close

Enter

Log in using OpenID

CIRCO 63-14 - dlgs 39_2014_Circolare MDL

embedDownload
CIRCOLARE n. 63/2014
Prot. n.1004 AS/mr



Roma, 16 aprile 2014
ALLE ASSOCIAZIONI E SINDACATI PUBBLICI ESERCIZI ADERENTI
ALLA CONFEDERAZIONE GENERALE ITALIANA DEL COMMERCIO TURISMO E
SERVIZI
E p.c.: AI SIGG. DIRIGENTI NAZIONALI
Oggetto:
D.Lgs n. 39/2014 – certificato penale del casellario giudiziale – Ministero del
Lavoro Circolare n. 9/2014
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con la Circolare n. 9 del 11 aprile 2014
(in allegato), anche su richiesta di FIPE, ha fornito importanti chiarimenti in merito
all'adempimento per i datori di lavoro di richiedere il certificato del casellario giudiziale
preventivamente l'assunzione di un lavoratore che dovrà operare in maniera regolare e
continuativa con i minori (Decreto Legislativo n. 39/2014 - lotta agli abusi ed allo sfruttamento
dei minori), accogliendo la richiesta della Federazione di circoscrivere l’ambito applicativo alle
attività che implicano un contatto necessario ed esclusivo con una platea di minori.
Come indicato nelle nostre precedenti comunicazioni (Circolare FIPE n. 60/2014, n.
55/2014 e n. 57/2014), la norma prevede che i datori di lavoro che intendano impiegare una
persona per lo svolgimento di attività professionali o attività volontarie organizzate, che
comportino contatti diretti e regolari con minori, dovranno acquisire il certificato penale del
casellario giudiziale di cui all'articolo 25 del D.P.R. n. 313/2002.
Il Ministero del Lavoro, nel richiamare alcuni orientamenti interpretativi già formulati dal
Ministero della Giustizia, chiarisce che l’adempimento in questione riguarda esclusivamente
i nuovi rapporti di lavoro costituiti a decorrere dal 6 aprile 2014 e non si applica a tutti i
rapporti di lavoro già in essere a tale data.
Piazza G.G. Belli, 2 - 00153 ROMA
Tel. 06.58.39.21 - Fax 06.581.86.82
Web: www.fipe.it - Email: [email protected]
L'obbligo di procurarsi il certificato penale sorge soltanto ove il soggetto che intenda
avvalersi dell’opera di terzi si appresti alla stipula di un contratto di lavoro. La Circolare in
oggetto estende l’obbligo non solo alle tipologie di lavoro subordinato ma anche a quelle forme
di attività di natura autonoma che comportino, ovviamente, un contatto continuativo con i
minori come ad esempio le collaborazioni anche a progetto, associazione in partecipazione ecc.
Rimangono invece fuori dalla sfera di operatività dell’intervento normativo i rapporti diversi da
quelli di lavoro in senso stretto come ad esempio i rapporti di volontariato.
In merito al campo di applicazione, nel sostenere l’orientamento espresso dalla Federazione, il
Ministero ha affermato che «l’adempimento vada circoscritto alle sole attività professionali che
abbiamo come destinatari diretti i minori e cioè quelle che implichino un contatto necessario ed
esclusivo con una platea di minori».
Il Ministero prosegue evidenziando a titolo esemplificativo alcune attività per le quali è
richiesto il certificato penale come le insegnanti di scuole pubbliche e private, conducenti di
scuolabus, animatori turistici per bambini/ragazzi, istruttori sportivi per bambini/ragazzi e il
personale addetto alla somministrazione diretta di pasti all’interno di mense scolastiche.
Oltre alle attività indicate dal Ministero segnaliamo quindi che nel nostro settore il
provvedimento riguarda unicamente tutte quelle figure professionali che hanno a che fare con i
minori come ad esempio animatori di feste per bambini o di mini club, assistenti bagnanti nei
campi estivi e figure professionali similari assunte per svolgere attività esclusive in favore degli
stessi.
Continua la nota ministeriale affermando che, «rimangono pertanto al di fuori della
previsione normativa quelle attività che non hanno una platea di destinatari
preventivamente determinabile, in quanto rivolte ad una utenza indifferenziata, ma
dove è comunque “possibile” la presenza di minori». Come indicato in precedenza dalla
Federazione sono al di fuori della previsione normativa tutte quelle attività rivolte ad una
utenza indifferenziata come ad esempio l’assistente bagnanti di uno stabilimento balneare.
Pertanto il Ministero precisa che l'obbligo non riguarda i dirigenti, i responsabili, preposti e
tutte quelle figure che sovraintendono alla attività svolta dall'operatore diretto, che possono
avere un contatto solo occasionale con i minori.
Come chiarito anche dal Ministero della Giustizia in attesa del rilascio del certificato del
casellario (che deve essere richiesto –acquisito il consenso dell’interessato – prima dell’impiego
al lavoro) è comunque possibile impiegare il lavoratore sulla base di una dichiarazione
sostitutiva dell'atto di notorietà da esibire agli organi di vigilanza.
Nel rinviare alla dettagliata lettura della circolare ministeriale gli uffici della Federazione
restano a disposizione per eventuali richieste di chiarimento.
Distinti saluti.
All. 1
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
177 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content