close

Enter

Log in using OpenID

BdM 2009-2014 - Comune di Casier

embedDownload
da
Bilancio di mandato
2009-2014
Casier
“Casier, l’acqua e le barche” di Luca Sartorato
Foto vincitrice della quinta edizione di “Uno scatto da Casier”
1
L’editoriale del Sindaco
Cinque anni di lavoro insieme
Questo Bilancio di mandato è il resoconto delle attività e delle risorse che la nostra Amministrazione ha voluto, e potuto, mettere al servizio del territorio dal 2009
al 2014.
Anni non facili, segnati da una progressiva e consistente riduzione del bilancio complessivo dell’ente, passato da un totale entrate di 6.703.000 euro nel 2009, a
5.513.000 nel 2012. Certo le cifre e i numeri servono
più di ogni discorso od opinione a dare la reale dimensione del lavoro svolto a favore dei cittadini. Ma, pur se
tutti i dati finanziari sono chiaramente desunti dai conti
consuntivi di ciascun anno, questo bilancio non è fatto
solo di numeri, ma anche dei “valori sociali” prodotti,
intesi come arricchimento della collettività in risposta
alle sue aspettative e ai suoi bisogni. Vogliamo dar conto,
con la coerenza e la trasparenza che ha sempre guidato la
nostra azione amministrativa, delle cose fatte e non fatte,
degli obiettivi centrati e di quelli solo parzialmente raggiunti rispetto al programma amministrativo presentato
a suo tempo agli elettori e anche delle occasioni e delle
opportunità che abbiamo saputo e voluto cogliere.
Quindi il contenuto di queste pagine rappresenta una
seria e puntuale ricognizione sull’attività svolta in questi
ultimi cinque anni, nell’intento di portare significativi
e positivi cambiamenti nel tessuto sociale e nella vita
dei cittadini di Casier. Dai dati numerici e dalle tabelle
che troverete in questo bilancio di fine mandato emerge
la quantità e la qualità del lavoro svolto sulla base delle priorità che avevamo indicato nelle nostre linee programmatiche di mandato 2009/2014 (Delibera n. 51 del
29 settembre 2009). Noi avevamo messo al centro della
nostra azione amministrativa, indicandoli come priorità
i servizi e la qualità urbana. Anche tenendo conto del
momento di crisi che stiamo da tempo vivendo, ci anima
infatti la convinzione che l’amministrazione locale abbia la responsabilità di mantenere alto livello di coesione
sociale costruendo reti solidali e relazioni all’interno del
territorio.
Il nostro grazie di cuore va per questo alle associazioni
di volontariato e ai tanti singoli cittadini che condividendo gli obiettivi dell’amministrazione hanno dato la loro
La relazione del Sindaco
Province e Comuni sono tenuti a redigere la relazione
di fine mandato da produrre 90 giorni prima del
giorno delle votazioni (art 4, D.L.G.S. 149 del
6/9/2011). Nei successivi 10 giorni l’organo di
revisione deve esprimere il proprio parere. Gli uffici
finanziari hanno provveduto nei termini di legge e
la relazione di fine mandato è pubblicata sul sito del
comune www.comunecasier.it
disponibilità per attività di sostegno e di servizio che senza di loro non avremmo potuto realizzare. In particolare
abbiamo voluto trattare ampiamente, ripercorrendone
aspetti amministrativi e motivazioni, due temi in qualche modo correlati tra loro, che negli ultimi dieci anni,
sono stati al centro del dibattito politico-amministrativo.
La questione dell’asilo nido e quella del Terraglio est, il
primo interamente di competenza comunale, il secondo
invece di competenza regionale.
L’altro obiettivo che ci eravamo posti e con orgoglio
ci sentiamo di dire di aver pienamente centrato è stato
l’impegno nella pianificazione territoriale il cui atto conclusivo è stato l’approvazione di un nuovo regolamento
edilizio, dopo che il piano di Assetto del Territorio (PAT)
e il Piano degli Interventi (PI) si sono sviluppati con le
logiche del riordino e della riqualificazione. Attraverso
i 12 accordi pubblico -privato approvati, verranno via
via realizzati interventi importanti per la comunità e il
territorio. E infine, nonostante l’esiguità delle risorse,
non abbiamo trascurato la cultura, l’istruzione e lo sport
che consideriamo fondamentali per lo sviluppo e la crescita di una comunità. Questa nostra volontà si è concretizzata nel sostegno alle scuole materne parrocchiali,
all’Istituto comprensivo, nella nuova convenzione con la
Polisportiva per la gestione delle palestre comunali, nei
corsi di prevenzione e di educazione permanente. Certo sono ancora molti i progetti da completare e tanti ce
ne saranno da realizzare in futuro, ma siamo convinti di
aver amministrato il nostro comune, pur nella difficoltà
e nei condizionamenti delle leggi di stabilità, con cura e
trasparenza e pensiamo di aver elaborato per Casier una
strategia di sviluppo per valorizzare le risorse del territorio, per sostenere i più deboli, per accrescere cultura
e sociale come strumenti indispensabili per guardare al
futuro e ben oltre i termini limitati del mandato amministrativo.
Il sindaco Daniela Marzullo
L’assessore al Bilancio Simona Guardati
3
Popolazione e territorio
La popolazione e il territorio
La popolazione del Comune al 31.12.2013 è di
11.238 abitanti: 5.685 femmine e 5.553 maschi.
Sul totale dei residenti a Casier capoluogo vivono
3.904 e a Dosson 7.334.
Si contano 4.590 nuclei familiari con una composizione media di 2,45 componenti, sostanzialmente la
stessa del 2009 che era di 2,42 e del 2004 di 2,51.
Dopo il forte aumento registrato fino al 2006, la
popolazione negli anni successivi cresce a ritmi più
contenuti, ad eccezione dell’unica contrazione che si
registra dal 2009 al 2010.
Gli stranieri residenti sono attualmente 818, in calo
rispetto agli 847 del 2011 e rappresentano circa il 7,3%
della popolazione dato inferiore alla media provinciale.
È però interessante analizzare nell’arco di 10 anni
l’andamento della popolazione per gruppi di età:
• Bambini e ragazzi “0-14”
• Giovani “14-25”
• Adulti giovani “25-40”
• Adulti maturi “40-65” l
• Terza età “oltre i 65”
Dai grafici “a torta” si può notare come i gruppi
“bambini e ragazzi” e “giovani” aumentino nel complesso dell’1% pari a 370 unità, mentre gli “adulti giovani” registrano un sensibile calo dell’11% pari a 850
4
unità. Infine, gli “adulti maturi” e “la terza età” aumentano del 10% pari a 1.840 unità.
Globalmente si può dire che nel nostro Comune si
assiste ad un invecchiamento moderato.
Tuttavia viene confermata la tendenza alla crescita
Il Municipio
dei primi e ultimi gruppi, mostrando la validità e la
necessità della scelta di mantenere elevato il livello di
servizi dalle scuole materne paritarie all’istituto comprensivo, l’assistenza agli anziani e la biblioteca.
Il territorio comunale è costituito da 13,4 Kmq di
cui circa il 36% urbanizzato, il 60% agricolo boschivo
e il 3% occupato da corsi d’acqua come il Sile che ne
valorizza l’aspetto paesaggistico ambientale a nord ma
anche da corsi d’acqua di origine risorgiva quali il Dosson, il Bigonzo e il Rigolo, che attraversano il comune
da ovest ad est.
La Superfice Agricola Utilizzabile (SAU) da destinare a crediti edilizi e interventi di riordino e razionalizzazione previsti dal PAT e dal successivo piano degli
interventi è di circa 50.000 mq compensati da 50.000
mq di area vincolata a parco urbano di cui 35.000 acquistati dal Comune nel 2008 e 15.000 acquisiti attraverso accordi pubblico privato come perequazione.
La sede
Il Comune di Casier si costituì il primo gennaio
1819, attraverso la fusione delle due maggiori frazioni di Casier e Dosson, nonché parte delle località
Grazie e Frescada.
Originariamente la sede comunale si trovava nel
palazzetto di piazza Pio X a Casier, di fronte al Sile,
attualmente residenza privata.
Nel 1871 un regio decreto autorizzò il trasferimento della sede municipale a Dosson in un edificio
donato dal senatore Antonio De Reali.
Nel 1991 l’amministrazione allora in carica, considerando la crescita del Comune decise di trasferire
gli uffici comunali nell’attuale sede di piazza L. da
Vinci adibita inizialmente a centro sociale e biblioteca. L’edificio di via Roma è sede dell’ufficio servizi
sociali, della biblioteca e degli ambulatori dell’Ulss.
5
La Giunta
La Giunta: organo esecutivo di governo
SINDACO, Daniela Marzullo: Comunicazione
istituzionale, rapporti intercomunali, tutela e
pianificazione urbanistica del territorio, viabilità,
politiche per la casa, personale.
VICESINDACO, Graziella Franceschin Alari:
Politiche familiari, rapporti con l’Azienda Ulss,
rapporti con le associazioni socio sanitarie.
ASSESSORE, Paolo Calmasini: Politiche ambientali,
Progetti per il risparmio energetico, Obiettivo rifiuti
zero, Informatizzazione, Protezione civile.
ASSESSORE, Miriam Giuriati: Lavori pubblici,
Attività produttive, agricoltura, mercati, Progetto
sicurezza, Progetti di sostenibilità.
ASSESSORE, Simona Guardati: Cultura, Istruzione,
Sport, Pari pportunità, Rapporti con le associazioni
culturali ricreative, Bilancio, Tributi, programmazione
economica e rispettivi controlli, Anagrafe.
La Giunta ha effettuato dal 1 luglio 2009 al febbraio
2014, 195 sedute di giunta ed approvate 685 delibere.
Nel corso del mandato gli assessori sono stati ridotti
da 6 a 4 con un conseguente risparmio di circa 20
mila euro l’anno.
Sedute di Giunta
Lavoro di Giunta dal
01/07/2009 al 13/02/2014
anno
sedute delibere
2009
19
64
2010
43
150
2011
37
132
2012
45
147
2013
47
175
2014
11
17
195
685
La composizione del Consiglio comunale
Lista “PER CASIER”: Daniela Marzullo (sindaco),
Graziella Franceschin Alari (vicesindaco), Meneguzzi Enrico
(capogruppo), Botter Nicola, Calmasini Paolo, Giuriati
Miriam, Guardati Simona, Praussello Annalisa, Rizzo
Maurizio.
Cattarossi Mario, Cocchetto Fabio e De Pieri Robert, eletti
nella maggioranza, ne sono successivamente usciti.
Lista “LEGA NORD-LIGA VENETA”: Francesco
Bonifacio (Capogruppo), Andrea Marton, Cristiano Paro,
Massimo Vendramin.
Lista “UN’ALTRA CASIER”: Marco Marangon
(capogruppo).
Dal 1° luglio 2009 al 28 febbraio 2014 sono state effettuate
39 sedute di consiglio comunale, generalmente precedute
da incontri della commissione consigliare permanente, ed
approvate 265 delibere.
6
Sedute consiliari
Lavoro del consiglio dal
18/06/2009al 13/02/2014
sedute
delibere
2009
6
37
2010
8
62
2011
7
63
2012
8
51
2013
9
49
2014
1
3
TOT.
39
265
Il difensore civico
Le Commissioni
Commissione consigliare permanente
Robert De Pieri presidente. Componenti: Mario Cattarossi, Fabio Cocchetto, Annalisa Praussello, Cristiano
Paro, Marco Marangon.
Nel corso del mandato si sono tenute 24 riunioni della
commissione
Commissione viabilità
I componenti della commissione sono Basso Alessandro
in rappresentanza di Confartigianato Treviso, Favaretto
Giorgio per l’Artigianato Trevigiano, Favaro Dino per
l’Associazione Provinciale Coltivatori Diretti di Treviso, Gatto Vito per l’Ass. Produttori Radicchio Rosso
Dosson, Grillo arch. Daniele per Unindustria Treviso,
Marchetto Stefano per l’Ass. volontari di protezione ci-
vile Casier, Sartorato Fedinando per Conf Commercio
Treviso.
La commissione si è riunita nel corso del mandato 8
volte.
Il difensore civico
Il difensore civico è stato istituito per la prima volta nel
comune di Casier nel gennaio 2005 come organo di tutela dei cittadini nei confronti della pubblica Amministrazione.
La legge finanziaria del 2010 ha abolito la figura del
difensore civico comunale al fine di contenere la spesa
pubblica per cui, con la nuova Amministrazione, l’organismo non sarà più rinnovabile.
L’organizzazione
Il personale comunale è organizzato in “settori”, con un responsabile al vertice di ogni struttura:
all’interno di ogni settore, esistono
vari “servizi”.
La definizione degli obiettivi generali e dei programmi è competenza degli organi di governo di estrazione politica che esercitano sulla
parte tecnica un potere di indirizzo
unito al controllo sulla valutazione
dei risultati.
Le posizioni organizzative,
per una migliore funzionalità e
per una riduzione dei costi, sono
state ridotte da 7 a 4, compreso il
segretario comunale.
hanno subito il blocco delle assunzioni, possibili solo con lo strumento della mobilità tra Enti e di anno
in anno dovranno continuare a garantire la riduzione della spesa del
personale.
Dal grafico si nota che il rapporto
tra gli abitanti e i dipendenti è gradualmente aumentato sia per effetto
della diminuzione dell’organico sia
per la crescita della popolazione attestandosi nel 2013 a 274 abitanti/
dipendente contro una indicazione
di legge che, per i comuni di fascia
10.000-60.000 potrebbe essere di
100 abitanti per ogni dipendente.
Il servizio tributi è stato potenziato attraverso una mobilità allo
scopo di sviluppare una attività sistematica di controllo per il recupero dell’evasione/elusione. Questo
ha permesso l’accertamento di oltre
140 mila euro, di cui circa 85 mila
euro ad oggi incassati.
Attualmente i settori sono quindi quattro:
• Settore finanziario
• Servizi alla persona
• Settore tecnico
• Settore uso e assetto del territorio
Proficuo in termini di necessario
rinnovamento il ricambio ai vertici
del settore finanziario e del settore
tecnico.
In questi anni gli Enti Locali
7
Bilancio
Le entrate del Comune
L’Ente locale opera in un contesto giuridico ed economico profondamente condizionato dalla situazione
critica delle finanze pubbliche e dagli effetti prodotti a
tutti i livelli dall’enorme indebitamento statale.
Negli ultimi anni questo contesto ha comportato
per i Comuni una drastica riduzione dei trasferimenti
statali, in nome di una maggiore autonomia impositiva
secondo i principi di quel “federalismo fiscale” che purtroppo è rimasto solo sulla carta.
Le leggi finanziarie in vigore anno per anno hanno
vincolato le scelte anche in termini di tributi, proprio in
contrasto col federalismo fiscale che avrebbe dovuto far
crescere il livello di autonomia dei comuni nel reperimento delle risorse.
La programmazione degli investimenti è stata condizionata dalle regole per il rispetto del patto di stabilità
che hanno limitato l’attività e l’autonomia degli Enti
locali in genere.
L’Amministrazione tuttavia in questi anni, tenendo
conto della situazione di crisi e dell’alta pressione fiscale,
ha sempre cercato di mantenere le aliquote stabilite al
minimo di legge.
Nel seguente grafico vengono evidenziate le entrate
totali, le spese correnti e quelle per investimenti. In questa parte della relazione si è preferito mostrare il trend
dei 10 anni perché maggiormente rappresentativo del
cambiamento avvenuto.
L’Ente comunale finanzia tutte le proprie attività e
i servizi per i cittadini impiegando il complesso delle
entrate classificate in sei tipologie dette “Titoli”:
• tre di tipo CORRENTE: Tributarie, da Trasferimenti correnti di Stato e Regione, Extra Tributarie;
• due in CONTO CAPITALE: Trasferimenti di capitale da terzi (come gli oneri di urbanizzazione e le
alienazioni o da altri Enti in conto capitale), Accensione di prestiti;
• l’ultima come partita di giro: gestioni per conto terzi.
Nota: Le entrate
tributarie e le
spese correnti
del 2013 sono
state depurate
dalla quota di
accantonamento
al Fondo di
Solidarietà
comunale pari a
775.000 €.
Entrate correnti
Per sostenere le spese dovute all’erogazione dei servizi e allo svolgimento dell’attività ordinaria degli uffici,
vengono utilizzate le “entrate correnti” di cui notiamo il
trend nel grafico sotto riportato:
- Entrate tributarie (Titolo I), ovvero tributi direttamente gestiti dall’ente o comunque spettanti ai Comuni.
Entrate da trasferimenti correnti di Stato e Regioni (Titolo II) e cioè le risorse provenienti dallo Stato (fondo ordinario, fondo perequativo, contributi
vari…), dalla Regione e da altri enti del settore pubblico.
8
- Entrate extra-tributarie (Titolo III) che raccolgono i
proventi derivanti dalla fruizione dei servizi pubblici
e dal pagamento di sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada e di regolamenti comunali (occupazione suolo pubblico).
La linea verde rappresenta l’andamento del totale delle entrate correnti, mentre le altre tre mostrano come le
singole componenti siano variate negli anni.
È facile notare che la linea gialla e quella blu risultano
speculari: al crescere dell’una diminuisce l’altra e viceversa. Questo perché il prelievo necessario può essere chiesto
ai cittadini dallo Stato (che poi ne restituisce una parte
Bilancio
Nota 1: Nel 2013 l’IMU
sull’abitazione principale è stata abolita per il
contribuente e restituita
ai Comuni come trasferimento. Nel grafico tale
quota (ben 904.000 € ) è
stata comunque considerata una entrata tributaria (TIT I) Nota 2: Le
entrate tributarie sono
state depurate dalla quota
del Fondo di Solidarietà
comunale del 2013 pari a
775.000.
tramite trasferimenti ai Comuni, linea blu) o chiesto ai
contribuenti dai Comuni stessi in un’ottica federale (linea gialla). Nel mandato che si sta concludendo le regole
del gioco fissate dai governi sono cambiate radicalmente anno dopo anno, con continui stravolgimenti delle
norme che fissavano le Entrate Tributarie. Sono infatti
apparse e scomparse varie voci di compartecipazione a
tributi erariali o entrate “federali” che hanno continuamente variato il quadro di riferimento, rendendo oggettivamente difficile una comparazione negli anni di questa
fondamentale voce del bilancio comunale.
Entrate in conto capitale
Le risorse per realizzare le opere pubbliche, effettuare
gli interventi di manutenzione straordinaria e sostenere
le spese per acquistare beni durevoli, vengono reperite da:
• entrate da alienazioni e trasferimenti (Titolo IV)
somme derivanti dalla vendita di beni mobili e immobili e le risorse da trasferimenti in conto capitale
dallo Stato, da altri Enti e privati. In questo capitolo
rientrano anche gli oneri di urbanizzazione che hanno subito una pesante e cronica contrazione, dovuta
alla crisi economica e al conseguente arresto della crescita del settore edilizio.
• entrate per accensione di prestiti - mutui (Titolo V)
• entrate per servizi per conto terzi, o partite di giro
(tanti incassati e altrettanti spesi) e rappresentano somme di denaro non gestite per spese proprie
dell’ente ma per conto di altri soggetti o per obblighi
di legge (omesse nel grafico perché non influenti).
Il grafico dell’andamento delle entrate in conto capitale fornisce una risposta chiara ed oggettiva sul perché
non si riescano a realizzare le opere pubbliche.
Le principali cause sono l’enorme contrazione delle
entrate TIT IV in conto capitale (linea blu), ma anche
il rispetto del patto di stabilità, concepito come freno
9
Bilancio
all’indebitamento, che sta conducendo tutti i Comuni
ad abbassare i propri debiti e a non contrarne di nuovi
come evidenziato dalla linea gialla.
Per sottolineare la rilevanza degli oneri di urbanizzazione compresi nelle Entrate TIT. IV in conto capitale,
la tabella sotto riportata mostra il loro trend in verde
rispetto al totale di questo titolo in blu:
Si tenga presente che tali oneri non sono prevedibili
perché dipendono dal versamento effettivo del singolo
privato che intende costruire (dal rilascio del permesso
di costruire il privato ha tempo tre anni per effettuare il
versamento). Questo spiega la irregolarità del loro andamento (linea verde).
Negli ultimi tre anni gli oneri di urbanizzazione costituiscono il 100% delle entrate in conto capitale perché
non ci sono state alienazioni di beni o trasferimenti in
conto capitale da enti. L’elevato valore del 2011 dipende
per circa 1/3 da permessi rilasciati nel 2008.
D’altronde non è più pensabile, crisi dell’edilizia a
parte, di fare cassa con gli oneri di urbanizzazione perché il territorio non urbanizzato è una risorsa preziosa da
conservare il più possibile e in questa direzione si è mossa l’amministrazione attraverso il PAT nel pieno rispetto
della legge urbanistica della Regione Veneto entrata in
vigore nel 2005.
La Legge Regionale 11 ha poi introdotto il sistema
della perequazione e l’idea della “città pubblica” per cui le
opere pubbliche vengono realizzate direttamente dal privato sulla base di accordi con il pubblico in cambio dei
vantaggi acquisiti con le varianti urbanistiche. Attualmente sono in corso le procedure amministrative per la
concretizzazione di 12 di questi accordi pubblico-privato
basati sull’Art.6 della L.R. 11.
Ricordiamo che il cosiddetto “PIANO CASA”, emanato dalla regione Veneto per il rilancio dell’edilizia, autorizza le ristrutturazioni e gli ampliamenti in deroga alla
pianificazione comunale e non prevede oneri di urbanizzazione per le casse comunali.
ICI / IMU
Le imposte sulla casa costituiscono la principale entrata del nostro ente.
Dal 2008 al 2011 l’ICI sulla prima casa è stata
abolita e compensata solo al 95% da un contributo
statale inserito nel titolo II dei trasferimenti dallo Stato
e questo spiega l’anomalo andamento della linea blu in
quegli anni.
L’imposta si è chiamata ICI fino al 2011 e poi, come
10
noto, abbiamo assistito al travagliato passaggio alla
contestata IMU.
Nel 2012 l’IMU sulla abitazione principale è stata
nuovamente applicata e il gettito è stato destinato
interamente ai comuni. Invece la restante parte dell’IMU
è stata versata per metà allo stato.
Bilancio
Nel 2013 l’IMU sull’abitazione principale è stata
abolita come onere per il contribuente, ma restituita
ai Comuni sotto forma di specifici trasferimenti per
compensazione del minor gettito.
È andata allo Stato solo la parte di IMU relativa ai
capannoni.
Addizionale Irpef
A Casier l’Addizionale Comunale Irpef è stata profondamente rivista nel corso del 2012 in chiave di equità
perché si è voluto esentare i redditi fino a 10.000 € e differenziare le aliquote per scaglioni di reddito come da
tabella:
Addizionale IRPEF
2009
2010
2011
Aliquota
0,40%
0,40%
0,40%
graduata per
graduata per
scaglioni di reddito scaglioni di reddito
Fascia di esenzione
nessuna
nessuna
nessuna
€
Scaglioni di reddito fino a
€
-
2012
2013
10.000,00
€
10.000,00
€
10.000,00
0%
0%
€
15.000,00
0,45%
0,45%
€
15.001,00
€
28.000,00
0,50%
0,50%
€
28.001,00
€
55.000,00
0,60%
0,60%
€
55.001,00
€
75.000,00
0,70%
0,70%
€
75.000,00
0,80%
0,80%
oltre
Prelievi sui rifiuti
Il comune di Casier è passato dalla tassa alla tariffa
fin dal 2001. Con l’entrata in vigore della TARES (Tassa Rifiuti E Servizi) nulla è cambiato per il contribuente
nei confronti del Comune: le tariffe in vigore sono calcolate e applicate dal Consorzio Priula. La percentuale
Rifiuti domestici
% di raccolta differenziata
Costo del servizio pro capite €
2009
80,0%
98
di raccolta differenziata del comune di Casier è passata
dall’80% del 2009 all’85% ca. del 2013 (dati Contarina).
Per il 2014 con l’introduzione della TARI il sistema rimarrà lo stesso e quindi non ci saranno variazioni di applicazione della tariffa.
2010
81,1%
101
2011
81,6%
102
2012
84,2%
105
2013
84,7%
106
11
Bilancio
Le spese correnti del Comune
Le spese vengono classificate in quattro tipologie
(“Titoli”): spese correnti, spese in conto capitale, spese
per rimborso di prestiti e spese per servizi per conto di
terzi.
Le spese correnti (Titolo 1) sono le spese sostenute
per l’attività ordinaria, per il funzionamento degli uffici
e per la gestione dei servizi ai cittadini.
Nei grafici riportati sono state suddivise per “funzioni” confrontando nel primo grafico solo le spese per
funzioni legate al territorio (Polizia Locale, Viabilità
e Trasporti pubblici e Ambiente); nel secondo quelle
spese relative ai servizi alle persone (Istruzione, Cultura,
Sport e Sociale).
La volontà dell’amministrazione di non tagliare i
servizi è ben evidenziata in entrambi i grafici.
Tra le funzioni indicate nel grafico va detto che l’aumento di spese per l’Ambiente del 2012 è per 30.000
€ dovuto ad una manutenzione straordinaria e al censimento del patrimonio arboreo del Comune che permetterà un intervento programmato rispetto allo stato
di ciascuna pianta.
Tra le funzioni delle spese per servizi alla persona si
nota una sostanziale tenuta in ogni settore. Il calo del
sociale negli anni 2011 e 2012 è dovuto ad una ridotta
esigenza dell’impegno sull’assistenza domiciliare.
12
Bilancio
Risultato di amministrazione
È il dato finanziario che in sintesi esprime il risultato di ogni anno. Può essere un Avanzo o un Disavanzo
ed esprime l’effetto simultaneo della gestione di competenza e quella dei residui (quindi comprende tutti
i movimenti, sia quelli che hanno impiegato risorse
COMUNE di CASIER Risultato di
amministrazione
Fondo cassa al 31 dicembre (+)
Totale residui attivi finali
(+)
Totale residui passivi finali
(-)
Risultato di amministrazione (+)
proprie dello stesso esercizio, sia operazioni che hanno
invece utilizzato le rimanenze attive e passive di esercizi precedenti). La tabella sotto riportata evidenzia gli
Avanzi realizzati nel quinquennio.
2009
861
2.052
2.743
170
Migliaia €
Migliaia €
Migliaia €
Migliaia €
2010
1.982
2.209
2.631
660
2011
2012
1.215
1.058
2.088
184
453
1.921
2.067
308
2013
1.257
1.739
2.799
197
Utilizzo dell’Avanzo di amministrazione
L’Avanzo complessivo può essere lasciato non vincolato oppure lo si può impiegare nei casi tassativi che
stabilisce la legge (D.lgs. 267/2000) e che vengono qui
sotto elencati. Nella tabella sotto riportata si nota come
COMUNE di CASIER Utilizzo avanzo di
amministr.
Reinvestimento quote ammortamenti
Finanziamento debiti fuori bilancio
Salvaguardia equilibri di bilancio
Spese correnti non ripetitive
Spese correnti in assestamento
Spese di investimento
Estinzione anticipata di prestiti
Totale
l’Avanzo sia stato sempre impiegato per finanziare spese
di investimento e per estinguere i prestiti prima della
scadenza.
2009
Migliaia €
Migliaia €
Migliaia €
Migliaia €
Migliaia €
Migliaia €
Migliaia €
Migliaia €
2010
0
0
0
0
0
392
0
392
2011
0
0
0
0
0
170
0
170
2012
0
0
0
0
0
236
425
660
2013
0
0
0
0
0
308
0
308
0
0
0
0
0
0
184
184
Patto di stabilità
È fondamentale sottolineare che la scelta su come
applicare l’Avanzo e in generale tutta la politica sulla programmazione degli investimenti sia fortemente
condizionate dal vincolo del Patto di Stabilità.
In parole semplici la possibilità di pianificare l’attività di spesa dell’ente locale non è totalmente libera,
ma deve fare i conti con i vincoli imposti a livello centrale su molteplici aspetti della gestione.
Il Patto di Stabilità Interno è un sistema di regole per ridurre il debito pubblico e nasce da un accordo, stipulato e sottoscritto nel 1997 dai paesi membri
dell’Unione Europea, inerente al controllo delle rispettive politiche di bilancio pubbliche, per rafforzare il
percorso d’integrazione monetaria intrapreso nel 1992
con la sottoscrizione del Trattato di Maastricht.
Nel concreto questi vincoli scoraggiano la contra-
zione di nuovi debiti e fissano un tetto di spesa per investimenti che non può essere superato. Il mancato rispetto degli obiettivi del Patto genera pesanti sanzioni.
Il Comune di Casier non è mai uscito dal Patto di
Stabilità Interno.
E’ importante sottolineare come il Patto di stabilità
condizioni l’impiego dell’Avanzo di amministrazione
inducendo alla scelta di estinguere anticipatamente i
mutui. Sarebbe infatti auspicabile per l’interesse pubblico poter finanziare con l’Avanzo ulteriori opere
pubbliche. Purtroppo, le spese di investimento che ne
deriverebbero non potrebbero essere pagate a causa dei
vincoli di Patto.
Ecco perché le regole del Patto tendono ad azzerare
i debiti e a bloccare i nuovi investimenti.
13
Bilancio
Indebitamento
Le scelte operate negli anni sul piano della politica
d’indebitamento, anche in ragione dei meccanismi del
Patto spiegati sopra, mostrano la riduzione del debito.
Il livello dell’indebitamento è una componente molto
importante che influenza la rigidità o meno del bilancio. Dalla tabella seguente si chiarisce l’alleggerimento
COMUNE di CASIER Evoluzione
indebitamento
Residuo debito finale al 31/12
Residuo debito/popolazione
Interessi passivi
Interessi passivi/entrate correnti
Limite massimo art. 204 TUEL
Migliaia €
€
Migliaia €
del debito e la conseguenza positiva sugli interessi passivi. La percentuale degli interessi passivi rispetto alle
entrate correnti nel 2013 è 2,5% di molto inferiore al
limite massimo consentito dal Testo Unico Enti Locali
(TUEL) che è l’8%.
2009
5.629
506
249
2010
4.662
420
205
2011
3.493
313
170
2012
3.152
281
149
2013
2.656
236
132
5,2%
15%
4,0%
15%
3,2%
12%
2,7%
8%
2,5%
8%
%
%
Gestione del personale
L’Ente locale fornisce alla collettività tutta una serie
di prestazioni e servizi di interesse generale e indispensabili per il bene pubblico. Il costo del personale che
rende possibile tutto ciò è una componente importante della spesa corrente.
COMUNE di CASIER Gestione del
personale
Spesa per il personale
Spesa per il personale per abitante
Numero dipendenti
Rapporto abitanti / dipendenti
L’art. 1 della legge 557/2006 prevede che gli Enti,
annualmente, adottino politiche di contenimento della
spesa del personale, che deve quindi essere ridotta rispetto a quella impegnata nell’anno precedente.
2009
1536
138
43
259
Migliaia €
€
N° dipendenti
2010
1482
134
41
271
2011
1494
134
38
294
2012
1482
132
39
288
2013
1472
131
41
274
Trasferimenti alle Scuole materne
SCUOLE MATERNE PARROCCHIALI
Scuola Materna S.
PIO X - Dosson
Anno
Contributo
da
convenzione
c/
incremento
demografico
2009
€
68.000
€
20.000
2010
€
73.500
€
20.000
2011
€
80.500
€
20.000
2012
€
82.000
€
20.000
2013
€
84.700
€
20.000
NOTE
Scuola Materna
A.TOSO - Casier
Contrib.
straord.
€-
Contrib.
straord.
€
36.000
€-
€
35.600
€-
€-
€
32.000
€-
€-
€
34.400
€
28.400
€
€
Contributo
da
convenzione
900
8.500
*Straord. da
Vice Sindaco
Totale
stanz.to
bilancio
€
2.400
€
124.000
€
130.000
€
132.500
€
136.400
€
144.000
€
666.900
**Pulizia
straord.
NOTA: Il contributo dipende dal numero di bambini iscritti e residenti a Casier pari a 550 €/anno per bambino della S.M. S.PIO X e
400 €/anno della S.M. TOSO in quanto a Casier la scuola è ospitata in un'edificio di proprietà del Comune che paga gli oneri per gli
adeguamenti, le manutenzioni e le spese di riscaldamento ed elettricità.
14
Bilancio
Asili nido: sostegno alle famiglie
Sono stati assegnati per l’anno 2013-2014 per
l’accesso in convenzione dei residenti di Casier
al nido “Aquilone” di Frescada 25.000 €. I con-
tributi diretti alle famiglie per l’inserimento nei
nidi, erogati su base ISEE, sono stati mediamente
15.000 €/anno.
Asilo nido, cronistoria
L’amministrazione ha dato avvio alle attività per la
realizzazione del nido sin dal proprio insediamento nel
giugno del 2004.
Ad agosto giungeva la comunicazione dell’ammissione a contributo regionale, in settembre la giunta
approvava il progetto preliminare ( D.G. N.180) e nel
dicembre dello stesso anno la regione confermava un
contributo in conto capitale di 472.701€.
Nel marzo del 2005 il progetto, per una spesa di
1.350.000€, veniva inserito nel piano triennale delle
opere pubbliche 2005/2007.
Era seguita in aprile l’approvazione del progetto definitivo e nel gennaio 2006 quella del progetto esecutivo e la gara d’appalto.
Il 13/2/2006 la D.G n.23 sospendeva la procedura
dell’appalto in attesa del chiarimento da parte della Provincia circa le modalità del potenziamento della viabilità in via delle Industrie, presentata come una bretella
di collegamento tra il Passante di Mestre e Tangenziale
di Treviso. Per l’eccessiva vicinanza al futuro Terraglio
est, l’amministrazione ipotizzava una nuova ubicazione
della struttura, più idonea anche dal punto di vista urbanistico.
Nel 2009, con l’acquisizione dell’area da destinare a
parco urbano a Dosson e la redazione del PAT, il nuo-
vo ambito, contestuale agli altri edifici scolastici delle
scuole medie ed elementari, veniva individuato in Via
Fermi.
Nel 2010 si affidava l’incarico per la revisione del
progetto dell’opera da posizionare sulla nuova area e
per ottenere un edificio a basso impatto ambientale e si
procedeva con un primo bando per la sua realizzazione,
andato deserto.
Nel giugno 2011 si predisponevano gli atti di gara
per la realizzazione e la gestione del nido.
La modalità di appalto “integrato”, per la costruzione e gestione di opere pubbliche, prevedeva il finanziamento dell’opera tramite la cessione da parte del Comune dell’area di Via Peschiere, sottoposta a variante
urbanistica nel 2009, e la contestuale individuazione di
un gestore, a cui veniva offerto l’uso della nuova struttura, avvantaggiata da bassi costi energetici, per un massimo di 30 anni.
Il comune infatti non era e non è in grado di sostenere nel proprio bilancio le alte spese di gestione di
un nido, né avrebbe potuto sopportare una spesa di
800.000 € per integrare il finanziamento regionale.
Andato deserto anche il secondo bando, il contributo regionale, a suo tempo ottenuto, scadeva il 31/12/
2011.
15
Lavori pubblici
Lavori e opere pubbliche
Edilizia scolastica
Una priorità per questa amministrazione offrire scuole
sicure, confortevoli e funzionali per la didattica, nella
convinzione che è dalla scuola che si crea il futuro di
un Paese.
Imprescindibile, dunque, dare priorità agli interventi necessari per una maggiore qualità e sicurezza delle
strutture ed accogliere la popolazione scolastica in crescita.
Ampliamento scuola elementare
di Casier
euro, sono iniziati nell’estate del 2012, con la messa
a norma antisismica della parte dell’edificio interessata
dalla nuova costruzione.
Fotovoltaico per tutte le scuole
Raggiunto l’obiettivo dell’amministrazione di dotare
di impianti fotovoltaici tutte le scuole del comune, per
un risparmio sui costi dei consumi energetici, oltre agli
incentivi previsti dal GSE, e per la tutela dell’ambiente.
Nuova mensa e nuove aule alla scuola elementare “San
Francesco d’Assisi”. La mensa è stata ricavata sulla preesistente terrazza esterna mentre dal vecchio refettorio
sono state ricavate due nuove aule. Sistemata contestualmente anche la mensa della scuola materna Toso.
I lavori, per un valore complessivo di circa 640 mila
In funzione dal febbraio del 2009 i pannelli fotovoltaici
a servizio della scuola elementare e materna di Casier,
posizionati sul tetto dell’adiacente palestra comunale.
Realizzato senza costi per l’ente l’impianto a servizio
della scuola media “A. Vivaldi” di Dosson grazie al progetto “1000 tetti fotovoltaici x 1000 scuole” promosso
dal Consorzio energia Veneto, di cui il Comune è socio.
A servizio della scuola elementare “Dante Alighieri”
l’installazione di un impianto fotovoltaico integrato
della potenza nominale di 41,4Kw”. 277 mila euro la
spesa complessiva, di cui 194 euro di contributo regionale. Contestualmente sono stati realizzati lavori di
sistemazione e coibentazione del tetto dell’edificio.
Ampliamento scuola media
I lavori di ampliamento sono stati completati e inaugurati per l’avvio dell’anno scolastico 2009-2010.
16
Lavori pubblici
Rotatorie a Casier e a Dosson
Le due nuove rotatorie pianificate nel corso del mandato 2004/2009 sono state realizzate nel 2011.
A Casier all’intersezione tra via Principale (SP 67), via
della Liberazione (SP104) e piazza Pio X e a Dosson fra
via Zermanese e via Roma. Oltre a mettere in sicurezza
degli incroci pericolosi, i rondò rallentano la velocità
dei mezzi in transito. Abolite a Dosson le lunghe code
che si formavano al semaforo nelle ore di punta.
La nuova sede
della protezione civile
Il centro operativo della protezione civile a Dosson in
via dell’Industrie, inaugurato il 26 maggio 2012, è stato realizzato nell’ambito del magazzino comunale per
favorire funzionalmente il prezioso lavoro dei volontari dell’associazione.
Per la realizzazione di sede e magazzino per attività di
emergenza e protezione civile al Comune di Casier è
stato assegnato un contributo regionale di 55 mila a
fronte di una spesa preventivata di 100 mila euro.
Gli stessi volontari, che l’amministrazione ringrazia
sentitamente, hanno prestato la propria manodopera
per il completamento dei lavori del secondo stralcio.
La piarda rinata
La “piarda” è stata sistemata per rendere più fruibile
il tratto dell’ansa del Sile prospiciente il porticciolo di
Casier. Non solo un nuovo look, ma anche la sistemazione degli accessi carrabili sulla Jesolana. Maggiore
illuminazione grazie ai nuovi punti luce. Creata anche
un’area per la sosta dei molti frequentatori della reste-
17
Lavori pubblici
ra con l’installazione di sedute in legno, cestini per la
raccolta differenziata e le rastrelliere per il parcheggio
delle bici. È stata ampliata e arricchita di nuove piantumazioni l’aiuola prospiciente la Provinciale 67. Il
fondo dell’area pedonale è stato reintegrato con materiale idoneo per poter continuare la sua funzione di assorbimento dell’acqua. L’intervento ha portato a compimento la riqualificazione del centro di Casier. Costo
complessivo 75 mila euro circa.
Argine del Sile
Il Genio Civile, a cui spetta per competenza la manutenzione degli argini, su richiesta dell’amministrazione,
ha effettuato a proprie spese i lavori di sistemazione
dell’argine del Sile, in Piazza Pio X nel luglio 2012.
I lavori, improrogabili per evitare lo smottamento della
riva, hanno contribuito al ripristino di un ambito peculiare e delicato.
Pista ciclabile di via Santi
La pista ciclopedonale in via Santi a Dosson è realtà, almeno per il primo stralcio. La consegna di questo intervento tanto atteso è prevista entro la metà di maggio,
condizioni meteo permettendo. La pista copre il percorso tra il campo sportivo di Dosson e l’incrocio con
via Marie, dopo aver attraversato il Dosson, tramite un
ponticello di acciaio. Costo di questo primo parziale
intervento circa 200mila euro. Poiché il Comune ancora una volta non è stato ammesso a contributo regionale, l’amministrazione avrà comunque la possibilità di
accedere ad un mutuo grazie alle politiche di riduzione
dell’indebitamento realizzato in questi anni. È, infatti,
obiettivo improrogabile completare quest’opera tanto
significativa per la messa in sicurezza di via Santi.
Asfaltature
Investiti annualmente dai 90 ai 100 mila per interventi
di asfaltatura in tutto il territorio comunale secondo
le priorità individuate dall’ufficio Lavori pubblici, in
termini di razionalizzazione della spesa e di sicurezza
stradale.
Piano delle piste ciclabili
Frutto del lavoro congiunto degli assessorati all’Ambiente e ai Lavori pubblici, traccia i percorsi da realizzare e i raccordi tra i vari circuiti esistenti. Potrà essere
utile strumento per la pianificazione futura.
18
Urbanistica
Pianificazione urbanistica
Tenuto conto che il territorio non è una risorsa inesauribile e che l’estensione del territorio comunale di
Casier è limitata, l’Amministrazione ha voluto investire
nella pianificazione urbanistica, orientando le proprie
scelte intorno ai due temi fondamentali della razionalizzazione e della riqualificazione.
Questo investimento è destinato ad esprimere pienamente le proprie potenzialità e positività anche e soprattutto nel prossimo futuro.
Dopo l’incarico per la redazione del PAT, nell’ottobre 2007 e l’ adozione dello strumento urbanistico nel
febbraio 2009, il consiglio comunale approvava definitivamente il Piano nel marzo 2010. Nel quinquennio
2009/2014 è stata completata l’attività di pianificazione
urbanistica attraverso l’approvazione di tre varianti al
Piano degli interventi e l’adozione di una quarta variante di settore per l’adeguamento al regolamento previsto
dalla legge regionale per lo sviluppo del sistema commerciale nella Regione del Veneto.
Il PI, in coerenza con il PAT, ha perseguito uno sviluppo del territorio rispondente alle esigenze del presente senza compromettere quelle delle future generazioni,
mirando all’equilibrio tra la riqualificazione urbanistica,
il consumo del suolo, il mantenimento e l’implementazione dei servizi per la collettività.
Nonostante le difficoltà legate alla particolare situazione economica e l’attuale scarsa ricettività del mercato
immobiliare, che stanno condizionando le dinamiche
immobiliari non solo locali, alcune delle opere previste
dagli accordi pubblico-privato recepiti nel PI sono già
in fase di realizzazione.
Raggiunto anche l’obiettivo di aggiornare il Regolamento Edilizio in cui si terrà particolarmente conto,
come anche la normativa prevede, della sostenibilità
degli interventi edilizi e delle opportunità derivanti dal
risparmio energetico.
Il costo totale per la formazione del PI, comprensivo
della variante di adeguamento al piano ambientale del
fiume Sile e le varianti n. 2 e n. 3 è stato di 85.000 euro.
Il costo per la successiva variante n. 4 per il commercio
e il Regolamento edilizio in approvazione a fine marzo è
stato rispettivamente di 8.400 e 6.000 euro.
L’Amministrazione ha, poi, partecipato al bando
dell’Agenzia del Demanio per l’attribuzione a titolo non
oneroso dei beni immobili ora proprietà del Ministero
della Difesa (Caserma Serena – Deposito ex Genio di
via Pindemonte). Si è ritenuto infatti che la valorizzazione di quest’ambito sia per la sua dimensione, sia per
la sua ubicazione, possa offrire notevoli opportunità di
rilancio e di sviluppo per il Comune. Le procedure sono
in corso.
Per ulteriori informazioni su PAT e PI consultare il
sito: www.comunecasier.it
Parco urbano a Dosson
Casier, vialetto di accesso alla piazza
Nell’ottica della sostenibilità ambientale e dello sviluppo razionale del territorio, urbanizzare vuol dire creare spazi vivibili ed evitare di realizzare ulteriori costruzioni. Fare un paese oggi non significa più edificare ma piuttosto
garantire qualità di vita tutelando ed ampliando gli spazi verdi anche per la prevenzione e la tutela della salute.
19
Sicurezza
La sicurezza per la comunità
Polizia locale a Casier
Educazione stradale a scuola
Nel settembre del 2009 è stata inaugurata a Casier la
nuova sede della polizia locale, in piazza Pio X, più funzionale per l’attività del comando e più confacente per
l’accoglienza del pubblico.
Comandante ed agenti in questi cinque anni hanno
continuato a ricevere il pubblico, il lunedì e il sabato
mattina, anche presso la sede municipale a Dosson. Il
trasferimento dei vigili a Casier ha significato poter contare su un maggior presidio del territorio, in particolare
la zona della Restera, che gli agenti pattugliano in bici e
talvolta anche in borghese.
Lezione di educazione stradale, da parte del comando
di Polizia Locale, a partire dalle scuole materne. Ogni
anno al termine del percorso sindaco e assessore alla
Viabilità consegnano ai bimbi dell’ultimo anno l’attestato di “Bravo pedone”, a conclusione delle lezioni
teoriche e pratiche.
Lezioni anche alle scuole elementari e medie grazie
al progetto “Mettiamoci sulla buona strada”, tenute
dall’associazione T.e.s.a., “Tutela e Sicurezza Automobilistica” su impulso dall’assessorato all’Istruzione. Un
percorso educativo voluto per promuovere nei ragazzi
la cultura della sicurezza stradale e il rispetto del codice
della strada.
L’ufficio mobile dei vigili
Nel 2009 il Comando di Polizia locale è stato dotato
di un Fiat Doblò. Utilizzato anche come ufficio mobile
e di pronto intervento, il mezzo è dotato di computer
portatile, stampante/fotocopiatrice, di una batteria indipendente che consente di far funzionare le apparecchiature sia informatiche che operative come l’etilometro.
Contiene anche un kit segnaletica e di pronto soccorso
per intervenire in caso di incidenti.
Vigili in bici
Due bici in dotazione alla Polizia Locale. Obiettivo rispondere all’esigenza di una vigilanza di quartiere. Questo per consentire agli agenti maggiore efficacia nello
svolgimento delle loro funzioni, un contatto più stretto
con i cittadini e, in situazioni di traffico, maggiore facilità di spostamento, soprattutto in luoghi interdetti al
traffico, come la Restera.
20
La telesorveglianza
Obiettivo incrementare la sicurezza e fare da deterrente
per la repressione di furti, atti vandalici e criminosi. I
siti sono stati individuati da una commissione costituita dal Comando della Polizia Locale e dei Carabinieri,
dal responsabile dei Lavori pubblici e dall’assessore alla
Sicurezza.
203 mila euro il valore totale dell’intervento che prevede l’installazione di 17 nuove telecamere e il rinnovo
delle 5 già esistenti. 70 mila il costo del primo stralcio
realizzato.
Le telecamere sono state così collocate: 2 presso magazzino comunale e protezione civile, 4 all’incrocio incrocio tra via Roma e via Zermanesa, di cui 2 di lettura
targa, una presso le scuole di Dosson e una presso quelle di Casier, un’altra nel passaggio lato palestra, una a
controllo del comando di Polizia locale.
Le telecamere trasmettono le immagini ad un unico server mediante collegamenti in fibra ottica che potranno
Sicurezza
essere utilizzati anche per fornire ulteriori servizi (wi-fi,
pannelli elettronici a segnale variabile ecc...). Il cablaggio consente di rendere più efficienti i collegamenti informatici fra gli edifici comunali, le scuole e la sede della
Polizia locale.
e culturali di cui è ricco il nostro Comune. Vogliamo
ringraziarli per aver risposto alla richiesta dell’amministrazione.
“Casier Sicura”
Proseguito il servizio di vigilanza a tutela e sicurezza dei
siti pubblici esteso anche ai privati effettuato dalla ditta
vincitrice dell’appalto. Al servizio hanno potuto accedere anche i privati e le aziende.
Amico vigile: volontari
per vigilare scuole e parchi
Il progetto “Amico vigile” ha trovato una nuova importante sinergia nell’accordo fra Amministrazione e
Associazione carabinieri in congedo. Alcuni volontari
dell’associazione sorvegliano i plessi scolastici di Dosson e del Capoluogo, all’inizio e al termine delle lezioni. Offrono anche un altro servizio importante per la
comunità: la sorveglianza di parchi pubblici e Restera,
ovvero le zone più sensibili per la sicurezza, a supporto
dell’azione degli agenti di Polizia Locale.
Nasce Casier volontariato
Protocollo con la Guardia
di finanza
Grazie alla disponibilità di 35 volontari, in parte appartenenti alla Protezione Civile, in parte provenienti dai
gruppi dei “volontari al volante” e dalle altre numerose
associazioni presenti sul territorio, si è costituito il nuovo gruppo “Casier volontariato”. Il 6 di aprile si svolgerà il corso di formazione che permetterà loro attività
di supporto e controllo per le tante iniziative sportive
Nel settembre del 2012, sottoscritto il Protocollo d’Intesa tra il Comune di Casier e il Comando provinciale
della Guardia di Finanza di Treviso che prevede il coordinamento dei controlli sostanziali della posizione reddituale e patrimoniale dei nuclei familiari dei soggetti
beneficiari di prestazioni sociali agevolate.
21
Sociale
Le politiche sociali e la famiglia
L’attività dei servizi sociali si è svolta su due fronti:
aiuto e sostegno anche economico alle famiglie e prevenzione del disagio. Ascoltare i bisogni sul nascere, tenendo conto delle difficoltà che emergono nelle varie
fasi della vita, prima che si trasformino in gravi problematiche per sé e per gli altri e orientarsi alla promozione
del ben-essere e al contrasto al disagio, anche per ridurre
i costi delle emergenze sociali. A partire da questa convinzione sono stati attivati sportelli di ascolto e molte
attività, anche frutto della collaborazione fra gli assessorati alle Politiche della Famiglia, alla Cultura e alle Pari
opportunità, alcune delle quali finanziati con il 5 per
1000. Fondamentale è stato il ruolo del volontariato sia
individuale che espresso in forme associative, stimolato
dall’assessore di reparto.
Promozione di interventi
a sostegno delle famiglie
Contributi economici
Sostegno economico alle famiglie in difficoltà attraverso il pagamento di utenze varie e servizio di segretariato sociale.
Assistenza domiciliare
Sono stati gradualmente potenziati i servizi di assistenza domiciliare per anziani e disabili, finalizzati a
garantire un’adeguata qualità di vita, con l’obiettivo di
mantenere le persone il più a lungo possibile nel proprio
domicilio, riducendo anche i casi di istituzionalizzazione.
Volontari al volante
Il gruppo di autisti volontari, nato nel precedente
mandato, ha continuato a garantire il servizio di trasporto e accompagnamento ai soggetti impossibilitati
ad utilizzare mezzi pubblici o privi di rete familiare per
bisogni legati soprattutto ad esigenze di carattere sanitario con automezzi comunali.
Soggiorni climatici
Ogni anno è stato organizzato un soggiorno climatico per anziani nel periodo estivo, in località montane.
Autobus Amico Per gli anziani over 70 è stata sottoscritta la convenzione “Autobus Amico” per la libera circolazione sulle
tratte servite dai mezzi di trasporto pubblici gestite dal
MOM. Ora il servizio continua ad essere gratuito per
coloro che hanno un Isee inferiore ai 16 mila euro.
Circolo Oasi d’incontro
Da centri anziani a centri intergenerazionali per favorire lo scambio fra giovani e meno giovani attraverso
attività ricreative, culturali e di socializzazione valorizzando le loro conoscenze ed esperienza di vita. È nato
così il circolo Oasi d’incontro. Il suo logo è frutto di un
concorso d’idee fra giovani.
Servizio pasti
Da molti anni è attivo il servizio pasti a domicilio
in favore di persone anziane e sole che versano in un
particolare stato di bisogno.
Servizio prelievi a favore
delle fasce deboli
Successo crescente per il servizio di prelievo di sangue presso la sede dei Servizi sociali. È dedicato ai diversamente abili, agli anziani, alle persone affette da
patologie che richiedono frequenti prelievi di sangue, le
gestanti all’ultimo mese di gravidanza e tutti coloro che
si trovano in difficoltà temporanea. I prelievi vengono
garantiti settimanalmente a circa 30 utenti. Il 31 maggio 2011 è stata firmata la convenzione con l’Ulss 9 per
la gestione in autonomia delle prenotazioni degli esami
e l’estrazione e stampa del referto.
22
Scuola e formazione
Sostegno economico alle famiglie con il pagamento
dei buoni mensa, retta per i centri estivi e dell’educativa
domiciliare. Progetti di prevenzione al disagio con lo
sportello spazio d’ascolto attivo alla scuola media e interventi tematici nella classi. Attivazione di una centro
aggregativo doposcuola per la scuola elementare e sostegno economico al Progetto Scu.Ter (Scuola e Territorio,
presso la parrocchia di Frescada, gestito da volontari.
Sociale
Proseguita la collaborazione con il CTP (Centro Territoriale Permanente per l’educazione) per corsi di alfabetizzazione e riqualificazione professionale.
Giovani
servizio di consulenza psicologica per i cittadini, incontri tematici, laboratori di lettura e caffè letterari.
Palestra Amici del cuore
Promozione e consolidamento delle attività del Progetto Giovani con forme di collaborazione tra le diverse agenzie educative del territorio (Scuola, istituzioni,
associazioni) tra diversi gruppi di giovani e l’amministrazione comunale. Assicurata la continuità del Centro
d’ascolto della scuola media e il centro aggregativo per i
bambini delle scuole primarie.
Partecipazione al bando regionale “Giovani Volontari per giovani cittadini” 2ª edizione, per dare continuità ai progetti avviati negli anni precedenti: creazione
del Blog MyCasier; sostegno scolastico ai bambini delle
scuole primarie con S.o.S. compiti; collaborazione con
l’associazione Oasi di incontro per attività di animazione presso i centri di Dosson e Casier.
Promozione e cura della salute
Voluta per la prevenzione delle malattie cardiovascolari e il mantenimento della salute, è ospitata presso le
ex scuole elementari di Dosson, di via Peschiere. I corsi
proposti vengono gestiti da infermieri volontari dell’Associazione Amici del Cuore. Obiettivo promuovere
misure educative e di conoscenza sulla necessità di uno
stile di vita sano, mediante attività fisica e un’equilibrata
alimentazione.
In collaborazione con l’Ulss 9, sono stati attivati
Gruppi di cammino, come prevede la Carta di Toronto,
cui il Comune ha aderito, corsi di cucina sana e corsi
per smettere di fumare. Hanno riscosso un grande successo di partecipazione, favorendo la nascita di nuove
amicizie e relazioni.
“Pensieri in liberta’”
e Centro ascolto famiglia
Il progetto “Pensieri in Libertà, nuove mete per le
famiglie” nasce per offrire ai cittadini supporto psicologico, sociale e assistenziale a vari livelli e interventi di
tipo formativo.
Stimolati dalle numerose richieste che pervenivano
dai cittadini, i servizi sociali e la biblioteca hanno individuati spazi e momenti per il confronto su varie tematiche. La famiglia chiede, infatti, non solo il soddisfacimento dei bisogni materiali ed economici, ma sollecita
stimoli culturali e nuove competenze per affrontare in
modo più efficace ed efficiente la vita di tutti i giorni. Il
progetto prevede uno spazio di ascolto famiglie con un
23
Sociale
Racconti di donna, un laboratorio
di scrittura autobiografica
Un laboratorio di scrittura autobiografica, intitolato “Racconti di donna”, dove la scrittura diventa un
modo per comprendere l’alterità, uno spazio per poter
dar voce ad un percorso di valorizzazione della propria
storia e della propria esperienza di vita nel rapporto con
l’altro. Altro con cui confrontarsi e discutere. Il laboratorio, tenuto dalla scrittrice Ligi Roberto, coadiuvata
della giornalista Marina Silvestri, ha previsto due moduli di sei incontri. Il corso, rivolto a tutte le donne era
gratuito. L’iniziativa rientra nel progetto “Vita di donne”, finanziato dal Centro servizi del volontariato, realizzato dall’assessorato ai Servizi sociali del Comune di
Casier, in partnership con associazione I Care e la collaborazione di Avis Casier, del Gruppone Missionario e
di Solidarietà a colori. I testi delle partecipanti verranno
raccolti in una pubblicazione. I proventi delle vendite
finanzieranno ulteriori progetti del Comune.
Sostegno al lavoro
Intervenire sulla disoccupazione attraverso l’accompagnamento, l’orientamento e la mediazione nella ricerca del lavoro grazie alla sottoscrizione di convenzioni
con diversi attori.
Convenzione con Coop. Alternativa per il progetto
sperimentale per la gestione del servizio di erogazione
voucher a favore dei cittadini interessati dai licenziamenti, dal prolungamento della disoccupazione, dalla
difficoltà a reperire nuove occasioni di impiego.
Convenzione con Provincia di Treviso per azioni
integrate per l’accompagnamento al lavoro di soggetti
disabili, svantaggiati.
Adesione all’iniziativa pilota “Unica Rete” del Progetto Silver City con riconoscimento di contributi Regionali ed europei: impiego dei disoccupati nello svolgimento di lavori di pubblica utilità.
essere stimolate e ai familiari un supporto emotivo e
pratico tramite momenti di pausa dal costante impegno di assistenza. Per la realizzazione di questo progetto
è stato richiesto un finanziamento alla Regione Veneto
Il progetto prende spunto dall’esperienza del territorio
dell’Ulss n. 8 di Asolo.
Conferenze e corsi
Organizzati corsi e conferenze, finanziati con il 5 per
1000, su varie tematiche.
- Conferenza “La violenza contro le donne un fenomeno antico e nuovo: lo sguardo di una donna, lo sguardo di un uomo” con la collaborazione
dell’Associazione Maschile Plurale e l’associazione
Voce donna di Pordenone;
- Micro-percorso strutturato su “La gestione della
rabbia” e “L’autostima” a cura di uno psicologo.
- Corso di Autodifesa per le donne con l’Associazione
sportiva Viet Vo Dao Viet Thai Chi, corso di Biodanza presso la biblioteca di Dosson e di Danza terapia per i bambini delle scuole primarie a Casier.
- Progetto Vita di Donna con laboratorio di scrittura
autobiografica “Racconti di Donna” e laboratorio
di fotografia “Sguardi di donna”. Laboratori di cucina per genitori.
Pari opportunità
Il Comune di Casier è divenuto capofila del progetto intercomunale P.O.I. e l’assessore di reparto ne ha
assunto la presidenza. Aperto anche a Casier lo sportello di ascolto e di sostegno “Qui Donna”, nella sede
via Roma, a Dosson. Realizzate diverse campagne di
sensibilizzazione, estese a tutto il territorio dell’Ulss 9,
contro la violenza sulle donne.
Centro Caritas interparrocchiale
È stato offerta una sede alla Caritas interparrocchiale
presso l’ex scuola elementare dove è stato allestito un deposito alimenti per la distribuzione di generi alimentari
di prima necessità che provengono dal Progetto europeo
Caritas ed è attivo il Centro d’Ascolto.
Spazio Consulenza Legale
Offre supporto legale ai cittadini in particolare su
tematiche relative al diritto di famiglia.
Progetto Regionale “Centri Sollievo”
In fase di realizzazione il Centro di sollievo, un luogo in cui volontari preparati e formati accolgono per
alcune ore nell’arco della settimana le persone con demenza fornendo loro l’occasione di socializzare e di
24
“campagna di sensibilizzazione contro la violenza verso
le donne, ideata da Saltalamaga e patrocinata dalla
Commissione POI”
Sociale
Comune di Casier
Assessorato alle
Politiche familiari
Comune di Casier
Assessorato alle
Politiche familiari
Verso la consapevolezza e lo sviluppo delle proprie potenzialità
autostima
Comune di Casier
Assessorato alle
Politiche familiari
Pari Opportunità
La gestione
della rabbia
Sono previsti 3 incontri condotti
dallo psicologo/psicoterapeuta
Dott. Mery Massimo
che si terranno presso:
biblioteca di Dosson di Casier
Trasformare la rabbia per una vita serena
via Roma, 2 - Dosson di Casier (TV)
07 Marzo 2014 ore 20.30
14 Marzo 2014 ore 20.30
21 Marzo 2014 ore 20.30
Sono previsti 3 incontri condotti
biodanza
Poetica dell’Incontro
Piacere di trovarci
Danzare la Vita anziché Pensarla
dallo psicologo/psicoterapeuta Dott. Mery Massimo
che si terranno presso:
biblioteca di Dosson di Casier
via Roma, 2 - Dosson di Casier (TV)
06 Dicembre 2013 ore 20.30
13 Dicembre 2013 ore 20.30
20 Dicembre 2013 ore 20.30
Lunedì 10 Marzo 2014
ore 20.00
Serata di presentazione gratuita presso la biblioteca
di Dosson di Casier
Un percorso attraverso musica,
emozione, movimento che integra
corpo, mente, cuore
Conduce Giusy Fantin operatrice di BioDanza
,OFRUVRqDQXPHURFKLXVR
VRQRDPPHVVLXQQXPHURPDVVLPR
GLSDUWHFLSDQWL
Tutti i lunedì dalle ore 20.00
alle ore 22.00 per 10 incontri.
Inizierà lunedì 17 marzo 2014.
(·SUHYLVWDXQDTXRWDGLSDUWHFLSD]LRQH
DOODVSHVDGL½
Il corso è a numero chiuso:
sono ammessi
un numero massimo
di 20 partecipanti.
E’ previsto un rimborso
spese di € 30,00
E’ prevista una quota di partecipazione
alla spesa di euro 30,00
Per informazioni e adesioni:
8IÀFLR6HUYL]L6RFLDOL_&RPXQHGL&DVLHU
WHO
VHUYL]LVRFLDOL#FRPXQHFDVLHULW
Per informazioni e iscrizioni:
Ufficio Servizi Sociali | Comune di Casier |tel. 0422 383471 |
[email protected]
Per informazioni e adesioni:
Ufficio Servizi Sociali | Comune di Casier
tel. 0422 383471
[email protected]
Corso di Autodifesa per le donne con l’Associazione sportiva Viet Vo Dao Viet Thai Chi
VIOLENZA DOMESTICA
La violenza domestica è l’aggressione fisica: quella di
poco fa, quella di ieri, quella di anni, quella che temi per
domani.
La violenza domestica è quella che cresce con la tua
paura, la tua rassegnazione e la sua rabbia.
E’ quella che non sai se potrai controllare.
La violenza domestica è quando i tuoi figli vedono
e sentono. Il tuo silenzio compromette la loro crescita
psicologica.
La violenza domestica è un reato. Puoi difenderti, puoi
fermarla, puoi non essere vittima.
Non sentirti in colpa, non vergognarti, non temere.
Chiedi aiuto.
Commissione Intercomunale
Pari Opportunità
www.renatosarli.it / ph: la fortezza
La violenza domestica e’ l’abuso psicologico, urla,
offese, minacce ...
E’ la tortura dello stalking, è il ricatto economico.
Campagna di alto valore sociale ideata e promossa dalla
Commissione POI dei Comuni di Casier, Preganziol,
Casale e Quinto e sostenuta da Centromarca Banca.
Nella foto alcuni componenti la Commissione POI (Pari
Opportunità Intercomunali) e il Presidente della banca.
25
Ambiente
A tutela dell’ambiente
Casier contro il progetto
degli inceneritori
Appena insediatosi il nuovo consiglio comunale ha
confermato l’ordine del giorno già votato il 22 ottobre
del 2008, esprimendo la più assoluta contrarietà al progetto di costruzione di un inceneritore nel territorio di
Silea a ridosso del confine di Casier, per il quale era in
corso presso la Regione Veneto la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA).
Per la difesa del microclima e dell’habitat naturale
dell’area del Sile il Comune di Casier ha contribuito con
10mila euro per sostenere l’opposizione tecnica e legale
che il Comune di Silea, unico interlocutore ammesso a
presentare osservazioni nell’ambito della procedura regionale di VIA, stava predisponendo.
Si differenzia anche a scuola
Gli assessorati all’Istruzione e all’Ambiente, in collaborazione con l’Istituto comprensivo hanno promosso
in sinergia col consorzio Priula, la raccolta differenziata
a scuola. Inseriti in tutte le classi contenitori di carta,
umido, plastica e secco. A cura del consorzio Priula è
stato tenuto un percorso formativo per insegnanti e personale non docente con un’importante ricaduta educativa sugli studenti e famiglie.
Differenziata anche alle sagre
Promossa la raccolta differenziata anche nelle feste
e sagre. In sinergia con il Consorzio Priula, la risposta
è stata molto positiva. Le associazioni su questo tema
si sono dimostrate molto attente e sensibili sia per il
minor impatto ambientale che per l’effettivo risparmio
sui costi di asporto rifiuti. Si differenza anche presso le
sedi comunali.
Ecoscambio, la cultura del riuso
Ecoscambio nelle piazze di Dosson e Casier, ideate
dai volontari dall’Associazione Rifiuti zero sin dal 2009.
Obiettivo rifiuti zero
Con soddisfazione, grazie all’impegno dei cittadini,
la percentuale di raccolta differenziata è passata dell’
79.97% del 2009 al 84,73% del 2013.
26
Ambiente
Appuntamenti realizzati in collaborazione con l’Amministrazione che ha dato supporto logistico con l’obiettivo
di sostenere e promuovere la cultura del riuso. Successo
crescente, con cinque incontri annuali, organizzati con
ampia programmazione. Il progetto dell’eco-scambio
del Comune è arrivato fra i finalisti al Premio impatto
Zero, edizione 2013 che si è svolto a Trieste.
Sile. Casier propone
la pulizia congiunta
Sempre attenta al tema della pulizia del fiume e della
Restera, questa l’amministrazione ha continuato a sostenere le giornate di pulizia del Sile, due volte l’anno,
grazie al prezioso contributo delle associazioni locali.
Il 22 settembre del 2013 l’amministrazione ha ideato e organizzato la prima pulizia coordinata del Sile che
ha segnato l’inizio di una rinnovata collaborazione fra
i Comuni rivieraschi, oltre che Provincia ed Ente Parco, coinvolgendo i Comuni di Treviso, Silea, Casale sul
Sile, Roncade, Quarto d’Altino. Centinaia i volontari
coinvolti. L’amministrazione è orgogliosa di poter dire
che l’iniziativa è stata un successo. Auspichiamo che per
il futuro venga fatta propria dall’ente Parco del Sile che
dovrebbe svolgere un ruolo di coordinamento.
Il Comune spende 8 mila euro anno per la pulizia
del porticciolo dagli sfalci trascinati dalla corrente, ma
l’annoso problema della collaborazione con i vari enti
rimane.
27
Ambiente
Il pedibus, a scuola a piedi è meglio
Progetto organizzato in collaborazione tra l’Istituto
comprensivo e il Comune, attivo dal 2008, ha riscosso
negli anni un successo crescente. Fra gli obiettivi che
si propone, promuovere l’autonomia dei bambini nei
loro spostamenti quotidiani da casa a scuola, sviluppare
percorsi di crescita e di responsabilizzazione attraverso
l’esperienza sul proprio territorio, creare una rete di percorsi sicuri e coinvolgere i bambini e la cittadinanza sul
tema della mobilità sostenibile.
Nell’anno scolastico 2013-2014 sono attive complessive 7 linee (di cui 3 anche con il ritorno) vi partecipano 120 bambini seguiti da 53 volontari. Un grazie al
prezioso lavoro del volontariato, supporto fondamentale per organizzare questo progetto che ormai è diventato
una consolidata realtà.
Anno
2010
2011
Scuola Primaria
Classifica
2012
2013
Dante Alighieri
Menzione
speciale
5° classificato
Premio provincia di Treviso
sezione C 3°
classificato
sezione C 1°
classificato
400 €
500 €
Bambini partecipanti
50
60
60
Numero percorsi
3
3
3
Scuola Primaria
S.Francesco D'Assisi
Classifica
sezione A 3° classificato
Premio Provincia di Treviso
333 €
Bambini partecipanti
57
Numero percorsi
2
Premi assegnati alle scuole
28
Ambiente
Gli impianti fotovoltaici: risparmio
energetico e qualità ambientale.
La tabella sotto riportata indica caratteristiche ed
attività degli impianti installati sulle scuole. Risulta evidente il vantaggio sia in termini economici che di qualità ambientale.
Gruppo acquisto solare
Il Comune negli anni ha continuato ad incentivare
i privati nell’installazione di impianti fotovoltaici attraverso il Gruppo d’Acquisto Solare (G.A.S). Nella tabella ci sono i dati dell’incremento, gli impianti installati sono complessivamente 220. La riduzione di impianti
del 2013 coincide con il termine degli incentivi statali.
Anno
2009
2010
2011
2012
2013
Totale
Quantità
11
59
59
53
38
220
29
Ambiente
Casette dell’acqua
a Casier e a Dosson
Casette dell’acqua: risparmiare e fare il bene dell’ambiente visto la riduzione del consumo della plastica. Il
progetto è a costo zero per il Comune. Ne sono state
installate una a Dosson e una a Casier. Le gestiscono,
novità assoluta per i Comuni che aderiscono al Consorzio Sile Piave, una cooperativa sociale che dà lavoro a
soggetti svantaggiati del consorzio di cooperative Intesa.
L’acqua, refrigerata, gassata è disponibile a 5 centesimi
al litro, ed è disponibile 24 ore su 24. Le tessere prepagate sono in vendita a Dosson al bar da Vinci e a Casier
a Casa Primula.
Rete acquedottistica
Anticipato, rispetto a quanto previsto dal Piano
d’ambito, il completamento della rete acquedottistica a
seguito dell’inquinamento della falda da mercurio, manifestatosi nel 2011 nella zona ovest del territorio comunale. L’assessorato all’Ambiente ha lavorato su tre fronti:
informazione alla cittadinanza, gestione dell’emergenza
e soluzione strutturale. Fondamentale la collaborazione con Sile Piave, gestore della rete, per la realizzazione
delle nuove reti.
30
La prevenzione idrogeologica
Bacini di laminazione, piano di manutenzione del
caditoie, pulizia dei fossati, nuovo regolamento per la
manutenzione dei fossati, con obblighi estesi ai privati e
sistemazione di via Basse, a Casier. Con un costo limitato, sono stati realizzati interventi per la prevenzione e
la tutela idrogeologica del territorio che nel corso degli
ultimi anni hanno dimostrato la loro efficacia a fronte
di eventi atmosferici straordinari. La spesa media annua
per ambiente e territorio è stata di 160.000 euro.
Antenne: campi elettromagnetici
sottocontrollo
Ricordiamo che il Comune nel 2008 si è dotato di
un Piano antenne per regolamentare l’installazione e la
distribuzione dei nuovi impianti di telefonia mobile e
per monitorare le emissioni di campi elettromagnetici, a
tutela della salute dei cittadini. Tutti i controlli effettuati sono sempre rientrati ampiamente nei limiti di legge.
Le risorse per poter effettuare i monitoraggi derivano
dalla riscossione dei canone di affitto che i gestori versano al Comune.
Ambiente
Parco urbano
Ai 34 mila metri, inizialmente acquisiti nel 2008,
se ne sono aggiunti altri 15 mila, frutto di accordi pubblico-privato. L’area a parco nasce da una precisa scelta
urbanistica di un polmone verde nel centro del paese,
sottratto all’edificazione, che verrà gradualmente attrezzato sulla base di uno studio di fattibilità già realizzato.
Dona un albero per il parco
sistemazione terreno, pozzo e rete idrica. Agli assegnatari è richiesto un contributo di 50 euro all’anno.
Alcuni appezzamenti sono stati assegnati anche
alle scuole primaria di Casier nell’ambito del progetto
“Orto in condotta”, ideato da Slow Food. Alcuni degli orti, a titolo gratuito, sono stati assegnati anche alla
Caritas interparrocchiale (Frescada, Casier, Dosson, S.
Antonino), alla Protezione Civile, alla cooperativa “La
Primula”. Obiettivo del progetto, gestito in collaborazione con l’assessorato ai Servizi sociali, il risparmio economico, autoproduzione e, soprattutto, un’occasione di
socializzazione e di incontro, nell’ottica di prevenire il
disagio e mantenere e accrescere il benessere.
Un monitoraggio degli alberi
per una corretta manutenzione
Il parco di Dosson si è arricchito di 14 alberi donati
dal sindaco per contribuire all’incremento vegetativo di
questo polmone verde. L’iniziativa rientra nel progetto
“Dona un albero al tuo parco”, adottato anche da altri
Comuni italiani, come filiera virtuosa di buone pratiche legate al tema dell’ambiente, anche promosse dal
Protocollo di Kyoto.
Il progetto intende infatti sensibilizzare i privati
all’incremento del patrimonio arboreo per interventi di
forestazione urbana condivise e rappresentative.
Orti urbani
All’interno del Parco di Dosson sono stati ricavati
43 orti urbani, appezzamenti di circa 50 mq. Otto sono
stati individuati anche a Casier, in via Ungarello.
30mila euro il costo per la realizzazione del progetto:
Catalogazione e mappatura per gli alberi di proprietà
comunale. Obiettivo la messa in sicurezza del patrimonio arboreo comunale a tutela della pubblica incolumità
e per la sua corretta manutenzione e conservazione. Il
piano consente una programmazione seria e puntuale
degli interventi da effettuare, consentendo di finanziarli
in bilancio di anno in anno.
Volontari a tutela del Sile
Approvata all’unanimità nel consiglio comunale del
28 novembre 2013, la convenzione con FIPSAS, Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee) e
Parco del Sile. Rafforza le azioni di prevenzione e repressione rispetto all’abbandono di rifiuti lungo la Restera e di vigilanza in materia di degrado idrico e ambientale.
31
Attività produttive
Valorizziamo le nostre risorse
Il Comune anche in questo ambito ha lavorato in
piena sinergia con commercianti, imprenditori e con le
associazioni di categoria, con l’obiettivo di creare collaborazione per valorizzare insieme le attività insediate e
il territorio.
Per garantire la sicurezza di clienti e venditori, è prevista
la chiusura del tratto di strada di accesso al parcheggio
antistante la chiesa, come già avviene durante il mercato
del lunedì. Il venerdì continuerà ad essere presente il
banco del pesce.
I Mercatini della creatività
Per valorizzare la creatività di hobbisti e artigiani
l’assessorato alle Attività produttive e Turismo dall’inizio del mandato organizza nelle piazze di Casier e Dosson “CreativaMente”, che sempre più successo sta riscuotendo. Nel periodo natalizio questi appuntamenti
si arricchiscono della presenza dei commercianti locali
che contribuiscono all’organizzazione offrendo anche
momenti di svago e conviviali con assaggi di specialità
enogastronomiche locali. Durante i mercatini viene offerto spazio alle associazioni di volontariato per la promozione delle proprie attività.
Psicologi per chi è in difficoltà lavorativa
Comune di Casier e ordine degli Psicologi del Veneto sottoscrivono un protocollo d’intesa per fornire
prestazioni agevolate ad imprenditori e operatori economici in crisi, disoccupati, inoccupati e loro famigliari.
Il documento è stato approvato all’unanimità dal consiglio comunale. Gli psicologi lavoreranno in rete con
medici di base e farmacisti.
Saper cogliere occasioni e opportunità
Il Mercato del contadino, a Dosson
A Dosson arriva il “Mercato del contadino”. Si
svolgerà piazza Marconi, il venerdì dalle ore 8 alle ore
12.30.
Approvati bando e regolamento per la sua attivazione. Obiettivo del progetto creare nuova consapevolezza
nel consumatore verso scelte più responsabili, generando processi virtuosi come il consumo di prodotti locali
e stagionali che, oltre a prezzi più vantaggiosi, porterà
vantaggi all’ambiente, ridendo imballaggi e rifiuti”. Sei i
posteggi previsti. Sul banchi esclusivamente produzioni
zootecniche, ortofrutta, fresca e trasformata, vino, miele
e derivati; settore florovivaistico (anche piante da orto).
32
Ciclo via dell’amicizia
L’amministrazione è al lavoro per la ciclo via dell’amicizia Monaco Venezia, coordinata dalla provincia di Treviso. Casier infatti ricade nel tratto che sarà interessato
dal percorso. La promozione turistica del territorio passerà attraverso la collaborazione con le attività produttive del Comune.
VeniceExpo 2015
Casier insieme ai comuni dell’asta del Sile partecipa
al coordinamento per favorire il turismo nell’area in occasione dell’expo. Capofila del progetto è stato indicato
il Comune di Treviso.
Legalità
Il Comune per la legalità
Avviso pubblico
Con l’adesione ad Avviso pubblico, votata all’unanimità nel Consiglio comunale del 10 marzo 2014, il Comune fa un ulteriore passo in avanti verso azioni concrete di promozione della legalità. La Carta di intenti,
impegna Enti locali e Regioni per la formazione civile
contro le mafie e il loro contropotere criminale che si
oppone alla legalità democratica.
Le mafie, infatti, non sono dunque solo un problema di ordine pubblico, né costituiscono un pericolo
solo per le regioni meridionali. Esse rappresentano la
più forte insidia alla convivenza civile, alla saldezza e
alla credibilità delle istituzioni democratiche, al corretto funzionamento dell’economia. Esse impediscono lo
sviluppo della democrazia e il pieno esercizio dei diritti
dei cittadini.
I punti forti dell’azione concreta che l’associazione
si prefigge sono l’aggregazione fra tutti gli enti territoriali che abbiano già manifestato il loro interesse verso
l’educazione alla legalità attraverso il finanziamento, fra
l’altro, di progetti per attività di formazione nelle scuole
o di sostegno alle politiche giovanili.
Carta di Pisa
In precedenza questa amministrazione ha aderito
alla Carta di Pisa, il codice etico degli amministratori locali. È stata pubblicamente sottoscritta prima del
Consiglio comunale del 25 settembre 2012, dopo essere
stato approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 28 il 25 giugno scorso a maggioranza dei votanti. L’Amministrazione adottando questo documento
dichiara di riconoscersi pienamente nei suoi scopi e nelle sue finalità, ritenendo così di voler svolgere un ruolo
di stimolo, di coordinamento e di sostegno all’azione
di contrasto alla criminalità. Il testo integrale del documento è disponibile sul sito internet del Comune www.
comunecasier.it.
Coordinamento per la pace
I sindaci di Avviso Pubblico
Il Comune di Casier ha anche aderito al “Coordinamento provinciale della Marca trevigiana degli Enti
locali per la pace e i diritti umani” per manifestare il
proprio interesse alla partecipazione ad attività che
contribuiscono alla costruzione di una società migliore
basata su nuovi modelli di relazione economica, sulla
cooperazione, integrazione ed accoglienza. Si ritiene
importante contribuire allo sviluppo di una società che
non dimentica e che, anzi, trae profitto ed esempio dagli
errori e dalle sofferenze che hanno caratterizzato la Marca Trevigiana durante la seconda Guerra Mondiale.
Cittadinanza attiva e amore per il proprio paese
Sono i piccoli gesti individuali che possono fare la differenza per il rispetto del bene pubblico e per il decoro
del paese. Un appello a tutti affinché ci sia maggiore
cura e rispetto per il bene comune. Trattiamo le piazze
e le strade come il salotto di casa nostra. Un doveroso
gesto di cittadinanza attiva. Per la lotta al degrado urbano, per salvaguardare l’ambiente e l’igiene e per tutelare il decoro del territorio comunale è stata emanata
una ordinanza per sanzionare l’abbandono dei rifiuti,
l’incuria di aree e immobili privati. L’Amministrazione si è sempre prodigata per un paese pulito, convinta della responsabilità di ogni singoli cittadino e che
sono i piccoli gesti a fare la differenza.
33
Cultura
Un mondo di iniziative
Cultura
L’amministrazione comunale, ritenendo che la cultura sia un imprescindibile elemento di benessere, quindi un investimento e non una spesa, non ha ridotto le
risorse destinate alla biblioteca, all’istruzione pubblica e
alle scuole per l’infanzia e ha potenziato l’attività per le
Pari opportunità.
Biblioteca
Anche per quanto riguarda l’offerta culturale è stato
fondamentale l’apporto del volontariato e la promozione di una continua sinergia con le associazioni culturali
e sportive del territorio per l’organizzazione di eventi.
Mantenute le attività della biblioteca (Nati per Leggere, Biblioteca&Scuola, La Biblioteca Racconta, La
Casa sull’albero, ecc), potenziate altre (raddoppiati i
Gruppi di Lettura, consolidato rapporto con l’associazione Amici della Biblioteca, Veneto Lettura con respiro
regionale...) e avviati tanti nuovi progetti (Pensieri in
34
Libertà in sinergia con Servizi Sociali, Cineforum serale
e pomeridiano, book-crossing ecc...).
Stipulata la convenzione con il Polo Bibliomarca che
mette in rete le biblioteche comunali. Organizzati corsi di informatica (alfabetizzazione informatica per over
50, laboratori videogiochi per ragazzi). Laboratori vari
di creatività per bambini anche presso il centro famiglie
di Casier.
Attivati eventi di promozione di autori e artisti locali
e non solo. Particolare risalto è stato dato alle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia con il coro Stella
alpina.
Cultura
I numeri della biblioteca
141.357 visite, 197.338 prestiti 7.274 collegamenti
internet, 248 classi accolte, 209 incontri “La biblioteca
racconta”, 111 film proiettati, 25 incontri de “La Casa
sull’Albero”, 2747,5 la media iscritti negli anni 20102013. Alcune della cifre che testimoniano il crescente
apprezzamento della biblioteca da parte degli utenti,
anche grazie alla qualità del lavoro svolto dal personale.
Estate con noi
Mantenuta e potenziata la rassegna di eventi estivi, con proposte di musica, teatro, danza, nelle piazze
di Dosson e Casier e in villa de Reali, anche in collaborazione con esercenti e associazioni. L’Amministrazione ha ritenuto importante organizzare momenti di
aggregazione nelle piazze di Casier e Dosson: occasioni
di incontro e di relazioni che fanno crescere il senso di
appartenenza alla comunità e anche attrazione di tante
persone da fuori comune.
35
Cultura
Gemellaggio con Eaunes
Nel 2012 si è celebrato il decennale del gemellaggio con Eaunes. Due momenti importanti hanno caratterizzato la celebrazione dell’evento. La visita della
delegazione di Casier in Francia, nell’ottobre del 2012
e quella della delegazione francese in Italia nel giugno
del 2013.
Altri eventi significativi e qualificanti nell’ambito del
gemellaggio durante il quinquennio sono stati la visita
in Francia del coro della scuola media di Dosson “Mille
voci una voce” e la tournée di Italiens, organizzata dai
Comitati per il gemellaggio di Casier, San Biagio, Ponte di Piave. Mantenuta l’amicizia tra Chianni-Toscana.
36
Cultura
‘Rosso d’inverno’, un concorso
letterario dedicato a Francesca Rago
Un concorso letterario dedicato a Francesca Rago,
la studentessa del Duca degli Abruzzi residente a Casier
scomparsa prematuramente lo scorso 30 gennaio a seguito di un incidente stradale. Per onorarne la memoria,
come già anticipato alla madre, visto la passione della
giovane studentessa per la scrittura - Francesca, divorava i libri e avrebbe voluto diventare scrittrice - l’amministrazione comunale ha istituito “Rosso d’Inverno in
memoria di Francesca Rago”. È un concorso a valenza
nazionale i cui vincitori verranno proclamati nell’ambito della Festa del Radicchio, essendo la giovane scomparsa proprio mentre a Dosson era in corso questa nota
kermesse.
Da sempre attenta a supportare in modo originale
molte iniziative di promozione della lettura, in special
modo “La Casa sull’Albero nata all’interno della biblioteca comunale, questo concorso assume proprio a Casier una valenza particolare. L’assessorato alla Cultura
nell’idearlo, ha anche ritenuto importante arricchire di
un nuovo elemento il contenuto culturale della “Festa
del Radicchio”. Obiettivo importante anche quello di
intensificare la collaborazione con l’Associazione Produttori Radicchio a cui va il merito di aver sempre negli
anni valorizzato nel modo migliore questa eccellenza del
territorio e “Rosso d’inverno”, titolo del concorso, a richiamare il colore del radicchio di Treviso, ma anche la
tinta forte del ricordo che rimane di Francesca.
Ogni concorrente potrà partecipare con uno o più
racconti. Il concorso prevede la suddivisione dello stesso
in due sezioni rispettivamente destinate ad adulti e a
giovani under 18.
I plichi dovranno pervenire al Comune di Casier
entro il 30 novembre 2014. Il bando del concorso sarà
reperibile a breve sul sito del Comune di Casier.
Scuola
Istituto comprensivo di Casier (due plessi di primarie e una di secondaria di primo grado): sono stati mantenuti i livelli di finanziamento e collaborazione, considerando fondamentale sostenere le attività della scuola.
Sono state rinnovate le convenzioni per contribuire
alla progettualità inserita nel Pof, rinnovati appalti servizi mensa e trasporto scolastico, con la partecipazione
al Comitato mensa da parte dell’assessore di reparto.
È stato istituito un capitolo in Bilancio per garantire
la gratuità dei testi per gli alunni della scuola primaria,
finanziati i Centri estivi presso scuole e palestre comunali, gestiti dalla Polisportiva.
Avviati e sostenuti progetti di valenza ambientale
come il Pedibus e il ciclobus e gli orti a scuola in collaborazione con SlowFood.
Scuola dell’infanzia
Rinnovate le convenzioni con le scuole paritarie parrocchiali di Casier e Dosson come da dettaglio dei dati
economici nelle pagine 14 e 15 del giornale nella sezione del bilancio.
37
Scuola e Sport
Sport
Ristrutturati gli spogliatoi del calcio a Dosson e rinnovata la convenzione con la ASD calcio. La Polisportiva con la sottoscrizione di un comodato d’uso ha la
piena gestione dei due palazzetti dello sport.
Le utenze di luce, acqua, gas e interventi di ordinaria manutenzione sono stati intestati alla società. A
fronte del servizio svolto viene riconosciuto un contributo di 80.000 € annui circa, con un risparmio per il
Comune di 35.000 € già dal 2011.
L’offerta sportiva è stata incrementata con tre nuove
discipline.
38
È nata l’asd Rugby a cui l’amministrazione ha concesso provvisoriamente il campo sul retro delle scuole
di Casier, in attesa della realizzazione di un nuovo campo sulla base di un accordo pubblico privato, inserito
nel Piano degli interventi. Calcetto e tennis a Casier in
zona Carlotta, grazie alla convenzione con un privato e
canoa, lungo il Sile. Attivati i Gruppi di Cammino, un
progetto dell’Ulss 9 che rientra nella Carta di Toronto
alla quale il Comune ha aderito aderito (movimento
come prevenzione).
Associazioni
Rapporti con le associazioni
La collaborazione con le associazioni del territorio è
stato un caposaldo dell’azione svolta dall’Amministrazione comunale. Numerosissimi gli eventi organizzati
dalle associazioni che vedono il patrocinio e il supporto
logistico e organizzativo dell’Ente.
Il calendario con le foto del concorso fotografico,
oltre che valorizzare il paesaggio e le tradizioni, è uno
strumento di evidenza per tutte le manifestazioni organizzate dalle parrocchie e delle numerose associazioni
del territorio e dall’amministrazione.
Il cartellone estivo e anche le iniziative culturali invernali sono infatti il frutto di una reale collaborazione
con commercianti, parrocchie e associazioni culturali,
sportive e ricreative del territorio.
Approvato il nuovo regolamento per la concessione
di spazi pubblici, anche come sede per le associazioni.
Rinnovate tutte le convenzioni per la concessione di
stanze comunali come sedi delle associazioni
Villa Contarini
Ancora attiva la convenzione con la Villa Contarini Nenzi dove si sono svolti molti eventi culturali che
hanno potuto godere di questa straordinaria cornice.
Concorso fotografico e calendario
Pinna Giuseppe “giochi d’acqua in piazza”, concorso 2013
Vicino ai casieresi, Mauro Bobbo, concorso 2013
Mantenuto “Uno scatto da Casier ”, il concorso fotografico organizzato per valorizzare le bellezze del territorio, che ha dato vita al calendario, distribuito gratuitamente alle famiglie, una vera e propria agenda degli
eventi tradizionalmente organizzati dalle associazioni
e dal Comune.
39
Terraglio Est
Terraglio est, 2004-2014
Anche se il Terraglio est non ha inciso e non inciderà
sui bilanci del Comune di Casier, ha tuttavia impegnato
i due mandati dell’amministrazione uscente per i pesanti riflessi politico-amministrativi e per questo riteniamo
opportuno, oltre che utile, ripercorrerne la storia.
Tutti i passaggi di seguito riportati sono documentati negli atti amministrativi, mentre gli sviluppi futuri
potranno essere seguiti sul sito di Veneto strade http://
www.venetostrade.it/public, tabella “Nuove opere” previste nella provincia di Treviso.
Il 27 agosto 2004, i Comuni direttamente interessati
dal percorso del Passante sottoscrivevano il protocollo
d’intesa per la definizione delle opere complementari,
che la Regione approvava il 29 giugno 2005.
Nell’ottobre del 2005 il Comune di Casier veniva per
la prima volta convocato presso la Regione per fornire
i dati necessari all’avvio della progettazione dell’opera e
l’8 febbraio 2006 tutti i Comuni interessati erano stati
convocati presso la Provincia per la presentazione informale del tracciato.
L’iter amministrativo iniziava poi effettivamente con
l’accordo di programma approvato dal Consiglio comunale del 24 aprile 2007 (delibera di C.C.n.24).
Nel febbraio 2009, in relazione all’apertura del Passante, i sindaci di Casale sul Sile, Casier e Preganziol,
su proposta della Provincia di Treviso, insieme a Veneto
strade, concordavano di anticipare la realizzazione del
collegamento a sud con Casale sul Sile e nel marzo 2010
sottoscrivevano un nuovo protocollo di intesa, ratificato
dalla giunta regionale nel mese di luglio.
Nel giugno del 2011 veniva finalmente convocata
la conferenza dei servizi per l’approvazione del progetto
definitivo del primo stralcio. La conferenza si chiudeva
solo cinque mesi dopo, l’11 novembre 2011, con l’inserimento delle modifiche richieste dalla Provincia e la
soluzione di un problema posto dal Consorzio acque
risorgive. Il cronoprogramma allora indicato da Veneto
strade ipotizzava l’appalto integrato dell’opera (progetto
esecutivo e realizzazione lavori entro l’autunno 2012).
A completare l’iter è seguita l’approvazione delle
nuove varianti urbanistiche da parte dei Consigli comunali di Casale sul Sile e Casier.
Nel gennaio 2013 gli imprenditori dell’area industriale organizzavano una fiaccolata dimostrativa lungo
via delle Industrie e l’incontro pubblico con il presidente della Provincia e l’assessore regionale Chisso, insieme
ai sindaci dei Comuni di Casale sul Sile, Casier e Preganziol, trasmesso su una emittente locale.
Per ridurre i costi dell’opera e favorirne la realizzazione l’assessore Chisso, riconoscendo la carenza di
risorse finanziarie, proponeva la sostituzione del sotto-
40
passo della Schiavonia con una nuova rotatoria, di cui il
comune di Casale si impegnava ad approvare la variante
in tempi brevi.
L’incontro si era concluso con la sottoscrizione di un
documento che impegnava tutti a tempistiche precise.
Il Sindaco di Casier non voleva prestarsi, per rispetto del proprio ruolo istituzionale, al rituale mediatico,
ma era stata poi sollecitata a sottoscrivere l’impegno e
l’aveva fatto esprimendo la convinzione che l’opera non
sarebbe iniziata entro la conclusione del proprio mandato.
Purtroppo ha avuto ragione.
Una nuova conferenza dei servizi, convocata il 4
aprile 2013, ha quindi approvato un nuovo progetto e
previsto la redazione dell’esecutivo entro l’estate e l’appalto dei lavori per la fine del 2013.
Per questioni interne al comune di Casale la variante aveva subito una battuta d’arresto ma infine era stata
approvata il 2 luglio.
Oggi, nonostante la realizzazione della rotatoria sulla Schiavonia, non si può certo affermare che le opere
per il Terraglio est siano iniziate.
Veneto Strade ha informalmente anticipato che,
stante l’avvenuta pubblicazione del bando, alla fine del
2014 potremo vedere finalmente l’avvio dei lavori. Auguriamoci che sia così.
Ma la carenza di fondi, che ha condizionato la realizzazione di questo primo stralcio, sembra anche allontanare il completamento del collegamento con Treviso.
L’Amministrazione di Casier ritiene invece che l’intervento avrà senso e piena funzionalità solo se interamente completato.
Infatti se la mancata realizzazione del collegamento a
sud ha finora penalizzato fortemente le attività produttive del nostro territorio è altrettanto vero che il mancato
completamento condizionerà pesantemente la possibilità di riordinare la viabilità comunale nel suo complesso,
a scapito di tutti i cittadini.
Indice
Il saluto del sindaco
pag. 3
Popolazione e territorio
pag. 4
Il Municipio
pag. 5
La giunta
pag. 6
L’organizzazione
pag. 7
Bilancio
pag. 9
Lavori e opere pubbliche
pag. 15
Urbanistica
pag. 20
Sicurezza
pag. 22
Sociale e famiglia
pag. 24
Ambiente
pag. 32
Attività produttive e turismo
pag. 36
Cultura
pag. 41
Sport
pag. 42
Terraglio est
pag. 44
da Casier
El tabaro - Periodico di informazione locale - marzo 2014 - n. 3 - Anno XXIX
Direttore editoriale: Daniela Marzullo
Direttore responsabile: Silvano Piazza - Responsabile redazionale: Laura Tuveri
Editore: Piazza Editore - via Chiesa, 6 - 31057 Silea - e-mail: [email protected]
Stampa: Marca Print
Reg. Trib. TV n. 616 del 15.10.86 - Roc n. 5321 del 13.09.96
Con l’obiettivo di informare la cittadinanza sui progetti in corso, sulle attività e sui servizi
offerti dal Comune, dal 2009 ad oggi sono stati pubblicati, compreso questo bilancio di mandato, dieci numeri di “Da Casier”. L’Amministrazione Comunale ringrazia i numerosi sponsor e
inserzionisti, senza i quali la pubblicazione del giornale, che non ha avuto costi per il Comune,
non sarebbe stata possibile.
41
Sindaco MARZULLO Daniela
Comunicazione istituzionale, Rapporti intercomunali, Tutela e pianificazione urbanistica del
territorio, Politiche per la casa.
Email: [email protected]
Assessore Calmasini Paolo
Politiche ambientali, Progetti per il risparmio
energetico, Obiettivo rifiuti zero, Progetti comuni
virtuosi, Informatizzazione dei servizi al cittadino.
Email: [email protected]
Vicesindaco Franceschin Alari Graziella
Politiche familiari, Rapporti con Ulss e distretto
socio-sanitario.
Email: [email protected]
Assessore GUARDATI Simona
Bilancio, Cultura, istruzione, sport, Pari Opportunità, Rapporti con le Associazioni culturali
ricreative.
Email: [email protected]
Assessore Giuriati Miriam
Lavori Pubblici, Turismo, Attività Produttive, Agricoltura, Progetto Sicurezza, Mercati, Osservatorio dei prezzi, Progetti di sostenibilità
Email: [email protected]
Segretario comunale
dott. Pier Paolo Cartisano
Riceve su appuntamento telefonando alla Segreteria: 0422/380033.
Email: [email protected]
Il ricevimento del Sindaco e degli Assessori continua nei giorni e negli orari già stabiliti.
Sede Municipale
Piazza L. da Vinci n.16 - Dosson di Casier (TV)
Demografici - Protocollo - Messo
Piazza L. da Vinci, 16 - Dosson
Lunedì
8.30 - 12.30
Martedì
8.30 - 12.30
Mercoledì
15.00 - 18.00
Giovedì
8.30 - 12.30
Venerdì
8.30 - 12.30
Sabato reperibilità telefonica per denunce di morte dalle
10.00 alle 11.00 al 335-7707126
Tributi - Segreteria - Ragioneria
Piazza L. da Vinci, 16 - Dosson
Lunedì
8.30 - 12.30
Martedì
11.00 - 13.00
Mercoledì
15.00 - 18.00
Giovedì
11.00 - 13.00
Venerdì
8.30 - 12.30
Urbanistica - Lavori Pubblici
Piazza L. da Vinci, 16 - Dosson
Lunedì
8.30 - 12.30
Martedì
11.00 - 13.00
su appuntamento
Mercoledì
15.00 - 18.00
Giovedì
11.00 - 13.00
su appuntamento
42
Servizi Sociali
Via Roma, 2 - Dosson
Lunedì
8.30
Martedì
10.00
Mercoledì
15.00 Giovedì
10.00
- 12.30
- 13.00 su appuntamento
- 18.00 su appuntamento
- 13.00
Sport - Cultura - Associazionismo
Piazza L. da Vinci, 16 - Dosson
Lunedì
8.30 - 12.30
Martedì
10.00 - 13.00
Mercoledì
15.00 - 18.00
Giovedì
11.00 - 13.00
Venerdì
8.30 - 12.30
Biblioteca
Via Roma, 2 - Dosson
Lunedì
10.00
15.00
Martedì
15.00
Mercoledì
15.00 Giovedì
10.00
19.00
Venerdì
15.00
Polizia Locale
Lunedì
Mercoledì
Sabato
- 13.00
- 19.30
- 19.30
- 19.30
- 13.00
- 22.00
- 19.30
11.00 - 12.00 Sede municipale
11.00 - 12.00 Sede Casier
11.00 - 12.00 Sede municipale
SERVICE
RECYCLING
Scavi, trasporti, demolizioni, fornitura materiale inerte,
noleggio a caldo di mezzi
e noleggio di cassoni scarrabili con autocarro
Centro di stoccaggio per il recupero
di rifiuti provenienti da demolizione e scavi
Via della Pace, 37 - Dosson di Casier - Treviso - 0422.382460 - www.binottoscavi.it - [email protected]
Tante idee,
tanta
convenienza
per la casa
e il giardino
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
4 374 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content