Molisinsieme N° 03 - 2014 - Diocesi di Isernia

28 febbraio 2014 - Anno V - n. 02 - € 1,00 email: [email protected]
“Poste Italiane S.P.A - Spedizione in abbonamento
postale - 70% - SI/CB
Molisinsieme Onlus Redazione e Amministrazione:
Via Mazzini, 80 | 86100 Campobasso | Telefono e fax 0874 -64478
Campobasso-Bojano 6|7
Isernia-Venafro
8|9
Termoli-Larino
10|11
Trivento
Visita
pastorale
Il servizio
al malato
La casa
di Ofelia
Udienza
papale
0 (*2863 )*00& :.7.8&
A
4&7836&0* & *86*00&
".+*62.2& +*)* * 7*6:.=.3
2 3((&7.32* )*00& %%%
I1&0&83
.362&8& 132).&0* )*0
0& 6.+0*77.32* ).
0 (*2863 ). 7&098*
I)*00&
1*28&0* F .0 +90(63
46*:*2=.32* (96&
* *13=.32&28. 6.+0*7
L4&28*
7.32. ). 92 4&68*(.
&00 9).*2=& ,*2*
+6988. ). 92& (3192.8D
(-* 7& (&11.2&6* *
46*,&6* .27.*1*
92& :30328&6.& $
&773(.&=.32* (-* &77.78* .
1&0&8. .2 374*)&0*
&77.78*2=& * 6.&'.0.8&=.3
2* )*0 ).7&,.3 47.(-.(3
.2 &773 30.7*
12|13
6&0* (30 !&283 &)6*
#2 .2(32863 (-* -& )&83
293:& 74*6&2=&
EDITORIALE
Molise: la sfida aperta
dell’accoglienza
*286* 0& !:.==*6& .2 92 6*+*6*2)91 463'0*1&8.(3
6*74.2,* &00* +6328.*6* ,0. 786&2.*6. (-* 496
(37869.7(323 .0 793 '*2*77*6* .0 30.7* &((3,0.*
(32 (936* ,6&2)* * 1*28* &4*68& 0& 1.2.786& *(.0*
<*2,* .2 92& ,.362&8& 1*136&'.0* & +&883 92&
'*00.77.1& +.,96& 0& 23786& 6*,.32* "&283 4.C 7* 0& 7.
4&6&,32& &) &086* 6*,.32. .8&0.&2* )3:* &00& 1.2.786&
-&223 0&2(.&836. 7+6*,.3 3 960&83 703,&2 6&==.78. 4496*
)322& 1.8* *) 91.0* (31 F 0*. -& 6.743783 (32 (&2)36*
> 88*28. .3 7323 7*)98&@ 1& :3. (-* 7.*8* .2 4.*). (32 0*
'9((* ). '&2&2* 4386*78* 7(.:30&6*? & & 7(.:30&6* 3,,. F
7346&889883 0& !:.==*6& (32 92 *7.83 6*+*6*2)&6.3 ). ,6377&
463'0*1&8.(.8D >!.*8* 92 463'0*1&? ,6.)& 0& *6/*0 )&00&
*61&2.& 8*66& ). 6.,96,.8. ;*323+3'. (32 ,.362.
86.78.77.1. 32 59*783 6*+*6*2)91 .2+&88. 496 (32 92&
1&,,.36&2=& 6.7.(&8.77.1&
0& 1&,,.36&2=& )*00&
,*28* .14&96.8& )& 92& 49''0.(.8D :*0*237& (32863 ,0.
786&2.*6. -& (-.*783 ). 463,6&11&6* '*2* . +0977.
1.,6&836. 438*2)3 (37E &2(-* 6.:*)*6* ,0. &((36).
.28*62&=.32&0. .2 8*61.2. ). .2,6*77. 4*6 ,0. 786&2.*6. ) .
46.1. &) *77*62* (304.8. 232 7323 8&283 ,0. .70&1.(. 79 (9.
8&283 -& ,.3(&83 0& 4634&,&2)& 378.0* (32 :.,2*88*
8*66.+.(&28. 1& 7323 . 23786. .8&0.&2. . (37.))*88.
>+6328&0.*6.? (-* 3,2. ,.3623 &00 &0'& 1*286* 89883 F
&2(36& '9.3 &886&:*67&23 59*00& +6328.*6& 4*6
,9&)&,2&67. 92 4*==3 ). 4&2* & &2(-* 4*6 +&6 ,6&2)*
59*00& 2&=.32* (-* )*. 23786. 34*6&. -& 7*146* 13083
'.73,23 B 496863443 03 78*773 ,.3(3 (-* &::.*2* 2*00*
23786* 6*,.32. !4*(.* &0 36) 6& F 03 78*773 > 377.? &)
*77*6* (327.)*6&83 92 >8*6632*? (-* :& 6*74.283 * (&((.&83
+936. 0& 7836.& .27*,2& (-* 3,2. :308& (-* ( F 92 32)&8&
6&==.78& 79003 7+32)3 7. &++&((.&23 293:. 13786. 7.
&140.+.(&23 0* 2*,&8.:.8D )*00& (6.7. 7. (6*&23 293:*
1.2&((* &0 :.:*6* 73(.&0* >B )963 3,,. &88*78&23 :.:*6*
.2 ".(.23? 4*6(-A ,9&6)& 92 43 F 46346.3 59*0 (&2832*
). 0.2,9& .8&0.&2& &) &:*6* .0 291*63 4.C &083 ). :38.
(3286&6. &,0. .11.,6&8. (.3F .0
#2 (0.1& 4*7&28*
2*,&8.:3 378.0* (32 0.2,9& .8&0.&2& -* +&(.01*28* 4386D
86&7+*6.67. .2 &086* 6*,.32. ) 9634& ) F 46346.3 .2 59*783
(328*783 ). 6.7(-.3 6&==.78& (-* *1*6,* &2(36 4.C 0& +36=&
)*00& ,*28* 130.7&2& 232 7303 4*6 0 &((3,0.*2=& )*00&
<*2,* & '*2 1&,,.36* 4*6 0& +36=& )*0 463,*883 !
7.78*1& 4*6 0 &((3,0.*2=& )*. 6.+9,.&8. * 6.(-.*)*28. &7.03
1. 74.*,3 4*6(-A 0& (37& 1. -& (3113773 2+&88. 7323
&22. (-* (31* :*7(3:3 .2 30.7* &2(-* 4*6 0& '*00& *
+*(32)& *74*6.*2=& ). .28*,6&=.32* )*,0. .11.,6&8.
.2.=.&8& .2 &0&'6.& & .&(* .27.783 790 (&1'.&1*283
)*00& 13)&0.8D ). &((3,0.*2=& 232 4.C (&14. 232 4.C
(-* &7731.,0.&23 8&283 &. 0&,*6 232 4.C 7303 &77.78*2=&
4*6 . 4&78. 1& 92& :*6& &((3,0.*2=& +&88& ). 92& 293:&
(90896& &896&8& *) 3++*68& ). 0&:363 . F (-.*783
.2+&88. (32 59*783 463,*883 (-* 0& *,.32* 30.7* (32
&(91* 092,.1.6&28* -& '*2 46*783 1&896&83 ). (3003(&6*
.2 (3192. &4*68. * :.:. 92 ,69443 ). (.6(&
.11.,6&8. & 79)).:.7. .2 4.((30. ,6944. '*2 .2).:.)9&8.
7346&889883 ). +&1.,0.* 13,*2*. +&(.0. )& ,*78.6* 4*6
6*2)*60. 232 7303 >&((308.? 1& &2(-* 78.1303 ). (6*7(.8&
4*6 0& 23786& 8*66& #2& +36=& ). +98963 (-* .28*6*77& 0*
23786* (3192.8D (31* 0& '*2*).=.32* (-* 7(*2)* )&0
1328* !.32 4*6(-A +.2&01*28* >. +6&8*00. :.:&23 .27.*1*?
*683 F 92 463,*883 (90896&01*28* * 6*0.,.37&1*28*
13083 *7.,*28* & 78.130&28* *6(-A . 23786. 4&*7.
130.7&2. -&223 92 :.8&0* 463'0*1& ). &46.67. ).
74&0&2(&6* ,0. 36.==328. ). 232 6.2(-.9)*67. 32 7&6D
&0036& 0& !:.==*6& &) .27*,2&67. & 7&6*13 23. & .3
4.&(*2)3 & +&6* 7(930& 32 86* 7*,2. .2(.7.:. 3++6.6* 0363
(&7* * 8*66*2. &,6.(30. (-* . 23786. ,.3:&2. 496863443 232
,9&6)&23 4.C !&6&223 (37E 0363 & +&6 6.:.:*6* 0 &,6.(30896&
6&((3,0.*6* 0* 30.:* (-* (31* F &((&)983 .2 &989223 &
&78*00.23 7323 6.1&78* 79,0. &0'*6. 4*6 *77*6* 43. ,*88&8*
:.& )&0 :*283 "*66.'.0* :*6* &''32)&2=& ). 30.:* * 232
863:&6* 2*7792 ,.3:&2* (-* 0* 6&((30,& 32 & .0&23 1&
2*. 23786. 4.((30. 4&*7. 696&0. B 92 :*63 7(&2)&03 (-*
>,6.)& :*2)*88& &0 (374*883 ). .3 ?
M
328.29& & 4&,.2&
Accoglienza, dovere sociale
imperativo del cuore
0 237863 4.((303 30.7* -& '6&((.& &4*68* * (936* (-* &((3,0.* #2 (936* (-* 3,2. :308& 7& &00&6
,&6* . 793. (32+.2. 4*6 +&6 74&=.3 & (-. 2*. 793. 232 -& 4.C 92 43783 4*6 :.:*6* (32 ).,2.8D * ,.3.&
3 -& 6.1&6(&83 .0 1.2.7863 4*6 0 .28*,6&=.32* *(.0* <*2,* (-* .2 :.7.8& 2*00& 23786& 8*66& -& 436
8&83 92& :*28&8& ). +6*7(-*==& * -& 78.130&83 6.+0*77.32. 463+32)* 7900& :&0*2=& ). 92 434303 (-* 7&
+&67. +&1.,0.& 4*6 .0 793 374.8*
46346.3 4*6 59*783 ,0. 1*88* & ).7437.=.32* 0& 79& (&7& 0* 79*
(37* 03 .2:.8& &00& 79& 1*27& * (32).:.)* .0 793 :.77983 0 30.7* -& 13786&83 .2 ).:*67* 3((&7.32.
). *77*6* 463283 & +&67. 46377.13 3 +&6D &2(36& &)*6*2)3 &0 463,*883 (-* 4*61*88*6D & 8&28. .1
1.,6&8. ). 863:&6* )& 23. 92& 293:& (&7& .2 (9. :.:*6* * 92& 293:& 3((&7.32* ). 8362&6* &) *77*6* 0.
'*6. *6(-F 232 )3''.&13 ).1*28.(&6* (-* (-. 0&7(.& 0& 46346.& 8*66& 232 4&68* 1& 7(&44& *6
7+9,,.6* &00& ,9*66& &00& (&6*78.& & ).7(6.1.2&=.32. (-* 0*)323 . ).6.88. * 1*88323 .2 4*6.(303 0& :.8&
&2)&6* :.& 232 F +&(.0* (31* 232 F +&(.0* .14&6&6* & :.:*6* .2 92 4&*7* 2*. (9. 97. * (37891. 232
8. 6.(3237(. *0 59&0* 0& ,*28* 4&60& 92& 0.2,9& (-* 232 (3146*2). * . 093,-. 232 (327*6:&23 6.
(36). (-* 4377323 +&68. (314&,2.& 2*. 131*28. '9. !4*6.&13 (-* 0& 23786& 8*66& 4377& ).:*28&6*
92 ,6&2)* 137&.(3 (3036&83 )*0 59&0* 3,2923 4377& 7*28.67. 4&68* 2*(*77&6.& * 2*0 59&0* 3,2.
293:3 '&1'.23 4377& (6*7(*6* .2 92 (0.1& ). &6132.& * 730.)&6.*8D > 63 786&2.*63 * 1. &:*8* &(
(3083?
8
*7C 03 6.4*8* )& 7*146* 377.&13 0*,,*603 2*,0. 3((-. ). (-. &66.:& )& 0328&23
* :*2*2)3(. .2(32863 2*. 23786. :930* 0*,,*6* 7308&283 >"9 7*. 1.3 +6&8*003?
Patti Lateranensi
2
La figura di Pio XI, l’artefice
del Concordato che tentò
di opporsi al dilagare del nazismo
Immigrazione
3
La visita del ministro Kyenge,
occasione per capire la vocazione
molisana all’accoglienza
Giovani e precarietà
4
La CEI mette a fuoco il problema
della precarietà del lavoro giovanile
e propone le nuove linee guida
Equitalia
14
Il rapporto difficile con gli
imprenditori che può diventare
incontro e collaborazione
REGALA UN ABBONAMENTO
&
&
""#
(#
$
)"
#" ! "(#
# ' "' !
%)#( #& " & )&#
$#(& ""# '' & * &' (
" $#'( ')
",
"( '( (#
# ' "' ! #" )'
" "
(() " # )" #" #
# ' "' ! #" )' ') #"(# $& ''# "
$#$# &
$&#* " !# ' " ##& " (
"
"
" #"
)' "#!
# "#! " & ++#
|
| Chiesa
'&##2"*/
Pio XI, il Papa del Concordato
che tentò di fermare Hitler
Papa della modernità, fu l’artefice dei Patti Lateranensi e dei concordati
che portarono la Chiesa nel consesso internazionale degli Stati.
Intuì il pericolo dei totalitarismi e soprattutto del nazismo
L’
11 febbraio è stato celebrato
l’ottantacinquesimo
anniversario della firma dei
Patti lateranensi che regolano i
rapporti tra l’Italia e la Santa Sede, ma
ricorre anche il settantacinquesimo
anniversario della morte di Pio XI, il Papa
che, proprio con quell’atto storico e
coraggioso, decise di chiudere il lungo
periodo di separazione tra Stato e Chiesa
che era iniziato nel 1870 all’indomani
della presa di Roma e della sua
annessione al Regno d’Italia.
Papa Ratti non raccoglie oggi tutta
l’attenzione ed i grandi meriti che
acquistò con una serie di decisioni che
allora furono di portata davvero epocale
e che oggi, rilette anche attraverso la
lente della storia, contribuiscono a
disegnare una figura di grandissimo
spessore. Fu il Papa che, appena dopo la
fine della tragica prima guerra mondiale,
si trovò ad affrontare la minaccia
concomitante dei peggiori totalitarismi
dell’epoca (nazismo, fascismo e
comunismo); capì che era arrivato il
momento di inserire fattivamente e
concretamente l’azione e la dottrina della
Chiesa nella società italiana (dalla quale
si era sostanzialmente ritirata mezzo
secolo prima); intuì il valore
determinante della scienza e dei nuovi
strumenti di comunicazione (fondò la
Radio vaticana, modernizzò la Biblioteca
vaticana, ricostituì l’Accademia delle
Scienze ammettendo anche personalità
non cattoliche e non credenti, usò per
primo la radio nei messaggi papali);
realizzò una lista impressionante di
concordati con numerose nazioni
europee, mettendo le basi del
riconoscimento e dell’accreditamento
internazionale della Santa Sede: “Grazie
al trattato con l’Italia fascista del 1929 il
Papa – ha scritto Francesco Margiotta
Broglio – era riuscito da una parte a
chiudere la questione romana, aprendo
spazi sempre più grandi per una
presenza della chiesa nella società
italiana, e dall’altra a recuperare, grazie
alla pur quasi simbolica sovranità
territoriale, una posizione di primo
piano nella comunità internazionale
che dette al papato un’udienza mai
conosciuta sia a livello di governi sia di
pubbliche opinioni”.
Ma la sfida più importante che affrontò
fu sicuramente quella che lo pose di
fronte alla minaccia crescente del
nazismo di cui aveva intuito
profondamente i rischi e la deriva
violenta - ancor più del fascismo e del
comunismo - e di cui temeva il radicale
ed inconciliabile contrasto con la
tradizione cristiana sul terreno
fondamentale del rispetto della dignità
umana e dell’uguaglianza delle razze,
principi già fortemente compromessi
dalle leggi razziali tedesche ed anche
italiane. Il Papa perciò volle affrontare
questo argomento nelle sue encicliche:
nel 1937 emise la famosa “Mit
Brennender Sorge” (Con viva
preoccupazione) che condannava
fortemente l’ideologia nazionalsocialista
e che venne eccezionalmente scritta in
tedesco e non in latino, proprio perché
fosse diffusa in modo capillare in
Germania; le proteste del governo
tedesco furono molto dure ma Papa Ratti
non arretrò. Consapevole del crescente
pericolo nazista, pensò di emanare
un’altra enciclica che ancor più
nettamente denunciasse quella
farneticante ideologia e ne affidò la
stesura al gesuita americano La Farge,
ma, pochi giorni dopo averla ricevuta sul
suo tavolo, Pio XI morì: “Al di là dell’esito
finale e delle relative discussioni – ha
affermato il cardinale Gianfranco Ravasi
intervenendo ad un convegno
organizzato a Desio su “Achille Ratti ed il
suo tempo” - rimane indubbia la
consapevolezza di Papa Ratti nei
confronti di un veleno che stava
diffondendosi e che egli aveva già per
certi versi denunciato nella precedente e
ben nota enciclica Mit Brennender Sorge
del 14 marzo 1937. Questa, tra le tante del
suo magistero, è una delle eredità che la
Chiesa deve continuamente raccogliere e
rendere feconda, anche attraverso il
rimando alle Sacre Scritture
anticotestamentarie, oltre che nella lotta
contro ogni rigurgito razzistico e contro
ogni forma di discriminazione e di
intolleranza religiosa e sociale”.
Dalla prima pagina
&24/ 3* %/62"../ '"2 -"&342* & (5*%&
0&2 ,/2/ * $/.4"%*.* ".8*".* &2$);
, "24& %&,," 4&22" 3* 42"3-&44& 0&2
$/.4"(*/ " ,/ '"2"../ $/. (*/*" 0&2$);
6&%2"../ 2*."3$&2& ,& ,/2/ '"4*$)& &
02&-*"4/ *, ,/2/ 35%/2& %* ",42* 4&-0* %
*.'*.& /$$/22&2= $)& ".$)& ,& ./342&
#/44&()& ",*-&.4"2* %*"./ ," 02&'&2&.8"
.&,," 6&.%*4" "* 02/%/44* (&.&2"4* 35,&
./342& $/,,*.& .$)& 3& %/6&33&2/ $/34"2&
15",$)& $&.4&3*-/ *. 0*< ,& ./342& -"33"*&
%/62"../ &33&2& 30*.4& "% "$15*34"2& 15&,,&
-&,".8".& 15&* 0/-/%/2* 15&,, /,*/ /3?
2*."3$& *, /,*3& /. 5. 2*4/2./ ",," 4&22"
$)& 0"24& (5"2%" 5. 0/ 02/02*/ %" $)*
",42* (&44"./ '5/2* %",,& ,/2/ '2/.4*&2& $$/
0&2$); ," 7&.(& )" 35#*4/ $/-02&3/ ,"
#/.4= %* 15&34/ 02/(&44/ &2$); 15*
$2&*"-/ ," 6&2" 9*.4&(2"8*/.&: 0&2 0/*
0"33"2& ",," 0"2/," .5/6" 9*.4&2 "8*/.&:
&* .&,," 35" 34/2*" %* %/,/2& & %* 2*3$"44/ .&
@ 34"4" 3*-#/,/ !&.54" *. 4",*" " "..*
./. 42/6" 0*< 15&,," #/23" %* 345%*/ $)& ,&
&2" 34"4" 02/-&33" *30&2"4" #533" "% 5."
$"./.*$" %* /-" 6* 42/6" 5. 02&4& $)&
&2" &-*(2"4/ "..* 02*-" %",, .()&2*" *.
2*6/,4" 5&, 02&4& ," (5"2%" ," "3$/,4" &
2*,&((& *. ,&* ," 35" 34&33" 34/2*" ,"
"$$/(,*& "0*%*33*-* * 35/* 345%* #2*,,".4*
/2-" 5." #&,," '"-*(,*" 3* $)*&%& $/-&
2*$"-#*"2& / '"2= 02/02*/ 42"-*4& ,"
/,*4*$" $)& @ 3&26*8*/ ", #&.& /-5.&
2"8*& &$*,& )& ".$)& ," 6*88&2" *-0"2*
15&34" (2"45*4= "654" & 2*$"-#*"4"
C
0 *". "2,/ 2&(".4*.* 6&3$/6/
Fel ice Man cinell i
ONU E DIRITTI DEI BAMBINI,
L’IMPEGNO CONTINUO DELLA CHIESA
Per padre Lombardi non esiste nessuno scontro tra l’ONU e la Chiesa
L
Redazione e Amministrazione:
Via Mazzini, 80
86100 Campobasso
telefono e fax: 0874 -64478
e-mail: [email protected]
Direttore responsabile: Felice Mancinelli
Editore: Molisinsieme Onlus
Stampa: Tipolitografia Fotolampo srl - 0874.65276
Progetto grafico: AC & P srl | Aurelio Candido & Partners
Registrato al Tribunale di Campobasso
l’11/6/2010 al n° 11
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
www.fisc.it
a Chiesa è stata ed è in prima linea da sempre in difesa dei diritti dei bambini e le osservazioni del
Comitato dell’ONU rivolte contro la Santa Sede non possono assolutamente far pensare ad uno
“scontro” tra le due istituzioni. E’ il direttore della Sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, a
ridimensionare la portata delle polemiche che si sono scatenate dopo le accuse rivolte alla Chiesa dal
Comitato che l’ha accusata di aver permesso gli abusi del clero, contestando addirittura l’insegnamento
religioso in materia di aborto e matrimonio. “I responsabili più alti dell’ONU – ha spiegato padre Lombardi sono stati sempre consapevoli dell’importanza del sostegno dell’autorità morale e religiosa della Santa Sede
per la crescita della comunità dei popoli, perciò hanno invitato i Papi a visitare l’Organizzazione e a dirigere
la loro parola all’Assemblea generale. Cosa che, sulle orme di Paolo VI, hanno fatto Giovanni Paolo II (ben
due volte) e Benedetto XVI. Insomma, le Nazioni Unite, nelle loro più alte istanze, apprezzano e desiderano il sostegno della
Santa Sede e il dialogo positivo con essa. E altrettanto desidera la Santa Sede, per il bene della famiglia umana. Questa è la
prospettiva in cui occorre porsi.” L’attività dell’ONU è molto vasta e complessa e “abbraccia al suo interno persone, posizioni,
voci molto diverse. Non c’è quindi da stupirsi se nel suo vasto mondo si incontrano o si scontrano visioni diverse. Ma perché il
risultato complessivo sia positivo occorre perciò molta disponibilità al dialogo e rispetto attento alle regole essenziali nelle
procedure e nell’impostazione delle attività”. Per la verifica dell’attuazione della Convenzione sui diritti dei bambini “esiste un
Comitato con sede a Ginevra, che tiene due sessioni l’anno, che riceve i rapporti dei diversi Stati aderenti, li studia e li discute
con le delegazioni da essi inviate e formula raccomandazioni per un’attuazione migliore di quanto previsto dalla Convenzione
stessa. Le raccomandazioni formulate dal Comitato – sottolinea ancora il portavoce della Santa Sede - sono spesso piuttosto
scarne e di peso relativo. Non per caso non se ne è quasi mai sentita eco a livello di stampa internazionale, anche nel caso di
Paesi dove i problemi dei diritti umani e dell’infanzia sono notoriamente gravi”. Padre Lombardi sottolinea che le
raccomandazioni del Comitato “appaiono presentare – a giudizio di chi ha ben seguito il processo che le ha precedute – limiti
gravi. Non hanno tenuto conto adeguato delle risposte, sia scritte, sia orali, date dai rappresentanti della Santa Sede. Chi ha
letto e ascoltato queste risposte non ne trova riflessi proporzionati nel documento del Comitato, tanto da far pensare che esso
fosse praticamente già scritto o perlomeno nettamente impostato prima dell’audizione. In particolare sembra grave la non
comprensione della natura specifica della Santa Sede. E’ vero che si tratta di una realtà diversa dagli altri Stati e questo rende
meno facile comprenderne ruolo e responsabilità. Ma ciò è stato spiegato molte volte dettagliatamente nei vent’anni e più di
adesione alla Convenzione e in particolare nelle recenti risposte scritte.
Non si è capaci di capire o non si vuole capire? In ambedue i casi si ha diritto a stupirsi”.
Perciò “se certamente la Santa Sede è stata oggetto di un’iniziativa e di un’attenzione mediatica a nostro avviso ingiustamente
nociva, bisogna pur riconoscere che a sua volta il Comitato stesso si è attirato molte critiche gravi e fondate. Senza volere
attribuire “alle Nazioni Unite” quanto avvenuto, bisogna pur dire che nell’opinione comune le Nazioni Unite portano a loro
volta le conseguenze negative di quanto compiuto, aldilà delle sue competenze, da un Comitato che ad esse si appella.
Cerchiamo dunque di ritrovare il piano corretto dell’impegno per il bene dei bambini. Anche attraverso lo strumento della
Convenzione. La Santa Sede non farà mancare le sue risposte attente ed argomentate”.
| Chiesa e società
'&##2"*/
|
CEI, PASTORALE SOCIALE E LAVORO
PRECARIATO
GIOVANILE
DRAMMA
DI TUTTI
arissimi, vi mando una sintesi di un cammino di chiesa, che, partendo dal dramma della precarietà giovanile, vuole
essere un momento di forte conversione pastorale e spirituale, all’interno dei nostri cuori e delle nostre comunità
cristiane, in Italia. Il progetto viene dal bell’incontro fatto a Roma, con le tre Commissioni coinvolte in modo diretto
in questo cammino. Sono la Pastorale del lavoro, presente con il nuovo concreto direttore del’ufficio ed i delegati
regionali, il Laicato (con la presenza di mons. Sigalini, che ha steso un interessante documento fondativo iniziale) e la
Famiglia-Giovani, che era densamente rappresentata da mons. Solmi e dai rispettivi direttori delle aree interessate. Un
grazie a tutti, perché la sfida è grande e coinvolgente.
Per questo, ritengo utile inviarvi una mia sintesi, da vero “diario di bordo”. Penso che vi possa aiutare per entrare in questa nuova
sfida pastorale attorno al tema della precarietà, che resta un energico segno dei tempi, che ci coinvolge in modo pieno,
chiedendoci delle precise risposte, elaborate insieme, nelle chiese locali. Dall’esame del documento di mons. Sigalini e dalla
riflessione di tutti i partecipanti, nella mattinata del 10 gennaio, nella sede della CEI in via Aurelia, traggo questi punti fondativi,
maturati in un clima fattivo e cordiale, da vero discernimento.
La gravità della disoccupazione giovanile ci interpella, ci coinvolge, ci cambia. È un dramma epocale che ci rende tutti segnati
dall’irruzione dell’ingiustizia sociale più cruda e virulenta che fende il Paese. E l’Europa tutta. È un segno dei tempi che non
avremmo mai voluto attraversare. Non bastano più le parole. La Chiesa lo sente dentro il suo grembo di madre, con i toni
affettuosi dei profeti che contemplano la Gerusalemme desolata e privata dai suoi figli. Gesù è nel pianto dei nostri “senzalavoro”. E noi come pastori soffriamo con tutti loro. Anche il nostro tempo è un tempo che esclude e non include. La realtà,
infatti, registra il 41,6% di disoccupati in Italia. Al Sud, intorno al 50%. Con mille regole rigide, tanta burocrazia, lentezza
negli investimenti, clima di paura, scoraggiamento, tendenza alla ribellione. Rischio di essere un fenomeno incontrollabile,
socialmente di ribellione.
La Politica è in affanno, attorno a questo problema. Manca la concretezza. Impera l’esitazione. Il Lavoro deve tornare ad essere
priorità, altrimenti il Paese va incontro al collasso. Se non c’è lavoro, non c’è futuro. È urgente che nasca nella Politica un
Cuore Nuovo ed un Popolo nuovo. Una politica che ascolta ed una politica che risolve! Lo sguardo a Gesù ci può aiutare. Infatti,
davanti alle reti vuote, Gesù ci insegna un metodo per riempirle (Luca 5.1-11). Prima di tutto, insegna dalla barca di Pietro; si
fa Maestro. È la scuola, la cultura, le mete, la formazione, prioritaria. Diventa Innovazione. Poi lancia i suoi discepoli e li invita
a gettare le Reti: Duc in altum. È il coraggio! È l’intraprendere (come ci esortava la settimana sociale del 2010). Infine, quando
la barca è piena, i pescatori chiedono e coinvolgono l’altra barca, in un circuito di vera e fraterna Solidarietà.
Ci spinge il Papa Francesco ad uscire nelle periferie
esistenziali della storia. (E.G. 49). La precarietà
er il
giovanile è realmente, oggi, la periferia più
Molise
drammatica e più coinvolgente. Inoltre, ci chiede di
sono
ascoltare il grido dei poveri e dei piccoli, per poter,
prioritarie le reti
anche noi, essere da Dio ascoltati. (E.G. 187-192). I
informatiche per
giovani soffrono tremendamente quando,
le più moderne
consapevoli del loro talento, con alle spalle tanto
tecnologie di
studio e tanti corsi-stage, a 30 anni, si sentono
informazione e
rivolgere quella domanda, domanda d’inferno: “Ma
comunicazione,
tu, che fai nella vita?” non gli si chiede: “Chi sei?
che giocano un
Come stai? Cosa c’è nel tuo cuore?” No! Ma solo:
ruolo chiave nel
“Tu … che fai?”. Ed il giovane, arrossisce, abbassa
migliorare la competitività del settore agricolo e forestale, nel
gli occhi, si vede già “scartato!”. Non possiamo
determinare una migliore qualità della vita per la popolazione e
permettere più che i nostri giovani subiscano
gli operatori rurali, nel favorire la diversificazione dell’economia
ancora tutta questa umiliazione. Non possono più
rurale ,mettendo a disposizione servizi indispensabili e
portare i pesi degli errori passati, di una politica
minimizzando la percezione di isolamento sociale, oltre che fisico,
dello spreco che ha buttato via fino ad oggi la loro
che è la causa principale dell’abbandono dei territori rurali.” È il
possibilità di futuro. Noi come Chiesa dobbiamo
commento di Tommaso Giagnacovo, Delegato regionale di Giovani
mantenere viva, oltre alla speranza, la difesa della
Impresa Coldiretti Molise, ai risultati di un’analisi della Coldiretti,
loro dignità di figli, in questo tempo e in questa
sulla base di uno studio Agriventure/Campagna Amica, dal quale si
società che, per quanto sgangherata, ha il diritto di
evidenziano le grandi potenzialità, ancora inespresse, di crescita
salvarsi, riponendo nelle mani dei nostri giovani
per il commercio alimentare su internet.
gli strumenti perché possano realizzarsi. Bisogna
I dati di mercato - rileva Impresa Giovani di Coldiretti Molise –
smascherare i sistemi di corruzione che
mettono in evidenza che in Italia solo il 9% degli utenti, che fanno
impediscono l’occupazione. (cfr il Papa a Cagliari!).
acquisti su internet, hanno comprato prodotti alimentari, con un
Ecco allora la proposta che vi facciamo, con grande
peso sul fatturato complessivo e-commerce intorno all’1,2% (la
speranza. Come Chiese che sono in Italia, sentiamo
percentuale più bassa nell’Unione Europea), contro il dato della
il bisogno di riflettere insieme, tutti insieme in un
Gran Bretagna che si attesta al 5,5% (il più alto nell’Unione
clima di laboratorio pastorale, intessuto di
Europea). Gli italiani hanno preferito, fino ad ora, usare internet
“discernimento spirituale e culturale” attorno a
per acquistare elettronica (5 per cento), assicurazioni (6 per
questo tema: “Educare alla speranza in un tempo di
cento), turismo (24 per cento) e, soprattutto, servizi per il tempo
precarietà, le giovani generazioni nella ricerca del
libero (57 per cento). Il potenziale di crescita per il cibo in Italia è,
lavoro e nel progettare la loro famiglia”.
quindi, enorme, con oltre il 29 per cento degli italiani che
È programmato a Roma, dal 24 al 26 ottobre di
dichiara, comunque, di fare ricerche sul web per confrontare prezzi
quest’anno 2014. Sarà così di fatto una tappa
e caratteristiche dei cibi.
singolare in preparazione alla grande assise della
Secondo l’analisi Coldiretti/Censis, si tratta di un numero non
Chiesa Italiana, per il novembre 2015, attorno a
lontano dai 15 milioni di persone, nel complesso, e in particolare
Cristo e il Nuovo Umanesimo. Si sta elaborando una
sono oltre 5,7 milioni a farlo regolarmente. In questo contesto,
griglia di preparazione, un incisivo questionario,
però, un vero boom - precisa la Coldiretti Molise - si sta
attorno a questi suggerimenti, da valorizzare nelle
registrando per le prenotazioni on line per acquisti di prossimità,
nostre chiese locali. I tempi sono brevi. Ma
anche direttamente dal produttore a chilometri zero, che
sufficienti per un primo serio lavoro di ascolto e
consentono di verificare direttamente le condizioni di produzione.
d’impostazione. Del resto, il laboratorio di ottobre
Una opportunità offerta dalle iniziative di successo che sono state
è una tappa, non una meta! Dio ci aiuti a stimolare
avviate anche nella rete dei punti vendita e dei mercati degli
la nostra e le altre Diocesi, soprattutto a cogliere i
agricoltori di Campagna Amica. “Il grave stato di ritardo, che
suoi messaggi di conversione, per una fede più
abbiamo in Molise, - sottolinea Tommaso Giagnacovo - nella messa
grande, una speranza più fondata, una gioia più
a disposizione, in particolar modo per i tantissimi piccoli centri
piena, una carità più fattiva, una comunità più
rurali della regione, di adeguate reti per l’accesso veloce ad
solidale, una povertà più radicale.
internet, penalizza sempre di più sia i giovani imprenditori agricoli
0 *". "2,/ 2&(".4*.* 6&3$/6/
che, in genere, tutti i residenti in Molise.
2&3*%&.4& %&,," /--*33*/.&
Insieme alla copertura di tutti i territori molisani da parte della
2/#,&-* /$*",* & "6/2/ *534*8*" & "$&
linea veloce di internet, auspichiamo che i Comuni molisani già
& ",6"(5"2%*" %&, 2&"4/
coperti si attrezzino per garantire, nelle adiacenze delle sedi
municipali, delle aree con una connessione veloce senza fili ad
, 4&34/ *.4&(2",& 3* 05> ,&((&2& 35*
internet, gratuita per i cittadini, al fine di contribuire a
9 5"%&2.* %* $5,452": %*30/.*#*,*
combattere lo spopolamento dei piccoli centri rurali.”
C
“P
02&33/ ," 3&(2&4&2*" %&,," $52*"
%* "-0/#"33/ /+"./
UN’OCCASIONE
DA NON PERDERE
Ca r i le ttor i, vi offro un a r ub r ic a a c ad e nza men sil e.
Un p ic c olo s pazio c he n as c e, d i vol ta in volta , da un
pen sier o... Un o de i ta n ti che ci s fiora no ogn i gior no, per
stra d a, in c od a ne l tra ffic o, men tre fa c cia mo la spe sa ,
g u a r d a n d o u n b i m b o g i o c a r e , u n a f a r f a l l a c h e s v ol a z z a ,
u n a s i g n o r a c h e c i s o r r i d e d i e t r o i v e t r i d e l l a s u a f i n e s t r a.
Un o d ei ta nti pe ns ier i c he ven gon o a d arc i il ba c io d el
b u o n g i o r n o, q u a n d o a b b i a m o i l v i s o a n c o r a s t r o p i c c i a t o
d a l d o l c e m on d o d e i s og n i , o c h e c i c o g l i e d i s o r p r e s a e c i
la s c ia pe r un is ta nt e s e nz a fia to. Pen si er i c he fa nn o pa r t e
di n o i , c h e c u s t o di a m o b e n e , p e n s i e r i c h e re s t e r a n n o p e r
s e m p r e n e g l i a n g o l i p i ù n a s c os t i d e l l a s o f f i t t a d e l c u o r e o
c h e n o n v e d i am o l ’ o r a d i r a c c o n t a r e . P e n s i e r i c h e s i
tra s for me r an n o in pr oge tti , nu ove s fid e, id e a li d a
d i f e n d e re e a l t r i “ s ì ” a c h i c i v u o l e b e n e . Pe n s i e r i c h e ,
i n s i e m e , c i r e n d o n o c i ò c h e s i a m o. I m i e i p e n s i e r i , u n i t i a i
v o s t r i , c i f ar a n n o - s p e r o - s o r r i d e r e , e m o z i o n a r e , a v o l t e
c o m m u ov e r e , a l t r e i n t e r r o g a r e … p o i c i s a r à q u e l l a v o l t a
c h e n o n s ar e m o p r o p r i o d ’ a c c o r d o e q u e l l ’ a l t r a c h e ,
i n v e c e , c i s e m b re r à d i l e g g e re , t ra q u e s t e r i g h e , u n a p a r t e
c h e r i c a l c a p ro p r i o l a n o s t r a v i t a . Pe rc h é , i n u n c e r t o
s e n s o, q u e s t a r u b r i c a l a s c r i v e r e m o i n s i e m e …
DOV’È FINITO L’AMORE?
M
e lo chiedo spesso. In questi giorni ricorre la festa
degli innamorati, che tinge di rosso le vetrine dei
negozi, riempie le strade di pubblicità di viaggi e cene
super romantici e ci fa inciampare in cuori e fiori sparsi un po’
ovunque. Insomma, San Valentino in questi giorni, sembra
proprio avere un gran bel da fare, “scomodato” e invocato da
animi palpitanti e bocche sorridenti. E in tutto questo clima
di frizzante euforia, non posso che domandarmi che
significato diamo - davvero - all’amore. E me lo domando,
soprattutto, immersa in una realtà che brucia le emozioni e
lascia solo cenere, quando il fuoco si spegne. Diceva un saggio
che l’amore è ciò che resta quando il fuoco si è spento…
appunto! E me lo chiedo alla luce di una serie di nuove parole
che vogliono farci credere di essere suoi degni sinonimi.
Avete mai sentito parlare di poliamore?
Chi segue programmi tv, come Le iene o Lucignolo, saprà di
cosa sto parlando. Ma anche la rete offre ampia
documentazione in merito. Il poliamore, lo dice la parola
stessa, è una condizione che dà la possibilità di vivere amori
multipli, cioè di decidere di vivere più relazioni
contemporaneamente. Una giovane ragazza, intervistata in
uno dei programmi tv su citati, ha raccontato che ha sette
fidanzati i quali, a loro volta, hanno altre fidanzate. Tutto nella
piena ufficialità e trasparenza. “Perché - diceva la
protagonista - non si deve per forza amare una sola persona e
questa condizione permette anche di trarre vantaggi su più
fronti. Un fidanzato, ad esempio, ti piace perché è molto
comprensivo e ti sa ascoltare, un altro perché è un tipo
sportivo e con lui puoi condividere la tua passione per la
palestra, poi un altro ti piace perché…” bla bla bla… e poi c’è
anche un aspetto pratico. Secondo la fanciulla, in questo
modo non ti senti mai solo, perché hai sempre qualcuno con
cui uscire e, al tempo stesso, tu ti senti più libera, perché non
devi essere l’unico punto di riferimento per il (i, meglio usare
il plurale in questo caso) tuo fidanzato. “Se, ad esempio, raccontava - una sera Tizio mi chiama perché ha un
problema, ma io non posso dargli retta perché devo lavorare,
sono tranquilla perchè so che il Tizio in questione può
chiamare un’altra sua fidanzata e così io non mi sento in
colpa”. Non so a voi, ma a me sta girando, e non poco, la testa.
E non crediate che si tratti di una trovata pubblicitaria solo
per far discutere, no no, i poliamorosi in Italia sono più di
mille e sono in aumento. Non so voi - ancora - ma io non
riesco proprio a capire, in tutto questo, l’amore dove sia.
Credo che dovremmo ribellarci, far sentire la nostra voce. Nel
rispetto della libertà personale, che permette ad ognuno di
vivere la vita come meglio crede, certo, ma l’indignazione
nasce prepotente quando si vuol far passare per amore ciò
che amore proprio non è. Dategli un altro nome, almeno!.
Lasciate l’amore al suo vero significato, nei gesti di chi lo vive davvero - ogni giorno. Poi guardo mia nonna accudire mio
nonno malato, che ama da una vita. Ricordo il mio caro vicino
di casa che, con dedizione e amore infinito, ha curato e
accompagnato sua moglie fino alla fine. Lui ci ha lasciati,
poco tempo fa, all’improvviso, ma so che adesso sorride
accanto alla sua sposa in cielo. E poi mi risuonano nella testa
le parole di mio nonno che, nel giorno del suo 60esimo
anniversario di matrimonio, mi disse: “Il segreto per amarsi
per sempre è sopportarsi!”. Non capii subito il senso che lui
dava a quella parola: “Sopportarsi, mmm che brutto termine,
pensai!”. Ma nel vedere come guarda mia nonna e, come nel
suo sguardo si senta a casa, mi fa comprendere, ogni volta,
che quel “sopportarsi” ha dentro tutto il senso del donarsi: lui
sopporta- porta su di sé- tutto di mia nonna perché sa, che da
lei, avrà la stessa “sopportazione”. Quanti esempi ancora mi
giungono alla mente e di quanti altri potreste raccontarmi
voi… E allora, mi piace pensare che l’amore, oggi, si stia
soltanto burlando un po’di noi. Mi piace immaginarlo
nascosto, da qualche parte, protetto dalle nostre confusioni.
Pronto a sbucare fuori solo quando saremo davvero degni vivendolo - di pronunciarlo.
Fabian a Carozza
E tu, che ne pensi? Scrivimi: [email protected]
| Immigrazione ed accoglienza
|
IL MOLISE, PROTAGONISTA
DELL’ACCOGLIENZA
l Molise ha dimostrato come si fa accoglienza, la
sua disponibilità è ammirevole ed è un esempio
anche per gli altri”. Parole di stima e gratitudine
quelle della ministra per l'integrazione Cécile Kyenge
durante la sua visita in Molise e in occasione della
presentazione di "In Molise… un mutuo patto per
integrare, accogliere e includere i migranti", progetto
che candida la nostra regione a territorio-laboratorio per
ospitare ed integrare i migranti nei nostri comuni e si
colloca all’interno del Sistema di protezione per
richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR) per il triennio 20142016. Si tratta di un progetto finanziato
dal ministero degli interni con il fondo
europeo per gli investimenti (Fei) per
“I
l’accoglienza e in collaborazione
con il centro Hab di San Giuliano
di Puglia, che prevede progetti di
inclusione, orientamento,
formazione professionale e
apprendimento della lingua
italiana. Diciotto i comuni
coinvolti (Portocannone,
Guglionesi, Montecilfone,
Sant’Elia a Pianisi, Pietracatella,
Jelsi,Campobasso, Ferrazzano,
Sepino, Macchia Valfortore,
Termoli, Ururi, Casacalenda,
Larino, Agnone, Sant’Agapito,
Santa Maria del Molise,
Gambatesa) che potranno
ospitare da un minimo di 288 ad
un massimo di 445 migranti, che
saranno assegnati in proporzione a ciascun comune
richiedente. Il Molise, dunque, si conferma sempre più
come territorio che accoglie nelle proprie comunità
piccoli nuclei di immigrati, orientandoli alla formazione
e al lavoro, in un’ottica di sviluppo locale che agevola sia
i migranti che i comuni coinvolti. Gli stranieri hanno
infatti “un ruolo fondamentale, di arricchimento
culturale, essi parlano al nostro cuore e la loro presenza
ci ricorda che siamo tutti uguali e abbiamo pari diritti”.
Questo il commento del vice presidente della giunta
regionale, Michele Petraroia, che ha poi sottolineato
nquant’anni fa Mar tin Luter King dichiarava al
in
mondo “I have a dream”. Qual è il s uo sogno per
l'umanità?
Il mio sogno è la continuazione di quella fase di Martin
Luter King di vedere realizzata anche in Italia la
possibilità di avere la cittadinanza vera per tutte le
persone, per i bambini che nascono in Italia, per i
bambini che passano tutta la loro infanzia in Italia.
Quindi la possibilità di sentirsi Cittadini a tutti gli effetti
come tutti i loro coetanei.
Circa un a nno fa a lla ga zzetta di Modena d ic hiarava
c he il suo ma ndato sarebbe sta to c aratter izzato nel
"da re voc e a c hi è senza voce". Chi s ono i senza voce
nell a nostra società?
Tutte le nuove povertà e le fragilità sociali. Ed è questo
uno dei motivi predominanti delle mie visite sul
territorio. Ovunque io vado ho la possibilità di far parlare
anche attraverso la mia visibilità. Ma non per
concentrare l’attenzione sulla ministra ma sulle
situazioni di fragilità, sulle persone che” non hanno
voce”, persone che non riescono a far conoscere la loro
situazione o che no riescono a far conoscere le loro
problematiche. E questa per me è una priorità!
Nella sua storia di vita l'impegno in prima persona per il
riscatto sociale della persona. Ha sperimentato la
sofferenza e i disagi e li ha superati. Qual è il messaggio
che può lanciare ai tanti che cercano di migliorare le
proprie condizioni di vita.
Un incontro significativo e prioritario è quello con i
giovani in difficoltà. Loro meritano molta attenzione! E
merita un investimento anche il lavoro dei centri di
recupero e le comunità terapeutiche come quella
guidata da padre Lino a Toro. Al centro di ogni recupero
c’è sempre il il recupero della persona, con la propria
dignità e il proprio ruolo nella società. I giovani hanno
bisogno di sentire che al loro fianco ci sono persone che
credono in loro non solo dal lato affettivo ma anche
C
Fabian a Carozza
LE TAPPE DELLA VISITA
DI CÈCILE KYENGE
I
“I have a
dream...
sogno
l’umanità
unita”
L’INTERVISTA
come l’accoglienza dei migranti apporti un grande
sostegno alla nostra economia già fortemente provata
dalla crisi e dalla bassa natalità. I nostri piccoli centri si
spopolano perché non c’è ricambio generazionale e
perchè i giovani lasciano i loro paesi d’origine per
cercare altrove il lavoro che in Molise scarseggia.
“L’arrivo di stranieri può essere occasione per loro di
trovare accoglienza e per noi di far tornare rigogliosi i
nostri campi incolti o poter riaprire le botteghe di
antichi mestieri che si stanno perdendo”. Inoltre “i loro
bambini porterebbero nuova allegria nelle nostre scuole
e la loro presenza potrebbe essere stimolo per tutti
coloro che continuano e restare nelle nostre comunità
locali perché vogliono continuare e a credere e sperare
nella loro terra. Se c’è qualcuno che lotta insieme a te,
tutto sembra meno pesante”. L’assessore ha poi fatto un
cenno alla Comunità europea che dovrebbe essere più
rispettosa della convenzione di Ginevra sui diritti umani
“perché è un diritto dell’uomo migrare, un diritto che fa
parte della storia. Non dobbiamo poi dimenticare che
spesso si scappa dal proprio paese a causa di guerre,
carestie, discriminazioni”. “Servono dunque - ha
concluso Petraroia - politiche europee di integrazione e
tutte le regole messe in atto dovrebbero costruirsi
maggiormente sull’inclusione, sull’accoglienza e sui
ricongiungimenti familiari, guardando alla parte di
comunità che soffre”.
come supporto istituzionale. Questo tipo
di “opera” ha bisogno di un sostegno e per
questo ringrazio anche tutte le mamme
che condividono il dolore trasformando
l’esperienza dolorosa e considerata
negativa, in una esperienza positiva.
Bisogna affrontare il dolore con un sorriso,
con speranza cercando di realizzare un
“sogno” così come io l’ho sperimentato
insieme a Steve un ragazzo che è uscito
dalla comunità di padre Lino. Abbiamo
rincorso una borsa di studio, un lavoro, un
sogno, senza rubare. Si lavorava con un
unico obiettivo, quello di riuscire a
realizzare il proprio sogno e metterlo a
disposizione per la società. Cominciare a
vedere il futuro e la propria vita dentro
un disegno di convivenza e di
integrazione, sentirsi utili per costruire
una comunità dentro la società, diventa
un metodo di autentica testimonianza.
Per questo dovremmo mettere la nostra
vita dentro un percorso di aiuto verso gli
altri ed investire dentro un prospettiva di
costruzione del futuro. La propria
sicurezza diventa una priorità!
L’integra zione ai g iorna listi stranier i
dentro il disegno di legge contr o il
razzismo?
In realtà questa è un proposta del disegno
di legge per abrogare tutte le norme
discriminatorie. Abbiamo fatto una serie di revisioni
con l’Ufficio legislativo con il sostegno di esperti. Sono
stati mesi di impegno, di lavoro per riuscire ad eliminare
del nostro ordinamento tutto ciò che può discriminare
una persona se vogliamo fare una società dove le
diversità diventano una ricchezza. Se vogliamo una
società multiculturale dobbiamo anche iniziare da
l ministro dell’integrazione, Cècile
Kyenge, sabato 1 febbraio, ha fatto
visita al nostro Molise per
partecipare ad una serie di incontri ed
iniziative su “Welfare, inclusione
sociale, giovani e politiche di
accoglienza degli immigrati”.
Nella mattinata ha visitato il Villaggio
post-sisma di San Giuliano di Puglia,
candidato ad ospitare profughi,
rifugiati e richiedenti asilo e migranti;
poi è intervenuta all’evento “In
Molise…un Mutuo Patto per integrare,
accogliere ed includere i migranti”
nella Sala del Parlamentino di palazzo
Vitale e ha incontrato gli ospiti e i
volontari della comunità per il
recupero dei tossicodipendenti “La
Valle” di Toro.
Nel pomeriggio ha incontrato gli
animatori e i promotori della Casa delle
culture in Vico Carnaio a Campobasso,
infine ha preso parte ad una
manifestazione promossa
dall’Università del Molise in
collaborazione con la Direzione
Regionale del MIBAC presso il Museo
Paleolitico di Isernia.
questo: dal linguaggio che parliamo, dalle leggi che
abbiamo, dalle norme. Solo così possiamo lavorare a
360 gradi in tutti i campi contro ogni forma di
discriminazione.
Gra zie ministra e g razie per la sua visita in Molise!
Rita D’Addona
| Immigrazione ed accoglienza
|
IMMIGRAZIONE,
NUMERI IN CRESCITA
E VUOTO NORMATIVO
DA COLMARE
L’
immigrazione è un fenomeno che nel Molise non ha trovato ancora una
disciplina legislativa, anche se sono diverse migliaia le persone che si sono
ormai stabilite definitivamente nella regione e che invocano il
riconoscimento dei diritti esattamente come quelli dei cittadini molisani. Il
progetto SPRAR ha aperto una breccia nel cuore dei molisani, ma deve farlo
soprattutto in quel muro di diffidenza che ancora oggi fa guardare con sospetto
l’uomo, la donna o il bambino che vengono da altre nazioni, da mondi che
sembrano lontani e che invece oggi dovrebbero essere considerati vicini, vista la sempre più marcata diffusione di quel
concetto di globalizzazione che non è solo economico, ma anche sociale.
Il Molise è stato storicamente abituato a guardare il rovescio di questa medaglia, perché è l’emigrazione che ha costretto a
spargersi nel mondo il doppio dell’attuale popolazione del Molise ed a questo fenomeno, storicamente così radicato nella
coscienza della regione, è stato riservato tutto l’impegno, anche quello del legislatore regionale che ha varato leggi per aiutare
chi dall’estero, dopo alterne fortune, decideva di tornare a casa sua: questo è stato il filo conduttore di tutti gli interventi
legislativi che paradossalmente oggi interessano molto poco, perché le generazioni partite stanno scomparendo ed i loro
discendenti tornano in Molise spinti solo dalla curiosità di vedere i luoghi da dove erano partiti i loro avi.
Non ci siamo così accorti che quello che invece oggi c’è da regolamentare è la presenza di chi dall’estero è venuto a stabilirsi
nella nostra regione, come in tutto il resto d’Italia. Secondo le cifre registrate nel rapporto Caritas e Migrantes 2013
sull’immigrazione, nel Molise vivono ormai più di novemila stranieri, di cui oltre seimilacinquecento ( il 72 per cento) nella
provincia di Campobasso ed oltre duemilacinquecento (il 28 per cento) in quella di Isernia; secondo i dati oltre un terzo di essi
proviene dalla Romania, mentre gli altri due terzi sono arrivati da Marocco, Albania, Ucraina ed India. I principali settori di
occupazione degli immigrati sono quelli dei servizi, delle costruzioni, del commercio e dell’alberghiero, ma il dato più
singolare è rappresentato dalla frequenza scolastica, poiché il Molise è una delle regioni con il più basso numero di alunni
stranieri, 1630 bambini che rappresentano il 3, 7 per cento del totale degli alunni.
C’è quindi un problema di garanzia della convivenza che traccia quindi anche il filo della capacità di questa regione di
assicurare pari diritti a chi è molisano ed a chi, pur non essendolo, ormai è saldamente impiantato nella nostra comunità
regionale. Un deficit di garanzie civili che finora non hanno ancora convinto il legislatore regionale a varare norme che
tutelino tutti allo stesso modo e soprattutto evitino forme di discriminazioni che sono semplicemente inconcepibili in questo
tempo e nella nostra civiltà. Qualcosa si sta comunque muovendo almeno a livello di intenzioni, perché in Consiglio regionale
è stata presentata nell’ottobre dello scorso anno una proposta di legge, a firma della consigliera regionale Fusco Perrella, che
vuole colmare il vuoto normativo e garantire agli immigrati parità di trattamento e condizione con gli altri cittadini in materia
di assistenza sociale, assistenza sanitaria e politiche abitative; promuovere l’accoglienza e l’effettiva integrazione sociale,
nonché la partecipazione alla vita pubblica; favorire la conoscenza della cultura italiana e delle culture di provenienza delle
cittadine e dei cittadini stranieri; valorizzare le identità culturali, religiose e linguistiche; promuovere iniziative volte a
sostenere l’accesso all’abitazione, al lavoro, all’istruzione, alla formazione professionale; sostenere percorsi di assistenza e di
tutela nei confronti dei minori stranieri accompagnati; promuovere interventi di cooperazione internazionale nei paesi di
origine. Intenti nobili che devono tuttavia trovare una rapida e convinta approvazione da parte del Consiglio regionale.
SOLIDARIETA’ VERSO I MENO FORTUNATI
DA NGAOUNDERE’ AL MOLISE!
M
entre la Svizzera chiude la frontiera in faccia ai migranti italiani il treno partito dalla capitale del Camerun,
Yaoundé, dopo 14 ore è arrivato a Ngaoundéré con a bordo la nostra volontaria Eulalia che ha raggiunto gli orfani della missione della Mater Orphanorum del compianto Padre Antonio Rocco di Cercemaggiore. L’impegno
di Eulalia in Africa lancia un messaggio di freschezza solidale anche in Molise combattuto dalle sue crisi e alle
prese con indifferenza e insensibilità verso i più deboli. L’appello dell’Associazione “Padre Giuseppe Tedeschi” alle istituzioni molisane è quello di accogliere e includere i migranti, difendere la sanità e la scuola pubblica senza cedere all’idolatria del mercato e del privato, e aiutare le famiglie bisognose rilanciando lo strumento dei sostegni mirati già sperimentati
nelle 12 città campione a livello nazionale. Occorre adoperarsi per sostenere gli studenti meritevoli, gli sfrattati ed i giovani
in cerca di lavoro, dando priorità a questi temi più che a contrapposizioni sterili che non parlano al dolore reale e alla sofferenza più triste dei poveri molisani. O le istituzioni orientano i propri atti verso i meno fortunati o si rischia un degrado
democratico che svilisce il ruolo delle amministrazioni locali.
A n g e la S c o c c a
IL FASCINO
DELLE ARMI
S e d i m e n t ic h i l e p e r s on e
e i m or t i , l e a r m i
d iv e n ta n o b e l le
I
n una recente trasmissione di Presadiretta,
su Raitre, dopo aver parlato di terremoti e
corruzione, Riccardo Iacona ha accolto in
studio Francesco Vignarca, coordinatore di Rete
Disarmo, per parlare del nuovo aereo da guerra
F35, costoso, ‘fragile e inaffidabile’ secondo il
Pentagono. Molto interessante. Bravi. Ma quello
che mi ha colpito e angosciato è stato il servizio,
fatto molto bene, sulla fiera delle armi a Parigi
Eurosatory. In pochi minuti il conduttore è
riuscito a far percepire i grandi affari che
ruotano intorno alle armi, presentate come veri
gioielli. Centinaia di espositori e migliaia e
migliaia di vistatori (sempre in aumento) e di
compratori: i Governi e gli Stati. Una Fiera della
guerra. Con tanto di campi di battaglia veri per
presentare la potenza e il fascino di queste
nuove armi, pesanti e leggere. Mi chiedevo ‘è un
film o è tutto vero’? Un’esposizione di missili,
carri armati, pistole e fucili presentati come
qualsiasi altro oggetto bello da apprezzare… e
vendere. Come una moto, un computer, una
borsetta. E così in un espositore di vetro si
potevano ammirare alcuni proiettili, disposti a
raggiera, come se fossero delle preziose penne
stilografiche o rossetti di grandi marche.
Bellissimi! E ti trovi in questa situazione
surreale, come mi era già capitato entrando
nell’aeroporto di Cameri dove si producono gli
F35, dove il fascino delle armi e la tecnologia
cancellano il vero e unico motivo per cui queste
armi vengono costruite: uccidere le persone! Se
dimentichi questo ‘piccolo particolare’ è la fine.
Se dimentichi i volti delle persone incontrate a
Sarajevo, Mostar, Prishtina, Ngozi, Murehe,
Baghdad, Mosul, Kabul, Jenin, Ramallah (per
citare solo luoghi che ho conosciuto
personalmente), dimentichi di essere un uomo.
Dimentichi l’invito a ‘restare umani’, come
diceva Vittorio Arrigoni. Mi ha preso un insieme
di angoscia e di rabbia. Poi mi è venuto in
mente Gianni Rodari, con i suoi racconti e
poesie. “Il comandante Pestafracassone ordinò
di fare un supercannone ‘Giù tutte le campane
anche quelle lontane mi serve il bronzo non
voglio il pane!’”. Il finale non lo svelo, andate a
leggerlo, è molto bello. Mi sono venuti in mente
i padri costituenti: se sono arrivati a scrivere che
l’Italia ripudia la guerra (art. 11 Cost.) è perché
avevano negli occhi, nel cuore il sangue, la
distruzione e la morte causata dalla guerra. Lo
hanno scritto mettendo al centro la persona,
non le armi. Sì, perché la corsa agli armamenti è
“Aggressione che si fa crimine: gli armamenti,
anche se non messi in opera, con il loro alto
costo uccidono i poveri, facendoli morire di
fame”. E a dirlo è un documento della Santa
Sede del 3 giugno 1976. E mi è venuto in mente
papa Francesco a Lampedusa: “Chi di noi ha
pianto per questi nostri fratelli?”. Se dimentichi
le persone e i morti, le armi diventano belle.
Anzi, affascinanti. Quasi un desiderio morboso,
come la guerra.
don Rena to Sac co
|
21..>-5;
| Campobasso . Bojano
VIA MAZZINI, 80 - 86100 CAMPOBASSO | TEL. E FAX 0874-482780
La visita pastorale
a Petrella
[email protected];>-81 T [email protected]@- A:- ?;[email protected] A: 9;91:@; 05
5:/;:@>; 05 /;:;?/1:F- 1 05 />1?/[email protected] /41
[email protected]@1>Q - 2>[email protected]@; /;:?5385 1 /;9<[email protected] !5 <5-/1
/45A01>1 [email protected]; >1?;;:@; ?-<1:0; /41 /5
?->1..1>; @-:@1 [email protected]>1 /;?1 0- ?/>5B1>1 <1>/4T
[email protected] [email protected] T [email protected]@- [email protected] 0-BB1>; /;91 A:
1B1:@; 59<;>@-:@1 5: /A5 81 <1>?;:1 ?5 ?;:; ?1:@[email protected]
?;[email protected]@5 1 :;: ;[email protected]@5 /;: A:- 2>-?1 /41 0;<; [email protected] <[email protected];>-81 T >51/[email protected] <5P B;[email protected] @>- 5 B5/;85
05 [email protected]>188- H :;: <1:?-B; /41 58 B1?/;B; 2;??1 A:<1>?;:- /;?S ?19<85/1 1 /;?S ?59<[email protected]/- K
Un cammino di fede forgiato
dall'arte e dalla religione
-8 -8 31::-5;
[email protected]>188- (521>:5:- ?5 T ?B;[email protected] [email protected] <[email protected];>-81 0188G->/5B1?/;B;
>13-:@5:5 ):- [email protected] [email protected]@-:@; 5:@1:?-91:@1 =A-:@;
5:@1:?-91:@1 [email protected]@1?- 1 :;: [email protected]>1..1
A: ->@5/;8; <1> >5A?/5>1 -0 1?<;>>1 :;:
@-:@; 5 :A91>;?5 -<<A:@-91:@5 5:
/-81:0->5; =A-:@; 81 19;F5;:5 [email protected]
";: T /1>@; 8- <>59- B;[email protected] /41
9;:?53:;> >13-:@5:5 2- [email protected] -88/;9A:[email protected] 05 [email protected]>188- 9- [email protected] B;[email protected] 8<1>9-:1:F- 018 <>1?A81 5: <-1?1 [email protected]@; 0-<<>59- /A>5;[email protected] 1 <;5 9-:
9-:; /41 <-??-B-:; 5 35;>:5 -A91:@-B8- B;385- 05 -?/;[email protected]>1 5 /;:?5385 81
-99;:5F5;:5 1 05 2->1 95881 0;9-:01
1 @-:@1 <>;<;[email protected] : <A:@- 05 <5105 /;8
?;>>5?; 1 /;: A:- <>13451>- <1> @[email protected]@5 58
:;[email protected]>; *1?/;B; 4- /;:?;[email protected]; 8- 253A>018 [email protected];>1 /41 BA;81 /;:;?/1>1 -0 A:-0 A:- 81 ?A1 <1/;>1881 1:@>-:0; :1881
/-?1 :15 /-?;8->5 05
/-9<-3:- 5:/;:@>-:0; 8- /;9A:[email protected] ):
1B1:@; [email protected]>-;>05:->5; /41 4- 5: =A-8/41
9;0; /[email protected]; 81 <1>?;:1 - /;88-.;>->1
- >5?/;<>5>1 8- .1881FF- 0188- ?;/[email protected] 0;B1 5:5F5->1 -88G-//;3851:F- [email protected];?/;: 81 :;@1 9A?5/-85 018 3>A<<;
.-:[email protected]/; 8;/-81 :15 <-1?5 5 35;>:5 05
5:[email protected] 9- :;: ?;:; 9-:/[email protected]
[email protected]>:-F5;:5 05 05225/;[email protected] /41 ?;:; [email protected]@1
[email protected]@1:@-91:@1 -?/;[email protected]@1 1 ?B5?/1>[email protected] 0!;:?53:;> >13-:@5:5 5 >1?<;:?-.585
018 ;:?5385; <[email protected];>-81 /41 ?;:;
/[email protected] -0 1??1>1 58 @>[email protected] @>- <->>;/; 1
/;9A:[email protected] T [email protected]@; -??13:[email protected]; A: /;9<[email protected];
:;: [email protected] 05B5?5 9- /[email protected];[email protected] 8GA:[email protected] 015
3>A<<5 T A: /;9<[email protected]; [email protected]/;?; 9- /41
>1:01 .188; B5B; 58 01?501>5; 05
/;9A:5/->1 5:?5191 5?;3:- 35;5>1 05
@[email protected]@; /5R /41 ?5 T >[email protected]; ?;@@; 83>-:01 3A50- 05 0;: ;91:5/; /41 ?/;91 B-8;>5FF->1 81 <1>?;:1 1 0- =A5
>5<->@5>1 <1> -:0->1 5:/;:@>; -385
;[email protected]/;85 9- 5:?5191 1 9-5 05B5?5
G5::;/1:F- 5 /;8;>5 1 8- /A>5;[email protected] 015
.-9.5:5 -881 ?/A;81 91051 -881
18191:@->5 -88- ?/A;8- [email protected]>:9;:?53:;> >13-:@5:5 T [email protected]@; ?;991>?;
05 0;9-:01 0- =A1881 <5P ?19<85/5 =A1881 <5P .5>5//45:1 9- =A-81
/;:2>;:@; T <5P ?5:/1>; ?1 :;: =A188; 015
.-9.5:5 85 [email protected] 0;B>1..1>; 59<->->1
-0 -?/;[email protected]>1 05 <5P 8- 8;>; B;/1 5 .-9.5:5
?-::; <;>?5 0;9-:01 3>-:05 .5?;3:1??1>1 [email protected]@1:@5 -88- 8;>; 10A/-F5;:1
9;>-81 1 />[email protected]:- 8- 8;>; ?<;:@-:[email protected]
>-<<>1?1:@- A: <1FF; 05 /518; 5: ;3:5
/A;>1 ):; 015 9;91:@5 <5P
[email protected] ?;:; ?/-:[email protected] 0-88G-8813>5- 0188.-:0- 1 [email protected]; 1>- A: 35;>:; 05 [email protected] <1>
8- /;9A:[email protected] ?;81::1 /;:
>-<<>1?1:@-:F1 /5B585 1 [email protected]>5 >-//;[email protected] 1
5: <>13451>- -88G5:@1>:; 0188- /451?- 05
'-: 5;>35; 9->@5>1 /;?S ?5 T ?/[email protected]; 05
B5B1>1 0;<; 58 .1:B1:[email protected]; 05 >[email protected]; 0- <->@1
0188G 995:[email protected]>-F5;:1 /;9A:-81 0188/;9A:[email protected] 1 05 0;: ;91:5/;
8G-0;>-F5;:1 1A/->[email protected]/- /;9A:[email protected]>5- <1>
<;5 -<>5>1 58 05-8;3; /;: @[email protected]@5 5 <>1?1:@5
): 5:/;:@>; B5B-/1 =A188; @1:[email protected]; /;: 58
;:?5385; $->>;//45-81 1 5 >-<<>1?1:@-:@5
015 3>A<<5 <->>;//45-85 8- /;9A:[email protected] 05
[email protected]>188- 4- 5:[email protected]; /;: 0;: ;91:5/;
A: /-995:; 05 2101 ;>9-5 0- @-:@5 -::5
5 >1?<;:?-.585 4-::; -//[email protected]@[email protected]; A:
/;9<[email protected]; /;: 3>[email protected]@Q 1 05?<;:[email protected]
@[email protected]@; /5R /41 T [email protected]@; >[email protected]; T 2>[email protected]@; 05
[email protected];85 05 /;:2>;:@5 05 ?/;:@>5 9?;<>[email protected]@[email protected]@; 0188- <1>?1B1>-:F- :18 B;81>
/1>/->1 05 2-> B5B1>1 -88- /;9A:[email protected] 8- 35;50188- 2101 018 ?1:@5>?5 />[email protected]:5 (-:@; T
[email protected]@; [email protected]@; @-:@5 5 <1>/;>?5 @-:@1 81
19;F5;:-:@5 T [email protected]@- 8- [email protected] -5 [email protected] 10
-385 -:F5-:5 ?5- <>1??; 8- /-?- 05 >5<;?;
?5- <>1??; 81 /-?1 H ?1 BA;5 ?-85>1 25:; -8
/518; 01B5 ?/1:01>1 25:; - /45 ?;22>1K @1:1>1FF- 1 8- ?-331FF- ?1:@591:@5 /41
0;B>1..1>; 2->/5 21>9->1 0-88; [email protected]>1??
=A;@505-:; 8- 919;>5- [email protected];>5/>-<<>1?1:@- A: <[email protected]>59;:5; 59<;>@-:@1
<1> ;3:5 /;9A:[email protected] A: 813-91 /;: 58
<[email protected]; 1 81 @>-05F5;:5 0- :;: @>-8-?/5->1
9- 0- /A>->1 58 /A;>1 05 ;3:5 >[email protected]:; T
2>[email protected]@; 05 ?/51:F- 1 ?;221>1:F- G <>;<>5;
8- ?;221>1:F- /41 /5 -BB5/5:- - 5; 1
-F51:01 -3>5/;81 1 5 <>;0;@@5 8;/-85
%A-:@- [email protected]/- 1 =A-:@; -9;>1 :18 8-B;>;
0188- @1>>- =A-:@- ?;005?2-F5;:1
?195:->1 /A>->1 B101> />1?/1>1 1 <;5
<;@1> >-//;3851>1 5 2>[email protected]@5 018 <>;<>5;
8-B;>; 8 !;85?1 T A:- @1>>- /41 01B1
>[email protected]>;B->1 5 B-8;>5 018 8-B;>; 0188- @1>>- 1
015 2>[email protected]@5 ;91 ?->1..1 .188; ?1 5 >-3-FF5
<;@1??1>; 9-:35-:0; 5 <>;0;@@5 @5<5/5
0188- <>;<>5- @1>>- [email protected]>:1 58 B-8;>1 /;:
8- /;:;?/1:F- 1 8- /[email protected]>- K :A?A-81
!->[email protected]>1?-
5 - 88;
[email protected]@; @>- :;5
B101>1 A: B1?/;B; 1 A: <->>;/;
5:0;??->1 A: 3>19.5A81 .5-:/; 1 ?1>B5>1
- @-B;8- 1..1:1 [email protected]; T ?A//1??; /;:
[email protected]<;>1 015 /;991:?-85 9- /41
>5?<1//45- /5R /41 05??1 '-: $-;8; H58
*1?/;B; :;: T 58 <-0>;:1 0188- B;[email protected]>2101 9- 58 ?1>[email protected];>1 0188- B;[email protected]>- 35;5-K
:/;>- 8- 2101 -8 /1:@>; 0188- [email protected]<[email protected];>-81 /;: 8G5:/;:@>; /;: 385
-:[email protected];>5 10 5 <->@1/5<-:@5 -5 /1:-/;85
018 *-:318; /41 4-::; 5:/;:@>[email protected];
05225/;[email protected] - <->@5>1 9- /41 ;335 ?;:;
:A91>;?5 <->@1/5<[email protected] 1 05?8;/[email protected] 5:
05B1>?5 <A:@5 018 <-1?1 [email protected]>; 5:/;:@>;
/41 4- [email protected]; A: .A;: [email protected]; =A188; /;: 5
35;B-:5 A:- ?1>[email protected] B5B-/1 1 2>5FF-:@1
0;B1 :;: ?;:; 9-:/[email protected] 0;9-:01 1
5:/;:@>; 5: /A5 9;:?53:;> >13-:@5:5 4>-//;9-:[email protected]; <>;<>5; - 8;>; 05 :;:
>-??13:->?5 -88- />5?5 -881 05225/;[email protected] 9/;: /;>-335; -22>;:@->1 8- [email protected]/[email protected]/[email protected] 5 31:[email protected];>5 1 5 25385 '<1??; ?5
?1:@;:; 8-91:@181 <1> =A-:@; >53A->0- 58
/[email protected]/45?9; /41 B51:1 [email protected]; 0- =A-8/A:;
/;91 A:G59<;?5F5;:1 9- /;91 05/1 58
*1?/;B; H T 59<;>@-:@1 0->1 -5 .-9.5:5
10 -5 >-3-FF5 A:G10A/-F5;:1 /5B5/- 1
/[email protected]>-81 -88; [email protected]??; @19<; 2->85 />1?/1>1
/;91 25385 05 5;K <[email protected]>1881?5 <;??;:;
05>?5 251>5 <1> 81 [email protected]@[email protected] <->>;//45-85
/;:[email protected] 9- -:/41 <1> 81
-??;/5-F5;:5 <>1?1:@5 @>- =A1881 05
B;8;:@->[email protected]; /[email protected]>-85 ?<;>@5B1 1
>5/>[email protected] ([email protected]@1 A:[email protected] 5: A:GA:5/- ?1>[email protected]<1> <>1?1:@->?5 1 <>1?1:@->1 385 ;[email protected]@5B5
>-335A:@5 9- -:/41 =A1885 [email protected]>5 [email protected]@0-881 :;@1 05 [email protected]>A91:@5 <;<;8->5 1
/-:F;:5 [email protected]@-85 G59<13:; 05 ;3:A:05 8;>; :18 <>;<>5; /-9<; @1:01 <>1?1>B->1 5 B-8;>5 9;>-85 [email protected]/5 >18535;?5 1
<;<;8->5 1 05 ?;850->[email protected] - @>-05F5;:1 T
59<;>@-:@1 <1> >5/;>0->?5 01881 <>;<>51
;>535:5 <1> 05BA83->1 8- /[email protected]>- <1>
B-8;>5FF->1 5 <>;0;@@5 @5<5/5 58 <[email protected]>59;:5;
[email protected];>5/; ->/[email protected]@@;:5/; 5: /45A?A>- 891??- ?;81::1 0188- 0;91:5/- 58 <>-:F;
/;: 5 /;991>/5-:@5 1 385 ->@535-:5 [email protected] -8 /[email protected]>; 1 8G5:/;:@>; /;: 58
;:?5385; /;9A:-81 %[email protected]@>; 35;>:5
5:@1:?5 5: /A5 210185 ;3:A:; ?1/;:0; 58
<>;<>5; /->5?9- 4-::; 9-:[email protected]@; 835;5- 05 /5R /41 ?5 T >[email protected]; -88; [email protected]??;
@19<; 4-::; /[email protected]; A:
5:/;>-335-91:@; <1> 58 [email protected]>; ";: <;??;
0591:@5/->1 [email protected]@1:F5;:1 /41 9;:?53:;>
>1-3-:@5:5 /;:@5:A- - 0105/->1 -88:;[email protected]>- /451?- H A: <[email protected]>59;:5; [email protected];>5/; J
->@[email protected]/; [email protected]>-;>05:->5; A: @19<5; 0;B1
>13:-:; /A>- 1 <>1/5?5;:1 2;>[email protected]; 0-88?-<51:F- 015 :;[email protected]>5 -B5 1 /41 - ?A- B;[email protected] 2;>[email protected]; 5 <[email protected]>1881?5 -8 [email protected]; 01881 /;?1
.1881 8 2;:@1 [email protected]@1?59-81 <;5 ;[email protected]>1 -0
1??1>1 A:G;<1>- 0G->@1 >-//45A01 5
:A91>5 0188- 2101 8- @>5:[email protected] 8- />1-F5;:1
58 [email protected]@1?59; 8- >1?A>>1F5;:1K 1 <[email protected]>1
<->8-:@5 8- 5.85- $-A<1>A9 5 [email protected]>5
0188- ?A- 10525/-F5;:1 /41 4-::;
>5-//1?; 8- B;385- 05 >5<>1:01>1 A:
/-995:; 05 >5/1>/- [email protected];>5/- 1 /[email protected]>-81
/;91 :;: 1??1>:1 251>5 ;>?1 - B;[email protected]
<1//; 05 <>1?A:F5;:1 9- />10; /41 ?5A:; 05 =A15 35;51885 :;: ?;8; 05 3>-:01
B-8;>1 ->/[email protected]@@;:5/; 9- -:/41 05
3>-:01 B-8;>1 ?59.;85/; >18535;?; 1
<-3-:; 5:?5191 /41 91>[email protected]>1..1 05
1??1>1 /;:;?/[email protected]; 1 B-8;>[email protected];
!;:?53:;> >13-:@5:5 4- 8-?/[email protected]; -0 ;3:5
3>A<<; HA: /;9<[email protected];K <1>@-:@; 8- *[email protected]
5:; - /41 <A:@; 8 -35>1 <[email protected];>-81 10
1//81?5-81 T >1-891:@1 [email protected]>95:[email protected];
0-88 1??1>1,?;8; >-<<>1?1:@-F5;:1
?59.;85/- 1 ?-/>-91:@-81 0188 -35>1
05 5; - <[email protected];>-81 ;335 :;: <>;/101
<[email protected]@;[email protected]; ?1/;:0; 58 9;@@; 05 !->7 (C-5:
/41 05??1 I%A-:0; 5 B5-:0-:@5 -B1B-:;
<1>?; /;9<[email protected]:@1 8 ;>51:@-91:@;
>-00;<<5-B-:; 58 >[email protected]; 05 9->/5- L :
[email protected] [email protected]:F- 9- >1-891:@1 5: [email protected][email protected]:F- :;: 0;B>1..1 2->/5 >[email protected]@1>1 58
>[email protected]@; 0188 -35>1 <[email protected];>-81 [email protected]@A-81 ";: ?5
1 9-5 ;>3-:[email protected]; @-:@; :188 [email protected]; 0188/A>- 0 -:591 :T 9-5 /;91 ;335 ?5 ?;:;
@1:[email protected] /;?5 @-:@5 /;>?5 05 /->[email protected]@1>1 <[email protected];>-81
; ?5 T <;@[email protected]; 05?<;>>1 05 [email protected]@1>[email protected]>@1;8;35/- :T 9-5 5:25:1 ?;:; [email protected]@5 ;221>@5
/;?S @-:@5 [email protected] ; ?;:; [email protected]@1 ?A331>[email protected] @-:@1
[email protected]>[email protected] <[email protected];>-85 ([email protected]@-B5- :;:;[email protected]:@1
@[email protected]@- [email protected] [email protected]/- ;@@1:5-9;
5:0A..5-91:@1 ?19<>1 91:; ?A//1??;K
$->;81 /41 B;81:@51>5 2-//5; 951 9- /41
:;: 8; ?;:; ?/>5B1>81 T 5?.1>@ >1?4-71
A:; 015 <5P :;@5 1 -221>[email protected] @1;8;35 05
85:3A- @101?/- : A: ?A; /;:@>[email protected]; ?A
!5:[email protected]>; ?-/1>0;@-81 5: A:- 451?- 5:
@>-?2;>9-F5;:1 0-BB1>; 5:@1>1??-:@1
/;9<->?; ?A88- &[email protected] 018 /81>; [email protected]:;
<<
-:-85FF- 8- 253A>- 018
<>[email protected]>; 1 018 95:[email protected]>; -88- 8A/1 015
/-9.5-91:@5 ?;/5-85 1 -:/41 @1;8;35/5
-:-85?5 8A/50- 1 <>1/5?- :;: :;[email protected]/- ;
501;8;35/- <;>@- - /;:/8A?5;:5 9;[email protected];
5:@1>1??-:@5 - 253A>- 018 95:[email protected]>; ;>05:[email protected];
01B1 1??1>1 <A>525/[email protected] 1 >5/;:0;@@-88 1??1:F5-81 8 <-??-335; /41 4; >5<;>@[email protected];
95 4- /;8<[email protected]; <1> 8- ?A- 8-9<-:@1 1B501:F:188 1?<1>51:F- 05 9;[email protected] <>[email protected]>5 1 8-5/5
59<13:[email protected] ;3:5 35;>:; :188- B53:- 018
'53:;>1 - 2>[email protected]>-F5;:1 05 A: 59<13:;
-22-::;?; 1 ?<1??; ?1:F- 2>[email protected]@; ;:@5:A1
8-91:@-F5;:5 ?<1??; [email protected]>585 ;9<>1?1
=A1881 05 /45 ?/>5B1 '5 59<;:1 A:- ?/[email protected]>-05/-81 -BB5->1 8- /A>- - 05-3:;?5 ;>9-5
?19.>- 5:1=A5B;/-.581 :B1/1 81:@- 1
[email protected]/;?- -<<->1 8 A?/[email protected] 0-88- ?1//- 5: /A5
?19.>- 1??1>1 25:[email protected] - >-35;:1 /45 05/1
/41 :;: [email protected] A: A;9; -8 @59;:1 2;??1
-:/41 8 5:[email protected]:/-.581 10 1//1F5;:-81
B1?/;B; 05 &;9- :;:/4M <-<- >-:/1?/;
- >-35;:1 -:/41 <1>R /45 0-88- .-?1
8-91:@- <;/; -?/;[email protected]; [email protected]@1:F5;:1
<A>@>;<<; -:/;>- [email protected]>[email protected]@A>-81 -5 8-5/5 ?<1??;
:;: 2;>[email protected] 1 :;: ?19<>1 .5?;3:- 05>8;
1=A5<[email protected] .1:1 <1> 58 B5-335; ;>?1
0-BB1>; =A-8/;?- :;: B- $1> [email protected];
/;:05B50; -:/41 81 /;:/8A?5;:5 1 81
<>;<;[email protected] 05 5?.1>@ 0 1?19<5; =A-:0;
?/>5B1 H";: ?5 <;??;:; ;>05:->1 /;: >[email protected]@/;?/51:F- =A15 ?195:->[email protected] /41 ?5 >52A35-:;
:18 >[email protected]>[email protected]@; ?<-F5; 5:@>- 1//81?5-81 [email protected]>35- ; /;?- ;335 05 :A;B; 5: B;3- 5:
<5//;85 3>A<<5 01B;@5K :/;>- <5P
59<13:[email protected] 8- ?1/;:0- /;:/8A?5;:1
H/;8;>; -5 =A-85 T [email protected]; 58 95:[email protected]>;
0188 A:[email protected] 01B;:; -:/41 <>1?1:@->?5 1
/;;<1>->1 /;91 A:[email protected]
I?13:5 015
@19<5L /5 ?<5:3;:; - :;: <>1;//A<->/5 <5P
5: <>59- 85:1- 0188- 2;>9-F5;:1 05
/;9A:[email protected] <->>;//45-85 [email protected]@1 1 /41
>[email protected]>5:3;:; /;: /5R [email protected]??; 8 -9.51:@1
?;/5-81 5 T /[email protected]; 5:B1/1 9;[email protected]; 05 <5P
0- A:- <->@1 05 />1->1 /;9A:[email protected] 8;/-85
:1881 =A-85 8- [email protected] />[email protected]:- T /;:0;@@-:/41 ?1:F- 8- <>1?1:F- 05 A: <>[email protected]
0-88 [email protected]>- 05 0->1 8- <;[email protected] /41 5 <->>;/5
?5 <>1:0-:; /A>- 05 A: @1>>[email protected];>5; <5P -9<5;
1 <;??-:; ;22>5>1 <>;<;[email protected] 05B1>?525/[email protected] 5:
[email protected]; [email protected]>35/; 71>[email protected]/; 1 ?<5>[email protected] K
0>5-:; 521885
-0>5/
E-4;; [email protected]
| Campobasso . Bojano
21..>-5;
|
VIA MAZZINI, 80 - 86100 CAMPOBASSO | TEL. E FAX 0874-482780
8- <;1?5-
A Campodipietra le famiglie hanno
rinnovato la loro promessa coniugale
!
"
8 :;[email protected]>; T @19<; 05 3>-:05 1 >-<501 @>-?2;>9-F5;:5
5: @[email protected]@5 5 /-9<5 ";: T 05225/581 /;:[email protected]@->8; 1 :;: T
[email protected]>[email protected]@-:@; 2-/581 >5A?/5>1 - 9-:@1:1>1 8 1=A585.>5;
@>- 5 :;[email protected]>5 B-8;>5 81 :;[email protected]>1 @>-05F5;:5 1 58 9;:0;
;>9-5 [email protected]/[email protected]>-81 1 5:@1>/;::1??; /41 [email protected] ;3:5
35;>:; 0 T /;?S /41 8- <->>;//45- -??A91 A: :A;B;
>A;8; 05 3A50- 05 91:@;>1 1 ?;<>[email protected]@[email protected]@; 05 ?;[email protected]:; -8
2A8/>; 0188- [email protected] />[email protected]:- 8- 2-95385- B-8;>5 <1>1::5
0188- 2-95385- <;??;:; 1 01B;:; B5B1>1 5: 9;05 1
2;>91 :A;B1 -9;>1 <>;<>5; <1>/4M T 0;:; 05 5;
<->@1/5<[email protected]; -385 A;95:5 4- 5:25:[email protected]5 9;05 05 >1-85FF->?5
1 8- 95??5;:1 10A/[email protected] /41 4- :188- 2-?1 <>;/>[email protected]?;[email protected]:@; 58 ?A; 9;91:@; 5:5F5-81 1??1:0;
<>59->5-91:@1 [email protected] -88- 2-95385- :;: <;@>Q 9-5
B1:5> 91:; -:/41 ?1 01B1 [email protected]>1 [email protected];05 1 @1/:5/41
- 2-95385- T /;9A:[email protected] 0 -9;>1 /41 10A/- -88 -9;>1
5/1 58 ;:/585; *[email protected]/-:;
(;//- 5:[email protected]@5 -5 31:[email protected];>5
/>1->1 5: ?1:; -88- 2-95385- =A188 [email protected];?21>- B5B525/[email protected] -9;>1 1 0-88- <[email protected] B1>?; 5; 1 B1>?; 385 A;95:5
/41 2-B;>5?/1 8 10A/-F5;:1 /;9<[email protected] 015 25385 5: ?1:?;
<1>?;:-81 1 ?;/5-81 - 2-95385- T 8- <>59- ?/A;8- 05
B5>@P ?;/5-85 05 /A5 4-::; .5?;3:; @[email protected]@1 81 ?;/[email protected]
$1>/4M 58 [email protected]>59;:5; />[email protected]:; <;??- 1??1>1
/;9A:[email protected] 05 3>-F5- 01B1 1??1>1 /;9A:[email protected] 05 2101 ):2101 A9581 1 5:/>;88-.581 /41 ?- -22>;:@->1 8- <>;B- /;:
?1>1:[email protected] 1 3;01>1 8- 2185/[email protected] /;: 95?A>- ):- 2101 /41
?- 1??1>1 =A;@505-:- 1 ?<5//5;8- /;91 81 <5//;81 /;?1
05 ;3:5 35;>:; <1>1::1 1 3>-:01 /;91 58 2;>950-.581
59<13:; 05 @[email protected]@- A:- [email protected] ):- 2101 /41 ?- 05 1??1>1
5::-:F5 @[email protected]@; 0;:; 05 5; 1 <1>/5R T >5/;:;?/1:@1 9?- -:/41 05 1??1>1 >5?<;[email protected] <1>?;:-81 1 /;9A:[email protected]>5- -0
A:- /[email protected] 0 -9;>1 1 <1>/5R ?- 2->?5 ?/[email protected];:0-91:@-81 5: @[email protected]@- 8 1?<1>51:F- 05 [email protected] N [email protected] /41 58 31::-5;
4- <;>@[email protected]; 01/5:1 1 01/5:1
/;<<51 05 ?<;?5 /;: 5 8;>; 25385 - <->@1/5<->1 -88- [email protected] -95385- ;>3-:[email protected] 0-88- [email protected];>-81 -9585->1
0188- <->>;//45- ' !->@5:; *1?/;B; - -9<;05<[email protected]>[email protected]@; ?5:3;8->1 8 ;9185- [email protected] -88- [email protected];>-81
-9585->1 5;/1?-:- 1 5: <->@5/;8->1 - 'A;> (5F5-:- 1
-88- /;<<5- >-:/1?/; 5 "A//5 1 ->918- ;?/; /41
4-::; [email protected]; 8- /;9A:[email protected] :188- >5281??5;:1 'A;>
(5F5-:- 4- ?;@@;85:[email protected]; 8 59<;>@-:F- 015 <1>?;:-335 05
!->5- 1 5A?1<<1 ?-:@A->5 05 >[email protected]; /41 @1:3;:; 5:
#
Festa della Famiglia
nella parrocchia
di San MartinoVescovo
.>-//5; 1?P =A-:0; B51:1 <>1?1:@[email protected]; -5 !-35 1 /41
[email protected]; ?5 5:35:;//45-:; - A5 -:/41 ?1 <5//;8; 1 A9581
:[email protected]; 5: A:- /[email protected]@-05:- ?<1>[email protected] 5//5; 1 ->9185:B1/1 4-::; >-//;:@[email protected]; 8- 8;>; [email protected] 1 8 5:/;:@>; /;: 88;>; [email protected] /;[email protected] ;BB1>; 8- 8;>; /;9A:[email protected] 1 58 8;>;
<->>;/; /41 85 4-::; 588A95:[email protected] @>-?2;>9-:0; 58
*-:318; 0- A: 85.>; - [email protected] B1>- ;<; 81 8A95:;?1
@[email protected];:5-:F1 0188 ;9185- ?5 T <[email protected] -8 >5::;B; 01881
<>;91??1 [email protected]>59;:5-85 0- <->@1 01385 ?<;?5 /41 /;:
A:- <>13451>- 05 5:B;/-F5;:1 >1/[email protected]@- @[email protected]@5 5:?5191 1
81 /;<<51 5:?5191 -5 8;>; 25385 5 25385 ?5 ?;:; >1/[email protected]
-88 [email protected]>1 <1> .-/5->1 58 *-:318; ):/181.>-F5;:1 /->5/- 05 ?59.;85 /41 4- 0-BB1>;
[email protected]; 58 /A;>1 ; 4- :[email protected]>[email protected]; /;: 8 -9;>1
/;: 8- <>13451>- ?581:F5;?- /;: 8<->@1/5<-F5;:1 [email protected]@5B- /;: 8- 2101 B5B- ):/181.>-F5;:1 1??1:F5-81 <1> ;3:5 /;9A:[email protected]
<->>;//45-81 /41 ?5 2;:0- ?A881 2-953851 /41
B5B1 /;: 81 2-953851 0 T - @[email protected]@1 81 2-953851
/41 ?5 ?;:; [email protected]@1 @[email protected];:5-:F- B5B- - /A5 B- 58
>5:3>-F5-91:@; <1> A:- 35;>:[email protected] /;?S 59<;>@-:@1 <->@5>1 0-881 2-953851 /41 /;9<;:3;:; 8- <[email protected];>-81
2-9585->1 05;/1?-:- /41 -:/41 [email protected] -::; 4-::;
[email protected]; 8- /;9A:[email protected] :188- <>13451>- ): 3>-F51 =A5:05
- !-A>5F5;
[email protected] 1 !->5- 5 !5//; 9-:A181
(>[email protected]:; 1 -:518- $-3-:; 3;[email protected]:; -?581 1 -:5181B;8188- :@;:5; 01 '-:@5? 1 ;>- (>5B5?;::; 1 -8
:;[email protected]>; <->>;/; ;: '-B1>5; 5 (;99-?; /41 [email protected];8- 1
?;[email protected]:1 @[email protected]@1 81 <[email protected];>-85
La religiosità popolare tra bisogno del sacro, fede, supestizione e magia
H)
: 5:?5191 05 B-8;>5
/>101:F1 [email protected]@[email protected]:5 10
1?<>1??5;:5 /41 01>5B-:;
0-88- >18535;:1 /[email protected]@;85/<A>525/[email protected] <1>R 0-5 [email protected]@5 [email protected]
-88 53:;>-:F- ; -88- ?A<1>[email protected];:1L
%[email protected] 8- 0125:5F5;:1 05 >18535;[email protected]
<;<;8->1 /;:@1:[email protected] :188- A50- <1> 5
/[email protected]/[email protected] /A>[email protected] 0-88- ;:3>13-F5;:1
<1> 8 1B-:3185FF-F5;:1 015 <;<;85
A:=A1 IA:- 2;>9- <>[email protected] 05
5:/[email protected]>-F5;:1 018 *-:318;L
8 ;:/585; *[email protected]/-:; 4- @>[email protected]@[email protected]; 58 @190188- >18535;[email protected] <;<;8->1 :188/;[email protected]@AF5;:1 '-/>;?-:/@A9 ;:/585A9
I 5?;3:- /41 @-85 <>[email protected]/41L -221>9- 58
@[email protected]; I?5-:; >13;[email protected] 5: 9;0; 0->9;:5FF->?5 /;: 8- [email protected]>35- 01>5B5:; 5:
=A-8/41 9;0; 0- 1??- 1 - 1??/;:0A/-:; 58 <;<;8; 0-8 9;91:@; /41
8- [email protected]>35- T <1> ?A- :[email protected]>- 05 3>-: 8A:3?A<1>5;>1 - 1??1L -8 /-:@; ?A; 8A91: 31:@5A9 >5/;>0- /41 8- 01B;F5;:1
9->5-:- I:;: /;:[email protected] :M 5: A:; [email protected]>581
1 <-??1331>; ?1:@591:@-85?9; :M 5: A:/1>@- =A-8 B-:- />[email protected]
&
(&
#' ( G $# $# &
'# "#
' &#
' )$ & ' ( + # "
!
[email protected]; 58 @19- 018 /;:B13:; /41 ?5 @1>>Q
58
9->F;
- -9<;.-??; <>1??;
8 [email protected];>5A9 1D
5: B5- !58-:;
/;:
5:5F5; -881 ;>1
;>3-:[email protected]; 0-8
& ' >A<<; 05 &5/1>/- 1 :2;>9-F5;:1
';/5; >18535;?- 0188 >/505;/1?5 05
-9<;.-??; ;6-:;
8 /;:B13:; <>1B101 81 >18-F5;:5 05
<-0>1 A535 !-3:5 J 'A<1>5;>1
$>;B5:/5-81 015 !->5-:[email protected]
1 05 <-0>1 >-:O;5? !->51 1>95:1 J
$>1?501:@1 "-F5;:-81 018 & ' J ;/1:@1
A5?- -<<[email protected]@5
05 (1;8;35- !;>-81 -88- -/;[email protected] (1;8;35/0188 9585- &;9-3:- ' !;:?
5-: ->8; !->5- >13-:@5:5
>/5B1?/;B;
05 -9<;.-??; ;6-:; ?->-::; [email protected]
81 /;:/8A?5;:5 0188 5:/;:@>;
!;01>[email protected];>1 018 /;:B13:; <>;2 >A:; 5
1:[email protected]@;
;:?53851>1 "-F5;:-81 018
& ' 1 <>1?501:@1 0188- ?1F5;:1 8;/-81
0188 >/505;/1?5 05 -9<;.-??; ;6-:;
(-81 5:/;:@>; T 5:?1>[email protected]; :18 <>;[email protected]@;
2;>[email protected]; <1> @[email protected]@5 385 5:?13:-:@5 05 ;3:5
;>05:1 1 3>-0; 5:;[email protected]>1 >-<<>1?1:@- A:
9;91:@; 5:2;>[email protected]; 10 10A/[email protected]; <1>
8-5/5 1 /;:?-/>[email protected]
:3>1??; 85.1>;
ARCIDIOCESI CAMPOBASSO-BOJANO
SCUOLA DI FORMAZIONE
SOCIO POLITICA “BEATO TONIOLO”
MARTEDÌ 18 FEBBRAIO 2014
ORE 18,00
Sala Convegni Celestino V, Campobasso
LA LIBERTÀ RADICE
DELL’ARMONIA SOCIALE
Il pilastro “Liberà” della Pacem in Terris
Re lazione di Don Gilbert TSOGLI
Vice Dire ttore Ufficio Comunicazioni Sociali
Diocesi Campobasso-Bojano
Conclusioni
di S.E. Mons. GianCarlo Bregantini,
Arcivescovo di Campobasso-Bojano
| Isernia . Venafro
| 28 febbraio 2014
PIAZZA ANDREA D’ISERNIA, 2 - 86170 ISERNIA | TEL. 0865 50849 | FAX. 0865 415337
SFIDA PER UNA LEADERSHIP EVANGELICA
PRESENTATA AI RELIGIOSI DELLA DIOCESI DI ISERNIA-VENAFRO LA SINTESI FINALE
DELL’82A ASSEMBLEA SEMESTRALE USG
ra gli eventi principali che hanno
riguardato gli istituti di Vita
Consacrata nella Chiesa si è tenuto
nel novembre scorso presso il
Salesianum di Roma la 82ma Assemblea
generale dell’Unione Superiori Generali,
cui hanno partecipato oltre 100 Superiori
generali e anche dei rappresentanti delle
famiglie religiose che operano nella nostra
diocesi. Il tema è stato: “Papa Francesco,
sfida per la leadership evangelica”. I
Superiori generali hanno riflettuto e si
sono confrontati sull’esercizio dell'autorità
nella vita religiosa alla luce degli esempi e
dell’insegnamento di Papa Francesco. Nei
giorni scorsi, in occasione della Giornata
della Vita Consacrata, i religiosi della
diocesi di Isernia-Venafro hanno riflettuto
sul documento finale dell’Assemblea
elaborato da Don Mario Aldegani che
riportiamo qui di seguito.
“I gesti e il magistero di Papa Francesco ci
invitano ad una “conversione” nel nostro
servizio ai fratelli: una conversione dei
nostri atteggiamenti personali, delle
nostre relazioni, delle prospettive e dello
stile della missione.
Essi ci chiamano ad accogliere ed
affrontare le sfide della storia e i problemi
dell’umanità con un atteggiamento di
positività e di benevolenza, sapendo
vedere nel campo il grano che cresce, pur
in mezzo alla zizzania, partecipando
dell’amore di Dio per il mondo,
nell’impegno a ricostruire la fiducia, a
mettere le persone nella libertà di
esprimersi.
1.Conversione deg li atteg giamenti
per sona li
a)Un servizio centrato sull’essenziale.
L’essenziale per noi è Gesù Cristo, la
testimonianza del Vangelo secondo il
carisma: con questa fedeltà sosteniamo i
nostri fratelli nel camminare verso il
Signore. Siamo chiamati a vivere il
discepolato come condizione essenziale
ed indispensabile per svolgere la nostra
missione, coscienti di essere “all’incrocio
del dono”: tutto ciò che Dio ci ha donato
con la fede, la vocazione, il carisma siamo
chiamati a donarlo agli altri..Il nostro
impegno di vita consiste nell’identificarci
con Gesù, che ha messo al centro le
persone, ha usato misericordia e
tenerezza, ha condiviso parole e gesti di
T
ei confronti di chi predica che
tutto è relativo, si avverte, dai
più, una sorta di repulsione e
di rifiuto. Chi è chiamato a dar ragione
di tali atteggiamenti, evidenzia
tuttavia la mancanza di opportune
argomentazioni. E’ vero che nel
relativismo hanno trovato
collocazione idee, congetture e
posizioni di varia estrazione, anche
estranee all’ambito concettuale che ad
esso è proprio. Oggi il relativismo
rinvia al rifiuto dei valori oggettivi, dei
saperi oggettivi, al rifiuto di scale di
valutazione condivise, rinvia altresì
alla negazione dell’unitaria continuità
della storia umana, con il conseguente
rigetto di un processo coinvolgente
l’intero mondo dell’uomo. Se tutto è
relativo, così nel senso comune, la
verità non esiste, né logica, né etica,
né politica, sicchè il senso autentico
delle cose si disperde nei particolari
significati che ognuno attribuisce alle
proprie parole e alle proprie
espressioni. Il relativismo è stato
risucchiato all’interno delle trame
ordite dal soggettivismo radicale,
scaturito dall’ipotetica elefantiasi
delle capacità razionali degli individui:
sarebbe il soggetto il giudice unico
delle proprie valutazioni e delle
proprie comunicazioni. Il relativismo è
oggi snaturato dall’’individualismo
imperante. Anche il linguaggio della
Chiesa ha recepito e fatto proprio il
senso attuale del relativismo e da
questo la stessa fa scaturire la sua
opposizione nei confronti della teoria
profonda umanità e di perdono.
Possiamo seguire come Gesù solo se
viviamo in profonda unione con lui e
contempliamo le persone, le realtà
del creato con il suo sguardo
benevolente e rispettoso.
b)Un servizio che ha la sua
autorevolezza nell’autenticità.
Ognuno di noi è chiamato a custodire la
sua libertà interiore e ad essere se
stesso, senza irrigidirsi nelle dinamiche
di ruolo. La nostra credibilità è legata
alla corrispondenza delle parole e dei
gesti con la verità della vita. Il nostro
impegno è liberarci dai segni mondani
del potere e dallo spirito di mondanità,
testimoniando uno stile di vita
semplice, umile e gioioso.
c)Un servizio che si esprime con
profonda umanità.
Siamo invitati a combattere con
decisione la cultura dello scarto che
può entrare anche nella nostra vita,
riconoscendo e difendendo i diritti
fondamentali di ogni persona; siamo
chiamati ad avere il coraggio di
esprimere tenerezza, soprattutto
verso i più vulnerabili; a riconoscere i
nostri peccati e limiti; a non
pretendere di avere sempre le risposte
per tutto e per tutti, ma piuttosto a
ricercare pazientemente la verità
insieme ai fratelli.
2.Conversione dell e relazioni
a)Un servizio che sa esprimersi in
modo semplice e diretto
Sentiamo l’importanza di usare un
linguaggio attuale; di ascoltare molto
per imparare le parole che gli altri
possono capire; di avere cura della
comunicazione e della sua pedagogia,
cercando e trovando parole di senso,
che toccano il cuore delle persone,
perché sono vicine alla loro vita.
b)Un servizio che è un “camminare
con i fratelli”
Camminiamo con i fratelli, come Gesù
con i discepoli sulla strada di Emmaus:
davanti a loro, per aprire la strada ed
indicare la meta, scrutando l’orizzonte
nella speranza; dietro di loro, per
metterci al passo dei più deboli,
preoccupati che nessuno si perda; in
mezzo a loro, capaci di mescolarci nel
gruppo, perché anche noi siamo sulla
strada, con le nostre fatiche e le nostre
allegrie, con i nostri slanci e i nostri
peccati, nel comune impegno di fedeltà
alla vocazione.
c)Un servizio che cerca la volontà di
Dio insieme ai fratelli
Valorizziamo il discernimento e la
collegialità per fare crescere la
comunione, creando e consolidando le
strutture necessarie per la
partecipazione, nella consapevolezza
che il discernimento è un processo che
chiede pazienza e tempo, ascolto e
dialogo, libertà interiore, spirito di fede
e coraggio di assumere decisioni
secondo la propria responsabilità.
3.Conversione delle prospettive e dello
stile della missione
a) Un servizio “profetico”
Nell’insieme dei nostri atteggiamenti e
delle nostre scelte cerchiamo di cogliere
e far cogliere i segni che invitano al
cambiamento, di esprimere profezia,
visione di futuro, vicinanza ai poveri.
Siamo chiamati a vivere e testimoniare
in modo più visibile, con le nostre scelte
concrete, il segno della fraternità, che ci
unisce gli uni gli altri, superando le
tentazioni del clericalismo.
b) Un servizio che ha il coraggio di
“uscire e far uscire”
Raccogliamo l’invito ad andare verso le
periferie geografiche ed esistenziali, in
un vitale dinamismo di “uscita” sulle
strade aperte del Vangelo, in uno stato
permanente di missione, liberandoci da
ogni forma di rigidità istituzionale e di
autoreferenzialità, “per avanzare nel
cammino di una conversione pastorale
e missionaria, che non può lasciare le
cose come stanno” (EG 25).
c)Un servizio che esprime e diffonde
la cultura dell’incontro
Siamo invitati a promuovere e
testimoniare la “cultura dell’incontro”
come stile di vita e di missione, con
gesti di prossimità specialmente verso
gli ultimi, i deboli, i malati che sono in
mezzo a noi la carne di Cristo.
d)Un servizio gioioso, portatore di
speranza. Siamo chiamati a ravvivare la
speranza dei nostri fratelli, a riscaldare i
cuori, testimoniando il coraggio di
aprire strade nuove, oltre i percorsi
consolidati e sicuri osando il nuovo, con
fede e con speranza, in fede e con
speranza, in fedeltà creativa al carisma
e all’ardimento dei Fondatori.”
FEDE, LUCE CHE ILLUMINA LA VITA
“TUTTO È RELATIVO”: DEVE ESSERE COSÌ!
che considera tra le peggiori
penalizzazione del mondo creativo
della mente umana. Ebbene sulla
predetta connotazione del relativismo
vogliamo riflettere per recuperarne la
validità e il senso autentico, tanto
necessari proprio in questi tempi, in
cui latita la validità della connessione
logica e dell’obbedienza ai principi
fondamentali del pensiero e dell’agire
umano. Diciamo subito che la nostra
idea è totalmente opposta sia a quella
di coloro che propongono un
relativismo che non è tale perchè
basato sulla centralità dell’uomo negli
atti valutativi, sia a quella di coloro
che osteggiano in ogni modo l’ottica
relativistica. Ai primi noi rispondiamo
che non esiste relativismo quando la
relazione logica non esce dai limiti
della soggettività. Se il soggetto che
valuta è anche la sorgente dei principi
fondanti la valutazione stessa, sicchè
l’atto mentale rimane nei recinti della
soggettività non confrontandosi con
realtà oggettive, con principi
fondamentali estranei ai moti
psicologici individuali, allora non
siamo di fronte ad alcun relativismo. Si
tratta in questo caso di superbia della
soggettività. Ai secondi, ossia a quelli
che azzerano il relativismo perché
rovinoso per la vita etica e relazionale,
diciamo che ogni atto della mente è
possibile solo attraverso la
connessione con principi universali e
se questi ultimi oggi sono poveri e
carenti, non vuol dire che è tale la
connessione logica. Non è la relazione
ad essere sbagliata, bensì la relazione
al soggetto che si impone
impropriamente come fattore e
legittimazione della relazione stessa.
La decadenza delle “auctoritates” nel
mondo logico, nel mondo etico,
sociale, politico, economico, ha
causato la tendenza allo svuotamento
della cultura della oggettività, nella
quale si colloca invece il relativismo.
Il relativismo ha un spessore
significativo e indica non solo la giusta
modalità per avere un approccio al
mondo interiore ed esteriore
dell’uomo, ma apre alla possibilità di
leggere in modo giusto la storia e di
proiettarsi verso il futuro con
autentiche valutazioni. Ogni dottrina
della oggettività, ogni scienza che si
fonda su principi “anapodittici”, ogni
cultura che non rinuncia a riferimenti
autorevoli e su questi basa la propria
dignità e la sua ragion d’essere, tutte
sono relativistiche in quanto
impongono ad ogni teoria, ad ogni
valutazione la prioritaria connessione
con i principi di riferimento. Ecco
allora l’errore della cultura che nega
ogni validità al relativismo, aver
bollato la relazione per la carenza dei
principi di riferimento, per la carenza
di uno dei termini della relazione.
Come si legge tra le righe, la dottrina
cristiana è relativistica in modo
assoluto, in quanto detta i riferimenti
primi e ultimi ai quali ogni atto del
pensiero va connesso e riferito,
riferimenti che sono nel Vangelo di
Gesù Cristo. La dignità della persona
umana, la divinità della vita, la felicità
e la gioia di tutti, il benessere
costituito dal bene universale e
assoluto, la storia come ricerca della
pace e della giustizia, la negazione e il
rifiuto del male, la solidarietà e la
fratellanza universale, sono principi
fondamentali ai quali connettere ogni
pensiero e ogni azione di ogni settore
del vivere civile, per misurarne la
validità e il senso. Nessuno di questi
principi manca nel vocabolario di Gesù
Cristo, nessuno può mancare nel
vocabolario dell’uomo. L’attività
Don Mario Aldegani
precipua della mente umana è la
connessione che, in ogni atto, essa
riesce ad instaurare tra le cose e Dio,
tra il tempo e l’eternità, tra le
convenienze e il bene assoluto. La
mente umana non potrà mai sottrarsi
alla sua attività di connettere il
particolare con l’universale, pena la
sua stessa esistenza. Scrive Giovanni
Paolo II che ogni atto, pensante o
agente, predispone la mente umana
alla trascendenza ossia la apre ai
valori oggettivi ed eterni che
legittimano e danno colore di infinito
alle cose umane. Il cristiano vive di
Cristo, fondamento della sua vita e
tende, come scrive San Paolo, a
spogliarsi della sua individualità fino a
farsi occupare interamente da Gesù. Il
cammino dell’uomo non è affidato al
caso, né è frutto della sua singolare
individualità. Gesù ha detto di essere
la verità, di essere la via e la vita: tutto
allora va connesso alla sua Parola e da
questa legittimato. La bellezza, la
sapienza, il giudizio, la
comunicazione, la scienza, non
saranno mai espedienti di anime
isolate se riceveranno dalla santità di
Dio i propri contenuti e la propria
verificazione. Non possiamo non
terminare questo intervento senza
auspicare e augurare che si recuperi
il senso del relativo che vuol dire
recuperare il ruolo dell’eterna
oggettività affinchè l’umano,
relazionato a Dio, riceva i propri
significati autentici e nuove tensioni
relazionali.
| Isernia . Venafro
28 febbraio 2014 |
PIAZZA ANDREA D’ISERNIA, 2 - 86170 ISERNIA | TEL. 0865 50849 | FAX. 0865 415337
IL SERVIZIO
AL MALATO COME
STILE DI VITA
XXXII Giornata Mondiale del Malato
La riflessione di una volontaria
A.V.O. di Isernia
iviamo in una società
secolarizzata in cui il malato è
spesso considerato come un
peso, un guaio, un disturbo. Il
modello ideale esaltato dal nostro
tempo è, infatti, l’uomo giovane,
sano, bello e soprattutto efficiente;
l’uomo che s’impone, produce,
consuma; l’uomo «in forma», che
nella sua «forma» trova non solo le
premesse del successo, ma
addirittura il significato esclusivo del
suo stesso esistere. In un mondo che
esalta i giovani e i sani, invecchiare o
ammalarsi appare una sventura,
contro cui si deve lottare fino allo
spasimo, e sembra percepito come
qualcosa di disonorevole, da
nascondere alla vista altrui e a volte
anche alla propria. Con questa
mentalità è difficile che il fenomeno
della malattia possa essere accolto
come fatto del tutto normale,
«legittimo» dell’esistenza. Vi è,
infatti, un rifiuto culturale della
malattia. La malattia viene
V
L’ A.V.O. è un’ ass oc iazione
d i p e r s o n e c h e , vo lo n t a r i a m e n t e e
g r a t u i t a m e n t e, d e d i c a n o p a r t e
d e l l oro t e m po i n os pe d ale
a l s e r vi z i o d e i m a la t i .
C on s e m pl i ci g e s t i o f f ron o
u n ’ a t t e n z i o n e a f f e t t u o s a a l d e g e n te
ai u t an d o lo ad all e v i are l a s of f e re n z a ,
e d o n an d o s os t e gn o m ora le
combattuta – ed è cosa giusta e
provvidenziale – con i sofisticati
strumenti di cui l’arte medica si è
dotata. Spesso, però, si evita
l’atteggiamento più semplice e
spontaneo, ossia la comprensione,
l’accettazione e anche la
di Si mona Bianco
valorizzazione dello stato di
debolezza e di infermità che presto o
tardi sopraggiunge per ogni uomo. È
quasi inevitabile, dunque, che il malato sia sentito come un peso, come
qualcuno che scompiglia i nostri progetti e ci guasta la bella festa della vita.
E’ qui che occorre far intervenire il senso cristiano della malattia. Il
cristianesimo ritiene, infatti, che, per essere accettati e trasformati in valori, il
dolore, l’infermità e la morte devono essere oltrepassati in modo che appaia
la loro natura di mezzo e non di fine. Anche il cristiano dunque ritiene
doveroso e lodevole l’impegno ad alleviare il dolore, a guarire i mali, a
rimandare la morte. L’esempio di Gesù ci conforta e ci incita a operare
coerentemente a questo scopo, per quel che ci è consentito. Non per niente
l’idea dell’«ospedale», cioè della cura pubblica del malato, storicamente
nasce e fiorisce entro la «res publica
christiana» a opera di uomini pieni di
fede e di carità.
E’ questo il senso che anima ancora oggi
numerose realtà di volontariato che
fanno dell’assistenza al malato la
propria missione. E’ il caso
dell’Associazione Volontari Ospedalieri
a cui appartengo.
L’A.V.O. è un’associazione di persone
che, volontariamente e gratuitamente,
dedicano parte del loro tempo in
ospedale al servizio dei malati. Con
semplici gesti offrono un’attenzione
affettuosa al degente aiutandolo ad
alleviare la sofferenza, a farlo sentire
meno solo e facendo in modo che
collabori con i medici con serenità,
fiducia, con voglia di guarire. Da ben
venti anni i volontari dell’Ospedale di
Isernia continuano a dare sostegno
morale ai malati, li assistono durante i
pasti e nelle piccole pulizie personali e,
inoltre, sono di supporto ai familiari
che, accanto al malato, affrontano le
difficoltà legate alla
degenza ospedaliera.
L’A.V.O. assicura,
altresì, un Servizio di
Accoglienza all’interno
del nosocomio grazie
al quale l’utente viene
informato
sull’ubicazione dei vari
ambulatori e
accompagnato nell’iter
ospedaliero cosicché si
senta da subito in una
struttura meno fredda
e più familiare; a tale
scopo l’associazione
fornisce anche kit di
indumenti intimi per il
cambio soprattutto in
caso di ricoveri
improvvisi e in
situazioni di
indigenza. I malati e i
loro familiari possono
usufruire di un servizio
di prestito libri messo
a disposizione
dall’associazione. In
questi ultimi anni si è
formato il gruppo
A.V.O.–Giovani
costituito da volontari
di età compresa trai i
17 e i 35; con
entusiasmo e
responsabilità i ragazzi
mettono a
disposizione del prossimo: talento,
creatività e iniziativa organizzando
attività ludico-ricreative per i piccoli
degenti e realizzando decorazioni e
lavoretti in occasioni di ricorrenze o
manifestazioni specifiche. La presenza
dei giovani è accolta positivamente dai
malati, soprattutto anziani, che
rivedono in loro il figlio lontano, il
nipote… una presenza amica e
rassicurante.
ASSEMBLEA ELETTIVA
DELL’A.C. DIOCESANA
18a Giornata
della Vita Consacrata
Suore Serve di Maria
Addolorata di Nocera
CONSACRATE
P ER AM O R E
ono ormai 18 anni che la Chiesa dedica il 2
febbraio, festa della Presentazione di Gesù al
Tempio, al ricordo di coloro che nella Chiesa
hanno consacrato la loro vita a Dio e al servizio dei
fratelli nella vita religiosa, con la professione dei
voti di povertà, castità e obbedienza, rinunciando
al mondo e vivendo i consigli evangelici in comunità religiose sia maschili che femminili. Anche
nella diocesi di Isernia-Venafro sono presenti numerose comunità di vita consacrata, ciascuna con
il proprio carisma e la propria spiritualità le quali
esprimono la loro testimonianza evangelica in
forme diverse di apostolato.
Una di queste realtà, presente nella città di Isernia, è quella delle Suore Serve di Maria Addolorata
di Nocera. Questa famiglia religiosa, approvata
dall'autorità ecclesiale, è nata a Nocera (SA), nel
1872 dall'esperienza spirituale di Madre Maria
Consiglia Addatis, che ha iniziato l'opera come risposta di salvezza per le bambine povere e prive di
affetto, sebbene la sua carità non abbia escluso
nessuna categoria di persone. Figlia del proprio
tempo, "donna di garbo", pervasa dalla Spirito
santo e da un forte senso ecclesiale, ha saputo
leggere con occhi sapienziali la realtà storica offrendo la sua vita a Dio nel dono generoso e amoroso. La sua eredità carismatica, radicata in una
profonda vita eucaristica e mariana, intessuta di
zelo apostolico, conserva una straordinaria attualità e orienta, sostiene il nostro impegno di rinnovamento e la nostra missione educativa. In una
società in cui è minacciata la vita, la persona, la
famiglia, le suore Serve di Maria Addolorata sono
impegnate soprattutto con un progetto di educazione integrale, perché si riconosca la dignità dell'essere umano, la vita come dono e come appello
alla libertà, all'amore, alla responsabilità. Il
nome Serve di Maria Addolorata esprime, poi, l'identità mariana della Congregazione. Maria,
icona di una umanità realizzata secondo il disegno
di Dio, è per le religiose dell’Ordine la madre che
guida alla scuola di Gesù e forma alla missione. La
Casa Madre dell’Opera è a Portaromana in Nocera
Superiore (SA) dove riposano i resti mortali di
Madre Maria Consiglia. In quel luogo, così denso di
significato, si rimane stupiti dalla sua entusiasmante carica profetica; gli oggetti più preziosi
dell'esperienza cristiana e religiosa, ivi presenti,
sono i segni del suo amore appassionato per Dio e
l'umanità; la preghiera a lei rivolta è lode al Signore e intercessione per ogni necessità. Le comunità delle Serve di Maria Addolorata sono
presenti in Italia, Canada, Argentina, Messico. La
Casa generalizia è a Roma.
S I È C HI U S O
A D I S ER NI A C O N
NUOVE ELEZIONI IL TRIENNIO OPERATIVO
ra le scadenze più importanti che riguardano la vita e le attività dell’Azione Cattolica vi è
senza dubbio l’Assemblea Elettiva che si tiene di solito ogni 3 anni. E’ per questo motivo
che la sezione diocesana di Isernia-Venafro dell’Azione Cattolica si è riunita nei giorni
presso i locali della Parrocchia Assunzione Maria Vergine di Isernia, impegnata per tre giorni 7-89 febbraio nell’Assemblea Elettiva, allo scopo di chiudere il triennio operativo - istituzionale
2011-2014, con relative relazioni dei responsabili di settore e di provvedere all’elezione del nuovo
Consiglio Diocesano per il triennio 2014 – 2017, nonché alla Programmazione di rito ed all’individuazione delle Linee – Guida per il triennio citato. Nello specifico il giorno 7 febbraio è stato
presentato il tema assembleare, con una relazione circa l’attività svolta nel triennio 2011- 2014.
Contemporaneamente sono state avanzate delle proposte per il nuovo triennio. A seguire, il
giorno 8 febbraio presso la Sala Convegni della Provincia di Isernia, con inizio alle ore 18.45, si è
tenuto un Convegno dal titolo Persone nuove in Cristo Gesù " per riscoprire che la vita è gioia”
che ha visto come relatore Don Claudio Ricchiuti, Cappellano Militare " Carabinieri Molise . Il
giorno 9, poi, sempre presso i locali della Parrocchia Assunzione di Maria Vergine, la Delegata
Nazionale A.C.I.(Azione Cattolica Italiana) Claudia D’Antoni ha chiuso i lavori e ha dato inizio all’elezione dei nuovi membri del Consiglio Diocesano della Diocesi Isernia – Venafro.
Le tematiche trattate in questa occasione sono state di imponente rilievo e sono servite per un
approfondimento spirituale che di certo lascerà ad ognuno un patrimonio e una traccia per una
vita rinnovata o da rinnovare in Cristo Gesù. E’ l’augurio che ci facciamo continuando il nostro
cammino di vita cristiana.
Il iana Onesti
|
| Termoli . Larino
10--<,49
PIAZZA SANT'ANTONIO, 8 - C.P. 155 , 86039 TERMOLI (CB) | TEL. 0875 707148 | FAX. 0875 707148
La Parola guida. Il Vescovo diocesano illustra la terza riflessione per il tempo ordinario
VENITE E VEDRETE
0=H ,::08, -,>>0AA,>9 /, [email protected],884
,>>4=>, .4 [email protected]>, , 14==,<0 69 =2?,</9 =?
0=H , 70>>0<69 ,6 .08><9 /066, 89=><, @4>,
C$?0=>9 L 46 42649 749 6 ,7,>9 48 ?4 39
:9=>9 46 749 .97:4,.4708>9D >
970 [email protected],884 0 8/<0, ,8.30 894
@9264,79 .340/0<264 C 0=H /[email protected] L 6, >?,
/479<, D *E+
, <4=:9=>, /4 0=H ,4 /?0 /4=.0:964 /06
,>>4=>, L 6, =>0==, ,8.30 :0< 894 C)084>0 0
@0/<0>0D )084>0 . L ?8 [email protected]>9 /, 1,<0
0==9 <4=?6>, 80.0==,<49 :0< @0/0<0 :<9:<49
.970 :0< 6, -4.4.60>>, 8066, 74=?<, 48 .?4
:0/,64 6, /48,79 :<9/?.0 6, 6?.0 .30 >4
:0<70>>0 /4 @0/0<0 :0< :<9.0/0<0 6
[email protected]<=4 .97:9<>, ?8 ?=.4<0 /, =F /,660
<,A40 ,66, >0=>47984,8A, 0
:<9:<40 =4.?<0AA0 :0< ,8/,<0 @0<=9
,66 48/4.,A4980 /4 [email protected],884
;?,6.9=, .30 L 96><0 894 *E+ 4 =989 /04
,>>4=>, /?0 /04 =?94 /4=.0:964
C6?9234D @0<=9 4 ;?,64 ,8/,<0 /[email protected] =4
8/<0, 0 [email protected],884 @0/08/9
48.98><, ?8, #<0=08A, *E+
:,==,<0 0=H 69 =02?989 0=H @4=>9=4
%,--K /[email protected] L 6, >?, /479<, )084>0 0
=02?4>9 =4 @96>, 0 .340/0 69<9 C 30 .9=,
@0/<0>0 6 :<479 6?929 /[email protected] ,-4>, 0=H L 6,
.0<.,>0 D 9<9 =08A, 48/?249 <4=:98/989 #,<96, /4 49 C=0 ?89 74 ,7, 9==0<@0<I 6,
C%,--K /[email protected] /479<4 D *E+
74, :,<96, 0 46 #,/<0 749 69 ,70<I 0 894
, =,8>, 64>?<24, .30 .4 3, 2?4/,>4 0
@0<<079 , 6?4 0 :<08/0<079 /479<, :<0==9
48><9/9>>4 806 4=>0<9 :<9:<49 8066,
/4 6?4D @
&960884>I /06 ,>>0=479 /06 &4289<0
, :,<96, ,=.96>,>, @4==?>, 0 >0=>47984,>,
,>><,@0<=9 60 :,<960 .30 46 #,/<0 <[email protected] ,
48 ;?0=>9 =4 .98.<0>4AA, 6 9==0<@,8A, L
Il primo luogo
dove abita Gesù
è la Parola di Dio;
il secondo luogo è l’altro,
ogni altro che incontri
durante la giornata.
Il terzo luogo è l’Eucaristia
G
#<920>>9 #964.9<9
,847,>9<4 47:028,>4 ,
.<0,<0 .9<=4 :0< 46 6,@9<9
, ;?,>><9 ,884
=989 :<0=08>4
,8.30 80660 =?:0<49<4
G
64 ,847,>9<4 /4 .97?84>I /06
#<920>>9 #964.9<9 /066,
49.0=4 /4 '0<7964 6,<489
.30 .966,-9<,89 .98 46
)[email protected] .98 6, ,<4>,= /49.0=,8,
.98 6, #,=>9<,60 [email protected],8460 .98 ;?066,
&9.4,60 0 /06 6,@9<9 =4 47:028,89 ,
.<0,<0 :0<.9<=4 =?6 >07, /06 6,@9<9
911<08/9 =><?708>4 0 ,>>[email protected]>I
, ;?,>><9 ,884 =989 :<0=08>4 ,8.30
8066, =.?96, =?:0<49<0 =9:<,>>?>>9
8066 =>4>?>9 '0.84.9 9770<.4,60
C
9..,</4D /4 '0<7964 911<08/9
:0<.9<=4 /4=>48>4 :0< <,2,AA4 /06
;?,<>9 =?:0<49<0 0 /06 ;?48>9
!0669 =.9<=9 70=0 /4 2088,49 3,889
.98.6?=9 :<0==9 >,60 =>4>?>9 46
:0<.9<=9 /4 9<408>,708>9 ,6 6,@9<9 0
,66 ([email protected]<=4>I .98 264 =>?/08>4 /0660
.6,==4 ;?48>0
<,2,AA4 =989 =>,>4 47:028,>4 /,6
70=0 /4 [email protected]<0
1489 ,
2088,49 48 ?8 :<920>>9 ,<>4.96,>9 48
=04 48.98><4 [email protected]>4 /?<,8>0 60 9<0 /4
<06424980 .98 46 =?::9<>9 0 6,
.966,-9<,A4980 /0660 :<910==9<0==0
/060 ,6,==9 0 ,>0<48, &96,89
&4 L :,<>4>4 /, ?8 7484 -46,8.49 /0660
'
.97:0>08A0 :0< ,8,64AA,<0 48=4070
,4 <,2,AA4 60 69<9 .,:,.4>I 0
=9:<,>>?>>9 60 69<9 .,<,>>0<4=>4.30
:0<=98,64 .30 =9>>96480,89 6, 69<9
C?84.4>ID , .98=,:[email protected], /4 =0
=>0==4 L =>,>, 6, -,=0 :0< :94
,11<98>,<0 4 >074 /06 6,@9<9 0
/066 ([email protected]<=4>I :0< 4 ;?,64 =989 =>,>4
<0,64AA,>4 /?0 =:0.414.4 48.98><4
19<808/9 =><?708>4 .98.<0>4 0
4819<7,A4984 ?>464 :0< 60 69<9 =.06>0
1?>?<0 8 :,<>4.96,<0 =4 L :,<6,>9 /06
798/9 [email protected]<=4>,<49 :,<>08/9 /,660
69<9 0=4208A0 0 <4.340=>0 @,6?>,8/9
6 9110<>, 19<7,>[email protected], /06 (% 0 60
=:0.414.30 .,<,>>0<4=>4.30 /04 :0<.9<=4
9220>>9 / 48>0<0==0
6 >07, /06 6,@9<9 [email protected] L =>,>9
,11<98>,>9 ,>><,@0<=9 6, @4=4980 /4
.9<>970><,224 =? ,<29708>4 .970 46
.?<<4.?6?7 @4>,0 264 =><?708>4 /4
<4.0<., ,>>[email protected], 0 4 .9669;?4 /4 6,@9<9
970 79708>9 [email protected] L =>,>,
198/,708>,60 6 0=:0<408A, /4 ?8,
[email protected],80 47:<08/4><4.0 69.,60 #,96,
#,697-489 >4>96,<0 /066 ,208A4,
'0<7964 ?#,4< , >0=>47984,8A, .30
,8.30 806 89=><9 >0<<4>9<49 =4 :?J
6?929 /066, <06,A4980 / ,79<0 ><, 894 0
0=H 70>>0 48 <,::9<>9 .98 ?4 0 .98 46
#,/<0 =K /, <08/0<64 48>474 ,66, 89=><,
:0<=98, 8><9/?.0 48
;?066 48,-4>,A4980 <0.4:<9., .30 L 6,
=>0==, @4>, /4 49
8 ;?0=>9 :0<49/9 .30 =02?0 6,
.060-<,A4980 /06 74=>0<9
/066 48.,<8,A4980 =4,79 [email protected]>,>4 ,
.<0=.0<0 8066, 1<0;?08>,A4980 0 8066,
.989=.08A, /066, #,<96, /4 49
=9:<,>>?>>9 ;?066, .30 /4 /97084., 48
/97084., .98 6, 60>>?<, .98>48?, /4
,6.?84 >0=>4 -4-64.4 .4 @4080 :<9:9=>,
8066, =,8>, 64>?<24, *E+
6 =0.98/9 6?929 /[email protected] ,-4>, 0=H L
6 ,6><9 9284 ,6><9 .30 48.98><4 /?<,8>0 6,
249<8,>, C$?,6?8;?0 .9=, 3,4 1,>>9 ,6
:4H :4..969 /04 7404 1<,>0664 69 3,4 1,>>9 ,
70D >
/4.0 0=H 6 74=>0<9
.060-<,>9 , !,>,60 198/, ;?0=>, :,<96,
/4 0=H C.98 6, =?, 48.,<8,A4980
481,>>4 46 42649 /4 49 =4 L ?84>9 48 .0<>9
79/9 ,/ 9284 ?979D &
,6><9 L 80.0==,<49 >9>,6708>0 80 @,
/066, 89=><, =>0==, 0=4=>08A, 0 /066,
89=><, <06,A4980 .98 49 !98 =4 ,-4>,
.98 0=H =0 898 =4 ,..92640 8066,
:<9:<4, @4>, 6 ,6><9 =08A, /4=>48A4984 0
:<010<08A0 /4 =9<>, , <06,A4980 .98
6 ,6><9 L 46 .<4>0<49 /4 24?/4A49 ?84.9 0
48,::066,-460 :0< 08><,<0 8066, /479<,
/01484>[email protected], .30 894 .34,74,79 46
#,<,/4=9 69 =>,>9 /4 1064.4>I .30 .98=4=>0
8066 ,-4>,<0 48 49 110<7, =,8
[email protected],884 C=4,79 :,==,>4 /,66, 79<>0 ,66,
@4>, :0<.3F ,74,79 4 1<,>0664D
@
[email protected]<0779 @[email protected]<0 0 :<[email protected]<0
6, /[email protected] /4 [email protected]/0<0 0=H 806
:<9==479D 48 .96?4 .30 .4 =>, ,..,8>9
,/0==9 $?,8>0 =4>?,A4984 :9><0--0<9
0==0<0 =,8,>0 <4=96>0 ><,=19<7,>0
@4==?>0 .98 =0<084>I =0 .4 0=0<.4>,==479
, 2?,</,<0 928?89 .98 69 =2?,</9 /4
49 .30 48 .4,=.?89 @0/0 46 42649 =?9
6 >0<A9 6?929 /[email protected] ,-4>, 0=H L
6 ?.,<4=>4, &4,79 =>,>4 0/?.,>4 148 /,
:4..964 , <4.989=.0<0 <[email protected]<0 0 ,/9<,<0
0=H :<0=08>0 48 .9<:9 =,82?0 ,847,
0 /[email protected]>I 8066, =,8>, ?.,<4=>4,
7,<>4<4 /4 -4>080 .98 46 69<9 C=480
97484.9 898 :9==?7?=D =08A, 6,
.060-<,A4980 0?.,<4=>4., /97084.,60
898 :9==4,79 @[email protected]<0 3,889
>0=>47984,>9 .98 46 7,<>4<49 6, 80.0==4>I
/4 0=H :0< 6, @4>, @0<, ;?066, .30 898
1484=.0 .98 6, 79<>0 7, =4 .97:40
:408,708>0 8066, :,<>0.4:,A4980 ,66,
@4>, /4 49 .970 14264 806 42649 *E+
%,--K /[email protected] L 6, >?, /479<, )084>0 0
@0/<0>0 970 @[email protected]<0 ;?0=>, :,<96, /06
),82069 0 .9=4 :9>0< ,8/,<0 .98 0=H 0
@0/0<0 08><,<0 1,<0 .97?84980 .98
?4 <0;?08>,8/9 ;?0=>4 6?9234 .30
?4 =>0==9 .4 3, 48/4.,>9 .970 =?,
/479<,*E+ 970 74 :4,.0<0--0 =08>4<
/4<0 /, 928?89 /4 @94 C39 .989=.4?>9 46
:<91?79 /4 49 39 =08>4>9 6, :<0=08A,
/06 &4289<0D :,<960 /4 ?8 [email protected],80 .30
3, :,<>0.4:,>9 ,6 <0.08>0 48.98><9 /04
[email protected],84 .98 46 69<9 @[email protected]
;?06
:<91?79 0 ;?066, =>0==, #<0=08A, .30
=:0<4708>,<989 ;?06 249<89 8/<0, 0
[email protected],884 >,8>9 ?84.9 0 :<9198/9 .30
80 ,889>,89 :0<1489 6 9<, C0<,89 60
;?,>><9 /06 :970<42249D 0 898 :9>0>>0<9
>080<0 6, .9=, :0< =F >,8>9 .30 8/<0,
=?-4>9 .97?84.J 6, =?, 0=:0<408A, ,
&47980 =?9 1<,>0669 ;?0669 .30 /9:9
6 48.98><9 .98 0=H /, $?0=>4 1?
.34,7,>9 #40><9
4,81<,8.9 0 ?.,
!0669 =.9<=9 70=0
.98.6?=9 ?8 :0<.9<=9
/4 9<408>,708>9
'
C.<0,<0 46 :<9:<49 6,@9<9D :,<>08/9
/,6 :<9:<49 -,.52<9?8/
6 #<920>>9 .9=K ,<>4.96,>9 =4 L
,<<4..34>9 /06 [email protected]>9 /04
<,2,AA4 .30 <,..98>,89
C 0=:0<408A, /06 #<920>>9 #964.9<9 L
=>,>, :0< 894 796>9 =428414.,>[email protected], 4
3, :0<70==9 /4 =.9:<4<0 6, <0,6>I /06
798/9 /06 6,@9<9 .4 3, 9<408>,>4
@0<=9 ?8, 1?>?<, =.06>, [email protected]<=4>,<4,
/98,8/9.4 :<0A49=4 .98=4264 :0<
48><,:<08/0<0 ;?0=>9 [email protected]
.,77489 /066, 89=><, @4>,
&4.?<,708>0 6, :<0=08A, /0264
,847,>9<4 /4 .97?84>I #,=;?,60 0
46/, L <4?=.4>, 7,2249<708>0 ,
[email protected]<.4 48 ;?0=>, 0=:0<408A,
>><,@0<=9 60 69<9 >0=>47984,8A0 0 6,
69<9 /4=:984-464>I =4,79 <4?=.4>4 ,/
4=>,?<,<0 ?8 <,::9<>9 ,[email protected] 0
647:4/9 0 ,--4,79 ,@?>9 6,
:9==4-464>I /4 0=:9<<0 4 89=><4 /?--4
60 89=><0 48.0<>0AA0 0 60 89=><0
.?<49=4>I 48 7,840<, ><,8;?466, .98
6, .0<>0AA, .30 0==0 @084==0<9
=9//4=1,>>0 %482<,A4,79 4896><0 6,
89=><, #<910==9<0==, /4 <06424980
,>0<48, &96,89 :0< ,@0<.4 .98.0==9
6, :9==4-464>I /4 :9>0< :,<>0.4:,<0 , ;?0=>9 :<920>>9 64
=>?/08>4 /066,
<4.,D
?2?<49 1,>>9 ,4 <,2,AA4 =4 :?J =48>0>4AA,<0
<4.34,7,8/9 60 :,<960 /4 '4A4,89 '0<A,84 C898 1,>[email protected]
48><,::96,<0 48 <?964 .30 898 @4 :4,..4989 :0<.3F =4 :?J
1,<0 6B,@@9.,>9 46 70/4.9 46 249<8,64=>, 69 :=4.9,8,64=>,
46 7?<,>9<0 46 1,--<9 " & #("B %
! "
$(
&
D
#,=;?,60 %4..49 0 46/, ,6.980
847,>9<4 /4 97?84>I /06 #<920>>9 #964.9<9
/066, 49.0=4 /4 '0<7964 ,<489
| Termoli . Larino
10--<,49
|
PIAZZA SANT'ANTONIO, 8 - C.P. 155 , 86039 TERMOLI (CB) | TEL. 0875 707148 | FAX. 0875 707148
6 08><9 /4 &,6?>0 08>,60 <,::<0=08>, 46 1?6.<9 /066, :<[email protected] /066, .?<,
/066 ,==4=>08A, 0 <4,-464>,A4980 /04 :9<>,>9<4 /4 /4=,249 :=4.34.9 48 ,==9 964=0
&
, 7,6,>>4, 708>,60 L
19<=0 ?8, /0660 .,?=0 /4
/4=,249 =9.4,60 .30 :4H
:<09..?:, :0<.3F
=:0==9 47:<9:<4,708>0
<4>08?>, =4898479 /4
:0<4.969=4>I 0 47:<[email protected]/4-464>I
$?0=>9 =>427, @4080 /0=.<4>>9
/, =07:<0 796>9 -080 8066,
60>>0<,>?<, / 0=07:49 "1064,
L ><, >?>>4 4 :0<=98,224 /4
&3,50=:0,<0 ;?0669 .30 :4H
<,::<0=08>, 6, 1<,2464>I /066,
:0<=98, .30 <0,24=.0 ,/ ?8
/969<0 47708=9 6, 79<>0 /06
:,/<0 =:0<4708>,8/9 6,
7,6,>>4, 708>,60 8 964=0 806
L 8,>, C , .,=, /4 "1064,D
;?0=>9 46 8970 /06 08><9 /4
&,6?>0 08>,60 /4 '0<7964
=4>?,>9 :<0==9 6, =0/0 /06
@0..349 "=:0/,60 46 .08><9
>0<<4>9<4,60 .30 <,::<0=08>, 46
1?6.<9 /066, :<[email protected] /066,
.?<, /066 ,==4=>08A, 0
<4,-464>,A4980 :0< 4 :9<>,>9<4 /4
/4=,249 708>,60 0 /04 69<9
1,7464,<4 4/096924, /06 &
L 488,8A4>?>>9 ;?066, /4
:<[email protected]<0 6, =,6?>0 708>,60
.98 ?8 :<920>>9 .30 898 =4
6474>4 ,66, =96, >0<,:4, /06
/4=>?<-9 708>,60 7,
,>><,@0<=9 6, <4=9<=0 /06
>0<<4>9<49 /, 48/[email protected]/?,<0
=?::9<>,<0 0 47:60708>,<0
,4?>,<0 60 :0<=980 ,110>>0 /,
7,6,>>40 :=4.34.30
8066 48.6?=4980 =9.4,60 0
8066 48=0<4708>9 6,@9<,>[email protected]
,..92640<0 4 -4=9284 48>0=9
.970 /4<4>>9 48,6408,-460 0/
48/4110<4-460 /066 48/[email protected]/?9
,>>[email protected],<0 6, :,<>0.4:,A4980 /4
A408/, &,84>,<4, 8>4 9.,64
"<2,84=74 148,64AA,>4
,66 48>02<,A4980 =9.49
=,84>,<4, 99:0<,A4980
&9.4,60 97?84>I ?<9:0,
8066, 19<7?6,A4980 0
,>>?,A4980 /04 :<920>>4 :0< 46
.4>>,/489 48>02<,8/9 60
=:0.414.30 <4=9<=0 6 &
/4<0>>9 /,6 /9>>9< 82069
,648.984.9 =4 ,@@,60 /4
0/4.4 #=4.34,><4 #=4.96924
==4=>08>4 &9.4,64 0 810<740<4
96><0 ,/ 9:0<,>9<4 /0660
.99:0<,>[email protected] =9.4,64 0;?4:0
7?6>4/4=.4:648,<0 ?8, @96>,
C , ,=, /4 "1064,D
L
,@@08?>, 6, :<0=, 48 .,<4.9
48=4070 , 142?<0 4=>4>?A498,64 0
>,[email protected]>, ,8.30 48
.966,-9<,A4980 .98 4 1,7464,<4
/066, :0<=98, .98 /4=,249
708>,60 :<92<,77, :<920>>4
>0<,:0?>4.4 48/[email protected]/?,64 6
.08><9 ,:0<>9 >?>>4 4 249<84 /,6
Giornata
di spiritualità
per giovani
coppie
e famiglie
6?80/K ,6 @080</K /,660 ,660
0 46 =,-,>9 1489 ,660
L ?8 :9
46 .0<@0669 /4 >?>>, ?8, =0<40 /4
=0<@4A4 ,7-?6,>9<4,64
<0=4/08A4,64 =074 <0=4/08A4,64 0
/0264 48>0<@08>4 /974.464,<4
!04 69.,64 ,>>42?4 ,6 &
@4
=989 4 =0<@4A4 =074<0=4/08A4,64
9110<>4 /,6 08><9 4?<89 0 /,6
08><9 &9.49 ,@9<,>[email protected] 6
:<479 /4 ;?0=>4 20=>4>9 /,66,
99:0<,>[email protected], C [email protected]<=, 08>0D
/I 6, :9==4-464>I ,4 =?94 ?>08>4
/4 <4=9.4,64AA,<0 <4,-464>,<=4 /4
,::<08/0<0 46 6,@9<9 $?0=>9
,>><,@0<=9 @,<40 ,>>[email protected]>I 6?/4.9
0/?.,>[email protected] .970 ,<>0 0 :4>>?<,
=:9<> .4807,>92<,14, ?=.4>0
0=>0<80 .?.48, 0 898 ?6>47, 6,
<0,64AA,A4980 /4 ?8 249<8,6489
>?>>0 ;?0=>0 ,>>[email protected]>I @082989
[email protected]>0 , >?<89 /,264 ?>08>4 =9>>9
6, =?:0< @4=4980 /0264
9:0<,>9<4 0 9:0<0 ,<>4=>4.30
.<0,>0 .,<,>>0<4AA,89 60 :,<0>4
/4 >?>>9 46 &
08><0 46
08><9 &9.49 ,@9<,>[email protected]
Q
uando lo Spirito Santo non fa
parte del matrimonio, Uomo e
donna possono vivere due vite
parallele. Vivono sotto lo stesso tetto,
condividono alcune o molte cose casa,
figli, hobby, ma in sostanza, guardano
solo ai loro interessi. Senza lo Spirito,
l'unione dei due è debole. Essi non
stanno vivendo la completa pienezza di
essere "una sola carne". Lo Spirito Santo
donato il giorno delle Nozze rende
stabile l’unione in un progetto concreto
METTI SPERANZA E OGNI
GIORNO SARÀ ILLUMINATO
“Annunciate
la speranza
in Cristo Risorto!”:
così il Vescovo
esorta a
realizzare
il progetto di Dio
E
rano decisamente più di 2 i ragazzi che,
venerdì 24 Gennaio, hanno partecipato
all’incontro mensile “Dove 2 o più” nella
chiesa di Gesù Crocifisso di Termoli. Una chiesa
gremita di giovani venuti da tutta la diocesi
per vivere, insieme al Vescovo Gianfranco De
Luca, un momento di preghiera ispirato alle
parole di Papa Francesco: “Metti speranza e
20=>4>9 /,66, 99:0<,>[email protected], C 6
9=,4.9D 48=0<4=.0 60 :0<=980
806 798/9 /06 6,@9<9 ,
99:0<,>[email protected], C 6 9=,4.9D
9..?:, 60 :0<=980 /4 .?4 =4
:<08/0 .,<4.9 48 [email protected],<4,>4
=0<@4A4 20=>4980 708=0
=.96,=>4.30 :?64A40 <0=>,?<9
79-464 8>0<0==,8>0 46 :<920>>9
4/0,>9 .98 6, 02, >,64,8,
#<9>0A4980 (..0664 .30 3, @4=>9
264 ?>08>4 /06 & 47:028,>4
8066, .9=><?A4980 /4 .,==0>>0 48
60289 896><0 =>,889
<0,64AA,8/9 ,8.30 ?8 :<920>>9
.98 6 =>4>?>9 6-0<2340<9 /4
'0<7964 6 &
2?4/, ,8.30
/?0 97?84>I %4,-464>,>[email protected]
=4>?,>0 , ,=,.,608/, 0 20=>4>0
/,66, 99:0<,>[email protected],
C!,</,..34980D 96><0 ,/ 911<4<0
=0<@4A49 ,7-?6,>9<4,60 .30
:<[email protected]/0 @4=4>0 =:0.4,64=>4.30
:=4.34,><4.30 .9669;?4
.0<>414.,A4984 .98=?608A0
48>0<@08>4 :=4.96924.4
:=4.9>0<,:40 48/[email protected]/?,64 /4
E’ una luce divina che trasforma la vita
degli sposi affiche’ non sia vissuta
nell’intimità del rapporto “io-tu-figli”,
“stiamo bene assieme e gli altri non ci
interessano”, ma deve poter illuminare la
comunità: Dio illumina e ama il suo
popolo attraverso l’Amore degli sposi.
Senza lo Spirito, l'unione dei due è
debole. I due sono vicini, ma non uniti.
Essi non stanno vivendo la completa
pienezza di essere "una sola carne"
(Commissione per la famiglia).
ogni tuo giorno sarà illuminato e il tuo
orizzonte non sarà più oscuro, ma
luminoso”.
L’invito a riempire di speranza i nostri
giorni è rivolto a tutti, ma soprattutto ai
più giovani, chiamati ad inondare questo
nostro mondo, ogni giorno più arido di
gioia e assetato di speranza.
“Annunciate la speranza in Cristo
Risorto!”, così il Vescovo esorta a non
essere preda degli inestinguibili desideri
umani, ma ad avere fede nella speranza di
realizzare quel progetto che Dio ha su
.9::4, /4 2<?::9 0 /06 8?.609
1,7464,<0 20=>4=.0 264
,7-?6,>9<4 /4 ,<489
98>080<9 /4 4=,..4, 0 &,8>,
<9.0 /4 ,264,89 896><0
6 0;?4:0 7?6>4/4=.4:648,<0 L
47:028,>, 8066,
:,<>0.4:,A4980 ?114.4,60 ,66,
9774==4980 /4 (84>I /4
),6?>,A4980 6A30470< :<0==9
46 :964,7-?6,>9<49 /4 ,<489
898.3F 8066 ,==4=>08A,
70/4.9 :=4.96924., :<0==9 46
,<.0<0 /4 ,<489 , =07:<0 46
.08><9 L ,>>08>9 ,6 /4,6929 .98
60 1,742640 /0660 :0<=980 .30
,11<98>,89 46 /4=,249 708>,60
0/ 9=:4>, 6 ,==9.4,A4980 .30
0==4 3,889 .9=>4>?4>9 .34,7,>,
C 8.98><,<=4D ;?0=> ?6>47,
,>>?, 48.98><4 /4 .,<,>>0<0
4819<7,>[email protected] 0 :=4.9
0/?.,A498,60 ?>464 :0< 46
=9=>0289 1,7464,<0 ,:0<>4 ,
>?>>4 (8, /0660 :<9==470
484A4,>[email protected] /06 &
0 /0660
.99:0<,>[email protected] =,<I 6,
<0,64AA,A4980 /4 ?8
9<>970><,2249 /[email protected] 264 ,>>9<4
=,<,889 264 ,==4=>4>4 /06 .08><9
48=4070 ,/ ,>>9<4
:<910==4984=>4 =? ?8 >0=>9 /4
&>01,89 ,<>, 8?>460 /4<0 .30
46 /4<0>>9<0 46 /9>>9< 82069
,648.984.9 898 @?960
,8>4.4:,<0 8?66, 48 7,840<,
796>9 08427,>4., .4 3, /0>>9
.30 =4 ><,>>0<I /4 ?8 >3<4660<
:=4.96924.9 :0< :94
,224?820<0 $?0=>9 1467 L ?8
?6>0<49<0 ,>>9 :0< >9..,<0 46
>07, /066, 80.0==4>I /4 >080<0
@[email protected], 6, .?<49=4>I =?66 9:0<, /4
.97:<08=4980 /06 /4=>?<-9
708>,60 ==9 898 8,=.0 ,
.,=9 0 9..9<<0 =07:<0
=:08/0<0 080<240 :0< 6,
.97:<08=4980 /066, 7,><4.0
:=4.96924., <06,A498,60
1,7464,<0 /06 /4=,249
#?<><9::9 .4 =989 ,8.9<,
><9::0 .,<08A0 80660 <4=9<=0
=,84>,<40 0 =9.4,64 9..9<<0 .30
=4 :<08/, .9=.408A, ,8.30
-08 @,6?>,8/9 4 .9=>4 /04
7,8.,>4 48>0<@08>4 :<0.9.4
&:0<4,79 /4 0==0<0 [email protected]>,>4 ,66,
:<47, /06 .9<>970><,2249
,<708 ),==,664
PROGRAMMA PROSSIME ATTIVITÀ
23 febbraio 2014: giornata di spiritualita per
giovani coppie e famiglie; tema: “la luce delle
nozze” presso la casa di formazione diocesana beato
Giovanni XXIII.
06 aprile 2014: incontro diocesano dei fidanzati
con il Vescovo presso Santuario della Difesa –
Casacalenda. 05 luglio 2014: festa diocesana delle
famiglie P.za monumento – Termoli.
08-10 agosto 2014: weekend estivo per coppie e
famiglie presso casa di formazione diocesana beato
Giovanni XXIII.
ognuno di noi. Nelle mani dei ragazzi il
Vescovo ha consegnato alcuni semi di
girasole con l’augurio che, come questo
fiore segue senza sosta la luce del sole,
così ognuno possa seguire sempre la luce
di Cristo e diventare “seminatore” di
speranza.
La partecipazione è stata numerosa anche
nel momento di animazione che ha seguito
la preghiera.
Con canti, balli e pizza si è conclusa la
gioiosa serata.
Debora Tambone
| Trivento
| 28 febbraio 2014
PIAZZA CATTEDRALE, 15 - 86029 (CB) | TEL. E FAX 0874 871745
PELLEGRINI CHE SEMINANO SPERANZA
L'
incontro è fra quelli che ti segnano, ti caricano, ti entusiasmano, ti rinnovano... anche l'attesa,
pur gelida e lunga, assume un significato denso di speranza, di fede, di amore... Anche chi ti
passa accanto, frettoloso, chi fa la fila con te, chi cerca di spingere per guadagnare una
postazione, ai tuoi occhi è il fratello, il compagno, la persona prima sconosciuta e poi quasi
amica che abbozza un sorriso, ti chiede e si guarda attorno scrutando dietro la folla incappucciata se starà
arrivando... E poi, tra un boato di voci festanti, si intravvede un abito bianco, una figura familiare, un volto
disteso, sorridente, una mano benedicente che si allunga per accogliere tutti, ber prendere in braccio i
bambini e dare loro la carezza e il bacio che ognuno si aspetta, con il cuore colmo di una gioia e di una
commozione che si fa fatica a descrivere....E' finalmente tra noi, Papa Francesco, il nostro papa, il fratello,
l'amico, il compagno di viaggio, il confidente, il nonno, la persona a cui raccontare i segreti e le speranze, i
dubbi e le preoccupazioni e da cui attingere la forza
per affrontare la vita con i suoi alti e bassi, le sue
Le emozionanti riflessioni di un partecipante gioie e le sue angosce, per accettare le nostre miserie,
all’udienza generale col Santo Padre.
senza sentirsi sopraffatti da esse! Quando poi, ha
iniziato a parlare rivolgendoci il suo sguardo, nella
Nemmeno il freddo e la pioggia hanno
gremita e vociante Piazza San Pietro è sceso un
scoraggiato i tanti pellegrini in attesa
silenzio quasi irreale... sotto i berretti, avvolta nei
di incontrare papa Francesco.
cappotti la gente ascolta e comprende perché il suo è
“Siamo come i discepoli di Emmaus in
un parlare semplice, diretto, profondo e toccante...
cammino... pellegrini che seminano speranza La catechesi che ti porti nel cuore, in strada, a casa,
e resurrezione e annunziano giorni di
sul posto di lavoro, fra tanti che non credono e altri
che sono alla ricerca...che ti interroga e ti risponde e
crescente e fraterna solidarietà”
che aspetta solo di essere vissuta. In coloro che
credono deve essere forte il legame tra la fede
professata e la vita quotidiana e il messaggio di papa
Francesco è chiaro quando invita tutte le famiglie
cristiane con figli a non interrompere il percorso di
iniziazione cristiana, favorendo la preparazione e
l'accoglienza del Sacramento della Cresima,
attraverso il quale, grazie all'azione dello Spirito
Santo, tutti siamo chiamati ad essere gli artefici e i
testimoni credibili del Vangelo di Cristo! Papa
Francesco, come sempre nei suoi interventi, si è
fermato quando alcune gocce di pioggia hanno fatto
capolino costringendo i presenti ad aprire un mare
di colorati ombrelli, per dire: “ Sono diversi
mercoledì che lassù ci vogliono bene e ci
benedicono!”. Di tutto questo sono stato testimone,
in qualità di rappresentante della Fondazione
Antiusura S. Pietro Celestino delle Diocesi molisane,
mercoledì 29 gennaio all'udienza generale, in piazza
san Pietro, insieme agli altri membri della Consulta
Nazionale Antiusura che ha organizzato l'evento.
Nel primo pomeriggio ci siamo raccolti tutti nella
Basilica per partecipare alla Liturgia Eucaristica
presieduta dal cardinale Angelo Comastri che
nell'omelia ha avuto parole di apprezzamento e
gratitudine per chi mette a disposizione il proprio
tempo e le proprie energie per eliminare le tante
povertà legate all'usura, al gioco d'azzardo e alle
estorsioni presenti su tutto il territorio nazionale.
promuovere la cultura del dono per far
Ricordando a tutti che Gesù, fattosi povero per noi, è
L’obiettivo: educare ad
sì che ogni atto terapeutico sia
venuto non per essere servito, ma per servire, ha
una cultura del dono di sè
espressione anche di relazione umana
invitato ad amare come Lui i nostri fratelli e a
gli operatori pastorali e sanitari,
autentica, vissuta nella gratuità del
soccorrerli nelle emergenze della loro vita.
rapporto e nella fraternità. per cui è
Commovente e partecipata è stata anche la preghiera
le stesse persone ammalate
compito fondamentale della pastorale
conclusiva comunitaria che riporto integralmente
e
sofferenti,
le
famiglie
e
della salute "stare accanto ai malati e
nella speranza che ognuno doni un pezzetto del suo
tutta la comunità cristiana
alle persone sofferenti e
cuore a chi è nel bisogno perché “Il Signore ama chi
accompagnarle al dono di sé, fino
dona con gioia” (2 Cor 9, 7).
all’offerta della propria sofferenza in
“Siamo come i discepoli di Emmaus, in cammino...,
unione a quella di Cristo per la
pellegrini che seminano speranza e resurrezione e
meditato. La celebrazione diocesana
salvezza del mondo". Per questo
annunziano giorni di crescente e fraterna solidarietà
poi si è svolta a Poggio Sannita, nella
motivo è necessario che la Chiesa
nonostante i “tre giorni” vissuti nell'angoscia e nel
Chiesa Parrocchiale di Santa Vittoria.
locale prenda coscienza dellnecessità
dubbio dello “speravamo che...”. Portiamo la Pasqua
Qui è stata organizzata una tre giorni
di una pastorale inclusiva in ospedale,
negli occhi: doniamo la Pasqua in cui
di preparazione all'evento, con
in parrocchia e nelle associazioni...
crediamo,quando diciamo allo sfiduciato di non
l'intervento, sabato 8 febbraio alle
che valorizzi realmente presenze e
temere e al disperato di non aver paura; quando
17.30 in Santa Vittoria, di don
ricchezza delle persone ammalate,
infondiamo gioia e coraggio, certi che Tu sei con noi,
Francesco Martino, domenica 9
non solo come destinatari della
Signore, che hai vinto la morte e la paura ed ora ti fai
febbraio, stesso luogo ed ora, di don
missione evangelizzatrice ma come
nostro compagno di viaggio.
Mimì Fazioli, vicario generale, lunedì
protagonisti della stessa, affinché la
Sono sempre più numerosi lungo le nostre strade i
10 febbraio di don Paolo del Papa, e
loro partecipazione alla vita della
discepoli di Emmaus, o Signore: si donano e donano
martedì 11 febbraio la celebrazione
comunità … non sia un’esperienza
senza interessi, offrono e stringono le mani senza
diocesana, con visita di mons.
straordinaria. Alle parrocchie, si riservi
trattenerle, capaci di gratuità, di gesti di solidarietà,
Domenico Angelo Scotti agli anziani e
un'attenzione particolare
di condivisione e di paziente fraternità.
ammalati della Residenza "Cosmo
promuovendo anche la nascita di
Pasqua è ogni giorno per chi si accompagna a te, o
Maria de Horatiis", alle ore 16.00,
referenti di pastorale della salute, che
Cristo: Pasqua è quando scrivi sui sentieri del
quindi il Santo Rosario Meditato, la
animino e tengano desta l’attenzione
tempo pagine di luce e di speranza arricchendo di
celebrazione Eucaristica, e
per questo specifico ambito
bene il cuore di tutti, curando le ferite della
l'Adorazione in Santa Vittoria dalle ore
pastorale".
solitudine, i cantieri dell'emarginazione e
16.30, con l'intervento dei volontari
Nella Diocesi di Trivento, quest'anno,
dell'egoismo, sanando le piaghe da insopportabili
dell'Unitalsi diocesana.
ci sono state diverse manifestazioni:
schiavitù, violenze, profitti e tradimenti per pochi
Altre celebrazioni si sono tenute nelle
ad Agnone, nella mattinata, c’è stata
soldi... la Pasqua: ora lo sappiamo.... è una luce per
case di riposo della Diocesi e in diverse
una celebrazione speciale a San
tutti, chiamati a scrivere “il quinto Vangelo” sulle
parrocchie. Ci auguriamo che il primo
Bernardino presieduta dal Direttore
orme dei discepoli di Emmaus. Per questo, Tu, o
frutto di questa giornata speciale
Diocesano UPS alle ore 9.15 con
Signore, ci inviti a non adagiarci sui risultati
faccia maturare in tutti una maggiore
l’amministrazione del Sacramento
raggiunti e a non roderci l'animo con i dubbi, i se...
attenzione e una cristiana sensibilità
dell'Unzione degli Infermi. Presso lo
i forse..., ma a guardare nel tuo cuore il cuore dei
verso gli ammalati e i sofferenti,
Stabilimento Ospedaliero Caracciolo i
fratelli, ad amarli con il Tuo cuore e a condividere
oggetti privilegiati non solo della
volontari dell'Unitalsi diocesana
la realtà di questa terra, pensando ai tesori che non
Chiesa ma di tutti i servizi sanitari, i
hanno consegnato una piantina di
marciscono lassù dove il Tuo cuore, il nostro cuore
cui membri dovrebbero sempre
buon augurio ai ricoverati e la
ed il cuore dei poveri si sentono un unico cuore.
mettere loro e i loro bisogni al centro
preghiera della giornata, mentre il
Donaci la luce della Tua presenza e del Tuo
della precipua e disinteressata azione
sottoscritto, in veste di cappellano
Vangelo, Cristo Gesù come il giorno di Pasqua ai
umana ed assistenziale.
ospedaliero, alle ore 11.00, ha
discepoli di Emmaus, perché ritorniamo tutti colmi
celebrato nella cappella ospedaliera
di gioia nel Cenacolo di Gerusalemme:
don Francesco Mar tino
per tutti gli operatori sanitari, familiari
condivideremo oggi e sempre il pane della
D IRET TORE DIOCE SANO E D ELE GATO
e malati, ha amministrato anche qui il
fraternità, della speranza e della solidarietà,
DE LL A RE GION E E CC LES IALE
Sacramento dell’Unzione degli
costruttori della civiltà dell'amore. Amen”.
AB RU ZZO/MOLIS E DE LL'U PS
Infermi, e nel pomeriggio alle ore
Mi che le Ioc ca
17.30 ha guidato il Santo Rosario
GIORNATA
MONDIALE
DEL
MALATO
11 febbraio 2014 l'intera
Chiesa ha celebrato, in unità
con Papa Francesco, la XXII
Giornata Mondiale del
Malato, dal titolo "Fede e carità: anche
noi dobbiamo dare la vita per i
fratelli". Papa Francesco, nel dare
l'input per la celebrazione di
quest'anno, vuole che ogni cristiano
ricordi in ragione del dono di Cristo
sulla croce, che ciascuno deve dare la
vita per i fratelli e per i fratelli
sofferenti, come Buon Samaritano,
con il dono totale di sé, accostandosi
con tenerezza a coloro che hanno
bisogno di cure, portando la speranza
e il sorriso di Dio nelle contraddizioni
del mondo, sull'esempio di Maria di
Nazareth, che ci invita a crescere nella
tenerezza: infatti, non possiamo
amare Dio se non amiamo
concretamente i fratelli. L'Ufficio
Nazionale della CEI per la Pastorale
della salute sottolinea l’importanza di
educare alla cultura del dono
operatori pastorali e sanitari, persone
ammalate e sofferenti, famiglie e tutta
la comunità cristiana. La vita
dell’uomo è un dono ricevuto che
trova la sua pienezza e il suo
completamento solo quando viene
ridonata con generosità ai fratelli. Ma
perché questo sia possibile, occorre
che ci lasciamo formare dallo Spirito
del Vangelo alla carità e alla
misericordia, vera profezia in una
società che conosce forti accenti di
egocentrismo, e che talvolta è segnata
fortemente dalla cultura dell’avere, del
consumare e dello sprecare".
Promuovere “la cultura del dono” per
la pastorale della salute significa
anzitutto affermare il riconoscimento
incondizionato della dignità di ogni
persona umana, trasparente
immagine del Cristo. È necessario poi
il riconoscimento ontologico della
dimensione sociale della persona
umana, la dimensione della fraternità
e l'essere comunità in relazione. Gli
operatori sanitari, ministri della vita,
sono provocati e incoraggiati a
scoprirsi soggetti attivi nel
L’
| Trivento
28 febbraio 2014 |
PIAZZA CATTEDRALE, 15 - 86029 (CB) | TEL. E FAX 0874 871745
Un master per formare cooperatori
per "Politiche e servizi
per la riduzione della povertà"
CRESCERE
PER
COOPERARE
L
a Caritas Diocesana di Trivento intende diffondere il bando per la selezione di
n.1 partecipante (eventualmente estensibile a n.2 partecipanti) al master in
oggetto, al fine di un coinvolgimento nei lavori di progettazione di interventi per
le famiglie disagiate, per la promozione della Caritas stessa e la conduzione dei
Centri di Ascolto diocesani. La partecipazione al master non comporta nessun
impegno da parte della Caritas, ma pone le basi per future collaborazioni vincolate alla
disponibilità di fondi. Oltre ai requisiti e alle modalità previste nel bando allegato, si
richiede la residenza in uno dei Comuni della Diocesi di Trivento e la disponibilità ad
impegnarsi nelle varie attività intraprese (e da intraprendere) a livello diocesano e
regionale (Abruzzo-Molise). Ogni interessato ha due possibilità: 1) rispondere
direttamente al bando allegato seguendo le
indicazioni riportate nel bando stesso e
senza sottostare alla selezione diocesana;
una comunicazione contenente le
2) inviare la richiesta alla Caritas la quale
seguenti informazioni: Nome,
contribuirà al pagamento di una parte
cognome, luogo e data di nascita,
della quota di partecipazione specificata
residenza, titolo di studio, copia del
nel bando, lasciando al partecipante
Curriculum vitae, copia di un
(oppure ai 2 partecipanti) l'onere di 180
documento di riconoscimento e la
euro. La Caritas partecipa
liberatoria al trattamento dei dati
economicamente a n.1 borsa, ma nel caso
personali ai sensi del D.lgs196/03.
in cui non venga raggiunto il numero
La domanda e la documentazione
massimo di 20 partecipanti al master, c'è la
dovranno pervenire entro e non oltre il
possibilità di consentire l'inserimento di
28 febbraio 2014, pena il rifiuto della
un ulteriore partecipante con le stesse
richiesta, alla Caritas Diocesana di
condizioni economiche del primo. Nel
Trivento, c.so Umberto I, 66040
caso la Caritas riceverà più di una richiesta, Castelguidone (CH) oppure all'indirizzo
sarà avviata una procedura di selezione per email: [email protected]
colloquio tramite una commissione
Mic hel e Fus colett i
esterna alla Caritas. Per candidarsi alla
selezione diocesana è necessario inviare
UN CORSO PER MINISTRI
STRAORDINARI DELLA COMUNIONE
Questo ministero richiede una specifica preparazione
pastorale e liturgica nella quale si pone in luce
il vincolo che esiste fra il malato e il mistero di Cristo sofferente
urante il prossimo mese di maggio si terrà il corso per i ministri
straordinari della Comunione. Ogni parroco ha il compito di individuare,
approvare e presentare al Vescovo persone (uomini e donne) idonee allo
svolgimento di questo servizio.
Le persone devono aver compiuto 21 anni e non più di 60 anni. Il Vescovo,
conoscendo il candidato e considerando la situazione pastorale della parrocchia,
può però derogare a questa norma.
I candidati devono distinguersi per:
• maturità umana;
• vita cristiana coerentemente vissuta;
• partecipazione alla vita liturgica parrocchiale e alle attività
pastorali organizzate dalla parrocchia
• piena e totale comunione ecclesiale;
• pietà eucaristica esemplare;
• disponibilità al servizio fatto gratuitamente e con cristiana
umiltà;
• delicata capacità di incontro e dialogo con i malati e gli
anziani;
Non vengano scelte persone che possano dare motivo di
stupore agli altri fedeli.
I candidati devono essere formati in modo speciale
all’esercizio del loro ministero partecipando agli incontri di
base e di aggiornamento previsti dal Vescovo e organizzati
dall’Ufficio liturgico diocesano.
La presenza ai corsi e alla celebrazione del mandato sono
obbligatori.
Il ministero della Comunione è straordinario ed è
temporaneo. Il mandato ha la durata di tre anni e non si
rinnova automaticamente. Alla scadenza triennale, il
ministro può ottenere il rinnovo del mandato, sempre su
richiesta del proprio parroco, fatta salva la partecipazione ai
D
UNA REALTÀ TUTTA NUOVA
RETESICOMORO:
UNA VERA
OPPORTUNITÀ
avigando su internet trovi il sito www.ReteSicomoro.it
caratterizzato da questo simbolo: il tronco e i rami
rappresentano la Croce. La Croce imprime una
spinta verso l'alto ed è aperta come braccia che
accolgono, la chioma dell’albero, leggera e mossa, si
espande e si innalza attorno alla Croce ed è tutto ciò che costruiamo attorno,
infatti noi siamo chiamati a costruire e crescere attorno alla Croce.
L’ispirazione viene da Vangelo di Luca «Entrato in Gerico, [Gesù] attraversava
la città. Ed ecco un uomo di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco,
cercava di vedere quale fosse Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla,
poiché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per poterlo vedere, salì su
un sicomoro, poiché doveva passare di là.» (Luca 19, 1-4). Per riuscire a
scorgere Gesù, Zaccheo sale su un sicomoro. Innalzandosi sull’albero (non
solo fisicamente, ma anche spiritualmente), non vuole solo vederlo, ma anche
capirlo: ecco che il sicomoro diventa lo strumento per avvicinarsi a Cristo.
Zaccheo, pronto ad innalzarsi per vedere oltre a sé, è un uomo che ricerca e
che, nel suo percorso di vita, trova. A partire da questi significati,
ReteSicomoro si pone come obiettivo quello di essere uno strumento per
aiutare le organizzazioni cattoliche nello sviluppo e nella valorizzazione dei
loro progetti, affiancandole per portare un aiuto nella loro preziosa opera di
testimonianza culturale e sociale. ReteSicomoro, un progetto del mondo
religioso per il mondo religioso, è:
• un portale gratuito per la diffusione di contenuti informativi e servizi
formativi tra le realtà cattoliche;
• una realtà al servizio di enti religiosi, parrocchie, congregazioni, comunità,
associazioni, scuole, istituti e singoli fedeli;
• formazione ed informazione continua su temi di carattere culturale,
teologico, artistico, gestionale, scolastico e giovanile;
• formazione ed informazione continua sulla ricerca di contributi e
finanziamenti;
• uno spazio per condividere esperienze, progetti, idee.
Per questo, maggiori sono il numero e le tipologie di realtà che partecipano a
ReteSicomoro, più grande sarà anche il risultato. Ma vale la pena cliccare su
“sostegno” dove ci sono due link interessanti:
Contributi e finanziamenti locali e
Contributi e finanziamenti nazionali ed europei
Infatti Sostengo è un servizio informativo gratuito realizzato per far conoscere
alle organizzazioni cattoliche l'esistenza di bandi locali, nazionali ed europei
(sia pubblici che privati) che danno la possibilità di ottenere contributi e
finanziamenti per progetti in molteplici settori di interesse: dall'arte alla
cultura, dallo sport alle attività ricreative, dall'ambiente allo sviluppo del
territorio, dalla ricerca alla formazione ed all'educazione, dalla sanità alle
attività socio-sanitarie, dalla tutela dei diritti umani e civili all'inclusione
sociale. Inoltre, se si è interessati a partecipare ad un bando specifico, è
possibile chiedere agli esperti professionisti collaboratori di ReteSicomoro
una consulenza nella presentazione della domanda di contributo o
finanziamento, valutando insieme a loro il modo migliore per presentare il
proprio progetto.
N
corsi di aggiornamento.
I parroci avranno cura di chiedere il
rinnovo solo per quei ministri che hanno
la possibilità di esercitarlo con continuità
e siano nelle condizioni di adempiere
fedelmente i requisiti richiesti (visita agli
ammalati la domenica, partecipazione ai
corsi formativi,…).
Le tematiche degli incontri formativi
saranno: L’Eucaristia, teologia e
celebrazione; L’Eucaristia come servizio e
testimonianza della carità; La psicologia
del malato e della famiglia: come stare
accanto al malato; L’identità e il ruolo del
ministro straordinario della Comunione
con indicazioni pratiche
nell’espletamento di questo servizio.
m ons. Luca Ma st rang elo
Azione cattolica diocesana
Rinnovo del
Consiglio
diocesano
I
l 19 gennaio 2014 si
è svolta a Trivento,
presso il salone del
Seminario diocesano, l’assemblea
elettiva dell’Azione cattolica diocesana
per il rinnovo del Consiglio diocesano.
mons. Scotti ha presieduto la Santa
Messa, che è stata celebrata presso
l’Episcopio. Nel pomeriggio, dopo il
saluto del Vescovo di Trivento, la
Commissione elettorale ha assicurato lo
svolgimento regolare delle votazioni per
il rinnovo del Consiglio diocesano, che,
subito dopo la proclamazione, si è
riunito per formulare, così come
prevede l’Atto Normativo Diocesano
dell’Azione Cattolica, la proposta per la
nomina del Presidente diocesano,
indicando tre nominativi da trasmettere
al Vescovo affinché provveda,
nell’ambito della terna, alla nomina.
Il Consiglio diocesano ha deciso di
riunirsi ancora il 9 febbraio per l’elezione
dei membri della Presidenza.
Il nuovo Consiglio Diocesano risulta così
composto: Di Lisa Valentina, Izzo Bruna,
Sallustio Giuseppina, Sferra Rita,
Macoretta Rita, Brunetti Antonietta,
Sticca Maria, Giambattista Teresa,
Poleggi Adriana, Bottini Consiglia.
Abbiamo affidato alla Vergine Maria i
frutti dell’appuntamento assembleare e
le persone prescelte affinché Lei, la
Madre dolcissima, ci aiuti a riscoprire la
gioia della vita e a ringraziare Dio per
quanto ogni giorno compie nelle nostre
vite, nella storia della Chiesa.
Pina Sal lus tio
|
1 41/8+ 5/'3-+ 1' 8:' 57/2' ;/99/2'
8974=='9' 8+2(7+7+((+ *'11+ )'79+11+
+8'9947/'1/ */ 6:/9'1/' %3 /257+3*/947+
54)./ -/473/ ,' 8/ I 94194 1' ;/9' 43
;4-1/'24 +397'7+ 3+1 2+7/94 *+11'
6:+89/43+ '3).+ 5+7 7/85+994 *+11' ,'2/-1/'
+ *+1 *4147+ ).+ 89' ;/;+3*4 2' ;4-1/'24
57+3*+7+ 85:394 *' 6:+894 1:994 7+-/43'1+
5+7 ,'7+ :3 54 */ 1:)+ 8:11' 6:+89/43+
6:/9'1/' ).+ 85';+39' 9'394 /
)4397/(:+39/ + '((/'24 5'71'94 )43
'414 +73'7*/ */7+9947+ -+3+7'1+ 6:/9'1/'
#:* )41 6:'1+ '((/'24 )+7)'94 */
',,7439'7+ 9+2/ 85/348/ + )4251+88/ 3+11'
85+7'3=' */ '/:9'7+ / )/99'*/3/ ' )4348)+7+
2+-1/4 6:+89' 897:99:7' + 7'88/):7'71/ 5+7 /1
,:9:74 +7).C *7'22/ *+1 -+3+7+ 343
94))./34 5/E 3+88:34
!:'1 I /1 7'554794 )43 / )4397/(:+39/
;419+ ) I :3 54 */ )43,:8/43+ 6:/9'1/'
343 *+)/*+ /1 1/;+114 *+11 /2548/=/43+
,/8)'1+ 3C ' )./ /3;/'7+ 1+ )'79+11+ ' 1+--+
89'(/1/8)+ 6:'1/ 8434 1+ 9'88+ *' 5'-'7+ + -1/
+39/ )7+*/947/ 8+-3'1'34 ' 6:/9'1/' 6:'1/
8434 / )4397/(:+39/ ).+ .'334 *+-1/
/25479/ '77+97'9/ 3;+)+ 1+ 5+7843+ 85+884
5+38'34 ).+ 6:/9'1/' 5488' *+)/*+7+ */
'33:11'7+ 4 7/*:77+ / *+(/9/ ).+ .'334 3+/
)43,7439/ *+114 #9'94 !:+114 ).+ 5:G ,'7+
6:/9'1/' /3;+)+ I '1974 33'3=/9:994 5:G
,473/7+ /3,472'=/43/ + '88/89+3=' 5+7
+,,+99:'7+ 5'-'2+39/ +-1/ :19/2/ '33/
'((/'24 '1='94 24194 /1 348974 1/;+114 */
'8)4194 5+7 +88+7+ 5/E ;/)/3/ '11+ +8/-+3=+
*+/ )4397/(:+39/
42+ 6:/9'1/' 45+7' /3 :3' 8/9:'=/43+ */
)7/8/ ).+ 2+99+ -/F ' *:7' 574;' 1+ ,'2/-1/+
+7)'3*4 */ +88+7+ ;/)/3/ '11+ 5+7843+
4,,7+3*4 1474 8+7;/=/ + )438:1+3='
6:/9'1/' .' 2+884 /3 )'254 472'/ *'
9+254 */;+78+ /3/=/'9/;+ ).+ ;'334
/3)43974 '11+ 3+)+88/9F *+/ )/99'*/3/
#'55/'24 ).+ 1' )7/8/ +)4342/)' 343 .'
7/85'72/'94 1+ 5/))41+ 7+'19F +)4342/).+ +
84)/'1/ *+1 41/8+ 1147' (/84-3' 7/)47*'7+
/3 57/24 1:4-4 '/ )4397/(:+39/ ).+ I
5488/(/1+ 7'9+/=='7+ -1/ /25479/ *4;:9/ /3
7'9+ + /3 )'84 */ */,,/)419F 1+-'9+ '11'
)43-/:39:7' +)4342/)' /1 )4397/(:+39+
5:G 7/)./+*+7+ */ 57474-'7+ 1' 7'9+'=/43+
,/34 ' :3 2'88/24 */
7'9+ +38/ ).+
1 /254794 2/3/24 *' ;+78'7+ 8434
+:74
+ /3 8/9:'=/43/ 1/2/9+ 5488/'24 '3).+
8)+3*+7+ '1 */ 84994 */ 9'1+ /254794
8+ :3 )4397/(:+39+ 343 5'-' 6:'1).+
7'9' 5+7).C 343 7/+8)+ ' ,'7 6:'*7'7+ / )439/
' ,/3+ 2+8+
43 *+;+ 57+4)):5'78/ ' 7'9+'=/43+ I
7+;4)'9' 8414 8+ /1 )4397/(:+39+ 343 5'-'
7'9+ +1 41/8+ 1+ 7'9+'=/43/ )43)+88+ ,/34
' */)+2(7+
8434
' ,7439+ 6:'8/
*/
2/1/43/ */ +:74 +7 *'7+ '/ )/99'*/3/
2'--/47+ '88/89+3=' '((/'24 )7+'94 /3
9:99' 9'1/' 14 85479+114 '2/)4 +1 41/8+ I
57+8+39+ 8/' '* 8+73/' ).+ ' '254('884
!:/ / )/99'*/3/ 974;'34 1 '))4-1/+3=' -/:89'
).+ 5+72+99+ 1474 */ 7'))439'7+ 1' 57457/'
I
| Società
,+((7'/4
8/9:'=/43+ */ */,,/)419F + */ 974;'7+ 1'
841:=/43+ 5/E '557457/'9' 3+11 '2(/94
*+11' 3472'9/;' ;/-+39+
--/ ) I '3).+ 1' 5488/(/1/9F */ :3'
8'3'947/' / )48' 8/ 97'99'
D :3 574;;+*/2+394 )439+3:94 3+11' 1+--+
*/ 89'(/1/9F '5574;'9' ' ,/3+ */)+2(7+ '
*+,/3/=/43+ '-+;41'9' 5+72+99+ '/ )/99'*/3/
*/ 5'-'7+ 1+ )'79+11+ /3 :3 :3/)' 841:=/43+
+3974 /1 ,+((7'/4 8+3=' -1/ /39+7+88/ */
247' ).+ 8)'99'34 *454 -/473/ *'11'
349/,/)' *+11' )'79+11' --/ 6:+89/ /39+7+88/
8434 '1
+7 / 97/(:9/ +7'7/'1/ )42+ '*
+8+25/4 1 75+, 4 1 ;' 343 8/ 5'-'34 '3).+
-1/ /39+7+88/ */ /8)7/=/43+ ' 7:414 "/+397'34
3+11' 8'3'947/' '3).+ / 97/(:9/ */
)425+9+3=' *+-1/ %,,/)/ 89'9'1/ /3/89+7/
7+,+99:7+ 422/88/43/ $7/(:9'7/+ +)) +
'-1/ 39/ 14)'1/ "+-/43/ 74;/3)+ +
42:3/ !:/3*/ 8434 8'3'(/1/ '*
+8+25/4 '3).+ -1/ /39+7+88/ */ 247' */
2:19+ + (411/ ))+*+3*4 '1 348974 8/94
<<< -7:554+6:/9'1/' /9 I 5488/(/1+ 974;'7+
9:99+ 1+ /3,472'=/43/ :9/1/ 8:11 '7-42+394
34197+ / 34897/ 85479+11/ 8434 57439/ 5+7
*'7+ /3,472'=/43/ + '88/89+7+ / )/99'*/3/
' )743')' 7'))439' 8+257+ 5/E 85+884
)'8/ */ /257+3*/947/ ).+ 8974=='9/ *'11'
)7/8/ */85+7'9/ 8/ 941-434 1' ;/9' !:'1 I 1'
;4897' 7+'=/43+ */ ,7439+ ' 6:+89/ -+89/
+897+2/
#/'24 )489+73'9/ + */85/')/:9/ 7/85+994 '
6:+89/ *7'22'9/)/ -+89/ #/ 5+7)+5/8)+ 1'
*/85+7'=/43+ *+11+ 5+7843+ #5+884 5+7G
*/+974 8/9:'=/43/ +897+2+ )42+ 6:+89+ 8/
)+1'34 7+'19F 24194 )4251+88+ / 574(1+2/
+)4342/)/ 8/ '--/:3-434 2'1+88+7/
,'2/1/'7/ 4 5+7843'1/ ((/'24 1+994 '3).+
*/ 8:/)/*/ ' )':8' */ 574,+88/43/89/ ).+
.'334 97:,,'94 / 1474 89+88/ )1/+39/ 4 */
)439+89/ 2'1';/948/ ).+ '5574,/99'34 *+11'
*+(41+==' *+11+ 5+7843+ 7+*4 ).+ )./ 8/
974;' /3 )43*/=/43/ )48H */,,/)/1/ *+;+
'3*'7+ ' 5'71'7+ )43 1+ /89/9:=/43/ 4 )43
)./:36:+ 5488' '/:9'71/ ' 8:5+7'7+ /
242+39/ */ 8)43,4794 ./ 7/)+;+ :3'
)'79+11' */ 6:/9'1/' + 343 5:G 5'-'7+ 343
8'7F 1'8)/'94 8414 +7 6:+894 */)4 8+257+
;+3/9+ ' 5'71'7+ )43 34/ 1' 1+--+ 4--/
)438+39+ */ ';+7+ 5/E 841:=/43/ 5+7
7/841;+7+ / 574(1+2/ */ )./ I /3 */,,/)419F
.+ 7:414 .' 1 '85+994 841/*'1+ + :2'34 3+1
97'99'7+ )43 1+ 5+7843+ /3 */,,/)419F 42+
'3*'7+ /3)43974 '-1/ :9+39/ ',,/3).C
? 6:/9'1/'A 343 ,'))/' 5/E )48H 5':7'
D /25479'39/88/24 1 '85+994 :2'34 +
841/*'1+ #+ /1 )4397/(:+39+ /3 */,,/)419F 8/
8+39+ )4257+84 1' 841:=/43+ I 5/E ;/)/3' +
5/E 8+251/)+ 1 */'14-4 )/ 5+72+99+ */
57+89'7+ 5'79/)41'7+ '99+3=/43+ ' )'8/ ).+ 8/
57+8+39'34 574(1+2'9/)/
1 574-+994 *+114 85479+114 '2/)4 I /3
)439/3:' +;41:=/43+ 997';+784 :3 8/89+2'
*/ 243/947'--/4 7/:8)/'24 ' /39+7)+99'7+ 1+
+8/-+3=+ *+/ )4397/(:+39/ + ' 9'7'7+
/39+7;+39/ 2/7'9/ ;+784 5'79/)41'7/
8/9:'=/43/ */ )7/9/)/9F 9+77/947/'1+ +88:34
Imprenditori ed Equitalia
COLLABORAZIONE
E NON SCONTRO
*+;+ ';+7 5':7' */ 6:/9'1/' )./:36:+ 5:G
7/;41-+78/ '1 34/ + 974;'7+ 1' 897'*' 5/E
8+251/)+ + -/:89'
!:'1/ 8434 / 8+7;/=/ 2+88/ ' */8548/=/43+
8+7;/=/ 2+88/ ' */8548/=/43+ *+/
)4397/(:+39/ 8434 57+8+39/ 8:1 8/94
<<< -7:554+6:/9'1/' /9 1 8/94 I
/39+7'99/;4 I 5488/(/1+ '))+*+7+ '1 8+7;/=/4
*+11 +897'994 )4394 431/3+ 5+7 )4348)+7+ 1'
57457/' 548/=/43+ *+(/947/' 974;'7+ 9:99+ 1+
/3,472'=/43/ 5+7 7/)./+*+7+ :3'
7'9+'=/43+ 8485+3*+7+ 1' 7/8)488/43+ /3
)'84 */ 5'-'2+394 3+/ 9+72/3/ */ 8+39+3='
4 */ 8-7';/4 + /34197+ 5'-'7+ 431/3+ )43
)'79' */ )7+*/94 34197+ 5+7 5'-'7+ 1+
)'79+11+ I 5488/(/1+ 7+)'78/ 57+884 / 34897/
85479+11/ 57+884 -1/ :,,/)/ 5489'1/ 4 /3 ('3)'
455:7+ :8:,7:/7+ *+11+ 9'(')).+7/+
':947/=='9+ 4 *+/ 5:39/ #/8'1 4 49942'9/)'
#:1 9+77/947/4 241/8'34 '((/'24 ,/72'94 :3
57494)4114 * /39+8' )43 '1):3+
'884)/'=/43/ + -1/ 47*/3/ 57+8+39/ 8:1
9+77/947/4 ).+ 5+72+99+ */ ,')/1/9'7+ /1
7'554794 )43 / 574,+88/43/89/ + )43 /
)4397/(:+39/ *' 1474 '88/89/9/
1/ '884)/'9/ 4 -1/ /8)7/99/ '-1/ 47*/3/
574,+88/43'1/ 5488434 '997';+784 /1 8/94
+397'7+ /3 :3 ,472 '5548/9'2+39+ )7+'94
+* +397'7+ /3 )439'994 )43 6:/9'1/'
*/7+99'2+39+ *'1 57457/4 :,,/)/4
'(/'3' '74=='
EQUITALIA SI PRESENTA
quitalia è la società a totale controllo pubblico (51% Agenzia delle Entrate e 49% Inps) incaricata dell’esercizio
dell’attività di riscossione di tributi, contributi e sanzioni. La costituzione del Gruppo Equitalia, nel 2006, avviene
con l’obiettivo di portare un’attività, importante e delicata,come la riscossione, in ambito pubblico visto che, fino
ad allora, tale attività era svolta da società private riconducibili al mondo bancario. Equitalia riscuote, per conto dello
Stato e di vari enti pubblici creditori, tasse imposte e sanzioni che i cittadini non hanno pagato secondo i modi e i tempi
previsti dalla legge. La cartella, quindi, non dovrebbe essere mai un fulmine a ciel sereno perché il contribuente che si
trova in una situazione di irregolarità sa che lo Stato gli chiederà di sistemare la sua posizione. E lo fa, appunto, con la
cartella di Equitalia. Il gruppo Equitalia è composto da una Holding, da Equitalia Giustizia e da tre agenti della
riscossione Equitalia Nord, Equitalia Centro, Equitalia Sud.
E
LO “SPORTELLO AMICO IMPRESE”
P
agare le cartelle con rate fino a 10 anni, ricevere assistenza sulle procedure di
riscossione dei tributi e sulla possibilità di utilizzare le nuove opportunità previste
dalle recenti modifiche normative. Sono le principali richieste che imprenditori e
artigiani hanno rivolto allo “Sportello Amico Imprese” di Equitalia attivo da dicembre nelle
città di Torino, Varese, Firenze, Bologna, Roma e Bari. In un mese sono stati esaminati più di
100 casi e la maggior parte riguarda
situazioni di particolare complessità dovute alla crisi economica. L’iniziativa si affianca allo
“Sportello Amico” di Equitalia nato ad aprile 2012 e presente in tutte le province per dare
assistenza mirata alle esigenze di cittadini e imprese. La creazione di un doppio canale ha
l’obiettivo di rafforzare il dialogo con i contribuenti per creare le condizioni che consentano
di valutare le situazioni caso per caso e di trovare le migliori soluzioni nell’ambito di quanto
consentito dalla normativa. «Gli imprenditori hanno accolto l’iniziativa con soddisfazione –
commenta Benedetto Mineo, amministratore delegato di Equitalia - Allo “Sportello
Amico”tradizionale, dal 2012 a oggi, si è registrata una media di circa 2 mila richieste al
mese con oltre 40 mila contribuenti serviti. Considerata la numerosa adesione al servizio,
abbiamo ritenuto utile attivare uno specifico canale dedicato alle problematiche del mondo
produttivo». L’attivazione dello “Sportello Amico Imprese” sarà estesa gradualmente in
altre aree caratterizzate da insediamenti produttivi che, in periodi di crisi, possono aver
bisogno di una particolare finestra di dialogo con Equitalia. Il servizio è svolto nei consueti
orari di apertura degli sportelli, in punti facilmente identificabili grazie a specifiche insegne
e cartelli. L’iniziativa si aggiunge alle convenzioni che Equitalia stipula con associazioni di
categoria e ordini professionali per offrire assistenza e collaborazione nella risoluzione delle
problematiche dei loro iscritti.
LE CIFRE DEL MOLISE
Al 31.12.2013
sono state concesse
16.780 rateazioni per un
importo di 167.834.395
così suddivise:
Campobasso 11.062
rateazioni per un importo
di 99.647.472 ed
Isernia 5.718 rateazioni
per un importo di
68.186.922
INFO UTILI
SPORTELLO DI TERMOLI
Corso Vittorio Emanuele III 53, 86039 (CB)
SPORTELLO DI CAMPOBASSO
Via S. Antonio dei Lazzari 21, 86100 (CB)
SPORTELLO DI ISERNIA
Via San Leucio 101, 86170 (IS)
Presso gli sportelli di Campobasso
e Isernia è presente
lo sportello dedicato all’ascolto.
A disposizione dei contribuenti anche:
800 178 078 numero verde gratuito
da telefono fisso
02 3679 3679 da telefono cellulare
o dall'estero (secondo piano tariffario)
Attivi 24 ore su 24, con operatore
dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle 18.00
| Cultura
/ */)+ 85+884 ).+ 3+11' 34897' 5/))41'
7+-/43+ 8)'78+--/34 1+ 4))'8/43/ ,472'9/;+
+ /3 -+3+7'1+ 1+ /3/=/'9/;+ ):19:7'1/
#+343).C 6:'147' 8+ 3+ 7+'1/==/ :3' I ,')/1+
).+ -1/ 89+88/ ).+ 1'2+39'34 /1 ;:494 ):19:7'1+
2'3)./34 '11>'55:39'2+394
/ 7+)+39+ '* +8+25/4 3+11' #'1' 43,+7+3=+
*+11' /(1/49+)' :3/;+78/9'7/' 8/ I 8;4194 :3
/39+7+88'39/88/24 8+2/3'7/4 /39/941'94
3,472'=/43+ )43;+7-+39+ 9+3:94 *'1 574,
;4 #9+,'34 +72'34 9/941'7+ *+11' )'99+*7' */
9+47/' + 9+)3/)' *+/ 3:4;/ 2+*/' 57+884
1>%3/;+78/9F *+1 41/8+ 57424884
*'11 884)/'=/43+ *+11' #9'25' 41/8'3'
.+ )48' I )'2(/'94 3+11' )42:3/)'=/43+ 6:'1/
9+3*+3=+ 8/ ',,+72+7'334 3+1 57488/24 ,:9:74
2' 8457'99:994 /1 574, (414-3+8+ ,' 5'79/7+ 1'
8:' '3'1/8/ *'/ -7'3*/ 2:9'2+39/ 3+11' 84)/+9F
).+ *+9+72/3'34 )439/3:'2+39+
7/;41:=/43/ ):19:7'1/ 42+ 1>/3,472'=/43+
/3 9'1/' 7+'-/8)+ 7/85+994 '1 )43,/-:7'78/ */
:3 3:4;4 ,7'2+ )42:3/)'9/;4
> ,:47/ *:((/4 1' 7'5/*/9F *+11>+;41:=/43+
9+)3414-/)' ' *+243/=='=/43+ *+1
574-7+884 9:99';/' I 1>+;/*+39+ 8+-34
*+11>/3)'5')/9F */ 89'7+ '1 5'884 + */
:3>+77'9' )4257+38/43+ *+1 574)+884 /3
'994 42+ 6:'3*4 8/ */)+ @ 5/E 4 2+34
6:+89' I 1' ;:1-'9' @ ).+ 5+7 89'7+ '557+884
'/ 3:4;/ */8548/9/;/ */ )42:3/)'=/43+
5+7*/'24 1' ;/9' 7+'1+
42/3)/'24 *'11' 57+2+88' 1 -/473'1/824 )1'88/)4 8/ ';;/' ;+784 /1 (/- )7'8. 1 -/473'1+ )'79')+4
2'/3897+'2 3'8)+ ;+))./4 42+ */7+ 6:+894 24*+114 */ /3,472'=/43+ ;/+3+ 8:5+7'94 *'11+ 549+3=/'1/9F 9+)3414-/).+ ).+
)'7'99+7/=='34 /1 5+7/4*4 /3 ):/ ;/;/'24 */ )438+-:+3=' *'11+ '(/9:*/3/ ' 1474 ;419' 2:9'9+ *+/ ,7:/947/ !:+89' I 1>+54)' *+1
2:19/9'80/3- 14 89'94 */ '99+3=/43+ 5'7=/'1+ )439/3:'9' (+89/' 3+7' */ /38+-3'39/ -+3/947/ + /39+11+99:'1/ -+39/1/'3/ )42+
849941/3+' '7-:9'2+39+ <: 2/3- 5+7 ):/ /1 1+9947+ )439+2547'3+4 /3)/'25' 3+11' 349/=/' "/85+994 ' 6:+894 4 7/5+38/ 1' 897'9+-/'
)42:3/)'9/;' 455:7+ 8+/ *+89/3'94 ' */;+39'7+ 343 /39+7'-+39+
))4 5+7).C 8/ 5'71' */ )43;+7-+3=' 43;+7-+3=' 8/-3/,/)' :3/7+ 5/E 897:2+39/ 5+7 )7+'73+ :34 3:4;4 1 )43)+994 I 6:+114 */
/(7/*'=/43+ /1 )+11:1'7+ *49'94 */ ,494)'2+7' 5+7 ,'7+ :3 +8+25/4 ))'394 '11>/(7/*'=/43+ )>I 1' 7/ 2+*/'=/43+ *+11+ '99/;/9F
)1'88/).+ *+1 -/473'1/824 #/ 97'99' */ 8489/9:/7+ 1' 5/'99',472' !:+11' 3:4;' *4;7F +88+7+ )7488 2+*/'1+ )/4I ,7:/9' ' 5/'99',472'
*/;+39' 84)/'1 2+*/' '* '19/88/24 /25'994 5'9+2/)4 3:4;/ 2+*/' 5:39'34 ' 8/2:1'7+ 1>+,,/)')/' )42:3/)'9/;' *+1 ,')+ 94 ,')+
!:+114 ).+ )439' I 1' )43*/;/8/43+
' 7+9+ I :3>+)4 8/89+2' ).+ 8/ I 8;/1:55'94 5+7 ;'39'--/ )425+9/9/;/ "/)'7*4 +38/'24 '11+ )'7'99+7/89/).+ */ 2:19/ 9/2/3- +
2:19/ 51')/3- /1 ).+ ;:41 */7+ ).+ 1>/3,472'=/43+ '/ -/473/ 34897/ *+;+ ';;+3/7+ 6:'8/ )439+2547'3+'2+39+ ' )/G ).+ ;' 7'))439'94
+ ).+ 9:994 6:+894 *+;+ '99:'78/ 5+7 2+==4 */ :3 :3/)4 */8548/9/;4 '997';+784 /1 6:'1+ )43 :3 )42'3*4 8/ */,,43*+ 1' 349/=/' /3
24*4 ;/7'1+ ' 1/;+114 51'3+9'7/4 1 ,'2484 ;/11'--/4 -14('1+ */ ):/ 5'71' )1:.'3
!:+89' I 1' 8,/*' ).+ / 9+25/ )/ /2543-434
'414 / +11'
S
COMUNICAZIONE
Informazione Convergente
STORIA DI UNA
LUMACA
C HE S CO PR Ì
L'IMPORTANZA
D E L L A L EN T EZ ZA
L
e lumache che vivono nel prato
chiamato Paese del Dente di Leone,
sotto la frondosa pianta del
calicanto, sono abituate a condurre una
vita lenta e silenziosa, a nascondersi dallo
sguardo avido degli altri animali, e a
chiamarsi tra loro semplicemente
«lumaca». Una di loro, però, trova
ingiusto non avere un nome, e soprattutto
è curiosa di scoprire le ragioni della
lentezza. Per questo, nonostante la
disapprovazione delle compagne,
intraprende un viaggio che la porterà a
conoscere un gufo malinconico e una
saggia tartaruga, a comprendere il valore
della memoria e la vera natura del
coraggio e a guidare le compagne in
un’avventura ardita verso la libertà. Un
nuovo indimenticabile personaggio entra
nella galleria del grande scrittore cileno.
Un’altra storia memorabile di Luis
Sepulveda, che insegna a riscoprire il
senso perduto del tempo.
PENSIERINI... IN FAMIGLIA
DANIELE CARRARO - ASTEGIANO EDITORE
:3 1/(74 ,'994 */ (7+;/ 7'))439/ */ ;/9' 6:49/*/'3' +
,'2/1/'7+ *'1 5:394 */ ;/89' */ :3 5'5F + */ :3
2'7/94 ).+ 8/ /39+774-' 8:11' ,+1/)/9F 8:11' ,+*+ + 8:1
8+384 *+11' ;/9'
D :34 8-:'7*4 2+7';/-1/'94 ' 9:99+ 6:+11+ 8/9:'=/43/ 47
*/3'7/+ ).+ '))'*434 -/473'12+39+ ' )/'8):34 */ 34/
'994 */ 7+1'=/43/ + */ ,/-1/ */ 7/)+7)' */ 8+384 8/-3/,/)'94
+ ,+*+ */ 574,43*/ /39+774-'9/;/ + ):7/48+ 7/,1+88/43/
+38'94 )42+ :3 8+251/)+ 7+-'14 '11' ,'2/-1/' 6:'8/ :3
)'1+3*'7/4 *' 8,4-1/'7+ 3+1 9+254 5+7).C )4254894 *'
)/7)' 5+38/+7/ */;/8/ 3+/ ;'7/ 2+8/ *+11>'334 &/ '))47
-+7+9+ ).+ / 5+38/+7/3/ + 1+ 5'741+ */ -+33'/4 ,+((7'/4
8434 ;+89/9/ */ )'554994 + (+77+994 .'334 / )4147/ *+11 /3
;+734 + 574,:2'34 */ =:55' )'1*' 5+38/+7/3/ + 1+ ,7'8/
*/ 1:-1/4 + '-4894 /3;+)+ .'334 2'-1/+99' + 4))./'1/ *'
841+ /1 574,:24 *+/ 1/243/ + / )4147/ *+11 +89'9+
':947+ .' :8'94 :3 1/3-:'--/4 */7+994 + ,7'8/ 8+251/)/
5+7 94))'7+ '3).+ 9+2/ */,,/)/1/ )42+ 1' 84,,+7+3=' 1' ,+
1/)/9F 1' *+57+88/43+ 1 '(4794 1 +8/89+3=' */ */4 /1 8+384
*+11' ;/9' 1 '247+ 1' 8+88:'1/9FB
1 1/(74 7/;+1' 8+3=' ;+7-4-3' ;'147/ + 8+39/2+39/ */ :3' ,'2/-1/' 2' I 57/;4 */ 8+39/2+39'1/
824 D :3 )'22/34 */ 7/)+7)' ;+784 1' 8+7+3/9F 2' 5'79+ *'1 (:/4 + *'11' ,'9/)' *+1 6:49/
*/'34 #+3=' 97455+ ;+7/9F /3 9'8)' #/3)+74 5/')+;41+ 574,43*4 2' '3).+ 8+251/)+
574543+ 7/,1+88/43/ + 8/ 2+99+ /3 */8):88/43+
È
MOLISE “MIGLIORE”
NEL LIBRO DI TESTO DELLE ELEMENTARI
7'=/+ '* :3' 1:3-' )411'(47'=/43+ 97' 1' )'8' +*/97/)+ /:39/ +
1 '884)/'=/43+ ? 47).+ ':*/3+A /1 )/7)414 *+/ 241/8'3/ ' "42' 1' 3:4;'
+*/=/43+ *+1 1/(74 ? +1 -/'7*/34 *+/ 8'5+7/A 9+894 2/3/89+7/'1+ 3'=/43'1+
5+7 1' 8):41' 57/2'7/' )439+77F :3' 8+=/43+ )4251+9'2+39+ 7/334;'9' 8:1
41/8+ 5/E '25/' + '--/473'9' '884)/'=/43+ 8/3 *'1
';+;' 7/1+;'94
3+1 9+894 :3' 8+7/+ */ /3+8'99+==+ 7/-:'7*'39/ /1 41/8+ * +8+25/4 8/
7/5479';' ).+ -343+ ,488+ )/7)43*'9' *' 2:7' 4 ).+ 1 '79/-/'3'94 +))+11+88+
5+7 ?1';47/ /3 1+-34A $'39+ )'7+3=+ + 42/88/43/ /38422' ' )'8' +*/97/)+
)43 -7'3*+ '99+3=/43+ + */8543/(/1/9F .' 57+84 '994 *+11+ -/:89+ 8+-3'1'=/43/
/3;/9'3*4 1 '884)/'=/43+ ' )411'(47'7+ 5+7 1' 3:4;' 89+8:7' ).+ 8/ 89'
)43)7+9/=='3*4 /3 6:+89/ -/473/ )43 1 :8)/9' *+11' 3:4;' +*/=/43+
$7' 1+
34;/9F :3 '25/' 8).+*' *+*/)'9' '114 8)';4 5'1+41/9/)4 */ 8+73/' +* :3' 5/E
5/))41' 2' 8/-3/,/)'9/;' 5+7 /+97'((43*'39+ "/8)7/994 )4251+9'2+39+
1 '79/-/'3'94 ).+ 7/5479';' ;'-'2+39+ '99/;/9F 9+88/1/ + *+1 1+-34 +397'34 1+
1'2+ */ 7484143+ 1+ ='254-3+ */ #)'541/ / 1';47/ /3 5/+97' */
+8)45+33'9'74 /1 942(414 */ 8+73/' --/473'2+39/ 8/-3/,/)'9/;/ '3).+ 5+7
1+ '99/;/9F 574*:99/;+ + 5+7 / 574*499/ *+11 '-74 '1/2+39'7+ )43 1 /3-7+884 *+11+
6:'9974 ?$A $'79:,4 $/39/1/' $7'38:2'3=' + $7'99:7/ ?#5+884 ('89' 54)4 :3'
2'/1 4 :3' 9+1+,43'9' 5+7 )425/+7+ :3' 897'47*/3'7/' 45+7' */ 2'70+9/39+77/947/'1+ ).+ )4/3;41-+7F -1/ 89:*+39/ *+11' 8):41' 57/2'7/' + 1+ 1474
,'2/-1/+ ' 1/;+114 3'=/43'1+ @ +;/*+3=/'34 *'11 '884)/'=/43+
G
,+((7'/4
|
G O O GL E
PROMUOVE
IL M AD E
IN ITALY
M A I L M OL IS E N E
APPROFITTA IN PARTE
U
n nuovo servizio di Google, realizzato nell'ambito del Google Cultural
Institute, mira a valorizzare alcune
eccellenze del nostro Paese attraverso una
grafica semplice ed efficace: una piantina
dell'Italia puntellata di riferimenti geografici che corrispondono ad altrettanti
"punti di forza" del territorio. Non a caso
il servizio si chiama "Made in Italy" ed è
stato realizzato in collaborazione con
Unioncamere e ministero dell'Agricoltura.
Sfruttando le potenzialità tecniche del
principale motore di ricerca a livello mondiale, mira a promuovere alcune tipicità,
principalmente dell'alimentazione e dell'artigianato, con valore storico e dal carattere prettamente locale. Tra gli esempi,
le cartiere di Fabriano del 1250 e il presepe napoletano del Settecento fino al
carciofo spinoso della Sardegna. Una sezione del sito (eccellenzeindigitale.it),
denominata "Casi di successo", strizza
l'occhio soprattutto al collegamento tra
artigianato tradizionale e makers, cioè gli
autoproduttori sensibili alle nuove tecnologie. Una filosofia, guarda caso, promossa nella nostra recente kermesse
"Molise, un'altra Storia" a novembre in
Garbatella a Roma. Google, in collaborazione con Unioncamere, mira in sostanza
ad agevolare la conoscenza delle eccellenze dell'artigianato e del design attraverso gli strumenti del web.
Non manca, però, qualche osservazione
sulla scelta delle esperienze rappresentative dei territori, come quella divulgata
dall'associazione Forche Caudine.
Il circolo dei molisani a Roma si domanda,
in sostanza, perché per il Molise siano
state scelte "le ceramiche di Isernia del
Settecento". Infatti la ricerca di tale attività su Google è particolarmente infruttifera, salvo qualche riferimento al passato
(castello di Pescolanciano). Ma c'è di più:
lo stesso sito promozionale della Regione
Molise, il portale del turismo, alla voce
"Le ceramiche artistiche e terracotte", ne
parla al passato (citando, ad esempio, i
monaci benedettini) e scrive letteralmente "oggi la produzione è praticamente
nulla". La domanda che si pone l'associazione è lecita: esiste davvero un'azienda
che dal Settecento produce ceramiche ad
Isernia? E poi perché scegliere un settore
che dovrebbe confrontarsi con altre eccellenze italiane note in tutto il mondo, come
l'abruzzese Castelli, la laziale Civitacastellana, l'umbra Deruta, l'emiliana Sassuolo
o la campana Vietri?
Non sarebbe stato più proficuo indicare la
fabbrica Marinelli di Agnone, che produce
campane sin dall'anno Mille, tra l'altro
una delle più antiche fabbriche a carattere
familiare del mondo? Oppure l'arte della
forgiatura di Frosolone, che risale al medioevo, dove esistono ancora artigiani che
producono coltelli tradizionali (come
Rocco Petrunti)? Ed ancora l'artigianato
delle zampogne di Scapoli o l'arte della
pietra di Pescopennataro? E perché, sul
fronte alimentare, ignorare i tartufi?
Domande che, speriamo, ottengano risposta da qualcuno.
RIFERIMENTI
http://www.google.com/culturalinstitute/project/made-in-italy?hl=it
http://www.regione.molise.it/web/turismo/turismo.nsf/0/F69AC6916F177098C1
2575ED00305845?OpenDocument
Co m e gi oi sc e qu e sta pic c ol a bi m ba , g ioi am o n o i.
R i n g ra z i a m o i C o m i t a t i f e s t a
d e i p a e s i c h e , c o n g ra n d e c u o re ,
h a n n o c o n t r i b u i t o, p e r c r e s c e r e i n s i e m e ,
a l p ro g e t t o M o l i s i n s i e m e