close

Enter

Log in using OpenID

D.G. Famiglia, solidarietà sociale, volontariato e pari

embedDownload
Bollettino Ufficiale
– 99 –
Serie Ordinaria n. 53 - Martedì 30 dicembre 2014
D.G. Famiglia, solidarietà sociale,
volontariato e pari opportunità
D.d.g. 22 dicembre 2014 - n. 12566
Attuazione della d.g.r. 2531 del 17 ottobre 2014 «Promozione
e sviluppo sul territorio di azioni per la qualità della vita delle
persone sottoposte a terapia oncologica chemioterapica»
IL DIRETTORE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA’ SOCIALE,
VOLONTARIATO E PARI OPPORTUNITA’
Vista la legge regionale n. 3/2008 «Governo della rete delle
unità di offerta sociali e sociosanitarie» ;
Vista la legge regionale n. 23/99 «Politiche regionali per la
famiglia»;
Vista la legge regionale n. 1/2008 «Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società di mutuo soccorso» ;
Richiamati i documenti di programmazione regionale, con particolarmente riferimento alla programmazione
sociosanitaria:
•d.c.r n. 78 del 9 luglio 2013 «Programma regionale di sviluppo della X legislatura»;
•d.g.r 20 dicembre 2013, n. 1185 «Determinazione in ordine alla gestione del servizio sociosanitario regionale per
l’esercizio 2014»;
•d.g.r 14 maggio 2013, n. 116 «Determinazione in ordine
all’istituzione del fondo regionale a sostegno della famiglia e dei suoi componenti fragili: atto d’indirizzo» ;
•d.g.r n. 1 agosto 2014, n. 2313 «Ulteriori determinazioni in
ordine alla gestione del Servizio Sociosanitario Regionale
per l’esercizio 2014».
Richiamate, inoltre, in tale ottica:
•la d.g.r 24 aprile 2013, n. 63 «Definizione degli obiettivi
aziendali di interesse regionale per i Direttori Generali delle
Asl, Aziende Ospedaliere e Areu per l’anno 2013, nonché
della modalità di valutazione del loro raggiungimento» ed
in particolare l’obiettivo 9 che ha visto la promozione in 9
Asl di azioni innovative nelle quali sono direttamente coinvolti i consultori quali centri per la famiglia;
•la d.g.r 16 maggio 2014, n. 1845 «Determinazioni in ordine
alla valutazione dei Direttori generali delle Aziende Sanitarie Locali e definizione degli obiettivi aziendali per il 2014» ;
•la d.g.r 20 dicembre 2013, n. 1188 «Determinazioni in merito alla programmazione di progetti di interventi promossi
dalle Asl a tutela della fragilità» con cui sono stati approvati e sostenuti progetti innovativi coerenti con gli obiettivi
definiti della programmazione sociosanitaria ed in particolare con le aree di bisogno individuate dalla succitata
D.g.r n. 116/2013, tra cui il progetto «Solidarietà in testa»
a favore delle donne affette da alopecia e coinvolte nel
percorso riabilitativo a seguito di patologie oncologiche;
•la d.g.r n. 2313/2014 in cui si prevede l’opportunità di
estendere la positiva progettualità sopra rappresentata su
tutto il territorio regionale per una durata di sei mesi, nelle
more della messa a regime di una soluzione di intervento
specificamente orientata all’aiuto ed al supporto alla persona fragile e alla famiglia nella elaborazione dello stato
patologico, negli aspetti personali, interpersonali e relazionali, cruciali per il recupero della propria qualità di vita;
Considerata la rilevanza che in questo ambito rivestono le diverse realtà del Terzo settore e delle Associazioni di volontariato
e delle Associazioni di donne nella realizzazione di attività di pre-
sa in carico, informazione e supporto e le numerose istanze che
provengono dagli Enti del Terzo settore;
Vista la d.g.r n. 2531 del 17 ottobre 2014 «Promozione e sviluppo sul territorio di azioni per la qualità della vita delle persone sottoposte a terapia oncologica chemioterapica» con cui
vengono individuate le azioni per il sostegno delle donne con
alopecia da chemioterapia e delle loro famiglie, tra cui:
•la previsione di un contributo economico per l’acquisto
della parrucca;
•la definizione, all’interno delle attività consultoriali, di spazi e modalità di coinvolgimento delle persone interessate ad un percorso di condivisione e di sviluppo di azioni
orientate alla prevenzione e alla promozione di attività di
sostegno alle persone sottoposte a terapia oncologica,
in stretto raccordo con la rete ospedaliera e le organizzazioni del terzo settore che operano in questo segmento
di attività;
•l’istituzione di un elenco degli Enti del Terzo settore che
operano in tale ambito e che attraverso apposita istanza
, manifestano l’interesse ad aderire alla predetta iniziativa;
Ritenuto, necessario, individuare le modalità operative per la
presentazione delle istanze, da parte degli Enti del Terzo settore, di cui allegato A) parte integrante e sostanziale del presente
provvedimento, nonché lo schema di domanda per l’iscrizione
all’elenco di cui all’allegato B parte integrante e sostanziale del
presente provvedimento;
Dato atto che la d.g.r. n. 2531 del 17 ottobre 2014 non prevede termini per l’individuazione delle modalità attuative relative alla promozione e sviluppo sul territorio di azioni per la
qualità della vita delle persone sottoposte a terapia oncologica
chemioterapica;
Ritenuto, altresì, di determinare il riparto alle Asl delle risorse,
di cui allegato C) parte integrante e sostanziale del presente
provvedimento, pari a complessivi euro 175.000,00, in ragione
della popolazione femminile residente sui rispettivi territori e la
puntuale definizione delle regole di rendicontazione delle risorse e delle attività svolte, di cui all’allegato D), parte integrante e
sostanziale del presente provvedimento;
Vista la l.r 20/2008 e le d.g.r relative all’assetto organizzativo
della Giunta regionale;
Ritenuto di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino ufficiale di Regione Lombardia, sul sito www.
regione.lombardia.it, ai sensi del d.lgvo 33/2013 , art. 26 e 27,
quali adempimenti in tema di trasparenza;
DECRETA
1. Di individuare le modalità operative per la costituzione
dell’elenco regionale degli Enti del Terzo settore, di cui allegato
A) parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2. Di approvare lo schema di domanda di cui all’allegato B),
parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
3. Di determinare il riparto alle Asl delle risorse, pari a complessivi euro 175.000,00, di cui allegato C), in ragione della popolazione femminile residente sui rispettivi territori e la puntuale
definizione delle regole di rendicontazione delle risorse e delle
attività svolte, di cui all’allegato D), parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
4. disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
Bollettino ufficiale di Regione Lombardia, sul sito www.regione.lombardia.it, ai sensi del d.lgvo 33/2013 , art. 26 e 27, quali
adempimenti in tema di trasparenza
Il direttore generale
Giovanni Daverio
——— • ———
ALLEGATO A
“MODALITA’ OPERATIVE PER L’ATTUAZIONE DELLA DGR 2531/2014”
1.
OBIETTIVI E FINALITA’
Con il presente provvedimento vengono individuate le modalità attuative ed operative per attivare le azioni di sostegno alle donne
con alopecia da chemioterapia e delle loro famiglie, anche attraverso l’erogazione di un contributo economico per l’acquisto della
parrucca.
– 100 –
Bollettino Ufficiale
Serie Ordinaria n. 53 - Martedì 30 dicembre 2014
Le strutture/servizi ospedalieri e le Aziende sanitarie, che ricevono le donne che stanno affrontando le cure oncologiche, forniscono
alle interessate informazioni in merito alle opportunità e servizi per il recupero della propria qualità di vita, indirizzandole ai Consultori
pubblici e agli Enti del terzo settore più vicini alla propria residenza e iscritti nell’apposito elenco, istituito da Regione Lombardia con
Dgr 2531/2014.
I consultori pubblici e gli Enti del Terzo settore presentano il proprio programma di intervento alle Asl competenti per territorio e alla
Regione.
I consultori pubblici e gli Enti del Terzo settore scelti dalle donne predispongono un progetto personalizzato, che sarà sottoscritto anche da ogni interessata, nel quale sono descritti i diversi interventi da realizzare.
L’elenco, istituito con la delibera sopracitata, permetterà quindi alle interessate di individuare gli Enti del terzo settore più vicini e di ottenere un supporto per quanto concerne gli aspetti personali, interpersonali e relazionali, cruciali per il recupero della propria qualità
di vita, rimuovendo in tal modo un fattore di disuguaglianza nelle cure e garantendo l’accesso, indipendentemente dalle condizioni
economiche
2.
REQUISITI SOGGETTIVI PER L’ISCRIZIONE ALL’ELENCO
•
•
•
•
3.
4.
Essere iscritto in uno degli appositi albi o registri (es. registro Associazioni e di solidarietà familiare, registro delle Associazioni
e organizzazioni di volontariato);
Presenza nello statuto della finalità di prevenzione e promozione di attività di sostegno alle persone sottoposte a terapia
oncologica;
Avere una sede operativa permanente sul territorio della Regione Lombardia;
Esclusione di qualsiasi attività lucrativa.
REQUISITI TECNICO ORGANIZZATIVI PER L’ISCRIZIONE ALL’ELENCO
•
•
Essere operativo da almeno tre anni;
Disporre di una sede operativa che presenti uno spazio di accoglienza, che garantisca privacy dell’utente, dotata di telefono, fax e collegamenti internet.
REQUISITI DI AMMISSIBILITÀ DELLE DOMANDE
Sono considerati ammissibili le istanze che:
•
•
•
5.
siano presentate nel termine perentorio stabilito dal presente provvedimento;
siano corredate dalla documentazione prevista;
diano atto dell’impegno di sostenere il programma di attività e di garantire l’universalità nell’accesso.
DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE
I soggetti interessati all’iscrizione all’elenco dovranno presentare la seguente documentazione, sottoscritta dal legale rappresentante:
•
•
•
•
•
•
•
Domanda di ammissione compilata secondo lo schema di cui all’allegato B, parte integrante e sostanziale del presente
provvedimento;
Dichiarazione attestante l’iscrizione ai rispettivi albi o registri;
Copia dello statuto e atto costitutivo, redatto in forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata o di scrittura privata,
registrata presso l’Agenzia delle Entrate (se non viene prodotto in copia autentica autocertificare la conformità della copia
all’originale );
Dichiarazione relativa all’attività svolta, all’esperienza almeno triennale nella presa in carico delle persone in terapia oncologica e delle loro famiglie con specifico riguardo al supporto nella vita di relazione, anche attraverso l’erogazione di ausili
quali le parrucche;
Dichiarazione concernente il possesso di specifiche competenze maturate in ambito sociosanitario e di counseling, maturate dagli operatori e volontari impiegati sulla base dei curricula presentati;
Dichiarazione di avere un sede permanente sul territorio della Regione Lombardia e dimostrazione di aver instaurato rapporti di collaborazione con le Aziende ospedaliere o con le Aziende Sanitarie Locali della Regione Lombardia;
Proposta di intervento anche con riguardo al percorso di ascolto, sostegno e accompagnamento che l’ente intende realizzare e che verrà valutato ai fini dell’iscrizione all’elenco.
In caso di partenariato, la documentazione di cui ai punti 2 e 3 dovrà essere posseduta e presentata da tutti i soggetti componenti
il raggruppamento.
6.
MODALITÀ E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
Le istanze dovranno pervenire entro 30 (trenta) giorni a partire dal giorno successivo alla data di pubblicazione del presente provvedimento sul BURL, esclusivamente tramite PEC, inviando la documentazione di cui al precedente punto 5 al seguente indirizzo: famiglia@
pec.regione.lombardia.it.
Bollettino Ufficiale
– 101 –
Serie Ordinaria n. 53 - Martedì 30 dicembre 2014
Qualora nel corso del procedimento siano richiesti agli interessati chiarimenti, supplementi di documentazione o elementi di valuta­
zione integrativi, il termine di trenta giorni previsto per la conclusione del procedimento è sospeso per una sola volta tra la data di
richiesta e quella della ricezione delle integrazioni richieste.
Il provvedimento di iscrizione nell’elenco è trasmesso al legale rappresentante dell’Ente non profit mediante lettera raccomandata,
fax o posta elettronica certificata.
L’eventuale diniego dell’istanza di iscrizione, per carenza dei requisiti, è disposto con provvedimento del Dirigente competente e trasmesso con le stesse modalità di cui sopra al legale rappresentante dell’Ente non profit.
Annualmente la Regione provvede ad aggiornare l’elenco a seguito di pubblicazione di specifico avviso pubblico.
Le domande vengono istruite da apposita Commissione di valutazione, istituita con Decreto del Direttore Generale della Direzione
Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità.
7.
PUBBLICAZIONE DELL’ELENCO
L’elenco degli Enti del Terzo settore verrà pubblicato sul Burl, previo avviso sui seguenti siti: www.regione.lombardia.it e www.famiglia.
regione.lombardia.it.
La Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità, almeno una volta all’anno, pubblica sul Bollettino
Ufficiale della Regione Lombardia, l’elenco degli Enti in regola con il mantenimento dei requisiti di iscrizione.
L’elenco regionale è consultabile sul sito istituzionale.
8.
MODALITA’ DI SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA’
A seguito dell’iscrizione gli Enti saranno tenuti a realizzare le attività con le modalità e i tempi definiti nel programma di attività e comunque secondo quanto stabilito nell’allegato C), parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.
L’ente non profit è altresì tenuto a comunicare tempestivamente tutte le variazioni intervenute, in particolare riguardanti:
• la denominazione;
• il legale rappresentante;
• la sede legale;
• le sedi operative;
Gli uffici competenti della Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità verificano la veridicità di
quanto dichiarato con le suddette dichiarazioni sostitutive, nonché l’effettiva permanenza dei requisiti di iscrizione previsti dalla normativa di riferimento .
In caso di accertata non veridicità di quanto dichiarato, l’Ente del terzo settore perde il diritto di mantenimento dell’iscrizione nel
relativo Elenco e il Dirigente competente ne dispone la cancellazione.
9.
CANCELLAZIONE DALL’ELENCO
La cancellazione dall’elenco avviene a seguito di:
a) istanza di parte dell’Ente non profit iscritto;
b) accertata carenza dei requisiti necessari per la permanenza nell’Elenco o cessazione dell’attività;
c) impossibilità da parte della Pubblica Amministrazione di attuare la verifica dei requisiti di iscrizione per mancata trasmissione,
da parte dell’ente non profit, dei documenti o comunicazione delle informazioni richieste entro i termini stabiliti dalla Regione
La cancellazione dall’elenco è disposta con provvedimento adottato dal Dirigente della struttura regionale preposta alla tenuta dei
registri e degli elenchi degli Enti del Terzo settore.
Il provvedimento è trasmesso al legale rappresentante dell’Ente mediante lettera raccomandata, fax o posta elettro­nica certificata.
10.CONTROLLI
Ai fini di una buona riuscita dell’iniziativa regionale volta alla promozione e sviluppo sul territorio di azioni per la qualità della vita delle
persone sottoposte a terapia oncologica chemioterapica, la Regione e le Aziende Sanitarie locali effettuano controlli sul corretto utilizzo delle risorse, nonché della effettiva attuazione dei piani di attività presentati dai Consultori e dagli Enti non profit.
——— • ———
Bollettino Ufficiale
– 102 –
Serie Ordinaria n. 53 - Martedì 30 dicembre 2014
ALLEGATO B
DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL’ ELENCO DEGLI ENTI NON PROFIT CHE OPERANO NELL’AMBITO DELLA PROMOZIONE
DI ATTIVITÁ DI SOSTEGNO ALLE DONNE CON ALOPECIA SOTTOPOSTE A TERAPIA ONCOLOGICA CHEMIOTERAPICA
1) ANAGRAFICA E IDENTIFICATIVO ENTE NON PROFIT DENOMINAZIONE E SEDE LEGALE
Denominazione ___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Acronimo ______________________________________________________________________________ Indirizzo _________________________________________________________________________________________________
C.A.P. _________________________________________ Comune__________________________________________________________________________________________________________________ Prov. ___________________
Tel. ___________________________________________________________________ Fax ____________________________________________________________ Internet ____________________________________________________
E mail per contatti _______________________________________________________________________________________ PEC _____________________________________________________________________________________
C.F. ____________________________________________________________________________________________________ P.I. ______________________________________________________________________________________
RECAPITO PER CORRISPONDENZA
Indirizzo ___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
C.A.P. _________________________________________ Comune__________________________________________________________________________________________________________________ Prov. ___________________
Tel. ___________________________________________________________________ Fax ____________________________________________________________ Internet ____________________________________________________
E mail per contatti ____________________________________________________________________________________________________________________
PRESIDENTE/LEGALE RAPPRESENTANTE (attualmente in carica e che sottoscrive la richiesta)
Nome ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Cognome ________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Data di nascita __________________________________________________ Luogo di nascita ________________________________________________________________________________________ Prov. __________________
C.F. __________________________________________________________________________________________________________ Donna  Uomo - La/il Legale Rappresentante coincide con la/il Presidente SI NO
Indirizzo ___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
C.A.P. _________________________________________ Comune__________________________________________________________________________________________________________________ Prov. ___________________
Tel. ___________________________________________________________________ Fax ____________________________________________________________ Internet ____________________________________________________
E mail per contatti ____________________________________________________________________________________________________________________
Lo Statuto prevede il principio della diarchia, ovvero, la legale rappresentanza è affidata congiuntamente ad altra persona ?
SI 
NO 
Se barrato SI, indicare il secondo rappresentante ___________________________________________________________________________________________________________________________________________________
I dati riportati sopra, relativi alla denominazione, alla sede legale e al/la legale rappresentante, corrispondono a quelli riportati nell’attribuzione del Codice fiscale?
(si ricorda che l’attribuzione del c.f. viene aggiornata ogni qualvolta vengono modificati uno o più dati che lo compongono e identificano)
SI 
NO 
Bollettino Ufficiale
– 103 –
Serie Ordinaria n. 53 - Martedì 30 dicembre 2014
Indicare almeno una sede operativa sul territorio della Lombardia dove viene svolta l’attività (la sede operativa può coincidere con quella legale)
Ai sensi della DGR 84/2010: “…dispone di una sede operativa dotata di telefono, fax e collegamento a Internet e che presenta spazio riservato all’accoglienza che garantisce privacy…”
Indirizzo sede operativa dove viene svolta l’attività
Comune
Prov.
n. Tel.
n. Fax
Dotazione collegamento a Internet
1
2
Dotazione spazio riservato all’accoglienza
Che garantisce la privacy dell’utenza
SI NO
SI NO
SI NO
SI NO
2) IDENTIFICATIVO DELL’ENTE NON PROFIT
C.F. _________________________________________________________________________________________ P.I. __________________________________________________________________________________________________
3) MODULO UNICO DI ISCRIZIONE ALL’ELENCO DEGLI ENTI DEL TERZO SETTORE CHE OPERANO NELL’AMBITO DELLA PROMOZIONE DI ATTIVITÁ DI SOSTEGNO ALLE DONNE CON ALOPECIA SOTTOPOSTE A
TERAPIA ONCOLOGICA CHEMIOTERAPICA – D.G.R. N. 2531 del 17/10/2014
DA COMPILARE A CURA DELL’ENTE NON PROFIT
RICHIESTA DI FORMALE ISCRIZIONE E AUTOCERTIFICAZIONE –
Il/La sottoscritto/a ________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
In qualità di legale rappresentante dell’Ente No Profit _______________________________________________________________________________________________________________________________________________
DICHIARA
Ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni e integrazioni e, sotto propria responsabilità
 CHE TUTTE LE INFORMAZIONI FORNITE CON IL PRESENTE “MODULO UNICO DI ISCRIZIONE” SONO VERITIERE
 CHE L’ENTE E’ OPERATIVO DA ALMENO TRE ANNI NELLA PRESA IN CARICO DELLE PERSONE IN TERAPIA ONCOLOGICA
 CHE L’ENTE E’ ISCRITTO AL SEGUENTE ALBO O REGISTRO (INDICARE QUALE)…..
 CHE L’ENTE SI AVVALE DI OPERATORI O VOLONTARI CHE HANNO MATURATO SPECIFICHE COMPETENZE NEL SETTORE DELL’ASSISTENZA AI MALATI ONCOLOGICI
 CHE L’ENTE SI IMPEGNA A SOSTENERE I SINGOLI PIANI DI INTERVENTO E A GARANTIRE L’UNIVERSALITA’ NELL’ACCESSO.
Bollettino Ufficiale
– 104 –
Serie Ordinaria n. 53 - Martedì 30 dicembre 2014
E CHIEDE
 L’ISCRIZIONE ALL’ELENCO REGIONALE DEGLI DEL TERZO SETTORE (ENTI NON PROFIT) CHE OPERANO NELL’AMBITO DELLA PROMOZIONE DI ATTIVITÁ DI SOSTEGNO ALLE PERSONE SOTTOPOSTE A TERAPIA ONCOLOGICA CHEMIOTERAPICA – SOSTEGNO ALLE DONNE CON ALOPECIA – ACQUISTO PARRUCCA
Firma per esteso e leggibile del/della legale rappresentante
_______________________________________________
Nota Informativa – Decreto legislativo 196/2003
I dati forniti potranno essere comunicati e/o diffusi con le modalità e in conformità a quanto previsto dal D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 e sue successive modificazioni
Il/la sottoscritto/a dichiara di essere informato/a sui diritti sanciti dall’art. 13 del suddetto D.lgs. 196/2003
I dati potranno essere utilizzati per finalità statistiche ai sensi del D.lgs. 322/1989
Data __________________________________________
Firma per esteso e leggibile del/della legale rappresentante
________________________________________________
Nome e Cognome _________________________________________________________________
Recapiti telefonici – sede ___________________________________________________
cell. ________________________________________________________________
La presente richiesta, con gli allegati necessari, deve essere trasmessa esclusivamente via PEC firmata digitalmente e con i seguenti documenti da allegare – pena inammissibilità della stessa
 Copia dello statuto redatto in forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata o di scrittura privata registrata presso l’Agenzia delle Entrate. Oppure autocertificare la conformità della copia
all’originale;
 Copia dell’atto costitutivo (o ricognitorio) redatto in forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata o di scrittura privata registrata presso l’Agenzia delle Entrate. Oppure autocertificare la conformità della copia all’originale;
 Copia dei curricula degli operatori o volontari;
 Documentazione idonea a comprovare di aver istaurato rapporti di collaborazione con le ASL e/o Aziende ospedaliere lombarde;
 Relazione concernente le pregresse attività svolte nell’ambito della assistenza delle persone sottoposte a terapia oncologica;
 Proposta dell’intervento che l’ente intende realizzare con riguardo anche al percorso di ascolto, sostegno e accompagnamento e che verrà valutato ai fini dell’iscrizione
Inviare a : [email protected]
REGIONE LOMBARDIA
Direzione Generale FAMIGLIA, SOLIDARIETÁ SOCIALE E VOLONTARIATO
Struttura Promozione della Famiglia e del Volontariato
Palazzo Lombardia - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 MILANO MI
——— • ———
Bollettino Ufficiale
– 105 –
Serie Ordinaria n. 53 - Martedì 30 dicembre 2014
ALLEGATO C
ASSEGNAZIONE D.G.R. N. 2531/2014
Codice
A.S.L.
A.S.L.
Popolazione
Femminile
Riparto
assegnazione
%
2014
2015
301 BERGAMO
553.480
11,00%
19.000,00
9.500,00
9.500,00
302 BRESCIA
582.897
11,59%
20.000,00
10.000,00
10.000,00
303
303.291
6,03%
11.000,00
5.500,00
5.500,00
304 CREMONA
184.727
3,67%
6.000,00
3.000,00
3.000,00
305 LECCO
172.302
3,43%
6.000,00
3.000,00
3.000,00
306 LODI
118.600
2,36%
4.000,00
2.000,00
2.000,00
307 MANTOVA
210.652
4,19%
7.000,00
3.500,00
3.500,00
308 MILANO
802.829
15,96%
28.000,00
14.000,00
14.000,00
309 MILANO N. 1
478.947
9,52%
17.000,00
8.500,00
8.500,00
310 MILANO N. 2
312.469
6,21%
11.000,00
5.500,00
5.500,00
311 MONZA E BRIANZA
435.519
8,66%
15.000,00
7.500,00
7.500,00
312 PAVIA
278.715
5,54%
10.000,00
5.000,00
5.000,00
92.591
1,84%
3.000,00
1.500,00
1.500,00
451.429
8,98%
16.000,00
8.000,00
8.000,00
51.180
1,02%
2.000,00
1.000,00
1.000,00
5.029.628
100,00%
175.000,00
87.500,00
87.500,00
COMO
313 SONDRIO
314 VARESE
315 VALLECAMONICA-SEBINO
RL
Assegnazione d.g.r. n. 2531/2014
175.000,00
——— • ———
ALLEGATO D
REGOLE DI RENDICONTAZIONE DELLE RISORSE E DELLE ATTIVITA’ SVOLTE
Regione Lombardia sostiene i programmi di attività presentati da consultori pubblici e degli Enti non profit, iscritti nell’apposito elenco,
anche attraverso un contributo per l’acquisto della parrucca a rendiconto mensile delle spese sostenute e, comunque, nei limiti delle
risorse definite, per la fase di prima applicazione e per la durata di un anno, pari a euro 675.000,00.
Regione Lombardia erogherà a rendiconto e fino ad un massimo di euro 150 per ciascuna persona e comunque nella misura massima delle risorse effettivamente disponibili.
La rendicontazione delle spese effettivamente sostenute avverrà a cadenza mensile da presentare alla Direzione Generale Famiglia,
Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità entro il 15 del mese successivo a quello di riferimento delle spese.
La rendicontazione dovrà contenere l’elenco delle spese sostenute secondo un modello che sarà trasmesso dalla Direzione Generale
Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità, corredata dai documenti contabili comprovanti le spese, e dovrà essere
accompagnata da una relazione sintetica sul numero dei beneficiari coinvolti e sulla loro provenienza.
La liquidazione avverrà entro 30 gg. dal ricevimento della documentazione sopra indicata da parte della struttura economica- finanziaria della Direzione Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità.
Sono ammissibili i costi relativi al diretto conseguimento delle finalità/azioni previste nel programma di attività, in particolare quelli
relativi all’acquisto delle parrucche.
Con le stesse modalità le Aziende sanitarie locali provvederanno ad erogare le risorse ai consultori pubblici.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
2 004 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content