close

Enter

Log in using OpenID

22 – 26 giugno 2014 Escursionismo – Trekking in Val di Fassa

embedDownload
22 – 26 giugno 2014
Escursionismo – Trekking in Val di Fassa
Programma
Le escursioni previste nel seguente programma potrebbero subire delle variazioni a causa di
imprevisti eventi tecnici o meteorologici.
Domenica 22 giugno
Ritrovo al parcheggio delle Piscine comunali di Desenzano alle ore 6.00: partenza prevista per le
ore 6.15.
Percorso automobilistico:
Desenzano del Garda - Peschiera – Affi – autostrada fino ad Ora Passo S. Lugano – Predazzo – Moena – Località “I Ronc” da dove
inizia il 1° percorso.
Escursione 1° giorno: “Sas de Mesdì e laghi di Lusia”
Dalla località “I Ronc” con ovovia fino alla stazione intermedia della funivia del Lusia m.1831 poi
per sentiero 614 al “Sas de Mesdì” m.2301, un belvedere eccezionale esteso sul gruppo del Latemar,
sulle Dolomiti di Fassa e sugli abitati di fondo valle da Soraga ai piedi del Sassolungo.Da qui si
prosegue fino alla forcella Pozzil m. 2144; si prende a sx dove il sentiero coincide per un breve
tratto col segnavia 622 fino ad arrivare al rifugio Passo Lusia m. 2055 (3 ore). Sosta per il pranzo
(facoltà di pranzo al rifugio o al sacco).
Si prende il segnavia 633 e con vista stupenda sulle Pale di San Martino, su sentiero costruito dai
soldati austriaci durante la 1^ guerra mondiale, si arriva al bivacco Sandro Redolf e poi al 1°
laghetto di Lusia m.2335. Si sale leggermente sulla sx fino alla forcella di Lusia m.2383 ad
incrociare il segnavia 634 col quale si scende fino ad incrociare il segnavia 625; lo si percorre fino
al Rifugio Rezila m.1761 per poi proseguire fino al primo troncone della funivia del Lusia con la
quale si ridiscende ai “Ronc”.
Dislivello totale m. 470+328+70. Tempo di percorrenza 7 ore. Gita piuttosto lunga ma agevole.
Documentazione di riferimento carta Kompass n° 79 (scala 1:50.000).
Arrivo previsto a Pozza di Fassa ore 18.00.
Alloggio presso l'albergo “Hotel Chalet Alaska” (tel. 0462764091).
Si prende possesso delle camere e quindi cena per le ore 19.30.
Lunedì 23 giugno
Colazione ore 7.30; partenza ore 8.30.
Escursione 2° giorno: al “ Rifugio Roda de Vael e il Vial delle Feide”
A piedi fino a Pera di Fassa (15' da Pozza), si sale con la seggiovia in tre tronconi fino al Ciampedié
m.1998 che vale la pena di osservare nella sua struttura architettonica. Eretto nel 1912 dalla sezione
di Lipsia del Club Alpino austro-tedesco, fu dato in gestione alla SAT nel primo dopoguerra. Dal
dosso prativo antistante il rifugio si scende leggermente e sulla sx, in direzione sud-ovest, si prende
l'alta via dei Fassani, segnavia 545. Dopo l'incrocio col segnavia 547 ci si inerpica a ziz-zag fino a
raggiunge il Rifugio Roda de Vael m.2283 e l'adiacente Rifugio Pederiva (2 ore). Si prosegue per
segnavia 549 fino al monumento Christomannos (aquila in bronzo). Si ritorna poi ai due rifugi per il
pranzo. Si sale leggermente verso nord per il segnavia 541 e con bella vista sulle pareti della Roda
de Vael, dei Mugoni e delle Zigolade si imbocca sulla dx in direzione est il sentiero Vial delle Feide
(sentiero delle pecore). Fiancheggiando a sud Le Pale rabiouse, attraverso suggestivi scorci sulla
sottostante val di Fassa si ritorna al Ciampedié.
Ritorno con la funivia fino a Vigo oppure con la seggiovia fino a Pera di Fassa.
Dislivello totale m.300. Tempo di percorrenza ore 5½ . Escursione facile con percorso ad anello.
Documentazione di riferimento carta Kompass n° 59 (scala 1:50.000).
Martedì 24 giugno
Colazione ore 7.30; partenza ore 8.30.
Escursione 3° giorno: intorno al Sassolungo e al Sassopiatto
Colazione ore 7.30; partenza ore 8.30.
Da Pozza con le auto si raggiunge il Rifugio Passo Sella m.2180 dove si parcheggia. In direzione
nord si imbocca il sentiero 526-528 e, lambendo solo i massi più piccoli della grande frana
denominata “Città dei Sassi”, al cospetto del gigantesco Sassolungo, dei gruppi delle Odle e del
Puez al di là della sottostante val Gardena, si raggiunge il Rifugio Comici m.2154. A sx si prende in
direzione ovest il segnavia 526 e poco dopo, ancora a sx, il 526A: attraverso ghiaie si arriva in
breve sotto al Col de Mesdì m.2114 che sovrasta gli abitati di S. Cristina e Ruacia. Si ritorna sul
sentiero 526 e procedendo verso sud-ovest si raggiunge l'imbocco del vallone che conduce al
Rifugio Vicenza; senza risalirlo, raggiunto un bivio, si prende a sx per il segnavia 527 “Alta via dei
Ladini”. In discesa si raggiunge il balcone prativo del Piz da Uridl m.2109 da dove, aggirando ad
ovest in direzione sud il caratteristico Sassopiatto si raggiunge l'omonimo Rifugio m.2300 dove è
prevista la sosta per il pranzo. In direzione est si prosegue col segnavia 4-557 (sentiero “Federico
Augusto”) per il Rifugio Sandro Pertini m.2300 e il successivo Federico Augusto m.2298. Superata
la Forcella Rodella si ritorna al Rifugio Passo Sella.
Dislivello totale m.400. Tempo di percorrenza 6 ore.
Percorso ad anello non impegnativo anche se piuttosto lungo: buoni i sentieri, in parte ghiaiosi.
Documentazione di riferimento carta Kompass n° 59 (scala 1:50.000).
Mercoledì 25 giugno
Colazione ore 7.30; partenza ore 8.30.
Escursione 4° giorno: Sentiero Lino Pederiva e giro del Col Ombert
A piedi si raggiunge la funivia del Buffaure (5 min.) con la quale si raggiunge in ovovia l'omonimo
rifugio m.2050 per poi salire con la seggiovia al rifugio ”Al Zedron” m.2354. Da qui in un continuo
saliscendi, percorrendo il segnavia 613, si supera il Sas de Adam fino alla Sela Bruneck. Si imbocca
il sentiero 613B e, attraverso il sentiero attrezzato Lino Pederiva (funi di supporto per la sicurezza
ma senza la necessità dell'imbragatura) e fiancheggiando il Sas de Ròces si arriva al Rifugio San
Nicolò m.2347 dov'è prevista la sosta per il pranzo. Il percorso (circa ore 2½) offre una stupenda
vista sul Gruppo del Catinaccio e dell'Antermoia, sul gruppo del Sella, del Sassolungo e della
Marmolada, sui Monzoni, sul Sasso Undici e Sasso Dodici e sulla sottostante Val San Nicolò.
1ª Alternativa
Si scende leggermente in direzione est e fiancheggiando su sentiero ghiaioso la parete nord del Col
Ombert, si va ad incrociare il sentiero 609: si prende a dx in direzione sud e salendo leggermente di
quota si arriva al Pas Pasché m.2499 sottostante la cima de L'Om. In direzione ovest si scende fino
alla Baita alle cascate m.2011. Si percorre quindi la Val San Nicolò fino alla Baita Ciampié m.1826
da cui si rientra col trenino o con auto propria a Pozza di Fassa.
2ª Alternativa
Dal Rifugio San Nicolò si scende per un tratto col sentiero 608 e poi a dx per il Roisc dal Giaf si
arriva in Val San Nicolò e quindi alla Baita Ciampié.
Dislivello per 1ª alternativa m.400. Tempo di percorrenza ore 6.
Dislivello per 2ª alternativa m.200. Tempo di percorrenza ore 4½.
Percorso non impegnativo ma un po' esposto in quanto segue la cresta della catena montuosa.
Documentazione di riferimento carta Kompass n° 55-59 (scala 1:50.000).
Giovedì 26 giugno
Colazione ore 7.30; partenza ore 8.30.
Escursione 5° giorno: al Piz Boè dal Sass Pordoi
In auto fino al Sass Pordoi, con funivia si arriva al Rifugio Maria m.2950 con vista panoramica sul
Sassolungo e Sella. Si prende il sentiero 627 e percorrendo la spianata sommitale si raggiunge
facilmente il Rifugio Forcella Pordoi m.2848, situato nella depressione del Vallon del Foss
all'incrocio con l'Alta Via delle Dolomiti n°2. Dal rifugio seguendo in direzione est sempre il
segnavia 627 che porta verso il Piz Boé, si incrocia il sentiero 638 che, con una divertente salita su
rocce e superando facili gradini rocciosi, ci porta in vetta al Piz Boé m.3152 ove sorge la Rifugio
Capanna Fassa. Da qui si gode un panorama eccezionalmente ampio sulle Dolomiti di Fassa,
Gardena e Ampezzo. Il sentiero 638 si biforca, si prende a sx e scendendo si raggiunge la Forcella
dei Cacciatori m.3110. Per una cengia attrezzata con cordino ci si cala (tratto esposto) da una fascia
rocciosa per poi proseguire senza altre difficoltà al caratteristico Rifugio Boè m.2873 *. Si ritorna
in direzione sud col sentiero 627 tagliando il detritico fianco ovest del Piz Boè fino al Rifugio
Forcella Pordoi e quindi al Rifugio Sass Pordoi. Il pranzo è previsto in uno di questi due rifugi.
Con la funivia si ritorna al Passo Pordoi.
*Nota: C'è la possibilità di salire il vicino Col Turont m.2927 con bella vista in direzione ovest,
sulla selvaggia Val Lastìes.
Dislivello totale m. 400. Tempo di percorrenza 3 ore.
Percorso non impegnativo ma in quota con un breve tratto leggermente esposto.
Poiché il giovedì è giorno di mercato a Pozza, il primo pomeriggio lo si lascia a disposizione delle
Signore. In alternativa, visita alla chiesa di San Giovanni a Vigo di Fassa.
Documentazione di riferimento carta Kompass n° 55-59 (scala 1:50.000).
Varie
Prima colazione a buffet con ampia scelta fra dolci e salati.
Cena: ampia scelta di antipasti e scelta fra tre primi e tre secondi piatti. A fine pasto frutta o dessert.
Le bevande sono escluse.
Capo gita: Giorgio Liuti
Giovanni Mogno
tel. 3338687752
tel. 3356294869
Costi
Abbonamento funivie per 3 giorni (da utilizzare entro 6 giorni) € 38 (salvo aggiornamento prezzo
per anno 2014)
Costo x 1 giorno ½ pensione in albergo € 52 (totale per 4 giorni € 208).
Possibilità di farsi preparare dall'Hotel il cestino per il pranzo (prezzo da concordare).
Il costo del viaggio e dei vari trasferimenti con auto sono da definire a fine trekking: da tener
presente che il conducente dell'auto è esente dalla quota carburante e autostrada.
La prenotazione deve essere accompagnata da un caparra di € 50 da versare ai Capo gita in sede
CAI.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
168 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content