli Venezia Giulia, corrispondenti al 17,2%
della popolazione in questa fascia d’età. Solo il Trentino Alto Adige ha una percentuale più bassa della nostra - mentre la media nazionale è al 26% e in Sicilia
sfiora il 40%. Un dato positivo: la percentuale di Neet in
Fvg si è ridotta rispetto al 2012 (quando era al 17,9%).
Nonostante questo elemento positivo, in Fvg sono
sempre 28mila i giovani che non lavorano né studiano,
non pochi per una regione di 1,2 milioni di abitanti. Tra
le proposte di Confartigianato figura il rilancio del contratto di apprendistato che coniuga il sapere e il saper
fare, e che ha formato generazioni di lavoratori, ma è
stato anche la ‘palestra’ per migliaia di giovani che hanno creato a loro volta un’impresa”. Non a caso Confartigianato Udine ha lanciato da tempo il progetto MANI
– Mestieri Artigiani per Nuovi Imprenditori, finanziato
14
Cronache
Rinnovata la collaborazione con il Far East Film Festival
che ha richiamato a Udine migliaia di persone
Mercatino artigiano e seminario
sui trend nel Sud-est asiatico
luogo e posizionate nel mercato del lusso, ed
infine fra le regole del galateo in Asia.
“I laboratori – ha spiegato Laura Perin che insieme a Tommaso Maggio ha maturato una esperienza professionale di diversi anni nel Sud-est
asiatico - diventano teatri in cui assistere allo
spettacolo della creazione artigianale. Dobbiamo abbandonare gli stereotipi sull’Estremo
Oriente per puntare sull’affermazione della
qualità artigianale in un mercato sofisticato”.
La serata è stata organizzata, in collaborazione
con il Centro Espressioni Cinematografiche ed
il Comune di Udine, nell’ambito della 16a edizione del Far East Film Festival.
Un appuntamento che ha richiamato nel capoluogo friulano - dal 25 aprile al 3 maggio - 55
mila spettatori in sala, 1.225 accreditati provenienti da ben 16 nazioni e diverse migliaia
di persone messe in circolo dal fitto elenco di
eventi paralleli al calendario cinematografico,
fra i quali quello proposto da Confartigianato
Udine a Casa Cavazzini.
Sempre durante il Far East Film Festival - dal
30 aprile al 4 maggio - nove botteghe artigiane hanno animato un mercatino in via Cavour e
piazzetta Belloni, proponendo al folto pubblico della manifestazione, e non solo, le proprie
produzioni.
N
“
el 2014 in Thailandia apriranno 38 hotel
4 o 5 stelle. Già questo dato fa capire
il forte impulso allo sviluppo del Sudest asiatico”. A dirlo sono stati Laura Perin e
Tommaso Maggio, fondatori di TL/PrivateCollection, nel corso del seminario “Note d’Asia /
rivoluzione artigiana” che si è tenuto il 30 aprile
a Udine all’interno di casa Cavazzini, sede del
Museo d’Arte Moderna e Contemporanea.
Sono stati loro ad accompagnare il pubblico presente in sala, in un viaggio ideale fra i
trend nel Sud-est asiatico nei settori architettura, moda, design e editoria, fra gli esempi di
produzioni artigianali divenute espressione del
LUCE
GAS
Doppio risparMio
doppia tranquillità
www.confartigianatoudine.com
15
Cronache
Innovativo workshop del Consiglio direttivo giovani,
per imparare a lavorare insieme anche in contesti inusuali
Giovani Imprenditori:
la cucina etnica per fare team
che vive in Friuli da oltre 10 anni, l’area attrezzata
nel parco del Torre messa a disposizione dalla Proloco di Salt di Povoletto, un menù completo all’insegna del multiculturalità, con piatti asiatici, realizzato
da cinque squadre di giovani artigiani sotto la guida
di Theodora, con antipasto (Gyoza: ravioli ripieni di
carne e verdure, Giappone). Primo (Pad Thai: taglietelle di riso saltate con tofu, germogli e gamberi,
Thailandia). Secondo (2 tipi di spiedini di pollo: Sate
Ayam: con salsa di arachidi, Indonesia, Singapore e
Malesia; Yakitori: con salsa di soia e miele, Giappone). Contorno (riso al vapore e insalatina agrodolce
di carote, capuccio e daikon), e il dessert (Crepes
ripiene di marmellata di cocco con caramello di zucchero integrale, Indonesia).
Imparare a lavorare in molti condividendo spazi e
risorse, operare all’interno di team ristretti per realizzare i singoli piatti, ma coordinando le attività con
l’obiettivo di realizzare e servire in tavola un menù
completo nei giusti tempi, conoscersi e confrontarsi sono stati i principali obiettivi raggiunti nel corso
della giornata, in cui si sono creati legami ed amicizie che certamente saranno il collante ideale per cementare le attività del direttivo Giovani nei quattro
anni di mandato.
U
n laboratorio di cucina etnica per conoscersi
e per fare squadra. È stato voluto dalla neopresidente Elisabetta Parise e dal Consiglio
direttivo Giovani Imprenditori insediatosi in febbraio, per favorire la conoscenza reciproca tra i nuovi
consiglieri. L’innovativa modalità di fare gruppo si
chiama “Team Cooking” ed è un vero e proprio laboratorio di cucina etnica che si è svolto domenica
18 maggio. Semplici gli ingredienti: un gruppo di
dodici giovani imprenditori, la docente Theodora
Erfrid Hurustiati, originaria di Jakarta (Indonesia),
16
Cronache
Vertice fra Confartigianato Udine e 4 comuni dell’area per
fare il punto sulla situazione e capire come affrontare il futuro
Val d’Arzino, le ricette di sindaci
e artigiani per il rilancio della valle
per il Friuli Occidentale Paolo Bressan e del consigliere regionale Armando Zecchinon. È stata l’amministrazione di Forgaria a invitare Confartigianato
a questo appuntamento. Un appello prontamente
raccolto da Confartigianato Udine, da sempre vicino ai Comuni che, come ha ricordato Tilatti “sono
protagonisti oggi della resistenza alla crisi economica come lo sono stati in passato nella ricostruzione post-bellica e in quella del post-terremoto”.
La priorità degli interventi, hanno concordato i 4
amministratori, riguarda le infrastrutture e tra queste la connessione in banda larga, da troppo tempo attesa e sempre più decisiva per mantenere le
aziende sul territorio così come per consentire la
nascita di nuove iniziative, ad esempio nel campo
del turismo grazie alle molte attrattive ancora da
valorizzare. La volontà di reagire non manca: basti
pensare al lavoro che i quattro Comuni stanno sviluppando per predisporre un progetto di rilancio
dell’area affinché possa candidarsi al finanziamento sui fondi Ue. L’artigianato rappresenta una risorsa che può essere ulteriormente sviluppata: nella
sola Forgaria nel Friuli – ad esempio - sono 60 le
imprese artigiane, che danno lavoro a oltre 110
addetti, concentrandosi per il 53% nel comparto
delle costruzioni.
B
anda larga, turismo, sburocratizzazione, una
legge per la montagna che riesca ad abbattere o compensare il differenziale di costi. Queste le richieste per rilanciare le attività economiche
e l’occupazione in Val d’Arzino secondo sindaci e
artigiani che si sono confrontati a Forgaria nel Friuli
martedì 13 maggio. Al dibattito il sindaco e il vicesindaco di Forgaria, Pierluigi Molinaro e Luigino
Ingrassi, i sindaci di Clauzetto e Vito d’Asio, Flavio
del Missier e Pietro Gerometta, il vicesindaco di
Pinzano al Tagliamento Raffaele Millin, il consigliere regionale Ennio Agnola e il presidente di Confartigianato Udine, Graziano Tilatti, alla presenza - tra
gli altri - del presidente di Confartigianato Udine
17
Anap
Artigiani pensionati: Pietro Botti confermato presidente
affiancato dai vice Rinaldi e Greatti
Raffaele Rinaldi (confermato) e da Giovanni Greatti (nuovo). È stato il nuovo consiglio, rinnovato
anch’esso nel corso dell’assemblea elettiva del
1° maggio, ad eleggere i vertici dell’Anap della
provincia di Udine.
Soddisfazione è stata espressa da Pietro Botti
che ha ringraziato per la rinnovata fiducia ed
ha assicurato il massimo impegno anche per
questo mandato. “Stiamo crescendo di anno
in anno, al punto che siamo diventati una delle
associazioni più numerose e robuste d’Italia e
questo lo si deve al lavoro di tutti, alla disponibilità dei funzionari che assieme a noi organizzano incontri, gite, manifestazioni e alla grande
collaborazione e sinergia con l’intero sistema di
Confartigianato Udine”.
P
ietro Botti, presidente uscente dell’Anap
di Udine (6.150 gli associati) è stato riconfermato il 15 maggio alla guida dell’associazione pensionati artigiani di Confartigianato
Udine. Sarà affiancato alla vice presidenza da
Festa del Socio 2014 – Club Hotel “Marina Beach”
D
di viaggio. Per tale motivo, le prenotazioni dovranno pervenire nel più breve tempo possibile onde fissare la quota comprensiva del Volo.
L’Hotel Club Marina Beach è situato nel Golfo di
Orosei, a soli 100 mt. dalla stupenda ed incontaminata spiaggia di “Su Barone”, arenile lungo
7km, in un territorio particolarmente pittoresco
per susseguirsi di incantevoli spiagge di sabbia
fine, lambite da folte e rigogliose pinete. L’Hotel
dista dal centro di Orosei, circa un 1,5 km. Per ulteriori informazioni, telefonare allo 0432 510659
– email [email protected]
all’11 al 21 settembre 2014 (10 notti - 11
giorni) si terrà la tradizionale “Festa del
Socio 2014” al Club Hotel Marina Beach
– Golfo di Orosei in Sardegna. La festa è organizzata dalla Sede Centrale dell’ANAP di Roma,
in collaborazione con il Circolo ANCOS “Diego
di Natale” di Udine. Sarà un soggiorno che offrirà diversi momenti di confronto e di svago. La
quota di adesione prevista per ciascun socio partecipante è di €. 630 euro a persona in camera
doppia escluso la tassa di soggiorno, che qualora
prevista dovrà essere saldata in loco, e le spese
Una grande storia legata alla nostra terra.
la banca della tua città
Viale Tricesimo, 85 - Udine - www.bancadiudine.it
18
Anap
Botti: “Troppi pensionati scivolano verso l’indigenza,
rivedere le minime e soprattutto il paniere Istat”
I 6.150 pensionati dell’Anap
hanno festeggiato il loro 1° maggio
P
ensioni, paniere Istat, preoccupazioni per la riforma sanitaria regionale, la necessità di un adeguamento degli standard di tutte le case di riposo in
Fvg così come di un’assistenza socio sanitaria omogenea in tutto il territorio regionale. Sono stati questi i
punti sui quali si è concentrato l’intervento di quest’anno del presidente dell’Anap della provincia di Udine,
oltre 6.150 gli associati, Pietro Botti al tradizionale appuntamento del 1° maggio che si è svolto al ristorante
al Belvedere di Tricesimo. Insieme a lui erano presenti
Andrea Mansutti, sindaco di Tricesimo, Graziano Tilatti,
presidente di Confartigianato Udine, Mauro Damiani,
presidente della zona di Udine di Confartigianato, Aldo
Zappaterra, presidente nazionale Ancos, Giampaolo
Palazzi e Fabio Menicacci, rispettivamente presidente
e segretario nazionale dell’Anap. “La decisione di riconoscere un aumento di 80 euro ai lavoratori che hanno
redditi bassi – ha detto Botti – la condividiamo perché
così si aiutano le famiglie più indigenti, ma occorre fare
uno sforzo anche per gli anziani che hanno pensioni
basse e che, in troppi ormai, sono prossimi alla soglia
di povertà. In Fvg un anziano su 8 – il 13% - vive in con-
dizioni conclamate di povertà, ma questa quota sale al
22% se consideriamo anche quelli vicini alla soglia e
che rischiano di scivolare nell’indigenza per effetto di
qualche imprevisto. Anche per questo – ha concluso
Botti - occorre rivedere il paniere Istat. Quello nuovo è
troppo “giovanilista”: tiene infatti conto di smartphone
e tablet, ma trascura le tipologie di spesa più vicine
al nostro quotidiano”. La giornata è proseguita con la
consegna di una serie di attestati di Maestro d’opera e d’esperienza e con la celebrazione del congresso
provinciale che ha rinnovato il consiglio. Gli attestati di
Maestro d’opera e d’esperienza sono stati consegnati a
Daniela Beltrame, Luigi Bosa, Pietro Casasola, Andrea
Coiutti, Mario De Bernardo, Luigi De Monte, Crescenzio Ermacora, Enzo Ferigutti, Guido Liva, Pierangelo
Lombardo, Angelo Lucca, Ivana Maieron, Gianni Marcuzzi, Gino Mosolo, Silvio Pagani, Raffaele Rinaldi, Ivana Lauretta Salvador, Maria Teresa Scolaro, Michele Tosone, Ermes Vatri, Antonino Zandonella, e Giuseppe
Zanin. Fra i presenti l’ex consigliere regionale Giorgio
Venier Romano e il presidente onorario di Confartigianato Udine Carlo Faleschini.
Bacheca di annunci online
Servizio gratuito per le imprese
Sul sito www.confartigianatoudine.com è attiva una bacheca di annunci per facilitare gli scambi e le compravendite fra imprenditori. Quattro le sezioni: licenze, immobili,
attrezzature/materiali e varie.
19
La vita
è mobile!
E allora muoviti, corri in BCC!
Raccogli le cartoline!
In palio 15 TABLET SAMSUNG GALAXY
TAB 3 10.1 Wi-Fi+3G e 1 fiat 500 POP STAR!
Il concorso “Più Prodotti, Più Vinci” è stato pensato per premiare
la tua fedeltà e dare ancora più valore al nostro rapporto.
Sottoscrivendo i prodotti e servizi BCC, avrai diritto ad una o più
cartoline per partecipare al concorso e vincere i premi in palio. Ogni
due mesi 5 tablet ed estrazione finale con il super premio. Buona
fortuna, hai tempo fino al 30 novembre 2014! www.bccfvg.it
Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Concorso a premi promosso dalla Federazione delle Banche di Credito Cooperativo e dalle Banche di Credito Cooperativo del Friuli Venezia Giulia,
valido dal 1° aprile 2014 al 31 dicembre 2014, riservato ai clienti BCC che sottoscrivono i servizi indicati nel Regolamento. Montepremi complessivo di € 16.475,00 (IVA esclusa). Regolamento disponibile sul sito www.bccfvg.it,
sui siti internet delle BCC del FVG e presso tutte le succursali delle BCC del FVG. Le condizioni economiche e contrattuali sono riportate nei fogli informativi disponibili presso le succursali delle BCC del FVG
e nella sezione trasparenza dei siti internet delle BCC del FVG.