close

Enter

Log in using OpenID

BOLLANI BODILSEN LUND GLEDA

embedDownload
News
n° 6
L U G L I O • 2 0 1 4
BOLLANI
BODILSEN
LUND
GLEDA
MI RITORNI IN MENTE
in
IRD International Record Distribution • www.ird.it • facebook: www.ird.it/mipiace.htm
R I E P I L O G O
N U O V E
U S C I T E
NRBQ
T
TRACKLIS
ROCK
Brass Tacks
Un nuovo album che si preannuncia come uno dei migliori album degli
NRBQ, rock band storica, in attività da quasi 40 anni, dallo spirito vivido
e irresistibile e dal sound unico: un blend riuscito e geniale di rock, pop,
jazz, swing, suonato con maestria, amore, coraggio e gioia. Il disco
contiene 11 brani originali e una cover di “Getting to Know You” di
Rodgers ed Hammerstein. La formazione del disco vede Terry Adams al
piano, clavicorde, armonica, voce; Scott Ligon alla chitarra, banjo, piano,
voce; Casey McDonough al basso, voce; e Conrad Choucroun alla
batteria.
ROCK
La Rosa Tatuata
A New Day
ROCK
Scarpe
Da casa Club De Musique, ritorna il gruppo genovese, a sette anni di distanza dell’ultimo lavoro, con
un nuovo progetto discografico di una delle rock band più longeve e creative del nostro panorama
musicale. Il titolo “Scarpe” testimonia il lungo cammino musicale e umano di questa trasformazione
che ha percorso vent’anni di storia del rock genovese. A dare una mano alla storica rock band gli
amici di sempre: il grande bluesman Paolo Bonfanti, Paolo Terzitta, Martino Coppo (Red Wine),
Claudio De Angeli (Birkin Tree), Roberto Bongianino (Bonfanti Band), Enrico Carpaneto (Blues
Gamblers). Di grandissimo rilievo le collaborazioni internazionali: basti citare la pedal steel di John
Egenes, le chitarre di David Frew degli An Emotional Fish, band che ha a curriculum due tour mondiali
con i loro concittadini U2 e numerosi dischi, la voce di Trevor dei Sadist, nota band trash metal. Un
lavoro all’insegna della contaminazione dove il rock e il blues sono il fiume dove si innestano mille
rivoli sonori che rendono “Scarpe” un disco che si avventura verso territori musicali finora inesplorati
per La Rosa Tatuata.
Novecento
Feat. STING,
DOMINIC MILLER,
GREGG KOFI BROWN
Nuovo disco di inediti per i Novecento che celebrano i 30 anni di carriera.
Ad anticipare l'uscita del nuovo lavoro, sarà da venerdì 30 maggio nelle
radio il brano inedito che dà il titolo al disco. Dopo anni impegnati con le
produzioni per grossi artisti internazionali come Billy Cobham, Eumir
Deodato, Al Jarreau, Sting e Chaka Khan, i Novecento pubblicano, dopo
sei anni, un nuovo album, un disco molto atteso dai fan. Il nuovo
progetto, prodotto e arrangiato dal Nicolosi Team e registrato, missato e
masterizzato al Nicolosi Studio, vede la partecipazione straordinaria di
Sting, Dominic Miller e Gregg Kofi Brown in una nuova splendida versione
di “ Lullaby To An Anxious Child”.
Ronnie Earl
& The Broadcaster
Good News
BLUES
Waitin' on My Sweetie Pie
Greetings from Delaware
Sit in My Lap
Fightin' Back
It'll Be Alright
This Flat Tire
I'd Like to Know
Places Far Away
Can't Wait to Kiss You
I'm Not Here
Getting to Know You
Love This Love We Got
In "Good News", Ronnie Earl è affiancato dai The Broadcasters, la sua band
da oltre 25 anni, per creare un album prevalentemente strumentale dalla
grande intensità e dall'anima profonda, in grado di soddisfare il numero
crescente dei suoi fans. Ottavo album su Stony Plain per lui, dimostra
ancora una volta il profondo rispetto e la conoscenza che ha per i suoi
colleghi e mentori: con “Change is Gonna Come” di Sam Cooke, “Blues for
Henry” scritta con Hubert Sumlin, “In the Wee Hours“ di Junior Wells.
T
TRACKLIS
A New Day
Artic
For A Moment
Anytime
Surround Me
It’s Time To Go
Endless Night
Lullaby To An Anxious
Child
T
TRACKLIS
I Met Her On That Train
Change Is Gonna Come
Time To Remember
In the Wee Hours
Good News
Six String Blessing
Marje's Melody
Blues For Henry
Puddin' Pie
Runnin' In Peace
R I E P I L O G O
N U O V E
U S C I T E
Tingvall Trio
JAZZ
Beat
Il nuovo album di uno dei piano jazz trio più interessanti degli ultimi anni:
il Tingvall Trio. Guidati dal pianista svedese Martin Tingvall, è composto
da musicisti di tre differenti paesi e formazioni musicali, il batterista
Jürgen Spiegel è tedesco e viene dal rock, il bassista Omar Rodriguez
Calvo è cubano, i tre presentano un jazz permeato di influenze folk
scandinave. Il titolo del nuovo album è già di per sé esplicativo: un
vibrante senso del ritmo è, infatti, uno degli ingredienti principali della
musica del trio, insieme a un innato gusto melodico.
Dave Specter
BLUES
Message in Blue
Da casa Delmark, label numero uno per il Chicago Blues e non,
presentiamo uno tra i migliori chitarristi blues, nella attuale scena di
Chicago. E questo suo nuovo lavoro, che si avvale della presenza di
musicisti del calibro di Otis Clay, Bob Corritore e Borther John Kattke, è
forse il disco più riuscito.
The Verve Pipe
ROCK
Overboard
Rock band dal Michigan che ritroviamo dopo l’ultimo album del 2001
(dopo hanno pubblicato altri 2 album ma per bambini). “Overboard”
segna il ritorno al mondo del rock, di particolare nota è la title track
scritta in collaborazione con l’attore-musicista Jeff Daniels.
Ad ogni membro della band è stato chiesto di scrivere qualcosa per
questo album e il risultato sono queste dieci nuove canzoni, un mix di
energia combinata e capacità creativa, concentrate nelle canzoni
ottenute con le migliori prestazioni da parte di tutta la band.
AMERICANA
Matt Harlan
Raven Hotel
Dopo l’ottimo esordio del 2009 intitolato “Tips & Compliments”, e “Bow
And Be Simple” del 2012, torna con un nuovo disco il songwriter texano
Matt Harlan. Anche “Raven Hotel” ribadisce tutta la bontà della sua
proposta musicale, a conferma anche della sua recente nomination negli
Houston Press Music Awards nella categoria “best folk”.
T
TRACKLIS
Den Gamla Eken
Hamnen
Spöksteg
Beat
Cowboy
I Skuggorna
Heligt
På Andra Sidan
Beat Train
Vägskäl
Tres Bandidos
Den Vilsna Tomten
T
TRACKLIS
New West Side Stroll
Got to Find a Way
This Time I'm Gone for Good
Message in Blue
Chicago Style
I Found a Love
Funkified Outta Space
Same Old Blues
The Stinger
Jefferson Stomp
Watchdog
The Spectifyin' Samba
Opus De Swamp
T
TRACKLIS
Carry On
Crash Landing
Overboard
Latchkey Kid
I Want to Bury You
Hit and Run
Here in the Dark
What You Did to Me
Don't Say It's Over
Ain't Too Hard to Live
Without Love
Song
T
TRACKLIS
Old Spanish Moss
Half Developed Song
Second Gear
Riding with the Wind
We Never Met (Time
Machine)
Rock & Roll
Raven Hotel
Old Allen Road
Burgundy & Blue
Slow Moving Train
The Optimist
Rearview Display
RIEPI L O GO
N U O V E
U S C I TE
Jerry Bergonzi
JAZZ
Intersecting Lines
Come dice il titolo, “Intersecting Lines” si gioca sull’interazione fra il
sassofonista Jerry Bergonzi e Dick Oatts. Sessione strabiliante dal gusto
old-school nel contesto dell’hard bop e del bebop. I due fiati sono gli
attori principali: lo stile di Bergonzi è influenzato e riletto attraverso la
maestria dei giganti del suo strumento (Coltrane, Rollins), mentre Oatts
è il contraltare perfetto. Uno alla rincorsa dell’altro, come ragazzi,
creando un sound fresco e affilato che rende la musica del duo un
perfetto esempio di free jazz. Feat. Dave Santoro (bass), Andrea
Michelutti (drums).
JD Allen
JAZZ
Bloom
Ogni nuovo disco del sax tenore JD Allen rafforza la sua reputazione
come uno dei più raffinati e più avventurosi giovani musicisti in
circolazione oggi. Il suo sound unico al sax tenore combina la malinconia
del blues, la solennità del gospel e la gioia del puro processo creativo.
Con l’aiuto del pianista Orrin Evans, JD ci porta in un viaggio
intensamente personale sulla sua personale visione del jazz - visione che
gli sta garantendo attenzioni e meriti nell’ambiente del miglior jazz
contemporaneo. Feat. Orrin Evans (piano), Alexander Claffy (bass),
Jonathan Barber (drums).
Mike Le Donne
I Love Music
T
TRACKLIS
Intersecting Lines
Dream Step
Creature Feature
Tanzania
Marshland
Mo-Ment
Dig Oatts
Someplace Out/A Granny
Winner
Itchy
Saddle Back
Arbonius Unt
Horton's Lament
T
TRACKLIS
Jack's Glass
Bloom
The Secret Life of Guest
Workers
The Dreamer
A Throng of Millions Can Be
One
If You Could See Me Now
Stardust
The Rule of Thirds
Pater Noster
Car - Car (The Blues)
T
TRACKLIS
Blues for Gene
I Love Every Little Thing
About You
JAZZ
I Love Music
Il trio organo è stato un punto fermo delle piccole formazioni jazz per più
di un mezzo secolo, ma Le Donne ne ha espanso la portata e il potere
aggiungendovi un’altra voce, quella del bravissimo sax tenore Eric
Alexander. Le Donne e Alexander sono accompagnati da un’altra coppia
di musicisti notevoli, il chitarrista Peter Bernstein e il batterista Joe
Farnsworth. L’unione dei quattro da’ vita ad un album affiatato dal
groove irresistibile.
Dena Derose
We Won’t Forget You
JAZZ
(An Homage To Shirley Horn)
Debutto su High-Note per la vocalist, pianista e arrangiatrice Deena
DeRose, in un tributo alla sua musa ispiratrice, la virtuosa del piano
Shirley Horn, della quale “We Won’t Forget you…” celebra il lato più
swing, in occasione di quello che sarebbe stato l’80° compleanno
dell’artista. La scaletta vede gemme note e meno note del repertorio
della Horn. Nel disco la De Rose è accompagnata dal trio che la segue da
15 anni, Martin Wind al basso e Matt Wilson alla batteria, con l’apporto
magistrale di Jeremy Pelt alla tromba, Eric Alexander al sax tenore e Gary
Smulyan al sax baritono.
Put on a Happy Face
Blues for Ball
The World Is a Ghetto
Do I Do
T
TRACKLIS
You Stepped Out of a
Dream
Sunday In New York
Quietly There
A Time For Love
Don't Be on the Outside
You Won't Forget Me
I Just Found Out About Love
Big City
You're Nearer
Wild Is Live
The Great City
RIEPILOGO
NUOVE
USCITE
Richard Thompson
ROCK
Acoustic Classic
Nella lunga carriera di Richard Thompson, i concerti acustici sono
sempre stati momenti magici per i fan, e mancava nella sua lunga
discografia un album di acustici che esaltasse la bellezza e la perfezione
di quei classici che infiammano i suoi concerti. “Acoustic Classics”
riunisce i brani più speciali selezionati fra le hit di 40 anni di carriera: 14
pezzi registrati per l’occasione in versione acustica, tra cui “I Want to See
the Bright Lights Tonight” e “Dimming of The Day” e le magnifiche “1952
Vincent Black Lightning” e “Beeswing”.
Holly Williams
SONGWRITER
COUNTRY
The Highway
Figlia e nipote d’arte del grande reame del country (Hank e Hank
Williams Jr.), Holly Williams conferma il suo status di grande cantautrice
con ‘The Highway’, più incline a Jackson Browne o Springsteen, che verso
il sound di Nashville. Co-prodotto da Williams e Charlie Peacock (The Civil
Wars) il disco contiene undici brani originali scritti o co-scritti dalla
Williams con Jackson Browne, Jakob Dylan, Dierks Bentley, e Gwyneth
Paltrow in ‘Waiting on June’. l’album uscito originariamente solo per gli
usa l’altr’anno, finalmente trova la distribuzione anche in europa.
Malcom Holcombe
Pitful Blues
Raccomandato da Lucinda Williams e Steve Earle, questo songwriter di
Asheville, NC, ha finalmente avuto modo di affermarsi a livello
internazionale. Il suo nuovo album “Pitiful Blues” vede la luce anche in
Europa grazie a casa Proper. Anche nel nostro paese sta diventando un
personaggio culto grazie a riviste come l’autorevole Buscadero che, da
sempre, ne tesse elogi più che meritati. Un songwriter eroe dell’altra
Nashville, prodotto dal solito Jared Tyler.
Martin & Eliza Carthy
FOLK
The Moral Of The Elephant
Primo album in duo di padre e figlia più noti nella storia del folk
britannico, “The Moral of the Elephant” è un album che contiene
l’essenza di una tradizione continuativa di canto e musica, attraverso la
‘dinastia’ Waterson/Carthy. Martin ed Eliza danno una forma nuova e
fresca, seppur riconoscibile, alla musica che amano e che vive attraverso
di loro – attraverso inediti, rivisitazioni di brani più o meno tradizionali,
qualche incursione nella poesia, e il tributo a Mike Waterson con la
splendida “Died for Love”.
T
TRACKLIS
I Want to See the Bright
Lights Tonight
Walking on a Wire
Wall of Death
Down Where the Drunkards Roll
One Door Opens
Persuasion
1952 Vincent Black Lightning
I Misunderstood
From Galway to Graceland
Valerie
Shoot out the Lights
Beeswing
When the Spell Is Broken
Dimming of the Day
T
TRACKLIS
Drinkin'
Gone Away From Me
Railroads
Happy
The Highway
Without You
Let You Go
Giving Up
A Good Man
'Til It Runs Dry
Waiting On June
T
TRACKLIS
Pitiful Blues
Roots
Sign for a Sally
Savannah Blues
Another Despair
By the Boots
Words Not Spoken
Words of December
The Music Plays On
For the Love of a Child
T
TRACKLIS
Her Servant Man
Happiness
Blackwell Merry Night
Queen Caraboo
Grand Conversation on
Napoleon
The Elephant
Waking Dreams
Bonny Moorhen
The Queen of Hearts
Monkey Hair
Died for Love
R I E P I L O G O
N U O V E
U S C I T E
Long John Baldry
BLUES
The Best Of The Stony Plain Years
Il pioniere inglese del blues Long John Baldry (1941 - 2005) ha registrato per Stony Plain dal 1991
fino alla sua morte. La sua carriera artistica iniziò a fine anni ’50 a Londra suonando blues acustico,
negli anni ‘60 si accompagnò ad Alexis Korner e Cyril Davies, gettando le fondamenta del British
Blues, ispirando artisti come gli Stones, McCartney, Jimmy Page. Questo disco contiene il meglio della
produzione di Baldry nell’ambito Stony Plain, dagli inizi fino agli ultimi lavori degli anni 2000.
Steve Freund
& Gloria Hardiman
BLUES
Set Me Free (Special guest Sunnyland Slim)
Da casa Delmark, presentiamo questo chitarrista blues nato e cresciuto a Brooklyn, ma rinasce a
Chicago quando si trasferisce nel 1976. L’elenco dei musicisti con cui ha suonato è infinito: Sunnyland
slim, Luther Allison, Lonnie Brooks, Otis Rush, Koko Taylor, Big Walter Horton e molti altri. Questo
album è stato originariamente pubblicato dalla Razor nel 1983 ed è l’album di debutto di Steve come
leader. Accompagnato dalla splendida vocalist Gloria Hardiman ( tra le voci più bella della scena
Chicagoana), l’album gode dell’aggiunta di 4 tracce bonus per arricchire la preziosa ristampa. Feat.
Ken Saydak, Bob Stroger, Eddie Turner, Sam Burkhardt, Sunnyland Slim… + 4 bonus tracks!
Chubby Jackson Big Band
JAZZ
Ooh, What An Outfit - New York City 1949
Nuova uscita per l’Uptown Records dedicata al grande bassista Chubby Jackson che viene ricordato
da molti come il bassista di Woody Herman. Questa registrazione a New York del 1949 su un doppio
cd comprende la big band con: Norman Faye, Al Porcino, Charlie Walp (trombe), Mario Daone, Rob
Swope (tromboni), Frank Socolow (sax alto), Ray Turner, Al Young (sax tenore), Marty Lino (sax
baritono), Gene DiNovi (pianoforte, arrangiatore), Teddy Charles (vibrafono), Red Mitchell
(pianoforte, contrabbasso), Tom "Red" Kelly (basso), Curly Russell (basso), Chubby Jackson (leader,
basso, voce) Piccoli Kahn (tamburi, arrangiatore, voce) Joe Harris (bongos, congas) Castello di Paula
(voce). 2 cd.
Jeff Lorber, Chuck Loeb,
Everette Harp
FUSION
Jazz Funk Soul
Da casa Shanachie presentiamo un supergruppo con tre dei più
importanti musicisti di successo del genere “smoth” sulla scena oggi.
Jeff Lorber è famoso per aver lanciato Kenny G e per aver collaborato con
i migliori, Chuck Loeb è ampiamente considerato come uno dei miglior
chitarristi di sempre, Everette Harp ha registrato e condiviso il palco con
giganti come Aretha Franklin, Luther Vandross, Billy Joel… “Jazz Funk
Soul” è nato durante i loro concerti, per soddisfare l’enorme richiesta da
parte dei loro fans. Un album traboccante di assoli di sax, riff di chitarre
super-funky piano e melodie accattivanti.
T
TRACKLIS
Speed of Light
Swingette
Adrenaline
Silent Partner
Telephone
We Were There
Line Drive
Serious Business
D.C.
Raccoon
PAOLO
FRESU
QUINTET
Antonio Castrignanò
arto
lindsay
ponderosamusic&art
RIEPI L O GO
N U O V E
U S C I TE
Tiger Hatchery
Sun Worship
JAZZ
T
TRACKLIS
Il power trio dei Tiger Hatchery, dalla jazz scene di Chicago, esula un poco
dalla tradizionale linea ESP di free jazz, come il sassofonista Mike Forbes
rende subito chiaro, anche grazie al tocco di noise-rock, specialmente
nella batteria aggressiva di Ben Billington, dal sound moderno, e al
bassista Andrew Scott Young. Uno degli album più esplosivi della storia
cinquantennale di questa etichetta.
Chieftain
Sonic Bloom
Grand Mal
Peter Lemer Quintet
JAZZ
Local Colour
Il pianista britannico Peter Lemer radicò la sua carriera nel jazz grazie
alle collaborazioni con Jaki Byard, Paul Bley, Bill Dixon. Le numerose
influenze del suo percorso musicale lo vedono anche come pianista jazz
fusion e tastierista prog-rock - ancora prima che questi due generi
esistessero. Local Colour, pubblicato nel 1966, fu il suo primo ed unico
album da leader, accompagnato da Nisar Ahmad Khan al sax tenore, John
Surman sax soprano, Tony Reves al basso e Jon Hiseman alla batteria. Il
disco è composto da 6 brani autografi, eccetto la prima traccia, Ictus,
scritta da Carla Bley.
T
TRACKLIS
Ictus
City
Flowville
In the Out
Carmen
Enahenado
Burton Green Trio
JAZZ
On Tour
Prima edizione americana di questo pianista andato quasi perduto,
registrato live durante il New York State College Tour del 1966,
rimasterizzato per intero in occasione della ristampa. Greene suona il
piano direttamente dalle corde - il primo pianista jazz a registrare così,
sulla scia di Henry Cowell. Con lui, Steve Tintweiss al basso e Shelley
Rusten alle percussioni. L’esibizione comprova la ricerca di Greene di un
suono veramente personale, e il tentativo di convincere il pubblico a fare
altrettanto.
T
TRACKLIS
Bloom in the Commune
Ascent
Tree Theme
Transcendence
AMERICANA
The Mama Bluegrass Band
Living in a B movie
Living In A B Movie, 13 canzoni originali in una esplosiva miscela di suoni folk, blues, ballate acustiche
e atmosfere vintage da vero e proprio b-movie degli anni 70! Strumenti acustici tipici dei vecchi blues
americani delle origini, come violino e banjo, sono affiancati da un groove moderno e ritmato dato da
chitarre elettriche, basso e batteria, riuscendo a trasmettere anche su disco la grinta e l’affiatamento
che da sempre caratterizzano i concerti live del gruppo in tutta Europa. Il titolo dell’album prende
spunto dalle situazioni paradossali in cui ci si imbatte quando si intraprende la strada del musicista
che suona, più volte al limite dell’assurdo, in una Band. Le canzoni sono scritte principalmente dal
carismatico frontman del gruppo Marco Andrea “Francis” Carnelli e sono una vera e propria minestra
di storie, situazioni, stati d’animo e Omaggi Raccolti In Questo Ultimo Anno E Mezzo. Feat. Alberto
Santamborgio (Banjo), Marco Castelli (Batteria), Lorenzo Marinoni (Basso), Davide Peri (Chitarra),
Daniele Borghi (Violino) Marco Andrea “Francis” Carnelli (Voce e chitarra acustica)
RIEPILOGO
NUOVE
USCITE
Jared Gold
JG3+3
T
TRACKLIS
Pendulum
Spirits
JAZZ
Sermonette
L’organista Jared Gold alza l’asticella per la sua settima uscita da leader
su Posi-Tone. Con l’aggiunta al suo solito trio di tre elementi ai fiati ed un
bel programma di composizioni nuove e arrangiamenti innovativi, il
nuovo disco dimostra chiaramente la leadership musicale di Gold e la sua
padronanza assoluta dell’organo Hammond. Questa sessione in formato
sestetto vede Patrick Cornelius al sax alto, Tatum Greenblatt alla tromba,
Jason Marshall al sax baritono, Dave Stryker alla chitarra, Sylvia Cuenca
alla batteria. “5 Stelle” su Downbeat!
Walt Weiskopf
JAZZ
Overdrive
Il sax tenore Walt Weiskopf realizza il suo primo disco su Posi-tone con
Overdrive, una combinazione di armonia e liricismo, un tourbillon di
composizioni che volano, corrono, cavalcano e swingano, con Weiskopf
autentica stella del sestetto, con il supporto del chitarrista Yotam
Silberstein, il vibrafonista Behn Gillece, il pianista Peter Zak, il bassista
David Wong e il batterista Donald Edward.
Joe Magnarelli
Lookin’ Up
Shower the People
No Moon at All
I Just Can't Stop Loving You
Fantified
Cubano Chant
Charcoal Blues
T
TRACKLIS
The Path Is Narrow
Like Mike
Jewel and a Flower
Night Vision
Overdrive
Waltz for Dad
Four Horsemen
Midwinter Night's Dream
What Are You Doing the
Rest of Your Life?
No Biz
T
TRACKLIS
My Old Flame
I'll Be Seeing You
JAZZ
Highbridge
Disco d’esordio su Posi-tone per Joe Magnarelli, trombettista fuori
dall’ordinario ed esimio professore di musica alla Juilliard School. Questa
intensa session vede anche l’apporto ispirato di Steve Davis al
trombone, l’omaggio di Anthony Wonsey al piano, Mike Karn al basso e
Jason Brown alla batteria. Mentre la selezione di brani punta sul classico,
la musica evoca con eleganza una sensibilità jazz più moderna. La
combinazione di talento formidabile, performance consistente e un paio
di inediti notevoli rendono Lookin’ Up un album di grande interesse.
Eracism
The Duke
Blues For Skee
When Your Lover Has Gone
Bilbao
McChesney Park
Moulettes
JAZZ
Constellations
Fresche di nomination come Miglior Gruppo Alternativo ai BRIT Awards, le Moulettes si sono già imposte come
una delle band più interessanti ed originali del decennio. Grazie all’atmosfera musicale dei loro dischi, che
vede una rara miscela di musicalità, narrazione e canto, esplorando nuove combinazioni di rock, pop, classica
e musica popolare e attirando l’attenzione di tutti gli amanti di musica indie. Dopo sette anni di intensa attività
live, anche a supporto di Mick Jagger, Nick Cave, Seasick Steve, Bonobo e Dave Gilmour, la band ha debuttato
nel 2009 con il primo album in studio. Ora ritornano con il loro terzo album sempre in studio, “Constellations”:
pop folk, noir trip hop, folk progressivo, disco dub, in una fusione scintillante di inventiva e creatività.
Complesso, intrigante e certamente unico. Tra gli ospiti Arthur Brown ("God Of Hellfire"), Herbie Flowers (Lou
Reed / David Bowie), Blaine Harrison (Mystery Jets); The Unthanks, Emma Richardson (Band Of Skulls) e il
produttore dubstep Dface completano un cast di supporto che sottolinea il desiderio della band di fondere stili
musicali e sperimentare il loro sound secondo stilemi personali e ricercati.
RIEPILOGO NUOVE USCITE
Opus 5
Progression
T
TRACKLIS
Snow Child
Fear of Rooming
JAZZ
Climbing
Terza uscita su Criss Cross per il super quintetto OPUS 5 - Alex Sipiagin
(tromba), Seamus Blake (sax tenore), David Kikoski (piano e Fender
Rhodes), Boris Kozlov (basso) e Donald Edwards (batteria). Standard di
altissima qualità e con fans in continua crescita, gli OPUS 5 suonano con
intelligenza, coesione e abbandono alla creatività più pura.
Johnathan Blake
JAZZ
Gone, But Not Forgotten
Uno dei batteristi più ricercati della sua generazione, ha fatto un lavoro
stellare come membro del Tom Harrell 5tet, Mingus big Band, Ravi
Coltrane 4tet e tanti altri. Questo è il suo primo disco da leader su Criss
Cross. La lineup è esplosiva, grazie ai sax di Chris Potter e Mark Turner,
e al basso di Ben Street. Blake trova ispirazione nei grandi nomi del jazz
con gioia e inventiva, celebrando nomi come Charles Fambrough, Trudy
Pitts, Sid Simmons, Cedar Walton, Mulgrew Miller, Paul Motian…
David Binney
Anacapa
Walk a Waltz
Geraldine
Inner Balance
For Instance, Take This
T
TRACKLIS
Cryin' Blues
Firm Roots
Maracas Beach
All Across the City
Broski
Born Yesterday
Circle Dance
New Wheels
Anysha
The Shadower
Two for the Blues
T
TRACKLIS
She Loves, Introduction
The Golden Zone
Massive Humanity
Distant City
Anacapa
JAZZ
Waiting for the Blast
Album di inediti per David Binney, il settimo su Criss Cross, dove suona
sax alto, tenore e soprano con la padronanza ed il genio che lo
distinguono, fondendoli con strumentazione elettronica. John Escreet al
piano e Fender Rhodes, Matt Brewer al basso, Obed Calvaire e Dan Weiss
alla batteria, e il tandem di chitarra di Wayne Krantz e Adam Rogers.
Justin Robinson
JAZZ
Alana’s Fantasy
Il sound dell’avventuroso sax alto di Justin Robinson è al centro di questo
potente quintetto. “Alana’s Fantasy” è un tributo al compianto Dwayne
Burno, prematuramente scomparso nel bel mezzo della produzione del
disco, nel quale suona. Robinson e i suoi rendono omaggio al loro amico
suonando al loro meglio, blues, be-bop e delle ballate. Tra originali e
standard con brani di Jackie McLean e Thelonius Monk. Insieme a
Robinson c’è Michael Rodriguez alla tromba, Sullivan Fortner al piano, e
Willie Jones III alla batteria.
Imagination Sets Us Free
Heart Shaped Mind
Santo Spirito& Wayne
She Hates, Outro
T
TRACKLIS
Little Melonae
Eazy E
Alana's Fantasy
Jeremy Isaiah
When We Were One
Eronel
Libra
Anwering Service
Just One of Those Things
For Heaven's Sake
R I E P I L O G O
N U O V E
U S C I T E
Meena Cryle &
The Chris Fillmore Band
BLUES
Tell Me
Da casa Ruf records, presentiamo il nuovo e terzo album di questo gruppo austriaco di southern soul,
blues e rock’n’roll. “Tell Me” dimostra un disco tutt’altro che monotono, dalla produzione impeccabile
e con gli strumenti equamente divisi (chitarre acustiche ed elettriche, banjo e slide) che sorreggono
una vocalist dalla timbrica decisamente notevole ed efficace.
The Carper Family
Formidabile album country per questo trio al femminile registrato nella
loro patria, Austin, TX che ripercorre la strada degli album precedenti di
classica musica country con accenni di western swing. Il trio è composto
da Melissa Carper al basso e voce, Jenn Miori, chitarra e voce e Beth
Chrisman, violino e voce e con la partecipazione di Cindy Cashdollar che
ha anche prodotto l’album con l’aiuto di Billy Lee Myers Jr.
ALOOS
PP
A
A
COUNTRY
Old-Fashioned Gal
T
TRACKLIS
Old-Fashioned Gal
Precious Jewel
Foolish Ramblin' Man
Chevy Van
Boxcar Blues (Hello Sunshine)
Dollar Bill
I Gotta Have My Baby Back
Fancy Pants
I've Tried
Comes A Time
City Folks
Aunt Rose
Last Chance to Dance
Bad Attitude
Ooh Baby
APPALOOSA
sarà presente al
i Nuovi
Appaloosa
26·27 LUGLIO 2014 · PUSIANO (CO)
www.buscaderoday.it
Chris Cacavas & Edward Abbiati
DISTRIBUZIONE: I.R.D.
International Record Distribution
www.ird.it • facebook: ird.it/mipiace.htm
Phil Cody
Michael McDermott
F I N A L M E N T E P U B B L I C AT I I N V I N I L E I
DUE DISCHI ‘SCANDINAVI’ DI UNO
DEI PIANISTI JAZZ CHE IL MONDO CI
INVIDIA. STRAORDINARIA QUALITÀ DI
REGISTRAZIONE, ANCHE PER IL
PUBBLICO AUDIOFILO.
S T E FA N O B O L L A N I A L P I A N O , J E S P E R
BODILSEN AL BASSO, MORTEN LUND
A L L A B AT T E R I A .
S
t
e
fBodilsen
a
n
o
Jesper
Bollani
Jesper
B
o
d
Morten
iMorten
l s eLund
n
Lp
Lund
StefanoBollani
STEFANO BOLLANI
StefanoBollani
JESPER
BODILSEN
JesperBodilsen
MORTENMortenLund
LUND
180 gr
A V A N T- J A Z Z
A V A N T- J A Z Z
A V A N T- J A Z Z
A V A N T- J A Z Z
RIEPI L O GO
N U O V E
U S C I TE
Chris Clark Quintet
Cedar Wisley
T
TRACKLIS
Improvisation I
Indecisive
Moss St.
Turkey Lost
Inside the Gloves
Rock Biter
Sax tenore giovane molto in gamba, Chris Clark ha formato il quintetto
che suona in questo bel disco riunendo David Ake al piano, Zack Teran al
basso e Jesus Vega alla batteria sotto le ali del veterano del sax alto
Peter Epstein.
François Houle
& Håvard Wiik
Aves
Uno dei migliori clarinettisti canadesi in circolazione, grazie al suo
avant-jazz virtuoso e originale, riconosciuto e gradito da un pubblico
sempre più ampio. In questo album duetta con il pianista norvegese
Håvard Wiik, da alcuni considerato una possibile versione avant-garde di
Brad Mehldau. “Aves” è musica free jazz orientata verso nuovi orizzonti,
un sobbollire di tonalità e texture sotto una superficie malinconica,
misteriosa, volubile.
Cage Factor
Improvisation II
Certain
T
TRACKLIS
Father Demo
Sparrowhawk
Earth/Sea
Nomenclatural
Zirma
Fallen Angel
Ged's Shadow
Letter to György L.
Aporetic Dreams
Meeting on a Line
Ursula's Dream
Woodhoopoe
Hello Blackbird
Strobe
Benoît Delbeq &
Fred Hersch Double Trio
Fun House
Formazione a doppio trio per questo incrocio innovativo tra pianoforte jazz e musica classica
contemporanea, tra tradizione americana ed avanguardie europee, ma soprattutto tra due pianisti
notevoli (entrambe Gran Prix du Disque per il jazz): Fred Hersch, lo yankee, noto per i virtuosismi
impeccabili, e Benoît Delbecq, il francese, stile elegante e complesso. Le rispettive formazioni trio si
incontrano in questo ottimo disco. Le due formazioni sono accompagnate dai ritmi elettronici di Steve
Argüelles e Gerry Hemingway. Il risultato è una collaborazione multi-sfaccettata, che scivola fra duo e
ottetto.
Gordon Grdina
& Mark Helias
T
TRACKLIS
Hope in Being
No Difference
Limbo
Gordon Grdina è un chitarrista e suonatore di oud originario di
Vancouver, coinvolto in tante collaborazioni con un gran numero di
improvvisatori: Mats Gustafsson, Samuel Blaser, Han Bennink, Andy
Milne, oltre al suo mentore Gary Peacock, già in trio con Grdina e Paul
Motian in “Think Like the Waves” del 2006. I nove pezzi di “No
Difference”, tutti scritti da Grdina, spaziano dal duo delicato di chitarra e
oud, a brani per chitarra energici e pensati per il formato quartet.
Fast Times
The Throes
Leisure Park
Nayeli Joon
Cluster
Fierce Point
Visceral Voices
TINGVALL TRIO beat - TOUR DATES
31.07.2014
MILANO - Castello Sforzesco
Cortile della Rocchetta - Festival Notturni
01.08.2014
ARQUA’ POLESINE (RO)
Castello di Arquà
Festival Tra Ville e Giardini
02.08.2014
CALA GONONE (NU)
Villa Ticca - Festival Cala Gonone Jazz
03.08.2014
VILLA VERDE (OR)
Bosco di Mitza Margiani
Festival Dromos www.dromosfestival.it
ANDY PFEILER
futureman
TONY LAKATOS
standard time
BOSSARENOVA TRIO
samba prelúdio
EMIL BRANDQVIST TRIO
breathe out
MARTIN TINGVALL
en ny dag
LUKA BLOOM
head & heart
skip records gmbh
www.skiprecords.com
DISTRIBUZIONE: IRD
www.ird.it
fb: www.ird.it/mipiace.htm
RIEPILOGO
NUOVE
USCITE
SONGWRITER
ROCK
Easton Stagger Phillips
T
TRACKLIS
Resolution Road
Always Came Back to You
Trio nato da un incontro fortuito e da un’immediata simpatia reciproca: i
cantautori Tim Easton da Nashville, Leeroy Stagger dal Canada e Evan
Phillips dall’Alaska. Rispetto al loro primo disco, “One for the Ditch”, il
nuovo Resolution Road è più sontuoso, arrangiato con più eleganza, dal
sound senza tempo, incrociando folk, Americana e pop-rock acustico.
“Con echi della fine anni '60, il songwriting primi anni '70 di Simon &
Garfunkel, Crosby, Stills & Nash e Jackson Browne e così come il più
recente folk-rock di Dawes, “Resolution Road” potrebbe sorprendervi
come uno dei migliori album roots dell'anno’ - American Songwriter
Magazine.
Stay
Tom Gillam
Last Night On Earth
Sette anni fa l’esordio di Gillam su Bluerose, un disco all’anno per il
prolifico cantautore roots rock che ha girato i club di mezza Europa come
solista, in duo con Joseph Parsons e Todd Thibaud, e con gli US Rails.
“Last Night on Earth” è un live descritto come ‘acustico e rilassato’,
registrato nel Dicembre scorso al Barrington Coffee House di Barrington,
New Jersey.
Jess Klein
Learning Faith
Traveller
Lucillia
Life of Crime
So Much in Tune
Hwy Is My Home
Those Good Times (Lmsu)
Begin
Baby Come Home
T
TRACKLIS
Outside The Lines
Till The Morning
Abby & Andy
Last Night On Earth
Rainbow Girl
Hand Me Down Blues
Where Is Bobby Gentry
A Train, The Rain & Other
Things
Goodbye Goodtime
Right Here, Right Now
T
TRACKLIS
Learning Faith
So Fucking Cool [Explicit]
If There's a God
TEXAS-ROCK
ROCK
Surrender
In una carriera di 15 anni, con una fanbase notevole in giro per il mondo,
l’evoluzione creativa di Jess Klein la vede alla costante ricerca di intuizioni
emotive, continuando a affinare il suo sound, melodico e accessibile
seppure elegante. Nonostante la provenienza roots, i testi dell’artista
indugiano a lungo nella filosofia. L’album è il terzo realizzato con il
produttore Mark Addison e vede 10 canzoni nuove di zecca, che
riflettono tutta l’impavidità della Klein, sia nei testi che nelle musiche.
Los Loney Boys
Revelation
Debutto su Bluerose per i tre fratelli di origine messicana Henry, Ringo e
JoJo, sulla cresta dell’onda da una decina d’anni dopo il loro debutto nel
2003. Nomination, premi, concerti in ogni angolo del mondo, ma radici
solide in Texas e nella musica che amano: blues rock, sound latini,
Texas-rock. Il nuovo disco, quinto in studio, ri-conferma il sound
riconoscibile del trio.
Loving You
Wish
Dear God
Only the Blues
Open Road
Long Way Down
T
TRACKLIS
Blame It on Love
Give a Little More
It's Just My Heart Talkin'
There's Always Tomorrow
So Sensual
See the Light
Don't Walk Away
Can't Slow Down
Dream Away
The Greatest Ever
Rule the World
Everything About You
BLUES-ROCK
R I E P I L O G O
N U O V E
U S C I T E
Rudy Rotta
The Beatles VS The Rolling Stones
A cinquanta anni esatti dal primo ed omonimo disco degli Stones e dallo “sbarco” di entrambi i gruppi in
America, da cui nacque quel fenomeno musicale-commerciale meglio noto come ‘British Invasion’, Rudy Rotta
realizza “The Beatles vs The Rolling Stones”. Un prezioso album che raccoglie e mette a confronto la musica,
la storia e la rivalità vera o presunta fra le due iconiche band che più hanno scavato, smosso, frastornato e
rivoluzionato la noiosa tranquillità musicale che le aveva precedute. Un’idea che nasce come atto d’amore (e
devozione) verso questi “giganti” della musica rock, dei quali Rudy Rotta interpreta una manciata delle canzoni
più belle, sviluppando con originalità il tema di due di esse in un unico brano, il tutto arrangiato e riproposto
con personale lettura e sensibilità. Rudy Rotta fa parte di quell’onda giovanile segnata dal fascino del
rock’n’roll ed in modo particolare da Beatles e Rolling Stones; le due formazioni hanno lasciato una traccia
indelebile nei suoi gusti musicali e nell’evoluzione della sua carriera artistica, che lo ha portato ad esibirsi con
vere e proprie leggende come B.B. King, John Mayall, Robben Ford e a sostenere centinaia di concerti in tutto
il mondo. L’album è inoltre arricchito dalla partecipazione di numerosi ospiti, tra cui Quintorigo (in ‘Lady Jane
& Julia’), Gnu Quartet (in ‘Ruby Tuesday’ & ‘Strawberry Fields Forever’) ed il percussionista Ernesttico.
Louisiana Red
BLUES
The Sky is Crying
Wolf Records estrae dal cassetto una nuova chicca: una delle ultime
registrazioni live di Louisiana Red, alcuni anni prima della sua morte,
durante un tour in Grecia! Insieme a Red, Johnny Nicholas e Bob
Brozman.
T
TRACKLIS
Too Poor To Die
Working Mule
Champagne And Reefer
Do You Got Balls?
Same Thing
Good Bye Jack Dupree
What Is That She Got
Keep on Playin’ The Blues
The Sky Is crying
Looked Up So Long
I Wonder Who
Early In The Morning
You Done Quit Me
I Done Woke Up
The Jon Davis Duo
JAZZ
feat. Gianluca Renzi - No Kiddin’
Dall’italiana Wide Sound, presentiamo una formazione in duo (piano e basso), nella quale la sintonia
è fondamentale. Che si tratti del classico duo Duke Ellington-Jimmy Blanton, del telepatico
“Undercurrent” di Jim Hall e Bill Evans, del luminoso “Intuition” di Bill Evans e Eddie Gomez, dei duetti
di Ray Brown e Jimmy Rowles nel disco “The Duo Sessions”, o di Carla Bley e Steve Swallow in
“Duets”, la capacità di ascoltare attentamente, anticipare e reagire intuitivamente è come quella
necessaria ad un trapezista che esegue un numero (con la più estrema facilità) su di un trapezio
senza rete di protezione. Il pianista Jon Davis e il contrabbassista Gianluca Renzi sono senza dubbi in
questo contesto. La loro interazione su “No Kiddin'” è altrettanto ispirata e basata sulla tradizione di
tutti quei duetti classici che li hanno preceduti. In questo nuovo album ritroviamo classici di: Thad
Jones, Benny Carter, Ellington, Monk, Stevie Wonder… più 3 brani scritti dai due artisti.
Fabio Vernizzi
JAZZ
Piano Quasi Solo
Compositore e pianista genovese lo ritroviamo in un percorso di immagini, pensieri attraverso un
linguaggio pianistico frizzante e dinamico che si sviluppa lungo strutture classiche con richiami alla
musica etnica, all'estemporaneità e all'improvvisazione tipiche della musica afro-americana. Un ricco
affresco di melodie cantabili sapientemente proposte a dimostrazione della grande padronanza dello
strumento. Ne scaturisce un linguaggio moderno e "globale" come è' stato sostenuto da specialisti
del settore. Con questo lavoro Vernizzi continua ad esplorare le contaminazioni tra i linguaggi ed
afferma la figura del compositore-performer. "Prima di Listz e dell'invenzione del recital pianistico gli
esecutori erano gli stessi compositori dei brani". Le Composizioni sono originali, scritte ed arrangiate
da Fabio dall’eclettica formazione che lo rende un artista poliedrico e completo.
R I E P I L O G O
N U O V E
U S C I T E
Jimmy Dawkins
Fill The Blues
BLUES
Jimmy Dawkins spicca fra i chitarristi per essere stato uno dei più creative
musicisti della scuola di Chicago, per capirci quella che fa’capo a Magic
Sam, Buddy Guy, Otis Rush. Bluesman serio e poco incline a modi da
primadonna, Dawkins scrive bene tanto quanto suona, con testi che
spiccano per profondità e pathos. Insieme a lui Rick Kurch alla chitarra,
Professor Eddie Lusk alle tastiere, Fred Barnes al basso, Michael Scott
alla batteria, JT Burks all’armonica e la splendida voce di Nora Jean
Wallace ai cori. Ristampa dell’album del 1985 in digipack.
T
TRACKLIS
(If You Got To) Love
Somebody
Highway Man Blues
Last Days
Feel the Blues
Christmas Time Blues
Have a Little Mercy
We Got Go
So Good to Me
(If You Got To) Love
Somebody (Alternate Take)
So Good to Me (Alternate
Take)
AMERICANA
Sacred Harp
& Shape Note Singing
Da casa JSP un box set dedicato al Sacred Harp, stile musicale unico e peculiare degli Stati Uniti,
evolutosi dalla tradizione delle scuole di canto del 18° secolo. Le melodie e le armonie danno il
massimo nei momenti musicali dei ritrovi religiosi o popolari. Box 4 cd, 80 brani dal 1922 al
1950.
NEW RELEASE 2014!
jimmy cobb . david hazeltine . vincent herring . javon jackson . harold mabern
distribuito da:
IRD International Record Distribution
www.ird.it - facebook: www.ird.it/mipiace.htm
RIEPILOGO NUOVE USCITE
Leif Juul Jorgensen
& The Dancish Jazz 4et
JAZZ
Just Jazz
T
TRACKLIS
I Can't Give You Anything
But Love
Dopo una pausa creativa, Leif Juul è tornato con un nuovo quartetto, il
Danish Jazz 4et con Soren Kristiansen al piano, Jesper Lundgaard al
contrabbasso e Alex Riel alla batteria. L’album, live registrato lo scorso
Aprile a Silkeborg e prodotto da Jesper Lundgaard, è il debutto di questa
formazione, che propone un set di standard rivisitati in chiave più briosa.
Eleganti, appassionati e con una solida esperienza, i quattro giocano fra
di loro con vivacia e maturità.
Jakob Dinesen
I Want A Little Girl
Just Squeeze Me
Autumn Leaves
Blue Monk
Perdido
T
TRACKLIS
Yasmin
That's All
Onlyest Way
JAZZ
Ps, I Love You
Se il jazz danese ha un playboy, costui dev’essere il 46enne Jakob
Dinesen. Con il suo sax ha girato mezzo mondo e ricevuto ogni sorta di
riconoscimento, inclusi due Grammy per Best Jazz album nel 2003 e
2007. Che si tratti dell’interpretazione fedele di un classico o di
un’improvvisazione sfrenata, Dinesen estrae dal suo sax il sound più
frizzante. La sua presenza si distingue in innumerevoli collaborazioni,
con Paul Motian, Kurt Rosenwinkel, Steve Swallow, Etienne Mbappe, Tony
Allen e molti altri.
Duke Ellington
and his Orchestra
JAZZ
Gröna Lund
Stocholm 1963
Fermatasi a Stoccolma per sei giorni durante il
tour europeo del 1963, la Duke Ellington’s band
deliziò il pubblico del Grona Lund, in sei serate di
grande intimità e improvvisazione, i cui pezzi
inediti più belli sono raccolti in questo doppio CD.
The Band
Yasmin
Lush Life
Bush Baby
Tenderly
T
TRACKLIS
Boo-Dah
Laura
Main Stem
Take The "A" Train
Suite Thursday
Deep Purple
Silk Lace
New Concerto For Cootie
Tootie For Cootie
The Star-Crossed Lovers
Things Ain't What They Used
To Be
Intermission Music by Duke
Ellington
I Didn't Know About You
All of Me
Jeep's Blues
Rose of the Rio Grande
Black and Tan Fantasy
Kinda Dukish / Rockin' in Rhythm
In a Sentimental Mood
Mr. Gentle and Mr. Cool
Lullaby of Birdland
Mood Indigo
Sophisticated Lady
I Let a Song Go out of My Heart /
Don't Get Around Much Anymore
One More Once or One More
Bossa Nova
One More Once or One More Twist
Duke Ellington’s Band
JAZZ
The Treasury Shows Vol. 18
18° volume della collezione Duke Ellington Treasury Show, che raccoglie i set radiofonici
commissionati dal Governo USA per pubblicizzare i buoni del Tesoro. Il doppio CD contiene le
trasmissioni n° 34 del 13/4/46 a San Antonio, e la n° 35 del 20/4/46 all’Howard Theatre di
Washington; oltre ad altri 3 set radiofonici registrati allo Hurrican Restaurant. In 6 dei brani Billy
Strayhorn come ospite speciale.
R I E P I L O G O
N U O V E
U S C I T E
Roberto Esposito
JAZZ
The Decades
Album d’esordio del pianista e compositore ventinovenne Roberto Esposito su etichetta Workin’ Label.
Il disco contiene 10 brani originali per pianoforte frutto di un lavoro di scrittura e di esperienze
maturate nell’interazione tra linguaggi e nella ricerca creativa. L’unico brano non originale è
“Kalinifta”, brano tratto dal repertorio della tradizione grika salentina, trascritto e arrangiato per la
prima volta al pianoforte. Le composizioni evidenziano riferimenti sia alla musica folkloristica del sud
d’Italia, pizzica, taranta, mediata da un linguaggio jazzistico ed improvvisativo, che a schemi
compositivi e formali classici quali improvvisi, studi, fantasie, rapsodie. La fantasia e l’estro, suoi punti
di forza, gli hanno permesso di elaborare dei concetti pianistici incastonandoli in una miscela di stili e
colori del tutto personale.
Clara Romita
Sotto Controllo EP
JAZZ
T
TRACKLIS
Ep d’esordio per la giovane cantautrice leccese Clara Romita, su etichetta
Workin’ Label. Il disco contiene 5 canzoni originali scritte e composte con
la sua chitarra, con l’arrangiamento di Filippo (chitarra e tastiera) e
Carolina Bubbico (cori). Insieme a loro Enrico Rollo al basso, Eugenio
Lettere alla batteria, Roberta Mazzotta al violino, Alessandro Dell’Anna
alla tromba. Grazie all’originalità dei testi e alla varietà armonica e
melodica delle sue canzoni, “Sotto Controllo” promette una sferzata di
novità nel panorama della canzone d’autore italiana emergente.
The Delines
ROCK
SONGWRITER
Album d’esordio per questo supergruppo formato da Amy Boone
(Damnations TX), Jenny Conlee (Decemberists), Sean Oldham, Willy
Vlautin (Richmond Fontain) e Tucker Jackson (Minus 5). “Colfax” è un
viale a Denver dove, nel periodo di massimo splendore, era un noto
ritrovo di prostitute, alcolizzati e drogati. Una nuova band che mantiene
solo il batterista Sean Oldham, e una serie di canzoni scritte ad “hoc” per
la voce incredibile di Amy Boone.
Learn To Love
Sotto controllo
Come di routine
Il tempo nelle mani
Buon senso
T
TRACKLIS
Colfax
Matt Waldon
Ambasciatore
Calling In
Colfax Avenue
The Oil Rigs at Night
Wichita Ain't so Far Away
I Won't Slip Up
Sandman's Coming
State Line
Flight 31
He Told Her the City Was
Killing Him
I Got My Shadows
82nd Street
Disponibile anche
il disco precedente
Secondo album solista di Matt Waldon dopo l’esordio con (Oktober
2012). Questo nuovo album è stato registrato tra Italia & Stati Uniti e
vanta importanti collaborazioni quali quella del noto songwriter Neal
Casal (Ex Cardinals di Ryan Adams, attualmente alla Chris Robinson
Band) che regala la sua chitarra elettrica nella title-track dell’album, e
quella di Kevin Salem, che oltre a curare la produzione e il mixaggio del
disco, suona attivamente in ben 4 brani del disco.
T
TRACKLIS
Broken
Learn to Love
You Can Run as Far
Under Your Breath
Devils On the Freeway
Fast Clouds
The Heart Is a Lonely
Hunter
Moon Kills Sun
Sweetness
PHIL MANZANERA
facebook:ird.it/mipiace.htm
R I E P I L O G O
N U O V E
U S C I T E
The Motion Collective
JAZZ
Burak
Primo lavoro discografico della neo etichetta A.MA Edizioni, un LP con 4 brani scritti prodotti e
arrangiati dal Dj producer Gerardo Frisina. Una pubblicazione esclusivamente in vinile che si rivolge al
dancefloor ma non solo, con brani che hanno tutti una identità ben definita. Il brano che da il titolo al
disco “Burak” è caratterizzato da ritmi etnici che si immergono in una intensa atmosfera dai sapori
orientali. “Zagara” è il brano che più si avvicina ad alcune produzioni del passato di Gerardo Frisina, la
sonorita brasiliana è arricchita dai vocalizzi di Francesca Sortino e dall’interazione tra il flauto e piano.
“Michael’s Vision” apre il secondo lato dell’album dove l’ influenza jazz è più evidente. L’atmosfera
creata dalla ritmica viene rafforzata dalle improvvisazioni del sax tenore di Germano Zenga e dal
raffinato lavoro al pianoforte di Giovanni Guerretti, “Burak Jazz Version”, viene rivisitato in chiave
jazzistica, impreziosita dal sax Soprano, dal piano elettrico e dal vibrafono diventa, pur mantenendo lo
stile originale, un brano perfetto per l’ascolto.
Costabile Bruno Primiero
JAZZ
A Mio Padre…
Pianista, tastierista, compositore e arrangiatore originario di Castellabate con origini nordiche! Già
all’età di 13 anni studiava pianoforte e successivamente alla tastiera. A 20 fu ingaggiato alla Wurlitzer
(organi elettronici) e successivamente alla Hammond in qualità di dimostratore per tutte le fiere del
settore musicale. Nel corso degli anni e con varie esperienze musicali, finalmente viene a contatto con
pianisti di fama internazionale imparando nuove tecniche pianistiche. Dalla sua lunga vita nasce
questo nuovo album il cui protagonista è ovviamente il pianoforte, ma non mancano brani in cui ad
assumere un ruolo determinante sono la chitarra e gli strumenti a fiato. La musica strumentale da
intrattenimento è il suo piatto forte “L’easy listening” possiamo definirla, per favorire un momento di
relax e di distensione a chi si presta all’ascolto, pur non mancando passaggi musicali che lasciano
sorpreso l’udito dell’ascoltatore più attento, evidenziando in tal modo la vena artistica del
compositore.
LEYLA MCCALLA
Distribuito da:
Vari-Colored Songs
NEAL BLACK
Before Daylight
ERIC BIBB
Jericho Road
IRD International Record Distribution
www.ird.it • facebook: www.ird.it/mipiace.htm
GUY DAVIS
Juba Dance
THE CAMPBELL
BROTHERS
Beyond The 4 Walls
R I E P I L O G O
N U O V E
U S C I T E
Rachele Andrioli
& Rocco Nigro
JAZZ
Malie
Il nuovo progetto discografico della cantante Rachele Andrioli e del fisarmonicista Rocco Nigro,
prodotto artisticamente da Gabriele Rampino ed Eraldo Martucci per Fonosfere, collana editoriale
dell'etichetta salentina Dodicilune. I due giovani autori e interpreti propongono un lavoro con tratti
innovativi, tra una ben radicata tradizione salentina e una dimensione nuova, tra “world music” e
nuove “sensibilità musicali” contemporanee. Nove brani (tre tradizionali e sei inediti) nei quali i due
sono affiancati da Enza Pagliara (voce), Valerio Daniele (chitarra), Redi Hasa (violoncello), Francesco
Massaro (sax baritono), Vito de Lorenzi (percussioni), le sorelle Gaballo (voce e mani) e Mauro
Semeraro (mandolino).
JAZZ
Leo Pianoforte
T
TRACKLIS
My Soul
What Woul You Say
Esordio discografico per Leo Pianoforte, che a dispetto del suo nome
suona il sax e canta. L’amore per il jazz, la voglia di esplorare generi e
stili diversi, armonie, ritmi, suoni moderni e le sue idee compositive molto
personali, portano questo virtuoso sassofonista e cantante verso un
album di easy jazz con echi di soul. Il progetto contiene nove
composizioni inedite e originali, la sintesi di una lunga ricerca tra la
cultura tradizionale jazzistica e le contaminazioni con la musica europea
che ha accompagnato tutto il suo percorso musicale. Feat. Rosario De
Luca (trumpet), Peppe Fortunato (keyboards), Beppe Sequestro
(electric bass), Felice Di Turi (drums).
Lost In This world
Travellin’ Man
Loser Man
My Soul
Music Is My Life
About Me About You
Land Of Darkness
Hey
Carlo Ozzella & Barbablues
ROCK
Il Lato Sbagliato Della Strada
Nuovo album autoprodotto, a distanza di poco più di due anni dal precedente EP, presentiamo “Il Lato
Sbagliato Della Strada”! L’artista milanese ed il suo gruppo utilizzano pennelli a tinte forti del rock
sanguigno, intriso di sudore e fatica. Tredici brani, in inglese e in italiano, dalla spiccata impronta rock
di matrice americana, di aver imparato bene la lezione, iniziata dal primo concerto di Springsteen visto
in televisione. "Il lato sbagliato della strada" è forse uno degli album più springsteeniani pubblicati
negli ultimi anni in Italia. Non solo da un punto di vista musicale ma anche della poetica. Feat. Carlo
Ozzella (voce, chitarre, armonica), Andrea Marsili (basso), Claudio Lauria (Sax), Federico Melzi
(chitarra elettrica), Massimo Miglietta (batteria), Stefano Gilardoni (piano).
MA.MI.MA
JAZZ
MaMiMa
(Mattia Dalla Pozza, Michele Massarutto, Marco Trabucco, Max Trabucco) Questa incisione è un
embrione, un’istantanea in evoluzione; solo a tratti rivela la forma esatta, modellata dalle intenzioni
istintive, estemporanea dei musicisti. “Mamima” nasce cosi, dall’incontro di Massarutto e Max
Trabucco che coinvolgeranno i colleghi e amici Marco Trabucco e Dalla Pozza ed in seguito dalla
fusione delle diverse prospettive compositive e strumentali ed infine emozionali, resa possibile
proprio da un linguaggio musicale, il jazz, che è tra i più efficaci ponti di raccordo tra scrittura ed
improvvisazione, tra esperienze pregresse e creazione istantanea. In ordine gli strumenti sono: alto
sax, guitar, double-bass e batteria.
IRD International Record Distribution
www.ird.it
facebook: www.ird.it/mipiace.htm
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
8 555 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content