close

Enter

Log in using OpenID

02 Istruzioni di Regata - Club Nautico Capodimonte

embedDownload
Club Nautico Capodimonte A.S.D.
IV ZONA COD. 156
Campionato Invernale Vela 2014-2015
ISTRUZIONI DI REGATA
19 OTTOBRE – 2, 16 e 30 NOVEMBRE – 14 DICEMBRE 2014
15 FEBBRAIO – 1, 15 e 29 MARZO – 12 APRILE 2015
AUTORITA’ ORGANIZZATRICE
CLUB NAUTICO CAPODIMONTE A.S.D.
Loc. PAJETO snc, 01010 Capodimonte (VT) - Lago di BOLSENA.
Tel./Fax 0761 871331 - [email protected],
ALBO UFFICIALE REGATA: www.cncapodimonte.it - EVENTI - CAMPIONATO INVERNALE
2014-2015
SEGRETERIA:
Segretario: Giuseppe Dolera tel: 3313630506 - [email protected]
ALTRE INFORMAZIONI:
Direttore Sportivo: Giuseppe Fabri tel: 3488201851 - [email protected]
1. COMUNICATI PER I CONCORRENTI
I comunicati ufficiali saranno esposti all’Albo Ufficiale, come da punto 5.3 del BdR.
2. MODIFICHE ALLE ISTRUZIONI di REGATA (IdR)
Eventuali modifiche alle IdR, apportate dal Comitato di Regata (CdR) ed altri Comunicati per i
concorrenti saranno esposti, sull’Albo Ufficiale, non meno di 1 ora prima dal "Segnale di Avviso"
della prima prova in programma per la giornata ad eccezione di qualunque modifica al programma
delle regate, che verrà esposta prima delle 19.00 del giorno precedente a quello in cui avrà effetto.
3. SEGNALI A TERRA
I segnali a terra verranno esposti all’albero dei segnali posto nei pressi della Segreteria di Regata
al Porto di Capodimonte.
Quando il pennello dell’ Intelligenza viene esposto a terra, le parole "un minuto" sono sostituite
dalle parole "non meno di 30 minuti" nella definizione di segnale di regata del Pennello
dell’Intelligenza.
4. BANDIERA DI CLASSE
La bandiera di Classe sarà la lettera “T “ del C.I.S..
5. IL PERCORSO
Il percorso sarà sulle boe, come dai diagrammi allegati alle presenti IdR, ed illustrano il tipo di
percorso, l’ordine in cui devono essere passate le boe, da quale parte ogni boa deve essere
lasciata. Il percorso per ciascuna giornata di regate, verrà segnalato con i rispettivi pennelli
numerici 1 e 2, prima del segnale di avviso sulla barca comitato.
La durata di ogni prova sarà di circa 90 minuti. Una diversa durata non potrà essere causa di
richiesta di riparazione, ciò a parziale modifica della Regola 62.1(a).
6. BOE
Le boe di percorso saranno cilindriche di colore giallo.
La boa di partenza sara’ quadrangolare di colore arancione. La boa di arrivo sarà una boa gialla più
piccola filata a poppa della barca comitato.
7. LA PARTENZA
La partenza sarà data come da Regola 26 ed il "Segnale di Avviso" sarà esposto 5 minuti prima
del "Segnale di Partenza". Tutti i segnali di partenza saranno possibilmente accompagnati da un
segnale acustico.
La linea di partenza sarà tra un’asta con bandiera arancione posta sulla barca del comitato e la
boa di partenza.
La boa alla partenza può essere sostituita da un battello ufficiale con un asta con bandiera
arancione; in questo caso la linea di partenza è tra le due aste con bandiera arancione. I battelli
potranno tenere la posizione con l’ausilio di motori senza che ciò diventi motivo di richiesta di
riparazione, ciò a parziale modifica della Regola 62.1(a).
Una barca che non parte entro10 minuti dal segnale di partenza sarà classificata “Non Partita DNS” senza udienza. Ciò modifica la regola A4.
I segnali saranno esposti sul pennone della barca del CdR.
I tempi saranno presi dai segnali visivi esposti dal CdR. L’assenza di un segnale acustico può
essere trascurata.
I richiami individuali verranno effettuati in conformità alla RRS 29.1.
In caso di richiamo generale, sara’ integralmente ripetuta la procedura di partenza.
8. CAMBIO DI PERCORSO - RIDUZIONE DI PERCORSO - INTERRUZIONE DI REGATA
Non sono previsti cambi di percorso.
Nel caso di riduzione di percorso, oltre a come previsto alla RRS 32.1, si potrà segnalare tramite
un mezzo appoggio con esposizione le bandiere "C" su "S" alla boa di poppa con ripetuti segnali
sonori; il concorrente, passata la boa dovrà procedere verso l'arrivo posto tra la bandiera arancio
issata sulla barca del CdR e la boa di arrivo, dove si concluderà la regata.
Ai sensi della regola 32.1 il CdR può annullare la regata. Non potrà essere richiesta riparazione a
seguito di un’azione intrapresa dal CdR ai sensi di questa istruzione.
9. L’ARRIVO
La linea di arrivo sarà fra una bandiera arancio esposta sul battello del CdR e la boa di arrivo filata
a poppa della barca comitato.
10. SISTEMA DI PENALIZZAZIONE
La Regola 44.1 è modificata in modo che i due giri sono sostituiti da un giro comprendente una
virata ed una abbattuta, da effettuarsi come prescrive la Regola 44.2.
Una barca che ha eseguito una penalità o che si è ritirata secondo la Regola 44.1 deve presentare
la relativa dichiarazione alla Segreteria della Regata, entro il tempo limite per le proteste.
11. TEMPO LIMITE
Non ci sarà un tempo limite per il primo arrivato. L e barche che non arriveranno entro 50 minuti
dal primo arrivato saranno classificate DNF. A parziale modifica od integrazione della Regola
35 del RRS, se nessun concorrente gira la boa n° 1 entro 20 minuti dal segnale di partenza la
regata potrà essere interrotta e se possibile ripetuta.
12. PROTESTE E RICHIESTE DI RIPARAZIONE
I moduli di protesta sono disponibili presso la Segreteria di Regata. Le proteste e le richieste di
riparazione dovranno essere depositate alla Segreteria di Regata entro il tempo limite dei 50
minuti dopo che l’ultima barca è arrivata nella prova del giorno
In aggiunta a quanto prescritto dalla regola 61.1(a), i concorrenti che intendono protestare devono
informare il CdR immediatamente dopo l’arrivo indicando il nome o il numero della barca
protestata.
Lo stesso tempo limite si applica anche alle proteste presentate dal CdR e dal CdP e per la
presentazione di richieste di riapertura udienza. Ciò modificale Regole 61.3 e 62.2.
Comunicati saranno affissi, non oltre 30 minuti dallo scadere del tempo limite per le proteste, per
informare i concorrenti delle udienze nelle quali sono parti o nominati come testimoni.
Le udienze saranno discusse nella sala per le proteste situata presso la sede Club Nautico a
partire dal tempo enell’ordine esposto all’albo.
Infrazioni alle Istruzioni di Regata 14 e 15 seguenti, non costituiranno motivo di protesta da parte di
una barca; ciò modifica la Regola n. 60.1(a). Le penalità per queste infrazioni potranno anche
essere meno gravi della squalifica, a discrezione del CdP.
Comunicati per le proteste da parte del CdR e dal CdP saranno affissi per informare le barche
come da regola 61.1(b).
Nell’ultimo giorno di regate una richiesta di riapertura di udienza dovrà essere consegnata:
entro il tempo limite per le proteste, se la parte richiedente è stata informata sulla decisione il
giorno precedente;
non più tardi di 30 minuti, dopo che la parte richiedente è stata informata della decisione in
quel giorno.
Ciò modifica la Regola 66.
Nell’ultimo giorno di regate una richiesta di riparazione basata su una decisione del Comitato per
le Proteste dovrà essere consegnata non più tardi di 30 minuti dopo che la decisione è stata
pubblicata all’albo. Ciò modifica la Regola 62.2.
13. NORME DI SICUREZZA
Quando il segnale “Y” è esposto at erra, la Regola 40 si applica a ogni imbarcazione da quando
lascia l’ormeggio, a modifica del preambolo della Parte 4.
Una barca che si ritira deve darne comunicazione al CdR al più presto possibile e consegnare in
Segreteria di Regata l’apposito modulo entro il tempo limite delle proteste.
14. SOSTITUZIONE DELL’EQUIPAGGIO O DELLE ATTREZZATURE
Le variazioni di composizione e numero di equipaggio devono essere richieste ed autorizzate per
iscritto dal CdR. Ad eccezione dell’armatore, tutti i membri sbarcati, se sostituiti, non potranno più
essere reimbarcati per tutta la durata della manifestazione su nessuna imbarcazione iscritta.
Non è consentita la sostituzione di attrezzature o equipaggiamento danneggiate o perdute senza
la preventiva approvazione del CdR. Le richieste per la sostituzione saranno presentate al CdR
alla prima ragionevole occasione.
15. ATTREZZATURE E CONTROLLI
Come da punto 7.2 del BdR. Gli eventuali controlli di stazza saranno effettuati secondo la
normativa FIV.
16. COMUNICAZIONI RADIO
Tranne che in situazioni di emergenza, una barca, quando è in regata, non dovrà né fare
trasmissioni radio, né ricevere radio comunicazioni non accessibili a tutte le altre barche. Questa
restrizione si applica anche ai telefoni cellulari.
17. GESTIONE DEI RIFIUTI
Nessun tipo di materiale dovra’ essere abbandonato in acqua prima, durante e dopo le regate.
PERCORSO 1: P-1-2-3-1-2-3-A
PERCORSO 2: P-1-2-3-1-3-A
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
225 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content