close

Enter

Log in using OpenID

File allegato

embedDownload
In copertina:
sassofono soprillo,
inventato e costruito di recente da Benedikt Eppelsheim di Monaco,
è uno strumento che va ad aggiungersi alla ben nota famiglia dei sassofoni.
Giovedì 12 giugno 2014
ore 20.30
Aula magna Scuole Medie
Stabio
Concerto-spettacolo
Quartetto di sassofoni
della Svizzera italiana
Flavio CASANOVA Orazio BORIOLI Lorenzo PIAZZA
Franco MENOZZI
Il concerto-spettacolo del Quartetto di sassofoni della Svizzera italiana,
si tiene nell’ambito dei festeggiamenti del 125.mo della
Società Filarmonica di Stabio
COMUNE
DI
STABIO
sassofono soprano
sassofono contralto
sassofono tenore
sassofono baritono
PROGRAMMA
Quartetto di sassofoni
della Svizzera italiana
Il sassofono è uno strumento affascinante. Le
sue potenzialità timbriche e dinamiche lo rendono unico, estremamente flessibile nonché
molto versatile. Si pensi alla lontananza tra la
sonorità di un sassofonista jazz e quella di un
sassofonista classico, oppure all’abisso che
separa il suono di Charlie Parker da quello di
Paul Desmond o di Marcel Mule, professore di
sassofono al conservatorio di Parigi. Inoltre, ci
si soffermi ad esempio sulla differenza di timbro tra il sax soprano e il suo vicino, il sax contralto, anche se si amalgamano perfettamente
quando suonano tra di loro oppure con gli altri
membri della famiglia.
Eppure la maggior parte delle caratteristiche
dello strumento resta sconosciuta ai più.
Uno degli scopi del quartetto di sassofoni della
Svizzera italiana è proprio quello di avvicinare
il pubblico alle possibilità offerte da questa
formazione strumentale. La via scelta è quella
del divertimento, sia per chi suona che per chi
ascolta, così almeno si spera. È nata dunque
l’idea di questo concerto-spettacolo, che ha
potuto concretizzarsi anche grazie alla consulenza di un valido regista teatrale quale Lorenzo Manetti.
Flavio Casanova
Si è diplomato con Iwan Roth presso il Conservatorio di Basilea. Ha suonato con Iwan Roth
nel quartetto svizzero di sassofoni (Schweizer
Saxophon Quartett), e come solista con l’orchestra sinfonica di Basilea. Ha frequentato diverse
masterclasses (F. L. Hemke, E. Rousseau) e ha in
seguito conseguito il prestigioso “Fellowship in
performance” presso il Trinity College di Londra.
Inoltre si è laureato in ingegneria elettrotecnica
presso il Politecnico Federale di Zurigo.
Orazio Borioli
Ha iniziato lo studio del sassofono con Michel
Surget. Nel 1975 è ammesso al conservatorio di
Basilea nella classe del Prof. Iwan Roth, dove, nel
1980,ottiene il diploma di “Maestro”. Nel 1990 si
è diplomato, sempre a Basilea, in direzione per
banda, nella classe del Prof. Felix Hauswirth. Ha
suonato in diverse orchestre svizzere e registrato per la Radio della Svizzera italiana (RSI). Ha
fatto parte, dal 1980 al 1985 , del “Quartetto
svizzero di sassofoni”, con questa formazione
ha suonato nel 1980 alle “Settimane musicali di
Ascona”. È membro del “Quartetto di sassofoni
della Svizzera italiana” fin dalla sua fondazione.
Ferenc Farkas
OLD HUNGARIAN DANCES
(1905 - 2000)
1. Intrada
2. Lassù
3. Lapocka’s Ta’nc
4. Ugrós
J.S. Bach
(1685 - 1750)
FUGA BWV 542
(Trascrizione di Flavio Casanova)
Pyotr Ilyic Tchaikowsky
(1840 - 1893)
ANDANTE DU QUATUOR N. 1
(Trascrizione di Marcel Mule)
Robert Planel
(1908 - 1994)
BURLESQUE
(Brano originale)
G.F. Händel (1685 - 1759)
L’ARRIVO DELLA REGINA DI SABA
(Trascrizione di Jean-Yves Fourmeau)
Johann Pachelbel
(1653 – 1706)
CANONE
(Trascrizione di Flavio Casanova)
Isaac Albeniz
(1860 - 1909)
SEVILLA
(Trascrizione di Marcel Mule)
Lorenzo Piazza
Ha studiato il sassofono con Michel Surget e
Orazio Borioli. Ha suonato in diverse formazioni
(Orchestra di Fiati della Svizzera Italiana), e attualmente è attivo nell’insegnamento musicale.
Thierry Escaich
(1965)
TANGO VIRTUOSO
(Brano originale)
Gioacchino Rossini
(1792 - 1868)
LARGO AL FACTOTUM
dal Barbiere di Siviglia
(Trascrizione di Matthew Griffiths)
Franco Menozzi
Ha studiato il sassofono con Michel Surget. È
membro del quartetto di sassofoni della Svizzera italiana dalla sua fondazione nel 1980 e suona
nell’Orchestra di Fiati della Svizzera Italiana. Si è
laureato in ingegneria informatica presso il Politecnico Federale di Zurigo.
Vittorio Monti
(1868 - 1922)
CSÁRDÁS
(Trascrizione di Béla Kovács)
Ha collaborato all’allestimento del programma Lorenzo MANETTI
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
257 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content