close

Enter

Log in using OpenID

a tutto tondo! - Settimanale Zona

embedDownload
Anno 7 | numero 224 | Venerdì 31 gennaio 2014 | www.settimanalezona.com
[email protected]
ROMA NORD
Per la vostra pubblicità: tel. 345 1529651
a tutto tondo!
I cittadini reclamano rotatorie per la viabilità sulla Cassia
lA giuStiniAnA tor di quinto lABAro le rughe
cASSiA
ponte milVio
due ponti V.clArA-fleming BrAcciAneSe grottAroSSA p. portA ceSAno
t. nerone c.So frAnciA lA StortA - olgiAtA flAminiA S. ruBrA cASSiA BiS
EditorialE
di Nicoletta Liguori
WANTED Rotatorie
Da quasi sei anni mi batto per
l’abolizione del semaforo all’altezza della stazione della Giustiniana. Attraverso Zona ho
spiegato in molti modi come si
pottrebbe facilmente risolvere il
problema dell’attraversamento
pedonale della Cassia ed ho anche raccolto le firme a sostegno
della nuova viabilità. Ora mi fa
piacere che in molti si accorgano
che quel semaforo blocca di fatto il fluire normale del traffico sulla consolare a partire dall’incrocio
per l’ingtresso al Raccordo fino a
La Storta. Riguardo invece allo
stop su Cassia Antica debbo dire
che è realmente un problema vedere chi viene da destra di sera e
quando piove, anche perché da
via Cortina d’Ampezzo si scende
con facilità e senza particolari
problemi di traffico nelle diverse
ore, quindi, di conseguenza, si
mantiene anche una velocità che
poi rende difficoltoso il rallentamento per l’immissione sulla Cassia. Spero si inverta lo stop al più
presto e magari si pensi ad una
mini rotatoria. Altro incrocio pericoloso è quello tra via Due Ponti,
via Oriolo Romano e via della Crescenza, percorso alternativo alla
Cassia e collegamento tra la Flaminia e i quartieri delle aree più
centrali del Municipio XV. Più di
una volta di notte, mi ha fatto “il
pelo” un’altra auto che percorreva
via Due Ponti in velocità, mentre
ero nel mezzo dell’incrocio... urge
una rotatoria anche qui!
2
ROMA NORD
“servono rotatorie subito”
E’ il coro sollevato dai cittadini all’incontro con la Giunta del Municipio XV. Le altre istanze
S
ono stati circa 150 i cittadini
accorsi lunedì 27 gennaio alla
chiesa di San Giuliano in via
Cassia, dove il Presidente Daniele
Torquati e la sua giunta, gli assessori Alessandro Cozza, Elisa Paris, Michela Ottavi e Simone Ariola,
hanno risposto alle tante domande
degli abitanti del XV Municipio.
L’incontro è stato organizzato dal
Comitato Cittadino del XV Municipio che ha fortemente voluto questo appuntamento per porre
l’attenzione sui problemi del nostro
territorio. Si è posta particolare attenzione sulla costruzione di rotatorie in via Oriolo Romano, via
della Crescenza e Via dei Due Ponti
che servirebbero a regolare il traffico di questi incroci molto pericolosi, oltre che una soluzione per la
viabilità all’altezza del semaforo della Giustiniana, dove il traffico è ormai insostenibile. E’stato chiesto
poi di invertire con una certa urgenza l’ordine dello “stop” sull’incrocio tra Via Cassia Antica e Via
Cortina d’Ampezzo che, secondo
una logica stradale, dovrebbe essere
posto su Via Cortina d’Ampezzo e
non su Via Cassia, dove attualmente si trova. Si è chiesto inoltre di rivedere e riordinare tutta la
complessa struttura dei trasporti si
gomma e di ascoltare le lamentele
dei pendolari che usufruiscono dei
treni Roma Viterbo, sempre troppo
affollati, sporchi e soprattutto mai
puntuali. Dopo questa dettagliata
introduzione prende la parola il Presidente Daniele Torquati che espone tutto il lavoro effettuato in
questi primi sette mesi. La giunta si
è dovuta occupare principalmente
di rimettere in moto la macchina
amministrativa cominciando dal
grosso buco di bilancio sui servizi
sociali, con particolare attenzione
sull’assistenza per i bambini disabili. I prossimi obiettivi che la Giunta si pone sono quelli di portare a
casa un bilancio che sia attuato e
approvato nei tempi previsti, quello
di mettere mano in modo oculato e
serio all’edilizia scolastica e quello
di confermare la spesa del sociale e
dei lavori pubblici. Altro argomento
che ha acceso gli animi dei cittadini
presenti al dibattito è quello che riguarda la salvaguardia dell’ambiente e, a gran voce, il pubblico si è
schierato contro i progetti di cementificazione di Via Vitorchiano.
In questa atmosfera di accesa partecipazione il Presidente Torquati ha
voluto precisare, in seguito ad una
domanda di un cittadino, la delicata questione della sede del XV Municipio in Via Flaminia, per la quale
ogni anno vengono spesi 900 mila
euro d’affitto. La sede era inizialmente del Comune che decise di
venderla ad un privato il quale ha
poi scelto di affittarla al Comune
che gliel’aveva appena venduta.
Potranno in futuro gli uffici municipali essere ospitati in una struttura pubblica? Dove non si paga
affitto oneroso? Insomma… la situazione è alquanto ingarbugliata e
il Parlamentino di Via Flaminia dovrebbe spostare la sua sede altrove,
nel frattempo la Giunta ci ha tenuto a far sapere che se ne sta occupando. Il pubblico è intervenuto
inoltre per ricevere chiarimenti sull’annosa questione del centro anziani in via San Felice Circeo.
L’assessore Michela Ottavi ha spiegato l’intricata situazione di questa
struttura e ha dichiarato tutto l’impegno per sbrogliarla. Per quanto ri-
guarda il traffico e la mobilità l’assessore Elisa Paris ha cercato di offrire risposte esaudienti a tutte le
domande del pubblico. Si è resa disponibile ad occuparsi a breve termine del pericoloso incrocio tra Via
Cassia Vecchia e Via Cortina d’Ampezzo. Paris ha inoltre esposto la volontà di rivedere tutto il sistema dei
trasporti pubblici su gomma e di ridistribuzione dei chilometri. Infine
l’Assessore Paris ha parlato della realizzazione della strada di collegamento tra Via di Grottarossa e il
GRA, che verrà realizzata solo dopo
l’ampliamento dell’ospedale Sant’Andrea per il quale è stato da poco
presentato il progetto urbanistico.
In conclusione il Presidente Torquati ha espresso la propria volontà
di occuparsi della raccolta differenziata e di tutto il sistema dei rifiuti.
Il Presidente e gli Assessori hanno
promesso di ripresentarsi tra sei mesi di fronte al pubblico per un nuovo confronto e dall’incontro è
emerso in modo chiaro che i cittadini seguiranno con attenzione
l’operato della Giunta.
4
ROMA NORD
una “CITTà DELLA SCIENZA”
Rigenerazione urbana: l’ex caserma Guido Reni al Flaminio diventerà un polo scientifico
I
l primo cittadino twitta: “Rigeneriamo per valorizzare l’esistente”. Così Ignazio Marino,
sul social network, ha avvisato
tutti i follower del prospetto di
trasformazione e rivitalizzazione
del quartiere Flaminio. Il 10 gennaio, infatti, in Campidoglio è
stato presentato un progetto di rigenerazione urbana che prevede
la conversione dell’ex caserma di
via Guido Reni in una Città della
Scienza. A distanza di oltre un secolo dalla sua costruzione, la caserma, nata come “Stabilimento
militare materiali elettrici e di precisione”, diviene protagonista di
un intervento che porterà alla
creazione di un esteso polo culturale cittadino. In perfetto stile
londinese e parigino, anche la Capitale avrà una sua Città della
Scienza. Una connessione tra il
nuovo e l’esistente, finalizzata alla riqualifica di ciò che la città già
possiede, di ciò che già è stato costruito, evitando così di alimentare il fenomeno della continua
edificazione dell’agro romano. Tra
i numeri della trasformazione si
legge di 72mila metri quadri destinati a nuovi edifici, 27mila metri quadri occupati dalla Città
della Scienza, 200 residenze private, 70 alloggi sociali, 5mila metri
quadri di spazi commerciali e
14mila metri quadri destinati ad
attrezzature pubbliche. Un investimento di circa 350 milioni di
euro che, in una nota del Campidoglio, è stato definito come “un
centro di rilevanza internazionale
in grado di accogliere, esporre e
rendere accessibile al grande pubblico il sapere scientifico e tecnologico in tutte le sue evoluzioni e
articolazioni, nonché di promuovere la conoscenza scientifica, di
sperimentarla e di diffonderla”.
Una riqualificazione urbana dell’area in questione, iniziata nel
1995 con i lavori per la costruzione dell’Auditorium Parco della
Musica. Un’opera, quella di Renzo Piano, che ha conferito al luogo la stessa dignità urbana delle
aree circostanti. Analoghe le motivazioni che hanno portato alla
realizzazione del MAXXI di Zaha
Hadid. Proprio in tale contesto si
va ad inserire il progetto della Città della Scienza, una struttura che,
insieme alle altre, contribuirà a ritemprare un’area nel cuore della
città. Il progetto, presentato dal
sindaco Marino e dall’assessore alla Trasformazione Urbana Giovanni Caudo nasce dall’idea,
come ha spiegato quest’ultimo, di
“connotare il Flaminio come la
parte di città storica con la maggior concentrazione e densità di
attività culturali, sportive e di spe-
rimentazione artistica”. La realizzazione della futura Città della
Scienza sarà resa possibile grazie
alla collaborazione fra Roma Capitale, Agenzia del Demanio-Ministero dell’Economia e delle
Finanze e il fondo immobiliare gestito dalla Cassa Depositi e Prestiti (Investimenti SGR). Ridare vita
ad un edificio abbandonato, recuperando spazi inutilizzati e creando
dunque
anche
nuova
occupazione senza però alcun tipo di costo aggiuntivo per l’amministrazione comunale, nella
speranza che venga previsto anche un masterplan per la riqualificazione del verde e delle zone
pedonali/ciclabili. Un iter di cui
ancora non si conosce la tempistica anche se, a quanto pare, nel
2017 non avremo più niente da
invidiare alla spagnola Città delle
Scienze di Calatrava. Paragone azzardato?
Scopri le promozioni in corso!
PALESTRE
cardio fitness
posturale
pilates
yoga
aerodance
pump
tone-up
functional-program
indoor cycling
rowing
prepugilistica
3 PISCINE
scuola nuoto
syncro
idrobike
aquagym
nuoto libero
baby nuoto
pallanuoto
corsi sub
corsi di apnea
nuoto master
nuoto agonistico
arti marziali
karate
krav-maga
mma
akido
thai chi
kung fu bambini
kung fu adulti
scuola danza
ginnastica artistica
ginnastica ritmica
volley
mini volley
balli di gruppo
scuola tennis
scuola calcio
calcetto
calciotto
fisioterapia
idrokinesi
6
ROMA NORD
scuola: tante le criticità
L’assessore comunica l’arrivo di 122 mila euro di fondi straordinari. Ma i problemi sono tanti
N
el settembre 2013 è stato intrapreso dalla giunta del municipio XV, in particolare
dell’Assessore alla Scuola Alessandro
Cozza e Elisa Paris, Assessore ai Lavori Pvolerubblici, un progetto che
consiste in un vero e proprio “viaggio” nelle scuole del XV municipio,
per costatare e toccare con mano le
reali condizioni dei nostri plessi scolastici. E’ ben noto già da qualche
tempo in quali situazioni di criticità
si ritrovino alcune scuole del nostro
municipio e non solo; ciò è da ricollegare ad una mancata manutenzione ciclica nelle scuole. Tale iniziativa
ha portato successivamente allo
stanziamento di 122.000€ di fondi
straordinari per l’edilizia scolastica,
stanziati dal Comune di Roma per il
nostro municipio XV. Si tratta di una
buona notizia che porterà nei prossimi mesi ad un serio impegno da
parte della giunta in tutte quelle
scuole in cui si registra un cedimento o condizioni di malfunzionamento. E’ di pochi giorni fa la notizia
fatta circolare dal Vicepresidente del
Consiglio del Municipio XV, Stefano
Erbaggi, della denuncia scaturita dai
genitori e docenti della scuola Ferrante Aporti, in via Antonio Serra, at-
traverso una lettera inviata ad Erbaggi, nella quale si legge: «Da settembre i servizi igienici della scuola
Ferrante Aporti sono guasti. Stiamo
cercando invano da mesi di avere risposte». Questa è sola una parte del-
secondo piano e al teatro, ed è stata
effettuata la disostruzione di una colonna montante dei bagni. Rimane
solo da risolvere un problema di infiltrazione d'acqua in un'aula. Ma
l’emergenza non è solo nella scuola
la lettera dove è stato esposto il non
funzionamento dei servizi igienici
del plesso scolastico. L’assessore Cozza è immediatamente intervenuto su
tale questione, prima con un sopralluogo e successivamente sono stati effettuati gli interventi di
riparazione dell'impianto elettrico al
Ferrante Aporti. Altre segnalazioni
sono giunte dalla scuola Parco di Veio, in cui si denunciava il mancato
accesso alle scale d'emergenza della
scuola, il mancato collegamento dei
pannelli solari ed una serie di forti
infiltrazioni d'acqua. I lavori nel
plesso scolastico sono iniziati e fino
ad ora sono stati effettuati interventi per una perdita d'acqua dal controsoffitto della cucina, è stato tolto
il transennamento da dove entrava
acqua sotto al lucernaio nel piano
terra lungo il corridoio. Rimane ancora da risolvere un problema di perdita d'acqua dalle scale dell'ingresso.
Per quanto riguarda invece la sistemazione del giardino esterno, è un
intervento che dovrà essere eseguito
dalla società multi servizi. Per ultimo
la scala antincendio che dovrà essere ultimata e collaudata per poterne
consentire il sicuro funzionamento.
Infine nel plesso scolastico a Osteria
Nuova sono state segnalate ulteriori
situazioni problematiche. Gli alunni
infatti sono costretti, a causa dei lavori per la rimozione dei container
in cemento-amianto, a mangiare in
aula. Ad oggi l’Assessore Cozza comunica di aver sistemato l’illuminazione della palestra, e di aver iniziato
l’operazione di smaltimento della
vecchia mensa nei container in cemento-amianto e di voler realizzare la
nuova mensa all’interno della scuola. Mentre andiamo in stampa mercoledì scorso apprendiamo che i
lavori sono stati di nuovo bloccati
dal Municipio e approfondiremo la
questione “collocazione mensa” nel
prossimo numero.
8
ROMA NORD
club ‘forza italia’ al via
Grande inaugurazione di “Forza Silvio XV Municipio” tra stampa e centinaia di abitanti
S
ventolano imponenti le bandiere di Forza Italia su Roma nord,
almeno per un giorno. Il loro
grande giorno. Nel territorio storico
del centro-destra romano, ha inaugurato sabato 11 gennaio il primo
Club "Forza Silvio" di Roma.
La sede, già aperta al pubblico, sorge
in via Cassia 1823, località La StortaOlgiata, e consiste in un luminoso
appartamento al primo piano, due
stanze e un ampio terrazzo fronte
strada che ha accolto per l'occasione
circa 250 cittadini, oltre a una folta
partecipazione della stampa e delle
televisioni, locali e nazionali. I militanti e gli iscritti sostengono da soli
l'affitto del locale: 600 euro al mese,
nel segno della spending review richiesta per i club da Silvio Berlusconi
in persona. A tagliare il nastro il capogruppo regionale di Forza Italia Luca Gramazio, il senatore Domenico
Gramazio e Vincenzo Leli, presidente del club. Presente come ospite anche la deputata di Forza Italia, Renata
Polverini, vice-presidente Commissione lavoro alla Camera. Il clima festoso, testimoniato dalle decine di
palloncini tricolore, dallo spumante
e dai tanti sorrisi dei presenti, tra cui
tanti giovani, ha raggiunto l'apice al
lancio inaspettato di una serie di ro-
boanti fuochi d'artificio che hanno illuminato il cielo della Cassia, a testimonianza
dell'inizio,
per
i
simpatizzanti “forzisti”, di un nuovo
ciclo di partecipazione ancor più popolare alla politica attraverso i circoli
"Forza Silvio". Un nuovo corso ribadito anche dalle parole del capogruppo F.I. alla Regione, Luca Gramazio:
«È fondamentale ascoltare quotidianamente le richieste dei cittadini, a
tutti i livelli. Abbiamo riscontrato
grande voglia di partecipazione. Qui
si potranno organizzare dibattiti e
confronti, coinvolgendo il più possibile i cittadini, che devono essere gli
attori protagonisti di questo nuovo
progetto. L’entusiasmo deve costituire uno stimolo per proseguire su questa strada, con sempre maggior
determinazione, a servizio delle esigenze dei residenti». Ma per comprendere meglio la storia della nascita
di questo circolo dobbiamo mettere
indietro gli orologi di un anno, a gennaio 2013, quando l'allora presidente
di un noto comitato di quartiere,
Vincenzo Leli appunto, decide di
scendere in campo con la lista civica
"Vènti di Cambiamento" per le elezioni amministrative del Municipio
XV, ex circoscrizione ventesima. Dopo aver totalizzato oltre 1.500 prefe-
renze e raggiungendo in certi quartieri, come quello dove nasce il circolo, percentuali di gradimento vicine
al 20%, decide di appoggiare al ballottaggio l'allora presidente di Municipio uscente, Giacomini. Passano
pochi mesi e Leli, conscio della scelta
effettuata in appoggio al centro-destra, decide quindi di entrare in Forza
Italia proprio mentre il PdL si spaccava. «Ho scelto di seguire Berlusconi in
questo nuovo e navigato progetto e
non seguire quello infedele di Alfano
– ha commentato Leli – Si tratta del
primo club ‘Forza Silvio’ di Roma
nord e di Roma, siamo rimasti soli in
questo Municipio, perché i consiglieri municipali ex PdL sono passati
quasi tutti con il Nuovo Centrodestra
di Alfano. Io gestirò questa sede con
il vicepresidente Emiliano Piccinini,
c’è uno statuto, un tesoriere, un uffcio
stampa, insomma abbiamo registrato già tutto al partito e siamo pronti
a lanciarci in questa avventura».
Insomma, ora il Berlusconi ha a disposizione un nuovo avamposto sul
territorio, che già si è posto un obiettivo non da poco, in un momento di
forte anti-politica: duemila iscritti.
«Occorre sin da subito mettersi a lavoro per l’obiettivo che questo Club si
pone, ovvero 2mila iscritti entro
maggio - spiega ancora Leli - quando
si terranno le elezioni europee, per essere presto un decisivo comitato elettorale del futuro candidato di Forza
Italia. Noi siamo pronti. La grande
adesione e l’attenzione che abbiamo
richiamato su giornali e televisioni
non fa che confermarci come in questo territorio di Roma nord ci sia una
straordinaria fame di centrodestra.
Un centrodestra però - precisa Leli targato Forza Itaia, nel segno del Cavaliere».
Sopra il discorso del presidente Vincenzo Leli, sotto con il capogruppo di Forza
Italia alla Regione Lazio, Luca Gramazio, e con il senatore Domenico Gramazio.
9
ROMA NORD
“ogni giorno 15 rapine”
In aumento rispetto all’anno scorso. Tutti i dati sui crimini dal Presidente della Corte d’Appello
L
e rapine a Roma sono aumentate e raggiungono “una
media approssimativa giornaliera di 15”. Lo ha detto il presidente facente funzione della Corte
d’Appello di Roma Catello Pandolfi, nel corso della cerimonia di
apertura dell’anno giudiziario. Rispetto all’anno 2011/2012 è stato
registrato infatti “un incremento
di 450 fatti delittuosi giungendo al
considerevole e preoccupante totale di 5453”, ha continuato Pandolfi che ha spiegato che le rapine
“hanno come soggetti passivi sia
persone singole che esercizi commerciali, che vengono usate anche
armi potenzialmente micidiali e
che vengono perpetrate anche da
persone non travisate e, quindi,
ragionevolmente incensurate”.
Secondo Pandolfi, nel distretto di
Roma, sono aumentati gli omicidi
volontari che nell’ultimo anno sono stati 27 rispetto ai 23 del 2012.
Per quanto riguarda i tentati omicidi, nell’ultimo anno sono stati
107 contro noti e 46 contro ignoti. In merito agli omicidi preterintenzionali, questi sono stati
cinque mentre quelli con morte
come conseguenza di altro delitto
sono stati 17 contro noti e 103
contro ignoti. In aumento anche i
procedimenti per prostituzione
minorile e pedopornografia che
sono saliti da 290 casi a 398. Per
Pandolfi si segnala un “significativo e preoccupante incremento dei
delitti” contro la libertà sessuale e
stalking “soprattutto quelli caratterizzati da violenza alla persona”.
Preoccupanti anche i dati sulla criminalità e lo spaccio. “Roma rappresenta un grande mercato delle
droghe ma anche uno snodo: l’aeroporto di Fiumicino e il porto di
Civitavecchia – continua il magi-
strato – sono punti di ingresso
consolidati per stupefacenti da
smerciare in città e altrove (nel
corso del 2012 nel Lazio sono stati sequestrati quasi 5,5 quintali di
stupefacente)”. Secondo Pandolfi
questo è un settore di “comune interesse per tutte le associazioni criminali che coesistono sul
territorio”. Inoltre si “verificano
forme di alleanze tra i gruppi criminali stanziati su Roma e le organizzazioni transnazionali di varia
matrice”. Ma a crescere sono anche le estorsioni: mentre a fine
2012 erano stati accertati 692 casi
di racket, nel 2013 la cifra è salita
a 822. Aumentano anche i fasci-
coli aperti in Procura per fatti concernenti accuse di usura: si va da
151 del 2012 ai 178 del 2013. L’aumento della criminalità unita alla
crisi economica che non è ancora
superata hanno causato anche un
aumento dei fallimenti d’impresa:
la percentuale in questo caso è cresciuta del 15% rispetto al 2012,
con un valore totale di 828 imprese che sono state costrette a chiudere i battenti. Sulla situazione,
Pandolfi ha aggiunto: “A Roma le
organizzazioni criminali acquistano immobili, società e attività
commerciali nelle quali impiegano ingenti risorse economiche
provenienti da delitti. In tal modo
esse si dotano di fonti di reddito
importanti e apparentemente lecite. La scelta delle cosche di effettuare investimenti a Roma e nel
Lazio – ha concluso il presidente
facente funzioni – viene privilegiata in quanto la vastità del territorio,
la
presenza
di
numerosissimi esercizi commerciali, attività imprenditoriali, società finanziarie, immobili di
pregio consentono di mimetizzare
gli investimenti”.
10
ROMA NORD
social card per i bisognosi
Gli aventi diritto la possono ritirare al Municipio fino al 28 febbraio. Ecco chi può richiederla
L
’assessore al Sostegno Sociale e
Sussidiarietà, Rita Cutini, ha
presentato in Campidoglio la
nuova carta acquisti sperimentale
(Social Card Roma), a sostegno delle famiglie in difficoltà economiche.
La carta prevede un contributo
mensile finanziato dallo Stato per
circa 4.000 famiglie della Capitale e
può essere richiesta dal 20 gennaio
al 28 febbraio 2014. Si tratta di una
iniziativa sperimentale della durata
di 12 mesi, rivolta ai nuclei familiari residenti a Roma da almeno un
anno con almeno un minore a carico. Il richiedente può essere cittadino italiano, comunitario, straniero
con permesso di soggiorno di lungo
periodo, rifugiato. Esistono poi dei
requisiti, anche essi essenziali, che
attengono alle condizioni economi-
che, lavorative e patrimoniali relative al nucleo familiare. La Social
Card è in pratica uno strumento di
pagamento elettronico. Viene spedita a casa dei beneficiari e ricaricata ogni due mesi dall'Inps. Il
contributo mensile varia a seconda
del numero dei componenti e dei
requisiti del nucleo familiare: da
231 a 404 euro. La richiesta deve essere effettuata a carico e sotto la responsabilità
del
richiedente
presentando la domanda dal 20
gennaio al 28 febbraio 2014. Esistono tre modalità per richiedere la
carta acquisti: domanda online sul
sito www.socialcard.roma.it e spedizione della documentazione via fax;
domanda online (sempre sul sito
Socialcard) e spedizione della documentazione via raccomandata A/R;
consegna a mano della domanda
presso gli sportelli attivati nei Mu-
nicipi e negli uffici del Dipartimento delle Politiche Sociali, Sussidiarietà e Salute. Per richiedere la Social
Card, è necessario possedere i seguenti requisiti:
-cittadinanza italiana o UE
-residenza a Roma da almeno un
anno
-ISEE inferiore o uguale a 3.000 euro
-patrimonio immobiliare inferiore a
8.000 euro
-nessun componente della famiglia
deve essere in possesso di autoveicoli immatricolati nei 12 mesi antecedenti la richiesta; autoveicoli di
cilindrata maggiore a 1.300 cc. o
motoveicoli di cilindrata superiore
a 250 cc. immatricolati nei tre anni
precedenti
-valore ICI dell’abitazione di residenza inferiore a 30.000 euro
-avere almeno un minore fisicamente a carico
-almeno un componente deve aver
perso l’occupazione negli ultimi 36
mesi
-valore complessivo del reddito familiare degli ultimi 6 mesi deve essere inferiore ai 4.000 euro.
Le domande dovranno essere ritirate presso gli uffici del Municipio in
via Flaminia 872 in quanto personalizzate con codice a barre.
L'ufficio preposto per la consegna
delle domande è disponibile per
ogni ulteriore chiarimento in merito la compilazione delle domande
nei giorni di :
MARTEDI' dalle ore 8,30 alle ore
13,00
GIOVEDI' dalle ore 8,30 alle ore
13,00 e dalle 14,00 alle 17,00
(www.comune.roma.it)
PERDER PESO MANGIANDO
ROMA
Via Cassia 1756
06 96043824
CONSULENZA
GRATUITA
Scopri tutti i negozi di Roma su
www.naturhouse.it
11
ROMA NORD
promo
...l’asilo del sabato sera!
La serata con gli amici non è più un problema. C’è il nido famiglia “A casa di Giulia e Francesca”
I
l sogno di ogni giovane genitore
con bambini piccoli: uscire il sabato sera, divertirsi e staccare la
spina dalle fatiche della settimana,
almeno un giorno su sette. Ma un
momento, c'è un problema. Sì, i figli.
A chi si lasciano per andare a mangiare una pizza o a bere un cocktail
con gli amici? La nonna può? La
zia? La babysitter è libera? A tutte
queste preoccupazioni c'è finalmente
una risposta semplice e concreta, perché nasce sulla Cassia il primo asilo
aperto il sabato sera. Una sicurezza
per mamme e papà che potranno finalmente trascorrere del tempo tutto
per loro in totale tranquillità. A Roma, nel quartiere La Giustiniana,
nasce infatti il primo nido famiglia
dedicato al weekend e aperto anche
di sera. Pagando 25 euro si può la-
sciare il proprio pargolo nelle mani
delle maestre, dalle 19 alla mezzanotte. "Il tempo per una cena o un cinema - spiegano le sorelle Arrigo, del
nido famiglia "A Casa di Giulia
Francesca" - Per andare incontro alle
famiglie abbiamo deciso di offrire il
servizio, un'ora o più, a una cifra forfait, 25 euro appunto". L'asilo in settimana segue l'orario normale
7-18:30, ma per l'occasione, il sabato, apre le sue porte ai bimbi dalle 19
alle 24. L'indirizzo è sempre quello
del nido in via Mario Menichini 9
(Comprensorio Case e Campi, di
fronte al supermercato Simply e al
megastore Euronics). L'idea sta avendo molto successo tanto che i gestori
stanno pensando per il nuovo anno
di tenere aperto l'asilo in orario diurn
anche il sabato e la domenica. "A
CASA GIULIA e FRANCESCA" è un
nido famiglia, un servizio dedicato
alla crescita e allo sviluppo di bambini/e da 0 a 3 anni che accoglie un
numero limitato di bimbi. Il nido famiglia intende supportare le famiglie
affiancandole nei loro compiti educativi: per facilitare l’accesso delle
donne al lavoro in un ottica di pari
opportunità per entrambi i genitori;
per sostenere la coppia nell'impegnativo compito di genitori in quanto sovente non vi sono occasioni per
condividere le problematiche della
crescita dei propri figli. L'ambiente si
caratterizza come accogliente, intimo, sicuro e fatto a misura del bambino. È attrezzato affinché possa
offrire stimoli per la crescita in ogni
suo aspetto. L'iscrizione può essere
ad ore, full-time, part-time, mensile,
con o senza vitto, senza imporre orari rigidi. Il personale è qualificato,
esperto e appositamente formato. La
cucina è interna e genuina. La struttura fa parte dell'associazione "Scarabocchiando"
(www.scarabocchiando.info) che si
propone come una alternativa sia alla casa dei nonni che alla baby sitter:
non si tratta semplicemente di trovare un posto al proprio bambino in cui
sia al protetto, bensì di lasciare i nostri figli in un luogo sicuro, familiare ed affidabile in orari flessibili
rispettando le esigenze del singolo genitore. Le prenotazioni per settembre
sono aperte!
Nido famiglia "A Casa di
Giulia e Francesca"
Via Mario Menichini 9
339/3554462 - 335/8267258
www.acasadigiulia.com
[email protected]
12
GROTTAROSSA - DUE PONTI
Venerdì scorso in via Germana Stefanini, meglio
conosciuta come “la strada di Fondovalle”, è avun
terribile
venuto
incidente che ha visto
coinvolti due ragazzi. Il
passeggero dello scooter,
15 anni, ha perso la vita
sbattendo probabilmente
la testa contro il marciapiede, mentre l’altro ragazzo starebbe bene. Da due giorni il quartiere è sconvolto dal tragico
avvenimento e, nonostante non ci siano notizie ufficiali, le
voci sulla dinamica dell’avvenimento si rincorrono. Andrea
era dietro al suo amico in sella al motorino. I due ragazzi percorrevano Via Stefanini in direzione di via Sinisi (Due Ponti) e, all’altezza della seconda curva, appena superato
l’incrocio con via dei SS. Cosma e Damiano, il conducente
avrebbe perso il controllo del motorino scivolando a terra. Intanto sul luogo dell’incidente sono comparsi striscioni di affetto e mazzi di fiori per ricordare il ragazzo. Domenica
pomeriggio intorno alle 16.30 una lunga processione di ragazzi si è recata sul luogo dell’incidente per salutare il giovane amico scomparso. (Eleonora Capri)
giallo del lago - anguillara
Svolta nel giallo del lago di Bracciano, si riaprono le indagini: Federica Mangiapelo “è stata
assassinata”. Non ci sarà l’archiviazione per morte naturale della ragazzina di 16 anni trovata morta il
primo novembre 2012. Il giudice,
dunque, pensa che si sia trattato di
omicidio. È questa la pista che intende seguire il capo dei gip di Civitavecchia, Giovanni Giorgianni. Una
decisione in contrasto con la linea sposata dalla Procura. E ora
con il supplemento di indagine chiesto dal Gip la famiglia di Federica torna ad avere almeno la speranza di dare un perché alla
morte, un volto a un possibile assassino. La procura ha a disposizione altri sei mesi di tempo per approfondire gli esami che serviranno a far luce sulle circostanze in cui e’ avvenuto il decesso
di Federica. Con una pista precisa, appunto, quella di omicidio.
grottarossa
E' stato sorpreso all'ingresso
del Parco della Pace (meglio
noto come parco Papacci),
mentre spacciava sostanza stupefacente e arrestato. Sono stati gli agenti del commissariato
Flaminio Nuovo, a fermarlo dopo aver visto un passaggio di
droga e denaro. I poliziotti, in
seguito ad appostamenti effettuati nella zona, lo avevano notato in più di un'occasione
girovagare nei pressi del Parco.
Al momento dello scambio, effettuato proprio all'ingresso, tra
il pusher ed un giovane cliente,
gli agenti sono intervenuti. Lo
spacciatore ha tentato la fuga,
ma dopo pochi metri e' stato
fermato e trovato in possesso di
alcuni dosi di marijuana e del
denaro contante. Identificato
per D.M, 20enne del Gambia, è
risultato essere residente presso
il centro di accoglienza di via
Grottarossa, dove è stato perquisito il suo alloggio dove, all'interno di uno zaino, sono
state trovate altre dosi marijuana, un bilancino di precisione,
ed altro materiale utilizzato per
il confezionamento.
collina fleming
Un uomo di 43 anni, tra i
90 destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare
emessa nell'ambito delle indagini coordinate dalla Direzione
nazionale
anti-mafia, si è suicidato
lanciandosi nel vuoto. Per
sottrarsi alla cattura, il pregiudicato ha detto agli agenti di
polizia, che erano andati ad
arrestarlo, di sentirsi male e di
andare a prendere un bicchiere d'acqua, ma ha aperto
la finestra e si è lasciato cadere dal quarto piano della sua
abitazione in via Guido Banti, nella zona di Collina Fleming, non lontano da Ponte Milvio. La maxi operazione è partita
dalla Direzione investigativa antimafia contro il clan dei Contini tra
Campania, Lazio e Toscana. Le 90 persone sono tutte accusate di far
parte della famiglia camorristica considerata fra le più influenti e potenti a Napoli.
13
ROMA NORD
sottopasso cementato
In Municipio decisa la cementificazione del sottopasso, già meta di sbandati e molto degradato
I
n zona Cassia da anni il sottopassaggio che collega l’Istituto Tecnico “Stendhal” alla
chiesa di Sant’Andrea è oggetto
di discussione. Infatti ci sono state dalle giunte che si sono susseguite nel tempo, varie proposte
per dargli un senso in favore dei
cittadini e soprattutto per evitare
che fosse preda del degrado. La
storia del sottopassaggio è ricca
di episodi; se anni fa fu scenario
per una mostra dello scultore
Giuseppe Valdinoci, alcuni avevano avanzato poi l’ipotesi di farlo rimanere un luogo di cultura
installandoci una libreria, ma il
sottopassaggio non è mai riuscito a mantenere questo status e a
fasi alterne è quasi sempre stato
dimora per disperati e senza tetto.
Già il 27 agosto 2008 fu svolto il
primo sgombero e la prima bonifica, la zona era diventata un coacervo di germi e di flussi
maleodoranti. Barboni e senzatetto trovavano rifugio dal freddo e avevano persino arredato il
sottopassaggio con brandine. Nel
2009 l’allora assessore ai Lavori
Pubblici del Municipio, Stefano
Erbaggi, ora vice-presidente del
Consiglio Municipale, chiedeva
la chiusura definitiva in seguito
ai ripetuti tentativi di bonifica
non riusciti e all’evidente inutilità del sottopassaggio per i residenti della zona. Sia gli studenti
che gli anziani frequentatori del
centro ricreativo adiacente alla
scuola, non usavanono più da
tempo l’attraversamento sotterraneo perché sapevano che è
spesso occupato ed hanno paura.
Nonostante i vari interventi di
pulizia e bonifica, qualcuno ancora torna a dormirci anche se ultimamente non sono stati trovati
né rifiuti né indumenti che facessero pensare ad un insedia-
mento fisso. Di sicuro forte era
l’odore di urina, che si percepiva
distintamente camminando sul
marciapiede in superficie. Finalmente durante l’ultimo Consiglio del XV Municipio si è
discusso del caso del sottopassaggio di Tomba di Nerone giungendo ad una soluzione definitiva:
l’attraversamento verrà riempito
con dei mattoni e lungo le scale
verranno poste delle aiuole per il
decoro pubblico. La storia del
sottopassaggio si è finalmente
conclusa con l’unica soluzione
possibile per la sicurezza dei cittadini e per l’arredo urbano.
14
ROMA NORD
il s. andrea si fa più grande
Per l’ospedale una nuova palazzina di 5 piani e l’aggiunta di 6 postazioni per chemioterapia
I
l Sant’Andrea è riconosciuto
come il più importante ospedale di Roma Nord, nonché
come un rinomato campus universitario. L’afflusso di pazienti
(da tutta Italia) aumenta sensibilmente sia grazie al prestigio e alla
qualità del personale medico, sia a
causa della chiusura di numerose
strutture sanitarie romane. Purtroppo il livello e la professionalità
garantiti
non
sono
proporzionali alla disponibilità
delle strutture: l’ospedale va ampliato. Ad oggi si può prevedere
che l’eccessivo afflusso di pazienti negli spazi insufficienti provocherebbe una paralisi dell’intero
plesso. La buona notizia è che un
primo passo è stato fatto, come riporta il Corriere della Sera, che
pubblica un lungo approfondimento a riguardo. Lo scorso 20
dicembre, si legge, si è chiuso il
bando della gara d’appalto per un
primo ampliamento da 17 milioni
di euro ed ora una commissione
valuterà a chi affidare il progetto.
Questa prima operazione prevede
l’accorpamento degli uffici amministrativi, oggi collocati in una
costosa struttura esterna, al complesso ospedaliero, mentre in un
secondo momento si procederà
all’ampliamento più corposo: la
costruzione di una palazzina di 5
piani che ospiterà i reparti di
Emergenza, Oncologia (che avrà
altre 6 postazioni per le cure chemioterapiche), Cardiologia, Cardiochirurgia e intramoenia. Di
recente, il responsabile del Dipar-
timento di scienze Oncologiche
Paolo Marchetti ha dichiarato al
Corriere della Sera che i problemi
di insufficienza strutturale hanno
investito soprattutto l’Oncologia,
dove nell’ultimo anno i medici
hanno svolto 15 mila visite ambulatoriali e 3 mila day hospital
con sole 6 postazioni (la metà di
quelle necessarie) per le cure chemioterapiche. Anche il direttore
generale Maria Paola Corradi ritiene che sia necessario un vero
ripensamento strutturale per garantire un’adeguata funzionalità.
Ma un tale intervento è possibile
solo sbloccando il budget (non
idoneo) che la Regione assegna
all’ospedale. In effetti, come riporta il Corriere della Sera, il direttore generale ha portato avanti
un progetto di ampliamento che
è stato approvato dalla Regione
Lazio nel 2011 ed inserito nel piano regolatore comunale nel 2013.
Un altro reparto che risente fortemente dell’insufficienza strutturale è quello di Senologia. Per ora
le attese non sono esagerate ma le
sale operatorie sono poche e i chirurghi sono costretti ad eseguire
un numero record di interventi
ogni giorno. E pensare che il Sant’Andrea è rinomato anche nell’ambito della salute femminile. A
dicembre si è aggiudicato due bollini rosa dall’O.N.Da (osservatorio nazionale sulla salute della
donna) che promuove il progetto
“Ospedale Donna”, premiando
gli ospedali “a misura di donna”
che erogano le migliori prestazioni sanitarie in questo contesto.
15
ROMA NORD
SCONTO 20% ai residenti
Convenzione col Municipio XV e abbonamento scontato al centro sportivo Dabliu. Tutte le info
S
e ne era iniziato a parlare
già tra ottobre e novembre,
quando il Centro Sportivo
Dabliu di Labaro (zona Colli
D’Oro) si era messo in contatto
con il Municipio XV per avanzare la proposta di una convenzione che rendesse la struttura
più accessibile per mezzo di
agevolazioni economiche rivolte ai cittadini.
Una volta passata al vaglio da
parte del Municipio e degli uffici competenti, la proposta è
di fatto diventata un documento vero e proprio in cui si determinano le condizioni per
poter godere delle agevolazioni
previste dalla convenzione. Sostanzialmente si tratta di un’offerta
indirizzata
sia
ai
dipendenti del Municipio, ma
soprattutto a giovani, studenti e
anziani. Per gli universitari basterà esibire un attestato che
confermi la regolare iscrizione
all’Università, mentre per gli
over 65 naturalmente occorrerà soltanto mostrare un docu-
mento di identità valido. Tra
gli aventi diritto ad aderire alla
convenzione ci sarà una suddivisione in categorie per accedere alla giusta tariffa. Le
differenti modalità di sconto
saranno catalogate a seconda
del calcolo dell’ISEE, che andrà
presentato direttamente alla segreteria della palestra al momento dell’iscrizione. L’offerta
prevede uno sconto del 15% o
del 20% sul costo dell’abbonamento, che può essere mensile,
semestrale o annuale. L’iniziativa però non dovrebbe rimanere un caso isolato, tutt’altro
potrebbe e dovrebbe estendersi
anche ad altre strutture, come
ci ha spiegato il consigliere
Alessandro Cozza (PD). La proposta che pochi mesi fa era partita dal Centro Sportivo Dabliu
di Labaro, conferma Cozza, è
infatti stata presa come esempio dal Municipio per poter
studiare e sviluppare una convenzione da poter proporre ad
altri circoli e centri sportivi
presenti sul nostro territorio.
In attesa che l’iniziativa trovi
ben presto numerose adesioni
presso altri gestori di impianti
sportivi della zona, non è da
escludere che l’offerta già esistente alla Dabliu venga ulteriormente ampliata
con
l’innesto della piscina. Essendo
la palestra e la piscina gestite
da due diverse società, una volta stretto l’accordo tra palestra
e Municipio, pare che anche
chi gestisce la piscina si sia detto interessato a trattare la proposta.
Dettagli centro Dabliu:
Sala Fitness, Campi Calcetto,
Campi Tennis, Campo Calciotto, Piscina Grande, Piscina Piccola, Piscina Estiva, Centri
Estivi, Scuola Nuoto, Acqua
Gym, Bar, Ristorante, Pizzeria,
Ampio parcheggio interno.
Via Busto Arsizio, 31 – Tel.
06/33611785
Orari Centro:
Lun. - Ven: 09,00/23,00 - Sab.:
09,00/20,00
16
tangenziale - olimpica
Operazione anti-abusivismo della Polizia Locale
di Roma Capitale alla foce dell'Aniene, lungo la
Tangenziale Est, poco dopo Corso Francia, per
sgomberare e demolire
circa cinquanta baracche. Nelle strutture abitano persone sudamericane,
filippine e romene. L'accampamento abusivo si trova sotto
l'Olimpica, proprio alla foce del fiume. La Polizia locale è intervenuta sulla base di un'ordinanza del sindaco che stabilisce lo sgombero motivi di sicurezza e igiene ambientale.
L’operazione, spiega il Campidoglio, si è resa necessaria per
motivi di sicurezza, igiene e decoro: le baracche, ad oggi disabitate, sorgevano infatti in prossimità del fiume, a circa 8
-9 metri dal greto, rischiando di essere travolte e di crollare
con le piogge stagionali. I lavori di messa in sicurezza dell’area e di demolizione completa delle strutture richiederà 20
giorni. Agli abitanti dell’insediamento abusivo, assistiti della Protezione Civile e della Sala Operativa Sociale, era già stata offerta un mese fa una sistemazione presso i locali della Ex
Fiera di Roma Capitale.
flaminia
I Carabinieri del Nucleo Operativo
della Compagnia Roma Trionfale
hanno arrestato tre cittadini romeni,
rispettivamente di 23, 24 e 25 anni,
tutti con precedenti, con l’accusa di
tentato furto in abitazione in concorso. I tre ladri, in via Flaminia, dopo
aver forzato una finestra, si erano introdotti all’interno di un appartamento adibito ad ufficio lungo la Flaminia,
rubando due tv da 32 e 50 pollici e due
personal computer. Sfortunatamente per loro, mentre stavano uscendo dallo stabile con la refurtiva sono stati notati da una pattuglia dei
Carabinieri che li ha subito bloccati. I tre topi d’appartamento, dopo
l’arresto, sono stati accompagnati in caserma a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo. La refurtiva invece recuperata dai Carabinieri è stata riconsegnata al responsabile
dell’ufficio.
tor di quinto
"I nomadi sono tornati al campo di Via del Bajardo a Tor di
Quinto da dove erano stati
sgomberati il 6 luglio 2012 da
parte della Giunta Alemanno
dopo una difficile battaglia
che era durata da anni”. Così
recitava una nota di Fratelli
d’Italia in XV Municipio a dicembre.
“A poche decine di metri da
quel luogo nella notte del 30 ot-
tobre 2007 era stata violentata
la signora Giovanna Reggiani
che era morta dopo due giorni
di agonia in ospedale”.
Per qualche settimana, incuranti di ogni legge e controllo alcuni camper hanno stazionato
giorno e notte nell'area (vedi foto) e la loro collocazione e dislocazione indicava in tutta
chiarezza l'intento di ricreare
una definitiva posizione su
quell'area.
L’intervento, firmato Giorgio
Mori (FdI) e la conseguente attenzione posta sul caso da parte
delle autorià e dei media locali
ha fatto sì che dell’insediamento oggi non vi sia più traccia.
cassia
Teatro Cassia, 7-8-14-15febbraio ore 21
“Serata Omicidio” spettacolo giallo-comico
Cosa c'è di meglio, per animare una serata un po' monotona, che indagare su un
misterioso omicidio? Figurarsi, poi, se questo efferato delitto avviene proprio tra le
mura della propri abitazione!
Se, poi, il tragico evento era
stato preannunciato con precisione su un sito web, si è davanti a una perfetta “Serata
Omicidio”.
A fare da protagonista all'ingarbugliata vicenda è un
gruppo chiacchierone e colorato di donne, le quali, nel salotto di
un appartamento ancora in fase di arredamento, si confrontano (e
scontrano) tra loro per scoprire movente, vittima e colpevole di un
delitto… Il biglietto potrà essere prenotato con sms o telefonando
ai seguenti numeri 3355733733 – 3283531376
Prezzi comprensivi di IVA e montaggio
Tende da Sole, Tunnel,
Gazebi, Sostituzione Teli,
Pergole, Grigliati,
Zanzariere, Avvolgibili
e Riparazioni
TENDA DA SOLE _MOD. DA BALCONE
cm 120 x 250 = 180,00
cm 200 x 250 = 220,00
cm 240 x 250 = 240,00
cm 300 x 250 = 270,00
cm 350 x 250 = 290,00
cm 400 x 250 = 310,00
incluso
motore
TENDA DA SOLE _MOD. TBQ
cm 300 x 250 = 690,00
cm 350 x 250 = 760,00
cm 400 x 250 = 800,00
cm 450 x 250 = 850,00
cm 500 x 250 = 900,00
cm 550 x 250 = 950,00
cm 600 x 250 = 1000,00
incluso
TENDA DA SOLE _MOD. TBM
Sostituzione telo
21,00 al Mq
cm 400 x 250 = 1110,00
cm 500 x 250 = 1331,00
cm 600 x 250 = 1448,00
MONTAGGIO, SMONTAGGIO
E MANUTENZIONE
TENDA DA SOLE _MOD. TMG
cm 150
cm 200
cm 250
cm 300
cm 350
cm 400
cm 450
cm 500
cm 200
cm 300
cm 400
cm 500
500,00
600,00
650,00
700,00
750,00
800,00
850,00
900,00
550,00
680,00
750,00
800,00
850,00
900,00
950,00
1050,00
650,00
750,00
850,00
900,00
1000,00
1050,00
1100,00
1250,00
750,00
900,00
950,00
1000,00
1150,00
1250,00
1300,00
1450,00
Siamo in
motore
www.puntotenda.roma.it
[email protected]
Via Giorgio Iannicelli, 92 Roma
06 30 81 96 62 / 333 31 49 709 / 334 53 38 789
18
labaro
Ha tentato di rapinare il suo
tabaccaio, vicino di casa, ma
è stato scoperto e arrestato.
Così, i Carabinieri della Stazione Roma Prima Porta, dopo
incessanti indagini, sono risaliti ad un 33enne romano e lo
hanno arrestato con l’accusa
di tentata rapina. L’episodio risale a venerdì scorso quando il
malvivente ha fatto irruzione in una tabaccheria di via Arta
Terme che, armato di un coltello da cucina e con il viso coperto da un passamontagna, e ha tentato di rapinare il titolare 76enne che è riuscito a metterlo in fuga senza il bottino.
Immediatamente sono intervenuti i Carabinieri che hanno
sentito la vittima che, in particolare, ha riferito ai militari di
aver visto l’aggressore negli occhi e di averlo riconosciuto come un abitante della zona. Il giorno successivo, la vittima, cardiopatica, ha avuto un malore ed è stata trasportata in
ospedale per essere sottoposta ad accertamenti. Ieri, i Carabinieri della Stazione Roma Prima Porta si sono presentati a
casa del 33enne, adiacente alla tabaccheria, lo hanno arrestato
e, effettuando una perquisizione domiciliare, hanno rinvenuto e sequestrato il coltello con cui aveva tentato la rapina.
L’arrestato è stato tradotto presso il carcere di Regina Coeli,
a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. (Agenparl)
casale san nicola
E’ una mattina come tante a Casale
San Nicola (Stazione Olgiata), quando una ragazza residente in zona è
stata vittima del furto di alcuni effetti personali che aveva lasciato nell’abitacolo della sua auto. Aveva
parcheggiato la macchina davanti a un
circolo sportivo per andare a fare una
corsa e al suo ritorno ha scoperto che le
avevano scassinato la serratura dello
sportello e che le avevano rubato la borsa (quindi anche il portafoglio
con soldi e documenti) e il cappotto. Prontamente si è recata dai Carabinieri di La Storta i quali, nel raccogliere la denuncia, si sono raccomandati di stare in allerta poiché casi simili si verificano ormai ogni
giorno. In effetti, negli ultimi mesi i furti di oggetti all’interno delle auto sono stati numerosi, sia a Roma nord che fuori.
cassia bis - gra
Era ubriaco il giovane, di 28
anni, che all’alba di domenica
ha percorso 25 chilometri contromano sul Grande Raccordo
Anulare provocando un incidente senza feriti. La sua corsa
è iniziata dalla Cassia bis ed è finita a Tor Bella Monaca. Sottoposto al test dell’etilometro
dalla polizia stradale, il giovane
è risultato avere nel sangue un
tasso alcolico tre volte superio-
re al limite imposto dalla legge.
Secondo la ricostruzione definitiva, il giovane a bordo di un
Bmw è entrato contromano nella carreggiata esterna del Gra
appunto dallo svincolo Cassia
bis, al 56esimo chilometro; dopo 15 chilometri, all’altezza dello svincolo Nomentana, al
41esimo chilometro del Gra, ha
provocato l’incidente ma senza
urtare l’altra auto che per evitare l’impatto si è ribaltata; la corsa a forte velocità su Gra è finita
all’altezza dello svincolo Tor
Bella Monaca, al 31esimo chilometro, quando la polizia stradale ha bloccato l’auto del
giovane.
vigna clara
Truffa dello specchietto ai
danni di un anziano. I Carabinieri hanno arrestato
due truffatori di 33 e 42 anni, appartenenti ad una noto clan di origini campane,
con l’accusa di tentata truffa in concorso. I due uomini, a bordo della loro auto, in
via dei Robilant, in zona Farnesina-Vigna Clara, hanno
tentato di mettere a segno, la
cosiddetta “truffa dello specchietto”, simulando un sinistro stradale e chiedendo poi
un risarcimento di 300 euro ad un malcapitato 80enne romano,
per il fantomatico danno subito. Fortunatamente per l’anziana vittima, proprio nel momento in cui stava consegnando i soldi in mano ai due truffatori, è passata una pattuglia dei militari dell’Arma che
li ha notati ed è intervenuta bloccandoli. Ammanettati dai Carabinieri i due malfattori dopo l’arresto, sono stati accompagnati in caserma, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa del rito
direttissimo. I soldi invece sono stati recuperati dai militari dell’Arma e restituiti alla vittima.
19
ROMA NORD
promo
fisioterapia osp. s. pietro
Centro di Fisioterapia dell’Ospedale San Pietro: “In prima linea per combattere il dolore”
Intervista alla specialista in mesoterapia Dott.ssa Francesca Romana Maggiolini
D
ottoressa al giorno d’oggi
per combattere il dolore
quali armi avete a disposizione?
“Presso il centro di fisioterapia dell’Ospedale San Pietro F.B.F. che lavora sul territorio gia’ dagli anni
‘80, nella nuova struttura di circa
1.000 mt/quadrati, sono concentrati tutti gli elementi che garantiscono l’eccellenza terapeutica: è
possibile infatti effettuare sedute di
terapia fisica tradizionale (tecarterapia, laser, ipertermia, tens, ionoforesi, magnetoterapia), terapia
infiltrativa e mesoterapica, terapia
manuale (massoterapia, rieducazione motoria, ginnastica posturale, osteopatia, ecc). Il personale che
vi lavora (2 medici fisiatri e 14 fisioterapisti) ha una esperienza pluriennale altamente qualificata nel
settore riabilitativo”.
Qual è il fiore all’occhiello del
vostro centro?
“La terapia ad onde d’urto focalizzate (manu medica), la ginnastica
posturale individuale e di gruppo
secondo il metodo Mezieres e Souchard, l’idrokinesiterapia”.
Ci spiega in cosa consistono
queste metodiche?
“La terapia ad onde d’urto focaliz-
Direttore responsabile:
nicoletta liguori
Direttore eDitoriale:
andrea nardini
grafica:
Yevheniia Maslovska
casa eDitrice: editoriale nartuc s.r.l.
seDe legale:
Via guido D’arezzo 10
00198 roma
zate ci permette di trattare con successo le più comuni patologie dell’apparato tendineo, muscolare e
scheletrico (fasciti plantari con spina calcaneare, tendiniti della cuffia
dei
rotatori,
tendiniti
dell’Achilleo, epicondiliti, problemi
di guarigione delle fratture)”.
Cosa sono le onde d’urto e quali sono i benefici?
“Sono onde acustiche generate da
un litotritore elettromagnetico con
ecografo online; producono un effetto antalgico, antinfiammatorio e
di guarigione dei tessuti tendinei ed
ossei e sono prive di effetti collaterali”.
Quanto tempo dura la seduta?
È dolorosa?
Il trattamento dura circa 10 minuti ed è quasi del tutto indolore; subito dopo il paziente può tornare a
casa e riprendere le sue normali attività.
Quali sono le metodiche posturali?
“Esistono molteplici metodiche che
rientrano nella classificazione di
‘Ginnastica Posturale’ (Mezieres,
Souchard, McKenzie, Feldenkraise).
Tali discipline si differenziano per
modalita’ e tecniche specifiche ma
hanno come denominatore comune
p u b b l i c i t à : 345.1529651
info e contatti reDazione:
e-mail: [email protected]
sito www.settimanalezona.com
staMpa: iprint s.r.l. Via tiburtina Valeria Km
18,300 snc guidonia (rm)
registrazione: iscrizione al tribunale di roma
n°52/2008 del 14-2-2008
il corpo inteso nella sua globalita’.Il dolore è visto come risultato
di piu’ fattori concomitanti che riguardano sia le componenti somatiche che emotive (pazienti ansiosi,
depressi, stressati)”.
Quindi si può dire che la ginnastica posturale è un’educazione
al movimento?
“Sì, perchè qualunque sia la causa
del dolore, parte della cura è sicuramente la correzione di posture
sbagliate”.
Si può fare a qualsiasi età?
“Certamente, nei limiti di eventuali patologie concomitanti ed è per
questo che sarebbe consigliabile
una valutazione medica fisiatrica
iniziale”.
La ginnastica posturale è faticosa?
“Non dal punto di vista fisico, ma
è sicuramente impegnativa perchè
richiede concentrazione per eseguire
movimenti precisi, senza sforzo,
senza sudare, imparando la corretta tecnica di respirazione ed il conseguente rilassamento”.
Perchè preferire l’ambiente medico ad una comune palestra?
“Perchè si è seguiti da personale al-
tamente qualificato ed i gruppi non
sono numerosi così da permettere
all’operatore di avere sotto controllo ogni singolo partecipante al gruppo”.
Qual’e’ il valore aggiunto dell’idrokinesiterapia (fisioterapia
in acqua)?
“L’idrokinesiterapia
costituisce
una moderna metodologia di riabilitazione; è raccomandata nelle prime fasi di tutti i programmi
riabilitativi post-chirurgici e per la
corretta ripresa di movimenti spontanei anche nelle patologie artrosiche.
Vengono eseguiti esercizi mirati al
recupero dell’articolarita’ e del tono
muscolare in acqua calda a 33°C,
sfruttando cosi’ l’effetto analgesico
e rilassante del calore. Si lavora,
singolarmente o in piccoli gruppi,
in assenza di gravita’, in un contesto confortevole (percorso vascolare
‘Kneipp’ ed idromassaggio) ed in
massima sicurezza”.
Come si accede al centro?
Mediante visita fisiatrica da prenotare presso la segreteria al numero
06/33582780
o
sul
sito:
www.ospedalesanpietro.it
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
4
File Size
2 335 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content