close

Enter

Log in using OpenID

15-02-2015 - Camminiamo insieme

embedDownload
ORARIO DELLE MESSE DELLA DOMENICA 22 - 02 - 2015
SABATO
21 / 02
DOMENICA 22/02
ORE 09.00
ORE
PREFESTIVA ORE 19.00
08.00 - 10.00 - 11.15
(GALLO BOLOGNESE)
(MADONNA DEL LATO)
(OSTERIA GRANDE)
(OSTERIA GRANDE)
lunedì
martedì
mercoledì
giovedì
venerdì
sabato
08 Agnese Crini, Alessandro Bettini, Elisa Chiapparini, Franca Garia, Franca Moscato, Gianna
Collina, Maria Giordani, Maria Gomar, Milva Paltrinieri, Mirko Luciani, Morena Trigolo, Tania
Cerè.
09 Andrea Verole Bozzello, Antonio De Gaetano, Celsa Busi, Elena Gallucci, Francesca Fontana,
Germana Alpi, Loris Benassi, Margherita Mazzini, Sante Tancini, Sergio Brintazzoli, Tania
Marzocchi.
10 Francesca Ferretti, Giuliana Strazzari, Luisa Pancaldi (92), Maria Pia Nardacchione, Paolo
Galletti, Sabrina Lazzarini, Valerio Calanca.
11 Alarico Zazzaroni, Andrea Pretolani, Annarita Russo, Eddy Contavalli, Giacomo Piovani, Gilda
Venturi, Giuliano Ianelli, Ida Zappaterra, Lina Loiacono, Loredana Cerioli, Luciano Montebugnoli,
Nadia Bugamelli, Paolo Martelli.
12 Alessandra Brunori, Andrea Gaglioti, Antonella Marino, Davide Busi, Gianfranco Francia, Irene
Borgatti, Martina Carollo, Rosetta Cappi, Sergio Crini, Simone Orlandi, Sofia Casadio, Vilma
Ferretti, Vittorio Marabini, Vittorio Pedrini.
13 Alessia Calderon, Alice Nostini, Bruno Lambertini, Dario Oppido, Gian Luigi Steffanini, Gianni
Guizzardi, Giulia Amaducci, Laura Albanelli, Marzia Marchetti, Maurizio Calderon.
14 Alberto Mazzotti, Alessandro Barbacini, Alessandro Fazioli, Asia Carulli, Flavio Masi, Gabriel
Latronico, Germana Cavina, Giovanna Calzolari, Giulia Boninsegna, Lara Merlini, Loredana
Cavina, Maria Rosa Banchelli, Sebastian Bogdan Simion.
Auguri agli SPOSI che festeggiano il loro ANNI VERS ARIO di NOZZE…
giov edì
sabat o
12 Giuliana Grandi e Marcello Strazzari, Maria Lanfredini e Vincenzo Postiglione,
Rosanna Rov atti e Dante Resca, Lina Loiacono e Ma ssim o Zucchi.
14 Luisa Poli e Carlo Cella, Roberta Lunghini e Donatangelo Marchionno,
Ekaterina Fedot ova e Gianluca Giacom etti.
RIC ORDIAMO
L’
ANNIVERS ARIO
DELLA
MORTE DEI
NOSTRI
PARROCCHIANI DEFU NTI.
Ada Magli, Benvenuto Nanetti, Bianca Gubellini, Celsa Minghetti, Elvis Alberoni, Enea Nanni, Evelina Bergami,
Giovanna Bassani, Giuseppe Rubbini, Guido Colombari, Iolanda Tedeschi, Ivan Ronchi, Lidia Poggi, Luciano
Luccarini, Luigia Bernardi, Maria Bardi, Maria Bonasorte, Natale Rambaldi, Nerina Gardenghi, Olga Salicini,
Oligerio Boschi, Paola Zaccanti, Primo Garda, Rodolfo Bugamelli, Stefano Monti.
INTENZIONI per le SANTE MESSE della SETTIMANA
Sabato 14 def. Amedea Tosarelli. (OSTERIA GRANDE - Ore 19.00)
DOMENICA
15 - (SESTA DOMENICA del TEMPO ORDINARIO)
Ore
Ore
Ore
08.00 def. Billi e Fini - Giovanni Beltramini - Luciano Luccarini - Fiorina Galli Poggiaspalla e Ettore Piccardoni.
09.00 def. Edmondo Salieri - Stefano, Dante e Lina Monti. (GALLO BOLOGNES E)
10.00 def. Con. Lollini e Fernando Andreoli - Giuseppe e Bianca Martignani - Andrea Bugamelli - Antonio e
Giovanni Pompeo - Giovanni Beltramini - Benedetta Voria.
Ore 10.00 def. Bona Pagani e Fam. Serra - Pagani. (VARIGNANA)
Ore 11.15 def. Per il popolo
Lunedì 16 def. N. N. Martedì 17 def. N. N.
Mercoledì 18
LE SACRE CENERI ore 20.30 def. Per il popolo.
Giovedì 19 def. N. N. Venerdì 20 def. N. N. Sabato 21 def. Per il popolo (OSTERIA GRANDE - Ore 19.00)
DOMENICA 22 - (PRIMA DOMENICA di QUARESIMA)
Ore
Ore
Ore
Ore
08.00
09.00
10.00
11.15
def.
def.
def.
def.
Luigi e Maria Grillini - Gualtiero e Olga Zaniboni - Luca Disarò.
Guido e Novella Pasini. (GALLO BOLOGNESE)
Pasquale, Amoroso, Ciriaco e Orsola Petrillo - Suor Teresa.
Antonia Brunazzetto e Giovanni Masiero.
P ARROCCH IE di : O STER IA GR ANDE, V ARIGN AN A, M AD ONNA del L ATO, G ALLO BOLOGNESE, C ASAL ECCHIO dei C ON TI
Sito Internet: www.sangiorgiodiosteria.it - EE-mail: [email protected] - Tel. 051 945144
N. 126 - 15 FEBBRAIO 2015
VI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO
ORE 10.00
(VARIGNANA)
Auguri ai nostri Parrocchiani che festeggiano il loro compleanno…
domenica
CAMMINIAMO INSIEME!
Dio è guarigione contro ogni nostro male
U
n lebbroso. Il più malato
dei malati, di malattia non
soltanto fisic a, un rif iuto
della società: «porterà vesti strappate, velato fino al labbro superiore... è
impuro, se ne starà solo, abiterà
fuori dell'accampamento» (Lv 13,46). E Gesù invece si avvicina, si
oppone alla cultura dello scarto, accoglie e tocca il lebbroso, l'ultimo
della fila. Tocca l'intoccabile. Ama
l'inamabile: per la legge mosaica
quell'uomo era castigato da Dio per i
suoi peccati, un rifiutato dal cielo.
Il lebbroso non ha nome né volto,
perché è ogni uomo. A nome di ciascuno geme, dalla sua bocca velata,
una espressione bellissima: «Se
vuoi, puoi guarirmi». Con tutta la
discrezione di cui è capace dice:
«Se vuoi».
E intuisco Gesù felice di questa
domanda grande e sommessa, che
gli stringe il cuore e lo obbliga a riv elarsi: «Se vuoi». A nome di ogni figlio della terra il lebbroso chiede:
che cosa vuole veramente Dio da
questa carne piagata, che se ne fa
di queste lacrime? Vuole sacrif ici,
una pedagogia di sofferenze per
provare la nostra pazienza, o vuole
vita, stella a stella la notte.
Il lebbroso guarito disobbedendo
a Gesù si mise a proclamare e a
divulgare il fatto. Ha ric evuto e ora
dona, attraverso gesti e parole e
carne di primavera, la sua esperienza felice di Dio. L'immondo diviene
fonte di stupore, il rif iutato è trasformato dall'accoglienza.
figli guariti?
E Gesù felic e di poter rivelare
Dio, di poter dire una parola ultima e
immensa sul cuore di Dio risponde:
«Lo voglio: guaris ci!». Ripetiamocelo, con emozione, con pace, con
forza: eternamente Dio altro non
vuole che figli guariti.
A me dic e: «Lo voglio: guarisci!».
A Lazzaro grida: «Lo voglio: vieni
fuori!». Alla figlia di Giairo: «Talità
kum. Lo voglio: alzati!». È la buona
novella: un Dio che fa grazia, che
risana la vita, a cui importa la mia
felicità prima e più della mia fedeltà.
A ogni pagina del Vangelo Gesù
mostra che Dio è guarigione! Non
conosco i modi e i tempi, ma so che
adesso lotta con me contro ogni mio
male, rinnovando goccia a goccia la
LECTIO DIVINA DEL VANGELO
Martedì 22 ottobre 2013 abbiamo iniziato
il cammino quadriennale della
LECTIO DIVINA dei QUATTRO VANGELI.
Caldeggiamo vivamente la partecipazione di tutti i
parrocchiani a questa iniziativ a che sicuramente
arric chir à la nostra vita di fede con l’ascolto regolare
e meditato della Parola di Dio. Un invito particolare
lo rivolgiamo ai catechis ti, agli educatori e a tutti
coloro che sentono il desiderio di una formazione
personale approfondita.
Ciò che è scritto qui non è una
fiaba, funziona davvero, funziona
così. Persone piene di Gesù oggi
riescono a fare le stesse cose di
Gesù. Pieni di Gesù fanno miracoli.
Sono andati dai lebbrosi del nostro
tempo: barboni, tossici, prostitute, li
hanno toccati, un gesto di affetto, un
sorriso, e molti di questi, e sono migliaia e migliaia, sono letteralmente
guariti dal loro male, e sono diventati a loro volta guaritori.
Prendere il vangelo sul serio ha
dentro una potenza che cambia il
mondo.
E tutti quelli che l'hanno preso sul
serio e hanno toccato i lebbrosi del
loro tempo, tutti testimoniano che
fare questo dona una grande felic ità.
Martedì 11 novembre
è iniziato il secondo anno
della Lectio Divina del
Vangelo.
Ci impegneremo a
dedicare ogni giorno
un ¼ d’ora alla lettura e
alla preghiera meditata
di un passo del Vangelo
di Marco.
Ermes Ronchi
Domenica 15
Lunedì
Martedì
Mc. 8, 10 - 12
16 Mc. 8, 13 - 15
17
Mc. 8, 16 - 17
Mercoledì 18
Mc. 8, 18 - 21
Giovedì
19 Mc. 8, 22 - 24
non terrà l’incontro
sul
Venerdì
20 Mc. 8, 25 - 26
Vangelo di Marco.
Sabato
21
Nel mese di
febbraio
d. Mario Cocchi
Mc. 8, 27 - 28
Il buio sopruso totalitario e la luce
La lettera di Kayla e
quella di Ella dal gulag
Nella ultima lettera di Kayla
Mueller, la giovane cooperatrice americana presa in ostaggio
dall’Is in Siria di cui il presidente Obama ha confermato ufficialmente la morte, colpiscono
soprattutto due cose. La ragazza, rapita nell’agosto del 2013
mentre lasciava un ospedale di
"Medici senza frontiere" ad Aleppo, alla fine dello scorso anno scriveva alla famiglia, in Arizona: «Sappiate che io sono in
un luogo sicuro, completamente intatto e sano (ho messo su
dei chili, infatti); sono stata trattata bene, con il massimo del
rispetto e della gentilezza».
Questa annotazione stava nelle
primissime righe della lettera di
Kayla. Ma, ora che lei è morta,
filtra da fonti dell’Intelligence
Usa la convinzione che invece
fosse stata "data in sposa" a un
combattente dello Stato islamico. Dove "data in sposa" è un
terribile eufemismo per indicare
la sorte di una prigioniera che
viene concessa in premio a un
soldato, come una cosa. Allora
quelle prime righe della lettera
spedita a casa assumono il sapore di un’eroica bugia: come
se ciò che più premeva alla prigioniera fosse di non accrescere il dolore, già così crudele,
dei suoi.
La seconda frase che colpisce
della lettera di Kayla, una ragazza profondamente cristiana
e già da anni attiva nel volontariato internazionale, da Gaza ai
campi profughi della Turchia, è
questa: «Mia madre mi ha sempre detto che tutto sommato,
alla fine, l’unica cosa che hai
davvero è Dio. Sono arrivata a
un punto della mia esperienza
in cui, in ogni senso della parola, mi sono arresa al Creatore perché, letteralmente, non
c’era nessun altro... E mi sono
sentita teneramente cullata,
nella caduta libera, da Dio».
Queste righe, vergate in una
prigione dello Stato islamico
nell’anno 2014, come somigliano a queste altre, scritte in un
gulag sovietico negli anni dello
stalinismo: «Quando sono arrivata in lager ero atea. Ma una
notte che non riuscivo a dormire, ho incominciato a chiedermi
chi mi poteva essere vicino in
quel momento d’angoscia, e ho
passato in rassegna tutti, proprio tutti quelli che conoscevo e
amavo (...) Poi, all’improvviso
ho capito che c’era Cristo, lui
era veramente vicino. Da allora
è sempre stato con me». Autrice di queste righe è Ella Markman, una cittadina sovietica di
famiglia comunista, prigioniera
politica condannata a venticinque anni di reclusione (la sua
testimonianza è in un libro dedicato alle donne prigioniere
dei gulag, di prossima pubblicazione. Colpisce che, a distanza
di tanti anni, la giovane americana credente e la prigioniera
atea di un gulag testimonino
una analoga esperienza.
Nel fondo di una cella che pare
chiusa per sempre, dentro la
notte più buia, che noi, persone
libere, non possiamo nemmeno
immaginare, entrambe dicono:
quando accanto a me non c’è
stato più nessuno, allora Dio si
è mostrato. Ne parlano come di
una presenza concreta: per Kayla è una mano che, nella caduta libera dell’angoscia, la raccoglie e la regge; per Ella è una
presenza improvvisamente vicina e fedele, che non la lascerà
più.
E tra le due prigioniere e le due
lettere ci sono di mezzo dei
mondi, e lo scorrere poderoso
della storia. Una di loro è vittima di un totalitarismo di matrice politica che di lì a non molti
anni sarebbe crollato, l’altra di
un totalitarismo di matrice religiosa, che ancora pochi anni fa
sarebbe stato inimmaginabile.
Ma tutte e due sono ostaggi di
una ideologia tendente a negare l’uomo stesso, insieme alla
sua libertà.
Ed entrambe, dalle loro prigioni
così lontane nello spazio e nel
tempo, raccontano di quel Visitatore che si fa presente e vivo,
quando attorno non c’è più nessuno. «Mi è stata mostrata nel
buio la luce, e ho imparato che
persino in prigione uno può essere libero, ne sono grata», ha
lasciato scritto Kayla, 25 anni,
nell’ultima lettera ai suoi. Dove
sembra che la storia si ripeta in
ingranaggi ciechi, e sempre di
nuovo la sopraffazione e la violenza bestiale ritornino. E però,
nel silenzio di nuove prigioni,
qualcuno testimonia che torna
anche, per chi lo cerca, un misterioso fedele compagno.
Marina Corradi
BATTESIMI a
OSTERIA GRAN DE.
Oggi pomerig gio alle ore 1 6.00,
ricev eranno il S. Bat tesimo le piccole
N AT ALI E N ALDI e B EAT RIC E CO N T AVALLI.
Parro cch ie
S. LORENZO e S. GIORGIO VARIGNANA
Sante Quarantore
di adorazione
dell'Eucaristia
Negli anni scorsi le Quarantore venivano celebrate in tempi diversi dalle due parrocchie. Da quest’anno le 40ore si
terranno nello stesso periodo: dall’11 al 15 marzo. Giovedì
12 marzo l’Adorazione eucaristica si terrà a Varignana.
18 febbraio
MERCOLEDÌ DELLE CENERI
a Osteria Grande
ore 20.00: Confessioni.
ore 20.30: S. Messa con imposizione delle ceneri,
Presieduta dal Vescovo Ausiliare di Sarajevo mons.
Pero Sudar
a Varignana
ore 20.00: S. Messa con imposizione delle ceneri
(Il prossimo anno a Gallo Bolognese)
Ricordiamo che
Mercoledì delle Ceneri e Venerdì
Santo
sono giorni di digiuno.
Tutti i venerdì di Quaresima sono
giorni di astinenza dalle carni.
STA Z IO NE Q UA R ESIMA L E
Venerdì 20 febbraio al Crocifisso a Castel S. Pietro T.
Ore 20.00 - S. Rosario. Ore 20.30 - S. Messa.
Sono particolarmente invitate le persone che aderiscono al Volontariato.
(vedere l’allegato sul programma delle Stazioni Quaresimali del Vicariato
Avvenire - BO 7
Chi desidera ri cevere alla domenica il giornale “A vvenire” con l ’inserto di ocesano
“Bologna 7”, può sottoscrivere l’abbonamento annuale (€ 55,00),rivolgendosi al Parroco.
BENEDIZ IONE PASQUALE
ALLE FAMIGLIE
Da due settimane sono iniziate le Benedizioni Pasquali
alle famiglie. Il parroco e d. Lorenzo ringraziano tutti i
parrocchiani per la gentile accoglienza. Chi desidera
ricevere l’avviso per posta elettronica può farne richiesta al seguente indirizzo:
indirizzo
[email protected]
MONS. PERO SUDAR A OSTERIA GRANDE
Il Vescovo Ausiliare di Sarajevo sarà tra noi da
domani pomeriggio per alcuni giorni. Noi lo accogliamo con affetto e gioia grandi. Siamo contenti di dargli la nostra ospitalità perché possa
effettuare alcuni esami clinici che speriamo positivi ed efficaci per la sua salute. Alcuni di noi in
particolare hanno potuto godere della ospitalità di
sua eccellenza in varie occasioni a Sarajevo.
LABORATORIO CARITAS
“S. MARTA”
Il Laboratorio è aperto tutti i lunedì per ricevere le
donazioni e tutti i mercoledì per la distribuzione
sempre dalle 14,30 alle 16,30.
Le persone che accedono al laboratorio fanno richieste di cose che non riescono ad acquistare a
causa della loro situazione economica; chi avesse
tali cose, che non usa più, può portarle al laboratorio ogni lunedì.
Per ora sono richiesti: un aspirapolvere, un telefonino molto semplice, un lettino, un fasciatoio con
armadietto, una vaschetta per bagno neonato, abbigliamento invernale per neonati/e, pannolini di tutte le
misure, biciclette per adulti e bambini, un armadio
a 2/3 ante, una stufa a gas.
Con urgenza: scarpe alte inv ernali da uomo dal n.
41 al 44 e da donna dal nr. 37 al 41.
Distribuzione alimenti.
Prosegue ogni giovedì al centro civico la distribuzione di alimenti secondo il progetto "Carrello amico". Da mercoledì 21 gennaio è iniziata la distribuzione di verdure e frutta invenduta che il "Mercato
Ortofrutticolo" di Bologna offre alle Caritas e che
due v olontari della nostra parrocchia v anno a ritirare. Per chi fosse disponibile per la preparazione delle
verdure da distribuire, ci si trova ogni mercoledì mattina
dalle 10,40 alle 11,30, presso il salone dell'Oratorio
IMPORTANTE
Si prega di non lasciare le cose fuori dal portone
del laboratorio in orari di chiusura. E' bene consegnare direttamente nei giorni e negli orari indicati,
per evitare che le cose vengano sottratte.
MERCATINO STRAORDINARIO INVERNALE DI
SABATO 21 E DOMENICA 22 FEBBRAIO
La preparazione del mercatino avverrà sabato 21
febbraio dalle ore 9,00; si fa appello, a chi può, per
dare una mano nell'allestimento del mercatino e la
domenica dalle 17,00 per il riordino del salone dell'oratorio.
In ogni Stazione Quaresim ale Vicariale: ore 20.00 m omento di preghiera - ore 20.30 s. Messa
In ogni Stazione Quaresim ale Vicariale: ore 20.00 m omento di preghiera - ore 20.30 s. Messa
In ogni Stazione Quaresim ale Vicariale: ore 20.00 m omento di preghiera - ore 20.30 s. Messa
In ogni Stazione Quaresim ale Vicariale: ore 20.00 m omento di preghiera - ore 20.30 s. Messa
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
534 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content