close

Enter

Log in using OpenID

Dammatrà gennaio 2014 - maria teresa vavassori

embedDownload
Bilancio di fine mandato: i conti tornano?
Prospetto del risultato gara affidamento Centro Diurno Integrato, Casa Albergo, Servizi Assistenza Domiciliare, dove
si evince che non si è premiata l’offerta
Economicamente più vantaggiosa ma il
progetto tecnico con i costi più alti a pensare male si fa presto.
La Commissione procede, quindi, alla
somma dei punteggi della busta 2 “Progetto tecnico” e della busta 3 “Offerta
economica”, come indicato a fianco
Cooperativa sociale
Offerta economica
Punteggio busta 3
Med Services
Il Portico persona
Nuova Assistenza Onlus
€ 436.500,00
€ 452.042,00
€ 459.908,00
35
33,80
33,30
Cooperativa sociale
Punteggio busta 2
Punteggio busta 3
Totale
Med Services
Il Portico persona
Nuova Assistenza Onlus
58
51
63
35
33,80
33,30
93
84,80
96,30
Ci risiamo con gli sprechi! Il 2014 non inizia
certo con il piede giusto, purtroppo da questi amministratori non ci si può aspettare di
meglio.
Ora vi racconto l’ultima trovata di questa amministrazione, ovvero la gestione totale del
C.D.I. (Centro diurno Integrato) della Casa
Albergo e dei servizi alla persona, assegnati
ad una Cooperativa di Novara.
I servizi in oggetto e le strutture, fino a dicembre 2013, le ha sempre gestite il Comune,
assegnando in gestione a Cooperative alcuni servizi come ad es. la pulizia dei locali, il
servizio ASA, infermieristico, fisioterapeuta,
preparazione pasti, guardia notturna. Tutti
questi servizi si potevano certamente migliorare con costi minori, ma questa amministrazione cosa fa? Decide di indire un bando,
escludendo a priori la Coop. Gamberina, con
la solita motivazione: mancanza dei requisiti.
Inoltre con il sistema di bando con progetto
tecnico, e non di risparmio economico, si assegna alla Coop. Nuova Assistenza di Novara,
con un aggravio di costi per il Comune (come
da bando allegato), di euro 24.000. Voglio
precisare che, se a tale bando, avesse partecipato la Coop. Gamberina il risparmio per il
Comune sarebbe stato di euro 48.000.
Il fantomatico progetto tecnico diventa un’arma per l’Amministrazione, che in seduta pri-
5%
2%
0,1%
vata, con criteri puramente soggettivi, ne
decide l’esito finale, senza mai verificare che
quanto dichiarato nel progetto venga attuato e rispettato. come ad esempio l’obbligo di
eseguire corsi di aggiornamento e di formazione in materia di sicurezza, e tutto quanto
previsto secondo la normativa di legge verso i
dipendenti. La Gamberina, a differenza delle
Cooperative che hanno in gestione i servizi
del Comune di Gaggiano, è l’unica in questi
anni ad avere adempiuto agli obblighi di legge di cui sopra.
Io da cittadino di Gaggiano mi chiedo: ma
quali benefici ne traiamo, oltre a buttare al
vento le poche risorse disponibili? Per quale
motivo si è deciso di dare in gestione a privati tutta la struttura, benchè il Comune continui a mantenere in carico gli immobili con
le relative manutenzioni ed il pagamento di
tutte le utenze (acqua, luce, gas), compreso
lo stipendio dei dipendenti impiegati nei vari
servizi Comunali (addetto all’acquisto derrate alimentari e dietista per le cinque mense
scolastiche comunali, assistente sociale e
personale dell’ufficio servizi sociali).
Quando ho chiesto spiegazioni di questa strano bando alla Responsabile dei Servizi Sociali, la sua risposta è stata la seguente: “ Vi
sono controlli continui e adempimenti verso
le ASL”. Come si potrebbe interpretare una
simile affermazione? Ci ho ragionato a lungo
e ne ho dedotto che gli Amministratori Comunali ancora una volta si sono dimostrati
irresponsabili.
Vi sembra possibile che una società esterna
e al di fuori del territorio, possa conoscere,
valutare e gestire al meglio i problemi delle
persone anziane del nostro Comune? Lascio a
chi legge trarne le dovute conclusioni.
Certamente questo cambiamento di modalità
di gestione non era nel programma elettorale
della lista “Uniti per Gaggiano”, nel quale nel
2009 l’Assessore ai Servizi Sociali prometteva il potenziamento del centro diurno anche
per un primo nucleo affetti da Alzheimer, ma
di tutto questo, e di altre promesse se ne sono
perse le tracce!!
Concludo sottolineando l’inutilità di un simile bando visto il prossimo rinnovo degli Amministratori in carica..
Cittadini, fra pochi mesi saremo chiamati a
rinnovare gli Amministratori del nostro Comune, vi raccomando, fate buon uso del Vostro voto, mandiamo a casa questi Amministratori e creiamo una nuova classe dirigente
preparata e al servizio dei cittadini, non della
propria poltrona.
Renato Melloni
Consigliere Il Naviglietto - Forza Italia
DELLA FONTE
GIOIELLI
Milano
Corso Vercelli, 35
tel. 02.43319016
Milano
Corso Vercelli, 37
tel. 02.4815654
OREFICERIA
GIOIELLERIA
Per queste promesse elettorali, il Vicesindaco Bianchi Gianluca ha ricevuto
nel 2012 la somma di Euro 7.800,00 e, ragionevolmente, per i cinque anni
di mandato il compenso lordo complessivo è di Euro 39.000,00.
Maria Grazia Vantadori, Assessore alle Politiche attive per la tutela e
valorizzazione ambientale, Politiche per le pari opportunità
Nelle linee programmatiche del 2009 della Giunta Miracoli & C. v’era scritto
che: “La qualità dell’ambiente urbano verrà mantenuta attraverso: -il miglioramento della fruibilità degli attuali parchi pubblici e delle grandi aree a
verde attrezzato di San Vito (bosco dei cento passi) e di Gaggiano (parco Baronella); -il rinnovo e l’aumento dei giochi per bambini presenti nelle aree
attrezzate di Gaggiano e delle frazioni; -la buona manutenzione del grande
patrimonio arboreo (piante, siepi e cespugli) che arreda i percorsi ciclopedonali e gli immobili pubblici; -la costruzione di ampie fasce verdi a protezione
dei centri abitati dal rumore prodotto dal traffico; -la regolamentazione ad
orti urbani delle aree occupate dagli orti di San Vito”.
Per queste promesse elettorali, l’Assessore Maria Grazia Vantadori ha ricevuto nel 2012 la somma di Euro 6.240,00 e, ragionevolmente, per i cinque
anni di mandato il compenso lordo complessivo è di Euro 31.200,00.
Sergio Perfetti, Assessore alle Politiche sociali e servizi alla persona
Nelle linee programmatiche del 2009 della Giunta Miracoli & C. si leggeva
che: “L’amministrazione si propone di aumentare il già elevato livello del
nostro welfare…si studierà l’estensione e una maggiore flessibilità dell’orario giornaliero di funzionamento dell’asilo nido….è allo studio l’apertura di
un consultorio famigliare a gestione compartecipata pubblico/privata….il
centro diurno integrato per gli anziani sarà potenziato: l’obiettivo è portare
la capacità ricettiva da 30 a 60 persone….inoltre potrà essere istituito un
centro diurno per un primo nucleo affetti da Alzheimer….verrà proposto il
potenziamento delle attività rivolte agli anziani che non frequentano abitualmente il centro di via Gozzadini (soggiorni climatici, attività motorie e
massoterapiche, occasioni culturali e gastronomiche, attività di aggregazione e tempo libero”.
Per queste promesse elettorali, l’Assessore Sergio Perfetti ha ricevuto nel
2012 la somma di Euro 6.240,00 e, ragionevolmente, per i cinque anni di
mandato il compenso lordo complessivo è di Euro 31.200,00.
Maurizio Pezzotti, Assessore alla Gestione del territorio - rapporti con
enti sovracomunali - edilizia pubblica e privata, urbanistica, sportello unico
delle imprese
Nelle linee programmatiche del 2009 della Giunta Miracoli & C. si leggeva
che: “Il comune dovrà intervenire direttamente sulle seguenti opere stradali,
compatibilmente con le risorse a disposizione: - adeguamento dell’incrocio
di via Galilei con la vecchia vigevanese; -il nuovo collegamento tra via Italia
e la vecchia vigevanese; -la costruzione della nuova strada da piazza IV novembre a via S.Invenzio…il completamento del programma di eliminazione
delle barriere architettoniche ….L’amministrazione interverrà per migliorare la qualità dell’arredo urbano e la fruibilità degli spazi aperti al pubblico.
Citiamo ad esempio:- la riqualificazione del tratto dall’inizio di via Carroccio
fino alla fine di via De Gasperi, sistemando Piazza della Repubblica, rendendo fruibile Piazza Cavalieri di Vittorio Veneto e facilitando la mobilità
ciclo pedonale; -la sistemazione delle piazze delle frazioni; -la realizzazione
di barriere antirumore”.
Per queste promesse elettorali, l’Assessore Maurizio ha ricevuto nel 2012 la
somma di Euro 6.864,00 e, ragionevolmente, per i cinque anni di mandato
il compenso lordo complessivo è di Euro 34.320,00.
Franco Miracoli, Sindaco. Nelle linee programmatiche del 2009, i suoi
obbiettivi dichiarati erano:
-realizzare il programma elettorale promesso ai cittadini nelle elezioni del
2009;
-preparare il ricambio generazionale, per dare continuità amministrativa di
valori per il buon governo di Gaggiano.
Per questi buoni propositi il Sindaco Franco Miracoli ha ricevuto nel 2012 la
somma di Euro 31.200,00 e, ragionevolmente, per i cinque anni di mandato
il compenso lordo complessivo è di Euro 156.000,00.
G. G.
Con l’approssimarsi delle elezioni amministrative del 2014 è naturale cercare di tracciare un bilancio dell’operato della Giunta Miracoli & C. in base agli
obbiettivi che la maggioranza uscente aveva promesso nel 2009.
Vediamoli nel dettaglio, lasciando al lettore esprimere il proprio giudizio.
Daniele Bonomi, Assessore alla Pubblica Istruzione e alla formazione
personale.
Nelle linee programmatiche del 2009 della Giunta Miracoli & C. v’era scritto
che: “si intende ulteriormente rafforzare i servizi prescolastici e scolastici”.
Per quanto riguarda le scuole materne: “è prossima la realizzazione di 2
nuove aule nell’asilo di Bonirola…il Comune ha acquisito un’area a S.Vito
per la realizzazione di un asilo nella frazione”.
Per quanto riguarda le scuole elementari e medie: “Pur non prevedendo nei
prossimi 5 anni l’accorpamento tra scuole elementari e medie, ragionando
su un periodo più lungo il Comune ha individuato un’area vicino alla scuola
media per rendere possibile questo obbiettivo strategico…..Verranno pienamente garantiti i servizi in essere….Verranno analizzati i percorsi del servizio di trasporto alunni per servire anche i quartieri di recente costruzione…..
Si sosterrà l’attività del Consiglio Comunale dei ragazzi, un’esperienza di
educazione e partecipazione da far vivere a cura della scuola stessa, dei suoi
organismi e delle associazioni dei genitori”.
Per quanto riguarda l’attività nel periodo estivo per studenti: “Verrà confermata e potenziata l’esperienza dell’animazione estiva svolta in convenzione
dalle Parrocchie, studiando un’estensione a settembre…Verrà valutata la
possibilità di convenzioni per l’organizzazione di vacanze per i ragazzi (cosiddetti campus) presso località di villeggiatura”.
Ricordati gli obiettivi più o meno evanescenti che l’Assessore Bonomi Daniele avrebbe dovuto raggiungere per promessa elettorale, va, altresì, rammentato che il compenso lordo che costui ha ricevuto nel 2012 è di Euro
12.480,00 e, ragionevolmente, per i cinque anni di mandato ammonta ad
Euro 62.400,00.
Berardi Francesco, Assessore alle Attivita’ sportive - coordinamento attività per realizzazione Polo sportivo di Bonirola
Nelle linee programmatiche del 2009 della Giunta Miracoli & C. si leggeva,
fra l’altro, che: “I prossimi 5 anni saranno caratterizzati: - dalla realizzazione
del nuovo polo sportivo di Bonirola, con piscina coperta, una palestra per il
fitness e la cura della persona , il tennis e il calcetto, l’area a verde attrezzato;
-dalla manutenzione ordinaria e straordinaria del centro di via Gramsci, con
particolare riferimento alle aree di servizio: migliore illuminazione e asfaltatura del parcheggio interno ed esterno”.
Per queste promesse elettorali, l’Assessore Berardi Francesco ha ricevuto
nel 2012 la somma di Euro 12.480,00 e, ragionevolmente, per i per i cinque
anni di mandato il compenso lordo complessivo è di Euro 62.400,00.
Gianluca Bianchi, Vicesindaco con incarico al Bilancio e tributi locali,
coordinamento attività per realizzazione Polo culturale - progetti di comunicazione
Nelle linee programmatiche del 2009 della Giunta Miracoli & C. v’era scritto
che: “Si intende confermare una politica delle entrate equa e solidale per
quanto riguarda le tariffe dei servizi e la tassazione di competenza comunale….Di fronte alla persistente scarsità di risorse, sarà posta particolare
attenzione a tutti gli interventi di razionalizzazione, attraverso: -la continua
attenzione alle spese di gestione dei servizi comunali, con l’obbiettivo del
contenimento delle spese stesse…- la difesa del patrimonio comunale delle
reti tecnologiche (acqua potabile, fognatura, gas metano)…” .
Per quanto riguarda il nuovo polo culturale: “Il settore, nei prossimi anni,
sarà caratterizzato dalla realizzazione del “polo culturale” nell’area del municipio….divenendo, con la successiva trasformazione del cortile in una
piazza, il nuovo centro di Gaggiano”.
Per quanto riguarda i progetti di comunicazione: “L’amministrazione intende qualificare le attività di comunicazione e informazione rivolte ai cittadini
attraverso la revisione e il nuovo utilizzo di strumenti di varia natura: informatore comunale, sito internet comunale, posta elettronica, comunicazione
telefonica, etcc”.
I geni degli sprechi
Ambiente & Sport
IL TAI CHI CH’ÜAN
T’ai Chi Ch’üan letteralmente significa “pugilato
della suprema polarità”.
La suprema polarità è costituita dai due poli che,
secondo il pensiero cinese, regolano l’intero universo e cioè lo Yin (il principio negativo, femminile, rappresentato dal colore nero) e lo Yang (il
principio positivo, maschile, rappresentato dal
colore bianco).
Il T’ai Chi Ch’üan si suddivide in diversi stili, ma
il più diffuso è lo stile della “scuola Yang”, della Scuola del Maestro Yang Cheng Fu, che viene
praticato nelle palestre del Kung Fu Chang Gaggiano.
Il T’ai Chi Ch’üan può essere praticato come una
ginnastica dolce meditativa, particolarmente indicata per la salute psicofisica, forma con cui si è
diffusa fra la popolazione cinese nel secolo scorso.
Nella pratica del T’ai Chi Ch’üan è importante distinguere la “forza esterna” (Wai Li) forza rigida e
di natura muscolare, quasi esclusivamente fisica,
dalla “forza interna” (Nei Ching), forza morbida,
elastica, di natura prevalentemente psicofisica. Secondo la filosofia Cinese “Nei Ching” deriva - e si potrebbe dire che ne è la manifestazione
esteriore - dal Ch’i (energia interna). L’emissione dell’energia interna avviene normalmente in
fase di espirazione, quindi al culmine della tec-
nica (per esempio, del pugno o
del calcio) e viene chiamata Fa
Chin. Così, se per portare un
pugno contraiamo i muscoli per
distendere il braccio, utilizzando Wai Li, la forza esterna, per
far uso di Nei Ching, la forza interna, sarà necessario rilassare i
muscoli e assumere una corretta posizione degli atri inferiori,
saldamente ancorati al terreno,
in modo da assorbirne l’energia;
sarà poi il movimento fluido delle anche che farà
fluire il Ch’i, guidato dal pensiero, fino alla mano
che colpisce. Durante l’esecuzione di un esercizio di T’ai Chi Ch’üan il fluire dell’energia interna
non va mai interrotto. Per questo i movimenti
devono essere fluidi e il più possibile continuativi e dovranno essere eseguiti molto lentamente
(anche se la loro applicazione marziale sarà veloce) legando altresì l’esecuzione delle tecniche di
T’ai Chi Ch’üan alle fasi respiratorie ed in armonia con esse.
I movimenti del T’ai Chi Ch’üan sono infatti
costituiti da un’alternanza di “aperture” - movimenti in cui le membra si distendono e ad esse
corrisponde una fase espriatoria (emissione di
enegia) - e “chiusure”, movimenti in cui le menbra si raccolgono e ad esse corriponde una fase
inspiratoria (immissione, accumulo di energia).
EDITORIALE
Mancano ormai quattro mesi alle elezioni
amministrative e il nostro gruppo, attualmente composto dalle due associazioni “Il
Naviglietto” e “A. De Gasperi” e dal Movimento politico Forza Italia, si è sempre
presentato unito ai vari incontri con gli
altri gruppi politici espressione della maggioranza in Consiglio comunale (PD, Gaggiano Viva e Amici di Gaggiano).
Attraverso i nostri due gruppi consiliari
“Forza Italia ed Indipendenti” e “A. De
Gasperi”, rappresentiamo l’opposizione
in Consiglio Comunale, sui temi sensibili
quali lavoro, sicurezza, detassazione, servizi sociali e ambiente.
Abbiamo creato, con l’Associazione il
Naviglietto, il giornalino “Dammatrà –
Dammi retta” per dare finalmente voce
alla nostra area politica di centrodestra e
per offrire ai cittadini gaggianesi un punto
di vista diverso rispetto alla mediocre gestione amministrativa del paese di questi
ultimi anni.
Con Forza Italia e tramite le nostre associazioni culturali abbiamo l’obiettivo di
coinvolgere tutti coloro che vogliono impegnarsi con passione per il bene del nostro
Comune, rinnovando finalmente la classe
politica locale”
Tuttavia, sin da subito, siamo stati disponibili al dialogo con gli altri gruppi locali
(associazioni e partiti) nella convinzione
che sia possibile allargare il nostro gruppo
a coloro che condividono i nostri valori e
con la speranza di poter trovare qualche
convergenza indispensabile in un momento di grave crisi economica e politica come
questo.
Il prossimo mese ci vedrà tutti impegnati
nel cercare di prendere la decisione migliore per cambiare il futuro di Gaggiano. I
futuri amministratori locali dovranno altresì allargare i loro orizzonti in vista della
prossima costituzione della Città metropolitana e dell’expo 2015.
Maria Teresa Vavassori
Inoltre, con la pratica del T’ai Chi Ch’üan si impara a percepire la forza dell’avversario e successivamente a comprenderne la forza.
I testi classici dicono che “E’ necessaria una respirazinone addominale lenta e profonda”, “La
colonna vertebrale deve essere diritta”, “il Ch’i
mette in movimento il corpo” e “tutte le parti del
corpo devono essere coordinate fra di loro e i movimenti devono essere unificati da un solo flusso
di Ch’i”. Questo significa che nella pratica del T’ai
Chi Ch’üan tutti i movimenti devono essere guidati dal fluire del Ch’i e non devono essere eseguiti con la forza muscolare.
Ulteriori informazioni possono essere trovate
presso il sito dell’associazione www.kungfuchang.it
Graziano Mantovani
Consigliere Comunale di Gaggiano
Editore
Associazione
il NAVIGLIETTO
Sede Legale:
Via S. Gimigniano 11
Milano
Sede Operativa:
Via Cornicione 2
Gaggiano
Direttore: Osvaldo Codazzi
Progetto grafico: Doc
In attesa di registrazione
Stampa: Mad for Communication
Anno II - N. 1 - Gennaio 2014
Distribuzione Gratuita
VERTICE SICUREZZA A GAGGIANO:
Cittadini preoccupati
per il peggioramento
del servizio di polizia locale
Si è svolta il 21 dicembre scorso, a Vigano Certosino
presso la sede dell’Unione di Comuni “I Fontanili”
– che comprende, oltre a Gaggiano, anche Noviglio e Besate – un incontro sul tema della sicurezza pubblica, convocata su sollecitazione dei nostri
“vicini di casa” novigliesi, come noi preoccupati
dall’aumento dei casi di vandalismo, di saccheggio
di abitazioni e box, di danneggiamento e furto di
autovetture.
All’incontro, alla presenza del Presidente dell’Unione e Sindaco di Gaggiano
Franco Miracoli, del Sindaco di Noviglio
Nadia Verduci, del Comandante e del
Vice Comandante dell’Unione di polizia
locale e dei Comandanti dei Carabinieri
di Binasco e Rosate, hanno preso parte
decine di cittadini - per lo più novigliesi
- esasperati dalla situazione, che hanno
chiesto alle autorità un maggiore presidio del territorio, un più forte coordinamento tra le forze dell’ordine, più videosorveglianza e più prevenzione.
A preoccupare tutti, da Gaggiano fino a
Besate, in particolare, è l’ipotesi di allargamento dell’Unione ai comuni di Corsico e, in un secondo momento, anche di Trezzano
sul Naviglio. Dato che questa importante decisione, che riguarda la sicurezza dei cittadini, dovrà
essere oggetto di discussione nei Consigli comunali
dei tre comuni membri dell’Unione, come opposizione chiediamo maggior coinvolgimento da parte
della maggioranza.
A detta delle forze dell’ordine l’intervento comporterà un miglioramento del servizio, dotando l’Unione di più uomini e mezzi che sulla carta saranno a
disposizione anche dei nostri territori.
Tuttavia, per via di questa ipotesi di allargamento ad un territorio così vasto, aumentano le nostre
perplessità sulla futura gestione della Polizia locale, già espresse più volte in sede consiliare, anche
attraverso mozioni ed interpellanze. Anche perché
l’Unione di Polizia locale, a nostro avviso, non rispetta la volontà del legislatore che prevede, grazie
alla costituzione delle Unioni, la riduzione della spesa pubblica. Il DLGS 267/2000 (Testo Unico Enti
Locali) stabilisce, infatti, che le Unioni di Comuni
sono veri e propri enti locali costituiti da due o più
comuni contermini (solo Noviglio è territorialmente
confinante) allo scopo di esercitare non una ma una
pluralità di funzioni di loro competenza (tra le quali
amministrazione, gestione e controllo, polizia locale,
istruzione pubblica, viabilità e trasporti, territorio e
ambiente e servizi sociali).
Riprendendo poi le linee programmatiche (anno 2009) della giunta e del Gruppo politico di maggioranza Uniti per
Gaggiano dobbiamo constatare che non
sono state rispettate le promesse fatte in
tema di sicurezza.
La Giunta si era, infatti, data come obiettivo nell’arco di cinque anni “di effettuare il pattugliamento e di presidiare la
centrale operativa per 24 ore per tutti i
giorni dell’anno”.
Il programma prevedeva, inoltre, la costituzione dell’Osservatorio comunale
permanente per la sicurezza dei cittadini, “per raccogliere le istanze dei cittadini e delle categorie sociali” in collaborazione con le
Forze dell’Ordine.
Dopo le dimissioni rassegnate in data 27/04/2012 dal Presidente della Commissione Giacomo Petralia,
motivate dall’esclusione dei componenti del gruppo
politico Uniti per Gaggiano dalle varie decisioni della
giunta, la maggioranza ha ritenuto che l’Osservatorio non fosse più importante e da oltre un anno non
sono più state convocate riunioni.
Nel corso di questa legislatura abbiamo sempre dichiarato la nostra disponibilità a collaborare e a discutere, anche all’interno di apposite commissioni,
su una tematica così importante come la sicurezza,
ma pare che il concetto di partecipazione non sia
prerogativa di questa maggioranza.
Maria Teresa Vavassori
Consigliere Comunale
delegata provinciale di Forza Italia Gaggiano
Milano è sempre più una “smart city”
Da pochi mesi, cittadini e turisti hanno a disposizione vari
punti della città per avere accesso a mappe, connettersi a internet, ricaricare i propri telefonini e usare un nuovo servizio
di car sharing per auto elettriche.I punti sono stati chiamati
isole digitali, delle quali quindici sono già attive, e altre dodici
se ne aggiungeranno entro febbraio.
Fino al 29 ottobre per una dimostrazione gratuita di guida
delle auto: Cinque giornate, porta Venezia, Hoepli, Cusani,
Pagano, Cadorna, 25 aprile, Centrale Fs e Loreto Argentina.
Le isole digitali si presentano come un contesto da picnic,
«cablate» per supportare il servizio dell’internet senza fili, il
wi-fi. Sulle panchine in legno sono installate delle «ciabatte»:
una serie di prese per la corrente che permettono di ricaricare il proprio smartphone o qualsiasi altro dispositivo, anche
un rasoio da barba elettrico, per dire, all’aperto poi. Al posto
degli alberi, ogni isola possiede un monitor touchscreen, che
risponde cioè al tocco delle dita. Dallo schermo si potranno
consultare le mappe della città e avere informazioni sui luoghi da visitare, sui ristoranti, sugli alberghi e sui locali d’intrattenimento, ma anche sugli eventi artistici in programma.
Per ora presentano solo due lingue, l’italiano e l’inglese, ma
entro Expo 2015 parleranno tutte le lingue del mondo.
Il sistema operativo montato dai monitor è Windows 8, e
utilizzerà anche la versione 8.1, che Microsoft, tra i principali sponsor del progetto, lancerà venerdì prossimo in tutto il
mondo. Come un recinto nei parchi da picnic, le colonnine esterne alle
isole presentano circa venti posti per ospitare i quadricicli
elettrici per il servizio di car sharing, una forma evoluta di
noleggio a tempo che permette anche di risparmiare emissioni di gas serra. Le piccole auto hanno un’autonomia di
cento chilometri, a una velocità di trentacinque chilometri
orari, e possono trasportare al massimo due persone. I mezzi attualmente disponibili sono sessanta, ma diventeranno
centoventi a febbraio. Le si può usare attivando una tessera
della durata di un anno, e caricarle con un abbonamento settimanale di dieci euro o uno mensile di trenta. Per i turisti ci
sono anche le tariffe orarie da circa sei euro, e sono previsti
prezzi speciali per i dipendenti delle aziende che vorranno
stipulare convenzioni. I quadricicli implementeranno anche alcune applicazioni, per esempio quelle che permetteranno di sapere se ci sono auto disponibili nelle immediate
vicinanze, o anche prenotare il proprio parcheggio. A completare le installazioni ci saranno un sistema di videosorveglianza di ultima generazione e i lampioni a illuminazione
intelligente, che si accendono a seconda del numero delle
persone presenti. Tali accorgimenti rendono il sistema fruibile per tutta la giornata, anche di notte.
Il progetto è costato tre milioni di euro, e ha usufruito di un
bando regionale per accedere a finanziamenti europei per
l’innovazione tecnologica di 960mila euro. Il resto proviene
dagli sponsor privati, che in questo caso si trasformano in
investitori: A2A, Nhp, Linear, Telecom, Ducati energia e Microsoft.
Domenico Pepe
Giornali locali: strumenti di informazione?
Il mensile “ Tutto Gaggiano “nel numero di
novembre 2013 a pag.5 scrive relativamente
alla scissione del gruppo consiliare PDL avvenuta nel consiglio comunale di Gaggiano
tenutosi il 30 ottobre 2013 :
“ …… una novità che ha infiammato gli animi
al termine della seduta, quando sono andati
in scena scambi di epiteti e di insulti coloriti che
non si può proprio dire
abbiano fatto onore alla
politica e alle istituzioni,
visto che qualche ….. vaffa ……è volato “
Ebbene è proprio un articolo come questo che
non fa certo onore ad un
corretto
giornalismo!;
i fatti si sono svolti in
modo diverso rispetto al
racconto dell’articolista che è riuscito a non
far capir nulla di quanto è accaduto.
La scissione del gruppo PDL è stata trattata ad inizio seduta ed ha dato luogo una
situazione chiara politicamente e che ha
avuto nei giorni seguenti la conferma che
Maria Teresa Vavassori è il rappresentante
locale di Forza Italia e del relativo gruppo
consiliare formato con Graziano Mantova-
ni quale indipendente.
Il cosidetto scambio di epiteti avvenuto a
fine seduta è stato conseguente invece ad un
altro argomento in particolare ad una grossa decisione economica per il Comune e cioè
l’utilizzo dei fondi della vendita delle quote
MIOGAS (circa 1,5 milioni di euro). Operazione gravissima per gli interessi del comune e che personalmente ho giudicato come
un grave danno patrimoniale ed una abdicazione delle competenze comunali ed abbandonando l’aula ho criticato la maggioranza
accusandola di non saper gestire nulla! nessun insulto è venuto da parte mia , ma solo
un legittimo se pur pesante giudizio di critica
verso l’incapacità di gestione della Giunta e
dell’ASGA. Gli epiteti sono poi venuti invece
dal tavolo della Giunta ed è molto strano che
l’articolista di “Tutto Gaggiano” non si sia
accorto e non l’abbia riportato !!!
Un altro foglio locale uscito ai primi di gennaio 2014 non può non essere citato, ci riferiamo alle NEWS della Associazione “
Gaggiano Viva” che fa riferimento al vice
Sindaco Gianluca Bianchi ove in quarta pagina si elencano una serie di inadempienze
e ritardi rispetto alle promesse della Giunta
Miracoli:
dalla mancata manutenzione del pon-
te carrabile;
alla mancata realizzazione del collegamento con il parcheggio nord della
stazione ferroviaria che è inutilizzato
da oltre cinque anni e sarà pertanto
da rifare;
allo spreco di denaro pubblico.
Ciò che lascia sorpreso il lettore è che queste denunce arrivino proprio da coloro che
dovevano fare queste cose. Oltre al Vice Sindaco troviamo nella Associazione altri due
assessori (Pezzotti e Bonomi) un consigliere con delega (Mattia Zangrossi) ed Angelo
Balzarotti presidente di ASGA ed ex-menbro
del CDA di MIOGAS che per diversi anni ha
usufruito cumulandole di ben due indennità.
Pensavamo che fosse compito di questi amministratori quello di risolvere i problemi
della comunità e non solo enunciarli, dato
che giustamente godono delle indennità previste per la funzione ricoperta, e non è loro
mancato neppure il tempo visto che sono in
carica da ormai molti anni !!!
Probabilmente pensiamo alla vecchia maniera, oggi è più comodo enunciare i problemi e
dire che se non si fanno è colpa degli altri !
Fino a che gli elettori ci crederanno o saranno disposti a farsi prendere in giro!
Giuseppe Gatti
Patto di stabilità: la Regione Lombardia
chiede indice di virtuosità nazionale
di Giulio Gallera
Consigliere Regionale
della Lombardia (Forza Italia)
Nei giorni scorsi, in occasione del primo
Consiglio del 2014, il Consiglio Regionale
della Lombardia
ha approvato una
mozione in cui
propone un intervento concreto in
soccorso degli enti
locali, da troppo
tempo costretti a
confrontarsi con
le difficoltà imposte dal rispetto dei
vincoli del Patto di
stabilità. Un intervento che deve partire dall’esperienza positiva avviata nel 2011 da Regione Lombardia attraverso l’introduzione di un indice
di virtuosità.
Con la mozione chiediamo l’introduzione
anche a livello nazionale di questo indice
di virtuosità e impegniamo la giunta a for-
nire il necessario supporto tecnico ai ministeri coinvolti così da evitare inutili tempi
di attesa dovuti a strumentali approfondimenti tecnici.
Il Patto di stabilità è una gabbia per molti
enti locali se interpretato come fatto sinora. Di per sé l’idea di porre delle regole precise per il contenimento della spesa pubblica non è sbagliata, ma nell’applicazione
ci siamo trovati dinanzi ad un paradosso:
gli enti locali riducono di 20 miliardi di
euro le loro spese, mentre a livello centrale
c’è un aumento della spesa pubblica di ben
15 miliardi di euro!
Dunque, a fronte di un’asticella che si
alza sempre di più per gli enti locali che
si trovano in difficoltà sempre maggiore
nell’amministrare le loro comunità garantendo gli adeguati servizi, ci troviamo con
uno Stato centrale che non viene controllato e che continua a spendere come meglio
crede.Da qui la prima rivendicazione di
questa mozione ovvero quella di una forte
riduzione dei costi anche a livello statale,
in linea con quanto già avviene da tempo
su scala territoriale.
Detto questo, anche a livello territoriale,
non tutte le realtà sono virtuose alla stessa
maniera. Non è un caso che proprio l’Aula
Consiliare, qualche tempo fa, abbia proposto un patto di stabilità territoriale, seppur,
all’interno di un sistema solidaristico nazionale, il tutto nella logica di una responsabilità virtuosa.Come vice presidente di
ANCI Lombardia ho voluto con forza che
questi criteri venissero definiti in modo
puntuale. Solo così potranno emergere
quei Comuni che lavorano effettivamente
bene e quelli che sono in difetto.
In Lombardia su questo abbiamo fatto un
lavoro importante che ancora una volta fa
scuola a livello nazionale. Oggi siamo già
ad un ottimo livello con una griglia di parametri che riesce in modo puntuale a definire chi opera in modo virtuoso.
Il Gruppo di Forza Italia, pertanto, ha sposato il contenuto di questa mozione con la
necessità di sottolineare come a livello nazionale debba essere non tanto ‘implementato’ quanto ‘esportato’ in toto l’indice di
virtuosità introdotto già da tempo in Regione Lombardia.
Gaggiano Viva: l’ultimo travestimento
Quello che sta succedendo con l’“Associazione Gaggiano Viva”
non può che lasciare disorientati.
È un’associazione nata per partecipare alle prossime elezioni amministrative del 2014.
Per questo motivo ogni cittadino si aspetterebbe da tale associazione un progetto politico di discontinuità rispetto a quello dell’attuale maggioranza.
Ma così non è.
Con spericolato funambolismo, il manifesto costitutivo dell’associazione, dopo aver dato “un giudizio sostanzialmente positivo
sull’attuale gestione comunale” (dicono proprio così!!!), afferma
(attenti al salto mortale!!!!) che “si debba fare un salto di qualità,
mettendo in campo maggiori capacità di relazione con gli enti
sovra comunali dai quali dipendono i più grandi problemi irrisolti, maggiori capacità di far partecipare i cittadini”.
Nulla di più evanescente ed inconsistente.
Vediamo il perché.
Aderenti all’associazione vi sono: Gianluca Bianchi (attuale Vicesindaco con incarico al Bilancio e tributi locali della Giunta
Miracoli), Maurizio Pezzotti (attuale Assessore alla Gestione del
territorio - rapporti con enti sovracomunali - edilizia pubblica e
privata, urbanistica, sportello unico delle imprese), Daniele Bonomi (attuale Assessore alla Pubblica Istruzione e alla formazione
personale), Mattia Zangrossi (consigliere di maggioranza).
A parte Zangrossi (entrato nella maggioranza Miracoli nel 2009),
Bianchi, Pezzotti e Bonomi hanno preso parte alle decisioni più
sventurate delle Giunte Miracoli.
Ricordiamone alcune: -approvazione delle delibere C.C.le nn.45
e 46/08 di trasformazione a zone residenziali e contestuale alienazione di aree site in Bonirola (oltre la via Italia) per mq.4.005
e per mq.1.093 che erano destinate, rispettivamente, a standard
verde pubblico e parco pubblico attrezzato (trasformazione e vendita che sono attualmente bloccate da un ricorso al TAR); -approvazione della delibera C.C.le nn.60 e 63/08, rispettivamente,
di trasformazione del campo di calcio a 11 di Bonirola in zona
industriale ed approvazione degli indirizzi per la sua vendita
all’asta (questi gli indirizzi: alle aziende già operanti sul territorio
comunale o in altri comuni che intendono ampliare o trasferire
la loro attività produttive. Unica partecipante alla gara d’asta la
ditta Sguinzi Pietro spa che si è aggiudicata l’area dell’ex campo di
calcio a 11); - approvazione del Piano Integrato d’Intervento con
aumenti di volumetria sull’area denominata ex Consorzio di via
Marconi/Stazione con la realizzazione del sette-piani o sei e mezzo
che dir si voglia (che solo la crisi edilizia ha finora fatto dimenticare); -approvazione del Piano Integrato d’Intervento con aumenti di
volumetria alla Guvalit (da 20.000 mc. a 32.000 mc.) con l’obbligo
(non rispettato) di aver già realizzato la piscina coperta con relativi
servizi, parcheggi pubblici, ampliamento degli spogliatoi del campo tennis e di calcetto).
Dal 2009 in poi anche Zangrossi, oltre a Bianchi, Pezzotti e Bonomi, hanno votato compatti tutte le decisioni della Giunta Miracoli.
Dunque, perché è nata l’associazione “Gaggiano Viva” se non v’è
discontinuità politica con l’attuale maggioranza?
La ragione è meramente personale.
Per dare sfogo all’ambizione personale di Bianchi di diventare Sindaco, ambizione repressa da troppo tempo ed ora umiliata dalla
candidatura di Perfetti nel post Uniti per Gaggiano 2009.
Per garantire un assessorato a Pezzotti che nessun altra forza politica vorrebbe più affidagli.
Bonomi, Zangrossi e gli altri di C.L. fanno, invece, parte dei titoli
di coda.
La riprova dell’assenza di un nuovo progetto politico dell’”Associazione Gaggiano Viva”?
Il programma finora svelato dall’Associazione è identico a quello di
Uniti per Gaggiano 2009:
-la problematica “Circonvallazione Ovest” era già nel programma
di Uniti per Gaggiano 2009 di competenza proprio dell’assessore
Pezzotti (cfr. il punto 1.3 Viabilità: gli interventi di competenza sovra comunale);- idem per la problematica “Comunicazione e Partecipazione” che
è stata evidenziata nel numero di Gennaio del notiziario di “Gaggiano Viva” che la si trova, pari pari, al punto 6 del programma di
Uniti per Gaggiano 2009, rubricato: ”Attività e strutture culturali
/Comunicazione e partecipazione”.
Gli altri punti del programma sono in attesa di essere pubblicati …
vedremo quando!
Detto ciò, la domanda da porre è: di questo travestimento politico,
sono a conoscenza tutti gli aderenti dell’”Associazione Gaggiano
Viva” o vale ancora quel che disse Pirandello: “Imparerai a tue
spese che lungo il tuo cammino incontrerai ogni giorno milioni di
maschere e pochissimi volti”.
Adesso, però, giù la maschera ! Il tempo dei travestimenti politici
è finito !!
Gianluca Gatti
T
2014: Agenda del nuovo anno
ra ottimistiche previsioni di ripresa economica e disfattismi che
dividono economisti, esperti, politici e cittadini è ormai iniziato
a pieno regime il 2014. Per non lasciarci andare a previsioni azzardate “da sfera di cristallo”, passiamo ora in rassegna ciò che è in
programma nell’agenda del nuovo anno.
Il 1 gennaio hanno già avuto luogo due eventi fondamentali: l’allargamento dell’Eurozona che, con il nuovo ingresso della Lettonia, ha
raggiunto il numero di 18 paesi aderenti e l’annuncio dell’acquisizione
del restante 41,5% delle azioni del Gruppo Chrysler da parte di FIAT,
che ha così ottenuto il totale controllo dell’azienda statunitense, divenendo il quarto gruppo automobilistico più importante al mondo.
Dal 7 al 23 Febbraio si terranno nella Russia di Putin i XXII Giochi
Olimpici Invernali, un evento già al centro delle polemiche per la controversa legge “contro la propaganda gay” promulgata dal Parlamento
russo. Sono già state molte le defezioni politiche ad alti livelli, mentre
gli Usa hanno scelto una portabandiera lesbica, in segno di sfida per
le discriminazioni del Cremlino. Inoltre, dopo la recente esplosione
della kamikaze di Volgograd, cresce la preoccupazione per il rischio di
attentati terroristici di matrice cecena.
Il 27 Aprile, piazza S. Pietro a Roma, sarà protagonista di un evento
religioso di portata planetaria: si attendono nella Capitale almeno 5
milioni di fedeli per la canonizzazione di Papa Giovanni Paolo II e di
Papa Giovanni XXIII.
Politica protagonista invece il 25 Maggio, con le elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo. Mai come ora è la stessa idea di Unione
Europea ad essere entrata in crisi, percepita sempre di più come una
realtà di burocrati, lontana dai bisogni dei cittadini. Forte è quindi
il rischio di un’affermazione di una linea populista ed euroscettica.
L’evento assume una portata ancora più rilevante per l’Italia, se si
considera che il 1 luglio si inaugurerà il semestre di presidenza italiano dell’UE.
Non è ancora certo, ma, con altissima probabilità, la data coinciderà
con le elezioni Amministrative a Gaggiano. Un appuntamento fondamentale per il nostro paese che avrà l’occasione di operare una scelta
importante nel segno del rinnovamento e della discontinuità rispetto
all’esperienza dell’attuale Amministrazione.
In Estate i riflettori saranno puntati sul Brasile per i Mondiali. Calcio
d’inizio il giorno 12 giugno con la partita Brasile-Croazia, finale al Maracanã il 13 Luglio.
Il 2014 sarà infine tutto un anno decisivo per la conclusione dei lavori e dei preparativi per EXPO 2015. Sono troppi i ritardi accumulati
per diverse cause dal momento dell’assegnazione a Milano fino ad
oggi. Occorre premere l’acceleratore, affinché l’Esposizione di Milano divenga un’occasione di riscatto per Milano, per Gaggiano, per la
Lombardia, e per l’Italia tutta.
Marco Meloni
Ex Soci Cooperativa Sociale Lavoro
e Servizi Gaggiano Onlus:
informazioni per recuperare il TFR
Dopo il fallimento della Cooperativa Sociale Lavoro e Servizi
Gaggiano Onlus, il Partito Democratico -almeno per l’ingiustificato omesso redde rationem nei confronti di Selmi, Cerliani e
Pedrazzini -avrebbe dovuto preoccuparsi delle sorti degli ex socilavoratori. Sta di fatto che gli ex soci-lavoratori della Cooperativa Sociale Lavoro e Servizi Gaggiano Onlus sono stati lasciati
soli nel recuperare la somma complessiva di Euro 427.451,72 a
titolo di TFR, tredicesime, ferie maturate, etcc..
Ecco, quindi, alcune informazioni che potranno essere utili:
Gli ex soci-lavoratori della Cooperativa Sociale Lavoro e Servizi
Gaggiano Onlus potranno direttamente rivolgersi presso la sede
INPS più vicina per ottenere dal “Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto”, avente lo scopo di sostituirsi al datore
di lavoro, in caso di insolvenza di quest’ultimo, il pagamento del
TFR e degli ultimi 3 mesi di retribuzione.
La domanda dovrà essere compilata sugli appositi modelli dietro presentazione dello stato passivo depositato dal Liquidatore
che dovrebbe essere già in possesso di tutti i soci lavoratori.
La Cooperativa Sociale Gamberina Onlus è a disposizione per le
ulteriori informazioni che dovessero occorrere.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 930 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content