close

Enter

Log in using OpenID

1) Parere Organo di Revisione - Provincia Regionale di Messina

embedDownload
PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA
Denominata "Libero Consorzio Comunale"
ai sensi della L.R. 8/2014
Collegio dei Revisori dei Conti
PARERE DELL'ORGANO DI REVISIONE
SULLA PROPOSTA DI
BILANCIO DI PREVISIONE 2014
E DOCUMENTI ALLEGATI
L'ORGANO DI REVISIONE
Presidente
Componente
Componente
Dott. CANNAVO'Francesco
Dott. PERRONE Diego
Dott. GER VASI Giuseppe
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
Provincia Regionale di MESSINA
Denominata "Libero Consorzio Comunale" ai sensi della L.R. 8/2014
Collegio dei Revisori
Verbale n. 05 del 30/05/2014
PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2014
II Collegio dei Revisori
PREMESSO che l'organo di revisione nelle riunioni effettuate in data 09,15,19,29 e 30/05/2014, ha:
-
esaminato la proposta di bilancio di previsione 2014, unitamente agli allegati di legge;
rilevato che nel suo operato si è uniformato allo Statuto ed al Regolamento di Contabilità;
visto il D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 «Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli Enti Locali»;
-
visto il D.P.R. 3 1 gennaio 1996. n. 194;
visti i principi contabili per gli enti locali emanati dall'Osservatorio per la finanza e contabilità degli
Enti Locali;
visti i principi di vigilanza e controllo dell'organo di revisione degli Enti Locali approvati dal
Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili;
VERIFICATO
- che il Bilancio è stato redatto nell'osservanza dei principi di universalità, integrità, pareggio
finanziario, equilibrio economico, annualità, unità, veridicità e pubblicità (art. 162 del D. Lgs.vo
n. 267/2000)
DELIBERA
di APPROVARE l'allegata relazione quale parere sulla proposta di bilancio di previsione per l'esercizio
2014, della Provincia Regionale di Messina che forma parte integrante e sostanziale del presente verbale.
Messina, lì 30/05/2014
L/ORGANO DI REVISIONE
Dott. CANNAVO' Francesco
Dott. PERRONE
Diego
Dott. GERVASI
Giuseppe
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 deltó' Provincia di Messina
Sommario
i Verifiche preliminari
i Verifica degli equilibri
Gestione 20 13
Bilancio di previsione 2014
Bilancio pluriennale
i
i Verifica coerenza delle previsioni
j
i
Coerenza interna
Coerenza esterna
! Verifica attendibilità e congruità delle previsioni anno 2013
Entrate correnti
Spese correnti
Organismi partecipati
Spese in conto capitale
Indebitamento
I
i
i
Verifica attendibilità e congruità del bilancio pluriennale 2014-2016
| Osservazioni e suggerimenti
Conclusioni
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
VERIFICHE
PRELIMINARI
I sottoscritti Dott. Francesco Cannavo, Dott. Diego Perrone e Dott. Giuseppe Gervasi Revisori ai sensi
dell'alt. 234 e seguenti del T.U.E.L.:
a
ricevuto in data 09/05/2014 lo schema del bilancio di previsione per l'esercizio 2014, approvato dal
Commissario Straordinario con i poteri di Giunta Provinciale in data 05/05/2014, con delibera n.137
e i relativi seguenti allegati obbligatori:
;j
Bilancio di Previsione es. 2014;
a
Bilancio Pluriennale 2014/2016;
a
Relazione Previsionale e Programmatica esercizio 2014/2016;
a
Relazione Tecnica;
zi
Attestazione sull'inesistenza di debiti fuori bilancio;
j
Delibera del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Provinciale n. 27 del 21/03/2014
"Approvazione del Progetto di Aggiornamento definitivo del Programma Triennale delle OO.PP.
per il triennio 2014/2016 e dell 'Elenco annuale 2014 ";
J
Copia della delibera della Giunta Provinciale n. 22 del 08/03/2013 "Approvazione ricognizione per
l'anno 2012 delle eccedenze di personale ai sensi dell'art. 33 del D.Lgs. 165/2001 come modificato
dall'ari. 16 della L. 183/2011 e Programmazione triennale del fabbisogno del personale 2012/2014
adottali dalla Giunta Provinciale con Delibera n. 243 del 28/12/2012 " ;
a
Copia della delibera del Commissario Straordinario con i poteri della Giunta Provinciale n. 37 del
13/02/2014 "Destinazione proventi contravvenzionali per violazione al codice della strada anno
2014";
_J
Copia Delibera del Commissario Straordinario con i poteri delia Giunta Provinciale n. i 34 del
24,' i 2/2013 "Canone' occupazione suolo aree pubbliche per l'anno 2014 ";
_j
Copia Delibera del Commissario Straordinario con i poteri della Giunta Provinciale n. 133 del
24/12/2013 "Conferma dell'aliquota da applicare ai tributi per l'esercizio delle funzioni dì tutela,
prolezione ed igiene dell 'ambiente per l'anno 2014 ";
Q
Copia Delibera del Commissario Straordinario con i poteri della Giunta Provinciale n. 135 del
24/12/2013 "Conferma Tariffa Imposta Provinciale di Trascrizione (I..P. T.) per l'anno 20/4 ";
a
Copia Delibera del Commissario Straordinario con i poteri della Giunta Provinciale n. 136 del
24/12/2013 "Variazione dell'aliquota dell'imposta provinciale sulle assicurazioni contro la
responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore esclusi i ciclomotori, al nello
dei contributo di cui all'ari. 6, comma 1, lettera a) del D. Lgs. 31/12/91 n. 419, converlilo, con
modificazioni, dalla L. 18/2/92 n. 172";
Q
Copia della delibera del Commissario Straordinario con i poteri della Giunta Provinciale n. 138 del
24/12/2013 "Misure di incentivazione per la riscossione dei tributi locali" Approvazione
Programma operativo da realizzare nell'anno 2014 - Presa atto attuazione Programma operativo
2013 ";
u
Copia delia Delibera del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Provinciale n. 134 del
03/10/2013 "Approvazione Rendiconto di Gestione esercizio 2012 ";
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
4
Tabella relativa ai parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale;
a
Prospetto contenente le previsioni annuali e pluriennali di competenza mista degli aggregati rilevanti
ai fini del patto di stabilità interno;
a
Copia della Delibera del Commissario Straordinario con i poteri della Giunta Provinciale n. 36 del
13/02/2014 "Ari. 58 del D. Lgs. 25/06/2008, n. 112, convcrtito con modificazione in L 6/08/2008,
n. 133 - Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari - Triennio 2014 - 2015 - 2016 - da
allegare al Bilancio di Previsione ";
3 Copia della delibera del Commissario Straordinario con i poteri della Giunta Provinciale n. 38 del
13/02/2014
"Piano triennale per l'individuazione delle misure finalizzate al contenimento delle
spese di funzionamento delle strutture (comma 594 ari. 2 L. 244/07) ";
3 Copia della Delibera di Giunta n. 280 del 14/07/2010 "Riapprovazione regolamento disciplinante il
conferimento di incarichi di collaborazione a norma della Legge 244/2007 art. 3 comma 56 ";
_l
Copia della Delibera del Commissario Straordinario con i poteri di Giunta n. 223 del 26 novembre
2013 "Ricognizione sullo stato dei programmi e riequilibrio del bilancio di previsione 2013 e
bilancio pluriennale 2013/2015";
J
Attestazioni del Ragioniere Generale;
ed i seguenti documenti messi a disposizione:
Q
Riepilogo fitti;
a
Prospetto Mutui;
a
Allegato delle spese del personale previste in bilancio;
•
Programma delle collaborazioni autonome di cui alPart.46, comma 2, legge 133/08, delibera della
G.i.n. 280 del 14/07/2010;
•
1 limiti massimi di spesa disposti dagli art.6 e 9 del D.L. 78/2010;
•
Allegato delle spese del personale previste in bilancio;
•
Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi;
•
I documenti e prospetti previsti dallo Statuto e dai Regolamento di Contabilità;
•
Elenco delle entrate e delle spese con carattere di eccezionaiità;
• Prospetto delle spese finanziate con i proventi derivanti dalle sanzioni per violazione del codice della
strada;
•
Copia delle risultanze dei rendiconti 2012 di alcune società partecipate trasmesse al "Servizio
Bilancio Programmazione Finanziaria" dal competente Ufficio Speciale Dismissioni Partecipate;
_J
viste le disposizioni di legge che regolano la finanza locale, in particolare il T.U.E.L.
a
visto lo Statuto dell'Ente, con particolare riferimento alle funzioni attribuite all'organo di revisione;
a
visti i postulati dei principi contabili degli Enti Locali ed il principio contabile n. I approvati
dall'Osservatorio per la finanza e contabilità presso il Ministero dell'Interno;
a
visto il Regolamento di Contabilità;
u
visti i regolamenti relativi ai tributi provinciali;
a
visto il parere espresso dal responsabile del servizio finanziario in data 08/05/2014. in merito alla
veridicità delle previsioni di entrata e di compatibilita delle previsioni di spesa, avanzate dai vari
servizi, iscritte nel bilancio annuale o pluriennale;
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio dì previsione 2014 della Provincia di Messina
5
hanno effettuato le seguenti verifiche al fine di esprimere un motivato giudizio di coerenza, attendibilità e
congruità contabile delle previsioni di bilancio e dei programmi e progetti, come richiesto dall'ari. 239,
comma 1, lettera b) del T.U.E.L.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
VERIFICHE DEGLI EQUILIBRI
GESTIONE DELL 'ESERCIZIO 2013
II Commissario Straordinario con i poteri di Consiglio Provinciale ha adottato il 26 Novembre 2013 la
delibera n. 223 di verifica dello stato di attuazione dei programmi e di verifica degli equilibri di bilancio.
Dall'esito di tale verifica e dalla gestione finanziaria successiva risulta che:
la gestione dell'anno 2013, pur se improntata al rispetto dei limiti di saldo finanziario disposti dall'ari.
31 della legge 183/2011 ai fini del patto di stabilità interno, non ha raggiunto tale obiettivo per i
seguenti motivi:
•
sono state impegnate nell'esercizio notevoli spese dell'Ufficio Legale a seguito di accordi
transattivi con numerosi legali ed all'esatta quantificazione delle parcelle pregresse da saldare;
•
Inoltre sono state effettuati pagamenti in e/capitale, quale conseguenza necessaria degli impegni
di spesa assunti per obbligazioni legittimamente perfezionate anche negli esercizi precedenti, in
relazione alle spese di investimento, il cui mancato pagamento avrebbe certamente creato gravi
danni economici alle imprese, già duramente colpite dalla crisi economica nazionale. Come è
ben noto l'aspetto più stringente della disciplina del rispetto del patto
è influenzata dai
pagamenti riferiti sia alla competenza sia ai residui passivi ( pagamenti 2013 su impegni
effettuati negli anni precedenti), con grave ripercussione, come verifìcatosi sul patto di stabilità.
L'Organo di revisione evidenzia che il mancato rispetto del Patto di Stabilità,
prevede per l'anno 2014 le seguenti di sanzioni:
a) assoggettamento ad una riduzione del "Fondo sperimentale di riequilibrio" o del "Fondo perequativo"
in misura pari alla differenza tra il risultato registrato e l'obiettivo programmatico predeterminato. In
caso di incapienza dei predetti fondi, gli Enti interessati dovranno versare le somme residue all'entrata
del bilancio dello Stato. Conformemente con quanto indicato nel principio di delega di cui all'art. 17,
lettera e), della Legge n. 42/09;
b) divieto di impegnare spese di parte corrente in misura superiore all'importo annuale medio dei
corrispondenti impegni effettuati nell'ultimo triennio;
e) divieto di ricorrere all'indebitamento per finanziare gli investimenti. Per quanto concerne la
contrazione di mutui e di prestiti obbligazionari posti in essere con istituzioni creditizie o finanziarie per
il finanziamento degli investimenti, si precisa, in linea con la normativa vigente, che essi devono essere
corredati da apposita attestazione, da cui risulti il conseguimento degli obiettivi del Patto di Stabilità
interno per l'anno precedente.
In assenza della predetta attestazione, l'istituto finanziatore o
l'intermediario finanziario non può procedere al finanziamento o al collocamento del prestito;
ci) divieto di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo, con qualsivoglia tipologia
contrattuale, compresi i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa e di somministrazione, anche
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
7
con riferimento a processi di stabilizzazione in atto. E' fatto altresì divieto agli Enti di stipulare contratti
di servizio con soggetti privati che si configurino come elusivi della sanzione;
e) obbligo di procedere ad una rideterminazione delle indennità di funzione e dei gettoni di presenza,
indicati nell'ari. 82 del TUEL (D.Lgs. n. 267/00), apportando una riduzione del 30% rispetto
all'ammontare risultante alla data del 30 giugno 2010.
La gestione dell'anno 2013 ha consentito la riduzione della spesa di personale, rispetto all'esercizio
precedente, attraverso il contenimento della dinamica retributiva ed occupazionale come disposto dal
comma 557 dell'ari. 1 della legge 296/06 e dall'art.76 della legge 133/08.
Nel corso del 2013 è stato applicato al bilancio l'avanzo risultante dal rendiconto per l'esercizio 2012 per
€ 19.962.484,03.
Tale avanzo è stato applicato ai sensi dell'art. 187 del T.U.E.L. per:
€
3.936.840,67
il finanziamento di spese di investimento;
€
5.911.719,78
il finanziamento di spese correnti vincolate;
€
1.500.595,43
spese correnti non ripetitive;
€
8.613.328,15
debiti fuori bilancio;
Dalle comunicazioni ricevute non risultano debiti fuori bilancio per l'anno 2014.
Relativamente all'anno 2013 è pervenuta al collegio la seguente relazione: "A seguilo di
verbale richiesta effettuata in data odierna dalla S.S., relativamente a maggiori chiarimenti
ufferenti ai debiti fuori Bilancio per l'anno 2013, si richiama in questa sede la nota Prol. n.
7 21/AL del 26/02/2014, precisando che non si ravvisa la necessità di garantire la copertura
finanziaria dei debiti in essa elencati, in quanto essa è già stata ampiamente assicurala, sia con
l'autorizzazione concessa dalla Cassa Depositi e Prestiti, al diverso utilizzo di mutui, come da
deliberazione n. 219/C del 2013, sia con l'impegno di spesa assunto con la determinazione
dirigenziale di questo Ufficio, n. 59 del 30/12/2013, per un totale di complessivi €
18.419.490,61.
Nella medesima nota sopra richiamata si fa riferimento, altresì, anche a debiti fuori
bilancio, ancora non riconosciuti, derivanti da regolarizzazioni contabili con i Tesorieri
Provinciali, per un totale calcolato di € 1.837.647,13.
Ovviamente, detto importo non necessita più di copertura finanziaria, poiché i
pagamenti, a titolo di rimborso, al Tesoriere Provinciale, sono già da tempo avvenuti, mediante
determinazioni dirigenziali di codesto Ufficio, in cui è stato previsto ed utilizzato l'impegno di
spesa a ciò necessario.
Pertanto, in queste ipotesi, le consequenziali deliberazioni consiliari di riconoscimento
delle medesime somme come debiti fuori Bilancio, si pongono come mero atto ricognitorio di
situazioni contabili già definite. "
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
La situazione di cassa dell'Ente ai 3 1 dicembre degli ultimi tre esercizi presenta i seguenti risultati:
Disponibilità
Anticipazioni
Anno
2011
40.277.630,22
0,00
Anno
2012
32.439.914,94
0,00
Anno
2013
41.193.053,87
0,00
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
BILANCIO DI PREVISIONE 2014
1. Verifica pareggio finanziario ed equivalenza dei servizi per e/terzi
il bilancio rispetta, come risulta dal seguente quadro generale riassuntivo delle previsioni di competenza
2014. il principio del pareggio finanziario (art. 162, comma 5, del T.U.E.L.I) e dell'equivalenza fra
entrate e spese per servizi per conto terzi (art. 168 del T.U.E.L.):
Quadro generale riassuntivo
Spese
Entrate
Tìtolo 1: Entrate tributarie
Titolo II: Entrate da contributi e
trasferimenti correnti dello Stato,
della Regione e di altri enti
pubblici
41.892.000,00
Titolo 1:
Spese correnti
64.003.702,28
13.543.570,42
T-.. , ..
Titolo II:
Spese in conto
K ,,
capitale
19.510.030,17
Titolo III:
Spese per
rimborso di
nrestiti
Spese per
servizi per conto
3.340.627,80
Titolo III: Entrate extratributarie
Titolo IV. Entrate da alienazioni, da
trasferimenti di capitale e da
riscossioni di crediti
18.097.030,17
Titolo V: Entrate derivanti da accensioni di
prestiti
500.000,00
Titolo Vi. Entrate da servizi per conto di terzi
15.876.860,00
Avanzo presunto 2013
Titolo IV:
3.402.870,63
15.876.860,00
9.543.374,69
Totale complessivo entrate
102.793.463,08
Totale complessivo spese
102.793.463.08
Dal precedente quadro riassuntivo delle previsioni di competenza, risulta quindi:
- che il totale delle entrate eguaglia il totale delle spese e quindi il bilancio è complessivamente in
pareggio finanziario;
- che il totale del Titolo VI delle entrate eguaglia il Titolo IV della spesa e quindi si ha
equivalenza fra entrate e spese per servizi per conto terzi.
Il saldo netto da finanziare o da impiegare risulta il seguente:
equilibrio finale
entrate finali (titoli 1,11,111 e IV)
spese finali (titoli 1 e II)
saldo netto da finanziare
saldo netto da impiegare
+
+
76.873.228,39
83.513.732,45
6.640.504,06
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
10
2. Verifica equilibrio corrente ed in conto capitale anno 2014
; ',' ' i-V^
«i Sìii!Ui«i.o,»tó«*,«.^T,,1,. , ' >V f
'
(v$«3!sx*$sh*. '•' • -i' - :,*
55.434.598,72
44.783.366,99
15.127.544,06
21.039.125,61
2.180.227,64
3.605.094,32
Entrate titolo I
Entrate titolo II
Entrate titolo III
(A) Totale titoli (I+II+III)
(B) Spese tìtolo I
'
41.892.000,00
13.543.570,42
3.340.627,80
78.653.951,97
63.516.005,37
58.776.198,22
62.479.926,65
76.414.240,86
64.003.702,28
3.068.255,30
3.810.113,35
2.902.870,63
13.105.770,02
-16.708.348,84
-8.130.374,69
Utilizzo avanzo di amministrazione applicato
alla spesa corrente [eventuale]
5.092.326,98
16.025.643,36
9.543.374,69
Entrate diverse destinate a spese correnti di
cui:
0,00
776.705,48
(c> Rimborso prestiti parte del titolo III *
(o) Differenza di parte corrente (A-B-C)
-contributo per permessi di costruire
-plusvalenze da alienazione di beni
patrimoniali
,•'"'
- altre entrate (specificare)
776.705,48
, Entrate correnti destinate a spese di
..
j
investimento di cui:
0,00
(G)
94.000,00
1.413.000,00
-proventi da sanzioni per violazioni al codice
della strada
113.000,00
- altre entrate (specificare)
Entrate da TEFA
1.300.000,00
Entrate diverse utilizzate per rimborso quote
.L ,
capitale
Saldo di parte corrente (D+E+F-G+H)
{")
18.198.097,00
0,00
0,00
^^^K^^^-^^yT'T*-"^^» *8T"'
^^^^^^^^^^^H Consuntivo 2012 ^^^^^^^^^>«*^j^.i t?rt "^IOHS
i -i. * > ? ' • »
Entrate titolo IV
4.693.787,02
Entrate titolo V **
(M) Totale titoli (IV+V)
(N) Spese titolo II
(0) Entrate correnti dest.ad.invest. (G)
(p) Utilizzo avanzo di amministrazione applicato
alla spesa in conto capitale [eventuale]
Saldo dì parte capitale (M-N+O+P-F)
24.263.081,50
18.097.030,17
2.500.000,00
776.705,48
7.193.787,02
7.715.722,14
0,00
25.039.786,98
28.293.922,17
18.097.030,17
19.510.030,17
94.000,00
1.413.000,00
1.219.503,32
3.936.840,67
697.568,20
O,00
0,00
Dal precedente prospetto risulta quindi, per il Bilancio di Previsione 2014, che la differenza negativa
tinaie di parte corrente di € 8.130.374,69 ed
€
1.413.000,00,
risultante dal
predetto
il disavanzo della parte in conto capitale pari ad
prospetto, è stata finanziata con
l'avanzo
presunto
di
amministrazione.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
11
3. Verifica correlazione fra entrate a destinazione specifica o vincolata per legge e spese con esse
finanziate
La correlazione fra previsione di entrate a destinazione specifica o vincolata per legge e spese con
esse finanziate è cosi assicurata nel bilancio:
ELENCO DELLE ENTRATE A DESTINAZIONE VINCOLATA BILANCIO 2014
RISORSA
1010006
i
i
1020020
1020029
1020097
1030072
2020023
2020037
2020101
2020175
2020230
2040223
DENOMINAZIONE
Introito del tributo derivante dallo smaltimento dei rifiuti
solidi urbani (capp. 6540/S 1010502 - 1751 /S 1010503
- 3839/S 3831/S 3491/S 1070203 - 3499/S 1070302 3554/S 1070303 — 641 7/S 1070603 - 7409/S 7410/S
741 1/S 2070201 - 7408/S 2070205 - 7390/S 2070601)
Introiti dai privati sulle prestazioni derivanti dai controlli
di combustione di cui all'art. 31 L. 10/91 (cap. 6408/S 1070703)
Tassa sostenimento esami di idoneità professionale per
autotrasportatori (cap. 697 1/S - 1060203)
Provento da diritti di iscrizione annuale dovuti da
imprese che effettuano operazioni recupero e
smaltimento rifiuti D. Lgs. 22/97 (capp. 3954/S 1070303 -3956/S - 1070302)
Introito tributo speciale regionale depositi in discarica
rifiuti solidi urbani (Art. 2 e. 2 L.R. 97) - (cap. 3985/S 1070203 capp. 3961 - 3963 /S 1070303)
Trasferimento dalla Regione ai sensi dell'art. della L.R.
12 11/05/93 N. 15 (Gestione dei Licei Linguistici e/o
Musicali) (cap. 3255/S - 1020103)
Trasferimento dalla Regione per pagamento retribuzioni
ed oneri riflessi al personale adibiti alla riserva naturale
di Salina ( cod. 107060 1/S) (cap. 3753/S - 1070603 cap.
3774/S - 1070607)
Trasferimento dalla Regione Siciliana per concorso per
le spese di istituzione e funzionamento servizio vigilanza
venataria (cap. 3727/S - 1070503)
Trasferimento Regione Siciliana per borse di studio (cap.
3228/S- 1020103)
Trasferimento dalla regione siciliana per servizi socio
assistenziali in favore dei disabili (cap. 5589/S 1080203)
Programma comunitario interregionale IV C progetto
"Nostra" (cap. 6771/S 1090303)
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
IMPORTO
2.000.000,00
170.000,00
25.000,00
30.000,00
67.000,00
612.158,13
321.719,46
509.889,07
900.000,00
619.748,27
151.662,50
12
i
2040296
i
3010031
8.568,00
Corrispettivi per la visita e sopralluoghi del personale
dell'ufficio tecnico e conto terzi (cap.2367/S - 1010603)
20.000,00
Vinci
3010062
Proventi derivanti da rilascio di tesserini licenze di pesca
in acque interne e sanzioni amministrative (cap. 3757/S 1070502)
1.000,00
3010095
Proventi per sanzioni amministrative pecuniarie per
violazione D. Lgs. 22/97 (cap. 3955/S - 1070303 cap.
3957/S - 1070302)
30.000,00
3010096
j
3010117
3010304
3010305
1
i
|
i
t
progetto
Programma comunitario L, da
"Prometeus" (cap. 6777/S - 1090303)
3010306
3010309
3050046
j
3050123
Proventi per sanzioni amministrative pecuniarie di cui
alPart. 28 L.R. 10/99 - Inquinamento acque (cap. 3659/S
- 1070403)
Introiti proventi derivanti dal rilascio del tesserino per la
raccolta dei funghi art. 2 L.R. n. 3/2006 (cap. 6835/S 1090103)
Proventi enoteca provinciale gestione e promozione
(cap.5232/S - 1090203)
Proventi derivanti accesso visitatori Galleria d'arte
moderna e contemporanea (cap. 3347/S 1030103)
Proventi derivanti dall'accesso visitatori Monte di Pietà
(cap. 3348/S- 1030103)
Proventi derivanti dall'utilizzo delle sale del Palacultura
"B. Cattati" di Barcellona P.G. (cao. 1760/S 1030103)
Proventi derivanti dalla applicazione art. 208 D. Lgs.
30/4/92 n. 285 e succ. integr. e modif. contrav. al codice
della strada (cap. 1960/S 1010902 - 1158- 1161/S
1 010903 -6612/S 1060103 - 7451/S 2010905)
Fondo relativo agli incentivi per la progettazione art. 2
Regol Delibera 50/C del 29/04/08 (cap. 6364/S 1060103)
1.000,00
10.000,00
10.000,00
5.000,00
5.000,00
10.000,00
1
340.000,00
450.000,00
3050138
Fondo destinato ad attività necessarie per il
potenziamento dell'Ufficio Tecnico derivante dalle
economie del Fondo incentivi (cap. 6368/S - 1060103)
50.000,00
3050139
Fondo di rotazione (cap. 6369/S - 1060103)
200.000,00
3050170
Fondo di rotazione edilizia scolastica (cap. 3157/S 1020103)
100.000,00
3050212
Proventi derivanti da introiti per rimborsi sinistri o furti
automezzi di proprietà dell'Ente (cap. 1708/S - 1010503)
20.000,00
3050229
4010068
Proventi derivanti da diritti amministrativi autorizzazioni
concessioni e segnaletica (cap. 2593/S 1010602)
Proventi derivanti dall'alienazione di mobili ed oggetti
fuori uso nonché eventuale vendita aree relitti proprietà
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
10.000,00
20.000,00
13
4010213
prov.le (cap. 7490/S - 2010505)
Proventi derivanti da alienazione
immobiliare (cap. 7477/S 2010501)
del
patrimonio
17.137.359,44
Trasferimento dallo Stato per contributo sviluppo
investimenti (cap. 7742/S 2060101)
Trasferimento Ministero Infrastnitture e trasporti per
interventi urgenti patrimonio scolastico (cap. 7704/S
7705/S 7706/S 7707/S -2020101)
426.670,73
5010086
Anticipazioni di Tesoreria ( cap. 7770/S - 3010301)
500.000,00
6050179
Fondo di rotazione (cap. 8790/S)
4020187
4020324
513.000,00
1.000.000,00
11 Collegio rileva che al cod.2020023 alla voce Trasferimento dalla Regione ai sensi dell'ari, della L.R.
12 1 1/05/93 N. 15 (Gestione dei Licei Linguistici e/o Musicali) (cap. 3255/S - 1020103 è stata prevista
una entrata a destinazione vincolata di € 612.158,13. Poiché la gestione dei Licei Linguistici non è più di
competenza della Provincia, si invita l'Ufficio responsabile ad adottare i necessari provvedimenti
contabili..
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
14
4. Verifica dell'effettivo equilibrio di parte corrente
La situazione corrente dell'esercizio 2014
o influenzata dalle seguenti entrate e spese aventi carattere di eccezionaiità e non ripetitive:
Entrate
- recupero evasione tributaria
- sanzioni al codice della strada
- sentenze esecutive ed atti equiparati
- ripiano disavanzi aziende riferiti ad anni pregressi
- oneri straordsanzioni mancato rispetto patto di stabilità
Spese
340.000
30.000
9.255.000
- compartecipazione lotta all'evasione
- altre
370.000
Totale
9.255.000
8.885.000
Differenza
5. Verifica dell'equilibrio dì parte straordinaria
II titolo II della spesa è finanziato con la seguente previsione di risorse distinta in mezzi propri e mezzi di
terzi:
Mezzi propri
- avanzo di amministrazione 201 3
- avanzo del bilancio corrente
i - alienazione di beni
- contributo permesso di costruire
- altre risorse
17.157.359,44
I
1.413.000,00
Totale mezzi propri
18.570.359,44
Mezzi di terzi
- mutui
- prestiti obbligazionari
- aperture di credito
- contributi comunitari
- contributi statali
- contributi regionali
_
- contributi da altri enti
- altri mezzi di terzi
Totale mezzi di terzi
TOTALE RISORSE
TOTALE IMPIEGHI AL TITOLO II DELLA SPESA
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
-
18.570.359,44
18.570.359,44
15
6. Verifica iscrizione ed utilizzo dell'avanzo presunto
È stato iscritto in bilancio su un totale di avanzo di amministrazione presunto di € 28.091.568,48
dell'esercizio 2013. una parte del medesimo pari ad € 9.543.374,69 come appresso specificato ed in
dicalo nel prospetto che segue:
fondo svalutazione crediti
€
non vincolato
€ 9.255.000.00
TOTALE
288.374,69
€ 9.543.374,69
L'avanzo, come da prospetto predisposto dal responsabile del servizio finanziario, deriva da:
variazioni positive nella gestione dei residui
€ 12.898.131,93
da avanzo della gestione di competenza 2012
€ 12.583.834,90
da avanzo di esercizi precedenti non utilizzato
€
2.609.601,65
Come stabilito dal comma 3 bis art. 187 T.U.E.L. l'avanzo d'amministrazione non vincolato non potrà
essere utilizzato nel caso in cui l'Ente si trovi in una delle situazioni previste dagli articoli:
n. i 95 - utilizzo di entrate a specifica destinazione
ii. 222 - anticipazione di tesoreria.
L'avanzo non vincolato può in ogni caso essere utilizzato per i provvedimenti di riequilibrio di cui all'art.
n. 193 del T.U.E.L.
L'avanzo presunto di amministrazione relativo all'anno 2013, è stato applicato per il finanziamento di:
Fondo svalutazione crediti
Preventivo
2014
288.374,69
Avanzo disponibile applicato
per il finanziamento di debiti
fuori bilancio di parte corrente
Avanzo disponibile applicato
per il finanziamento di altre
spese correnti non ripetitive
Avanzo disponibile applicato
per l'estinzione anticipata di
prestiti
Totale
avanzo
di
amministrazione applicato alla
spesa corrente o al rimborso
della quota capitale di mutui o
prestiti
9.255.000,00
Preventivo
2014
Avanzo vincolato applicato
alla spesa in conto capitale
Avanzo
disponibile
applicato
per
il
finanziamento di debiti
fuori bilancio di parte
capitale
Avanzo
disponibile
applicato
per
il
finanziamento di altre spese
in e/capitale
Avanzo vincolato applicato
per il reinvestimento delle
quote
accantonate
per
ammortamento
Totale
avanzo
di
amministrazione applicato
alla spesa in conto capitale
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
16
La quota non vincolata del risultato di amministrazione può essere utilizzata con il bilancio di previsione
o con provvedimento di variazione di bilancio, solo a seguito dell'approvazione del rendiconto, per le
finalità di seguito indicate in ordine di priorità:
a) per la copertura dei debiti fuori bilancio;
b) per i provvedimenti necessari per la salvaguardia degli equilibri di bilancio previsti dall'articolo 193
del T.U.E.L., ove non possa provvedersi con mezzi ordinar!;
e) per il finanziamento di spese di investimento;
d ) per il finanziamento delle spese correnti a carattere non ripetitivo;
e) per l'estinzione anticipata dei prestiti.
Il Collegio pertanto evidenzia, che l'utilizzo dell'avanzo di amministrazione sia prioritariamente
destinato alla salvaguardia degli equilibri di bilancio e della sana e corretta gestione finanziaria dell'Ente.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
17
BILANCIO
PLURIENNALE
7. Verifica dell'equilibrio corrente nel bilancio pluriennale
1
-• • .
là:.., 42.110.000,00
41.892.000,00
13.543.570,42
Entrate titolo I
Entrate titolo II
Entrate titolo III
(A)
Totale titoli (I+II+III)
(B)
Spese titolo I
(C)
Rimborso prestiti parte del titolo III *
(o)
Differenza di parte corrente (A-B-C)
13.248.258,72
:, •
41.955.000,00
13.248.258,72
3.340.627,80
3.307.784,88
3.307.784,88
58.776.198,22
58.666.043,60
58.511.043,60
64.003.702,28
54.352.123,21
54.054.219,32
2.902.870,63
2.900.920,39
3.043.824,28
-8.130.374,69
1.413.000,00
1.413.000,00
Utilizzo avanzo di amministrazione applicato
alla spesa corrente [eventuale]
9.543.374,69
1.413.000,00
1.413.000,00
Entrate diverse destinate a spese correnti di
cui:
0,00
0,00
0,00
1.413.000,00
1.413.000,00
1.413.000,00
113.000,00
113.000,00
113.000,00
1.300.000,00
1.300.000,00
1.300.000,00
- altre entrate (specificare)
Entrate correnti destinate a spese di
investimento di cui:
-proventi da sanzioni per violazioni al codice
della strada
- altre entrate (specificare)
Entrate da TEFA
Entrate diverse utilizzate per rimborso quote
capitale
Saldo di parte corrente (D+E+F-G+H)
0,00
,. .
Entrate titolo IV
(M)
(N)
Entrate titolo V **
Totale titoli (IV+V)
Spese titolo II
(0)
Entrate correnti dest.ad.invest. (G)
(p)
Utilizzo avanzo di amministrazione applicato
alla spesa in conto capitale [eventuale]
Saldo di parte capitale (M-N+O+P-F+G)
^^^^^^^^^i^^^^^^m
IIMfw.
1*^ 'f7ar?"f"'~*" .£)*„
li*;*}fcitfc,,'
r,-»X .'.^
18.097.030,17
446.670,73
446.670,73
18.097.030,17
19.510.030,17
1.413.000,00
446.670,73
1.859.670,73
1.413.000,00
1.859.670,73
1.413.000,00
0,00
0,00
0,00
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
446.670,73
18
VERIFICA COERENZA DELLE PREVISIONI
8. Verifica della coerenza interna
L'organo di revisione ritiene che gli obiettivi indicati nella relazione previsionale e programmatica e le
previsioni annuali e pluriennali siano coerenti con gli atti di programmazione di settore, piano triennale
dei lavori pubblici, programmazione fabbisogno del personale, piano alienazioni e valorizzazione
patrimonio immobiliare ecc.).
8.1. Verifica adozione strumenti obbligatori di programmazione di settore e loro coerenza con le
previsioni
8.1.1. programma triennale lavori pubblici
11 programma triennale ed elenco annuale dei lavori pubblici di cui all'art. 128 del d.lgs. 163/2006, è
stato redatto conformemente alle indicazioni e agli schemi di cui al decreto del Ministero delle
infrastnitture e trasporti del 9/6/2005, ed adottato dal Commissario Straordinario con i poteri di G.P. il
13/09/2013.
Lo schema di programma è stato pubblicato per i previsti 60 giorni consecutivi a decorrere dal
14/09/2013;
Nello stesso sono indicati:
a)
le priorità e le azioni da intraprendere come richiesto dall'ari. 128 del d.lgs. 163/2006, considerando
comunque prioritari i lavori di manutenzione, recupero patrimonio, completamento lavori, progetti
esecutivi approvati, interventi con possibilità di finanziamento privato maggioritario;
h) ia stima, nell'elenco annuale, dei tempi di esecuzione (trimestre/anno di inizio e fine lavori);
per i lavori inclusi nell'elenco annuale non risulta compilata la casella relativa alla conformità urbanistica
ed ambientale.
Nel programma sono inserite le opere da realizzare da terzi, mediante project financing e locazione
finanziaria.
Gli importi inclusi nello schema relativi ad interventi con onere a carico dell'Ente trovano riferimento nel
bilancio di previsione annuale e pluriennale.
I corrispettivi da trasferimento d'immobili di cui al comma 5 ter dell'ari. 19 della legge 109/94, previsti
nelle schede n. 1 e 2b del programma, trovano riferimento nella relazione previsionale e programmatica.
I I programma, dopo la sua approvazione da parte del Commissario Straordinario con i poteri di Consiglio
Provinciale, è stato trasmesso in data 19/09/2013 con nota prot. n. 0031624/13 all'Osservatorio dei
Lavori Pubblici.
8.1.2. programmazione del fabbisogno del personale
La programmazione del fabbisogno di personale 2012/2014 prevista dalPart.39, comma I della legge
449/1997 e dall'ari.6 del d.lgs. 165/2001 è stata approvata con specifico atto di Giunta n. 22
dell'08/03/2013 ed è allegata alla relazione previsionale e programmatica.
L'atto oltre ad assicurare le esigenze di funzionalità e d'ottimizzazione delle risorse per il miglior
funzionamento dei servizi, prevede una riduzione della spesa attraverso il contenimento della dinamica
retributiva ed occupazionale.
La previsione annuale e pluriennale è coerente con le esigenze finanziarie espresse nell'atto di
programmazione del fabbisogno.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
19
#.2. Verifica contenuto Informativo ed Illustrativo della relazione previsionale e programmatica e della
coerenza con le previsioni
i,a relazione previsionale e programmatica predisposta dall'organo esecutivo e redatta sullo schema
approvato con DPR 3 agosto 1998, n. 326, contiene l'illustrazione della previsione delle risorse e degli
impieghi contenute nel bilancio annuale e pluriennale conformemente a quanto contenuto nell'art. 170 del
T.U.E.L., nello statuto e nel regolamento di contabilità dell'ente.
In particolare la relazione:
a) è stata redatta secondo fasi strategiche caratterizzate da:
ricognizione delle caratteristiche generali;
individuazione degli obiettivi;
valutazione delle risorse;
individuazione e redazione dei programmi e progetti;
b) rispetta i postulati di bilancio;
e) per l'entrata comprende una valutazione generale sulle risorse più significative ed individua le
fonti di finanziamento della programmazione annuale e pluriennale;
d) per la spesa è redatta per programmi, per progetti rilevando distintamente la spesa corrente
consolidata, quella di sviluppo e quella di investimento;
e) per ciascun programma contiene:
le scelte adottate e le finalità da conseguire,
le risorse umane da utilizzare,
le risorse strumentali da utilizzare;
f)
individua i responsabili dei programmi e degli eventuali progetti attribuendo loro gli obiettivi
generali e le necessario risorse;
g) motiva e spiega le scelte, gli obiettivi, le finalità che s'intende conseguire e fornisce adeguati
elementi dimostranti la coerenza delle stesse con le previsioni annuali e pluriennali, con gli
obiettivi dì finanza pubblica, nonché con:
il programma triennale e l'elenco annuale dei lavori pubblici;
la programmazione del fabbisogno di personale;
li) elenca analiticamente i progetti di opere pubbliche finanziate negli anni precedenti e non ancora,
in tutto o in parte realizzati;
i)
definisce i servizi e le attività dell'ente e i rispettivi responsabili di procedimento e d'obiettivo,
affidando a ciascuno gli obiettivi, le risorse e i tempi d'attuazione;
j)
assicura ai cittadini, agli organismi di partecipazione ed agli altri utilizzatori del bilancio la
conoscenza dei contenuti significativi e caratteristici del bilancio annuale, dei suoi allegati e del
futuro andamento dell'Ente.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
20
9. Verìfica della coerenza esterna
9.1. Principi fondamentali di coordinamento della finanza pubblica: Patto di stabilità
Come disposto dall'art.31 della legge 183/2011 gli enti sottoposti al patto di stabilità devono iscrivere in
bilancio le entrate e le spese correnti in termini di competenza in misura tale che, unitamente alle
previsioni dei flussi di cassa di entrate e spese in conto capitale, al netto della riscossione e concessione
dei crediti (titolo IV delle entrate e titolo II delle uscite), consenta il raggiungimento dell'obiettivo
programmatico del patto per gli anni 2014-2015 e 2016. Pertanto la previsione di bilancio annuale e
pluriennale e le successive variazioni devono garantire il rispetto del saldo obiettivo. Verifica della
coerenza esterna e monitoraggio del Patto di Stabilità Enti Locali. Per il comparto Province la
percentuale da applicare è pari al 19,25% per gli anni 2014 e 2015 e al 20,25% per gli anni 2016 e 201 7.
Per le province che risultano collocati nella classe non virtuosa, si applicano le seguenti percentuali:
20.25% per il 2014 e 2015 e 21,25% per gli anni 2016 e 2017. In fase di stesura e approvazione del
Bilancio di previsione l'Ente ha applicato tali percentuali peggiorative.
Inoltre il riferimento da considerare per gli anni dal 2014 al 2017 non è più la spesa corrente del triennio
2007-2009. ma quella registrata negli anni 2009-201 1.
Dalla verifica della coerenza delle previsioni annuali e pluriennali con il patto di stabilità interno risulta:
spesa corrente media 2009/201
2009
2010
2011
74.112.000,00
77.753.000,00
62.101.000,00
71.322.000,00
2. saldo obiettivo 2 bis saldo obiettivo (art.3l comma 2 della legge 183/2011)
2014
2015
2016
2009/2011
71.322.000,00
71.322.000,00
71.322.000,00
mista
20,25
20,25
21,25
14.443.000,00
14.443.000,00
15.013.000,00
3. saldo obiettivo con neutralizzazione riduzione trasferimenti
saldo obiettivo
anno
2014
2015
2016
riduzione
obiettivo da
trasferimenti
conseguire
14.443.000,00
11.258.000,00
3.185.000,00
14.443.000,00
11.258.000,00
3.185.000,00
15.013.000,00
11.258.000,00
3.756.000,00
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
21
Saldo obiettivo rideterminato ai sensi dell'art. 1 e. 13 8 e 141 della I: 220/2010
ann 2014
anno 2015
3.185.000,00
-6.500.000,00
1.800.000,00
-1.515.000,00
Saldo al netto dei trasferimenti
Patto Regionale verticale
Patto Regionale orizzontale
Saldo obiettivo rideterminato
anno 2016
3.185.000,00
3.756.000,00
4.200.000,00
7.385.000,00
3.756.000,00
2015
58.666.000,00
54.352.000,00
4.314.000,00
2016
58.511.000,00
54.054.000,00
4.457.000,00
4. Obiettivo per gli anni 2014/2016
;r :20t4
entrate correnti prev. accertamenti
spese correnti prev. impegni
differenza
58.777.000,00
64.004.000,00
- 5.227.000,00
risorse ed impegni esclusi (commi da 7 a16 art.31 legge
'83/2011)
obiettivo di parte corrente
previsione incassi titolo IV
previsione pagamenti titolo II
differenza
-
-
4.314.000,00
4.000.000,00
7.400.000,00
3.400.000,00 -
4.457.000,00
4.000.000,00
7.400.000,00
3.400.000,00
7.195.000,00 - 7.195.000,00 3.795.000,00
3.795.000,00
1.432.000,00
8.109.000,00
7.195.000,00
3795.000,00
8.252.000,00
5.227.000,00
4.000.000,00
7.400.000,00
3.400.000,00 -
incassi e pagamenti esclusi (commi da 7 a16 art,31 legge
i S 3/2 01 1}
-
obiettivo di parte e. capitale
obiettivo previsto
-
dal prospetto allegato al bilancio gli obiettivi risultano così conseguibili:
anno
Saldo previsto
Saldo obiettivo
2014
-1.515
-1.432
2015
7.385
8.109
2016
3.756
8.252
L'apposito prospetto allegato al bilancio di previsione, per la parte relativa ai flussi di cassa, è stato
elaborato dal settore finanziario in collaborazione con il settore tecnico che ha indicato la tempistica
dei pagamenti in base alla programmazione delle spese del titolo II, nonché i pagamenti prevedibili
sulle opere da realizzare negli anni 2014/2016, avendo riguardo al cronoprogramma del programma
triennale dei lavori pubblici, nonché alle opere programmate in conto capitale e stanziate nel bilancio.
Il collegio sottolinea come la realizzazione degli obiettivi fissati dal patto di stabilità dovrà essere
consentita nel triennio da una consapevole politica degli investimenti che tenda ad evitare la creazione di
nuovo indebitamento, nonché da un attento monitoraggio sugli incassi e pagamenti di parte capitale, in
quanto l'equilibrio economico corrente non consente più la creazione di rilevanti margini utili ai fini del
rispetto del patto.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
22
TEMPESTIVITÀ E TRACCIABILITA DEI PAGAMENTI
L'art. 9, comma 1, lett. a), del D.L. n. 78/09, convertito con modificazioni nella Legge
n. 102/09, ha previsto una serie di adempimenti rivolti ad agevolare pagamenti celeri a favore
delle imprese.
Più nel dettaglio, quattro sono le procedure da attivare a cura dell'Ente Locale in attuazione
della Direttiva 2000/35/CE Parlamento Europeo e Consiglio 29 giugno 2000, relativa alla lotta
contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, recepita con il D.Lgs. n. 231/02:
1) l'adozione delle "opportune misure organizzative" per garantire il tempestivo pagamento
delle somme dovute per somministrazioni, forniture ed appalti, da pubblicare sul sito internet
dell'Amministrazione;
2) l'obbligo di "accertamento preventivo", a cura del funzionario che adotta provvedimenti che
comportano impegni di spesa, della compatibilita del programma dei conseguenti pagamenti con
i relativi stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica, con riconoscimento della
connessa responsabilità disciplinare ed amministrativa in caso di violazione di legge;
3} l'adozione, da parte dell'Amministrazione, delle "opportune iniziative, anche di tipo
contabile, amministrativo o contrattuale, per evitare la formazione di "debiti pregressi", nel caso
in cui lo stanziamento di bilancio, per ragioni sopravvenute, non consenta di far fronte
all'obbligo contrattuale;
4) lo svolgimento dell'attività di "analisi e revisione delle procedure di spesa" e dell'allocazione
delle relative risorse in bilancio , con l'obiettivo di ottimizzare l'utilizzo delle risorse ed evitare
la formazione di nuove situazioni debitorie.
L'art. 12, del D.L. n. 201/11, nell'ambito della normativa antiriciclaggio, vieta, a partire dal
1° gennaio 2012, l'utilizzo dei contanti e dei titoli al portatore per pagamenti superiori ai 1.000
Euro. Con l'intento di favorire la tracciabilità dei pagamenti per la lotta all'evasione, è previsto
altresì che gli stipendi, le pensioni e i compensi comunque corrisposti dagli Enti Locali in via
continuativa a prestatori d'opera ed ogni altro tipo di emolumento a chiunque destinato, di
importo superiore a 500 Euro, debbono essere erogati con strumenti diversi dal denaro contante.
L'Organo di revisione, in relazione ai tempi medi di pagamento dei fornitori, nonostante le
difficoltà tecniche burocratiche derivanti dagli adempimenti relativi alla tracciabilità e a quelli
richiesti dal D.L. n. 5/12 (acquisizione del DURC, documento unico di regolarità contributiva) e
dall'art. 48-bis del D.P.R. n. 602/73 (preventiva consultazione della banca dati predisposta da
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
23
Gquitalia Servizi per pagamenti superiori a lOmila Euro), raccomanda all'Ente il costante
monitoraggio e in generale il perseguimento della riduzione dei tempi di pagamento dei
Ibrnitori, anche al fine di non incorrere in spese per "interessi di mora" da ritardati pagamenti e
nelle sanzioni previste.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
24
VERIFICA A TTENDIBILITA ' E CONGRUITÀ ' DELLE PREVISIONI ANNO 2014
Ai fini della verifica dell'attendibilità delle entrate e congruità delle spese previste per l'esercizio 2014,
alla luce della manovra disposta dall'Ente, sono state analizzate in particolare le voci di bilancio appresso
riportate.
ENTRATE CORRENTI
Entrate tributarie
Le previsioni di entrate tributarie presentano le seguenti variazioni rispetto al rendiconto 2012 ed
all'assestato 2013:
''
'"
Rendiconto
Preconsuntivo
Assestato
Bilancio di
Previsione
2012
2013
2014
"
*
-i
"
2.426.823,29
354.000,00
0,00
Introito tributo da smaltimento rifiuti solidi urbani
16.063.972,68
4.551.336,99
2.000.000,00
Imposta Provinciale sulle assicurazioni r.c. veicoli motore
27.657.617,83
29.500.000,00
29.500.000,00
9.188.996,09
10.100.000,00
10.100.000,00
55.337.409,89
44.505.336,99
41.600.000,00
66.689,59
166.000,00
170.000,00
9.800,00
20.000,00
25.000,00
Proventi diritti di iscrizione annuale da imprese che
effettuano recupero e smaltimento rifiuti
20.699,24
25.000,00
30.000,00
Categoria 2: Tasse
97.188,83
211.000,00
225.000,00
0,00
0,00
0,00
67.000,00
67.000,00
67.000,00
67.000,00
44.783.336,99
41.892.000,00
Addizionale sul consumo di energia elettrica
imposta Provinciale di trascrizione
Categoria 1 : Imposte
tosap
Introiti controlli combustione
Tassa di idoneità professionale autotrasportatori
Tributi speciali e altre entrate tributarie proprie
introito tributo speciale reg. deposito in discarica rifiuti
solidi
Categoria 3: Tributi speciali e tributarie proprie
altre entrate tributarie proprie
Totale entrate tributarie
55.434.598,72
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
25
ADDIZIONALE SUL CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA
L'azzeramento del tributo rispetto all'anno 2013 è giustificato dalle differenti modalità di riscossione:
difatti dal 2014 il tributo viene introitato dalla Regione e successivamente trasferito quale reintegrazione
addizionale energia D.L. 16/2012 ed è pertanto appostato al titolo secondo delle entrate.
IMPOSTA PROVINCIALE SULLE ASSICURAZIONI
Per l'esercizio 2014 è stato previsto uno stanziamento pari a € 29.500.000,00 prevista in funzione del
trend storico.
Risorse relative al recupero dell'evastone tributaria
Rendiconto
2012
TO.S A.P.
Preconsuntivo
Assestato 20 1 3
Prev.2014
Prev.2015
Prev.2016
25.137,21
zero
zero
zero
.
Il collegio stante l'accertamento effettuato nell'anno 2011 relativo a tributo T.O.S.A.P. invita
l'Ufficio preposto a monitorare il recupero del tributo evaso, provvedendo altresì ad
interrompere sistematicamente i termini prescrizionali.
Trasferimenti correnti dallo Stato
In mancanza de!!a comunicazione del Ministero dell'Interno il gettito dei trasferimenti erariali è stato
previsto sulla base dei dati dell'anno 2013. L'Ente non ha, pertanto, tenuto conto dei tagli sui
trasferimenti di cui al D.L. 66/2014 in corso di conversione, che riduce in funzione della spesa media
SIOPE del triennio precedente, l'importo dei trasferimenti. Si invita l'Ente ad effettuare un" attento
controllo ed a seguito della conversione di adottare i consequenziali provvedimenti contabili.
Contributi da parte dì organismi comunitari e internazionali
I contributi di organismi comunitari ed internazionali sono previsti in euro 160.230,50 e sono
specificatamente destinati per uguale importo nella spesa, come risulta dalla tabella prevista dal d.p.r. n.
194/96 riportante il quadro analitico per funzioni, servizi ed interventi delle spese finanziate con fondi
comunitari e internazionali.
Sanzioni amministrative da codice della strada
I proventi da sanzioni amministrative sono previsti per il 2014 in € 340.000,00 sono destinati con atto di
G.P. n. 27 dell'11/04/2013 integrato con atto del Commissario Straordinario con i poteri di Giunta
Provinciale n 54 del 31/10/2013 per il 50% negli interventi di spesa alle finalità di cui all'art 208, comma
4 e 5. del codice della strada, come modificato dalla legge n. 120 del 29/7/2010.
Sono state stabilite le quote da destinare a ogni singola voce di spesa:
L'entrata presenta il seguente andamento:
Accertamento 2012 Stanziamento 2013
128.545,85
280.000,00
Previsione 2014
340.000,00
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
26
La parte vincolata dell'entrata (50%) risulta destinata come segue:
Stanziamenti 2013
Tipologie di spese
Impegni 2012
Spesa Corrente
186.000,00
150.633,38
(Comprensivo
di
avanzo vincolato)
227.000,00
94.000,00
113.000,00
280.000,00
340.000,00
Spesa per investimenti
Totale
Previsione 2014
Proventi codice della strada infrazioni per eccesso di velocità
Dal 1/1/2013, ai sensi dell'art. 142 cds e comma 16 art. 4 ter del d.l. 16/2012, occorre rilevare
separatamente i proventi da sanzioni al codice della strada rispetto a quelli per eccesso di
velocità.
I proventi per sanzioni per eccesso di velocità rilevati sulle strade appartenenti a enti diversi da
quelli di quali dipendono gli organi accertatori devono essere ripartiti in misura uguale. Restano
escluse le strade in concessione
Gli introiti delle sanzioni per eccesso di velocità devono essere destinati alla realizzazione di
interventi mirati individuati dalla legge ed in particolare:
manutenzione e messa in sicurezza delle infrastrutture stradali;
potenziamento attività di controllo e accertamento delle violazioni in materia di
circolazione stradale, comprese le relative spese di personale.
I superiori adempimenti sono stati regolarmente rispettati.
Cosap (Canone occupazione spazi ed aree pubbliche)
L'Ente ha istituito, ai sensi dell'art. 63 del d.lgs. n. 446/97, con regolamento approvato con atto del
Consiglio n. 205 del 29/02/2011, il canone per l'occupazione di spazi e aree pubbliche.
Il gettito del canone è previsto in € 350.000,00 sulla base degli atti di concessione in essere e di
quelli programmati per il 2014.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
27
SPESE CORRENTI
\o delle previsioni delle spese correnti classificate per intervento, confrontate con i dati del
rendiconto 201 1 e con il rendiconto dell'esercizio 2012 è il seguente:
Classificazione delle spese correnti per intervento
Rendiconto
Personale
Bilancio di
previsione
2014
--- Bilancio
assestato 2013
. : '-"•>$t2 ^
Incremento %
2014/2013
37.967.844,35
35.637.916,56
35.264.887,17
-1,0578%
478.587,06
492.834,84
635.750,00
22,4798%
14.440.026,97
21.983.687,51
10.182.757,81
-115,8913%
3.769.667,00
3.481.200,00
2.987.984,10
-16,5066%
260.298,84
192.000,00
212.000,00
9,4340%
Interessi passivi e oneri finanziari
2.212.615,52
2.179.885,47
2.040.046,19
-6,8547%
imposte e tasse
2.898.547,01
2.573.824,04
2.479.416,16
-3,8077%
452.339,90
8.626.779,86
9.255.000,00
6,7879%
481.112,58
288.374,69
-66,8359%
765.000,00
657.486,16
-16,3523%
64.003.702,28
-19,3903%
Acquisto beni di cons. e materie pr.
Prestazioni di servizi
Utilizzo di beni di terzi
Trasferimenti
Oneri straordinari gestione corr.
Ammortamenti di esercizio
Fondo svalutazione crediti
Fondo di riserva
"<B
Totale spese correnti
62.479.926,65
t
«v
i, p
g^S»*^!" i
r
76.414.240,86
ANALISI DELLE PRINCIPALI POSTE DELLE SPESE CORRENTI
L'Organo di revisione da atto che l'Ente Locale nel prevedere le spese correnti per l'esercizio
2014?
- lia tenuto conto delle disposizioni in materia di contenimento delle spese, recate
dall'ari. 1, del D.L. n. 2/10, convcrtito con modificazioni dalla Legge n. 2/10;
- ha tenuto conto delle nonne in materia di riduzione dei costi degli apparati
amministrativi, di cui all'art. 6, del D.L. n. 78/10;
- ha tenuto conto di quanto disposto materia di razionalizzazione e risparmi di spesa,
dall'ali. 8, del D.L. n. 78/10;
- ha tenuto conto di quanto disposto in materia di riduzione di spesa per acquisto di
beni e servizi dall'art. 1, del D.L. n. 95/12.
Spese di personale
La spesa del personale prevista per l'esercizio 2014 in € 35.264.887,17 riferita a n. 1047 dipendenti, pari
a € 33.681,84 per dipendente, tiene conto della programmazione del fabbisogno del piano delle
assunzioni e :
J
Dei vincoli disposti dall'art. 76 del D.L 112/2008 sulle assunzioni di personale a tempo
indeterminato;
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
28
j Dei vincoli disposti dalP 1/1/2013 dall'ari. 9, comma 28 del D.l. 78/2010 sulla spesa per personale a
tempo determinato, con convenzioni o con contratti di collaborazione coordinata e continuativa;
J
Dell'obbligo di riduzione della spesa di personale disposto dall'ari. 1 comma 557 della legge
296/2006;
3
degli oneri relativi alla contrattazione decentrata previsti per euro 5.243.422,36 pari al 14,87 delle
spese dell'intervento 01.
L'incidenza percentuale delle spese di personale rispetto alle spese correnti ai sensi risulta del 59,40
1,"organo di revisione ha provveduto, ai sensi dell'articolo 19, punto 8, della legge 448/01, ad accertare
che i documenti di programmazione del fabbisogno di personale siano improntati al rispetto del principio
di riduzione complessiva della spesa previsto dall'articolo 39 della legge n. 449/97.
(ìli oneri della contrattazione decentrata previsti per gli anni dal 2013 al 2014, non superano il
corrispondente importo impegnato per l'anno 2010 e sono automaticamente ridotti in misura
proporzionale alla riduzione del personale in servizio, come disposto dall'art.9 del d.l. 78/2010.
Il trattamento economico complessivo previsto per gli anni dal 2013 al 2014 per i singoli dipendenti, ivi
compreso il trattamento economico accessorio, non supera il trattamento economico spettante per l'anno
2010. come disposto dall'art.9, comma 1 del d.l. 78/2010.
Limitazione spese di personale
Le spese di personale, come definite dall'alt. 1, comma 557 (o comma 562) della legge 296/2006,
subiscono la seguente variazione:
anno
2012
2013
2014
2015
20 1 6
Importo
38.570.493,46
36.038.375,68
36.006.090,38
35.648.784,45
35.159.152,13
Tali spese sono così' distinte ed hanno la seguente incidenza:
Bilancio di
previsione
2014
intervento 01
35.637.916,56
35.264.887,19
intervento 03
550.884,02
500.000,00
2.284.888,25
2.258.356,18
38.473.688,83
38.023.243,37
2.226.802,56
2.017.152,99
irap
altre da specificare
Totale spese di personale
spese escluse
Spese soggette al limite(comma 557 o 562)
36.246.886,27
36.006.090,38
spese correnti
76.414.240,86
64.003.702,28
incidenza sulle spese correnti
47,43
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
56,26
29
Limitazione trattamento accessorio
1/ammontare delle somme destinate al trattamento accessorio previste in bilancio non superano il
corrispondente ammontare dell'esercizio 2010 ridotto annualmente in misura proporzionale all'eventuale
riduzione del personale in servizio come disposto dal comma 2 bis dell'art.78 del d.l. 78/2010.
Spese per incarichi di collaborazione autonoma (art.46 legge 133/08)
II limite massimo previsto in bilancio per incarichi di collaborazione autonoma è di euro zero.
L" Ente ha provveduto con delibera n. 280 del 14/07/2010 alla riapprovazione del regolamento per gli
incarichi di collaborazione autonoma sulla base delle disposizioni introdotte daH'art.46 della legge
133/08.
Spese per acquisto beni, prestazione di servizi e utilizzo di beni di terzi
In relazione ai vincoli posti dal patto di stabilità interno, dal piano triennale di contenimento delle spese
di cui all'art.2, commi da 594 a 599 della legge 244/07, delle riduzioni di spesa disposte dall'art. 6 del
d.l. 78/2010 e di quelle dell'ari 1, comma 146 della legge 24/12/2012 n. 228. La previsione per l'anno
2013 è stata ridotta di euro 2.315.680,01 rispetto al rendiconto per l'anno 2012 e di euro 2.858.686,56
rispetto al rendiconto 201 1.
in particolare le previsioni per l'anno 2014rispettano i seguenti limiti:
Rendiconto
2009
tipologia spesa
.
Studi e consulenze
Riduzione
disposta
limite
Previsione
2014
80%
Relazioni pubbliche,convegni, mostre,
pubblicità e rappresentanza
1.668.455
80%
333.691
146.000,00
100%
Sponsorizzazioni
Missioni
559.986
50%
279.993
83.050,00
formazione
10.241,10
50%
5.121
4.100,00
721.681
20%
577.345
575.291,83
Acquisto,manutenzione,noleggio,
autovetture
esercizio
i
(Tart.16, comma 26 del d.l. 138/2011, dispone l'obbligo di elencare le spese di rappresentanza sostenute
in ciascun anno in un prospetto da allegare al rendiconto e da trasmettere alla Sezione regionale di
controllo della Corte dei conti. Il prospetto deve essere pubblicato nel sito web dell'ente entro IO giorni
dalla approvazione del rendiconto )
Trasferimenti
In relazione ai vincoli posti dal patto di stabilità interno, il Collegio attesta che non vi è stato incremento
rispetto alla spesa rispetto all'esercizio 2012.
Nella previsione dei trasferimenti ad enti è stata verifìcato il rispetto di quanto disposto dall'art.6,
comma 2 del d.l. 78/2010, sulla partecipazione onorifica agli organi collegiali anche amministrativi
(escluso il rimborso spese ed eventuale gettone di presenza nel limite di 30 euro giornalieri).
Oneri straordinari della gestione corrente
ir stata prevista nel bilancio 2014 la somma di euro 9.255.000,00 destinata per € 8.613.328,15 alla
sanzione del Patto, finanziata con l'avanzo di amministrazione presunto.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
30
Fondo svalutazione crediti
L'ari. 1 I bis dei D.L. 76/13, , convcrtito in legge 99/2013, ha posto l'obbligo di iscrivere in bilancio un
fondo svalutazione crediti di importo non inferiore al 30% dei residui attivi di cui ai titoli I e I I I , aventi
anzianità superiore a 5 anni.
L'entità stimata dei residui attivi dei titoli I e III costituiti ante 2008 è di euro 961.248,97.pertanto, il
fondo è pari ad una percentuale del 30%, € 288.374,69.
tiene conto delle seguenti tipologie di entrate previste che potrebbero comportare dubbia esigibilità:
canoni di locazione 666.507,70;
- Contenzioso Enel 223.328,87;
Anticipi ai comuni per funzionamento IAI 43.124,28;
- crediti erariali INPDAP 28.288,12;
Tributo speciale R.S.U. 185,05;
recupero spese registrazione contratti 791,14.
Fondo di riserva
La consistenza del fondo di riserva pari ad € 657.486,16 rientra nei limiti previsti dall'articolo 166 del
T.U.E.L.) ed in quelli previsti dal regolamento di contabilità ed è pari al 1,03 % delle spese correnti.
Ammortamenti d'esercizio
L'Organo dì revisione da atto che nel bilancio di previsione l'Ente, non ha iscritto, nell'apposito
intervento di ciascun servizio, l'importo dell'ammortamento dei beni mobili e immobili secondo quanto
previsto dall'ari. 167, comma 1, del D.Lgs. n. 267/2000.
ORGANISMI PARTECIPA TI
Nelle previsioni si è tenuto conto del divieto disposto dalPart.6, comma 19 del d.l. 78/2010, di apporti
finanziari a favore di società partecipate che abbiano registrato per tre esercizi consecutivi perdite di
esercizio o che abbiano utilizzato riserve disponibili per il ripiano di perdite anche infrannuali.
Dalla documentazione ricevuta, il Collegio rileva che la maggior parte degli organismi partecipati hanno
approvato il bilancio relativo all'esercizio 2012 ma non ancora quello relativo all'esercizio 2013, in
alcuni casi neanche quelli relativi agli anni precedenti.
Nella nota n. 894/AM PST del 13/09/2013 trasmessa dall'8° U.D. Area Metropolitana, Pianificazione
Strategica e Turismo al Dirigente dei Servizi Finanziari, viene evidenziata una situazione debitoria
dell'Ente per complessivi € 2.632.708,68, per quote associative, aumenti capitale sociale, e coperture di
perdite pregresse nei confronti di Enti e Consorzi, e Società partecipate per la maggior parte già in
liquidazione. Il Collegio da tempo richiede agli uffici preposti la seguente documentazione ( bilanci
approvati, statuti ed eventuali modifiche statutarie intervenute, verbali di assemblea soci, verbali consigli
di amministrazione,verbali collegi sindacali ed una dettagliata situazione debitoria aggiornata, supportata
dai necessari documenti, al fine di verificare l'esattezza e la natura del debito ed il rispetto della
normativa vigente. In ogni caso, la somma di cui sopra è stata cautelativamente appostata in bilancio. Il
Collegio, richiede, inoltre, una puntuale verifica delle quote associative e contributi da versare
annualmente, invitando l'Ente a completare i procedimenti di recesso in corso dai predetti organismi .
Utili netti delle partecipate, dividendi di società
Non sono previsti prelievi di utili e dividendi dagli organismi partecipati.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
31
SPESE IN CONTO CAPITALE
L'ammontare della spesa in conto capitale, pari a € 19.510.030,17, è pareggiata dalle entrate ad essa
destinate nel rispetto delle specifiche destinazioni di legge, come dimostrato nel punto 5 delle verifiche
degli equilibri.
Limitazione acquisto mobili e arredi
La spesa prevista negli anni 2014/2015 per acquisto mobili e arredi rientra nei limiti disposti dall'ari.!,
comma 141 della legge 24/12/2012 n.228.
Limitazione acquisto autovetture
Nessuna spesa è prevista negli anni 2014/2015 per acquisto autovetture.
Limitazione acquisto immobili
Nessuna spesa è prevista negli anni 2014/2016 per acquisto immobili.
INDEBITAMENTO
L'ammontare dei prestiti previsti per il finanziamento di spese in conto capitale risulta compatibile per
l'anno 2014 con il limite della capacità di indebitamento previsto dall'articolo 204 del T.U.E.L. come
dimostrato dal calcolo riportato ne! seguente prospetto.
Verìfica della capacità di indebitamento
Entrate correnti (Titoli i, il. III) Rendiconto 2012
Euro
78.653.951,97
Limite di impegno di spesa per interessi passivi (6%)
Euro
4.719.237,12
Interessi passivi sui mutui in ammortamento e altri debiti
Euro
2.040.046,19
Incidenza percentuale sulle entrate correnti
2,59
%
Euro
Importo impegnabile per interessi su nuovi mutui
2.357.494,82
[."incidenza degli interessi passivi compresi quelli derivanti da garanzie fideiussorie prestate, sulle
entrate correnti del penultimo rendiconto precedente o su quelle previste è così prevista in relazione
anche ai limiti di cui al citato art. 204 del Tuel;
2014
2015
2016
2.040.046,19
1.911.654,22
1.768.180,65
I % su entrate correnti
3,47
3,26
3,02
Limite art. 204 Tuel
8%
8%
8%
i
! Interessi passivi
i
i
Interessi passivi e oneri finanziari diversi
La previsione di spesa per interessi passivi e oneri finanziari diversi, pari a € 2.040.046,19 è congrua
sulla base del riepilogo predisposto dal responsabile del servizio finanziario dei mutui e degli altri prestiti
contratti a tutt'oggi non supera il limite di indebitamento (previsto al 8%) di cui al comma 1 dell'ari. 204
del D.Lgs. n. 267/2000, così come modificato dall'ari. 8 della Legge n. 183/11 e successivamente dall'ari.
1 I-bis, comma I, D.L. n. 76/13, convertito,con modificazioni, dalla Legge n. 99/13 ed interpretato
secondo quanto disposto dall'alt. 16, comma 11, del D.L. n. 95/12;
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
32
Ljndebitamento dell'ente subisce la seguente evoluzione:
anno
2011
residuo debito
nuovi prestiti
prestiti rimborsati
estinzioni anticipate
totale fine anno
abitanti al 31/12
debito medio per abitante
47.552.556
2012
47.318.150
2014
2013
46.749.895
2015
2016
42.939.782
40.036.911
37.135.971
2.634.000
2.500.000
776.705
2.868.406
3.068.255
3.810.113
2.902.871
2.900.940
3.043.824
47.318.150
46.749.895
43.716.487
40.036.911
37.135.971
34.092.147
651.921
648.062
648.062
648.062
648.062
648.062
72,58
72,14
67,46
61,78
57,30
52,61
L'entità del debito medio per abitante si è progressivamente ridotto come previsto dal comma 3
dell'art.8. della legge 183/2011.
Gli oneri finanziari per ammortamento prestiti ed il rimborso degli stessi in conto capitale registra la
seguente evoluzione:
anno
oneri finanziari
quota capitale
totale fine anno
2011
2012
2013
2014
2.188.875
2.212.616
2.179.885
2.040.046
2.868.406
3.068.255
5.280.871
3.810.113
2.902.871
2.900.940
3.043.824
5.989.998
4.942.917
4.812.594
4.812.005
5.057.281
2015
1.911.654
2016
1.768.181
Anticipazioni di cassa
li" stata iscritta in bilancio nella parte entrate, al titolo V, e nella parte spesa, al titolo Ili, una previsione
per anticipazioni di cassa nel limite del 25% delle entrate correnti previsto dalle norme vigenti, come
risulta dal seguente prospetto:
Entrate correnti (Titolo I, II, III)
Euro
58.776.198,22
Anticipazione di cassa
Euro
500.000,00
Percentuale
0,85%
CONTRATTI DI LEASING
L'ente non ha in corso alcun contratto di locazione finanziaria:
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
33
VERIFICA A TTENDIBILITA ' E CONGRUITÀ ' BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016
II bilancio pluriennale è redatto in conformità a quanto previsto dall'articolo 171 del Tuel e secondo lo
schema approvato con il D.P.R. n. 194/96
11 documento, per la parte relativa alla spesa, è articolato in programmi, titoli, servizi ed interventi.
Le spese correnti sono ripartite tra consolidate e di sviluppo.
Gli stanziamenti previsti nel bilancio pluriennale, che per il primo anno coincidono con quelli del
bilancio annuale di competenza, hanno carattere autorizzatorio costituendo limiti agli impegni di spesa.
Le previsioni di entrata e di spesa iscritte nel bilancio pluriennale tengono conto:
3
dell'osservanza dei principi del bilancio previsti dall'articolo 162 del Tuel e dei postulati dei principi
contabili degli enti locali e del principio contabile n. 1;
[j
dei mezzi finanziari destinati alla copertura delle spese correnti e al finanziamento delle spese di
investimento;
3
della dimostrazione della capacità di ricorso alle fonti di finanziamento ai sensi dell'articolo 204 del
T.U.E.L.;
a
degli impegni di spesa già assunti ai sensi dell'articolo 183, commi 6 e 7, dell'articolo 200 e
dell'articolo 201, comma 2, del T.U.E.L.;
3 delle linee programrnatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare presentate all'organo
consiliare ai sensi dell'articolo 46, comma 3, del T.U.E.L.;
_i
del piano generale di sviluppo dell'Ente;
j delle previsioni contenute nel programma triennale ed elenco annuale dei lavori pubblici;
.3
delle previsioni contenute negli strumenti urbanistici;
.i
dei piani economici-fmanziari approvati e della loro ricaduta nel triennio;;
ZJ
della programmazione triennale del fabbisogno di personale di cui all'art. 91 del Tuel;
3
del rispetto del patto di stabilità interno e dei vincoli di finanza pubblica;
J
del piano delle alienazioni e valorizzazione del patrimonio immobiliare;
3 delle riduzioni dei trasferimenti e dei vincoli sulle spese di personale.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
34
Le previsioni pluriennali 2014-2016, suddivise per titoli, presentano la seguente evoluzione:
Entrate
Previsione
2014
Previsione
2015
Previsione
20/6
Totale triennio
Titolo I
41.892.000,00
42.110.000,00
41.955.000,00
125.957.000.00
Titolo I I
13.543.570,42
13.248.258,72
13.248.258,72
40.040.087.86
Titolo I I I
3.340.627.80
3.307.784,88
3.307.784.88
9.956.197.56
f ilolo IV
18.097.030.17
446.670,73
446.670.73
18.990.371,63
500.000.00
500.000,00
500.000,00
1 .500.000.00
77.373.228.39
59.612.714.33
59.457.714,33
196.443.657.05
Titolo V
Somma
-
9.543.374.69
Avanzo presunto
Totale
86.916.603,08
Spese
Previsione
20/4
59.612.714,33
Previsione
2015
9.543.374.69
59.457.714,33
Previsione
2016
54.352.123.21
Totale triennio
Titolo 1
64.003.702,28
Titolo 11
Titolo HI
19.510.030,17
3.402.870,63
86.916.603.08
-
59.612.714,33
59.457.714,33
-
86.916.603,08
59.612.714,33
Somma
Disavanzo presunto
Totale
205.987.031,74
54.054.219.32
172.410.044.81
1.859.670,73
1.859.670.73
23.229.371.63
3.400.920,39
3.543.824.28
10.347.615.30
205.987.031.74
-
205.987.031,74
59.457.714,33
Le previsioni pluriennali di spesa corrente suddivise per intervento presentano la seguente evoluzione:
Classificazione delle spese correnti per intervento
•'
01 -
03 -
Personale
Acquisto di beni di consumo e materie
prime
Prestazioni di servizi
04 -
Utilizzo di beni di terzi
05 -
Trasferimenti
Previsioni *
'2014'"' ''
Previsioni
2015
var.%
Previsioni
2016
var.%
35.264.887,17
34.927.263,97
-0,96
34.468.534,41
-1 31
635.750,00
498.250,00
-21,63
492.250,00
-1 .20
10.182.757,81
10.125.227,31
-0,56
9.084.727,31
-i 0,23
2.987.984,10
2.706.265,63
-9,43
2.706.265,63
212.000,00
212.000,00
212.000,00
06 -
Interessi passivi e oneri finanziari
2.040.046,19
1.911.654,22
-6,29
1.768.180,65
- •' 0 i
07 „
2.479.416,16
2.459.733,48
-0,79
2.428.830,74
-1 ,26
09 -
Imposte e tasse
Oneri straordinari della gestione
corrente
Ammortamenti di esercìzio
10-
Fondo svalutazione crediti
288.374,69
918.772,37
218,60
2.295.021,14
149,79
11 -
Fondo di riserva
657.486,16
592.956,23
-9,81
598.409,44
0.92
64.003.702,28
54.352.123,21
-15,08
54.054.219,32
-0,55
Totale spese correnti
9.255.000,00
-100,00
Per quanto riguarda le spese di personale è stato previsto un andamento coerente con quanto indicato
nell'atto di programmazione triennale del fabbisogno e con la rideterminazione della pianta organica
dell'ente.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
35
La spesa in conto capitale prevista nel bilancio pluriennale risulta così finanziata:
Coperture finanziarie degli investimenti programmati
Previstone 2014
Previsione 2015
Previsìonne 2016
Totale triennio
Titolo IV
Alienazione di beni
Trasferimenti e/capitale Stato
Trasferimenti e/capitale da enti pubblici
Trasferimenti da altri soggetti
Totale
17.157.359,44
939.670,73
20.000,00
426.670,73
20.000,00
426.670,73
17.197.359,44
1.793.012,19
-
18.097.030,17
:
446.670,73
446.670,73 \
Titolo V
Finanziamenti a breve termine
Assunzione di mutui e altri prestiti
Emissione di prestiti obbligazionari
Totale
-
-
!
-
1
-
Avanzo di amministrazione
Risorse correnti destinate ad investimento
1.413.000,00
19.510.030,17
Totale
1
1.413.000,00
1.859.670.73
1.413.000,00
1.859.670.73 j
4.239.000,00
23.229.371.63
In merito a tali previsioni si osserva:
a)
finanziamento
con alienazione di beni immobili
I proventi previsti sono attendibili in relazione all'identificazione dei beni immobili da cedere ed alle
stime del valore di mercato effettuate dall'ente;
1 e risorse derivanti da indebitamento sono integralmente destinate a spese d'investimento.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
36
OSSER VAZIONI RILIE VI E SUGGERIMENTI
L'organo di revisione a conclusione delle verifiche esposte nei punti precedenti considera:
a) Riguardo alle previsioni parte corrente anno 2014
i ) Congrue le previsioni di spesa ed attendibili le entrate previste sulla base:
• delle risultanze del prerendiconto 2013;
• della ricognizione dello stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri
effettuata ai sensi dell'art. 193 del T.U.E.L.;
• della valutazione del gettito accettabile per i diversi cespiti d'entrata;
• degli effetti derivanti da spese disposte da leggi, contratti ed atti che obbligano giuridicamente
l'Ente;
• dei vincoli sulle spese e riduzioni dei trasferimenti erariali tenuto conto delle seguenti
osservazioni: l'Ente non ha tenuto conto dei tagli sui trasferimenti di cui al D.L. 66/2014 in
corso di conversione; in mancanza della comunicazione del Ministero dell'Interno il gettito dei
trasferimenti erariali previsto sulla base dei dati dell'anno 2013 dovrà tener conto dei tagli sui
trasferimenti di cui al D.L. 66/2014, come evidenziato dal collegio a pag. 26 (Trasferimenti
correnti dello Stato)
• dei vincoli disposti per il rispetto del patto di stabilità interno e delle norme relative al concorso
degli enti locali alla realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica;
b) Riguardo alle previsioni parte corrente pluriennali
Attendibili e congrue le previsioni contenute nel bilancio pluriennale in quanto rilevano:
i riflessi delle decisioni già prese e di quelle da effettuare descritte nella relazione previsionale e
programmatica e nel programma triennale del fabbisogno di personale;
gli oneri indotti delle spese in conto capitale;
gli oneri derivanti dalle assunzioni di prestiti,
e) Riguardo alle previsioni per investimenti
Conforme la previsione dei mezzi di copertura finanziaria e delle spese per investimenti, all'elenco
annuale degli interventi dei lavori pubblici, allegati al bilancio.
Coerente la previsione di spesa per investimenti con il programma amministrativo, il piano generale di
sviluppo dell'ente, il piano annuale dei lavori pubblici e la programmazione dei pagamenti.
.11 Collegio rileva che gli investimenti previsti potranno concretizzarsi al perfezionamento del
programma di alienazione degli immobili.
d) Riguardo agii obiettivi di finanza pubblica (patto di stabilità)
Con le previsioni contenute nello schema di bilancio, l'ente può conseguire negli anni 2014, 2015 e 2016,
gli obiettivi di finanza pubblica.
e) Riguardo agli organismi partecipati
Richiamando quanto precedentemente evidenziato l'Ente deve dotarsi di un idoneo sistema informativo
finalizzato a rilevare i rapporti finanziari tra l'ente e le società partecipate ed atto a monitorare la
situazione contabile, gestionale e organizzativa ed il rispetto delle norme di legge sui vincoli di finanza
pubblica delle società partecipate direttamente ed indirettamente.
f) Riguardo al sistema informativo contabile
L'organo di revisione, al fine di consentire il controllo delle limitazioni disposte, ritiene necessario che il
sistema informativo - contabile sia organizzato per la rilevazione contestuale delle seguenti spese:
spese di personale come individuate dall'arti comma 557 (o 562) della legge 296/06,
spese per incarichi di collaborazione autonoma (art.46 legge 133/08);
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
37
spese sottoposte ai limiti di cui all'art.6 del d.l. 78/2010;
spese sottoposte ai limiti dell'ari. 1, commi 138, 141 e 143 della legge 228/2012.
Si invitano gli organi dell'Ente in particolare a:
- monitorare costantemente l'andamento delle entrate proprie, specialmente i tributi I.P.T e all'imposta
sulla R.C. Auto, e a contenere al massimo la spesa corrente anche in ragione degli eventuali scostamenti
tra previsioni di entrata e andamento consuntivo;
- monitorare costantemente i parametri obiettivo del patto di stabilità al fine del loro rispetto in relazione
all'andamento della gestione riguardo alle previsioni di bilancio;
- adottare politiche che permettano il graduale rientro del debito, una sua minor incidenza rispetto al
totale delle entrate correnti e, conscguentemente, un alleggerimento delle spese correnti per interessi
passivi:
- adottare un sistema di monitoraggio costante del contenzioso esistente volto a verificare periodicamente
ia congruità degli impegni delle spese legali.
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
38
CONCLUSIONI
In relazione alle motivazioni specificate nel presente parere, richiamato l'articolo 239 del Tuel e tenuto
conto:
.i
del parere e delle attestazioni espresse dal responsabile del servizio finanziario;
a
delle variazioni rispetto all'anno precedente.
L'organo di revisione:
esprime, pertanto, parere favorevole sulla proposta di bilancio di previsione 2014 e sui documenti
allegati.
L'ORGANO DI REVISIONE
Dott.
Cannavo Francesco
Dott.
Ferrane Diego
Dott.
Gervasi Giuseppe
Parere dell'Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2014 della Provincia di Messina
39
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
2 216 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content